Al Prof. Mario Beccari, professore ordinario di Impianti Chimici, va il mio ringraziamento per aver elaborato gli argomenti riportati qui.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Al Prof. Mario Beccari, professore ordinario di Impianti Chimici, va il mio ringraziamento per aver elaborato gli argomenti riportati qui."

Transcript

1 Al Prof. Mario Beccari, professore ordinario di Impianti Chimici, va il mio ringraziamento per aver elaborato gli argomenti riportati qui. Nota per gli studenti. Sono stati usati simboli diversi da quelli che generalmente abbiamo utilizzato durante il corso: le attività delle specie A, B, C e D sono state soprassegnate quando sono all equilibrio; nel simbolo ΔG T, lo zero indica lo stato standard che indichiamo con lo zero tagliato; dal momento che le quantità di materia coinvolte in un processo industriale sono grandi, la kmole sostituisce la mole; il coefficiente di fugacità è indicato con ν i invece che con l usuale γ i ; la frazione molare del generico componente i-esimo è indicata con y i invece che con x i ; i coefficienti stechiometrici sono stati indicati con le lettere greche α, β, γ, δ e con le corrispondenti lettere latine maiuscole sono state indicate le specie coinvolte nella reazione; il parametro ε= γ+δ α β è stato da noi indicato come #" i dove ν i sono i coefficienti stechiometrici dei reagenti, presi negativi, e dei prodotti presi positivi; la velocità di reazione è indicata con r (dall inglese rate) invece che v; le costanti di velocità diretta ed inversa sono state indicate con k 1 e k 2 invece che con k 1 e k -1. Anita Scipioni A. Applicazione dei principi della termodinamica delle reazioni chimiche a un processo industriale Richiami generali Si consideri la generica reazione chimica: [1] "A + #B $ %C + &D dove A e B sono i reagenti, C e D i prodotti; α, β, γ e δ sono i coefficienti stechiometrici. Si supponga che la reazione avvenga alla temperatura T. In corrispondenza alle condizioni di equilibrio la variazione di energia libera del sistema reagente, ΔG T, è uguale a zero. Tenendo conto che la variazione di energia libera è la differenza tra le energie libere dei prodotti e le energie libere dei reagenti ed esprimendo l energia libera di ogni componente del sistema reagente in funzione dell attività del componente stesso, risulta che all equilibrio (cioè quando ΔG T = ) vale la relazione: 1

2 [2] %& G = RT T a a " ln C D # $ aa ab dove ΔG T è la variazione di energia libera standard della reazione, cioè la variazione di energia libera che compete alla reazione quando questa avviene alla temperatura T (in K) con reagenti e prodotti nello stato assunto come riferimento (attività unitarie); a i è l attività del generico componente i-esimo in corrispondenza delle condizioni di equilibrio (i = A, B, C, D); R è la costante dell equazione caratteristica dei gas perfetti, pari a kcal/(kmole K). La grandezza: " acad [3] KT = # $ a a prende il nome di costante di equilibrio alla temperatura T. In base alla [2] K T è legata a ΔG T dalla relazione: A B [4] ln K T " G = RT T importante rimarcare che la costante di equilibrio K T dipende soltanto dalla temperatura. Nella letteratura specializzata sono riportati, in funzione della temperatura, i valori dell energia libera standard di formazione dei singoli componenti ΔG i T ; dalla conoscenza di ΔG i T si risale al valore di ΔG T riferito alla reazione in esame e, tramite la [4], al valore di K T. Il valore assunto da ΔG T fornisce un criterio orientativo per valutare se sulla realizzabilità industriale della reazione esistano limitazioni termodinamiche: - ΔG T < : la realizzabilità della reazione non è affetta da limitazioni termodinamiche; - ΔG T > 1 kcal/kmole: la realizzabilità della reazione è affetta da limitazioni termodinamiche. Nel caso intermedio ( < ΔG T < 1 kcal/kmole) occorre verificare caso per caso se i limiti termodinamici siano o non siano determinanti per escludere la realizzabilità industriale della reazione. Nel caso di reazioni in fase gassosa, l attività dei singoli componenti del sistema reagente può essere espressa come: [5] ai = i i y P dove: ν i è il coefficiente di fugacità; y i la frazione molare del generico componente i-esimo; P è la pressione totale. Introducendo la [5] nella [3] si ottiene: " yc yd # [6] KT = K$ P % & ya yb dove: y i è la frazione molare del componente i-esimo in corrispondenza delle condizioni di equilibrio; ε è pari a γ + δ α β; K ν è dato da: " # C# D [7] K# = $ % # # A B 2

3 Quando il comportamento del sistema considerato può essere assimilato a quello di un gas perfetto, K ν = 1 Il parametro: " yc yd [8] # $ y y A è anche detto quoziente di reazione in quanto è tanto maggiore quanto più elevato è il grado di conversione dei reagenti. Il quoziente di reazione, tramite la [6], può essere espresso come: B y y " C D T [9] = # $ % ya yb K& P K La [9] è la forma più conveniente in cui può essere espressa l equazione dell equilibrio termodinamico al fine sia di determinare la composizione all equilibrio di un sistema reagente gassoso sia di prevedere gli effetti che le variazioni delle condizioni di reazione provocano sul grado di conversione. Processo di produzione industriale di ammoniaca da metano Ruolo della reazione di shift Premessa Si fa riferimento a un impianto di produzione del gas di sintesi dell ammoniaca. La materia prima più frequentemente utilizzata per tale produzione è il metano che viene sottoposto a steamreforming : CH 4 + H 2 O = CO + 3H 2. La reazione avviene a circa 8 C e a circa 25 bar, in presenza di un catalizzatore al nichel. La reazione è endotermica e pertanto il suo mantenimento richiede un apporto di energia. Lo steam-reforming viene spesso condotto in condizioni adiabatiche, cioè il sistema reagente non scambia energia con l ambiente esterno e l energia necessaria al processo è fornita sottoponendo a combustione con aria una frazione del metano alimentato nell impianto. Pertanto, nello steam-reforming adiabatico i reagenti sono metano, vapore acqueo ed aria; la quantità di aria introdotta nel processo è regolata in modo che l energia generata dalla combustione sia uguale all energia richiesta dalla reazione di steam-reforming della frazione di metano che viene consumata per combustione. Una tipica composizione (espressa come % in volume) del gas uscente dai reattori di steamreforming adiabatico è : CO 2 = 4.38, CO = 1.29, H 2 = 39.75, CH 4 =.11, N 2 = 16.41, H 2 O = Tale gas, prima di essere impiegato per la sintesi dell ammoniaca, subisce un trattamento di affinamento che consiste essenzialmente nei seguenti processi : a) conversione del CO in CO 2 (shift reaction : CO + H 2 O = CO 2 + H 2, processo debolmente esotermico, in presenza di un catalizzatore a base di zinco e di ossidi di ferro); b) rimozione del CO 2 tramite assorbimento con reazione chimica; c) rimozione delle tracce di CO tramite metanazione (shift reaction ma nella direzione opposta, cioè CO + 3H 2 = CH 4 + H 2 ). Assunzioni 1. Al gas uscente dai reattori di steam-reforming adiabatico, di composizione richiamata in premessa, viene aggiunta una quantità di vapor acqueo tale da abbassare la concentrazione di CO al valore del 3 % (riferita al gas secco) 2. La temperatura del gas uscente dai reattori di shift è di 45 C 3

4 3. La composizione del gas uscente dai reattori di shift ha una composizione molto vicina a quella di equilibrio (praticamente coincidente) Calcolo dell aggiunta W di vapor acqueo (espressa come kmoli da addizionare a 1 kmoli di gas uscente dai reattori di steam-reforming) Indicando con x il numero di kmoli di CO convertite nei reattori di shift in corrispondenza a 1 kmoli di gas umido uscenti dai reattori di steam-reforming si ha il seguente prospetto : Componente kmoli prima della kmoli dopo la conversione conversione CO x CO x H x CH N H 2 O W W - x L assunzione che la concentrazione di CO nel gas secco uscente dai reattori di shift sia pari al 3 % viene espressa dalla relazione : (1,29 x)/[(1,29 x) + (4,38 + x) + (39,75 + x) +, ,41] = (1,29 x)/(7,94 + x) da cui risulta che x = 7,92 kmoli. Pertanto, nel gas uscente dai reattori di shift si ha : CO 2 = 4,38 +7,92 = 12,3 kmoli H 2 = 39,75 + 7,92 = 47,67 kmoli CO = 1,29 7,92 = 2,37 kmoli H 2 O = 29,6 + W 7,92 = 21,14 + W kmoli Le concentrazioni dei 4 componenti che partecipano alla reazione di shift (CO 2, H 2, CO e H 2 O) sono legate fra di loro, all uscita dai reattori di shift, dalla relazione di equilibrio termodinamico. A 45 C (723 K) le energie libere standard di formazione dei componenti che partecipano alla reazione di shift sono : Componenti kcal/kmole CO H 2 O H 2 CO ΔG T i L energia libera standard della reazione di shift a 45 C è : ΔG T = ( ) = kcal/kmole Dalla [4] risulta : ln K T = - [ /( )] =.867 da cui risulta che K T è pari a 7.4 Nell ipotesi che K ν ~ 1 e tenendo conto che ε = (per cui al posto delle frazioni molari si può scrivere direttamente il numero di moli), la [6] si può scrivere : ( )/[2.37 ( W)] = 7.4 da cui si ricava : W =

5 Pertanto si devono aggiungere kmoli di vapor acqueo per ogni 1 kmoli di gas umido proveniente dai reattori di steam-reforming. B. Caratterizzazione termodinamica e cinetica dei reattori chimici Richiami generali La velocità di una reazione chimica che ha luogo in un sistema omogeneo è espressa dalla quantità (per esempio numero di moli) di reagente consumato (o di prodotto ottenuto) nell unità di tempo e nell unità di volume del sistema reagente. Pertanto: [1] r i = ± V 1 dni dt dove: r i è la velocità di reazione riferita al generico componente i-esimo; V il volume di reazione; N i il numero di moli del componente i-esimo presenti al tempo t; nella [1] si adotta il segno + o a seconda che il componente considerato sia un prodotto di reazione o un reagente rispettivamente. Se, come spesso accade, la densità del sistema reagente non varia durante il procedere della reazione, la [1] diventa: dci [11] ri = ± dt dove: C i è la concentrazione (numero di moli per unità di volume) del componente i-esimo. Nella trattazione che segue si farà riferimento sempre alla velocità di reazione r A riferita al reagente A; dalla conoscenza della stechiometria della reazione è immediato valutare le corrispondenze esistenti fra le velocità di reazione riferiti ai vari componenti del sistema reagente. L equazione cinetica di una reazione elementare reversibile, con stechiometria data dalla [1], è: [12] r = k1a a % k2a a " # $ A A B C D dove k 1 e k 2 sono le costanti di velocità delle reazioni diretta e inversa rispettivamente. La [12] può anche essere posta nella forma: % " 1 # $ & [13] ra = k1 ( aaab ' acad ) * KT + dove K T, pari a k 1 /k 2, è la costante di equilibrio definita dalla [3]. Studio delle condizioni ottimali in un reattore chimico L evolversi di un sistema reagente dentro a un reattore viene rappresentato in un diagramma che riporta sugli assi coordinati il grado di conversione X A e la temperatura T. Il grado di conversione X A è esprimibile con il rapporto (C AO - C A )/C AO, dove C AO è la concentrazione iniziale del reagente A e C A è la concentrazione residua di A dopo conversione. 5

6 Sul diagramma (X A, T) vengono rappresentati i dati sia termodinamici (curva del grado di conversione all equilibrio) che cinetici (curve isocinetiche, cioè curve a velocità di reazione costante): L andamento non monotono delle curve isocinetiche nel caso di reazioni esotermiche dipende dal fatto che un aumento di temperatura comporta sia un incremento del valore della costante di velocità che un decremento del valore della costante di equilibrio; pertanto, ponendo l equazione cinetica nella forma [13], al crescere della temperatura è dapprima prevalente l effetto esercitato dall aumento della costante di velocità k 1, mentre a partire da una certa temperatura diventa dominante l effetto antagonista esercitato dalla diminuzione della costante di equilibrio K T. In un reattore chimico la relazione di corrispondenza fra X A e T è rappresentata da una curva di lavoro che si estende fra il valore X A = (sezione di entrata) e X Af (sezione di uscita). Nel caso di un reattore omogeneo (cioè in cui è presente una sola fase) con flusso a pistone (dove tutti gli elementi fluidi reagenti seguono cammini paralleli e sincroni dentro il reattore), la curva ottimale di lavoro (cioè il profilo ottimale di temperatura a cui corrisponde, a parità di condizioni, il minimo volume) si colloca, nel caso di reazioni esotermiche, sulla curva dei massimi delle curve isocinetiche, con la condizione di non superare la temperatura massima T max compatibile con il processo e con la struttura del reattore: 6

7 Nel caso di reazioni endotermiche la curva ottimale di lavoro è posizionata sulla retta verticale in corrispondenza a T max : Nel caso dei reattori con flusso a pistone l ottenimento del profilo ottimale di temperatura non è agevole; talvolta si cerca di avvicinare il profilo reale di temperatura a quello ottimale suddividendo il reattore in un certo numero di compartimenti separati, fra i quali sono interposti scambiatori di calore (refrigeranti nel caso di reazioni esotermiche, riscaldatori nel caso di reazioni endotermiche): reazioni esotermiche 7

8 reazioni endotermiche 8

9 Cinetica della sterilizzazione termica La sterilizzazione termica ha lo scopo di provocare la distruzione delle spore. La velocità di distruzione delle spore segue una cinetica del 1 ordine: dn [1] = kn dt dove N è la concentrazione delle spore vitali presenti (numero di spore per unità di volume); la costante di velocità k assume nell intorno di 12 C (temperatura abituale di sterilizzazione) valori dell ordine di 1-3 min -1. Dalla [1], separando le variabili e integrando, si ottiene: [2] N kt = e N dove N è la concentrazione iniziale di spore vitali ed N è la concentrazione di spore vitali ancora presenti in corrispondenza al generico tempo t. La [2] può anche essere messa nella forma: [3] " ln N % N $ ' = 2.3log 1 # N & N = kt Pertanto, indicando con d il tempo di decimazione, cioè il tempo per ridurre di un ordine di grandezza la concentrazione delle spore, dalla [3] si ottiene: [4] d = 2.3 k ssendo k pari a 1-3 min -1 a 12 C, dalla [4] risulta un tempo di decimazione dell ordine di 1-2 minuti. La costante di velocità k è legata alla temperatura dalla relazione di Arrhenius: RT [5] k k e = dove k è il fattore di frequenza, l energia di attivazione, R la costante dei gas, T la temperatura assoluta. Inserendo la [5] nella [2] si ottiene: [6] N N = e k e RT t Dalla [6] risulta che l efficacia della sterilizzazione aumenta al crescere del tempo t e della temperatura T. Si consideri un trattamento di sterilizzazione condotto alla temperatura T 1 per un tempo t 1 ; dalla [6] risulta una concentrazione finale N 1 di spore vitali ancora presenti data da: 9

10 k 1 e t1 [7] N = N e 1 Si conduca la sterilizzazione a una temperatura T 2 >T 1, per un tempo t 2 tale da ottenere la stessa concentrazione finale di spore vitali ancora presenti nel trattamento precedente, cioè: k 2 e t2 [8] N = N = N e Confrontando le [7] e [8] si ottiene: 2 1 RT RT ovvero: ke RT1 t1 ke RT2 t2 e = e [9] t 2 & 1 1 # ' $ ' R % T1 T2 " = t1e L energia di attivazione della reazione di distruzione delle spore è elevata, essendo nell intorno di 6. kcal/kmol; ciò significa che tale reazione è molto sensibile rispetto alla temperatura. L energia di attivazione della reazione di degradazione dei substrati e delle altre sostanze attive presenti nel brodo di crescita (reazione di denaturazione) è notevolmente più bassa, essendo nell intorno di 2. kcal/kmole. Ciò significa che la denaturazione è meno sensibile alla temperatura rispetto alla sterilizzazione, come risulta dalla figura: tempo t Curve a pari effetto di sterilizzazione Curve a pari effetto di denaturazione temperatura T Pertanto conviene operare la sterilizzazione per tempi brevi e ad alte temperature, per quanto tecnologicamente possibile. 1

EQUILIBRI - GENERALITA. Come si è visto trattando i tre princìpi della termodinamica, il criterio di spontaneità di una trasformazione è

EQUILIBRI - GENERALITA. Come si è visto trattando i tre princìpi della termodinamica, il criterio di spontaneità di una trasformazione è EQUILIBRI - GENERALIA Come si è visto trattando i tre princìpi della termodinamica, il criterio di spontaneità di una trasformazione è G < 0 Quando vale questo criterio, i reagenti si trasformano in prodotti.

Dettagli

ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE

ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE Nelle trasformazioni chimiche e fisiche della materia avvengono modifiche nelle interazioni tra le particelle che comportano sempre variazioni di energia "C è un fatto,

Dettagli

Una soluzione è un sistema omogeneo (cioè costituito da una sola fase, che può essere liquida, solida o gassosa) a due o più componenti.

Una soluzione è un sistema omogeneo (cioè costituito da una sola fase, che può essere liquida, solida o gassosa) a due o più componenti. Una soluzione è un sistema omogeneo (cioè costituito da una sola fase, che può essere liquida, solida o gassosa) a due o più componenti. Solvente (componente presente in maggior quantità) SOLUZIONE Soluti

Dettagli

Università telematica Guglielmo Marconi. Chimica

Università telematica Guglielmo Marconi. Chimica Università telematica Guglielmo Marconi Chimica 1 Termodinamica 1 Argomenti Nell unità didattica dedicata alla termodinamica verranno affrontati i seguenti argomenti: L energia interna di un sistema Le

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA

Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA CLASSE A Velocità - Equilibrio - Energia Regionali 2010 36. Se il valore della costante di equilibrio di una reazione chimica diminuisce al crescere della temperatura,

Dettagli

Definiamo Entalpia la funzione: DH = DU + PDV. Variando lo stato del sistema possiamo misurare la variazione di entalpia: DU = Q - PDV.

Definiamo Entalpia la funzione: DH = DU + PDV. Variando lo stato del sistema possiamo misurare la variazione di entalpia: DU = Q - PDV. Problemi Una mole di molecole di gas ideale a 292 K e 3 atm si espandono da 8 a 20 L e a una pressione finale di 1,20 atm seguendo 2 percorsi differenti. Il percorso A è un espansione isotermica e reversibile;

Dettagli

Energia nelle reazioni chimiche. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti

Energia nelle reazioni chimiche. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti Energia nelle reazioni chimiche Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti VIDEO Introduzione (I) L energia chimica è dovuta al particolare arrangiamento degli atomi nei composti chimici e le varie forme di

Dettagli

RICHIAMI DI TERMOCHIMICA

RICHIAMI DI TERMOCHIMICA CAPITOLO 5 RICHIAMI DI TERMOCHIMICA ARIA TEORICA DI COMBUSTIONE Una reazione di combustione risulta completa se il combustibile ha ossigeno sufficiente per ossidarsi completamente. Si ha combustione completa

Dettagli

FACOLTÀ DI INGEGNERIA. 2. Exergia. Roberto Lensi

FACOLTÀ DI INGEGNERIA. 2. Exergia. Roberto Lensi Roberto Lensi 2. Exergia Pag. 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA 2. Exergia Roberto Lensi DIPARTIMENTO DI ENERGETICA Anno Accademico 2002-03 Roberto Lensi 2. Exergia Pag. 2 REVERSIBILITÀ

Dettagli

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una LA TERMOLOGIA La termologia è la parte della fisica che si occupa dello studio del calore e dei fenomeni legati alle variazioni di temperatura subite dai corpi. Essa si può distinguere in: Termometria

Dettagli

REAZIONI ORGANICHE Variazioni di energia e velocità di reazione

REAZIONI ORGANICHE Variazioni di energia e velocità di reazione REAZIONI ORGANICHE Variazioni di energia e velocità di reazione Abbiamo visto che i composti organici e le loro reazioni possono essere suddivisi in categorie omogenee. Per ottenere la massima razionalizzazione

Dettagli

CHIMICA GENERALE MODULO

CHIMICA GENERALE MODULO Corso di Scienze Naturali CHIMICA GENERALE MODULO 6 Termodinamica Entalpia Entropia Energia libera - Spontaneità Relatore: Prof. Finelli Mario Scienza che studia i flussi energetici tra un sistema e l

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

PSICROMETRIA DELL ARIA UMIDA

PSICROMETRIA DELL ARIA UMIDA PSICROMETRIA DELL ARIA UMIDA 1. PROPRIETÀ TERMODINAMICHE DEI GAS PERFETTI Un modello di comportamento interessante per la termodinamica è quello cosiddetto d i gas perfetto. Il gas perfetto è naturalmente

Dettagli

Formulario di Fisica Tecnica Matteo Guarnerio 1

Formulario di Fisica Tecnica Matteo Guarnerio 1 Formulario di Fisica Tecnica Matteo Guarnerio 1 CONVENZIONI DI NOTAZIONE Calore scambiato da 1 a 2. Calore entrante o di sorgente. Calore uscente o ceduto al pozzo. CONVERSIONI UNITÀ DI MISURA PIÙ FREQUENTI

Dettagli

9. TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE E CICLI REALI

9. TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE E CICLI REALI 9. TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE E CICLI REALI 9. Introduzione I processi termodinamici che vengono realizzati nella pratica devono consentire la realizzazione di uno scambio di energia termica o di energia

Dettagli

Leggi dei gas. PV = n RT SISTEMI DI PARTICELLE NON INTERAGENTI. perché le forze tra le molecole sono differenti. Gas perfetti o gas ideali

Leggi dei gas. PV = n RT SISTEMI DI PARTICELLE NON INTERAGENTI. perché le forze tra le molecole sono differenti. Gas perfetti o gas ideali Perché nelle stesse condizioni di temperatura e pressione sostanze differenti possono trovarsi in stati di aggregazione differenti? perché le forze tra le molecole sono differenti Da che cosa hanno origine

Dettagli

Termodinamica. Sistema termodinamico. Piano di Clapeyron. Sistema termodinamico. Esempio. Cosa è la termodinamica? TERMODINAMICA

Termodinamica. Sistema termodinamico. Piano di Clapeyron. Sistema termodinamico. Esempio. Cosa è la termodinamica? TERMODINAMICA Termodinamica TERMODINAMICA Cosa è la termodinamica? La termodinamica studia la conversione del calore in lavoro meccanico Prof Crosetto Silvio 2 Prof Crosetto Silvio Il motore dell automobile trasforma

Dettagli

Applicazioni della Termochimica: Combustioni

Applicazioni della Termochimica: Combustioni CHIMICA APPLICATA Applicazioni della Termochimica: Combustioni Combustioni Il comburente più comune è l ossigeno dell aria Aria secca:! 78% N 2 21% O 2 1% gas rari Combustioni Parametri importanti:! 1.Potere

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE INTEGRATE CHIMICA FISICA SCIENZE DELLA TERRA - BIOLOGIA

DIPARTIMENTO DI SCIENZE INTEGRATE CHIMICA FISICA SCIENZE DELLA TERRA - BIOLOGIA IISS A. De Pace Lecce A.S. 2012-2013 DIPARTIMENTO DI SCIENZE INTEGRATE FISICA SCIENZE DELLA TERRA - BIOLOGIA PIANI DI STUDIO DELLE DISCIPLINE SECONDO ANNO Piano di studi della disciplina DESCRIZIONE Lo

Dettagli

Applicazioni del secondo principio. ovvero. Macchine a vapore a combustione esterna: Macchine a vapore a combustione interna: Ciclo Otto, ciclo Diesel

Applicazioni del secondo principio. ovvero. Macchine a vapore a combustione esterna: Macchine a vapore a combustione interna: Ciclo Otto, ciclo Diesel Termodinamica Applicazioni del secondo principio ovvero Macchine a vapore a combustione esterna: macchina di Newcomen e macchina di Watt Macchine a vapore a combustione interna: Ciclo Otto, ciclo Diesel

Dettagli

Il lavoro nelle macchine

Il lavoro nelle macchine Il lavoro nelle macchine Corso di Impiego industriale dell energia Ing. Gabriele Comodi I sistemi termodinamici CHIUSO: se attraverso il contorno non c è flusso di materia in entrata ed in uscita APERTO:

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

Compito d esame di CHIMICA-FISICA. Appello del 25/3/2004

Compito d esame di CHIMICA-FISICA. Appello del 25/3/2004 Compito d esame di CHIMICA-FISICA. Appello del 25/3/2004 Un campione di 0.85 moli di un gas ideale, inizialmente alla pressione di 15.0 atm e a 300 K, si espande isotermicamente finchè la pressione finale

Dettagli

La combustione ed i combustibili

La combustione ed i combustibili La combustione ed i combustibili Concetti di base Potere calorifico Aria teorica di combustione Fumi: volume e composizione Temperatura teorica di combustione Perdita al camino Combustibili Gassosi Solidi

Dettagli

LEGGI DEI GAS / CALORI SPECIFICI. Introduzione 1

LEGGI DEI GAS / CALORI SPECIFICI. Introduzione 1 LEGGI DEI GAS / CALORI SPECIFICI Introduzione 1 1 - TRASFORMAZIONE ISOBARA (p = costante) LA PRESSIONE RIMANE COSTANTE DURANTE TUTTA LA TRASFORMAZIONE V/T = costante (m, p costanti) Q = m c p (Tf - Ti)

Dettagli

COMPONENTI TERMODINAMICI APERTI

COMPONENTI TERMODINAMICI APERTI CAPITOLO NONO COMPONENTI TERMODINAMICI APERTI Esempi applicativi Vengono di seguito esaminati alcuni componenti di macchine termiche che possono essere considerati come sistemi aperti A) Macchina termica

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Le centrali termoelettriche sono impianti che utilizzano l energia chimica dei combustibili per trasformarla in energia elettrica. Nelle centrali termoelettriche la produzione

Dettagli

BILANCI DI ENERGIA. Capitolo 2 pag 70

BILANCI DI ENERGIA. Capitolo 2 pag 70 BILANCI DI ENERGIA Capitolo 2 pag 70 BILANCI DI ENERGIA Le energie in gioco sono di vario tipo: energia associata ai flussi entranti e uscenti (potenziale, cinetica, interna), Calore scambiato con l ambiente,

Dettagli

Temperatura. V(t) = Vo (1+at) Strumento di misura: termometro

Temperatura. V(t) = Vo (1+at) Strumento di misura: termometro I FENOMENI TERMICI Temperatura Calore Trasformazioni termodinamiche Gas perfetti Temperatura assoluta Gas reali Principi della Termodinamica Trasmissione del calore Termoregolazione del corpo umano Temperatura

Dettagli

Complementi di Termologia. I parte

Complementi di Termologia. I parte Prof. Michele Giugliano (Dicembre 2) Complementi di Termologia. I parte N.. - Calorimetria. Il calore è una forma di energia, quindi la sua unità di misura, nel sistema SI, è il joule (J), tuttavia si

Dettagli

3.1 Igrometria. 3.1.1 Umidità assoluta, di saturazione e relativa

3.1 Igrometria. 3.1.1 Umidità assoluta, di saturazione e relativa Capitolo n 3 3.1 Igrometria L igrometria è lo studio del sistema aria-acqua. Il sistema aria-acqua è importante in numerose applicazioni: - essiccamento di materiali solidi umidi - umidificazione e condizionamento

Dettagli

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2 46 Tonzig La fisica del calore o 6 R/2 rispettivamente per i gas a molecola monoatomica, biatomica e pluriatomica. Per un gas perfetto, il calore molare a pressione costante si ottiene dal precedente aggiungendo

Dettagli

QUESITI DI FISICA RISOLTI A LEZIONE TERMODINAMICA

QUESITI DI FISICA RISOLTI A LEZIONE TERMODINAMICA QUESITI DI FISICA RISOLTI A LEZIONE TERMODINAMICA Un recipiente contiene gas perfetto a 27 o C, che si espande raggiungendo il doppio del suo volume iniziale a pressione costante. La temperatura finale

Dettagli

Biosensori Sensori Chimici. nicola.carbonaro@centropiaggio.unipi.it

Biosensori Sensori Chimici. nicola.carbonaro@centropiaggio.unipi.it Biosensori Sensori Chimici nicola.carbonaro@centropiaggio.unipi.it Principali applicazioni dei Sensori chimici Ruolo fondamentale degli ioni nella maggior parte dei processi biologici Sensori elettrochimici

Dettagli

X Figura 1. Ciclo termodinamico. >0 il calore assorbito e con Q 1 (3)

X Figura 1. Ciclo termodinamico. >0 il calore assorbito e con Q 1 (3) CICLI TERMODINAMICI Un ciclo termodinamico è un insieme di trasformazioni tali che lo stato iniziale del sistema coincide con lo stato finale. Un ciclo termodinamico è indivaduato nel diagramma XY generico

Dettagli

La fisica di Feynmann Termodinamica

La fisica di Feynmann Termodinamica La fisica di Feynmann Termodinamica 3.1 TEORIA CINETICA Teoria cinetica dei gas Pressione Lavoro per comprimere un gas Compressione adiabatica Compressione della radiazione Temperatura Energia cinetica

Dettagli

FISICA-TECNICA Miscela di gas e vapori. Igrometria

FISICA-TECNICA Miscela di gas e vapori. Igrometria FISICA-TECNICA Miscela di gas e vapori. Igrometria Katia Gallucci Spesso è necessario variare il contenuto di vapore presente in una corrente gassosa. Lo studio di come si possono realizzare queste variazioni

Dettagli

5.1 RUOLO DELLA TERMODINAMICA E DELLA CINETICA 3 5.3 LEGGE DI VELOCITÀ, COSTANTE DI VELOCITÀ E ORDINE DI REAZIONE 7

5.1 RUOLO DELLA TERMODINAMICA E DELLA CINETICA 3 5.3 LEGGE DI VELOCITÀ, COSTANTE DI VELOCITÀ E ORDINE DI REAZIONE 7 Cap. 5 CINETICA E MECCANISMO DELLE REAZIONI DISCONTINUE I N D I C E pag. PREMESSA 3 5.1 RUOLO DELLA TERMODINAMICA E DELLA CINETICA 3 5.2 VELOCITÀ DI REAZIONE E SUA MISURA 4 5.3 LEGGE DI VELOCITÀ, COSTANTE

Dettagli

METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA

METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA Corso di formazione ed aggiornamento professionale per Energy Managers-Trenitalia BOLOGNA 15-16 Giugno 2011 METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA Ing. Nino Di Franco ENEA-UTEE-IND IL CONTROLLO DELLA

Dettagli

Per la cinetica del 1 ordine si ha:

Per la cinetica del 1 ordine si ha: 1. Si consideri la seguente reazione: CH 3 CHO (g) CH 4(g) + CO (g) Determinare l ordine di reazione e calcolare la costante di velocità della suddetta reazione a 518 C noti i seguenti dati sperimentali:

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie. Corso di Meccanica e. Meccanizzazione Agricola

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie. Corso di Meccanica e. Meccanizzazione Agricola Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie Corso di Meccanica e Meccanizzazione Agricola Prof. S. Pascuzzi 1 Motori endotermici 2 Il motore endotermico L energia da legame chimico, posseduta dai combustibili

Dettagli

PINCH TECHNOLOGY. Il target può essere: minima area degli scambiatori minimo consumo di energia minimo costo annuo totale

PINCH TECHNOLOGY. Il target può essere: minima area degli scambiatori minimo consumo di energia minimo costo annuo totale PINCH TECHNOLOGY Obiettivo => ottimizzare i flussi energetici nel sistema i.e. trovare la migliore disposizione degli scambiatori di calore (energia) necessari per ottenere le temperature finali richieste.

Dettagli

Simone Montali mat.145459 lezione del 08/11/02 dalle ore 10:30 alle ore 12:30

Simone Montali mat.145459 lezione del 08/11/02 dalle ore 10:30 alle ore 12:30 imone Montali mat.55 lezione del 080 dalle ore 0:0 alle ore :0 (VHUFL]LR i vogliono considerare tre diversi tipi di espansione che possono avvenire all interno di un cilindro pieno di gas, al quale viene

Dettagli

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente.

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente. CORRENTE ELETTRICA Si definisce CORRENTE ELETTRICA un moto ordinato di cariche elettriche. Il moto ordinato è distinto dal moto termico, che è invece disordinato, ed è sovrapposto a questo. Il moto ordinato

Dettagli

GLI STATI DI AGGREGAZIONE DELLA MATERIA. Lo stato gassoso

GLI STATI DI AGGREGAZIONE DELLA MATERIA. Lo stato gassoso GLI STATI DI AGGREGAZIONE DELLA MATERIA Lo stato gassoso Classificazione della materia MATERIA Composizione Struttura Proprietà Trasformazioni 3 STATI DI AGGREGAZIONE SOLIDO (volume e forma propri) LIQUIDO

Dettagli

5. FLUIDI TERMODINAMICI

5. FLUIDI TERMODINAMICI 5. FLUIDI TERMODINAMICI 5.1 Introduzione Un sistema termodinamico è in genere rappresentato da una quantità di una determinata materia della quale siano definibili le proprietà termodinamiche. Se tali

Dettagli

Operazioni Unitarie della Tecnologia Alimentare

Operazioni Unitarie della Tecnologia Alimentare Docente Dott.ssa Teresa De Pilli Tel. 0881/589245 e-mail e t.depilli@unifg.it Corso di Operazioni Unitarie della Tecnologia Alimentare DISTILLAZIONE La distillazione è l operazione unitaria che permette

Dettagli

MOTORI ENDOTERMICI di Ezio Fornero

MOTORI ENDOTERMICI di Ezio Fornero MOTORI ENDOTERMICI di Ezio Fornero Nei motori endotermici (m.e.t.) l energia termica è prodotta mediante combustione di sostanze liquide o gassose, generalmente dette carburanti. Si tratta di motori a

Dettagli

CORSO%DI%% FISICA%TECNICA%1% A.A.%201322014% Sezione%03c%

CORSO%DI%% FISICA%TECNICA%1% A.A.%201322014% Sezione%03c% 1 FISICA TECNICA 1 CORSO%DI%% FISICA%TECNICA%1% A.A.%201322014% Sezione%03c%!! Prof. Ing. Sergio Montelpare! Dipartimento INGEO! Università G. d Annunzio Chieti-Pescara" Termodinamica dell aria umida"

Dettagli

Le macchine termiche e il secondo principio della termodinamica

Le macchine termiche e il secondo principio della termodinamica Le macchine termiche e il secondo principio della termodinamica ) Definizione di macchina termica È sperimentalmente verificato che nel rispetto del primo principio della termodinamica (ovvero della conservazione

Dettagli

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Università di Catania Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Civile AA 1011 1 Fondamenti di Trasporti Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Giuseppe Inturri Dipartimento

Dettagli

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola.

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. La formula empirica e una formula in cui il rappporto tra gli atomi e il piu semplice possibil Acqua Ammoniaca

Dettagli

352&(662',&20%867,21(

352&(662',&20%867,21( 352&(662',&20%867,21( Il calore utilizzato come fonte energetica convertibile in lavoro nella maggior parte dei casi, è prodotto dalla combustione di sostanze (es. carbone, metano, gasolio) chiamate combustibili.

Dettagli

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE: TERMODINAMICA DEI CICLI FRIGORIFERI AD ARIA ED ACQUA. Ing. Attilio Pianese (commissione Energia e Impianti)

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE: TERMODINAMICA DEI CICLI FRIGORIFERI AD ARIA ED ACQUA. Ing. Attilio Pianese (commissione Energia e Impianti) IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE: TERMODINAMICA DEI CICLI FRIGORIFERI AD ARIA ED ACQUA Ing. Attilio Pianese (commissione Energia e Impianti) SCOPO DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Gli impianti di condizionamento

Dettagli

Progettazione e calcolo di

Progettazione e calcolo di Nicola Taraschi Progettazione e calcolo di * Calcolo delle reti aerauliche con il software CANALI * Le trasformazioni dell aria umida ed il software PSICRO * I ventilatori * Le batterie alettate ed il

Dettagli

Bruno Jannamorelli, traduzione ed edizione critica La potenza motrice del fuoco di Sadi Carnot, Cuen 1996, pp. 19 e 20. 2

Bruno Jannamorelli, traduzione ed edizione critica La potenza motrice del fuoco di Sadi Carnot, Cuen 1996, pp. 19 e 20. 2 LA LEZIONE Lo studio di una macchina termica ideale [ ] Si può paragonare molto bene la potenza motrice del calore a quella di una cascata d acqua: entrambe hanno un massimo che non si può superare, qualunque

Dettagli

INTEGRAZIONE DI MOTORI TERMICI

INTEGRAZIONE DI MOTORI TERMICI INTEGRAZIONE DI MOTORI TERMICI Motore termico Converte calore in lavoro meccanico Produzione di energia elettrica Es. turbina Sottrae calore in alla sorgente a temperatura T H Restituisce calore out alla

Dettagli

SOLUZIONE SECONDA PROVA - TEMA N 2 - TECNICO DEI SISTEMI ENERGETICI 2015

SOLUZIONE SECONDA PROVA - TEMA N 2 - TECNICO DEI SISTEMI ENERGETICI 2015 SOLUZIONE SECONDA PROVA - TEMA N 2 - TECNICO DEI SISTEMI ENERGETICI 2015 Svolgimento : PUNTO 1) La figura soprastante mostra il circuito frigorifero di una macchina per la climatizzazione; si evidenziano

Dettagli

Capitolo 10 Il primo principio 113

Capitolo 10 Il primo principio 113 Capitolo 10 Il primo principio 113 QUESITI E PROBLEMI 1 Tenuto conto che, quando il volume di un gas reale subisce l incremento dv, il lavoro compiuto dalle forze intermolecolari di coesione è L = n 2

Dettagli

IL MODELLO DI MICHAELIS E MENTEN PER LA CINETICA ENZIMATICA.

IL MODELLO DI MICHAELIS E MENTEN PER LA CINETICA ENZIMATICA. CORSO DI CHIMICA E PROPEDEUTICA BIOCHIMICA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA. IL MODELLO DI MICHAELIS E MENTEN PER LA CINETICA ENZIMATICA. Un enzima è una proteina capace di catalizzare una specifica reazione

Dettagli

FONDAMENTI CHIMICO FISICI DEI PROCESSI IL SECONDO E IL TERZO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA

FONDAMENTI CHIMICO FISICI DEI PROCESSI IL SECONDO E IL TERZO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA FONDAMENTI CHIMICO FISICI DEI PROCESSI IL SECONDO E IL TERZO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA LE MACCHINE TERMICHE Sono sistemi termodinamici che trasformano il calore in lavoro. Operano ciclicamente, cioè

Dettagli

Fisica per scienze ed ingegneria

Fisica per scienze ed ingegneria Serway, Jewett Fisica per scienze ed ingegneria Capitolo 22 Il primo principio della termodinamica non è altro che una affermazione del principio di conservazione dell energia. Ci dice che se un sistema

Dettagli

Tinf T. sup 600 K 300 K

Tinf T. sup 600 K 300 K FRIGORIFERI E POMPE I ORE bbiamo visto nei precedenti capitoli che la conversione di calore in lavoro in una macchina bitermica reversibile ha una efficienza che dipende dalla differenza tra le temperature

Dettagli

Definizione di sorgente di calore e di macchina termica

Definizione di sorgente di calore e di macchina termica 34 Unità Didattica N 19C I principi della ermodinamica Definizione di sorgente di calore e di macchina termica Sorgente di calore è un corpo ( o un sistema di corpi ) a temperatura costante che ha la proprietà

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio Termodinamica I FENOMENI TERMICI Temperatura

Dettagli

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici Fisica Medica Lauree triennali nelle Professioni Sanitarie. P.Montagna ott-07. pag.1

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici Fisica Medica Lauree triennali nelle Professioni Sanitarie. P.Montagna ott-07. pag.1 I FENOMENI TERMICI Temperatura Calore Trasformazioni termodinamiche Gas perfetti Temperatura assoluta Gas reali Principi della Termodinamica Trasmissione del calore Termoregolazione del corpo umano pag.1

Dettagli

Preparazione alle gare di II livello delle Olimpiadi della Fisica 2013

Preparazione alle gare di II livello delle Olimpiadi della Fisica 2013 Preparazione alle gare di II livello delle Olimpiadi della Fisica 01 Incontro su temi di termodinamica 14/1/01 Giuseppina Rinaudo - Dipartimento di Fisica dell Università di Torino Sommario dei quesiti

Dettagli

pag 1/6 Appunti di chimica 17/11/2007 Termodinamica Energia, ambiente e sistema

pag 1/6 Appunti di chimica 17/11/2007 Termodinamica Energia, ambiente e sistema pag 1/6 Appunti di chimica 17/11/2007 Termodinamica Energia, ambiente e sistema La termodinamica è una scienza che studia il modo in cui processi chimici o fisici scambiano l'energia, per quel che ci riguarda

Dettagli

Simulazione test di ingresso Ingegneria Industriale Viterbo. Quesiti di Logica, Chimica e Fisica. Logica

Simulazione test di ingresso Ingegneria Industriale Viterbo. Quesiti di Logica, Chimica e Fisica. Logica Simulazione test di ingresso Ingegneria Industriale Viterbo Quesiti di Logica, Chimica e Fisica Logica L1 - Come si conclude questa serie di numeri? 9, 16, 25, 36,... A) 47 B) 49 C) 48 D) 45 L2 - Quale

Dettagli

La produzione di fertilizzanti: esempi emblematici di sviluppo sostenibile. F Trifirò Accademia delle Scienze Bologna

La produzione di fertilizzanti: esempi emblematici di sviluppo sostenibile. F Trifirò Accademia delle Scienze Bologna La produzione di fertilizzanti: esempi emblematici di sviluppo sostenibile F Trifirò Accademia delle Scienze Bologna La chimica e l alimentazione Nell alimentazione la chimica è coinvolta: 1) Nella produzione

Dettagli

3. Le Trasformazioni Termodinamiche

3. Le Trasformazioni Termodinamiche 3. Le Trasformazioni Termodinamiche Lo stato termodinamico di un gas (perfetto) è determinato dalle sue variabili di stato: ressione, olume, Temperatura, n moli ffinché esse siano determinate è necessario

Dettagli

FISICA-TECNICA Diagrammi psicrometrico

FISICA-TECNICA Diagrammi psicrometrico Diagramma psicrometrici FISICA-ECNICA Diagrammi psicrometrico Katia Gallucci Si dice diagramma psicrometrico la rappresentazione grafica della proprietà termodinamiche dell aria umida. Su tali diagrammi

Dettagli

Ciclo Rankine. Macchina tipica di un ciclo a vapore

Ciclo Rankine. Macchina tipica di un ciclo a vapore di Piraccini Davide OBBIETTIVI : Inserire un impianto ORC (Organic Rankine Cycle) nel ciclo di bassa pressione della centrale Enel di Porto Corsini e studiare la convenienza tramite il confronto dei rendimenti

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI IMPIANTI TERMICI

EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI IMPIANTI TERMICI EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI IMPIANTI TERMICI L impianto a condensazione Laurent SOCAL 31/01/2011 Ing. SOCAL - Impianti a condensazione 1 La condensazione Nella caldaia, dopo la combustione si deve trasferire

Dettagli

0,209. formula che si risolve facilmente una volta misurata, con adatte apparecchiature, la percentuale in volume di CO 2

0,209. formula che si risolve facilmente una volta misurata, con adatte apparecchiature, la percentuale in volume di CO 2 Approfondimento Analisi dei fumi La regolazione della combustione basata su regole pratiche pecca evidentemente di precisione anche se presenta l indubbio vantaggio dell immediatezza di esecuzione; una

Dettagli

ENZIMI CINETICA ENZIMATICA

ENZIMI CINETICA ENZIMATICA ENZIMI PERCHE UNA REAZIONE AVVENGA, SI DEVONO SODDISFARE TRE CONDIZIONI I SUBSTRATI DEVONO ENTRARE IN COLLISIONE LA COLLISIONE DEVE AVVENIRE CON ORIENTAMENTO CORRETTO I REAGENTI DEVONO AVERE ENERGIA SUFFICIENTE

Dettagli

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA INTRODUZIONE Lo scopo dell esperienza è ricavare le grandezze termodinamiche per la reazione che avviene in una cella galvanica, attraverso misure di f.e.m. effettuate

Dettagli

SISTEMI ELETTRICI PER LA PRODUZIONE DI CALORE:

SISTEMI ELETTRICI PER LA PRODUZIONE DI CALORE: SISTEMI ELETTRICI PER LA PRODUZIONE DI CALORE: VALUTAZIONI TECNICO-ECONOMICHE TRA POMPE DI CALORE E GENERATORI DI CALORE I CICLI Cicli diretti = cicli termodinamici che riguardano i motori forniscono lavoro

Dettagli

Rendimento globale: Assegnati combustibile. rapporto

Rendimento globale: Assegnati combustibile. rapporto Esoreattore (turbogetti o ramjets) Spinta: Velocità efficace: Resistenza ram Spinta del getto: Spinta netta (condizioni adattamento: ): Impulso specifico all aria: Consumo specifico di combustibile (TSFC):

Dettagli

Davide Manca Progettazione di Processo e Analisi dei Costi Politecnico di Milano 1

Davide Manca Progettazione di Processo e Analisi dei Costi Politecnico di Milano 1 Davide Manca Progettazione di Processo e Analisi dei Costi Politecnico di Milano 1 Controllo esteso a tutto l impianto: HDA Toluene + Idrogeno Benzene + Metano 2Benzene Difenile + Idrogeno Spurgo Quench

Dettagli

CALCOLO DELL'ENERGIA INTERNA

CALCOLO DELL'ENERGIA INTERNA CALCOLO DELL'ENERGIA INTERNA Enrico Valenti Matricola 145442 29 novembre ore 10,30-12,30 ( trasformazione a temperatura costante ) U 0 = 0 J energia ( J ) p 0 = 1 bar pressione ( Pa ) T 0 = 273 K temperatura

Dettagli

Anno scolastico 2014/2015

Anno scolastico 2014/2015 I."MAJORANA-MARCONI" PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE PER LE SECONDE CLASSI AD INDIRIZZO PROFESSIONALE Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: SCIENZE INTEGRATE/CHIMICA E LABORATORIO DOCENTI: CASTAGNA ADRIANA,

Dettagli

LA GASIFICAZIONE DELLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI SNG (SUBSTITUTE NATURAL GAS)!

LA GASIFICAZIONE DELLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI SNG (SUBSTITUTE NATURAL GAS)! LA GASIFICAZIONE DELLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI SNG (SUBSTITUTE NATURAL GAS)! F. Ruggeri, L. Mancuso, G.Collodi, Foster Wheeler Italiana. Milano, 20 maggio 2010 Agenda Schema d impianto Preparazione

Dettagli

Cicli Inversi. Ciclo Frigorifero L effetto utile è Q 2 Pompa di calore L effetto utile è Q 1

Cicli Inversi. Ciclo Frigorifero L effetto utile è Q 2 Pompa di calore L effetto utile è Q 1 Cicli Inversi I cicli inversi hanno lo scopo di asportare calore da una sorgente fredda (Cicli frigoriferi) o di trasferirlo ad una sorgente calda (Pompe di calore) Ciclo Frigorifero L effetto utile è

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore Minerario Giorgio Asproni Enrico Fermi PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DEL DOCENTE

Istituto di Istruzione Superiore Minerario Giorgio Asproni Enrico Fermi PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DEL DOCENTE Istituto di Istruzione Superiore Minerario Giorgio Asproni Enrico Fermi PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DEL DOCENTE Anno scolastico 2014\/2015 Classe IV Corso Tecnologie Chimiche DOCENTE: Ritano Riccardo

Dettagli

Il fenomeno della combustione di Marco Santucci

Il fenomeno della combustione di Marco Santucci Il fenomeno della combustione di Marco Santucci La combustione è un fenomeno chimico di ossidazione fortemente esotermico che avviene tra un combustibile e l ossigeno con una intensa manifestazione luminosa

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

anidride carbonica: il refrigerante del futuro?

anidride carbonica: il refrigerante del futuro? 1 anidride carbonica: il refrigerante del futuro? prof. ing. Fabio POLONARA 2 ANIDRIDE CARBONICA CO 2 R744 è abbondante e poco costosa è un refrigerante naturale, senza alcun impatto ambientale globale

Dettagli

Attivitá e cinetica enzimatica

Attivitá e cinetica enzimatica Attivitá e cinetica enzimatica PAS : Classe di insegnamento A60 Biologia e scienze A.A. 2013/2014 09/05/2014 Cinetica Enzimatica La cinetica enzimatica è misurata come velocità di conversione del substrato

Dettagli

Concetti fondamentali su acidità e basicità delle soluzioni acquose

Concetti fondamentali su acidità e basicità delle soluzioni acquose Concetti fondamentali su acidità e basicità delle soluzioni acquose Le molecole H 2 O dell acqua liquida pura possono andare incontro a dissociazione. Il processo può essere descritto come una reazione

Dettagli

DENSITA La densità è una grandezza fisica che indica la massa, di una sostanza o di un corpo, contenuta nell unità di volume; è data dal rapporto:

DENSITA La densità è una grandezza fisica che indica la massa, di una sostanza o di un corpo, contenuta nell unità di volume; è data dal rapporto: Richiami di Chimica DENSITA La densità è una grandezza fisica che indica la massa, di una sostanza o di un corpo, contenuta nell unità di volume; è data dal rapporto: d = massa / volume unità di misura

Dettagli

REAZIONI ESOTERMICHE ED ENDOTERMICHE

REAZIONI ESOTERMICHE ED ENDOTERMICHE REAZIONI ESOTERMICHE ED ENDOTERMICHE Obiettivo di questo esperimento è confrontare l effetto termico di 0,1 moli di diverse sostanze ioniche solide quando vengono sciolte in una stessa quantità di acqua.

Dettagli

Introduzione a: Strumentazione e Controllo di Impianti Chimici. Davide Manca Strumentazione e Controllo di Impianti Chimici Politecnico di Milano

Introduzione a: Strumentazione e Controllo di Impianti Chimici. Davide Manca Strumentazione e Controllo di Impianti Chimici Politecnico di Milano L1 Introduzione a: Strumentazione e Controllo di Impianti Chimici Davide Manca Strumentazione e Controllo di Impianti Chimici Politecnico di Milano L1 Introduzione al controllo di processo Un impianto

Dettagli

PRODUZIONE DI BIOGAS

PRODUZIONE DI BIOGAS PRODUZIONE DI BIOGAS Leachate and gas evolution in a landfill (Kristensen & Kjeldsen (1989) Phase I: Aerobic phase Phase II: Acid phase Phase III: Intermediate methanogenic phase Phase IV: Stabilized methanogenic

Dettagli

3. Stato gassoso. Al termine dell unità didattica si dovranno raggiungere i seguenti obiettivi:

3. Stato gassoso. Al termine dell unità didattica si dovranno raggiungere i seguenti obiettivi: 3. Stato gassoso. Al termine dell unità didattica si dovranno raggiungere i seguenti obiettivi:. Descrivere le caratteristiche e il comportamento del gas a livello microscopico.. Definire pressione temperatura

Dettagli

Esercitazione X - Legge dei gas perfetti e trasformazioni

Esercitazione X - Legge dei gas perfetti e trasformazioni Esercitazione X - Legge dei gas perfetti e trasformazioni termodinamiche Formulario Il primo principio della termodinamica afferma che la variazione dell energia interna di un sistema U è uguale alla somma

Dettagli