Miglioramento dell efficienza energetica nella produzione idrogeno a partire dalla gassificazione dell asfalto nell impianto IGCC di ISAB Energy

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Miglioramento dell efficienza energetica nella produzione idrogeno a partire dalla gassificazione dell asfalto nell impianto IGCC di ISAB Energy"

Transcript

1 , Efficienza energetica e cogenerazione: quali prospettive per l industria italiana nei nuovi mercati energetici Miglioramento dell efficienza energetica nella produzione idrogeno a partire dalla gassificazione dell asfalto nell impianto IGCC di ISAB Energy Ing. Bellina Giovanni, Ing. Cardaci Walter Milano, 11 luglio

2 Sommario Premessa impiantistica Tecnologia IGCC/SDA Descrizione intervento Nuovo Impianto Idrogeno Calcolo del Risparmio Energetico Baseline e Miglioramento 2

3 ISAB Energy Services : Tecnologia IGCC/SDA Isab Energy, IGCC/SDA e nuovo impianto di produzione idrogeno a partire dalla gassificazione dell asfalto Isab Energy Services Srl, gestore impianto ed ESCO 3

4 ISAB Energy Services : Tecnologia IGCC/SDA 4

5 ISAB Energy Services : Tecnologia IGCC/SDA il Il processo di gassificazione di Isab Energy è effettuato in 2 gassificatori TEXACO a raffreddamento ad acqua diretto, i più adatti al trattamento di una carica estremamente pesante come l'asfalto. 5

6 ISAB Energy Services : Tecnologia IGCC/SDA il Unità di Trattamento Syngas e Recupero Termico Dalla gassificazione viene prodotto syngas umido, che deve subire alcune fasi di trattamento prima di poter essere utilizzato. Il syngas prodotto viene lavato con acqua in uno scrubber al fine di eliminare la soot in esso contenuta, prima che lo stesso vada nell'impianto di recupero termico e trattamento catalitico per convertire COS in H2S per il successivo recupero zolfo Attraverso un progressivo raffreddamento (da circa 250 C a circa 35 C) del flusso di syngas, si recupera calore utilizzato per produrre vapore (MP, BP), che viene impiegato nelle varie utenze dell'impianto. Il gas, trattato e raffreddato, viene processato nell unità rimozione gas acido per rimuovere i composti dello zolfo, attraverso MDEA e una volta pulito viene utilizzato negli impianti H2 e CCU 6

7 Descrizione intervento Nel mondo quasi tutto l'idrogeno viene attualmente prodotto su vasta scala con processi di reforming di idrocarburi. Il processo di produzione che sfrutta la gassificazione rappresenta una tecnologia innovativa, con elevata efficienza e ridotte emissioni inquinanti rispetto alla tipica tecnologia per produrre idrogeno utilizzata nelle raffinerie e pratica corrente (steam reforming) e che rappresenta il riferimento ex ante. 7

8 Descrizione intervento 8

9 Descrizione intervento Il nuovo impianto H2 Realizzato nel periodo mag2009-giugno2010 investimento 20 ME; ha una produzione nominale pari a circa Nmc/h; è composto principalmente da tre unità impiantistiche: - Lavaggio del syngas - Impianto di separazione a Membrane - PSA (Pressure Swing Adsorption) 9

10 - Lavaggio del syngas Descrizione intervento per ridurre al minimo l eventuale contenuto di MDEA (metildietanolammina), il solvente utilizzato nel processo di Acid Gas Removal (AGR) per catturare il gas acido, in quanto i liquidi, e la MDEA in particolare, se in contatto con le membrane, possono danneggiarle riducendone o compromettendone in modo irreversibile le prestazioni. - Separazione idrogeno con Membrane e PSA L utilizzo di due processi in serie per la separazione dell idrogeno è necessario per ottenere il massimo dell efficienza, in quanto ognuno dei due si presta meglio per concentrazioni differenti del gas in ingresso. 10

11 Descrizione intervento - Impianto di separazione a Membrane dove viene effettuata la separazione con membrane dell idrogeno presente nel syngas, in una unità POLYSEP della Honeywell UOP, fino ad ottenere un gas permeato con un contenuto di idrogeno (H2) pari a circa il 70%. - PSA (Pressure Swing Adsorption) dove il permeato viene ulteriormente trattato in un sistema PSA (POLYBED della Honeywell UOP) fino per arrivare alla purezza richiesta dell H2 pari al 99,5% volume. 11

12 Descrizione intervento Il nuovo impianto è tecnologicamente innovativo, con alta efficienza energetica con ridotte emissioni inquinanti risparmio rispetto ai normali consumi per la produzione di idrogeno, identificati con quelli del Bref, A livello mondiale infatti l idrogeno immesso sul mercato viene prodotto per più del 90% a partire da combustibili fossili, in prevalenza gas naturale. Anche per quanto riguarda il settore delle raffinerie il 57% dell'idrogeno prodotto in Europa deriva dal processo di steam reforming del metano. La fonte di energia primaria risparmiata grazie alla realizzazione del nuovo impianto di produzione idrogeno da gassificazione dell'asfalto, è il metano. 12

13 Baseline e risparmi energetici Asfalto Ossigeno Vapore PPU Syngas CCU Energia Elettrica Energia Elettrica Zolfo Vanadio Syngas Vapore Energia Elettrica Impianto idrogeno Idrogeno Off-gas BD 13

14 Baseline e risparmi energetici Per il calcolo dei risparmi ottenuti in seguito alla realizzazione del nuovo impianto di produzione idrogeno sono stati confrontati i consumi energetici nelle due situazioni: ex ante: consumo medio delle utilities del processo di produzione idrogeno mediante steam reforming, per la lavorazione della carica alle condizioni idonee operative, tratto dal Bref di riferimento. ex post: consumo delle utilities del processo di gassificazione asfalto, trattamento syngas e purificazione idrogeno, per la lavorazione della carica alle condizioni idonee operative. 14

15 Baseline e risparmi energetici Consumi Energetici Impianti Steam reforming (BREF)- Baseline BASELINE - Bref "Mineral Oil and Gas Refineries", IMPIANTO STEAM REFORMING Utilities richieste Range di consumo Unità di misura Fuel (Q) MJ/t H2 Energia Elettrica (P) kwh/t H MJ/t H2 Valore medio consumo utilities (Baseline) X X = K / 2 Unità di misura Totale consumo utilities (K) = Q+P MJ/t H ,5 MJ/t H2 La voce fuel indicata nelle BREF come energia di utility per impianti steam reforming, rappresenta il consumo di combustibile al bruciatore del reattore di reforming Consumo energetico Fuel - valore medio MJ/t di H2; Consumo energetico EE valore medio 3.914,5 MJ/t di H2 Consumo Energetico medio di riferimento è pari a 61415,5 MJ/t di H2 15

16 Baseline e risparmi energetici Consumi Energetici per produzione H2 da gassificazione asfalto a) Consumo utilities processo gassificazione-trattamento syngas per la produzione H2 Ottenuto dal consumo totale delle utilities (ossigeno, vapore, EE) del processo di gassificazione e trattamento syngas diviso per le tonnellate totali di asfalto in carica e moltiplicato per le tonnellate di asfalto utilizzate per la produzione di idrogeno (portata asfalto equivalente) b) Consumo utilities nuovo impianto H2 il consumo totale delle utilities energia elettrica per le varie apparecchiature e un piccolo quantitativo di vapore prelevato dall'esterno. Considerati nella loro totalità in quanto sono utilizzati esclusivamente per produrre idrogeno. 16

17 Baseline e risparmi energetici Elenco strumenti per TEE Stream Tag CPP Tag PI Sigla strumento Tipo di strumento 2) Portata Ossigeno da Air Liquide 5900O2GASSV 5900FI0_201CP FT (proprietà Air Liquide) 4) Vapore ( unità 3800) 3800LPCONSSV 3800FI0_ FT-003 Orifizio Calibrato 1) Asfalto in carica 5900FEEDPREPSV 3100FI0_001CP FT001A/B/C Coriolis 5) Idrogeno 3800H2PRODSV 5900FI0_ FT550 Coriolis 3) Syngas post trattamento 3500SYNPRODSV 3300FI0_029CP 3300FI0_029CP FT029 Orifizio Calibrato 3800FI0_601CP 3800FI0_601CP FT601A/B Annubar 17

18 Baseline e risparmi energetici Consumi Energetici nuovo impianto H2 da gassificazione asfalto I consumi energetici delle utilities per la produzione di idrogeno nel nuovo impianto di produzione sono: Ossigeno; Vapore; Energia elettrica. 18

19 Baseline e risparmi energetici Ossigeno; - L'apporto di energia principale per la gassificazione-trattamento syngas è rappresentato dall'ossigeno necessario all'ossidazione parziale dell'asfalto. - Il consumo di ossigeno viene associato all'energia elettrica necessaria per la sua produzione. L'ossigeno viene acquistato da Isab Energy da un impianto dell'air Liquide adiacente allo stabilimento. La società fornitrice fornisce i propri dati sui consumi per produrre ossigeno. - Questo consumo specifico, moltiplicato per il quantitativo di ossigeno utilizzato dal processo di gassificazione permette di ricavare l'energia elettrica impiegata per la produzione dell'ossigeno. - Il consumo specifico di energia elettrica per generare un Normal metro cubo di ossigeno è pari a 0,5615 kwh /Nmc. 19

20 Baseline e risparmi energetici Vapore; - Per effettuare la gassificazione-trattamento syngas viene consumato anche vapore, che funge da moderatore nella reazione. Durante la fase di raffreddamento syngas avviene un recupero di calore utilizzato per produrre vapore che viene reimpiegato nelle varie fasi di lavorazione. Considerando l'autoproduzione e l'autoconsumo di vapore, la quantità di vapore consumato nel processo di gassificazione-trattamento syngas non è inserito nel calcolo, in quanto il contributo energetico deriva dall'energia di reazione dell'ossigeno, già considerato. Viene invece inserito nel calcolo il vapore consumato nell'impianto di produzione idrogeno, in quanto è prelevato dall'esterno. Tale vapore è alla pressione di circa 4,5 bar e alla temperatura di circa 205 C, quindi l'entalpia associata è pari a : 2.858,4 kj/kg, ovvero 682,72 kcal/kg. 20

21 CABINA ELETTRICA LC02 - alimenta unità di impianto gassificazione-produzione e trattamento syngas - alimenta unità di impianto 3800 produzione idrogeno - alimenta altre utenze - Control Room Baseline e risparmi energetici Energia elettrica CONTATORE QUADRO UTENZA MISURE PI TIPO CONTATORE COSTRUTTORE ANNO INSTALLAZIONE 6 Consumo EE LC02 6kV da LC01 0,4 kv da LC01 Consumo EE LC SWG ARRIVO A 2SG11AWh SEPAM SCHNEIDER ARRIVO B 2SG11BWh SEPAM SCHNEIDER PC ARRIVO A 2PC01AWh SEPAM SCHNEIDER ARRIVO B 2PC01BWh SEPAM SCHNEIDER PC ARRIVO A 2PC02AWh SEPAM SCHNEIDER 2000 QUADRO QUADRO QUADRO 6 ARRIVO B 2PC02BWh SEPAM SCHNEIDER 2000 SWG PC PC QUADRO Consumo EE CR001A ASP SWG TR/PC-CR001A CPC01AWh SEPAM SCHNEIDER 2000 CONSUMO EE CR Consumo EE impianto H PC PM110A 2PC0138P10AWh X-METER ENERGY TEAM PM110B 2PC0138P10BWh X-METER ENERGY TEAM PC PM111A 2PC0238P11AWh X-METER ENERGY TEAM PM111B 2PC0238P11BWh X-METER ENERGY TEAM Consumo EE impianto H2 11 ASP UPS-SIB5-ARRIVOA 2UPSB1DISTR1Wh X-METER ENERGY TEAM ASP ASP03Wh X-METER ENERGY TEAM UPS-SIB5-ARRIVOB 2UPSB1DISTR2Wh X-METER ENERGY TEAM 2012 Consumo EE altre utenze 9 14 SWG BM102A 2SG1131B2AWh SEPAM SCHNEIDER PM101A 2SG1131P1AWh SEPAM SCHNEIDER PM101C 2SG1131P1CWh SEPAM SCHNEIDER Consumo EE altre utenze BM102B 2SG1131B2BWh SEPAM SCHNEIDER PM101B 2SG1131P1BWh SEPAM SCHNEIDER PC BM101A 2PC0231B1AWh X-METER ENERGY TEAM BM101B 2PC0231B1BWh X-METER ENERGY TEAM 2012 Consumo EE Gassificazione e trattamento Syngas 7 calcolo Consumo EE LC02-Consumo EE H2-Consumo EE altre utenze-consumo EE CR001A 21

22 Baseline e risparmi energetici Portata di asfalto equivalente (Qasf) Si determina il parametro di rendimento degli impianti di gassficazione ( Cold Gas Efficiency ) considerando la quantità totale di asfalto in ingresso ai gassificatori e la quantità di syngas generato con i relativi PCI. Si effettua il rapporto tra l'energia associata all'idrogeno prodotto e il prodotto tra il PCI dell'asfalto in carica e la cold gas efficiency, determinando le tonnellate di asfalto in carica utilizzata per la produzione di idrogeno. 22

23 Baseline e risparmi energetici PORTATA DI ASFALTO EQUIVALENTE (Qasf) (01/07-31/12/2012) Dati impianto (01/07-31/122012) Quantità tot PCI (kcal/kg) IDROGENO PRODOTTO t 5.374, I valori dei PCI provengono da analisi di laboratorio di Isab Energy Services e risultano congruenti con la letteratura di settore SYNGAS post trattamento t , ASFALTO in carica t , Calcolo quantità di asfalto utilizzata per la produzione di H2 (01/07-31/ ) Cold gas efficiency (η) = (PCI syngas x Ton Syngas) / (PCI asfalto x Ton asfalto) = = ( x ,541 )/( x ,184) = 0,747 Portata di asfalto equivalente (Qasf) = (Ton idrogeno x PCI Idrogeno) / (PCI asfalto x η) = = ( 5.374,156 x ) / ( x 0,747) =

24 Baseline e risparmi energetici a) Consumo utilities processo gassificazione-trattamento syngas per H2 IMPIANTO PRODUZIONE IDROGENO ISAB ENERGY SERVICES (rendicontazione consumi 01/07/ /12/2012) Dati Asfalto in carica e produzione Idrogeno periodo Luglio - Dicembre 2012 Quantità [t] Asfalto in carica ,184 I Idrogeno prodotto 5.374,156 L Consumi di energia utilities (ossigeno + energia elettrica) per gassificazione e trattamento syngas Quantità Energia Elettrica Fattore di conversione Kcal MJ OSSIGENO ,754 ton --> Nmc--> consumo produzione: 0,5615 kwh/mc [kcal/kwh] (kwh x kcal/kwh) (kcal / 238,85) kwh A ENERGIA ELETTRICA kwh B CONSUMO TOT GASSIFICAZIONE E TRATTAMENTO SYNGAS E = (A+B) E = (A+B) E I C = E / I Consumo specifico utilities per gassificazione e trattamento syngas Qasf (riferimento pagina 31) Z = C x Qasf L D = Z / L Consumo utilities gassificazione e trattamento syngas [MJ] Asfalto in carica [t] [MJ/t asfalto] Portata di asfalto equivalente [t] (t di asfalto utilizzate per produrre H2) Consumo per produzione H2 [MJ] Idrogeno prodotto [t] Consumo specifico [MJ/t H2] , , , ,5 24

25 Baseline e risparmi energetici b) Consumo utilities nuovo impianto H2 Consumo specifico utilities (energia elettrica e vapore) impianto produzione H2 Energia Elettrica [kwh] M vapore [t] 4,5 bar; 205 C N Fattore conversione [kcal/kwh] W Kcal (kwh x kcal/kwh) K = M x W MJ (kcal / 238,85) Y = K / 238,85 Consumo specifico [MJ/t H2] F = Y / L ,3 entalpia [kcal/kg] S Kcal (vapore[t]x10ᶟ)x kcal/kg O = N x S MJ (kcal / 238,85) U = O / 238,85 Consumo specifico [MJ/t H2] G = U / L 9.387, , ,0 Riepilogo Consumo specifico totale utilities Consumo specifico utilities gassificazione e trattamento syngas ,5 D[MJ/t H2] Consumo specifico energia elettrica impianto produzione idrogeno 908,3 F [MJ/t H2] Consumo specifico TOTALE utilities + energia elettrica impianto produzione idrogeno H = (D + F) ,8 H [MJ/t H2] TEE tipo 1 Consumo specifico vapore impianto produzione idrogeno 4.993,0 G [MJ/t H2] TEE tipo 2 25

26 Baseline e risparmi energetici Utilities richieste Baseline Bref Steam Reforming (MJ/t) CALCOLO TEE (su baseline raffineria Bref Steam Reforming) Nuovo impianto produzione H2 (MJ/t) Risparmi (MJ/t) R Produzione H2 (t) L TEE RISPARMIATI T = (R x 238,85 x L)/ Energia Elettrica P 3.914, ,8 H ,3 R1 = P - H 5.374, ,38 TIPO 1 Fuel Q ,0 G ,0 R2 = Q -G 5.374, ,88 TIPO 2 Totale TEE risparmiati 5.261,51 La formula per il calcolo dei TEE di Tipo 1 risparmiati può essere esplicitata nel seguente modo: La formula per il calcolo dei TEE di Tipo 2 risparmiati può essere esplicitata nel seguente modo: T = R1 x 238,85 x L / [TEE], TEE risparmiati tipo 1 T = R2 x 238,85 x L / [TEE], TEE risparmiati tipo 2 R1 = P - H [MJ/ton], risparmio specifico energia elettrica R2 = Q - G [MJ/ton], risparmio specifico fuel 238,85 = coefficiente di conversione [kcal/mj] 238,85 = coefficiente di conversione [kcal/mj] L = produzione H2 [ton] L = produzione H2 [ton] = coefficiente di conversione [kcal/tep] = coefficiente di conversione [kcal/tep] P = consumo specifico di baseline energia elettrica [MJ/ton] Q = consumo specifico di baseline fuel [MJ/ton] H = consumo specifico energia elettrica post intervento [MJ/ton] G = consumo specifico vapore post intervento [MJ/ton] TEE risparmiati per il periodo 01 Luglio Dicembre 2012 TEE TIPO TEE TIPO τ cat. IND-FF TEE totali richiesti TEE TOT ,

27 Baseline e risparmi energetici CALCOLO RISPARMIO ENERGETICO - IMPIANTO H2 ISAB ENERGY CONSUNTIVO YTD anno mesi TEE TEP evitate H2 prodotto [t] PIANO anno mesi TEE stimati TEP evitate stimate H2 stimato [t]

28 Grazie per l attenzione Milano, 11 luglio

COGENERAZIONE & TRIGENERAZIONE RISPARMIO ENERGETICO = RISPARMIO ECONOMICO

COGENERAZIONE & TRIGENERAZIONE RISPARMIO ENERGETICO = RISPARMIO ECONOMICO COGENERAZIONE & TRIGENERAZIONE RISPARMIO ENERGETICO = RISPARMIO ECONOMICO CASE HISTORY ED ESEMPI NUMERICI SULLA CONVENIENZA DEGLI IMPIANTI DI COGENERAZIONE E TRIGENERAZIONE 1 ENTALPIA engineering srl La

Dettagli

L EFFICIENZA ENERGETICA IN AMBITO INDUSTRIALE: UNA SCELTA IMPRENDITORIALE

L EFFICIENZA ENERGETICA IN AMBITO INDUSTRIALE: UNA SCELTA IMPRENDITORIALE UN AZIENDA CON MENO INFORTUNI, MENO INQUINAMENTO, PIU RISPARMIO ENERGETICO SOSTENIBILITA' E BUSINESS L EFFICIENZA ENERGETICA IN AMBITO INDUSTRIALE: UNA SCELTA IMPRENDITORIALE Prof. Ing. Cesare Saccani

Dettagli

Il termovalorizzatore del territorio di Forlì

Il termovalorizzatore del territorio di Forlì Il termovalorizzatore del territorio di Forlì Il termovalorizzatore del territorio di Forlì Cos è la termovalorizzazione Come funziona la termovalorizzazione Realizzato nel 2008 secondo le più moderne

Dettagli

menoenergia PROPOSTA ENERGETICA SETTORE LATTIERO - CASEARIO Ing. M. Alberti ( Amministratore MenoEnergia S.r.l.)

menoenergia PROPOSTA ENERGETICA SETTORE LATTIERO - CASEARIO Ing. M. Alberti ( Amministratore MenoEnergia S.r.l.) PROPOSTA ENERGETICA SETTORE LATTIERO - CASEARIO Ing. M. Alberti ( Amministratore MenoEnergia S.r.l.) 2 LA MISSION DI MENOENERGIA ORIGINE DI MENOENERGIA Menoenergia è una società controllata dal Gruppo

Dettagli

Latina 23 Giugno 2014

Latina 23 Giugno 2014 Latina 23 Giugno 2014 ORDINE DEGLI INGEGNERI DI LATINA Cogenerazione: incentivi e normative: opportunità, vincoli, stato dell arte e sviluppi del settore UN PROGRAMMA COMPLETO Viessmann Werke UN PROGRAMMA

Dettagli

IDROGENO IN PRATICA. del gruppo degli allievi del Volta. Laboratorio di chimica I.T. I. Volta

IDROGENO IN PRATICA. del gruppo degli allievi del Volta. Laboratorio di chimica I.T. I. Volta IDROGENO IN PRATICA Pratiche di laboratorio su iniziative del gruppo degli allievi del Volta Laboratorio di chimica I.T. I. Volta da: L Isola Misteriosa Giulio Verne 1874 Senza il carbone non ci sarebbero

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO TESI DI LAUREA TRIENNALE IN: Gassificazione Di Rifiuti Solidi Urbani Con

Dettagli

Impianto di termovalorizzazione I cipressi (FI) Fasi di funzionamento dell'impianto: Prima fase. Schema. Sezione

Impianto di termovalorizzazione I cipressi (FI) Fasi di funzionamento dell'impianto: Prima fase. Schema. Sezione Impianto di termovalorizzazione I cipressi (FI) Fasi di funzionamento dell'impianto: Prima fase Schema Sezione 1 La seconda fase, quella più "calda", dove i rifiuti vengono bruciati e, col calore ottenuto,

Dettagli

Gassificazione di legna vergine per la produzione di syngas. Dott. Massimiliano Livi

Gassificazione di legna vergine per la produzione di syngas. Dott. Massimiliano Livi Gassificazione di legna vergine per la produzione di syngas Dott. Massimiliano Livi Bioenergie: Perché l uso delle biomasse legnose? Negli ultimi 50 anni la superficie boschiva è raddoppiata, raggiungendo

Dettagli

Il mercato dell Energia: sfide ed opportunità locali e globali

Il mercato dell Energia: sfide ed opportunità locali e globali LE GIORNATE DELLA SCIENZA VII EDIZIONE Energia: scegliamoci il futuro Il mercato dell Energia: sfide ed opportunità locali e globali La cogenerazione: strumento di efficienza energetica e opportunità per

Dettagli

Upgrading del biogas a biometano tecnologie a confronto

Upgrading del biogas a biometano tecnologie a confronto Upgrading del biogas a biometano tecnologie a confronto W. Giacetti, E. Parelli, R. Corleto ECOMONDO 2014- Sessione Tecnica: IL BIORIFIUTO Rimini, 6 novembre 2014 ETRA S.p.A. Impianti biogas di ETRA S.p.A.

Dettagli

SEMINARIO RIS-TEC SERVIZIO OSSERVATORIO SULLE TECNOLOGIE UTILIZZO CO 2. Ing. Giovanni Pino Responsabile Settore Innovazione Tecnologica

SEMINARIO RIS-TEC SERVIZIO OSSERVATORIO SULLE TECNOLOGIE UTILIZZO CO 2. Ing. Giovanni Pino Responsabile Settore Innovazione Tecnologica SEMINARIO RIS-TEC SERVIZIO OSSERVATORIO SULLE TECNOLOGIE UTILIZZO CO 2 Ing. Giovanni Pino Responsabile Settore Innovazione Tecnologica CO 2 Prodotta nella combustione di combustibili fossili (carbone,

Dettagli

Certificati Bianchi: normative e benefici economici. Simone Mura Customer Relations simone.mura@tholosgreen.com

Certificati Bianchi: normative e benefici economici. Simone Mura Customer Relations simone.mura@tholosgreen.com Certificati Bianchi: normative e benefici economici Simone Mura Customer Relations simone.mura@tholosgreen.com Risparmio energetico Paesi Ocse-11 Il grafico mostra il risparmio energetico generato da interventi

Dettagli

L energia che consumo. Fabio Peron. Combustione. Aria di combustione. Combustione

L energia che consumo. Fabio Peron. Combustione. Aria di combustione. Combustione Corso di Progettazione Ambientale prof. Fabio Peron Combustione L energia che consumo Fabio Peron Università IUAV - Venezia Combustione Aria di combustione Si dice combustione qualunque reazione chimica

Dettagli

tecnologia che migliora il mondo

tecnologia che migliora il mondo tecnologia che migliora il mondo Company profile AURORA energy solution è l unione di due società la AURORA INVEST Srl e ICMEA Srl società di ingegneria dedicata alla progettazione e realizzazione di

Dettagli

Energia e Fonti Rinnovabili. Un esempio di risparmio energetico: la produzione distribuita di energia elettrica

Energia e Fonti Rinnovabili. Un esempio di risparmio energetico: la produzione distribuita di energia elettrica Energia e Fonti Rinnovabili Almo Collegio Borromeo, Pavia, a.a. 2009-2010 corso riconosciuto dall Università degli Studi di Pavia Un esempio di risparmio energetico: la produzione distribuita di energia

Dettagli

Le tecnologie per la purificazione del biogas: costi e possibilità

Le tecnologie per la purificazione del biogas: costi e possibilità la purificazione : costi e possibilità CONVEGNO IL BIOMETANO : un opportunità per le aziende agrozootecniche Sergio Piccinini, Claudio Fabbri Centro Ricerche Produzioni Animali Reggio Emilia 6 marzo 2014

Dettagli

Energy Saving Solutions

Energy Saving Solutions Energy Saving Solutions Energy Saving Solutions IBT È PARTNER ESCLUSIVO PER L ITALIA DELLA SOCIETÀ CALIFORNIANA CAPSTONE TURBINE CORPORATION, LEADER MONDIALE NELLA TECNOLOGIA DEI SISTEMI ENERGETICI CON

Dettagli

La Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR)

La Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR) La Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR) Dott. Ing. Massimo Rivarolo Scuola Politecnica Università di Genova DIME Sez. Maset massimo.rivarolo@unige.it Contenuti Tipologie di impianti cogenerativi Evoluzione

Dettagli

Sistemi di controllo catalitico dell inquinamento atmosferico per la rimozione di sostanze organiche volatili (VOCs)

Sistemi di controllo catalitico dell inquinamento atmosferico per la rimozione di sostanze organiche volatili (VOCs) Sistemi di controllo catalitico dell inquinamento atmosferico per la rimozione di sostanze organiche volatili (VOCs) Bietigheim-, 02.08.2010 I metodi catalitici per trattare gli inquinanti atmosferici

Dettagli

configurazione in un sistema) Grandezza fisica connessa al movimento reale o potenziale, macro o microscopico, di un sistema

configurazione in un sistema) Grandezza fisica connessa al movimento reale o potenziale, macro o microscopico, di un sistema ENERGIA Capacità di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: atto di produrre un cambiamento di configurazione in un sistema) Grandezza fisica connessa al movimento reale o potenziale, macro o microscopico,

Dettagli

LA GASIFICAZIONE DELLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI SNG (SUBSTITUTE NATURAL GAS)!

LA GASIFICAZIONE DELLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI SNG (SUBSTITUTE NATURAL GAS)! LA GASIFICAZIONE DELLE BIOMASSE PER LA PRODUZIONE DI SNG (SUBSTITUTE NATURAL GAS)! F. Ruggeri, L. Mancuso, G.Collodi, Foster Wheeler Italiana. Milano, 20 maggio 2010 Agenda Schema d impianto Preparazione

Dettagli

Il termovalorizzatore del territorio di Bologna

Il termovalorizzatore del territorio di Bologna Il termovalorizzatore del territorio di Bologna Il termovalorizzatore del territorio di Bologna Cos è la termovalorizzazione Come funziona la termovalorizzazione Realizzato nel 2005 secondo le più moderne

Dettagli

Scheda tecnica n. 34E Riqualificazione termodinamica del vapore acqueo attraverso la ricompressione meccanica (RMV) nella concentrazione di soluzioni.

Scheda tecnica n. 34E Riqualificazione termodinamica del vapore acqueo attraverso la ricompressione meccanica (RMV) nella concentrazione di soluzioni. Scheda tecnica n. 34E Riqualificazione termodinamica del vapore acqueo attraverso la ricompressione meccanica (RMV) nella concentrazione di soluzioni. 1. ELEMENTI PRINCIPALI 1.1 Descrizione dell intervento

Dettagli

Convegno ANIMP, 11 luglio 2013

Convegno ANIMP, 11 luglio 2013 Convegno ANIMP, 11 luglio 2013 Sezione 2B: L Automazione a supporto dell efficienza energetica OTTIMIZZAZIONE ENERGETICA DI UNITA DI RAFFINAZIONE ATTRAVERSO SOLUZIONI DI CONTROLLO DI PROCESSO A BASSO COSTO

Dettagli

Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone

Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone LO STABILIMENTO Lo stabilimento, ubicato nel Comune di Ferrera Erbognone (Pavia) nelle adiacenze della Raffineria Eni Divisione R&M di Sannazzaro de Burgondi, è il

Dettagli

Energia da Biomassa e tecnologie per l Efficienza Energetica

Energia da Biomassa e tecnologie per l Efficienza Energetica Ingeco S.r.l. via Alzaia sul Sile, 26/D I-31057 Silea TV T. +39 0422 363292 F. +39 0422 363294 E. ingeco@ingeco-enr.it W. www.ingeco-enr.it Energia da Biomassa e tecnologie per l Efficienza Energetica

Dettagli

COGENERAZIONE A BIOGAS

COGENERAZIONE A BIOGAS COGENERAZIONE A BIOGAS Aspetti ambientali L evoluzione del biogas per un agricoltura più sostenibile BOLOGNA, 6 Luglio 2011 INTERGEN Divisione energia di IML Impianti s.r.l. - via garcía lorca 25-23871

Dettagli

Le Energy Saving Companies (ESCO) e la produzione di energia da fonti rinnovabili

Le Energy Saving Companies (ESCO) e la produzione di energia da fonti rinnovabili LA MULTIFUNZIONALITÀ DELLE AZIENDE AGRICOLE: LE AZIENDE AGRIENERGETICHE NEI PICCOLI COMUNI Convegno nazionale Rocchetta Sant Antonio 28 maggio 2005 Le Energy Saving Companies (ESCO) e la produzione di

Dettagli

R.T.P.: TECSE ENGINEERING Studio Associato (Capogruppo mandatario) COGENERA s.r.l. (Componente mandante) Studio A&A (Componente mandante)

R.T.P.: TECSE ENGINEERING Studio Associato (Capogruppo mandatario) COGENERA s.r.l. (Componente mandante) Studio A&A (Componente mandante) INDICE: 1.0 INTRODUZIONE... 2 1.1 GENERALITÀ... 2 2.0 DATI CARATTERISTICI DEL CONTESTO DELLE OPERE... 3 2.1 UBICAZIONE IMPIANTO... 3 2.2 CONDIZIONI CLIMATICHE ESTERNE... 4 3.0 NUOVO IMPIANTO DI COGENERAZIONE...

Dettagli

TEE: funzionamento ed applicazioni

TEE: funzionamento ed applicazioni TEE: funzionamento ed applicazioni Simone Mura www.tholosgreen.com Confindustria, 5 ottobre 2012 Premessa Risparmio energetico generato da interventi di efficienza energetica nei Paesi Ocse-11 Milioni

Dettagli

Principi base e tecnologie dell upgrading

Principi base e tecnologie dell upgrading Centro Ricerche Produzioni Animali C.R.P.A. S.p.A. Principi base e tecnologie dell upgrading Sergio Piccinini, Claudio Fabbri Centro Ricerche Produzioni Animali CRPA IL DECRETO PER IL BIOMETANO ITALIANO:

Dettagli

AGGIORNAMENTO DEL FATTORE DI CONVERSIONE DEI KWH IN TEP CONNESSO AL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA

AGGIORNAMENTO DEL FATTORE DI CONVERSIONE DEI KWH IN TEP CONNESSO AL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA DCO 2/08 AGGIORNAMENTO DEL FATTORE DI CONVERSIONE DEI KWH IN TEP CONNESSO AL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA (Articolo 2, comma 3, dei decreti ministeriali 20 luglio 2004) Documento per

Dettagli

ALLEGATO II. Calcolo della produzione da cogenerazione

ALLEGATO II. Calcolo della produzione da cogenerazione ALLEGATO II Calcolo della produzione da cogenerazione I - Calcolo dell energia elettrica da cogenerazione 1. Per calcolare il risparmio di energia primaria di una unità di cogenerazione, occorre anzitutto

Dettagli

COGENERAZIONE DA FONTI RINNOVABILI

COGENERAZIONE DA FONTI RINNOVABILI COGENERAZIONE DA FONTI RINNOVABILI Ing. Alessandro Massone Austep S.r.l. Via Mecenate, 76/45 20138 Milano Tel. +39 02 509 94 71 Fax. +39 02 580 194 22 E-mail: info@austep.com www.austep.com 1 LA COGENERAZIONE

Dettagli

La produzione di fertilizzanti: esempi emblematici di sviluppo sostenibile. F Trifirò Accademia delle Scienze Bologna

La produzione di fertilizzanti: esempi emblematici di sviluppo sostenibile. F Trifirò Accademia delle Scienze Bologna La produzione di fertilizzanti: esempi emblematici di sviluppo sostenibile F Trifirò Accademia delle Scienze Bologna La chimica e l alimentazione Nell alimentazione la chimica è coinvolta: 1) Nella produzione

Dettagli

Generatori di azoto HPN PRISM

Generatori di azoto HPN PRISM Generatori di azoto HPN PRISM I generatori di azoto HPN PRISM sono in grado di produrre azoto gassoso ad alta purezza fino ad una portata massima di 3.500 Nmc/h. Questi sistemi on site offrono una produzione

Dettagli

Capitolo 4 FUEL CELLS

Capitolo 4 FUEL CELLS Capitolo 4 FUEL CELLS 4.1 LA TECNOLOGIA Il funzionamento di una cella o pila a combustibile può essere così schematizzato: Il combustibile gassoso (ad esempio H2), è inviato all anodo (elettrodo negativo,

Dettagli

Efficienza energetica nell industria italiana

Efficienza energetica nell industria italiana Efficienza energetica nell industria italiana Certificati Bianchi: compiti dell ENEA ai sensi del DM 28 dicembre 2012, guide operative settoriali Alessandra De Santis Unità Tecnica Efficienza Energetica

Dettagli

BANDO ENERGIA 2014 PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI IN TEMA DI RISPARMIO ENERGETICO. Allegato C CONTENUTI RELAZIONE TECNICA

BANDO ENERGIA 2014 PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI IN TEMA DI RISPARMIO ENERGETICO. Allegato C CONTENUTI RELAZIONE TECNICA Allegato C BANDO ENERGIA 2014 PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI IN TEMA DI RISPARMIO ENERGETICO Allegato C CONTENUTI RELAZIONE TECNICA La relazione tecnica, illustrativa dell intervento oggetto della richiesta

Dettagli

INDAGINI SULLE TECNOLOGIE DELL IDROGENO QUALE VETTORE ENERGETICO PER L ACCUMULO

INDAGINI SULLE TECNOLOGIE DELL IDROGENO QUALE VETTORE ENERGETICO PER L ACCUMULO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA MECCANICA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE E MECCANICA INDAGINI SULLE TECNOLOGIE DELL IDROGENO QUALE VETTORE

Dettagli

COME OTTIMIZZARE L USO DELL ENERGIA NEI

COME OTTIMIZZARE L USO DELL ENERGIA NEI COME OTTIMIZZARE L USO DELL ENERGIA NEI PROCESSI INDUSTRIALI E NEGLI EDIFICI Prof.ing. Giovanni Petrecca Ordinario di Energetica Elettrica Dipartimento di Ingegneria Elettrica Università di Pavia PIANO

Dettagli

Microcogenerazione. Cogenerazione

Microcogenerazione. Cogenerazione Microcogenerazione Ing. Emilio Ghiani Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica Università di Cagliari Cogenerazione Cogenerazione: generazione simultanea in un unico processo di energia termica

Dettagli

INTEGRAZIONE DI MOTORI TERMICI

INTEGRAZIONE DI MOTORI TERMICI INTEGRAZIONE DI MOTORI TERMICI Motore termico Converte calore in lavoro meccanico Produzione di energia elettrica Es. turbina Sottrae calore in alla sorgente a temperatura T H Restituisce calore out alla

Dettagli

Capitolo III. La normativa comunitaria. 3.1 Introduzione. Capitolo III

Capitolo III. La normativa comunitaria. 3.1 Introduzione. Capitolo III Capitolo III La normativa comunitaria 3.1 Introduzione La promozione della cogenerazione a livello comunitario è stata oggetto di provvedimenti fin dalla metà degli anni 90; tuttavia l armonizzazione della

Dettagli

Programma di risparmio energetico

Programma di risparmio energetico Programma di risparmio energetico Ridurre gli sprechi per ottenere risparmi CO2save per T.E.E. (certificati bianchi) Energy MAnagement COmpany Chi siamo Siamo Energia&Progetti Srl una Energy MAnagement

Dettagli

IMPIANTI DI PIROGASSIFICAZIONE

IMPIANTI DI PIROGASSIFICAZIONE IMPIANTI DI PIROGASSIFICAZIONE Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma. Antoine-Laurent de Lavoisier 1 1 BIO&WATT ENERGY FROM BIOMASS Il nostro progetto industriale mira a rendere possibile

Dettagli

GREEN BACK-UP POWER. Roma, 9-12 Maggio 2011. Made in Italy Fuell Cell

GREEN BACK-UP POWER. Roma, 9-12 Maggio 2011. Made in Italy Fuell Cell GREEN BACK-UP POWER Made in Italy Fuell Cell Energia pulita, dove e quando serve Green Hi-tech Gruppi di continuità a Fuel Cell a idrogeno basati su tecnologia proprietaria. Nessuna emissione inquinante.

Dettagli

SOMMARIO 1 PREMESSA...2 2 CONTENUTI DELLA PROGETTAZIONE...2 3 DIAGNOSI ENERGETICA...2 3.1 STATO ATTUALE EX ANTE... 2 3.2 STATO FUTURO EX POST...

SOMMARIO 1 PREMESSA...2 2 CONTENUTI DELLA PROGETTAZIONE...2 3 DIAGNOSI ENERGETICA...2 3.1 STATO ATTUALE EX ANTE... 2 3.2 STATO FUTURO EX POST... SOMMARIO 1 PREMESSA...2 2 CONTENUTI DELLA PROGETTAZIONE...2 3 DIAGNOSI ENERGETICA...2 3.1 STATO ATTUALE EX ANTE... 2 3.2 STATO FUTURO EX POST... 3 3.3 TEP RISPARMIATI... 4 3.4 RIDUZIONE DELLA CO2... 5

Dettagli

ABB SACE. Titoli di Efficienza Energetica (TEE)

ABB SACE. Titoli di Efficienza Energetica (TEE) ABB SACE Titoli di Efficienza Energetica (TEE) Motivazioni per l introduzione dei TEE Dipendenza energetica dai paesi esportatori di energia Impegni assunti con la ratifica del protocollo di Kyoto Aumento

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

Impianti di COGENERAZIONE

Impianti di COGENERAZIONE Impianti di COGENERAZIONE Definizione: produrre energia insieme Produzione combinata di : 1. energia elettrica/meccanica 2. energia termica (calore) ottenute in appositi impianti utilizzanti la stessa

Dettagli

CORSO DI GESTIONE DELL ENERGIA E DEI SISTEMI ENERGETICI PROFESSORE DAVIDE ALBERTI ING. ADRIANO CARRARA

CORSO DI GESTIONE DELL ENERGIA E DEI SISTEMI ENERGETICI PROFESSORE DAVIDE ALBERTI ING. ADRIANO CARRARA CORSO DI GESTIONE DELL ENERGIA E DEI SISTEMI ENERGETICI PROFESSORE DAVIDE ALBERTI ING. ADRIANO CARRARA 1 DEF. TECNICA: COGENERARE SIGNIFICA PRODURRE CONTEMPORANEAMENTE PIÙ FORME DI ENERGIA, SOLITAMENTE

Dettagli

Società Energie Rinnovabili Italiana Srl

Società Energie Rinnovabili Italiana Srl Lo sviluppo sostenibile è quello sviluppo che consente alla generazione presente di soddisfare i propri bisogni senza compromettere la capacità delle future generazioni di soddisfare i loro propri bisogni

Dettagli

OLTRE L ETA DEL FUOCO

OLTRE L ETA DEL FUOCO OLTRE L ETA DEL FUOCO IL SUPERAMENTO DEFINITIVO DELL INCENERIMENTO DEI RIFIUTI I Consiglieri Regionali dei Verdi della Toscana, Fabio Roggiolani, Presidente della Commissione Sanità al Consiglio Regionale

Dettagli

IL RECUPERO DELL ENERGIA DISPERSA

IL RECUPERO DELL ENERGIA DISPERSA RATIONAL ENERGY SOLUTIONS IL RECUPERO DELL ENERGIA DISPERSA Strategie, procedure, esperienze IL GRUPPO SBS Una realtà industriale leader per tecnologie e competenze 100 milioni di fatturato, 240 addetti,

Dettagli

CERTIFICATI BIANCHI e EFFICIENZA ENERGETICA requisiti - potenziali - esempi pratici

CERTIFICATI BIANCHI e EFFICIENZA ENERGETICA requisiti - potenziali - esempi pratici CERTIFICATI BIANCHI e EFFICIENZA ENERGETICA requisiti - potenziali - esempi pratici Bolzano 28.03.2015 sulla strada dell efficienza energetica Molti concetti! Energia sostenibile Energy Management Aziendale

Dettagli

I SISTEMI DI UNITA DI MISURA

I SISTEMI DI UNITA DI MISURA Provincia di Reggio Calabria Assessorato all Ambiente Corso di Energy Manager Maggio - Luglio 2008 I SISTEMI DI UNITA DI MISURA Ilario De Marco Il sistema internazionale di unità di misura Lo studio di

Dettagli

Parametro Valore Unità misura

Parametro Valore Unità misura Parametro Valore Unità di misura Dimensione lotto 268.660 m 2 Potenza elettrica lorda 16,8 MWe Potenza elettrica netta 14,0 MWe Producibilità media lorda annua 126 GWh/anno Tensione di rete 150 kv Potenza

Dettagli

Torino, 23 Marzo 2010 FILIPPO RANDAZZO

Torino, 23 Marzo 2010 FILIPPO RANDAZZO LA PRODUZIONE ENERGETICA DEL LEGNO tecnologie disponibili Torino, 23 Marzo 2010 FILIPPO RANDAZZO Sommario Tecnologie tradizionali Ciclo Rankine a vapore Ciclo Rankine a fluido organico (ORC) Motore Stirling

Dettagli

ALLEGATO B PAES Isola d Elba

ALLEGATO B PAES Isola d Elba 1. GLOSSARIO ALLEGATO B PAES Isola d Elba Attività libera:attività di installazione di impianti a fonti rinnovabili o di cogenerazione di piccole dimensioni che viene considerata libera ai sensi della

Dettagli

MISURE DI POTERE CALORIFICO E COMPOSIZIONE

MISURE DI POTERE CALORIFICO E COMPOSIZIONE MISURE DI POTERE CALORIFICO E COMPOSIZIONE Potere calorifico dei combustibili: bomba calorimetrica e calorimetro di Junkers Composizione: gascromatografia Composizione dei gas combusti: o Sonda λ o Strumenti

Dettagli

Reazioni di combustione

Reazioni di combustione Forni Vengono utilizzati nei casi sia necessario riscaldare il fluido ad una temperatura molto alta non raggiungibile con gli scambiatori di calore convenzionali. Reazioni di combustione La reazione di

Dettagli

ENIPOWER: da un progetto ad una realtà industriale

ENIPOWER: da un progetto ad una realtà industriale ENIPOWER: da un progetto ad una realtà industriale EniPower è la società del Gruppo Eni responsabile dello sviluppo del business della generazione e commercializzazione di energia elettrica. Nasce nel

Dettagli

Progetto di produzione di idrogeno lungo l A22

Progetto di produzione di idrogeno lungo l A22 58 Asecap 2008 Progetto di produzione di idrogeno lungo l A22 COME È POSSIBILE SOSTITUIRE 646.668 LITRI DI BENZINA E 547.325 LITRI DI DIESEL ALL ANNO? PER ESEMPIO UTILIZZANDO, COME AL- TERNATIVA PULITA,

Dettagli

SIDERA 30 un applicazione delle celle a combustibile nella cogenerazione ad uso civile

SIDERA 30 un applicazione delle celle a combustibile nella cogenerazione ad uso civile Convegno Potenziale idrogeno Produzione da fonti rinnovabili e celle a combustibile Padova 17 marzo 2006 SIDERA 30 un applicazione delle celle a combustibile nella cogenerazione ad uso civile OBIETTIVO

Dettagli

Gli impianti di pirogassificazione escono dai laboratori

Gli impianti di pirogassificazione escono dai laboratori FILIERA DEL VITIVINICOLO: VALORIZZAZIONE ENERGETICA DELLE BIOMASSE Gli impianti di pirogassificazione escono dai laboratori Ing. Domenico A. MATERA - Ricercatore ENEA Convegno FILIERA DEL VITIVINICOLO:

Dettagli

Efficienza energetica e prospettive per l industria Lo scenario: i consumi energetici e le applicazioni

Efficienza energetica e prospettive per l industria Lo scenario: i consumi energetici e le applicazioni Efficienza energetica e prospettive per l industria Lo scenario: i consumi energetici e le applicazioni Prof. Stefano Campanari Dipartimento di Energia, Politecnico di Milano stefano.campanari@polimi.it

Dettagli

Modulo 10 Impianti per la cogenerazione di energia

Modulo 10 Impianti per la cogenerazione di energia Corso di Impianti Meccanici Laurea Triennale Modulo 10 Impianti per la cogenerazione di energia Prof. Ing. Cesare Saccani Prof. Ing. Augusto Bianchini Dott. Ing. Marco Pellegrini Dott. Ing. Michele Gambuti

Dettagli

Università Carlo Cattaneo - LIUC Corso di Laurea di Ingegneria Gestionale

Università Carlo Cattaneo - LIUC Corso di Laurea di Ingegneria Gestionale Università Carlo Cattaneo - LIUC Corso di Laurea di Ingegneria Gestionale Percorso di eccellenza in Energy Management Castellanza, 2 ottobre 2009 Il gruppo ERG Struttura del Gruppo ERG Il Gruppo ERG è

Dettagli

Progetto macchina con tetto fotovoltaico

Progetto macchina con tetto fotovoltaico ITIS A.PACINOTTI Via Montaione 15 Progetto macchina con tetto fotovoltaico Classe 2 C Informatica Docente referente: Prof.ssa Leccesi Progetto: Educarsi al futuro Premessa Motivazione per la partecipazione

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Le centrali termoelettriche sono impianti che utilizzano l energia chimica dei combustibili per trasformarla in energia elettrica. Nelle centrali termoelettriche la produzione

Dettagli

Separiamo l aria per unire risparmio, affidabilità e Sicurezza. OMNIA trade. Technology & Gas Generators

Separiamo l aria per unire risparmio, affidabilità e Sicurezza. OMNIA trade. Technology & Gas Generators Azopro Oxypro Separiamo l aria per unire risparmio, affidabilità e Sicurezza OMNIA trade Technology & Gas Generators la nuova frontiera dei gas... L autoproduzione in situ di ossigeno e azoto, si basa

Dettagli

FONTI PRO CONTRO. Produce un'energia doppia rispetto al legno. Ha un elevato potere energetico ed è la principale fonte di energia utilizzata

FONTI PRO CONTRO. Produce un'energia doppia rispetto al legno. Ha un elevato potere energetico ed è la principale fonte di energia utilizzata ENERGIA RINNOVABILE (fonti alternative energie pulite green energy) Si definisce energia rinnovabile "una qualsiasi fonte energetica che si rigenera almeno alla stessa velocità con cui si utilizza". In

Dettagli

Energy Performance Contracts (E.P.C.) per l efficienza energetica nell industria

Energy Performance Contracts (E.P.C.) per l efficienza energetica nell industria Energy Performance Contracts (E.P.C.) per l efficienza energetica nell industria Ing. Roberto Udali B o l z a n o, 2 8 m a r z o 2 0 1 5 La schema dell Energy Performance Contract E.S.CO. ENERGY SERVICE

Dettagli

IONIZZATORE RAI & ECOSYSTEM. Come funzionano le apparecchiature?

IONIZZATORE RAI & ECOSYSTEM. Come funzionano le apparecchiature? 1 di 10 IO RISPARMIO presenta due apparecchiature innovative, uniche nel loro genere, da applicare agli impianti di combustione per uso civile ed industriale. Gli apparati sono in grado di: I. ridurre

Dettagli

Workshop Industria. Le opportunità offerte dai Titoli di Efficienza Energetica. Francesco Santangelo Massimo Cassibba eni spa divisione gas & power

Workshop Industria. Le opportunità offerte dai Titoli di Efficienza Energetica. Francesco Santangelo Massimo Cassibba eni spa divisione gas & power Workshop Industria Le opportunità offerte dai Titoli di Efficienza Energetica Francesco Santangelo Massimo Cassibba eni spa divisione gas & power Agenda Milestones della normativa dei progetti Eni come

Dettagli

L'ENERGIA PRIMARIA CONSUMATA DA UN EDIFICIO: FATTORI DI CONVERSIONE

L'ENERGIA PRIMARIA CONSUMATA DA UN EDIFICIO: FATTORI DI CONVERSIONE L'ENERGIA PRIMARIA CONSUMATA DA UN EDIFICIO: FATTORI DI CONVERSIONE (Dott. Renzo Mario Del Duro) Il calcolo del fabbisogno annuale di energia primaria globale di un edificio tiene in considerazione due

Dettagli

Specializzata nella fornitura e montaggio di impianti fotovoltaici, fornisce un ampia gamma di opzioni e garantisce un lavoro di alta professionalità.

Specializzata nella fornitura e montaggio di impianti fotovoltaici, fornisce un ampia gamma di opzioni e garantisce un lavoro di alta professionalità. Energia secondo natura Green Energy Italy nasce da un iniziativa imprenditoriale del Gruppo Gesim e subito entra nel mercato delle energie rinnovabili come leader nella progettazione, realizzazione e gestione

Dettagli

rispettiamo il pianeta

rispettiamo il pianeta W2 M INTRODUZIONE Lo sviluppo della società industriale ha avuto una forte accelerazione negli ultimi 20 anni e i problemi globali come il cambiamento climatico ne sono l'effetto più evidente. Le cause

Dettagli

Emissioni in impianti civili per il riscaldamento domestico

Emissioni in impianti civili per il riscaldamento domestico UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI Emissioni in impianti civili per il riscaldamento domestico R. Gubiani, G.Pergher, D. Dell Antonia, D. Maroncelli Convegno Nazionale

Dettagli

MIX ENERGETICO DI ALCUNI PAESI EUROPEI PRODUZIONE SPECIFICA DEL MIX ENERGETICO. x fr gas. x fr olio. x fr carbone. P s. (mix) = (P s carbone

MIX ENERGETICO DI ALCUNI PAESI EUROPEI PRODUZIONE SPECIFICA DEL MIX ENERGETICO. x fr gas. x fr olio. x fr carbone. P s. (mix) = (P s carbone Produzione di CO2 da fonti energetiche fossili e non fossili Produzione specifica di CO 2 da centrali a combustibili fossili Produzione specifica di CO 2 da diversi mix energetici Ruolo dell energia nucleare

Dettagli

Impianti Solari Fotovoltaici

Impianti Solari Fotovoltaici Impianti Solari Fotovoltaici Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono "esauribili" nella scala

Dettagli

: Produzione Energia Elettrica da Biomassa : Società Agricole/ Industriali : Remo Uccellari

: Produzione Energia Elettrica da Biomassa : Società Agricole/ Industriali : Remo Uccellari Progetto Società Relatore : Produzione Energia Elettrica da Biomassa : Società Agricole/ Industriali : Remo Uccellari INTRODUZIONE Nelle pagine successive verranno velocemente illustrate le caratteristiche

Dettagli

Come la pubblica amministrazione governa il risparmio energetico

Come la pubblica amministrazione governa il risparmio energetico Come la pubblica amministrazione governa il risparmio energetico Pubblica Amministrazione e risparmio Le Pubbliche Amministrazioni possono essere un modello per i cittadini anche in termini di efficienza

Dettagli

Capitolo 3 La produzione di idrogeno per mezzo dei reattori HTR

Capitolo 3 La produzione di idrogeno per mezzo dei reattori HTR Capitolo 3 La produzione di idrogeno per mezzo dei reattori HTR 3.1 Introduzione I reattori HTR hanno fra le loro peculiari caratteristiche quella di poter essere usati per la produzione di idrogeno. Per

Dettagli

Città e strutture sanitarie: l esempio dell Ospedale Bufalini di Cesena

Città e strutture sanitarie: l esempio dell Ospedale Bufalini di Cesena Cogenerazione e Teleriscaldamento Città e strutture sanitarie: l esempio dell Ospedale Bufalini di Cesena Ing. Fausto Ferraresi Presidente AIRU Associazione Italiana Riscaldamento Urbano Forlì, 13 Aprile

Dettagli

GASSIFICAZIONE: OPPORTUNITÀ E LIMITI

GASSIFICAZIONE: OPPORTUNITÀ E LIMITI GASSIFICAZIONE: OPPORTUNITÀ E LIMITI Donatella Barisano, Giuseppe Canneto Unità Tecnica Tecnologie Trisaia C.R. Enea Trisaia SS Jonica 106, km 419 + 500 donatella.barisano@enea.it; giuseppe.canneto@enea.it

Dettagli

CAPITOLO 1 CICLO RANKINE (CICLO A FLUIDO BIFASE) TURBINE A VAPORE

CAPITOLO 1 CICLO RANKINE (CICLO A FLUIDO BIFASE) TURBINE A VAPORE CAPITOLO 1 CICLO RANKINE (CICLO A FLUIDO BIFASE) TURBINE A VAPORE 1 CICLO RANKINE IL CICLO TERM ODINAM ICO RANKINE E COMPO STO DA Q UATTRO TRASFO RM AZIO NI PRINCIPALI (COMPRESSIO NE, RISCALDAM ENTO, ESPANSIO

Dettagli

POMPA DI CALORE CICLO FRIGORIFERO A COMPRESSIONE DI VAPORE

POMPA DI CALORE CICLO FRIGORIFERO A COMPRESSIONE DI VAPORE POMPA DI CALORE CONDENSATORE = + L T = + L C ORGANO DI ESPANSIONE LIQUIDO COMPRESSORE T COND. E D T 1 VAPORE T EVAP. A B T 2 Schema a blocchi di una macchina frigorifera EVAPORATORE Dal punto di vista

Dettagli

Aspetti tecnologici della produzione di idrogeno

Aspetti tecnologici della produzione di idrogeno TER_set_viparelli_IIB2 6-09-2006 9:12 Pagina 30 di P. Viparelli, P. Eramo, P. Villa Aspetti tecnologici della produzione di da idrocarburi e da biomasse viene comunemente indicata con il termine syn-gas

Dettagli

MODELLO di domanda di autorizzazione alle emissioni in atmosfera da redigere in carta da bollo.

MODELLO di domanda di autorizzazione alle emissioni in atmosfera da redigere in carta da bollo. MODELLO di domanda di autorizzazione alle emissioni in atmosfera da redigere in carta da bollo. Alla Provincia della Spezia Il/la sottoscritto/a... legale rappresentante/titolare della (riportare l esatta

Dettagli

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi:

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi: LA COGENERAZIONE TERMICA ED ELETTRICA 1. Introduzione 2. Turbine a Gas 3. Turbine a vapore a ciclo combinato 4. Motori alternativi 5. Confronto tra le diverse soluzioni 6. Benefici ambientali 7. Vantaggi

Dettagli

La gestione delle opportunità di risparmio tramite EPC

La gestione delle opportunità di risparmio tramite EPC Sharing opportunities La gestione delle opportunità di risparmio tramite EPC Enermanagment 2014 Palazzo delle stelline, Milano, 4/12/2014 La compagine societaria Managing/ Operative Partners 60% 40% Financing

Dettagli

TERMODISTRUZIONE RIFIUTI SOLIDI E PRODOTTI DERIVATI

TERMODISTRUZIONE RIFIUTI SOLIDI E PRODOTTI DERIVATI TERMODISTRUZIONE RIFIUTI SOLIDI E PRODOTTI DERIVATI Principi generali combustione potere calorifico bilanci di massa: stechiometria, volume fumi, eccessi d aria Recupero energetico bilanci termici, rendimenti

Dettagli

Diagnosi energetica - case history: stabilimento di macellazione di carni bovine

Diagnosi energetica - case history: stabilimento di macellazione di carni bovine Diagnosi energetica - case history: stabilimento di macellazione di carni bovine Ing. Davide Rizzinelli e 3 studio associato di consulenza davide.rizzinelli@ecubo.it Rho (MI) 09/05/14 Tecniche di diagnosi

Dettagli

300 127 i 4 CONVEGNO ATIG. Gasificazione e ciclo combinato: situazione attuale e prospettive TPE-XP- 93-332- mm uus MOTO

300 127 i 4 CONVEGNO ATIG. Gasificazione e ciclo combinato: situazione attuale e prospettive TPE-XP- 93-332- mm uus MOTO Napoli 25-26-27 novembre 1992 Sessione 6 UTILIZZO DEL GAS NELLA GRANDE GENERAZIONE ELETTRICA 300 127 i TPE-XP- 93-332- É 4 CONVEGNO ATIG «STRtflUTtON 8f TitiS OGCUMENl IS UMLIMITEO mm uus MOTO Gasificazione

Dettagli

Linee guida per l applicazione del Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico 5 settembre 2011 Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR)

Linee guida per l applicazione del Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico 5 settembre 2011 Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR) Linee guida per l applicazione del Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico 5 settembre 2011 Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR) Gennaio 2012 Aggiornamento Marzo 2012 con errata corrige in allegato

Dettagli

Titoli di efficienza energetica: opportunità per le imprese

Titoli di efficienza energetica: opportunità per le imprese Mod. E03 Certificati bianchi TEE Titoli di efficienza energetica: opportunità per le imprese ing. Fabio Minchio, Ph.D. 4 giugno 2013 f.minchio@3f-engineering.it Efficienza energetica Efficienza energetica

Dettagli