ALLEGATO TECNICO AL REPORT GHG: Inventario delle Emissioni di Gas ad Effetto Serra (GHG) secondo quanto stabilito da norma UNI EN ISO :2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALLEGATO TECNICO AL REPORT GHG: Inventario delle Emissioni di Gas ad Effetto Serra (GHG) secondo quanto stabilito da norma UNI EN ISO 14064-1:2012"

Transcript

1 ALLEGATO TECNICO AL REPORT GHG: Inventario delle Emissioni di Gas ad Effetto Serra (GHG) secondo quanto stabilito da norma UNI EN ISO :2012 Organizzazione: AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI FOLGARIA Anno di riferimento 2012 Situazione Revisioni Revisione Data Motivazione 00 25/07/2013 Prima emissione 01 01/10/2013 Revisione Revisione Studio Alfa Srl Ladurner Energy Srl EMISSIONE VERIFICA APPROVAZIONE 1

2 1. PREMESSA NORMA UNI EN ISO INQUADRAMENTO GENERALE LA NORMA UNI EN ISO APPLICATA AL CASO STUDIO COMUNE DI FOLGARIA L ORGANIZZAZIONE METODO DI CALCOLO DELLE EMISSIONI GHG PROTOCOL PERIODO DI TEMPO COPERTO DAL RAPPORTO ANNO DI RIFERIMENTO METODOLOGIA DI QUANTIFICAZIONE PROCEDURA PER L AGGIORNAMENTO DEL REPORT GHG DELL ANNO DI RIFERIMENTO (2012) DISPONIBILITA DEL DATO DI ATTIVITA AFFIDABILITA DEL FATTORE DI EMISSIONE SINTESI DEI DATI UTILIZZATI NEL CALCOLO QUANTIFICAZIONE E RENDICONTAZIONE EMISSIONI SCOPE 1 - EMISSIONI DIRETTE SCOPE 2 - EMISSIONI INDIRETTE AZIONI COMPENSATIVE/MITIGATIVE SINTESI DEI CALCOLI ANALISI DELL INCERTEZZA GESTIONE E VERIFICA DEI DATI RESPONSABILE DELLA PREDISPOSIZIONE E AGGIORNAMENTO DEL REPORT GHG ALLEGATI TERMINI E DEFINIZIONI (NORMA UNI EN ISO ) TABELLA GHG E GWP CONTENUTI IN ALLEGATO C DELLA NORMA UNI ISO EN TABELLA PARAMETRI STANDARD NAZIONALI (FONTE ISPRA) CALCOLO EMISSIONI GAS SERRA DA CONSUMO/PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA CALCOLO EMISSIONI GAS SERRA LEGATE AL PARCO VEICOLARE COMUNALE CALCOLO EMISSIONI GAS SERRA RIFERITE ALL ESERCIZIO DEL TRENINO COMUNALE METODOLOGIA DI FISSAZIONE CO 2 NEGLI IMPIANTI DI ARBORICOLTURA DA LEGNO CONSUMI DI GAS METANO E GASOLIO CONSUMI ELETTRICI CONSUMI FLOTTA COMUNALE PIANO DI ASSESTAMENTO COMUNE DI FOLGARIA LIBRETTO IMPIANTO REFRIGERANTE PALAGHIACCIO BIBLIOGRAFIA

3 1. PREMESSA I cambiamenti climatici sono stati universalmente definiti come una delle più importanti sfide che le organizzazioni, i governi, i sistemi economici ed i cittadini dovranno affrontare nei prossimi decenni. Nello specifico, i cambiamenti climatici influenzano in modo diretto sia i sistemi naturali, sia quelli legati all uomo, e da essi può dipendere il futuro approccio all utilizzo di risorse prime, processi produttivi e attività economiche. All interno dei rapporti periodici realizzati dall Intergovernamental Panel on Climate Change (IPCC) si definisce che le ultime evidenze del surriscaldamento globale sono inequivocabilmente le peggiori di sempre e che il 90% di tale riscaldamento è causato da attività di origine antropica. I principali gas aventi effetto serra risultanti da attività antropiche, così come indicato nel Protocollo di Kyoto, sono l anidride carbonica (CO 2 ), il metano (CH 4 ), il protossido di azoto (N 2 O), gli idrofluorocarburi (HFC), i perfluorocarburi (PFC) e l esafluoruro di zolfo (SF 6 ). Il GHG di maggior rilievo è sicuramente rappresentato dall anidride carbonica (CO 2 ). Detto gas si sprigiona principalmente dalla combustione del carbonio, che è il quarto elemento più abbondante nell universo in termini di massa, dopo l idrogeno, l elio e l ossigeno. Dai fenomeni di combustione di fonti fossili, come il carbone o il petrolio o il metano, si sprigiona anidride carbonica. L anidride carbonica sprigionata e presente in atmosfera incide direttamente sull azione di effetto sera e riscaldamento globale del pianeta. La realizzazione di un preciso e dettagliato report di quantificazione e rendicontazione di emissioni di GHG può migliorare la conoscenza dell organizzazione in merito alle proprie emissioni, così come in relazione agli eventuali rischi ambientali cui potrebbe esporsi a causa di GHG emessi. Inoltre attraverso un analisi dettagliata delle emissioni si potranno prevedere una serie di attività ed azioni dirette alla compensazione e mitigazione delle emissioni stesse, ottenendo un risultato di beneficio ambientale comune. L organizzazione Amministrazione Comunale di Folgaria, ha predisposto il seguente documento con l obiettivo di realizzare un inventario verificato delle emissioni e degli assorbimenti di CO 2 associati alla propria attività, esercitata su territorio comunale. 3

4 2. NORMA UNI EN ISO INQUADRAMENTO GENERALE Il sistema della normazione tecnica internazionale (ISO) ha istituito un gruppo di lavoro con l obiettivo di elaborare un progetto di norma che rispondesse all esigenza di delineare una metodologia di lavoro basata su un approccio scientifico e sistematico, in materia di studio delle emissioni di gas serra GHG. È così nato il progetto di norma che ha portato all emissione, da parte di ISO delle norme della serie ISO Greenhouse gases, suddivise in tre parti: 1. ISO Greenhouse gases Part 1: Specification for the quantification, monitoring and reporting of project emissions and removals ; 2. ISO Greenhouse gases Part 2: Specification for the quantification, monitoring and reporting of project emissions and removals ; 3. ISO Greenhouse gases Part 3: Specification and guidance for validation and verification. recepite, in Italia dall UNI nell Aprile 2007 e successivamente dal CEN nel La norma UNI EN ISO specifica i principi e i requisiti, al livello dell organizzazione, per la quantificazione e la rendicontazione delle emissioni di gas ad effetto serra (GHG) e della loro rimozione. Essa include i requisiti per la progettazione, lo sviluppo, la gestione, la rendicontazione e la verifica dell inventario dei gas ad effetto serra di un organizzazione. La norma UNI EN ISO specifica i principi ed i requisiti e fornisce una guida, al livello di progetto, per la quantificazione, il monitoraggio e la rendicontazione delle attività destinate a ridurre le emissioni di gas ad effetto serra o ad aumentarne la rimozione. Essa comprende i requisiti per pianificare un progetto relativo ai gas ad effetto serra. Oltre ad identificare e selezionare le sorgenti, gli assorbitori di CO 2 ed i serbatoi di carbonio pertinenti al progetto ed allo scenario di riferimento, questa parte della norma è utilizzata anche per monitorare, quantificare, documentare e rendicontare le prestazioni dei progetti relativi ai gas ad effetto serra e per gestire la qualità dei dati. La norma UNI EN ISO specifica i principi e i requisiti e fornisce una guida per coloro che conducono o gestiscono la validazione e/o verifica delle asserzioni relative ai gas ad effetto serra a livello di organizzazione o di progetto, compresi la quantificazione, il monitoraggio e la rendicontazione effettuati in conformità alla UNI EN ISO o alla UNI EN ISO La norma specifica i requisiti per selezionare i validatori/verificatori, per stabilire il livello di accuratezza, gli obiettivi, i crediti ed il campo di 4

5 applicazione. La norma UNI EN ISO è usata anche per determinare l approccio della validazione/verifica, per valutare i dati relativi ai gas ad effetto serra, le informazioni, i sistemi informativi ed i controlli, per valutare le asserzioni relative ai gas emessi e per preparare le dichiarazioni di verifica. Nello specifico, l utilizzo della UNI EN ISO 14064: - aumenta l integrità ambientale con una corretta quantificazione dei gas serra emessi; - aumenta la credibilità, coerenza e trasparenza della quantificazione dei gas serra, compresi la riduzione delle emissioni e l aumento della rimozione nei progetti relativi ai gas serra; - facilita lo sviluppo e l attuazione di strategie e piani di gestione delle emissioni da parte dell organizzazione; - facilita lo sviluppo e l attuazione di progetti relativi ai gas serra; - facilita l abilità di seguire l evoluzione delle prestazioni e dei progressi nella riduzione delle emissioni e/o nell aumento della rimozione dei gas serra; - facilita l attribuzione di crediti e lo scambio di quote delle riduzioni delle emissioni o dell aumento della rimozione dei gas serra. 5

6 2.2 LA NORMA UNI EN ISO APPLICATA AL CASO STUDIO COMUNE DI FOLGARIA L organizzazione Amministrazione Comunale di Folgaria, nella rendicontazione delle emissioni legate alla sua attività, si è direttamente ispirata ai principi della norma che si possono sintetizzare in: PERTINENZA e COMPLETEZZA (l inventario realizzato include tutte le emissioni pertinenti con obiettivi fissati, e coerenti con quelle inserite nel campo di applicazione), COERENZA (l inventario è stato realizzato mediante la coerente selezione ed applicazione dei fattori di emissione selezionati), ACCURATEZZA (la metodologia adottata per realizzare l inventario è tale da ridurre errori sistematici e incertezze per quanto possibile), TRASPARENZA (la metodologia adottata consente la comunicazione all esterno dell organizzazione dei dati relativi alle misure delle emissioni GHG). La quantificazione delle emissioni di gas serra (GHG) avviene attraverso un approccio analitico in grado di identificare: -le emissioni dirette: la norma si riferisce a tutte quelle emissioni di GHG che sono rilasciate direttamente dall organizzazione (Ente); -le emissioni indirette: la norma si riferisce a tutte quelle emissioni legate alla fornitura di energia elettrica, calore o vapore, prodotti esternamente ma in utilizzo dall organizzazione (Ente); -altre emissioni indirette: la norma si riferisce a tutte quelle emissioni quali trasporto di materiali, dei prodotti, di persone, dei rifiuti di un organizzazione da parte di un altra organizzazione, viaggi per raggiungere il posto di lavoro e viaggi di lavoro, emissione di GHG derivanti dalla produzione e dalla distribuzione di prodotti correlati all energia ma diversi da elettricità, emissioni di GHG derivanti dalle fasi di utilizzo e fine vita di prodotti e servizi dell organizzazione, emissione di GHG dalla produzione di materie prime. La rendicontazione delle emissioni dei gas serra GHG sarà convertita in tonnellate di CO 2 equivalente (CO 2 e), utilizzando gli appropriati GWP (Global Warming Pontential): fattore che descrive l impatto come forza radiante di un unità di massa di un dato GHG rispetto ad un unità equivalente di biossido di carbonio nell arco di un determinato periodo di tempo. In Allegato (Capitolo 8) si riporta la tabella C.1. allegato C della Norma UNI EN ISO , contenente l elenco dei gas serra (GHG), della loro composizione chimica e degli specifici fattori GWP per la conversione dei gas serra in CO 2 equivalente (CO 2 e). La Norma UNI EN ISO (GHG Greenhouse gases) si riferisce alla contabilizzazione delle quantità di CO 2 equivalente (CO 2 e), sulla base del calcolo dei seguenti Gas Serra (GHG): anidride carbonica (CO 2 ), metano (CH 4 ), protossido d azoto (N 2 O), idrofluorocarburi (HFC), perfluorocarburi (PFC) ed esafluoruro di zolfo (SF 6 ). 6

7 Nel presente studio sono state trascurate, per ogni componente studiata, le emissioni dei gas fluorurati (HFC, PFC, SF 6 ) in quanto risulta presente un solo impianto che può emettere detti gas (Impianto refrigerante del Palaghiaccio) all interno delle attività dell Organizzazione Comune di Folgaria, tuttavia dal libretto d impianto e dai controlli effettuati annualmente vengono dichiarate nulle le emissioni (si rimanda all Allegato Capitolo 8). Si precisa inoltre che a livello nazionale, essi contribuiscono per meno dell 1% sul totale delle emissioni (APAT, 2008). In ultimo, in riferimento a quanto previsto dalla Norma UNI EN ISO 14064, si specifica che è riportata la stima percentuale dei livelli di incertezza associati ai dati utilizzati ed ai fattori di emissione impiegati. Sulla base di questa valutazione può essere definita l incertezza dell intero bilancio di quantificazione e di rendicontazione delle emissioni di CO 2 e. 7

8 3. L ORGANIZZAZIONE L organizzazione Amministrazione Comunale di Folgaria opera all interno del territorio comunale di Folgaria; quest ultimo è localizzato nel Trentino sud-orientale, a 18 km dalla città di Rovereto e a 28 km da Trento. Folgaria è una nota stazione turistica estiva e invernale ed è il quarto comune della Provincia di Trento per estensione territoriale. I confini operativi legati allo studio di quantificazione e rendicontazione delle emissioni di CO 2 e sono relativi all Organizzazione Amministrazione Comunale di Folgaria ed alle attività da essa svolte sul territorio comunale. Si consideri che l Organizzazione Amministrazione Comunale di Folgaria risulta avere quota di partecipazione nelle seguenti aziende nell anno 2012: Azienda per il Turismo degli Altipiani di Folgaria Lavarone e Luserna Società Consortile per Azioni, Carosello SKI Folgaria SpA, Impianto Maso SpA, Alpe di Folgaria Consortile SpA, Associazione Altopiano Iniziative, Consorzio Vigilanza Boschiva tra i Comuni di Folgaria e Terragnolo. Tuttavia il presente studio si riferisce solo ed esclusivamente alle azioni che l Organizzazione Amministrazione Comunale di Folgaria realizza in modo diretto sul territorio, non considerando quindi le attività delle altre aziende sopra citate, pertanto si può concludere che l Organizzazione contabilizza tutte le emissioni e/o rimozioni di GHG quantificate dalle installazioni/attività sulle quali essa ha il controllo operativo. L Organizzazione Amministrazione Comunale di Folgaria è formata dal Sindaco coadiuvato da 19 Consiglieri Comunali. La Giunta comunale è composta dallo stesso Sindaco e da 6 Assessori tra i quali il Vicesindaco. La dotazione organica teorica del personale del Comune, come delineata dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 29 di data , comprende 53 posti (di cui 4 ad esaurimento), tra questi 5 posti sono a tempo parziale e 6 stagionali (2 agenti di polizia municipale e 4 operai). Alla dotazione organica si aggiungono, extraorganico, la squadra boscaioli composta da n. 6 unità e la squadra del verde di n. 2 unità, con contratto di diritto privato, nonché 2 ausiliari ad orario ridotto per le scuole materne di Folgaria e Nosellari. Il totale teorico del fabbisogno di personale del Comune assomma a n. 59 dipendenti (63 posti meno 4 ad esaurimento). La dotazione organica effettiva, ossia il personale in servizio, nel corso del 2011 è di 41 dipendenti,di cui 5 stagionali (3 agenti di polizia municipale e 2 operai), che sommati al personale extraorganico costituito da n. 2 ausiliarie a tempo parziale per le scuole materne di Nosellari e di Folgaria, a n. 6 boscaioli ed a n.2 operai agricoli, portano il totale del personale in servizio a n. 51 dipendenti. 8

9 Le aree dell organizzazione comunale che amministrano e gestiscono il bene energia sono di seguito riportate: Amministrativa: comprende i servizi segreteria e affari generali, il servizio biblioteca, i servizi demografici e il servizio di polizia municipale. Per quanto riguarda il settore energia hanno rilevanza le attività amministrative inerenti la gestione delle opere pubbliche, il patrimonio silvo-pastorale, la gestione associata del servizio idrico, il consorzio di vigilanza boschiva. Contabile: comprende gli uffici ragioneria e tributi entrate patrimoniali. Per quanto riguarda il settore energia hanno rilevanza le attività di bilancio e della sua gestione, l inventario e l economato. Tecnica: comprende i servizi edilizia privata e urbanistica, ambiente e patrimonio, lavori pubblici e servizi. Di seguito vengono descritti i singoli ruoli e competenze per quanto concerne il settore energia. Rappresentante della Direzione per il SGE (RSGE): La Giunta Comunale ha provveduto alla nomina di un Capo ufficio tecnico il quale svolge anche la funzione di Responsabile/Implementatore del SGE Rappresentante della Direzione (RSGE), per lo svolgimento di tutte le attività operative direttamente ed indirettamente connesse con l implementazione del Sistema di Gestione dell Energia, al quale sono delegate in particolare le seguenti funzioni: -valutare l efficacia del Sistema; -effettuare audit sul Sistema; -assicurare che i requisiti del Sistema di Gestione dell Energia siano stabiliti, applicati e mantenuti in conformità con la Norma di riferimento; -riferire alla Direzione sulle prestazioni del Sistema al fine del riesame e del miglioramento. -revisionare, aggiornare e divulgare la documentazione del Sistema; -evidenziare problemi del Sistema; -verificare l attuazione di eventuali azioni correttive e preventive; -pianificazione e determinazione budget energetico e di miglioramento. La scelta del Rappresentante della Direzione, garantisce che questa figura, possieda competenze e qualifiche appropriate nel campo dell'energia e del miglioramento dell'efficienza energetica. RSGE, come previsto dai requisiti della Norma ISO 50001, dipende direttamente dalla Direzione ed è indipendente da ogni altro organismo aziendale: rende conto del proprio operato solo alla Direzione e verifica la continua attuazione dei contenuti energetici della Politica Ambiente, Energia del Comune di Folgaria. 9

10 Uso razionale dell Energia Energy Manager locale: gestisce l uso dell energia (elettrica, gas, gasolio) ha il compito di raccogliere monitorare e informare gli altri uffici e l Amministrazione Comunale dell andamento e ha come obiettivo di: -migliorare il livello di efficienza energetica e di proporre soluzioni e progetti di miglioramento; -compilare e gestire le attività previste dalla Leggi cogenti (dati di produzione energia, dati su sito Trenta, denuncia annuale, ecc.); -consuntivazione dei dati Budget (una volta l anno) e condivisione con la Direzione dei nuovi progetti (speciali) approvati a Budget; -integrare e sviluppare politiche energetiche per le attività di uso razionale dell energia; -per il triennio questa funzione porterà avanti le attività di certificazione per il Comune di Folgaria e il mantenimento del sistema stesso. Cantiere Comunale: svolge attività di manutenzione e controllo per quanto concerne gli immobili di proprietà comunale, la rete di illuminazione pubblica ecc. secondo quanto disposto dall ufficio tecnico e dalle procedure di riferimento. Si riporta di seguito l elenco delle installazioni/attività ricomprese all interno dei confini organizzativi e di cui l Organizzazione dispone del pieno controllo: Attività di gestione di edifici pubblici, Attività di utilizzo mezzi pubblici e trenino comunale, Attività di produzione di energia da fonti rinnovabili tramite impianti FER pubblici. 10

11 4. METODO DI CALCOLO DELLE EMISSIONI 4.1 GHG PROTOCOL Le linee guida del GHG Protocol richiedono che le emissioni di GHG siano stimate distinguendo tra quelle dirette e quelle indirette, che sono quindi classificate in tre categorie. Di seguito si descrivono in modo completo i tre campi d applicazione (o Scope) possibili: a) Scope 1: Emissioni dirette Emissioni derivanti dalla combustione diretta di combustibili fossili, principalmente il gas utilizzato per il riscaldamento, per la produzione di energia elettrica e termica in sito, per il rifornimento di veicoli di trasporto; le fonti delle emissioni classificate come Scope 1 sono possedute e controllate direttamente dall organizzazione (Ente) e le conseguenti emissioni avvengono direttamente all interno dei confini scelti. b) Scope 2: Emissioni indirette da consumo di energia esterna Emissioni derivanti dalla combustione di carburanti per la produzione dell energia elettrica o termica importata dall organizzazione (Ente); l importatore è indirettamente responsabile per le emissioni generate dal fornitore per la produzione dell energia richiesta. c) Scope 3: Altre emissioni indirette Emissioni derivanti dai prodotti e servizi utilizzati dall organizzazione (Ente), quali le emissioni generate dai viaggi di lavoro, dai beni utilizzati, dalla mobilità dei lavoratori, ecc.; nello scope 3 sono incluse anche le emissioni di GHC legate alla catena di approvvigionamento dei combustibili. Il confine dello Scope è concordato dall organizzazione e generalmente è necessario includere nello Scope 3 solo quello che l organizzazione può quantificare e influenzare. Il calcolo delle emissioni sviluppato nel presente documento tiene in considerazione tutti e tre i campi di applicazione (Scope 1, Scope 2 e Scope 3), così come descritto nel documento GHG Protocol. 4.2 PERIODO DI TEMPO COPERTO DAL RAPPORTO L analisi e quantificazione dei GHG è stata effettuata relativamente all anno L organizzazione prevede annualmente, successivamente alla verifica del presente report, l aggiornamento del calcolo, ricercando un graduale miglioramento nella qualità dei dati in input e output al protocollo di calcolo. 11

12 4.3 ANNO DI RIFERIMENTO L anno di riferimento considerato nello studio di quantificazione e rendicontazione delle emissioni di gas ad effetto serra per l organizzazione Amministrazione Comunale di Folgaria è il METODOLOGIA DI QUANTIFICAZIONE La metodologia di quantificazione delle emissioni di gas ad effetto serra è basata su calcoli. All interno dei confini organizzativi ed operativi stabiliti sono state identificate le fonti di emissioni di GHG e sono stati raccolti i dati disponibili, al fine di quantificare le emissioni di GHG. La metodologia di calcolo utilizzata è basata sulla moltiplicazione tra il Dato attività, che quantifica l attività, e il corrispondente Fattore di emissione, considerando inoltre il coefficiente GWP di trasformazione in CO 2 e partendo dalle differenti emissioni. Emissione di GHG = Dato attività * EF * GWP dove: Emissione di GHG è la quantificazione dei GHG emessi dall attività, espressa in termini di tonnellate di CO2 (tco2) o tonnellate di CO2 equivalente (tco2e); Dato attività è la quantità, generata o utilizzata, che descrive l attività, espressa in termini di energia (J o MWh), massa (Kg) o volume (m 3 o l); EF è il fattore di emissione che trasforma la quantità nella conseguente emissione di emissione di GHG, espressa in CO2 emessa per unità di dato attività; GWP "Global Warming Potential" coefficienti GWP da IPCC utilizzati per convertire le emissioni dei singoli gas serra in emissioni di CO 2 e. 12

13 4.5 PROCEDURA PER L AGGIORNAMENTO DEL REPORT GHG DELL ANNO DI RIFERIMENTO (2012) I criteri e le procedure necessari all aggiornamento del Report GHG dell anno di riferimento (2012) sono esplicitate nel Manuale di Procedura Interna. 4.6 DISPONIBILITA DEL DATO DI ATTIVITA La verifica di disponibilità del dato di attività esprime una valutazione riguardo la disponibilità del dato, e riguardo il suo sistema di stima, accuratezza; serve inoltre per definire se il sistema di registrazione necessita miglioramenti. Di seguito è assegnata tale valutazione su una scala che va da 1 al 3 come segue: Disponibilità del dato attività 1 Dati non disponibili 2 Dati stimati 3 Dati calcolati accuratamente o misurati in modo affidabile Valori inferiori a 3 si riferiscono ad una situazione in cui l opportunità di migliorare la raccolta dati deve essere presa in considerazione. 4.7 AFFIDABILITA DEL FATTORE DI EMISSIONE L affidabilità del fattore di emissione esprime una valutazione riguardo la disponibilità del dato, e riguardo la sua fonte; serve inoltre per definire se il sistema di registrazione necessita miglioramenti. Di seguito è assegnata tale valutazione su una scala che va da 1 al 3 come segue: 1 Assenza di fattori di emissione Affidabilità del fattore di emissione Affidabilità del Fattore di emissione 2 3 Fattori di emissione riportati in riviste o database scientifici, ma non completamente rappresentativi delle condizioni del sito Fattori di emissione riportati da organizzazioni nazionali o internazionali o misurati in accordo con gli standard internazionali, e completamente rappresentativi delle condizioni del sito Valori inferiori a 3 si riferiscono ad una situazione in cui l opportunità di migliorare la raccolta dei fattori di emissione deve essere presa in considerazione. 13

14 4.8 SINTESI DEI DATI UTILIZZATI NEL CALCOLO Di seguito si sintetizzano i dati delle attività considerate e i fattori di emissione considerati, la loro fonte di provenienza, ed il grado di valutazione attribuito (nr). DATI ATTIVITA 1. Riscaldamento Edifici Pubblici: Dati relativi al consumo di combustibile (Gas Metano e Gasolio) desunti dalle fatture comunali dell anno 2012, e relativi all attività di riscaldamento e produzione di acqua calda sanitaria di tutti gli immobili di proprietà comunale; (3) 2. Consumo Energia Elettrica: Dati relativi al consumo di energia elettrica di tutti gli immobili di proprietà comunale e di tutti gli impianti di illuminazione pubblica, desunti dalle fatture comunali e riferiti all anno 2012; (3) 3. Carburante: Dati relativi ai consumi di carburante di tutti i mezzi comunali riferiti all anno 2012, ed estrapolati dalle carte carburante comunali; (3) 4. Km percorsi: Dati relativi ai km percorsi dal trenino comunale riferiti all anno 2012, e forniti direttamente dall Ente Comune; (3) 5. Produzione Energia Elettrica: Dati relativi alla produzione di energia elettrica di tutti gli impianti FER di proprietà comunale attualmente in funzione, desunti dalle fatture comunali e riferiti all anno 2012; (3) 6. Area a verde: Dati relativi alla superficie forestale del territorio comunale, di proprietà dell Ente Comune, desunti dal Piano di Assestamento Forestale del Comune di Folgaria (3). FATTORI DI EMISSIONE 1. Fattori Emissioni da utilizzo combustibili: coefficienti tratti da Inventario Nazionale UNFCCC (media dei valori degli anni ) utilizzabili per il calcolo della CO 2 nell anno 2012 (Fonte Ispra2012), si rimanda al capitolo 8 Allegati; (3) 2. Fattori Emissioni da utilizzo/produzione energia elettrica: coefficiente di trasformazione associato al valore medio del mix energetico italiano da Fonte Ispra, si rimanda al capitolo 8 Allegati; (2) 3. Fattori Emissioni da traffico veicolare: per l individuazione dei coefficienti utili al calcolo delle emissioni di gas serra legate al traffico veicolare si è fatto riferimento a quanto approfondito da Ispra-Sinanet, si rimanda al capitolo 8 Allegati; (3) 4. Fattore assorbimento CO 2 di piante: Dato stimato da studi realizzati da Università degli Studi di Bologna, Politecnico di Milano e WWF, da cui si evince un valore medio, si rimanda al capitolo 8 Allegati (2). 14

15 5. QUANTIFICAZIONE E RENDICONTAZIONE EMISSIONI Di seguito si riportano i dati riferiti alla quantificazione ed alla rendicontazione delle emissioni GHG ascrivibili all Organizzazione Amministrazione Comunale di Folgaria. 5.1 SCOPE 1 - EMISSIONI DIRETTE RISCALDAMENTO Si riportano di seguito i consumi energetici ad utilizzo termico delle utenze comunali (per produzione riscaldamento e acqua calda sanitaria), ricavati dall analisi delle fatture comunali relative all utilizzo di gas metano e gasolio, per l anno In allegato inoltre si riportano i dati dettagliati dei consumi forniti dall amministrazione comunale. COMBUSTIBILE/MATERIALE Consumi anno 2012 Unità di misura Gas Naturale (metano) Std m3 Gasolio riscaldamento litri Figura Consumi gas metano e gasolio di edifici comunali Anno 2012 Si utilizzano ai fini del calcolo i coefficienti riportati di seguito e desunti dall inventario nazionale UNFCCC (capitolo 8 Allegati): COMBUSTIBILE/MATERIALE Fattore Emissione (t CO2/TJ) Gas Naturale (metano) 56,00 Gasolio riscaldamento 74,438 Figura Coefficienti di conversione Si utilizzano ai fini del calcolo i coefficienti riportati di seguito e desunti dall inventario IPCC, 2006: Combustibile EF kg CH4 / TJ EF kg N2O / TJ Gasolio per riscaldamento 3,0 0,6 Gas Naturale (metano) 1,0 0,1 Figura Fattori di emissione kg/tj (IPCC 2006) Inoltre si specifica che per il consumo di metano è stato utilizzato un potere calorifico inferiore pari 34,518 x 10-6 TJ/m3 indicato dal fornitore; per il consumo di gasolio sono stati utilizzati i seguenti dati: potere calorifico inferiore: 42,62 x 10-6 TJ/kg indicato in Allegato 8, valore di densità del gasolio pari a 0,835 kg/l tratto da bibliografia di valore medio di mercato. 15

16 Utilizzo Metano Rendicontazione Utilizzo Metano (kg CO 2 e/anno) = Σ(Cm x FDC 1 x GWP i ) Dove: Cm = utilizzo di metano desunto dai consumi annuali comunali; FDC 1 = fattore di emissione da TJ di metano a kg gas serra emesso, capitolo 8 Allegati; GWP i = "Global Warming Potential" coefficienti GWP da IPCC utilizzati per convertire le emissioni dei singoli gas serra in emissioni di CO 2 e, capitolo 8 Allegati. Utilizzo Gasolio Rendicontazione Utilizzo Gasolio (kg CO 2 e/anno) = Σ(Cm x FDC 2 x GWP i ) Dove: Cm = utilizzo di gasolio desunto dai consumi annuali comunali; FDC 2 = fattore di emissione da TJ di gasolio a kg gas serra emesso, capitolo 8 Allegati; GWP i = "Global Warming Potential" coefficienti GWP da IPCC utilizzati per convertire le emissioni dei singoli gas serra in emissioni di CO 2 e, capitolo 8 Allegati. Riepilogo Rendicontazione Consumo Gas serra emesso Emissione di kg GHG/anno Emissione di kg CO2e/anno Combustibili Utilizzo Metano CO Utilizzo Metano CH Utilizzo Metano N 2 O 1,2 375 Utilizzo Gasolio CO Utilizzo Gasolio CH Utilizzo Gasolio N 2 O Totale

17 FLOTTA COMUNALE E TRENINO COMUNALE Si riportano in tabella di seguito i dati e le caratteristiche dei mezzi componenti la flotta comunale in attività durante l anno. Figura Flotta comunale Consumi Totali Annui di carburante associato alla flotta veicolare comunale: Gasolio litri, Benzina litri (Fonte dati: Schede Carburante Mezzi Comunali). Inoltre è presente un Trenino Comunale, funzionante a Diesel, che compie attività di trasporto pubblico stagionale; il tragitto del trenino prevede la partenza da Costa Hotel Golf, e l arrivo presso Folgaria Bivio Rosalpina, passando attraverso le fermate di Costa H. Biancaneve, Costa Hotel Eghel, Folgaria H. Vittoria, Folgaria P.Marconi, Folgaria P.S.Lorenzo. Nell anno 2012 si sono considerati complessivamente km, percorsi dal Trenino (Fonte dati: Comune di Folgaria). Si utilizzano ai fini del calcolo i coefficienti desunti dall inventario National Inventory Report 2012 Annex 6 National Emission Factors Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Ispra (si rimanda al capitolo 8 Allegati). Rendicontazione Flotta Comunale (kg CO 2 e/anno) = Σ(CVeic x FDC 4 x GWP i ) Dove: CVeic = consumo carburante annuale dei veicoli comunali; 17

18 FDC 4 = fattore di conversione da consumo carburante a kg gas serra emesso, capitolo 8 Allegati; GWPi = "Global Warming Potential" coefficienti GWP da IPCC utilizzati per convertire le emissioni dei singoli gas serra in emissioni di CO2e, capitolo 8 Allegati. Rendicontazione Trenino Comunale (kg CO 2 e/anno) = (DVeic x FDC 5 x GWP i ) Dove: DVeic = distanza annuale (espressa in km) compiuta dal trenino comunale; FDC 5 = fattore di conversione da km percorsi a kg gas serra emesso, capitolo 8 Allegati; GWP i = "Global Warming Potential" coefficienti GWP da IPCC utilizzati per convertire le emissioni dei singoli gas serra in emissioni di CO 2 e, capitolo 8 Allegati. Rendicontazione Consumo Gas serra emesso Emissione di kg GHG/anno Emissione di kg CO2e/anno Combustibili Mezzi Comunali Utilizzo Benzina CO Utilizzo Benzina CH 4 3,6 76 Utilizzo Benzina N 2 O 0,2 73 Utilizzo Gasolio CO Utilizzo Gasolio CH 4 0,8 17 Utilizzo Gasolio N 2 O 1,2 379 Rendicontazione Trenino Gas serra emesso Emissione di kg GHG/anno Emissione di kg CO2e/anno Comunale CO CH N 2 O 0,4 121 Totale EMISSIONI DIRETTE = Rendicontazione Utilizzo Metano + Rendicontazione Utilizzo Gasolio + Rendicontazione Flotta Comunale + Rendicontazione Trenino Comunale = 777,24 t CO 2 e/anno 18

19 5.2 SCOPE 2 - EMISSIONI INDIRETTE Si riportano di seguito i consumi elettrici associati alle utenze comunali degli edifici pubblici, i consumi relativi al funzionamento dell illuminazione pubblica, e all utilizzo dell attività di pompaggio, forniti dall azienda Trenta S.p.A.. In allegato inoltre si riportano i dati dettagliati dei consumi. Consumo Consumi anno 2012 Unità di misura Energia Elettrica kwhe Figura Consumi elettrici comunali Anno 2012 Si utilizza ai fini del calcolo il coefficiente legato al consumo/produzione di energia elettrica riferita al mercato italiano Anno 2011 (ultimo dato utile disponibile), il mix energetico nazionale è da considerarsi pari a 0,393 kg di CO 2 /kwh (Fonte IspraAmbiente si rimanda al capitolo 8 Allegati). Rendicontazione Utilizzo Energia Elettrica (kg CO 2 e/anno) = (CEe x FDC 3 x GWP i ) Dove: CEe = utilizzo di energia elettrica desunto dai consumi annuali comunali; FDC 3 = fattore di conversione da kwh a kgco 2, capitolo 8 Allegati; GWP i = "Global Warming Potential" coefficienti GWP da IPCC utilizzati per convertire le emissioni dei singoli gas serra in emissioni di CO 2 e, capitolo 8 Allegati. EMISSIONI INDIRETTE = Rendicontazione Utilizzo Energia Elettrica = 2.708,82 t CO 2 e/anno 19

20 5.3 AZIONI COMPENSATIVE/MITIGATIVE AZIONI COMPENSATIVE All interno del bilancio complessivo di emissioni di CO 2 e relativo all organizzazione Comune di Folgaria, si dovrà tenere in considerazione anche l apporto mitigativo legato all attività di assorbimento di CO 2 realizzata dalle foreste e dai boschi presenti nel territorio comunale di Folgaria, e di proprietà dell organizzazione. La capacità di abbattimento netta esercitata dai boschi del comune di Folgaria può essere stimata attraverso la redazione di un bilancio tra i dati di ricrescita netta per rinnovamento delle superfici forestate e le quantità di legname abbattuto per diversi utilizzi durante l anno. Dal Piano di Assestamento Forestale del Comune di Folgaria si sono estrapolati dati necessari a definire la ricrescita forestale annua (espressa in volume). Al fine di ottenere la massa del legname secco si è fatto riferimento ad una densità di 500 kg/m3, riportata in letteratura per legnami stagionati. Ai fini del calcolo di tonnellate di CO 2 e annue assorbite dall attività del bosco si consideri il dato di letteratura desunto da studi realizzati da Università degli Studi di Bologna, Politecnico di Milano e WWF; si rimanda a Capitolo 8 Allegati. Di seguito si sintetizzano i calcoli realizzati, e la stima di CO 2 annua assorbita dall azione di boschi e foreste. Superficie (ha) Ricrescita annua (m3) Assorbimento CO 2 e Foreste-Bosco (t anno) 2.777, , ,30 La superficie e la ricrescita annua considerata è al netto delle particelle con funzione Pascolo, Pascolo Alberato e Mughete. Si specifica che il valore di cui sopra non è da ritenersi al netto dei tagli boschivi effettuati (pari a 7.957,33 m3) nell anno di riferimento dei calcoli, in quanto l utilizzo di suddetti tagli (sia essa legna da ardere, che legna con scopo industriale) è da considerarsi esterno ai confini organizzativi definiti nel presente studio. AZIONI COMPENSATIVE = Assorbimenti CO 2 Foreste-Bosco = ,30 t CO 2 e/anno 20

21 AZIONI MITIGATIVE Sul territorio comunale sono in funzione all'anno 2012 impianti a fonti rinnovabili, di proprietà dell organizzazione Amministrazione Comunale di Folgaria, descritti di seguito: -nr. 2 impianti a solare termico, per complessivi 110 m 2, in attività presso Edificio Palasport e Centro Sport Pineta; -nr. 2 impianti a solare fotovoltaico, di complessivi 27,35 kwp, di cui un impianto da 2,87 kwp installato presso Edificio Municipio, e un impianto da 24,48 kwp in attività presso Palaghiaccio. Detti impianti a fonti rinnovabili sono entrati in esercizio prima dell'anno 2012 (anno di studio del presente documento) pertanto i consumi energetici considerati nel conteggio sono già al netto della produzione annua degli impianti FER in attività. La produzione annua di detti impianti a fonti rinnovabili, permette un preciso risparmio in termini di emissioni di CO 2 e, così come descritto di seguito: - gli impianti fotovoltaici consentono una riduzione delle emissioni pari a 12,04 t CO 2 e/anno legate al consumo di energia elettrica; - gli impianti solare termici consentono una riduzione delle emissioni pari a 15,55 t CO 2 e/anno legate al consumo combustibili (metano e gasolio). Si specifica che non sono presenti sul territorio Impianti a Biomasse di proprietà dell Organizzazione Amministrazione Comunale di Folgaria. 21

22 5.4 SINTESI DEI CALCOLI Di seguito si riportano i dati riepilogativi relativi al calcolo delle emissioni suddivise per fonte emissiva riferite all anno 2012 relative all attività dell organizzazione Amministrazione Comunale di Folgaria. TABELLA RIASSUNTIVA EMISSIONI CO 2 e Anno Organizzazione Amministrazione Comunale di Folgaria Rendicontazione Emissioni CO 2e Utilizzo Metano 675,74 t/anno CO2e 19,4 % EMISSIONI DIRETTE Rendicontazione Emissioni CO 2e Utilizzo Gasolio 38,09 t/anno CO2e 1,1 % Rendicontazione Emissioni CO 2e Flotta Comunale + Trenino Comunale 63,41 t/anno CO2e 1,8 % EMISSIONI INDIRETTE Rendicontazione Emissioni CO 2e Utilizzo Energia Elettrica 2.708,82 t/anno CO2e 77,7 % Totale Emissioni COMUNE DI FOLGARIA 3.486,06 t/anno CO2e 100,0 % AZIONI COMPENSATIVE Assorbimenti CO 2 Foreste-Bosco ,30 t/anno CO2e AZIONI MITIGATIVE Mitigazioni Attività Impianti FER 0,00 t/anno CO2e Bilancio complessivo Emissioni COMUNE DI FOLGARIA Anno ,24 t/anno CO2e Nella tabella seguente si riportano i dati di sintesi relativi ai singoli Scope analizzati. INSTALLAZIONE/ATTIVITA EMISSIONI TOTALE (tco 2 e) CO 2 (t) CH 4 (t) N 2 O (t) Scope 1 777,23 775,78 0,0 0,0034 Scope , ,82 ASSORBIMENTI Foreste-Bosco , ,30 A lato si riporta un grafico riassuntivo della ripartizione delle emissioni di CO 2 e riferite alle installazioni/attività dell anno 2012, legate all'esercizio dell'organizzazione Amministrazione Comunale di Folgaria. 22

Quantificazione e rendicontazione delle emissioni di gas ad effetto serra relativi alla 3ª CONFERENZA INTERNAZIONALE SU DECRESCITA, SOSTENIBILITA ED

Quantificazione e rendicontazione delle emissioni di gas ad effetto serra relativi alla 3ª CONFERENZA INTERNAZIONALE SU DECRESCITA, SOSTENIBILITA ED Quantificazione e rendicontazione delle emissioni di gas ad effetto serra relativi alla 3ª CONFERENZA INTERNAZIONALE SU DECRESCITA, SOSTENIBILITA ED EQUITA SOCIALE Introduzione La Carbon Footprint misura

Dettagli

Allegato I Annex I METODOLOGIA PER LA DEFINIZIONE DELL INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI GIULIANOVA

Allegato I Annex I METODOLOGIA PER LA DEFINIZIONE DELL INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI GIULIANOVA METODOLOGIA PER LA DEFINIZIONE DELL INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI DEL COMUNE DI GIULIANOVA COMUNE DI GIULIANOVA METHODOLOGY FOR THE DEFINITION OF THE BASELINE EMISSION INVENTORY OF THE MUNICIPALITY

Dettagli

1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria

1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria ALLEGATO A PAES Isola d Elba 1. Metodologia di calcolo del bilancio di energia primaria Il bilancio di energia è suddiviso per categoria di impiego e per tipo di fonte energetica. COMBUSTIBILI SOLIDI Sul

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Livorno Adesione al Patto dei Sindaci, Delibera di C.C. n. 8 del 2013 Allegato E Provincia di Livorno Struttura di Coordinamento del Patto dei Sindaci

Dettagli

COVENANT CAPACITY. Michele Sansoni - Arpa Emilia-Romagna

COVENANT CAPACITY. Michele Sansoni - Arpa Emilia-Romagna COVENANT CAPACITY Capacity building of local governments to advance Local Climate and Energy Action from planning to action to monitoring COSTRUZIONE DI UN INVENTARIO DI BASE DELLE EMISSIONI Con il patrocinio

Dettagli

Inventario delle Emissioni e processo partecipativo Progetto 50000and1SEAPs Comune di Montecchio Maggiore

Inventario delle Emissioni e processo partecipativo Progetto 50000and1SEAPs Comune di Montecchio Maggiore Inventario delle Emissioni e processo partecipativo Progetto 50000and1SEAPs Comune di Montecchio Maggiore Martedi, 9 Giugno - 2015 Emanuele Cosenza SOGESCA Srl e.cosenza@sogesca.it ARGOMENTI Progetto 50000and1SEAPs

Dettagli

Carbon Footprint e riduzione delle Emissioni di CO2

Carbon Footprint e riduzione delle Emissioni di CO2 Carbon Footprint e riduzione delle Emissioni di CO2 Luca Leonardi, Climate Change Services Bureau Veritas Italia Spa ore 12.15 13.00 Sommario: Il carbon footprint Contabilizzazione delle emissioni di CO

Dettagli

EFFICIENZA E CERTIFICAZIONE ENERGETICA. I fattori di conversione per le emissioni di gas serra e per l energia primaria

EFFICIENZA E CERTIFICAZIONE ENERGETICA. I fattori di conversione per le emissioni di gas serra e per l energia primaria ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA CO M M I S S I O N E E N E R G I A E I M P I A N T I EFFICIENZA E CERTIFICAZIONE ENERGETICA I fattori di conversione per le emissioni di gas serra e per l

Dettagli

1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali

1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali ALLEGATO C PAES Rosignano M.mo 1. Metodologia di calcolo del bilancio dei consumi finali PRODOTTI PETROLIFERI Settore Civile: I consumi dei prodotti petroliferi in ambito civile vengono calcolati sommando

Dettagli

Allegato I - Gas serra e definizione di CO 2 equivalente

Allegato I - Gas serra e definizione di CO 2 equivalente Allegato I - Gas serra e definizione di CO 2 equivalente Effetto Serra Il fenomeno di riscaldamento dell atmosfera e della superficie terrestre è, in parte, un fenomeno naturale, dato dalle caratteristiche

Dettagli

Bilancio CO 2. Hera Ferrara S.r.l.

Bilancio CO 2. Hera Ferrara S.r.l. Bilancio CO 2 Hera Ferrara S.r.l. 2004 Emissioni CO 2 dal camino L anidride carbonica rappresenta uno dei principali gas serra. E il prodotto di ogni combustione, dove il carbonio presente nel combustibile

Dettagli

CONSUMI ENERGETICI 09

CONSUMI ENERGETICI 09 CONSUMI ENERGETICI 09 Quadro sinottico degli indicatori INDICATORI DI PRESSIONE (P) Consumi di metano ad uso domestico Consumi di metano ad uso non domestico: comparto ceramico Consumi di energia elettrica

Dettagli

Carbon Footprint Il Sistema di gestione delle emissioni di gas ad effetto serra e le performance del Gruppo Montepaschi R A P P O R T O 2 0 1 0

Carbon Footprint Il Sistema di gestione delle emissioni di gas ad effetto serra e le performance del Gruppo Montepaschi R A P P O R T O 2 0 1 0 R A P P O R T O 2 0 1 0 Carbon Footprint Il Sistema di gestione delle emissioni di gas ad effetto serra e le performance del Gruppo Montepaschi in collaborazione con 1 Indice dei contenuti 3 PERCHÉ QUESTO

Dettagli

WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FAGAGNA (UD) Data: 21 luglio 2015

WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FAGAGNA (UD) Data: 21 luglio 2015 1 WP4 BILANCIO ENERGETICO COMUNALE DI FAGAGNA (UD) Data: 21 luglio 2015 Gruppo di lavoro: Lorenzo Orlandi Pier Federico Fileni Silvia Stefanelli (ECUBA S.r.l.) (ECUBA S.r.l.) (Regione FVG) 2 BILANCIO ENERGETICO

Dettagli

CARBON FOOTPRINT ANALYSIS

CARBON FOOTPRINT ANALYSIS CARBON FOOTPRINT ANALYSIS PROFILO AzzeroCO 2 è una società di consulenza energetico-ambientale creata da Legambiente, Kyoto Club e Ambiente Italia. Accreditata come ESCo (Energy Service Company), analizza

Dettagli

CARBON FOOTPRINT. Rapporto 2012

CARBON FOOTPRINT. Rapporto 2012 CARBON FOOTPRINT Rapporto 2012 2012 Energia elettrica 143 143 Metano 15.195 1.515 16.709 Gasolio 1.901 361 2.263 Climatizzazione - - Totale 17.096 143 1.876 19.115 Auto aziendali - NLT (Noleggio Lungo

Dettagli

IBE L Inventario Base delle Emissioni

IBE L Inventario Base delle Emissioni IBE L Inventario Base delle Emissioni In tale capitolo verrà illustrato l Inventario Base delle Emissioni di CO2 del Comune di Latina, approfondendone la metodologia adottata per l analisi dei dati energetici,

Dettagli

La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui consumi energetici ed emissioni di CO 2

La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui consumi energetici ed emissioni di CO 2 La quantificazione dei benefici di BIOCASA sui energetici ed emissioni di CO 2 Rapporto di Sostenibilità 2011 I benefici di BIOCASA su energetici e emissioni di CO 2 Il Progetto BIOCASA è la risposta di

Dettagli

Il Patto dei Sindaci e il PAES L Inventario Base delle Emissioni (IBE)

Il Patto dei Sindaci e il PAES L Inventario Base delle Emissioni (IBE) Febbraio 2014 n.b. il documento del PAES è in fase di valutazione da parte del CCR della Commissione Europea. 1 Il Patto dei Sindaci e il PAES L Inventario Base delle Emissioni (IBE) Comune di Latina -

Dettagli

PAES piano d azione per l energia sostenibile

PAES piano d azione per l energia sostenibile capofila: LAVENO MOMBELLO ANGERA, BESOZZO, BREBBIA, BREGANO, COMABBIO, CADREZZATE, LEGGIUNO, MERCALLO, MONVALLE, OSMATE, RANCO, TAINO, VARANO BORGHI con il contributo per il bando 2011 _ Promuovere la

Dettagli

VALUTAZIONE DELL IMPATTO AMBIENTALE UMBRIA TRASH 2010]

VALUTAZIONE DELL IMPATTO AMBIENTALE UMBRIA TRASH 2010] www.ecocongress.it / info@ecocongress.it RESPONSABILE DELLA DIVISIONE SCIENTIFICA Dott. Flavio Scrucca scrucca@ecocongressi.it [VALUTAZIONE VALUTAZIONE DELL IMPATTO AMBIENTALE UMBRIA TRASH 2010] 2010 Relazione

Dettagli

Il trasporto è uno dei settori maggiormente responsabili delle emissioni di gas serra; in Italia

Il trasporto è uno dei settori maggiormente responsabili delle emissioni di gas serra; in Italia del trasporto dei rifiuti, mentre sarebbe interessante studiarne l impatto dal punto di vista economico ambientale. Tutti i rifiuti che vengono prodotti, del resto, sono oggetto di operazioni di trasporto,

Dettagli

Piano Energetico Comunale della Spezia

Piano Energetico Comunale della Spezia Piano Energetico Comunale della Spezia IL BILANCIO DELLE EMISSIONI DI CO 2 E DEI PRINCIPALI AGENTI INQUINANTI Codice AI-C5-08E084-09-02 Versione 02 Committente Comune della Spezia Stato del documento Bozza

Dettagli

CAPITOLO 5: IL PATTO DEI SINDACI

CAPITOLO 5: IL PATTO DEI SINDACI CAPITOLO 5: IL PATTO DEI SINDACI 5.1 Aspetti organizzativi Il Comune di Bitonto ha aderito formalmente al Patto dei Sindaci, con apposita Deliberazione Consiliare il 20 marzo 2013, ed ha avviato le procedure

Dettagli

IL CONTRIBUTO DELLA TERMOVALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ALLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI GAS CLIMALTERANTI

IL CONTRIBUTO DELLA TERMOVALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ALLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI GAS CLIMALTERANTI IL CONTRIBUTO DELLA TERMOVALORIZZAZIONE DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI ALLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI GAS CLIMALTERANTI F.Cotana, F.Asdrubali, L.Frezzini Dipartimento di Ingegneria Industriale, Università

Dettagli

Cambiamento climatico. EMISSIONI DI GAS SERRA: Cosa ha contribuito in maniera significativa alla loro riduzione?

Cambiamento climatico. EMISSIONI DI GAS SERRA: Cosa ha contribuito in maniera significativa alla loro riduzione? Cambiamento climatico EMISSIONI DI GAS SERRA: Cosa ha contribuito in maniera significativa alla loro riduzione? La sostituzione dei CFC! Un ruolo chiave è stato quello degli idrofluorocarburi (HFC) I CFC,

Dettagli

INDICE DEI CONTENUTI

INDICE DEI CONTENUTI CARBON FOOTPRINT Rapporto 2013 15/04/2014 INDICE DEI CONTENUTI IN SINTESI... 3 RILEVANZA DEL CAMBIAMENTO CLIMATICO PER IL GRUPPO MONTEPASCHI... 5 GESTIONE IMMOBILIARE... 8 MOBILITA BUSINESS... 9 ACQUISTO

Dettagli

2. Gli impegni dell Italia per la riduzione delle emissioni

2. Gli impegni dell Italia per la riduzione delle emissioni 2. Gli impegni dell Italia per la riduzione delle emissioni Nel quadro delle disposizioni stabilite dalla Conferenza di Kyoto, riconoscendo la coerenza e la validità degli orientamenti programmatici comunitari

Dettagli

4.4 Energia. 4.4.1 Indicatori

4.4 Energia. 4.4.1 Indicatori 1 Rapporto sullo Stato dell Ambiente nel Comune di Padova - 2002 91 4.4 Energia Negli ultimi 10 anni le politiche energetiche italiane ed europee si sono indirizzate verso scenari legati alle diffusioni

Dettagli

STIMA DI UN BILANCIO COMUNALE DI CO 2 MEDIANTE ELABORAZIONE DI DATI AMBIENTALI CON TECNOLOGIE GIS E DRONI

STIMA DI UN BILANCIO COMUNALE DI CO 2 MEDIANTE ELABORAZIONE DI DATI AMBIENTALI CON TECNOLOGIE GIS E DRONI STIMA DI UN BILANCIO COMUNALE DI CO 2 MEDIANTE ELABORAZIONE DI DATI AMBIENTALI CON TECNOLOGIE GIS E DRONI La pianificazione energetica Regioni e comunità a confronto Udine, 27 Giugno 2014 Dott. Alessia

Dettagli

Università degli Studi di Perugia

Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia AGGIORNAMENTO DEL PIANO ENERGETICO E AMBIENTALE DEL COMUNE DI PERUGIA Allegato C TABELLA DELLA POTENZIALITÀ DEGLI INTERVENTI Committente Comune di Perugia Luogo e Data

Dettagli

Settala ad un passo da Kyoto: un Comune poco comune

Settala ad un passo da Kyoto: un Comune poco comune Settala ad un passo da Kyoto: un Comune poco comune I consumi energetici e le emissioni a Settala A CHE PUNTO SIAMO? Irene de Piccoli - Infoenergia 2 ottobre 211 SINTESI EMISSIONI AL FASE A EMISSIONI CO

Dettagli

ACQUA MINERALE SAN BENEDETTO S.P.A. Viale Kennedy, 65 30037 Scorzè (VE)

ACQUA MINERALE SAN BENEDETTO S.P.A. Viale Kennedy, 65 30037 Scorzè (VE) ACQUA MINERALE SAN BENEDETTO S.P.A. Viale Kennedy, 65 30037 Scorzè (VE) Progetto Pilota sulla Carbon Footprint nel settore dell imbottiagliamento dell acqua in Italia in collaborazione con il Ministero

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

IL CONI PER L AMBIENTE

IL CONI PER L AMBIENTE 6 IL CONI PER L AMBIENTE LA POLITICA AMBIENTALE L IMPATTO AMBIENTALE DEL CONI 116 CONI BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2013 IL CONI PER L AMBIENTE LA POLITICA AMBIENTALE Il CONI pone una particolare attenzione

Dettagli

Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini

Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini Strumenti per ridurre consumi e costi: dall audit energetico fino ai meccanismi di finanziamento Andrea Zanfini Ottimizzazione energetica nelle imprese e nelle istituzioni Labmeeting I settori più energivori:

Dettagli

ALLEGATO B PAES Isola d Elba

ALLEGATO B PAES Isola d Elba 1. GLOSSARIO ALLEGATO B PAES Isola d Elba Attività libera:attività di installazione di impianti a fonti rinnovabili o di cogenerazione di piccole dimensioni che viene considerata libera ai sensi della

Dettagli

Cosa è il protocollo di Kyoto?

Cosa è il protocollo di Kyoto? Cosa è il protocollo di Kyoto? (in vigore dal 16 febbraio 2005) Paolo Baggio OBIETTIVO del protocollo Lottare contro i cambiamenti climatici con un'azione internazionale mirante a ridurre le emissioni

Dettagli

L applicazione del Protocollo di Kyoto: bilancio e verifica dei gas serra nelle pubbliche amministrazioni

L applicazione del Protocollo di Kyoto: bilancio e verifica dei gas serra nelle pubbliche amministrazioni L applicazione del Protocollo di Kyoto: bilancio e verifica dei gas serra nelle pubbliche amministrazioni Michela Gallo Bologna, 26 novembre 2007 1 Primati del RINA Il RINA, da sempre promotore di schemi

Dettagli

Sommario. Manuale CENED + - Vers. 1.2 Aggiornato al 21/11/2011. 16.1 Energia termica... 614. 16.2 Energia primaria... 616

Sommario. Manuale CENED + - Vers. 1.2 Aggiornato al 21/11/2011. 16.1 Energia termica... 614. 16.2 Energia primaria... 616 16 - Indicatori 611 Sommario 16.1 Energia termica... 614 16.2 Energia primaria... 616 16.3 Le note del certificatore... 620 612 Il modulo relativo agli Indicatori (1) contiene al suo interno le seguenti

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA. Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA & AMBIENTE

GUIDA ALLA LETTURA. Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA & AMBIENTE GUIDA ALLA LETTURA Leonardo Setti Polo di Rimini - Università di Bologna POLO TECNOLOGICO ENERGIA & AMBIENTE 1) Indicazioni generali 2) Spiegazione singole schede dalla n. 15 a seguire INDICAZIONI GENERALI

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile. Comune di Castegnato

Piano d Azione per l Energia Sostenibile. Comune di Castegnato Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Castegnato BASELINE EMISSION INVENTORY Codice AI-C4-11E78-11-1 Versione 1 Committente Comune di Castegnato Stato del documento Definitivo Autore f. loiodice,

Dettagli

Impronta Climatica di Prodotto L esperienza operativa di una conceria. Arzignano 18 novembre 2011 Convegno AICC Veneto

Impronta Climatica di Prodotto L esperienza operativa di una conceria. Arzignano 18 novembre 2011 Convegno AICC Veneto Impronta Climatica di Prodotto L esperienza operativa di una conceria Arzignano 18 novembre 2011 Convegno AICC Veneto Il Gruppo Dani 2010 Profilo aziendale Fatturato Addetti Struttura produttiva 120 milioni

Dettagli

DELLA SITUAZIONE NEL 2003

DELLA SITUAZIONE NEL 2003 IL MIX ENERGETICO ITALIANO: ANALISI DELLA SITUAZIONE NEL 2003 Enea Bari 1 INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. ENERGIA ELETTRICA...4 3. ENERGIA TERMICA...11 4. CONCLUSIONI...13 Enea Bari 2 1. Introduzione Ogni

Dettagli

PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE

PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE Comune di Caerano di San Marco Comune di Caerano di San Marco PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE 1 2 Indice pag. 1 INTRODUZIONE 5 1.1 Il Comune di Caerano di San Marco 9 1.2 Geografia del territorio

Dettagli

Torino, 15 novembre 2011

Torino, 15 novembre 2011 Prime esperienze a Livello Internazionale di Certificazione e definizione di Registri di Contabilizzazione delle Emissioni applicate ad Ambiti e Politiche Territoriali Prof. Ing. Domenico Andreis Torino,

Dettagli

La convenienza economica di produrre energia termica con il legno

La convenienza economica di produrre energia termica con il legno La convenienza economica di produrre energia termica con il legno Vittorio Rossi Compagnia delle Foreste Arezzo vittoriorossi@compagniadelleforeste.it Combustibili a confronto Tipo di combustibil e Prezzo

Dettagli

Piano Energetico Comunale di Prato. Relazione di Sintesi

Piano Energetico Comunale di Prato. Relazione di Sintesi Piano Energetico Comunale di Prato Relazione di Sintesi 05/06/2013 Indice 1 OBIETTIVI DEL PEC... 3 2 MODALITA OPERATIVE... 3 3 LE FASI DEL PEC... 4 4 IL PIANO D AZIONE... 7 2 1 OBIETTIVI DEL PEC Gli obiettivi

Dettagli

Michela Gallo. CE.Si.S.P. Centro per lo Sviluppo della Sostenibilità dei Prodotti Università di Genova. Pavia

Michela Gallo. CE.Si.S.P. Centro per lo Sviluppo della Sostenibilità dei Prodotti Università di Genova. Pavia La creazione e la contabilizzazione di un credito locale di CO 2 Michela Gallo CE.Si.S.P. Centro per lo Sviluppo della Sostenibilità dei Prodotti Università di Genova 13 ottobre 2008 Pavia Il Protocollo

Dettagli

LO STUDIO LCA DEL SUGHERO CORKPAN Numeri ed indicatori ambientali che confermano l'elevata eco-sostenibilità del sughero tostato Amorim

LO STUDIO LCA DEL SUGHERO CORKPAN Numeri ed indicatori ambientali che confermano l'elevata eco-sostenibilità del sughero tostato Amorim LO STUDIO LCA DEL SUGHERO CORKPAN Numeri ed indicatori ambientali che confermano l'elevata eco-sostenibilità del sughero tostato Amorim PREMESSA Negli ultimi anni il settore delle costruzioni è stato interessato

Dettagli

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO Marco Bandiera Gestione per la qualità, l ambiente e la sicurezza Bologna, 1 luglio 2009 1 Sommario Perché un sistema di gestione energetica?

Dettagli

I nostri impegni per l ambiente

I nostri impegni per l ambiente I nostri impegni per l ambiente Il Sole e la Luna ha scelto di impegnarsi quotidianamente per l ambiente, puntando sull eccellenza ambientale del marchio Ecolabel europeo per ridurre gli impatti generati

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile. Comune di Iseo

Piano d Azione per l Energia Sostenibile. Comune di Iseo Piano d Azione per l Energia Sostenibile Comune di Iseo BASELINE EMISSION INVENTORY Codice AI-C13-11E78-11-1 Versione 1 Committente Comune di Iseo Stato del documento Bozza Autore f. loiodice, ch. wolter

Dettagli

Il Piano Energetico Comunale di San Lazzaro di Savena

Il Piano Energetico Comunale di San Lazzaro di Savena Dipartimento di Chimica Industriale e dei Materiali Università di Bologna ONLUS Luce&Vita energia Noi nel nostro piccolo Il Piano Energetico Comunale di San Lazzaro di Savena Leonardo Setti Polo di Rimini

Dettagli

Consumi energetici, produzione di energia e lotta ai cambiamenti climatici nel Comune di Brescia

Consumi energetici, produzione di energia e lotta ai cambiamenti climatici nel Comune di Brescia Consumi energetici, produzione di energia e lotta ai cambiamenti climatici nel Comune di Brescia Estratto tratto dal documento RAPPORTO SULLO STATO DELL AMBIENTE NEL COMUNE DI BRESCIA- Aggiornamento della

Dettagli

BEI Baseline Emission Inventory Bilancio di energia e CO2

BEI Baseline Emission Inventory Bilancio di energia e CO2 Comune di Narni BEI Baseline Emission Inventory Bilancio di energia e CO2 Allegato I - Fattori di Emissione in ECORegion Elaborazione Fattori di Emissione in ECORegion confronto con le linee guida per

Dettagli

Limitare la Water e la Carbon Footprint: un impegno verso l ambiente

Limitare la Water e la Carbon Footprint: un impegno verso l ambiente Limitare la Water e la Carbon Footprint: un impegno verso l ambiente 05 Aprile 2013 Contenuti Carbon Footprint delle organizzazioni e di prodotto (ISO 14064 e PAS 2050/ISO 14067) Misurare l importa idrica

Dettagli

Capitolo 2. EMISSIONI DI GAS SERRA Questa è oggi la situazione in Lombardia

Capitolo 2. EMISSIONI DI GAS SERRA Questa è oggi la situazione in Lombardia Capitolo 2 EMISSIONI DI GAS SERRA Questa è oggi la situazione in Lombardia PROGETTO KYOTO LOMBARDIA I RISULTATI IN BREVE L inventario delle emissioni di gas serra in Lombardia è stato aggiornato e affinato

Dettagli

ENERGIA ENERGIA EMERGENZE ENERGETICHE ED AMBIENTALI DEI NOSTRI TEMPI PROTOCOLLO DI KYOTO. Modifica delle condizioni climatiche del pianeta

ENERGIA ENERGIA EMERGENZE ENERGETICHE ED AMBIENTALI DEI NOSTRI TEMPI PROTOCOLLO DI KYOTO. Modifica delle condizioni climatiche del pianeta EMERGENZE ENERGETICHE ED AMBIENTALI DEI NOSTRI TEMPI ENERGIA ENERGIA Mantenimento standard di vita Sviluppo delle società industriali e di quelle emergenti Inquinamento Modifica delle condizioni climatiche

Dettagli

LE FONTI DI EMISSIONE DI POLVERI SOTTILI Abstract dell'intervento al XVII Convegno Tecnico

LE FONTI DI EMISSIONE DI POLVERI SOTTILI Abstract dell'intervento al XVII Convegno Tecnico LE FONTI DI EMISSIONE DI POLVERI SOTTILI Abstract dell'intervento al XVII Convegno Tecnico Ing. Luigi Di Matteo - AUTOMOBILE CLUB D'ITALIA Il PM10, materiale particolato di diametro aerodinamico 1 inferiore

Dettagli

COMUNI SPRECONI? SERVONO CIRCA 120 MILIONI DI EURO PER IL RISPARMIO ENERGETICO

COMUNI SPRECONI? SERVONO CIRCA 120 MILIONI DI EURO PER IL RISPARMIO ENERGETICO Comunicato stampa COMUNI SPRECONI? SERVONO CIRCA 120 MILIONI DI EURO PER IL RISPARMIO ENERGETICO Servono tra i 110 e i 120 milioni di euro per ridurre gli sprechi in campo energetico dei Comuni con meno

Dettagli

Presentazione del software

Presentazione del software Presentazione del software Giuseppe Maffeis, Daniele Roncolato, Roberta Gianfreda, Giorgio Fedeli via M. Gioia 132, 20125 Milano tel: 02.8708.5650, fax: 02.9737.6569 Sito: www.co20.it, E-mail: co20@terraria.com

Dettagli

Comune di Conegliano WP 5.1.1. WP 5.1.1 - Baseline Emission Inventory - COMUNE DI CONEGLIANO. Programma Central Europe - Progetto MANERGY

Comune di Conegliano WP 5.1.1. WP 5.1.1 - Baseline Emission Inventory - COMUNE DI CONEGLIANO. Programma Central Europe - Progetto MANERGY Territorio Energia Ambiente Comune di Conegliano WP 5.1.1 BEI - Baseline Emission Inventory Programma Central Europe - Progetto MANERGY renewable energy sources WP 5.1.1 - Baseline Emission Inventory -

Dettagli

LIMITI E PROSPETTIVE DELLE FONTI RINNOVABILI IN ITALIA. Domenico Coiante

LIMITI E PROSPETTIVE DELLE FONTI RINNOVABILI IN ITALIA. Domenico Coiante LIMITI E PROSPETTIVE DELLE FONTI RINNOVABILI IN ITALIA Domenico Coiante ISAT - Istituto per le scelte ambientali e tecnologiche Roma, 11 luglio 2008 1 1 - Bilancio energetico italiano 2005 Disponibilità

Dettagli

SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI

SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE DELLE COLTURE ENERGETICHE POLIENNALI 8. SINTESI DEI RISULTATI ED INDICAZIONI PER LE POLITICHE DI SOSTEGNO ALLA DIFFUSIONE

Dettagli

PROGETTO REGES. Gruppo di Ecodinamica Dipartimento di Chimica Università degli Studi di Siena

PROGETTO REGES. Gruppo di Ecodinamica Dipartimento di Chimica Università degli Studi di Siena PROGETTO REGES Progetto per la verifica e la certificazione della Riduzione delle Emissioni di Gas a Effetto Serra per il territorio della Provincia di Siena Gruppo di Ecodinamica Dipartimento di Chimica

Dettagli

Difendiamo il nostro bene più prezioso: la Terra

Difendiamo il nostro bene più prezioso: la Terra Difendiamo il nostro bene più prezioso: la Terra Schema di documento di posizione del sistema rurale italiano rispetto alle politiche internazionali sul clima La situazione italiana Complessivamente l

Dettagli

L applicazione del sistema INEMAR: l esperienza della Lombardia

L applicazione del sistema INEMAR: l esperienza della Lombardia Convegno Gli inventari regionali delle emissioni: l esperienza e i risultati del sistema INEMAR L applicazione del sistema INEMAR: l esperienza della Lombardia Elisabetta Angelino U.O. Modellistica Atmosferica

Dettagli

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE per il Comune di Ruffano. Ing. Matteo Morelli Presentazione della bozza PAES Ruffano, 26/02/2013

IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE per il Comune di Ruffano. Ing. Matteo Morelli Presentazione della bozza PAES Ruffano, 26/02/2013 IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE per il Comune di Ruffano Ing. Matteo Morelli Presentazione della bozza PAES Ruffano, 26/02/2013 IL PIANO D AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE ANALISI DEL TERRITORIO

Dettagli

Progetto europeo PERSIL Opportunità del fotovoltaico in Provincia di Torino. Specifiche tecniche sugli impianti fotovoltaici e nuovo conto energia

Progetto europeo PERSIL Opportunità del fotovoltaico in Provincia di Torino. Specifiche tecniche sugli impianti fotovoltaici e nuovo conto energia Progetto europeo PERSIL Opportunità del fotovoltaico in Provincia di Torino Pinerolo-Nichelino-Ivrea-Collegno-Settimo T.se, 9-16-23 febbraio e 2-9 marzo 2011 Specifiche tecniche sugli impianti fotovoltaici

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali

Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto. Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali Il Ruolo degli Enti locali nel quadro degli obiettivi del Protocollo di Kyoto Giuseppe (Beppe) Gamba Kyoto Club - GdL Enti Locali PROBLEMATICHE ENERGETICHE ECONOMICHE ED AMBIENTALI SCENARI INTERNAZIONALI

Dettagli

Stima delle emissioni e del risparmio di CO2 derivanti dall adozione di tecniche di riciclaggio in sito della pavimentazione stradale

Stima delle emissioni e del risparmio di CO2 derivanti dall adozione di tecniche di riciclaggio in sito della pavimentazione stradale Stima delle emissioni e del risparmio di CO2 derivanti dall adozione di tecniche di riciclaggio in sito della pavimentazione stradale Premessa Obiettivo: stimare le emissioni di CO2 prodotte dall attività

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

L Assessore all Ambiente Gianluigi Bentoglio

L Assessore all Ambiente Gianluigi Bentoglio La conservazione ambientale e le sue problematiche spesso causate dall uomo hanno un qualcosa di positivo e stimolante, e mi spiego meglio: Tutti vorremmo un ambiente bello, pulito ed intatto, ma questo

Dettagli

L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE

L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE L OSSERVATORIO PER L AMBIENTE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE DI ROMA CAPITALE 1. PREMESSA Le trasformazioni economiche, politiche, sociali e ambientali che in questi ultimi decenni hanno investito, in modo

Dettagli

Clima e composizione dell atmosfera:

Clima e composizione dell atmosfera: Clima e composizione dell atmosfera: fatti certi e ipotesi da verificare. Maurizio Persico Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale Università di Pisa Cultura e metodo scientifico. La Limonaia, Pisa,

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile

Piano d Azione per l Energia Sostenibile Piano d Azione per l Energia Sostenibile Il Patto dei Sindaci e l Inventario di Base delle Emissioni (IBE) I incontro : consumi energetici ed emissioni di CO2 nel Preganziol 31/03/2015 Il Patto dei Sindaci

Dettagli

TRONCHETTI E PELLET DI LEGNO

TRONCHETTI E PELLET DI LEGNO TRONCHETTI E PELLET DI LEGNO UNI EN ISO 14001:2004 CERTIQUALITY È MEMBRO DELLA FEDERAZIONE CISQ SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE CERTIFICATO produttore di pellet dal 1994 Fondata nel 1969, La TiEsse di Cimadolmo

Dettagli

Relazione LCA Comparativa Infissi in Legno, PVC ed Alluminio. Commissionata da

Relazione LCA Comparativa Infissi in Legno, PVC ed Alluminio. Commissionata da Relazione LCA Comparativa Infissi in Legno, PVC ed Alluminio Commissionata da Dicembre 2012 Sommario Elementi del Sistema...3 Infisso in Legno...8 Risultati...9 Infisso in PVC...13 Risultati...14 Infisso

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Per saperne di più contattaci al numero 075.8042496 oppure mob.334.98.95.495 Ing. Beatrice Marconi mob.347.82.08.889 Ing.

Per saperne di più contattaci al numero 075.8042496 oppure mob.334.98.95.495 Ing. Beatrice Marconi mob.347.82.08.889 Ing. Per saperne di più contattaci al numero nu mob.347.82.08.889 347.82.08.889 Ing. Luca Sonno COSA E IL CONTO TERMICO? I costi energetici per il riscaldamento, pesano sul bilancio delle imprese agricole chiamate

Dettagli

Figura 4.7.1 Contributi percentuali dei macrosettori alle emissioni di metano nella provincia di Milano 1998 19% < 5%

Figura 4.7.1 Contributi percentuali dei macrosettori alle emissioni di metano nella provincia di Milano 1998 19% < 5% 4.7 IL METANO Il metano è un gas incolore e inodore, che abbonda in natura quale costituente principale del gas naturale. Buona parte delle emissioni in atmosfera derivano dalle operazioni di estrazione,

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO SETTORIALE PER L UTILIZZO DELLE BIOMASSE LEGNOSE DI ORIGINE AGRICOLA O FORESTALE A FINI ENERGETICI

ACCORDO VOLONTARIO SETTORIALE PER L UTILIZZO DELLE BIOMASSE LEGNOSE DI ORIGINE AGRICOLA O FORESTALE A FINI ENERGETICI ACCORDO VOLONTARIO SETTORIALE PER L UTILIZZO DELLE BIOMASSE LEGNOSE DI ORIGINE AGRICOLA O FORESTALE A FINI ENERGETICI Accordo volontario settoriale per l utilizzo delle biomasse legnose di origine agricola

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II

Università degli Studi di Napoli Federico II Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Edile, Civile e Ambientale Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Abstract

Dettagli

ELEMENTI CHIAVE. Allocazione di risorse (umane e finanziarie) per realizzazione di azioni e monitoraggio

ELEMENTI CHIAVE. Allocazione di risorse (umane e finanziarie) per realizzazione di azioni e monitoraggio Il Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) del Comune di Napoli Prof. Massimo Dentice d Accadia Università degli Studi di Napoli Federico II Dipartimento di Ingegneria Industriale Il PAES è il

Dettagli

Green Energy Audit: Audit Energetico Sostenibile Dalla valorizzazione energetica alla valorizzazione ambientale

Green Energy Audit: Audit Energetico Sostenibile Dalla valorizzazione energetica alla valorizzazione ambientale Green Energy Audit: Audit Energetico Sostenibile Dalla valorizzazione energetica alla valorizzazione ambientale AGOMENTI TRATTATI Concetti generali che stanno alla base dell Energy Audit Differenze tra

Dettagli

IL BILANCIO ENERGETICO DELL EDIFICIO SECONDO SECONDO LE NORME UNI TS/ 11300 parte 3 e 4 Modulo III

IL BILANCIO ENERGETICO DELL EDIFICIO SECONDO SECONDO LE NORME UNI TS/ 11300 parte 3 e 4 Modulo III IL BILANCIO ENERGETICO DELL EDIFICIO SECONDO SECONDO LE NORME UNI TS/ 11300 parte 3 e 4 Modulo III UNI/TS 11300-3: determinazione del fabbisogno di energia primaria e dei rendimenti per la climatizzazione

Dettagli

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia

Energia. RSA Provincia di Milano. Energia RSA Provincia di Milano Energia Fig. 1: consumi elettrici per ciascun settore La produzione e il consumo di energia hanno impatto dal punto di vista ambientale, soprattutto per ciò che riguarda il consumo

Dettagli

ESERCITAZIONE PRATICA: L INVENTARIO DELLE EMISSIONI E L ELABORAZIONE DEL BILANCIO ENERGETICO LOCALE

ESERCITAZIONE PRATICA: L INVENTARIO DELLE EMISSIONI E L ELABORAZIONE DEL BILANCIO ENERGETICO LOCALE ESERCITAZIONE PRATICA: L INVENTARIO DELLE EMISSIONI E L ELABORAZIONE DEL BILANCIO ENERGETICO LOCALE Confini, campo di applicazione e settori Comune Residenza Industria Terziario pubblico QUALI SETTORI

Dettagli

LA MIA IMPRONTA AMBIENTALE ED ENERGETICA SCHEDA PER AUTOCOMPILAZIONE E AUTOVALUTAZIONE

LA MIA IMPRONTA AMBIENTALE ED ENERGETICA SCHEDA PER AUTOCOMPILAZIONE E AUTOVALUTAZIONE propone: LA MIA IMPRONTA AMBIENTALE ED ENERGETICA SCHEDA PER AUTOCOMPILAZIONE E AUTOVALUTAZIONE Prendendo a riferimento la propria abitazione, cioè un contesto di servizi verificabili (riscaldamento ambienti

Dettagli

Efficienza energetica negli edifici

Efficienza energetica negli edifici Efficienza energetica negli edifici Marco Filippi Dipartimento di Energetica, Politecnico di Torino data conferenza In Italia si contano circa 13 milioni di edifici, di cui l 85% sono a destinazione residenziale,

Dettagli

IIS Giovanni Dalmasso VIA CLAVIERE, 10 PIANEZZA(TO)

IIS Giovanni Dalmasso VIA CLAVIERE, 10 PIANEZZA(TO) IIS Giovanni Dalmasso VIA CLAVIERE, 10 PIANEZZA(TO) Calcolo Carbon Footprint personale A.S. 2014-2015 Allievo: Stefano Tarizzo 1 INDICE Cap. 1 Definizione di Carbon Footprint pag. 3 Tab. 1 pag. 3 Cap.

Dettagli

CONVEGNO L ATTUAZIONE DEI PAES Adempimenti a carico dell Energy Manager Napoli 10 aprile 2015

CONVEGNO L ATTUAZIONE DEI PAES Adempimenti a carico dell Energy Manager Napoli 10 aprile 2015 DIPARTIMENTO DIPARTIMENTO DI DI SCIENZE SCIENZE E E TECNOLOGIE TECNOLOGIE AMBIENTALI AMBIENTALI DELLA DELLA SECONDA SECONDA UNIVERSITA UNIVERSITA DI DI NAPOLI NAPOLI ORDINE ORDINE DEGLI DEGLI INGEGNERI

Dettagli

Procedure di base finalizzate all efficienza energetica

Procedure di base finalizzate all efficienza energetica Energia del futuro: l efficienza nei sistemi energetici del territorio 17-18 maggio 2014 Hotel Splendid Baveno, via Sempione 12 Procedure di base finalizzate all efficienza energetica prof. Marco Carlo

Dettagli

Prospettive dell efficienza energetica e rinnovabili termiche Roma 7 Febbraio 2013. Gestione forestale e biomasse termiche Vito Pignatelli

Prospettive dell efficienza energetica e rinnovabili termiche Roma 7 Febbraio 2013. Gestione forestale e biomasse termiche Vito Pignatelli Prospettive dell efficienza energetica e rinnovabili termiche Roma 7 Febbraio 2013 Gestione forestale e biomasse termiche Vito Pignatelli Solare 11% Consumi finali di energia da fonti rinnovabili in Italia

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA SCOPI PROCEDURE SVILUPPI

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA SCOPI PROCEDURE SVILUPPI LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA SCOPI PROCEDURE SVILUPPI PREMESSE A breve tempo, le indicazioni emerse dagli studi statistici compiuti, hanno evidenziato che la dipendenza energetica dell UE dalle fonti energetiche

Dettagli

II report monitoraggio anno 2008 Piano di Gestione della Qualità dell'aria

II report monitoraggio anno 2008 Piano di Gestione della Qualità dell'aria II report monitoraggio anno 2008 Piano di Gestione della Qualità dell'aria Scopo del report Il monitoraggio del piano presentato in questo rapporto ha lo scopo di fornire alla Conferenza dei Sindaci un

Dettagli

caldaia a gas modelli a condensazione e modelli ad alta efficienza

caldaia a gas modelli a condensazione e modelli ad alta efficienza 6 La caldaia a gas modelli a condensazione e modelli ad alta efficienza 47 Consigli generali Lo sapete che In media una famiglia italiana spende ogni anno circa 500 per il riscaldamento, che rappresenta

Dettagli

Comune di Udine Pianificazione Energetica

Comune di Udine Pianificazione Energetica Comune di Udine Pianificazione Energetica Pianificazione Energetica: procedura PIANIFICAZIONE ENERGETICA RACCOLTA DATI ANALISI DATI DEFINIZIONE BASELINE BILANCIO ENERGETICO INCIDENZA CONSUMI/EMISSIONI

Dettagli