ALLEGATO TECNICO AL REPORT GHG: Inventario delle Emissioni di Gas ad Effetto Serra (GHG) secondo quanto stabilito da norma UNI EN ISO :2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALLEGATO TECNICO AL REPORT GHG: Inventario delle Emissioni di Gas ad Effetto Serra (GHG) secondo quanto stabilito da norma UNI EN ISO 14064-1:2012"

Transcript

1 ALLEGATO TECNICO AL REPORT GHG: Inventario delle Emissioni di Gas ad Effetto Serra (GHG) secondo quanto stabilito da norma UNI EN ISO :2012 Organizzazione: AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI FOLGARIA Anno di riferimento 2012 Situazione Revisioni Revisione Data Motivazione 00 25/07/2013 Prima emissione 01 01/10/2013 Revisione Revisione Studio Alfa Srl Ladurner Energy Srl EMISSIONE VERIFICA APPROVAZIONE 1

2 1. PREMESSA NORMA UNI EN ISO INQUADRAMENTO GENERALE LA NORMA UNI EN ISO APPLICATA AL CASO STUDIO COMUNE DI FOLGARIA L ORGANIZZAZIONE METODO DI CALCOLO DELLE EMISSIONI GHG PROTOCOL PERIODO DI TEMPO COPERTO DAL RAPPORTO ANNO DI RIFERIMENTO METODOLOGIA DI QUANTIFICAZIONE PROCEDURA PER L AGGIORNAMENTO DEL REPORT GHG DELL ANNO DI RIFERIMENTO (2012) DISPONIBILITA DEL DATO DI ATTIVITA AFFIDABILITA DEL FATTORE DI EMISSIONE SINTESI DEI DATI UTILIZZATI NEL CALCOLO QUANTIFICAZIONE E RENDICONTAZIONE EMISSIONI SCOPE 1 - EMISSIONI DIRETTE SCOPE 2 - EMISSIONI INDIRETTE AZIONI COMPENSATIVE/MITIGATIVE SINTESI DEI CALCOLI ANALISI DELL INCERTEZZA GESTIONE E VERIFICA DEI DATI RESPONSABILE DELLA PREDISPOSIZIONE E AGGIORNAMENTO DEL REPORT GHG ALLEGATI TERMINI E DEFINIZIONI (NORMA UNI EN ISO ) TABELLA GHG E GWP CONTENUTI IN ALLEGATO C DELLA NORMA UNI ISO EN TABELLA PARAMETRI STANDARD NAZIONALI (FONTE ISPRA) CALCOLO EMISSIONI GAS SERRA DA CONSUMO/PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA CALCOLO EMISSIONI GAS SERRA LEGATE AL PARCO VEICOLARE COMUNALE CALCOLO EMISSIONI GAS SERRA RIFERITE ALL ESERCIZIO DEL TRENINO COMUNALE METODOLOGIA DI FISSAZIONE CO 2 NEGLI IMPIANTI DI ARBORICOLTURA DA LEGNO CONSUMI DI GAS METANO E GASOLIO CONSUMI ELETTRICI CONSUMI FLOTTA COMUNALE PIANO DI ASSESTAMENTO COMUNE DI FOLGARIA LIBRETTO IMPIANTO REFRIGERANTE PALAGHIACCIO BIBLIOGRAFIA

3 1. PREMESSA I cambiamenti climatici sono stati universalmente definiti come una delle più importanti sfide che le organizzazioni, i governi, i sistemi economici ed i cittadini dovranno affrontare nei prossimi decenni. Nello specifico, i cambiamenti climatici influenzano in modo diretto sia i sistemi naturali, sia quelli legati all uomo, e da essi può dipendere il futuro approccio all utilizzo di risorse prime, processi produttivi e attività economiche. All interno dei rapporti periodici realizzati dall Intergovernamental Panel on Climate Change (IPCC) si definisce che le ultime evidenze del surriscaldamento globale sono inequivocabilmente le peggiori di sempre e che il 90% di tale riscaldamento è causato da attività di origine antropica. I principali gas aventi effetto serra risultanti da attività antropiche, così come indicato nel Protocollo di Kyoto, sono l anidride carbonica (CO 2 ), il metano (CH 4 ), il protossido di azoto (N 2 O), gli idrofluorocarburi (HFC), i perfluorocarburi (PFC) e l esafluoruro di zolfo (SF 6 ). Il GHG di maggior rilievo è sicuramente rappresentato dall anidride carbonica (CO 2 ). Detto gas si sprigiona principalmente dalla combustione del carbonio, che è il quarto elemento più abbondante nell universo in termini di massa, dopo l idrogeno, l elio e l ossigeno. Dai fenomeni di combustione di fonti fossili, come il carbone o il petrolio o il metano, si sprigiona anidride carbonica. L anidride carbonica sprigionata e presente in atmosfera incide direttamente sull azione di effetto sera e riscaldamento globale del pianeta. La realizzazione di un preciso e dettagliato report di quantificazione e rendicontazione di emissioni di GHG può migliorare la conoscenza dell organizzazione in merito alle proprie emissioni, così come in relazione agli eventuali rischi ambientali cui potrebbe esporsi a causa di GHG emessi. Inoltre attraverso un analisi dettagliata delle emissioni si potranno prevedere una serie di attività ed azioni dirette alla compensazione e mitigazione delle emissioni stesse, ottenendo un risultato di beneficio ambientale comune. L organizzazione Amministrazione Comunale di Folgaria, ha predisposto il seguente documento con l obiettivo di realizzare un inventario verificato delle emissioni e degli assorbimenti di CO 2 associati alla propria attività, esercitata su territorio comunale. 3

4 2. NORMA UNI EN ISO INQUADRAMENTO GENERALE Il sistema della normazione tecnica internazionale (ISO) ha istituito un gruppo di lavoro con l obiettivo di elaborare un progetto di norma che rispondesse all esigenza di delineare una metodologia di lavoro basata su un approccio scientifico e sistematico, in materia di studio delle emissioni di gas serra GHG. È così nato il progetto di norma che ha portato all emissione, da parte di ISO delle norme della serie ISO Greenhouse gases, suddivise in tre parti: 1. ISO Greenhouse gases Part 1: Specification for the quantification, monitoring and reporting of project emissions and removals ; 2. ISO Greenhouse gases Part 2: Specification for the quantification, monitoring and reporting of project emissions and removals ; 3. ISO Greenhouse gases Part 3: Specification and guidance for validation and verification. recepite, in Italia dall UNI nell Aprile 2007 e successivamente dal CEN nel La norma UNI EN ISO specifica i principi e i requisiti, al livello dell organizzazione, per la quantificazione e la rendicontazione delle emissioni di gas ad effetto serra (GHG) e della loro rimozione. Essa include i requisiti per la progettazione, lo sviluppo, la gestione, la rendicontazione e la verifica dell inventario dei gas ad effetto serra di un organizzazione. La norma UNI EN ISO specifica i principi ed i requisiti e fornisce una guida, al livello di progetto, per la quantificazione, il monitoraggio e la rendicontazione delle attività destinate a ridurre le emissioni di gas ad effetto serra o ad aumentarne la rimozione. Essa comprende i requisiti per pianificare un progetto relativo ai gas ad effetto serra. Oltre ad identificare e selezionare le sorgenti, gli assorbitori di CO 2 ed i serbatoi di carbonio pertinenti al progetto ed allo scenario di riferimento, questa parte della norma è utilizzata anche per monitorare, quantificare, documentare e rendicontare le prestazioni dei progetti relativi ai gas ad effetto serra e per gestire la qualità dei dati. La norma UNI EN ISO specifica i principi e i requisiti e fornisce una guida per coloro che conducono o gestiscono la validazione e/o verifica delle asserzioni relative ai gas ad effetto serra a livello di organizzazione o di progetto, compresi la quantificazione, il monitoraggio e la rendicontazione effettuati in conformità alla UNI EN ISO o alla UNI EN ISO La norma specifica i requisiti per selezionare i validatori/verificatori, per stabilire il livello di accuratezza, gli obiettivi, i crediti ed il campo di 4

5 applicazione. La norma UNI EN ISO è usata anche per determinare l approccio della validazione/verifica, per valutare i dati relativi ai gas ad effetto serra, le informazioni, i sistemi informativi ed i controlli, per valutare le asserzioni relative ai gas emessi e per preparare le dichiarazioni di verifica. Nello specifico, l utilizzo della UNI EN ISO 14064: - aumenta l integrità ambientale con una corretta quantificazione dei gas serra emessi; - aumenta la credibilità, coerenza e trasparenza della quantificazione dei gas serra, compresi la riduzione delle emissioni e l aumento della rimozione nei progetti relativi ai gas serra; - facilita lo sviluppo e l attuazione di strategie e piani di gestione delle emissioni da parte dell organizzazione; - facilita lo sviluppo e l attuazione di progetti relativi ai gas serra; - facilita l abilità di seguire l evoluzione delle prestazioni e dei progressi nella riduzione delle emissioni e/o nell aumento della rimozione dei gas serra; - facilita l attribuzione di crediti e lo scambio di quote delle riduzioni delle emissioni o dell aumento della rimozione dei gas serra. 5

6 2.2 LA NORMA UNI EN ISO APPLICATA AL CASO STUDIO COMUNE DI FOLGARIA L organizzazione Amministrazione Comunale di Folgaria, nella rendicontazione delle emissioni legate alla sua attività, si è direttamente ispirata ai principi della norma che si possono sintetizzare in: PERTINENZA e COMPLETEZZA (l inventario realizzato include tutte le emissioni pertinenti con obiettivi fissati, e coerenti con quelle inserite nel campo di applicazione), COERENZA (l inventario è stato realizzato mediante la coerente selezione ed applicazione dei fattori di emissione selezionati), ACCURATEZZA (la metodologia adottata per realizzare l inventario è tale da ridurre errori sistematici e incertezze per quanto possibile), TRASPARENZA (la metodologia adottata consente la comunicazione all esterno dell organizzazione dei dati relativi alle misure delle emissioni GHG). La quantificazione delle emissioni di gas serra (GHG) avviene attraverso un approccio analitico in grado di identificare: -le emissioni dirette: la norma si riferisce a tutte quelle emissioni di GHG che sono rilasciate direttamente dall organizzazione (Ente); -le emissioni indirette: la norma si riferisce a tutte quelle emissioni legate alla fornitura di energia elettrica, calore o vapore, prodotti esternamente ma in utilizzo dall organizzazione (Ente); -altre emissioni indirette: la norma si riferisce a tutte quelle emissioni quali trasporto di materiali, dei prodotti, di persone, dei rifiuti di un organizzazione da parte di un altra organizzazione, viaggi per raggiungere il posto di lavoro e viaggi di lavoro, emissione di GHG derivanti dalla produzione e dalla distribuzione di prodotti correlati all energia ma diversi da elettricità, emissioni di GHG derivanti dalle fasi di utilizzo e fine vita di prodotti e servizi dell organizzazione, emissione di GHG dalla produzione di materie prime. La rendicontazione delle emissioni dei gas serra GHG sarà convertita in tonnellate di CO 2 equivalente (CO 2 e), utilizzando gli appropriati GWP (Global Warming Pontential): fattore che descrive l impatto come forza radiante di un unità di massa di un dato GHG rispetto ad un unità equivalente di biossido di carbonio nell arco di un determinato periodo di tempo. In Allegato (Capitolo 8) si riporta la tabella C.1. allegato C della Norma UNI EN ISO , contenente l elenco dei gas serra (GHG), della loro composizione chimica e degli specifici fattori GWP per la conversione dei gas serra in CO 2 equivalente (CO 2 e). La Norma UNI EN ISO (GHG Greenhouse gases) si riferisce alla contabilizzazione delle quantità di CO 2 equivalente (CO 2 e), sulla base del calcolo dei seguenti Gas Serra (GHG): anidride carbonica (CO 2 ), metano (CH 4 ), protossido d azoto (N 2 O), idrofluorocarburi (HFC), perfluorocarburi (PFC) ed esafluoruro di zolfo (SF 6 ). 6

7 Nel presente studio sono state trascurate, per ogni componente studiata, le emissioni dei gas fluorurati (HFC, PFC, SF 6 ) in quanto risulta presente un solo impianto che può emettere detti gas (Impianto refrigerante del Palaghiaccio) all interno delle attività dell Organizzazione Comune di Folgaria, tuttavia dal libretto d impianto e dai controlli effettuati annualmente vengono dichiarate nulle le emissioni (si rimanda all Allegato Capitolo 8). Si precisa inoltre che a livello nazionale, essi contribuiscono per meno dell 1% sul totale delle emissioni (APAT, 2008). In ultimo, in riferimento a quanto previsto dalla Norma UNI EN ISO 14064, si specifica che è riportata la stima percentuale dei livelli di incertezza associati ai dati utilizzati ed ai fattori di emissione impiegati. Sulla base di questa valutazione può essere definita l incertezza dell intero bilancio di quantificazione e di rendicontazione delle emissioni di CO 2 e. 7

8 3. L ORGANIZZAZIONE L organizzazione Amministrazione Comunale di Folgaria opera all interno del territorio comunale di Folgaria; quest ultimo è localizzato nel Trentino sud-orientale, a 18 km dalla città di Rovereto e a 28 km da Trento. Folgaria è una nota stazione turistica estiva e invernale ed è il quarto comune della Provincia di Trento per estensione territoriale. I confini operativi legati allo studio di quantificazione e rendicontazione delle emissioni di CO 2 e sono relativi all Organizzazione Amministrazione Comunale di Folgaria ed alle attività da essa svolte sul territorio comunale. Si consideri che l Organizzazione Amministrazione Comunale di Folgaria risulta avere quota di partecipazione nelle seguenti aziende nell anno 2012: Azienda per il Turismo degli Altipiani di Folgaria Lavarone e Luserna Società Consortile per Azioni, Carosello SKI Folgaria SpA, Impianto Maso SpA, Alpe di Folgaria Consortile SpA, Associazione Altopiano Iniziative, Consorzio Vigilanza Boschiva tra i Comuni di Folgaria e Terragnolo. Tuttavia il presente studio si riferisce solo ed esclusivamente alle azioni che l Organizzazione Amministrazione Comunale di Folgaria realizza in modo diretto sul territorio, non considerando quindi le attività delle altre aziende sopra citate, pertanto si può concludere che l Organizzazione contabilizza tutte le emissioni e/o rimozioni di GHG quantificate dalle installazioni/attività sulle quali essa ha il controllo operativo. L Organizzazione Amministrazione Comunale di Folgaria è formata dal Sindaco coadiuvato da 19 Consiglieri Comunali. La Giunta comunale è composta dallo stesso Sindaco e da 6 Assessori tra i quali il Vicesindaco. La dotazione organica teorica del personale del Comune, come delineata dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 29 di data , comprende 53 posti (di cui 4 ad esaurimento), tra questi 5 posti sono a tempo parziale e 6 stagionali (2 agenti di polizia municipale e 4 operai). Alla dotazione organica si aggiungono, extraorganico, la squadra boscaioli composta da n. 6 unità e la squadra del verde di n. 2 unità, con contratto di diritto privato, nonché 2 ausiliari ad orario ridotto per le scuole materne di Folgaria e Nosellari. Il totale teorico del fabbisogno di personale del Comune assomma a n. 59 dipendenti (63 posti meno 4 ad esaurimento). La dotazione organica effettiva, ossia il personale in servizio, nel corso del 2011 è di 41 dipendenti,di cui 5 stagionali (3 agenti di polizia municipale e 2 operai), che sommati al personale extraorganico costituito da n. 2 ausiliarie a tempo parziale per le scuole materne di Nosellari e di Folgaria, a n. 6 boscaioli ed a n.2 operai agricoli, portano il totale del personale in servizio a n. 51 dipendenti. 8

9 Le aree dell organizzazione comunale che amministrano e gestiscono il bene energia sono di seguito riportate: Amministrativa: comprende i servizi segreteria e affari generali, il servizio biblioteca, i servizi demografici e il servizio di polizia municipale. Per quanto riguarda il settore energia hanno rilevanza le attività amministrative inerenti la gestione delle opere pubbliche, il patrimonio silvo-pastorale, la gestione associata del servizio idrico, il consorzio di vigilanza boschiva. Contabile: comprende gli uffici ragioneria e tributi entrate patrimoniali. Per quanto riguarda il settore energia hanno rilevanza le attività di bilancio e della sua gestione, l inventario e l economato. Tecnica: comprende i servizi edilizia privata e urbanistica, ambiente e patrimonio, lavori pubblici e servizi. Di seguito vengono descritti i singoli ruoli e competenze per quanto concerne il settore energia. Rappresentante della Direzione per il SGE (RSGE): La Giunta Comunale ha provveduto alla nomina di un Capo ufficio tecnico il quale svolge anche la funzione di Responsabile/Implementatore del SGE Rappresentante della Direzione (RSGE), per lo svolgimento di tutte le attività operative direttamente ed indirettamente connesse con l implementazione del Sistema di Gestione dell Energia, al quale sono delegate in particolare le seguenti funzioni: -valutare l efficacia del Sistema; -effettuare audit sul Sistema; -assicurare che i requisiti del Sistema di Gestione dell Energia siano stabiliti, applicati e mantenuti in conformità con la Norma di riferimento; -riferire alla Direzione sulle prestazioni del Sistema al fine del riesame e del miglioramento. -revisionare, aggiornare e divulgare la documentazione del Sistema; -evidenziare problemi del Sistema; -verificare l attuazione di eventuali azioni correttive e preventive; -pianificazione e determinazione budget energetico e di miglioramento. La scelta del Rappresentante della Direzione, garantisce che questa figura, possieda competenze e qualifiche appropriate nel campo dell'energia e del miglioramento dell'efficienza energetica. RSGE, come previsto dai requisiti della Norma ISO 50001, dipende direttamente dalla Direzione ed è indipendente da ogni altro organismo aziendale: rende conto del proprio operato solo alla Direzione e verifica la continua attuazione dei contenuti energetici della Politica Ambiente, Energia del Comune di Folgaria. 9

10 Uso razionale dell Energia Energy Manager locale: gestisce l uso dell energia (elettrica, gas, gasolio) ha il compito di raccogliere monitorare e informare gli altri uffici e l Amministrazione Comunale dell andamento e ha come obiettivo di: -migliorare il livello di efficienza energetica e di proporre soluzioni e progetti di miglioramento; -compilare e gestire le attività previste dalla Leggi cogenti (dati di produzione energia, dati su sito Trenta, denuncia annuale, ecc.); -consuntivazione dei dati Budget (una volta l anno) e condivisione con la Direzione dei nuovi progetti (speciali) approvati a Budget; -integrare e sviluppare politiche energetiche per le attività di uso razionale dell energia; -per il triennio questa funzione porterà avanti le attività di certificazione per il Comune di Folgaria e il mantenimento del sistema stesso. Cantiere Comunale: svolge attività di manutenzione e controllo per quanto concerne gli immobili di proprietà comunale, la rete di illuminazione pubblica ecc. secondo quanto disposto dall ufficio tecnico e dalle procedure di riferimento. Si riporta di seguito l elenco delle installazioni/attività ricomprese all interno dei confini organizzativi e di cui l Organizzazione dispone del pieno controllo: Attività di gestione di edifici pubblici, Attività di utilizzo mezzi pubblici e trenino comunale, Attività di produzione di energia da fonti rinnovabili tramite impianti FER pubblici. 10

11 4. METODO DI CALCOLO DELLE EMISSIONI 4.1 GHG PROTOCOL Le linee guida del GHG Protocol richiedono che le emissioni di GHG siano stimate distinguendo tra quelle dirette e quelle indirette, che sono quindi classificate in tre categorie. Di seguito si descrivono in modo completo i tre campi d applicazione (o Scope) possibili: a) Scope 1: Emissioni dirette Emissioni derivanti dalla combustione diretta di combustibili fossili, principalmente il gas utilizzato per il riscaldamento, per la produzione di energia elettrica e termica in sito, per il rifornimento di veicoli di trasporto; le fonti delle emissioni classificate come Scope 1 sono possedute e controllate direttamente dall organizzazione (Ente) e le conseguenti emissioni avvengono direttamente all interno dei confini scelti. b) Scope 2: Emissioni indirette da consumo di energia esterna Emissioni derivanti dalla combustione di carburanti per la produzione dell energia elettrica o termica importata dall organizzazione (Ente); l importatore è indirettamente responsabile per le emissioni generate dal fornitore per la produzione dell energia richiesta. c) Scope 3: Altre emissioni indirette Emissioni derivanti dai prodotti e servizi utilizzati dall organizzazione (Ente), quali le emissioni generate dai viaggi di lavoro, dai beni utilizzati, dalla mobilità dei lavoratori, ecc.; nello scope 3 sono incluse anche le emissioni di GHC legate alla catena di approvvigionamento dei combustibili. Il confine dello Scope è concordato dall organizzazione e generalmente è necessario includere nello Scope 3 solo quello che l organizzazione può quantificare e influenzare. Il calcolo delle emissioni sviluppato nel presente documento tiene in considerazione tutti e tre i campi di applicazione (Scope 1, Scope 2 e Scope 3), così come descritto nel documento GHG Protocol. 4.2 PERIODO DI TEMPO COPERTO DAL RAPPORTO L analisi e quantificazione dei GHG è stata effettuata relativamente all anno L organizzazione prevede annualmente, successivamente alla verifica del presente report, l aggiornamento del calcolo, ricercando un graduale miglioramento nella qualità dei dati in input e output al protocollo di calcolo. 11

12 4.3 ANNO DI RIFERIMENTO L anno di riferimento considerato nello studio di quantificazione e rendicontazione delle emissioni di gas ad effetto serra per l organizzazione Amministrazione Comunale di Folgaria è il METODOLOGIA DI QUANTIFICAZIONE La metodologia di quantificazione delle emissioni di gas ad effetto serra è basata su calcoli. All interno dei confini organizzativi ed operativi stabiliti sono state identificate le fonti di emissioni di GHG e sono stati raccolti i dati disponibili, al fine di quantificare le emissioni di GHG. La metodologia di calcolo utilizzata è basata sulla moltiplicazione tra il Dato attività, che quantifica l attività, e il corrispondente Fattore di emissione, considerando inoltre il coefficiente GWP di trasformazione in CO 2 e partendo dalle differenti emissioni. Emissione di GHG = Dato attività * EF * GWP dove: Emissione di GHG è la quantificazione dei GHG emessi dall attività, espressa in termini di tonnellate di CO2 (tco2) o tonnellate di CO2 equivalente (tco2e); Dato attività è la quantità, generata o utilizzata, che descrive l attività, espressa in termini di energia (J o MWh), massa (Kg) o volume (m 3 o l); EF è il fattore di emissione che trasforma la quantità nella conseguente emissione di emissione di GHG, espressa in CO2 emessa per unità di dato attività; GWP "Global Warming Potential" coefficienti GWP da IPCC utilizzati per convertire le emissioni dei singoli gas serra in emissioni di CO 2 e. 12

13 4.5 PROCEDURA PER L AGGIORNAMENTO DEL REPORT GHG DELL ANNO DI RIFERIMENTO (2012) I criteri e le procedure necessari all aggiornamento del Report GHG dell anno di riferimento (2012) sono esplicitate nel Manuale di Procedura Interna. 4.6 DISPONIBILITA DEL DATO DI ATTIVITA La verifica di disponibilità del dato di attività esprime una valutazione riguardo la disponibilità del dato, e riguardo il suo sistema di stima, accuratezza; serve inoltre per definire se il sistema di registrazione necessita miglioramenti. Di seguito è assegnata tale valutazione su una scala che va da 1 al 3 come segue: Disponibilità del dato attività 1 Dati non disponibili 2 Dati stimati 3 Dati calcolati accuratamente o misurati in modo affidabile Valori inferiori a 3 si riferiscono ad una situazione in cui l opportunità di migliorare la raccolta dati deve essere presa in considerazione. 4.7 AFFIDABILITA DEL FATTORE DI EMISSIONE L affidabilità del fattore di emissione esprime una valutazione riguardo la disponibilità del dato, e riguardo la sua fonte; serve inoltre per definire se il sistema di registrazione necessita miglioramenti. Di seguito è assegnata tale valutazione su una scala che va da 1 al 3 come segue: 1 Assenza di fattori di emissione Affidabilità del fattore di emissione Affidabilità del Fattore di emissione 2 3 Fattori di emissione riportati in riviste o database scientifici, ma non completamente rappresentativi delle condizioni del sito Fattori di emissione riportati da organizzazioni nazionali o internazionali o misurati in accordo con gli standard internazionali, e completamente rappresentativi delle condizioni del sito Valori inferiori a 3 si riferiscono ad una situazione in cui l opportunità di migliorare la raccolta dei fattori di emissione deve essere presa in considerazione. 13

14 4.8 SINTESI DEI DATI UTILIZZATI NEL CALCOLO Di seguito si sintetizzano i dati delle attività considerate e i fattori di emissione considerati, la loro fonte di provenienza, ed il grado di valutazione attribuito (nr). DATI ATTIVITA 1. Riscaldamento Edifici Pubblici: Dati relativi al consumo di combustibile (Gas Metano e Gasolio) desunti dalle fatture comunali dell anno 2012, e relativi all attività di riscaldamento e produzione di acqua calda sanitaria di tutti gli immobili di proprietà comunale; (3) 2. Consumo Energia Elettrica: Dati relativi al consumo di energia elettrica di tutti gli immobili di proprietà comunale e di tutti gli impianti di illuminazione pubblica, desunti dalle fatture comunali e riferiti all anno 2012; (3) 3. Carburante: Dati relativi ai consumi di carburante di tutti i mezzi comunali riferiti all anno 2012, ed estrapolati dalle carte carburante comunali; (3) 4. Km percorsi: Dati relativi ai km percorsi dal trenino comunale riferiti all anno 2012, e forniti direttamente dall Ente Comune; (3) 5. Produzione Energia Elettrica: Dati relativi alla produzione di energia elettrica di tutti gli impianti FER di proprietà comunale attualmente in funzione, desunti dalle fatture comunali e riferiti all anno 2012; (3) 6. Area a verde: Dati relativi alla superficie forestale del territorio comunale, di proprietà dell Ente Comune, desunti dal Piano di Assestamento Forestale del Comune di Folgaria (3). FATTORI DI EMISSIONE 1. Fattori Emissioni da utilizzo combustibili: coefficienti tratti da Inventario Nazionale UNFCCC (media dei valori degli anni ) utilizzabili per il calcolo della CO 2 nell anno 2012 (Fonte Ispra2012), si rimanda al capitolo 8 Allegati; (3) 2. Fattori Emissioni da utilizzo/produzione energia elettrica: coefficiente di trasformazione associato al valore medio del mix energetico italiano da Fonte Ispra, si rimanda al capitolo 8 Allegati; (2) 3. Fattori Emissioni da traffico veicolare: per l individuazione dei coefficienti utili al calcolo delle emissioni di gas serra legate al traffico veicolare si è fatto riferimento a quanto approfondito da Ispra-Sinanet, si rimanda al capitolo 8 Allegati; (3) 4. Fattore assorbimento CO 2 di piante: Dato stimato da studi realizzati da Università degli Studi di Bologna, Politecnico di Milano e WWF, da cui si evince un valore medio, si rimanda al capitolo 8 Allegati (2). 14

15 5. QUANTIFICAZIONE E RENDICONTAZIONE EMISSIONI Di seguito si riportano i dati riferiti alla quantificazione ed alla rendicontazione delle emissioni GHG ascrivibili all Organizzazione Amministrazione Comunale di Folgaria. 5.1 SCOPE 1 - EMISSIONI DIRETTE RISCALDAMENTO Si riportano di seguito i consumi energetici ad utilizzo termico delle utenze comunali (per produzione riscaldamento e acqua calda sanitaria), ricavati dall analisi delle fatture comunali relative all utilizzo di gas metano e gasolio, per l anno In allegato inoltre si riportano i dati dettagliati dei consumi forniti dall amministrazione comunale. COMBUSTIBILE/MATERIALE Consumi anno 2012 Unità di misura Gas Naturale (metano) Std m3 Gasolio riscaldamento litri Figura Consumi gas metano e gasolio di edifici comunali Anno 2012 Si utilizzano ai fini del calcolo i coefficienti riportati di seguito e desunti dall inventario nazionale UNFCCC (capitolo 8 Allegati): COMBUSTIBILE/MATERIALE Fattore Emissione (t CO2/TJ) Gas Naturale (metano) 56,00 Gasolio riscaldamento 74,438 Figura Coefficienti di conversione Si utilizzano ai fini del calcolo i coefficienti riportati di seguito e desunti dall inventario IPCC, 2006: Combustibile EF kg CH4 / TJ EF kg N2O / TJ Gasolio per riscaldamento 3,0 0,6 Gas Naturale (metano) 1,0 0,1 Figura Fattori di emissione kg/tj (IPCC 2006) Inoltre si specifica che per il consumo di metano è stato utilizzato un potere calorifico inferiore pari 34,518 x 10-6 TJ/m3 indicato dal fornitore; per il consumo di gasolio sono stati utilizzati i seguenti dati: potere calorifico inferiore: 42,62 x 10-6 TJ/kg indicato in Allegato 8, valore di densità del gasolio pari a 0,835 kg/l tratto da bibliografia di valore medio di mercato. 15

16 Utilizzo Metano Rendicontazione Utilizzo Metano (kg CO 2 e/anno) = Σ(Cm x FDC 1 x GWP i ) Dove: Cm = utilizzo di metano desunto dai consumi annuali comunali; FDC 1 = fattore di emissione da TJ di metano a kg gas serra emesso, capitolo 8 Allegati; GWP i = "Global Warming Potential" coefficienti GWP da IPCC utilizzati per convertire le emissioni dei singoli gas serra in emissioni di CO 2 e, capitolo 8 Allegati. Utilizzo Gasolio Rendicontazione Utilizzo Gasolio (kg CO 2 e/anno) = Σ(Cm x FDC 2 x GWP i ) Dove: Cm = utilizzo di gasolio desunto dai consumi annuali comunali; FDC 2 = fattore di emissione da TJ di gasolio a kg gas serra emesso, capitolo 8 Allegati; GWP i = "Global Warming Potential" coefficienti GWP da IPCC utilizzati per convertire le emissioni dei singoli gas serra in emissioni di CO 2 e, capitolo 8 Allegati. Riepilogo Rendicontazione Consumo Gas serra emesso Emissione di kg GHG/anno Emissione di kg CO2e/anno Combustibili Utilizzo Metano CO Utilizzo Metano CH Utilizzo Metano N 2 O 1,2 375 Utilizzo Gasolio CO Utilizzo Gasolio CH Utilizzo Gasolio N 2 O Totale

17 FLOTTA COMUNALE E TRENINO COMUNALE Si riportano in tabella di seguito i dati e le caratteristiche dei mezzi componenti la flotta comunale in attività durante l anno. Figura Flotta comunale Consumi Totali Annui di carburante associato alla flotta veicolare comunale: Gasolio litri, Benzina litri (Fonte dati: Schede Carburante Mezzi Comunali). Inoltre è presente un Trenino Comunale, funzionante a Diesel, che compie attività di trasporto pubblico stagionale; il tragitto del trenino prevede la partenza da Costa Hotel Golf, e l arrivo presso Folgaria Bivio Rosalpina, passando attraverso le fermate di Costa H. Biancaneve, Costa Hotel Eghel, Folgaria H. Vittoria, Folgaria P.Marconi, Folgaria P.S.Lorenzo. Nell anno 2012 si sono considerati complessivamente km, percorsi dal Trenino (Fonte dati: Comune di Folgaria). Si utilizzano ai fini del calcolo i coefficienti desunti dall inventario National Inventory Report 2012 Annex 6 National Emission Factors Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Ispra (si rimanda al capitolo 8 Allegati). Rendicontazione Flotta Comunale (kg CO 2 e/anno) = Σ(CVeic x FDC 4 x GWP i ) Dove: CVeic = consumo carburante annuale dei veicoli comunali; 17

18 FDC 4 = fattore di conversione da consumo carburante a kg gas serra emesso, capitolo 8 Allegati; GWPi = "Global Warming Potential" coefficienti GWP da IPCC utilizzati per convertire le emissioni dei singoli gas serra in emissioni di CO2e, capitolo 8 Allegati. Rendicontazione Trenino Comunale (kg CO 2 e/anno) = (DVeic x FDC 5 x GWP i ) Dove: DVeic = distanza annuale (espressa in km) compiuta dal trenino comunale; FDC 5 = fattore di conversione da km percorsi a kg gas serra emesso, capitolo 8 Allegati; GWP i = "Global Warming Potential" coefficienti GWP da IPCC utilizzati per convertire le emissioni dei singoli gas serra in emissioni di CO 2 e, capitolo 8 Allegati. Rendicontazione Consumo Gas serra emesso Emissione di kg GHG/anno Emissione di kg CO2e/anno Combustibili Mezzi Comunali Utilizzo Benzina CO Utilizzo Benzina CH 4 3,6 76 Utilizzo Benzina N 2 O 0,2 73 Utilizzo Gasolio CO Utilizzo Gasolio CH 4 0,8 17 Utilizzo Gasolio N 2 O 1,2 379 Rendicontazione Trenino Gas serra emesso Emissione di kg GHG/anno Emissione di kg CO2e/anno Comunale CO CH N 2 O 0,4 121 Totale EMISSIONI DIRETTE = Rendicontazione Utilizzo Metano + Rendicontazione Utilizzo Gasolio + Rendicontazione Flotta Comunale + Rendicontazione Trenino Comunale = 777,24 t CO 2 e/anno 18

19 5.2 SCOPE 2 - EMISSIONI INDIRETTE Si riportano di seguito i consumi elettrici associati alle utenze comunali degli edifici pubblici, i consumi relativi al funzionamento dell illuminazione pubblica, e all utilizzo dell attività di pompaggio, forniti dall azienda Trenta S.p.A.. In allegato inoltre si riportano i dati dettagliati dei consumi. Consumo Consumi anno 2012 Unità di misura Energia Elettrica kwhe Figura Consumi elettrici comunali Anno 2012 Si utilizza ai fini del calcolo il coefficiente legato al consumo/produzione di energia elettrica riferita al mercato italiano Anno 2011 (ultimo dato utile disponibile), il mix energetico nazionale è da considerarsi pari a 0,393 kg di CO 2 /kwh (Fonte IspraAmbiente si rimanda al capitolo 8 Allegati). Rendicontazione Utilizzo Energia Elettrica (kg CO 2 e/anno) = (CEe x FDC 3 x GWP i ) Dove: CEe = utilizzo di energia elettrica desunto dai consumi annuali comunali; FDC 3 = fattore di conversione da kwh a kgco 2, capitolo 8 Allegati; GWP i = "Global Warming Potential" coefficienti GWP da IPCC utilizzati per convertire le emissioni dei singoli gas serra in emissioni di CO 2 e, capitolo 8 Allegati. EMISSIONI INDIRETTE = Rendicontazione Utilizzo Energia Elettrica = 2.708,82 t CO 2 e/anno 19

20 5.3 AZIONI COMPENSATIVE/MITIGATIVE AZIONI COMPENSATIVE All interno del bilancio complessivo di emissioni di CO 2 e relativo all organizzazione Comune di Folgaria, si dovrà tenere in considerazione anche l apporto mitigativo legato all attività di assorbimento di CO 2 realizzata dalle foreste e dai boschi presenti nel territorio comunale di Folgaria, e di proprietà dell organizzazione. La capacità di abbattimento netta esercitata dai boschi del comune di Folgaria può essere stimata attraverso la redazione di un bilancio tra i dati di ricrescita netta per rinnovamento delle superfici forestate e le quantità di legname abbattuto per diversi utilizzi durante l anno. Dal Piano di Assestamento Forestale del Comune di Folgaria si sono estrapolati dati necessari a definire la ricrescita forestale annua (espressa in volume). Al fine di ottenere la massa del legname secco si è fatto riferimento ad una densità di 500 kg/m3, riportata in letteratura per legnami stagionati. Ai fini del calcolo di tonnellate di CO 2 e annue assorbite dall attività del bosco si consideri il dato di letteratura desunto da studi realizzati da Università degli Studi di Bologna, Politecnico di Milano e WWF; si rimanda a Capitolo 8 Allegati. Di seguito si sintetizzano i calcoli realizzati, e la stima di CO 2 annua assorbita dall azione di boschi e foreste. Superficie (ha) Ricrescita annua (m3) Assorbimento CO 2 e Foreste-Bosco (t anno) 2.777, , ,30 La superficie e la ricrescita annua considerata è al netto delle particelle con funzione Pascolo, Pascolo Alberato e Mughete. Si specifica che il valore di cui sopra non è da ritenersi al netto dei tagli boschivi effettuati (pari a 7.957,33 m3) nell anno di riferimento dei calcoli, in quanto l utilizzo di suddetti tagli (sia essa legna da ardere, che legna con scopo industriale) è da considerarsi esterno ai confini organizzativi definiti nel presente studio. AZIONI COMPENSATIVE = Assorbimenti CO 2 Foreste-Bosco = ,30 t CO 2 e/anno 20

21 AZIONI MITIGATIVE Sul territorio comunale sono in funzione all'anno 2012 impianti a fonti rinnovabili, di proprietà dell organizzazione Amministrazione Comunale di Folgaria, descritti di seguito: -nr. 2 impianti a solare termico, per complessivi 110 m 2, in attività presso Edificio Palasport e Centro Sport Pineta; -nr. 2 impianti a solare fotovoltaico, di complessivi 27,35 kwp, di cui un impianto da 2,87 kwp installato presso Edificio Municipio, e un impianto da 24,48 kwp in attività presso Palaghiaccio. Detti impianti a fonti rinnovabili sono entrati in esercizio prima dell'anno 2012 (anno di studio del presente documento) pertanto i consumi energetici considerati nel conteggio sono già al netto della produzione annua degli impianti FER in attività. La produzione annua di detti impianti a fonti rinnovabili, permette un preciso risparmio in termini di emissioni di CO 2 e, così come descritto di seguito: - gli impianti fotovoltaici consentono una riduzione delle emissioni pari a 12,04 t CO 2 e/anno legate al consumo di energia elettrica; - gli impianti solare termici consentono una riduzione delle emissioni pari a 15,55 t CO 2 e/anno legate al consumo combustibili (metano e gasolio). Si specifica che non sono presenti sul territorio Impianti a Biomasse di proprietà dell Organizzazione Amministrazione Comunale di Folgaria. 21

22 5.4 SINTESI DEI CALCOLI Di seguito si riportano i dati riepilogativi relativi al calcolo delle emissioni suddivise per fonte emissiva riferite all anno 2012 relative all attività dell organizzazione Amministrazione Comunale di Folgaria. TABELLA RIASSUNTIVA EMISSIONI CO 2 e Anno Organizzazione Amministrazione Comunale di Folgaria Rendicontazione Emissioni CO 2e Utilizzo Metano 675,74 t/anno CO2e 19,4 % EMISSIONI DIRETTE Rendicontazione Emissioni CO 2e Utilizzo Gasolio 38,09 t/anno CO2e 1,1 % Rendicontazione Emissioni CO 2e Flotta Comunale + Trenino Comunale 63,41 t/anno CO2e 1,8 % EMISSIONI INDIRETTE Rendicontazione Emissioni CO 2e Utilizzo Energia Elettrica 2.708,82 t/anno CO2e 77,7 % Totale Emissioni COMUNE DI FOLGARIA 3.486,06 t/anno CO2e 100,0 % AZIONI COMPENSATIVE Assorbimenti CO 2 Foreste-Bosco ,30 t/anno CO2e AZIONI MITIGATIVE Mitigazioni Attività Impianti FER 0,00 t/anno CO2e Bilancio complessivo Emissioni COMUNE DI FOLGARIA Anno ,24 t/anno CO2e Nella tabella seguente si riportano i dati di sintesi relativi ai singoli Scope analizzati. INSTALLAZIONE/ATTIVITA EMISSIONI TOTALE (tco 2 e) CO 2 (t) CH 4 (t) N 2 O (t) Scope 1 777,23 775,78 0,0 0,0034 Scope , ,82 ASSORBIMENTI Foreste-Bosco , ,30 A lato si riporta un grafico riassuntivo della ripartizione delle emissioni di CO 2 e riferite alle installazioni/attività dell anno 2012, legate all'esercizio dell'organizzazione Amministrazione Comunale di Folgaria. 22

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan

Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Segni 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del del : /12/2012. Il documento

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan

Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Cave 2020 Sustainable Energy Action Plan Piano d azione per l energia sostenibile (immagine di copertina) Bozza in consultazione 1 Documento approvato con Delibera del Consiglio Comunale n del /12/2012.

Dettagli

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012.

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012. Il testo del protocollo di Kyoto (Protocollo Nazioni Unite in vigore dal 16.2.2005) Il protocollo di Kyoto è stato ratificato dall'italia con la legge 120 del 2002. Il protocollo entra in vigore il 16

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

Produzione di energia elettrica ed emissioni di gas serra

Produzione di energia elettrica ed emissioni di gas serra Produzione di energia elettrica ed emissioni di gas serra (Strategie di mitigazione delle emissioni) Antonio Caputo, APAT APAT Presentazione Gli accordi di Kyoto prevedono, per le nazioni firmatarie, la

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA ED AMBIENTALE Ing. Leonardo Maffia Maffia@studiolce.it Formato del Certificato (aggiornabile) Certificato Energetico-Ambientale Prestazione energetica dell edificio EPi come

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

Guida alla partecipazione a Carbomark

Guida alla partecipazione a Carbomark Guida alla partecipazione a Carbomark Guida alla partecipazione a Carbomark Regione del Veneto Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Università degli Studi di Padova Università degli Studi di Udine Unità

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico ERETO 11 marzo 2008 coordinato con ecreto 26 gennaio 2010 (modifiche in rosso, in vigore dal 14 marzo 2010; attenzione: le modifiche sono riportate al solo scopo di facilitare la lettura del decreto; in

Dettagli

Piano d Azione per l Energia Sostenibile di Bolzano (PAES)

Piano d Azione per l Energia Sostenibile di Bolzano (PAES) Piano d Azione per l Energia Sostenibile di Bolzano (PAES) Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC Documento elaborato da: Roberto Vaccaro Adriano Bisello Daniele Vettorato Wolfram Sparber Collaboratori:

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO

In collaborazione con. Sistema FAR Echo. Sistema FAR ECHO In collaborazione con Sistema FAR ECHO 1 Sistema FAR ECHO Gestione intelligente delle informazioni energetiche di un edificio Tecnologie innovative e metodi di misura, contabilizzazione, monitoraggio e

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

GUIDA PRATICA alla STESURA del PIANO di AZIONE per l ENERGIA SOSTENIBILE (PAES)

GUIDA PRATICA alla STESURA del PIANO di AZIONE per l ENERGIA SOSTENIBILE (PAES) GUIDA PRATICA alla STESURA del PIANO di AZIONE per l ENERGIA SOSTENIBILE (PAES) indicazioni operative per la pianificazione energetica delle realtà comunali medio-piccole Maggio 2011 Con il patrocinio

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE VALLI S.O.L.

PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE VALLI S.O.L. PIANO DI AZIONE PER L ENERGIA SOSTENIBILE VALLI S.O.L. 1 Comune di Campo Ligure Comune di Masone Comune di Mele Comune di Rossiglione Comune di Tiglieto Unione dei Comuni Stura Orba Leira PIANO D AZIONE

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE. Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale

RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE. Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale Università di Torino - Italia RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE Stefano Bechis Francesco Marangon

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2007

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2007 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 007 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 9 0 3 5.00 7.00.00 Servizio

Dettagli

Piano regionale di coordinamento per la tutela della qualità dell aria ambiente

Piano regionale di coordinamento per la tutela della qualità dell aria ambiente 2 ELEMENTI DI SINTESI SULL INQUINAMENTO ATMOSFERICO Nel presente capitolo viene inquadrata la situazione del sistema aria sul territorio regionale. Viene valutata l entità della pressione esercitata sul

Dettagli

EVOLUZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI: DALLA CASA A BASSO CONSUMO AL TARGET PASSIVHAUS

EVOLUZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI: DALLA CASA A BASSO CONSUMO AL TARGET PASSIVHAUS EVOLUZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI: DALLA CASA A BASSO CONSUMO AL TARGET PASSIVHAUS arch. Fabio Sciurpi, Dipartimento TAeD, Università di Firenze Via San Niccolò 93, tel. 055 2491538, e-mail: fabio.sciurpi@taed.unifi.it

Dettagli

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative

Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Roma, aprile 2013 INDICE Conto Termico (DM 28/12/12) Regole applicative Esempi di interventi incentivabili -2- Il Conto Termico: DM 28 12 12 Il Conto Termico

Dettagli

OLIO EXTRA VERGINE D OLIVA D.O.P. UMBRIA prodotto da Monini S.P.A. CFP EXTERNAL COMMUNICATION REPORT in conformità alla ISO/TS 14067:13

OLIO EXTRA VERGINE D OLIVA D.O.P. UMBRIA prodotto da Monini S.P.A. CFP EXTERNAL COMMUNICATION REPORT in conformità alla ISO/TS 14067:13 MONINI S.p.A. S.S 3 Flaminia Km. 129-06049 Spoleto (PG) Tel. 0743.2326.1 (r.a.) Partita IVA 02625300542- Cap.Soc. EURO 6.000.000,00 I.V. www.monini.com e-mail: info@monini.com Posta Certificata: monini@legalmail.it

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

.3Modulo 3 di 4 Come è successo Le cause

.3Modulo 3 di 4 Come è successo Le cause .3Modulo 3 di 4 Come è successo Le cause Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.eu/a_scuola 3Le cause e le origini del cambiamento climatico Il cambiamento climatico

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

IL PIANO ENERGETICO COMUNALE

IL PIANO ENERGETICO COMUNALE UNIVERSITA MEDITERRANEA DEGLI STUDI DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI ARCHITETTURA CORSO DI LAUREA IN PIANIFICAZIONE TERRITORIALE URBANISTICA ED AMBIENTALE CORSO DI FONDAMENTI DI PIANIFICAZIONE SETTORIALE

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti biogas a rifiuti 2/3 Gli impianti biogas a rifiuti La tecnologia Schmack Biogas per la digestione anaerobica della FORSU La raccolta differenziata delle

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali

Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali RESPONSABILITA D IMPRESA D.lgs. 231/01 L EVOLUZIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI E DI GESTIONE 27 maggio 2014 ore 14.00 Il Modello 231 e l integrazione con gli altri sistemi di gestione aziendali Ing. Gennaro

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

ELETTRO ICA-TELECOMU ICAZIO I PROGETTO ELIOS

ELETTRO ICA-TELECOMU ICAZIO I PROGETTO ELIOS Istituto d Istruzione Superiore Statale Enrico Mattei Via Martiri di Cefalonia 46-20097 San Donato Milanese Tel. 0255691411 - Fax 025276676 itisando@tin.it www.itismattei.it ELETTRO ICA-TELECOMU ICAZIO

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO Cagliari 8 maggio 2014 Prof. Ing. Carlo Bernardini SEER e SCOP Metodi di prova, valutazione a carico parziale e calcolo del rendimento stagionale

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

PIANO ENERGETICO della

PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO PIANO ENERGETICO della PROVINCIA DI COMO 2 Documento di aggiornamento - 2011 Nuove politiche energetiche Offerta e Domanda di energia al 2010 Fonti di Energie Rinnovabili al 2010 Bilancio

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse.

REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12. Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. 13464 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 14 luglio 2008, n. 12 Regolamento per la realizzazione degli impianti di produzione di energia alimentata a biomasse. IL PRESIDENTE

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

V A D E M E C U M Energia dal legno

V A D E M E C U M Energia dal legno V A D E M E C U M Energia dal legno Ordinazioni: Energia legno Svizzera 6670 Avegno Tel. 091 796 36 03 Fax 091 796 36 04 info@energia-legno.ch www.energia-legno.ch Holzenergie Schweiz Neugasse 6, 8005

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

AMBIENTE E USO DELLE RISORSE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI: LA SFIDA DELLE AGROENERGIE DOSSIERMETES

AMBIENTE E USO DELLE RISORSE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI: LA SFIDA DELLE AGROENERGIE DOSSIERMETES AMBIENTE E USO DELLE RISORSE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI: LA SFIDA DELLE AGROENERGIE 2008 DOSSIERMETES 5 FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI: LA SFIDA DELLE AGROENERGIE a cura di LUCA BOLLETTA e MICHELE DELLA

Dettagli

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO INDUSTRIA. Le fonti di energia rinnovabili nella casa

REGIONE SICILIANA ASSESSORATO INDUSTRIA. Le fonti di energia rinnovabili nella casa REGIONE SICILIANA ASSESSORATO INDUSTRIA Le fonti di energia rinnovabili nella casa Q uesto opuscolo è stato realizzato nell ambito del programma SICENEA, finanziato dall Assessorato Industria della Regione

Dettagli

Per confronto, un 1kg di un combustibile rinnovabile come una biomassa legnosa può in genere contenere 4.2kWh.

Per confronto, un 1kg di un combustibile rinnovabile come una biomassa legnosa può in genere contenere 4.2kWh. Guida del principiante sull Energia e la Potenza L'articolo presentato da N Packer, Staffordshire University, UK, febbraio 2011. Energia L'energia è la capacità di fare lavoro. Come spesso accade, le unità

Dettagli

Impianti Solari Fotovoltaici

Impianti Solari Fotovoltaici Impianti Solari Fotovoltaici Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono "esauribili" nella scala

Dettagli

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL Ing. Maurizio Rea (Gruppo SOL) ECOMONDO - Sessione Tecnologie di Produzione Rimini, 3 Novembre 2010 IL GRUPPO SOL Profilo aziendale

Dettagli

4 - Dati generali e climatici

4 - Dati generali e climatici 4 - Dati generali e climatici 88 Sommario 4.1 Dati catasto energetico... 91 4.1.1 Edificio... 91 4.1.2 Proprietario e responsabile dell impianto... 92 4.2 Dati generali... 96 4.2.1 Richiesta... 96 4.2.2

Dettagli

FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA. Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno.

FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA. Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno. FONTI ENERGETICHE PRIMARIE ED USI FINALI DI ENERGIA Differenze metodologiche fra BEN ed Eurostat e conseguenze sui vincoli di impegno (Giuseppe Tomassetti) Settembre 2009 Sintesi Esistono rilevanti differenze

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Art.5 Piani regionali.

Art.5 Piani regionali. Norme per l attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia (legge 9/1/1991 n 10) TITOLO I Norme

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli