Fondamenti di chimica Raymond Chang Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl CAPITOLO 5 I GAS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fondamenti di chimica Raymond Chang Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl CAPITOLO 5 I GAS"

Transcript

1 CAPITOLO 5 I GAS Strategia: poiché 1 atm = 760 mmhg, è necessario il seguente fattore di conversione per ottenere la pressione in atmosfere. Per la seconda conversione, 1 atm = kpa. Soluzione: 5.17 (a) Se la temperatura finale del campione è al di sopra del punto di ebollizione, sarà ancora nella fase gassosa. Il diagramma che rappresenta meglio la situazione è (d). (b) Se la temperatura del campione è inferiore al punto di ebollizione, condenserà a liquido. Il liquido avrà una tensione di vapore, così un po del campione resterà nella fase gassosa. Il diagramma che meglio rappresenta la situazione è (b) (1) Ricorda che V 1/P. Se la pressione è triplicata, il volume diminuirà di 1/3 rispetto al volume iniziale, assumendo che n e T siano costanti. La scelta corretta è (b). (2) Ricorda che V T. Se la temperatura raddoppia, anche il volume raddoppierà, assumendo che n e P siano costanti. La scelta corretta è (a). L intensità del colore indica la densità del gas. Se il volume aumenta tenendo costanti le moli del gas, la densità del gas diminuirà. Questa diminuzione della densità del gas è indicata dalla minore intensità del colore. (3) Ricorda che V n. Partendo da n moli di gas, aggiungendo altre n moli di gas (2n totali) il volume raddoppierà. La scelta corretta è (c). La densità del gas resterà la stessa quando le moli e il volume saranno raddoppiati.

2 (4) Ricorda che V T e V 1/P. Dimezzando la temperatura il volume diminuirà di ½ rispetto al suo valore iniziale. Tuttavia, riducendo la pressione di ¼ del suo valore iniziale, il volume aumenterà di un fattore 4. Combinando i due cambiamenti, abbiamo Il volume raddoppierà. La scelta corretta è (a) La temperatura e la quantità di gas non aumentano in questo problema (T 1 = T 2 e n 1 = n 2 ). La pressione e il volume cambiano; ciò ha a che vedere con la legge di Boyle.

3 (a) Strategia: la quantità di gas e la sua temperatura restano costanti, ma sia la pressione che il volume cambiano. Quale equazione userai per calcolare il volume finale? Soluzione: Partiamo con l Equazione (5.9) del testo. Poiché n 1 = n 2 e T 1 = T 2 che è la legge di Boyle. L informazione data è riassunta di seguito Condizioni iniziali Condizioni finali Il volume finale è dato da: Verifica: quando la pressione applicata al campione d aria è aumentata da 1.2 atm a 6.6 atm, il volume occupato dal campione diminuirà. La pressione e il volume sono inversamente proporzionali. Il volume finale calcolato è minore del volume iniziale, così la risposta sembra ragionevole.

4 (b) Strategia: La quantità di gas e la sua temperatura restano costanti, ma sia la pressione che il volume cambiano. Quale equazione userai per calcolare la pressione finale? Soluzione: Anche in questo caso dovresti usare l equazione P 1 V 1 = P 2 V 2. L informazione data è riportata di seguito. Condizioni iniziali Condizioni finali La pressione finale è data da: Verifica: per diminuire drasticamente il volume del gas da 3.8 L a L, la pressione deve essere consistentemente aumentata. Una pressione finale di 61 atm sembra ragionevole Strategia: la quantità di gas e la sua pressione restano costanti, ma cambiano la temperatura e il volume. Quale equazione userai per calcolare la temperatura finale? Quale unità di misura userai per la temperatura? Soluzione: partiamo con l Equazione (5.9) del testo.

5 Poiché n 1 =n 2 e P 1 =P 2 che è la legga di Charles. L informazione data è classificata come segue Condizioni iniziali Condizioni finali La temperatura finale è data da 5.25 La reazione bilanciata è: Ricorda che la legge di Avogadro dice che il volume di un gas è direttamente proporzionale al numero di moli del gas a temperatura e pressione costanti. Nella reazione bilanciata i coefficienti dell ammoniaca e dell ossido nitrico sono gli stessi, così si ottiene un volume di ossido nitrico da un volume di ammoniaca. Potresti arrivare alla stessa conclusione se sapessi che l ossido nitrico è il solo prodotto che contiene azoto e che l ammoniaca è il solo reagente che contiene azoto? 5.26 Questo è un problema stechiometrico sui gas che, per essere risolto, richiede la conoscenza della legge di Avogadro. Tale legge dice che il volume di un gas è direttamente proporzionale al numero di moli del gas a temperatura e pressione costante. Il rapporto in volume, 1 vol. di Cl 2 : 3 vol. di F 2 : 2 vol. di prodotto, può essere scritto come rapporto molare, 1 mol di Cl 2 : 3 mol di F 2 : 2 mol di prodotto.

6 Proviamo a scrivere una reazione chimica bilanciata. Il pedice di F nel prodotto sarà tre volte quello di Cl, perché per ogni atomo di cloro reagiscono tre atomi di fluoro. Bilanciamo l equazione. La x deve essere pari a uno in modo da avere due atomi di Cl su ogni lato dell equazione. Se x = 1, il pedice di F è 3. La formula del prodotto è ClF Strategia: questo problema fornisce la quantità, il volume e la temperatura di CO 2 gassoso. Cambiano le proprietà del gas? Quale equazione useremo per calcolare la pressione? Quale unità di misura sarà usata per la temperatura? Soluzione: poiché non avvengono variazioni delle proprietà dei gas, possiamo usare l equazione dei gas ideali per calcolare la pressione. Risistemando l Equazione (5.8) del testo, scriviamo: 5.33 Risolviamo l equazione dei gas ideali per V 5.34 In questo problema, le moli e il volume occupato dal gas sono costanti (V 1 = V 2 e n 1 = n 2 ). La temperatura e la pressione cambiano

7 l informazione data è schematizzata come segue. Condizioni iniziali Condizioni finali La temperatura finale è data da 5.35 Condizioni iniziali Condizioni finali 5.36 In questo problema, le moli e il volume occupato dal gas sono costanti (V 1 = V 2 e n 1 = n 2 ). Cambiano la pressione e la temperatura.

8 L informazione data è schematizzata di seguito. Condizioni iniziali Condizioni finali La pressione finale è data da 5.37 Nota che l affermazione.la sua temperatura assoluta è dimezzata implica che T 2 /T 1 = Allo stesso modo, l affermazione la pressione è diminuita di un terzo rispetto alla pressione originaria indica che P 2 /P 1 = 1/ In questo problema, le moli e la pressione del gas sono costanti (n 1 = n 2 e P 1 = P 2 ). La temperatura e il volume subiscono variazioni. L informazione data è schematizzata come segue: Condizioni iniziali Condizioni finali

9 Il volume finale è dato da In questo problema, il numero di moli del gas è costante. Cambiano la pressione, il volume e la temperatura. Nota: Poiché R non è presente in quest equazione, le unità di misura della pressione e della temperatura non devono essere espresse in atm e litri, rispettivamente. Tuttavia, la temperatura deve essere sempre espressa in Kelvin per i calcoli con la legge dei gas.

10 La massa molare di CO 2 = g/mol. Poiché PV = nrt, scriviamo: 5.43 Calcoliamo il numero di moli del gas usando l equazione dei gas ideali. Calcoliamo la massa molare: 5.44 Strategia: possiamo calcolare la massa molare del gas se conosciamo la sua densità, temperatura e pressione. Quali unità di misura useremo per la temperatura e per la pressione? Soluzione: abbiamo bisogno di usare l Equazione (5.12) del testo per calcolare la massa molare del gas. Prima di sostituire nella sovrastante equazione, dobbiamo calcolare la densità e verificare che le altre quantità note (P e T) abbiano le unità di misura appropriate.

11 Calcoliamo la massa molare sostituendo le quantità note In alternativa, possiamo calcolare la massa molare scrivendo: massa molare del composto = massa del composto moli del composto La massa del composto è data nel problema (7.10 g), così abbiamo bisogno di calcolare le moli del composto per poter calcolare la massa molare. Ora, possiamo calcolare la massa molare del gas massa del composto massa molare del composto = = moli del composto Usando i due metodi di calcolo diversi, si osserva una lieve differenza nelle risposte, 35.0 g/mol paragonato a 35.1 g/mol. Questo è dovuto all arrotondamento della densità a 1.31 g/ml nel primo

12 calcolo. Se prendiamo un maggior numero di cifre significative per la densità ( g/ml), si otterrà una massa molare di 35.1 g/mol anche dal primo metodo Per primo calcoliamo le moli di ozono (O 3 ) usando l equazione dei gas ideali Usiamo il numero di Avogadro come fattore di conversione per convertire a molecole di O Il numero di particelle in 1 L di gas in c.n. è: 5.47 La densità è data da: Calcolando la massa molare:

13 5.48 La densità può essere calcolata dall equazione dei gas ideali. In alternativa, possiamo calcolare la densità scrivendo: densità = massa volume Assumendo di avere 1 mole di HBr, la massa è g. Il volume del gas può essere calcolato usando l equazione dei gas ideali. Ora, possiamo calcolare la densità di HBr gassoso Usando i due metodi di calcolo diversi, c è una lieve differenza nei risultati, 2.98 g/l paragonato a 2.97 g/l. Questo è dovuto all arrotondamento del volume a 27.2 L nel secondo calcolo. Se prendiamo un maggior numero di cifre significative per il volume (27.17 L), si otterrà una densità di 2.98 g/l anche con il secondo metodo.

14 5.49 METODO 1: La formula empirica può essere calcolata dai dati di massa percentuale. La massa molare può essere calcolata usando l equazione dei gas ideali. Si può determinare la formula molecolare. Per calcolare la formula empirica, assumiamo 100 g di sostanza. Questo dà la formula C 5.40 H 13.4 O Dividendo per 1.35 abbiamo la formula empirica C 4 H 10 O. Per calcolare la massa molare, calcoliamo per prima il numero di moli del gas usando l equazione dei gas ideali. Calcolando la massa molare: La massa empirica è 74.0 g/mol che è essenzialmente la stessa della massa molare. In questo caso, la formula molecolare è uguale alla formula empirica. C 4 H 10 O. METODO 2: Per prima cosa calcoliamo la massa molare usando l equazione dei gas ideali

15 Calcolando la massa molare: Poi moltiplichiamo la massa percentuale (convertita in decimale) di ogni elemento per la massa molare per ottenere i grammi di ogni elemento. Quindi, usiamo la massa molare per ottenere le moli di ogni elemento. Poiché abbiamo usato la massa molare per calcolare le moli di ogni elemento presente nel composto, questo metodo dà direttamente la formula molecolare, che è C 4 H 10 O Questa è un estensione dei calcoli con la legge dei gas ideali che richiede la massa molare. Se determini la massa molare del gas, sarai capace di determinare la formula molecolare dalla formula empirica. Calcoliamo la densità, quindi sostituiamo il suo valore nell equazione sovrastante Paragoniamo la massa empirica alla massa molare.

16 Ricordiamo che la massa molare sarà un multiplo intero della massa empirica. In questo caso, la massa molare/massa empirica 1. Quindi, la formula molecolare è uguale alla formula empirica, SF Dalle moli di CO 2 prodotte, possiamo calcolare la quantità di carbonato di calcio che deve aver reagito. Possiamo poi determinare la percentuale in peso di CaCO 3 in 3.00 g di campione. La reazione bilanciata è: Le moli di CO 2 prodotte possono essere calcolate usando l equazione dei gas ideali La reazione bilanciata mostra un rapporto di moli di 1 : 1 tra CO 2 e CaCO 3. Tuttavia, reagiscono (must have reacted) 2.84 x 10-2 moli di CaCO 3 La massa percentuale del campione di CaCO 3 è: Assunto: le impurezze non reagiscono con HCl per produrre CO 2 gassosa La reazione bilanciata è: In c.n., 1 mole di un gas ideale occupa un volume di L. Possiamo utilizzare questo come fattore di conversione per calcolare le moli di H 2 che reagiscono. Possiamo poi calcolare la massa di HCl prodotto.

17 La massa di HCl prodotto è:? moli di H 2 che reagiscono = 5.53 Possiamo calcolare le moli reagite di M, e le moli di H 2 gassoso prodotto. Confrontando il numero di moli di M reagito e il numero di moli di H 2 prodotto, possiamo determinare il rapporto molare nella reazione bilanciata. Punto 1: Per prima calcoliamo le moli del metallo (M) che reagiscono Punto 2: Calcoliamo algebricamente n H2 dall equazione dei gas ideali. Calcoliamo, poi, le moli di H 2 sostituendo nell equazione le quantità note. Punto 3: Confrontiamo il numero di moli di H 2 prodotto col numero di moli di M reagito Questo significa che il rapporto molare tra H 2 e M è 1.5 : 1.

18 Punto 4: Conoscendo il rapporto molare tra H 2 e M, possiamo scrivere la reazione bilanciata. La reazione non bilanciata è: Abbiamo 3 atomi di H dal lato dei prodotti di reazione, così si deve porre un 3 davanti ad HCl. Il rapporto tra M e Cl dal lato dei reagenti è ora 1 : 3. Tuttavia la formula del cloruro metallico deve essere MCl 3. La reazione bilanciata è: Dalla formula del cloruro metallico, determiniamo che la carica del metallo è +3. Tuttavia, la formula dell ossido metallico e del solfato metallico sono, rispettivamente, M 2 O 3 e M 2 (SO 4 ) Se determini la massa molare del gas, sarai capace di determinare la formula molecolare dalla formula empirica. Per prima cosa, calcola la massa molare del composto. Calcolando la massa molare: Per calcolare la formula empirica, abbiamo innanzitutto bisogno di trovare la massa di F in g di CaF 2 Poiché il composto contiene soltanto P e F, la massa di P in g del campione è: Ora, convertiamo le masse di P e F in moli di ogni sostanza

19 Così arriviamo alla formula P F Dividendo per il numero più piccolo di moli ( moli) abbiamo la formula empirica PF 2. Per determinare la formula molecolare, dividiamo la massa molare per la massa empirica massa molare / massa molare empirica = Quindi, la formula molecolare è (PF 2 ) 2 o P 2 F Per prima cosa, calcoliamo la frazione molare di ogni componente nella miscela. Poi possiamo calcolare la pressione parziale di ogni componente usando l equazione P i = X i P T. Il numero di moli dei gas combinati è: Le pressioni parziali sono: 5.58 La legge di Dalton afferma che la pressione totale di una miscela è pari alla somma delle pressioni parziali (a)

20 (b) Noi conosciamo: Condizioni iniziali Condizioni finali Poiché n 1 = n 2, possiamo scrivere 5.59 Poiché il volume è proporzionale al numero di moli del gas presente, possiamo direttamente convertire il volume percentuale in frazioni molari. (a) Per ogni gas, P i = X i P T = X i (1.00 atm) (b) La concentrazione (mol/l) è c = n/v = P/RT. Dunque abbiamo: Allo stesso modo,

21 5.60 In questo caso, 5.61 Se possiamo calcolare le moli di H 2 raccolto, possiamo determinare la quantità di Na che ha reagito. Possiamo calcolare le moli di H 2 gassoso usando l equazione dei gas ideali. Il numero di moli di idrogeno gassoso raccolto è: La reazione bilanciata mostra un rapporto molare di 2:1 tra Na e H 2. La massa di Na consumata nella reazione è: 5.62 Strategia: per calcolare le moli di H 2 generato, dobbiamo prima calcolare la pressione parziale di H 2 nella miscela. Di quale legge dei gas abbiamo bisogno? Come convertiamo le moli di H 2 in quantità di Zn reagito? Soluzione: la legge delle pressioni parziali di Dalton afferma che In questo caso,

22 Ora che conosciamo la pressione di H 2 gassoso, possiamo calcolare le moli di H 2. Usando poi il rapporto molare dalla reazione bilanciata, possiamo calcolare le moli di Zn. Usando il rapporto molare dalla reazione bilanciata e la massa molare dello zinco, possiamo ora calcolare i grammi di zinco consumati nella reazione Nella miscela, la temperatura e il volume occupati sono gli stessi per i due gas, così la pressione sarà proporzionale al numero di moli. Ricordiamo che P i = X i P T. La frazione molare dell ossigeno è: In altre parole 4.8% di particelle gassose sono molecole di ossigeno, che occupa il 4.8% del volume P i = X i P T Dobbiamo determinare la frazione molare di ogni componente per determinare le pressioni parziali. Per calcolare la frazione molare, scriviamo la reazione chimica bilanciata per determinare il rapporto molare corretto. Le frazioni molari di H 2 e N 2 sono:

23 Le pressioni parziali di H 2 e N 2 sono: 5.71 Come dovrebbe essere, UF 6, il gas più pesante, ha una velocità media minore del gas più leggero, O Strategia: per calcolare la velocità quadratica media, usiamo l Equazione (5.16) del testo. Quale unità di misura useremo per R e M in modo tale che µ rms sia espressa in m/s? Soluzione: Per calcolare µ rms, l unità di R dovrebbe essere J/mol K, e poiché 1 J = 1 kg m 2 /s 2, l unità di misura della massa molare sarà kg/mol. Per prima cosa calcoliamo le masse molari (M) di N 2, O 2 e O 3. Ricordiamo che M deve essere espressa in kg/mol.

24 Ora possiamo sostituire nell Equazione (5.16) del testo. Allo stesso modo, Verifica: poiché le masse molari dei gas aumentano nell ordine: N 2 < O 2 < O 3, ci aspettiamo che il gas più leggero (N 2 ) si muova in media più velocemente e il gas più pesante (O 3 ) si muova più lentamente. Questo è confermato dai calcoli sovrastanti (a) Inversamente proporzionale alla densità (b) Indipendente dalla temperatura (c) Diminuisce all aumentare della pressione (d) Aumenta all aumentare del volume (e) Inversamente proporzionale alla dimensione

25 5.74 Velocità rms = Velocità media = Il valore della velocità quadratica media è sempre maggiore del valore della velocità media, perchè la radice quadrata favorisce i valori maggiori contrariamente a quanto succede prendendo semplicemente il valore medio In questo problema, confrontiamo la pressione determinata dall equazione di van der Waals con quella determinata con l equazione dei gas ideali. Equazione di van der Waals: Troviamo la pressione risolvendo prima algebricamente rispetto a P. dove Equazione dei gas ideali: Poiché la pressione calcolata usando l equazione di van der Waals è paragonabile alla pressione calcolata usando l equazione dei gas ideali, concludiamo che CO 2 si comporta abbastanza idealmente sotto queste condizioni Strategia: in questo problema possiamo determinare se il gas devia dal comportamento ideale, confrontando la pressione ideale con quella effettiva. Possiamo calcolare la pressione ideale del gas

26 usando l equazione dei gas ideali, e paragonarla alla pressione effettiva data nel problema. Quale unità di misura useremo per la temperatura nel calcolo? Soluzione: convertiamo la temperatura in kelvin, poi sostituiamo le quantità date nell equazione dei gas ideali. Ora, possiamo confrontare la pressione ideale alla pressione effettiva calcolando l errore percentuale. Sulla base del grande errore percentuale, concludiamo che sotto queste condizioni di alta pressione, il gas si comporta in modo non ideale (a) Non cambia considerevolmente né la quantità del gas nel pneumatico né il suo volume. La pressione è proporzionale alla temperatura. Quindi, all aumentare della temperatura, la pressione aumenta. (b) Appena la busta di carta viene colpita, il suo volume diminuisce e così la pressione aumenta. Il rumore dello scoppio avviene quando la busta si rompe. (c) Come il pallone prende quota, la pressione esterna diminuisce costantemente e il pallone si espande. (d) La pressione nella lampadina è maggiore di 1 atm Puoi progettare la seguente strategia per calcolare il volume totale del gas. grammi di nitroglicerina moli di nitroglicerina moli di prodotti volume di prodotti Calcolando il volume dei prodotti:

27 La relazione tra la pressione parziale e P totale è: Calcoliamo la frazione molare di ogni componente gassoso, poi calcoliamo la sua pressione parziale usando la suddetta equazione X componente = moli del componente / moli totali di tutti i componenti Allo stesso modo, Allo stesso modo, 5.83 Dobbiamo determinare la massa molare del gas. Confrontando la massa molare alla massa empirica potremo determinare la formula molecolare. La massa empirica di CH = g/mol Poiché, la formula molecolare è (CH) 6 o C 6 H 6.

28 5.84 (a) (b) Strategia: dal volume di N 2, possiamo calcolare le moli di N 2 usando l equazione dei gas ideali. Dalla reazione bilanciata, vediamo che 1 mole di N 2 1 mole di NH 4 NO 2. Una volta determinate le moli di NH 4 NO 2, possiamo convertirle in grammi usando la massa molare come fattore di conversione. Soluzione: per prima cosa calcoliamo le moli di N 2 usando l equazione dei gas ideali. Poi calcoliamo la massa di NH 4 NO 2 necessaria a produrre 4.27 x 10-3 moli di N La reazione è: La massa di HCO - 3 reagito è: 3.29 g di pastiglia. moli di CO 2 prodotte =

29 5.86 No, perché un gas ideale non può essere liquefatto, dal momento che in un gas ideale non ci sono forze intermolecolari (a) Il numero di moli di Ni(CO) 4 formato è: La pressione di Ni(CO) 4 è:. (b) Ni(CO) 4 si decompone per produrre più moli di gas (CO), che aumenta la pressione La pressione parziale del diossido di carbonio è maggiore in inverno perché il diossido di carbonio è meno utilizzato nella fotosintesi delle piante Usando l equazione dei gas ideali, possiamo calcolare le moli di gas. Poi, usiamo il numero di Avogadro per convertire a molecole di gas x molecole di gas I gas più comuni presenti nell aria esalata sono: CO 2, O 2, e H 2 O.

30 5.90 (a) Scriviamo una reazione chimica bilanciata Per prima, calcoliamo le moli di CO 2 prodotte. Poi calcoliamo il volume di CO 2 prodotto usando l equazione dei gas ideali. (b) (c) La reazione chimica bilanciata per la decomposizione di NH 4 HCO 3 è Il vantaggio nell usare il sale di ammonio è che si produce più gas per grammo di reagente. Lo svantaggio è che uno dei gas è ammoniaca. Il forte odore dell ammoniaca rende il sale di ammonio una cattiva scelta per la cottura Massa dell atmosfera terrestre = (area superficiale della terra in cm 2 ) x (massa per 1 cm 2 di colonna) La massa di una singola colonna d aria con un area superficiale di 1 cm 2 è: L area superficiale della Terra in cm 2 è:

31 5.92 Per prima calcoliamo le moli di H 2 formato Poi calcoliamo il volume di H 2 prodotto usando l equazione dei gas ideali Per calcolare la molarità di NaOH, abbiamo bisogno delle moli di NaOH e del volume della soluzione di NaOH. Il volume è dato nel problema; quindi dobbiamo calcolare le moli di NaOH. Le moli di NaOH possono essere calcolate dalla reazione di NaOH con HCl. La reazione bilanciata è: Si trova il numero di moli di HCl gassoso dall equazione dei gas ideali e Le moli di NaOH possono essere calcolate usando il rapporto molare dalla reazione bilanciata La molarità della soluzione di NaOH è: 5.94 (a) (b) Dalla reazione bilanciata, vediamo che c è un rapporto molare di 1:3 tra C 3 H 8 e CO 2.

32 5.95 Quando l acqua entra nel pallone dal contagocce, si scioglie un po di cloruro di idrogeno, creando un parziale vuoto. La pressione dall atmosfera spinge più acqua su nel tubo verticale Calcoliamo il numero iniziale di moli di NO e O 2 usando l equazione dei gas ideali. Determiniamo qual è il reagente limitante. Il numero di moli di NO e O 2 sopra calcolati sono uguali: tuttavia, la reazione bilanciata mostra che sono necessarie il doppio delle moli di NO rispetto a quelle di O 2. Così NO è il reagente limitante. Determiniamo la quantità molare di NO, O 2 e NO 2 dopo la reazione completa. (tutto NO è consumato durante la reazione) mol O 2 consumato = mol O 2 restante = Calcoliamo le pressioni parziali di O 2 e NO 2 usando l equazione dei gas ideali. Volume dell intero apparato =

33 5.97 La circonferenza del cilindro è (a) La velocità a cui si muove il bersaglio è uguale a: velocità del bersaglio = circonferenza x rivoluzioni / sec velocità del bersaglio = (b) (c) Gli atomi di Bi devono muoversi attraverso il cilindro per colpire il bersaglio. Questa distanza è il diametro del cilindro che è 15.0 cm. Gli atomi di Bi percorrono questa distanza in 4.58 x 10-4 s. Le grandezze delle velocità sono paragonabili, ma non identiche. Questo non è sorprendente perché 328 m/s è la velocità di un esatto atomo di Bi e µ rms è il suo valore medio (a) (b) Per prima dobbiamo calcolare il numero di moli di CO 2 consumate nella reazione. Possiamo farlo calcolando le moli iniziali di CO 2 nel recipiente e confrontandole poi alle moli di CO 2 che restano dopo la reazione. Iniziali:

34 Restanti: Così, la quantità di CO 2 consumata nella reazione è: Poiché il rapporto molare tra CO 2 ed i due reagenti (CaO e BaO) è 1:1, devono aver reagito moli della miscela. Possiamo scrivere: x = massa di CaO nella miscela, poi (4.88 x) = massa di BaO nella miscela. Possiamo scrivere: = massa di CaO nella miscela massa di BaO nella miscela = La composizione percentuale in massa nella miscela è: 5.99 (a) (b) 1000 ppm significa che ci sono 1000 particelle di gas per particelle di aria. La pressione del gas è direttamente proporzionale al numero di particelle del gas. Possiamo calcolare la pressione parziale di CO in atmosfere, assumendo che la pressione atmosferica sia 1 atm particelle / particelle x 1 atm =

35 Una pressione parziale di 1.0 x 10-3 atm di CO è letale. Il volume del garage (in L) è: Dalla parte (a) dell esercizio, noi conosciamo la velocità di produzione di CO al minuto. In un minuto la pressione parziale di CO sarà: Quanti minuti saranno necessari affinché la pressione parziale di CO raggiunga il livello letale, 1.0 x 10-3 atm? Il volume di un alveolo è: Il numero di moli di aria in un alveolo può essere calcolato usando l equazione dei gas ideali. Poiché l aria negli alveoli contiene il 14% di ossigeno, le moli di ossigeno in un alveolo sono uguali a: Convertendo a molecole di O 2 : = 1.7 x molecole di O 2

36 5.101 Nel problema 5.91 si è trovato che la massa dell atmosfera terrestre è 5.25 x kg. Assumendo che la massa molare dell aria sia 29.0 g/mol, possiamo calcolare il numero di molecole nell atmosfera. (a) = 1.09 x molecole (b) Per prima cosa calcoliamo le moli di aria esalata in ogni respiro. = 1.96 x 10-2 mol aria / respiro Poi convertiamo a molecole di aria per respiro x 10-2 mol aria / respiro x x molecole d aria / 1 mole di aria = 1.18 x molecole / respiro (c) x10 molecole 1respiro x 12respiri x 1min 60min 1h x 24h 1giorno x 365giorni 1anno x 35 anni = 2.60 x molecole (d) La frazione di molecole nell atmosfera respirate da Mozart è: Oppure, Così, circa 1 molecola di aria ogni 4 x molecole fu respirata da Mozart In ogni singolo respiro contenente 1.18 x molecole, respireremo in media: (1.18 x molecole) x 1 molecola d aria di Mozart / 4 x 10 3 molecole d aria = 3 x 10 8 molecole che Mozart esalò. (e) Abbiamo fatto i seguenti assunti: 1. Completo mescolamento dell aria nell atmosfera. 2. Nessuna fuga di molecole nell atmosfera esterna. 3. Nessun utilizzo delle molecole durante il metabolismo, la fissazione dell azoto, etc..

37 5.102 Quando a e b sono pari a zero, l equazione di van der Waals diventa semplicemente l equazione dei gas ideali. In altri termini, un gas ideale presenta valori pari a zero per a e b dell equazione di van der Waals. È quindi chiaro che i gas con i valori più piccoli di a e b si comporteranno in modo più simile ai gas ideali sotto specifiche condizioni di temperatura e pressione. Per quanto riguarda la scelta del problema, il gas con i valori minori di a e b è Ne (vedi Tabella 5.3 del testo) Sappiamo che la velocità quadratica media (µ rms ) di un gas può essere calcolata come segue: La velocità di diffusione (r) sarà direttamente proporzionale alla velocità quadratica media. I gas che si muovono a velocità maggiori si diffonderanno più velocemente. Per due gas diversi possiamo scrivere le velocità di diffusione come segue: Dividendo r 1 per r 2 si ottiene: Cancellando 3RT dall equazione: L equazione ottenuta ha un senso? Assumiamo che il gas 1 sia più leggero (ha la massa molare minore) del gas 2. Dividendo la massa molare più grande (M 2 ) per la massa molare più piccola (M 1 )

38 avremo un numero maggiore di 1. Questo indica che il gas più leggero si diffonderà ad una velocità maggiore in confronto al gas più pesante La reazione tra Zn e HCl è: Dalla quantità di H 2 (g) prodotto, possiamo determinare la quantità di Zn reagito. Poi, usando la massa iniziale del campione, possiamo calcolare la massa percentuale di Zn nel campione. Poiché il rapporto molare tra H 2 e Zn è 1:1, anche la quantità di Zn reagito è moli. Convertendo a grammi di Zn, troviamo: La massa percentuale di Zn in 6.11 g del campione è: massa percentuale di Zn = massa di Zn / massa del campione x 100% La legge dei gas ideali può essere usata per calcolare le moli di vapor d acqua per litro. Noi alla fine vogliamo calcolare la distanza tra le molecole. Quindi convertiamo le moli in molecole, e convertiamo i litri nell unità di misura del volume che ci consentirà di calcolare la distanza (m 3 ).

39 Questo è il numero delle molecole di gas ideale in un cubo con ogni lato di 1 m. Assumendo un uguale distribuzione delle molecole lungo le tre direzioni reciprocamente perpendicolari definite dal cubo, si trova una densità lineare in una direzione: Questo è il numero di molecole su una linea di un metro di lunghezza. La distanza tra ogni molecola è data da: Assumendo che la molecola d acqua sia una sfera con un diametro di 0.3 nm, le molecole d acqua sono separate da più di 12 volte il loro diametro: Un calcolo simile è fatto per l acqua liquida. Partendo con la densità, convertiamo a molecole per metro cubo. Questo è il numero di molecole d acqua liquida in un metro cubo. Da questo punto, il calcolo è uguale a quello fatto per il vapor d acqua, e lo spazio tra le molecole è calcolato usando la stessa assunzione. Assumendo che le molecole siano una sfera con un diametro di 0.3 nm, ad una cifra significativa, le molecole d acqua si toccano l un l altra nella fase liquida.

40 5.106 Quando il fusto è ammaccato, il volume diminuisce e quindi ci aspettiamo un aumento della pressione. Tuttavia, la pressione dovuta all acetone vapore (400 mmhg) non cambierà molto se la temperatura resta a 18 C (la tensione di vapore è costante ad una data temperatura). All aumentare della pressione, più acetone vapore si condenserà a liquido. Assumendo che l aria non si sciolga nell acetone, la pressione nel fusto aumenterà a causa dell aumento della pressione dovuto all aria. Inizialmente, la pressione totale è 750 mmhg. La pressione dovuta all aria inizialmente è: Il volume iniziale del vapore nel fusto è: Quando il fusto è ammaccato, il volume occupato dal vapore diminuisce a: Lo stesso numero di molecole d aria ora occupa un volume più piccolo. La pressione aumenta secondo la legge di Boyle. Questa è la pressione dovuta all aria. La pressione dovuta all acetone vapore è ancora 400 mmhg. La pressione totale nel fusto dopo l incidente è: Per prima cosa, calcoliamo le moli di idrogeno gassoso necessarie a riempire un giubbotto di salvataggio di 4.1 L.

2014 2015 CCS - Biologia CCS - Fisica I gas e loro proprietà. I liquidi e loro proprietà

2014 2015 CCS - Biologia CCS - Fisica I gas e loro proprietà. I liquidi e loro proprietà 2014 2015 CCS - Biologia CCS - Fisica I gas e loro proprietà 1 I liquidi e loro proprietà 2 Proprietà Generali dei Gas I gas possono essere espansi all infinito. I gas occupano i loro contenitori uniformemente

Dettagli

Stati di aggregazione della materia

Stati di aggregazione della materia SOLIDO: Forma e volume propri. Stati di aggregazione della materia LIQUIDO: Forma del recipiente in cui è contenuto, ma volume proprio. GASSOSO: Forma e volume del recipiente in cui è contenuto. Parametri

Dettagli

Gas. Vapore. Forma e volume del recipiente in cui è contenuto. un gas liquido a temperatura e pressione ambiente. microscopico MACROSCOPICO

Gas. Vapore. Forma e volume del recipiente in cui è contenuto. un gas liquido a temperatura e pressione ambiente. microscopico MACROSCOPICO Lo Stato Gassoso Gas Vapore Forma e volume del recipiente in cui è contenuto. un gas liquido a temperatura e pressione ambiente MACROSCOPICO microscopico bassa densità molto comprimibile distribuzione

Dettagli

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3.

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Atomi e molecole Ipotesi di Dalton (primi dell 800) 1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Gli atomi dei

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

Lo stato gassoso e le caratteristiche dei gas

Lo stato gassoso e le caratteristiche dei gas Lo stato gassoso e le caratteristiche dei gas 1. I gas si espandono fino a riempire completamente e ad assumere la forma del recipiente che li contiene 2. Igasdiffondonounonell altroesonoingradodimescolarsiintuttiirapporti

Dettagli

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2 46 Tonzig La fisica del calore o 6 R/2 rispettivamente per i gas a molecola monoatomica, biatomica e pluriatomica. Per un gas perfetto, il calore molare a pressione costante si ottiene dal precedente aggiungendo

Dettagli

Leggi dei gas. PV = n RT SISTEMI DI PARTICELLE NON INTERAGENTI. perché le forze tra le molecole sono differenti. Gas perfetti o gas ideali

Leggi dei gas. PV = n RT SISTEMI DI PARTICELLE NON INTERAGENTI. perché le forze tra le molecole sono differenti. Gas perfetti o gas ideali Perché nelle stesse condizioni di temperatura e pressione sostanze differenti possono trovarsi in stati di aggregazione differenti? perché le forze tra le molecole sono differenti Da che cosa hanno origine

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

Stati di aggregazione della materia unità 2, modulo A del libro

Stati di aggregazione della materia unità 2, modulo A del libro Stati di aggregazione della materia unità 2, modulo A del libro Gli stati di aggregazione della materia sono tre: solido, liquido e gassoso, e sono caratterizzati dalle seguenti grandezze: Quantità --->

Dettagli

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 1) Una certa quantità di solfato di ferro (II), sciolta in una soluzione acquosa di acido solforico, viene trattata con 1.0 10-3 mol di permanganato di potassio. Si ottengono

Dettagli

I gas. Marina Cobal - Dipt.di Fisica - Universita' di Udine 1

I gas. Marina Cobal - Dipt.di Fisica - Universita' di Udine 1 I gas Universita' di Udine Problema Un cubo di osmio ha lato di 0. m ed e appoggiato su una tavola. Al contatto tra la tavola ed il cubo, quanto vale la pressione (N/m )? Nota: le densita vi vengono date

Dettagli

Miscela omogenea monofasica i cui costituenti non è possibile separare meccanicamente

Miscela omogenea monofasica i cui costituenti non è possibile separare meccanicamente Miscela omogenea monofasica i cui costituenti non è possibile separare meccanicamente Soluzioni Sistema Omogeneo (presenta le stesse proprietà in qualsiasi sua porzione) Monofasico Nella fase omogenea

Dettagli

Definiamo Entalpia la funzione: DH = DU + PDV. Variando lo stato del sistema possiamo misurare la variazione di entalpia: DU = Q - PDV.

Definiamo Entalpia la funzione: DH = DU + PDV. Variando lo stato del sistema possiamo misurare la variazione di entalpia: DU = Q - PDV. Problemi Una mole di molecole di gas ideale a 292 K e 3 atm si espandono da 8 a 20 L e a una pressione finale di 1,20 atm seguendo 2 percorsi differenti. Il percorso A è un espansione isotermica e reversibile;

Dettagli

3. Stato gassoso. Al termine dell unità didattica si dovranno raggiungere i seguenti obiettivi:

3. Stato gassoso. Al termine dell unità didattica si dovranno raggiungere i seguenti obiettivi: 3. Stato gassoso. Al termine dell unità didattica si dovranno raggiungere i seguenti obiettivi:. Descrivere le caratteristiche e il comportamento del gas a livello microscopico.. Definire pressione temperatura

Dettagli

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola.

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. La formula empirica e una formula in cui il rappporto tra gli atomi e il piu semplice possibil Acqua Ammoniaca

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

Cap. 1 - Stati di aggregazione della materia.

Cap. 1 - Stati di aggregazione della materia. Cap. 1 - Stati di aggregazione della materia. Lo stato di aggregazione di un sistema è determinato dalla energia cinetica delle particelle e dall energia potenziale dovuta alle forze di coesione fra le

Dettagli

See more about www.scienzaescuola.it

See more about www.scienzaescuola.it See more about www.scienzaescuola.it ESERCIZI SUI GAS ORDINATI PER TIPOLOGIA E RISOLTI: Prof. Gabrielli Luciano (Lic. Scientifico L. da Vinci Sora FR) Charles, Boyle, Gay-Lussac, Eq. Stato, Eq. Stato e

Dettagli

Gas perfetti e sue variabili

Gas perfetti e sue variabili Gas perfetti e sue variabili Un gas è detto perfetto quando: 1. è lontano dal punto di condensazione, e quindi è molto rarefatto 2. su di esso non agiscono forze esterne 3. gli urti tra le molecole del

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

Gas e gas perfetti. Marina Cobal - Dipt.di Fisica - Universita' di Udine 1

Gas e gas perfetti. Marina Cobal - Dipt.di Fisica - Universita' di Udine 1 Gas e gas perfetti 1 Densita Densita - massa per unita di volume Si misura in g/cm 3 ρ = M V Bassa densita Alta densita Definizione di Pressione Pressione = Forza / Area P = F/A unita SI : 1 Nt/m 2 = 1

Dettagli

Una soluzione è un sistema omogeneo (cioè costituito da una sola fase, che può essere liquida, solida o gassosa) a due o più componenti.

Una soluzione è un sistema omogeneo (cioè costituito da una sola fase, che può essere liquida, solida o gassosa) a due o più componenti. Una soluzione è un sistema omogeneo (cioè costituito da una sola fase, che può essere liquida, solida o gassosa) a due o più componenti. Solvente (componente presente in maggior quantità) SOLUZIONE Soluti

Dettagli

L E L E G G I D E I G A S P A R T E I

L E L E G G I D E I G A S P A R T E I L E L E G G I D E I G A S P A R T E I Variabili di stato Equazioni di stato Legge di Boyle Pressione, temperatura, scale termometriche Leggi di Charles/Gay-Lussac Dispense di Chimica Fisica per Biotecnologie

Dettagli

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI Conversione Massa Moli DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI - ESERCIZI GUIDATI - LEGENDA DEI SIMBOLI: M = Peso molecolare m(g) = quantità in g di elemento o di composto n = numero di moli Ricorda che l'unità

Dettagli

Quesiti e problemi. 9 Calcola, con l aiuto della tavola periodica, la massa. 10 Calcola la massa molecolare di tre acidi piuttosto

Quesiti e problemi. 9 Calcola, con l aiuto della tavola periodica, la massa. 10 Calcola la massa molecolare di tre acidi piuttosto SUL LIBRO DA PAG 101 A PAG 10 Quesiti e problemi 1 La massa atomica e la massa molecolare 1 Qual è la definizione di unità di massa atomica u? a) è uguale a 1/12 della massa dell atomo di 12 C b) è uguale

Dettagli

LO STATO GASSOSO. Proprietà fisiche dei gas Leggi dei gas Legge dei gas ideali Teoria cinetico-molecolare dei gas Solubilità dei gas nei liquidi

LO STATO GASSOSO. Proprietà fisiche dei gas Leggi dei gas Legge dei gas ideali Teoria cinetico-molecolare dei gas Solubilità dei gas nei liquidi LO STATO GASSOSO Proprietà fisiche dei gas Leggi dei gas Legge dei gas ideali Teoria cinetico-molecolare dei gas Solubilità dei gas nei liquidi STATO GASSOSO Un sistema gassoso è costituito da molecole

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

Esame di Chimica Generale (M-Z) A.A. 2011-2012 (25 gennaio 2012)

Esame di Chimica Generale (M-Z) A.A. 2011-2012 (25 gennaio 2012) CORSO DI LAUREA IN SCIENZE BIOLOGICHE Esame di Chimica Generale (M-Z) A.A. 2011-2012 (25 gennaio 2012) 1) Bilanciare la seguente ossidoriduzione: KMnO 4 + H 2 O 2 + H 2 SO 4 MnSO 4 + K 2 SO 4 + O 2 + H

Dettagli

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Triennale in Chimica CORSO DI: LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA Docente: Dr. Alessandro Caselli

Dettagli

LE LEGGI DEI GAS. Dalle prime teorie cinetiche dei gas simulazioni della dinamica molecolare. Lezioni d'autore

LE LEGGI DEI GAS. Dalle prime teorie cinetiche dei gas simulazioni della dinamica molecolare. Lezioni d'autore LE LEGGI DEI GAS Dalle prime teorie cinetiche dei gas simulazioni della dinamica molecolare. Lezioni d'autore alle Un video : Clic Un altro video : Clic Un altro video (in inglese): Clic Richiami sulle

Dettagli

1 atm = 760 mm Hg = 760 torr = 101300 N/m 2 =101300 Pa. Anodo = Polo Positivo Anione = Ione Negativo. Catodo = Polo Negativo Catione = Ione Positivo

1 atm = 760 mm Hg = 760 torr = 101300 N/m 2 =101300 Pa. Anodo = Polo Positivo Anione = Ione Negativo. Catodo = Polo Negativo Catione = Ione Positivo 1) Concetti Generali 1. Unità di Misura: A. Pressione 1 atm = 760 mm Hg = 760 torr = 101300 N/m 2 =101300 Pa. B. Calore 1 joule = 10 7 Erg. 1 caloria = 4,185 joule. Anodo = Polo Positivo Anione = Ione

Dettagli

Capitolo 10 Il primo principio 113

Capitolo 10 Il primo principio 113 Capitolo 10 Il primo principio 113 QUESITI E PROBLEMI 1 Tenuto conto che, quando il volume di un gas reale subisce l incremento dv, il lavoro compiuto dalle forze intermolecolari di coesione è L = n 2

Dettagli

14. STATO GASSOSO 14.1. Stati di aggregazione

14. STATO GASSOSO 14.1. Stati di aggregazione 14. STATO GASSOSO 14.1. Stati di aggregazione D. Gli atomi, le molecole e gli ioni di una sostanza sono sottoposte a forze di attrazione, o forze di coesione, dovute alle cariche elettriche dei protoni

Dettagli

Simulazione test di ingresso Ingegneria Industriale Viterbo. Quesiti di Logica, Chimica e Fisica. Logica

Simulazione test di ingresso Ingegneria Industriale Viterbo. Quesiti di Logica, Chimica e Fisica. Logica Simulazione test di ingresso Ingegneria Industriale Viterbo Quesiti di Logica, Chimica e Fisica Logica L1 - Come si conclude questa serie di numeri? 9, 16, 25, 36,... A) 47 B) 49 C) 48 D) 45 L2 - Quale

Dettagli

L H 2 O nelle cellule vegetali e

L H 2 O nelle cellule vegetali e L H 2 O nelle cellule vegetali e il suo trasporto nella pianta H 2 O 0.96 Å H O 105 H 2s 2 2p 4 tendenza all ibridizzazione sp 3 H δ+ O δ- δ+ 1.75 Å H legame idrogeno O δ- H H δ+ δ+ energia del legame

Dettagli

OSSIDORIDUZIONI N H H. H ammoniaca. acido nitroso N = + 3. acido nitrico N = + 5

OSSIDORIDUZIONI N H H. H ammoniaca. acido nitroso N = + 3. acido nitrico N = + 5 OSSIDORIDUZIONI Le reazioni acido-base sono quelle in cui viene scambiato, fra due specie reagenti, un H. Come si è visto, esistono casi di reazioni acido-base in cui ciò non avviene (definizione di Lewis),

Dettagli

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una LA TERMOLOGIA La termologia è la parte della fisica che si occupa dello studio del calore e dei fenomeni legati alle variazioni di temperatura subite dai corpi. Essa si può distinguere in: Termometria

Dettagli

STATO LIQUIDO. Si definisce tensione superficiale (γ) il lavoro che bisogna fare per aumentare di 1 cm 2 la superficie del liquido.

STATO LIQUIDO. Si definisce tensione superficiale (γ) il lavoro che bisogna fare per aumentare di 1 cm 2 la superficie del liquido. STTO LIQUIDO Una sostanza liquida è formata da particelle in continuo movimento casuale, come in un gas, tuttavia le particelle restano a contatto le une alle altre e risentono sempre delle notevoli forze

Dettagli

Università telematica Guglielmo Marconi

Università telematica Guglielmo Marconi Università telematica Guglielmo Marconi GGGGG CF Chimica 1 Gli equilibri chimici Argomenti Gli argomenti che fanno parte di questa unità didattica sono: L equilibrio dinamico nelle reazioni chimiche Le

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

EQUILIBRI ETEROGENEI

EQUILIBRI ETEROGENEI EQUILIBRI ETEROGENEI Finora abbiamo implicitamente considerato di aver a che fare con equilibri omogenei gassosi. I sistemi eterogenei, ovvero costituiti da più di una fase, sono coinvolti in una grande

Dettagli

Fisiologia della Respirazione 1.Introduzione-Leggi dei Gas. FGE aa.2015-16

Fisiologia della Respirazione 1.Introduzione-Leggi dei Gas. FGE aa.2015-16 Fisiologia della Respirazione 1.Introduzione-Leggi dei Gas FGE aa.2015-16 Obiettivi Trasporto ventilatorio convettivo dei gas integrato con trasporto convettivo circolatorio e respirazione cellulare Cenni

Dettagli

FISICA-TECNICA Miscela di gas e vapori. Igrometria

FISICA-TECNICA Miscela di gas e vapori. Igrometria FISICA-TECNICA Miscela di gas e vapori. Igrometria Katia Gallucci Spesso è necessario variare il contenuto di vapore presente in una corrente gassosa. Lo studio di come si possono realizzare queste variazioni

Dettagli

Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Esame di Chimica Analitica e Complementi di Chimica Modulo di Chimica Analitica 8 Novembre 2012

Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Esame di Chimica Analitica e Complementi di Chimica Modulo di Chimica Analitica 8 Novembre 2012 Modulo di Chimica Analitica 8 Novembre 2012 1. Una soluzione viene preparata sciogliendo1210 mg di K 3 Fe(CN) 6 in 775 ml di acqua. Calcolare: a) la concentrazione analitica di K 3 Fe(CN) 6 b) la concentrazione

Dettagli

RICHIAMI DI TERMOCHIMICA

RICHIAMI DI TERMOCHIMICA CAPITOLO 5 RICHIAMI DI TERMOCHIMICA ARIA TEORICA DI COMBUSTIONE Una reazione di combustione risulta completa se il combustibile ha ossigeno sufficiente per ossidarsi completamente. Si ha combustione completa

Dettagli

Metodi di abbattimento delle emissioni. Università di Roma La Sapienza Sistemi Energetici II

Metodi di abbattimento delle emissioni. Università di Roma La Sapienza Sistemi Energetici II Metodi di abbattimento delle emissioni Metodi per l abbattimento l delle emissioni I sistemi di abbattimento delle emissioni a valle della camera di combustione risultano indispensabili qualsiasi sia la

Dettagli

Leggi dei Gas. 2 MnO 4 - + 3 H 2 O 2 2 MnO 2 + 3 O 2 + 2 OH - + 2 H 2 O (Mn: +7 +4 ; no = +3). 2 = +6e - (O: -1 0 ; no = -1; x 2 = -2).

Leggi dei Gas. 2 MnO 4 - + 3 H 2 O 2 2 MnO 2 + 3 O 2 + 2 OH - + 2 H 2 O (Mn: +7 +4 ; no = +3). 2 = +6e - (O: -1 0 ; no = -1; x 2 = -2). Leggi dei Gas Esercizio 3.1. a) Bilanciare in forma ionica (1) e in forma molecolare (2) la seguente reazione in soluzione acquosa: permanganato di potassio + perossido d idrogeno biossido di manganese

Dettagli

Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA

Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA CLASSE A Velocità - Equilibrio - Energia Regionali 2010 36. Se il valore della costante di equilibrio di una reazione chimica diminuisce al crescere della temperatura,

Dettagli

Benzina: è costituita essenzialmente da idrocarburi (HC), cioè sostanze organiche composte da idrogeno (H) e carbonio (C).

Benzina: è costituita essenzialmente da idrocarburi (HC), cioè sostanze organiche composte da idrogeno (H) e carbonio (C). InfoTech n 2/2013 STRUMENTO Analizzatori di gas Oggetto L analisi dei gas nei motori a benzina DISPENSA Introduzione Il motore trasforma l energia chimica contenuta nel combustibile (benzina) e nel comburente

Dettagli

Chimica. Ingegneria Meccanica, Elettrica e Civile Simulazione d'esame

Chimica. Ingegneria Meccanica, Elettrica e Civile Simulazione d'esame Viene qui riportata la prova scritta di simulazione dell'esame di Chimica (per meccanici, elettrici e civili) proposta agli studenti alla fine di ogni tutoraggio di Chimica. Si allega inoltre un estratto

Dettagli

IL PARTICOLATO ATMOSFERICO

IL PARTICOLATO ATMOSFERICO IL PARTICOLATO ATMOSFERICO Il particolato atmosferico Definito anche aerosol o genericamente polveri Costituito da particelle solide o liquide in sospensione che provengono: da processi naturali e da processi

Dettagli

SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI

SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI SOLUZIONI, DILUIZIONI, TITOLAZIONI 1. Quanti ml di NaOH 1,25 N debbono essere aggiunti ad 1 litro di NaOH 0,63 N per ottenere una soluzione 0,85 N? [550 ml] 2. Quali volumi 0,55 N e 0,098 N debbono essere

Dettagli

Ripasso sulla temperatura, i gas perfetti e il calore

Ripasso sulla temperatura, i gas perfetti e il calore Ripasso sulla temperatura, i gas perfetti e il calore Prof. Daniele Ippolito Liceo Scientifico Amedeo di Savoia di Pistoia La temperatura Fenomeni non interpretabili con le leggi della meccanica Dilatazione

Dettagli

CORRENTE ELETTRICA Corso di Fisica per la Facoltà di Farmacia, Università G. D Annunzio, Cosimo Del Gratta 2007

CORRENTE ELETTRICA Corso di Fisica per la Facoltà di Farmacia, Università G. D Annunzio, Cosimo Del Gratta 2007 CORRENTE ELETTRICA INTRODUZIONE Dopo lo studio dell elettrostatica, nella quale abbiamo descritto distribuzioni e sistemi di cariche elettriche in quiete, passiamo allo studio di fenomeni nei quali le

Dettagli

GAS PERFETTO M E M B R A N A CONCENTRAZIONI IONICHE ALL'EQUILIBRIO INTERNO ESTERNO. K + 400 mm/l. K + 20 mm/l. Na + 440 mm/l.

GAS PERFETTO M E M B R A N A CONCENTRAZIONI IONICHE ALL'EQUILIBRIO INTERNO ESTERNO. K + 400 mm/l. K + 20 mm/l. Na + 440 mm/l. GAS PERFETTO Usando il principio di semplicità, si definisce il sistema termodinamico più semplice: il gas perfetto composto da molecole che non interagiscono fra loro se non urtandosi. Sfere rigide che

Dettagli

352&(662',&20%867,21(

352&(662',&20%867,21( 352&(662',&20%867,21( Il calore utilizzato come fonte energetica convertibile in lavoro nella maggior parte dei casi, è prodotto dalla combustione di sostanze (es. carbone, metano, gasolio) chiamate combustibili.

Dettagli

CORSO DI CHIMICA PER L AMBIENTE CRISTIANO BENELLI DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE

CORSO DI CHIMICA PER L AMBIENTE CRISTIANO BENELLI DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE CORSO DI CHIMICA PER L AMBIENTE CRISTIANO BENELLI DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE RECAPITI Dipartimento di Ingegneria Industriale Via di S. Marta, 3 E-mail: cristiano.benelli@unifi.it http://www.lamm.unifi.it/benelli.htm

Dettagli

CONSEGUENZA PROPORZIONI

CONSEGUENZA PROPORZIONI Corso di laurea: BIOLOGIA Tutor: Floris Marta PRECORSI DI MATEMATICA CONSEGUENZA PROPORZIONI PROBLEMI DEL TRE SEMPLICE Le conoscenze acquisite sui rapporti e sulle proporzioni possono essere applicate

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE. B.Pascal Roma

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE. B.Pascal Roma Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE B.Pascal Roma Anno Scolastico 2012-201 PIANO DI LAVORO DELLE CLASSI PRIME MATERIA: Scienze Integrate CHIMICA

Dettagli

Applicazioni della Termochimica: Combustioni

Applicazioni della Termochimica: Combustioni CHIMICA APPLICATA Applicazioni della Termochimica: Combustioni Combustioni Il comburente più comune è l ossigeno dell aria Aria secca:! 78% N 2 21% O 2 1% gas rari Combustioni Parametri importanti:! 1.Potere

Dettagli

Capitolo 1 ( Cenni di chimica/fisica di base ) Pressione

Capitolo 1 ( Cenni di chimica/fisica di base ) Pressione PRESSIONE: La pressione è una grandezza fisica, definita come il rapporto tra la forza agente ortogonalmente 1 su una superficie e la superficie stessa. Il suo opposto (una pressione con verso opposto)

Dettagli

FAM. 1. Sistema composto da quattro PM come nella tabella seguente

FAM. 1. Sistema composto da quattro PM come nella tabella seguente Serie 11: Meccanica IV FAM C. Ferrari Esercizio 1 Centro di massa: sistemi discreti Determina il centro di massa dei seguenti sistemi discreti. 1. Sistema composto da quattro PM come nella tabella seguente

Dettagli

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in SUL LIBRO DA PAG 306 A PAG 310 Quesiti e problemi ESERCIZI 1 Le reazioni producono energia 1 Qual è il fattore più importante per stabilire se una reazione è esotermica o endotermica? Per stabilire se

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici Fisica Medica Lauree triennali nelle Professioni Sanitarie. P.Montagna ott-07. pag.1

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici Fisica Medica Lauree triennali nelle Professioni Sanitarie. P.Montagna ott-07. pag.1 I FENOMENI TERMICI Temperatura Calore Trasformazioni termodinamiche Gas perfetti Temperatura assoluta Gas reali Principi della Termodinamica Trasmissione del calore Termoregolazione del corpo umano pag.1

Dettagli

DENSITA La densità è una grandezza fisica che indica la massa, di una sostanza o di un corpo, contenuta nell unità di volume; è data dal rapporto:

DENSITA La densità è una grandezza fisica che indica la massa, di una sostanza o di un corpo, contenuta nell unità di volume; è data dal rapporto: Richiami di Chimica DENSITA La densità è una grandezza fisica che indica la massa, di una sostanza o di un corpo, contenuta nell unità di volume; è data dal rapporto: d = massa / volume unità di misura

Dettagli

pag 1/6 Appunti di chimica 17/11/2007 Termodinamica Energia, ambiente e sistema

pag 1/6 Appunti di chimica 17/11/2007 Termodinamica Energia, ambiente e sistema pag 1/6 Appunti di chimica 17/11/2007 Termodinamica Energia, ambiente e sistema La termodinamica è una scienza che studia il modo in cui processi chimici o fisici scambiano l'energia, per quel che ci riguarda

Dettagli

Esercizi e Problemi di Termodinamica.

Esercizi e Problemi di Termodinamica. Esercizi e Problemi di Termodinamica. Dr. Yves Gaspar March 18, 2009 1 Problemi sulla termologia e sull equilibrio termico. Problema 1. Un pezzetto di ghiaccio di massa m e alla temperatura di = 250K viene

Dettagli

Al Prof. Mario Beccari, professore ordinario di Impianti Chimici, va il mio ringraziamento per aver elaborato gli argomenti riportati qui.

Al Prof. Mario Beccari, professore ordinario di Impianti Chimici, va il mio ringraziamento per aver elaborato gli argomenti riportati qui. Al Prof. Mario Beccari, professore ordinario di Impianti Chimici, va il mio ringraziamento per aver elaborato gli argomenti riportati qui. Nota per gli studenti. Sono stati usati simboli diversi da quelli

Dettagli

Corrente Elettrica. dq dt

Corrente Elettrica. dq dt Corrente Elettrica Finora abbiamo considerato le cariche elettriche fisse: Elettrostatica Consideriamole adesso in movimento! La carica in moto forma una corrente elettrica. L intensità di corrente è uguale

Dettagli

Università telematica Guglielmo Marconi. Chimica

Università telematica Guglielmo Marconi. Chimica Università telematica Guglielmo Marconi Chimica 1 Termodinamica 1 Argomenti Nell unità didattica dedicata alla termodinamica verranno affrontati i seguenti argomenti: L energia interna di un sistema Le

Dettagli

Il bilanciamento delle reazioni chimiche

Il bilanciamento delle reazioni chimiche 1 Il bilanciamento delle reazioni chimiche Avete visto che gli atomi hanno diversi modi di unirsi l uno all altro. Si può anche iniziare a capire che una reazione chimica non è nient altro che un cambiamento

Dettagli

Diffusività dei Gas. componente A in direzione della diffusione di A in A+B gr.moli/m 3 Dx Distanza nella direzione della diffusione di A in A+B m

Diffusività dei Gas. componente A in direzione della diffusione di A in A+B gr.moli/m 3 Dx Distanza nella direzione della diffusione di A in A+B m Diffusività dei Gas Descriviamo l assorbimento di un gas in un liquido per introdurre il concetto di diffusività. Si voglia ad esempio assorbire con acqua dell ammoniaca contenuta in un gas sia per liberare

Dettagli

Corso di Chimica Fisica A. Appunti delle lezioni

Corso di Chimica Fisica A. Appunti delle lezioni Università di Torino Corso di Studi in Chimica - Laurea Triennale Anno Accademico 2006-2007 Corso di Chimica Fisica A Appunti delle lezioni Roberto Dovesi Loredana Valenzano (19 febbraio 2007) Indice

Dettagli

Il fenomeno della combustione di Marco Santucci

Il fenomeno della combustione di Marco Santucci Il fenomeno della combustione di Marco Santucci La combustione è un fenomeno chimico di ossidazione fortemente esotermico che avviene tra un combustibile e l ossigeno con una intensa manifestazione luminosa

Dettagli

CONTROLLO DEL COEFFICIENTE DI TRASFERIMENTO DEL CARBONIO (BETA) E RIDUZIONE DEI COSTI DEI TRATTAMENTI TERMICI.

CONTROLLO DEL COEFFICIENTE DI TRASFERIMENTO DEL CARBONIO (BETA) E RIDUZIONE DEI COSTI DEI TRATTAMENTI TERMICI. CONTROLLO DEL COEFFICIENTE DI TRASFERIMENTO DEL CARBONIO (BETA) E RIDUZIONE DEI COSTI DEI TRATTAMENTI TERMICI. Karl-Michael Winter, Jens Baumann, Process Electronic GmbH, Heiningen (Germania) Sommario

Dettagli

0,209. formula che si risolve facilmente una volta misurata, con adatte apparecchiature, la percentuale in volume di CO 2

0,209. formula che si risolve facilmente una volta misurata, con adatte apparecchiature, la percentuale in volume di CO 2 Approfondimento Analisi dei fumi La regolazione della combustione basata su regole pratiche pecca evidentemente di precisione anche se presenta l indubbio vantaggio dell immediatezza di esecuzione; una

Dettagli

LE SOLUZIONI 1.molarità

LE SOLUZIONI 1.molarità LE SOLUZIONI 1.molarità Per mole (n) si intende una quantità espressa in grammi di sostanza che contiene N particelle, N atomi di un elemento o N molecole di un composto dove N corrisponde al numero di

Dettagli

L EQUILIBRIO 1. L EQUILIBRIO DEI SOLIDI. Il punto materiale e il corpo rigido. L equilibrio del punto materiale

L EQUILIBRIO 1. L EQUILIBRIO DEI SOLIDI. Il punto materiale e il corpo rigido. L equilibrio del punto materiale L EQUILIBRIO 1. L EQUILIBRIO DEI SOLIDI Il punto materiale e il corpo rigido Un corpo è in equilibrio quando è fermo e continua a restare fermo. Si intende, per punto materiale, un oggetto così piccolo

Dettagli

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono LA MATERIA 1 MATERIA PROPRIETÀ (caratteristiche) COMPOSIZIONE (struttura) FENOMENI (trasformazioni) Stati di aggregazione Solido Liquido Aeriforme Atomi che la compongono CHIMICI Dopo la trasformazione

Dettagli

INDIRIZZO TECNOLOGICO CLASSE A033 n. 2

INDIRIZZO TECNOLOGICO CLASSE A033 n. 2 INDIRIZZO TECNOLOGICO CLASSE A033 n. 2 1) La tensione di rete domestica è in Italia di 230 V. In una stanza è accesa una lampada di 100W, in un altra stanza una lampada di 200W. L intensità di corrente

Dettagli

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia 1.Gli stati fisici della materia 2.I sistemi omogenei e i sistemi eterogenei 3.Le sostanze pure e i miscugli 4.I passaggi di stato 5. la teoria particellare

Dettagli

Che cosa è la fisica? Per arrivare ad una legge fisica si fa un insieme di cose pratiche (procedura) che si chiama metodo scientifico.

Che cosa è la fisica? Per arrivare ad una legge fisica si fa un insieme di cose pratiche (procedura) che si chiama metodo scientifico. 01 Che cosa è la fisica? In questa lezione iniziamo a studiare questa materia chiamata fisica. Spesso ti sarai fatto delle domande su come funziona il mondo e le cose che stanno attorno a te. Il compito

Dettagli

PROVINCIA di REGGIO CALABRIA Assessorato all Ambiente Corso di Energy Manager Maggio-Luglio 2008 LA COMBUSTIONE. Ilario De Marco

PROVINCIA di REGGIO CALABRIA Assessorato all Ambiente Corso di Energy Manager Maggio-Luglio 2008 LA COMBUSTIONE. Ilario De Marco PROVINCIA di REGGIO CALABRIA Assessorato all Ambiente Corso di Energy Manager Maggio-Luglio 2008 LA COMBUSTIONE Ilario De Marco I COMBUSTIBILI Si definisce combustibile una sostanza che attraverso una

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

ELETTROCHIMICA. Uso di reazioni chimiche per produrre corrente elettrica (Pile)

ELETTROCHIMICA. Uso di reazioni chimiche per produrre corrente elettrica (Pile) ELETTROCHIMICA Uso di reazioni chimiche per produrre corrente elettrica (Pile) Uso di forza elettromotrice (fem) esterna per forzare reazioni chimiche non spontanee (Elettrolisi) Coppia redox: Ossidazione

Dettagli

La combustione ed i combustibili

La combustione ed i combustibili La combustione ed i combustibili Concetti di base Potere calorifico Aria teorica di combustione Fumi: volume e composizione Temperatura teorica di combustione Perdita al camino Combustibili Gassosi Solidi

Dettagli

Energia nelle reazioni chimiche. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti

Energia nelle reazioni chimiche. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti Energia nelle reazioni chimiche Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti VIDEO Introduzione (I) L energia chimica è dovuta al particolare arrangiamento degli atomi nei composti chimici e le varie forme di

Dettagli

TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA

TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA L ENERGIA e IL LAVORO Non è facile dare una definizione semplice e precisa della parola energia, perché è un concetto molto astratto che

Dettagli

Esercitazione X - Legge dei gas perfetti e trasformazioni

Esercitazione X - Legge dei gas perfetti e trasformazioni Esercitazione X - Legge dei gas perfetti e trasformazioni termodinamiche Formulario Il primo principio della termodinamica afferma che la variazione dell energia interna di un sistema U è uguale alla somma

Dettagli

Preparazione alle gare di II livello delle Olimpiadi della Fisica 2013

Preparazione alle gare di II livello delle Olimpiadi della Fisica 2013 Preparazione alle gare di II livello delle Olimpiadi della Fisica 01 Incontro su temi di termodinamica 14/1/01 Giuseppina Rinaudo - Dipartimento di Fisica dell Università di Torino Sommario dei quesiti

Dettagli

Gas reali. Gas reali Equazione di van der Waals Diagrammi di fase Equazione di Clapeyron Tensione di vapore Umidità relativa

Gas reali. Gas reali Equazione di van der Waals Diagrammi di fase Equazione di Clapeyron Tensione di vapore Umidità relativa Gas reali Gas reali Equazione di van der Waals Diagrammi di fase Equazione di Clapeyron Tensione di vapore Umidità relativa 1 Gas reali Il gas perfetto è descritto dall equazione di stato PV=nRT che lega

Dettagli

Informazioni tecniche

Informazioni tecniche Informazioni tecniche generali - Concetti base di pneumatica 0 - Normative 03 - Unità di misura, tabelle di conversione 04 - Simbologia Pneumatica 05 - Materiali, grassi, oli 06 - Unità di trattamento

Dettagli

REGOLE PER L'ATTRIBUZIONE DEI COEFFICIENTI STECHIOMETRICI DI UNA REAZIONE

REGOLE PER L'ATTRIBUZIONE DEI COEFFICIENTI STECHIOMETRICI DI UNA REAZIONE REGOLE PER L'ATTRIBUZIONE DEI COEFFICIENTI STECHIOMETRICI DI UNA REAZIONE OSSIDORIDUTTIVA SECONDO IL METODO DELLO IONE-ELETTRIONE. 1) Si individuano le coppie di atomi il cui numero di ossidazione cambia

Dettagli

Lezione 11: Forze e pressioni nei fluidi

Lezione 11: Forze e pressioni nei fluidi Lezione 11 - pag.1 Lezione 11: Forze e pressioni nei fluidi 11.1. Dalla forza alla pressione Abbiamo visto che la Terra attrae gli oggetti solidi con una forza, diretta verso il suo centro, che si chiama

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

Per la cinetica del 1 ordine si ha:

Per la cinetica del 1 ordine si ha: 1. Si consideri la seguente reazione: CH 3 CHO (g) CH 4(g) + CO (g) Determinare l ordine di reazione e calcolare la costante di velocità della suddetta reazione a 518 C noti i seguenti dati sperimentali:

Dettagli

LEZIONE 5-6 GAS PERFETTI, CALORE, ENERGIA TERMICA ESERCITAZIONI 1: SOLUZIONI

LEZIONE 5-6 GAS PERFETTI, CALORE, ENERGIA TERMICA ESERCITAZIONI 1: SOLUZIONI LEZIONE 5-6 G PERFETTI, CLORE, ENERGI TERMIC EERCITZIONI 1: OLUZIONI Gas Perfetti La temperatura è legata al movimento delle particelle. Un gas perfetto (ovvero che rispetta la legge dei gas perfetti PV

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MESSINA FACOLTÀ DI SCIENZE MM.FF.NN. CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE BIOLOGICHE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MESSINA FACOLTÀ DI SCIENZE MM.FF.NN. CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE BIOLOGICHE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MESSINA FACOLTÀ DI SCIENZE MM.FF.NN. CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE BIOLOGICHE Esercitazioni di fisica a cura di Valeria Conti Nibali A.A. 2008/09 Esercizio 1 Si consideri

Dettagli