3. Stato gassoso. Al termine dell unità didattica si dovranno raggiungere i seguenti obiettivi:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "3. Stato gassoso. Al termine dell unità didattica si dovranno raggiungere i seguenti obiettivi:"

Transcript

1 3. Stato gassoso. Al termine dell unità didattica si dovranno raggiungere i seguenti obiettivi:. Descrivere le caratteristiche e il comportamento del gas a livello microscopico.. Definire pressione temperatura e volume di un gas e relative unità di misura. 3. Passare da una unità di misura all altra attraverso i fattori di conversione. 4. Interpretare a livello microscopico temperatura e pressione del gas. 5. Spiegare in base al modello dei gas le leggi di : Boyle Charles Gay-Lussac utilizzando la formulazione matematica più semplice. 6. Dimostrare la formulazione dell equazione generale dei gas ideali: P V = n R 7. Enunciare la legge di Avogadro e conoscere il volume molare di un gas a condizioni normali. 8. Risolvere problemi che comportano l utilizzo delle leggi dei gas. 9. Sapere cogliere la differenza fra gas ideale e reale. 0. Definizione di temperatura critica. 3.. Caratteristiche dello stato gassoso. La materia allo stato gassoso possiede caratteristiche diverse rispetto allo stato solido e allo stato liquido. I gas sono: Facilmente comprimibili endono a diffondere Hanno bassi valori di densità Non hanno forma e volume proprio. Conservano però una massa propria. Le particelle che costituiscono lo stato gassoso possiedono le seguenti caratteristiche: Si muovono in linea retta con elevata velocità. (Migliaia di chilometri l ora) La loro velocità dipende dalla temperatura. anto più questa è elevata tanto più le particelle si muovono velocemente. La distanza fra le particelle è molto grande. Il volume proprio delle particelle è trascurabile rispetto al volume del recipiente che racchiude il gas. Le particelle si urtano fra loro innumerevoli volte. Il risultato degli innumerevoli urti delle particelle contro le pareti del recipiente determina la pressione del gas.

2 Gli urti delle particelle contro le pareti sono elastici cioè non perdono energia e neppure velocità. utti i gas hanno un comportamento simile a quello descritto. 3.. Le grandezze che definiscono lo stato gassoso. Lo stato gassoso è lo stato della materia più sfuggente e per definirlo sono necessarie le seguenti grandezze fisiche: La pressione (P) La temperatura () Il volume (V) La pressione è il risultato macroscopico degli innumerevoli urti che le particelle del gas compiono contro le pareti del recipiente che le contiene. (Vedi figura) La pressione è la forza agente sull unità di superficie e si esprime nella seguente unità di misura: Pascal (Pa) nel Sistema Internazionale. Il Pascal è definito come la forza di un Newton su metro quadrato (N/m ). Altre unità di misura della pressione sono: Millimetri di mercurio (mmhg) Atmosfera (atm) Bar orricelli (torr) Le unità di misura della pressione si possono convertire una nell altra conoscendo le seguenti relazioni: bar = Pa atm = 0 35 Pa mmhg = 333 Pa torr = 333 Pa atm= 760 mmhg

3 Esempi di conversione di unità di misura della pressione.. Si voglia convertire la pressione di 300 mmhg in Pa. Soluzione. 333Pa 300 mmhg ( ) = Pa mmhg 333Pa mmhg è il fattore che converte i mmhg in Pa. Si voglia convertire la pressione di 4 atm in Pa 035Pa 4 atm ( ) = 4855 Pa atm 035Pa atm è il fattore che converte le atm in Pa La temperatura indica lo stato termico di un corpo ci dice se un corpo è più caldo o più freddo di un altro. Si esprime principalmente nelle seguenti unità di misura: Gradi Celsisus simbolo C Gradi Kelvin simbolo K La temperatura più bassa che si può ipotizzare è 735 C. Essa è una temperatura teorica che in pratica non si può raggiungere. A questo limite inferiore si attribuisce il significato e il nome di zero assoluto. A questa temperatura la materia non avrebbe volume né pressione e le sue particelle sarebbero immobili. Allo zero assoluto nella scala dei gradi K è dato il valore 0 (zero). Questa scala della temperatura assoluta consente di esprimere per la temperatura solo valori positivi.

4 ¾ À Á à Vedi confronto fra le due scale.! " # $ % " & # $ ' ( $ ) (* $ + -. / / : 4 0; < 7: = 0 >? 05 < 7 : = N A B O D C F C M D E ME F B U V G H A I B J R K R O L D Q D E M F N B O D G F H M I P Q J K E L R MN D O M D N F O M D Q F M S W MP Q Q XS S ME Q O Y A D J P B E S Q OR MO Q M Z [ \ ] ^ _` a b c d e f g g h i j k l f f mmf i n o p n jf i q j f r h s t u v w f x q f d i h y z { } ~ z z } ƒ ˆ Š Œ Ž ˆ Ž ž Ÿ š ž œ š š ž ž Ÿ š ž ž š š š «ž š š ª ± ² ³ µ ¹ º» ¹ ¼ ½

5 Û Il volume del gas è il volume del recipiente che lo contiene in quanto la caratteristica dei gas è quella di diffondersi. Le unità di misura del volume più comunemente utilizzate sono: il metro cubo ( m 3 ); il litro simbolo L (0-3 m 3 ) ; il millilitro (ml) o centimetro cubo (cm 3 ) pari a 0-3 dm 3. Le leggi dei gas legge di Boyle Fra le grandezze che definiscono lo stato gassoso esistono delle relazioni chiamate leggi dei gas. La legge di Boyle mette in relazione il volume e la pressione del gas mantenendo la temperatura costante. Per questo viene chiamata anche isoterma. La legge di Boyle viene così enunciata: a temperatura costante il volume di una data massa di gas varia in modo inversamente proporzionale alla sua pressione. Se il volume raddoppia o triplica la pressione deve diventare un mezzo o un terzo affinché il loro prodotto rimanga costante. Ecco un esempio. Ä Å Æ Ç ÈÉÊ Ë É Ì Í Î Ï Ð Ñ Ò Ó Ô Õ Ö ØÙ Ú Ø Ô Õ Ö Ü Ù Ý Þç èß éà êá ëâãäåæ ìí Matematicamente la legge è espressa dalla seguente equazione: PV = costante

6 Da questa legge si deduce che se un campione di un gas mantenendo la temperatura costante si trova a pressione P ed occupa un volume V ad una pressione P occuperà un nuovo volume che chiameremo V. Possiamo scrivere la seguente equazione: î ï ð ñ ò ó ô õ ô in quanto se P V = k e P V = k ne consegue che P V = P V In un grafico questa proporzionalità inversa viene rappresentata con un ramo di iperbole equilatera. P da rivedere la figura Risoluzione di alcuni problemi sulla legge di Boyle.. Un gas si trova alla temperatura costante di 5 C ed esercita sulle pareti del recipiente una pressione di 730 mmhg occupando un volume di 8 litri. Si calcoli il nuovo volume espresso in litri quando la pressione del gas è di 4 atm. Risoluzione.

7 Devo usare le stessa unità di misura per esprimere la pressione per cui o trasformo i mmhg in atm o le atm in mmhg. Scelgo la prima ipotesi. atm 730 mmhg ( 760mmHg ) = 096 atm applico la relazione P V = P V sostituendo i dati numerici ottengo: 096 atm. 8 L = 4 atm. V V è la mia incognita. V = 096atm.8L = 9 L 4atm. Un gas che si trova alla temperatura costante di 30 C e occupa un volume di 875 ml ad una pressione di Pa viene compresso fino ad occupare un volume di 0 45 litri. Si calcoli la nuova pressione espressa in atm. Risoluzione. Anche in questo caso devo utilizzare unità di misura omogenee. rasformo i ml in litri. 875ml = 0875 L Poiché mi è chiesto di esprimere la pressione finale in atm trasformo la pressione iniziale espressa in Pa nelle corrispondenti atm per mezzo del fattore di conversione. atm Pa ( ) = 06 atm 035Pa applico la relazione P V = P V e sostituendo i dati numerici ottengo: 06 atm L = P 045 L P è la mia incognita. P = 06atm.0875L = 06 atm. 045L

8 3.4. Legge di Charles o anche legge isobara. Essa viene così enunciata: a pressione costante il volume di un gas varia di 73 volume occupato a 0 C per ogni variazione di C della sua temperatura. del La si può rappresentare con la seguente equazione matematica: 0 C C ö ø ù ú û ü ý þ ÿ ü ý V 0 = volume del gas alla temperatura t = V t = volume del gas alla temperatura t t = temperatura del gas in C La stessa equazione applicata a due generici valori di temperatura t e t con t t diventa: 73 t t = t indicare una (si legge delta) e in questo caso sta ad differenza di temperatura. La relazione la si può scrivere in questo modo:

9 ! " # α$ % viene indicato con α (alfa) ed è chiamato coefficiente di dilatazione termica. 73 se t = -73 C ( zero assoluto) si ha V t = V 0 ( + ( -73) ) 73 V t = V 0 (+ - ) = 0 V t = 0 cioè il gas annullerebbe il suo volume.! " # α$ % L equazione può anche essere espressa in questo modo V t = V 0 ( 73 + t t ) infatti Vt = V 0 ( t ) =V 0 ( + ) = V 0 ( t ) 73 Se la temperatura (espressa in C) la esprimiamo in Kelvin sapendo che (K) = 73+ t C Si ottiene: V t = V 0 73 sapendo che V 0 è il volume del gas a 0 C (corrispondente a 73 K) si può scrivere V t V = 0 oppure 0 V = k ed anche V = V questo è un altro modo per esprimere la legge di Charles. Il volume di una data massa di gas a pressione costante è direttamente proporzionale alla temperatura assoluta.

10 Riportando questa legge in un grafico con in ordinate il volume e in ascissa la temperatura si ottiene una semiretta che parte dall origine. Volume Disegnare meglio il diagramma. emperatura K In conclusione la legge di Charles consente di calcolare una delle quattro grandezze dell equazione V = V Conoscendo le altre tre. Se si utilizza questa equazione per esprimere la legge la temperatura va espressa in kelvin. Risoluzione di alcuni problemi sulla legge di Charles.. Si vuole calcolare la temperatura finale di una massa di gas azoto che a pressione costante da una temperatura iniziale di 300 K e volume iniziale di 0 litri passa ad un volume finale di litri. Risoluzione. P = costante dati : V = 0 litri V = litri = 300 K =? Applico la relazione V / =V / = V = V litri 300 K = 60 K 0litri

11 . Si calcoli il volume di una certa quantità di gas che a 0 C occupa un volume di 5 litri quando viene riscaldato a 98 C mantenendo costante la pressione. Risoluzione. Dati = 0 C V = 5 litri = 98 C V =? Applico la relazione V t = V t (+ α t) V 98 C = 5 + (98 0) ] 735 = 36 litri Posso applicare anche la relazione: V / =V / In questo caso devo trasformare i C in K = 0 C = 935 K = 98 C + 735= 375 k V = 5 litri V = incognita Sostituisco nell equazione: Il risultato è il medesimo. 5 V 5 = ; V = 37 5 = 36 litri Legge di Gay-Lussac o anche legge isocora. È così enunciata: a volume costante la pressione di un gas varia di della 73 pressione che il gas esercita a 0 C per ogni variazione di grado centigrado di variazione della temperatura. P t = P 0 + P0 t 73

12 In generale per calcolare la pressione alla temperatura t conoscendo la pressione alla t si applica P t =P t [+ (t t )] 73 E in analogia con quanto visto nella legge di Charles si può scrivere: P = P oppure P = k la pressione di una data massa di gas a volume costante varia in modo direttamente proporzionale alla temperatura assoluta. In un diagramma pressione temperatura la razione si rappresenta con una semiretta che nasce dall origine degli assi: P 0 V Risoluzione di alcuni problemi Legge di Gay-Lussac.. Una bombola da campeggio contiene un gas alla temperatura di 5 C e alla pressione di 4 atm. Se la bombola è riscaldata alla temperatura di 80 C dai raggi solari quale sarà la sua pressione rimanendo il suo volume costante? Risoluzione. Dati V= cost. P = 4 atm P =? =3535 = 5 C +735=985 K = 80 C + 735

13 P P = P ; P = 4atm = 3535K = 47 atm 985K. Un gas si trova alla temperatura di 8 C e alla pressione di 00 kp( kp=000p). Quale temperatura espressa in C deve raggiungere il gas per raggiungere la pressione di 300 kp? Risoluzione. trasformo i C in K per potere usare l equazione: P P P = ; = P = 300 kp ( 8 C + 73' 5) 00kP = 457 K 457 K 735 =78575 C 3.6. Legge di Avogadro Questa legge viene così enunciata: volumi uguali di gas diversi nelle stesse condizioni di pressione e di temperatura contengono lo stesso numero di particelle (possono essere atomi o molecole bi o triatomiche). Come conseguenza di questa legge si ha che una mole di un gas qualsiasi occupa il medesimo volume nelle stesse condizioni di P e. Sperimentalmente si è trovato che: una mole di un qualsiasi gas nelle condizioni normali o condizioni standard (pressione di atm e temperatura di 0 C) occupa un volume di 4 litri. 4 L è il volume occupato da una mole di un qualsiasi gas purché si trovi nelle condizioni standard.

14 3.7. Equazione di stato dei gas ideali. Le tre leggi dei gas fino ad ora esaminate: P. V = cost. A temperatura costante (Boyle) V = cost. P = cost. A pressione costante (Charles) A volume costante ( Gay-Lussac) Si può anche scrivere: P V = cost cost. cost. P V = k dove k è il prodotto di cost cost. cost. Facendo la radice quadrata dell equazione si ottiene: PV P V = costante oppure = costante. Od ancora PV PV = Se ora consideriamo una qualsiasi mole di un gas alla temperatura di 0 C e alla pressione di atm sapendo che una mole di gas in queste condizioni occupa un volume di 4 litri si avrà: PV = atm.(4litri) = 008 litri atm / K mole 735K(mole) Questo valore costante viene chiamato R ed è la costante universale dei gas ideali. R=008 litri atm / K mole Se cambiano le unità di misura cambia anche il valore numerico di R Sapendo che il volume di una mole di gas è dato dal volume totale diviso il numero delle moli che esso contiene

15 V molare = V totale /n. moli si potrà scrivere: PV = R ed anche: n & ' ( ) * + Questa equazione è detta: equazione di stato dei gas ideali. Essa mette in relazione non solo la P il V e la di un gas ma anche n cioè il numero di moli del gas. Occorre precisare che tutte queste leggi hanno dei limiti di validità e descrivono il comportamento del gas entro determinati valori di pressione e temperatura I gas reali infatti hanno un comportamento che si discosta dalle leggi precedentemente esaminate. Se però si trovano a basse pressioni ed alte temperature o ad ogni modo le condizioni non sono distanti da quelle ambientali il loro comportamento può essere descritto dalle leggi dei gas ideali. Molto spesso le dizioni gas e vapore vengono usate indistintamente. Occorre evidenziare che: Vapore è un aeriforme che si trova al di sotto della sua temperatura critica. Gas è un aeriforme che si trova al di sopra della sua temperatura critica. La temperatura critica è una temperatura caratteristica di ogni aeriforme al di sopra della quale il gas qualsiasi sia la pressione su di esso esercitata non può liquefare per sola compressione.

16 Risoluzione di alcuni problemi utilizzando l equazione di stato dei gas. Soluzione.. Se un calciatore ha una capacità polmonare di 4 litri la sua temperatura corporea è di 365 C e si trova ad una pressione di atm quante moli di aria si trovano nei suoi polmoni? Utilizzo l equazione PV = n R PV n = R devo convertire la temperatura espressa in C in K. 365 C +735 =30955 K atm4litri n = =065 moli atm 008litri Kmole. Una bombola di acciaio del volume di 4 litri contiene 33 moli ossigeno puro a alla temperatura di 5 C. Quale sarà la sua pressione? Risoluzione. Converto la temperatura in k: 5 C =985 k Utilizzo l equazione PV = n R P= nr = V 33moli985K008litriatm =336 atm 4litriKmole 3.9. Scheda leggi dei gas LEGGI Boyle (legge isoterma) formulazione PV=cost a =cost. Se il gas si trova in condizioni diverse: P V =P V

17 Charles (legge V = cost. a P= cost. Se il gas si trova in condizioni diverse : isobara) V V = Gay-Lussac (legge P = cos t a V= cost. Se il gas si trova in condizioni diverse: isocora) P P = Equazione di stato PV = n R Avogadro Volumi uguali di gas diversi nelle stesse condizioni di temperatura e pressione contengono lo stesso numero di moli A questo punto dovresti conoscere il significato delle seguenti Parole Chiave:. Condizioni standard o condizioni normali.. Gas. 3. Gas ideale. 4. Gas reale. 5. Costante universale dei gas. 6. Zero assoluto. 7. rasformazione isoterma. 8. rasformazione isobara. 9. rasformazione isocora. 0. Vapore.. Pressione.. orr mmhg atm Pa bar. 3. Scala della temperatura in gradi Celsius. 4. Scala della temperatura assoluta. 5. C e K 6. 4 litri. 7. Legge di Boyle. 8. Legge di Charles. 9. Legge di Gay-Lussac. 0. Equazione di stato dei gas ideali.. Legge di Avogadro.. Volume molare. 3. emperatura critica Verifica della conoscenza delle parole chiave. Scrivi accanto ad ogni definizione il numero della parola chiave cui si riferisce.

18 Una temperatura irraggiungibile corrispondente a 735 C Volumi uguali di gas diversi nelle stesse condizioni di temperatura e pressione contengono lo stesso numero di particelle. Una legge che mette in relazione pressione e temperatura a volume costante. emperatura al disopra della quale un aeriforme non può liquefare per semplice compressione. La legge che mette in relazione pressione e volume a temperatura costante. La scala della temperatura costruita dando il valore zero alla temperatura in cui l acqua pura alla pressione di atm solidifica e 00 il valore di temperatura a cui bolle. Il volume occupato da una mole di un gas alle condizioni standard. La relazione che lega la pressione la temperatura il volume e il numero delle moli di un gas ideale. Le condizioni definite da una temperatura di 0 C e di una atm. I simboli dei gradi Celsius e Kelvin. Una scala della temperatura che non ha valori negativi. La legge che mette in relazione temperatura e volume a pressione costante. Un gas il cui comportamento è pienamente descritto dall equazione di stato. Un gas il cui comportamento si discosta dalle leggi dei gas fino ad ora esaminate. Una costante indicata con la lettera R il cui valore è 008 atm. litro / K.mole Una trasformazione che avviene a temperatura costante. Una trasformazione che avviene a pressione costante. Una trasformazione che avviene a volume costante. Un aeriforme che si trova al di sotto della temperatura critica. Un aeriforme che si trova al di sopra della temperatura critica. Sono le unità di misura della pressione. Il volume occupato da una mole di gas. Una grandezza definita come la forza agente sull unità di superficie.

19 (Si devono rendere interattive le risposte) Le risposte giuste sono nell ordine: Esercizi sui gas.. Converti atm nelle unità di misura indicate: atm = Pa atm = mmhg atm = bar atm = torr. Converti le seguenti temperature espresse in gradi C nelle corrispondenti temperature espresse in K 34 C = K 00 C = K -0 C = k 3. Un gas costituito da azoto occupa un volume di 5 litri alla pressione di 4 atm. Supponendo che la temperatura rimanga costante calcola il nuovo volume quando la pressione diviene di atm. 4. All interno di una bombola è contenuto gas propano alla pressione di 0 atm e alla temperatura di 35 C. Rimanendo il volume costante quale sarà la sua temperatura quando la pressione diviene uguale a Pa? 5. La temperatura critica del metano è 8 C quella del propano è 97 C. Sapresti spiegare perché quando sono usati come combustibili nelle

20 automobili in alternativa alla benzina il primo si trova nelle bombole allo stato gassoso ed il secondo si trova allo stato liquido? 6. Un pneumatico di una moto si trova alla pressione di atm e alla temperatura di 5 C occupando un volume di 5 litri. Correndo sull asfalto la temperatura aumenta fino a 60 C supponendo che il volume divenga 56 litri quale sarà la nuova pressione? 7. Un recipiente del volume di litri contiene ossigeno puro e si trova alla temperatura 35 C e alla pressione di atm. Quante moli di ossigeno sono presenti nel recipiente? 8. Un gas costituito da azoto puro occupa nelle condizioni standard un volume di 36 litri. Quante moli di azoto sono contenute nel recipiente? 9. Un pallone da calcio contiene un volume di 4 litri di aria alla temperatura di 0 C e alla pressione di 00 mmhg. Se la temperatura aumenta a 40 C rimanendo il volume costante quale sarà la nuova pressione? 0. In una bombola del volume di 40 litri è contenuto gas metano alla temperatura di 6 C e alla pressione di 4 atm. Se la temperatura passa a 50 C quale sarà la sua pressione?

LO STATO GASSOSO. Proprietà fisiche dei gas Leggi dei gas Legge dei gas ideali Teoria cinetico-molecolare dei gas Solubilità dei gas nei liquidi

LO STATO GASSOSO. Proprietà fisiche dei gas Leggi dei gas Legge dei gas ideali Teoria cinetico-molecolare dei gas Solubilità dei gas nei liquidi LO STATO GASSOSO Proprietà fisiche dei gas Leggi dei gas Legge dei gas ideali Teoria cinetico-molecolare dei gas Solubilità dei gas nei liquidi STATO GASSOSO Un sistema gassoso è costituito da molecole

Dettagli

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una

LA TERMOLOGIA. studia le variazioni di dimensione di un corpo a causa di una LA TERMOLOGIA La termologia è la parte della fisica che si occupa dello studio del calore e dei fenomeni legati alle variazioni di temperatura subite dai corpi. Essa si può distinguere in: Termometria

Dettagli

L E L E G G I D E I G A S P A R T E I

L E L E G G I D E I G A S P A R T E I L E L E G G I D E I G A S P A R T E I Variabili di stato Equazioni di stato Legge di Boyle Pressione, temperatura, scale termometriche Leggi di Charles/Gay-Lussac Dispense di Chimica Fisica per Biotecnologie

Dettagli

Stati di aggregazione della materia unità 2, modulo A del libro

Stati di aggregazione della materia unità 2, modulo A del libro Stati di aggregazione della materia unità 2, modulo A del libro Gli stati di aggregazione della materia sono tre: solido, liquido e gassoso, e sono caratterizzati dalle seguenti grandezze: Quantità --->

Dettagli

Gas. Vapore. Forma e volume del recipiente in cui è contenuto. un gas liquido a temperatura e pressione ambiente. microscopico MACROSCOPICO

Gas. Vapore. Forma e volume del recipiente in cui è contenuto. un gas liquido a temperatura e pressione ambiente. microscopico MACROSCOPICO Lo Stato Gassoso Gas Vapore Forma e volume del recipiente in cui è contenuto. un gas liquido a temperatura e pressione ambiente MACROSCOPICO microscopico bassa densità molto comprimibile distribuzione

Dettagli

Gas perfetti e sue variabili

Gas perfetti e sue variabili Gas perfetti e sue variabili Un gas è detto perfetto quando: 1. è lontano dal punto di condensazione, e quindi è molto rarefatto 2. su di esso non agiscono forze esterne 3. gli urti tra le molecole del

Dettagli

Gas e gas perfetti. Marina Cobal - Dipt.di Fisica - Universita' di Udine 1

Gas e gas perfetti. Marina Cobal - Dipt.di Fisica - Universita' di Udine 1 Gas e gas perfetti 1 Densita Densita - massa per unita di volume Si misura in g/cm 3 ρ = M V Bassa densita Alta densita Definizione di Pressione Pressione = Forza / Area P = F/A unita SI : 1 Nt/m 2 = 1

Dettagli

Temperatura. V(t) = Vo (1+at) Strumento di misura: termometro

Temperatura. V(t) = Vo (1+at) Strumento di misura: termometro I FENOMENI TERMICI Temperatura Calore Trasformazioni termodinamiche Gas perfetti Temperatura assoluta Gas reali Principi della Termodinamica Trasmissione del calore Termoregolazione del corpo umano Temperatura

Dettagli

EQUAZIONE DI STATO e LEGGI DEI GAS esercizi risolti Classi quarte L.S.

EQUAZIONE DI STATO e LEGGI DEI GAS esercizi risolti Classi quarte L.S. EQUAZIONE DI STATO e LEGGI DEI GAS esercizi risolti Classi quarte L.S. In questa dispensa verrà riportato lo svolgimento di alcuni esercizi inerenti l'equazione di stato dei gas perfetti e le principali

Dettagli

Stati di aggregazione della materia

Stati di aggregazione della materia SOLIDO: Forma e volume propri. Stati di aggregazione della materia LIQUIDO: Forma del recipiente in cui è contenuto, ma volume proprio. GASSOSO: Forma e volume del recipiente in cui è contenuto. Parametri

Dettagli

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici Fisica Medica Lauree triennali nelle Professioni Sanitarie. P.Montagna ott-07. pag.1

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici Fisica Medica Lauree triennali nelle Professioni Sanitarie. P.Montagna ott-07. pag.1 I FENOMENI TERMICI Temperatura Calore Trasformazioni termodinamiche Gas perfetti Temperatura assoluta Gas reali Principi della Termodinamica Trasmissione del calore Termoregolazione del corpo umano pag.1

Dettagli

Ripasso sulla temperatura, i gas perfetti e il calore

Ripasso sulla temperatura, i gas perfetti e il calore Ripasso sulla temperatura, i gas perfetti e il calore Prof. Daniele Ippolito Liceo Scientifico Amedeo di Savoia di Pistoia La temperatura Fenomeni non interpretabili con le leggi della meccanica Dilatazione

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

I gas. Marina Cobal - Dipt.di Fisica - Universita' di Udine 1

I gas. Marina Cobal - Dipt.di Fisica - Universita' di Udine 1 I gas Universita' di Udine Problema Un cubo di osmio ha lato di 0. m ed e appoggiato su una tavola. Al contatto tra la tavola ed il cubo, quanto vale la pressione (N/m )? Nota: le densita vi vengono date

Dettagli

Cap. 1 - Stati di aggregazione della materia.

Cap. 1 - Stati di aggregazione della materia. Cap. 1 - Stati di aggregazione della materia. Lo stato di aggregazione di un sistema è determinato dalla energia cinetica delle particelle e dall energia potenziale dovuta alle forze di coesione fra le

Dettagli

LE LEGGI DEI GAS. Dalle prime teorie cinetiche dei gas simulazioni della dinamica molecolare. Lezioni d'autore

LE LEGGI DEI GAS. Dalle prime teorie cinetiche dei gas simulazioni della dinamica molecolare. Lezioni d'autore LE LEGGI DEI GAS Dalle prime teorie cinetiche dei gas simulazioni della dinamica molecolare. Lezioni d'autore alle Un video : Clic Un altro video : Clic Un altro video (in inglese): Clic Richiami sulle

Dettagli

I.T.C.G.T T. Acerbo - Pescara LABORATORIO DI FISICA A. S. 2009/10

I.T.C.G.T T. Acerbo - Pescara LABORATORIO DI FISICA A. S. 2009/10 I.T.C.G.T T. Acerbo - Pescara LABORATORIO DI FISICA A. S. 2009/10 Cognome: D Ovidio Nome: Stefania Classe: 2 B Geometri Data: 04/12/2009 Gruppo: F. Illiceto; V. Ivanochko; M.C. Scopino; M.Terenzi N. pagine:

Dettagli

Esercitazione X - Legge dei gas perfetti e trasformazioni

Esercitazione X - Legge dei gas perfetti e trasformazioni Esercitazione X - Legge dei gas perfetti e trasformazioni termodinamiche Formulario Il primo principio della termodinamica afferma che la variazione dell energia interna di un sistema U è uguale alla somma

Dettagli

2014 2015 CCS - Biologia CCS - Fisica I gas e loro proprietà. I liquidi e loro proprietà

2014 2015 CCS - Biologia CCS - Fisica I gas e loro proprietà. I liquidi e loro proprietà 2014 2015 CCS - Biologia CCS - Fisica I gas e loro proprietà 1 I liquidi e loro proprietà 2 Proprietà Generali dei Gas I gas possono essere espansi all infinito. I gas occupano i loro contenitori uniformemente

Dettagli

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici. pag.1

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici. pag.1 I FENOMENI TERMICI Temperatura Calore Trasmissione del calore Termoregolazione del corpo umano Trasformazioni termodinamiche I o principio della Termodinamica Gas perfetti Gas reali pag.1 Temperatura Proprietà

Dettagli

See more about www.scienzaescuola.it

See more about www.scienzaescuola.it See more about www.scienzaescuola.it ESERCIZI SUI GAS ORDINATI PER TIPOLOGIA E RISOLTI: Prof. Gabrielli Luciano (Lic. Scientifico L. da Vinci Sora FR) Charles, Boyle, Gay-Lussac, Eq. Stato, Eq. Stato e

Dettagli

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Termologia Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Trasmissione del calore Legge di Wien Legge di Stefan-Boltzmann Gas

Dettagli

Capitolo 10 Il primo principio 113

Capitolo 10 Il primo principio 113 Capitolo 10 Il primo principio 113 QUESITI E PROBLEMI 1 Tenuto conto che, quando il volume di un gas reale subisce l incremento dv, il lavoro compiuto dalle forze intermolecolari di coesione è L = n 2

Dettagli

SINTESI 0. Grandezze e unità di misura

SINTESI 0. Grandezze e unità di misura Le grandezze fisiche Per studiare la composizione e la struttura della materia e le sue trasformazioni, la chimica e le altre scienze sperimentali si basano sulle grandezze fisiche, cioè su proprietà che

Dettagli

Le leggi dei gas. Capitolo 21. 21.1. Le leggi di Boyle e di Gay-Lussac. Massimo Banfi

Le leggi dei gas. Capitolo 21. 21.1. Le leggi di Boyle e di Gay-Lussac. Massimo Banfi Cap. 1 - Le leggi dei gas Capitolo 1 Le leggi dei gas 1.1. Le leggi di Boyle e di Gay-Lussac Lo stato termodinamico di un gas è perfettamente noto quando si conoscano i valori delle tre variabili P, V,

Dettagli

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2 46 Tonzig La fisica del calore o 6 R/2 rispettivamente per i gas a molecola monoatomica, biatomica e pluriatomica. Per un gas perfetto, il calore molare a pressione costante si ottiene dal precedente aggiungendo

Dettagli

I GAS...2 IL COMPORTAMENTO FISICO DEI GAS...2 Introduzione: i parametri di stato...2 La pressione...3 La pressione idrostatica nei liquidi...

I GAS...2 IL COMPORTAMENTO FISICO DEI GAS...2 Introduzione: i parametri di stato...2 La pressione...3 La pressione idrostatica nei liquidi... Appunti di Chimica Capitolo 4 Stati di aggregazione della materia I GAS... IL COMPORTAMENTO FISICO DEI GAS... Introduzione: i parametri di stato... La pressione...3 La pressione idrostatica nei liquidi...3

Dettagli

Fondamenti di chimica Raymond Chang Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl CAPITOLO 5 I GAS

Fondamenti di chimica Raymond Chang Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl CAPITOLO 5 I GAS CAPITOLO 5 I GAS 5.13 5.14 Strategia: poiché 1 atm = 760 mmhg, è necessario il seguente fattore di conversione per ottenere la pressione in atmosfere. Per la seconda conversione, 1 atm = 101.325 kpa. Soluzione:

Dettagli

Leggi dei gas. PV = n RT SISTEMI DI PARTICELLE NON INTERAGENTI. perché le forze tra le molecole sono differenti. Gas perfetti o gas ideali

Leggi dei gas. PV = n RT SISTEMI DI PARTICELLE NON INTERAGENTI. perché le forze tra le molecole sono differenti. Gas perfetti o gas ideali Perché nelle stesse condizioni di temperatura e pressione sostanze differenti possono trovarsi in stati di aggregazione differenti? perché le forze tra le molecole sono differenti Da che cosa hanno origine

Dettagli

Temperatura e Calore

Temperatura e Calore Temperatura e Calore 1 Temperatura e Calore Stati di Aggregazione Temperatura Scale Termometriche Dilatazione Termica Il Calore L Equilibrio Termico La Propagazione del Calore I Passaggi di Stato 2 Gli

Dettagli

1. Ripensare la fisica

1. Ripensare la fisica Giuseppina Rinaudo Fondamenti di Fisica Corso SIS Indirizzi FIM e SN classe 059 - a.a. 2006/07 Sito web: http://www.iapht.unito.it/fsis/fondam059/fondamenti.html giuseppina.rinaudo@unito.it 1. Ripensare

Dettagli

Capitolo 1 ( Cenni di chimica/fisica di base ) Pressione

Capitolo 1 ( Cenni di chimica/fisica di base ) Pressione PRESSIONE: La pressione è una grandezza fisica, definita come il rapporto tra la forza agente ortogonalmente 1 su una superficie e la superficie stessa. Il suo opposto (una pressione con verso opposto)

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN.

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN. PIANO DI LAVORO DELLA DISCIPLINA: FISICA CLASSI: TERZE CORSO: LICEO SCIENTIFICO AS 2014-2015 Linee generali dell insegnamento della fisica nel liceo scientifico, da indicazioni ministeriali In particolare

Dettagli

Una soluzione è un sistema omogeneo (cioè costituito da una sola fase, che può essere liquida, solida o gassosa) a due o più componenti.

Una soluzione è un sistema omogeneo (cioè costituito da una sola fase, che può essere liquida, solida o gassosa) a due o più componenti. Una soluzione è un sistema omogeneo (cioè costituito da una sola fase, che può essere liquida, solida o gassosa) a due o più componenti. Solvente (componente presente in maggior quantità) SOLUZIONE Soluti

Dettagli

2. La disequazione 9 (3x 2 + 2) > 16 (x - 3) è soddisfatta: A) sempre B) solo per x < 0 C) solo per x > 2/3 D) mai E) solo per x < 2/3

2. La disequazione 9 (3x 2 + 2) > 16 (x - 3) è soddisfatta: A) sempre B) solo per x < 0 C) solo per x > 2/3 D) mai E) solo per x < 2/3 MATEMATICA 1. Per quali valori di x è x 2 > 36? A) x > - 6 B) x < - 6, x > 6 C) - 6 < x < 6 D) x > 6 E) Nessuno 2. La disequazione 9 (3x 2 + 2) > 16 (x - 3) è soddisfatta: A) sempre B) solo per x < 0 C)

Dettagli

GAS PERFETTO M E M B R A N A CONCENTRAZIONI IONICHE ALL'EQUILIBRIO INTERNO ESTERNO. K + 400 mm/l. K + 20 mm/l. Na + 440 mm/l.

GAS PERFETTO M E M B R A N A CONCENTRAZIONI IONICHE ALL'EQUILIBRIO INTERNO ESTERNO. K + 400 mm/l. K + 20 mm/l. Na + 440 mm/l. GAS PERFETTO Usando il principio di semplicità, si definisce il sistema termodinamico più semplice: il gas perfetto composto da molecole che non interagiscono fra loro se non urtandosi. Sfere rigide che

Dettagli

Esercizi e Problemi di Termodinamica.

Esercizi e Problemi di Termodinamica. Esercizi e Problemi di Termodinamica. Dr. Yves Gaspar March 18, 2009 1 Problemi sulla termologia e sull equilibrio termico. Problema 1. Un pezzetto di ghiaccio di massa m e alla temperatura di = 250K viene

Dettagli

3. Le Trasformazioni Termodinamiche

3. Le Trasformazioni Termodinamiche 3. Le Trasformazioni Termodinamiche Lo stato termodinamico di un gas (perfetto) è determinato dalle sue variabili di stato: ressione, olume, Temperatura, n moli ffinché esse siano determinate è necessario

Dettagli

TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE esercizi risolti Classi quarte L.S.

TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE esercizi risolti Classi quarte L.S. TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE esercizi risolti Classi quarte L.S. In questa dispensa verrà riportato lo svolgimento di alcuni esercizi inerenti l'applicazione del primo principio della termodinamica, per

Dettagli

FISICA-TECNICA Miscela di gas e vapori. Igrometria

FISICA-TECNICA Miscela di gas e vapori. Igrometria FISICA-TECNICA Miscela di gas e vapori. Igrometria Katia Gallucci Spesso è necessario variare il contenuto di vapore presente in una corrente gassosa. Lo studio di come si possono realizzare queste variazioni

Dettagli

Lo stato gassoso e le caratteristiche dei gas

Lo stato gassoso e le caratteristiche dei gas Lo stato gassoso e le caratteristiche dei gas 1. I gas si espandono fino a riempire completamente e ad assumere la forma del recipiente che li contiene 2. Igasdiffondonounonell altroesonoingradodimescolarsiintuttiirapporti

Dettagli

ESERCIZI DA SVOLGERE PER GLI STUDENTI DELLE CLASSI 2, CON GIUDIZIO SOSPESO IN FISICA PER L ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ESERCIZI DA SVOLGERE PER GLI STUDENTI DELLE CLASSI 2, CON GIUDIZIO SOSPESO IN FISICA PER L ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ESERCIZI DA SVOLGERE PER GLI STUDENTI DELLE CLASSI 2, CON GIUDIZIO SOSPESO IN FISICA PER L ANNO SCOLASTICO 2014-2015 Sul libro del primo anno: L AMALDI 2.0 Pag 257: n.23 Pag 258: n.28 Pag 259: n.33,n.39

Dettagli

FISICA. II anno liceo scientifico. Christian Ferrari Liceo di Locarno

FISICA. II anno liceo scientifico. Christian Ferrari Liceo di Locarno FISICA II anno liceo scientifico Christian Ferrari Liceo di Locarno 2012 2013 Indice 1 Termodinamica 1 1.1 Introduzione................................... 1 1.2 Alcune evidenze sperimentali..........................

Dettagli

FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO. Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = +

FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO. Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = + FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = + dove m e q sono numeri reali fissati. Il grafico di tale funzione è una retta, di cui

Dettagli

14. STATO GASSOSO 14.1. Stati di aggregazione

14. STATO GASSOSO 14.1. Stati di aggregazione 14. STATO GASSOSO 14.1. Stati di aggregazione D. Gli atomi, le molecole e gli ioni di una sostanza sono sottoposte a forze di attrazione, o forze di coesione, dovute alle cariche elettriche dei protoni

Dettagli

Termodinamica: legge zero e temperatura

Termodinamica: legge zero e temperatura Termodinamica: legge zero e temperatura Affrontiamo ora lo studio della termodinamica che prende in esame l analisi dell energia termica dei sistemi e di come tale energia possa essere scambiata, assorbita

Dettagli

I.P. G. Marconi - PRATO

I.P. G. Marconi - PRATO I.P. G. Marconi - PRATO per la classe seconda prof.ssa Carla Tarchi INDICE Modulo 1: LAVORO ED ENERGIA 1 1.1 Il lavoro e la potenza 2 1.2 L energia: forme, trasformazioni, conservazione 3 Modulo 2: TERMOLOGIA

Dettagli

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono LA MATERIA 1 MATERIA PROPRIETÀ (caratteristiche) COMPOSIZIONE (struttura) FENOMENI (trasformazioni) Stati di aggregazione Solido Liquido Aeriforme Atomi che la compongono CHIMICI Dopo la trasformazione

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

Esperienza con la macchina. termica

Esperienza con la macchina. termica Esperienza con la macchina termica Macchina termica Il pistone in grafite scorre all interno del cilindro in pyrex in condizioni di quasi assenza di attrito. il sistema pistone-cilindro non garantisce

Dettagli

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia 1.Gli stati fisici della materia 2.I sistemi omogenei e i sistemi eterogenei 3.Le sostanze pure e i miscugli 4.I passaggi di stato 5. la teoria particellare

Dettagli

PRIMO ESEMPIO DI STUDIO DI UN FENOMENO FISICO: VOGLIAMO STUDIARE IL MOTO DI UNA BICICLETTA (SU CUI C E UNA PERSONA CHE PEDALA).

PRIMO ESEMPIO DI STUDIO DI UN FENOMENO FISICO: VOGLIAMO STUDIARE IL MOTO DI UNA BICICLETTA (SU CUI C E UNA PERSONA CHE PEDALA). Grandezze Fisiche PRIMO ESEMPIO DI STUDIO DI UN FENOMENO FISICO: VOGLIAMO STUDIARE IL MOTO DI UNA BICICLETTA (SU CUI C E UNA PERSONA CHE PEDALA). Il MOVIMENTO è collegato allo SPAZIO. Le misure nello SPAZIO

Dettagli

Temperatura e Calore

Temperatura e Calore Temperatura e Calore La materia è un sistema fisico a molti corpi Gran numero di molecole (N A =6,02 10 23 ) interagenti tra loro Descrizione mediante grandezze macroscopiche (valori medi su un gran numero

Dettagli

Informazioni tecniche

Informazioni tecniche Informazioni tecniche generali - Concetti base di pneumatica 0 - Normative 03 - Unità di misura, tabelle di conversione 04 - Simbologia Pneumatica 05 - Materiali, grassi, oli 06 - Unità di trattamento

Dettagli

4. Funzioni elementari algebriche

4. Funzioni elementari algebriche ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 4. Funzioni elementari algebriche A. A. 2013-2014 1 Funzioni elementari Sono dette elementari un insieme di funzioni dalle quali si ottengono, mediante

Dettagli

Quesiti e problemi. 6 Indica l affermazione corretta. 7 Qual è la differenza tra un sistema omogeneo e un

Quesiti e problemi. 6 Indica l affermazione corretta. 7 Qual è la differenza tra un sistema omogeneo e un Quesiti e problemi SUL LIBRO DA PAG 39 A PAG 42 1 Gli stati tifisici i idella materia 2 I sistemi i omogenei e i sistemi i eterogenei 1 Costruisci una tabella che riassuma le caratteristiche degli stati

Dettagli

p atm 1. V B ; 2. T B ; 3. W A B 4. il calore specifico a volume costante c V

p atm 1. V B ; 2. T B ; 3. W A B 4. il calore specifico a volume costante c V 1 Esercizio (tratto dal Problema 13.4 del Mazzoldi 2) Un gas ideale compie un espansione adiabatica contro la pressione atmosferica, dallo stato A di coordinate, T A, p A (tutte note, con p A > ) allo

Dettagli

I fenomeni termici e le leggi dei gas

I fenomeni termici e le leggi dei gas modulo c indice glossario costanti calcolatrice I fenomeni termici e le leggi dei gas unitàc1 La temperatura e l equilibrio termico unitàc2 Il calore e i passaggi di stato 1 La temperatura 2 La dilatazione

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

Calore, temperatura e passaggi di stato

Calore, temperatura e passaggi di stato Calore, temperatura e passaggi di stato Temperatura e calore sono due concetti molto simili, al punto tale che molto spesso vengono utilizzati come sinonimi. In realtà i due termini esprimono due concetti

Dettagli

1. LE GRANDEZZE FISICHE

1. LE GRANDEZZE FISICHE 1. LE GRANDEZZE FISICHE La fisica (dal greco physis, natura ) è una scienza che ha come scopo guardare, descrivere e tentare di comprendere il mondo che ci circonda. La fisica si propone di descrivere

Dettagli

La materia. La materia è ogni cosa che occupa uno spazio (e possiamo percepire con i nostri sensi).

La materia. La materia è ogni cosa che occupa uno spazio (e possiamo percepire con i nostri sensi). La materia La materia è ogni cosa che occupa uno spazio (e possiamo percepire con i nostri sensi). Essa è costituita da sostanze, ciascuna delle quali è formata da un determinato tipo di particelle piccolissime,

Dettagli

CHIMICA CHIMICA. Processi e modelli di. Progetto Genesis. Processi e modelli di CHIMICA. Giovanni Ricci Giovanni Casavecchia Alessandra Matteucci

CHIMICA CHIMICA. Processi e modelli di. Progetto Genesis. Processi e modelli di CHIMICA. Giovanni Ricci Giovanni Casavecchia Alessandra Matteucci Processi e modelli di CHIMICA B per il secondo biennio dei nuovi licei Il Libro digitale per LIM e PC/MAC 30 animazioni sui fenomeni scientifici 0 presentazioni multimediali esercitazioni interattive per

Dettagli

X Figura 1. Ciclo termodinamico. >0 il calore assorbito e con Q 1 (3)

X Figura 1. Ciclo termodinamico. >0 il calore assorbito e con Q 1 (3) CICLI TERMODINAMICI Un ciclo termodinamico è un insieme di trasformazioni tali che lo stato iniziale del sistema coincide con lo stato finale. Un ciclo termodinamico è indivaduato nel diagramma XY generico

Dettagli

Preparazione alle gare di II livello delle Olimpiadi della Fisica 2013

Preparazione alle gare di II livello delle Olimpiadi della Fisica 2013 Preparazione alle gare di II livello delle Olimpiadi della Fisica 01 Incontro su temi di termodinamica 14/1/01 Giuseppina Rinaudo - Dipartimento di Fisica dell Università di Torino Sommario dei quesiti

Dettagli

Unità di apprendimento programmata di termodinamica n.1

Unità di apprendimento programmata di termodinamica n.1 ermodinamica 9 Unità di apprendimento programmata di termodinamica n. Equazione di stato dei gas Esercizi su Rappresentazione degli stati e delle trasformazioni di un sistema termodinamico Lavoro esterno

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Programma di Fisica Classe I A AFM a.s. 2014/15

Programma di Fisica Classe I A AFM a.s. 2014/15 Classe I A AFM Il metodo sperimentale. Misurazione e misura. Il Sistema Internazionale Grandezze fondamentali: lunghezza, massa e tempo. Grandezze derivate Unità di misura S.I. : metro, kilogrammo e secondo.

Dettagli

TEST D INGRESSO DI MATEMATICA - FISICA

TEST D INGRESSO DI MATEMATICA - FISICA L.S. GALILEO GALILEI SELVAZZANO (PD) TEST D INGRESSO DI MATEMATICA - FISICA Nome e cognome:. classe : data :. Obiettivi: sondare alcune conoscenze in ambito matematico-fisico utili allo svolgimento del

Dettagli

PROVINCIA di REGGIO CALABRIA Assessorato all Ambiente Corso di Energy Manager Maggio-Luglio 2008 LA COMBUSTIONE. Ilario De Marco

PROVINCIA di REGGIO CALABRIA Assessorato all Ambiente Corso di Energy Manager Maggio-Luglio 2008 LA COMBUSTIONE. Ilario De Marco PROVINCIA di REGGIO CALABRIA Assessorato all Ambiente Corso di Energy Manager Maggio-Luglio 2008 LA COMBUSTIONE Ilario De Marco I COMBUSTIBILI Si definisce combustibile una sostanza che attraverso una

Dettagli

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE")

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC DERIVE) F U N Z I O N I E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE") I N D I C E Funzioni...pag. 2 Funzioni del tipo = Kx... 4 Funzioni crescenti e decrescenti...10

Dettagli

MODULO 1 Le grandezze fisiche

MODULO 1 Le grandezze fisiche MODULO 1 Le grandezze fisiche Quante volte, ogni giorno, utilizziamo il metro, i secondi, i kilogrammi Ma forse non sappiamo quante menti di uomini ingegnosi hanno dato un senso a quei simboli per noi

Dettagli

Gas reali. Gas reali Equazione di van der Waals Diagrammi di fase Equazione di Clapeyron Tensione di vapore Umidità relativa

Gas reali. Gas reali Equazione di van der Waals Diagrammi di fase Equazione di Clapeyron Tensione di vapore Umidità relativa Gas reali Gas reali Equazione di van der Waals Diagrammi di fase Equazione di Clapeyron Tensione di vapore Umidità relativa 1 Gas reali Il gas perfetto è descritto dall equazione di stato PV=nRT che lega

Dettagli

Liceo Scientifico "F.Lussana" - Anno Scolastico 2013/14 - Classe 1 P

Liceo Scientifico F.Lussana - Anno Scolastico 2013/14 - Classe 1 P Liceo Scientifico "F.Lussana" - Anno Scolastico 2013/14 - Classe 1 P Programma svolto di FISICA - Prof. De Giampaulis Marco MODULO 1. LA MISURA DELLE GRANDEZZE FISICHE Grandezze fisiche, unità di misura,

Dettagli

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3.

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Atomi e molecole Ipotesi di Dalton (primi dell 800) 1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Gli atomi dei

Dettagli

TECNOLOGIE E DIAGNOSTICA PER LA CONSERVAZIONE E IL RESTAURO PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE DI FISICA A.A. 2015/2016

TECNOLOGIE E DIAGNOSTICA PER LA CONSERVAZIONE E IL RESTAURO PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE DI FISICA A.A. 2015/2016 TECNOLOGIE E DIAGNOSTICA PER LA CONSERVAZIONE E IL RESTAURO PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE DI FISICA A.A. 2015/2016 Docente: GASPARRINI FABIO Testo di riferimento: D. Halliday, R. Resnick, J. Walker,

Dettagli

Temperatura dilatazione lineare, superficiale, volumetrica

Temperatura dilatazione lineare, superficiale, volumetrica Temperatura dilatazione lineare, superficiale, volumetrica ESERCIZIO N 1 La temperatura in una palestra è di 18 C mentre all esterno il termometro segna la temperatura di 5 C. Quanto vale la differenza

Dettagli

Cenni di Teoria Cinetica dei Gas

Cenni di Teoria Cinetica dei Gas Cenni di Teoria Cinetica dei Gas Introduzione La termodinamica descrive i sistemi termodinamici tramite i parametri di stato (p, T,...) Sufficiente per le applicazioni: impostazione e progettazione di

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MESSINA FACOLTÀ DI SCIENZE MM.FF.NN. CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE BIOLOGICHE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MESSINA FACOLTÀ DI SCIENZE MM.FF.NN. CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE BIOLOGICHE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MESSINA FACOLTÀ DI SCIENZE MM.FF.NN. CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SCIENZE BIOLOGICHE Esercitazioni di fisica a cura di Valeria Conti Nibali A.A. 2008/09 Esercizio 1 Si consideri

Dettagli

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Università di Catania Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Civile AA 1011 1 Fondamenti di Trasporti Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Giuseppe Inturri Dipartimento

Dettagli

Corso di Chimica Fisica A. Appunti delle lezioni

Corso di Chimica Fisica A. Appunti delle lezioni Università di Torino Corso di Studi in Chimica - Laurea Triennale Anno Accademico 2006-2007 Corso di Chimica Fisica A Appunti delle lezioni Roberto Dovesi Loredana Valenzano (19 febbraio 2007) Indice

Dettagli

9. TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE E CICLI REALI

9. TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE E CICLI REALI 9. TRASFORMAZIONI TERMODINAMICHE E CICLI REALI 9. Introduzione I processi termodinamici che vengono realizzati nella pratica devono consentire la realizzazione di uno scambio di energia termica o di energia

Dettagli

CORSO%DI%% FISICA%TECNICA%1% A.A.%201322014% Sezione%03c%

CORSO%DI%% FISICA%TECNICA%1% A.A.%201322014% Sezione%03c% 1 FISICA TECNICA 1 CORSO%DI%% FISICA%TECNICA%1% A.A.%201322014% Sezione%03c%!! Prof. Ing. Sergio Montelpare! Dipartimento INGEO! Università G. d Annunzio Chieti-Pescara" Termodinamica dell aria umida"

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO

RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO ELETTROLOGIA 1) CONCETTI FONDAMENTALI Cariche elettriche: cariche elettriche dello stesso segno si respingono e cariche elettriche di segno opposto si attraggono. Conduttore:

Dettagli

Proprieta meccaniche dei fluidi

Proprieta meccaniche dei fluidi Proprieta meccaniche dei fluidi 1. Definizione di fluido: liquido o gas 2. La pressione in un fluido 3. Equilibrio nei fluidi: legge di Stevino 4. Il Principio di Pascal 5. Il barometro di Torricelli 6.

Dettagli

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La termodinamica è quella branca della fisica che descrive le trasformazioni subite da un sistema (sia esso naturale o costruito dall uomo), in seguito

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

INFORMAZIONI TECNICHE dati relativi alla portata calcolo del coefficiente di portata e del diametro di passaggio

INFORMAZIONI TECNICHE dati relativi alla portata calcolo del coefficiente di portata e del diametro di passaggio INFORMAZIONI TECNICHE dati relativi alla portata calcolo del coefficiente di portata e del diametro di passaggio Importanza delle dimensioni delle valvole La scelta della dimensione delle valvole è molto

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Lezioni di Meccanica del Volo 2 - Modello dell atmosfera. L. Trainelli

Lezioni di Meccanica del Volo 2 - Modello dell atmosfera. L. Trainelli Lezioni di Meccanica del Volo 2 - Modello dell atmosfera L. Trainelli 1 2 Indice 1 INTRODUZIONE.......................... 3 1.1 Caratteristiche dell atmosfera.................... 3 1.2 Regioni dell atmosfera........................

Dettagli

Simulazione test di ingresso Ingegneria Industriale Viterbo. Quesiti di Logica, Chimica e Fisica. Logica

Simulazione test di ingresso Ingegneria Industriale Viterbo. Quesiti di Logica, Chimica e Fisica. Logica Simulazione test di ingresso Ingegneria Industriale Viterbo Quesiti di Logica, Chimica e Fisica Logica L1 - Come si conclude questa serie di numeri? 9, 16, 25, 36,... A) 47 B) 49 C) 48 D) 45 L2 - Quale

Dettagli

L H 2 O nelle cellule vegetali e

L H 2 O nelle cellule vegetali e L H 2 O nelle cellule vegetali e il suo trasporto nella pianta H 2 O 0.96 Å H O 105 H 2s 2 2p 4 tendenza all ibridizzazione sp 3 H δ+ O δ- δ+ 1.75 Å H legame idrogeno O δ- H H δ+ δ+ energia del legame

Dettagli

Fisiologia della Respirazione 1.Introduzione-Leggi dei Gas. FGE aa.2015-16

Fisiologia della Respirazione 1.Introduzione-Leggi dei Gas. FGE aa.2015-16 Fisiologia della Respirazione 1.Introduzione-Leggi dei Gas FGE aa.2015-16 Obiettivi Trasporto ventilatorio convettivo dei gas integrato con trasporto convettivo circolatorio e respirazione cellulare Cenni

Dettagli

CORRENTE ELETTRICA Corso di Fisica per la Facoltà di Farmacia, Università G. D Annunzio, Cosimo Del Gratta 2007

CORRENTE ELETTRICA Corso di Fisica per la Facoltà di Farmacia, Università G. D Annunzio, Cosimo Del Gratta 2007 CORRENTE ELETTRICA INTRODUZIONE Dopo lo studio dell elettrostatica, nella quale abbiamo descritto distribuzioni e sistemi di cariche elettriche in quiete, passiamo allo studio di fenomeni nei quali le

Dettagli

La respirazione. Processo di scambio di ossigeno e anidride carbonica tra un organismo ed il suo ambiente.

La respirazione. Processo di scambio di ossigeno e anidride carbonica tra un organismo ed il suo ambiente. LA RESPIRAZIONE La respirazione Processo di scambio di ossigeno e anidride carbonica tra un organismo ed il suo ambiente. Apparato respiratorio Le vie respiratorie Tessuto epiteliale delle vie respiratorie

Dettagli

CHIMICA GENERALE MODULO

CHIMICA GENERALE MODULO Corso di Scienze Naturali CHIMICA GENERALE MODULO 6 Termodinamica Entalpia Entropia Energia libera - Spontaneità Relatore: Prof. Finelli Mario Scienza che studia i flussi energetici tra un sistema e l

Dettagli

Il calore come forma di energia. prof. ing. Piercarlo Romagnoni Università IUAV di Venezia Dipartimento della Ricerca Dorsoduro, 2206 30123 Venezia

Il calore come forma di energia. prof. ing. Piercarlo Romagnoni Università IUAV di Venezia Dipartimento della Ricerca Dorsoduro, 2206 30123 Venezia Il calore come forma di energia prof. ing. Piercarlo Romagnoni Università IUAV di Venezia Dipartimento della Ricerca Dorsoduro, 2206 30123 Venezia Alcune definizioni Il calore è definito come quella forma

Dettagli

Manuale di istruzioni Con esperimenti

Manuale di istruzioni Con esperimenti TD-8572 Apparato per le leggi sui gas Motore termico Manuale di istruzioni Con esperimenti ELItalia Srl Via A. Grossich 32 20131 Milano tel 02.236.3972 elitalia@micronet.it www.elitalia.it 1 Diritti d'autore

Dettagli

Applicazioni del I principio della termodinamica

Applicazioni del I principio della termodinamica Capitolo 1 Applicazioni del I principio della termodinamica In questo allegato riportiamo schematicamente il percorso didattico sulle applicazioni del primo principio della termodinamica svolto durante

Dettagli