3. Stato gassoso. Al termine dell unità didattica si dovranno raggiungere i seguenti obiettivi:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "3. Stato gassoso. Al termine dell unità didattica si dovranno raggiungere i seguenti obiettivi:"

Transcript

1 3. Stato gassoso. Al termine dell unità didattica si dovranno raggiungere i seguenti obiettivi:. Descrivere le caratteristiche e il comportamento del gas a livello microscopico.. Definire pressione temperatura e volume di un gas e relative unità di misura. 3. Passare da una unità di misura all altra attraverso i fattori di conversione. 4. Interpretare a livello microscopico temperatura e pressione del gas. 5. Spiegare in base al modello dei gas le leggi di : Boyle Charles Gay-Lussac utilizzando la formulazione matematica più semplice. 6. Dimostrare la formulazione dell equazione generale dei gas ideali: P V = n R 7. Enunciare la legge di Avogadro e conoscere il volume molare di un gas a condizioni normali. 8. Risolvere problemi che comportano l utilizzo delle leggi dei gas. 9. Sapere cogliere la differenza fra gas ideale e reale. 0. Definizione di temperatura critica. 3.. Caratteristiche dello stato gassoso. La materia allo stato gassoso possiede caratteristiche diverse rispetto allo stato solido e allo stato liquido. I gas sono: Facilmente comprimibili endono a diffondere Hanno bassi valori di densità Non hanno forma e volume proprio. Conservano però una massa propria. Le particelle che costituiscono lo stato gassoso possiedono le seguenti caratteristiche: Si muovono in linea retta con elevata velocità. (Migliaia di chilometri l ora) La loro velocità dipende dalla temperatura. anto più questa è elevata tanto più le particelle si muovono velocemente. La distanza fra le particelle è molto grande. Il volume proprio delle particelle è trascurabile rispetto al volume del recipiente che racchiude il gas. Le particelle si urtano fra loro innumerevoli volte. Il risultato degli innumerevoli urti delle particelle contro le pareti del recipiente determina la pressione del gas.

2 Gli urti delle particelle contro le pareti sono elastici cioè non perdono energia e neppure velocità. utti i gas hanno un comportamento simile a quello descritto. 3.. Le grandezze che definiscono lo stato gassoso. Lo stato gassoso è lo stato della materia più sfuggente e per definirlo sono necessarie le seguenti grandezze fisiche: La pressione (P) La temperatura () Il volume (V) La pressione è il risultato macroscopico degli innumerevoli urti che le particelle del gas compiono contro le pareti del recipiente che le contiene. (Vedi figura) La pressione è la forza agente sull unità di superficie e si esprime nella seguente unità di misura: Pascal (Pa) nel Sistema Internazionale. Il Pascal è definito come la forza di un Newton su metro quadrato (N/m ). Altre unità di misura della pressione sono: Millimetri di mercurio (mmhg) Atmosfera (atm) Bar orricelli (torr) Le unità di misura della pressione si possono convertire una nell altra conoscendo le seguenti relazioni: bar = Pa atm = 0 35 Pa mmhg = 333 Pa torr = 333 Pa atm= 760 mmhg

3 Esempi di conversione di unità di misura della pressione.. Si voglia convertire la pressione di 300 mmhg in Pa. Soluzione. 333Pa 300 mmhg ( ) = Pa mmhg 333Pa mmhg è il fattore che converte i mmhg in Pa. Si voglia convertire la pressione di 4 atm in Pa 035Pa 4 atm ( ) = 4855 Pa atm 035Pa atm è il fattore che converte le atm in Pa La temperatura indica lo stato termico di un corpo ci dice se un corpo è più caldo o più freddo di un altro. Si esprime principalmente nelle seguenti unità di misura: Gradi Celsisus simbolo C Gradi Kelvin simbolo K La temperatura più bassa che si può ipotizzare è 735 C. Essa è una temperatura teorica che in pratica non si può raggiungere. A questo limite inferiore si attribuisce il significato e il nome di zero assoluto. A questa temperatura la materia non avrebbe volume né pressione e le sue particelle sarebbero immobili. Allo zero assoluto nella scala dei gradi K è dato il valore 0 (zero). Questa scala della temperatura assoluta consente di esprimere per la temperatura solo valori positivi.

4 ¾ À Á à Vedi confronto fra le due scale.! " # $ % " & # $ ' ( $ ) (* $ + -. / / : 4 0; < 7: = 0 >? 05 < 7 : = N A B O D C F C M D E ME F B U V G H A I B J R K R O L D Q D E M F N B O D G F H M I P Q J K E L R MN D O M D N F O M D Q F M S W MP Q Q XS S ME Q O Y A D J P B E S Q OR MO Q M Z [ \ ] ^ _` a b c d e f g g h i j k l f f mmf i n o p n jf i q j f r h s t u v w f x q f d i h y z { } ~ z z } ƒ ˆ Š Œ Ž ˆ Ž ž Ÿ š ž œ š š ž ž Ÿ š ž ž š š š «ž š š ª ± ² ³ µ ¹ º» ¹ ¼ ½

5 Û Il volume del gas è il volume del recipiente che lo contiene in quanto la caratteristica dei gas è quella di diffondersi. Le unità di misura del volume più comunemente utilizzate sono: il metro cubo ( m 3 ); il litro simbolo L (0-3 m 3 ) ; il millilitro (ml) o centimetro cubo (cm 3 ) pari a 0-3 dm 3. Le leggi dei gas legge di Boyle Fra le grandezze che definiscono lo stato gassoso esistono delle relazioni chiamate leggi dei gas. La legge di Boyle mette in relazione il volume e la pressione del gas mantenendo la temperatura costante. Per questo viene chiamata anche isoterma. La legge di Boyle viene così enunciata: a temperatura costante il volume di una data massa di gas varia in modo inversamente proporzionale alla sua pressione. Se il volume raddoppia o triplica la pressione deve diventare un mezzo o un terzo affinché il loro prodotto rimanga costante. Ecco un esempio. Ä Å Æ Ç ÈÉÊ Ë É Ì Í Î Ï Ð Ñ Ò Ó Ô Õ Ö ØÙ Ú Ø Ô Õ Ö Ü Ù Ý Þç èß éà êá ëâãäåæ ìí Matematicamente la legge è espressa dalla seguente equazione: PV = costante

6 Da questa legge si deduce che se un campione di un gas mantenendo la temperatura costante si trova a pressione P ed occupa un volume V ad una pressione P occuperà un nuovo volume che chiameremo V. Possiamo scrivere la seguente equazione: î ï ð ñ ò ó ô õ ô in quanto se P V = k e P V = k ne consegue che P V = P V In un grafico questa proporzionalità inversa viene rappresentata con un ramo di iperbole equilatera. P da rivedere la figura Risoluzione di alcuni problemi sulla legge di Boyle.. Un gas si trova alla temperatura costante di 5 C ed esercita sulle pareti del recipiente una pressione di 730 mmhg occupando un volume di 8 litri. Si calcoli il nuovo volume espresso in litri quando la pressione del gas è di 4 atm. Risoluzione.

7 Devo usare le stessa unità di misura per esprimere la pressione per cui o trasformo i mmhg in atm o le atm in mmhg. Scelgo la prima ipotesi. atm 730 mmhg ( 760mmHg ) = 096 atm applico la relazione P V = P V sostituendo i dati numerici ottengo: 096 atm. 8 L = 4 atm. V V è la mia incognita. V = 096atm.8L = 9 L 4atm. Un gas che si trova alla temperatura costante di 30 C e occupa un volume di 875 ml ad una pressione di Pa viene compresso fino ad occupare un volume di 0 45 litri. Si calcoli la nuova pressione espressa in atm. Risoluzione. Anche in questo caso devo utilizzare unità di misura omogenee. rasformo i ml in litri. 875ml = 0875 L Poiché mi è chiesto di esprimere la pressione finale in atm trasformo la pressione iniziale espressa in Pa nelle corrispondenti atm per mezzo del fattore di conversione. atm Pa ( ) = 06 atm 035Pa applico la relazione P V = P V e sostituendo i dati numerici ottengo: 06 atm L = P 045 L P è la mia incognita. P = 06atm.0875L = 06 atm. 045L

8 3.4. Legge di Charles o anche legge isobara. Essa viene così enunciata: a pressione costante il volume di un gas varia di 73 volume occupato a 0 C per ogni variazione di C della sua temperatura. del La si può rappresentare con la seguente equazione matematica: 0 C C ö ø ù ú û ü ý þ ÿ ü ý V 0 = volume del gas alla temperatura t = V t = volume del gas alla temperatura t t = temperatura del gas in C La stessa equazione applicata a due generici valori di temperatura t e t con t t diventa: 73 t t = t indicare una (si legge delta) e in questo caso sta ad differenza di temperatura. La relazione la si può scrivere in questo modo:

9 ! " # α$ % viene indicato con α (alfa) ed è chiamato coefficiente di dilatazione termica. 73 se t = -73 C ( zero assoluto) si ha V t = V 0 ( + ( -73) ) 73 V t = V 0 (+ - ) = 0 V t = 0 cioè il gas annullerebbe il suo volume.! " # α$ % L equazione può anche essere espressa in questo modo V t = V 0 ( 73 + t t ) infatti Vt = V 0 ( t ) =V 0 ( + ) = V 0 ( t ) 73 Se la temperatura (espressa in C) la esprimiamo in Kelvin sapendo che (K) = 73+ t C Si ottiene: V t = V 0 73 sapendo che V 0 è il volume del gas a 0 C (corrispondente a 73 K) si può scrivere V t V = 0 oppure 0 V = k ed anche V = V questo è un altro modo per esprimere la legge di Charles. Il volume di una data massa di gas a pressione costante è direttamente proporzionale alla temperatura assoluta.

10 Riportando questa legge in un grafico con in ordinate il volume e in ascissa la temperatura si ottiene una semiretta che parte dall origine. Volume Disegnare meglio il diagramma. emperatura K In conclusione la legge di Charles consente di calcolare una delle quattro grandezze dell equazione V = V Conoscendo le altre tre. Se si utilizza questa equazione per esprimere la legge la temperatura va espressa in kelvin. Risoluzione di alcuni problemi sulla legge di Charles.. Si vuole calcolare la temperatura finale di una massa di gas azoto che a pressione costante da una temperatura iniziale di 300 K e volume iniziale di 0 litri passa ad un volume finale di litri. Risoluzione. P = costante dati : V = 0 litri V = litri = 300 K =? Applico la relazione V / =V / = V = V litri 300 K = 60 K 0litri

11 . Si calcoli il volume di una certa quantità di gas che a 0 C occupa un volume di 5 litri quando viene riscaldato a 98 C mantenendo costante la pressione. Risoluzione. Dati = 0 C V = 5 litri = 98 C V =? Applico la relazione V t = V t (+ α t) V 98 C = 5 + (98 0) ] 735 = 36 litri Posso applicare anche la relazione: V / =V / In questo caso devo trasformare i C in K = 0 C = 935 K = 98 C + 735= 375 k V = 5 litri V = incognita Sostituisco nell equazione: Il risultato è il medesimo. 5 V 5 = ; V = 37 5 = 36 litri Legge di Gay-Lussac o anche legge isocora. È così enunciata: a volume costante la pressione di un gas varia di della 73 pressione che il gas esercita a 0 C per ogni variazione di grado centigrado di variazione della temperatura. P t = P 0 + P0 t 73

12 In generale per calcolare la pressione alla temperatura t conoscendo la pressione alla t si applica P t =P t [+ (t t )] 73 E in analogia con quanto visto nella legge di Charles si può scrivere: P = P oppure P = k la pressione di una data massa di gas a volume costante varia in modo direttamente proporzionale alla temperatura assoluta. In un diagramma pressione temperatura la razione si rappresenta con una semiretta che nasce dall origine degli assi: P 0 V Risoluzione di alcuni problemi Legge di Gay-Lussac.. Una bombola da campeggio contiene un gas alla temperatura di 5 C e alla pressione di 4 atm. Se la bombola è riscaldata alla temperatura di 80 C dai raggi solari quale sarà la sua pressione rimanendo il suo volume costante? Risoluzione. Dati V= cost. P = 4 atm P =? =3535 = 5 C +735=985 K = 80 C + 735

13 P P = P ; P = 4atm = 3535K = 47 atm 985K. Un gas si trova alla temperatura di 8 C e alla pressione di 00 kp( kp=000p). Quale temperatura espressa in C deve raggiungere il gas per raggiungere la pressione di 300 kp? Risoluzione. trasformo i C in K per potere usare l equazione: P P P = ; = P = 300 kp ( 8 C + 73' 5) 00kP = 457 K 457 K 735 =78575 C 3.6. Legge di Avogadro Questa legge viene così enunciata: volumi uguali di gas diversi nelle stesse condizioni di pressione e di temperatura contengono lo stesso numero di particelle (possono essere atomi o molecole bi o triatomiche). Come conseguenza di questa legge si ha che una mole di un gas qualsiasi occupa il medesimo volume nelle stesse condizioni di P e. Sperimentalmente si è trovato che: una mole di un qualsiasi gas nelle condizioni normali o condizioni standard (pressione di atm e temperatura di 0 C) occupa un volume di 4 litri. 4 L è il volume occupato da una mole di un qualsiasi gas purché si trovi nelle condizioni standard.

14 3.7. Equazione di stato dei gas ideali. Le tre leggi dei gas fino ad ora esaminate: P. V = cost. A temperatura costante (Boyle) V = cost. P = cost. A pressione costante (Charles) A volume costante ( Gay-Lussac) Si può anche scrivere: P V = cost cost. cost. P V = k dove k è il prodotto di cost cost. cost. Facendo la radice quadrata dell equazione si ottiene: PV P V = costante oppure = costante. Od ancora PV PV = Se ora consideriamo una qualsiasi mole di un gas alla temperatura di 0 C e alla pressione di atm sapendo che una mole di gas in queste condizioni occupa un volume di 4 litri si avrà: PV = atm.(4litri) = 008 litri atm / K mole 735K(mole) Questo valore costante viene chiamato R ed è la costante universale dei gas ideali. R=008 litri atm / K mole Se cambiano le unità di misura cambia anche il valore numerico di R Sapendo che il volume di una mole di gas è dato dal volume totale diviso il numero delle moli che esso contiene

15 V molare = V totale /n. moli si potrà scrivere: PV = R ed anche: n & ' ( ) * + Questa equazione è detta: equazione di stato dei gas ideali. Essa mette in relazione non solo la P il V e la di un gas ma anche n cioè il numero di moli del gas. Occorre precisare che tutte queste leggi hanno dei limiti di validità e descrivono il comportamento del gas entro determinati valori di pressione e temperatura I gas reali infatti hanno un comportamento che si discosta dalle leggi precedentemente esaminate. Se però si trovano a basse pressioni ed alte temperature o ad ogni modo le condizioni non sono distanti da quelle ambientali il loro comportamento può essere descritto dalle leggi dei gas ideali. Molto spesso le dizioni gas e vapore vengono usate indistintamente. Occorre evidenziare che: Vapore è un aeriforme che si trova al di sotto della sua temperatura critica. Gas è un aeriforme che si trova al di sopra della sua temperatura critica. La temperatura critica è una temperatura caratteristica di ogni aeriforme al di sopra della quale il gas qualsiasi sia la pressione su di esso esercitata non può liquefare per sola compressione.

16 Risoluzione di alcuni problemi utilizzando l equazione di stato dei gas. Soluzione.. Se un calciatore ha una capacità polmonare di 4 litri la sua temperatura corporea è di 365 C e si trova ad una pressione di atm quante moli di aria si trovano nei suoi polmoni? Utilizzo l equazione PV = n R PV n = R devo convertire la temperatura espressa in C in K. 365 C +735 =30955 K atm4litri n = =065 moli atm 008litri Kmole. Una bombola di acciaio del volume di 4 litri contiene 33 moli ossigeno puro a alla temperatura di 5 C. Quale sarà la sua pressione? Risoluzione. Converto la temperatura in k: 5 C =985 k Utilizzo l equazione PV = n R P= nr = V 33moli985K008litriatm =336 atm 4litriKmole 3.9. Scheda leggi dei gas LEGGI Boyle (legge isoterma) formulazione PV=cost a =cost. Se il gas si trova in condizioni diverse: P V =P V

17 Charles (legge V = cost. a P= cost. Se il gas si trova in condizioni diverse : isobara) V V = Gay-Lussac (legge P = cos t a V= cost. Se il gas si trova in condizioni diverse: isocora) P P = Equazione di stato PV = n R Avogadro Volumi uguali di gas diversi nelle stesse condizioni di temperatura e pressione contengono lo stesso numero di moli A questo punto dovresti conoscere il significato delle seguenti Parole Chiave:. Condizioni standard o condizioni normali.. Gas. 3. Gas ideale. 4. Gas reale. 5. Costante universale dei gas. 6. Zero assoluto. 7. rasformazione isoterma. 8. rasformazione isobara. 9. rasformazione isocora. 0. Vapore.. Pressione.. orr mmhg atm Pa bar. 3. Scala della temperatura in gradi Celsius. 4. Scala della temperatura assoluta. 5. C e K 6. 4 litri. 7. Legge di Boyle. 8. Legge di Charles. 9. Legge di Gay-Lussac. 0. Equazione di stato dei gas ideali.. Legge di Avogadro.. Volume molare. 3. emperatura critica Verifica della conoscenza delle parole chiave. Scrivi accanto ad ogni definizione il numero della parola chiave cui si riferisce.

18 Una temperatura irraggiungibile corrispondente a 735 C Volumi uguali di gas diversi nelle stesse condizioni di temperatura e pressione contengono lo stesso numero di particelle. Una legge che mette in relazione pressione e temperatura a volume costante. emperatura al disopra della quale un aeriforme non può liquefare per semplice compressione. La legge che mette in relazione pressione e volume a temperatura costante. La scala della temperatura costruita dando il valore zero alla temperatura in cui l acqua pura alla pressione di atm solidifica e 00 il valore di temperatura a cui bolle. Il volume occupato da una mole di un gas alle condizioni standard. La relazione che lega la pressione la temperatura il volume e il numero delle moli di un gas ideale. Le condizioni definite da una temperatura di 0 C e di una atm. I simboli dei gradi Celsius e Kelvin. Una scala della temperatura che non ha valori negativi. La legge che mette in relazione temperatura e volume a pressione costante. Un gas il cui comportamento è pienamente descritto dall equazione di stato. Un gas il cui comportamento si discosta dalle leggi dei gas fino ad ora esaminate. Una costante indicata con la lettera R il cui valore è 008 atm. litro / K.mole Una trasformazione che avviene a temperatura costante. Una trasformazione che avviene a pressione costante. Una trasformazione che avviene a volume costante. Un aeriforme che si trova al di sotto della temperatura critica. Un aeriforme che si trova al di sopra della temperatura critica. Sono le unità di misura della pressione. Il volume occupato da una mole di gas. Una grandezza definita come la forza agente sull unità di superficie.

19 (Si devono rendere interattive le risposte) Le risposte giuste sono nell ordine: Esercizi sui gas.. Converti atm nelle unità di misura indicate: atm = Pa atm = mmhg atm = bar atm = torr. Converti le seguenti temperature espresse in gradi C nelle corrispondenti temperature espresse in K 34 C = K 00 C = K -0 C = k 3. Un gas costituito da azoto occupa un volume di 5 litri alla pressione di 4 atm. Supponendo che la temperatura rimanga costante calcola il nuovo volume quando la pressione diviene di atm. 4. All interno di una bombola è contenuto gas propano alla pressione di 0 atm e alla temperatura di 35 C. Rimanendo il volume costante quale sarà la sua temperatura quando la pressione diviene uguale a Pa? 5. La temperatura critica del metano è 8 C quella del propano è 97 C. Sapresti spiegare perché quando sono usati come combustibili nelle

20 automobili in alternativa alla benzina il primo si trova nelle bombole allo stato gassoso ed il secondo si trova allo stato liquido? 6. Un pneumatico di una moto si trova alla pressione di atm e alla temperatura di 5 C occupando un volume di 5 litri. Correndo sull asfalto la temperatura aumenta fino a 60 C supponendo che il volume divenga 56 litri quale sarà la nuova pressione? 7. Un recipiente del volume di litri contiene ossigeno puro e si trova alla temperatura 35 C e alla pressione di atm. Quante moli di ossigeno sono presenti nel recipiente? 8. Un gas costituito da azoto puro occupa nelle condizioni standard un volume di 36 litri. Quante moli di azoto sono contenute nel recipiente? 9. Un pallone da calcio contiene un volume di 4 litri di aria alla temperatura di 0 C e alla pressione di 00 mmhg. Se la temperatura aumenta a 40 C rimanendo il volume costante quale sarà la nuova pressione? 0. In una bombola del volume di 40 litri è contenuto gas metano alla temperatura di 6 C e alla pressione di 4 atm. Se la temperatura passa a 50 C quale sarà la sua pressione?

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

Esercizi e Problemi di Termodinamica.

Esercizi e Problemi di Termodinamica. Esercizi e Problemi di Termodinamica. Dr. Yves Gaspar March 18, 2009 1 Problemi sulla termologia e sull equilibrio termico. Problema 1. Un pezzetto di ghiaccio di massa m e alla temperatura di = 250K viene

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO. Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = +

FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO. Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = + FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = + dove m e q sono numeri reali fissati. Il grafico di tale funzione è una retta, di cui

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La termodinamica è quella branca della fisica che descrive le trasformazioni subite da un sistema (sia esso naturale o costruito dall uomo), in seguito

Dettagli

Temperatura dilatazione lineare, superficiale, volumetrica

Temperatura dilatazione lineare, superficiale, volumetrica Temperatura dilatazione lineare, superficiale, volumetrica ESERCIZIO N 1 La temperatura in una palestra è di 18 C mentre all esterno il termometro segna la temperatura di 5 C. Quanto vale la differenza

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE")

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC DERIVE) F U N Z I O N I E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE") I N D I C E Funzioni...pag. 2 Funzioni del tipo = Kx... 4 Funzioni crescenti e decrescenti...10

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Precorsi 2014. Fisica. parte 1

Precorsi 2014. Fisica. parte 1 Precorsi 2014 Fisica parte 1 Programma ministeriale per il test Grandezze fisiche Una grandezza fisica è una caratteristica misurabile di un entità fisica. Sono grandezze fisiche: velocità, energia di

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

Indice del libro. Materiali digitali. Esempi svolti. Videoapertura Approfondimento: Come lavora lo scienziato

Indice del libro. Materiali digitali. Esempi svolti. Videoapertura Approfondimento: Come lavora lo scienziato I INDICE Indice del libro Materiali digitali PER COMINCIARE Metodi e strumenti per il tuo lavoro 1. Come studiare la chimica 1. Il tuo metodo di studio 3. Richiami sulle potenze 4 4. La notazione scientifica

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica.

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica. sono due cose diverse (in scienze si dice sono due grandezze diverse). 01.1 Cos'è il calore? Per spiegare cos è il calore facciamo degli esempi. Esempi: quando ci avviciniamo o tocchiamo un oggetto caldo

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

La struttura della materia

La struttura della materia Unità didattica 11 La struttura della materia Competenze 1 Descrivere il modello atomico di Dalton 2 Spiegare le caratteristiche macroscopiche e microscopiche delle principali trasformazioni fisiche 3

Dettagli

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA 1 esercizi in corrente continua completamente svolti ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE CONTINUA ( completamente svolti ) a cura del Prof. Michele ZIMOTTI 1 2 esercizi in corrente continua completamente

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

Note di fisica. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, luglio 2012. 1 Quantità di moto.

Note di fisica. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, luglio 2012. 1 Quantità di moto. Note di fisica. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, luglio 2012. Indice 1 Quantità di moto. 1 1.1 Quantità di moto di una particella.............................. 1 1.2 Quantità

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

Seconda Legge DINAMICA: F = ma

Seconda Legge DINAMICA: F = ma Seconda Legge DINAMICA: F = ma (Le grandezze vettoriali sono indicate in grassetto e anche in arancione) Fisica con Elementi di Matematica 1 Unità di misura: Massa m si misura in kg, Accelerazione a si

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA

PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA PRINCIPI BASILARI DI ELETTROTECNICA Prerequisiti - Impiego di Multipli e Sottomultipli nelle equazioni - Equazioni lineari di primo grado e capacità di ricavare le formule inverse - nozioni base di fisica

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli

ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe

ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe ESERCITAZIONE Rispondi a ciascuna delle seguenti domande in 10 righe CAPITOLO 1 La carica elettrica e la legge di Coulomb La carica elettrica e la legge di Coulomb: conduttori ed isolanti. Vari tipi di

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola.

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. La formula empirica e una formula in cui il rappporto tra gli atomi e il piu semplice possibil Acqua Ammoniaca

Dettagli

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d.

a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori a. 10-5 b. 10 +5 c. 10 +15 d. 1) Il valore di 5 10 20 è: a. 10 4 b. 10-15 c. 10 25 d. 10-4 2) Il valore del rapporto (2,8 10-4 ) / (6,4 10 2 ) è: a. 4,375 10-7 b. 3,625 10-6 c. 4,375 10 2 d. nessuno dei precedenti valori 3) La quantità

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il Circuiti in Corrente Continua direct currentdc ASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica l Potenziale Elettrico La legge di Ohm l resistore codice dei colori esistenze in serie ed in parallelo

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

LE SOLUZIONI 1.molarità

LE SOLUZIONI 1.molarità LE SOLUZIONI 1.molarità Per mole (n) si intende una quantità espressa in grammi di sostanza che contiene N particelle, N atomi di un elemento o N molecole di un composto dove N corrisponde al numero di

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA CLASSE: V A Corso Ordinario DOCENTE: STEFANO GARIAZZO ( Paola Frau dal 6/02/2015) La corrente

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE Quando si considerano due o più caratteri (variabili) si possono esaminare anche il tipo e l'intensità delle relazioni che sussistono tra loro. Nel caso in cui

Dettagli

Esercitazione IX - Calorimetria

Esercitazione IX - Calorimetria Esercitazione IX - Calorimetria Esercizio 1 Un blocco di rame di massa m Cu = 5g si trova a una temperatura iniziale T i = 25 C. Al blocco viene fornito un calore Q = 120J. Determinare la temperatura finale

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

Sistemi materiali e quantità di moto

Sistemi materiali e quantità di moto Capitolo 4 Sistemi materiali e quantità di moto 4.1 Impulso e quantità di moto 4.1.1 Forze impulsive Data la forza costante F agente su un punto materiale per un intervallo di tempo t, si dice impulso

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:...

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA. Scuola Secondaria di II grado. Classe Terza Tipo A. Codici. Scuola:... Ministero della Pubblica Istruzione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2006 2007 PROVA DI MATEMATICA Scuola Secondaria di II grado Classe Terza Tipo A Codici Scuola:..... Classe:.. Studente:.

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

Equazione della Circonferenza - Grafico di una Circonferenza - Intersezione tra Circonferenza e Retta

Equazione della Circonferenza - Grafico di una Circonferenza - Intersezione tra Circonferenza e Retta Equazione della Circonferenza - Grafico di una Circonferenza - Intersezione tra Circonferenza e Retta Francesco Zumbo www.francescozumbo.it http://it.geocities.com/zumbof/ Questi appunti vogliono essere

Dettagli

Svolgimento della prova

Svolgimento della prova Svolgimento della prova D1. Il seguente grafico rappresenta la distribuzione dei lavoratori precari in Italia suddivisi per età nell anno 2012. a. Quanti sono in totale i precari? A. Circa due milioni

Dettagli

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 1) Una certa quantità di solfato di ferro (II), sciolta in una soluzione acquosa di acido solforico, viene trattata con 1.0 10-3 mol di permanganato di potassio. Si ottengono

Dettagli

Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura

Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura Valentino Liberali Dipartimento di Tecnologie dell Informazione Università di Milano, 26013 Crema e-mail: liberali@dti.unimi.it http://www.dti.unimi.it/

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

Orso Mario Corbino. Nozioni di Fisica per le scuole secondarie

Orso Mario Corbino. Nozioni di Fisica per le scuole secondarie Orso Mario Corbino Nozioni di Fisica per le scuole secondarie Vol. II Calore - Ottica - Elettrostatica e Magnetismo - Corrente elettrica - Elettrotecnica www.liberliber.it QUESTO E-BOOK: Questo e-book

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI CORSO PON Esperto nella progettazione, caratterizzazione e lavorazione di termoplastici modulo: CHIMICA DEI POLIMERI Vincenzo Venditto influenza delle caratteristiche strutturali, microstrutturali e morfologiche

Dettagli

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014

Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 2014 Proposta di soluzione della prova di matematica Liceo scientifico di Ordinamento - 14 Problema 1 Punto a) Osserviamo che g (x) = f(x) e pertanto g () = f() = in quanto Γ è tangente all asse delle ascisse,

Dettagli

Equazioni dierenziali ordinarie del prim'ordine

Equazioni dierenziali ordinarie del prim'ordine 21 Maggio 2012 - Lab. di Complementi di Matematica e Calcolo Numerico Equazioni dierenziali ordinarie del prim'ordine Indice 1 Integrazione di un'equazione cinetica 2 2 Cinetica di adsorbimento di Langmuir

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

9. Urti e conservazione della quantità di moto.

9. Urti e conservazione della quantità di moto. 9. Urti e conservazione della quantità di moto. 1 Conservazione dell impulso m1 v1 v2 m2 Prima Consideriamo due punti materiali di massa m 1 e m 2 che si muovono in una dimensione. Supponiamo che i due

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II

Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II Forze conservative Esercizio Una pallina di massa m = 00g viene lanciata tramite una molla di costante elastica = 0N/m come in figura. Ammesso che ogni attrito

Dettagli

B9. Equazioni di grado superiore al secondo

B9. Equazioni di grado superiore al secondo B9. Equazioni di grado superiore al secondo Le equazioni di terzo grado hanno una, due o tre soluzioni, risolvibili algebricamente con formule molto più complesse di quelle dell equazione di secondo grado.

Dettagli

Rapporti e Proporzioni

Rapporti e Proporzioni Rapporti e Proporzioni (a cura Prof.ssa R. Limiroli) Rapporto tra numeri Il rapporto diretto tra due numeri a e b, il secondo dei quali diverso da zero, si indica con Ricorda a e b sono i termini del rapporto

Dettagli

Consideriamo due polinomi

Consideriamo due polinomi Capitolo 3 Il luogo delle radici Consideriamo due polinomi N(z) = (z z 1 )(z z 2 )... (z z m ) D(z) = (z p 1 )(z p 2 )... (z p n ) della variabile complessa z con m < n. Nelle problematiche connesse al

Dettagli

I numeri. Premessa: Che cosa sono e a che servono i numeri?

I numeri. Premessa: Che cosa sono e a che servono i numeri? I numeri Premessa: Che cosa sono e a che servono i numeri? Come ti sarai reso conto, i numeri occupano un ruolo importante nella tua vita: dai numeri che esprimono il prezzo degli oggetti venduti in un

Dettagli

b) quando la biglia si ferma tutta la sua energia cinetica sara stata trasformata in energia potenziale della molla. Quindi

b) quando la biglia si ferma tutta la sua energia cinetica sara stata trasformata in energia potenziale della molla. Quindi B C:\Didattica\SBAC_Fisica\Esercizi esame\sbac - problemi risolti-18jan2008.doc problema 1 Una biglia di massa m = 2 kg viene lasciata cadere (da ferma) da un'altezza h = 40 cm su di una molla avente una

Dettagli

In copertina: A. Minorenti Il moto Browniano

In copertina: A. Minorenti Il moto Browniano 1 In copertina: A. Minorenti Il moto Browniano 2 Nomenclatura chimica e formule brute/struttura ELEMENTI Metalli Non metalli + O 2 Ossidi Anidridi + H 2 O Idrossidi Ossoacidi o Acidi Sali Gli Elementi

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi Evelina De Gregori Alessandra Rotondi al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze per la Scuola secondaria di primo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Test d'ingresso NUMERI

Dettagli

23 CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIVERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO

23 CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIVERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO v 23 CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO Un campione di terreno viene considerato come un sistema multifase,

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in SUL LIBRO DA PAG 306 A PAG 310 Quesiti e problemi ESERCIZI 1 Le reazioni producono energia 1 Qual è il fattore più importante per stabilire se una reazione è esotermica o endotermica? Per stabilire se

Dettagli

QUESITI A RISPOSTA APERTA

QUESITI A RISPOSTA APERTA QUESITI A RISPOSTA APERTA 1.Che cosa sono gli spettri stellari e quali informazioni si possono trarre dal loro studio? Lo spettro di un qualsiasi corpo celeste altro non è che l insieme di tutte le frequenze

Dettagli

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso Esercizi Le lei dei as Lo stato assoso Ua certa quatità di as cloro, alla pressioe di,5 atm, occupa il volume di 0,58 litri. Calcola il volume occupato dal as se la pressioe viee portata a,0 atm e se la

Dettagli

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO I CONSUMI ED IL RENDIMENTO E buona prassi che chiunque sia interessato a realizzare un impianto di riscaldamento, serio, efficiente ed efficace, si rivolga presso uno Studio di ingegneria termotecnica

Dettagli

La MKT (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura

La MKT (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura La (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura Come funzionano i criteri di valutazione sulla temperatura Vi sono 5 parametri usati per la valutazione del

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 Ing. Gennaro Augurio Direttore Operativo ITAGAS AMBIENTE Via R. Paolucci, 3 Pescara gennaro.augurio@itagasambiente.it GSM 347-99.10.915

Dettagli

Appunti di Matematica

Appunti di Matematica Silvio Reato Appunti di Matematica Settembre 200 Le quattro operazioni fondamentali Le quattro operazioni fondamentali Addizione Dati due numeri a e b (detti addendi), si ottiene sempre un termine s detto

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

Se log a. b = c allora: A) a b = c B) c a = b C) c b = a D) b c = a E) a c = b. L espressione y = log b x significa che:

Se log a. b = c allora: A) a b = c B) c a = b C) c b = a D) b c = a E) a c = b. L espressione y = log b x significa che: MATEMATICA 2005 Se log a b = c allora: A) a b = c B) c a = b C) c b = a D) b c = a E) a c = b L espressione y = log b x significa che: A) y é l esponente di una potenza di base b e di valore x B) x è l

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli