SOVRANITÀ DEGLI STATI FEDERATI E COSTITUZIONALITÀ DELLA RIFORMA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SOVRANITÀ DEGLI STATI FEDERATI E COSTITUZIONALITÀ DELLA RIFORMA"

Transcript

1 SOVRANITÀ DEGLI STATI FEDERATI E COSTITUZIONALITÀ DELLA RIFORMA SANITARIA: GLI EQUILIBRISMI DEL CHIEF JUSTICE ROBERTS * di Chiara Bologna (Ricercatrice di Diritto pubblico comparato Università di Bologna) 8 agosto La decisione National Federation of Independent Business v. Sebelius, Secretary of Health and Human Services del 28 giugno 2012 ha indubbiamente una portata storica: con essa la Corte suprema degli Stati Uniti d America salva la più imponente riforma del sistema sanitario statunitense, il Patient Protection and Affordable Care Act 1. La riforma, come noto, è al centro del dibattito (o meglio dello scontro) politico americano sin dalla campagna elettorale per le presidenziali che hanno visto la vittoria di Barack Obama nel L accusa di essere un socialist, che i repubblicani rivolgevano al candidato democratico, nasceva appunto dalla sua proposta di riformare il sistema sanitario al fine di garantire le prestazioni mediche anche alle decine di milioni di statunitensi privi di ogni forma di copertura sanitaria 2. * Articolo sottoposto a referaggio. 1 Per un commento sistematico alla riforma v. CCH (Commerce Clearing House), Law, explanation and analysis of the Patient Protection and Affordable Care Act : including Reconciliation Act impact, 2 volumi, Chicago, Wolters Kluwer, 2010; sul provvedimento vedi anche le sintesi e i dossier pubblicati sul sito della Casa Bianca (http://www.whitehouse.gov/healthreform). 2 Sulla proposta originaria dell amministrazione democratica cfr. J. HOLAHAN, L.J. BLUMBERG, An Analysis of the Obama Health Care Proposal, The Urban Institute Health Policy Center, 2008 (http://www.urban.org/uploadedpdf/411754_obama_health_proposal.pdf?rssfeed=ui_economy/taxes.xml). federalismi.it n. 16/2012

2 Il sistema sanitario americano era infatti basato sostanzialmente sul meccanismo delle assicurazioni private, che potevano essere acquistate individualmente o ottenute dai lavoratori come parte della retribuzione. Quest ultimo era il meccanismo prevalente: la maggior parte dei cittadini riceveva la copertura sanitaria tramite un employer sponsored program, nel quale i datori di lavoro garantivano la copertura di circa l ottanta per cento del costo dei premi assicurativi 3. Vi erano anche due programmi pubblici: il Medicare e il Medicaid, destinati il primo a sostenere le spese sanitarie degli ultrasessantacinquenni (fuori dal mercato del lavoro e dai sistemi di employer sponsored programs, ma che avevano a tal fine versato contributi durante il periodo lavorativo), il secondo ad alcune categorie di cittadini a basso reddito quali i disabili, gli anziani e le famiglie con prole. Restavano fuori da quest ultimo programma ampie fasce della popolazione a basso reddito, quali ad esempio le famiglie senza figli o gli individui soli che, pur indigenti, non fossero ultrasessantacinquenni o disabili 4. Affianco ai meno abbienti, vi erano anche molti cittadini che, pur essendo al di sopra della soglia di povertà, non avevano comunque un reddito sufficiente per l acquisto delle onerose polizze sanitarie. La riforma, nota come Obamacare, non mira a creare un sistema sanitario pubblico ma, comunque, ad un risultato storico: estendere in modo generalizzato la copertura assicurativa sanitaria, superando la cultura statunitense dei diritti sociali che, in assenza di una protezione costituzionale dei medesimi, si basava sul principio della responsabilità individuale e sulla libera scelta circa la stipula o meno di un assicurazione sanitaria 5. I conflitti culturali e politici alimentati dalla proposta di riforma prendono corpo nell accidentato percorso di approvazione del provvedimento, che si conclude anche grazie all uso (irrituale) della procedura seguita per gli atti legislativi di natura finanziaria 6 e 3 R. CASELLA, La riforma sanitaria di Barack Obama, in Studi parlamentari e di politica costituzionale, nn , 2009, p. 32 ss. Sul sistema sanitario statunitense prima della riforma vedi anche A. LEIBOWITZ, M. PETERSON, Perspectives on the U.S. Health Care System, in Rivista italiana di politiche pubbliche, 2009, n. 2, p. 9 ss.; A. PIERINI, Federalismo e welfare state nell esperienza giuridica degli Stati Uniti, Torino, Giappichelli, 2003, p. 241 ss. 4 Sui due programmi cfr. M. GREENFIELD, Medicare and Medicaid; the 1965 and 1967 Social Security amendments, Berkeley, Institute of Governmental Studies, University of California, A. PIN, La riforma sanitaria USA e il suo destino. Perché Obama è riuscito dove altri hanno fallito (e potrebbe perdere dove altri avrebbero vinto)?, in G.G. CARBONI (a cura di), La salute negli Stati composti. Tutela del diritto e livelli di governo, Atti del convegno dell Associazione di Diritto pubblico comparato ed europeo, Torino, Giappichelli, 2012, p Sul valore storico della riforma vedi le osservazioni di E. BALBONI, La fine della grande anomalia: la riforma sanitaria di Obama guarda all Europa, in Quaderni costituzionali, 2010, p. 386 ss. 6 Una volta persa la maggioranza di sessanta senatori, necessaria a superare il filibustering, a causa dell elezione di Scott Brown (succeduto allo scomparso Ted Kennedy), una parte della riforma sanitaria contente nuovi tributi è stata approvata nella Camera Alta con la procedura utilizzata per i reconciliation bills. Questi ultimi sono atti 2

3 all abbandono della contestata public option, la parte del provvedimento che prevedeva l istituzione di una società assicurativa in mano pubblica, in grado di instaurare un virtuoso meccanismo concorrenziale con le grandi assicurazioni private 7. Il disegno che emerge dalla versione definitiva della legge prevede che la copertura sanitaria generalizzata sia ottenuta attraverso una serie di strumenti: l estensione del Medicaid a tutti gli adulti con un reddito non superiore al 133 per cento della soglia di povertà federale; la concessione di crediti d imposta per l acquisto delle polizze ai cittadini non indigenti ma comunque con redditi non elevati; il doppio divieto per le compagnie assicurative di porre un massimale alle prestazioni rimborsabili e di negare la copertura assicurativa a soggetti con patologie pregresse; l ampliamento del numero dei datori di lavoro tenuti a fornire una polizza assicurativa; l obbligo per ciascun residente negli Stati Uniti di acquistare una polizza. I conflitti politici non cessano con l approvazione della legge 8. Quest ultima anzi, avvenuta nel marzo 2010, è al centro della campagna elettorale delle mid-term elections, che i repubblicani vincono nel novembre 2010, trainati dal movimento Tea Party 9 che contesta nella riforma l emergere di uno stato iper-interventista e assistenziale, in contrasto con le radici culturali e costituzionali degli Stati Uniti d America. La sentenza sulla legittimità costituzionale della riforma si inserisce inevitabilmente in questo conflitto, venendo adottata, peraltro, nel corso della campagna elettorale per le presidenziali del Secondo i ricorrenti alla Corte suprema la riforma eccede i poteri enumerati garantiti alla federazione; le misure di cui viene contestata la costituzionalità sono in particolare due: l obbligo individuale di acquistare un assicurazione sanitaria, il c.d. individual mandate, e l estensione del Medicaid a nuove fasce della popolazione. La decisione della Corte è decisamente articolata: inaspettatamente scrive l opinion of the Court il Chief Justice Roberts (nominato dal Presidente Bush nel 2005), il quale, costituendo legislativi di natura finanziaria utilizzati per introdurre nuove imposte o tagli alle spese necessari a rispettare la decisione di bilancio: a tali atti non possono essere opposte prassi ostruzionistiche. In tema sia consentito rinviare a C. BOLOGNA, Dopo le mid-term elections un nuovo caso di governo diviso: poteri condivisi o poteri contesi?, in Rassegna parlamentare, 2010, p Sul tormentato iter di approvazione della riforma vedi E. JORIO, Barack H. Obama ce l ha fatta, La riforma sanitaria è legge (24 marzo 2010), federalismi.it, n. 6/2010, e i contributi del medesimo Autore ivi richiamati. 7 Su questo profilo della proposta vedi J. HOLAHAN, L.J. BLUMBERG, Can a Public Insurance Plan Increase Competition and Lower the Costs of Health Reform?, The Urban Institute Health Policy Center, 2008 (http://www.urban.org/uploadedpdf/411762_public_insurance.pdf). 8 Si veda ad esempio il volume pubblicato dall ex Speaker della Camera dei Rappresentanti, Newt Gingrich, poi in corsa per la nomination repubblicana: N. GINGRICH, To save America: Stopping Obama s Secular-Socialist Machine, Washington, Regnery Publishing, In tema vedi il recente lavoro di T. SKOCPOL e V. WILLIAMSON, The Tea Party and remaking of Republican conservatism, Oxford, Oxford University Press,

4 una maggioranza con i giudici liberal Ginsburg, Breyer, Sotomayor e Kagan, sostiene la legittimità costituzionale dell individual mandate. Il giudice Ginsburg scrive a sua volta un opinione concorrente (cui aderiscono in toto Sotomayor e in parte Breyer e Kagan), mentre il giudice Scalia scrive una dissenting opinion cui aderiscono Kennedy, Thomas e Alito 10. L individual mandate, l obbligo di acquistare una polizza sanitaria, è, senza dubbio, la misura più contestata della riforma, in quanto percepita dalla destra conservatrice come una violazione della libertà individuale e del principio di autodeterminazione. La federazione aveva sostenuto di avere la competenza di imporre tale misura grazie al potere riconosciutole dalla Costituzione di disciplinare il commercio interstatale: premessa la possibilità per il Congresso, in base al commerce power, di disciplinare il mercato delle assicurazioni, da ciò derivava secondo l amministrazione democratica anche il potere di disciplinare le fattispecie che, pur distinte dal mercato delle assicurazioni, avessero su di esso effetti diretti. Il riferimento è alla lettura teleologica del potere sul commercio affermatasi nella giurisprudenza della Corte suprema a partire dal New Deal: in base ad essa, ad esempio, la Corte ha sostenuto nel 1964 la possibilità per il Congresso federale di adottare una legge contro la segregazione razziale quale esercizio del commerce power, in virtù degli effetti negativi che la segregazione stessa produceva sulla circolazione di persone e cose 11. Il mancato acquisto di una polizza sanitaria da parte di un singolo ha dunque, secondo il Governo di Washington, effetti immediati sul mercato delle assicurazioni: i non assicurati, infatti, hanno comunque diritto a non vedersi negate le prestazioni urgenti, e le strutture che erogano tali prestazioni gratuite recuperano i mancati introiti alzando le tariffe dei pazienti paganti e producendo, conseguentemente, un aumento dei premi assicurativi. L interpretazione teleologica, che come si ricordava ha già ricevuto applicazioni estensive, nel caso dell individual mandate riceverebbe però, secondo i critici, un applicazione senza precedenti: ad essere disciplinata non sarebbe infatti una attività che produce effetti sul commercio interstatale, ma una mancata attività (inactivity), cioè il mancato acquisto di una polizza. Il Congresso si ritaglierebbe il potere di regolare, tramite il commerce power, i comportamenti di soggetti che del mercato non sono neanche parte, avvicinandosi 10 Il giudice Thomas, in realtà, aggiunge una brevissima dissenting opinion autonoma, nonostante aderisca completamente a quella di Scalia. 11 Si tratta delle decisioni Heart of Atlanta Motel v. United States (379 U.S. 241) e Katzenbach v. McClung (379 U.S. 294), entrambe del 1964: sulla lettura teleologica in generale e su queste decisioni in particolare sia consentito rinviare a C. BOLOGNA, Stato federale e National interest. Le istanze unitarie nell esperienza statunitense, Bologna, Bononia University Press, 2010, p. 156 ss. 4

5 definitivamente, secondo la dottrina conservatrice, ad un modello incostituzionale di National Government non più a poteri enumerati, ma con potestà generale di governo 12. Il giudice Roberts, infatti, non sceglie questa strada e ritiene l individual mandate esercizio legittimo del potere di imposizione fiscale federale: la riforma stabilisce infatti l obbligo di acquistare una polizza prevedendo per gli inadempienti il pagamento di una penalty proporzionale al reddito individuale. Il fatto che la legge definisca come penalty, ossia come sanzione, il pagamento dovuto in caso di inadempimento, non pregiudica, secondo il Chief Justice, la natura tributaria della disposizione: la federazione sta in questo caso, sostanzialmente, imponendo un tributo a coloro che decidono di non acquistare una polizza. Il compito dei giudici costituzionali, ricorda il Presidente della Corte, è quello di rintracciare «ogni ragionevole ricostruzione ( ) idonea a salvare una legge dall incostituzionalità» 13 ; la ricostruzione della misura come tributo è proposta dallo stesso Governo federale quale fondamento costituzionale in alternativa al commerce power e la Corte deve, per quanto possibile, assecondarla. L uso regolatore del potere di imposizione fiscale in materie escluse dal catalogo dei poteri enumerati non costituisce d altro canto una novità nella giurisprudenza della Corte suprema, grazie al principio enunciato nel caso Butler 14 del 1936: in quella circostanza i giudici costituzionali chiarirono che il potere di tassare e spendere (taxing and spending power), essendo riconosciuto al Congresso da una specifica disposizione della Costituzione 15, costituisce un potere autonomo rispetto a quello legislativo, che non deve essere letto, pertanto, alla luce dell elenco delle competenze legislative federali. La federazione nell esercizio del taxing and spending power non è vincolata dal catalogo dei poteri enumerati; essa può, al contrario, esigere tributi e concedere finanziamenti anche in materie appartenenti alla potestà legislativa statale: là dove il governo centrale non può normare esso può comunque tassare e spendere Sui presunti profili di incostituzionalità dell individual mandate vedi P. URBANOWICZ, D.G. SMITH, Constitutional Implications of an Individual Mandate in Health Care Reform, The Federalist Society for Law and Public Policy Studies, 10 luglio 2009, (http://www.fed-soc.org/publications/detail/constitutionalimplications-of-an-individual-mandate-in-health-care-reform). Per i principali argomenti a favore della costituzionalità dell individual mandate cfr. invece M.C. DORF, The Constitutionality of Health Insurance Reform, Part II: Congressional Power, in FindLaw, 2 novembre 2009, (http://writ.news.findlaw.com/dorf/ html). 13 Opinion of Roberts C.J., p. 32 (slip opinion). 14 United States vs. Butler, 297 U.S. 1 (1936). 15 Art. I, sez. VIII, cl L unico limite è deducibile dalla stessa disposizione costituzionale che stabilisce che il taxing and spending power debba essere esercitato per il general welfare: la conseguenza, spiega la Corte, è che le finalità per cui il governo federale può tassare e spendere devono essere «generali e non locali», devono concernere «questioni di benessere nazionale, distinguibili da quelle legate al benessere locale». Là dove la federazione non può legiferare 5

6 3. Il taxing and spending power, di cui il giudice Roberts conferma l ampiezza considerandolo fondamento dell individual mandate, viene invece circoscritto nell esame della seconda questione affrontata dalla Corte. Una maggioranza differente, costituita dai cinque giudici di nomina repubblicana e, inaspettatamente, dai giudici Breyer e Kagan, ritiene non compatibile con la Costituzione la disciplina dell estensione del Medicaid (esercizio stavolta del potere di spesa), in quanto costituirebbe una fattispecie incostituzionale di finanziamento condizionato, conditional grant in aid. L intero programma Medicaid nasce in effetti nel 1965 come programma di spesa: la federazione cioè stanzia dei finanziamenti agli stati chiedendo loro, contestualmente, di adottare, quale condizione per l ottenimento dei fondi, una disciplina che garantisca la copertura sanitaria a determinate categorie di indigenti. La federazione, cioè, evita il rischio di una disciplina federale invasiva delle competenze legislative statali e si avvale del suo potere di spesa: seguendo un modello che lo stesso Roberts ricorda essere di tipo contrattuale 17, la federazione offre risorse e la controparte, gli stati, decidono se accettare tali risorse e con esse le condizioni. Questo meccanismo di finanziamenti (vincolati e) condizionati, c.d. conditional grants, ha costituito uno dei principali strumenti di espansione del potere federale, al punto di essere stato efficacemente definito dalla dottrina statunitense «il cavallo di Troia del federalismo americano» 18. Per la prima volta dopo quasi ottant anni, invece, la Corte suprema, nella sentenza qui commentata, dichiara un conditional grant incostituzionale. Recuperando parametri meramente enunciati e finora mai applicati dalla stessa Corte suprema, il giudice Roberts sostiene che la normativa federale costituisca un illegittima condizione coercitiva 19, in quanto prevede che gli stati che non vogliano estendere il Medicaid a nuove fasce della popolazione perdano non solo i fondi destinati all ampliamento del programma, ma anche quelli già in corso di erogazione da decenni nell ambito dello stesso Medicaid 20. L entità dei fondi che gli stati si vedrebbero negati è tale da minare il modello essa può comunque tassare e spendere, purché nel perseguimento di finalità generali. Vedi United States vs. Butler, cit., p. 67. In tema cfr. A.J. ROSENTHAL, Conditional Federal Spending and the Constitution, in Stanford Law Review, 1987, vol. 39, p ss. 17 Opinion of Roberts C.J., p. 46. Sulla natura contrattuale dei finanziamenti condizionati vedi D.E. ENGDAHL, The Contract thesis of the Federal Spending Power, in South Dakota Law Review, 2007, vol. 52, p. 496 ss. 18 T.R. MCCOY, B. FRIEDMAN, Conditional federal spending: federalism s Trojan horse, in Supreme Court Review, 1989, p. 85 ss. 19 Sul c.d. coercion test cfr. K. SAYERS-FAY, Conditional federal spending: a back door to enhanced free exercise protection, in California Law Review, 2000, vol. 88, p ss. 20 In questo caso il finanziamento condizionato costituisce quello che la dottrina ha definito una crossover sanction, una sanzione incrociata in quanto la federazione minaccia uno stato che dovesse mancare di adempiere alle condizioni poste da una legge del Congresso con la perdita di finanziamenti previsti da una 6

7 contrattuale, che presuppone il libero incontro della volontà delle parti; gli stati invece, nel caso analizzato, perderebbero fondi che costituiscono parte integrante dei loro attuali bilanci, essendo conseguentemente impossibilitati a rifiutare l estensione del Medicaid: ad essere illegittimamente compromessa è, secondo la maggioranza della Corte, la loro stessa «sovranità» 21. L esito concreto di questa pronuncia di incostituzionalità è il venir meno della condizione coercitiva: nel caso cioè in cui uno stato desideri rifiutare l estensione del Medicaid a nuove fasce della popolazione, con il c.d. opting out, esso perderà solo i fondi destinati a finanziare l ampliamento del programma e non quelli che già riceve nell ambito del medesimo. L estensione del Medicaid, spiega Roberts, muta la «natura» di questo programma, che cessa di essere «un provvedimento per i più poveri e si trasforma in un organico piano nazionale per la fornitura di una copertura sanitaria universale» 22 : una modifica così radicale necessita una volontaria adesione dei singoli stati. 4. La ratio della pronuncia di incostituzionalità della condizione coercitiva ci fornisce in realtà la chiave di lettura della sentenza. Nelle sue argomentazioni il Chief Justice ribadisce ripetutamente la titolarità della sovranità in capo agli stati e dunque il loro diritto all autodeterminazione, escludendo chiaramente l idea di un governo federale competente a provvedere al benessere generale dei cittadini. Salvando l individual mandate, il giudice Roberts ha voluto allontanare dalla Corte suprema i dubbi di un eccessivo attivismo politico, che sarebbero inevitabilmente nati da una Corte a maggioranza conservatrice che cassa il principale lascito di un Presidente democratico legittimato dal voto popolare 23. Il self restraint giudiziario dinanzi a grandi decisioni politiche precedente legge federale: v. J.F. ZIMMERMAN, Contemporary American Federalism. The Growth of National Power, New York-Westport, Praeger, 1992, p Il tema della sovranità statale attraversa in più punti l opinione del giudice Roberts. Nel contesto dei finanziamenti condizionati v. in particolare p. 49. La questione della sovranità degli stati federati è molto presente nella giurisprudenza della Corte suprema degli ultimi decenni, in linea con le tendenze centrifughe del c.d. New Federalism emergenti a partire dagli anni Settanta. Sul Nuovo Federalismo v. T. CONLAN, From New Federalism to Devolution, Washington, Brookings Institution Press, Sui filoni giurisprudenziali nei quali emerge chiaramente il tema della sovranità statale vedi M.R. KILLENBECK, (a cura di), The Tenth amendment and state sovereignty, Rowman & Littlefield, Lanham (Maryland), 2002; E.H. CAMINKER, Printz, state sovereignty and the limits of formalism, in Supreme Court Review, 1997, p. 199 ss. 22 Opinion of Roberts C.J., p La necessità di salvare la maggioranza conservatrice della Corte suprema dall accusa di eccessivo attivismo politico, e dunque dal forte rischio di delegittimazione, è indicata quale ragione principale del voto del Chief Justice da vari commentatori. Cfr. ad es. J. DEAN, Why Chief Justice Roberts dared not to overturn President Obama s Healthcare Plan, in Verdict, 29 giugno 2012 (http://verdict.justia.com/2012/06/29/why-chief-justiceroberts-dared-not-overturn-president-obamas-healthcare-plan). 7

8 dei rappresentanti eletti dal popolo è, d altro canto, una componente della cultura costituzionale statunitense 24. Il Chief justice tuttavia, contemporaneamente, pone le basi per assecondare con forza, durante la sua presidenza, la dottrina repubblicana dell autodeterminazione statale. Nella decisione viene infatti circoscritta, come si ricordava, la lettura teleologica del commerce power, il principale strumento della potestà legislativa federale. Come sottolinea il giudice Ginsburg nella sua opinione concorrente 25, la specificità del campo sanitario avrebbe infatti legittimato l applicazione del potere sul commercio, poiché quello sanitario è un mercato del quale tutti, prima o poi, inclusi i non assicurati, sono parte; questi ultimi anzi, come abbiamo visto, con l accesso gratuito a prestazioni urgenti, producono effetti immediati sui costi delle polizze. L uso del commerce power, secondo il giudice Ginsburg, si giustifica proprio nei casi, come quello del mercato sanitario, in cui è necessario «risolvere problemi di carattere nazionale» 26. Ma è proprio questa lettura, nota Ronald Dworkin 27, che Roberts (con i quattro giudici dissenzienti) rifiuta: il commerce power al contrario, secondo il Chief Justice, non può snaturare i poteri della federazione (che sono enumerati) e trasformarsi «nel potere generale di regolare la vita di un individuo dalla culla alla tomba» 28. Nel corso della sua opinion, il Chief Justice fornisce anche un interpretazione restrittiva della clausola dei poteri impliciti, che il Governo di Washington propone quale potenziale fondamento dell individual mandate, essendo quest ultimo necessary and proper, necessario e appropriato, alla regolamentazione del mercato sanitario 29. La clausola dei poteri impliciti invece, scrive il Chief Justice, può giustificare solo misure meramente «accessorie» rispetto all esercizio degli enumerated powers e «non autorizza invece l esercizio di competenze sostanziali e autonome al di là di quelle specificamente enumerate» Accanto alla dottrina della political question (con la quale la Corte suprema in rari casi dichiara esplicitamente la propria incompetenza a decidere a causa della natura politica della questione sottopostale) vi è il tema trasversale della countermajoritarian difficulty, della problematicità delle decisioni che correggono la volontà della maggioranza popolare: in tema v. il noto volume di A.M. BICKEL, The Least Dangerous Branch. The Supreme Court at the Bar of Politics, Indianapolis, The Bobbs-Merrill Company, Opinion of Ginsburg J., p. 21 (slip opinion). 26 Opinion of Ginsburg J., p R. DWORKIN, A Bigger Victory than We knew, in The New York Review of Books, 13 luglio 2012 (http://www.nybooks.com/articles/archives/2012/aug/16/bigger-victory-we-knew/?pagination=false) 28 Opinion of Roberts C.J., p L art. I, sez. VIII, clausola 18 prevede, come noto, che il Congresso abbia il potere di porre in essere tutte le leggi necessarie e opportune (necessary and proper) per l esercizio dei poteri enumerati. Tale clausola era stata peraltro valorizzata dalla Corte suprema in decisioni recenti quali United States v. Comstock (130 S. Ct. 1949; 2010), su cui v. I. SOMIN, Taking Stock of Comstock: The Necessary and Proper Clause and the Limits of Federal Power, in Cato Supreme Court Review, , p. 239 ss. 30 Opinion of Roberts C.J., p

9 Nella sentenza, infine, come abbiamo visto, viene dichiarato incostituzionale (per la prima volta dopo decenni) un programma di finanziamenti condizionati, creando una situazione che riconosce agli stati una forte autodeterminazione rispetto al governo federale ed una reale possibilità di trattativa: la perdita di tutti i finanziamenti del Medicaid era oggettivamente una condizione insostenibile per gli stati, ma proprio questo meccanismo (utilizzato già in precedenza dalla federazione) garantiva la certezza della loro adesione e la creazione di un sistema universale di copertura sanitaria. Il venir meno di questa misura rende possibile l opting out degli stati che -non si dimentichi- avevano in gran numero 31 contestato la costituzionalità della riforma. Essi dovranno decidere non prima del 2014 e i corposi finanziamenti che riceverebbero in caso di adesione all ampliamento del Medicaid costituiscono un incentivo al quale probabilmente nessuno stato rinuncerà. La mancata estensione del Medicaid è tuttavia un ipotesi che il governo federale mirerà ad evitare trattando con gli stati riluttanti 32 : in alternativa vi sarebbe una parte della popolazione meno abbiente priva di copertura sanitaria in virtù dello stato di residenza. La decisione della Corte, dunque, restituisce agli stati, come lo stesso Roberts ricorda 33, un potere di scelta rispetto a una parte della riforma, un potere contrattuale nei confronti della federazione, in linea con la sovranità che, secondo la maggioranza dei giudici costituzionali, deve continuare a spettare a ciascuno stato federato. I democratici e i sostenitori del National Government devono dunque «prima di tutto festeggiare», poiché il Chief Justice ha voluto allontanare i sospetti di una Corte suprema militante, salvando la riforma (e forse la rielezione) del Presidente Obama; non devono dimenticare tuttavia che il giudice Roberts, escludendo l applicabilità del commerce power, «ha anche voluto rendere chiaro che ci sono cinque dei nove giudici concordi sul fatto che il Congresso non ha il potere di imporre un attività di natura economica, non importa quanto questo possa essere essenziale per la prosperità o la giustizia sociale della nazione» Tra i ricorrenti davanti alla Corte suprema vi sono ben 26 stati. 32 Alcuni stati hanno già dichiarato di nutrire dubbi circa l estensione del Medicaid. Cfr. N.C. AIZENMAN E S. SOMASHEKHAR, More state leaders considering opting out of Medicaid expansion, The Washington Post, 4 luglio. 33 Opinion of Roberts C.J., p R. DWORKIN, A Bigger Victory than We knew, cit. 9

November 14, 2011. Health Reform and the Supreme Court

November 14, 2011. Health Reform and the Supreme Court November 14, 2011 Health Reform and the Supreme Court 1 Health Reform and the Supreme Court November 14, 2011 La Corte Suprema ha deciso che esaminerà la causa per incostituzionalità intentata da un gruppo

Dettagli

11. LICENZIAMENTO PER RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI

11. LICENZIAMENTO PER RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI DEFINIZIONE DEFINIZIONE 11. LICENZIAMENTO PER RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI DEFINIZIONE CASISTICA RIFERIMENTI Quando il lavoratore matura i requisiti anagrafici e contributivi per accedere

Dettagli

Esame delle proposte di legge C.5 ed abb. (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale)

Esame delle proposte di legge C.5 ed abb. (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale) CAMERA DEI DEPUTATI XI Commissione (Lavoro pubblico e privato) (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale) 27 novembre 2013 AUDIZIONI ABI 2013 AUDIZIONI ABI - 2013 Le proposte

Dettagli

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Nota a : Cassazione Civile, 16 Febbraio 2010, n. 3589, sez. III. A cura del Dott. Matteo Smacchi, LL.M. 1 La sentenza della Corte di Cassazione Civile n. 3589

Dettagli

Direttore generale e responsabilità da amministratore

Direttore generale e responsabilità da amministratore 2/2009 Il Caso Direttore generale e responsabilità da amministratore IN BREVE L inquadramento della figura del direttore generale di S.p.A. rimane una questione aperta, che non è stata del tutto risolta

Dettagli

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 117 08.04.2015 Finanziamento soci postergato Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Nonostante l entrata in vigore della riforma

Dettagli

LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI

LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI di Viviana Cavarra Avvocato in Milano Il quadro normativo

Dettagli

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio È illegittima una norma che limita la facoltà dello straniero di contrarre matrimonio in Italia per carenza del permesso

Dettagli

L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo

L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo Con la sentenza della Corte di Cassazione Sez. III, del 15 aprile 2011, n. 8733, la Corte di Cassazione si è pronunciata

Dettagli

Documento di studio e approfondimento.

Documento di studio e approfondimento. Documento di studio e approfondimento. Insufficiente versamento del saldo dovuto con riferimento alla dichiarazione dei redditi; ravvedimento parziale, conseguenze 1. La fattispecie 1.1 Premessa Le disposizioni

Dettagli

Preparare l orale dell esame di Avvocato Schemi e appunti di Diritto Ecclesiastico. A cura del dott. Daniele Vaccari, anno 2009

Preparare l orale dell esame di Avvocato Schemi e appunti di Diritto Ecclesiastico. A cura del dott. Daniele Vaccari, anno 2009 5.14 IUS POENITENDI E TUTELA DELLA PRIVACY Con ius poenitendi si intende il diritto di cambiare confessione religiosa. Nel nostro ordinamento tale possibilità (implicitamente prevista dall art 19 Cost)

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

Camera dei Deputati. Audizione informale. Disegno di legge n. 3134 (DL 65/2015)

Camera dei Deputati. Audizione informale. Disegno di legge n. 3134 (DL 65/2015) Camera dei Deputati Audizione informale Disegno di legge n. 3134 (DL 65/2015) Disposizioni urgenti in materia di pensioni, di ammortizzatori sociali e di garanzie TFR 8 Giugno 2015 XI Commissione Lavoro

Dettagli

Commento di Confindustria. Legge europea 2013-bis: estensione della disciplina dei licenziamenti collettivi ai dirigenti.

Commento di Confindustria. Legge europea 2013-bis: estensione della disciplina dei licenziamenti collettivi ai dirigenti. Commento di Confindustria Legge europea 2013-bis: estensione della disciplina dei licenziamenti collettivi ai dirigenti. Con sentenza del 13 febbraio 2014, resa nella causa C-596/12, la Corte di Giustizia

Dettagli

La revoca del licenziamento

La revoca del licenziamento La revoca del licenziamento di Irene Corso L art. 5 del d.lgs. n. 23/2015 disciplina gli effetti della revoca disposta dal datore di lavoro rispetto ad un licenziamento cui, se illegittimo, troverebbero

Dettagli

DIRITTI CIVILI E POLITICI

DIRITTI CIVILI E POLITICI Diritti umani e diritto internazionale, vol. 3 n. 3 2009 DIRITTI CIVILI E POLITICI Ancora sui rapporti tra ONU e CE in materia di lotta al terrorismo e tutela dei diritti fondamentali: la sentenza del

Dettagli

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici.

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici. FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro **** PRINCIPIO N. 10 Omissione contributiva nella previdenza

Dettagli

Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004. Svolgimento del processo

Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004. Svolgimento del processo Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004 Svolgimento del processo Su domanda proposta da M. P., titolare di pensione di invalidità dal 1977, il Tribunale di Alessandria

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

Pubblicità del farmaco presso gli operatori sanitari: il rapporto tra legislazioni regionali ed il Testo Unico del Farmaco D.Lgs. n.

Pubblicità del farmaco presso gli operatori sanitari: il rapporto tra legislazioni regionali ed il Testo Unico del Farmaco D.Lgs. n. Pubblicità del farmaco presso gli operatori sanitari: il rapporto tra legislazioni regionali ed il Testo Unico del Farmaco D.Lgs. n. 219 del 2006 1 Per effetto della modifica costituzionale del 2001, riguardante

Dettagli

- Oggetto: sulla possibilità per i magistrati di chiedere anticipazioni sul trattamento di fine servizio.

- Oggetto: sulla possibilità per i magistrati di chiedere anticipazioni sul trattamento di fine servizio. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati - Oggetto: sulla possibilità per i magistrati di chiedere anticipazioni sul trattamento di fine servizio. E stato chiesto se, ed eventualmente con quali

Dettagli

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DEL MASSIMARIO E DEL RUOLO

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DEL MASSIMARIO E DEL RUOLO CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DEL MASSIMARIO E DEL RUOLO Segnalazione di contrasto Rel. n. 123 Roma, 21 giugno 2012 Oggetto: TRIBUTI (IN GENERALE) - DISCIPLINA DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE (RIFORMA

Dettagli

Roma, 09 settembre 2003

Roma, 09 settembre 2003 RISOLUZIONE N. 178/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 09 settembre 2003 Oggetto: Istanza di interpello. Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Articolo 48 del TUIR: regime tributario dei

Dettagli

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE

IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE IL RECENTE ORIENTAMENTO DELLA CASSAZIONE A SEZIONI UNITE IN TEMA DI AGEVOLAZIONI FISCALI ALLE FONDAZIONI BANCARIE Nel corso del 2009 sono state pubblicate numerose sentenze delle Sezioni Unite della Suprema

Dettagli

Commissione Lavoro, Previdenza sociale Senato della Repubblica

Commissione Lavoro, Previdenza sociale Senato della Repubblica Commissione Lavoro, Previdenza sociale Senato della Repubblica Schemi di decreti legislativi recanti disposizioni in materia di contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti e di riordino della normativa

Dettagli

PARERE IN MERITO AL CONDONO TARSU DEL COMUNE DI LECCE

PARERE IN MERITO AL CONDONO TARSU DEL COMUNE DI LECCE PARERE IN MERITO AL CONDONO TARSU DEL COMUNE DI LECCE A) PREMESSA Il Consiglio Comunale di Lecce con la deliberazione n. 56 del 01 agosto 2012 ha approvato il regolamento per la definizione agevolata della

Dettagli

I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73

I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73 I brevetti industriali ed i diritti di utilizzazione delle opere dell ingegno 73 4. I brevetti: trattamento fiscale Le quote di ammortamento relative al costo sostenuto per acquisizione di marchi di impresa,

Dettagli

Firenze, 25 marzo 2013.

Firenze, 25 marzo 2013. Firenze, 25 marzo 2013. Con lettera del Presidente del Consiglio Regionale datata 13.03.2013, è stata sottoposta a questo Collegio di Garanzia Statutaria, ai sensi dell art. 14 bis della L.R. n. 24/2008,

Dettagli

NOTA INTERPRETATIVA. Prologo

NOTA INTERPRETATIVA. Prologo NOTA INTERPRETATIVA Prime osservazioni sull affidamento dei servizi pubblici locali e sulla tariffa del servizio idrico integrato in esito al referendum abrogativo del 12 e 13 giugno 2011. Prologo In seguito

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1994 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore SCALERA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 7 FEBBRAIO 2003 Disciplina dell assicurazione obbligatoria delle strutture

Dettagli

INDICE CAPITOLO 1 LA COOPERAZIONE GIUDIZIARIA IN MATERIA PENALE NELL UNIONE EUROPEA

INDICE CAPITOLO 1 LA COOPERAZIONE GIUDIZIARIA IN MATERIA PENALE NELL UNIONE EUROPEA INDICE Prefazione... xi CAPITOLO 1 LA COOPERAZIONE GIUDIZIARIA IN MATERIA PENALE NELL UNIONE EUROPEA I. La cooperazione intergovernativa degli anni settanta e ottanta... 2 II. Il «terzo pilastro»... 7

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. OGGETTO: Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse

CIRCOLARE N. 34/E. OGGETTO: Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Affari legali e Contenzioso Settore Strategie Difensive Ufficio contenzioso imprese e lavoratori autonomi Direzione centrale Accertamento Settore Grandi contribuenti

Dettagli

RISOLUZIONE N. 92/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 92/E QUESITO RISOLUZIONE N. 92/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 02 aprile 2009 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 - Assegnazione gratuita di azioni - Lavoratore

Dettagli

Alcuni chiarimenti in merito alla qualificazione del servizio di gestione del Centro diurno per anziani

Alcuni chiarimenti in merito alla qualificazione del servizio di gestione del Centro diurno per anziani Alcuni chiarimenti in merito alla qualificazione del servizio di gestione del Centro diurno per anziani Per quanto riguarda la richiesta di chiarimenti presentata, relativa alla corretta qualificazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 122/E

RISOLUZIONE N. 122/E RISOLUZIONE N. 122/E Roma, 06 maggio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. IVA. Art. 4 DPR n. 633 del 1972. Assoggettabilità

Dettagli

RISOLUZIONE N. 46/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 46/E QUESITO RISOLUZIONE N. 46/E Direzione Centrale Normativa Roma, 5 luglio 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica Uffici dell Amministrazione finanziaria. Imposta di registro. Determinazione della base imponibile degli

Dettagli

agevolazione prevista dal citato DPR n. 601 del 1973, art. 15, la quale come tutte le disposizioni che prevedono delle agevolazioni tributarie, è

agevolazione prevista dal citato DPR n. 601 del 1973, art. 15, la quale come tutte le disposizioni che prevedono delle agevolazioni tributarie, è RISOLUZIONE N. 121/E Roma, 13 dicembre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio e lungo termine DPR 29 settembre 1973, n. 601, articoli 15 e seguenti Contratti

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

RISOLUZIONE N. 94/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 94/E QUESITO RISOLUZIONE N. 94/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 dicembre 2013 OGGETTO: Cessione all esportazione - operazione, fin dalla sua origine, concepita in vista del definitivo trasferimento della proprietà

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) CARATELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

IL COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) CARATELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) MARZIALE (RM) DE CAROLIS (RM) LEPROUX Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) CARATELLI Membro designato

Dettagli

OSSERVATORIO SULLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA N. 2/2014

OSSERVATORIO SULLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA N. 2/2014 OSSERVATORIO SULLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA N. 2/2014 3. LA CORTE DI GIUSTIZIA UE SI PRONUNCIA SULLA PROPORZIONALITÀ DELLE MISURE IN MATERIA DI CONSERVAZIONE DI DATI GENERATI O TRATTATI NELL

Dettagli

CIRCOLARE N. 46/E. Roma, 3 novembre 2009

CIRCOLARE N. 46/E. Roma, 3 novembre 2009 CIRCOLARE N. 46/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 3 novembre 2009 OGGETTO: Deducibilità dei costi derivanti da operazioni intercorse tra imprese residenti ed imprese domiciliate fiscalmente

Dettagli

COMUNE DI CAMPORGIANO Provincia di Lucca

COMUNE DI CAMPORGIANO Provincia di Lucca COMUNE DI CAMPORGIANO Provincia di Lucca Piazza Roma, 1 55031 CAMPORGIANO (Lucca) Telefono (0583) 618888/9 Fax n. (0583) 618433 Questa guida vuole essere d aiuto ai tanti cittadini comunitari che, alle

Dettagli

La fissazione dei criteri soggettivi d accesso alla P.M.A. tra Stato e Regioni

La fissazione dei criteri soggettivi d accesso alla P.M.A. tra Stato e Regioni O S S E R V A T O R I O D I D I R I T T O S A N I T A R I O 5 A G O S T O 2015 La fissazione dei criteri soggettivi d accesso alla P.M.A. tra Stato e Regioni La fissazione dei criteri soggettivi d accesso

Dettagli

Diritto Civile Contemporaneo

Diritto Civile Contemporaneo Diritto Civile Contemporaneo Rivista trimestrale online ad accesso gratuito ISSN 2384-8537 Anno I, numero II, luglio/settembre 2014 Le Sezioni Unite sul rapporto tra azione di rivendica ed azione di restituzione

Dettagli

STUDIO LEGALE TRIBUTARIO LEO

STUDIO LEGALE TRIBUTARIO LEO STUDIO LEGALE TRIBUTARIO LEO P.zza L. Ariosto, n. 30-73100 LECCE Tel./fax: 0832 455433 www.studiotributarioleo.it e-mail: info@studiotributarioleo.it OPINIONI CONTRASTANTI: IL VALORE DELL AZIENDA RISPETTO

Dettagli

OGGETTO: Quesiti normativi concernenti il d.lgs. 13 agosto 2010, n.141 e ss. mm..

OGGETTO: Quesiti normativi concernenti il d.lgs. 13 agosto 2010, n.141 e ss. mm.. Ministero dell economia e delle finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Ufficio IV Roma, All ORGANISMO DEGLI AGENTI IN ATTIVITA FINANZIARIA E DEI MEDIATORI CREDITIZI Via Zanardelli n. 20 00186 ROMA

Dettagli

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale

Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Brevi note sulla differenza tra contratto autonomo di garanzia e contratto di fideiussione alla luce dell'analisi giurisprudenziale Corte di Cassazione, sezione terza civile, Sentenza del 7 gennaio 2004,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MATARRELLI, QUARANTA, NICCHI, PIRAS, MELILLA, ZACCAGNINI, DURANTI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MATARRELLI, QUARANTA, NICCHI, PIRAS, MELILLA, ZACCAGNINI, DURANTI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2911 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MATARRELLI, QUARANTA, NICCHI, PIRAS, MELILLA, ZACCAGNINI, DURANTI Modifica all articolo 12

Dettagli

Un Viaggio nel Sistema Sanitario Americano

Un Viaggio nel Sistema Sanitario Americano Un Viaggio nel Sistema Sanitario Americano Cinzia Di Novi + Università del Piemonte Orientale, Dipartimento di Politiche Pubbliche e Scelte Collettive Introduzione Alla fine di settembre 2007, il presidente

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it OSSERVATORIO SUL DIRITTO DELL AMBIENTE AGGIORNATO AL 31 GENNAIO 2013 ANGELA OZZI BELLEZZE NATURALI

www.ildirittoamministrativo.it OSSERVATORIO SUL DIRITTO DELL AMBIENTE AGGIORNATO AL 31 GENNAIO 2013 ANGELA OZZI BELLEZZE NATURALI OSSERVATORIO SUL DIRITTO DELL AMBIENTE AGGIORNATO AL 31 GENNAIO 2013 ANGELA OZZI BELLEZZE NATURALI T.A.R. Campania Salerno, 28 gennaio 2013, n. 235 Il mutato senso estetico consente oggi di considerare

Dettagli

Camera dei Deputati. XI Commissione Lavoro pubblico e privato. Audizione D.L. n. 65/2015

Camera dei Deputati. XI Commissione Lavoro pubblico e privato. Audizione D.L. n. 65/2015 Camera dei Deputati XI Commissione Lavoro pubblico e privato Audizione D.L. n. 65/2015 Disposizioni urgenti in materia di pensioni, di ammortizzatori sociali e di garanzie TFR 8 giugno 2015 Premessa Il

Dettagli

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO RISOLUZIONE N. 32/E Roma, 11 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti in ordine al trattamento fiscale delle operazioni di factoring e di recupero crediti QUESITO È pervenuta a questa

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 13 DEL 29.03.2012 IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 13 DEL 29.03.2012 IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 13 DEL 29.03.2012 OBBLIGO DI CONTRIBUZIONE SOCIO DI SRL IL QUESITO Alcuni miei clienti sono soci di srl e ricoprono l incarico

Dettagli

Brevi note sulla sanatoria a favore dei concessionari della riscossione

Brevi note sulla sanatoria a favore dei concessionari della riscossione Brevi note sulla sanatoria a favore dei concessionari della riscossione Premessa L art. 35, comma 26-quater, del d.l. n. 223 del 2006, conv. con modifiche dalla legge n. 248 del 2006, in vigore dal 4 luglio

Dettagli

Ministero del lavoro e delle politiche sociali

Ministero del lavoro e delle politiche sociali CIRCOLARE N. 14/2013 Roma, 2 aprile 2013 Ministero del lavoro e delle politiche sociali Agli indirizzi in allegato Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0005914 Oggetto: L. n. 92/2012 (c.d.

Dettagli

I livelli essenziali tra salute e assistenza, nella giurisprudenza della Corte costituzionale

I livelli essenziali tra salute e assistenza, nella giurisprudenza della Corte costituzionale I livelli essenziali tra salute e assistenza, nella giurisprudenza della Corte costituzionale Avv. Davide Paris Relazione alla giornata di formazione Residenze extraospedaliere e diritti degli anziani:

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

Abolizione della tassa sui contratti di borsa

Abolizione della tassa sui contratti di borsa IMPOSIZIONE INDIRETTA CIRCOLARE N. 1 DEL 16 GENNAIO 2008 Abolizione della tassa sui contratti di borsa PROVVEDIMENTI COMMENTATI Decreto-legge 31 dicembre 2007, n. 248 (art. 37) Circolare 28 dicembre 2007,

Dettagli

L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AI RIFIUTI URBANI. I PRESUPPOSTI DI ASSOGGETTABILITA DEI RIFIUTI ALLE IMPOSTE COMUNALI

L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AI RIFIUTI URBANI. I PRESUPPOSTI DI ASSOGGETTABILITA DEI RIFIUTI ALLE IMPOSTE COMUNALI L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AI RIFIUTI URBANI. I PRESUPPOSTI DI ASSOGGETTABILITA DEI RIFIUTI ALLE IMPOSTE COMUNALI A cura della Dott.ssa Valentina Vattani Il tema dell assimilazione dei rifiuti

Dettagli

La salutedegliamericani e deglistatiuniti

La salutedegliamericani e deglistatiuniti La riforma del sistema sanitario degli Stati Uniti il presidente Obama Implicazioni per noi europei? F HUT, R WITMEUR, D DESIR La salutedegliamericani e deglistatiuniti L'inventario prima della riforma

Dettagli

Michela Eugenia Vasari. (Avvocato) 21 marzo 2007

Michela Eugenia Vasari. (Avvocato) 21 marzo 2007 IL MANDATO QUALE LIMITE DEL DIRITTO DI ACCESSO DEI CONSIGLIERI COMUNALI, ORA ANCHE SOTTO IL PROFILO DELLE MODALITÀ DI ESERCIZIO (NOTA A SENTENZA DEL CONSIGLIO DI STATO N. 6960/2006) di Michela Eugenia

Dettagli

OGGETTO:Sanzioni amministrative non tributarie irrogate da AAMS Devoluzione al giudice tributario - Istruzioni operative.

OGGETTO:Sanzioni amministrative non tributarie irrogate da AAMS Devoluzione al giudice tributario - Istruzioni operative. Agli Uffici regionali AAMS Loro Sedi Prot. 198/Strategie/UPN e, p.c. Al Direttore della Direzione per i Giochi c.a. Dott. Antonio Tagliaferri Al Direttore della Direzione per le Accise c.a. Dott. Diego

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013 CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 novembre 2013 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi erogati da amministrazioni pubbliche - Criteri generali per la definizione

Dettagli

Corte di Giustizia UE, Seconda Sezione, sentenza 7 aprile 2016, causa C-546/14 (*) «Rinvio pregiudiziale Fiscalità IVA Articolo 4, paragrafo 3, TUE

Corte di Giustizia UE, Seconda Sezione, sentenza 7 aprile 2016, causa C-546/14 (*) «Rinvio pregiudiziale Fiscalità IVA Articolo 4, paragrafo 3, TUE Corte di Giustizia UE, Seconda Sezione, sentenza 7 aprile 2016, causa C-546/14 (*) «Rinvio pregiudiziale Fiscalità IVA Articolo 4, paragrafo 3, TUE Direttiva 2006/112/CE Insolvenza Procedura di concordato

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore]

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale..... Presidente Avv. Bruno De Carolis. Prof. Avv. Giuliana Scognamiglio.. Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro designato

Dettagli

Know-how e patto di non concorrenza dei dipendenti: istruzioni per l usol

Know-how e patto di non concorrenza dei dipendenti: istruzioni per l usol Know-how e patto di non concorrenza dei dipendenti: istruzioni per l usol Avv. Barbara Sartori 24/09/2012 Il know-how aziendale Normativa comunitaria (Reg. CE 772/2004 art. 1, par. 1, lett. i) Il know

Dettagli

CENNI SULLA LEGISLAZIONE ANTITRUST AUSTRIACA. I. Diritto antitrust in generale

CENNI SULLA LEGISLAZIONE ANTITRUST AUSTRIACA. I. Diritto antitrust in generale CENNI SULLA LEGISLAZIONE ANTITRUST AUSTRIACA Sommario: I. Diritto antitrust in generale - II. Intese (Kartelle) - 1. Intese vietate in Austria - 2. Alcune differenze con l Italia - 3. Alcune differenze

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012. Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012. Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012 Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO Quale è il trattamento fiscale delle somme riconosciute

Dettagli

CORTE COSTITUZIONALE: SENTENZA n. 223/2012

CORTE COSTITUZIONALE: SENTENZA n. 223/2012 CORTE COSTITUZIONALE: SENTENZA n. 223/2012 SERVIZI ANAAO ASSOMED La sentenza 08.10.2012 n. 223 della Corte Costituzionale offre molteplici spunti di riflessione non solo sulle specifiche disposizione oggetto

Dettagli

Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita.

Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita. PILLOLE DI GIURISPRUDENZA Colaci.it Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita. Sentenza n.1740 del

Dettagli

Avv. GIUSEPPE TAMPOIA Corso Matteotti n.14-20121 MILANO Tel. 02/79.99.71 02/76.00.54.79 Fax 02/76.02.09.82 e-mail: g.tampoia@gmail.

Avv. GIUSEPPE TAMPOIA Corso Matteotti n.14-20121 MILANO Tel. 02/79.99.71 02/76.00.54.79 Fax 02/76.02.09.82 e-mail: g.tampoia@gmail. Avv. GIUSEPPE TAMPOIA Corso Matteotti n.14-20121 MILANO Tel. 02/79.99.71 02/76.00.54.79 Fax 02/76.02.09.82 e-mail: g.tampoia@gmail.com TRIBUNALE DI MILANO Magistratura del Lavoro - Ricorso ex artt. 414-442

Dettagli

SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LIGURIA

SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LIGURIA SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LIGURIA L ART. 9, COMMA 6 DEL DECRETO-LEGGE N. 90 DEL 2014, CONVERTITO DALLA LEGGE N. 114 NON ESCLUDE, SECONDO UNA LETTURA COSTITUZIONALMENTE ORIENTATA, LA POSSIBILITÀ

Dettagli

Diritto dell Unione Europea. Indice

Diritto dell Unione Europea. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELL UNIONE EUROPEA LEZIONE IX LA TUTELA GIURISDIZIONALE NELL ORDINAMENTO COMUNITARIO PROF. GIUSEPPE RUBERTO Indice 1 Il sistema di tutela giurisdizionale comunitario. ---------------------------------------------------

Dettagli

Ufficio Studi CODAU. "Documento redatto con il CONTRIBUTO DEI COMPONENTI dell'ufficio Studi e VALIDATO dal Comitato Scientifico del Codau

Ufficio Studi CODAU. Documento redatto con il CONTRIBUTO DEI COMPONENTI dell'ufficio Studi e VALIDATO dal Comitato Scientifico del Codau Ufficio Studi CODAU "Documento redatto con il CONTRIBUTO DEI COMPONENTI dell'ufficio Studi e VALIDATO dal Comitato Scientifico del Codau Quesito sull applicabilità della normativa sui buoni pasto ai Direttori

Dettagli

2.3.1 Redditi di capitale e crediti d imposta. Imposte sostitutive

2.3.1 Redditi di capitale e crediti d imposta. Imposte sostitutive 104 VOLUNTARY DISCLOSURE Non può dunque esservi dubbio sul fatto che la determinazione dei redditi che formano oggetto di dichiarazione debba avvenire con i criteri ordinari, pertanto non resta che applicare

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 149/2015/SRCPIE/PAR La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nell adunanza del 29.09.2015 composta dai Magistrati: Dott.

Dettagli

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione.

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione. DOTT. SABRINA PAGANI - PARTNER AVV. ROBERTO RESPINTI - PARTNER Milano, 4 Dicembre 2014 Licenziamenti collettivi e Dirigenti: novità in vigore dal 25.11.2014. (Legge 30 Ottobre 2014 n. 161 che estende l

Dettagli

APPALTI, SERVIZI E FORNITURE

APPALTI, SERVIZI E FORNITURE APPALTI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE PROF. SERGIO PERONGINI Indice 1 APPALTI, SERVIZI E FORNITURE -------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 di 9 1 Appalti,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 107/E

RISOLUZIONE N. 107/E RISOLUZIONE N. 107/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 dicembre 2014 OGGETTO: Imposte sui redditi - Oneri deducibili - Contributi assistenziali versati al Fondo - Art. 10, comma 1, lettera e-ter) e

Dettagli

Deviazione degli effetti a favore del terzo e donazione di beni futuri donazione (indiretta) divieto di donazione di beni futuri ex 771 c.

Deviazione degli effetti a favore del terzo e donazione di beni futuri donazione (indiretta) divieto di donazione di beni futuri ex 771 c. Deviazione degli effetti a favore del terzo e donazione di beni futuri La volontà di Caio di deviare gli effetti dell acquisto dell immobile costruendo a favore del figlio Caietto impone di verificare:

Dettagli

Con la sentenza in esame i giudici della Suprema Corte ritengono, in sostanza, che il canone di

Con la sentenza in esame i giudici della Suprema Corte ritengono, in sostanza, che il canone di L allaccio alla pubblica fognatura è il presupposto imprescindibile per il pagamento del canone di depurazione ai sensi dell art. 14 della legge Galli? Dubbi ed interpretazioni Franco Giampietro e Sonia

Dettagli

ALCUNE NOTE AI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SULLA TASSAZIONE DEL CONTRATTO DI GODIMENTO IN FUNZIONE DELLA SUCCESSIVA ALIENAZIONE DI IMMOBILI

ALCUNE NOTE AI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SULLA TASSAZIONE DEL CONTRATTO DI GODIMENTO IN FUNZIONE DELLA SUCCESSIVA ALIENAZIONE DI IMMOBILI Segnalazioni Novità Prassi Interpretative ALCUNE NOTE AI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SULLA TASSAZIONE DEL CONTRATTO DI GODIMENTO IN FUNZIONE DELLA SUCCESSIVA ALIENAZIONE DI IMMOBILI La circolare

Dettagli

Piccolo imprenditore

Piccolo imprenditore Piccolo imprenditore Art. 2083 c.c.: «Sono piccoli imprenditori i coltivatori diretti del fondo, gli artigiani, i piccoli commercianti e coloro che esercitano un attività professionale organizzata prevalentemente

Dettagli

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4 CIRCOLARE N. 11 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Imposta sostitutiva sulla retribuzione di produttività - Art. 1, comma 481, della legge n. 228/2012 (legge di stabilità 2013)

Dettagli

Circolare n. 32. del 10 ottobre 2013

Circolare n. 32. del 10 ottobre 2013 Circolare n. 32 del 10 ottobre 2013 Responsabilità solidale tra committente, appaltatore e subappaltatore per i debiti retributivi e contributivi - Novità del DL 28.6.2013 n. 76 conv. L. 9.8.2013 n. 99

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

TRANSAZIONI IN MATERIA DI LAVORO E ASSOGGETTAMENTO CONTRIBUTIVO E FISCALE

TRANSAZIONI IN MATERIA DI LAVORO E ASSOGGETTAMENTO CONTRIBUTIVO E FISCALE TRANSAZIONI IN MATERIA DI LAVORO E ASSOGGETTAMENTO CONTRIBUTIVO E FISCALE di Roberto Camera 1 - funzionario del Ministero del Lavoro Al fine di una maggiore trasparenza sulla assoggettabilità (o meno)

Dettagli

CORTE APPELLO TORINO 16 NOVEMBRE 2009 (E. Goria v/ Banca Fideuram S.p.A., Eurizon Vita S.p.A., P. Vercelli): con

CORTE APPELLO TORINO 16 NOVEMBRE 2009 (E. Goria v/ Banca Fideuram S.p.A., Eurizon Vita S.p.A., P. Vercelli): con CORTE APPELLO TORINO 16 NOVEMBRE 2009 (E. Goria v/ Banca Fideuram S.p.A., Eurizon Vita S.p.A., P. Vercelli): con riferimento alla negoziazione di una polizza unit linked, la Corte d Appello accerta la

Dettagli

GARE D AMBITO. IL BANDO DI GARA

GARE D AMBITO. IL BANDO DI GARA GARE D AMBITO. IL BANDO DI GARA Sommario: 1. Premessa. 2. Il modo di scelta per l affidamento del servizio. 3. I requisiti generali. 4. Le regole particolari per la partecipazione alle gare de quibus.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Contributi INPS: retribuzioni convenzionali per i lavoratori espatriati 1

Contributi INPS: retribuzioni convenzionali per i lavoratori espatriati 1 Contributi INPS: retribuzioni convenzionali per i lavoratori espatriati 1 Le retribuzioni convenzionali di cui all art. 4, c. 1, del decreto-legge 31 luglio 1987, n. 317, costituiscono base imponibile

Dettagli

L avamprogetto dell UFSP relativo all OVAMal contiene una serie di punti deboli. La perizia giuridica del Prof. iur. Ueli Kieser cita nove elementi:

L avamprogetto dell UFSP relativo all OVAMal contiene una serie di punti deboli. La perizia giuridica del Prof. iur. Ueli Kieser cita nove elementi: Riassunto della perizia del Prof. dott. iur. Ueli Kieser sull avamprogetto relativo all ordinanza concernente la vigilanza sull assicurazione malattie (OVAMal) L Ufficio federale della sanità pubblica

Dettagli

\ CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DEL MASSIMARIO E DEL RUOLO CENTRO ELETTRONICO DI DOCUMENTAZIONE

\ CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DEL MASSIMARIO E DEL RUOLO CENTRO ELETTRONICO DI DOCUMENTAZIONE \ CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DEL MASSIMARIO E DEL RUOLO CENTRO ELETTRONICO DI DOCUMENTAZIONE SCHEDA INFORMATIVA SU : IL GIUDICATO ESTERNO NEL PROCESSO TRIBUTARIO A) SCELTA DEL TEMA : RAGIONI.

Dettagli

Internet come spazio pubblico costituzionale. Sulla costituzionalità delle norme a tutela del diritto d autore deliberate dall Agcom

Internet come spazio pubblico costituzionale. Sulla costituzionalità delle norme a tutela del diritto d autore deliberate dall Agcom F O C U S T M T 24 N O V E M B R E 2014 Internet come spazio pubblico costituzionale. Sulla costituzionalità delle norme a tutela del diritto d autore deliberate dall Agcom di Andrea Morrone Professore

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO La vittoria della coalizione del centrosinistra alle elezioni Comunali di Milano di quest anno ha aperto uno scenario inedito che deve essere affrontato con lungimiranza e visione per riuscire a trovare

Dettagli

Concessionari di vendita: distributori e importatori esclusivi

Concessionari di vendita: distributori e importatori esclusivi Concessionari di vendita: distributori e importatori esclusivi Per poter competere con successo nei mercati stranieri è fondamentale la consapevolezza delle regole del gioco, dei rischi da evitare e delle

Dettagli

IL METODO DELLA CIFRA DECIMALE ELEVATO A CRITERIO GENERALE IN MATERIA ELETTORALE

IL METODO DELLA CIFRA DECIMALE ELEVATO A CRITERIO GENERALE IN MATERIA ELETTORALE IL METODO DELLA CIFRA DECIMALE ELEVATO A CRITERIO GENERALE IN MATERIA ELETTORALE NOTA A TAR ABRUZZO SEZ. DI PESCARA Sentenza n. 490 del 29 luglio 2011; TAR ABRUZZO SEZ. DI PESCARA Sentenza n. 572 del 20

Dettagli