Via M.E. Lepido, BOLOGNA - Casella Postale 4052 BorgoPanigale. Telefono: Fax: WEB:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Via M.E. Lepido, 182-40132 BOLOGNA - Casella Postale 4052 BorgoPanigale. Telefono: 051 404140 - Fax: 051 402040 - WEB: www.ducatienergia."

Transcript

1 Via M.E. Lepido, BOLOGNA - Casella Postale 4052 BorgoPanigale Telefono: Fax: WEB: MACH-DAT/S 2 MANUALE UTENTE 01/01 A

2 Indice 1. INTRODUZIONE: ARCHITETTURA DEL SISTEMA Interconnessioni di sistema DESCRIZIONE DELLO STRUMENTO DESCRIZIONE FUNZIONALE Guida all'uso dello strumento Posizionamento dello strumento Collegamento dei cavi di alimentazione Pagine visualizzate sul display del MACH-DAT/S MENU di CONFIGURAZIONE UTENTE (Main Setup) MENU DI SETUP degli ALLARMI ELENCO GRANDEZZE PROGRAMMABILI PARAMETRI DI DEFAULT CARATTERISTICHE TECNICHE e INTERFACCIA MODEM CARATTERISTICHE Normativa applicata Varie NOTE SUL PROTOCOLLO COMUNICAZIONE RS NOTE SUL PROTOCOLLO COMUNICAZIONE RS Pacchetti di richiesta dati Pacchetti di setup i

3 1. INTRODUZIONE: La DUCATI energia s.p.a., proseguendo un programma di sempre maggiore partecipazione nel settore del risparmio energetico, ha realizzato il MACH-DAT/S 2 che, utilizzato assieme agli analizzatori da quadro MACH 30 (trifase), MACH 20 (monofase) e MACHSMART permette la raccolta locale dei dati e il successivo trasferimento ad un PC (Host), per mezzo dell interfaccia seriale RS232 sul frontale dello strumento, usando un collegamento diretto o via modem. Questa scelta rappresenta il consolidamento di una presenza nel campo dei controlli industriali, attraverso una linea di prodotti e sistemi di alto contenuto tecnologico e sinergici con le problematiche tradizionali dell'azienda. Il MACH-DAT/S 2 è stato progettato e realizzato per l'impiego nei quadri di distribuzione della energia elettrica in bassa tensione in abbinamento con gli strumenti da quadro della famiglia MACH. 1

4 2. ARCHITETTURA DEL SISTEMA Nella figura seguente è illustrato lo schema di sistema del MACH-DAT/S 2 FIG 1 - Architettura del sistema 2

5 2.1 Interconnessioni di sistema. FIG 2 - Interconnessioni di sistema. L interfaccia seriale RS 485 permette di collegare fino ad un massimo di 98 MACH, di cui sei, quelli da monitorare con salvataggio dei dati, devono avere l indirizzo consecutivo da 1 a 6. Il collegamento, se realizzato con cavo schermato Belden, può arrivare fino ad un chilometro (lunghezza totale). Per ulteriori dettagli sul collegamento seriale si consulti il manuale utente degli strumenti della famiglia MACH. 3

6 3. DESCRIZIONE DELLO STRUMENTO DUCATI energia s.p.a. FIG 3 - Vista prospettica dello strumento. Il MACH-DAT/S 2 si presenta in un contenitore serie Europa (9 moduli) fissabile direttamente su profilo DIN 35 mm. FIG 4 - Vista frontale dello strumento. Il MACH-DAT/S 2 presenta frontalmente un display alfanumerico a cristalli liquidi di 2 righe per 16 colonne ed i due tasti. 4

7 Il menù a disposizione dell'utente permette di: a) selezionare il numero di MACH collegati, per la memorizzazione dei valori misurati; b) selezionare le grandezze da memorizzare; c) programmare la cadenza di memorizzazione; d) programmare gli allarmi; e) programmare l uso del modem o del cavo per il collegamento diretto; f) programmare data ed ora. Morsettiera FIG 5 - Morsettiera dello strumento. Da sinistra a destra sono indicate le seguenti sezioni : 1. Alimentazione Comprende tre terminazioni a vite tramite le quali è possibile alimentare lo strumento a 220 Volt oppure a 110 Volt (±10%) come sarà illustrato in seguito (vedi Cap.4.1.2). 2. Linea seriale RS 485: Comprende tre terminazioni a vite a cui collegare il cavo proveniente dalla rete dei MACH (A) e (B). Normalmente per la linea seriale si utilizza un cavo schermato costituito da due fili twistati e circondati da una calza conduttrice che ha la funzione di schermo elettromagnetico. Sono state effettuate anche prove con normale cavo telefonico instaurando un collegamento efficiente su una lunghezza di 200m. 3. Linea seriale RS 232 : Permette di collegare il MACH-DAT/S 2 ad un computer, o direttamente sulla linea seriale (cable) o attraverso una linea telefonica commutata (modem). Il modem può essere anche di tipo GSM (WM02 distribuito da Ducati energia). 5

8 4. DESCRIZIONE FUNZIONALE Le operazioni previste sono: acquisizione e memorizzazione delle grandezze misurate dai MACH, attraverso l interfaccia RS485; le grandezze da acquisire vengono programmate nel MACH-DAT/S 2. In questo caso il led verde lampeggia; trasferimento, attraverso l interfaccia RS232, dei dati memorizzati nel MACH-DAT/S 2 ad un PC per l analisi. A seguito di un corretto trasferimento dei dati, la memoria del MACH- DAT/S 2 viene liberata. In questo caso il led rosso è acceso, ed il led verde lampeggia; programmazione del MACH-DAT/S 2 (Setup), il led rosso è acceso; funzione di trasparenza: è possibile leggere direttamente sul computer (Host) il dati acquisiti dai MACH (al max 98) presenti in rete, in altre parole il MACH-DAT/S 2 si comporta da interfaccia RS232 - RS485. Quando è attiva questa funzione, l acquisizione dati dai MACH non è attiva. funzione di chiamata remota in caso di allarme: sul MACH-DAT/S 2 viene impostata una stringa che contiene la programmazione del modem ed il numero di telefono da chiamare. Grazie a questa funzione, quando il MACH-DAT rileva l attivazione e/o la disattivazione di almeno una uscita presente nei MACH 30, memorizza e comunica al PC le seguenti informazioni: a. identificativo del MACH-DAT/S 2 chiamante; b. indirizzo del MACH che ha attivato/disattivato l allarme; c. numero di allarme attivato/disattivato (da 1 a 4); d. stato dell allarme e. data/ora di attivazione/disattivazione allarme. Nel caso non fosse possibile la connessione telefonica, il MACH-DAT/S 2 è in grado di memorizzare in un buffer circolare fino ad un massimo di venti attivazioni/disattivazioni; e comunque riprova per tre volte la chiamata, con un intervallo di tempo che di default è posto a 5 minuti, ma che è impostabile, via linea seriale, in un range compreso fra 1 e 10 minuti. Inoltre se durante lo scambio dei dati (lungo la linea telefonica) si interrompe il collegamento, i dati non trasferiti restano disponibili per la successiva chiamata che dovrà essere eseguita dal PC. In alternativa è possibile, qualora si usi un modem GSM i, programmare lo strumento in modo che alla variazione di stato di un allarme invii un messaggio SMS ad un telefono cellulare. Il cellulare con il numero di telefono specificato riceverà un messaggio indicante: a. identificativo del MACH-DAT/S 2 chiamante; b. indirizzo del MACH che ha attivato/disattivato l allarme; c. numero di allarme attivato/disattivato (da 1 a 4); d. stato dell allarme e. data/ora di attivazione/disattivazione allarme. i Wavecom WM02, disponibile da Ducati energia. Contattate la vostra compagnia di telefonia mobile per assicurarvi che la vostra scheda telefonica sia abilitata alla trasmissione dati. 6

9 È possibile programmare per ciascuno dei 6 MACH quale allarme determina la chiamata immediata. Se questa operazione non è eseguita, il MACH-DAT/S 2 effettuerà la chiamata solamente quando la memoria riservata al salvataggio degli allarmi è piena al 60% (cioè quando sono stati registrati almeno 12 allarmi dei 20 disponibili). In caso di connessione telefonica il MACH-DAT/S 2 effettua 3 tentativi di chiamata prima di abortire l operazione. Quando lo strumento rileva un cambiamento di un allarme, il led rosso lampeggia. La chiamata non è eseguita se la stringa di inizializzazione del modem non è programmata. funzione di chiamata remota per trasferimento dati. Nel MACH-DAT S 2 può essere programmato un secondo numero di telefono, da chiamare per effettuare il trasferimento dei dati acquisiti dai MACH. In questo caso viene programmato, oltre al numero di telefono, anche quando deve essere effettuata la prima chiamata, ed il periodo di ripetizione (in giorni). In caso di problemi la chiamata viene ripetuta tre volte, con un intervallo di attesa tra una chiamata e l'altra programmabile da 3 a 10 minuti. Si osservi che è responsabilità dell'utente evitare collisioni tra le chiamate: se più MACH-DAT/S 2 fanno capo allo stesso numero di telefono, devono essere programmati in modo da evitare che le chiamate vengano effettuate nello stesso momento. Nel caso in cui sia programmata l'acquisizione ai 15 minuti dell'ora, il MACH-DAT/S 2 controlla l'ora di chiamata programmata e, nel caso sia vicina al momento di acquisizione, la posticipa per evitare il rischio di perdere l'acquisizione. ii ii Si noti che quando il Mach-Dat/S2 è in connessione col Pc, non può effettuare acquisizioni dagli analizzatori in quanto la linesa seriale è impegnata. 7

10 4.1 Guida all'uso dello strumento Per facilitare l'installazione dello strumento vengono nel seguito evidenziate le necessarie operazioni per il posizionamento dello strumento Posizionamento dello strumento Il posizionamento dello strumento sulla guida DIN è agevolmente realizzabile inserendo la sua scanalatura laterale nel profilato metallico ed avanzando fino all'arresto meccanico. Si abbassa, poi, di qualche mm. il gancio di plastica nera situato alla base del pannello di appoggio dello strumento stesso con l'ausilio di un giravite ( si veda la figura seguente), si spinge verso il profilato, si rilascia il gancio e si ottiene l'incastro definitivo : FIG 6 - Fissaggio su guida D.I.N Collegamento dei cavi di alimentazione Per alimentare lo strumento si può utilizzare la tensione di 220 V ± 10 % (45 65 Hz) oppure la tensione di 110 V ± 10% ( Hz) utilizzando cavi con sezione massima di 1,5 mm². Lo strumento deve essere alimentato usando la morsettiera di sinistra: i primi 3 morsetti servono per portare la tensione a 220 V o a 110 V, ed il neutro. 220 V 110 V Neutro Si tenga presente che lo strumento non è dotato di fusibile di protezione sull'alimentazione e deve, perciò, essere protetto a cura dell'installatore con fusibile esterno da 0,1 A tipo T. 8

11 4.2 Pagine visualizzate sul display del MACH-DAT/S 2 DUCATI energia s.p.a. All accensione dello strumento, sul visore a cristalli liquidi comparirà la pagina del logo "DUCATI energia s.p.a." e della versione del software: DUCATI Vx.yy energia S.p.A. FIG 7 - Pagina del logo e della versione software. Poiché per default il MACH-DAT/S 2 prevede l utilizzo del modem, esso cercherà di inizializzare il modem; per questo motivo comparirà la seguente pagina: Init modem, press * to use cable FIG 8 - Pagina inizializzazione del modem per saltare la inizializzazione è sufficiente premere il tasto [*]. E bene precisare che, se per ipotesi all accensione lo strumento ha inizializzato il modem, è comunque possibile effettuare successivamente il collegamento diretto con un computer (sostituendo quindi il modem con un cavo seriale che collega lo strumento al computer). Subito dopo verrà presentata all'operatore la pagina dell ora: DUCATI 20:33:05 energia S.p.A. FIG 9 - Pagina del logo e dell ora. e premendo il tasto [M] si visualizzeranno successivamente le seguenti pagine: DUCATI 06/30/97 energia m d y FIG 10 - Pagina del logo e della data. in cui la data è espressa nel formato mese/giorno/anno. 9

12 7 min to Store FIG 11 - Pagina del tempo residuo alla prossima acquisizione in cui viene indicato il tempo mancante alla prossima memorizzazione dei dati; 2114 Av. Records 22 Offline days FIG 12 - Pagina con l'indicazione dello spazio libero in memoria in cui vengono indicati il numero di acquisizioni possibili (2114) e il conseguente numero di giorni di autonomia (22); 154 Records 14 Alarms FIG 13 - Pagina con il numero di records memorizzati in cui vengono indicati il numero di acquisizioni (154) e il numero di allarmi (14) presenti in memoria; Next call at: 12:00 11/02/00 FIG 14 - pagina della prossima chiamata in cui viene indicata la data (11/02/00, nel formato giorno/mese/anno) e l'ora (12:00) della prossima chiamata che verrà effettuata verso il PC. L'indicazione "--:-- --/--/-- " mostra che non sono state programmate chiamate verso il PC. MACH 1:Y 2:N 3:- link 4:Y 5:- 6:N FIG 15 - Pagina di stato del collegamento 10

13 in cui viene visualizzato lo stato del collegamento con i MACH di cui vengono memorizzati i dati. A fianco di ogni indirizzo viene visualizzato: Y se a quell'indirizzo è stato configurato un MACH e sta rispondendo correttamente; N se a quell'indirizzo è stato configurato un MACH ma non sta rispondendo (il cavo è interrotto o nessun MACH ha l'indirizzo in oggetto); - se a quell'indirizzo non è stato configurato un MACH Nella esempio di FIG. 15 sono configurati 4 strumenti, agli indirizzi 1,2, 4 e 6; i MACH di indirizzo 2 e 6 non stanno rispondendo. Nel caso vengano programmati per errore due MACH con lo stesso indirizzo, in questa pagina si vedrà lo stato di tale indirizzo cambiare continuamente tra Y e N. Main Setup? N Y FIG 16 - Pagina per entrare nel SETUP quindi viene presentata la richiesta di SETUP, che verrà discussa nel prossimo capitolo. Infine viene presentata la seguente pagina: Alarm Setup? N Y FIG 17 - Pagina per entare nel SETUP ALLARMI Premendo ulteriormente il tasto [M] si ritornerà alla pagina relativa al logo e all ora. Premendo il tasto [*] si entra nel menù degli Allarmi: vedi Cap.5.1 per le relative istruzioni sugli Allarmi. Infine quando il MACH-DAT/S 2 è connesso con un PC (via modem o cavo), sul display del medesimo compare la scritta: Connected with host FIG 18 - Pagina di stato della connessione al PC 11

14 5. MENU di CONFIGURAZIONE UTENTE (Main Setup) Per ogni parametro viene indicato il valore di default e tra parentesi l'intervallo possibile. MENU DI CONFIGURAZIONE : 1. Numero di MACH collegabili (1 6) : 1; 2. Grandezze selezionate (max 9); 3. Cadenza di memorizzazione (1 60 ): 15'; 4. Programmazione chiamata su allarmi (priorità allarmi): nessun allarme programmato; 5. Programmazione tipo di collegamento usato (modem o cavo): modem; 6. Programmazione data ed ora; Entrati nel menù di configurazione (Fig.16), se entro 60 secondi non vengono effettuate operazioni lo strumento ritorna automaticamente nella pagina di data ed ora. Quando ci si trova nella pagina descritta in Fig. 16, è possibile attivare la procedura di setup. (Si noti che il led rosso rimane acceso durante le operazioni di setup.) Se viene premuto il tasto [*] significa che l utente ha intenzione di riprogrammare lo strumento, a questo punto la pagina che viene presentata è la seguente: Clear Memory? N Y FIG 19 - Pagina per cancellare tutti i records dalla memoria Premendo il tasto [*] viene resettata l area di memoria dati, ovvero vengono cancellati tutti i dati acquisiti fino a quel momento. Premendo invece il tasto [M] l area di memoria dati non viene toccata. Default Setup? N Y FIG 20 - Pagina per riportare i paramentri di setup al valore di default Se l utente preme il tasto [M] indica che non vuole programmare lo strumento con la configurazione di default, viceversa se preme il tasto [*] vuol dire che intende programmare lo strumento con la configurazione di default, nel qual caso le pagine successive sono unicamente quelle relative al settaggio della data e ora. Premendo il tasto [M] si entra nel menù di configurazione. 12

15 Dentro ogni pagina l'operatore potrà variare i valori di un campo utilizzando il tasto [*] e memorizzare con il tasto [M]. Le pagine di configurazione sono le seguenti: Connected MACHS >1:Y< 2:N 3:N FIG 21 - Pagina per la selezione dei Mach da acquisire la pressione del tasto[*] permette di cambiare la impostazione da N a Y e viceversa, mentre il tasto [M] permette di passare al campo successivo (p.e. da 1:N a 2:N, dove il numero individua l indirizzo del MACH). Il campo che viene editato è individuato dai caratteri > e <. Il passaggio alla pagine successive è al solito regolato dalla pressione del tasto [M]. Dopo aver abilitato o disabilitato il sesto MACH, la pagina successiva è quella relativa alle grandezze da memorizzare: Recorded Measures: 1 >V31< V23 V12 FIG 22 - Pagina per la selezione delle grandezze da acquisire in cui il numero sulla sinistra (in figura precedente è 1) è un progressivo che indica numericamente la misura, in base a quanto visto questo progressivo andrà da 1 a 9. Quindi per settare le nove grandezze, lo strumento presenterà tre pagine (una per ogni gruppo di tre grandezze). La scelta della grandezza viene effettuata premendo il tasto [*], mentre l incremento del numero è realizzato premendo il tasto [M]. Una volta stabilite le grandezze da acquisire la pagina che viene proposta è quella relativa al settaggio della cadenza di memorizzazione: Storage Time: 15 min FIG 23 - Pagina per la selezione dell'intervallo di acquisizione Il numero che appare sulla seconda linea viene incrementato di 1 ad ogni pressione del tasto [*]. 13

16 E' possibile programmare l'intervallo di acquisizione in modo che questa avvenga ai 15 minuti dell'ora, cioè ad esempio alle 12.00, 12.15, e Nel caso non sia possibile eseguire un'acquisizione si passa al quarto d'ora successivo: in questo modo l'acquisizione rimane sempre sincronizzata e prevedibile. Per programmare questa modalità di acquisizione, continuare a premere il tasto [*] fino a 60, premendo un'altra volta verrà visualizzato 15* ad indicare che è stata attivata la modalità 15 minuti sincroni. Premendo un'altra volta [*] si torna ad 1, e alla modalità di acquisizione standard. Si osservi che è anche disponibile l'acquisizione ogni 15 minuti in modo non sincrono (sul display viene visualizzato 15 ): in questo caso l'esecuzione dell'acquisizione non è predeterminata, è solo garantito che avverrà ogni 15 minuti. Le due pagine successive permettono di impostare rispettivamente la velocità (Baud) della RS485 e della RS232: RS485 Baud = 9600 Dta =8 Py =0 Stp=1 FIG 24 - Parametri per la linea Rs 485 (Mach) dove: Dta= lunghezza dato in bit, Py= bit di parità, Stp= bit di stop. In particolare, per la RS485 con i seguenti valori: 9600, 4800, 2400; RS232 Baud = 9600 Dta =8 Py =0 Stp=1 FIG 25 - Paramentri per la linea Rs 232 (PC o modem) a per la RS232, con i seguenti valori: 9600, E da notare che, dopo aver cambiato la velocità di comunicazione della interfaccia RS232, dopo aver terminato la fase di setup lo strumento deve essere spento e riacceso affinchè la configurazione della velocità diventi attiva. A questo punto è possibile impostare il tipo di collegamento (modem o cavo): Connected with modem: Y cable: N FIG 26 - Selezione della connessione con il PC host Si tenga presente che benchè possa sembra che funzioni col cavo anche quando programmato in modo modem e viceversa, configurare il modo modem quando è effettivamente usato è molto importante per le seguenti ragioni: 14

17 In modo modem viene attivata una protezione per cui in caso di silenzio prolungato il Mach- Dat/S2 abbatte il collegamento (questo per evitare che per qualunque problema la linea telefonica resti erroneamente impegnata per un tempo indefinito). Viene inviata la stringa di inizializzazione al modem che altrimenti resterebbe non programmato. Infine si noti che quando viene variata la modalità da Cavo a Modem, all'uscita dal setup viene subito inviata la stringa di inizializzazione al modem: il Mach-Dat/S2 sembra che resti bloccato per un istante che sarà un tempo più lungo se il modem non è collegato, è spento o comunque non risponde. Dopo aver premuto [M] compare la pagina di impostazione di data e ora: TIME DATE 03 16>99< FIG 27 - Pagina di impostazione data e ora Premendo il tasto [*] viene incrementato il valore del campo racchiuso dai simboli > <. Il tasto [M] consente di passare al campo di data e ora successivo. 15

18 5.1 MENU DI SETUP degli ALLARMI. Nel caso l utente voglia impostare la priorità sugli allarmi, dovrà rispondere Y nel menù di Fig.17. Programmare la Priorità Allarmi significa che il MACH-DAT/S2 effettuerà la chiamata al PC appena un allarme subisce una variazione. É possibile attivare/disattivare la priorità degli allarmi: Call on MACH x OUTy k k k k FIG 28 - Pagina degli Allarmi dove x rappresenta l indirizzo del MACH di cui si stanno programmando gli allarmi, e può assumere valori compresi fra 1 e 6 fra quelli confugurati; y è il numero di uscita su cui si sta operando (y può assumere valori compresi fra 1 e 4). I 4 k sulla destra indicano lo stato di priorità delle 4 uscite (N= no, Y= sì). Se si desidera che il MACH-DAT/S 2 effettui una chiamata al PC all attivazione/disattivazione di un allarme, la priorità deve essere programmata ad Y, altrimenti deve essere lasciata a N. Il cursore si muove solo fra i 4 "k" e l'indicazione "y" è aggiornata automaticamente: la variazione del valore avviene come al solito premendo il tasto [*], mentre per cambiare campo è necessario premere il tasto [M]. Una volta scandite le quattro uscite, premendo ancora [M] si passa automaticamente al Mach successivo, se configurato. N.B.: la programmazione dei parametri per la chiamata in caso di allarme può essere effettuata solo tramite collegamento seriale. 16

19 6. ELENCO GRANDEZZE PROGRAMMABILI FRE Frequenza ΣV Tensione equivalente trifase ΣI Corrente equivalente trifase ΣC Fattore di potenza equivalente trifase V1 Tensione di linea 1 V2 Tensione di linea 2 V3 Tensione di linea 3 I1 Corrente di linea 1 I2 Corrente di linea 2 I3 Corrente di linea 3 W1 Potenza attiva linea 1 W2 Potenza attiva linea 2 W3 Potenza attiva linea 3 A1 Potenza apparente linea 1 A2 Potenza apparente linea 2 A3 Potenza apparente linea 3 R1 Potenza reattiva linea 1 R2 Potenza reattiva linea 2 R3 Potenza reattiva linea 3 C1 Fattore di potenza linea 1 C2 Fattore di potenza linea 2 C3 Fattore di potenza linea 3 ΣW Potenza attiva equivalente trifase ΣA Potenza apparente equivalente trifase ΣR Potenza reattiva equivalente trifase WX1 Potenza attiva massima linea 1 WX2 Potenza attiva massima linea 2 WX3 Potenza attiva massima linea 3 AX1 Potenza apparente massima linea 1 AX2 Potenza apparente massima linea 2 AX3 Potenza apparente massima linea 3 17

20 RX1 Potenza reattiva massima linea 1 RX2 Potenza reattiva massima linea 2 RX3 Potenza reattiva massima linea 3 WM1 Potenza attiva media linea 1 WM2 Potenza attiva media linea 2 WM3 Potenza attiva media linea 3 AM1 Potenza apparente media linea 1 AM2 Potenza apparente media linea 2 AM3 Potenza apparente media linea 3 RM1 Potenza reattiva media linea 1 RM2 Potenza reattiva media linea 2 RM3 Potenza reattiva media linea 3 ΣWX Potenza attiva massima equivalente trifase ΣAX Potenza apparente massima equivalente trifase ΣRX Potenza reattiva massima equivalente trifase ΣWM Potenza attiva media equivalente trifase ΣAM Potenza apparente media equivalente trifase ΣRM Potenza reattiva media equivalente trifase KW1 Energia attiva linea 1 KW2 Energia attiva linea 2 KW3 Energia attiva linea 3 KA1 Energia reattiva linea 1 KA2 Energia reattiva linea 2 KA3 Energia reattiva linea 3 ΣKW Energia attiva equivalente trifase ΣKA Energia reattiva equivalente trifase V12 Tensione concatenata fra le linee 1 e 2 V23 Tensione concatenata fra le linee 2 e 3 V31 Tensione concatenata fra le linee 3 e 1 X1 Valore ingresso analogico 1 X2 Valore ingresso analogico 2 TV1 Fattore di cresta della tensione della linea 1 TV2 Fattore di cresta della tensione della linea 2 TV3 Fattore di cresta della tensione della linea 3 TI1 Fattore di cresta della corrente della linea 1 18

21 TI2 Fattore di cresta della corrente della linea 2 TI3 Fattore di cresta della corrente della linea 3 WA1 Massimo della potenza attiva media della linea 1 WA2 Massimo della potenza attiva media della linea 2 WA3 Massimo della potenza attiva media della linea 3 ΣWx Potenza attiva media equivalente trifase ΣKw Energia attiva generata dal sistema trifase Kw1 Energia attiva generata dalla linea 1 Kw2 Energia attiva generata dalla linea 2 Kw3 Energia attiva generata dalla linea 3 ΣKa Energia reattiva generata dal sistema trifase Ka1 Energia reattiva generata dalla linea 1 Ka2 Energia reattiva generata dalla linea 2 Ka3 Energia reattiva generata dalla linea 3 X1M Valore medio del canale analogico 1 X2M Valore medio del canale analogico 2 SX1 Integrazione del canale analogico 1 (accumulo) SX2 Integrazione del canale analogico 2 (accumulo) 19

22 7. PARAMETRI DI DEFAULT Indirizzo MACH collegato: 1; Parametri di comunicazione della seriale RS485 e RS232: - velocità: 9600 (baud) - parità: 0 (nessuna parità) - N bits 8 (bit di dati) - N bit di STOP: 1 (bit di stop) -solo per Rs232: Controllo di flusso Rts/Cts disabilitato - Rts nomalmente disattivo Cadenza di acquisizione: 15' (intervallo standard, non quello sincrono col quarto d'ora) Priorità allarmi (chiamata telefonica in caso di allarme): nessuna; Intervallo tra le chiamate al PC host: 5 Numero di telefono da chiamare: vuoto (programmabile attraverso la linea seriale) (programmabile attraverso la linea seriale) Parametri di default programmati nel modem (impostati dal MACH-DAT/S, non possono essere modificati): - elimina eco - dispone modem in autoanswer con risposta dopo 2 squillo - seleziona le decodifica comandi con parole e non con codici (verbose listing) - imposta il segnale di CD per il riconoscimento della portante (CD attivo indica al Mach-Dat/S2 collegameno con l'host attivo) - DTR ignorato Grandezze memorizzate: - tensione trifase - corrente trifase - correnti delle tre linee - potenza attiva trifase - cosϕ trifase - frequenza - energia trifase 20

23 8. CARATTERISTICHE TECNICHE e INTERFACCIA MODEM I Modem utilizzati devono avere le seguenti caratteristiche: velocità di trasmissione di 19200/9600 bps uso del set standard di comandi Hayes pienamente compatibile con gli standard CCITT V 42, V42 bis, V32 bis, V32, V22bis, V23, V22, V21, MNP 2-5, Bell 103 e 212A; possibilità di memorizzazione di almeno un profilo di funzionamento. Ducati energia ha approvato per l uso con il MACH-DAT/S 2 e distribuisce i seguenti modem: per linea commutata: modem Digicom Botticelli, disponibile con codice ; per linea GSM: modem Wavecom WM02, disponibile con codice Il MACH-DAT/S2 invia al modem la seguente stringa fissa di inizializzazione: in caso si decida di utilizzare un modem diverso, è necessario pertanto verificare che risponda correttamente ai seguenti comandi: AT Z Richiama la configurazione di utente AT E0 Disattiva echo AT S0=2 Autoanswer attivo con 2 squilli prima della risposta automatica AT V1 Risposte del modem estese AT &C1 DCD segue lo stato della portante AT &D0 DTR ignorato AT &W Memorizza il profilo programmato in memoria In caso il modem non supporti uno di questi comandi, lo strumento non riesce a terminare la fase di inizializzazione, e non inizia ad acquisire i dati dai MACH collegati. Il MACH-DAT/S2 invia questa stringa al modem all'accensione, se lo strumento è programmato in modalità di connessione Modem (anziché cable Cfr. Cap.5) quando nel menu' di configurazione (Main Setup) si cambia da Connessione Cable a Modem: all'uscita dal setup viene inviata la stringa. Se il modem non fosse collegato o fosse spento, lo strumento resta fermo un breve intervallo di tempo nell'attesa della risposta. Nota sul segnale CD: l'attivarsi del segnale CD indica al Mach.-Dat/s2 che è in collegamento con l'host (sia tramite modem che via cavo diretto); in tale condizione il Mach-Dat/S2 non acquisice dati dagli strumenti poichè la linea seriale è impegnata. Nota sul segnale RTS /CTS e controllo di flusso: il Mach-Dat/S2 tiene Rts sempre disattivo. Utilizzando un modem che invece è programmato per la gestione del controllo di flusso, non vi sarà comunicazione: accertarsi quindi che il modem usato abbia il controlo di flusso disabilitato. Nei modem GSM ad esempio deve essere inviato al modem il comando AT+IFC=0,0. Riferirsi alla guida di installazione rilasciata assieme al modem da Ducati energia per ulteriori informazioni. 21

24 9. CARATTERISTICHE 1. Tensione di Alimentazione 220 V eff. ± 10 % oppure 110 V eff. ± 10%. Frequenza della tensione di alimentazione compresa fra 45 e 65 Hz. (Versione a 240Vac disponibile a richiesta). 2. Potenza assorbita dallo strumento. Minore di 3 VA. 3. Batteria tampone A strumento spento, la batteria al NiCd, presente nello strumento, alimenterà la memoria contenente i dati acquisiti. Tempo garantito per la tenuta dei dati (senza la alimentazione) è pari a circa sei mesi. La tensione di alimentazione permette la ricarica della batteria. 4. Sezioni periferiche: Visore alfanumerico a cristalli liquidi (2 righe per 16 colonne) ; Tastiera a matrice a 2 tasti; Porte seriali: 1 porta multiplexata fra RS485 ed RS Condizioni operative: Temperatura di funzionamento : da 0 C a 50 C ; Umidità relativa : 90 % max.(senza condensa) a 40 C. Temperatura di magazzinaggio : da - 25 C a 70 C; 22

25 9.1 Normativa applicata. Emissioni: irradiate e condotte (norma di prodotto): EN55022; Flicker: EN ; Distorsione armonica: EN ; Immunità (norma generica: EN ): Burst: IEC801-4; ESD: EN ; Campi Magnetici: EN ; Condotta: ENV50141; Irradiata: EN50140 Sicurezza elettrica. EN60950; Grado di protezione : a) strumento: IP20; b) frontale: IP Varie. Peso: MACH-DAT/S 2 : 0,61 Kg Dimensioni: lunghezza 157,5 mm. (9 moduli DIN); altezza 90 mm.; profondità 58 mm. 23

26 10. NOTE SUL PROTOCOLLO COMUNICAZIONE RS485 Sulla destra dello strumento sono presenti i morsetti dell interfaccia seriale RS 485. La piedinatura (da sinistra a destra) è la seguente: PIN FUNZIONE 1 S (Schermo) 2 A (+) 3 B (-) FIG 29 - Morsetti collegamento RS485 La comunicazione seriale avviene fra il dispositivo e uno o più strumenti (max 6) della famiglia MACH secondo il modello master-slave, con il MACH-DAT/S 2 come master. Quando viene stabilita una comunicazione con un MACH il led verde presente sul frontale del MACH-DAT/S 2 lampeggia brevemente. Nel caso che si ripetano tre lampeggi ad intervalli di circa due secondi significa che il MACH-DAT/S 2 non riesce a stabilire la comunicazione con il MACH (si veda la pagina di stato collegamento "Mach link" al Cap.4.2). Il MACH si mette in ricezione quando riceve un carattere STX e rimane in questa condizione fino alla ricezione di un carattere ETX, quindi viene verificata la correttezza della checksum e il pacchetto di dati ricevuto viene esaminato; il MACH ignora tutti i messaggi che non siano indirizzati a lui o siano stati inviati da un altro MACH. Se il messaggio ricevuto è stato inviato dal MACH-DAT/S 2, il MACH passa ad esaminare l'indirizzo del destinatario, se riconosce il proprio indirizzo esegue l'eventuale comando. La ricezione in qualsiasi momento di un carattere NACK (codice ASCII 15H) causa l'interruzione di eventuali ricezioni in corso e il reset del buffer della seriale dei dispositivi collegati. 24

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07 TB-SMS Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso Ver. 1.6.10 31/07/07 MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore TB-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili

Dettagli

Istruzioni per l uso Sartorius

Istruzioni per l uso Sartorius Istruzioni per l uso Sartorius Descrizione dell interfaccia per le bilance Entris, ED, GK e GW Indice Impiego previsto Indice.... 2 Impiego previsto.... 2 Funzionamento.... 2 Uscita dati.... 3 Formato

Dettagli

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM 1 Stato del combinatore direttamente sul display della Consolle XM Interrogazione credito residuo tramite SMS e inoltro SMS ricevuti Messaggi di allarme pre-registrati Completa integrazione con centrali

Dettagli

Telefono Sirio lassico

Telefono Sirio lassico GUIDA USO Telefono Sirio lassico 46755H Aprile 2013 3 Indice INTRODUZIONE...1 CARATTERISTICHE TECNICHE E FUNZIONALI...1 CONTENUTO DELLA CONFEZIONE...1 INSTALLAZIONE...2 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO...3

Dettagli

SMART Più MANUALE UTENTE

SMART Più MANUALE UTENTE MANUALE UTENTE 01/2003 INDICE 1. INTRODUZIONE... 1 2. ARCHITETTURA DELLO STRUMENTO... 3 2.1 Linea seriale RS485. Rete fino a 31 analizzatori... 4 2.2 Linea seriale RS485. Rete con più di 31 analizzatori...

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700 Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria +24VDC VDC OUTPUT MICROPROCESS. E P IN EXH OUT Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria 7 Trattamento

Dettagli

CE 100-8. CENTRALE FILO E RADIO (48 bit) MANUALE DI INSTALLAZIONE (VERSIONE 6.31)

CE 100-8. CENTRALE FILO E RADIO (48 bit) MANUALE DI INSTALLAZIONE (VERSIONE 6.31) CE 100-8 CENTRALE FILO E RADIO (48 bit) MANUALE DI INSTALLAZIONE (VERSIONE 6.31) AVVERTENZE Si ricorda che l installazione del prodotto deve essere effettuata da personale Specializzato. L'installatore

Dettagli

MANUALE TECNICO 080406 E SMS

MANUALE TECNICO 080406 E SMS IT MANUALE TECNICO 080406 E SMS MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore E-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili a numeri telefonici preimpostati e di attivare uscite

Dettagli

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 Manuale d'istruzioni Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 382280 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato l'alimentatore DC Programmabile 382280 della Extech.

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Programmazione TELXXC

Programmazione TELXXC Manuale Programmazione Versione 5.0 Programmazione TELXXC TELLAB Via Monviso, 1/B 24010 Sorisole (Bg) info@tellab.it INDICE Programmazione e comandi... 2 Messaggio comando multiplo.. Formato... 3 Messaggi

Dettagli

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano

AMICO CI SENTO. Manuale di istruzioni - Italiano AMICO CI SENTO Manuale di istruzioni - Italiano 1. Per iniziare 1.1 Batteria 1.1.1 Installare la batteria Rimuovere il coperchio della batteria. Allineare i contatti dorati della batteria con i relativi

Dettagli

Manuale d uso. Servizio Segreteria Telefonica Memotel. per Clienti con linea Fibra

Manuale d uso. Servizio Segreteria Telefonica Memotel. per Clienti con linea Fibra Manuale d uso Servizio Segreteria Telefonica Memotel per Clienti con linea Fibra 1 INDICE 1. GUIDA AL PRIMO UTILIZZO 2. CONFIGURAZIONE SEGRETERIA 3. CONSULTAZIONE SEGRETERIA 4. NOTIFICHE MESSAGGI 5. ASCOLTO

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

3ODQW:DWFK 0DQXDOHG LQVWDOOD]LRQHHXVR

3ODQW:DWFK 0DQXDOHG LQVWDOOD]LRQHHXVR Ã Ã 3ODQW:DWFK 0DQXDOHG LQVWDOOD]LRQHHXVR 9RJOLDPRIDUYLULVSDUPLDUHWHPSRHGHQDUR 9LDVVLFXULDPRFKHODFRPSOHWDOHWWXUDGLTXHVWRPDQXDOHYLJDUDQWLUjXQD FRUUHWWDLQVWDOOD]LRQHHGXQVLFXURXWLOL]]RGHOSURGRWWRGHVFULWWR

Dettagli

DPS-Promatic Telecom Control Systems. Famiglia TCS-AWS. Stazioni Metereologiche Autonome. connesse alla rete GSM. Guida rapida all'uso versione 1.

DPS-Promatic Telecom Control Systems. Famiglia TCS-AWS. Stazioni Metereologiche Autonome. connesse alla rete GSM. Guida rapida all'uso versione 1. DPS-Promatic Telecom Control Systems Famiglia TCS-AWS di Stazioni Metereologiche Autonome connesse alla rete GSM (www.dpspro.com) Guida rapida all'uso versione 1.0 Modelli che compongono a famiglia TCS-AWS:

Dettagli

Manuale istruzioni. 01942 Comunicatore GSM-BUS

Manuale istruzioni. 01942 Comunicatore GSM-BUS Manuale istruzioni 01942 Comunicatore GSM-BUS Indice 1. Descrizione 2 2. Campo di applicazione 2 3. Contenuto della confezione 2 4. Vista frontale 3 5. Funzione dei tasti e led 4 6. Operazioni preliminari

Dettagli

Manuale istruzioni. 01913 Cronotermostato GSM. CLIMAPHONE

Manuale istruzioni. 01913 Cronotermostato GSM. CLIMAPHONE Manuale istruzioni 01913 Cronotermostato GSM. CLIMAPHONE Spazio riservato per annotare le tre cifre del PIN dell'eventuale password di protezione. Indice Principali operazioni a cura dell'utente............................................

Dettagli

Pollicino Tracking F12 MANUALE UTENTE. 1. F12 Caratteristiche

Pollicino Tracking F12 MANUALE UTENTE. 1. F12 Caratteristiche F12 MANUALE UTENTE 1. F12 Caratteristiche Progettato per sopravvivere in condizioni difficili, fornendo regolari ed accurate registrazioni di posizione sfruttando un GPS all avanguardia sulla rete cellulare,

Dettagli

MICROSPIA GSM PROFESSIONALE. 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2)

MICROSPIA GSM PROFESSIONALE. 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2) MANUALE UTENTE FT607M /FT607M2 MICROSPIA GSM PROFESSIONALE 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2) FT607M /FT607M2 MANUALE UTENTE INDICE 1. Informazioni importanti.......................................4

Dettagli

Nota di applicazione: impostazione della comunicazione

Nota di applicazione: impostazione della comunicazione Nota di applicazione: impostazione della comunicazione Questa nota di applicazione descrive come installare e impostare la comunicazione tra l'inverter e il server di monitoraggio SolarEdge. Questo documento

Dettagli

ascom Ascotel Office 25 Istruzioni per l'uso con norme di sicurezza www.ascom.com/ec/documents 20321611it_ba_b0

ascom Ascotel Office 25 Istruzioni per l'uso con norme di sicurezza www.ascom.com/ec/documents 20321611it_ba_b0 ascom Ascotel Office 25 Istruzioni per l'uso con norme di sicurezza www.ascom.com/ec/documents 20321611it_ba_b0 1 2 3 4 Elementi di comando e visualizzazione Elementi di comando e visualizzazione 11 12

Dettagli

MANUALE RADIOCOMANDO SY250 IDRO STD3 2ways2

MANUALE RADIOCOMANDO SY250 IDRO STD3 2ways2 MANUALE RADIOCOMANDO SY250 IDRO STD3 2ways2 Pag. 1 / 10 SOMMARIO: 1 INTRODUZIONE... 3 2 PANNELLO DI CONTROLLO... 4 2.1 I TASTI... 4 2.2 IL DISPLAY... 4 3 I MENU... 5 3.1 MODIFICA TERMOSTATO AMBIENTE RADIO...

Dettagli

BTEL-GT. Manuale di installazione ed uso ISO 14001 IT-52588 ISO 9001 9105.BNT1 ISO 14001 9191.BNT2 ISO 9001 IT-52587 OHSAS 18001 OHSAS 18001

BTEL-GT. Manuale di installazione ed uso ISO 14001 IT-52588 ISO 9001 9105.BNT1 ISO 14001 9191.BNT2 ISO 9001 IT-52587 OHSAS 18001 OHSAS 18001 BTEL-GT Manuale di installazione ed uso 0470 ISO 9001 9105.BNT1 ISO 9001 IT-52587 ISO 14001 9191.BNT2 ISO 14001 IT-52588 OHSAS 18001 OHSAS 18001 9192.BSEC IT - 60983 Tab.1 N. I IDENTIFICAZIONE DELLE PARTI

Dettagli

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

Attivatore Telefonico GSM

Attivatore Telefonico GSM Part. U1991B - 10/09-01 PC Attivatore Telefonico GSM art. F462 Istruzioni d uso INFORMAZIONI PER LA SICUREZZA L'impiego dell'attivatore GSM art. F462 in componenti o sistemi per supporto vita non è consentito

Dettagli

Caratteristiche principali

Caratteristiche principali Il regolatore semaforico Hydra nasce nel 1998 per iniziativa di CTS Engineering. Ottenute le necessarie certificazioni, già dalla prima installazione Hydra mostra sicurezza ed affidabilità, dando avvio

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE UN SISTEMA INTEGRATO COMUNICAZIONE VERSO L ESTERNO Istituti di vigilanza Invio allarmi con protocollo CONTACT ID Comunicatore PSTN Espansione GSM Telefono

Dettagli

Guida ai Servizi Voce per l Utente. Guida ai ai Servizi Voce per l Utente

Guida ai Servizi Voce per l Utente. Guida ai ai Servizi Voce per l Utente Guida ai Servizi Voce per l Utente Guida ai ai Servizi Voce per l Utente 1 Indice Introduzione... 3 1 Servizi Voce Base... 4 1.1 Gestione delle chiamate... 4 1.2 Gestione del Numero Fisso sul cellulare...

Dettagli

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze.

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze. MONITOR DEFIBRILLATORE LIFEPAK 12 Il Monitor Defibrillatore LIFEPAK 12 è un dispositivo medicale che nasce per l emergenza e resiste ad urti, vibrazioni, cadute, polvere, pioggia e a tutte quelle naturali

Dettagli

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1 Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5 9356197 Edizione 1 DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Noi, NOKIA CORPORATION, dichiariamo sotto la nostra esclusiva responsabilità che il prodotto SU-5 è conforme alle

Dettagli

Manuale di utilizzo centrale ST-V

Manuale di utilizzo centrale ST-V Accessori 1 Capitolo I : Introduzione 2 1.1 Funzioni 2 1.2 Pannello_ 5 1.3 I CON 5 Capitolo II : Installazione e connessione 6 2.1 Apertura della confezione 6 2.2 Installazione del pannello_ 6 2.3 Cablaggio

Dettagli

Descrizione e modalità d uso del modulo pic-sms big

Descrizione e modalità d uso del modulo pic-sms big MANUALE D USO MODULI PIC-SMS Descrizione e modalità d uso del modulo pic-sms big Rev.0807 Pag.1 di 43 www.carrideo.it INDICE 1. I MODULI SMS... 4 1.1. DESCRIZIONE GENERALE... 4 1.2. DETTAGLI SUL MICROCONTROLLORE

Dettagli

Aladino Vision, il nuovo concetto di cordless

Aladino Vision, il nuovo concetto di cordless Gentile Cliente, Ti ringraziamo per aver scelto Aladino Vision. Aladino Vision è unico, essenziale, elegante e definisce un nuovo concetto per la telefonia cordless assegnando un ruolo attivo alla stazione

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31 Serie - nterruttore orario 16 A SERE Caratteristiche.01.11.31 nterruttore orario elettromeccanico - Giornaliero * - Settimanale ** Tipo.01-1 contatto in scambio 16 A larghezza 35.8 mm Tipo.11-1 contatto

Dettagli

Serie Motorola D1110. Telefono Cordless Digitale con Segreteria Telefonica

Serie Motorola D1110. Telefono Cordless Digitale con Segreteria Telefonica Serie Motorola D1110 Telefono Cordless Digitale con Segreteria Telefonica Avvertenza Servirsi unicamente di batterie ricaricabili. Caricare il portatile per 24 ore prima dell uso. Benvenuti... al vostro

Dettagli

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente 1 Sommario 1 Introduzione... 3 1.1 Accesso al Self Care Web di Rete Unica... 4 2 Servizi Aziendali... 6 2.1 Centralino - Numero

Dettagli

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione WWW.FUHR.DE Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione Le presenti istruzioni dovranno essere trasmesse dall addetto al montaggio all utente MBW24-IT/11.14-8

Dettagli

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE V.00 AGOSTO 2012 CARATTERISTICHE TECNICHE Il modulo TRACER218 485 è un dispositivo con porta di comunicazione RS485 basata su protocollo MODBUS

Dettagli

5.5.2.2 Configurazione 111 controllo sensorless semplice con regolatore PI. 5.5.2.3 Configurazione 410 controllo sensorless a orientamento di campo

5.5.2.2 Configurazione 111 controllo sensorless semplice con regolatore PI. 5.5.2.3 Configurazione 410 controllo sensorless a orientamento di campo 5.5.2.2 Configurazione 111 controllo sensorless semplice con regolatore PI La configurazione 111 amplia la configurazione di controllo con un controllore PI per applicazioni specifiche tipiche di regolazione

Dettagli

MODULO TERMOSTATO A PANNELLO VM148

MODULO TERMOSTATO A PANNELLO VM148 MODULO TERMOSTATO A PANNELLO VM148 Modulo termostato a pannello 4 COLLEGAMENTO 9-12V DC/ 500mA L1 L2 ~ Riscaldatore/Aria condizionata Max. 3A Max. 2m Sensore di temperatura Per prolungare il sensore, utilizzare

Dettagli

Progetti reali con ARDUINO

Progetti reali con ARDUINO Progetti reali con ARDUINO Introduzione alla scheda Arduino (parte 2ª) ver. Classe 3BN (elettronica) marzo 22 Giorgio Carpignano I.I.S. Primo LEVI - TORINO Il menù per oggi Lettura dei pulsanti Comunicazione

Dettagli

GUIDA CONFIGURAZIONE ED UTILIZZO GPS SAFE COME ANTIFURTO PER MOTO

GUIDA CONFIGURAZIONE ED UTILIZZO GPS SAFE COME ANTIFURTO PER MOTO GUIDA CFIGURAZIE ED UTILIZZO GPS SAFE COME ANTIFURTO PER MOTO Sommario: Download ed aggiornamento firmware GPS SAFE... 3 Track Manager, download ed installazione.... 4 Configurazione GPS SAFE ed utilizzo

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

Software Emeris Communication Manager

Software Emeris Communication Manager ecm Software Emeris Communication Manager Manuale operativo Fantini Cosmi S.p.A. Via dell Osio 6 20090 Caleppio di Settala MI Tel 02.956821 - Fax 02.95307006 e-mail: info@fantinicosmi.it http://www.fantinicosmi.it

Dettagli

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0)

MANUALE GESTIONE DELLE UTENZE - PORTALE ARGO (VERS. 2.1.0) Indice generale PREMESSA... 2 ACCESSO... 2 GESTIONE DELLE UTENZE... 3 DATI DELLA SCUOLA... 6 UTENTI...7 LISTA UTENTI... 8 CREA NUOVO UTENTE...8 ABILITAZIONI UTENTE...9 ORARI D'ACCESSO... 11 DETTAGLIO UTENTE...

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Altre opzioni Optralmage

Altre opzioni Optralmage di Personalizzazione delle impostazioni............ 2 Impostazione manuale delle informazioni sul fax......... 5 Creazione di destinazioni fax permanenti................ 7 Modifica delle impostazioni di

Dettagli

FORNASIER TIZIANO & C. S.a.s. Manuale d uso HUMITESTER

FORNASIER TIZIANO & C. S.a.s. Manuale d uso HUMITESTER FORNASIER TIZIANO & C. S.a.s. Manuale d uso HUMITESTER Versione 1.0 del 18.08.2009 Sommario Schermata iniziale Pag. 3 Descrizione tasti del menu Pag. 3 Pagina principale Pag. 4 Pagina set allarmi Pag.

Dettagli

1. DESCRIZIONE BLACK VOICE... 2 2. COME EFFETTUARE LE CHIAMATE... 4 3. COME TRASFERIRE UNA CHIAMATA ALL'INTERNO DELL'AZIENDA... 4

1. DESCRIZIONE BLACK VOICE... 2 2. COME EFFETTUARE LE CHIAMATE... 4 3. COME TRASFERIRE UNA CHIAMATA ALL'INTERNO DELL'AZIENDA... 4 INDICE GENERALE 1. DESCRIZIONE BLACK VOICE... 2 2. COME EFFETTUARE LE CHIAMATE... 4 3. COME TRASFERIRE UNA CHIAMATA ALL'INTERNO DELL'AZIENDA... 4 4. COME DEVIARE LE CHIAMATE SU UN ALTRO APPARECCHIO...

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI...2 INSTALLAZIONE...5 CONFIGURAZIONE...6 ACQUISTO E REGISTRAZIONE...11 DOMANDE FREQUENTI:...13 CONTATTI:...

INFORMAZIONI GENERALI...2 INSTALLAZIONE...5 CONFIGURAZIONE...6 ACQUISTO E REGISTRAZIONE...11 DOMANDE FREQUENTI:...13 CONTATTI:... INFORMAZIONI GENERALI...2 INSTALLAZIONE...5 CONFIGURAZIONE...6 ACQUISTO E REGISTRAZIONE...11 DOMANDE FREQUENTI:...13 CONTATTI:...14 Ultimo Aggiornamento del Documento: 23 / Marzo / 2012 1 INFORMAZIONI

Dettagli

Guida alla configurazione dell'e-mail di altri provider sul cellulare Galaxy S.

Guida alla configurazione dell'e-mail di altri provider sul cellulare Galaxy S. Guida alla configurazione dell'e-mail di altri provider sul cellulare Galaxy S. All accensione del Tab e dopo l eventuale inserimento del codice PIN sarà visibile la schermata iniziale. Per configurare

Dettagli

Manuale del fax. Istruzioni per l uso

Manuale del fax. Istruzioni per l uso Istruzioni per l uso Manuale del fax 1 2 3 4 5 6 Trasmissione Impostazioni di invio Ricezione Modifica/Conferma di informazioni di comunicazione Fax via computer Appendice Prima di utilizzare il prodotto

Dettagli

Stazione Meteorologica PCE-FWS 20

Stazione Meteorologica PCE-FWS 20 www.pce-italia.it Istruzioni d uso Stazione Meteorologica PCE-FWS 20 1 Istruzioni d uso www.pce-italia.it Indice dei contenuti Titolo 1. Visione generale... 3 2. Contenuto della spedizione... 3 3. Informazione

Dettagli

Avena 135/135 Duo. T elefono cordless analogico DECT. Istruzioni per l uso

Avena 135/135 Duo. T elefono cordless analogico DECT. Istruzioni per l uso Avena 135/135 Duo T elefono cordless analogico DECT Istruzioni per l uso Attenzione: istruzioni per l uso con avvertenze di sicurezza! Leggerle attentamente prima di mettere in funzione l apparecchio e

Dettagli

Garmin Dash Cam 10/20 Manuale Utente

Garmin Dash Cam 10/20 Manuale Utente Garmin Dash Cam 10/20 Manuale Utente Dicembre 2013 190-01711-31_0A Stampato a Taiwan Tutti i diritti riservati. Ai sensi delle norme sul copyright, non è consentito copiare integralmente o parzialmente

Dettagli

Manuale d Uso. Ref: 04061

Manuale d Uso. Ref: 04061 Manuale d Uso Ref: 04061 1 Grazie per aver acquistato il lettore digitale ENERGY SISTEM INNGENIO 2000. Questo manuale fornisce istruzioni operative dettagliate e spiegazioni delle funzioni per godere al

Dettagli

1. Instruzioni d uso 2

1. Instruzioni d uso 2 1. Instruzioni d uso 2 1.0 Prefazione Leggere attentamente queste instruzione d uso per utilizzare in modo ottimale tutte le funzioni dell interruttore orario. Il progetto di questo interruttore orario

Dettagli

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE Le apparecchiature di questa serie, sono frutto di una lunga esperienza maturata nel settore dei gruppi di continuità oltre che in questo specifico. La tecnologia on-line doppia conversione, assicura la

Dettagli

Accesso all Area di Lavoro

Accesso all Area di Lavoro Accesso all Area di Lavoro Una volta che l Utente ha attivato le sue credenziali d accesso Username e Password può effettuare il login e quindi avere accesso alla propria Area di Lavoro. Gli apparirà la

Dettagli

Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo norma CEI 0-16

Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo norma CEI 0-16 Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo norma CEI 0-16 Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE IN RETE

GUIDA DELL UTENTE IN RETE GUIDA DELL UTENTE IN RETE Memorizza registro di stampa in rete Versione 0 ITA Definizione delle note Nella presente Guida dell'utente viene utilizzata la seguente icona: Le note spiegano come intervenire

Dettagli

CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO

CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO VALIDO PER MOD. DTCHARGE E 1000 CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO LEGGERE CON CURA IN OGNI SUA PARTE PRIMA DI ALIMENTARE TOGLIAMO IL COPERCHIO, COSA FARE?? Il DTWind monta alternatori tri fase. Ne consegue

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad

DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad Attraverso questo applicativo è possibile visualizzare tutti gli ingressi del DVR attraverso il cellulare. Per poter visionare le immagini

Dettagli

ANTIFURTO PER CANTIERI

ANTIFURTO PER CANTIERI ANTIFURTO PER CANTIERI Manuale di installazione - Ver. 1.1 DEMOKIT 1 Indice Indice... 2 1. INTRODUZIONE... 3 2. DESCRIZIONE DEI DISPOSITIVI... 3 2.1 Centrale Edilsecurity... 3 3. INSTALLAZIONE E PROGRAMMAZIONE

Dettagli

Bravo Gold. Manuale istruzioni - italiano

Bravo Gold. Manuale istruzioni - italiano Bravo Gold Manuale istruzioni - italiano 1. INSTALLAZIONE DEL TELEFONO 1.1 Connessione della base Connettore cavo telefonico Connettore alimentazione 1) Collegate l alimentazione e la linea telefonica

Dettagli

Funzioni nuove e modificate

Funzioni nuove e modificate Gigaset S675 IP, S685 IP, C470 IP, C475 IP: Funzioni nuove e modificate Questo documento integra il manuale di istruzioni dei telefoni VoIP Gigaset: Gigaset C470 IP, Gigaset C475 IP, Gigaset S675 IP e

Dettagli

Alimentazione 1. INFORMAZIONI GENERALI

Alimentazione 1. INFORMAZIONI GENERALI Alimentazione 1. INFORMAZIONI GENERALI Il cavo di alimentazione è rigidamente fissato nella parte inferiore del terminale (fig.1), tale cavo deve essere connesso al trasformatore esterno (fig. ) e, questi,

Dettagli

feeling feeling rf Bedienungsanleitung Operating Manual Mode d emploi Instruzioni per l uso Instrucciones de uso Manual de instruções

feeling feeling rf Bedienungsanleitung Operating Manual Mode d emploi Instruzioni per l uso Instrucciones de uso Manual de instruções feeling feeling rf D GB F E P NL CZ Bedienungsanleitung Operating Manual Mode d emploi nstruzioni per l uso nstrucciones de uso Manual de instruções Bedieningshandleiding Návod k obsluze 2 42 82 122 162

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

Configurazioni Mobile Connect

Configurazioni Mobile Connect Mailconnect Mail.2 L EVOLUZIONE DELLA POSTA ELETTRONICA Configurazioni Mobile Connect iphone MOBILE CONNECT CONFIGURAZIONE MOBILE CONNECT PER IPHONE CONFIGURAZIONE IMAP PER IPHONE RUBRICA CONTATTI E IPHONE

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

74 319 0350 0 B3144x2. Controllore universale RMU7... Istruzioni operative. Synco 700

74 319 0350 0 B3144x2. Controllore universale RMU7... Istruzioni operative. Synco 700 74 319 0350 0 B3144x2 74 319 0350 0 Istruzioni operative Synco 700 Controllore universale RMU7... Sommario B3144x2...1 Elementi operativi...4 Display...4 Pulsante INFO...4 Manopola per selezione e conferma

Dettagli

Editor vi. Editor vi

Editor vi. Editor vi Editor vi vi 1 Editor vi Il vi è l editor di testo standard per UNIX, è presente in tutte le versioni base e funziona con qualsiasi terminale a caratteri Permette di visualizzare una schermata alla volta

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

LOCALIZZATORE SU RETE GSM

LOCALIZZATORE SU RETE GSM MANUALE UTENTE FT908M LOCALIZZATORE SU RETE GSM (cod. FT908M) Introduzione La ringraziamo per aver acquistato questo localizzatore miniaturizzato. Il dispositivo consente di localizzare una persona o un

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALL UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA BITCARD Web

GUIDA RAPIDA ALL UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA BITCARD Web GUIDA RAPIDA ALL UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA BITCARD Web La presente guida rapida sintetizza in modo veloce le procedure da seguire per attivare ed utilizzare con estrema semplicità il BITCARD POS Intellect

Dettagli

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0 Documentazione Servizio SMS WEB Versione 1.0 1 Contenuti 1 INTRODUZIONE...5 1.1 MULTILANGUAGE...5 2 MESSAGGI...7 2.1 MESSAGGI...7 2.1.1 INVIO SINGOLO SMS...7 2.1.2 INVIO MULTIPLO SMS...9 2.1.3 INVIO MMS

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2014 Progetto Istanze On Line 09 aprile 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 GESTIONE DELL UTENZA... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I)

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 Generalità 2 CONFIGURAZIONE PART-WINDING 2 CONFIGURAZIONE STELLA-TRIANGOLO 3 Isolamento del motore elettrico 5 Dispositivi di

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer

Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer 1. Prima emissione certificato 1 2. Rilascio nuovo certificato 10 3. Rimozione certificato 13 1. Prima emissione certificato Dal sito

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela

Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela Pagina 1 di 9 Indice generale 1 Accesso alla raccolta... 3 2 Il pannello di controllo della raccolta e attivazione delle maschere...

Dettagli

Milliamp Process Clamp Meter

Milliamp Process Clamp Meter 771 Milliamp Process Clamp Meter Foglio di istruzioni Introduzione La pinza amperometrica di processo Fluke 771 ( la pinza ) è uno strumento palmare, alimentato a pile, che serve a misurare valori da 4

Dettagli

2009 Elite Computer. All rights reserved

2009 Elite Computer. All rights reserved 1 PREMESSA OrisDent 9001 prevede la possibilità di poter gestire il servizio SMS per l'invio di messaggi sul cellulare dei propri pazienti. Una volta ricevuta comunicazione della propria UserID e Password

Dettagli

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi.

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Guida all uso Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Legenda Singolo = Fax o SMS da inviare ad un singolo destinatario Multiplo = Fax o SMS da inviare a tanti destinatari

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

Guida Rapida. Guida Rapida. Telefoni. Progetto. Collegati ai sistemi Progetto. PROMELIT Meglio comunicare meglio.

Guida Rapida. Guida Rapida. Telefoni. Progetto. Collegati ai sistemi Progetto. PROMELIT Meglio comunicare meglio. Guida Rapida Guida Rapida Progetto Telefoni N e x t Collegati ai sistemi Progetto 35 PROMELT Meglio comunicare meglio. Telefoni PROGETTO NEXT Telefono ntercomunicante PROGETTO NEXT l Vs. apparecchio ha

Dettagli

Descrizione del prodotto

Descrizione del prodotto Dati tecnici 2CDC501067D0901 ABB i-bus KNX Descrizione del prodotto Gli alimentatori di linea KNX con bobina integrata generano e controllano la tensione del sistema KNX (SELV). Con la bobina integrata

Dettagli