I RISCHI PSICOSOCIALI: dalla tutela alla consapevolezza (seminari 9-16 novembre 2010)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I RISCHI PSICOSOCIALI: dalla tutela alla consapevolezza (seminari 9-16 novembre 2010)"

Transcript

1 I RISCHI PSICOSOCIALI: dalla tutela alla consapevolezza (seminari 9-16 novembre 2010) 1 Isabella Corradini Docente di Psicologia Sociale Università degli Studi di L Aquila Presidente Centro Ricerche Themis

2 CAMBIAMENTI ORGANIZZATIVI 2 I cambiamenti nell organizzazione del lavoro, in particolare le modalità più flessibili dell orario di lavoro e una gestione delle risorse umane più individuale e maggiormente orientata al risultato hanno un incidenza profonda su problemi legati alla salute e al benessere sul luogo di lavoro. Commissione Europea (Bruxelles, 11/03/2002)

3 COSA SONO I RISCHI PSICO-SOCIALI 3 quegli aspetti relativi alla progettazione, organizzazione e gestione del lavoro, nonché ai rispettivi contesti ambientali e sociali che dispongono del potenziale per dar luogo a danni di tipo fisico, sociale e psicologico. T. Cox, A.J. Griffiths, 1995

4 EFFETTI 4 I rischi psicosociali possono determinare un danno alla salute fisica, psicologica e sociale dei lavoratori attraverso l esperienza di stress che le situazioni di lavoro comportano. EFFETTI STRESS MOBBING BURN OUT

5 5 LO STRESS

6 DIMENSIONI DEL PROBLEMA 6 E tra le cause di malattia più comunemente riferite dai lavoratori (Fondazione Europea 2007) e colpisce più di 40 milioni di persone nell Unione Europea. I costi per la collettività sono altissimi in termini di giornate lavorative perse ogni anno (circa il 50-60%), pari a circa 20 miliardi di Euro. Si prevede che il numero di persone che soffrono di stress legato all attività lavorativa sia destinato ad aumentare.

7 D. LGS 81/2008 ART VALUTAZIONE DI TUTTI I RISCHI ivi compresi quelli riguardanti gruppi di lavoratori esposti a rischi particolari, tra cui anche quelli collegati allo stress lavoro-correlato, secondo i contenuti dell accordo europeo dell 8 ottobre 2004

8 CHIARIRE ALCUNI ASPETTI DELLO STRESS 8 1. Lo stress non è una malattia ma una situazione di prolungata tensione può ridurre l efficienza sul lavoro e può determinare un cattivo stato di salute. 2. Lo stress che ha origine fuori dall ambito di lavoro può condurre a cambiamenti nel comportamento e ad una ridotta efficienza sul lavoro. 3. Non tutte le manifestazioni di stress sul lavoro possono essere considerate come stress lavoro-correlato.

9 COS E LO STRESS 9 Lo stress è una risposta essenziale per la vita, la completa libertà dallo stress è la morte. Contrariamente a quanto si possa pensare, non dobbiamo e non possiamo evitare lo stress, ma possiamo andargli incontro in modo efficace traendone vantaggio, imparando di più sui suoi meccanismi, e adattando ad esso la nostra filosofia dell esistenza. Seyle, 1974

10 FONTI DI STRESS SUL LAVORO CONTESTO LAVORATIVO Ruolo nell organizzazione Conflitti, ambiguità, responsabilità. Carriera Autonomia decisionale/controllo Rapporto interpersonali sul lavoro Funzione e cultura organizzativa Interfaccia casa/lavoro Insicurezza, incertezza, retribuzione inadeguata. Scarsa partecipazione al processo decisionale, mancanza di controllo sul proprio lavoro. Conflitti, scarso supporto, isolamento fisico o sociale, violenza su lavoro. Comunicazione carente, obiettivi non chiari. Inconciliabilità tra tempi/esigenze casa-lavoro. 10

11 FONTI DI STRESS SUL LAVORO CONTENUTO DEL LAVORO Ambiente e attrezzature di lavoro Progettazione dei compiti Carico/ritmo di lavoro Orario di lavoro Caratteristiche fisiche di lavoro, attrezzature disponibili. Monotonia, ripetitività, mancanza di feedback, scarse possibilità di apprendimento, sottoutilizzo delle capacità. Carico di lavoro troppo alto o troppo basso, controllo sui ritmi di lavoro, pressione lavoro-tempo. Lavoro a turni, orari di lavoro lunghi (oltre 48 h a settimana), scarso controllo sugli orari di lavoro. 11

12 FATTORI INDICATORI DI STRESS SECONDO L ACCORDO EUROPEO 12 l eventuale inadeguatezza nella gestione dell organizzazione e dei processi di lavoro; la disciplina dell orario di lavoro; il grado di autonomia; la corrispondenza tra le competenze dei lavoratori ed i requisiti professionali richiesti; i carichi di lavoro; le condizioni di lavoro e ambientali (esposizione a comportamenti illeciti, rumore, calore, sostanze pericolose, etc.);

13 FATTORI INDICATORI DI STRESS SECONDO L ACCORDO EUROPEO 13 la comunicazione (incertezza in ordine alle prestazioni richieste, alle prospettive di impiego o ai possibili cambiamenti, etc.); i fattori soggettivi (tensioni emotive e sociali, sensazione di non poter far fronte alla situazione, percezione di mancanza di attenzione nei propri confronti, etc.)

14 QUALI LE PERSONE A RISCHIO? 14 TUTTE indipendentemente dal ruolo ricoperto nell azienda.

15 QUALI LE CONSEGUENZE? 15 A livello comportamentale: abuso di alcol, tabacco, farmaci, comportamenti aggressivi, tendenza a correre rischi eccessivi. A livello psicologico: ansia, suscettibilità, tristezza, irritabilità, incapacità a concentrarsi, inquietudine, problemi relazionali anche in famiglia. A livello fisico: emicrania, stanchezza, disturbi digestivi, aumento della pressione arteriosa, dolori cervicali, problemi sessuali, ecc.

16 CONSEGUENZE PER LE ORGANIZZAZIONI 16 A livello di organizzazione: assenteismo, scarso controllo dei tempi di lavorazione, vessazioni, danno all immagine aziendale. A livello di prestazioni individuali: riduzione della produttività, della qualità del prodotto o del servizio, errori, possibili infortuni. A livello economico: aumento dei costi per possibili indennizzi o spese mediche, reclutamento nuovo personale, formazione.

17 17 BURN OUT

18 SIGNIFICATO DEL TERMINE 18 Più comunemente conosciuto come stress cronico. Metafora che designa una serie di fenomeni di affaticamento, logoramento, improduttività lavorativa, registrata nei professionisti del sociale che appaiono bruciati ed esauriti, tanto da alterarne gli aspetti psico-fisici e comportamentali. Risposta individuale ad una situazione lavorativa percepita come stressante e nella quale l individuo non dispone di risorse e strategie comportamentali o cognitive adeguate per fronteggiarla. [Cherniss] Sindrome di esaurimento emozionale, di spersonalizzazione e di riduzione delle capacità professionali. [Maslach e Leiter]

19 CATEGORIE A RISCHIO 19 Helping profession Professioni di aiuto high-touch : a CONTATTO CONTINUO con persone in difficoltà e implicano INVESTIMENTI FISICI ed EMOZIONALI, RISCHI E RESPONSABILITA. ( infermieri, educatori, assistenti sociali, psicologi, poliziotti, ecc )

20 FASI DELLA SINDROME 20 ENTUSIASMO IDEALISTICO STAGNAZIONE o INSODDISFAZIONE LAVORATIVA ESAURIMENTO o FRUSTRAZIONE CONCLUSIONE DIFENSIVA o ALIENAZIONE MORTE PROFESSIONALE

21 EFFETTI DEL BURN OUT 21 Sull individuo vittima della sindrome e sulla sua vita familiare e relazionale; Sull utenza a contatto con gli operatori sociali in burn-out; Sull intera organizzazione in termini di scarsa forza-lavoro.

22 22 IL MOBBING

23 ORIGINE DEL TERMINE 23 Il termine mobbing è mutuato dall etologia: Konrad Lorenz per primo infatti lo utilizzò per indicare una reazione collettiva verso un predatore da parte di potenziali prede, che con l assalto organizzato di gruppo lo confondono e ne elidono l attacco, ma anche, successivamente, per indicare i comportamenti aggressivi di un gruppo di animali nei confronti di un singolo inter o intraspecifico.

24 Il MOBBING SECONDO H. LEYMANN 24 Il mobbing implica un comportamento di comunicazione ostile e non etico, diretto sistematicamente verso un individuo che, in seguito al mobbing, viene a trovarsi in una posizione di impotenza, il che permette la ripetizione di attività di disturbo. Tali attività si riproducono in modo frequente (definizione statistica: almeno una volta alla settimana) e si producono per un lungo periodo di tempo (definizione statistica: almeno per sei mesi). A causa della durata e della frequenza dei comportamenti ostili, questo maltrattamento genera sofferenza psicologica, disturbi psicosomatici e disagio sociale. H. Leymann, The content and development of mobbing at work, 1996

25 25 STRATEGIE NEL MOBBING LA COMUNICAZIONE I CONTATTI SOCIALI LA REPUTAZIONE PERSONALE LA POSIZIONE OCCUPATA LA SALUTE FISICA Alla vittima viene impedito di comunicare La vittima viene emarginata socialmente L individuo è vittima di pettegolezzi Si assegnano alla persona compiti o mansioni dequalificanti La vittima è attaccata verbalmente o fisicamente

26 COSA NON E MOBBING 26 Azioni singole come: Un litigio/una discussione Un insulto Un pettegolezzo Un trasferimento

27 Leymann Fasi del mobbing 27 Ege il conflitto quotidiano condizione zero conflitto mirato inizio del mobbing e del terrore psicologico inizio del mobbing primi sintomi psicosomatici ufficializzazione Errori ed abusi della Amministrazione del Personale espulsione dal mondo del lavoro serio aggravamento della salute psico-fisica della vittima esclusione dal mondo del lavoro

28 CONSEGUENZE DEL MOBBING 28 Per il mobbizzato Conseguenze psico-fisiche, variabili in funzione della persona vittima di mobbing. Danni economici Danni relazionali

29 DIAGNOSI GENERALMENTE RISCONTRATA NELLA VITTIMA DI MOBBING DDA (Disturbo dell Adattamento) evento stressante identificabile verificatosi entro tre mesi dall esordio della sintomatologia compromissione del rendimento lavorativo o delle attività sociali consuete o delle relazioni interpersonali non deve trattarsi di una semplice riacutizzazione di un preesistente disturbo una volta terminato l evento stressante, la reazione disadattiva non deve persistere per più di sei mesi

30 CONSEGUENZE PER LE ORGANIZZAZIONI 30 Il mobber invece di lavorare perde almeno il 15% del tempo a molestare la vittima Il mobbing altera il morale dell organizzazione L azienda rischia cause legali e spese L azienda dovrà provvedere alla sostituzione e al riassetto organizzativo

31 CAUSE DEL MOBBING 31 Fattori soggettivi: stress, conflitti, caratteristiche di personalità Fattori oggettivi: contesti culturali, trasformazioni tecnologiche, flessibilità del mercato del lavoro, competitività.

32 FATTORI CHE PREDISPONGONO AL CONFLITTO INTERPERSONALE 32 Caratteristiche dei gruppi Regole di interazione Differenze interpersonali Pressioni operate dal gruppo Stereotipi comportamentali Formazione di sottogruppi Modalità di comunicazione Accettazione delle regole di interazione Differenze di personalità Differenze di genere ed età Modalità di relazione con gli altri Percezione delle situazioni Pregiudizi Abuso di autorità Manipolazioni e giochi di potere Interpretazioni soggettive Ambiguità ed equivoci Razionalità e principi personali

33 LA PREVENZIONE 33 PREVENZIONE DI PRIMO LIVELLO: tende a modificare o a eliminare i fattori di rischio presenti nell organizzazione pericolosi per la salute psicologica del lavoratore. PREVENZIONE DI SECONDO LIVELLO: si attua aiutando le persone ad apprendere abilità e modalità per riconoscere e gestire le loro reazioni nei confronti di situazioni che generano tensioni. PREVENZIONE DI TERZO LIVELLO: riguarda il trattamento, la riabilitazione, il processo di reinserimento al lavoro, e al sostegno delle persone che soffrono o che hanno sofferto in conseguenza di problemi legati alla salute psicologica al lavoro.

34 RISCHI PSICO-SOCIALI E BENESSERE ORGANIZZATIVO 34 Capacità dell organizzazione di promuovere e mantenere il benessere fisico, psicologico e sociale dei lavoratori per tutti i livelli e i ruoli. Le ricerche sul campo hanno evidenziato che le strutture più efficienti sono quelle caratterizzate da un clima interno partecipativo e collaborativo. Il che si traduce in soddisfazione del lavoratore e maggior rendimento.

35 LA PREVENZIONE DEI RISCHI PSICO-SOCIALI 35 CONOSCENZA VALUTAZIONE DEL RISCHIO

36 INTEGRAZIONE DELLE PROFESSIONALITA 36 PSICOLOGO DEL LAVORO MEDICO DEL LAVORO SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

37 COME AFFRONTARE I RISCHI PSICO-SOCIALI NELLE ORGANIZZAZIONI 37 Costituzione di gruppi di lavoro Datore di Lavoro, Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP), Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS), Responsabile Risorse Umane, Medico Competente, Psicologo del Lavoro.

38 MISURE INDIVIDUALI E COLLETTIVE 38 Misure di gestione e comunicazione (chiarire obiettivi aziendali, ruoli, responsabilità) Migliorare l organizzazione, i processi, le condizioni e l ambiente di lavoro Formazione dei dirigenti e dei lavoratori Informazione e consultazione dei lavoratori e/o dei loro rappresentanti

39 PREVENZIONE E FORMAZIONE 39 Formazione che coinvolga l intera organizzazione, a partire dal top management Informazione del personale Diffusione della cultura del rispetto Definizione di codici di comportamento (informazione e controllo della corretta applicazione) Creazione di ambienti di lavoro partecipativi Monitoraggio clima aziendale

40 BIBLIOGRAFIA SLIDES I. Corradini, P. Lambertucci, Lo stress nei luoghi di lavoro, Edizioni Themis, Roma I. Corradini, I mobbings, Edizioni Themis, Roma Agenzia Europea per la Sicurezza e la Salute sul lavoro, Ispesl, Ricerca sullo stress correlato al lavoro, Accordo europeo sullo stress, 8 ottobre Associazione Ambiente e Lavoro, Dossier Ambiente n.75 (III Trimestre 2006). Modulo C - I rischi psicosociali 40 40

41 BIBLIOGRAFIA E APPROFONDIMENTI 41

42 RIFERIMENTI DOCENTE Isabella Corradini SITO WEB: 42

STRESS LAVORO CORRELATO: PROFILI PSICO-SOCIALI E METODOLOGIE DI VALUTAZIONE

STRESS LAVORO CORRELATO: PROFILI PSICO-SOCIALI E METODOLOGIE DI VALUTAZIONE STRESS LAVORO CORRELATO: PROFILI PSICO-SOCIALI E METODOLOGIE DI VALUTAZIONE 1 Prof. Isabella Corradini Psicologia sociale e del Lavoro Responsabile Area Psicologica Osservatorio Rischi Psico-sociali Università

Dettagli

Ing. Ant o Ant nio o nio Giorgi Gior gi RSPP

Ing. Ant o Ant nio o nio Giorgi Gior gi RSPP Ing Antonio Giorgi Ing. Antonio Giorgi RSPP Il Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell art. 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei

Dettagli

RISCHI DA FATTORI PSICO-SOCIO-LAVORATIVI STRESS LAVORO-CORRELATO

RISCHI DA FATTORI PSICO-SOCIO-LAVORATIVI STRESS LAVORO-CORRELATO RISCHI DA FATTORI PSICO-SOCIO-LAVORATIVI STRESS LAVORO-CORRELATO CORSO Di FORMAZIONE ASL CN2 ALBA-BRA 05/07/2012 Dr. Musto Domenico Dirigente Medico S.Pre.S.A.L. ASL AT Asti D.L.GS 81/2008 E RISCHI DA

Dettagli

Seminario Stress lavoro correlato: Indicazioni operative. Obblighi normativi. Viganò Giancarlo Direttore Servizio PSAL - ASL Sondrio

Seminario Stress lavoro correlato: Indicazioni operative. Obblighi normativi. Viganò Giancarlo Direttore Servizio PSAL - ASL Sondrio Seminario Stress lavoro correlato: Indicazioni operative Obblighi normativi Viganò Giancarlo Direttore Servizio PSAL - ASL Sondrio Stress lavoro correlato Tema di attualità Incidenza elevata Cambiamento

Dettagli

Come affrontare lo stress lavorativo

Come affrontare lo stress lavorativo V Convegno del Coordinamento Donne CIMO LA DONNA IN SANITÀ : UNA RISORSA, UNA CRITICITÀ, UNA FORZA MOTRICE DEL MIGLIORAMENTO IN SANITÀ Come affrontare lo stress lavorativo Antonia Ballottin ULSS 20 VERONA

Dettagli

I rischi da stress lavoro correlato

I rischi da stress lavoro correlato I rischi da stress lavoro correlato dr.ssa Elena Padovan Psicologa del Lavoro Logo Soggetto Attuatore Stress lavoro correlato D.Lgs 81/2008 art. 28 La valutazione ( ) deve riguardare tutti i rischi per

Dettagli

Stress - Panorama legislativo

Stress - Panorama legislativo Lo Stress lavoro-correlato La valutazione del rischio stress lavoro correlato Stress - Panorama legislativo Accordo- quadro Europeo 8 ottobre 2004 Art. 28 del D.Lgs. n.81/2008 Valutazione del rischio stress

Dettagli

Dr.ssa Silvia Testi. Psicologa Psicoterapeuta Iscrizione Ordine Psicologi della Lombardia n. 6774

Dr.ssa Silvia Testi. Psicologa Psicoterapeuta Iscrizione Ordine Psicologi della Lombardia n. 6774 Breve estratto dell intervento: Conseguenze cliniche e psicologiche del mobbing: malattie professionali, conseguenze sul nucleo familiare, ricadute sociali e individuali L intervento si propone un esposizione

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO

INDIRIZZI GENERALI PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO INDIRIZZI GENERALI PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO STRESS LAVORO CORRELATO 1 Introduzione. La gestione della salute e sicurezza in azienda assume un importanza sempre maggiore non solo al fine

Dettagli

Benessere organizzativo, rischi psicosociali e stress lavoro-correlato: aspetti normativi

Benessere organizzativo, rischi psicosociali e stress lavoro-correlato: aspetti normativi Scuola di Specializzazione in Medicina del Lavoro Direttore: Prof. Giovanni Battista Bartolucci SEMINARI DI MEDICINA DEL LAVORO 2008 Benessere organizzativo e prevenzione del disagio in ambiente di lavoro

Dettagli

CHE STRESS! E non so nemmeno cos è

CHE STRESS! E non so nemmeno cos è Organismo Paritetico Provinciale STRESS LAVORO CORRELATO CHE STRESS! E non so nemmeno cos è Scheda tecnica redatta da: Dott. Mauro Scartazza Consulente Salute Sicurezza e Igiene degli Alimenti Speciale

Dettagli

STRESS LAVORO CORRELATO. 5 Modulo Collaboratori scolastici

STRESS LAVORO CORRELATO. 5 Modulo Collaboratori scolastici STRESS LAVORO CORRELATO 5 Modulo Collaboratori scolastici Realizzata da: Dott. Ing. Maria Josè Mereu in collaborazione con la Prof.ssa Isabella Carta Richiesta da: I.I.S. «L. Einaudi» Senorbì (CA) 1 2

Dettagli

Primi indirizzi generali per la valutazione e gestione del rischio stress lavorativo

Primi indirizzi generali per la valutazione e gestione del rischio stress lavorativo Primi indirizzi generali per la valutazione e gestione del rischio stress lavorativo maria paola cogotti L articolo 28, co. 1, D.Lgs. n. 81/08 e successive modifiche ed integrazioni, ha chiarito che Lo

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO dott. rag. Marco Ansaldi e rag. Antonella Bolla CONSULENZA FISCALE E DEL LAVORO 06.08.2010 VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO I continui cambiamenti a livello di organizzazione del lavoro,

Dettagli

I CRITERI PER LA DIMOSTRAZIONE DELLA PATOLOGIA E LA SUA CORRELAZIONE AL LAVORO

I CRITERI PER LA DIMOSTRAZIONE DELLA PATOLOGIA E LA SUA CORRELAZIONE AL LAVORO I CRITERI PER LA DIMOSTRAZIONE DELLA PATOLOGIA E LA SUA CORRELAZIONE AL LAVORO Dott.ssa Simona Codazzi Psicologa Esperta in Psicologia Giuridica Padova, 4 dicembre 2012 Mobbing e risarcimento Chiunque

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciano a SCUOLA STRESS LAVORO-CORRELATO

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciano a SCUOLA STRESS LAVORO-CORRELATO LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciano a SCUOLA STRESS LAVORO-CORRELATO COSA E LO STRESS Lo stress è una risposta naturale dell organismo che permette di affrontare situazioni percepite come problematiche

Dettagli

Seminario sicurezza e salute sul lavoro

Seminario sicurezza e salute sul lavoro Seminario sicurezza e salute sul lavoro Valutazione dei rischi psicosociali: stress lavoro correlato A cura del Dott. Gianluca Celeste Aifos Logo Soggetto Attuatore Il mondo del lavoro sta cambiando? Tramonto

Dettagli

Clinica del Lavoro Luigi Devoto Centro per la prevenzione, diagnosi, cura e riabilitazione della patologia da disadattamento lavorativo Milano LA PATOLOGIA DA STRESS OCCUPAZIONALE Renato Gilioli Maria

Dettagli

GUIDA OPERATIVA PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO GUIDA OPERATIVA. Coordinatore: Fulvio d Orsi (Regione Lazio)

GUIDA OPERATIVA PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO GUIDA OPERATIVA. Coordinatore: Fulvio d Orsi (Regione Lazio) GUIDA OPERATIVA PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO Coordinatore: Fulvio d Orsi (Regione Lazio) Antonia Ballottin (Regione Veneto) Maria Pia Cancellieri (Regione Marche)

Dettagli

Glossario della valutazione dei rischi da stress lavoro-correlato

Glossario della valutazione dei rischi da stress lavoro-correlato Glossario della valutazione dei rischi da stress lavoro-correlato ASPP Addetto ai servizi di protezione e prevenzione ANALISI DOCUMENTALE Lettura dell organizzazione del lavoro (organigramma, flussi produttivi,

Dettagli

Come riconoscere la violenza e le molestie sul lavoro

Come riconoscere la violenza e le molestie sul lavoro Università degli Studi di Messina Sezione di Medicina del Lavoro Dipartimento di Scienze biomediche, odontoiatriche e delle immagini morfologiche e funzionali Come riconoscere la violenza e le molestie

Dettagli

EFFETTI A LUNGO TERMINE DELLO STRESS LAVORATIVO : IL BURN OUT

EFFETTI A LUNGO TERMINE DELLO STRESS LAVORATIVO : IL BURN OUT EFFETTI A LUNGO TERMINE DELLO STRESS LAVORATIVO : IL BURN OUT E BUONA NORMA NON SOTTOVALUTARE NESSUN CASO PERCHÉ: In una percentuale significativa di essi si potrebbe andare incontro a patologie ad insorgenza

Dettagli

La prospettiva ergonomica per la prevenzione dello stress lavorativo

La prospettiva ergonomica per la prevenzione dello stress lavorativo UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI TORINO DIPARTIMENTO DI PSICOLOGIA Via Verdi, 10-10124 Torino - Tel. 7902872 La prospettiva ergonomica per la prevenzione dello stress lavorativo Promozione della salute e prevenzione

Dettagli

L obbligo di valutazione del rischio da stress lavoro correlato

L obbligo di valutazione del rischio da stress lavoro correlato RSPP-DDL aggiornamento 2013 L obbligo di valutazione del rischio da stress lavoro correlato Federico Vegetti La tutela della salute dei lavoratori, obbligo generale del datore di lavoro, passa anche attraverso

Dettagli

ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA

ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA ELEMENTI DI PSICOLOGIA DELL EMERGENZA I fattori di rischio e di protezione del volontario A cura degli Psicologi CPPAVPC Ed. 2013 1 DDL 4449 del 2 febbraio 2000 L istituzione del ruolo dello psicologo

Dettagli

LO STRESS LEGATO ALL ATTIVITA LAVORATIVA

LO STRESS LEGATO ALL ATTIVITA LAVORATIVA OPUSCOLO INFORMATIVO DEI LAVORATORI (ai sensi degli artt. 36 e 37 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.) LO STRESS LEGATO ALL ATTIVITA LAVORATIVA a cura del RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE del

Dettagli

INSIGHT. IMPARARE A GUARDARSI DENTRO: L insight dell operatore sanitario. Manfredi Manuela Ambulatorio di Psicologia, IRCC, Candiolo

INSIGHT. IMPARARE A GUARDARSI DENTRO: L insight dell operatore sanitario. Manfredi Manuela Ambulatorio di Psicologia, IRCC, Candiolo IMPARARE A GUARDARSI DENTRO: L insight dell operatore sanitario Manfredi Manuela Ambulatorio di Psicologia, IRCC, Candiolo OTTIMA COMPETENZA PROFESSIONALE CAPACITA DI PROBLEM SOLVING CAPACITA DI CONCENTRAZIONE

Dettagli

con il patrocinio di presenta

con il patrocinio di presenta con il patrocinio di presenta LO STRESS AUDIT Lo STRESS AUDIT è una metodologia che consente di valutare il rischio stress all interno dell organizzazione. Attraverso questa metodologia la tua azienda

Dettagli

ESPERIENZA DELLA AZIENDA ULSS 20 DI VERONA

ESPERIENZA DELLA AZIENDA ULSS 20 DI VERONA ORDINE DEGLI PSICOLOGI DEL VENETO Convegno ESPERIENZA DELLA AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Metodo per la valutazione dello stress lavoro correlato Dr.ssa Antonia Ballottin Psicologo del Lavoro Spisal Ulss 20

Dettagli

Quale vigilanza? Il ruolo degli SPISAL nella prevenzione e nell'accertamento di patologie professionali legate allo stress

Quale vigilanza? Il ruolo degli SPISAL nella prevenzione e nell'accertamento di patologie professionali legate allo stress Quale vigilanza? Il ruolo degli SPISAL nella prevenzione e nell'accertamento di patologie professionali legate allo stress dott. Pierantonio Zanon SPISAL ULSS N. 6 VICENZA 13 maggio 2010 Un salto indietro

Dettagli

Disagio da lavoro. analisi del fenomeno, azione e prevenzione. Dott.ssa Sabina Sernia Dott.ssa Maddalena Quintili

Disagio da lavoro. analisi del fenomeno, azione e prevenzione. Dott.ssa Sabina Sernia Dott.ssa Maddalena Quintili Disagio da lavoro analisi del fenomeno, azione e prevenzione Dott.ssa Sabina Sernia Obiettivo primario Medicina del Lavoro salvaguardia della salute dei lavoratori, la promozione di un lavoro sicuro e

Dettagli

LO STRAINING. Avvocato Cristina Ceci

LO STRAINING. Avvocato Cristina Ceci LO STRAINING Avvocato Cristina Ceci 1 Straining cos è Dal verbo inglese to strain: tendere, sforzare, distorcere, stringere, mettere sotto pressione. Strained è definita in inglese una persona leggermente

Dettagli

*Il mobbing. * Dott. Paolo Cardoso * Psicologo psicoterapeuta

*Il mobbing. * Dott. Paolo Cardoso * Psicologo psicoterapeuta *Il mobbing * Dott. Paolo Cardoso * Psicologo psicoterapeuta Si tratta di un comportamento strategico che può verificarsi anche sul luogo di lavoro dove viene utilizzato per allontanare soggetti indesiderati

Dettagli

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare:

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: PSICOTERAPIE COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: - una SINDROME CLINICA di tipo PSICOPATOLOGICO

Dettagli

IL LAVORO è SALUTE FACCIAMO PREVENZIONE

IL LAVORO è SALUTE FACCIAMO PREVENZIONE IL LAVORO è SALUTE FACCIAMO PREVENZIONE Non possiamo insegnare direttamente a qualcuno, possiamo solo facilitare il suo apprendimento (Rogers C. 1961) BARI - BAT LABORATORIO DI ASCOLTO E PREVENZIONE DELLO

Dettagli

Il Mobbing e la conflittualità nei luoghi di lavoro

Il Mobbing e la conflittualità nei luoghi di lavoro COMUNE DI GENOVA COMUNE DI GENOVA Il Mobbing e la conflittualità nei luoghi di lavoro "Il lavoro non mi piace, non piace a nessuno, ma a me piace quello che c'è nel lavoro: la possibilità di trovare una

Dettagli

Lavoro e rischi psicosociali

Lavoro e rischi psicosociali Lavoro e rischi psicosociali Stress, Burn out, Mobbing Valeria Perrucci Psicologa, Formatrice Insieme delle variabili organizzative, gestionali, ambientali e relazionali che possono causare un danno psicologico,

Dettagli

D. LGS. 81/08 L USO IN SICUREZZA DEI VIDEOTERMINALI LO STRESS DA LAVORO

D. LGS. 81/08 L USO IN SICUREZZA DEI VIDEOTERMINALI LO STRESS DA LAVORO D. LGS. 81/08 L USO IN SICUREZZA DEI VIDEOTERMINALI LO STRESS DA LAVORO I Videoterminali Riferimenti normativi: D. Lgs. 81 del 2008 Titolo VII (art.i. 172 179) RISCHIO VDT Cos è lavoro al videoterminale?

Dettagli

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO

VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO-CORRELATO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Prevenzione Igiene e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro Dr.ssa Mara Cristofori FASE O VALUTARE ASPETTATIVE

Dettagli

Healthy Workplaces Manage Stress Managing stress and psychosocial risks at work

Healthy Workplaces Manage Stress Managing stress and psychosocial risks at work Healthy Workplaces Manage Stress Managing stress and psychosocial risks at work La Campagna Europea sulla gestione dello stress lavoro-correlato Graziano Frigeri EWHN European Secretary Safety and health

Dettagli

La valutazione dello stress lavoro-correlato nell ASS N. 1 Triestina

La valutazione dello stress lavoro-correlato nell ASS N. 1 Triestina La valutazione dello stress lavoro-correlato nell ASS N. 1 Triestina ANALISI DELLO STRESS LAVORO-CORRELATO E IMPLEMENTAZIONE DEGLI STANDARD HPH 1 e 4 Maria Peresson Medico del lavoro Marco Rizzo Tecnico

Dettagli

Rischio stress lavoro correlato STRESS LAVORO CORRELATO

Rischio stress lavoro correlato STRESS LAVORO CORRELATO STRESS LAVORO CORRELATO Dimensioni del fenomeno Un po di numeri (rilevazione ISPESL 2000-2004) In Europa oltre il 50% dei lavoratori lavora a ritmi veloci o sotto la pressione di scadenze per almeno un

Dettagli

Emotional Intelligence Stress Audit

Emotional Intelligence Stress Audit Emotional Intelligence Stress Audit Valutazione del rischio stress lavoro correlato per il benessere delle persone e dell organizzazione Lo STRESS AUDIT è una metodologia che consente di valutare il rischio

Dettagli

Il significato del verbo TO MOB è: attaccare, assalire tumultuosamente in massa, malmenare, aggredire

Il significato del verbo TO MOB è: attaccare, assalire tumultuosamente in massa, malmenare, aggredire Termine inglese utilizzato per descrivere il fenomeno dell attacco e della eliminazione di un animale da parte di animali simili Il significato del verbo TO MOB è: attaccare, assalire tumultuosamente in

Dettagli

dell organismo a richieste esterno Dott. Giuseppe Marmo Ordine degli Psicologi di Basilicata

dell organismo a richieste esterno Dott. Giuseppe Marmo Ordine degli Psicologi di Basilicata SINDROME GENERALE DI ADATTAMENTO Risposta generale aspecifica dell organismo a richieste provenienti dall ambiente esterno Ordine degli Psicologi di Basilicata Ad un stimolo stressogeno si risponde con:

Dettagli

STRESS LAVORO CORRELATO. Psicologa Dott.ssa Clara De Gennaro

STRESS LAVORO CORRELATO. Psicologa Dott.ssa Clara De Gennaro STRESS LAVORO CORRELATO Psicologa Dott.ssa Clara De Gennaro Riferimenti Normativi essenziali Il D.Lgs 81/2008, in materia di salute e sicurezza negli ambienti di lavoro e le successive disposizioni, obbligano

Dettagli

M OBBING PARLIAMO DI. Comitato Paritetico sul fenomeno del mobbing

M OBBING PARLIAMO DI. Comitato Paritetico sul fenomeno del mobbing Comitato Paritetico sul fenomeno del mobbing M OBBING M PARLIAMO DI Direzione Centrale Comunicazione P.le Giulio Pastore, 6-00144 ROMA e-mail: dccomunicazione@inail.it COMITATO PARITETICO PER IL FENOMENO

Dettagli

Il rischio stress-lavoro correlato: risultati della valutazione del rischio su un campione di scuole trentine

Il rischio stress-lavoro correlato: risultati della valutazione del rischio su un campione di scuole trentine Chiara Vicario Il rischio stress-lavoro correlato: risultati della valutazione del rischio su un campione di scuole trentine Mansioni note in letteratura Documento di consenso sullo stress SIMLII (2005)

Dettagli

Relatore : dr. Fabio Via

Relatore : dr. Fabio Via Il benessere organizzativo percorsi di autovalutazione 1,2,3 febbraio 2011-1,2,3 marzo 2011 Gorizia - Monfalcone La valutazione dello stress lavoro correlato Relatore : dr. Fabio Via STANDARD PROMUOVERE

Dettagli

La qualità del lavoro e le sue dimensioni

La qualità del lavoro e le sue dimensioni Il mobbing: conoscere per prevenire La qualità del lavoro e le sue dimensioni Roberto Rizza e Paolo Zurla Dipartimento di Sociologia e Diritto dell Economia Bologna, 27 Febbraio 2015 Qualità del lavoro

Dettagli

Burn out. Il termine burn out è una metafora significativa ma imprecisa. Da l idea l

Burn out. Il termine burn out è una metafora significativa ma imprecisa. Da l idea l Burn out Sindrome di esaurimento emozionale, depersonalizzazione e ridotta realizzazione personale che può manifestarsi in soggetti che svolgono un lavoro sociale di diverso genere (Maslach 1986) Stato

Dettagli

L ASSISTENTE SOCIALE E LE SUE MALATTIE PROFESSIONALI

L ASSISTENTE SOCIALE E LE SUE MALATTIE PROFESSIONALI L ASSISTENTE SOCIALE E LE SUE MALATTIE PROFESSIONALI 1 L ASSISTENTE SOCIALE La professione di assistente sociale è sempre più investita di: responsabilità programmatorie di coordinamento di costruzione

Dettagli

Mobbing, come uscirne

Mobbing, come uscirne MOLTI DIRIGENTI SOTTOVALUTANO IL MOBBING. LO CONSIDERANO UN FASTIDIO, MA ESSO DANNEGGIA CONSIDEREVOLMENTE ANCHE L AZIENDA. Secondo l ultimo monitoraggio effettuato dall ISPESL (Istituto Superiore per la

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEI RISCHI: LO STRESS LAVORO CORRELATO (Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81) SEMINARIO CONFINDUSTRIA Roma, 11 dicembre 2008

LA VALUTAZIONE DEI RISCHI: LO STRESS LAVORO CORRELATO (Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81) SEMINARIO CONFINDUSTRIA Roma, 11 dicembre 2008 LA VALUTAZIONE DEI RISCHI: LO STRESS LAVORO CORRELATO (Decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81) SEMINARIO CONFINDUSTRIA Roma, 11 dicembre 2008 La valutazione del rischio stress lavoro correlato questioni

Dettagli

La gestione delle situazioni di emergenza infatti coinvolge funzioni e strategie differenti.

La gestione delle situazioni di emergenza infatti coinvolge funzioni e strategie differenti. PSICOLOGIA DELL EMERGENZA Cerca di comprendere i processi decisionali e le scelte comportamentali nelle situazioni di pericolo. Lo scopo è quello di analizzare la complessa interazione tra : - Mente -

Dettagli

GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO CORRELATO

GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO CORRELATO GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLO STRESS LAVORO CORRELATO Quello che un datore di lavoro deve sapere per effettuare una corretta valutazione dello stress lavoro correlato STRESS LAVORO CORRELATO: di cosa si

Dettagli

INTEGRAZONE DEL DVR CON LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO

INTEGRAZONE DEL DVR CON LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO INTEGRAZONE DEL DVR CON LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA STRESS LAVORO CORRELATO La valutazione del rischio stress lavoro correlato deve essere finalizzata all individuazione e all attuazione di misure di

Dettagli

NEAT??? Peif 3.4??? Peif 3.5???...??? Stress lavoro correlato

NEAT??? Peif 3.4??? Peif 3.5???...??? Stress lavoro correlato NEAT??? Peif 3.4??? Peif 3.5???...??? Stress lavoro correlato STRESS - DEFINIZIONE RISPOSTA DELL ORGANISMO AD OGNI TIPO DI SOLLECITAZIONE In linea generale identifica una condizione in cui l individuo

Dettagli

La valutazione del rischio stress lavoro correlato. Dott. Enrico Proto Medicina Occupazionale H. San Raffaele Resnati s.p.a.

La valutazione del rischio stress lavoro correlato. Dott. Enrico Proto Medicina Occupazionale H. San Raffaele Resnati s.p.a. La valutazione del rischio stress lavoro correlato Dott. Enrico Proto Medicina Occupazionale H. San Raffaele Resnati s.p.a. STRESS DA LAVORO: UN RISCHIO VALUTABILE Progetto Stress Comune di Milano E. Proto*,

Dettagli

Quando nasce il mobbing e quali effetti produce?

Quando nasce il mobbing e quali effetti produce? Il mobbing: conoscere per prevenire Quando nasce il mobbing e quali effetti produce? Dina Gugliemi Dipartimento di Scienze dell Educazione Bologna, 27 marzo 2015 PARTIAMO DALL ORIGINE (1) Dal verbo to

Dettagli

RISCHIO PSICOSOCIALE E PROMOZIONE DEL BENESSERE DELL ORGANIZZAZIONE

RISCHIO PSICOSOCIALE E PROMOZIONE DEL BENESSERE DELL ORGANIZZAZIONE DR.SSA GIULIANA GIAMPIERI Psicologa e Psicoterapeuta Azienda USL di Rieti Gruppo di lavoro per la valutazione del rischio psicosociale RISCHIO PSICOSOCIALE E PROMOZIONE DEL BENESSERE DELL ORGANIZZAZIONE

Dettagli

IL GIUDIZIO DI IDONEITA NELLA TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI

IL GIUDIZIO DI IDONEITA NELLA TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI CAMPAGNA EUROPEA PER LA SICUREZZA PROMUOVIAMO LA CULTURA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO: UN PERCORSO PER CONOSCERE CHI FA PREVENZIONE NEL TERRITORIO NOVARESE IL GIUDIZIO DI IDONEITA

Dettagli

concordano Art. 1 - Introduzione

concordano Art. 1 - Introduzione ACCORDO INTERCONFEDERALE PER IL RECEPIMENTO DELL ACCORDO QUADRO EUROPEO SULLO STRESS LAVORO-CORRELATO CONCLUSO L 8 OTTOBRE 2004 TRA UNICE/ UEAPME, CEEP E CES Addì 9 giugno 2008 CONFINDUSTRIA, CONFAPI,

Dettagli

LA GESTIONE DELLO STRESS DA LAVORO CORRELATO CONVEGNO HOTEL S. FRANCESCO 22 MARZO 2014

LA GESTIONE DELLO STRESS DA LAVORO CORRELATO CONVEGNO HOTEL S. FRANCESCO 22 MARZO 2014 LA GESTIONE DELLO STRESS DA LAVORO CORRELATO CONVEGNO HOTEL S. FRANCESCO 22 MARZO 2014 MODULO 1 LA GESTIONE DELLO STRESS LAVORO CORRELATO I RISCHI AZIENDALI I rischi aziendali Dfiii Definizionedirischio

Dettagli

Dallo stress lavoro correlato allo sviluppo delle persone

Dallo stress lavoro correlato allo sviluppo delle persone Dallo stress lavoro correlato allo sviluppo delle persone A cura di: Prof.ssa Laura Borgogni Ordinario di Psicologia del Lavoro e delle Organizzazioni Facoltà di Medicina e Psicologia 15 luglio 2011 COSA

Dettagli

OTTIMIZZAZIONE DEL BENESSERE LAVORATIVO

OTTIMIZZAZIONE DEL BENESSERE LAVORATIVO CENTRO ANTIMOBBING PADOVA Associazione per l orientamento della vittima di mobbing o altro disagio nell ambiente di lavoro OTTIMIZZAZIONE DEL BENESSERE LAVORATIVO per AZIENDE IMPRESE ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA

Dettagli

Protocollo minimo di valutazione dei rischi da Stress Lavoro-Correlato

Protocollo minimo di valutazione dei rischi da Stress Lavoro-Correlato Protocollo minimo di valutazione dei rischi da Stress Lavoro-Correlato Secondo le indicazioni della Commissione consultiva 17/11/2010 Associata ECO-CONSULT S.r.l., fondata nel 1991, opera nel campo dell

Dettagli

Vittime minori. LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta

Vittime minori. LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta Vittime minori LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta Migliaia di bambini assistono in casa a scene di violenza domestica: questa è una delle esperienze più

Dettagli

Stress e mobbing: cause e conseguenze della disfunzionalità e del disagio nelle organizzazioni

Stress e mobbing: cause e conseguenze della disfunzionalità e del disagio nelle organizzazioni Stress e mobbing: cause e conseguenze della disfunzionalità e del disagio nelle organizzazioni Docente Dott.ssa Paola Spagnoli Ricercatrice in Psicologia del Lavoro e delle Organizzazioni, Seconda Università

Dettagli

VALUTAZIONE del RISCHIO di ORIGINE PSICOSOCIALE o STRESS-LAVORO CORRELATO

VALUTAZIONE del RISCHIO di ORIGINE PSICOSOCIALE o STRESS-LAVORO CORRELATO ISTITUTO REGIONALE per la PROGRAMMAZIONE ECOMICA della TOSCANA - IRPET VALUTAZIONE del di ORIGINE PCOSOCIALE o STRESS-LAVORO CORRELATO La presente relazione costituisce aggiornamento del Documento di Valutazione

Dettagli

Abilità emotive e stress lavorativo. Ferdinando Pellegrino Dipartimento Salute Mentale - ASL Salerno (ex Sa1)

Abilità emotive e stress lavorativo. Ferdinando Pellegrino Dipartimento Salute Mentale - ASL Salerno (ex Sa1) Abilità emotive e stress lavorativo Ferdinando Pellegrino Dipartimento Salute Mentale - ASL Salerno (ex Sa1) PREMESSE Esiste una stretta correlazione tra stress lavorativo e compromissione dell efficacia

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. SPISAL - Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza in Ambienti di Lavoro

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. SPISAL - Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza in Ambienti di Lavoro Dipartimento di Prevenzione U.O.C. SPISAL - Servizio Prevenzione Igiene e Sicurezza in Ambienti di Lavoro SCHEDA 1 Valutazione e gestione del rischio stress correlato V2-22/07/2013 A cura di Emanuela Guarise

Dettagli

Benessere Organizzativo Interventi di promozione della salute e del benessere psicofisico nelle organizzazioni

Benessere Organizzativo Interventi di promozione della salute e del benessere psicofisico nelle organizzazioni Pagina 1 di 6 Interventi di promozione della salute e del benessere psicofisico nelle organizzazioni Proposto nel 1981, il termine benessere sul luogo di lavoro indica non solo l assenza di malattia o

Dettagli

STRESS E LAVORO. agosto 2010 INAS CISL - NUMERO VERDE 800 249 307 - WWW.INAS.IT

STRESS E LAVORO. agosto 2010 INAS CISL - NUMERO VERDE 800 249 307 - WWW.INAS.IT Anno 62 n193 lunedì 30 agosto 2010 IISN 0010-6348 Spedin abb postale 45% Roma art2 comma 20b legge 662/96 agosto 2010 STRESS E LAVORO INAS CISL - NUMERO VERDE 800 249 307 - WWWINASIT Conquiste del lavoro

Dettagli

Safety and health at work is everyone s concern. It s good for you. It s good for business.

Safety and health at work is everyone s concern. It s good for you. It s good for business. Safety and health at work is everyone s concern. It s good for you. It s good for business. Healthy Workplaces Manage Stress Managing stress and psychosocial risks at work La Campagna Europea sulla gestione

Dettagli

LE REAZIONI PSICHICHE NORMALI DEL SOCCORRITORE, PRIMA, DURANTE E DOPO IL SOCCORSO

LE REAZIONI PSICHICHE NORMALI DEL SOCCORRITORE, PRIMA, DURANTE E DOPO IL SOCCORSO LE REAZIONI PSICHICHE NORMALI DEL SOCCORRITORE, PRIMA, DURANTE E DOPO IL SOCCORSO Gli operatori di soccorso nell esercizio delle loro funzioni possono andare incontro a STRESS e TRAUMA. Tutti noi, più

Dettagli

IL MOBBING. Alcune considerazioni per inquadrare il problema anche alla luce delle normative su salute e sicurezza sul lavoro

IL MOBBING. Alcune considerazioni per inquadrare il problema anche alla luce delle normative su salute e sicurezza sul lavoro IL MOBBING Alcune considerazioni per inquadrare il problema anche alla luce delle normative su salute e sicurezza sul lavoro Paola Cenni GdL: Mobbing and Diversity Management Comitato Pari Opportunità,

Dettagli

Mobbing: aspetti psico-sociali e vie d uscita dott.ssa Laura Barnaba Psicologa

Mobbing: aspetti psico-sociali e vie d uscita dott.ssa Laura Barnaba Psicologa Mobbing: aspetti psico-sociali e vie d uscita dott.ssa Laura Barnaba Psicologa CUG Ministero Infrastrutture e Trasporti Ex vice- presidente Comitato paritetico sul fenomeno mobbing Roma 17 dicembre 2012

Dettagli

OPUSCOLO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI

OPUSCOLO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI RISCHI PSICOSOCIALI E STRESS LAVORO- CORRELATO AI SENSI DEL D. LGS 81/08 ART. 37 COMMA 1 LETT. b) CONOSCENZE DI BASE DELLO STRESS NEL CONTESTO LAVORATIVO E PROMOZIONE DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO DEI LAVORATORI

Dettagli

CONVEGNO MOBBING: SENSIBILIZZAZIONE E PREVENZIONE PER IL BENESSERE LAVORATIVO IN REGIONE VENETO

CONVEGNO MOBBING: SENSIBILIZZAZIONE E PREVENZIONE PER IL BENESSERE LAVORATIVO IN REGIONE VENETO CONVEGNO MOBBING: SENSIBILIZZAZIONE E PREVENZIONE PER IL BENESSERE LAVORATIVO IN REGIONE VENETO Spinea, 3 giugno 2010 IMPEGNO DEL COMITATO ANTI-MOBBING Sensibilizzare amministrazioni, dirigenti e dipendenti

Dettagli

SINDROME DA BURN-OUT: CONOSCERLA E PREVENIRLA.

SINDROME DA BURN-OUT: CONOSCERLA E PREVENIRLA. SINDROME DA BURN-OUT: CONOSCERLA E PREVENIRLA. 26 settembre 3 ottobre 2015 Sede: Trento 11 Crediti ECM per le Professioni Sanitarie 8 crediti formativi e 1 credito deontologico dell Ordine degli Assistenti

Dettagli

Il percorso metodologico istituzionalmente previsto in tema di valutazione dello stress lavoro-correlato

Il percorso metodologico istituzionalmente previsto in tema di valutazione dello stress lavoro-correlato Il percorso metodologico istituzionalmente previsto in tema di valutazione dello stress lavoro-correlato Cinzia Frascheri Giuslavorista Responsabile nazionale CISL salute e sicurezza sul lavoro Tutti i

Dettagli

Call Center: Stress Organizzativo e Benessere Psicosociale. Risultati generali

Call Center: Stress Organizzativo e Benessere Psicosociale. Risultati generali Call Center: Stress Organizzativo e Benessere Psicosociale. Risultati generali 1 DOTT. PAOLO PAPPONE PSICHIATRA ASL NAPOLI 1 CENTRO A.S. MOBBING E DISADATTAMENTO LAVORATIVO P.Pappone Call Center: Stress

Dettagli

DIALOGO SOCIALE EUROPEO: LINEE GUIDA MULTISETTORIALI PER FRONTEGGIARE LA VIOLENZA E LE VESSAZIONI SUL LUOGO DI LAVORO CAUSATE DA TERZI

DIALOGO SOCIALE EUROPEO: LINEE GUIDA MULTISETTORIALI PER FRONTEGGIARE LA VIOLENZA E LE VESSAZIONI SUL LUOGO DI LAVORO CAUSATE DA TERZI DIALOGO SOCIALE EUROPEO: LINEE GUIDA MULTISETTORIALI PER FRONTEGGIARE LA VIOLENZA E LE VESSAZIONI SUL LUOGO DI LAVORO CAUSATE DA TERZI 16 luglio 2010 (I) INTRODUZIONE 1. Le presenti Linee guida mirano

Dettagli

STRESS LAVORO CORRELATO

STRESS LAVORO CORRELATO Dipartimento di Medicina Sociale del Territorio Sezione di Medicina del Lavoro STRESS LAVORO CORRELATO Network Nazionale per la Prevenzione del Disagio Psico-Sociale in ambito lavorativo ISPESL Prof.ssa

Dettagli

I MEDICI DI AZIENDA E IL MOBBING. Salvatore Taliercio. Segretario della Sezione laziale dell A.N.M.A.

I MEDICI DI AZIENDA E IL MOBBING. Salvatore Taliercio. Segretario della Sezione laziale dell A.N.M.A. I MEDICI DI AZIENDA E IL MOBBING Salvatore Taliercio Segretario della Sezione laziale dell A.N.M.A. 1 INTRODUZIONE Negli ultimi decenni, l introduzione di nuove tecnologie nelle Aziende ha profondamente

Dettagli

STRESS LAVORO-CORRELATO

STRESS LAVORO-CORRELATO STRESS LAVORO-CORRELATO o RISCHIO DA PREVENIRE o PREVENIRE LO STRESS LEGATO ALL ATTIVITA LAVORATIVA E DOVERE ETICO OBBLIGO GIURIDICO RIFERIMENTI NORMATIVI o DIRETTIVA CONSIGLIO EUROPEO (89/391/Cee,12/06/1989)

Dettagli

RUOLO ED ATTIVITA DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

RUOLO ED ATTIVITA DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO RUOLO ED ATTIVITA DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO IL RUOLO DEI SERVIZI DI PREVENZIONE E SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO, DOPO IL D. LGS. N.626/94, È QUELLO DI ESPLORATORE

Dettagli

Patologie più comunemente coinvolte nel mobbing.

Patologie più comunemente coinvolte nel mobbing. Patologie più comunemente coinvolte nel mobbing. Episodio Depressivo Maggiore. Cinque o più dei seguenti sintomi sono presenti da almeno due settimane comportando un cambiamento rispetto al precedente

Dettagli

Oltre il Mobbing lo Straining

Oltre il Mobbing lo Straining Oltre il Mobbing lo Straining Bruno Epifania Componente CUG ENEA nominato dall amministrazione dell Agenzia Convegno CUG ENEA Mobbing e Discriminazione. Parliamone Roma 20 maggio 2014 Parliamo anche di

Dettagli

CONSIGLI PRATICI SU COME AFFRONTARE LO STRESS LEGATO ALLE ATTIVITA LAVORATIVE E LE SUE CAUSE

CONSIGLI PRATICI SU COME AFFRONTARE LO STRESS LEGATO ALLE ATTIVITA LAVORATIVE E LE SUE CAUSE OPUSCOLO INFORMATIVO DEI LAVORATORI (ai sensi degli artt. 36 e 37 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.) CONSIGLI PRATICI SU COME AFFRONTARE LO STRESS LEGATO ALLE ATTIVITA LAVORATIVE E LE SUE CAUSE a cura del RESPONSABILE

Dettagli

Proposta di metodo per la valutazione del rischio stress lavoro correlato

Proposta di metodo per la valutazione del rischio stress lavoro correlato COORDINAMENTO SPISAL DELLA PROVINCIA DI VERONA BUSSOLENGO, LEGNAGO, VERONA Proposta di metodo per la valutazione del rischio stress lavoro correlato Indice Pagina Il rischio stress lavoro correlato Fase

Dettagli

IL NUOVO TESTO UNICO SULLA PREVENZIONE AGGIORNATO AL D. LGS. 106/2009 ASL RM H STRESS E MOBBING. Prof. Edoardo Monaco

IL NUOVO TESTO UNICO SULLA PREVENZIONE AGGIORNATO AL D. LGS. 106/2009 ASL RM H STRESS E MOBBING. Prof. Edoardo Monaco IL NUOVO TESTO UNICO SULLA PREVENZIONE AGGIORNATO AL D. LGS. 106/2009 ASL RM H STRESS E MOBBING Prof. Edoardo Monaco Cattedra e Scuola di Specializzazione in Medicina del Lavoro (Prof. Edoardo Monaco)

Dettagli

DEL CAREGIVER. Dott.ssa Teresa FUSCO

DEL CAREGIVER. Dott.ssa Teresa FUSCO DEL CAREGIVER Dott.ssa Teresa FUSCO CHI E IL CAREGIVER? To care= prendersi cura, assistere to give= dare, fornire Ossia colui che offre assistenza e sostegno al malato, in forma rilevante e continuativa:

Dettagli

Il Benessere organizzativo

Il Benessere organizzativo Il Benessere organizzativo 1 Tre domande chiave sul benessere organizzativo - cose è? - perché? - e noi? 2 prima domanda : cos è il benessere organizzativo 3 Benessere organizzativo...è l insieme dei nuclei

Dettagli

COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE

COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE I venerdì della salute COME RICONOSCERE LO STRESS E PRENDERSI CURA DI SE Letizia Martinengo, PhD Biblioteca di Gressan 9 aprile 2010 COSA SAPPIAMO DELLO STRESS PERCHE PARLARE DI STRESS PROBLEMI DI SALUTE

Dettagli

2 seminario sul mobbing e il disagio lavorativo. Programma di formazione/informazione 23 maggio 2008 aula Murri Policlinico S.

2 seminario sul mobbing e il disagio lavorativo. Programma di formazione/informazione 23 maggio 2008 aula Murri Policlinico S. 2 seminario sul mobbing e il disagio lavorativo Programma di formazione/informazione 23 maggio 2008 aula Murri Policlinico S.Orsola Malpighi CHE COS E IL MOBBING? non esiste una definizione univoca, condivisa

Dettagli

TRASFORMARE. Microcosmos VALUTAZIONE RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO UN OBBLIGO DI LEGGE IN UN OPPORTUNITÀ PER L AZIENDA E PER I LAVORATORI

TRASFORMARE. Microcosmos VALUTAZIONE RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO UN OBBLIGO DI LEGGE IN UN OPPORTUNITÀ PER L AZIENDA E PER I LAVORATORI Microcosmos Microcosmos Srl VALUTAZIONE RISCHIO STRESS LAVORO-CORRELATO TRASFORMARE UN OBBLIGO DI LEGGE IN UN OPPORTUNITÀ PER L AZIENDA E PER I LAVORATORI Testo Unico Sicurezza - Art. 28 DL 81/2008 L art.

Dettagli

Le pari opportunità e i principi fondamentali del diritto antidiscriminatorio. Dalle pari opportunità al benessere organizzativo

Le pari opportunità e i principi fondamentali del diritto antidiscriminatorio. Dalle pari opportunità al benessere organizzativo Dalle pari opportunità al benessere organizzativo Programma del modulo: - Cos è il benessere organizzativo; - Direttiva del Ministro della Funzione pubblica; - Equità e leadership; - D.Lgs 150/2009 e qualità

Dettagli

MOBBING e PSICOTERAPIA. Stefano Caracciolo Straordinario di Psicologia Clinica Facoltà di Medicina, UNIFE

MOBBING e PSICOTERAPIA. Stefano Caracciolo Straordinario di Psicologia Clinica Facoltà di Medicina, UNIFE MOBBING e PSICOTERAPIA Stefano Caracciolo Straordinario di Psicologia Clinica Facoltà di Medicina, UNIFE Definizione Dall inglese to mob, attaccare, accerchiare Termine usato per indicare un meccanismo

Dettagli