GIOVANNI MERONI 2011 VERSIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GIOVANNI MERONI 2011 VERSIONE"

Transcript

1 GIOVANNI MERONI Guida pratica al CORSO DI ADVERTISING ONLINE AGGIORNATO al 2011 versione beta

2 Impaginare un banner in Adobe Photoshop In questo capitolo sarà illustrato come creare un layout grafico di un banner pubblicitario, in Adobe Photoshop. Per impostare graficamente un banner è sempre preferibile un layout prima di passare al montaggio. Photoshop è un elaboratore di immagini molto potente, ed è più adatto a progettare. Permette inoltre degli effetti grafici che direttamente con Flash non sarebbe possibile ottenere. Per iniziare, apriamo Photoshop e apriamo un nuovo documento con il comando File > Nuovo Apparirà una finestra che permetterà di impostare l area di lavoro del banner. Il formato è il Box, 300x250 pixel. Le misure sono sempre base x altezza. Inserire il prodotto Cercare un prodotto semplice da scontornare (es. una lattina di una bibita). Scaricare l immagine e aprirla in Photoshop. Scontornare l immagine. Per procedere allo Nota importante Per tutti i progetti web è sempre necessario usare una risoluzione di 72 dpi e impostare i pixel come unità di misura. Il metodo colore va impostato su RGB. È anche molto importante lavorare sempre in scala 1:1, per poter verificare in tempo reale che cosa effettivamente verrà visto dai nostri utenti/visitatori. Errore Frequente Bisognerebbe sempre evitare di progettare in dimensioni più grandi di quelle che effettivamente andranno online. Spesso si cade in questa tentazione per poter vedere meglio i dettagli, con l idea di rimpiccolire tutto alla fine. Progettare in dimensioni reali può essere più difficile in un primo momento, ma realizzare in tempo reale che cosa effettivamente sarà visibile (e leggibile) e che cosa non lo sarà è importantissimo. Anche il vettoriale è sconsigliato per progettare. Avendo sempre piena risoluzione a qualsiasi dimensione, rende difficile stabilire che cosa effettivamente verrà visto dall utente finale, a lavoro finito. 2

3 scontorno è possibile usare diversi metodi, anche combinabili fra di loro. Questi metodi sono illustrati nel box Guida allo scontorno, più avanti. Trascinare la lattina scontornata sul documento principale e posizionarla nella parte sinistra dell area di lavoro, facendo attenzione a non farla uscire dalle guide tracciate precedentemente. È possibile ridimensionare gli oggetti selezionandoli e premendo CTRL+T. Se si desidera mantenere le proporzioni, tenere SHIFT mentre si scala l oggetto. Aggiungere il riflesso sotto la lattina Per aggiungere il riflesso, basta duplicare il livello (CLICK DESTRO sul livello della lattina e DUPLICA LIVELLO ), rifletterlo verticalmente (modifica > trasforma > rifletti verticale) e abbassarlo in modo che siano perfettamente appoggiati. Creare poi una maschera di livello sul livello di riflesso (selezionare il livello e cliccare l icona del quadrato con un cerchio all interno, alla base della palette livelli) e tracciare un gradiente verticale da bianco a nero, con lo strumento sfumatura, sulla maschera di livello appena creata, in modo da sfumare gradualmente il riflesso mano a mano che ci si allontana dall oggetto. A questo punto regolare l opacità del livello a 40% - 50%. Quick Tip è possibile regolare velocemente l opacità del livello Impostare le guide La prima cosa da fare è impostare delle guide agli angoli dell area di lavoro. Con il tasto F8 (oppure finestra > info) aprire il pannello Info. Con SHIFT+R, aprire i righelli. Con lo strumento selezione rettangolare (M) selezionare un area perfettamente quadrata dall angolo alto-sinistra di 20 pixel. Tenere premuto il tasto Shift per mantenere inalterate le proporzioni della selezione (per tracciare quadrati o cerchi con base e altezza uguali). Controllare sul pannello info la dimensione dell area selezionata. A questo punto, tirare due guide cliccando e trascinando dai righelli, agganciandole alla base e al lato dx del vostro quadrato. Tracciare un quadrato, sempre di 20px anche sul lato in basso a dx, e tirare altre due guide, agganciandole alla parte superiore e al alto sinistro del quadrato appena tracciato. Le guide appena tracciate servono per mantenere sempre un margine costante, senza il rischio di sbordare. È possibile nascondere le guide con Ctrl+H. 3

4 GUIDA ALLO SCONTORNO Strumento bacchetta magica Con lo strumento Bacchetta Magica è possibile selezionare un area con colori simili. Basta cliccare su una zona dell immagine che ha un colore uniforme per selezionare tutti i pixel che contengono quel colore e le sue variazioni. Usare la tolleranza per espandere o diminuire la gamma di colori che Photoshop selezionerà. Questo sistema non è preciso e sconsigliato, ma è molto rapido. Con questa tecnica è possibile selezionare lo sfondo e rimuoverlo con il tasto canc. con il tastierino numerico. Con block num attivato e il livello selezionato, premere i numeri da 1 al 0 per settare l opacità da 10% a 100% (1 equivale a 10%, 0 a 100%). Aggiungere l ombra sotto la lattina Creare un nuovo layer vuoto tra lattina e riflesso. Selezionare un pennello tondo, con i bordi sfumati. Dare una pennellata al centro dell area di lavoro, verificando che non venga tagliata sui lati. Distorcere la pennellata con CTRL+T, allungandola orizzontalmente e schiacciandola verticalmente. Posizionare l oggetto creato sotto la lattina. Usare come metodo di fusione del livello moltiplica. Intervallo colori Con Intervallo colori si seleziona un determinato colore o intervallo di colori in una selezione o immagine. Se lo sfondo è uniforme, è possibile selezionarlo facilmente: basta andare su selezione > Intervallo colori, cliccare su un area dello sfondo con il contagocce e impostare la tolleranza, in modo da selezionare solo lo sfondo. A questo punto, cancellare lo sfondo. Regolare l opacità del livello al valore desiderato (consigliato 60%) Aggiungere uno sfondo Per disegnare lo sfondo è possibile usare una combinazione di gradienti. Create un nuovo livello di sfondo sotto la lattina appena importata. Selezionare due tonalità simili sul colore di primo piano e sul colore di sfondo. 4

5 Selezionare lo strumento sfumatura/gradiente (G). Sulla parte alta (sotto file) apparirà un gradiente. Cliccate sulla freccia e selezionate il gradiente desiderato (quello con i due colori appena selezionati). Tracciare un gradiente dall alto al basso dell area di lavoro. Per creare un taglio che possa simulare l orizzonte, scegliere un colore leggermente più scuro dello sfondo. Selezionare lo strumento pennello (B). Selezionare, sotto il menù file un pennello con i bordi sfumati, non troppo grande (in modo che la pennellata non esca dall area di lavoro) e dare una pennellata al Strumento Penna Lo strumento Penna (P) è la scelta migliore per scontornare: è estremamente preciso. È però un po più difficile da usare rispetto agli altri due strumenti sopraelencati. Necessita infatti una base di disegno vettoriale. È consigliato selezionare l opzione livelli di forma (sotto la voce file, selezionando il pennino). I livelli Forma di Photoshop sono dei livelli che ci permettono di lavorare con forme vettoriali. Con il pennino (e i livelli di forma attivati) scontornare l oggetto. Una volta scontornato, fare CTRL+CLIC sulla parte grigia del layer di forma (che si sarà creato sopra il livello dell oggetto da scontornare). Ora che l area è selezionata, invertire la selezione, selezionare il livello dell oggetto da scontornare e rimuovere il background con CANC. centro dell area di lavoro. Selezionare con lo strumento di selezione rettangolare (M) la metà superiore della pennellata e cancellarla con CANC. Deformare la mezza pennellata in modo da ottenere un effetto di taglio/orizzonte. Selezionare moltiplica come metodo di fusione del livello. Con un procedimento simile a quello sopraelencato, è possibile ottenere un altra mezza pennellata, con un colore più chiaro rispetto allo sfondo, selezionando 5

6 Selezionare rapidamente È possibile selezionare direttamente gli elementi dell area di lavoro con CTRL+CLICK Per selezionare rapidamente un oggetto in Photoshop - senza dover cercare il layer di riferimento - è possibile utilizzare il comando selezione automatica (in alto a sinistra, sotto file ). Il metodo consigliato da questa guida, però, è di non attivare questa funzione, ma di selezionare selezione automatica: livello e cliccare sugli oggetti all interno dell area di lavoro con CTRL+CLICK per selezionarli direttamente. e cancellando la parte inferiore. Con questa nuova pennellata si otterrà un effetto di lumeggiatura, da accostare al taglio precedentemente ottenuto. Inserire una Headline Per inserire un titolo, selezionare lo strumento di testo orizzontale, scrivere una headline e formattare il testo tramite i pannelli carattere e paragrafo (accessibili dalla voce finestra ). In questo caso è opportuno optare per un allineamento bandiera sinistra. Creazione di un bottone call-to action Il bottone è un elemento molto importante nell advertising online, pertanto la resa grafica deve essere opportunamente curata. Per disegnare un bottone, è consigliato utilizzare degli shape layers vettoriali. Per disegnarli, selezionare lo strumento rettangolo o rettangolo con i bordi arrotondati (U), verificare che l opzione livelli di forma o shape layers sia attivata (sotto il menù file ) e disegnare il corpo del bottone. A questo corpo vettoriale verranno applicati degli stili livello che ne determineranno l aspetto. Usare una combinazione di stili livello e forme vettoriali rende questi elementi 6

7 estremamente flessibili. Per applicare uno stile vettoriale, selezionare il livello della forma e cliccare il piccolo fx in basso alla palette dei livelli (che viene richiamata con F7). A questo punto sarà possibile selezionare diversi stili per personalizzare il proprio bottone. Vale la pena familiarizzare con questi comandi, in modo da padroneggiarli e poterli usare creativamente per poter produrre diversi tipi di bottone. In questo caso, possiamo utilizzare: un gradiente lineare (sovrapposizione sfumatura), angolo 90 come da default, con colori molto contrastati rispetto allo sfondo un ombra interna scura a distanza 0, dimensione 15 per dare profondità con metodo fusione moltiplica una traccia bianca di 2 px un ombra esterna scura disattivando luce globale- con angolo 90, dimensione e distanza 5 con metodo fusione moltiplica A questo punto, sempre con lo strumento di testo, create il testo ( scopri ) da inserire sul bottone più una freccia. Anche su questo testo, è possibile applicare stili livello (esempio ombra esterna distanza 1, estensione e dimensione 0). Raggruppate (CTRL+G) il bottone. 7

8 Esportare da Photoshop per Flash Ora che il banner è stato progettato interamente, è possibile esportare singolarmente gli elementi, per poterli poi importare in flash. Isolare gli oggetti Per esportare, bisogna prima di tutto isolare ogni elemento. Per isolare si intende avere un documento che contenga solo l oggetto che si desidera esportare, senza altri elementi. Per isolare ci sono diversi modi. Qui di seguito ne viene illustrato uno. Importante: importare il vettoriale Il vettoriale può essere importato direttamente da illustrator a flash con un semplice CTRL+C e CTRL+V. Flash supporta perfettamente il vettoriale, pertanto è sconsigliato esportare il vettoriale come immagine da photoshop. Creare un nuovo documento vuoto, molto grande (es. 1024x768) Selezionare l oggetto che si desidera esportare (per esempio la lattina), e trascinarlo nel nuovo documento. Disattivare il livello di sfondo (nel caso non si tratti di un oggetto rettangolare) Usare lo strumento Taglierina/Crop ( C ) per tagliare il margine in eccesso. Nel caso di oggetti rettangolari, è possibile tagliare a filo (anche usando immagine > rifila). Nel caso di oggetti non rettangolari (con aree trasparenti) lasciare qualche pixel di margine. Usare File > salva per web e dispositivi per aprire il pannello di esportazione. Pannello di esportazione A seconda della tipologia di immagine, dobbiamo indicare l estensione (png, jpeg o gif) con cui esportare il nostro oggetto: JPEG Gli oggetti che non hanno fondo trasparente (quindi sono completamente solidi) vanno esportati in JPEG. PNG-24 Per tutti gli elementi raster con fondo trasparente (anche, per esempio, i rettangoli con il bordo arrotondato) è necessario esportare in png. 8

9 GIF Da usare per oggetti piatti, senza sfumature, eventualmente con fondo trasparente. È meno potente della png (preferire dunque quest ultima), l unico vantaggio può essere un minore peso. Una volta scelta l estensione, in alto a dx, premere su salva per completare l esportazione (scegliendo la cartella e il nome del file che andremo ad esportare). A questo punto, isolare ed esportare tutti i nostri elementi. Lattina, ombra, riflesso e bottone (intero) vanno esportati in PNG (perché trasparenti). Il background va esportato in jpeg. È consigliabile esportare anche una jpeg di tutto il banner (tutti gli elementi attivati), che servirà da traccia per posizionare tutti gli elementi in flash. Il testo che abbiamo inserito in Photoshop, invece, potrà essere riscritto tranquillamente in flash. 9

10 Animare il banner il flash Aprire Adobe Flash. Creare un nuovo documento andando su file > nuovo. È possibile selezionare il tipo di Actionscript (codice utilizzato da Flash) da utilizzare. Actionscript è il linguaggio di programmazione di Flash, e viene utilizzato per gli aspetti più avanzati ed interattivi del programma. Lo scopo di questa guida è approfondire gli aspetti grafici, creativi e di animazione Flash, pertanto la parte legata al codice verrà solo brevemente accennata. In questo corso sarà trattata la versione 2.0 di Actionscript. PREPARARE L AREA DI LAVORO La prima cosa da fare è assegnare all area di lavoro le giuste dimensioni e il framerate desiderato. Per poter settare le dimensioni e il framerate, è necessario il pannello Proprietà. Se non è già aperto, andare su Finestra > Proprietà > Proprietà Impostare le dimensioni del documento desiderate (per questo progetto le dimensioni sono 300x250px) e impostare gli FPS (framerate) a 30. Gli FPS (Frame per secondo) Gli FPS sono i frame per secondo. Più è alto il valore di fps più il filmato è fluido e rapido. 10

11 È sempre opportuno settare gli FPS a 30 per avere il risultato più fluido possibile. Alzare il framerate oltre i 30 renderebbe il filmato ancora più fluido, ma difficilmente la differenza verrebbe percepita dall occhio umano. 30 è quindi il miglior compromesso: valori maggiori allungherebbero la timeline e renderebbero il progetto più difficile da gestire. La Timeline La timeline è la rappresentazione lineare dello stato di un animazione dal primo all ultimo frame. È il righello numerato, composto da piccoli rettangoli, che si trova nella parte bassa dell interfaccia del programma. Permette la gestione dei livelli e delle animazioni di Flash. Di default, appena un documento viene creato, la timeline ha un solo livello e un solo fotogramma. I livelli I livelli vengono impilati in verticale, uno sopra all altro. Il contenuto dei livelli più in alto si vede di fronte rispetto ai livelli più in basso. È possibile creare nuovi livelli cliccando sulla piccola icona a forma di pagina, in basso a sinistra. Per eliminare i livelli, cliccare sull icona del bidone della spazzatura. Per raggruppare i livelli in cartelle, cliccare sull icona della cartella e trascinare i livelli desiderati al suo 11

12 interno. Per nascondere un livello (non visualizzarlo, senza doverlo eliminare), cliccare sul puntino sotto l icona dell occhio. Cliccare una seconda volta nello stesso punto per renderlo nuovamente visibile. Per bloccare un livello (renderlo non selezionabile e non modificabile), cliccare sul puntino sotto l icona del lucchetto. Cliccare una seconda volta nello stesso punto per renderlo nuovamente sbloccato. I fotogrammi I fotogrammi, i vari rettangolini che si susseguono in orizzontale, rappresentano lo scorrere del tempo. I numeri, multipli di 5, in alto alla timeline, indicano il numero di fotogrammi. Alla creazione del documento, i fotogrammi per secondo sono stati impostati a 30. Questo significa che al fotogramma numero 30, sarà passato un secondo. I fotogrammi possono essere chiave oppure normali, pieni o vuoti. I fotogrammi chiave hanno sempre al loro interno un punto. Se il fotogramma e il punto sono bianchi, il fotogramma è chiave e vuoto. Se il fotogramma è grigio e il punto è nero, il fotogramma è chiave e pieno. I fotogrammi normali sono senza punto al loro interno, e possono essere grigi (pieni) oppure bianchi (vuoti). Le zone divise da piccole righe, con i piccoli riquadri bianchi separati ogni 5 da uno più scuro, non sono fotogrammi: sono dei segnaposto, che possono essere riempiti con dei fotogrammi chiave, normali, pieni o vuoti. Per creare dei fotogrammi, è possibile cliccare con il tasto destro su un qualsiasi riquadro della timeline e selezionare la voce corrispondente al fotogramma che si desidera creare. È anche possibile creare dei fotogrammi con delle shorcut: basta selezionare un punto della timeline e premere da f5 a f7. Di seguito l elenco delle shortcut e tipologie di fotogrammi. F5 > Crea un nuovo fotogramma (non chiave) F6 > Crea un nuovo fotogramma chiave F7 > Crea un nuovo fotogramma chiave vuoto I fotogrammi pieni contengono sempre lo stesso (o gli stessi) oggetti del primo fotogramma chiave che li precede. 12

13 Se abbiamo al fotogramma 1 un quadrato rosso, ci basta creare un fotogramma chiave al fotogramma 5 (basta premere f6) per riempire con il quadrato rosso sia il fotogramma chiave 6 che tutti i fotogrammi normali dal 2 al 4. Quando creiamo un fotogramma chiave vuoto (f7) tutti i successivi saranno vuoti fino al primo fotogramma chiave pieno. 13

14 Tagliare, copiare ed incollare i fotogrammi Per correggere errori, oppure semplicemente per modificare alcune parti di filmato, è necessaria la conoscenza di alcuni comandi base per agire sui fotogrammi. Per spostare uno o più fotogrammi, selezionare i fotogrammi che si desidera spostare (con un semplice clic+trascina, oppure, se si desidera maggio precisione, cliccare con il pulsante sinistro sul primo fotogramma che si desidera spostare, poi, tenendo SHIFT, cliccare sul secondo fotogramma che si desidera spostare. Verrà selezionato l intero intervallo tra i due fotogrammi). Una volta selezionati i fotogrammi, avvicinare il mouse ai fotogrammi selezionati, attendere che appaia il rettangolo vicino al puntatore e cliccare e trascinare nella posizione desiderata. Per eliminare i fotogrammi, selezionare i fotogrammi, cliccarli con il tasto destro e selezionare rimuovi fotogrammi. Per convertire un fotogramma chiave in uno normale, cliccarlo con il tasto destro e selezionare cancella fotogramma chiave. Con Taglia e incolla fotogrammi è possibile spostare, tagliare ed incollare diversi fotogrammi simultaneamente. Importare visuals in Flash Per importare gli oggetti in Flash, andare su file > importa > importa nello stage. Questo comando importa gli oggetti direttamente nello stage, nel fotogramma selezionato. Cercare la cartella nella quale sono contenuti gli oggetti da importare (gif, png, jpeg), selezionare gli oggetti e confermare. Si ricorda che per il vettoriale è opportuno fare copia e incolla da un documento RGB di Adobe Illustrator. Tutti gli oggetti verranno inseriti in un unico fotogramma chiave, uno sopra l altro. 14

15 Appena importati gli elementi, è necessario inserire ogni immagine/elemento su un livello distinto: esistono due metodi per distribuire gli elementi sui vari livelli. Metodo 1 (lento ma con massimo controllo) È possibile creare un nuovo livello (cliccando sull icona a pagina in basso a sinistra), selezionare il singolo elemento al quale si desidera cambiare livello, tagliarlo con CTRL+X, selezionare il nuovo livello che è appena stato creato e incollare con CTRL+V. È possibile cambiare il nome del livello con un doppio clic sul nome dello stesso. Metodo 2 (veloce) Selezionare tutti gli oggetti presenti sul fotogramma. Cliccarne uno qualsiasi con il tasto dx del mouse. Selezionare Distribuisci su livelli. Ora ogni oggetto è posizionato su un livello differente. Il fotogramma che inizialmente conteneva tutti gli oggetti viene svuotato (e solitamente è opportuno cancellarlo). Con questo metodo, i livelli prendono i nomi degli oggetti che contengono, automaticamente. Ogni livello deve contenere un solo elemento, in modo da non creare conflitti quando si procederà all animazione. Subito dopo aver distribuito gli oggetti sui livelli, è necessario convertire gli oggetti in simbolo. I Simboli Convertire in simbolo gli oggetti è molto importante perché rende gli oggetti riconoscibili da Flash, permettendo l uso di effetti ed animazioni (vedere effetto colore e filtri, più avanti). Per convertire in simbolo, selezionare l oggetto da convertire, cliccarlo con tasto destro e selezionare Converti in simbolo dal menu a comparsa. Un metodo alternativo più rapido consiste nel selezionare l oggetto e premere F8. Sarà possibile dare un nome al simbolo e selezionarne il tipo. Esistono 3 tipi di simboli. Grafico, Movieclip e Pulsante: Grafici > simboli statici, tutti gli elementi statici dovrebbero essere convertiti in grafici. 15

16 Movieclip > simboli dinamici, funzionano come dei micro-filmati con una loro timeline all interno dello stage. Se non vengono bloccati con uno stop alla fine della loro timeline ricominciano il ciclo. Pulsanti > pulsanti preimpostati di flash con quattro stati. Su (normale), sopra(rollover), giù(cliccato) e premuto (area sensibile). Per i bottoni più piccoli o composti solo da testo è opportuno impostare un area sensibile più grande del bottone stesso. L area sensibile è invisibile. E possibile creare pulsanti trasparenti riempiendo solo l area di premuto e lasciando vuote su, sopra e giù. Per animazioni semplici, si consiglia di utilizzare sempre movieclip, più potente e versatile del Grafico. A tutti i simboli è possibile applicare interpolazioni movimento, ma non interpolazioni forma (riservate esclusivamente a forme non raggruppate). A tutti i simboli è possibile associare un effetto (luminosità, tinta, alfa e avanzato) sul pannello proprietà > colore. Agli oggetti non simboli non è possibile applicare questi effetti. Vedremo queste proprietà più avanti. Una volta convertiti in movieclip tutti gli oggetti, si è pronti ad animare. Animazione Base L animazione base in flash si basa sull avere due fotogrammi chiave sullo stesso livello, che contengono lo stesso oggetto (movieclip) con proprietà differenti, collegati con un interpolazione di movimento. Questa interpolazione farà una media tra le differenti proprietà sugli oggetti presenti nei fotogrammi chiave. Questa frase teorica risulterà immediatamente più chiara dopo il seguente tutorial. Selezionare il fotogramma chiave 1. Creare un cerchio senza bordo, con l apposito strumento, e convertirlo in simbolo. 16

17 Selezionare il fotogramma 15 e creare un nuovo fotogramma chiave con F6. Ora anche questo fotogramma chiave conterrà il nostro cerchio. Spostare il cerchio al fotogramma 15 in una posizione diversa rispetto al suo corrispondente al fotogramma 1. Ora i fotogrammi dall 1 al 14 conterranno il cerchio nella posizione iniziale, mentre il 15 sarà direttamente nella nuova posizione. Cliccare con il tasto destro un fotogramma qualsiasi tra l 1 e il 15 e selezionare crea interpolazione classica. A questo punto apparirà una freccia azzurra che collega il fotogramma 1 al 15, e il cerchio si sposterà gradualmente dalla posizione del fotogramma 1 a quella del fotogramma 15. È possibile cambiare posizione sia all 1 che al 15, così come qualsiasi altra proprietà (dimensione, scala). L interpolazione classica farà sempre una media di queste due proprietà, animando l oggetto. L interpolazione movimento è applicabile soltanto ai Grafici, ai Movieclip o ai pulsanti. Non ha effetto sulle forme non raggruppate ed è sconsigliabile utilizzarla sulle forme raggruppate. È possibile usare un moto uniformemente accelerato o decelerato, tramite la proprietà andamento. Per usarla, selezionare un qualsiasi punto dell interpolazione, e alzare o abbassare il valore di andamento nel pannello proprietà > interpolazione corrisponde a un moto decelerato, -100 ad un moto accelerato. Creare Maschere Le maschere di Flash, come quelle di Photoshop, funzionano come dei livelli finestra che rivelano solo una parte dei livelli sottostanti. Per esempio, è possibile avere un livello mare mascherato da un livello che contiene un cerchio, per avere un effetto di oblò. Per capire come usare e come funzionano le maschere, di seguito un breve tutorial. Per iniziare, creare un livello background nero (Inserisci > Linea temporale > Livello) e riempirlo con un rettangolo nero. Questo livello sarà posto sotto a tutti gli altri, come sfondo. Sopra il livello di background nero, creare un livello arcobaleno. Riempire questo livello con un rettangolo con un riempimento gradiente lineare arcobaleno (è possibile trovarlo nel pannello colore, vedi più avanti). Sopra il livello arcobaleno, creare un livello con un cerchio all interno e rinominare il 17

18 Sopra: maschera disattivata. A destra: maschera attivata. livello maschera. Poiché un livello maschera nasconde sempre il livello immediatamente sottostante, accertarsi di creare il livello maschera nella posizione appropriata. Nei livelli maschera Flash ignora le bitmap, i gradienti, la trasparenza, i colori e gli stili di linea. Tutte le aree piene diventano completamente trasparenti nella maschera; tutte le aree non piene diventano invece opache. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul nome del livello maschera nella linea temporale, quindi selezionare Maschera. Il livello maschera è indicato da un apposita icona (l oblò azzurro inscritto nel rettangolo nero). Chiameremo questo livello mascherante. Il livello immediatamente sottostante è collegato al livello maschera e il contenuto è visibile attraverso l area piena sulla maschera. Il nome del livello mascherato è rientrato e l icona assume l aspetto di un livello azzurro 18

19 quadrettato, che contrassegna il livello come mascherato. Ora il livello mascherante delimiterà la visione del livello mascherato solo nella sua area piena. Pertanto l arcobaleno sarà visibile solo all interno del cerchio. Notare bene che i livelli mascherati vengono automaticamente bloccati. Per visualizzare correttamente la maschera è sempre necessario che sia il livello mascherato che quello mascherante siano bloccati. Per poter modificare la maschera, invece, è necessario sbloccare i livelli. Le maschere possono essere animate (con interpolazioni di movimento e forma). Per esempio, il cerchio può muoversi, rivelando diverse porzioni dell arcobaleno sottostante. Creare uno sfondo per il banner Di seguito un breve tutorial per creare rapidamente uno sfondo pieno o sfumato in Flash. Su un documento vuoto, selezionare lo strumento rettangolo, settare il colore bordo a trasparente e disegnare un rettangolo a caso. Selezionare il rettangolo con lo strumento freccia (V) e, nel pannello proprietà immettere i valori desiderati di larghezza e altezza (che dovranno corrispondere all area dello stage) e le coordinate x e y (in questo caso, 0 e 0). Se non è già aperto, aprire il pannello colore. Finestra > Colore (shift+f9) Alla voce tipo, selezionare lineare (sfumatura) e impostare i colori desiderati modificando le due estremità del gradiente. Alcune note sulle sfumature e i colori: Le sfumature possono essere radiali e lineari Si possono creare sfumature con più colori, cliccando sulla barra del gradiente per aggiungere altre caselline colore I gradienti possono contenere colori trasparenti, è sufficiente modificare il valore di alfa dei colori. 19

20 Creare un bordo di 1px Di seguito un breve tutorial per creare un bordo solido di 1 px che circondi perfettamente l area del documento Flash. Creare un nuovo livello bordo.su un documento vuoto, selezionare lo strumento rettangolo. Settare il colore riempimento a trasparente e colore bordo a nero, poi disegnare un rettangolo. Selezionare il rettangolo con doppio clic dello strumento freccia (con un clic singolo verrà selezionato solo un lato del bordo) e, nel pannello proprietà immettere i valori desiderati di larghezza e altezza (che dovranno corrispondere all area dello stage meno 0,2 px) e le coordinate x e y (in questo caso, 0 e 0). Le dimensioni leggermente più piccole servono a evitare che il bordo esca dall area visibile, tagliando il bordo su uno o più lati. Il pannello Allinea può essere usato per allineare tra di loro o allo stage. Con distribuisci è possibile disporre vari oggetti spaziati in modo equidistante. Forme libere vettoriali Le forme vettoriali in Flash sono riconoscibili dalla texture puntinata che appare sulla superficie della forma, quando viene selezionata. Nel pannello proprietà sono indicate come forma. Una forma libera viene identificata dall icona con cerchio e triangolo nel pannello proprietà e dal reticolo puntinato sulla superficie della forma, quando questa viene selezionata. Possono essere disegnate in diversi modi, con gli strumenti ellisse o rettangolo, oppure riempiendo con lo strumento secchiello un tracciato disegnato con il pennino. Hanno delle proprietà particolari: Due forme con riempimenti di colore uguale sullo stesso livello non raggruppati, 20

21 se vengono sovrapposti si uniscono. Due forme con riempimenti non raggruppati di colore diverso, se sovrapposti, si sottraggono. Se è necessario che le forme non si sottraggano o si fondano, è sufficiente selezionare le forme appena disegnate e raggrupparle (CTRL+G). Creare un bordo arrotondato Su un documento nuovo, creare un nuovo livello e creare un rettangolo di sfondo di colore bianco. Raggruppare il rettangolo (elabora > raggruppa o mela+g). Creare un rettangolo solo riempimento, sempre sullo stesso livello, settando a 10 px il valore dei bordi arrotondati nello strumento proprietà. Disegnare un rettangolo leggermente più piccolo rispetto all area e centrarlo all interno dello stage con il pannello allinea ( finestra > allinea o mela + K - selezionare l icona allinea allo stage e allineamento orizzontale rispetto al centro e allineamento verticale rispetto al centro. Impostare il riempimento del colore del pannello appena disegnato a nero. Separare il gruppo del rettangolo di sfondo bianco posto sullo stesso livello con Elabora > Separa o shift+ctrl+g. Ora è sufficiente selezionare il rettangolo nero e cancellarlo perchè venga sottratto a quello bianco. Movieclip annidati I movieclip sono degli oggetti che possono contenere al loro interno delle altre animazioni. Funzionano come dei mini-filmati, ed hanno al loro interno una timeline propria, che funziona in modo totalmente indipendente rispetto alla timeline principale. Per poter inserire un animazione all interno di un movieclip, è necessario entrare in esso con un doppio clic. 21

Sono uno strumento di composizione efficace per combinare più foto in una sola immagine e per effettuare correzioni locali di colori e toni.

Sono uno strumento di composizione efficace per combinare più foto in una sola immagine e per effettuare correzioni locali di colori e toni. Maschere di Livello Maschere di livello Le maschere di livello sono utili per nascondere porzioni del livello a cui vengono applicate e rivelare i livelli sottostanti. Sono uno strumento di composizione

Dettagli

Sfumatura riflessa Sfumature che usano sfumature lineari simmetriche su un lato del punto iniziale.

Sfumatura riflessa Sfumature che usano sfumature lineari simmetriche su un lato del punto iniziale. SESTA LEZIONE STRUMENTO SFUMATURA (G) All apertura del comando Sfumatura la barra delle opzioni diventa come nella figura riportata qui sopra. E possibile regolare: i colori del gradiente, il tipo di sfumatura,

Dettagli

3 Lavorare con i livelli

3 Lavorare con i livelli INTRODUZIONE 3 Lavorare con i livelli I livelli costituiscono un elemento essenziale nella programmazione di un filmato FLASH. Mentre i fotogrammi individuano la sequenzialità, i livelli definiscono la

Dettagli

Demo. La palette allinea. La palette Anteprima conversione trasparenza. Adobe Illustrator CS2

Demo. La palette allinea. La palette Anteprima conversione trasparenza. Adobe Illustrator CS2 Le Palette (parte prima) Come abbiamo accennato le Palette permettono di controllare e modificare il vostro lavoro. Le potete spostare e nascondere come spiegato nella prima lezione. Cominciamo a vedere

Dettagli

Adobe InDesign MiniTUTORIAL Come impostare una brochure con Indesign

Adobe InDesign MiniTUTORIAL Come impostare una brochure con Indesign Adobe InDesign MiniTUTORIAL Come impostare una brochure con Indesign Credo sia utile impostare fin da subito le unità di misura. InDesign > Unità e incrementi Iniziamo poi creando un nuovo documento. File

Dettagli

Manuale d uso - Pencil 0.4.3b by Pascal Naidon - 21 Luglio 2007 (da completare)

Manuale d uso - Pencil 0.4.3b by Pascal Naidon - 21 Luglio 2007 (da completare) Manuale d uso - Pencil 0.4.3b by Pascal Naidon - 21 Luglio 2007 (da completare) Traduzione di Eros Bottinelli Introduzione Un documento di Pencil è basato sui livelli. Ci sono attualmente quattro tipi

Dettagli

PHOTOSHOP I livelli Note: Note:

PHOTOSHOP I livelli Note: Note: PHOTOSHOP Adobe Photoshop CS3, annunciato nel marzo del 2007, è la decima versione del più popolare programma di fotoritocco. Ha un'interfaccia razionale e ben progettata che dà accesso ai numerosi controlli.

Dettagli

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail. Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.com Indice: La finestra di Word Barra del titolo Barra dei menu Barra degli

Dettagli

I tracciati sono contorni che potete trasformare in selezioni o a cui potete applicare un riempimento o una traccia di colore. tracciato temporaneo

I tracciati sono contorni che potete trasformare in selezioni o a cui potete applicare un riempimento o una traccia di colore. tracciato temporaneo Disegnare Il disegno (1) Quando si disegna in Adobe Photoshop si creano forme vettoriali e tracciati. Per disegnare potete usare gli strumenti: Forma Penna Penna a mano libera Le opzioni per ogni strumento

Dettagli

Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti 1 clic sul pulsante Tasto dx 1 clic sulla barra del titolo Chiudi Tastiera Alt+F4

Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti 1 clic sul pulsante Tasto dx 1 clic sulla barra del titolo Chiudi Tastiera Alt+F4 Foglio Elettronico PRIMI PASSI CON IL FOGLIO ELETTRONICO Avviare il Programma Menu Start Tutti i programmi Microsoft Excel Pulsanti 2 clic sull icona presente sul Desktop Chiudere il Programma Menu File

Dettagli

POWERPOINT è un programma del pacchetto Office con il quale si possono facilmente creare delle presentazioni efficaci ed accattivanti.

POWERPOINT è un programma del pacchetto Office con il quale si possono facilmente creare delle presentazioni efficaci ed accattivanti. 1 POWERPOINT è un programma del pacchetto Office con il quale si possono facilmente creare delle presentazioni efficaci ed accattivanti. Le presentazioni sono composte da varie pagine chiamate diapositive

Dettagli

SVG Editor. Istituto Italiano Edizioni Atlas 1

SVG Editor. Istituto Italiano Edizioni Atlas 1 SVG Editor SVG-edit è un applicazione per la creazione e modifica di grafica vettoriale in formato svg disponibile on-line. E compatibile con qualsiasi browser, essendo realizzato in linguaggio JavaScript.

Dettagli

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto Applicare bordi e sfondi ai paragrafi Word permette di creare un bordo attorno ad un intera pagina o solo attorno a paragrafi selezionati. Il testo risulta incorniciato in un rettangolo completo dei quattro

Dettagli

Programma del corso Web Design

Programma del corso Web Design Programma del corso Web Design Il corso mira a formare professionisti in grado di realizzare siti web efficaci in termini di comunicazione ed indicizzazione nei motori di ricerca. Introduzione La figura

Dettagli

Programma corso Adobe Flash CS3

Programma corso Adobe Flash CS3 Programma corso Adobe Flash CS3 PCAcademy Via Capodistria 12 www.pcacademy.it info@pcacademy.it Informazioni generali Il corso di Flash viene affrontato sulla nuova release Cs3 (Adobe Flash Cs3 Professional);

Dettagli

EasyPrint v4.7. Impaginatore Album. Manuale Utente

EasyPrint v4.7. Impaginatore Album. Manuale Utente EasyPrint v4.7 Impaginatore Album Manuale Utente Lo strumento di impaginazione album consiste in una nuova funzione del software da banco EasyPrint 4 che permette di organizzare le immagini in maniera

Dettagli

Personalizza. Page 1 of 33

Personalizza. Page 1 of 33 Personalizza Aprendo la scheda Personalizza, puoi aggiungere, riposizionare e regolare la grandezza del testo, inserire immagini e forme, creare una stampa unione e molto altro. Page 1 of 33 Clicca su

Dettagli

Foglio elettronico. OpenOffice.org Calc 1.1.3

Foglio elettronico. OpenOffice.org Calc 1.1.3 Foglio elettronico OpenOffice.org Calc 1.1.3 PRIMI PASSI CON IL FOGLIO ELETTRONICO Aprire il programma Menu Avvio applicazioni Office OpenOffice.org Calc. Chiudere il programma Menu File Esci. Pulsanti

Dettagli

Finestre: Vengono aperte dal menù finestre

Finestre: Vengono aperte dal menù finestre Finestre: Vengono aperte dal menù finestre Strumenti Puntatori: la freccia nera sposta il contenuto della selezione la freccia bianca sposta la selezione pulsante sinistro del mouse sposta pulsante destro

Dettagli

Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico

Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico 1 Finestra principale di Excel 2 Finestra principale di Excel Questi pulsanti servono per ridurre ad icona, ripristinare e chiudere la finestra dell applicazione.

Dettagli

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR UTILIZZO DI WORD PROCESSOR (ELABORAZIONE TESTI) Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it)

Dettagli

[Tutoriale] Realizzare un cruciverba con Excel

[Tutoriale] Realizzare un cruciverba con Excel [Tutoriale] Realizzare un cruciverba con Excel Aperta in Excel una nuova cartella (un nuovo file), salviamo con nome in una precisa nostra cartella. Cominciamo con la Formattazione del foglio di lavoro.

Dettagli

Il foglio elettronico

Il foglio elettronico Il foglio elettronico Foglio di calcolo, Spreadsheet in inglese, Permette di elaborare DATI NUMERICI. E una TABELLA che contiene numeri che possono essere elaborati con FUNZIONI matematiche e statistiche.

Dettagli

PHOTOSHOP ILLUSTRATOR

PHOTOSHOP ILLUSTRATOR Creare l effetto CHE GUEVARA (detto anche effetto STENCIL) in Photoshop e Illustrator -versione Adobe Suite CS5 - per utenti esperti - (realizzato da Rino Ruscio - art director) (effetto finale realizzato

Dettagli

USARE WORD. - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica

USARE WORD. - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Pagina 1 di 32 USARE WORD - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Indice: - La finestra di Word pag. 2 - Barra del titolo pag. 3 - Barra dei menu pag.

Dettagli

USARE WORD - non solo per scrivere -

USARE WORD - non solo per scrivere - GUIDA WORD USARE WORD - non solo per scrivere - corso Word Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Indice: - La finestra di Word pag. 2 - Barra del titolo pag. 3 - Barra dei menu

Dettagli

Origine delle immagini. Elaborazione delle immagini. Immagini vettoriali VS bitmap 2. Immagini vettoriali VS bitmap.

Origine delle immagini. Elaborazione delle immagini. Immagini vettoriali VS bitmap 2. Immagini vettoriali VS bitmap. Origine delle immagini Elaborazione delle immagini Adobe Photoshop I programmi per l elaborazione di immagini e la grafica permettono in genere di: Creare immagini ex novo (con gli strumenti di disegno)

Dettagli

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1 Microsoft Access - Determinare l input appropriato per il database...2 Determinare l output appropriato per il database...2 Creare un database usando l autocomposizione...2 Creare la struttura di una tabella...4

Dettagli

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione Anno 2009/2010 Syllabus 5.0 Microsoft PowerPoint è un software progettato

Dettagli

Liceo Classico Scientifico Isaac NEWTON via Paleologi 22 - Chivasso

Liceo Classico Scientifico Isaac NEWTON via Paleologi 22 - Chivasso Liceo Classico Scientifico Isaac NEWTON via Paleologi 22 - Chivasso Mod. 50 Rev. 0 01.09.2011 Documento PROGRAMMA SVOLTO Disciplina COMUNICAZIONE MULTIMEDIALE Anno scolastico 2011-2012 Libro di testo Linguaggi

Dettagli

Foglio Elettronico. Creare un nuovo foglio elettronico Menu File Nuovo 1 clic su Cartella di lavoro vuota nel riquadro attività

Foglio Elettronico. Creare un nuovo foglio elettronico Menu File Nuovo 1 clic su Cartella di lavoro vuota nel riquadro attività Foglio Elettronico Avviare il Programma Menu Start Tutti i programmi Microsoft Excel Pulsanti 2 clic sull icona presente sul Desktop Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti Tasto dx 1 clic sul pulsante

Dettagli

Patente Europea del Computer ECDL - MODULO 3

Patente Europea del Computer ECDL - MODULO 3 Patente Europea del Computer ECDL - MODULO 3 Lezione 1 di 3 Introduzione a Word 2007 e all elaborazione testi Menù Office Scheda Home Impostazioni di Stampa e stampa Righello Intestazione e piè di pagina

Dettagli

Effetti creativi. I metodi che esamineremo sono:

Effetti creativi. I metodi che esamineremo sono: Effetti vari Effetti creativi I metodi che esamineremo sono: 1. Dietro al vetro 2. Lomografia 3. Esplosione 4. Miniatura (Tilt Shift) 5. Old photo 6. Image Pattern 7. Collage (Mosaico Polaroid) 8. Out

Dettagli

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE 1 MICROSOFT WORD INTRODUZIONE Word è il programma più diffuso per elaborazione di testi, il cui scopo fondamentale è assistere l utente nelle operazioni di digitazione, revisione e formattazione di testi.

Dettagli

il foglio elettronico

il foglio elettronico 1 il foglio elettronico ecdl - modulo 4 toniorollo 2013 il modulo richiede 1/2 comprendere il concetto di foglio elettronico e dimostri di sapere usare il programma di foglio elettronico per produrre dei

Dettagli

Capitolo3. Si apre la seguente finestra. Figura 29. Proprietà immagine di sfondo. - Università degli Studi della Repubblica di San Marino -

Capitolo3. Si apre la seguente finestra. Figura 29. Proprietà immagine di sfondo. - Università degli Studi della Repubblica di San Marino - Capitolo3 LAVORARE CON LE IMMAGINI E certo che l impatto visivo in un sito internet è molto importante ma è bene tenere presente che immagini e fotografie, pur arricchendo la struttura grafica di un web,

Dettagli

Lavorare con le immagini

Lavorare con le immagini Lavorare con le immagini Domande più frequenti D: Ho importato alcune immagini PNG molto grandi e adesso il mio sito e molto lento. Come mai? R: Il formato PNG non è il più adatto per immagini di grandi

Dettagli

02 web. designer. info. certificazioni. specializzazioni avanzate

02 web. designer. info. certificazioni. specializzazioni avanzate info durata: 10 mesi inizio: novembre 2010 frequenza: 4 ore a settimana software: Adobe Illustrator, Photoshop, Flash, Dreamweaver certificazioni Adobe Certified Expert (ACE) per i software: Illustrator,

Dettagli

ADOBE PHOTOSHOP CS4. Lezione 10 I livelli

ADOBE PHOTOSHOP CS4. Lezione 10 I livelli ADOBE PHOTOSHOP CS4 Lezione 10 I livelli I livelli: operazioni di base Per modificare e correggere immagini complesse è consigliato fare uso di livelli, che ci permettono di lavorare sulle immagini senza

Dettagli

MODULO 3. Microsoft Excel. TEST ED ESERCIZI SU: http://www.informarsi.net/ecdl/excel/index.php

MODULO 3. Microsoft Excel. TEST ED ESERCIZI SU: http://www.informarsi.net/ecdl/excel/index.php MODULO 3 Microsoft Excel TEST ED ESERCIZI SU: http:///ecdl/excel/index.php Foglio Elettronico - SpreadSheet Un foglio elettronico (in inglese spreadsheet) è un programma applicativo usato per memorizzare

Dettagli

Word Elaborazione testi

Word Elaborazione testi I seguenti appunti sono tratti da : Consiglio Nazionale delle ricerche ECDL Test Center modulo 3 Syllabus 5.0 Roberto Albiero Dispense di MS Word 2003 a cura di Paolo PAVAN - pavan@netlink.it Word Elaborazione

Dettagli

Foglio elettronico (StarOffice)

Foglio elettronico (StarOffice) Modulo Foglio elettronico (StarOffice) Modulo - Foglio elettronico, richiede che il candidato comprenda il concetto di foglio elettronico e dimostri di sapere usare il programma corrispondente. Deve comprendere

Dettagli

Fondamenti di informatica. Word Elaborazione di testi

Fondamenti di informatica. Word Elaborazione di testi Fondamenti di informatica Word Elaborazione di testi INTRODUZIONE Cos è Word? u Word è un word processor WYSIWYG (What You See Is What You Get) u Supporta l utente nelle operazioni di: Disposizione del

Dettagli

Obiettivo Generare un file.notebook integrato con testo, collegamenti, video, suoni e immagini ed esportarlo in diversi formati: PDF, HTML e JPG.

Obiettivo Generare un file.notebook integrato con testo, collegamenti, video, suoni e immagini ed esportarlo in diversi formati: PDF, HTML e JPG. SMART Board Prerequisiti PC Pentium III - 128Mb di Ram- 110 Mb di spazio su HD - casse acustiche - software Notebook e driver di SMART Board Videoproiettore - LIM Installazione software Smart Board su

Dettagli

STRUMENTI DI PRESENTAZIONE POWERPOINT 2003

STRUMENTI DI PRESENTAZIONE POWERPOINT 2003 STRUMENTI DI PRESENTAZIONE POWERPOINT 2003 INDICE 1 Strumenti di Presentazione... 4 2 Concetti generali di PowerPoint... 5 2.1 APRIRE POWERPOINT... 5 2.2 SELEZIONE DEL LAYOUT... 6 2.3 SALVARE LA PRESENTAZIONE...

Dettagli

Corso: ADOBE PHOTOSHOP Base

Corso: ADOBE PHOTOSHOP Base Corso: ADOBE PHOTOSHOP Base Codice PCSNET: ADOB-2 Cod. Vendor: - Durata: 3 gg. Obiettivi Rendere operativi sulle funzionalit di base e di comune interesse del prodotto. Dare una informativa sulle funzionalità

Dettagli

G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 84

G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 84 G. Pettarin ECDL Modulo 3: Word 84 La scheda vai a La scheda Vai è probabilmente la meno utilizzata delle tre: permette di spostarsi in un certo punto del documento, ad esempio su una determinata pagina

Dettagli

CORSO DI WEB DESIGN 40 ORE

CORSO DI WEB DESIGN 40 ORE CORSO DI WEB DESIGN 40 ORE Adobe Photoshop CS5 Unità didattica 1: Grafica bitmap ed introduzione all utilizzo di photoshop Concetti fondamentali di Photoshop Immagini bitmap e grafica vettoriale Dimensioni

Dettagli

3.3 Formattazione. Formattare un testo. Copyright 2008 Apogeo. Formattazione del carattere

3.3 Formattazione. Formattare un testo. Copyright 2008 Apogeo. Formattazione del carattere 3.3 Formattazione Formattare un testo Modificare la formattazione del carattere Cambiare il font di un testo selezionato Modificare la dimensione e il tipo di carattere Formattazione del carattere In Word,

Dettagli

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.6 Preparazione stampa

Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.6 Preparazione stampa Università degli Studi dell Aquila Corso ECDL programma START Modulo 3 - Elaborazione Testi 3.6 Preparazione stampa Maria Maddalena Fornari Impostazioni di pagina: orientamento È possibile modificare le

Dettagli

SCRIVERE CON WORD. Per iniziare. Scrivere un testo

SCRIVERE CON WORD. Per iniziare. Scrivere un testo SCRIVERE CON WORD Per iniziare Dopo aver acceso il computer, attiviamo il programma con un doppio clic sull icona di Word o utilizzando l opzione Programmi del menu Avvio. Compare l iniziale finestra di

Dettagli

Corso PON Immagini e video al computer G-1-FSE-2009-205

Corso PON Immagini e video al computer G-1-FSE-2009-205 ISTITUTO TECNICO MODESTO PANETTI Via Re David, 186 BARI Corso PON Immagini e video al computer G-1-FSE-2009-205 Lezione 4 curci.antonio@fastwebnet.it Lezione 4 pag.1/46 53. I livelli: operazioni di base

Dettagli

Programma del corso. Web Design e SEO. ScuolaSi di CIP.SA s.a.s. 84124 Salerno (Sa) Via del Carmine, 127 P.IVA C.F. 04485840658 info: 800 03 51 41

Programma del corso. Web Design e SEO. ScuolaSi di CIP.SA s.a.s. 84124 Salerno (Sa) Via del Carmine, 127 P.IVA C.F. 04485840658 info: 800 03 51 41 ScuolaSi di CIP.SA s.a.s. 84124 Salerno (Sa) Via del Carmine, 127 P.IVA C.F. 04485840658 info: 800 03 51 41 Programma del corso Web Design e SEO Programmi oggetto d'insegnamento: HTML CSS Wordpress Adobe

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE Image Editing - Versione 2.0

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE Image Editing - Versione 2.0 EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE Image Editing - Versione 2.0 Copyright 2010 The European Computer Driving Licence Foundation Ltd. Tutti I diritti riservati. Questa pubblicazione non può essere riprodotta

Dettagli

Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza

Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza I grafici in Excel... 1 Creazione di grafici con i dati di un foglio di lavoro... 1 Ricerca del tipo di grafico più adatto... 3 Modifica del grafico...

Dettagli

Come costruire una presentazione. PowerPoint 1. ! PowerPoint permette la realizzazione di presentazioni video ipertestuali, animate e multimediali

Come costruire una presentazione. PowerPoint 1. ! PowerPoint permette la realizzazione di presentazioni video ipertestuali, animate e multimediali PowerPoint Come costruire una presentazione PowerPoint 1 Introduzione! PowerPoint è uno degli strumenti presenti nella suite Office di Microsoft! PowerPoint permette la realizzazione di presentazioni video

Dettagli

Tutorial gvsig. Versione 1.1

Tutorial gvsig. Versione 1.1 Tutorial gvsig Versione 1.1 24/10/2007 Tutorial gvsig - Versione 1.1 www.gvsig.org Testo e screenshot a cura di R3 GIS Srl Via Johann Kravogl 2 39012 Merano (BZ) Italia Tel. +39 0473 494949 Fax +39 0473

Dettagli

EasyPrint v4.15. Gadget e calendari. Manuale Utente

EasyPrint v4.15. Gadget e calendari. Manuale Utente EasyPrint v4.15 Gadget e calendari Manuale Utente Lo strumento di impaginazione gadget e calendari consiste in una nuova funzione del software da banco EasyPrint 4 che permette di ordinare in maniera semplice

Dettagli

Specifiche tecniche per l invio di materiale ADV.

Specifiche tecniche per l invio di materiale ADV. Specifiche tecniche per l invio di materiale ADV. Cliccate qui sotto per accedere rapidamente alle sezioni di vostro interesse Introduzione Formati Tabellari Standard Formati Tabellari In pagina Formati

Dettagli

CORSO AUTOCAD CENNI PRELIMINARI

CORSO AUTOCAD CENNI PRELIMINARI CORSO AUTOCAD CENNI PRELIMINARI Benvenuti a tutti al corso sull utilizzo di Autocad, in questa prima lezione voglio quali sono i principi base del funzionamento di Autocad. Autocad non è nient altro che

Dettagli

Tutorial a cura della teca didattica.

Tutorial a cura della teca didattica. Tutorial a cura della teca didattica. Attenzione: prima di far eseguire questo laboratorio ai bambini della vostra classe occorre farli esercitare, su diapositive singole, ad affrontare le diverse difficoltà

Dettagli

Microsoft PowerPoint 2003. Tutorial

Microsoft PowerPoint 2003. Tutorial Facoltà di Lettere e Filosofia Cdl in Scienze dell Educazione A.A. 2010/2011 Informatica (Laboratorio) Microsoft PowerPoint 2003 Tutorial Author Kristian Reale Rev. 2011 by Kristian Reale Liberamente distribuibile

Dettagli

INSERIMENTO DI IMMAGINI,DOCUMENTI,SFONDI E OGGETTI FLASH

INSERIMENTO DI IMMAGINI,DOCUMENTI,SFONDI E OGGETTI FLASH INSERIMENTO DI IMMAGINI,DOCUMENTI,SFONDI E OGGETTI FLASH IMPOSTAZIONE DI UNA IMMAGINE ALL INTERNO DI UNA PAGINA WEB: In questo capitolo è spiegata la procedura di inserimento e modifica di una immagine

Dettagli

icartoon manuale d uso

icartoon manuale d uso icartoon manuale d uso icartoon ti consente di creare animazioni anche complesse e di esportarle. Quello che esporti da icartoon è basato su QuickTime che è uno standard per il multimedia: può quindi essere

Dettagli

Programma Corso Adobe Photoshop CS5. Cap. 1 L AREA DI LAVORO. Cap. 2 GESTIONE DELL IMMAGINE. Cap. 3 DIMENSIONE E RISOLUZIONE

Programma Corso Adobe Photoshop CS5. Cap. 1 L AREA DI LAVORO. Cap. 2 GESTIONE DELL IMMAGINE. Cap. 3 DIMENSIONE E RISOLUZIONE 1. L interfaccia 2. Creare e gestire le aree di lavoro. 3. Impostare le preferenze. 4. La modalità dello schermo. 1. Aprire i documenti. 2. Aggiungere info alle immagini. 3. Disporre le schede. 4. Disporre

Dettagli

INTRODUZIONE A WINDOWS

INTRODUZIONE A WINDOWS INTRODUZIONE A WINDOWS Introduzione a Windows Il Desktop Desktop, icone e finestre Il desktop è una scrivania virtuale in cui si trovano: Icone: piccole immagini su cui cliccare per eseguire comandi o

Dettagli

MANUALE OPERATIVO EXCEL 2003

MANUALE OPERATIVO EXCEL 2003 1. Novità di Excel 2003 MANUALE OPERATIVO EXCEL 2003 CAPITOLO 1 Microsoft Office Excel 2003 ha introdotto alcune novità ed ha apportato miglioramenti ad alcune funzioni già esistenti nelle precedenti versioni

Dettagli

Guida alla gestione contenuti del sito www.cantinebernabei.com

Guida alla gestione contenuti del sito www.cantinebernabei.com Guida alla gestione contenuti del sito www.cantinebernabei.com INTRODUZIONE Per gestire i contenuti del sito Emporio Vini Cantine G.S. Bernabei, è necessario scrivere nella barra degli indirizzi del proprio

Dettagli

Esame di Informatica CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO. Facoltà di Scienze Motorie

Esame di Informatica CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO. Facoltà di Scienze Motorie Facoltà di Scienze Motorie CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO Una tabella che contiene parole e numeri che possono essere elaborati applicando formule matematiche e funzioni statistiche. Esame di Informatica

Dettagli

Il Personal Computer. Uso del Computer e gestione dei File ECDL Modulo 2

Il Personal Computer. Uso del Computer e gestione dei File ECDL Modulo 2 Il Personal Computer Uso del Computer e gestione dei File ECDL Modulo 2 1 accendere il Computer Per accendere il Computer effettuare le seguenti operazioni: accertarsi che le prese di corrente siano tutte

Dettagli

Traccia delle lezioni svolte in laboratorio Excel 2003. Excel 2003 Excel 2010

Traccia delle lezioni svolte in laboratorio Excel 2003. Excel 2003 Excel 2010 Traccia delle lezioni svolte in laboratorio Excel 2003 Excel 2003 Excel 2010 INTRODUZIONE A EXCEL EXCEL è un programma di Microsoft Office che permette di analizzare grandi quantità di dati (database)

Dettagli

Utilizzo del foglio di lavoro con gli strumenti di disegno di Excel

Utilizzo del foglio di lavoro con gli strumenti di disegno di Excel Utilizzo del foglio di lavoro con gli strumenti di disegno di Excel Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini Excel 2000 1 Presentazione della barra degli strumenti di disegno La barra degli strumenti

Dettagli

APPUNTI WORD PER WINDOWS

APPUNTI WORD PER WINDOWS COBASLID Accedemia Ligustica di Belle Arti Laboratorio d informatica a.a 2005/06 prof Spaccini Gianfranco APPUNTI WORD PER WINDOWS 1. COSA È 2. NOZIONI DI BASE 2.1 COME AVVIARE WORD 2.2 LA FINESTRA DI

Dettagli

Alibre Design. Lezione n 6 Messa in tavola. www.lista.it Sesto esercizio, pagina 1 di 22

Alibre Design. Lezione n 6 Messa in tavola. www.lista.it Sesto esercizio, pagina 1 di 22 Alibre Design Lezione n 6 Messa in tavola www.lista.it Sesto esercizio, pagina 1 di 22 Abbiamo già visto nelle lezioni precedenti come avviare Alibre in modalità Pezzo (per disegnare una parte) o in modalità

Dettagli

CORSO PRATICO WinWord

CORSO PRATICO WinWord CORSO PRATICO WinWord AUTORE: Renato Avato 1. Strumenti Principali di Word Il piano di lavoro di Word comprende: La Barra del Titolo, dove sono posizionate le icone di ridimensionamento: riduci finestra

Dettagli

Layout dell area di lavoro

Layout dell area di lavoro Layout dell area di lavoro In Windows, Dreamweaver fornisce un layout che integra tutti gli elementi in una sola finestra. Nell area di lavoro integrata, tutte le finestre e i pannelli sono integrati in

Dettagli

Microsoft Word 2007 Avanzato Lezione 16. Dimensione delle immagini

Microsoft Word 2007 Avanzato Lezione 16. Dimensione delle immagini Dimensione delle immagini e Scorrimento del testo Dimensione delle immagini Anche oggi parliamo di immagini. Cominciamo proponendo qualche considerazione circa le dimensioni e il ritaglio dell immagine

Dettagli

NUOVO PORTALE ANCE. MANUALE per la GESTIONE della HOME PAGE VAI ALL INDICE DEI CONTENUTI

NUOVO PORTALE ANCE. MANUALE per la GESTIONE della HOME PAGE VAI ALL INDICE DEI CONTENUTI NUOVO PORTALE ANCE MANUALE per la GESTIONE della HOME PAGE VAI ALL INDICE DEI CONTENUTI DEI CONTENUTI ACCESSO AL MENU PRINCIPALE PAG. 3 CREAZIONE DI UNA NUOVA HOME PAGE 4 SELEZIONE TIPO HOME PAGE 5 DATA

Dettagli

01. Conoscere l area di lavoro

01. Conoscere l area di lavoro 01. Conoscere l area di lavoro Caratteristiche dell interfaccia Cambiare vista e dividere le viste Gestire i pannelli Scegliere un area di lavoro Sistemare le barre degli strumenti Personalizzare le preferenze

Dettagli

PROGRAMMA DIDATTICO: CORSO DI GRAFICA TEORICA

PROGRAMMA DIDATTICO: CORSO DI GRAFICA TEORICA Durata Titolo del Corso Descrizione Tipologia 21 ore Corso di Computer Grafica: Le basi di Illustrator Completo Corso di Computer Grafica: Le basi di Photoshop Sintetico 19 ore Corso di Grafica Teorica

Dettagli

A destra è delimitata dalla barra di scorrimento verticale, mentre in basso troviamo una riga complessa.

A destra è delimitata dalla barra di scorrimento verticale, mentre in basso troviamo una riga complessa. La finestra di Excel è molto complessa e al primo posto avvio potrebbe disorientare l utente. Analizziamone i componenti dall alto verso il basso. La prima barra è la barra del titolo, dove troviamo indicato

Dettagli

GUIDA. a cura di Maddalena Dal Degan

GUIDA. a cura di Maddalena Dal Degan ISTITUTO COMPRENSIVO DI VERONELLA E ZIMELLA Commissione Informatica a.s. 2010-2011 Coordinatore di commissione Maddalena Dal Degan GUIDA a cura di Maddalena Dal Degan - Iniziare il progetto pag 3 - I segnalibri

Dettagli

IL DIGITAL PHOTOGRAPHY WORKFLOW CON ADOBE PHOTOSHOP LIGHTROOM

IL DIGITAL PHOTOGRAPHY WORKFLOW CON ADOBE PHOTOSHOP LIGHTROOM IL DIGITAL PHOTOGRAPHY WORKFLOW CON ADOBE PHOTOSHOP LIGHTROOM Un flusso di lavoro essenziale dall acquisizione dell immagine alla stampa 1 Importare le foto Nel Modulo Libreria, premere il tasto Importa,

Dettagli

Guida SH.Shop. Inserimento di un nuovo articolo:

Guida SH.Shop. Inserimento di un nuovo articolo: Guida SH.Shop Inserimento di un nuovo articolo: Dalla schermata principale del programma, fare click sul menu file, quindi scegliere Articoli (File Articoli). In alternativa, premere la combinazione di

Dettagli

Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 4. Lezione 3: Grafici Impostazione e verifica del foglio Opzioni di stampa. Anno 2011/2012 Syllabus 5.

Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 4. Lezione 3: Grafici Impostazione e verifica del foglio Opzioni di stampa. Anno 2011/2012 Syllabus 5. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 4 Lezione 3: Grafici Impostazione e verifica del foglio Opzioni di stampa Anno 2011/2012 Syllabus 5.0 Una delle funzioni più importanti di un foglio elettronico

Dettagli

Corso introduttivo a MS Excel ed MS Access. sergiopinna@tiscali.it

Corso introduttivo a MS Excel ed MS Access. sergiopinna@tiscali.it Corso introduttivo a MS Excel ed MS Access sergiopinna@tiscali.it Seconda Parte: Ms Access (lezione #2) CONTENUTI LEZIONE Query Ordinamento Avanzato Maschere Report Query (interrogazioni) Gli strumenti

Dettagli

Le MASCHERE di Photoshop - i vari utilizzi e le varie applicazioni - per utenti esperti - (realizzato da Rino Ruscio - art director)

Le MASCHERE di Photoshop - i vari utilizzi e le varie applicazioni - per utenti esperti - (realizzato da Rino Ruscio - art director) Le MASCHERE di Photoshop - i vari utilizzi e le varie applicazioni - per utenti esperti - (realizzato da Rino Ruscio - art director) PREMESSA In questo tutorial mostrerò come si usano le MASCHERE in PHOTOSHOP

Dettagli

Versione aggiornata al 11.11.2014

Versione aggiornata al 11.11.2014 Word Processing Versione aggiornata al 11.11.2014 A cura di Massimiliano Del Gaizo Massimiliano Del Gaizo Pagina 1 SCHEDA (RIBBON) HOME 1. I L G R U P P O C A R AT T E R E Word ci offre la possibilità,

Dettagli

Corso completo di Excel 2003 per Certificazione Microsoft Office Specialist e Patente Europea (ECDL) - Prof. Roberto Fantaccione

Corso completo di Excel 2003 per Certificazione Microsoft Office Specialist e Patente Europea (ECDL) - Prof. Roberto Fantaccione Corso completo di Excel 2003 per Certificazione Microsoft Office Specialist e Patente Europea (ECDL) - Premessa Excel 2003 è un programma della suite di office 2003, in grado di organizzare e gestire tabelle

Dettagli

LUdeS Informatica 2 EXCEL. Prima parte AA 2013/2014

LUdeS Informatica 2 EXCEL. Prima parte AA 2013/2014 LUdeS Informatica 2 EXCEL Prima parte AA 2013/2014 COS E EXCEL? Microsoft Excel è uno dei fogli elettronici più potenti e completi operanti nell'ambiente Windows. Un foglio elettronico è un programma che

Dettagli

Indice generale Introduzione...xi Capitolo 1 Che cos è Flash...1

Indice generale Introduzione...xi Capitolo 1 Che cos è Flash...1 Indice generale Introduzione... xi Capitolo 1 Che cos è Flash...1 Le novità di Flash CS4... 2 Animazione basata su oggetti... 2 Tracciati in movimento... 3 Trasformazione 3D... 3 Pittura ed animazione

Dettagli

Piccola guida a Microsoft Word 2003

Piccola guida a Microsoft Word 2003 Pagina 1 di 8 Indice Piccola guida a Microsoft Word 2003 ELEMENTI DI CARATTERE GENERALE I. Per visualizzare le barre degli strumenti II. Per inserire un intestazione o un piè di pagina III. Per modificare

Dettagli

Programma didattico Accademia di Belle Arti Palermo. informatica per la grafica Prof.Luca Pulvirenti

Programma didattico Accademia di Belle Arti Palermo. informatica per la grafica Prof.Luca Pulvirenti Introduzione al disegno digitale ed alla grafica web Gli standard grafici La tecnologia : hardware e software Il computer l'unità centrale (CPU, HD) le schede grafiche gli schermi gli scanner le stampanti

Dettagli

Salva: per salvare le slide Workspace nel formato nativo con estensione GWB nella cartella predefinita

Salva: per salvare le slide Workspace nel formato nativo con estensione GWB nella cartella predefinita Workspace menu FILE Nuovo : creare un nuovo file Workspace Apri : aprire un file Workspace Salva: per salvare le slide Workspace nel formato nativo con estensione GWB nella cartella predefinita Salva con

Dettagli

lo 2 2-1 - PERSONALIZZARE LA FINESTRA DI WORD 2000

lo 2 2-1 - PERSONALIZZARE LA FINESTRA DI WORD 2000 Capittol lo 2 Visualizzazione 2-1 - PERSONALIZZARE LA FINESTRA DI WORD 2000 Nel primo capitolo sono state analizzate le diverse componenti della finestra di Word 2000: barra del titolo, barra dei menu,

Dettagli

MODULO 5 Basi di dati (database)

MODULO 5 Basi di dati (database) MODULO 5 Basi di dati (database) I contenuti del modulo: questo modulo riguarda la conoscenza da parte del candidato dei concetti fondamentali sulle basi di dati e la sua capacità di utilizzarli. Il modulo

Dettagli

6.6 PREPARAZIONE ALLA PRESENTAZIONE

6.6 PREPARAZIONE ALLA PRESENTAZIONE 6.6 PREPARAZIONE ALLA PRESENTAZIONE Le funzionalità di Impress permettono di realizzare presentazioni che possono essere arricchite con effetti speciali animando gli oggetti o l entrata delle diapositive.

Dettagli

Guida OpenOffice.org Writer

Guida OpenOffice.org Writer Guida OpenOffice.org Writer Le visualizzazioni di Writer Writer permette di visualizzare un documento in diverse maniere tramite: Visualizza->Schermo intero: permette di visualizzare il documento Writer

Dettagli

Operazioni fondamentali

Operazioni fondamentali Foglio elettronico Le seguenti indicazioni valgono per Excel 2007, ma le procedure per Excel 2010 sono molto simile. In alcuni casi (per esempio, Pulsante Office /File) ci sono indicazioni entrambe le

Dettagli

Microsoft Paint. Per far partire il programma occorre cliccare su START \ PROGRAMMI \ ACCESSORI \ PAINT

Microsoft Paint. Per far partire il programma occorre cliccare su START \ PROGRAMMI \ ACCESSORI \ PAINT Microsoft Paint Paint è uno strumento di disegno che consente di creare disegni sia semplici che elaborati. È possibile creare disegni in bianco e nero o a colori e salvarli come file bitmap. I disegni

Dettagli