GIOVANNI MERONI 2011 VERSIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GIOVANNI MERONI 2011 VERSIONE"

Transcript

1 GIOVANNI MERONI Guida pratica al CORSO DI ADVERTISING ONLINE AGGIORNATO al 2011 versione beta

2 Impaginare un banner in Adobe Photoshop In questo capitolo sarà illustrato come creare un layout grafico di un banner pubblicitario, in Adobe Photoshop. Per impostare graficamente un banner è sempre preferibile un layout prima di passare al montaggio. Photoshop è un elaboratore di immagini molto potente, ed è più adatto a progettare. Permette inoltre degli effetti grafici che direttamente con Flash non sarebbe possibile ottenere. Per iniziare, apriamo Photoshop e apriamo un nuovo documento con il comando File > Nuovo Apparirà una finestra che permetterà di impostare l area di lavoro del banner. Il formato è il Box, 300x250 pixel. Le misure sono sempre base x altezza. Inserire il prodotto Cercare un prodotto semplice da scontornare (es. una lattina di una bibita). Scaricare l immagine e aprirla in Photoshop. Scontornare l immagine. Per procedere allo Nota importante Per tutti i progetti web è sempre necessario usare una risoluzione di 72 dpi e impostare i pixel come unità di misura. Il metodo colore va impostato su RGB. È anche molto importante lavorare sempre in scala 1:1, per poter verificare in tempo reale che cosa effettivamente verrà visto dai nostri utenti/visitatori. Errore Frequente Bisognerebbe sempre evitare di progettare in dimensioni più grandi di quelle che effettivamente andranno online. Spesso si cade in questa tentazione per poter vedere meglio i dettagli, con l idea di rimpiccolire tutto alla fine. Progettare in dimensioni reali può essere più difficile in un primo momento, ma realizzare in tempo reale che cosa effettivamente sarà visibile (e leggibile) e che cosa non lo sarà è importantissimo. Anche il vettoriale è sconsigliato per progettare. Avendo sempre piena risoluzione a qualsiasi dimensione, rende difficile stabilire che cosa effettivamente verrà visto dall utente finale, a lavoro finito. 2

3 scontorno è possibile usare diversi metodi, anche combinabili fra di loro. Questi metodi sono illustrati nel box Guida allo scontorno, più avanti. Trascinare la lattina scontornata sul documento principale e posizionarla nella parte sinistra dell area di lavoro, facendo attenzione a non farla uscire dalle guide tracciate precedentemente. È possibile ridimensionare gli oggetti selezionandoli e premendo CTRL+T. Se si desidera mantenere le proporzioni, tenere SHIFT mentre si scala l oggetto. Aggiungere il riflesso sotto la lattina Per aggiungere il riflesso, basta duplicare il livello (CLICK DESTRO sul livello della lattina e DUPLICA LIVELLO ), rifletterlo verticalmente (modifica > trasforma > rifletti verticale) e abbassarlo in modo che siano perfettamente appoggiati. Creare poi una maschera di livello sul livello di riflesso (selezionare il livello e cliccare l icona del quadrato con un cerchio all interno, alla base della palette livelli) e tracciare un gradiente verticale da bianco a nero, con lo strumento sfumatura, sulla maschera di livello appena creata, in modo da sfumare gradualmente il riflesso mano a mano che ci si allontana dall oggetto. A questo punto regolare l opacità del livello a 40% - 50%. Quick Tip è possibile regolare velocemente l opacità del livello Impostare le guide La prima cosa da fare è impostare delle guide agli angoli dell area di lavoro. Con il tasto F8 (oppure finestra > info) aprire il pannello Info. Con SHIFT+R, aprire i righelli. Con lo strumento selezione rettangolare (M) selezionare un area perfettamente quadrata dall angolo alto-sinistra di 20 pixel. Tenere premuto il tasto Shift per mantenere inalterate le proporzioni della selezione (per tracciare quadrati o cerchi con base e altezza uguali). Controllare sul pannello info la dimensione dell area selezionata. A questo punto, tirare due guide cliccando e trascinando dai righelli, agganciandole alla base e al lato dx del vostro quadrato. Tracciare un quadrato, sempre di 20px anche sul lato in basso a dx, e tirare altre due guide, agganciandole alla parte superiore e al alto sinistro del quadrato appena tracciato. Le guide appena tracciate servono per mantenere sempre un margine costante, senza il rischio di sbordare. È possibile nascondere le guide con Ctrl+H. 3

4 GUIDA ALLO SCONTORNO Strumento bacchetta magica Con lo strumento Bacchetta Magica è possibile selezionare un area con colori simili. Basta cliccare su una zona dell immagine che ha un colore uniforme per selezionare tutti i pixel che contengono quel colore e le sue variazioni. Usare la tolleranza per espandere o diminuire la gamma di colori che Photoshop selezionerà. Questo sistema non è preciso e sconsigliato, ma è molto rapido. Con questa tecnica è possibile selezionare lo sfondo e rimuoverlo con il tasto canc. con il tastierino numerico. Con block num attivato e il livello selezionato, premere i numeri da 1 al 0 per settare l opacità da 10% a 100% (1 equivale a 10%, 0 a 100%). Aggiungere l ombra sotto la lattina Creare un nuovo layer vuoto tra lattina e riflesso. Selezionare un pennello tondo, con i bordi sfumati. Dare una pennellata al centro dell area di lavoro, verificando che non venga tagliata sui lati. Distorcere la pennellata con CTRL+T, allungandola orizzontalmente e schiacciandola verticalmente. Posizionare l oggetto creato sotto la lattina. Usare come metodo di fusione del livello moltiplica. Intervallo colori Con Intervallo colori si seleziona un determinato colore o intervallo di colori in una selezione o immagine. Se lo sfondo è uniforme, è possibile selezionarlo facilmente: basta andare su selezione > Intervallo colori, cliccare su un area dello sfondo con il contagocce e impostare la tolleranza, in modo da selezionare solo lo sfondo. A questo punto, cancellare lo sfondo. Regolare l opacità del livello al valore desiderato (consigliato 60%) Aggiungere uno sfondo Per disegnare lo sfondo è possibile usare una combinazione di gradienti. Create un nuovo livello di sfondo sotto la lattina appena importata. Selezionare due tonalità simili sul colore di primo piano e sul colore di sfondo. 4

5 Selezionare lo strumento sfumatura/gradiente (G). Sulla parte alta (sotto file) apparirà un gradiente. Cliccate sulla freccia e selezionate il gradiente desiderato (quello con i due colori appena selezionati). Tracciare un gradiente dall alto al basso dell area di lavoro. Per creare un taglio che possa simulare l orizzonte, scegliere un colore leggermente più scuro dello sfondo. Selezionare lo strumento pennello (B). Selezionare, sotto il menù file un pennello con i bordi sfumati, non troppo grande (in modo che la pennellata non esca dall area di lavoro) e dare una pennellata al Strumento Penna Lo strumento Penna (P) è la scelta migliore per scontornare: è estremamente preciso. È però un po più difficile da usare rispetto agli altri due strumenti sopraelencati. Necessita infatti una base di disegno vettoriale. È consigliato selezionare l opzione livelli di forma (sotto la voce file, selezionando il pennino). I livelli Forma di Photoshop sono dei livelli che ci permettono di lavorare con forme vettoriali. Con il pennino (e i livelli di forma attivati) scontornare l oggetto. Una volta scontornato, fare CTRL+CLIC sulla parte grigia del layer di forma (che si sarà creato sopra il livello dell oggetto da scontornare). Ora che l area è selezionata, invertire la selezione, selezionare il livello dell oggetto da scontornare e rimuovere il background con CANC. centro dell area di lavoro. Selezionare con lo strumento di selezione rettangolare (M) la metà superiore della pennellata e cancellarla con CANC. Deformare la mezza pennellata in modo da ottenere un effetto di taglio/orizzonte. Selezionare moltiplica come metodo di fusione del livello. Con un procedimento simile a quello sopraelencato, è possibile ottenere un altra mezza pennellata, con un colore più chiaro rispetto allo sfondo, selezionando 5

6 Selezionare rapidamente È possibile selezionare direttamente gli elementi dell area di lavoro con CTRL+CLICK Per selezionare rapidamente un oggetto in Photoshop - senza dover cercare il layer di riferimento - è possibile utilizzare il comando selezione automatica (in alto a sinistra, sotto file ). Il metodo consigliato da questa guida, però, è di non attivare questa funzione, ma di selezionare selezione automatica: livello e cliccare sugli oggetti all interno dell area di lavoro con CTRL+CLICK per selezionarli direttamente. e cancellando la parte inferiore. Con questa nuova pennellata si otterrà un effetto di lumeggiatura, da accostare al taglio precedentemente ottenuto. Inserire una Headline Per inserire un titolo, selezionare lo strumento di testo orizzontale, scrivere una headline e formattare il testo tramite i pannelli carattere e paragrafo (accessibili dalla voce finestra ). In questo caso è opportuno optare per un allineamento bandiera sinistra. Creazione di un bottone call-to action Il bottone è un elemento molto importante nell advertising online, pertanto la resa grafica deve essere opportunamente curata. Per disegnare un bottone, è consigliato utilizzare degli shape layers vettoriali. Per disegnarli, selezionare lo strumento rettangolo o rettangolo con i bordi arrotondati (U), verificare che l opzione livelli di forma o shape layers sia attivata (sotto il menù file ) e disegnare il corpo del bottone. A questo corpo vettoriale verranno applicati degli stili livello che ne determineranno l aspetto. Usare una combinazione di stili livello e forme vettoriali rende questi elementi 6

7 estremamente flessibili. Per applicare uno stile vettoriale, selezionare il livello della forma e cliccare il piccolo fx in basso alla palette dei livelli (che viene richiamata con F7). A questo punto sarà possibile selezionare diversi stili per personalizzare il proprio bottone. Vale la pena familiarizzare con questi comandi, in modo da padroneggiarli e poterli usare creativamente per poter produrre diversi tipi di bottone. In questo caso, possiamo utilizzare: un gradiente lineare (sovrapposizione sfumatura), angolo 90 come da default, con colori molto contrastati rispetto allo sfondo un ombra interna scura a distanza 0, dimensione 15 per dare profondità con metodo fusione moltiplica una traccia bianca di 2 px un ombra esterna scura disattivando luce globale- con angolo 90, dimensione e distanza 5 con metodo fusione moltiplica A questo punto, sempre con lo strumento di testo, create il testo ( scopri ) da inserire sul bottone più una freccia. Anche su questo testo, è possibile applicare stili livello (esempio ombra esterna distanza 1, estensione e dimensione 0). Raggruppate (CTRL+G) il bottone. 7

8 Esportare da Photoshop per Flash Ora che il banner è stato progettato interamente, è possibile esportare singolarmente gli elementi, per poterli poi importare in flash. Isolare gli oggetti Per esportare, bisogna prima di tutto isolare ogni elemento. Per isolare si intende avere un documento che contenga solo l oggetto che si desidera esportare, senza altri elementi. Per isolare ci sono diversi modi. Qui di seguito ne viene illustrato uno. Importante: importare il vettoriale Il vettoriale può essere importato direttamente da illustrator a flash con un semplice CTRL+C e CTRL+V. Flash supporta perfettamente il vettoriale, pertanto è sconsigliato esportare il vettoriale come immagine da photoshop. Creare un nuovo documento vuoto, molto grande (es. 1024x768) Selezionare l oggetto che si desidera esportare (per esempio la lattina), e trascinarlo nel nuovo documento. Disattivare il livello di sfondo (nel caso non si tratti di un oggetto rettangolare) Usare lo strumento Taglierina/Crop ( C ) per tagliare il margine in eccesso. Nel caso di oggetti rettangolari, è possibile tagliare a filo (anche usando immagine > rifila). Nel caso di oggetti non rettangolari (con aree trasparenti) lasciare qualche pixel di margine. Usare File > salva per web e dispositivi per aprire il pannello di esportazione. Pannello di esportazione A seconda della tipologia di immagine, dobbiamo indicare l estensione (png, jpeg o gif) con cui esportare il nostro oggetto: JPEG Gli oggetti che non hanno fondo trasparente (quindi sono completamente solidi) vanno esportati in JPEG. PNG-24 Per tutti gli elementi raster con fondo trasparente (anche, per esempio, i rettangoli con il bordo arrotondato) è necessario esportare in png. 8

9 GIF Da usare per oggetti piatti, senza sfumature, eventualmente con fondo trasparente. È meno potente della png (preferire dunque quest ultima), l unico vantaggio può essere un minore peso. Una volta scelta l estensione, in alto a dx, premere su salva per completare l esportazione (scegliendo la cartella e il nome del file che andremo ad esportare). A questo punto, isolare ed esportare tutti i nostri elementi. Lattina, ombra, riflesso e bottone (intero) vanno esportati in PNG (perché trasparenti). Il background va esportato in jpeg. È consigliabile esportare anche una jpeg di tutto il banner (tutti gli elementi attivati), che servirà da traccia per posizionare tutti gli elementi in flash. Il testo che abbiamo inserito in Photoshop, invece, potrà essere riscritto tranquillamente in flash. 9

10 Animare il banner il flash Aprire Adobe Flash. Creare un nuovo documento andando su file > nuovo. È possibile selezionare il tipo di Actionscript (codice utilizzato da Flash) da utilizzare. Actionscript è il linguaggio di programmazione di Flash, e viene utilizzato per gli aspetti più avanzati ed interattivi del programma. Lo scopo di questa guida è approfondire gli aspetti grafici, creativi e di animazione Flash, pertanto la parte legata al codice verrà solo brevemente accennata. In questo corso sarà trattata la versione 2.0 di Actionscript. PREPARARE L AREA DI LAVORO La prima cosa da fare è assegnare all area di lavoro le giuste dimensioni e il framerate desiderato. Per poter settare le dimensioni e il framerate, è necessario il pannello Proprietà. Se non è già aperto, andare su Finestra > Proprietà > Proprietà Impostare le dimensioni del documento desiderate (per questo progetto le dimensioni sono 300x250px) e impostare gli FPS (framerate) a 30. Gli FPS (Frame per secondo) Gli FPS sono i frame per secondo. Più è alto il valore di fps più il filmato è fluido e rapido. 10

11 È sempre opportuno settare gli FPS a 30 per avere il risultato più fluido possibile. Alzare il framerate oltre i 30 renderebbe il filmato ancora più fluido, ma difficilmente la differenza verrebbe percepita dall occhio umano. 30 è quindi il miglior compromesso: valori maggiori allungherebbero la timeline e renderebbero il progetto più difficile da gestire. La Timeline La timeline è la rappresentazione lineare dello stato di un animazione dal primo all ultimo frame. È il righello numerato, composto da piccoli rettangoli, che si trova nella parte bassa dell interfaccia del programma. Permette la gestione dei livelli e delle animazioni di Flash. Di default, appena un documento viene creato, la timeline ha un solo livello e un solo fotogramma. I livelli I livelli vengono impilati in verticale, uno sopra all altro. Il contenuto dei livelli più in alto si vede di fronte rispetto ai livelli più in basso. È possibile creare nuovi livelli cliccando sulla piccola icona a forma di pagina, in basso a sinistra. Per eliminare i livelli, cliccare sull icona del bidone della spazzatura. Per raggruppare i livelli in cartelle, cliccare sull icona della cartella e trascinare i livelli desiderati al suo 11

12 interno. Per nascondere un livello (non visualizzarlo, senza doverlo eliminare), cliccare sul puntino sotto l icona dell occhio. Cliccare una seconda volta nello stesso punto per renderlo nuovamente visibile. Per bloccare un livello (renderlo non selezionabile e non modificabile), cliccare sul puntino sotto l icona del lucchetto. Cliccare una seconda volta nello stesso punto per renderlo nuovamente sbloccato. I fotogrammi I fotogrammi, i vari rettangolini che si susseguono in orizzontale, rappresentano lo scorrere del tempo. I numeri, multipli di 5, in alto alla timeline, indicano il numero di fotogrammi. Alla creazione del documento, i fotogrammi per secondo sono stati impostati a 30. Questo significa che al fotogramma numero 30, sarà passato un secondo. I fotogrammi possono essere chiave oppure normali, pieni o vuoti. I fotogrammi chiave hanno sempre al loro interno un punto. Se il fotogramma e il punto sono bianchi, il fotogramma è chiave e vuoto. Se il fotogramma è grigio e il punto è nero, il fotogramma è chiave e pieno. I fotogrammi normali sono senza punto al loro interno, e possono essere grigi (pieni) oppure bianchi (vuoti). Le zone divise da piccole righe, con i piccoli riquadri bianchi separati ogni 5 da uno più scuro, non sono fotogrammi: sono dei segnaposto, che possono essere riempiti con dei fotogrammi chiave, normali, pieni o vuoti. Per creare dei fotogrammi, è possibile cliccare con il tasto destro su un qualsiasi riquadro della timeline e selezionare la voce corrispondente al fotogramma che si desidera creare. È anche possibile creare dei fotogrammi con delle shorcut: basta selezionare un punto della timeline e premere da f5 a f7. Di seguito l elenco delle shortcut e tipologie di fotogrammi. F5 > Crea un nuovo fotogramma (non chiave) F6 > Crea un nuovo fotogramma chiave F7 > Crea un nuovo fotogramma chiave vuoto I fotogrammi pieni contengono sempre lo stesso (o gli stessi) oggetti del primo fotogramma chiave che li precede. 12

13 Se abbiamo al fotogramma 1 un quadrato rosso, ci basta creare un fotogramma chiave al fotogramma 5 (basta premere f6) per riempire con il quadrato rosso sia il fotogramma chiave 6 che tutti i fotogrammi normali dal 2 al 4. Quando creiamo un fotogramma chiave vuoto (f7) tutti i successivi saranno vuoti fino al primo fotogramma chiave pieno. 13

14 Tagliare, copiare ed incollare i fotogrammi Per correggere errori, oppure semplicemente per modificare alcune parti di filmato, è necessaria la conoscenza di alcuni comandi base per agire sui fotogrammi. Per spostare uno o più fotogrammi, selezionare i fotogrammi che si desidera spostare (con un semplice clic+trascina, oppure, se si desidera maggio precisione, cliccare con il pulsante sinistro sul primo fotogramma che si desidera spostare, poi, tenendo SHIFT, cliccare sul secondo fotogramma che si desidera spostare. Verrà selezionato l intero intervallo tra i due fotogrammi). Una volta selezionati i fotogrammi, avvicinare il mouse ai fotogrammi selezionati, attendere che appaia il rettangolo vicino al puntatore e cliccare e trascinare nella posizione desiderata. Per eliminare i fotogrammi, selezionare i fotogrammi, cliccarli con il tasto destro e selezionare rimuovi fotogrammi. Per convertire un fotogramma chiave in uno normale, cliccarlo con il tasto destro e selezionare cancella fotogramma chiave. Con Taglia e incolla fotogrammi è possibile spostare, tagliare ed incollare diversi fotogrammi simultaneamente. Importare visuals in Flash Per importare gli oggetti in Flash, andare su file > importa > importa nello stage. Questo comando importa gli oggetti direttamente nello stage, nel fotogramma selezionato. Cercare la cartella nella quale sono contenuti gli oggetti da importare (gif, png, jpeg), selezionare gli oggetti e confermare. Si ricorda che per il vettoriale è opportuno fare copia e incolla da un documento RGB di Adobe Illustrator. Tutti gli oggetti verranno inseriti in un unico fotogramma chiave, uno sopra l altro. 14

15 Appena importati gli elementi, è necessario inserire ogni immagine/elemento su un livello distinto: esistono due metodi per distribuire gli elementi sui vari livelli. Metodo 1 (lento ma con massimo controllo) È possibile creare un nuovo livello (cliccando sull icona a pagina in basso a sinistra), selezionare il singolo elemento al quale si desidera cambiare livello, tagliarlo con CTRL+X, selezionare il nuovo livello che è appena stato creato e incollare con CTRL+V. È possibile cambiare il nome del livello con un doppio clic sul nome dello stesso. Metodo 2 (veloce) Selezionare tutti gli oggetti presenti sul fotogramma. Cliccarne uno qualsiasi con il tasto dx del mouse. Selezionare Distribuisci su livelli. Ora ogni oggetto è posizionato su un livello differente. Il fotogramma che inizialmente conteneva tutti gli oggetti viene svuotato (e solitamente è opportuno cancellarlo). Con questo metodo, i livelli prendono i nomi degli oggetti che contengono, automaticamente. Ogni livello deve contenere un solo elemento, in modo da non creare conflitti quando si procederà all animazione. Subito dopo aver distribuito gli oggetti sui livelli, è necessario convertire gli oggetti in simbolo. I Simboli Convertire in simbolo gli oggetti è molto importante perché rende gli oggetti riconoscibili da Flash, permettendo l uso di effetti ed animazioni (vedere effetto colore e filtri, più avanti). Per convertire in simbolo, selezionare l oggetto da convertire, cliccarlo con tasto destro e selezionare Converti in simbolo dal menu a comparsa. Un metodo alternativo più rapido consiste nel selezionare l oggetto e premere F8. Sarà possibile dare un nome al simbolo e selezionarne il tipo. Esistono 3 tipi di simboli. Grafico, Movieclip e Pulsante: Grafici > simboli statici, tutti gli elementi statici dovrebbero essere convertiti in grafici. 15

16 Movieclip > simboli dinamici, funzionano come dei micro-filmati con una loro timeline all interno dello stage. Se non vengono bloccati con uno stop alla fine della loro timeline ricominciano il ciclo. Pulsanti > pulsanti preimpostati di flash con quattro stati. Su (normale), sopra(rollover), giù(cliccato) e premuto (area sensibile). Per i bottoni più piccoli o composti solo da testo è opportuno impostare un area sensibile più grande del bottone stesso. L area sensibile è invisibile. E possibile creare pulsanti trasparenti riempiendo solo l area di premuto e lasciando vuote su, sopra e giù. Per animazioni semplici, si consiglia di utilizzare sempre movieclip, più potente e versatile del Grafico. A tutti i simboli è possibile applicare interpolazioni movimento, ma non interpolazioni forma (riservate esclusivamente a forme non raggruppate). A tutti i simboli è possibile associare un effetto (luminosità, tinta, alfa e avanzato) sul pannello proprietà > colore. Agli oggetti non simboli non è possibile applicare questi effetti. Vedremo queste proprietà più avanti. Una volta convertiti in movieclip tutti gli oggetti, si è pronti ad animare. Animazione Base L animazione base in flash si basa sull avere due fotogrammi chiave sullo stesso livello, che contengono lo stesso oggetto (movieclip) con proprietà differenti, collegati con un interpolazione di movimento. Questa interpolazione farà una media tra le differenti proprietà sugli oggetti presenti nei fotogrammi chiave. Questa frase teorica risulterà immediatamente più chiara dopo il seguente tutorial. Selezionare il fotogramma chiave 1. Creare un cerchio senza bordo, con l apposito strumento, e convertirlo in simbolo. 16

17 Selezionare il fotogramma 15 e creare un nuovo fotogramma chiave con F6. Ora anche questo fotogramma chiave conterrà il nostro cerchio. Spostare il cerchio al fotogramma 15 in una posizione diversa rispetto al suo corrispondente al fotogramma 1. Ora i fotogrammi dall 1 al 14 conterranno il cerchio nella posizione iniziale, mentre il 15 sarà direttamente nella nuova posizione. Cliccare con il tasto destro un fotogramma qualsiasi tra l 1 e il 15 e selezionare crea interpolazione classica. A questo punto apparirà una freccia azzurra che collega il fotogramma 1 al 15, e il cerchio si sposterà gradualmente dalla posizione del fotogramma 1 a quella del fotogramma 15. È possibile cambiare posizione sia all 1 che al 15, così come qualsiasi altra proprietà (dimensione, scala). L interpolazione classica farà sempre una media di queste due proprietà, animando l oggetto. L interpolazione movimento è applicabile soltanto ai Grafici, ai Movieclip o ai pulsanti. Non ha effetto sulle forme non raggruppate ed è sconsigliabile utilizzarla sulle forme raggruppate. È possibile usare un moto uniformemente accelerato o decelerato, tramite la proprietà andamento. Per usarla, selezionare un qualsiasi punto dell interpolazione, e alzare o abbassare il valore di andamento nel pannello proprietà > interpolazione corrisponde a un moto decelerato, -100 ad un moto accelerato. Creare Maschere Le maschere di Flash, come quelle di Photoshop, funzionano come dei livelli finestra che rivelano solo una parte dei livelli sottostanti. Per esempio, è possibile avere un livello mare mascherato da un livello che contiene un cerchio, per avere un effetto di oblò. Per capire come usare e come funzionano le maschere, di seguito un breve tutorial. Per iniziare, creare un livello background nero (Inserisci > Linea temporale > Livello) e riempirlo con un rettangolo nero. Questo livello sarà posto sotto a tutti gli altri, come sfondo. Sopra il livello di background nero, creare un livello arcobaleno. Riempire questo livello con un rettangolo con un riempimento gradiente lineare arcobaleno (è possibile trovarlo nel pannello colore, vedi più avanti). Sopra il livello arcobaleno, creare un livello con un cerchio all interno e rinominare il 17

18 Sopra: maschera disattivata. A destra: maschera attivata. livello maschera. Poiché un livello maschera nasconde sempre il livello immediatamente sottostante, accertarsi di creare il livello maschera nella posizione appropriata. Nei livelli maschera Flash ignora le bitmap, i gradienti, la trasparenza, i colori e gli stili di linea. Tutte le aree piene diventano completamente trasparenti nella maschera; tutte le aree non piene diventano invece opache. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul nome del livello maschera nella linea temporale, quindi selezionare Maschera. Il livello maschera è indicato da un apposita icona (l oblò azzurro inscritto nel rettangolo nero). Chiameremo questo livello mascherante. Il livello immediatamente sottostante è collegato al livello maschera e il contenuto è visibile attraverso l area piena sulla maschera. Il nome del livello mascherato è rientrato e l icona assume l aspetto di un livello azzurro 18

19 quadrettato, che contrassegna il livello come mascherato. Ora il livello mascherante delimiterà la visione del livello mascherato solo nella sua area piena. Pertanto l arcobaleno sarà visibile solo all interno del cerchio. Notare bene che i livelli mascherati vengono automaticamente bloccati. Per visualizzare correttamente la maschera è sempre necessario che sia il livello mascherato che quello mascherante siano bloccati. Per poter modificare la maschera, invece, è necessario sbloccare i livelli. Le maschere possono essere animate (con interpolazioni di movimento e forma). Per esempio, il cerchio può muoversi, rivelando diverse porzioni dell arcobaleno sottostante. Creare uno sfondo per il banner Di seguito un breve tutorial per creare rapidamente uno sfondo pieno o sfumato in Flash. Su un documento vuoto, selezionare lo strumento rettangolo, settare il colore bordo a trasparente e disegnare un rettangolo a caso. Selezionare il rettangolo con lo strumento freccia (V) e, nel pannello proprietà immettere i valori desiderati di larghezza e altezza (che dovranno corrispondere all area dello stage) e le coordinate x e y (in questo caso, 0 e 0). Se non è già aperto, aprire il pannello colore. Finestra > Colore (shift+f9) Alla voce tipo, selezionare lineare (sfumatura) e impostare i colori desiderati modificando le due estremità del gradiente. Alcune note sulle sfumature e i colori: Le sfumature possono essere radiali e lineari Si possono creare sfumature con più colori, cliccando sulla barra del gradiente per aggiungere altre caselline colore I gradienti possono contenere colori trasparenti, è sufficiente modificare il valore di alfa dei colori. 19

20 Creare un bordo di 1px Di seguito un breve tutorial per creare un bordo solido di 1 px che circondi perfettamente l area del documento Flash. Creare un nuovo livello bordo.su un documento vuoto, selezionare lo strumento rettangolo. Settare il colore riempimento a trasparente e colore bordo a nero, poi disegnare un rettangolo. Selezionare il rettangolo con doppio clic dello strumento freccia (con un clic singolo verrà selezionato solo un lato del bordo) e, nel pannello proprietà immettere i valori desiderati di larghezza e altezza (che dovranno corrispondere all area dello stage meno 0,2 px) e le coordinate x e y (in questo caso, 0 e 0). Le dimensioni leggermente più piccole servono a evitare che il bordo esca dall area visibile, tagliando il bordo su uno o più lati. Il pannello Allinea può essere usato per allineare tra di loro o allo stage. Con distribuisci è possibile disporre vari oggetti spaziati in modo equidistante. Forme libere vettoriali Le forme vettoriali in Flash sono riconoscibili dalla texture puntinata che appare sulla superficie della forma, quando viene selezionata. Nel pannello proprietà sono indicate come forma. Una forma libera viene identificata dall icona con cerchio e triangolo nel pannello proprietà e dal reticolo puntinato sulla superficie della forma, quando questa viene selezionata. Possono essere disegnate in diversi modi, con gli strumenti ellisse o rettangolo, oppure riempiendo con lo strumento secchiello un tracciato disegnato con il pennino. Hanno delle proprietà particolari: Due forme con riempimenti di colore uguale sullo stesso livello non raggruppati, 20

21 se vengono sovrapposti si uniscono. Due forme con riempimenti non raggruppati di colore diverso, se sovrapposti, si sottraggono. Se è necessario che le forme non si sottraggano o si fondano, è sufficiente selezionare le forme appena disegnate e raggrupparle (CTRL+G). Creare un bordo arrotondato Su un documento nuovo, creare un nuovo livello e creare un rettangolo di sfondo di colore bianco. Raggruppare il rettangolo (elabora > raggruppa o mela+g). Creare un rettangolo solo riempimento, sempre sullo stesso livello, settando a 10 px il valore dei bordi arrotondati nello strumento proprietà. Disegnare un rettangolo leggermente più piccolo rispetto all area e centrarlo all interno dello stage con il pannello allinea ( finestra > allinea o mela + K - selezionare l icona allinea allo stage e allineamento orizzontale rispetto al centro e allineamento verticale rispetto al centro. Impostare il riempimento del colore del pannello appena disegnato a nero. Separare il gruppo del rettangolo di sfondo bianco posto sullo stesso livello con Elabora > Separa o shift+ctrl+g. Ora è sufficiente selezionare il rettangolo nero e cancellarlo perchè venga sottratto a quello bianco. Movieclip annidati I movieclip sono degli oggetti che possono contenere al loro interno delle altre animazioni. Funzionano come dei mini-filmati, ed hanno al loro interno una timeline propria, che funziona in modo totalmente indipendente rispetto alla timeline principale. Per poter inserire un animazione all interno di un movieclip, è necessario entrare in esso con un doppio clic. 21

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Dal menù a tendina File, scegliere l opzione Open

Dal menù a tendina File, scegliere l opzione Open IMPORTAZIONE DA AUTOCAD A ILLUSTRATOR Dal menù a tendina File, scegliere l opzione Open Impostare come Tipo file Autocad drawing.dwg L importazione di file.dwg permette di definire la scala di rappresentazione

Dettagli

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE Access permette di specificare una maschera che deve essere visualizzata automaticamente all'apertura di un file. Vediamo come creare una maschera di

Dettagli

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati.

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. La prima colonna indica il tasto da premere singolarmente e poi rilasciare. La seconda e terza colonna rappresenta la combinazione dei i tasti da premere

Dettagli

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005 Appunti sugli Elaboratori di Testo D. Gubiani Università degli Studi G.D Annunzio di Chieti-Pescara 19 Luglio 2005 1 Cos è un elaboratore di testo? 2 3 Cos è un elaboratore di testo? Cos è un elaboratore

Dettagli

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT 1 1 Introduzione al programma 3 2 La prima volta con Powerpoint 3 3 Visualizzazione

Dettagli

CAPITOLO 6 Colore e trasparenza

CAPITOLO 6 Colore e trasparenza 6 CAPITOLO 6 Colore e trasparenza... Fireworks offre un'ampia gamma di opzioni per la scelta dei colori di un grafico. Si possono usare i campioni di colore predefiniti per conservare quanto più possibile

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD WORD SOMMARIO 1. Muoversi nel testo... 1 2. Taglia, copia e incolla... 2 3. Aprire, salvare e chiudere... 3 4. Trovare e sostituire... 4 5. Visualizzare in modi diversi... 6 6. Formattare e incolonnare...

Dettagli

Se il corso non si avvia

Se il corso non si avvia Se il corso non si avvia Ci sono quattro possibili motivi per cui questo corso potrebbe non avviarsi correttamente. 1. I popup Il corso parte all'interno di una finestra di popup attivata da questa finestra

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM

OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM SPOSTARE un file o una sottodirectory da una directory ad un altra COPIARE un file o una directory da una directory all altra RINOMINARE un file o una directory CANCELLARE un file o una directory CREARE

Dettagli

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC Barra di Formattazione Barra Standard Barra del Menu Intestazione di colonna Barra di Calcolo Contenuto della cella attiva Indirizzo della cella attiva Cella attiva Intestazione

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

IN BASSO NELLA FINESTRA C È LA BARRA DI DISEGNO. SE NON È VISIBILE, FARE CLIC SUL MENU IN ALTO: VISUALIZZA / BARRE DEGLI STRUMENTI / DISEGNO

IN BASSO NELLA FINESTRA C È LA BARRA DI DISEGNO. SE NON È VISIBILE, FARE CLIC SUL MENU IN ALTO: VISUALIZZA / BARRE DEGLI STRUMENTI / DISEGNO FARE UNA MAPPA CON OPENOFFICE IMPRESS START/PROGRAMMI APRIRE IMPRESS SCEGLIERE PRESENTAZIONE VUOTA. POI CLIC SU AVANTI E DI NUOVO SU AVANTI. QUANDO AVANTI NON COMPARE PIÙ, FARE CLIC SU CREA CHIUDERE LE

Dettagli

Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW

Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW Creazione di un disegno realistico con CorelDRAW Hugo Hansen L'autore L'autore Hugo Hansen vive appena fuori dalla splendida città di Copenhagen. Esperto professionista nell'ambito del design grafico,

Dettagli

ADOBE READER XI. Guida ed esercitazioni

ADOBE READER XI. Guida ed esercitazioni ADOBE READER XI Guida ed esercitazioni Guida di Reader Il contenuto di alcuni dei collegamenti potrebbe essere disponibile solo in inglese. Compilare moduli Il modulo è compilabile? Compilare moduli interattivi

Dettagli

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0 Documentazione Servizio SMS WEB Versione 1.0 1 Contenuti 1 INTRODUZIONE...5 1.1 MULTILANGUAGE...5 2 MESSAGGI...7 2.1 MESSAGGI...7 2.1.1 INVIO SINGOLO SMS...7 2.1.2 INVIO MULTIPLO SMS...9 2.1.3 INVIO MMS

Dettagli

guida all'utilizzo del software

guida all'utilizzo del software guida all'utilizzo del software Il software Gestione Lido è un programma molto semplice e veloce che permette a gestori e proprietari di stabilimenti balneari di semplificare la gestione quotidiana dell?attività

Dettagli

Non tutto, ma un po di tutto

Non tutto, ma un po di tutto ALFREDO MANGIA Non tutto, ma un po di tutto Nozioni fondamentali per conoscere e usare un foglio di calcolo. Corso di alfabetizzazione all informatica Settembre 2004 SCUOLA MEDIA GARIBALDI Genzano di Roma

Dettagli

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole

Guida rapida. Cos è GeoGebra? Notizie in pillole Guida rapida Cos è GeoGebra? Un pacchetto completo di software di matematica dinamica Dedicato all apprendimento e all insegnamento a qualsiasi livello scolastico Riunisce geometria, algebra, tabelle,

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Presentazioni efficaci: come si usa prezi?

Presentazioni efficaci: come si usa prezi? Presentazioni efficaci: come si usa prezi? a cura di Lorenzo Amadei (amadei@iol.it) versione 5 febbraio 2013 Cos è prezi Prezi (http://prezi.com/) è un applicazione online per creare presentazioni. In

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

5.2. Pipetta. 2: Lo strumento di luce/ombra

5.2. Pipetta. 2: Lo strumento di luce/ombra 2: Lo strumento di luce/ombra Scostamento Luce a «0%» e Ombra a «100%» Con lo strumento di luce/ombra possono essere fissati il punto più chiaro, il punto medio e quello più scuro dell immagine. Sotto

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL This project funded by Leonardo da Vinci has been carried out with the support of the European Community. The content of this project does not necessarily reflect the position of the European Community

Dettagli

La finestra di Avvio di Excel

La finestra di Avvio di Excel Con Excel si possono fare molte cose, ma alla base di tutto c è il foglio di lavoro. Lavorare con Excel significa essenzialmente immettere numeri in un foglio di lavoro ed eseguire calcoli sui numeri immessi.

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

per Scanner Serie 4800/2400

per Scanner Serie 4800/2400 Agosto, 2003 Guida d installazione e guida utente per Scanner Serie 4800/2400 Copyright 2003 Visioneer. Tutti i diritti riservati. La protezione reclamata per il copyright include tutte le forme, gli aspetti

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso

WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso. Struttura di un Documento Complesso Parte 5 Adv WORD (livello avanzato): Struttura di un Documento Complesso 1 di 30 Struttura di un Documento Complesso La realizzazione di un libro, di un documento tecnico o scientifico complesso, presenta

Dettagli

con software libero Modulo 4 Spreadsheets (Fogli elettronici) Pag. 1

con software libero Modulo 4 Spreadsheets (Fogli elettronici) Pag. 1 con software libero Modulo 4 Spreadsheets (Fogli elettronici) Pag. 1 Indice generale GUIDA A CALC 3.5... 3 1 Utilizzo dell'applicazione... 3 1.1 LAVORARE CON IL FOGLIO ELETTRONICO...3 1.2 MIGLIORARE LA

Dettagli

AUTOMATIZZARE UN'AZIONE COMUNE DI WORD USANDO UNA MACRO

AUTOMATIZZARE UN'AZIONE COMUNE DI WORD USANDO UNA MACRO AUTOMATIZZARE UN'AZIONE COMUNE DI WORD USANDO UNA MACRO Con questa esercitazione guidata imparerai a realizzare una macro. Una macro è costituita da una serie di istruzioni pre-registrate che possono essere

Dettagli

Cos è. un programma di presentazione. Strumenti di presentazione. Che cos è. una presentazione. Diapositive

Cos è. un programma di presentazione. Strumenti di presentazione. Che cos è. una presentazione. Diapositive Cos è un programma di presentazione Strumenti di presentazione Impostare e creare una presentazione Le applicazioni software per organizzare e presentare in pubblico informazioni multimediali Organizzazione

Dettagli

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme.

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme. Guida operatore del registratore TruVision Vista Live Sull immagine live dello schermo vengono visualizzati laa data e l ora corrente, il nome della telecamera e viene indicato se è in corso la registrazione.

Dettagli

2 Editor di... stile. 2 Colonna... metrica. 6 Percentuale... di carotaggio. 10 Colonne... libere/utente 11 Colonne... grafico

2 Editor di... stile. 2 Colonna... metrica. 6 Percentuale... di carotaggio. 10 Colonne... libere/utente 11 Colonne... grafico I Parte I Introduzione 1 1 Introduzione... 1 2 Editor di... stile 1 Parte II Modello grafico 4 1 Intestazione... 4 2 Colonna... metrica 4 3 Litologia... 5 4 Descrizione... 5 5 Quota... 6 6 Percentuale...

Dettagli

ELABORARE FILE AUDIO CON AUDACITY Tutorial per le prime funzionalità

ELABORARE FILE AUDIO CON AUDACITY Tutorial per le prime funzionalità ELABORARE FILE AUDIO CON AUDACITY Tutorial per le prime funzionalità INDICE 1. Caricare un file audio. p. 2 2. Riprodurre una traccia. p. 2 3. Tagliare una traccia... p. 3 4. Spostare una traccia. p. 3

Dettagli

Uso della Guida Informazioni sulle funzioni della Guida incorporate Uso della Guida Uso della finestra Come fare per Uso di altre funzioni di supporto

Uso della Guida Informazioni sulle funzioni della Guida incorporate Uso della Guida Uso della finestra Come fare per Uso di altre funzioni di supporto Uso della Guida Informazioni sulle funzioni della Guida incorporate Uso della Guida Uso della finestra Come fare per Uso di altre funzioni di supporto Informazioni sulle funzioni della Guida incorporate

Dettagli

Gestione Nuova Casella email

Gestione Nuova Casella email Gestione Nuova Casella email Per accedere alla vecchia casella questo l indirizzo web: http://62.149.157.9/ Potrà essere utile accedere alla vecchia gestione per esportare la rubrica e reimportala come

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente

Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1. Manuale dell'utente Strumenti 3D per SMART Notebook 11.1 Manuale dell'utente Registrazione del prodotto Se si registra il prodotto SMART, si verrà informati delle nuove funzionalità e aggiornamenti software disponibili. Registrazione

Dettagli

GUIDA ALL USO CORRETTO DI MICROSOFT OFFICE WORD 2007 PER LA REALIZZAZIONE E LA FORMATTAZIONE DI DOCUMENTI PROFESSIONALI

GUIDA ALL USO CORRETTO DI MICROSOFT OFFICE WORD 2007 PER LA REALIZZAZIONE E LA FORMATTAZIONE DI DOCUMENTI PROFESSIONALI GUIDA ALL USO CORRETTO DI MICROSOFT OFFICE WORD 2007 PER LA REALIZZAZIONE E LA FORMATTAZIONE DI DOCUMENTI PROFESSIONALI Francesca Plebani Settembre 2009 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. WORD E L ASPETTO

Dettagli

REGEL - Registro Docenti

REGEL - Registro Docenti REGEL - Registro Docenti INFORMAZIONI GENERALI Con il Registro Docenti online vengono compiute dai Docenti tutte le operazioni di registrazione delle attività quotidiane, le medesime che si eseguono sul

Dettagli

2009 Elite Computer. All rights reserved

2009 Elite Computer. All rights reserved 1 PREMESSA OrisDent 9001 prevede la possibilità di poter gestire il servizio SMS per l'invio di messaggi sul cellulare dei propri pazienti. Una volta ricevuta comunicazione della propria UserID e Password

Dettagli

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento.

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Excel: le funzioni Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. DEFINIZIONE: Le funzioni sono dei procedimenti

Dettagli

Laboratorio Database. Docente Prof. Giuseppe Landolfi

Laboratorio Database. Docente Prof. Giuseppe Landolfi Laboratorio Database Docente Prof. Giuseppe Landolfi Manuale Laboratorio Database Scritto dal Prof.Giuseppe Landolfi per S.M.S Pietramelara Access 2000 Introduzione Che cos'è un Database Il modo migliore

Dettagli

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 G. Pettarin ECDL Modulo 2: Sistema Operativo 2 Modulo 2 Il sistema operativo Windows

Dettagli

Posta Elettronica Certificata

Posta Elettronica Certificata Posta Elettronica Certificata Manuale di utilizzo del servizio Webmail di Telecom Italia Trust Technologies Documento ad uso pubblico Pag. 1 di 33 Indice degli argomenti 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 Obiettivi...

Dettagli

ADOBE PREMIERE ELEMENTS. Guida ed esercitazioni

ADOBE PREMIERE ELEMENTS. Guida ed esercitazioni ADOBE PREMIERE ELEMENTS Guida ed esercitazioni Novità Novità di Adobe Premiere Elements 13 Adobe Premiere Elements 13 offre nuove funzioni e miglioramenti che facilitano la creazione di filmati d impatto.

Dettagli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli

ITCG Cattaneo via Matilde di canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (RE) SEZIONE I.T.I. - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli ITCG C. CATTANEO via Matilde di Canossa n.3 - Castelnovo ne' Monti (Reggio Emilia) Costruzione del grafico di una funzione con Microsoft Excel Supponiamo di aver costruito la tabella riportata in figura

Dettagli

Oscurare le facce nei video:

Oscurare le facce nei video: Oscurare le facce nei video: Maschere Questo mini howto e' stato scritto per preservare l'anonimato delle persone durante le manifestazioni. Questo tipo di documentazione viene prodotta in seguito ad svariate

Dettagli

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop...

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop... Kobo Desktop Manuale Utente INDICE Informazioni Generali... 4 Installare Kobo Desktop su Windows... 5 Installare Kobo Desktop su Mac... 6 Comprare ebook con Kobo Desktop... 8 Usare la Libreria di Kobo

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

MEGA Process. Manuale introduttivo

MEGA Process. Manuale introduttivo MEGA Process Manuale introduttivo MEGA 2009 SP4 1ª edizione (giugno 2010) Le informazioni contenute nel presente documento possono essere modificate senza preavviso e non costituiscono in alcun modo un

Dettagli

C O M E I N I Z I A R E A U S A R E U N T A B L E T A N D R O I D

C O M E I N I Z I A R E A U S A R E U N T A B L E T A N D R O I D C O M E I N I Z I A R E A U S A R E U N T A B L E T A N D R O I D Se avete un tablet android, ma non avete la minima idea di come accenderlo, usarlo e avviarlo, seguite queste nostre indicazioni 1. ATTIVAZIONE

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Meeting

TeamViewer 8 Manuale Meeting TeamViewer 8 Manuale Meeting Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni

Dettagli

Dipartimento del Tesoro

Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro POWER POINT AVANZATO Indice 1 PROGETTAZIONE DELL ASPETTO...3 1.2 VISUALIZZARE GLI SCHEMI...4 1.3 CONTROLLARE L ASPETTO DELLE DIAPOSITIVE CON GLI SCHEMI...5 1.4 SALVARE UN MODELLO...6

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Esercitazioni di Excel

Esercitazioni di Excel Esercitazioni di Excel A cura dei proff. A. Khaleghi ed A. Piergiovanni. Queste esercitazioni hanno lo scopo di permettere agli studenti di familiarizzare con alcuni comandi specifici di Excel, che sono

Dettagli

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 Download Si può scaricare gratuitamente la versione per il proprio sistema operativo (Windows, MacOS, Linux) dal sito: http://www.codeblocks.org

Dettagli

Guida pratica di base

Guida pratica di base Adolfo Catelli Guida pratica di base Windows XP Professional Dicembre 2008 Sommario Accedere a Windows XP 4 Avviare Windows XP 4 Uscire da Windows XP 5 L interfaccia utente di Windows XP 6 Il desktop di

Dettagli

Nitro Reader 3 Guida per l' utente

Nitro Reader 3 Guida per l' utente Nitro Reader 3 Guida per l' utente In questa Guida per l'utente Benvenuti in Nitro Reader 3 1 Come usare questa guida 1 Trovare rapidamente le informazioni giuste 1 Per eseguire una ricerca basata su parole

Dettagli

MANUALE SOFTWARE LIVE MESSAGE ISTRUZIONI PER L UTENTE

MANUALE SOFTWARE LIVE MESSAGE ISTRUZIONI PER L UTENTE MANUALE SOFTWARE ISTRUZIONI PER L UTENTE PAGINA 2 Indice Capitolo 1: Come muoversi all interno del programma 3 1.1 Inserimento di un nuovo sms 4 1.2 Rubrica 4 1.3 Ricarica credito 5 PAGINA 3 Capitolo 1:

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

Che cos è la LIM? L utilizzo didattico della LIM La LIM consente di andare incontro a diversi stili

Che cos è la LIM? L utilizzo didattico della LIM La LIM consente di andare incontro a diversi stili Che cos è la LIM? La LIM, Lavagna Interattiva Multimediale, è una lavagna arricchita da potenzialità digitali e multimediali. Si tratta di una periferica collegata al computer, che rende possibile visualizzare

Dettagli

Client PEC Quadra Guida Utente

Client PEC Quadra Guida Utente Client PEC Quadra Guida Utente Versione 3.2 Guida Utente all uso di Client PEC Quadra Sommario Premessa... 3 Cos è la Posta Elettronica Certificata... 4 1.1 Come funziona la PEC... 4 1.2 Ricevuta di Accettazione...

Dettagli

MANUALE D USO LEXUN ver. 5.0. proprietà logos engineering - Sistema Qualità certificato ISO 9001 DNV Italia INDICE. 6. Flash top 6 C.

MANUALE D USO LEXUN ver. 5.0. proprietà logos engineering - Sistema Qualità certificato ISO 9001 DNV Italia INDICE. 6. Flash top 6 C. Pag. 1/24 INDICE A. AMMINISTRAZIONE pagina ADMIN Pannello di controllo 2 1. Password 2 2. Cambio lingua 2 3. Menù principale 3 4. Creazione sottomenù 3 5. Impostazione template 4 15. Pagina creata con

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

Procedura Import tracciato ministeriale

Procedura Import tracciato ministeriale Progetto SINTESI Dominio Provinciale Modulo Applicativo:COB Procedura Import tracciato ministeriale 1 INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 2 LETTURA DEL FILE... 4 3 IMPORT DEI FILE... 10 4 VERIFICA DELLE BOZZE E

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela

Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela Manuale d uso per la raccolta: Monitoraggio del servizio di Maggior Tutela Pagina 1 di 9 Indice generale 1 Accesso alla raccolta... 3 2 Il pannello di controllo della raccolta e attivazione delle maschere...

Dettagli

Mini manuale di Audacity.

Mini manuale di Audacity. Mini manuale di Audacity. Questo mini manuale è parte del corso on-line Usare il software libero di Altrascuola. Il corso è erogato all'interno del portale per l'e-learning Altrascuola con la piattaforma

Dettagli

Guida all uso di. La Vita Scolastica per ipad

Guida all uso di. La Vita Scolastica per ipad Guida all uso di La Vita Scolastica per ipad Guida all uso dell app La Vita Scolastica Giunti Scuola aprire L APPlicazione Per aprire l applicazione, toccate sullo schermo del vostro ipad l icona relativa.

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12

Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12 Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL Inserire una funzione dalla barra dei menu Clicca sulla scheda "Formule" e clicca su "Fx" (Inserisci Funzione). Dalla finestra di dialogo "Inserisci Funzione" clicca sulla categoria

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Cos è Excel. Uno spreadsheet : un foglio elettronico. è una lavagna di lavoro, suddivisa in celle, cosciente del contenuto delle celle stesse

Cos è Excel. Uno spreadsheet : un foglio elettronico. è una lavagna di lavoro, suddivisa in celle, cosciente del contenuto delle celle stesse Cos è Excel Uno spreadsheet : un foglio elettronico è una lavagna di lavoro, suddivisa in celle, cosciente del contenuto delle celle stesse I dati contenuti nelle celle possono essere elaborati ponendo

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Alex Gotev 1 Contenuti Che cos'è Puppy Linux? Come posso averlo? Come si avvia? Che programmi include? Installazione su Chiavetta USB Domande

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it PROCEDURA E-COMMERCE BUSINESS TO BUSINESS Guida alla Compilazione di un ordine INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it INDICE 1. Autenticazione del nome utente

Dettagli

Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer

Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer 1. Prima emissione certificato 1 2. Rilascio nuovo certificato 10 3. Rimozione certificato 13 1. Prima emissione certificato Dal sito

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

SimplyFatt2 (versione Standard, Professional, Network e ipad) Versione 2.7.1 GUIDA UTENTE

SimplyFatt2 (versione Standard, Professional, Network e ipad) Versione 2.7.1 GUIDA UTENTE SimplyFatt2 (versione Standard, Professional, Network e ipad) Versione 2.7.1 GUIDA UTENTE Copyright 2008-2014 Lucanasoft di Vincenzo Azzone Tutti i diritti riservati. 1 Indice Generale INTRODUZIONE!...

Dettagli

PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA

PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA PROGETTO AIR-CAMPANIA: SCHEDA SVAFRA La Scheda Valutazione Anziano FRAgile al momento dell inserimento è abbinata al paziente. E possibile modificarla o inserirne una nuova per quest ultimo. Verrà considerata

Dettagli

Guida a QuarkXPress 8.5

Guida a QuarkXPress 8.5 Guida a QuarkXPress 8.5 INDICE Indice Informazioni sulla guida...15 Presupposti...15 Vi serve aiuto?...15 Convenzioni...16 Nota sulle tecnologie usate...16 Interfaccia utente...18 Strumenti...18 Strumenti

Dettagli

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8 Creare e ripristinare immagine di con Windows 8 La versione Pro di Windows 8 offre un interessante strumento per il backup del computer: la possibilità di creare un immagine completa del, ovvero la copia

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 6 1.1 Informazioni sul software... 6

Dettagli

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata Giampiero Carboni Davide Travaglia David Board Rev 5058-CO900C Interfaccia operatore a livello di sito FactoryTalk

Dettagli