Rivista missionaria per le famiglie fondata dalla Beata Maria Teresa Ledóchowska nel 1895

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Rivista missionaria per le famiglie fondata dalla Beata Maria Teresa Ledóchowska nel 1895"

Transcript

1 Poste Italiane S.p.A. - Sped. in Abb. Post. - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1, comma 2, DCB Trento TAXE PERCUE In caso di mancato recapito inviare al CPO di Trento per la restituzione al cliente

2 Rivista missionaria per le famiglie fondata dalla Beata Maria Teresa Ledóchowska nel 1895 SOMMARIO In ascolto del Papa Solennità di tutti i Santi 161 In cammino con la Chiesa Siamo infatti collaboratori di Dio 162 In breve Pakistan, Kenya 164 Filippine 165 Bisogna aver cura che l amore per le missioni non si spenga mai nei nostri cuori, anzi, aumenti sempre più. Una pianta che non viene innaffiata di tanto in tanto, inaridisce. In diretta Nasce una parrocchia e il vescovo non lo sa 166 Lettera dal Sud Sudan 168 Intenzione missionaria Intenzione di novembre Pagina della gratitudine La costruzione è iniziata 172 Acquisto di medicine 172 Pagina della solidarietà Costruzione di una cappella 173 Un Pulmino per la Radio 173 Zoom Le donne in India: faticoso cammino Spazio giovani Una giornata africana (2) 176 Notizie claveriane Legata all amore eterno di Cristo 178 In copertina: Bambina di Perù Foto: sr. Bozena Najbar sspc Bacheca Grazie alla Beata Maria Teresa Ledóchowska 180 Ricordiamo i nostri defunti 180

3 In ascolto del Papa SOlennItà di tutti i Santi Benedetto XVI Foto: Sir La solennità di tutti i Santi ci invita ad elevare lo sguardo al cielo per meditare sulla pienezza della vita divina che ci attende. Noi fin d'ora siamo figli di Dio, ma ciò che saremo non è stato ancora rivelato (1Gv.3.2): con queste parole l Apostolo Giovanni ci assicura la realtà della nostra profonda relazione con Dio, come pure, la certezza del nostro destino. Cari Amici, l eternità non è un continuo susseguirsi di giorni del calendario, ma qualcosa come il momento colmo di appagamento, in cui la totalità ci abbraccia e noi abbracciamo la totalità. Sarebbe il momento dell'immergersi nell'oceano dell'infinito amore, nel quale il tempo il prima e il dopo non esiste più (Spe Salvi, n 12). Alla Vergine Maria, la guida sicura della santità, noi affidiamo il nostro pellegrinaggio verso la nostra casa celeste, mentre invochiamo la sua materna intercessione per l eterno riposo di tutti i nostri fratelli e sorelle che si sono addormentati nella speranza della risurrezione. Benedetto XVI Solennità di tutti i Santi,

4 In cammino con la Chiesa SIAMO, InfATTI, collaboratori di Dio (1 Cor 3,9) Carissimi Zelatori e Collaboratori Claveriani, ho letto ultimamente la storia di una ragazzina americana, Rachel Beckwith, che mi ha molto colpita. Rachel era a conoscenza del fatto che tanti bambini nei paesi in via di sviluppo non hanno acqua potabile e muoiono prima di avere compiuto i cinque anni d età, e voleva aiutarli. Per il suo compleanno, il nono, che cadeva il 12 giugno, aveva così deciso di affidare alla pagina web la richiesta, indirizzata ai suoi parenti e amici, di essere festeggiata non con i soliti regali, ma con il versamento di un contributo a favore della campagna di solidarietà da lei stessa promossa, per scavare un pozzo in un villaggio africano. Il suo scopo era quello di raccogliere 300 dollari. Alla data del suo compleanno la ragazzina non aveva ancora raggiunto la cifra desiderata: le mancavano ancora 80 dollari. Poche settimane dopo, il 23 luglio, Rachel ha perso la vita in un incidente stradale. Il desiderio disinteressato della ragazzina di portare l acqua potabile nei villaggi africani ha commosso persone di tutte le parti del mondo, che hanno fatto pervenire, secondo le loro possibilità, le loro offerte. Sono giunte donazioni da piccoli e da grandi, da vicini e da lontani. Tra le altre, un offerta di $2.27, inviata da una bambina di 5 anni. Due mesi dopo la morte di Rachel, il fondo per la costruzione del pozzo ha raggiunto oltre 1 milione di dollari. La mamma di Rachel ha in progetto di compiere un viaggio in Africa, per vedere alcuni dei pozzi che oggi, nel nome della sua generosa figlia, assicurano l acqua a milioni di persone. Rachel Beckwith E molto consolante e incoraggiante sapere che le nostre opere di misericordia, compiute a favore dei poveri, non verranno meno con la nostra morte. Rachel ora è con il Signore, la Fonte dell Acqua viva, ma il suo spirito continua a parlare e a commuovere. La sua opera buona vive, continua a portare frutti e a ispirare i cuori di molti. Desidero ora rileggere brevemente le tante pagine di atti di misericordia che anche voi, cari Zelatori e Collaboratori Claveriani, avete scritto lo scorso anno nella storia della Chiesa missionaria. Queste pagine, una volta scritte, verranno rilette per tutta l eternità, perché l amore rimane per sempre. Nel 2010 i vostri nomi sono stati registrati in 75 paesi e 588 diocesi della Chiesa missionaria, e cioè: in 309 diocesi di 38 paesi dell Africa, in 197 diocesi di 14 paesi dell Asia, 162

5 in 59 diocesi di 12 paesi dell America del Sud, in 18 diocesi di 9 paesi dell Europa, e in 5 diocesi di 2 paesi dell Oceania. Dei progetti che avete sostenuto in tutto il mondo durante lo scorso anno, moltissimi continueranno a portare frutti ancora a lungo, venendo in soccorso a molte popolazioni. Vorrei ricordare con voi i progetti più significativi: - formazione teologica e spirituale di seminaristi, sacerdoti, catechisti, suore, fratelli; - costruzione di chiese, cappelle, conventi; - stampa di Bibbie e catechismi; - arredi sacri per parrocchie povere; - mezzi di trasporto per i missionari che devono raggiungere posti di missione lontani; - distribuzione di cibo, acqua, medicine, etc. ai poveri. Nel 2010 sono giunti alla nostra Casa Generalizia a Roma 106 vescovi da diversi paesi missionari con i loro progetti, le loro necessità e difficoltà. Dopo aver condiviso con noi le loro preoccupazioni per le situazioni difficili delle loro diocesi, si sono diretti sulla tomba della nostra Fondatrice, la beata Maria Teresa, che dal cielo continua a essere la Madre per tutti i missionari. I vescovi e i missionari non dimenticano mai di chiederci di ringraziare i benefattori e collaboratori per l aiuto ricevuto in situazioni spesso disperate. Con gioia Vi trasmettiamo, dunque, da parte di questi vescovi, un cordiale GRAZIE! e la PROMESSA del loro ricordo nella PREGHIERA. Con grande sorpresa prendiamo nota che, nonostante la crisi economica, cresce la Vostra generosità verso la Chiesa missionaria, la quale in tanti parti del mondo è perseguitata ed emarginata. Le Vostre donazioni per i progetti missionari sono i frutti dei vostri sacrifici e del vostro lavoro e per questo hanno un grande valore spirituale. Aiutando le persone che sono nel bisogno, manifestate loro l amore di Dio. In questo modo annunciate il Vangelo con le opere, un annuncio che vale oggi più di tante parole: Siamo, infatti, collaboratori di Dio. (1Cor 3,9). Oltre alle offerte è aumentato anche il numero degli zelatori: un dato molto significativo per il bene delle missioni. Un evento gioioso è, inoltre, occorso il 9 settembre, nella Festa di San Pietro Claver, quando sette membri esterni della nostra Famiglia Claveriana hanno fatto dono della loro vita, consacrandola. Sull esempio della nostra Beata Madre Fondatrice, tutta la loro esistenza è ora orientata a Dio e al suo Regno. Pur continuando a vivere nel proprio ambiente, i membri esterni condividono la nostra spiritualità claveriana nel modo più radicale, offrendo le loro preghiere, le loro sofferenze e il loro lavoro quotidiano, perché Gesù sia da tutti conosciuto. Vi ringrazio di cuore per la vostra cooperazione nell annuncio del Vangelo, che è il dono più prezioso che possiamo offrire alla società di oggi. Per quanto questo compito sia difficile, non possiamo arrenderci! Il Santo Padre Benedetto XVI ci incoraggia con le parole che ha pronunciato nel discorso del 30 maggio 2011: Annunciare Gesù Cristo unico Salvatore del mondo, oggi appare più complesso che nel passato; ma il nostro compito permane identico come agli albori della nostra storia. La missione non è mutata, così come non devono mutare l entusiasmo e il coraggio che mossero gli Apostoli e i primi discepoli. Lo Spirito Santo che li spinse ad aprire le porte del cenacolo, costituendoli evangelizzatori (cfr At 2,1-4), è lo stesso Spirito che muove oggi la Chiesa per un rinnovato annuncio di speranza agli uomini del nostro tempo. Madre Maria Moryl, sspc 163

6 In breve PAKIStAn Una nuova scuola ha aperto i battenti a Quetta (in Beluchistan), dove gli attentati terroristici si susseguono; un'altra nella "France colony", ghetto cristiano di Islamabad: sono le nuove iniziative della "Masihi Foundation", che si occupa di difendere i diritti dei cristiani in Pakistan e opera per lo sviluppo sociale e culturale della intera società. La Fondazione - nota perché offre tutela legale ad Asia Bibi, la donna cristiana condannata a morte per blasfemia - intende concentrare i propri sforzi sul sistema educativo, un'opera-chiave per incidere sulle menti dei giovani e per cambiare la mentalità nella società. L'obiettivo dichiarato è sottrarre terreno ai gruppi islamismi e terroristi che spesso, tramite malcelate iniziative assistenziali o educative, manipolano le menti dei ragazzi e li avviano verso il radicalismo, fino a costruire piccoli kamikaze. Il motto della Fondazione, nell'avviare le scuole è "Adotta un docente"; i donatori, infatti, contribuendo a pagare le spese di un insegnante, raggiungono il fine di istruire decine di ragazzi, altrimenti condannati a povertà, ignoranza, emarginazione, analfabetismo. La scuola di Quetta, affidata a docenti cristiani, è frequentata da 450 ragazzi cristiani e musulmani e rappresenta, dunque, anche un punto di incontro fra culture e religioni, un luogo in cui si imparano i valori umani, il rispetto per l'altro, la dignità e la sacralità della persona, l'amore per la vita, la convivenza e la pace. Si insegna loro l'inglese, la cultura dei diritti umani, e, prossimamente, l'informatica, avviandoli all'uso del computer. Le lezioni sono totalmente gratuite per gli allievi, che in pochissimi giorni si sono perciò moltiplicati. L'altra scuola è sita nella "France colony" della capitale pakistana Islamabad. La "colonia" è una sorta di ghetto cristiano recintato da mura, così chiamato perché in passato nei suoi pressi sorgeva l'ambasciata francese. Lì vivono ammassate circa 600 famiglie cristiane, in condizioni di miseria ed emarginazione, ritenute - per eredità del sistema delle caste - "intoccabili". Rashida Bibi, cristiana residente nel ghetto, lamenta a Fides: "Da anni i governi che si alternano promettono di fare qualcosa per noi, ma viviamo ancora in condizioni subumane". Agenzia Fides KenYA Da alcuni studi effettuati dall'istituto Africano per le Politiche di Sviluppo (AFIDEP) nell'africa Orientale, Occidentale e Australe, è emerso che la maggior parte dei paesi hanno grandi difficoltà per l'accesso universale alla salute riproduttiva, e solo 3 nazioni di queste regioni raggiungeranno il 5 Obiettivo di Sviluppo del Millennio che punta a migliorare la salute materna. Si tratta di Eritrea, Ruanda ed Etiopia. In Eritrea, il tasso di mortalità materna è calato del 70%, passando da 930 morti ogni 100 mila donne nel 1990 a 280 ogni 100 mila nel In Uganda si è passati da 670 morti ogni 100 mila nel 1990 a 430 nel Tuttavia in Kenya il fenomeno è aumentato, facendo registrare 530 morti ogni 100 mila nel 2008 contro i 380 del A differenza di altri paesi in Africa orientale, in Kenya è mancata la volontà politica di 164

7 promuovere l'assistenza sanitaria in generale, di conseguenza la situazione è peggiorata. Tuttavia, da una ricerca realizzata recentemente, risulta che il 64% di tutte le donne che hanno partorito in strutture pubbliche del paese non ha ricevuto le cure mediche necessarie. Oltre un terzo di tutte le donne che volevano partorire in centri sanitari si sono ritrovate emarginate da parte del personale medico. Appena il 43% di tutte le donne incinte in Kenya hanno partorito con la supervisione di un professionista. Nell'Africa occidentale, il Ghana ha ridotto il tasso di mortalità materna del 44% dal 1990 al Secondo alcuni esperti questo calo è stato raggiunto grazie all'impegno del governo che ha offerto servizi prenatali gratuiti e sistemi di assicurazione medica più estesi. Nel paese c'è una politica nazionale comunitaria conosciuta come Iniziativa di Pianificazione Sanitaria, che si occupa di garantire assistenza nelle zone rurali. Agenzia Fides Donna kenyana Foto: CMD Trento filippine Sarebbero stati utilizzati due tipi di proiettili per uccidere padre Fausto Tentorio, il missionario italiano del Pontificio Istituto Missioni Estere (Pime) assassinato il 17 ottobre 2011 ad Arakan, nell isola di Mindanao. Lo ha rivelato l autopsia, durante la quale sono stati rinvenuti due proiettili nella zona della cintura e frammenti nella testa e nel petto. Secondo ipotesi di specialisti, per uccidere il missionario potrebbe essere stata utilizzata una pallottola ad espansione, indice che l autore del crimine era un killer molto ben addestrato. Sull identità dell assassinio o del mandante dell omicidio non ci sono indicazioni chiare. Alcuni gruppi della società civile hanno lanciato stamani dalla città di Davao un forum battezzato Giustizia per padre Pops. Tatay Pops, piccolo padre, era il nome affettuoso con il quale i parrocchiani chiamavano padre Fausto, arduo difensore dei diritti degli indigeni. Secondo alcune fonti di questo forum, il missionario, membro del Consiglio per la pace e l ordine nel municipio di Arakan, si era opposto alla forte presenza militare che da anni caratterizza la vita sociale. Il territorio di Mindanao è ricco di risorse minerarie. Attorno allo sfruttamento di tali risorse gravitano molti interessi, molti soldi e tangenti, di cui approfittano anche militari. Tentorio si opponeva al Barangay Defence System, rete di difesa che prevede unità militari disseminate anche in luoghi pubblici come scuole e piazze. Padre Tentorio è un martire della giustizia e della pace. Misna 165

8 In diretta nasce una PARROcchIA... e il vescovo non lo sa... Domenica 23 ottobre si è celebrata in tutto il mondo cattolico la Giornata missionaria mondiale. Nelle missioni nasce la Chiesa, lo Spirito Santo è sempre all opera ed a volte si manifesta in modo imprevisto. Incontro a Milano un mio confratello mons. Cesare Bonivento, vescovo di Vanimo in Papua Nuova Guinea, che mi racconta la sua ultima avventura in Oceania. Ho inaugurato, mi dice, una parrocchia della quale non sapevo nulla. Gli domando il motivo e mi risponde: I miei cristiani sono giovani ed entusiasti della fede, la mia diocesi è molto grande, circondata da montagne e foreste ed, inoltre, attraversata da poche strade. È successo che un gruppo di battezzati, nell interno del territorio non ancora completamente esplorato, ha costruito la sua parrocchia e poi mi ha chiamato per inaugurarla. Allora a chi è venuto ad invitarmi domandai: Come mai avete realizzato una parrocchia senza comunicarlo al vescovo? Così mi ha raccontato la storia. In una zona della diocesi di Vanimo, considerata territorio protestante, un gruppo di cattolici molto fervorosi lavorano per una Logging Company, una Compagnia che viene dalla Malesia per disboscare la foresta. Vivono con le loro famiglie in un accampamento costituito di baracche di legno e privo di una chiesa. Così decidono di recarsi dal datore di lavoro e gli riferiscono che hanno bisogno di una chiesa cattolica. Il datore di lavoro, dopo aver 166 tergiversato un po, capisce che la costruzione della chiesa è un vantaggio per la Compagnia, perché in un ambiente religioso e con la presenza di un prete la gente è più serena e lavora con maggiore entusiasmo e rispetto. Il datore di lavoro, un protestante malesiano, costruì la chiesa in legno, ben solida, elegante e bella. Mons. Bonivento continua: Sono andato in quell accampamento e sono rimasto davvero meravigliato. Pensa che io, come vescovo cattolico, non avrei mai osato avventurarmi in quel territorio protestante. Invece sorge una parrocchia cattolica, proprio in una posizione centrale del territorio, dalla quale si possono raggiungere facilmente molti villaggi. Comunque sono andato ad inaugurare la chiesa; è stata una bella festa, sono venuti tutti, cattolici e protestanti, animisti e musulmani. Non ho mai visto una chiesa così piena. Non passava più nessuno, la chiesa era piena dentro e fuori e bambini ovunque. Una gioia dirompente. In quel piccolo tratto nella foresta, dove sorge l accampamento e non succede mai niente, la presenza di un vescovo in paramenti solenni e l inaugurazione della chiesa ha riunito tutti. Dopo la Messa e l inaugurazione abbiamo fatto vari discorsi e consegnato i doni. Dopo il discorso del rappresentante del governo abbiamo ascoltato il Land Owner, proprietario di quella terra e uomo di grossa corporatura. Io ero molto preoccupato perché in Papua il

9 problema della terra è molto serio, scatenato spesso dai conflitti tra famiglie tribali. Temevo che non fosse d accordo e che desiderasse distruggere la chiesa. Iniziò così: Vorrei ricordare subito al vescovo che questo è un territorio protestante. Lo dico a tutti e anche al vescovo. Pensavo: Qui va a finir male! Invece l uomo continuò: Però dico anche che sono contentissimo che venga qui la Chiesa cattolica e se qualcuno avesse qualcosa in contrario, potrebbe venire da me e aggiusteremo i conti. Gli applausi e le grida di gioia salivano al cielo. Naturalmente il proprietario della terra era consenziente perché sapeva che con la Chiesa cattolica la vita quotidiana procede meglio, soprattutto per la presenza del prete e delle suore che sono sempre a servizio della comunità. La Chiesa garantisce sicurezza, stabilità, continuità, educazione dei figli e cure per i malati, porta la mediazione e la pace. Chiunque sa che quando arriva la Chiesa cattolica la situazione migliora, certo in senso morale, ma anche in senso educativo. Ad esempio, in quella nuova 'parrocchia' i cattolici hanno subito richiesto alla società che gestisce i lavori di realizzare una scuola primaria, cioè elementare e media, per i bambini e ragazzi dell accampamento e anche per tutti i giovani dei villaggi vicini senza scuola. Quando questa scuola sarà realizzata, fra un anno o due, la parrocchia diventerà un centro di penetrazione evangelica. Tutto questo mi ha convinto di una grande verità. Io vescovo non avrei mai potuto organizzare una cosa simile, non l immaginavo nemmeno. Lo Spirito Santo ha agito attraverso dei buoni cattolici e ha portato il vescovo a ringraziare Dio per il grande dono di questa nuova parrocchia. Padre Piero Gheddo, PIME (ZENIT ) Processione in Papua Nuova Gwinea Foto: Katarzyna Malarz 167

10 In diretta lettera dal Sud Sudan Questi ultimi mesi hanno segnato radicalmente la storia del nostro Paese. Dalla proclamazione dei risultati del Referendum fino alla proclamazione dell indipendenza, pochi giorni fa, il Sud Sudan ha realizzato il suo sogno, la libertà. Il percorso per giungere all indipendenza non è stato semplice e anche la strada che si è ora aperta davanti a noi presenta molte difficoltà. Il nuovo stato deve imparare a sostenersi con le sue forze e per questo tutti, la popolazione, le istituzioni, le chiese, le organizzazioni della società civile, devono impegnarsi a contribuire e a lavorare per il bene comune. La priorità assoluta è quella di favorire l unità nel Paese e prevenire ogni tipo di violenza di natura etnica o tribale. Il giorno della libertà Foto: SIR 168

11 sono state svolte finora e altre verranno realizzate per favorire la riconciliazione. In particolare la popolazione è stata invitata a piantare alberi, segno di nuova vita, prosperità e speranza per il futuro. Autorità cantano l inno nazionale durante le celebrazioni per l indipendenza Foto: Mons. Rudolf Den Majak A questo scopo la Chiesa Cattolica ha avviato una nuova campagna di preghiera e azione dal titolo Sud Sudan, una nazione da tutte le tribù, lingue e popoli. Numerose iniziative Le celebrazioni del 9 luglio si sono svolte pacificamente in tutto il Paese e per giorni la gente ha cantato con immenso orgoglio l inno nazionale, riversandosi con gioia per le strade. Il futuro del Sud Sudan si presenta all insegna della libertà e della giustizia, ma alcune questioni restano ancora irrisolte, come il referendum nella regione di Abyei e la gestione delle risorse. Dovranno poi essere stabilite relazioni con i paesi confinanti e in particolare con il Nord Sudan, dal quale dipende gran parte della nostra economia. Per molto tempo ancora, prima di poter raggiungere la vera autonomia, avremo bisogno di sostegno. Vi ringrazio per la vicinanza alla nostra gente in questo momento storico. Che Dio vi benedica e vi protegga. Mons. Rudolf Den Majak Vescovo di WAU Il Vescovo pianta un albero di Lulu Foto: R. Majak 169

12 Intenzione missionaria di p. Fiorenzo Felicetti, mccj IntenzIOne MISSIOnARIA di Novembre 2011 Perché il continente africano trovi in Cristo la forza di realizzare il cammino di riconciliazione e di giustizia, indicato dal secondo Sinodo dei Vescovi per l Africa. Se esiste un cammino di riconciliazione e di giustizia per ricomporre la pace e l unità dei Paesi africani, tale cammino si deve necessariamente avvalere della collaborazione di tutte le Chiese cristiane e del sostegno di tutti gli uomini di buona volontà. Ciò che è avvenuto in Sud Africa dovrebbe diventare per tutti gli altri Paesi un esempio di come si possano superare divisioni e conflitti decennali. Soltanto se si tesse questa collaborazione, facendo perno sulla forza e sull amore di Cristo Signore, sarà possibile una vera riconciliazione tra le diverse etnie presenti all interno di ciascuno Stato e, quindi, tra Stati sovrani. Anche il giudizio di condanna emanato da un giudice che sia stato riconosciuto degno di tale compito concorrerà a compiere questo cammino. Certo, è una grande sfida, ma il desiderio di pace, di sicurezza, di serenità aiuterà i popoli africani a ritrovare l unità, per quanto siano ancora tanto diversi. Anzi, proprio tale diversità, in un rinnovato spirito dialogico, sarà ragione di uno scambio di valori, da cui tutti potranno trarre giovamento personale, ricchezza di relazioni amicali e vincoli di unità. Non si dovrà vedere in questo il miracolo di Cristo, che è venuto a unire i diversi popoli in una sola famiglia? L unità delle Chiese cristiane, in questo cammino da esse compiuto nel nome dell unico Signore, potrà costituire l elemento catalizzatore per tutti gli altri uomini di buona volontà. Il Diavolo, il Divisore, cercherà in ogni modo di ostacolare tale cammino, ma i credenti, forti della forza di Cristo, non potranno essere vinti. Preghiamo perché il Signore susciti, rafforzi, sostenga coloro che intraprenderanno questo cammino: sarà un nuovo Esodo verso la Terra Promessa. 170

13 Povera gente di Djibouti Foto: Mons. L. Bressan 171

14 Pagina della gratitudine la costruzione è iniziata Carissimi Benefattori, con gratitudine e gioia vi informiamo che abbiamo ricevuto il vostro dono generosissimo per la costruzione dei nostri dormitori. Con l aiuto di Dio e grazie al vostro sostegno, unito a un offerta inviataci da una persona amica, già abbiamo iniziato il progetto di costruzione, come potete vedere dalle fotografie. Ringraziamo Dio e ognuno di voi per la vostra carità e solidarietà fraterna e con riconoscenza preghiamo per le vostre intenzioni e quelle dei vostri cari. Che il Sacro Cuore di Gesù e la Santissima Vergine benedica tutti. Anche noi ci affidiamo alla vostra preghiera. R.M. María Esther Vallejo Gutierrez. V.S.M. Suore della Visitazione di Santa Maria Guadalajara - MÉXICO AcquIStO di medicine Carissimi Benefattori, sono lieta di comunicarvi che ho ricevuto la vostra offerta per l acquisto di medicine sia per gli ammalati di tubercolosi sia per gli ammalati di lebbra che si trovano dispersi nei villaggi di questa nostra Diocesi di Toliara. Nel nostro lavoro quotidiano abbiamo bisogno di un grande amore, di fede e compassione per poterci dedicare serenamente a questi nostri fratelli. Grazie a Dio, non siamo sole! L équipe del Padiglione Padre Isidoro Détré (Lebbrosario) si reca due volte alla settimana ad aiutare un centro che dista 140Km. Quando l équipe giunge fornita di medicine o anche di generi alimentari da dare agli ammalati, la loro gioia è palpabile. Ora, grazie alla vostra generosità, abbiamo di che rifornirli. In nome di Gesù, il medico divino, che tante volte ha aiutato i poveri e gli ammalati, facendo perfino dei miracoli in loro favore, vi ringraziamo, vi assicuriamo le nostre preghiere e vi auguriamo di tutto cuore tanta salute, pace e gioia nello spirito. Con grande riconoscenza Sr. Clémence Elodie Suore di San Paolo de Chartres Toliara - Madagascar 172

15 Pagina della solidarietà costruzione di una cappella Carissimi Benefattori, vorrei sottoporre alla vostra attenzione il progetto per la costruzione della cappella di San Pietro Pescatore affinché la fede della nostra gente possa ravvivarsi in un ambiente più accogliente. La cappella dovrebbe sorgere in una zona in cui la popolazione, attualmente in forte aumento, è composta prevalentemente da pescatori il cui svago preferito consiste nel consumo smisurato di bevande alcoliche. Inoltre nella nostra regione proliferano rapidamente molte Chiese di altre denominazioni e, anche per questo motivo, ritengo che possa essere di grande aiuto avere una cappella per i nostri fedeli cattolici. Sono sicuro della vostra generosità e vi ringrazio sin d ora a nome di tutta la nostra comunità. Pe. Jorge Santiago Vargas La Rosa Parroco - Parrocchia Immacolata Concezione Diocesi Requena - Perù un PulMInO per la Radio Carissimi Benefattori, la Radio della Vergine della Riconciliazione è la voce che rafforza la pastorale nella diocesi di Koudougou attraverso le sue programmazioni. È sorta nel 1990 e gode di un grande ascolto presso la popolazione. Come direttore diocesano dei Media e dei servizi della comunicazione, desidererei esporre la mia richiesta di aiuto per l acquisto di un pulmino. Questo mezzo mi permetterà di raggiungere più facilmente, dalla sede della radio, i luoghi per effettuare reportages e trasmissioni radiofoniche per le parrocchie della diocesi. Ogni aiuto che mi potrete inviare sarà accolto con molta riconoscenza. Fin d ora prego per le vostre intenzioni. Padre Didier Kabore Direttore Diocesano dei Media Diocesi di Koudougou - Burkina Faso Vi preghiamo di indirizzare le offerte a: congregazione delle Suore Missionarie di S. Pietro claver - Via della collina trento ccp n Le eventuali offerte che risulteranno in eccedenza rispetto alle richieste che abbiamo presentato saranno destinate a progetti analoghi a noi comunicati dai missionari sparsi in tutto il mondo. 173

16 Zoom le DOnne In InDIA: faticoso cammino verso l emancipazione. Donne indiane Foto: Joe Galea E uno slogan atroce e crudele paga 500 rupie risparmiane quello che definisce la situazione e la posizione delle donne in India. La spiegazione è semplice: spendere meno per un ecografia che indica il sesso del feto ed evitare di spendere di più per la dote di una possibile femmina. Per comprendere ciò è necessario conoscere la cultura e le tradizioni indiane, tutte a sfavore delle donne. Da tempo immemore la tradizione vuole che le figlie ricevano una dote per compensare il fatto che, alla morte del padre, non abbiano diritto ad alcuna eredità. Mentre le donne appartenenti a caste medio-alte possono ottenere questo compenso senza grandi problemi, quelle delle caste più povere costringono le famiglie a pesanti sforzi economici rischiando indebitamenti non sempre solvibili. Il padre che smette di pagare il suo debito per la figlia, la espone a sevizie e alla morte da parte dei suoceri. Si stima che ogni giorno un gran numero di ragazze vengano uccise per incidente domestico e la legge non può intervenire a favore delle povere vittime. Per questa ragione vengono uccisi migliaia di feti di sesso femminile ma ancora più grave è il fatto che migliaia di bambine non 174

17 raggiungano i 15 anni perchè spesso le loro mamme si sentono costrette ad abbandonarle in tenera età su un marciapiede che non garantirà loro né vita né dignità. La chiesa cattolica, sensibile a questo problema, ha tentato di coinvolgere la popolazione lanciando un Child day annuale, così nel Kerala sono nate delle associazioni che accolgono le madri che hanno deciso di non abortire e di non abbandonare le proprie figlie. Purtroppo i risultati non sono incoraggianti e poche donne accolgono questo messaggio, preferendo disfarsene in tutti i modi possibili. La contraccezione poi è praticata in larga scala specialmente nelle caste più alte e privilegiate e sono sempre e soltanto le donne a portarne il peso e gli effetti collaterali negativi. La conseguenza è comprensibile; il numero delle donne in India è diventato inferiore a quello degli uomini e tutto questo evidenzia uno scompenso. Eppure sono sempre loro che svolgono i lavori che richiedono un grande sforzo fisico, senza nessuna sosta, sotto un sole inclemente, sotto la pioggia, nei cantieri stradali, nei campi, tutti lavori compiuti ancora per il 90% da mani e non da macchine. Inoltre a parità di lavoro una donna percepisce un terzo del salario di un uomo nonostante sia una fonte importantissima di mano d opera per il paese. La costituzione indiana in teoria dichiara l uguaglianza dei sessi ed ha concesso il diritto di voto alle donne in anticipo rispetto all Italia. Come è possibile allora questa discriminazione? Restano ancora molto forti le tradizioni che ostacolano la giustizia. Nonostante i numerosi nomi femminili della vita pubblica ed economica indiana emergenti in vari campi, dall industria al cinema, dalla politica alla letteratura, l India, dietro questa apparente apertura ed emancipazione, è ancora un paese negato alle donne. In ogni caso, poi, il matrimonio è il loro destino. Con il matrimonio diventano proprietà del marito e molto spesso, nonostante svolgano il lavoro domestico, accudiscano i figli e siano servizievoli, sono oggetto di maltrattamenti, di sevizie e di violenze fisiche e psicologiche. Il carnefice è sempre l uomo e ne detiene il diritto; può essere il marito, il suocero, il fratello o addirittura il figlio. Esiste comunque una vecchia legge che punisce tali comportamenti ma viene applicata in rarissime occasioni. Le donne, pur essendo permesso, difficilmente sporgono denuncia al commissariato perché temono di subire atti di violenza e stupri da parte delle forze dell ordine che invero dovrebbero proteggerle. Il divorzio è legalizzato ma questa scelta è molto difficile e rischiosa: significa spesso essere ripudiata dalla famiglia di provenienza, perdere la custodia dei figli e soprattutto essere emarginata. Si spera che la situazione cambi ed, in proposito, da qualche tempo alcune associazioni femministe e umanitarie si sono interessate a questi problemi. Alcuni esempi: l associazione Karnika è una tra le tante che combattono la tradizione della dote, da 10 anni sotto la sigla Jagori volontarie si occupano delle ragazze di campagna, molto spesso analfabete affinché prendano consapevolezza del loro corpo; Neena Puri si interessa della contraccezione rispettando i diritti della donna. Il cammino per l emancipazione è lungo e faticoso, contrastato dalla mentalità e dalle antiche tradizioni, ma ora, dopo che la situazione nascosta per secoli è venuta alla luce, le donne indiane e quelle di tutta la terra, consapevoli dei loro diritti, hanno la speranza di conquistare la piena libertà di vita e di scelta con il rispetto di tutti. Maria Teresa Rinaldi 175

18 Spazio giovani una GIORnAtA africana (2) Ibambini, innanzi tutto! I bambini africani sono timidi. Si avvicinano curiosi, ma se fai un gesto per toccarli, scappano, salvo poi ritornare successivamente, e con insistenza. I più coraggiosi ti tirano i peli delle braccia, se sei uomo, o i capelli, se sei donna (infatti i maschi africani hanno peli cortissimi, quasi invisibili, e le donne sono calve: le bellissime capigliature con cui siamo soliti pensarle sono in realtà parrucche). Se sorridi ricambiano il tuo sorriso, e non è vuota retorica dire che il sorriso di un bambino africano andrebbe elencato fra le meraviglie del mondo. A guardare ridere questi bambini, ti sciogli dentro, vorresti abbracciarli e non lasciarli mai più. I bambini africani sono intellettualmente curiosi (mille domande sull'italia e sulle nostre vite), intelligenti (hanno imparato un po' di italiano molto più velocemente di quanto noi avessimo imparato un po' di swahili), generosi (ci regalavano il loro pranzo, un piatto di mais e fagioli detto ghiteri ), educati (ciascuno, andando in chiesa, portava con sé una pietra su cui sedersi e finita la celebrazione la riportava dove l'aveva presa), onesti (potevamo dimenticare qualsiasi oggetto, da uno zaino a una biro o a una fotocamera, e immancabilmente venivano a cercarci per restituircelo). I bambini africani - e noi ne abbiamo incontrati tanti, a centinaia! - sono speciali. Ma lo sono anche gli adulti, che ci hanno insegnato il significato autentico della parola accoglienza, con i loro numerosi inviti a pranzo, i karibuni! detti per strada e i regali con cui ci hanno riempito le valigie. La mia giornata africana trascorre haraka haraka (velocemente), e in ogni caso qui a Torino il ritmo è diverso. Eppure, incontrando per strada un ragazzino che ascolta tranquillo la musica con l'ipod, io non posso non ripensare ai canti che i miei bambini intonavano ogni giorno, in particolare in chiesa, quando con il loro entusiasmo rendevano la messa davvero una festa in onore di Dio; se vedo un bambino che mastica indifferente una caramella, il ricordo va ai 176

19 bambini del villaggio, sporchi e vestiti di stracci, che si gustavano felici un pezzo di canna da zucchero; se salgo su un autobus e sento qualche persona lamentarsi su quanto faccia caldo e su come l'autobus sia pieno, dentro di me sorrido ripensando ai matatu 5x20, 5 posti su cui si distribuivano 20 persone. È tutta una questione di punti di vista, la nostra vita, la loro vita. E così è stato una questione di punti di vista anche il nostro viaggio: abbiamo fatto cose banali, abbiamo giocato con loro, parlato con loro, vissuto in un certo senso come loro, mangiando il loro cibo povero e condividendo la mancanza di acqua ed elettricità. Ma le piccole cose banali che noi abbiamo fatto in queste quattro settimane africane divengono speciali se viste, se vissute, con i loro occhi: avete idea di che cosa significhi, per fare un solo esempio, guardare un film per un bambino africano? La storia del nostro viaggio missionario è fatta di momenti così, banali eppure speciali. Se avete voglia di leggerla tutta, potete trovarla in Mi piace concludere questo resoconto come facevamo ogni notte a Siongiroi: anche per oggi da Nichelino, Kenya, è tutto. Lala salama! Renato Amatteis Foto: Renato Amatteis 177

20 Notizie claveriane legata all amore eterno di Cristo Sr. Jackie nel giorno della professione perpetua Foto: sspc Il 6 luglio scorso la comunità di St. Paul, Minnesota (Stati Uniti) ha avuto la grande gioia e il grande privilegio di accompagnare Sr. Jackie Nguyen nella professione dei voti perpetui, con i quali ha consacrato la sua vita al servizio di Dio nella nostra Congregazione. Il p. Michael Creagan ha ufficiato la Messa che è stata celebrata nella chiesa di S. Giuseppe dell Arcidiocesi di St. Paul and Minneapolis. L omelia è stata tenuta dal p. Andrew Cozzens, professore all università di S. Tommaso. I genitori, i fratelli e i numerosi amici e benefattori di Sr. Jackie hanno preso parte a questa meravigliosa liturgia. Durante tutta la sua vita il Signore ha guidato Sr. Jackie alla vita consacrata, aiutandola a superare molte difficoltà e ostacoli. Nata nel 1970 in una famiglia cattolica nel Sud Vietnam, all età di 14 anni è fuggita all oppressivo regime comunista insieme alla sua famiglia. Dopo un viaggio di diverse migliaia di chilometri hanno raggiunto un campo per rifugiati in Indonesia. Un anno dopo sono stati accolti negli Stati Uniti dove, trasferitisi in California, hanno realizzato il loro sogno di sicurezza e libertà. Nel 1999 Sr. Jackie è entrata nella congregazione delle Suore Missionarie di San Pietro Claver. Dopo alcuni anni di formazione, nel 2003 ha fatto la sua prima professione nel nostro generalato a Roma. Nel 2008 Sr. Jackie è tornata negli USA per prepararsi alla professione perpetua. 178

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 I. RADUNO Inno processionale Coloro che guidano la celebrazione entrano e possono portare una Bibbia, una candela e del sale Indirizzo

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO

INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO 1. Inaugurazione ufficiale del nuovo anno di catechismo: Biccari 12 Ottobre ore 10,00. Riportiamo il testo della celebrazione. INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO Inizio: Si esce dalla sagrestia con

Dettagli

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo:

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo: LITURGIA DEL MANDATO PER IL SERVIZIO DI ANIMATORE DEI GRUPPI DI ASCOLTO DEL VANGELO Sabato 29 novembre 2014 (Rm 10,9-18; Mr 16,9-15) ITALO CASTELLANI Arcivescovo di Lucca Nella mia Lettera ai cristiani

Dettagli

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Signore Gesù, come vuoi che sia la tua Chiesa? Chiesa intesa come una famiglia, dove ognuno deve sentirsi partecipe e vivo, ricordandosi che ognuno di noi è

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI 1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI Gesù disse ai suoi discepoli: Sono queste le parole che vi dicevo quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella Legge di Mosè,

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI INTRODUZIONE La preghiera non è solo elevazione dell anima a Dio ma è anche relazione

Dettagli

CELEBRAZIONE DI APERTURA DELL ANNO DELLA FEDE

CELEBRAZIONE DI APERTURA DELL ANNO DELLA FEDE CELEBRAZIONE DI APERTURA DELL ANNO DELLA FEDE RITI DI INTRODUZIONE DELLA CHIESA STAZIONALE 1. Quando il popolo si è riunito nella Chiesa stazionale il Vescovo saluta la comunità: Nel nome del Padre e del

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015 Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia Festa del Perdono CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE 21 novembre 2015 Parrocchia di Madonna in campagna e Santi Nazaro e Celso di Arnate in Gallarate (VA)

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI

INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI Giornata di preghiera per il Bicentenario della Diocesi 1816-2016 Giubileo della Misericordia Domenica 25 ottobre 2015 PREMESSA In vista dell apertura del Bicentenario della

Dettagli

Leggete le Beatitudini, vi farà bene.

Leggete le Beatitudini, vi farà bene. Il tema della XXXI Giornata Mondiale della gioventù Cracovia 2016 - è racchiuso nelle parole Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia (Mt 5:7). Il Santo Padre Francesco ha scelto la quinta

Dettagli

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre!

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre! 1 Oleggio, 11/5/2014 IV DOMENICA DI PASQUA - ANNO A Letture: Atti 2, 14.36-41 Salmo 23 (22) 1 Pietro 2, 20-25 Vangelo: Giovanni 10, 1-10 Il Pastore Bello NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA C O M U N I T A E C C L E S I A L E D I S A N C A T A L D O ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA PREGHIERA PER IL SINODO SULLA FAMIGLIA IN COMUNIONE CON IL SANTO PADRE FRANCESCO E LA CHIESA SPARSA NEL MONDO San

Dettagli

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro.

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro. Ci ritroviamo in Cattedrale per celebrare la santa Messa di ringraziamento per il dono di Papa Benedetto XVI ed anche per pregare per la Chiesa chiamata, per la responsabilità dei cardinali, ad eleggere

Dettagli

Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari

Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari Anzitutto voglio dare il mio saluto cordiale ed affettuoso a questa cara comunità di Gorle che già mi accoglie da diversi anni, quindi esprimo la mia riconoscenza

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

La forza del suo messaggio

La forza del suo messaggio 6 Testimone di vita santa Anche quest anno nelle varie sedi de La Nostra Famiglia, nelle Parrocchie ambrosiane e nelle comunità delle Piccole Apostole della Carità si è celebrata la memoria liturgica del

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

Preghiere a Maria. - Santa Madre aiuta il mio compagno a trovarmi lavoro, proteggilo.

Preghiere a Maria. - Santa Madre aiuta il mio compagno a trovarmi lavoro, proteggilo. Preghiere a Maria - Santa Madre aiuta il mio compagno a trovarmi lavoro, proteggilo. - Santa Maria intercedi per noi, tu sai grazie! Cuore immacolato di Maria rifugio delle anime. - Cara Mamma aiutami

Dettagli

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO SUPPLICA A SAN GIROLAMO P. Nel nome del Padre. Amen. P. Rivolgiamoci al Signore Gesù con la preghiera di san Girolamo, per ottenere la conversione del cuore, fonte di riconciliazione e di pace con Dio

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE. Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua

CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE. Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE RITI DI INTRODUZIONE S - Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. A - Amen. S - La Grazia e

Dettagli

Vangelo senza confini

Vangelo senza confini Diocesi di Bergamo Centro Missionario Diocesano Ottobre Missionario 2009 Rosario Missionario Vangelo senza confini Nel nome del Padre. Con Maria percorriamo le strade del mondo; come Maria portiamo Gesù;

Dettagli

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO CENACOLO DELLE MADRI 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO Dicembre è il mese del compleanno di Gesù: sembra che anche molti cristiani se lo

Dettagli

Orazioni in suffragio

Orazioni in suffragio Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio SHALOM Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio «Pietà di me, o Dio, secondo la tua misericordia: nel tuo grande amore cancella il mio peccato».

Dettagli

Commissione Cittadina Pastorale Ragazzi - Fossano

Commissione Cittadina Pastorale Ragazzi - Fossano Carissima/o Catechista, di seguito ti suggeriamo alcune idee per la realizzazione di un cammino da svolgere nel mese mariano, cammino dedicato al Rosario ed al sostegno delle Missioni Cattoliche nel mondo

Dettagli

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda "Andate e fate discepoli tutti i popoli!" Toloto kituruwosi ngitungaangakwapin daadang kgikaswomak kang Venerdì 26 luglio ha preso avvio anche a Moroto

Dettagli

Diocesi di Caserta Santuario di San Michele Arcangelo e Santa Maria del Monte Programma invernale del Santuario 25 Anniversario della Madonna del Monte Anno Mariano 1987-2012 novembre-aprile 2011-2012

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

IN CARCERE MA LIBERI!

IN CARCERE MA LIBERI! PATRIZIO ASTORRI GENNARO CAROTENUTO TULLIO MENGON SILVANO SPAGNUOLO LORENZO ZOCCA IN CARCERE MA LIBERI! Terza edizione Chirico INDICE Presentazione del Cardinale Michele Giordano XI Lettera del cappellano

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986

La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 La Santa Sede PELLEGRINAGGIO APOSTOLICO IN AUSTRALIA DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AL «WILLSON TRAINING CENTRE» Hobart (Australia), 27 novembre 1986 Cari, amici, cari abitanti della Tasmania. 1. La mia

Dettagli

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino?

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino? RITI DI ACCOGLIENZA DIALOGO CON I GENITORI E I PADRINI Celebrante: Genitori:... Che nome date al vostro bambino? Celebrante: Per... che cosa chiedete alla Chiesa di Dio? Genitori: Il Battesimo. Celebrante:

Dettagli

1. una scelta responsabile

1. una scelta responsabile 1.a tappa : preparazione al Battesimo Chiediamo il Battesimo di nostro figlio 1. una scelta responsabile Parrocchia di S. Ambrogio - Via G. Di Vittorio, 23 - Mignanego (GE) Coloro che li sentivano raccontare

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI 1 Ti ringraziamo, Signore, perché ci permetti di entrare in questo itinerario di formazione e di comunione con tutti i fratelli. Guidaci

Dettagli

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C)

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) Grado della Celebrazione: Festa Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il brano evangelico di oggi ci offre il ritratto di ogni famiglia nelle sue componenti

Dettagli

Schema del cammino GG e giovani

Schema del cammino GG e giovani Schema del cammino GG e giovani Professione di fede GIOVANISSIMI La dignità della persona umana La vocazione cristiana Una chiesa di discepoli GIOVANI Una chiesa di inviati Prima, seconda e terza superiore

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia La Voce della Parrocchia Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10 Tariffa Associazioni Senza Fini di Lucro: Poste Italiane s.p.a. Sped. in Abb. Postale

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

UN SOLO SIGNORE, UNA SOLA FEDE, UN SOLO BATTESIMO Il cammino dell'ami cap. 1-3-8-16. Paternità di Dio. Provvidenza

UN SOLO SIGNORE, UNA SOLA FEDE, UN SOLO BATTESIMO Il cammino dell'ami cap. 1-3-8-16. Paternità di Dio. Provvidenza UN SOLO SIGNORE, UNA SOLA FEDE, UN SOLO BATTESIMO Il cammino dell'ami cap. 1-3-8-16 Paternità di Dio Provvidenza San Giovanni Calabria, prendendo alla lettera il vangelo, ha vissuto e ci ha trasmesso uno

Dettagli

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr.

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr. I Quaresima B Padre buono, ti ringraziamo per aver nuovamente condotto la tua Chiesa nel deserto di questa Quaresima: donale di poterla vivere come un tempo privilegiato di conversione e di incontro con

Dettagli

DELEGATE DIOCESANE USMI

DELEGATE DIOCESANE USMI DELEGATE DIOCESANE USMI 24-25 GENNAIO 2015 Lo Statuto USMI definisce con la parola animatrice l identità, la fisionomia e il cuore del compito della delegata diocesana. Così recita: la delegata diocesana

Dettagli

Intenzioni per l Apostolato della Preghiera 2014

Intenzioni per l Apostolato della Preghiera 2014 Intenzioni per l Apostolato della Preghiera 2014 GENNAIO 2014 Perché venga promosso un autentico sviluppo economico, rispettoso della dignità di tutti gli uomini e di tutti i popoli. Perché i cristiani

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

SEMINARIO. Giovedì, 9 ottobre 2014. Sede ACI Roma, Via della Conciliazione 1 (II piano)

SEMINARIO. Giovedì, 9 ottobre 2014. Sede ACI Roma, Via della Conciliazione 1 (II piano) SEMINARIO Giovedì, 9 ottobre 2014 Sede ACI Roma, Via della Conciliazione 1 (II piano) La proposta di nuovi modelli di santità coniugale potrebbe favorire la crescita delle persone all interno di un tessuto

Dettagli

PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA

PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA A R C I D I O C E S I D I U D I N E Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA CRISTO NOSTRA SPERANZA (1 Tm 1,1) Anno Pastorale

Dettagli

Mandato agli Operatori pastorali parrocchiali

Mandato agli Operatori pastorali parrocchiali Parrocchia Sacro Cuore Capua Mandato agli Operatori pastorali parrocchiali 29 Settembre 2013 Monizione In questa Eucaristia, il nostro parroco consegnerà il mandato a svolgere il servizio nella pastorale

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

CANTORI DELLA STELLA. Non è mai troppo tardi. per le strade del ticino. per formare un gruppo di Cantori della Stella.

CANTORI DELLA STELLA. Non è mai troppo tardi. per le strade del ticino. per formare un gruppo di Cantori della Stella. Non è mai troppo tardi per formare un gruppo di Cantori della Stella. Se desiderate formare un gruppo e volete una mano non esitate a chiamarci. Abbiamo fatto tesoro dei consigli e dell esperienza dei

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Dopo-Cresima Semplicemente... una proposta

Dopo-Cresima Semplicemente... una proposta ... e t Dopo-Cresima n e em c i l p m e S una prop osta A questa semplice parola possono essere attribuiti svariati significati: ciascuno la riempie a modo suo.... naturalmente il catechismo. Ci si libera

Dettagli

Preghiere di Benedizione e di Liberazione per. la famiglia

Preghiere di Benedizione e di Liberazione per. la famiglia Preghiere di Benedizione e di Liberazione per la famiglia Collana: La Santa Famiglia Testi: Padre Felice Traversa Editrice Shalom - 9.3.2000 Santa Francesca Romana Disegni: Padre Gianfranco Verri ISBN

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

La Parrocchia Gesù Maestro. Celebra l anno della Vita Consacrata 2015-2016

La Parrocchia Gesù Maestro. Celebra l anno della Vita Consacrata 2015-2016 La Parrocchia Gesù Maestro Celebra l anno della Vita Consacrata 2015-2016 Carissimi la Chiesa, dallo scorso novembre, celebra l Anno della Vita Consacrata e invita tutti noi a riscoprire la vocazione di

Dettagli

Il Convegno Regionale dei Gruppi del

Il Convegno Regionale dei Gruppi del E D I T O D A L L A C O N F R A T E R N I T A D E L S A N T I S S I M O S A C R A M E N T O DI S A N T A M A R I A IN T R A S T E V E R E I miei Gruppi di Preghiera di Roma e del Lazio A N N O V I I I

Dettagli

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità ٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità Dallo statuto leggiamo: Art. 1 L AMI è composta da laici, diaconi, presbiteri che docili all azione dello Spirito Santo intendono vivere una medesima vocazione

Dettagli

I.R. Centro Missionario Diocesano - Trento

I.R. Centro Missionario Diocesano - Trento I.R. Centro Missionario Diocesano - Trento 2 ECCO LA MIA STORIA... Ho due fratelli e tre sorelle. Mio padre non aveva un lavoro fìsso e la mia mamma era semplicemente una casalinga. Oltre ad un pezzo di

Dettagli

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO 20 ANNIVERSARIO EVANGELIUM VITAE 25 MARZO 2015... 1) Oggi ricordiamo il Sì di Maria alla vita, quella vita che prodigiosamente sbocciò nel suo grembo immacolato. Mentre ricordiamo

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che inizia la processione all altare)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che inizia la processione all altare) 18 novembre 2012 prima di avvento anno C ore 18.00 ore 10.00 18.00 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che inizia la processione all altare) Oggi è una domenica speciale: oggi inizia l Avvento.

Dettagli

DIÖZESANSYNODE SINODO DIOCESANO SINODA DIOZEJANA

DIÖZESANSYNODE SINODO DIOCESANO SINODA DIOZEJANA DIÖZESANSYNODE SINODO DIOCESANO SINODA DIOZEJANA Preparazione biblica al Sinodo Diocesano Elaborata da Michele Tomasi Il sinodo diocesano è un percorso comune di tutta la comunità cristiana della diocesi.

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Parrocchia S.Maria della Clemenza e S. Bernardo COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Si consiglia una lettura graduale, riflettendo su una o due domande

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

Educare in spirito di famiglia

Educare in spirito di famiglia FESTA DELLA FAMIGLIA 26 GENNAIO 2014 Educare in spirito di famiglia È bello fare festa, dire sì con entusiasmo alla vita, ringraziare e lodare Colui che ne è l autore, godere per le cose belle che ci sono

Dettagli

Grazie per l attenzione che riserverai alla lettura di questi messaggi, al di là di quello che potrai poi fare.

Grazie per l attenzione che riserverai alla lettura di questi messaggi, al di là di quello che potrai poi fare. FONDAZIONE GEDAMA onlus organizzazione non lucrativa di utilità sociale - Iscritta nel Registro Prefettizio delle Persone Giuridiche della Prefettura di Bergamo al n. 17 della parte 1^ ( parte generale)

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

GIUBILEO DELLA MISERICORDIA

GIUBILEO DELLA MISERICORDIA GIUBILEO DELLA MISERICORDIA INIZIO DELL ANNO GIUBILARE NELLE COMUNITÀ PARROCCHIALI 13 dicembre 2015 Terza Domenica di Avvento 1 Nella terza domenica di Avvento, detta Gaudete, in ogni chiesa cattedrale

Dettagli

Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28)

Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28) Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28) La mancanza di un figlio da sempre è stata fonte di sofferenza per molte donne, Un tempo, non conoscendo i meccanismi del concepimento,

Dettagli

Dal film Alla luce del sole

Dal film Alla luce del sole Dal film Alla luce del sole Don Pino ha capito quali sono le vere necessità della gente di Brancaccio. Non i compromessi con la mafia, non la prepotenza, non la smania di ricchezza per qualcuno, ma vivere

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA.

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA. PREPARAZIONE ALLA PRIMA COMUNIONE LA SANTA MESSA ANNO CATECHISTICO 2008/09 NOME E COGNOME 1 DOMENICA: perché? Tutti i popoli hanno dei giorni di festa. Il popolo ebraico, a cui apparteneva Gesù, aveva

Dettagli

EUCARESTIA E SANTA MESSA

EUCARESTIA E SANTA MESSA EUCARESTIA E SANTA MESSA Cari figli, Gesù, così come è nei Cieli, è anche qui sulla Terra, presente nell Eucarestia. Gesù è presente nell Eucarestia per fortificare lo spirito di ognuno di voi. Rendete

Dettagli

Anno della Misericordia

Anno della Misericordia Parrocchia San Giuseppe Calasanzio Padri Scolopi Via Don Gnocchi 16 - Milano Tel 02-4075933 www.parrocchiacalasanzio.it e-mail: info@parrocchiacalasanzio.it Progetto pastorale 2015-2016 Anno della Misericordia

Dettagli

Hogar San Francisco nostra Hogar San Francisco

Hogar San Francisco nostra Hogar San Francisco Carissimi amici, Hogar San Francisco sarà da oggi uno strumento per sentirci uniti, un semplice foglio informativo della nostra missione in Venezuela. Perché questo nome? Sostanzialmente perché, con i

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il tempo di Natale è un tempo di doni - un dono dice gratuità, attenzione reciproca,

Dettagli