SEZIONE PRIMA INFORMAZIONI RELATIVE ALL EMITTENTE GLI STRU- MENTI FINANZIARI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SEZIONE PRIMA INFORMAZIONI RELATIVE ALL EMITTENTE GLI STRU- MENTI FINANZIARI"

Transcript

1 SEZIONE PRIMA INFORMAZIONI RELATIVE ALL EMITTENTE GLI STRU- MENTI FINANZIARI 29

2 30 Pagina volutamente lasciata in bianco

3 I INFORMAZIONI CONCERNENTI L ATTIVITÀ DELL EMITTENTE Alcuni termini utilizzati nel presente Capitolo sono definiti nel Glossario 1.1 Storia ed evoluzione del Gruppo eplanet (già Mast S.r.l.), holding del Gruppo, è stata costituita in data 31 agosto 1999 ed acquistata in data 28 gennaio 2000 per il prezzo complessivo di Euro da parte degli attuali azionisti (Si veda Sezione II, Capitolo VIII, Paragrafo 8.1). In data 16 febbraio 2000 Mast S.r.l. è stata trasformata in società per azioni con contestuale modifica della denominazione sociale in eplanet S.p.A.. Nel mese di febbraio dell anno in corso è stato creato il Gruppo eplanet trasferendo in capo all Emittente la partecipazione in Planetwork e alcune ulteriori attività di seguito descritte. In particolare, in data 7 febbraio 2000, nell ambito di un processo di riorganizzazione societaria, Planetwork ha ceduto all Emittente il Memorandum d Intesa per la costituzione del consorzio Dix.it di seguito descritto nel presente Paragrafo, e in data 14 febbraio 2000, eplanet è stata ammessa a partecipare al consorzio Dix.it per una quota pari al 14,3%. Inoltre, in data 7 febbraio 2000 eplanet ha acquistato dal Sig. Marco Giuseppe Zanobio e da Exilles S.p.A. per il prezzo complessivo di Lire 15 milioni, una partecipazione pari al 60% in Planet ecom S.p.A. (di seguito Planet ecom ), società partecipata per il rimanente 40% da Andersen Consulting S.p.A. (di seguito Andersen Consulting ), destinata a svolgere le attività previste nell accordo di joint venture stipulato in data 14 aprile 2000 con Andersen Consulting e in data 18 febbraio 2000 la Società ha acquistato da Planetwork International Ltd. la partecipazione da essa detenuta in Planetwork, pari al 99,89 % del capitale sociale, al prezzo complessivo di Lire ; tale partecipazione, a seguito della ricapitalizzazione di Planetwork intervenuta in data 31 maggio 2000, è stata elevata al 100% del capitale sociale (Si veda, per ulteriori informazioni, il Capitolo I, Paragrafi 1.2.4, e 1.7 nonché il Capitolo VI, Paragrafo 6.10). Il Gruppo eplanet è stato, tramite Planetwork, uno dei primi operatori attivi in Italia nel settore delle telecomunicazioni liberalizzate (tale settore comprende le attività di trasmissione di informazioni multimediali, compresi dati, immagini televisive, suoni e fax, impiegando segnali elettrici o ottici inviati attraverso cavi, fibre o per via aerea). Il Gruppo attualmente offre servizi integrati di telefonia, trasmissione dati, di accesso a Internet e servizi a valore aggiunto e intende offrire servizi di Application Service Provider (ASP) e piattaforme di e-commerce (portali Business-to-Business e Business-to-Consumer). Tali servizi sono rivolti, in chiave prospettica, principalmente al settore delle piccole e medie imprese ( SME ), un segmento che rappresenta una parte significativa dell economia italiana e che il management di eplanet ritiene scarsamente servito ed inoltre alla clientela residenziale, in relazione all operatività storica dell Emittente. Alla data del 30 giugno 2000 il Gruppo contava tra i propri clienti circa aziende e circa clienti residenziali. Il Gruppo, tramite Planetwork, intende concentrare la propria attività nel breve-medio termine nella progettazione e realizzazione in Italia di reti locali in fibra ottica, che consentono la trasmissione integrata di voce, dati e immagini ad alta velocità (Si veda Sezione Prima, Paragrafo ). Il Gruppo, tramite Planetwork, intende inoltre integrare la propria infrastruttura di rete attraverso tecnologie di accesso diverse e complementari, quali collegamenti diretti in fibra ottica, xdsl e, nel prossimo futuro, collegamenti radio (WLL punto-punto e punto-multipunto). 31

4 Il seguente grafico illustra la struttura del Gruppo eplanet alla data del presente Prospetto Informativo (per informazioni sugli assetti proprietari dell Emittente si veda la presente Sezione, Capitolo III): eplanet S.p.A. 100% 60% (*) 14,3% Planetwork S.p.A. Planet ecom S.p.A. Dix.it (**) Reti locali a banda larga, servizi di telecomunicazioni e Internet Service bureau in joint-venture con Andersen Consulting per sistemi IT, soluzioni ASP e svilupppo piattaforme di e-commerce Consorzio per la gara UMTS con IFIL, Pirelli, Banca di Roma, Securfin, e.biscom ed AEM (*) Per informazioni sulle possibili variazioni delle partecipazioni in Planet ecom si veda il Capitolo I, Paragrafo (**) Le quote finali di partecipazione al consorzio Dix.it potranno ancora modificarsi in seguito ad accordi tra le parti o all ingresso di nuovi partners. PLANETWORK: costituita il 30 luglio 1996 da Luigi Orsi Carbone e da Planetwork International Ltd (società di diritto inglese con sede a Londra) è la principale società operativa del Gruppo. Non esiste allo stato alcun collegamento tra Planetwork International Ltd e le società del Gruppo. Essendo Planetwork l unica società operativa del Gruppo sino al 31 dicembre 1999, i dati indicati nel presente Prospetto Informativo sino a tale data devono intendersi unicamente riferiti a tale società ad eccezione dei dati pro-forma presenti nel Capitolo IV e dei dati inseriti nel successivo Capitolo V, Paragrafo 5.2. Fin dalla propria costituzione, Planetwork ha fornito servizi di telefonia alle imprese, operando come rivenditore di servizi di telecomunicazione e offrendo una serie di altri servizi a valore aggiunto (quali servizi di teleconferenza, carte telefoniche post e pre-pagate) attraverso l utilizzo di una rete di interconnessione basata su circuiti affittati in ambito nazionale da Autostrade Telecomunicazioni S.p.A., con diramazioni della rete internazionale a Londra e a Boston. Nel dicembre 1998 Planetwork ha ottenuto la licenza individuale per l installazione di una rete di telecomunicazioni allo scopo di prestare il servizio di telefonia vocale in Italia: la licenza, inizialmente relativa a dieci città e relative province, è stata estesa nell aprile 1999 all intero territorio nazionale. Contestualmente, Planetwork ha attivato l interconnessione con la rete di Telecom Italia per la copertura dell intero territorio nazionale. Dal settembre 1999 Planetwork offre servizi di telefonia a clientela SoHo (professionisti e lavoratori autonomi) e residenziale e dal marzo 2000 servizi di accesso ad Internet ad imprese e privati. La rete di Planetwork è interconnessa in Italia e collegata all estero con i maggiori operatori presenti nel mercato (Si veda Sezione Prima, Capitolo I, Paragrafi e ). PLANET ECOM: è una società destinata a svolgere le attività previste nell accordo relativo alla joint venture stipulato in data 14 aprile 2000 con Andersen Consulting. Secondo tale accordo l attività di Planet ecom ricomprende l erogazione di prestazioni professionali di sviluppo e gestione di sistemi informatici nonchè di servizi di e-commerce destinati ad eplanet, alle società da essa controllate e ai loro rispettivi clienti e di una serie di servizi informatici per le aree applicative relative ai processi di fatturazione, servizio clienti, Interconnessione, ERP, nonché per lo sviluppo di piattaforme per il commercio elettronico (portali e piattaforme e-commerce Business-to-Business e Business-to-Consumer) e di servizi ASP nei confronti delle società del Gruppo e dei loro clienti. Alla data del Prospetto Informativo Planet ecom non ha ancora avviato l attività di prestazione diretta a terzi dei propri servizi (Si veda Sezione Prima, Capitolo I, Paragrafi e 1.2.4). 32

5 CONSORZIO DIX.IT: eplanet intende partecipare alla gara per l assegnazione della licenza per lo sfruttamento della tecnologia digitale UMTS. A tale scopo nel dicembre 1999 Planetwork, unitamente a IFIL Finanziaria di Partecipazioni S.p.A., Pirelli & C S.a.p.a., Securfin S.p.A., e.biscom S.p.A. e Banca di Roma S.p.A., ha costituito il Consorzio Dix.it. La quota di Planetwork è stata trasferita a eplanet in data 7 febbraio 2000 e in data 14 febbraio 2000 è stata ammessa al consorzio Aem S.p.A.. Ciascuno dei partecipanti è titolare di una quota paritaria del 14,3%. Il Consorzio è tutt ora aperto ad ulteriori adesioni e pertanto le quote di partecipazione sono soggette a modificazione. Lo statuto del Consorzio prevede che le quote di partecipazione al fondo siano eguali per tutti i consorziati, salvo diversa deliberazione del Comitato Esecutivo. Il fondo viene reintegrato periodicamente secondo le modalità determinate dal Comitato Esecutivo del Consorzio. Inoltre, in caso di assegnazione delle licenze è previsto che il Consorzio assuma una struttura societaria nella forma che verrà ritenuta più opportuna e in tale occasione le quote di partecipazione dei consorziati verranno concordate in via definitiva. Tale Consorzio, non appena verrà pubblicato il bando per la gara per l assegnazione delle licenze, delibererà se parteciparvi o meno. Fino alla presentazione dell offerta ciascun consorziato avrà facoltà di recedere dal Consorzio in qualsiasi momento, ma con un preavviso minimo di 60 giorni comunicato per iscritto al Presidente del Consorzio. In seguito alla presentazione dell offerta il recesso dal Consorzio è subordinato al consenso, espresso mediante deliberazione con il voto favorevole del 75% degli aventi diritto, dall assemblea dei consorziati che ne determinerà altresì le condizioni tenuto conto delle eventuali obbligazioni verso terzi non ancora adempiute. Non vi è alcuna garanzia che, qualora la Società deliberasse di recedere dal Consorzio successivamente alla presentazione dell offerta, la stessa non sia ugualmente tenuta ad adempiere, nei limiti della propria quota di partecipazione, ad eventuali obbligazioni assunte dal Consorzio per la partecipazione alla gara ovvero ad altre obbligazioni assunte dal Consorzio nei confronti di terzi. Infine, in data 26 giugno 2000 l assemblea del Consorzio ha deliberato di aumentare il fondo consortile da Lire 5 miliardi a Lire 10 miliardi (Si vedano le Avvertenze per l investitore e la Sezione Prima, Capitolo I, Paragrafi , , e Capitolo IV, Paragrafo 4.7.1). Alla data di pubblicazione del presente Prospetto Informativo sono in corso negoziazioni con una serie di partners potenziali italiani ed esteri (tra i quali, in particolare, Telefonica, Atlanet, Finmeccanica, Ferrovie dello Stato, Banca Popolare di Milano), finalizzate ad un allargamento della base azionaria della società in cui, per la partecipazione alla gara, confluiranno gli attuali componenti del Consorzio Dix.it, i quali vedrebbero in tal caso ridotta, in misura anche diversa tra di essi, la propria percentuale di partecipazione nella costituenda società rispetto a quella da essi precedentemente detenuta nel Consorzio Dix.it. 33

6 La tabella che segue illustra le tappe più significative del Gruppo eplanet. Luglio 1996 Gennaio 1997 Dicembre 1997 Dicembre 1998 Aprile 1999 Aprile 1999 Agosto 1999 Settembre 1999 Dicembre 1999 Dicembre 1999 Gennaio 2000 Gennaio 2000 Febbraio 2000 Febbraio 2000 Marzo 2000 Aprile 2000 Aprile 2000 Aprile 2000 Aprile 2000 Aprile 2000 Maggio 2000 Maggio 2000 Maggio 2000 Maggio 2000 Giugno 2000 Giugno 2000 Luglio 2000 Costituzione di Planetwork Offerta da parte di Planetwork di servizi di telefonia alle piccole e medie aziende Accordo di Planetwork con Autostrade Telecomunicazioni S.p.A. per il collegamento ad alta velocità dei propri nodi sulle principali città Licenza individuale a Planetwork per l installazione di una rete di telecomunicazioni allo scopo di prestare servizio di telefonia vocale rilasciata dal Ministero delle Comunicazioni Accordo di Interconnessione tra Planetwork e Telecom Italia, successivamente modificato in data 5 luglio 1999 a seguito dell avvenuta estensione della licenza Estensione a tutto il territorio nazionale della licenza individuale a Planetwork per l installazione di una rete di telecomunicazioni allo scopo di prestare servizio di telefonia vocale Costituzione di eplanet Offerta da parte di Planetwork dei servizi di telefonia a clientela Soho e residenziale Autorizzazione a Planetwork per l offerta al pubblico dei servizi di accesso a Internet (Internet Service Provider) Avvio da parte di Planetwork e commercializzazione del servizio di accesso ad Internet via televisore per utenza residenziale (denominato Easyweb.tv) Costituzione del consorzio Dix.it Acquisto di eplanet Accordo iniziale tra Planetwork e Telecom Italia per la rivendita wholesale di servizi ADSL Acquisto da parte di eplanet del 99,89% del capitale sociale di Planetwork Nascita del Gruppo eplanet Accordo tra Planetwork e Telecom Italia per la fornitura agli abbonati Planetwork del servizio di preselezione dell operatore (c.d. carrier pre-selection) Accordo tra Planetwork e Autostrade Telecomunicazioni S.p.A. per l affitto di capacità trasmissiva fino a 2,5 Gbit/s Formalizzazione dell accordo di joint venture tra eplanet e Andersen Consulting Offerta da parte di Planetwork di servizi ADSL di rete privata virtuale e numero personale Convenzione tra Planetwork ed il Comune di Milano per la concessione di uso del suolo pubblico, del sottosuolo e delle infrastrutture municipali finalizzata all installazione di reti pubbliche di telecomunicazioni sia aeree che sotterranee Avvio delle attività di scavo in concomitanza con operatori terzi già titolari di concessione di scavo Convenzione tra Metroferro S.p.A. e Planetwork per le operazioni di installazione e di manutenzione di cavi in fibra ottica all interno dei manufatti delle linee A e B della metropolitana di Roma Accordo tra il Comune di Bologna e Planetwork per la programmazione e la regolazione degli interventi nel sottosuolo stradale di proprietà comunale per l anno 2000 Lettera d intenti con Edisontel S.p.A. (società di telecomunicazioni del gruppo Edison) per valutare fattibilità di un futuro contratto per la concessione in leasing a Planetwork della fibra ottica che Edisontel ha in progetto di installare sulle reti di Italcementi S.p.A. Offerta di Alcatel Italia S.p.A. per la conclusione di un accordo tra Planetwork e Eurostrada che consentirebbe l utilizzo di fibra ottica lungo un infrastruttura di rete di km Autorizzazione da parte del Servizio Informatico e TLC URSIT del Comune di Milano a Planetwork per posare infrastruttura di rete in concomitanza con operatori terzi in determinate aree del Comune di Milano Inizio degli scavi in concomitanza con operatori terzi nel Comune di Milano Contratto quadro per la realizzazione chiavi in mano delle reti di accesso urbane nelle principali città d Italia, stipulato tra Planetwork e Sirti 1.2 L attività del gruppo Fattori chiave interni ed esterni all azienda che incidono sulla gestione Il Gruppo ritiene che i fattori chiave del proprio successo possano essere così riassunti: First mover advantage: il Gruppo tramite Planetwork, ha sviluppato un progetto per la realizzazione di reti locali metropolitane in fibra ottica, allo scopo di posizionarsi in Italia tra i primi operatori CLEC (Competitive Local Exchange Carrier), ovvero tra i principali fornitori di collegamenti diretti locali ad alta velocità. A tale scopo ha sviluppato in collaborazione con Sirti un progetto preliminare di reti metropolitane relativo inizialmente a 15 città target italiane (tra le quali le principali sono: Roma, Milano, Torino, Napoli, Bologna, Padova, Firenze, Verona, Modena, Reggio Emilia) e sta estendendo tale progetto ad ulteriori 3 città. Il progetto consiste in studi di 34

7 geomarketing dell utenza target, in base ai quali, alla data del presente Prospetto Informativo, per 15 città è stato individuato uno schema di tracciato delle reti che permetterà il collegamento diretto ai clienti target. Alla data del presente Prospetto Informativo, inoltre, i progetti esecutivi sono stati completati relativamente a 15 città e il management di Planetwork, in collaborazione con Sirti, ha presentato alle autorità comunali detti progetti. In data 14 luglio 2000, Planetwork ha concluso con Sirti un Contratto quadro per la realizzazione chiavi in mano, mediante separati accordi, delle reti di accesso urbano nelle città target italiane oggetto degli studi di geomarketing, o in altre città che Planetwork potrà successivamente indicare. Attualmente le attività di scavo in concomitanza con altri operatori sono in corso nelle città di Padova, Torino, Bologna e Milano per un totale complessivo di circa 50 km e lavori inizieranno a breve anche nella città di Napoli. Planetwork ha stipulato altresì un accordo per la regolamentazione delle future attività di scavo con il Comune di Bologna. Inoltre, in data 16 maggio 2000 Planetwork ha stipulato con la società del Comune di Roma Metroferro S.p.A. una convenzione per le operazioni di installazione e di manutenzione dei cavi a fibra ottica all interno delle linee A e B della metropolitana di Roma. In virtù di tale accordo, Sirti si è impegnata a completare circa 60 km di rete di accesso entro la fine del Attraverso l infrastruttura di rete che il Gruppo si propone di realizzare, lo stesso potrà offrire servizi integrati voce, dati, Internet a valore aggiunto ad alta velocità. Il management del Gruppo ritiene quindi che in un mercato ancora in fase di forte espansione e crescita, essere in grado di muoversi tra i primi nello sviluppo di infrastrutture, potrà costituire un significativo vantaggio rispetto ai concorrenti, il cosiddetto first mover advantage (Si vedano le Avvertenze per l Investitore e la Sezione Prima, Capitolo I, Paragrafo ). Flessibilità e innovazione: secondo il management del Gruppo la capacità di innovazione nei servizi proposti alla propria clientela e la costante attenzione alle esigenze dei clienti, hanno consentito e consentiranno al Gruppo di affermarsi sul mercato delle telecomunicazioni. Il Gruppo, attraverso la controllata Planetwork, è stato uno dei primi operatori di telecomunicazioni ad offrire sul mercato italiano l accesso ad Internet alternativo tramite televisore e, nel gennaio 2000, a stipulare un accordo con Telecom Italia per offrire agli utenti servizi in tecnologia ADSL (Si veda Sezione Prima, Capitolo I, Paragrafo 1.1 (tabella che illustra le tappe più significative del Gruppo) e Paragrafo ). Crescita e importanza delle aziende clienti acquisite: il Gruppo ha registrato dal 1996 ad oggi una significativa crescita, in termini di numero di aziende clienti e di fatturato generato (Si veda Sezione Prima, Capitolo I, Paragrafo ). Il Gruppo vanta una significativa base di clienti, tra i quali figurano società di primaria importanza quali Giorgio Armani, Ced Borsa, Coeclerici, Febal Cucine, Fiorucci, Marzotto, Pirelli. Il management del Gruppo ritiene che tale base di clienti costituisca un punto di partenza importante per l acquisizione di nuovi clienti e l offerta di nuovi servizi multimediali. Il management del Gruppo ritiene, inoltre, che la domanda di servizi di telecomunicazioni innovativi da parte della clientela business e in particolare delle piccole e medie imprese subirà un forte incremento. Management: i ruoli chiave all interno del Gruppo sono ricoperti da persone che vantano una consolidata esperienza maturata prevalentemente nel settore delle telecomunicazioni in alcune fra le principali società di consulenza e aziende di telecomunicazioni italiane ed estere (Si veda Sezione Prima, Capitolo I, Paragrafo 1.6.1). Partnership e relazioni strategiche: in un ottica di complementarietà con la propria strategia e al fine di sfruttare le opportunità di mercato, in particolare in settori nei quali il management del Gruppo non ritiene di potere sviluppare competenze specifiche autonomamente in tempi rapidi o svolgere con risorse interne tali competenze, il Gruppo ha sviluppato partnership e relazioni strategiche con importanti operatori del settore delle telecomunicazioni e imprenditori di rilievo selezionati sulla base delle competenze specialistiche di ciascuno, quali ad esempio: il Consorzio Dix.it per la partecipazione alla gara per l assegnazione delle licenze UMTS (Si veda la presente Sezione, Capitolo I, Paragrafo 1.1); 35

8 Planet ecom, joint venture con Andersen Consulting (Si veda la presente Sezione, Capitolo I, Paragrafo 1.2.4); e ATI Norsitel, Contratto quadro per la realizzazione chiavi in mano delle reti di accesso urbano nelle città target (Si veda il Capitolo I, Paragrafo 1.2.4). Realizzazione di una rete IP integrata e multimediale (voce, dati e video): i progetti relativi a reti per telecomunicazioni hanno tradizionalmente creato reti separate mediante l utilizzo di apparati separati per segnali voce, dati e video. Il passaggio da reti a circuiti commutati a reti a circuiti a commutazione di pacchetto a tecnologia digitale ha eliminato la tradizionale distinzione tra servizi voce e trasmissione dati e video. Infatti tali reti sono in grado di veicolare su un unico mezzo trasmissivo segnali misti digitali voce, dati e video. Tale capacità, che permette di ridurre il costo di realizzazione e gestione delle reti per gli operatori, rappresenta un forte incentivo economico per la realizzazione di reti integrate multimediali. Essendo il settore Internet in fase di crescita, il management del Gruppo ritiene che la tecnologia di Internet ed in particolare il protocollo IP emergerà come standard di rete. La Società ritiene che la rete in corso di realizzazione avrà caratteristiche tecniche tali da consentire lo sviluppo parallelo di servizi di telefonia, trasmissione dati, voce e video. I fattori chiave esterni al Gruppo possono essere così sintetizzati: Elementi di tendenza nel settore delle telecomunicazioni: Il settore italiano delle telecomunicazioni è in via di liberalizzazione e sta attraversando una fase di rapida evoluzione in funzione del costante progresso tecnologico e dell ingresso sul mercato di numerosi nuovi operatori, italiani e stranieri. Sviluppi normativi: Il settore delle telecomunicazioni in Italia è altamente regolamentato e la notevole crescita del Gruppo nell ultimo biennio è stata resa possibile, tra l altro, grazie alla liberalizzazione di tale settore, che ha creato lo spazio necessario per nuovi operatori (Si vedano le Avvertenze per l Investitore e Capitolo I, Paragrafi e ). Elevata competizione nei servizi a minore valore aggiunto: L innalzamento del livello competitivo corrispondente all ingresso di nuovi operatori nel settore delle telecomunicazioni sta determinando una riduzione dei margini nei servizi a minore valore aggiunto. Politica tariffaria di Telecom Italia: L attività del Gruppo può essere condizionata dalla politica delle tariffe praticate da Telecom Italia per i servizi voce e per l interconnessione. La normativa in materia di telecomunicazioni prevede che gli operatori identificati come aventi notevole forza di mercato (tra cui Telecom Italia) siano esposti al controllo dell AGC in materia di servizi e commissioni di interconnessione. La competitività di operatori che hanno concluso contratti di interconnessione con Telecom Italia, fra cui anche Planetwork, potrebbe variare a seconda delle tariffe praticate da Telecom Italia. Inoltre, il Gruppo è soggetto a tutti i fattori di rischio indicati nelle Avvertenze per l investitore (Si veda anche Sezione Prima, Capitolo I, Paragrafo ). Relazioni con fornitori: Sino ad oggi Planetwork, non disponendo di infrastrutture di proprietà, ha acquistato capacità trasmissiva da fornitori terzi. Nel secondo semestre del 1999, grazie al contratto di interconnessione con la rete di Telecom Italia, si è avuto un effetto positivo sui margini del traffico interurbano nazionale. D altro canto, sempre negli ultimi mesi dell anno 1999 si sono verificati problemi di continuità di servizio da parte di alcuni operatori che hanno obbligato Planetwork, per mantenere standard qualitativi elevati nel servizio offerto ai propri clienti, a ricorrere ad approvvigionamenti meno convenienti. (Si vedano il presente Capitolo, Paragrafo e le Avvertenze per l Investitore ). Dipendenza dalla crescita della domanda di servizi a valore aggiunto: La crescita della Società è collegata all incremento di domanda di servizi a valore aggiunto. In relazione alla strategia del Gruppo, l entità di tale domanda avrà un effetto significativo sull andamento dello stesso (Si vedano le Avvertenze per l Investitore ). 36

9 1.2.2 Descrizione delle attività Planetwork offre servizi di telefonia, trasmissione dati e accesso a Internet e a valore aggiunto. I servizi possono essere offerti ai clienti attraverso il collegamento diretto alla propria rete - mediante circuiti dedicati - o indirettamente, attraverso la rete locale di Telecom Italia. In parallelo con il progressivo sviluppo della propria infrastruttura di rete locale, il Gruppo intende ampliare la gamma di servizi ad oggi offerti, affiancando ai servizi sopra menzionati pacchetti integrati di servizi di telecomunicazione ad alta velocità di telefonia, trasmissione dati e servizi di accesso Internet e a valore aggiunto, tra cui, servizi di Web Hosting e Housing, servizi offerti con modalità di Application Service Provider (ASP) e sviluppo di piattaforme e applicativi di e-commerce Business-to-Business e Business-to-Consumer Ripartizione del fatturato per tipologia di servizio, clientela e volume di traffico Il Numero di Clienti delle tabelle seguenti comprende il numero degli abbonati al servizio Easyclick e dei clienti che hanno già sottoscritto un contratto e/o che hanno richiesto l attivazione di un servizio Planetwork. I clienti che hanno sottoscritto servizi diversi sono stati considerati nella tabella sotto riportata in misura pari agli abbonamenti sottoscritti. Tale numero comprende anche clienti che non hanno ancora generato ricavi in quanto non ancora attivati. Il Numero di Clienti per servizio offerto al 30 giugno 2000 scaturisce dalla nuova architettura di sistema introdotta in data 28 maggio Numero di clienti per servizio offerto PlaNET Alternative Access Easydrin e Drin Easyweb.Tv Easyclick Altri prodotti 514 Totale Numero di clienti business e residenziali ( 1 ) Business Residenziali Totale ( 2 ) ( 2 ) ( 3 ) (1) Clienti residenziali: persone fisiche senza partita IVA. Clienti business: persone fisiche o giuridiche con partita IVA (Corporate, SME e SoHo). (2) Il dato comprende anche gli abbonati ai servizi Easyweb.tv e Easyclick. (3) Il dato comprende anche gli abbonati al servizio Easyweb.tv. Ricavi per clienti business e residenziali (*) Business Residenziali Totale (*) Il dato trimestrale non è direttamente comparabile con i dati annuali relativi ai ricavi negli esercizi precedenti in quanto si riferisce ad un arco temporale differente. 37

10 Ricavi delle vendite e delle prestazioni (Lire/milioni) Ricavi traffico telefonico: internazionale nazionale interurbano radiomobile business radiomobile family Ricavi da installazione e manutenzione Telefox Altri ricavi Sconti Totale ricavi delle vendite e delle prestazioni La rete Planetwork intende realizzare reti metropolitane in fibra ottica (cosiddette Metropolitan Area Network, ovvero MAN ) grazie ad un mix di tecnologie alternative, collegamenti diretti sull ultimo miglio tra i clienti e le MAN stesse. Ciascuna MAN verrà collegata alle altre tramite reti dorsali ad alta capacità affittate da operatori terzi (Si veda oltre nel presente Paragrafo e Paragrafo 1.2.4). Il management del Gruppo ritiene, infatti, che l infrastruttura tecnologica d accesso a larga banda sia importante per permettere ai clienti di usufruire dei servizi integrati offerti dal Gruppo stesso. A tale scopo, considerata la scarsità di infrastrutture locali di rete dovuta anche all assenza in Italia di TV via cavo e considerata, altresì, la crescente offerta da parte di sempre più numerosi operatori, di banda trasmissiva dorsale lungo il territorio italiano, il management del Gruppo ritiene fondamentale investire nella realizzazione di reti locali in fibra ottica in aree metropolitane e distretti industriali in Italia. L infrastruttura di rete In particolare, grazie allo sviluppo di un infrastruttura di rete integrata e flessibile il management ritiene di poter: migliorare e controllare end to end la qualità dei servizi e fidelizzare i propri clienti; sfruttare la propria rete ad alta velocità per offrire servizi innovativi Internet, a valore aggiunto e di ASP; soddisfare la crescente domanda di capacità trasmissiva multimediale a banda larga attesa dal Gruppo; realizzare modalità di accesso complementari anche grazie a tecnologie wireless quali WLL punto-punto e punto-multipunto. La rete, allo stato in fase di iniziale realizzazione da parte del Gruppo, è in grado di offrire supporto ad un ampio spettro di servizi di telecomunicazioni fornendo infrastrutture di trasporto SDH fino a servizi video, voce, dati, realizzati su piattaforme ATM ed IP. La rete è stata progettata per essere modulare, affidabile e flessibile. Modularità: la capacità di trasmissione e l estensione della rete possono essere aumentate agevolmente e con costi marginali ridotti, in base alla quantità della domanda e al tipo di servizi richiesti dai clienti. Affidabilità: il rischio di eventuali malfunzionamenti sulla rete in caso di danni alla cablatura o alle apparecchiature è minimizzato attraverso una infrastruttura che garantisce la ridondanza mediante soluzioni Hot Stand-by (che provvedono al re-instradamento automatico in caso di malfunzionamento), gerarchie sincrone SDH e strutture ad anello. Flessibilità: il Gruppo ritiene che l architettura della rete permetterà un adattamento progressivo alle future innovazioni tecnologiche inerenti ai servizi e agli standard di costruzione della rete e dei protocolli. 38

11 Reti metropolitane (MAN) Progettazione Le reti metropolitane che il Gruppo ha progettato e alcune delle quali sta realizzando saranno costituite da anelli in fibra ottica, singoli o doppi, che permetteranno il collegamento diretto ai clienti ubicati all interno di città o aree metropolitane. Planetwork ha quale obiettivo il completamento della maggior parte delle MAN entro il Il management del Gruppo ritiene che per realizzare tale obiettivo sia necessaria la posa o l affitto di una rete in fibra ottica di circa 680 Km (nelle 15 città target inizialmente individuate), che comporterà un investimento stimato medio dell ordine di circa Lire 15 miliardi per ogni MAN compresi gli apparati di smistamento di chiamate. Tale investimento stimato si basa sul presupposto di scavo e posa della fibra ottica effettuati dal Gruppo direttamente, in assenza di opportunità che consentano di effettuare gli scavi in concomitanza con operatori terzi, cui conseguirebbe un risparmio di costi per il Gruppo (Si veda Sezione Prima, Capitolo I, Paragrafo ). Planetwork ha pianificato la realizzazione di tali infrastrutture inizialmente in 15 città target italiane, e sta estendendo tale progetto ad ulteriori 3 città. Le città target sono state selezionate in base a studi di geomarketing realizzati per conto di Planetwork da Sirti. In particolare tali studi, previa individuazione sul territorio dei clienti target del Gruppo, hanno permesso lo sviluppo di uno schema di tracciato della rete in grado di consentire il collegamento diretto a tali clienti. L analisi di geomarketing viene realizzata sulla base dei seguenti criteri: sviluppo di uno studio avente ad oggetto i dati e l ubicazione della popolazione e del numero di linee telefoniche, completato stimando il relativo potenziale di spesa nei servizi di telecomunicazioni della clientela target grazie anche a oltre 500 interviste rivolte ad aziende selezionate da un campione rappresentativo; individuazione della clientela target (clienti corporate e SME); individuazione delle città target, in funzione della densità per Km quadrato dei clienti come sopra individuati; localizzazione delle principali centrali locali di commutazione (SGU e stadi di linea) di Telecom Italia; progettazione di una rete metropolitana che consenta di collegare, tramite interpolazione, il maggior numero di clienti ubicati in una data area e le centrali di commutazione di Telecom Italia ivi presenti; individuazione dell effettiva copertura consentita dalla rete locale e definizione dell esatto numero di clienti raggiungibili. Alla data del presente Prospetto Informativo, l analisi di geomarketing è stata completata per le 15 città iniziali e per le 3 città aggiunte successivamente e il management ne sta valutando l estensione ad ulteriori aree e distretti industriali in Italia. Realizzazione In data 13 marzo 2000 Planetwork ha stipulato con Sirti un accordo per la progettazione esecutiva per la realizzazione delle reti metropolitane in alcune città target (tra le quali le principali sono: Roma, Milano, Torino, Napoli, Bologna, Padova, Firenze, Verona, Modena, Reggio Emilia). Il contratto, come successivamente modificato, prevedeva che Planetwork e l ATI Norsitel, negoziassero in buona fede, un contratto quadro di affidamento dei lavori e forniture per la realizzazione e manutenzione delle reti e delle relative infrastrutture per almeno 3 delle 15 città target inizialmente previste, con la riserva di valutare le rispettive proposte per la realizzazione delle reti nelle rimanenti città target. Successivamente, in data 14 luglio 2000, Planetwork e Sirti hanno concluso un contratto quadro per la realizzazione chiavi in mano della rete di accesso urbana primaria e secondaria e dei collegamenti con il backbone nazionale a disposizione di Planetwork per tutte o parte delle città target individuate, o altre città che Planetwork potrà indicare in seguito (si veda Capitolo I, Paragrafo 1.2.4). L ATI Norsitel (nella quale Sirti è manda- 39

12 taria speciale con rappresentanza) si scioglierà automaticamente alla data del 31 dicembre 2001 o alla data di adempimento di tutte le obbligazioni previste dai contratti relativi ai lavori di realizzazione e manutenzione delle reti metropolitane progettate dal Gruppo. Alla data del Prospetto Informativo Planetwork ha altresì affidato a Sirti le attività di progettazione esecutiva e di assistenza per le procedure di richiesta delle concessioni/autorizzazioni necessarie alla realizzazione delle reti metropolitane in 15 città. Il management di Planetwork ha inoltre avviato, in collaborazione con l ATI Norsitel, incontri con i rappresentanti degli uffici tecnici delle autorità pubbliche locali per la presentazione di progetti preliminari di rete e la definizione di un programma di realizzazione. Una volta definito tale programma e verificatane l effettiva realizzabilità sul territorio anche con l ausilio degli uffici tecnici e delle autorità pubbliche locali, verrà determinato il progetto esecutivo (che comprende planimetrie in scala, sezioni stradali e relazioni tecniche) sulla base del quale verranno quindi inoltrate alle autorità pubbliche locali le richieste per il rilascio dei necessari permessi. La realizzazione della rete sarà effettuata da Planetwork direttamente come sopra indicato, o mediante joint venture con società municipalizzate locali ovvero tramite affitto delle infrastrutture già installate nelle città target da operatori terzi. La conclusione di accordi con società municipalizzate locali permetterebbe lo sfruttamento di infrastrutture preesistenti - quali reti idriche, elettriche e condotti per la distribuzione del gas riducendo tempi e costi operativi per la realizzazione della rete. Laddove esista già una infrastruttura, anche parziale, che risulti compatibile con il progetto delle MAN, il management di Planetwork prevede di affittare tale infrastruttura e di realizzare il c.d. ultimo miglio, cioè il tratto che consente il collegamento diretto al cliente. Si vedano le Avvertenze per l investitore e la Sezione Prima, Capitolo I, Paragrafi 1.2.1, e ). Convenzione con Metroferro S.p.A. In data 16 maggio 2000 Planetwork ha stipulato con la società del Comune di Roma Metroferro S.p.A. una convenzione per le operazioni di installazione e di manutenzione dei cavi a fibra ottica all interno dei manufatti delle linee A e B della metropolitana di Roma, per un totale di 38 Km, e loro future estensioni. In virtù di tale convenzione a Planetwork è consentita, al fine esclusivo di realizzare una rete urbana di telecomunicazioni, la posa di cavi a fibra ottica all interno delle gallerie metropolitane romane, secondo i dettagli di un progetto esecutivo e di un capitolato tecnico che dovrà essere presentato per approvazione da Planetwork prima dell inizio dei lavori. La convenzione, immediatamente vincolante per Planetwork, diverrà vincolante per Metroferro S.p.A. dalla data di approvazione da parte dell USTIF Ministero dei Trasporti e della Navigazione e dell Assessorato ai trasporti della Regione Lazio, e avrà durata massima di 15 anni corrispondente alla durata della licenza individuale ottenuta da Planetwork. La convenzione con Metroferro S.p.A. consente inoltre a Planetwork di accelerare i piani di cablaggio di Roma, a costi inferiori rispetto a quanto da essa preventivato. Grazie a tale accordo Sirti si è impegnata a completare circa 60 km di rete di accesso entro la fine del A Planetwork non è riconosciuto alcun diritto sulle linee ferroviarie di Metroferro S.p.A. diverso dal diritto non esclusivo di passaggio con appoggio della propria rete di telecomunicazioni, anche se la convenzione stabilisce che nelle canaline posate da Planetwork non potranno essere installati altri cavi da parte di Metroferro S.p.A. e/o altre società concessionarie senza la preventiva autorizzazione di Planetwork stessa. Ultimati i lavori, l impianto potrà essere messo in funzione solo successivamente alla positiva verifica, da parte di Metroferro S.p.A. con l intervento tecnico dell USTIF, della regolare esecuzione e rispondenza tra il progetto di Planetwork e la realizzazione degli impianti. Metroferro S.p.A., inoltre, ha riconosciuto all USTIF la potestà di ordinare in ogni tempo, per ragioni di sicurezza pubblica, la modifica della convenzione ed anche la sua disdetta per la rimozione dei cavi a fibra ottica e di eventuali apparecchiature connesse. Planetwork ha facoltà di recedere dalla Convenzione con preavviso di 6 mesi (si vedano le Avvertenze per l Investitore ). 40

13 Intesa preliminare con Edisontel S.p.A. In data 25 maggio 2000 Planetwork ha raggiunto un intesa con Edisontel S.p.A. (Edisontel) la società di telecomunicazioni del gruppo Edison, subordinata alla sottoscrizione di un accordo che Edisontel stessa sta negoziando con il Gruppo Italcementi volto ad ottenere la concessione dei diritti di passaggio per la posa lungo le infrastrutture della rete elettrica di proprietà di Italcementi S.p.A.. In base alla lettera d intenti del 25 maggio 2000, Planetwork e Edisontel verificheranno la fattibilità di un successivo contratto per la cessione in leasing ventennale a Planetwork di un minimo di due fibre ottiche lungo una distanza di circa 200 Km nelle province di Milano, Brescia e Bergamo della rete che Edisontel andrà a posare sugli elettrodotti di proprietà di Italcementi S.p.A. L intesa prevede che la concessione di fibre ottiche in leasing sia soggetta alla effettiva possibilità tecnica di Edisontel di installare sulla rete di Italcementi S.p.A. un numero totale di fibre pari ad almeno otto. Edisontel e Planetwork si sono impegnate a proseguire in buona fede le negoziazioni per la conclusione del contratto fino alla data del 31 luglio 2000 ed a firmarlo nel più breve tempo possibile dopo la formale conclusione dell accordo tra Edisontel e Italcementi S.p.A. L intesa prevede, inoltre, che Planetwork corrisponderà ad Edisontel un canone annuo variabile per Km oltre ad un canone forfettario variabile a seconda del numero di fibre ottiche installate sulla rete da Edisontel, da versare per un terzo alla stipula del contratto e per i restanti due terzi alla consegna delle fibre sul percorso di rete. I circa 200 km di fibra ottica permetterebbero al Gruppo di servire direttamente, attraverso un infrastruttura di rete propria, più di 70 Comuni nelle province di Milano, Bergamo e Brescia, a costi di posa e manutenzione inferiori rispetto a quelli preventivati. Inoltre, grazie a questo accordo, potrà essere completata quasi la metà della MAN di Bergamo in tempi rapidi e a costi inferiori (si vedano le Avvertenze per l Investitore ). Concomitanza con operatori terzi Qualora venga presentato alle autorità pubbliche locali un progetto che preveda tratti di rete in sovrapposizione con quelli di altri operatori già autorizzati a posare fibra ottica, è possibile condividere la posa della fibra in presenza del consenso di tali operatori autorizzati. Tale attività in alcune località viene direttamente disciplinata da parte delle autorità locali mentre in altre è demandata unicamente alla negoziazione tra gli operatori. A decorrere dal mese di aprile 2000 Planetwork ha avviato la realizzazione della propria infrastruttura di rete in quattro città e, in particolare, a Padova, Torino Bologna e Milano su tratte in concomitanza con altri operatori ed a breve i lavori inizieranno anche nella città di Napoli. Per quanto riguarda la città di Milano in particolare, a decorrere dal 12 giugno 2000, il Servizio Informatico e TLC URSIT di Milano ha concesso a Planetwork l autorizzazione a posare infrastruttura di rete (per un totale di metri) nell ambito di progetti da realizzarsi in concomitanza con operatori terzi, in determinate aree del Comune di Milano. I relativi lavori sono in corso di realizzazione alla data del Prospetto Informativo. La fornitura di servizi ad accesso diretto al cliente potrà avvenire anche prima del completamento della rete, attivando progressivamente il collegamento alla clientela in ciascuna città target, man mano che singoli segmenti dell infrastruttura saranno ultimati. La concessione di scavo sul territorio del Comune di Milano In data 14 aprile 2000 è stata sottoscritta tra Planetwork e il Comune di Milano una Convenzione avente ad oggetto la concessione di uso del suolo pubblico, del sottosuolo e delle infrastrutture municipali finalizzata all installazione di reti pubbliche di telecomunicazioni, sia aeree che sotterranee, nel triennio 2000/2002 (la Convenzione ). Planetwork si è impegnata a coordinare il proprio tracciato in caso di sovrapposizione del medesimo con quello degli altri operatori già presenti. La Convenzione, che da sola non costituisce autorizzazione ad effettuare gli scavi, ha durata quindicennale pari a quella della Licenza individuale per installazione e fornitura di reti di telecomunicazioni pubbliche e, pertanto, scade nel 2015, ed è soggetta a decadenza nel caso 41

14 di annullamento, revoca o decadenza della Licenza medesima. La Convenzione prevede in capo a Planetwork il pagamento di un canone annuale per l occupazione di spazi e aree pubbliche variabile di anno in anno in relazione al tracciato previsto da Planetwork e determinato sulla base di tariffe prestabilite, nonchè obblighi di natura civica, programmi di manutenzione della rete e alcune penali in caso di inadempienza alle previsioni del regolamento per la concessione del suolo, del sottosuolo e di infrastrutture municipali per la costruzione di reti pubbliche di telecomunicazioni approvato dal Consiglio Comunale di Milano con delibera n. 76 del 27 luglio1998. Successivamente, in data 19 aprile 2000 è stato sottoscritto tra Planetwork ed il Comune di Milano lo schema di convenzione per l installazione di cavi in fibra ottica con tecnica microtrincea. Detta tecnica, consistente in un taglio nell asfalto del marciapiede o nella carreggiata di profondità massima di 10 cm e di larghezza massima di 2 cm, rappresenta una soluzione innovativa che consente di velocizzare la realizzazione degli allacciamenti all utenza finale e di ridurre al contempo i disagi alla viabilità. Con tale accordo il Comune ha inteso dettare le condizioni e le modalità da applicare per la realizzazione, da parte di Planetwork, dei collegamenti all utente finale. Infine, con lettera del 26 maggio 2000, il Settore Informatico e TLC URSIT di Milano ha autorizzato Planetwork a posare infrastruttura di rete (per un totale di metri) all interno delle intercapedini e cunicoli esistenti in determinate aree del Comune di Milano. Accordo con il Comune di Bologna In data 16 maggio 2000, Planetwork ha concluso con il Comune di Bologna un accordo per la programmazione e la regolazione degli interventi nel sottosuolo stradale di proprietà comunale per l anno Benché non costituisca autorizzazione ad effettuare scavi, l accordo è l atto con il quale si definiscono i contenuti di un futuro provvedimento concessorio finale di approvazione del progetto esecutivo di Planetwork e consente a quest ultima di richiedere tale concessione in un momento successivo. L accordo ha durata fino al 31 dicembre 2000 e alla scadenza può essere rinnovato di anno in anno per massimi ulteriori 4 anni previa determinazione espressa delle parti e tale accordo potrà essere risolto in caso di inadempimento di Planetwork o per sopravvenute ragioni di pubblico interesse. Strategia dell ultimo miglio Planetwork offre l accesso diretto alla propria rete tramite linee dedicate (affittate da terzi) e tramite tecnologia xdsl, che la stessa prevede di integrare progressivamente con fibra propria parallelamente alla realizzazione delle reti metropolitane. In relazione a quanto prevede la normativa di settore (cd. local loop unbundling), Planetwork ha intenzione di offrire il collegamento diretto ai propri clienti usufruendo dell accesso disaggregato alla rete di distribuzione di Telecom Italia attraverso tecnologie xdsl e altre tecnologie trasmissive ad alta velocità, radio punto-punto e punto-multipunto (WLL). In particolare Planetwork, in collaborazione con Marconi S.p.A., ha sviluppato un progetto esecutivo al fine di richiedere la licenza per l utilizzo di frequenze nella gamma 18 GHz (punto-punto) nella città di Padova. Planetwork è, infine, in attesa della pubblicazione del bando di gara per l utilizzo delle frequenze 26 GHz per punto-multipunto (Si veda Sezione Prima, Capitolo I, Paragrafo ). Punti di presenza (POP) della rete Al fine di ottimizzare la propria presenza sul territorio, Planetwork ha pianificato l installazione di punti di presenza ( POP ) in circa sessanta città italiane indicativamente entro il La realizzazione della rete comprenderà tre diversi tipi di POP (cd. livelli) in relazione al tipo e ai volumi di traffico gestiti. 42

15 I POP di livello 1 e 2 si caratterizzano per essere dislocati in aree metropolitane dove Planetwork, come precedentemente descritto, sta realizzando proprie reti metropolitane ad anelli in fibra ottica. I POP di livello 1 si differenziano da quelli di livello 2 in quanto dotati di centrale di commutazione telefonica interconnessa alla rete telefonica nazionale di Telecom Italia. I POP di livello 3 si differenziano da quelli di livello 2 per il fatto di non essere dislocati lungo la rete dorsale di cui dispone Planetwork come di seguito descritta. Quattro POP di Livello 1 sono già stati installati nelle città di Milano, Padova, Roma e Torino; la strategia di Planetwork, inoltre, prevede che verranno installati 11 POP di Livello 2 entro il 2000 e 45 POP di Livello 3 entro il I POP di Livello 1 e 2 vengono installati nelle città target ove saranno costruite le MAN; i POP di Livello 3 in altre città. L ammontare complessivo dell investimento previsto per la realizzazione dei POP corrisponde a circa Lire 35 miliardi. Tabella indicativa del piano di installazione dei POP POP Numero di POP Numero di POP Numero di POP Numero di POP Numero di POP al al al al al Livello Livello Livello Totale Livello 1 Il Livello 1 di POP consente di gestire servizi di commutazione e trasmissione di segnali multimediali. Ognuno dei POP di Livello 1 è costituito da una centrale pubblica di commutazione Nortel DMS, un nodo di commutazione a pacchetti ATM (Nortel Passport), routers IP Cisco nonchè sistemi per la fornitura di accesso in dial up ad Internet. I POP di Milano e Roma sono già pienamente operativi dalla fine dell anno I POP di Livello 1 sono connessi alla rete dorsale di cui il Gruppo dispone, grazie all accordo siglato da Planetwork in data 10 aprile 2000 con Autostrade Telecomunicazioni S.p.A. (Si veda Paragrafo 1.2.4). Queste centrali di commutazione intelligenti (DMS) possono essere configurate come centrali locali tandem, di transito oppure internazionali e sono dotate di software per l instradamento a costo minimo (least cost routing). La loro flessibilità e modularità permette di erogare servizi quali numeri di addebito al chiamato, addebito ripartito, VPN (virtual private network). La centrale di commutazione abbinata alla piattaforma programmabile di rete intelligente, permette la rapida ed efficace offerta di servizi quali le carte telefoniche pre-pagate e post-pagate, il numero unico, il numero personale e i servizi di teleconferenza. Livello 2 Il Livello 2 di POP è dotato di un nodo di trasmissione a commutazione di pacchetto ATM (Nortel Passport), routers IP Cisco, nonchè sistemi di accesso Internet in dial-up. I I POP di Livello 2 saranno connessi ai POP di Livello 1 attraverso la rete dorsale di cui il Gruppo dispone grazie all accordo siglato da Planetwork in data 10 aprile 2000 con Autostrade Telecomunicazioni S.p.A. (Si veda Paragrafo 1.2.4). Livello 3 Il Livello 3 è assimilabile al Livello 2, ma se ne differenzia per il tipo di connessione. Quest ultimo, infatti, è connesso alla rete dorsale non direttamente, ma tramite una linea affittata da altri operatori, principalmente Telecom Italia. Tali linee affittate sono progettate per rendere disponibili dei punti di presenza in aree dove non si è ancora sufficientemente sviluppato un intenso volume di traffico. 43

16 Rete dorsale Planetwork ha approntato e intende continuare ad approntare la propria rete dorsale mediante l utilizzo di linee affittate da vari fornitori di capacità trasmissiva, tra cui i principali sono Autostrade Telecomunicazioni S.p.A. e Telecom Italia. Tale rete dorsale verrà utilizzata per trasportare il traffico voce/dati tra i diversi punti di presenza (POP) di Livello 1 e 2 e le reti metropolitane (MAN), gli anelli in fibra ottica che il Gruppo sta iniziando a realizzare per collegare direttamente i clienti ubicati all interno delle città target. Il management del Gruppo prevede che quest ultimo, tramite Planetwork, utilizzerà entro il 2002 circa 2000 Km di rete dorsale ad alta velocità che si articolerà presumibilmente secondo il tracciato indicato nella seguente cartina. Possibile configurazione della rete del Gruppo al 2002 In base agli accordi quadro conclusi con Autostrade Telecomunicazioni S.p.A. e Telecom Italia, Planetwork può disporre della rete dorsale per un estensione fino a circa Km di percorso (che corrispondono alle tratte messe a disposizione da dette società in base ai menzionati accordi). Attualmente la dorsale già approntata da Planetwork collega le città di Milano, Padova, Torino e Roma, per un estensione di circa km (Si veda Sezione Prima, Capitolo I, Paragrafo 1.2.4). Inoltre, in base all accordo per la fornitura delle linee della rete dorsale concluso in data 10 aprile 2000 tra Planetwork e Autostrade Telecomunicazioni S.p.A., Planetwork può collegare i propri POP situati in località ove è presente la rete di Autostrade Telecomunicazioni S.p.A., disponendo di capacità fino a 2,5 Gbit/s, sufficiente per soddisfare le esigenze di capacità trasmissiva del Gruppo al Tale accordo prevede l utilizzo graduale nel tempo di tale capacità trasmissiva in funzione delle necessità del Gruppo. 44

17 Offerta di Alcatel Italia S.p.A. In data 22 maggio 2000 Alcatel Italia S.p.A., che sta progettando e realizzando per conto di Eurostrada S.p.A. un infrastruttura destinata alla posa di reti di telecomunicazioni sulla rete stradale di competenza ANAS ed ha ricevuto da Eurostrada stessa il mandato per la gestione dell attività di marketing relativa a detta infrastruttura, si è impegnata a far si che tra Planetwork ed Eurostrada si stabilisca un accordo per l utilizzo, per i 25 anni successivi, di uno o più tubi in fibra ottica (destinati a contenere cavi in fibra ottica) sulla menzionata infrastruttura. Qualora tale accordo venisse concluso, esso consentirebbe al Gruppo di disporre di un infrastruttura in fibra ottica lungo circa km di rete adiacente ai distretti industriali e all interno di alcune aree urbane del centro-nord Italia (si vedano le Avvertenze per l Investitore ). Centro di monitoraggio e gestione della rete Planetwork ha costituito un centro di monitoraggio e gestione della rete presso la propria sede di Milano dove tecnici specializzati prestano attività di assistenza e sorveglianza 24 ore su 24 di tutte le direttrici di traffico della rete del Gruppo per il mantenimento dei parametri di qualità del servizio in tempo reale, l individuazione e la riparazione dei guasti, il rilevamento di eventuale traffico anomalo. Il controllo dalla centrale riguarda sia la dorsale nazionale sia i diversi POP distribuiti sul territorio. La Società prevede entro il 2001 di allestire presso il POP di Roma un centro di controllo con funzioni analoghe. Tecnologia UMTS Il consorzio Dix.it, di cui la Società è parte, intende partecipare alla gara per l assegnazione di una licenza UMTS che il governo italiano ha annunciato potrebbe essere bandita nella seconda metà del 2000, con l assegnazione a cinque operatori delle licenze per la prestazione di servizi basati su detta tecnologia. La procedura di gara sarà costituita da due fasi, una di accertamento dell idoneità sotto il profilo tecnico e commerciale ed una di aggiudicazione sulla base della somma più elevata offerta dai partecipanti alla gara, i quali potranno altresì incrementare la propria offerta. Il Comitato dei Ministri ha stabilito il valore base della licitazione a partire dal quale si potranno effettuare miglioramenti competitivi. L effettivo importo minimo, sarà indicato nel bando di gara. In base ad informazioni pubblicate sugli organi di stampa, si segnala che tale importo non dovrebbe essere inferiore a 4 mila miliardi. Il management del Gruppo prevede che saranno più di cinque i soggetti che parteciperanno alla gara per l assegnazione delle licenze e che tra di essi figureranno consorzi aventi come partecipanti i principali operatori di telecomunicazioni radiomobili. L UMTS rappresenta una nuova tecnologia wireless (cioè senza posa di fibra ottica), dotata delle seguenti caratteristiche: capacità multimediali superiori a quelle dei sistemi mobili di seconda generazione (GSM), con applicazioni a mobilità completa e mobilità bassa in diversi ambienti geografici; accesso ad alta velocità ad Internet, Intranet e ai servizi basati su protocolli IP da terminali mobili (ad es. personal computers, telefoni cellulari di nuova generazione ed altri apparecchi hand-held); trasmissioni vocali di elevata qualità paragonabile a quella delle reti fisse; trasmissioni video; applicazione del servizio in ambienti differenti (pubblico, privato, rete fissa e rete mobile); e funzionamento in un ambiente integrato tra reti mobili, terrestri e satellitari. Il Gruppo ha intenzione di sfruttare la tecnologia UMTS in virtù delle eventuali opportunità concesse dalla regolamentazione applicabile, anche se, allo stato, non vi sono garanzie che il consorzio Dix.it possa risultare aggiudicatario di una delle cinque licenze disponibili o che sia abilitato a utilizzare le reti dei soggetti licenziatari qualora, invece, non risultasse aggiudicatario 45

18 di una di tali licenze (Si vedano le Avvertenze per l investitore e la Sezione Prima, Capitolo I, Paragrafo ). La tecnologia UMTS potrebbe rappresentare, a giudizio del management di eplanet, un opportunità aggiuntiva al completamento delle strategie di accesso alla rete del Gruppo. Interconnessione con Telecom Italia L interconnessione con Telecom Italia si basa sul relativo contratto concluso il 9 aprile 1999 ed esteso all intero territorio nazionale nel successivo mese di luglio. Prima di dar corso all interconnessione, Telecom Italia e Planetwork hanno svolto una serie di test tecnici volti a verificare la perfetta compatibilità e interoperabilità dei rispettivi impianti, a tutela della qualità del servizio per entrambi gli operatori. Mediante l interconnessione con Telecom Italia, Planetwork può: (i) raccogliere le chiamate provenienti da utenti del servizio telefonico di Telecom Italia su tutto il territorio italiano e (ii) terminare le chiamate sulla rete di Telecom Italia per raggiungere gli utenti di Telecom Italia e di altri operatori. Per le chiamate in raccolta, gli utenti di Telecom Italia che hanno sottoscritto un abbonamento anche con Planetwork, compongono il relativo codice di carrier selection (Si veda Sezione Prima, Capitolo I, Paragrafo ). Il contratto di interconnessione prevede la possibilità per Planetwork di incrementare i flussi di collegamento degli attuali punti di interconnessione, nonché di aprire ulteriori punti di interconnessione in relazione allo sviluppo della rete e alla consistenza del traffico. L approntamento dei flussi deve essere effettuato da Telecom Italia entro tre o quattro mesi (a seconda dei casi) dalla relativa analisi di fattibilità. Planetwork, in base all accordo con Telecom Italia del 26 gennaio 2000, ha attivato, a decorrere da maggio 2000, collegamenti a livello di stadio di gruppo urbano (SGU), per consentire ai propri abbonati di effettuare chiamate anche dirette ad utenti appartenenti al medesimo distretto telefonico (cosiddette chiamate urbane e fuori porta ) nelle città di Milano, Roma, Torino e Padova. Nel marzo 2000 è stato altresì concluso da Planetwork e Telecom Italia un accordo integrativo al contratto di interconnessione per la prestazione della funzione di preselezione dell operatore (cd. carrier pre-selection). Per l interconnessione Planetwork corrisponde contributi una tantum e mensili per l affitto dei circuiti di collegamento, nonché compensi basati sulla distanza e il traffico telefonico effettuato (tariffe di interconnessione) o, per la preselezione dell operatore, in base al numero di configurazioni effettuate. Tali tariffe sono incluse in una offerta di interconnessione di riferimento presentata da Telecom Italia e vengono approvate dall AGC (Si veda Sezione Prima, Capitolo I, Paragrafo ). Planetwork ha anche concluso il 22 novembre 1999 con Telecom Italia un contratto di interconnessione inversa che consente alla società di ricevere un compenso per il traffico telefonico generato dagli abbonati di Telecom Italia e diretto alle numerazioni geografiche delle quali Planetwork è titolare (tra le quali sono comprese numerazioni utilizzate per gli accessi dial up ad Internet offerti dalla società). Interconnessione con operatori mobili Planetwork ha concluso accordi di interconnessione con i due maggiori operatori di telefonia mobile in Italia: Telecom Italia Mobile (TIM) e Omnitel Pronto Italia (Omnitel). Il contratto con TIM è stato concluso nel dicembre 1999 e avrà durata fino al 31 dicembre Esso prevede l attivazione di un punto di interconnessione con TIM ovunque Planetwork attivi punti di interconnessione. Nell ambito del contratto, Planetwork è tenuta a presentare una previsione annuale dei nuovi collegamenti che intende attivare. I circuiti di interconnessione vengono forniti da Telecom Italia e, conseguentemente, i tempi di attivazione dei collegamenti sono riferibili ai tempi di fornitura di detta società. 46

19 Il contratto con Omnitel, concluso nel febbraio 2000 e della durata di tre anni, prevede l apertura di punti di interconnessione tra le due reti. Il compenso per il traffico in terminazione è costituito da un corrispettivo, variabile a seconda della fascia oraria, per ogni minuto di traffico. Si tenga comunque presente che l AGC, dopo aver stabilito che TIM e Omnitel sono organismi aventi notevole forza di mercato, ha statuito che il prezzo di terminazione sulle reti mobili di detti organismi non possa superare nella media 360 lire al minuto. Tale media è calcolata in base al traffico terminato sulla rete dell operatore mobile nell anno precedente. Per la terminazione delle chiamate sugli indicativi degli altri operatori mobili, Planetwork si avvale del transito sulle reti di Telecom Italia o di altri operatori. La Società intende negoziare l interconnessione anche con i restanti operatori mobili italiani non appena i volumi di traffico generati si rivelino tali da giustificare l investimento da effettuare I servizi Servizi attualmente offerti Planetwork fornisce servizi di telefonia anche a valore aggiunto, trasmissione dati e servizi di accesso a Internet e a valore aggiunto. La tabella seguente indica il numero di clienti per i principali servizi offerti. Numero di clienti (*) per servizio offerto PlaNET Alternative Access Easydrin e Drin Easyweb.Tv Easyclick Altri prodotti 514 Totale (*) Il Numero di Clienti comprende il numero degli abbonati al servizio Easyclick e dei clienti che hanno già sottoscritto un contratto e/o che hanno richiesto l attivazione di un servizio Planetwork. I clienti che hanno sottoscritto servizi diversi sono stati considerati nella tabella sopra riportata in misura pari agli abbonamenti sottoscritti. Tale numero comprende anche clienti che non hanno ancora generato ricavi in quanto non ancora attivati. Il Numero di Clienti per servizio offerto al 30 giugno 2000 scaturisce dalla nuova architettura di sistema introdotta in data 28 maggio Numero di clienti business e residenziali (*) Business Residenziali Totale (**) (**) (***) (*) Clienti residenziali: persone fisiche senza partita IVA. Clienti business: persone fisiche o giuridiche con partita IVA. (Corporate, SME e SoHo) (**) Il dato comprende anche gli abbonati ai servizi Easyweb.tv e Easyclick. (***) Il dato comprende anche gli abbonati al servizio Easyweb.tv Servizi di telefonia I servizi voce sono forniti dal Gruppo attraverso Planetwork e si dividono in 3 categorie: servizi in carrier selection con instradamento automatico e manuale, servizi in carrier pre-selection e servizi a valore aggiunto. Per ciascun servizio è previsto uno specifico listino prezzi. Planetwork invia ai clienti un unica fattura all interno della quale i diversi servizi sono addebitati separatamente: per ogni servizio la fattura fornisce il dettaglio delle chiamate effettuate. 47

20 Planetwork ha prevalentemente caratterizzato la propria offerta di servizi in funzione della possibilità per il cliente di far transitare la propria chiamata sulla rete dell operatore che al momento offre la tariffa più conveniente. L instradamento delle chiamate avviene in modo automatico sia per i clienti business che residenziali, attraverso l installazione di un apparecchio elettronico denominato Telefox. I servizi basati sull utilizzo del Telefox (Planet Alternative Access e Easydrin) hanno rappresentato la prevalente fonte del fatturato del Gruppo nell anno 1999 (circa il 90% del fatturato complessivo). Ai clienti residenziali e Soho è offerto anche un servizio di accesso manuale, attraverso la composizione del codice di easy access Carrier selection - Instradamento automatico Il Telefox, introdotto da Planetwork nel 1996, è un apparecchio elettronico per l instradamento automatico (cd. multicarrier) delle chiamate. Il Telefox consente all abbonato di scegliere liberamente l operatore di telefonia cui instradare le chiamate. Il Telefox è in grado di riconoscere il prefisso telefonico composto dall utente e, in base alle impostazioni concordate dal cliente con Planetwork di volta in volta, di anteporre al numero telefonico un numero di carrier selection (cioè il codice di easy access di un operatore telefonico). Planetwork è stata una delle prime società sul mercato a consentire ai clienti di instradare il proprio traffico anche su altri carrier: i tecnici di Planetwork, dietro specifica richiesta del cliente ed in base alle scelte dal medesimo operate per le singole tipologie di traffico, programmano da remoto sul Telefox l instradamento automatico delle chiamate anche sulle reti degli altri operatori. Il Telefox è un servizio aggiuntivo offerto agli abbonati ai servizi di telefonia, prestato attraverso un apparecchiatura che viene installata tra il centralino o l apparecchio del cliente e la linea telefonica di Telecom Italia. Nelle sue diverse versioni (monolinea analogica o multilinea analogica o digitale) il Telefox è fornito ai clienti in comodato, locazione o vendita, a seconda delle condizioni commerciali dell offerta. Il servizio offerto ai clienti corporate e SME prende il nome di Planet Alternative Access, mentre Easydrin rappresenta l offerta all utenza SoHo e residenziale. Carrier selection - Instradamento manuale L instradamento manuale è il sistema per instradare la chiamata mediante la composizione del codice easy access 10050, prima del numero telefonico del destinatario. La chiamata viene automaticamente instradata da Telecom Italia al punto di interconnessione di Planetwork più vicino. Il servizio prende il nome di Drin Carrier pre-selection Il Gruppo, tramite Planetwork, offre ai propri clienti la possibilità di preselezionare Planetwork come operatore preferito (carrier pre-selection). Il servizio prende il nome di EasyPlanet, ed è un opzione esercitabile gratuitamente che consente di veicolare le chiamate sulla rete di Planetwork senza digitare alcun codice e senza dover utilizzare apparecchiature aggiuntive. Con delibera 4/CIR/99 del 7 dicembre 1999 l AGC ha, infatti, autorizzato l introduzione di questa nuova soluzione e Planetwork offre tale servizio ai propri clienti sulla base di un accordo integrativo al contratto di interconnessione diretta con Telecom Italia concluso nel marzo Già prima della conclusione del contratto Telecom Italia ha comunicato il piano di lavorazione potenziale delle richieste di carrier pre-selection presentate da Planetwork. Gli utenti che desiderano usufruire della carrier pre-selection possono scegliere se instradare verso l operatore alternativo le sole chiamate interurbane, internazionali e verso indicativi mobili oppure se richiedere anche l instradamento delle chiamate urbane (cioè quelle all interno del medesimo distretto telefonico del chiamante). Per richiedere la preselezione di Planetwork gli utenti possono conferire a Planetwork stessa una apposita delega. 48

Negli ultimi anni la crescente

Negli ultimi anni la crescente Cablaggio di Milano: un esperienza di gestione di MARCO VIVARELLI Negli ultimi anni la crescente consapevolezza che l efficienza delle pubbliche amministrazioni e la competitività delle imprese e dei sistemi

Dettagli

eplanet S.p.A. RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 DICEMBRE 2000 Planetwork anno 1999

eplanet S.p.A. RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 DICEMBRE 2000 Planetwork anno 1999 S.p.A. Sede Legale in Milano, Via Rombon 11 Capitale Sociale sottoscritto e versato Lit. 7.500.000.000 Iscritta alla Sezione Ordinaria del Registro delle Imprese di Milano al n. 208894/1999 Tribunale di

Dettagli

RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO

RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO eplanet S.p.A. Sede Legale in Milano, Via Rombon 11 Capitale Sociale sottoscritto e versato Lit. 6.000.000.000 Iscritta alla Sezione Ordinaria del Registro delle Imprese di Milano al n. 208894/1999 Tribunale

Dettagli

eplanet S.p.A. RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2001

eplanet S.p.A. RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31 MARZO 2001 S.p.A. Sede Legale in Milano, Via Rombon 11 Capitale Sociale sottoscritto e versato Lit. 7.500.000.000 Iscritta alla Sezione Ordinaria del Registro delle Imprese di Milano al n. 208894/1999 Tribunale di

Dettagli

Pianificazione e progetto di reti geografiche

Pianificazione e progetto di reti geografiche Pianificazione e progetto di reti geografiche 1 Architettura delle reti di telecomunicazioni e contesto infrastrutturale regionale 1 Indice Architettura delle reti di Telecomunicazioni Banda Larga nella

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO relativo all ammissione alla negoziazione sul Nuovo Mercato e all offerta pubblica di sottoscrizione delle azioni ordinarie

PROSPETTO INFORMATIVO relativo all ammissione alla negoziazione sul Nuovo Mercato e all offerta pubblica di sottoscrizione delle azioni ordinarie PROSPETTO INFORMATIVO relativo all ammissione alla negoziazione sul Nuovo Mercato e all offerta pubblica di sottoscrizione delle azioni ordinarie SOCIETÀ PROPONENTE: eplanet S.p.A. Prospetto Informativo

Dettagli

Rete a Larga Banda GRANDE MANTOVA Il progetto GRANDE MANTOVA Obbiettivi : affrontare insieme problematiche comuni per il bene del territorio e dei cittadini Temi : viabilità e mobilità, sicurezza, piani

Dettagli

Relazione Trimestrale al 31 dicembre 2002

Relazione Trimestrale al 31 dicembre 2002 Relazione Trimestrale al 31 dicembre 2002 eplanet S.p.A., strada 4, palazzo Q1, 20089 Rozzano (MI) Planetwork S.p.A., via G.Catani 28/C, 59100 Prato (PO) econsiag S.p.A., via Targetti 26, 59100 Prato (PO)

Dettagli

Pianificazione e progetto di reti geografiche

Pianificazione e progetto di reti geografiche Pianificazione e progetto di reti geografiche 1 e contesto infrastrutturale regionale 1 2 Modello della rete Architettura delle reti ditelecomunicazioni 3 4 Principali segmenti di rete Rete di accesso

Dettagli

Wireless Internet Banda Larga

Wireless Internet Banda Larga Wireless Internet Banda Larga SERVIZI FORNITI DA ROMAGNA RIPETITORI Romagna Ripetitori Srl Via Lasie 10/L - Imola (BO) www.romagnaripetitori.it info@romagnaripetitori.it Tel. 0542.066536 Fax. 051.3764109

Dettagli

ENEL ANNUNCIA L ACQUISTO DELLA QUOTA DI FRANCE TELECOM IN WIND PER 1,3 MILIARDI DI EURO RISULTATI 2002 POSITIVI PER WIND

ENEL ANNUNCIA L ACQUISTO DELLA QUOTA DI FRANCE TELECOM IN WIND PER 1,3 MILIARDI DI EURO RISULTATI 2002 POSITIVI PER WIND ENEL ANNUNCIA L ACQUISTO DELLA QUOTA DI FRANCE TELECOM IN WIND PER 1,3 MILIARDI DI EURO RISULTATI 2002 POSITIVI PER WIND Roma, 21 marzo 2003 Enel ha presentato oggi i risultati finanziari consolidati 2002

Dettagli

CONVENZIONE TRA PREMESSO

CONVENZIONE TRA PREMESSO CONVENZIONE TRA TISCALI ITALIA S.r.l. con sede legale in Cagliari loc. Sa Illetta km 2,300, partita IVA e iscrizione al registro delle Imprese presso la C.C.I.A.A. di Cagliari n. 02508100928, iscritta

Dettagli

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 45/ 06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 45/ 06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 45/ 06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: 1. l ambito di intervento, con particolare riferimento alle

Dettagli

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS. a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS. a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 4/06/CONS a. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE b. ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: 1. l ambito di

Dettagli

La banda larga nelle regioni italiane

La banda larga nelle regioni italiane La banda larga nelle regioni italiane a cura di Osservatorio Banda Larga, Between Il Consiglio europeo ad ottobre 2003 1 ha sottolineato l importanza di un rapido sviluppo di reti europee dei trasporti,

Dettagli

Metroweb Italia: un modello di business neutrale e non discriminatorio

Metroweb Italia: un modello di business neutrale e non discriminatorio Metroweb Italia: un modello di business neutrale e non discriminatorio Cablatura Metropolitana e Reti FTTH 11 evento TRATOS Pieve Santo Stefano (AR) - 3 Settembre 2015 Agenda Metroweb Italia: storia e

Dettagli

eplanet S.p.A. PROSPETTO INFORMATIVO di OFFERTA e di QUOTAZIONE relativo a

eplanet S.p.A. PROSPETTO INFORMATIVO di OFFERTA e di QUOTAZIONE relativo a eplanet S.p.A. PROSPETTO INFORMATIVO di OFFERTA e di QUOTAZIONE relativo a Assegnazione gratuita di: n. 37.500.000 Warrant Azioni eplanet 2002-2003-2004 Categoria 1, Categoria 2 e Categoria 3 da attribuire

Dettagli

Le imprese di telecomunicazioni

Le imprese di telecomunicazioni Le imprese di telecomunicazioni Anno 2004 6 giugno 2006 L Istat rende disponibili i principali risultati, relativi al 2004, della rilevazione annuale sulle imprese di telecomunicazioni. L indagine, di

Dettagli

Allegato III CONDIZIONI DI SERVIZIO

Allegato III CONDIZIONI DI SERVIZIO CONSORZIO COMUNI B.I.M. DI VALLE CAMONICA Procedura per l individuazione di un socio privato che partecipi alla costituzione di una società di capitali nella forma di società a responsabilità limitata

Dettagli

DESCRIZIONE DEL SERVIZIO

DESCRIZIONE DEL SERVIZIO 1. DESCRIZIONE DEL SERVIZIO Il servizio di larghezza di banda di Interoute comprende Circuiti protetti e Circuiti non protetti che veicolano il traffico delle telecomunicazioni tra punti fissi in tutto

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso RETELIT

Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica. Il caso RETELIT Estratto dell'agenda dell'innovazione Smau Milano 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica Il caso RETELIT Innovare e competere con le ICT - PARTE I Cap.9 Innovare la comunicazione aziendale

Dettagli

IL SERVIZIO DI TRASPORTO PUBBLICO A MADRID

IL SERVIZIO DI TRASPORTO PUBBLICO A MADRID IL SERVIZIO DI TRASPORTO PUBBLICO A MADRID 1) I soggetti regolatori Comunidad de Madrid: in base all articolo 26.5 del suo Statuto, la Comunità Autonoma di Madrid ha pieni poteri normativi in materia di

Dettagli

per DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA SYNERGIA 2000 La società e le sue attività Pag. 1 La storia Pag. 3 I servizi offerti Pag.

per DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA SYNERGIA 2000 La società e le sue attività Pag. 1 La storia Pag. 3 I servizi offerti Pag. DOCUMENTAZIONE CONTENUTA NELLA CARTELLA La società e le sue attività Pag. 1 La storia Pag. 3 I servizi offerti Pag. 4 Scheda di sintesi Pag. 6 Milano, ottobre 2004 1 La società e le sue attività Presente

Dettagli

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato C alla delibera n. 417/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: 1. l ambito di intervento, con particolare riferimento alle

Dettagli

Relazione Trimestrale al. 31 marzo 2006. Retelit S.p.A., via G. Vida 19, 20127 Milano

Relazione Trimestrale al. 31 marzo 2006. Retelit S.p.A., via G. Vida 19, 20127 Milano Relazione Trimestrale al 31 marzo 2006 Retelit S.p.A., via G. Vida 19, 20127 Milano 1 RELAZIONE TRIMESTRALE AL 31.03.2006 Indice 1. Le cariche sociali di Retelit S.p.A. pag. 3 2. Lettera agli azionisti

Dettagli

Velocità su una linea ADSL

Velocità su una linea ADSL Cosa è l ADSL? ADSL (Asymmetric Digital Subscriber Line) è una tecnologia per la trasmissione digitale di informazioni ad alta velocità sulle linee telefoniche esistenti (in Italia monopolio di Telecom

Dettagli

ALLEGATO N. 1 Principi, modalità e criteri per la determinazione dell indennità di civico ristoro prevista dall art. 5, comma 1 del regolamento.

ALLEGATO N. 1 Principi, modalità e criteri per la determinazione dell indennità di civico ristoro prevista dall art. 5, comma 1 del regolamento. ALLEGATO N. 1 Principi, modalità e criteri per la determinazione dell indennità di civico ristoro prevista dall art. 5, comma 1 del regolamento. 1. Principi a fondamento dell indennità di civico ristoro

Dettagli

Regolamentazione della condotta e regolamentazione strutturale: il caso Telecom Italia e l esperienza dei Paesi dell OECD

Regolamentazione della condotta e regolamentazione strutturale: il caso Telecom Italia e l esperienza dei Paesi dell OECD Regolamentazione della condotta e regolamentazione strutturale: il caso Telecom Italia e l esperienza dei Paesi dell OECD Corso di Economia Industriale 2 Davide Arduini Facoltà di Economia - Università

Dettagli

SCHEMA ACCORDO PER LA CONCESSIONE DI DIRITTI DI USO SU INFRASTRUTTURE FRA. Il Comune di Ponte di Piave di seguito denominato Comune, con

SCHEMA ACCORDO PER LA CONCESSIONE DI DIRITTI DI USO SU INFRASTRUTTURE FRA. Il Comune di Ponte di Piave di seguito denominato Comune, con SCHEMA ACCORDO PER LA CONCESSIONE DI DIRITTI DI USO SU INFRASTRUTTURE FRA Il Comune di Ponte di Piave di seguito denominato Comune, con sede in Ponte di Piave Piazza G. Garibaldi n 1, C.F. 80011510262

Dettagli

b.dataline INTERCONNETTI LE SEDI DELLA TUA AZIENDA

b.dataline INTERCONNETTI LE SEDI DELLA TUA AZIENDA b.dataline INTERCONNETTI LE SEDI DELLA TUA AZIENDA DESCRIZIONE DEL SERVIZIO CARATTERISTICHE TECNICHE 2015 PAGINA 2 DI 10 DATA PRIVATE NETWORK INTRODUZIONE GENERALE Brennercom Data Private Network costituisce

Dettagli

eplanet S.p.A. Bilancio Consolidato e Bilancio d Esercizio al 31 dicembre 2000

eplanet S.p.A. Bilancio Consolidato e Bilancio d Esercizio al 31 dicembre 2000 eplanet S.p.A. Bilancio Consolidato e Bilancio d Esercizio al 31 dicembre 2000 Sede Legale in Milano, Via Rombon 11 Capitale Sociale sottoscritto e versato Lit. 7.500.000.000 Iscritta alla Sezione Ordinaria

Dettagli

> LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco.

> LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco. > LA TECNOLOGIA Per noi è una professione. Per voi sarà un gioco. Perché investire in innovazione 2 Perché scegliere MediaNET 4 A chi si rivolge MediaNET 6 I numeri 7 Soluzioni e servizi 8 L identità MediaNET

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER IL CLIENTE RELATIVA AL SERVIZIO IPTV DI TELECOM ITALIA

CARTA DEI SERVIZI PER IL CLIENTE RELATIVA AL SERVIZIO IPTV DI TELECOM ITALIA CARTA DEI SERVIZI PER IL CLIENTE RELATIVA AL SERVIZIO IPTV DI TELECOM ITALIA 1 - Introduzione La presente Carta dei Servizi è rivolta alla clientela che fruisce del servizio di comunicazione elettronica

Dettagli

Profilo della Frosinone Wireless

Profilo della Frosinone Wireless Profilo della Frosinone Wireless (Aggiornamento del 12 Giugno 2012) PRESENTAZIONE DELL AZIENDA Frosinone Wireless s.p.a. nasce dalla sinergia tra professionisti del settore delle telecomunicazioni e un

Dettagli

REP. N. COMUNE DI PROVINCIA DI

REP. N. COMUNE DI PROVINCIA DI REP. N. COMUNE DI PROVINCIA DI CONVENZIONE PER INSTALLAZIONE DI APPARATI RADIO LAN PER SERVIZI DI COMUNICAZIONE ELETTRONICA WIRELESS TRA IL COMUNE DI E LA DITTA WIRELESS VERONA S.R.L. Con la presente scrittura

Dettagli

COMUNICATO STAMPA 30 2014 18,3 (+0,1%) EBITDA:

COMUNICATO STAMPA 30 2014 18,3 (+0,1%) EBITDA: COMUNICATO STAMPA MC-link: il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 30 giugno 2014 Valore della produzione: 18,3 milioni di euro (+0,1%) EBITDA: 3,7 milioni di euro (+3,6%) Risultato Ante

Dettagli

Comune di Carpi. S1 Sistema Informativo - Gestionale - Territoriale - Telematico LA GIUNTA COMUNALE

Comune di Carpi. S1 Sistema Informativo - Gestionale - Territoriale - Telematico LA GIUNTA COMUNALE P.G. N.: /2007 Prog. n.: 172/2007 Data Seduta Giunta: 05/11/2007 Data Pubblicazione: 06/11/2007 Data Esecutività: 16/11/2007 Esecutivo Comune di Carpi Atto di Giunta S1 Sistema Informativo - Gestionale

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. FIRMATO UN ACCORDO STRATEGICO PER LO SVILUPPO DEL WiMAX CON LINKEM

COMUNICATO STAMPA. FIRMATO UN ACCORDO STRATEGICO PER LO SVILUPPO DEL WiMAX CON LINKEM COMUNICATO STAMPA FIRMATO UN ACCORDO STRATEGICO PER LO SVILUPPO DEL WiMAX CON LINKEM APPROVATO IL PIANO INDUSTRIALE 2011 2015 APPROVATO IL PROGETTO DI BILANCIO 2010 Valore della produzione di Gruppo a

Dettagli

OFFERTA DI RIFERIMENTO

OFFERTA DI RIFERIMENTO OFFERTA DI RIFERIMENTO DEI SERVIZI DI INTERCONNESSIONE ALLA RETE MOBILE WIND 1 LUGLIO 2013 WIND Tutti i diritti riservati Pagina 1 Sommario 1 Introduzione 3 2 Servizi offerti a listino 3 2.1 Servizio di

Dettagli

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla delibera n. 380/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a) l ambito dell intervento regolamentare proposto, con particolare

Dettagli

e.biscom annuncia i risultati finanziari consolidati per l esercizio 2000

e.biscom annuncia i risultati finanziari consolidati per l esercizio 2000 e.biscom annuncia i risultati finanziari consolidati per l esercizio 2000 Esercizio chiuso con una posizione finanziaria netta positiva di 1,2 miliardi di Euro Ricavi consolidati per l anno 2000 di 42,4

Dettagli

Progetto per la realizzazione di infrastruttura rete Internet a Larga Banda su tecnologia Wireless

Progetto per la realizzazione di infrastruttura rete Internet a Larga Banda su tecnologia Wireless Progetto per la realizzazione di infrastruttura rete Internet a Larga Banda su tecnologia Wireless la soluzione adsl wireless alla portata di tutti Premessa A seguito del recentissimo Decreto Legge che

Dettagli

14 dicembre 2007. On. Michele Vianello vicesindaco del Comune di Venezia

14 dicembre 2007. On. Michele Vianello vicesindaco del Comune di Venezia On. Michele Vianello vicesindaco del Comune di Venezia obiettivo Creare le condizioni migliori per favorire l accesso alla rete nella città di Venezia-Mestre non solo dei residenti (270.000 ca.) ma anche

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 995 DEL REGISTRO GENERALE ASSUNTA IL GIORNO: 10/09/2015

DETERMINAZIONE N. 995 DEL REGISTRO GENERALE ASSUNTA IL GIORNO: 10/09/2015 DETERMINAZIONE N. 995 DEL REGISTRO GENERALE ASSUNTA IL GIORNO: 10/09/2015 DA UFFICIO: POLIZIA LOCALE SERVIZIO: SERVIZIO POLIZIA LOCALE CENTRO DI COSTO: GESTIONE PROGETTO SICUREZZA DEL TERRITORIO PL OGGETTO:

Dettagli

Trasferibilità delle tecnologie per la net economy nel distretto di Lecco. 19 Novembre 2001

Trasferibilità delle tecnologie per la net economy nel distretto di Lecco. 19 Novembre 2001 Trasferibilità delle tecnologie per la net economy nel distretto di Lecco 19 Novembre 2001 Valutare la trasferibilità delle tecnologie per la net economy nel distretto, misurando lo stato attuale di maturità

Dettagli

2 Meeting 2001 CMMC 14 Settembre 2001 - Roma Unioncamere Il Contact Center e l offerta dei nuovi servizi di Telecomunicazioni Antonio Mustaro Direttore Commerciale Corporate Wind Telecomunicazioni S.p.A.

Dettagli

Offerta di Riferimento. di Telecom Italia. Servizi trasmissivi a capacità dedicata

Offerta di Riferimento. di Telecom Italia. Servizi trasmissivi a capacità dedicata Offerta di Riferimento di 2011 (Circuiti Terminating, Flussi di Interconnessione e Raccordi Interni di Centrale) 29 ottobre 2010 INDICE 1 Normativa di riferimento...6 1.1 Normativa comunitaria... 6 1.2

Dettagli

Fibra Ottica. Interplanet. Servizi Azienda. Interplanet S.r.l. via Madonnetta, 215 36075 Montecchio Maggiore (VI)

Fibra Ottica. Interplanet. Servizi Azienda. Interplanet S.r.l. via Madonnetta, 215 36075 Montecchio Maggiore (VI) Servizi Azienda Fibra Ottica Interplanet S.r.l. via Madonnetta, 215 36075 Montecchio Maggiore (VI) Interplanet Numero Verde 800 037 400 tel. 0444-699399 info@interplanet.it www.interplanet.it Che cos è

Dettagli

Una rete di telecomunicazioni è

Una rete di telecomunicazioni è La rete di telecomunicazioni a Venezia di GIOVANNI PITTINO Una rete di telecomunicazioni è costituita da una ragnatela di cavi di fili di rame o di vetro che, partendo da centri nodali nei quali è concentrata

Dettagli

GLI INTERVENTI PER LA DIFFUSIONE E LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE

GLI INTERVENTI PER LA DIFFUSIONE E LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE 118 GLI INTERVENTI PER LA DIFFUSIONE E LO SVILUPPO DELL INNOVAZIONE IL PROGETTO DIADI La diffusione dell innovazione presso le piccole e medie imprese è una costante delle politiche dei Fondi Strutturali

Dettagli

Casi Antitrust. Davide Arduini. Corso di Economia Industriale 2. Facoltà di Economia - Università degli Studi di Urbino

Casi Antitrust. Davide Arduini. Corso di Economia Industriale 2. Facoltà di Economia - Università degli Studi di Urbino Casi Antitrust Corso di Economia Industriale 2 Davide Arduini Facoltà di Economia - Università degli Studi di Urbino 1. Il caso Caronte e le politiche di prezzo predatorie (1) - Quando: caso trattato dall

Dettagli

Delibera n. 50/02. L Autorità per l energia elettrica e il gas. Nella riunione del 26 marzo 2002, Premesso che:

Delibera n. 50/02. L Autorità per l energia elettrica e il gas. Nella riunione del 26 marzo 2002, Premesso che: Delibera n. 50/02 Condizioni per l erogazione del servizio di connessione alle reti elettriche con tensione nominale superiore ad 1 kv i cui gestori hanno obbligo di connessione di terzi. (pubblicata sul

Dettagli

Fibra Ottica. Interplanet. Servizi Famiglia. Interplanet S.r.l. via Madonnetta, 215 36075 Montecchio Maggiore (VI)

Fibra Ottica. Interplanet. Servizi Famiglia. Interplanet S.r.l. via Madonnetta, 215 36075 Montecchio Maggiore (VI) Servizi Famiglia Fibra Ottica Interplanet S.r.l. via Madonnetta, 215 36075 Montecchio Maggiore (VI) Interplanet Numero Verde 800 037 400 tel. 0444-699399 info@interplanet.it www.interplanet.it Che cos

Dettagli

DETERMINAZIONE DELL AMMINISTRATORE UNICO

DETERMINAZIONE DELL AMMINISTRATORE UNICO Prot. N.671 DETERMINA NR. 8 Maranello, 30/04/2015 DETERMINAZIONE DELL AMMINISTRATORE UNICO OGGETTO: APPROVAZIONE CONCESSIONE IN USO A VOIX S.R.L. DI PORZIONI DI AREE COMUALI PER IL POSIZIONAMENTO DI DUE

Dettagli

Sviluppi della copertura WIMAX e servizi abilitabili

Sviluppi della copertura WIMAX e servizi abilitabili Sviluppi della copertura WIMAX e servizi abilitabili Una estesa e moderna rete in Fibra Ottica Retelit è l operatore indipendente leader nel mercato wholesale grazie a Una rete costruita lungo le strade

Dettagli

Comune di Riccione - Provincia di Rimini

Comune di Riccione - Provincia di Rimini SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO PROFESSIONALE. IL DIRIGENTE DEL SETTORE RISORSE UMANE/ORGANIZZAZIONE/SISTEMI INFORMATIVI In esecuzione della Legge 244/2007 art.3 comma 55 emana il presente

Dettagli

Il ruolo di Ascotlc tra digital divide e distribuzione della larga banda agli Enti Locali ed alle imprese

Il ruolo di Ascotlc tra digital divide e distribuzione della larga banda agli Enti Locali ed alle imprese Il ruolo di Ascotlc tra digital divide e distribuzione della larga banda agli Enti Locali ed alle imprese Pres. Egidio Cadamuro Pag. 1 La mancata disponibilità di servizi di comunicazione in banda larga

Dettagli

Tiscali HDSL FULL. Offerta commerciale

Tiscali HDSL FULL. Offerta commerciale Tiscali HDSL FULL Offerta commerciale 09123 Cagliari pagina - 1 di 1- INDICE 1 LA RETE DI TISCALI S.P.A... 3 2 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO TISCALI HDSL... 4 2.1 I VANTAGGI... 4 2.2 CARATTERISTICHE STANDARD

Dettagli

COMUNE DI ADRANO REGOLAMENTO. del Servizio di ILLUMINAZIONE VOTIVA

COMUNE DI ADRANO REGOLAMENTO. del Servizio di ILLUMINAZIONE VOTIVA Pagina 1 di 5 COMUNE DI ADRANO Provincia di Catania REGOLAMENTO del Servizio di ILLUMINAZIONE VOTIVA Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 11 del 27/02/2010 Pagina 1 INDICE Pagina 2 di

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2013. Performance in netto miglioramento nel 3Q2013

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2013. Performance in netto miglioramento nel 3Q2013 Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati al 30 settembre 2013. Performance in netto miglioramento nel 3Q2013 Cagliari, 14 novembre 2013 Il Consiglio di Amministrazione di ha approvato

Dettagli

Resoconto Intermedio di Gestione

Resoconto Intermedio di Gestione Resoconto Intermedio di Gestione 31 marzo 2011 Retelit S.p.A., via G. Vida 19, 20127 Milano 1 RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE 31.03.2011 Indice 1. Le cariche sociali di Retelit S.p.A. pag. 3 2. Lettera

Dettagli

CONVENZIONE TRA. COMUNE DI GRUMENTO NOVA E MEGACOM di Roberto Cardone.

CONVENZIONE TRA. COMUNE DI GRUMENTO NOVA E MEGACOM di Roberto Cardone. CONVENZIONE TRA COMUNE DI GRUMENTO NOVA E MEGACOM di Roberto Cardone. PER LO SVILUPPO DELLE RETI DI CONNESSIONE E DEI SERVIZI A BANDA LARGA E DEI SERVIZI ICT Premessa Il Digital Divide sta diventando un

Dettagli

Service Level Agreement

Service Level Agreement Service Level Agreement Gennaio 2011 1 IT.Gate S.p.A. - Corso Svizzera 185 I-10149 Torino - Tel: +39 011 2301000 - Fax: +39 +39 011 2309384 www.itgate.it Introduzione... 3 Validità dei Service Level Agreement...

Dettagli

L'AUTORITA' GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO

L'AUTORITA' GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO Provvedimento n. 7723 ( A285 ) INFOSTRADA/TELECOM ITALIA- TECNOLOGIA ADSL L'AUTORITA' GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 17 novembre 1999; SENTITO il Relatore Professor Marco

Dettagli

Newsletter Retail LA LETTERA DEL PRESIDENTE INDICE. NEWSLETTER RETAIL 07 Aprile 2006 http://company.fastweb.it

Newsletter Retail LA LETTERA DEL PRESIDENTE INDICE. NEWSLETTER RETAIL 07 Aprile 2006 http://company.fastweb.it Newsletter Retail La lettera del Presidente L evoluzione del mercato Il posizionamento di FASTWEB nel mercato tlc italiano L espansione geografica Risultati economico-finanziari 2005 FASTWEB in borsa L

Dettagli

VIP Premium. Fai il pieno di vantaggi, parli e navighi senza limiti. Offerta Commerciale Scheda di Adesione Condizioni Contrattuali

VIP Premium. Fai il pieno di vantaggi, parli e navighi senza limiti. Offerta Commerciale Scheda di Adesione Condizioni Contrattuali VIP Premium Fai il pieno di vantaggi, parli e navighi senza limiti Offerta Commerciale Scheda di Adesione Condizioni Contrattuali Mondo VIP Soluzioni dedicate alle piccole, medie e grandi aziende per ogni

Dettagli

consente notevoli risparmi sui costi telefonici grazie all'utilizzo di tecnologie avanzate nelle nostre centrali.

consente notevoli risparmi sui costi telefonici grazie all'utilizzo di tecnologie avanzate nelle nostre centrali. uniplanet Servizio INTERNET + VOCE in tecnologia ULL OFFERTA INTERNET+VOCE IN TECNOLOGIA ULL (unbundling dell'ultimo miglio) Il servizio voce uniplanet consente notevoli risparmi sui costi telefonici grazie

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE DELLA REPLICABILITÀ DELLE OFFERTE AL DETTAGLIO A BANDA ULTRALARGA SU FIBRA OTTICA DELL OPERATORE NOTIFICATO

LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE DELLA REPLICABILITÀ DELLE OFFERTE AL DETTAGLIO A BANDA ULTRALARGA SU FIBRA OTTICA DELL OPERATORE NOTIFICATO LINEE GUIDA PER LA VALUTAZIONE DELLA REPLICABILITÀ DELLE OFFERTE AL DETTAGLIO A BANDA ULTRALARGA SU FIBRA OTTICA DELL OPERATORE NOTIFICATO Premessa L Autorità, ai sensi di quanto previsto all art. 30 della

Dettagli

DELIBERA n. 602/13/CONS

DELIBERA n. 602/13/CONS DELIBERA n. 602/13/CONS REALIZZAZIONE DEL SISTEMA INFORMATIVO NAZIONALE SULLA COPERTURA DEL TERRITORIO ITALIANO DI SERVIZI DI CONNETTIVITÀ IN BANDA LARGA WIRED-WIRELESS-MOBILE DEGLI OPERATORI DI COMUNICAZIONE

Dettagli

Il modello telehouse di Infracom come gateway per lo sviluppo del territorio

Il modello telehouse di Infracom come gateway per lo sviluppo del territorio Il modello telehouse di Infracom come gateway per lo sviluppo del territorio Cristiano Zanforlin Direttore Commerciale Area Carrier Padova, 16 aprile 2014 Agenda 3 6 CORPORATE Chi siamo Asset Offerta 8

Dettagli

&2081(',9,*(9$12 5(7,',7(/(&2081,&$=,21, $SSURYDWRFRQGHOLEHUD]LRQHGL&&QGHO

&2081(',9,*(9$12 5(7,',7(/(&2081,&$=,21, $SSURYDWRFRQGHOLEHUD]LRQHGL&&QGHO &2081(',9,*(9$12 5(*2/$0(1723(5/$&21&(66,21('(/62772682/23(5/$&26758=,21(', 5(7,',7(/(&2081,&$=,21, $SSURYDWRFRQGHOLEHUD]LRQHGL&&QGHO (Finalità) 1. Il presente regolamento disciplina la realizzazione di

Dettagli

OFFERTA ERMES OPERATORI DISCIPLINARE

OFFERTA ERMES OPERATORI DISCIPLINARE OFFERTA ERMES OPERATORI DISCIPLINARE per la concessione agli operatori di comunicazione elettronica di risorse della Rete Pubblica Regionale (RPR) INDICE TITOLO I DEFINIZIONI, FINALITÀ, AMBITO DI APPLICAZIONE

Dettagli

QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO

QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO 1. Caratteristiche dell impresa 2. Addetti e Fatturato 3. L impresa e il Territorio 4. L impresa e il Consorzio 1 -QUESTIONARIO

Dettagli

POSIZIONAMENTO DELLA SOCIETÀ

POSIZIONAMENTO DELLA SOCIETÀ POSIZIONAMENTO DELLA SOCIETÀ MC-linkoggi è un operatore di Telecomunicazioni la cui mission è quella di fornire servizi dati, telefonia, internet e data center di eccellenza. INTERNET La sua attività è

Dettagli

Il gruppo TSC è presente sul mercato italiano da oltre 30 anni è formato dai seguenti brand

Il gruppo TSC è presente sul mercato italiano da oltre 30 anni è formato dai seguenti brand Il gruppo TSC è presente sul mercato italiano da oltre 30 anni è formato dai seguenti brand Telematic Service Communication s.r.l. (TSC), viene fondata a Torino nel 1984 ed è un System Integrator, già

Dettagli

Servizi di trasporto a Livello 2 al MIX Allegato A - Specifiche tecniche ed organizzative

Servizi di trasporto a Livello 2 al MIX Allegato A - Specifiche tecniche ed organizzative Servizi di trasporto a Livello 2 al MIX Allegato A - Specifiche tecniche ed organizzative Pag. 1 di 12 CODICE DOCUMENTO : MIX-112 VERSIONE : 1.0 REPARTO : CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE STATO : DEFINITIVO

Dettagli

FONTI RINNOVABILI E GENERAZIONE DISTRIBUITA - Guida per la connessione alla rete di bassa tensione -

FONTI RINNOVABILI E GENERAZIONE DISTRIBUITA - Guida per la connessione alla rete di bassa tensione - FONTI RINNOVABILI E GENERAZIONE DISTRIBUITA - Guida per la connessione alla rete di bassa tensione - Edizione 2008 INDICE 1. PREMESSA...3 2. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO()...4 3. PROGETTO...5 4. RICHIESTA...6

Dettagli

per Italia Digitale Versione 3.1 28 Ottobre 2010

per Italia Digitale Versione 3.1 28 Ottobre 2010 Infrastrutture a Banda Ultra Larga per Italia Digitale Tavolo Tecnico Operatori Governo per la condivisione del Modello di intervento per lo sviluppo dell Infrastruttura per le Reti di Accesso di Nuova

Dettagli

e.biscom: ricavi consolidati a 336,7 milioni di Euro (+77% rispetto al 1 semestre 2003)

e.biscom: ricavi consolidati a 336,7 milioni di Euro (+77% rispetto al 1 semestre 2003) Nel 1 semestre ricavi a 336,7 milioni di Euro (+77% vs 1 semestre 2003) --MOL consolidato a 99,5 milioni di Euro-- --417.500 clienti al 30 giugno -- e.biscom: ricavi consolidati a 336,7 milioni di Euro

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 5/25 DEL 11.2.2014

DELIBERAZIONE N. 5/25 DEL 11.2.2014 Oggetto: Legge regionale 13 aprile 2010, n. 10, art. 1, comma 2. Misure per lo sviluppo del trasporto aereo. Collocazione sul mercato di parte della quota di partecipazione azionaria regionale nel capitale

Dettagli

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo semestre 2010

Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo semestre 2010 Il Consiglio di Amministrazione di Tiscali approva i risultati del primo semestre 2010 Cagliari, 27 agosto 2010 Il Consiglio di Amministrazione di ha approvato i risultati al 30 giugno 2010. Risultato

Dettagli

REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA UFFICIO SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE

REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA UFFICIO SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA UFFICIO SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE Bando pubblico per lo sviluppo della rete a Banda Larga nelle aree a fallimento di mercato finalizzato al superamento

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO SERVIZIO INDAGINI FINANZIARIE

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO SERVIZIO INDAGINI FINANZIARIE DEFINIZIONI Ai fini del presente contratto si intende per: - Contratto : denominato anche Contratto per l uso del Servizio Indagini Finanziarie indica le presenti Condizioni Generali di Contratto, la Richiesta

Dettagli

Provvedimento n. 4009 ( C2404 ) TELECOM ITALIA/VIDEO ON LINE L'AUTORITA' GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO

Provvedimento n. 4009 ( C2404 ) TELECOM ITALIA/VIDEO ON LINE L'AUTORITA' GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO Provvedimento n. 4009 ( C2404 ) TELECOM ITALIA/VIDEO ON LINE L'AUTORITA' GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 19 giugno 1996; SENTITO il Relatore Professor Fabio Gobbo; VISTA

Dettagli

Risultati economici e finanziari in miglioramento

Risultati economici e finanziari in miglioramento COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE HA APPROVATO IL RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE AL 31 MARZO 2015 Risultati economici e finanziari in miglioramento RICAVI pari a 9,6 milioni in crescita

Dettagli

OFFERTA DI RIFERIMENTO DEI SERVIZI DI INTERCONNESSIONE ALLA RETE MOBILE NOVERCA ANNO 2016

OFFERTA DI RIFERIMENTO DEI SERVIZI DI INTERCONNESSIONE ALLA RETE MOBILE NOVERCA ANNO 2016 OFFERTA DI RIFERIMENTO DEI SERVIZI DI INTERCONNESSIONE ALLA RETE MOBILE NOVERCA ANNO 2016 Sommario 1 Introduzione 2 Servizi offerti 2.1 Servizio di terminazione sulla rete mobile 2.2 Servizi finalizzati

Dettagli

IL CONTRATTO DI RETE E ALTRE FATTISPECIE CONTRATTUALI NEL PROCESSO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DELL IMPRESA

IL CONTRATTO DI RETE E ALTRE FATTISPECIE CONTRATTUALI NEL PROCESSO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DELL IMPRESA IL CONTRATTO DI RETE E ALTRE FATTISPECIE CONTRATTUALI NEL PROCESSO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DELL IMPRESA AVV. ALESSANDRO ALBICINI Avv. Alessandro Albicini Studio Legale Albicini Via Marconi,, 3 40122

Dettagli

ORDINE D ACQUISTO BENI e/o SERVIZI (OdA)

ORDINE D ACQUISTO BENI e/o SERVIZI (OdA) ORDINE D ACQUISTO BENI e/o SERVIZI (OdA) Spett.le - Codificazione Ordine d acquisto Num. Ordine CUP CIG Dati da riportare, obbligatoriamente, in fattura Descrizione fornitura Importo totale fornitura (al

Dettagli

Rete a Banda Ultra Larga della città di Cremona (e comuni limitrofi) AEMCOM

Rete a Banda Ultra Larga della città di Cremona (e comuni limitrofi) AEMCOM Rete a Banda Ultra Larga della città di Cremona (e comuni limitrofi) AEMCOM - 1 1. IL CONTESTO DI RIFERIMENTO AEM Cremona e AEMCOM AEM di Cremona è una Società per Azioni posseduta interamente dal Comune

Dettagli

FORNITURE PER L UFFICIO

FORNITURE PER L UFFICIO FORNITURE PER L UFFICIO Computer,Internet,Telefonia BIG TLC TELECOM TIM GUIDA ALLE CONVENZIONI 2010 BIG TLC COMPUTER,INTERNET,TELEFONIA Contenuto della convenzione Big Tlc è l operatore bergamasco di telecomunicazioni

Dettagli

CONVENZIONE, EX ART. 30 TUEL D. LGS. N. 267/2000, TRA I COMUNI RICOMPRESI NELL AMBITO TERRITORIALE MASSA - CARRARA PER L ESPLETAMENTO DELLA

CONVENZIONE, EX ART. 30 TUEL D. LGS. N. 267/2000, TRA I COMUNI RICOMPRESI NELL AMBITO TERRITORIALE MASSA - CARRARA PER L ESPLETAMENTO DELLA CONVENZIONE, EX ART. 30 TUEL D. LGS. N. 267/2000, TRA I COMUNI RICOMPRESI NELL AMBITO TERRITORIALE MASSA - CARRARA PER L ESPLETAMENTO DELLA PROCEDURA RELATIVA ALL AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE

Dettagli

Condizioni Integrative per i Prodotti e i Servizi IBM Internet Security Systems

Condizioni Integrative per i Prodotti e i Servizi IBM Internet Security Systems Condizioni Integrative per i Prodotti e i Servizi IBM Internet Security Systems Le presenti Condizioni Integrative per i Prodotti e i Servizi IBM Internet Security Systems ( Condizioni Integrative ) si

Dettagli

COMUNE DI ZOPPOLA REGOLAMENTO

COMUNE DI ZOPPOLA REGOLAMENTO COMUNE DI ZOPPOLA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DI INFRASTRUTTURE (CAVIDOTTI, POZZETTI, CHIUSINI, ECC. ) ATTI AD OSPITARE CAVI IN FIBRA OTTICA. Allegato sub A) alla deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

Offerta di Riferimento di Telecom Italia 2015. Servizio di Accesso NGAN. (Mercato 4)

Offerta di Riferimento di Telecom Italia 2015. Servizio di Accesso NGAN. (Mercato 4) Offerta di Riferimento di 2015 (Mercato 4) (sottoposta ad AGCom per approvazione) 31 ottobre 2014 1 / 23 INDICE 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 5 1.1 Normativa comunitaria... 5 1.2 Normativa nazionale...

Dettagli

Connettività Domenica 19 Dicembre 2010 17:32 - Ultimo aggiornamento Lunedì 24 Novembre 2014 19:34

Connettività Domenica 19 Dicembre 2010 17:32 - Ultimo aggiornamento Lunedì 24 Novembre 2014 19:34 La Suite di servizi Origine.net può essere erogata su reti di telecomunicazioni in tecnolgia Wired e/o Wireless. In base alle esigenze del cliente ed alla disponibilità di risorse tecnologiche, Origine.net

Dettagli

Conferenza Stampa Scuola di Applicazione dell Esercito e Università degli Studi ditorino Sala degli Stemmi, Palazzo Arsenale 27 aprile 2015

Conferenza Stampa Scuola di Applicazione dell Esercito e Università degli Studi ditorino Sala degli Stemmi, Palazzo Arsenale 27 aprile 2015 Conferenza Stampa Scuola di Applicazione dell Esercito e Università degli Studi ditorino Sala degli Stemmi, Palazzo Arsenale 27 aprile 2015 Angela Re Responsabile Reti e Sistemi Cos è la MAN (Metropolitan

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INFRASTRUTTURE E RETI INTERNET A BANDA ULTRALARGA (FTTH)

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INFRASTRUTTURE E RETI INTERNET A BANDA ULTRALARGA (FTTH) U.O. Sistemi Tecnologici-Open Data-Energia U. O. Mobilità e Infrastrutture REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INFRASTRUTTURE E RETI INTERNET A BANDA ULTRALARGA (FTTH) Approvato con Deliberazione del Consiglio

Dettagli

Montebelluna, 25 febbraio 2011

Montebelluna, 25 febbraio 2011 Comunicato ai sensi dell articolo 102 del D.Lgs. 24 febbraio 1998 n. 58, come successivamente modificato e integrato (il Tuf ) e dell articolo 37 del Regolamento Consob approvato con delibera n. 11971

Dettagli

I.C.S. Iniziativa Car Sharing

I.C.S. Iniziativa Car Sharing I.C.S. Iniziativa Car Sharing Il car sharing in Italia, l esperienza di ICS Genova, 27 ottobre 2010 Cosa è il Car Sharing Servizio di mobilità alternativa che produce benefici economici per l automobilista

Dettagli

TLC 4^ - Nuove norme

TLC 4^ - Nuove norme TLC 4^ - Nuove norme Deregulation Dal 1 gennaio 1998, a seguito della liberalizzazione dei servizi di telefonia fissa, altri gestori di reti possono operare in concorrenza con Telecom Italia; finora le

Dettagli