Un modello econometrico multifattoriale dell Indice Comit generale della Borsa di Milano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Un modello econometrico multifattoriale dell Indice Comit generale della Borsa di Milano"

Transcript

1 WORKING PAPER n Novembre 2000 Un modello economerico mulifaoriale dell Indice Comi generale della Borsa di Milano Renaa Bonfiglio 1 Paolo Guderzo 2 1 Unicredio di Milano 2 Universià Cà Foscari di Venezia, Facolà di Economia.

2 1. Premessa L obieivo che si prefigge il presene lavoro è duplice: la specificazione e sima di un modello economerico mulifaoriale basao sugli indicaori fondamenali macroeconomici e finanziari che si presi a fornire un inerpreazione economica della variazione dei rendimeni dell indice Comi generale della Borsa Valori di Milano la cosruzione di un applicazione Visual Basic in Excel, con la caraerisica di faciliare l aggiornameno del Daabase e di rendere auomaica la risima dei parameri del modello per la deerminazione delle previsioni. 4 Abbiamo, a queso proposio, elaborao 2 modelli: il primo di naura descriiva, il secondo a scopo previsivo e uilizzabile anche per lo sudio degli scenari. Il modello descriivo inende offrire al leore l opporunià di individuare le relazioni inercorreni ra variabili economiche e l indice della Borsa, ma soffre di un problema operaivo per il fao che non può essere agevolmene realizzao sul programma Excel araverso le applicazioni macro, per la ricchezza di variabili in esso conenue. Il modello a scopo previsivo, quindi, colma alcune lacune soo il profilo ecnico del modello descriivo, selezionando quelle variabili che offrono una loro miglior performance previsiva e di cui si dispone di previsioni ex-ane. Nella leeraura finanziaria è opinione sempre più diffusa che i rendimeni azionari siano parzialmene prevedibili sulla base del comporameno di alre variabili economiche. I modelli mulifaoriali non sono sai uavia esensivamene applicai al mercao azionario ialiano (si veda Aleai, Goardo e Murgia [ 1994 ]; Anonio Roma e Giovanni Schlizer [ 1996 ]). 2. Sezione meodologica 2.1 Le serie soriche L indagine è saa condoa su un orizzone mensile per il periodo che va dal luglio 1988 al febbraio 2000 per un oale di 140 osservazioni campionarie e pone come variabile dipendene il rendimeno dell indice Comi generale di Borsa (la fone dei dai, dove non alrimeni precisao, è Daasream). Dopo aver verificao l assenza di evenuali comporameni sagionali 5, abbiamo proceduo all analisi di sazionarieà delle serie soriche araverso il es Augmened Dickey Fuller (ADF) al fine di verificare se i dai delle serie in esame consenono o meno di rigeare l ipoesi nulla dell esisenza di una radice uniaria (non sazionarieà) nei livelli, prendendo in 4 La macro Excel denominaa Comi Forecasing Model è saa realizzaa da Robero Casarin presso Grea Consuling e da Paolo Guderzo (Universià di Venezia) 5 Il package economerico uilizzao per la sima e la diagnosica del modello descriivo è PcGive 1

3 considerazione un ordine dei riardi pari a 5. Dall esio del es abbiamo risconrao che le serie analizzae non risulano essere sazionarie nei livelli, menre lo sono le loro differenze prime. Tuavia, il livello dei prezzi al consumo e la serie dell indice Nasdaq100 risulano variabili inegrae del secondo ordine. Le variabili del modello sono considerae in variazioni logarimiche, ad eccezione dei saggi di ineresse misurai in puni percenuali (su base annua). Specificazione del modello descriivo Il modello mulifaoriale viene rappresenao nella seguene formulazione: y = c + α y i= 1 Le variabili esplicaive sono: γ D i + i δ D 15 + β x + i i ε 1) il rendimeno logarimico dell indice Comi, con riardo 2; 2) il rendimeno logarimico dell indice FTSE100, con riardo 4; 3) il rapporo prezzo-uile (P/E) nel mercao azionario ialiano, con riardo 1; i= 1 4) la variazione logarimica del prezzo medio mensile del perolio Bren, in $ per barile, con riardo 1; 5) la differenza prima della variazione logarimica dell inflazione ialiana (anno su anno), correne; 6) l inclinazione della sruura a ermine dei assi di ineresse USA, misuraa come la differenza ra i assi a lungo ermine aveni scadenza a 10 anni e i Federal Funds, con riardo 2; 7) i assi a medio/lungo ermine ialiani con scadenza a 5 anni, correne e con riardo 1; 8) il asso dei deposii sul mercao dell eurolira a 3 mesi, correne; 9) la variazione logarimica del asso di cambio lira-dollaro, con riardo 1; 10) gli indicaori di consenso: a) degli operaori del seore indusriale sulla siuazione generale del nosro Paese; b) del clima di fiducia del consumaore; 11) sono sae prese in considerazione alcune variabili dummy che hanno conribuio al miglior adaameno del modello al reale: a) una dummy sagionale, che coglie l effeo gennaio; b) 3 impulse dummy (1994/02, 1998/09, 1998/11), che coprono episodi criici e desabilizzani dei mercai dei capiali; c) Una sepwise dummy legaa all indice Nasdaq100 disina in due sooperiodi, rispeivamene dal 1998/03 al 1999/08 e dal 1999/9 al 2000/2. 2

4 3. La giusificazione economica delle variabili esplicaive considerae 1) La componene auoregressiva Nel modello viene inclusa la variabile endogena riardaa di due periodi, la quale rileva una componene AR che si presena con un segno negaivo (-0,14333) e significaivo (-value pari a 3,089). 2) Il mercao azionario inernazionale Nel modello è presene l indice FTSE 100 riardao di 4 periodi, con segno posiivo ( ) e con un discreo impao (-value pari a 2.091). La scela definiiva dell inclusione di queso indice è il risulao di una ricerca sull analisi di correlazioni parziali ra il rendimeno dell indice della Borsa Ialiana e quelli delle più imporani Borse inernazionali (sono sai esaminai i possibili comovemens con i rendimeni dell indice Dow Jones, S&P 500, IBEX, CAC40, DAX, FTSE 100, Morgan Sanley Capial Inernaional e Emerging Markes). 3) Componene valuaiva Il rapporo Price/Earnings 6 (P/E) indica la relazione che inercorre ra la valuazione di mercao e gli uili aziendali in una dimensione aggregaa. Quesa variabile presena nel modello segno posiivo (0,012863) ed il suo impao sulle fluuazioni della borsa è molo fore, confermao dal -value pari a 6,335. Nel modello presenao non compare alcuna proxy del premio al rischio: la capacià esplicaiva del Dividend Yield risula scarsa per la fore correlazione con il P/E. Lo sesso esio (fore correlazione con la variabile P/E) si ha con il rapporo della capializzazione di Borsa sul Prodoo Inerno Lordo, uilizzabile per cogliere l effeo dimensione del mercao e con la variabile relaiva alla crescia degli uili. 4) Componeni macroeconomiche 4.1 Prezzi Il prezzo del perolio Nell insieme dei faori, è sao considerao il prezzo medio mensile del perolio Bren in $ per barile espresso in variazioni logarimiche. Per l economia ialiana, quesa variabile, non solo caura una deerminane degli shocks di produzione (cosi), ma anche in pare approssima gli shocks della bilancia dei pagameni, causai del peso considerevole delle imporazioni di perolio nel 6 La serie sorica del P/ E è fone Daasream. Gli uili sono quelli dell anno correne. 3

5 commercio con l esero. Queso spiega l imporanza del segno negaivo del coefficiene (-0,13045 con un -value corrispondene a 5,072). Inflazione Come aeso, l effeo di un accelerazione dei prezzi al consumo è negaivo (il coefficiene relaivo è pari a 4,1251) e indubbiamene molo fore con un -value pari a 4, I assi d ineresse Tra i assi di ineresse presi in considerazione (moneari e a lungo ermine, domesici e inernazionali) sono risulai molo significaivi ai fini dell analisi i assi a medio ermine ialiani (di duraa media pari a 5 anni), il asso sui deposii in eurolira a 3 mesi e l inclinazione della curva dei rendimeni sauniense, daa dalla differenza ra i assi decennali e i Federal Funds. Rimane da soolineare la minor capacià esplicaiva dei assi a lungo ermine ialiani rispeo a quelli a medio emine. L effeo negaivo dei assi d ineresse era nelle aspeaive. Il asso d ineresse rappresena infai il rendimeno di un aivià alernaiva a quella azionaria, con un minor rischio. Dal momeno che, per la eoria finanziaria, il prezzo di un iolo azionario rappresena il valore aualizzao dei flussi fuuri aesi a cui il possesso del iolo dà dirio, il segno negaivo indica un ipico effeo di sosiuzione. Il prezzo risula perciò influenzao non solo dalle aspeaive degli operaori finanziari sulle fuure condizioni delle socieà quoae, ma anche dalle aese sugli scenari dell economia fuura che deerminano i assi a cui i flussi aesi vengono aualizzai 7. 7 La eoria finanziaria assume che il asso di capializzazione dei flussi azionari fuuri aesi coincida con la somma di due componeni: il asso prevalene sul mercao dei ioli di Sao a media/lunga scadenza e il premio per il rischio inrinseco alla naura del iolo azionario. Vi sono perano due elemeni che ineragendo ra loro e, a parià di aese sui dividendi, influenzano i corsi azionari: le variazioni del premio per il rischio e i assi a medio/lungo ermine. A parià di aese sui dividendi e di premio per il rischio, il comporameno dei corsi azionari è inversamene correlao con quello dei assi a m/ l ermine. Nasce però il problema di rappresenare in un modello la variabile premio al rischio : secondo pare della leeraura il rapporo ra dividendi e prezzo può essere considerao una proxy del premio al rischio. Fama e French [ 1988 ] non concordano con quesa esi e suggeriscono in alernaiva l uilizzo di quelle misure del asso d ineresse che seguono un andameno correlao al ciclo economico: a) defaul premium, cioè la differenza ra il rendimeno di obbligazioni indusriali a lungo ermine a basso raing e quelle conraddisine da ripla A ; b) erm premium, ossia la differenza ra rendimeni obbligazionari a lungo e a breve ermine. 4

6 4.3 Cambi L effeo complessivo dei movimeni del asso di cambio sul senimen degli invesiori è uora oggeo di dibaio e dovrà essere validao empiricamene. Considerao il peso significaivo del commercio inernazionale nell economia ialiana, il panorama della profiabilià delle aziende ialiane è direamene legao alle condizioni di cambio e più generalmene alla compeiivià inernazionale. La variabile che caura meglio ques ulimo aspeo è il asso di cambio reale effeivo, in qualià di indicaore più largamene usao per accerare la compeiivià delle esporazioni del Paese: però ale faore non ha confermao nel modello le nosre aspeaive daa il rascurabile poere informaivo risconrao araverso l analisi di correlazione parziale. Una variabile che iene cono degli impulsi di origine esera è il cambio lira/dollaro: sul mercao ialiano l impulso è posiivo perché un deprezzameno aeso della lira rispeo al $ viene ineso come simolo alle esporazioni e all aivià economica generale. Ques ulimo aspeo viene confermao dal segno posiivo del coefficiene con una buona capacià esplicaiva (0,25221; 3,462). 4.4 Crescia dell economia: Leading indicaors Come faori di crescia economica sono sae prese in considerazione re variabili che la leeraura recene pone ra quelle che vengono definie leading indicaor, cioè variabili aniciparici del ciclo economico. In queso coneso, un ruolo di primissimo piano viene ricopero dagli indicaori di fiducia sull economia desuni dai sondaggi effeuai presso famiglie e imprese 8. Tra la vasa gamma di indici di consenso che sono sai analizzai, quelli più rappresenaivi e che hanno offero un maggior conribuo alla performance del modello sono i segueni: l indicaore del clima di fiducia delle famiglie, le prospeive di invesimeno del seore indusriale e il giudizio sulla siuazione generale del Paese rilevao dai sondaggi rivoli ad un campione rappresenaivo di aziende. L impao dei re indici è foremene posiivo sull indice Comi di Borsa (-value rispeivamene pari a 2,156, 3,104, 3,261). Dalla nosra analisi si ricava anche che la produzione indusriale ialiana, ra i più imporani indicaori di crescia dell economia, offre un conribuo poco significaivo e quindi rascurabile: di fai, il suo poere informaivo è già conenuo nei leading indicaors di cui sopra. Quano al defaul premium, per l Ialia non si dispone di serie di obbligazioni indusriali sufficienemene omogenee ra loro; per il erm premium, si è risconrao che l inroduzione del asso sui bond a 6 mesi e dell inclinazione della curva dei rendimeni ialiana non ha fornio sosanziali risulai per la fore incidenza dei assi a 5 anni. 8 Gli indici di consenso (rielaborai dall ISAE, Isiuo per lo Sudio e l Analisi Economica, ex ISCO, e pubblicai ogni mese nella collana dei Quaderni Analiici) raccolgono numerose e deagliae informazioni su comporameni di spesa e 5

7 5) Indicaori di liquidià del mercao azionario 5.1 Effeo gennaio Il faore liquidià coinvolge il cosiddeo effeo gennaio, famoso nella leeraura finanziaria. La significaivià di ale dummy è paricolarmene elevaa (il -value è pari a 7,029) e il coefficiene è posiivo (pari a 0,05907) come nelle aese. 5.2 le Iniial Pubblic Offers L effeo delle I.P.O. (Iniial Pubblic Offers) sulla Borsa dovrebbe essere negaivo nel breve ermine per effeo dell assorbimeno di liquidià, menre dovrebbe risulare posiivo nel medio ermine per il conseguene ampliameno del lisino. Quese aspeaive sono confermae dalla nosra analisi, da cui ricaviamo una modesa significaivià della variabile I.P.O. (-value pari a 1,292) e un effeo posiivo con un riardo di 4 periodi. 5.3 Fondi Comuni e Debio Pubblico La crescene imporanza del risparmio gesio ci ha porao ad analizzare come uleriore faore di liquidià la domanda di aivià da pare dei fondi comuni d invesimeno: l esio dell analisi ha confermao le nosre aese di impao posiivo a livello correne. Alla ricerca di un legame ra poliica fiscale e fluuazioni della, ci si è chiesi se il fabbisogno del seore pubblico rapporao al P.I.L avesse un influenza sul comporameno dell indice Comi. L esio dell analisi è sao negaivo, probabilmene per i problemi meodologici uora aperi nel calcolo dell aggregao e per il riardo considerevole con cui viene rilevao e reso pubblico (4 mesi). 6) Dummies 6.1 Le Impulse Dummies Le impulse dummies relaive ai mesi di seembre e novembre 1998 colgono le urbolenze finanziarie causae dalle crisi asiaica e russa. 9 invesimeno, aspei di naura psicologica come il giudizio sulla siuazione del paese, e aspeaive delle famiglie e delle aziende sull economia. 9 La crisi asiaica, iniziaa a parire dalla meà del 1997, si è aggravaa nei mesi successivi esendendosi ad alri Paesi e assumendo una rilevanza mondiale. Alla meà di agoso 1998, una grave crisi finanziaria ha invesio la Russia: l incerezza sull evoluzione della siuazione poliica del Paese, l incapacià del governo di risolvere il cronico problema dell evasione fiscale, il peggiorameno delle condizioni di scambio hanno indoo la Russia ad una fore svaluazione della valua inerna e al rinnovo del pagameno dei debii privai e dello Sao. 6

8 L inclusione dell impulse dummy del febbraio 1994 vuole cogliere, invece, l evoluzione dei assi d ineresse ialiani, i quali hanno risenio della repenina endenza al rialzo dei corsi obbligazionari sui mercai finanziari inernazionali, risulao di una poliica di resrizione monearia da pare della Federal Reserve (nell anno, infai, i Federal Funds sono passai dal 3 al 6%). 6.2 Le Sep Dummies La sepwise dummy del febbraio 1996 evidenzia a nosro parere il break sruurale creao dall accelerazione del processo di convergenza delle economie europee nella prospeiva della creazione di una monea unica (nel dicembre 1995 si era svolo il Summi di Madrid con la definizione dello scenario di ransizione verso la monea unica; nel gennaio 1996 l apprezzameno della lira nei confroni del marco edesco subì un accelerazione). La crescene rilevanza dei ioli m (elecoms-media-echnology), indiscussi proagonisi della new economy, è sao colo in queso modello da una variabile sepdummy relaiva al Nasdaq100. Tale dummy è saa disina in due sooperiodi, rispeivamene dal 1998/03 al 1999/08 e dal 1999/09 al 2000/02. Il moivo che ha indoo a supporre un cambiameno sruurale nei parameri della serie in esame è dovuo al fao che la Borsa ialiana ha reagio all effeo Nasdaq100 in modo dicoomico: in un primo momeno ha seguio un andameno relaivamene incero e conrasao, più correlao agli indici radizionali sauniensi ed europei; nel secondo, invece, ha mosrao una fore correlazione con l Indice Nasdaq100 (ricordiamo che nel mese di seembre 1999, il nuovo piano di risruurazione indusriale del gruppo Telecom Olivei è sao paricolarmene apprezzao dal mercao; il gruppo Telecom Olivei capializza più del 25% del mercao ialiano). Tabelle e grafici (1) Per avere una indicazione complessiva della sensibilià dell indice di Borsa ai faori macroeconomici e finanziari, è saa cosruia una abella di simulazione in cui si è supposo un aumeno percenuale di una variabile enendo cosani le alre. Dall analisi dei risulai emerge: il conribuo rilevane della componene valuaiva P/E (+1,48%), del asso a m/l ermine ialiano (-1,13%), del cambio lira/dollaro (+1,28%) e della variabile legaa al Nasdaq100 (+4,56%). Modeso è risulao invece l impao degli alri faori. A nosro parere ciò è da meere in relazione alle ipoesi formulae a priori sulle variazioni apporae. 7

9 Di seguio vengono riporae le abelle relaive alla specificazione del modello, dove vengono evidenziai i coefficieni delle variabili esplicaive accompagnai dalle saisiche di Suden. Viene presenaa, inolre, una abella che riassume i risulai dei es diagnosici più significaivi sui residui. Dai es possiamo dedurre che le ipoesi di non-auocorrelazione, omoschedasicià e normalià dei residui possono essere acceae su base saisica. Si mosrano, inolre, un grafico che confrona i valori effeivi e quelli simai nei livelli, quelli relaivi ai es diagnosici operai ed alle previsioni ex-pos sugli ulimi 12 dai mensili del periodo campionario, i grafici dei fied value dei rendimeni, i cross-plo e la funzione di densià normale che approssima la disribuzione empirica dei relaivi residui. Specificazione del modello previsivo Il secondo modello proposo coniene le variabili finanziarie precedenemene analizzae nel modello descriivo ed una variabile macro (il asso d inflazione ialiano), anch essa presene nel modello precedene, rispeo alle quali possiamo disporre di previsioni ex-ane elaborae dall Ufficio Sudi di Unicredi Banca Mobiliare. La cosruzione di queso modello è moivaa da due considerazioni: la prima, più imporane, risiede nel fao di considerare solamene quelle variabili di cui si dispone di previsioni fuori campione. La seconda, dipende da un vincolo ecnico di Excel (che non considera più di 16 regressori in un modello di regressione). Le variabili esplicaive preseni nel modello sono le segueni: 1) il rendimeno logarimico dell indice Comi, con riardo 2; 2) il rapporo prezzo-uile (P/E) nel mercao azionario ialiano, con riardo 1; 3) la variazione logarimica del prezzo del perolio Bren in $ per barile, con riardo 1; 4) la differenza prima della variazione logarimica dell inflazione ialiana (anno su anno), correne; 5) l inclinazione della sruura a ermine dei assi di ineresse USA, misuraa come la differenza ra i assi a lungo ermine aveni scadenza a 10 anni e i Federal Funds, con riardo 2; 6) i assi a medio ermine ialiani con scadenza media di 5 anni, correne e con riardo 1; 7) il asso dei deposii sul mercao dell eurolira a 3 mesi, correne; 8) la variazione logarimica del asso di cambio lira-dollaro, con riardo 1; 9) alcune variabili dummy che hanno conribuio al miglior adaameno del modello al reale: 1. una dummy sagionale che coglie l effeo gennaio; 8

10 2. 3 impulse dummy (1994/02, 1998/09, 1998/11) che coprono quegli episodi criici che hanno desabilizzao i mercai dei capiali a livello inernazionale; 3. Una sepwise dummy (1996/02) legaa alla creazione dell area monearia euro; 4. Una sepwise dummy legaa all indice Nasdaq100 disina in due sooperiodi, rispeivamene dal 1998/03 al 1999/08 con riardo 1 e dal 1999/9 al 2000/2 con riardo 3. Di seguio vengono riporae le abelle relaive alla specificazione del modello dove vengono evidenziai i coefficieni delle variabili esplicaive accompagnai dalle saisiche di Suden per verificare se le variabili preseni siano significaive e con segni e coefficieni ragionevolmene aendibili. Viene presenaa, inolre, una abella che riassume i risulai dei es diagnosici più significaivi sui residui del modello Comi. Dai es possiamo dedurre che le ipoesi di nonauocorrelazione, omoschedasicià e normalià dei residui possono essere acceae su base saisica. Si mosrano, inolre, un grafico che confrona i valori effeivi e quelli simai nei livelli, quelli relaivi ai es diagnosici operai e i grafici dei fied value dei rendimeni, i cross-plo, il correlogramma e la funzione di densià normale che approssima la disribuzione empirica dei residui. Le previsioni a 3 mesi del modello previsivo Il modello si propone di prevedere l indice di Borsa Comi su un orizzone emporale di 3 mesi. Per la realizzazione di ques ulimo obieivo sono necessarie le previsioni ex-ane sulle variabili esogene qualora non si abbia l opporunià di avere a disposizione i riardi fino ai 3 lags: esse sono sae elaborae dall Ufficio Sudi di Unicredi Banca Mobiliare con frequenza rimesrale. Per i dai mancani ra l'ulimo dao riardao rilevao e la prima previsione disponibile si è proceduo all'operazione di inerpolazione lineare. Il quadro prospeico a 3 mesi delineao dal modello offre spuni di analisi ineressani: il segnale rasmesso dalla previsione nel mese di marzo sull'indice Comi ci appare emblemaico dal momeno che la Borsa, in un coneso di un aumeno generalizzao dei assi d'ineresse, risula più araa dalle poenzialià di crescia dei ioli m, sulla scia delle performance del mercao high-ech americano. Nel mese di aprile, invece, ci aendiamo un inversione di endenza dovua alla reazione, ad effeo riardao, all'insieme di poliiche monearie resriive delle maggiori banche cenrali mondiali. 9

11 Per il mese di maggio è previso un consolidameno, risulane dagli effei negaivi delle poliiche monearie e posiivo del fore ribasso del prezzo del perolio Bren (vedi grafico corrispondene alle previsioni ex-ane a 3 mesi sull'indice di Borsa Comi). Verifica ex-pos delle previsioni formulae e aggiornameno del modello previsivo In quesa sezione ci si propone di verificare la capacià previsiva del modello per i due mesi fuori campione (marzo e aprile), araverso il compuo di una gamma di saisiche che vengono riporae nella seguene abella: Roo Mean Squared Error 1 2 ( yˆ + y h ) 23, S + h = S Mean Absolue Error S + h 1 18,91436 yˆ y h + 1 = S Mean Absolue Percenage S + h 1 yˆ y 0, Error h + 1 = S y Theil Inequaliy Coefficien 1 h + 1 S+ h 1 0, h + 1 S+ h = S y = S 2 ( yˆ + y ) 1 h + 1 S+ h = S y 2 10

12 Bias Proporion Variance Proporion Covariance Proporion ( yˆ ( yˆ ( S yˆ ( yˆ 2 y) 0, y ) / h S y ) y ) 2 2 0, / h 2(1 r) S yˆ S 0, y ( yˆ 2 y ) / h Il campione in previsione è = S, S+1,, S+h (in queso caso h=2). Si denoano con y e ŷ rispeivamene il valore effeivo e quello previso nei livelli. ŷ, y, S y ˆ, S y indicano rispeivamene le medie e le deviazioni sandard di y e ŷ ed r è la correlazione ra y e ŷ. Dall analisi delle saisiche emerge che, nonosane si abbia la possibilià di confronare ex-ane solamene due valori, il modello ha una buona capacià previsiva, esimoniaa dal fao che enrambi gli indici Mean Absolue Percenage Error e l indice di Theil sono prossimi allo zero. Inolre è imporane soolineare che il modello caura l unico puno di svola, cogliendo nel mese di marzo la endenza al rialzo dell indice di Borsa (con sovrasima pari a 34,245) e, nel mese di aprile, la brusca correzione (con sovrasima pari a 22,498 puni). Nel momeno della valuazione del poere informaivo del modello in previsione il lavoro è sao realizzao nel mese di maggio: si rinvia la verifica della erza previsione nel mese successivo. Per quano concerne la formulazione delle previsioni nei successivi 3 mesi (maggio, giugno, luglio) abbiamo proceduo all aggiornameno dei parameri del modello da febbraio ad aprile correggendo opporunamene l influenza della variabile Sdu*Nasdaq (lag 3) 99/9-00/4 con un riardo pari a 5 al fine di aggiusare la dinamica della differenza nei rendimeni del Nasdaq caraerizzao da un eccessiva insabilià e volailià. Le previsioni a 3 mesi ex-ane La fore volailià degli indici Dow Jones e Nasdaq hanno inciso noevolmene sui mercai delle maggiori piazze finanziarie inernazionali. Non di meno, vi sono alri faori sreamene legai ra loro che porebbero uleriormene pesare sui mercai finanziari. Infai, la previsa dinamica rialzisa dei assi d ineresse americani, viso il fore rimo di espansione dell economia americana e la ensione inflaiva poenziale associaa, e i livelli elevai delle quoazioni del perolio porebbero indebolire uleriormene il mercao azionario. Fra gli alri faori in gioco vi sono: il rafforzameno del dollaro nei confroni dell euro e un previso aumeno dei assi di ineresse a breve nell area euro. Dai risulai dell analisi effeuaa fuori campione, emerge che nel mese di maggio prevarrà principalmene un aeggiameno di cauela degli operaori, segnale di una condizione generale 11

13 caraerizzaa da un sosanziale equilibrio. Il mese di giugno denoa invece un progressivo rialzo dell indice Comi, nonosane sia presene in un coneso generalizzao di un aumeno aeso dei assi d ineresse uniamene alle aspeaive al rialzo del prezzo del perolio e del asso d inflazione e ad un imido indebolimeno del dollaro nei confroni dell euro. In queso frangene sono maggiormene influeni la componene valuaiva P/E sull indice Comi ed il 2 riardo della variabile endogena. La previsione nel mese di luglio è alquano preoccupane perché esimonia una brusca discesa dell indice Comi. L effeo scaenane pare sia il erzo riardo del rendimeno differenziao dell indice Nasdaq che ha fao regisrare nel mese di aprile una perdia del 27%. A queso puno, il problema principale è quello di capire se la flessione previsa dell indice di Borsa sia una coningenza o un movimeno sruurale. Si presena di seguio un grafico che ripora le previsioni ex-ane a 3 mesi sull indice Comi generale di Borsa. 4. Conclusioni Il presene lavoro ha avuo un duplice obieivo: in primo luogo, la specificazione e la sima di un modello economerico mulifaoriale basao su indicaori fondamenali macroeconomici e finanziari che si presi ad un inerpreazione economica della variazione dei rendimeni dell indice Comi generale della Borsa Valori di Milano. In secondo luogo, la creazione di un modello da uilizzare per previsioni con un orizzone emporale di 3 mesi, ricavao dal modello precedene 12

14 enendo presene due ipi di vincoli: il primo, legao alla disponibilià di dai/sime per le variabili esogene e il secondo legao ai limii operaivi del programma Excel. I risulai oenui sono sai paricolarmene soddisfaceni: lo sudio svolo ha mosrao non solo la discrea capacià dei due modelli di incorporare le informazioni per quano riguarda le endenze di lungo periodo, ma di aver colo parzialmene i movimeni secondari caraerizzai da fasi correive sempre di difficile inerpreazione. Inolre, la performance previsiva del secondo modello è risulaa posiiva ad una prima, seppur limiaa, verifica. Tuavia, consideriamo queso lavoro un puno di parenza e non di arrivo. Fra gli spuni per un uleriore perfezionameno del lavoro vi è un possibile raameno alernaivo della variabile Nasdaq, paricolarmene insabile e che ha avuo nei mesi scorsi effei conrasani sul mercao ialiano. Un alro filone di sviluppo porebbe essere rappresenao dallo sudio di modelli alernaivi non lineari o dalla cosruzione di un sisema di equazioni simulanee. Riferimeni bibliografici A. ABOU D. SZPIRO (1984), Degré de validié des opinions des chefs d enerprise pour les prévisions de producion, Observaions and Diagnosiques Economique, n. 7, pp A. ALEATI P. GOTTARDO M. MURGIA (1995), The Pricing of Ialian Equiy Reurns, Working paper, Universià di Pavia. M. ASPREM (1989), Sock prices, asse pofolios and macroeconomic variables in en European counries, Journal of Banking and Finance, vol.13, pp F. C. BAGLIANO A. BELTRATTI (1997), Sock reurns, he ineres raes and inflaion in he ialian sock marke: a long run perspecive, Giornale degli Economisi, vol. 56, n.3-4, pp S. CALABRESI P. CORNAZZA (1996), La svaluazione della lira e la reazione delle imprese indusriali: un inchiesa ad hoc dell ISCO, Rivisa di Poliica Economica, pp CARLSON PARKIN, Inflaion Expecaions, Economica, n

15 M. CARUSO (1997), Variabili macroeconomiche e corsi azionari: la borsa ialiana in un raffrono inernazionale, Giornale degli economisi, pp N. CHEN R. ROLL S. A. ROSS (1986), Economic forces and he sock marke, Journal of Business, vol. 59, n. 3, pp G. CONNOR (1995), The hree ypes of facor model: a comparison of heir exploraory power, Financial Analys Journal, may-june, pp E. D ELIA (1991), La quanificazione dei risulai dei sondaggi congiunurali: un confrono ra procedure, ISCO, Rassegna dei Lavoraori dell Isiuo, n. 13, pp M. FANSTEN (1976), Inroducion à une héorie mahémaique de l opinion, Annales de l INSEE, n. 21, pp E. F. FAMA K. R. FRENCH (1988), Dividend Yields and Expeced Sock Reurns, Journal of Financial Economics, Vol. 22, pp A. LOCARNO G. PARIGI (1995), Clima di fiducia e consumi delle famiglie: movene economico o psicologico?, Ricerche quaniaive per la poliica economica, pp G. PARIGI G. SCHLITZER (1996), Una noa sull uso di indicaori anicipaori nei modelli economerici per la previsione a breve ermine, Rivisa di poliica economica, pp A. PENATI (1991), Il rischio azionario e la Borsa. Un analisi del funzionameno del mercao ialiano, Egea, Milano. A. ROMA G. SCHLITZER (1996), The Deerminans of Ialian Sock Marke Reurns: Some Preliminary Evidence, Economic Noes, vol. 25, pp

16 Modello descriivo (1) Variabile dipendene: indice Comi generale di Borsa Meodo di sima: OLS Campione: 1988: :02 Osservazioni campionarie incluse: 140 variabile Coefficiene Sd. Error -value -prob ParRy Cosane -0, , ,393 0,0183 0,0463 Comi (lag 2) -0, , ,089 0,0025 0,0748 Fse100 (lag 4) 0, , ,091 0,0386 0,0357 P/e raio (i) (lag 1) 0, , , ,2538 Prezzo perolio (lag 1) -0, , , ,1790 Inflazione -4,1251 0, , ,1641 Tassi USA (10y-Fed Funds) -0, , ,298 0,0013 0,0844 Tasso ia 5 y -0, , , ,3139 Tasso ia 5 y (lag 1) 0, , , ,1778 Depo euro 3 m -0, , ,470 0,0007 0,0926 Cambio L/$ (lag 1) 0, , , ,0922 Consumer confid (lag 2) 0, , ,156 0,0331 0,0379 Indus. Confid. (lag 5) 0, , ,104 0,0024 0,0755 Business confid. (lag 1) 0, , ,261 0,0014 0,0827 January effec 0, , , ,2951 Iniial pubblic offers (lag 4) 0, , ,292 0,1989 0,0139 Dummy 1994m2 0, , ,695 0,0003 0,1037 Dummy 1998m9-0, , , ,2361 Dummy 1998m11 0, , ,447 0,0159 0,0483 Sepdummy 1996m2 0, , ,237 0,0016 0,0815 Sdu*Nasdaq (lag 1) 98/3-99/8-0, , ,222 0,0000 0,1312 Sdu*Nasdaq (lag 3) 99/9-00/2 0, , ,630 0,0000 0,2714 R-squared 0, Mean dependen var 0, Adjused R-squared 0, S.D. dependen var 0, S.E. of regression 0, Akaike info crierion -4, Sum squared resid 0, Schwarz crierion -3, Log likelihood 331,5468 F-saisic 29,41844 Durbin-Wason sa 2, Prob(F-saisic) I

17 TABELLA DI SIMULAZIONE Variabile Valore Valore Inpu Variazione Oupu Oupu % Tempo -i+1 empo -i simulao simulaa simao simulao Comi_2 1487, , ,58 +4% 2010, ,65-0,57% Fse100_4 6116, , ,95 +4% 2010, ,56 0,56% P/e raio (i)_1 28,2 28,3 29,45 +4% 2010, ,10 1,48% Oilbren_1 25,7 25,63 26,63 +1$ 2010, ,13-0,50% Inflazione 111,3 111,7 111,92 +0,2% 2010, ,89-0,81% Bmus-fedfunds 0,603 0,969 1,219 +0, , ,19-0,74% Tasso 5 y 5,19 5,22 5,47 +0, , ,50-1,13% Tasso 5 y_1 4,83 5,19 5,44 +0, , ,80 0,67% Depo 3 m E/L 3,3192 3,5275 3, , , ,57-0,47% Cambio L/$_1 1913, , , L 2010, ,17 1,28% Consconfid._ , ,97 0,48% Indusconfid._ , ,69 0,62% Businconfid_ , ,38 0,21% Du*Nasdaq_3 2482, , ,50 +4% 2010, ,07 4,56% TEST DIAGNOSTICI SUI RESIDUI TEST MODELLO COMIT AUTOCORRELAZIONE (LAGS 1-7) TEST F F(7,111)= ,2373 ARCH (LAGS 1-7) TEST F F(7,104)= ,8871 NORMALITA TEST 2 χ 2 (2) = 0, χ 0,8457 ETEROSCHEDASTICITA TEST F F(37,80)= FORMA FUNZIONALE TEST F F(1,117)= ,4869 II

18 III

19 IV

20 V

Argomenti trattati. Rischio e Valutazione degli investimenti. Teoria della Finanza Aziendale. Costo del capitale

Argomenti trattati. Rischio e Valutazione degli investimenti. Teoria della Finanza Aziendale. Costo del capitale Teoria della Finanza Aziendale Rischio e Valuazione degli invesimeni 9 1-2 Argomeni raai Coso del capiale aziendale e di progeo Misura del bea Coso del capiale e imprese diversificae Rischio e flusso di

Dettagli

Apertura nei Mercati Finanziari

Apertura nei Mercati Finanziari Lezione 20 (BAG cap. 6.2, 6.4-6.5 e 18.5-18.6) La poliica economica in economia apera Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Aperura nei Mercai Finanziari 1) Gli invesiori possono

Dettagli

La previsione della domanda nella supply chain

La previsione della domanda nella supply chain La previsione della domanda nella supply chain La previsione della domanda 1 Linea guida Il ruolo della prerevisione nella supply chain Le caraerisiche della previsione Le componeni della previsione ed

Dettagli

FORECASTING...61 RIASSUNTO E CONCLUSIONI...71 BIBLIOGRAFIA...73 APPENDICE TECNICA...75

FORECASTING...61 RIASSUNTO E CONCLUSIONI...71 BIBLIOGRAFIA...73 APPENDICE TECNICA...75 INDICE INDICE... 1 INTRODUZIONE... 3 STRUTTURA A TERMINE DEI TASSI D INTERESSE... 5 1.1 NOZIONI GENERALI... 5 LE FORME DELLA CURVA DEI RENDIMENTI... 7 CASISTICA E METODOLOGIA... 11 2.1 LETTERATURA... 11

Dettagli

Un modello econometrico mensile per la previsione dell indice COMIT nel mercato azionario italiano

Un modello econometrico mensile per la previsione dell indice COMIT nel mercato azionario italiano WORKING PAPER n.0.07 Seembre 00 Un modello economerico mensile per la previsione dell indice COMIT nel mercao azionario ialiano R. Casarin a,b P. Guderzo c a. Universià Ca Foscari, Venezia. b. GRETA, Venezia.

Dettagli

A.A. 2013/14 Esercitazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI

A.A. 2013/14 Esercitazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI A.A. 2013/14 Eserciazione - IRPEF TESTO E SOLUZIONI Esercizio 1 - IRPEF Il signor X, che vive solo e non ha figli, ha percepio, nel corso dell anno correne, i segueni reddii: - Reddii da lavoro dipendene

Dettagli

L'UTILIZZO DI TRADING RULES IN MODELLI A CAMBIAMENTO DI REGIME (SWITCHING REGIMES)

L'UTILIZZO DI TRADING RULES IN MODELLI A CAMBIAMENTO DI REGIME (SWITCHING REGIMES) L'UTILIZZO DI TRADING RULES IN MODELLI A CAMBIAMENTO DI REGIME (SWITCHING REGIMES) Monica Billio Universià Ca Foscari e GRETA, Venezia Michele Paron GRETA, Venezia Inroduzione. Moli meodi di analisi ecnica

Dettagli

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta

Lezione 11. Inflazione, produzione e crescita della moneta Lezione 11 (BAG cap. 10) Inflazione, produzione e crescia della monea Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia Tre relazioni ra produzione, disoccupazione e inflazione Legge di Okun

Dettagli

LEZIONE 3 INDICATORI DELLE PRINCIPALI VARIABILI MACROECONOMICHE. Argomenti trattati: definizione e misurazione delle seguenti variabili macroecomiche

LEZIONE 3 INDICATORI DELLE PRINCIPALI VARIABILI MACROECONOMICHE. Argomenti trattati: definizione e misurazione delle seguenti variabili macroecomiche LEZIONE 3 INDICATORI DELLE RINCIALI VARIABILI MACROECONOMICHE Argomeni raai: definizione e misurazione delle segueni variabili macroecomiche Livello generale dei prezzi, Tasso d inflazione, π IL nominale,

Dettagli

Lezione 10. (BAG cap. 9) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia

Lezione 10. (BAG cap. 9) Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Lezione 10 (BAG cap. 9) Il asso naurale di disoccupazione e la curva di Phillips Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Universià di Pavia In queso capiolo Inrodurremo uno degli oggei più conosciui

Dettagli

1.7. Il modello completo e le sue proprietà

1.7. Il modello completo e le sue proprietà La Teoria Generale 1 1.7. Il modello compleo e le sue proprieà Il ragionameno svolo fino a queso puno è valido per un livello dao del salario nominale e dei prezzi. Le grandezze preseni nel modello, per

Dettagli

LA TEORIA DEL CICLO ECONOMICO REALE (RBC: Real Business Cycle) Però offre una diversa spiegazione delle fluttuazioni economiche:

LA TEORIA DEL CICLO ECONOMICO REALE (RBC: Real Business Cycle) Però offre una diversa spiegazione delle fluttuazioni economiche: LA TEORIA DEL CICLO ECONOMICO REALE (RBC: Real Business Cycle) Edward Presco, Finn Kydland, Rober King, ecc. Si inserisce nel filone della NMC: - Equilibrio generale walrasiano; - incerezza e dinamica:

Dettagli

INTERBANCA Codice ISIN IT0004041478

INTERBANCA Codice ISIN IT0004041478 REGOLAMENTO DEL PRESTITO OBBLIGAZNAR INTERBANCA 2006/2011 Discoun Dynamic Index 24 fino a EUR 250.000.000 Ar. 1 - TITOLI Il presio obbligazionario Inerbanca 2006/2011 Discoun Dynamic Index 24 fino a EUR

Dettagli

I mercati dei beni e i mercati finanziari in economia aperta

I mercati dei beni e i mercati finanziari in economia aperta I mercai dei beni e i mercai finanziari in economia apera Economia apera Mercai dei beni: l opporunià per i consumaori e le imprese di scegliere ra beni nazionali e beni eseri. Mercai delle aivià finanziarie:

Dettagli

flusso in uscita (FU) Impresa flusso in entrata (FE)

flusso in uscita (FU) Impresa flusso in entrata (FE) Analisi degli invesimeni Il bilancio è una sinesi a poseriori della siuazione di un'azienda. La valuazione degli invesimeni è un enaivo di valuare a priori la validià delle scele dell'azienda. L'invesimeno

Dettagli

tp = 0 P + t r a 0 P Il modello di crescita aritmetico deriva dalla logica del tasso di interesse semplice

tp = 0 P + t r a 0 P Il modello di crescita aritmetico deriva dalla logica del tasso di interesse semplice Eserciazione 7: Modelli di crescia: arimeica, geomerica, esponenziale. Calcolo del asso di crescia e del empo di raddoppio. Popolazione sabile e sazionaria. Viviana Amai 03/06/200 Modelli di crescia Nella

Dettagli

I possibili schemi di Partenariato Pubblico Privato

I possibili schemi di Partenariato Pubblico Privato OSSERVATORIO collegameno ferroviario Torino-Lione Collegameno ferroviario Torino-Lione I possibili schemi di Parenariao Pubblico Privao Torino, 30 Oobre 2007 Unià Tecnica Finanza di Progeo 1 PPP: analisi

Dettagli

Lezione n.7. Variabili di stato

Lezione n.7. Variabili di stato Lezione n.7 Variabili di sao 1. Variabili di sao 2. Funzione impulsiva di Dirac 3. Generaori impulsivi per variabili di sao disconinue 3.1 ondizioni iniziali e generaori impulsivi In quesa lezione inrodurremo

Dettagli

Struttura dei tassi per scadenza

Struttura dei tassi per scadenza Sruura dei assi per scadenza /45-Unià 7. Definizione del modello ramie gli -coupon bonds preseni sul mercao Ipoesi di parenza Sul mercao sono preseni all isane ZCB che scadono fra,2,,n periodi Periodo:

Dettagli

Corso di. Economia Politica

Corso di. Economia Politica Prof.ssa Blanchard, Maria Laura Macroeconomia Parisi, PhD; Una parisi@eco.unibs.i; prospeiva europea, DEM Universià Il Mulino di 2011 Brescia Capiolo I. Un Viaggio inorno al mondo Corso di Economia Poliica

Dettagli

La matrice di contabilità sociale (SAM): uno strumento per la valutazione IPI, 2009

La matrice di contabilità sociale (SAM): uno strumento per la valutazione IPI, 2009 La marice di conabilià sociale (SAM): uno srumeno per la valuazione IPI, 2009 Sono vieae le riproduzioni del eso, dei dai e dei conenui informaici dei CD allegai non auorizzai dall IPI con qualsiasi mezzo

Dettagli

Opportunità di arbitraggio nel mercato del BTP Futures: una verifica empirica.

Opportunità di arbitraggio nel mercato del BTP Futures: una verifica empirica. Opporunià di arbiraggio nel mercao del BTP Fuures: una verifica empirica. Andrea Giacomelli Grea, Venezia Domenico Sarore Universià Ca' Foscari e Grea, Venezia Michele Trova Inesa Asse Managemen Come è

Dettagli

La parità tra i tassi di interesse: una verifica empirica

La parità tra i tassi di interesse: una verifica empirica UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA ECONOMIA E FINANZA Tesi di laurea La parià ra i assi di ineresse: una verifica empirica Relaore: CH.MO PROF.

Dettagli

La programmazione aggregata nella supply chain. La programmazione aggregata nella supply chain 1

La programmazione aggregata nella supply chain. La programmazione aggregata nella supply chain 1 La programmazione aggregaa nella supply chain La programmazione aggregaa nella supply chain 1 Linea guida Il ruolo della programmazione aggregaa nella supply chain Il problema della programmazione aggregaa

Dettagli

Il valore delle. Argomenti. Domande chiave. Teoria della Finanza Aziendale Prof. Arturo Capasso A.A. 2005-2006

Il valore delle. Argomenti. Domande chiave. Teoria della Finanza Aziendale Prof. Arturo Capasso A.A. 2005-2006 - 4 Teoria della Finanza Aziendale rof. Aruro Capasso A.A. 5-6 Il valore delle A. azioni ordinarie - Argomeni Rendimeni richiesi rezzi delle azioni e ES Cash Flows e valore economico d impresa - 3 Domande

Dettagli

Metodi stocastici per l individuazione di casi di Manipolazione e di insider trading

Metodi stocastici per l individuazione di casi di Manipolazione e di insider trading Approfondimeni l Regulaion Meodi socasici per l individuazione di casi di Manipolazione e di insider rading Marcello Minenna presena un modello probabilisico per l individuazione di possibili fenomeni

Dettagli

Analisi e valutazione degli investimenti

Analisi e valutazione degli investimenti Analisi e valuazione degli invesimeni Indice del modulo L analisi degli invesimeni e conceo di invesimeno Il valore finanziario del empo e aualizzazione Capializzazione e aualizzazione Il coso opporunià

Dettagli

Introduzione all analisi delle serie storiche e dei metodi di previsione

Introduzione all analisi delle serie storiche e dei metodi di previsione Inroduzione all analisi delle serie soriche e dei meodi di previsione Indice. Capiolo inroduivo,. Inroduzione.2 Fasi di un analisi di previsione e sruura delle dispense 2. Meodi e srumeni di base, 5 2.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA "TOR VERGATA"

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA "TOR VERGATA" FACOLTA' DI ECONOMIA DOTTORATO DI RICERCA IN BANCA E FINANZA CICLO DEL CORSO DI DOTTORATO XXII LA CRISI DEI MUTUI SUBPRIME: ANALISI DEGLI EFFETTI SUI RENDIMENTI

Dettagli

velocità angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un intervallo di tempo)

velocità angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un intervallo di tempo) V A = AMPIEZZA = lunghezza di V A ALTERNATA Proiezione di V X ISTANTE = velocià angolare o pulsazione (gradi /s oppure rad/s) (angolo percorso da V in un inervallo di empo) DEVE ESSERE COSTANTE Angolo

Dettagli

SELEZIONE DI UN PORTAFOGLIO MEDIANTE LA FORZA RELATIVA

SELEZIONE DI UN PORTAFOGLIO MEDIANTE LA FORZA RELATIVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA, ECONOMIA E FINANZA SELEZIONE DI UN PORTAFOGLIO MEDIANTE LA FORZA RELATIVA RELATORE: Ch.mo Prof. Francesco

Dettagli

In questo caso entrambi i gruppi chiedono copertura completa: q = d = 100.

In questo caso entrambi i gruppi chiedono copertura completa: q = d = 100. Soluzione dell Esercizio 1: Assicurazioni a) In un mercao perfeamene concorrenziale, deve valere la condizione di profii aesi nulli: E(P)=0. E possibile mosrare che ale condizione implica che l impresa

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTÀ DI ECONOMIA FEDERICO CAFFÈ

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTÀ DI ECONOMIA FEDERICO CAFFÈ UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTÀ DI ECONOMIA FEDERICO CAFFÈ CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E COMMERCIO Tesi di laurea IL RUOLO DELL ESPANSIONE DELLA DOMANDA DI CONSUMI NELLA CRESCITA ECONOMICA: ALCUNE

Dettagli

TEMPUS PECUNIA EST COLLANA DI MATEMATICA PER LE SCIENZE ECONOMICHE FINANZIARIE E AZIENDALI

TEMPUS PECUNIA EST COLLANA DI MATEMATICA PER LE SCIENZE ECONOMICHE FINANZIARIE E AZIENDALI TEPUS PECUNIA EST COLLANA DI ATEATICA PER LE SCIENZE ECONOICHE FINANZIARIE E AZIENDALI 3 Direore Bearice VENTURI Universià degli Sudi di Cagliari Comiao scienifico Umbero NERI Universiy of aryland Russel

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI SCIENZE STATISTICHE TESI DI LAUREA IN STATISTICA ECONOMIA E FINANZA STIMA DELLA VOLATILITA NEI MERCATI FINANZIARI CON DATI INFRA-GIORNALIERI: ALCUNI CONFRONTI

Dettagli

CONSOB QUADERNI DI FINANZA L INDIVIDUAZIONE DI FENOMENI DI ABUSO STUDI E RICERCHE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA COMMISSIONE

CONSOB QUADERNI DI FINANZA L INDIVIDUAZIONE DI FENOMENI DI ABUSO STUDI E RICERCHE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA COMMISSIONE CONSOB COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA QUADERNI DI FINANZA STUDI E RICERCHE L INDIVIDUAZIONE DI FENOMENI DI ABUSO DI MERCATO NEI MERCATI FINANZIARI: UN APPROCCIO QUANTITATIVO M. MINENNA

Dettagli

INDICATORI PER IL MERCATO AZIONARIO (aggiornato il 2-2-2007)

INDICATORI PER IL MERCATO AZIONARIO (aggiornato il 2-2-2007) INDICATORI PER IL MERCATO AZIONARIO (aggiornao il 2-2-2007). Obievi della rilevazione Negli anni 60 Mediobanca avviò la rilevazione sisemaca dei corsi delle azioni quoae in Borsa, ideando un indice con

Dettagli

Questioni di Economia e Finanza

Questioni di Economia e Finanza Quesioni di Economia e Finanza (Occasional Papers) La grande disribuzione organizzaa e l indusria alimenare in Ialia di Eliana Viviano (coordinaore), Luciana Aimone Gigio, Emanuela Ciapanna, Daniele Coin,

Dettagli

RELAZIONE FINALE: MODELLAZIONE DEI PREZZI DELL ENERGIA ELETTRICA: UN ESEMPIO

RELAZIONE FINALE: MODELLAZIONE DEI PREZZI DELL ENERGIA ELETTRICA: UN ESEMPIO RELAZIONE FINALE: MODELLAZIONE DEI PREZZI DELL ENERGIA ELETTRICA: UN ESEMPIO RELATORE: CH.MO PROF. LISI FRANCESCO LAUREANDO: CANELLA FRANCESCO MATRICOLA: 45835 ANNO ACCADEMICO: 003-004 4 Alla mia famiglia

Dettagli

Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendite mensili di shampoo

Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendite mensili di shampoo Media Mobile di ampiezza k (k pari) Esempio: Vendie mensili di shampoo Mese y 1 266,0 2 145,9 3 183,1 4 119,3 5 180,3 6 168,5 7 231,8 8 224,5 9 192,8 10 122,9 11 336,5 12 185,9 1 194,3 2 149,5 3 210,1

Dettagli

RISPOSTA NEL DOMINIO DEL TEMPO

RISPOSTA NEL DOMINIO DEL TEMPO RISPOSTA NEL DOMINIO DEL TEMPO Nel dominio del empo le variabili sono esaminae secondo la loro evoluzione emporale. Normalmene si esamina la risposa del sisema a un segnale di prova canonico, cioè si sollecia

Dettagli

Introduzione all analisi quantitativa dei beni pubblici. Italo M. Scrocchia

Introduzione all analisi quantitativa dei beni pubblici. Italo M. Scrocchia Diparimeno di Scienze Economiche, Maemaiche e Saisiche Universià degli Sudi di Foggia Inroduzione all analisi quaniaiva dei beni pubblici Ialo M. Scrocchia Quaderno n. 27/2008 Esemplare fuori commercio

Dettagli

TECNICA DELLE ASSICURAZIONI

TECNICA DELLE ASSICURAZIONI TECNICA DELLE ASSICURAZIONI E DELLE FORME PENSIONISTICHE Prof. Annamaria Olivieri a.a. 25/26 Esercizi: eso. Una socieà di calcio si impegna a risarcire con 5 euro il proprio allenaore, in caso di licenziameno

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA A.A. 2007 2008 Prova dell 8 febbraio 2008. Esercizio 1 (6 punti)

MATEMATICA FINANZIARIA A.A. 2007 2008 Prova dell 8 febbraio 2008. Esercizio 1 (6 punti) MATEMATICA FINANZIARIA A.A. 007 008 Prova dell 8 febbraio 008 Nome Cognome Maricola Esercizio (6 puni) La vendia raeale di un bene di valore 000 prevede il pagameno di rae mensili posicipae cosani calcolae

Dettagli

4 La riserva matematica

4 La riserva matematica 4 La riserva maemaica 4.1 Inroduzione La polizza, come si è viso, viene cosruia in modo da essere in equilibrio auariale alla daa di sipula = 0 e rispeo alla base ecnica del I ordine: se X è il flusso

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA Facolà di Scienze Saisiche CORSO DI LAUREA IN STATISTICA, ECONOMIA E FINANZA RELAZIONE FINALE: INFLUENZA DI ALCUNI CARATTERI SOCIOECONOMICI NELLE SCELTE DI PORTAFOGLIO

Dettagli

Ottobre 2009. ING ClearFuture

Ottobre 2009. ING ClearFuture Oobre 2009 ING ClearFuure Una crescia cosane. Con una solida proezione nel empo. ING ClearFuure è la soluzione assicuraiva Uni Linked di dirio lussemburghese, realizzaa apposiamene da ING Life Luxembourg

Dettagli

Il modello Neo-Keynesiano, politica monetaria e dinamica dell inflazione. Perché l inflazione è persistente?

Il modello Neo-Keynesiano, politica monetaria e dinamica dell inflazione. Perché l inflazione è persistente? SAGGIO AD INVITO Il modello Neo-Keynesiano, poliica monearia e dinamica dell inflazione. Perché l inflazione è persisene? Guido Ascari* Universià degli Sudi di Pavia Quesa rassegna, dopo aver brevemene

Dettagli

Direzione Sistemi informativi Servizio statistica e toponomastica. Bollettino mensile di Statistica

Direzione Sistemi informativi Servizio statistica e toponomastica. Bollettino mensile di Statistica Direzione Sisemi informaivi Servizio saisica e oponomasica Bolleino mensile di Saisica Seembre 2013 Sisema Saisico Nazionale Comune di Firenze Ufficio Comunale di Saisica Direzione Sisemi informaivi Servizio

Dettagli

4 Il Canale Radiomobile

4 Il Canale Radiomobile Pare IV G. Reali: Il canale radiomobile 4 Il Canale Radiomobile 4.1 INTRODUZIONE L evoluzione fondamenale nella filisofia di progeo delle rei di comunicazione indoor è il passaggio dalla modalià di rasmissione

Dettagli

In questi ultimi tre anni le società di assicurazione europee hanno. Polizze vita l Approfondimenti

In questi ultimi tre anni le società di assicurazione europee hanno. Polizze vita l Approfondimenti Polizze via l Approfondimeni Incorporare le aese dell assicurao nell ALM In quesi ulimi anni le socieà di assicurazione europee hanno affinao l uilizzo dell ALM nel ramo via. I loro sforzi, uavia, si sono

Dettagli

Gli effetti dell offshoring di servizi sulla produttività: Un analisi empirica su dati italiani ed europei

Gli effetti dell offshoring di servizi sulla produttività: Un analisi empirica su dati italiani ed europei Gli effei dell offshoring di servizi sulla produivià: Un analisi empirica su dai ialiani ed europei Rosario Crinò Insiu d Anàlisi Econòmica, CSIC Absrac Queso lavoro sudia gli effei dell offshoring di

Dettagli

Gli effetti della politica fiscale sulla domanda di benzina e di gasolio: un approccio SVAR.

Gli effetti della politica fiscale sulla domanda di benzina e di gasolio: un approccio SVAR. Sudi e ricerche N. 4/2010 Giulio Dal Savio Gianluca Dari Marco Manzo Gli effei della poliica fiscale sulla domanda di enzina e di asolio: un approccio SVAR. Ufficio Cenrale Anifrode - Ufficio Sudi economico-fiscali

Dettagli

Sofferenze bancarie di imprese e famiglie: evidenza sull Italia

Sofferenze bancarie di imprese e famiglie: evidenza sull Italia Corso di Laurea magisrale (ordinameno ex D.M. 270/2004) in Economia e Finanza Tesi di Laurea Sofferenze bancarie di imprese e famiglie: evidenza sull Ialia Relaore Ch. Prof. Domenico Sarore Laureanda Francesca

Dettagli

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017

NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 NOTA METODOLOGICA SUL MODELLO PREVISIVO EXCELSIOR PER GLI ANNI 2013-2017 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 1. IL MODELLO ECONOMETRICO PER LA STIMA DEGLI STOCK SETTORIALI... 3 Foni... 3 Meodologia... 3 La formulazione

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA

CONDIZIONI DEFINITIVE NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA Dexia Crediop S.p.A. CONDIZIONI DEFINITIVE alla NOTA INFORMATIVA SUL PROGRAMMA «DEXIA CREDIOP S.P.A. OBBLIGAZIONI CONSTANT PROPORTION PORTFOLIO INSURANCE (CPPI)» Presio Obbligazionario «Dexia Crediop Callable

Dettagli

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI Universià degli Sudi di Parma Diparimeno di Economia Obieivi della lezione Capire i profili di analisi di un invesimeno in beni srumenali Saper scegliere correamene

Dettagli

La Riassicurazione. Prof. Cerchiara Rocco Roberto. email: rocco.cerchiara@unical.it. Materiale e Riferimenti

La Riassicurazione. Prof. Cerchiara Rocco Roberto. email: rocco.cerchiara@unical.it. Materiale e Riferimenti Prof. R.R. Cerciara La Riassicurazione Prof. Cerciara Rocco Robero email: rocco.cerciara@unical.i Maeriale e Riferimeni 1. Lucidi disribuii in aula. Daboni, pagg. 13-17 e 137-148 (Leggere Riassicurazione

Dettagli

6 IL TASSO DI CAMBIO

6 IL TASSO DI CAMBIO Il asso di cambio 111 6 IL TASSO DI CAMBIO Il sisema economico silizzao dal quale siamo parii nel capiolo 1 si basa sul barao. In esso quindi non roviamo monea né ano meno la necessià di converire grandezze

Dettagli

Luiss Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli

Luiss Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli Luiss Libera Universià Inernazionale degli Sudi Sociali Guido Carli CeMASM Cenro Mario Arcelli di Sudi Moneari Quaderno di Ricerca n. 1/2005 Iseresi, domanda aggregaa, rend socasici comuni in un modello

Dettagli

Economia e gestione delle imprese - 01

Economia e gestione delle imprese - 01 Economia e gesione delle imprese - 01 L impresa come organizzazione che crea valore Leve di creazione di ricchezza e responsabilià sociale Prima pare : L impresa che crea valore 1. L impresa 2. L evoluzione

Dettagli

Fabio Grasso LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: I PROFILI TECNICI

Fabio Grasso LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: I PROFILI TECNICI Fabio Grasso Direore Diparimeno di Scienze Saisiche Presidene Area Didaica delle Scienze Saisiche, Auariali e Finanziarie Universià degli Sudi di Roma La Sapienza LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: I PROFILI

Dettagli

LA DINAMICA DEL DEBITO PUBBLICO. UN ANALISI DEL CASO ITALIANO, 1980-1996

LA DINAMICA DEL DEBITO PUBBLICO. UN ANALISI DEL CASO ITALIANO, 1980-1996 Liuc Papers n. 33, Serie Economia e Impresa 8, seembre 1996 LA DINAMICA DEL DEBITO PUBBLICO. UN ANALISI DEL CASO ITALIANO, 1980-1996 Angelo Marano Inroduzione Le dimensioni anomale che il debio pubblico

Dettagli

INTRODUZIONE 1 LA STIMA DEI VINCOLI FINANZIARI AGLI INVESTIMENTI IN RICERCA E SVILUPPO DELLE IMPRESE MANUFATTURIERE ITALIANE 4

INTRODUZIONE 1 LA STIMA DEI VINCOLI FINANZIARI AGLI INVESTIMENTI IN RICERCA E SVILUPPO DELLE IMPRESE MANUFATTURIERE ITALIANE 4 INDICE INTRODUZIONE 1 CAPITOLO 1 LA STIMA DEI VINCOLI FINANZIARI AGLI INVESTIMENTI IN RICERCA E SVILUPPO DELLE IMPRESE MANUFATTURIERE ITALIANE 4 1.1 INTRODUZIONE...4 1.2 LA DEFINIZIONE DELLA STRUTTURA

Dettagli

Il crollo dei regimi di cambio fisso (Dott. Alessandro Gambini email: a.gambini@univpm.it)

Il crollo dei regimi di cambio fisso (Dott. Alessandro Gambini email: a.gambini@univpm.it) Universià Poliecnica delle Marche Diparimeno di Economia Corso di Economia Monearia Inernazionale Il crollo dei regimi di cambio fisso (Do. Alessandro Gambini email: a.gambini@univpm.i) Dopo il crollo

Dettagli

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria

Università di Napoli Parthenope Facoltà di Ingegneria Universià di Napoli Parenope Facolà di Ingegneria Corso di Comunicazioni Elerice docene: Prof. Vio Pascazio a Lezione: 7/04/003 Sommario Caraerizzazione energeica di processi aleaori Processi aleaori nel

Dettagli

Facoltà di Agraria - Università di Sassari Anno Accademico 2004-2005. Analisi Costi e Benefici

Facoltà di Agraria - Università di Sassari Anno Accademico 2004-2005. Analisi Costi e Benefici Facolà di Agraria - Universià di Sassari Anno Accademico 004-005 Dispense Corso di Pianificazione e Difesa del erriorio Docene: Luciano Guierrez Analisi Cosi e Benefici. Inroduzione. Decisioni individuali

Dettagli

Esposizioni e grado di leva degli hedge fund: un analisi temporale 1

Esposizioni e grado di leva degli hedge fund: un analisi temporale 1 Parick McGuire +41 61 28 8921 parick.mcguire@bis.org Eli Remolona +852 2878 715 eli.remolona@bis.org Kosas Tsasaronis +41 61 28 882 ksasaronis@bis.org Esposizioni e grado di leva degli hedge fund: un analisi

Dettagli

Anche sugli impianti in esercizio è possibile intervenire attuando una serie di soluzioni in grado di ridurre sensibilmente il consumo di energia.

Anche sugli impianti in esercizio è possibile intervenire attuando una serie di soluzioni in grado di ridurre sensibilmente il consumo di energia. Risparmio Energeico Risparmio Energeico per Scale e Tappei Mobili La riduzione dei consumi di energia proveniene dalle foni fossili non rinnovabili (perolio, carbone) è una delle priorià assolue, insieme

Dettagli

La Finanza di Progetto per la realizzazione e gestione di un parco Eolico

La Finanza di Progetto per la realizzazione e gestione di un parco Eolico SUSTAINABLE ENERGY FORUM - Le nuove froniere della produzione di energia pulia La Finanza di Progeo per la realizzazione e gesione di un parco Eolico Roma, 6 Giugno 2007 Gabriele FERRANTE Unià ecnica Finanza

Dettagli

LEZIONE 10. Il finanziamento dell istruzione. Economia del Settore Pubblico. Modalità dell intervento pubblico. Il finanziamento dell istruzione

LEZIONE 10. Il finanziamento dell istruzione. Economia del Settore Pubblico. Modalità dell intervento pubblico. Il finanziamento dell istruzione Economia del Seore Pubblico Laura Vici laura.vici@unibo.i www2.dse.unibo.i/lvici/edsp_ii.hm Modalià dell inerveno pubblico Regolamenazione Finanziameno: parziale o inegrale? Produzione: pubblica o privaa?

Dettagli

Il modello di Black-Scholes. Il modello di Black-Scholes/2

Il modello di Black-Scholes. Il modello di Black-Scholes/2 Il modello di Black-Scholes Si raa sosanzialmene del modello in empo coninuo che si oiene facendo endere a 0 nel modello binomiale. Come vedremo, è un modello di fondamenale imporanza, e per esso a Myron

Dettagli

Gestione della produzione MRP e MRPII

Gestione della produzione MRP e MRPII Sommario Gesione della produzione e Inroduzione Classificazione Misure di presazione La Disina Base Logica Lo Sizing in II Inroduzione Inroduzione Def: Gesire la produzione significa generare e sfruare

Dettagli

I): informazione perfetta: lavoratori e imprese conoscono P e W:

I): informazione perfetta: lavoratori e imprese conoscono P e W: Il Monearismo Il mercao del lavoro secondo i monearisi Conrai a breve ermine si aggiusano velocemene I): informazione perfea: lavoraori e imprese conoscono e W: W i prezzi : da a = 2 W - domanda: da a

Dettagli

2. Politiche di gestione delle scorte

2. Politiche di gestione delle scorte deerminisica variabile nel empo Quando la domanda viaria nel empo, il problema della gesione dell invenario divena preamene dinamico. e viene deo di lo-sizing. Consideriamo il caso in cui la domanda pur

Dettagli

METODI DECISIONALI PER L'AZIENDA. www.lvproject.com. Dott. Lotti Nevio

METODI DECISIONALI PER L'AZIENDA. www.lvproject.com. Dott. Lotti Nevio METODI DECISIONALI PER L'AZIENDA www.lvprojec.com Do. Loi Nevio Generalià sui sisemi dinamici. Variabili di sao, di ingresso, di uscia. Sisemi discrei. Sisemi lineari. Paper: Dynamic Modelling Do. Loi

Dettagli

I RENDIMENTI LE SERIE STORICHE FINANZIARIE

I RENDIMENTI LE SERIE STORICHE FINANZIARIE I EDIMETI LE SEIE STOICHE FIAZIAIE Aivià finanziarie Azioni es. Capialia, Mediase,... Tioli di sao BOT, BT, Tassi di cambio Euro/Dollaro, Euro/Serlina, Indici di Borsa S&/MIB, CAC4, ETF Tassi di ineresse

Dettagli

Cenni di Matematica Finanziaria

Cenni di Matematica Finanziaria Cenni di Maemaica Finanziaria M.Leizia Guerra Facolà di Economia Universià di Urbino Carlo Bo Leggi e regimi finanziari Operazioni finanziarie elemenari Un conrao finanziario ra due soggei Alfa e Bea prevede

Dettagli

REDDITO DI CITTADINANZA: UN OPPORTUNITÀ O UNA TRAPPOLA INSIDIOSA PER L OCCUPAZIONE? UNA VERIFICA EMPIRICA PER IL CASO ITALIANO

REDDITO DI CITTADINANZA: UN OPPORTUNITÀ O UNA TRAPPOLA INSIDIOSA PER L OCCUPAZIONE? UNA VERIFICA EMPIRICA PER IL CASO ITALIANO Liuc Papers n. 60, Serie Economia e Impresa 17, gennaio 1999 REDDITO DI CITTADINANZA: UN OPPORTUNITÀ O UNA TRAPPOLA INSIDIOSA PER L OCCUPAZIONE? UNA VERIFICA EMPIRICA PER IL CASO ITALIANO Massimiliano

Dettagli

Corso di Economia del Lavoro Daniele Checchi Blanchard-Amighini-Giavazzi cap.4 anno 2014-15

Corso di Economia del Lavoro Daniele Checchi Blanchard-Amighini-Giavazzi cap.4 anno 2014-15 Corso i Economia el Lavoro Daniele Checchi Blanchar-Amighini-Giavazzi cap.4 anno 2014-15 I MERCATI FINANZIARI Esise una grane varieà i aivià finanziarie. Il risparmiaore eve scegliere in quali forme eenere

Dettagli

LA GESTIONE COORDINATA DEGLI ATTIVI E DEI PASSIVI NEI FONDI PENSIONE

LA GESTIONE COORDINATA DEGLI ATTIVI E DEI PASSIVI NEI FONDI PENSIONE LA GESTIONE COORDINATA DEGLI ATTIVI E DEI PASSIVI NEI FONDI PENSIONE Prof. PAOLO DE ANGELIS Auario - Sudio ACRA Do. STEFANO VISINTIN Auario - Sudio Auariale Visinin & Associai Roma 19 giugno 2012 ASPETTI

Dettagli

IL FENOMENO DELLA LONGEVITA ED IL RISCHIO DI MODELLO: ANALISI E MISURA

IL FENOMENO DELLA LONGEVITA ED IL RISCHIO DI MODELLO: ANALISI E MISURA IL FENOMENO DELLA LONGEVITA ED IL RISCHIO DI MODELLO: ANALISI E MISURA Valeria D Amao Doorao in Maemaica per l Analisi economica e la Finanza XX Ciclo Coordinaore: Prof. Emilia Di Lorenzo Tuor: Prof. Emilia

Dettagli

Finanza pubblica in Italia

Finanza pubblica in Italia Finanza pubblica in Ialia Aggregazioni di eni pubblici Nelle saisiche e nei documeni ufficiali di poliica economica si fa riferimeno a deerminae aggregazioni di eni pubblici. Tali aggregazioni possono

Dettagli

Le polizze rivalutabili

Le polizze rivalutabili Capiolo 6 Le polizze rivaluabili 6.1 Inroduzione Le polizze via rivaluabili sono sae inrodoe nel mercao ialiano negli anni di ala inflazione e oggi, con l eccezione delle polizze TCM, hanno compleamene

Dettagli

UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÁ DI SCIENZE STATISTICHE CORSO DI LAUREA IN STATISTICA E FINANZA TESI DI LAUREA LA PROBABILITÁ DI SOFFERENZA NEI FINANZIAMENTI ALLE FAMIGLIE: RELAZIONE DI UNO STAGE

Dettagli

Buono Fruttifero Postale P70

Buono Fruttifero Postale P70 Foglio Informaivo delle principali caraerisiche dei Buoni Fruiferi Posali e Regolameno del presio Pare I - Informazioni sull'emiene e sul Collocaore Emiene: Cassa deposii e presii socieà per azioni (di

Dettagli

V AK. Fig.1 Caratteristica del Diodo

V AK. Fig.1 Caratteristica del Diodo 1 Raddrizzaore - Generalià I circuii raddrizzaori uilizzano componeni come i Diodi che presenano la caraerisica di unidirezionalià, cioè permeono il passaggio della correne solo in un verso. In figura

Dettagli

Il Project Financing - Aspet t i finanziari

Il Project Financing - Aspet t i finanziari Parenariao Pubblico Privao Le modalià di coinvolgimeno dei capiali privai nel seore pubblico e gli srumeni finanziari di invesimeno Il Projec Financing - Aspe i finanziari Roma, 21 Febbraio 2006 Gabriele

Dettagli

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni Domanda 1: Valuazione e Analisi di Obbligazioni (31 puni) Lei lavora per il diparimeno Invesimeni Obbligazionari di una compagnia di assicurazioni sulla via e ha preparao la Tabella 1 dei rendimeni obbligazionari

Dettagli

APPUNTI DI ANALISI DEI SEGNALI DAVIDE BASSI

APPUNTI DI ANALISI DEI SEGNALI DAVIDE BASSI UNIVERIÀ DEGLI UDI DI RENO FACOLÀ DI CIENZE MAEMAICHE, FIICHE E NAURALI CORO DI LAUREA IN FIICA APPLICAA DAVIDE BAI APPUNI DI ANALII DEI EGNALI Indice Risposa impulsionale dei sisemi lineari -. isemi lineari

Dettagli

L indotto del Giubileo Straordinario della Misericordia Analisi di impatto economico

L indotto del Giubileo Straordinario della Misericordia Analisi di impatto economico L indoo del Giubileo Sraordinario della Misericordia Analisi di impao economico Roma, 13 luglio 2015 Team di ricerca: Prof. Giuseppe Ciccarone (Sapienza Universià di Roma) Prof. Giovanni Di Barolomeo (Sapienza

Dettagli

6 Le polizze rivalutabili

6 Le polizze rivalutabili 6 Le polizze rivaluabili 6.1 Inroduzione Le polizze via rivaluabili sono sae inrodoe nel mercao ialiano negli anni di ala inflazione e oggi ui i conrai dei rami via proposi dalla compagnie ialiane, con

Dettagli

Asimmetria del rischio sistematico dei titoli americani: nuove evidenze econometriche

Asimmetria del rischio sistematico dei titoli americani: nuove evidenze econometriche Asimmeria del rischio sisemaico dei ioli americani: nuove evidenze economeriche Paola De Sanis Carlo Drago IPE Working Paper N. 3 Sepember 8, 2014 ISSN 2284-1229 Online a www.ipeisiuo.i Asimmeria del rischio

Dettagli

Systematic Risk Asymmetry of the American Real Estate Securities: Some New Econometric Evidence

Systematic Risk Asymmetry of the American Real Estate Securities: Some New Econometric Evidence MPRA Munich Personal RePEc Archive Sysemaic Risk Asymmery of he American Real Esae Securiies: Some New Economeric Evidence Paola De Sanis and Carlo Drago ICCREA Banca S.p.A, Universià degli sudi Niccolò

Dettagli

Il ricorso alla Finanza di Progetto nei progetti di generazione da fonti rinnovabili

Il ricorso alla Finanza di Progetto nei progetti di generazione da fonti rinnovabili I disrei produivi ialiani : Energia e sicurezza Il ricorso alla Finanza di Progeo nei progei di generazione da foni rinnovabili Pisa, 21-22 22 Novembre 2007 Gabriele FERRANTE Unià Tecnica Finanza di Progeo

Dettagli

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE

COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE COMPORTAMENTO SISMICO DELLE STRUTTURE Durane un erreoo, le oscillazioni del erreno di fondazione provocano nelle sovrasani sruure delle oscillazioni forzae. Quando il erreoo si arresa, i ovieni della sruura

Dettagli

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO

VALORE EFFICACE DEL VOLTAGGIO Fisica generale, a.a. /4 TUTOATO 8: ALO EFFC &CCUT N A.C. ALOE EFFCE DEL OLTAGGO 8.. La leura con un mulimero digiale del volaggio ai morsei di un generaore fornisce + in coninua e 5.5 in alernaa. Tra

Dettagli

Politica fiscale: l insieme delle misure messe in atto dal policy-maker concernenti le entrate e le spese del settore pubblico.

Politica fiscale: l insieme delle misure messe in atto dal policy-maker concernenti le entrate e le spese del settore pubblico. LA POLITICA FISCALE Poliica fiscale: l insieme delle misure messe in ao dal policy-maker concerneni le enrae e le spese del seore pubblico. Sruura: - alcune definizioni isiuzionali; - il modus operandi

Dettagli

DISPENSA DI ECONOMIA DEL TURISMO. Parte Seconda: Offerta, Sostenibilità e Impatto. Jan van der Borg

DISPENSA DI ECONOMIA DEL TURISMO. Parte Seconda: Offerta, Sostenibilità e Impatto. Jan van der Borg DISPENSA DI ECONOMIA DEL TURISMO. Pare Seconda: Offera, Sosenibilià e Impao Jan van der Borg Dicembre 2009 CAPITOLO 1: L OFFERTA TURISTICA 1.1 Offera urisica In prima approssimazione possiamo definire

Dettagli

Scuola dottorale di Economia e metodi quantitativi. Dottorato in Metodi statistici per l economia e l impresa TESI DI DOTTORATO DI RICERCA

Scuola dottorale di Economia e metodi quantitativi. Dottorato in Metodi statistici per l economia e l impresa TESI DI DOTTORATO DI RICERCA Scuola doorale di Economia e meodi quaniaivi Doorao in Meodi saisici per l economia e l impresa ESI DI DOORAO DI RICERCA Meodi numerici e calcolo socasico per la valuazione di conrai derivai: un modello

Dettagli