attività motorie per i senior euro 22,00

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "attività motorie per i senior euro 22,00"

Transcript

1 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano di essere sollecitate pioritariamente? Per rispondere a queste domande, il testo affronta nelle prime sezioni gli effetti del processo di invecchiamento sui principali apparati e sistemi per giungere a fornire indicazioni anche su alcune popolazioni speciali: i senior diabetici, i senior ipertesi, i senior con sindrome metabolica, i senior osteoporotici. Nella terza parte si affronta una breve analisi della letteratura per comprendere se, quando e come, è possibile incrementare la capacità di forza nel soggetto senior: dal sedentario al senior fragile, dal fisicamente attivo fino al per i senior master, tutti, possono sollecitare ed incrementare i livelli di forza muscolare. Alcune brevi ricerche, nella parte finale del testo, evidenziano i benefici ottenibili dall allenamento nell età adulta avanzata: sia le attività correlate alla vita quotidiana, sia le gestualità che potenzialmente possono essere compromesse dall invecchiamento, così come le prestazioni sportive possono trarre vantaggio da programmazioni mirate e controllate. Il testo è suggerito per gli studenti dei Corsi di Laurea in Scienze delle Attività Motorie e Sportive, per gli studenti magistrali dei Corsi di Laurea in Scienze e Tecniche delle Attività Motorie Preventive ed Adattate, per gli insegnanti di fitness adattato all età adulta avanzata e per tutti gli sportivi che vogliono conoscere come incrementare i livelli di forza muscolare. L AUTORE Italo Sannicandro è ricercatore presso l Università di Foggia, nel Corso di Laurea in Scienze delle Attività Motorie e Sportive e nel Corso di Laurea in Scienze e Tecniche delle Attività Motorie Preventive ed Adattate. Ha svolto l attività di coordinatore scientifico e metodologico presso numerosi corsi di senior fitness e conduce test di valutazione motoria specifici per senior. È autore di alcune monografie sulle attività motorie e sportive e di numerose ricerche sul monitoraggio e la descrizione degli effetti di programmi di training adattati, sulle capacità motorie dei senior. euro 22,00

2 _Layout 1 17/01/ Pagina 1 ITALO SANNICANDRO Le attività motorie per i senior Caratteristiche del senior Evidenze scientifiche Aspetti metodologici

3 _Layout 1 17/01/ Pagina 2 Editore Editoriale Sport Italia Via Masaccio, Milano tel. 02/ fax 02/ http: Coordinatore editoriale Ferretto Ferretti Impaginazione Studio S&A, Milano Stampa Me.Ca. - Recco (Genova) Proprietà artistica e letteraria riservata Edizioni Correre - Gennaio 2013

4 _Layout 1 17/01/ Pagina 3 A tutti i miei studenti ed a tutti i miei colleghi perché sostengano sempre il desiderio di scoprire e di capire Il solo uomo che si comporta assennatamente è il mio sarto: mi prende le misure ogni volta che ci vediamo. Gli altri vanno avanti con le vecchie misure, e sperano che continuino ad andare bene. George Bernard Shaw

5 _Layout 1 17/01/ Pagina 4 Hanno collaborato Rosa Anna Rosa Docente di educazione fisica, ha maturato numerose esperienze in qualità di docente a contratto presso il Corso di Laurea in Scienze delle Attività Motorie e Sportive ed il Corso di Laurea in Scienze e Tecniche delle Attività Motorie Preventive ed Adattate dell Università di Foggia. Si occupa di attività motorie adattate per le varie fasce di età, è autrice di monografie ed articoli sulla valutazione motoria adattata e sulla metodologia di allenamento riferita alle varie popolazioni speciali. Andrea Piccinno Laureato in Scienze Motorie, ha maturato esperienze di insegnamento nell ambito dell età adulta avanzata. È stato docente a contratto presso il Corso di Laurea in Scienze delle Attività Motorie e Sportive ed il Corso di Laurea in Scienze e Tecniche delle Attività Motorie Preventive ed Adattate dell Università di Foggia. Si occupa di valutazione motoria con soggetti senior e coordina corsi di senior fitness. È autore di pubblicazioni inerenti le attività motorie destinate a soggetti senior. Giacomo Cofano Laureato in Scienze delle Attività Motorie e Sportive, si occupa di insegnamento e valutazione motoria nell ambito dell età adulta avanzata. Ha condotto corsi di attività motorie per senior con particolare riferimento alla prevenzione delle cadute. Carmine De Rosario Laureato in Scienze Motorie, ha maturato esperienze di insegnamento nell ambito dell età adulta avanzata, con particolare riferimento al Tai Chi Chuan. Ha coordinato e condotto numerosi corsi di attività motorie per soggetti senior ed è esperto di attività motorie per la prevenzione delle cadute. Annamaria Orfino Laureata in Scienze e Tecniche delle Attività Motorie Preventive ed Adattate, ha maturato numerose esperienze di insegnamento nell ambito dell età adulta avanzata e con popolazioni speciali.

6 _Layout 1 17/01/ Pagina 5 PRESENTAZIONE La lettura di questo studio permette di cogliere uno dei temi di interesse trasversale nell ambito delle Scienze Motorie che attireranno, in un futuro molto prossimo, competenze professionali sempre più specifiche, metodologie ancora più orientate, buone prassi didattiche basate sulle evidenze scientifiche. La sfera delle attività motorie destinate all età adulta avanzata costituisce certamente un ambito di intervento multidimensionale e trasversale, ma il ruolo di colui il quale dovrà selezionare compiti motori, individuare le metodologie più adeguata e monitorare il percorso didattico, sarà certamente affidato al laureato in Scienze delle Attività Motorie e Sportive. Il lavoro che mi accingo a presentare costituisce uno studio caratterizzante l ambito delle Scienze Motorie e si avvale delle competenze e delle esperienze maturate dall Autore e dal suo Gruppo, nell ambito universitario e nell ambito delle numerose consulenze prestate sul territorio in centri particolarmente attenti alle esigenze dell età adulta avanzata. Le modalità con cui motivare un senior alla pratica delle attività motorie in forma sistematica e continua, così come i vantaggi derivanti da tale habitus di vita, nonché le potenzialità che ciascun soggetto presenta per tutto il decorso della propria esistenza, costituiscono un tema complesso che richiede continui transfer tra analisi teorica e realizzazione pratica. Tale complessità emerge proprio dalla particolare utenza per la quale questo studio e le attività motorie in genere sono orientate: gli aspetti preventivi, quelli salutistici e quelli pedagogici si sovrappongono continuamente quando si devono strutturare efficaci programmazioni didattiche destinate ai senior. Lo studio affronta con consapevolezza questa difficoltà e questa complessità intrinseca all oggetto trattato e permette di cogliere i tratti caratterizzanti l intervento in ambito motorio e preventivo: l analisi dei protocolli di allenamento della forza e, soprattutto, le ricerche presenti nella seconda parte del testo, esprimono la maturità della ricerca metodologica con i senior nel nostro Paese. La completezza delle informazioni, la rilevante ricerca bibliografica a supporto del testo, così come la natura dei temi affrontati, permette a questo studio di collocarsi tra quelli in grado di sviluppare nuove ricerche e nuove analisi nell ambito delle attività motorie per i senior. Prof. Pietro Fiore Presidente del Corso di Laurea in Scienze delle Attività Motorie e Sportive Università di Foggia 5

7 _Layout 1 17/01/ Pagina 6

8 _Layout 1 17/01/ Pagina 7 RINGRAZIAMENTI Il lavoro, come si potrà osservare dalla stesura dei vari capitoli, è stato svolto a più mani. In questo ultimo periodo sono stati numerosi i Collaboratori ed i Colleghi che hanno accompagnato i percorsi di ricerca e di studio avviati sia presso il Corso di Laurea in Scienze delle Attività Motorie e Sportive, che in quello Magistrale in Scienze e Tecniche delle Attività Motorie Preventive ed Adattate. Ognuno di loro è stato abilissimo nell individuare un aspetto delle attività motorie rivolte ai senior ed ad indagarne riferimenti bibliografici e temi di ricerca, a volte originali. E per questo motivo che ho voluto coinvolgerli in questa ulteriore fatica, perché potesse rimanere, per ciascuno di Loro, una testimonianza concreta che andasse oltre la mia stima e la mia gratitudine personale e professionale che finora gli ho potuto, in tutta semplicità, riconoscere. Per me rappresentano un valido sostegno per poter soddisfare le richieste di tutti i nostri studenti e l opportunità di scoprire sfumature sempre nuove nell ambito delle attività motorie e sportive. Per me rappresentano la forza e il coraggio di chi ha voluto spingersi in una professione i cui aspetti metodologici e scientifici vengono ogni giorno messi in discussione, e che orgogliosamente combatte per dimostrare, sul campo e nella ricerca, che qualcuno deve (almeno) ricredersi e perché. Grazie di cuore a tutti. 7

9 _Layout 1 17/01/ Pagina 8

10 _Layout 1 17/01/ Pagina 9 INTRODUZIONE La costante trasformazione degli stili di vita unitamente agli attuali trend demografici che vedono in costante aumento la popolazione over 65, richiede l analisi delle caratteristiche motorie, cognitive, emotivo-motivazionali e funzionali dell utenza adulta ed anziana. La conoscenza delle principali variabili influenzate dal processo di invecchiamento può senza dubbio contribuire alla strutturazione di sessioni di attività motorie più specifiche e più adattate al soggetto senior. Per il laureato in Scienze delle Attività Motorie e Sportive, così come per quello Magistrale in Scienze e Tecniche delle Attività Motorie Preventive ed Adattate, si profila una nuova sfida professionale: l identificazione dell esperto di attività motorie per senior, infatti, difficilmente potrà passare da percorsi di formazione brevi e affrettati; la competenza nell individuare obiettivi prioritari della programmazione per senior over 65, così come la modulazione dei carichi con i relativi compiti motori e la selezione della metodologia più appropriata rappresenterà la vera sfida culturale, didattica e professionale dei prossimi anni. Questo lavoro non può sicuramente esaurire le numerose tematiche dell universo senior che si intrecciano con le problematiche didattiche, ma vuole rappresentare un momento di riflessione sulle priorità programmatiche che il laureato in Scienze delle Attività Motorie e Sportive, e quello Magistrale in Scienze e Tecniche delle Attività Motorie Preventive ed Adattate dovrà certamente considerare. Alcune parti, senza pretesa di esaustività, sono state dedicate alle popolazioni speciali senior, ossia a quei soggetti che presentano particolari esigenze determinate da quadri patologici di tipo cronico e per i quali, necessariamente, si devono prevedere percorsi didattici e metodologici più specifici, o in forma di personal o in forma di attività di gruppo (per gruppi speciali ). Il lavoro termina con una short review su una tematica di grande interesse per le conseguenze che il processo di invecchiamento determina a cascata su tutte le capacità motorie: la forza. Nell ultima parte, che analizza il tema della allenabilità della forza nel- 9

11 _Layout 1 17/01/ Pagina 10 l età adulta avanzata, si affronta infatti l analisi dei training direttamente indirizzati all incremento della capacità di forza e quelli che sono stati definiti integrati, ossia quelli che hanno voluto sollecitare sia la capacità di forza, sia altre potenzialità motorie del soggetto senior, che spesso condizionano la qualità della vita di quest ultimo. Il testo è completato da alcune esperienze di ricerca condotte in Italia e finalizzate a delineare chi è il senior italiano: che livelli di capacità presenta, quali sono i suoi valori di riferimento in relazione ad alcune prove di valutazione, che effetti hanno alcuni programmi di training. Troppo spesso infatti le nostre conoscenze sui senior, e sulle relative capacità motorie, risentono dell influenza di sia pur validi lavori presenti in letteratura, ma pur sempre appartenenti a contesti sociali e nazionali molti differenti dal nostro per cultura, abitudini, valori antropometrici. Prima di licenziare il lavoro è doverosa una precisazione proprio laddove si presentano ricerche, dati, esperienze metodologiche e risultati. Il testo presenta una serie di interessanti analisi circa i benefici derivanti dalla pratica delle attività motorie, studi condotti talvolta su campioni numericamente importanti, talvolta su piccoli gruppi: tutti comunque esprimono i risultati attesi attraverso la statistica descrittiva, attraverso valori medi e deviazioni standard. Non dimentichi, colui il quale presta la propria attività professionale in ambito didattico, che la variabilità nella ricerca rappresenta un elemento di disturbo per il ricercatore: la variabilità e la grandezza della variabilità spesso costituiscono lo spartiacque tra uno studio pubblicabile ed uno destinato al cassetto. La variabilità spesso ostacola la significatività statistica, tanto da non permetterne la generalizzazione dei risultati ottenuti nello studio. Viceversa, la variabilità in didattica costituisce quell elemento reale che saggia le competenze dell insegnante in termini di adattamento, personalizzazione ed individualizzazione di priorità e contenuti per il singolo soggetto. Le ricerche riportate vogliono rappresentare le potenzialità che i senior possono esprimere, e sicuramente non tutti e non tutti allo stesso modo: i dati ed i risultati dei singoli studi vogliono sottolineare la capacità di allenabilità a tutte le età, desiderano evidenziare ciò che è possibile fare e raggiungere. Il lavoro, infine, necessita di essere completato, approfondito, ulteriormente articolato, scandagliando tutte le tematiche che da queste riflessioni metodologiche sicuramente potranno avere inizio: è il lavoro che si vuole lasciare al lettore. Ciascuno, secondo i propri interessi e secondo le curiosità che la lettura genererà, potrà proseguire idealmente lo studio, contribuendo con i propri approfondimenti a migliorare le competenze professionali utili a lavorare sempre più efficacemente con questa straordinaria fascia di persone, i senior, che non si rivolgeranno all insegnante di fitness o al personal per motivi estetici o legati a forme narcisistiche più o meno tardive; chiederanno professionalità e competenza per continuare ad essere indipendenti il più a lungo possibile, in virtù di un orgoglio e di una dignità personale che non ha eguali in nessun altra fascia di età. 10

12 _Layout 1 17/01/ Pagina 11 INDICE PRESENTAZIONE pag. 5 RINGRAZIAMENTI pag. 7 INTRODUZIONE pag. 9 Prima parte Cap. 1 IL PROCESSO DI INVECCHIAMENTO: DESCRIZIONE pag. 15 SINTETICA DEGLI ADATTAMENTI A CARICO DELLE STRUTTURE ANATOMO-FUNZIONALI Italo Sannicandro Introduzione pag Il processo di invecchiamento pag Invecchiamento del Sistema Nervoso Centrale pag Invecchiamento Sensoriale pag Invecchiamento dell Apparato Osteo-Articolare pag Invecchiamento dell Apparato Respiratorio pag Invecchiamento dell Apparato Cardiocircolatorio pag Invecchiamento dell Apparato Muscolare pag Zoom: la sarcopenia pag Invecchiamento del sistema endocrino pag. 32 Cap. 2 LE ATTIVITÀ MOTORIE NELL ETÀ ADULTA AVANZATA pag. 35 Italo Sannicandro, Rosa Anna Rosa, Giacomo Cofano 2.1 Perché praticare attività motorie nell età adulta avanzata pag Quale attività motorie per l età adulta avanzata pag Attività motorie per senior con esigenze speciali pag Senior, attività motorie e diabete non insulino dipendente pag Senior, attività motorie e patologie cardiovascolari pag Senior, attività motorie e sindrome metabolica pag

13 _Layout 1 17/01/ Pagina 12 Cap. 3 L ALLENAMENTO DELLA FORZA NEI SOGGETTI SENIOR: pag. 57 SHORT REVIEW DELLA LETTERATURA Italo Sannicandro 3.1 La capacità di forza e la sua allenabilità nel soggetto senior pag Strategie di ricerca pag Criteri di inclusione pag Effetti dell allenamento di forza nei soggetti senior: short review della letteratura pag Effetti di Training integrati sulla forza muscolare dei senior pag Conseguenze per la pratica pag. 88 BIBLIOGRAFIA pag. 89 Seconda parte Cap. 1 L ORGANIZZAZIONE E LA DISTRIBUZIONE DEI CONTENUTI pag. 103 CON SENIOR OVER 65: GLI EFFETTI DEL TRAINING DI FORZA SULLE CAPACITÀ MOTORIE Italo Sannicandro, Rosa Anna Rosa Introduzione pag. 103 Materiali e metodi pag. 106 Risultati pag. 108 Discussione dei risultati pag. 112 BIBLIOGRAFIA DI RIFERIMENTO pag. 115 Cap. 2 TAI CHI CHUAN VERSUS FITNESS: CONFRONTO pag. 117 TRA DUE TIPOLOGIE DI ATTIVITÀ MOTORIE ORIENTATE ALL ETÀ ADULTA ED ANZIANA Italo Sannicandro, Carmine De Rosario, Rosa Anna Rosa, Andrea Piccinno Il quadro di riferimento pag. 117 Ipotesi della ricerca pag. 119 Materiali pag. 119 Risultati pag. 121 Discussione dei risultati pag. 128 BIBLIOGRAFIA DI RIFERIMENTO: TESTI pag. 133 BIBLIOGRAFIA DI RIFERIMENTO: ARTICOLI SU RIVISTE pag

14 _Layout 1 17/01/ Pagina 13 INDICE Cap. 3 ATTIVITÀ MOTORIE E PREVENZIONE DELL OSTEOPOROSI pag. 141 IN ETÀ ADULTA Italo Sannicandro, Annamaria Orfino, Giacomo Cofano, Andrea Piccinno Introduzione pag. 141 Struttura ossea e fattori predisponenti l osteoporosi pag. 141 Cos è l osteoporosi pag. 142 Attività motoria e densità ossea pag. 144 Vibrazioni e osteoporosi pag. 151 Conclusioni pag. 154 BIBLIOGRAFIA DI RIFERIMENTO pag

15 _Layout 1 17/01/ Pagina 14

MOVIMENTO UMANO E COLONNA VERTEBRALE: ALGIE E PATOLOGIE DEL RACHIDE IN ETÀ EVOLUTIVA

MOVIMENTO UMANO E COLONNA VERTEBRALE: ALGIE E PATOLOGIE DEL RACHIDE IN ETÀ EVOLUTIVA UNIVERSITÁ CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO Interfacoltà di Scienze della Formazione Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Scienze Motorie e dello Sport MOVIMENTO UMANO E COLONNA VERTEBRALE: ALGIE E

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CERA, CIOCCHETTI, PISACANE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE CERA, CIOCCHETTI, PISACANE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2290 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI CERA, CIOCCHETTI, PISACANE Istituzione delle figure professionali di esperto in scienze delle

Dettagli

BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello. Drssa Grazia Foti

BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello. Drssa Grazia Foti BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello Drssa Grazia Foti MALATTIE CARDIOVASCOLARI Più importante causa di morte nel mondo, (17.3 milioni di morti ogni anno)

Dettagli

Univr Sport. Proposte di Attività per il Benessere di chi vive l Università di Verona A.A. 2015/16. Iscrizioni. Metti la tua salute nel movimento

Univr Sport. Proposte di Attività per il Benessere di chi vive l Università di Verona A.A. 2015/16. Iscrizioni. Metti la tua salute nel movimento Univr Sport Metti la tua salute nel movimento Cammino per il benessere Attività per persone con disabilità Fitness Proposte di Attività per il Benessere di chi vive l Università di Verona Sport individuali

Dettagli

QUESTIONARIO SUL BENESSERE LAVORATIVO

QUESTIONARIO SUL BENESSERE LAVORATIVO QUESTIONARIO SUL BENESSERE LAVORATIVO Anno di indagine 2014 A cura dei RLS Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza Università degli Studi di Bergamo Elaborazione conclusa a Giugno 2015 1 INDICE

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integritàdelle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Allegato A Indagini sul personale dipendente Gentilecollega, La

Dettagli

Allegato A. 1 Scuola di dottorato dell Università degli Studi di Roma del Foro Italico Dottorato

Allegato A. 1 Scuola di dottorato dell Università degli Studi di Roma del Foro Italico Dottorato Allegato A. 1 Scuola di dottorato dell Università degli Studi di Roma del Foro Italico Dottorato Scienze dello Sport, dell Esercizio Fisico e dell Ergonomia Indirizzo Sportivo, Esercizio fisico, Ergonomico.

Dettagli

Benessere Organizzativo

Benessere Organizzativo Benessere Organizzativo Grazie per aver scelto di partecipare a questa indagine sul benessere organizzativo. Rispondere alle domande dovrebbe richiedere non più di 15-20 minuti. Attraverso il questionario

Dettagli

Progetto UN MODELLO D INCLUSIONE SCOLASTICA DEL BAMBINO CON PROBLEMI NEUROLOGICI

Progetto UN MODELLO D INCLUSIONE SCOLASTICA DEL BAMBINO CON PROBLEMI NEUROLOGICI Progetto UN MODELLO D INCLUSIONE SCOLASTICA DEL BAMBINO CON PROBLEMI NEUROLOGICI Associazione Uniti per Crescere Onlus Anno scolastico 2015-2016 CON IL PATROCINIO: COMUNE DI PADOVA Titolo del Progetto:

Dettagli

Indagini sul personale dipendente

Indagini sul personale dipendente AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIROL PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Indagini sul personale dipendente Gentile Collega, La ringraziamo per aver scelto di partecipare a questa indagine sul benessere

Dettagli

Attività didattica Universitaria

Attività didattica Universitaria Attività didattica Universitaria Foto di Roberta Silva Laboratori e Insegnamenti presso l Università di Trieste, Facoltà di Scienze della Formazione a.a. 1994/1995, 1995/1996, 1996/1997 organizzazione

Dettagli

Scienze motorie SCIENZE MOTORIE

Scienze motorie SCIENZE MOTORIE Scienze motorie SCIENZE MOTORIE SCIENZE MOTORIE CORSO DI LAUREA Scienze motorie: Educazione fisica e tecnica sportiva (sede di Voghera) Attività motoria preventiva e adattata (sede di Pavia) CORSI DI LAUREA

Dettagli

Campagna europea 2014/2015 Insieme per la prevenzione e la gestione dello stress lavoro-correlato Le Buone Pratiche

Campagna europea 2014/2015 Insieme per la prevenzione e la gestione dello stress lavoro-correlato Le Buone Pratiche Campagna europea 2014/2015 Insieme per la prevenzione e la gestione dello stress lavoro-correlato Le Buone Pratiche La salute e la sicurezza sul lavoro riguardano tutti. Un bene per te. Un bene per l azienda.

Dettagli

Elena Bortolotti Percorsi inclusivi per la disabilità. Temi, problemi e opportunità

Elena Bortolotti Percorsi inclusivi per la disabilità. Temi, problemi e opportunità A11 703 Elena Bortolotti Percorsi inclusivi per la disabilità Temi, problemi e opportunità Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A

Dettagli

Il fumetto tra i banchi di scuola

Il fumetto tra i banchi di scuola Il fumetto tra i banchi di scuola Claudio Masciopinto IL FUMETTO TRA I BANCHI DI SCUOLA saggio A Pupa e Angelo Tutte le immagini sono Copyright dei loro autori, dei loro rappresentanti o di chi comunque

Dettagli

L ABITUDINE AL FUMO E L OBESITA : DUE MINACCE PER LA SALUTE NEL COMUNE DI FERRARA Anno 2003

L ABITUDINE AL FUMO E L OBESITA : DUE MINACCE PER LA SALUTE NEL COMUNE DI FERRARA Anno 2003 Questo numero e' stato realizzato da: Servizio Statistica del Comune di Ferrara - Dirigente Lauretta Angelini Collaboratori: Stefania Agostini, Caterina Malucelli, Micaela Pora, Claudia Roversi, Michele

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE E TECNICHE DELLO SPORT LM68

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE E TECNICHE DELLO SPORT LM68 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE E TECNICHE DELLO SPORT LM68 GENERALITA : Il corso consiste di 4 semestri su due annualità che ammontano rispettivamente a 66 e 54 CFU per un totale di 120 CFU. Il

Dettagli

5 Il ruolo dei formatori nella formazione alla sicurezza Lorenzo Fantini

5 Il ruolo dei formatori nella formazione alla sicurezza Lorenzo Fantini Quaderni della sicurezza AiFOS n. 4, 2010 Sommario PRESENTAZIONE MicheleLepore 1 INTRODUZIONE PaoloPennesi 5 Ilruolodeiformatorinellaformazioneallasicurezza LorenzoFantini 7 Breviconsiderazionisullaformazioneesuiformatoriinmateriadisaluteesicurezza

Dettagli

La qualità percepita dai partecipanti al progetto Promuovere il benessere psicofisico

La qualità percepita dai partecipanti al progetto Promuovere il benessere psicofisico Assessorato alle Politiche Sociali La qualità percepita dai partecipanti al progetto Promuovere il benessere psicofisico Piano di Zona del Comune di Trieste 2010-2012 (Sintesi) Presentazione I Rapporti

Dettagli

LA DIDATTICA DEI MUSEI SCIENTIFICI IN ITALIA

LA DIDATTICA DEI MUSEI SCIENTIFICI IN ITALIA LA DIDATTICA DEI MUSEI SCIENTIFICI IN ITALIA Roberta Schiattarella Sono grata alla prof.ssa Maria Antonella Fusco per il ruolo di relatore e per le parole che ha riservato al lavoro in seduta di Laurea;

Dettagli

C R I M I N O L O G I A 1.

C R I M I N O L O G I A 1. CRIMINOLOGIA 1. COLLANA CRIMINOLOGIA Swiss School of Management Consiglio Direttivo Coordinatore: Prof. Gaetano Pascale Vicecoordinatore: Prof. Vittorio Pedone Comitato scientifico: Prof. Gaetano Pascale

Dettagli

...NEL MODO IN CUI IO IMPARO

...NEL MODO IN CUI IO IMPARO Istituto Comprensivo Bonaccorso da Montemagno - Quarrata (PT) Istituto Comprensivo - Montale (PT) Istituto Comprensivo Frank-Carradori - Pistoia Istituto Comprensivo Enrico Fermi - Casalguidi (PT)...NEL

Dettagli

Modalità di ammissione

Modalità di ammissione Allegato A. 1 Scuola di dottorato dell Università degli Studi di Roma del Foro Italico Dottorato Scienze dello Sport, dell Esercizio Fisico e dell Ergonomia Indirizzo Sportivo, Esercizio fisico, Ergonomico.

Dettagli

Un efficace strumento di cura e prevenzione

Un efficace strumento di cura e prevenzione HK HealthKlab HealthKlab Health Klab, il Klab della salute, nasce con l'obiettivo di creare e mantenere salute. Sotto questo marchio operano il Servizio di Prevenzione e Attività Fisica dell'istituto di

Dettagli

Sviluppo del percorso

Sviluppo del percorso Ministero Pubblica Istruzione Titolo sintetico del progetto: I CARE Imparare Comunicare Agire in una Rete Educativa Piano Nazionale di formazione e ricerca SCHEDA DI PROGETTO Regione PIEMONTE NUOVE TECNOLOGIE:

Dettagli

Quaderni dei giovani laureati in Assistenza Sanitaria. n. 1 gennaio 2014

Quaderni dei giovani laureati in Assistenza Sanitaria. n. 1 gennaio 2014 Quaderni dei giovani laureati in Assistenza Sanitaria n. 1 gennaio 2014 Quaderni dei giovani laureati in Assistenza Sanitaria n. 1 gennaio 2014 Università degli Studi di Padova Polo Didattico di Conegliano

Dettagli

Affiliata CSEN anno 2013-2014

Affiliata CSEN anno 2013-2014 Affiliata CSEN anno 2013-2014 L obiettivo di questo corso è quello di fornire gli strumenti utili ai professionisti del settore per supportare, preparare, agevolare le persone che hanno preso in carico,

Dettagli

La Gialmica ti permette di prendere un appuntamento per una visita con la nostra Nutrizionista, la

La Gialmica ti permette di prendere un appuntamento per una visita con la nostra Nutrizionista, la La Gialmica ti permette di prendere un appuntamento per una visita con la nostra Nutrizionista, la Dott.ssa Ventriglia. Potrai ricevere una dieta personalizzata e bilanciata con i consigli per dimagrire

Dettagli

Benvenuti a Sezze Rumeno

Benvenuti a Sezze Rumeno Facoltà di Scienze Politiche Sociologia Comunicazione Corso di Laurea Magistrale Scienze Sociali Applicate Sociologia e management della sicurezza Tesi di Laurea Anno accademico 2011/2012 Benvenuti a Sezze

Dettagli

Desidero ringraziare tutti quelli che hanno consentito, con il loro contributo concreto, la realizzazione di questo lavoro.

Desidero ringraziare tutti quelli che hanno consentito, con il loro contributo concreto, la realizzazione di questo lavoro. 3 ABSTRACT Sono passati dieci anni da quando, nella prefazione ad una mia pubblicazione, un amico pedagogista ebbe modo di definire quel lavoro come tipico di una scuola militante. Oggi penso che tali

Dettagli

La formazione e l organizzazione del lavoro in rete e dei gruppi esperti: il Progetto Autismo Regione Liguria

La formazione e l organizzazione del lavoro in rete e dei gruppi esperti: il Progetto Autismo Regione Liguria La formazione e l organizzazione del lavoro in rete e dei gruppi esperti: il Progetto Autismo Regione Liguria E. Veneselli U.O. e Cattedra di Neuropsichiatria Infantile Istituto G. Gaslini Università di

Dettagli

Progetto F-10 CORSO DI FORMAZIONE PER ESPERTI DI ATTIVITÀ MOTORIA PER LA 3^ ETÀ

Progetto F-10 CORSO DI FORMAZIONE PER ESPERTI DI ATTIVITÀ MOTORIA PER LA 3^ ETÀ Progetto F-10 CORSO DI FORMAZIONE PER ESPERTI DI ATTIVITÀ MOTORIA PER LA 3^ ETÀ La Scuola Regionale dello Sport del CONI Puglia promuove un Corso per la Formazione di esperti di attività motoria per la

Dettagli

IMPARARE AD IMPARARE

IMPARARE AD IMPARARE Istituto Comprensivo "E. Q. Visconti" Roma via della Palombella 4, tel 066833114, fax 0668803438 mail: rmic818005@istruzione.it IMPARARE AD IMPARARE Il laboratorio come metodo di studio: competenze, strategie,

Dettagli

L intelligenza numerica

L intelligenza numerica L intelligenza numerica Consiste nel pensare il mondo in termini di quantità. Ha una forte base biologica, sia gli animali che i bambini molto piccoli sanno distinguere poco e molto. È potentissima e può

Dettagli

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio Il diabete nell anziano e il rischio di disabilità Claudio Marengo Marco Comoglio SEEd srl C.so Vigevano, 35-10152 Torino Tel. 011.566.02.58 - Fax 011.518.68.92 www.edizioniseed.it info@edizioniseed.it

Dettagli

PROGRAMMA DELL EVENTO FORMATIVO

PROGRAMMA DELL EVENTO FORMATIVO PROGRAMMA DELL EVENTO FORMATIVO FARMACOVIGILANZA NELLA DISPENSAZIONE DEI FARMACI PER LA TERAPIA DELLE PRINCIPALI PATOLOGIE DEL SISTEMA CARDIOVASCOLARE. Ente Organizzatore: Dipartimento di Farmacologia

Dettagli

IL diabetico. Gestione condivisa. Claudio Marengo Marco Comoglio Andrea Pizzini

IL diabetico. Gestione condivisa. Claudio Marengo Marco Comoglio Andrea Pizzini IL diabetico anziano Gestione condivisa Claudio Marengo Marco Comoglio Andrea Pizzini SEEd srl C.so Vigevano, 35-10152 Torino Tel. 011.566.02.58 - Fax 011.518.68.92 www.edizioniseed.it info@seed-online.it

Dettagli

Piano triennale Azioni positive 2014 2016 La rilevazione del fabbisogno

Piano triennale Azioni positive 2014 2016 La rilevazione del fabbisogno Piano triennale Azioni positive 2014 2016 La rilevazione del fabbisogno Questionario sul benessere organizzativo interno, grado di condivisione del sistema di valutazione e valutazione del superiore gerarchico

Dettagli

IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE

IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE IMPARARE AD IMPARARE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE IMPARARE AD IMPARARE Imparare a imparare è l abilità di perseverare nell, di organizzare il proprio anche mediante una gestione efficace del tempo

Dettagli

FACOLTÀ DI SCIENZE MOTORIE

FACOLTÀ DI SCIENZE MOTORIE FACOLTÀ DI SCIENZE MOTORIE Identità La Facoltà forma professionisti capaci di operare nel mondo dello sport e in quello della promozione della salute e del benessere psico-fisico. Offerta Master I livello

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA All. A al bando di ammissione pubblicato in data 31/07/2012 Art. 1 Tipologia L Università degli Studi di Pavia attiva, per l a.a. 2012/2013, presso la Facoltà di Scienze MMFFN, Dipartimento di Biologia

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti All. A al bando di ammissione pubblicato in data 15/09/2014 Art. 1 Tipologia: Master universitario di II livello in Nutrizione Umana L Università degli Studi di Pavia attiva per l a.a. 2014/2015 il master

Dettagli

Riprendendo il discorso iniziale, stando a quanto affermato da alcuni autori, si assiste, nelle fasce puberali e adolescenziali, al cosiddetto

Riprendendo il discorso iniziale, stando a quanto affermato da alcuni autori, si assiste, nelle fasce puberali e adolescenziali, al cosiddetto INTRODUZIONE L attività sportiva in età adolescenziale, soprattutto se praticata a livello agonistico, si innesta su un terreno ricco di capovolgimenti interpersonali e problematiche esistenziali, andando

Dettagli

Quanto si trova in accordo con le seguenti affermazioni? (scala di valutazione compresa tra 1, per nulla in accordo, e 6, del tutto in accordo)

Quanto si trova in accordo con le seguenti affermazioni? (scala di valutazione compresa tra 1, per nulla in accordo, e 6, del tutto in accordo) QUESTIONARIO SUL BENESSERE ORGANIZZATIVO A Sicurezza e salute sul luogo di lavoro e stress lavoro correlato 1) Il mio luogo di lavoro è sicuro (impianti elettrici, misure antincendio e di emergenza, ecc.)

Dettagli

Bamboccioni non si nasce: la storia di Serena Mortari

Bamboccioni non si nasce: la storia di Serena Mortari Bamboccioni non si nasce: la storia di Serena Mortari a cura di Valentina Boscolo Serena. Nomen omen è il caso di dire, quando la guardi infonde tranquillità, ma soprattutto intelligenza e raffinatezza.

Dettagli

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE SCUOLA DI ECONOMIA E STATISTICA CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA DOCUMENTO DI INDIRIZZO PER LA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE LAUREA TRIENNALE - LAUREA SPECIALISTICA - LAUREA MAGISTRALE La Scuola di Economia

Dettagli

PIANO ANNUALE DELL INCLUSIONE

PIANO ANNUALE DELL INCLUSIONE Gallarate (VA) - Via Bonomi, 4 Tel. 0331.795141 - Fax 0331.784134 sacrocuoregallarate@fastwebnet.it www.sacrocuoregallarate.it Scuola Secondaria di I grado PIANO ANNUALE DELL INCLUSIONE DEGLI ALUNNI CON

Dettagli

INVITO - Sabato 14 marzo 2015 EDUCATIONAL GRATUITO PER INSEGNANTI

INVITO - Sabato 14 marzo 2015 EDUCATIONAL GRATUITO PER INSEGNANTI INVITO - Sabato 14 marzo 2015 EDUCATIONAL GRATUITO PER INSEGNANTI Formazione per docenti per l acquisizione di competenze e indicazioni metodologiche di realizzazione inclusiva dello sport per ragazzi

Dettagli

Sostenibilità e Green Jobs Concorso nazionale per scuole di ogni ordine e grado

Sostenibilità e Green Jobs Concorso nazionale per scuole di ogni ordine e grado PREMESSA Sostenibilità e Green Jobs Concorso nazionale per scuole di ogni ordine e grado Secondo i calcoli dell impronta ecologica (Living Planet Report) la domanda ha superato l offerta: cioè molti paesi,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO INDAGINI SUL BENESSERE ORGANIZZATIVO, SUL GRADO DI CONDIVISIONE DEL SISTEMA DI VALUTAZIONE E SULLA VALUTAZIONE DEL SUPERIORE GERARCHICO RELATIVE ALL ANNO 2013 Documento

Dettagli

DIPARTIMENTO OSTEOARTICOLARE

DIPARTIMENTO OSTEOARTICOLARE CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE III CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITA A CONFRONTO COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO OSTEOARTICOLARE

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSI DI STUDIO IN SCIENZE MOTORIE

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSI DI STUDIO IN SCIENZE MOTORIE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTA' DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSI DI STUDIO IN SCIENZE MOTORIE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE E TECNICHE DELL'ATTIVITÀ MOTORIA PREVENTIVA E ADATTATA CLASSE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO GIOVANNI CALO VIALE M. D UNGHERIA, 86 74013 GINOSA TA

ISTITUTO COMPRENSIVO GIOVANNI CALO VIALE M. D UNGHERIA, 86 74013 GINOSA TA ISTITUTO COMPRENSIVO GIOVANNI CALO VIALE M. D UNGHERIA, 86 74013 GINOSA TA Tel.099/8290470 Fax 099/8290471 Codice meccanografico: TAIC82600L Codice fiscale: 90122060735 E-mail TAIC82600L@istruzione.it

Dettagli

Corso di Laurea specialistica in SCIENZE E TECNICHE DELL ATTIVITÀ MOTORIA PREVENTIVA E ADATTATA

Corso di Laurea specialistica in SCIENZE E TECNICHE DELL ATTIVITÀ MOTORIA PREVENTIVA E ADATTATA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di Laurea specialistica in SCIENZE E TECNICHE DELL ATTIVITÀ MOTORIA PREVENTIVA E ADATTATA Classe 76/S Scienze e tecniche delle attività

Dettagli

PROGETTO DI RIFACIMENTO DEL SITO WEB DELLA BIBLIOTECA DI ATENEO

PROGETTO DI RIFACIMENTO DEL SITO WEB DELLA BIBLIOTECA DI ATENEO PROGETTO DI RIFACIMENTO DEL SITO WEB DELLA BIBLIOTECA DI ATENEO Relazione di tirocinio di Roberta Boffi matricola 046328 Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Facoltà di Psicologia a.a. 2004/05

Dettagli

Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA

Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA Corso Sorveglianza e prevenzione della malnutrizione nelle strutture assistenziali per anziani L ATTIVITA FISICA NELL ETA AVANZATA GOTTIN Maurizio - Responsabile SSD Medicina Sportiva ASL TO4 Referente

Dettagli

GRUPPI DI CAMMINO COMUNE DI ISEO

GRUPPI DI CAMMINO COMUNE DI ISEO GRUPPI DI CAMMINO COMUNE DI ISEO PREMESSA La pratica di attività motoria moderata e costante rappresenta uno strumento sia di prevenzione delle malattie sia di promozione della salute per ogni individuo.

Dettagli

La dispersione scolastica in Liguria

La dispersione scolastica in Liguria La dispersione scolastica in Liguria Ricerca quali-quantitativa sulla dimensione del rischio e l esperienza della dispersione Presentazione dei risultati Genova 8 novembre 2012 1 Metodologie dell indagine

Dettagli

Riforma del sostegno: cosa cambierà? a cura di Enrica Maria Bianchi, Viviana Rossi, Barbara Urdanch

Riforma del sostegno: cosa cambierà? a cura di Enrica Maria Bianchi, Viviana Rossi, Barbara Urdanch Riforma del sostegno: cosa cambierà? a cura di Enrica Maria Bianchi, Viviana Rossi, Barbara Urdanch Il 7/10/15 si è svolto al MIUR l incontro relativo alla delega Inclusione degli studenti con disabilità.

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

LA CARTA DI TORONTO COME STRUMENTO A SUPPORTO DELL ATTUAZIONE DEGLI IMPEGNI ISTITUZIONALI: NELLA DIMENSIONE NAZIONALE

LA CARTA DI TORONTO COME STRUMENTO A SUPPORTO DELL ATTUAZIONE DEGLI IMPEGNI ISTITUZIONALI: NELLA DIMENSIONE NAZIONALE LA CARTA DI TORONTO COME STRUMENTO A SUPPORTO DELL ATTUAZIONE DEGLI IMPEGNI ISTITUZIONALI: NELLA DIMENSIONE NAZIONALE Dott.ssa Daniela Galeone 6 Corso Girolamo Mercuriale DARE ATTUAZIONE ALLA CARTA DI

Dettagli

APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO. di Gaetana Fatima Russo

APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO. di Gaetana Fatima Russo APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO di Gaetana Fatima Russo Nella logica del percorso ROAD MAP che abbiamo assunto nel progetto Analisi delle

Dettagli

PROGETTO NAZIONALE DI TIPO INTERUNIVERSITARIO MODELLO A

PROGETTO NAZIONALE DI TIPO INTERUNIVERSITARIO MODELLO A DIPARTIMENTO PER L'UNIVERSITÀ, L'ALTA FORMAZIONE ARTISTICA, MUSICALE E COREUTICA E PER LA RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA PROGETTO LAUREE SCIENTIFICHE RICHIESTA DI COFINANZIAMENTO (DM n. del ) PROGETTO

Dettagli

Bando di ammissione al Master di II livello in OSTEOPOROSI E MALATTIE DEL METABOLISMO OSSEO ANNO ACCADEMICO 2015/2016

Bando di ammissione al Master di II livello in OSTEOPOROSI E MALATTIE DEL METABOLISMO OSSEO ANNO ACCADEMICO 2015/2016 Bando di ammissione al Master di II livello in OSTEOPOROSI E MALATTIE DEL METABOLISMO OSSEO ANNO ACCADEMICO 2015/2016 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/04 e del Regolamento d Ateneo per l Istituzione

Dettagli

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche Coordinatore Didattico: Prof. Giancarlo Di Vella aa 2011/2012 Tesi Sperimentale

Dettagli

Scuola ISTITUTO COMPRENSIVO P.SENTATI CASTELLEONE a.s. 2015-16. Piano Annuale per l Inclusione

Scuola ISTITUTO COMPRENSIVO P.SENTATI CASTELLEONE a.s. 2015-16. Piano Annuale per l Inclusione Scuola ISTITUTO COMPRENVO P.SENTATI CASTELLEONE a.s. 2015-16 Piano Annuale per l Inclusione Parte I analisi dei punti di forza e di criticità A. Rilevazione dei BES presenti: n 1. disabilità certificate

Dettagli

Sicurezza alimentare: quali strategie, quali obiettivi, quali risultati

Sicurezza alimentare: quali strategie, quali obiettivi, quali risultati TERZA CONVENTION NAZIONALE DEI DIRETTORI DEI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE DELLE AZIENDE ULSS Sicurezza alimentare: quali strategie, quali obiettivi, quali risultati Dott. Rocco Sciarrone Direttore del Dipartimento

Dettagli

PREPARARSI ALL ESAME DI MATURITA. SCRIVERE IN ITALIANO L2.

PREPARARSI ALL ESAME DI MATURITA. SCRIVERE IN ITALIANO L2. PREPARARSI ALL ESAME DI MATURITA. SCRIVERE IN ITALIANO L2. Gabriella Debetto Il presente fascicolo contiene le proposte didattiche elaborate dai docenti che hanno partecipato all intervento formativo Scrivere

Dettagli

PASSI D ARGENTO Genova 5 novembre 2013 Teatro della Gioventù DANIELA MORTELLO Regione Liguria Dipartimento Salute e Servizi Sociali Le Politiche Regionali per l Invecchiamento Attivo: quadro di riferimento

Dettagli

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE

UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE DIPARTIMENTO DI PEDAGOGIA Paola Molteni Dottorato di Ricerca in Pedagogia (Education) Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Scienze della Formazione Largo Gemelli, 1 20123 Milano (ITALY) Tel:

Dettagli

In memoria di Silvia Ciairano

In memoria di Silvia Ciairano 5 Marzo 2014 Consiglio dei Seniores Città di Torino Dipartimento di Psicologia, Università degli Studi di Torino IL PROGETTO «ACT ON AGEING» INVECCHIARE ATTIVAMENTE Una potenziale strategia per affrontare

Dettagli

PROMUOVERE LA LETTURA. UN DIVERSO APPROCCIO PER CREARE LETTORI AUTENTICI A scuola e non solo

PROMUOVERE LA LETTURA. UN DIVERSO APPROCCIO PER CREARE LETTORI AUTENTICI A scuola e non solo PROMUOVERE LA LETTURA. UN DIVERSO APPROCCIO PER CREARE LETTORI AUTENTICI A scuola e non solo di Silvia Blezza Picherle (15 dicembre 2014) Di seguito vengono indicati alcuni principi teorici che costituiscono

Dettagli

...Chi è di scena!!: l improvvisazione teatrale per lo sviluppo dell orientamento al Cliente in Trenitalia

...Chi è di scena!!: l improvvisazione teatrale per lo sviluppo dell orientamento al Cliente in Trenitalia ...Chi è di scena!!: l improvvisazione teatrale per lo sviluppo dell orientamento al Cliente in Trenitalia di Massimo Tricarico e Giordana Tirocchi PREMESSA Il mondo FS è sempre stato caratterizzato da

Dettagli

BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SAN MARTINO BUON ALBERGO Via Gottardi, 2B 37036 San Martino Buon Albergo (VR) 045990148 Fax 045990155 e-mail VRIC84000T@ISTRUZIONE.IT Anno scolastico 2014-2015 BISOGNI EDUCATIVI

Dettagli

Istituto di Psicomotricità di Anne-Marie Wille

Istituto di Psicomotricità di Anne-Marie Wille Istituto di Psicomotricità di Anne-Marie Wille Consultazioni, esami e test psicomotori Sedute psicomotorie individuali con prescrizione medica per bambini affetti da: Disturbi della Coordinazione Motoria

Dettagli

VALORE INDICATORE A INIZIO PROGETTO (GENNAIO 2011) Valore di base prima dell inizio del progetto. Almeno 12 gruppi. Almeno il 60% dei gruppi attivati

VALORE INDICATORE A INIZIO PROGETTO (GENNAIO 2011) Valore di base prima dell inizio del progetto. Almeno 12 gruppi. Almeno il 60% dei gruppi attivati 1) Regione: Regione Liguria 2) Titolo del programma: Gruppi di cammino nelle ASL liguri (2.3.1 2.9.5-4.2.1.2) 3) Identificativo delle linee di intervento generali: Macroarea 2 Prevenzione universale 2.3

Dettagli

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA

SALUTE E ANZIANI IN ITALIA Definire la domanda di salute della popolazione anziani in Italia è un tema chiave da affrontare, specie in un paese come il nostro che invecchia sempre di più e che destina più della metà delle sue risorse

Dettagli

Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08

Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08 Linee guida per la redazione della tesi di laurea Corsi di laurea specialistica e magistrale A.A. 2007/08 Indice Presentazione 4 Norme per il Corso di laurea specialistica in Disegno industriale del prodotto

Dettagli

PROGETTO LETTO SCRITTURA E MATEMATICA

PROGETTO LETTO SCRITTURA E MATEMATICA PROGETTO LETTO SCRITTURA E MATEMATICA Premessa Dati presenti in letteratura evidenziano che circa il 10% dei bambini che iniziano ad imparare a leggere e a scrivere presenta delle difficoltà che richiedono

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO Settore Giovanile. P sico lo g ia e

FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO Settore Giovanile. P sico lo g ia e FEDERAZIONE ITALIANA PALLACANESTRO Settore Giovanile Anna Fallco P sico lo g ia e B a sk et Presentazione La dottoressa Anna Falco è entrata a far parte dello staff della Squadra Nazionale A maschile nel

Dettagli

Federazione Nazionale delle Associazioni a Tutela delle persone con Autismo e Sindrome di Asperger

Federazione Nazionale delle Associazioni a Tutela delle persone con Autismo e Sindrome di Asperger Federazione Nazionale delle Associazioni a Tutela delle persone con Autismo e Sindrome di Asperger PAROLE CONTRO IL SILENZIO Le persone con l autismo l e le loro famiglie sono immerse nel silenzio. Il

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

Esperienze di valutazione e autovalutazione nel Corso di Studi in Infermieristica Università degli Studi di Udine

Esperienze di valutazione e autovalutazione nel Corso di Studi in Infermieristica Università degli Studi di Udine Conferenza Permanente dei Corsi di Laurea e Laurea Magistrale delle Professioni Sanitarie Esperienze di valutazione e autovalutazione nel Corso di Studi in Infermieristica Università degli Studi di Udine

Dettagli

Aurora 2000 staff formativo

Aurora 2000 staff formativo FormAzione Aurora 2000 fa parte del Consorzio Provinciale SIS e della rete nazionale CGM - Welfare Italia, il cui obiettivo è quello di favorire l inclusione sociale e lo sviluppo nel territorio dell area

Dettagli

Silvia Trampetti. il finanziamento per il diritto allo studio: una nuova proposta

Silvia Trampetti. il finanziamento per il diritto allo studio: una nuova proposta Silvia Trampetti il finanziamento per il diritto allo studio: una nuova proposta Riflessioni e idee per l inclusione finanziaria di studenti universitari meritevoli Prefazione a cura del Prof. Dott. G.

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. NeuroImpronta s.c.s. Via Lorenzoni, 2 7 38023 CLES (TN) www.neuroimpronta.it info@neuroimpronta.it Telefono 0463 722 601

CARTA DEI SERVIZI. NeuroImpronta s.c.s. Via Lorenzoni, 2 7 38023 CLES (TN) www.neuroimpronta.it info@neuroimpronta.it Telefono 0463 722 601 CARTA DEI SERVIZI NeuroImpronta s.c.s. Via Lorenzoni, 2 7 38023 CLES (TN) www.neuroimpronta.it info@neuroimpronta.it Telefono 0463 722 601 Presentazione La Cooperativa sociale NeuroImpronta ha scelto di

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

Parte I analisi dei punti di forza e di criticità

Parte I analisi dei punti di forza e di criticità MINISTERO DELL ISTRUZIONE,DELL UNIVERTA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Istituto Comprensivo Via R. Paribeni Via R. Paribeni, 10 00013 Mentana (ROMA) e fax 06/9090078 e 06/9092689

Dettagli

COINVOLGIMENTO MOTIVAZIONALE ATTRAVERSO L UTILIZZO DEL MODELLO TARGET NEL CALCIO GIOVANILE

COINVOLGIMENTO MOTIVAZIONALE ATTRAVERSO L UTILIZZO DEL MODELLO TARGET NEL CALCIO GIOVANILE Attività motoria e sportiva giovanile: tutela della salute e adozione di stili di vita attivi Sabato, 30 novembre 2013 Aula Magna Fondazione Ciapi - Chieti Scalo COINVOLGIMENTO MOTIVAZIONALE ATTRAVERSO

Dettagli

L importanza della psicologia dello sport nella costruzione e nella gestione del talento sportivo Lugano, 24 ottobre 2013

L importanza della psicologia dello sport nella costruzione e nella gestione del talento sportivo Lugano, 24 ottobre 2013 L importanza della psicologia dello sport nella costruzione e nella gestione del talento sportivo Lugano, 24 ottobre 2013 Dr. Mattia Piffaretti Psicologo specialista in psicologia dello sport FSP www.actsport.ch

Dettagli

Richiamata la funzione attribuita alla Provincia nel campo delle politiche sociali prevista dalla legge n. 328 del 8 novembre 2000;

Richiamata la funzione attribuita alla Provincia nel campo delle politiche sociali prevista dalla legge n. 328 del 8 novembre 2000; PROTOCOLLO D INTESA PROGRAMMA DI ASSISTENZA SPECIALISTICA A SUPPORTO DELL INTEGRAZIONE SCOLASTICA E SOCIALE DEGLI ALUNNI SORDI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA Richiamata la funzione attribuita alla Provincia

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Psicologia Facoltà di Scienze della Formazione LAUREA MAGISTRALE IN Psicologia Scolastica e dell'educazione REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO ACCADEMICO 2007-2008

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e- mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

La Scuola dell Infanzia

La Scuola dell Infanzia La Scuola dell Infanzia Un ambiente educativo accogliente e stimolante; nel quale sia naturale sviluppare, attraverso esperienze, attività e giochi, alcune competenze di base che strutturino la crescita

Dettagli

Check Up del Pronto Soccorso

Check Up del Pronto Soccorso Check Up del Pronto Soccorso INDICE 1. Premessa... 3 2. Obiettivo... 4 3. Metodologia di intervento... 5 3.1 I principali contenuti del Check Up... 6 3.2 Joint Commission International... 10 4. Output

Dettagli

L anzianità lavorativa, una risorsa per le Aziende Sanitarie. D. Tovoli Azienda USL di Bologna - FIASO

L anzianità lavorativa, una risorsa per le Aziende Sanitarie. D. Tovoli Azienda USL di Bologna - FIASO L anzianità lavorativa, una risorsa per le Aziende Sanitarie D. Tovoli Azienda USL di Bologna - FIASO Convegno di studio e confronto Invecchiamento e lavoro in sanità Milano 30 settembre 2015 Il Tema dei

Dettagli

Corso di Laurea in Infermieristica

Corso di Laurea in Infermieristica Corso di Laurea in Infermieristica Sede Formativa di Cesena INSEGNAMENTO: SCIENZE INFERMIERISTICHE DELLA COMUNITA MODULO: INFERMIERISTICA CLINICA E RIABILITATIVA NELLA CRONICITA n. 2 CFU / n. ore 24 Docente:

Dettagli