SITI DI IDROTERMALISMO DELLE ISOLE EOLIE: AMBIENTI IDEALI PER LO STUDIO DELLA DIVERSITÀ MICROBICA MARINA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SITI DI IDROTERMALISMO DELLE ISOLE EOLIE: AMBIENTI IDEALI PER LO STUDIO DELLA DIVERSITÀ MICROBICA MARINA"

Transcript

1 Biol. Mar. Mediterr. (2012), 19 (1): 6-11 T.L. Maugeri, C. Gugliandolo, V. Lentini Dipartimento di Biologia Animale ed Ecologia Marina, Università di Messina, V.le F. Stagno d Alcontres, Messina, Italia. unime.it SITI DI IDROTERMALISMO DELLE ISOLE EOLIE: AMBIENTI IDEALI PER LO STUDIO DELLA DIVERSITÀ MICROBICA MARINA HYDROTHERMAL VENTS OF THE EOLIAN ISLANDS: SUITABLE SITES TO STUDY MARINE MICROBIAL DIVERSITY Abstract - Microorganisms are at the basis of the hydrothermal system food web and they are involved in the transformation of inorganic compounds released from vent emissions. Geochemical conditions exert a strong selective pressure on the microbial structure and composition of the resident microbial community. Due to the intrinsically low cultivability of extremophilic prokaryotes, the diversity of microbial community in these systems has been investigated by using conventional molecular and next generation sequencing techniques. Prokaryotic community composition at a shallow hydrothermal system off Panarea Island, resolved by Illumina sequencing, revealed significant differences in comparison to previous phylogenetic studies performed by conventional molecular techniques. Key-words: biodiversity, microorganisms, Mediterranean Sea, shallow hydrothermal systems. I siti termali sottomarini sono stati definiti oasi di vita e tale definizione è stata formulata da Jannasch quando, alla fine degli anni 70 a bordo del sottomarino Alvin, ha vissuto l incredibile esperienza di ritrovare nell apparente deserto, nero e buio, degli abissi marini organismi, quali anellidi, molluschi e vermi, di notevoli dimensioni ed in gran numero. Tali organismi dipendevano da procarioti chemioautotrofi capaci di utilizzare come fonte di energia i composti inorganici emessi dalle bocche idrotermali. I sistemi idrotermali sono distinti in profondi (con profondità >200 m) e superficiali (con profondità <200 m). Nel Mar Mediterraneo i siti termali più studiati sono superficiali e si trovano nel Mar Egeo (Isola di Milos) e nel Mar Tirreno (Isole Eolie). I sistemi termali sottomarini sono considerati ambienti estremi perché sono caratterizzati da condizioni fisico-chimiche e nutrizionali proibitive per la maggior parte degli organismi e rappresentano campi di indagine ideali per lo studio delle interazioni tra la geosfera e la biosfera. I fluidi emessi hanno caratteristiche di elevata salinità e contengono elevate concentrazioni di CO 2, SO 2, H 2 S, CH 4 e H 2. Le comunità biologiche che vivono nelle immediate vicinanze delle sorgenti (vents) sono influenzate dai fluidi idrotermali. L effetto diretto delle emissioni sul biota è quello di escludere la maggior parte degli eucarioti che sono meno tolleranti dei procarioti ai forti gradienti chimici e fisici. Nell arcipelago delle Eolie l isola di Vulcano è stata definita la casa degli ipertermofili perché numerose specie ipertermofile di Batteri e di Archea sono state isolate dai suoi vents (Maugeri et al., 2010a). Tecniche di isolamento colturale hanno permesso di descrivere nuove specie di Bacillus e di Geobacillus e nuovi ceppi di specie già descritte (Maugeri et al., 2001). Meno conosciuta dell isola di Vulcano, l isola di Panarea è il sistema idrotermale superficiale più attivo dell arcipelago delle Eolie. A largo della costa orientale di Panarea, in un area di circa 4 Km 2, gas ed acque calde, con temperature che raggiungono al punto di emissione i 130 C, fuoriescono a profondità fino a 150 m. Tali acque calde sono caratterizzate da alte concentrazioni di sali in conseguenza dell interazione ad alta temperatura tra acqua e roccia (Maugeri et al., 2010a). Le specie di Batteri e Archea sinora isolate dai siti caldi di Panarea sono meno

2 Siti di idrotermalismo delle Isole Eolie: ambienti ideali per lo studio della diversità microbica marina 7 numerose di quelle di Vulcano, anche se negli ultimi anni a loro è stata rivolta una particolare attenzione per le possibili applicazioni biotecnologiche (Lentini et al., 2007; Gugliandolo et al., 2012). La varietà delle forme di vita microscopiche che popolano i mari è molto più grande di quanto finora noto ed è stata definita impressionante. Grazie a metodi indipendenti dalla coltivazione o molecolari si sono notevolmente accresciute le nostre conoscenze sulle comunità microbiche che vivono nell ambiente marino ed in siti caratterizzati da condizioni estreme. Proprio ai siti idrotermali sia superficiali che profondi si è riconosciuta la caratteristica di hot spots di biodiversità. La diversità dei microbi quando non è limitata alle differenze morfologiche si traduce in diversità funzionale che consente di ipotizzare il ruolo svolto dai microrganismi nell ambiente in cui vivono. Mediante la clonazione e il sequenziamento del 16S rdna, amplificato via PCR, sono state raggiunte migliaia di sequenze diverse da campioni prelevati dagli oceani (Hagström et al., 2002; Hong et al., 2006). Ovviamente queste sequenze non rappresentano specie di per sé, ma unità operazionali tassonomiche (OTU) raggruppate con similarità genetica predefinita. Tali numeri sono ben lontani da quelli stimati con approcci teorici (Dykhuizen 1998; Curtis et al., 2002), che arrivano a centinaia di milioni, per i quali la clonazione sarebbe ovviamente inadeguata per analizzare la reale diversità microbica. Tecnologie di sequenziamento più potenti sono state recentemente messe a punto e sono state utilizzate per studiare la ricchezza microbica in campioni marini. Un tale approccio consiste nell ottenere il metagenoma presente in un campione e nel romperlo in piccoli frammenti che vengono poi clonati e sequenziati (Venter et al., 2004). Sebbene il numero totale di sequenze così ottenute sia enorme, solo una piccola percentuale corrisponde ai geni 16S rdna. Sogin et al. (2006) introdussero un differente approccio basato sull amplificazione preliminare, via PCR, del gene 16S rdna a cui far seguire il sequenziamento solo di questi frammenti. Questa tecnica pyrosequencing (Ronaghi et al., 1998), che consente di aumentare il numero di OTU di un ordine di grandezza, ha dato inizio ad una nuova era nello studio della diversità microbica offrendo per la prima volta l opportunità di svelare contemporaneamente un gran numero di individui e la loro identità. I siti di idrotermalismo superficiale delle Isole Eolie sono stati studiati con tecniche molecolari quali la Fluorescent In Situ Hybridization, la Terminal-Restriction Fragment Length Polymorphism e la Denaturing Gradient Gel Electrophoresis (DGGE) pervenendo alla conclusione che, come i vents di Vulcano (Maugeri et al., 2010a), anche quelli di Panarea ospitano popolazioni di Batteri e di Archea non ancora conosciute. I risultati ottenuti mediante la tecnica DGGE hanno mostrato che le comunità microbiche dei siti superficiali presenti nell area esalativa di Panarea sono costituite da poche popolazioni dominanti di Batteri e Archea, altamente specializzate (Maugeri et al., 2009, 2010b). La ricchezza e la diversità delle popolazioni batteriche erano maggiori di quelle degli Archea, persino nel sito più profondo e più caldo denominato Black Point (Maugeri et al., 2010b). Recenti indagini su campioni di sedimento prelevati dal sito denominato Black Point mediante il metodo di next-generation sequencing (NGS) Illumina Solexa hanno consentito di analizzare la struttura e la diversità delle comunità dei procarioti (Batteri e Archea) più approfonditamente che in un recente passato. Il sistema esaminato nel corso di tali indagini è localizzato fra gli isolotti di Lisca Nera e Bottaro, ad Est dell isola di Panarea (Fig. 1). I campioni di sedimento sono stati prelevati nelle immediate vicinanze del punto di emissione da operatori subacquei e conservati a 20 C fino all estrazione del DNA.

3 Map of the islets at East of Panarea Island and Black Point site sampling ( ) location. 8 T.L. Maugeri, C. Gugliandolo, V. Lentini Lisca Bianca Panarea BLACK POINT Bottaro Lisca Nera Fig. 1 - Mappa degli isolotti ad Est dell isola di Panarea e sito di campionamento ( ) Black Point. Map of the islets at East of Panarea Island and Black Point site sampling ( ) location. Con il sistema Illumina Solexa (Genome Analyzer IIx) sono stati sequenziati i frammenti già amplificati della regione V3 del gene 16S rdna di Batteri ed Archea considerata quella con il migliore potere di risoluzione tassonomico (Huse et al., 2008) e la cui lunghezza ( nucleotidi) è compatibile con la capacità di sequenziamento del metodo utilizzato. Le sequenze ottenute sono state sottoposte a metodi di purificazione, consistenti nella eliminazione di artefatti e di chimere (Cole et al., 2009) e successivamente sono state raggruppate in unità operazionali tassonomiche alla distanza genetica dello 0,03%. Su tali unità operazionali sono stati calcolati gli indici sintetici di diversità (Shannon, H ) e di ricchezza (ACE e Chao1). Tutte le sequenze purificate sono state analizzate con l algoritmo naïve Bayesian classifier (Wang et al., 2007) ed assegnate ai diversi gruppi tassonomici. I valori degli indici sintetici (H, Chao1 ed ACE) ottenuti per i cinque diversi campioni di sedimento indicano un elevata diversità procariotica, maggiore di quella registrata nella stessa area in studi precedenti (Tab. 1). Al dominio dei Batteri è stato assegnato il 98,60% di sequenze purificate e l 1,04% a quello degli Archea, confermando che gli Archea rappresentano una componente minore della comunità microbica di questi siti. Soltanto lo 0,36% delle sequenze non era riconducibile ai domini suddetti (Tab. 1). La maggior parte delle sequenze dei Batteri corrispondeva al phylum dei Proteobatteri seguito da Firmicutes, da Actinobacteria, da Bacteroidetes e da Cyanobacteria. Le classi più abbondanti dei Batteri erano quelle dei Gamma-, Alfa- ed Epsilon-proteobatteri, seguite dai Delta- e Beta-proteobatteri. I generi batterici più abbondanti erano riconducibili ad organismi coinvolti nel ciclo dello zolfo, elemento caratterizzante gli ambienti di idrotermalismo profondo e superficiale (Hirayama et al., 2007). La comunità degli Archea era dominata dagli Euryarchaeota, seguiti dai Crenarchaeota e dai Korarchaeota. Il genere più abbondante degli Euryarchaeota era Palaeococcus, un archaeon ipertermofilo anaerobio facoltativo ed eterotrofo, isolato in Giappone da una sorgente idrotermale profonda e più di recente isolato a Vulcano (Amend et al., 2003) e dimostrato a Panarea (Maugeri et al., 2009, 2010b). La tecnica di sequenziamento Illumina si è rivelata più efficace rispetto alle tecniche molecolari convenzionali poiché ha consentito di analizzare milioni

4 Siti di idrotermalismo delle Isole Eolie: ambienti ideali per lo studio della diversità microbica marina 9 di sequenze di elevata qualità. Tali studi hanno permesso di quantificare gruppi tassonomici molto abbondanti (high abundant phylotypes), confrontabili con quelli ottenuti mediante l uso della tecnica DGGE fingerprinting (Maugeri et al., 2009, 2010b), e gruppi tassonomici microbici poco abbondanti (low abundant phylotypes) ed altri ancora, definiti rari. I filotipi poco abbondanti e quelli rari, che insieme rappresentano la rare biosphere delle profondità oceaniche (Sogin et al., 2006), possono essere considerati come una riserva potenzialmente inesauribile di diversità genomica in grado di rispondere ad elementi generatori di stress poiché possono incrementare l abbondanza relativa di popolazioni più idonee alle mutate condizioni ab. 1 - Sintesi delle informazioni relative alle sequenze ottenute (dati medi) ed indici di diversità (H ) e di ricchezza (Chao1 ed ACE) dei campioni ambientali. di sedimento prelevati dai vents Black Point. Sequencing Tab. information 1 - Sintesi and delle diversity informazioni estimates (H, relative Chao1 alle and sequenze ACE) for ottenute sediment (dati samples medi) (expressed ed indici as di average) diversità from Black point vents. (H ) e di ricchezza (Chao1 ed ACE) dei campioni di sedimento prelevati dai vents Black Point. Sequencing information and diversity estimates (H, Chao1 and ACE) for sediment samples (expressed as average) from Black point vents. Media Deviazione standard (±) Numero totale di sequenze Numero di sequenze purificate Totale di Unità Operazionali Tassonomiche (distanza genetica 0,03% ) H'* 5,95 1,46 Chao1* ACE* N di sequenze purificate assegnate al dominio dei Batteri N di sequenze purificate assegnate al dominio degli Archea Il confronto delle sequenze ottenute da campioni provenienti dall area idrotermale di Black Point con quelle presenti nelle banche dati ha mostrato che la comunità microbica è composta sia da popolazioni di Batteri e di Archea talvolta simili a quelli ritrovati nei siti termali profondi, con metabolismo chemiosintetico, che da batteri fotosintetici, quali i Chloroflexi, i Cianobatteri ed i Chlorobi, che sfruttano l energia solare. Le complesse interazioni ambientali con i microrganismi estremamente versatili che vivono nei siti superficiali idrotermali possono essere l origine dell elevata ricchezza e biodiversità microbica che si riscontra in questi siti, piuttosto che in altri ambienti acquatici. Infatti in essi si assiste alla giustapposizione di differenti habitat che si traduce in un ulteriore incremento della diversità in specie. Entro la zona fotica si realizzano situazioni di habitat costiero, simili a quelle delle zone antropizzate, soggette all attività umana (residenziale, industriale ecc.) ed altre più simili agli habitat profondi per le caratteristiche fisico-chimiche, in particolare per l effetto della temperatura dei fluidi emessi (Tarasov, 2006). La molteplicità di habitat ed i valori termici più bassi rispetto a quelli registrati nei siti di idrotermalismo profondo danno credito all ipotesi che la vita possa avere avuto origine nei siti

5 10 T.L. Maugeri, C. Gugliandolo, V. Lentini termali superficiali piuttosto che in quelli profondi con specie molto tolleranti alle condizioni estreme (temperatura, elevate concentrazioni di metalli pesanti, di radioattività, ecc.) (Guzman e Martin, 2009). Ciò rappresenta un ulteriore stimolo all approfondimento delle nostre conoscenze su questi siti, quali hot spots di biodiversità. Bibliografia AMEND J.P., MEYER-DOMBARD D.R., SHETH S.N., ZOLOTOVA N., AMEND A.C. (2003) - Palaeococcus helgesonii sp. nov., a facultatively anaerobic, hyperthermophilic archaeon from a geothermal well on Vulcano Island, Italy. Arch. Microbiol., 179: COLE J.R., WANG Q., CARDENAS E., FISH J., CHAI B., FARRIS R.J., KULAM-SYED- MOHIDEEN A.S., MCGARRELL D.M., MARSH T., GARRITY G.M., TIEDJE J.M. (2009) - The Ribosomal Database Project: improved alignments and new tools for rrna analysis. Nucleic Acids Res., 37: D141-D145. CURTIS T.P., SLOAN W.T., SCANNELL J.W. (2002) - Estimating prokaryotic diversity and its limits. PNAS, 99: DYKHUIZEN D.E. (1998) - Santa Rosalia revisited: Why are there so many species of bacteria? Antonie Van Leeuwenhoek, 73: GUGLIANDOLO C., LENTINI V., SPANÒ A., MAUGERI T.L. (2012) - New bacilli from shallow hydrothermal vents of Panarea Island (Italy) and their biotechnological potentialities. J. Appl. Microbiol., 112: GUZMAN M.I., MARTIN S.T. (2009) - Prebiotic metabolism: production by mineral photoelectrochemistry of α-ketocarboxylic acids in the reductive tricarboxylic acid cycle. Astrobiology, 9: HAGSTRÖM A., POMMIER T., ROHWER F., SIMU K., STOLTE W., SVENSSON D., ZWEIFEL U.L. (2002) - Use of 16S ribosomal DNA for delineation of marine bacterioplankton species. Appl. Environ. Microbiol., 68: HIRAYAMA H., SUNAMURA M., TAKAI K., NUNOURA T., NOGUCHI T., OIDA H., FURUSHIMA Y., YAMAMOTO H., OOMORI T., HORIKOSHI K. (2007) - Culturedependent and -independent characterization of microbial communities associated with a shallow submarine hydrothermal system occurring within a coral reef off Taketomi Island, Japan. Appl. Environ. Microbiol., 73: HONG S.H., BUNGE J., JEON S.O., EPSTEIN S.S. (2006) - Predicting microbial species richness. PNAS, 103: HUSE S.M., DETHLEFSEN L., HUBER J.A, WELCH D.M., RELMAN D.A., SOGIN M.L. (2008) - Exploring microbial diversity and taxonomy using SSU rrna hypervariable tag sequencing. PLoS Genet 4: e doi: /journal.pgen LENTINI V., GUGLIANDOLO C., MAUGERI T.L. (2007) - Identification of enzyme-producing thermophilic bacilli isolated from marine vents of Eolian Islands (Italy). Ann. Microbiol., 57: MAUGERI T.L., BIANCONI G., CANGANELLA F., DANOVARO R., GUGLIANDOLO C., ITALIANO F., LENTINI V., MANINI E., NICOLAUS B. (2010a) - Shallow hydrothermal vents in the southern Tyrrhenian Sea. Chem. Ecol., 26: MAUGERI T.L., GUGLIANDOLO C., CACCAMO D., STACKEBRANDT E. (2001) - A polyphasic taxonomic study of thermophilic bacilli from shallow, marine vents. Syst. Appl. Microbiol., 24: MAUGERI T.L., LENTINI V., GUGLIANDOLO C., COUSIN S., STACKEBRANDT E. (2010b) - Microbial diversity at a hot shallow thermal vent in the Southern Tyrrhenian Sea (Italy). Geomicrobiol. J., 27: MAUGERI T.L., LENTINI V., GUGLIANDOLO C., ITALIANO F., COUSIN S., STACKEBRANDT E. (2009) - Bacterial and archaeal populations at two shallow hydrothermal vents off Panarea Island (Eolian Islands, Italy). Extremophiles, 13: RONAGHI M., UHLÉN M., NYRÉN P. (1998) - A sequencing method based on Real-Time pyrophosphate. Science, 281: SOGIN M.L., MORRISON H.G., HUBER J.A., WELCH D.M., HUSE S.M., NEAL P.R., ARRIETA J.M., HERNDL G.J. (2006) - Microbial diversity in the deep sea and the underexplored rare biosphere. PNAS, 103:

6 Siti di idrotermalismo delle Isole Eolie: ambienti ideali per lo studio della diversità microbica marina 11 TARASOV V.G. (2006) - Effects of shallow-water hydrothermal venting on biological communities of coastal marine ecosystems of the Western Pacific. Adv. Mar. Biol., 50: VENTER J.C., REMINGTON K., HEIDELBERG J.F., HALPERN A.L., RUSCH D., EISEN J.A., WU D., PAULSEN I., NELSON K.E., NELSON W., FOUTS D.E., LEVY S., KNAP A.H., LOMAS M.W., NEALSON K., WHITE O., PETERSON J., HOFFMAN J., PARSONS R., BADEN-TILLSON H., PFANNKOCH C., ROGERS Y.H., SMITH H.O. (2004) - Environmental genome shotgun sequencing of the Sargasso Sea. Science, 304: WANG Q.G., GARRITY M., TIEDJE J.M., COLE J.R. (2007) - Naïve Bayesian classifier for rapid assignment of rrna sequences into the new bacterial taxonomy. Appl. Environ. Microbiol., 73:

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose.

Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. Capitolo 2 Caratteristiche delle sorgenti luminose In questo capitolo sono descritte alcune grandezze utili per caratterizzare le sorgenti luminose. 2.1 Spettro di emissione Lo spettro di emissione di

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

Geofisica elitrasportata e modeling geologico 3D applicati alla valutazione delle risorse geotermiche superficiali in Sicilia Occidentale.

Geofisica elitrasportata e modeling geologico 3D applicati alla valutazione delle risorse geotermiche superficiali in Sicilia Occidentale. Geofisica elitrasportata e modeling geologico 3D applicati alla valutazione delle risorse geotermiche superficiali in Sicilia Occidentale. Santilano A. 1, Manzella A. 1, Viezzoli A. 2 Menghini A. 2, Donato

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Le aree di incertezza nelle Cure Primarie: Quali sono le evidenze di efficacia dei probio-ci nelle patologie del tra9o gastrointes-nale? Edoardo Benede*o 1907

Dettagli

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello SISMO Storia sismica di sito di ManOppello Rapporto tecnico per conto del: Dr. Luciano D Alfonso, Sindaco Comune di Pescara (PE) Eseguito da: Umberto Fracassi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA il Krill Letterio Guglielmo II Krill (Euphausia superba) è il più abbondante crostaceo del mondo. Nonostante sia lungo 65 mm esso costituisce la principale fonte di alimento per una grande varietà di animali

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point

I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point I carichi critici: attività e criticità identificate dal National Focal Point P. Bonanni*, F.Fornasier*, A. De Marco * ISPRA, ENEA Carico critico Stima quantitativa dell esposizione ad uno o più inquinanti

Dettagli

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione negli eucarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione negli eucarioti Il promotore eucariotico L inizio della trascrizione negli eucarioti necessita della RNA polimerasi e dei fattori di trascrizione. Qualsiasi proteina sia necessaria per

Dettagli

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA

Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA Università degli Studi della Basilicata Corso di Laurea in Scienze Geologiche (Biennio Specialistico) Corso di DINAMICA COSTIERA 2.0 Che cos è una Spiaggia Sergio G. Longhitano Dipartimento di Scienze

Dettagli

ENERGY-EFFICIENT HOME VENTILATION SYSTEMS

ENERGY-EFFICIENT HOME VENTILATION SYSTEMS SISTEMI DI RECUPERO RESIDENZIALE HOME RECOVERY SYSTEMS RECUPERO DI CALORE AD ALTA EFFICIENZA HIGH EFFICIENCY HEAT RECOVERY VENTILAZIONE A BASSO CONSUMO LOW ENERGY VENTILATION SISTEMI DI RICAMBIO CONTROLLATO

Dettagli

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO

PRELIEVO DI TAMPONI SU SUPERFICI E CARCASSE SOMMARIO Pag. 1/7 SOMMARIO 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 2. RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI...2 3. MATERIALE NECESSARIO...3 4. MODALITA OPERATIVE...4 5. REGISTRAZIONE E ARCHIVIAZIONE...7 6. RESPONSABILITA...7

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi Appendice III (articolo 5, comma 1 e art. 22 commi 5 e 7) Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi 1. Tecniche di modellizzazione 1.1 Introduzione. In generale,

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Biochar, fattori che influenzano la sua qualità ammendante

Biochar, fattori che influenzano la sua qualità ammendante ANALISI DELL UNIVERSITÀ DI TORINO SU BIOCHAR OTTENUTO DA DIVERSE MATRICI Biochar, fattori che influenzano la sua qualità ammendante di L. Petruzzelli, R. Subedi, C. Bertora, E. Remogna, C. Grignani Dal

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

Gli organismi viventi

Gli organismi viventi Gli organismi viventi Gli organismi viventi Quali caratteristiche contraddistinguono i viventi? È facile distinguere un organismo vivente da un oggetto non vivente? Gli organismi viventi Tutti gli organismi

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Industrial Batteries Europa Medio Oriente Africa ITALIANO

Industrial Batteries Europa Medio Oriente Africa ITALIANO Secure Power Solutions Industrial Batteries Europa Medio Oriente Africa ITALIANO AGM VRLA (regolate da valvola) FG FGL FGC FGH FGHL AGM VRLA AGM VRLA AGM VRLA AGM VRLA AGM VRLA Le batterie FIAMM con tecnologia

Dettagli

Diversità tra i viventi

Diversità tra i viventi Diversità tra i viventi PROPRIETÀ della VITA La CELLULA CLASSIFICAZIONE dei VIVENTI Presentazione sintetica Alunni OIRM Torino Tutti i viventi possiedono delle caratteristiche comuni Ciascun vivente nasce,

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Il clonaggio molecolare è una delle basi dell ingegneria genetica. Esso consiste nell inserire un frammento di DNA (chiamato inserto) in un vettore appropriato

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE LA TETTONICA DELLE PLACCHE

LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE LA TETTONICA DELLE PLACCHE Deformazione delle rocce LA DEFORMAZIONE DELLE ROCCE pieghe (sinclinali e anticlinali) faglie dirette inverse trascorrenti associate in fosse tettoniche LA TETTONICA DELLE PLACCHE Struttura della Terra

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Vedere ciò che non si vede

Vedere ciò che non si vede Vedere ciò che non si vede LA LUCE UV È INVISIBILE Tuttavia essa influenza l aspetto finale dei prodotti stampati. Pertanto è importante conoscere le condizioni di visualizzazione in cui sono destinati

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti biogas a rifiuti 2/3 Gli impianti biogas a rifiuti La tecnologia Schmack Biogas per la digestione anaerobica della FORSU La raccolta differenziata delle

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1

IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1 1. Introduzione IMPORTANZA DELLE PREVISIONI TECNOLOGICHE NEI PROCESSI PRODUTTIVI 1 Ottobre 1970 Caratteristica saliente dell'epoca odierna sembra essere quella della transitorietà. E- spansione, andamento

Dettagli

BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza. Istituto Superiore di Sanità

BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza. Istituto Superiore di Sanità BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza Simona Giampaoli, Anna Rita Ciccaglione Istituto Superiore di Sanità Prevalenza e carico dell infezione cronica da virus dell epatite

Dettagli

La rilevazione del radon e del toron con strumenti attivi ad elevata risoluzione

La rilevazione del radon e del toron con strumenti attivi ad elevata risoluzione La rilevazione del radon e del toron con strumenti attivi ad elevata risoluzione 1 Carlo Sabbarese Gruppo di ricerca: R. Buompane, F. De Cicco, V. Mastrominico, A. D Onofrio 1 L attività di ricerca è svolta

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP I mitocondri sono gli organuli responsabili della produzione di energia necessaria alla cellula per crescere e riprodursi. Queste reazioni, che nel loro insieme costituiscono il processo di "respirazione

Dettagli

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE, MOBILITÀ, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, LAVORI PUBBLICI, UNIVERSITÀ SERVIZIO TUTELA DEL PAESAGGIO E BIODIVERSITÀ CON LA COLLABORAZIONE DEL SERVIZIO CACCIA E RISORSE ITTICHE

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Predire la struttura terziaria

Predire la struttura terziaria Predire la struttura terziaria E di gran lunga la predizione più complessa che si possa fare su una proteina. Esistono 3 metodi principali di predizione: 1 - Homology modelling: se si conoscono proteine

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020

Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Dicembre 2011 IT Strategia dell UE per la biodiversità fino al 2020 Biodiversità In Europa quasi un quarto delle specie selvatiche è attualmente minacciato di estinzione. La biodiversità, ossia la straordinaria

Dettagli

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA PROGETTO COMENIUS FONTI ENERGETICHE IN SICILIA Energia Solare Energia da gas Energia Eolica Energia da biomassa Energia Termica Energia da carbone Energia Idrica Energia Geotermica Centrale idroelettrica

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

OLIO EXTRA VERGINE D OLIVA D.O.P. UMBRIA prodotto da Monini S.P.A. CFP EXTERNAL COMMUNICATION REPORT in conformità alla ISO/TS 14067:13

OLIO EXTRA VERGINE D OLIVA D.O.P. UMBRIA prodotto da Monini S.P.A. CFP EXTERNAL COMMUNICATION REPORT in conformità alla ISO/TS 14067:13 MONINI S.p.A. S.S 3 Flaminia Km. 129-06049 Spoleto (PG) Tel. 0743.2326.1 (r.a.) Partita IVA 02625300542- Cap.Soc. EURO 6.000.000,00 I.V. www.monini.com e-mail: info@monini.com Posta Certificata: monini@legalmail.it

Dettagli

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O Il Centro della Innovazione Nato inizialmente per ospitare alcune attività didattiche dell Università di Torino, il complesso polifunzionale di Via

Dettagli

ALLEGATO A ALLE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI: PERICOLOSITÀ SISMICA

ALLEGATO A ALLE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI: PERICOLOSITÀ SISMICA ALLEGATO A ALLE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI: PERICOLOSITÀ SISMICA Le Norme Tecniche per le Costruzioni (NTC) adottano un approccio prestazionale alla progettazione delle strutture nuove e alla verifica

Dettagli

La geotermia è la disciplina che si

La geotermia è la disciplina che si L energia geotermica e i rischi connessi al suo sfruttamento Paolo Capuano La geotermia è la disciplina che si occupa dello studio, della ricerca e dello sfruttamento dell energia termica della Terra (Figura

Dettagli

I modelli atomici da Dalton a Bohr

I modelli atomici da Dalton a Bohr 1 Espansione 2.1 I modelli atomici da Dalton a Bohr Modello atomico di Dalton: l atomo è una particella indivisibile. Modello atomico di Dalton Nel 1808 John Dalton (Eaglesfield, 1766 Manchester, 1844)

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI I. SCARONI, G. CASTELLARI, D. PANNIELLO, A. SANTOLINI, D. FOSCOLI, E. RONCARATI, P. CASALI ARPA EMILIA-ROMAGNA SEZ. RAVENNA Il destino e gli effetti dei PCB nell ambiente sono

Dettagli

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Il problema: metalli pesanti nelle acque reflue In numerosi settori ed applicazioni

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche

Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche Versione 12.6.05 Teoria della misurazione e misurabilità di grandezze non fisiche 1 Il contesto del discorso (dalla lezione introduttiva)

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki

Proposition for a case-study identification process. 6/7 May 2008 Helsinki Conférence des Régions Périphériques Maritimes d Europe Conference of Peripheral Maritime Regions of Europe ANALYSIS PARTICIPATION TO THE FP THROUGH A TERRITORIAL AND REGIONAL PERSPECTIVE MEETING WITH

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus

Flavescenza dorata (FD) Diffusione epidemica Vettore: cicalina Scaphoideus L AVANZAMENTO DELLA RICERCA SULLA RESISTENZA ALLA FLAVESCENZA DORATA Elisa Angelini CRA-VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura, Conegliano (TV) DUE GIALLUMI IMPORTANTI IN EUROPA ED ITALIA Flavescenza

Dettagli

Misure di temperatura nei processi biotecnologici

Misure di temperatura nei processi biotecnologici Misure di temperatura nei processi biotecnologici L industria chimica sta mostrando una tendenza verso la fabbricazione di elementi chimici di base tramite processi biotecnologici. Questi elementi sono

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA

Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA IL PRESENTE TESTO E UNA SINTESI DEL TESTO COMPLETO EDITO DA LA MEDICINA BIOLOGICA, n.4, 2010, WWW.MEDIBIO.IT Luc Montagnier IL DNA TRA FISICA E BIOLOGIA ONDE ELETTROMAGNETICHE DAL DNA E ACQUA Lo sviluppo

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

DIPARTIMENTO DI FISICA E CHIMICA, LABORATORI prof. M. Brai PROGETTO DIMESA: TRATTAMENTI OLII NEI NOSTRI LABORATORI

DIPARTIMENTO DI FISICA E CHIMICA, LABORATORI prof. M. Brai PROGETTO DIMESA: TRATTAMENTI OLII NEI NOSTRI LABORATORI DIPARTIMENTO DI FISICA E CHIMICA, LABORATORI prof. M. Brai PROGETTO DIMESA: TRATTAMENTI OLII NEI NOSTRI LABORATORI scopo del lavoro: Confronto tra oli EVO addizionati con estratti di capperi campionati

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

di4g: Uno strumento di clustering per l analisi integrata di dati geologici

di4g: Uno strumento di clustering per l analisi integrata di dati geologici di4g: Uno strumento di clustering per l analisi integrata di dati geologici Alice Piva 1, Giacomo Gamberoni 1, Denis Ferraretti 1, Evelina Lamma 2 1 intelliware snc, via J.F.Kennedy 15, 44122 Ferrara,

Dettagli

CRISTALLIZAZIONE SENSIBILE

CRISTALLIZAZIONE SENSIBILE L analisi chimica delle sostanze presenti all interno di un composto organico fornisce informazioni sulla loro natura e sulla loro quantità, ma non è in grado di definirne la vitalità. Se infatti consideriamo

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

Acustica con una Bic e uno smartphone

Acustica con una Bic e uno smartphone 1 Acustica con una Bic e uno smartphone L. Galante #, 1, A. M. Lombardi*, 2 # LSS G. Bruno, Torino, Italy. * ITCS Primo Levi, Bollate (MI), Italy. Abstract. A smartphone, with its integrated sensors and

Dettagli

La MKT (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura

La MKT (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura La (Mean Kinetic Temperature) come criterio di accettabilità sui controlli della temperatura Come funzionano i criteri di valutazione sulla temperatura Vi sono 5 parametri usati per la valutazione del

Dettagli

Istruzioni per gli autori

Istruzioni per gli autori Istruzioni per gli autori Informazioni generali LO SCALPELLO OTODI Educational è la rivista ufficiale della Società Italiana degli Ortopedici e Traumatologi Ospedalieri d Italia (OTODI) e pubblica articoli

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corso di laurea in biotecnologia. Corso di Statistica Medica. Analisi dei dati quantitativi :

Università del Piemonte Orientale. Corso di laurea in biotecnologia. Corso di Statistica Medica. Analisi dei dati quantitativi : Università del Piemonte Orientale Corso di laurea in biotecnologia Corso di Statistica Medica Analisi dei dati quantitativi : Confronto tra due medie Università del Piemonte Orientale Corso di laurea in

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile Abteilung 29 Landesagentur für Umwelt Amt 29.8 Labor für physikalische Chemie Ripartizione 29 Agenzia provinciale per l ambiente Ufficio 29.8 Laboratorio di chimica fisica La nuova direttiva UE sulle sostanze

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Rete di Treviso Integrazione Alunni Stranieri LABORATORIO SUL TRATTAMENTO DEI TESTI DISCIPLINARI SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO TITOLO: IL SISTEMA SOLARE AMBITO DISCIPLINARE: SCIENZE AUTORE: GIANCARLA VOLPATO

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

Rosario Napoli Centro di Ricerca per lo Studio delle relazioni tra pianta e suolo, CRA, Roma

Rosario Napoli Centro di Ricerca per lo Studio delle relazioni tra pianta e suolo, CRA, Roma Presenza dell arsenico nei suoli agricoli e nelle acque sotterranee in Italia: importanza dei determinanti geogenici e antropici per la gestione del rischio per la salute umana Rosario Napoli Centro di

Dettagli

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza?

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Con ALLIANCE Uvitec di Eppendorf Italia risparmi tempo e materiale di consumo, ottieni immagini quantificabili e ci guadagni anche in salute.

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

Progetto di ricerca CONSERVAZIONE E VALORIZZAZIONE DI RAZZE AVICOLE LOMBARDE

Progetto di ricerca CONSERVAZIONE E VALORIZZAZIONE DI RAZZE AVICOLE LOMBARDE Programma regionale di ricerca in campo agricolo 2010-2012 Progetto di ricerca CONSERVAZIONE E VALORIZZAZIONE DI RAZZE AVICOLE LOMBARDE Acronimo: CoVAL Ente Proponente: Università degli Studi di Milano,

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli