I vaccini, attività primaria di prevenzione. Donato Greco

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I vaccini, attività primaria di prevenzione. Donato Greco"

Transcript

1 I vaccini, attività primaria di prevenzione Donato Greco 1

2 con l eccezione dell acqua potabile nessun altro strumento, neppure gli antibiotici, ha avuto un maggiore effetto sulla riduzione della mortalità e la crescita della popolazione (Plotkin & Plotkin, 1994) 2

3 Vaiolo D. Greco LEB ISS

4 4

5 Polio: Last Cases Americas Region Luis Fermin Tenorio Peru 1991 Western Pacific Region Mum Chanty Cambodia 1997 European Region Melik Minas Turkey 1998 Polio Eradication

6 6

7

8 Il contributo della città di Siena alle vaccinazioni in Italia 8

9 Mountains cows cotton and nice people

10 Acute flaccid paralysis and laboratory confirmed polio cases by day of paralysis onset, Tajikistan, 2010 SIA Round 1 SIA Round 2 SIA Round 3 SIA Round 4 Total 643 AFP Cases (including 275 confirmed wild poliovirus type1) Data as of 22nd June 2010 Source: Weekly AFP reporting to WHO European Region

11 I vaccini storia passata?? Alcuni pensano che la vicenda vaccini èormai storia antica: Le malattie infettive scompaiono Ci sono farmaci ben più efficaci Basta con gli effetti collaterali Invece abbiamo appena cominciato! Vaccini per gruppi a rischio Vaccini individualizzati Vaccini etnici Vaccini per malattie croniche Vaccini anticancro Vaccini metabolici Vaccini per i non responders 11

12 12

13 Nuove esigenze vaccinali Nuovi vaccini infettivi Vaccini verso patologie croniche Vaccini terapeutici 13

14 Finora l approccio di sanità pubblica basato sulla popolazione intera Siccome il il rischio di malattia era alto, ed il rischio percepito di effetti collaterali basso, Tutti I vaccini erano raccomandati a tutti I membri della popolazione che non avevano controindicazioni 14

15 Finora i principi empirici di base isola inattiva inietta Non funziona per virus ipervariabili come HIV, hepatitis C virus, rhinoviruses, and others that impose a large public health burden. una misura buona per tutti E sempre più evidente la varianza interindividui nel dosaggio utile, nell immunogenicicità, nelle reazioni avverse. 15

16 I Limiti dello sviluppo dei vaccini La malattia naturale non provoca immunità (HIV, Herpes) L infezione non può essere controllata da anticorpi neutralizzanti (ci vuole T cell) (pertosse) Il periodo antecedente la latenza èbreve, avviene in giorni o settimane dall infezione e l incorporazione nel DNA dell ospite, lasciando quindi poco tempo per la vaccinazione dopo che l infezione è avvenuta. (HIV) L immunità naturale parte solo con infezioni ripetute. (Malaria) L immunità risultante dall infezione previene la malattia ma non ferma la trasmissione dell infezione. (HIV) L esposizione avviene in un periodo di sviluppo dell immaturità immunologica dell ospite (RSV) L immunità materna trasmessa passivamente interferisce con la risposta vaccinale. (RSV) L agente infettivo e specialemnte I suoi antigeni esibiscono un alto livello di variabilità genetica (RSV, pertosse) Gli anticorpi che si formano dalla vaccinazione risultano non neutralizzanti, quindi falliscono la protezione e potrebbero addirittura causare danno. Per esempio, l uso di vaccini inattivati contro il morbillo e l RSV hanno portato allo sviluppo di una malattia più grave quando esposti ai virus selvaggi. (RSV,Morbillo). 16

17 Vaccinomics and Personalized Vaccinology 17

18 vaccinomics Un approccio allo sviluppo di vaccini caratterizzato dal focus al meccanismo immunologico che sotto alla risposta immunitaria dell ospite e la genomica e la proteomica dell agente infettivo. Gregory A. Poland, M.D., Inna G. Ovsyannikova, Ph.D. and Robert M. Jacobson, M.D Jordan report

19 Dal germe alla persona! 19

20 Un nuovo approccio Dalla vaccinazione population centered Alla vaccinazione population group centered Alla vaccinazione patient centered Dallo studio solo dell agente Allo studio approfondito dell ospite 20

21 VACCINI VERSO PATOLOGIE CRONICHE Cancro : Seno,Colon, melanoma Dipendenze: cocaine, methamphetamine, Fumo di tabacco Neurodegenerazione : Alzheimer, Parkinsonism Atherosclerosis Disordini metabolici : diabete dipendente da insulina obesità, morbo celiaco Malattie autoimmuni : Artrite reumatoide 21

22 Nuovi target Malattie infettive non coperte Malattie dimenticate Categorie particolari 22

23 Emergenza malattie infettive nei paesi in via di sviluppo Necessità di nuovi vaccini per i più poveri Africa: 11.2 milioni di decessi Europa: 3.8 milioni di decessi Altre cause 17% Incidenti Tumori Condizioni perinatali 4% 4% 9% 25% 3% Altre cause Incidenti Malattie cardiovascolari 10% Infezioni respiratorie 13% 27% Tumori 0.3% Condizioni perinatali Malattie infettive e parassitarie 43% 40% Malattie cardiovascolari % 3% 2004 Infezioni respiratorie Malattie infettive e parassitarie 23

24 24

25 25

26 Nuovi target vaccinali Le donne Le gravide Gli immunodeficienti I non responders Gli operatori sanitari Gli esposti professionali Gli individui ad alto rischio Gruppi etnici I poveri 26

27 I vaccini non sono uguali per maschi e femmine!! 27

28 La storia dei vaccini in breve Empirismo Concetto Progresso tecnico Biotecnologia Imm. cellulare (Metchnikof) Imm attiva et passiva (Erhlich) Attenuazione tossine Colture su uova embrionate Colture cellulari Purificazione antigenica (PS) Ricombinazioone genetica Riassortimento genetico Estratti, mucose, croste vaccinali Cina, India, Paesi arabi Colera Tifo Peste Rabbia (Pasteur) Vaiolo (Jenner) Tetano Difterite Flu F gialla Pertosse Pertosse acellulare Rosolia, parotite Epatite A e B Hib + Hib Coniugato Pneumo PS et Pneumo coniugato Meningo Tifo Vi Morbillo Polio HPV Rotavirus Varicella HZ

29 Origine biologica e produzione biofarmaceutica dei vaccini Controllo qualità:il 70 % del totale dei processi produttivi Produzione: 1 persona su 3 è occupata nel controllo qualità Sono necessari oltre 50 test di controllo per la produzione di un solo lotto di vaccini Controllo di sterilità: 14 giorni 29

30 Introduzione delle vaccinazioni nel SSN Vaiolo 1888* Difterite 1939** Poliomielite 1966** Tetano 1968 ** italiano (1) Obbligatorie Offerte attivamente Pertosse Influenza Haemophilus Papillomavirus Morbillo Varicella Meningococco C Rosolia Parotite Epatite B** Pneumococco * Sospesa nel 1981 ** Sospensione dell obbligo a livello regionale (Veneto/Trentino) 30

31 Classici Target Neonati - Hep B, DPT, Polio, BCG Bambini Hep B, DPT, Polio (IPV, OPV), Hib, Hep A, MMR, pneumococcal pneumonia, influenza, rotavirus Pre-scuola catch up Età scolare -dt, MMR Teen agers catch up Hep B, MMR Donne adulte - Rubella Pazienti cronici Influenza, pneumococcal pneumonia Viaggiatori yellow fever, polio, dt Adulti -dt Anziani - Influenza, pneumococcal pneumonia, dt Bioterrorismo smallpox, anthrax 31

32 NUOVI VACCINI Pneumcoccus Rotavirus Human Papilloma Virus HIV Malaria Dengue Salmonella Escherichia coli Lyme disease Western Equine Encephalitis Ebola virus Leishmaniasis Helicobacter pylori Many others 32

33 Nuove combinazioni Aggiungi sierotipi Nuovi esavalenti MRPV Pneu meningc Basse dosi Diarreal... Altri Pneumo Altri HPV Altri Morbillo Altri Neisseria Influenza.. 33

34 Nuove tecnologie Non più solo Microarray Ma full length sequencing Nuove formulazioni Minori dosaggi d antigene Nuovi adjuvanti Nuove tecnologie di inoculazione 34

35 Nuove sigle HGP : Human Genome Project NGS : next generation sequencing GWL : genome wide linkage FLS : full length sequencing GWA : genome wide association 35

36 36

37 Negli USA in studio e produzione 145 nuovi vaccini + 25 HIV 27 vaccini in fast track 5 malaria Per fare un nuovo vaccino : anni ed 1,3 $miliardi 37

38 38

39 39

40 40

41 41

42 Da: D.Serruto, R. Rappuoli / FEBS Letters 580 (2006)

43 Con la reverse vaccinology lo sviluppo di numerosi nuovi vaccini èora una realtà Group A Streptococcus Pneumococcus Chlamydia trachomatis & pneumoniae Tuberculosis Gonococcus Group B Streptococcus Clostridium difficile Pseudomonas aeruginosa Meningococcus B Malaria Yersinia pestis 43 Porphyromonas gingivalis Staphylococcus aureus

44 44

45 DNA Vaccine gun MASTER DI II LIVELLO IN EPIDEMIOLOGIA & BIOSTATISTICA 45

46 46

47 Edible Vaccines MASTER DI II LIVELLO IN EPIDEMIOLOGIA & BIOSTATISTICA 47

48 I grandi successi in campo vaccinale hanno alimentato una visione miracolistica della vaccinazione casi annuali di poliomielite in Europa in epoca prevaccinale 48

49 ma hanno di conseguenza prodotto forti movimenti di opposizione quando gli effetti delle vaccinazioni non sono stati più talmente evidenti. Un ulteriore approccio miracolistico in questa fase storica non può essere che controproducente. Oggi più che mai è necessaria una strategia comunicativa pacata, basata su evidenze ed estremamente trasparente. 49

50 Elementi di una teoria del complotto 50

51 Cosa alimenta le teorie del complotto 1. L idea di un complotto è più attraente della nuda e banale verità 2. Informazioni chiare e convincenti non sono facilmente disponibili e il parere degli esperti non è unanime 3. L esistenza di precedenti 4. Errori nella gestione di un evento da parte delle autorità 5. Una sfiducia di fondo nelle autorità 6. In ogni evento esiste sempre chi trae benefici diretti o indiretti. E facile attribuire a ciò il ruolo di causa e non di effetto 51

52 L idea di un complotto è più attraente della nuda e banale verità L opinione pubblica associava all idea di pandemia quella di un disastro epocale. Paradossalmente, la fortuna di aver assistito ad una pandemia non severa ha deluso le aspettative dell immaginario collettivo. L attesa mancata della Apocalisse èstata sostituita dall ipotesi di un complotto di governi e case farmaceutiche, con il coinvolgimento di organismi internazionali 52

53 Informazioni chiare e convincenti non sono facilmente disponibili e il parere degli esperti non èunanime Spiegare il comportamento dei virus influenzali non è semplice: sigle, acronimi, etc Le campagne di informazione possono essere state contraddittorie, perchè legate alla duplice necessità di evitare allarmismi e di spiegare comunque la gravità della malattia e la necessità di vaccinarsi Le informazioni disponibili sul web erano principalmente in favore della teoria del complotto I medici non si sono vaccinati! 53

54 L esistenza di precedenti 54

55 Errori nella gestione di un evento da parte delle autorità 55

56 WHO Pandemic Phases Version 2009 From WHO Guidance Pandemic Preparedness and Response The Current Phase is Phase Six (from June 2009 until declared otherwise by WHO Director General) Phases One Two Descriptions No animal influenza virus circulating among animals has been reported to cause infection in humans. An animal influenza virus circulating in domesticated or wild animals is known to have caused infection in humans and is therefore considered a specific potential pandemic threat. Three An animal or human animal influenza reassortant virus has caused sporadic cases or small clusters of disease in people, but has not resulted in human to human transmission sufficient to sustain community level outbreaks. Four Human to human transmission of an animal or human animal influenza reassortant virus able to sustain communitylevel outbreaks has been verified. Pandemic Phases Five Six The same identified virus has caused sustained community level outbreaks in two or more countries in one WHO region. In addition to the criteria defined in Phase 5, the same virus has caused sustained community level outbreaks in at least one other country in another WHO region. Post Peak Levels of pandemic influenza in most countries with adequate surveillance have dropped below peak levels. Possible New Wave Post Pandemic Level of pandemic influenza activity in most countries with adequate surveillance rising again. Levels of influenza activity have returned to the levels seen for seasonal influenza in most countries with adequate surveillance. 56

57 Una sfiducia di fondo nelle autorità In Europa è stato abbastanza evidente una certo gradiente Nord Sud nella accettazione della vaccinazione pandemica In Svezia più del 70% degli operatori sanitari si sono vaccinati Copertura vaccinale negli operatori sanitari*: Irlanda: 40%; Olanda: 50%; Italia: 15% * stime non ufficiali 57

58 In ogni evento esiste sempre chi trae benefici diretti o indiretti. E facile attribuire a ciò il ruolo di causa e non di semplice effetto Big pharma ha certamente guadagnato ed ha ovviamente messo in campo ogni potenzialità di lobby In genere il volume di affari mosso dai vaccini non è nemmeno paragonabile a quello degli antibiotici e altri farmaci C è stato chi ha guadagnato/perso nell arena politica, intorno alla vicenda pandemia 58

59 Domande (vere) aperte Perchè i pazienti morti per influenza H1N1 non erano stati vaccinati, pur appartenendo chiaramente alle categorie a rischio? Perchè l adesione degli operatori sanitari alla vaccinazione è stata così bassa, pur essendo chiaro il loro ruolo nella trasmissione a pazienti a rischio? Cosa abbiamo imparato dalla gestione di questa pandemia? 59

60 Conclusioni Personalmente, preferisco vedere vaccini in scadenza sugli scaffali piuttosto che reparti di terapia intensiva o peggio obitori pieni. L esperienza con i vaccini pandemici ha rappresentato un enorme valore aggiunto. Allestimento, processi autorizzativi, distribuzione, monitoraggio, hanno fornito un enorme bagaglio di conoscenza e di innovazione. Le teorie del complotto sono esistite ed esisteranno sempre. L unico modo per ridurne la portata e limitarne gli effetti: Fornire una corretta e trasparente informazione. Evitare visioni miracolistiche. Risolvere con trasparenza i conflitti di interesse. 60

61 MASTER DI II LIVELLO IN EPIDEMIOLOGIA & BIOSTATISTICA 61

62 VACCINES LIVE SAVING DRUGS NON ESSENTIAL PHARMACEUTICALS 62

63 VACCINES LIVE SAVING DRUGS NON ESSENTIAL PHARMACEUTICALS 63

Medico competente e vaccinazioni per i lavoratori

Medico competente e vaccinazioni per i lavoratori Incontriamo i Medici competenti Medico competente e vaccinazioni per i lavoratori Intervento a cura di: Marino Faccini Milano 28 maggio 2014 Le vaccinazioni hanno sempre un impatto di Sanità Pubblica Contesto

Dettagli

Scienze Motorie Corso di Igiene ed Educazione Sanitaria. Le vaccinazioni

Scienze Motorie Corso di Igiene ed Educazione Sanitaria. Le vaccinazioni Scienze Motorie Corso di Igiene ed Educazione Sanitaria Le vaccinazioni Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Sanità Pubblica e Neuroscienze Sezione Igiene LE VACCINAZIONI 1 Introduzione ARTICOLAZIONE

Dettagli

I vaccini come strumento di prevenzione

I vaccini come strumento di prevenzione I vaccini come strumento di prevenzione Stefania Salmaso Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute Istituto Superiore di Sanità Stele egiziana 3000 AC Agente contro Ospite

Dettagli

VACCINI PER L'ADULTO- ANZIANO. Carlo Calzetti U.O. Malattie Infettive ed Epatologia Azienda Ospedaliero-Universitaria Parma

VACCINI PER L'ADULTO- ANZIANO. Carlo Calzetti U.O. Malattie Infettive ed Epatologia Azienda Ospedaliero-Universitaria Parma VACCINI PER L'ADULTO- ANZIANO Carlo Calzetti U.O. Malattie Infettive ed Epatologia Azienda Ospedaliero-Universitaria Parma TETANO - Anatossina - Tempi 0, 1, 6 mesi - Richiami ogni 10 anni dopo almeno

Dettagli

I processi decisionali a supporto delle strategie vaccinali Silvio Tafuri

I processi decisionali a supporto delle strategie vaccinali Silvio Tafuri Dipartimento di Scienze Biomediche e Oncologia Umana Sezione Igiene I processi decisionali a supporto delle strategie vaccinali Silvio Tafuri Elementi di valutazione delle autorità regolatorie! Efficacia

Dettagli

Prof. Tarcisio Niglio LE VACCINAZIONI

Prof. Tarcisio Niglio LE VACCINAZIONI Prof. Tarcisio Niglio Anno Accademico 2012-2013 Corso Triennale in Scienze Infermieristiche III anno 2 semestre LE VACCINAZIONI Troverete copia gratis di queste diapositive nel sito internet: www.tarcisio.net

Dettagli

Promozione delle vaccinazioni

Promozione delle vaccinazioni Promozione delle vaccinazioni Francesca Russo Servizio Sanità Pubblica e Screening Regione Veneto Formatore Azienda Ospedaliera: Dott.ssa Silvana Lauriola Vaccinazione Azione cardine della prevenzione

Dettagli

Le vaccinazioni Lezio i ni i d i i i g i ie i ne e d e ducazio i ne s anit i a t ri r a i Anno a ccademi m c i o: : 2 008-20 2 0 0 9 0

Le vaccinazioni Lezio i ni i d i i i g i ie i ne e d e ducazio i ne s anit i a t ri r a i Anno a ccademi m c i o: : 2 008-20 2 0 0 9 0 Le vaccinazioni Lezioni di igiene ed educazione sanitaria Anno accademico: 2008-20092009 Le vaccinazioni Costituiscono un intervento per il controllo e la prevenzione delle malattie infettive Cos è un

Dettagli

Politiche vaccinali: lo scenario nazionale di accesso tra sostenibilità e investimento per il futuro

Politiche vaccinali: lo scenario nazionale di accesso tra sostenibilità e investimento per il futuro Politiche vaccinali: lo scenario nazionale di accesso tra sostenibilità e investimento per il futuro Nicoletta Luppi Presidente Gruppo Vaccini Farmindustria Asiago, 18 settembre 2015 L importanza dei vaccini

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 52/28 DEL 23.12.2014

DELIBERAZIONE N. 52/28 DEL 23.12.2014 Oggetto: Piano regionale vaccinazioni. Assegnazione alle Aziende Sanitarie regionali delle risorse disponibili nel Bilancio Regionale 2014 ( 800.000 - UPB S05.01.001 capitolo SC 05.0023). L Assessore dell

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Dipartimento di Prevenzione. G. Napoletano

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Dipartimento di Prevenzione. G. Napoletano AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Dipartimento di Prevenzione Indicatori di performance e di risultati nei programmi di controllo della diffusione delle malattie infettive Regione Veneto G. Napoletano Padova 04.11.2011

Dettagli

Domande frequenti sulle vaccinazioni in generale

Domande frequenti sulle vaccinazioni in generale Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Versione: 09.10.2013 Domande frequenti sulle vaccinazioni in generale 1. Cos è il sistema immunitario?

Dettagli

Prevenzione in Sanità: le novità vaccinali in ambito pediatrico e negli adulti

Prevenzione in Sanità: le novità vaccinali in ambito pediatrico e negli adulti 2015 MOTORE SANITÀ STATI GENERALI DELLA SANITÀ REGIONE DEL VENETO 29, 30 e 31 GENNAIO 2015 Padiglione Giovanni Rama dell Ospedale dell Angelo Via Paccagnella, 11 30174 Venezia Zelarino Prevenzione in Sanità:

Dettagli

Le vaccinazioni: La prevenzione come stile di vita

Le vaccinazioni: La prevenzione come stile di vita Le vaccinazioni: La prevenzione come stile di vita Italo Guido Ricagni MMG S.I.M.P.eS.V. (Soc. It. di Med.di Prevenzione e Stili di Vita) La prevenzione come stile di vita VACCINAZIONI IMPORTANTI ECONOMICHE

Dettagli

LA MENINGITE Sintomi e diagnosi

LA MENINGITE Sintomi e diagnosi LA MENINGITE La meningite è una infiammazione delle membrane che avvolgono il cervello e il midollo spinale (le meningi). La malattia generalmente è di origine infettiva e può essere virale o batterica.

Dettagli

Vaccino MPR + V e vaccino tetravalente MPRV (morbillo, parotite, rosolia e varicella)

Vaccino MPR + V e vaccino tetravalente MPRV (morbillo, parotite, rosolia e varicella) Razionale d uso Vaccino DTPa e vaccino dtpa Per mantenere l efficacia della vaccinazione DTPa, la cui quarta dose è stata eseguita a 5-6 anni, insieme alla quarta dose di vaccino antipolio inattivato (IPV),

Dettagli

VACCINI VACCINAZIONI SIERI

VACCINI VACCINAZIONI SIERI VACCINI VACCINAZIONI SIERI 1 IMMUNITA INNATA ACQUISITA ARTIFICIALE NATURALE ATTIVA (VACCINAZIONE) PASSIVA (SIEROPROFILASSI) ATTIVA (INFEZIONE) PASSIVA (PLACENTA) 2 2 IMMUNITA PASSIVA Immunità passiva artificiale:

Dettagli

Strategie vaccinali contro il tumore della cervice uterina alla luce del Piano Vaccini Regionale: Metodi, risultati e prospettive nell'asl di Brescia

Strategie vaccinali contro il tumore della cervice uterina alla luce del Piano Vaccini Regionale: Metodi, risultati e prospettive nell'asl di Brescia Strategie vaccinali contro il tumore della cervice uterina alla luce del Piano Vaccini Regionale: Metodi, risultati e prospettive nell'asl di Brescia Dr. Mino Baitelli Dirigente Medico Responsabile della

Dettagli

Esperienza del Veneto nella sorveglianza e prevenzione

Esperienza del Veneto nella sorveglianza e prevenzione LA SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE BATTERICHE INVASIVE PREVENIBILI DA VACCINAZIONE: RISULTATI E IMPLICAZIONI PER LA PREVENZIONE Esperienza del Veneto nella sorveglianza e prevenzione F. Russo, G. Napoletano

Dettagli

%FMJCFSBOm PHHFUUP &TUSBUUPEFMQSPDFTTPWFSCBMFEFMMBTFEVUBEFM EJDFNCSF "((*03/".&/50&%&45&/4*0/&%&-- 0''&35"7"$$*/"-&/&--"3&(*0/&'3*6-*7&/&;*" (*6-*"

%FMJCFSBOm PHHFUUP &TUSBUUPEFMQSPDFTTPWFSCBMFEFMMBTFEVUBEFM EJDFNCSF ((*03/.&/50&%&45&/4*0/&%&-- 0''&357$$*/-&/&--3&(*0/&'3*6-*7&/&;* (*6-* %FMJCFSBOm &TUSBUUPEFMQSPDFTTPWFSCBMFEFMMBTFEVUBEFM EJDFNCSF PHHFUUP "((*03/".&/50&%&45&/4*0/&%&-- 0''&35"7"$$*/"-&/&--"3&(*0/&'3*6-*7&/&;*" (*6-*" %FCPSB4&33"$$)*"/* 1SFTJEFOUF 4FSHJP#0-;0/&--0 7JDF1SFTJEFOUF

Dettagli

Malattie da Pneumococco

Malattie da Pneumococco 1 Malattie da Pneumococco La Circolare Ministeriale relativa alla vaccinazione Antipneumococcica si riporta come aggiornamento ritenendo corretto spendere qualche parola in più vista la novità legislativa

Dettagli

1. COME FUNZIONA LA VACCINAZIONE E PERCHÉ BISOGNA VACCINARSI?

1. COME FUNZIONA LA VACCINAZIONE E PERCHÉ BISOGNA VACCINARSI? In un qualsiasi anno prima dell'uso esteso dei vaccini in Italia si registravano circa 3.000 casi di poliomielite, circa 12.000 di difterite, circa 700 casi di tetano, circa 60.000 casi di morbillo e 30.000

Dettagli

Le infezioni in gravidanza prevenibili con vaccinazione: il ruolo del ginecologo aspetti operativi, deontologici e medico-legali.

Le infezioni in gravidanza prevenibili con vaccinazione: il ruolo del ginecologo aspetti operativi, deontologici e medico-legali. Le infezioni in gravidanza prevenibili con vaccinazione: il ruolo del ginecologo aspetti operativi, deontologici e medico-legali. Francesco Libero Giorgino Presidente A.G.E.O. FLG 1 Educazione sanitaria

Dettagli

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE In un qualsiasi anno prima dell'uso esteso dei vaccini in Italia si registravano circa 3.000 casi di poliomielite, circa 12.000 di difterite, circa 700 casi

Dettagli

Ordinanza del DFI concernente le dichiarazioni di medici e laboratori 1

Ordinanza del DFI concernente le dichiarazioni di medici e laboratori 1 Ordinanza del DFI concernente le dichiarazioni di medici e laboratori 1 818.141.11 del 13 gennaio 1999 (Stato 1 gennaio 2014) Il Dipartimento federale dell interno (DFI), visto l articolo 3 capoverso 3

Dettagli

Cenni storici. Due momenti essenziali. Jenner (vaccino contro il vaiolo) empirico-pratico. Pasteur scientifico-sperimentale

Cenni storici. Due momenti essenziali. Jenner (vaccino contro il vaiolo) empirico-pratico. Pasteur scientifico-sperimentale Le vaccinazioni COSA SONO? I vaccini sono farmaci concepiti per la prevenzione delle malattie infettive mediante l induzione di una risposta immunitaria dell organismo verso l agente patogeno (immunità

Dettagli

Il calendario vaccinale alla luce della disponibilità di nuovi vaccini

Il calendario vaccinale alla luce della disponibilità di nuovi vaccini Il calendario vaccinale alla luce della disponibilità di nuovi vaccini G. Gabutti Dipartimento di Prevenzione S.C. Igiene e Sanità Pubblica ASL 4 Chiavarese Regione Liguria Corso Vaccinazioni: consolidare

Dettagli

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE 2005-2007 REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE

Dettagli

Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA

Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA Il morbillo nel mondo Epidemia di morbillo in Campania del 2002 Stimati circa 40.000 casi Eguale distribuzione per sesso Incidenza più elevata

Dettagli

Le vaccinazioni. La loro efficacia. Le modalità di somministrazione. Giancarlo Malchiodi ASL di Bergamo Dipartimento di Prevenzione Medico

Le vaccinazioni. La loro efficacia. Le modalità di somministrazione. Giancarlo Malchiodi ASL di Bergamo Dipartimento di Prevenzione Medico Le vaccinazioni. La loro efficacia. Le modalità di somministrazione Giancarlo Malchiodi ASL di Bergamo Dipartimento di Prevenzione Medico Vaccini e sicurezza I vaccini hanno una elevata sicurezza perché

Dettagli

Ordinanza concernente le dichiarazioni di medici e laboratori

Ordinanza concernente le dichiarazioni di medici e laboratori Ordinanza concernente le dichiarazioni di medici e laboratori Modifica del 15 dicembre 2003 Il Dipartimento federale dell interno ordina: I L ordinanza del 13 gennaio 1999 1 concernente le dichiarazioni

Dettagli

Andrea De Maria Università di Genova

Andrea De Maria Università di Genova Rischio Reale e Possibili Eventi da Vaccinazione Andrea De Maria Università di Genova Elenco sintetico dei vaccini disponibili attualmente Tetano tossoide (adsorb) 1949 Difterite tossoide 1927 Pneumococco

Dettagli

Ordinanza del DFI concernente le dichiarazioni di medici e laboratori

Ordinanza del DFI concernente le dichiarazioni di medici e laboratori Ordinanza del DFI concernente le dichiarazioni di medici e laboratori Modifica del 18 giugno 2009 Il Dipartimento federale dell interno (DFI) ordina: I Gli allegati 1 4 dell ordinanza del DFI del 13 gennaio

Dettagli

INCONTRO CON I MEDIA LE BIOTECNOLOGIE DELLA SALUTE IN ITALIA: NOVITÀ E PROSPETTIVE. Roma, 19 maggio 2011 ore 11.00 Farmindustria Via del Nazareno, 12

INCONTRO CON I MEDIA LE BIOTECNOLOGIE DELLA SALUTE IN ITALIA: NOVITÀ E PROSPETTIVE. Roma, 19 maggio 2011 ore 11.00 Farmindustria Via del Nazareno, 12 INCONTRO CON I MEDIA LE BIOTECNOLOGIE DELLA SALUTE IN ITALIA: NOVITÀ E PROSPETTIVE Roma, 19 maggio 2011 ore 11.00 Farmindustria Via del Nazareno, 12 INDICE Cosa sono le biotecnologie? 2 Dalle cellule al

Dettagli

sanità Avvertenze Azienda Sanitaria Locale (A.S.L.) interruzioni volontarie di gravidanza malattie infettive

sanità Avvertenze Azienda Sanitaria Locale (A.S.L.) interruzioni volontarie di gravidanza malattie infettive capitolo 3 sanità Avvertenze Le informazioni statistiche contenute nel presente capitolo provengono dall Agenzia di Sanità Pubblica della Regione Lazio e riguardano dati rilevati presso le strutture sanitarie

Dettagli

Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti.

Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti. Vaccinazioni Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti. Difterite Tetano Polio Encefalite da zecche Febbre gialla Febbre tifoide Epatite

Dettagli

Valutazione del Piano di promozione delle vaccinazioni per la Provincia di Trento

Valutazione del Piano di promozione delle vaccinazioni per la Provincia di Trento Valutazione del Piano di promozione delle vaccinazioni per la Provincia di Trento Il Piano provinciale per la promozione delle vaccinazioni ha una durata triennale, coprendo gli anni 2012, 2013 e 2014.

Dettagli

Sistema di segnalazione rapida di eventi epidemici ed eventi sentinella nelle strutture sanitarie e nella popolazione generale

Sistema di segnalazione rapida di eventi epidemici ed eventi sentinella nelle strutture sanitarie e nella popolazione generale Sistema di segnalazione rapida di eventi epidemici ed eventi sentinella nelle strutture sanitarie e nella popolazione generale Regione Emilia-Romagna Deliberazione della Giunta Regionale N 186/2005 del

Dettagli

PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE

PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Settore Prevenzione, Igiene e Sanità Pubblica PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE SISTEMI DI SORVEGLIANZA DELLA MALATTIE INFETTIVE E PIANO DELLE VACCINAZIONI

Dettagli

COPERTURE VACCINALI NELL INFANZIA E NELL ADOLESCENZA IN FRIULI VENEZIA GIULIA

COPERTURE VACCINALI NELL INFANZIA E NELL ADOLESCENZA IN FRIULI VENEZIA GIULIA COPERTURE VACCINALI NELL INFANZIA E NELL ADOLESCENZA IN FRIULI VENEZIA GIULIA Anno 2013 A cura: C. Braida, T. Gallo Direzione centrale salute, integrazione sociosanitaria,politiche sociali e famiglia Regione

Dettagli

La risposta al bisogno e alla domanda di salute

La risposta al bisogno e alla domanda di salute La risposta al bisogno e alla domanda di salute Giuliano Angotzi Direttore Dipartimento di Prevenzione Azienda U.S.L. Viareggio Conferenza dei servizi 30/3/2005 traumatismi ed avvelenamenti 6% Principali

Dettagli

Pediatria ieri e oggi

Pediatria ieri e oggi LIONS CLUB PEGLI 9 febbraio 2012 Pediatria ieri e oggi Relatore Lion Prof. Ezio Gandullia Da Pediatria numero 3 - maggio 2011 Storia della Pediatria (Docente Dott.ssa Maria Giuseppina Gregorio) Mortalità

Dettagli

L approccio vaccinale al cancro*

L approccio vaccinale al cancro* L approccio vaccinale al cancro* La vaccinazione è una tecnica mirata a stimolare una reazione immunologica dell organismo verso l'antigene o gli antigeni contenuti nel vaccino somministrato. Oggi i vaccini

Dettagli

Pediatria Preventiva e Sociale

Pediatria Preventiva e Sociale Che cos è la meningite? La meningite è un infiammazione delle membrane che ricoprono il cervello e il midollo spinale, che può essere causata da virus o batteri. Le forme virali sono solitamente più lievi

Dettagli

S.C. Igiene e Sanità Pubblica

S.C. Igiene e Sanità Pubblica Informazioni sulle vaccinazioni dalla nascita ai due anni S.C. Igiene e Sanità Pubblica vaccino Poliomielite Epatite B Difterite Tetano Pertosse Emofilo Pneumococco Meningococco B *vedi nota alla nascita

Dettagli

818.141.11 Ordinanza del DFI concernente le dichiarazioni di medici e laboratori 1

818.141.11 Ordinanza del DFI concernente le dichiarazioni di medici e laboratori 1 Ordinanza del DFI concernente le dichiarazioni di medici e laboratori 1 del 13 gennaio 1999 (Stato 1 gennaio 2008) Il Dipartimento federale dell interno, visto l articolo 3 capoverso 3 dell ordinanza del

Dettagli

Epidemiologia delle malattie infettive

Epidemiologia delle malattie infettive Relazione Sanitaria 2000 Rapporto n. 6 Epidemiologia delle malattie infettive Riassunto Le misure di frequenza delle malattie infettive risentono in maniera importante del fenomeno della sottonotifica.

Dettagli

ANNO ACCADEMICO 2013/2014 Programma dell insegnamento: _IGIENE

ANNO ACCADEMICO 2013/2014 Programma dell insegnamento: _IGIENE ANNO ACCADEMICO 2013/2014 Programma dell insegnamento: _IGIENE Docente Titolare del corso: Dr. Antonio Romaniello Corso di Laurea : _FARMACIA Obiettivi formativi generali (risultati di apprendimento previsti

Dettagli

IMPFDIENST. Opuscolo informativo per genitori e allievi

IMPFDIENST. Opuscolo informativo per genitori e allievi IMPFDIENST Opuscolo informativo per genitori e allievi Servizio polmonare Argovia Gentili genitori Cari allievi e allieve Il servizio vaccinazioni, in collaborazione con i medici scolastici e il servizio

Dettagli

Le epidemie del XXI secolo: un lato oscuro della globalizzazione. Guido Maria Grasso

Le epidemie del XXI secolo: un lato oscuro della globalizzazione. Guido Maria Grasso Le epidemie del XXI secolo: un lato oscuro della globalizzazione Guido Maria Grasso le malattie infettive sono state vinte? le malattie cardiovascolari e il cancro rappresentano la principale sfida della

Dettagli

Franco Giovanetti. ASL CN2 Alba Bra Regione Piemonte Dipartimento di Prevenzione

Franco Giovanetti. ASL CN2 Alba Bra Regione Piemonte Dipartimento di Prevenzione Franco Giovanetti ASL CN2 Alba Bra Regione Piemonte Dipartimento di Prevenzione Poliomielite 1403-1365 a.c., Egitto 1952, Stati Uniti 52.879 casi di poliomielite, di cui 21.269 con paralisi flaccida Total

Dettagli

D.G. Prevenzione Sanitaria Ufficio Malattie Infettive e Profilassi Internazionale

D.G. Prevenzione Sanitaria Ufficio Malattie Infettive e Profilassi Internazionale I PAPILLOMAVIRUS Sono virus Ne esistono oltre 120 tipi che infettano la specie umana Circa 40 tipi infettano le mucose genitali e di essi circa 15 sono definiti a rischio oncogeno HPV che infettano la

Dettagli

LE MALATTIE INFETTIVE

LE MALATTIE INFETTIVE LE MALATTIE In base alla loro eziologia (cioè alle loro cause) le malattie possono essere distinte in e NON. Le malattie infettive sono causate da microrganismi, specialmente batteri e virus. Le malattie

Dettagli

Le malattie infettive e le vaccinazioni

Le malattie infettive e le vaccinazioni Le malattie infettive e le vaccinazioni dott.fulvio Zorzut Unità funzionale di Profilassi Malattie Infettive e Vaccinazioni Dipartimento di Prevenzione di Trieste Il controllo e l'eliminazione delle malattie

Dettagli

Abitudini di vita. Tumori delle vie respiratorie (fumo) Cancro della cervice uterina (età del primo rapporto, numero di partners/ Papillomavirus-HPV-)

Abitudini di vita. Tumori delle vie respiratorie (fumo) Cancro della cervice uterina (età del primo rapporto, numero di partners/ Papillomavirus-HPV-) Abitudini di vita Tumori delle vie respiratorie (fumo) Cancro della cervice uterina (età del primo rapporto, numero di partners/ Papillomavirus-HPV-) Alterazioni preneoplasiche acquisite Iperplasia

Dettagli

La vaccinazione contro il papillomavirus

La vaccinazione contro il papillomavirus Conegliano, 9 maggio 2013 La vaccinazione contro il papillomavirus Dott.ssa Ester Chermaz Responsabile U.O. Profilassi delle Malattie Infettive Servizio Igiene e Sanità Pubblica ULSS 7 Pieve di Soligo

Dettagli

Avvio della Campagna di Vaccinazione antinfluenzale 2015-16, a Trieste

Avvio della Campagna di Vaccinazione antinfluenzale 2015-16, a Trieste Avvio della Campagna di Vaccinazione antinfluenzale 2015-16, a Trieste dott.fulvio Zorzut Direttore S.C. Igiene Sanità Pubblica Prevenzione Ambientale Dipartimento di Prevenzione di Trieste La Campagna

Dettagli

Profilassi immunitaria

Profilassi immunitaria Profilassi immunitaria Dott.ssa Pamela Di Giovanni Profilassi immunitaria passiva Sieroprofilassi Possono essere divisi in 3 categorie: antibatterici antivirali antitossici I primi sono stati completamente

Dettagli

LE VACCINAZIONI RACCOMANDATE PER SOGGETTI IN CONDIZIONI DI RISCHIO

LE VACCINAZIONI RACCOMANDATE PER SOGGETTI IN CONDIZIONI DI RISCHIO LE VACCINAZIONI RACCOMANDATE PER SOGGETTI IN CONDIZIONI DI RISCHIO Laura Gardenghi Dipartimento di Sanità Pubblica Servizio Igiene Pubblica area Profilassi Malattie Infettive Modena, 17 novembre 2014 VACCINAZIONI

Dettagli

A cura del dr. Giovanni Piu

A cura del dr. Giovanni Piu A cura del dr. Giovanni Piu INFLUENZA Parola derivata dalla lingua Italiana, perché si supponeva che la malattia fosse dovuta all influenza climatica svolta da una sfavorevole congiunzione astrale. E una

Dettagli

La gestione delle emergenze infettive: analisi e proposte

La gestione delle emergenze infettive: analisi e proposte La gestione delle emergenze infettive: analisi e proposte F R A N C E S C A R U S S O S E T T O R E P R O M O Z I O N E E S V I L U P P O I G I E N E E S A N I T À P U B B L I C A S E Z I O N E A T T U

Dettagli

PREVENZIONE POLMONITE

PREVENZIONE POLMONITE fiammaz o l m o n a r e struzione br avità pleuri Streptococcus p n e u m o n i a Infezione Mal Respiratorio PREVENZIONE POLMONITE Vaccino Pneumococcico Polisaccaridico Coniugato, (13Valente Adsorbito)

Dettagli

Ai Pediatri di libera scelta Ai Medici di Medicina Generale ASP Siracusa

Ai Pediatri di libera scelta Ai Medici di Medicina Generale ASP Siracusa Corso Gelone, 17-96100 Siracusa C.F./P.I. 01661590891 REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE S I R A C U S A U.O.C. SEMP Direttore Dott.ssa Maria Lia Contrino Traversa La Pizzuta (ex ONP) - 96100

Dettagli

Promozione delle vaccinazioni

Promozione delle vaccinazioni Promozione delle vaccinazioni Massimo Cornale Angela Garbini Monica Mascellani AUSL di Ferrara tratto da Francesca Russo Veneto Maria Grazia Pascucci- Emilia Romagna Vaccinazione Azione cardine della prevenzione

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni 2000D0096 IT 05.09.2012 006.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 22 dicembre 1999 relativa

Dettagli

PROPOSTA CALENDARIO VACCINALE PER GLI ADULTI E PER GLI ANZIANI

PROPOSTA CALENDARIO VACCINALE PER GLI ADULTI E PER GLI ANZIANI PROPOSTA CALENDARIO VACCINALE PER GLI ADULTI E PER GLI ANZIANI a cura dalla Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI) Vaccino Gruppo di Età Tetano, Difterite, pertosse per

Dettagli

Vaccinazione anti-epatite B: una strategia di successo

Vaccinazione anti-epatite B: una strategia di successo Giornata di Studio in ricordo della Professoressa Fernanda ergamini Milano, 7 aprile 9 Vaccinazione anti-epatite : una strategia di successo Prof. Alessandro Zanetti Dipartimento di Sanità pubblica Microbiologia

Dettagli

Giornata mondiale dell AIDS 1 dicembre 2008. Diego Ripamonti, Malattie Infettive Ospedali Riuniti di Bergamo

Giornata mondiale dell AIDS 1 dicembre 2008. Diego Ripamonti, Malattie Infettive Ospedali Riuniti di Bergamo Giornata mondiale dell AIDS 1 dicembre 2008 Diego Ripamonti, Malattie Infettive Ospedali Riuniti di Bergamo Epidemiologia della infezione da HIV Diagnosi di infezione Terapia antiretrovirale Gravidanza

Dettagli

Infezione da HPV Il Carcinoma della Cervice Uterina Pap test

Infezione da HPV Il Carcinoma della Cervice Uterina Pap test Infezione da HPV Il Papilloma virus umano (HPV) è l'agente virale responsabile del carcinoma della cervice uterina (CCU). Il CCU è il primo tumore riconosciuto dall'organizzazione Mondiale della Sanità

Dettagli

SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2011 -

SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2011 - SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2011 - Malattie infettive nell ASL di Brescia anno 2011- Pag. 1 MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2011 - I dati estratti dal

Dettagli

da Ellis Island ai giorni nostri

da Ellis Island ai giorni nostri Flussi migratori e controllo delle malattie infettive da Ellis Island ai giorni nostri Giovanni Rezza Dipartimento Malattie Infettive, Parassitarie e Immunomediate Il termine migrazione descrive movimenti

Dettagli

I vaccini. guida per gli insegnanti HEALTHY FOUNDATION HEALTHY FOUNDATION

I vaccini. guida per gli insegnanti HEALTHY FOUNDATION HEALTHY FOUNDATION I vaccini guida per gli insegnanti HEALTHY FOUNDATION HEALTHY FOUNDATION Introduzione Caro insegnante, questa breve guida si propone di offrire spunti ed elementi di maggiore conoscenza riguardo alle vaccinazioni.

Dettagli

COS E UN AGENTE BIOLOGICO?

COS E UN AGENTE BIOLOGICO? RICHIO BIOLOGICO Rischio connesso con l esposizione a organismi e microrganismi patogeni e non, colture cellulari, endoparassiti umani presenti nell ambiente di lavoro a seguito di emissione e/o trattamento

Dettagli

Aumentare le coperture vaccinali in età pediatrica creando rapporti strutturali con la Pediatria di Famiglia

Aumentare le coperture vaccinali in età pediatrica creando rapporti strutturali con la Pediatria di Famiglia Aumentare le coperture vaccinali in età pediatrica creando rapporti strutturali con la Pediatria di Famiglia Francesca Russo Servizio Promozione e Sviluppo Igiene e Sanità Pubblica Direzione Prevenzione

Dettagli

Lo stato dell arte sulla vaccinazione HPV nella popolazione target

Lo stato dell arte sulla vaccinazione HPV nella popolazione target Prevenzione della neoplasia della cervice uterina tra screening e vaccinazione Lo stato dell arte sulla vaccinazione HPV nella popolazione target Dott. Francesco Molicotti 03-06.2009 Servizio Igiene e

Dettagli

Morbillo & Co.: quando il "frastuono" non fa l'informazione

Morbillo & Co.: quando il frastuono non fa l'informazione Morbillo & Co.: quando il "frastuono" non fa l'informazione Il 30 gennaio 15, si è riunito a Copenaghen il gruppo ETAGE dell OMS (European Technical Advisory Group of Experts on Immunization) per fare

Dettagli

Il bambino immigrato con stato vaccinale sconosciuto.

Il bambino immigrato con stato vaccinale sconosciuto. Il bambino immigrato con stato vaccinale sconosciuto. GHINELLI Giuseppe - Pediatra S.C. Assistenza Consultoriale ASL3 Genovese Circolare Ministeriale n.8 del 23/3/1993 "Documenti di vaccinazione per minori

Dettagli

L esperienza dell Emilia-Romagna

L esperienza dell Emilia-Romagna L esperienza dell Emilia-Romagna Alba Carola Finarelli Servizio Sanità pubblica Regione Emilia-Romagna Giugno 1981, Los Angeles Primi casi di una nuova sindrome di immuno-deficienza : fa la prima comparsa

Dettagli

R e g i o n e L a z i o

R e g i o n e L a z i o (La scheda non deve superare le 7 cartelle, compreso la tabella indicatori) Titolo del Progetto o del programma: R e g i o n e L a z i o Progetto per il miglioramento delle coperture vaccinali con particolare

Dettagli

Prevenzione generale delle malattie infettive

Prevenzione generale delle malattie infettive Prevenzione generale delle malattie infettive la sorveglianza epidemiologica l indagine epidemiologica isolamento e contumacia disinfezione e sterilizzazione Sorveglianza epidemiologica: definizione La

Dettagli

EMENDAMENTI PDL 190, PSSR GRUPPO ITALIA DEI VALORI

EMENDAMENTI PDL 190, PSSR GRUPPO ITALIA DEI VALORI EMENDAMENTI PDL 190, PSSR GRUPPO ITALIA DEI VALORI Primo firmatario: Consigliere Marotta Venezia e altre specificità Emendamento n.1 3.2.1 La rete ospedaliera su due livelli (Pag. 44) Dopo le parole: Inoltre

Dettagli

Tavola delle vaccinazioni per classi di età e priorità.

Tavola delle vaccinazioni per classi di età e priorità. Tavola delle vaccinazioni per classi di età e priorità. Le vaccinazioni prioritarie che sono evidenziate in grassetto dovrebbero prevedere dei programmi organici ed efficaci di offerta attiva. 13 19 (*)

Dettagli

MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 -

MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - Malattie infettive nell ASL di Brescia anno 2012- Pag. 1 MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - Il controllo reale della diffusione delle

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 OLBIA DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 232 DEL 19/02/2015

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 OLBIA DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 232 DEL 19/02/2015 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 OLBIA DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N. 232 DEL 19/02/2015 OGGETTO: PROCEDURA APERTA TELEMATICA DI RILIEVO COMUNITARIO PER LA

Dettagli

http://www.eurosurveillance.org/viewarticle.aspx?articleid=20183 Obbligo vaccinale in Europa: assenza di strategie condivise

http://www.eurosurveillance.org/viewarticle.aspx?articleid=20183 Obbligo vaccinale in Europa: assenza di strategie condivise Obbligo vaccinale in Europa: assenza di strategie condivise I vaccini proposti ai bambini nei 29 Paesi europei (27 dell'unione europea, più Islanda e Norvegia) sono 15: alcuni sono obbligatori per tutti,

Dettagli

Prefazione...7 Introduzione...9 Ringraziamenti...13 Principali fonti bibliografiche...15. Sezione I NOZIONI GENERALI DI VACCINOPROFILASSI

Prefazione...7 Introduzione...9 Ringraziamenti...13 Principali fonti bibliografiche...15. Sezione I NOZIONI GENERALI DI VACCINOPROFILASSI Prefazione...7 Introduzione...9 Ringraziamenti...13 Principali fonti bibliografiche...15 Sezione I NOZIONI GENERALI DI VACCINOPROFILASSI Capitolo 1 - CONCETTI GENERALI DI IMMUNOPROFILASSI...23 1 - Sieri

Dettagli

Le malattie non infettive nel Mondo: epidemiologia e strategie preventive

Le malattie non infettive nel Mondo: epidemiologia e strategie preventive Le malattie non infettive nel Mondo: epidemiologia e strategie preventive Problemi di metodo da affrontare nello studio epidemiologico delle malattie non infettive S ono spesso disponibili solo studi di

Dettagli

PIANO DELLE VACCINAZIONI DELLA REGIONE CAMPANIA

PIANO DELLE VACCINAZIONI DELLA REGIONE CAMPANIA PIANO DELLE VACCINAZIONI DELLA REGIONE CAMPANIA SOMMARIO A. Premessa B. Quadro normativo di riferimento C. Fonti utilizzate D. Obiettivi prioritari E. Calendario Regionale delle Vaccinazioni F. Ruoli e

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI SULLE VACCINAZIONI E SUI VACCINI PER GLI OPERATORI SANITARI

DOMANDE FREQUENTI SULLE VACCINAZIONI E SUI VACCINI PER GLI OPERATORI SANITARI DOMANDE FREQUENTI SULLE VACCINAZIONI E SUI VACCINI PER GLI OPERATORI SANITARI Settimana Europea della Vaccinazione 1. COME CI DIFENDIAMO DALLE MALATTIE INFETTIVE? Le difese dell organismo contro microrganismi

Dettagli

Denuncia di Malattia Infettiva

Denuncia di Malattia Infettiva Denuncia di Malattia Infettiva Strumento determinante per la sorveglianza sulle malattie infettive insorgenti sul territorio con applicazione delle misure di profilassi e controllo al fine di impedire

Dettagli

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione

Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi in vivo e in vitro per : il riconoscimento dei farmaci lo studio delle loro proprietà farmacologiche lo studio del loro meccanismo d azione Metodi generali Metodi mirati Scoperta e sviluppo di nuovi

Dettagli

Virologia. Vaccini virali

Virologia. Vaccini virali Virologia Vaccini virali Cosa è un vaccino Un preparato in grado di stimolare il sistema immunitario a produrre una risposta che conferisce protezione (immunità) contro una specifica malattia Termine tipicamente

Dettagli

Morbilità della donna in età avanzata: dipende dallo stile di vita? Dott Francesco Oliverio

Morbilità della donna in età avanzata: dipende dallo stile di vita? Dott Francesco Oliverio Morbilità della donna in età avanzata: dipende dallo stile di vita? Dott Francesco Oliverio La salute è uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non semplicemente l assenza di malattia

Dettagli

Manuale regionale - Linee guida per la effettuazione delle vaccinazioni

Manuale regionale - Linee guida per la effettuazione delle vaccinazioni 1 Regione Calabria AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE - COSENZA DIPARTIMENTO AREA PREVENZIONE PAOLA Manuale regionale - Linee guida per la effettuazione delle vaccinazioni 2 Indice 1 Introduzione pag. 4 2 Calendario

Dettagli

Indice. PARTE I Igiene generale. Autore. Prefazione

Indice. PARTE I Igiene generale. Autore. Prefazione Indice I Autore Prefazione XI XIII PARTE I Igiene generale CAPITOLO 1 Medicina clinica, preventiva e predittiva 1 1.1 Concetto di salute 1 1.2 Determinanti della salute 3 1.2.1 Modelli concettuali 3 1.3

Dettagli

Libretto delle vaccinazioni

Libretto delle vaccinazioni REGIONE LIGURIA Libretto delle vaccinazioni Cognome Nome Data di nascita Il centro vaccinale della mia ASL: Indirizzo: Tel.: DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE U.O. IGIENE E SANITÀ PUBBLICA Direzione: Tel: e-mail:

Dettagli

L offerta vaccinale per il personale sanitario: salvaguardia del singolo e protezione dei pazienti

L offerta vaccinale per il personale sanitario: salvaguardia del singolo e protezione dei pazienti L offerta vaccinale per il personale sanitario: salvaguardia del singolo e protezione dei pazienti Venezia, 22 ottobre 2015 Lorena Gottardello, Giuseppina Napoletano Ossia. noi della sanità pubblica ci

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale (PNPV) 2012-2014 1 INDICE DEL PIANO Prefazione Introduzione Il contesto Gli obiettivi del Piano Nazionale Prevenzione Vaccinale 2012-2014 Superamento

Dettagli

Tatuaggio: rischio infettivo e misure di controllo. Anna Rita Ciccaglione. Dipartimento Malattie Infettive, Parassitarie ed Immunomediate

Tatuaggio: rischio infettivo e misure di controllo. Anna Rita Ciccaglione. Dipartimento Malattie Infettive, Parassitarie ed Immunomediate Tatuaggio: rischio infettivo e misure di controllo Anna Rita Ciccaglione Dipartimento Malattie Infettive, Parassitarie ed Immunomediate Istituto Superiore di Sanità Roma, 2 Dicembre, 2013 «THE BODY ART»

Dettagli