Da Brera al Castello Sforzesco. Genesi, formazione e percorsi delle raccolte fotografiche dei musei milanesi Silvia Paoli

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Da Brera al Castello Sforzesco. Genesi, formazione e percorsi delle raccolte fotografiche dei musei milanesi Silvia Paoli"

Transcript

1 Da Brera al Castello Sforzesco. Genesi, formazione e percorsi delle raccolte fotografiche dei musei milanesi Silvia Paoli Civico Archivio Fotografico, Milano Le vicende legate alla formazione delle raccolte fotografiche pubbliche costituitesi presso i due grandi plessi museali della città, il palazzo di Brera e il Castello Sforzesco, sono certamente da inscrivere nelle più ampie vicende politiche e culturali che presiedettero alla nascita dei primi musei, vicende determinate dalla presenza di un élite culturale cittadina fortemente impegnata in senso civile e capace di coniugare le tensioni ideali alla progettazione di iniziative di alto profilo anche in ambito museale 1. La prima raccolta fotografica milanese, tuttavia, e la più antica, nacque presso l Accademia di Brera a scopo didattico e per uso esclusivamente interno. L articolazione e l importanza dei fondi fotografici, conservati presso la Fototeca dell Accademia 2, restituisce quello che fu il ruolo di primissimo piano di questa istituzione nella seconda metà dell ottocento. L Accademia gestiva uno dei musei più grandi d Europa, la Pinacoteca (che si dividerà dall Accademia nel 1882), organizzava esposizioni periodiche e controllava le attività di tutela e di restauro delle opere d arte e dei monumenti su scala regionale. Già nel 1840 Francesco Durelli ( ), professore di prospettiva, faceva acquistare un apparecchio per dagherrotipi fabbricato dalla ditta parigina Giroux e il primo acquisto di fotografie avveniva nel 1851, quando lo stesso Durelli, insieme a Luigi Bisi, che in quell anno lo avrebbe sostituito alla cattedra di prospettiva, promosse l acquisto di sei carte salate di Luigi Sacchi scelte da una più ampia raccolta di vedute a tinte scure cavate dal vero col metodo fotografico 3. Il consistente e progressivo aumento degli acquisti di fotografie negli anni successivi è segno di un interesse crescente che trova anche un riconoscimento formale nel momento in cui l uso delle fotografie per uso didattico viene ampiamente inserito nel nuovo Schema di Statuto dell Accademia, in occasione della riforma degli inizi degli anni sessanta 4. Lo Schema è redatto da Giuseppe Mongeri ( ), Segretario, professore di estetica e Presidente dell Accademia tra 1855 e 1859, poi 1 Su questi temi, cfr. C. Mozzarelli, R. Pavoni, Milano fin de siècle e il caso Bagatti Valsecchi. Memoria e progetto per la metropoli italiana, Milano, Guerini e Associati, 1991; C. Mozzarelli, R. Pavoni, Milano Ascesa e trasformazione della capitale morale (due volumi), Milano, Museo Bagatti Valsecchi, Venezia, Marsilio, 2000; M. Ceriana, Un ritratto di gruppo: i fondatori del ricetto fotografico, in M. Miraglia, M. Ceriana (a cura di), 1899, un progetto di fototeca pubblica per Milano. Il ricetto fotografico di Brera, Milano, Electa, 2000, pp Ringrazio la Prof.ssa Francesca Valli, responsabile della Fototeca dell Accademia di Brera, e il Prof. Roberto Cassanelli, docente di storia della fotografia presso la stessa, per avermi permesso di prendere visione dei fondi fotografici e quindi di preparare questo intervento. Per la storia dei fondi fotografici dell Accademia di Brera, cfr. R. Cassanelli, La fotografia nell Accademia di Brera. Le prime acquisizioni, , in M. Miraglia (a cura di), Alle origini della fotografia. Luigi Sacchi lucigrafo a Milano, , Milano, Federico Motta Editore, 1996, pp ; G. Agosti, M. Ceriana, Il fondo fotografico antico in G. Agosti, M. Ceriana (a cura di), Le raccolte storiche dell Accademia di Brera, Quaderni di Brera 8, Firenze, Centro Di, 1997, pp ; R. Cassanelli, Nuovi strumenti, in F. Valli, G. Agosti, R. Cassanelli, G. Pozzi (a cura di), Due secoli di progetto scenico. Prospettive d invenzione , Rozzano (Milano), Editoriale Giorgio Mondadori, 1997, pp ; V. Rosa, L. Somaini, D. Trento, F. Valli, Verso il museo. Opere dell Accademia restaurate , Milano, ArtConsulting, 2005, pp Come sottolineano i saggi citati, l insieme dei fondi fotografici che va oggi sotto il nome di Fototeca dell Accademia è un insieme ormai chiuso, i cui primi acquisti datano intorno al 1850 e gli ultimi, con doni, lasciti e legati, al decennio Negli anni trenta si esaurì quindi la funzione di questa raccolta, che non fu più incrementata, e le cui fotografie non furono più usate in Accademia a scopo di studio e di modello per gli artisti. La bibliografia citata rende ragione anche di un interesse per i rapporti tra fotografia e Accademia che data agli ultimi dieci anni. In passato, la raccolta di fotografie non era considerata un entità autonoma, ma era associata alla Biblioteca, unica era la sede e unica la conduzione degli acquisti. Quando la Pinacoteca si separò dall Accademia (1882), le fotografie subirono, insieme al patrimonio artistico dell Accademia, spartizioni di cui restano tuttora oscure per molti aspetti le ragioni. Non inventariate, le fotografie, man mano che scompariva la loro destinazione d uso, finirono progressivamente insieme a tavole strappate da libri, spesso rilegate in volumi e confuse col resto del patrimonio librario. Confluite poi nel Gabinetto Disegni e Stampe della Biblioteca dell Accademia, da una decina d anni, individuate e nominate nel loro complesso come Fototeca, sono oggetto di riordino, di catalogazione e di studio. Per una riflessione più specifica sulla terminologia che storicamente, a livello italiano, è stata variamente adottata per qualificare le diverse raccolte fotografiche esistenti presso le Istituzioni si rimanda all intervento di Pierangelo Cavanna in questi Atti. 3 Cfr. R. Cassanelli, 1996, p G. Mongeri, Schema di Statuto per un Accademia di Belle Arti, Milano, 1860.

2 professore di storia dell arte tra 1878 e 1888, a cui si deve una notevole attività di promozione della fotografia, legata anche agli incrementi negli acquisti di fotografia soprattutto negli anni cinquanta e poi negli anni ottanta. I suoi interessi lo avevano portato anche a scoprire il lavoro di Luigi Sacchi e a valorizzarlo nel primo saggio, del 1852, dedicato a questo pittore e fotografo 5. Nello Schema di Statuto, partendo da un importante premessa che spiega la necessità di chiudere ormai le scuole di incisione e di paesaggio, e la scuola di incisione proprio a causa dei progressi mirabili della fotografia 6, viene ribadita in ognuna delle due sezioni d insegnamento, l elementare e la superiore, l importanza del ricorso alla fotografia. Nell insegnamento elementare la fotografia compare come strumento fondamentale di studio, accanto a stampe, disegni, modelli o pezzi a rilievo nelle scuole di ornamento, di architettura e di figura 7. Nell insegnamento superiore l uso della fotografia è inserito in tutte le classi, pittura, scultura ma soprattutto architettura 8. E poi sancito che sia la libreria dell Accademia a raccogliere le fotografie, formando così il primo nucleo della raccolta storica oggi ancora nella Biblioteca dell Istituto 9. Negli anni sessanta dell ottocento la raccolta delle fotografie continuerà quindi a crescere grazie ad acquisti ma anche a doni, legati e lasciti: le diverse modalità di entrata ne fanno così un insieme composito, in ordine alle intenzioni e alle motivazioni che presiedono alla costituzione dei diversi fondi. Gli acquisti per le scuole di prospettiva, di ornato, di architettura 10, di estetica e storia dell arte - acquisti che vengono segnalati come modelli per le diverse scuole, rivelando nell uso del termine quello che era poi l uso reale delle fotografie, sostitutivo dell approccio diretto -, restano a testimonianza degli orientamenti di studio e delle tendenze del gusto che si riflettono nell insegnamento, oltre a essere legati all ampia disponibilità ormai esistente sul mercato di campagne fotografiche dedicate ai principali monumenti e alle più importanti raccolte museali d Europa 11. Camillo Boito, professore di architettura dal 1859 e poi Presidente dell Accademia dal 1897, promuoverà, soprattutto nel decennio e in quello tra 1880 e 1890, numerosi acquisti di fotografie per uso didattico tra cui spiccano le vedute sull architettura veneziana - dovute a Bresolin e Lorent legate al suo percorso di formazione e di studio. Negli anni ottanta Boito promuove altri acquisti facendosi aiutare dal giovane allievo Luca Beltrami - altro fondamentale protagonista di questi anni, anche per la nascita delle raccolte fotografiche pubbliche a Brera e al Castello Sforzesco -, sull ornato greco e romano e ancora su monumenti veneziani. Il lascito Boito, pervenuto poi nel 1914, di circa duecento positivi, comprende sia doni, ricevuti da amici artisti, sia acquisti che includono anche numerose fotografie legate ai viaggi di studio, come le rare vedute di Danzica e di Cracovia (Boito era di madre polacca), sicuramente 5 G. Mongeri, Della fotografia e di alcune recenti pubblicazioni calotipiche del pittore Luigi Sacchi, in Il Crepuscolo. Rivista settimanale di Scienze, Lettere, Arti, Industria e Commercio, Milano, III, n. 17, 25 aprile 1852, pp G. Mongeri, 1860, p. 10: la xilografia da una parte, la fotografia dall altra hanno trafitto a morte la povera incisione. Al cospetto dei progressi mirabili e di quelli ancor maggiori che la seconda promette [ ], non dovrà più costituirsi una scuola d incisione; viene anche poi a cadere la scuola di paesaggio, dovendosi ormai procedere en plein air, pena la caduta nel manierismo. 7 G. Mongeri, 1860, pp In particolare, per la scuola di architettura si dice: La scuola sarà fornita di un abbondante collezione di modelli architettonici [ ] vi si accoppierà eziandio una buona raccolta di fotografie dei principali monumenti dell antichità, dell età media e della moderna [ ]. Come nella scuola d ornamenti, i modelli e le fotografie saranno scompartiti secondo gli stili e le epoche, e porteranno il nome del monumento e dell autore cui spettano[ ] (pp ); per la scuola di figura: vi avrà pure una collezione di fotografie dimostranti i più insigni capolavori della statuaria antica come i fac-simili dei disegni migliori e più nitidi dei Capi maestri del risorgimento italiano nei sec.xv e XVI (pp ). 8 G. Mongeri, 1860, pp : [ ] questa classe avrà a disposizione una numerosa collezione fotografica dei monumenti antichi e moderni in modo che formino una successione non interrotta della storia dell arte architettonica. 9 G. Mongeri, 1860, p. 39: La libreria raccoglie non solo tutti i libri dell Accademia ma eziandio le stampe, incisioni, fotografie, disegni etc.di cui l Accademia è in possesso. Essa è centro poi di tutti i libri e di tutte le stampe, incisioni, fotografie che trovansi distribuiti nelle scuole. 10 Per la scuola di architettura si segnala l acquisto del 1856, voluto da Saverio Cavallari, professore di architettura, di più di cento fotografie, tra cui carte salate di F. Flacheron e dei Bisson Frères, e molte stampe all albumina di R. Macpherson: cfr. V. Rosa, L. Somaini, D. Trento, F. Valli, 2005, pp È del 1871 l acquisto di 85 fotografie di disegni e di dipinti del Louvre, da Vienna, Basilea, Weimar, Firenze e Venezia, oltre che degli affreschi della Cappella Sistina, eseguiti dalla ditta di Adolphe Braun, specializzata nella stampa al carbone per la fotografia di opere d arte: cfr. G. Agosti, M. Ceriana, 1997, p Tra i numerosi doni di questi anni vanno ricordati quelli relativi ai musei cittadini tra cui le fotografie di Pompeo Pozzi al cartone raffaellesco della Scuola d Atene, conservato all Ambrosiana, e le fotografie del Cenacolo di Leonardo: cfr. G. Agosti, M. Ceriana, 1997, p. 226.

3 tenute da lui come riferimento nel suo Gite di un artista 13. Negli anni novanta l Accademia acquisisce altre fotografie grazie anche ai buoni rapporti che intercorrono col Ministero, che nel 1892 istituisce il Gabinetto Fotografico Nazionale, e con l Ufficio Regionale per la conservazione dei monumenti, dove lavorano Luca Beltrami e Gaetano Moretti 14. Entrambe le istituzioni infatti donano fotografie all Accademia secondo una prassi forse non del tutto inusuale all epoca 15, ma sulla quale resta sicuramente ancora molto da indagare. Il ritmo nelle acquisizioni in Accademia si fa più serrato tra 1900 e 1920, grazie ancora a Boito e a Giulio Carotti, Segretario dell Accademia, fino a decrescere negli anni venti e a cessare definitivamente con gli anni trenta 16. La prima raccolta fotografica pubblica milanese avrebbe dovuto essere aperta presso il Museo d arte industriale all inizio degli anni settanta. In quei decenni la migliore élite intellettuale milanese, che a quell epoca coincideva con l élite di governo della città, era impegnata sul terreno della trasformazione economica e sociale, ma anche su quello della creazione delle istituzioni museali in cui meglio si sarebbe potuta rispecchiare l identità della nuova borghesia. È infatti del 1873 la proposta di fondare il Museo d arte industriale ad opera dell Associazione industriale italiana con un progetto articolato in tre parti 17 : la prima, con fini didattici, doveva contemplare opere illustrate sulle arti antiche - una biblioteca, quindi -, fotografie tolte da quanto l arte e l industria ne hanno tramandato di più pregevole - una fototeca -, modelli plastici ossia di copie e oggetti originali da servire come modelli e direzioni al gusto. La seconda parte era dedicata all esposizione permanente di oggetti antichi, la terza all esposizione permanente di prodotti dell industria nazionale lodevoli per qualità artistiche, saldando così produzione antica e contemporanea. Va sottolineato come il progetto museale milanese, quindi, prevedesse per la prima volta, con grande lungimiranza, insieme alla creazione di una biblioteca, anche la creazione di una raccolta fotografica pubblica 18. Dopo il fallimento di questo progetto e la successiva istituzione, nel 1877, di un Museo ben diverso, il Museo artistico municipale, soltanto con gli anni novanta si riprende a Milano una riflessione più ampia relativa alla progettazione culturale degli spazi museali della città. La grande ristrutturazione del Castello Sforzesco, condotta da Luca Beltrami tra 1893 e 1905, si innesta così in un contesto culturale di vivace dibattito che, oltre a consentire e promuovere la grande opera di recupero del monumento, progetta anche la sua destinazione ad uso civile e a sede dei più importanti musei cittadini Cfr. R. Cassanelli, Boito e la fotografia nelle Raccolte dell Accademia di Brera, in G. Zucconi, F. Castellani, Camillo Boito. Un architettura per l Italia unita, Venezia, Marsilio, 2000, pp Dal Gabinetto Fotografico Nazionale arriva la fotografia della Piccola Passione di Dürer e dall Ufficio Regionale arrivano fotografie degli affreschi del Bergognone in San Simpliciano così come del Cenacolo: cfr. G. Agosti, M. Ceriana, 1997, p Tracce di scambi di materiali fotografici restano anche nella presenza, tutta da studiare, in altre istituzioni milanesi di fotografie con timbri diversi da quelli dell Ente di appartenenza: presso il Civico Archivio Fotografico sono moltissime, per esempio, le fotografie col timbro Museo del Risorgimento Nazionale, lasciate al Castello Sforzesco quando il Museo del Risorgimento si trasferì (1926) presso la sede attuale in via Borgonuovo e quindi confluite nelle collezioni del Civico Archivio Fotografico. Diverso il caso della presenza, presso la Fototeca della Pinacoteca di Brera, di fotografie col timbro Raccolta Iconografica, nucleo costituitosi presso il Civico Archivio Fotografico tra 1930 e 1940, presenza presumibilmente dovuta a scambi tra studiosi. 16 Del 1899 è l importante dono del pittore Eleuterio Pagliano, con carte salate di Luigi Sacchi che ritraggono artisti dell Accademia, tra cui Giuseppe Bertini, commemorato con una mostra postuma nello stesso anno. Tra 1861 e 1934 datano invece i doni e legati dovuti a Francesco Hayez, cui appartiene il più importante nucleo di carte salate di Luigi Sacchi conservato presso l Accademia. 17 Cfr. Programma per la fondazione del Museo d arte industriale (a cura dell Associazione industriale italiana), Milano, 1873; E. Bairati, Il Museo d arte industriale: il museo della città, in C. Mozzarelli, R. Pavoni, 1991, pp È interessante osservare come, essendo il Museo d arte industriale effettivamente il frutto di un progetto di ampio respiro, si fosse pensato, per promuoverlo, ad alcune iniziative preliminari: un esposizione, che doveva mostrare le tipologie di oggetti previsti per il Museo, in funzione promozionale, e una raccolta per il settore documentazione del Museo tra cui spicca il catalogo delle fotografie scattate agli oggetti dell esposizione, un vero e proprio catalogo di mostra: cfr. Catalogo delle fotografie pubblicate dal Museo d arte industriale in Milano. N. 1. Riproduzioni di oggetti esposti alla Mostra d Arte Industriale 1874, Milano, 1875; E. Bairati, La gran parte di questi materiali, dato il fallimento del progetto, confluirono poi in diverse istituzioni civiche. 19 Per una storia dei Civici Musei di Milano si segnalano: R. Giolli, I musei e la vita al Castello Sforzesco di Milano, Emporium, XL, 1934, (470), pp ; S. Vecchio, Per una storia dei civici musei di Milano. Avvenimenti e protagonisti della formazione delle Civiche Raccolte d Arte, tesi di laurea, Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, Scuola di Specializzazione in Storia dell Arte e delle Arti Minori, relatore: Prof. Alessandra Galizzi, a.a.

4 Gli anni novanta sono anni determinanti anche per la cultura fotografica milanese 20. Nel 1889 era nato il Circolo Fotografico Lombardo, cui partecipano i principali cultori della fotografia di area lombarda, luogo di scambio e confronto di esperienze, anche attraverso la Rivista scientifico artistica di fotografia. Bollettino del Circolo Fotografico Lombardo, in parallelo a quanto andava avvenendo in altre città italiane, in primo luogo a Firenze dove, nello stesso anno, veniva fondata la Società Fotografica Italiana. Alla fondazione del Circolo milanese partecipano gli esponenti della cultura e dell'imprenditoria, un binomio destinato ad avere un ruolo trainante per lo sviluppo della città: pittori come Raffaele Armenise, Mosè Bianchi, Uberto Dell'Orto, Giacomo Albè, Pietro Marzorati, Eleuterio Pagliano, Vittore Grubicy de Dragon, imprenditori come Amerigo Ponti ed Enrico Noseda, Giancarlo Scotti principe di Molfetta, scrittori come Giannino Antona Traversi e Giulio Carotti, poi Luca Beltrami, Giulio Venino, presidente della Famiglia Artistica, Prospero Moisè Loira, fondatore dell'umanitaria, Belisario Croci, pittore e fotografo, maestro di Luca Comerio, fotografo e pioniere del cinema 21. Molti altri sono gli esponenti della fotografia milanese, italiana e straniera: Giuseppe Beltrami, fratello di Luca, Luigi Borlinetto, direttore della rivista "La Camera Oscura", Luigi Gioppi, direttore de "Il Dilettante di Fotografia", i fratelli Louis e Auguste Lumière, soci corrispondenti da Parigi e soci onorari dal 1894, Luigi Primoli, Loredana da Porto, Guido Rey, Pietro Masoero. Il Circolo è quindi luogo d incontro dei migliori rappresentanti della vita culturale milanese, unificati dall interesse verso le molteplici applicazioni della fotografia (come recita lo Statuto), ormai resa istantanea dai miglioramenti tecnici. Nel giro di dieci anni, tuttavia, l esperienza del Circolo si esaurisce, all indomani dei moti del 1898 repressi da Bava Beccaris che sconvolgono gli ambienti politici e culturali milanesi. Nel novembre 1899, tuttavia, si concretizza il primo progetto museale italiano sulla fotografia e nasce a Brera la prima raccolta fotografica pubblica milanese, grazie a un appello diffuso attraverso un vero e proprio manifesto programmatico. Il manifesto con cui viene fondato il ricetto fotografico è firmato da: Camillo Boito, Presidente dell Accademia, Giuseppe Fumagalli, Direttore della Biblioteca Nazionale Braidense, Gaetano Moretti, Direttore dell Ufficio Regionale per la Conservazione dei Monumenti della Lombardia, Corrado Ricci, Direttore della Pinacoteca 22. L iniziativa è quindi espressione della volontà congiunta di diverse istituzioni e frutto di una nuova consapevolezza in ambito museale che porta a concepire per la prima volta una raccolta pubblica di fotografia per tutti indistintamente, ricchi e poveri. Il pensiero sociale e filantropico di fine ottocento caratterizza così il progetto costitutivo della raccolta, ove tutti, compresi gli specialisti dei più diversi mestieri, dall archeologo, all artista, al geografo, allo storico, all editore, all artigiano, avrebbero potuto trovare materiale fotografico per i loro studi 23. A questo proposito, si deve notare come il ricetto non si venga affatto a configurare come fototeca d arte ma come raccolta 1996/97, pro manuscripto; M. T. Fiorio, Introduzione in M.T. Fiorio (a cura di), Museo d arte antica del Castello Sforzesco. Pinacoteca, vol. I, Milano, Electa, 1997; Rassegna di Studi e di Notizie. Centenario di fondazione dei Musei Civici del Castello Sforzesco, numero monografico, vol. XXIV, anno XXVII, Comune di Milano, 2000; M. T. Fiorio, Per ospitare la vita intellettuale cittadina, in M. T. Fiorio (a cura di), Il Castello Sforzesco di Milano, Milano, Skira, 2006, pp Sulla cultura fotografica milanese di fine ottocento mi permetto di rimandare ad alcuni miei contributi: S. Paoli, Il Circolo Fotografico Lombardo: associazionismo e cultura fotografica alla fine dell Ottocento, in M. Ceriana, M. Miraglia, 2000, pp ; S. Paoli, Amatori e dilettanti. Sperimentalismo e innovazione nella cultura fotografica milanese tra Otto e Novecento, in R. Cassanelli, Monza Belle Epoque, Cinisello B. (Mi), Silvana Editoriale, 2000, pp S. Paoli, La fotografia tra 1890 e 1915: l elaborazione di un nuovo linguaggio, in S. Baia Curioni, M. Cattini (a cura di), Il Mondo nuovo. Milano , catalogo della mostra, Milano, Palazzo Reale, 10 novembre febbraio 2003, Milano, Bocconi - Electa, 2002, pp ; E. Dagrada, E. Mosconi, S. Paoli (a cura di), Moltiplicare l istante. Beltrami, Comerio e Pacchioni tra fotografia e cinema, Quaderni Fondazione Cineteca Italiana, Milano, Il Castoro, Su Giuseppe Beltrami e Luca Comerio, cfr. E. Dagrada, E. Mosconi, S. Paoli (a cura di), I quattro, legati da consuetudini amicali e di studio, furono in vario modo interessati alla fotografia: in particolare, Corrado Ricci, la cui consuetudine con la fotografia risaliva all infanzia grazie al padre fotografo, Luigi, aveva progettato una Divina Commedia completamente illustrata da fotografie e pubblicata tra 1896 e 1897, oltre ad aver scritto, negli anni successivi, diversi articoli dedicati al rapporto tra fotografia e pittura; Luca Beltrami ( ), che aveva un fratello fotografo, Giuseppe, al quale affiderà diverse riprese del Castello Sforzesco in occasione dei restauri, era fotografo, iscritto al Circolo Fotografico Lombardo, e possedeva una collezione personale di fotografia legata ai suoi studi, ora conservata presso il Civico Archivio Fotografico di Milano. 23 Pubblica Raccolta Fotografica, in A. Strambo, Profilo documentario della Fototeca di Brera, in M. Ceriana, M. Miraglia, 2000, p. 32.

5 fotografica aperta ai più diversi ambiti disciplinari e in questo si differenzi nettamente da altre iniziative che potrebbero apparire analoghe, come, per esempio, il Gabinetto Fotografico Nazionale fondato nel Il manifesto viene diffuso come annuncio anche sui giornali per coinvolgere tutta la cittadinanza, perchè con doni ed elargizioni possa contribuire a istituire un servizio di pubblica utilità con un ordinamento pratico, coi suoi cataloghi per autori e per materie 25, il suo custode e il suo orario. Le donazioni non si fanno attendere e tra i nomi illustri figurano, per esempio, Eugenio Torelli Viollier, fondatore del Corriere della Sera, che dona album con fotografie di opere d arte, Luca Beltrami, che dona alcuni album fotografici provenienti dal prosciolto Circolo Fotografico Lombardo; tra i donatori significativi, il tenente Roberto Gentile che dona fotografie delle colonie eritree di Asmara, e la signora von Stein che dona la rarissima serie di Sadic Bey dedicata al pellegrinaggio alla Mecca del Numerosi doni si susseguono negli anni successivi, facendo pervenire alla raccolta fotografie dei più importanti fotografi dell epoca, tra cui, solo per citarne alcuni, compaiono Adolphe Braun, con stampe al carbone di grande formato su opere d arte dei più importanti musei europei, gli Anderson, Alinari, Brogi, lo studio Lotze, Luigi Sacchi, Pompeo Pozzi, Giorgio Sommer, Franz Hanfstaengl, i fotografi attivi nel vicino e lontano Oriente, come Antonio e Felice Beato, i Bonfils, Pascal Sebah, Zangaki. La raccolta del ricetto si concluse molto probabilmente nel primo decennio del novecento, mentre andò sviluppandosi negli anni successivi una raccolta esclusivamente legata alla documentazione delle opere d arte della Pinacoteca e delle opere d arte dei territori di competenza della Soprintendenza. Negli anni settanta, con le iniziative volute da Franco Russoli per la mostra Processo per il museo allestita nelle sale della Pinacoteca - tra 1976 e 1977 iniziano le prime attività di riordino e schedatura delle fotografie antiche che vengono esposte in due sezioni della mostra, una curata da Russoli dal titolo La fotografia come bene culturale e l altra curata da Paolo Venturoli La pubblica raccolta fotografica di Brera fondata nel E da notare come per l occasione, in accordo col Ministero, parta una sperimentazione pilota su una scheda catalografica approntata appositamente per le fotografie 26. Negli anni novanta riprendono le attività di sistemazione della raccolta che confluiscono nella mostra sul ricetto del Negli stessi anni in cui si colloca la nascita del Ricetto e Milano vive un periodo di grandi trasformazioni, al Castello Sforzesco, in corso di ricostruzione, si aprono i primi musei civici. Tra 1896 e 1900 trovano qui nuova collocazione il Museo del Risorgimento, il Museo Patrio di Archeologia e il Museo Artistico Municipale. Luca Beltrami, a conclusione dei lavori di restauro da lui diretti, viene nominato membro della Commissione Conservatrice del Castello, istituita nel 1905, e poi Conservatore unico dei Musei, con mandato quinquennale, tra il 1912 e il Come già osservato, la sua figura è determinante all interno della cultura fotografica milanese e certamente la sua lunga attività storico - critica è anche all origine della formazione delle civiche collezioni di fotografia. Sebbene sia necessario studiare ancora la sua figura a questo proposito, è ormai nota la sua attività collezionistica per le fotografie legate ai suoi studi. Resta da comprendere meglio, attraverso ulteriori indagini, che portata ebbe effettivamente la sua partecipazione al Circolo Fotografico Lombardo e come avesse potuto influire su di lui lo stretto rapporto col fratello Giuseppe, fotografo. Conosciamo comunque anche la sua attività di committente, durata lunghi anni. Intrattenne, infatti, sin dai primi del novecento, rapporti fecondi col fotografo Antonio Paoletti ( ), che lo accompagnerà nei suoi lavori nei primi due decenni del secolo, documentando opere d arte dei musei, ma anche edifici pubblici, chiese, opere di altri musei milanesi e lombardi. Anche dopo la 24 Cfr. M. Miraglia, La fortuna istituzionale della fotografia dalle origini agli inizi del Novecento, in M. Ceriana, M. Miraglia, 2000, pp Per autori si intendono ovviamente a quest epoca soltanto gli autori delle opere d arte oggetto degli scatti fotografici anche se nomi di fotografi compaiono spesso nei documenti di donazione o di acquisto specie quelli relativi alle grandi campagne fotografiche dedicate alle opere d arte, tra cui Braun, Alinari, Anderson, Brogi. 26 Cfr. P.Venturoli, La riscoperta della Pubblica Raccolta Fotografica, in M. Ceriana, M. Miraglia, 2000, pp Franco Russoli ( ) fu direttore della Pinacoteca di Brera dal Fu uno dei più attivi promotori del rinnovamento della museologia italiana e suo è il progetto, rimasto inattuato, della grande Brera. Cfr. F. Russoli, Il museo nella società. Analisi, proposte, interventi , Milano, Feltrinelli, M. Ceriana, M. Miraglia, Il progetto di mostra, poi realizzato nel 2000, diede avvio per la prima volta a un progetto di studio e ricerca sui documenti archivistici e sulle fotografie del Ricetto che consentì di individuare le diverse donazioni e acquisizioni e di identificare soggetti e fotografi autori. Ringrazio Il Dr. Matteo Ceriana, responsabile della Fototeca della Pinacoteca di Brera, e la Dr.ssa Cecilia Ghibaudi per la disponibilità dimostrata nel permettermi di consultare i fondi fotografici del Ricetto e per avermi consentito di parlare delle raccolte affidate alla loro cura in occasione di questo convegno. 28 Cfr. J. Brigo, Il Civico Archivio Fotografico di Milano. Antonio Paoletti fotografo ( ) dei Civici Musei del Castello Sforzesco, in Rassegna di Studi e di Notizie, vol. XXVIII, a. XXXI, Comune di Milano, 2004, pp

6 partenza di Beltrami per Roma, avvenuta nel 1920, Paoletti continuerà a lavorare per i Musei del Castello e i suoi negativi, eseguiti su commissione del Beltrami, saranno inventariati, pur continuando a essere custoditi nel suo studio, a partire dal per conto della Direzione dei Musei. Nasce così il primo nucleo di fotografie che poi confluirà nelle raccolte del futuro Archivio fotografico, archivio che si può dire formatosi, in base allo stato attuale degli studi, per sedimentazioni successive di fondi e raccolte di diversa provenienza, senza che vi fosse, almeno in origine, un progetto culturale di riferimento. Fino al 1926 tra il 1908 e il 1927 fu Direttore dei Civici Musei del Castello Carlo Vicenzi - Paoletti rimase l unico fotografo referente per le necessità dei Musei. Nel 1926, i documenti attestano la nascita del Gabinetto Fotografico del Comune al Castello Sforzesco 30 e fino a tale data, quindi, non esiste un vero e proprio servizio fotografico interno al Castello e tantomeno una raccolta di fotografie identificabile come archivio. Negli anni immediatamente precedenti, considerato il consistente aumento del patrimonio fotografico, eseguito per conto dei musei e di privati, che è ormai a disposizione dei Musei - ma non è tutto custodito presso il Castello - ci si pone il problema di redigere un elenco preciso dei materiali fotografici, elenco in cui si può ravvisare l inizio delle attività di inventariazione 31. Oltre alle fotografie scattate da Paoletti, esistevano fondi e servizi fotografici acquistati nel corso degli anni e conservati presso diversi uffici museali. Dopo alcuni anni dall istituzione del Gabinetto, l esigenza di una maggiore e più organica fruibilità delle fotografie, così sparse, portò all istituzione, nel luglio 1933, presso la Sovrintendenza ai civici Musei, dell Archivio fotografico comunale alle dipendenze della Segreteria generale (Economato) per l ordinamento e la conservazione delle negative e delle positive fotografiche 32. Documenti immediatamente successivi chiariscono che il Gabinetto è annesso all Archivio e di questo vengono stabilite con precisione, sempre nel 1933, le norme di funzionamento, tra le quali, per il momento, non compare però l apertura al pubblico. Tali prescrizioni fissano i principi per la catalogazione dei negativi e dei positivi, operazione che doveva essere condotta classificando le immagini per soggetto e materia. Gli stessi inalterati principi presiederanno all inventariazione delle fotografie per moltissimi anni - fino al , seguendo gli orientamenti propri degli storici dell arte, attraverso una classificazione poi anche per autori - delle opere d arte ovviamente -, per generi, scuole, temi 33. Nel 1938 una dettagliata relazione faceva il punto anche sui materiali posseduti e sulle sue forniture: l Archivio aveva una notevole dotazione di macchine fotografiche per riproduzione e ingrandimento - tra cui la Leica -, un patrimonio di negativi non si nominano i positivi e si riforniva di materiali fotografici esclusivamente da Lamperti & Garbagnati 34. Nel 1939 si ha la prima apertura alla consultazione pubblica che riguarda la Raccolta Beltrami, l insieme di fotografie, appunti manoscritti, disegni, documenti e libri lasciati da Luca Beltrami al Comune dopo la sua morte avvenuta nel e inventariati a partire dal In quegli anni sappiamo che facevano parte dell Archivio anche i doni, gli acquisti e le campagne fotografiche che erano andati a confluire nella Raccolta Iconografica, ampio insieme di fotografie con provenienze diverse (tra cui le raccolte 29 Cfr. Elenco delle negative di fotografie del Castello e dei Musei eseguite dal fotografo Antonio Paoletti (via Pantano 3) e da lui custodite per conto dei Musei, registro di carico, pro manuscripto, s.d. [ma post 1910 dalla data di stampa tipografica], Civico Archivio Fotografico, Milano. L intero archivio dei negativi eseguiti per i Musei Civici milanesi da Paoletti e dal suo studio, anche negli anni successivi al 1926, è ora conservato al Civico Archivio Fotografico di Milano. 30 Cfr. Relazione del Rag. Stucchi Giovanni in merito alle esistenze ed alla gestione del Gabinetto Fotografico Comunale, 9 luglio 1938, Fondo Rivolta, cartella 3, Archivio Storico Civico e Biblioteca Trivulziana, Castello Sforzesco, Milano: Il gabinetto fotografico ha iniziato la propria gestione col Fino a quella data le fotografie occorrenti erano eseguite dalla Ditta Paoletti che fornì 1588 negative. Cfr. S. Paoli, Il Civico Archivio Fotografico di Milano. Note per una storia dell istituto e delle sue collezioni, in AFT. Semestrale dell Archivio Fotografico Toscano. Rivista di Storia e Fotografia, n.43, giugno, a. XXII, 2006, pp Cfr. Nuovo regolamento per il Castello Sforzesco , in Atti del Comune di Milano, prot. n. 4853, Civico Archivio Amministrativo dei Musei, Castello Sforzesco, Milano. 32 Comune di Milano, Circolare n. 59, 12 luglio 1933 XI, Oggetto: Archivio Fotografico Comunale. Norme per la richiesta di fotografie da parte degli uffici e servizi comunali, Fondo Rivolta, cartella 3, Archivio Storico Civico e Biblioteca Trivulziana, Castello Sforzesco, Milano. 33 Cfr. Atti del Comune di Milano. 4 ottobre 1933 XI, Oggetto: Norme per il funzionamento dell Archivio Fotografico Comunale, Fondo Rivolta, cartella 3, Archivio Storico Civico e Biblioteca Trivulziana, Castello Sforzesco, Milano. 34. A testimonianza dell uso della Leica negli anni trenta resta oggi la serie di negativi L, centinaia di scatti sul patrimonio storico artistico, su cerimonie pubbliche e diversi aspetti di storia sociale e del costume. 35 La Raccolta Beltrami fu smembrata probabilmente nel 1970 quando i Civici musei del Castello, allora facenti capo ad un unica direzione museale, furono affidati a più direttori. Al Civico Archivio Fotografico pervennero quindi le circa 5000 fotografie della Raccolta, oggi quasi interamente catalogate, acquisite in digitale e restaurate.

7 fotografiche di direttori e studiosi come Giorgio Nicodemi 36 e Ugo Monneret de Villard). Queste fotografie, tutte relative al patrimonio storico, artistico e monumentale, furono sistemate a partire dal 1931 per volere di Nicodemi, Direttore dei Musei dal 1928 al 1945, e poi di Costantino Baroni ( ), Direttore reggente delle Raccolte d Arte dal L ordinamento era ancora per singoli artisti, correnti formali e complessi monumentali, secondo le parole di Baroni 37, senza nessun accenno a un ordinamento che prevedesse anche i nomi dei fotografi. Le prime notizie circa una consultazione pubblica delle fotografie al Castello, e quindi anche relative alle attività di ordinamento previo, sono quindi da far risalire agli anni trenta. Il patrimonio subì poi ingenti danni durante la seconda guerra mondiale e numerosi documenti inventariali andarono dispersi 38. Giunsero comunque ancora importanti donazioni, come l archivio fotografico di Osvaldo Lissoni, arrivato nel 1940 e composto da circa 6000 lastre riproducenti opere d arte lombarda, tutt oggi esistente 39. La ricostruzione del Castello, dopo i bombardamenti, e il riallestimento dei Musei - riaperti nel 1956 condotto dal gruppo BBPR, furono documentati da nuovi servizi fotografici, affidati in particolare a Mario Perotti ( ) 40, commissionati dalla Direzione dei Musei e oggi confluiti nelle collezioni dell Archivio. Col 1956 fu inoltre donato al Comune di Milano l intero archivio personale di Costantino Baroni, composto da appunti manoscritti e fotografie, tuttora conservato parte presso l Archivio Fotografico e parte presso le Civiche Raccolte d Arte 41. L Archivio divenne, dagli anni sessanta, punto di riferimento imprescindibile per la documentazione iconografica delle collezioni museali e della storia cittadina. A cavallo tra la fine degli anni settanta e gli anni ottanta furono promosse una serie di piccole mostre, corredate da pubblicazioni, sul patrimonio fotografico più specificatamente dedicato a Milano, che videro anche il coinvolgimento di alcuni tra i primi storici, critici e collezionisti di fotografia come Lamberto Vitali e Giuseppe Turroni Cfr. Lettera di ringraziamento del podestà di Milano a Nicodemi per la sua donazione di fotografie riproducenti opere d arte, 16 agosto 1935, Civico Archivio Amministrativo dei Musei, Castello Sforzesco, Milano. 37 Cfr. C. Baroni, La Raccolta Iconografica al Castello Sforzesco, in Rivista del Comune di Milano, a.59, settembre 1942, pp La Raccolta Iconografica è costituita da circa fotografie e ne sono stati quasi ultimati la catalogazione, l acquisizione digitale e il restauro. 38 Tra il 1998 e il 2001, quando si diede avvio a una completa riorganizzazione dell Archivio iniziando a censirne i materiali, furono reperiti 25 registri di carico e inventari datati tra il 1910 e gli anni novanta; esistono inoltre schede cartacee di catalogo, compilate per soggetti, relative ai negativi nei formati A (fino al 13x18), B (18x24), C (21x27), D (24x30), E (30x40), F (40x50 e 50x60). 39 Cfr. Delibera della Giunta Municipale, 20 novembre 1956, Spesa [ ] per riscatto diritti riservati di pubblicazione e stampa sull archivio fotografico Osvaldo Lissoni, donato [ ] nell anno 1940, Civico Archivio Amministrativo dei Musei, Castello Sforzesco, Milano. Osvaldo Lissoni fu editore di monografie dedicate ai principali monumenti lombardi e raffinato collezionista di incisioni e fotografie delle opere di artisti italiani e stranieri tra quattro e ottocento. 40 Cfr. Atti del Comune di Milano, 9 febbraio 1956, Oggetto: Sig. Perotti Studio fotografico [ ] Liquidazione di n. 40 fatture [ ] per esecuzione fotografie documentanti restauri ad opere d arte e sale del Castello Sforzesco, Civico Archivio Amministrativo dei Musei, Castello Sforzesco, Milano; inoltre, cfr. M. D. Padovani, Mario Perotti. Uno studio fotografico in Galleria Vittorio Emanuele a Milano, in Rassegna di Studi e di Notizie, vol. XIX, a. XXXII, Comune di Milano, 2005, pp Cfr. Atti del Comune di Milano, 27 novembre 1956, Oggetto: Dr. Giovanni Baroni Milano - offre in donazione materiale di studio del compianto suo figlio prof. Costantino Baroni, Civico Archivio Amministrativo dei Musei, Castello Sforzesco, Milano. Cfr. inoltre Sonia Moceri, L impegno e la passione di Costantino Baroni per il recupero del Museo d Arte Antica al Castello Sforzesco, in Rassegna di Studi e di Notizie. Centenario di fondazione dei Musei Civici del Castello Sforzesco ( ), numero monografico, vol. XXIV, anno XXVII, Milano, Comune di Milano, 2000, pp Cfr. in particolare Milano, le prime foto e poi, mostra fotografica, prefazione di L.Vitali, Civico Archivio Fotografico, Comune di Milano, 1979; La Milano di fine secolo ( ), mostra fotografica, prefazione di L.Vitali, Civico Archivio Fotografico, Comune di Milano, 1982; La Milano di Icilio Calzolari, mostra fotografica, prefazione di G. Turroni, Civico Archivio Fotografico di Milano, 1982; Era Milano, mostra fotografica, prefazione di L.Vitali, Civico Archivio Fotografico, Comune di Milano, 1985; cfr. inoltre M. Dalai Emiliani, Musei e strutture per la ricerca sui beni storico artistici a Milano, in BC. Notiziario del Centro per i Beni culturali e ambientali della Lombardia, n.7/8, settembre-dicembre, Milano, 1980, pp Lamberto Vitali ( ) lasciò la propria collezione di fotografie, insieme alla collezione di stampe, al Comune di Milano. La collezione fotografica, costituita da circa 3500 esemplari, è giunta nel 1995 alla Civica Raccolta Stampe A. Bertarelli. È oggi conservata al Civico Archivio Fotografico ed è stata interamente catalogata e restaurata: cfr. S. Paoli (a cura di), Lamberto Vitali e la fotografia. Collezionismo, studi e ricerche, Cinisello Balsamo, Silvana Editoriale, 2004.

8 Il Civico Archivio Fotografico 43 che, sin dal 1998, è stato interessato da progetti dedicati alla conservazione e alla valorizzazione del patrimonio al fine di migliorarne sempre più la fruizione pubblica, parallelamente alla conoscenza della storia dell istituto e delle sue collezioni, dal 2001 ha accolto anche i fondi fotografici della Raccolta delle Stampe A. Bertarelli 44, mentre sono continuati, anche in anni recenti, acquisti e donazioni che ne hanno arricchito il patrimonio 45. La sua storia, estremamente complessa e strettamente legata alle vicende culturali della città, ne fanno certamente oggi una tra le maggiori raccolte fotografiche italiane Così nominato per la prima volta nel Regolamento dei Civici Istituti di Milano del La Civica Raccolta delle Stampe A. Bertarelli fu aperta al Castello nel 1926 grazie alla generosa donazione che Achille Bertarelli fece al Comune della propria collezione. Oggi la Raccolta comprende più di un milione di esemplari e costituisce un punto di riferimento imprescindibile per la storia dell incisione, della grafica, della cartellonistica e di molti altri materiali illustrativi e a stampa. Le sue collezioni fotografiche, in fase di studio, comprendono importanti fondi fotografici, tra cui si segnala l insieme dei fondi cosiddetti orientali relativi al vicino e lontano Oriente e i fondi legati ad avvenimenti storici, come la serie sulla Crimea del 1855 dovuta a James Robertson e quella sulla Repubblica romana del 1849, di Stefano Lecchi. 45 Il patrimonio complessivo del Civico Archivio Fotografico ammonta oggi a circa esemplari originali, databili tra il 1840 circa e i nostri giorni. 46 Non può sicuramente dirsi comunque, proprio per la sua storia complessa, una raccolta esclusivamente dedicata alla storia dell arte.

La Fondazione Pirelli a Milano

La Fondazione Pirelli a Milano La Fondazione Pirelli a Milano La storia di Pirelli è contraddistinta da una cultura d impresa capace di coniugare innovazione tecnologica e cultura umanistica, ricerca scientifica e sperimentazione artistica,

Dettagli

Il primo archivio on line realizzato da un grande quotidiano italiano ad accesso gratuito

Il primo archivio on line realizzato da un grande quotidiano italiano ad accesso gratuito ARCHIVIO STORICO LA STAMPA Il primo archivio on line realizzato da un grande quotidiano italiano ad accesso gratuito 1.761.000 pagine 12.000.000 articoli 47.243 edizioni giornaliere La Stampa 18.314 edizioni

Dettagli

Fototeca Digitale Piemontese

Fototeca Digitale Piemontese Fotografie online. La digitalizzazione del patrimonio fotografico in Piemonte Torino, 14 maggio 2010 Fototeca Digitale Piemontese Dimitri Brunetti Regione Piemonte. Settore biblioteche, archivi e istituti

Dettagli

UNIVERSITA CA FOSCARI VENEZIA DIPARTIMENTO DI FILOSOFIA E BENI CULTURALI LABORATORIO DI BENI CULTURALI CARTA DEI SERVIZI

UNIVERSITA CA FOSCARI VENEZIA DIPARTIMENTO DI FILOSOFIA E BENI CULTURALI LABORATORIO DI BENI CULTURALI CARTA DEI SERVIZI UNIVERSITA CA FOSCARI VENEZIA DIPARTIMENTO DI FILOSOFIA E BENI CULTURALI LABORATORIO DI BENI CULTURALI CARTA DEI SERVIZI Informazioni generali Strutture, spazi e attrezzature Consistenza e disponibilità

Dettagli

ARCHIVIO STORICO. Inventario 1970-2002. Fondazione Sandro Penna. Archivi del Fuori!, della Fondazione Sandro Penna e del GSA

ARCHIVIO STORICO. Inventario 1970-2002. Fondazione Sandro Penna. Archivi del Fuori!, della Fondazione Sandro Penna e del GSA Fondazione Sandro Penna ARCHIVIO STORICO Archivi del Fuori!, della Fondazione Sandro Penna e del GSA Inventario 1970-2002 a cura di: Marinella Bianco e Rosanna Cosentino Anno del riordino: 2002 Anno della

Dettagli

Storia della Catalogazione in Italia. Prof. Francesco Morante

Storia della Catalogazione in Italia. Prof. Francesco Morante Storia della Catalogazione in Italia Prof. Francesco Morante Origini della catalogazione Le prime disposizioni legislative legate alla catalogazione dei beni culturali sorgono per la necessità di limitare

Dettagli

Charles Baudelaire e Allan Sekula: tra i due, più di un secolo. L intellettuale. La Sala delle Asse Fotografia e memoria fra le trame di un archivio

Charles Baudelaire e Allan Sekula: tra i due, più di un secolo. L intellettuale. La Sala delle Asse Fotografia e memoria fra le trame di un archivio La Sala delle Asse Fotografia e memoria fra le trame di un archivio Silvia Paoli Occorre dunque che essa [la fotografia] torni al suo vero compito, che è quello di essere l ancella delle scienze e delle

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2655 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI GASPARINI, CASATI, CIMBRO, COVA, FIANO, LAFORGIA, MAL- PEZZI, MARZANO, MAURI, PELUFFO, PICCOLI

Dettagli

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE IL PATRIMONIO CULTURALE di solito indica quell insieme di cose, mobili ed immobili, dette più precisamente beni, che per il loro interesse pubblico e il valore storico,

Dettagli

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA Comitato Regionale per le Celebrazioni del 1 Centenario della morte di Aristide Naccari Fondazione Santi Felice e Fortunato Diocesi di Chioggia (VE) MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA (2014-2015)

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE. MACULA - Centro Internazionale di Cultura Fotografica

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE. MACULA - Centro Internazionale di Cultura Fotografica STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE MACULA - Centro Internazionale di Cultura Fotografica Art. 1. È costituita l Associazione culturale denominata MACULA - Centro Internazionale di Cultura Fotografica.

Dettagli

La Fototeca dell Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione tra divulgazione e e-commerce.

La Fototeca dell Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione tra divulgazione e e-commerce. a cura di Gabriella Guerci di Paola Callegari La storia dell istituzione L Istituzione nasce nel 1892, anno immediatamente successivo alla costituzione, da parte della nuova amministrazione statale, di

Dettagli

OGGETTO: interrogazioni con risposta scritta prot. n. 125339/10 e prot. n. 7673/11 sul Museo del Risorgimento

OGGETTO: interrogazioni con risposta scritta prot. n. 125339/10 e prot. n. 7673/11 sul Museo del Risorgimento L' Assessore alla Cultura, Turismo e Promozione della città Data 4 aprile 2011 Prot. n. PG 39623 Al Consigliere Comunale Michele Barcaiuolo Gruppo Consigliare PDL c/o Ufficio Supporto Attività Consigliari

Dettagli

ARCHIVIO DEL CINEMA INDUSTRIALE E DELLA COMUNICAZIONE D IMPRESA

ARCHIVIO DEL CINEMA INDUSTRIALE E DELLA COMUNICAZIONE D IMPRESA ARCHIVIO DEL CINEMA INDUSTRIALE E DELLA COMUNICAZIONE D IMPRESA Il cinema industriale è un genere ibrido, a metà strada tra il documentario e la comunicazione promozionale, che ebbe un momento di grande

Dettagli

Il Museo Giovanni Alberto Agnelli e l'archivio Storico Antonella Bechi Piaggio

Il Museo Giovanni Alberto Agnelli e l'archivio Storico Antonella Bechi Piaggio Il Museo Giovanni Alberto Agnelli e l'archivio Storico Antonella Bechi Piaggio Un caso di successo e integrazione tra passione e rapporto col territorio Mariamargherita Scotti Fondazione Piaggio Breve

Dettagli

BILANCIO PREVENTIVO 2015. Linee programmatiche

BILANCIO PREVENTIVO 2015. Linee programmatiche BILANCIO PREVENTIVO 2015 Linee programmatiche Il 2014 ha rappresentato, così come nelle intenzioni del Consiglio, un anno di forte rilancio delle attività della Fondazione e conseguentemente di ampliata

Dettagli

RESTAURO. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano

RESTAURO. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano RESTAURO Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Storia della Scuola Convenzioni La Scuola di Restauro dell Accademia di Brera è stata istituita nel 1997 con l obiettivo di una formazione specializzata

Dettagli

Biblioteca del Castello del Buonconsiglio. Monumenti e collezioni Provinciali Carta dei Servizi

Biblioteca del Castello del Buonconsiglio. Monumenti e collezioni Provinciali Carta dei Servizi Biblioteca del Castello del Buonconsiglio. Monumenti e collezioni Provinciali Carta dei Servizi PREMESSA La Biblioteca del museo del Castello del Buonconsiglio. Monumenti e collezioni Provinciali si configura

Dettagli

L Archivio operaio Augusto Finzi L Archivio operaio Augusto Finzi vede la luce in primis per la volontà espressa da Augusto Finzi alla biblioteca

L Archivio operaio Augusto Finzi L Archivio operaio Augusto Finzi vede la luce in primis per la volontà espressa da Augusto Finzi alla biblioteca L Archivio operaio Augusto Finzi L Archivio operaio Augusto Finzi vede la luce in primis per la volontà espressa da Augusto Finzi alla biblioteca della Municipalità di Marghera, affinché le sue carte fossero

Dettagli

CELOMMI RAFFAELLO (1881-1957) Pittore

CELOMMI RAFFAELLO (1881-1957) Pittore CELOMMI RAFFAELLO (1881-1957) Pittore Fra le mostruosità dell arte d avanguardia spiccava, come un miracolo, un quadro d eccezione, una marina; la firma era di Raffaello Celommi un abruzzese noto agli

Dettagli

COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO

COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO COMUNE DI ACQUALAGNA PROVINCIA DI PESARO E URBINO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ANTIQUARIUM PITINUM MERGENS Approvato con Delibera 1 Art.1 Costituzione dell Antiquarium Pitinum Mergens e sue finalità

Dettagli

Genova-Italia 1931-2011

Genova-Italia 1931-2011 LA LIGURIA ALLA MOSTRA DEL GIARDINO A CURA DI ANDREA LEONARDI La Mostra del Giardino Italiano è stata una tappa fondamentale per lo studio dei giardini storici. L iniziativa, svoltasi a Firenze nel 9,

Dettagli

ARCHIVI. Titolare dell'intervento Descrizione sintetica dell'intervento Costo intervento

ARCHIVI. Titolare dell'intervento Descrizione sintetica dell'intervento Costo intervento PIANO PROVINCIALE 2006 - BIBLIOTECHE, ARCHIVI STORICI, MUSEI E BENI CULTURALI (L.R. 18/2000) INTERVENTI DI CONSERVAZIONE, RESTAURO, RIORDINO, INVENTARIAZIONE E CATALOGAZIONE PROVINCIA DI BOLOGNA ARCHIVI

Dettagli

BANDO 6ARTISTA. PROGETTO PER I GIOVANI ARTISTI 4. EDIZIONE 2013

BANDO 6ARTISTA. PROGETTO PER I GIOVANI ARTISTI 4. EDIZIONE 2013 BANDO 6ARTISTA. PROGETTO PER I GIOVANI ARTISTI 4. EDIZIONE 2013 Premessa L Associazione Civita, in collaborazione con la Fondazione Pastificio Cerere, bandisce la IV edizione del Premio 6ARTISTA, finalizzato

Dettagli

Prima della fotografia

Prima della fotografia LA FOTOGRAFIA Prima della fotografia Gli esperimenti sul rapporto fra luce e immagine cominciano nell'antica Grecia e attraversano tutta la storia della società occidentale. Antenati della foto e del cinema

Dettagli

ANNALI DELLA FONDAZIONE PER IL MUSEO CLAUDIO FAINA - PUBBLICAZIONI CATALOGO 2014

ANNALI DELLA FONDAZIONE PER IL MUSEO CLAUDIO FAINA - PUBBLICAZIONI CATALOGO 2014 LA FONDAZIONE PER IL MUSEO CLAUDIO FAINA ORVIETO Un po di storia La collezione Faina si formò nel 1864, ad opera di due esponenti importanti della famiglia: i conti Mauro ed Eugenio. Secondo una tradizione

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione

POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione POLITECNICO DI TORINO FACOLTA' DI ARCHITETTURA Corso di Laurea in Architettura Tesi meritevoli di pubblicazione Camillo Riccio Architetto di Monica Montesi, Relatore: Micaela Viglino Correlatore: Elena

Dettagli

REGOLAMENTO DELL UFFICIO COMUNALE DENOMINATO MANTOVA UFFICIO MUSEI e MONUMENTI. TITOLO I Costituzione del servizio

REGOLAMENTO DELL UFFICIO COMUNALE DENOMINATO MANTOVA UFFICIO MUSEI e MONUMENTI. TITOLO I Costituzione del servizio REGOLAMENTO DELL UFFICIO COMUNALE DENOMINATO MANTOVA UFFICIO MUSEI e MONUMENTI TITOLO I Costituzione del servizio 1 Costituzione, denominazione e sede Il Comune di Mantova, richiamate: la fondazione del

Dettagli

Elena Canadelli 1915: UNA NUOVA SEDE PER GLI ISTITUTI D ISTRUZIONE SUPERIORE DI MILANO

Elena Canadelli 1915: UNA NUOVA SEDE PER GLI ISTITUTI D ISTRUZIONE SUPERIORE DI MILANO Elena Canadelli 1915: UNA NUOVA SEDE PER GLI ISTITUTI D ISTRUZIONE SUPERIORE DI MILANO Associazione per lo sviluppo dell alta cultura in Milano, Ricordo della posa della prima pietra per le nuove sedi

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO DI CUNEO E DEL MUSEO CASA GALIMBERTI

REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO DI CUNEO E DEL MUSEO CASA GALIMBERTI REGOLAMENTO DEL MUSEO CIVICO DI CUNEO E DEL MUSEO CASA GALIMBERTI Il Museo civico è, lo specchio della storia sociale, economica, culturale, religiosa ed artistica del territorio cuneese. Il suo patrimonio

Dettagli

I luoghi della conservazione dei beni culturali. Francesco Morante

I luoghi della conservazione dei beni culturali. Francesco Morante I luoghi della conservazione dei beni culturali Francesco Morante Beni culturali mobili e immobili Ci sono beni culturali che devono essere conservati nel sito in cui sorgono e non possono essere spostati:

Dettagli

Il Centro di Documentazione Musicale della Toscana: un servizio regionale per la conoscenza e tutela dei fondi musicali

Il Centro di Documentazione Musicale della Toscana: un servizio regionale per la conoscenza e tutela dei fondi musicali STEFANIA GITTO Il Centro di Documentazione Musicale della Toscana: un servizio regionale per la conoscenza e tutela dei fondi musicali ABSTRACT Quaderni Estensi n. 6 (2014), p. 43-45 STEFANIA GITTO, CeDoMus

Dettagli

Vice Direzione Generale Gabinetto del Sindaco e Servizi Culturali 2007 00178/026 SETTORE MUSEI /GP CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Vice Direzione Generale Gabinetto del Sindaco e Servizi Culturali 2007 00178/026 SETTORE MUSEI /GP CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Vice Direzione Generale Gabinetto del Sindaco e Servizi Culturali 2007 00178/026 SETTORE MUSEI /GP 0 CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE 23 gennaio 2007 OGGETTO: COSTITUZIONE NUOVO ISTITUTO

Dettagli

2. RACCOLTE E LORO INCREMENTO

2. RACCOLTE E LORO INCREMENTO 2. Il secondo obiettivo di fondo è la creazione di una biblioteca intesa più come "accesso alla lettura" che come "luogo della lettura" (cfr. R. RIDI, La biblioteca come portale delle letture, relazione

Dettagli

Archivio fotografico Chiolini Inaugurazione sede definitiva

Archivio fotografico Chiolini Inaugurazione sede definitiva Archivio fotografico Chiolini Inaugurazione sede definitiva Sabato 28 marzo 2015, ore 11 Musei Civici del Castello Visconteo, Pavia L archivio fotografico Chiolini, dichiarato nel 1996 dalla Soprintendenza

Dettagli

PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI»

PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI» PROGETTO DI RICERCA FINANZIAMENTO «GIOVANI RICERCATORI» 1 Caterina Samà via Gregorio Aracri, 24, Squillace 88069 (CZ), 0961 912117 / 338 1791895 e-mail : caterinasama@libero.it Al Magnifico Rettore dell

Dettagli

Leonardo Bazzaro Un protagonista dell Ottocento Lombardo

Leonardo Bazzaro Un protagonista dell Ottocento Lombardo Un protagonista dell Ottocento Lombardo 21 ottobre 23 dicembre 2011 Galleria Bottegantica, Via Manzoni, 45 20121 Milano Galleria d Arte Ambrosiana, Via V. Monti, 2 20123 Milano (Milano 1853-1937) Cannaregio

Dettagli

venerdì 30 gennaio 2015, alle ore 12, presso la Sala Conferenze del Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria

venerdì 30 gennaio 2015, alle ore 12, presso la Sala Conferenze del Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria Il Soprintendente per i Beni Archeologici della Calabria Simonetta Bonomi presenterà venerdì 30 gennaio 2015, alle ore 12, presso la Sala Conferenze del Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria

Dettagli

E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO ARTISTICO. Brera per chi non disegna COMUNICAZIONE. Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico

E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO ARTISTICO. Brera per chi non disegna COMUNICAZIONE. Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico Brera per chi non disegna COMUNICAZIONE E VALORIZZAZIONE Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico DEL PATRIMONIO ARTISTICO Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Discipline della Valorizzazione

Dettagli

Jolanda Conti e Angelo Dragone fidanzati, 1942

Jolanda Conti e Angelo Dragone fidanzati, 1942 Jolanda Conti e Angelo Dragone fidanzati, 1942 foto Mauro Raffini Per tutta la Loro vita, ancora prima del matrimonio, Jolanda e Angelo Dragone, hanno raccolto con cura e metodo libri, lettere, fotografie

Dettagli

OGGETTO : Fiera Internazionale del libro edizione 2003 progetti rivolti alle scuole.

OGGETTO : Fiera Internazionale del libro edizione 2003 progetti rivolti alle scuole. Prot. nr. 25393/2003 Torino, 31 gennaio 2003 Circ. Reg. nr. 22 Ai DIRIGENTI SCOLASTICI degli Istituti Scolastici Statali e non statali di istruzione secondaria di II grado statali e non statali della regione

Dettagli

Tirano e il monumento provinciale di Sondrio ai Caduti per l Indipendenza

Tirano e il monumento provinciale di Sondrio ai Caduti per l Indipendenza Università della Terza Età UNITRE UNIVERSITÀ DELLE TRE ETÀ Anno accademico 2011-2012 - Lezione di martedì 8 novembre 2011 Bruno Ciapponi Landi Vicepresidente della Società Storica Valtellinese Tirano e

Dettagli

ATTENZIONE: la domanda di partecipazione a questo progetto va indirizzata direttamente all Ente ROMA CAPITALE esclusivamente all indirizzo:

ATTENZIONE: la domanda di partecipazione a questo progetto va indirizzata direttamente all Ente ROMA CAPITALE esclusivamente all indirizzo: ATTENZIONE: la domanda di partecipazione a questo progetto va indirizzata direttamente all Ente ROMA CAPITALE esclusivamente all indirizzo: Roma Capitale - Dipartimento Servizi Educativi e Scolastici,

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Decio Celeri Lovere (BG) Liceo Classico Scientifico Artistico

Istituto Istruzione Superiore Decio Celeri Lovere (BG) Liceo Classico Scientifico Artistico Informazioni relative a mostre, musical, concerti e percorsi didattico educativi Mostre: - Mostra Internazionale di Architettura Biennale di Venezia Data: fino al 25 novembre 2012 Prezzo: _ 65.00/gruppo

Dettagli

PITTURA. Brera per chi non disegna. Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano

PITTURA. Brera per chi non disegna. Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano PITTURA Brera per chi non disegna Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Fotografie di Matteo Girola Dipartimento di Arti Visive Scuola di Pittura

Dettagli

Borse di studio di tre e sei mesi a Venezia

Borse di studio di tre e sei mesi a Venezia Fondazione Giorgio Cini onlus Centro Internazionale di Studi della Civiltà Italiana Vittore Branca Borse di studio di tre e sei mesi a Venezia Domande entro il 31 gennaio 2015 www.cini.it/centro-branca

Dettagli

Allegato C Scheda progetto ENTE. Denominazione ANCI Lombardia. Città MILANO. Via PIAZZA DUOMO N. 21 CAP 20121. Codice di accreditamento NZ00504

Allegato C Scheda progetto ENTE. Denominazione ANCI Lombardia. Città MILANO. Via PIAZZA DUOMO N. 21 CAP 20121. Codice di accreditamento NZ00504 Allegato C Scheda progetto ENTE Denominazione ANCI Lombardia Città MILANO Via PIAZZA DUOMO N. 21 CAP 20121 Codice di accreditamento NZ00504 Iscrizione all albo regionale ALBO REGIONALE REGIONE LOMBARDIA

Dettagli

Agostino Sieri Pepoli

Agostino Sieri Pepoli Agostino Sieri Pepoli 21 marzo 1910 21 marzo 2010 Nel centenario della morte dell illustre trapanese Agostino Sieri Pepoli, patrizio d arcinota casata di Trapani e di Bologna, desidero far conoscere la

Dettagli

SINTESI DEL PROGETTO

SINTESI DEL PROGETTO Ministero dell Economia e delle Finanze Ministero per i Beni e le Attività Culturali Società di Cultura La Biennale di Venezia ALLEGATO I PROGETTO PER LA PROMOZIONE E DIFFUSIONE DELL ARTE CONTEMPORANEA

Dettagli

LE BANCHE PER LA CULTURA

LE BANCHE PER LA CULTURA LE BANCHE PER LA CULTURA PIANO D AZIONE 2014-2015 II AGGIORNAMENTO L OBIETTVO: VALORIZZARE L IMPEGNO NELLA CULTURA DELLE IMPRESE BANCARIE ABI, con la collaborazione degli Associati, promuove un azione

Dettagli

PITTURA. Brera per chi non disegna. Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano

PITTURA. Brera per chi non disegna. Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico. Accademia di Belle Arti di Brera - Milano PITTURA Brera per chi non disegna Comunicazione e Valorizzazione del Patrimonio Artistico Accademia di Belle Arti di Brera - Milano Fotografie di Matteo Girola Obiettivi Formativi del Corso di Diploma

Dettagli

COMUNE DI LEDRO PROVINCIA DI TRENTO

COMUNE DI LEDRO PROVINCIA DI TRENTO ORIGINALE COMUNE DI LEDRO PROVINCIA DI TRENTO VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 27 della GIUNTA del COMUNE DI LEDRO OGGETTO: Accettazione in donazione (ex art. 783 del Codice Civile) di beni mobili da collocare

Dettagli

1 29/11/02 Approvato con deliberazione C.C. 29/11/2002 n. 88

1 29/11/02 Approvato con deliberazione C.C. 29/11/2002 n. 88 Pagina 1 di 5 Documento Rev. Data Oggetto della revisione 1 29/11/02 Approvato con deliberazione C.C. 29/11/2002 n. 88 Redazione A. Mazzucchi Controllo Approvazione B. Armone Caruso F.to A. Mazzucchi F.to

Dettagli

VERBALE N. 2 VALUTAZIONE DELLE PUBBLICAZIONI SCIENTIFICHE, DEL CURRICULUM, DELL ATTIVITA DIDATTICA

VERBALE N. 2 VALUTAZIONE DELLE PUBBLICAZIONI SCIENTIFICHE, DEL CURRICULUM, DELL ATTIVITA DIDATTICA PROCEDURA VALUTATIVA DI CHIAMATA PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO DI PROFESSORE ASSOCIATO AI SENSI DELL ART. 24, COMMA 6 DELLA LEGGE N.240/2010 - PER IL SETTORE CONCORSUALE 10/B1, SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE

Dettagli

Regolamento di organizzazione e funzionamento del MUSEO ETNOGRAFICO COMUNALE DI SCHILPARIO

Regolamento di organizzazione e funzionamento del MUSEO ETNOGRAFICO COMUNALE DI SCHILPARIO Regolamento di organizzazione e funzionamento del MUSEO ETNOGRAFICO COMUNALE DI SCHILPARIO Premessa Il MUSEO ETNOGRAFICO COMUNALE di Schilpario successivamente indicato solamente come MUSEO ETNOGRAFICO

Dettagli

MICHAEL italiano nel contesto europeo

MICHAEL italiano nel contesto europeo MICHAEL e le politiche locali MICHAEL italiano nel contesto europeo Rossella Caffo MICHAEL Multilingual Inventory of Cultural Heritage in Europe Finalità: Lanciare un servizio in linea che promuova il

Dettagli

La tutela delle stampe e della grafica tra multipli di tipo librario, documentario artistico. Ornella Foglieni

La tutela delle stampe e della grafica tra multipli di tipo librario, documentario artistico. Ornella Foglieni Le stampe antiche e la grafica moderna:tra valori di prodotti culturali e il valore di mercato Milano 4 ottobre 2012 Biblioteca Trivulziana - Raccolta Stampe A. Bertarelli La tutela delle stampe e della

Dettagli

LA CASA DI PESCHI. palazzo buonaccorsi biblioteca mozzi borgetti - macerata aperta nel febbraio 2013

LA CASA DI PESCHI. palazzo buonaccorsi biblioteca mozzi borgetti - macerata aperta nel febbraio 2013 LA CASA DI PESCHI palazzo buonaccorsi biblioteca mozzi borgetti - macerata aperta nel febbraio 2013 LA CASA DI PESCHI 5 SCULTURE DI UMBERTO PESCHI DEGLI ANNI 50-80 MUSEI CIVICI DI PALAZZO BUONACCORSI -

Dettagli

AMBITO ANTROPOLOGICO

AMBITO ANTROPOLOGICO ISTITUTO COMPRENSIVO AVIO - SCUOLA PRIMARIA DI AVIO - AMBITO ANTROPOLOGICO classe 5^ Insegnante: Paola Martinelli Anno scolastico 2013/2014 STORIA Competenze 1 e 2 al termine del 3 biennio (classe 5^ scuola

Dettagli

Abbazia di Valserena Strada Viazza di Paradigna, 1 43122 Parma t. +39 0521 033652 f. +39 0521 347007 www.csacparma.it info@csacparma.

Abbazia di Valserena Strada Viazza di Paradigna, 1 43122 Parma t. +39 0521 033652 f. +39 0521 347007 www.csacparma.it info@csacparma. CSAC Centro Studi e Archivio della Comunicazione Abbazia di Valserena Strada Viazza di Paradigna, 1 43122 Parma t. +39 0521 033652 f. +39 0521 347007 www.csacparma.it info@csacparma.it Foto: Paolo Rosselli

Dettagli

BANDO 6ARTISTA. PROGETTO PER I GIOVANI ARTISTI 3. EDIZIONE 2011

BANDO 6ARTISTA. PROGETTO PER I GIOVANI ARTISTI 3. EDIZIONE 2011 BANDO 6ARTISTA. PROGETTO PER I GIOVANI ARTISTI 3. EDIZIONE 2011 Premessa L Associazione Civita e la Fondazione Pastificio Cerere promuovono la terza edizione del progetto 6artista per l anno 2011-2012.

Dettagli

BIBLIOGRAFIA CRITICA SULL OPERA DI VANNI ROSSI

BIBLIOGRAFIA CRITICA SULL OPERA DI VANNI ROSSI BIBLIOGRAFIA CRITICA SULL OPERA DI VANNI ROSSI 1910 L.A., Accademia Carrara: i premi degli allievi, in «L Eco di Bergamo», 31 agosto - 1 settembre. 1911 L.A., La premiazione degli alunni all Accademia

Dettagli

REGIONE Avviso Unico Cultura 2014

REGIONE Avviso Unico Cultura 2014 BANDO LOMBARDIA REGIONE Avviso Unico Cultura 2014 Progetti di promozione Beneficiari educativa e culturale di preminente interesse Enti locali, Università, soggetti pubblici e soggetti privati no regionale

Dettagli

BANDO. Concorso di Idee Premio Rotary Cultura e Patrimonio Edizione 2015

BANDO. Concorso di Idee Premio Rotary Cultura e Patrimonio Edizione 2015 Concorso di Idee Premio Rotary Cultura e Patrimonio Edizione 2015 1 Art. 1. SOGGETTO BANDITORE Il soggetto banditore del Concorso di idee è il, che comprende i territori delle province di Bologna, Ferrara,

Dettagli

Con il patrocinio della Regione Lombardia e in collaborazione con il Museo di Fotografia Contemporanea di Cinisello Balsamo

Con il patrocinio della Regione Lombardia e in collaborazione con il Museo di Fotografia Contemporanea di Cinisello Balsamo Con il patrocinio della Regione Lombardia e in collaborazione con il Museo di Fotografia Contemporanea di Cinisello Balsamo Premio Tempo ritrovato Fotografie da non perdere II Edizione Conservare i frammenti

Dettagli

ISTITUTO STATALE DUCA DEGLI ABRUZZI

ISTITUTO STATALE DUCA DEGLI ABRUZZI Comunicato n 200 ISTITUTO STATALE DUCA DEGLI ABRUZZI con indirizzi liceali: Linguistico, Scientifico, Scienze Umane, Scienze Applicate, Economico Sociale Via Caccianiga 5 31100 Treviso tel. 0422/548383-541785

Dettagli

Comune di Lecco. DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Numero 959 Data: 24-11-2011

Comune di Lecco. DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Numero 959 Data: 24-11-2011 Comune di Lecco Piazza Diaz, 1-23900 Lecco (LC) - Tel. 0341/ 481111 - Fax 286874 - C.F. 00623530136 N. 959-2011 Reg. DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Numero 959 Data: 24-11-2011 SETTORE : EDUCAZIONE, CULTURA

Dettagli

ISTRUZIONI E MODULISTICA PER LA DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ALBO DEGLI ISTITUTI CULTURALI DELLA REGIONE LAZIO (Legge Regionale n.

ISTRUZIONI E MODULISTICA PER LA DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ALBO DEGLI ISTITUTI CULTURALI DELLA REGIONE LAZIO (Legge Regionale n. ISTRUZIONI E MODULISTICA PER LA DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ALBO DEGLI ISTITUTI CULTURALI DELLA REGIONE LAZIO (Legge Regionale n. 42/1997) 1) le domande di iscrizione all Albo degli Istituti culturali della

Dettagli

RILIEVO E DISEGNO DELL ARCHITETTURA (Gruppi di lavoro coordinati dall Ing. Roberto B. F. Castiglia 1 )

RILIEVO E DISEGNO DELL ARCHITETTURA (Gruppi di lavoro coordinati dall Ing. Roberto B. F. Castiglia 1 ) RILIEVO E DISEGNO DELL ARCHITETTURA (Gruppi di lavoro coordinati dall Ing. Roberto B. F. Castiglia 1 ) Collaboratori: Ing. Marco Giorgio Bevilacqua - Arch. Massimo Bertellotti Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

Regolamento della Biblioteca Giuseppe Guglielmi dell Istituto per i beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna

Regolamento della Biblioteca Giuseppe Guglielmi dell Istituto per i beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna Regolamento della Biblioteca Giuseppe Guglielmi dell Istituto per i beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Finalità e compiti Art. 3 - Sede e patrimonio

Dettagli

LA RIFORMA DEI BENI CULTURALI E IL RAPPORTO STATO-AUTONOMIE LOCALI

LA RIFORMA DEI BENI CULTURALI E IL RAPPORTO STATO-AUTONOMIE LOCALI DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE LE AMMINISTRAZIONI LOCALI E LA VALORIZZAZIONE E GESTIONE DEI BENI CULTURALI LA RIFORMA DEI BENI CULTURALI E IL RAPPORTO STATO-AUTONOMIE LOCALI PROF. LORENZO CASINI UNIVERSITÀ

Dettagli

PROGRAMMA DI ATTIVITA' 2014

PROGRAMMA DI ATTIVITA' 2014 1 Via Eupili, 8-20145 Milano cdec@cdec.it www.cdec.it PROGRAMMA DI ATTIVITA' 2014 1 Progetti e iniziative speciali 2 Sviluppo dei siti web (aggiornamenti e progetti speciali) 3 Patrimonio documentario

Dettagli

proposta di legge n. 119

proposta di legge n. 119 REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE proposta di legge n. 119 a iniziativa del Consiglio provinciale di Pesaro e Urbino ai sensi dell articolo 30 dello Statuto e della l.r. 5 settembre 1974, n. 23 presentata

Dettagli

Il progetto, nato da una collaborazione tra le Biblioteche Civiche Torinesi e il Museo Diffuso della Resistenza della Deportazione della Guerra dei

Il progetto, nato da una collaborazione tra le Biblioteche Civiche Torinesi e il Museo Diffuso della Resistenza della Deportazione della Guerra dei 2010 Il progetto, nato da una collaborazione tra le Biblioteche Civiche Torinesi e il Museo Diffuso della Resistenza della Deportazione della Guerra dei Diritti e della Libertà, presenta una serie di proposte

Dettagli

Art. 2 Struttura, formato e stile della tesi

Art. 2 Struttura, formato e stile della tesi Facoltà di Studi Classici, Linguistici e della Formazione Linee guida per l elaborato di laurea del corso di laurea in Scienze della formazione primaria Art. 1 Introduzione La tesi è parte integrante del

Dettagli

Archivi della Parola dell Immagine e della Comunicazione Editoriale. FondoLagorio

Archivi della Parola dell Immagine e della Comunicazione Editoriale. FondoLagorio Archivi della Parola dell Immagine e della Comunicazione Editoriale FondoLagorio Fondo VIGEVANI Il fondo Lagorio Manoscritto del romanzo L arcadia americana Il fondo Gina Lagorio (Luigina Bernocco, 6 gennaio

Dettagli

Restauro, a fini espositivi, di due nuclei di dipinti del deposito di Palazzo Rosso

Restauro, a fini espositivi, di due nuclei di dipinti del deposito di Palazzo Rosso Restauro, a fini espositivi, di due nuclei di dipinti del deposito di Palazzo Rosso Il progetto ha la principale finalità di tornare ad esporre per intero, nell ambito di Palazzo Rosso, la quadreria che

Dettagli

Omaggio a Luciano Minguzzi. Fondazione del Monte Via delle Donzelle 2, Bologna

Omaggio a Luciano Minguzzi. Fondazione del Monte Via delle Donzelle 2, Bologna Omaggio a Luciano Minguzzi Via delle Donzelle 2, Bologna Dal 26 gennaio al 29 aprile 2012 Inaugurazione mercoledì 25 gennaio 2012, ore 18.30 Comunicato stampa Bologna, 24 Gennaio 2012 - La rinnova, a partire

Dettagli

Premio Leonardo 015 Sciascia Amateur d Estampes

Premio Leonardo 015 Sciascia Amateur d Estampes 2 Premio Leonardo 015 Sciascia 2016 Amateur d Estampes VIII EDIZIONE Fondazione Il Bisonte per lo studio dell arte grafica Fondazione Giuseppe Whitaker Palermo Per ricordare la passione di Leonardo Sciascia

Dettagli

LICEO MUSICALE PROGRAMMA STORIA DELL'ARTE

LICEO MUSICALE PROGRAMMA STORIA DELL'ARTE LICEO MUSICALE PROGRAMMA STORIA DELL'ARTE Il Dipartimento, nell'ambito della discussione preliminare relativa alla Programmazione, ed in considerazione del riordino dei cicli scolastici previsti dalla

Dettagli

Leopoldo Metlicovitz ANNIVERSARIO. Pittore, cartellonista, illustratore e scenografo teatrale. Con il patrocinio e il contributo di:

Leopoldo Metlicovitz ANNIVERSARIO. Pittore, cartellonista, illustratore e scenografo teatrale. Con il patrocinio e il contributo di: Con il patrocinio e il contributo di: PROVINCIA DI COMO COMUNE DI PONTE LAMBRO in collaborazione con il Comitato Organizzatore per il 140 ANNIVERSARIO della nascita di Leopoldo Metlicovitz Leopoldo Metlicovitz

Dettagli

ISTITUTO PER LA STORIA DELL AZIONE CATTOLICA E DEL MOVIMENTO CATTOLICO IN ITALIA PAOLO VI RICERCHE E DOCUMENTI 25

ISTITUTO PER LA STORIA DELL AZIONE CATTOLICA E DEL MOVIMENTO CATTOLICO IN ITALIA PAOLO VI RICERCHE E DOCUMENTI 25 ISTITUTO PER LA STORIA DELL AZIONE CATTOLICA E DEL MOVIMENTO CATTOLICO IN ITALIA PAOLO VI RICERCHE E DOCUMENTI 25 Il volume è pubblicato con i contributi erogati dal Ministero dell Istruzione, dell Università

Dettagli

Borsa di Studio Bruno Visentini

Borsa di Studio Bruno Visentini Fondazione Giorgio Cini onlus Centro Internazionale di Studi della Civiltà Italiana Vittore Branca Borsa di Studio Bruno Visentini Domande entro il 15 ottobre 2015 info: www.cini.it/centro-branca BANDO

Dettagli

BIBLIOTECA DEL SENATO E MINISTERO DELLA DIFESA: UNA COLLABORAZIONE DECENNALE IN NOME DELLA CULTURA

BIBLIOTECA DEL SENATO E MINISTERO DELLA DIFESA: UNA COLLABORAZIONE DECENNALE IN NOME DELLA CULTURA BIBLIOTECA DEL SENATO E MINISTERO DELLA DIFESA: UNA COLLABORAZIONE DECENNALE IN NOME DELLA CULTURA di Ada Fichera 70 INFORMAZIONI DELLA DIFESA 1/2014 Un antichità avvolgente e un fascino singolare connotano

Dettagli

Borsa di studio sull arte e sulla produzione vetraria a Venezia nel Novecento

Borsa di studio sull arte e sulla produzione vetraria a Venezia nel Novecento Fondazione Giorgio Cini onlus Istituto di Storia dell Arte Borsa di studio sull arte e sulla produzione vetraria a Venezia nel Novecento Domande entro il 31 gennaio 2016 www.cini.it/centro-branca BANDO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SISTEMA MUSEALE DI ATENEO

REGOLAMENTO DEL SISTEMA MUSEALE DI ATENEO Alma Mater Studiorum-Università di Bologna NormAteneo sito di documentazione sulla normativa di Ateneo vigente presso l Università di Bologna REGOLAMENTO DEL SISTEMA MUSEALE DI ATENEO (Testo coordinato

Dettagli

Dante illustrato Paesaggi per la Divina Commedia

Dante illustrato Paesaggi per la Divina Commedia Dante illustrato Paesaggi per la Divina Commedia DANTE ILLUSTRATO Paesaggi per la Divina Commedia INAUGURAZIONE mercoledì 5 Settembre 2012 ore 21.00 La mostra è aperta dal 6 Settembre al 7 Ottobre 2012

Dettagli

CURRICULUM VITAE DAVID LUCIDI INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE DAVID LUCIDI INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE DAVID LUCIDI INFORMAZIONI PERSONALI Cognome/i e nome/i LUCIDI DAVID Indirizzo/i Via Monte Pizzuto n. 7, Foligno (PG), 06034 Telefono/i 0742 / 359354 Cellulare: 333-5067960 Fax E-mail david.82@hotmail.it

Dettagli

Viaggio tra musei di Milano. Ariodante Serena V D Liceo Classico L. Costa La Spezia

Viaggio tra musei di Milano. Ariodante Serena V D Liceo Classico L. Costa La Spezia Viaggio tra musei di Milano Ariodante Serena V D Liceo Classico L. Costa La Spezia Chiesa di Santa Maria delle Grazie L'edificio rappresenta una tra le più importanti realizzazioni del Rinascimento ed

Dettagli

Luigi Morgari (Torino 1857-1935)

Luigi Morgari (Torino 1857-1935) 90 Luigi Morgari (Torino 1857-1935) Via Crucis, secondo decennio del XX sec. 14 cromolitografie, cm 80 x 54 (ciascuna) CAGLI, Chiesa di San Geronzio (già in Cattedrale) 10 Dopo una buona ed operosa esistenza

Dettagli

per le scuole Associazione Culturale MuseAlia Salita Santa Chiara, 1-66100 CHIETI (sede legale) via Palermo, 98-65122 PESCARA

per le scuole Associazione Culturale MuseAlia Salita Santa Chiara, 1-66100 CHIETI (sede legale) via Palermo, 98-65122 PESCARA 0 per le scuole 1 MuseAlia offre - per il terzo anno consecutivo, un iniziativa che nei precedenti anni ha riscontrato molto successo presso dirigenti, docenti, alunni e genitori! Si tratta di Una giornata

Dettagli

Percorso Alternanza Scuola-Lavoro A.S. 2012/2013 Biblioteca del Consiglio Regionale

Percorso Alternanza Scuola-Lavoro A.S. 2012/2013 Biblioteca del Consiglio Regionale Percorso Alternanza Scuola-Lavoro A.S. 2012/2013 Biblioteca del Consiglio Regionale Aisha Buzi - I.P.S.C.T. Sassetti-Peruzzi, Firenze Barbara Masi - I.P.S.C.T. Sassetti-Peruzzi, Firenze Lorenzo Lori -

Dettagli

Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010.

Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010. Sono molto lieto di essere qui oggi, in occasione della Cerimonia di premiazione dei progetti vincitori del Label Europeo delle lingue 2010. L occasione mi è gradita per ricordare che la Società Dante

Dettagli

Informatizzazione del fondo Notiziari giornalieri della Guardia Nazionale Repubblicana.

Informatizzazione del fondo Notiziari giornalieri della Guardia Nazionale Repubblicana. I NOTIZIARI DEL DUCE. Informatizzazione del fondo Notiziari giornalieri della Guardia Nazionale Repubblicana. I - Sintesi del progetto I notiziari, redatti dall Ufficio I sezione situazione del Comando

Dettagli

Master di II livello per la conservazione, il ripristino e la manutenzione delle opere d arte contemporanee.

Master di II livello per la conservazione, il ripristino e la manutenzione delle opere d arte contemporanee. Master di II livello per la conservazione, il ripristino e la manutenzione delle opere d arte contemporanee. Obiettivi: il master ha come finalità la formazione di figure professionali che assumano un

Dettagli

Origini del Museo LORETTA SECCHI *

Origini del Museo LORETTA SECCHI * Toccare la pittura. Percezione, cognizione ed interiorizzazione di forma e contenuto, attraverso l educazione estetica dedicata alle persone non vedenti ed ipovedenti LORETTA SECCHI * Origini del Museo

Dettagli

Andrea De Pasquale (direttore della Biblioteca Nazionale Centrale di Roma)

Andrea De Pasquale (direttore della Biblioteca Nazionale Centrale di Roma) Andrea De Pasquale (direttore della Biblioteca Nazionale Centrale di Roma) I musei in Biblioteca: il progetto Spazi900 della Biblioteca Nazionale Centrale di Roma Le biblioteche, spesso inserite all interno

Dettagli

di Carlo Torretta - Componente il Gruppo di Lavoro Operativo Permanente del sito UNESCO Sacri Monti del Piemonte e della Lombardia.

di Carlo Torretta - Componente il Gruppo di Lavoro Operativo Permanente del sito UNESCO Sacri Monti del Piemonte e della Lombardia. di Carlo Torretta - Componente il Gruppo di Lavoro Operativo Permanente del sito UNESCO Sacri Monti del Piemonte e della Lombardia. 1. Introduzione La conservazione e valorizzazione dei sette Sacri Monti

Dettagli

Statuto del Museo d'arte contemporanea Zavattarello (Pv) approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n,30 del 10/08/2009

Statuto del Museo d'arte contemporanea Zavattarello (Pv) approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n,30 del 10/08/2009 Statuto del Zavattarello (Pv) approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n,30 del 10/08/2009 1 Art. 1 Denominazione e sede del museo Per iniziativa del Comune di Zavattarello è costituito il del

Dettagli

Museo Galileo Istituto e Museo di storia della scienza Piazza Giudici 1, Firenze, ITALIA www.museogalileo.it/biblioteca.html. Fotografie Bazzechi

Museo Galileo Istituto e Museo di storia della scienza Piazza Giudici 1, Firenze, ITALIA www.museogalileo.it/biblioteca.html. Fotografie Bazzechi Bazzechi, Ivo (1920-1975) // Bazzechi foto ottica (ditta) BIBLIOTECA Museo Galileo Istituto e Museo di storia della scienza Piazza Giudici 1, Firenze, ITALIA www.museogalileo.it/biblioteca.html BAZ Fotografie

Dettagli