CINGHIALE (Sus scrofa)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CINGHIALE (Sus scrofa)"

Transcript

1 CINGHIALE (Sus scrofa) Uso di armi e cani per la caccia al Cinghiale

2 CACCIA AL CINGHIALE: ARMI Un arma è per definizione un oggetto atto a offendere e/o a difendere. Si dividono in: armi bianche, armi da fuoco e altre armi (a gas, archi, balestre, ecc.).

3 ARMI BIANCHE

4 ARMI DA FUOCO CORTE (pistole, revolvers) LUNGHE (fucili) In funzione della tipologia della/e canna/e si distinguono in: Fucili a canna liscia Fucili a canna rigata Fucili a canne miste: - combinati - drilling

5 FUCILI A CANNA LISCIA PER LA CACCIA AL CINGHIALE: TIPOLOGIE Doppiette Sovrapposti Canne poco strozzate o cilindriche (slug) Semiautomatici

6 FUCILI A CANNA LISCIA: CALIBRO Equivale al n di sfere di diametro uguale a quello interno della canna che si ottengono da una libbra di piombo (453 gr)

7 FUCILI A CANNA LISCIA: CARATTERISTICHE SALIENTI La canna è liscia, senza solchi, per cui non è in grado di imprimere al proiettile, nel caso sia unico, un movimento rotatorio stabilizzante intorno al proprio asse (Eccezione Paradox). All interno la camera di scoppio non ha pareti particolarmente spesse, non dovendo resistere a pressioni molto forti. Il dispositivo di puntamento non è particolarmente sofisticato. La cartuccia è composta da un bossolo in parte in ottone e in parte in cartone o plastica, con proiettili costituiti da un numero variabile di pallini ovvero da un unico proiettile, detto ogiva (palla).

8 La canna di un fucile ad anima liscia per la caccia al cinghiale è solitamente cilindrica e quindi punzonata con le lettere CL ; la canna concepita appositamente per la caccia al cinghiale è chiamata canna slug ed è piuttosto corta, perfettamente cilindrica e dotata di mirino e tacca di mira regolabile. Il calibro più utilizzato è il 12. La portata utile appare contenuta e non supera i 50 metri, mentre la gittata massima, dipendente comunque dall angolazione, può arrivare a metri. Con arma azzerata a 50 m, il proiettile a 25 metri passa un centimetro sopra al punto mirato, mentre a 75 metri passa da 6 a 8 cm sotto il punto mirato. Va ricordato che le palle hanno potenza e velocità maggiori rispetto ai pallini o pallettoni delle munizioni spezzate. Fucile calibro 12 a canna liscia

9 FUCILI A CANNA LISCIA: MUNIZIONI

10 FUCILI A CANNA LISCIA: MUNIZIONI

11 Elenco delle principali palle per munizioni utilizzabili in fucili a canna liscia Maremmana sferica A rocchetto di filo Con borra direzionale (impennaggio) A campana Sottocalibrate ottima capacità di penetrazione e precisione accettabile ma non può essere sparata in canne strozzate costruite in acciaio con due cordonature in piombo per il forzamento nella canna, sono deformabili e micidiali a breve distanza, ma poco precise (Blondeau, Stendebach, Wonder). raggiungono la massima precisione grazie al mantenimento della traiettoria (Brenneke,Gualandi, Aquila, Cervo) velocità eccellente, abbastanza precise (Foster, Winchester, Remington, Federal). ottima velocità e precisione, valide per i tiri lunghi Palla Remington Copper Solid in lega di rame con sabot Da Balistica Edoardo Mori (modificato) Palla Brenneke Super Sabot sottocalibrata

12 FUCILI A CANNA RIGATA: CARATTERISTICHE SALIENTI All interno della canna sono presenti dei solchi (righe) in numero variabile generalmente da 4 a 6, paralleli e con andamento elicoidale, che hanno la funzione di imprimere al proiettile, che è unico, un movimento rotatorio stabilizzante intorno al proprio asse. All interno la camera di scoppio ha pareti molto più spesse che in un arma a canna liscia per resistere alle pressioni molto forti che si sviluppano. Il dispositivo di puntamento è più sofisticato rispetto ai fucili a canna liscia. La cartuccia è composta da un bossolo completamente in ottone e da un ogiva (palla).

13 FUCILI A CANNA RIGATA: MUNIZIONI Bossolo: è un involucro in lega di ottone che ha le seguenti funzioni: proteggere la camera di scoppio (altissime pressioni), garantire una perfetta tenuta e una successiva estraibilità grazie alle sue doti elastiche, contenere la carica di innesco e la carica propellente. Carica di innesco: esplosivo molto rapido posto alla base del bossolo, con percussione centrale, serve ad attivare la carica propellente. Carica propellente: esplosivo meno rapido che imprime l energia al proiettile. Proiettile (palla, ogiva): può avere forme, peso e caratteristiche diverse che ne determinano le prestazioni e la traiettoria.

14 Carica propellente

15 MUNIZIONI: TIPI DI FONDELLO 270 Weat. M. 270 W. 5,6 x 57 5,6 x 57 R

16 FUCILI A CANNA RIGATA: CALIBRO È espresso dal diametro dell ogiva (in millimetri o in millesimi di pollice) per l altezza del bossolo a vuoto (può essere accompagnato da altre sigle accessorie). Calibro mm : 25.4 mm = x : 1 pollice x = 5.6/25.4 = o.222 pollici (222 millesimi di pollice)

17 CALIBRI PER CANNE RIGATE: ESEMPI 222 Rem.: indica un proiettile con calibro 222 millesimi di pollice di marca Remington, che corrisponde ad un 5.6 x 43 nella nomenclatura europea, dove 43 sono i millimetri dell altezza del bossolo. 5.6 x 57: indica un calibro di 5.6 millimetri con altezza del bossolo di 57 millimetri : indica un calibro di 300 millesimi di pollice innestato su un bossolo creato nel 1906 in America per scopi militari. Corrisponde ad un 7.65 x 63.

18 CALIBRI :CINGHIALE mm 7 mm 8 mm 9 mm 6.5 x 68 7 R.M. 8 x x W.M. 7 x 57 8 x x W. 7 x x 74 7 x W. 444 Marlin

19 PROIETTILE: ELEMENTI CARATTERISTICI Calibro: espresso in millimetri o in millesimi di pollice (1 pollice = 25.4 mm) (Es.: mm.). Forma: proiettili più lunghi hanno maggior stabilità; la forma della punta è un elemento determinante per gli effetti sul bersaglio (proiettili a punta sono più penetranti e viceversa). Peso: proiettili più pesanti coprono distanze più corte, hanno traiettorie meno tese, cedono più energia. Il peso può essere espresso in grammi oppure in grani (1 grammo = 15.4 grani). Es. 150 grani = 9.7 grammi Blindatura: proiettili completamente blindati hanno un maggior effetto penetrante ma non si deformano e tendono a trapassare il bersaglio senza cedere tutta l energia; proiettili non blindati si deformano subito cedendo tutta l energia ma tendono a creare ferite superficiali; proiettili parzialmente blindati sono solitamente un buon compromesso.

20

21 PROIETTILE: ENERGIA Ec = Peso del proiettile x velocità Si esprime in kgm: 1 kgm è l energia necessaria a sollevare da terra fino a un metro di altezza un peso di un chilogrammo in 1 secondo.

22 2 ESEMPI Palla tipo brenneke dal peso di 31 grammi con velocità di 430 m/s: Ec = 31 x = 293 kgm Palla di peso 11,6 grammi (180 grani) con velocità di 850 m/s: Ec = 11,6 x = 429 kgm

23 PROIETTILE: ELEMENTI IMPORTANTI GITTATA La gittata è tutto lo spazio percorso dal proiettile dal momento in cui esce dalla canna dell arma rigata (vivo di volata) fino al momento in cui tocca terra, supposto che non tocchi nessun ostacolo. Un proiettile di un arma rigata può percorrere anche tre chilometri o più, in funzione del fucile, e quindi del tipo di proiettile, della posizione dell arma al momento del tiro e della conformazione del terreno. PORTATA UTILE È la distanza entro la quale si può abbattere ragionevolmente un certo animale. È nell ordine dei due o trecento metri per i calibri più veloci. Chiaramente è in funzione dell arma e dell animale che intendiamo abbattere, oltre che delle condizioni globali al momento dello sparo. Il limite, più che dalla capacità del proiettile di infliggere al capo di selvaggina ferite mortali, è costituito dalla difficoltà del tiratore di determinare con precisione il punto di impatto del proiettile con sufficiente precisione. VELOCITÀ DEL PROIETTILE È determinante per la precisione dell arma: più è elevata, più il tiro è radente e minore la sua caduta lungo la traiettoria. Proiettili leggeri hanno maggior velocità iniziale, che poi però tendono a perdere più rapidamente. Proiettili pesanti hanno velocità iniziali minori, che però tendono a mantenere più a lungo. La velocità del proiettile è direttamente proporzionale alla lunghezza della canna, alla pressione di scoppio e alla temperatura dell aria.

24 FUCILI A CANNA RIGATA: ELEMENTI TECNICI E DEFINIZIONI PUNTO D IMPATTO: punto nel quale il proiettile colpisce il bersaglio. ROSATA: insieme dei punti di impatto sul bersaglio sparati dalla medesima arma da una distanza fissa. PRECISIONE: capacità dell arma di fornire rosate di piccolo diametro. Dipende da molti fattori, tra i quali: distanza del bersaglio, tipo di arma, cartuccia e proiettile, condizioni climatiche generali, pendenza di tiro, taratura del congegno di puntamento, presenza di sostanze estranee nella canna e, non in ultimo, il tiratore. PASSO DELLA RIGATURA: distanza entro la canna in cui il proiettile compie un rotazione completa su se stesso lungo il proprio asse. LINEA DI MIRA*: retta congiungente l occhio del tiratore, il sistema di puntamento e il bersaglio. TRAIETTORIA**: percorso che compie il proiettile dal vivo di volata fino al bersaglio; non è mai rettilinea in quanto intervengono diversi fattori (energia di partenza, peso e forma del proiettile, forza di gravità, resistenza dell aria, ecc.).

25 LINEA DI MIRA DISPOSITIVO DI PUNTAMENTO SEMPLICE DISPOSITIVO DI PUNTAMENTO SOFISTICATO

26 TRAIETTORIA: PRINCIPALI ELEMENTI E FASI 1) Proiettile nella camera di scoppio. 2) Sparo. 3) Gas in espansione. 4) Aumento progressivo della velocità fino a che il proiettile è all interno della canna. 5) Uscita del proiettile dalla canna. 6) Termine della spinta al proiettile. 7) Il proiettile continua la sua corsa grazie all energia acquisita. 8) Opposizione al moto da parte della forza di gravità e della resistenza dell aria. 9) Impatto sul bersaglio con cessione dell energia residua. L insieme di questi momenti, unito al tipo di arma e al tipo di proiettile, concorre a determinarne la TRAIETTORIA.

27 ELEMENTI DELLA TRAIETTORIA Punto di mira..

28 ELEMENTI DELLA TRAIETTORIA Punto di mira..

29 ELEMENTI DELLA TRAIETTORIA

30 DISTANZE DI AZZERAMENTO

31

32 AZZERAMENTO O TARATURA DELL ARMA Da compiere prima di utilizzare la carabina nell attività venatoria. Consiste nel tarare i sistemi ottici di puntamento in maniera tale da poter conoscere con precisione dove andrà ad impattare il proiettile ad una certa distanza. Si esegue in poligono, sparando un certo numero di colpi su un bersaglio posto a distanza nota (ad esempio 100 metri). Con una carabina azzerata ad una certa distanza, salvo altri fattori esterni, il proiettile colpirà il bersaglio esattamente dove sto mirando con il mio sistema ottico di puntamento.

33 ELEMENTI DELLA TRAIETTORIA Punto di mira..

34 AZZERAMENTO O TARATURA DELL ARMA Se invece il mio bersaglio si trova più vicino della distanza di azzeramento, dovrò mirare leggermente più in basso (la linea di mira corre sotto la traiettoria). Viceversa dovrò mirare più in alto se il bersaglio si trova più lontano (la linea di mira corre sopra la traiettoria). La differenza tra linea di mira e traiettoria è minima (di solito non superiore ai 6-8 cm) tra l arma e il punto di azzeramento ed elevata oltre (nell ordine anche di 20 cm o più). Queste differenze dipendono dal tipo di arma utilizzata, calibri leggeri e veloci avranno differenze minime tra carabina e punto di azzeramento ma poi, perdendo rapidamente velocità, il divario tra linea di mira e traiettoria tende a peggiorare molto rapidamente.

35 ELEMENTI DELLA TRAIETTORIA Cosa succede se il bersaglio si trova a distanze diverse?..

36 IN FUNZIONE DELLA CAPACITÀ DI FUOCO I FUCILI SI DISTINGUONO IN: A COLPO SINGOLO: canna liscia, rigata, combinati. A RIPETIZIONE SEMPLICE: canna rigata, il caricamento avviene tramite otturatore girevole - scorrevole. SEMIAUTOMATICHE: canna liscia o rigata, erroneamente spesso chiamate automatiche, il caricamento avviene tramite recupero di parte dei gas. AUTOMATICHE: canna liscia o rigata, il caricamento avviene tramite recupero di parte dei gas ed è possibile sparare a ripetizione. Sono di esclusivo uso militare e non sono utilizzabili per la caccia.

37 FUCILI A COLPO SINGOLO A CANNA LISCIA PER LA CACCIA AL CINGHIALE SLUG BETTINSOLI (55 CM - 3 KG)

38 FUCILI A COLPO SINGOLO A CANNE MISTE E A CANNA RIGATA PER LA CACCIA AL CINGHIALE Canne miste: combinato, drilling. Canne rigate: - monocanna basculante, - doppietta o sovrapposto express,

39 COMBINATO

40

41 DRILLING

42 BASCULANTE MONOCOLPO

43 BASCULANTE MONOCOLPO

44 EXPRESS

45 FUCILI A RIPETIZIONE SEMPLICE A CANNA RIGATA PER LA CACCIA AL CINGHIALE carabina a otturatore girevole (tipo Mauser ) carabina a otturatore (tipo Blaser ) carabina a blocco cadente carabina a leva

46 CARABINA A OTTURATORE GIREVOLE (BOLT ACTION)

47 CARABINA A OTTURATORE GIREVOLE BLASER

48 CARABINA A OTTURATORE GIREVOLE TIPO BLASER

49 CARABINA A BLOCCO CADENTE (RUGER)

50 CARABINA A LEVA

51 FUCILI A RIPETIZIONE SEMIAUTOMATICA A CANNA LISCIA Fucile calibro 12 a canna liscia

52 Lezione 3 FUCILI A RIPETIZIONE SEMIAUTOMATICA A CANNA RIGATA Carabina semiautomatica, camerata nel calibro 30.06: l arma a canna rigata probabilmente più utilizzata in Italia per la caccia al cinghiale.

53 IN FUNZIONE DEL TIPO DI SISTEMA DI MIRA I FUCILI SI DISTINGUONO IN: FUCILI (A CANNA LISCIA) CON PUNTERIA METALLICA

54 FUCILI (A CANNA RIGATA) CON PUNTERIA METALLICA

55 FUCILI (A CANNA RIGATA) CON SISTEMI DI PUNTAMENTO VELOCE (PUNTI ROSSI - OLOGRAFICI - LASER)

56 SISTEMI DI PUNTAMENTO VELOCE PUNTI ROSSI E PUNTI ROSSI OLOGRAFICI Usati a occhi aperti. Non ingrandiscono il bersaglio. Punto rosso interno al sistema. Tramite batterie hanno una proiezione continua della luce sul vetro del sistema di puntamento (durata ore). Sfruttano l elaborazione delle immagini realizzata dal cervello, che sovrappone esattamente quanto percepito dall occhio sinistro (animale) con quanto percepito dall occhio destro (punto rosso). PUNTI ROSSI OLOGRAFICI Punto rosso interno al sistema. Per risparmiare energia hanno una proiezione intermittente della luce. I vuoti dell intermittenza non sono percepiti dall occhio. Alimentati da 2 batterie da 1,5 V o da 1 da 3 V. ( ore!). Tubi montabili con anelli da ottica. LASER Punto rosso esterno al sistema, proiettato con un sottile raggio laser all esterno, sino al bersaglio.

57 FUCILE A LEVA (A CANNA RIGATA) CON SISTEMA DI PUNTAMENTO VELOCE (PUNTO ROSSO)

58 FUCILI A CANNA RIGATA CON CANOCCHIALE (OTTICA)

59 ATTACCHI DEL CANNOCCHIALE

60 RETICOLI DI MIRA

61 RIFERIMENTI DISTANZIOMETRICI

62

63 BATTUTA - GIRATA - BRACCATA IN AMBIENTI CHIUSI Fucile a canna liscia (canne miste) o a canna rigata senza ottica

64 Fucile semiautomatico a canna rigata senza ottica

65 BATTUTA - (BRACCATA) - GIRATA + CERCA - ASPETTO IN AMBIENTI MISTI E APERTI Fucile a canna rigata (canne miste) con ottica

66 BATTUTA E GIRATA IN AMBIENTI MISTI Fucile a canna rigata con ottica (asportabile) (Swarovski high grid )

67 CACCIA INDIVIDUALE (CERCA E ASPETTO) Fucile a canna rigata (a canne miste) con ottica (anche fissa) a ingrandimenti fissi o variabili

68 CACCIA AL CINGHIALE: EFFETTO DEL TIRO

69 CACCIA AL CINGHIALE: EFFETTO DEL TIRO

70 L animale da abbattere fornisce la migliore prospettiva al cacciatore quando è di traverso, virtualmente perpendicolare alla linea di mira; in questa posizione il bersaglio è più vasto ed i punti vitali sono bene in vista. Il punto verso cui occorre preferibilmente indirizzare il tiro è (come per gli altri ungulati) situato appena dietro la spalla, nel punto si trova la parte alta del cuore, per cui il proiettile colpirà il muscolo cardiaco o i grossi vasi sanguigni che partono da esso determinando la pressoché istantanea morte dell animale.

71 CACCIA AL CINGHIALE: EFFETTO DEL TIRO

72

73

74

75

76

77

78 BUONE REGOLE DOPO IL TIRO Ricaricare immediatamente l arma. Restare fermi almeno 10. Lasciare un segno sul posto di tiro. Avvicinarsi all animale pronti a sparare. In caso di ferimento ricorrere a un cane da sangue.

79 GRAZIE PER L ATTENZIONE

ARMI E MUNIZIONI DA CACCIA E RELATIVA LEGISLAZIONE

ARMI E MUNIZIONI DA CACCIA E RELATIVA LEGISLAZIONE ARMI E MUNIZIONI DA CACCIA E RELATIVA LEGISLAZIONE Cosa significa fucile da caccia ad anima liscia? Vuol dire che la parte interna della canna, è perfettamente levigata. Come si presenta esternamente un

Dettagli

Munizioni non letali Portata effettiva utile (metri)

Munizioni non letali Portata effettiva utile (metri) Chi siamo Maxam Outdoors S.A. è il leader europeo per la produzione e commercializzazione delle cartucce per caccia e tiro sportivo. E una Società totalmente integrata dal punto di vista produttivo perché

Dettagli

Esame Venatorio Domande a quiz. Parte 3: ARMI DA CACCIA Agosto 2015

Esame Venatorio Domande a quiz. Parte 3: ARMI DA CACCIA Agosto 2015 Esame Venatorio Domande a quiz La presente raccolta di domande è finalizzata alla preparazione della prova teorica dell esame di caccia altoatesino. Le risposte corrette sono contrassegnate da una crocetta.

Dettagli

c) La cinghia ed il calcio. a) Sempre. c) Mai.

c) La cinghia ed il calcio. a) Sempre. c) Mai. 451) Quali sono le parti essenziali di un fucile basculante? a) La canna, la bascula e il calcio. b) Il mirino ed il guardavano o sottomano. c) La cinghia ed il calcio. 452) Quando è consentito andare

Dettagli

Test sul fucile d assalto

Test sul fucile d assalto Formulario 27.071 i Test sul fucile d assalto Corsa per giovani tiratori Corsa per capi di giovani tiratori Stato al 01.10.2010 NDEs 293-1995 / SAP 2542.1934 Test n o 1 sicurezze 1. Che controlli devo

Dettagli

GUIDA ALLA RICARICA DI MUNIZIONI DA PISTOLA CON PALLA GUNNY SE Calibro 9x21 IMI

GUIDA ALLA RICARICA DI MUNIZIONI DA PISTOLA CON PALLA GUNNY SE Calibro 9x21 IMI GUIDA ALLA RICARICA DI MUNIZIONI DA PISTOLA CON PALLA GUNNY SE Calibro 9x21 IMI -1- -2- Innanzitutto procedere alla ricalibratura dei bossoli (foto 1). Si dovranno scegliere i più adatti allo scopo. Il

Dettagli

Amministrazione Provinciale dell Aquila

Amministrazione Provinciale dell Aquila Amministrazione Provinciale dell Aquila Settore Politiche Ambientali Risorse Naturali ed Energetiche PROGRAMMA CORSO DI ABILITAZIONE PER SELECONTROLLORI PRINCIPI DI CONOSCENZA DELLA FAUNA SELVATICA a)

Dettagli

Diametro nominale. Diametro minimo 4 23,55 23,35 23,75 8 21 20,80 21,20 10 19,50 19,30 19,70 12 18,30 18,10 18,50 14 17,40 17,20 17,60

Diametro nominale. Diametro minimo 4 23,55 23,35 23,75 8 21 20,80 21,20 10 19,50 19,30 19,70 12 18,30 18,10 18,50 14 17,40 17,20 17,60 IL CALIBRO La nozione di calibro si presta a numerosi equivoci perché assume diversi significati quali: - il diametro interno della canna - il diametro del proiettile per una data canna - il diametro convenzionale

Dettagli

Tecniche e mezzi di controllo delle popolazioni di selvatici in esubero: esperienze della provincia di Cuneo

Tecniche e mezzi di controllo delle popolazioni di selvatici in esubero: esperienze della provincia di Cuneo CACCIA E CACCIAGIONE: tutela della salute del consumatore e salvaguardia di fauna e ambiente Tecniche e mezzi di controllo delle popolazioni di selvatici in esubero: esperienze della provincia di Cuneo

Dettagli

Cacciare Sicuri. Regole di comportamento nell uso delle armi per la caccia al cinghiale e per ridurre i rischi in tutte le attività venatorie

Cacciare Sicuri. Regole di comportamento nell uso delle armi per la caccia al cinghiale e per ridurre i rischi in tutte le attività venatorie Cacciare Sicuri Regole di comportamento nell uso delle armi per la caccia al cinghiale e per ridurre i rischi in tutte le attività venatorie Argomenti: Regole generali di sicurezza Nozioni sulle armi da

Dettagli

Pallottole in materiale plastico per tiro ridotto

Pallottole in materiale plastico per tiro ridotto 2/8/2015 Gunny Pallottoleinmaterialeplasticopertiroridotto NuovaversioneTE IlnumerodiSettembre2003di ArmiMagazinecontieneun articolocuratodagianluca Bordinconitesteffettuaticon legunnyedidaticompletidi

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE GUARDIE GIURATE VENATORIE VOLONTARIE

CORSO DI FORMAZIONE GUARDIE GIURATE VENATORIE VOLONTARIE PROVINCIA DI RIMINI UFFICIO TUTELA FAUNISTICA HYSTRIX S.R.L. CORSO DI FORMAZIONE GUARDIE GIURATE VENATORIE VOLONTARIE Le armi e le munizioni da caccia nella legislazione vigente Acquisto, detenzione, trasporto,

Dettagli

N. Domanda Risposta A Risposta B Risposta C Risp. Esatta. E' inserito nella croce dell'asta e serve a invertire l'ordine di ricarica delle canne

N. Domanda Risposta A Risposta B Risposta C Risp. Esatta. E' inserito nella croce dell'asta e serve a invertire l'ordine di ricarica delle canne N. Domanda Risposta Risposta Risposta Risp. Esatta 1 2 3 In un fucile monogrillo dove è inserito e a cosa serve l'invertitore? omesi determina il calibro una liscia? Quale dei seguenti calibri ha una minore

Dettagli

LA TEMPESTA PERFETTA. pistole. le prove del mese

LA TEMPESTA PERFETTA. pistole. le prove del mese le prove del mese pistole LA TEMPESTA PERFETTA Abbiamo provato il prototipo della BCM Storm calibro 9x21, pistola semiautomatica destinata a creare una famiglia di armi da difesa e per uso di servizio

Dettagli

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015 1 Giochi d ombra [Punti 10] Una sorgente di luce rettangolare, di lati b e c con b > c, è fissata al soffitto di una stanza di altezza L = 3.00 m. Uno schermo opaco quadrato di lato a = 10cm, disposto

Dettagli

La luce proveniente dalla parte immersa dell asticciola viene parzialmente riflessa dalla superficie dell acqua.

La luce proveniente dalla parte immersa dell asticciola viene parzialmente riflessa dalla superficie dell acqua. QUESITO 1 Il grafico rappresenta l andamento della velocità di una palla al passare del tempo. Dalle tre situazioni seguenti quali possono essere state rappresentate nel grafico? I- La palla rotola giù

Dettagli

ARMI E MUNIZIONI Corso per apprendisti cacciatori Parte 2 Armi a canna liscia

ARMI E MUNIZIONI Corso per apprendisti cacciatori Parte 2 Armi a canna liscia ARMI E MUNIZIONI Corso per apprendisti cacciatori Parte 2 Armi a canna liscia ARMI A CANNA LISCIA DOPPIETTE SOVRAPPOSTI (fucile a canne giustapposte) (fucile a canne sovrapposte) SEMIAUTOMATICI (lungo

Dettagli

Metodi d allenamento

Metodi d allenamento Metodi d allenamento Pistola ad aria compressa Pistola libera Pistola sportiva (mirato) 8 1 2 destra 7 3 destra 6 5 4 destra Traduzione di Sabine Marta Unione Italiana Tiro a Segno Indice 1. Metodi generali

Dettagli

PROVINCIA DI BARI Corso di abilitazione al controllo della fauna selvatica, armi, norme di comportamento e sicurezza

PROVINCIA DI BARI Corso di abilitazione al controllo della fauna selvatica, armi, norme di comportamento e sicurezza PROVINCIA DI BARI Corso di abilitazione al controllo della fauna selvatica, armi, norme di comportamento e sicurezza Dr. SILVIO AZARA TECNICO FAUNISTICO Interventi di controllo Ricordare sempre che quando

Dettagli

PROPULSORE A FORZA CENTRIFUGA

PROPULSORE A FORZA CENTRIFUGA PROPULSORE A FORZA CENTRIFUGA Teoria Il propulsore a forza centrifuga, è costituito essenzialmente da masse rotanti e rivoluenti attorno ad un centro comune che col loro movimento circolare generano una

Dettagli

Velocissimo. Precisissimo. Autolivellante. Manovrabile con una mano sola.

Velocissimo. Precisissimo. Autolivellante. Manovrabile con una mano sola. NOVITÀ Puntatore a 4 raggi laser LA-4P Velocissimo. Precisissimo. Autolivellante. Manovrabile con una mano sola. 1 Un pulsante Premere una volta 3 laser e partire Qui si accende lo STABILA LA-4P. Il laser

Dettagli

Settore Giovanile Giochi ed esercizi nel MiniVolley

Settore Giovanile Giochi ed esercizi nel MiniVolley Giochi tradizionali adatti alla pallavolo ASINO Si può giocare in un numero imprecisato di bambini che si mettono in cerchio; si tira la palla a colui che lo precede e così via. Quando si sbaglia (la palla

Dettagli

Armi. www.scuolafaunistica.it 1

Armi. www.scuolafaunistica.it 1 Armi www.scuolafaunistica.it 1 Armi proprie: destinate all offesa della persona (fucili, pistole, spade). Bianche: spade Da sparo: aria compressa. Da fuoco: Fucile, pistola. Esplosivi Sportive Tipo guerra

Dettagli

Esempio Esame di Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica

Esempio Esame di Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica Esempio Esame di Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica Nome: N.M.: 1. 1d (giorno) contiene all incirca (a) 8640 s; (b) 9 10 4 s; (c) 86 10 2 s; (d) 1.44 10 3 s; (e) nessuno di questi valori. 2. Sono

Dettagli

Come il lupo cambia il comportamento dei cinghiali

Come il lupo cambia il comportamento dei cinghiali www.lacacciaalcinghiale.com LA CACCIA AL LA CACCIA AL Caccia all estero Turchia: il regno degli «Attila» Come il lupo cambia il comportamento dei cinghiali Regioni Umbria Toscana Basilicata Armi Browning

Dettagli

Test sul campo La torretta Zeiss Asv+

Test sul campo La torretta Zeiss Asv+ Test sul campo La torretta Zeiss Asv+ La torrett a E cosa c è di meglio che provarla da zero fino a 540 metri con il cannocchiale Victory 4-1x56? A Ulfborg, in Danimarca, nel poligono che è una sorta di

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE RUGGERI, POLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE RUGGERI, POLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5355 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI RUGGERI, POLI Modifica degli articoli 2 e 3 della legge 25 marzo 1986, n. 85, in materia

Dettagli

a) L altezza del palazzo; b) Di quanti gradi salirà la temperatura della palla dopo l impatto.

a) L altezza del palazzo; b) Di quanti gradi salirà la temperatura della palla dopo l impatto. A_1)Una rana sta poggiata su una foglia di ninfea trasportata dalla corrente ad una velocità di 15 cm/s, ad un certo punto compie un balzo nella stessa direzione della corrente, con un angolo di 30 rispetto

Dettagli

Questionario. figura il filo si rompe. Quale traiettoria segue la boccia?

Questionario. figura il filo si rompe. Quale traiettoria segue la boccia? Questionario 1) Due palline metalliche hanno le stesse dimensioni, ma una pesa il doppio dell altra. Le due palline vengono lasciate cadere contemporaneamente dal tetto di un edificio di due piani. Il

Dettagli

Catena di assicurazione

Catena di assicurazione 12 Corso di Roccia 2015 Scuola permanente di Alpinismo «Cosimo Zappelli» 9 aprile 2015 Catena di assicurazione lezione a cura di Sergio Pistolesi - slide di Claudio Luperini Stasera parleremo di: catena

Dettagli

RECORD GETTO PESO. Migliore prestazione Italiana aggiornato al 31.12.07. Tecnica. Getto del Peso

RECORD GETTO PESO. Migliore prestazione Italiana aggiornato al 31.12.07. Tecnica. Getto del Peso Getto del Peso RECORD GETTO PESO Outdoor: Randy Barnes 23.12 m Westwood, California USA 20 May 1990 Natalya Lisovskaya 22.63 m Mosca, 1987 Indoor Randy Barnes 22.66 m 1989 Helena Fibingerová 22.50m 1977

Dettagli

CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE

CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE Consideriamo adesso un corpo esteso, formato da più punti, e che abbia un asse fisso, attorno a cui il corpo può ruotare. In questo caso l

Dettagli

ALLEGATO 1 NOTE SULL USO DEL METODO DI RILIEVO LASER SCANNER PER LE CAVE DEL COMUNE DI NUVOLENTO.

ALLEGATO 1 NOTE SULL USO DEL METODO DI RILIEVO LASER SCANNER PER LE CAVE DEL COMUNE DI NUVOLENTO. ALLEGATO 1 NOTE SULL USO DEL METODO DI RILIEVO LASER SCANNER PER LE CAVE DEL COMUNE DI NUVOLENTO. A)Generalità Una prima importante precisazione: il metodo non ricorre a tecniche aerofotogrammetriche,

Dettagli

Traduzione di Cecilia Frasca

Traduzione di Cecilia Frasca Riportiamo qui di seguito il testo tradotto dell articolo Les cartouches sans plomb, tratto dal sito www. http://www.oncfs.gouv.fr dell Office National de la Chasse et de la Faune Sauvage, datato 2004.

Dettagli

Verifica sperimentale del principio di conservazione dell'energia meccanica totale

Verifica sperimentale del principio di conservazione dell'energia meccanica totale Scopo: Verifica sperimentale del principio di conservazione dell'energia meccanica totale Materiale: treppiede con morsa asta millimetrata treppiede senza morsa con due masse da 5 kg pallina carta carbone

Dettagli

Test per gli arti superiori

Test per gli arti superiori Test per gli arti superiori TF 1 Lancio della palla medica È uno dei più classici e semplici test per la forza, che si fa lanciando palle di vario peso. Chi è più alto è favorito perché ha leve più lunghe

Dettagli

I giochi tradizionali adatti alla pallavolo. Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley

I giochi tradizionali adatti alla pallavolo. Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley I giochi tradizionali adatti alla pallavolo e Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley ricerca e composizione di: Rosario Ravalli docente regionale allenatori FIPAV Foggia Questo piccolo

Dettagli

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi?

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi? MECCANICA Cinematica 1. Un oggetto che si muove di moto circolare uniforme, descrive una circonferenza di 20 cm di diametro e compie 2 giri al secondo. Qual è la sua accelerazione? 2. Un sasso cade da

Dettagli

VETRI DI SICUREZZA LE NORMATIVE CONSIDERAZIONI

VETRI DI SICUREZZA LE NORMATIVE CONSIDERAZIONI VETRI DI SICUREZZA LE NORMATIVE Il Decreto Ministeriale n. 115 del 17/3/95 recepisce la direttiva 92/59 CEE e rende obbligatoria l osservanza della normativa UNI 7697. Tale normativa al punto 7.2.1. specifica

Dettagli

LASER: pro e contro nel loro impiego tattico

LASER: pro e contro nel loro impiego tattico LASER: pro e contro nel loro impiego tattico Si sa! E da ormai molti anni che questo simpatico accessorio la fa da padrone nei più diffusi e costosi film d azione o action movie per dirla all americana.

Dettagli

I.I.S. Giulio Natta Istituto di Istruzione Superiore Tecnico per la meccanica e le materie plastiche Liceo delle Scienze Applicate

I.I.S. Giulio Natta Istituto di Istruzione Superiore Tecnico per la meccanica e le materie plastiche Liceo delle Scienze Applicate I.I.S. Giulio Natta Istituto di Istruzione Superiore Tecnico per la meccanica e le materie plastiche Liceo delle Scienze Applicate Impianti Materie Plastiche Modulo 2 Alimentazione Contenuti 1. Premessa

Dettagli

il tiro ad avancarica a media - lunga distanza Agna 29 settembre 2012

il tiro ad avancarica a media - lunga distanza Agna 29 settembre 2012 il tiro ad avancarica a media - lunga distanza Agna 29 settembre 2012 Short Middle Long Range Fino a 300 y. corta distanza Da 300 a 600 y. media distanza Oltre 600 y. lunga distanza -----------------------------------------------------------

Dettagli

Risultati questionario Forze

Risultati questionario Forze Risultati questionario Forze Media: 7.2 ± 3.3 Coeff. Alpha: 0.82 Frequenza risposte corrette Difficoltà domande 18 16 14 12 10 8 6 4 2 0 25% 42% 75% 92% 100% % corrette 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30%

Dettagli

ARMI BASCULANTI E SEMIAUTOMATICHE MARZO 2011

ARMI BASCULANTI E SEMIAUTOMATICHE MARZO 2011 ARMI BASCULANTI E SEMIAUTOMATICHE MARZO 2011 CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 1 23/03/2011 INTRODUZIONE Il Corso Tecnica Costruttiva delle armi sportive si propone di far conoscere, approfondire e/o

Dettagli

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO I primi Giochi Easy : Il Palleggio ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO Insalata Mista. (stimolare l abitudine all utilizzo del palleggio) Dal palleggio in libertà tuttocampo dei bambini, dividere il campo in

Dettagli

L'ACQUISTO DELLE ''ARMI COMUNI DA SPARO''

L'ACQUISTO DELLE ''ARMI COMUNI DA SPARO'' PER IL CONTENUTO DI QUESTA SEZIONE SI RINGRAZIA LA RIVISTA ARMI MAGAZINE CHE HA MESSO A DISPOSIZIONE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELL'ARTICOLO ''COMPRARE UN'ARMA'' AGGIORNATO A OTTOBRE 2004 L'ACQUISTO DELLE

Dettagli

Relazione di laboratorio di fisica-chimica. Studiare il moto di un carrellino con il marcatempo

Relazione di laboratorio di fisica-chimica. Studiare il moto di un carrellino con il marcatempo Relazione di laboratorio di fisica-chimica Studiare il moto di un carrellino con il marcatempo Prima parte. Il moto rettilineo uniforme. Scopo esperimento. Verificare se un carrellino, lanciato lungo una

Dettagli

), DEMANDATE A SQUADRE DI ABBATTITORI LOCALI ORGANIZZATE DAGLI AMBITI TERRITORIALI DI CACCIA E DAI COMPRENSORI ALPINI.

), DEMANDATE A SQUADRE DI ABBATTITORI LOCALI ORGANIZZATE DAGLI AMBITI TERRITORIALI DI CACCIA E DAI COMPRENSORI ALPINI. ALLEGATO A PROCEDURE E PRESCRIZIONI PER L ORGANIZZAZIONE, LA GESTIONE E L ESECUZIONE DELLE OPERAZIONI DI CONTENIMENTO PREVENTIVO E DI PRONTO INTERVENTO SULLE POPOLAZIONI DI CINGHIALE (Sus scrofa), DEMANDATE

Dettagli

2 R = mgr + 1 2 mv2 0 = E f

2 R = mgr + 1 2 mv2 0 = E f Esercizio 1 Un corpo puntiforme di massa m scivola lungo la pista liscia di raggio R partendo da fermo da un altezza h rispetto al fondo della pista come rappresentato in figura. Calcolare: a) Il valore

Dettagli

LA FORZA. Il movimento: dal come al perché

LA FORZA. Il movimento: dal come al perché LA FORZA Concetto di forza Principi della Dinamica: 1) Principio d inerzia 2) F=ma 3) Principio di azione e reazione Forza gravitazionale e forza peso Accelerazione di gravità Massa, peso, densità pag.1

Dettagli

TECNICA E TATTICA VOLLEY

TECNICA E TATTICA VOLLEY TECNICA E TATTICA VOLLEY Dalla posizione di attesa, e a seconda del tipo di attacco avversario, il muro e la difesa optano per dei cambiamenti di posizione, al fine di rendere più facile la ricostruzione.

Dettagli

Stazione di ricarica per il robot Tobor

Stazione di ricarica per il robot Tobor UNIVERSITÀ DI BRESCIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria dellʼinformazione Laboratorio di Robotica Avanzata Advanced Robotics Laboratory Corso di Robotica Mobile (Prof. Riccardo Cassinis)

Dettagli

Costruirsi un cannocchiale galileiano

Costruirsi un cannocchiale galileiano Costruirsi un cannocchiale galileiano I. INFORMAZIONI PRELIMINARI - IL PRINCIPIO OTTICO Un cannocchiale galileiano impiega due sole lenti. La lente obbiettiva è convergente (piano-convessa), la lente oculare

Dettagli

CILINDRI OLEODINAMICI

CILINDRI OLEODINAMICI CILINDRI OLEODINMICI I cilindri oleodinamici sono degli attuatori lineari che realizzando la conversione dell energia idraulica in energia meccanica producono una forza e lo spostamento lineare del carico.

Dettagli

n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30

n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30 Matteo Vecchi Lezione del n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30 Il Moto Esterno Con il termine moto esterno intendiamo quella branca della fluidodinamica che studia il moto dei fluidi attorno ad un

Dettagli

Tecniche per il controllo del cinghiale ed esperienze in Umbria

Tecniche per il controllo del cinghiale ed esperienze in Umbria Corso per il prelievo del cinghiale con metodi selettivi - ATC PG2 Dott. Luca Convito - Spoleto - 2014 Tecniche per il controllo del cinghiale ed esperienze in Umbria settori per la caccia al cinghiale

Dettagli

Sapore antico. Se volete cacciare le prede europee, Pedersoli Kodiak Mk IV calibro.45-70

Sapore antico. Se volete cacciare le prede europee, Pedersoli Kodiak Mk IV calibro.45-70 f u c i l i a c a n n a r i g a t a di Vittorio Balzi prova Pedersoli Kodiak Mk IV calibro.45-70 Sapore antico Se volete cacciare le prede europee, con calibri più che adeguati, senza spendere una fortuna

Dettagli

Corso di Tecnologia Meccanica

Corso di Tecnologia Meccanica Corso di Tecnologia Meccanica Modulo 3.7 Deformazione plastica LIUC - Ingegneria Gestionale 1 Macchine per la fucinatura e lo stampaggio LIUC - Ingegneria Gestionale 2 Classificazione Macchine ad energia

Dettagli

I SISTEMI DI CHIUSURA DELLE ARMI di: Francesco Zanardi

I SISTEMI DI CHIUSURA DELLE ARMI di: Francesco Zanardi I SISTEMI DI CHIUSURA DELLE ARMI di: Francesco Zanardi Il sistema di chiusura è il vero cuore di tutte le armi da fuoco e serve per una funzione fondamentale: evitare che i gas prodotti dalla combustione

Dettagli

Per ripassare gli argomenti di fisica classe 3^ ( e preparare il test d ingresso di settembre)

Per ripassare gli argomenti di fisica classe 3^ ( e preparare il test d ingresso di settembre) Per ripassare gli argomenti di fisica classe 3^ ( e preparare il test d ingresso di settembre) Un corpo viene lasciato cadere da un altezza di 30 m. dal suolo. In che posizione e che velocità possiede

Dettagli

BROWN 250 ACCESSORI A RICHIESTA PERRIS 350 RULLIERE DI CARICO E SCARICO TRONCATRICE MANUALE. qualità e durata nel tempo.

BROWN 250 ACCESSORI A RICHIESTA PERRIS 350 RULLIERE DI CARICO E SCARICO TRONCATRICE MANUALE. qualità e durata nel tempo. BROWN 250 ACCESSORI A RICHIESTA TRONCATRICE MANUALE RULLIERE DI CARICO E SCARICO qualità e durata nel tempo PERRIS 350 solida e compatta Rulliera di carico Rulliera di scarico con fermobarra Doppio supporto

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

GARA A 300 m PER FUCILI EX-ORDINANZA E ORDINANZA GARA DI CARNEVALE 22 Febbraio 2015

GARA A 300 m PER FUCILI EX-ORDINANZA E ORDINANZA GARA DI CARNEVALE 22 Febbraio 2015 TIRO A SEGNO NAZIONALE Sez. di CAPRINO VERONESE (Vr) GARA A 300 m PER FUCILI EX-ORDINANZA E ORDINANZA GARA DI CARNEVALE 22 Febbraio 2015 La gara si svolgerà presso la sezione di Tiro a Segno di Caprino

Dettagli

La propagazione delle onde luminose può essere studiata per mezzo delle equazioni di Maxwell. Tuttavia, nella maggior parte dei casi è possibile

La propagazione delle onde luminose può essere studiata per mezzo delle equazioni di Maxwell. Tuttavia, nella maggior parte dei casi è possibile Elementi di ottica L ottica si occupa dello studio dei percorsi dei raggi luminosi e dei fenomeni legati alla propagazione della luce in generale. Lo studio dell ottica nella fisica moderna si basa sul

Dettagli

3) forniscono indici di confronto per un giudizio sulla qualità dei materiali; 4)consentono di stabilire il grado di lavorazione alle macchine

3) forniscono indici di confronto per un giudizio sulla qualità dei materiali; 4)consentono di stabilire il grado di lavorazione alle macchine DUREZZA La durezza per quanto riguarda le prove sui materiali è una prova non distruttiva. E la proprietà che hanno i materiali di resistere alla penetrazione di un corpo di materiale duro, in ogni caso

Dettagli

Distinguere grandezze, unità di misura, strumenti di misura.

Distinguere grandezze, unità di misura, strumenti di misura. L A 145 ATTIVITÀ 1 Distinguere grandezze, unità di misura, strumenti di misura. Il tuo libro di scienze; strumenti di misura e non di misura forniti dal tuo insegnante. Osserva il tuo libro di scienze

Dettagli

giocare con le forme

giocare con le forme IS science centre immaginario scientifico Laboratorio dell'immaginario Scientifico - Trieste tel. 040224424 - fax 040224439 - e-mail: lis@lis.trieste.it - www.immaginarioscientifico.it indice A caccia

Dettagli

Problemi di dinamica del punto materiale (moto oscillatorio) A Sistemi di riferimento inerziali

Problemi di dinamica del punto materiale (moto oscillatorio) A Sistemi di riferimento inerziali Problemi di dinamica del punto materiale (moto oscillatorio) A Sistemi di riferimento inerziali Problema n. 1: Un corpo puntiforme di massa m = 2.5 kg pende verticalmente dal soffitto di una stanza essendo

Dettagli

Proiettori effetti luce Solar 100C

Proiettori effetti luce Solar 100C 290 LUCI Dimensioni 340 (senza lente) x 125 x 81 mm (alto 225mm con la staffa d aggancio) 3,5 Kg Lente standard 85mm a 3 elementi f2,8 lunghezza 42,5mm fuoco a vite elicoidale Consumo 115W massimo Uscita

Dettagli

CALENDARIO VENATORIO RELATIVO ALL INTERO TERRITORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2015/2016

CALENDARIO VENATORIO RELATIVO ALL INTERO TERRITORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2015/2016 ALLEGATO A CALENDARIO VENATORIO RELATIVO ALL INTERO TERRITORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2015/2016 L esercizio venatorio nella stagione 2015/2016, è consentito con le seguenti modalità: 1) SPECIE E PERIODI

Dettagli

IL CAMPO MAGNETICO. V Scientifico Prof.ssa Delfino M. G.

IL CAMPO MAGNETICO. V Scientifico Prof.ssa Delfino M. G. IL CAMPO MAGNETICO V Scientifico Prof.ssa Delfino M. G. UNITÀ - IL CAMPO MAGNETICO 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz

Dettagli

14.4 Pompe centrifughe

14.4 Pompe centrifughe 14.4 Pompe centrifughe Le pompe centrifughe sono molto diffuse in quanto offrono una notevole resistenza all usura, elevato numero di giri e quindi facile accoppiamento diretto con i motori elettrici,

Dettagli

Lo sviluppo della USP ovvero

Lo sviluppo della USP ovvero Pistole Compatta e versatile Heckler & Koch USP C.45 Lo sviluppo della USP ovvero Universal Selbstlade Pistole (pistola semiautomatica universale) prese il via nei laboratori della tedesca Heckler & Koch

Dettagli

Lavorazione delle lamiere

Lavorazione delle lamiere Lavorazione delle lamiere Lamiere Utilizzate nella produzione di carrozzerie automobilistiche, elettrodomestici, mobili metallici, organi per la meccanica fine. Le lamiere presentano una notevole versatilità

Dettagli

Einstein ci dice che la luce è costituita da unità elementari chiamate fotoni. Cosa sono questi fotoni?

Einstein ci dice che la luce è costituita da unità elementari chiamate fotoni. Cosa sono questi fotoni? La natura della luce Einstein ci dice che la luce è costituita da unità elementari chiamate fotoni. Cosa sono questi fotoni? Se si potesse fotografare un fotone in un certo istante vedremmo una deformazione

Dettagli

Appunti sul galleggiamento

Appunti sul galleggiamento Appunti sul galleggiamento Prof.sa Enrica Giordano Corso di Didattica della fisica 1B a.a. 2006/7 Ad uso esclusivo degli studenti frequentanti, non diffondere senza l autorizzazione della professoressa

Dettagli

Verticale 80/160+40cw/ssb 5kw

Verticale 80/160+40cw/ssb 5kw Verticale 80/160+40cw/ssb 5kw Antenna verticale 80-160 H 20m + kit 40m Questa antenna ha la particolarità di essere realizzata in due parti una in alluminio per una altezza di metri 10, una seconda parte

Dettagli

IL TIRO SULLE LUNGHE DISTANZE di: Pierre Breuvart

IL TIRO SULLE LUNGHE DISTANZE di: Pierre Breuvart EX ORDINANZA E NON SOLO: IL TIRO SULLE LUNGHE DISTANZE di: Pierre Breuvart Chi deve allenarsi per gare a lunga e lunghissima distanza, troppo spesso non ha lo spazio necessario per farlo. E' però possibile

Dettagli

CArtUCCE GECO - ALL YOU NEED

CArtUCCE GECO - ALL YOU NEED Cartucce GECO - ALL YOU NEED GECO - T U T T O CIO CHE SER V E GECO è il sinonimo di una moderna linea di munizioni per ogni possibile utilizzo nella caccia e nello sport. Più di 100 anni di esperienza

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

LA MACCHINA DEI CAMPIONI!

LA MACCHINA DEI CAMPIONI! SPARAPALLONI LA MACCHINA DEI CAMPIONI! - IDEALE PER ALLENARE PORTIERI, ATTACCANTI E DIFENSORI - MASSIMA PRECISIONE DI TIRO - TUTTI GLI EFFETTI DI TIRO DEI GRANDI CAMPIONI - VELOCITÁ REALI FINO A 140 KM/H

Dettagli

28/05/2009. La luce e le sue illusioni ottiche

28/05/2009. La luce e le sue illusioni ottiche La luce e le sue illusioni ottiche Cosa si intende per raggio luminoso? Immagina di osservare ad una distanza abbastanza elevata una sorgente di luce... il fronte d onda potrà esser approssimato ad un

Dettagli

Aprile (recupero) tra una variazione di velocità e l intervallo di tempo in cui ha luogo.

Aprile (recupero) tra una variazione di velocità e l intervallo di tempo in cui ha luogo. Febbraio 1. Un aereo in volo orizzontale, alla velocità costante di 360 km/h, lascia cadere delle provviste per un accampamento da un altezza di 200 metri. Determina a quale distanza dall accampamento

Dettagli

La catena di assicurazione

La catena di assicurazione La catena di assicurazione A cosa serve la corda? A trattenere una eventuale caduta Solo questo? Che cosa succede al momento dell arresto di una caduta? L arrampicatore avverte uno strappo Quanto è violento

Dettagli

sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8

sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8 sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8 SCHEDE di valutazione 22 Classe prima 22 Classe seconda 25 Classe terza 28 Prove di abilità motorie e sportive

Dettagli

Facoltà di Farmacia e Medicina - A.A. 2012-2013 12 giugno 2013 Scritto di Fisica (Compito A)

Facoltà di Farmacia e Medicina - A.A. 2012-2013 12 giugno 2013 Scritto di Fisica (Compito A) Facoltà di Farmacia e Medicina - A.A. 2012-2013 12 giugno 2013 Scritto di Fisica (Compito A) Corso di Laurea: Laurea Magistrale in FARMACIA Nome: Matricola Canale: Cognome: Aula: Docente: Riportare sul

Dettagli

MANUALE DI FUNZIONAMENTO. Modello BHT 10440 Durometro Brinell Portatile

MANUALE DI FUNZIONAMENTO. Modello BHT 10440 Durometro Brinell Portatile MANUALE DI FUNZIONAMENTO Modello BHT 10440 Durometro Brinell Portatile 1. Introduzione Questo è un durometro portatile di tipo Brinell. È progettato in accordo con il metodo dinamico di prova di durezza.

Dettagli

FISICA DELLA BICICLETTA

FISICA DELLA BICICLETTA FISICA DELLA BICICLETTA Con immagini scelte dalla 3 SB PREMESSA: LEGGI FISICHE Velocità periferica (tangenziale) del moto circolare uniforme : v = 2πr / T = 2πrf Velocità angolare: ω = θ / t ; per un giro

Dettagli

RESISTENZA DEI MATERIALI TEST

RESISTENZA DEI MATERIALI TEST RESISTENZA DEI MATERIALI TEST 1. Nello studio della resistenza dei materiali, i corpi: a) sono tali per cui esiste sempre una proporzionalità diretta tra sollecitazione e deformazione b) sono considerati

Dettagli

Prefazione SOMMARIO SICUREZZA... 2 LESSICO... 3. Manuale per principianti del tiratore sportivo 1

Prefazione SOMMARIO SICUREZZA... 2 LESSICO... 3. Manuale per principianti del tiratore sportivo 1 Manuale per principianti del tiratore sportivo 1 Prefazione Siate i benvenuti in questo sport che siamo convinti vi darà molto piacere e molte soddisfazioni. Il Tiro Sportivo, sia che lo pratichiate come

Dettagli

Test d ingresso. Classe I D PNI Liceo Scientifico F. Enriques Livorno

Test d ingresso. Classe I D PNI Liceo Scientifico F. Enriques Livorno Test d ingresso Classe I D PNI Liceo Scientifico F. Enriques Livorno 1) Un corpo si muove di moto rettilineo a velocità costante su un piano orizzontale che possiamo considerare privo d attrito. Rappresenta

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

REFLEX IN MODALITA' MANUALE

REFLEX IN MODALITA' MANUALE REFLEX IN MODALITA' MANUALE Perchè una macchina fotografica si chiama Reflex? Una macchina fotografica reflex sfrutta un meccanismo a specchio riflettente che permette al fotografo di vedere direttamente

Dettagli

Avvertenza. gesn@bluewin.ch

Avvertenza. gesn@bluewin.ch Versione 2.0 settembre 2006 Avvertenza Il presente testo è da considerarsi come documento di lavoro. Vi invitiamo pertanto a voler segnalare eventuali errori e imprecisioni al seguente indirizzo gesn@bluewin.ch

Dettagli

ISTRUZIONI PER L USO 3201/04 10 PISTOLE SEMIAUTOMATICHE GLOCK

ISTRUZIONI PER L USO 3201/04 10 PISTOLE SEMIAUTOMATICHE GLOCK ISTRUZIONI PER L USO 3201/04 10 PISTOLE SEMIAUTOMATICHE ISTRUZIONI PER L USO per pistole semiautomatiche Safe Action della. AVVERTENZE: L arma deve considerarsi sempre carica e pronta a sparare fino a

Dettagli

Macchina sincrona (alternatore)

Macchina sincrona (alternatore) Macchina sincrona (alternatore) Principio di funzionamento Le macchine sincrone si dividono in: macchina sincrona isotropa, se è realizzata la simmetria del flusso; macchina sincrona anisotropa, quanto

Dettagli

ANDREA FARALLI 2 C IL BARICENTRO

ANDREA FARALLI 2 C IL BARICENTRO ANDREA FARALLI 2 C IL BARICENTRO Domenica dieci febbraio siamo andati al laboratorio di fisica della nostra scuola per fare accoglienza ai ragazzi di terza media. Questa accoglienza consisteva nell illustrare

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

2. L ENERGIA MECCANICA

2. L ENERGIA MECCANICA . L ENERGIA MECCANICA.1 Il concetto di forza La forza può essere definita come «azione reciproca tra corpi che ne altera lo stato di moto o li deforma: essa é caratterizzata da intensità direzione e verso».

Dettagli

PRINCIPALI PROVE SUI MATERIALI INDICE

PRINCIPALI PROVE SUI MATERIALI INDICE PRINCIPALI PROVE SUI MATERIALI Per disporre di dati reali che consentono di classificare le proprietà di vari materiali, occorre eseguire sui materiali delle prove specifiche in laboratori molto attrezzati.

Dettagli