CINGHIALE (Sus scrofa)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CINGHIALE (Sus scrofa)"

Transcript

1 CINGHIALE (Sus scrofa) Uso di armi e cani per la caccia al Cinghiale

2 CACCIA AL CINGHIALE: ARMI Un arma è per definizione un oggetto atto a offendere e/o a difendere. Si dividono in: armi bianche, armi da fuoco e altre armi (a gas, archi, balestre, ecc.).

3 ARMI BIANCHE

4 ARMI DA FUOCO CORTE (pistole, revolvers) LUNGHE (fucili) In funzione della tipologia della/e canna/e si distinguono in: Fucili a canna liscia Fucili a canna rigata Fucili a canne miste: - combinati - drilling

5 FUCILI A CANNA LISCIA PER LA CACCIA AL CINGHIALE: TIPOLOGIE Doppiette Sovrapposti Canne poco strozzate o cilindriche (slug) Semiautomatici

6 FUCILI A CANNA LISCIA: CALIBRO Equivale al n di sfere di diametro uguale a quello interno della canna che si ottengono da una libbra di piombo (453 gr)

7 FUCILI A CANNA LISCIA: CARATTERISTICHE SALIENTI La canna è liscia, senza solchi, per cui non è in grado di imprimere al proiettile, nel caso sia unico, un movimento rotatorio stabilizzante intorno al proprio asse (Eccezione Paradox). All interno la camera di scoppio non ha pareti particolarmente spesse, non dovendo resistere a pressioni molto forti. Il dispositivo di puntamento non è particolarmente sofisticato. La cartuccia è composta da un bossolo in parte in ottone e in parte in cartone o plastica, con proiettili costituiti da un numero variabile di pallini ovvero da un unico proiettile, detto ogiva (palla).

8 La canna di un fucile ad anima liscia per la caccia al cinghiale è solitamente cilindrica e quindi punzonata con le lettere CL ; la canna concepita appositamente per la caccia al cinghiale è chiamata canna slug ed è piuttosto corta, perfettamente cilindrica e dotata di mirino e tacca di mira regolabile. Il calibro più utilizzato è il 12. La portata utile appare contenuta e non supera i 50 metri, mentre la gittata massima, dipendente comunque dall angolazione, può arrivare a metri. Con arma azzerata a 50 m, il proiettile a 25 metri passa un centimetro sopra al punto mirato, mentre a 75 metri passa da 6 a 8 cm sotto il punto mirato. Va ricordato che le palle hanno potenza e velocità maggiori rispetto ai pallini o pallettoni delle munizioni spezzate. Fucile calibro 12 a canna liscia

9 FUCILI A CANNA LISCIA: MUNIZIONI

10 FUCILI A CANNA LISCIA: MUNIZIONI

11 Elenco delle principali palle per munizioni utilizzabili in fucili a canna liscia Maremmana sferica A rocchetto di filo Con borra direzionale (impennaggio) A campana Sottocalibrate ottima capacità di penetrazione e precisione accettabile ma non può essere sparata in canne strozzate costruite in acciaio con due cordonature in piombo per il forzamento nella canna, sono deformabili e micidiali a breve distanza, ma poco precise (Blondeau, Stendebach, Wonder). raggiungono la massima precisione grazie al mantenimento della traiettoria (Brenneke,Gualandi, Aquila, Cervo) velocità eccellente, abbastanza precise (Foster, Winchester, Remington, Federal). ottima velocità e precisione, valide per i tiri lunghi Palla Remington Copper Solid in lega di rame con sabot Da Balistica Edoardo Mori (modificato) Palla Brenneke Super Sabot sottocalibrata

12 FUCILI A CANNA RIGATA: CARATTERISTICHE SALIENTI All interno della canna sono presenti dei solchi (righe) in numero variabile generalmente da 4 a 6, paralleli e con andamento elicoidale, che hanno la funzione di imprimere al proiettile, che è unico, un movimento rotatorio stabilizzante intorno al proprio asse. All interno la camera di scoppio ha pareti molto più spesse che in un arma a canna liscia per resistere alle pressioni molto forti che si sviluppano. Il dispositivo di puntamento è più sofisticato rispetto ai fucili a canna liscia. La cartuccia è composta da un bossolo completamente in ottone e da un ogiva (palla).

13 FUCILI A CANNA RIGATA: MUNIZIONI Bossolo: è un involucro in lega di ottone che ha le seguenti funzioni: proteggere la camera di scoppio (altissime pressioni), garantire una perfetta tenuta e una successiva estraibilità grazie alle sue doti elastiche, contenere la carica di innesco e la carica propellente. Carica di innesco: esplosivo molto rapido posto alla base del bossolo, con percussione centrale, serve ad attivare la carica propellente. Carica propellente: esplosivo meno rapido che imprime l energia al proiettile. Proiettile (palla, ogiva): può avere forme, peso e caratteristiche diverse che ne determinano le prestazioni e la traiettoria.

14 Carica propellente

15 MUNIZIONI: TIPI DI FONDELLO 270 Weat. M. 270 W. 5,6 x 57 5,6 x 57 R

16 FUCILI A CANNA RIGATA: CALIBRO È espresso dal diametro dell ogiva (in millimetri o in millesimi di pollice) per l altezza del bossolo a vuoto (può essere accompagnato da altre sigle accessorie). Calibro mm : 25.4 mm = x : 1 pollice x = 5.6/25.4 = o.222 pollici (222 millesimi di pollice)

17 CALIBRI PER CANNE RIGATE: ESEMPI 222 Rem.: indica un proiettile con calibro 222 millesimi di pollice di marca Remington, che corrisponde ad un 5.6 x 43 nella nomenclatura europea, dove 43 sono i millimetri dell altezza del bossolo. 5.6 x 57: indica un calibro di 5.6 millimetri con altezza del bossolo di 57 millimetri : indica un calibro di 300 millesimi di pollice innestato su un bossolo creato nel 1906 in America per scopi militari. Corrisponde ad un 7.65 x 63.

18 CALIBRI :CINGHIALE mm 7 mm 8 mm 9 mm 6.5 x 68 7 R.M. 8 x x W.M. 7 x 57 8 x x W. 7 x x 74 7 x W. 444 Marlin

19 PROIETTILE: ELEMENTI CARATTERISTICI Calibro: espresso in millimetri o in millesimi di pollice (1 pollice = 25.4 mm) (Es.: mm.). Forma: proiettili più lunghi hanno maggior stabilità; la forma della punta è un elemento determinante per gli effetti sul bersaglio (proiettili a punta sono più penetranti e viceversa). Peso: proiettili più pesanti coprono distanze più corte, hanno traiettorie meno tese, cedono più energia. Il peso può essere espresso in grammi oppure in grani (1 grammo = 15.4 grani). Es. 150 grani = 9.7 grammi Blindatura: proiettili completamente blindati hanno un maggior effetto penetrante ma non si deformano e tendono a trapassare il bersaglio senza cedere tutta l energia; proiettili non blindati si deformano subito cedendo tutta l energia ma tendono a creare ferite superficiali; proiettili parzialmente blindati sono solitamente un buon compromesso.

20

21 PROIETTILE: ENERGIA Ec = Peso del proiettile x velocità Si esprime in kgm: 1 kgm è l energia necessaria a sollevare da terra fino a un metro di altezza un peso di un chilogrammo in 1 secondo.

22 2 ESEMPI Palla tipo brenneke dal peso di 31 grammi con velocità di 430 m/s: Ec = 31 x = 293 kgm Palla di peso 11,6 grammi (180 grani) con velocità di 850 m/s: Ec = 11,6 x = 429 kgm

23 PROIETTILE: ELEMENTI IMPORTANTI GITTATA La gittata è tutto lo spazio percorso dal proiettile dal momento in cui esce dalla canna dell arma rigata (vivo di volata) fino al momento in cui tocca terra, supposto che non tocchi nessun ostacolo. Un proiettile di un arma rigata può percorrere anche tre chilometri o più, in funzione del fucile, e quindi del tipo di proiettile, della posizione dell arma al momento del tiro e della conformazione del terreno. PORTATA UTILE È la distanza entro la quale si può abbattere ragionevolmente un certo animale. È nell ordine dei due o trecento metri per i calibri più veloci. Chiaramente è in funzione dell arma e dell animale che intendiamo abbattere, oltre che delle condizioni globali al momento dello sparo. Il limite, più che dalla capacità del proiettile di infliggere al capo di selvaggina ferite mortali, è costituito dalla difficoltà del tiratore di determinare con precisione il punto di impatto del proiettile con sufficiente precisione. VELOCITÀ DEL PROIETTILE È determinante per la precisione dell arma: più è elevata, più il tiro è radente e minore la sua caduta lungo la traiettoria. Proiettili leggeri hanno maggior velocità iniziale, che poi però tendono a perdere più rapidamente. Proiettili pesanti hanno velocità iniziali minori, che però tendono a mantenere più a lungo. La velocità del proiettile è direttamente proporzionale alla lunghezza della canna, alla pressione di scoppio e alla temperatura dell aria.

24 FUCILI A CANNA RIGATA: ELEMENTI TECNICI E DEFINIZIONI PUNTO D IMPATTO: punto nel quale il proiettile colpisce il bersaglio. ROSATA: insieme dei punti di impatto sul bersaglio sparati dalla medesima arma da una distanza fissa. PRECISIONE: capacità dell arma di fornire rosate di piccolo diametro. Dipende da molti fattori, tra i quali: distanza del bersaglio, tipo di arma, cartuccia e proiettile, condizioni climatiche generali, pendenza di tiro, taratura del congegno di puntamento, presenza di sostanze estranee nella canna e, non in ultimo, il tiratore. PASSO DELLA RIGATURA: distanza entro la canna in cui il proiettile compie un rotazione completa su se stesso lungo il proprio asse. LINEA DI MIRA*: retta congiungente l occhio del tiratore, il sistema di puntamento e il bersaglio. TRAIETTORIA**: percorso che compie il proiettile dal vivo di volata fino al bersaglio; non è mai rettilinea in quanto intervengono diversi fattori (energia di partenza, peso e forma del proiettile, forza di gravità, resistenza dell aria, ecc.).

25 LINEA DI MIRA DISPOSITIVO DI PUNTAMENTO SEMPLICE DISPOSITIVO DI PUNTAMENTO SOFISTICATO

26 TRAIETTORIA: PRINCIPALI ELEMENTI E FASI 1) Proiettile nella camera di scoppio. 2) Sparo. 3) Gas in espansione. 4) Aumento progressivo della velocità fino a che il proiettile è all interno della canna. 5) Uscita del proiettile dalla canna. 6) Termine della spinta al proiettile. 7) Il proiettile continua la sua corsa grazie all energia acquisita. 8) Opposizione al moto da parte della forza di gravità e della resistenza dell aria. 9) Impatto sul bersaglio con cessione dell energia residua. L insieme di questi momenti, unito al tipo di arma e al tipo di proiettile, concorre a determinarne la TRAIETTORIA.

27 ELEMENTI DELLA TRAIETTORIA Punto di mira..

28 ELEMENTI DELLA TRAIETTORIA Punto di mira..

29 ELEMENTI DELLA TRAIETTORIA

30 DISTANZE DI AZZERAMENTO

31

32 AZZERAMENTO O TARATURA DELL ARMA Da compiere prima di utilizzare la carabina nell attività venatoria. Consiste nel tarare i sistemi ottici di puntamento in maniera tale da poter conoscere con precisione dove andrà ad impattare il proiettile ad una certa distanza. Si esegue in poligono, sparando un certo numero di colpi su un bersaglio posto a distanza nota (ad esempio 100 metri). Con una carabina azzerata ad una certa distanza, salvo altri fattori esterni, il proiettile colpirà il bersaglio esattamente dove sto mirando con il mio sistema ottico di puntamento.

33 ELEMENTI DELLA TRAIETTORIA Punto di mira..

34 AZZERAMENTO O TARATURA DELL ARMA Se invece il mio bersaglio si trova più vicino della distanza di azzeramento, dovrò mirare leggermente più in basso (la linea di mira corre sotto la traiettoria). Viceversa dovrò mirare più in alto se il bersaglio si trova più lontano (la linea di mira corre sopra la traiettoria). La differenza tra linea di mira e traiettoria è minima (di solito non superiore ai 6-8 cm) tra l arma e il punto di azzeramento ed elevata oltre (nell ordine anche di 20 cm o più). Queste differenze dipendono dal tipo di arma utilizzata, calibri leggeri e veloci avranno differenze minime tra carabina e punto di azzeramento ma poi, perdendo rapidamente velocità, il divario tra linea di mira e traiettoria tende a peggiorare molto rapidamente.

35 ELEMENTI DELLA TRAIETTORIA Cosa succede se il bersaglio si trova a distanze diverse?..

36 IN FUNZIONE DELLA CAPACITÀ DI FUOCO I FUCILI SI DISTINGUONO IN: A COLPO SINGOLO: canna liscia, rigata, combinati. A RIPETIZIONE SEMPLICE: canna rigata, il caricamento avviene tramite otturatore girevole - scorrevole. SEMIAUTOMATICHE: canna liscia o rigata, erroneamente spesso chiamate automatiche, il caricamento avviene tramite recupero di parte dei gas. AUTOMATICHE: canna liscia o rigata, il caricamento avviene tramite recupero di parte dei gas ed è possibile sparare a ripetizione. Sono di esclusivo uso militare e non sono utilizzabili per la caccia.

37 FUCILI A COLPO SINGOLO A CANNA LISCIA PER LA CACCIA AL CINGHIALE SLUG BETTINSOLI (55 CM - 3 KG)

38 FUCILI A COLPO SINGOLO A CANNE MISTE E A CANNA RIGATA PER LA CACCIA AL CINGHIALE Canne miste: combinato, drilling. Canne rigate: - monocanna basculante, - doppietta o sovrapposto express,

39 COMBINATO

40

41 DRILLING

42 BASCULANTE MONOCOLPO

43 BASCULANTE MONOCOLPO

44 EXPRESS

45 FUCILI A RIPETIZIONE SEMPLICE A CANNA RIGATA PER LA CACCIA AL CINGHIALE carabina a otturatore girevole (tipo Mauser ) carabina a otturatore (tipo Blaser ) carabina a blocco cadente carabina a leva

46 CARABINA A OTTURATORE GIREVOLE (BOLT ACTION)

47 CARABINA A OTTURATORE GIREVOLE BLASER

48 CARABINA A OTTURATORE GIREVOLE TIPO BLASER

49 CARABINA A BLOCCO CADENTE (RUGER)

50 CARABINA A LEVA

51 FUCILI A RIPETIZIONE SEMIAUTOMATICA A CANNA LISCIA Fucile calibro 12 a canna liscia

52 Lezione 3 FUCILI A RIPETIZIONE SEMIAUTOMATICA A CANNA RIGATA Carabina semiautomatica, camerata nel calibro 30.06: l arma a canna rigata probabilmente più utilizzata in Italia per la caccia al cinghiale.

53 IN FUNZIONE DEL TIPO DI SISTEMA DI MIRA I FUCILI SI DISTINGUONO IN: FUCILI (A CANNA LISCIA) CON PUNTERIA METALLICA

54 FUCILI (A CANNA RIGATA) CON PUNTERIA METALLICA

55 FUCILI (A CANNA RIGATA) CON SISTEMI DI PUNTAMENTO VELOCE (PUNTI ROSSI - OLOGRAFICI - LASER)

56 SISTEMI DI PUNTAMENTO VELOCE PUNTI ROSSI E PUNTI ROSSI OLOGRAFICI Usati a occhi aperti. Non ingrandiscono il bersaglio. Punto rosso interno al sistema. Tramite batterie hanno una proiezione continua della luce sul vetro del sistema di puntamento (durata ore). Sfruttano l elaborazione delle immagini realizzata dal cervello, che sovrappone esattamente quanto percepito dall occhio sinistro (animale) con quanto percepito dall occhio destro (punto rosso). PUNTI ROSSI OLOGRAFICI Punto rosso interno al sistema. Per risparmiare energia hanno una proiezione intermittente della luce. I vuoti dell intermittenza non sono percepiti dall occhio. Alimentati da 2 batterie da 1,5 V o da 1 da 3 V. ( ore!). Tubi montabili con anelli da ottica. LASER Punto rosso esterno al sistema, proiettato con un sottile raggio laser all esterno, sino al bersaglio.

57 FUCILE A LEVA (A CANNA RIGATA) CON SISTEMA DI PUNTAMENTO VELOCE (PUNTO ROSSO)

58 FUCILI A CANNA RIGATA CON CANOCCHIALE (OTTICA)

59 ATTACCHI DEL CANNOCCHIALE

60 RETICOLI DI MIRA

61 RIFERIMENTI DISTANZIOMETRICI

62

63 BATTUTA - GIRATA - BRACCATA IN AMBIENTI CHIUSI Fucile a canna liscia (canne miste) o a canna rigata senza ottica

64 Fucile semiautomatico a canna rigata senza ottica

65 BATTUTA - (BRACCATA) - GIRATA + CERCA - ASPETTO IN AMBIENTI MISTI E APERTI Fucile a canna rigata (canne miste) con ottica

66 BATTUTA E GIRATA IN AMBIENTI MISTI Fucile a canna rigata con ottica (asportabile) (Swarovski high grid )

67 CACCIA INDIVIDUALE (CERCA E ASPETTO) Fucile a canna rigata (a canne miste) con ottica (anche fissa) a ingrandimenti fissi o variabili

68 CACCIA AL CINGHIALE: EFFETTO DEL TIRO

69 CACCIA AL CINGHIALE: EFFETTO DEL TIRO

70 L animale da abbattere fornisce la migliore prospettiva al cacciatore quando è di traverso, virtualmente perpendicolare alla linea di mira; in questa posizione il bersaglio è più vasto ed i punti vitali sono bene in vista. Il punto verso cui occorre preferibilmente indirizzare il tiro è (come per gli altri ungulati) situato appena dietro la spalla, nel punto si trova la parte alta del cuore, per cui il proiettile colpirà il muscolo cardiaco o i grossi vasi sanguigni che partono da esso determinando la pressoché istantanea morte dell animale.

71 CACCIA AL CINGHIALE: EFFETTO DEL TIRO

72

73

74

75

76

77

78 BUONE REGOLE DOPO IL TIRO Ricaricare immediatamente l arma. Restare fermi almeno 10. Lasciare un segno sul posto di tiro. Avvicinarsi all animale pronti a sparare. In caso di ferimento ricorrere a un cane da sangue.

79 GRAZIE PER L ATTENZIONE

CLAUDIO LO CURTO ARMI DA GUERRA, ARMI TIPO GUERRA, ARMI COMUNI, MUNIZIONI DA GUERRA E MUNIZIONI COMUNI DA SPARO

CLAUDIO LO CURTO ARMI DA GUERRA, ARMI TIPO GUERRA, ARMI COMUNI, MUNIZIONI DA GUERRA E MUNIZIONI COMUNI DA SPARO CLAUDIO LO CURTO ARMI DA GUERRA, ARMI TIPO GUERRA, ARMI COMUNI, MUNIZIONI DA GUERRA E MUNIZIONI COMUNI DA SPARO (Sentenza GUP Tribunale Lanusei n.31/05) TODINI EDITORE - SASSARI 2009 N. 9 della Collana

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

SISTEMI DI CACCIA COLLETTIVA AL CINGHIALE: LA BATTUTA

SISTEMI DI CACCIA COLLETTIVA AL CINGHIALE: LA BATTUTA SISTEMI DI CACCIA COLLETTIVA AL CINGHIALE: LA BATTUTA DEFINIZIONE La battuta è un metodo di caccia dove con l ausilio di battitori si cerca di scovare e «muovere» la selvaggina in direzione dei cacciatori

Dettagli

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Allo scopo di garantire al Tiro sportivo con armi da fuoco un crescente sviluppo anche all interno del Nostro poligono e che i sacrifici di chi si è prodigato perché

Dettagli

LA LEGGE E LE ARMI. Ogni riproduzione, anche parziale, è vietata.

LA LEGGE E LE ARMI. Ogni riproduzione, anche parziale, è vietata. Marte ZANETTE T.S.N. LECCE LA LEGGE E LE ARMI Ogni riproduzione, anche parziale, è vietata. Le leggi vigenti - Nozione di arma La legge penale stabilisce che per armi si intendono: quelle da sparo e tutte

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

NORME DI SICUREZZA NELL USO DELLE ARMI DA FUOCO

NORME DI SICUREZZA NELL USO DELLE ARMI DA FUOCO NORME DI SICUREZZA NELL USO DELLE ARMI DA FUOCO Vengono comunemente definite norme di sicurezza tutta una serie di accorgimenti e precauzioni, codificate o meno, che devono sempre essere messe in atto

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE

CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE Consideriamo adesso un corpo esteso, formato da più punti, e che abbia un asse fisso, attorno a cui il corpo può ruotare. In questo caso l

Dettagli

di: Francesco Zanardi

di: Francesco Zanardi LE PISTOLE A RAFFICA di: Francesco Zanardi Tra i tanti argomenti di cui si parla nei poligoni di tiro non mancano mai le pistole a raffica. Queste armi un po particolari hanno sempre affascinato gli appassionati

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI Prof. Euro Sampaolesi IL CAMPO MAGNETICO TERRESTRE Le linee del magnete-terra escono dal Polo geomagnetico Nord ed entrano nel

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

La Guardia Imperiale in Star Quest

La Guardia Imperiale in Star Quest La Guardia Imperiale in Star Quest Gli squadroni della Guardia Imperiale sono composti da 10 soldati ed hanno questa composizione: 1 Sergente armato di pistola laser e spada catena: Combattimento a distanza

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON

LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON LA DINAMICA LE LEGGI DI NEWTON ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. GIANLUIGI TRIVIA 1. La Forza Exercise 1. Se un chilogrammo campione subisce un accelerazione di 2.00 m/s 2 nella direzione dell angolo formante

Dettagli

Ecco come funziona un sistema di recinzione!

Ecco come funziona un sistema di recinzione! Ecco come funziona un sistema di recinzione! A) Recinto elettrico B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea

Dettagli

Le prossime 6 domande fanno riferimento alla seguente tavola di orario ferroviario

Le prossime 6 domande fanno riferimento alla seguente tavola di orario ferroviario Esercizi lezioni 00_05 Pag.1 Esercizi relativi alle lezioni dalla 0 alla 5. 1. Qual è il fattore di conversione da miglia a chilometri? 2. Un tempo si correva in Italia una famosa gara automobilistica:

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1.

Vediamo ora altre applicazioni dei prismi retti descritti in O1. O2 - I PRISMI OTTICI S intende con prisma ottico un blocco di vetro ottico 8 limitato normalmente da superfici piane, di forma spesso prismatica. Un fascio di luce 9 può incidere su una o due delle sue

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014. Prof.ssa Piacentini Veronica

Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014. Prof.ssa Piacentini Veronica Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014 Prof.ssa Piacentini Veronica La corrente elettrica La corrente elettrica è un flusso di elettroni

Dettagli

SISTEMI DI MISURA ED EQUIVALENZE

SISTEMI DI MISURA ED EQUIVALENZE Corso di laurea: BIOLOGIA Tutor: Floris Marta; Max Artizzu PRECORSI DI MATEMATICA SISTEMI DI MISURA ED EQUIVALENZE Un tappezziere prende le misure di una stanza per acquistare il quantitativo di tappezzeria

Dettagli

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions MINI-ESCAVATORE 2230/2335 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Il è un mini-escavatore con sporgenza posteriore realmente nulla. Il contrappeso e la parte posteriore del telaio superiore della macchina

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto Il sistema di recinzione elettrico consiste di: A) un

Dettagli

Originali Bosch! La prima livella laser

Originali Bosch! La prima livella laser Originali Bosch! La prima livella laser per superfici al mondo NOVITÀ! La livella laser per superfici GSL 2 Professional Finalmente è possibile rilevare con grande facilità le irregolarità su fondi in

Dettagli

Esercizi e Problemi di Termodinamica.

Esercizi e Problemi di Termodinamica. Esercizi e Problemi di Termodinamica. Dr. Yves Gaspar March 18, 2009 1 Problemi sulla termologia e sull equilibrio termico. Problema 1. Un pezzetto di ghiaccio di massa m e alla temperatura di = 250K viene

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

I modelli atomici da Dalton a Bohr

I modelli atomici da Dalton a Bohr 1 Espansione 2.1 I modelli atomici da Dalton a Bohr Modello atomico di Dalton: l atomo è una particella indivisibile. Modello atomico di Dalton Nel 1808 John Dalton (Eaglesfield, 1766 Manchester, 1844)

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

Note di fisica. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, luglio 2012. 1 Quantità di moto.

Note di fisica. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, luglio 2012. 1 Quantità di moto. Note di fisica. Mauro Saita e-mail: maurosaita@tiscalinet.it Versione provvisoria, luglio 2012. Indice 1 Quantità di moto. 1 1.1 Quantità di moto di una particella.............................. 1 1.2 Quantità

Dettagli

O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI

O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI Per aberrazione intendiamo qualsiasi differenza fra le caratteristiche ottiche di un oggetto e quelle della sua immagine, creata da un sistema ottico. In altre parole, ogni

Dettagli

La dinamica delle collisioni

La dinamica delle collisioni La dinamica delle collisioni Un video: clic Un altro video: clic Analisi di un crash test (I) I filmati delle prove d impatto distruttive degli autoveicoli, dato l elevato numero dei fotogrammi al secondo,

Dettagli

Batterie per recinti. Batteria alcalina a secco 9 V. Batteria a secco 9 V zinco-carbonio

Batterie per recinti. Batteria alcalina a secco 9 V. Batteria a secco 9 V zinco-carbonio Batterie per recinti Batteria alcalina a secco 9 V Le batterie alcaline AKO 9 V mantengo un alto voltaggio costante per tutta la loro durata. Questo permette al recinto di mantenere un andamento costante

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

S O G NI PA S S IO N E F I E R E Z Z A

S O G NI PA S S IO N E F I E R E Z Z A ITA S O G N I P A S S I O N E F I E R E Z Z A 2 SOGNI Tutti noi veniamo influenzati dai nostri sogni. Sogni che diventano parte della nostra stessa identità. Ogni cacciatore ricorda con passione il suo

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

1^A - Esercitazione recupero n 4

1^A - Esercitazione recupero n 4 1^A - Esercitazione recupero n 4 1 In un cartone animato, un gatto scocca una freccia per colpire un topo, mentre questi cerca di raggiungere la sua tana che si trova a 5,0 m di distanza Il topo corre

Dettagli

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45 CUT 20 P CUT 30 P UNA SOLUZIONE COMPLETA PRONTA ALL USO 2 Sommario Highlights Struttura meccanica Sistema filo Generatore e Tecnologia Unità di comando GF AgieCharmilles 4 6 8 12 16 18 CUT 20 P CUT 30

Dettagli

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale Art. 1 Servizio di Polizia Municipale 1. I comuni svolgono le funzioni di polizia locale. A tal fine, può essere appositamente

Dettagli

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza V90-3,0 MW Più efficienza per generare più potenza Innovazioni nella tecnologia delle pale 3 x 44 metri di efficienza operativa Nello sviluppo della turbina V90 abbiamo puntato alla massima efficienza

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

OGGI IL PRATO SI TAGLIA COSÌ

OGGI IL PRATO SI TAGLIA COSÌ ROBOT RASAERBA GARDENA R40Li OGGI IL PRATO SI TAGLIA COSÌ In completo relax! LASCIATE CHE LAVORI AL VOSTRO POSTO Il 98 % di chi ha comprato il Robot Rasaerba GARDENA lo raccomanderebbe.* Non dovrete più

Dettagli

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Il calcolo elettrico delle linee a corrente continua ha come scopo quello di determinare la sezione di rame della linea stessa e la distanza tra le sottostazioni,

Dettagli

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC Riferimento al linguaggio di programmazione STANDARD ISO 6983 con integrazioni specifiche per il Controllo FANUC M21. RG - Settembre 2008

Dettagli

Schiumino tutt ala chiamatelo come volete, l importante è divertirsi!!!

Schiumino tutt ala chiamatelo come volete, l importante è divertirsi!!! SEZIONE PROGETTI AVAB Amici del Volo Aeromodellistico di Bovolone Schiumino tutt ala chiamatelo come volete, l importante è divertirsi!!! Di Federico Fracasso In questo articolo spiegherò a grandi passi

Dettagli

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il

Circuiti in Corrente Continua (direct current=dc) RIASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica Il Potenziale Elettrico La legge di Ohm Il Circuiti in Corrente Continua direct currentdc ASSUNTO: La carica elettrica La corrente elettrica l Potenziale Elettrico La legge di Ohm l resistore codice dei colori esistenze in serie ed in parallelo

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

Tutte le misure sono espresse in METRI

Tutte le misure sono espresse in METRI 1,82 4,26 18,28 13,71 1 piatto Ø 254 mm. h = mt.1,52 2 piatti Ø 304 mm. h = mt.1,52 2 piastre 457x609 mm. h = mt.1,70 2,43 1,21 6,55 4 piatti Ø 304 mm. h = mt.1,52 1 piastre 457x609 mm. h = mt.1,70 32,00

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO

SCHEMA SETTIMANA TIPO CON TRE SEDUTE DI ALLENAMENTO U.S. ALESSANDRIA CALCIO 1912 SETTORE GIOVANILE ALLENAMENTO PORTIERI SCHEDA TIPO DELLA SETTIMANA ALLENATORE ANDREA CAROZZO GRUPPO PORTIERI STAGIONE 2009/2010 GIOVANISSIMI NAZIONALI 1995 ALLIEVI REGIONALI

Dettagli

MOTORI ELETTRICI IN CORRENTE CONTINUA. Catalogo Tecnico

MOTORI ELETTRICI IN CORRENTE CONTINUA. Catalogo Tecnico MOTORI ELETTRICI IN CORRENTE CONTINUA Catalogo Tecnico Aprile 21 L azienda Brevini Fluid Power è stata costituita nel 23 a Reggio Emilia dove mantiene la sua sede centrale. Brevini Fluid Power produce

Dettagli

Martelli - mazze - mazzette 462 Utensili di percussione serie con guaina 472 462 464 467 Utensili di percussione 475 Mazzuole 468 475 468 476

Martelli - mazze - mazzette 462 Utensili di percussione serie con guaina 472 462 464 467 Utensili di percussione 475 Mazzuole 468 475 468 476 460 www.facom.com 10. Martelli, utensili di percussione Martelli - mazze - mazzette 462 Utensili di percussione serie con guaina 472 Martelli con impugnatura in Graphite... 462 Martelli con impugnatura

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME 6. IL CONDNSATOR FNOMNI DI LTTROSTATICA MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO LTTRICO UNIFORM Il moto di una particella carica in un campo elettrico è in generale molto complesso; il problema risulta più semplice

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2010 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Archimede ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARTICOLO Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. Sia ABCD un quadrato di

Dettagli

Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II

Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II Forze conservative Esercizio Una pallina di massa m = 00g viene lanciata tramite una molla di costante elastica = 0N/m come in figura. Ammesso che ogni attrito

Dettagli

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Trasmissioni a cinghia dentata CLASSICA INDICE Trasmissione a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Pag. Cinghie dentate CLASSICE

Dettagli

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento.

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. 1 IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. Quando un corpo è in movimento? Osservando la figura precedente appare chiaro che ELISA è ferma rispetto a DAVIDE, che è insieme a lei sul treno; mentre

Dettagli

PISTOLE SEMIAUTOMATICHE

PISTOLE SEMIAUTOMATICHE PISTOLE SEMIAUTOMATICHE MANUALE D ISTRUZIONE PER TUTTI I MODELLI CALIBRI: 9X21.40 S&W.38 SA.45 ACP 10mm 9mm corto 7,65mm.22LR DIMENSIONI: STANDARD COMPACT CARRY FINITURE: BRUNITA CROMATA DUO-TONE FUSTO:

Dettagli

Uno spettroscopio fatto in casa

Uno spettroscopio fatto in casa Uno spettroscopio fatto in casa Angela Turricchia Laboratorio per la Didattica Aula Planetario Comune di Bologna, Włochy Ariel Majcher Centro di fisica teorica, PAS Varsava, Polonia Uno spettroscopio fatto

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

INJEX - Iniezione senza ago

INJEX - Iniezione senza ago il sistema per le iniezioni senz ago INJEX - Iniezione senza ago Riempire le ampolle di INJEX dalla penna o dalla cartuccia dalle fiale con la penna Passo dopo Passo Per un iniezione senza ago il sistema

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati DECORAZIONE 03 Posare la carta da parati 1 Scegliere la carta da parati Oltre ai criteri estetici, una carta da parati può essere scelta in funzione del luogo e dello stato dei muri. TIPO DI VANO CARTA

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

REGOLAMENTO TECNICO CARABINA 300 m 50 m 10 m

REGOLAMENTO TECNICO CARABINA 300 m 50 m 10 m U.I.T.S. UNIONE ITALIANA TIRO A SEGNO REGOLAMENTO TECNICO CARABINA 300 m 50 m 10 m SOMMARIO 7.1.0 Parte generale 7.2.0 Sicurezza 7.3.0 Norme sugli impianti e sui bersagli 7.4.0 Equipaggiamenti e munizioni

Dettagli

TIP-ON inside. TIP-ON per AVENTOS HK. Il supporto per l'apertura meccanico per ante a ribalta standard senza maniglia. www.blum.

TIP-ON inside. TIP-ON per AVENTOS HK. Il supporto per l'apertura meccanico per ante a ribalta standard senza maniglia. www.blum. TIP-ON inside TIP-ON per AVENTOS HK Il supporto per l'apertura meccanico per ante a ribalta standard senza maniglia www.blum.com Facilità di apertura con un semplice tocco 2 Comfort di apertura per le

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A 443 00 49960 443 00 49961 443 00 49366 443 00 49630 443 00 49963 443 00 49964 443 00 49965 976-12 V 2250 A AVVIATORE 976 C-CARICATORE AUTOM. 220V/RICAMBIO 918 BATT-BATTERIA 12 V 2250 A/RICAMBIO 955 CAVO

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

Oggetto SEZIONE O «ONDE. Muscoli. ciliare. Cornea. Retina. Nervo ottico. Umore acqueo. A Figura 1. Gli elementi fondamentali dell'occhio

Oggetto SEZIONE O «ONDE. Muscoli. ciliare. Cornea. Retina. Nervo ottico. Umore acqueo. A Figura 1. Gli elementi fondamentali dell'occhio SEZIONE O «ONDE Cornea Umore acqueo Muscolo ciliare Retina Nervo ottico A Figura 1. Gli elementi fondamentali dell'occhio umano. La luce entra nell'occhio attraverso la cornea e il cristallino. Viene fecalizzata

Dettagli

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE SCIVOLA

GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE SCIVOLA 8. LA CONSERVAZIONE DELL ENERGIA MECCANICA IL LAVORO E L ENERGIA 4 GIRO DELLA MORTE PER UN CORPO CHE SCIVOLA Il «giro della morte» è una delle parti più eccitanti di una corsa sulle montagne russe. Per

Dettagli

la nuova generazione

la nuova generazione O - D - Giugno - 20 Sistemi di adduzione idrica e riscaldamento in Polibutilene la nuova generazione Push-fit del sistema in polibutilene Sistema Battuta dentellata La nuova tecnologia in4sure è alla base

Dettagli

Sistemi materiali e quantità di moto

Sistemi materiali e quantità di moto Capitolo 4 Sistemi materiali e quantità di moto 4.1 Impulso e quantità di moto 4.1.1 Forze impulsive Data la forza costante F agente su un punto materiale per un intervallo di tempo t, si dice impulso

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE")

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC DERIVE) F U N Z I O N I E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE") I N D I C E Funzioni...pag. 2 Funzioni del tipo = Kx... 4 Funzioni crescenti e decrescenti...10

Dettagli

Utilizzando materiali poveri, naturali e di recupero è possibile costruire un grande numero di strumenti musicali a bassissimo costo.

Utilizzando materiali poveri, naturali e di recupero è possibile costruire un grande numero di strumenti musicali a bassissimo costo. Utilizzando materiali poveri, naturali e di recupero è possibile costruire un grande numero di strumenti musicali a bassissimo costo. Con questa attività, il bambino, non solo si avvicina alla musica e

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli