Caccia alla piuma DRIVE. con il 410. La linea dei cacciatori in attesa dei fagiani e più in piccolo, foto di gruppo dopo il secondo drive

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Caccia alla piuma DRIVE. con il 410. La linea dei cacciatori in attesa dei fagiani e più in piccolo, foto di gruppo dopo il secondo drive"

Transcript

1 Caccia alla piuma DRIVE con il 410 La linea dei cacciatori in attesa dei fagiani e più in piccolo, foto di gruppo dopo il secondo drive 68

2 La prima battuta all inglese (drive) con il piccolo 410, svoltasi a la Centuriona di Gavi, ha registrato un sostanziale pareggio nella sfida virtuale con il tradizionale calibro 12. Primo evento del genere in Italia, organizzato a scopi benefici si è avvalso delle prestigiose doppiette 410 Fausti ed è stato un modo di applicare l etica sportiva del piccolo calibro a una disciplina di caccia ancora poco conosciuta nel mondo venatorio italiano. Il drive è tipica tradizione inglese, ma vale la pena di vedere come viene ben applicato anche sui nostri terreni collinari Testo e foto di Riccardo Camusso 69

3 Drive con il 410 Come funziona una battutta all inglese Dieci cacciatori, con 10 fucili gemelli, si sono cimentati nel primo Drive italiano con il 410. Il ricavato è andato a una comunità di bambini della Namibia Non si vuole imitare gli inglesi. E neppure rubare le loro migliori tradizioni venatorie. Con le battute all inglese (o Drive) s intende solamente applicare al territorio italiano un sistema di caccia che si propone - innanzitutto di esaltare le capacità di tiro di cacciatori e fucili. Vedremo bene come, in seguito. Questo, dunque, è il vero significato del Drive. Poco importa oltre le statistiche finali delle battute il numero di prede abbattute; assai più importante è il confronto (positivo) fra diversi calibri, i riflessi e la prontezza di tiro. Generalmente, considerando le difficoltà di un tiro veloce e all imbracciata - sempre e soltanto al volo - si spara con il cal.12. Il 23 ottobre scorso, per la prima volta in Italia, è stata, però, lanciata un interessante sfida con il piccolo 410: il primo Drive italiano con il 410 si è svolto a La Centuriona di Gavi (Al), l azienda che è sicuramente la più specializzata in battute all inglese. Lanciata da Carlo Rizzini e Giorgio Paraporti (titolare della G&G) la sfida, patrocinata dalla Fausti e dalla Fiocchi, consisteva nel valutare le differenze e i vantaggi/svantaggi - in questo particolare metodo di caccia - del 410 rispetto al tradizionale cal. 12. Lo splendido territorio collinare de La Centuriona, popolato da fagiani, lepri, starne, rosse, caprioli, daini e cinghiali, si è ampiamente dimostrato ideale alle esigenze del Drive, alternando radure e prati d erba medica a bosco molto fitto; tutto sempre con la tipica, leggera pendenza delle colline italiane. Hanno onorato questo appuntamento, Dieci cacciatori esperti, rigorosamente dotati di fucili (gemelli) in calibro 410, messi a disposizione della manifestazione dalle Sorelle Fausti, e cartucce della Fiocchi. Il ricavato di questa straordinaria giornata di caccia è stato devoluto all associazione Ketuko Trust (www.ketuko.org) che si occupa di volontariato in Namibia, attraverso gli amici Nadia e Rolando Meneguzzo che hanno offerto la possibilità di aiutare una comunità di bambini nel nord della Namibia. Nella cronaca di questa bella giornata, fredda ma soleggiata, vale la pena non valutare soltanto le prestazioni di cacciatori e fucili, ma descrivere anche come si svolge e come viene organizzato un Drive, metodo 70

4 Nella pagina precedente, Barbara Fausti e una splendida doppietta 410; accanto, Carlo Rizzini in azione su un fagiano impegnativo di caccia ancora poco conosciuto in Italia. In questa occasione, i selvatici sono stati i fagiani, rigorosamente tirati al volo. La linea del Drive L organizzazione e la sinergia fra battitori e cacciatori è fondamentale in un Drive; i primi spingono i fagiani verso i secondi, appostati in una linea di tiro. Praticamente, come si fa in una battuta ai cinghiali. I dieci cacciatori, dunque, si posizionano in precisi punti di una radura (sorteggiati e contrassegnati da paletti numerati, distanti una cinquantina di metri uno dall altro); in genere, questa linea di tiro occupa la fascia più alta del prato, dove la radura lascia il posto a un bosco molto fitto. La pendenza del prato e l altezza delle piante del bosco determina il grado di difficoltà del drive, nel senso che maggiore sia la pendenza e/o l altezza delle piante, maggiore sarà l altezza di volo dei fagiani. Nella battuta a La Centuriona, per esempio, sono stati organizzati, nell arco di una mattinata, quattro differenti Drive. I primi due relativamente facili : la linea dei cacciatori era situata sulla fascia alta di prati con poca pendenza, praticamente a ridosso di due boschi di medio fusto: perciò i fagiani volavano, veloci, a circa 35/40 metri dai fucili. Nel terzo e, soprattutto, nel quarto drive, l impegno richiesto è stato di gran lunga maggiore: la linea dei cacciatori era stata organizzata su zone a buona pendenza e al fondo di un canalone piuttosto scosceso; in questa situazione, la distanza fra la punta degli alberi al di sopra dei quali volavano i fagiani non era mai inferiore ai 40/50 metri. Il carichino passa il fucile carico al cacciatore LE ORIGINI DEL DRIVE La battuta inglese di caccia à un antica tradizione delle nobiltà britannica, conosciuta anche come English Drive. Si tratta, in sintesi, di una pratica di caccia durante la quale la selvaggina viene spinta (driven) dai battitori nella direzione dei cacciatori, allineati sulla linea di tiro in precise postazioni assegnate, assistiti da un segretario per il caricamento dei fucili. Quando i cacciatori prendono posizione, i battitori (beaters) si muovono nelle aree coperte dalla vegetazione, muovendo bastoni o bandierine per stanare la selvaggina da piuma. Le battute (drives) si aprono tradizionalmente in Inghilterra il 12 Agosto alle grouse; questo giorno di apertura viene anche chiamato Glorious Twelfth. C è, infine, una tipica valenza femminile. In origine, cioè, i drive erano destinati al sesso debole, visto si riteneva che il trasporto dei fucili e delle cartucce, l assistenza ai tiri, lo scovare i selvatici dalla boscaglia, bagnarsi i piedi e camminare nello sporco e tutte le altre fatiche della caccia non potevano essere svolte dalle donne, bensì dal personale delle Riserve; alle donne, solo il compito di sparare. 71

5 Drive con il 410 Cal. 410 contro il 12: vinca il migliore! Nella sfida a La Centuriona fra cal.12 e 410, queste diverse situazioni logistiche sono subito apparse discriminanti, anche se mediate dall abilità di tiro dei partecipanti: un conto è tirare un fagiano in volo veloce e alto a una trentina di metri dalla postazione; ben diverso l anticipo da dare su un fagiano ad ali tese che passa ad una cinquantina di metri (e più) sopra la testa. L anticipo, da modulare sulla situazione specifica, è il vero segreto di un Drive. Proseguendo nella descrizione circa la preparazione del drive, ogni cacciatore è assistito da un carichino, cioè da un aiutante che provvede a caricare il più velocemente possibile il fucile gemello. Durante l azione, dopo aver sparato i due colpi a disposizione, il cacciatore passa velocemente il fucile scarico al carichino che provvede a dare il fucile gemello carico- al cacciatore, pronto per un nuovo tiro. Naturalmente, i due fucili hanno le stesse caratteristiche, le stesse Giorgio Paraporti conduce al recupero i suoi possenti labrador In un Drive, ogni cacciatore è assistito da un carichino che gli passa il fucile gemello, carico, per non perdere tempo prezioso e per permettere alle canne di raffreddarsi strozzature, pieghe e lunghezza canne: gemelli di nome e di fatto; si deve cioè fare in modo che il cacciatore alterni alla spalla due fucili assolutamente uguali, in tutto. Ai cacciatori nostrani, può apparire eccessivo il fatto di dover sparare così velocemente, tanto da non dare al tiratore neppure il tempo di ricaricare personalmente. Ma, fin dall inizio del Drive, tutto diventa chiaro: un secondo dopo aver tirato a un fagiano, ne appare subito un altro, sopra gli alberi, e un altro ancora : se, in questo frangente, il cacciatore sta ricaricando il fucile, sfuma l occasione di un nuovo tiro. E così via, senza contare che le canne di queste preziose armi devono avere il tempo di raffreddarsi. Per queste, ed altre ragioni, la funzione del carichino è fondamentale in un drive. Fino all ultimo fagiano, spinto dai battitori verso la linea dei cacciatori. I tiratori più veloci usano le prime due cartucce per i fagiani che arrivano di punta; le altre due, pronte nel gemello, per i fagiani da dietro, che cioè sono appena passati. Quando tutti i cacciatori sono pronti, piazzati e fermi -, il capocaccia dà il segnale di inizio battuta: la parola passa così ai battitori. 72

6 I battitori Sono quelli che svolgono il lavoro più duro e oscuro del Drive. Al segnale del corno, con cani, bastoni e voci si muovono in linea, nascosti agli occhi dei cacciatori dal bosco interposto. Il loro compito (per nulla facile) è quello non solo di spingere i fagiani verso la linea dei cacciatori, ma di convogliarli nel modo più preciso possibile verso i fucili, pronti (la linea di cacciatori difficilmente supera i 300 metri). Non è cosa facile, e a La Centuriona abbiamo assistito a una perfetta sinergia fra battitori e cacciatori: pur senza bisogno di bandiere (come usano gli sbandieratori nei drive inglesi), hanno saputo non far disperdere neppure un fagiano. E stato subito chiaro che i battitori ci sanno fare davvero e sono organizzati in modo esemplare, con grande esperienza in questo genere di caccia. Il loro lavoro è talmente oscuro e preciso che non ci è stato possibile conoscerne il numero esatto: ne abbiamo contati una quindicina, ma forse sono stati di più, considerando che in una mattinata sono stati svolti quattro drive in quattro zone diverse, e non tutte facili. In ogni modo, poco dopo che i battitori hanno iniziato il loro lavoro, i fagiani si dirigono verso il bosco che li separa dai cacciatori. Qui giunti, come diretti da una sapiente regìa, iniziano a prendere il volo, ma mai tutti insieme, come una brigata di starne.proprio questa è la cosa più straordinaria dei drive a La Centuriona: i fagiani non volano tutti insieme verso la linea dei cacciatori, ma si susseguono uno dietro l altro, con Carlo Rizzini in azione negli impegnativi tiri del quarto drive; in basso, Barbara Fausti con un bel fagiano de La Centuriona pochissime pause. I tiratori (e i carichini ) più veloci lo sanno. Più volte, in ognuno dei quattro Drive, dopo un abbattimento di prima o seconda canna, alcuni tiratori hanno avuto il tempo di girarsi, imbracciare la doppietta gemella fresca offerta dal carichino, e tirare al fagiano successivo, ormai oltre la testa del cacciatore. 73

7 Drive con il 410 Bilanci a canne ancora fumanti Il tiro più frequente è, chiaramente, il colpo del Re : fagiano a perpendicolo sopra la testa, schiena del tiratore arcuata e grande anticipo ( talora insufficiente). Nei minuti finali di ogni drive, i battitori, ormai a un centinaio di metri dalla linea, fanno sentire più forte la propria voce: gli ultimi fagiani si involano ed anche in questi momenti la sicurezza è ampiamente garantita: non si spara mai a terra e le rosate sono sempre rigorosamente - contro cielo. Poco dopo, il capocaccia da il segnale di fine battuta: i fucili vengono scaricati e la parola passa ai cani da riporto (labrador, golden e springer ). Anche i cani, bravissimi e ben condotti, visti in azione a La Centuriona meritano una citazione: durante gli spari non si muovono, ma segnano con gli occhi e memorizzano i punti dove ogni fagiano è caduto; al segnale, quindi, si buttano al riporto ed è ben difficile che un fagiano non venga correttamente recuperato. Il riporto è parte integrante, e non secondaria, di un drive. Tutti i numeri del Drive 410 Attraverso le statistiche e le valutazioni del Drive con il 410 non è difficile comprendere le potenzialità di questo tipo di caccia e di tutte le sue componenti: terre- Ai cani spetta il compito di riportare correttamente i fagiani abbattuti 74

8 Accanto: da sinistra: Rizzini, Fiocchi e Fausti, i promotori di questa manifestazione; nello sfondo, Barbara Fausti al tiro no, logistica, cacciatori, battitori, cani e, soprattutto, il capocaccia. Quando tutti questi elementi si avvalgono della professionalità ed esperienza messa in mostra a La Centuriona, il risultato è garantito. Dunque in questo drive (articolato su quattro manches a differenti livelli di difficoltà) hanno partecipato: dieci fucili (doppiette) gemelli e dieci carichini; una quindicina di battitori, sei ottimi cani da recupero (quattro labrador, un golden retriever e uno springer); un esperto capocaccia e coordinatore (Giorgio Paraporti), il noto testimonial del 410 Carlo Rizzini e il personale de La Centuriona. I fucili 410, gemelli, sono stati messi a disposizione dalle Sorelle Fausti. Sono state sparate, in totale, circa cartucce della Fiocchi. I risultati sono stati 440 fagiani abbattuti e recuperati. In chiave di sfida (virtuale) fra il 410 e il cal. 12, occorre dire che, in un drive, oltre agli elementi che abbiamo citato, la cosa importante è come ripete Rizzini Ai battitori spetta il compito più duro e faticoso: spingere e convogliare, con bastoni e voci, i fagiani verso la linea dei cacciatori in attesa tirare dentro e che i fagiani cadano morti stecchiti, cioè non soltanto feriti. In questa chiave di lettura, il 410, pur con la sua piccola rosata e i pochi grammi di piombo, si è dimostrato alla pari con il calibro 12. Un sostanziale pareggio che in una disciplina come il Drive equivale a un successo da attribuire al calibro minore, solo apparentemente penalizzato. Certamente il cal.12 offre più piombo e una rosata più ampia, ma se il cacciatore possiede una buona mira, il 410 risolve il tiro con la stessa efficacia. E con un brandeggio facilitato dalla leggerezza dell arma. 75

GIOCHI SENZA SQUADRE

GIOCHI SENZA SQUADRE GIOCHI SENZA SQUADRE Età: 5-8 anni Questi giochi (50) sono proposti nel seguente modo: si ritaglia la descrizione del gioco, si piega il pezzo di carta e s inseriscono tutti i 50 foglietti in un sacchetto.

Dettagli

Tecniche per il controllo del cinghiale ed esperienze in Umbria

Tecniche per il controllo del cinghiale ed esperienze in Umbria Corso per il prelievo del cinghiale con metodi selettivi - ATC PG2 Dott. Luca Convito - Spoleto - 2014 Tecniche per il controllo del cinghiale ed esperienze in Umbria settori per la caccia al cinghiale

Dettagli

Regolamento tiro cantonale ticinese di caccia

Regolamento tiro cantonale ticinese di caccia Regolamento Tiro Ticinese di Caccia versione 2015 1 Regolamento tiro cantonale ticinese di caccia versione: 3.0.6 2015 il presente regolamento sostituisce tutte le versioni precedenti. Regolamento Tiro

Dettagli

minimo cinque passaggi consecutivi e goal valido solo con colpo di testa sulla traversa oppure su una porticina.

minimo cinque passaggi consecutivi e goal valido solo con colpo di testa sulla traversa oppure su una porticina. PARTITA BOWLING si gioca una partita normale con due o più palloni. Chi abbatte il cono lascia il pallone agli avversari e corre verso la propria porta a sistemare il cono in linea con gli altri. Vince

Dettagli

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO I primi Giochi Easy : Il Palleggio ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO Insalata Mista. (stimolare l abitudine all utilizzo del palleggio) Dal palleggio in libertà tuttocampo dei bambini, dividere il campo in

Dettagli

PROVA NON RICONOSCIUTA DALL ENCI

PROVA NON RICONOSCIUTA DALL ENCI Club Italiano Spinoni Delegazione Lombardia In collaborazione con la delegazione C.I.Sp. dell Emilia Romagna ORGANIZZA: Domenica 9 Marzo 2008 LA FINALE NAZIONALE DEL X CAMPIONATO S.UBERTO PER SPINONI (a

Dettagli

CALENDARIO VENATORIO RELATIVO ALL INTERO TERRITORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2015/2016

CALENDARIO VENATORIO RELATIVO ALL INTERO TERRITORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2015/2016 ALLEGATO A CALENDARIO VENATORIO RELATIVO ALL INTERO TERRITORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2015/2016 L esercizio venatorio nella stagione 2015/2016, è consentito con le seguenti modalità: 1) SPECIE E PERIODI

Dettagli

Come il lupo cambia il comportamento dei cinghiali

Come il lupo cambia il comportamento dei cinghiali www.lacacciaalcinghiale.com LA CACCIA AL LA CACCIA AL Caccia all estero Turchia: il regno degli «Attila» Come il lupo cambia il comportamento dei cinghiali Regioni Umbria Toscana Basilicata Armi Browning

Dettagli

Amministrazione Provinciale dell Aquila

Amministrazione Provinciale dell Aquila Amministrazione Provinciale dell Aquila Settore Politiche Ambientali Risorse Naturali ed Energetiche PROGRAMMA CORSO DI ABILITAZIONE PER SELECONTROLLORI PRINCIPI DI CONOSCENZA DELLA FAUNA SELVATICA a)

Dettagli

TECNICA E TATTICA VOLLEY

TECNICA E TATTICA VOLLEY TECNICA E TATTICA VOLLEY Dalla posizione di attesa, e a seconda del tipo di attacco avversario, il muro e la difesa optano per dei cambiamenti di posizione, al fine di rendere più facile la ricostruzione.

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO DECRETO DELEGATO 21 ottobre 2013 n.133 Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto l articolo 6, comma 1, lettera g), del Decreto Delegato 8 agosto 2013

Dettagli

SISTEMI DI CACCIA COLLETTIVA AL CINGHIALE: LA BATTUTA

SISTEMI DI CACCIA COLLETTIVA AL CINGHIALE: LA BATTUTA SISTEMI DI CACCIA COLLETTIVA AL CINGHIALE: LA BATTUTA DEFINIZIONE La battuta è un metodo di caccia dove con l ausilio di battitori si cerca di scovare e «muovere» la selvaggina in direzione dei cacciatori

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

D e c r e t a: Il regolamento sulla caccia e la protezione dei mammiferi e degli uccelli selvatici dell 11 luglio 2006 è così modificato:

D e c r e t a: Il regolamento sulla caccia e la protezione dei mammiferi e degli uccelli selvatici dell 11 luglio 2006 è così modificato: Regolamento sulla caccia e la protezione dei mammiferi e degli uccelli selvatici dell 11 luglio 2006; modifica (dell 8 luglio 2015) IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO D e c r e t a:

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA N.2 - POTENZA

AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA N.2 - POTENZA AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA N.2 - POTENZA via Mantova, 45-85100 Potenza. Tel.: 0971/410023 Fax: 0971/330018 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE FAUNISTICO VENATORIA DEL CINGHIALE PER LA PROVINCIA DI POTENZA

Dettagli

SCARPINE FISIOLOGICHE CHICCO. COLLEZIONE AUTUNNO INVERNO 2015 I BIMBI CON LE SCARPINE

SCARPINE FISIOLOGICHE CHICCO. COLLEZIONE AUTUNNO INVERNO 2015 I BIMBI CON LE SCARPINE SCARPINE FISIOLOGICHE CHICCO. COLLEZIONE AUTUNNO INVERNO 2015 I BIMBI CON LE SCARPINE Scarpine fisiologiche Chicco LIBERTÀ TG. DAL 15 AL 19 LIBERTÀ TG. DAL 17 AL 21 FLESSIBILITÀ TG. DAL 18 AL 23 NURSERY

Dettagli

REGOLE DI GIOCO 2014 2015 OUTDOOR HOCKEY A CINQUE REGOLAMENTO SPERIMENTALE TECNICO

REGOLE DI GIOCO 2014 2015 OUTDOOR HOCKEY A CINQUE REGOLAMENTO SPERIMENTALE TECNICO REGOLE DI GIOCO 2014 2015 OUTDOOR HOCKEY A CINQUE REGOLAMENTO SPERIMENTALE TECNICO Approvato con Decreto del Commissario Straordinario n. 45/2014 Articolo 1 SQUADRE a) La gara viene giocata da due squadre.

Dettagli

REGOLAMENTO TECNICO GIOCHI POPOLARI

REGOLAMENTO TECNICO GIOCHI POPOLARI REGOLAMENTO TECNICO GIOCHI POPOLARI 1) Ogni gioco popolare inserito nel programma del Palio delle Borgate contribuisce alla classifica generale come evento singolo. TIRO ALLA FUNE 2) La gara inizia quando

Dettagli

d.o.o. per la produzione agricola e il commercio; Vladimir Nazor 400, HR-33520 Slatina; Partita IVA: 27699640127 www.josavac.

d.o.o. per la produzione agricola e il commercio; Vladimir Nazor 400, HR-33520 Slatina; Partita IVA: 27699640127 www.josavac. d.o.o. per la produzione agricola e il commercio; Vladimir Nazor 400, HR-33520 Slatina; Partita IVA: 27699640127 www.josavac.hr LISTINO PREZZI Caccia di animali selvatici e servizi venatori in vigore dal

Dettagli

Manuel Loi ----------------------------------------------------- Lorenzo Di Stano

Manuel Loi ----------------------------------------------------- Lorenzo Di Stano Manuel Loi Vedo un campo di spiche di grano tutto giallo, con un albero di pere a destra del campo, si vedeva un orizzonte molto nitido, e sotto la mezza parte del sole all'orizonte c'era una collina verde

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

Presentazioni pratiche integrate del modello culturale di riferimento

Presentazioni pratiche integrate del modello culturale di riferimento 2012 Federazione Italiana Pallacanestro SGMS Presentazioni pratiche integrate del modello culturale di riferimento A cura di Maurizio Cremonini - Tecnico Federale Settore Giovanile Minibasket Scuola 0

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

), DEMANDATE A SQUADRE DI ABBATTITORI LOCALI ORGANIZZATE DAGLI AMBITI TERRITORIALI DI CACCIA E DAI COMPRENSORI ALPINI.

), DEMANDATE A SQUADRE DI ABBATTITORI LOCALI ORGANIZZATE DAGLI AMBITI TERRITORIALI DI CACCIA E DAI COMPRENSORI ALPINI. ALLEGATO A PROCEDURE E PRESCRIZIONI PER L ORGANIZZAZIONE, LA GESTIONE E L ESECUZIONE DELLE OPERAZIONI DI CONTENIMENTO PREVENTIVO E DI PRONTO INTERVENTO SULLE POPOLAZIONI DI CINGHIALE (Sus scrofa), DEMANDATE

Dettagli

Palla a muro con una mano sola su un piede solo girando le spalle al muro

Palla a muro con una mano sola su un piede solo girando le spalle al muro Palla a muro Il gioco è molto semplice e consiste nel tirare una palla contro un muro per poi riprenderla senza farla cadere. Le regole che governano il gioco sono dettate dalle stesse filastrocche che

Dettagli

In realtà la vera domanda e : Come posso fare ad ottenere tutte quelle rivoluzioni?, ma la risposta ad entrambe le domande e la stessa.

In realtà la vera domanda e : Come posso fare ad ottenere tutte quelle rivoluzioni?, ma la risposta ad entrambe le domande e la stessa. Nella quarta parte di questi quattro articoli, andrò a rispondere alla domanda che mi viene posta più frequentemente: Come fanno i Professionisti ad ottenere tutte quelle rivoluzioni? In realtà la vera

Dettagli

IL GIOCO STRATEGICO PER LA CONQUISTA DEL MONDO (DA 3 A 6 GIOCATORI)

IL GIOCO STRATEGICO PER LA CONQUISTA DEL MONDO (DA 3 A 6 GIOCATORI) IL GIOCO STRATEGICO PER LA CONQUISTA DEL MONDO (DA 3 A 6 GIOCATORI) Con abilità, calma, coraggio, una buona strategia e un po di fortuna si può arrivare alla conquista del mondo. Potrete occupare ogni

Dettagli

Minivolley: un età d oro per sviluppare, con i giochi, l entusiasmo di stare con gli amici in palestra

Minivolley: un età d oro per sviluppare, con i giochi, l entusiasmo di stare con gli amici in palestra 1 Minivolley: un età d oro per sviluppare, con i giochi, l entusiasmo di stare con gli amici in palestra Giochi di motricità generale con l utilizzo della palla. Dopo aver organizzato la palestra in tanti

Dettagli

,, GL QR GL VD V X D UL U Visita alla mostra

,, GL QR GL VD V X D UL U Visita alla mostra Visita alla mostra Prima di cominciare Queste diapositive raccolgono, come in un diario, le impressioni di noi bambini di fronte alle riproduzioni dei dinosauri ammirate durante la visita. In ogni pagina

Dettagli

Prodotto realizzato con il contributo della Regione Toscana nell'ambito dell'azione regionale di sistema. Laboratori del Sapere Scientifico

Prodotto realizzato con il contributo della Regione Toscana nell'ambito dell'azione regionale di sistema. Laboratori del Sapere Scientifico Prodotto realizzato con il contributo della Regione Toscana nell'ambito dell'azione regionale di sistema Laboratori del Sapere Scientifico Orientarsi con il sole Istituto Comprensivo Carrara e Paesi a

Dettagli

START! Chicco, Nanà e la Magica Canzone della Super Attenzione!

START! Chicco, Nanà e la Magica Canzone della Super Attenzione! START! Chicco, Nanà e la Magica Canzone della Super Attenzione! MATERIALE Un pupazzetto a forma di uccellino in un cestino, inizialmente nascosto da qualche parte. Stampa della diapositiva 8, incollata

Dettagli

Test sul fucile d assalto

Test sul fucile d assalto Formulario 27.071 i Test sul fucile d assalto Corsa per giovani tiratori Corsa per capi di giovani tiratori Stato al 01.10.2010 NDEs 293-1995 / SAP 2542.1934 Test n o 1 sicurezze 1. Che controlli devo

Dettagli

OFFERTA SPECIALE PACCHETTO CACCIA DI SELEZIONE CON CARNE INCLUSA Caccia di selezione anche senza pacchetti Mufloni anche in marzo e aprile

OFFERTA SPECIALE PACCHETTO CACCIA DI SELEZIONE CON CARNE INCLUSA Caccia di selezione anche senza pacchetti Mufloni anche in marzo e aprile OFFERTA SPECIALE PACCHETTO CACCIA DI SELEZIONE CON CARNE INCLUSA Caccia di selezione anche senza pacchetti Mufloni anche in marzo e aprile RISERVA vicino a ENCS sopra Miskolc al nord. Offerta speciale

Dettagli

Gennaio 2014. Viaggio in Africa

Gennaio 2014. Viaggio in Africa Gennaio 2014 Viaggio in Africa Nella religione Tambor de Mina le tradizioni afro e indio convivono col cattolicesimo Nascono tre nuovi gruppi di giovani. E la casa in cui viviamo è invasa dai bambini Quella

Dettagli

Level 1. 1 Autonomia: entrata in acqua e uscita dall acqua in sicurezza Gli allievi sanno entrare e uscire autonomamente dalla vasca.

Level 1. 1 Autonomia: entrata in acqua e uscita dall acqua in sicurezza Gli allievi sanno entrare e uscire autonomamente dalla vasca. Level 1 1 Autonomia: entrata in acqua e uscita dall acqua in sicurezza Gli allievi sanno entrare e uscire autonomamente dalla vasca. 2 Respirazione e orientamento: espirazione visibile sott acqua per tre

Dettagli

GARA DI TRAVERSERA STAGE N 1. Quando pronti dire: Non si può neanche fumare.e aspettare il beep

GARA DI TRAVERSERA STAGE N 1. Quando pronti dire: Non si può neanche fumare.e aspettare il beep GARA DI TRAVERSERA STAGE N 1 John Chisum è in A e sta fumando la pipa. La banda di El Grinta cerca di rubare dei cavalli. Shotgun sul bidone in A aperto e scarico. Due revolver in fondina caricati con

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 5 ALLEGATO A Criteri e modalità di istituzione, autorizzazione e gestione delle Zone per l allenamento e l addestramento dei cani e per le gare e le prove cinofile (ZAC) (art. 33, l.r. 7/1995) Principi

Dettagli

SPORT DI SIMULAZIONE VENATORIA Prove per cani da caccia

SPORT DI SIMULAZIONE VENATORIA Prove per cani da caccia 1. PRESENTAZIONE SPORT DI SIMULAZIONE VENATORIA Prove per cani da caccia Le prove socio-sportive di simulazione venatoria organizzate dalla FISC hanno il proposito di sottoporre a giudizio i numerosi cani

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

CINGHIALE (Sus scrofa)

CINGHIALE (Sus scrofa) CINGHIALE (Sus scrofa) Uso di armi e cani per la caccia al Cinghiale CACCIA AL CINGHIALE: ARMI Un arma è per definizione un oggetto atto a offendere e/o a difendere. Si dividono in: armi bianche, armi

Dettagli

IL COLORE DELL ACQUA. Che cosa vuol dire trasparente? IL SAPORE DELL ACQUA I bambini dicono

IL COLORE DELL ACQUA. Che cosa vuol dire trasparente? IL SAPORE DELL ACQUA I bambini dicono Scuola dell infanzia di Legoli la casa sull albero Ins. Giorgi Michela- Sartini Antonella Parte prima IL SAPORE DELL ACQUA I bambini dicono L acqua del mare è salata perché c è il sale Si sente bene che

Dettagli

Regolamento giochi sportivi studendeschi (GSS).

Regolamento giochi sportivi studendeschi (GSS). REGOLAMENTO GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI PARTECIPAZIONE AI GSS Regolamento giochi sportivi studendeschi (GSS). Il regolamento dei GSS per lo sport delle bocce prevede tre prove di tiro che si sviluppano

Dettagli

«Il sexting è normale, ma stupido»

«Il sexting è normale, ma stupido» «Il sexting è normale, ma stupido» Il sexting sembra ormai far parte della normale quotidianità. Ma cosa ne pensano le persone coinvolte? Il programma nazionale giovani e media ha affrontato il rapporto

Dettagli

sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8

sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8 sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8 SCHEDE di valutazione 22 Classe prima 22 Classe seconda 25 Classe terza 28 Prove di abilità motorie e sportive

Dettagli

LA TEMPESTA PERFETTA. pistole. le prove del mese

LA TEMPESTA PERFETTA. pistole. le prove del mese le prove del mese pistole LA TEMPESTA PERFETTA Abbiamo provato il prototipo della BCM Storm calibro 9x21, pistola semiautomatica destinata a creare una famiglia di armi da difesa e per uso di servizio

Dettagli

Ed ecco come funziona

Ed ecco come funziona Ed ecco come funziona scuola in movimento è un programma nazionale dell Ufficio federale dello sport che promuove e sostiene il movimento quotidiano a scuola. Le scuole e le classi partecipanti si impegnano

Dettagli

Silvano Toso. Gli aspetti culturali, sociali e tecnici della gestione faunistico-venatoria in Europa

Silvano Toso. Gli aspetti culturali, sociali e tecnici della gestione faunistico-venatoria in Europa Silvano Toso Gli aspetti culturali, sociali e tecnici della gestione faunistico-venatoria in Europa L Europa ha conosciuto tutte le tappe della cultura e del diritto della caccia La caccia preistorica

Dettagli

ESORDIENTI. Programma Tecnico

ESORDIENTI. Programma Tecnico ESORDIENTI Programma Tecnico IO, LA PALLA, I MIEI COMPAGNI E GLI AVVERSARI SEDUTA DI ALLENAMENTO ESORDIENTI dal semplice al complesso GIOCHI A TEMA 20% GIOCHI COLLETTIVI 20% LA PARTITA (Gli obiettivi specifici)

Dettagli

Ginnastica preparatoria

Ginnastica preparatoria Ginnastica preparatoria Le attività di una ginnastica per attività sportiva sono essenzialmente 4: Riscaldamento muscolare allungamento dei muscoli tonificazione (potenziamento ) muscolare minimo allenamento

Dettagli

ARMI E MUNIZIONI DA CACCIA E RELATIVA LEGISLAZIONE

ARMI E MUNIZIONI DA CACCIA E RELATIVA LEGISLAZIONE ARMI E MUNIZIONI DA CACCIA E RELATIVA LEGISLAZIONE Cosa significa fucile da caccia ad anima liscia? Vuol dire che la parte interna della canna, è perfettamente levigata. Come si presenta esternamente un

Dettagli

CLINIC NAZIONALE MINIBASKET EASY BASKET

CLINIC NAZIONALE MINIBASKET EASY BASKET LA PALLA: MEZZO E/O METODO PER LO SVILUPPO DEGLI SCHEMI MOTORI DI BASE di Fabio Bagni Camminare per tutta la palestra, lontani l uno dall altro Camminare stando vicini Camminare all indietro, prima lontani,

Dettagli

Il Rugby in 5 minuti

Il Rugby in 5 minuti FEDERAZIONE ITALIANA RUGBY Il Rugby in 5 minuti a cura della 3^ edizione 2009-10 IL TERRENO Il Terreno è la superficie totale di gioco, indicata nella pianta. Esso comprende: Il Campo di Gioco è l area

Dettagli

Durata: 11 settimane 33 allenamenti 10 partite campionato

Durata: 11 settimane 33 allenamenti 10 partite campionato SECONDO PERIODO COMPETITIVO Durata: 11 settimane 33 allenamenti 10 partite campionato 89 19 SETTIMANA DI LAVORO 58 ALLENAMENTO seduta unica 15 minuti Resistenza: metodo intermittente. 3 Intermittente (45

Dettagli

Esercitazione di Laboratorio - Leve di 1-2 - 3 genere TITOLO ESERCITAZIONE: VERIFICA DELLE LEGGI DELLE LEVE

Esercitazione di Laboratorio - Leve di 1-2 - 3 genere TITOLO ESERCITAZIONE: VERIFICA DELLE LEGGI DELLE LEVE TITOLO ESERCITAZIONE: VERIFICA DELLE LEGGI DELLE LEVE PREREQUISITI RICHIESTI PER LO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITÀ DI LABORATORIO L alunno deve conoscere la definizione di forza, la definizione di momento.

Dettagli

C era una volta. la Coniglietta Carotina

C era una volta. la Coniglietta Carotina C era una volta la Coniglietta Carotina Storia elaborata dalle Classi Seconde delle scuole: B. Gigli Le Grazie e San Vito La Coniglietta Carotina è bella, simpatica; sorride sempre. E tutta celestina sul

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

I giochi tradizionali adatti alla pallavolo. Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley

I giochi tradizionali adatti alla pallavolo. Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley I giochi tradizionali adatti alla pallavolo e Gli esercizi sul palleggio, bagher e battuta nel Minivolley ricerca e composizione di: Rosario Ravalli docente regionale allenatori FIPAV Foggia Questo piccolo

Dettagli

Come si fa la Prova di comprensione della lettura.

Come si fa la Prova di comprensione della lettura. Come si fa la Prova di comprensione della lettura. Paola Lovesio Istituto Comprensivo di Rocchetta Tanaro Scuola secondaria di I grado Maggiora Vergano Refrancore Media.vergano@libero.it Class IA 1 IL

Dettagli

Il punto di stazione. Corso di orientamento e Cenni di topografia Dario Tommasi IW0QNL

Il punto di stazione. Corso di orientamento e Cenni di topografia Dario Tommasi IW0QNL Il punto di stazione Abbiamo visto tanti modi per usare la bussola, abbiamo visto come trovare un punto sulla carta e come darne le coordinate, come seguire un percorso, ma la cosa più importante è sapere

Dettagli

C era una volta. Endi il Folletto

C era una volta. Endi il Folletto C era una volta Endi il Folletto Storia elaborata dalle Classi Terze delle scuole: Le Grazie Pittura San Vito - Politi Endi, il folletto, è un fanciullo di corporatura esile e non molto alto. I suoi occhi

Dettagli

WAR BOW: L ARCO DA GUERRA INGLESE DEL MEDIOEVO (1)

WAR BOW: L ARCO DA GUERRA INGLESE DEL MEDIOEVO (1) WAR BOW: L ARCO DA GUERRA INGLESE DEL MEDIOEVO (1) arcieri inglesi in battaglia ( dalle cronache di Froissart) Il seguente articolo vuole illustrare una replica di un arco tipo quelli recuperati nel relitto

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ZONE DI ADDESTRAMENTO CANI E DELLE GARE CINO-VENATORIE

REGOLAMENTO DELLE ZONE DI ADDESTRAMENTO CANI E DELLE GARE CINO-VENATORIE REGOLAMENTO DELLE ZONE DI ADDESTRAMENTO CANI E DELLE GARE CINO-VENATORIE Approvato con delibera del Consiglio Provinciale n. 67 del 30 dicembre 2013 Pag. 1 di 11 ART. 1 Finalità 1. Il presente regolamento

Dettagli

SCHEDE GIOCHI SCUOLA DELL INFANZIA

SCHEDE GIOCHI SCUOLA DELL INFANZIA SCHEDE GIOCHI SCUOLA DELL INFANZIA (A cura di Paolo Ligas) SCHEDA N 1 Percorso 3/4 Pallavolando Il primo giocatore di ogni squadra al Via parte esegue 2 rotolamenti su un materassino, salta l ostacolo,

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

Il lavoro al Videoterminale (VDT)

Il lavoro al Videoterminale (VDT) Servizio Prevenzione e Protezione Viale Innovazione, 2-Edificio U11-20126 Milano tel.02-64486190-fax 02-64486191 Il lavoro al Videoterminale (VDT) Effetti sulla salute e prevenzione I videoterminali Negli

Dettagli

PALLAMANO. Un po di storia

PALLAMANO. Un po di storia PALLAMANO Un po di storia La pallamano è un gioco bello e dinamico, inventato in Germania alla fine dell Ottocento. Sembra che tragga origine da un gioco denominato Pallaporta. E nata come sport da giocarsi

Dettagli

L Istituto specializzato nelle Ricerche di Mercato via Web

L Istituto specializzato nelle Ricerche di Mercato via Web L Istituto specializzato nelle Ricerche di Mercato via Web PRESENTAZIONE ricerca sulla RACCOLTA DIFFERENZIATA Scaricato da www.largoconsumo.info 1 Angelo Faravelli Membro Comitato Esecutivo PackWatch Amm.

Dettagli

Socio/relazionale: partecipazione attiva al gioco, in forma agonistica, collaborando con gli altri

Socio/relazionale: partecipazione attiva al gioco, in forma agonistica, collaborando con gli altri Federazione Italiana Pallacanestro Settore Giovanile Minibasket e Scuola Lezioni Integrate Minibasket I Fondamentali con palla Traguardi di Competenza. Partiamo dalle linee guida: Motorio/funzionale padronanza,

Dettagli

Tecniche e mezzi di controllo delle popolazioni di selvatici in esubero: esperienze della provincia di Cuneo

Tecniche e mezzi di controllo delle popolazioni di selvatici in esubero: esperienze della provincia di Cuneo CACCIA E CACCIAGIONE: tutela della salute del consumatore e salvaguardia di fauna e ambiente Tecniche e mezzi di controllo delle popolazioni di selvatici in esubero: esperienze della provincia di Cuneo

Dettagli

Esame Venatorio Domande a quiz. Parte 3: ARMI DA CACCIA Agosto 2015

Esame Venatorio Domande a quiz. Parte 3: ARMI DA CACCIA Agosto 2015 Esame Venatorio Domande a quiz La presente raccolta di domande è finalizzata alla preparazione della prova teorica dell esame di caccia altoatesino. Le risposte corrette sono contrassegnate da una crocetta.

Dettagli

U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro. Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04.

U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro. Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04. U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04.1994 Via Dell Abbadia, 8-40122 Bologna Tel 051/26.11.85 Fax 051/26.74.55 -

Dettagli

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.)

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) OGGI Oggi gli Stati Uniti d America (U.S.A.) comprendono 50 stati. La capitale è Washington. Oggi la città di New York, negli Stati Uniti d America, è come la

Dettagli

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO CONOSCERE IL PROPRIO CORPO Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Regola 1 Il Terreno 30

Regola 1 Il Terreno 30 30 Regola 1 Il Terreno Campo di gioco Area di gioco Recinto di gioco Area perimetrale Area di meta I 22 REGOLAMENTO DI GIOCO 2015 31 Regola 1 Il Terreno DEFINIZIONI Il Terreno è la superficie totale di

Dettagli

VALNONTEY - RIFUGIO "SELLA" CASOLARI DELL'HERBETET (giro ad anello)

VALNONTEY - RIFUGIO SELLA CASOLARI DELL'HERBETET (giro ad anello) VALNONTEY - RIFUGIO "SELLA" CASOLARI DELL'HERBETET (giro ad anello) Finalmente. E tanto tempo che sento parlare di questo giro ad anello (Valnontey, Rifugio Sella, casolari dell Herbetet, Valnontey) che

Dettagli

Esito del sit test Maschi Femmine

Esito del sit test Maschi Femmine TC 1 Test dell accovacciamento (sit test) È una prova estremamente semplice da eseguire, ma che richiede buona coordinazione e un perfetto equilibrio muscolare tra estensori e flessori del ginocchio. Dove

Dettagli

QUALE GIOCO A QUALE ETA

QUALE GIOCO A QUALE ETA QUALE GIOCO A QUALE ETA Vi sono molti istruttori che non hanno nessun idea del perché propongono quel gioco a quell età. Essi si limitano a copiare da qualche libro alcuni giochi (anche interessanti e

Dettagli

Settore Giovanile Giochi ed esercizi nel MiniVolley

Settore Giovanile Giochi ed esercizi nel MiniVolley Giochi tradizionali adatti alla pallavolo ASINO Si può giocare in un numero imprecisato di bambini che si mettono in cerchio; si tira la palla a colui che lo precede e così via. Quando si sbaglia (la palla

Dettagli

1^A - Esercitazione recupero n 4

1^A - Esercitazione recupero n 4 1^A - Esercitazione recupero n 4 1 In un cartone animato, un gatto scocca una freccia per colpire un topo, mentre questi cerca di raggiungere la sua tana che si trova a 5,0 m di distanza Il topo corre

Dettagli

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 010 Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio 1. Un corpo parte da fermo con accelerazione pari a

Dettagli

Gli strumenti della geografia

Gli strumenti della geografia Gli strumenti della geografia La geografia studia lo spazio, cioè i tanti tipi di luoghi e di ambienti che si trovano sulla Terra. La geografia descrive lo spazio e ci spiega anche come è fatto, come vivono

Dettagli

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 00 Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio. Un corpo parte da fermo con accelerazione

Dettagli

SCHEDA PER LA VISITA IN PLANETARIO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

SCHEDA PER LA VISITA IN PLANETARIO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA SCHEDA PER LA VISITA IN PLANETARIO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA Sei in campagna, seduto su un bel prato e guardi il cielo, che cosa vedi?.le STELLE!! Guarda bene: non ti sembra che il cielo assomigli ad

Dettagli

La sezione Comunale F.I.D.C. di San Donà di Piave. organizza una. PRESSO L AZIENDA AGRICOLA MENDOZA (da Angeletti-Ponte alto di Ceggia)

La sezione Comunale F.I.D.C. di San Donà di Piave. organizza una. PRESSO L AZIENDA AGRICOLA MENDOZA (da Angeletti-Ponte alto di Ceggia) FEDERAZIONE ITALIANA DELLA CACCIA Sezione Comunale di San Dona di Piave La sezione Comunale F.I.D.C. di San Donà di Piave organizza una PROVA DI CANI SU QUAGLIE CON SPARO DOMENICA 27 APRILE 2014 PRESSO

Dettagli

Reportage. Le Cinque. Terre. di Roberta Furlan. Foto di Maurizio Severin. Il borgo di Vernazza

Reportage. Le Cinque. Terre. di Roberta Furlan. Foto di Maurizio Severin. Il borgo di Vernazza Le Cinque Terre di Roberta Furlan Foto di Maurizio Severin 14 Il borgo di Vernazza La tentazione di ignorare la sveglia che suona alle quattro del mattino, per ricordarci l appuntamento alle Cinque Terre,

Dettagli

Nell esempio riportato qui sopra è visibile la sfocatura intenzionale di una sola parte della foto

Nell esempio riportato qui sopra è visibile la sfocatura intenzionale di una sola parte della foto LE MASCHERE DI LIVELLO Provo a buttare giù un piccolo tutorial sulle maschere di livello, in quanto molti di voi mi hanno chiesto di poter avere qualche appunto scritto su di esse. Innanzitutto, cosa sono

Dettagli

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi La grande quercia del bosco era molto vecchia. Nella corteccia del tronco e dei rami, i solchi lasciati dal tempo erano profondi. Non sapeva ancora quanto le

Dettagli

Il mercato dei figli

Il mercato dei figli Il mercato dei figli È una realtà veramente inquietante che finora non riguarda direttamente l Italia almeno dal punto di vista legislativo e ci auguriamo ardentemente non arrivi MAI ad essere permessa.

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

Cani d accompagnamento per bambini con autismo Svizzera

Cani d accompagnamento per bambini con autismo Svizzera Cani d accompagnamento per bambini con autismo Svizzera Cani per famiglie con bambini autistici Fondazione Scuola Svizzera per cani guida per ciechi Allschwil Cani d accompagnamento per bambini con autismo

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Progetto Guggenheim: Arte segni e parole I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Composizione di segni Prove di scrittura Disegnare parole e frasi Coltivare

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

ARREDO INURBANO CAMPIONARIO MONZESE 2008 (LA CITTÀ DEL DISORDINE E DEL DEGRADO) www.hqmonza.it - hqmonza.info@gmail.com. Comitato San Fruttuoso 2000

ARREDO INURBANO CAMPIONARIO MONZESE 2008 (LA CITTÀ DEL DISORDINE E DEL DEGRADO) www.hqmonza.it - hqmonza.info@gmail.com. Comitato San Fruttuoso 2000 ARREDO INURBANO (LA CITTÀ DEL DISORDINE E DEL DEGRADO) CAMPIONARIO MONZESE 2008 I TOTEM DI TELECOM Sono le postazioni telefoniche pubbliche abbandonate, ormai da tempo senza apparecchio e tutte in condizioni

Dettagli

Dischi educativi ideali per l addestramento efficace grazie al segnale sonoro. Trixie

Dischi educativi ideali per l addestramento efficace grazie al segnale sonoro. Trixie Non importa quante diverse razze canine esistano oggi, ma anche il comportamento del vostro cane deriva all 85% dal suo progenitore: il lupo! Spesso si dimentica questo fatto e tanti padroni tendono ad

Dettagli

GLI ELFI DI BABBO NATALE

GLI ELFI DI BABBO NATALE Gruppo Animatori Salesiani www.gascornedo.it info@gascornedo.it GLI ELFI DI BABBO NATALE Gioco in Oratorio Genere: a stand Ambienti: sia in interno che in esterno Età: bambini delle elementari/medie AMBIENTAZIONE

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

Regolamento Ravennate 200/400

Regolamento Ravennate 200/400 Regolamento Ravennate 200/400 L INIZIO Il tavolo è composto da 4 giocatori dove ognuno gioca per sé stesso. Controllare la propria posta in fiches,, deve risultare un totale di 2000 punti. ( 1 da 1.000,

Dettagli

Programmazione Annuale

Programmazione Annuale Programmazione Annuale Scuola Calcio Milan di Vieste CATEGORIE Pulcini 2001-2002-2003 I BAMBINI IMPARANO CIÒ CHE VIVONO...: Se un bambino vive nella tolleranza impara ad essere paziente. Se un bambino

Dettagli