Caccia alla piuma DRIVE. con il 410. La linea dei cacciatori in attesa dei fagiani e più in piccolo, foto di gruppo dopo il secondo drive

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Caccia alla piuma DRIVE. con il 410. La linea dei cacciatori in attesa dei fagiani e più in piccolo, foto di gruppo dopo il secondo drive"

Transcript

1 Caccia alla piuma DRIVE con il 410 La linea dei cacciatori in attesa dei fagiani e più in piccolo, foto di gruppo dopo il secondo drive 68

2 La prima battuta all inglese (drive) con il piccolo 410, svoltasi a la Centuriona di Gavi, ha registrato un sostanziale pareggio nella sfida virtuale con il tradizionale calibro 12. Primo evento del genere in Italia, organizzato a scopi benefici si è avvalso delle prestigiose doppiette 410 Fausti ed è stato un modo di applicare l etica sportiva del piccolo calibro a una disciplina di caccia ancora poco conosciuta nel mondo venatorio italiano. Il drive è tipica tradizione inglese, ma vale la pena di vedere come viene ben applicato anche sui nostri terreni collinari Testo e foto di Riccardo Camusso 69

3 Drive con il 410 Come funziona una battutta all inglese Dieci cacciatori, con 10 fucili gemelli, si sono cimentati nel primo Drive italiano con il 410. Il ricavato è andato a una comunità di bambini della Namibia Non si vuole imitare gli inglesi. E neppure rubare le loro migliori tradizioni venatorie. Con le battute all inglese (o Drive) s intende solamente applicare al territorio italiano un sistema di caccia che si propone - innanzitutto di esaltare le capacità di tiro di cacciatori e fucili. Vedremo bene come, in seguito. Questo, dunque, è il vero significato del Drive. Poco importa oltre le statistiche finali delle battute il numero di prede abbattute; assai più importante è il confronto (positivo) fra diversi calibri, i riflessi e la prontezza di tiro. Generalmente, considerando le difficoltà di un tiro veloce e all imbracciata - sempre e soltanto al volo - si spara con il cal.12. Il 23 ottobre scorso, per la prima volta in Italia, è stata, però, lanciata un interessante sfida con il piccolo 410: il primo Drive italiano con il 410 si è svolto a La Centuriona di Gavi (Al), l azienda che è sicuramente la più specializzata in battute all inglese. Lanciata da Carlo Rizzini e Giorgio Paraporti (titolare della G&G) la sfida, patrocinata dalla Fausti e dalla Fiocchi, consisteva nel valutare le differenze e i vantaggi/svantaggi - in questo particolare metodo di caccia - del 410 rispetto al tradizionale cal. 12. Lo splendido territorio collinare de La Centuriona, popolato da fagiani, lepri, starne, rosse, caprioli, daini e cinghiali, si è ampiamente dimostrato ideale alle esigenze del Drive, alternando radure e prati d erba medica a bosco molto fitto; tutto sempre con la tipica, leggera pendenza delle colline italiane. Hanno onorato questo appuntamento, Dieci cacciatori esperti, rigorosamente dotati di fucili (gemelli) in calibro 410, messi a disposizione della manifestazione dalle Sorelle Fausti, e cartucce della Fiocchi. Il ricavato di questa straordinaria giornata di caccia è stato devoluto all associazione Ketuko Trust (www.ketuko.org) che si occupa di volontariato in Namibia, attraverso gli amici Nadia e Rolando Meneguzzo che hanno offerto la possibilità di aiutare una comunità di bambini nel nord della Namibia. Nella cronaca di questa bella giornata, fredda ma soleggiata, vale la pena non valutare soltanto le prestazioni di cacciatori e fucili, ma descrivere anche come si svolge e come viene organizzato un Drive, metodo 70

4 Nella pagina precedente, Barbara Fausti e una splendida doppietta 410; accanto, Carlo Rizzini in azione su un fagiano impegnativo di caccia ancora poco conosciuto in Italia. In questa occasione, i selvatici sono stati i fagiani, rigorosamente tirati al volo. La linea del Drive L organizzazione e la sinergia fra battitori e cacciatori è fondamentale in un Drive; i primi spingono i fagiani verso i secondi, appostati in una linea di tiro. Praticamente, come si fa in una battuta ai cinghiali. I dieci cacciatori, dunque, si posizionano in precisi punti di una radura (sorteggiati e contrassegnati da paletti numerati, distanti una cinquantina di metri uno dall altro); in genere, questa linea di tiro occupa la fascia più alta del prato, dove la radura lascia il posto a un bosco molto fitto. La pendenza del prato e l altezza delle piante del bosco determina il grado di difficoltà del drive, nel senso che maggiore sia la pendenza e/o l altezza delle piante, maggiore sarà l altezza di volo dei fagiani. Nella battuta a La Centuriona, per esempio, sono stati organizzati, nell arco di una mattinata, quattro differenti Drive. I primi due relativamente facili : la linea dei cacciatori era situata sulla fascia alta di prati con poca pendenza, praticamente a ridosso di due boschi di medio fusto: perciò i fagiani volavano, veloci, a circa 35/40 metri dai fucili. Nel terzo e, soprattutto, nel quarto drive, l impegno richiesto è stato di gran lunga maggiore: la linea dei cacciatori era stata organizzata su zone a buona pendenza e al fondo di un canalone piuttosto scosceso; in questa situazione, la distanza fra la punta degli alberi al di sopra dei quali volavano i fagiani non era mai inferiore ai 40/50 metri. Il carichino passa il fucile carico al cacciatore LE ORIGINI DEL DRIVE La battuta inglese di caccia à un antica tradizione delle nobiltà britannica, conosciuta anche come English Drive. Si tratta, in sintesi, di una pratica di caccia durante la quale la selvaggina viene spinta (driven) dai battitori nella direzione dei cacciatori, allineati sulla linea di tiro in precise postazioni assegnate, assistiti da un segretario per il caricamento dei fucili. Quando i cacciatori prendono posizione, i battitori (beaters) si muovono nelle aree coperte dalla vegetazione, muovendo bastoni o bandierine per stanare la selvaggina da piuma. Le battute (drives) si aprono tradizionalmente in Inghilterra il 12 Agosto alle grouse; questo giorno di apertura viene anche chiamato Glorious Twelfth. C è, infine, una tipica valenza femminile. In origine, cioè, i drive erano destinati al sesso debole, visto si riteneva che il trasporto dei fucili e delle cartucce, l assistenza ai tiri, lo scovare i selvatici dalla boscaglia, bagnarsi i piedi e camminare nello sporco e tutte le altre fatiche della caccia non potevano essere svolte dalle donne, bensì dal personale delle Riserve; alle donne, solo il compito di sparare. 71

5 Drive con il 410 Cal. 410 contro il 12: vinca il migliore! Nella sfida a La Centuriona fra cal.12 e 410, queste diverse situazioni logistiche sono subito apparse discriminanti, anche se mediate dall abilità di tiro dei partecipanti: un conto è tirare un fagiano in volo veloce e alto a una trentina di metri dalla postazione; ben diverso l anticipo da dare su un fagiano ad ali tese che passa ad una cinquantina di metri (e più) sopra la testa. L anticipo, da modulare sulla situazione specifica, è il vero segreto di un Drive. Proseguendo nella descrizione circa la preparazione del drive, ogni cacciatore è assistito da un carichino, cioè da un aiutante che provvede a caricare il più velocemente possibile il fucile gemello. Durante l azione, dopo aver sparato i due colpi a disposizione, il cacciatore passa velocemente il fucile scarico al carichino che provvede a dare il fucile gemello carico- al cacciatore, pronto per un nuovo tiro. Naturalmente, i due fucili hanno le stesse caratteristiche, le stesse Giorgio Paraporti conduce al recupero i suoi possenti labrador In un Drive, ogni cacciatore è assistito da un carichino che gli passa il fucile gemello, carico, per non perdere tempo prezioso e per permettere alle canne di raffreddarsi strozzature, pieghe e lunghezza canne: gemelli di nome e di fatto; si deve cioè fare in modo che il cacciatore alterni alla spalla due fucili assolutamente uguali, in tutto. Ai cacciatori nostrani, può apparire eccessivo il fatto di dover sparare così velocemente, tanto da non dare al tiratore neppure il tempo di ricaricare personalmente. Ma, fin dall inizio del Drive, tutto diventa chiaro: un secondo dopo aver tirato a un fagiano, ne appare subito un altro, sopra gli alberi, e un altro ancora : se, in questo frangente, il cacciatore sta ricaricando il fucile, sfuma l occasione di un nuovo tiro. E così via, senza contare che le canne di queste preziose armi devono avere il tempo di raffreddarsi. Per queste, ed altre ragioni, la funzione del carichino è fondamentale in un drive. Fino all ultimo fagiano, spinto dai battitori verso la linea dei cacciatori. I tiratori più veloci usano le prime due cartucce per i fagiani che arrivano di punta; le altre due, pronte nel gemello, per i fagiani da dietro, che cioè sono appena passati. Quando tutti i cacciatori sono pronti, piazzati e fermi -, il capocaccia dà il segnale di inizio battuta: la parola passa così ai battitori. 72

6 I battitori Sono quelli che svolgono il lavoro più duro e oscuro del Drive. Al segnale del corno, con cani, bastoni e voci si muovono in linea, nascosti agli occhi dei cacciatori dal bosco interposto. Il loro compito (per nulla facile) è quello non solo di spingere i fagiani verso la linea dei cacciatori, ma di convogliarli nel modo più preciso possibile verso i fucili, pronti (la linea di cacciatori difficilmente supera i 300 metri). Non è cosa facile, e a La Centuriona abbiamo assistito a una perfetta sinergia fra battitori e cacciatori: pur senza bisogno di bandiere (come usano gli sbandieratori nei drive inglesi), hanno saputo non far disperdere neppure un fagiano. E stato subito chiaro che i battitori ci sanno fare davvero e sono organizzati in modo esemplare, con grande esperienza in questo genere di caccia. Il loro lavoro è talmente oscuro e preciso che non ci è stato possibile conoscerne il numero esatto: ne abbiamo contati una quindicina, ma forse sono stati di più, considerando che in una mattinata sono stati svolti quattro drive in quattro zone diverse, e non tutte facili. In ogni modo, poco dopo che i battitori hanno iniziato il loro lavoro, i fagiani si dirigono verso il bosco che li separa dai cacciatori. Qui giunti, come diretti da una sapiente regìa, iniziano a prendere il volo, ma mai tutti insieme, come una brigata di starne.proprio questa è la cosa più straordinaria dei drive a La Centuriona: i fagiani non volano tutti insieme verso la linea dei cacciatori, ma si susseguono uno dietro l altro, con Carlo Rizzini in azione negli impegnativi tiri del quarto drive; in basso, Barbara Fausti con un bel fagiano de La Centuriona pochissime pause. I tiratori (e i carichini ) più veloci lo sanno. Più volte, in ognuno dei quattro Drive, dopo un abbattimento di prima o seconda canna, alcuni tiratori hanno avuto il tempo di girarsi, imbracciare la doppietta gemella fresca offerta dal carichino, e tirare al fagiano successivo, ormai oltre la testa del cacciatore. 73

7 Drive con il 410 Bilanci a canne ancora fumanti Il tiro più frequente è, chiaramente, il colpo del Re : fagiano a perpendicolo sopra la testa, schiena del tiratore arcuata e grande anticipo ( talora insufficiente). Nei minuti finali di ogni drive, i battitori, ormai a un centinaio di metri dalla linea, fanno sentire più forte la propria voce: gli ultimi fagiani si involano ed anche in questi momenti la sicurezza è ampiamente garantita: non si spara mai a terra e le rosate sono sempre rigorosamente - contro cielo. Poco dopo, il capocaccia da il segnale di fine battuta: i fucili vengono scaricati e la parola passa ai cani da riporto (labrador, golden e springer ). Anche i cani, bravissimi e ben condotti, visti in azione a La Centuriona meritano una citazione: durante gli spari non si muovono, ma segnano con gli occhi e memorizzano i punti dove ogni fagiano è caduto; al segnale, quindi, si buttano al riporto ed è ben difficile che un fagiano non venga correttamente recuperato. Il riporto è parte integrante, e non secondaria, di un drive. Tutti i numeri del Drive 410 Attraverso le statistiche e le valutazioni del Drive con il 410 non è difficile comprendere le potenzialità di questo tipo di caccia e di tutte le sue componenti: terre- Ai cani spetta il compito di riportare correttamente i fagiani abbattuti 74

8 Accanto: da sinistra: Rizzini, Fiocchi e Fausti, i promotori di questa manifestazione; nello sfondo, Barbara Fausti al tiro no, logistica, cacciatori, battitori, cani e, soprattutto, il capocaccia. Quando tutti questi elementi si avvalgono della professionalità ed esperienza messa in mostra a La Centuriona, il risultato è garantito. Dunque in questo drive (articolato su quattro manches a differenti livelli di difficoltà) hanno partecipato: dieci fucili (doppiette) gemelli e dieci carichini; una quindicina di battitori, sei ottimi cani da recupero (quattro labrador, un golden retriever e uno springer); un esperto capocaccia e coordinatore (Giorgio Paraporti), il noto testimonial del 410 Carlo Rizzini e il personale de La Centuriona. I fucili 410, gemelli, sono stati messi a disposizione dalle Sorelle Fausti. Sono state sparate, in totale, circa cartucce della Fiocchi. I risultati sono stati 440 fagiani abbattuti e recuperati. In chiave di sfida (virtuale) fra il 410 e il cal. 12, occorre dire che, in un drive, oltre agli elementi che abbiamo citato, la cosa importante è come ripete Rizzini Ai battitori spetta il compito più duro e faticoso: spingere e convogliare, con bastoni e voci, i fagiani verso la linea dei cacciatori in attesa tirare dentro e che i fagiani cadano morti stecchiti, cioè non soltanto feriti. In questa chiave di lettura, il 410, pur con la sua piccola rosata e i pochi grammi di piombo, si è dimostrato alla pari con il calibro 12. Un sostanziale pareggio che in una disciplina come il Drive equivale a un successo da attribuire al calibro minore, solo apparentemente penalizzato. Certamente il cal.12 offre più piombo e una rosata più ampia, ma se il cacciatore possiede una buona mira, il 410 risolve il tiro con la stessa efficacia. E con un brandeggio facilitato dalla leggerezza dell arma. 75

Amministrazione Provinciale dell Aquila

Amministrazione Provinciale dell Aquila Amministrazione Provinciale dell Aquila Settore Politiche Ambientali Risorse Naturali ed Energetiche PROGRAMMA CORSO DI ABILITAZIONE PER SELECONTROLLORI PRINCIPI DI CONOSCENZA DELLA FAUNA SELVATICA a)

Dettagli

PROVA NON RICONOSCIUTA DALL ENCI

PROVA NON RICONOSCIUTA DALL ENCI Club Italiano Spinoni Delegazione Lombardia In collaborazione con la delegazione C.I.Sp. dell Emilia Romagna ORGANIZZA: Domenica 9 Marzo 2008 LA FINALE NAZIONALE DEL X CAMPIONATO S.UBERTO PER SPINONI (a

Dettagli

Tecniche per il controllo del cinghiale ed esperienze in Umbria

Tecniche per il controllo del cinghiale ed esperienze in Umbria Corso per il prelievo del cinghiale con metodi selettivi - ATC PG2 Dott. Luca Convito - Spoleto - 2014 Tecniche per il controllo del cinghiale ed esperienze in Umbria settori per la caccia al cinghiale

Dettagli

D e c r e t a: Il regolamento sulla caccia e la protezione dei mammiferi e degli uccelli selvatici dell 11 luglio 2006 è così modificato:

D e c r e t a: Il regolamento sulla caccia e la protezione dei mammiferi e degli uccelli selvatici dell 11 luglio 2006 è così modificato: Regolamento sulla caccia e la protezione dei mammiferi e degli uccelli selvatici dell 11 luglio 2006; modifica (dell 8 luglio 2015) IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO D e c r e t a:

Dettagli

minimo cinque passaggi consecutivi e goal valido solo con colpo di testa sulla traversa oppure su una porticina.

minimo cinque passaggi consecutivi e goal valido solo con colpo di testa sulla traversa oppure su una porticina. PARTITA BOWLING si gioca una partita normale con due o più palloni. Chi abbatte il cono lascia il pallone agli avversari e corre verso la propria porta a sistemare il cono in linea con gli altri. Vince

Dettagli

SISTEMI DI CACCIA COLLETTIVA AL CINGHIALE: LA BATTUTA

SISTEMI DI CACCIA COLLETTIVA AL CINGHIALE: LA BATTUTA SISTEMI DI CACCIA COLLETTIVA AL CINGHIALE: LA BATTUTA DEFINIZIONE La battuta è un metodo di caccia dove con l ausilio di battitori si cerca di scovare e «muovere» la selvaggina in direzione dei cacciatori

Dettagli

d.o.o. per la produzione agricola e il commercio; Vladimir Nazor 400, HR-33520 Slatina; Partita IVA: 27699640127 www.josavac.

d.o.o. per la produzione agricola e il commercio; Vladimir Nazor 400, HR-33520 Slatina; Partita IVA: 27699640127 www.josavac. d.o.o. per la produzione agricola e il commercio; Vladimir Nazor 400, HR-33520 Slatina; Partita IVA: 27699640127 www.josavac.hr LISTINO PREZZI Caccia di animali selvatici e servizi venatori in vigore dal

Dettagli

Regolamento tiro cantonale ticinese di caccia

Regolamento tiro cantonale ticinese di caccia Regolamento Tiro Ticinese di Caccia versione 2015 1 Regolamento tiro cantonale ticinese di caccia versione: 3.0.6 2015 il presente regolamento sostituisce tutte le versioni precedenti. Regolamento Tiro

Dettagli

), DEMANDATE A SQUADRE DI ABBATTITORI LOCALI ORGANIZZATE DAGLI AMBITI TERRITORIALI DI CACCIA E DAI COMPRENSORI ALPINI.

), DEMANDATE A SQUADRE DI ABBATTITORI LOCALI ORGANIZZATE DAGLI AMBITI TERRITORIALI DI CACCIA E DAI COMPRENSORI ALPINI. ALLEGATO A PROCEDURE E PRESCRIZIONI PER L ORGANIZZAZIONE, LA GESTIONE E L ESECUZIONE DELLE OPERAZIONI DI CONTENIMENTO PREVENTIVO E DI PRONTO INTERVENTO SULLE POPOLAZIONI DI CINGHIALE (Sus scrofa), DEMANDATE

Dettagli

Tecniche e mezzi di controllo delle popolazioni di selvatici in esubero: esperienze della provincia di Cuneo

Tecniche e mezzi di controllo delle popolazioni di selvatici in esubero: esperienze della provincia di Cuneo CACCIA E CACCIAGIONE: tutela della salute del consumatore e salvaguardia di fauna e ambiente Tecniche e mezzi di controllo delle popolazioni di selvatici in esubero: esperienze della provincia di Cuneo

Dettagli

Come il lupo cambia il comportamento dei cinghiali

Come il lupo cambia il comportamento dei cinghiali www.lacacciaalcinghiale.com LA CACCIA AL LA CACCIA AL Caccia all estero Turchia: il regno degli «Attila» Come il lupo cambia il comportamento dei cinghiali Regioni Umbria Toscana Basilicata Armi Browning

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA N.2 - POTENZA

AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA N.2 - POTENZA AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA N.2 - POTENZA via Mantova, 45-85100 Potenza. Tel.: 0971/410023 Fax: 0971/330018 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE FAUNISTICO VENATORIA DEL CINGHIALE PER LA PROVINCIA DI POTENZA

Dettagli

CALENDARIO VENATORIO RELATIVO ALL INTERO TERRITORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2015/2016

CALENDARIO VENATORIO RELATIVO ALL INTERO TERRITORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2015/2016 ALLEGATO A CALENDARIO VENATORIO RELATIVO ALL INTERO TERRITORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2015/2016 L esercizio venatorio nella stagione 2015/2016, è consentito con le seguenti modalità: 1) SPECIE E PERIODI

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO DECRETO DELEGATO 21 ottobre 2013 n.133 Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto l articolo 6, comma 1, lettera g), del Decreto Delegato 8 agosto 2013

Dettagli

Esame Venatorio Domande a quiz. Parte 3: ARMI DA CACCIA Agosto 2015

Esame Venatorio Domande a quiz. Parte 3: ARMI DA CACCIA Agosto 2015 Esame Venatorio Domande a quiz La presente raccolta di domande è finalizzata alla preparazione della prova teorica dell esame di caccia altoatesino. Le risposte corrette sono contrassegnate da una crocetta.

Dettagli

Silvano Toso. Gli aspetti culturali, sociali e tecnici della gestione faunistico-venatoria in Europa

Silvano Toso. Gli aspetti culturali, sociali e tecnici della gestione faunistico-venatoria in Europa Silvano Toso Gli aspetti culturali, sociali e tecnici della gestione faunistico-venatoria in Europa L Europa ha conosciuto tutte le tappe della cultura e del diritto della caccia La caccia preistorica

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 5 ALLEGATO A Criteri e modalità di istituzione, autorizzazione e gestione delle Zone per l allenamento e l addestramento dei cani e per le gare e le prove cinofile (ZAC) (art. 33, l.r. 7/1995) Principi

Dettagli

ARMI E MUNIZIONI DA CACCIA E RELATIVA LEGISLAZIONE

ARMI E MUNIZIONI DA CACCIA E RELATIVA LEGISLAZIONE ARMI E MUNIZIONI DA CACCIA E RELATIVA LEGISLAZIONE Cosa significa fucile da caccia ad anima liscia? Vuol dire che la parte interna della canna, è perfettamente levigata. Come si presenta esternamente un

Dettagli

CINGHIALE (Sus scrofa)

CINGHIALE (Sus scrofa) CINGHIALE (Sus scrofa) Uso di armi e cani per la caccia al Cinghiale CACCIA AL CINGHIALE: ARMI Un arma è per definizione un oggetto atto a offendere e/o a difendere. Si dividono in: armi bianche, armi

Dettagli

SCARPINE FISIOLOGICHE CHICCO. COLLEZIONE AUTUNNO INVERNO 2015 I BIMBI CON LE SCARPINE

SCARPINE FISIOLOGICHE CHICCO. COLLEZIONE AUTUNNO INVERNO 2015 I BIMBI CON LE SCARPINE SCARPINE FISIOLOGICHE CHICCO. COLLEZIONE AUTUNNO INVERNO 2015 I BIMBI CON LE SCARPINE Scarpine fisiologiche Chicco LIBERTÀ TG. DAL 15 AL 19 LIBERTÀ TG. DAL 17 AL 21 FLESSIBILITÀ TG. DAL 18 AL 23 NURSERY

Dettagli

SPORT DI SIMULAZIONE VENATORIA Prove per cani da caccia

SPORT DI SIMULAZIONE VENATORIA Prove per cani da caccia 1. PRESENTAZIONE SPORT DI SIMULAZIONE VENATORIA Prove per cani da caccia Le prove socio-sportive di simulazione venatoria organizzate dalla FISC hanno il proposito di sottoporre a giudizio i numerosi cani

Dettagli

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO I primi Giochi Easy : Il Palleggio ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO Insalata Mista. (stimolare l abitudine all utilizzo del palleggio) Dal palleggio in libertà tuttocampo dei bambini, dividere il campo in

Dettagli

OFFERTA SPECIALE PACCHETTO CACCIA DI SELEZIONE CON CARNE INCLUSA Caccia di selezione anche senza pacchetti Mufloni anche in marzo e aprile

OFFERTA SPECIALE PACCHETTO CACCIA DI SELEZIONE CON CARNE INCLUSA Caccia di selezione anche senza pacchetti Mufloni anche in marzo e aprile OFFERTA SPECIALE PACCHETTO CACCIA DI SELEZIONE CON CARNE INCLUSA Caccia di selezione anche senza pacchetti Mufloni anche in marzo e aprile RISERVA vicino a ENCS sopra Miskolc al nord. Offerta speciale

Dettagli

SCHEDE GIOCHI SCUOLA DELL INFANZIA

SCHEDE GIOCHI SCUOLA DELL INFANZIA SCHEDE GIOCHI SCUOLA DELL INFANZIA (A cura di Paolo Ligas) SCHEDA N 1 Percorso 3/4 Pallavolando Il primo giocatore di ogni squadra al Via parte esegue 2 rotolamenti su un materassino, salta l ostacolo,

Dettagli

L I S T I N O P R E Z Z I

L I S T I N O P R E Z Z I L I S T I N O P R E Z Z I DAL 1 MARZO 2013 AL 28 FEBBRAIO 2014 VALIDO: NELLE RISERVE PRIVATE IN UNGHERIA L A F O R S T H U N G A R I A S. p. A. È U N A G E N Z I A D I T U R I S M O V E N A T O R I O P

Dettagli

CLINIC NAZIONALE MINIBASKET EASY BASKET

CLINIC NAZIONALE MINIBASKET EASY BASKET LA PALLA: MEZZO E/O METODO PER LO SVILUPPO DEGLI SCHEMI MOTORI DI BASE di Fabio Bagni Camminare per tutta la palestra, lontani l uno dall altro Camminare stando vicini Camminare all indietro, prima lontani,

Dettagli

Oggetto :- Caccia al Cinghiale in battute autorizzate - stagione venatoria 20-20. - Richiesta autorizzazione.

Oggetto :- Caccia al Cinghiale in battute autorizzate - stagione venatoria 20-20. - Richiesta autorizzazione. Marca da bollo da 16,00 Alla Città Metropolitana di Napoli Ufficio Caccia e Pesca Piazza Matteotti, 1 NAPOLI Oggetto :- Caccia al Cinghiale in battute autorizzate - stagione venatoria 20-20. - Richiesta

Dettagli

1) Quali delle seguenti leggi e norme regolano l ambito della caccia e della fauna selvatica?

1) Quali delle seguenti leggi e norme regolano l ambito della caccia e della fauna selvatica? Esame Venatorio Domande a quiz La presente raccolta di domande è finalizzata alla preparazione della prova teorica dell esame di caccia altoatesino. Le risposte corrette sono contrassegnate da una crocetta.

Dettagli

GARA DI TIRO CON CARABINA 1 TROFEO PROVINCIA DI BERGAMO

GARA DI TIRO CON CARABINA 1 TROFEO PROVINCIA DI BERGAMO PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE CACCIA PESCA E SPORT Servizio CACCIA E PESCA Via San Giorgio 5/a - 24121 BERGAMO Tel. 035-387.458 - Fax 035-387.582 e-mail: segreteria.faunistico@provincia.bergamo.it sito

Dettagli

Esercizi aerobici con palla

Esercizi aerobici con palla Esercizi aerobici con palla Passaggio, conduzione, cross, colpo di testa, dribbling, tiro e difesa individuale sono gli aspetti tecnici stimolati dal circuito. Forza veloce, agilità e forza pliometrica

Dettagli

TECNICA E TATTICA VOLLEY

TECNICA E TATTICA VOLLEY TECNICA E TATTICA VOLLEY Dalla posizione di attesa, e a seconda del tipo di attacco avversario, il muro e la difesa optano per dei cambiamenti di posizione, al fine di rendere più facile la ricostruzione.

Dettagli

1 Campionato Italiano Invernale TIRO DI CAMPAGNA CON ARMI A CANNA RIGATA COMPLETO individuale OPEN Distanze 50 100 200 metri REGOLAMENTO TECNICO 2015

1 Campionato Italiano Invernale TIRO DI CAMPAGNA CON ARMI A CANNA RIGATA COMPLETO individuale OPEN Distanze 50 100 200 metri REGOLAMENTO TECNICO 2015 1 Campionato Italiano Invernale TIRO DI CAMPAGNA CON ARMI A CANNA RIGATA COMPLETO individuale OPEN Distanze 50 100 200 metri REGOLAMENTO TECNICO 2015 ART.1 SCOPI 1.1 La FIDASC, nell ambito dei propri fini

Dettagli

Rapporto attività di Vigilanza nella Provincia di Ancona Nuclei Vigilanza Venatoria WWF-Legambiente

Rapporto attività di Vigilanza nella Provincia di Ancona Nuclei Vigilanza Venatoria WWF-Legambiente 2014 Rapporto attività di Vigilanza nella Provincia di Ancona Nuclei Vigilanza Venatoria WWF-Legambiente Si ringrazia per il supporto La Legambiente Marche Il WWF di Ancona Via IV Novembre 78 60018 Montemarciano

Dettagli

C era una volta. la Coniglietta Carotina

C era una volta. la Coniglietta Carotina C era una volta la Coniglietta Carotina Storia elaborata dalle Classi Seconde delle scuole: B. Gigli Le Grazie e San Vito La Coniglietta Carotina è bella, simpatica; sorride sempre. E tutta celestina sul

Dettagli

Allegato alla delibera di Consiglio I.P. 5757/2009

Allegato alla delibera di Consiglio I.P. 5757/2009 Allegato alla delibera di Consiglio I.P. 5757/2009 Regolamento per l'esercizio dell'attività venatoria nelle aree contigue (zone di Pre-Parco) del Parco Regionale del Corno alle Scale per il periodo 2009/2013.

Dettagli

LA BOTTE PIENA E LA SERVA UBRIACA DELLA REGIONE VENETO

LA BOTTE PIENA E LA SERVA UBRIACA DELLA REGIONE VENETO COMUNICATO STAMPA ENPA PADOVA, GRIG VENETO, CPP, 6 gen. 16 LA BOTTE PIENA E LA SERVA UBRIACA DELLA REGIONE VENETO Con Deliberazione di Giunta Regionale n. 1100 del 18 agosto 2015 la Regione Veneto ha emanato

Dettagli

GIOCHI SENZA SQUADRE

GIOCHI SENZA SQUADRE GIOCHI SENZA SQUADRE Età: 5-8 anni Questi giochi (50) sono proposti nel seguente modo: si ritaglia la descrizione del gioco, si piega il pezzo di carta e s inseriscono tutti i 50 foglietti in un sacchetto.

Dettagli

ST HUBERTUS HUNTING TOURS

ST HUBERTUS HUNTING TOURS ST HUBERTUS HUNTING TOURS STAGIONE DI CACCIA 2015 2016 CACCIA AL DAINO IN BOEMIA Daino medaglia d oro cacciato sui terreni di questa offerta I TERRENI DI CACCIA I terreni di caccia ricoprono un area di

Dettagli

LA TEMPESTA PERFETTA. pistole. le prove del mese

LA TEMPESTA PERFETTA. pistole. le prove del mese le prove del mese pistole LA TEMPESTA PERFETTA Abbiamo provato il prototipo della BCM Storm calibro 9x21, pistola semiautomatica destinata a creare una famiglia di armi da difesa e per uso di servizio

Dettagli

Presentazioni pratiche integrate del modello culturale di riferimento

Presentazioni pratiche integrate del modello culturale di riferimento 2012 Federazione Italiana Pallacanestro SGMS Presentazioni pratiche integrate del modello culturale di riferimento A cura di Maurizio Cremonini - Tecnico Federale Settore Giovanile Minibasket Scuola 0

Dettagli

Test sul fucile d assalto

Test sul fucile d assalto Formulario 27.071 i Test sul fucile d assalto Corsa per giovani tiratori Corsa per capi di giovani tiratori Stato al 01.10.2010 NDEs 293-1995 / SAP 2542.1934 Test n o 1 sicurezze 1. Che controlli devo

Dettagli

LISTINO PREZZI per l abbattimento della selvaggina e dei servizi nella stagione venatoria che va dal 1. aprile 2010. fino al 31. marzo 2011.

LISTINO PREZZI per l abbattimento della selvaggina e dei servizi nella stagione venatoria che va dal 1. aprile 2010. fino al 31. marzo 2011. druπtvo s ograniëenom odgovornoπêu LISTINO PREZZI per l abbattimento della selvaggina e dei servizi nella stagione venatoria che va dal 1. aprile 2010. fino al 31. marzo 2011. Con questo listino si definiscono

Dettagli

PIANO DI ABBATTIMENTO NEL TERRITORIO ADIBITO A LIBERO ESERCIZIO VENATORIO DELL'A.T.C.N 1 POTENZA PERIODO DAL 02/01/2016 AL 31/01/2016

PIANO DI ABBATTIMENTO NEL TERRITORIO ADIBITO A LIBERO ESERCIZIO VENATORIO DELL'A.T.C.N 1 POTENZA PERIODO DAL 02/01/2016 AL 31/01/2016 PIANO DI ABBATTIMENTO NEL TERRITORIO ADIBITO A LIBERO ESERCIZIO VENATORIO DELL'A.T.C.N 1 POTENZA PERIODO DAL 02/01/2016 AL 31/01/2016 SPECIE TARGET: VOLPE (Vulpes vulpes) Approvato con Delibera del Co.Gest.

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ZONE DI ADDESTRAMENTO CANI E DELLE GARE CINO-VENATORIE

REGOLAMENTO DELLE ZONE DI ADDESTRAMENTO CANI E DELLE GARE CINO-VENATORIE REGOLAMENTO DELLE ZONE DI ADDESTRAMENTO CANI E DELLE GARE CINO-VENATORIE Approvato con delibera del Consiglio Provinciale n. 67 del 30 dicembre 2013 Pag. 1 di 11 ART. 1 Finalità 1. Il presente regolamento

Dettagli

Uno shotgun per uscire in pattuglia.

Uno shotgun per uscire in pattuglia. Uno shotgun per uscire in pattuglia. di BOTTERI Giovanni - GELFI Eros GRuppo Istruttori Formazione Operativa Polizia Provinciale di Brescia Sinossi introduttiva all utilizzo di armi lunghe in servizio.

Dettagli

LASER: pro e contro nel loro impiego tattico

LASER: pro e contro nel loro impiego tattico LASER: pro e contro nel loro impiego tattico Si sa! E da ormai molti anni che questo simpatico accessorio la fa da padrone nei più diffusi e costosi film d azione o action movie per dirla all americana.

Dettagli

ALLEGATO 2 SUPPLEMENTO ALLE REGOLE STANDARD DELLA SERIE CRY HAVOC SIEGE REGOLE SPECIFICHE (STANDARD GAMES - EUROGAMES)

ALLEGATO 2 SUPPLEMENTO ALLE REGOLE STANDARD DELLA SERIE CRY HAVOC SIEGE REGOLE SPECIFICHE (STANDARD GAMES - EUROGAMES) ALLEGATO 2 SUPPLEMENTO ALLE REGOLE STANDARD DELLA SERIE CRY HAVOC SIEGE REGOLE SPECIFICHE (STANDARD GAMES - EUROGAMES) Traduzione ed adattamento di : Pietro Cremona Gennaio 1996 1 Indice dei contenuti

Dettagli

IL GIOCO STRATEGICO PER LA CONQUISTA DEL MONDO (DA 3 A 6 GIOCATORI)

IL GIOCO STRATEGICO PER LA CONQUISTA DEL MONDO (DA 3 A 6 GIOCATORI) IL GIOCO STRATEGICO PER LA CONQUISTA DEL MONDO (DA 3 A 6 GIOCATORI) Con abilità, calma, coraggio, una buona strategia e un po di fortuna si può arrivare alla conquista del mondo. Potrete occupare ogni

Dettagli

NB: la classe ha scelto il titolo REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI INCENDIO

NB: la classe ha scelto il titolo REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI INCENDIO Documento n. 6 TITOLI INDIVIDUATI DAI GRUPPI 1. AL FUOCO 2. REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI INCENDIO 3. ALLARME ANTI INCENDIO 4. UN INCENDIO A SCUOLA NB: la classe ha scelto il titolo REGOLE DA SEGUIRE IN

Dettagli

C era una volta. Endi il Folletto

C era una volta. Endi il Folletto C era una volta Endi il Folletto Storia elaborata dalle Classi Terze delle scuole: Le Grazie Pittura San Vito - Politi Endi, il folletto, è un fanciullo di corporatura esile e non molto alto. I suoi occhi

Dettagli

REGOLE DI GIOCO 2014 2015 OUTDOOR HOCKEY A CINQUE REGOLAMENTO SPERIMENTALE TECNICO

REGOLE DI GIOCO 2014 2015 OUTDOOR HOCKEY A CINQUE REGOLAMENTO SPERIMENTALE TECNICO REGOLE DI GIOCO 2014 2015 OUTDOOR HOCKEY A CINQUE REGOLAMENTO SPERIMENTALE TECNICO Approvato con Decreto del Commissario Straordinario n. 45/2014 Articolo 1 SQUADRE a) La gara viene giocata da due squadre.

Dettagli

34 Posizioni del Pugilato che protegge il corpo 1

34 Posizioni del Pugilato che protegge il corpo 1 34 Posizioni del Pugilato che protegge il corpo 1 Posizione preparatoria 2 : con entrambi i piedi ravvicinati parallelamente, ergersi con naturalezza mantenendo ferma la {posizione di} attenti; ambedue

Dettagli

Level 1. 1 Autonomia: entrata in acqua e uscita dall acqua in sicurezza Gli allievi sanno entrare e uscire autonomamente dalla vasca.

Level 1. 1 Autonomia: entrata in acqua e uscita dall acqua in sicurezza Gli allievi sanno entrare e uscire autonomamente dalla vasca. Level 1 1 Autonomia: entrata in acqua e uscita dall acqua in sicurezza Gli allievi sanno entrare e uscire autonomamente dalla vasca. 2 Respirazione e orientamento: espirazione visibile sott acqua per tre

Dettagli

Ed ecco come funziona

Ed ecco come funziona Ed ecco come funziona scuola in movimento è un programma nazionale dell Ufficio federale dello sport che promuove e sostiene il movimento quotidiano a scuola. Le scuole e le classi partecipanti si impegnano

Dettagli

ABBIAMO TESTATO il BENELLI RAFFAELLO POWER BORE

ABBIAMO TESTATO il BENELLI RAFFAELLO POWER BORE F uci li ABBIAMO TESTATO il BENELLI RAFFAELLO POWER BORE Sono giunte in redazione diversi messaggi che ci chiedevano pareri su azione e prestazioni del nuovo Raffaello. Un Test dal vivo, è ovvio, fa toccare

Dettagli

GROTTA BORTOLOMIOL SCHEDA D ARMO. a cura di Federico Battaglin www.febat.com. Grotta Bortolomiol. Località: Borri. Valdobbiadene (Tv)

GROTTA BORTOLOMIOL SCHEDA D ARMO. a cura di Federico Battaglin www.febat.com. Grotta Bortolomiol. Località: Borri. Valdobbiadene (Tv) 1 GROTTA BORTOLOMIOL SCHEDA D ARMO a cura di Federico Battaglin www.febat.com La Grotta Bortolomiol è la maggiore verticale della zona montuosa la cui elevazione massima è Monte Cesen, proprio sopra al

Dettagli

La cavalletta in cerca di colazione

La cavalletta in cerca di colazione Questo è il titolo del racconto che poi leggerai La cavalletta in cerca di colazione Leggendo questo titolo, puoi aspettarti che il racconto parli quasi sicuramente di alcune cose. Indica quali. Ricorda

Dettagli

Di: Francesco Zanardi

Di: Francesco Zanardi Il poligono e la strada. Di: Francesco Zanardi Scena 1: un giorno del 2002. Incontro un collega nel piazzale della Questura (uno di quelli che non porta mai il colpo camerato) e mi dice: Sai quell esercizio

Dettagli

Le principali tappe dello sviluppo tra i 6 mesi e i 6 anni

Le principali tappe dello sviluppo tra i 6 mesi e i 6 anni Le principali tappe dello sviluppo tra i 6 mesi e i 6 anni I bambini si sviluppano con un ritmo individuale, per questo è impossibile dire esattamente quando acquisiranno una data capacità. Le tappe dello

Dettagli

R E G I O N E C A L A B R I A

R E G I O N E C A L A B R I A R E G I O N E C A L A B R I A ASSESSORATO AGRICOLTURA FORESTE FORESTAZIONE IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE VISTA la L.R. n 9/96; VISTA la L.R. n 1 del 11/01/2006 che all art. 12 comma 1 modifica la

Dettagli

Disciplinare per violazioni in materia di caccia

Disciplinare per violazioni in materia di caccia Disciplinare per violazioni in materia di caccia approvato dalla Commissione Consultiva per l esame dei processi verbali e la determinazione delle sanzioni amministrative e disciplinari in materia di caccia

Dettagli

(Tutte le foto di questa presentazione, se non diversamente indicato, fanno parte dell'archivio LAC)

(Tutte le foto di questa presentazione, se non diversamente indicato, fanno parte dell'archivio LAC) (Tutte le foto di questa presentazione, se non diversamente indicato, fanno parte dell'archivio LAC) PASSERIFORMI Le rondini sono simili ai rondoni per convergenza evolutiva, fanno cioè la stessa vita

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL CINGHIALE NELLA REGIONE PIEMONTE

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL CINGHIALE NELLA REGIONE PIEMONTE Allegato A LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL CINGHIALE NELLA REGIONE PIEMONTE 1. METODI DI PRELIEVO E SUDDIVISIONE TERRITORIALE 1. La gestione faunistico-venatoria del cinghiale negli A.T.C., nei C.A., nelle

Dettagli

REGIONE EMILIA ROMAGNA PROVINCIA DI PIACENZA

REGIONE EMILIA ROMAGNA PROVINCIA DI PIACENZA REGIONE EMILIA ROMAGNA PROVINCIA DI PIACENZA REGOLAMENTO INTERNO DELL A.T.C. PC/2 Il Consiglio Direttivo dell ATC PC/2 nella seduta del 11/11/2008 vista la lettera R dell art. 6 punto 13 dello Statuto

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

c) La cinghia ed il calcio. a) Sempre. c) Mai.

c) La cinghia ed il calcio. a) Sempre. c) Mai. 451) Quali sono le parti essenziali di un fucile basculante? a) La canna, la bascula e il calcio. b) Il mirino ed il guardavano o sottomano. c) La cinghia ed il calcio. 452) Quando è consentito andare

Dettagli

SCHEDA n 3. Come possiamo utilizzare tutte le date e le informazioni del nostro albero genealogico?

SCHEDA n 3. Come possiamo utilizzare tutte le date e le informazioni del nostro albero genealogico? SCHEDA n 3 3) Costruzione di un grafico temporale individuale con le quattro generazioni a confronto. Come possiamo utilizzare tutte le date e le informazioni del nostro albero genealogico? Possiamo costruire

Dettagli

LISTINO PREZZI DELLA SELVAGGINA CACCIATA E DEI SERVIZI DELLA CACCIA

LISTINO PREZZI DELLA SELVAGGINA CACCIATA E DEI SERVIZI DELLA CACCIA LISTINO PREZZI DELLA SELVAGGINA CACCIATA E DEI SERVIZI DELLA CACCIA NELLE RISERVE APPARTENENTI ALL' AZIENDA PUBBLICA "VOJVODINAŠUME PER LA STAGIONE VENATORIA 2012/2013 QUESTO LISTINO E VALIDO A PARTIRE

Dettagli

Un'Esperienza leggendaria

Un'Esperienza leggendaria Un'Esperienza leggendaria In inverno In estate Rifugio Nambino Una struttura ricettiva raffinata e confortevole sulle rive del Lago Nambino, nel cuore del Parco Naturale dell Adamello Brenta. Vi basterà

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE RUGGERI, POLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE RUGGERI, POLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5355 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI RUGGERI, POLI Modifica degli articoli 2 e 3 della legge 25 marzo 1986, n. 85, in materia

Dettagli

Manuel Loi ----------------------------------------------------- Lorenzo Di Stano

Manuel Loi ----------------------------------------------------- Lorenzo Di Stano Manuel Loi Vedo un campo di spiche di grano tutto giallo, con un albero di pere a destra del campo, si vedeva un orizzonte molto nitido, e sotto la mezza parte del sole all'orizonte c'era una collina verde

Dettagli

Provincia di Ancona. DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO nell esercizio dei poteri della Giunta provinciale. n. 143 del 05/06/2014

Provincia di Ancona. DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO nell esercizio dei poteri della Giunta provinciale. n. 143 del 05/06/2014 Provincia di Ancona DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO nell esercizio dei poteri della Giunta provinciale n. 143 del 05/06/2014 Oggetto: GESTIONE UNGULATI, SPECIE CINGHIALE - APPROVAZIONE PIANI

Dettagli

Regola 1 Il Terreno 30

Regola 1 Il Terreno 30 30 Regola 1 Il Terreno Campo di gioco Area di gioco Recinto di gioco Area perimetrale Area di meta I 22 REGOLAMENTO DI GIOCO 2015 31 Regola 1 Il Terreno DEFINIZIONI Il Terreno è la superficie totale di

Dettagli

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato

L attimo fuggente. Charlot soldato. Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato L attimo fuggente Charlot soldato Due sequenze tratte da due film assai diversi e lontani nel tempo: Charlot soldato di Charlie Chaplin (1918) e L attimo fuggente di Peter

Dettagli

A.T.C. AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA FO5

A.T.C. AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA FO5 A.T.C. AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA FO5 Consiglio Direttivo (Legge Regionale n.8/94 art.31 e n. 6/00) Via Balzella, 41/D Forlì tel 0543-777289 fax 0543-750517 e-mail atcfc@libero.it Approvate dal Consiglio

Dettagli

CODICE REGIONALE N AATVNU19

CODICE REGIONALE N AATVNU19 AZIENDA VENATORIA AGRO-TURISTICO- ISALLE/ORRULE CODICE REGIONALE N AATVNU19 REGOLAMENTO ATTIVITA VENATORIA E LISTINO PREZZI ANNO 2011-2012 Art.1 Nell ambito dell Azienda Agro-Turistico-Venatoria Isalle/Orrule,

Dettagli

ALPENLÄNDISCHE DACHSBRACKE FCI Standard N 254 / 13.09.2000 ORIGINE: Austria

ALPENLÄNDISCHE DACHSBRACKE FCI Standard N 254 / 13.09.2000 ORIGINE: Austria ALPENLÄNDISCHE DACHSBRACKE FCI Standard N 254 / 13.09.2000 ORIGINE: Austria Commento di Luisa Salinas UTILIZZAZIONE: questo cane robusto e resistente alle intemperie viene utilizzato dal cacciatore in

Dettagli

ESORDIENTI. Programma Tecnico

ESORDIENTI. Programma Tecnico ESORDIENTI Programma Tecnico IO, LA PALLA, I MIEI COMPAGNI E GLI AVVERSARI SEDUTA DI ALLENAMENTO ESORDIENTI dal semplice al complesso GIOCHI A TEMA 20% GIOCHI COLLETTIVI 20% LA PARTITA (Gli obiettivi specifici)

Dettagli

La luce e le ombre. idrogeno + idrogeno = elio + energia

La luce e le ombre. idrogeno + idrogeno = elio + energia Laboratorio di scienze La luce e le ombre Questo laboratorio ti farà sperimentare che cosa è l energia radiante (quella dei raggi solari, la luce). Inoltre scoprirai come si possa anche giocare con i raggi

Dettagli

La lince: di nuovo in Trentino Presente in provincia dall inizio della primavera 2008 un esemplare proveniente dal territorio svizzero

La lince: di nuovo in Trentino Presente in provincia dall inizio della primavera 2008 un esemplare proveniente dal territorio svizzero 27 FRATELLO LUPO L interazione fra l uomo e gli animali selvatici La lince: di nuovo in Trentino Presente in provincia dall inizio della primavera 2008 un esemplare proveniente dal territorio svizzero

Dettagli

PROVINCIA DI AREZZO REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLE AREE PER LADDESTRAMENTO, LALLENAMENTO E LE GARE DEI CANI

PROVINCIA DI AREZZO REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLE AREE PER LADDESTRAMENTO, LALLENAMENTO E LE GARE DEI CANI PROVINCIA DI AREZZO REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLE AREE PER LADDESTRAMENTO, LALLENAMENTO E LE GARE DEI CANI Approvato con delibera C.P. n. 122 del 13/10/2005 Art. 1 FINALITA 1) Le aree di cui al presente

Dettagli

SPECIALITÀ PERCORSO DI CACCIA IN PEDANA

SPECIALITÀ PERCORSO DI CACCIA IN PEDANA Parte seconda SPECIALITÀ PERCORSO DI CACCIA IN PEDANA (COMPAK SPORTING) Disciplina di recente regolamentazione ispirata nelle traiettorie di tiro della disciplina Sporting, praticabile su campi di Trap,

Dettagli

Altopiano del Cansiglio CLASSI QUARTE

Altopiano del Cansiglio CLASSI QUARTE Altopiano del Cansiglio CLASSI QUARTE L'Altopiano del Cansiglio si è formato dalla spinta del continente afri-cano verso quello europeo formando delle pieghe come la montagna dell Alpago, che si vede sullo

Dettagli

RELAZIONE AL BILANCIO PREVENTIVO 2014 1. INTRODUZIONE

RELAZIONE AL BILANCIO PREVENTIVO 2014 1. INTRODUZIONE RELAZIONE AL BILANCIO PREVENTIVO 2014 1. INTRODUZIONE Il bilancio di previsione, che dovrebbe rappresentare il principale strumento di programmazione dell Ambito, risulta essere un semplice prospetto di

Dettagli

Test sul campo La torretta Zeiss Asv+

Test sul campo La torretta Zeiss Asv+ Test sul campo La torretta Zeiss Asv+ La torrett a E cosa c è di meglio che provarla da zero fino a 540 metri con il cannocchiale Victory 4-1x56? A Ulfborg, in Danimarca, nel poligono che è una sorta di

Dettagli

CACCIA ALLA SPECIE VOLPE (Vulpes vulpes)

CACCIA ALLA SPECIE VOLPE (Vulpes vulpes) dal 02/01/2016 al 31/01/2016 1 CACCIA ALLA SPECIE VOLPE (Vulpes vulpes) Premesso che : 1. La caccia alla Volpe è consentita dal 20 di Settembre 2015 al 30 Dicembre 2015, così come stabilito dal Calendario

Dettagli

A chi deve essere inoltrata la domanda per sostenere gli esami di caccia? Alla provincia. Alla questura. Alle associazioni venatorie.

A chi deve essere inoltrata la domanda per sostenere gli esami di caccia? Alla provincia. Alla questura. Alle associazioni venatorie. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 A chi deve essere inoltrata la domanda per sostenere gli esami di caccia? Alla provincia. Alla questura. Alle associazioni venatorie. In caso di revoca della licenza di caccia cosa

Dettagli

Il Tchoukball: una breve presentazione

Il Tchoukball: una breve presentazione FEDERAZIONE TCHOUKBALL ITALIA Via Varese, 172 21047 Saronno (Varese) Tel. 0238595552 Fax 029625552 Email tchoukballitalia@yahoo.it www.tchoukball.it Il Tchoukball: una breve presentazione www.tchoukball.it

Dettagli

Palla a muro con una mano sola su un piede solo girando le spalle al muro

Palla a muro con una mano sola su un piede solo girando le spalle al muro Palla a muro Il gioco è molto semplice e consiste nel tirare una palla contro un muro per poi riprenderla senza farla cadere. Le regole che governano il gioco sono dettate dalle stesse filastrocche che

Dettagli

Provincia di Sondrio

Provincia di Sondrio Regolamento per il controllo della fauna selvatica e inselvatichita, delle forme domestiche di specie selvatiche e delle forme inselvatichite di specie domestiche Approvato con deliberazione di consiglio

Dettagli

ITINERARIO 6. LE MARINE DI GAGLIANO DEL CAPO Baia del Ciolo, Marina di Novaglie

ITINERARIO 6. LE MARINE DI GAGLIANO DEL CAPO Baia del Ciolo, Marina di Novaglie ITINERARIO 6 LE MARINE DI GAGLIANO DEL CAPO Baia del Ciolo, Marina di Novaglie LA BAIA DEL CIOLO La Baia del Ciolo è un piccolo fiordo molto frequentato durante il periodo estivo. Affacciandosi dall alto

Dettagli

L a b c dell addestramento del cane da ferma e da cerca

L a b c dell addestramento del cane da ferma e da cerca L a b c dell addestramento del cane da ferma e da cerca Luca Gamba L A B C DELL ADDESTRAMENTO DEL CANE DA FERMA E DA CERCA riflessioni e ricordi di un addestratore www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8

sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8 sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8 SCHEDE di valutazione 22 Classe prima 22 Classe seconda 25 Classe terza 28 Prove di abilità motorie e sportive

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E IL COORDINAMENTO DEL SERVIZIO PROVINCIALE DI RECUPERO DEGLI UNGULATI FERITI IN PROVINCIA DI VARESE

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E IL COORDINAMENTO DEL SERVIZIO PROVINCIALE DI RECUPERO DEGLI UNGULATI FERITI IN PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E IL COORDINAMENTO DEL SERVIZIO PROVINCIALE DI RECUPERO DEGLI UNGULATI FERITI IN PROVINCIA DI VARESE APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO PROVINCIALE N. 27 DEL 23/06/2009

Dettagli

OFFBALL. Linea Dodge Line Dodge UN NUOVO GIOCO DI SQUADRA

OFFBALL. Linea Dodge Line Dodge UN NUOVO GIOCO DI SQUADRA OFFBALL UN NUOVO GIOCO DI SQUADRA Il 16 Febbraio 2013 è stata fondata la Federazione Offball al fine di divulgare questo nuovo sport di squadra nato dalla collaborazione di Nelly Vasta e Giuseppe Raiti.

Dettagli

Regolamento per la gestione ed il prelievo venatorio degli ungulati nella Provincia di Firenze.

Regolamento per la gestione ed il prelievo venatorio degli ungulati nella Provincia di Firenze. Regolamento per la gestione ed il prelievo venatorio degli ungulati nella Provincia di Firenze. TITOLO I - Principi generali Art. 1 Finalità Art. 2 Vocazione del territorio Art. 3 Unità di gestione Art.

Dettagli

novità Arrivano le ,!7HB1C2-gfgaaa!:r;k;k;K;P ARMI e TIRO 5 2007 pagine www.armietiro.it Lo Slug calibro 20

novità Arrivano le ,!7HB1C2-gfgaaa!:r;k;k;K;P ARMI e TIRO 5 2007 pagine www.armietiro.it Lo Slug calibro 20 www.armietiro.it MAGGIO 2007 - n.5 - Mensile - ANNO 20-5,00 in Italia www.armietiro.it DIMENSIONE Lo Slug calibro 20 288 pagine Arrivano le novità LE NOSTRE PROVE Benelli Raffaello Slug calibro 20 Breda

Dettagli

Il lavoro al Videoterminale (VDT)

Il lavoro al Videoterminale (VDT) Servizio Prevenzione e Protezione Viale Innovazione, 2-Edificio U11-20126 Milano tel.02-64486190-fax 02-64486191 Il lavoro al Videoterminale (VDT) Effetti sulla salute e prevenzione I videoterminali Negli

Dettagli

FAMIGLIA, A CHE GIOCO GIOCHIAMO?

FAMIGLIA, A CHE GIOCO GIOCHIAMO? NON NASCONDERTI DAL GIOCO, NASCONDITI PER GIOCO! FAMIGLIA, A CHE GIOCO GIOCHIAMO? UNA GUIDA PER NON NASCONDERSI DAL GIOCO Sussidio realizzato nell ambito della campagna di comunicazione non nasconderti

Dettagli

Gennaio 2014. Viaggio in Africa

Gennaio 2014. Viaggio in Africa Gennaio 2014 Viaggio in Africa Nella religione Tambor de Mina le tradizioni afro e indio convivono col cattolicesimo Nascono tre nuovi gruppi di giovani. E la casa in cui viviamo è invasa dai bambini Quella

Dettagli