ARMI BASCULANTI E SEMIAUTOMATICHE MARZO 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ARMI BASCULANTI E SEMIAUTOMATICHE MARZO 2011"

Transcript

1 ARMI BASCULANTI E SEMIAUTOMATICHE MARZO 2011 CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 1 23/03/2011

2 INTRODUZIONE Il Corso Tecnica Costruttiva delle armi sportive si propone di far conoscere, approfondire e/o aggiornare le nozioni tecniche necessarie per lo studio, progettazione, realizzazione, fabbricazione e riparazione delle varie tipologie di arma sportiva presenti sul mercato. Vi trasferirò quindi le esperienze maturate in 40 anni di lavoro nell affascinante mondo delle armi sportive. Vi spiegherò, spero in modo interessante, i vari aspetti della costruzione di un arma, aspetti che sono stati riassunti in nozioni semplici ed essenziali. Il futuro della tradizione armiera italiana, della qualità e professionalità italiane non può prescindere da approfondite conoscenze tecniche. Esse sono essenziali per innovare i nostri prodotti, migliorare gli aspetti tecnici ed aumentare il divario tra la nostra produzione e quella dei paesi emergenti. In ogni modulo saranno trattati sia gli aspetti teorici che pratici. Gli aspetti teorici si avvalgono dell esperienza maturata negli anni e tramandata dalle generazioni passate, non sono pertanto avulsi dalla realtà costruttiva dell arma stessa. Gli aspetti pratici non saranno indirizzati ad un puro contenuto manuale ma dovranno fondarsi su solide basi tecniche e teoriche. Durante le lezioni sarà fondamentale il vostro apporto, con domande ed interventi, al fine di rendere il corso vivo a tutto vantaggio di un fruttuoso approfondimento. Pietro Torosani CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 2 23/03/2011

3 INDICE SUDDIVISIONE DEI VARI TIPI DI ARMA IL FENOMENO ESPLOSIVO LA BALISTICA DELLE ARMI DA CACCIA IL FUCILE E LE SUE COMPONENTI TIPI DI FUCILE AD ANIMA LISCIA IL FUCILE A CANNE AD ANIMA LISCIA FUCILI BASCULANTI DOPPIETTA IL SOVRAPPOSTO IL FUCILE SEMIAUTOMATICO IL FUCILE A RIPETIZIONE SEMPLICE (A POMPA) CENNI DI TECNICHE DI STUDIO E COSTRUTTIVE CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 3 23/03/2011

4 CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 4 23/03/2011

5 CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 5 23/03/2011

6 IL FENOMENO ESPLOSIVO Viene definito esplosivo qualunque sistema formato da una o più sostanze capaci di una rapida trasformazione chimica, accompagnata da ingente sviluppo di gas e di vapori. Questa trasformazione produce calore, luce, onde sonore, effetti meccanici. La forza esplosiva dei gas si traduce in un lavoro meccanico. Ci occuperemo del fenomeno esplosivo come processo fisico-chimico di ossidoriduzione di sostanze solide. L esplosione è una combustione velocissima, ossia una reazione chimica molto rapida. In senso stretto è un ossidazione del carbonio, o di altri combustibili quale l idrogeno, ad opera di un comburente, cioè dell ossigeno. Carbonio, idrogeno, ossigeno e azoto, sono abituali componenti di una sostanza esplosiva. Lo sparo di una cartuccia prevede sia la detonazione dell innesco che la deflagrazione della polvere formante la carica di lancio. Dinamica di una detonazione, che avanza da D verso A. Zona A: esplosivo non ancora interessato. Zona B: onda d urto. Zona C: reazione chimica. Zona D: prodotti di detonazione. CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 6 23/03/2011

7 LA BALISTICA DELLE ARMI DA CACCIA LO SPARO Esaminiamo i meccanismi e le fasi che permettono la fuoriuscita del proiettile dall arma fino a raggiungere il bersaglio. Iniziamo con il fenomeno dello sparo, primo anello della catena. Allorché si preme il grilletto questo libera il cane il quale, spinto in avanti da una molla, colpisce con notevole velocità la testa del percussore. Questo finisce a punta smussata, perciò detto a spillo, cosicchè, sotto la percussione, colpisce a sua volta la superficie della capsula o innesco posta sul fondello della cartuccia incamerata, determinandone l accensione per violenta compressione. L accensione, che si presenta come una fiammata veloce, intensa e di elevata temperatura, provoca, fuoriuscendo dai forellini dell innesco, un altra accensione e cioè quella iniziale dello strato di polvere da sparo con sui si trova a diretto contatto. In pochissimi e brevissimi istanti si accende tutta la carica di polvere contenuta nella cartuccia. Man mano che la carica brucia, aumentano proporzionalmente il volume dei gas, la velocità degli stessi e quella di emissione, con il conseguente aumento della pressione all interno della canna. L accelerazione della carica, cioè il passaggio graduale dallo stato di quiete a quello di massima velocità, è direttamente proporzionale alla pressione, escludendo il valore degli attriti, determinati dalla resistenza che gli elementi della carica incontrano venendo a contatto con le pareti della canna. Il punto di massima pressione è nel tratto di canna prossimo alla camera di scoppio. Ciò è dovuto anche al fatto che una parte di polvere di lancio continua a bruciare e,quindi, a produrre gas, mentre la carica sta lasciando il bossolo. L uscita della carica dalla bocca del fucile provoca il fenomeno della deflagrazione la quale altro non è che il risultato dell onda sonora causata dall espandersi violento ed istantaneo dei gas nell aria una volta fuori della volata. IL RINCULO Tutti i fenomeni descritti nel paragrafo si trasmettono all esterno dell arma, così come abbiano visto per la formazione della detonazione. Analogamente questo avviene nella canna al momento dello sparo e specialmente sul fondo o culatta del fucile, e da luogo al rinculo. Per una legge fisica che enuncia che ad ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria, la forza propulsiva che trae origine dalla pressione sviluppatasi a seguito CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 7 23/03/2011

8 dell aumento del volume dei gas per la combustione della polvere, agisce contemporaneamente in tutte le direzioni e maggiormente sul fondello della cartuccia e, quindi, sulla culatta e su tutta l arma. Ciò determina un movimento all indietro del fucile che è detto rinculo. Da ciò deriva che gli effetti del rinculo sono dipendenti dal peso dell arma, dal peso dei pallini o del proiettile, dalla cartuccia della polvere e dal calibro. Al rinculo meccanico ora descritto è legata la sensazione di rinculo che dipende, oltre che dalla velocità e dall energia del primo anche a fattori soggettivi del tiratore derivanti dalla sua struttura fisica e dal suo sistema nervoso, nonché dal tipo di morfologia del fucile. La sensazione di rinculo è avvertita maggiormente nel fucile basculante che nell automatico perché il secondo sfrutta proprio l energia del rinculo, in maggior parte, per la messa in moto di tutti quegli automatismi di espulsione ed inserimento della cartuccia. Altro fenomeno scatenato dalla pressione e connesso con il rinculo è il rilevamento, che è il movimento verso l alto del fucile ed il cui valore massimo è alla bocca della canna. L impennata è dovuta al fatto che l asse della canna viene a trovarsi in posizione più elevata rispetto all appoggio del calcio del fucile alla spalla del tiratore e, quindi, agisce secondo il principio della leva. CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 8 23/03/2011

9 IL FUCILE E LE SUE COMPONENTI La legge prevede come mezzi di caccia il FUCILE AD ANIMA LISCIA e di CALIBRO NON SUPERIORE AL 12 (La legge ammette anche come mezzi di caccia l uso dell arco e del falco che però risultano vietati in alcune province). Arma da sparo Sono armi da sparo quelle che espellono uno o più proiettili come conseguenza del fenomeno di sparo, mentre le armi da punta o da taglio sono quelle che portano offesa perché appuntite, o a lama tagliente ed entrambe le soluzioni. Nota: il cacciatore è autorizzato a portare con se strumenti da punta o da taglio atti alle proprie esigenze venatorie. La legge distingue le armi da sparo in tre categorie principali: - Armi da guerra (per potenza di fuoco sono adottate dagli eserciti o polizia di cui è vietata la vendita oltre che il porto o la detenzione. - Armi tipo guerra (armi che possono utilizzare munizioni da guerra e di cui sono vietate la vendita, il porto e la detenzione) - Armi comuni (che sono tutte le altre e sono elencate dall art.2) si dividono in armi da caccia, armi sportive, armi comuni in senso stretto, armi a ridotta capacità offensiva. In particolare le armi da caccia sono oggetto della nostra trattazione e si dividono in: TIPI DI FUCILE AD ANIMA LISCIA A FUCILI AD UNA CANNA BASCULANTE (monocanna) B FUCILI A DUE CANNE BASCULANTI SOVRAPPOSTE (sovrapposto) C FUCILI A DUE CANNE BASCULANTI GIUSTAPPOSTE (doppietta) D FUCILI AD UNA CANNA SEMIAUTOMATICI (automatico) E FUCILI A RIPETIZIONE SEMPLICE CON SISTEMA DI RICARICAMENTO MANUALE (pompa) TIPI DI FUCILE A CANNA RIGATA 1 - CARABINE A RIPETIZIONE SEMPLICE (denominate ad otturatore o bolt action) 2 - CARABINE A RIPETIZIONE SEMIAUTOMATICA 3 - FUCILE AD UNA CANNA BASCULANTE CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 9 23/03/2011

10 TIPI DI FUCILE A CANNE MISTE A - FUCILI COMBINATI (una canna ad anima liscia e ad una rigata sottoposta alla prima) B - FUCILI DRILLING (doppiette con una terza canna rigata posta sotto e al centro di quelle affiancate) ELEMENTI CHE CONTRADDISTINGUONO LE ARMI A) LA MARCA rappresentata dal nome del fabbricante e dal suo marchio B) LA MATRICOLA C) IL NUMERO DI CATALOGO (ove previsto) D) IL CALIBRIO per fucili a canna liscia indica il numero di palle sferiche uguale al diametro dell anima della canna, realizzate in piombo e contenute in una libra. Elenco calibri ad anima liscia e corrispondenza in mm: CAL 12 = mm 18,5 CAL 16 = mm 16,8 CAL 20 = mm 15,6 CAL 24 = mm 14,7 CAL 28 = mm 14 CAL 32 = mm 12,75 CAL 36 = mm 10,4 questo calibro può anche essere denominato.410 Come si vede man mano che il calibro cresce, la misura del diametro interno della canna diminuisce. Ciò spiega perché il CAL 12 sia più grosso del CAL 20 che a sua volta è più grosso del CAL 24 e così via. I calibri 4 8 e 10 che pure esistono non sono però ammessi dalla legge sulla caccia. I calibri maggiormente diffusi sono il 12 e il 20 perché rispondono più degli altri alle effettive esigenze venatorie. I calibri piccoli sono utilizzati nelle cacce d appostamento alla piccola migratoria e per lo più per tiri da fermo (con selvaggina posata). IL CALIBRO per il fucile a canna rigata è una misura esatta ed è quella del diametro interno di foratura della canna espressa in millimetri e frazioni oppure in centesimi di pollice. Quindi un fucile calibro 7,65 ha un diametro interno della canna di 7 millimetri e 65 centesimi. CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 10 23/03/2011

11 Una carabina calibro 22 avrà invece un diametro interno della canna pari a 0,22 pollici. Esistono delle eccezioni nelle quali il calibro è determinato dal diametro della profondità della rigatura. Esempio: cal. 9 che come diametro di foratura da 8,82 mentre il diametro di profondità della rigatura è di 9,02 CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 11 23/03/2011

12 IL FUCILE A CANNE AD ANIMA LISCIA IL FUCILE MONOCANNA BASCULANTE I fucili a canna basculante hanno tale denominazione dal movimento di rotazione che compiono le canne in apertura e in chiusura dell arma. LA BASCULA è un massello di acciaio (o lega leggera) che contiene il perno di rotazione delle canne, i tenoni che alloggiano i ganci di acciaio posti sotto le canne tenendole ancorate alla bascula, il tassello di chiusura, i meccanismi di scatto (denominati Batterie) e al suo apice la chiave o manetta di apertura dell arma. La chiave di apertura specie in alcuni modelli monocanna può essere applicata nella parte inferiore della bascula. L ESTRATTORE è l elemento applicato alla canna e consente l arretramento della cartuccia della camera di scoppio di quel tanto che permette alle dita di estrarre il bossolo. LA SICURA è generalmente posta sul prolungamento della bascula nella parte superiore oppure da un pulsante posto sul ponticello con azione diretta sul grilletto per impedirne lo sparo. CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 12 23/03/2011

13 LA DOPPIETTA Fucile basculante a due canne giustapposte dove le due canne sono poste in parallelo sul piano orizzontale. Quest arma si identifica a Cani interni tipo Anson-Deeley a Cani interni tipo Holland-Holland e a Cani esterni, questi ultimi s imperniano all esterno della bascula e battono sui percussori. La posizione dei cani esterni fa sì che possono essere armati e disarmati in ogni momento. I cani disarmati determinano LA SICURA dell arma. PER DISARMARE i cani bisogna con l indice della mano destra premere il grilletto tenendo il pollice sulla leva del cane così da accompagnarlo nella sua ricaduta verso il percussore, dolcemente, onde impedire lo scatto con conseguente sparo. La giunzione delle canne della doppietta può essere eseguita con vari metodi, che sono: 1. canne saldate all ottone in culatta, con ramponi incastrati a coda di rondine; 2. canne saldate all ottone in culatta, piani in un solo pezzo con i ramponi e saldati all ottone alle canne; 3. canne saldate a stagno entro i fori del monobloc di culatta; 4. canne a demibloc integrale, ciascuna delle quali reca semi-ramponi ricavati dalla stessa barra, appaiati con incastro a coda di rondine e saldati, o solo appaiati e saldati. Di questi metodi il più antico è il primo, il più ricercato il quarto, il più pratico il terzo. Se gli assi delle canne della doppietta fossero paralleli, la canna destra colpirebbe a destra in basso, la sinistra a sinistra in basso. Questo perché le canne, non essendo coassiali alla calciatura ed alle chiusure, allo sparo generano coppie di forze di rotazione che spostano la direzione del tiro. Le canne vengono perciò saldate tra loro in posizione convergente. Le rosate delle due canne si sovrappongono a circa m 40 di distanza di tiro. La bindella superiore è più alta in culatta e più bassa in volata, formando con l asse delle canne un angolo d alzo di circa 28, per correggere un abbassamento di rosata di circa cm 32 a m 40 di distanza. La bascula è un blocco di acciaio temperato, o di ferro omogeneo cementato, sul quale sono incernierate le canne. La bascula racchiude i meccanismi di percussione e di scatto, o fa loro da supporto. La forma della bascula è una L dal piede molto lungo, in cui la tavola e la faccia di bascula formano tra di loro un angolo retto. CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 13 23/03/2011

14 Le canne poggiano sul piano della tavola di bascula, suddiviso in due semipiani da un incavo centrale, che forma la sede dei ramponi delle canne. Il vivo di culatta delle canne in chiusura dell arma poggia sulla faccia di bascula, dalla quale fuoriescono i percussori delle batterie. La chiusura è costituita dagli organi meccanici che assicurano la giunzione delle canne di bascula. Tra questi possiamo distinguere la cerniera, che insieme a ramponi consente la rotazione delle canne, le superfici di tenuta che impediscono la separazione tra bascula e canne, la chiusura propriamente detta che si oppone alla rotazione delle canne. Entro la tavola di bascula, comandato da una chiave di apertura, agisce un duplice chiavistello che impegna i ramponi. Questa chiusura è la duplice Purdey, alla quale si possono aggiungere altre chiusure sussidiarie. Gli acciarini possono essere a cani interno o esterni. Quelli a cani interni sono chiamati tipo Anson se il meccanisco è collocato entro la bascula, tipo Holland se invece è imperniato su cartelle laterali. Esistono altri tipi di acciarini, come i Purdey o i Westley Richards, ottimi ma poco impiegati. Gli acciarini Anson prendono nome batterie, sono i più semplici ed i meno costosi, mentre gli Holland sono montati solo nelle armi più fini. CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 14 23/03/2011

15 CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 15 23/03/2011

16 CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 16 23/03/2011

17 CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 17 23/03/2011

18 CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 18 23/03/2011

19 CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 19 23/03/2011

20 IL SOVRAPPOSTO Quest arma a differenza delle doppiette presenta le due canne una sopra l altra. Caratteristica di questo fucile basculante è il minore impennamento e scarto laterale conseguente allo sparo per cui l assetto del rinculo è molto più composto; ne consegue che la ripetizione del secondo colpo avviene senza eccessivi aggiustamenti della posizione del tiratore rispetto al bersaglio e alla linea di mira. Ulteriore vantaggio del sovrapposto rispetto alla doppietta è rappresentato dalla forma della basculla per via delle due canne poste una sopra l altra; infatti, questa è particolarmente robusta per la sua forma a U che tende a opporsi alle flessioni dei tubi. Il sovrapposto moderno fu realizzato agli inizi del secolo. Per il tipo di chiusura si vennero a costituire due scuole: quella tedesca, che intraprese la produzione di sovrapposti ad asse trasversale e ramponatura sottostante alle canne, e quella inglese, che seguì la soluzione della cerniera su semiperni laterali, con chiusura su ramponi laterali alle canne. La produzione belga si divise in due tronconi, per cui in parte adottò la ramponatura sottostante alle canne, in parte la ramponatura laterale. Anche in Italia i fabbricanti seguirono entrambe le soluzioni, spesso con meccanica originale, ma senza un orientamento uniforme. La sola Beretta seguì con intelligenza una propria strada. La bascula del sovrapposto è un blocco in acciaio temperato con sezione a forma di U, per abbracciare le due canne disposte in posizione verticale. CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 20 23/03/2011

21 La forma della bascula varia molto in rapporto al diverso tipo di chiusura. Nei sovrapposti con ramponatura laterale tipo Boss, o nei Beretta con tenuta ad incastro sulle spalle di bascula, la forma della bascula è più bassa ed elegante rispetto a quella dei sovrapposti con chiusura a catenaccio su ramponi posti sotto le canne. Nella costruzione dei sovrapposti sempre con maggiore frequenza si fa ricorso a batterie corte, azionate da molle a spirale e montate sul ponticello. Solo i tipi più fini adottano acciarini tipo Holland montati su piastre laterali. I sovrapposti da tiro impiegano un monogrilletto semplice, mentre quelli da caccia usano quello selettivo o i due grilletti. Soltanto i sovrapposti più economici impiegano estrattori non automatici. La giunzione delle canne del sovrapposto può essere ottenuta col metodo demibloc, ma si va affermando il monobloc di culatta anche in armi fini. L accoppiamento demibloc nel sovrapposto si ottiene saldando a forte i due tubi, dei quali l inferiore forma pezzo unico coi ramponi. Nell accoppiamento i tubi del sovrapposto vengono montati con una convergenza inferiore (rispetto alla doppietta) e solo verticale, perché le canne non tendono a divergere lateralmente il tiro, avendo chiusure simmetriche. Le canne di alcuni sovrapposti mancano dei bindellini laterali, per un migliore raffreddamento dei tubi ed un alleggerimento delle canne. I sovrapposti che hanno canne saldate soli in culatta ed in volata, ma sono privi di bindelle laterali, per effetto del maggiore riscaldamento e allungamento della canna inferiore, che spara di più, possono creare problemi di sovrapposizione di rosate. L allungamento indipendente dei tubi può essere ottenuto congiungendoli in prossimità della volata con un anello scorrevole. La convergenza verticale delle canne del sovrapposto ha un valore inferiore rispetto alla convergenza orizzontale delle doppiette. Anche l angolo di alzo, formato dalla bindella alta in culatta e bassa in volata, nel sovrapposto è inferiore a quello delle doppiette. Le due canne sovrapposte si sorreggono a vicenda, perciò non effettuano flessioni verso il basso. Inoltre l alzo del sovrapposto deve considerare l entità del rilevamento, ossia dello spostamento verso l alto del tiro per efetto dell impennamento delle canne. La convergenza delle canne non è simmetrica, perché la canna superiore risulta dritta ed in asse con il bersaglio, mentre l inferiore converge verso l alto quel tanto che basta per compensare l abbassamento dello sciame dei pallini a circa 40 metri di distanza, per effetto della gravità. La canna inferiore dei sovrapposti non regolati a dovere tende a spostare il tiro in basso, mentre la superiore sposta il tiro in alto. CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 21 23/03/2011

22 IL FUCILE BASCULANTE Descrizione meccanismi e sincronizzazione: 1. RAMPONATURA accoppiamento tra canna e bascula, perni di rotazione, giro di compasso 2. CHIUSURA a tassello o passante o tasselli lateriali 3. ARMAMENTO apertura canne e messa in movimento della catena cinematica 4. EJEZIONE meccanica o automatica 5. SICUREZZA sicura manuale ed eventualmente sicura automatica 6. AGGANCIO ASTA alle canne e regolazioni. CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 22 23/03/2011

23 CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 23 23/03/2011

24 CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 24 23/03/2011

25 CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 25 23/03/2011

26 CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 26 23/03/2011

27 IL FUCILE A RIPETIZIONE SEMIAUTOMATICA Esaminiamo ora il fucile a ripetizione semiautomatica con l avvertenza che, esclusivamente per brevità, lo chiameremo automatico pur se tale dizione è assolutamente inesatta. Ma, per prima cosa, dobbiamo fare un cenno alla ripetizione. La ripetizione di un arma, sia essa con canne ad anima liscia che con anima rigata, è il sistema di caricamento dell arma stessa. Essa può essere di tre tipi: semplice o manuale, quando il munizionamento è inserito singolarmente e manualmente nella camera di scoppio, cos come manuali sono tutte le successive operazioni di estrazione e ricarica; semiautomatica, quando la prima cartuccia viene introdotta nella camera di scoppio manualmente, mentre l espulsione e l introduzione delle successive cartucce avvengono automaticamente senza l intervento manuale; serve premere ogni volta il grilletto per provocare lo sparo; automatica, quando tutte le operazioni di caricamento compresa la prima, e di espulsione dei colpi sono automatiche. Mantenendo il grilletto premuto si spara a raffica. Generalmente le armi automatiche sono predisposte per il tiro a raffica, successione in pochi decimi di secondo dello sparo dei proiettili, e costituiscono tutte armi da guerra. Alla luce di quanto detto, e come qui di seguito vedremo, il fucile da caccia che stiamo esaminando è a ripetizione semiautomatica. Questo fucile offre, rispetto agli altri, il vantaggio balistico legato al fatto di avere una sola canna, anche se svantaggiato dall avere un solo valore di strozzatura, della quale parleremo in seguito. Tuttavia, la possibilità di intercambiare le canne permette di avere sempre a portata di mano la canna più idonea, riferita al valore di strozzatura, al tipo di caccia senza dover disporre di una batteria di fucili. Ma pur non ricorrendo a diverse canne intercambiabili ma lasciando una sola canna esiste la possibilità di avvitare in volata degli strozzatori. Questi strozzatori offrono un rendimento molto simile ai valori di strozzatura fissa. Tre sono i sistemi principali di ripetizione negli automatici: il sistema a lungo rinculo, quello a sottrazione di gas e quello cinetico. Funzionamento del sistema a lungo rinculo. Al momento dello sparo per l azione dell energia di rinculo uguale e contraria al moto della carica, la canna e l otturatore ad essa bloccato, rinculano assieme per un tratto appena superiore alla lunghezza del bossolo privo di orlatura, comprimendo nel loro moto, ciascuno, una propria molla CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 27 23/03/2011

28 antagonista. Durante tale moto avvengono l estrazione e l espulsione del bossolo sparato. In un punto prestabilito, corrispondente al momento in cui il piombo lascia la volata, l otturato si sblocca dalla canna la quale, sotto la spinta della molla antagonista, ritorna nella sua posizione normale. Al termine della sua corsa retrograda in cui ha armato il cane, l otturatore viene trattenuto finché la canna, ritornando in posizione normale, e, cioè, in batteria, libera la nuova cartuccia dal serbatoio. La canna urta contro un apposita levetta e provoca l istantaneo sollevamento del cucchiaio elevatore e lo svincolo dell otturatore. Questo, non più trattenuto, viene spinto in avanti dalla propria molla antagonista, incontra la nuova cartuccia sollevata dall elevatore, e la spinge nella camera di scoppio bloccandosi in chiusura. Premendo il grilletto parte il nuovo colpo ed il ciclo si ripete fino all esaurimento delle cartucce contenute nel serbatoio. CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 28 23/03/2011

29 Funzionamento del sistema a sottrazione di gas. Nel sistema a sottrazione di gas la canna, a differenza dell altro sistema, pur se intercambiabile e,quindi,mobile, resta bloccata al castello dell arma durante tutto il ciclo di ripetizione. Ad una distanza, variabile a seconda dei modelli, dal vivo di culatta sono presenti due ugelli attraverso cui circa lo 0,60% dei gas si immettono in un cilindro solidale con la canna. La pressione dei gas agisce sulla testa di un pistone, alloggiato nel cilindro, che, scorrendo su di un supporto tubolare, colpisce con notevole inerzia un asta di comando vincolata ad un manicotto collegato con l otturatore che, così, retrocede. Durante la sua corsa all indietro, l otturatore estrae il bossolo vuoto che viene espulso allorché urta contro un dente o piolo detto espulsore. Contemporaneamente arma il cane e comprime, per mezzo di una biella, la molla antagonista dalla quale, al temine della corsa retrograda, viene spinto in avanti, spingendo, durante questo movimento, una nuova cartuccia nella camera di scoppio, bloccandosi in chiusura. Il sistema di uscita della nuova cartuccia dal serbatoio, la sua elevazione e lo svincolo dell otturatore avvengono nella stessa maniera descritta per il fucile a lungo rinculo. Il sistema a sottrazione di gas è spesso provvisto anche di una valvola che regola il volume dei gas in modo che la pressione nel cilindro sia sempre la stessa usando cartucce di diversa potenza. Ciò elimina qualsiasi necessità di regolazione preventiva e l esistenza di organi di frenaggio. CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 29 23/03/2011

30 La differenza tra i due sistemi è che nel secondo vi è assenza di scuotimenti e rumorosità meccaniche, un rinculo più dolce. In entrambi, quando l otturatore non è in perfetta posizione di chiusura, un accorgimento ne impedisce la percussione. Inoltre, la sicura è a pulsante, posta sul ponticello ed agisce sul grilletto. CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 30 23/03/2011

31 CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 31 23/03/2011

32 CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 32 23/03/2011

33 CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 33 23/03/2011

34 Funzionamento del sistema cinetico. A questa tipologia di funzionamento appartiene il fucile Benelli. Questo semiautomatico risulta avere la canna fissa e la spinta di alimentazione del gruppo di armamento, è attivata dall azione di una molla detta cinetica posta all interno dell otturatore. All atto dello sparo, per effetto del moto relativo e di senso contrario tra arma e tiratore, detta molla si comprime e successivamente espandendosi sprigiona la forza necessaria per il riarmo del meccanismo. Si tratta di un arma molto veloce che non richiede particolari manutenzioni. La sensazione di rinculo e la stabilità dell arma sono più critici rispetto ad un fucile a presa di gas il quale però necessita di una maggiore pulizia dei depositi carboniosi che si presentano nel cilindro-pistone. 5) IL FUCILE A RIPETIZIONE A POMPA Il fucile a ripetizione semplice a pompa è un arma che non è ancora diffusissimo in Italia, per cui accenneremo soltanto che la ripetizione si effettua manualmente agendo su di una impugnatura scorrevole posta sotto la canna e coassiale al tubo serbatoio. CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 34 23/03/2011

35 IL FUCILE SEMIAUTOMATICO Descrizione meccanismi e sincronizzazione: 1. CHIUSURA - a rampone oscillante HEAD-SPACE - a testina rotante HEAD-SPACE 2. MECCANISMO DI SPARO con sicura manuale e automatica anti-raffica 3. MECCANISMO DI ALIMENTAZIONE dal serbatoio alla camera di scoppio: - leva di chiusura serbatoio e di sgancio elevatore - elevatore 4. ESTRAZIONE ED ESPULSIONE CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 35 23/03/2011

36 CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 36 23/03/2011

37 CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 37 23/03/2011

38 CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 38 23/03/2011

39 CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 39 23/03/2011

40 CENNI DI TECNICHE COSTRUTTIVE MODERNE METODI DI STUDIO E INDUSTRIALIZZAZIONE o Organizzazione di idee, schemi, invenzioni sulla base di input precisi (di progetto, di innovazione, ecc ); o Studio meccanico e organizzazione meccanoca generale; o Disegni costruttivi sperimentali previo studio delle tolleranze; o Prototipazione per verifiche meccaniche, funzionali o prototipia rapida 3D per valutazioni estetiche ed ergonomiche; o Industrializzazione che deve essere calibrata alla realtà produttiva ed ai mezzi; o Lavorazione parti essenziali quali bascula, monoblocco, castello, otturatore, culatta; o Lavorazione parti secondarie; o Convenienza di lavorazioni su macchine tradizionali, transfer e macchine a controllo numerico; o Convenienza lavorazioni per stampaggio, microfusioni, mim, in funzione della quantità, del tipo di sollecitazione dei vari pezzi nonché del livello di difficoltà geometrica di costruzione. CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 40 23/03/2011

ARMI E MUNIZIONI DA CACCIA E RELATIVA LEGISLAZIONE

ARMI E MUNIZIONI DA CACCIA E RELATIVA LEGISLAZIONE ARMI E MUNIZIONI DA CACCIA E RELATIVA LEGISLAZIONE Cosa significa fucile da caccia ad anima liscia? Vuol dire che la parte interna della canna, è perfettamente levigata. Come si presenta esternamente un

Dettagli

c) La cinghia ed il calcio. a) Sempre. c) Mai.

c) La cinghia ed il calcio. a) Sempre. c) Mai. 451) Quali sono le parti essenziali di un fucile basculante? a) La canna, la bascula e il calcio. b) Il mirino ed il guardavano o sottomano. c) La cinghia ed il calcio. 452) Quando è consentito andare

Dettagli

Esame Venatorio Domande a quiz. Parte 3: ARMI DA CACCIA Agosto 2015

Esame Venatorio Domande a quiz. Parte 3: ARMI DA CACCIA Agosto 2015 Esame Venatorio Domande a quiz La presente raccolta di domande è finalizzata alla preparazione della prova teorica dell esame di caccia altoatesino. Le risposte corrette sono contrassegnate da una crocetta.

Dettagli

LA TEMPESTA PERFETTA. pistole. le prove del mese

LA TEMPESTA PERFETTA. pistole. le prove del mese le prove del mese pistole LA TEMPESTA PERFETTA Abbiamo provato il prototipo della BCM Storm calibro 9x21, pistola semiautomatica destinata a creare una famiglia di armi da difesa e per uso di servizio

Dettagli

Fucili canna liscia. Franchi Feeling Sporting. Sovrapposto specifico da divertimento. Caccia Passione 47

Fucili canna liscia. Franchi Feeling Sporting. Sovrapposto specifico da divertimento. Caccia Passione 47 Caccia Passione 46 Fucili canna liscia Franchi Feeling Sporting Sovrapposto specifico da divertimento Caccia Passione 47 Franchi Feeling Sporting Sovrapposto specifico da divertimento La linea dei sovrapposti

Dettagli

Munizioni non letali Portata effettiva utile (metri)

Munizioni non letali Portata effettiva utile (metri) Chi siamo Maxam Outdoors S.A. è il leader europeo per la produzione e commercializzazione delle cartucce per caccia e tiro sportivo. E una Società totalmente integrata dal punto di vista produttivo perché

Dettagli

I SISTEMI DI CHIUSURA DELLE ARMI di: Francesco Zanardi

I SISTEMI DI CHIUSURA DELLE ARMI di: Francesco Zanardi I SISTEMI DI CHIUSURA DELLE ARMI di: Francesco Zanardi Il sistema di chiusura è il vero cuore di tutte le armi da fuoco e serve per una funzione fondamentale: evitare che i gas prodotti dalla combustione

Dettagli

ARMI E MUNIZIONI Corso per apprendisti cacciatori Parte 2 Armi a canna liscia

ARMI E MUNIZIONI Corso per apprendisti cacciatori Parte 2 Armi a canna liscia ARMI E MUNIZIONI Corso per apprendisti cacciatori Parte 2 Armi a canna liscia ARMI A CANNA LISCIA DOPPIETTE SOVRAPPOSTI (fucile a canne giustapposte) (fucile a canne sovrapposte) SEMIAUTOMATICI (lungo

Dettagli

Test sul fucile d assalto

Test sul fucile d assalto Formulario 27.071 i Test sul fucile d assalto Corsa per giovani tiratori Corsa per capi di giovani tiratori Stato al 01.10.2010 NDEs 293-1995 / SAP 2542.1934 Test n o 1 sicurezze 1. Che controlli devo

Dettagli

Ente Nazionale Meccanizzazione Agricola SERVIZIO DI ACCERTAMENTO DELLE CARATTERISTICHE FUNZIONALI E DELLA SICUREZZA DELLE MACCHINE AGRICOLE

Ente Nazionale Meccanizzazione Agricola SERVIZIO DI ACCERTAMENTO DELLE CARATTERISTICHE FUNZIONALI E DELLA SICUREZZA DELLE MACCHINE AGRICOLE Ente Nazionale Meccanizzazione Agricola SERVIZIO DI ACCERTAMENTO DELLE CARATTERISTICHE FUNZIONALI E DELLA SICUREZZA DELLE MACCHINE AGRICOLE CERTIFICATO n 40b - 003 GANCI MR INFERIORE E SUPERIORE AD ATTACCO

Dettagli

Come il lupo cambia il comportamento dei cinghiali

Come il lupo cambia il comportamento dei cinghiali www.lacacciaalcinghiale.com LA CACCIA AL LA CACCIA AL Caccia all estero Turchia: il regno degli «Attila» Come il lupo cambia il comportamento dei cinghiali Regioni Umbria Toscana Basilicata Armi Browning

Dettagli

ISTRUZIONI PER L USO 3201/04 10 PISTOLE SEMIAUTOMATICHE GLOCK

ISTRUZIONI PER L USO 3201/04 10 PISTOLE SEMIAUTOMATICHE GLOCK ISTRUZIONI PER L USO 3201/04 10 PISTOLE SEMIAUTOMATICHE ISTRUZIONI PER L USO per pistole semiautomatiche Safe Action della. AVVERTENZE: L arma deve considerarsi sempre carica e pronta a sparare fino a

Dettagli

I MOTORI ALTERNATIVI A COMBUSTIONE

I MOTORI ALTERNATIVI A COMBUSTIONE asdf I MOTORI ALTERNATIVI A COMBUSTIONE INTERNA : UN PRIMO SGUARDO 31 March 2012 Introduzione Il seguente articolo vuole essere una prima introduzione a quelli che sono i motori alternativi a combustione

Dettagli

CINGHIALE (Sus scrofa)

CINGHIALE (Sus scrofa) CINGHIALE (Sus scrofa) Uso di armi e cani per la caccia al Cinghiale CACCIA AL CINGHIALE: ARMI Un arma è per definizione un oggetto atto a offendere e/o a difendere. Si dividono in: armi bianche, armi

Dettagli

FRESATRICI CLASSIFICAZIONE DELLE FRESATRICI

FRESATRICI CLASSIFICAZIONE DELLE FRESATRICI FRESATRC CLASSFCAZONE DELLE FRESATRC Le fresatrici si distinguono principalmente per la disposizione dell albero portafresa e per le possibilità di movimento della tavola portapezzo. Si classificano in

Dettagli

Corso di Tecnologia Meccanica

Corso di Tecnologia Meccanica Corso di Tecnologia Meccanica Modulo 3.7 Deformazione plastica LIUC - Ingegneria Gestionale 1 Macchine per la fucinatura e lo stampaggio LIUC - Ingegneria Gestionale 2 Classificazione Macchine ad energia

Dettagli

ISTRUZIONI D USO CZ 75 TS

ISTRUZIONI D USO CZ 75 TS ISTRUZIONI D USO CZ 75 TS Prima di iniziare ad operare con la pistola, prendete conoscenza delle presenti istruzioni, e soprattutto delle seguenti disposizioni di sicurezza. Una manovra non corretta o

Dettagli

TORNIO PARALLELO. Esercitazioni Pratiche di Tecnologia Meccanica. I. S. S. Serafino Riva Sarnico (BG)

TORNIO PARALLELO. Esercitazioni Pratiche di Tecnologia Meccanica. I. S. S. Serafino Riva Sarnico (BG) di Tecnologia Meccanica TORNIO PARALLELO A cura dei proff. Morotti Giovanni e Santoriello Sergio Tornio parallelo In questa trattazione ci occuperemo diffusamente del tornio parallelo, cioè del tipo di

Dettagli

29 Circuiti oleodinamici fondamentali

29 Circuiti oleodinamici fondamentali 29 Circuiti oleodinamici fondamentali Fig. 1. Circuito oleodinamico: (1) motore elettrico; (2) pompa; (3) serbatoio; (4) filtro; (5) tubazione di mandata; (6) distributore; (7) cilindro; (8) tubazione

Dettagli

KGS/GMC BRICO 125-185-220

KGS/GMC BRICO 125-185-220 KGS/GMC BRICO 125-185-220 OPTIONALS 1 12 7 8 3 5 10 9 2 N DESCRIZIONE CODICE 1 Rulli a scomparsa per lo scorrimento pannelli GMC 00185 2 Prolungamento supporto intermedio ribaltabile (800 mm) GMC 00006

Dettagli

Verifica sperimentale del principio di conservazione dell'energia meccanica totale

Verifica sperimentale del principio di conservazione dell'energia meccanica totale Scopo: Verifica sperimentale del principio di conservazione dell'energia meccanica totale Materiale: treppiede con morsa asta millimetrata treppiede senza morsa con due masse da 5 kg pallina carta carbone

Dettagli

La catena di assicurazione

La catena di assicurazione La catena di assicurazione A cosa serve la corda? A trattenere una eventuale caduta Solo questo? Che cosa succede al momento dell arresto di una caduta? L arrampicatore avverte uno strappo Quanto è violento

Dettagli

Problemi di dinamica del punto materiale (moto oscillatorio) A Sistemi di riferimento inerziali

Problemi di dinamica del punto materiale (moto oscillatorio) A Sistemi di riferimento inerziali Problemi di dinamica del punto materiale (moto oscillatorio) A Sistemi di riferimento inerziali Problema n. 1: Un corpo puntiforme di massa m = 2.5 kg pende verticalmente dal soffitto di una stanza essendo

Dettagli

GUIDA ALLA RICARICA DI MUNIZIONI DA PISTOLA CON PALLA GUNNY SE Calibro 9x21 IMI

GUIDA ALLA RICARICA DI MUNIZIONI DA PISTOLA CON PALLA GUNNY SE Calibro 9x21 IMI GUIDA ALLA RICARICA DI MUNIZIONI DA PISTOLA CON PALLA GUNNY SE Calibro 9x21 IMI -1- -2- Innanzitutto procedere alla ricalibratura dei bossoli (foto 1). Si dovranno scegliere i più adatti allo scopo. Il

Dettagli

FAL MANUALE D USO FUCILE AUTOMATICO LEGGERO CAL. 7.62 H 12. FABRlQUE NATlONALE HERSTAL Société Anonyme B-4400 HERSTAL (BELGIUM)

FAL MANUALE D USO FUCILE AUTOMATICO LEGGERO CAL. 7.62 H 12. FABRlQUE NATlONALE HERSTAL Société Anonyme B-4400 HERSTAL (BELGIUM) f FAL MANUALE D USO FUCILE AUTOMATICO LEGGERO CAL. 7.62 mm FABRlQUE NATlONALE HERSTAL Société Anonyme H 12 B-4400 HERSTAL (BELGIUM) Traduzione: salwo@despammed.com INTRODUZIONE Il FN Fucile Automatico

Dettagli

Tecniche e mezzi di controllo delle popolazioni di selvatici in esubero: esperienze della provincia di Cuneo

Tecniche e mezzi di controllo delle popolazioni di selvatici in esubero: esperienze della provincia di Cuneo CACCIA E CACCIAGIONE: tutela della salute del consumatore e salvaguardia di fauna e ambiente Tecniche e mezzi di controllo delle popolazioni di selvatici in esubero: esperienze della provincia di Cuneo

Dettagli

ver 3.1.4 VERSIONE BASE VERSIONE AVANZATA MANUALE UTENTE (01/10/2006 12.25)

ver 3.1.4 VERSIONE BASE VERSIONE AVANZATA MANUALE UTENTE (01/10/2006 12.25) ver 3.1.4 VERSIONE BASE VERSIONE AVANZATA MANUALE UTENTE (01/10/2006 12.25) Sommario 1 DESCRIZIONE... 2 1.1 LIMITI VERSIONE DIMOSTRATIVA... 2 1.2 INSTALLAZIONE... 2 1.2.1 Installazione completa...2 1.2.2

Dettagli

Dalla divisa. Nate per l uso di servizio, tanto militare quanto. alle gare ARMI LETTERE CORTE FAI MUNIZIONI DA TE BALISTICA FORENSE ARMI CLASSICHE

Dalla divisa. Nate per l uso di servizio, tanto militare quanto. alle gare ARMI LETTERE CORTE FAI MUNIZIONI DA TE BALISTICA FORENSE ARMI CLASSICHE di Paolo Tagini paolo.tagini@armiebalistica.com Dalla divisa alle gare La SIG-Sauer P226 X-Five rappresenta un interessante sviluppo della famosa famiglia di pistole elvetico-tedesche per due motivi: la

Dettagli

Sistemi di copertura per cisterne. Tipo Y1

Sistemi di copertura per cisterne. Tipo Y1 ANDERSON GREENWOOD Sistemi di copertura per cisterne Anderson Greenwood Prodotti per la protezione ambientale Caratteristiche e vantaggi Il blanketing di cisterne è un processo che consente di intertizzare

Dettagli

LE SOSTANZE INCENDIARIE

LE SOSTANZE INCENDIARIE LE SOSTANZE INCENDIARIE Le sostanze incendiarie generano una reazione fortemente esotermica e, per alcune di esse, la reazione può avvenire anche in assenza di ossigeno (metalli incendiari). Per i lanciafiamme

Dettagli

Classificazione delle pompe. Pompe rotative volumetriche POMPE ROTATIVE. POMPE VOLUMETRICHE si dividono in... VOLUMETRICHE

Classificazione delle pompe. Pompe rotative volumetriche POMPE ROTATIVE. POMPE VOLUMETRICHE si dividono in... VOLUMETRICHE Classificazione delle pompe Pompe rotative volumetriche POMPE VOLUMETRICHE si dividono in... POMPE ROTATIVE VOLUMETRICHE Pompe rotative volumetriche Principio di funzionamento Le pompe rotative sono caratterizzate

Dettagli

Per dare una risposta al quesito che abbiamo posto, consideriamo il sistema schematizzato in figura.

Per dare una risposta al quesito che abbiamo posto, consideriamo il sistema schematizzato in figura. Verifica dei postulati di Einstein sulla velocità della luce, osservazioni sull esperimento di Michelson e Morley Abbiamo visto che la necessità di introdurre un mezzo come l etere nasceva dalle evidenze

Dettagli

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Università di Catania Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Civile AA 1011 1 Fondamenti di Trasporti Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Giuseppe Inturri Dipartimento

Dettagli

14.4 Pompe centrifughe

14.4 Pompe centrifughe 14.4 Pompe centrifughe Le pompe centrifughe sono molto diffuse in quanto offrono una notevole resistenza all usura, elevato numero di giri e quindi facile accoppiamento diretto con i motori elettrici,

Dettagli

La combustione. Docente: prof.ssa Lobello Carmela

La combustione. Docente: prof.ssa Lobello Carmela La combustione Percorso didattico realizzato dalla classe II D Istituto d Istruzione secondaria di I grado S Francesco d Assisi Francavilla Fontana (Br) Docente: prof.ssa Lobello Carmela Perché la combustione?

Dettagli

Vinci Wood. Il fascino DEL LEGNO

Vinci Wood. Il fascino DEL LEGNO Vinci Wood Il fascino DEL LEGNO 72 Il più moderno e rivoluzionario dei semiautomatici scopre il fascino del legno, sia pur in chiave innovativa, in quest arma il polimero assume i toni caldi delle armi

Dettagli

VALORIZZIAMO IL SERRAMENTO. Quante mani servono per aprire e chiudere la persiana? FERMAPERSIANE E FERMAPORTE

VALORIZZIAMO IL SERRAMENTO. Quante mani servono per aprire e chiudere la persiana? FERMAPERSIANE E FERMAPORTE VALORIZZIAMO IL SERRAMENTO Quante mani servono per aprire e chiudere la persiana? FERMAPERSIANE E FERMAPORTE Una. Fissare la persiana quando è aperta e sbloccarla quando è il momento di richiuderla è diventato

Dettagli

Motori 4 tempi a ciclo Otto

Motori 4 tempi a ciclo Otto Motori 4 tempi a ciclo Otto 1. Premessa I motori automobilistici più comuni sono del tipo a combustione interna quattro tempi e appartengono a due grandi famiglie, a seconda del tipo di combustibile impiegato

Dettagli

La rumorosità degli ingranaggi (Parte 1^)

La rumorosità degli ingranaggi (Parte 1^) La rumorosità degli ingranaggi (Parte 1^) Il problema del rumore generato dalle trasmissioni è diventato sempre più pressante negli ultimi anni, anche a causa della maggiore esigenza di combattere l inquinamento

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015 1 Giochi d ombra [Punti 10] Una sorgente di luce rettangolare, di lati b e c con b > c, è fissata al soffitto di una stanza di altezza L = 3.00 m. Uno schermo opaco quadrato di lato a = 10cm, disposto

Dettagli

ACCUMULATORI IDRAULICI

ACCUMULATORI IDRAULICI In generale, un accumulatore idraulico può accumulare liquido sotto pressione e restituirlo in caso di necessità; IMPIEGHI 1/2 Riserva di liquido Nei circuiti idraulici per i quali le condizioni di esercizio

Dettagli

BROWN 250 ACCESSORI A RICHIESTA PERRIS 350 RULLIERE DI CARICO E SCARICO TRONCATRICE MANUALE. qualità e durata nel tempo.

BROWN 250 ACCESSORI A RICHIESTA PERRIS 350 RULLIERE DI CARICO E SCARICO TRONCATRICE MANUALE. qualità e durata nel tempo. BROWN 250 ACCESSORI A RICHIESTA TRONCATRICE MANUALE RULLIERE DI CARICO E SCARICO qualità e durata nel tempo PERRIS 350 solida e compatta Rulliera di carico Rulliera di scarico con fermobarra Doppio supporto

Dettagli

Università degli Studi di Genova Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Chimiche

Università degli Studi di Genova Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale. Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Chimiche Università degli Studi di Genova Dipartimento di Chimica e Chimica Industriale Corso di Laurea in Chimica e Tecnologie Chimiche FONDAMENTI DI TECNOLOGIE CHIMICHE PER L'INDUSTRIA E PER L'AMBIENTE (modulo

Dettagli

Lo sviluppo della USP ovvero

Lo sviluppo della USP ovvero Pistole Compatta e versatile Heckler & Koch USP C.45 Lo sviluppo della USP ovvero Universal Selbstlade Pistole (pistola semiautomatica universale) prese il via nei laboratori della tedesca Heckler & Koch

Dettagli

Disegno di Macchine. corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Francesca Campana

Disegno di Macchine. corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Francesca Campana Disegno di Macchine corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Francesca Campana Lezione n 4 Componentistica di base: alberi, trasmissione per cinghie e catene, giunti Alberi Appunti

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

MANUALE USO E MANUTENZIONE

MANUALE USO E MANUTENZIONE MANUALE USO E MANUTENZIONE Argano manuale con cavo Art. 0070/C ISTRUZIONI ORIGINALI PREMESSA Leggere il presente manuale prima di qualsiasi operazione ISTRUZIONI ORIGINALI Prima di iniziare qualsiasi azione

Dettagli

ELEVATORE MOTORIZZATO PER PROIETTORE MOD. SIH-300 MANUALE DI INSTALLAZIONE

ELEVATORE MOTORIZZATO PER PROIETTORE MOD. SIH-300 MANUALE DI INSTALLAZIONE ELEVATORE MOTORIZZATO PER PROIETTORE MOD. SIH-300 MANUALE DI INSTALLAZIONE Congratulazioni per la Vostra scelta! Av ete appena acquistato l elev atore motorizzato per v ideoproiettore SI- H 300 ideato

Dettagli

L incendio Incendio a bordo 1 La normativa nel campo marittimo cura, in particolar modo, tutto quanto può essere connesso con il sinistro marittimo più frequente: l incendio a bordo. Sono previsti, nella

Dettagli

ITIS OTHOCA ORISTANO I CUSCINETTI VOLVENTI. Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08

ITIS OTHOCA ORISTANO I CUSCINETTI VOLVENTI. Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08 ITIS OTHOCA ORISTANO I CUSCINETTI VOLVENTI Prof. Ignazio Peddis A.S. 2007/08 I cuscinetti volventi Il cuscinetto volvente, detto anche cuscinetto a rotolamento, è un elemento posizionato tra il perno di

Dettagli

Murali Condensing. Sommario. Introduzione 2 Configurazioni di scarico 3 Installazione 10 Gamma condotti fumi 12

Murali Condensing. Sommario. Introduzione 2 Configurazioni di scarico 3 Installazione 10 Gamma condotti fumi 12 Murali Condensing Sommario Introduzione 2 Configurazioni di scarico 3 Installazione 10 Gamma condotti fumi 12 1 Sistemi di scarico in PP Introduzione Sistema per intubamento in PP per caldaie a condensazione

Dettagli

Manuale di istruzioni. Hatsan Bt65

Manuale di istruzioni. Hatsan Bt65 Manuale di istruzioni Hatsan Bt65 LEGGERE QUESTO MANUALE PRIMA DI UTILIZZARE LA CARABINA Grazie per aver scelto la carabina ad aria precompressa Hatsan Bt65. Agite sempre con prudenza quando si maneggia

Dettagli

Proprietà elastiche dei corpi

Proprietà elastiche dei corpi Proprietà elastiche dei corpi I corpi solidi di norma hanno una forma ed un volume non facilmente modificabili, da qui deriva la nozioni di corpo rigido come corpo ideale non deformabile. In realtà tutti

Dettagli

I Motori Marini 1/2. Motore a Scoppio (2 o 4 tempi) Motori Diesel (2 o 4 tempi)

I Motori Marini 1/2. Motore a Scoppio (2 o 4 tempi) Motori Diesel (2 o 4 tempi) I Motori Marini 1/2 Classificazione Descrizione I motori marini non sono molto diversi da quelli delle auto, con lo stesso principio di cilindri entro cui scorre uno stantuffo, che tramite una biella collegata

Dettagli

MARIC s.a.s. di Maricchiolo G. & C. Advanced Packaging Solutions consulting & distribution for corrugator & converting industry

MARIC s.a.s. di Maricchiolo G. & C. Advanced Packaging Solutions consulting & distribution for corrugator & converting industry MARIC s.a.s. di Maricchiolo G. & C. Advanced Packaging Solutions consulting & distribution for corrugator & converting industry PRESENTAZIONE TECNICA GRUPPO ONDULATORE AGNATI COMPACT-90 Il gruppo ondulatore

Dettagli

A. Maggiore Appunti dalle lezioni di Meccanica Tecnica

A. Maggiore Appunti dalle lezioni di Meccanica Tecnica Il giunto idraulico Fra i dispositivi che consentono di trasmettere potenza nel moto rotatorio, con la possibilità di variare la velocità relativa fra movente e cedente, grande importanza ha il giunto

Dettagli

MACCHINE DA TINTURA VERTICALI MODELLO GS

MACCHINE DA TINTURA VERTICALI MODELLO GS MACCHINE DA TINTURA VERTICALI MODELLO GS Queste macchine verticali di tintura ad alta temperatura e pressione sono il risultato di una costante e continua ricerca di miglioramenti, lavorando in stretto

Dettagli

Estensimetro. in variazioni di resistenza.

Estensimetro. in variazioni di resistenza. Estensimetro La misura di una forza incidente su di un oggetto può essere ottenuta misurando la deformazione o la variazione di geometria che l oggetto in questione subisce. L estensimetro estensimetro,

Dettagli

Meccanismi di sparo a cane esterno per fucili a retrocarica con canne basculanti.

Meccanismi di sparo a cane esterno per fucili a retrocarica con canne basculanti. Meccanismi di sparo a cane esterno per fucili a retrocarica con canne basculanti. WWW.STENIRON.COM Meccanismi di sparo a cane esterno per fucili a retrocarica con canne basculanti. 1. Su piastra laterale

Dettagli

Libero e bello. Un passo avanti, senza strafare, badando

Libero e bello. Un passo avanti, senza strafare, badando Prova fucili a canna liscia Bernardelli Levriero el calibro 12 Libero e bello A chi piace il rispetto della tradizione (e molti cacciatori sono così), Bernardelli propone l elevatore libero sul suo modello

Dettagli

Guida per un corretto utilizzo di SUPERCAP

Guida per un corretto utilizzo di SUPERCAP Guida per un corretto utilizzo di SUPERCAP 1-2 - 3 - TAPPI VINO PREMESSA Data la variabilità delle tipologie dei vini, dei processi di produzione e di imbottigliamento, il tappo SUPERCAP deve essere utilizzato

Dettagli

modulog Combinazioni di moduli per la tecnica della manipolazione

modulog Combinazioni di moduli per la tecnica della manipolazione modulog Combinazioni di moduli per la tecnica della manipolazione Facile gestione di carichi pesanti - un valore aggiunto per la produttività La manipolazione ed il montaggio manuale di carichi pesanti

Dettagli

Informazioni preliminare, valevoli per tutti i tipi di installazione:

Informazioni preliminare, valevoli per tutti i tipi di installazione: Le linee guida da seguire per prendere le misure corrette delle vostre antine in legno sono piuttosto semplici, esistono però alcune differenze specifiche in base al modello di antina Onlywood che vi piace,

Dettagli

L AVVIAMENTO NEI MOTORI MARINI DI MEDIA E GRANDE POTENZA

L AVVIAMENTO NEI MOTORI MARINI DI MEDIA E GRANDE POTENZA L AVVIAMENTO NEI MOTORI MARINI DI MEDIA E GRANDE POTENZA Quando il motore è fermo, bisogna fornire dall'esterno l'energia necessaria per le prime compressioni, onde portare l'aria ad una temperatura sufficiente

Dettagli

http://www.horlogerie-suisse.com 1

http://www.horlogerie-suisse.com 1 Nozioni generali. Gli orologi-calendario hanno lo scopo di visualizzare automaticamente la data e l'ora simultaneamente. Generalmente indicano i giorni, i mesi e il calendario mensile, cioè l'insieme di

Dettagli

Attrezzature di bloccaggio modulari

Attrezzature di bloccaggio modulari Attrezzature di bloccaggio modulari Tt pag.. 6 Tg pag.. 7 T Tt-X pag.. 8 DS-Tt pag.. 9 lemento di prolunga Tt pag.. 1 Supporto a doppia ganascia T pag.. 13 lemento di prolunga completo Tt pag.. 13 Base

Dettagli

Diametro nominale. Diametro minimo 4 23,55 23,35 23,75 8 21 20,80 21,20 10 19,50 19,30 19,70 12 18,30 18,10 18,50 14 17,40 17,20 17,60

Diametro nominale. Diametro minimo 4 23,55 23,35 23,75 8 21 20,80 21,20 10 19,50 19,30 19,70 12 18,30 18,10 18,50 14 17,40 17,20 17,60 IL CALIBRO La nozione di calibro si presta a numerosi equivoci perché assume diversi significati quali: - il diametro interno della canna - il diametro del proiettile per una data canna - il diametro convenzionale

Dettagli

La luce proveniente dalla parte immersa dell asticciola viene parzialmente riflessa dalla superficie dell acqua.

La luce proveniente dalla parte immersa dell asticciola viene parzialmente riflessa dalla superficie dell acqua. QUESITO 1 Il grafico rappresenta l andamento della velocità di una palla al passare del tempo. Dalle tre situazioni seguenti quali possono essere state rappresentate nel grafico? I- La palla rotola giù

Dettagli

Linea di Smielatura Professionale Compatta LEGA ITALY 52 Dadand Blatt 40 Langstroth Hoffman

Linea di Smielatura Professionale Compatta LEGA ITALY 52 Dadand Blatt 40 Langstroth Hoffman Linea di Smielatura Professionale Compatta LEGA ITALY 52 Dadand Blatt 40 Langstroth Hoffman Descrizione generale: La linea di smielatura professionale Lega può essere configurata per lavorare 52 favi Dadant-Blatt

Dettagli

SCALE. SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08)

SCALE. SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08) SCALE SCALE (Allegato XX del D.Lgs 81/08) E riconosciuta la conformità delle scale portatili, alle seguenti condizioni: a) le scale portatili siano costruite conformemente alla norma tecnica UNI EN 131

Dettagli

Esperienza con la macchina. termica

Esperienza con la macchina. termica Esperienza con la macchina termica Macchina termica Il pistone in grafite scorre all interno del cilindro in pyrex in condizioni di quasi assenza di attrito. il sistema pistone-cilindro non garantisce

Dettagli

Scheda. Descrizione della macchina

Scheda. Descrizione della macchina Scheda 1 Lavorazione: Macchina: TORNITURA TORNIO PARALLELO Descrizione della macchina I torni sono macchine che eseguono l asportazione di truciolo: lo scopo è ottenere superfici esterne e interne variamente

Dettagli

0,209. formula che si risolve facilmente una volta misurata, con adatte apparecchiature, la percentuale in volume di CO 2

0,209. formula che si risolve facilmente una volta misurata, con adatte apparecchiature, la percentuale in volume di CO 2 Approfondimento Analisi dei fumi La regolazione della combustione basata su regole pratiche pecca evidentemente di precisione anche se presenta l indubbio vantaggio dell immediatezza di esecuzione; una

Dettagli

POSA DI CONNETTORI SU TRAVI IN ACCIAIO CON LAMIERA GRECATA

POSA DI CONNETTORI SU TRAVI IN ACCIAIO CON LAMIERA GRECATA www.tecnaria.com tel 02 502029 POSA DI CONNETTORI SU TRAVI IN ACCIAIO CON LAMIERA GRECATA Connettore a piolo Ø 12 mm, piastra di base 8 x 50 mm, chiodi lunghezza 22.5 mm, Ø gambo.6 mm Attrezzature necessarie:

Dettagli

Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA. Lezione 5 - Meccanica del punto materiale

Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA. Lezione 5 - Meccanica del punto materiale Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA Esercizio 1 Lezione 5 - Meccanica del punto materiale Un volano è costituito da un cilindro rigido omogeneo,

Dettagli

DELL UNIONE ITALIANA TIRO A SEGNO

DELL UNIONE ITALIANA TIRO A SEGNO VADEMECUM ATTIVITÀ ISTITUZIONA LE DELL UNIONE ITALIANA TIRO A SEGNO N O R M A T I V A T E C N I C A D E L L E A R M I M A N I P O L A Z I O N I D A R M A T E C N I C H E D I T I R O -edizione 2014- INDICE

Dettagli

RUOTE DENTATE. Introduzione

RUOTE DENTATE. Introduzione RUOTE DENTATE 362 Introduzione Le ruote dentate costituiscono un sistema affidabile per la trasmissione del moto tra assi paralleli, incidenti e sghembi. La trasmissione avviene per spinta dei denti della

Dettagli

Questionario. figura il filo si rompe. Quale traiettoria segue la boccia?

Questionario. figura il filo si rompe. Quale traiettoria segue la boccia? Questionario 1) Due palline metalliche hanno le stesse dimensioni, ma una pesa il doppio dell altra. Le due palline vengono lasciate cadere contemporaneamente dal tetto di un edificio di due piani. Il

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE RUGGERI, POLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE RUGGERI, POLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5355 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI RUGGERI, POLI Modifica degli articoli 2 e 3 della legge 25 marzo 1986, n. 85, in materia

Dettagli

N. Domanda Risposta A Risposta B Risposta C Risp. Esatta. E' inserito nella croce dell'asta e serve a invertire l'ordine di ricarica delle canne

N. Domanda Risposta A Risposta B Risposta C Risp. Esatta. E' inserito nella croce dell'asta e serve a invertire l'ordine di ricarica delle canne N. Domanda Risposta Risposta Risposta Risp. Esatta 1 2 3 In un fucile monogrillo dove è inserito e a cosa serve l'invertitore? omesi determina il calibro una liscia? Quale dei seguenti calibri ha una minore

Dettagli

IL DIFFUSORE ED IL CONTROLLO DELLA PORTATA D ARIA

IL DIFFUSORE ED IL CONTROLLO DELLA PORTATA D ARIA IL DIFFUSORE ED IL CONTROLLO DELLA PORTATA D ARIA Entriamo nel dettaglio del funzionamento del carburatore motociclistico ed esaminiamo i legami tra le grandezze che regolano l erogazione del combustibile.

Dettagli

Vengono detti attuatori i dispositivi in grado di agire sull ambiente esterno comandati da segnali elettrici.

Vengono detti attuatori i dispositivi in grado di agire sull ambiente esterno comandati da segnali elettrici. GLI ATTUATORI Vengono detti attuatori i dispositivi in grado di agire sull ambiente esterno comandati da segnali elettrici. La casistica è assai vasta ; sono comuni i semplici azionamenti magnetici (elettromagneti

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

Espresso 12. La prima macchina da caffè espresso funzionante a 12V

Espresso 12. La prima macchina da caffè espresso funzionante a 12V Espresso 12 La prima macchina da caffè espresso funzionante a 12V Espresso 12 è la nuovissima macchina da caffè espresso alimentabile a 12V. Finalmente è possibile preparare il caffè espresso senza l uso

Dettagli

Pallottole in materiale plastico per tiro ridotto

Pallottole in materiale plastico per tiro ridotto 2/8/2015 Gunny Pallottoleinmaterialeplasticopertiroridotto NuovaversioneTE IlnumerodiSettembre2003di ArmiMagazinecontieneun articolocuratodagianluca Bordinconitesteffettuaticon legunnyedidaticompletidi

Dettagli

Mon Ami 3000 Varianti articolo Gestione di varianti articoli

Mon Ami 3000 Varianti articolo Gestione di varianti articoli Prerequisiti Mon Ami 3000 Varianti articolo Gestione di varianti articoli L opzione Varianti articolo è disponibile per le versioni Azienda Light e Azienda Pro e include tre funzionalità distinte: 1. Gestione

Dettagli

CORSO DI IMPIANTI DI PROPULSIONE NAVALE

CORSO DI IMPIANTI DI PROPULSIONE NAVALE ACCADEMIA NAVALE 1 ANNO CORSO APPLICATIVO GENIO NAVALE CORSO DI IMPIANTI DI PROPULSIONE NAVALE Lezione 09 Motori diesel lenti a due tempi A.A. 2011 /2012 Prof. Flavio Balsamo Nel motore a due tempi l intero

Dettagli

Forze come grandezze vettoriali

Forze come grandezze vettoriali Forze come grandezze vettoriali L. Paolucci 23 novembre 2010 Sommario Esercizi e problemi risolti. Per la classe prima. Anno Scolastico 2010/11 Parte 1 / versione 2 Si ricordi che la risultante di due

Dettagli

Corso di Tecnologia Meccanica

Corso di Tecnologia Meccanica Corso di Tecnologia Meccanica Modulo 3.8 Deformazione plastica LIUC - Ingegneria Gestionale 1 Lavorazione a freddo della lamiera LIUC - Ingegneria Gestionale 2 Lavorazione a freddo delle lamiere È il processo

Dettagli

L esperienza di Hertz sulle onde elettromagnetiche

L esperienza di Hertz sulle onde elettromagnetiche L esperienza di Hertz sulle onde elettromagnetiche INTRODUZIONE Heinrich Hertz (1857-1894) nel 1886 riuscì per la prima volta a produrre e a rivelare le onde elettromagnetiche di cui Maxwell aveva previsto

Dettagli

Preparazione alle gare di I livello delle Olimpiadi della Fisica 2010/2011. teachingdm.unito.it/porteaperte

Preparazione alle gare di I livello delle Olimpiadi della Fisica 2010/2011. teachingdm.unito.it/porteaperte AIF -Associazione per l Insegnamento della Fisica Corso di Studi in Fisica - Università di Torino Piano Lauree Scientifiche 3 - Fisica Preparazione alle gare di I livello delle Olimpiadi della Fisica 2010/2011

Dettagli

ISTRUZIONE PER L ESECUZIONE IN SICUREZZA DI SPOSTAMENTI PARTICOLARI CON CARROPONTE (GROSSE LAMIERE)

ISTRUZIONE PER L ESECUZIONE IN SICUREZZA DI SPOSTAMENTI PARTICOLARI CON CARROPONTE (GROSSE LAMIERE) RISCHI SPECIFICI DELLA LAVORAZIONE Talvolta è necessario spostare GROSSE LAMIERE con il carroponte. I principali rischi durante queste operazioni sono: Possibile caduta dei carichi pesanti (lamiere) durante

Dettagli

Test d ingresso. Classe I D PNI Liceo Scientifico F. Enriques Livorno

Test d ingresso. Classe I D PNI Liceo Scientifico F. Enriques Livorno Test d ingresso Classe I D PNI Liceo Scientifico F. Enriques Livorno 1) Un corpo si muove di moto rettilineo a velocità costante su un piano orizzontale che possiamo considerare privo d attrito. Rappresenta

Dettagli

serranda a bullone Possibilità d impiego: Materie sintetiche termoplastiche (non adatto per PVC)

serranda a bullone Possibilità d impiego: Materie sintetiche termoplastiche (non adatto per PVC) Ugello per macchine con serranda a bullone tipo BHP a comando pneumatico o idraulico serranda a bullone Possibilità d impiego: Materie sintetiche termoplastiche (non adatto per PVC) Meccanismo valvola:

Dettagli

PUNZONATRICE IDRAULICA PER INOX BAUDAT. Art. Sicutool 760GR-3 Art. Baudat 50-618 Mod. LS8 HD

PUNZONATRICE IDRAULICA PER INOX BAUDAT. Art. Sicutool 760GR-3 Art. Baudat 50-618 Mod. LS8 HD ISTRUZIONI D USO 1/6 Istruzioni pubblicate sul sito www.sicutool.it PUNZONATRICE IDRAULICA PER INOX BAUDAT. Art. Sicutool 760GR-3 Art. Baudat 50-618 Mod. LS8 HD Caratteristiche: Punzona (INOX) nei diametri

Dettagli

13 Operazione: REINGRANO DEGLI INGOLLINI

13 Operazione: REINGRANO DEGLI INGOLLINI Scheda 13 Operazione: REINGRANO DEGLI INGOLLINI Macchinario: ASSORTIMENTO DI CARDATURA cardatura Scopo dell operazione Premesso che non tutti gli assortimenti di carderia sono dotati dello sgrano meccanico

Dettagli

Processi di lavorazione di materiali polimerici: stampaggio a iniezione

Processi di lavorazione di materiali polimerici: stampaggio a iniezione Processi di lavorazione di materiali polimerici: stampaggio a iniezione Fonti: De Filippi A.M., Fabbricazione di componenti in materiali polimerici, Hoepli 2008; Stampaggio con iniezione Kalpakjian S.,

Dettagli

safeladder scale Scala SAFELADDER con binario integrato a norma EN 353/1 SAL004 RHF014 SAL009

safeladder scale Scala SAFELADDER con binario integrato a norma EN 353/1 SAL004 RHF014 SAL009 safeladder scale Scala SAFELADDER con binario integrato a norma EN 353/1 La scala Safeladder è un sistema di protezione contro le cadute che integra ai montanti verticali della scala un binario e garantisce

Dettagli

COLOSIO PRESENTA LA NUOVA PRESSA A RISPARMIO ENERGETICO

COLOSIO PRESENTA LA NUOVA PRESSA A RISPARMIO ENERGETICO COLOSIO PRESENTA LA NUOVA PRESSA A RISPARMIO ENERGETICO L esigenza di abbassare drasticamente i costi produttivi per rimanere competitivi sul mercato globale e la necessità di ridurre l impatto ambientale

Dettagli