ARMI BASCULANTI E SEMIAUTOMATICHE MARZO 2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ARMI BASCULANTI E SEMIAUTOMATICHE MARZO 2011"

Transcript

1 ARMI BASCULANTI E SEMIAUTOMATICHE MARZO 2011 CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 1 23/03/2011

2 INTRODUZIONE Il Corso Tecnica Costruttiva delle armi sportive si propone di far conoscere, approfondire e/o aggiornare le nozioni tecniche necessarie per lo studio, progettazione, realizzazione, fabbricazione e riparazione delle varie tipologie di arma sportiva presenti sul mercato. Vi trasferirò quindi le esperienze maturate in 40 anni di lavoro nell affascinante mondo delle armi sportive. Vi spiegherò, spero in modo interessante, i vari aspetti della costruzione di un arma, aspetti che sono stati riassunti in nozioni semplici ed essenziali. Il futuro della tradizione armiera italiana, della qualità e professionalità italiane non può prescindere da approfondite conoscenze tecniche. Esse sono essenziali per innovare i nostri prodotti, migliorare gli aspetti tecnici ed aumentare il divario tra la nostra produzione e quella dei paesi emergenti. In ogni modulo saranno trattati sia gli aspetti teorici che pratici. Gli aspetti teorici si avvalgono dell esperienza maturata negli anni e tramandata dalle generazioni passate, non sono pertanto avulsi dalla realtà costruttiva dell arma stessa. Gli aspetti pratici non saranno indirizzati ad un puro contenuto manuale ma dovranno fondarsi su solide basi tecniche e teoriche. Durante le lezioni sarà fondamentale il vostro apporto, con domande ed interventi, al fine di rendere il corso vivo a tutto vantaggio di un fruttuoso approfondimento. Pietro Torosani CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 2 23/03/2011

3 INDICE SUDDIVISIONE DEI VARI TIPI DI ARMA IL FENOMENO ESPLOSIVO LA BALISTICA DELLE ARMI DA CACCIA IL FUCILE E LE SUE COMPONENTI TIPI DI FUCILE AD ANIMA LISCIA IL FUCILE A CANNE AD ANIMA LISCIA FUCILI BASCULANTI DOPPIETTA IL SOVRAPPOSTO IL FUCILE SEMIAUTOMATICO IL FUCILE A RIPETIZIONE SEMPLICE (A POMPA) CENNI DI TECNICHE DI STUDIO E COSTRUTTIVE CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 3 23/03/2011

4 CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 4 23/03/2011

5 CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 5 23/03/2011

6 IL FENOMENO ESPLOSIVO Viene definito esplosivo qualunque sistema formato da una o più sostanze capaci di una rapida trasformazione chimica, accompagnata da ingente sviluppo di gas e di vapori. Questa trasformazione produce calore, luce, onde sonore, effetti meccanici. La forza esplosiva dei gas si traduce in un lavoro meccanico. Ci occuperemo del fenomeno esplosivo come processo fisico-chimico di ossidoriduzione di sostanze solide. L esplosione è una combustione velocissima, ossia una reazione chimica molto rapida. In senso stretto è un ossidazione del carbonio, o di altri combustibili quale l idrogeno, ad opera di un comburente, cioè dell ossigeno. Carbonio, idrogeno, ossigeno e azoto, sono abituali componenti di una sostanza esplosiva. Lo sparo di una cartuccia prevede sia la detonazione dell innesco che la deflagrazione della polvere formante la carica di lancio. Dinamica di una detonazione, che avanza da D verso A. Zona A: esplosivo non ancora interessato. Zona B: onda d urto. Zona C: reazione chimica. Zona D: prodotti di detonazione. CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 6 23/03/2011

7 LA BALISTICA DELLE ARMI DA CACCIA LO SPARO Esaminiamo i meccanismi e le fasi che permettono la fuoriuscita del proiettile dall arma fino a raggiungere il bersaglio. Iniziamo con il fenomeno dello sparo, primo anello della catena. Allorché si preme il grilletto questo libera il cane il quale, spinto in avanti da una molla, colpisce con notevole velocità la testa del percussore. Questo finisce a punta smussata, perciò detto a spillo, cosicchè, sotto la percussione, colpisce a sua volta la superficie della capsula o innesco posta sul fondello della cartuccia incamerata, determinandone l accensione per violenta compressione. L accensione, che si presenta come una fiammata veloce, intensa e di elevata temperatura, provoca, fuoriuscendo dai forellini dell innesco, un altra accensione e cioè quella iniziale dello strato di polvere da sparo con sui si trova a diretto contatto. In pochissimi e brevissimi istanti si accende tutta la carica di polvere contenuta nella cartuccia. Man mano che la carica brucia, aumentano proporzionalmente il volume dei gas, la velocità degli stessi e quella di emissione, con il conseguente aumento della pressione all interno della canna. L accelerazione della carica, cioè il passaggio graduale dallo stato di quiete a quello di massima velocità, è direttamente proporzionale alla pressione, escludendo il valore degli attriti, determinati dalla resistenza che gli elementi della carica incontrano venendo a contatto con le pareti della canna. Il punto di massima pressione è nel tratto di canna prossimo alla camera di scoppio. Ciò è dovuto anche al fatto che una parte di polvere di lancio continua a bruciare e,quindi, a produrre gas, mentre la carica sta lasciando il bossolo. L uscita della carica dalla bocca del fucile provoca il fenomeno della deflagrazione la quale altro non è che il risultato dell onda sonora causata dall espandersi violento ed istantaneo dei gas nell aria una volta fuori della volata. IL RINCULO Tutti i fenomeni descritti nel paragrafo si trasmettono all esterno dell arma, così come abbiano visto per la formazione della detonazione. Analogamente questo avviene nella canna al momento dello sparo e specialmente sul fondo o culatta del fucile, e da luogo al rinculo. Per una legge fisica che enuncia che ad ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria, la forza propulsiva che trae origine dalla pressione sviluppatasi a seguito CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 7 23/03/2011

8 dell aumento del volume dei gas per la combustione della polvere, agisce contemporaneamente in tutte le direzioni e maggiormente sul fondello della cartuccia e, quindi, sulla culatta e su tutta l arma. Ciò determina un movimento all indietro del fucile che è detto rinculo. Da ciò deriva che gli effetti del rinculo sono dipendenti dal peso dell arma, dal peso dei pallini o del proiettile, dalla cartuccia della polvere e dal calibro. Al rinculo meccanico ora descritto è legata la sensazione di rinculo che dipende, oltre che dalla velocità e dall energia del primo anche a fattori soggettivi del tiratore derivanti dalla sua struttura fisica e dal suo sistema nervoso, nonché dal tipo di morfologia del fucile. La sensazione di rinculo è avvertita maggiormente nel fucile basculante che nell automatico perché il secondo sfrutta proprio l energia del rinculo, in maggior parte, per la messa in moto di tutti quegli automatismi di espulsione ed inserimento della cartuccia. Altro fenomeno scatenato dalla pressione e connesso con il rinculo è il rilevamento, che è il movimento verso l alto del fucile ed il cui valore massimo è alla bocca della canna. L impennata è dovuta al fatto che l asse della canna viene a trovarsi in posizione più elevata rispetto all appoggio del calcio del fucile alla spalla del tiratore e, quindi, agisce secondo il principio della leva. CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 8 23/03/2011

9 IL FUCILE E LE SUE COMPONENTI La legge prevede come mezzi di caccia il FUCILE AD ANIMA LISCIA e di CALIBRO NON SUPERIORE AL 12 (La legge ammette anche come mezzi di caccia l uso dell arco e del falco che però risultano vietati in alcune province). Arma da sparo Sono armi da sparo quelle che espellono uno o più proiettili come conseguenza del fenomeno di sparo, mentre le armi da punta o da taglio sono quelle che portano offesa perché appuntite, o a lama tagliente ed entrambe le soluzioni. Nota: il cacciatore è autorizzato a portare con se strumenti da punta o da taglio atti alle proprie esigenze venatorie. La legge distingue le armi da sparo in tre categorie principali: - Armi da guerra (per potenza di fuoco sono adottate dagli eserciti o polizia di cui è vietata la vendita oltre che il porto o la detenzione. - Armi tipo guerra (armi che possono utilizzare munizioni da guerra e di cui sono vietate la vendita, il porto e la detenzione) - Armi comuni (che sono tutte le altre e sono elencate dall art.2) si dividono in armi da caccia, armi sportive, armi comuni in senso stretto, armi a ridotta capacità offensiva. In particolare le armi da caccia sono oggetto della nostra trattazione e si dividono in: TIPI DI FUCILE AD ANIMA LISCIA A FUCILI AD UNA CANNA BASCULANTE (monocanna) B FUCILI A DUE CANNE BASCULANTI SOVRAPPOSTE (sovrapposto) C FUCILI A DUE CANNE BASCULANTI GIUSTAPPOSTE (doppietta) D FUCILI AD UNA CANNA SEMIAUTOMATICI (automatico) E FUCILI A RIPETIZIONE SEMPLICE CON SISTEMA DI RICARICAMENTO MANUALE (pompa) TIPI DI FUCILE A CANNA RIGATA 1 - CARABINE A RIPETIZIONE SEMPLICE (denominate ad otturatore o bolt action) 2 - CARABINE A RIPETIZIONE SEMIAUTOMATICA 3 - FUCILE AD UNA CANNA BASCULANTE CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 9 23/03/2011

10 TIPI DI FUCILE A CANNE MISTE A - FUCILI COMBINATI (una canna ad anima liscia e ad una rigata sottoposta alla prima) B - FUCILI DRILLING (doppiette con una terza canna rigata posta sotto e al centro di quelle affiancate) ELEMENTI CHE CONTRADDISTINGUONO LE ARMI A) LA MARCA rappresentata dal nome del fabbricante e dal suo marchio B) LA MATRICOLA C) IL NUMERO DI CATALOGO (ove previsto) D) IL CALIBRIO per fucili a canna liscia indica il numero di palle sferiche uguale al diametro dell anima della canna, realizzate in piombo e contenute in una libra. Elenco calibri ad anima liscia e corrispondenza in mm: CAL 12 = mm 18,5 CAL 16 = mm 16,8 CAL 20 = mm 15,6 CAL 24 = mm 14,7 CAL 28 = mm 14 CAL 32 = mm 12,75 CAL 36 = mm 10,4 questo calibro può anche essere denominato.410 Come si vede man mano che il calibro cresce, la misura del diametro interno della canna diminuisce. Ciò spiega perché il CAL 12 sia più grosso del CAL 20 che a sua volta è più grosso del CAL 24 e così via. I calibri 4 8 e 10 che pure esistono non sono però ammessi dalla legge sulla caccia. I calibri maggiormente diffusi sono il 12 e il 20 perché rispondono più degli altri alle effettive esigenze venatorie. I calibri piccoli sono utilizzati nelle cacce d appostamento alla piccola migratoria e per lo più per tiri da fermo (con selvaggina posata). IL CALIBRO per il fucile a canna rigata è una misura esatta ed è quella del diametro interno di foratura della canna espressa in millimetri e frazioni oppure in centesimi di pollice. Quindi un fucile calibro 7,65 ha un diametro interno della canna di 7 millimetri e 65 centesimi. CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 10 23/03/2011

11 Una carabina calibro 22 avrà invece un diametro interno della canna pari a 0,22 pollici. Esistono delle eccezioni nelle quali il calibro è determinato dal diametro della profondità della rigatura. Esempio: cal. 9 che come diametro di foratura da 8,82 mentre il diametro di profondità della rigatura è di 9,02 CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 11 23/03/2011

12 IL FUCILE A CANNE AD ANIMA LISCIA IL FUCILE MONOCANNA BASCULANTE I fucili a canna basculante hanno tale denominazione dal movimento di rotazione che compiono le canne in apertura e in chiusura dell arma. LA BASCULA è un massello di acciaio (o lega leggera) che contiene il perno di rotazione delle canne, i tenoni che alloggiano i ganci di acciaio posti sotto le canne tenendole ancorate alla bascula, il tassello di chiusura, i meccanismi di scatto (denominati Batterie) e al suo apice la chiave o manetta di apertura dell arma. La chiave di apertura specie in alcuni modelli monocanna può essere applicata nella parte inferiore della bascula. L ESTRATTORE è l elemento applicato alla canna e consente l arretramento della cartuccia della camera di scoppio di quel tanto che permette alle dita di estrarre il bossolo. LA SICURA è generalmente posta sul prolungamento della bascula nella parte superiore oppure da un pulsante posto sul ponticello con azione diretta sul grilletto per impedirne lo sparo. CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 12 23/03/2011

13 LA DOPPIETTA Fucile basculante a due canne giustapposte dove le due canne sono poste in parallelo sul piano orizzontale. Quest arma si identifica a Cani interni tipo Anson-Deeley a Cani interni tipo Holland-Holland e a Cani esterni, questi ultimi s imperniano all esterno della bascula e battono sui percussori. La posizione dei cani esterni fa sì che possono essere armati e disarmati in ogni momento. I cani disarmati determinano LA SICURA dell arma. PER DISARMARE i cani bisogna con l indice della mano destra premere il grilletto tenendo il pollice sulla leva del cane così da accompagnarlo nella sua ricaduta verso il percussore, dolcemente, onde impedire lo scatto con conseguente sparo. La giunzione delle canne della doppietta può essere eseguita con vari metodi, che sono: 1. canne saldate all ottone in culatta, con ramponi incastrati a coda di rondine; 2. canne saldate all ottone in culatta, piani in un solo pezzo con i ramponi e saldati all ottone alle canne; 3. canne saldate a stagno entro i fori del monobloc di culatta; 4. canne a demibloc integrale, ciascuna delle quali reca semi-ramponi ricavati dalla stessa barra, appaiati con incastro a coda di rondine e saldati, o solo appaiati e saldati. Di questi metodi il più antico è il primo, il più ricercato il quarto, il più pratico il terzo. Se gli assi delle canne della doppietta fossero paralleli, la canna destra colpirebbe a destra in basso, la sinistra a sinistra in basso. Questo perché le canne, non essendo coassiali alla calciatura ed alle chiusure, allo sparo generano coppie di forze di rotazione che spostano la direzione del tiro. Le canne vengono perciò saldate tra loro in posizione convergente. Le rosate delle due canne si sovrappongono a circa m 40 di distanza di tiro. La bindella superiore è più alta in culatta e più bassa in volata, formando con l asse delle canne un angolo d alzo di circa 28, per correggere un abbassamento di rosata di circa cm 32 a m 40 di distanza. La bascula è un blocco di acciaio temperato, o di ferro omogeneo cementato, sul quale sono incernierate le canne. La bascula racchiude i meccanismi di percussione e di scatto, o fa loro da supporto. La forma della bascula è una L dal piede molto lungo, in cui la tavola e la faccia di bascula formano tra di loro un angolo retto. CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 13 23/03/2011

14 Le canne poggiano sul piano della tavola di bascula, suddiviso in due semipiani da un incavo centrale, che forma la sede dei ramponi delle canne. Il vivo di culatta delle canne in chiusura dell arma poggia sulla faccia di bascula, dalla quale fuoriescono i percussori delle batterie. La chiusura è costituita dagli organi meccanici che assicurano la giunzione delle canne di bascula. Tra questi possiamo distinguere la cerniera, che insieme a ramponi consente la rotazione delle canne, le superfici di tenuta che impediscono la separazione tra bascula e canne, la chiusura propriamente detta che si oppone alla rotazione delle canne. Entro la tavola di bascula, comandato da una chiave di apertura, agisce un duplice chiavistello che impegna i ramponi. Questa chiusura è la duplice Purdey, alla quale si possono aggiungere altre chiusure sussidiarie. Gli acciarini possono essere a cani interno o esterni. Quelli a cani interni sono chiamati tipo Anson se il meccanisco è collocato entro la bascula, tipo Holland se invece è imperniato su cartelle laterali. Esistono altri tipi di acciarini, come i Purdey o i Westley Richards, ottimi ma poco impiegati. Gli acciarini Anson prendono nome batterie, sono i più semplici ed i meno costosi, mentre gli Holland sono montati solo nelle armi più fini. CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 14 23/03/2011

15 CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 15 23/03/2011

16 CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 16 23/03/2011

17 CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 17 23/03/2011

18 CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 18 23/03/2011

19 CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 19 23/03/2011

20 IL SOVRAPPOSTO Quest arma a differenza delle doppiette presenta le due canne una sopra l altra. Caratteristica di questo fucile basculante è il minore impennamento e scarto laterale conseguente allo sparo per cui l assetto del rinculo è molto più composto; ne consegue che la ripetizione del secondo colpo avviene senza eccessivi aggiustamenti della posizione del tiratore rispetto al bersaglio e alla linea di mira. Ulteriore vantaggio del sovrapposto rispetto alla doppietta è rappresentato dalla forma della basculla per via delle due canne poste una sopra l altra; infatti, questa è particolarmente robusta per la sua forma a U che tende a opporsi alle flessioni dei tubi. Il sovrapposto moderno fu realizzato agli inizi del secolo. Per il tipo di chiusura si vennero a costituire due scuole: quella tedesca, che intraprese la produzione di sovrapposti ad asse trasversale e ramponatura sottostante alle canne, e quella inglese, che seguì la soluzione della cerniera su semiperni laterali, con chiusura su ramponi laterali alle canne. La produzione belga si divise in due tronconi, per cui in parte adottò la ramponatura sottostante alle canne, in parte la ramponatura laterale. Anche in Italia i fabbricanti seguirono entrambe le soluzioni, spesso con meccanica originale, ma senza un orientamento uniforme. La sola Beretta seguì con intelligenza una propria strada. La bascula del sovrapposto è un blocco in acciaio temperato con sezione a forma di U, per abbracciare le due canne disposte in posizione verticale. CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 20 23/03/2011

21 La forma della bascula varia molto in rapporto al diverso tipo di chiusura. Nei sovrapposti con ramponatura laterale tipo Boss, o nei Beretta con tenuta ad incastro sulle spalle di bascula, la forma della bascula è più bassa ed elegante rispetto a quella dei sovrapposti con chiusura a catenaccio su ramponi posti sotto le canne. Nella costruzione dei sovrapposti sempre con maggiore frequenza si fa ricorso a batterie corte, azionate da molle a spirale e montate sul ponticello. Solo i tipi più fini adottano acciarini tipo Holland montati su piastre laterali. I sovrapposti da tiro impiegano un monogrilletto semplice, mentre quelli da caccia usano quello selettivo o i due grilletti. Soltanto i sovrapposti più economici impiegano estrattori non automatici. La giunzione delle canne del sovrapposto può essere ottenuta col metodo demibloc, ma si va affermando il monobloc di culatta anche in armi fini. L accoppiamento demibloc nel sovrapposto si ottiene saldando a forte i due tubi, dei quali l inferiore forma pezzo unico coi ramponi. Nell accoppiamento i tubi del sovrapposto vengono montati con una convergenza inferiore (rispetto alla doppietta) e solo verticale, perché le canne non tendono a divergere lateralmente il tiro, avendo chiusure simmetriche. Le canne di alcuni sovrapposti mancano dei bindellini laterali, per un migliore raffreddamento dei tubi ed un alleggerimento delle canne. I sovrapposti che hanno canne saldate soli in culatta ed in volata, ma sono privi di bindelle laterali, per effetto del maggiore riscaldamento e allungamento della canna inferiore, che spara di più, possono creare problemi di sovrapposizione di rosate. L allungamento indipendente dei tubi può essere ottenuto congiungendoli in prossimità della volata con un anello scorrevole. La convergenza verticale delle canne del sovrapposto ha un valore inferiore rispetto alla convergenza orizzontale delle doppiette. Anche l angolo di alzo, formato dalla bindella alta in culatta e bassa in volata, nel sovrapposto è inferiore a quello delle doppiette. Le due canne sovrapposte si sorreggono a vicenda, perciò non effettuano flessioni verso il basso. Inoltre l alzo del sovrapposto deve considerare l entità del rilevamento, ossia dello spostamento verso l alto del tiro per efetto dell impennamento delle canne. La convergenza delle canne non è simmetrica, perché la canna superiore risulta dritta ed in asse con il bersaglio, mentre l inferiore converge verso l alto quel tanto che basta per compensare l abbassamento dello sciame dei pallini a circa 40 metri di distanza, per effetto della gravità. La canna inferiore dei sovrapposti non regolati a dovere tende a spostare il tiro in basso, mentre la superiore sposta il tiro in alto. CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 21 23/03/2011

22 IL FUCILE BASCULANTE Descrizione meccanismi e sincronizzazione: 1. RAMPONATURA accoppiamento tra canna e bascula, perni di rotazione, giro di compasso 2. CHIUSURA a tassello o passante o tasselli lateriali 3. ARMAMENTO apertura canne e messa in movimento della catena cinematica 4. EJEZIONE meccanica o automatica 5. SICUREZZA sicura manuale ed eventualmente sicura automatica 6. AGGANCIO ASTA alle canne e regolazioni. CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 22 23/03/2011

23 CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 23 23/03/2011

24 CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 24 23/03/2011

25 CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 25 23/03/2011

26 CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 26 23/03/2011

27 IL FUCILE A RIPETIZIONE SEMIAUTOMATICA Esaminiamo ora il fucile a ripetizione semiautomatica con l avvertenza che, esclusivamente per brevità, lo chiameremo automatico pur se tale dizione è assolutamente inesatta. Ma, per prima cosa, dobbiamo fare un cenno alla ripetizione. La ripetizione di un arma, sia essa con canne ad anima liscia che con anima rigata, è il sistema di caricamento dell arma stessa. Essa può essere di tre tipi: semplice o manuale, quando il munizionamento è inserito singolarmente e manualmente nella camera di scoppio, cos come manuali sono tutte le successive operazioni di estrazione e ricarica; semiautomatica, quando la prima cartuccia viene introdotta nella camera di scoppio manualmente, mentre l espulsione e l introduzione delle successive cartucce avvengono automaticamente senza l intervento manuale; serve premere ogni volta il grilletto per provocare lo sparo; automatica, quando tutte le operazioni di caricamento compresa la prima, e di espulsione dei colpi sono automatiche. Mantenendo il grilletto premuto si spara a raffica. Generalmente le armi automatiche sono predisposte per il tiro a raffica, successione in pochi decimi di secondo dello sparo dei proiettili, e costituiscono tutte armi da guerra. Alla luce di quanto detto, e come qui di seguito vedremo, il fucile da caccia che stiamo esaminando è a ripetizione semiautomatica. Questo fucile offre, rispetto agli altri, il vantaggio balistico legato al fatto di avere una sola canna, anche se svantaggiato dall avere un solo valore di strozzatura, della quale parleremo in seguito. Tuttavia, la possibilità di intercambiare le canne permette di avere sempre a portata di mano la canna più idonea, riferita al valore di strozzatura, al tipo di caccia senza dover disporre di una batteria di fucili. Ma pur non ricorrendo a diverse canne intercambiabili ma lasciando una sola canna esiste la possibilità di avvitare in volata degli strozzatori. Questi strozzatori offrono un rendimento molto simile ai valori di strozzatura fissa. Tre sono i sistemi principali di ripetizione negli automatici: il sistema a lungo rinculo, quello a sottrazione di gas e quello cinetico. Funzionamento del sistema a lungo rinculo. Al momento dello sparo per l azione dell energia di rinculo uguale e contraria al moto della carica, la canna e l otturatore ad essa bloccato, rinculano assieme per un tratto appena superiore alla lunghezza del bossolo privo di orlatura, comprimendo nel loro moto, ciascuno, una propria molla CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 27 23/03/2011

28 antagonista. Durante tale moto avvengono l estrazione e l espulsione del bossolo sparato. In un punto prestabilito, corrispondente al momento in cui il piombo lascia la volata, l otturato si sblocca dalla canna la quale, sotto la spinta della molla antagonista, ritorna nella sua posizione normale. Al termine della sua corsa retrograda in cui ha armato il cane, l otturatore viene trattenuto finché la canna, ritornando in posizione normale, e, cioè, in batteria, libera la nuova cartuccia dal serbatoio. La canna urta contro un apposita levetta e provoca l istantaneo sollevamento del cucchiaio elevatore e lo svincolo dell otturatore. Questo, non più trattenuto, viene spinto in avanti dalla propria molla antagonista, incontra la nuova cartuccia sollevata dall elevatore, e la spinge nella camera di scoppio bloccandosi in chiusura. Premendo il grilletto parte il nuovo colpo ed il ciclo si ripete fino all esaurimento delle cartucce contenute nel serbatoio. CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 28 23/03/2011

29 Funzionamento del sistema a sottrazione di gas. Nel sistema a sottrazione di gas la canna, a differenza dell altro sistema, pur se intercambiabile e,quindi,mobile, resta bloccata al castello dell arma durante tutto il ciclo di ripetizione. Ad una distanza, variabile a seconda dei modelli, dal vivo di culatta sono presenti due ugelli attraverso cui circa lo 0,60% dei gas si immettono in un cilindro solidale con la canna. La pressione dei gas agisce sulla testa di un pistone, alloggiato nel cilindro, che, scorrendo su di un supporto tubolare, colpisce con notevole inerzia un asta di comando vincolata ad un manicotto collegato con l otturatore che, così, retrocede. Durante la sua corsa all indietro, l otturatore estrae il bossolo vuoto che viene espulso allorché urta contro un dente o piolo detto espulsore. Contemporaneamente arma il cane e comprime, per mezzo di una biella, la molla antagonista dalla quale, al temine della corsa retrograda, viene spinto in avanti, spingendo, durante questo movimento, una nuova cartuccia nella camera di scoppio, bloccandosi in chiusura. Il sistema di uscita della nuova cartuccia dal serbatoio, la sua elevazione e lo svincolo dell otturatore avvengono nella stessa maniera descritta per il fucile a lungo rinculo. Il sistema a sottrazione di gas è spesso provvisto anche di una valvola che regola il volume dei gas in modo che la pressione nel cilindro sia sempre la stessa usando cartucce di diversa potenza. Ciò elimina qualsiasi necessità di regolazione preventiva e l esistenza di organi di frenaggio. CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 29 23/03/2011

30 La differenza tra i due sistemi è che nel secondo vi è assenza di scuotimenti e rumorosità meccaniche, un rinculo più dolce. In entrambi, quando l otturatore non è in perfetta posizione di chiusura, un accorgimento ne impedisce la percussione. Inoltre, la sicura è a pulsante, posta sul ponticello ed agisce sul grilletto. CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 30 23/03/2011

31 CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 31 23/03/2011

32 CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 32 23/03/2011

33 CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 33 23/03/2011

34 Funzionamento del sistema cinetico. A questa tipologia di funzionamento appartiene il fucile Benelli. Questo semiautomatico risulta avere la canna fissa e la spinta di alimentazione del gruppo di armamento, è attivata dall azione di una molla detta cinetica posta all interno dell otturatore. All atto dello sparo, per effetto del moto relativo e di senso contrario tra arma e tiratore, detta molla si comprime e successivamente espandendosi sprigiona la forza necessaria per il riarmo del meccanismo. Si tratta di un arma molto veloce che non richiede particolari manutenzioni. La sensazione di rinculo e la stabilità dell arma sono più critici rispetto ad un fucile a presa di gas il quale però necessita di una maggiore pulizia dei depositi carboniosi che si presentano nel cilindro-pistone. 5) IL FUCILE A RIPETIZIONE A POMPA Il fucile a ripetizione semplice a pompa è un arma che non è ancora diffusissimo in Italia, per cui accenneremo soltanto che la ripetizione si effettua manualmente agendo su di una impugnatura scorrevole posta sotto la canna e coassiale al tubo serbatoio. CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 34 23/03/2011

35 IL FUCILE SEMIAUTOMATICO Descrizione meccanismi e sincronizzazione: 1. CHIUSURA - a rampone oscillante HEAD-SPACE - a testina rotante HEAD-SPACE 2. MECCANISMO DI SPARO con sicura manuale e automatica anti-raffica 3. MECCANISMO DI ALIMENTAZIONE dal serbatoio alla camera di scoppio: - leva di chiusura serbatoio e di sgancio elevatore - elevatore 4. ESTRAZIONE ED ESPULSIONE CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 35 23/03/2011

36 CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 36 23/03/2011

37 CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 37 23/03/2011

38 CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 38 23/03/2011

39 CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 39 23/03/2011

40 CENNI DI TECNICHE COSTRUTTIVE MODERNE METODI DI STUDIO E INDUSTRIALIZZAZIONE o Organizzazione di idee, schemi, invenzioni sulla base di input precisi (di progetto, di innovazione, ecc ); o Studio meccanico e organizzazione meccanoca generale; o Disegni costruttivi sperimentali previo studio delle tolleranze; o Prototipazione per verifiche meccaniche, funzionali o prototipia rapida 3D per valutazioni estetiche ed ergonomiche; o Industrializzazione che deve essere calibrata alla realtà produttiva ed ai mezzi; o Lavorazione parti essenziali quali bascula, monoblocco, castello, otturatore, culatta; o Lavorazione parti secondarie; o Convenienza di lavorazioni su macchine tradizionali, transfer e macchine a controllo numerico; o Convenienza lavorazioni per stampaggio, microfusioni, mim, in funzione della quantità, del tipo di sollecitazione dei vari pezzi nonché del livello di difficoltà geometrica di costruzione. CONSORZIO ARMAIOLI ITALIANI Pagina 40 23/03/2011

di: Francesco Zanardi

di: Francesco Zanardi LE PISTOLE A RAFFICA di: Francesco Zanardi Tra i tanti argomenti di cui si parla nei poligoni di tiro non mancano mai le pistole a raffica. Queste armi un po particolari hanno sempre affascinato gli appassionati

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

Calettatori per attrito SIT-LOCK

Calettatori per attrito SIT-LOCK Calettatori per attrito INDICE Calettatori per attrito Pag. Vantaggi e prestazioni dei 107 Procedura di calcolo dei calettatori 107 Gamma disponibile dei calettatori Calettatori 1 - Non autocentranti 108-109

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions MINI-ESCAVATORE 2230/2335 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Il è un mini-escavatore con sporgenza posteriore realmente nulla. Il contrappeso e la parte posteriore del telaio superiore della macchina

Dettagli

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Trasmissioni a cinghia dentata CLASSICA INDICE Trasmissione a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Pag. Cinghie dentate CLASSICE

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

PISTOLE SEMIAUTOMATICHE

PISTOLE SEMIAUTOMATICHE PISTOLE SEMIAUTOMATICHE MANUALE D ISTRUZIONE PER TUTTI I MODELLI CALIBRI: 9X21.40 S&W.38 SA.45 ACP 10mm 9mm corto 7,65mm.22LR DIMENSIONI: STANDARD COMPACT CARRY FINITURE: BRUNITA CROMATA DUO-TONE FUSTO:

Dettagli

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC Riferimento al linguaggio di programmazione STANDARD ISO 6983 con integrazioni specifiche per il Controllo FANUC M21. RG - Settembre 2008

Dettagli

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici.

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici. IL FERRO Fe 1 Il ferro è un metallo di colore bianco grigiastro lucente che fonde a 1530 C. E uno dei metalli più diffusi e abbondanti sulla terra e certamente il più importante ed usato: navi, automobili,

Dettagli

CLAUDIO LO CURTO ARMI DA GUERRA, ARMI TIPO GUERRA, ARMI COMUNI, MUNIZIONI DA GUERRA E MUNIZIONI COMUNI DA SPARO

CLAUDIO LO CURTO ARMI DA GUERRA, ARMI TIPO GUERRA, ARMI COMUNI, MUNIZIONI DA GUERRA E MUNIZIONI COMUNI DA SPARO CLAUDIO LO CURTO ARMI DA GUERRA, ARMI TIPO GUERRA, ARMI COMUNI, MUNIZIONI DA GUERRA E MUNIZIONI COMUNI DA SPARO (Sentenza GUP Tribunale Lanusei n.31/05) TODINI EDITORE - SASSARI 2009 N. 9 della Collana

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Identificazione delle parti IL CARBURATORE SI

Identificazione delle parti IL CARBURATORE SI Identificazione delle parti IL CARBURATORE SI A) Vite di regolazione del minimo. B) Getto MAX C) Getto MIN D) Vite corta coperchio camera del galleggiante E) Vite lunga coperchio camera del galleggiante

Dettagli

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Allo scopo di garantire al Tiro sportivo con armi da fuoco un crescente sviluppo anche all interno del Nostro poligono e che i sacrifici di chi si è prodigato perché

Dettagli

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI?

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? Buona Caccia e Buon Volo, giovani amici di Eureka! Siete tra gli eletti che hanno deciso di passare al livello successivo: site pronti? Questo mese vi proponiamo

Dettagli

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI 3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI L aerostato è un aeromobile che, per ottenere la portanza, ossia la forza necessaria per sollevarsi da terra e volare, utilizza gas più leggeri

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT)

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT) PT-27 Torcia per il taglio con arco al plasma Manuale di istruzioni (IT) 0558005270 186 INDICE Sezione/Titolo Pagina 1.0 Precauzioni per la sicurezza........................................................................

Dettagli

NORME DI SICUREZZA NELL USO DELLE ARMI DA FUOCO

NORME DI SICUREZZA NELL USO DELLE ARMI DA FUOCO NORME DI SICUREZZA NELL USO DELLE ARMI DA FUOCO Vengono comunemente definite norme di sicurezza tutta una serie di accorgimenti e precauzioni, codificate o meno, che devono sempre essere messe in atto

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

Piccoli attuatori elettrici angolari 2SG5

Piccoli attuatori elettrici angolari 2SG5 Piccoli attuatori elettrici angolari 2SG5 Istruzioni per l uso supplementari SIPOS 5 Edizione 05.13 Tutti i diritti riservati! Indice Istruzioni per l uso supplementari SIPOS 5 Indice Indice 1 Informazioni

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

Focolari ad alto livello

Focolari ad alto livello 34 & 35 1 Focolari ad alto livello Contura 34T e 35T sono due innovativi modelli di stufa in pietra ollare, caratterizzati da un desig n più moderno e slanciato, una migliore visibilità del fuoco e l usuale

Dettagli

Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C. Informazione tecnica

Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C. Informazione tecnica Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C Informazione tecnica Indice Caratteristiche 2 Vantaggi dei cuscinetti FAG radiali rigidi a sfere Generation C 2 Tenuta e lubrificazione 2 Temperatura

Dettagli

ESPLOSO RICAMBI CALDAIE MURALI A GAS mod. META 20 MFFI/RFFI-CE mod. META 24 MFFI/RFFI-CE

ESPLOSO RICAMBI CALDAIE MURALI A GAS mod. META 20 MFFI/RFFI-CE mod. META 24 MFFI/RFFI-CE ESPLOSO RICAMBI CALDAIE MURALI A GAS mod. META 20 MFFI/RFFI-CE mod. META 24 MFFI/RFFI-CE E d i z i o n e 1 d a t a t a A P R I L E 1 9 9 5 POOL AZIENDE SERVIZIO SICUREZZA GAS 53 52 51 50 49 48 47 46 351

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

LA LEGGE E LE ARMI. Ogni riproduzione, anche parziale, è vietata.

LA LEGGE E LE ARMI. Ogni riproduzione, anche parziale, è vietata. Marte ZANETTE T.S.N. LECCE LA LEGGE E LE ARMI Ogni riproduzione, anche parziale, è vietata. Le leggi vigenti - Nozione di arma La legge penale stabilisce che per armi si intendono: quelle da sparo e tutte

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

Per vedere quando è che una forza compie lavoro e come si calcola questo lavoro facciamo i seguenti casi.

Per vedere quando è che una forza compie lavoro e come si calcola questo lavoro facciamo i seguenti casi. LAVORO ED ENERGIA TORNA ALL'INDICE Quando una forza, applicata ad un corpo, è la causa di un suo spostamento, detta forza compie un lavoro sul corpo. In genere quando un corpo riceve lavoro, ce n è un

Dettagli

Serrature a 3 punti di chiusura. a cilindro europeo per porte in alluminio e ferro

Serrature a 3 punti di chiusura. a cilindro europeo per porte in alluminio e ferro Serrature a 3 punti di chiusura a cilindro europeo per porte in alluminio e ferro Serrature a 3 punti di chiusura a cilindro europeo per porte in alluminio e ferro ElEvata sicurezza - Catenaccio laterale

Dettagli

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA 1) IL MOMENTO DI UNA FORZA Nell ambito dello studio dei sistemi di forze, diamo una definizione di momento: il momento è un ente statico che provoca la rotazione dei corpi. Le forze producono momenti se

Dettagli

Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II

Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II Esercitazione VIII - Lavoro ed energia II Forze conservative Esercizio Una pallina di massa m = 00g viene lanciata tramite una molla di costante elastica = 0N/m come in figura. Ammesso che ogni attrito

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei L OSCILLOSCOPIO L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei circuiti elettronici. Nel suo uso abituale esso ci consente di vedere le forme d onda

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

la nuova generazione

la nuova generazione O - D - Giugno - 20 Sistemi di adduzione idrica e riscaldamento in Polibutilene la nuova generazione Push-fit del sistema in polibutilene Sistema Battuta dentellata La nuova tecnologia in4sure è alla base

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

SERIE TK20 MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano

SERIE TK20 MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano SERIE MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano PAG. 1 ESPLOSO ANTA MOBILE VISTA LATO AUTOMATISMO PAG. 2 MONTAGGIO GUARNIZIONE SU VETRO (ANTA MOBILE E ANTA FISSA) Attrezzi e materiali da utilizzare per il montaggio:

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

percorso fatto sul tratto orizzontale). Determinare il lavoro (minimo) e la potenza minima del motore per percorrere un tratto.

percorso fatto sul tratto orizzontale). Determinare il lavoro (minimo) e la potenza minima del motore per percorrere un tratto. Esercizio 1 Una pietra viene lanciata con una velocità iniziale di 20.0 m/s contro una pigna all'altezza di 5.0 m rispetto al punto di lancio. Trascurando ogni resistenza, calcolare la velocità della pietra

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria Quale frequenza di lavoro scegliere Geometria del pezzo da trattare e sue caratteristiche elettromagnetiche

Dettagli

Manuale di installazione, manutenzione ed assistenza dei freni a disco idraulici

Manuale di installazione, manutenzione ed assistenza dei freni a disco idraulici Manuale di installazione, manutenzione ed assistenza dei freni a disco idraulici HFX-Mag HFX-Mag Plus HFX-9 HFX-9 HD Informazioni sulla sicurezza Questo tipo di freno è stato progettato per l uso su mountain

Dettagli

Magnifici focolari. Il tutto, ovviamente, contrassegnato dal marchio Svanen, per una scelta consapevole a favore dell ambiente.

Magnifici focolari. Il tutto, ovviamente, contrassegnato dal marchio Svanen, per una scelta consapevole a favore dell ambiente. Handöl 26 Magnifici focolari Handöl 26T e Handöl 26K sono le prime stufe di grandi dimensioni della serie Handöl 20. Un magnifico focolare di produzione svedese per tutti coloro che sono alla ricerca di

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

Manuale dell operatore

Manuale dell operatore Technical Publications 20 Z-30 20HD Z-30 Manuale dell operatore Modelli precedenti al numero di serie 2214 First Edition, Second Printing Part No. 19052IT Sommario Pagina Norme di sicurezza... 3 Controllo

Dettagli

LE VALVOLE PNEUMATICHE

LE VALVOLE PNEUMATICHE LE VALVOLE PNEUMATICHE Generalità Le valvole sono apparecchi per il comando, per la regolazione della partenza, arresto e direzione, nonché della pressione e passaggio di un fluido proveniente da una pompa

Dettagli

Martelli - mazze - mazzette 462 Utensili di percussione serie con guaina 472 462 464 467 Utensili di percussione 475 Mazzuole 468 475 468 476

Martelli - mazze - mazzette 462 Utensili di percussione serie con guaina 472 462 464 467 Utensili di percussione 475 Mazzuole 468 475 468 476 460 www.facom.com 10. Martelli, utensili di percussione Martelli - mazze - mazzette 462 Utensili di percussione serie con guaina 472 Martelli con impugnatura in Graphite... 462 Martelli con impugnatura

Dettagli

PULIZIA IN-SITU PULIZIA DIFFUSORI MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA ESTRAZIONE PERMEATO PER ASPIRAZIONE ESTRAZIONE PERMEATO PER GRAVITÀ

PULIZIA IN-SITU PULIZIA DIFFUSORI MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA ESTRAZIONE PERMEATO PER ASPIRAZIONE ESTRAZIONE PERMEATO PER GRAVITÀ MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA Il modulo a membrana piana Kubota utilizza la tecnologia di microfiltrazione detta cross flow. Insufflando aria sul fondo del modulo, si crea un flusso ascensionale

Dettagli

Sistemi materiali e quantità di moto

Sistemi materiali e quantità di moto Capitolo 4 Sistemi materiali e quantità di moto 4.1 Impulso e quantità di moto 4.1.1 Forze impulsive Data la forza costante F agente su un punto materiale per un intervallo di tempo t, si dice impulso

Dettagli

CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE

CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE Consideriamo adesso un corpo esteso, formato da più punti, e che abbia un asse fisso, attorno a cui il corpo può ruotare. In questo caso l

Dettagli

15R-8 PC15R-8 PC15R-8. POTENZA NETTA SAE J1349 11,4 kw - 15,3 HP M INIESCAVATORE. PESO OPERATIVO Da 1.575 kg a 1.775 kg

15R-8 PC15R-8 PC15R-8. POTENZA NETTA SAE J1349 11,4 kw - 15,3 HP M INIESCAVATORE. PESO OPERATIVO Da 1.575 kg a 1.775 kg PC 15R-8 PC15R-8 PC15R-8 M INIESCAVATRE PTENZA NETTA SAE J149 11,4 kw - 15, HP PES PERATIV Da 1.575 kg a 1.775 kg M INIESCAVATRE LA TECNLGIA PRENDE FRMA Frutto della tecnologia e dell esperienza KMATSU,

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI

O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI O5 - LE ABERRAZIONI delle LENTI Per aberrazione intendiamo qualsiasi differenza fra le caratteristiche ottiche di un oggetto e quelle della sua immagine, creata da un sistema ottico. In altre parole, ogni

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

INJEX - Iniezione senza ago

INJEX - Iniezione senza ago il sistema per le iniezioni senz ago INJEX - Iniezione senza ago Riempire le ampolle di INJEX dalla penna o dalla cartuccia dalle fiale con la penna Passo dopo Passo Per un iniezione senza ago il sistema

Dettagli

ADVANCE Easy Moving. Il pellet diventa facile! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da biomasse

ADVANCE Easy Moving. Il pellet diventa facile! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da biomasse ADVANCE Easy Moving www.advanceeasymoving.com Il pellet diventa facile! Caldaia sempre alimentata... senza pensarci! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da

Dettagli

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMO RESISTENTE A PETTINE Un elemento di calcestruzzo tra due fessure consecutive si può schematizzare come una mensola incastrata nel corrente

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

Verbale di Deposito Domanda di Brevetto per INVENZIONE INDUSTRIALE

Verbale di Deposito Domanda di Brevetto per INVENZIONE INDUSTRIALE Verbale di Deposito Domanda di Brevetto per Invenzione Industriale numero domanda: BO11A0007 Camera di Commercio Industria, Artigianato e Agricoltura di BOLOGNA Verbale di Deposito Domanda di Brevetto

Dettagli

Utilizzando materiali poveri, naturali e di recupero è possibile costruire un grande numero di strumenti musicali a bassissimo costo.

Utilizzando materiali poveri, naturali e di recupero è possibile costruire un grande numero di strumenti musicali a bassissimo costo. Utilizzando materiali poveri, naturali e di recupero è possibile costruire un grande numero di strumenti musicali a bassissimo costo. Con questa attività, il bambino, non solo si avvicina alla musica e

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

CARATTERISTICHE DI UNA CANDELA GLOW PLUG

CARATTERISTICHE DI UNA CANDELA GLOW PLUG CARATTERISTICHE DI UNA CANDELA GLOW PLUG CENNI STORICI Nell anno 1946, l ingegnere americano Ray Arden, un vero pioniere della progettazione dei micromotori ed indiscusso genio in materia, ideò e perfezionò

Dettagli

Svolgimento della prova

Svolgimento della prova Svolgimento della prova D1. Il seguente grafico rappresenta la distribuzione dei lavoratori precari in Italia suddivisi per età nell anno 2012. a. Quanti sono in totale i precari? A. Circa due milioni

Dettagli

SCHEDA TECNICA. W270C W300C 4,4 m 3 5,0 m 3 8,0 ton 8,9 ton 24,4 ton 27,7 ton 320 CV/239 kw 347 CV/259 kw

SCHEDA TECNICA. W270C W300C 4,4 m 3 5,0 m 3 8,0 ton 8,9 ton 24,4 ton 27,7 ton 320 CV/239 kw 347 CV/259 kw SCHEDA TECNICA CAPACITÀ BENNE CARICO OPERATIVO BENNE PESO OPERATIVO POTENZA MASSIMA W270C W300C 4,4 m 3 5,0 m 3 8,0 ton 8,9 ton 24,4 ton 27,7 ton 320 CV/239 kw 347 CV/259 kw W270C/W300C ECOLOGICO COME

Dettagli

Esercizi e Problemi di Termodinamica.

Esercizi e Problemi di Termodinamica. Esercizi e Problemi di Termodinamica. Dr. Yves Gaspar March 18, 2009 1 Problemi sulla termologia e sull equilibrio termico. Problema 1. Un pezzetto di ghiaccio di massa m e alla temperatura di = 250K viene

Dettagli

una saldatura ad arco

una saldatura ad arco UTENSILERIA Realizzare una saldatura ad arco 0 1 Il tipo di saldatura Saldatrice ad arco La saldatura ad arco si realizza con un altissima temperatura (almeno 3000 c) e permette la saldatura con metallo

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

GIUNTO A DISCHI KD2 & KD20 Istruzioni per l Installazione e l Allineamento Modulo 15-111 APRILE 2002

GIUNTO A DISCHI KD2 & KD20 Istruzioni per l Installazione e l Allineamento Modulo 15-111 APRILE 2002 GIUNTO A DISCHI KD2 & KD20 Istruzioni per l Installazione e l Allineamento Modulo 15-111 APRILE 2002 Emerson Power Transmission KOP-FLEX, INC., P.O. BOX 1696 BALTIMORE MARYLAND 21203, (419) 768 2000 KOP-FLEX

Dettagli

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante

Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante trasporto pesante Guida alla sicurezza e alle prestazioni di un impianto frenante www.brembo.com trasporto pesante L i m p i a n t o f r e n a n t e d i u n v e i c ol o pesante per trasporto d i m e r

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SINCRO SISTEMA DELLE STELLE 1 SISTEMA DELLE STELLE Tutte le atlete di nuoto sincronizzato tesserate per la Federazione Italia Nuoto dovranno partecipare all attività

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli