Avvocato Giuseppe Lanunziata Oplologo

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Avvocato Giuseppe Lanunziata Oplologo"

Transcript

1 Avvocato Giuseppe Lanunziata Oplologo

2 2 Compendio breve di BALISTICA IDENTIFICATIVA FORENSE su munizioni, polveri da lancio ed esplosivi 2

3 3 Alla mia amata consorte che mi permette di coltivare questa stupenda passione dedico Al Prof. Saverio Buffa, Chimico insigne, Gran Maestro :. la sua lezione di vita rimarrà scolpita nel mio cuore. dedico a tutti gli appassionati dedico raunai le fronde sparte Inf. XIV, 2 3

4 4 Nota introduttiva Per i meno esperti, la balistica s identifica come una materia piena d incomprensibili formule matematiche ed un linguaggio tecnico che a volte appare ermeneutico ai molti. Il lessico qui adoperato può apparire ostico a chi legge, anche se, per la verità, ho tentato in ogni modo di mitigare quelle che sono le ineluttabilità connesse al tecnicismo. Del resto, la qualità di questo compendio di valore strettamente scientifico è legata ad un gergo che, se non curiale, deve essere improntato all adeguata ed idonea precisione e puntualità nei riferimenti. 4

5 5 prefazione La scarsa conoscenza della balistica, delle sue semplici regole e delle leggi fondamentali chimico fisiche poste alla base del fenomeno combustivo, da parte di chi è chiamato a giudicare una condotta umana penalmente rilevante, o più semplicemente a studiare il fenomeno balistico, mi hanno spinto ad ordinare in un modo semplice ed elementare, almeno spero, una gran parte di tutti quegli elementi identificativi. La passione che nutro verso la scienza della balistica, mi ha portato ad attingere notizie, formule e suggerimenti pratici su riviste, testi scientifici e vecchi libri di scuola, in ogni modo, non tralasciando le udienze nelle Aule di Giustizia, sforzandomi di dare una risposta a tutti gli interrogativi rimasti insoluti. L impegno e la perseveranza profusi durante i lavori di ricerca, siano, mi auguro, di stimolo a nuovi scritti, affinché la balistica non sia più considerata un alchimia od una scienza inesatta e sia giustamente e serenamente considerata come una disciplina organica in cui confluiscono, così come confluiscono gli affluenti in un fiume, leggi matematiche, fisiche e chimiche. L autore 5

6 6 Presentazione dell autore L Avvocato Giuseppe LANUNZIATA, autore di questo breve compendio è un appassionato oplologo che vive e lavora in Foggia, con Studio alla via Trieste civ.15. (recapiti tel ) Nel 1984, dopo il conseguimento del diploma di Laurea in Giurisprudenza presso l università degli Studi di Chieti, ha frequentato con diligenza e profitto le Aule di Giustizia per la pratica forense, prediligendo quelle penali. Conseguiva l abilitazione tecnica rilasciata ai sensi dell art.31 della Legge nr.110/1975 dalla Commissione Provinciale per le armi e materie esplodenti riunita presso la Prefettura di Foggia per l attività di Direttore Istruttore di tiro con armi da fuoco, nonché l abilitazione alla riparazione d armi da fuoco rilasciata, ai sensi dell art.8 della Legge nr.110/1975, dalla stessa Autorità Prefettizia. Il radicato senso dell Onore, insieme alla ricchezza dell Amore per la Bandiera lo hanno spinto ad interessarsi dei problemi del mondo delle Forze dell Ordine. Per anni ha svolto, con soddisfazione l incarico di Consulente per la maggior Organizzazione sindacale di Polizia Penitenziaria, collaborando in modo autonomo e senza soluzione di continuità, quale articolista, con il periodico Polizia Penitenziaria Domani. 6

7 7 Ha eseguito, in via stragiudiziale ed in procedimenti penali pendenti dinanzi all Autorità Giudiziaria, anche su delega del Gabinetto di Polizia Scientifica della Questura di Foggia, perizie e consulenze tecniche su armi da fuoco comuni, guerra e tipo guerra, armi bianche ed ex ordinanze. Esercita, in Foggia, la gratificante professione di Avvocato. Tutor incaricato presso la Scuola forense di Capitanata per l insegnamento delle materie di diritto e procedura penale. Collabora, quale articolista, con la redazione de La virgola Rassegna dell Ordine Forense di Foggia. Con Delibera nr.21 del 23 dic. 04 il Consiglio dell Ordine degli Avvocati ha espresso il nulla osta all esercizio dell attività di consulente del Giudice. Iscritto al nr.01 della categoria Balistica nell Albo degli Esperti penali d Ufficio presso il Tribunale di Foggia. Foggia lì, gennaio 07 7

8 8 8

9 9 9

10 10 10

11 11 11

12 12 I N D I C E Capitolo 1 Balistica identificativa forense 1.1 Esempio di una metodologia d indagine 1.2 Impronte d interesse balistico 1.3 Impronte sul bossolo 1.4 Impronte sul proiettile 1.5 Impronte presenti sul bossolo relative al conio 1.6 L esame al microscopio comparatore ottico 1.7 Il Microscopio a scansione (SEM) 1.8 La Microsonda a raggi X (EDX) 1.9 Le moderne metodologie d indagine ricerche eseguite con SEM - EDX Capitolo 2 Nozioni di fisica applicata 2.1 Il Minuto d angolo 2.2 Il moto del proiettile nel vuoto 2.3 Nozioni di fisica applicata alle macchine balistiche 2.4 Il terzo principio della dinamica newtoniana applicato alla Fisica della chiusura labile od inerziale blowback 2.5 L energia del rinculo 2.6 Un esempio concreto di calcolo Capitolo 3 La cartuccia e suoi componenti 3.1 I proiettili 3.2 Tipologia delle ogive 3.3 Le ogive del tipo cast 12

13 La velocità delle ogive 3.5 Variazioni di rendimento balistico 3.6 Le Express 3.7 L innesco 3.8 Il bossolo 3.9 Le cartucce ecologiche Capitolo 4 Storia dell evoluzione dei sistemi d'accensione dei sistemi d arma 4.1 I primi meccanismi d accensione; 4.2 Il meccanismo della ruota; 4.3 L acciarino ed il focile; 4.4 La percussione; 4.5 La retrocarica; 4.6 La cartuccia a spillo Capitolo 5 Le polveri da lancio 5.1 Le famiglie 5.2 Le caratteristiche fisico - chimiche delle polveri 5.3 La gelatinizzazione 5.4 Il fenomeno combustivi 5.5 La camera a polvere 5.6 Identificazione dei processi fisico chimici Capitolo 6 Altri tipi di esplosivi 6.1 Cenni storici 6.2 Le polveri senza fumo 6.3 La chimica delle polveri infumi 6.4 Caratteristiche chimiche del cotone collodio, fulmicotone, nitroglicerina 13

14 La dirompenza esplosiva 6.6 Classificazione commerciale delle polveri 6.7 Monobasiche e Bibasiche pregi e difetti 6.8 Classificazione dei fuochi artificiali 6.9 Le miscele pirotecniche Capitolo 7 Micce, Detonatori, Ordigni Esplosivi 7.1 Tipi di micce 7.2 Detonatori comuni ed elettrici 7.3 L innescamento 7.4 Principali prove di riscontro da eseguirsi sui detonatori 7.5 Ordigni esplosivi, caratteristiche e procedure di primo intervento 7.6 L impiego d esplosivi da mine 7.7 Esplosivi militari da scoppio 7.8 Le cariche cave 7.9 Esplosioni mancate ed incidenti Capitolo 8 Nozioni di chimica organica 8.1 L isomeria 8.2 Formule e nomenclatura 8.3 I gruppi funzionali 8.4 Idrocarburi saturi ed insaturi 8.5 Idrocarburi acetilenici ed aromatici 8.6 Le reazioni d addizione 8.7 Fenoli, aldeidi e chetoni 8.8 Esteri, eteri ed ammine 8.9 I polimeri 14

15 15 Capitolo 9 I Composti esplosivi 9.1 Idrazina e suoi derivati 9.2 Il metano e suoi derivati 9.3 Gli esteri nitrici 9.4 Le dinamiti 9.5 Le gelatine gomme 9.6 Le nitrocellulose 9.7 Le polveri infumi. 9.8 Altri esplosivi facilmente reperibili 9.9 Il Tritolo e suoi derivati Capitolo 10 La brunitura delle armi 10.1 Il processo di brunitura cenni storici 10.2 La Parkerizzazione 10.3 Principali prodotti chimici utilizzati per la brunitura; procedure d ossidazione Capitolo 11 L indagine peritale tipo 11.1 Protocollo operativo 11.2 Falso positivo e falso negativo 11.3 La memoria tecnica 11.4 L utilizzo dei risultati peritali 11.5 La perizia nell incidente probatorio 11.6 Accertamenti tecnici dibattimentali 11.7 L escussione dibattimentale 11.8 La valutazione dei risultati 11.9 Conclusioni 15

16 16 Appendice - Disposizioni di legge vigenti in materia per il versamento a titolo definitivo di armi e munizioni. - Tabelle caratteristiche chimico fisico balistiche di alcune polveri. - Tabelle composizione chimica degli inneschi usati nella produzione industriale di cartucce per pistola di facile reperibilità. - Tabelle codici del Banco Prova Armi - Facsimile di una relazione tecnica Indice analitico per argomenti 16

17 17 Capitolo 1 La balistica identificativa forense Ogni arma a canna rigata presenta al suo interno una serie di nervature elicoidali che imprimono all ogiva della cartuccia un movimento rotatorio stabilizzatore attorno al suo asse (il c.d. avvitamento); secondo precisi studi progettuali ad ogni singolo modello d arma è determinato il numero di queste nervature, la loro larghezza, il verso ed il passo, ossia la distanza che determina la loro periodicità, in altre parole, in termini meno ostici, la distanza che idealmente l ogiva percorrerebbe per compiere un giro d avvitamento completo sul suo stesso asse. Queste nervature o righe primarie, al momento dello sparo, si trasferiscono in modo speculare sulla superficie dell ogiva sotto forma d impronte di rigatura perfettamente identiche per passo, numero, larghezza e verso. Ad ogni determinato modello e tipo di arma da fuoco a canna rigata corrispondono determinati valori di rigatura (c.d. classe dell arma) che individuano, pertanto, un rapporto di compatibilità tra l arma ed il proiettile esploso oggetto dell indagine balistica. Seguendo questo principio, nel lontano 1920, lo statunitense professor Charles Waite iniziò a classificare le armi in base alla larghezza della rigatura, ricavandone un opera che è, ancora oggi, la valida chiave di volta interpretativa per la balistica forense. Oggi esistono archivi, gestiti ed aggiornati secondo il criterio del tempo reale con i dati forniti direttamente dalle case costruttrici, sufficientemente esaustivi come quello del Centro di Balistica dell Istituto di Medicina legale dell Università di 17

18 18 Genova o del G.R.C dell F.B.I., capaci di individuare, mediante il criterio per eliminazione, un arma partendo dalla larghezza della rigatura elemento indispensabile per ogni seria e credibile indagine balistica. 1.1 Esempio di una metodologia d indagine Supponiamo di possedere un ogiva esplosa da un arma da fuoco a canna rigata, priva di deformazioni rilevanti, sulla cui superficie sono impresse le impronte speculari della rigatura della canna. Per identificare l arma usata occorre accertare il numero delle rigature presenti per restringere di un primo giro di vite il campo d indagini; successivamente, per compiere un secondo giro di vite, occorre pesare l ogiva e valutare il diametro della stessa per accertare un calibro nominale compatibile. Ad esempio, tutti i calibri 9 mm nominali (9x21 mm IMI, 9 mm Parabellum,.380 acp, 9 corto, 9x17 mm, 9 mm kurt, 9x18 mm, 9 Police, 9x22 mm,.357sig,.38sa) adottano ogive con un diametro nominale di.355 centesimi di pollice, mentre un.38 special od un.357 magnum, pur essendo sostanzialmente dei 9 mm, adottano palle trafilate a.357 centesimi di pollice. Questo, ovviamente, si riferisce a munizionamento di fabbricazione industriale, poiché nulla vieta al privato di ricaricare munizioni in proprio 18

19 19 usando ogive compatibili, con forma, grammatura e diametro diverse da quelle con parametri standard. Successivamente si passa ad esaminare l ogiva al microscopio misuratore per stabilire il passo e la larghezza della rigatura per ogni singola impronta, rilevando su tutti i valori balistici, per poi ottenere una misura di larghezza media ed il passo di rigatura della canna. Il valore di larghezza ed il passo così individuati, inseriti nella banca dati del computer sarà dichiarato pienamente compatibile con un arma di una determinata marca e determinato modello. Ulteriori indagini balistiche potranno essere, contestualmente eseguite sul bossolo, se questo, espulso dall arma, sia stato rinvenuto. Su di esso potrà effettuarsi, a maggior conforto dell indagine, almeno una triplice tipologia di ricerca comparativa, alcune delle quali qui appresso specificate. A) Durante l esplosione, il bossolo, per effetto del fire forming, s incolla sulle pareti della camera, assumendone le dimensioni; un esatta misurazione micrometrica del bossolo renderebbe note le misure interne, le caratteristiche ed eventuali anomalie della camera della canna che ha esploso la cartuccia. B) L innesco del bossolo esploso potrebbe denunciare eventuali pressioni anomale sviluppate all interno del bossolo al momento dello sparo, aprendo la porta all ipotesi di un caricamento artigianale, oltre a conservare indelebilmente l impronta del percussore dell arma utilizzata; ancora, il tipo d innesco usato denuncerebbe la provenienza 19

20 20 del lotto di fabbricazione od almeno la marca e qualità della munizione. C) Sulle pareti esterne del bossolo potrebbero essere presenti alcuni segni caratteristici impressi durante la fase di sparo, dovuti a difetti del meccanismo d espulsione; ovvero a singolarità dell arma da fuoco e che, di fatto, ristringerebbero il campo delle indagini. Ad esempio, uno o due anelli d abrasione si potrebbero osservare alla base del bossolo per tutta la circonferenza del bossolo stesso. Questi sono la testimonianza di un esitazione in apertura del sistema a contrasto di gas usato in alcuni rari modelli d arma con chiusura a gas assistita, tra i quali l italiana Tanfoglio modello P 25 e la sud africana LIW di Pretoria modello CP-1 Vektor. In entrambi i modelli citati, il bossolo incomincia ad uscire non appena l ogiva si mette in moto per poi essere ricacciato indietro di circa 1 mm, quando la camera di contrasto entra in pressione. In quel momento anche il bossolo entra in pressione dilatandosi ed incollando le pareti alla camera, producendo così le caratteristiche abrasioni. D) Il colletto del bossolo, porta il segno dell unghia estrattrice, impresso al momento dell espulsione, utile a risalire al tipo d arma da fuoco utilizzata, od almeno a conoscere la misura dell angolo vivo dell unghia. Tutti questi elementi identificativi raccolti e sommati tra loro, porterebbero ad individuare, con una credibile e certa verosimiglianza, l arma da fuoco, le sue caratteristiche tecniche identificative e, con un pizzico di fortuna, eventuali difetti od anomalie dell arma stessa che la renderebbero univoca all identificazione. 20

21 Impronte d interesse balistico Il funzionamento di un arma, intesa come macchina termobalistica, distribuisce l energia prodotta dallo sparo nelle seguenti proporzioni: - per il moto del proiettile il 32-33% - per moto dei gas e degli attriti 5-6% - per il calore ceduto all arma 20% - per il calore dei gas 40-41% Il funzionamento di un arma differisce a seconda il modo con il quale l otturatore si apre per l espulsione del bossolo e si richiude dopo aver camerato una nuova cartuccia. Le armi da fuoco semiautomatiche, a secondo del loro funzionamento, si possono suddividere in tre diverse categorie: - armi con chiusura a massa, dove la canna è fissa e la chiusura si realizza con l inerzia dell otturatore; - armi con chiusura a ritardo d apertura, denominata anche chiusura meta stabile, dove, come per la precedente la canna non rincula e l apertura dell otturatore è ritardata permettendo una diminuzione della pressione all interno dell arma; - armi a chiusura stabile, che rappresentano la categoria più consistente, dette anche a chiusura geometrica. 1.3 Impronte sul bossolo Partendo dalla prima fase dell utilizzo di un arma da fuoco, quella del riempimento del caricatore, 21

22 22 sinteticamente, si elencano, in ordine temporale, le tipologie d impronte balistiche che si generano sul bossolo, avendo cura di distinguere in due fasi gli eventi tipici. Una prima fase che inizia con il riempimento del caricatore e termina con la messa in camera della cartuccia; una seconda che inizia con la pressione del grilletto e termina con l espulsione del bossolo spento. Nella prima fase, in un primo tempo, quando si riempie il caricatore, inserendo le cartucce, si generano le prime impronte sul bossolo: le inconfondibili striature parallele generate dalle labbra del caricatore, oltre all impronta di strisciata lasciata dalla parte inferiore del carrello otturatore. In un secondo tempo, della prima fase, lasciato andare il carrello, la parte inferiore del piano di culatta urta la parte superiore del fondello della cartuccia, quando questa è ancora trattenuta nel serbatoio, generando la c.d. impronta di spallamento. Sempre nella prima fase, in un tempo successivo, quando in carrello ha disimpegnato totalmente la cartuccia dal caricatore, costringendo la cartuccia a compiere uno scatto verso l alto strisciando contro la rampa d alimentazione della canna, generando la c.d. impronta di rampa. Ancora, quando la cartuccia ha quasi completato la cameratura, inizia la monta del collarino da parte dell unghia estrattrice che andrà ad afferrare il collarino della cartuccia, lasciando l impronta di monta dell estrattore, come innanzi detto nel precedente paragrafo. In ultimo, dopo lo sparo sarà intelligibile l impronta d estrazione. 22

23 23 Tutto questo può essere facilmente letto sul bossolo a condizione che questo sia vergine, ovvero non presenti sopra impressi impronte di precedenti camerature, ovvero in presenza di cartucce ricaricate con bossoli utilizzati precedentemente anche in altre armi. Nella seconda fase, premendo il grilletto, si ha l abbattimento del cane od il lancio del percussore, e con la pedissequa battuta dell innesco si genera la c.d. impronta di percussione. Al momento dello sparo all interno della cartuccia si sviluppa un enorme pressione che incolla le pareti del bossolo a quelle della camera, andando a ricopiare sulle pareti del bossolo eventuali imperfezioni, difetti e/o segni caratteristici presenti all interno della camera. In questa fase, durante l estrazione, possono verificarsi strisciature o striature generate da imperfezioni della camera di cartuccia o da un particolare meccanismo, quale un esitazione in apertura del sistema a contrasto di gas usato in alcuni rari modelli d arma con chiusura a gas assistita. Sempre in questa fase possono riprodursi per effetto della pressione lo stampaggio meccanico in negativo sull innesco d ulteriori elementi identificativi utili per una corretta analisi balistica identificativa forense, quali tracce di lavorazione d utensili sul piano dell otturatore, ovvero segni d usura dell arma od abrasioni quasi sempre presenti sull otturatore. 23

24 Impronte sul proiettile Il proietto espulso da una canna rigata, se recuperato integro, presenta le impronte in negativo dei solchi di rigatura degli stessi, rivelatori di molti particolari utili alla nostra indagine identificativa balistica. Bisogna distinguere se si tratta di proiettile espulso da un arma avente canna rigata ovvero da arma avente canna poligonale. Innanzi tutto occorre affermare che la rigatura dell anima della canna consiste nella creazione di vuoti, i cd solchi di rigatura, (generalmente quattro ad andamento elicoidale) che interessano tutta la canna da poco dopo la camera fino al vivo di volata della canna stessa. In antitesi ai solchi di rigatura, i cd. vuoti, vi sono le nervature, cd risalti o pieni di rigatura, sui quali s intagliano le ogive nel loro passaggio all interno della canna, assumendo, oltre alla forza di spinta imposta dalla pressione dei gas, anche un movimento rotatorio imposto dalla rigatura di canna, con l acquisizione di una stabilità giroscopica. All interno dei solchi lasciati sull ogiva si possono osservare micro striature lasciate da eventuali imperfezioni presenti sul pieno di rigatura. Riassumendo, quindi, su un ogiva oggetto di un corretto esame balistico, dovranno essere ricercate: a- impronte dipendenti dalle caratteristiche progettuali dell arma; b- impronte individuali della canna; c- impronte accidentali permanenti; d- impronte accidentali temporanee. 24

25 25 Le caratteristiche progettuali della canna sono sei e precisamente: numero, verso, ampiezza altezza, profilo e passo delle rigature. Le impronte individuali d ogni singola canna sono dovute a tracce di lavorazione della rigatura, ad usura della canna, ovvero ad una corretta manutenzione della stessa. Le impronte accidentali permanenti sono riscontrabili in presenza di deformazioni della camera o della volata. Le impronte accidentali temporanee sono dovute, in gran parte alla presenza di elementi d inquinamento all interno della canna, quali possono essere tracce d impiombatura, grasso, residui dello sparo precedente ecc. Non sono attendibili perché possono essere presenti su un ogiva per poi scomparire in quello successivo o viceversa. 1.5 Impronte presenti sul bossolo relative al conio Da un perito poco attento e poco scrupoloso, alcune tracce, impronte presenti sul fondello del bossolo, riconducibili unicamente al processo di lavorazione del bossolo stesso, potrebbero essere confuse con impronte riconducibili all arma. Si tratta di un esame comparativo difficile, la cui difficoltà è imputabile unicamente all usura che subisce la matrice durante tutto il processo di conio 25

26 26 dei bossoli, che modifica progressivamente quelle micro imperfezioni grazie alle quali si rende possibile l indagine. 1.6 L esame al microscopio comparatore ottico L esame comparativo è effettuato su tutte le rigature presenti per acclarare scientificamente che il proiettile oggetto della perizia risulta esploso dalla stessa arma che si sospetta come usata per compiere il delitto. Lo strumento che serve per misurare la larghezza delle rigature presenti sull ogiva esplosa è sostanzialmente un normale microscopio dotato di un banco di lavoro in grado di compiere operazioni di traslazione sotto la misurazione di un micrometro digitale od analogico. Mediante la rotazione impressa micrometricamente si ottiene uno spostamento lineare uguale e contrapposto a quello indicato sullo strumento di misura. Per eseguire correttamente la misurazione occorre che l oculare del microscopio sia dotato di una retinatura che consente di azzerare lo strumento su un bordo dell oggetto dell esame, in modo che, ruotando la manopola fino a far coincidere la retinatura con l altro bordo dell oggetto, si ottiene l esatta micrometrica del valore della lunghezza della traccia. Ovviamente, il microscopio deve possedere un rapporto d ingrandimento sufficiente a poter 26

27 27 permettere in modo preciso l allineamento tra la retinatura ed i bordi dell ogiva esaminata. 1.7 Il Microscopio a scansione (SEM) Il SEM- (Scanning Electron Microscope), è dotato di una microsonda analitica di dispersione d energia, la cd EDX (Energy Dispersive X Ray Spectrometer), che permette di analizzare campioni di dimensioni micrometriche con una risoluzione d immagine assolutamente impossibile da ottenere con i microscopi tradizionali. Concettualmente il funzionamento si basa sull accelerazione degli elettroni emessi da un filamento di tungsteno alla presenza di una tensione elettrica compresa tra 0,1 e 50 KV. Il flusso elettronico è convogliato tra due lenti magnetiche. Queste lenti producono una sottile sonda di elettroni focalizzata sulla superficie del campione. Due coppie di bobine di deflessione provocano la scansione della sonda sulla superficie del campione in forma di trama quadrata. Le correnti che attraversano le bobine di deflessione, sono fatte passare attraverso altre bobine di deflessione di un tubo a raggi catodici, in modo da far apparire sullo schermo una trama di dimensioni maggiori. 27

28 28 Si ottiene così una corrispondenza punto per punto tra lo schermo fluorescente ed una determinata area del campione. Il segnale prodotto dall interazione tra la sonda ed il campione genera un immagine sul tubo catodico, fornendo così informazioni circa le proprietà fisicochimiche della particella esaminata. 1.8 La Microsonda a raggi X (EDX) Si tratta di un apparecchiatura applicabile al microscopio elettronico e che permette di effettuare l analisi chimica elementare e quantitativa del campione oggetto dell esame. Sono commercializzati due tipi diversi; uno più rapido, funzionante a dispersione d energia, il cui acronimo è appunto EDX, ed un secondo tipo più complesso strutturalmente e funzionante a dispersione di lunghezza d onda, il cui acronimo è WDX. Nell EDX, i raggi X emessi dal campione in esame, s individuano mediante la loro energia, mentre nel WDX si individuano secondo la lunghezza d onda dell emissione. Le radiazioni emesse dell oggetto d esame investono il rilevatore che altro non è che un mono cristallo di silicio purissimo, raramente di berillio a forma cilindrica e con un diametro compreso tra 2 e 5 mm. 28

29 29 Il cristallo è racchiuso tra due elettrodi metallici ai cui capi è erogata una tensione elettrica di tipo a polarizzazione inversa di Volts. A queste condizioni, non passando corrente all interno del rilevatore, si causa l assenza di fotoni. Quando un fotone riesce a penetrare crea un numero di coppie di elettrone-lacuna direttamente proporzionale alla sua energia, immediatamente individuata dal rivelatore. La perdita è infinitesimale, anche perché il rivelatore lavora a circa 200 C immerso in azoto liquido. L energia, passando attraverso un circuito FET, genera un segnale d uscita formato da una serie di gradini proporzionali al fotone che lo ha generato. L analisi, invece, mediante il sistema EDX è molto più semplice e rapida basandosi su una preventiva analisi di tutti gli elementi presenti, escludendo quelli con un numero atomico minore di Le moderne metodologie d indagine. Ricerche eseguite con SEM/EDX Il microscopio elettronico a scansione, individuato con la sigla internazionale SEM, insieme alla microsonda a raggi X, individuata con la sigla internazionale EDX, hanno permesso di capire che la maggior parte degli atomi di metalli pesanti presenti negli inneschi (Sb, Sn e Pb), subito dopo lo sparo, 29

30 30 s inglobano in micro particelle sferiche, con un diametro compreso tra 0,1 e 50 micro. Sotto l effetto dell azione dei gas della deflagrazione si spargono in circolo all arma e, quindi depositandosi sulle mani, sul volto e sugli indumenti di chi impugnava l arma al momento dello sparo. Opportunamente raccolte queste particelle sono ricercate con il SEM e contestualmente analizzate con l EDX ad opera d esperti tecnici delle Forze dell Ordine muniti di Kit per il prelievo. Le superfici di prelievo, rappresentate da nastro biadesivo sono rese conduttrici mediante la deposizione in un recipiente in atmosfera rarefatta di gas Argon" di uno strato di carbone sintetico. Dopo questo trattamento gli stubs sono introdotti nel microscopio a scansione. E importante sapere che le particelle residue dello sparo a forma sferica, restano sulla cute del corpo per pochissimo tempo +/- 60 minuti. Dopo tale periodo si troveranno esclusivamente particelle tridimensionali a forma indefinita od irregolare soggette a staccarsi dalla cute, proprio per la loro forma, più lentamente. 30

31 31 Capitolo 2 Nozioni elementari di fisica applicata Fenomeni fisici influenzano in modo più o meno determinante sul rendimento delle polveri da lancio e, conseguentemente sulle cartucce, siano essi manifestazioni di condizioni climatiche, che in senso etimologico del termine greco di fenomeno. E chiamata variabilità delle cartucce le mutazioni dovute ad una differenza d umidità atmosferica, ad esempio un umidità del 10% comporta una variazione di V0 di circa 5 m/s per polveri monobasiche, e di 3 m/s per polveri bibasiche, ecco spiegato come una differenza di un solo grado centigrado dell atmosfera provoca una differenza di +/-3 Kg/cmq nella pressione della cartuccia. Indiscutibilmente la densità dell aria comporta un effetto ritardante direttamente proporzionale alla velocità del proiettile, al suo coefficiente di resistenza aerodinamica, alla densità dell aria. Ogni aumento di 10 centigradi di temperatura, compreso tra 20 e +40, a parità di pressione atmosferica, provoca un calo percentuale di densità di circa il 3,5%. A parità di temperatura, ogni aumento di pressione barometrica di 20 mm, compreso tra 600 e 780 mm/hg, provoca un aumento percentuale di densità di circa il 2,9%. Supponendo di sparare due identiche cartucce, spinte ad una velocità di 400 m/s, una al livello del mare con una pressione di 760 mm/hg, una temperatura di 15 centigradi ed una densità dell aria pari a 1,224, la Vr dell ogiva risulterà di 185 m/s; l altra sparata ad una pressione di 755 mm/hg, una temperatura di 5 C ed una densità dell aria pari a 31

32 32 1,342, la Vr (velocità residua a metri n dalla volata) in questo caso sarà minore, pari a 170 m/s, con una riduzione di circa il 9% dell energia d impatto sul bersaglio. E così spiegato in modo esemplificato l influenza delle condizioni atmosferiche sul coefficiente balistico delle munizioni. 2.1 Il Minuto d Angolo (M.O.A.) Oltre all influenza delle condizioni atmosferiche, sulla maggior precisione delle munizioni influenzano altri fattori fisici più propriamente detti; ad esempio il minuto d angolo. Il minuto d angolo corrisponde alla divisione dell orizzonte polare (a chi osserva o rileva) in 360 gradi, ognuno dei quali a sua volta suddiviso in 60 minuti, a loro volta suddivisi in 60 secondi. Tutte le misure angolari, e quindi geografiche ricadono entro questa scala di valori. Balisticamente l uso è molto semplice. A 100 metri di distanza da un osservatore, che per esemplificazione chiameremo X (tiratore) sulla circonferenza polare che ha come centro X, un grado misura esattamente cm 174,53, che a loro volta devono essere divisi in 60 minuti, ognuno dei quali è pari a mm 29,088. Moltiplicando i 100 metri anche tale misura deve essere moltiplicata per lo stesso coefficiente. La precisione di una munizione e dell arma usata è misurata con riferimento al M.O.A. 32

33 33 Ad una distanza di 100 metri i 5 colpi di prova sparati devono restare, scartando quello peggiore, in un cerchio il cui diametro non sia maggiore di mm 29,088; nel qual caso si può affermare che la precisione dell arma o della munizione sta nel minuto d angolo standard 2.2 Il moto del proiettile nel vuoto La traiettoria presunta del proiettile nell aria in condizioni normali può essere facilmente calcolata prendendo in considerazione tre variabili in gioco: 1^ la velocità iniziale (V ); 2^ l accelerazione di gravità (g = 9,8 m/s elevato al quadrato); 3^ lo spazio tempo. Consideriamo come origine 0 della traiettoria del proiettile esploso il centro della canna dell arma da fuoco alla partenza del colpo. Nel momento in cui il proiettile esce dalla canna, possiede una certa velocità ed è soggetta a due forze, quella di gravità che tende a spingere il proiettile verso la terra e quello della resistenza dell aria che, invece, si oppone al movimento. Per il momento trascuriamo la resistenza dell aria, supponendo che il moto del proiettile è avvenuto in sua assenza. Avremo un grafico composto dall asse X parallelo alla terra, la Vi (velocità iniziale) è diretta nel senso di quest asse, e da un asse Y, dove G (forza di gravità) è diretta nel senso di quest asse. 33

Munizioni non letali Portata effettiva utile (metri)

Munizioni non letali Portata effettiva utile (metri) Chi siamo Maxam Outdoors S.A. è il leader europeo per la produzione e commercializzazione delle cartucce per caccia e tiro sportivo. E una Società totalmente integrata dal punto di vista produttivo perché

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

0,209. formula che si risolve facilmente una volta misurata, con adatte apparecchiature, la percentuale in volume di CO 2

0,209. formula che si risolve facilmente una volta misurata, con adatte apparecchiature, la percentuale in volume di CO 2 Approfondimento Analisi dei fumi La regolazione della combustione basata su regole pratiche pecca evidentemente di precisione anche se presenta l indubbio vantaggio dell immediatezza di esecuzione; una

Dettagli

La catena di assicurazione

La catena di assicurazione La catena di assicurazione A cosa serve la corda? A trattenere una eventuale caduta Solo questo? Che cosa succede al momento dell arresto di una caduta? L arrampicatore avverte uno strappo Quanto è violento

Dettagli

Esempio Esame di Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica

Esempio Esame di Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica Esempio Esame di Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica Nome: N.M.: 1. 1d (giorno) contiene all incirca (a) 8640 s; (b) 9 10 4 s; (c) 86 10 2 s; (d) 1.44 10 3 s; (e) nessuno di questi valori. 2. Sono

Dettagli

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi?

MECCANICA. 2. Un sasso cade da fermo da un grattacielo alto 100 m. Che distanza ha percorso dopo 2 secondi? MECCANICA Cinematica 1. Un oggetto che si muove di moto circolare uniforme, descrive una circonferenza di 20 cm di diametro e compie 2 giri al secondo. Qual è la sua accelerazione? 2. Un sasso cade da

Dettagli

ARMI E MUNIZIONI DA CACCIA E RELATIVA LEGISLAZIONE

ARMI E MUNIZIONI DA CACCIA E RELATIVA LEGISLAZIONE ARMI E MUNIZIONI DA CACCIA E RELATIVA LEGISLAZIONE Cosa significa fucile da caccia ad anima liscia? Vuol dire che la parte interna della canna, è perfettamente levigata. Come si presenta esternamente un

Dettagli

PROPULSORE A FORZA CENTRIFUGA

PROPULSORE A FORZA CENTRIFUGA PROPULSORE A FORZA CENTRIFUGA Teoria Il propulsore a forza centrifuga, è costituito essenzialmente da masse rotanti e rivoluenti attorno ad un centro comune che col loro movimento circolare generano una

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO. Esercizio.

LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO. Esercizio. LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO Esercizio Esercizio Esercizio Dati esercizio: I 1 =5,0 Kg m 2 I 2 =10 Kg m 2 ω i =10giri/sec

Dettagli

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica Corrente elettrica LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Cos è la corrente elettrica? La corrente elettrica è un flusso di elettroni che si spostano dentro un conduttore dal polo negativo verso il polo positivo

Dettagli

Estensimetro. in variazioni di resistenza.

Estensimetro. in variazioni di resistenza. Estensimetro La misura di una forza incidente su di un oggetto può essere ottenuta misurando la deformazione o la variazione di geometria che l oggetto in questione subisce. L estensimetro estensimetro,

Dettagli

Per dare una risposta al quesito che abbiamo posto, consideriamo il sistema schematizzato in figura.

Per dare una risposta al quesito che abbiamo posto, consideriamo il sistema schematizzato in figura. Verifica dei postulati di Einstein sulla velocità della luce, osservazioni sull esperimento di Michelson e Morley Abbiamo visto che la necessità di introdurre un mezzo come l etere nasceva dalle evidenze

Dettagli

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie Forze, leggi della dinamica, diagramma del corpo libero 1 FORZE Grandezza fisica definibile come l' agente in grado di modificare lo stato di quiete o di moto di un corpo. Ci troviamo di fronte ad una

Dettagli

DINAMICA DEL PUNTO MATERIALE E CONCETTO DI FORZA. Dinamica: studio delle forze che causano il moto dei corpi

DINAMICA DEL PUNTO MATERIALE E CONCETTO DI FORZA. Dinamica: studio delle forze che causano il moto dei corpi DINAMICA DEL PUNTO MATERIALE E CONCETTO DI FORZA Dinamica: studio delle forze che causano il moto dei corpi 1 Forza Si definisce forza una qualunque causa esterna che produce una variazione dello stato

Dettagli

LA FORZA. Il movimento: dal come al perché

LA FORZA. Il movimento: dal come al perché LA FORZA Concetto di forza Principi della Dinamica: 1) Principio d inerzia 2) F=ma 3) Principio di azione e reazione Forza gravitazionale e forza peso Accelerazione di gravità Massa, peso, densità pag.1

Dettagli

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Termologia Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Trasmissione del calore Legge di Wien Legge di Stefan-Boltzmann Gas

Dettagli

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri.

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. A partire da questa lezione, ci occuperemo di come si riescono a codificare con sequenze binarie, quindi con sequenze di 0 e 1,

Dettagli

LE SOSTANZE INCENDIARIE

LE SOSTANZE INCENDIARIE LE SOSTANZE INCENDIARIE Le sostanze incendiarie generano una reazione fortemente esotermica e, per alcune di esse, la reazione può avvenire anche in assenza di ossigeno (metalli incendiari). Per i lanciafiamme

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Le centrali termoelettriche sono impianti che utilizzano l energia chimica dei combustibili per trasformarla in energia elettrica. Nelle centrali termoelettriche la produzione

Dettagli

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia 1.Gli stati fisici della materia 2.I sistemi omogenei e i sistemi eterogenei 3.Le sostanze pure e i miscugli 4.I passaggi di stato 5. la teoria particellare

Dettagli

2 R = mgr + 1 2 mv2 0 = E f

2 R = mgr + 1 2 mv2 0 = E f Esercizio 1 Un corpo puntiforme di massa m scivola lungo la pista liscia di raggio R partendo da fermo da un altezza h rispetto al fondo della pista come rappresentato in figura. Calcolare: a) Il valore

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

La luce proveniente dalla parte immersa dell asticciola viene parzialmente riflessa dalla superficie dell acqua.

La luce proveniente dalla parte immersa dell asticciola viene parzialmente riflessa dalla superficie dell acqua. QUESITO 1 Il grafico rappresenta l andamento della velocità di una palla al passare del tempo. Dalle tre situazioni seguenti quali possono essere state rappresentate nel grafico? I- La palla rotola giù

Dettagli

Test d ingresso. Classe I D PNI Liceo Scientifico F. Enriques Livorno

Test d ingresso. Classe I D PNI Liceo Scientifico F. Enriques Livorno Test d ingresso Classe I D PNI Liceo Scientifico F. Enriques Livorno 1) Un corpo si muove di moto rettilineo a velocità costante su un piano orizzontale che possiamo considerare privo d attrito. Rappresenta

Dettagli

2. L ENERGIA MECCANICA

2. L ENERGIA MECCANICA . L ENERGIA MECCANICA.1 Il concetto di forza La forza può essere definita come «azione reciproca tra corpi che ne altera lo stato di moto o li deforma: essa é caratterizzata da intensità direzione e verso».

Dettagli

PRIMA LEGGE DI OHM OBIETTIVO: NOTE TEORICHE: Differenza di potenziale Generatore di tensione Corrente elettrica

PRIMA LEGGE DI OHM OBIETTIVO: NOTE TEORICHE: Differenza di potenziale Generatore di tensione Corrente elettrica Liceo Scientifico G. TARANTINO ALUNNO: Pellicciari Girolamo VG PRIMA LEGGE DI OHM OBIETTIVO: Verificare la Prima leggi di Ohm in un circuito ohmico (o resistore) cioè verificare che l intensità di corrente

Dettagli

MANUALE DI FUNZIONAMENTO. Modello BHT 10440 Durometro Brinell Portatile

MANUALE DI FUNZIONAMENTO. Modello BHT 10440 Durometro Brinell Portatile MANUALE DI FUNZIONAMENTO Modello BHT 10440 Durometro Brinell Portatile 1. Introduzione Questo è un durometro portatile di tipo Brinell. È progettato in accordo con il metodo dinamico di prova di durezza.

Dettagli

Lezione 14: L energia

Lezione 14: L energia Lezione 4 - pag. Lezione 4: L energia 4.. L apologo di Feynman In questa lezione cominceremo a descrivere la grandezza energia. Per iniziare questo lungo percorso vogliamo citare, quasi parola per parola,

Dettagli

4 La Polarizzazione della Luce

4 La Polarizzazione della Luce 4 La Polarizzazione della Luce Per comprendere il fenomeno della polarizzazione è necessario tenere conto del fatto che il campo elettromagnetico, la cui variazione nel tempo e nello spazio provoca le

Dettagli

Catena di assicurazione

Catena di assicurazione 12 Corso di Roccia 2015 Scuola permanente di Alpinismo «Cosimo Zappelli» 9 aprile 2015 Catena di assicurazione lezione a cura di Sergio Pistolesi - slide di Claudio Luperini Stasera parleremo di: catena

Dettagli

Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e naturali. CFU = 3 9 incontri di 3 ore. del Corso di Studio Obiettivi formativi del corso

Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e naturali. CFU = 3 9 incontri di 3 ore. del Corso di Studio Obiettivi formativi del corso Allegato A al Bando per la partecipazione al progetto sperimentale di orientamento e formazione per l iscrizione all Università I Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Facoltà di Scienze Matematiche,

Dettagli

PRINCIPALI PROVE SUI MATERIALI INDICE

PRINCIPALI PROVE SUI MATERIALI INDICE PRINCIPALI PROVE SUI MATERIALI Per disporre di dati reali che consentono di classificare le proprietà di vari materiali, occorre eseguire sui materiali delle prove specifiche in laboratori molto attrezzati.

Dettagli

Macchina sincrona (alternatore)

Macchina sincrona (alternatore) Macchina sincrona (alternatore) Principio di funzionamento Le macchine sincrone si dividono in: macchina sincrona isotropa, se è realizzata la simmetria del flusso; macchina sincrona anisotropa, quanto

Dettagli

19 Il campo elettrico - 3. Le linee del campo elettrico

19 Il campo elettrico - 3. Le linee del campo elettrico Moto di una carica in un campo elettrico uniforme Il moto di una particella carica in un campo elettrico è in generale molto complesso; il problema risulta più semplice se il campo elettrico è uniforme,

Dettagli

Verifica sperimentale del principio di conservazione dell'energia meccanica totale

Verifica sperimentale del principio di conservazione dell'energia meccanica totale Scopo: Verifica sperimentale del principio di conservazione dell'energia meccanica totale Materiale: treppiede con morsa asta millimetrata treppiede senza morsa con due masse da 5 kg pallina carta carbone

Dettagli

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07 9.13 Caratteristica meccanica del motore asincrono trifase Essa è un grafico cartesiano che rappresenta l andamento della coppia C sviluppata dal motore in funzione della sua velocità n. La coppia è legata

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

Corso di Tecnologia Meccanica ( ING/IND16) CF 8. Saldature. Sistemi di Produzione/ Tecnologia Meccanica

Corso di Tecnologia Meccanica ( ING/IND16) CF 8. Saldature. Sistemi di Produzione/ Tecnologia Meccanica Corso di Tecnologia ( ING/IND16) CF 8 Saldature Saldatura: Processo di unione permanente di due componenti meccanici. Variabili principali: Lega da saldare Spessore delle parti Posizione di saldatura Produzione

Dettagli

Temperatura e Calore

Temperatura e Calore Temperatura e Calore 1 Temperatura e Calore Stati di Aggregazione Temperatura Scale Termometriche Dilatazione Termica Il Calore L Equilibrio Termico La Propagazione del Calore I Passaggi di Stato 2 Gli

Dettagli

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI VEICOLI SPAZIALI

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI VEICOLI SPAZIALI Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI VEICOLI SPAZIALI IMPIANTO ELETTRICO Potenza elettrica 2 La potenza installata varia con la complessità del veicolo Primi satelliti 1W Satellite per

Dettagli

Università degli studi di Catania Corso di laurea in fisica

Università degli studi di Catania Corso di laurea in fisica Università degli studi di Catania Corso di laurea in fisica Esame di Laboratorio di Fisica II Tesina sulla prova pratica di laboratorio realizzata il 0/04/004 da Enrica Trovato matricola n. 665/000043

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA ESAME DI STATO DI ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI INGEGNERE (Lauree di primo livello D.M. 509/99 e D.M. 270/04 e Diploma Universitario) SEZIONE B - Prima

Dettagli

Prova Scritta Completa-Fisica 9 CFU Corso di Laurea in Tossicologia dell ambiente e degli alimenti Novembre 2013

Prova Scritta Completa-Fisica 9 CFU Corso di Laurea in Tossicologia dell ambiente e degli alimenti Novembre 2013 Prova Scritta Completa-Fisica 9 CFU Corso di Laurea in Tossicologia dell ambiente e degli alimenti Novembre 2013 Quesito 1 Due cubi A e B costruiti con lo stesso legno vengono trascinati sullo stesso pavimento.

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

28360 - FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6

28360 - FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6 28360 - FISICA MATEMATICA 1 A.A. 2014/15 Problemi dal libro di testo: D. Giancoli, Fisica, 2a ed., CEA Capitolo 6 Lavoro, forza costante: W = F r Problema 1 Quanto lavoro viene compiuto dalla forza di

Dettagli

Cap 3.1- Prima legge della DINAMICA o di Newton

Cap 3.1- Prima legge della DINAMICA o di Newton Parte I Cap 3.1- Prima legge della DINAMICA o di Newton Cap 3.1- Prima legge della DINAMICA o di Newton 3.1-3.2-3.3 forze e principio d inerzia Abbiamo finora studiato come un corpo cambia traiettoria

Dettagli

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015

1 Giochi d ombra [Punti 10] 2 Riscaldatore elettrico [Punti 10] AIF Olimpiadi di Fisica 2015 Gara di 2 Livello 13 Febbraio 2015 1 Giochi d ombra [Punti 10] Una sorgente di luce rettangolare, di lati b e c con b > c, è fissata al soffitto di una stanza di altezza L = 3.00 m. Uno schermo opaco quadrato di lato a = 10cm, disposto

Dettagli

Pressione. Esempio. Definizione di pressione. Legge di Stevino. Pressione nei fluidi EQUILIBRIO E CONSERVAZIONE DELL ENERGIA NEI FLUIDI

Pressione. Esempio. Definizione di pressione. Legge di Stevino. Pressione nei fluidi EQUILIBRIO E CONSERVAZIONE DELL ENERGIA NEI FLUIDI Pressione EQUILIBRIO E CONSERVAZIONE DELL ENERGIA NEI FLUIDI Cos è la pressione? La pressione è una grandezza che lega tra di loro l intensità della forza e l aerea della superficie su cui viene esercitata

Dettagli

Progettazione METODOLOGIA DELLA PROGETTAZIONE. Creare un Prototipo

Progettazione METODOLOGIA DELLA PROGETTAZIONE. Creare un Prototipo Progettazione METODOLOGIA DELLA PROGETTAZIONE Creare un Prototipo Che cos è un prototipo Se pensiamo agli oggetti che usiamo e di cui ci serviamo abitualmente,ci accorgiamo che per la maggioranza dei casi

Dettagli

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi:

Tali fluidi, utilizzati in prossimità del punto di produzione, o trasportati a distanza, possono essere utilizzati per diversi impieghi: LA COGENERAZIONE TERMICA ED ELETTRICA 1. Introduzione 2. Turbine a Gas 3. Turbine a vapore a ciclo combinato 4. Motori alternativi 5. Confronto tra le diverse soluzioni 6. Benefici ambientali 7. Vantaggi

Dettagli

TEORIA CINETICA DEI GAS

TEORIA CINETICA DEI GAS TEORIA CINETICA DEI GAS La teoria cinetica dei gas è corrispondente con, e infatti prevede, le proprietà dei gas. Nella materia gassosa, gli atomi o le molecole sono separati da grandi distanze e sono

Dettagli

1-LA FISICA DEI CAMPI ELETTRICI E MAGNETICI.

1-LA FISICA DEI CAMPI ELETTRICI E MAGNETICI. 1-LA FISICA DEI CAMPI ELETTRICI E MAGNETICI. Tutti i fenomeni elettrici e magnetici hanno origine da cariche elettriche. Per comprendere a fondo la definizione di carica elettrica occorre risalire alla

Dettagli

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Università di Catania Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Civile AA 1011 1 Fondamenti di Trasporti Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Giuseppe Inturri Dipartimento

Dettagli

Il fusibile nella protezione contro le sovracorrenti in bassa tensione

Il fusibile nella protezione contro le sovracorrenti in bassa tensione Il fusibile nella protezione contro le sovracorrenti in bassa tensione di Saveri Gianluigi 1. Generalità Un apparecchiatura elettrica in condizioni di normale funzionamento (condizioni specificate dai

Dettagli

GUIDA AL LABORATORIO DI CHIMICA

GUIDA AL LABORATORIO DI CHIMICA GUIDA AL LABORATORIO DI CHIMICA 1. LE ATTREZZATURE a. Gli immobili Il laboratorio è dotato di strutture di base fondamentali, come i banconi e la cappa aspirante. I banconi la cui superficie è in materiale

Dettagli

Esercizi e Problemi di Termodinamica.

Esercizi e Problemi di Termodinamica. Esercizi e Problemi di Termodinamica. Dr. Yves Gaspar March 18, 2009 1 Problemi sulla termologia e sull equilibrio termico. Problema 1. Un pezzetto di ghiaccio di massa m e alla temperatura di = 250K viene

Dettagli

14.4 Pompe centrifughe

14.4 Pompe centrifughe 14.4 Pompe centrifughe Le pompe centrifughe sono molto diffuse in quanto offrono una notevole resistenza all usura, elevato numero di giri e quindi facile accoppiamento diretto con i motori elettrici,

Dettagli

ATTIVITA LUNARI SPERIMENTALI -GUIDA PER STUDENTI E INSEGNANTI- ATTIVITA 01 CRATERI DA IMPATTO

ATTIVITA LUNARI SPERIMENTALI -GUIDA PER STUDENTI E INSEGNANTI- ATTIVITA 01 CRATERI DA IMPATTO presenta ATTIVITA LUNARI SPERIMENTALI -GUIDA PER STUDENTI E INSEGNANTI- ATTIVITA 01 CRATERI DA IMPATTO Materie chiave: matematica, fisica, geografia Indirizzo: scuola media/superiore Obiettivo Esplorare

Dettagli

RICHIAMI DI MISURE ELETTRICHE

RICHIAMI DI MISURE ELETTRICHE RICHIAMI DI MISURE ELETTRICHE PREMESSA STRUMENTI PER MISURE ELETTRICHE Come si è già avuto modo di comprendere ogni grandezza fisica ha bisogno, per essere quantificata, di un adeguato metro di misura.

Dettagli

GAS. I gas si assomigliano tutti

GAS. I gas si assomigliano tutti I gas si assomigliano tutti Aeriforme liquido solido GAS Descrizione macroscopica e microscopica degli stati di aggregazione della materia Fornendo energia al sistema, le forze di attrazione tra le particelle

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

ISI MANUALE PER CORSI QUALITÀ CONTROLLO STATISTICO DEL PROCESSO MANUALE DI UTILIZZO ISI PAGINA 1 DI 9

ISI MANUALE PER CORSI QUALITÀ CONTROLLO STATISTICO DEL PROCESSO MANUALE DI UTILIZZO ISI PAGINA 1 DI 9 CONTROLLO STATISTICO DEL PROCESSO MANUALE DI UTILIZZO ISI PAGINA 1 DI 9 INTRODUZIONE 1.0 PREVENZIONE CONTRO INDIVIDUAZIONE. L'approccio tradizionale nella fabbricazione dei prodotti consiste nel controllo

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

2. La disequazione 9 (3x 2 + 2) > 16 (x - 3) è soddisfatta: A) sempre B) solo per x < 0 C) solo per x > 2/3 D) mai E) solo per x < 2/3

2. La disequazione 9 (3x 2 + 2) > 16 (x - 3) è soddisfatta: A) sempre B) solo per x < 0 C) solo per x > 2/3 D) mai E) solo per x < 2/3 MATEMATICA 1. Per quali valori di x è x 2 > 36? A) x > - 6 B) x < - 6, x > 6 C) - 6 < x < 6 D) x > 6 E) Nessuno 2. La disequazione 9 (3x 2 + 2) > 16 (x - 3) è soddisfatta: A) sempre B) solo per x < 0 C)

Dettagli

Ripetizioni Cagliari di Manuele Atzeni - 3497702002 - info@ripetizionicagliari.it

Ripetizioni Cagliari di Manuele Atzeni - 3497702002 - info@ripetizionicagliari.it Calorimetria: soluzioni Problema di: Calorimetria - Q0001 Problema di: Calorimetria - Q0002 Scheda 8 Ripetizioni Cagliari di Manuele Atzeni - 3497702002 - info@ripetizionicagliari.it Testo [Q0001] Quanta

Dettagli

PROVE SU PISTA CAN LCU-ONE. LCU-ONE CAN su motori 2 Tempi. Per migliorare la tecnica di guida e per perfezionare la messa a punto del kart

PROVE SU PISTA CAN LCU-ONE. LCU-ONE CAN su motori 2 Tempi. Per migliorare la tecnica di guida e per perfezionare la messa a punto del kart LCU-ONE CAN + TERMOCOPPIA GAS DI SCARICO CONTROLLO PUNTUALE DEL TUO MOTORE PROVE SU PISTA LA PROVA LCU-ONE CAN su motori 2 Tempi UNO STRUMENTO ESSENZIALE Per migliorare la tecnica di guida e per perfezionare

Dettagli

Fisica Generale 1 per Ing. Gestionale e Chimica (Prof. F. Forti) A.A. 2011/12 Appello del 29/01/2013.

Fisica Generale 1 per Ing. Gestionale e Chimica (Prof. F. Forti) A.A. 2011/12 Appello del 29/01/2013. Fisica Generale per Ing. Gestionale e Chimica (Prof. F. Forti) A.A. 20/2 Appello del 29/0/203. Tempo a disposizione: 2h30. Scrivere solamente su fogli forniti Modalità di risposta: spiegare sempre il procedimento

Dettagli

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME 6. IL CONDNSATOR FNOMNI DI LTTROSTATICA MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO LTTRICO UNIFORM Il moto di una particella carica in un campo elettrico è in generale molto complesso; il problema risulta più semplice

Dettagli

Tonzig Fondamenti di Meccanica classica

Tonzig Fondamenti di Meccanica classica 224 Tonzig Fondamenti di Meccanica classica ). Quando il signor Rossi si sposta verso A, la tavola si sposta in direzione opposta in modo che il CM del sistema resti immobile (come richiesto dal fatto

Dettagli

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10 5.1 Introduzione Tra gli interventi finanziati dalla Regione Emilia Romagna per il 2004, ai fini della messa a punto di strumenti conoscitivi utili per

Dettagli

ALLEGATO 1 NOTE SULL USO DEL METODO DI RILIEVO LASER SCANNER PER LE CAVE DEL COMUNE DI NUVOLENTO.

ALLEGATO 1 NOTE SULL USO DEL METODO DI RILIEVO LASER SCANNER PER LE CAVE DEL COMUNE DI NUVOLENTO. ALLEGATO 1 NOTE SULL USO DEL METODO DI RILIEVO LASER SCANNER PER LE CAVE DEL COMUNE DI NUVOLENTO. A)Generalità Una prima importante precisazione: il metodo non ricorre a tecniche aerofotogrammetriche,

Dettagli

PROPRIETÀ DEI MATERIALI

PROPRIETÀ DEI MATERIALI ESERCITAZIONE 1 PROPRIETÀ DEI MATERIALI SONO LE GRANDEZZE IL CUI VALORE DESCRIVE IL COMPORTAMENTO DEL MATERIALE IN PRESENZA DELLE DIVERSE SOLLECITAZIONI E CONDIZIONI DI SERVIZIO COSTITUISCONO L ELEMENTO

Dettagli

Misura di e/m. Marilena Teri, Valerio Toso & Ettore Zaffaroni (gruppo Lu4)

Misura di e/m. Marilena Teri, Valerio Toso & Ettore Zaffaroni (gruppo Lu4) Misura di e/m Marilena Teri, Valerio Toso & Ettore Zaffaroni (gruppo Lu4) 1 Introduzione 1.1 Introduzione ai fenomeni in esame Un elettrone all interno di un campo elettrico risente della forza elettrica

Dettagli

Corrente Elettrica. dq dt

Corrente Elettrica. dq dt Corrente Elettrica Finora abbiamo considerato le cariche elettriche fisse: Elettrostatica Consideriamole adesso in movimento! La carica in moto forma una corrente elettrica. L intensità di corrente è uguale

Dettagli

1) Due grandezze fisiche si dicono omogenee se:

1) Due grandezze fisiche si dicono omogenee se: 1) Due grandezze fisiche si dicono omogenee se: A. Si possono moltiplicare tra loro B. Si possono dividere tra loro C. Ci possono sommare tra loro D. Sono divisibili per uno stesso numero 2) Un blocchetto

Dettagli

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua 6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua L insieme di equazioni riportato di seguito, costituisce un modello matematico per il motore in corrente continua (CC) che può essere rappresentato

Dettagli

FAM. 1. Sistema composto da quattro PM come nella tabella seguente

FAM. 1. Sistema composto da quattro PM come nella tabella seguente Serie 11: Meccanica IV FAM C. Ferrari Esercizio 1 Centro di massa: sistemi discreti Determina il centro di massa dei seguenti sistemi discreti. 1. Sistema composto da quattro PM come nella tabella seguente

Dettagli

11. Macchine a corrente continua. unità. 11.1 Principio di funzionamento

11. Macchine a corrente continua. unità. 11.1 Principio di funzionamento 11. Macchine a corrente continua unità 11.1 Principio di funzionamento Si consideri una spira rotante con velocità angolare costante e immersa in un campo magnetico costante come in figura 11.1. I lati

Dettagli

Generalità sull energia eolica

Generalità sull energia eolica Generalità sull energia eolica Una turbina eolica converte l energia cinetica della massa d aria in movimento ad una data velocità in energia meccanica di rotazione. Per la produzione di energia elettrica

Dettagli

Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE

Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE Facoltà di Ingegneria Master in Sicurezza e Protezione Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE IMPIANTI DI RIVELAZIONE INCENDI Docente Fabio Garzia Ingegneria della Sicurezza w3.uniroma1.it/sicurezza

Dettagli

CALCOLO DEL VOLUME DI GAS NECESSARIO PER IL LAVAGGIO DEI FORNI AD ATMOSFERA CONTROLLATA

CALCOLO DEL VOLUME DI GAS NECESSARIO PER IL LAVAGGIO DEI FORNI AD ATMOSFERA CONTROLLATA CALCOLO DEL VOLUME DI GAS NECESSARIO PER IL LAVAGGIO DEI FORNI AD ATMOSFERA CONTROLLATA Elio Gianotti. Trattamenti Termici Ferioli & Gianotti. Rivoli To Una domanda, peraltro molto semplice, che può però

Dettagli

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI

MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI MODULO 3 - LA MATERIA: COMPOSIZIONE E TRASFORMAZIONI La materia è tutto ciò che ha una massa, energia e occupa spazio, cioè ha un volume; essa si classifica in base alla sua composizione chimica ed in

Dettagli

ACCUMULATORI IDRAULICI

ACCUMULATORI IDRAULICI In generale, un accumulatore idraulico può accumulare liquido sotto pressione e restituirlo in caso di necessità; IMPIEGHI 1/2 Riserva di liquido Nei circuiti idraulici per i quali le condizioni di esercizio

Dettagli

PICCOLI EINSTEIN. Il liceo Einstein apre le porte dei propri laboratori per le classi delle scuole medie

PICCOLI EINSTEIN. Il liceo Einstein apre le porte dei propri laboratori per le classi delle scuole medie PICCOLI EINSTEIN Il liceo Einstein apre le porte dei propri laboratori per le classi delle scuole medie DESCRIZIONE DEL PROGETTO: Il liceo scientifico Einstein, sito in via Pacini 28, propone alle singole

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

Laboratorio di Ottica, Spettroscopia, Astrofisica

Laboratorio di Ottica, Spettroscopia, Astrofisica Università degli Studi di Palermo Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Fisica Progetto Lauree Scientifiche Laboratorio di Ottica, Spettroscopia, Astrofisica Antonio Maggio

Dettagli

Esercitazione 5 Dinamica del punto materiale

Esercitazione 5 Dinamica del punto materiale Problema 1 Un corpo puntiforme di massa m = 1.0 kg viene lanciato lungo la superficie di un cuneo avente un inclinazione θ = 40 rispetto all orizzontale e altezza h = 80 cm. Il corpo viene lanciato dal

Dettagli

L'ACQUISTO DELLE ''ARMI COMUNI DA SPARO''

L'ACQUISTO DELLE ''ARMI COMUNI DA SPARO'' PER IL CONTENUTO DI QUESTA SEZIONE SI RINGRAZIA LA RIVISTA ARMI MAGAZINE CHE HA MESSO A DISPOSIZIONE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELL'ARTICOLO ''COMPRARE UN'ARMA'' AGGIORNATO A OTTOBRE 2004 L'ACQUISTO DELLE

Dettagli

FISICA DELLA BICICLETTA

FISICA DELLA BICICLETTA FISICA DELLA BICICLETTA Con immagini scelte dalla 3 SB PREMESSA: LEGGI FISICHE Velocità periferica (tangenziale) del moto circolare uniforme : v = 2πr / T = 2πrf Velocità angolare: ω = θ / t ; per un giro

Dettagli

Pacchetto Termodinamica

Pacchetto Termodinamica La Scienza del millennio Il kit è realizzato in modo tale da permettere agli insegnanti di poter eseguire una serie di semplici ma efficaci esperienze atte ad introdurre vari argomenti di Termodinamica.

Dettagli

EXTRUSION COATING. Una tipica linea di estrusione può raggiungere altissime velocità, nell ordine di 500 metri al minuto e oltre.

EXTRUSION COATING. Una tipica linea di estrusione può raggiungere altissime velocità, nell ordine di 500 metri al minuto e oltre. EXTRUSION COATING EXTRUSION COATING L extrusion coating è un processo utilizzato per preparare complessi utilizzati per imballaggi asettici, quali contenitori per latte, vino, succhi di frutta, acqua etc.

Dettagli

Le macchine termiche e il secondo principio della termodinamica

Le macchine termiche e il secondo principio della termodinamica Le macchine termiche e il secondo principio della termodinamica ) Definizione di macchina termica È sperimentalmente verificato che nel rispetto del primo principio della termodinamica (ovvero della conservazione

Dettagli

LA MOLE : UN UNITA DI MISURA FONDAMENTALE PER LA CHIMICA

LA MOLE : UN UNITA DI MISURA FONDAMENTALE PER LA CHIMICA LA MOLE : UN UNITA DI MISURA FONDAMENTALE PER LA CHIMICA Poiché è impossibile contare o pesare gli atomi o le molecole che formano una qualsiasi sostanza chimica, si ricorre alla grandezza detta quantità

Dettagli

MATERIALI. Introduzione

MATERIALI. Introduzione MATERIALI 398 Introduzione Gli acciai sono leghe metalliche costituite da ferro e carbonio, con tenore di carbonio (in massa) non superiore al 2%. Attenzione: la normazione sugli acciai è in fase di armonizzazione

Dettagli

Idrostatica Correnti a pelo libero (o a superficie libera) Correnti in pressione. Foronomia

Idrostatica Correnti a pelo libero (o a superficie libera) Correnti in pressione. Foronomia Idrostatica Correnti a pelo libero (o a superficie libera) Correnti in pressione Foronomia In idrostatica era lecito trascurare l attrito interno o viscosità e i risultati ottenuti valevano sia per i liquidi

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

Meccanica e Macchine

Meccanica e Macchine Introduzione alle macchine Meccanica e Macchine La statica tratta lo studio dell equilibrio dei corpi, si occupa delle forze, dei baricentri delle leve e delle travi. La cinematica tratta lo studio del

Dettagli

TECNOLOGIE DI FABBRICAZIONE

TECNOLOGIE DI FABBRICAZIONE CAP 6 INDUTTORI TECNOLOGIE DI FABBRICAZIONE Induttori con nucleo isolante o in aria Induttori con nucleo ferromagnetico TECNOLOGIE DI FABBRICAZIONE Gli induttori vengono realizzati avvolgendo un filo conduttore

Dettagli

La fisica della vela. comprendere i meccanismi, migliorare le prestazioni e...divertirsi!!! Laura Romanò Dipartimento di Fisica Università di Parma

La fisica della vela. comprendere i meccanismi, migliorare le prestazioni e...divertirsi!!! Laura Romanò Dipartimento di Fisica Università di Parma La fisica della vela comprendere i meccanismi, migliorare le prestazioni e...divertirsi!!! laura.romano@fis.unipr.it Laura Romanò Dipartimento di Fisica Università di Parma Il gioco della simmetria Dal

Dettagli

Condensatore elettrico

Condensatore elettrico Condensatore elettrico Sistema di conduttori che possiedono cariche uguali ma di segno opposto armature condensatore La presenza di cariche crea d.d.p. V (tensione) fra i due conduttori Condensatore piano

Dettagli