Alimentazione e sicurezza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Alimentazione e sicurezza"

Transcript

1 Alimentazione e sicurezza I prodotti destinati ad una alimentazione particolare R&D Plada H.J.Heinz

2 I prodotti destinati ad una alimentazione particolare Che cos è un prodotto destinato ad una alimentazione particolare Quali sono i driver dello sviluppo di questi prodotti Che ruolo gioca la nutrizione nello sviluppo di questi prodotti L esempio del Programma Nutrizionale

3 I prodotti destinati ad una alimentazione particolare Che cos è un prodotto destinato ad una alimentazione particolare Quali sono i driver dello sviluppo di questi prodotti Che ruolo gioca la nutrizione nello sviluppo di questi prodotti L esempio del Programma Nutrizionale

4 Che cos è un prodotto destinato ad una alimentazione particolare

5 Che cos è un prodotto destinato ad una alimentazione particolare E un prodotto, per la sua particolare composizione o per il particolare processo di fabbricazione, presenta le seguenti caratteristiche:

6 Che cos è un prodotto destinato ad una alimentazione particolare E un prodotto, per la sua particolare composizione o per il particolare processo di fabbricazione, presenta le seguenti caratteristiche: 1. si distingue nettamente dagli alimenti di consumo corrente;

7 Che cos è un prodotto destinato ad una alimentazione particolare E un prodotto, per la sua particolare composizione o per il particolare processo di fabbricazione, presenta le seguenti caratteristiche: 1. si distingue nettamente dagli alimenti di consumo corrente; 2. è adatto all'obiettivo nutrizionale indicato;

8 Che cos è un prodotto destinato ad una alimentazione particolare E un prodotto, per la sua particolare composizione o per il particolare processo di fabbricazione, presenta le seguenti caratteristiche: 1. si distingue nettamente dagli alimenti di consumo corrente; 2. è adatto all'obiettivo nutrizionale indicato; 3. viene etichettato in modo da indicare che è conforme ad un obiettivo nutrizionale specifico.

9 A chi sono indirizzati i prodotti destinati ad una alimentazione particolare

10 A chi sono indirizzati i prodotti destinati ad una alimentazione particolare a. a persone il cui processo di assimilazione dei nutrienti o il cui metabolismo è perturbato (es.: celicaci, allergici, nefropatici, ecc.)

11 A chi sono indirizzati i prodotti destinati ad una alimentazione particolare a. a persone il cui processo di assimilazione dei nutrienti o il cui metabolismo è perturbato (es.: celicaci, allergici, nefropatici, ecc.) b. a persone che si trovano in condizioni fisiologiche particolari (es.: donne in gravidanza)

12 A chi sono indirizzati i prodotti destinati ad una alimentazione particolare a. a persone il cui processo di assimilazione dei nutrienti o il cui metabolismo è perturbato (es.: celicaci, allergici, nefropatici, ecc.) b. a persone che si trovano in condizioni fisiologiche particolari (es.: donne in gravidanza) c. ai lattanti o ai bambini nella prima infanzia (dalla nascita ai 3 anni di età), in buona salute.

13 Quali sono i prodotti destinati ad una alimentazione particolare

14 Quali sono i prodotti destinati ad una alimentazione particolare Sono i prodotti regolamentati dal Decreto Legislativo 27 gennaio 1992, n. 111 (che recepisce la Direttiva 89/398/CEE)

15 Quali sono i prodotti destinati ad una alimentazione particolare Sono i prodotti regolamentati dal Decreto Legislativo 27 gennaio 1992, n. 111 (che recepisce la Direttiva 89/398/CEE) Alimenti per lattanti e alimenti di proseguimento ( latti formulati )

16 Quali sono i prodotti destinati ad una alimentazione particolare Sono i prodotti regolamentati dal Decreto Legislativo 27 gennaio 1992, n. 111 (che recepisce la Direttiva 89/398/CEE) Alimenti per lattanti e alimenti di proseguimento ( latti formulati ) Alimenti a base di cereali e alimenti destinati a lattanti e bambini ( prodotti da svezzamento )

17 Quali sono i prodotti destinati ad una alimentazione particolare Sono i prodotti regolamentati dal Decreto Legislativo 27 gennaio 1992, n. 111 (che recepisce la Direttiva 89/398/CEE) Alimenti per lattanti e alimenti di proseguimento ( latti formulati ) Alimenti a base di cereali e alimenti destinati a lattanti e bambini ( prodotti da svezzamento ) Alimenti destinati a fini medici speciali (es.: prodotti per allergici, per fenilchetonurici, ecc.)

18 Quali sono i prodotti destinati ad una alimentazione particolare Sono i prodotti regolamentati dal Decreto Legislativo 27 gennaio 1992, n. 111 (che recepisce la Direttiva 89/398/CEE) Alimenti per lattanti e alimenti di proseguimento ( latti formulati ) Alimenti a base di cereali e alimenti destinati a lattanti e bambini ( prodotti da svezzamento ) Alimenti destinati a fini medici speciali (es.: prodotti per allergici, per fenilchetonurici, ecc.) Alimenti per la riduzione del peso Alimenti per sportivi Alimenti per diabetici Altri (es.: alimenti senza glutine)

19 I prodotti destinati ad una alimentazione particolare Che cos è un prodotto destinato ad una alimentazione particolare Quali sono i driver dello sviluppo di questi prodotti Che ruolo gioca la nutrizione nello sviluppo di questi prodotti L esempio del Programma Nutrizionale

20 Quali sono i driver dello sviluppo di questi prodotti

21 Quali sono i driver dello sviluppo di questi prodotti 1. La legislazione

22 Quali sono i driver dello sviluppo di questi prodotti 1. La legislazione 2. La tecnologia

23 Quali sono i driver dello sviluppo di questi prodotti 1. La legislazione 2. La tecnologia 3. I consumatori

24 Quali sono i driver dello sviluppo di questi prodotti 1. La legislazione 2. La tecnologia 3. I consumatori 4. La politica di qualità aziendale

25 Quali sono i driver dello sviluppo di questi prodotti 1. La legislazione 2. La tecnologia 3. I consumatori 4. La politica di qualità aziendale 5. La comunità scientifica

26 Quali sono i driver dello sviluppo di questi prodotti 1. La legislazione 2. La tecnologia 3. I consumatori 4. La politica di qualità aziendale I 5 driver dello sviluppo 5. La comunità scientifica

27 2. La tecnologia

28 2. La tecnologia Rappresenta una discriminante di successo nello sviluppo di un prodotto dietetico.

29 2. La tecnologia Rappresenta una discriminante di successo nello sviluppo di un prodotto dietetico. Si interpone tra gli ingredienti ed il prodotto finito condizionando il risultato finale perché:

30 2. La tecnologia Rappresenta una discriminante di successo nello sviluppo di un prodotto dietetico. Si interpone tra gli ingredienti ed il prodotto finito condizionando il risultato finale perché: influenza la qualità del prodotto e

31 2. La tecnologia Rappresenta una discriminante di successo nello sviluppo di un prodotto dietetico. Si interpone tra gli ingredienti ed il prodotto finito condizionando il risultato finale perché: influenza la qualità del prodotto e può modificarne i valori nutrizionali

32 2. La tecnologia La produzione di questi prodotti si basa su di un equilibrio tra:

33 La produzione di questi prodotti si basa su di un equilibrio tra: Materie prime 2. La tecnologia Caratteristiche Ricetta

34 La produzione di questi prodotti si basa su di un equilibrio tra: Materie prime Impianti di produzione 2. La tecnologia Caratteristiche Ricetta

35 La produzione di questi prodotti si basa su di un equilibrio tra: Materie prime Impianti di produzione Processi produttivi 2. La tecnologia Caratteristiche Ricetta

36 La produzione di questi prodotti si basa su di un equilibrio tra: Materie prime Impianti di produzione Processi produttivi 2. La tecnologia Caratteristiche Ricetta Know-how

37 3. I consumatori

38 Il bambino ci dice 3. I consumatori

39 Il bambino ci dice 3. I consumatori se il prodotto è organoletticamente buono (sapore, odore, consistenza)

40 Il bambino ci dice 3. I consumatori se il prodotto è organoletticamente buono (sapore, odore, consistenza) se il prodotto stimola il suo interesse (i più grandicelli )

41 Il bambino ci dice 3. I consumatori se il prodotto è organoletticamente buono (sapore, odore, consistenza) se il prodotto stimola il suo interesse (i più grandicelli ) La mamma ci dice

42 Il bambino ci dice 3. I consumatori se il prodotto è organoletticamente buono (sapore, odore, consistenza) se il prodotto stimola il suo interesse (i più grandicelli ) La mamma ci dice se il prodotto è organoletticamente buono (sapore, odore, consistenza)

43 Il bambino ci dice 3. I consumatori se il prodotto è organoletticamente buono (sapore, odore, consistenza) se il prodotto stimola il suo interesse (i più grandicelli ) La mamma ci dice se il prodotto è organoletticamente buono (sapore, odore, consistenza) se è tranquilla (sicurezza, valore nutrizionale)

44 Il bambino ci dice 3. I consumatori se il prodotto è organoletticamente buono (sapore, odore, consistenza) se il prodotto stimola il suo interesse (i più grandicelli ) La mamma ci dice se il prodotto è organoletticamente buono (sapore, odore, consistenza) se è tranquilla (sicurezza, valore nutrizionale) se il prodotto è compatibile con le proprie abitudini alimentari e di consumo

45 4. La politica di qualità aziendale

46 4. La politica di qualità aziendale E l insieme delle regole che l azienda decide di applicare nella produzione e commercializzazione di un prodotto

47 4. La politica di qualità aziendale E l insieme delle regole che l azienda decide di applicare nella produzione e commercializzazione di un prodotto E cioè il livello di qualità che l azienda decide di applicare ai propri prodotti

48 4. La politica di qualità aziendale E l insieme delle regole che l azienda decide di applicare nella produzione e commercializzazione di un prodotto E cioè il livello di qualità che l azienda decide di applicare ai propri prodotti Recepisce tutte le normative vigenti e le integra e/o le amplia

49 4. La politica di qualità aziendale Una parte preponderante della politica di qualità di una azienda è costituito dal cosiddetto

50 4. La politica di qualità aziendale Una parte preponderante della politica di qualità di una azienda è costituito dal cosiddetto Sistema di Qualità Aziendale

51 Il Sistema di Qualità Aziendale

52 Il Sistema di Qualità Aziendale E l insieme di tutte le attività che l azienda intraprende per garantire lo standard qualitativo che si prefigge

53 Il Sistema di Qualità Aziendale E l insieme di tutte le attività che l azienda intraprende per garantire lo standard qualitativo che si prefigge Ogni azienda decide il proprio standard qualitativo e lo declina nei prodotti

54 Il Sistema di Qualità Aziendale E l insieme di tutte le attività che l azienda intraprende per garantire lo standard qualitativo che si prefigge Ogni azienda decide il proprio standard qualitativo e lo declina nei prodotti Si può quindi affermare che la qualità di un prodotto alimentare è definita dalle scelte dell azienda che lo produce

55 Il Sistema di Qualità Aziendale Nella produzione di alimenti dietetici il controllo di processo e di filiera rappresenta un attività indispensabile per garantire standard qualitativi di base

56 Il Sistema di Qualità Aziendale Nella produzione di alimenti dietetici il controllo di processo e di filiera rappresenta un attività indispensabile per garantire standard qualitativi di base Un passo ulteriore è rappresentato da sistemi più complessi e articolati come, ad esempio le Oasi

57 OASI Storia Monitoraggio Del Sistema Qualità Analisi e prevenzione del rischio Istruzioni Operative Procedure Audit Specifiche Qualità Prodotti Piano di Formazione Specifiche Qualità M.P. Le Oasi

58 OASI Storia Monitoraggio Del Sistema Qualità Analisi e prevenzione del rischio Istruzioni Operative Procedure Audit Specifiche Qualità Prodotti Piano di Formazione Specifiche Qualità M.P. Le Oasi Sono la risposta per garantire un Golden Standard nell alimentazione per l infanzia

59 5. La comunità scientifica

60 5. La comunità scientifica Medici e nutrizionisti

61 5. La comunità scientifica Medici e nutrizionisti Società scientifiche SIP, SIPPS, SINUPE, ESPGHAN, AAP, ecc.

62 5. La comunità scientifica Medici e nutrizionisti Società scientifiche SIP, SIPPS, SINUPE, ESPGHAN, AAP, ecc. Autorità sanitarie ISS - Istituto Superiore di Sanità EFSA - Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare Codex Alimentarius FDA - Food and Drug Administration USA

63 5. La comunità scientifica Medici e nutrizionisti Società scientifiche SIP, SIPPS, SINUPE, ESPGHAN, AAP, ecc. Autorità sanitarie ISS - Istituto Superiore di Sanità EFSA - Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare Codex Alimentarius FDA - Food and Drug Administration USA Istituti di ricerca (pubblici e privati)

64 I prodotti destinati ad una alimentazione particolare Che cos è un prodotto destinato ad una alimentazione particolare Quali sono i driver dello sviluppo di questi prodotti Che ruolo gioca la nutrizione nello sviluppo di questi prodotti L esempio del Programma Nutrizionale

65 La nutrizione e lo sviluppo dei prodotti destinati ad una alimentazione particolare: le aree di lavoro

66 La nutrizione e lo sviluppo dei prodotti destinati ad una alimentazione particolare: le aree di lavoro Riduzione del tenore proteico

67 L intake proteico nel primo anno di vita è 2-3 volte superiore ai livelli raccomandati g/kg/day Intake proteico e livelli raccomandati Spain Italy Denmark Germany USA EU PRI USA DRI Months (1) Capdevila F et Al. J Am Coll Nutr Jun;17(3): (2) Scaglioni S et Al. Int J Obes Relat Metab Disord Jun;24(6): (3) Michaelsen KF. Acta Paediatr Suppl May;420:1-36. (4) Alexy U et Al. Ann Nutr Metab 1999; 43: (5) Heinig et Al. Am J Clin Nutr 1993; 58: (6) Nutrient and Energy Intakes for the European Community. Scientific Committee for Food, (7) The National Academies of Sciences. Dietary Reference Intakes, 2002.

68 La nutrizione e lo sviluppo dei prodotti destinati ad una alimentazione particolare: le aree di lavoro Riduzione del tenore proteico Bilancio dei carboidrati semplici e complessi

69 La nutrizione e lo sviluppo dei prodotti destinati ad una alimentazione particolare: le aree di lavoro Riduzione del tenore proteico Bilancio dei carboidrati semplici e complessi Quantità e qualità dei grassi

70 La nutrizione e lo sviluppo dei prodotti destinati ad una alimentazione particolare: le aree di lavoro Riduzione del tenore proteico Bilancio dei carboidrati semplici e complessi Quantità e qualità dei grassi Integrazione di fibre prebiotiche

71 La nutrizione e lo sviluppo dei prodotti destinati ad una alimentazione particolare: le aree di lavoro Riduzione del tenore proteico Bilancio dei carboidrati semplici e complessi Quantità e qualità dei grassi Integrazione di fibre prebiotiche Impiego di probiotici

72 La nutrizione e lo sviluppo dei prodotti destinati ad una alimentazione particolare: le aree di lavoro Riduzione del tenore proteico Bilancio dei carboidrati semplici e complessi Quantità e qualità dei grassi Integrazione di fibra prebiotica Impiego di probiotici Età di introduzione del glutine e degli allergeni

73 I prodotti destinati ad una alimentazione particolare Che cos è un prodotto destinato ad una alimentazione particolare Quali sono i driver dello sviluppo di questi prodotti Che ruolo gioca la nutrizione nello sviluppo di questi prodotti L esempio del Programma Nutrizionale

74 Il Programma Nutrizionale

75 Il Programma Nutrizionale Evidenze scientifiche degli ultimi anni dimostrano che la nutritione nella prima infanzia ha conseguenza a lungo termine sulla salute e sul benessere del bambino

76 Il Programma Nutrizionale Evidenze scientifiche degli ultimi anni dimostrano che la nutritione nella prima infanzia ha conseguenza a lungo termine sulla salute e sul benessere del bambino Questo fenomeno è stato chiamato Nutritional Programming

77 I vantaggi dell allattamento al seno

78 I vantaggi dell allattamento al seno minore incidenza di infezioni gastrointestinali e respiratorie ridotta incidenza nello sviluppo del diabete ridotta incidenza di obesità e sovrappeso migliore sviluppo cognitivo riduzione del rischio di allergie alimentari

79 Lo svezzamento

80 Lo svezzamento età di introduzione del glutine celiachia età di introduzione degli allergeni allergie ferro sviluppo cognitivo DHA funzione visiva, sviluppo cognitivo prebiotici microflora intestinale probiotici immunità

81 Lo svezzamento Rischio relativo di sviluppo Bassa età di introduzione dei cibi solidi Alto tenore proteico nel primo anno di vita Bassa età di introduzione del glutine Bassa età di introduzione degli allergeni Basso ferro (anemia) Sovrappeso Obesità Celiachia Allergia Sviluppo cognitivo

82 Il Programma Nutrizionale Due anni fa è iniziato un percorso di ricerca volto ad identificare quali siano, in base alle migliori evidenze disponibili, gli schemi alimentari ottimali per il bambino dai 6 mesi ai 2 anni di vita.

83 Il Programma Nutrizionale E nato il Programma Nutrizionale, in linea con i più recenti studi scientifici, le raccomandazioni e le linee guida della corretta alimentazione.

84 Il Programma Nutrizionale E nato il Programma Nutrizionale, in linea con i più recenti studi scientifici, le raccomandazioni e le linee guida della corretta alimentazione. Il programma nutrizionale è basato sulla constatazione che i fabbisogni di macro e micro nutrienti variano da un punto di vista qualitativo e quantitativo, durante la crescita del bambino.

85 Il Programma Nutrizionale Vediamo ad esempio il bilancio dei macro e micro nutrienti nella dieta di un bambino di mesi che ha concluso lo svezzamento con i principali gruppi alimentari.

86 I fabbisogni del bambino tra mesi

87 La Piramide dell Infanzia Fase 4: dai 10 ai 12 mesi

88 Il Programma Nutrizionale Sono state così identificate 5 piramidi che rappresentano un processo a tappe che muta secondo le specifiche esigenze del bambino nelle diverse fasi dello svezzamento.

89 Le 5 Piramidi dell Infanzia

90 Il Programma Nutrizionale Un Programma Nutrizionale si deve rivolgere sia al pediatra che alla mamma:

91 Il Programma Nutrizionale Un Programma Nutrizionale si deve rivolgere sia al pediatra che alla mamma: al pediatra deve dare uno strumento efficace e semplice per poi a sua volta parlare di nutrizione alle mamme

92 Il Programma Nutrizionale Un Programma Nutrizionale si deve rivolgere sia al pediatra che alla mamma: al pediatra deve dare uno strumento efficace e semplice per poi a sua volta parlare di nutrizione alle mamme e per la mamma deve essere una guida per interpretare facilmente le raccomandazioni del pediatra nel controllo della corretta alimentazione del suo bambino

93 Il Programma Nutrizionale. Sono nate infine delle matrici che permettono al pediatra di comporre la dieta ideale secondo i fabbisogni specifici del bambino

94 Il Programma Nutrizionale. Sono nate infine delle matrici che permettono al pediatra di comporre la dieta ideale secondo i fabbisogni specifici del bambino e alla mamma di gestire con semplicità e serenità la piramide per il suo bimbo

95 Schema indicativo per bambino tra mesi

96 Grazie

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI

ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI ALIMETAZIONE DA 6 A 12 MESI Intervento a cura di: Dr.ssa Armanda Frassinetti Dietista - Ss Igiene Nutrizione Milano, 3 maggio 2012 La abitudini alimentari della famiglia acquisite nei primi anni di vita

Dettagli

GLI ALIMENTI FUNZIONALI A BASE LATTE:LEGISLAZIONE ITALIANA, EUROPEA E I FUTURI HEALTH CLAIMS

GLI ALIMENTI FUNZIONALI A BASE LATTE:LEGISLAZIONE ITALIANA, EUROPEA E I FUTURI HEALTH CLAIMS GLI ALIMENTI FUNZIONALI A BASE LATTE:LEGISLAZIONE ITALIANA, EUROPEA E I FUTURI HEALTH CLAIMS Avv. Neva Monari Studio Avv.Corte e Andreis Cremona, 1 dicembre 2006 1 DEFINIZIONE (Linee guida Min. Salute

Dettagli

La legislazione sui Nutraceutici, Alimenti funzionali e gli integratori dott. Antonio Verginelli

La legislazione sui Nutraceutici, Alimenti funzionali e gli integratori dott. Antonio Verginelli La legislazione sui Nutraceutici, Alimenti funzionali e gli integratori dott. Antonio Verginelli Definizione di farmaco ogni sostanza o associazione di sostanze presentata come avente proprietà curative

Dettagli

DIETA E STILI DI VITA

DIETA E STILI DI VITA Salute del bambino e sicurezza alimentare: analisi del rischio di d adenti chimici e fattori associati a stili di vita ISS Roma 22-23 23 giugno 2005 DIETA E STILI DI VITA Marco Silano, M.D. Dipartimento

Dettagli

SIPPS V Corso di approfondimento professionale per il pediatra. Come svezzare e fare prevenzione. Gabriella Metzger

SIPPS V Corso di approfondimento professionale per il pediatra. Come svezzare e fare prevenzione. Gabriella Metzger SIPPS V Corso di approfondimento professionale per il pediatra Come svezzare e fare prevenzione Gabriella Metzger Alimenti da svezzamento Mercato italiano (volumi) Anno 2006 34% 66% Babyfood Farine&Biscotti

Dettagli

Nutrizione e alimenti a fini medici specializzati

Nutrizione e alimenti a fini medici specializzati I MILLE VOLTI DELLA NUTRIZIONE Università degli Studi di Milano - Bicocca Auditorium Guido Martinotti Angelo Poggi Nutrizione e alimenti a fini medici specializzati www.digitalforacademy.com I MILLE VOLTI

Dettagli

ALIMENTAZIONE NEL BAMBINO. Costruire un giusto rapporto con il cibo fin dalla nascita è importante per una vita sana in età adulta

ALIMENTAZIONE NEL BAMBINO. Costruire un giusto rapporto con il cibo fin dalla nascita è importante per una vita sana in età adulta ALIMENTAZIONE NEL BAMBINO Costruire un giusto rapporto con il cibo fin dalla nascita è importante per una vita sana in età adulta ALIMENTAZIONE IN GRAVIDANZA Importanza in gravidanza di una alimentazione

Dettagli

Allattamento al seno: un diritto della mamma e del bambino

Allattamento al seno: un diritto della mamma e del bambino Direzione Generale della sicurezza degli alimenti e della nutrizione e Direzione Generale della comunicazione e relazioni istituzionali Allattamento al seno: un diritto della mamma e del bambino www.salute.gov.it

Dettagli

Il ruolo della grande distribuzione nella prevenzione: la formulazione dei prodotti e l informazione ai consumatori.

Il ruolo della grande distribuzione nella prevenzione: la formulazione dei prodotti e l informazione ai consumatori. Il ruolo della grande distribuzione nella prevenzione: la formulazione dei prodotti e l informazione ai consumatori. Maurizio Zucchi Direttore Qualità Coop Italia Modena, 12 aprile 2012 L obesità e il

Dettagli

Da una dieta di esclusione ad un pasto di qualità

Da una dieta di esclusione ad un pasto di qualità Da una dieta di esclusione ad un pasto di qualità Dr.ssa Simona De Stefano Direzione Generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Ufficio V Nutrizione - Ministero della Salute Roma,

Dettagli

A LEZIONE DI SALUTE 2013 CENTRALE DEL LATTE DI SALERNO. Prima la Colazione Poi la Merenda Rompidigiuno. Dott.ssa Lucia Ablondi Biologa Nutrizionista

A LEZIONE DI SALUTE 2013 CENTRALE DEL LATTE DI SALERNO. Prima la Colazione Poi la Merenda Rompidigiuno. Dott.ssa Lucia Ablondi Biologa Nutrizionista A LEZIONE DI SALUTE 2013 CENTRALE DEL LATTE DI SALERNO Prima la Colazione Poi la Merenda Rompidigiuno Dott.ssa Lucia Ablondi Biologa Nutrizionista MIUR 14/10/2011 Linee guida per l Educazione Alimentare

Dettagli

Dieta nel bambino con enterocolite allergica e carenze nutrizionali

Dieta nel bambino con enterocolite allergica e carenze nutrizionali Dieta nel bambino con enterocolite allergica e carenze nutrizionali Commissione Allergie Alimentari della SIAIP Dott. Alberto Martelli (Responsabile Scientifico) Dott.ssa Loredana Chini Dott.ssa Iride

Dettagli

ALIMENTAZIONE e STATO di SALUTE a LUNGO TERMINE

ALIMENTAZIONE e STATO di SALUTE a LUNGO TERMINE ALIMENTAZIONE e STATO di SALUTE a LUNGO TERMINE GIACOMO FALDELLA Dip. Scienze Ginecologiche, Ostetriche e Pediatriche - Università di Bologna Nutrizione infantile 1 EFFETTI IMMEDIATI 2 EFFETTI A LUNGO

Dettagli

Una sana alimentazione per una sana sanità:

Una sana alimentazione per una sana sanità: CESENA 27 SETTEMBRE 2012 Una sana alimentazione per una sana sanità: l impatto di una corretta alimentazione sulla spesa sanitaria Roberto Copparoni Ministero della salute Direzione Generale per l igiene

Dettagli

INTEGRATORI ALIMENTI FUNZIONALI NUTRACEUTICA

INTEGRATORI ALIMENTI FUNZIONALI NUTRACEUTICA INTEGRATORI ALIMENTI FUNZIONALI NUTRACEUTICA Dott. Antonio Verginelli Concetto di salute Anni 50: Anni 80: Assenza di malattia Prevenzione 2000: Benessere psico-fisico Assenza di malattia OMS 1948 «La

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 2 Argomento ALIMENTAZIONE BAMBINI 0-3 ANNI Eccoci al secondo appuntamento, dedicato ai più piccoli. Una dieta sana ed equilibrata

Dettagli

Progetto CCM Buone pratiche per l alimentazione e l attività fisica in età prescolare: promozione e sorveglianza Risultati e prospettive in Toscana

Progetto CCM Buone pratiche per l alimentazione e l attività fisica in età prescolare: promozione e sorveglianza Risultati e prospettive in Toscana Progetto CCM Buone pratiche per l alimentazione e l attività fisica in età prescolare: promozione e sorveglianza Risultati e prospettive in Toscana Dalla sperimentazione allo sviluppo e diffusione delle

Dettagli

IL RUOLO DELLA MAMMA NELLE SCELTE ALIMENTARI DELLA FAMIGLIA. LA PREVENZIONE DELL OBESITA INFANTILE

IL RUOLO DELLA MAMMA NELLE SCELTE ALIMENTARI DELLA FAMIGLIA. LA PREVENZIONE DELL OBESITA INFANTILE IL RUOLO DELLA MAMMA NELLE SCELTE ALIMENTARI DELLA FAMIGLIA. LA PREVENZIONE DELL OBESITA INFANTILE DOTT. LUIGI GRECO PEDIATRA DI FAMIGLIA BERGAMO VICE PRESIDENTE DELLA S.I.P. DOTT.SSA ELVIRA VERDUCI RICERCATORE

Dettagli

Il prematuro a casa: consigli dietetici pratici. Paolo Bottau Marcello Lanari U.O Pediatria e Neonatologia Ospedale di Imola

Il prematuro a casa: consigli dietetici pratici. Paolo Bottau Marcello Lanari U.O Pediatria e Neonatologia Ospedale di Imola Il prematuro a casa: consigli dietetici pratici Paolo Bottau Marcello Lanari U.O Pediatria e Neonatologia Ospedale di Imola Finalità dell alimentazione del neonato prematuro Crescita adeguata Soddisfacente

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Le linee guida ministeriali sui probiotici BRUNO SCARPA Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Ufficio IV ex DGSAN Roma, 25 novembre 2013 Probiotici

Dettagli

CURRICOLO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

CURRICOLO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE CURRICOLO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE Premessa Dalle rilevazioni effettuate negli ultimi anni sulla popolazione giovanile è emerso un aumento di problemi legati alle cattive abitudini alimentari e alla pratica

Dettagli

Pediatria Preventiva e Sociale

Pediatria Preventiva e Sociale allattamento al seno è il modo naturale di alimentare L il lattante ed il bambino. L allattamento al seno esclusivo per i primi sei mesi assicura una crescita, uno sviluppo ed una salute ottimali. Dopo

Dettagli

Svezzamento VEGAN. biologa nutrizionista PhD Scienze della Salute

Svezzamento VEGAN. biologa nutrizionista PhD Scienze della Salute Svezzamento VEGAN biologa nutrizionista PhD Scienze della Salute Quale dieta per i nostri figli? sana equilibrata preventiva conforme ai LARN Sì biologico/biodinamico NO cons/color/pest/ormoni carb/prot/gras/vitam/miner

Dettagli

UN APPROCCIO COMPLETAMENTE NATURALE PER GESTIRE LA FAME E IL PESO? CanDiet. La soluzione!

UN APPROCCIO COMPLETAMENTE NATURALE PER GESTIRE LA FAME E IL PESO? CanDiet. La soluzione! UN APPROCCIO COMPLETAMENTE NATURALE PER GESTIRE LA FAME E IL PESO? CanDiet La soluzione! Conviene far studi sui regimi (alimentari) più opportuni per gli uomini ancora in salute. Ippocrate Il secondo millennio

Dettagli

Il Reg. 1169/2011/UE, la nuova etichettatura degli alimenti e la gestione degli allergeni, aspetti applicativi e opportunità

Il Reg. 1169/2011/UE, la nuova etichettatura degli alimenti e la gestione degli allergeni, aspetti applicativi e opportunità Il Reg. 1169/2011/UE, la nuova etichettatura degli alimenti e la gestione degli allergeni, aspetti applicativi e opportunità Orientamenti ministeriali sull applicazione della nuova normativa sull etichettatura

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1301 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI FALLICA, BERNARDO, CARLUCCI, CATONE, CICU, COLUCCI, D IPPOLITO VITALE, GERMANÀ, GIAMMANCO,

Dettagli

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 DOCENTE: Madaschi Rossana Dietista e Docente di Scienza dell Alimentazione MATERIE: Dietologia - Scienza dell Alimentazione CLASSE:

Dettagli

3. Morbo celiaco, compresa la variante clinica della dermatite erpetiforme.

3. Morbo celiaco, compresa la variante clinica della dermatite erpetiforme. D.M. 8-6-2001 Assistenza sanitaria integrativa relativa ai prodotti destinati ad una alimentazione particolare. Pubblicato nella Gazz. Uff. 5 luglio 2001, n. 154. Epigrafe Premessa 1. Ambito di applicazione.

Dettagli

Alimenti particolari, integratori, alimenti addizionati

Alimenti particolari, integratori, alimenti addizionati Alimenti particolari, integratori, alimenti addizionati Per poter esaminare in modo specifico questi alimenti, occorre effettuare alcune premesse di ordine legislativo. La Direttiva 398/1989/CE ha inizialmente

Dettagli

GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO?

GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO? GRASSI E SOVRAPPESO : UN RISCHIO PER IL CELIACO? LIDIA ROVERA UOA Gastroenterologia Dietetica e Nutrizione Clinica ASO Ordine Mauriziano-Torino I.R.C.C. Candiolo LUCIA FRANSOS Dietista AIC -Piemonte e

Dettagli

LINEE GUIDA DELLA REGIONE VENETO PER LA PREVENZIONE NUTRIZIONALE NELLA RISTORAZIONE COLLETTIVA SCOLASTICA. Dott. Saverio Chilese

LINEE GUIDA DELLA REGIONE VENETO PER LA PREVENZIONE NUTRIZIONALE NELLA RISTORAZIONE COLLETTIVA SCOLASTICA. Dott. Saverio Chilese LINEE GUIDA DELLA REGIONE VENETO PER LA PREVENZIONE NUTRIZIONALE NELLA RISTORAZIONE COLLETTIVA SCOLASTICA Dott. Saverio Chilese DECRETO MINISTERO DELLA SALUTE 16-10-98: LA NUTRIZIONE E DETERMINANTE PER

Dettagli

Prevenzione & Salute

Prevenzione & Salute Prevenzione & Salute La salute comincia a tavola! Scoprilo insieme a Faschim. 3 Argomento BIMBI IN FORMA, SERVE UN GIRO DI VITA. Sapevate che in Italia i minori in sovrappeso o in condizioni di obesità

Dettagli

Lista di controllo per la formazione aziendale (corso modello) di cuoco/a in dietetica

Lista di controllo per la formazione aziendale (corso modello) di cuoco/a in dietetica Lista di controllo per la formazione aziendale (corso modello) di cuoco/a in dietetica La lista di controllo completa la formazione aziendale e costituisce un utile strumento al riguardo. Insieme con il

Dettagli

L educazione alimentare: il ruolo del Pediatra di Libera Scelta

L educazione alimentare: il ruolo del Pediatra di Libera Scelta L educazione alimentare: il ruolo del Pediatra di Libera Scelta Giornate Pediatriche A. Laurinsich, Parma 15 settembre 2006 Paolo Brambilla,, Alessandra Florioli,, Paola Manzoni ASL Provincia Milano 2

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Telefono 040 3785236 E-mail claudiaveronica.carletti@burlo.trieste.it Nazionalità Italiana Data di nascita

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) 29.6.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 181/35 REGOLAMENTO (UE) N. 609/2013 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 12 giugno 2013 relativo agli alimenti destinati ai lattanti e ai bambini

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA VETERINARIA E DEGLI ALIMENTI UFFICIO XII L' approccio alla malattia diabetica si basa su tre

Dettagli

Corso di formazione. L alimentazione del bambino nelle diverse fasi dello sviluppo

Corso di formazione. L alimentazione del bambino nelle diverse fasi dello sviluppo Corso di formazione Applicazione del modello regionale di presa in carico del bambino sovrappeso ed obeso L alimentazione del bambino C. Sartori, S. Cesari, P. Lazzeroni, S. Merli, S. Bernasconi, ME Street

Dettagli

Alimenti. Gruppi Alimentari

Alimenti. Gruppi Alimentari Alimenti Gli alimenti sono tutto ciò che viene utilizzato come cibo dalla specie umana. Un dato alimento non contiene tutti i nutrienti necessari per il mantenimento di un corretto stato fisiologico La

Dettagli

Roma, 30 marzo 2011. Oggetto: Risposta al Comunicato Stampa Congiunto a prima firma IBFAN. Gentili tutti,

Roma, 30 marzo 2011. Oggetto: Risposta al Comunicato Stampa Congiunto a prima firma IBFAN. Gentili tutti, Alla cortese attenzione di: IBFAN Italia ACP Associazione Culturale Pediatri AICPAM Associazione Italiana Consulenti Professionali in Allattamento Materno Associazione BabyConsumers No grazie pago io MAMI

Dettagli

DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI. Taira Monge e Laura Donatini. Lunedì 26 gennaio 2015

DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI. Taira Monge e Laura Donatini. Lunedì 26 gennaio 2015 TORINO Un Associazione per Amica DAL SEME ALLA TAVOLA INTERPRETAZIONE DELLE ETICHETTE ALIMENTARI DEI PRODOTTI CONFEZIONATI Taira Monge e Laura Donatini Lunedì 26 gennaio 2015 COSA ABBIAMO IMPARATO NELLA

Dettagli

DEFINIZIONE GRADUALE INTRODUZIONE NELLA DIETA DEL BAMBINO DI ALIMENTI NON LATTEI SEMI-SOLIDI E POI SOLIDI

DEFINIZIONE GRADUALE INTRODUZIONE NELLA DIETA DEL BAMBINO DI ALIMENTI NON LATTEI SEMI-SOLIDI E POI SOLIDI DEFINIZIONE GRADUALE INTRODUZIONE NELLA DIETA DEL BAMBINO DI ALIMENTI NON LATTEI SEMI-SOLIDI E POI SOLIDI OBIETTIVI E FINALITA NUTRIZIONALI: Soddisfare i fabbisogni nutrizionali del lattante (densità calorica,fe

Dettagli

Nuovo regolamento europeo CE 41/2009 sulla composizione ed etichettatura dei prodotti alimentari adatti alle persone intolleranti al glutine

Nuovo regolamento europeo CE 41/2009 sulla composizione ed etichettatura dei prodotti alimentari adatti alle persone intolleranti al glutine Associazione Italiana Celiachia Onlus Area Food Nuovo regolamento europeo CE 41/2009 sulla composizione ed etichettatura dei prodotti alimentari adatti alle persone intolleranti al glutine Susanna Neuhold

Dettagli

FIBRA ALIMENTARE. 2) miglioramento della funzionalità intestinale e dei disturbi ad essa associati (stipsi, diverticolosi);

FIBRA ALIMENTARE. 2) miglioramento della funzionalità intestinale e dei disturbi ad essa associati (stipsi, diverticolosi); FIBRA ALIMENTARE Pur non potendosi considerare un nutriente, la fibra alimentare esercita effetti di tipo funzionale e metabolico che la fanno ritenere una importante componente della dieta umana. 1) aumento

Dettagli

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO SANITA PUBBLICA VETERINARIA, NUTRIZIONE E SICUREZZA ALIMENTI DIREZIONE GENERALE SICUREZZA ALIMENTI E NUTRIZIONE Elementi informativi

Dettagli

Alla refezione scolastica spetta un compito elevato: offrire agli utenti (bambini, ragazzi) cibi di elevata composizione organolettica e nutrizionale

Alla refezione scolastica spetta un compito elevato: offrire agli utenti (bambini, ragazzi) cibi di elevata composizione organolettica e nutrizionale Alla refezione scolastica spetta un compito elevato: offrire agli utenti (bambini, ragazzi) cibi di elevata composizione organolettica e nutrizionale Una sana alimentazione rappresenta il primo intervento

Dettagli

TABELLE DIETETICHE E RICETTE (scuola Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado) CRITERI PER LA FORMULAZIONE DELLE TABELLE DIETETICHE E DEI MENU

TABELLE DIETETICHE E RICETTE (scuola Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado) CRITERI PER LA FORMULAZIONE DELLE TABELLE DIETETICHE E DEI MENU TABELLE DIETETICHE E RICETTE (scuola Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado) CRITERI PER LA FORMULAZIONE DELLE TABELLE DIETETICHE E DEI MENU Per la formulazione delle tabelle dietetiche sono state

Dettagli

Raccontare la città industriale

Raccontare la città industriale Raccontare la città industriale Dalmine 13 Novembre 2014 IL METODO L Asl di Bergamo ha lavorato molto negli ultimi, in collaborazione con la scuola, per produrre strumenti atti ad inserire i temi della

Dettagli

Il counting dei Carboidrati: dalla teoria alla pratica clinica

Il counting dei Carboidrati: dalla teoria alla pratica clinica Questo modulo è proposto in versione ridotta a scopi dimostrativi! e non rappresenta l effettiva durata del prodotto finale Il counting dei Carboidrati: dalla teoria alla pratica clinica Stefania Agrigento

Dettagli

PROGETTO ALIMENT - AZIONE CASTELFRANCO SAN CESARIO 2012/13 Le animazioni Coop Estense

PROGETTO ALIMENT - AZIONE CASTELFRANCO SAN CESARIO 2012/13 Le animazioni Coop Estense PROGETTO ALIMENT - AZIONE CASTELFRANCO SAN CESARIO 2012/13 Le animazioni Coop Estense SCUOLA D INFANZIA BIANCO BUONO LATTE 4 anni, scuola dell infanzia Latte, filiera, gusto, preferenze, Alimentazione:

Dettagli

CHIMICA DEGLI ALIMENTI

CHIMICA DEGLI ALIMENTI CHIMICA DEGLI ALIMENTI Alimento: sostanza che l organismo può assumere e metabolizzare per produrre l energia ed il calore necessari allo svolgimento delle funzioni vitali. Derrata alimentare (Codex Alimentarius,

Dettagli

DGISAN. Ministero della Salute. Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione

DGISAN. Ministero della Salute. Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Ministero della Salute Dipartimento della sanità pubblica veterinaria, della sicurezza alimentare e degli organi collegiali per la tutela della salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli

Dettagli

ALIMENTI PER LA PRIMA INFANZIA QUADRO NORMATIVO

ALIMENTI PER LA PRIMA INFANZIA QUADRO NORMATIVO ALIMENTI PER LA PRIMA INFANZIA QUADRO NORMATIVO Bruno Scarpa Ministero della Salute ALIMENTI PER LA PRIMA INFANZIA con i PRODOTTI DIETETICI PRODOTTI DESTINATI AD UNA ALIMENTAZIONE PARTICOLARE Direttiva

Dettagli

Autori e collaboratori

Autori e collaboratori Autori e collaboratori III Gian Franco Adami, medico, Università degli Studi di Francesco Benvenuti, dietista, Ufficio Gestione Contratti Ristorazione Scolastica Comune di Maria Vittoria Bertazzoni, dietista,

Dettagli

Gian Vincenzo Zuccotti Clinica Pediatrica, Ospedale dei Bambini V. Buzzi Università degli Studi di Milano

Gian Vincenzo Zuccotti Clinica Pediatrica, Ospedale dei Bambini V. Buzzi Università degli Studi di Milano Gian Vincenzo Zuccotti Clinica Pediatrica, Ospedale dei Bambini V. Buzzi Università degli Studi di Milano Obesità infantile nel mondo 2010: PIÚ DI 42 MILIONI I BAMBINI IN SOVRAPPESO SOTTO I 5 ANNI Obesità

Dettagli

Linee di indirizzo nazionali per la ristorazione scolastica del Ministero della Salute

Linee di indirizzo nazionali per la ristorazione scolastica del Ministero della Salute Linee di indirizzo nazionali per la ristorazione scolastica del Ministero della Salute Dott. ssa Ida Poni Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e della nutrizione Ministero della

Dettagli

Integratori alimentari Roma 17 dicembre 2014 Bruno Scarpa

Integratori alimentari Roma 17 dicembre 2014 Bruno Scarpa Integratori alimentari Roma 17 dicembre 2014 Bruno Scarpa Ministero della Salute Direzione generale igiene e sicurezza alimenti e nutrizione Ufficio IV ex DGSAN 1 ALIMENTO Come sono definiti sul piano

Dettagli

Cibo e salute. Marisa Porrini DiSTAM Università degli Studi di Milano

Cibo e salute. Marisa Porrini DiSTAM Università degli Studi di Milano Cibo e salute tra innovazione e tradizione Marisa Porrini DiSTAM Università degli Studi di Milano il cibo è salute sostentamento della vita prevenzione delle malattie da carenza ottimizzazione delle funzioni

Dettagli

QUIZ: CORSO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO SUI CONTROLLI UFFICIALI PER GLI ALIMENTI PER LA PRIMA INFANZIA BOLOGNA, 18 NOVEMBRE 2010

QUIZ: CORSO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO SUI CONTROLLI UFFICIALI PER GLI ALIMENTI PER LA PRIMA INFANZIA BOLOGNA, 18 NOVEMBRE 2010 QUIZ: CORSO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO SUI CONTROLLI UFFICIALI PER GLI ALIMENTI PER LA PRIMA INFANZIA BOLOGNA, 18 NOVEMBRE 2010 1) Gli alimenti per la prima infanzia sono disciplinati a livello comunitario:

Dettagli

Presentazione, Francesco Totti Prefazione

Presentazione, Francesco Totti Prefazione Indice VII Presentazione, Francesco Totti Prefazione XIII XV PARTE PRIMA Alimentazione, benessere e salute 1. Le regole fondamentali 3 Perché bisogna mangiare 3 Che cosa bisogna mangiare 4 Quanto bisogna

Dettagli

PROGETTO ALIMENTAZIONE CORRETTA

PROGETTO ALIMENTAZIONE CORRETTA Istituto Comprensivo n.7 S.Bartolomeo in Bosco Scuola primaria di S.Bartolomeo - Ferrara Premessa PROGETTO ALIMENTAZIONE CORRETTA Obiettivo fondamentale della società contemporanea e dell'educazione è

Dettagli

Iolanda Frangella. Informazioni personali. Formazione H +39 349 0952135, +39 342 5054637. Iolanda.frangella@libero.it. data di nascita 27 Ottobre 1985

Iolanda Frangella. Informazioni personali. Formazione H +39 349 0952135, +39 342 5054637. Iolanda.frangella@libero.it. data di nascita 27 Ottobre 1985 Iolanda Frangella H +39 349 0952135, +39 342 5054637 Iolanda.frangella@libero.it Informazioni personali data di nascita 27 Ottobre 1985 luogo di nascita residenza domicilio cittadinanza Paola (CS), Italia

Dettagli

IL SISTEMA QUALITA' Sistema Qualità Sono obiettivi primari:

IL SISTEMA QUALITA' Sistema Qualità Sono obiettivi primari: IL SISTEMA QUALITA' Mangiare a scuola in maniera sana e corretta significa adottare un Sistema Qualità che offra a bambini e genitori tutte le garanzie di un alimentazione controllata ad ogni livello:

Dettagli

LOTTO A DIETE PER NUTRIZIONE ENTERALE SOMMINISTRABILI PER SONDA O PER OS

LOTTO A DIETE PER NUTRIZIONE ENTERALE SOMMINISTRABILI PER SONDA O PER OS LOTTO A ALLEGATO A DIETE PER NUTRIZIONE ENTERALE SOMMINISTRABILI PER SONDA O PER OS Lotto 1/A Dieta Polimerica Standard Dieta enterale pronta all'uso, per sonda, polimerica standard, liquida, completa,

Dettagli

DALL ANTIPASTO AL DOLCE

DALL ANTIPASTO AL DOLCE DALL ANTIPASTO AL DOLCE In collaborazione con le nutrizioniste della Clinica pediatrica De Marchi di Milano Dr.ssa Silvia Bettocchi Dr.ssa Valentina De Cosmi Dr.ssa Alessandra Mazzocchi Dall antipasto

Dettagli

Viale Luigi Pasteur, 10 00144 Roma (I) C.F. 97023320589 Tel. +39 (06) 5903534 5903380 Fax +39 (06) 5903342 E-mail: segreteria@federalimentare.

Viale Luigi Pasteur, 10 00144 Roma (I) C.F. 97023320589 Tel. +39 (06) 5903534 5903380 Fax +39 (06) 5903342 E-mail: segreteria@federalimentare. Indicazioni nutrizionali e sulla salute relative agli alimenti (reg. CE n. 1924/06), LINEE GUIDA DI FEDERALIMENTARE Revisione 4 giugno 2009 Viale Luigi Pasteur, 10 00144 Roma (I) C.F. 97023320589 Tel.

Dettagli

..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC defi nitivobis.pdf Normativa e problematiche di attualità

..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC defi nitivobis.pdf Normativa e problematiche di attualità ..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC defi nitivobis.pdf Normativa e problematiche di attualità susanna neuhold responsabile nazionale area food il glutine negli alimenti CONOSCERE:

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome/ Cognome Riccardo Battista Indirizzo Via Tiberina 75, Fiano Romano (RM), Cap 00065, Italia Telefono 0765-480246 Cellulare: 392 0963172 E-mail Dott.battista@nuvis.it

Dettagli

Dieta = Salute? Dieta = Progetto diretto da Prof. Rita Leone Docente di Scienze Naturali

Dieta = Salute? Dieta = Progetto diretto da Prof. Rita Leone Docente di Scienze Naturali Pier Paolo Pasolini Istituto Tecnico Statale Sperimentale ad indirizzi linguistico e turistico Via Bistolfi, 15 20134 Milano, tel.022104001 www.itspasolini.eu Vivere bene con sé e con gli altri 7 maggio

Dettagli

Programmazione modulare. Moduli Titolo del modulo Ore

Programmazione modulare. Moduli Titolo del modulo Ore Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Via Domizia Lucilla Programmazione annuale A.S. 2015-2016 Mod. 7.1.A

Dettagli

Alimenti destinati all infanzia: la tutela dei bambini

Alimenti destinati all infanzia: la tutela dei bambini Alimenti destinati all infanzia: la tutela dei bambini Monica Sciarroni Foro di Roma e mail sciarroni.m@libero.it Riassunto L alimentazione infantile negli ultimi anni ha acquistato sempre maggiore importanza,

Dettagli

dieta nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona ricerca in campo nutrizionale componenti alimentari nuovi alimenti

dieta  nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona ricerca in campo nutrizionale componenti alimentari nuovi alimenti Lo scopo primario della dieta è fornire nutrienti sufficienti a soddisfare le esigenze nutrizionali della persona. Sono sempre più numerose le prove scientifiche a sostegno dell ipotesi che alcuni alimenti

Dettagli

Alimenti e alimentazione

Alimenti e alimentazione Tracce per la seconda prova d esame di Alimenti e alimentazione Prof. Amedeo Serra Indirizzo: Tecnico dei servizi della ristorazione Tema di: Alimenti e alimentazione Durata massima della prova: 6 ore

Dettagli

SVEZZAMENTO, principi e qualità. Pediatra di Famiglia ASL CE S. Angelo in Formis 14 Aprile 2012

SVEZZAMENTO, principi e qualità. Pediatra di Famiglia ASL CE S. Angelo in Formis 14 Aprile 2012 SVEZZAMENTO, principi e qualità Maura Sticco Pediatra di Famiglia ASL CE S. Angelo in Formis 14 Aprile 2012 (o, forse, Svezzamento, quando, cosa, quanto?) Quando ESPGHAN Co. N. 2008 L allattamento al

Dettagli

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre L obesità è una patologia causata (laddove non sia attribuibile ad altri motivi) da comportamenti ed abitudini di vita scorretti: contrastarla

Dettagli

39 Congresso dell Associazione Italiana Epidemiologia

39 Congresso dell Associazione Italiana Epidemiologia Milano, 30 Ottobre 2015 39 Congresso dell Associazione Italiana Epidemiologia Paolo D Argenio (Gruppo Tecnico Sistema di Sorveglianza Passi) Giulia Cairella (Servizio Igiene degli Alimenti e Nutrizione,

Dettagli

Vegetarismo. Vincenzino Siani

Vegetarismo. Vincenzino Siani Vegetarismo Vincenzino Siani Il vegetarismo è l approdo condiviso dalle più recenti acquisizioni nei campi della nutrizione, della medicina, dell ambientalismo, della filosofia e delle scienze del diritto.

Dettagli

SCHEDA TECNICA PEPERONI GRIGLIATI

SCHEDA TECNICA PEPERONI GRIGLIATI SCHEDA TECNICA PEPERONI GRIGLIATI 1 SCHEDA DESCRITTIVA 1.1 DENOMINAZIONE DI VENDITA E una conserva alimentare costituita da peperoni grigliati, in vaschetta da 1900g con trattamento termico di pastorizzazione.

Dettagli

Nutrizione Le soluzioni DS Dietosystem. Food intake. nutrizione

Nutrizione Le soluzioni DS Dietosystem. Food intake. nutrizione Nutrizione Le soluzioni DS Dietosystem Food intake nutrizione 1 Food Intake L unicità del software: l esperienza decennale Food Intake è stato realizzato da Dietosystem sulla base dell esperienza tratta

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista ALIMENTAZIONE E SALUTE Dott.ssa Ersilia Palombi Medico Nutrizionista Alimentarsi bene e nutrirsi bene: non sempre i due comportamenti corrispondono, infatti il segnale fisiologico dell appetito da solo

Dettagli

GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO

GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO Il periodo della gravidanza e dell allattamento sono particolarmente critici dal punto di vista alimentare-dietetico, in quanto la dieta incide in modo fondamentale sulla salute

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO SANITÀ PUBBLICA VETERINARIA, SICUREZZA ALIMENTARE E ORGANI COLLEGIALI PER LA TUTELA DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE PER L IGIENE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E LA NUTRIZIONE

Dettagli

Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica. Costruisci il tuo benessere in 10 passi. Costruisci il tuo benessere in 10 passi

Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica. Costruisci il tuo benessere in 10 passi. Costruisci il tuo benessere in 10 passi Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica Costruisci il tuo benessere in 0 passi Costruisci il tuo benessere in 0 passi Il benessere in 0 passi Una sana alimentazione inizia dalla prima colazione

Dettagli

Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del comportamento Alimentare Ambulatorio di Dietologia

Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del comportamento Alimentare Ambulatorio di Dietologia Università degli Studi di Pavia Centro Interdipartimentale di Studi e Ricerche sulla Nutrizione Umana e i Disturbi del comportamento Alimentare Ambulatorio di Dietologia Direttore: Prof. Anna Tagliabue

Dettagli

Malnutrizione come causa ed effetto della povertà: strategie di contrasto. Valeria Pecchioni CCM

Malnutrizione come causa ed effetto della povertà: strategie di contrasto. Valeria Pecchioni CCM Malnutrizione come causa ed effetto della povertà: strategie di contrasto Valeria Pecchioni CCM CONTESTO GLOBALE Globalizzazione Aumento dei redditi in alcuni grandi paesi (lenta crescita a livello globale)

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE DI SCIENZE DEGLI ALIMENTI. Anno Scolastico 2015/2016. INDIRIZZO PROFESSIONALE: Enogastronomia e Ospitalità Alberghiera

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE DI SCIENZE DEGLI ALIMENTI. Anno Scolastico 2015/2016. INDIRIZZO PROFESSIONALE: Enogastronomia e Ospitalità Alberghiera ISTITUTO D'ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE "REMO BRINDISI" Liceo Linguistico, Enogastronomia e Ospitalità Alberghiera, Manutenzione e Assistenza Tecnica, Tecnico Economico per il Turismo PIANO DI LAVORO

Dettagli

Perché è. meglio. allattare. al seno?

Perché è. meglio. allattare. al seno? meglio Perché è allattare al seno? Il latte materno è l'alimento perfetto creato da Madre Natura per nutrire il tuo bambino e farlo crescere in salute. Non a caso l'organizzazione Mondiale della Sanità

Dettagli

CONSUMI ALIMENTARI: COSTI PRIVATI E SOCIALI

CONSUMI ALIMENTARI: COSTI PRIVATI E SOCIALI CONSUMI ALIMENTARI: COSTI PRIVATI E SOCIALI Maria Sassi Dipartimento di Ricerche Aziendali Università degli Studi di Pavia Struttura della presentazione Legame tra alimentazione e livelli di sicurezza

Dettagli

I_I14.e Pediatria ed EXPO2015

I_I14.e Pediatria ed EXPO2015 PoliCulturaExpoMilano2015 I_I14.e Pediatria ed EXPO2015 Versione estesa Paolo Paolini, HOC-LAB (DEIB, Politecnico di Milano, IT), da una intervista a Prof. Gian Vincenzo Zuccotti Professore Ordinario di

Dettagli

INDICAZIONI NUTRIZIONALI E SULLA SALUTE. REG.CE n. 1924/2006

INDICAZIONI NUTRIZIONALI E SULLA SALUTE. REG.CE n. 1924/2006 INDICAZIONI NUTRIZIONALI E SULLA SALUTE REG.CE n. 1924/2006 1 OBIETTIVI SPECIFICI Integrazione dei principi generali in tema di etichettatura dei prodotti alimentari che impongono un divieto generale di

Dettagli

Dietista dott.ssa Raimonda Muraro Ass2 Isontina

Dietista dott.ssa Raimonda Muraro Ass2 Isontina Dietista dott.ssa Raimonda Muraro Ass2 Isontina Il Regolamento (UE) 1169/2011 è entrato in vigore il 13 dicembre 2011 e verrà applicato in modo graduale, tramite tappe intermedie. Il testo unico raccoglie

Dettagli

Libro bianco sul latte e i prodotti lattiero caseari Analisi delle conoscenze scientifiche e considerazioni sul valore del consumo di latte e derivati

Libro bianco sul latte e i prodotti lattiero caseari Analisi delle conoscenze scientifiche e considerazioni sul valore del consumo di latte e derivati Libro bianco sul latte e i prodotti lattiero caseari Analisi delle conoscenze scientifiche e considerazioni sul valore del consumo di latte e derivati L'alimentazione è uno dei fattori che maggiormente

Dettagli

PERDERE GRASSO, NON MUSCOLO!

PERDERE GRASSO, NON MUSCOLO! PERDERE GRASSO, NON MUSCOLO! UNA LINEA DI INTEGRATORI A BASE PROTEICA PER NUTRIRSI MEGLIO E DIMAGRIRE BENE Solo i prodotti LineaMed, per la loro composizione dietetico-nutrizionale, sono compatibili con

Dettagli

La Gialmica ti permette di prendere un appuntamento per una visita con la nostra Nutrizionista, la

La Gialmica ti permette di prendere un appuntamento per una visita con la nostra Nutrizionista, la La Gialmica ti permette di prendere un appuntamento per una visita con la nostra Nutrizionista, la Dott.ssa Ventriglia. Potrai ricevere una dieta personalizzata e bilanciata con i consigli per dimagrire

Dettagli

Promuovere, proteggere e sostenere l allattamento materno.

Promuovere, proteggere e sostenere l allattamento materno. Promuovere, proteggere e sostenere l allattamento materno. Beatrice Dalla Barba Formatore Azienda Ospedaliera: Ostetrica E.Righetti PERCHE E COSI IMPORTANTE PROMUOVERE L ALLATTAMENTO AL SENO? L AS nei

Dettagli

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: Alberghiero INDIRIZZO: Enogastronomia e Servizi di sala e vendita DOCENTE: Prof. Spreafico Lucia CLASSE: V B MATERIA DI INSEGNAMENTO: Scienza e Cultura dell

Dettagli

Valutazione indice glicemico: pasta FIBERPASTA

Valutazione indice glicemico: pasta FIBERPASTA Valutazione indice glicemico: pasta FIBERPASTA PREMESSA Numerosi studi hanno riportato che un alimentazione ricca di zuccheri semplici è associata all insorgenza di diabete, patologie cardiovascolari e

Dettagli

Educazione alimentare. Scuole

Educazione alimentare. Scuole Scuole Obie3vo del corso Obie3vo del corso: Promuovere corre8e abitudini alimentari e motorie nei ragazzi Sensibilizzare i ragazzi sulle problema;che legate all'alimentazione Sviluppare comportamen; autonomi

Dettagli

Etichettatura dei prodotti per celiaci

Etichettatura dei prodotti per celiaci Etichettatura dei prodotti per celiaci Elisabetta Toti toti@inran.it Introduzione Nella dieta della popolazione generale, i cereali contribuiscono alla gran parte del consumo energetico giornaliero in

Dettagli

Convegno Espositivo Erboristeria. Relazione presentata in occasione del Convegno Espositivo ERBORISTERIA 2013 www.senaf.it

Convegno Espositivo Erboristeria. Relazione presentata in occasione del Convegno Espositivo ERBORISTERIA 2013 www.senaf.it Aggiornamento delle indicazioni salutistiche per i botanicals Convegno Espositivo Erboristeria 28 settembre 2013 Fiera di Parma FederSalus Associazione produttori prodotti salutistici. Nasce nel 1999 e

Dettagli