REGOLAMENTO DEL CAMPO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO DEL CAMPO"

Transcript

1 REGOLAMENTO DEL CAMPO Art. 1 L'utilizzo del campo di tiro è riservato ai soci dell'associazione, nei giorni e negli orari di apertura; uniche eccezioni riguardano gli iscritti a gare e/o manifestazioni agonistiche organizzate dall'associazione, durante lo svolgimento di tali eventi sportivi. I soci stessi, per poter svolgere l'attività di tiro, dovranno osservare le disposizioni di legge riguardanti l'attività di tiro con armi da fuoco, in particolare le norme di cui alla legge 18 aprile 1975 n. 110 e successive modifiche. Essi dovranno inoltre avere versato le quote associative d'iscrizione, aver sottoscritto la dichiarazione di manleva di responsabilità nei confronti della Associazione Sportiva Dilettantistica Tiro Sportivo Valeggio e dei suoi rappresentanti per eventuali danni recati a se stessi o a terzi nella pratica del tiro sul campo. L'utilizzo del campo di tiro è concesso ad Enti Statali, Provinciali e Comunali, ai Corpi Armati dello Stato ed alle Forze di Polizia se autorizzati dai loro Comandi e dopo aver stipulato un accordo o un contratto con la A.S.D. Tiro Sportivo Valeggio. Art. 2 Potranno effettuare l'attività del tiro con armi corte e lunghe nelle rispettive aree i soci abilitati al maneggio ed uso in sicurezza delle armi. Ai soci, non appartenenti ad associazioni di tiro riconosciute che prevedono il possesso di specifici attestati di abilitazione (es. livello bronzo F.I.D.T.S.), potrà essere richiesto di sostenere una prova teorico/pratica, al fine di verificare il grado di familiarizzazione con le armi, l'attitudine al loro uso e maneggio in sicurezza, nonché il possesso e l'utilizzo di accessori e buffetteria adeguata. Potranno praticare l'attività agonistica del Tiro Dinamico Sportivo solo i soci che dimostrino comprovata esperienza nelle competizioni di detta specialità o il possesso del livello bronzo; diversamente essi dovranno sostenere un corso propedeutico effettuato da un istruttore federale F.I.D.T.S. che rilascerà loro l'attestazione di abilitazione. Potranno svolgere attività addestrativa specifica gli appartenenti ai Corpi di Polizia ed alle Forze Armate quando, in sede di addestramento, sono presenti il direttore dei tiri ed il personale istruttore qualificato, appartenenti ai medesimi organismi, i quali dovranno comunque gestire gli addestramenti nel pieno rispetto delle norme di sicurezza. Tali soggetti sono tenuti al rispetto delle norme di comportamento ed alla cura della struttura al pari di un socio ordinario, ad esclusione della compilazione del registro di frequenza. Art. 3 Gli utenti dovranno accedere ai campi di tiro di pistola e di carabina con le armi scariche e tenute nelle apposite custodie per il trasporto. E' vietato presentarsi sulle linee di tiro dopo aver consumato bevande alcooliche o aver assunto farmaci e/o sostanze in grado di alterare le capacità psicofisiche; il personale dello Staff potrà allontanare il tiratore che mostrasse evidenti sintomi di alterazione psicofisiche. La manipolazione delle armi è ammessa esclusivamente all'interno dei settori di tiro. In occasione di manifestazioni sportive le armi possono essere maneggiate nelle zone di sicurezza preposte (fumble zone), purché scariche e con i caricatori scarichi. E' assolutamente vietato accedere alle fumble zone con qualsiasi tipo di munizionamento al seguito, eventuali i serbatoi carichi potranno essere tenuti negli appositi portacaricatori, ma non dovranno essere estratti. Le manipolazioni di carico e scarico delle armi sono

2 permesse solo ed esclusivamente sulle linee di tiro per carabina e nei settori di tiro per pistola con le armi rivolte verso i parapalle. E' vietato indossare o utilizzare completi tattici (abbigliamento e buffetteria militare), con l'eccezione degli appartenenti alle forze armate (purché nel corso di esercitazioni autorizzate). E' consentito ai soci l'uso di singoli capi di abbigliamento e/o buffetteria tattica, purché il loro numero sia tale da escludere l'idea di un addestramento di corpi paramilitari. Art. 4 Ogni socio è obbligato a compilare in tutte le sue parti il registro di frequenza apponendo la firma all'inizio ed alla fine delle esercitazioni. Gli orari di apertura e chiusura del campo di tiro vengono stabiliti dalla presidenza dell'associazione che gestisce il poligono e può variare a seconda delle esigenze di gestione. L'accesso nel settore di tiro o l'utilizzo di una linea di tiro per carabina deve essere preventivamente autorizzato dalla segreteria del club. Ogni socio, al momento della richiesta di assegnazione di una linea di tiro per carabina o del settore di tiro, deve rilasciare il tesserino dell'associazione, che gli sarà riconsegnato al termine dell'esercitazione. Le linee di tiro per carabina tiro possono essere utilizzati per un periodo non superiore ad un ora; questo termine può essere protratto se nessun altro socio è in attesa. Nei settori di tiro per pistola potranno essere effettuate esercitazioni per un tempo pari a mezza giornata. Ogni socio e/o utente è responsabile di quanto accade sulla linea o nel settore di tiro assegnatogli. E' ammesso l'accesso all'interno dei settori di tiro ai soli soci iscritti ed in regola con il pagamento della quota di iscrizione. E' assolutamente vietato l'accesso all'interno dei settori di tiro o sulle linee di carabina ai non iscritti. E' assolutamente vietato il maneggio o l'uso delle armi a persone non iscritti o a soci non in regola con il tesseramento, ad eccezione dei tiratori di altre associazioni che partecipino a gare organizzate dall'a.s.d. Tiro Sportivo Valeggio. Ogni settore di tiro potrà essere occupato da un solo tiratore. A richiesta e dopo autorizzazione della segreteria son ammessi allenamenti collettivi, purché ad esercitarsi sia sempre un tiratore alla volta. In deroga a suddetta regola è possibile che più tiratori possano sparare contemporaneamente nelle sedute di addestramento dirette da personale addetto al controllo delle operazioni di tiro (FITDS, IDPA, CAS, istruttori di tiro di forze di Polizia e Corpi Armati dello Stato). Le armi cariche possono essere tenute in fondina solo nel momento in cui ci si appresta all'esercitazione, tranne che in occasione delle gare di CAS per i tiratori in attesa del proprio turno di tiro; al di fuori del caso sopra indicato, è vietato stazionare nel settore di tiro con l'arma carica. Chi non è in possesso di una fondina può comunque effettuare tiri da fermo, utilizzando un bancone di appoggio posto all'interno del settore di tiro; in ogni caso la volata delle armi dovrà sempre essere rivolta in direzione di sicurezza e verso il parapalle. Al termine della string di tiro l'arma dovrà essere appoggiata sul bancone aperta, scarica e priva del serbatoio caricatore. Non sono ammessi movimenti con armi cariche o scariche se il vivo di volata non è comunque rivolto al parapalle, nel rispetto degli angoli di sicurezza. Lo spostamento dai settori di tiro è ammesso solo dopo aver effettuato le manipolazioni di sicurezza, dopo aver riposto l'arma scarica nella custodia o in fondina priva del caricatore e col cane abbattuto. Dopo ogni allenamento di tiro è vietato stazionare o effettuare movimenti nei settori di tiro con l'arma impugnata, anche se scarica.

3 Art. 5 Ogni tiratore deve curare la pulizia del settore di tiro utilizzato, effettuando la bonifica dei bossoli sparati e utilizzando gli appositi contenitori che prevedono la raccolta differenziata dei rifiuti. Le sagome cartacee utilizzate devono essere concentrate negli appositi contenitori presenti sui campi. E' vietato sporcare il campo o buttare mozziconi di sigaretta per terra. Art. 6 Nella disposizione dei bersagli è fatto obbligo al tiratore di rispettare gli angoli di sicurezza e di salvaguardare le strutture (pareti divisorie dei settori, reggi sagome ecc.). E' vietato utilizzare qualsiasi tipo di supporto per fissare i bersagli metallici abbattibili; l'utilizzo di bersagli metallici fissi è consentito unicamente per l'esercizio del tiro CAS, nel rispetto delle distanze e dei limiti di potenza prescritti per le armi e munizioni stabiliti nel regolamento SASS vigente. E' fatto obbligo ai tiratori di curare la disposizione delle sagome, affinché i colpi sparati abbiano ad impattare esclusivamente sul parapalle. Eventuali danni arrecati alla struttura dovranno essere risarciti. E' consentito il tiro con armi a canna liscia calibro 12 o superiore, purché con munizionamento spezzato dal n 7 in su per l'ingaggio di bersagli metallici abbattibili ed a palla unica per quello dei bersagli cartacei. E' fatto divieto assoluto di utilizzare munizionamento a palla unica sui bersagli metallici o munizionamento spezzato su quelli cartacei. E' consentito l'utilizzo, nei settori di tiro, di carabine tipo AR-15 esclusivamente su bersagli cartacei ed ai tiratori che hanno frequentato un corso di abilitazione al loro uso o che dimostrino di possedere l'abilità necessaria al loro uso in sicurezza; in mancanza di tale attestazione è consentito solo lo sparo da fermo con l'ausilio di un bancone di appoggio, su cui dovrà essere posizionata l'arma priva di caricatore, con otturatore aperto e safety flag, o altro strumento atto ad evidenziarne lo stato di arma scarica, inserito. L'utilizzo di tali accessori di sicurezza è comunque obbligatorio per tutti gli utilizzatori di carabine tipo AR-15. E' concesso il tiro esclusivamente su sagome sportive regolamentari, per le varie discipline ammesse, o su bersagli codificati per addestramenti di personale appartenente alle Forze di Polizia o Corpi Armati dello Stato. E' vietato l'utilizzo di qualsiasi altro tipo di bersaglio od oggetto. Durante il cambio del bersaglio od il conteggio dei punti è obbligatorio interrompere il tiro, scaricare l'arma, riponendola in fondina, o posizionarla sul bancone di appoggio aperta e scarica. Nel poligono di carabina potrà essere effettuato il cambio del bersaglio solo dopo averne ottenuto l'autorizzazione dal personale dello staff; durante il cambio dei bersagli è assolutamente vietato stazionare in prossimità delle armi e/o delle postazioni di tiro. Durante le operazioni di cambio bersaglio ed in ogni caso di interruzione del tiro, le carabine dovranno essere appoggiate stabilmente sul bancone di tiro, scariche e con l'azione aperta. E' assolutamente vietato riprendere le operazioni di tiro senza l'autorizzazione del personale dello staff. E' vietato effettuare qualsiasi tipo di attività di tiro al di fuori delle postazioni a ciò deputate; all'interno di dette postazioni è consentito unicamente il tiro a colpo singolo. Nei settori di tiro per pistola l'uso dei bersagli metallici è consentito esclusivamente con pistole o revolvers ad una distanza minima di 10 m., con munizionamento a palla (piombo dolce o camiciato) fino al cal. 45. Distanze inferiori ai 10 m. saranno consentite unicamente per l'uso di armi e munizioni previste

4 nella specialità CAS e comunque nel rispetto delle distanze minime di sicurezza prescritte dal regolamento SASS in vigore. Art. 7 E' obbligatorio l'uso di protezioni visive ed acustiche all'interno ed in prossimità dei settori di tiro. Eventuali ospiti, seppur al di fuori dei settori di tiro DEVONO COMUNQUE INDOSSARE SUDDETTE PROTEZIONI. Art. 8 Il tiratore ha l'obbligo di verificare lo stato del settore di tiro prima di iniziare l'esercitazione, segnalando eventuali anomalie al personale dello Staff; egli deve altresì comunicare immediatamente al personale dello staff qualsiasi anomalia che si verifichi durante gli allenamenti e che riguardino il tiratore, le armi o le strutture. Art. 9 Il socio tiratore dovrà sempre essere in possesso dei documenti, in corso di validità, che permettono il trasporto e l'uso delle armi oltre ad impegnarsi ad esibirli ad ogni richiesta che dovesse provenire dalle Autorità competenti o dai componenti il C.D. Della Associazione. Art. 10 I membri dello staff ed il R.O. potranno interrompere l'attività di allenamento o di svago ai tiratori che non tengono un comportamento conforme al corretto e sicuro uso e maneggio delle armi. In tal caso il C.D. potrà riunirsi per discutere il comportamento del tiratore, adottando nei suoi confronti sanzioni disciplinari, che potranno arrivare fino alla esclusione dall'associazione. Art. 11 I soci devono essere a conoscenza della normativa che specifica il trasporto e la detenzione del munizionamento originale e delle normative sulla detenzione di materiale per la ricarica delle munizioni. Ogni socio è personalmente responsabile delle proprie munizioni. Art. 12 Si fa presente che, all'interno del Consiglio Direttivo sono state definite delle normative specifiche di valutazione ai fini dell'accettazione, per cui si fa riserva di poter respingere le richieste di iscrizione. Art. 13 E' vietato effettuare, con qualsiasi strumento, riprese videografiche o fotografiche del campo di tiro e dei suoi utilizzatori, senza preventiva autorizzazione del Presidente dell'asd Tiro Sportivo Valeggio o dei membri dello Staff. E' vietato esporre, all'interno del campo o nelle sue immediate adiacenze, armi, accessori o altro materiale a fini commerciali e/o pubblicitari, senza la preventiva autorizzazione del Presidente dell'asd Tiro Sportivo Valeggio. E' altresì vietato qualsiasi comportamento o atteggiamento, sia commissivo che omissivo, nonché

5 l'uso di espressioni scritte o verbali, che possano in qualche modo ledere l'immagine dell'asd Tiro Sportivo Valeggio. Art. 14 Per quanto omesso ed in riferimento a tiratori che praticano specialità riconducibili a federazioni e/o associazioni nazionali o internazionali, si fa riferimento alle normative statutarie delle medesime. Art. 15 Il mancato rispetto del suddetto regolamento è motivo di provvedimenti disciplinari che possono diffidare e/o allontanare il socio dall'associazione. L'ASSOCIAZIONE DECLINA OGNI RESPONSABILITA' CIVILE E PENALE CHE RICADRA' ESCLUSIVAMENTE A CARICO DI CHI NON RISPETTI LE SUDDETTE NORME.

6 DICHIARAZIONE DI MANLEVA DA RESPONSABILITA' PER L'ESERCIZIO DEL TIRO E L'UTILIZZO DELLE STRUTTURE SUL CAMPO DI TIRO DELL'ASD TIRO SPORTIVO VALEGGIO Il sottoscritto..., nato a... il... residente a... prov.... via... tel documento n... scadenza... porto d'armi n... scadenza... tessera di iscrizione n... [ ] Attesta di essere favorevole a che il minore... affidato alla sua potestà e sorveglianza effettui attività di tiro soft air o A.C., nel rispetto della normativa vigente. DICHIARA di assumersi tutti i rischi e le responsabilità, impegnandosi a risarcire ogni danno materiale cagionato alle strutture dell'impianto, alle persone o alle cose, derivanti dall'uso di armi e munizioni e per qualsiasi incidente che, per dolo o colpa dovesse procurare all'interno o all'esterno del campo di tiro dell'associazione Sportiva Dilettantistica Tiro Sportivo Valeggio, esonerando l'asd Tiro Sportivo Valeggio ed ogni suo collaboratore o membro dello Staff, da ogni responsabilità civile e/o penale per eventuali danni che dovessero occorrergli o che dovesse cagionare a cose od a terzi in occasione di allenamenti o gare ivi effettuate. DICHIARA ED ACCETTA ESPRESSAMENTE di manlevare da ogni pregiudizio l'asd Tiro Sportivo Valeggio ed ogni suo collaboratore o membro dello Staff, da ogni responsabilità civile e/o penale che possa insorgere, da eventuali danni che dovessero occorrere al sottoscritto (o al minore sotto la sua potestà) e che dovesse cagionare a terzi, sia danni materiali a cose e/o lesioni a persone, in occasione dell'attività sociale. Inoltre si impegna a tenere indenne e si obbliga a non chiamare in causa l'asd Tiro Sportivo Valeggio e i suoi collaboratori o personale dello staff per qualsiasi controversia che possa insorgere.

7 Si impegna a rispettare integralmente il regolamento interno del campo di tiro, TENENDO UN COMPORTAMENTO CORRETTO, e di essere pienamente consapevole dei rischi e dei pericoli insiti nell'uso di armi e munizioni. PRINCIPALI NORME OBBLIGATORIE E DIVIETI Obbligo di indossare protezioni acustiche e visive durante le esercitazioni; L'arma può essere caricata solo immediatamente prima di iniziare l'esercizio di allenamento e va prontamente scaricata al termine dello stesso; E' vietato maneggiare e/o trasportare armi cariche al di fuori dello stand di tiro. Il trasferimento da uno stand all'altro può effettuarsi esclusivamente con arma scarica e in fondina o altro mezzo di custodia. L'arma lunga può essere portata a tracolla nella custodia o trasportata a mano con camera vuota e munita di safety flag o altro strumento equiparato; E' vietato, durante l'esercitazione con arma lunga ad anima liscia, l'utilizzo di cartucce a palla asciutta su bersaglio metallico; detto divieto si estende all'uso di carabina a canna rigata, salvo che la stessa sia camerata in calibri da pistola; E' vietato spostare le attrezzature da uno stand all'altro, senza preventiva autorizzazione dello Staff del TSV e comunque, al termine dell'uso le stesse andranno riposizionate negli stand iniziali; E' vietato bloccare con qualsiasi artificio la caduta dei pepper-popper o di qualsiasi altra sagoma metallica abbattibile; E' obbligatorio, al termine dell'allenamento, ripristinare la linea di tiro lasciandola nelle medesime condizioni in cui si è trovata e, previo rispetto delle norme di sicurezza, provvedere alla raccolta dei bossoli ed alla rimozione dei bersagli cartacei dai sostegni, riponendoli negli appositi contenitori. Ogni danneggiamento casualmente creato e/o riscontrato dovrà essere immediatamente comunicato allo staff, prima di iniziare l'esercitazione. E' vietato far maneggiare armi all'interno del campo di tiro a persone non autorizzate. ACCETTO INCONDIZIONATAMENTE TUTTE LE CLAUSOLE SOPRAINDICATE UNITAMENTE ALLE REGOLE DEL CAMPO ESPOSTE Io sottoscritto... Autorizzo l'utilizzo dei dati personali ai sensi degli art.li l. 675/96 e successive modifiche. La presente manleva sarà valida ed operante durante tutto il tempo in cui sarà mantenuta la qualifica di socio. Valeggio sul Mincio, lì... IN FEDE

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Allo scopo di garantire al Tiro sportivo con armi da fuoco un crescente sviluppo anche all interno del Nostro poligono e che i sacrifici di chi si è prodigato perché

Dettagli

ARMI ED ARMERIA. Titolo I - ARMI

ARMI ED ARMERIA. Titolo I - ARMI ARMI ED ARMERIA Titolo I - ARMI ART. 1 - TIPO DELLE ARMI IN DOTAZIONE 1 - In conformità a quanto previsto dall art. 4 del D.M. 01.03.1987 N 145 l arma da difesa personale, in dotazione agli addetti con

Dettagli

REGOLAMENTO T.O.M.U.F. TIRO OPERATIVO MILITARE UNUCI FIRENZE. Delegazione Toscana. Ver. 12.0 08.03.2012. T.O.M.U.F. Ver. 12.

REGOLAMENTO T.O.M.U.F. TIRO OPERATIVO MILITARE UNUCI FIRENZE. Delegazione Toscana. Ver. 12.0 08.03.2012. T.O.M.U.F. Ver. 12. REGOLAMENTO T.O.M.U.F. TIRO OPERATIVO MILITARE UNUCI FIRENZE Delegazione Toscana Ver. 12.0 08.03.2012 T.O.M.U.F. Ver. 12.0 Pagina 1 di 7 PREMESSA Le gare di TIRO MILITARE organizzate da UNUCI, nel rispetto

Dettagli

REGOLAMENTO SICUREZZA TIRO A SEGNO VERONA

REGOLAMENTO SICUREZZA TIRO A SEGNO VERONA REGOLAMENTO SICUREZZA TIRO A SEGNO VERONA II presente "Regolamento di sicurezza per l'uso del poligono di tiro di Verona" si applica a tutte le attività di tiro a fuoco e ad aria compressa che si svolgono

Dettagli

Sezione di Modena a.s.d. ISCRIZIONE AL TIRO A SEGNO

Sezione di Modena a.s.d. ISCRIZIONE AL TIRO A SEGNO ISCRIZIONE AL TIRO A SEGNO DOCUMENTI PER L'ISCRIZIONE COME SOCIO VOLONTARIO 1. Modulo di Richiesta Iscrizione al T.S.N. 2. Certificato medico 3. Consenso al trattamento dei dati sensibili 4. Uno dei seguenti

Dettagli

GARA A 300 m PER FUCILI EX-ORDINANZA E ORDINANZA GARA DI CARNEVALE 22 Febbraio 2015

GARA A 300 m PER FUCILI EX-ORDINANZA E ORDINANZA GARA DI CARNEVALE 22 Febbraio 2015 TIRO A SEGNO NAZIONALE Sez. di CAPRINO VERONESE (Vr) GARA A 300 m PER FUCILI EX-ORDINANZA E ORDINANZA GARA DI CARNEVALE 22 Febbraio 2015 La gara si svolgerà presso la sezione di Tiro a Segno di Caprino

Dettagli

COMUNE di CASALGRANDE Provincia di REGGIO EMILIA

COMUNE di CASALGRANDE Provincia di REGGIO EMILIA COMUNE di CASALGRANDE Provincia di REGGIO EMILIA Regolamento speciale per la disciplina del porto delle armi in dotazione al Corpo di POLIZIA MUNICIPALE (Rif.D.M. 4 marzo 1987 n. 145) -Art. 1 - Disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AL SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE DEL COMUNE DI CAVEZZO. Comune di CAVEZZO (MO)

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AL SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE DEL COMUNE DI CAVEZZO. Comune di CAVEZZO (MO) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AL SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE DEL COMUNE DI CAVEZZO Comune di CAVEZZO (MO) INDICE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI 1 ART. 1 Oggetto del Regolamento

Dettagli

Proposta di normativa attuativa per la regolamentazione della licenza per l impianto e la gestione di campi di tiro o poligoni privati

Proposta di normativa attuativa per la regolamentazione della licenza per l impianto e la gestione di campi di tiro o poligoni privati Proposta di normativa attuativa per la regolamentazione della licenza per l impianto e la gestione di campi di tiro o poligoni privati Decreto ministeriale «Adozione dell'allegato F al regolamento delle

Dettagli

L'ACQUISTO DELLE ''ARMI COMUNI DA SPARO''

L'ACQUISTO DELLE ''ARMI COMUNI DA SPARO'' PER IL CONTENUTO DI QUESTA SEZIONE SI RINGRAZIA LA RIVISTA ARMI MAGAZINE CHE HA MESSO A DISPOSIZIONE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NELL'ARTICOLO ''COMPRARE UN'ARMA'' AGGIORNATO A OTTOBRE 2004 L'ACQUISTO DELLE

Dettagli

COMUNE DI COLLOREDO DI MONTE ALBANO (Provincia di Udine) REGOLAMENTO SPECIALE SULL ARMAMENTO DELLA POLIZIA LOCALE

COMUNE DI COLLOREDO DI MONTE ALBANO (Provincia di Udine) REGOLAMENTO SPECIALE SULL ARMAMENTO DELLA POLIZIA LOCALE COMUNE DI COLLOREDO DI MONTE ALBANO (Provincia di Udine) REGOLAMENTO SPECIALE SULL ARMAMENTO DELLA POLIZIA LOCALE Approvato con deliberazione C.C. n. 45 del 23.12.2010 Pubblicato all Albo Pretorio dal

Dettagli

Regolamento per l utilizzo delle palestre

Regolamento per l utilizzo delle palestre Allegato A) Regolamento per l utilizzo delle palestre Art. 1 Destinazione d uso palestre scolastiche 1. Le palestre comunali e scolastiche di proprietà od in disponibilità del Comune di Trento o della

Dettagli

UITS REGOLAMENTO TROFEO EX ORDINANZA DI TIRO RIDOTTO A METRI 50 CALENDARIO GARE 2015 NORME GENERALI 2015

UITS REGOLAMENTO TROFEO EX ORDINANZA DI TIRO RIDOTTO A METRI 50 CALENDARIO GARE 2015 NORME GENERALI 2015 UITS REGOLAMENTO TROFEO EX ORDINANZA DI TIRO RIDOTTO A METRI 50 CALENDARIO GARE 2015 Soave 25 26 Aprile Verona 2 3 Maggio Cerea 6 7 Giugno Bardolino Luglio Negrar 12 13 Settembre Caprino Veronese 11 Ottobre

Dettagli

COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA

COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA REGOLAMENTO DELL ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AL CORPO DELLA POLIZIA LOCALE DI GRADO, IN POSSESSO DELLA QUALITA Dl AGENTE Dl PUBBLICA SICUREZZA. Approvato con deliberazione

Dettagli

UITS REGOLAMENTO TROFEO EX ORDINANZA DI TIRO RIDOTTO A METRI 50 CALENDARIO GARE 2014 NORME GENERALI 2014

UITS REGOLAMENTO TROFEO EX ORDINANZA DI TIRO RIDOTTO A METRI 50 CALENDARIO GARE 2014 NORME GENERALI 2014 UITS REGOLAMENTO TROFEO EX ORDINANZA DI TIRO RIDOTTO A METRI 50 Soave 8 9 Marzo Negrar 17 18 Maggio Verona 7 8 Giugno Bardolino 12 13 Luglio Cerea 6 7 Settembre Caprino Veronese 18 19 Ottobre CALENDARIO

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO (Provincia di Udine) REGOLAMENTO SPECIALE SULL ARMAMENTO DELLA POLIZIA LOCALE

COMUNE DI DIGNANO (Provincia di Udine) REGOLAMENTO SPECIALE SULL ARMAMENTO DELLA POLIZIA LOCALE COMUNE DI DIGNANO (Provincia di Udine) REGOLAMENTO SPECIALE SULL ARMAMENTO DELLA POLIZIA LOCALE Approvato con deliberazione C.C. n. 58/2010 INDICE ART. 1 - ART. 2 - ART. 3 - ART. 4 - ART. 5- ART. 6 - ART.

Dettagli

CLUB LA A.S.D. ORGANIZZA : 1 TROFEO CITTA DI CALVISANO 5^ GARA CAMPIONATO ITALIANO (FASCIA B)

CLUB LA A.S.D. ORGANIZZA : 1 TROFEO CITTA DI CALVISANO 5^ GARA CAMPIONATO ITALIANO (FASCIA B) LA A.S.D. SHOOTING ACADEMY CLUB ORGANIZZA : 1 TROFEO CITTA DI CALVISANO 5^ GARA CAMPIONATO ITALIANO (FASCIA B) COMPETIZIONE DI TIRO DINAMICO SPORTIVO 29-30 GIUGNO 2013 - CALVISANO (BS) 8 esercizi colpi

Dettagli

COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARMAMENTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE

COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARMAMENTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARMAMENTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE Approvato con delibera C.C. nr. 36 del 11.08.2012 INDICE CAPO I GENERALITÀ - NUMERO E TIPO DI

Dettagli

REGOLAMENTO DELL'ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AI CORPO DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI ROMA, IN POSSESSO DELLA QUALITA' DI AGENTE DI PUBBLICA SICUREZZA

REGOLAMENTO DELL'ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AI CORPO DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI ROMA, IN POSSESSO DELLA QUALITA' DI AGENTE DI PUBBLICA SICUREZZA REGOLAMENTO DELL'ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AI CORPO DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI ROMA, IN POSSESSO DELLA QUALITA' DI AGENTE DI PUBBLICA SICUREZZA Articolo 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

COMUNE di ORTELLE. PROVINCIA di LECCE REGOLAMENTO SULL'ARMAMENTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE

COMUNE di ORTELLE. PROVINCIA di LECCE REGOLAMENTO SULL'ARMAMENTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE COMUNE di ORTELLE PROVINCIA di LECCE REGOLAMENTO SULL'ARMAMENTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 7 del 30.04.2014 Comando Polizia Municipale 1 INDICE TITOLO I -

Dettagli

BANDO DI GARA AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA PALESTRA DELL ISTITUTO TECNICO DEI TRASPORTI E LOGISTICA NAUTICO SAN GIORGIO CALATA DARSENA - GENOVA

BANDO DI GARA AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA PALESTRA DELL ISTITUTO TECNICO DEI TRASPORTI E LOGISTICA NAUTICO SAN GIORGIO CALATA DARSENA - GENOVA BANDO DI GARA AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA PALESTRA DELL ISTITUTO TECNICO DEI TRASPORTI E LOGISTICA NAUTICO SAN GIORGIO CALATA DARSENA - GENOVA 1. Oggetto e finalità utilizzo palestra scolastica. a)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA LOCALE DEL COMUNE DI CASATENOVO

REGOLAMENTO PER L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA LOCALE DEL COMUNE DI CASATENOVO Comune di Casatenovo Provincia di Lecco Comando Polizia Locale REGOLAMENTO PER L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA LOCALE DEL COMUNE DI CASATENOVO approvato con delibera di C.C. n. 72 del 28.11.2008

Dettagli

GARA DI TIRO CON CARABINA 1 TROFEO PROVINCIA DI BERGAMO

GARA DI TIRO CON CARABINA 1 TROFEO PROVINCIA DI BERGAMO PROVINCIA DI BERGAMO SETTORE CACCIA PESCA E SPORT Servizio CACCIA E PESCA Via San Giorgio 5/a - 24121 BERGAMO Tel. 035-387.458 - Fax 035-387.582 e-mail: segreteria.faunistico@provincia.bergamo.it sito

Dettagli

COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma)

COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma) COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma) Regolamento concernente l armamento del personale del Corpo della Polizia Municipale di Fiumicino al quale è conferita la qualifica di Agente di Pubblica Sicurezza

Dettagli

COMUNE DI BULCIAGO Provincia di Lecco. ART. 1 -Impianti e Gestione-

COMUNE DI BULCIAGO Provincia di Lecco. ART. 1 -Impianti e Gestione- COMUNE DI BULCIAGO Provincia di Lecco REGOLAMENTO PER L USO ED IL FUNZIONAMENTO DELLA PALESTRA POLIFUNZIONALE COMUNALE DI VIA DON GUANELLA ART. 1 -Impianti e Gestione- 1. Il presente regolamento ha per

Dettagli

Associazione Sportiva AMP A.S.D.

Associazione Sportiva AMP A.S.D. ASSOCIAZIONE SPORTIVA AMP A.S.D. REGOLAMENTO ASSOCIAZIONE SPORTIVA AMP - A.S.D. (Associazione Sportiva Dilettantistica) REGOLAMENTO ART. 1 (AMMISSIONE DEI SOCI) L'ammissione dei soci è riservata al Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO CONCERNENTE L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA PROVINCIALE

REGOLAMENTO CONCERNENTE L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA PROVINCIALE PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO CONCERNENTE L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA PROVINCIALE Marzo 2012 INDICE Art. 1 Disposizioni generali Art. 2 Tipo delle armi in dotazione Art. 3 Numero delel

Dettagli

), DEMANDATE A SQUADRE DI ABBATTITORI LOCALI ORGANIZZATE DAGLI AMBITI TERRITORIALI DI CACCIA E DAI COMPRENSORI ALPINI.

), DEMANDATE A SQUADRE DI ABBATTITORI LOCALI ORGANIZZATE DAGLI AMBITI TERRITORIALI DI CACCIA E DAI COMPRENSORI ALPINI. ALLEGATO A PROCEDURE E PRESCRIZIONI PER L ORGANIZZAZIONE, LA GESTIONE E L ESECUZIONE DELLE OPERAZIONI DI CONTENIMENTO PREVENTIVO E DI PRONTO INTERVENTO SULLE POPOLAZIONI DI CINGHIALE (Sus scrofa), DEMANDATE

Dettagli

Università degli Studi di Messina

Università degli Studi di Messina Università degli Studi di Messina REGOLAMENTO PER L'USO DA PARTE DI TERZI DEGLI SPAZI ESPOSITIVI PER FINALITA SCIENTIFICHE, CULTURALI E ARTISTICHE (Emanato con D.R. n. 627 del 18 Marzo 2014) Art. 1 - Oggetto

Dettagli

UITS REGOLAMENTO CAMPIONATO ITALIANO EX ORDINANZA 100 mt 2010 NORME GENERALI

UITS REGOLAMENTO CAMPIONATO ITALIANO EX ORDINANZA 100 mt 2010 NORME GENERALI UITS REGOLAMENTO CAMPIONATO ITALIANO EX ORDINANZA 100 mt 2010 NORME GENERALI AI CAMPIONATI SONO AMMESSI I SOCI TESSERATI UITS ED ISCRITTI AD UNA SEZIONE T.S.N. Armi Modelli di armi adottate fino al 1955

Dettagli

UNIONE ITALIANA TIRO A SEGNO

UNIONE ITALIANA TIRO A SEGNO UNIONE ITALIANA TIRO A SEGNO INTEGRAZIONI UITS ALLA DIRETTIVA TECNICA DT-P1 ED. 2005 DELL ISPETTORATO DELLE INFRASTRUTTURE DELL ESERCITO PER STAND DI TIRO IN GALLERIA PER ARMI A FUOCO DI 1^ CATEGORIA PER

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA PALESTRA COMUNALE DI MASER

REGOLAMENTO DELLA PALESTRA COMUNALE DI MASER REGOLAMENTO DELLA PALESTRA COMUNALE DI MASER Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 25 in data 31 agosto 2015 ART.1 - OGGETTO 1. li presente regolamento disciplina l'uso della PALESTRA COMUNALE,

Dettagli

Sabato ore 9,00/17,00 ca. domenica ore 9,00/13,00 ca. Gara Finale di Tiro Rapido Sportivo Shoot Off per L attribuzione del Trofeo Città di Treviso

Sabato ore 9,00/17,00 ca. domenica ore 9,00/13,00 ca. Gara Finale di Tiro Rapido Sportivo Shoot Off per L attribuzione del Trofeo Città di Treviso Sabato 29 - Domenica 30 gennaio 2011 Sabato ore 9,00/17,00 ca. domenica ore 9,00/13,00 ca. Gara Finale di Tiro Rapido Sportivo Shoot Off per L attribuzione del Trofeo Città di Treviso La sezione TSN di

Dettagli

A.S.D. TIRO TINNIAS DORGALI

A.S.D. TIRO TINNIAS DORGALI A.S.D. TIRO TINNIAS DORGALI ORGANIZZA V Prova Fascia B - Macroarea 6 III TROFEO BARBAGIA Dorgali (NU) 25_26 Giugno 2016 ORGANIZZAZIONE : A.S.D. TIRO Tinnias LUOGO : Campo di tiro località Tinnias Dorgali

Dettagli

TIRO A SEGNO NAZIONALE Sezione di NEGRAR

TIRO A SEGNO NAZIONALE Sezione di NEGRAR TIRO A SEGNO NAZIONALE Sezione di NEGRAR REGOLAMENTO STAND DI TIRO A METRI 50 "OPEN" SU 6 LINEE PER ARMI CLASSIFICATE DI 1^CATEGORIA 1. PRINCIPALI CARATTERISTICHE STRUTTURALI DEL POLIGONO 1.1 Zona servizi

Dettagli

Comune di Brembate. Regolamento per l'utilizzo degli impianti sportivi comunali

Comune di Brembate. Regolamento per l'utilizzo degli impianti sportivi comunali Comune di Brembate Regolamento per l'utilizzo degli impianti sportivi comunali Approvato con deliberazione di C.C. 22 del 05 aprile 2014 Articolo 1 - Destinazione degli impianti e loro fruibilità Gli impianti

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ARMAMENTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ARMAMENTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE C O MUNE DI PAULARO P R O V I N C I A D I U D I N E Approvato con Deliberazione consiliare n. 35 di data 10/11/2008 Modificato con delibera di Consiglio Comunale n. 20 del 28/05/2009 REGOLAMENTO COMUNALE

Dettagli

Iscrizioni: N.B.: in conformità di quanto previsto nella circolare del Ministero dell Interno 557/PAS/U/009667/10089(3) del 4 giugno 2014

Iscrizioni: N.B.: in conformità di quanto previsto nella circolare del Ministero dell Interno 557/PAS/U/009667/10089(3) del 4 giugno 2014 Iscrizioni: QUOTE E NORME PER ISCRIZIONE/TESSERAMENTO AL TIRO A SEGNO NAZIONALE Sezione di Soave (VR) Associazione Sportiva Dilettantistica 1890 CATEGORIE DI ISCRIZIONE ED ASSOCIATIVE (quote estratte dal

Dettagli

Regolamento tiro cantonale ticinese di caccia

Regolamento tiro cantonale ticinese di caccia Regolamento Tiro Ticinese di Caccia versione 2015 1 Regolamento tiro cantonale ticinese di caccia versione: 3.0.6 2015 il presente regolamento sostituisce tutte le versioni precedenti. Regolamento Tiro

Dettagli

NORME DI SICUREZZA NELL USO DELLE ARMI DA FUOCO

NORME DI SICUREZZA NELL USO DELLE ARMI DA FUOCO NORME DI SICUREZZA NELL USO DELLE ARMI DA FUOCO Vengono comunemente definite norme di sicurezza tutta una serie di accorgimenti e precauzioni, codificate o meno, che devono sempre essere messe in atto

Dettagli

Regolamento ENAIP VENETO. REGOLAMENTO ENAIP VENETO Centro Servizi Formativi di DOLO (VE)

Regolamento ENAIP VENETO. REGOLAMENTO ENAIP VENETO Centro Servizi Formativi di DOLO (VE) REGOLAMENTO ENAIP VENETO Centro Servizi Formativi di DOLO (VE) 1 ANNO FORMATIVO 2015-2016 Il presente Regolamento è stato definito dal Collegio Formatori del Centro Servizi Formativi di DOLO (VE) e dalla

Dettagli

CITTÀ DI CASTELVETRANO PROVINCIA DI TRAPANI

CITTÀ DI CASTELVETRANO PROVINCIA DI TRAPANI CITTÀ DI CASTELVETRANO PROVINCIA DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE CONCERNENTE L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA MUNICIPALE CAPO I NORME GENERALI Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento

Dettagli

E LIETA DI INVITARVI ALLA

E LIETA DI INVITARVI ALLA E LIETA DI INVITARVI ALLA 2ª Prova CAMPIONATO INTERREGIONALE INVERNALE AREA 6 2 Dicembre 2012 Come da Regolamento Sportivo 2012-2013 CII ORGANIZZAZIONE: Asd Armi Sport 2 Shooting Club DATA : 02 dicembre

Dettagli

1 Campionato Italiano Invernale TIRO DI CAMPAGNA CON ARMI A CANNA RIGATA COMPLETO individuale OPEN Distanze 50 100 200 metri REGOLAMENTO TECNICO 2015

1 Campionato Italiano Invernale TIRO DI CAMPAGNA CON ARMI A CANNA RIGATA COMPLETO individuale OPEN Distanze 50 100 200 metri REGOLAMENTO TECNICO 2015 1 Campionato Italiano Invernale TIRO DI CAMPAGNA CON ARMI A CANNA RIGATA COMPLETO individuale OPEN Distanze 50 100 200 metri REGOLAMENTO TECNICO 2015 ART.1 SCOPI 1.1 La FIDASC, nell ambito dei propri fini

Dettagli

C O M U N E DI F L O R I D I A PROVINCIA DI SIRACUSA

C O M U N E DI F L O R I D I A PROVINCIA DI SIRACUSA C O M U N E DI F L O R I D I A PROVINCIA DI SIRACUSA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI MODIFICATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERA N. 20 DEL 02/03/2011 1 Art. 1 -

Dettagli

Provincia di Prato Regolamento generale per l uso delle palestre scolastiche

Provincia di Prato Regolamento generale per l uso delle palestre scolastiche Provincia di Prato Regolamento generale per l uso delle palestre scolastiche Testo approvato con Deliberazione C.P. n 69 del 20/12/95 e successive modificazioni con Deliberazione C.P. n 69 del 16/09/98.

Dettagli

FINALE DI CAMPIONATO ITALIANO di TIRO RAPIDO SPORTIVO 2015 Tiro a Segno VERONA 17-18- 19-20 SETTEMBRE 2015

FINALE DI CAMPIONATO ITALIANO di TIRO RAPIDO SPORTIVO 2015 Tiro a Segno VERONA 17-18- 19-20 SETTEMBRE 2015 FINLE DI CMPIONTO ITLINO di TIRO RPIDO SPORTIVO Tiro a Segno VERON 17-1- 19- SETTEMRE Riservata a Squadre e Tiratori qualificati alla finale 1. CTEGORIE DI TIRO : Come da regolamento T.R.S. ; 2. TURNI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA CONCESSIONE IN USO DEI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA CONCESSIONE IN USO DEI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA CONCESSIONE IN USO DEI LOCALI DI PROPRIETA COMUNALE. INDICE Art. 1 - Disciplina regolamentare Pag. 1 Art. 2 Criterio disciplinare Pag. 1 Art. 3 Tipi di concessione Pag.

Dettagli

Comune di Cagliari Servizio Sport Protocollo Generale - Via Crispi 09124 CAGLIARI

Comune di Cagliari Servizio Sport Protocollo Generale - Via Crispi 09124 CAGLIARI Alla domanda deve essere applicata una marca da bollo da. 14,62 Sono esenti dall imposta di bollo: le O.N.L.U.S. iscritte all anagrafe unica delle O.N.L.U.S., le Federazioni Sportive, le Discipline Sportive

Dettagli

REGOLAMENTO NAZIONALE PER IL CAMPIONATO E LE GARE G.A.S. ART. 0 ORGANIGRAMMA

REGOLAMENTO NAZIONALE PER IL CAMPIONATO E LE GARE G.A.S. ART. 0 ORGANIGRAMMA REGOLAMENTO NAZIONALE PER IL CAMPIONATO E LE GARE G.A.S. ART. 0 ORGANIGRAMMA l'organigramma presente alla fine di questo documento rappresenta la struttura organizzativa dei G.A.S. Le gerarchie sono state

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'USO DEL PARCO PUBBLICO MONTE DUE MANI E DEGLI IMPIANTI SPORTIVI ANNESSI

REGOLAMENTO PER L'USO DEL PARCO PUBBLICO MONTE DUE MANI E DEGLI IMPIANTI SPORTIVI ANNESSI Comune di Ballabio Cap. 23811 Provincia di Lecco tel. 0341/530111 fax 531057 69 REGOLAMENTO PER L'USO DEL PARCO PUBBLICO MONTE DUE MANI E DEGLI IMPIANTI SPORTIVI ANNESSI Approvato con deliberazione di

Dettagli

Seduta Consiglio di Istituto del 12.01.2015 DELIBERA N. 2/2015 Criteri per la concessione a terzi dei locali scolastici IL CONSIGLIO DI ISTITUTO

Seduta Consiglio di Istituto del 12.01.2015 DELIBERA N. 2/2015 Criteri per la concessione a terzi dei locali scolastici IL CONSIGLIO DI ISTITUTO ISTITUTO COMPRENSIVO CAVEZZO Comune di Cavezzo Via 1 Maggio, n. 148 41032 CAVEZZO (MO) Cod. Mecc. MOIC838003 C.F. 91029930368 Tel 0535-58608 / Fax 0535-46265 moic838003@istruzione.it moic838003@pec.istruzione.it

Dettagli

il seguente Regolamento contenente le modalità e criteri per la concessione in uso temporaneo e precario delle palestre scolastiche.

il seguente Regolamento contenente le modalità e criteri per la concessione in uso temporaneo e precario delle palestre scolastiche. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 Grado "Pascoli - Giovinazzi " Via Mazzini n. 25 - Tel. 099.849.11.43

Dettagli

COMUNE DI BRUSAPORTO PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI BRUSAPORTO PROVINCIA DI BERGAMO COMUNE DI BRUSAPORTO PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE PALESTRE COMUNALI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 29 del 23.07.2015 Art. 1 PRINCIPI GENERALI

Dettagli

CONTRATTO PER L UTILIZZO DELLO SPAZIO ADIBITO A STUDIO FOTOGRAFICO MAXY RENTAL STUDIO

CONTRATTO PER L UTILIZZO DELLO SPAZIO ADIBITO A STUDIO FOTOGRAFICO MAXY RENTAL STUDIO Via Fermi 1b - Pero - MI www.maxyrentalstudio.com CONTRATTO PER L UTILIZZO DELLO SPAZIO ADIBITO A STUDIO FOTOGRAFICO MAXY RENTAL STUDIO Premessa Per studio fotografico denominato Maxy Rental Studio si

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L UTILIZZO DELLE PALESTRE DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI PREMESSA

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L UTILIZZO DELLE PALESTRE DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI PREMESSA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L UTILIZZO DELLE PALESTRE DEGLI ISTITUTI SCOLASTICI PREMESSA Scopo del presente regolamento è di favorire e promuovere l apertura delle palestre scolastiche comunali al

Dettagli

concessionario, viene data in uso la palestra con annesse attrezzature, igienici, siti nel plesso dell edificio scolastico,

concessionario, viene data in uso la palestra con annesse attrezzature, igienici, siti nel plesso dell edificio scolastico, PROVINCIA DI POTENZA ATTO DI CONVENZIONE L anno duemila..( ) il giorno. del mese di.. in Potenza, per il presente atto cui intervengono: 1). nato in. il non in proprio ma quale Dirigente del Settore Edilizia

Dettagli

QUESTURA DI PADOVA Divisione Polizia Amministrativa, Sociale e dell'immigrazione UFFICIO A R M I Piazzetta Palatucci, 5 - Padova

QUESTURA DI PADOVA Divisione Polizia Amministrativa, Sociale e dell'immigrazione UFFICIO A R M I Piazzetta Palatucci, 5 - Padova QUESTURA DI PADOVA Divisione Polizia Amministrativa, Sociale e dell'immigrazione UFFICIO A R M I Piazzetta Palatucci, 5 - Padova ORARIO lunedi 9,00/11,30 15,30/17,30 martedi 9,00/11,30 mercoledi chiuso

Dettagli

C O M U N E DI Z O P P O L A PROVINCIA DI PORDENONE (Via A. Romanò n. 14 - C.A.P. 33080 - C.F. 80000950933 - P.I. 00194930939)

C O M U N E DI Z O P P O L A PROVINCIA DI PORDENONE (Via A. Romanò n. 14 - C.A.P. 33080 - C.F. 80000950933 - P.I. 00194930939) C O M U N E DI Z O P P O L A PROVINCIA DI PORDENONE (Via A. Romanò n. 14 - C.A.P. 33080 - C.F. 80000950933 - P.I. 00194930939) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARMAMENTO DEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE

Dettagli

COMUNE DI PONTERANICA

COMUNE DI PONTERANICA COMUNE DI PONTERANICA Provincia di Bergamo Regolamento comunale per l utilizzo delle palestre comunali e degli spazi pubblici adibiti all attività sportiva (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO. Regolamento della Fraternità di Misericordia di Pescara revisione ed aggiornamento seduta del C.D. Del 07/01/2014.

REGOLAMENTO INTERNO. Regolamento della Fraternità di Misericordia di Pescara revisione ed aggiornamento seduta del C.D. Del 07/01/2014. C.F. 91041370684 Associazione con Personalità Giuridica Riconosciuta con D.P.G.R. Abruzzo 70/2007 Autorizzazione Presidente Giunta Regionale n. 653 del 16/10/1996 REGOLAMENTO INTERNO Regolamento della

Dettagli

a.s. 2013-2014 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L UTILIZZO DELLA PALESTRA SCOLASTICA (approvazione Consiglio d Istituto in data 27 giugno 2013)

a.s. 2013-2014 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE E L UTILIZZO DELLA PALESTRA SCOLASTICA (approvazione Consiglio d Istituto in data 27 giugno 2013) ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DON MILANI Viale delle Regioni, 62 70132 - Bari Telefono 080-5371951 Fax 080-5375520 e_mail: baic812002@istruzione.it - c.f. 93403070720 PEC baic812002@pec.istruzione.it www.donmilanibari.it

Dettagli

Provincia di Sondrio

Provincia di Sondrio Regolamento per il controllo della fauna selvatica e inselvatichita, delle forme domestiche di specie selvatiche e delle forme inselvatichite di specie domestiche Approvato con deliberazione di consiglio

Dettagli

F.C.D. Enotria 1908 REGOLAMENTO INTERNO PREMESSA... 2 RUOLI... 3 ORARI APERTURA... 4 COMPORTAMENTO ED ABBIGLIAMENTO... 5

F.C.D. Enotria 1908 REGOLAMENTO INTERNO PREMESSA... 2 RUOLI... 3 ORARI APERTURA... 4 COMPORTAMENTO ED ABBIGLIAMENTO... 5 F.C.D. Enotria 1908 REGOLAMENTO INTERNO PREMESSA... 2 RUOLI... 3 ORARI APERTURA... 4 COMPORTAMENTO ED ABBIGLIAMENTO... 5 RIMANDI GENERALI... 5 DIVIETI... 5 UTILIZZO ATTREZZATURE... 6 SERVIZI FOTOGRAFICI,

Dettagli

3 Trofeo Spagnoletti Shooting Team Testa di Lepre

3 Trofeo Spagnoletti Shooting Team Testa di Lepre VI INVITA ALLA : 2 GARA VALIDA PER IL CAMPIONATO ITALIANO INTERREGIONALE 2014 AREA 4 1-2 FEBBRAIO 2014 FIUMICINO (ROMA) 3 Trofeo Spagnoletti Shooting Team Testa di Lepre Roma 6 ESERCIZI - 128 COLPI MINIMI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI Allegato B alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 25 del 27/4/2006 1 Art. 1 Oggetto e riferimenti normativi Il Comune di Fiesole

Dettagli

STATUTO del CLUB CINOFILO SPORTIVO IL CANE Associazione Sportiva Dilettantistica

STATUTO del CLUB CINOFILO SPORTIVO IL CANE Associazione Sportiva Dilettantistica STATUTO del CLUB CINOFILO SPORTIVO IL CANE Associazione Sportiva Dilettantistica Art. 1 - Denominazione e sede E costituita l Associazione Sportiva Dilettantistica, senza finalità di lucro, denominata

Dettagli

U.I.T.S. REGOLAMENTO CAMPIONATO ITALIANO

U.I.T.S. REGOLAMENTO CAMPIONATO ITALIANO U.I.T.S. REGOLAMENTO CAMPIONATO ITALIANO EX ORDINANZA E ORDINANZA - UITS A MT. 300 --------------------------------------------------------------------------------------------- NORME GENERALI 2014 ----------------------------------

Dettagli

COMUNE di CASELETTE Provincia Torino

COMUNE di CASELETTE Provincia Torino COMUNE di CASELETTE Provincia Torino REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA PALESTRA COMUNALE Art. 1 Utilizzo delle palestra comunale. Il Comune di Caselette concede ad Istituzioni Scolastiche, Associazioni,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE RUGGERI, POLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE RUGGERI, POLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5355 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI RUGGERI, POLI Modifica degli articoli 2 e 3 della legge 25 marzo 1986, n. 85, in materia

Dettagli

TIRO A SEGNO NAZIONALE

TIRO A SEGNO NAZIONALE TIRO A SEGNO NAZIONALE Sezione di PINEROLO REGOLAMENTO INTERNO SULLE NORME GENERALI ORGANIZZATIVE E CONSEGNE IN VIGORE AL POLIGONO del APPROVAZIONI CONSIGLIO DIRETTIVO SEGRETARIO PRESIDENTE Alberto Baudracco

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE GENTILESCHI Via Nuova Agnano, 30 80125 Napoli Tel/fax 0817624019 sito web: www.istitutosuperioregentileschi.it

ISTITUTO SUPERIORE GENTILESCHI Via Nuova Agnano, 30 80125 Napoli Tel/fax 0817624019 sito web: www.istitutosuperioregentileschi.it Prot. 7193 del 28/10/2014 A TUTTA L UTENZA - AL SITO WEB P.C. ALLA PROVINCIA DI NAPOLI BANDO PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA GESTIONE DELLA PALESTRA dell ISTITUTO di ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE

Dettagli

CORSO ISTRUTTORE 1 LIVELLO G.S.P. AIKM ITALIA - GLOBAL SYSTEM POLICE - KRAV MAGA - BALESTRATE ( PA ) 24-25 - 26 MAGGIO 2013

CORSO ISTRUTTORE 1 LIVELLO G.S.P. AIKM ITALIA - GLOBAL SYSTEM POLICE - KRAV MAGA - BALESTRATE ( PA ) 24-25 - 26 MAGGIO 2013 CORSO ISTRUTTORE 1 LIVELLO G.S.P. AIKM ITALIA - GLOBAL SYSTEM POLICE - KRAV MAGA - BALESTRATE ( PA ) 24-25 - 26 MAGGIO 2013 Presso i locali dell Azienda Agrituristica Arabesque ed il TSN Centro Tiro a

Dettagli

Stagione sportiva 2015/2016

Stagione sportiva 2015/2016 COPIA PER L ATLETA REGOLAMENTO SETTORE GIOVANILE SCOLASTICO G.S. CALCIO EVANCON Stagione sportiva 2015/2016 Il presente Regolamento dovrà essere sottoscritto dall atleta e da uno dei genitori, o da chi

Dettagli

1 Campionato Italiano TIRO DI CAMPAGNA CON ARMI A CANNA RIGATA 50 mt. su sagoma corrente REGOLAMENTO TECNICO 2015

1 Campionato Italiano TIRO DI CAMPAGNA CON ARMI A CANNA RIGATA 50 mt. su sagoma corrente REGOLAMENTO TECNICO 2015 1 Campionato Italiano TIRO DI CAMPAGNA CON ARMI A CANNA RIGATA 50 mt. su sagoma corrente REGOLAMENTO TECNICO 2015 ART.1 SCOPI 1.1 La FIDASC, nell ambito dei propri fini istituzionali (art. 2 dello Statuto),

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA FAUNISTICO - AMBIENTALE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA FAUNISTICO - AMBIENTALE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA FAUNISTICO - AMBIENTALE Approvato con deliberazione della Giunta provinciale n. 52 del 02/04/2013 ART. 1 ORGANIZZAZIONE L Ente, nel rispetto dei principi stabiliti

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

E LIETA DI INVITARVI ALLA. 4ª Prova CAMPIONATO ITALIANO FASCIA B AREA 3 10 GIUGNO 2012. PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.

E LIETA DI INVITARVI ALLA. 4ª Prova CAMPIONATO ITALIANO FASCIA B AREA 3 10 GIUGNO 2012. PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory. E LIETA DI INVITARVI ALLA 4ª Prova CAMPIONATO ITALIANO FASCIA B AREA 3 10 GIUGNO 2012 Come da Regolamento Sportivo 2012 AD ESTRAZIONE TRA TUTTI I PARTECIPANTI UN BUONO SCONTO DI 250,00 EURO PER L AQUISTO

Dettagli

CITTA di PONTIDA Regolamento per l utilizzo del Servizio Internet della Biblioteca comunale

CITTA di PONTIDA Regolamento per l utilizzo del Servizio Internet della Biblioteca comunale CITTA di PONTIDA Regolamento per l utilizzo del Servizio Internet della Biblioteca comunale Approvato con delibera consiliare n. 13 in data 13.02.07 1. Obiettivi del servizio 1.1 Il Sistema bibliotecario

Dettagli

IL MINISTRO DELL'INTERNO

IL MINISTRO DELL'INTERNO Decreto ministeriale 4 marzo 1987, n.145, (G.U. 16 aprile 1987, n.89) Modificato dal Decreto ministeriale 341/89 (G.U. 14 ottobre 1989, n.241) "Norme concernenti l'armamento degli appartenenti alla polizia

Dettagli

COMUNE DI BARIANO Provincia di Bergamo

COMUNE DI BARIANO Provincia di Bergamo COMUNE DI BARIANO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA ANNESSA ALLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DA PARTE DI ASSOCIAZIONI, GRUPPI SPORTIVI E PRIVATI CITTADINI IN ORARIO EXTRA SCOLASTICO

Dettagli

Allegato A Regolamento per la concessione e l utilizzo delle palestre scolastiche. PREMESSA

Allegato A Regolamento per la concessione e l utilizzo delle palestre scolastiche. PREMESSA Allegato A Regolamento per la concessione e l utilizzo delle palestre scolastiche. PREMESSA Scopo del presente regolamento è di favorire e promuovere l apertura delle palestre scolastiche comunali al territorio

Dettagli

QUESTURA DI BOLOGNA DIVISIONE POLIZIA AMMINISTRATIVA E SOCIALE Ufficio Armi ed Esplosivi (Tel. 051 6401564 - fax 0516401562)

QUESTURA DI BOLOGNA DIVISIONE POLIZIA AMMINISTRATIVA E SOCIALE Ufficio Armi ed Esplosivi (Tel. 051 6401564 - fax 0516401562) QUESTURA DI BOLOGNA DIVISIONE POLIZIA AMMINISTRATIVA E SOCIALE Ufficio Armi ed Esplosivi (Tel. 051 6401564 - fax 0516401562) apertura al pubblico : dal lunedì al venerdì dalle ore 09,00 alle ore 12,00

Dettagli

RICHIESTA IMPIANTI SPORTIVI A.S. 2014/2015. Il Sottoscritto. (Nome)* (Cognome)* nato il / / (gg/mm/aaaa)* a. * prov. * e residente a * in via

RICHIESTA IMPIANTI SPORTIVI A.S. 2014/2015. Il Sottoscritto. (Nome)* (Cognome)* nato il / / (gg/mm/aaaa)* a. * prov. * e residente a * in via RICHIESTA IMPIANTI SPORTIVI A.S. 2014/2015 Il Sottoscritto (Nome)* (Cognome)* nato il / / (gg/mm/aaaa)* a * prov. * e residente a * in via * CAP * tel. cell. * C.F. * Legale Rappresentante della Società

Dettagli

1 Campionato Italiano OPEN TIRO DI CAMPAGNA Su Sagoma di Camoscio Individuale a 200 mt. REGOLAMENTO TECNICO 2013

1 Campionato Italiano OPEN TIRO DI CAMPAGNA Su Sagoma di Camoscio Individuale a 200 mt. REGOLAMENTO TECNICO 2013 1 Campionato Italiano OPEN TIRO DI CAMPAGNA Su Sagoma di Camoscio Individuale a 200 mt. REGOLAMENTO TECNICO 2013 ART.1 SCOPI 1.1 La FIDASC, nell ambito dei propri fini istituzionali (art. 2 dello Statuto),organizza

Dettagli

Festa del vino 2015 - Regolamento Espositori

Festa del vino 2015 - Regolamento Espositori Pro Loco Castelvenere Via del Genio 15, 82037 Castelvenere (BN) Tel. 3407943165 e-mail prolococastelvenere@libero.it castelvenere@unplibenevento.it Sito: www.prolococastelvenere.org Festa del vino 2015

Dettagli

7a Edizione Trofeo ''Montepiano Monteferrato'' Prato e Provincia

7a Edizione Trofeo ''Montepiano Monteferrato'' Prato e Provincia 11071302 Unuci Prato trofeo "Montepiano Monteferrato" 2011 7a Edizione Trofeo ''Montepiano Monteferrato'' Prato e Provincia Competizione per pattuglie militari Prato e Provincia, 24 25 Settembre 2011 Con

Dettagli

Amministrazione Provinciale dell Aquila

Amministrazione Provinciale dell Aquila Amministrazione Provinciale dell Aquila Settore Politiche Ambientali Risorse Naturali ed Energetiche PROGRAMMA CORSO DI ABILITAZIONE PER SELECONTROLLORI PRINCIPI DI CONOSCENZA DELLA FAUNA SELVATICA a)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA PALESTRA E DELLE ATTREZZATURE SPORTIVE

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA PALESTRA E DELLE ATTREZZATURE SPORTIVE REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA PALESTRA E DELLE ATTREZZATURE SPORTIVE 1 INDICE... 2 Premessa... 3 Art. 1 Norme generali e compiti dell insegnante... 3 Art. 2 Norme per gli alunni... 3 Art. 3 Concessione

Dettagli

ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA TENNIS ROMA REGOLAMENTO INTERNO

ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA TENNIS ROMA REGOLAMENTO INTERNO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA TENNIS ROMA REGOLAMENTO INTERNO 1 ART. 1 - DISPOSIZIONI GENERALI 1.1 Il presente regolamento dell Associazione Sportiva Dilettantistica Tennis Roma (in seguito anche

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA COMUNALE

REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA COMUNALE REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA COMUNALE Art. 1. PRINCIPI GENERALI E FINALITA 1) Il presente regolamento ha lo scopo di salvaguardare le strutture e identificare chiaramente le modalità per l utilizzo

Dettagli

Città di Lecce "L. MONTEFUSCO" Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 53 del 12.07.10

Città di Lecce L. MONTEFUSCO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 53 del 12.07.10 ~. ~. Città di Lecce REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO CAMPO SCUOLA S. ROSA "L. MONTEFUSCO" Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 53 del 12.07.10 -. -. Art. 1 Il presente regolamento disciplina

Dettagli

Il/la sottoscritto/a DICHIARA. di essere nato/a a (prov. ) il. Codice Fiscale del Richiedente. Tel. Cell. e-mail

Il/la sottoscritto/a DICHIARA. di essere nato/a a (prov. ) il. Codice Fiscale del Richiedente. Tel. Cell. e-mail Al Presidente IV Circoscrizione Al Direttore IV Circoscrizione SEDE RICHIESTA DI CONCESSIONE DEI LOCALI DELLA IV CIRCOSCRIZIONE ai sensi dell articolo 4 comma 3 del Regolamento sull uso dei locali della

Dettagli

Questura di Pesaro e Urbino Divisione Polizia Amministrativa e Sociale VADEMECUM DELLA NORMATIVA SULLE ARMI

Questura di Pesaro e Urbino Divisione Polizia Amministrativa e Sociale VADEMECUM DELLA NORMATIVA SULLE ARMI Questura di Pesaro e Urbino Divisione Polizia Amministrativa e Sociale VADEMECUM DELLA NORMATIVA SULLE ARMI Presentazione I motivi per cui un cittadino desidera acquistare un arma da fuoco possono essere

Dettagli

COMUNE DI POMARANCE. Provincia di Pisa CONVENZIONE PER LA GESTIONE DELLA PALESTRA

COMUNE DI POMARANCE. Provincia di Pisa CONVENZIONE PER LA GESTIONE DELLA PALESTRA COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa CONVENZIONE PER LA GESTIONE DELLA PALESTRA COMUNALE DI POMARANCE ------------------------------------------------ * * * * * * * * * * * * * * * L anno duemiladodici.,

Dettagli

Regolamento per l uso degli impianti sportivi del Comune di Bari in convenzione con la Bari Multiservizi S.p.A.

Regolamento per l uso degli impianti sportivi del Comune di Bari in convenzione con la Bari Multiservizi S.p.A. Regolamento per l uso degli impianti sportivi del Comune di Bari in convenzione con la Bari Multiservizi S.p.A. INDICE PARTE PRIMA Norme generali Finalità Ammissibilità Gestione PARTE SECONDA Condizioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DEL RICONOSCIMENTO DELLA QUALIFICA DI GUARDIA GIURATA VOLONTARIA

REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DEL RICONOSCIMENTO DELLA QUALIFICA DI GUARDIA GIURATA VOLONTARIA PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO PER IL RILASCIO DEL RICONOSCIMENTO DELLA QUALIFICA DI GUARDIA GIURATA VOLONTARIA Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 14/31.01.2002 Modificato con deliberazione

Dettagli

INTRODUZIONI DI ARMI, ESPLOSIVI E DI QUALSIASI MEZZO DI DISTRUZIONE E CATTURA DA PARTE DI PRIVATI ALL INTERNO DEL PARCO REGOLAMENTO

INTRODUZIONI DI ARMI, ESPLOSIVI E DI QUALSIASI MEZZO DI DISTRUZIONE E CATTURA DA PARTE DI PRIVATI ALL INTERNO DEL PARCO REGOLAMENTO INTRODUZIONI DI ARMI, ESPLOSIVI E DI QUALSIASI MEZZO DI DISTRUZIONE E CATTURA DA PARTE DI PRIVATI ALL INTERNO DEL PARCO REGOLAMENTO ART. 1) DEFINIZIONE Agli effetti e all applicazione del presente Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO ESPOSITORI

REGOLAMENTO ESPOSITORI REGOLAMENTO ESPOSITORI ART.1 Denominazione e organizzazione Il festival internazionale dell ambiente e dell ecologia Ecocity Expo 2014 è organizzata dall associazione no profit Città Ecocompatibile. La

Dettagli

DISCIPLINA DEL PRELIEVO DELLA SPECIE CINGHIALE SUL TERRITORIO DELL ATCTO1 Zona Eporediese

DISCIPLINA DEL PRELIEVO DELLA SPECIE CINGHIALE SUL TERRITORIO DELL ATCTO1 Zona Eporediese DISCIPLINA DEL PRELIEVO DELLA SPECIE CINGHIALE SUL TERRITORIO DELL ATCTO1 Zona Eporediese (Delibere del CdG n. 219 del 30.08.2010, n. 92 del 27.05.2013, n. 94 e n. 95 del 10.06.2013, n. 101 del 17.06.2013,

Dettagli