REGOLAMENTO D ISTITUTO PER GLI ORGANI COLLEGIALI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO D ISTITUTO PER GLI ORGANI COLLEGIALI"

Transcript

1 REGOLAMENTO D ISTITUTO PER GLI ORGANI COLLEGIALI (Revisione 2 del 30 giugno 2008) 1. PREMESSA In sintonia con la Legge 10 marzo 2000, n. 62 (articolo 1, comma 4, lettera c) e con il Centro Salesiano don Bosco istituisce gli Organi Collegiali improntati alla partecipazione democratica al fine di valorizzare il contributo dei docenti, degli studenti e dei genitori nella gestione della scuola. Il seguente Regolamento, predisposto dall Ente Gestore sentito il coordinatore didattico di ogni ordine di scuola, risponde alle disposizioni previste dalla Circolare Ministeriale 18 marzo 2003, n. 31, articolo 4.2. L Ente Gestore, Ispettoria Salesiana Lombardo-Emiliana con sede a Milano in via Copernico, 9, nella persona del Direttore pro-tempore del Centro Salesiano don Bosco di Treviglio è garante dell identità culturale e del Progetto Educativo della scuola, ed è responsabile della conduzione dell istituzione scolastica nei confronti dell Amministrazione e degli utenti. Gli Organi Collegiali previsti dalla Legge 62/2000 e successive modifiche, qui regolamentati hanno le competenze e responsabilità stabilite dall ordinamento proprio della scuola paritaria, nel rispetto delle prerogative che la legge stessa attribuisce all Ente Gestore. 2. ORGANI COLLEGIALI Il Centro Salesiano don Bosco istituisce i seguenti Organi Collegiali: - il Consiglio della Scuola - il Collegio Docenti - il Consiglio di Classe - l Assemblea dei Genitori - l Assemblea di Classe degli studenti (per la scuola secondaria di 2 grado) - la Consulta degli Studenti (per la scuola secondaria di 2 grado) 3. CONSIGLIO DELLA SCUOLA 3.1. IDENTITÀ DEL RAPPRESENTATE DI CLASSE DEI GENITORI Identità L identità del rappresentate di classe dei genitori del Centro Salesiano don Bosco di Treviglio, è definita dalle normative di legge sugli organismi collegiali delle scuole paritarie, dal Progetto Educativo d Istituto e dal Progetto Educativo Nazionale delle Scuole Salesiane in Italia. Il rappresentate di classe dei genitori è eletto a maggioranza dall assemblea dei genitori convocata all inizio di ogni anno scolastico. Di norma vengono eletti almeno due genitori per ogni classe il cui mandato ha la scadenza prevista per ogni singolo ordine di scuola e può essere rinnovato. I rappresentanti di classe sono genitori attenti alle situazioni della classe ed al percorso didattico educativo, per questo diventano i primi referenti di tutti i genitori in ordine alle situazioni che emergono durante il cammino educativo e didattico annuale. Essi sono i primi referenti della Scuola in ordine alla situazione degli studenti della classe, del clima educativo, della realizzazione del Progetto Educativo d Istituto. Reg d'istituto organi collegiali Rev2.doc pagina 1 di 10

2 Compiti 1. I rappresentanti di classe dei genitori si rendono disponibili ad un lavoro di confronto e collaborazione con gli altri genitori in riferimento alla realizzazione del cammino educativo e didattico annuale della classe. 2. Esprimono i loro rilievi, i loro contributi riguardo alla realizzazione del Progetto Educativo d Istituto e manifestano alla Scuola le questioni riguardanti il cammino degli allievi. A questo riguardo i rappresentanti dei genitori fanno riferimento, innanzitutto, alle figure animatrici (catechista, consigliere, coordinatore di classe) della Scuola e, successivamente, al preside e al direttore del Centro Salesiano don Bosco. 3. Ordinariamente il Centro Salesiano don Bosco convoca un assemblea di classe dei genitori all inizio dell anno scolastico, incontra i genitori negli appuntamenti formativi (Scuola Genitori) e nei momenti di confronto con i docenti per colloqui trimestrali/quadrimestrali in occasione delle valutazioni. 4. I rappresentanti di classe dei genitori possono richiedere durante l anno la convocazione dell assemblea di classe dei genitori in sintonia con quanto previsto dall articolo 15 del 16/04/1994 n. 297 per le assemblee dei genitori: a. Le assemblee dei genitori possono essere di classe o di istituto. L assemblea di classe o di istituto sono uno strumento utile sia per attivare un confronto e proporre iniziative in ordine all attività didattico - educativa, sia per agevolare ed estendere rapporti tra scuola, docenti e genitori. b. Le assemblee dei genitori si svolgono nei locali della scuola. La data, l'orario di svolgimento e l ordine del giorno di ciascuna di esse devono essere concordati di volta in volta con il preside. Le assemblee dei genitori si svolgono fuori dell'orario delle lezioni. c. L'assemblea di classe è convocata su richiesta scritta dei genitori rappresentanti di classe, l'assemblea di istituto è convocata su richiesta scritta della metà dei rappresentanti dei genitori del Consiglio della Scuola. In caso di particolari esigenze in ambito didattico educativo l assemblea dei genitori può essere convocata dal preside in accordo con il Gruppo Direttivo. d. Il preside, sentito il Gruppo Direttivo, autorizza la convocazione rendendo noto anche l'ordine del giorno. La convocazione e l ordine del giorno dell assemblea sono comunicati ai genitori per iscritto attraverso gli studenti con almeno tre giorni di anticipo. e. All'assemblea di classe o di istituto partecipano di diritto il direttore del Centro Salesiano don Bosco, il preside o un loro delegato. I rappresentanti dei genitori possono richiedere la presenza delle altre figure animatrici (catechista, consigliere e coordinatore di classe) o dei docenti della classe COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DELLA SCUOLA Scuola Primaria Membri di diritto: il direttore e il suo vicario il preside il coordinatore della Scuola Primaria il coordinatore dell educazione alla fede l economo (se del caso) le maestre prevalenti Reg d'istituto organi collegiali Rev2.doc pagina 2 di 10

3 Membri eletti: un docente laico un genitore per ogni classe Modalità di elezione dei rappresentanti dei genitori 1. Le elezioni dei rappresentanti dei genitori al Consiglio della Scuola si svolgono nell Istituto entro e non oltre il mese di ottobre di ogni anno scolastico. 2. Tutti i genitori eleggono i propri rappresentanti e sono a loro volta eleggibili. 3. I genitori di ciascuna classe eleggono due rappresentanti di classe. Risultano eletti i genitori che hanno ottenuto più voti. Il rappresentante di classe dei genitori tra i due che ha ottenuto il maggior numero di voti entra di diritto nel Consiglio della Scuola. 4. La durata del mandato dei rappresentanti eletti segue l ordinamento interno della Scuola Primaria: classe prima; primo biennio (classe 2^ e 3^); secondo biennio (classe 4^ e 5^). Il preside verifica all inizio di ogni anno scolastico la regolare composizione del Consiglio della Scuola e provvede all indizione delle elezioni dei rappresentanti dei genitori mancanti. Se nel corso dell anno venisse meno un rappresentante dei genitori il presidente del Consiglio della Scuola sceglierà, tra gli altri genitori eletti dalle singole assemblee di classe, un sostituto Scuola Secondaria di Primo Grado Membri di diritto: il direttore e il suo vicario il preside e il suo vicario i coordinatori dell educazione alla fede i vicepresidi disciplinari l economo (se del caso) Membri eletti: un docente laico un genitore per ogni classe Modalità di elezione dei rappresentanti dei genitori 1. Le elezioni dei rappresentanti dei genitori al Consiglio della Scuola si svolgono nell Istituto entro e non oltre il mese di ottobre di ogni anno scolastico. 2. Tutti i genitori eleggono i propri rappresentanti e sono a loro volta eleggibili. 3. I genitori di ciascuna classe eleggono tre rappresentanti di classe. Risultano eletti i genitori che hanno ottenuto più voti. Il rappresentante di classe dei genitori tra i tre che ha ottenuto il maggior numero di voti entra di diritto nel Consiglio della Scuola. 4. La durata del mandato dei rappresentanti dei genitori eletti è di tre anni. Il preside verifica all inizio di ogni anno scolastico la regolare composizione del Consiglio della Scuola e provvede all indizione delle elezioni dei rappresentanti dei genitori mancanti. Se nel corso dell anno venisse meno un rappresentante dei genitori il presidente del Consiglio della Scuola sceglierà, tra gli altri genitori eletti dalle singole assemblee di classe, un sostituto Scuola Secondaria di Secondo Grado Membri di diritto: il direttore e il suo vicario il preside e il suo vicario i coordinatori dell educazione alla fede i vicepresidi disciplinari l economo (se del caso) Reg d'istituto organi collegiali Rev2.doc pagina 3 di 10

4 Membri eletti: un docente laico per ogni indirizzo di scuola otto rappresentanti dei genitori così suddivisi: - due rappresentanti del Liceo Classico (biennio e triennio); - due rappresentanti dell Istituto Tecnico per Geometri (biennio e triennio); - due rappresentanti della sezione A del Liceo Scientifico (biennio e triennio); - due rappresentanti della sezione B del Liceo Scientifico (biennio e triennio). cinque studenti per il triennio (uno per ogni sezione ed i rappresentanti alla Consulta Provinciale degli Studenti). Modalità di elezione dei rappresentanti dei genitori 1. Le elezioni dei rappresentanti dei genitori al Consiglio della Scuola si svolgono nell Istituto entro e non oltre il mese di ottobre di ogni anno scolastico. 2. Tutti i genitori eleggono i propri rappresentanti e sono a loro volta eleggibili. 3. Le elezioni avverranno tramite scheda elettorale sulla quale sono riportati i nomi dei genitori candidati. La scheda elettorale e la circolare con le indicazioni per il voto sono distribuite ai genitori attraverso gli studenti. La scheda, debitamente compilata, deve essere restituita ai catechisti di riferimento entro e non oltre la data stabilita. 4. Ogni genitore esprimerà sulla scheda elettorale due preferenze per il proprio indirizzo di studi (ad esempio: per l Istituto Tecnico per Geometri i genitori voteranno due candidati dei geometri: uno per il biennio e uno per il triennio). I genitori del Liceo Scientifico eleggeranno due rappresentanti per ciascuna sezione, uno del biennio e uno del triennio del proprio corso di appartenenza A/B. 5. Risultano eletti, per i rispettivi indirizzi e corsi, i genitori che hanno ottenuto il maggior numero di preferenze su quelle validamente espresse. 6. La durata del mandato dei rappresentanti eletti segue l ordinamento interno della Scuola Secondaria di Secondo Grado: biennio e triennio. Il preside verifica all inizio di ogni anno scolastico la regolare composizione del Consiglio della Scuola e provvede all indizione delle elezioni dei rappresentanti dei genitori mancanti. Se nel corso dell anno venisse meno un rappresentante dei genitori il presidente del Consiglio della Scuola sceglierà, tra genitori primi non eletti, un sostituto. 7. Lo spoglio delle schede elettorali è affidato agli organismi di rappresentanza degli studenti in collaborazione con il preside (o un suo delegato) e la segreteria scolastica REGOLAMENTO E COMPITI DEL CONSIGLIO DELLA SCUOLA 1. Il Consiglio della Scuola è presieduto dal direttore del Centro Salesiano Don Bosco di Treviglio. 2. Il vicepresidente è di diritto un rappresentante dei genitori, eletto dallo stesso Consiglio della Scuola. 3. La funzione di segretario sarà affidata dal presidente ad uno dei membri del Consiglio. 4. I docenti laici vengono eletti dal competente Collegio Docenti per l arco di un triennio. 5. Il Centro Salesiano don Bosco promuove entro la fine del mese di ottobre di ogni anno scolastico un incontro appositamente dedicato allo svolgimento delle elezioni delle varie rappresentanze secondo le modalità previste per ogni ordine di scuola. I rappresentanti dei genitori sono eletti secondo le modalità e la durata in carica stabilite precedentemente per i tre ordini di scuola (cfr. 2.1.; 2.2.; 2.3.). 6. Nel caso di rinuncia di un rappresentante eletto, il presidente del Consiglio della Scuola nomina il supplente per la durata dell anno in corso, scegliendolo secondo le modalità previste per ogni ordine di scuola. Reg d'istituto organi collegiali Rev2.doc pagina 4 di 10

5 7. Affinché la riunione sia valida occorre la presenza della maggioranza dei componenti del Consiglio della Scuola in carica. 8. Il Consiglio della Scuola è normalmente convocato ogni tre mesi dal presidente, d intesa col vicepresidente, con il quale concorda l ordine del giorno. La convocazione può anche essere richiesta da almeno un terzo dei componenti del Consiglio. In ogni caso occorre un preavviso di almeno cinque giorni. Le riunioni avranno luogo in ore non coincidenti con l orario delle lezioni. 9. I Consigli dei tre ordini di Scuola sono sempre convocati in seduta congiunta (Consiglio del Centro) per la presentazione del Bilancio Paritario annuale e del piano annuale rette e contributi scolastici approvati dal Consiglio della Casa. 10. Ogni decisione viene presa a maggioranza assoluta dei presenti, in caso di parità prevale il voto del presidente. 11. Il Consiglio della Scuola, nel rispetto delle competenze degli Organi Collegiali, ha funzioni consultive e non risponde degli atti di gestione. In ordine alla programmazione e l organizzazione delle attività della scuola viene consultato nelle seguenti materie: predisposizione del Piano dell Offerta Formativa; eventuali proposte di modifica dei regolamenti d istituto; eventuali proposte di adattamento del calendario scolastico; approvazione di attività extradidattiche, corsi integrativi didattico-educativi e dei viaggi di istruzione; eventuali proposte di partecipazione dell Istituto ad iniziative culturali, sportive e ricreative di particolare interesse educativo e religioso; promozione di contatti con altre scuole ed enti sul territorio al fine di realizzare scambi di informazioni, di esperienze e di intraprendere iniziative di collaborazione in rete; eventuali proposte per iniziative assistenziali che possono essere promosse dall Istituto; studio, approfondimento e verifica del Progetto Educativo d Istituto. 4. COLLEGIO DEI DOCENTI 4.1. Il Collegio dei Docenti è composto da tutti i docenti, salesiani e laici di ogni ordine di scuola presente nel Centro Salesiano don Bosco (Scuola Primaria, Scuola Secondaria di 1 grado e Scuola Secondaria di 2 grado), ed è presieduto dal Preside. Il Direttore del Centro Salesiano don Bosco partecipa alle riunioni del Collegio Docenti facendosi garante dell unità d indirizzo per i diversi settori dell opera Il Collegio dei Docenti si riunisce su convocazione del Preside almeno una volta ogni tre mesi Il Collegio dei Docenti sceglie tra i suoi membri i propri rappresentanti al Consiglio della Scuola, secondo le seguenti modalità: i docenti interessati si candidano; si effettua la votazione mediante scrutinio segreto; in ogni scheda si possono indicare due nominativi; è possibile, con l esplicito e comune accordo dei presenti, semplificare la procedura dell elezione eleggendo, per alzata di mano, candidati proposti dall assemblea stessa; risultano eletti i docenti più votati fino a copertura posti disponibili Il Collegio dei Docenti delibera a maggioranza assoluta dei presenti, a meno che il Collegio stesso abbia richiesto, a maggioranza assoluta, una maggioranza più qualificata Nell adottare le proprie deliberazioni il Collegio dei Docenti prende in considerazione i pareri delle Assemblee e dei rappresentanti di classe dei genitori e degli studenti (per la scuola secondaria di secondo grado). Reg d'istituto organi collegiali Rev2.doc pagina 5 di 10

6 4.6. Spetta al Collegio dei Docenti, nel quadro dei principi ispiratori e delle norme proprie della Scuola salesiana: collaborare alla formulazione e alla realizzazione del progetto educativo e alla programmazione ed organizzazione dell attività didattico-educativa; contribuire con la propria competenza professionale al funzionamento didattico del Centro; adeguare i programmi di insegnamento alle specifiche esigenze ambientali e al progetto educativo; valutare periodicamente l andamento complessivo dell azione didattico-educativa per verificarne l efficacia in rapporto agli obiettivi programmati; deliberare sulle forme di recupero degli allievi in difficoltà; adottare i libri di testo; elaborare il Piano dell Offerta Formativa in stretta collaborazione con il Preside; promuovere iniziative di sperimentazione, di aggiornamento, di ricerca, partecipazione a progetti specifici; proporre i criteri per l elaborazione del calendario scolastico e la formulazione dell'orario delle lezioni Convocazione e funzionamento del Collegio Docenti. Verbali e riunioni del Consiglio. 1. Il Collegio Docenti è convocato dal Preside mediante avvisi scritti contenenti l'ordine del Giorno da comunicare a tutti i membri almeno sette giorni prima della data fissata per la seduta. 2. Nei casi di particolare urgenza tale convocazione potrà essere effettuata per telefono, telefax, posta elettronica, ovvero in altra forma equivalente. 3. Il Consiglio Docenti richiede la presenza di tutti i docenti: eventuali assenze devono essere giustificate al Preside; approva le deliberazioni a maggioranza assoluta di voto dei docenti presenti. 4. Le modalità di voto sono stabilite dal Preside. 5. I verbali delle sedute del Collegio Docenti devono essere trascritti in ordine cronologico su apposito registro e devono essere sottoscritti dal Preside e dal Segretario, il quale sarà nominato dal medesimo Collegio, tra i suoi membri, nella prima seduta. 6. Il Segretario ha il compito di redigere i verbali delle sedute del Collegio. 5. CONSIGLIO DI CLASSE 5.1. Il Consiglio di Classe è composto da tutti i docenti di ogni singola classe e dal Preside. Il Consiglio di Classe può essere aperto ai genitori rappresentanti e agli studenti rappresentanti (per la scuola secondaria di secondo grado) Il Consiglio di Classe è presieduto dal Preside o da un docente suo delegato. Si riunisce su convocazione del Preside Spetta al Consiglio di classe: agevolare ed estendere i rapporti reciproci tra docenti, genitori ed allievi; favorire e verificare l attuazione del progetto educativo a livello di classe; formulare al Collegio dei Docenti proposte in ordine all azione educativa e didattica e ad iniziative di sperimentazione; esaminare e proporre soluzioni alle questioni relative alle attività parascolastiche della classe; 5.4. Su convocazione del Preside e con la sola presenza dei docenti il Consiglio di Classe svolge le seguenti funzioni: Reg d'istituto organi collegiali Rev2.doc pagina 6 di 10

7 programmare l attività didattica ed educativa della classe in coordinamento con il Collegio dei Docenti; procedere alla valutazione periodica e finale degli alunni; verificare periodicamente l efficacia della sua azione didattico-educativa e cercare eventuali mezzi migliorativi; decidere sulla validità didattico-educativa di iniziative parascolastiche riguardanti la classe; esercitare le competenze in materia di programmazione didattica, valutazione e sperimentazione; discutere proposte da presentare al Collegio Docenti riguardanti le azioni educative e didattiche ed iniziative di sperimentazione; valutare eventuali mancanze degli allievi ed adottare provvedimenti disciplinari Convocazione e funzionamento del Consiglio di Classe. Verbali e riunioni del Consiglio. 1. Il Consiglio di Classe è convocato dal Preside mediante avvisi scritti contenenti l'ordine del Giorno da comunicare a tutti i membri almeno sette giorni prima della data fissata per la seduta. 2. Nei casi di particolare urgenza tale convocazione potrà essere effettuata per telefono, telefax, posta elettronica, ovvero in altra forma equivalente. 3. Il Consiglio di Classe richiede la presenza di tutti i docenti: eventuali assenza devono essere giustificate al Preside. In sede di scrutinio finale il Preside provvede alla eventuale nomina del docente supplente. 4. Il Consiglio di Classe approva le deliberazioni a maggioranza assoluta di voto dei docenti presenti; in caso di parità prevale il voto del Preside. 5. Le modalità di voto sono stabilite dal Preside. 6. I verbali delle sedute del Consiglio di Classe devono essere trascritti in ordine cronologico su apposito registro e devono essere sottoscritti dal Preside e dal Segretario, il quale sarà nominato dal medesimo Consiglio, tra i suoi membri, nella prima seduta. 7. Il Segretario ha il compito di redigere i verbali delle sedute del Consiglio. 6. ASSEMBLEA DEI GENITORI 6.1. L Assemblea di Classe dei genitori è la riunione di tutti i genitori (o di chi ne fa legalmente le veci) degli studenti di una classe o di più classi. Può essere convocata: dal preside; dai rappresentanti dei genitori previa intesa con il Preside; secondo le modalità previste al punto di questo Regolamento. All Assemblea possono partecipare: il direttore; il preside; il coordinatore dell educazione alla fede; il vicepreside disciplinare i docenti della classe Perché l Assemblea sia valida è necessario sia rappresentata la maggioranza assoluta delle famiglie degli studenti L Assemblea designa come proprio coordinatore un genitore rappresentante Nelle decisioni e votazioni assembleari: ogni genitore dispone di un voto "pro-capite"; non sono ammesse deleghe; Reg d'istituto organi collegiali Rev2.doc pagina 7 di 10

8 ogni decisione è presa a maggioranza assoluta dei votanti, a meno che l Assemblea stessa abbia richiesto, a maggioranza assoluta una maggioranza più qualificata Finalità dell Assemblea dei genitori: promuovere la formazione permanente dei genitori stessi in ordine al diritto-dovere di partecipare alla gestione della scuola; collaborare attivamente con proposte alla formulazione del Progetto Educativo. 7. RAPPRESENTANTI DEGLI STUDENTI (Scuola Secondaria di 2 grado) 7.1. ELEZIONE E LE FUNZIONI DEI RAPPRESENTANTI DI CLASSE Criteri per l elezione dei Rappresentanti di classe degli studenti - Le elezioni dei Rappresentanti di classe si svolgono in ogni singola classe entro e non oltre la metà del mese di ottobre. - Tutti gli studenti della classe sono eleggibili, e si possono promuovere candidature. Gli eventuali candidati possono esporre il loro programma entro il giorno fissato per l elezione. - È compito dei Rappresentanti uscenti organizzare le elezioni, raccogliere le eventuali candidature, fissare la data delle elezioni entro il mese di settembre. - Ogni studente esprime sulla propria scheda fino a due preferenze; risulta eletto al primo turno il candidato che raggiunge la maggioranza assoluta (metà dei votanti + uno). - Al secondo turno possono accedere tutti i votati che hanno raggiunto una percentuale di voti del 20%. - Ciascuno studente, nel caso in cui sia già stato eletto a maggioranza assoluta il primo Rappresentante, esprime al secondo turno una sola preferenza, eleggendo il secondo Rappresentante a maggioranza relativa. - Se al primo turno nessuno dei Rappresentanti raggiunge la maggioranza assoluta, si svolgerà una elezione al secondo turno di entrambi i Rappresentanti a maggioranza relativa, considerando candidati tutti gli studenti che hanno superato, al primo turno, lo sbarramento del 20% dei voti espressi. In caso di parità tra due o più candidati si passerà ad un ballottaggio tra i due. - Ogni classe deve eleggere due Rappresentanti Ruolo e compiti del Rappresentante di classe degli studenti - La prima responsabilità è la consapevolezza di svolgere, al meglio delle proprie possibilità, una rappresentanza matura e non superficiale. - Ogni Rappresentante deve essere motivato e consapevole di fronte alla responsabilità che esercita. - Il Rappresentante di classe promuove una comunicazione puntuale nella propria classe circa i processi e i problemi che si sviluppano nel corso dell anno e che formano la vita della scuola. - Ogni Rappresentante si pone come soggetto attivo all interno del cammino della scuola ed è interlocutore qualificato di fronte a tutte le componenti della comunità scolastica. - Il Rappresentante ha il compito di coordinare tutte le attività, le proposte e le richieste che nascono nel corso dell anno da parte degli studenti rappresentati, propone soluzioni per i problemi, favorisce il confronto e la discussione. - Il Rappresentante è l elemento principale per veicolare i processi decisionali che si inseriscono nel corso dell anno, non si pone solo come soggetto passivo ma, in spirito di Reg d'istituto organi collegiali Rev2.doc pagina 8 di 10

9 corresponsabilità, è propositivo di fronte alle situazioni che si devono affrontare nel cammino dell anno scolastico. - È la figura qualificata per discutere con gli insegnanti a nome della classe. - Ogni Rappresentante non può essere usato per sostenere interessi di parte della classe, va rispettato nella sua responsabilità, sostenuto e consigliato. - Il mandato di ogni Rappresentante è della durata di un anno scolastico, rieleggibile l anno successivo. - Ogni Rappresentante di classe è tenuto a partecipare agli incontri collegiali mensili e trimestrali con gli altri Rappresentanti Le Assemblee di Classe degli Studenti - Per convocare l assemblea di classe i Rappresentanti di classe devono presentare l O.d.G. al Preside, il quale, dopo averlo approvato, stabilisce la data della assemblea stessa, normalmente durante l orario di lezione. - I Rappresentanti di classe dovranno redigere e firmare il verbale di ogni seduta, da presentare al Preside L Assemblea dei Rappresentanti di classe degli Studenti (Consulta degli Studenti) - Il Direttore e/o il Preside (o un loro delegato: Vicepreside o Consigliere) incontrano una volta al mese, i Rappresentanti degli studenti del biennio e del triennio per un più proficuo rapporto tra studenti e docenti e per una più partecipata condivisione delle iniziative ed un coordinamento delle attività della Scuola. - I Rappresentanti degli studenti formulano la richiesta di convocazione della assemblea, tramite il loro Esecutivo, presentando l Ordine del giorno al Direttore e/o Preside (o a un suo delegato: Vicepreside o Consigliere). - Almeno una volta per trimestre il Preside convoca una assemblea plenaria dei Rappresentanti di biennio e triennio, Consulta degli Studenti, con le stesse finalità di cui sopra. - All interno della Consulta, gli studenti eleggono sei Rappresentanti (tre del biennio e tre del triennio) che formano un gruppo Esecutivo degli Studenti per gestire i processi, promuovere una comunicazione efficiente fra tutti gli studenti, valutare e sensibilizzare sulle tematiche ed i problemi principali che vengono affrontati durante l anno scolastico ELEZIONE DEI RAPPRESENTANTI DEGLI STUDENTI AL CONSIGLIO DELLA SCUOLA - Le elezioni dei Rappresentanti degli studenti al Consiglio di Istituto si svolgono nell Istituto entro e non oltre il 20 ottobre. - Tutti gli studenti eleggono i propri Rappresentanti. - La rappresentanza degli studenti al Consiglio di Istituto si compone di 5 elementi: - un Rappresentante del Liceo Classico; - un Rappresentante dell Istituto Tecnico per Geometri; - un Rappresentante della sezione A del Liceo Scientifico; - un Rappresentante della sezione B del Liceo Scientifico; - un Rappresentante degli Studenti alla Consulta Provinciale studentesca della Provincia di Bergamo. - Possono candidarsi al Consiglio di Istituto solo gli studenti delle classi quarta e quinta. - Il compito di gestire le operazioni di organizzazione delle elezioni, di voto e di spoglio delle schede è affidato all Esecutivo degli Studenti; questi ultimi non possono essere candidati al Consiglio di Istituto. Reg d'istituto organi collegiali Rev2.doc pagina 9 di 10

10 - Entro il mese di settembre i Rappresentanti di classe devono segnalare all Esecutivo degli Studenti tutte le candidature espresse per l elezione al Consiglio di Istituto. - Le elezioni si terranno in un giorno stabilito dall Esecutivo degli Studenti mediante comunicazione ufficiale pubblicata ed espressa negli studi. - Nella settimana antecedente il giorno delle elezioni, ogni candidato presenterà negli studi la propria Candidatura. - Ogni studente esprimerà sulla scheda una preferenza per ogni Indirizzo di studi e corso del nostro Istituto. - Risultano eletti, per i rispettivi indirizzi e corsi, gli studenti che hanno ottenuto più voti. Treviglio, 30 giugno 2008 Il Direttore don Claudio Silvano Cacioli Revisione 2 del Reg d'istituto organi collegiali Rev2.doc pagina 10 di 10

REGOLAMENTO D ISTITUTO DEGLI ORGANI COLLEGIALI Scuola Secondaria di 1 e 2 Grado

REGOLAMENTO D ISTITUTO DEGLI ORGANI COLLEGIALI Scuola Secondaria di 1 e 2 Grado ISTITUTO SALESIANO - «Beata Vergine di San Luca» Scuole secondarie di primo e di secondo grado - Paritarie Scuola secondaria di primo grado ( D. USR n. 148 del 27-08-2001) Istituto Professionale settore

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Funzioni e competenze del Consiglio d Istituto e del Consiglio di classe

Funzioni e competenze del Consiglio d Istituto e del Consiglio di classe Funzioni e competenze del Consiglio d Istituto e del Consiglio di classe Che cos è il Consiglio di Istituto? Il C.d.I. è l organo di indirizzo e di gestione degli aspetti economici e organizzativi generali

Dettagli

ISTITUTO SALESIANO S. AMBROGIO Via Copernico, 9-20125 MILANO. Sez. A Via Copernico, 9-20125 MILANO

ISTITUTO SALESIANO S. AMBROGIO Via Copernico, 9-20125 MILANO. Sez. A Via Copernico, 9-20125 MILANO ISTITUTO SALESIANO S. AMBROGIO Via Copernico, 9-20125 MILANO Sez. A Via Copernico, 9-20125 MILANO SCUOLA PRIMARIA Scuola Paritaria D.M. 27.02.2003 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Scuola Paritaria D.M.

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ATTIVITA SCOLASTICA

REGOLAMENTO DELL ATTIVITA SCOLASTICA Pag. 1 di 5 SCUOLA D INFANZIA E PRIMARIA Il presente regolamento fa riferimento al testo Regolamento dell attività scolastica, redatto da CIOFS SCUOLA, aggiornato al 06 settembre 2008, depositato presso

Dettagli

CITTÀ DI IMOLA MEDAGLIA D ORO AL VALORE MILITARE PER ATTIVITA PARTIGIANA

CITTÀ DI IMOLA MEDAGLIA D ORO AL VALORE MILITARE PER ATTIVITA PARTIGIANA CITTÀ DI IMOLA MEDAGLIA D ORO AL VALORE MILITARE PER ATTIVITA PARTIGIANA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI DELLA CITTÀ DI IMOLA Approvato con deliberazione C.C.

Dettagli

REGOLAMENTO PER ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO PER ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI REGOLAMENTO PER ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (modificato con delibera di C.C. n. 77 del 26.10.2015) 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 PRINCIPI L Amministrazione

Dettagli

Elezioni organi collegiali a livello di istituzione scolastica (A.S. 2015/2016) IL DIRIGENTE SCOLASTICO

Elezioni organi collegiali a livello di istituzione scolastica (A.S. 2015/2016) IL DIRIGENTE SCOLASTICO Via Ambrogi- 57023 (Li) - Tel. 0586 684263-684840 - 681515 Fax 0586 684185 Prot. n. AGLI ALUNNI AI GENITORI AI DOCENTI AL PERSONALE ATA Elezioni organi collegiali a livello di istituzione scolastica (A.S.

Dettagli

REGOLAMENTO COLLEGIO DOCENTI

REGOLAMENTO COLLEGIO DOCENTI Bozza REGOLAMENTO COLLEGIO DOCENTI Art.1 Composizione Il Collegio è composto da tutti i docenti in servizio a tempo determinato ed indeterminato alla data della riunione e dal Dirigente Scolastico che

Dettagli

ISTITUTI SCOLASTICI PARITARI SCUOLA DOMANI

ISTITUTI SCOLASTICI PARITARI SCUOLA DOMANI 1 ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE E PER GEOMETRI SCUOLA PARITARIA ARTICOLO 1) - Ente gestore 1.1 Denominazione Istituti Scolastici Paritari Scuola Domani S.r.l. è l ente gestore dell Istituto Tecnico Commerciale

Dettagli

TITOLO K ORGANI COLLEGIALI. Art. K 1. Competenze e composizione. Art. K 2. Calendario delle riunioni

TITOLO K ORGANI COLLEGIALI. Art. K 1. Competenze e composizione. Art. K 2. Calendario delle riunioni TITOLO K ORGANI COLLEGIALI I - COLLEGIO DOCENTI Art. K 1. Competenze e composizione Il Collegio docenti ha le competenze ad esso attribuite dalla legge (D.l.vo n. 297/1994 e successive modificazioni).

Dettagli

Premessa. Articolo 1 - Impegni dell Amministrazione Comunale

Premessa. Articolo 1 - Impegni dell Amministrazione Comunale Premessa L Amministrazione Comunale di Mariglianella, riconosciuta l importanza: - del coinvolgimento dei giovani, quale presenza attiva e propositiva, nell ambito delle iniziative di carattere sociale

Dettagli

ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE

ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE STATUTO ANDISU ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE E costituita l Associazione Nazionale degli Organismi per il Diritto allo Studio Universitario (A.N.DI.S.U.). Di essa possono far parte tutti gli organismi

Dettagli

DELLA CONSULTA COMUNALE PER LO SPORT

DELLA CONSULTA COMUNALE PER LO SPORT COMUNE di BRUGHERIO Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE PER LO SPORT Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 6 del 04/02/2005 Modificato con Deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONSULTIVO MISTO DEGLI UTENTI DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI BOLOGNA

REGOLAMENTO DEL COMITATO CONSULTIVO MISTO DEGLI UTENTI DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO DEL COMITATO CONSULTIVO MISTO DEGLI UTENTI DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA DI BOLOGNA Art. 1 - FUNZIONI e ATTIVITA del COMITATO Il Comitato Consultivo Misto (in sigla CCM), dell Azienda

Dettagli

Comune di Lugo REGOLAMENTO CONSULTA COMUNALE DEI BAMBINI E DELLE BAMBINE, DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE

Comune di Lugo REGOLAMENTO CONSULTA COMUNALE DEI BAMBINI E DELLE BAMBINE, DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE Comune di Lugo REGOLAMENTO CONSULTA COMUNALE DEI BAMBINI E DELLE BAMBINE, DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE Anno 2004-2005 REGOLAMENTO CONSULTA COMUNALE DEI BAMBINI E DELLE BAMBINE, DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE

Dettagli

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E MANAGEMENT INDICE Titolo I - Premessa... 2 Art. 1 Finalità... 2 Art. 2 Ambito di applicazione... 2 Art. 3 Definizioni... 2 Titolo II Organi del dipartimento e

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE DI MARTELLAGO (C.C.D.R.)

STATUTO DEL CONSIGLIO DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE DI MARTELLAGO (C.C.D.R.) STATUTO DEL CONSIGLIO DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE DI MARTELLAGO (C.C.D.R.) Art. 1 Costituzione del Consiglio Materie di cui si occupa Scopi È costituito il Consiglio dei ragazzi e delle ragazze di Martellago.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO STATALE Via Manfredi, 29 c.a.p. 26847 MALEO (LODI). tel. 0377/58086 fax 0377/58728 E.mail: LOIC806002@istruzione.

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO STATALE Via Manfredi, 29 c.a.p. 26847 MALEO (LODI). tel. 0377/58086 fax 0377/58728 E.mail: LOIC806002@istruzione. ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO STATALE Via Manfredi, 29 c.a.p. 26847 MALEO (LODI). tel. 0377/58086 fax 0377/58728 E.mail: LOIC806002@istruzione.it CODICE MECCANOGRAFICO LOIC806002 CODICE FISCALE. 82503060152+

Dettagli

5.2. DESCRIZIONE DEGLI ORGANISMI COLLEGIALI

5.2. DESCRIZIONE DEGLI ORGANISMI COLLEGIALI 5.2. DESCRIZIONE DEGLI ORGANISMI COLLEGIALI Famiglia e scuola devono collaborare per favorire insieme il processo di educazione dei ragazzi, nel reciproco rispetto di ruoli e compiti. La scuola non può

Dettagli

REGOLAMENTO del COMITATO GENITORI LICEO BOTTONI

REGOLAMENTO del COMITATO GENITORI LICEO BOTTONI REGOLAMENTO del COMITATO GENITORI LICEO BOTTONI Website: http://www.genitoriliceobottoni.it/ Codice: Statuto_13-04-2011 COMITATO GENITORI BOTTONI.doc Versione: 1.0 Milano, 13 Aprile 2011 Codice: Regolamento_13-04-2011

Dettagli

Regolamento Consulta Provinciale degli Studenti di Palermo TITOLO I NORME GENERALI CAPO I PRINCIPI GENERALI

Regolamento Consulta Provinciale degli Studenti di Palermo TITOLO I NORME GENERALI CAPO I PRINCIPI GENERALI Regolamento Consulta Provinciale degli Studenti di Palermo TITOLO I NORME GENERALI CAPO I PRINCIPI GENERALI Art.1 - Istituzione della Consulta La Consulta Provinciale delle studentesse e degli studenti

Dettagli

Regolamento dei Civici Istituti Superiori

Regolamento dei Civici Istituti Superiori Regolamento dei Civici Istituti Superiori Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sedi scolastiche La Fondazione F.U.L.G.I.S. (nel seguito Fondazione ) gestisce gli Istituti Scolastici Secondari

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLO SPORT E DEL TEMPO LIBERO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA SPORTIVA. Art.1 Costituzione

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLO SPORT E DEL TEMPO LIBERO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA SPORTIVA. Art.1 Costituzione REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLO SPORT E DEL TEMPO LIBERO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA SPORTIVA Art.1 Costituzione Il Comune di Ozieri riconosce lo sport come servizio sociale e di volontariato e intende

Dettagli

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.)

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.) (Approvato con deliberazione consiliare n. 30 del 24.06.2010 e successiva modifica con deliberazione consiliare n. 50 del 25.09.2012) PREMESSA

Dettagli

C I T T À D I S U R B O Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~

C I T T À D I S U R B O Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~ C I T T À D I S U R B O Provincia di Lecce ~~~~~~o~~~~~~ Settore Servizi Amministrativi REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE Approvato con deliberazione del

Dettagli

Perché andare a votare

Perché andare a votare del 30/09/2015 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. MALAFARINA SOVERATO (CZ) N Prot.: 0006655 A/19 Uscita Ai Docenti Al Personale ATA Ai genitori Agli alunni Istituto Istruzione Superiore G. Malafarina Soverato

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE Città di Racconigi ASSESSORATO ALLE POLITICHE GIOVANILI COMUNE DI RACCONIGI REGOLAMENTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 42 del 25.10.2011 1 Art. 1 - Istituzione È

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI. Art.1 Finalità. Art. 2 Competenze. 2. Il CCR svolge le proprie funzioni in modo libero ed autonomo.

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI. Art.1 Finalità. Art. 2 Competenze. 2. Il CCR svolge le proprie funzioni in modo libero ed autonomo. REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Art.1 Finalità 1. Allo scopo di promuovere i diritti, accrescere le opportunità e favorire una idonea crescita socio-culturale dei ragazzi, nella piena consapevolezza

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI REGOLAMENTO ISTITUTIVO DEL CONSIGLIO DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI PREMESSA 1. La Regione Lazio, in attuazione dei principi statutari e al fine della concreta applicazione della Carta europea riveduta di partecipazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI ZONA 4 DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI ZONA 4 DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO DI ZONA 4 DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE Approvato con delibera del CdZ4 N.127 del 09/05/2013 Parte prima PRINCIPI GENERALI Art. 1 PREMESSA Il presente regolamento definisce le finalità,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COLLEGIO DEI DOCENTI

REGOLAMENTO DEL COLLEGIO DEI DOCENTI COMPETENZE REGOLAMENTO DEL COLLEGIO DEI DOCENTI Art. 1- Il Collegio dei Docenti ha potere deliberante in materia di funzionamento didattico dell'istituto, nel rispetto della libertà di insegnamento garantita

Dettagli

COMUNE DI TREVISO BRESCIANO Provincia di Brescia STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE DEL COMUNE DI TREVISO BRESCIANO

COMUNE DI TREVISO BRESCIANO Provincia di Brescia STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE DEL COMUNE DI TREVISO BRESCIANO COMUNE DI TREVISO BRESCIANO Provincia di Brescia STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE DEL COMUNE DI TREVISO BRESCIANO 1 STATUTO DELLA CONSULTA GIOVANILE COMUNALE DEL COMUNE DI TREVISO BRESCIANO Art. 1 Istituzione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ISTITUTO IL CONSIGLIO D ISTITUTO

REGOLAMENTO DI ISTITUTO IL CONSIGLIO D ISTITUTO REGOLAMENTO DI ISTITUTO IL CONSIGLIO D ISTITUTO VISTO l art. 10, comma 3, lettera a) del T.U. 16/4/94, n. 297; VISTI gli artt. 8 e 9 del DPR 8/3/99, n. 275; VISTO il D.I. 01/02/2001, n.44; VALUTATA l opportunità

Dettagli

Anno scolastico 2015/2016 Regolamento dell'attività scolastica

Anno scolastico 2015/2016 Regolamento dell'attività scolastica 1. ENTE GESTORE, DENOMINAZIONE, NATURA E SEDE DELLA SCUOLA L'Ente giuridico IST. SACRO CUORE delle salesiane di Don Bosco, con sede legale in Viale O. Marchino, 131 15033 Casale Monferrato (AL), è: una

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

REGOLAMENTO COLLEGIO APPROVATO CON DELIBERA NELLA SEDUTA DEL 12/11/2014

REGOLAMENTO COLLEGIO APPROVATO CON DELIBERA NELLA SEDUTA DEL 12/11/2014 REGOLAMENTO COLLEGIO APPROVATO CON DELIBERA NELLA SEDUTA DEL 12/11/2014 PARTE 1 ART. 1 Composizione e attribuzioni Il collegio docenti è composto dal personale docente a tempo indeterminato e determinato

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI DI SPINEA C.C.d.R. Art. 1

STATUTO DEL CONSIGLIO DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI DI SPINEA C.C.d.R. Art. 1 STATUTO DEL CONSIGLIO DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI DI SPINEA C.C.d.R. Art. 1 Costituzione del Consiglio Materie di cui si occupa Scopi È costituito il Consiglio delle ragazze e dei ragazzi di Spinea. Le

Dettagli

FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI

FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI REGOLAMENTO Regolamento Forum dei Giovani Pag. 1 di 8 ART.1 Istituzione Il Consiglio Comunale della Città di Pollena Trocchia riconosciuto: l importanza

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI COMUNE DI CUTROFIANO Provincia di L E C C E REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 39 del 04-12-2014 1 PRINCIPI GENERALI Il presente Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA Adottato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 74 del 29 Settembre 2006 Modificato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 66

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER I VIAGGI D ISTRUZIONE (Revisione 1 del 15/10/2006)

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER I VIAGGI D ISTRUZIONE (Revisione 1 del 15/10/2006) REGOLAMENTO D ISTITUTO PER I VIAGGI D ISTRUZIONE (Revisione 1 del 15/10/2006) Premessa I viaggi d istruzione effettuati nel periodo scolastico non sono occasioni di pura evasione ma si configurano a pieno

Dettagli

COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL. CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE

COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL. CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE COMUNE DI CASARANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE dei RAGAZZI e delle RAGAZZE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 23.01.2015 Art. 1 ISTITUZIONE

Dettagli

COMUNE DI ESCALAPLANO

COMUNE DI ESCALAPLANO COMUNE DI ESCALAPLANO Provincia di Cagliari STATUTO CONSULTA GIOVANI DI ESCALAPLANO CAPO I NORME ISTITUTIVE E ATTRIBUZIONI FONTI NORMATIVE Le disposizioni contenute nel presente statuto trovano il loro

Dettagli

ELEZIONI PER IL RINNOVO DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO

ELEZIONI PER IL RINNOVO DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO ELEZIONI PER IL RINNOVO DEL CONSIGLIO DI ISTITUTO Alcuni rapidi suggerimenti per affrontare le elezioni e gli adempimenti burocratici. - Il presidente del C.d.I. (o i genitori uscenti) o il Comitato Genitori

Dettagli

STATUTO FeBAF Articolo 1 (Natura, soci e sede) Articolo 2 (Scopo) Articolo 3 (Competenze)

STATUTO FeBAF Articolo 1 (Natura, soci e sede) Articolo 2 (Scopo) Articolo 3 (Competenze) STATUTO FeBAF Articolo 1 (Natura, soci e sede) É costituita una Federazione tra l Associazione bancaria italiana (ABI), l Associazione nazionale fra le imprese assicuratrici (ANIA) e le Associazioni rappresentative

Dettagli

ISTITUZIONE CONSULTA GIOVANILE ED APPROVAZIONE REGOLAMENTO

ISTITUZIONE CONSULTA GIOVANILE ED APPROVAZIONE REGOLAMENTO ISTITUZIONE CONSULTA GIOVANILE ED APPROVAZIONE REGOLAMENTO ART. 1 ISTITUZIONE La Consulta Giovanile Comunale è istituita dal Comune di Torino di Sangro con deliberazione del Consiglio Comunale n. 5 del

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI COMUNE DI SALO Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 07 del 25.03.2013 Pubblicato all Albo pretorio

Dettagli

REGOLAMENTO DEL COLLEGIO DOCENTI

REGOLAMENTO DEL COLLEGIO DOCENTI REGOLAMENTO DEL COLLEGIO DOCENTI Il Collegio dei docenti è composto da tutti i docenti, a tempo indeterminato e a tempo determinato, in servizio nell Istituzione. Riflessioni e spunti per un regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO. PER L ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL FORUM DELLE ASSOCIAZIONI e FONDAZIONI (APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N.

REGOLAMENTO. PER L ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL FORUM DELLE ASSOCIAZIONI e FONDAZIONI (APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E FUNZIONAMENTO DEL FORUM DELLE ASSOCIAZIONI e FONDAZIONI (APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 21 DEL 02/08/07) INDICE ARTICOLO 1 - FORUM DELLE ASSOCIAZIONI FINALITA ARTICOLO

Dettagli

REGOLAMENTO. della CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI. Sociali, Culturali, Sportive e Ricreative

REGOLAMENTO. della CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI. Sociali, Culturali, Sportive e Ricreative REGOLAMENTO della CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Sociali, Culturali, Sportive e Ricreative Approvato dal Consiglio Comunale con delibera n. 34 del 14.06.2005 Il Segretario Generale (dott. Aldo Perasole) 1

Dettagli

COSTITUZIONE DEL CONSORZIO DI GARANZIA FIDI REGGIO EMILIA COFIRE CON SEDE IN REGGIO EMILIA. PATTI CONSORTILI ARTICOLO 1 Denominazione e sede

COSTITUZIONE DEL CONSORZIO DI GARANZIA FIDI REGGIO EMILIA COFIRE CON SEDE IN REGGIO EMILIA. PATTI CONSORTILI ARTICOLO 1 Denominazione e sede COSTITUZIONE DEL CONSORZIO DI GARANZIA FIDI REGGIO EMILIA COFIRE CON SEDE IN REGGIO EMILIA PATTI CONSORTILI ARTICOLO 1 Denominazione e sede E costituito un Consorzio di garanzia collettiva fra le imprese

Dettagli

STATUTO TITOLO I COSTITUZIONE. Art. 1- Denominazione E costituita una Associazione denominata SOCIETA ITALIANA PSICOTERAPIA GESTALT (S.I.P.G.).

STATUTO TITOLO I COSTITUZIONE. Art. 1- Denominazione E costituita una Associazione denominata SOCIETA ITALIANA PSICOTERAPIA GESTALT (S.I.P.G.). STATUTO TITOLO I COSTITUZIONE Art. 1- Denominazione E costituita una Associazione denominata SOCIETA ITALIANA PSICOTERAPIA GESTALT (S.I.P.G.). Art. 2 Sede L Associazione ha sede legale, segreteria organizzativa

Dettagli

STATUTO CONSULTA GIOVANILE COMUNALE COMUNE DI ORISTANO. Comuni de Aristanis

STATUTO CONSULTA GIOVANILE COMUNALE COMUNE DI ORISTANO. Comuni de Aristanis COMUNE DI ORISTANO Comuni de Aristanis STATUTO CONSULTA GIOVANILE COMUNALE (APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 21 DEL 06.03.2008) (MODIFICATO CON DELIBERA C.C. NR. 8 DEL 10.03.2009). I N D I C E CAPO I NORME

Dettagli

VADEMECUM DEL RAPPRESENTANTE DI CLASSE

VADEMECUM DEL RAPPRESENTANTE DI CLASSE Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO COMPRENSIVO GIANNI RODARI Via Niobe, 52 00118 ROMA C.F. 97028710586 Tel/fax 06 79810110 Tel. 06 79896266 e-mail: RMIC833007@ISTRUZIONE.IT

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ITALIANA. Partecipazione e responsabilità dei laici nella Chiesa locale

AZIONE CATTOLICA ITALIANA. Partecipazione e responsabilità dei laici nella Chiesa locale AZIONE CATTOLICA ITALIANA ASSOCIAZIONE DIOCESANA DI TORINO Corso Matteotti, 11 10121 TORINO Tel. 011.562.32.85 Fax 011.562.48.95 E-mail: presidenza.ac@diocesi.to.it Partecipazione e responsabilità dei

Dettagli

1) E costituita, con sede in Trescore Balneario, via dell Albarotto. una associazione di volontariato senza scopi di lucro, per fini di

1) E costituita, con sede in Trescore Balneario, via dell Albarotto. una associazione di volontariato senza scopi di lucro, per fini di STATUTO COSTITUZIONE E SCOPI 1) E costituita, con sede in Trescore Balneario, via dell Albarotto una associazione di volontariato senza scopi di lucro, per fini di solidarietà e con durata illimitata,

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI COLONNA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI COLONNA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI COLONNA Premessa Il Comune di Colonna istituisce il "Consiglio Comunale dei Ragazzi" (CCR), come previsto dall'art. 5 Bis dello Statuto Comunale

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE PER LA GESTIONE DELLA SCUOLA MATERNA UMBERTO I Camposampiero - (PD)

STATUTO ASSOCIAZIONE PER LA GESTIONE DELLA SCUOLA MATERNA UMBERTO I Camposampiero - (PD) STATUTO ASSOCIAZIONE PER LA GESTIONE DELLA SCUOLA MATERNA UMBERTO I Camposampiero - (PD) ALLEGATO A DELL ATTO N. 83436/22560 REP. Art. 1 - Costituzione E legalmente costituita, nel rispetto del codice

Dettagli

COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO

COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO COMITATO GENITORI MONTE OLIMPINO DEL PLESSO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI COMO-MONTE OLIMPINO STATUTO ART. 1 - COSTITUZIONE E FINALITA Il COMITATO GENITORI MONTEOLIMPINO dei PLESSI

Dettagli

COMUNE DI TERLIZZI Provincia di Bari

COMUNE DI TERLIZZI Provincia di Bari REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO E IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI ^^^^^^^^^^^^^^ INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI 1 - PRINCIPIO DI SUSSIDIARIETA 2 - REQUISITI FONDAMENTALI

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE. Dell Associazione Italiana Osteogenesi Imperfetta ONLUS

REGOLAMENTO GENERALE. Dell Associazione Italiana Osteogenesi Imperfetta ONLUS REGOLAMENTO GENERALE Dell Associazione Italiana Osteogenesi Imperfetta ONLUS Il Consiglio Direttivo (C.D.) dell Associazione Italiana Osteogenesi Imperfetta (AS.IT.O.I.) propone il presente regolamento

Dettagli

A cura di Cinzia Olivieri

A cura di Cinzia Olivieri A cura di Cinzia Olivieri Giornata di formazione per i genitori "La scuola è per i nostri figli" Collegamento e condivisione Lo sportello virtuale C2.01 - ore 9,00-12,30 1 Partecipare Partecipiamo per

Dettagli

REGOLAMENTO UNITARIO DELLE SCUOLE DELL INFANZIA ADERENTI ALLA

REGOLAMENTO UNITARIO DELLE SCUOLE DELL INFANZIA ADERENTI ALLA REGOLAMENTO UNITARIO DELLE SCUOLE DELL INFANZIA ADERENTI ALLA f.i.s.m. PIEMONTE Federazione Italiana Scuole Materne REGIONE PIEMONTE Maggio 2012 Pag. 1 PARTE PRIMA Finalità e caratteri della scuola dell

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE. ToscanaSpazio TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE DURATA

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE. ToscanaSpazio TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE DURATA STATUTO DELL ASSOCIAZIONE ToscanaSpazio TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE DURATA 1) Denominazione E costituita, ai sensi degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile una Associazione senza scopo di lucro denominata

Dettagli

COMUNE DI PASIAN DI PRATO Provincia di Udine

COMUNE DI PASIAN DI PRATO Provincia di Udine COMUNE DI PASIAN DI PRATO Provincia di Udine REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI PASIAN DI PRATO (Approvato con delibera C.C. n. 90 del 29.11.2003, modificato con

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE. ARTICOLO N. 1 COSTITUZIONE DELL ASSOCIAZIONE

STATUTO ASSOCIAZIONE. ARTICOLO N. 1 COSTITUZIONE DELL ASSOCIAZIONE STATUTO ASSOCIAZIONE. ARTICOLO N. 1 COSTITUZIONE DELL ASSOCIAZIONE A norma dell art. 18 della Costituzione Italiana e degli articoli 36-37-38 del Codice Civile, del D. L. 460/97 e della Legge 383/2000

Dettagli

CITTA DI TORREMAGGIORE SETTORE SERVIZI SOCIALI CULTURALI SCOLASTICI TURIMO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

CITTA DI TORREMAGGIORE SETTORE SERVIZI SOCIALI CULTURALI SCOLASTICI TURIMO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI CITTA DI TORREMAGGIORE SETTORE SERVIZI SOCIALI CULTURALI SCOLASTICI TURIMO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 17.09.2012 INDICE Art.

Dettagli

Partito Democratico del Trentino REGOLAMENTO PER LA FONDAZIONE E PER IL FUNZIONAMENTO DEI CIRCOLI TERRITORIALI

Partito Democratico del Trentino REGOLAMENTO PER LA FONDAZIONE E PER IL FUNZIONAMENTO DEI CIRCOLI TERRITORIALI Partito Democratico del Trentino REGOLAMENTO PER LA FONDAZIONE E PER IL FUNZIONAMENTO DEI CIRCOLI TERRITORIALI Approvato dall Assemblea provinciale il 13 giugno 2011 1 REGOLAMENTO PER LA FONDAZIONE E PER

Dettagli

REGOLAMENTO CENTRO RICREATIVO DISABILI C.R.D.

REGOLAMENTO CENTRO RICREATIVO DISABILI C.R.D. COMUNE DI CARUGATE PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO CENTRO RICREATIVO DISABILI C.R.D. DEL COMUNE DI CARUGATE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI C.C. N. 62 DEL 25/07/2007 ART. 1 Il Comune di Carugate ha attivato,

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA Introduzione Che cos è il Consiglio Comunale dei Ragazzi (CCR)? Si tratta di uno degli istituti di partecipazione all amministrazione

Dettagli

la Direzione Regionale del PD Puglia riunita a Bari il 4 OTTOBRE 2013, ai sensi dell articolo 4,5,7,8 dello Statuto regionale, approva il seguente

la Direzione Regionale del PD Puglia riunita a Bari il 4 OTTOBRE 2013, ai sensi dell articolo 4,5,7,8 dello Statuto regionale, approva il seguente Visti: l articolo 15 dello Statuto nazionale del Partito Democratico; l articolo 4, 5, 7, 8 dello Statuto regionale del PD Puglia; il regolamento Elettorale dei circoli, delle Unioni cittadine e provinciali.

Dettagli

Il Rappresentante di Classe

Il Rappresentante di Classe Il Rappresentante di Classe Vademecum per i genitori settembre 2010 Autore: ScuoleModena IL RAPPRESENTANTE DI CLASSE Vademecum per i genitori Sommario VADEMECUM PER IL RAPPRESENTANTE DI CLASSE... 2 INTRODUZIONE...

Dettagli

LIBERA UNIVERSITA DEGLI STUDI S. PIO V STATUTO DI AUTONOMIA. Sezione prima. Disposizioni generali. Art. 1

LIBERA UNIVERSITA DEGLI STUDI S. PIO V STATUTO DI AUTONOMIA. Sezione prima. Disposizioni generali. Art. 1 LIBERA UNIVERSITA DEGLI STUDI S. PIO V STATUTO DI AUTONOMIA Sezione prima Disposizioni generali Art. 1 1. E istituita in Roma la Libera Università degli Studi S. Pio V, di seguito denominata Università.

Dettagli

Regolamento della Consulta delle Associazioni del Comune di Villa d Almè. Adozione testo definitivo del 02/05/2014

Regolamento della Consulta delle Associazioni del Comune di Villa d Almè. Adozione testo definitivo del 02/05/2014 Regolamento della Consulta delle Associazioni del Comune di Villa d Almè Adozione testo definitivo del 02/05/2014 Art.1 RIFERIMENTI ALLO STATUTO COMUNALE 1 Il presente Regolamento si ispira al Titolo III

Dettagli

STATUTO Art. 1 - Costituzione e denominazione. Art. 2 - Sede legale. Art. 3 - Oggetto. Art. 4 - Entrate. Art. 5 - Patrimonio.

STATUTO Art. 1 - Costituzione e denominazione. Art. 2 - Sede legale. Art. 3 - Oggetto. Art. 4 - Entrate. Art. 5 - Patrimonio. STATUTO Art. 1 - Costituzione e denominazione. A norma degli articoli 4 e ss. del Codice Civile è costituita la Fondazione denominata Fondazione Studi Oreste Bertucci Art. 2 - Sede legale. La Fondazione

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE...

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE... STATUTO DELL ASSOCIAZIONE... ARTICOLO N 1 - Costituzione dell ASSOCIAZIONE. A norma dell art. 18 della Costituzione Italiana e degli articoli 36-37-38 del Codice Civile, del D/Lgs 460/97, della Legge 383/2000

Dettagli

COMUNE DI LATERINA REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI

COMUNE DI LATERINA REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI COMUNE DI LATERINA REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 66 del 28.11.2015 1 INDICE Art. 1 PRINCIPI ISPIRATORI... 3 Art. 2 CONSULTA DELLE ASSOCIAZIONI...

Dettagli

Regolamento del Consiglio Comunale dei Ragazzi

Regolamento del Consiglio Comunale dei Ragazzi Comune di Capriano del Colle Regolamento del Consiglio Comunale dei Ragazzi approvato con deliberazione del Consiglio Comunale N 1 Art. 1 Principi fondamentali Con riferimento alla Legge 176/91 Ratifica

Dettagli

Regolamento collegio docenti

Regolamento collegio docenti Regolamento collegio docenti I.P.S.S.A.R. K. Wojtyla Castrovillari Prudenza e Giustizia Pietro Perugino (1496-1500) Collegio del Cambio, Perugia Quei prudenti che s'adombrano delle virtù come de' vizi,

Dettagli

STATUTO FORUM DEI GIOVANI

STATUTO FORUM DEI GIOVANI STATUTO FORUM DEI GIOVANI ART.1 ADOZIONE DELLO STATUTO L Amministrazione Comunale di Osimo, con deliberazione del Consiglio Comunale del 3.8.2011, riconosciute: - l importanza di coinvolgere i giovani

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE LEND TRENTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE LEND TRENTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE LEND TRENTO Art 1 Denominazione e sede dell associazione 1. È costituita l Associazione culturale e professionale degli operatori delle istituzioni scolastiche e formative lend

Dettagli

VIA BELLE ARTI, 54 40126 BOLOGNA ITALIA TEL. 051 4226411 FAX 253032 C.F. 80080230370

VIA BELLE ARTI, 54 40126 BOLOGNA ITALIA TEL. 051 4226411 FAX 253032 C.F. 80080230370 Prot. n. 14279/A18 Bologna, 01/12/2015 IL DIRETTORE Vista la legge 21/12/1999 n. 508; Visto il D.P.R. 28/02/2003 n. 132 Regolamento recante criteri per l autonomia statutaria, regolamentare ed organizzativa

Dettagli

COMUNE DI IGLESIAS REGOLAMENTO SULLA CONSULTA DEI GIOVANI

COMUNE DI IGLESIAS REGOLAMENTO SULLA CONSULTA DEI GIOVANI COMUNE DI IGLESIAS REGOLAMENTO SULLA CONSULTA DEI GIOVANI TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Costituzione, sede e durata Il Comune di Iglesias attiva, ai sensi dell art. 11, dello Statuto, la Consulta

Dettagli

BOZZA REGOLAMENTO DEL COLLEGIO DEI DOCENTI ( approvato con delibere del Collegio dei docenti del.. e del Consiglio d Istituto del..

BOZZA REGOLAMENTO DEL COLLEGIO DEI DOCENTI ( approvato con delibere del Collegio dei docenti del.. e del Consiglio d Istituto del.. BOZZA REGOLAMENTO DEL COLLEGIO DEI DOCENTI ( approvato con delibere del Collegio dei docenti del.. e del Consiglio d Istituto del..) Articolo 1 Riferimenti di legge La composizione e le competenze del

Dettagli

CITTÀ DI FOLIGNO. Consulta per lo sport e le attività ricreative e del tempo libero. Statuto

CITTÀ DI FOLIGNO. Consulta per lo sport e le attività ricreative e del tempo libero. Statuto CITTÀ DI FOLIGNO Consulta per lo sport e le attività ricreative e del tempo libero. Approvato con D.C.C. n. 150 del 30/10/2001 Modificato con D.C.C. n. 160 del 16/11/2004 con D.C.C. n. 120 del 22/12/2009

Dettagli

STATUTO DEL FORUM DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI COMUNALE DI SANTA MARIA A VICO

STATUTO DEL FORUM DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI COMUNALE DI SANTA MARIA A VICO STATUTO DEL FORUM DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI COMUNALE DI SANTA MARIA A VICO Art. 1 Istituzione ed impegni dell Amministrazione Comunale Il Consiglio Comunale di Santa Maria a Vico, riconosciuta

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE. Regolamento per l istituzione della. CONSULTA PROVINCIALE delle Associazioni di VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

PROVINCIA DI LECCE. Regolamento per l istituzione della. CONSULTA PROVINCIALE delle Associazioni di VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE PROVINCIA DI LECCE Regolamento per l istituzione della CONSULTA PROVINCIALE delle Associazioni di VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Regolamento Consulta Provinciale delle Associazioni di Volontariato di

Dettagli

COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como

COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como COMUNE DI MENAGGIO Provincia di Como ASSESSORATO ALLE POLITICHE GIOVANILI ASSESSORATO ALLA PARTECIPAZIONE STATUTO DELLA CONSULTA COMUNALE DEI GIOVANI CAPO I - NORME ISTITUTIVE E ATTRIBUZIONI Art. 1 - Istituzione...

Dettagli

COMUNE DI PRATA DI PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

COMUNE DI PRATA DI PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI COMUNE DI PRATA DI PORDENONE PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato con delibera consiliare n. 91 del 19 dicembre 2006 Comune di Prata di Pordenone Consiglio Comunale

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE DI MARTELLAGO C.C.d.R.

STATUTO DEL CONSIGLIO DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE DI MARTELLAGO C.C.d.R. STATUTO DEL CONSIGLIO DEI RAGAZZI E DELLE RAGAZZE DI MARTELLAGO C.C.d.R. Art. 1 Costituzione del Consiglio Materie di cui si occupa Scopi È costituito il Consiglio dei Ragazzi e delle Ragazze di Martellago.

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI ANCONA. Regolamento della Consulta provinciale delle professioni

CAMERA DI COMMERCIO DI ANCONA. Regolamento della Consulta provinciale delle professioni CAMERA DI COMMERCIO DI ANCONA Regolamento della Consulta provinciale delle professioni Regolamento approvato dal Consiglio camerale con deliberazione n.47 del 20.12.2012 INDICE ARTICOLO 1 (Oggetto del

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA - REGIONE SICILIANA

REPUBBLICA ITALIANA - REGIONE SICILIANA REPUBBLICA ITALIANA - REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. CRISPI AD INDIRIZZO MUSICALE Piazza Giulio Cesare, n 1-92016 Ribera (AG) e-mail agic85700q@istruzione.it - pec agic85700q@pec.istruzione.it-

Dettagli

CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI

CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N 78 del 26 settembre 1997 e N 13 del 12 marzo 1998 TITOLO 1 Finalità

Dettagli

Regolamento Comunale. Istituzione Consiglio Comunale dei Ragazzi

Regolamento Comunale. Istituzione Consiglio Comunale dei Ragazzi Comune di Laterza Provincia di Taranto Regolamento comunale Istituzione Consiglio Comunale dei ragazzi Approvato con delibera di Consiglio Comunale n.27 del 5 Giugno 2007 1 REGOLAMENTO COMUNALE ISTITUZIONE

Dettagli

- La scuola è aperta dal mese di settembre al mese di giugno in piena sintonia con il calendario scolastico regionale;

- La scuola è aperta dal mese di settembre al mese di giugno in piena sintonia con il calendario scolastico regionale; REGOLAMENTO INTERNO DELLA SCUOLA PRIMARIA Art. 1 Funzionamento della scuola - La scuola è aperta dal mese di settembre al mese di giugno in piena sintonia con il calendario scolastico regionale; - L orario

Dettagli

- COMUNE DI AULETTA - Provincia di Salerno REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

- COMUNE DI AULETTA - Provincia di Salerno REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI - COMUNE DI AULETTA - Provincia di Salerno REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Approvato con delibera di C.C. n. 16 del 13/05/2003 - Art. 1 - Allo scopo

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Alfonso M. de Liguori

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Alfonso M. de Liguori ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Alfonso M. de Liguori Con sezioni di: ISTITUTO TECNICO settore ECONOMICO e TECNOLOGICO LICEO SCIENTIFICO LICEO LINGUISTICO - LICEO CLASSICO Via S. Antonio Abate,

Dettagli

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI PALERMO STATUTO

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI PALERMO STATUTO ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI PALERMO STATUTO TITOLO I Principi generali Art. 1 Finalità e definizioni 1. L Accademia di Belle Arti di Palermo, di seguito denominata Accademia, è un istituzione pubblica di

Dettagli

PROVINCIA DI CAGLIARI. Consulta Provinciale delle Associazioni delle Persone con Disabilità REGOLAMENTO

PROVINCIA DI CAGLIARI. Consulta Provinciale delle Associazioni delle Persone con Disabilità REGOLAMENTO PROVINCIA DI CAGLIARI Consulta Provinciale delle Associazioni delle Persone con Disabilità REGOLAMENTO Art. 1 Sono costituiti presso la Provincia di Cagliari l Elenco provinciale delle Associazioni delle

Dettagli