Fluidodinamica computazionale su cluster Gigabit Ethernet: il ruolo del software di comunicazione

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fluidodinamica computazionale su cluster Gigabit Ethernet: il ruolo del software di comunicazione"

Transcript

1 Fluidodinamica computazionale su cluster Gigabit Ethernet: il ruolo del software di comunicazione Giuseppe Ciaccio DISI -- Universita di Genova

2 Calcolatori Cluster + CPU commodity = rivoluzione nel calcolo parallelo giugno 2007: Organizzazione % Rmax tot. Rpeak tot. CPU tot. NUMA + vector 21% 1970 TF 2438 TF 602 K Cluster 75% 2802 TF 4488 TF 570 K Costellazione 4% 175 TF 257 TF 47 K

3 Calcolatori Cluster + CPU commodity = rivoluzione nel calcolo parallelo giugno 2007: CPU family % Rmax tot. CPU tot. Intel EM64T 46% 1793 TF 275 K AMD x86_64 21% 941 TF 270 K Intel IA64 6% 410 TF 75 K

4 Gigabit Ethernet: grande successo nei calcolatori paralleli giugno 2007: Interconnect family % Rmax tot. Rpeak tot. CPU tot. Gigabit Ethernet 41% 1205 TF 2205 TF 254 K Infiniband 26% 1243 TF 1749 TF 223 K Myrinet 9% 386 TF 581 TF 92 K

5 Gigabit Ethernet: perche tanto successo? Basso costo, ottimo rapporto prestazioni/costo Prestazioni adeguate per molte applicazioni di calcolo parallelo Facile da reperire e installare Molto software gratuito disponibile (Linux, TCP/IP, MPI...) Prestazioni adeguate ma non esaltanti...

6 Prestazioni adeguate ma non esaltanti Hardware: latenza di comunicazione elevata Latenza di uno switch Gigabit: piu di 3 usec, equivalenti a migliaia di operazioni in virgola mobile Ma soprattutto: software di comunicazione inefficiente Latenza di MPICH-2/Nemesis/TCP/Linux: circa 50 usec (NIC: Intel PRO/1000, switch incluso) Conseguenza: cattive prestazioni per messaggi "corti"

7 Struttura tradizionale sender receiver Applicazione utente Applicazione utente MPICH-2 CH3 NEMESIS socket TCP IP driver Network Adapter MPICH-2 CH3 NEMESIS socket OS scheduler TCP IP driver Network Adapter Gigabit Ethernet

8 GAMMA: Genoa Active Message MAchine Applicazione utente Applicazione utente MPI/GAMMA MPI/GAMMA ADI GAMMA ADI GAMMA driver Network Adapter driver Network Adapter Gigabit Ethernet

9 MPI/GAMMA: prestazioni interessanti... Hardware: latenza di comunicazione invariata Software di comunicazione piu efficiente: Latenza di MPICH-2/Nemesis/TCP/IP: circa 50 usec Latenza di MPI/GAMMA: circa 11 usec (NIC: Intel PRO/1000, switch incluso) Conseguenza: migliori prestazioni per messaggi "corti" Quale impatto sulle applicazioni?

10 OpenFOAM Una suite di strumenti per CFD risolutori, modelli, pre/post-processing, mesh processing C++, open source, progettato per UNIX e GNU/Linux software libero, licenza GNU GPL v. 2 Elaborazione parallela: MPI Gratuito!

11 Search Go OpenCFD Solutions Contact OpenFOAM Features of OpenFOAM Back to OpenFOAM Home SOLVERS UTILITIES LIBRARIES OpenFOAM FEATURES Solvers Creating solvers Standard solvers Pre-processing The FoamX case manager Other pre-processing utilities Post-processing The parafoam post-processor Third-party post-processing Other post-processing utilities Mesh processing Mesh generation Mesh converters Mesh manipulation Model libraries Turbulence Large-eddy simulation (LES) Transport models Thermophysical models Lagrangian particle tracking Chemical kinetics Other features Linear system solvers ODE system solvers Parallel computing Mesh motion Numerical method Creating solvers Standard solvers: Basic CFD Incompressible flows Compressible flows Multiphase flows DNS and LES Combustion Heat transfer Electromagnetics Solid dynamics Finance Pre-processing The FoamX case manager Other pre-processing utilities Post-processing The parafoam post-processor Third-party post-processing Other post-processing utilities Mesh processing Mesh generation Mesh converters Mesh manipulation Model libraries Turbulence Large-eddy simulation (LES) Transport models Thermophysical models Lagrangian particle tracking Chemical kinetics Other features Linear system solvers ODE system solvers Parallel computing Mesh motion Numerical method OpenCFD Ltd

12 OpenFOAM come benchmark Due diversi job di CFD Tratti dal tutorial di OpenFOAM "Motorbike": aerodinamica di una motocicletta in corsa regime stazionario, incomprimibile, Spalart-Allmaras, 2.3 Mcelle "PitzDaily3D": flussi in un impianto di combustione regime transitorio, LES, incomprimibile, SGS Yoshizawa, 244 Kcelle Confronto: MPICH-2, OpenMPI, LAM, MPI/GAMMA Hardware: cluster di 18 Gigabit Ethernet Scheda di rete: Intel PRO/1000. Altri dettagli agli atti

13

14

15 "Motorbike": prestazioni Wall-clock time per 50 steps, in secondi #cpu x #nodi MPI/GAMMA MPICH-2 OpenMPI LAM 2 x x x x x x

16 "PitzDaily3D": prestazioni Wall-clock time per 400 timesteps, in secondi #cpu x #nodi MPI/GAMMA MPICH-2 OpenMPI LAM 2 x x x x x x

17 Alcune osservazioni (banali)... Risoluzione in regime stazionario: non sembra dipendere da latenza Occorre provare con un numero di nodi assai piu grande... Simulazione in transitorio: molto piu sensibile alla latenza Lo e gia con pochi nodi, perche la mesh e "piccola" Piu nodi = piu traffico in rete, e messaggi piu corti Scenario sempre piu favorevole alle interconnessioni a bassa latenza Un software di comunicazione efficiente diventa determinante.

18 GAMMA: Svantaggi Richiede driver di rete "modificato" Due driver disponibili al momento (Intel PRO/1000 e Broadcom Tigon3) Si appoggia ad alcune strutture "interne" di Linux Difficile compilare come modulo di Linux Non e semplice da installare Occorre dimestichezza nell installare un Linux kernel MPI/GAMMA e standard MPI-1 ma non MPI-2 Pero molte applicazioni MPI in realta usano solo MPI-1

19 Riferimenti OpenFOAM e prodotto da OpenCFD, Ltd (UK) Henry Weller < opencfd.co.uk > GAMMA e ormai solo un mio hobby (e il tempo libero scarseggia) Giuseppe Ciaccio < disi.unige.it >

Prestazioni computazionali di OpenFOAM sul. sistema HPC CRESCO di ENEA GRID

Prestazioni computazionali di OpenFOAM sul. sistema HPC CRESCO di ENEA GRID Prestazioni computazionali di OpenFOAM sul sistema HPC CRESCO di ENEA GRID NOTA TECNICA ENEA GRID/CRESCO: NEPTUNIUS PROJECT 201001 NOME FILE: NEPTUNIUS201001.doc DATA: 03/08/10 STATO: Versione rivista

Dettagli

Lo stato attuale del software Open Source nelle applicazioni CAD/CAE

Lo stato attuale del software Open Source nelle applicazioni CAD/CAE Lo stato attuale del software Open Source nelle applicazioni CAD/CAE Le alternative free agli applicativi tradizionali per la progettazione meccanica Matteo Falasca 24.11.2010 Cento (FE) Settori di Interesse

Dettagli

Tecnico Hardware & Sistemistica

Tecnico Hardware & Sistemistica Tecnico Hardware & Sistemistica Modulo 1 - Hardware (6 ore) Modulo 2 - Software (8 ore) Modulo 3 - Reti LAN e WLAN (12 ore) Modulo 4 - Backup (4 ore) Modulo 5 - Cloud Computing (4 ore) Modulo 6 - Server

Dettagli

Laboratorio Virtuale NEPTUNIUS (Numerical. codes for computational fluid dynamics and. fluid structure interactions)

Laboratorio Virtuale NEPTUNIUS (Numerical. codes for computational fluid dynamics and. fluid structure interactions) Laboratorio Virtuale NEPTUNIUS (Numerical codes for computational fluid dynamics and fluid structure interactions) NOTA TECNICA ENEA GRID/CRESCO: NTN201001 NOME FILE: NTN201001-Neptunius-v1_0.doc DATA:

Dettagli

Davide Cesari Massimo Bider Paolo Patruno. Emilia Romagna

Davide Cesari Massimo Bider Paolo Patruno. Emilia Romagna 1 IMPLEMENTAZIONE OPERATIVA DI UN MODELLO DI PREVISIONI METEOROLOGICHE SU UN SISTEMA DI CALCOLO PARALLELO LINUX/GNU Davide Cesari Massimo Bider Paolo Patruno Emilia Romagna LM-COSMO-LAMI 2 Il modello LM

Dettagli

Validazione di un Codice Open-Source per la Progettazione in Ambito Navale

Validazione di un Codice Open-Source per la Progettazione in Ambito Navale LUNA ROSSA u p ro g e t ta z i o n e n ava l e u Validazione di un Codice Open-Source per la Progettazione in Ambito Navale La Coppa America, forse il più ambito trofeo velistico, si vince non solo sui

Dettagli

Benchmark Ansys Fluent su CRESCO

Benchmark Ansys Fluent su CRESCO Benchmark Ansys Fluent su CRESCO NOTA TECNICA ENEA GRID/CRESCO: NTN201003 NOME FILE: NTN201003-BenchmarkFluentCresco-v1_0.doc DATA: 30/07/2010 STATO: Versione iniziale AUTORE: F. Ambrosino Abstract: Questa

Dettagli

Massimo Bernaschi Istituto Applicazioni del Calcolo Consiglio Nazionale delle Ricerche

Massimo Bernaschi Istituto Applicazioni del Calcolo Consiglio Nazionale delle Ricerche Massimo Bernaschi Istituto Applicazioni del Calcolo Consiglio Nazionale delle Ricerche m.bernaschi@iac.cnr.it L'evoluzione del calcolo ad alte prestazioni dal punto di vista dell'utente e dello sviluppatore

Dettagli

SISSA computing project 2012: HPC technical specification

SISSA computing project 2012: HPC technical specification SISSA computing project 2012: HPC technical specification giugno 2012 A.Lanza, P. Calucci: SISSA Trieste S. Cozzini: CNR-IOM DEMOCRITOS Trieste A.Ciampa, S. Arezzini, E. Mazzoni: INFN Pisa 1 INTRODUZIONE

Dettagli

Il Sistema Operativo. Di cosa parleremo? Come si esegue un programma. La nozione di processo. Il sistema operativo

Il Sistema Operativo. Di cosa parleremo? Come si esegue un programma. La nozione di processo. Il sistema operativo Il Sistema Operativo Di cosa parleremo? Come si esegue un programma. La nozione di processo. Il sistema operativo ... ma Cos'è un S.O.? un PROGRAMMA!... ma Cos'è un programma? PROGRAMMA: 1. algoritmo sequenza

Dettagli

Software. Algoritmo. Algoritmo INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042)

Software. Algoritmo. Algoritmo INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) INFORMATICA PER LE DISCIPLINE UMANISTICHE 2 (13042) Gli elaboratori utilizzano memoria per Dati da elaborare Istruzioni eseguite dall elaboratore software differenti risoluzione problemi differenti Algoritmo

Dettagli

La modellistica fotochimica nel Piano della qualità dell aria in Umbria

La modellistica fotochimica nel Piano della qualità dell aria in Umbria La modellistica fotochimica nel Piano della qualità dell aria in Umbria Marco Vecchiocattivi Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale dell Umbria Sommario Introduzione Modellistica fotochimica Applicazione

Dettagli

Verona, 29-30 ottobre 2013!

Verona, 29-30 ottobre 2013! Verona, 29-30 ottobre 2013! Il Machine Controller piattaforma integrata di Controllo, Motion, Robotica, Visione e Sicurezza su bus EtherCAT Omron Electronics spa Ing. Marco Filippis Product Manager Servo,

Dettagli

Corso di Sistemi Operativi DEE - Politecnico di Bari. Windows vs LINUX. G. Piscitelli - M. Ruta. 1 di 20 Windows vs LINUX

Corso di Sistemi Operativi DEE - Politecnico di Bari. Windows vs LINUX. G. Piscitelli - M. Ruta. 1 di 20 Windows vs LINUX Windows vs LINUX 1 di 20 Windows vs LINUX In che termini ha senso un confronto? Un O.S. è condizionato dall architettura su cui gira Un O.S. è condizionato dalle applicazioni Difficile effettuare un rapporto

Dettagli

Linux e Open Source: Libero! Non "gratis"...

Linux e Open Source: Libero! Non gratis... Linux e Open Source: Libero! Non "gratis"... Di Colucci Martino. 1 Cos'è Linux Linux è un sistema operativo alternativo al più blasonato Windows OS (o al cugino Macintosh) È parente stretto della famiglia

Dettagli

Il sistema operativo TinyOS

Il sistema operativo TinyOS tesi di laurea Anno Accademico 2005/2006 relatore Ch.mo prof. Domenico Cotroneo candidato Giovanni Chierchia Matr. 534 / 804 ::. Obiettivi del lavoro di tesi Studio del sistema operativo TinyOS Studio

Dettagli

Workshop CCR-INFNGRID 2010. Survey MPI. Roberto Alfieri - Università di Parma & INFN, Gr.Coll. di Parma. Catania, 18 Maggio 2010

Workshop CCR-INFNGRID 2010. Survey MPI. Roberto Alfieri - Università di Parma & INFN, Gr.Coll. di Parma. Catania, 18 Maggio 2010 Workshop CCR-INFNGRID 2010 Survey MPI Roberto Alfieri - Università di Parma & INFN, Gr.Coll. di Parma Catania, 18 Maggio 2010 1 Sommario - Survey sull uso di MPI - Stato dei cluster che supportano MPI

Dettagli

cfd e sistemi hpc a&c - analisi e calcolo settembre/ottobre 2014 - num. 62

cfd e sistemi hpc a&c - analisi e calcolo settembre/ottobre 2014 - num. 62 u cfd e sistemi hpc Caratterizzazione fluidodinamica della camera di allagamento di una turbina rotante tramite modellazione CFD e sistemi HPC: prospettive per una progettazione integrata numerico-sperimentale

Dettagli

Il Progetto di Centro di Reprocessing di BaBar: Monitoring e Simulazione

Il Progetto di Centro di Reprocessing di BaBar: Monitoring e Simulazione Il Progetto di Centro di Reprocessing di BaBar: Monitoring e Simulazione Moreno Marzolla Email marzolla@pd.infn.it WWW: http://www.pd.infn.it/~marzolla INFN Padova BaBar Collaboration & Dip. Informatica,

Dettagli

Guida introduttiva. Fiery Network Controller per DocuColor 240/250

Guida introduttiva. Fiery Network Controller per DocuColor 240/250 Fiery Network Controller per DocuColor 240/250 Guida introduttiva In questo documento, ogni riferimento a DocuColor 242/252/260 rimanda a DocuColor 240/250. 2007 Electronics for Imaging, Inc. Per questo

Dettagli

Griglie computazionali LEZIONE N. 10. Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno

Griglie computazionali LEZIONE N. 10. Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno Griglie computazionali Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno LEZIONE N. 10 Tecnologie di Storage; DAS, NAS, SAN Esempio di SRM: StoRM 1 Introduzione

Dettagli

Protezione del Kernel Tramite Macchine Virtuali

Protezione del Kernel Tramite Macchine Virtuali Protezione del Kernel Tramite Macchine Virtuali Fabio Campisi Daniele Sgandurra Università di Pisa 27 Novembre 2007 1/44 Protezione del Kernel Tramite Macchine Virtuali Università di Pisa Sommario della

Dettagli

Introduzione a ANSYS CFX-11

Introduzione a ANSYS CFX-11 Introduzione a ANSYS CFX-11 Enrico Nobile Francesco Pinto Dipartimento di Ingegneria Navale, del Mare e per l Ambiente DINMA, Sezione di Fisica Tecnica Facoltà di Ingegneria, Università di Trieste 1 Sommario

Dettagli

Internet: Software Open Source e Sistemi operativi. conoscerlo al meglio per usarlo meglio. 2011 Gabriele Riva - Arci Barzanò

Internet: Software Open Source e Sistemi operativi. conoscerlo al meglio per usarlo meglio. 2011 Gabriele Riva - Arci Barzanò Internet: conoscerlo al meglio per usarlo meglio Software Open Source e Sistemi operativi Indice Cos'è un Software Open Source Perchè utilizzare Software Open Source Sistemi operativi Licenze software

Dettagli

Si digita login e password e si clicca su accedi. Si apre la finestra di collegamento:

Si digita login e password e si clicca su accedi. Si apre la finestra di collegamento: Corso di Laurea Specialistica Ingegneria Informatica Laboratorio di Calcolo Parallelo Prof. Alessandra d Alessio GUIDA AL LABORATORIO DI CALCOLO PARALLELO Il progetto SCoPE (www.scope.unina.it) ha messo

Dettagli

Sistemi Operativi di Rete. Sistemi Operativi di rete. Sistemi Operativi di rete

Sistemi Operativi di Rete. Sistemi Operativi di rete. Sistemi Operativi di rete Sistemi Operativi di Rete Estensione dei Sistemi Operativi standard con servizi per la gestione di risorse in rete locale Risorse gestite: uno o più server di rete più stampanti di rete una o più reti

Dettagli

Architetture Informatiche. Dal Mainframe al Personal Computer

Architetture Informatiche. Dal Mainframe al Personal Computer Architetture Informatiche Dal Mainframe al Personal Computer Architetture Le architetture informatiche definiscono le modalità secondo le quali sono collegati tra di loro i diversi sistemi ( livello fisico

Dettagli

Architetture Informatiche. Dal Mainframe al Personal Computer

Architetture Informatiche. Dal Mainframe al Personal Computer Architetture Informatiche Dal Mainframe al Personal Computer Architetture Le architetture informatiche definiscono le modalità secondo le quali sono collegati tra di loro i diversi sistemi ( livello fisico

Dettagli

L Informatica al Vostro Servizio

L Informatica al Vostro Servizio L Informatica al Vostro Servizio Faticoni S.p.A. è Certificata UNI ENI ISO 9001:2008 N. CERT-02228-97-AQ-MILSINCERT per Progettazione, Realizzazione, Manutenzione di soluzioni Hardware e Software Soluzioni

Dettagli

ENEA GRID. CRESCO: Corso di introduzione. Autore: Alessandro Secco alessandro.secco@nice-italy.com

ENEA GRID. CRESCO: Corso di introduzione. Autore: Alessandro Secco alessandro.secco@nice-italy.com ENEA GRID CRESCO: Corso di introduzione Autore: Alessandro Secco alessandro.secco@nice-italy.com 1 Lezione 1 Introduzione Architettura Connessione Lancio di job Riferimenti 2 Introduzione 3 Introduzione

Dettagli

Valutazione delle emissioni di una stazione di depressurizzazione rete gas

Valutazione delle emissioni di una stazione di depressurizzazione rete gas Università degli Studi di Firenze Scuola di Ingegneria Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per la Tutela dell Ambiente ed del Territorio Anno Accademico 2013/2014 Valutazione delle emissioni di una

Dettagli

Sistema di Gestione dei Contenuti Multimediali

Sistema di Gestione dei Contenuti Multimediali Sistema di Gestione dei Contenuti Multimediali Tonghini Luca Pini Andrea SISTEMI DI ELABORAZIONE 1 INTRODUZIONE Un sistema di gestione dei contenuti ( Content Management System, CMS ) è un insieme di programmi

Dettagli

Contribuire alla ricerca con il software Open Source: BOINC Berkeley Open Infrastructure for Network Computing

Contribuire alla ricerca con il software Open Source: BOINC Berkeley Open Infrastructure for Network Computing Contribuire alla ricerca con il software Open Source: BOINC Berkeley Open Infrastructure for Network Computing Chi sono Studente del terzo anno di informatica (tra circa un mese mi laureo :) ) Presidente

Dettagli

VIRTUAL INFRASTRUCTURE DATABASE

VIRTUAL INFRASTRUCTURE DATABASE ALLEGATO B5.3 VIRTUAL INFRASTRUCTURE DATABASE Situazione alla data 30.6.2011 Pag. 1 di 6 AIX Logical Partitions Database L infrastruttura dell ambiente RISC/AIX viene utilizzata come Data Layer; fornisce

Dettagli

Reti: cenni storici. Who s who

Reti: cenni storici. Who s who 1967: DoD ARPAnet 1970: ALOHAnet Reti: cenni storici 1975: TCP/IP model per internetwork 1976: Ethernet 198: TCP/UDP/IP standard per ARPAnet 1987: la rete cresce DNS 1989-1991: web guiding principles:

Dettagli

Il Progetto TIER1 Status Update

Il Progetto TIER1 Status Update Il Progetto TIER1 Status Update Federico Ruggieri Riunione CSN1 PISA 22 Giugno 2004 Indice Infrastrutture Risorse DC esperimenti LHC e non Previsione 2005 Novità nell immediato. Infrastrutture Nuova Sala

Dettagli

Characterization of Gas Turbine Film Cooling Efficiency on High Performance Computing platforms: an Experimental/Numerical integrated approach

Characterization of Gas Turbine Film Cooling Efficiency on High Performance Computing platforms: an Experimental/Numerical integrated approach Characterization of Gas Turbine Film Cooling Efficiency on High Performance Computing platforms: an Experimental/Numerical integrated approach Silvia Ravelli Giovanna Barigozzi UNIVERSITA di BERGAMO Raffaele

Dettagli

Accesso Remoto: Che cos'è Q uali programmi si utilizzano Come si effettua (teoria) Q uando è utile

Accesso Remoto: Che cos'è Q uali programmi si utilizzano Come si effettua (teoria) Q uando è utile Accesso Remoto Accesso Remoto: Che cos'è Q uali programmi si utilizzano Come si effettua (teoria) Q uando è utile Che cos'è Possibilità di accedere ai processi residenti su un altro computer da una postazione

Dettagli

Applicativo SBNWeb. Configurazione hardware e software di base di un server LINUX per gli applicativi SBNWeb e OPAC di POLO

Applicativo SBNWeb. Configurazione hardware e software di base di un server LINUX per gli applicativi SBNWeb e OPAC di POLO Applicativo SBNWeb Configurazione hardware e software di base di un server LINUX per gli applicativi SBNWeb e OPAC di POLO Versione : 1.0 Data : 5 marzo 2010 Distribuito a : ICCU INDICE PREMESSA... 1 1.

Dettagli

Web Server Benchmarking: Apache 2.4 vs Nginx 1.6.2

Web Server Benchmarking: Apache 2.4 vs Nginx 1.6.2 Web Server Benchmarking: Apache 2.4 vs Nginx 1.6.2 Ciro Amati, Stefania Cardamone Universitá degli Studi di Salerno February 16, 2015 Overview Introduzione Server Web Configurazione Software Hardware Parametri

Dettagli

Soluzioni di storage per le aziende on demand

Soluzioni di storage per le aziende on demand Soluzioni di storage per le aziende on demand Sistemi IBM Storage Server X206 Storage Server x226 Storage Server HS20 Storage Server x346 Storage Server Caratteristiche principali Differenziazione e innovazione

Dettagli

Setup dell ambiente virtuale

Setup dell ambiente virtuale Setup dell ambiente virtuale 1.1 L immagine per le macchine virtuali Il file mininet-vm-x86 64.qcow è l immagine di una memoria di massa su cui è installato un sistema Linux 3.13 Ubuntu 14.04.1 LTS SMP

Dettagli

Streaming Applicazioni di rete

Streaming Applicazioni di rete Applicazioni di rete V Incontro GARR Roma, 25 Novembre 2003 Stefano Zani INFN CNAF Le fasi dello streaming In generale l attività di streaming si svolge in tre fasi (che nel caso della trasmissione in

Dettagli

Acme Systems srl Profilo Aziendale

Acme Systems srl Profilo Aziendale Roberto ASQUINI Sergio TANZILLI Acme Systems srl Profilo Aziendale 10 anni di attività Progettazione interna Più fornitori per gli stessi prodotti Montaggio in sede Vendita diretta in 50 paesi 80% mercato

Dettagli

Manuale tecnico a cura di:

Manuale tecnico a cura di: Centro Regionale di Competenza Analisi e Monitoraggio del Rischio Ambientale Istituto Nazionale per la Fisica della Materia SGD Campania CluES Cluster for Environmental Simulations Manuale tecnico a cura

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI INGEGNERIA. Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica. Docente del corso prof.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI INGEGNERIA. Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica. Docente del corso prof. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento di Ingegneria Elettrica ed Elettronica Docente del corso prof. Mariangela Usai Introduzione all'uso di Comsol Multiphysics ANNO ACCADEMICO

Dettagli

1. Spiegare le differenze fra le seguenti modalità di binding degli indirizzi:

1. Spiegare le differenze fra le seguenti modalità di binding degli indirizzi: 1. Spiegare le differenze fra le seguenti modalità di binding degli indirizzi: compile time, load time, execution time. Quale delle modalità precedenti necessita di un supporto hardware per poter essere

Dettagli

Potenza Elaborativa, Sistemi Operativi e Virtualizzazione

Potenza Elaborativa, Sistemi Operativi e Virtualizzazione Potenza Elaborativa, Sistemi Operativi e Virtualizzazione Roma, Febbraio 2011 Operating Systems & Middleware Operations Potenza Elaborativa e Sistemi Operativi La virtualizzazione Operating Systems & Middleware

Dettagli

Roberto Covati Roberto Alfieri

Roberto Covati Roberto Alfieri Roberto Covati Roberto Alfieri Vmware Server (in produzione dal 2004) VmWare ESX 3.0.1 (in produzione dal 2006) VmWare ESXi 3.5 update 3 (test 2008) VmWare ESX 3.5 update 3 (Sviluppi futuri) 2 Sommario

Dettagli

Valutazione delle performance di uno strumento CFD open. source per lo sviluppo di un energy harvester

Valutazione delle performance di uno strumento CFD open. source per lo sviluppo di un energy harvester Università degli Studi di Genova Scuola Politecnica Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Valutazione delle performance di uno strumento CFD open source per lo sviluppo di un energy harvester Candidato:

Dettagli

Il Sistema di Monitor e di Controllo della Farm On-line

Il Sistema di Monitor e di Controllo della Farm On-line Il Sistema di Monitor e di Controllo della Farm On-line, Bologna Incontro con i Referee di LHCb Bologna, 28.1.2005 Flusso dei dati in L1&HLT Front-end Electronics FE 1 FE FE FE FE FE FE FE 2 FE FE FE FE

Dettagli

Analisi di prestazioni di applicazioni web in ambiente virtualizzato

Analisi di prestazioni di applicazioni web in ambiente virtualizzato tesi di laurea Anno Accademico 2005/2006 relatore Ch.mo prof. Porfirio Tramontana correlatore Ing. Andrea Toigo in collaborazione con candidato Antonio Trapanese Matr. 534/1485 La virtualizzazione è un

Dettagli

Prestazioni adattabili all ambiente del business

Prestazioni adattabili all ambiente del business Informazioni sulla tecnologia Prestazioni intelligenti Prestazioni adattabili all ambiente del business Il processore Intel Xeon sequenza 5500 varia in modo intelligente prestazioni e consumo energetico

Dettagli

Sistemi Operativi. Introduzione UNICAL. Facoltà di Ingegneria. Domenico Talia A.A. 2002-2003

Sistemi Operativi. Introduzione UNICAL. Facoltà di Ingegneria. Domenico Talia A.A. 2002-2003 Domenico Talia Facoltà di Ingegneria UNICAL A.A. 2002-2003 1.1 Introduzione Presentazione del corso Cosa è un Sistema Operativo? Sistemi Mainframe Sistemi Desktop Sistemi Multiprocessori Sistemi Distribuiti

Dettagli

Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET)

Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET) Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET) Ipotesi di partenza: concetti di base del networking Le ipotesi di partenza indispensabili per poter parlare di tecniche di accesso

Dettagli

Introduzione al sistema operativo. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese

Introduzione al sistema operativo. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Introduzione al sistema operativo Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Che cos è un sistema operativo Alcuni anni fa un sistema operativo era definito come: Il software necessario a controllare

Dettagli

Indice. Prefazione. Capitolo 1 Introduzione 1. Capitolo 2 Livello applicazione 30

Indice. Prefazione. Capitolo 1 Introduzione 1. Capitolo 2 Livello applicazione 30 Prefazione XI Capitolo 1 Introduzione 1 1.1 Internet: una panoramica 2 1.1.1 Le reti 2 1.1.2 Commutazione (switching) 4 1.1.3 Internet 6 1.1.4 L accesso a Internet 6 1.1.5 Capacità e prestazioni delle

Dettagli

Sistemi Operativi UNICAL. Facoltà di Ingegneria. Domenico Talia A.A. 2002-2003 1.1. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL

Sistemi Operativi UNICAL. Facoltà di Ingegneria. Domenico Talia A.A. 2002-2003 1.1. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL Domenico Talia Facoltà di Ingegneria UNICAL A.A. 2002-2003 1.1 Introduzione Presentazione del corso Cosa è un Sistema Operativo? Sistemi Mainframe Sistemi Desktop Sistemi Multiprocessori Sistemi Distribuiti

Dettagli

3 Capitolo primo Informatica e calcolatori

3 Capitolo primo Informatica e calcolatori I n d i c e 3 Capitolo primo Informatica e calcolatori 7 Capitolo secondo La rappresentazione delle informazioni 11 2.1 La codifica dei caratteri 2.1.1 Il codice ASCII, p. 11-2.1.2 Codifiche universali,

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica.

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica. Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Sistemi Distribuiti Prof. Stefano Russo Caratterizzazionedei SistemiDistribuiti

Dettagli

Secondo la Free Software Foundation, un software si può definire libero solo se garantisce quattro "libertà fondamentali":

Secondo la Free Software Foundation, un software si può definire libero solo se garantisce quattro libertà fondamentali: OPEN SOFTWARE Tecnicamente, Open Source significa a codice sorgente aperto. La maggior parte dei programmi sono infatti scritti in linguaggi (più o meno) leggibili dagli umani, quali il C, C++, C#, ecc.;

Dettagli

Case History Workstation certificate per Matrox Axio e RTX2

Case History Workstation certificate per Matrox Axio e RTX2 Case History 2006 Case History Workstation certificate per Matrox Axio e RTX2 Sistemi: E2090, E8090 E5090 su tecnologia Intel Woodcrest Campo di applicazione: montaggio video in HD e SD, qualità broadcasting

Dettagli

Guida Google Cloud Print

Guida Google Cloud Print Guida Google Cloud Print Versione 0 ITA Definizioni delle note Nella presente Guida dell utente viene utilizzata la seguente icona: Le note forniscono istruzioni da seguire in determinate situazioni o

Dettagli

BEOWULF Cluester Linux/BSD

BEOWULF Cluester Linux/BSD BEOWULF Cluester Linux/BSD Nardo Guido 784169 Introduzione Negli anni passati, il mondo del Supercomputer inteso come clusters, è sempre stato dominato da architetture e software proprietario delle maggiori

Dettagli

Z-TWS4 CONTROLLORE MULTIFUNZIONE PER ENERGY MANAGEMENT. www.seneca.it OPC

Z-TWS4 CONTROLLORE MULTIFUNZIONE PER ENERGY MANAGEMENT. www.seneca.it OPC CONTROLLORE MULTIFUNZIONE PER ENERGY MANAGEMENT 100% Made & Designed in Italy Linux OPC Protocolli Energy Management IEC 60870-5-101 IEC 60870-5-104 IEC 61400-25 www.seneca.it ENERGY MANAGEMENT Grazie

Dettagli

Direzione Sistemi Informativi SPECIFICA TECNICA. Progetto di consolidamento dei sistemi per la gestione dei Data Base del GSE.

Direzione Sistemi Informativi SPECIFICA TECNICA. Progetto di consolidamento dei sistemi per la gestione dei Data Base del GSE. Direzione Sistemi Informativi SPECIFICA TECNICA Progetto di consolidamento dei sistemi per la gestione dei Data Base del GSE Pagina 1 di 10 INDICE 1. CARATTERISTICHE DEL SISTEMA INFORMATICO DEL GSE...3

Dettagli

La classifica Top500 indica che 39 dei primi 50 supercomputer utilizzano lo storage Sun

La classifica Top500 indica che 39 dei primi 50 supercomputer utilizzano lo storage Sun SUN RAFFORZA LA LEADERSHIP NEL SETTORE HPC ANNUNCIANDO NUOVI CLIENTI, CONQUISTANDO RECORD NEI BENCHMARK STANDARD E PRESENTANDO IL SISTEMA STORAGE PIÙ VELOCE DEL MONDO La classifica Top500 indica che 39

Dettagli

Architettura di un sistema operativo

Architettura di un sistema operativo Architettura di un sistema operativo Dipartimento di Informatica Università di Verona, Italy Struttura di un S.O. Sistemi monolitici Sistemi a struttura semplice Sistemi a livelli Virtual Machine Sistemi

Dettagli

IBM Scalable POWERparallel System 2

IBM Scalable POWERparallel System 2 IBM Scalable POWERparallel System 2 Vulcan Giuseppe Vitillaro Dipartimento di Chimica Universita degli Studi di Perugia e-mail: Perugia, 10 Ottobre 1996 La macchina l SP2 e una macchina

Dettagli

ISTVAS Ancona Introduzione ai sistemi operativi Tecnologie Informatiche

ISTVAS Ancona Introduzione ai sistemi operativi Tecnologie Informatiche ISTVAS Ancona Introduzione ai sistemi operativi Tecnologie Informatiche Sommario Definizione di S. O. Attività del S. O. Struttura del S. O. Il gestore dei processi: lo scheduler Sistemi Mono-Tasking e

Dettagli

Il SOFTWARE DI BASE (o SOFTWARE DI SISTEMA)

Il SOFTWARE DI BASE (o SOFTWARE DI SISTEMA) Il software Software Il software Il software è la sequenza di istruzioni che permettono ai computer di svolgere i loro compiti ed è quindi necessario per il funzionamento del calcolatore. Il software può

Dettagli

Virtualizzazione. Di tutti. Per tutti.

Virtualizzazione. Di tutti. Per tutti. Virtualizzazione. Di tutti. Per tutti. Autore: Claudio Cardinali Email: claudio@csolution.it 1 Agenda L.T.S.P. Linux Terminal Server Project Virtualizzazione K.V.M. Kernel Based Virtual Machine Deploy

Dettagli

Evoluzione dei sistemi operativi (5) Evoluzione dei sistemi operativi (4) Classificazione dei sistemi operativi

Evoluzione dei sistemi operativi (5) Evoluzione dei sistemi operativi (4) Classificazione dei sistemi operativi Evoluzione dei sistemi operativi (4) Sistemi multiprogrammati! più programmi sono caricati in contemporaneamente, e l elaborazione passa periodicamente dall uno all altro Evoluzione dei sistemi operativi

Dettagli

Velocizzare l'esecuzione di Joomla! con Zend Server Community Edition

Velocizzare l'esecuzione di Joomla! con Zend Server Community Edition Velocizzare l'esecuzione di Joomla! con Zend Server Community Edition Enrico Zimuel Senior Consultant & Architect Zend Technologies enrico@zend.com Sommario Zend Server Community Edition (CE) Perchè eseguire

Dettagli

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA Obiettivo Richiamare quello che non si può non sapere Fare alcune precisazioni terminologiche IL COMPUTER La struttura, i componenti

Dettagli

I servizi di supporto all'utenza

I servizi di supporto all'utenza Workshop A-GRID/CRESCO A Roma Sede Lungotevere Thaon di Revel, 76 Roma, I servizi di all'utenza G. Guarnieri guido.guarnieri@enea.it A Centro Ricerche Portici P.le Enrico Fermi 1, Portici (NAPOLI) D.Abate,F.Ambrosino,F.Beone,G.Bracco,B.Calosso,M.Caporicci,

Dettagli

Informatica di base: esame scritto del 2 febbraio 2004 Docente: Prof. Viviana Patti

Informatica di base: esame scritto del 2 febbraio 2004 Docente: Prof. Viviana Patti Informatica di base: esame scritto del 2 febbraio 2004 Docente: Prof. Viviana Patti 22 domande, 7 pagine Cognome e nome Matricola Turno di Laboratorio Domande con risposta multipla 1 Quanti byte occupa

Dettagli

Receptionist 2.0. La soluzione semplice ed affidabile per il contact center

Receptionist 2.0. La soluzione semplice ed affidabile per il contact center Receptionist 2.0 La soluzione semplice ed affidabile per il contact center Il nostro Open Source ONC crede nell opportunità dell open source e ha basato due delle sue soluzioni full IP sulla piattaforma

Dettagli

Introduzione ai sistemi operativi

Introduzione ai sistemi operativi Introduzione ai sistemi operativi Che cos è un S.O.? Shell Utente Utente 1 2 Utente N Window Compilatori Assembler Editor.. DB SOFTWARE APPLICATIVO System calls SISTEMA OPERATIVO HARDWARE Funzioni di un

Dettagli

Accelerare la ricerca, ottenere risultati e benefici. Semplificazione delle soluzioni hpc negli enti di ricerca e nelle universitá

Accelerare la ricerca, ottenere risultati e benefici. Semplificazione delle soluzioni hpc negli enti di ricerca e nelle universitá Accelerare la ricerca, ottenere risultati e benefici Semplificazione delle soluzioni hpc negli enti di ricerca e nelle universitá Panoramica 4 Nodi 16 Nodi 32 Nodi SMP memoria condivisa Il pacchetto di

Dettagli

Laboratorio Virtuale per la Didattica

Laboratorio Virtuale per la Didattica UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Gruppo Tecnico Trasversale Laboratorio Virtuale per la Didattica G.B. Barone x, V. Boccia y, D. Bottalico z, L. Carracciuolo w. Maggio 2011 (BOZZA) x Università

Dettagli

Impostazione di un insieme di misure di sicurezza per la LAN di un ente di ricerca

Impostazione di un insieme di misure di sicurezza per la LAN di un ente di ricerca Università degli Studi Roma Tre Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Impostazione di un insieme di misure di sicurezza per la LAN di un

Dettagli

Sistemi Operativi II Corso di Laurea in Ingegneria Informatica

Sistemi Operativi II Corso di Laurea in Ingegneria Informatica www.dis.uniroma1.it/~midlab Sistemi Operativi II Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Prof. Roberto Baldoni Introduzione OS=Astrazione Dare l illusione all applicazione di memoria infinita, CPU infinita,unico

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI Lezione n. Arch_Par 3

CALCOLATORI ELETTRONICI Lezione n. Arch_Par 3 CALCOLATORI ELETTRONICI Lezione n. Arch_Par 3 ARRAY PROCESSORS. ARCHITETTURE A PARALLELISMO MASSIVO ESEMPI In questa lezione vengono presentati alcuni esempi di architetture a parallelismo massivo. Si

Dettagli

CURRICULUM VITÆ di Francesco Picano

CURRICULUM VITÆ di Francesco Picano CURRICULUM VITÆ di Francesco Picano Informazioni personali Nome: Francesco Picano Data di nascita 11/10/1978 Luogo di nascita Roma (Rm) Codice Fiscale PCNFNC78R11H501C Nazionalità Italiana Indirizzo: Lavoro:

Dettagli

Sistemi Linux Embedded: Esperimenti su LinkSys NSLU2. Marcello VITI

Sistemi Linux Embedded: Esperimenti su LinkSys NSLU2. Marcello VITI Sistemi Linux Embedded: Esperimenti su LinkSys NSLU2 Marcello VITI Overview NSLU2 Unslung (come trasformare un NAS in un LAMP Server a basso consumo) Packages - Estendere le funzionalità: Problemi e Soluzioni

Dettagli

u metallurgiau A. Diani, L. Rossetto

u metallurgiau A. Diani, L. Rossetto ANALISI NUMERICA DELLA CONVEZIONE FORZATA DI ARIA IN SCHIUME METALLICHE A. Diani, L. Rossetto Le schiume metalliche sono una promettente classe di materiali cellulari che consistono in una interconnessione

Dettagli

Sistemi Operativi per Sistemi di Elaborazione Ubiqui

Sistemi Operativi per Sistemi di Elaborazione Ubiqui Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Sistemi Operativi per Sistemi di Elaborazione Ubiqui Griglie e Sistemi Ubiqui - D. Talia - UNICAL 1 Sistemi Operativi per Ubiquitous Computing Palm OS Symbian OS

Dettagli

Ambienti di calcolo a griglia Parte 2. Risorse (e loro gestione) Job di griglia e applicazioni di griglia Riservare le risorse ai job

Ambienti di calcolo a griglia Parte 2. Risorse (e loro gestione) Job di griglia e applicazioni di griglia Riservare le risorse ai job Ambienti di calcolo a griglia Parte 2 Risorse (e loro gestione) Job di griglia e applicazioni di griglia Riservare le risorse ai job Docente: Marcello CASTELLANO La vera rivoluzione non è più la capacità

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MODULARE 2015-2016. Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: QUINTA A INF SERALE Indirizzo: INFORMATICA

PROGRAMMAZIONE MODULARE 2015-2016. Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: QUINTA A INF SERALE Indirizzo: INFORMATICA PROGRAMMAZIONE MODULARE 2015-2016 Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: QUINTA A INF SERALE Indirizzo: INFORMATICA Docenti: Gualdi (teoria), Travaglioni (laboratorio) Ore settimanali previste: 2 TEORIA +

Dettagli

Dipartimento di Scienze Applicate

Dipartimento di Scienze Applicate DIPARTIMENTO DI SCIENZE APPLICATE Università degli Studi di Napoli Parthenope Centro Direzionale di Napoli Isola C4 80143 Napoli dsa@uniparthenope.it P. IVA 01877320638 Dipartimento di Scienze Applicate.

Dettagli

Joomla! e la virtualizzazione in locale... pro e contro

Joomla! e la virtualizzazione in locale... pro e contro Joomla! e la virtualizzazione in locale... pro e contro Relatori: Andrea Adami Francesco Craglietto Lavorare in locale...pro presentazioni di siti congelati (siti più scattanti, nessuna interferenza di

Dettagli

FARO Accesso Web a risorse remote per l industria e la ricerca

FARO Accesso Web a risorse remote per l industria e la ricerca FARO Accesso Web a risorse remote per l industria e la ricerca A. Rocchi, S. Pierattini, G. Bracco, S. Migliori, F. Beone, C. Sciò, A. Petricca alessio.rocchi@enea.it Overview Scopi di progetto Scenario

Dettagli

L'infrastruttura ENEA-GRID

L'infrastruttura ENEA-GRID L'infrastruttura ENEA-GRID caratteristiche, funzionalità, applicazioni Ing. Fiorenzo Ambrosino, Ph.D. ENEA UTICT-HPC C.R. Portici 24 Giugno 2013 Sommario Panoramica sull'enea L'Unità Tecnica ICT (UTICT)

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni LB Introduzione al corso

Reti di Telecomunicazioni LB Introduzione al corso Reti di Telecomunicazioni LB Introduzione al corso A.A. 2005/2006 Walter Cerroni Il corso Seguito di Reti di Telecomunicazioni LA Approfondimento sui protocolli di Internet TCP/IP, protocolli di routing,

Dettagli

ecos for AT91SAM9G20 Introduction to ecos O.S. for Atmel AT91SAM9G20 and Vulcano G20

ecos for AT91SAM9G20 Introduction to ecos O.S. for Atmel AT91SAM9G20 and Vulcano G20 ecos for AT91SAM9G20 Introduction to ecos O.S. for Atmel AT91SAM9G20 and Vulcano G20 Agenda EDALab and Metodo2 overview Vulcano G20 + ecos O.S. Drivers Boot sequence Integrated Development Environment

Dettagli

Le reti di calcolatori

Le reti di calcolatori Le reti di calcolatori 1 La storia Computer grandi e costosi Gli utenti potevano accerdervi tramite telescriventi per i telex o i telegrammi usando le normali linee telefoniche Successivamente le macchine

Dettagli

Network Topology. Configurazione HA USG300

Network Topology. Configurazione HA USG300 Network Topology Utilizzare 2 switch diversi per gestire la parte LAN e WAN. Non sono necessari switch managed sulla parte WAN. Per la ridondanza sulla parte LAN utilizzeremo dei GS-2024 e il RSTP. Per

Dettagli

Fiery Print Controller MX-PEX1/MX-PEX2. Guida introduttiva

Fiery Print Controller MX-PEX1/MX-PEX2. Guida introduttiva Fiery Print Controller MX-PEX1/MX-PEX2 Guida introduttiva 2006 Electronics for Imaging, Inc. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da

Dettagli