LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO A.S. 2011/2012

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO A.S. 2011/2012"

Transcript

1 PROGRAMMA DI LABORATORIO DI CHIMICA SVOLTO NELLA CLASSE 1^ C Di seguito vengono elencate le attività teoriche e pratiche effettuate durante l anno scolastico: chimica. Lettura integrale delle norme di comportamento da osservare in laboratorio, finalizzate all ottenimento di un atteggiamento corretto, responsabile e consapevole sull attività da svolgere, improntata alla massima sicurezza ottenibile, anche attraverso l utilizzo corretto dei dispositivi di protezione individuale. 2. Presentazione della vetreria, della morsetteria e di alcune apparecchiature e strumenti di uso comune (piastre riscaldanti con agitatore magnetico, termometri digitali, cronometri e bilance tecniche). 3. Studio di alcuni parametri che caratterizzano la vetreria EX ed IN : classe, portata, sensibilità e tolleranza. 4. Misure di volume con la vetreria EX ed IN. 5. Letture di volume con la vetreria EX ed IN. 6. Determinazione della densità di una serie di corpi solidi irregolari, attraverso misure dirette della massa e indirette del volume. Raccolta e trasposizione dei dati su grafico cartesiano (indicazioni operative sulla corretta realizzazione dei grafici). 7. Determinazione della densità di una soluzione idroalcolica. Uso del densimetro a galleggiamento (modalità sulla correzione della lettura della densità). 8. Differenza calore/temperatura: uso corretto delle sonde digitali per la misura della temperatura e del cronometro. Raccolta dati e trasposizione degli stessi su grafico cartesiano. 9. Passaggi di stato: fusione e solidificazione di una sostanza pura. Raccolta dati e trasposizione degli stessi su grafico cartesiano. 10. Presentazione di alcune tecniche di separazione (filtrazione, cristallizzazione, centrifugazione, distillazione e cromatografia). 11. Separazione di un miscuglio binario solido-solido. 12. Separazione cromatografia di alcuni inchiostri. Renzo Lazzarini

2 PROGRAMMA DI LABORATORIO DI CHIMICA SVOLTO NELLA CLASSE 1^ D Di seguito vengono elencate le attività teoriche e pratiche effettuate durante l anno scolastico: chimica. Lettura integrale delle norme di comportamento da osservare in laboratorio, finalizzate all ottenimento di un atteggiamento corretto, responsabile e consapevole sull attività da svolgere, improntata alla massima sicurezza ottenibile, anche attraverso l utilizzo corretto dei dispositivi di protezione individuale. 2. Presentazione della vetreria, della morsetteria e di alcune apparecchiature e strumenti di uso comune (piastre riscaldanti con agitatore magnetico, termometri digitali, cronometri e bilance tecniche). 3. Studio di alcuni parametri che caratterizzano la vetreria EX ed IN : classe, portata, sensibilità e tolleranza. 4. Misure di volume con la vetreria EX ed IN. 5. Letture di volume con la vetreria EX ed IN. 6. Determinazione della densità di una serie di corpi solidi irregolari, attraverso misure dirette della massa e indirette del volume. Raccolta e trasposizione dei dati su grafico cartesiano (indicazioni operative sulla corretta realizzazione dei grafici). 7. Determinazione della densità di una soluzione idroalcolica. Uso del densimetro a galleggiamento (modalità sulla correzione della lettura della densità). 8. Differenza calore/temperatura: uso corretto delle sonde digitali per la misura della temperatura e del cronometro. Raccolta dati e trasposizione degli stessi su grafico cartesiano. 9. Passaggi di stato: fusione e solidificazione di una sostanza pura. Raccolta dati e trasposizione degli stessi su grafico cartesiano. 10. Presentazione di alcune tecniche di separazione (filtrazione, cristallizzazione, centrifugazione, distillazione e cromatografia). 11. Separazione di un miscuglio binario solido-solido. 12. Separazione cromatografia di alcuni inchiostri. Renzo Lazzarini

3 PROGRAMMA DI LABORATORIO DI CHIMICA 1^ F Di seguito vengono elencate le attività teoriche e pratiche effettuate durante l anno scolastico: chimica. Lettura integrale delle norme di comportamento da osservare in laboratorio, finalizzate all ottenimento di un atteggiamento corretto, responsabile e consapevole sull attività da svolgere, improntata alla massima sicurezza ottenibile, anche attraverso l utilizzo corretto dei dispositivi di protezione individuale. 2. Presentazione della vetreria e di alcune apparecchiature e strumenti di uso comune (piastre riscaldanti con agitatore magnetico, termometri digitali, cronometri e bilance tecniche). 3. Studio di alcuni parametri che caratterizzano la vetreria EX ed IN : classe, portata, sensibilità e tolleranza. 4. Misure di volume con la vetreria EX ed IN. 5. Letture di volume con la vetreria EX ed IN. 6. Determinazione della densità di una serie di corpi solidi irregolari, attraverso misure dirette della massa e indirette del volume. Raccolta e trasposizione dei dati su grafico cartesiano (indicazioni operative sulla corretta realizzazione dei grafici). 7. Determinazione della densità di una soluzione idroalcolica. Uso del densimetro a galleggiamento (modalità sulla correzione della lettura della densità). 8. Differenza calore/temperatura: uso corretto delle sonde digitali per la misura della temperatura e del cronometro. Raccolta dati e trasposizione degli stessi su grafico cartesiano. 9. Passaggi di stato: fusione e solidificazione di una sostanza pura. Raccolta dati e trasposizione degli stessi su grafico cartesiano. 10. Presentazione di alcune tecniche di separazione (filtrazione, cristallizzazione, centrifugazione, distillazione e cromatografia). 11. Separazione di un miscuglio binario solido-solido.

4 PROGRAMMA DI LABORATORIO DI CHIMICA SVOLTO NELLA CLASSE 2^ C Di seguito vengono elencati gli argomenti e le esercitazioni effettuate durante l anno scolastico: chimica. Lettura integrale delle norme di comportamento da osservare. 2. Consegna dei camici protettivi e dei dispositivi di protezione individuale e loro corretto impiego. 3. Introduzione ai principali macrofenomeni che accompagnano le trasformazioni chimiche. 4. Osservazione e interpretazione dei macrofenomeni che accompagnano alcune reazioni chimiche. 5. Verifica sperimentale della Legge di Lavoisier. Commenti sui risultati ottenuti. 6. Verifica sperimentale della legge di Proust. Commenti sui risultati ottenuti. 7. La concentrazione delle soluzioni. Ripresa delle unità fisiche della concentrazione. 8. Concetto di Molarità. Esempi di calcolo applicativo. 9. Modalità di preparazione delle soluzioni: partendo da soluto solido e per diluizione. 10. Esercizi sulla concentrazione delle soluzioni.

5 PROGRAMMA DI LABORATORIO DI CHIMICA SVOLTO NELLA CLASSE 2^ D Di seguito vengono elencati gli argomenti e le esercitazioni effettuate durante l anno scolastico: chimica. Lettura integrale delle norme di comportamento da osservare. 2. Consegna dei camici protettivi e dei dispositivi di protezione individuale e loro corretto impiego. 3. Introduzione ai principali macrofenomeni che accompagnano le trasformazioni chimiche. 4. Osservazione e interpretazione dei macrofenomeni che accompagnano alcune reazioni chimiche. 5. Verifica sperimentale della Legge di Lavoisier. Commenti sui risultati ottenuti. 6. Verifica sperimentale della legge di Proust. Commenti sui risultati ottenuti. 7. La concentrazione delle soluzioni. Ripresa delle unità fisiche della concentrazione. 8. Concetto di Molarità. Esempi di calcolo applicativo. 9. Modalità di preparazione delle soluzioni: partendo da soluto solido e per diluizione. 10. Esercizi sulla concentrazione delle soluzioni.

6 PROGRAMMA DI LABORATORIO DI CHIMICA SVOLTO NELLA CLASSE 2^ F Di seguito vengono elencati gli argomenti e le esercitazioni effettuate durante l anno scolastico: chimica. Lettura integrale delle norme di comportamento da osservare. 2. Consegna dei camici protettivi e dei dispositivi di protezione individuale e loro corretto impiego. 3. Introduzione ai principali macrofenomeni che accompagnano le trasformazioni chimiche. 4. Osservazione e interpretazione dei macrofenomeni che accompagnano alcune reazioni chimiche. 5. Verifica sperimentale della Legge di Lavoisier. Commenti sui risultati ottenuti. 6. Verifica sperimentale della legge di Proust. Commenti sui risultati ottenuti. 7. La concentrazione delle soluzioni. Ripresa delle unità fisiche della concentrazione. 8. Concetto di Molarità. Esempi di calcolo applicativo. 9. Modalità di preparazione delle soluzioni: partendo da soluto solido e per diluizione. 10. Esercizi sulla concentrazione delle soluzioni.

7 PROGRAMMA DI LABORATORIO DI CHIMICA SVOLTO NELLA CLASSE 3^ B Di seguito vengono elencate gli argomenti svolti e le esercitazioni effettuate durante l anno scolastico: chimica; norme di comportamento da osservare e utilizzo corretto dei dispositivi di protezione individuale. 2. Fattori di rischio e classi di pericolosità dei reagenti chimici: simbologia e pittogrammi. Significato delle frasi di rischio e di sicurezza (frasi H e P). Le schede di sicurezza dei reagenti chimici. 3. Osservazione e studio dei principali macrofenomeni che accompagnano le trasformazioni chimiche. 4. Verifica sperimentale della Legge di Lavoisier. 5. Studio della reattività dei metalli del 1 e 2 gruppo della tavola periodica. 6. Le unità di misura chimiche della concentrazione: Molarità, Normalità e Molalità: concetto di mole, di massa equivalente e definizione dei criteri per la determinazione del n eq/mole per acidi, basi e sali. Esercizi applicativi. 7. Esercizi applicativi sulla concentrazione delle soluzioni. 8. Preparazione di soluzioni partendo da soluto solido. 9. Preparazione di soluzioni per diluizione. 10. Preparazione di soluzioni per mescolamento. 11. Esercizi applicativi sulle tre modalità di preparazione delle soluzioni. 12. Non additività dei volumi in una soluzione e contrazione di volume nelle soluzioni: cause e conseguenze sul piano pratico nella preparazione delle soluzioni; volume reale e virtuale delle soluzioni. Esercizi applicativi. 13. Misure di ph con cartine indicatrici a scala cromatica. 14. Titolazioni di una base forte con un acido forte: costruzione della curva di titolazione con il phmetro; calcolo del ph teorico fino al punto di equivalenza e dopo il punto di equivalenza. 15. Studio della curva di titolazione e scelta degli indicatori per effettuare la titolazione. 16. Determinazione del titolo di una soluzione di NaOH.

8 PROGRAMMA DI LABORATORIO DI CHIMICA SVOLTO NELLA CLASSE 3^ C Di seguito vengono elencate gli argomenti svolti e le esercitazioni effettuate durante l anno scolastico: chimica; norme di comportamento da osservare e utilizzo corretto dei dispositivi di protezione individuale. 2. Fattori di rischio e classi di pericolosità dei reagenti chimici: simbologia e pittogrammi. Significato delle frasi di rischio e di sicurezza (frasi H e P). Le schede di sicurezza dei reagenti chimici. 3. Osservazione e studio dei principali macrofenomeni che accompagnano le trasformazioni chimiche. 4. Studio della reattività dei metalli del 1 e 2 gruppo della tavola periodica. 5. Verifica sperimentale della Legge di Lavoisier. 6. Le unità di misura chimiche della concentrazione: Molarità e Normalità: concetto di mole, di massa equivalente e definizione dei criteri per la determinazione del n eq/mole per acidi, basi e sali. Esercizi applicativi. 7. Esercizi applicativi sulla concentrazione delle soluzioni. 8. Preparazione di soluzioni partendo da soluto solido. 9. Preparazione di soluzioni per diluizione. 10. Preparazione di soluzioni per mescolamento. 11. Esercizi applicativi sulle tre modalità di preparazione delle soluzioni. 12. Non additività dei volumi in una soluzione e contrazione di volume nelle soluzioni: cause e conseguenze sul piano pratico nella preparazione delle soluzioni; volume reale e virtuale delle soluzioni. Esercizi applicativi. 13. Introduzione ai principali fattori che influenzano la velocità di reazione: concentrazione, temperatura. 14. Misure di ph con cartine indicatrici a scala cromatica. 15. Titolazioni di una base forte con un acido forte: costruzione della curva di titolazione con il phmetro; calcolo del ph teorico fino al punto di equivalenza e dopo il punto di equivalenza. 16. Studio della curva di titolazione e scelta degli indicatori per effettuare la titolazione. 17. Determinazione del titolo di una soluzione di NaOH. Mestre 06/06/2012

9 PROGRAMMA DI LABORATORIO DI CHIMICA SVOLTO NELLA CLASSE 3^ F Di seguito vengono elencate gli argomenti svolti e le esercitazioni effettuate durante l anno scolastico: chimica; norme di comportamento da osservare e utilizzo corretto dei dispositivi di protezione individuale. 2. Fattori di rischio e classi di pericolosità dei reagenti chimici: simbologia e pittogrammi. Significato delle frasi di rischio e di sicurezza (frasi H e P). Le schede di sicurezza dei reagenti chimici. 3. Osservazione e studio dei principali macrofenomeni che accompagnano le trasformazioni chimiche. 4. Verifica sperimentale della Legge di Lavoisier. 5. Studio della reattività dei metalli del 1 e 2 gruppo della tavola periodica. 6. Le unità di misura chimiche della concentrazione: Molarità, Normalità e Molalità: concetto di mole, di massa equivalente e definizione dei criteri per la determinazione del n eq/mole per acidi, basi e sali. Esercizi applicativi. 7. Esercizi applicativi sulla concentrazione delle soluzioni. 8. Preparazione di soluzioni partendo da soluto solido. 9. Preparazione di soluzioni per diluizione. 10. Preparazione di soluzioni per mescolamento. 11. Esercizi applicativi sulle tre modalità di preparazione delle soluzioni. 12. Non additività dei volumi in una soluzione e contrazione di volume nelle soluzioni: cause e conseguenze sul piano pratico nella preparazione delle soluzioni; volume reale e virtuale delle soluzioni. Esercizi applicativi. 13. Prove di conducibilità elettrica: conduttori di 1^ e 2^ specie; elettroliti forti e deboli; influenza della concentrazione sulla conducibilità (per legame ionico) 14. Prove di miscibilità liquidi polari e apolari; influenza del campo elettrostatico sui liquidi polari (per legame covalente polare) 15. Studio dei principali fattori che influenzano la velocità di reazione: concentrazione, temperatura. 16. Misure di ph con cartine indicatrici a scala cromatica. 17. Titolazioni di una base forte con un acido forte: costruzione della curva di titolazione con il phmetro; calcolo del ph teorico fino al punto di equivalenza e dopo il punto di equivalenza. 18. Studio della curva di titolazione e scelta degli indicatori per effettuare la titolazione. 19. Determinazione del titolo di una soluzione di NaOH.

10 PROGRAMMA DI LABORATORIO DI CHIMICA SVOLTO NELLA CLASSE 4^ A Di seguito vengono elencate gli argomenti svolti e le esercitazioni effettuate durante l anno scolastico: chimica; norme di comportamento da osservare e utilizzo corretto dei dispositivi di protezione individuale. 2. Fattori di rischio e classi di pericolosità dei reagenti chimici: simbologia e pittogrammi. Significato delle frasi di rischio e di sicurezza ( frasi H e P). Le schede di sicurezza dei reagenti chimici. 3. Presentazione della vetreria, di alcune apparecchiature e strumenti di uso comune. 4. Determinazione della composizione ponderale di un miscuglio binario; 5. Osservazione e studio dei principali macrofenomeni che accompagnano le trasformazioni chimiche. 6. Studio della reattività dei metalli del 1 e 2 gruppo della tavola periodica. 7. Verifica sperimentale della Legge di Lavoisier. 8. Modalità di preparazione delle soluzioni: partendo da soluto solido e per diluizione. 9. Esercizi applicativi sulla concentrazione delle soluzioni. 10. Introduzione allo studio dei principali fattori che influenzano la velocità di reazione: concentrazione e temperatura. 11. Verifica della Legge di Charles. 12. Misure di ph con le cartine tornasole. 13. Curva di titolazione acido forte/base forte. 14. Presentazione titolazione e scelta degli indicatori di ph. 15. Titolazione acido forte/base forte. Mestre 06/06/2012

11 PROGRAMMA DI LABORATORIO DI CHIMICA 4^ B Di seguito vengono elencati gli argomenti e le esercitazioni effettuate durante l anno scolastico: chimica; norme di comportamento da osservare e utilizzo corretto dei dispositivi di protezione individuale. 2. Fattori di rischio e classi di pericolosità dei reagenti chimici: simbologia e pittogrammi. Significato delle frasi di rischio e di sicurezza (frasi H e P). Le schede di sicurezza dei reagenti chimici. 3. Introduzione all analisi volumetrica: termini concettuali e aspetti procedurali. 4. Curva di titolazione acido forte/base forte. 5. Titolazione acido forte/base forte e scelta degli indicatori di ph. 6. Determinazione del titolo di una soluzione di NaOH. 7. Determinazione dell acidità totale di un aceto per uso alimentare. 8. Titolazioni red-ox: determinazione della concentrazione dell acqua ossigenata commerciale. 9. Introduzione all elettrochimica: le reazioni di ossidoriduzione. 10. La Pila Daniell. Realizzazione di un sistema elettrochimico in serie. Funzione del ponte salino; calcolo della f.e.m Elettrolisi dell acqua e funzionamento del voltametro di Hoffman. 12. Introduzione alla calorimetria: determinazione della capacità termica di un calorimetro. 13. Verifica sperimentale della Legge di Hess. 14. Potere riducente dei glucidi. 15. Determinazione volumetrica del glucosio con il reattivo di Fehling.

12 PROGRAMMA DI LABORATORIO DI CHIMICA SVOLTO NELLA CLASSE 4^ C Di seguito vengono elencate gli argomenti svolti e le esercitazioni effettuate durante l anno scolastico: chimica; norme di comportamento da osservare in laboratorio e utilizzo corretto dei dispositivi di protezione individuale. 2. Fattori di rischio e classi di pericolosità dei reagenti chimici: simbologia e pittogrammi. Significato delle frasi di rischio e di sicurezza (frasi H e P). Le schede di sicurezza dei reagenti chimici. 3. Presentazione e modalità di impiego dei dispositivi di protezione individuali (DPI) e consegna dei camici protettivi. 4. Presentazione della vetreria, di alcune apparecchiature e strumenti di uso comune. 5. Parametri e caratteristiche della vetreria: EX e IN. 6. Misure di volume con la vetreria IN ed EX 7. Introduzione alle principali tecniche di separazione. 8. Determinazione della composizione ponderale di un miscuglio binario; 9. Osservazione e interpretazione dei principali macrofenomeni che accompagnano le trasformazioni chimiche. 10. Verifica sperimentale della Legge di Lavoisier. 11. Verifica sperimentale della legge di Proust. 12. Reattività in acqua dei metalli del 1 e del 2 gruppo. 13. Modalità di preparazione delle soluzioni: partendo da soluto solido e per diluizione. Mestre 06/06/2012

13 PROGRAMMA DI LABORATORIO DI CHIMICA SVOLTO NELLA CLASSE 4^ E Di seguito vengono elencate gli argomenti svolti e le esercitazioni effettuate durante l anno scolastico: chimica; norme di comportamento da osservare. Presentazione e modalità di impiego dei Dispositivi di Protezione Individuali e consegna dei camici protettivi. 2. Fattori di rischio e classi di pericolosità dei reagenti chimici: simbologia e pittogrammi. Significato delle frasi di rischio e di sicurezza (frasi H e P). Le schede di sicurezza dei reagenti chimici. 3. Presentazione della vetreria, di alcune apparecchiature e strumenti di uso comune. 4. Parametri e caratteristiche della vetreria: EX e IN. 5. Misure di volume con la vetreria IN ed EX 6. Introduzione alle principali tecniche di separazione. 7. Determinazione della composizione ponderale di un miscuglio binario; 8. Osservazione e interpretazione dei principali macrofenomeni che accompagnano le trasformazioni chimiche. 9. Verifica sperimentale della Legge di Lavoisier. 10. Modalità di preparazione delle soluzioni: partendo da soluto solido e per diluizione. 11. Misure di ph con le cartine tornasole. 12. Introduzione ai principali fattori che influenzano la velocità di reazione: concentrazione e temperatura. 13. Osservazione e studio di alcune reazioni di ossidoriduzione.

14 PROGRAMMA DI LABORATORIO DI CHIMICA 4^ F Di seguito vengono elencate le attività teoriche e pratiche (esercitazioni) effettuate durante l anno scolastico: chimica; norme di comportamento da osservare e utilizzo corretto dei dispositivi di protezione individuale. 2. Fattori di rischio e classi di pericolosità dei reagenti chimici: simbologia e pittogrammi. Significato delle frasi di rischio e di sicurezza (frasi H e P). Le schede di sicurezza dei reagenti chimici. 3. Introduzione all analisi volumetrica: termini concettuali e aspetti procedurali. 4. Curva di titolazione acido forte/base forte. 5. Titolazione acido forte/base forte e scelta degli indicatori di ph. 6. Determinazione del titolo di una soluzione di NaOH. 7. Determinazione dell acidità totale di un aceto per uso alimentare. 8. Titolazioni red-ox: determinazione della concentrazione dell acqua ossigenata commerciale. 9. Introduzione all elettrochimica: le reazioni di ossidoriduzione. 10. La Pila Daniell. Realizzazione di un sistema elettrochimico in serie. Funzione del ponte salino; calcolo della f.e.m Elettrolisi dell acqua e funzionamento del voltametro di Hoffman. 12. Introduzione alla calorimetria: determinazione della capacità termica di un calorimetro. 13. Verifica sperimentale della Legge di Hess. 14. Potere riducente dei glucidi. 15. Determinazione volumetrica del glucosio con il reattivo di Fehling. 16. Introduzione alle analisi delle acque minerali e loro classificazione. 17. Determinazione complessometrica della durezza di un acqua minerale con EDTA. 18. Determinazione dell alcalinità totale di un acqua minerale.

15 PROGRAMMA DI LABORATORIO DI CHIMICA SVOLTO NELLA CLASSE 4^ G Di seguito vengono elencate gli argomenti svolti e le esercitazioni effettuate durante l anno scolastico: chimica; norme di comportamento da osservare in laboratorio e utilizzo corretto dei dispositivi di protezione individuale. 2. Fattori di rischio e classi di pericolosità dei reagenti chimici: simbologia e pittogrammi. Significato delle frasi di rischio e di sicurezza ( frasi H e P). Le schede di sicurezza dei reagenti chimici. 3. Presentazione e modalità di impiego dei dispositivi di protezione individuali (DPI) e consegna dei camici protettivi. 4. Presentazione della vetreria, di alcune apparecchiature e strumenti di uso comune. 5. Parametri e caratteristiche della vetreria: EX e IN. 6. Misure di volume con la vetreria IN ed EX 7. Introduzione alle principali tecniche di separazione. 8. Determinazione della composizione ponderale di un miscuglio binario; 9. Osservazione e interpretazione dei principali macrofenomeni che accompagnano le trasformazioni chimiche. 10. Verifica sperimentale della Legge di Lavoisier. 11. Modalità di preparazione delle soluzioni: partendo da soluto solido, per diluizione e per mescolamento. 12. Esercizi applicativi sulla concentrazione delle soluzioni. 13. Introduzione ai principali fattori che influenzano la velocità di reazione: concentrazione, temperatura. e catalizzatore 14. Misure di ph con le cartine tornasole. 15. Curva di titolazione acido forte/base forte. 16. Presentazione titolazione e scelta degli indicatori di ph. 17. Titolazione acido forte/base forte. Mestre 06/06/2012

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE PER GRUPPI DIDATTICI

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE PER GRUPPI DIDATTICI TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE PER GRUPPI DIDATTICI MATERIA: CHIMICA CLASSI: PRIME I II QUADRIMESTRE Competenze Abilità/Capacità Conoscenze* Attività didattica Strumenti Tipologia verifiche Osservare, descrivere

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe II^ D COSTRUZIONI AMBIENTE E TERRITORIO Disciplina : SCIENZE INTEGRATE CHIMICA E LABORATORIO PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE INTEGRATE CHIMICA FISICA SCIENZE DELLA TERRA - BIOLOGIA

DIPARTIMENTO DI SCIENZE INTEGRATE CHIMICA FISICA SCIENZE DELLA TERRA - BIOLOGIA IISS A. De Pace Lecce A.S. 2012-2013 DIPARTIMENTO DI SCIENZE INTEGRATE FISICA SCIENZE DELLA TERRA - BIOLOGIA PIANI DI STUDIO DELLE DISCIPLINE SECONDO ANNO Piano di studi della disciplina DESCRIZIONE Lo

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Docenti Materia Classi Alessandra Cattaneo Erminia Palma Scienze Integrate (Chimica) biennio PIANO DI LAVORO ANNUALE 1. Finalità Promuovere negli allievi lo sviluppo e il perfezionamento delle capacità

Dettagli

Programmazione individuale di Laboratorio Materia : Chimica e Laboratorio. Docenti : Giancarlo Cardone Classe : 2 CAT a.s.

Programmazione individuale di Laboratorio Materia : Chimica e Laboratorio. Docenti : Giancarlo Cardone Classe : 2 CAT a.s. Programmazione individuale di Laboratorio Materia : Chimica e Laboratorio. Docenti : Giancarlo Cardone Classe : 2 CAT a.s. 2015-2016 Mondovi 05/11/2015 Prof. Giancarlo Cardone PROGRAMMAZIONE DELL ATTIVITA

Dettagli

Programma (piano di lavoro) preventivo

Programma (piano di lavoro) preventivo I S T I T U T O T E C N I C O I N D U S T R I A L E S T A T A L E G u g l i e l m o M a r c o n i V e r o n a Programma (piano di lavoro) preventivo Anno Scolastico 2014/2015 Materia SCIENZE INTEGRATE:

Dettagli

Programmazione annuale docente classi 2^A AM 2^B AM 2^C AM

Programmazione annuale docente classi 2^A AM 2^B AM 2^C AM Programmazione annuale docente classi 2^A AM 2^B AM 2^C AM Docente : Macaluso Maria Annunziata Classe : 2^ sez.a B - C Indirizzo AM Materia di insegnamento : Scienze Integrate (CHIMICA) Libro di testo

Dettagli

Esercitazione 8. Gli equilibri acido-base: Ka, Kb. L autoprotolisi dell acqua. Misura del ph Soluzioni tampone 1,0 10-14

Esercitazione 8. Gli equilibri acido-base: Ka, Kb. L autoprotolisi dell acqua. Misura del ph Soluzioni tampone 1,0 10-14 Esercitazione 8 Misura del ph Soluzioni tampone Gli equilibri acido-base: Ka, Kb HA + H 2 O! H 3 O + + A - Ka = [H 3 O+ ][A - ] [HA] A - + H 2 O! OH - + HA Kb = [OH- ][HA] [A - ] Ka Kb = [ H 3 O + ] [

Dettagli

Laboratori classi prime (in rosso le variazioni in corso d anno)

Laboratori classi prime (in rosso le variazioni in corso d anno) Laboratori classi prime (in rosso le variazioni in corso d anno) Argomenti Obiettivi Metodi Verifiche 1) Norme di sicurezza Conoscere il luogo di lavoro ( laboratorio di chimica) Conoscere e applicare

Dettagli

Le reazioni di ossidoriduzione

Le reazioni di ossidoriduzione I.S. G. TASSINARI PROGRAMMAZIONE di CHIMICA ANALITICA E STUMENTALE Classe 4L - A.S. 2015-16 Docenti: prof.ssa Stefania Comes- prof.ssa Anna Alfano ANALISI INIZIALE DELLA CLASSE: La classe risulta composta

Dettagli

LEZIONE 1. Materia: Proprietà e Misura

LEZIONE 1. Materia: Proprietà e Misura LEZIONE 1 Materia: Proprietà e Misura MISCELE, COMPOSTI, ELEMENTI SOSTANZE PURE E MISCUGLI La materia può essere suddivisa in sostanze pure e miscugli. Un sistema è puro solo se è formato da una singola

Dettagli

PIANO DI LAVOR A. S. 2013/ 2014. III E sezione tecnica CHIMICI. Testo in adozione. Dispense

PIANO DI LAVOR A. S. 2013/ 2014. III E sezione tecnica CHIMICI. Testo in adozione. Dispense Pagina 1 di 5 Nome docenti BENEDETTO LUIGINA Materia insegnata Analisi Chimica e laboratorio Classe III E sezione tecnica CHIMICI Nome Ins. Tecn. Pratico Romagnollo Lidia Rubino,Venzaghi,Cozzi Le basi

Dettagli

REAZIONI ESOTERMICHE ED ENDOTERMICHE

REAZIONI ESOTERMICHE ED ENDOTERMICHE REAZIONI ESOTERMICHE ED ENDOTERMICHE Obiettivo di questo esperimento è confrontare l effetto termico di 0,1 moli di diverse sostanze ioniche solide quando vengono sciolte in una stessa quantità di acqua.

Dettagli

ANALISI CHIMICA compiti delle vacanze. a.s. 2014/2015 IV E chimici

ANALISI CHIMICA compiti delle vacanze. a.s. 2014/2015 IV E chimici ANALISI CHIMICA compiti delle vacanze a.s. 2014/2015 IV E chimici I libri di testo non devono essere venduti in quanto si lavorerà ancora su di esso nel corso del prossimo anno scolastico Rubino, Venzaghi,

Dettagli

Progettazione disciplinare:

Progettazione disciplinare: PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE Classe 1A A.S. 2015/2016 Disciplina: CHIMICA Docente: Rosselli Antonino Ore settimanali: 3 (1 di laboratorio) Libro

Dettagli

Dissociazione elettrolitica

Dissociazione elettrolitica Dissociazione elettrolitica Le sostanze ioniche si solubilizzano liberando ioni in soluzione. La dissociazione elettrolitica è il processo con cui un solvente separa ioni di carica opposta e si lega ad

Dettagli

ISTITUTO TECNICO NAUTICO "L. GIOVANNI LIZZIO PROF. SALVATORE GRASSO PROGRAMMA SVOLTO MODULO 0 : "RICHIAMI RELATIVI AL PRIMO ANNO"

ISTITUTO TECNICO NAUTICO L. GIOVANNI LIZZIO PROF. SALVATORE GRASSO PROGRAMMA SVOLTO MODULO 0 : RICHIAMI RELATIVI AL PRIMO ANNO 1 ISTITUTO TECNICO NAUTICO "L. RIZZO" - RIPOSTO ------------------------------------ ANNO SCOLASTICO : 2014-2015 CLASSE : SECONDA SEZIONE : D MATERIA D'INSEGNAMENTO : FISICA E LABORATORIO DOCENTI : PROF.

Dettagli

Esperienza A: idrofilicità e idrofobicità

Esperienza A: idrofilicità e idrofobicità Esperienza A: idrofilicità e idrofobicità Obiettivo: Fare osservare che alcune sostanze, mescolate all'acqua, danno luogo a soluzioni omogenee mentre altre danno miscele eterogenee. Dalla descrizione delle

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE. B.Pascal Roma

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE. B.Pascal Roma Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE B.Pascal Roma Anno Scolastico 2012-201 PIANO DI LAVORO DELLE CLASSI PRIME MATERIA: Scienze Integrate CHIMICA

Dettagli

... corso di chimica elettrochimica 1

... corso di chimica elettrochimica 1 ... corso di chimica elettrochimica 1 CONTENUTI reazioni elettrochimiche pile e celle elettrolitiche potenziale d elettrodo e forza elettromotrice equazione di Nernst elettrolisi leggi di Faraday batterie

Dettagli

Programmazione esperimenti di laboratorio

Programmazione esperimenti di laboratorio Ministero dell'istruzione Università e Ricerca Liceo Scientifico Statale Niccolò Rodolico sede: via A.Baldovinetti, 5-50142 Firenze tel. 055.70.24.47 Fax. 055.70.24.91 e-mail: info@liceorodolico.it e-mail

Dettagli

Esperimenti per gioco. Progetto realizzato dagli alunni del liceo O.M. Corbino.

Esperimenti per gioco. Progetto realizzato dagli alunni del liceo O.M. Corbino. Esperimenti per gioco Progetto realizzato dagli alunni del liceo O.M. Corbino. Il progetto ha lo scopo di avvicinare i ragazzi al mondo della scienza tramite lo svolgimento di semplici esperienze di laboratorio

Dettagli

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Triennale in Chimica CORSO DI: LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA Docente: Dr. Alessandro Caselli

Dettagli

I.T.I.S. E. FERMI _ MODENA

I.T.I.S. E. FERMI _ MODENA I.T.I.S. E. FERMI _ MODENA Programma svolto del corso di Chimica Analitica e Strumentale Classe 3^C a.s. 2013-14 Docenti: Giorgia Messori, Claudia Tacconi Il libro di testo utilizzato è stato: Rubino,

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Carlo e Nello ROSSELLI di Aprilia Programmazione didattica

ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Carlo e Nello ROSSELLI di Aprilia Programmazione didattica percentuale alunni ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Carlo e Nello ROSSELLI di Aprilia Programmazione didattica CLASSE 1 A GEOMETRA Anno Scolastico 2009/2010 Classe sperimentale. Anticipazione della

Dettagli

Domanda 1 Quesiti preliminari

Domanda 1 Quesiti preliminari Domanda 1 Quesiti preliminari 1.1 A che temperatura bolle l acqua nella vostra aula di scienze? 1.2 Se in una pentola senza coperchio posta su di un fornello ho dell acqua che bolle e continuo a riscaldare,

Dettagli

SISTEMI ELETTROCHIMICI

SISTEMI ELETTROCHIMICI Università degli studi di Palermo SISTEMI ELETTROCHIMICI Dott. Ing. Serena Randazzo Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica e Meccanica OUTLINE 1) Introduzione sui sistemi elettrochimici

Dettagli

Riepilogo programma di Chimica Ginnasio Anno scolastico 2011/2012

Riepilogo programma di Chimica Ginnasio Anno scolastico 2011/2012 Riepilogo programma di Chimica Ginnasio Anno scolastico 2011/2012 Misure e grandezze Grandezze fondamentali Grandezza fisica Simbolo della grandezza Unità di misura Simbolo dell unità di misura lunghezza

Dettagli

Programmazione individuale per competenze CLASSE 3^B LSA. Materia: CHIMICA

Programmazione individuale per competenze CLASSE 3^B LSA. Materia: CHIMICA Programmazione individuale per competenze CLASSE 3^B LSA Materia: CHIMICA Situazione della classe Accordi con la classe Accordi con le altre discipline Correlazione con i progetti proposti alla classe

Dettagli

Anno scolastico 2014/2015

Anno scolastico 2014/2015 I."MAJORANA-MARCONI" PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE PER LE SECONDE CLASSI AD INDIRIZZO PROFESSIONALE Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: SCIENZE INTEGRATE/CHIMICA E LABORATORIO DOCENTI: CASTAGNA ADRIANA,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE Anno Scolastico: 2013 / 2014 Dipartimento (1) : Scienze - Chimica Coordinatore (1) : Classe: Prof. Giovanni MIRAGLIOTTA 2^B.G, Q Indirizzo: Economico aziendale; servizi

Dettagli

SINTESI C1. Materia ed energia

SINTESI C1. Materia ed energia Le proprietà fisiche della materia Il mondo che ci circonda è formato da un gran numero di oggetti diversi. Siano essi di origine naturale o creati dagli esseri umani questi oggetti in chimica e fisica

Dettagli

LEZIONE 12. Idrolisi salina Indicatori di ph Soluzioni tampone Titolazioni acido-base IDROLISI SALINA. Scaricato da Sunhope.it

LEZIONE 12. Idrolisi salina Indicatori di ph Soluzioni tampone Titolazioni acido-base IDROLISI SALINA. Scaricato da Sunhope.it LEZIONE 12 Idrolisi salina Indicatori di ph Soluzioni tampone Titolazioni acido-base IDROLISI SALINA Idrolisi salina Per IDROLISI SALINA si intende il fenomeno per il quale la dissoluzione in acqua di

Dettagli

Esercizi di Chimica (2 a prova in itinere)

Esercizi di Chimica (2 a prova in itinere) Esercizi di Chimica (2 a prova in itinere) 3) Calcolare la normalità (N) di una soluzione ottenuta sciogliendo 3,5 g di H 3 PO 4 in 900 ml di acqua [0,119 N] 4) Quanti grammi di soluto sono contenuti in

Dettagli

Corso vapore Riassunto Acque. L acqua per punti. Chimica, effetti, trattamenti, analisi.

Corso vapore Riassunto Acque. L acqua per punti. Chimica, effetti, trattamenti, analisi. L acqua per punti. Chimica, effetti, trattamenti, analisi. Indice 1) L acqua.. 1 a. Richiami di chimica: sali, ioni, ph & Co... 1 b. Non solo H 2 O... 2 c. Effetti sugli impianti delle sostanze contenute

Dettagli

Quando un composto ionico viene immesso in acqua si dissocia formando uno ione negativo ed uno positivo.

Quando un composto ionico viene immesso in acqua si dissocia formando uno ione negativo ed uno positivo. I composti chimici Il legame chimico Un atomo raggiunge la stabilità quando i suoi livelli energetici sono completi. Solamente i gas nobili hanno questa caratteristica mentre gli altri atomi no, per cui

Dettagli

PROGRAMMA DI SCIENZE NATURALI CLASSE 1 a SEZ. A. Prof.ssa Maria Luisa Smorto

PROGRAMMA DI SCIENZE NATURALI CLASSE 1 a SEZ. A. Prof.ssa Maria Luisa Smorto PROGRAMMA DI SCIENZE NATURALI CLASSE 1 a SEZ. A A.S. 2014/2015 Prof.ssa Maria Luisa Smorto Conoscenze chimiche e fisiche di base per le Scienze della Terra - Le unità di misura nel Sistema Internazionale

Dettagli

Indice. 1 La materia e la sua struttura. 2 La radioattività ed i processi nucleari

Indice. 1 La materia e la sua struttura. 2 La radioattività ed i processi nucleari Indice PREFAZIONE XIII 1 La materia e la sua struttura 1.1. Le particelle fondamentali e la struttura dell atomo 2 1.2. Il numero atomico, il numero di massa, i nuclidi e gli isotopi 5 1.3. L unità di

Dettagli

Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 6: ph, sua misura e applicazioni

Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 6: ph, sua misura e applicazioni Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 6: ph, sua misura e applicazioni Una delle più importanti proprietà di una soluzione acquosa è la sua concentrazione di ioni idrogeno. Lo ione H + o

Dettagli

ASSE SCIENTIFICO TECNOLOGICO COMPETENZE DI SCIENZE INTEGRATE (SCIENZE DELLA TERRA) 1 ANNO

ASSE SCIENTIFICO TECNOLOGICO COMPETENZE DI SCIENZE INTEGRATE (SCIENZE DELLA TERRA) 1 ANNO ASSE SCIENTIFICO TECNOLOGICO COMPETENZE DI SCIENZE INTEGRATE (SCIENZE DELLA TERRA) 1 ANNO Competenze in esito al quinquennio (dall Allegato C del Regolamento) Macro Competenza A: Utilizzare gli strumenti

Dettagli

REGOLE PER L'ATTRIBUZIONE DEI COEFFICIENTI STECHIOMETRICI DI UNA REAZIONE

REGOLE PER L'ATTRIBUZIONE DEI COEFFICIENTI STECHIOMETRICI DI UNA REAZIONE REGOLE PER L'ATTRIBUZIONE DEI COEFFICIENTI STECHIOMETRICI DI UNA REAZIONE OSSIDORIDUTTIVA SECONDO IL METODO DELLO IONE-ELETTRIONE. 1) Si individuano le coppie di atomi il cui numero di ossidazione cambia

Dettagli

Elettrochimica. 1. Celle elettrolitiche. 2. Celle galvaniche o pile

Elettrochimica. 1. Celle elettrolitiche. 2. Celle galvaniche o pile Elettrochimica L elettrochimica studia l impiego di energia elettrica per promuovere reazioni non spontanee e l impiego di reazioni spontanee per produrre energia elettrica, entrambi i processi coinvolgono

Dettagli

Liceo Scientifico CORTINA D'AMPEZZO POLO SCOLASTICO VAL BOITE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE

Liceo Scientifico CORTINA D'AMPEZZO POLO SCOLASTICO VAL BOITE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO: 2008/09 CLASSE: IV A MATERIA:Chimica Liceo Scientifico CORTINA D'AMPEZZO POLO SCOLASTICO VAL BOITE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DOCENTE: Benedet Giuseppe SITUAZIONE DI PARTENZA DELLA CLASSE NELLA

Dettagli

MISCUGLI E TECNICHE DI SEPARAZIONE

MISCUGLI E TECNICHE DI SEPARAZIONE MISCUGLI E TECNICHE DI SEPARAZIONE Classe 1^A Grafico Questo documento è solo una presentazione e non deve ritenersi completo se non è accompagnato dalla lezione in classe. Prof. Zarini Marta CLASSIFICAZIONE

Dettagli

ELETTROCHIMICA. Uso di reazioni chimiche per produrre corrente elettrica (Pile)

ELETTROCHIMICA. Uso di reazioni chimiche per produrre corrente elettrica (Pile) ELETTROCHIMICA Uso di reazioni chimiche per produrre corrente elettrica (Pile) Uso di forza elettromotrice (fem) esterna per forzare reazioni chimiche non spontanee (Elettrolisi) Coppia redox: Ossidazione

Dettagli

GIOCHI DELLA CHIMICA

GIOCHI DELLA CHIMICA GIOCHI DELLA CHIMICA FASE D ISTITUTO (TRIENNIO) 21 marzo 2016 La prova è costituita da 50 quesiti. ALUNNO CLASSE Scrivi la risposta a ciascuna domanda nel foglio risposte allegato. 1. Quale dei seguenti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELLE DISCIPLINE CHIMICHE

PROGRAMMAZIONE DELLE DISCIPLINE CHIMICHE I. I. S. S. A. DE PACE - LECCE TECNICO CHIMICO BIOLOGICO ANNO SCOLASTICO 2012 2013 CLASSE 5 TCB sez. B PROGRAMMAZIONE DELLE DISCIPLINE CHIMICHE Prof. Giovanni Sgueglia PROFILO PROFESSIONALE DEL TECNICO

Dettagli

MISURE DI POTERE CALORIFICO E COMPOSIZIONE

MISURE DI POTERE CALORIFICO E COMPOSIZIONE MISURE DI POTERE CALORIFICO E COMPOSIZIONE Potere calorifico dei combustibili: bomba calorimetrica e calorimetro di Junkers Composizione: gascromatografia Composizione dei gas combusti: o Sonda λ o Strumenti

Dettagli

Cognome. Nome Classe 1^ VERIFICA DI CHIMICA Recupero trimestre Data NB troverai le soluzioni nel testo in grassetto o sottolineato

Cognome. Nome Classe 1^ VERIFICA DI CHIMICA Recupero trimestre Data NB troverai le soluzioni nel testo in grassetto o sottolineato Cognome. Nome Classe 1^ ERIICA DI CHIMICA Recupero trimestre Data NB troverai le soluzioni nel testo in grassetto o sottolineato 1. Quale dei seguenti enunciati non descrive lo stato liquido? a) le particelle

Dettagli

MISURE DI VOLUME. Per versare. Per contenere

MISURE DI VOLUME. Per versare. Per contenere MISURE DI VOLUME Unità di volume: LITRO (L) (IUPAC: dm 3 ) ml : 10-3 L = cm 3 = cc ml : 10-6 L Il volume dipende dalla TEMPERATURA. I contenitori in vetro hanno coefficienti di espansione molto piccoli;

Dettagli

ELETTROCHIMICA. Celle Galvaniche o Pile

ELETTROCHIMICA. Celle Galvaniche o Pile ELETTROCHIMICA Le reazioni di ossido-riduzione (redox) ci tengono in vita. Esse, ad esempio, si svolgono nei processi estremamente importanti che catturano l energia solare tramite la fotosintesi o in

Dettagli

Metodo III.1. Determinazione dell umidità. 1. Determinazione dell umidità nei fertilizzanti che non contengono sostanze volatili diverse dall acqua

Metodo III.1. Determinazione dell umidità. 1. Determinazione dell umidità nei fertilizzanti che non contengono sostanze volatili diverse dall acqua METODI III METODI DI DETERMINAZIONE DELL UMIDITA, GRANULOMETRIA, ph e SALINITA Metodo III.1 Determinazione dell umidità 1. Determinazione dell umidità nei fertilizzanti che non contengono sostanze volatili

Dettagli

Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA

Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA CLASSE A Velocità - Equilibrio - Energia Regionali 2010 36. Se il valore della costante di equilibrio di una reazione chimica diminuisce al crescere della temperatura,

Dettagli

CHIMICA REAZIONI REDOX: LA PILA DI DANIELL. Daniela Tofani. Roma 11 settembre 2013 Seminario MIUR. Aula Magna Rettorato Università Roma Tre

CHIMICA REAZIONI REDOX: LA PILA DI DANIELL. Daniela Tofani. Roma 11 settembre 2013 Seminario MIUR. Aula Magna Rettorato Università Roma Tre CHIMICA REAZIONI REDOX: LA PILA DI DANIELL Daniela Tofani Immagini e siti Video Cella galvanica (in inglese) https://www.youtube.com/watch?v=0osqpdd2rma&feature=playe r_detailpage Esperimento sulla pila

Dettagli

Istituto S. Giuliana Falconieri Classe IIIB Liceo Linguistico-Europeo Programmazione di Scienze A.S. 2013-2014

Istituto S. Giuliana Falconieri Classe IIIB Liceo Linguistico-Europeo Programmazione di Scienze A.S. 2013-2014 Istituto S. Giuliana Falconieri Classe IIIB Liceo Linguistico-Europeo Le trasformazioni fisiche della materia Gli stati fisici della materia I sistemi omogenei ed eterogenei Le sostanze pure ed i miscugli

Dettagli

DENSITA La densità è una grandezza fisica che indica la massa, di una sostanza o di un corpo, contenuta nell unità di volume; è data dal rapporto:

DENSITA La densità è una grandezza fisica che indica la massa, di una sostanza o di un corpo, contenuta nell unità di volume; è data dal rapporto: Richiami di Chimica DENSITA La densità è una grandezza fisica che indica la massa, di una sostanza o di un corpo, contenuta nell unità di volume; è data dal rapporto: d = massa / volume unità di misura

Dettagli

Esperienza 15: taratura. della termocoppia. Laboratorio di Fisica 1 (II Modulo) A. Baraldi, M. Riccò. Università di Parma. a.a.

Esperienza 15: taratura. della termocoppia. Laboratorio di Fisica 1 (II Modulo) A. Baraldi, M. Riccò. Università di Parma. a.a. Esperienza 15: taratura Università di Parma della termocoppia a.a. 2011/2012 Laboratorio di Fisica 1 (II Modulo) A. Baraldi, M. Riccò Copyright M.Solzi Obiettivi dell esperienza Scopo dell'esperienza è

Dettagli

OGRAMMA DI CHIMICA 2016

OGRAMMA DI CHIMICA 2016 ISTITUT TO DI ISTRUZIONE SUPERIORE M MARIANO IV D ARBOREA Sede distaccata IPSIA di GHILARZA PRO OGRAMMA DI CHIMICA A.S. 2015-2016 2016 Classe: I sez. A Docenti: Federica Piras, Carmelo Floris PARTE TEORICA

Dettagli

DIARIO DI BORDO DOCENTE PIERA FERRARIO SCUOLA MEDIA STATALE A. DE FERRARIIS GALATONE

DIARIO DI BORDO DOCENTE PIERA FERRARIO SCUOLA MEDIA STATALE A. DE FERRARIIS GALATONE DIARIO DI BORDO DOCENTE PIERA FERRARIO SCUOLA MEDIA STATALE A. DE FERRARIIS GALATONE MISCUGLI E SOLUZIONI La trattazione di questo argomento è avvenuta nell ambito dello studio dell acqua e delle sue proprietà

Dettagli

3. METODI CONDUTTIMETRICI

3. METODI CONDUTTIMETRICI 3. METODI CONDUTTIMETRICI Sono metodi basati sulla misura della conducibilità elettrica delle soluzioni elettrolitiche o delle sue variazioni che si registrano in seguito a reazioni chimiche che modificano

Dettagli

Indice generale. Prefazione

Indice generale. Prefazione 26-10-2009 10:41 Pagina VI Prefazione Ringraziamenti dell Editore Guida alla lettura XIII XV XVII Capitolo 0 Lessico della chimica 1 0.1 La chimica 1 0.1.1 Classificazioni della materia 2 0.1.2 Proprietà

Dettagli

UNITA DIDATTICA P A1.01

UNITA DIDATTICA P A1.01 Titolo: Grandezze fisiche fondamentali e derivate, unità di misura. Conversioni di unità di misura e notazione scientifica. Codice: A1-P-Tec-Gra Campo di indagine della chimica. Il Sistema Internazionale

Dettagli

Programma di CHIMICA E LABORATORIO

Programma di CHIMICA E LABORATORIO Istituto di Istruzione Secondaria Superiore Statale «IIS Via Silvestri 301» Plesso «ALESSANDRO VOLTA» Programma di CHIMICA E LABORATORIO Classe 1 a A Indirizzo ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA Anno Scolastico

Dettagli

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica Corrente elettrica LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Cos è la corrente elettrica? La corrente elettrica è un flusso di elettroni che si spostano dentro un conduttore dal polo negativo verso il polo positivo

Dettagli

Cosa misura il ph: la concentrazione di ioni H +, che si scrive [H + ]. La definizione di ph è: ph = -log 10 [H + ]

Cosa misura il ph: la concentrazione di ioni H +, che si scrive [H + ]. La definizione di ph è: ph = -log 10 [H + ] La molecola d acqua è un dipolo perché l atomo di ossigeno è molto elettronegativo ed attira più vicini a sé gli elettroni di legame. Questo, unito alla forma della molecola, produce un accumulo di carica

Dettagli

CENNI DI ELETTROCHIMICA

CENNI DI ELETTROCHIMICA CENNI DI ELETTROCHIMICA Gli elettrodi a membrana sono elettrodi che permettono la determinazione rapida e selettiva, per potenziometria diretta, di numerosi cationi ed anioni. Il meccanismo di formazione

Dettagli

SCIENZE DEI MATERIALI DENTALI CHIMICA. Programmazione dell'attività didattica

SCIENZE DEI MATERIALI DENTALI CHIMICA. Programmazione dell'attività didattica SCIENZE DEI MATERIALI DENTALI CHIMICA Programmazione dell'attività didattica SCIENZE DEI MATERIALI DENTALI CLASSE III Finalità dell insegnamento Nel 3 anno il corso si pone le seguenti finalità generali:

Dettagli

Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso

Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso SAGGI ANALITICI SU ALIMENTI CONTENENTI CARBOIDRATI OBIETTIVI Fase 1: Dimostrare, mediante l uso del distillato di Fehling, se

Dettagli

Indice. 1 La materia e la sua struttura. 2 La radioattività ed i processi nucleari

Indice. 1 La materia e la sua struttura. 2 La radioattività ed i processi nucleari Indice PREFAZIONE ALLA SECONDA EDIZIONE XIII 1 La materia e la sua struttura 1.1. Le particelle fondamentali e la struttura dell atomo 2 1.2. Il numero atomico, il numero di massa, i nuclidi e gli isotopi

Dettagli

Universita Degli Studi Di Roma La Sapienza Corso di Laurea Magistrale in Scienze e Tecnologie per la conservazione dei Beni Culturali A.A.

Universita Degli Studi Di Roma La Sapienza Corso di Laurea Magistrale in Scienze e Tecnologie per la conservazione dei Beni Culturali A.A. Universita Degli Studi Di Roma La Sapienza Corso di Laurea Magistrale in Scienze e Tecnologie per la conservazione dei Beni Culturali A.A. 2011-2012 Esame di: Laboratorio di Chimica del Restauro PhD M.P.

Dettagli

Concetti fondamentali su acidità e basicità delle soluzioni acquose

Concetti fondamentali su acidità e basicità delle soluzioni acquose Concetti fondamentali su acidità e basicità delle soluzioni acquose Le molecole H 2 O dell acqua liquida pura possono andare incontro a dissociazione. Il processo può essere descritto come una reazione

Dettagli

6d. EQUILIBRI IONICI IN SOLUZIONE II: EQUILIBRI ACIDO-BASE parte seconda

6d. EQUILIBRI IONICI IN SOLUZIONE II: EQUILIBRI ACIDO-BASE parte seconda 6d. EQUILIBRI IONICI IN SOLUZIONE II: EQUILIBRI ACIDO-BASE parte seconda Autoionizzazione (o autoprotolisi) dell acqua. Prodotto ionico dell acqua M = mol/l AA1011 IN L6d p1! AA1011 IN L6d p2! NB: se si

Dettagli

SINTESI C5. L acqua e le sue proprietà

SINTESI C5. L acqua e le sue proprietà L origine dell acqua sulla Terra L acqua è una sostanza indispensabile per la vita sul nostro pianeta e gli studiosi si sono da tempo interrogati su quale sia la sua origine. ggi, grazie allo studio delle

Dettagli

Miscela omogenea monofasica i cui costituenti non è possibile separare meccanicamente

Miscela omogenea monofasica i cui costituenti non è possibile separare meccanicamente Miscela omogenea monofasica i cui costituenti non è possibile separare meccanicamente Soluzioni Sistema Omogeneo (presenta le stesse proprietà in qualsiasi sua porzione) Monofasico Nella fase omogenea

Dettagli

4001 Trans-esterificazione dell olio di ricino a estere metilico dell acido ricinoleico

4001 Trans-esterificazione dell olio di ricino a estere metilico dell acido ricinoleico 4001 Trans-esterificazione dell olio di ricino a estere metilico dell acido ricinoleico lio di ricino + MeH NaMe H Me CH 4 (32.0) C 19 H 36 3 (312.5) Classificazione Tipo di reazione e classi di sostanze

Dettagli

18/01/2010. Laboratorio di chimica. Prof. Aurelio Trevisi

18/01/2010. Laboratorio di chimica. Prof. Aurelio Trevisi Laboratorio di chimica Prof. Aurelio Trevisi Corpi formati da due o più tipi di materia, cioè da due o più sostanze, formano i miscugli. Un miscuglio è omogeneo quando le sostanze che lo formano, cioè

Dettagli

a 25 C da cui si ricava che:

a 25 C da cui si ricava che: Equilibrio di autoionizzazione dell acqua Come già osservato l acqua presenta caratteristiche anfotere, potendosi comportare tanto da acido (con una sostanza meno acida che si comporta da base) quanto

Dettagli

TITOLAZIONI ACIDO-BASE.

TITOLAZIONI ACIDO-BASE. TITOLAZIONI ACIDO-BASE. La titolazione è una operazione di laboratorio che permette di determinare la concentrazione incognita (o titolo, da cui titolazione) di una specie chimica (chiamata analita) in

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

P.D 4 Acqua come solvente P.D 4A Miscugli e separazione di miscugli Esempio di percorso

P.D 4 Acqua come solvente P.D 4A Miscugli e separazione di miscugli Esempio di percorso P.D 4 Acqua come solvente P.D 4A Miscugli e separazione di miscugli Esempio di percorso Scuola primaria e secondaria di primo grado Attività iniziali Il lavoro, organizzato a gruppi, può prendere avvio

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO LEONARDO da VINCI REGGIO CALABRIA PROGRAMMA DI SCIENZE NATURALI CLASSE 2 a SEZ. Q A.S. 2012/2013

LICEO SCIENTIFICO LEONARDO da VINCI REGGIO CALABRIA PROGRAMMA DI SCIENZE NATURALI CLASSE 2 a SEZ. Q A.S. 2012/2013 LICEO SCIENTIFICO LEONARDO da VINCI REGGIO CALABRIA PROGRAMMA DI SCIENZE NATURALI CLASSE 2 a SEZ. Q A.S. 2012/2013 CHIMICA NUCLEO FONDANTE A : MISURE E GRANDEZZE TRASFORMAZIONI CHIMICO-FISICHE DELLA MATERIA

Dettagli

PIANO DI STUDIO DELLA DISCIPLINA

PIANO DI STUDIO DELLA DISCIPLINA Modulo Gestione Qualità UNI EN ISO 9001 : 2008 Tel. 0331635718 fax 0331679586 info@isisfacchinetti.it www.isisfacchinetti.it PIANO STUDIO DELLA DISCIPLINA PIANO DI STUDIO DELLA DISCIPLINA Chimica Analitica

Dettagli

GUIDA AL LABORATORIO DI CHIMICA

GUIDA AL LABORATORIO DI CHIMICA GUIDA AL LABORATORIO DI CHIMICA 1. LE ATTREZZATURE a. Gli immobili Il laboratorio è dotato di strutture di base fondamentali, come i banconi e la cappa aspirante. I banconi la cui superficie è in materiale

Dettagli

LA CHIMICA DEGLI ALIMENTI

LA CHIMICA DEGLI ALIMENTI Sommario LA CHIMICA DEGLI ALIMENTI LA CHIMICA DEGLI ALIMENTI... 1 RICERCA DELLA VITAMINA C... 2 Metodo Qualitativo... 2 Metodo Quantitativo... 2 RICERCA DEGLI ZUCCHERI... 5 Metodo Qualitativo... 5 Metodo

Dettagli

Tipi di reazioni. Reazioni chimiche. Di dissociazione. Di sintesi. Di semplice scambio. Di doppio scambio. Reazioni complesse

Tipi di reazioni. Reazioni chimiche. Di dissociazione. Di sintesi. Di semplice scambio. Di doppio scambio. Reazioni complesse Tipi di reazioni Le reazioni chimiche vengono tradizionalmente classificate a seconda del tipo di trasformazione subita dai reagenti: Reazioni chimiche possono essere Di dissociazione Una sostanza subisce

Dettagli

P ARAMETRI FISICI, CHIMICI E CHIMICO-FISICI

P ARAMETRI FISICI, CHIMICI E CHIMICO-FISICI 2060. ph Introduzione Il ph di una soluzione è definito dalla relazione: dove a H+ è l attività degli ioni idrogeno. Nel metodo elettrochimico proposto il valore del ph viene ricavato dalla misura della

Dettagli

MPT Capitolo 12 Redox. Le ossidoriduzioni. Obiettivo. Definizioni di ossidazione e di riduzione

MPT Capitolo 12 Redox. Le ossidoriduzioni. Obiettivo. Definizioni di ossidazione e di riduzione 1 Le ossidoriduzioni Obiettivo In questo capitolo svilupperemo i concetti fondamentali delle reazioni di ossido-riduzione. Si tratta di conoscenze fondamentali sia per la vita comune, sia, per molti di

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

Determinazione del pka per un acido moderatamente debole per via potenziometrica C.Tavagnacco - versione 02.02.05

Determinazione del pka per un acido moderatamente debole per via potenziometrica C.Tavagnacco - versione 02.02.05 Determinazione del pka per un acido moderatamente debole per via potenziometrica C.Tavagnacco - versione 02.02.05 Dall equazione di Henderson-Hasselbalch (H-H), ph = pka + log ([A - ]/[HA]) si ricava che

Dettagli

DAI MISCUGLI ALLE SOSTANZE PURE

DAI MISCUGLI ALLE SOSTANZE PURE Come si presenta la materia? DAI MISCUGLI ALLE SOSTANZE PURE Il criterio per distinguere i materiali è la presenza di una o più FASI porzioni di materia fisicamente distinte tra loro delimitate da nette

Dettagli

Biosensori Sensori Chimici. nicola.carbonaro@centropiaggio.unipi.it

Biosensori Sensori Chimici. nicola.carbonaro@centropiaggio.unipi.it Biosensori Sensori Chimici nicola.carbonaro@centropiaggio.unipi.it Principali applicazioni dei Sensori chimici Ruolo fondamentale degli ioni nella maggior parte dei processi biologici Sensori elettrochimici

Dettagli

Programma svolto nell a.s

Programma svolto nell a.s ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE VIA SILVESTRI, 301 ROMA Sez. associata: I.T.C.G. "Alberto Ceccherelli" - Via di Bravetta, 383 Materia: Scienze Integrate - CHIMICA Docente: De Rosa Giovanna Classe: I Sez.:

Dettagli

Le proprietà periodiche degli elementi LA LEZIONE

Le proprietà periodiche degli elementi LA LEZIONE Le proprietà periodiche degli elementi LA LEZIONE Le proprietà degli elementi mostrano delle tendenze che possono essere predette usando il sistema periodico ed essere spiegate e comprese analizzando la

Dettagli

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3.

1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Atomi e molecole Ipotesi di Dalton (primi dell 800) 1. Un elemento Ä formato da particelle indivisibili chiamate atomi. 2. Gli atomi di uno specifico elemento hanno proprietå identiche. 3. Gli atomi dei

Dettagli

Liquidi, Solidi e Forze Intermolecolari

Liquidi, Solidi e Forze Intermolecolari Liquidi, Solidi e Forze Intermolecolari Distanze tra molecole Stati Fisici (Fase) Comportamento atipico La maggiore differenza tra liquidi e solidi consiste nella libertà di movimento delle loro molecole

Dettagli

OSSIDORIDUZIONI N H H. H ammoniaca. acido nitroso N = + 3. acido nitrico N = + 5

OSSIDORIDUZIONI N H H. H ammoniaca. acido nitroso N = + 3. acido nitrico N = + 5 OSSIDORIDUZIONI Le reazioni acido-base sono quelle in cui viene scambiato, fra due specie reagenti, un H. Come si è visto, esistono casi di reazioni acido-base in cui ciò non avviene (definizione di Lewis),

Dettagli

Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado

Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado Progetto OSSERVO E MISURO.L ACQUA Per scuola sec di 1 grado e biennio di scuola sec. di 2 grado ECOLOGIA A MIRABILANDIA Gli organismi delle comunità di un ambiente naturale non vivono isolati. Ciascuno

Dettagli

Scritto Chimica generale 13.02.2012 Gruppo A

Scritto Chimica generale 13.02.2012 Gruppo A Scritto Chimica generale 13.02.2012 Gruppo A 1. Calcolare il ph di una soluzione ottenuta mescolando 12.0 ml di una soluzione 1.00 M di nitrato di calcio, 150 ml di una soluzione 1.00 M di acido cloridrico,

Dettagli

Prova in itinere di Chimica Generale 1 Giugno 2011

Prova in itinere di Chimica Generale 1 Giugno 2011 Prova in itinere di Chimica Generale 1 Giugno 2011 A COGNOME NOME. MATRICOLA 1 2 3 4 5 6 7 8 Indicazioni per lo svolgimento del compito. Scrivete il vostro Nome e Cognome in STAMPATELLO su ciascuno di

Dettagli

Trasformazioni materia

Trasformazioni materia REAZIONI CHIMICHE Trasformazioni materia Trasformazioni fisiche (reversibili) Trasformazioni chimiche (irreversibili) È una trasformazione che non produce nuove sostanze È una trasformazione che produce

Dettagli