Piero Piani. Caccia & sport. Dagli scaffali della Libreria Naturalistica di Bologna

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piero Piani. Caccia & sport. Dagli scaffali della Libreria Naturalistica di Bologna"

Transcript

1 Piero Piani Caccia & sport Dagli scaffali della Libreria Naturalistica di Bologna

2 Piani e ripiani n 3

3 Piero Piani Caccia e... (numerosi) altri sport Bologna, 2001 Edizioni Libreria Naturalistica - I -

4 - II -

5 Agli amici cacciatori Impresa ardua per un protezionista convinto come io sono, da sempre, mettere il naso in argomenti delicati come caccia, cacciatori, animali, territorio, eccetera. Ne sono però obbligato dall essere, anche, il padrone di casa sia nel senso commerciale della libreria che in quello (invero un pò esagerato) di autore di questo libretto. Leggerete, spero, quanto e ben più propriamente i clienti/amici Gasser e Ginocchi, aderendo cortesemente ad un mio invito, hanno da dirci sull argomento. Entrambi cacciatori praticanti: il primo é un noto storico della caccia, sudtirolese, autore di testi importanti ed il secondo un altrettanto noto medico milanese, arrivato ad occuparsi della sola beccaccia dopo esperienze venatorie di ogni tipo, compresa la caccia grossa africana (in altri tempi). Non mi esimerò certamente dall esprimere il mio punto di vista che, oggi é, al Abbandonate da tempo tutte (ma proprio tutte, tutte) le massimalistiche e granitiche certezze e rimanendo la wilderness una splendida utopia, (utopica, appunto) praticabile ovviamente ed unicamente in territori non antropizzati, quasi inesistenti nel nostro Bel Paese, non mi rimase che accettare la via del compromesso, della fruizione del territorio da parte di tutti, senza prevaricazioni unilaterali. Mi rimane tuttora eticamente inaccettabile concepire come sia possibile che un bene indisponibile di tutti noi possa essere a disposizione di qualcuno in certi periodi dell anno e ciò semplicemente pagando una tassa; nulla da eccepire, nulla eccependo sul diritto alla proprietà, sull uso del territorio privato come riserve di caccia aut similia. Così come non capisco come sia possibile accettare il fatto (abnorme in altre culture giuridiche) che poche semplicemente perché in possesso di un fucile (e relativa licenza). Detto questo, nulla ho contro la caccia esercitata come sport, hobby o passatempo ma sempre come attività controllata di prelievo. Gli anni passati in continui, giornalieri, identici, con naturalisti) mi hanno convinto al di là di ogni ragionevole dubbio che non vi é alcuna differenza fondamentale sul piano ideale tra i due mondi nonostante l apparente odio, disistima e contrapposizione: in estrema sintesi entrambi auspicano (sognano?) un territorio sano ed una caccia pulita e compatibile. Certo che basta girare un pò per l Europa per capire come il rapporto uomo e protezionisti isterici o complessatissimi, pesticidi ed inquinamento ambientale sono patrimonio negativo e comune di tutte le civiltà moderne, chi più (noi italiani di solito, ma non sempre) chi meno. Nelle pagine dei libri (nella gran parte, almeno) che troverete qui, vi sono momenti di autentica poesia, di amore per animali ed ambienti; vi si raccontano non solamente avventure, gite, amicizie, stupendi rapporti con cani e cose simili, ma anche atmosfere, sensazioni, umori, odori di bosco, di prato o di valli e la fredda nebbia dei mattini invernali raramente un buon trattato di etologia saprà raccontarvi meglio di questi libri come vivono e si comportano alcune specie di animali, oggetto di caccia. - III -

6 Sui libri beccacciai Non é facile immaginare che un solo uccello migratore abbia attirato l attenzione di tante persone, cacciatori e non, stimolando capacità creative letterarie e pittoriche, di cui A partire dai primi anni dell 800 si trovano diffuse notizie sulla beccaccia nei trattati sulla natura e più particolarmente su quelli di ornitologia generale, ma esistono già numerose pubblicazioni dedicate esclusivamente alla Regina del bosco, con notizie su particolari anatomici, sulle abitudini di vita, sui vari modi di caccia e riferimenti ad armi, cartucce, vestiario e cani specialisti in questa caccia. Molti di questi libri sono quasi introvabili nelle edizioni originali, ma in tempi recenti parecchi sono stati ristampati e con particolare cura, da vari piccoli editori francesi; fra questi é importante il volume di Polet de Faveau Suarsuksiorpok ou le chasseur à la bécasse, edito simultaneamente, nel 1862, a Parigi e Bruxelles, e di cui nel 1907, caso unico riconoscibile (vedi Thiébaud). La libreria parigina Lemasle che doveva smerciare questa contraffazione, si rese ben presto conto di non poterla spacciare per l originale e decise di far stampare, a suo nome, una copertina e un titolo diversi, per poterla immettere sul mercato; di qui la rarità anche del falso.nel 1869, invece, venne presentata una ristampa, uguale alla prima come testo, ma diversa nel titolo perché l editore Goin si era reso conto che nuoceva il cacciatore di beccacce. Sempre su questo libro é interessante ricordare che nel 1960 Raffaele ed Ettore Garavini diedero alle stampe, fungendo anche da editori, una traduzione stampata in mille esemplari e nonostante questa pubblicazione sia piuttosto recente pure compare raramente sul mercato. Un altro testo classico, edito nel 1884, é quello di Paul Raveilhac, Bécasse, pregevolmente illustrato da Jules Haro. Molto rara anche l edizione originale Pour chasser la bécasse, scritto da G. Duwarnet e pubblicato nel 1874 a Parigi, dall editore Goin. Questi testi sono stati ristampati, nel 1974 in Francia, nella collana dei Maitres bécassiers, composta da sette volumi, ma anche queste edizioni moderne, in esemplari singoli esemplari si possono acquistare, talora, nelle librerie specializzate. Ancora in Francia, nel 1954, La bécasse a la croule di Maurice Nicolas, edito in 5000 esemplari numerati, con illustrazioni a colori molto belle di Paul Marcuyez; questo volume é tuttora abbastanza reperibile mentre, scritto da Maurice de la Fuye in collaborazione nell edizione originale. Un altro prezioso libro é 100 bécasses scritto da Edouard Demole nel 1934, tirato in mille esemplari numerati ed anch esso é, oggi, praticamente introvabile. Esistono altri lavori di Autori d Oltralpe, e di inglesi e tedeschi, molto pregevoli e tutti ormai molto rare nelle edizioni originali; fra quelle più recenti non si può però dimenticare l opera monumentale del giornalista francese Fraguglione, dal titolo La bécasse des bois, In Italia é considerato un classico La beccaccia di Ettore Garavini, pubblicato da Diana nel 1938 ed in questa prima edizione non facile da trovarsi. Molto noto anche, sempre del Garavini, Beccacce e beccacciai. Molto rara é invece, l opera di Pietro Geronzi, La beccaccia, apparsa nel IV -

7 meno numerosi, ma interessanti e fra i rari va ancora ricordato Note e osservazioni sulla beccaccia di Roberto Durante, edito nel Gli Autori italiani attuali sono il Prof. Spanò per Il punto sulla beccaccia, Vincenzo Celano per Il libro sulla beccaccia e Il nuovo libro sulla beccaccia e Matteo Califano per Beccaccia, tutti pubblicati dall Editoriale Olimpia. woodcock, opera di Colin Laurie Mckelvie, con eccezionali illustrazioni del pittore Richard Robient, stampato in 300 copie numerate. Più recentemente la produzione libraria, specialmente in Francia, si é molto arricchita e l ultimo volume pubblicato é di Claude Talineau, Bécasses de rève, illustrato da uno dei più bravi pittori animalisti: Dominique Pizon. Un cenno anche alle riviste dedicate esclusivamente alla beccaccia, edite da associazioni venatorie, che vengono pubblicate in Francia e in Italia il cui compito dovrebbe essere oltre a quello informativo, di operare per la protezione della specie che é oggi minacciata da molti pericoli, oltre che dall attività venatoria, soprattutto da certe forme di caccia sconsiderata e distruttiva come quella dell aspetto, purtroppo in auge presso molti sconsiderati pseudocacciatori. Mancano da questo modesto elenco opere importanti di altri validi Autori che meriterebbero menzione, ma lo scopo di queste note é niente più che far conoscere la possibilità di mettere insieme una vera biblioteca, in molte lingue diverse. Il vero suarsuksiorpok non é quello che ne ammazza di più, ma colui che, conoscendo di più, capisce bene il perché di quelle famose parole di Pierre Malbec : Cacciare il più possibile, uccidendo il meno possibile. Giorgio Ginocchi - V -

8 volant. Scripta manent, verba Anni fa rispondendo alla domanda di un editore che chiedeva come mai il libro di caccia non si vende così bene, ho detto che il cacciatore non legge, ed oggi aggiungerei: ma spara. Accogliendo il gradito invito a scrivere un contributo per il presente catalogo verità molto più profonde, e ripercorrere brevemente le tappe di un connubio secolare tanto gradevole quanto oscillante. Il libro, o per meglio dire la scrittura, è nel più intimo della essenza una cosa estranea alla caccia (LINDNER 1955, LINDNER 1978). Questa affermazione non ha nulla di offendente. Al contrario, è un fatto elementare derivante dalle antichissime radici dell attività venatoria, più remote di qualsiasi testimonianza scritta, e ancora di più dall impronta strettamente attiva, quasi artigianale della venatio. Questa parola non vuole interpretare la caccia come mestiere, bensì come arte che si estrinseca nell azione, arte legata all abilità del corpo, alla manualità del fare, ma anche all ingegno, permeato dal sapere pratico. E questa - in parte - la profonda saggezza del detto calabrese che la caccia l ha inventata uno zoppo. Il sapere essenzialmente pratico non abbisognava di una documentazione materiale del suo ricco patrimonio di esperienze, poichè la sua trasmissione avveniva esclusivamente e in modo esauriente attraverso la tradizione orale e l apprendimento pratico. Se in seguito parleremo di letteratura venatoria va intesa soprattutto la sua forma didattica che ci dà un quadro dettagliato di questo sapere concreto (C. Levi-Strauss). Ripercorrendo la storia della letteratura venatoria italiana si spiega quindi che le prime testimonianze scritte riportino solo quello che non apparteneva al sapere quotidiano di chi cacciava, cioè nozioni specialistiche sul trattamento dei fedeli aiutanti del cacciatore alla seconda metà del X sec. d.c., vediamo la medicina veterinaria come principale punto di riferimento. La stragrande maggioranza dei testi del primo medioevo che oggi conosciamo riguardano la falconeria e soprattutto la cura degli uccelli malati. Questa situazione rimane in duplice senso singolare dell imperatore Federico II di Svevia, il famoso De arte venandi cum avibus, nonchè di alcuni tentativi senza successo durevole, come il De arte bersandi di Guicenna, si deve arrivare al XIV sec. per trovare i primi impulsi decisivi per la nascita di una letteratura venatoria in Europa, originale e al contempo autonoma da esempi antichi (LINDNER 1955, LINDNER 1968). E in quest epoca che si impone la lingua vernacolare suggellando in del XIV sec. Questo passaggio al vernacolo si delineò in due modi diversi: dapprima con la semplice traduzione di alcuni testi latini (seconda metà del XII sec.) o attraverso opere compilatorie che riassumono esempi antichi, dopodichè con la nascita di testi originali nel secondo quarto del XIV sec. (VAN DEN ABEELE 1996). In questo contesto è l Italia che può vantare la supremazia in campo letterario, avendo prodotto quasi tutti i testi parzialmente o interamente originali sulla falconeria (VAN DEN ABEELE 1996). Q u e s t o che la letteratura europea sulla falconeria non si basa esclusivamente su contatti col mondo arabo avvenuti intorno al periodo delle crociate, ma che a livello nazionale rivela tratti completamente autonomi. E stata però la Francia ad aver profondamente segnato l immagine che abbiamo della letteratura venatoria europea a partire dai due più famosi libri di caccia del medioevo Les Livres du roy Modus et de la reine Ratio di Henry de Ferrières (1354/77) e Le Livre de la Chasse (LINDNER 1968). - VI -

9 A questo punto è doveroso aprire una breve parentesi per approfondire un altro aspetto peculiare del rapporto tra caccia e libro. Coll arrogazione da parte dei sovrani dei diritti di caccia trasformandoli in règalie a partire dal XI sec. la caccia da bene comune diventa man mano privilegio di pochi. Benchè la selvaggina ormai già da secoli ricopriva solo un ruolo assolutamente marginale nell alimentazione quotidiana, col consolidamento elemento caratterizzante di una èlite. La prestigiosità della caccia nel medioevo trova la sua massima espressione anche nella cultura materiale sfoggiando tutto lo sfarzo possibile. anche e soprattutto per quanto riguarda elementi intrinseci (contenuto). Laddove la caccia in base allo sviluppo giuridico non assunse forme feudali, anche la rispettiva letteratura esempio è il mondo scandinavo, dove la marcata connotazione popolare della ricca tradizione del novecento. Lo stesso vale per la Svizzera, dove per motivi simili le prime testimonianze librarie proprie in campo venatorio datano non prima degli anni trenta dell ottocento (LINDNER 1968). Poco si discosta da ciò la situazione in molti paesi dell Est. Per ritornare all ambito italiano si può ribadire che la letteratura venatoria nazionale inizialmente registra l assoluta predominanza di testi sulla falconeria. L impressione che in campo venatorio oltre a ciò non sia stata prodotta una letteratura didattica vera e propria, trattati o manuali che siano, viene smentita sinora soltanto in epoche molto più recenti. L Italia rimane purtroppo tutt ora una zona d ombra. Le liete e gradite sorprese degli ultimi decenni non fanno che ricordare dolorosamente le gravi lacune nel campo della - sulla storia venatoria sono strettamente legati all attività di singoli personaggi. Resterebbe inspiegabile se no il fatto che di testi importanti come il Liber accipitrum di Grimaldus (XI sec.), il Liber falconum di Archibernardus (XIII sec.) o il Magister Aucupatoris di Andrea come la riscoperta, pubblicata nel 1986, di un rarissimo incunabolo veronese sulla falconeria, Il libro de governar Astori et Spalvieri di Iacomello Veturi Trugurino (23 giugno 1491). aspettano ancora di essere recuperate, come l Agricoltura Sperimentale di Agostino Del Riccio ( ) col capitolo Dei boschetti da tordi e da spasso, la ponderosa prima parte del libro sulla caccia di Vincenzo Tanara (intorno al 1650), la Guida pratica ossia di Giovanni Felice Villavecchia (1680/93), le Utili osservazioni per uccellare si al vischio come alla rete: con il modo di curare, mantenere, salvare e conoscere ogni e qualunque sorte d uccello veronese di Stefano da Brolo Berzacola, Uccellande e Uccellatori. Chiaramente si tratta di una situazione soggetta a cambiamenti a secondo dello stato delle ricerche - storiche, Non dimentichiamo inoltre l aspetto fondamentale che il libro come testimonianza riveste in un mondo che stà cambiando a ritmi crescenti. Diventa quindi essenziale la documentazione di ciò che scompare, anche oggi sotto i nostri occhi. Ricordiamo per esempio nel campo dell uccellagione come gli ultimi di una generazione che praticava ancora questa secolare forma di caccia stanno scomparendo in questi decenni lasciando la ricerca con molte domande senza risposte. Ricordiamo per esempio l esiguità imbarazzante - VII -

10 esti e altri tasselli servono a completare un quadro storico-culturale del mondo venatorio senza però voler suggerire che si voglia tornare indietro nella storia e smentire quello che si é raggiunto. D altra parte resta però il sapore amaro che le pur lodevoli, ma poche e del resto isolate iniziative in Italia, come d altronde anche in altri paesi europei, non lasciano sperare in un impegno duraturo e coscienzioso. interessante tipologia della letteraria venatoria disegnata da K. LINDNER che parte dalla produzione letteraria dell ottocento, distinguendo cinque categorie principali (LINDNER 1968). Il primo gruppo viene costituito da testi didattici o manuali di caccia che trattano tutte le tecniche venatorie o almeno una parte sostanziale. Dagli anni quaranta dell ottocento si sviluppò il secondo genere librario, la letteratura da viaggio di contenuto venatorio. opere attraverso le quali si può seguire chiaramente come l ottica venatoria si volge a quella odierna faunistico-biologica. Nel novecento và ad incrementarsi notevolmente il quarto tipo, i racconti di caccia, interessanti soprattutto quali espressione di un nuovo rapporto, di un nuovo sentimento tra uomo e animale. L ultima e più recente categoria riguarda la letteratura occupazione principale di chi scrive, mi sia permesso di soffermarmi con qualche pensiero, monito e simile. Le nostre conoscenze sulla storia della caccia si basano principalmente sulle testimonianze materiali e in primo luogo sugli scritti. Abbiamo già accennato come i testi venatori siano prodotti - e in senso lato - specchio del loro tempo. Come tali ricoprono un importanza fondamentale per la ricostruzione di un quadro storico soggetto a cambiamenti sempre più repentini. Il lavoro col testo è quindi una delle principali premesse per ricerche e studi storici, economici, sociali, tecnologici ecc. Rimanendo nell ambito storico pare ovvio ed essenziale l edizione di testi dei quali molti non sono ancora stati pubblicati. In essi sono di conoscere il mondo naturale mediante l osservazione diretta (B. ANDREOLLI). Non a caso per lungo tempo la descrizione del comportamento animale è molto più dettagliata nei testi di caccia che nella maggior parte degli altri generi letterari. Questo fatto si rispecchia anche nella terminologia venatoria la quale approfondito ma al nostro scopo basta ciò per sottolineare come una buona conoscenza della peggio. Per non entrare nel merito, basti qualche esempio di carattere formale ad illustrare il detto, a partire da uno dei nomi prestigiosi della letteratura venatoria italiana. Senza A. CERESOLI non si può soprassedere al grandissimo numero di errori e imperfezioni di quest opera che vanno ben (CERESOLI 1969). Esempio classico sono i plagi di cui i libri di caccia sono pieni, un fenomeno comune a tutte le epoche e a tutti i paesi. Giova ricordare qualche titolo tra i più noti partendo da uno dei testi più importanti del tardo medioevo quale il Ruralia commoda di Pietro dé Crescenzi, bolognese, redatto intorno al 1305 e stampato per la prima volta il 16 febbraio 1471 ad Augusta da Johann Schüssler. Alle tantissime redazioni manoscritte vanno quindi ad aggiungersi innumerevoli edizioni a stampa in varie lingue. Tra i vari copiatori del Crescenzi notiamo Lazaro Grandi col suo Alfabeto di secreti medicinali, Et altri curiosi, e dilettevoli d ogni materia, con l Arte facile d Vccellare, e Pescare, manualetto altrettanto fortunato viste le numerose edizioni, e Giacomo Pacifresio col suo Theatro della Caccia, E Trattenimento Geniale della Villa (1 a ed. 1669, 2 a 1673), che di originale purtroppo ha - VIII -

11 solo le interessanti tavole. Famosissimo il plagio sfacciato che Giovanni Pietro Olina fece con la sua Uccelliera (1 a ed. 1622, 2 a 1684) dell opera di Antonio Valli, Il canto de gl augelli, 1601, cosa architettata non dall Olina, ma dal suo padrone Cassiano dal Pozzo, come risulta da recenti studi. Neanche Eugenio Raimondi, grande compilatore dell inizio seicento, seppe resistere, copiando a sua volta nella seconda edizione de (1 a ed. 1621, 2 a 1626) immagini e testi dell Olina nonchè tavole di Jan Van Der Straet detto Giovanni Stradano. Per non parlare degli altri testi usati dal Raimondi. A prescindere dall originalità o meno di queste opere, cosa da non approfondire in originario ha prodotto a sua volta. Poche informazioni abbiamo in merito. Come uno degli esempi più singolari possiamo citare le macchinose invenzioni di Giuseppe Maria Mitelli ne La Caccia Giocosa, 1684, con i brai o Kloben automatici, completamente estranei al mondo italiano. Mitelli venne tradotto in tedesco nel 1704 e dal 1720 vide sette edizioni come appendice alla Angenehme Land-Lust Schnellkloben riprodotto nel Handbuch der Jagdwissenschaften, 1801, di Johann Matthäus Bechstein, è sicuramente da ricondurre ai suggerimenti di Mitelli, ma di certo più funzionale. Ritornando alle nostre osservazioni iniziali si potrà obiettare a tutto ciò che è il risultato che conta. Il verro non si abbatte con le parole. C è da chiedersi allora se non manchiamo di coerenza verso la nostra storia. Come può colui che trascura, dimentica o smentisce le proprie radici prendere coscienza, rendersi conto del proprio operato, orientarsi, farsi valere? Non è questo uno dei motivi per quel lieve senso di insicurezza quando cerchiamo di dare una risposta alla domanda cruciale perchè cacciamo? Anche qui uno sguardo un pò approfondito, con animo sereno, sulla produzione libraria italiana degli ultimi decenni è assai rivelatore. In una società che si è progressivamente allontanata dalla natura nasce spontanea la domanda se la caccia vista attualmente come attività controllata di prelievo ha bisogno di quale libro. Viviamo oggi in un epoca dove il cacciatore apprende sempre di più attraverso i libri. Questo sviluppo è andato ad accentuarsi soprattutto a partire dall introduzione dell esame di abilitazione alla caccia. D altra parte notiamo che il cacciatore si esprime anche sempre di più attraverso lineano la frammentazione della ricerca in questo campo, possiamo rilevare due baricentri: il libro di impostazione faunistico-biologica e la narrativa venatoria. Si tratta in fondo di L adozione di nuovi modelli venatori e standard ecologico-giuridici per una razionale gestione faunistica del territorio è stata comunque un passo necessario nella direzione giusta. D altro canto il modello venatorio d impronta internazionale ha portato ad una rottura netta con i tradizionali modelli antropologico-culturali. Come di massima estrapolato dal mondo pratico della caccia, da questo microcosmo permeato dal sapere pratico e dall azione diretta. Da allora il libro ha vissuto una rivalutazione come veicolo di informazioni ribaltando la situazione e diventando supporto primario per l apprendimento e l istruzione. Con cinismo riduttivo si potrebbe dire che oggi il cacciatore impara la natura a tavolino. Allo stesso tempo si registra un revival della narrativa venatoria, ormai ampiamente integrato da una categoria scrittoria consimile, il giornalismo venatorio. Entrambi sembrano quasi voler fungere da contrappeso alla sobrietà del mondo della scienza, ma anche da inconscio tentativo di risposta ad una latente crisi di identità del cacciatore nella società moderna, dove un crescente dissenso nei confronti della caccia comprimere la vitalità di un intramontabile passione tra due copertine. Per adesso notiamo - IX -

12 o la cieca forza dell effettività al posto di argomenti, o certi inutili sentimentalismi che invanamente cercano di recuperare qualchecosa che si sà di aver perso, senza sapere cosa. Ricordiamoci allora che il linguaggio materiale della caccia è fondalmente esiguo, per non usare la parola povero. Mentre le espressioni materiali sono numerosissime, le categorie strumentali o tecnologiche sono molto ridotte, limitate all essenziale. Il successo della caccia dipende o dipendeva invece da un complesso patrimonio di conoscenze, esperienze e facoltà, risultante da un rapporto tra uomo e mondo animale certamente molto particolare, ma d altra parte assai più intimo e personale, che dura per tutta una vita. Il progresso tecnologico ha cambiato radicalmente questo rapporto e la crescente supremazia tecnologica ha avuto come effetto una progressiva estraneazione del cacciatore nei confronti dell animale. Più la tecnica si sviluppa, più potere abbiamo sulla selvaggina e più ci allontaniamo da lei. Non in senso spaziale, ma in senso essenziale, perchè non abbiamo più bisogno di una conoscenza dell indole animale. E questo un processo legittimo e irreversibile. Perchè non rimanga anche un grave impoverimento del bagaglio culturale del cacciatore bisognerà trovare una detto che oramai abbiamo più bisogno di una scienza del cacciatore e meno di una della selvaggina, perchè essa solo potrà mostrare le vie per una convincente presa di posizione della caccia nella moderna società industriale. Anche in questo ambito il libro potrà dare il suo valido contributo come fedele testimone. CERESOLI A[DRIANO], e la cinologia con aggiunte di mammologia, ornitologia, ittiologia ed erpetologia, Bologna LINDNER KURT, Über die europäische Jagdliteratur des 12. bis 15. Jahrhunderts, in Zeitschrift für Jagdwissenschaft 1 (1955), pp LINDNER KURT, Die Jagd im Spiegel ihrer Literatur. Versuch einer Bestimmung ihres geistigen Standorts, [Bonn 1968]. (Beilage zu den Nachrichten des Deutschen Jagdschutz Vereins 1968, 4). LINDNER KURT, Pro captu lectoris... Betrachtungen eines Büchersammlers, Bremen, Wolfenbüttel (Wolfenbütteler Hefte, 5). MARTINS JOSÉ DE PINA, Note su libri cinegetici italiani e francesi dei secoli XV e XVI, Roma SCHWERDT C[ARL] F[RANZ] G[EORG] R[ICHARD], Hunting, Hawking, Shooting illustrated in a catalogue of books, manuscripts, prints and drawings. 4 vol. Londra VAN DEN ABEELE BAUDOUIN, La littérature cynégétique, Turnhout (Typologie des sources du Moyen Age occidental, 75). VOTH DIETER, Zur Entwicklung der deutschen Jagdliteratur. Ein literaturhistorischer Entwurf, in Librarium 38 (1995), pp X -

13 Armi da caccia 1. - Concours international d armes de chasse a Paris organisé par le journal l acclimatation. dorso). (! 77,47) Armi Beretta. Produzione (! 20,66) Dante Toschi & C. Succ. Bologna. Listino prezzi. (Cartucce). (! 12,91) L Alcedo. (! 38,73) Shooter s Bible n 57. (! 23,24) The Shooter s Bible n 51. (! 23,24) A. Fusi, Milano. Armi munizioni velocipedi. Catalogo n 34. (! 87,8) Armi Tonolini G. Brescia - Listino illustrato. - (! 77,47) CADIOU Yves - RICHARD Alphonse - Armi da fuoco. (! 25,82) Manufacture française d armes et cycles. St. Etienne - Armes de chasse et de tir. (! 129,11) (MASOERO Emanuele) - delle armi 4. (! 25,82) (MASOERO Emanuele) - delle armi 5. (! 25,82) (MASOERO Emanuele) - delle armi 6. (! 25,82) MORIN Marco - HELD Robert - Beretta. La dinastia industriale più antica del mondo. The world s oldest industrial dynasty. (! 61,97)

14 15. Sivar - (Vedi ill. a pag. 1) (! 77,47) Soc. Manufact. d Armes. St. Etienne - Catalogue général. Macon, 1900 c.a, 8 br. cop. (! 61,97) Balistica, tiro Gara di tiro al piattello. (! 12,91) AMICI Gino - Come riuscire nel tiro di imbracciata. Fi- (! 38,73) BENASSI Giorgio - I pallini da caccia. Requisiti. Sistemi di fabbricazione. Numerazione. Scelta per caccia e tiro a volo. Caricamento. (! 41,32) BROWN Pete - Guns and hunting. (! 10,33) CARY Lucian - Guns & shooting. (! 12,91) Circolo della Caccia di Bologna. Sezione tiro al volo. Statuto e regolamento dei tiri. (! 12,91) CHURCHILL Robert - Come riuscire nel tiro a volo. (! 25,82) CORSI Giannetto - Il fucile personale e le cartucce appro- (! 23,24) DELACHET André - TAILLE Jean - La balistique. (! 20,66) FILIPPI Giulio - Le armi da caccia a canna rigata. (! 20,66) n FRANCESCHINI Renato - Il cacciatore pratico. Il fucile (Qualità - Struttura - Calibro - Chiusure - Marchi di prova). - Tiro (Teoria e pratica sul tiro a volo - Rosate - Portata). Caricamenti e Polveri. Grande tabella delle dosi medie per tutti i calibri delle principali polveri in uso. Manualetto pratico. 2a edizione corretta. (! 30,99) Giulio Fiocchi. Lecco - Munitions de chasse de tir et de défense. (! 77,47) LE GAUYEUR (Dr. Ménager) - Le fusil de chasse. Paris, - (! 23,24)

15 30. NEGRI Federico - Il fucile da caccia. Armi - Munizioni - Tiro. Seconda edizione. (! 43,9) NOGHERA Alberto - Fucili carabine e polveri da caccia. (! 38,73) NOGHERA Alberto - Tiro a volo. (! 46,48) NOGHERA Alberto - Tiro a volo. Terza edizione notevolmente ampliata. (! 30,99) RASTELLI Giorgio - Il tiro a segno. Il tiro di precisione - Di guerra - Di difesa personale. Prima edizione. (! 30,99) Tiro a segno nazionale - VII gara generale. (Vedi ill. a pag. 2) (! 30,99) VAURESMONT G. de - Le tir. (Fusil, pistolet, revolver, arc). (! 43,9) Curiosità, stampe, ecc. 37. Fucilli - Munizioni Leon Beaux, Milano. Vedi ill. a pag. 51 (! 46,48) Manufacture française d armes et cycles. St. Etienne - Table des matières. (! 15,49) La caccia nel (Vedi le due illustraz. in questa pag.) (! 981,27) Caccia al fagiano. (Vedi ill. a pag. 4) (! 77,47) Chasse au traineau. Fennelle tendue. (! 38,73)

16 42. Cooper A. - Duck shooting. (! 30,99) Anitra salvatica, anitra nera, oca dalla faccia bianca e oca bernacla, pernici grigie o coturnici, beccaccia minore, ecc. (! 154,94) Stampe incise in rame con scene di caccia. Vedi illustrazione qui sotto. (! 335,7) Caccia. (! 30,99) Prof. Lava - Arrigoni degli Oddi. Cà Oddo. (! 30,99) Licenza di caccia Vedi illustrazione qui sotto.(! 82,63) Permesso di Caccia. (! 38,73) Permesso di Caccia. - (! 38,73) Permesso di Porto d Armi e di Caccia. (! 30,99) Permesso di Porto d Armi e di Caccia. - (! 30,99) Ricordo di caccia. - (! 10,33)

17 53. Cartoline postali - Caccia. (! 38,73) Cartoline postali - Caccia. (! 49,06) Cartoline postali - Caccia. (! 12,91) Caccia al cinghiale in Maremma. (! 51,65) Caccia grossa. (! 41,31) BARTOLETTI - Nelle brughiere lombarde oggi teatro di battute di caccia alla volpe, sorgeranno vastissimi frutteti per l esportazione di frutta di lusso in concorrenza col Canadà e la California. 1928, (! 15,49) PISANI Vittorio - Caccia alla sula sulle pareti rocciose a picco sul mare, in Scozia, uccide turisti inglesi in Kenya. (! 10,33) Bandi 60. (In materia d arme) Vedi illustraz. a pag. 6. (! 103,29) Apertura della caccia per tutti i volatili e i quadrupedi. (! 33,57) La caccia col fucile avrà principio dal 1 Agosto p.v. e termine all ultimo giorno di febbraio... Quella invece colle reti, o con qualunque altro mezzo, viene limitata... (! 61,97) Proscrizione delle licenze di Caccia sinora a scarso vantaggio di pochi e a sensibile danno di molti. (! 61,97) Regolamento sulla Caccia agli acquatici e ai Colombacci. (! 129,11) precedente all aperturta della caccia trovano cani liberamente vaganti saranno tenuti a catturarli e allorché ciò non sia possibile ad ucciderli. (! 38,73) Caccia interdetta da marzo a luglio. (! 46,48)

18 67. Disposizioni per le caccie primaverili. (! 38,73) Norme per la caccia e divieto assoluto dell uso del mezzo di aucupio con la rete detta Diluvio. (! 43,9) Guardie Giurate Volontarie. (! 33,57) nelle stesse. Elenco delle valli, ecc. (! 49,06) Calendario venatorio. (! 38,73) Limitazioni e sanzioni sulla caccia ed istruzioni per gli agenti di vigilanza. (! 23,24) Calendario di caccia per specie. (! 77,47) Calendario di caccia per specie. (! 77,47) Calendario di caccia per specie. (! 77,47) Calendario di caccia per specie. (! 77,47) Calendario di caccia per specie. (! 61,97) Chiusura della caccia dal 1 marzo al 1 settembre ad eccezione degli uccelli acquatici pei quali il divieto avrà principio col 1 maggio. (! 61,97) Esercizio della caccie e dell uccellagione per l anno (! 33,57) Caccia nel Vicariato di Belgioioso. (! 77,47) Calendario venatorio. (! 25,82) Norme per gli ispettori sociali nei rapporti con le autorità, cogli agenti della pubblica forza e colle guardie campestri e daziarie. (! 38,73) Sulla variazione del calendario venatorio. (! 20,66)

19 Riviste venatorie Diana. Rivista delle riviste di sport. Caccia. Tiri. Pesca. Cinologia, ecc. (! 15,49) Cinologia. Automobilismo. Ippica, ecc. (! 15,49) (! 36,15) (! 20,66) (! 10,33) (! 61,97) (! 20,66) (! 10,33) armi, balistica, cinologia, pesca, allevamento, zoologia, ippica, automobilismo, aeronautica, yachting, moto-nautica, note d arte, di letteratura, di scienza e di utilità. (! 61,97) armi, balistica, cinologia, pesca, allevamento, zoologia, ippica, automobilismo, aeronautica, yachting, motonautica, note d arte, di letteratura, di scienza e di utilità. (! 10,33) Diana. Rivista mensile illustrata di Caccia e Sport. Scienza ed Arte. (! 61,97) Diana. Rivista mensile illustrata di Caccia e Sport. Scienza ed Arte. (! 36,15) Diana. Rivista mensile illustrata di Caccia e Sport. Scienza ed Arte. (! 10,33) Arte. (! 103,29)

20 98. - Arte. (! 25,82) Diana Venatoria. (! 58,81) Diana Venatoria. (! 30,99) Diana Venatoria. (! 61,97) Diana Venatoria. (! 38,73) Diana Venatoria. (! 61,97) Diana. Rivista del cacciatore. (! 25,82) Diana. Rivista del cacciatore. (! 51,65) Il cacciatore italiano. Rivista settimanale di caccia e pesca. (! 10,33) Il cacciatore italiano. Rivista settimanale di caccia e pesca. (! 36,15) Il cacciatore italiano. Rivista settimanale di caccia e pesca. (! 77,47) Il cacciatore italiano. Rivista settimanale di caccia e pesca. (! 7,75) Il cacciatore italiano. Rivista tecnica settimanale di caccia e pesca. (! 77,47) Il cacciatore italiano. Rivista tecnica settimanale di caccia e pesca. - (! 7,75) Il cacciatore italiano. Rivista tecnica di caccia e pesca. (! 15,49) Il cacciatore italiano. Rivista tecnica di caccia e pesca. (! 38,73) Il cacciatore italiano. Rivista tecnica di caccia e pesca. (! 15,49) Il cacciatore italiano. Rivista tecnica di caccia e pesca. (! 30,99)

R E G I O N E C A L A B R I A

R E G I O N E C A L A B R I A R E G I O N E C A L A B R I A ASSESSORATO AGRICOLTURA FORESTE FORESTAZIONE IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE VISTA la L.R. n 9/96; VISTA la L.R. n 1 del 11/01/2006 che all art. 12 comma 1 modifica la

Dettagli

Allegato B alla deliberazione consiliare n 27 del 29 giugno 2009

Allegato B alla deliberazione consiliare n 27 del 29 giugno 2009 Allegato B alla deliberazione consiliare n 27 del 29 giugno 2009 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEGLI ESAMI PER IL CONSEGUIMENTO DELL ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO VENATORIO PRESSO L AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

L a b c dell addestramento del cane da ferma e da cerca

L a b c dell addestramento del cane da ferma e da cerca L a b c dell addestramento del cane da ferma e da cerca Luca Gamba L A B C DELL ADDESTRAMENTO DEL CANE DA FERMA E DA CERCA riflessioni e ricordi di un addestratore www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

CODICE REGIONALE N AATVNU19

CODICE REGIONALE N AATVNU19 AZIENDA VENATORIA AGRO-TURISTICO- ISALLE/ORRULE CODICE REGIONALE N AATVNU19 REGOLAMENTO ATTIVITA VENATORIA E LISTINO PREZZI ANNO 2011-2012 Art.1 Nell ambito dell Azienda Agro-Turistico-Venatoria Isalle/Orrule,

Dettagli

Senso della storia e azione politica

Senso della storia e azione politica Francesco Rossolillo Senso della storia e azione politica II. La battaglia per la Federazione europea a cura di Giovanni Vigo Società editrice il Mulino Sull inglese come lingua universale La decisione

Dettagli

Amici di Palazzo Reale

Amici di Palazzo Reale Amici di Palazzo Reale 55 56 Umberto e Maria Josè. Ultimi Principi a Palazzo Una mostra per un ritrovato percorso di visita Giulia Piovano L hanno fornito l occasione per riaprire al pubblico le sale del

Dettagli

Mariantò cronaca di una vita!

Mariantò cronaca di una vita! Mariantò cronaca di una vita! Maria Antonietta Di Falco MARIANTÒ CRONACA DI UNA VITA! www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Maria Antonietta Di Falco Tutti i diritti riservati Dedicato alla mia meravigliosa

Dettagli

SUD AFRICA - The Big Five Land

SUD AFRICA - The Big Five Land SUD AFRICA - The Big Five Land Tour con Guida per Famiglie Un viaggio straordinariamente affascinante pensato principalmente per tutti coloro che anche nel periodo dell estate locale non vogliono eseguire

Dettagli

Traduzione di Cecilia Frasca

Traduzione di Cecilia Frasca Riportiamo qui di seguito il testo tradotto dell articolo Les cartouches sans plomb, tratto dal sito www. http://www.oncfs.gouv.fr dell Office National de la Chasse et de la Faune Sauvage, datato 2004.

Dettagli

Un giornale può essere di carattere politico, economico, scientifico, sportivo, di attualità, di moda e di vita femminile, di costume ed altro.

Un giornale può essere di carattere politico, economico, scientifico, sportivo, di attualità, di moda e di vita femminile, di costume ed altro. Normalmente si usa la parola giornale per una pubblicazione quotidiana dove si trovano le notizie del giorno. In un senso più largo però, questa parola si usa anche per pubblicazioni settimanali, quindicinali

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

Carte da collezione. MODIANO - Industrie Carte da Gioco e Affini S.p.A carte da collezione

Carte da collezione. MODIANO - Industrie Carte da Gioco e Affini S.p.A carte da collezione Carte da collezione Una selezione di mazzi di carte da gioco da collezionare: intramontabili mazzi Modiano ed ultime novità. Per curiosi ed appassionati. 1 304 901 Storia del Volo 304 908 Il Popolo dei

Dettagli

apre lavora parti parla chiude prende torno vive

apre lavora parti parla chiude prende torno vive 1. Completa con la desinenza della 1 a (io) e della 2 a (tu) persona singolare dei verbi. 1. - Cosa guard...? - Guardo un film di Fellini. 2. - Dove abiti? - Abit... a Milano. 3. - Cosa ascolt...? - Ascolto

Dettagli

Scrivere o digitare? Questo è il problema

Scrivere o digitare? Questo è il problema Scrivere o digitare? Questo è il problema Alla carta stampata si è affiancato un fedele compagno: il web. Libro ed E-Book, lettera ed e-mail: la loro sarà convivenza o antagonismo? 1 / 6 Tempo addietro,

Dettagli

PERCORSI DIDATTICI PER LE SCUOLE

PERCORSI DIDATTICI PER LE SCUOLE PERCORSI DIDATTICI PER LE SCUOLE L Associazione Culturale Aurea Incoming, ente gestore del Punto di Informazione Turistica della Città di Chieri, propone per il prossimo anno scolastico 2014/2015 una serie

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI CATERINA MARRAS ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome E-mail. Data di nascita 30 GENNAIO 1979. Nome e indirizzo del datore di lavoro

INFORMAZIONI PERSONALI CATERINA MARRAS ESPERIENZA LAVORATIVA. Nome E-mail. Data di nascita 30 GENNAIO 1979. Nome e indirizzo del datore di lavoro INFORMAZIONI PERSONALI Nome E-mail CATERINA MARRAS Nazionalità Italiana Data di nascita 30 GENNAIO 1979 ESPERIENZA LAVORATIVA Date Nome e indirizzo del datore di Settore Tipo di impiego DAL 15 GIUGNO 2011

Dettagli

Fotografie del Parco Naturale Provinciale del Lago di Candia

Fotografie del Parco Naturale Provinciale del Lago di Candia Fotografie del Parco Naturale Provinciale del Lago di Candia Provincia di Torino Assessorato all Agricoltura, Montagna, Tutela fauna e flora, Parchi e aree protette Servizio Aree Protette e Vigilanza volontaria

Dettagli

En plein air. Paolo Meoni

En plein air. Paolo Meoni En plein air Paolo Meoni Volume realizzato in occasione della mostra En Plein air PAOLO MEONI 19 aprile 19 giugno 2012 Die Mauer Arte Contemporanea, Prato Dryphoto Arte Contemporanea, Prato Ringraziamenti

Dettagli

SCHEDA PER LA VISITA IN PLANETARIO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

SCHEDA PER LA VISITA IN PLANETARIO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA SCHEDA PER LA VISITA IN PLANETARIO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA Sei in campagna, seduto su un bel prato e guardi il cielo, che cosa vedi?.le STELLE!! Guarda bene: non ti sembra che il cielo assomigli ad

Dettagli

CULTURA ITALIANA. (5 minuti di proiezione del film)

CULTURA ITALIANA. (5 minuti di proiezione del film) CULTURA ITALIANA Introduzione Bologna è una città medievale, dove la bellezza è nascosta, bisogna scoprirla. Ma ha anche dei segreti, per esempio la qualità della cucina. Il tortellino è il principe della

Dettagli

OFFERTA DIDATTICA DEL MUSEO DI ZOOLOGIA Anno scolastico 2013/2014

OFFERTA DIDATTICA DEL MUSEO DI ZOOLOGIA Anno scolastico 2013/2014 OFFERTA DIDATTICA DEL MUSEO DI ZOOLOGIA Anno scolastico 2013/2014 Il Museo di Zoologia dell Università di Padova conserva le collezioni storiche del Dipartimento di Biologia, esponendo i reperti di maggior

Dettagli

africa africa golfo europa america arabico artico e antartico latina asia

africa africa golfo europa america arabico artico e antartico latina asia PROFESSIONALITÀ ESPERIENZA QUALITÀ africa africa golfo europa america arabico latina artico e antartico asia Il Viaggio Journeys & Voyages nasce nel 1978, da una famiglia di viaggiatori. Oggi è un tour

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania Cara Arianna, ciao, io sono Federica D.L. e abito a Latina e frequento la scuola elementare dell IC Don

Dettagli

Storia della scienza per le lauree triennali Prof. Giuliano Pancaldi

Storia della scienza per le lauree triennali Prof. Giuliano Pancaldi Storia della scienza per le lauree triennali Prof. Giuliano Pancaldi 2011-2012 Modulo 8 Ancora un altra tradizione di ricerca in biologia: Gregor Mendel, gli ibridatori e la riscoperta di Mendel nel Novecento

Dettagli

Giornata mondiale del Libro 2011

Giornata mondiale del Libro 2011 Acquaviva delle Fonti BARI La Biblioteca Comunale G.Maselli Campagna Le Biblioteche Scolastiche degli Istituti: Liceo don Milani 1 Circolo Did. De Amicis I.T.C. C.Colamonico 2 Circolo Did. C.Collodi I.I.S.

Dettagli

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA

LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA LA NEWSLETTER DEI RAGAZZI DELL ODA Edizione Nr. 5 uscita del 13 febbraio 2015 All interno trovi Curiosità Racconti personali Tante fotografie Le nostre attività Informazioni ed eventi E tanto altro Via

Dettagli

LA GENIALE BOTTEGA DEL RICICLO

LA GENIALE BOTTEGA DEL RICICLO RIC REI RIU' E LA GENIALE BOTTEGA DEL RICICLO Tre strani e simpatici genietti, tra loro grandi amici, Ric Rei e Riù, se ne andavano in giro per il mondo per vedere se qualcuno poteva aver bisogno, appunto,

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

ELENCO ENCICLOPEDIE. (Gli animali delle montagne, delle praterie e delle acque correnti) (Gli animali dei deserti, delle steppe e dei luoghi abitati)

ELENCO ENCICLOPEDIE. (Gli animali delle montagne, delle praterie e delle acque correnti) (Gli animali dei deserti, delle steppe e dei luoghi abitati) ELENCO ENCICLOPEDIE Enciclopedia: Gli animali V.1 (ed. Fabbri) (Gli animali delle paludi) Enciclopedia: Gli animali V.2 (ed. Fabbri) (Gli animali delle foreste, delle selve) Enciclopedia: Gli animali V.3

Dettagli

Premessa. di Paolo Spinicci

Premessa. di Paolo Spinicci Premessa di Paolo Spinicci La natura della fotografia racchiude in sé, fin dalle sue origini, una promessa che non è in grado di mantenere, se non in parte, e un compito cui si vorrebbe potesse assolvere,

Dettagli

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio Intervistato: Angelo Cotugno, Segretario Generale della CGIL della Provincia di Matera Soggetto: Matera (sviluppo urbanistico, condizioni di vita fino agli anni 50, sua storia personale di vita nei Sassi,

Dettagli

PRONTUARIO delle LEGGI AMBIENTALI

PRONTUARIO delle LEGGI AMBIENTALI PRONTUARIO delle LEGGI AMBIENTALI INDICE GENERALE Argomento Violazione Norme transitorie Norme definitive 1 aib 2 aib 4 aib Documentazioni e comunicazioni Impianti e espianti Trasform., modifiche,convers.

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

IL FORM DELLE ESPERIENZE Percorso di secondo livello riservato a chi ha concluso il Form

IL FORM DELLE ESPERIENZE Percorso di secondo livello riservato a chi ha concluso il Form IL FORM DELLE ESPERIENZE Percorso di secondo livello riservato a chi ha concluso il Form Adesso che si sono elaborate le esperienze del primo percorso FORM, siamo pronti per ri-partire con il nostro Viaggio

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

In particolare, il settimo obiettivo prevede di assicurare la sostenibilità ambientale.

In particolare, il settimo obiettivo prevede di assicurare la sostenibilità ambientale. ASSICURARE LA SOSTENIBILITA' AMBIENTALE Nel settembre 2000, con l'approvazione unanime della Dichiarazione del Millennio, 191 Capi di Stato e di Governo hanno sottoscritto un patto globale di impegno congiunto

Dettagli

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO 6. ABITO A 7. QUESTA E LA MIA FAMIGLIA: 1 8. A CASA

Dettagli

Tocco d artista per dieci grandi classici

Tocco d artista per dieci grandi classici Tocco d artista per dieci grandi classici NOVITÀ Diec tra i più celebrati e amati si presentano in una veste inedita e preziosa, firmata da Tullio Pericoli. ORIGINALITÀ Il tratto elegante, ironico e vibrante

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E IL COORDINAMENTO DEL SERVIZIO PROVINCIALE DI RECUPERO DEGLI UNGULATI FERITI IN PROVINCIA DI VARESE

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E IL COORDINAMENTO DEL SERVIZIO PROVINCIALE DI RECUPERO DEGLI UNGULATI FERITI IN PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E IL COORDINAMENTO DEL SERVIZIO PROVINCIALE DI RECUPERO DEGLI UNGULATI FERITI IN PROVINCIA DI VARESE APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO PROVINCIALE N. 27 DEL 23/06/2009

Dettagli

VIAGGIO TRA LO SPAZIO

VIAGGIO TRA LO SPAZIO PROGETTO DI ASTRONOMIA VIAGGIO TRA LO SPAZIO Soggetti coinvolti: bambini di 5 anni della scuola dell infanzia statale di Ceregnano SEZIONE TRILLY ISTITUTO COMPRENSIVO DI VILLADOSE (RO) Insegnanti impegnate

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria 4 ottobre 2015 Giornata delle famiglie al Museo PROGETTO: Liliana Costamagna Progetto Grafico: Roberta Margaira Questo album ti accompagna a scoprire

Dettagli

5 Wie die vorherige Aufgabe. 6 Vervollständigt die Sätze wie im Beispiel. 7 Vervollständigt die Frage oder die Antwort.

5 Wie die vorherige Aufgabe. 6 Vervollständigt die Sätze wie im Beispiel. 7 Vervollständigt die Frage oder die Antwort. 1 Vervollständigt mit dem Indikativ Präsens der vorgegebenen Verben. 1. andare Io... spesso a mangiare al ristorante. 2. venire Domani Maria e Bruno... a casa mia. 3. andare Antonio e Sergio... in Francia.

Dettagli

T r a n s e u r o p A

T r a n s e u r o p A T r a n s e u r o p A EDIZIONI a cura di errico buonanno introduzione di chiara gamberale io, chiara e l oscuro t r a n s e u r o p a inaudita big La collana si propone di mostrare il laboratorio segreto

Dettagli

Terme di Montecatini OFFERTA DIDATTICA PER LE SCUOLE

Terme di Montecatini OFFERTA DIDATTICA PER LE SCUOLE Terme di Montecatini OFFERTA DIDATTICA PER LE SCUOLE Anno scolastico 2015-2016 I PERCORSI IL BAGNO DI UGOLINO --------------------------------------- SCUOLA DELL INFANZIA 3-5 ANNI LA FORESTA DEI COCCODRILLI

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

CONSIGLIO DIRETTIVO in carica dal 1 marzo 2014 ***************************************************************

CONSIGLIO DIRETTIVO in carica dal 1 marzo 2014 *************************************************************** CONSIGLIO DIRETTIVO in carica dal 1 marzo 2014 PRESIDENTE: Prof. Carlo Violani VICE PRESIDENTE: Dott.ssa Laura Bazzi SEGRETARIO GENERALE: Rina Uras (candidata) Coordinamento Settori PROGETTI E RICERCA:

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

C era una volta un Castellazzo

C era una volta un Castellazzo VILLA ARCONATI PER LE SCUOLE... DELL INFANZIA C era una volta un Castellazzo Una favola animata in cui tutto sarà possibile: fantasia e realtà per una storia d'altri tempi! Attività guidata da un operatore

Dettagli

Tecniche per il controllo del cinghiale ed esperienze in Umbria

Tecniche per il controllo del cinghiale ed esperienze in Umbria Corso per il prelievo del cinghiale con metodi selettivi - ATC PG2 Dott. Luca Convito - Spoleto - 2014 Tecniche per il controllo del cinghiale ed esperienze in Umbria settori per la caccia al cinghiale

Dettagli

Gianni e il lupo. Rossana Guarnieri, La bella novellaia, Istituto Edizioni Artistiche

Gianni e il lupo. Rossana Guarnieri, La bella novellaia, Istituto Edizioni Artistiche Gianni e il lupo Rossana Guarnieri, La bella novellaia, Istituto Edizioni Artistiche Viveva un tempo sulla montagna un pastorello che si chiamava Gianni. Portava le sue pecore a pascolare per i prati,

Dettagli

Gianpiero Andreatta IL BOSCO RACCONTA. Storie di uomini, alberi e animali. Dieci racconti e una riflessione. Disegni di Ernesto Roversi

Gianpiero Andreatta IL BOSCO RACCONTA. Storie di uomini, alberi e animali. Dieci racconti e una riflessione. Disegni di Ernesto Roversi Gianpiero Andreatta IL BOSCO RACCONTA Storie di uomini, alberi e animali Dieci racconti e una riflessione Disegni di Ernesto Roversi Gianpiero Andreatta, Il bosco racconta Copyright 2014 Edizioni del Faro

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

Per ricordare meglio le parole nuove, scrivile e contemporaneamente leggile ad alta voce.

Per ricordare meglio le parole nuove, scrivile e contemporaneamente leggile ad alta voce. Consiglio Per ricordare meglio le parole nuove, scrivile e contemporaneamente leggile ad alta voce. La mia famiglia Federico ci presenta la sua famiglia. Guarda il disegno e completa con i nomi della famiglia.

Dettagli

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8 Libro misto DVD Atlante Storico Percorso di cittadinanza e Costituzione con testi integrali Materiali aggiuntivi per lo studio individuale immagini, carte, mappe concettuali RISORSE ONLINE Schede per il

Dettagli

2014 Editrice ZONA È VIETATA. ogni riproduzione e condivisione totale o parziale di questo file senza formale autorizzazione dell editore.

2014 Editrice ZONA È VIETATA. ogni riproduzione e condivisione totale o parziale di questo file senza formale autorizzazione dell editore. 2014 Editrice ZONA È VIETATA ogni riproduzione e condivisione totale o parziale di questo file senza formale autorizzazione dell editore. La nostra Nuova Caledonia L avventura d una vita di Giorgio & Marosa

Dettagli

Sulla biblioteca a cura di Annalisa Scillitani

Sulla biblioteca a cura di Annalisa Scillitani Sulla biblioteca a cura di Annalisa Scillitani Nel 1962, Ermete Cerza, presidente della commissione straordinaria per l Amministrazione della Provincia di Foggia, saluta la nascita del «Bollettino d informazione

Dettagli

VACANZE STUDIO ITALIA MARINA DI ASCEA -SAPARCO NAZIONALE DEL CILENTO E DEL VALLO DI DIANO VILLAGGIO OLIMPIA

VACANZE STUDIO ITALIA MARINA DI ASCEA -SAPARCO NAZIONALE DEL CILENTO E DEL VALLO DI DIANO VILLAGGIO OLIMPIA INPDAP e I SOGGIORNI STUDIO 20 anni di Soggiorni Studio, tante generazioni di giovani che grazie all Istituto hanno avuto modo di confrontarsi con una esperienza all estero, dando loro una visione più

Dettagli

Biblioteca Teresiana: Alla scoperta della Biblioteca Teresiana

Biblioteca Teresiana: Alla scoperta della Biblioteca Teresiana Linee di indirizzo progettuali Percorsi didattici Biblioteca Teresiana - Biblioteca G. Baratta - a.s. 2015/2016 Biblioteca Teresiana: Alla scoperta della Biblioteca Teresiana Dal libro di carta al libro

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... L AFRICA VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: deserto...... Sahara...... altopiano...... bacino......

Dettagli

In mostra a HIT SHOW:

In mostra a HIT SHOW: 13-15 FEBBRAIO 2016 Hit - show.com In mostra a HIT SHOW: Armi, Munizioni, Ottiche, Elettronica e Tecnologie GPS, Coltelleria, Accessori, Abbigliamento, Calzature, Turismo Venatorio Il Primo Evento del

Dettagli

Il recupero in rete della Biblioteca della Comunità ebraica di Modena e Reggio

Il recupero in rete della Biblioteca della Comunità ebraica di Modena e Reggio RAFFAELLA MANELLI Il recupero in rete della Biblioteca della Comunità ebraica di Modena e Reggio Quaderni Estensi Rivista, I 2009 Con l avvio da parte

Dettagli

biettivo SERVIZI SCOLASTICI INTEGRATIVI COMUNALI SCUOLA PRIMARIA A.S. 2010-2011

biettivo SERVIZI SCOLASTICI INTEGRATIVI COMUNALI SCUOLA PRIMARIA A.S. 2010-2011 biettivo scuola SERVIZI SCOLASTICI INTEGRATIVI COMUNALI SCUOLA PRIMARIA A.S. 2010-2011 Cari genitori, come vi avevamo anticipato a inizio anno scolastico i vostri bambini, nell ambito delle attività proposte

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Nuovi pensieri e ricordi. Forse aforismi

Nuovi pensieri e ricordi. Forse aforismi Nuovi pensieri e ricordi Forse aforismi Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Mauro Baldassini NUOVI PENSIERI E RICORDI

Dettagli

ADESIONE CODICE ETICO CACCIA ALLA BECCACCIA ALL ESTERO RICHIESTA LOGO BEC VERT

ADESIONE CODICE ETICO CACCIA ALLA BECCACCIA ALL ESTERO RICHIESTA LOGO BEC VERT ADESIONE CODICE ETICO CACCIA ALLA BECCACCIA ALL ESTERO RICHIESTA LOGO BEC VERT LA/IL AGENZIA VENATORIA/ TOUR OPERATOR:.. LEGALE RAPPRESENTANTE: SEDE LEGALE:.. INDIRIZZO:. MAIL:..TEL: FAX.. AREE DOVE ESERCITA

Dettagli

A mia moglie Patrizia, ai miei figli Marco e Diletta

A mia moglie Patrizia, ai miei figli Marco e Diletta A mia moglie Patrizia, ai miei figli Marco e Diletta Pubblicazione realizzata dalla Banca di Credito C ooperativo di Vignole FRANCO BENESPERI Quarrata identità di un territorio Progetto editoriale Franco

Dettagli

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E DI GEOGRAFIA 1- IDEA, SVILUPPO E RAPPRESENTAZIONE DELLO SPAZIO CLASSE 1^ CURRICOLO - Uso corretto dei principali indicatori topologici Riconoscere la propria posizione

Dettagli

Associazione ONLUS Sorveglianza Ambientale e Tutela Animali. In collaborazione con l ATC VT2 Provincia di Viterbo

Associazione ONLUS Sorveglianza Ambientale e Tutela Animali. In collaborazione con l ATC VT2 Provincia di Viterbo Associazione ONLUS Sorveglianza Ambientale e Tutela Animali Via Ificrate, 39 Roma 00124 - Tel/Fax 06.5053987 - www.sataonlus.org - info@sataonlus.org Gruppo Lazio Conduttori Cani da Traccia e da Limiere

Dettagli

Provincia di Sondrio

Provincia di Sondrio Regolamento per il controllo della fauna selvatica e inselvatichita, delle forme domestiche di specie selvatiche e delle forme inselvatichite di specie domestiche Approvato con deliberazione di consiglio

Dettagli

FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA

FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA Grazie. Dirò anche due cose su Venezia, impiegherò dieci minuti. Fatemi ricominciare riprendendo da dove ci siamo fermati questa mattina. E difficile per una persona che per

Dettagli

DISEGNI AFRICANI DALL ANGOLA PER VIVERE LA MATEMATICA

DISEGNI AFRICANI DALL ANGOLA PER VIVERE LA MATEMATICA Scuola dell infanzia Andersen 1 circolo Spinea anno sc.2008-09 ESPERIENZE DI LETTURA E SCRITTURA PER I BAMBINI DI 5 ANNI Ins:Anna Aiolfi Marika Quaglietta Documentazione a cura di Anna Aiolfi DISEGNI AFRICANI

Dettagli

AIUTIAMO PIUMETTO A SALVARE L AMBIENTE

AIUTIAMO PIUMETTO A SALVARE L AMBIENTE SCUOLA DELL INFANZIA STATALE G.B. GUARINI Sezioni A B C Progetto di educazione ambientale AIUTIAMO PIUMETTO A SALVARE L AMBIENTE Anno scolastico 20011/2012 Le insegnanti hanno deciso di predisporre questo

Dettagli

La destinazione dell uomo

La destinazione dell uomo Lettura 2 Johann Gottlieb Fichte La destinazione dell uomo Johann Gottlieb Fichte, Lezioni sulla missione del dotto, a cura di G.P. Marotta, Bergamo, Minerva Italica, 1969, pp. 47-53, 56-57, 59-60 Nel

Dettagli

I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE

I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE 1 I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE Nella fascia tropicale ci sono tre paesaggi: la foresta pluviale, la savana, il deserto. ZONA VICINO ALL EQUATORE FORESTA PLUVIALE Clima: le temperature sono

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

------------------------------------------------------------------------------------------ CURRRICULUM

------------------------------------------------------------------------------------------ CURRRICULUM Pino Casamassima ------------------------------------------------------------------------------------------ (Consenso al trattamento dei dati personali ex D.LGS. 196/03. Aut. Min. Lav. prot. 13/I/0004322

Dettagli

Il manoscritto e la storia del libro: riflessioni su Laboratori per ragazzi delle Scuole Elementari e Medie Siti di documentazione generale

Il manoscritto e la storia del libro: riflessioni su Laboratori per ragazzi delle Scuole Elementari e Medie Siti di documentazione generale Il manoscritto e la storia del libro: riflessioni su Laboratori per ragazzi delle Scuole Elementari e Medie Dr. Adriana Paolini, esperta di laboratori per la didattica del manoscritto e del libro antico

Dettagli

DAL SEME ALLA PIANTA

DAL SEME ALLA PIANTA SCHEDA N 3 DAL SEME ALLA PIANTA Un altra esperienza di semina in classe potrà essere effettuata a piccoli gruppi. Ogni gruppo sarà responsabile della crescita di alcuni semi, diversi o uguali. Es. 1 gruppo:

Dettagli

1Le origini. Una storia che parte dal centro della Terra

1Le origini. Una storia che parte dal centro della Terra 1 Dalle prime forme di vita alle prime civiltà 1Le origini. Una storia che parte dal centro della Terra º 1. Dalle origini della Terra alle origini della vita 4 º 2. L origine delle specie 6 º 3. La nascita

Dettagli

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi.

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Nome studente Data TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO B1.1 (Medio 1) 1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Es. Ieri sera non ti (noi-chiamare) abbiamo chiamato

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

Già in passato abbiamo parlato su queste pagine del CSTN. È ora il momento di dare qualche suggerimento operativo che possa

Già in passato abbiamo parlato su queste pagine del CSTN. È ora il momento di dare qualche suggerimento operativo che possa REDAZIONALE CSTN VADEMECUM PER GLI APPASSIONATI E I RICERCATORI (COME ATTINGERE ALL ARCHIVIO) Tutto il voluminoso archivio del CSTN (oltre 10.000 volumi e 12.000 numeri di oltre 224 testate specializzate

Dettagli

Occasioni di scrittura Il testo e le sue caratteristiche

Occasioni di scrittura Il testo e le sue caratteristiche Occasioni di scrittura/ Occasioni di dibattito Occasioni di scrittura percorso 1 Il testo e le sue caratteristiche 1 Il testo 5 1.1 I requisiti del testo 6 La coesione testuale 6 La coerenza testuale 6

Dettagli

PROGRAMMA DELLE ATTIVITÀ DI PROMOZIONE DELLA LETTURA E DEL LIBRO PER BAMBINI E RAGAZZI

PROGRAMMA DELLE ATTIVITÀ DI PROMOZIONE DELLA LETTURA E DEL LIBRO PER BAMBINI E RAGAZZI PROGRAMMA DELLE ATTIVITÀ DI PROMOZIONE DELLA LETTURA E DEL LIBRO PER BAMBINI E RAGAZZI ANNO SCOLASTICO 2007/2008 Programma Biblioteca Scuola 2007-2008 La Biblioteca Comunale di Trento presenta il programma

Dettagli

Indice. Presentazione del corso 7. 1 Organizzazione dei volumi e del progetto didattico 10. 2 Proposte per una programmazione personalizzata 12

Indice. Presentazione del corso 7. 1 Organizzazione dei volumi e del progetto didattico 10. 2 Proposte per una programmazione personalizzata 12 Indice Presentazione del corso 7 Parte 1 Strumenti per la didattica 3 1 Organizzazione dei volumi e del progetto didattico 10 2 Proposte per una programmazione personalizzata 12 3 Le verifiche delle unità

Dettagli

PROF. RAFFAELLA AMICUCCI MATERIA: ITALIANO CLASSE : IIA

PROF. RAFFAELLA AMICUCCI MATERIA: ITALIANO CLASSE : IIA PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. RAFFAELLA AMICUCCI MATERIA: ITALIANO CLASSE : IIA DATA DI PRESENTAZIONE: 30/11/2013 FINALITÀ E OBIETTIVI FORMATIVI DELLA DISCIPLINA Lo sviluppo

Dettagli

L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane

L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane Nuovi sviluppi Un percorso didattico per cambiare il proprio punto di vista L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane Ottobre 2009 Premessa Cesvi lavora in Uganda dal 2001

Dettagli

Arrivano le novità Baby Einstein: nuovi libri, DVD e CD per rendere il ritorno in città ancora più allegro e divertente!

Arrivano le novità Baby Einstein: nuovi libri, DVD e CD per rendere il ritorno in città ancora più allegro e divertente! Arrivano le novità Baby Einstein: nuovi libri, DVD e CD per rendere il ritorno in città ancora più allegro e divertente! L innovativa linea di strumenti per la prima infanzia creata da una mamma per i

Dettagli

Voci da dentro fotolibro emozionale

Voci da dentro fotolibro emozionale Voci da dentro fotolibro emozionale Xvii Convegno Gruppo di Studio di Dialisi Peritoneale Montecatini Terme, 20-22 marzo 2014 Voci da dentro fotolibro emozionale Volume realizzato in occasione del Xvii

Dettagli

Amanti nasce da un amore e una ricerca della bellezza e della perfezione, si ispira al viaggio a quel continuo cercare senza sentirsi mai arrivati, a

Amanti nasce da un amore e una ricerca della bellezza e della perfezione, si ispira al viaggio a quel continuo cercare senza sentirsi mai arrivati, a Una borsa che è qualcosa di più che una semplice borsa. Uno stile inconfondibile che diventa, modo di essere, di vivere, di vedere il mondo. Il mondo di filomenamanti. Filomena Manti parte alla volta dell

Dettagli

L ALBERO DELLA VITA. L albero della vita è uno dei simboli venerati in tutte le culture come principio di vita e longevità.

L ALBERO DELLA VITA. L albero della vita è uno dei simboli venerati in tutte le culture come principio di vita e longevità. L ALBERO DELLA VITA Presentazione: L albero della vita è uno dei simboli venerati in tutte le culture come principio di vita e longevità. Nella tradizione ebraica si narra che Dio mise nel giardino dell

Dettagli

DISCIPLINA DEL PRELIEVO DELLA SPECIE CINGHIALE SUL TERRITORIO DELL ATCTO1 Zona Eporediese

DISCIPLINA DEL PRELIEVO DELLA SPECIE CINGHIALE SUL TERRITORIO DELL ATCTO1 Zona Eporediese DISCIPLINA DEL PRELIEVO DELLA SPECIE CINGHIALE SUL TERRITORIO DELL ATCTO1 Zona Eporediese (Delibere del CdG n. 219 del 30.08.2010, n. 92 del 27.05.2013, n. 94 e n. 95 del 10.06.2013, n. 101 del 17.06.2013,

Dettagli

Malta. Master dei Talenti 2012 Liceo Scientifico Avogadro - Biella

Malta. Master dei Talenti 2012 Liceo Scientifico Avogadro - Biella Malta Master dei Talenti 2012 Liceo Scientifico Avogadro - Biella I protagonisti Mauro, Veronica, Sara, Elisa, Pietro La selezione I criteri principali per partecipare al progetto: 1. Media scolastica;

Dettagli