I PROFILI FISCALI DELLE SUCCESSIONI INTERNAZIONALI di Andrea Piccolini, Avvocato in Milano.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I PROFILI FISCALI DELLE SUCCESSIONI INTERNAZIONALI di Andrea Piccolini, Avvocato in Milano."

Transcript

1 FORMAZIONE PERMANENTE PER AVVOCATI Le successioni internazionali alla luce del nuovo regolamento (UE) n. 650/2012 I PROFILI FISCALI DELLE SUCCESSIONI INTERNAZIONALI di Andrea Piccolini, Avvocato in Milano. Mercoledi 19 febbraio

2 Premessa Secondo un Comunicato stampa del Consiglio Nazionale del Notariato, del 15 ottobre 2010, le successioni qualificabili come internazionali sono 450 mila all anno. Il valore di dette successioni, sempre secondo il Comunicato in esame, sarebbe superiore a 123 miliardi di euro. 2

3 Premessa Inoltre 2 milioni e mezzo di beni immobili, a livello di Unione Europea, sono nella titolarità di persone residenti in Stati diversi rispetto allo Stato ove gli immobili sono localizzati. Il valore dei beni immobili localizzati all estero, ma di proprietà di soggetti residenti in Italia, ammonterebbe a 50 miliardi di euro (così Il Sole 24 Ore del 23 marzo 2013). 3

4 Premessa Si comprende allora come il tema relativo alle imposte applicabili in ragione di una successione mortis causa internazionale sia molto sentito, anche in ragione del fatto che la normativa dell Unione Europea non prevede disposizioni tali da comporre gli eventuali contrasti alle pretese fiscali degli Stati membri, né prevede disposizioni volte a prevenire fenomeni di doppia imposizione. 4

5 Causa C-67/08 In questo senso, infatti, già la Corte di Giustizia, con la Sentenza del 12 febbraio 2009, nella causa C-67/08, affermava che gli Stati membri conservano la propria autonoma e distinta potestà tributaria nell ambito dell imposta sulle successioni. 5

6 Causa C-67/08 Ne consegue che non è invocabile alcuna violazione della libertà di circolazione dei capitali, laddove non sia ammessa l imputazione dell imposta assolta dagli eredi del de cuius in uno Stato, dal prelievo complessivamente dovuto nello Stato nel quale il de cuius aveva l ultima residenza. 6

7 Raccomandazione 2011/856/EU Si deve però considerare che, in tempi relativamente più recenti, la Commissione Europea, con la Raccomandazione 2011/856/EU del 15 dicembre 2011, ha ribadito che gli Stati sono liberi di applicare le norme nazionali in materia di successione, ma queste non devono entrare in contrasto con il principio di libera circolazione e con il divieto di discriminazione. 7

8 Raccomandazione 2011/856/EU La Commissione non chiede un armonizzazione in tema di imposta sulle successioni, ma auspica l adozione di sgravi per arginare eventuali fenomeni di doppia imposizione (come ad esempio l eliminazione di aliquote più elevate per il solo fatto che i beni, il de cuius o l erede si trovino in altro Stato). 8

9 LA NORMATIVA ITALIANA RELATIVA ALL IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI 9

10 La normativa italiana L imposta sulle successioni [e donazioni] è stata reintrodotta nell ordinamento italiano ad opera del Decreto Legge n. 262 del 3 ottobre 2006, convertito con Legge n. 286 del 24 novembre 2006, indi modificata in occasione dell emanazione della Legge n. 296 del 27 dicembre 2006 (i.e. la Legge Finanziaria per il 2007). 10

11 Le aliquote Le aliquote sono tre e segnatamente: a) 4%, con una franchigia di 1 milione di euro, se succedono il coniuge e/o i parenti in linea retta (di 1 milione e mezzo se l erede è portatore di handicap); b) 6%, con una franchigia di 100 mila euro, se succedono fratelli e sorelle; senza franchigia, se succedono altri parenti fino al quarto grado ed affini in linea retta, nonché affini in linea collaterale, fino al terzo grado; c) 8%, senza franchigia, se succedono altri soggetti. 11

12 Le donazioni pregresse La circolare dell'agenzia delle Entrate, 3/E del 22 gennaio 2008, ha chiarito che, ai fini dell'applicazione della franchigia si deve tener conto del valore delle donazioni in vita fatte dal de cuius a favore del medesimo erede. 12

13 La base imponibile La base imponibile è data dalla differenza tra l'attivo ed il passivo del patrimonio del de cuius al momento dell apertura della successione. Il valore dei singoli beni è così determinato: Immobili Azioni e titoli quotati Denaro e gioielli Partecipazioni in società non quotate Valore catastale. Listini di Borsa in base alla media dei prezzi dell'ultimo trimestre anteriore all'apertura della successione. Si tiene conto di un valore forfettario pari al 10% dell'asse ereditario. Valore del patrimonio netto senza tener conto dell'avviamento, come risulta dall'ultimo bilancio pubblicato. 13

14 La base imponibile Per i beni localizzati all estero, in via prudenziale, pare opportuno fare riferimento al valore concordato con l Ufficio estero ovvero, in mancanza di pagamento di imposta all estero, si assumerà il valore dichiarato dal contribuente. 14

15 I CRITERI DI COLLEGAMENTO 15

16 I criteri di collegamento I criteri di collegamento territoriale dell imposta sulle successioni [e donazioni] sono contenuti nel D.Lgs. 31 ottobre 1990, n. 346 (c.d. T.U. delle Imposte sulle successioni e donazioni) e più segnatamente sono: 1. il principio dell imposizione globale; 2. il principio della lex rei sitae. 16

17 Il principio dell imposizione globale L art. 2 del T.U., al primo comma, prevede che l imposta sia dovuta in relazione a tutti i beni ed i diritti trasferiti mortis causa, ovunque risultino situati, nell ipotesi in cui il de cuius sia residente in Italia al momento dell apertura della successione. 17

18 Il principio della lex rei sitae Il secondo comma dell art. 2 del T.U. stabilisce, invece, che se alla data dell apertura della successione il defunto non era residente nello Stato italiano, l imposta è dovuta limitatamente ai beni ed ai diritti ivi esistenti. 18

19 Esempio Si immagini che Tizio, cittadino tedesco, residente in Germania ed ivi fiscalmente domiciliato, sia titolare di un conto corrente presso una Banca olandese. Tizio, in via testamentaria, lascia a Caia il conto corrente. Ci si domanda se Caia dovrà corrispondere imposte sulle successioni e donazioni in Italia essendo beneficiaria di un arricchimento patrimoniale. 19

20 Esempio In base ai criteri di collegamento poc anzi trattati, Caia non sarà tenuta a corrispondere in Italia le imposte sulla successione di Tizio dal momento che: a)non trova applicazione il principio dell imposizione globale (Tizio non era residente in Italia); b)non trova applicazione il principio della lex rei sitae (il bene caduto in successione non è esistente in Italia); c)il bene caduto in successione non si presume neppure esistente in Italia (si veda infra). 20

21 La presunzione Ai sensi dell art. 2, comma 3, del T.U. si considerano comunque esistenti nello Stato (presunzione assoluta), anche nel caso in cui materialmente non vi si trovino: 1. i beni e i diritti, materiali e immateriali, iscritti in pubblici registri dello Stato; 2. le azioni, le quote di società e le quote di partecipazione in enti che non siano società, purché abbiano nel territorio italiano la sede legale, la sede dell amministrazione o l oggetto principale; 3. le obbligazioni e gli altri titoli in serie o di massa diversi dalle azioni, che siano stati emessi dallo Stato o da società o enti che abbiano nello Stato la sede legale, la sede dell amministrazione o l oggetto principale; 4. i titoli rappresentativi di merci esistenti nello Stato (quali la fede di deposito e la nota di pegno; 5. i crediti, le cambiali, i vaglia cambiari e gli assegni di ogni specie, qualora il debitore, il trattario o l emittente siano residenti in Italia; 6. i crediti che risultino garantiti su beni esistenti in Italia, fino a concorrenza del valore dei beni stessi. 21

22 Individuazione dell ufficio competente Ai sensi dell art. 6 del T.U., l ufficio finanziario competente a ricevere la dichiarazione di successione è quello nella cui circoscrizione era stata fissata l ultima residenza italiana del de cuius, se residente all estero al momento del decesso. In mancanza, l ufficio competente è quello di Roma (così anche Circolare dall Agenzia delle Entrate n. 91/E del 18 ottobre 2001). 22

23 Esenzione L art. 3 del T.U., al comma 4-ter, prevede l esenzione dall imposta per i trasferimenti, effettuati anche tramite patti di famiglia di cui agli articoli 768-bis c.c., a favore dei discendenti e del coniuge del de cuius, di aziende o rami di esse, di quote sociali e di azioni. Nel caso di quote sociali e azioni il beneficio spetta limitatamente alle partecipazioni mediante le quali è acquisito o integrato il controllo ai sensi dell articolo 2359, primo comma, numero 1), c.c. 23

24 Esenzione Il beneficio si applica a condizione che gli aventi causa proseguano l esercizio dell attività d impresa o detengano il controllo per un periodo non inferiore a 5 anni dalla data del trasferimento, rendendo, contestualmente alla presentazione della dichiarazione di successione [o all atto di donazione], apposita dichiarazione in tal senso. 24

25 LE DOPPIE IMPOSIZIONI 25

26 Esempio Sulla base dei precedenti criteri appare evidente come, potenzialmente, fenomeni di doppia imposizione possano facilmente manifestarsi, ad esempio: il sig. Rossi, cittadino italiano, residente in Italia e fiscalmente domiciliato in Italia, è titolare, inter alia, di un bene immobile localizzato in altro Stato; gli eredi del sig. Rossi, al momento dell apertura della successione del predetto, saranno tenuti a versare in detto altro Stato le imposte calcolate sul bene ivi esistente in quanto è parimenti espresso il principio della lex rei sitae; in Italia le imposte andranno calcolate su tutti i beni del sig. Rossi, principio dell imposizione globale, e quindi anche sul bene immobile localizzato all estero (originandosi dunque una doppia imposizione). 26

27 Le doppie imposizioni Determinata la base imponibile e verificata l esistenza di un margine di imponibilità sul valore eccedente le eventuali franchigie, i problemi di doppia imposizione potranno essere risolti o sulla base dell art. 26 del T.U., ovvero sulla base delle apposite Convenzioni internazionali stipulate dalla Repubblica Italiana per evitare le doppie imposizioni e prevenire le evasioni fiscali in materia di imposte sulle successioni e donazioni. 27

28 Il credito d imposta L art. 26, primo comma, lett. b) del T.U., prevede la detrazione delle imposte pagate ad uno Stato estero, in dipendenza della stessa successione ed in relazione a beni esistenti in tale Stato, fino a concorrenza della parte dell imposta di successione proporzionale al valore dei beni stessi. 28

29 Il credito d imposta Il meccanismo della detrazione è previsto in Italia a livello di legislazione interna ed è applicato in mancanza di apposita convenzione internazionale contro le doppie imposizioni in materia di imposte sulle successioni, esclusivamente nel caso in cui il beneficiario venga tassato in Italia sulla base del principio dell imposizione globale. 29

30 Il credito d imposta In altri termini, laddove manchi un apposita convenzione internazionale (si veda infra), il legislatore italiano ha istituito uno specifico meccanismo di credito d imposta per evitare che i beni situati all estero siano assoggettati ad una doppia imposizione, nell ipotesi in cui il de cuius risulti residente in Italia al momento dell apertura della successione. 30

31 LE CONVENZIONI 31

32 Le Convenzioni Le Convenzioni contro le doppie imposizioni in materia di imposte sulle successioni, attualmente in vigore, sono state concluse con i seguenti Stati: 1. Danimarca (Convenzione del 10 marzo 1966 approvata con L. 18 marzo 1968, n. 649); 2. Francia (Convenzione del 20 dicembre 1990, approvata con L. 14 dicembre 1994, n. 708); 3. Regno Unito (Convenzione del 15 febbraio 1966, approvata con L. 9 agosto 1967, n. 793); 4. Grecia (Convenzione 13 febbraio 1964, approvata con L. 18 marzo 1968, n. 524); 5. Israele (Convenzione 22 aprile 1968, approvata con L. 12 aprile 1973, n. 201); 6. Stati Uniti d America (Convenzione 30 marzo 195,5 approvata con L. 19 luglio 1956, n. 943); 7. Svezia (Convenzione 20 dicembre 1956, approvata con L. 13 marzo 1958, n. 280). 32

33 Le Convenzioni È necessario verificare quanto disposto dalla singola convenzione, poiché alcune (i.e. Regno Unito, Stati Uniti d America e Francia) dopo aver previsto che i beni sono imponibili nello Stato in cui sono situati, dispongono comunque il loro inserimento nella dichiarazione di successione presentata nello Stato di residenza del de cuius. 33

34 Le Convenzioni Diverso è invece il funzionamento della Convenzione stipulata, ad esempio, con la Svezia, ove i beni situati in uno Stato non possono essere presi in considerazione ai fini dell applicazione del tributo successorio nell altro Stato (così art. 3). 34

35 Scambio di informazioni Alcune convenzioni prevedono poi la reciproca assistenza e lo scambio di informazioni tra le competenti autorità dei diversi Stati, al fine di contrastare fenomeni di evasione e facilitare l accertamento dei tributi, così ad esempio: 1. l art. 16 della Convenzione stipulata con la Grecia; 2. l art. 6 della Convenzione stipulata con gli Stati Uniti; 3. l art. 7 della Convenzione stipulata con Israele. 35

36 IL CASO: FRANCIA 36

37 La Francia L art. 5 della convenzione stipulata con la Francia stabilisce che i beni immobili situati in Francia e che fanno parte della successione di una persona domiciliata in Italia sono imponibili in Francia. Ciò non deve portare ad escludere detti beni dal computo della base imponibile ai fini del tributo successorio in Italia. 37

38 La Francia Infatti, ai sensi del successivo art. 11 della citata Convenzione, se il defunto al momento del decesso era domiciliato in Italia, questo Stato detrae dall imposta calcolata secondo la sua legislazione un ammontare uguale all imposta pagata in Francia sui beni che, in occasione dello stesso fatto e conformemente alle disposizioni della presente Convenzione, sono imponibili in questo altro Stato. 38

39 La Francia La base imponibile a fini successori su beni immobili francesi è costituita dal valore di mercato del bene al momento dell apertura della successione. Tale valore dovrà, tuttavia, essere riportato anche in Italia e verrà quindi impiegato anche ai fini della dichiarazione di successione in Italia. 39

40 La Francia Tizio e Caia, coniugati, sono titolari, in comproprietà, di un bene immobile sito in Francia il cui valore di mercato è di Euro 4 milioni. I Coniugi sono domiciliati, ai fini fiscali, in Italia. Si apre la successione di Tizio che lascia, oltre alla moglie, due figli: Sempronio e Mevio. 40

41 La Francia Sempronio e Mevio hanno già ricevuto, per donazione da Tizio, Euro l uno, mentre Caia ha ricevuto per donazione da Tizio Euro Secondo il diritto francese Caia potrebbe 1) acquisire la totalità dell usufrutto sui beni caduti in successione ovvero 2) acquisire un quarto della proprietà della quota caduta in successione. Caia opta per la seconda opzione. 41

42 La Francia Il valore del bene caduto in successione è di Euro 2 milioni (valore di mercato / 2). Al coniuge sono imputati Euro (1/4) mentre ai figli Euro l uno (i restanti ¾ divisi per 2). Caia, secondo il diritto francese gode di un esenzione totale, pertanto non sarà tenuta a corrispondere alcunché. 42

43 La Francia Sempronio e Mevio saranno invece tenuti a versare le imposte su Euro l uno, essendo prevista una franchigia di Euro L aliquota, in Francia, per basi imponibili comprese tra Euro ed Euro , è del 30%. Semprionio e Mevio dovranno versare in Francia imposte sulle successioni per Euro l uno. 43

44 La Francia In Italia Sempronio e Mevio sarebbero tenuti a versare il 4% sull eccedenza di Euro , avendo già ricevuto donazioni per Euro Sempronio e Mevio dovrebbero, in Italia, versare Euro così calcolati: = x 4%. Avendo già versato in Francia Euro , l imposta italiana così calcolata non sarà dovuta in ragione dell art. 11 della Convenzione. 44

45 La Francia Caia, invece, sarà tenuta a versare in Italia imposte sulle successioni e donazioni per Euro , così calcolate: Euro di franchigia - Euro donazione da Tizio = Euro quota parte di franchigia 4% su Euro ( meno la quota parte di franchigia) = Euro Caia, in questo caso, non avendo versato imposte in Francia non potrà invocare alcun credito di imposta a differenza dei figli. 45

46 CONCLUSIONI 46

47 Conclusioni Si deve allora concludere nel senso che: a) in mancanza di apposita convenzione; b) nonostante il credito di imposta, previsto dalla legislazione italiana; la doppia imposizione appare comunque inevitabile laddove lo Stato estero preveda l imponibilità anche in relazione a beni situati in Italia. 47

48 Conclusioni La residenza dell erede non è, sinora, mai stata presa in considerazione quale criterio di collegamento. Detto criterio sarebbe, invece, il più appropriato anche in ragione del fatto che l incremento patrimoniale, costituente il presupposto impositivo nel caso di specie, si origina proprio in capo al beneficiario / erede della successione. 48

49 Riferimenti personali avv. Andrea Piccolini Via Francesco Guicciardini, Milano Cell.: P.e.c.: 49

EREDITA INTERNAZIONALI

EREDITA INTERNAZIONALI EREDITA INTERNAZIONALI Consiglio Notarile di Milano Scuola di Notariato della Lombardia Milano, 28/10/2014 ITALIANI con beni all estero ---------------- STRANIERI con beni in Italia 1 EREDITA INTERNAZIONALI

Dettagli

Successioni e donazioni

Successioni e donazioni Successioni e donazioni Evoluzione normativa dal 1991 alla finanziaria 2007 L imposizione fiscale su successioni e donazioni ha sinora subìto numerose variazioni. Analizziamo brevemente le modifiche avvenute

Dettagli

I Passaggi Generazionali Aspetti Fiscali

I Passaggi Generazionali Aspetti Fiscali I Passaggi Generazionali Aspetti Fiscali Verona, 29 settembre 2011 dott. stefano dorio dott. emanuele dorio IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI E SULLE DONAZIONI STRUTTURE SOCIETARIE TRUST Imposta Successioni e

Dettagli

IL TRUST: PRINCIPI GENERALI, MODALITA APPLICATIVE E CASI DI STUDIO Roma, 12 APRILE 2011 Domenico Rinaldi

IL TRUST: PRINCIPI GENERALI, MODALITA APPLICATIVE E CASI DI STUDIO Roma, 12 APRILE 2011 Domenico Rinaldi IL TRUST: PRINCIPI GENERALI, MODALITA APPLICATIVE E CASI DI STUDIO Roma, 12 APRILE 2011 Domenico Rinaldi COSTI DEL TRUST Costi una tantum Imposta sulle donazioni (Circolare Agenzia delle Entrate n. 3 28/01/2008)

Dettagli

Imposta di successione

Imposta di successione Imposta di successione Oggetto di tassazione Sui trasferimenti di beni e diritti per causa di morte avvenuti a decorrere dal 3 ottobre 2006 è dovuta l'imposta sulle successioni e donazioni. Base imponibile

Dettagli

FISCO E CASA: SUCCESSIONI E DONAZIONI

FISCO E CASA: SUCCESSIONI E DONAZIONI FISCO E CASA: SUCCESSIONI E DONAZIONI Gli aggiornamenti più recenti dichiarazione di successione imposte ipotecaria e catastale aggiornamento gennaio 2015 ALIQUOTE FRANCHIGIA MODELLO 4 PRIMA CASA IMPOSTA

Dettagli

CIRCOLARE N. 91/E. OGGETTO: Soppressione dell imposta sulle successioni e donazioni. Primi chiarimenti. INDICE

CIRCOLARE N. 91/E. OGGETTO: Soppressione dell imposta sulle successioni e donazioni. Primi chiarimenti. INDICE CIRCOLARE N. 91/E Roma, 18 ottobre 2001 OGGETTO: Soppressione dell imposta sulle successioni e donazioni. Primi chiarimenti. INDICE 1 ASPETTI GENERALI DELLA NUOVA NORMATIVA...2 2 TRASFERIMENTI A TITOLO

Dettagli

La disciplina legale e fiscale delle Successioni

La disciplina legale e fiscale delle Successioni Seminario Geo Network Formazione La disciplina legale e fiscale delle Successioni Venerdì 26 Ottobre 2007 dalle 15.00 alle ore 18.00 Pad. 33 Sala Allemanda Bologna Fiera Oggetto: Quesiti e risposte fornite

Dettagli

STUDIO DUCOLI DOTTORI COMMERCIALISTI REVISORI CONTABILI INDICE

STUDIO DUCOLI DOTTORI COMMERCIALISTI REVISORI CONTABILI INDICE Circolare n.9 del 5 Dicembre 2006 Tassazione dei trasferimenti per successione e donazione Novità del DL 3.10.2006 n. 262 convertito nella L. 24.11.2006 n. 286 INDICE 1 Nuova tassazione delle successioni

Dettagli

8. Successioni e donazioni SUCCESSIONI Chi deve pagarla e quanto si paga ATTENZIONE

8. Successioni e donazioni SUCCESSIONI Chi deve pagarla e quanto si paga ATTENZIONE 8. Successioni e donazioni Con la legge n. 286 del 2006 (di conversione del decreto legge n. 262 del 2006) e la legge n. 296 del 2006 (Finanziaria 2007), è stata reintrodotta nel nostro sistema l'imposta

Dettagli

LA SUCCESSIONE EREDITARIA

LA SUCCESSIONE EREDITARIA j l k l d o ^ c f b Tributi ANTONINA GIORDANO, DAMIANO MARINELLI LA SUCCESSIONE EREDITARIA GUIDA PRATICA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI, CIVILI E AMMINISTRATIVI Testamento e patti successori Accettazione e rinuncia

Dettagli

gli immessi nel possesso dei beni, in caso di assenza del defunto o di dichiarazione di morte presunta

gli immessi nel possesso dei beni, in caso di assenza del defunto o di dichiarazione di morte presunta Scheda informativa Tratto dal sito dell'agenzia delle Entrate Sono obbligati a presentare la dichiarazione di successione: i chiamati all'eredità (per legge o per testamento, anche se non hanno ancora

Dettagli

Agenzia delle Entrate Circolare 22 gennaio 2008 n. 3/E Successioni, donazioni e atti a titolo gratuito

Agenzia delle Entrate Circolare 22 gennaio 2008 n. 3/E Successioni, donazioni e atti a titolo gratuito Agenzia delle Entrate Circolare 22 gennaio 2008 n. 3/E Successioni, donazioni e atti a titolo gratuito 1 - Quadro normativo Il nuovo regime fiscale delle successioni, donazioni e altri atti a titolo gratuito

Dettagli

FISCALITÀ DEL TRUST. Torino, 07.12.2012 Gruppo di lavoro Trust Dott. Massimo BOIDI Dott. Alessandro TERZUOLO

FISCALITÀ DEL TRUST. Torino, 07.12.2012 Gruppo di lavoro Trust Dott. Massimo BOIDI Dott. Alessandro TERZUOLO FISCALITÀ DEL TRUST Torino, 07.12.2012 Gruppo di lavoro Trust Dott. Massimo BOIDI Dott. Alessandro TERZUOLO FISCALITÀ DIRETTA DEL TRUST Dott. Massimo BOIDI ASPETTI GENERALI La Finanziaria 2007 ha riconosciuto

Dettagli

Fiscal Approfondimento

Fiscal Approfondimento Fiscal Approfondimento Il Focus di qualità N. 36 09.09.2014 Trust: possibili utilizzi Gestione di partecipazioni, di immobili, passaggio generazionale, trust liquidatorio Categoria: Enti Commerciali/non

Dettagli

STUDIO LEGALE TRIBUTARIO LEO

STUDIO LEGALE TRIBUTARIO LEO STUDIO LEGALE TRIBUTARIO LEO P.zza L. Ariosto, n. 30-73100 LECCE Tel./fax: 0832 455433 www.studiotributarioleo.it e-mail: info@studiotributarioleo.it LA NUOVA IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI E DONAZIONI La Finanziaria

Dettagli

1. PREMESSA... 2 2. SOGGETTI OBBLIGATI ALLA PRESENTAZIONE DELLA DICHIARAZIONE TERMINI E MODALITÀ DI PRESENTAZIONE... 2 3. L ATTIVO EREDITARIO...

1. PREMESSA... 2 2. SOGGETTI OBBLIGATI ALLA PRESENTAZIONE DELLA DICHIARAZIONE TERMINI E MODALITÀ DI PRESENTAZIONE... 2 3. L ATTIVO EREDITARIO... INDICE 1. PREMESSA... 2 2. SOGGETTI OBBLIGATI ALLA PRESENTAZIONE DELLA DICHIARAZIONE TERMINI E MODALITÀ DI PRESENTAZIONE... 2 3. L ATTIVO EREDITARIO... 4 4. BENI NON COMPRESI NELL ATTIVO EREDITARIO...

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 73 Le novità nell imposizione indiretta del patto di famiglia

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 73 Le novità nell imposizione indiretta del patto di famiglia DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 73 Le novità nell imposizione indiretta del patto di famiglia febbraio 2007 Le novità nell imposizione indiretta del patto di famiglia DOCUMENTO ARISTEIA N. 73 LE NOVITÀ

Dettagli

OGGETTO: Successioni, donazioni, atti a titolo gratuito e costituzione di vincoli di destinazione

OGGETTO: Successioni, donazioni, atti a titolo gratuito e costituzione di vincoli di destinazione CIRCOLARE N. 3/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 gennaio 2008 OGGETTO: Successioni, donazioni, atti a titolo gratuito e costituzione di vincoli di destinazione 2 INDICE 1 QUADRO NORMATIVO

Dettagli

SUCCESSIONI E DONAZIONI

SUCCESSIONI E DONAZIONI SUCCESONI E DONAZIONI Introduzione Il Collegato alla Manovra Finanziaria 2000, ha introdotto importanti novità per quello che riguarda la riforma dell'imposta di successione e di donazione. Le nuove norme

Dettagli

STUDIO NOTAIO FRANCESCO PALLINO

STUDIO NOTAIO FRANCESCO PALLINO A CURA DELLA COMMISSIONE STUDI DELLO STUDIO NOTAIO FRANCESCO PALLINO Palazzo Vitalba, Via Broseta n.35 24122 Bergamo Tel. 035/218296 Fax 035/4229634 E-mail notaio.pallino@studiopallino.it IL TRUST E I

Dettagli

Milano 10 maggio 2011. dott. Carmine Carlo Presidente MPO Trustee S.p.A. Forum Trust 11a Edizione - Via Senato 5 Milano Carlton Hotel Baglioni

Milano 10 maggio 2011. dott. Carmine Carlo Presidente MPO Trustee S.p.A. Forum Trust 11a Edizione - Via Senato 5 Milano Carlton Hotel Baglioni Stato dell arte sulla fiscalità diretta e indiretta dei Trust a seguito degli ultimi chiarimenti dell Agenzia delle Entrate e della giurisprudenza tributaria Milano dott. Carmine Carlo Presidente MPO Trustee

Dettagli

Diritto tributario italiano Il nuovo quadro RW del Modello Unico 2014

Diritto tributario italiano Il nuovo quadro RW del Modello Unico 2014 Diritto tributario italiano Il nuovo quadro RW del Modello Unico 2014 21 Raul Angelo Papotti Socio dello Studio Legale Chiomenti di Milano. Avvocato e Dottore Commercialista in Milano. LL.M. (Leiden) Obblighi

Dettagli

Unico 2015: IVIE, IVAFE e Voluntary disclosure

Unico 2015: IVIE, IVAFE e Voluntary disclosure Circolare Monografica 12 maggio 2015, n. 2158 DICHIARAZIONI Unico 2015: IVIE, IVAFE e Voluntary disclosure La compilazione del Quadro RW di Armando Urbano Il quadro RW deve essere compilato dalle persone

Dettagli

Notaio Paolo Tonalini

Notaio Paolo Tonalini Notaio Paolo Tonalini Stradella (PV) - Via Dallagiovanna 16 - Tel. 0385-48564 (sede) - notaio@tonalini.it - PAVIA - Viale C. Battisti 17 - Tel. 0382-530207 (uff.sec.) Le Tasse su Eredità e Donazioni Dal

Dettagli

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Aspetti Fiscali degli Atti Dispositivi

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Aspetti Fiscali degli Atti Dispositivi Carismi Convegni CARISMICONVEGNI IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Centro Studi I Cappuccini 22 Febbraio 2013 Avv. Francesco Napolitano DONAZIONE DI AZIENDA IMPOSTE DIRETTE La donazione di azienda da parte di

Dettagli

Successioni, donazioni, atti a titolo gratuito e costituzione di vincoli di destinazione

Successioni, donazioni, atti a titolo gratuito e costituzione di vincoli di destinazione Italia Successioni, donazioni, atti a titolo gratuito e costituzione di vincoli di destinazione Agenzia delle Entrate, Direzione Centrale Normativa e Contenzioso, Circolare del 22/01/2008, n. 3/E Oggetto:

Dettagli

Studio n. 194-2009/T. I criteri di collegamento territoriale nell imposta sulle successioni e donazioni. 1. Premessa

Studio n. 194-2009/T. I criteri di collegamento territoriale nell imposta sulle successioni e donazioni. 1. Premessa Studio n. 194-2009/T I criteri di collegamento territoriale nell imposta sulle successioni e donazioni Approvato dalla Commissione studi tributari il 26 marzo 2010 Sommario: 1. Premessa; 2. I criteri di

Dettagli

Donazioni Indirette. Definizione

Donazioni Indirette. Definizione Donazioni Indirette Definizione Le cc.dd. donazioni (o liberalità) indirette, si verificano nei caso di arricchimento del beneficiario in relazione ad un connesso impoverimento del disponente, senza stipula

Dettagli

OGGETTO: Tassazione delle divisioni contenenti masse plurime - Art. 34 del D.P.R 131/86 Istruzioni operative

OGGETTO: Tassazione delle divisioni contenenti masse plurime - Art. 34 del D.P.R 131/86 Istruzioni operative Direzione Regionale delle Marche Ufficio Fiscalità All Agenzia delle Entrat Ancona, 10 novembre 2008 Agli Uffici locali Loro sedi e, p.c. Agli Uffici interni Settore Accertamento Audit Interno Contenzioso

Dettagli

Se non esistono successori testamentari o legittimi entro il sesto grado, l eredità si dice vagante e il patrimonio va allo Stato.

Se non esistono successori testamentari o legittimi entro il sesto grado, l eredità si dice vagante e il patrimonio va allo Stato. SUCCESSIONI EREDITARIE 1) Che cos è la successione? La successione è il trasferimento dei beni dal defunto ( de cuius) agli aventi diritto, che possono essere eredi quando c è un legame di parentela o

Dettagli

LA NUOVA IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI E DONAZIONI IL REGIME FISCALE DEL TRUST

LA NUOVA IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI E DONAZIONI IL REGIME FISCALE DEL TRUST LA NUOVA IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI E DONAZIONI * * * IL REGIME FISCALE DEL TRUST Tavole sinottiche a cura di Professore di diritto tributario alla Scuola Superiore dell Economia e delle Finanze di Roma

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL' ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA TEDESCA

Dettagli

Contenuto in sintesi ----------

Contenuto in sintesi ---------- DIREZIONE SERVIZI TRIBUTARI Anno 2012 Circ. n. 77 05.07.2012-77/FS/om TITOLO: Imposta sul valore degli immobili situati all estero e sul valore delle attività finanziarie detenute all estero Circolare

Dettagli

va presentata entro 12 mesi dalla data di apertura della successione

va presentata entro 12 mesi dalla data di apertura della successione va presentata entro 12 mesi dalla data di apertura della successione Indicare l Ufficio Territoriale della Direzione Provinciale nella cui circoscrizione era l ultima residenza del defunto. In caso di

Dettagli

Circolare n. 21 INDICE

Circolare n. 21 INDICE Circolare n. 21 del 15 giugno 2012 Imposte patrimoniali sugli immobili all estero, sulle attività finanziarie detenute all estero e sulle attività oggetto di scudo fiscale - Riepilogo della disciplina

Dettagli

Tax planning e gestione dell ottimizzazione fiscale

Tax planning e gestione dell ottimizzazione fiscale Tax planning e gestione dell ottimizzazione fiscale Milano, 12 maggio 2015 Paolo Ludovici Ludovici & Partners Necessità di valutare esigenze extra fiscali Riservatezza Pianificazione successoria Tutela

Dettagli

I.C.I. (Imposta Comunale sugli Immobili) INFORMAZIONI UTILI anno 2011

I.C.I. (Imposta Comunale sugli Immobili) INFORMAZIONI UTILI anno 2011 I.C.I. (Imposta Comunale sugli Immobili) INFORMAZIONI UTILI anno 2011 ESENZIONE ICI PRIMA CASA Si precisa che con decreto legge 93/2008 il governo ha stabilito l esenzione dell Ici per l unità adibita

Dettagli

(*) Sentenze reperite sul sito www.il- trust- in- italia.it

(*) Sentenze reperite sul sito www.il- trust- in- italia.it Giurisprudenza Tributaria in materia di tassazione di conferimento di beni in Trust (*) Comm. Trib. Prov. Perugia 19.06.2014 n. 470/2/14 Dichiara che, al momento dell'istituzione di un trust, il beneficiario

Dettagli

L Istituto del Trust ed i profili applicativi

L Istituto del Trust ed i profili applicativi L Istituto del Trust ed i profili applicativi Forlì, 8 ottobre 2015 Via degli Agresti 6, 40123 - Bologna 1 Cos è il Trust: Istituto di origine anglosassone secondo il quale un disponente trasferisce beni

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 24 del 18 giugno 2012 Imposte patrimoniali

Dettagli

Profili fiscali della polizza vita come strumento di protezione del patrimonio e di pianificazione successoria

Profili fiscali della polizza vita come strumento di protezione del patrimonio e di pianificazione successoria S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Tutela del patrimonio: disamina dei diversi strumenti a disposizione e criteri di scelta Profili fiscali della polizza vita come strumento di protezione del

Dettagli

SOFTWARE INTEGRATO SUCCESSIONI VOLTURE E F23:

SOFTWARE INTEGRATO SUCCESSIONI VOLTURE E F23: Il software Successioni e Volture gestisce in maniera semplice, ma con grande rigore, l'intera pratica successoria aperta per legge o per testamento (dalla costruzione dell'albero genealogico, alla definizione

Dettagli

DECESSO DEL LAVORATORE DIPENDENTE

DECESSO DEL LAVORATORE DIPENDENTE DECESSO DEL LAVORATORE DIPENDENTE In caso di decesso del lavoratore dipendente sono previste diverse modalità di tassazione a seconda che si tratti delle somme già corrisposte al lavoratore o di somme

Dettagli

Il diritto dei TRUST La fiscalità dei Trust interni

Il diritto dei TRUST La fiscalità dei Trust interni Il diritto dei TRUST La fiscalità dei Trust interni A cura di Roberto BONFANTI 1 L atteggiamento dell A.F. nei confronti del Trust L A.F. ha approfondito nel tempo gli aspetti fiscali dei Trust, evolvendo

Dettagli

Profili fiscali della polizza vita come strumento di protezione del patrimonio e di pianificazione successoria

Profili fiscali della polizza vita come strumento di protezione del patrimonio e di pianificazione successoria S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Tutela del patrimonio: disamina dei diversi strumenti a disposizione e criteri di scelta Profili fiscali della polizza vita come strumento di protezione del

Dettagli

Cessioni. Verifica della soggettività passiva. del cessionario nelle cessioni intracomunitarie. intracomunitarie.

Cessioni. Verifica della soggettività passiva. del cessionario nelle cessioni intracomunitarie. intracomunitarie. Verifica della soggettività passiva del cessionario nelle cessioni «a catena» di Marco Peirolo L approfondimento L Avvocato generale, nelle conclusioni presentate in merito alla causa C-587/10, ha esaminato

Dettagli

Le modalità di attuazione della nuova disciplina saranno stabilite da un apposito decreto del Ministero dell Economia e delle Finanze.

Le modalità di attuazione della nuova disciplina saranno stabilite da un apposito decreto del Ministero dell Economia e delle Finanze. Circolare n. 35 del 4 dicembre 2014 L. 30.10.2014 n. 161 (legge europea 2013- bis) - Principali novità INDICE 1 Premessa 2 2 Tassazione dei soggetti non residenti - Estensione delle disposizioni previste

Dettagli

TASI TRIBUTO COMUNALE PER I SERVIZI INDIVISIBILI

TASI TRIBUTO COMUNALE PER I SERVIZI INDIVISIBILI COMUNE DI ANCONA TASI TRIBUTO COMUNALE PER I SERVIZI INDIVISIBILI GUIDA AGLI ADEMPIMENTI PER L ANNO 2014 1 - Cos è la TASI pag. 2 2 - Presupposto d imposta e soggetti passivi pag. 2 3 - Definizione di

Dettagli

Gli aspetti fiscali del trust

Gli aspetti fiscali del trust Gli aspetti fiscali del trust Carmine Carlo Sommario 1. Introduzione al diritto dei trust in Italia; 2. Caratteristiche del trust; 3. Normativa di riferimento in Italia; 4. Trust e imposte dirette; 5.

Dettagli

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale.

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. Premessa

Dettagli

MODELLO O QUADRO RW E VOLUNTARY DISCLOSURE: PUNTI SALIENTI E SANZIONI

MODELLO O QUADRO RW E VOLUNTARY DISCLOSURE: PUNTI SALIENTI E SANZIONI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO RAVVEDIMENTO OPEROSO E QUADRO RW MODELLO O QUADRO RW E VOLUNTARY DISCLOSURE: PUNTI SALIENTI E SANZIONI Commissione Diritto Tributario Nazionale ODCEC Milano

Dettagli

Regolamento del prestito obbligazionario denominato BANCA POPOLARE DI BARI 6,50% 2014-2021 SUBORDINATO TIER II

Regolamento del prestito obbligazionario denominato BANCA POPOLARE DI BARI 6,50% 2014-2021 SUBORDINATO TIER II Regolamento del prestito obbligazionario denominato BANCA POPOLARE DI BARI 6,50% 2014-2021 SUBORDINATO TIER II I termini in maiuscolo non definiti nel presente Regolamento hanno il significato agli stessi

Dettagli

Giancarlo Modolo Commissione Diritto Tributario Nazionale ODCEC Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO

Giancarlo Modolo Commissione Diritto Tributario Nazionale ODCEC Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2015 Dichiarazione annuale degli investimenti detenuti all estero e delle attività estere di natura finanziaria, Ivie e Ivafe Commissione

Dettagli

Borse di studio e premi:

Borse di studio e premi: S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La musica tra creatività, diritto e fisco Borse di studio e premi: Regime fiscale applicato Stefano Valente 12.10.2010 - Foyer del Conservatorio, Milano S.A.F. SCUOLA DI

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Prot.2013/151663 Modalità di attuazione delle disposizioni relative al monitoraggio fiscale contenute nell articolo 4 del decreto legge 28 giugno 1990, n. 167, convertito, con modificazioni, dalla legge

Dettagli

TIPOLOGIE DI SUCCESSIONE SCHEDA 2

TIPOLOGIE DI SUCCESSIONE SCHEDA 2 TIPOLOGIE DI SUCCESSIONE SCHEDA 2 TIPOLOGIE DI SUCCESSIONI La successione legittima. È la successione disposta dalla legge, qualora il soggetto deceduto, non abbia disposto, in tutto o in parte, dei suoi

Dettagli

La difesa del patrimonio

La difesa del patrimonio Mercoledì 19 Marzo 2014 SAVIGLIANO DONAZIONE DI AZIENDE O QUOTE La donazione è il contratto con il quale (art. 769 C.C.), per spirito di liberalità, una parte arricchisce l altra, disponendo a favore di

Dettagli

Il Registro dei testamenti

Il Registro dei testamenti La successione: legittima, testamentaria, necessaria Il Registro dei testamenti Il Registro Generale dei Testamenti, che ha sede presso l'ufficio Centrale degli archivi notarili, consente agli interessati

Dettagli

Direzione Regionale della Toscana

Direzione Regionale della Toscana Direzione Regionale della Toscana LA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE Modalità di compilazione e presentazione GENNAIO 2008 CHI DEVE PRESENTARLA La dichiarazione di successione deve essere presentata; dai

Dettagli

6 LA CESSIONE DEL FABBRICATO

6 LA CESSIONE DEL FABBRICATO IN PRATICA 6 LA CESSIONE DEL FABBRICATO Nel caso di cessione del fabbricato, sia per atto tra vivi che mortis causa, si possono presentare, come vedremo nel capitolo, diverse problematiche di carattere

Dettagli

IVIE IVAFE: Imposta sugli immobili situati all estero ed Imposta sulle attività finanziarie detenute all estero"

IVIE IVAFE: Imposta sugli immobili situati all estero ed Imposta sulle attività finanziarie detenute all estero Dott. Ciancianaini Riccardo Dottore Commercialista Revisore Contabile IVIE IVAFE: Imposta sugli immobili situati all estero ed Imposta sulle attività finanziarie detenute all estero" Londra, Venerdì 30

Dettagli

FAQ IMU/TASI PROBLEMI APPLICATIVI DI CARATTERE GENERALE

FAQ IMU/TASI PROBLEMI APPLICATIVI DI CARATTERE GENERALE FAQ IMU/TASI Di seguito vengono messe a disposizione le risposte ad alcune domande frequentemente poste all amministrazione finanziaria da contribuenti, operatori professionali e dai soggetti che realizzano

Dettagli

Quesiti frequenti sulle successioni

Quesiti frequenti sulle successioni Quesiti frequenti sulle successioni Le successioni ereditarie comportano questioni delicate e talvolta difficili da risolvere. Rivolgetevi ad un nostro sportello per ricevere informazioni dettagliate relative

Dettagli

SAG AZIONI CONSIGLIATE

SAG AZIONI CONSIGLIATE SAG AZIONI CONSIGLIATE AZIONI CONSIGLIATE Considerate le esigenze testamentarie di Tizio e preso atto della situazione familiare e patrimoniale così come rappresentata nel parere tecnico redatto dal Servizio

Dettagli

più cara a Parigi e La parcella del notaio InSpagna e Francia pesano le tasse di trasferimento In Italia per l ' agenzia si paga dall ' i al 3%%

più cara a Parigi e La parcella del notaio InSpagna e Francia pesano le tasse di trasferimento In Italia per l ' agenzia si paga dall ' i al 3%% mediazione per immobiliare notarili specializzato ICOSTI DELLA COMPRAVENDITA La parcella del notaio più cara a Parigi e InSpagna e Francia pesano le tasse di trasferimento In Italia per l agenzia si paga

Dettagli

Professional Investment Fund: regime fiscale. Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012

Professional Investment Fund: regime fiscale. Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012 Professional Investment Fund: regime fiscale Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012 1 I proventi derivanti dalla partecipazione in PIF 2 I proventi derivanti dalla partecipazioni in PIF Qualora

Dettagli

Le guide utili. Come Pianificare la successione ereditaria

Le guide utili. Come Pianificare la successione ereditaria Le guide utili Come Pianificare la successione ereditaria 1 Viviamo in un Paese nel quale, la cultura del "passaggio generazionale" è poco diffusa. Alcuni dati statistici, reperibili sul web, indicano

Dettagli

LE DONAZIONI INDIRETTE. L ABUSO DEL DIRITTO Thomas Tassani Università degli Studi di Urbino - Commissione Studi Tributari CNN

LE DONAZIONI INDIRETTE. L ABUSO DEL DIRITTO Thomas Tassani Università degli Studi di Urbino - Commissione Studi Tributari CNN LE DONAZIONI INDIRETTE. L ABUSO DEL DIRITTO Thomas Tassani Università degli Studi di Urbino - Commissione Studi Tributari CNN 1. Il presupposto dell imposta sulle successioni e donazioni, come definito

Dettagli

Imposta sugli immobili e sulle attività finanziarie all estero (IVIE e IVAFE)

Imposta sugli immobili e sulle attività finanziarie all estero (IVIE e IVAFE) Imposta sugli immobili e sulle attività finanziarie all estero (IVIE e IVAFE) L IMPOSTA SUGLI IMMOBILI DETENUTI ALL ESTERO IVIE A decorrere dall 1.1.2011 è stata istituita l IVIE, imposta sul valore degli

Dettagli

NEXT GENERATION Tavola Rotonda Napoli, 3 dicembre 2012

NEXT GENERATION Tavola Rotonda Napoli, 3 dicembre 2012 NEXT GENERATION Tavola Rotonda Napoli, 3 dicembre 2012 IL TRUST NEL PASSAGGIO GENERAZIONALE D IMPRESA a cura del Dottor Salvatore Tramontano Vice Presidente 1 NEXT GENERATION Tavola Rotonda Napoli, 3 dicembre

Dettagli

UNICO PERSONE FISICHE æ Fascicolo 2 Istruzioni per la compilazione 2014

UNICO PERSONE FISICHE æ Fascicolo 2 Istruzioni per la compilazione 2014 Nel rigo RR15 devono essere indicate le informazioni utili per il calcolo del contributo integrativo. In particolare, indicare nel: campo 1 la posizione giuridica ricoperta dal singolo associato: IO (iscritto

Dettagli

ISEEU (Indicatore della Situazione Economica Equivalente per l Università)

ISEEU (Indicatore della Situazione Economica Equivalente per l Università) Area Studenti ISEEU (Indicatore della Situazione Economica Equivalente per l Università) ISEEU = (ISRU + 20% ISPU)/P ISRU = indicatore della situazione reddituale; se questo valore è negativo deve essere

Dettagli

Imposta Unica Comunale (I.U.C.) ISTRUZIONI VERSAMENTO IN ACCONTO

Imposta Unica Comunale (I.U.C.) ISTRUZIONI VERSAMENTO IN ACCONTO COMUNE DI BAREGGIO Imposta Unica Comunale (I.U.C.) ISTRUZIONI VERSAMENTO IN ACCONTO Con la legge di Stabilità 2014 (L. 147 del 27/12/2013) è stata istituita, con decorrenza 1 gennaio 2014, la I.U.C. (Imposta

Dettagli

Capitolo Dodicesimo Le altre imposte indirette

Capitolo Dodicesimo Le altre imposte indirette Capitolo Dodicesimo Le altre imposte indirette Sommario: 1. L imposta di registro. - 2. Le imposte ipotecaria e catastale. - 3. L imposta sulle assicurazioni. - 4. L imposta sulle successioni e donazioni.

Dettagli

Il Ministro dell economia e delle finanze

Il Ministro dell economia e delle finanze Il Ministro dell economia e delle finanze Visto il decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 642, e successive modificazioni ed integrazioni recante la disciplina dell imposta di bollo;

Dettagli

IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) COMUNE DI GROTTE DI CASTRO (Provincia di VITERBO) IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n.

Dettagli

LIBERA CIRCOLAZIONE DEI CAPITALI

LIBERA CIRCOLAZIONE DEI CAPITALI LIBERA CIRCOLAZIONE DEI CAPITALI E TASSAZIONE DEI DIVIDENDI ESTERI Sommario: 1. Premessa - 2. Il regime di tassazione dei dividendi nell ordinamento belga e la Convenzione contro le doppie imposizioni

Dettagli

Fiscal News N. 146. La gestione degli immobili esteri in UNICO 2014. La circolare di aggiornamento professionale 21.05.2014.

Fiscal News N. 146. La gestione degli immobili esteri in UNICO 2014. La circolare di aggiornamento professionale 21.05.2014. Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 146 21.05.2014 La gestione degli immobili esteri in UNICO 2014 Quadro RL e RW Categoria: Unico Sottocategoria: Persone fisiche La proprietà o

Dettagli

RISOLUZIONE N. 341/E

RISOLUZIONE N. 341/E RISOLUZIONE N. 341/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 23 novembre 2007 OGGETTO: Istanza di interpello - Donazione di azienda e continuazione dell attività d impresa in forma societaria

Dettagli

PASSAGGIO GENERAZIONALE E TUTELA DEL PATRIMONIO

PASSAGGIO GENERAZIONALE E TUTELA DEL PATRIMONIO PASSAGGIO GENERAZIONALE E TUTELA DEL PATRIMONIO Tra famiglia e impresa A cura di Giuliano Bonollo Aspetti tipici del cliente Imprenditore Forte legame tra attività aziendale e flussi in entrata ed uscita

Dettagli

MASTER I LIVELLO in AVVOCATURA FISCALE. La successione:obblighi dichiarativi e imposizione

MASTER I LIVELLO in AVVOCATURA FISCALE. La successione:obblighi dichiarativi e imposizione MASTER I LIVELLO in AVVOCATURA FISCALE 4 Marzo 2014 La successione:obblighi dichiarativi e imposizione www.studioporcaro.it Dott.ssa Nadia Oliva 1 EXECUTIVE SUMMARY LA SUCCESSIONE LA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE

Dettagli

Ambito territoriale di applicazione dell imposta di successione

Ambito territoriale di applicazione dell imposta di successione Approfondimenti Successioni Ambito territoriale di applicazione dell imposta di successione di Angelo Busani In tema di ambito territoriale dell imposta di successione, vengono tassati tutti i beni trasferiti,

Dettagli

AGEVOLAZIONI per AZIENDE E PARTECIPAZIONI - Art. 3.4-ter TU 346/1990

AGEVOLAZIONI per AZIENDE E PARTECIPAZIONI - Art. 3.4-ter TU 346/1990 Coniuge Soggetti Parenti in linea retta SUCCESSIONE - DONAZIONE - PATTO DI FAMIGLIA Imposta Immobili e diritti trascrivibili Successione, donazione, patto Ipotecaria Catastale 4% (per ogni beneficiario,

Dettagli

NOTAIO Piazza Dante 10 48026 Russi (RA) Tel. 0544 583751 Fax 0544 586931 Mail:fpula@notariato.it - www.notaiopula.it

NOTAIO Piazza Dante 10 48026 Russi (RA) Tel. 0544 583751 Fax 0544 586931 Mail:fpula@notariato.it - www.notaiopula.it NOTAIO Piazza Dante 10 48026 Russi (RA) Tel. 0544 583751 Fax 0544 586931 Mail:fpula@notariato.it - www.notaiopula.it PROSPETTO RIEPILOGATIVO DELLE IMPOSTE INDIRETTE PER I PIU FREQUENTI TRASFERIMENTI IMMOBILIARI

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E INDICE

CIRCOLARE N. 19/E INDICE CIRCOLARE N. 19/E Direzione Centrale Normativa Roma, 4 giugno 2013 OGGETTO: Attuazione della direttiva 2009/65/CE (UCITS IV). Modifiche al regime di tassazione degli organismi di investimento collettivo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE Allegato alla Deliberazione Consiliare.., n. TITOLO I Art. 1 Oggetto del Regolamento Finalità ed Ambito di applicazione Il presente regolamento, adottato

Dettagli

TRASFERIMENTI GRATUITI: DISCIPLINA CIVILISTICA E NUOVI PROFILI FISCALI

TRASFERIMENTI GRATUITI: DISCIPLINA CIVILISTICA E NUOVI PROFILI FISCALI TRASFERIMENTI GRATUITI: DISCIPLINA CIVILISTICA E NUOVI PROFILI FISCALI Il patrimonio personale accumulato nel corso della propria vita può essere trasferito ai propri figli e famigliari scegliendo fra

Dettagli

I REDDITI DI CAPITALE. Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario - 2012 1

I REDDITI DI CAPITALE. Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario - 2012 1 I REDDITI DI CAPITALE Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario - 2012 1 REDDITI DI CAPITALE Fondamento normativo - artt. 44-48 TUIR - artt. 26-27-ter D.P.R. n. 600/73 Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario

Dettagli

QUADRO RW Un cenno sulle novità del 2014, una riflessione su ritardata presentazione, ravvedimento e sanzioni.

QUADRO RW Un cenno sulle novità del 2014, una riflessione su ritardata presentazione, ravvedimento e sanzioni. QUADRO RW Un cenno sulle novità del 2014, una riflessione su ritardata presentazione, ravvedimento e sanzioni. L art. 9 della L. 6.8.2013 n. 97 prevede: l eliminazione della sezione I (trasferimenti attuati

Dettagli

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito RISOLUZIONE N. 76/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 novembre 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Con la richiesta di consulenza

Dettagli

Pregg.mi Sigg.ri CLIENTI LORO SEDI

Pregg.mi Sigg.ri CLIENTI LORO SEDI S T U D I O D I C O N S U L E N Z A A Z I E N D A L E S O C I E T A R I A T R I B U T A R I A A N D R E A D E V I D O VIA TRENTO E TRIESTE N 1 31015 - CONEGLIANO (TV) tel. +39 0438 23355 (3 linee r.a.)

Dettagli

I Venerdì dell Avvocatura

I Venerdì dell Avvocatura Arcidiocesi di Milano Curia Arcivescovile Avvocatura I Venerdì dell Avvocatura Le successioni e le donazioni Introduzione 3 incontro 13 dicembre 2013 SUCCESSIONI La successione mortis causa rappresenta

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

Oggetto: LEGGE EUROPEA 2013-BIS- NOVITA

Oggetto: LEGGE EUROPEA 2013-BIS- NOVITA Legnano, 3 Dicembre 2014 Alle imprese assistite Oggetto: LEGGE EUROPEA 2013-BIS- NOVITA Con la pubblicazione in GU n. 261 del 10/11/2014 della cd. Legge Europea 2013 bis (L.161/2014) sono state apportate

Dettagli

FONDO PATRIMONIALE (artt. 167-171 C.C.)

FONDO PATRIMONIALE (artt. 167-171 C.C.) FONDO PATRIMONIALE (artt. 167-171 C.C.) COSTITUZIONE AMMINISTRAZIONE EFFICACIA OPPONIBILITA REVOCATORIA CESSAZIONE REGIME FISCALE DOTT.SSA ALESSANDRA DE LEONARDIS OBIETTIVI DEL FONDO CONCETTO DI FAMIGLIA

Dettagli

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it COMUNE DI CELLE LIGURE PROVINCIA DI SAVONA VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it Ufficio Entrate Tributarie e Tariffarie A decorrere

Dettagli

Capitale - Azioni - Strumenti finanziari - Finanziamenti dei. Articolo. 2. Il capitale sociale è diviso in n. azioni ordinarie.

Capitale - Azioni - Strumenti finanziari - Finanziamenti dei. Articolo. 2. Il capitale sociale è diviso in n. azioni ordinarie. Capitale - Azioni - Strumenti finanziari - Finanziamenti dei soci Articolo 1. Il capitale sociale è determinato in Euro 2. Il capitale sociale è diviso in n. azioni ordinarie del valore nominale di euro

Dettagli

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 03 novembre 2008

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 03 novembre 2008 CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 novembre 2008 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dei fondi immobiliari. Articolo 82, commi da 17 a 22, del decreto-legge 25 giugno

Dettagli

Studio Galeotti Flori - Firenze. Dott. Stefano Berti

Studio Galeotti Flori - Firenze. Dott. Stefano Berti COMPIUTI NELL AMBITO DI PROCEDURE FALLIMENTARI ED I PROVVEDIMENTI DI AGGIUDICAZIONE, ANCHE IN SEDE DI SCIOGLIMENTO DI COMUNIONI; LA TASSAZIONE DEGLI EVENTUALI CONGUAGLI Firenze, 25 marzo 2015 1 IMPOSTA

Dettagli