Il markup di documenti (I parte) WWW. Fabio Vitali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il markup di documenti (I parte) WWW. Fabio Vitali"

Transcript

1 Il markup di documeti (I parte) Fabio Vitali

2 «Quado io uso ua parola», disse Humpty Dumpty i too piuttosto sprezzate, «sigifica quello che io scelgo che sigifichi - é più, é meo.» Lewis Carroll Attraverso lo specchio A seguire: Itroduzioe 2/48

3 Itroduzioe Qui esamiiamo: u Cos è il markup u Che tipi di markup esistoo u Caratteristiche di markup procedurale e descrittivo u Ua brevissima storia del markup su computer A seguire: Perché tutto questo chiasso? 3/48

4 Perché tutto questo chiasso? Quado si porta ua collezioe di documeti i forma elettroica, si ha di solito i mete i geerale ua specifica applicazioe (metterla i rete, prepararla per la stampa, ecc.). Di solito, si cerca di trasformare il documeto ella forma più opportua perché vega utilizzato ell applicazioe suddetta. Spesso per questo si fao delle scelte che impediscoo o ostacolao otevolmete u ulteriore riuso della stessa collezioe per ua diversa applicazioe. L impagiato poco si adatta ad u idicizzazioe per la rete, o viceversa i liguaggi di visualizzazioe su rete soo troppo poco sofisticati per ua produzioe tipografica di buo livello, ecc. I liguaggi di markup derivati da SGML soo i liguaggi più opportui per strutturare e marcare i documeti i maiera idipedete dall applicazioe, favoredo la riusabilità, la flessibilità e la apertura ad applicazioi complesse. A seguire: Due problemi 4/48

5 Due problemi Redere i coteuti accessibili a chiuque Gestire i maiera semplice e uiforme tutte le fasi di gestazioe di u prodotto editoriale u u u Gestire i maiera semplice ed uiforme tutti i possibili usi di u medesimo coteuto: su carta, su video, su termiale Braille, su sitetizzatore vocale, ecc. Gestire i maiera semplice ed uiforme tutti i possibili riusi di u medesimo coteuto: libro, idice, sito web, catalogo, archivio, Redere il testo accessibile el tempo u Il recupero dei dati del Cesus Bureau del 1960 ( ) u Il recupero dei dati per il progetto LUNR del 1969 (1986-????) u u u Brewster Kahle Bruce Sterlig Boeig e la digitalizzazioe dei mauali degli aerei. A seguire: Obsolesceza dei documeti 5/48

6 Obsolesceza dei documeti I vecchi documeti elettroici o soo più accessibili quado realizzati co applicazioi ad hoc e seza documetazioe quado realizzati co applicazioi commerciali obsolete quado realizzati per periferiche obsolete quado memorizzati su media obsoleti A seguire: Accessibilità el tempo (2) 6/48

7 Accessibilità el tempo (2) Problema HW: migrazioe dei dati u La predomiaza degli hard disk sui medium esteri e il costo i dimiuzioe dell'hardware coesso redoo possibile il trasferimeto di tutti i dati sulla uova macchia appea acquistata Problema SW: coversioe u No altrettato semplice, o altrettato efficace, o altrettato automatizzabile, o altrettato uiversale. u Richiede acora ua buoa dose di lavoro mauale, i quatità proporzioale alla quatità di dati da trattare. Etrambe richiedoo attezioe costate el tempo, ma per il software è più difficile. A seguire: Problema software 7/48

8 Problema software Per i documeti del passato: u Chi lo sa? Ci soo molte iiziative u Più aspettiamo, peggio è Per i documeti del presete e del futuro: u Evitiamo di ripetere le igeuità del passato u Prepariamo la trasizioe all obsolesceza u Sfruttiamo la rete per il riversameto u Sfruttiamo gli stadard per i formati dei dati A seguire: La fote dei problemi 8/48

9 La fote dei problemi Formati biari u Il formato dati è u immediata trasposizioe del dato ella memoria. Nessu elemeto del documeto ha u seso compresibile seza l applicazioe che l ha geerato. Formati proprietari u L azieda produttrice dell applicazioe decide come è fatto il documeto secodo logiche itere al prodotto Formati orietati all applicazioe u Il coteuto del documeto è iframmezzato da istruzioi di formattazioe specifiche, che redoo difficile il riutilizzo del documeto per altri scopi a parte quello per cui è stato creato. A seguire: L'utilità dei dati digitali el tempo 9/48

10 L'utilità dei dati digitali el tempo Utilità Tempo Å Ç É Vita utile Periodo di oblio Ñ Geerazioe dei dati Nuove ecessità di accesso Cambiameti tecologici A seguire: Alcui approcci alla soluzioe 10/48

11 Alcui approcci alla soluzioe Stampa su carta u Possibile fio a tardi (2, iizio di 3); Accesso ma o riuso Preservazioe delle tecologie u Costoso. Necessario agire cotiuamete (2, 3, 4). Accesso ma o riuso Emulazioe delle tecologie u Costoso. Possibile i fase 4 se documetazioe sufficiete. Accesso e riuso parziale. Migrazioe a uove tecologie u Necessario agire cotiuamete. Accesso e riuso Icapsulameto u Etro la fie della fase 2. Accesso e riuso Adozioe di formati ricchi u Etro la fase 1. Poco costosa. Accesso e riuso. A seguire: Formati dati proprietari 11/48

12 Formati dati proprietari Word Processor MS Word, Word Perfect, Wordstar, XY Write, etc. u Tutti differeti, rapida obsolesceza, decete compatibilità verso il passato Desktop Publishig u PageMaker, FrameMaker, Quark XPress, Vetura Publisher, etc. u Tutti differeti, tutti estremamete specializzati, rapidissima obsolesceza, essua compatibilità col passato DBMS u Oracle, MS Access, MS SQLserver, IBM DB2, etc. u Estremamete orietati all'efficieza, opacissimi, decete obsolesceza, buoa compatibilità col passato Presetazioe u Postscript, PDF, ma ache Flash, Shockwave u Opachi, specializzati, complessi. Compatibilità col passato? u A seguire: Livelli diversi di riuso 12/48

13 Livelli diversi di riuso Riaccedere i lettura ai dati u Corretta lettura del medium fisico Reiterpretare i dati u Corretta idetificazioe delle caratteristiche del formato dati Rieseguire le applicazioi di maipolazioe u Dispoibilità e compatibilità (diretta o via emulazioe) delle applicazioi origiali Modificare e aggiorare i dati u Coversioe dei dati alle applicazioi odiere seza perdita di iformazioi Realizzare uove fuzioalità sui dati u Adattare le vecchie iformazioi alle uove applicazioi i modo da permettere l'esecuzioe di uove fuzioalità A seguire: Cos è il markup? (1) 13/48

14 Cos è il markup? (1) Defiiamo markup ogi mezzo per redere esplicita ua particolare iterpretazioe di u testo. Per esempio, tutte quelle aggiute al testo scritto che permettoo di rederlo più fruibile. Oltre a redere il testo più leggibile, il markup permette ache di specificare ulteriori usi del testo. Co il markup per sistemi iformatici (il ostro caso), specifichiamo le modalità esatte di utilizzo del testo el sistema stesso. Il markup o è soltato u ievitabile e sgradevole risultato della iformatizzazioe dell arte tipografica. No è qualcosa che sta co oi a causa dell iformatica. A seguire: Cos è il markup? (2) 14/48

15 Cos è il markup? (2) Quado u autore scrive, da millei a questa parte, specifica ache i delimitatori di parola (chiamati spazi), i delimitatori di frase (chiamati virgole) e i delimitatori di periodo (chiamati puti). La umerazioe delle pagie o l uso dei margii per creare effetti sul coteuto soo oti da cetiaia di ai. Eppure questo a stretto rigore o fa parte del testo, ma del markup: essuo dirà ad alta voce virgola o puto el leggere u testo, ma creerà adeguati comportameti paraliguistici (espressioi, toi, pause) per migliorare i chi ascolta la compresioe del testo. A seguire: Modi del markup: proprietario vs. pubblico 15/48

16 Modi del markup: proprietario vs. pubblico U formato proprietario è stato creato da ua specifica azieda co uo specifico scopo commerciale. L'azieda e detiee i diritti, e duque è i grado di modificarlo, aggiorarlo o rivoluzioarlo i qualuque mometo e per qualuque motivo. U formato pubblico è stato creato da u gruppo di iteresse (idividui, aziede, eti o commerciali, ecc.) come modello di armoizzazioe tra le esigeze di ciascu partecipate. Il gruppo tipicamete pubblica le specifiche del formato, permettedo a chiuque di realizzare strumeti software per quel formato. A volte questo si cocretizza i uo stadard ufficiale, avete valore ormativo. A seguire: Modi del markup: biario vs. leggibile 16/48

17 Modi del markup: biario vs. leggibile U formato biario è la memorizzazioe esatta delle strutture i memoria dell'applicazioe, che iete hao a che vedere co le esigeze di compresioe di esseri umai. Il testo o è visibile o è visibile per caso. U formato leggibile ivece è fatto per essere, i casi speciali, letto ache da esseri umai, che possoo iterveire per operazioi di emergeza. L'applicazioe deve trasformare quato legge i ua struttura itera utile per le operazioi di modifica o presetazioe. Questa fase si chiama parsig. A seguire: Esempio:.doc di MS Word 17/48

18 Esempio:.doc di MS Word A seguire: Esempio: Quark Xpress 18/48

19 Esempio: Quark Xpress A seguire: Esempio: Adobe PageMaker 19/48

20 Esempio: Adobe PageMaker A seguire: Esempio: PDF 20/48

21 Esempio: PDF A seguire: Esempio: RTF di MS Word 21/48

22 Esempio: RTF di MS Word A seguire: Esempio: PostScript 22/48

23 Esempio: PostScript A seguire: Esempio: HTML 23/48

24 Esempio: HTML A seguire: Esempio: XML 24/48

25 Esempio: XML A seguire: Modi del markup: itero vs. estero 25/48

26 Modi del markup: itero vs. estero Il markup itero iserisce istruzioi di presetazioe all'itero del testo, i mezzo alle parole. Il markup estero prevede due blocchi di iformazioi: il coteuto e il markup, separati e collegati da meccaismi di idirezioe Il markup itero richiede sitassi particolari per distiguere il markup dal coteuto. Tipicamete si adottao segalatori particolari che cambiao il tipo di iterpretazioe del documeto. La preseza del carattere segalatore el testo richiede l'adozioe di teciche di escapig. Il markup estero richiede u meccaismo di idirezioe, basato su idirizzi, offset o idetificatori, per associare co correttezza il markup al coteuto. A seguire: Modi del markup: procedurale vs. descrittivo 26/48

27 Modi del markup: procedurale vs. descrittivo Il markup assolve a diversi ruoli a secoda del sistema di elaborazioe, dell applicazioe, dello scopo a cui il documeto è soggetto. u Putuazioale u Presetazioale u Procedurale u Descrittivo u Refereziale u Metamarkup A seguire: Markup putuazioale 27/48

28 Markup putuazioale u Il markup putuazioale cosiste ell usare u isieme prefissato di segi per forire iformazioi perlopiù sitattiche sul testo. u Le regole di puteggiatura soo sostazialmete stabili, ote agli autori, e frequeti ei documeti. Per questo gli autori tipicamete foriscoo il loro markup putuazioale autoomamete. u Esistoo tuttavia otevoli problemi ell uso della puteggiatura: F Icertezze strutturali (virgola, puto e virgola o puto?), F Icertezze grafiche (virgolette aperte e chiuse o eutre?), F ambiguità procedurali (il puto viee usato sia per segare la fie di ua frase, che l esisteza di u abbreviazioe, seza cotare i tre putii di sospesioe). A seguire: Markup presetazioale 28/48

29 Markup presetazioale cima alla pagia, ecc. u Il markup presetazioale cosiste ell idicare effetti (grafici o altro) per redere più chiara la presetazioe del coteuto. u Nel testo, possoo essere cambi di paragrafo o di pagia, iterliea, pallii per liste, ecc. u E altresì markup presetazioale: cambiare pagia all iizio di ua uova sezioe, scrivere Capitolo 3 i A seguire: Markup procedurale 29/48

30 Markup procedurale u Il markup procedurale cosiste ell idicare co precisioe ad u sistema automatico che effetto attivare e che procedura (serie di istruzioi) eseguire ella visualizzazioe del coteuto. u I defiitiva, utilizzo le capacità del sistema di presetazioe per avere co precisioe l effetto voluto. u Esempio: Wordstar Dot Commads.PL 66.MT 6.MB 9.LH 12 A seguire: Markup descrittivo 30/48

31 Markup descrittivo u Il markup descrittivo cosiste ell idetificare strutturalmete il tipo di ogi elemeto del coteuto. u Ivece di specificare effetti grafici come l allieameto o l iterliea, e idividuo il ruolo all itero del documeto, specificado che u elemeto è u titolo, u paragrafo, o ua citazioe. A seguire: Markup refereziale 31/48

32 Markup refereziale u Il markup refereziale cosiste el fare riferimeto ad etità estere al documeto per forire sigificato o effetto grafico ad elemeti del documeto. Per esempio, utilizzare ua sigla ota che vega poi sostituita dalla parola itera durate la stampa u Es.: l autore scrive CdL e il sistema trasforma automaticamete l iput i Corso di Laurea A seguire: Metamarkup 32/48

33 Metamarkup u Ad esempio, la possibilità di defiire macro per u Il metamarkup cosiste el forire regole di iterpretazioe del markup e permette di estedere o cotrollare il sigificato del markup. l iterpretazioe e la visualizzazioe del documeto, o il processo di defiizioe degli elemeti e delle procedure valide di u documeto. A seguire: U testo su carta 33/48

34 U testo su carta Tre Uomii i Barca Jerome K. Jerome Capitolo primo Tre ivalidi - Le soffereze di George e Harris - La vittima di cetosette malattie iguaribili - [ ] Eravamo i quattro: George, William Samuel Harris, e io, Motmorecy. Stadocee seduti i camera mia, fumavamo e parlavamo di quato fossimo malridotti malridotti, dal puto di vista della salute, itedo, aturalmete. Ci setivamo tutti piuttosto giù di corda, A seguire: Il testo seza markup 34/48

35 Il testo seza markup Questo è il testo completamete seza markup, come poteva essere scritto su u papiro della biblioteca di Alessadria, el II o III secolo a.c. Treuomiiibarcajeromekjerome1889capitoloprimot reivalidilesofferezedigeorgeeharrislavittimadicet osettemalattieiguaribilieravamoiquattrogeorge,wil liamsamuelharriseiomotmorecystadoceesedutii cameramiafumavamoeparlavamodiquatofossimo malridottimalridottidalputodivistadellasaluteited oaturalmetecisetivamotuttipiuttostogiùdicorda A seguire: Markup metabolizzato 35/48

36 Markup metabolizzato Aggiugiamo markup putuazioale e presetazioale: maiuscole/miuscole, puteggiatura, spazi e ritori a capo soo essi stessi elemeti di markup. Tre Uomii i Barca Jerome K. Jerome (1889) Capitolo primo Tre ivalidi - Le soffereze di George e Harris - La vittima di cetosette malattie iguaribili - [ ] Eravamo i quattro: George, William Samuel Harris, e io, Motmorecy. Stadocee seduti i camera mia, fumavamo e parlavamo di quato fossimo malridotti malridotti, dal puto di vista della salute, itedo, aturalmete. Ci setivamo tutti piuttosto giù di corda,... A seguire: Markup procedurale 36/48

37 Markup procedurale Soo comadi, o istruzioi che il sistema di lettura (umao o elettroico) deve eseguire sul testo. Ad esempio, istruzioi su come adare a capo, come decidere i margii, ecc. Questo è RTF. {\rtf1 \mac \asicpg10000 \uc1 \pard \plai \s15 \qc \widctlpar \adjustright \f4 \fs48 \cgrid {Tre Uomii i Barca \par } \pard \plai \widctlpar \adjustright \f4 \cgrid { \lie \par \par \par \par \par } \pard \plai \s1 \qc \keep \widctlpar \outlielevel0 \adjustright \i \f4 \fs36 \cgrid {Jerome K. Jerome \par } \pard \plai \qc \widctlpar \adjustright \f4 \cgrid { \fs36 [ ] \par 1889 \lie \par } \pard \widctlpar \adjustright { \page } { \b \fs36 Capitolo primo} { \par \par \par \lie } { \i Tre ivalidi - Le soffereze di George e Harris - La vittima di cetosette malattie iguaribili - [ \u8230 \'c9] \par } { \lie } { \fs28 Eravamo i quattro: George, William Samuel Harris, e io, Motmorecy. Stadocee seduti i camera mia, fumavamo e parlavamo di quato fossimo malridotti \u8230 \'c9 malridotti, dal puto di vista della salute, itedo, aturalmete. \lie Ci setivamo tutti piuttosto gi \u249 \'9d di corda,... \par }} A seguire: Markup descrittivo 37/48

38 Markup descrittivo Soo iformazioi (descrizioi) sugli elemeti del documeti, che e specificao il ruolo, la giustificazioe, la relazioe co gli altri elemeti. <ROMANZO><TITOLO>Tre Uomii i Barca</TITOLO> <AUTORE>Jerome K. Jerome</AUTORE> <ANNO>1889</ANNO> <CAPITOLO><TITOLO>Capitolo primo</titolo> <INDICE><EL>Tre ivalidi</el><el>le soffereze di George e Harris </EL><EL> La vittima di cetosette malattie iguaribili </EL>[ ]</INDICE> <PARA>Eravamo i quattro: George, William Samuel Harris, e io, Motmorecy. Stadocee seduti i camera mia, fumavamo e parlavamo di quato fossimo malridotti malridotti, dal puto di vista della salute, itedo, aturalmete. </PARA> <PARA>Ci setivamo tutti piuttosto giù di corda, </PARA> </CAPITOLO> </ROMANZO> A seguire: Il markup procedurale (1) 38/48

39 Il markup procedurale (1) Basato sull aspetto u Ad ogi elemeto del documeto viee associata la procedura per visualizzarlo i maiera voluta: fot, dimesioe, corsivi, grassetti, margii, iterliea, ecc. Dipedete dal sistema u ogi sistema di visualizzazioe impoe le proprie regole e la propria sitassi, dipededo da: F Filosofia sitattica (comadi-puto per troff, comadi-barra per RTF, ecc.) F Capacità di raggruppameto (paretesi graffe i RTF, comado di disattivazioe esplicita i troff, ecc.) F Supporto di specifiche fuzioalità A seguire: Il markup procedurale (2) 39/48

40 Il markup procedurale (2) Associato agli idividui u ogi elemeto possiede le proprie procedure per la visualizzazioe, che possoo ache essere tutte diverse ache per elemeti dello stesso tipo. No cotestuale u Le regole di visualizzazioe o dipedoo dal cotesto i cui vegoo fatte, ma ogua fa specie a sé. F Ad esempio, ua lista i troff è fatta come segue:.li.it elemeto 1.it elemeto 2.el F Nessu cotrollo impoe di chiudere la lista alla fie, o di usare i comadi.it solo detro alla lista. u Ioltre, e molto importate, o è possibile porre vicoli sulla "correttezza" di u documeto. A seguire: Il markup descrittivo (1) 40/48

41 Il markup descrittivo (1) Basato sul ruolo u Di ogi elemeto viee descritto il ruolo all itero del testo, più che le regole per la sua visualizzazioe: u Ad esempio: questo è u titolo, questo è u paragrafo, questo è il ome dell autore, questa è ua citazioe. Idipedete dal sistema u Poiché il markup descrittivo assega ruoli (e o regole di visualizzazioe) agli elemeti del testo, questi soo itriseci agli elemeti stessi, e o alle fuzioalità dispoibili el sistema di visualizzazioe. u U sistema icapace di variare l iterliea, o co u eleco limitato di fot e dimesioi, può aver problemi ad iterpretare u markup procedurale troppo ricco, ma la differeza tra (per esempio) u titolo o u eleco o u paragrafo o dipede dalla sofisticazioe del sistema di visualizzazioe. A seguire: Il markup descrittivo (2) 41/48

42 Il markup descrittivo (2) Basato su categorie u I ruoli soo categorie. Ogi elemeto è associato ad ua categoria, e e riflette tutte le caratteristiche automaticamete. Cotestuale u Co il markup descrittivo è possibile defiire delle regole che permettao o impediscao l assegazioe di ua categoria (ruolo) ad u elemeto del testo a secoda del cotesto. u Ad esempio, si può richiedere che il titolo vada all iizio del testo, o che ua lista sia composta solo di elemeti della lista, e o da paragrafi, ecc. u Acora, è possibile specificare regole di correttezza sui documeti, ad esempio che ad u'immagie segua ecessariamete ua didascalia, ecc. A seguire: Il markup descrittivo (3) 42/48

43 Il markup descrittivo (3) Il markup geerico sfrutta il late bidig: le scelte specifiche si fao all ultimo mometo utile. Nel ostro caso, la formattazioe viee decisa el mometo i cui il documeto viee visualizzato, o stampato, piuttosto che quado il documeto viee codificato. Per cotro, il markup descrittivo richiede l'esisteza di due passaggi distiti, la marcatura e la formattazioe, che usao due tecologie diverse e vegoo fatte i due mometi diversi. A seguire: Il markup descrittivo (4) 43/48

44 Il markup descrittivo (4) Ci soo vari vataggi i questa tecica: u Facilità ella creazioe: l autore si cocetra sul ruolo orgaizzativo delle sigole parti di testo, piuttosto che sul loro aspetto stampato. u Idipedeza dalla formattazioe: riformattare u documeto secodo uove regole richiede semplicemete di ricodificare dei parametri esteri, o di modificare i alcua maiera il documeto u Flessibilità: riusare u documeto i u uovo cotesto e facile, perché o è ecessario rimuovere la vecchia iformazioe per far posto alla uova. u Visioi di documeti diamicamete ricofigurabili: è possibile evideziare di volta i volta caratteristiche del documeto diverse (caratteristica degli outlie processor, per esempio) A seguire: Modi del markup (2) 44/48

45 Modi del markup (2) Tradizioalmete, editor (sistemi di iserimeto dati) e formatter (sistemi di creazioe di output) erao separati. LaTeX acora riflette questa distizioe, MS Word o. Il markup viee utilizzato da u formatter per la creazioe dell output, ma l editor può operare sul markup se e coosce le caratteristiche. I questo caso il markup sarà: u Esposto: il sistema mostra il markup e e mostra gli effetti u Travestito: il sistema mostra el coteuto u simbolo che attiva il markup u Nascosto: il sistema ascode il markup e e mostra solo gli effetti u Visualizzato: il sistema o iterpreta i markup e lo mostra isieme al coteuto. A seguire: Uso del markup (su computer) 45/48

46 Uso del markup (su computer) Possiamo sistemare, riorgaizzare e formattare u testo per la stampa. Possiamo sistemare, riorgaizzare e formattare u testo per la lettura a video. Possiamo sistemare, riorgaizzare e formattare u testo per l uso di hadicappati fisici (ad esempio ciechi co l aiuto di u lettore Braille) Possiamo sistemare, riorgaizzare e formattare u testo per la lettura del testo ad alta voce i situazioi di impedimeto temporaeo (ad esempio, metre stiamo guidado). Possiamo permettere facilmete ua ricerca sui coteuti del testo. Possiamo verificare la adeguatezza del testo rispetto a regole più o meo formali di strutturazioe. A seguire: Coclusioi 46/48

47 Coclusioi Qui abbiamo parlato di u Importaza del markup el testo u Rilevaza del markup descrittivo per applicare scopi multipli allo stesso testo u Qualche distizioe tra tipi di markup A seguire: Riferimeti 47/48

48 Riferimeti u J. H. Coombs, A. H. Reear, S. J. DeRose, Markup Systems ad the future of Scholarly Text Processig, Commuicatios of the ACM, 30(11), November Fie Presetazioe

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DI UN GRUPPO DI OSSERVAZIONI O DI ESPERIMENTI, SI PERVIENE A CERTE CONCLUSIONI, LA CUI VALIDITA PER UN COLLETTIVO Più AMPIO E ESPRESSA

Dettagli

Le carte di controllo

Le carte di controllo Le carte di cotrollo Dott.ssa Bruella Caroleo 07 dicembre 007 Variabilità ei processi produttivi Le caratteristiche di qualsiasi processo produttivo soo caratterizzate da variabilità Le cause di variabilità

Dettagli

IL CALCOLO COMBINATORIO

IL CALCOLO COMBINATORIO IL CALCOLO COMBINATORIO Calcolo combiatorio è il termie che deota tradizioalmete la braca della matematica che studia i modi per raggruppare e/o ordiare secodo date regole gli elemeti di u isieme fiito

Dettagli

Campi vettoriali conservativi e solenoidali

Campi vettoriali conservativi e solenoidali Campi vettoriali coservativi e soleoidali Sia (x,y,z) u campo vettoriale defiito i ua regioe di spazio Ω, e sia u cammio, di estremi A e B, defiito i Ω. Sia r (u) ua parametrizzazioe di, fuzioe della variabile

Dettagli

Sommario. Metodologie di progetto. Introduzione. Modello del Sistema. Diagramma a Blocchi. Progetto

Sommario. Metodologie di progetto. Introduzione. Modello del Sistema. Diagramma a Blocchi. Progetto Sommario Metodologie di progetto Massimo Violate troduzioe Progetto a Livello Porte Logiche Progetto a Livello Registri Progetto a Livello Sistema. troduzioe U sistema è ua collezioe di oggetti, compoeti,

Dettagli

Economia Internazionale - Soluzioni alla IV Esercitazione

Economia Internazionale - Soluzioni alla IV Esercitazione Ecoomia Iterazioale - Soluzioi alla IV Esercitazioe 25/03/5 Esercizio a) Cosa soo le ecoomie di scala? Come cambia la curva di oerta i preseza di ecoomie di scala? Perchè queste oroo u icetivo al commercio

Dettagli

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE Esercizi di Fodameti di Iformatica 1 EQUAZIONI ALLE RICORRENZE 1.1. Metodo di ufoldig 1.1.1. Richiami di teoria Il metodo detto di ufoldig utilizza lo sviluppo dell equazioe alle ricorreze fio ad u certo

Dettagli

ICT e Sistemi informativi Aziendali. ICT e Sistemi informativi Aziendali. Sommario. Materiale di supporto alla didattica

ICT e Sistemi informativi Aziendali. ICT e Sistemi informativi Aziendali. Sommario. Materiale di supporto alla didattica ICT e Sistemi iformativi Aziedali Materiale di supporto alla didattica ICT e Sistemi iformativi Aziedali CAPITOLO IV base e warehouse Sommario Modelli dei dati Modello relazioale DBMS La progettazioe di

Dettagli

Perfezionamento del riconoscimento vocale

Perfezionamento del riconoscimento vocale CAPITOL 3 Perfezioameto del ricooscimeto vocale Operazioi co il vocabolario di Drago NaturallySpeakig Se Drago NaturallySpeakig ricoosce ua parola i modo errato, è possibile che tale lemma o sia icluso

Dettagli

PARTE QUARTA Teoria algebrica dei numeri

PARTE QUARTA Teoria algebrica dei numeri Prerequisiti: Aelli Spazi vettoriali Sia A u aello commutativo uitario PARTE QUARTA Teoria algebrica dei umeri Lezioe 7 Cei sui moduli Defiizioe 7 Si dice modulo (siistro) su A (o semplicemete, A-modulo)

Dettagli

Approfondimenti di statistica e geostatistica

Approfondimenti di statistica e geostatistica Approfodimeti di statistica e geostatistica APAT Agezia per la Protezioe dell Ambiete e per i Servizi Tecici Cos è la geostatistica? Applicazioe dell aalisi di Rischio ai siti Cotamiati Geostatistica La

Dettagli

Esercitazione 2 Progetto e realizzazione di un semplice sintetizzatore musicale basato su FPGA

Esercitazione 2 Progetto e realizzazione di un semplice sintetizzatore musicale basato su FPGA Architetture dei sistemi itegrati digitali Alessadro Bogliolo Esercitazioe 2 Progetto e realizzazioe di u semplice sitetizzatore musicale basato su FPGA (A) Defiizioe della specifica ed esperimeti prelimiari

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA \ ARITMETICA \ NUMERI NATURALI (1)

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA \ ARITMETICA \ NUMERI NATURALI (1) ALGEBRA \ ARITMETICA \ NUMERI NATURALI (1) I umeri aturali hao u ordie; ogi umero aturale ha u successivo (otteuto aggiugedo 1), e ogi umero aturale diverso da zero ha u precedete (otteuto sottraedo 1).

Dettagli

Spazio per timbri. DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ (insegne, targhe, affissi pubblicitari e tende)

Spazio per timbri. DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ (insegne, targhe, affissi pubblicitari e tende) Spazio per timbri DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITÀ (isege, targhe, affissi pubblicitari e tede) Al Servizio Edizia Privata del Comue di PAVIA DI UDINE La D.I.A. va presetata i bollo ( 14,62) quado costituisca

Dettagli

1 Successioni 1 1.1 Limite di una successione... 2. 2 Serie 3 2.1 La serie armonica... 6 2.2 La serie geometrica... 6

1 Successioni 1 1.1 Limite di una successione... 2. 2 Serie 3 2.1 La serie armonica... 6 2.2 La serie geometrica... 6 SUCCESSIONI Successioi e serie Idice Successioi. Limite di ua successioe........................................... Serie 3. La serie armoica................................................ 6. La serie

Dettagli

Metodi statistici per l'analisi dei dati

Metodi statistici per l'analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due Motivazioi Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ) per cui soo stati codotti gli esperimeti. Metodi tatistici per l Aalisi dei Dati due Esempio

Dettagli

Appunti sulla MATEMATICA FINANZIARIA

Appunti sulla MATEMATICA FINANZIARIA INTRODUZIONE Apputi sulla ATEATIA FINANZIARIA La matematica fiaziaria si occupa delle operazioi fiaziarie. Per operazioe fiaziaria si itede quella operazioe ella quale avviee uo scambio di capitali, itesi

Dettagli

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità La sicurezza sul lavoro: obblighi e resposabilità Il Testo uico sulla sicurezza, Dlgs 81/08 è il pilastro della ormativa sulla sicurezza sul lavoro. I sostaza il Dlgs disciplia tutte le attività di tutti

Dettagli

Metodi statistici per l analisi dei dati

Metodi statistici per l analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due ttameti Motivazioi ttameti Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ttameti) per cui soo stati codotti gli esperimeti. due ttameti Esempio itroduttivo

Dettagli

LA GESTIONE DELLA QUALITA : IL TOTAL QUALITY MANAGEMENT

LA GESTIONE DELLA QUALITA : IL TOTAL QUALITY MANAGEMENT LA GESTIONE DELLA QUALITA : IL TOTAL QUALITY MANAGEMENT La gestioe, il cotrollo ed il migliorameto della qualità di u prodotto/servizio soo temi di grade iteresse per l azieda. Il problema della qualità

Dettagli

Complessità Computazionale

Complessità Computazionale Uiversità degli studi di Messia Facoltà di Igegeria Corso di Laurea i Igegeria Iformatica e delle Telecomuicazioi Fodameti di Iformatica II Prof. D. Brueo Complessità Computazioale La Nozioe di Algoritmo

Dettagli

Selezione avversa e razionamento del credito

Selezione avversa e razionamento del credito Selezioe avversa e razioameto del credito Massimo A. De Fracesco Dipartimeto di Ecoomia politica e statistica, Uiversità di Siea May 3, 013 1 Itroduzioe I questa lezioe presetiamo u semplice modello del

Dettagli

CAPITOLO 5 TEORIA DELLA SIMILITUDINE

CAPITOLO 5 TEORIA DELLA SIMILITUDINE CAPITOLO 5 TEORIA DELLA SIMILITUDINE 5.. Itroduzioe La Teoria della Similitudie ha pricipalmete due utilizzi: Estedere i risultati otteuti testado ua sigola macchia ad altre codizioi operative o a ua famiglia

Dettagli

FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE. nuove iniziative d impresa

FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE. nuove iniziative d impresa regioe puglia il lavoro e l iovazioe PO FESR 2007-2013 Asse VI Azioe 6.1.5. idi uove iiziative d impresa Regioe Puglia cosa trovo i questa scheda? Questa scheda cotiee alcue iformazioi sulla Misura Nidi

Dettagli

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

Soluzione del tema di Informatica Progetto Mercurio Esame di Stato AS 2010-2011 1 Prof. Mauro De Berardis Itis Teramo Mercurio 2011 Prova scritta di

Soluzione del tema di Informatica Progetto Mercurio Esame di Stato AS 2010-2011 1 Prof. Mauro De Berardis Itis Teramo Mercurio 2011 Prova scritta di Soluzioe del tema di Iformatica Progetto Mercurio Esame di Stato AS 2010-2011 1 Sessioe ordiaria Esame di Stato 2011 Tema di Iformatica - Progetto: Mercurio Soluzioe proposta da: Co il termie Web 2.0 si

Dettagli

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia per manager. Prima versione, marzo 2013; versione aggiornata, marzo 2014)

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia per manager. Prima versione, marzo 2013; versione aggiornata, marzo 2014) Itroduzioe all assicurazioe. (Dispesa per il corso di Microecoomia per maager. Prima versioe, marzo 2013; versioe aggiorata, marzo 2014) Massimo A. De Fracesco Uiversità di Siea March 14, 2014 1 Prezzo

Dettagli

1. Considerazioni generali

1. Considerazioni generali . osiderazioi geerali Il processaeto di ob su acchie parallele è iportate sia dal puto di vista teorico che pratico. Dal puto di vista teorico questo caso è ua geeralizzazioe dello schedulig su acchia

Dettagli

Statistica I, Laurea triennale in Ing. Gestionale, a.a. 2011/12 Registro delle lezioni

Statistica I, Laurea triennale in Ing. Gestionale, a.a. 2011/12 Registro delle lezioni Statistica I, Laurea trieale i Ig. Gestioale, a.a. 2011/12 Registro delle lezioi Lezioe 1 (28/9, ore 11:30). Vedere la registrazioe di Barsati, dispoibile alla pagia http://users.dma.uipi.it/barsati/statistica_2011/idex.html.

Dettagli

Statistica di base. Luca Mari, versione 31.12.13

Statistica di base. Luca Mari, versione 31.12.13 Statistica di base Luca Mari, versioe 31.12.13 Coteuti Moda...1 Distribuzioi cumulate...2 Mediaa, quartili, percetili...3 Sigificatività empirica degli idici ordiali...3 Media...4 Acora sulla media...4

Dettagli

Capitolo Terzo. rappresenta la rata di ammortamento del debito di un capitale unitario. Si tratta di risolvere un equazione lineare nell incognita R.

Capitolo Terzo. rappresenta la rata di ammortamento del debito di un capitale unitario. Si tratta di risolvere un equazione lineare nell incognita R. 70 Capitolo Terzo i cui α i rappreseta la rata di ammortameto del debito di u capitale uitario. Si tratta di risolvere u equazioe lieare ell icogita R. SIANO NOTI IL MONTANTE IL TASSO E IL NUMERO DELLE

Dettagli

Appunti su rendite e ammortamenti

Appunti su rendite e ammortamenti Corso di Matematica I Facoltà di Ecoomia Dipartimeto di Matematica Applicata Uiversità Ca Foscari di Veezia Fuari Stefaia, fuari@uive.it Apputi su redite e ammortameti 1. Redite Per redita si itede u isieme

Dettagli

Analisi statistica dell Output

Analisi statistica dell Output Aalisi statistica dell Output IL Simulatore è u adeguata rappresetazioe della Realtà! E adesso? Come va iterpretato l Output? Quado le Osservazioi soo sigificative? Quati Ru del Simulatore è corretto effettuare?

Dettagli

TESEO 7 Enterprise Resource Planning

TESEO 7 Enterprise Resource Planning TESEO 7 Eterprise Resource Plaig Zucchetti Cetro Sistemi SpA Cosa è TESEO è la risposta di Zucchetti Cetro Sistemi alla richiesta di u ERP i liea co le uove esigeze che ogi azieda oggi si trova ad avere:

Dettagli

Sessione ordinaria Esame di Stato 2011 Tema di Informatica - Abacus Soluzione proposta da: Prof. Mauro De Berardis Itis Teramo Commento

Sessione ordinaria Esame di Stato 2011 Tema di Informatica - Abacus Soluzione proposta da: Prof. Mauro De Berardis Itis Teramo Commento Soluzioe del tema di Iformatica Abacus Esame di Stato AS 2010-2011 1 Sessioe ordiaria Esame di Stato 2011 Tema di Iformatica - Abacus Soluzioe proposta da: Il Miistero dell Ambiete commissioa lo sviluppo

Dettagli

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Defiire lo strumeto matematico ce cosete di studiare la cresceza e la decresceza di ua fuzioe Si comicia col defiire cosa vuol dire ce ua fuzioe è crescete. Defiizioe:

Dettagli

STIMA DEI DANNI 1) Che cosa si intende per danno economico?

STIMA DEI DANNI 1) Che cosa si intende per danno economico? STIMA DEI DANNI 1) Che cosa si itede per dao ecoomico? Per dao ecoomico si itede la perdita o la dimiuzioe di valore che u bee subisce a seguito di u siistro ( eveto o prevedibile) o da u fatto doloso

Dettagli

HP OpenView AssetCenter

HP OpenView AssetCenter HP OpeView AssetCeter Versioe software: 5.0 Ammiistrazioe Numero build: 455 Note legali Garazie Soltato le garazie che si applicao ai prodotti e ai servizi HP figurao elle dichiarazioi formali che corredao

Dettagli

Tutti i diritti di sfruttamento economico dell opera appartengono alla Esselibri S.p.A. (art. 64, D.Lgs. 10-2-2005, n. 30)

Tutti i diritti di sfruttamento economico dell opera appartengono alla Esselibri S.p.A. (art. 64, D.Lgs. 10-2-2005, n. 30) Copyright 2005 Esselibri S.p.A. Via F. Russo, 33/D 8023 Napoli Azieda co sistema qualità certificato ISO 400: 2003 Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzioe ache parziale e co qualsiasi mezzo

Dettagli

IMPLICAZIONE TRA VARIABILI BINARIE: L Implicazione di Gras

IMPLICAZIONE TRA VARIABILI BINARIE: L Implicazione di Gras IMPLICAZIONE TRA VARIABILI BINARIE: L Implicazioe di Gras Date due variabili biarie a e b, i quale misura posso assicurare che i ua popolazioe da ogi osservazioe di a segue ecessariamete quella di b? E

Dettagli

Capitolo 2 CALCOLO DELLE PROBABILITÀ

Capitolo 2 CALCOLO DELLE PROBABILITÀ CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE (Note didattiche) Bruo Chiadotto Fabrizio Cipollii Capitolo CALCOLO DELLE PROBABILITÀ Il calcolo delle probabilità, ato el cotesto dei giochi d azzardo si è sviluppato

Dettagli

Problemi di turnistica del personale nei trasporti. Pianificazione dei turni. Tecniche di ottimizzazione. Programma. Paolo Toth e Daniele Vigo

Problemi di turnistica del personale nei trasporti. Pianificazione dei turni. Tecniche di ottimizzazione. Programma. Paolo Toth e Daniele Vigo Problemi di turistica del persoale ei trasporti Paolo Toth e Daiele Vigo DEIS, Uiversità di Bologa http://promet4.deis.uibo.it/ Piaificazioe dei turi Dati: u isieme di servizi da effettuare i u determiato

Dettagli

Campionamento stratificato. Esempio

Campionamento stratificato. Esempio ez. 3 8/0/05 Metodi Statiici per il Marketig - F. Bartolucci Uiversità di Urbio Campioameto ratificato Ua tecica molto diffusa per sfruttare l iformazioe coteuta i ua variabile ausiliaria (o evetualmete

Dettagli

Microscopio di misura senza contatto per ispezioni e misurazioni di precisione KESTREL ELITE

Microscopio di misura senza contatto per ispezioni e misurazioni di precisione KESTREL ELITE KESTREL ELITE KESTREL ELITE Microscopio di misura seza cotatto per ispezioi e misurazioi di precisioe Misurazioe seza cotatto su 2 assi, ideale per misurare caratteristiche bidimesioali di piccoli compoeti

Dettagli

PARAMETRI DEL MOTO SISMICO

PARAMETRI DEL MOTO SISMICO PARAMETRI DEL MOTO SISMICO Attività microsismica: caratterizzata da vibrazioi di debole ampiezza e periodi molto gradi tali da o essere percepiti dai più comui strumeti di registrazioe (importate soprattutto

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica A.A. 2014/15. Complementi di Probabilità e Statistica. Prova scritta del del 23-02-15

Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica A.A. 2014/15. Complementi di Probabilità e Statistica. Prova scritta del del 23-02-15 Corso di Laurea Magistrale i Igegeria Iformatica A.A. 014/15 Complemeti di Probabilità e Statistica Prova scritta del del 3-0-15 Puteggi: 1. 3+3+4;. +3 ; 3. 1.5 5 ; 4. 1 + 1 + 1 + 1 + 3.5. Totale = 30.

Dettagli

Elementi di matematica finanziaria

Elementi di matematica finanziaria Elemeti di matematica fiaziaria 18.X.2005 La matematica fiaziaria e l estimo Nell ambito di umerosi procedimeti di stima si rede ecessario operare co valori che presetao scadeze temporali differeziate

Dettagli

Modelli multiperiodali discreti. Strategie di investimento

Modelli multiperiodali discreti. Strategie di investimento Modelli multiperiodali discreti Cosideriamo ora modelli discreti cioè co u umero fiito di stati del modo multiperiodali, cioè apputo co più periodi. Il prototipo di questa classe di modelli è il modello

Dettagli

Il confronto tra DUE campioni indipendenti

Il confronto tra DUE campioni indipendenti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Cofroto tra due medie I questi casi siamo iteressati a cofrotare il valore medio di due camioi i cui i le osservazioi i u camioe soo

Dettagli

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia)

Introduzione all assicurazione. (Dispensa per il corso di Microeconomia) Itroduzioe all assicurazioe. (Dispesa per il corso di Microecoomia) Massimo A. De Fracesco Uiversità di Siea December 18, 2013 1 ichiami su utilità attesa e avversioe al rischio Prima di cosiderare il

Dettagli

Metodi Iterativi Generalità e convergenza Metodi di base Cenni sui metodi basati sul gradiente Cenni sui metodi multigriglia

Metodi Iterativi Generalità e convergenza Metodi di base Cenni sui metodi basati sul gradiente Cenni sui metodi multigriglia Itroduzioe Metodi diretti Elimiazioe di Gauss Decomposizioe LU Casi particolari Metodi Iterativi Geeralità e covergeza Metodi di base Cei sui metodi basati sul gradiete Cei sui metodi multigriglia 1 Itroduzioe

Dettagli

I livelli del protocollo TCP/IP

I livelli del protocollo TCP/IP I livelli del protocollo TCP/IP TCP/IP è u protocollo a livelli livello delle applicazioi: servizi di rete per l utete (web, posta elettroica, ftp...) livello di trasporto (TCP): orgaizzazioe dei dati

Dettagli

I Sistemi ERP e l innovazione aziendale: dalle Funzioni ai Processi, aspetti innovativi ed aspetti progettuali

I Sistemi ERP e l innovazione aziendale: dalle Funzioni ai Processi, aspetti innovativi ed aspetti progettuali I Sistemi ERP e l iovazioe aziedale: dalle Fuzioi ai Processi, aspetti iovativi ed aspetti progettuali Uiversità di L Aquila, 14 maggio 2004 Ig. Nicola Pace I Sistemi ERP e l iovazioe aziedale Uiversità

Dettagli

Problemi di Scheduling Definizioni. Problemi di Scheduling Definizioni. Problemi di Scheduling Definizioni. Problemi di Scheduling Definizioni

Problemi di Scheduling Definizioni. Problemi di Scheduling Definizioni. Problemi di Scheduling Definizioni. Problemi di Scheduling Definizioni Problemi di Schedulig Defiizioi I problemi di schedulig soo caratterizzati da tre isiemi: Attività (Task) T {T,T 2, T } macchie (Machies) P {P,P 2, P m } Risorse R {R,R 2, R s } Schedulig: assegare m Macchie

Dettagli

Demand-Side Management in a Smart Micro-Grid: A Distributed Approach Based on Bayesian Game Theory

Demand-Side Management in a Smart Micro-Grid: A Distributed Approach Based on Bayesian Game Theory Demad-Side Maagemet i a Smart Micro-Grid: A Distributed Approach Based o Bayesia Game Theory Matteo Sola e Giorgio M. Vitetta Dipartimeto di Igegeria Ezo Ferrari Uiversità degli Studi di Modea e Reggio

Dettagli

APPUNTI DI ECONOMIA ELEMENTARE. (tratti da A. MONTE Elementi di Impianti Industriali Cortina)

APPUNTI DI ECONOMIA ELEMENTARE. (tratti da A. MONTE Elementi di Impianti Industriali Cortina) ITIS OMAR Dipartimeto di Meccaica APPUNTI DI ECONOMIA ELEMENTARE (tratti da A. MONTE Elemeti di Impiati Idustriali Cortia) Si defiisce iteresse il dearo pagato per l'uso di u capitale otteuto i prestito

Dettagli

Serie numeriche e serie di potenze

Serie numeriche e serie di potenze Serie umeriche e serie di poteze Sommare u umero fiito di umeri reali è seza dubbio u operazioe che o può riservare molte sorprese Cosa succede però se e sommiamo u umero ifiito? Prima di dare delle defiizioi

Dettagli

Random walk classico. Simulazione di un random walk

Random walk classico. Simulazione di un random walk Radom walk classico Il radom walk classico) è il processo stocastico defiito da co prob. S = S0 X k, co X k = k= co prob. e le X soo tra di loro idipedeti. k Si tratta di u processo a icremeti idipedeti

Dettagli

VAIO-Link Guida Cliente

VAIO-Link Guida Cliente VAIO-Lik Guida Cliete "Cosideriamo ogi sigola domada del cliete co la massima attezioe e il dovuto rispetto e facciamo del ostro meglio perché il cliete abbia u'ottima impressioe del cetro di assisteza

Dettagli

Analisi Fattoriale Discriminante

Analisi Fattoriale Discriminante Aalisi Fattoriale Discrimiate Bibliografia Lucidi (materiale reperibile via Iteret) Lauro C.N. Uiversità di Napoli Gherghi M. Uiversità di Napoli D Ambra L. Uiversità di Napoli Keeth M. Portier Uiversity

Dettagli

3. Progetto di reti di comunicazione

3. Progetto di reti di comunicazione 3. Progetto di reti di comuicazioe 66 ROC-00/01 Capitolo 3 3. 1 Alberi di costo miimo e alberi di costo miimo co capacità Come acceato el paragrafo 2.1.2, i questo corso affroteremo solo due aspetti del

Dettagli

STIMA DEL FONDO RUSTCO

STIMA DEL FONDO RUSTCO STIMA DEL FONDO RUSTCO 1) Quali soo gli aspetti ecoomici che possoo essere presi i cosiderazioe ella stima dei fodi rustici? La stima di u fodo rustico può essere fatta applicado i segueti aspetti ecoomici:

Dettagli

METODO DELLE PIOGGE PER IL CALCOLO DEI VOLUMI DI INVASO PER L INVARIANZA IDRAULICA

METODO DELLE PIOGGE PER IL CALCOLO DEI VOLUMI DI INVASO PER L INVARIANZA IDRAULICA METODO DELLE PIOGGE PER IL CALCOLO DEI OLUMI DI INASO PER L INARIANZA IDRAULICA 1. Premessa I queste brevi ote si preseta il metodo semplificato delle piogge illustradoe l implemetazioe i u foglio di calcolo

Dettagli

Informazioni e monitoring. Informazioni commerciali e di solvibilità su imprese e privati.

Informazioni e monitoring. Informazioni commerciali e di solvibilità su imprese e privati. Iformazioi e moitorig. Iformazioi commerciali e di solvibilità su imprese e privati. INSIEME CONTRO LE PERDITE. Iformazioi Creditreform. Per ua migliore traspareza. Chi coclude trasazioi commerciali va

Dettagli

Pagina del titolo. Avid ISIS Guida client

Pagina del titolo. Avid ISIS Guida client Pagia del titolo Avid ISIS Guida cliet Sommario Capitolo 1 Cofigurazioe e istallazioe di Avid ISIS Cliet Maager.................... 5 Istallazioe scheda e driver Itel Pro/1000...................................

Dettagli

Interesse e formule relative.

Interesse e formule relative. Elisa Battistoi, Adrea Frozetti Collado Iteresse e formule relative Esercizio Determiare quale somma sarà dispoibile fra 7 ai ivestedo oggi 0000 ad u tasso auale semplice del 5% Soluzioe Il diagramma del

Dettagli

Incrementare le performance e ridurre i costi, nuove sfide nella gestione degli asset per il settore Power & Utility

Incrementare le performance e ridurre i costi, nuove sfide nella gestione degli asset per il settore Power & Utility Icremetare le performace e ridurre i costi, uove sfide ella gestioe degli asset per il settore Power & Utility Doato Camporeale Executive Director Eergy Utilities & Miig Nel corso degli ultimi ai, co il

Dettagli

Valutazione delle prestazioni di calcolo

Valutazione delle prestazioni di calcolo Architettura degli Elaboratori e delle Reti Valutazioe delle prestazioi di calcolo A. Borghese, F. Pedersii Dipartimeto di Iformatica Uiversità degli Studi di Milao 1 Perché valutare le prestazioi? Perché?!

Dettagli

Capitolo uno STATISTICA DESCRITTIVA BIVARIATA

Capitolo uno STATISTICA DESCRITTIVA BIVARIATA Capitolo uo STATISTICA DESCRITTIVA BIVARIATA La statistica bidimesioale o bivariata si occupa dello studio del grado di dipedeza di due caratteri distiti della stessa uità statistica. E possibile, ad esempio,

Dettagli

2.1. CONSIDERAZIONI GENERALI SULLA TEORIA DEL METODO AGLI ELEMENTI FINITI PER LA SIMULAZIONE DEI PROCESSI DI LAMIERA

2.1. CONSIDERAZIONI GENERALI SULLA TEORIA DEL METODO AGLI ELEMENTI FINITI PER LA SIMULAZIONE DEI PROCESSI DI LAMIERA Politecico di Torio Sistemi di Produzioe... CONSIDERAZIONI GENERALI SULLA TEORIA DEL METODO AGLI ELEMENTI FINITI PER LA SIMULAZIONE DEI PROCESSI DI LAMIERA... Equazioe di govero Negli ultimi ai il metodo

Dettagli

GABRIELE AMADIO - GIANCARLO CREMA MODELLI DI RICERCA OPERATIVA APPLICATI ALLA LOGISTICA

GABRIELE AMADIO - GIANCARLO CREMA MODELLI DI RICERCA OPERATIVA APPLICATI ALLA LOGISTICA GABRIELE AMADIO - GIANCARLO CREMA MODELLI DI RICERCA OPERATIVA APPLICATI ALLA LOGISTICA Pubblicazioi dell I.S.U. Uiversità Cattolica GABRIELE AMADIO - GIANCARLO CREMA MODELLI DI RICERCA OPERATIVA APPLICATI

Dettagli

La seconda generazione ProStar

La seconda generazione ProStar La secoda geerazioe ProStar Il ProStar è u regolatore di carica solare comadato da u microprocessore che, oltre alla protezioe di scarica bassa e di sovraccarico, dispoe di varie altre fuzioi. P.es. a

Dettagli

Una funzione è una relazione che ad ogni elemento del dominio associa uno e un solo elemento del codominio

Una funzione è una relazione che ad ogni elemento del dominio associa uno e un solo elemento del codominio Radicali Per itrodurre il cocetto di radicali che già avete icotrato alle medie quado avete imparato a calcolare la radice quadrata e cubica dei umeri iteri, abbiamo bisogo di rivedere il cocetto di uzioe

Dettagli

129 La scala del disonore Consiglio: la prima legge del commercio elettronico

129 La scala del disonore Consiglio: la prima legge del commercio elettronico Quat è grave il problema? 125 Cosa rede critico u problema Quatificare la criticità dei problemi Usabilità i ospedale: i codizioi critiche 129 La scala del disoore Cosiglio: la prima legge del commercio

Dettagli

Medici Specialisti e Odontoiatri

Medici Specialisti e Odontoiatri ALLEGATO B BOLLO 16,00 P A R T E P R I M A DOMANDA DI INCLUSIONE NELLA GRADUATORIA art. 21 dell Accordo Collettivo Nazioale per la disciplia dei rapporti co i Medici specialisti ambulatoriali, Medici Veteriari

Dettagli

Introduzione: definizione di investimento... 2 Principali tipi di investimenti... 3 Problemi decisionali... 3 Cenni alla metrica dei flussi di

Introduzione: definizione di investimento... 2 Principali tipi di investimenti... 3 Problemi decisionali... 3 Cenni alla metrica dei flussi di Apputi di Ecoomia Capitolo 9 Aalisi degli ivestimeti Itroduzioe: defiizioe di ivestimeto... 2 Pricipali tipi di ivestimeti... 3 Problemi decisioali... 3 Cei alla metrica dei flussi di cassa... 4 Defiizioe

Dettagli

Il test parametrico si costruisce in tre passi:

Il test parametrico si costruisce in tre passi: R. Lombardo I. Cammiatiello Dipartimeto di Ecoomia Secoda Uiversità degli studi Napoli Facoltà di Ecoomia Ifereza Statistica La Verifica delle Ipotesi Obiettivo Verifica (test) di u ipotesi statistica

Dettagli

Distribuzione di un carattere

Distribuzione di un carattere Distribuzioe di u carattere Dopo le fasi di acquisizioe e di registrazioe dei dati, si passa al loro cotrollo e quidi alle loro elaborazioe. Si defiisce distribuzioe uitaria semplice di u carattere l elecazioe

Dettagli

Perché è necessaria una riforma della protezione dei dati nell Unione europea?

Perché è necessaria una riforma della protezione dei dati nell Unione europea? Perché è ecessaria ua riforma della protezioe dei dati ell Uioe europea? La direttiva europea del 1995 è ua pietra miliare ella storia della protezioe dei dati persoali. I suoi pricipi fodametali garatire

Dettagli

Ravenna 2015 21 maggio Workshop U - «Seminario e tavola rotonda sull'attuazione del PNPR»

Ravenna 2015 21 maggio Workshop U - «Seminario e tavola rotonda sull'attuazione del PNPR» Ravea 2015 21 maggio Workshop U - «Semiario e tavola rotoda sull'attuazioe del PNPR» Esempi pratici di protocolli d'itesa co la GDO per la riduzioe dei rifiuti: è possibile u itesa azioale per proporre

Dettagli

A = 10 log. senϕ = n n (3)

A = 10 log. senϕ = n n (3) CORSO DI LABORATORIO DI FISICA A Misure co fibre ottiche Scopo dell esperieza è la misura dell atteuazioe e dell apertura umerica di fibre ottiche di tipo F-MLD-500. Teoria dell esperieza La fisica sulla

Dettagli

Il marchio IdeaAzienda ed il relativo logo, sono marchi registrati dalla I.P.S. Informatica s.r.l.

Il marchio IdeaAzienda ed il relativo logo, sono marchi registrati dalla I.P.S. Informatica s.r.l. Il marchio IdeaAzieda ed il relativo logo, soo marchi registrati dalla I.P.S. Iformatica s.r.l. IdeaAzieda è ua famiglia di prodotti e soluzioi per la completa gestioe iformativa aziedale. La liea di soluzioi

Dettagli

LA VERIFICA DELLE IPOTESI SUI PARAMETRI

LA VERIFICA DELLE IPOTESI SUI PARAMETRI LA VERIFICA DELLE IPOTESI SUI PARAMETRI E u problema di ifereza per molti aspetti collegato a quello della stima. Rispode ad u esigeza di carattere pratico che spesso si preseta i molti campi dell attività

Dettagli

Principi base di Ingegneria della Sicurezza

Principi base di Ingegneria della Sicurezza Pricipi base di Igegeria della Sicurezza L aalisi delle codizioi di Affidabilità del sistema si articola i: (i) idetificazioe degli sceari icidetali di riferimeto (Eveti critici Iiziatori - EI) per il

Dettagli

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI SUCCESSIONI DI FUNZIONI I cocetti di successioe e di serie possoo essere estesi i modo molto aturale al caso delle fuzioi DEFINIZIONE Sia E u sottoisieme di  e, per ogi

Dettagli

Impostazione del sistema di montaggio software Avid

Impostazione del sistema di montaggio software Avid a Impostazioe del sistema di motaggio software Avid Iformazioi importati Si cosiglia di leggere tutte le iformazioi riportate i queste istruzioi di istallazioe prima di collegare o utilizzare l'hardware.

Dettagli

Risposte. f v = φ dove φ(x,y) = e x2. f(x) = e x2 /2. +const. Soluzione. (i) Scriviamo v = (u,w). Se f(x) è la funzione richiesta, si deve avere

Risposte. f v = φ dove φ(x,y) = e x2. f(x) = e x2 /2. +const. Soluzione. (i) Scriviamo v = (u,w). Se f(x) è la funzione richiesta, si deve avere Eserciio 1 7 puti. Dato il campo vettoriale v, + 1,, i si determii ua fuioe f > i modo tale che il campo vettoriale f v sia irrotaioale, cioè abbia le derivate icrociate uguali; ii si spieghi se i risultati

Dettagli

evohome RISPARMIO ENERGETICO E NON SOLO Un obiettivo comune a milioni di famiglie: risparmiare energia senza rinunciare al comfort.

evohome RISPARMIO ENERGETICO E NON SOLO Un obiettivo comune a milioni di famiglie: risparmiare energia senza rinunciare al comfort. evohome RISPARMIO ENERGETICO E NON SOLO U obiettivo comue a milioi di famiglie: risparmiare eergia seza riuciare al comfort. evohome Risparmiare eergia o è mai stato così Esistoo molte soluzioi per otteere

Dettagli

IL NUOVO BILANCIO DELL ENTE PUBBLICO: CONTABILITÀ FINANZIARIA ED ECONOMICA. 17-19 giugno 2013. www.sdabocconi.it/pa

IL NUOVO BILANCIO DELL ENTE PUBBLICO: CONTABILITÀ FINANZIARIA ED ECONOMICA. 17-19 giugno 2013. www.sdabocconi.it/pa Milao Italy IL NUOVO BILANCIO DELL ENTE PUBBLICO: CONTABILITÀ FINANZIARIA ED ECONOMICA 17-19 giugo 2013 www.sdaboccoi.it/pa Empower your visio sigifica allargare i propri orizzoti e acquisire solide prospettive

Dettagli

Sintassi dello studio di funzione

Sintassi dello studio di funzione Sitassi dello studio di fuzioe Lavoriamo a perfezioare quato sapete siora. D ora iazi pretederò che i risultati che otteete li SCRIVIATE i forma corretta dal puto di vista grammaticale. N( x) Data la fuzioe:

Dettagli

1. Distribuzioni campionarie legate alla distribuzione normale. 3. Intervallo bilatero di confidenza bilatero per la frazione p di una popolazione

1. Distribuzioni campionarie legate alla distribuzione normale. 3. Intervallo bilatero di confidenza bilatero per la frazione p di una popolazione Questi esempi vi potrao essere utili come riferimeto ella ricerca di itervalli di cofideza e test di ipotesi statistiche. Per gli aggiorameti potete visitare i siti www.boch.et o www.feaor.com. Per dubbi

Dettagli

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche est o parametrici Il test di Studet per uo o per due campioi, il test F di Fisher per l'aalisi della variaza, la correlazioe, la regressioe, isieme ad altri test di statistica multivariata soo parte dei

Dettagli

Complementi di Matematica e Statistica

Complementi di Matematica e Statistica Uiversità di Bologa Sede di Forlì Ao Accademico 009-00 Complemeti di Matematica e Statistica (Alessadro Lubisco) Aalisi delle compoeti pricipali INDICE Idice... i Aalisi delle compoeti pricipali... Premessa...

Dettagli

Crypt ALaRM. Profilo di Crypt ALaRM. Marzo 2011 Pag. 1

Crypt ALaRM. Profilo di Crypt ALaRM. Marzo 2011 Pag. 1 Crypt LaRM Profilo di Crypt LaRM Marzo 2011 Pag. 1 Crypt LaRM Crypt LaRM asce el 2006 come spi-off ufficiale dell Uiversità degli studi di Roma Tor Vergata ed è ua società giovae specializzata ello sviluppo

Dettagli

Terzo appello del. primo modulo. di ANALISI 18.07.2006

Terzo appello del. primo modulo. di ANALISI 18.07.2006 Terzo appello del primo modulo di ANALISI 18.7.26 1. Si voglioo ifilare su u filo delle perle distiguibili tra loro solo i base alla dimesioe: si hao a disposizioe perle gradi di diametro di 2 cetimetri

Dettagli

Lezione 2 - Operazioni sugli eventi. Assiomi della probabilità. -Intro ad excel OPERAZIONI SUGLI EVENTI ALETORI ASSIOMI DELLA PROBABILITÀ

Lezione 2 - Operazioni sugli eventi. Assiomi della probabilità. -Intro ad excel OPERAZIONI SUGLI EVENTI ALETORI ASSIOMI DELLA PROBABILITÀ Lezioe 2 - Operazioi sugli eveti. ssiomi della probabilità. -Itro ad excel 1 OERZIONI SUGLI EVENTI LETORI SSIOMI DELL ROILITÀ GRUO MT06 Dip. Matematica, Uiversità di Milao - robabilità e Statistica per

Dettagli

Indici COMIT Metodologia di calcolo

Indici COMIT Metodologia di calcolo Il presete documeto riassume le regole fodametali per il calcolo e la gestioe degli idici elaborati da Itesa Sapaolo per l itero Mercato Telematico Azioario italiao (MTA) ed il vecchio Nuovo Mercato. Gli

Dettagli

Appunti sulle SERIE NUMERICHE

Appunti sulle SERIE NUMERICHE Apputi sulle SERIE NUMERICHE Michele Bricchi I queste ote iformali parleremo di serie umeriche, foredo i criteri stadard di covergeza che si è soliti itrodurre i ua trattazioe elemetare della materia.

Dettagli

Informazioni sul software del notebook Sony PCG-FX209K

Informazioni sul software del notebook Sony PCG-FX209K Iformazioi sul software del otebook Soy PCG-FX209K Attezioe Attezioe Avviso Questo prodotto cotiee software di proprietà di Soy e cocesso i liceza da terzi. L uso del software è soggetto ai termii e alle

Dettagli

Capitolo 3: Procedure e funzioni ricorsive

Capitolo 3: Procedure e funzioni ricorsive Capitolo 3: Proedure e fuzioi riorsive L'uso di proedure riorsive (o di riorreza o riorreti ) permette spesso di desrivere u algoritmo i maiera semplie e oisa, mettedo i rilievo la teia adottata per la

Dettagli