Il markup di documenti (I parte) WWW. Fabio Vitali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il markup di documenti (I parte) WWW. Fabio Vitali"

Transcript

1 Il markup di documeti (I parte) Fabio Vitali

2 «Quado io uso ua parola», disse Humpty Dumpty i too piuttosto sprezzate, «sigifica quello che io scelgo che sigifichi - é più, é meo.» Lewis Carroll Attraverso lo specchio A seguire: Itroduzioe 2/48

3 Itroduzioe Qui esamiiamo: u Cos è il markup u Che tipi di markup esistoo u Caratteristiche di markup procedurale e descrittivo u Ua brevissima storia del markup su computer A seguire: Perché tutto questo chiasso? 3/48

4 Perché tutto questo chiasso? Quado si porta ua collezioe di documeti i forma elettroica, si ha di solito i mete i geerale ua specifica applicazioe (metterla i rete, prepararla per la stampa, ecc.). Di solito, si cerca di trasformare il documeto ella forma più opportua perché vega utilizzato ell applicazioe suddetta. Spesso per questo si fao delle scelte che impediscoo o ostacolao otevolmete u ulteriore riuso della stessa collezioe per ua diversa applicazioe. L impagiato poco si adatta ad u idicizzazioe per la rete, o viceversa i liguaggi di visualizzazioe su rete soo troppo poco sofisticati per ua produzioe tipografica di buo livello, ecc. I liguaggi di markup derivati da SGML soo i liguaggi più opportui per strutturare e marcare i documeti i maiera idipedete dall applicazioe, favoredo la riusabilità, la flessibilità e la apertura ad applicazioi complesse. A seguire: Due problemi 4/48

5 Due problemi Redere i coteuti accessibili a chiuque Gestire i maiera semplice e uiforme tutte le fasi di gestazioe di u prodotto editoriale u u u Gestire i maiera semplice ed uiforme tutti i possibili usi di u medesimo coteuto: su carta, su video, su termiale Braille, su sitetizzatore vocale, ecc. Gestire i maiera semplice ed uiforme tutti i possibili riusi di u medesimo coteuto: libro, idice, sito web, catalogo, archivio, Redere il testo accessibile el tempo u Il recupero dei dati del Cesus Bureau del 1960 ( ) u Il recupero dei dati per il progetto LUNR del 1969 (1986-????) u u u Brewster Kahle Bruce Sterlig Boeig e la digitalizzazioe dei mauali degli aerei. A seguire: Obsolesceza dei documeti 5/48

6 Obsolesceza dei documeti I vecchi documeti elettroici o soo più accessibili quado realizzati co applicazioi ad hoc e seza documetazioe quado realizzati co applicazioi commerciali obsolete quado realizzati per periferiche obsolete quado memorizzati su media obsoleti A seguire: Accessibilità el tempo (2) 6/48

7 Accessibilità el tempo (2) Problema HW: migrazioe dei dati u La predomiaza degli hard disk sui medium esteri e il costo i dimiuzioe dell'hardware coesso redoo possibile il trasferimeto di tutti i dati sulla uova macchia appea acquistata Problema SW: coversioe u No altrettato semplice, o altrettato efficace, o altrettato automatizzabile, o altrettato uiversale. u Richiede acora ua buoa dose di lavoro mauale, i quatità proporzioale alla quatità di dati da trattare. Etrambe richiedoo attezioe costate el tempo, ma per il software è più difficile. A seguire: Problema software 7/48

8 Problema software Per i documeti del passato: u Chi lo sa? Ci soo molte iiziative u Più aspettiamo, peggio è Per i documeti del presete e del futuro: u Evitiamo di ripetere le igeuità del passato u Prepariamo la trasizioe all obsolesceza u Sfruttiamo la rete per il riversameto u Sfruttiamo gli stadard per i formati dei dati A seguire: La fote dei problemi 8/48

9 La fote dei problemi Formati biari u Il formato dati è u immediata trasposizioe del dato ella memoria. Nessu elemeto del documeto ha u seso compresibile seza l applicazioe che l ha geerato. Formati proprietari u L azieda produttrice dell applicazioe decide come è fatto il documeto secodo logiche itere al prodotto Formati orietati all applicazioe u Il coteuto del documeto è iframmezzato da istruzioi di formattazioe specifiche, che redoo difficile il riutilizzo del documeto per altri scopi a parte quello per cui è stato creato. A seguire: L'utilità dei dati digitali el tempo 9/48

10 L'utilità dei dati digitali el tempo Utilità Tempo Å Ç É Vita utile Periodo di oblio Ñ Geerazioe dei dati Nuove ecessità di accesso Cambiameti tecologici A seguire: Alcui approcci alla soluzioe 10/48

11 Alcui approcci alla soluzioe Stampa su carta u Possibile fio a tardi (2, iizio di 3); Accesso ma o riuso Preservazioe delle tecologie u Costoso. Necessario agire cotiuamete (2, 3, 4). Accesso ma o riuso Emulazioe delle tecologie u Costoso. Possibile i fase 4 se documetazioe sufficiete. Accesso e riuso parziale. Migrazioe a uove tecologie u Necessario agire cotiuamete. Accesso e riuso Icapsulameto u Etro la fie della fase 2. Accesso e riuso Adozioe di formati ricchi u Etro la fase 1. Poco costosa. Accesso e riuso. A seguire: Formati dati proprietari 11/48

12 Formati dati proprietari Word Processor MS Word, Word Perfect, Wordstar, XY Write, etc. u Tutti differeti, rapida obsolesceza, decete compatibilità verso il passato Desktop Publishig u PageMaker, FrameMaker, Quark XPress, Vetura Publisher, etc. u Tutti differeti, tutti estremamete specializzati, rapidissima obsolesceza, essua compatibilità col passato DBMS u Oracle, MS Access, MS SQLserver, IBM DB2, etc. u Estremamete orietati all'efficieza, opacissimi, decete obsolesceza, buoa compatibilità col passato Presetazioe u Postscript, PDF, ma ache Flash, Shockwave u Opachi, specializzati, complessi. Compatibilità col passato? u A seguire: Livelli diversi di riuso 12/48

13 Livelli diversi di riuso Riaccedere i lettura ai dati u Corretta lettura del medium fisico Reiterpretare i dati u Corretta idetificazioe delle caratteristiche del formato dati Rieseguire le applicazioi di maipolazioe u Dispoibilità e compatibilità (diretta o via emulazioe) delle applicazioi origiali Modificare e aggiorare i dati u Coversioe dei dati alle applicazioi odiere seza perdita di iformazioi Realizzare uove fuzioalità sui dati u Adattare le vecchie iformazioi alle uove applicazioi i modo da permettere l'esecuzioe di uove fuzioalità A seguire: Cos è il markup? (1) 13/48

14 Cos è il markup? (1) Defiiamo markup ogi mezzo per redere esplicita ua particolare iterpretazioe di u testo. Per esempio, tutte quelle aggiute al testo scritto che permettoo di rederlo più fruibile. Oltre a redere il testo più leggibile, il markup permette ache di specificare ulteriori usi del testo. Co il markup per sistemi iformatici (il ostro caso), specifichiamo le modalità esatte di utilizzo del testo el sistema stesso. Il markup o è soltato u ievitabile e sgradevole risultato della iformatizzazioe dell arte tipografica. No è qualcosa che sta co oi a causa dell iformatica. A seguire: Cos è il markup? (2) 14/48

15 Cos è il markup? (2) Quado u autore scrive, da millei a questa parte, specifica ache i delimitatori di parola (chiamati spazi), i delimitatori di frase (chiamati virgole) e i delimitatori di periodo (chiamati puti). La umerazioe delle pagie o l uso dei margii per creare effetti sul coteuto soo oti da cetiaia di ai. Eppure questo a stretto rigore o fa parte del testo, ma del markup: essuo dirà ad alta voce virgola o puto el leggere u testo, ma creerà adeguati comportameti paraliguistici (espressioi, toi, pause) per migliorare i chi ascolta la compresioe del testo. A seguire: Modi del markup: proprietario vs. pubblico 15/48

16 Modi del markup: proprietario vs. pubblico U formato proprietario è stato creato da ua specifica azieda co uo specifico scopo commerciale. L'azieda e detiee i diritti, e duque è i grado di modificarlo, aggiorarlo o rivoluzioarlo i qualuque mometo e per qualuque motivo. U formato pubblico è stato creato da u gruppo di iteresse (idividui, aziede, eti o commerciali, ecc.) come modello di armoizzazioe tra le esigeze di ciascu partecipate. Il gruppo tipicamete pubblica le specifiche del formato, permettedo a chiuque di realizzare strumeti software per quel formato. A volte questo si cocretizza i uo stadard ufficiale, avete valore ormativo. A seguire: Modi del markup: biario vs. leggibile 16/48

17 Modi del markup: biario vs. leggibile U formato biario è la memorizzazioe esatta delle strutture i memoria dell'applicazioe, che iete hao a che vedere co le esigeze di compresioe di esseri umai. Il testo o è visibile o è visibile per caso. U formato leggibile ivece è fatto per essere, i casi speciali, letto ache da esseri umai, che possoo iterveire per operazioi di emergeza. L'applicazioe deve trasformare quato legge i ua struttura itera utile per le operazioi di modifica o presetazioe. Questa fase si chiama parsig. A seguire: Esempio:.doc di MS Word 17/48

18 Esempio:.doc di MS Word A seguire: Esempio: Quark Xpress 18/48

19 Esempio: Quark Xpress A seguire: Esempio: Adobe PageMaker 19/48

20 Esempio: Adobe PageMaker A seguire: Esempio: PDF 20/48

21 Esempio: PDF A seguire: Esempio: RTF di MS Word 21/48

22 Esempio: RTF di MS Word A seguire: Esempio: PostScript 22/48

23 Esempio: PostScript A seguire: Esempio: HTML 23/48

24 Esempio: HTML A seguire: Esempio: XML 24/48

25 Esempio: XML A seguire: Modi del markup: itero vs. estero 25/48

26 Modi del markup: itero vs. estero Il markup itero iserisce istruzioi di presetazioe all'itero del testo, i mezzo alle parole. Il markup estero prevede due blocchi di iformazioi: il coteuto e il markup, separati e collegati da meccaismi di idirezioe Il markup itero richiede sitassi particolari per distiguere il markup dal coteuto. Tipicamete si adottao segalatori particolari che cambiao il tipo di iterpretazioe del documeto. La preseza del carattere segalatore el testo richiede l'adozioe di teciche di escapig. Il markup estero richiede u meccaismo di idirezioe, basato su idirizzi, offset o idetificatori, per associare co correttezza il markup al coteuto. A seguire: Modi del markup: procedurale vs. descrittivo 26/48

27 Modi del markup: procedurale vs. descrittivo Il markup assolve a diversi ruoli a secoda del sistema di elaborazioe, dell applicazioe, dello scopo a cui il documeto è soggetto. u Putuazioale u Presetazioale u Procedurale u Descrittivo u Refereziale u Metamarkup A seguire: Markup putuazioale 27/48

28 Markup putuazioale u Il markup putuazioale cosiste ell usare u isieme prefissato di segi per forire iformazioi perlopiù sitattiche sul testo. u Le regole di puteggiatura soo sostazialmete stabili, ote agli autori, e frequeti ei documeti. Per questo gli autori tipicamete foriscoo il loro markup putuazioale autoomamete. u Esistoo tuttavia otevoli problemi ell uso della puteggiatura: F Icertezze strutturali (virgola, puto e virgola o puto?), F Icertezze grafiche (virgolette aperte e chiuse o eutre?), F ambiguità procedurali (il puto viee usato sia per segare la fie di ua frase, che l esisteza di u abbreviazioe, seza cotare i tre putii di sospesioe). A seguire: Markup presetazioale 28/48

29 Markup presetazioale cima alla pagia, ecc. u Il markup presetazioale cosiste ell idicare effetti (grafici o altro) per redere più chiara la presetazioe del coteuto. u Nel testo, possoo essere cambi di paragrafo o di pagia, iterliea, pallii per liste, ecc. u E altresì markup presetazioale: cambiare pagia all iizio di ua uova sezioe, scrivere Capitolo 3 i A seguire: Markup procedurale 29/48

30 Markup procedurale u Il markup procedurale cosiste ell idicare co precisioe ad u sistema automatico che effetto attivare e che procedura (serie di istruzioi) eseguire ella visualizzazioe del coteuto. u I defiitiva, utilizzo le capacità del sistema di presetazioe per avere co precisioe l effetto voluto. u Esempio: Wordstar Dot Commads.PL 66.MT 6.MB 9.LH 12 A seguire: Markup descrittivo 30/48

31 Markup descrittivo u Il markup descrittivo cosiste ell idetificare strutturalmete il tipo di ogi elemeto del coteuto. u Ivece di specificare effetti grafici come l allieameto o l iterliea, e idividuo il ruolo all itero del documeto, specificado che u elemeto è u titolo, u paragrafo, o ua citazioe. A seguire: Markup refereziale 31/48

32 Markup refereziale u Il markup refereziale cosiste el fare riferimeto ad etità estere al documeto per forire sigificato o effetto grafico ad elemeti del documeto. Per esempio, utilizzare ua sigla ota che vega poi sostituita dalla parola itera durate la stampa u Es.: l autore scrive CdL e il sistema trasforma automaticamete l iput i Corso di Laurea A seguire: Metamarkup 32/48

33 Metamarkup u Ad esempio, la possibilità di defiire macro per u Il metamarkup cosiste el forire regole di iterpretazioe del markup e permette di estedere o cotrollare il sigificato del markup. l iterpretazioe e la visualizzazioe del documeto, o il processo di defiizioe degli elemeti e delle procedure valide di u documeto. A seguire: U testo su carta 33/48

34 U testo su carta Tre Uomii i Barca Jerome K. Jerome Capitolo primo Tre ivalidi - Le soffereze di George e Harris - La vittima di cetosette malattie iguaribili - [ ] Eravamo i quattro: George, William Samuel Harris, e io, Motmorecy. Stadocee seduti i camera mia, fumavamo e parlavamo di quato fossimo malridotti malridotti, dal puto di vista della salute, itedo, aturalmete. Ci setivamo tutti piuttosto giù di corda, A seguire: Il testo seza markup 34/48

35 Il testo seza markup Questo è il testo completamete seza markup, come poteva essere scritto su u papiro della biblioteca di Alessadria, el II o III secolo a.c. Treuomiiibarcajeromekjerome1889capitoloprimot reivalidilesofferezedigeorgeeharrislavittimadicet osettemalattieiguaribilieravamoiquattrogeorge,wil liamsamuelharriseiomotmorecystadoceesedutii cameramiafumavamoeparlavamodiquatofossimo malridottimalridottidalputodivistadellasaluteited oaturalmetecisetivamotuttipiuttostogiùdicorda A seguire: Markup metabolizzato 35/48

36 Markup metabolizzato Aggiugiamo markup putuazioale e presetazioale: maiuscole/miuscole, puteggiatura, spazi e ritori a capo soo essi stessi elemeti di markup. Tre Uomii i Barca Jerome K. Jerome (1889) Capitolo primo Tre ivalidi - Le soffereze di George e Harris - La vittima di cetosette malattie iguaribili - [ ] Eravamo i quattro: George, William Samuel Harris, e io, Motmorecy. Stadocee seduti i camera mia, fumavamo e parlavamo di quato fossimo malridotti malridotti, dal puto di vista della salute, itedo, aturalmete. Ci setivamo tutti piuttosto giù di corda,... A seguire: Markup procedurale 36/48

37 Markup procedurale Soo comadi, o istruzioi che il sistema di lettura (umao o elettroico) deve eseguire sul testo. Ad esempio, istruzioi su come adare a capo, come decidere i margii, ecc. Questo è RTF. {\rtf1 \mac \asicpg10000 \uc1 \pard \plai \s15 \qc \widctlpar \adjustright \f4 \fs48 \cgrid {Tre Uomii i Barca \par } \pard \plai \widctlpar \adjustright \f4 \cgrid { \lie \par \par \par \par \par } \pard \plai \s1 \qc \keep \widctlpar \outlielevel0 \adjustright \i \f4 \fs36 \cgrid {Jerome K. Jerome \par } \pard \plai \qc \widctlpar \adjustright \f4 \cgrid { \fs36 [ ] \par 1889 \lie \par } \pard \widctlpar \adjustright { \page } { \b \fs36 Capitolo primo} { \par \par \par \lie } { \i Tre ivalidi - Le soffereze di George e Harris - La vittima di cetosette malattie iguaribili - [ \u8230 \'c9] \par } { \lie } { \fs28 Eravamo i quattro: George, William Samuel Harris, e io, Motmorecy. Stadocee seduti i camera mia, fumavamo e parlavamo di quato fossimo malridotti \u8230 \'c9 malridotti, dal puto di vista della salute, itedo, aturalmete. \lie Ci setivamo tutti piuttosto gi \u249 \'9d di corda,... \par }} A seguire: Markup descrittivo 37/48

38 Markup descrittivo Soo iformazioi (descrizioi) sugli elemeti del documeti, che e specificao il ruolo, la giustificazioe, la relazioe co gli altri elemeti. <ROMANZO><TITOLO>Tre Uomii i Barca</TITOLO> <AUTORE>Jerome K. Jerome</AUTORE> <ANNO>1889</ANNO> <CAPITOLO><TITOLO>Capitolo primo</titolo> <INDICE><EL>Tre ivalidi</el><el>le soffereze di George e Harris </EL><EL> La vittima di cetosette malattie iguaribili </EL>[ ]</INDICE> <PARA>Eravamo i quattro: George, William Samuel Harris, e io, Motmorecy. Stadocee seduti i camera mia, fumavamo e parlavamo di quato fossimo malridotti malridotti, dal puto di vista della salute, itedo, aturalmete. </PARA> <PARA>Ci setivamo tutti piuttosto giù di corda, </PARA> </CAPITOLO> </ROMANZO> A seguire: Il markup procedurale (1) 38/48

39 Il markup procedurale (1) Basato sull aspetto u Ad ogi elemeto del documeto viee associata la procedura per visualizzarlo i maiera voluta: fot, dimesioe, corsivi, grassetti, margii, iterliea, ecc. Dipedete dal sistema u ogi sistema di visualizzazioe impoe le proprie regole e la propria sitassi, dipededo da: F Filosofia sitattica (comadi-puto per troff, comadi-barra per RTF, ecc.) F Capacità di raggruppameto (paretesi graffe i RTF, comado di disattivazioe esplicita i troff, ecc.) F Supporto di specifiche fuzioalità A seguire: Il markup procedurale (2) 39/48

40 Il markup procedurale (2) Associato agli idividui u ogi elemeto possiede le proprie procedure per la visualizzazioe, che possoo ache essere tutte diverse ache per elemeti dello stesso tipo. No cotestuale u Le regole di visualizzazioe o dipedoo dal cotesto i cui vegoo fatte, ma ogua fa specie a sé. F Ad esempio, ua lista i troff è fatta come segue:.li.it elemeto 1.it elemeto 2.el F Nessu cotrollo impoe di chiudere la lista alla fie, o di usare i comadi.it solo detro alla lista. u Ioltre, e molto importate, o è possibile porre vicoli sulla "correttezza" di u documeto. A seguire: Il markup descrittivo (1) 40/48

41 Il markup descrittivo (1) Basato sul ruolo u Di ogi elemeto viee descritto il ruolo all itero del testo, più che le regole per la sua visualizzazioe: u Ad esempio: questo è u titolo, questo è u paragrafo, questo è il ome dell autore, questa è ua citazioe. Idipedete dal sistema u Poiché il markup descrittivo assega ruoli (e o regole di visualizzazioe) agli elemeti del testo, questi soo itriseci agli elemeti stessi, e o alle fuzioalità dispoibili el sistema di visualizzazioe. u U sistema icapace di variare l iterliea, o co u eleco limitato di fot e dimesioi, può aver problemi ad iterpretare u markup procedurale troppo ricco, ma la differeza tra (per esempio) u titolo o u eleco o u paragrafo o dipede dalla sofisticazioe del sistema di visualizzazioe. A seguire: Il markup descrittivo (2) 41/48

42 Il markup descrittivo (2) Basato su categorie u I ruoli soo categorie. Ogi elemeto è associato ad ua categoria, e e riflette tutte le caratteristiche automaticamete. Cotestuale u Co il markup descrittivo è possibile defiire delle regole che permettao o impediscao l assegazioe di ua categoria (ruolo) ad u elemeto del testo a secoda del cotesto. u Ad esempio, si può richiedere che il titolo vada all iizio del testo, o che ua lista sia composta solo di elemeti della lista, e o da paragrafi, ecc. u Acora, è possibile specificare regole di correttezza sui documeti, ad esempio che ad u'immagie segua ecessariamete ua didascalia, ecc. A seguire: Il markup descrittivo (3) 42/48

43 Il markup descrittivo (3) Il markup geerico sfrutta il late bidig: le scelte specifiche si fao all ultimo mometo utile. Nel ostro caso, la formattazioe viee decisa el mometo i cui il documeto viee visualizzato, o stampato, piuttosto che quado il documeto viee codificato. Per cotro, il markup descrittivo richiede l'esisteza di due passaggi distiti, la marcatura e la formattazioe, che usao due tecologie diverse e vegoo fatte i due mometi diversi. A seguire: Il markup descrittivo (4) 43/48

44 Il markup descrittivo (4) Ci soo vari vataggi i questa tecica: u Facilità ella creazioe: l autore si cocetra sul ruolo orgaizzativo delle sigole parti di testo, piuttosto che sul loro aspetto stampato. u Idipedeza dalla formattazioe: riformattare u documeto secodo uove regole richiede semplicemete di ricodificare dei parametri esteri, o di modificare i alcua maiera il documeto u Flessibilità: riusare u documeto i u uovo cotesto e facile, perché o è ecessario rimuovere la vecchia iformazioe per far posto alla uova. u Visioi di documeti diamicamete ricofigurabili: è possibile evideziare di volta i volta caratteristiche del documeto diverse (caratteristica degli outlie processor, per esempio) A seguire: Modi del markup (2) 44/48

45 Modi del markup (2) Tradizioalmete, editor (sistemi di iserimeto dati) e formatter (sistemi di creazioe di output) erao separati. LaTeX acora riflette questa distizioe, MS Word o. Il markup viee utilizzato da u formatter per la creazioe dell output, ma l editor può operare sul markup se e coosce le caratteristiche. I questo caso il markup sarà: u Esposto: il sistema mostra il markup e e mostra gli effetti u Travestito: il sistema mostra el coteuto u simbolo che attiva il markup u Nascosto: il sistema ascode il markup e e mostra solo gli effetti u Visualizzato: il sistema o iterpreta i markup e lo mostra isieme al coteuto. A seguire: Uso del markup (su computer) 45/48

46 Uso del markup (su computer) Possiamo sistemare, riorgaizzare e formattare u testo per la stampa. Possiamo sistemare, riorgaizzare e formattare u testo per la lettura a video. Possiamo sistemare, riorgaizzare e formattare u testo per l uso di hadicappati fisici (ad esempio ciechi co l aiuto di u lettore Braille) Possiamo sistemare, riorgaizzare e formattare u testo per la lettura del testo ad alta voce i situazioi di impedimeto temporaeo (ad esempio, metre stiamo guidado). Possiamo permettere facilmete ua ricerca sui coteuti del testo. Possiamo verificare la adeguatezza del testo rispetto a regole più o meo formali di strutturazioe. A seguire: Coclusioi 46/48

47 Coclusioi Qui abbiamo parlato di u Importaza del markup el testo u Rilevaza del markup descrittivo per applicare scopi multipli allo stesso testo u Qualche distizioe tra tipi di markup A seguire: Riferimeti 47/48

48 Riferimeti u J. H. Coombs, A. H. Reear, S. J. DeRose, Markup Systems ad the future of Scholarly Text Processig, Commuicatios of the ACM, 30(11), November Fie Presetazioe

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE

DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DEFINIZIONE PROCESSO LOGICO E OPERATIVO MEDIANTE IL QUALE, SULLA BASE DI UN GRUPPO DI OSSERVAZIONI O DI ESPERIMENTI, SI PERVIENE A CERTE CONCLUSIONI, LA CUI VALIDITA PER UN COLLETTIVO Più AMPIO E ESPRESSA

Dettagli

IL CALCOLO COMBINATORIO

IL CALCOLO COMBINATORIO IL CALCOLO COMBINATORIO Calcolo combiatorio è il termie che deota tradizioalmete la braca della matematica che studia i modi per raggruppare e/o ordiare secodo date regole gli elemeti di u isieme fiito

Dettagli

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE

EQUAZIONI ALLE RICORRENZE Esercizi di Fodameti di Iformatica 1 EQUAZIONI ALLE RICORRENZE 1.1. Metodo di ufoldig 1.1.1. Richiami di teoria Il metodo detto di ufoldig utilizza lo sviluppo dell equazioe alle ricorreze fio ad u certo

Dettagli

Metodi statistici per l'analisi dei dati

Metodi statistici per l'analisi dei dati Metodi statistici per l aalisi dei dati due Motivazioi Obbiettivo: Cofrotare due diverse codizioi (ache defiiti ) per cui soo stati codotti gli esperimeti. Metodi tatistici per l Aalisi dei Dati due Esempio

Dettagli

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità

La sicurezza sul lavoro: obblighi e responsabilità La sicurezza sul lavoro: obblighi e resposabilità Il Testo uico sulla sicurezza, Dlgs 81/08 è il pilastro della ormativa sulla sicurezza sul lavoro. I sostaza il Dlgs disciplia tutte le attività di tutti

Dettagli

8. Quale pesa di più?

8. Quale pesa di più? 8. Quale pesa di più? Negli ultimi ai hao suscitato particolare iteresse alcui problemi sulla pesatura di moete o di pallie. Il primo problema di questo tipo sembra proposto da Tartaglia el 1556. Da allora

Dettagli

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE

LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Defiire lo strumeto matematico ce cosete di studiare la cresceza e la decresceza di ua fuzioe Si comicia col defiire cosa vuol dire ce ua fuzioe è crescete. Defiizioe:

Dettagli

Il confronto tra DUE campioni indipendenti

Il confronto tra DUE campioni indipendenti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Il cofroto tra DUE camioi idiedeti Cofroto tra due medie I questi casi siamo iteressati a cofrotare il valore medio di due camioi i cui i le osservazioi i u camioe soo

Dettagli

Sintassi dello studio di funzione

Sintassi dello studio di funzione Sitassi dello studio di fuzioe Lavoriamo a perfezioare quato sapete siora. D ora iazi pretederò che i risultati che otteete li SCRIVIATE i forma corretta dal puto di vista grammaticale. N( x) Data la fuzioe:

Dettagli

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche

Test non parametrici. sono uguali a quelle teoriche. (probabilità attesa), si calcola la. , cioè che le frequenze empiriche est o parametrici Il test di Studet per uo o per due campioi, il test F di Fisher per l'aalisi della variaza, la correlazioe, la regressioe, isieme ad altri test di statistica multivariata soo parte dei

Dettagli

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore

3.4 Tecniche per valutare uno stimatore 3.4 Teciche per valutare uo stimatore 3.4. Il liguaggio delle decisioi statistiche, stimatori corretti e stimatori cosisteti La teoria delle decisioi forisce u liguaggio appropriato per discutere sulla

Dettagli

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI

Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI Capitolo Decimo SERIE DI FUNZIONI SUCCESSIONI DI FUNZIONI I cocetti di successioe e di serie possoo essere estesi i modo molto aturale al caso delle fuzioi DEFINIZIONE Sia E u sottoisieme di  e, per ogi

Dettagli

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite

4. Metodo semiprobabilistico agli stati limite 4. Metodo seiprobabilistico agli stati liite Tale etodo cosiste el verificare che le gradezze che ifluiscoo i seso positivo sulla, valutate i odo da avere ua piccolissia probabilità di o essere superate,

Dettagli

CONCETTI BASE DI STATISTICA

CONCETTI BASE DI STATISTICA CONCETTI BASE DI STATISTICA DEFINIZIONI Probabilità U umero reale compreso tra 0 e, associato a u eveto casuale. Esso può essere correlato co la frequeza relativa o col grado di credibilità co cui u eveto

Dettagli

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa

I numeri complessi. Pagine tratte da Elementi della teoria delle funzioni olomorfe di una variabile complessa I umeri complessi Pagie tratte da Elemeti della teoria delle fuzioi olomorfe di ua variabile complessa di G. Vergara Caffarelli, P. Loreti, L. Giacomelli Dipartimeto di Metodi e Modelli Matematici per

Dettagli

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni

Capitolo 8 Le funzioni e le successioni Capitolo 8 Le fuzioi e le successioi Prof. A. Fasao Fuzioe, domiio e codomiio Defiizioe Si chiama fuzioe o applicazioe dall isieme A all isieme B ua relazioe che fa corrispodere ad ogi elemeto di A u solo

Dettagli

L OFFERTA DI LAVORO 1

L OFFERTA DI LAVORO 1 L OFFERTA DI LAVORO 1 La famiglia come foritrice di risorse OFFERTA DI LAVORO Notazioe utile: T : dotazioe di tempo (ore totali) : ore dedicate al tempo libero l=t- : ore dedicate al lavoro : cosumo di

Dettagli

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE

LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE LEZIONI DI MATEMATICA PER I MERCATI FINANZIARI Dipartimeto di Sieze Eoomihe Uiversità di Veroa VALUTAZIONE DI TITOLI OBBLIGAZIONARI E STRUTTURA PER SCADENZA DEI TASSI DI INTERESSE Lezioi di Matematia per

Dettagli

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra?

Supponiamo, ad esempio, di voler risolvere il seguente problema: in quanti modi quattro persone possono sedersi l una accanto all altra? CALCOLO COMBINATORIO 1.1 Necessità del calcolo combiatorio Accade spesso di dover risolvere problemi dall'appareza molto semplice, ma che richiedoo calcoli lughi e oiosi per riuscire a trovare delle coclusioi

Dettagli

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti

Motori maxon DC e maxon EC Le cose più importanti Motori maxo DC e maxo EC Il motore come trasformatore di eergia Il motore elettrico trasforma la poteza elettrica P el (tesioe U e correte I) i poteza meccaica P mech (velocità e coppia M). Le perdite

Dettagli

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0

( ) ( ) ( ) ( ) ( ) CAPITOLO VII DERIVATE. (3) D ( x ) = 1 derivata di un monomio con a 0 CAPITOLO VII DERIVATE. GENERALITÀ Defiizioe.) La derivata è u operatore che ad ua fuzioe f associa u altra fuzioe e che obbedisce alle segueti regole: () D a a a 0 0 0 derivata di u moomio D 6 D 0 D ()

Dettagli

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag.

SERIE NUMERICHE. (Cosimo De Mitri) 1. Definizione, esempi e primi risultati... pag. 1. 2. Criteri per serie a termini positivi... pag. SERIE NUMERICHE (Cosimo De Mitri. Defiizioe, esempi e primi risultati... pag.. Criteri per serie a termii positivi... pag. 4 3. Covergeza assoluta e criteri per serie a termii di sego qualsiasi... pag.

Dettagli

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo

ESERCITAZIONE L adsorbimento su carbone attivo ESERCITAZIONE adsorbimeto su carboe attivo ezioi di riferimeto: Processi basati sul trasferimeto di materia Adsorbimeto su carboi attivi Testi di riferimeto: Water treatmet priciples ad desi, WH Pricipi

Dettagli

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI

1. L'INSIEME DEI NUMERI REALI . L'INSIEME DEI NUMERI REALI. I pricipli isiemi di umeri Ripredimo i pricipli isiemi umerici N, l'isieme dei umeri turli 0; ; ; ; ;... L'ide ituitiv di umero turle è ssocit l prolem di cotre e ordire gli

Dettagli

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010

Indagini sui coregoni del Lago Maggiore: Analisi sui pesci catturati nel 2010 Idagii sui coregoi del Lago Maggiore: Aalisi sui pesci catturati el 1 Rapporto commissioato dal Dipartimeto del territorio, Ufficio della caccia e della pesca, Via Stefao Frascii 17 51 Bellizoa Aprile

Dettagli

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI

INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI INTRODUZIONE ALLE SUCCESSIONI E SERIE: ALCUNI ESEMPI NOTEVOLI Mirta Debbia LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - debbia.m@libero.it Maria Cecilia Zoboli - LS A. F. Formiggii di Sassuolo (MO) - cherubii8@libero.it

Dettagli

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari

1. MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ. 1 Alcune definizioni preliminari . MODELLO DINAMICO AD UN GRADO DI LIBERTÀ Alcue defiizioi prelimiari I sistemi vibrati possoo essere lieari o o lieari: el primo caso vale il pricipio di sovrapposizioe degli effetti el secodo o. I geerale

Dettagli

1 Metodo della massima verosimiglianza

1 Metodo della massima verosimiglianza Metodo della massima verosimigliaza Estraedo u campioe costituito da variabili casuali X i i.i.d. da ua popolazioe X co fuzioe di probabilità/desità f(x, θ), si costruisce la fuzioe di verosimigliaza che

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa?

Verifica d Ipotesi. Se invece che chiederci quale è il valore di una media in una popolazione (stima. o falsa? o falsa? Verifica d Iotesi Se ivece che chiederci quale è il valore ua mea i ua oolazioe (stima utuale Se ivece e itervallo che chiederci cofideza) quale è il avessimo valore u idea ua mea su quello i ua che oolazioe

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA

MATEMATICA FINANZIARIA Capializzazioe semplice e composa MATEMATICA FINANZIARIA Immagiiamo di impiegare 4500 per ai i ua operazioe fiaziaria che frua u asso del, % auo. Quao avremo realizzao alla fie dell operazioe? I u coeso

Dettagli

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15

Appunti di Statistica Matematica Inferenza Statistica Multivariata Anno Accademico 2014/15 Apputi di Statistica Matematica Ifereza Statistica Multivariata Ao Accademico 014/15 November 19, 014 1 Campioi e modelli statistici Siao Ω, A, P uo spazio di probabilità e X = X 1,..., X u vettore aleatorio

Dettagli

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo

8) Sia Dato un mazzo di 40 carte. Supponiamo che esso sia mescolato in modo ESERCIZI DI CALCOLO DELLE PROBABILITÁ ) Qual e la probabilita che laciado dadi a facce o esca essu? Studiare il comportameto asitotico di tale probabilita per grade. ) I u sacchetto vi soo 0 pallie biache;

Dettagli

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard)

Sistemi LTI descrivibile mediante SDE (Equazioni alle Differenze Standard) Sistemi LTI descrivibile mediate SDE (Equazioi alle Differeze Stadard) Nella classe dei sistemi LTI ua sottoclasse è quella dei sistemi defiiti da Equazioi Stadard alle Differeze Fiite (SDE), dette così

Dettagli

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M

Soluzione La media aritmetica dei due numeri positivi a e b è data da M Matematica per la uova maturità scietifica A. Berardo M. Pedoe 6 Questioario Quesito Se a e b soo umeri positivi assegati quale è la loro media aritmetica? Quale la media geometrica? Quale delle due è

Dettagli

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO

PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu Mii biblioteca de Il Giorale Ipdap per rederci coto e sapere di piu PENSIONI INPDAP COME SI CALCOLANO I tre sistemi I cique pilastri

Dettagli

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005

Esame di Matematica 2 Mod.A (laurea in Matematica) prova di accertamento del 4 novembre 2005 Esame di Matematica 2 ModA (laurea i Matematica prova di accertameto del 4 ovembre 25 ESERCIZIO Si poga a 3 5 + 9 e b 2 4 6 + 6 ( (a Si determii d MCD(a, b e gli iteri m, Z tali che d ma + b co m < b ed

Dettagli

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1,

l = 0, 1, 2, 3,,, n-1n m = 0, ±1, NUMERI QUANTICI Le autofuzioi soo caratterizzate da tre parametri chiamati NUMERI QUANTICI e soo completamete defiite dai loro valori: : umero quatico pricipale l : umero quatico secodario m : umero quatico

Dettagli

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata

Sommario lezioni di Probabilità versione abbreviata Sommario lezioi di Probabilità versioe abbreviata C. Frachetti April 28, 2006 1 Lo spazio di probabilità. 1.1 Prime defiizioi I possibili risultati di u esperimeto costituiscoo lo spazio dei campioi o

Dettagli

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi.

Introduzione (1) Introduzione (2) Prodotti e servizi sono realizzati per mezzo di processi produttivi. Iroduzioe () Ua defiizioe (geerale) del ermie qualià: qualià è l isieme delle caraerisiche di u eià (bee o servizio) che e deermiao la capacià di soddisfare le esigeze espresse ed implicie di chi la uilizza.

Dettagli

AcidSoft. Le nostre soluzioni. Innovazione

AcidSoft. Le nostre soluzioni. Innovazione AiSoft AiSoft ase alla passioe per l'iformatio teology e si oretizza i ua realtà impreitoriale, ua perfetta reazioe imia tra ooseza teia e reatività per realizzare progetti i grae iovazioe. Le ostre soluzioi

Dettagli

3M Prodotti per la protezione al fuoco. Building & Commercial Services

3M Prodotti per la protezione al fuoco. Building & Commercial Services 3M Prodotti per la protezioe al fuoco Buildig & Commercial Services Idice Sviluppi e treds...4-5 3M e le soluzioi aticedio...6-7 Dispositivi di attraversameto...8-19 Giuti di costruzioe...20-21 Sistemi

Dettagli

Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario

Valutazione delle prestazioni termiche di sistemi con solai termoattivi in regime non stazionario Valutazioe delle prestazioi termiche di sistemi co solai termoattivi i regime o stazioario MICHELE DE CARLI, Ph.D., Ricercatore, Dipartimeto di Fisica Tecica, Uiversità degli Studi di Padova, Padova, Italia.

Dettagli

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N

Le operazioni fondamentali in N Basic Arithmetic Operations in N Operzioi fodetli i - 1 Le operzioi fodetli i Bsic Arithetic Opertios i I geerle u operzioe è u procedieto che due o più ueri, dti i u certo ordie e detti terii dell'operzioe, e ssoci u ltro, detto risultto

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine

Dall atomo di Bohr alla costante di struttura fine Dall atomo di Bohr alla ostate di struttura fie. INFORMAZIONI SPETTROSCOPICHE SUGLI ATOMI E be oto he ogi sostaza opportuamete eitata emette radiazioi elettromagetihe. Co uo spettrosopio, o strumeti aaloghi,

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici Stm e putual Probabltà e Statstca I - a.a. 04/05 - Stmator Vocabolaro Popolazoe: u seme d oggett sul quale s desdera avere Iformazo. Parametro: ua caratterstca umerca della popolazoe. E u Numero fssato,

Dettagli

Comportamento delle strutture in C.A. in Zona Sismica

Comportamento delle strutture in C.A. in Zona Sismica Comportameto delle strutture i c.a. i zoa sismica Pagia i/161 Comportameto delle strutture i C.A. i Zoa Sismica Prof. Paolo Riva Dipartimeto di Progettazioe e ecologie Facoltà di Igegeria Uiversità di

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

Metodi d integrazione di Montecarlo

Metodi d integrazione di Montecarlo Metodi d itegrzioe di Motecrlo Simulzioe l termie simulzioe ell su ccezioe scietific h u sigificto diverso dll ccezioe correte. Nell uso ordirio è sioimo si fizioe; ell uso scietifico è sioimo di imitzioe,

Dettagli

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso

Esercizi Le leggi dei gas. Lo stato gassoso Esercizi Le lei dei as Lo stato assoso Ua certa quatità di as cloro, alla pressioe di,5 atm, occupa il volume di 0,58 litri. Calcola il volume occupato dal as se la pressioe viee portata a,0 atm e se la

Dettagli

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni:

ESERCIZI DI ANALISI I. Prof. Nicola Fusco 1. Determinare l insieme in cui sono definite le seguenti funzioni: N. Fusco ESERCIZI DI ANALISI I Prof. Nicola Fusco Determiare l isieme i cui soo defiite le segueti fuzioi: ) log/ arctg π ) 4 ) log π 6 arcse ) ) tg log π + ) 4) 4 se se se tg 5) se cos tg 6) [ 6 + 8 π

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

Le cinque cavolate da evitare quando si fa da sé il proprio e-book

Le cinque cavolate da evitare quando si fa da sé il proprio e-book Il favoloso mondo del self publishing Le cinque cavolate da evitare quando si fa da sé il proprio e-book A cura di Sergio Covelli www.pecorenerecords.com Aprile 2011 1) Basta un click, no? Ricordatelo

Dettagli

FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE

FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE DISPENSE DI: FONDAMENTI DI MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE Testo di riferieto E. Fuaioli ed altri Meccaica applicata alle acchie vol. e - Ed. Patro BOZZA Idice. INTRODUZIONE ALLA MECCANICA APPLICATA

Dettagli

Interpolazione. Davide Manca Calcoli di Processo dell Ingegneria Chimica Politecnico di Milano

Interpolazione. Davide Manca Calcoli di Processo dell Ingegneria Chimica Politecnico di Milano L4 Iterpolazioe L4 Prologo Co iterpolazioe si itede il processo di idividuare ua fuzioe, spesso u poliomio, che passi per u isieme dato di puti: (x,y). y x L4 2 Fii dell iterpolazioe 1. Sostituire u isieme

Dettagli

www.provincia.roma.it EBOOK COSA SONO COME SI USANO DOVE SI TROVANO di Luisa Capelli

www.provincia.roma.it EBOOK COSA SONO COME SI USANO DOVE SI TROVANO di Luisa Capelli www.provincia.roma.it EBOOK COSA SONO COME SI USANO DOVE SI TROVANO di Luisa Capelli 01 Nei secoli, ci siamo abituati a leggere in molti modi (pietra, pergamena, libri). I cambiamenti continueranno e noi

Dettagli

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT Web Meeting Quick Start Guide V4_IT Indice 1 INFORMAZIONI SUL PRODOTTO... 3 1.1 CONSIDERAZIONI GENERALI... 3 1.2 SISTEMI OPERATIVI SUPPORTATI E LINGUE... 3 1.3 CARATTERISTICHE... 3 2 PRENOTARE UNA CONFERENZA...

Dettagli

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario

USUFRUTTO. 5) Quali sono le spese a carico dell usufruttuario USUFRUTTO 1) Che cos è l sfrtto e come si pò costitire? L sfrtto è il diritto di godimeto ( ovvero di possesso) di bee altri a titolo gratito ; viee chiamato sfrttario chi esercita tale diritto, metre

Dettagli

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Data Sheet IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Panoramica Le medie aziende devono migliorare nettamente le loro capacità

Dettagli

Manuale d Uso. Ref: 04061

Manuale d Uso. Ref: 04061 Manuale d Uso Ref: 04061 1 Grazie per aver acquistato il lettore digitale ENERGY SISTEM INNGENIO 2000. Questo manuale fornisce istruzioni operative dettagliate e spiegazioni delle funzioni per godere al

Dettagli

DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA

DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA Valutazioe e riduzioe della vulerailità sismia di ediii esisteti i.a. Roma, 9-0 maggio 00 DOMINI DI CURVATURA DI SEZIONI IN C.A. IN PRESSOFLESSIONE DEVIATA. PARTE II: VALUTAZIONE SEMPLIFICATA Di Ludovio

Dettagli

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop...

INDICE Informazioni Generali... 4. Comprare ebook con Kobo Desktop... 8. Usare la Libreria di Kobo Desktop... 10. Leggere su Kobo Desktop... Kobo Desktop Manuale Utente INDICE Informazioni Generali... 4 Installare Kobo Desktop su Windows... 5 Installare Kobo Desktop su Mac... 6 Comprare ebook con Kobo Desktop... 8 Usare la Libreria di Kobo

Dettagli

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Guida all'installazione di SLPct Manuale utente Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Premessa Il redattore di atti giuridici esterno SLpct è stato implementato da Regione

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUI NUMERI

APPROFONDIMENTI SUI NUMERI APPROFONDIMENTI SUI NUMERI. Il sistem di umerzioe deimle Be presto, ll operzioe turle del otre, si è ggiut l esigez di «rppresetre» i umeri. I sistemi di umerzioe possiili soo molti; per or i limitimo

Dettagli

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS)

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) EZChrom Edition e ChemStation Edition Requisiti hardware e software Agilent Technologies Informazioni legali Agilent Technologies, Inc. 2013 Nessuna parte

Dettagli

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Alex Gotev 1 Contenuti Che cos'è Puppy Linux? Come posso averlo? Come si avvia? Che programmi include? Installazione su Chiavetta USB Domande

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Un po di Storia ISP & Web Engineering ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Breve cenno sulla storia dell informatica: dagli albori ai giorni nostri; L evoluzione di Windows: dalla

Dettagli

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi.

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Guida all uso Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Legenda Singolo = Fax o SMS da inviare ad un singolo destinatario Multiplo = Fax o SMS da inviare a tanti destinatari

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA Quado s vuole valutare u parametro θ ad esempo: meda, varaza, proporzoe, oeffete d regressoe leare, oeffete d orrelazoe leare, e) d ua popolazoe medate u ampoe asuale,

Dettagli

Progetti reali con ARDUINO

Progetti reali con ARDUINO Progetti reali con ARDUINO Introduzione alla scheda Arduino (parte 2ª) ver. Classe 3BN (elettronica) marzo 22 Giorgio Carpignano I.I.S. Primo LEVI - TORINO Il menù per oggi Lettura dei pulsanti Comunicazione

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE

GUIDA ALL INSTALLAZIONE GUIDA ALL INSTALLAZIONE INTRODUZIONE BENVENUTO Benvenuto in SPARK XL l applicazione TC WORKS dedicata al processamento, all editing e alla masterizzazione di segnali audio digitali. Il design di nuova

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0

Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 Germano Pettarin E-book per la preparazione all ECDL ECDL Modulo 2 Sistema Operativo Windows Argomenti del Syllabus 5.0 G. Pettarin ECDL Modulo 2: Sistema Operativo 2 Modulo 2 Il sistema operativo Windows

Dettagli

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente 2015 Seagate Technology LLC. Tutti i diritti riservati. Seagate, Seagate Technology, il logo Wave e FreeAgent sono marchi depositati o marchi registrati

Dettagli

AlboTop. Software di gestione Albo per Ordini Assistenti Sociali

AlboTop. Software di gestione Albo per Ordini Assistenti Sociali AlboTop Software di gestione Albo per Ordini Assistenti Sociali Introduzione AlboTop è il nuovo software della ISI Sviluppo Informatico per la gestione dell Albo professionale dell Ordine Assistenti Sociali.

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA SEDE: ORDINE DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI LECCE Via Nazario Sauro, n. 31 LECCE Presentazione Progetto: Dal 9 Novembre 2013

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità)

Tavola 1 - Popolazione italiana residente alle date dei censimenti generali, riportata ai confini attuali - Anni 1861-2001 (migliaia di unità) 4 Quai eravamo, quai siamo, quai saremo Che cosa si impara el capiolo 4 er cooscere le caraerisiche e l evoluzioe della popolazioe ialiaa araverso u lugo arco di empo uilizziamo il asso di icremeo medio

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Analisi dei segnali nel dominio del tempo

Analisi dei segnali nel dominio del tempo Appui di Teoria dei Segali a.a. / Aalisi dei segali el domiio del empo L.Verdoliva I quesa prima pare del corso sudieremo come rappreseare i segali empo coiuo e discreo el domiio del empo e defiiremo le

Dettagli

Guida all'uso di StarOffice 5.2

Guida all'uso di StarOffice 5.2 Eraldo Bonavitacola Guida all'uso di StarOffice 5.2 Introduzione Dicembre 2001 Copyright 2001 Eraldo Bonavitacola-CODINF CODINF COordinamento Docenti INFormati(ci) Introduzione Pag. 1 INTRODUZIONE COS'È

Dettagli

RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO 1.2. ATTIVAZIONE DELLA RICEZIONE DEL FILE CON L INPS

RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO 1.2. ATTIVAZIONE DELLA RICEZIONE DEL FILE CON L INPS RICEZIONE AUTOMATICA DEI CERTIFICATI DI MALATTIA 1.1. MALATTIE GESTIONE IMPORT AUTOMATICO Abbiamo predisposto il programma di studio Web per la ricezione automatica dei certificati di malattia direttamente

Dettagli

Samsung Data Migration v2.6 Introduzione e Guida all'installazione

Samsung Data Migration v2.6 Introduzione e Guida all'installazione Samsung Data Migration v2.6 Introduzione e Guida all'installazione 2013. 12 (Revisione 2.6.) Esclusione di responsabilità legale SAMSUNG ELECTRONICS SI RISERVA IL DIRITTO DI MODIFICARE I PRODOTTI, LE INFORMAZIONI

Dettagli

BIBLIOWIN 5.0WEB Versione 5.0.2

BIBLIOWIN 5.0WEB Versione 5.0.2 BIBLIOWIN 5.0WEB Versione 5.0.2 Premessa. In questa nuova versione è stata modificata la risoluzione (dimensione) generale delle finestre. Per gli utenti che navigano nella modalità a Finestre, la dimensione

Dettagli

Il portafoglio VidyoConferencing. Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi

Il portafoglio VidyoConferencing. Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi Il portafoglio VidyoConferencing Tutto ciò di cui avete bisogno per realizzare videoconferenze HD di qualità, accessibili e a costi vantaggiosi La qualità HD di Vidyo mi permette di vedere e ascoltare

Dettagli

Installazione LINUX 10.0

Installazione LINUX 10.0 Installazione LINUX 10.0 1 Principali passi Prima di iniziare con l'installazione è necessario entrare nel menu di configurazione del PC (F2 durante lo start-up) e selezionare nel menu di set-up il boot

Dettagli

Che cos è e come funziona l e-book

Che cos è e come funziona l e-book Che cos è e come funziona l e-book 1/3 di Francesca Cosi e Alessandra Repossi Negli ultimi mesi si è parlato molto dell e-book e del fatto che presto rivoluzionerà il mondo dell editoria: sono stati organizzati

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

1.3c: Font BITMAP e Font SCALABILI

1.3c: Font BITMAP e Font SCALABILI Prof. Alberto Postiglione Dipartimento di Scienze della Comunicazione Facoltà di Lettere e Filosofia Università degli Studi di Salerno : Font BITMAP e Font SCALABILI Informatica Generale (Corso di Studio

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 Installazione GEST-L 4 Versione per Mac - Download da www.system-i.it 4 Versione per Mac - Download da Mac App Store 4 Versione per Windows 4 Prima apertura del programma

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli