La Macroeconomia:gli obiettivi di politica economica e Monetaria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Macroeconomia:gli obiettivi di politica economica e Monetaria"

Transcript

1 La Macroeconomia:gli obiettivi di politica economica e Monetaria a cura di Claudio Picozza testo consigliato : Krugman Wells Olney, l essenziale di economia, Zanichelli,

2 MACROECONOMIA Macroeconomia: studia le dinamiche del sistema economico nel suo complesso: andamento del prodotto aggregato, livello generale dei prezzi e dell occupazione, livello generale delle retribuzioni, scambi tra paesi, ecc. Politica macroeconomica: lo Stato può svolgere un ruolo importante a livello macro, soprattutto per stabilizzare le fluttuazioni di breve periodo e per contrastare gli shock negativi che colpiscono l economia. Politica fiscale: controllo della spesa pubblica e dell imposizione fiscale Politica monetaria: controllo dei tassi di interesse e della quantità (Q) di moneta Il risultato aggregato prodotto da molteplici decisioni individuali può essere molto diverso da ciò che ognuno intendeva produrre: il comportamento dell economia aggregata NON è uguale alla somma delle azioni individuali e dei risultati di mercato. 2

3 CICLO ECONOMICO Fluttuazione dell attività economica globale caratterizzata dalla simultanea espansione o contrazione della produzione della maggior parte delle industrie (Samuelson) 3

4 CICLO ECONOMICO Ciclo economico: alternarsi nel breve periodo di fasi di flessione (recessioni) e di crescita (espansioni) Recessione: fase di flessione economica in cui produzione e occupazione diminuiscono. Convenzionalmente, una economia è in recessione se la produzione aggregata, misurata dal PIL, diminuisce per almeno due trimestri consecutivi. Depressione: flessione economica grave e prolungata. Espansione (o ripresa): fase di crescita economica in cui produzione e occupazione aumentano. 4

5 TASSI DI CRESCITA E LIVELLI Il tasso di crescita del PIL reale (ossia depurato dell effetto prodotto dalla variazione dei prezzi) ci dice di quanto varia percentualmente il PIL nell unità di tempo (anno) Il livello del PIL reale ci fornisce il valore assoluto del PIL espresso in una unità di misura (ad esempio, miliardi di dollari del 2000) 5

6 CONTROLLARE IL CICLO ECONOMICO Politiche di stabilizzazione: misure di politica economica attuate per ridurre la gravità di una recessione o per rallentare un espansione troppo rapida (che, come vedremo, può produrre tensioni inflazionistiche). Si basano principalmente su: Politica monetaria: agisce sulla quantità di moneta in circolazione e/o sui tassi di interesse per frenare la domanda monetaria dell economia Politica fiscale: agisce sull imposizione fiscale e/o sulla spesa pubblica. 6

7 INFLAZIONE Tasso di inflazione: variazione percentuale annua del livello generale dei prezzi. La misura nominale di una variabile economica non tiene conto della variazione dei prezzi nel tempo: se un anno produco un computer e lo vendo al prezzo di 10, il valore nominale della produzione è 10; se l anno dopo produco un computer e lo vendo al prezzo di 20, il valore nominale della produzione è raddoppiato, ma ho prodotto sempre lo stesso ammontare di beni. La misura reale viene aggiustata per tenere conto della variazione dei prezzi: nell esempio precedente il valore della produzione in termini reali rimane costante (1 computer). Livello generale dei prezzi: misura sintetica del livello complessivo dei prezzi di tutti i beni e servizi finali prodotti nell economia. Come vedremo, per misurarlo si usa in genere l indice dei prezzi al consumo (IPC) o il deflatore del PIL. Inflazione: un livello generale dei prezzi crescente. Deflazione: un livello generale dei prezzi decrescente. Stabilità dei prezzi: situazione in cui il livello generale dei prezzi varia lentamente. 7

8 INDICATORI DEL CICLO ECONOMICO PIL e PNL PRODUZIONE INDUSTRIALE FATTURATO e ORDINATIVI BUSINESS SENTIMENT INDICATORI DEL MERCATO DEL LAVORO (occupazione, disoccupazione, tasso di occupazione e di disoccupazione, ecc.) VENDITE AL DETTAGLIO ATTESE DEI CONSUMATORI INDEX OF LEADING ECONOMIC INDICATORS 8

9 INDICATORI E CICLO ECONOMICO Coincident indicators: si muovono come il ciclo economico Manufacturing and trade sales Employees on non-agricultural payrolls Industrial production Personal income minus transfer payments Lagging indicators: seguono il ciclo economico Average duration of unemployment Inventories to sales ratio, manufacturing and trade Change in labor cost per unit of output, manufacturing Average prime rate Commercial and industrial loans Consumer installment credit to personal income ratio Change in consumer price index for services Leading indicators: anticipano il ciclo economico 9

10 INDICATORI DI INFLAZIONE PREZZI AL CONSUMO NIC: intera collettività; FOI: famiglie di operai ed impiegati; IAPC: indice armonizzato europeo. PREZZI ALLA PRODUZIONE PREZZI PRATICATI DAI GROSSISTI RETRIBUZIONI COSTO DEL LAVORO 10

11 LA FORMAZIONE DEL PRODOTTO INTERNO LORDO (PIL) 11

12 CONTABILITA NAZIONALE E CONTI ECONOMICI NAZIONALI La Contabilità Nazionale è rappresentata da l'insieme di tutti i conti economici che descrivono l'attività economica di un Paese o di una circoscrizione territoriale. (www.istat.it - glossario) I Conti Economici Nazionali sono a loro volta definiti come: (un insieme di) quadri sintetici delle relazioni economiche che si hanno tra le differenti unità economiche di una data comunità in un determinato periodo. Essi riportano, in un certo ordine, le cifre relative alla situazione economica del paese, sulle risorse disponibili e sul loro uso, sul reddito che si è formato e sulle sue componenti, sul processo di accumulazione e sul suo finanziamento, sulle relazioni con il resto del mondo e su altri fenomeni (www.istat.it - glossario) 12

13 IL SISTEMA DEI CONTI ECONOMICI NAZIONALI L ARTICOLAZIONE DEI CONTI Il sistema dei conti economici nazionali prevede tre tipi di conti: 1. I conti correnti che rappresentano la formazione del prodotto, la generazione del reddito e la sua distribuzione, nonché l utilizzazione del reddito per il consumo finale. 2. I conti dell accumulazione del capitale che descrivono le variazioni della ricchezza nazionale ottenute registrando le modifiche del valore delle attività e passività nel periodo oggetto di indagine. 3. I conti patrimoniali che illustrano la posizione patrimoniale nazionale netta sotto forma di stock. 13

14 IL SISTEMA DEI CONTI ECONOMICI NAZIONALI SETTORI ISTITUZIONALI: a) Società e quasi società non finanziarie (es. Imprese) b) Società finanziarie (es. Intermediari finanziari, Imprese assicuratrici) c) Amministrazioni pubbliche d) Istituzioni sociali private al servizio delle famiglie (es. Associazioni) e) Famiglie (imprese individuali e famiglie consumatrici) f) Il resto del mondo 14

15 IL SISTEMA DEI CONTI ECONOMICI NAZIONALI UNITÀ ECONOMICHE Settore Istituzionale Funzione Principale Produzione AccumulazioneFinanziamento Assicurazione Consumo Redistribuzione (a) Società e quasi società non finanziarie X X (b) Società finanziarie (1) Intermediari finanziari X X (2)Società assicurative X X (c) Amministrazioni pubbliche X X X X (d) Istituz. sociali private al servizio di famiglie X X X (e) Famiglie (1) Produttrici X X (2) Consumatrici X X Redditi da Settore Istituzionale capitale - impresa (a) Società e quasi società non finanziarie X (b) Società finanziarie (1) Intermediari finanziari X (2)Società assicurative X (c) Amministrazioni pubbliche (d) Istituz. sociali private al servizio di famiglie (e) Famiglie Imposte e contributi sociali X Risorse Principali Trasferimenti X Redditi misti Redditi da lavoratori dipendente Prestazioni sociali (1) Produttrici X (2) Consumatrici X X 15

16 IL SISTEMA DEI CONTI ECONOMICI NAZIONALI CONTI CORRENTI: IL CONTO DELLA PRODUZIONE A) Conto della produzione: Prodotto interno lordo e Prodotto interno netto Lo scopo di questa sezione è di giungere alla misurazione del Prodotto interno del paese, al lordo o al netto degli ammortamenti. Il prodotto interno corrisponde al valore aggiunto creato dai fattori produttivi operanti all interno del paese. Il valore aggiunto è misurato come differenza fra il valore della produzione totale e il valore dei beni intermedi utilizzati 16

17 IL VALORE AGGIUNTO Il processo produttivo è un processo interdipendente, risultato di unità produttive indipendenti finalizzato alla produzione dei beni finali Gli scambi tra unità produttive - prodotti destinati alla produzione corrente - sono scambi di beni intermedi Gli scambi con unità non produttive - prodotti non destinati alla produzione corrente - sono scambi di beni finali Il valore del bene finale - valore del prodotto e valore della spesa - corrisponde al valore aggiunto di tutte le unità produttive che partecipano alla sua produzione - valore del reddito VA = valore delle vendite valore dei beni intermedi 17

18 IL SISTEMA DEI CONTI ECONOMICI NAZIONALI CONTI CORRENTI: IL CONTO DELLA PRODUZIONE VALORE AGGIUNTO COSTO DEI BENI INTERMEDI VALORE AGGIUNTO COSTO DEI BENI INTERMEDI VALORE AGGIUNTO COSTO DEI BENI INTERMEDI VALOERE DEL BENE FINALE ESTRAZIONE RAFFINAZIONE DISTRIBUZIONE Metodo A: VA = Valore aggiunto Produzione = VA Estrazione +VA Raffinazione + VA Distribuzione 15 = Il valore di ciascun bene o servizio utilizzo utilizzato nel corso del processo produttivo viene conteggiato come costo nello stadio produttivo successivo. 18

19 IL SISTEMA DEI CONTI ECONOMICI NAZIONALI CONTI CORRENTI: IL CONTO DELLA PRODUZIONE VALORE AGGIUNTO COSTO DEI BENI INTERMEDI VALORE AGGIUNTO COSTO DEI BENI INTERMEDI VALORE AGGIUNTO COSTO DEI BENI INTERMEDI VALOERE DEL BENE FINALE ESTRAZIONE RAFFINAZIONE DISTRIBUZIONE Metodo B: II = Costo dei beni intermedi Produzione =Valore del bene finale - II Estrazione -II Raffinazione II Distribuzione 15 = Per ottenere il valore della produzione si detrae dal valore del bene finale il costo dei beni intermedi utilizzati durante le varie fasi produttive. 19

20 IL SISTEMA DEI CONTI ECONOMICI NAZIONALI CONTI CORRENTI: IL CONTO DELLA PRODUZIONE Valore della produzione ai prezzi base + Imposte indirette - contributi alla produzione = Valore della produzione ai prezzi di mercato - Valore dei beni intermedi utilizzati nel processo produttivo = Prodotto Interno Lordo - Ammortamenti = Prodotto Interno Netto CONTO DELLA PRODUZIONE 20

21 PRODOTTO INTERNO LORDO (PIL) Valore dei beni e servizi prodotti all INTERNO di un economia, in un determinato periodo di tempo, senza considerare la nazionalità dei produttori. Si ottiene calcolando il Valore Aggiunto di tutti i settori dell economia, compreso il settore pubblico. Periodicità trimestrale 21

22 L identità PRODOTTO REDDITO SPESA PIL: valore di tutti i beni e servizi FINALI (comprende beni capitali, immobili nuovi e variazione delle scorte) prodotti da un sistema economico in un periodo di tempo (anno). I beni intermedi si escludono per evitare duplicazioni. Deve anche essere uguale (ricorda che Somma totale flussi in uscita = Somma totale flussi in entrata): al flusso monetario in ENTRATA delle imprese nazionali a fronte della vendita nei mercati dei beni/servizi, ossia alla SPESA AGGREGATA per beni/servizi al netto delle importazioni (spesa che esce dai confini nazionali): PIL = C + I + G + (X IM) al flusso di fondi in USCITA dai mercati dei beni/servizi a favore dei mercati dei fattori, ossia ai REDDITI dei fattori corrisposti dalle imprese alle famiglie sotto forma di SALARI, PROFITTI, RENDITE (per la locazione di terra, immobili, ecc.) e INTERESSI: il ricavato di ogni vendita deve essere incassato da qualcuno sotto forma di reddito L identità (relazione sempre vera, tautologia) consente di calcolare il Pil in 3 modi (valore della produzione di beni e servizi finali; spesa totale per l acquisto di beni/servizi prodotti dalle imprese nazionali; reddito totale pagato ai nuclei familiari presenti nell economia). 22

23 PIL NOMINALE E PIL REALE Se il PIL nominale aumenta: l economia produce di più o sono aumentati i prezzi dei beni prodotti nella stessa quantità? Quale è stata la variazione reale della produzione? PIL reale: valore totale dei beni e servizi finali prodotti nel sistema economico in un dato anno, calcolato come se i prezzi fossero rimasti costanti al livello di un anno base PIL nominale: valore totale dei beni e servizi finali prodotti nel sistema economico in un dato anno, calcolato ai prezzi correnti dell anno in cui si effettua la rilevazione Caso semplificato: 2 beni finali (mele e arance); 2 anni Sono dati i prezzi e le quantità prodotte. Vogliamo calcolare il PIL nominale e il PIL reale 23

24 IL PIL PRO CAPITE PIL pro capite: valore del PIL diviso per la popolazione. Individua il PIL medio per individuo. PIL reale pro capite: valore del PIL reale diviso per la popolazione. Individua il PIL reale medio per individuo. Il PIL pro capite è utile per effettuare confronti tra paesi diversi ma NON E UNA MISURA ADEGUATA DEI LIVELLI DI BENESSERE. La crescita del PIL reale è importante (se non cresce è difficile trovare risorse per investire in sanità, istruzione, ricerca, ecc.) ma non è, di per sé, un valido obiettivo di politica economica. (Se il PIL aumenta e Venezia affonda il benessere sociale aumenta? E se il PIL aumenta ma cresce anche il numero di suicidi, o di morti sul lavoro? E se il PIL aumenta perché aumenta il numero di incidenti stradali mortali?). Un aumento del PIL reale espande la frontiera delle possibilità di produzione (aumenta la capacità produttiva e si può produrre e consumare di più), ma non è detto che migliori la qualità della vita (preferite una maglietta in più o respirare aria pulita, o vivere di più?). Dobbiamo considerare anche altri indicatori come: inquinamento, aspettativa di vita alla nascita, mortalità infantile, grado di alfabetizzazione, ecc. Le Nazioni Unite aggregano questi indicatori nell Indice di Sviluppo Umano (ISU). 24

25 L INTERVENTO DELLO STATO NELL ECONOMIA LA POLITICA FISCALE 25

26 POLITICA FISCALE 1. GESTIONE DELLE ENTRATE E DELLE USCITE 2. BILANCIO DELLO STATO 3. RAPPORTO DEFICIT/PIL PATTO PER LA STABILITÀ E LA CRESCITA 4. RAPPORTO DEBITO/PIL 26

27 POLITICA FISCALE La spesa pubblica e le imposte Influenzano il ciclo e l inflazione e dunque, indirettamente, i mercati finanziari La politica di gestione del debito Influenza i tassi di interesse e dunque, direttamente, i mercati finanziari 27

28 LEGGE FINANZIARIA Legge n. 468 del 5/8/1978: il Governo deve presentare in Parlamento un disegno di legge finanziaria. Consente di operare modifiche e integrazioni a disposizioni legislative che possono avere riflessi sul Bilancio dello Stato, delle aziende autonome e di altri enti che si ricollegano alla finanza statale 28

29 DPEF DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE ECONOMICA E FINANZIARIA Contiene la programmazione triennale della politica fiscale. Viene reso noto a giugno 29

30 DAL PRODOTTO INTERNO LORDO AL PRODOTTO NAZIONALE LORDO PIL------PNL 30

31 IL SISTEMA DEI CONTI ECONOMICI NAZIONALI E DEI CONTI CON L ESTERO RESTO DEL MONDO ECONOMIA RELAZIONI ECONOMICHE FRA RESIDENTI RELAZIONI ECONOMICHE FRA RESIDENTI E NON RESIDENTI SISTEMA DEI CONTI ECONOMICI NAZIONALI E DEI CONTI CON L ESTERO 31

32 PRODOTTO NAZIONALE LORDO (PNL) Valore dei beni e servizi prodotti, in un determinato periodo di tempo, dai residenti di una NAZIONE Si ottiene aggiungendo al PIL il valore dei beni e servizi prodotti dai cittadini residenti all estero e sottraendo quello prodotto dagli stranieri residenti 32

33 BILANCIA DEI PAGAMENTI 33

34 DEFINIZIONE Prospetto statistico che evidenzia le operazioni con l estero effettuate, in un dato periodo di tempo, nell economia di un Paese tra Residenti e non Residenti. OPERAZIONE CON L ESTERO RESIDENTE Una operazione che pone in essere o estingue, in tutto o in parte, crediti o debiti, o che comporta il trasferimento di un diritto su un bene Ogni individuo o società il cui centro di interessi economici risieda, su base non temporanea, in una certa economia ECONOMIA Insieme di soggetti economici che hanno con un determinato territorio un legame specifico più stretto che con ogni altro territorio 34

35 F3 SCHEMA CONTO CORRENTE Beni Servizi Redditi Trasferimenti correnti CONTO CAPITALE Contributi agli investimenti Trasferimenti in conto capitale Acquisti netti di beni immateriali CONTO FINANZIARIO Investimenti Diretti Di portafoglio Altri Derivati Riserve ufficiali ERRORI E OMISSIONI 35

36 Diapositiva 35 F3 Ho modificato "Schema V Manuale" in "Schema", perché vale anche per il BPM6. F541761; 10/09/2009

37 MODALITÀ DI REGISTRAZIONE (cont.) Le transazioni che generano introiti di valuta, che generano redditi, vengono registrate a credito (+) Le transazioni che generano pagamenti di valuta vengono registrate a debito(-) Qualsiasi aumento di passività (o riduzione di attività) viene registrato a credito Qualsiasi aumento di attività (o riduzione di passività) viene registrato a debito 36

38 MODALITÀ DI REGISTRAZIONE -esempio A CREDITO A DEBITO Le esportazioni di merci e servizi Le spese turistiche degli stranieri in Italia I trasferimenti unilaterali dall'estero Gli afflussi di capitale per: Investimenti Acquisti di azioni o obbligazioni domestiche Prestiti Pagamento interessi Le importazioni di merci e servizi Le spese turistiche degli italiani all'estero I trasferimenti unilaterali all'estero I deflussi di capitale per: Investimenti Acquisti di azioni o obbligazioni estere Prestiti Pagamento interessi 37

39 BDP E CONTABILITÀ NAZIONALE (cont.) In presenza di commercio internazionale parte della nostra produzione viene acquistata da stranieri (X), mentre parte della nostra spesa interna (C, I, G) viene impiegata nell'acquisto di beni e servizi prodotti all'estero (M) Le esportazioni vanno ad aumentare il reddito Y perché é domanda estera di prodotti italiani; le importazioni diminuiscono Y perché equivalgono a risorse interne utilizzate per acquistare beni prodotti da non residenti Il saldo del conto corrente misura le dimensioni e la direzione dei prestiti internazionali. Un saldo negativo implica che il disavanzo viene finanziato con prestiti concessi da operatori esteri con maggiore indebitamento netto Il saldo del conto corrente di un paese é pari alla variazione della ricchezza estera netta 38

40 BDP E CONTABILITÀ NAZIONALE (cont.) In termini economici il risparmio nazionale può essere utilizzato per finanziare la formazione del capitale interno o di capitale estero (la globalizzazione finanziaria implica possibilità di mobilizzare risparmio interno) Quando si risparmia un Euro, questo Euro può essere utilizzato per finanziare l'accumulazione del capitale interno o per finanziare l'acquisto di capitali all'estero In un'economia aperta i possibili usi del risparmio sono due: investimento interno e investimento estero 39

41 DEFINIZIONI E REGOLE DELLA CONTABILITÀ NAZIONALE PIL = C + I + G + X - M YIL = PIL YNL = YIL + YE reddito da lavoro reddito da capitale YNL = C + I + G + X- M + YE C = consumi finali I = Investimenti X = esportazioni M = importazioni YE = redditi netti esteri YNL = reddito nazionale lordo YIL = reddito interno lordo G = spesa pubblica al netto delle imposte 40

42 LA BILANCIA DEI PAGAMENTI E CAMBI 41

43 CAMBI FISSI E CAMBI FLESSIBILI CAMBI FISSI Un Un regime di di cambi si si dice fisso (anche se se in in realtà esistono piccoli margini di di fluttuazione), quando il il prezzo di di una divisa deve essere mantenuto stabile nei nei confronti di di un altra I I Paesi in in dell'unione Economica e Monetaria Europea hanno adottato: Cambi irrevocabilmente fissi Moneta unica Politica monetaria comune 42

44 CAMBI FISSI E CAMBI FLESSIBILI CAMBI FLESSIBILI Un regime di di cambi si si dice flessibile quando la la divisa nazionale non ha ha vincoli di di oscillazione rispetto alle altre 43

45 TASSO DI CAMBIO E SALDO DELLA BDP In un regime di cambi fissi, il tasso di cambio non consente di sanare eventuali squilibri della Bilancia dei Pagamenti attraverso fluttuazioni In un regime di tassi flessibili il ruolo primario del cambio è quello di incidere in modo sensibile sul reddito nazionale IN REALTÀ ESSO: influisce direttamente sul flusso di import ed export e quindi sul reddito nazionale 44

46 TASSO DI CAMBIO E SALDO DELLA BDP BILANCIA DEI PAGAMENTI IN DEFICIT IL TASSO DI CAMBIO TENDE A RIVALUTARSI IL IL TASSO DI DI CAMBIO TENDE A SVALUTARSI BILANCIA DEI PAGAMENTI IN SURPLUS 45

47 INFLAZIONE, SALDO BDP E TASSO DI CAMBIO INFLAZIONE - - domanda prodotti nazionali + domanda prodotti esteri DEFICIT BILANCIA COMMERCIALE M> X DEPREZZAMENTO DEL TASSO DI CAMBIO + domanda prodotti nazionali - domanda prodotti esteri RIEQUILIBRIO BILANCIA COMMERCIALE 46

48 RISERVE UFFICIALI 47

49 F5 DEFINIZIONE Attività sull estero mantenute prontamente disponibili e sotto il controllo delle autorità monetarie al fine di soddisfare le esigenze di finanziamento della bilancia dei pagamenti, intervenire sui mercati dei cambi e per altri scopi collegati (ad es. per il mantenimento della fiducia circa la valuta e l economia e come base per ottenere finanziamenti dall estero) FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE VI MANUALE BP 48

50 Diapositiva 48 F5 Ho cambiato il testo della slide inserendo la definizione del 6^ manual BOP (la sostanza non cambia). F541761; 10/09/2009

51 LA MONETA E LE BANCHE 49

52 PREZZI E MONETA: LA MONETA Da un punto di vista contabile, la moneta consiste nelle passività del settore emittente moneta verso il settore detentore di moneta. Gli aggregati monetari si distinguono per il grado di liquidità delle attività finanziarie in essi inclusi. Al livello più ristretto troviamo le banconote e le passività a breve della banca centrale verso gli altri settori dell economia, al livello più elevato andremo ad includere le passività a più lungo termine di altri soggetti finanziari verso gli altri settori dell economia. 50

53 ANCORA SULLA MONETA Moneta: qualsiasi attività utilizzabile per facilitare e perfezionare lo scambio di beni e servizi Attività liquide: facilmente e rapidamente convertibili in denaro contante (circolante) senza rilevanti perdite Depositi bancari a vista: su di essi è possibile trarre assegni Offerta di moneta: valore totale delle attività finanziarie considerate moneta. 51

54 PREZZI E MONETA: LA MONETA Liabilities 1 M1 M2 M3 Currency in circulation X X X Overnight deposits X X X Deposits with an agreed maturity of up to 2 years X X Deposits redeemable at notice of up to 3 months X X Repurchase agreements X Money market fund shares/units X Debt securities issued with a maturity of up to 2 years X (1) Monetary liabilities of MFIs and central government (post off ice, treasury) vis-à-vis non-mfi euro area residents excluding central government. 52

55 IL RUOLO DELLE BANCHE Attività finanziaria: titolo che dà diritto al possessore di ricevere un flusso di reddito futuro dall emittente Passività: obbligo a corrispondere ad altri un flusso di pagamenti in futuro Intermediario finanziario: istituzione che trasforma in attività finanziarie i fondi raccolti presso una molteplicità di soggetti. Banca: intermediario finanziario che fornisce ai propri creditori un attività finanziaria liquida (depositi) e che utilizza la raccolta per finanziare gli investimenti (illiquidi) dei suoi debitori (crediti) Riserve bancarie: somme detenute in contanti o in deposti presso la banca centrale (BC) Coefficiente di riserva: frazione di depositi detenuti dalla banca sotto forma di riserve, obbligatorie e libere (o in eccesso, rispetto alla riserva obbligatoria) Riserva obbligatoria: insieme delle norme stabilite dalla BC per determinare il coefficiente di riserva minimo imposto alle banche 53

56 REGOLAMENTAZIONE BANCARIA Le banche non devono tenere i depositi presso di sé sotto forma di attività altamente liquide (tranne che per le riserve): i depositanti non si presentano tutti insieme per ritirare i propri depositi. Ciò avviene solo nel caso dell assalto (o corsa) agli sportelli (bank runs): un numero elevato di depositanti cerca di ritirare i propri fondi, nel timore di insolvenza della banca, che non può soddisfare quella richiesta e rischia effettivamente il fallimento. Nota: alcuni depositanti si possono aggiungere agli altri anche se non hanno informazioni negative sulla banca, ma vedono la fila di fronte alle agenzie (da questa derivano un segnale negativo sulla banca). Per ridurre la probabilità che ciò si verifichi, esistono tre misure: Assicurazione dei depositi (garanzia offerta di restituzione dei depositi in caso di insolvenza della banca) Obblighi di capitalizzazione (detenzione da parte dei proprietari di attività finanziarie in grado di coprire i depositi) Riserva obbligatoria fissata dalla BCE al 2% 54

57 LE BANCHE CREANO MONETA Le banche creano liquidità perché non devono tenere tutti i depositi presso di sé. Con il prestito, cedono ad altri parte dei fondi depositati; questi fondi verranno usati per effettuare pagamenti ad altri soggetti ancora, che li depositeranno presso altre banche (questi depositi sono parte della definizione della moneta). Queste ne terranno una parte (riserva obbligatoria + riserve libere) in forma liquida e presteranno un altra parte; questi fondi verranno usati per effettuare pagamenti ad altri soggetti ancora, che li depositeranno presso altre banche (i depositi aumentano ancora), ecc. E per questo che si dice che le banche creano moneta e si parla di moltiplicatore dei depositi e della moneta. Il limite alla creazione di moneta è stabilito dalla riserva obbligatoria, fissato dalla BC, che ha il compito di vigilare sul sistema bancario e di attuare la politica monetaria 55

58 LA POLITICA MONETARIA COMPITI E FUNZIONI DELLA BCE E DEL SEBC 56

59 OBIETTIVI DELLA POLITICA MONETARIA Le Autorità monetarie dispongono di strumenti che influenzano grandezze finanziarie dell economia, le quali, a loro volta, hanno effetti su: accumulazione (tasso d interesse), livelli produttivi e inflazione (spesa monetaria). Usualmente, l obiettivo prioritario è la stabilità del potere d acquisto della moneta (stabilità del sistema finanziario) Statutariamente fissato nel caso della BCE 57

60 POLITICA MONETARIA Obiettivo intermedio Obiettivi finali equilibrio del mercato finanziario (tassi d interesse, credito disponibile e quantità di moneta) equilibrio reale (livello del reddito e dell occupazione, stabilità dei prezzi interni e del tasso di cambio). Garantire la crescita dell economia in un contesto di stabilità dei prezzi 58

61 59

62 BCE E SEBC Il Sistema europeo di banche centrali (SEBC) è composto dalla Banca centrale europea (BCE) e dalle banche centrali nazionali degli Stati membri dell Unione europea (Art. 107 del Trattato di Maastricht). Le Banche Centrali Nazionali aderenti all UE ma non all UME non partecipano alle decisioni riguardanti la politica monetaria comune. Le attività del SEBC sono svolte ai sensi del Trattato istitutivo della Comunità europea (Trattato) e dello Statuto del Sistema europeo di banche centrali e della Banca centrale europea (Statuto del SEBC). Il SEBC non ha personalità giuridica ed è governato dagli organi decisionali della BCE: il Consiglio Direttivo ed il Comitato Esecutivo ed il Consiglio Generale. 60

63 61

64 OBIETTIVO DEL SISTEMA EUROPEO DI BANCHE CENTRALI MANTENIMENTO DELLA STABILITA DEI PREZZI (ART. 105)) Inoltre, e in misura compatibile SOSTIENE LE POLITICHE ECONOMICHE GENERALI DELLA COMUNITA (ART. 2) 62

65 TRATTATO DI MAASTRICHT POLITICA MONETARIA ARTICOLO 105 I compiti fondamentali da assolvere tramite il SEBC sono i seguenti: definire e attuare la politica monetaria della Comunità; svolgere le operazioni su cambi in linea con le disposizioni dell articolo 111; COMPITI DEL SEBC detenere e gestire le riserve ufficiali in valuta estera degli Stati membri; promuovere il regolare funzionamento dei sistemi di pagamento Inoltre: il SEBC contribuisce ad una buona conduzione delle politiche perseguite dalle competenti autorità (nazionali) per quanto riguarda la vigilanza prudenziale degli enti creditizi e la stabilità del sistema finanziario. 63

66 TRATTATO DI MAASTRICHT ARTICOLO 2 La Comunità ha il compito di promuovere nell insieme della Comunità, mediante l instaurazione di un mercato comune e di un unione economica e monetaria uno sviluppo armonioso, equilibrato e sostenibile delle attività economiche, un elevato livello di occupazione una crescita sostenibile e non inflazionistica, un alto grado di competitività e di convergenza dei risultati economici 64

67 I DUE PILASTRI DELLA STRATEGIA Obiettivo primario: la stabilità dei prezzi Il consiglio Direttivo mette assieme sistematicamente tutte le informazioni per adottare le decisioni di politica monetaria Primo Pilastro ruolo di primo piano alla moneta (valore di riferimento per la crescita di M3) Verifiche incrociate Secondo Pilastro Analisi centrata su un ampio ventaglio di indicatori economici e finanziari Informazioni economiche 65

68 OBIETTIVO DEL SISTEMA EUROPEO DI BANCHE CENTRALI Definizione quantitativa dell obiettivo di stabilità dei prezzi (Comunicato Stampa della BCE del 1998) Crescita nei 12 mesi dell indice armonizzato dei prezzi al consumo (IAPC) inferiore al 2% Obiettivo di medio periodo 66

69 STATUTO DEL SEBC FUNZIONI MONETARIE E OPERAZIONI DEL SEBC Art. 18 Operazioni di credito e di mercato aperto 18.1 Al fine di perseguire gli obiettivi del SEBC e di assolvere i propri compiti, la BCE e le BCN hanno facoltà di: a) Operare sui mercati finanziari comprando e vendendo a titolo definitivo (a pronti e a termine), ovvero con operazioni di pronti contro termine, prestando o ricevendo in prestito crediti e strumenti negoziabili, in valute sia comunitarie che di altri paesi, nonché metalli preziosi; b) Effettuare operazioni di credito con istituti creditizi ed altri operatori di mercato, erogando prestiti sulla base di adeguate garanzie La BCE stabilisce principi generali per le operazioni di credito e di mercato aperto effettuate da essa stessa o dalle BCN, compresi quelli per la comunicazione delle condizioni alle quali esse sono disponibili a partecipare a tali operazioni. 67

70 68

71 LA POLITICA DEL CAMBIO TRATTATO DI MAASTRICHT ARTICOLO 111 Il Consiglio, deliberando all unanimità, nell intento di pervenire ad un consenso coerente con l obiettivo della stabilità dei prezzi, può concludere accordi formali su un sistema di tassi di cambio dell ECU nei confronti delle valute non comunitarie. Il Consiglio, deliberando a maggioranza qualificata, nell intento di pervenire ad un consenso coerente con l obiettivo della stabilità dei prezzi, può adottare, adeguare o abbandonare i tassi centrali dell ECU all interno del sistema dei tassi di cambio. In mancanza di un sistema di tassi di cambio rispetto ad una o più valute non comunitarie il Consiglio, deliberando a maggioranza qualificata, può formulare gli orientamenti generali di politica del cambio nei confronti di dette valute. 69

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI

POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI capitolo 15-1 POLITICHE PER LA BILANCIA DEI PAGAMENTI OBIETTIVO: EQUILIBRIO (ANCHE SE NEL LUNGO PERIODO) DISAVANZI: IMPLICANO PERDITE DI RISERVE VALUTARIE AVANZI: DANNEGGIANO ALTRI PAESI E CONDUCONO A

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Capitolo 5. Il mercato della moneta

Capitolo 5. Il mercato della moneta Capitolo 5 Il mercato della moneta 5.1 Che cosa è moneta In un economia di mercato i beni non si scambiano fra loro, ma si scambiano con moneta: a fronte di un flusso reale di prodotti e di servizi sta

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo

è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo Politica fiscale Politica fiscale è la manovra del bilancio dello Stato che ha per obiettivo una variazione del reddito e dell occupazione nel breve periodo polit fiscale 2 Saldo complessivo B s Entrate

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Il Modello AS-AD. Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta

Il Modello AS-AD. Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta Il Modello AS-AD In questa lezione: Deriviamo la curva di offerta aggregata Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta Studiamo il meccanismo di aggiustamento verso l equilibrio

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali

Il controllo della moneta e il ruolo delle Banche Centrali Monetario Mercato monetario e mercato finanziario Finanziario Breve termine: 0-18 m. Lungo termine: > 18 m. Impiego liquidità Valuta / banconote / B.o.t. (buoni ordinati del tesoro) C/c (conto corrente)

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO

IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO STUDI E NOTE DI ECONOMIA 2 /98 IL PATTO DI STABILITÀ E CRESCITA: POLITICHE FISCALI E SPESE PER LO SVILUPPO CRISTINA BRANDIMARTE * - SOLANGE LEPROUX * - FRANCO SARTORI ** Introduzione Il Patto di stabilità

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO La finanziarizzazione dell economia Di Osvaldo Lamperti Per valutare meglio l attuale fase di crisi del capitalismo globalizzato è necessario fare alcune considerazioni sui

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale Lezione 8 Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale L AZIENDA SVOLGE UN PROCESSO DI TRASFORMAZIONE RISORSE PROCESSO DI PRODOTTI E SERVIZI TRASFORMAZIONE Valore di mercato delle risorse impiegate

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1

Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali. Economia dei tributi_polin 1 Effetti delle imposte nel mercato internazionale dei capitali Economia dei tributi_polin 1 Allocazione internazionale del capitale Si possono definire due principi di neutralità della tassazione del capitale

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 13 del 02.10.2014 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU 1 B. TASSI

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione

Il mandato di gestione patrimoniale. La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale La sua soluzione individuale con un mandato LGT a fascia di oscillazione Il mandato di gestione patrimoniale LGT l assistenza professionale per i suoi investimenti Le

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

LA BANC A CENTRALE EUROPEA L EUROSISTEMA DI BANCHE CENTRALI

LA BANC A CENTRALE EUROPEA L EUROSISTEMA DI BANCHE CENTRALI LA BANC A CENTRALE EUROPEA L EUROSISTEMA IL SISTEMA EUROPEO DI BANCHE CENTRALI INDICE Prefazione del Presidente della Banca centrale europea 3 1 Il cammino verso l Unione economica e monetaria 1.1 L integrazione

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

articoli INTERazIONE FRa gli INTERMEDIaRI FINaNzIaRI E IMPaTTO SuLL'aNaLISI MONETaRIa 1 INTRODuzIONE 2 L EVOLuzIONE DELL INTERMEDIazIONE

articoli INTERazIONE FRa gli INTERMEDIaRI FINaNzIaRI E IMPaTTO SuLL'aNaLISI MONETaRIa 1 INTRODuzIONE 2 L EVOLuzIONE DELL INTERMEDIazIONE ARTICOLI interazione fra gli intermediari finanziari e impatto sull'analisi monetaria A partire dalla terza fase dell Unione economica e monetaria l intermediazione finanziaria si è sviluppata sia in termini

Dettagli

FASI DI VITA DELL AZIENDA

FASI DI VITA DELL AZIENDA AZIENDA ORGANIZZAZIONE DI PERSONE E BENI CHE SVOLGE ATTIVITA ECONOMICA IN VISTA DEL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI UMANI. Dalla definizione si estraggono le 3 componenti principali dell azienda. Abbiamo ciò

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1

Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 Aspetti salienti delle statistiche internazionali BRI 1 La BRI, in collaborazione con le banche centrali e le autorità monetarie di tutto il mondo, raccoglie e diffonde varie serie di dati sull attività

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO Data release 01/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 A cura dell Avv. Laura Lunghi *** Nel corso del 2009, il Governo italiano ha continuato ad agire nell ambito di un azione concertata

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Qual è il fine dell azienda?

Qual è il fine dell azienda? CORSO DI FINANZA AZIENDALE SVILUPPO DELL IMPRESA E CREAZIONE DI VALORE Testo di riferimento: Analisi Finanziaria (a cura di E. Pavarani) - McGraw-Hill - 2001 Cap. 9 1 Qual è il fine dell azienda? Massimizzare

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Perché esistono gli intermediari finanziari

Perché esistono gli intermediari finanziari Perché esistono gli intermediari finanziari Nella teoria economica, l esistenza degli intermediari finanziari è ricondotta alle seguenti principali ragioni: esigenza di conciliare le preferenze di portafoglio

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli