La Macroeconomia:gli obiettivi di politica economica e Monetaria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Macroeconomia:gli obiettivi di politica economica e Monetaria"

Transcript

1 La Macroeconomia:gli obiettivi di politica economica e Monetaria a cura di Claudio Picozza testo consigliato : Krugman Wells Olney, l essenziale di economia, Zanichelli,

2 MACROECONOMIA Macroeconomia: studia le dinamiche del sistema economico nel suo complesso: andamento del prodotto aggregato, livello generale dei prezzi e dell occupazione, livello generale delle retribuzioni, scambi tra paesi, ecc. Politica macroeconomica: lo Stato può svolgere un ruolo importante a livello macro, soprattutto per stabilizzare le fluttuazioni di breve periodo e per contrastare gli shock negativi che colpiscono l economia. Politica fiscale: controllo della spesa pubblica e dell imposizione fiscale Politica monetaria: controllo dei tassi di interesse e della quantità (Q) di moneta Il risultato aggregato prodotto da molteplici decisioni individuali può essere molto diverso da ciò che ognuno intendeva produrre: il comportamento dell economia aggregata NON è uguale alla somma delle azioni individuali e dei risultati di mercato. 2

3 CICLO ECONOMICO Fluttuazione dell attività economica globale caratterizzata dalla simultanea espansione o contrazione della produzione della maggior parte delle industrie (Samuelson) 3

4 CICLO ECONOMICO Ciclo economico: alternarsi nel breve periodo di fasi di flessione (recessioni) e di crescita (espansioni) Recessione: fase di flessione economica in cui produzione e occupazione diminuiscono. Convenzionalmente, una economia è in recessione se la produzione aggregata, misurata dal PIL, diminuisce per almeno due trimestri consecutivi. Depressione: flessione economica grave e prolungata. Espansione (o ripresa): fase di crescita economica in cui produzione e occupazione aumentano. 4

5 TASSI DI CRESCITA E LIVELLI Il tasso di crescita del PIL reale (ossia depurato dell effetto prodotto dalla variazione dei prezzi) ci dice di quanto varia percentualmente il PIL nell unità di tempo (anno) Il livello del PIL reale ci fornisce il valore assoluto del PIL espresso in una unità di misura (ad esempio, miliardi di dollari del 2000) 5

6 CONTROLLARE IL CICLO ECONOMICO Politiche di stabilizzazione: misure di politica economica attuate per ridurre la gravità di una recessione o per rallentare un espansione troppo rapida (che, come vedremo, può produrre tensioni inflazionistiche). Si basano principalmente su: Politica monetaria: agisce sulla quantità di moneta in circolazione e/o sui tassi di interesse per frenare la domanda monetaria dell economia Politica fiscale: agisce sull imposizione fiscale e/o sulla spesa pubblica. 6

7 INFLAZIONE Tasso di inflazione: variazione percentuale annua del livello generale dei prezzi. La misura nominale di una variabile economica non tiene conto della variazione dei prezzi nel tempo: se un anno produco un computer e lo vendo al prezzo di 10, il valore nominale della produzione è 10; se l anno dopo produco un computer e lo vendo al prezzo di 20, il valore nominale della produzione è raddoppiato, ma ho prodotto sempre lo stesso ammontare di beni. La misura reale viene aggiustata per tenere conto della variazione dei prezzi: nell esempio precedente il valore della produzione in termini reali rimane costante (1 computer). Livello generale dei prezzi: misura sintetica del livello complessivo dei prezzi di tutti i beni e servizi finali prodotti nell economia. Come vedremo, per misurarlo si usa in genere l indice dei prezzi al consumo (IPC) o il deflatore del PIL. Inflazione: un livello generale dei prezzi crescente. Deflazione: un livello generale dei prezzi decrescente. Stabilità dei prezzi: situazione in cui il livello generale dei prezzi varia lentamente. 7

8 INDICATORI DEL CICLO ECONOMICO PIL e PNL PRODUZIONE INDUSTRIALE FATTURATO e ORDINATIVI BUSINESS SENTIMENT INDICATORI DEL MERCATO DEL LAVORO (occupazione, disoccupazione, tasso di occupazione e di disoccupazione, ecc.) VENDITE AL DETTAGLIO ATTESE DEI CONSUMATORI INDEX OF LEADING ECONOMIC INDICATORS 8

9 INDICATORI E CICLO ECONOMICO Coincident indicators: si muovono come il ciclo economico Manufacturing and trade sales Employees on non-agricultural payrolls Industrial production Personal income minus transfer payments Lagging indicators: seguono il ciclo economico Average duration of unemployment Inventories to sales ratio, manufacturing and trade Change in labor cost per unit of output, manufacturing Average prime rate Commercial and industrial loans Consumer installment credit to personal income ratio Change in consumer price index for services Leading indicators: anticipano il ciclo economico 9

10 INDICATORI DI INFLAZIONE PREZZI AL CONSUMO NIC: intera collettività; FOI: famiglie di operai ed impiegati; IAPC: indice armonizzato europeo. PREZZI ALLA PRODUZIONE PREZZI PRATICATI DAI GROSSISTI RETRIBUZIONI COSTO DEL LAVORO 10

11 LA FORMAZIONE DEL PRODOTTO INTERNO LORDO (PIL) 11

12 CONTABILITA NAZIONALE E CONTI ECONOMICI NAZIONALI La Contabilità Nazionale è rappresentata da l'insieme di tutti i conti economici che descrivono l'attività economica di un Paese o di una circoscrizione territoriale. (www.istat.it - glossario) I Conti Economici Nazionali sono a loro volta definiti come: (un insieme di) quadri sintetici delle relazioni economiche che si hanno tra le differenti unità economiche di una data comunità in un determinato periodo. Essi riportano, in un certo ordine, le cifre relative alla situazione economica del paese, sulle risorse disponibili e sul loro uso, sul reddito che si è formato e sulle sue componenti, sul processo di accumulazione e sul suo finanziamento, sulle relazioni con il resto del mondo e su altri fenomeni (www.istat.it - glossario) 12

13 IL SISTEMA DEI CONTI ECONOMICI NAZIONALI L ARTICOLAZIONE DEI CONTI Il sistema dei conti economici nazionali prevede tre tipi di conti: 1. I conti correnti che rappresentano la formazione del prodotto, la generazione del reddito e la sua distribuzione, nonché l utilizzazione del reddito per il consumo finale. 2. I conti dell accumulazione del capitale che descrivono le variazioni della ricchezza nazionale ottenute registrando le modifiche del valore delle attività e passività nel periodo oggetto di indagine. 3. I conti patrimoniali che illustrano la posizione patrimoniale nazionale netta sotto forma di stock. 13

14 IL SISTEMA DEI CONTI ECONOMICI NAZIONALI SETTORI ISTITUZIONALI: a) Società e quasi società non finanziarie (es. Imprese) b) Società finanziarie (es. Intermediari finanziari, Imprese assicuratrici) c) Amministrazioni pubbliche d) Istituzioni sociali private al servizio delle famiglie (es. Associazioni) e) Famiglie (imprese individuali e famiglie consumatrici) f) Il resto del mondo 14

15 IL SISTEMA DEI CONTI ECONOMICI NAZIONALI UNITÀ ECONOMICHE Settore Istituzionale Funzione Principale Produzione AccumulazioneFinanziamento Assicurazione Consumo Redistribuzione (a) Società e quasi società non finanziarie X X (b) Società finanziarie (1) Intermediari finanziari X X (2)Società assicurative X X (c) Amministrazioni pubbliche X X X X (d) Istituz. sociali private al servizio di famiglie X X X (e) Famiglie (1) Produttrici X X (2) Consumatrici X X Redditi da Settore Istituzionale capitale - impresa (a) Società e quasi società non finanziarie X (b) Società finanziarie (1) Intermediari finanziari X (2)Società assicurative X (c) Amministrazioni pubbliche (d) Istituz. sociali private al servizio di famiglie (e) Famiglie Imposte e contributi sociali X Risorse Principali Trasferimenti X Redditi misti Redditi da lavoratori dipendente Prestazioni sociali (1) Produttrici X (2) Consumatrici X X 15

16 IL SISTEMA DEI CONTI ECONOMICI NAZIONALI CONTI CORRENTI: IL CONTO DELLA PRODUZIONE A) Conto della produzione: Prodotto interno lordo e Prodotto interno netto Lo scopo di questa sezione è di giungere alla misurazione del Prodotto interno del paese, al lordo o al netto degli ammortamenti. Il prodotto interno corrisponde al valore aggiunto creato dai fattori produttivi operanti all interno del paese. Il valore aggiunto è misurato come differenza fra il valore della produzione totale e il valore dei beni intermedi utilizzati 16

17 IL VALORE AGGIUNTO Il processo produttivo è un processo interdipendente, risultato di unità produttive indipendenti finalizzato alla produzione dei beni finali Gli scambi tra unità produttive - prodotti destinati alla produzione corrente - sono scambi di beni intermedi Gli scambi con unità non produttive - prodotti non destinati alla produzione corrente - sono scambi di beni finali Il valore del bene finale - valore del prodotto e valore della spesa - corrisponde al valore aggiunto di tutte le unità produttive che partecipano alla sua produzione - valore del reddito VA = valore delle vendite valore dei beni intermedi 17

18 IL SISTEMA DEI CONTI ECONOMICI NAZIONALI CONTI CORRENTI: IL CONTO DELLA PRODUZIONE VALORE AGGIUNTO COSTO DEI BENI INTERMEDI VALORE AGGIUNTO COSTO DEI BENI INTERMEDI VALORE AGGIUNTO COSTO DEI BENI INTERMEDI VALOERE DEL BENE FINALE ESTRAZIONE RAFFINAZIONE DISTRIBUZIONE Metodo A: VA = Valore aggiunto Produzione = VA Estrazione +VA Raffinazione + VA Distribuzione 15 = Il valore di ciascun bene o servizio utilizzo utilizzato nel corso del processo produttivo viene conteggiato come costo nello stadio produttivo successivo. 18

19 IL SISTEMA DEI CONTI ECONOMICI NAZIONALI CONTI CORRENTI: IL CONTO DELLA PRODUZIONE VALORE AGGIUNTO COSTO DEI BENI INTERMEDI VALORE AGGIUNTO COSTO DEI BENI INTERMEDI VALORE AGGIUNTO COSTO DEI BENI INTERMEDI VALOERE DEL BENE FINALE ESTRAZIONE RAFFINAZIONE DISTRIBUZIONE Metodo B: II = Costo dei beni intermedi Produzione =Valore del bene finale - II Estrazione -II Raffinazione II Distribuzione 15 = Per ottenere il valore della produzione si detrae dal valore del bene finale il costo dei beni intermedi utilizzati durante le varie fasi produttive. 19

20 IL SISTEMA DEI CONTI ECONOMICI NAZIONALI CONTI CORRENTI: IL CONTO DELLA PRODUZIONE Valore della produzione ai prezzi base + Imposte indirette - contributi alla produzione = Valore della produzione ai prezzi di mercato - Valore dei beni intermedi utilizzati nel processo produttivo = Prodotto Interno Lordo - Ammortamenti = Prodotto Interno Netto CONTO DELLA PRODUZIONE 20

21 PRODOTTO INTERNO LORDO (PIL) Valore dei beni e servizi prodotti all INTERNO di un economia, in un determinato periodo di tempo, senza considerare la nazionalità dei produttori. Si ottiene calcolando il Valore Aggiunto di tutti i settori dell economia, compreso il settore pubblico. Periodicità trimestrale 21

22 L identità PRODOTTO REDDITO SPESA PIL: valore di tutti i beni e servizi FINALI (comprende beni capitali, immobili nuovi e variazione delle scorte) prodotti da un sistema economico in un periodo di tempo (anno). I beni intermedi si escludono per evitare duplicazioni. Deve anche essere uguale (ricorda che Somma totale flussi in uscita = Somma totale flussi in entrata): al flusso monetario in ENTRATA delle imprese nazionali a fronte della vendita nei mercati dei beni/servizi, ossia alla SPESA AGGREGATA per beni/servizi al netto delle importazioni (spesa che esce dai confini nazionali): PIL = C + I + G + (X IM) al flusso di fondi in USCITA dai mercati dei beni/servizi a favore dei mercati dei fattori, ossia ai REDDITI dei fattori corrisposti dalle imprese alle famiglie sotto forma di SALARI, PROFITTI, RENDITE (per la locazione di terra, immobili, ecc.) e INTERESSI: il ricavato di ogni vendita deve essere incassato da qualcuno sotto forma di reddito L identità (relazione sempre vera, tautologia) consente di calcolare il Pil in 3 modi (valore della produzione di beni e servizi finali; spesa totale per l acquisto di beni/servizi prodotti dalle imprese nazionali; reddito totale pagato ai nuclei familiari presenti nell economia). 22

23 PIL NOMINALE E PIL REALE Se il PIL nominale aumenta: l economia produce di più o sono aumentati i prezzi dei beni prodotti nella stessa quantità? Quale è stata la variazione reale della produzione? PIL reale: valore totale dei beni e servizi finali prodotti nel sistema economico in un dato anno, calcolato come se i prezzi fossero rimasti costanti al livello di un anno base PIL nominale: valore totale dei beni e servizi finali prodotti nel sistema economico in un dato anno, calcolato ai prezzi correnti dell anno in cui si effettua la rilevazione Caso semplificato: 2 beni finali (mele e arance); 2 anni Sono dati i prezzi e le quantità prodotte. Vogliamo calcolare il PIL nominale e il PIL reale 23

24 IL PIL PRO CAPITE PIL pro capite: valore del PIL diviso per la popolazione. Individua il PIL medio per individuo. PIL reale pro capite: valore del PIL reale diviso per la popolazione. Individua il PIL reale medio per individuo. Il PIL pro capite è utile per effettuare confronti tra paesi diversi ma NON E UNA MISURA ADEGUATA DEI LIVELLI DI BENESSERE. La crescita del PIL reale è importante (se non cresce è difficile trovare risorse per investire in sanità, istruzione, ricerca, ecc.) ma non è, di per sé, un valido obiettivo di politica economica. (Se il PIL aumenta e Venezia affonda il benessere sociale aumenta? E se il PIL aumenta ma cresce anche il numero di suicidi, o di morti sul lavoro? E se il PIL aumenta perché aumenta il numero di incidenti stradali mortali?). Un aumento del PIL reale espande la frontiera delle possibilità di produzione (aumenta la capacità produttiva e si può produrre e consumare di più), ma non è detto che migliori la qualità della vita (preferite una maglietta in più o respirare aria pulita, o vivere di più?). Dobbiamo considerare anche altri indicatori come: inquinamento, aspettativa di vita alla nascita, mortalità infantile, grado di alfabetizzazione, ecc. Le Nazioni Unite aggregano questi indicatori nell Indice di Sviluppo Umano (ISU). 24

25 L INTERVENTO DELLO STATO NELL ECONOMIA LA POLITICA FISCALE 25

26 POLITICA FISCALE 1. GESTIONE DELLE ENTRATE E DELLE USCITE 2. BILANCIO DELLO STATO 3. RAPPORTO DEFICIT/PIL PATTO PER LA STABILITÀ E LA CRESCITA 4. RAPPORTO DEBITO/PIL 26

27 POLITICA FISCALE La spesa pubblica e le imposte Influenzano il ciclo e l inflazione e dunque, indirettamente, i mercati finanziari La politica di gestione del debito Influenza i tassi di interesse e dunque, direttamente, i mercati finanziari 27

28 LEGGE FINANZIARIA Legge n. 468 del 5/8/1978: il Governo deve presentare in Parlamento un disegno di legge finanziaria. Consente di operare modifiche e integrazioni a disposizioni legislative che possono avere riflessi sul Bilancio dello Stato, delle aziende autonome e di altri enti che si ricollegano alla finanza statale 28

29 DPEF DOCUMENTO DI PROGRAMMAZIONE ECONOMICA E FINANZIARIA Contiene la programmazione triennale della politica fiscale. Viene reso noto a giugno 29

30 DAL PRODOTTO INTERNO LORDO AL PRODOTTO NAZIONALE LORDO PIL------PNL 30

31 IL SISTEMA DEI CONTI ECONOMICI NAZIONALI E DEI CONTI CON L ESTERO RESTO DEL MONDO ECONOMIA RELAZIONI ECONOMICHE FRA RESIDENTI RELAZIONI ECONOMICHE FRA RESIDENTI E NON RESIDENTI SISTEMA DEI CONTI ECONOMICI NAZIONALI E DEI CONTI CON L ESTERO 31

32 PRODOTTO NAZIONALE LORDO (PNL) Valore dei beni e servizi prodotti, in un determinato periodo di tempo, dai residenti di una NAZIONE Si ottiene aggiungendo al PIL il valore dei beni e servizi prodotti dai cittadini residenti all estero e sottraendo quello prodotto dagli stranieri residenti 32

33 BILANCIA DEI PAGAMENTI 33

34 DEFINIZIONE Prospetto statistico che evidenzia le operazioni con l estero effettuate, in un dato periodo di tempo, nell economia di un Paese tra Residenti e non Residenti. OPERAZIONE CON L ESTERO RESIDENTE Una operazione che pone in essere o estingue, in tutto o in parte, crediti o debiti, o che comporta il trasferimento di un diritto su un bene Ogni individuo o società il cui centro di interessi economici risieda, su base non temporanea, in una certa economia ECONOMIA Insieme di soggetti economici che hanno con un determinato territorio un legame specifico più stretto che con ogni altro territorio 34

35 F3 SCHEMA CONTO CORRENTE Beni Servizi Redditi Trasferimenti correnti CONTO CAPITALE Contributi agli investimenti Trasferimenti in conto capitale Acquisti netti di beni immateriali CONTO FINANZIARIO Investimenti Diretti Di portafoglio Altri Derivati Riserve ufficiali ERRORI E OMISSIONI 35

36 Diapositiva 35 F3 Ho modificato "Schema V Manuale" in "Schema", perché vale anche per il BPM6. F541761; 10/09/2009

37 MODALITÀ DI REGISTRAZIONE (cont.) Le transazioni che generano introiti di valuta, che generano redditi, vengono registrate a credito (+) Le transazioni che generano pagamenti di valuta vengono registrate a debito(-) Qualsiasi aumento di passività (o riduzione di attività) viene registrato a credito Qualsiasi aumento di attività (o riduzione di passività) viene registrato a debito 36

38 MODALITÀ DI REGISTRAZIONE -esempio A CREDITO A DEBITO Le esportazioni di merci e servizi Le spese turistiche degli stranieri in Italia I trasferimenti unilaterali dall'estero Gli afflussi di capitale per: Investimenti Acquisti di azioni o obbligazioni domestiche Prestiti Pagamento interessi Le importazioni di merci e servizi Le spese turistiche degli italiani all'estero I trasferimenti unilaterali all'estero I deflussi di capitale per: Investimenti Acquisti di azioni o obbligazioni estere Prestiti Pagamento interessi 37

39 BDP E CONTABILITÀ NAZIONALE (cont.) In presenza di commercio internazionale parte della nostra produzione viene acquistata da stranieri (X), mentre parte della nostra spesa interna (C, I, G) viene impiegata nell'acquisto di beni e servizi prodotti all'estero (M) Le esportazioni vanno ad aumentare il reddito Y perché é domanda estera di prodotti italiani; le importazioni diminuiscono Y perché equivalgono a risorse interne utilizzate per acquistare beni prodotti da non residenti Il saldo del conto corrente misura le dimensioni e la direzione dei prestiti internazionali. Un saldo negativo implica che il disavanzo viene finanziato con prestiti concessi da operatori esteri con maggiore indebitamento netto Il saldo del conto corrente di un paese é pari alla variazione della ricchezza estera netta 38

40 BDP E CONTABILITÀ NAZIONALE (cont.) In termini economici il risparmio nazionale può essere utilizzato per finanziare la formazione del capitale interno o di capitale estero (la globalizzazione finanziaria implica possibilità di mobilizzare risparmio interno) Quando si risparmia un Euro, questo Euro può essere utilizzato per finanziare l'accumulazione del capitale interno o per finanziare l'acquisto di capitali all'estero In un'economia aperta i possibili usi del risparmio sono due: investimento interno e investimento estero 39

41 DEFINIZIONI E REGOLE DELLA CONTABILITÀ NAZIONALE PIL = C + I + G + X - M YIL = PIL YNL = YIL + YE reddito da lavoro reddito da capitale YNL = C + I + G + X- M + YE C = consumi finali I = Investimenti X = esportazioni M = importazioni YE = redditi netti esteri YNL = reddito nazionale lordo YIL = reddito interno lordo G = spesa pubblica al netto delle imposte 40

42 LA BILANCIA DEI PAGAMENTI E CAMBI 41

43 CAMBI FISSI E CAMBI FLESSIBILI CAMBI FISSI Un Un regime di di cambi si si dice fisso (anche se se in in realtà esistono piccoli margini di di fluttuazione), quando il il prezzo di di una divisa deve essere mantenuto stabile nei nei confronti di di un altra I I Paesi in in dell'unione Economica e Monetaria Europea hanno adottato: Cambi irrevocabilmente fissi Moneta unica Politica monetaria comune 42

44 CAMBI FISSI E CAMBI FLESSIBILI CAMBI FLESSIBILI Un regime di di cambi si si dice flessibile quando la la divisa nazionale non ha ha vincoli di di oscillazione rispetto alle altre 43

45 TASSO DI CAMBIO E SALDO DELLA BDP In un regime di cambi fissi, il tasso di cambio non consente di sanare eventuali squilibri della Bilancia dei Pagamenti attraverso fluttuazioni In un regime di tassi flessibili il ruolo primario del cambio è quello di incidere in modo sensibile sul reddito nazionale IN REALTÀ ESSO: influisce direttamente sul flusso di import ed export e quindi sul reddito nazionale 44

46 TASSO DI CAMBIO E SALDO DELLA BDP BILANCIA DEI PAGAMENTI IN DEFICIT IL TASSO DI CAMBIO TENDE A RIVALUTARSI IL IL TASSO DI DI CAMBIO TENDE A SVALUTARSI BILANCIA DEI PAGAMENTI IN SURPLUS 45

47 INFLAZIONE, SALDO BDP E TASSO DI CAMBIO INFLAZIONE - - domanda prodotti nazionali + domanda prodotti esteri DEFICIT BILANCIA COMMERCIALE M> X DEPREZZAMENTO DEL TASSO DI CAMBIO + domanda prodotti nazionali - domanda prodotti esteri RIEQUILIBRIO BILANCIA COMMERCIALE 46

48 RISERVE UFFICIALI 47

49 F5 DEFINIZIONE Attività sull estero mantenute prontamente disponibili e sotto il controllo delle autorità monetarie al fine di soddisfare le esigenze di finanziamento della bilancia dei pagamenti, intervenire sui mercati dei cambi e per altri scopi collegati (ad es. per il mantenimento della fiducia circa la valuta e l economia e come base per ottenere finanziamenti dall estero) FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE VI MANUALE BP 48

50 Diapositiva 48 F5 Ho cambiato il testo della slide inserendo la definizione del 6^ manual BOP (la sostanza non cambia). F541761; 10/09/2009

51 LA MONETA E LE BANCHE 49

52 PREZZI E MONETA: LA MONETA Da un punto di vista contabile, la moneta consiste nelle passività del settore emittente moneta verso il settore detentore di moneta. Gli aggregati monetari si distinguono per il grado di liquidità delle attività finanziarie in essi inclusi. Al livello più ristretto troviamo le banconote e le passività a breve della banca centrale verso gli altri settori dell economia, al livello più elevato andremo ad includere le passività a più lungo termine di altri soggetti finanziari verso gli altri settori dell economia. 50

53 ANCORA SULLA MONETA Moneta: qualsiasi attività utilizzabile per facilitare e perfezionare lo scambio di beni e servizi Attività liquide: facilmente e rapidamente convertibili in denaro contante (circolante) senza rilevanti perdite Depositi bancari a vista: su di essi è possibile trarre assegni Offerta di moneta: valore totale delle attività finanziarie considerate moneta. 51

54 PREZZI E MONETA: LA MONETA Liabilities 1 M1 M2 M3 Currency in circulation X X X Overnight deposits X X X Deposits with an agreed maturity of up to 2 years X X Deposits redeemable at notice of up to 3 months X X Repurchase agreements X Money market fund shares/units X Debt securities issued with a maturity of up to 2 years X (1) Monetary liabilities of MFIs and central government (post off ice, treasury) vis-à-vis non-mfi euro area residents excluding central government. 52

55 IL RUOLO DELLE BANCHE Attività finanziaria: titolo che dà diritto al possessore di ricevere un flusso di reddito futuro dall emittente Passività: obbligo a corrispondere ad altri un flusso di pagamenti in futuro Intermediario finanziario: istituzione che trasforma in attività finanziarie i fondi raccolti presso una molteplicità di soggetti. Banca: intermediario finanziario che fornisce ai propri creditori un attività finanziaria liquida (depositi) e che utilizza la raccolta per finanziare gli investimenti (illiquidi) dei suoi debitori (crediti) Riserve bancarie: somme detenute in contanti o in deposti presso la banca centrale (BC) Coefficiente di riserva: frazione di depositi detenuti dalla banca sotto forma di riserve, obbligatorie e libere (o in eccesso, rispetto alla riserva obbligatoria) Riserva obbligatoria: insieme delle norme stabilite dalla BC per determinare il coefficiente di riserva minimo imposto alle banche 53

56 REGOLAMENTAZIONE BANCARIA Le banche non devono tenere i depositi presso di sé sotto forma di attività altamente liquide (tranne che per le riserve): i depositanti non si presentano tutti insieme per ritirare i propri depositi. Ciò avviene solo nel caso dell assalto (o corsa) agli sportelli (bank runs): un numero elevato di depositanti cerca di ritirare i propri fondi, nel timore di insolvenza della banca, che non può soddisfare quella richiesta e rischia effettivamente il fallimento. Nota: alcuni depositanti si possono aggiungere agli altri anche se non hanno informazioni negative sulla banca, ma vedono la fila di fronte alle agenzie (da questa derivano un segnale negativo sulla banca). Per ridurre la probabilità che ciò si verifichi, esistono tre misure: Assicurazione dei depositi (garanzia offerta di restituzione dei depositi in caso di insolvenza della banca) Obblighi di capitalizzazione (detenzione da parte dei proprietari di attività finanziarie in grado di coprire i depositi) Riserva obbligatoria fissata dalla BCE al 2% 54

57 LE BANCHE CREANO MONETA Le banche creano liquidità perché non devono tenere tutti i depositi presso di sé. Con il prestito, cedono ad altri parte dei fondi depositati; questi fondi verranno usati per effettuare pagamenti ad altri soggetti ancora, che li depositeranno presso altre banche (questi depositi sono parte della definizione della moneta). Queste ne terranno una parte (riserva obbligatoria + riserve libere) in forma liquida e presteranno un altra parte; questi fondi verranno usati per effettuare pagamenti ad altri soggetti ancora, che li depositeranno presso altre banche (i depositi aumentano ancora), ecc. E per questo che si dice che le banche creano moneta e si parla di moltiplicatore dei depositi e della moneta. Il limite alla creazione di moneta è stabilito dalla riserva obbligatoria, fissato dalla BC, che ha il compito di vigilare sul sistema bancario e di attuare la politica monetaria 55

58 LA POLITICA MONETARIA COMPITI E FUNZIONI DELLA BCE E DEL SEBC 56

59 OBIETTIVI DELLA POLITICA MONETARIA Le Autorità monetarie dispongono di strumenti che influenzano grandezze finanziarie dell economia, le quali, a loro volta, hanno effetti su: accumulazione (tasso d interesse), livelli produttivi e inflazione (spesa monetaria). Usualmente, l obiettivo prioritario è la stabilità del potere d acquisto della moneta (stabilità del sistema finanziario) Statutariamente fissato nel caso della BCE 57

60 POLITICA MONETARIA Obiettivo intermedio Obiettivi finali equilibrio del mercato finanziario (tassi d interesse, credito disponibile e quantità di moneta) equilibrio reale (livello del reddito e dell occupazione, stabilità dei prezzi interni e del tasso di cambio). Garantire la crescita dell economia in un contesto di stabilità dei prezzi 58

61 59

62 BCE E SEBC Il Sistema europeo di banche centrali (SEBC) è composto dalla Banca centrale europea (BCE) e dalle banche centrali nazionali degli Stati membri dell Unione europea (Art. 107 del Trattato di Maastricht). Le Banche Centrali Nazionali aderenti all UE ma non all UME non partecipano alle decisioni riguardanti la politica monetaria comune. Le attività del SEBC sono svolte ai sensi del Trattato istitutivo della Comunità europea (Trattato) e dello Statuto del Sistema europeo di banche centrali e della Banca centrale europea (Statuto del SEBC). Il SEBC non ha personalità giuridica ed è governato dagli organi decisionali della BCE: il Consiglio Direttivo ed il Comitato Esecutivo ed il Consiglio Generale. 60

63 61

64 OBIETTIVO DEL SISTEMA EUROPEO DI BANCHE CENTRALI MANTENIMENTO DELLA STABILITA DEI PREZZI (ART. 105)) Inoltre, e in misura compatibile SOSTIENE LE POLITICHE ECONOMICHE GENERALI DELLA COMUNITA (ART. 2) 62

65 TRATTATO DI MAASTRICHT POLITICA MONETARIA ARTICOLO 105 I compiti fondamentali da assolvere tramite il SEBC sono i seguenti: definire e attuare la politica monetaria della Comunità; svolgere le operazioni su cambi in linea con le disposizioni dell articolo 111; COMPITI DEL SEBC detenere e gestire le riserve ufficiali in valuta estera degli Stati membri; promuovere il regolare funzionamento dei sistemi di pagamento Inoltre: il SEBC contribuisce ad una buona conduzione delle politiche perseguite dalle competenti autorità (nazionali) per quanto riguarda la vigilanza prudenziale degli enti creditizi e la stabilità del sistema finanziario. 63

66 TRATTATO DI MAASTRICHT ARTICOLO 2 La Comunità ha il compito di promuovere nell insieme della Comunità, mediante l instaurazione di un mercato comune e di un unione economica e monetaria uno sviluppo armonioso, equilibrato e sostenibile delle attività economiche, un elevato livello di occupazione una crescita sostenibile e non inflazionistica, un alto grado di competitività e di convergenza dei risultati economici 64

67 I DUE PILASTRI DELLA STRATEGIA Obiettivo primario: la stabilità dei prezzi Il consiglio Direttivo mette assieme sistematicamente tutte le informazioni per adottare le decisioni di politica monetaria Primo Pilastro ruolo di primo piano alla moneta (valore di riferimento per la crescita di M3) Verifiche incrociate Secondo Pilastro Analisi centrata su un ampio ventaglio di indicatori economici e finanziari Informazioni economiche 65

68 OBIETTIVO DEL SISTEMA EUROPEO DI BANCHE CENTRALI Definizione quantitativa dell obiettivo di stabilità dei prezzi (Comunicato Stampa della BCE del 1998) Crescita nei 12 mesi dell indice armonizzato dei prezzi al consumo (IAPC) inferiore al 2% Obiettivo di medio periodo 66

69 STATUTO DEL SEBC FUNZIONI MONETARIE E OPERAZIONI DEL SEBC Art. 18 Operazioni di credito e di mercato aperto 18.1 Al fine di perseguire gli obiettivi del SEBC e di assolvere i propri compiti, la BCE e le BCN hanno facoltà di: a) Operare sui mercati finanziari comprando e vendendo a titolo definitivo (a pronti e a termine), ovvero con operazioni di pronti contro termine, prestando o ricevendo in prestito crediti e strumenti negoziabili, in valute sia comunitarie che di altri paesi, nonché metalli preziosi; b) Effettuare operazioni di credito con istituti creditizi ed altri operatori di mercato, erogando prestiti sulla base di adeguate garanzie La BCE stabilisce principi generali per le operazioni di credito e di mercato aperto effettuate da essa stessa o dalle BCN, compresi quelli per la comunicazione delle condizioni alle quali esse sono disponibili a partecipare a tali operazioni. 67

70 68

71 LA POLITICA DEL CAMBIO TRATTATO DI MAASTRICHT ARTICOLO 111 Il Consiglio, deliberando all unanimità, nell intento di pervenire ad un consenso coerente con l obiettivo della stabilità dei prezzi, può concludere accordi formali su un sistema di tassi di cambio dell ECU nei confronti delle valute non comunitarie. Il Consiglio, deliberando a maggioranza qualificata, nell intento di pervenire ad un consenso coerente con l obiettivo della stabilità dei prezzi, può adottare, adeguare o abbandonare i tassi centrali dell ECU all interno del sistema dei tassi di cambio. In mancanza di un sistema di tassi di cambio rispetto ad una o più valute non comunitarie il Consiglio, deliberando a maggioranza qualificata, può formulare gli orientamenti generali di politica del cambio nei confronti di dette valute. 69

IL SISTEMA DEI CONTI ECONOMICI NAZIONALI. a cura di Claudio Picozza

IL SISTEMA DEI CONTI ECONOMICI NAZIONALI. a cura di Claudio Picozza IL SISTEMA DEI CONTI ECONOMICI NAZIONALI a cura di Claudio Picozza 1 CONTABILITA NAZIONALE E CONTI ECONOMICI NAZIONALI La Contabilità Nazionale è rappresentata da l'insieme di tutti i conti economici che

Dettagli

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29

Il sistema monetario. Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 Il sistema monetario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 29 La moneta Il ruolo della moneta nell economia Effetti sulle variabili macroeconomiche

Dettagli

La posizione finanziaria nei confronti dell estero

La posizione finanziaria nei confronti dell estero Corso di Economia finanziaria La posizione finanziaria nei confronti dell estero Dott.ssa Arianna Moschetti A.A. 2012-13 2012 Sommario La Bilancia dei Pagamenti Definizione Processo evolutivo Schema e

Dettagli

Capitolo Quarto. Analisi di scenario

Capitolo Quarto. Analisi di scenario Capitolo Quarto Analisi di scenario 1. Distinzione tra politica economica e politica monetaria La politica economica studia l insieme degli interventi del soggetto pubblico sull economia, atti a modificare

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

POLITICA MONETARIA IN ECONOMIA APERTA

POLITICA MONETARIA IN ECONOMIA APERTA POLITICA MONETARIA IN ECONOMIA APERTA Matilde Vassalli e-mail vassalli@eco.unibs.it 1 OBIETTIVO E SCHEMA DELLA LEZIONE Comprendere il ruolo della moneta e della politica monetaria in una economia aperta.

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale

La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale La politica monetaria, valutaria e la politica fiscale Stefano Papa Università di Teramo spapa@unite.it Facoltà di Scienze della Comunicazione La politica Monetaria La politica monetaria europea è responsabilità

Dettagli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli

Lezione 13. Moneta e inflazione. Leonardo Bargigli Lezione 13. Moneta e inflazione Leonardo Bargigli La Moneta La moneta è tutto ciò che viene accettato come mezzo di acquisto di beni e servizi. E il medium dello scambio che consente di superare il baratto

Dettagli

Il sistema monetario

Il sistema monetario Il sistema monetario Premessa: in un sistema economico senza moneta il commercio richiede la doppia coincidenza dei desideri. L esistenza del denaro rende più facili gli scambi. Moneta: insieme di tutti

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo La bilancia dei pagamenti (BP) è il documento contabile che registra gli scambi commerciali

Dettagli

La contabilità nazionale e la bilancia dei pagamenti

La contabilità nazionale e la bilancia dei pagamenti La contabilità nazionale e la bilancia dei pagamenti La contabilità nazionale in un economia aperta La bilancia dei pagamenti Bibliografia di base: capitolo 2 ("La contabilità nazionale e la bilancia dei

Dettagli

La macroeconomia dei sistemi economici aperti

La macroeconomia dei sistemi economici aperti La macroeconomia dei sistemi economici aperti Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 31 Lo studio delle economie aperte Cosa si intende per economia

Dettagli

Corso di POLITICA ECONOMICA aa a.a. 20082009 2008-2009 Sapienza Università di Roma Sociologia

Corso di POLITICA ECONOMICA aa a.a. 20082009 2008-2009 Sapienza Università di Roma Sociologia Corso di POLITICA ECONOMICA aa a.a. 20082009 2008-2009 Sapienza Università di Roma Sociologia Docente: Francesco Palumbo Lezioni: i Venerdì dì18,00-20,00 Ricevimento: Mail: francesco.palumbo@uniroma1.it

Dettagli

Crescita della moneta e inflazione

Crescita della moneta e inflazione Crescita della moneta e inflazione Alcune osservazioni e definizioni L aumento del livello generale dei prezzi è detto inflazione. Ultimi 60 anni: variazione media del 5% annuale. Effetto: i prezzi sono

Dettagli

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie

Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie Lezione 4. La moneta e le istituzioni monetarie I mercati finanziari migliorano la negoziabilità dei titoli; gli intermediari emettono passività più liquide dei titoli con i quali concedono credito. Solo

Dettagli

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 9 gennaio 2014 Il punteggio di ogni domanda è fissato in uno o due asterischi. Il punteggio intero viene dato solo Non consegnare se non sei convinto di aver realizzato almeno 7 punti. 1.

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it LA MACROECONOMIA Economia Urbana 2 L economia aperta Per economia aperta si intende l insieme

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Una relazione fondamentale per la crescita economica è quella tra risparmio e investimenti. In un economia di mercato occorre individuare meccanismi capaci

Dettagli

Relazione Annuale - Appendice. Roma, 31 maggio 2007. anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO. esercizio CXIII

Relazione Annuale - Appendice. Roma, 31 maggio 2007. anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO. esercizio CXIII Relazione Annuale - Roma, 31 maggio 2007 anno 2006 CENTOTREDICESIMO ESERCIZIO esercizio CXIII Relazione Annuale - Presentata all Assemblea Ordinaria dei Partecipanti anno 2006 - centotredicesimo esercizio

Dettagli

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio La definizione di moneta: un breve riassunto L offerta di moneta La domanda individuale di moneta La domanda aggregata di moneta Il tasso di interesse d equilibrio:

Dettagli

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri 1 Risparmio e investimento Risparmio è l ammontare di reddito che non viene consumato. Si origina nelle famiglie

Dettagli

Risparmio, investimenti e sistema finanziario

Risparmio, investimenti e sistema finanziario Risparmio, investimenti e sistema finanziario Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 26 Il sistema finanziario Il sistema finanziario fa in modo che

Dettagli

Politica economica in economia aperta

Politica economica in economia aperta Politica economica in economia aperta Economia aperta L economia di ciascun paese ha relazioni con il Resto del Mondo (RdM) il modello economico di riferimento per la politica economica deve rappresentare

Dettagli

Capitolo 2. Misurazione del sistema macroeconomico. Francesco Prota

Capitolo 2. Misurazione del sistema macroeconomico. Francesco Prota Capitolo 2 Misurazione del sistema macroeconomico Francesco Prota Piano della lezione La misurazione delle sei variabili chiave Tasso di cambio Mercato azionario Tassi di interesse Tasso di inflazione

Dettagli

Conti economici nazionali

Conti economici nazionali Conti economici nazionali Definizioni correnti Ammortamento Rappresenta la perdita di valore subita dai capitali fissi (macchinari, impianti, mezzi di trasporto, etc.) nel corso dell anno a causa dell

Dettagli

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 23. Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 23 Mercati finanziari e flussi internazionali di capitali In questa lezione Sistema finanziario e allocazione del risparmio a usi produttivi: sistema bancario obbligazioni e azioni Ruolo dei mercati

Dettagli

Insieme di regole codificate, consuetudini, strutture ed organismi che disciplinano e presiedono i pagamenti internazionali.

Insieme di regole codificate, consuetudini, strutture ed organismi che disciplinano e presiedono i pagamenti internazionali. MONETA E FINANZA INTERNAZIONALE LEZIONE 12 Cos è il Sistema monetario internazionale (SMI)?: Insieme di regole codificate, consuetudini, strutture ed organismi che disciplinano e presiedono i pagamenti

Dettagli

studieremo quali sono gli indicatori più importanti per determinare lo stato di salute di un economia

studieremo quali sono gli indicatori più importanti per determinare lo stato di salute di un economia La Produzione Aggregata: metodi di misurazione del livello di attività e della congiuntura In questa lezione: studieremo quali sono gli indicatori più importanti per determinare lo stato di salute di un

Dettagli

Introduzione. La contabilità nazionale in un economia aperta. Economia Internazionale Corso di Laurea in Internazionalizzazione delle Imprese

Introduzione. La contabilità nazionale in un economia aperta. Economia Internazionale Corso di Laurea in Internazionalizzazione delle Imprese Economia Internazionale Corso di Laurea in Internazionalizzazione delle Imprese Lezione del 12/5/2005 Davide Castellani castellani@uniurb.it Introduzione La contabilità nazionale e la bilancia dei pagamenti

Dettagli

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili

3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili 1 3.A Appendice: La teoria dei fondi mutuabili Abbiamo fin qui analizzato in dettaglio in quale modo i tassi di interesse determinano il valore degli strumenti finanziari. Vista la forte incidenza che

Dettagli

La bilancia dei pagamenti e il debito estero

La bilancia dei pagamenti e il debito estero La bilancia dei pagamenti e il debito estero LA BILANCIA DEI PAGAMENTI La Bilancia dei Pagamenti è lo schema contabile che registra tutte le transazioni economiche effettuate dai residenti dell'economia

Dettagli

La contabilità nazionale e la bilancia dei pagamenti

La contabilità nazionale e la bilancia dei pagamenti La contabilità nazionale e la bilancia dei pagamenti La contabilità nazionale in un economia aperta La bilancia dei pagamenti Bibliografia di base: capitolo 2 ("La contabilità nazionale e la bilancia dei

Dettagli

La politica monetaria europea

La politica monetaria europea La politica monetaria europea Il sistema europeo di banche centrali e la moneta unica 1 Il SEBC A seguito della nascita dell Unione Monetaria Europea (1 gennaio 1999) la politica monetaria viene gestita

Dettagli

OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA

OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA capitolo 12-1 OBIETTIVI MACROECONOMICI E POLITICA MONETARIA ECONOMIA MONETARIA CARATTERISTICA ESSENZIALE: SCAMBI ATTRAVERSO LA MONETA E NON ATTRAVERSO TUTTI GLI ALTRI BENI (BARATTO). LA MONETA, INIZIALMENTE

Dettagli

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Lezione 8. Le scelte operative della BC Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Obiettivi finali riguardanti l equilibrio macroeconomico: livello del reddito e dell occupazione,

Dettagli

L offerta di moneta. Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it

L offerta di moneta. Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria L offerta di moneta Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Gli aggregati monetari dell area Euro

Dettagli

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali

Lezione 8. Le scelte operative della BC. Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Lezione 8. Le scelte operative della BC Strumenti, obiettivi operativi, obiettivi intermedi e obiettivi finali Obiettivi finali riguardanti l equilibrio macroeconomico: livello del reddito e dell occupazione,

Dettagli

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio

Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio Capitolo 4 Moneta, tassi di interesse e tassi di cambio adattamento italiano di Novella Bottini 1 (c) Pearson Italia S.p.A. - Krurman, Obstfeld, Melitz - Economia internazionale 2 Anteprima Che cos è la

Dettagli

RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO

RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO Università degli studi di MACERATA Facoltà di SCIENZE POLITICHE ECONOMIA POLITICA: MICROECONOMIA A.A. 2009/2010 RISPARMIO, INVESTIMENTO E SISTEMA FINANZIARIO Fabio CLEMENTI E-mail: fabio.clementi@univpm.it

Dettagli

Lezione 9 Macroeconomia: Le

Lezione 9 Macroeconomia: Le Corso di Economia Politica prof. S. Papa Lezione 9 Macroeconomia: Le regolarità empiriche Facoltà di Economia Università di Roma La Sapienza Alcune domande Da che dipende la disoccupazione? Da che dipende

Dettagli

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE

LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE LA STRUTTURA DI BILANCIO DELLE BANCHE EQUILIBRI FONDAMENTALI DELLA GESTIONE ECONOMICA E FINANZIARIA 2 SAPRESTE RISPONDERE A QUESTE DOMANDE? Perché le banche concedono prestiti? Come acquisiscono fondi?

Dettagli

Capitolo 8 Moneta, prezzi e inflazione

Capitolo 8 Moneta, prezzi e inflazione Capitolo 8 Moneta, prezzi e inflazione Francesco Prota Piano della lezione Le funzioni della moneta La teoria quantitativa della moneta Inflazione La domanda di moneta Moneta, prezzi e inflazione I costi

Dettagli

Il sistema monetario internazionale pre 1973

Il sistema monetario internazionale pre 1973 Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali Il sistema monetario internazionale pre 1973 Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it

Dettagli

Moneta e Tasso di cambio

Moneta e Tasso di cambio Moneta e Tasso di cambio Come si forma il tasso di cambio? Determinanti del tasso di cambio nel breve periodo Determinanti del tasso di cambio nel lungo periodo Che cos è la moneta? Il controllo dell offerta

Dettagli

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 34 Domanda Aggregata e politica economica Quando

Dettagli

L evoluzione del sistema monetario internazionale

L evoluzione del sistema monetario internazionale Corso idi Laurea Magistrale in Management e comunicazione di impresa Economia e politica economica nei mercati globali L evoluzione del sistema monetario internazionale Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it

Dettagli

LA BANCA CENTRALE E LA POLITICA MONETARIA

LA BANCA CENTRALE E LA POLITICA MONETARIA LA BANCA CENTRALE E LA POLITICA MONETARIA STRUTTURA E GOVERNANCE DELLE BANCHE CENTRALI Osserviamo le due autorità più rilevanti: BCE e Federal Reserve (Fed). -La Banca Centrale Europea è inserita nel più

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Molti paesi cercano di fissare o ancorare il proprio tasso di cambio ad una valuta o ad un gruppo di valute intervenendo sul mercato dei cambi.

Dettagli

987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r.

987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r. 987-88-386-6873-9 Saunders, Cornett, Anolli, Alemanni, Economia degli intermediari finanziari 4e 2015 McGraw-Hill Education (Italy) S.r.l SOLUZIONI ESERCIZI CAPITOLO 4 1. In base all Articolo 105.2 del

Dettagli

Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011. Macroeconomia. Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 3 18 Aprile 2011

Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011. Macroeconomia. Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 3 18 Aprile 2011 Università di Siena Sede di Grosseto Secondo Semestre 2010-2011 Macroeconomia Paolo Pin ( pin3@unisi.it ) Lezione 3 18 Aprile 2011 Nuovo Orario Riassunto lezione precedente Definizione e misurazione: PIL

Dettagli

29 Il Sistema Monetario

29 Il Sistema Monetario 29 Il Sistema Monetario LA MONETA Si definisce moneta l insieme dei valori utilizzati in un sistema economico dagli individui (famiglie, imprese) per acquistare beni e servizi. La moneta ha tre funzioni

Dettagli

CAPITOLO QUINTO I PAGAMENTI INTERNAZIONALI ED I CAMBI ESTERI 1. I PAGAMENTI INTERNAZIONALI

CAPITOLO QUINTO I PAGAMENTI INTERNAZIONALI ED I CAMBI ESTERI 1. I PAGAMENTI INTERNAZIONALI CAPITOLO QUINTO I PAGAMENTI INTERNAZIONALI ED I CAMBI ESTERI Sommario: 1. I pagamenti internazionali. - 2. La bilancia dei pagamenti internazionali. - 3. Le sezioni della bilancia dei pagamenti. - 4. I

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato delle valute Interventi della banca centrale e offerta di moneta Come la banca centrale tiene fisso il tasso di cambio Politiche di stabilizzazione con tassi

Dettagli

UN Po DI TEORIA. Daniela fantozzi fantozzi@istat.it. 18/04/2009 Esercitazione 1 Economia Politica - Terracina

UN Po DI TEORIA. Daniela fantozzi fantozzi@istat.it. 18/04/2009 Esercitazione 1 Economia Politica - Terracina UN Po DI TEORIA Daniela fantozzi fantozzi@istat.it 1 Il Prodotto interno lordo (PIL) misura la produzione finale di beni e servizi, prodotta nell anno su un determinato territorio Il PIL è definito ai

Dettagli

LA MATRICE DEI CONTI NAZIONALI. ANNO 2011 1. Nota metodologica

LA MATRICE DEI CONTI NAZIONALI. ANNO 2011 1. Nota metodologica LA MATRICE DEI CONTI NAZIONALI. ANNO 2011 1 Nota metodologica I flussi monetari registrati nei Conti nazionali possono essere presentati in forma matriciale a vari livelli di dettaglio. Tale rappresentazione,

Dettagli

Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio

Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio La definizione e le componenti della bilancia dei pagamenti Il tasso di cambio e la sua determinazione sul mercato delle valute. Un confronto tra regime di cambi

Dettagli

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario Inquadramento generale In questa unità didattica analizzeremo come i risparmi delle famiglie affluiscono alle imprese per trasformarsi in investimenti.

Dettagli

Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio

Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio Bilancia dei pagamenti e tasso di cambio Bilancia dei pagamenti Registrazione dei flussi di moneta tra i residenti di un paese e il resto del mondo i crediti (segno +): le entrate dall estero i debito

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

L economia italiana: tendenze e prospettive

L economia italiana: tendenze e prospettive L economia italiana: tendenze e prospettive (05) Gli scambi con l estero Michele Benvenuti Università di Siena Anno accademico 2014/15 Grado di apertura: export (beni e servizi) / PIL Paese 2007 2010 2014

Dettagli

Macroeconomia: scuole di pensiero

Macroeconomia: scuole di pensiero Macroeconomia: scuole di pensiero Le diverse scuole di pensiero possono essere raggruppate in due filoni principali: LIBERISTI (e monetaristi): sui mercati l aggiustamento all equilibrio è basato sulla

Dettagli

Economia Monetaria - Slide 8

Economia Monetaria - Slide 8 Economia Monetaria - Slide 8 Giorgio Calcagnini Università di Urbino Dip. Economia, Società, Politica giorgio.calcagnini@uniurb.it http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/ http://www.econ.uniurb.it/calcagnini/economiamonetaria12.html

Dettagli

Capitolo 13. Banca Centrale, moneta e credito

Capitolo 13. Banca Centrale, moneta e credito Capitolo 13 Banca Centrale, moneta e credito La moneta: cosa sappiamo già (cap. 5) La moneta è un bene comunemente accettato come mezzo di scambio e pagamento. Deve avere come caratteristiche: facile trasferibilità,

Dettagli

Indice. 22 2.6. Produzione totale e felicità totale. ix Prefazione

Indice. 22 2.6. Produzione totale e felicità totale. ix Prefazione Indice ix Prefazione Capitolo 1 1 Che cos è la macroeconomia? 1 1.1. Di cosa si occupa la macroeconomia? 3 1.2. E quella definizione? 4 1.3. La differenza tra macroeconomia e microeconomia 5 1.4. Perché

Dettagli

Indice. 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI ECONOMIA POLITICA LEZIONE VII IL SETTORE MONETARIO PROF. ALDO VASTOLA Indice 1 Definizione di moneta ------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Le famiglie e il risparmio gestito

Le famiglie e il risparmio gestito V 1 La ricchezza delle famiglie nei principali paesi avanzati Alla fine del 211 la ricchezza netta delle famiglie, ossia la somma delle attività reali e finanziarie al netto delle passività finanziarie,

Dettagli

MD 9. La macroeconomia delle economie aperte. UD 9.1. Macroeconomia delle economie aperte

MD 9. La macroeconomia delle economie aperte. UD 9.1. Macroeconomia delle economie aperte MD 9. La macroeconomia delle economie aperte In questo modulo, costituito da due Unità, ci occuperemo di analizzare il funzionamento delle economie aperte, ossia degli scambi a livello internazionale.

Dettagli

NATURA E CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI

NATURA E CARATTERISTICHE DEGLI STRUMENTI FINANZIARI CHE COS È IL SISTEMA FINANZIARIO? È l insieme organizzato di mercati, intermediari e strumenti finanziari Il suo funzionamento avviene in un contesto di regole e controlli: la quarta componente strutturale

Dettagli

ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE ZURICH CONTRIBUTION RENDICONTO 2013 RELAZIONE SULLA GESTIONE Il Fondo Pensione aperto Zurich Contribution è stato, come noto, istituito dal Consiglio di Amministrazione di Minerva Vita S.p.A. (oggi Zurich

Dettagli

La Riforma monetaria è necessaria

La Riforma monetaria è necessaria La Riforma monetaria è necessaria http://www.empowernetwork.com/dataflex/blog/riforma-monetaria-e-necessaria/?id=dataflex In risposta alla recente crisi del debito finanziario e sovrano di tutto il mondo

Dettagli

Capitolo 22. La moneta, i prezzi e la Banca Centrale Europea. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 22. La moneta, i prezzi e la Banca Centrale Europea. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 22 La moneta, i prezzi e la Banca Centrale Europea In questa lezione La moneta e le sue funzioni: come si misurano gli aggregati monetari banche commerciali e creazione di moneta Il ruolo della

Dettagli

IL SISTEMA MONETARIO. Harcourt Brace & Company

IL SISTEMA MONETARIO. Harcourt Brace & Company IL SISTEMA MONETARIO Il significato della moneta La moneta è l insieme dei valori che vengono utilizzati regolarmente dagli individui di un economia per acquistare beni e servizi da altri individui. Tre

Dettagli

PROF. MATTIA LETTIERI

PROF. MATTIA LETTIERI L OFFERTA DI MONETA PROF. MATTIA LETTIERI Indice 1 LA BASE MONETARIA ----------------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 LA RISERVA OBBLIGATORIA -------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Innovazione e crescita nel sistema bancario

Innovazione e crescita nel sistema bancario Associazione Bancaria Italiana Assemblea Ordinaria Innovazione e crescita nel sistema bancario Intervento del Governatore della Banca d Italia Antonio Fazio Roma, 23 giugno 2000 Sommario pag. Il risparmio

Dettagli

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I

ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I ECONOMIA DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI I Si propongono nel presente file alcuni esempi di domande estrapolate dagli esami assegnati negli anni accademici precedenti. Lo scopo di tali esemplificazioni non

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

ECONOMIA APERTA CON RIFERIMENTO A DUE PAESI NEL MERCATO DEI CAMBI SI DETERMINA IL TASSO DI CAMBIO NOMINALE BILATERALE

ECONOMIA APERTA CON RIFERIMENTO A DUE PAESI NEL MERCATO DEI CAMBI SI DETERMINA IL TASSO DI CAMBIO NOMINALE BILATERALE capitolo 11-1 ECONOMIA APERTA IN UN ECONOMIA APERTA AGLI SCAMBI CON L ESTERO (ALTRA VALUTA) SI FORMA IL MERCATO DEI CAMBI: DOMANDA, OFFERTA DI VALUTA ESTERA, TASSI DI CAMBIO. CON RIFERIMENTO A DUE PAESI

Dettagli

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio

Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Regolamento del Fondo Interno Strategic Model Portfolio Art. 1 - Aspetti generali Al fine di adempiere agli obblighi assunti nei confronti del Contraente in base alle Condizioni di Polizza, la Compagnia

Dettagli

Domande sulla parte monetaria date nei precedenti compiti scritti di Economia Internazionale e riportate qui un po alla rinfusa

Domande sulla parte monetaria date nei precedenti compiti scritti di Economia Internazionale e riportate qui un po alla rinfusa Domande sulla parte monetaria date nei precedenti compiti scritti di Economia Internazionale e riportate qui un po alla rinfusa 1. Il surplus persistente della bilancia dei pagamenti correnti giapponese

Dettagli

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili.

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili. Esercizi 2014-2015 IL BREVE PERIODO Esercizio 1 Si consideri il seguente sistema economico in cui operano solamente due (categorie di) imprese, e la cui attività può essere sintetizzata come segue: Impresa

Dettagli

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti

Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Facoltà di Scienze Politiche - Università di Bari Corso di Politiche Economiche Europee Prof. Gianfranco Viesti Modulo 10 L Integrazione Monetaria: lo SME Lo SME Rapporto Werner (1970): successo del mercato

Dettagli

Capitolo 12. Produzione, reddito e occupazione

Capitolo 12. Produzione, reddito e occupazione Capitolo 12 Produzione, reddito e occupazione La produzione e il prodotto interno lordo (PIL) Definizione: PIL di una nazione è il valore complessivo di tutti i beni e servizi finali prodotti per il mercato

Dettagli

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2

ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 ESERCITAZIONI MACROECONOMIA 2 CAPITOLO 10 Crescita: i fatti principali 1) Spiegate cosa si intende per convergenza nella teoria della crescita e mostrate il grafico con cui si rappresenta. 2) Spiegate

Dettagli

Regolamento dei fondi interni di Veneto Global Profile unit linked, prodotto finanziario assicurativo di tipo unit linked

Regolamento dei fondi interni di Veneto Global Profile unit linked, prodotto finanziario assicurativo di tipo unit linked Skandia Vita S.p.A. Impresa di assicurazione appartenente al Gruppo Skandia Regolamento dei fondi interni di Veneto Global Profile unit linked, prodotto finanziario assicurativo di tipo unit linked Art.

Dettagli

I titoli obbligazionari. Giuseppe G. Santorsola EIF 1

I titoli obbligazionari. Giuseppe G. Santorsola EIF 1 I titoli obbligazionari Giuseppe G. Santorsola EIF 1 Titoli a reddito fisso Tutte le caratteristiche relative al profilo di rischio e rendimento (durata, diritto alla remunerazione e al rimborso del capitale)

Dettagli

Corso di Macroeconomia. La contabilità nazionale

Corso di Macroeconomia. La contabilità nazionale Corso di Macroeconomia La contabilità nazionale 1 La produzione TremetodidicalcolodelPIL 1. Il metodo della spesa 1. Il consumo, la spesa per beni di consumo effettuata dalle famiglie, sia per beni non

Dettagli

CONTI ECONOMICI REGIONALI

CONTI ECONOMICI REGIONALI 23 novembre 2012 Anni 1995-2011 CONTI ECONOMICI REGIONALI In occasione della diffusione delle stime provvisorie per l anno 2011, l Istat pubblica le serie dei Conti economici regionali nella nuova classificazione

Dettagli

Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a.

Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. Evoluzione dei modelli della banca e dell assicurazione Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 Definizioni La banca può essere definita sotto due diversi profili:

Dettagli

NOTA INFORMATIVA I settori istituzionali

NOTA INFORMATIVA I settori istituzionali NOTA INFORMATIVA I settori istituzionali Le unità istituzionali sono classificate nei diversi settori istituzionali in relazione al loro comportamento economico, alla loro funzione principale e al tipo

Dettagli

I MARTEDI DELL ECONOMIA II LEZIONE

I MARTEDI DELL ECONOMIA II LEZIONE I MARTEDI DELL ECONOMIA II LEZIONE ISIS M. CURIE TRADATE 2015 Martina Vitalone martina.vitalone01@gmail.com I cicli economici Obiettivi della seconda lezione: 1. Capire cosa accade nelle quattro fasi del

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea

Gazzetta ufficiale dell'unione europea L 68/54 DECISIONE (UE) 2015/425 DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 15 dicembre 2014 che modifica la decisione BCE/2010/21 sul bilancio della Banca centrale europea (BCE/2014/55) IL CONSIGLIO DIRETTIVO DELLA

Dettagli

La bilancia dei pagamenti

La bilancia dei pagamenti La bilancia dei pagamenti Definizione Documento contabile in cui vengono registrate tutte le transazioni economiche che un economia intrattiene con i non residenti in un determinato periodo di tempo Documento

Dettagli

LA MATRICE DEI CONTI NAZIONALI. ANNO 2009 1. Nota metodologica

LA MATRICE DEI CONTI NAZIONALI. ANNO 2009 1. Nota metodologica LA MATRICE DEI CONTI NAZIONALI. ANNO 2009 1 Nota metodologica I flussi monetari registrati nei Conti nazionali possono essere presentati in forma matriciale a vari livelli di dettaglio. Tale rappresentazione,

Dettagli

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE

PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA BCE Riquadro PROIEZIONI MACROECONOMICHE PER L AREA DELL EURO FORMULATE DAGLI ESPERTI DELLA Le prospettive economiche attuali sono altamente incerte poiché dipendono in misura decisiva dalle imminenti decisioni

Dettagli

Eserciziario di Economia Internazionale Corso Progredito

Eserciziario di Economia Internazionale Corso Progredito Eserciziario di Economia Internazionale Corso Progredito a.a. 2014-2015 Programma del corso Economia Internazionale Corso Progredito 2014-2015 Il sistema di contabilità nazionale 1. Contabilità nazionale.

Dettagli

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni La congiuntura italiana N. 3 FEBBRAIO 2014 Il Pil torna positivo nel quarto trimestre ma il dato è sotto le attese. La crescita si prospetta debole, penalizzata della mancanza di credito e per ora sostenuta

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Capitolo 7 Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi adattamento italiano di Novella Bottini 1 (c) Pearson Italia S.p.A. - Krurman, Obstfeld, Melitz - Economia internazionale 2 Anteprima

Dettagli

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota Capitolo 11 Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici Francesco Prota Piano della lezione Lo stock di moneta e l equilibrio nel mercato monetario: la curva LM Il modello IS-LM

Dettagli