I dati audio. Campionamento Quantizzazione e Codifica Formati e standard Supporti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I dati audio. Campionamento Quantizzazione e Codifica Formati e standard Supporti"

Transcript

1 I dati audio Campionamento Quantizzazione e Codifica Formati e standard Supporti

2 Campionamento

3 Moltiplicare il segnale per l impulso di campionamento t f max f t f c 2f c f t f max f c 2f c f f c -f max f c +f max

4 Aliasing e filtri anti-aliasing aliasing f max f c 2f c f f c -f max f c +f max Non esistono filtri ideali Occorre tenersi un margine di sicurezza rispetto a f c /2

5 Campionamento nel CD: 44 khz Si è abbastanza larghi sui 20 khz Risposta piatta fino a 20 khz Attenuazione sufficiente (60 db) a 22 khz E abbastanza economico costruire un filtro di questo tipo

6 Popolari frequenze di campionamento Strumenti di registrazione digitale limitati a specifiche frequenze (o loro approssimazioni) Anche alcuni strumenti di riproduzione offrono supporto solo per alcune frequenze Alcune sono divisori di frequenze comuni (ciò deriva dalla facilità per i circuiti di dividere la frequenza dei clock)

7 8000 standard telefonico (codifiche µ-law e A-law) NeXT workstation: (sembra per uniformità con CoDec per telecomunicazione) 11 k (in realtà 11025) un quarto della sr del CD o metà della sr del Mac (standard di compressione G.722) 18.9 k CD-ROM/XA standard

8 22 k 22050: metà sr del CD : sr del Mac ( frequenza di scan orizzontale del Mac 128k) radio digitale e NICAM (Nearly Instantaneous Compandable Audio Matrix [IBA/BREMA/BBC]) TV in UK, long play DAT e HDTV giapponese 37.8 k: standard CD-ROM/XA (qualità superiore)

9 44056: per audio professionale (un numero intero di campioni entra in un frame video) 44100: sr del CD audio i lettori DAT che registrano digitalmente da CD usano anche tale frequenza di campionamento 48000: sr del DAT (Digital Audio Tape) per uso domestico 96000: sr qualità DVD

10 Quantizzazione

11 Quantizzazione lineare La gamma continua viene spezzata in un certo numero di intervalli uguali Tecnica standard dei costruttori dei convertitori A/D e D/A Valore di tensione Parola binaria [-5.000, ] [-4.961, ] [-4.922, ] [-4.883, ] [+4,844, +4,883] [+4,883, +4,922] [+4,922, +4,961] [+4,961, +5,000]

12 Il rapporto segnale/rumore (SNR) SNR = rapporto tra ampiezza max del segnale ampiezza media dell errore di quantizzazione Ampiezza media dell errore di quantizzazione costante e indipendente dall ampiezza del segnale no correlazione tra segnale e parametri di digitalizzazione Per PCM lineare, SNR diminuisce con l ampiezza (segnali deboli degradati)

13 Quantizzazione uniforme e non Numero di intervalli è sempre dato dalla dimensione della parola binaria Come si scelgono e si codificano gli intervalli quantizzazione uniforme: intervalli equi-spaziati quantizzazione non uniforme: intervalli spaziati differentemente

14 Quant. uniforme e ampiezze ridotte si usa un numero di bit sufficientemente elevato da evitare il problema Esempio Con 16 bit, SNR = gamma dinamica = circa 96 db Max ampiezza in riproduzione = 100 db Il segnale più debole è circa 90 db sotto (poco oltre la soglia dell udibile)

15 Quant. non uniforme e ampiezze ridotte regioni di quantizzazione spaziate meno per ampiezze vicine allo zero spaziate di più per ampiezze elevate (maggiore errore di quantizzazione) la quantizzazione non uniforme slega SNR e gamma dinamica

16 Quantizzazione logaritmica Cosa vuol dire che queste regioni sono uniformi su scala logaritmica?

17 Le nuove regioni di quantizzazione

18 Il nuovo errore di quantizzazione

19 Quantizzazione: 4 bit lineari e 3 bit log

20 Schema di quantizzazione logaritmica assegna i valori a regioni spaziate in modo uguale sulla scala logaritmica gamma dinamica: con 8 bit log si ottiene la g.d. di un quantizzatore lineare a bit SNR: un convertitore 8-bit log va meglio di un convertitore 8-bit lin alle ampiezze basse, ma peggio alle ampiezze elevate

21 Vantaggi e svantaggi produce risparmi di memoria in generale, migliore qualità audio a parità di sr più complesso applicare le tecniche di elaborazione del segnale (la somma di due segnali corrisponde al prodotto)

22 Codifica Senza segno e con segno Offset binary Complemento a 2 Segno + valore

23 Il problema e le soluzioni

24 Codifica unipolare e bipolare Codifica unipolare (interi senza segno) 0 corrisponde alla tensione minima negativa Esempio: da 0 V a 10 V Codifica bipolare (interi con segno) convenienti per elaborazioni digitali sul segnale Esempio: da -5 V a +5 V

25 Offset binary Il formato più semplice (output da molti ADC) Svantaggi: 0000 picco negativo Silenzio a metà scala Quindi: sovrapposizione di due sorgenti di silenzio digitale = livello di picco positivo (DC level)!!! Somma di segnali: prima dell elaborazione occorre sottrarre metà del livello di picco da ogni segnale

26 Complemento a : fondo scala negativo 0111: fondo scala positivo 0000: silenzio La somma di segnali è una semplice addizione binaria

27 Segno e magnitudo Primo bit di segno: 0 positivi 1 negativi La magnitudo aumenta da 0000 Usato nei sistemi di broadcast Nicam

28 Memorizzazione dei dati

29 Pulse Code Modulation (PCM) Ampiezza Campione i Campione i+1 Campioni di 4 bit Tempo

30 Interleaving dei campioni multicanale si costruiscono frame di campioni da tutti i canali con N canali, i dati sono in sequenze di frame di N campioni (ciascuno per canale) per lo stereo, canale sx precede canale dx I campione II campione I campione II campione III campione? campione? campione

31 Frame multicanale vantaggi facile sincronizzazione dei canali memorizzazione e trasmissione più efficiente svantaggi spreco di spazio (non necessari tutti i canali) operazioni sui singoli canali

32 Little Endian e Big Endian LSB MSB Big Endian Little Endian

33 Riassumendo

34 I parametri dei dati audio Frequenza di campionamento (sampling rate) campioni al secondo (o Hz): es. 8000, è misurata per canale Quantizzazione numero di bit per campione: es. 8 or 16 Numero di canali 1 per mono, 2 per stereo, etc.

35 Alcuni standard de facto rate style mono/stereo bit µ-law, log mono bit linear unsigned mono e stereo bit linear signed mono e stereo

36 Quanto pesa l audio L audio digitale non compresso occupa... molto spazio sull hard-disk per la memorizzazione una banda ampia sul canale di trasmissione Esempio: brano di 1 min con qualità CD parametri: sr = 44,100 KHz; quantizzazione = 16 bit memoria = c/s * 2 can * 2 byte/c * 60 s ~ 10 Mbyte tempo = 10 Mbyte * 8 bit/byte / (56 kbps * 60 s) ~ 24 min Solo per scaricare un minuto di musica stereo!

37 Formati

38 I formati Storicamente, ogni tipo di macchina usava un suo formato per i dati audio Alcuni formati applicabili in modo più generale Conversioni tra quasi tutti i formati (talvolta si perde informazione)

39 Due tipi di formati autodescriventi: parametri e forma di codifica espliciti in una intestazione (header) senza intestazione (headerless - anche detti raw ): parametri e codifica fissati a priori

40 Formati con intestazione Definiscono una famiglia di codifiche di dati un parametro definisce la variante di codifica usata parametri del device per il campionamento descrizione del suono leggibile dall utente (+ il copyright) Spesso header iniziano con una parola chiave e proseguono con i dati di codifica signed / unsigned, bytes / short integers,... quasi nessuna variazione sulle info di canale

41 La tabella dei formati di file audio Estensione Origine Parametri.au,.snd NeXT, Sun rate, #canali, codifica, info string.aif(f), AIFF Apple, SGI rate, # canali, quantizzazione, molte info.aif(f), AIFC Apple, SGI stessa cosa (AIFF con compressione).wav, WAVE Microsoft rate, #canali, quantizz., molte info.voc Soundblaster rate (8 bits/1 ch; silence deletion).iff, IFF/8SVX Amiga rate, # canali, info sugli strumenti (8 bit).mp3,.mp4 standard MPEG rate, #canali, qualità dei campioni.sf IRCAM rate, #canali, codifica, info none, MIME Internet

42 .ra Real Networks rate, #canali, qualità dei campioni.smp Turtle Beach loops, cues, (16 bits/1 ch).wve Psion (8 bits, 1 ch, a-law, 8khz) none, HCOM Mac rate (8 bits/1 ch; usa Huffman) none, NIST SPHERE DARPA speech community.mod or.nst Amiga

43 Formati senza intestazione Definiscono una singola codifica dei dati non ammettono variazioni dei parametri a volte permettono più sr, ma può essere un problema tirarla fuori Estensione (o nome) / Origine / Parametri.snd,.fssd / Mac, PC/ var. sr, 1 canale, 8 bits unsigned.ul / telefonia US / 8 k, 1 canale, 8 bit "u-law.snd / Amiga / var. sr, 1 canale, 8 bits signed

44 Un esempio: il formato WAV (Windows) Identificatore RIFF Tipo WAVE Format chunk Identificatore: fmt Data chunk Identificatore: data

45 Il formato RIFF Byte Offset Nome Lunghezza in byte Descrizione 00 rid 4 Contiene i caratteri RIFF 04 rlen 4 Lunghezza dei dati nel prossimo chunk 08 rdata rlen Il chunk di dati

46 Il formato WAV: la definizione del chunk rdata rdata Byte Offset Nome Lunghezza in byte Descrizione 00 wid 4 Contiene WAVE 04 Chunk del Formato 28 Wave data chunk 24 Formato dei dati nel chunk successivo? Wave audio data

47 Il chunk del formato Offset Nome Lunghezza Descrizione in byte 00 fid 4 fmt 04 flen 4 Lunghezza del chunk 08 wformattag 2 Codifica segnale (es. 1=PCM) 10 # Canali 2 1 = mono 2 = stereo 12 # Campioni / Sec 2 Tasso di playback 14 # Byte medi / Sec 2 #canali * # campioni al sec * # bit x campione / 8 16 # Block Align 2 Dimensione sample frame 18 Format Specific 6 Area dati specifici per il formato

48 Il chunk dei dati Data Chunk Offset Nome Lunghezza in byte Descrizione 00 h did 4 data 02 h dlen 4 Lunghezza del campo ddata 00 h ddata dlen Veri e propri dati sulla forma d onda

49 Vista globale sul formato WAV File da 8 bit mono ogni byte rappresenta un campione File da 16 bit stereo 2 byte per campione primo byte, canale di sx secondo byte, canale di dx

50 I supporti

51 I supporti per l audio digitale I campioni audio possono essere registrati su qualsiasi supporto (nastro, disco, circuito integrato) Si può usare qualsiasi tecnica di registrazione: elettromagnetica, ottica I dati possono essere scritti in molti formati: formato = strutturazione dei campioni

52 Supporti DAT (nastro magnetico): accesso seriale, piccole cassette e registratori, compatibilissimi DCC (nastro magnetico): accesso seriale, un formato digitale con compressione che si può usare anche in registratori analogici, qualità inferiore al CD HD (disco magnetico o ottico): accesso casuale (in msec), se fissi più veloci, non dello stesso formato del CD (anche se sembra simile)

53 Floppy (magnetico): accesso casuale (lento), solo file corti, non utile per archivio a lungo termine Sony MD (magnetico): accesso casuale, floppy con compressione, qualità inferiore al CD Memoria semiconduttore (elettronico): accesso casuale velocissimo (80 nanosec), eccellente per editing temporaneo, costoso e delicato per grandi DB

54 CD-DA Data transfer rate = bit/sec tutti i data bit del frame (192) sono usati per i campioni audio 192 = 12 x 16 (ogni frame contiene 12 campioni, 6 per canale) Program area contiene informazioni sulle tracce (es. durata) indice: numero di tracce e locazione sul disco

55 CD-ROM Differenza fondamentale con il CD-DA: livello di rilevamento e correzione degli errori Settori (blocchi) consecutivi: unità min di accesso casuale ogni settore = 98 frame 1 frame = 192 bit di dati (24 byte) 98 frame = 2352 byte di dati

56 I blocchi del CD-ROM (2 modalità) Mode1 Testo e codici Sync Indirizzo 12 bytes 3 bytes Mode 1 byte Dati dell applicazione 2048 bytes Rilevamento e correzione errori 288 bytes Mode2 Audio e immagini Sync Indirizzo 12 bytes 3 bytes Mode 1 byte Dati dell applicazione 2336 bytes 2352 bytes

57 Compromessi sulla qualità audio Lentezza del trasferimento dati su CD-ROM l audio potrebbe balbettare grafica e video rallentare o a scatti Compromessi possibili sull audio uso del formato MIDI (sintesi FM o wavetable, spazio occupato minimo) abbassare quantizzazione e/o sr (OK assieme) scelta tipica: 8 bit, 22 KHz

58 Suggerimenti per la produzione audio Registrare sempre al max di quantizzazione Usare il ditherer quando si converte a 8 bit aggiungendo rumore per 3/4 del livello di quantizzazione picco a picco si elimina il crumbling Usare l equalizzatore per aggiungere forza alla regione midrange (3-10 KHz) aggiunge un po di dinamicità persa con la conversione a 22 KHz (a causa del filtro antialiasing)

59 Riepilogo formati e supporti audio digitali Frequenza di campionamento (khz) Dimensione dei campioni (bits) CD Audio DAT G.721 A-law µ-law /4 8 Quantizzazione Lineare Lineare Lineare Log Numero di canali Tasso dati per canale (1000 bit/sec) Codifica PCM PCM ADPCM PCM Qualità Molto alta Molto alta Media Telefono

Università degli Studi di Palermo. Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica

Università degli Studi di Palermo. Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica Elaborazione di Immagini e Suoni / Riconoscimento e Visioni Artificiali Anno Accademico 2012/2013

Dettagli

La compressione audio

La compressione audio Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Informatica Elaborazione di Immagini e Suoni / Riconoscimento e Visioni Artificiali 12 c.f.u. Anno Accademico 2008/2009 Docente: ing. Salvatore

Dettagli

Rappresentazione digitale del suono

Rappresentazione digitale del suono Rappresentazione digitale del suono Perché rappresentazione del suono Trasmettere a distanza, tempo e spazio Registrazione, riproduzione, elaborazione segnale Consumer e professional flessibilità, velocità

Dettagli

Lezione 8: Suono (1) Sommario. Informatica Multimediale. Docente: Umberto Castellani

Lezione 8: Suono (1) Sommario. Informatica Multimediale. Docente: Umberto Castellani Lezione 8: Suono (1) Informatica Multimediale Docente: Umberto Castellani Sommario Introduzione al suono Rappresentazione del suono Elaborazione digitale Standard MIDI Sintesi del suono Parlato (Speech)

Dettagli

wave a 44,1 khz, 16 bit, PCM, stereo (standard cd audio) L utilizzo di una risoluzione dipende anche dal supporto che la dovrà ospitare.

wave a 44,1 khz, 16 bit, PCM, stereo (standard cd audio) L utilizzo di una risoluzione dipende anche dal supporto che la dovrà ospitare. Il Suono Digitale Capitolo 3 - Formati e standard digitali dei file audio Il formato Wave, Wave 64, AIFF pag 1 Il Transfert Rate pag 4 Il formato mp3 pag 5 Il trasferimento di file tramite Internet pag

Dettagli

Introduzione alle reti di telecomunicazioni

Introduzione alle reti di telecomunicazioni Introduzione alle reti di telecomunicazioni La comunicazione Nello studio dei sistemi di telecomunicazione si è soliti fare riferimento a tre entità fondamentali: il messaggio, che rappresenta l oggetto

Dettagli

CONVERSIONE ANALOGICA DIGITALE (ADC)(A/D) CONVERSIONE DIGITALE ANALOGICA (DAC)(D/A)

CONVERSIONE ANALOGICA DIGITALE (ADC)(A/D) CONVERSIONE DIGITALE ANALOGICA (DAC)(D/A) CONVERSIONE ANALOGICA DIGITALE (ADC)(A/D) CONVERSIONE DIGITALE ANALOGICA (DAC)(D/A) ELABORAZIONE ANALOGICA O DIGITALE DEI SEGNALI ELABORAZIONE ANALOGICA ELABORAZIONE DIGITALE Vantaggi dell elaborazione

Dettagli

Elementi di teoria dei segnali /b

Elementi di teoria dei segnali /b Elementi di teoria dei segnali /b VERSIONE 29.4.01 Filtri e larghezza di banda dei canali Digitalizzazione e teorema del campionamento Capacità di canale e larghezza di banda Multiplexing e modulazioni

Dettagli

Gli audio suoni sono deti anche segnali acustici e sono quelli udibili dall orecchio umano

Gli audio suoni sono deti anche segnali acustici e sono quelli udibili dall orecchio umano L AUDIO 1. Cos e il suono 2. frequenza 3. Ampitude 4. Percezione del suono e Psicoacustica 5. rappresentazione digitale delle informazioni audio 6. Campionamento e quantizzazione 7. Teorema di Nisquit

Dettagli

Lezione 8: La rappresentazione dell informazione Multimediale Suoni e Video Venerdi 6 Novembre 2009

Lezione 8: La rappresentazione dell informazione Multimediale Suoni e Video Venerdi 6 Novembre 2009 Università di Salerno Corso di FONDAMENTI DI INFORMATICA Corso di Laurea Ingegneria Meccanica & Ingegneria Gestionale Mat. Pari Docente : Ing. Secondulfo Giovanni Anno Accademico 2009-2010 Lezione 8: La

Dettagli

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni 5 - EGALI DIGITALI E A IMPULI I BADA BAE Prof. Mario Barbera [parte ] Codifica La fase di codifica prevede che venga fatta una associazione tra il livello del segnale

Dettagli

Perché Codificare i Dati? Codifica dei Dati. Tecniche di Codifica del Segnale. Cooperazione Trasmettitore- Ricevitore

Perché Codificare i Dati? Codifica dei Dati. Tecniche di Codifica del Segnale. Cooperazione Trasmettitore- Ricevitore Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Codifica dei Dati Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Perché Codificare i

Dettagli

Flussi Multimediali. Introduzione

Flussi Multimediali. Introduzione Flussi Multimediali 1 Introduzione Film digitali, video clip e musica stanno diventando un modo sempre più comune di presentare l informazione e l intrattenimento per mezzo del computer I file audio e

Dettagli

Nota di Copyright. Leonardo Fanelli Urbino - Ottobre 05

Nota di Copyright. Leonardo Fanelli Urbino - Ottobre 05 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slide) è protetto dalle leggi sul copyright e dalle disposizioni dei trattati internazionali. Il titolo e i copyright relativi alle slides

Dettagli

Università degli Studi di Palermo. Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica. Informatica per la Storia dell Arte

Università degli Studi di Palermo. Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica. Informatica per la Storia dell Arte Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica Informatica per la Storia dell Arte Anno Accademico 2014/2015 Docente: ing. Salvatore Sorce La compressione

Dettagli

STRUMENTAZIONE E MISURE ELETTRICHE. Condizionamento ed acquisizione del segnale

STRUMENTAZIONE E MISURE ELETTRICHE. Condizionamento ed acquisizione del segnale STRUMENTAZIONE E MISURE ELETTRICHE Condizionamento ed acquisizione del segnale Prof. Salvatore Nuccio salvatore.nuccio@unipa.it, tel.: 0916615270 1 Circuito di condizionamento Un sensore/trasduttore (S/T)

Dettagli

Trasmissione Dati. Trasmissione Dati. Sistema di Trasmissione Dati. Prestazioni del Sistema

Trasmissione Dati. Trasmissione Dati. Sistema di Trasmissione Dati. Prestazioni del Sistema I semestre 03/04 Trasmissione Dati Trasmissione Dati Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Ogni tipo di informazione può essere rappresentata come insieme

Dettagli

Sistema acquisizione dati

Sistema acquisizione dati 12 Sistema acquisizione dati 3.1 Introduzione: Per convertire i segnali analogici trasmessi dai sensori in segnali digitali dobbiamo usare i convertitori analogici digitali o più comunemente chiamati ADC(Analog-to-Digital

Dettagli

Come si misura la memoria di un calcolatore?

Come si misura la memoria di un calcolatore? Come si misura la memoria di un calcolatore? Definizione Il byte è definito come unità di misura di memoria. I multipli del byte sono: KiloByte (KB) - 1 KB = 2 10 byte = 1024 byte MegaByte (MB) - 1 MB

Dettagli

Musica e computer. Audio digitale e tecnologie MIDI. Prima parte: Dal suono all elettricità La conversione analogico/digitale

Musica e computer. Audio digitale e tecnologie MIDI. Prima parte: Dal suono all elettricità La conversione analogico/digitale Musica e computer: Audio digitale e tecnologie MIDI prima parte Musica e computer Audio digitale e tecnologie MIDI Prima parte: Dal suono all elettricità La conversione analogico/digitale Obiettivi del

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. Multimedia Audio Editing. Syllabus

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. Multimedia Audio Editing. Syllabus EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE Multimedia Audio Editing Syllabus Scopo Questo documento presenta il syllabus di ECDL Multimedia Modulo 1 Audio Editing. Il syllabus descrive, attraverso i risultati del

Dettagli

FRANCESCO MARINO - TELECOMUNICAZIONI

FRANCESCO MARINO - TELECOMUNICAZIONI ESAME DI SAO DI ISIUO POFESSIONALE A.S. 2000/2001 Indirizzo: ECNICO DELLE INDUSIE ELEONICHE ema di: ELEONICA, ELECOMUNICAZIONI E APPLICAZIONI Il candidato, formulando di volta in volta tutte le ipotesi

Dettagli

Elaborazione di Immagini e Suoni / Riconoscimento e Visioni Artificiali 12 c.f.u. I suoni Rappresentazione digitale

Elaborazione di Immagini e Suoni / Riconoscimento e Visioni Artificiali 12 c.f.u. I suoni Rappresentazione digitale Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Informatica Elaborazione di Immagini e Suoni / Riconoscimento e Visioni Artificiali 12 c.f.u. Anno Accademico 2008/2009 Docente: ing. Salvatore

Dettagli

Internet e il World Wide Web. Informatica Generale -- Rossano Gaeta 30

Internet e il World Wide Web. Informatica Generale -- Rossano Gaeta 30 Internet e il World Wide Web 30 Tecnologia delle Telecomunicazioni Uso di dispositivi e sistemi elettromagnetici per effettuare la comunicazione a lunghe distanze (telefoni, televisione, radio, etc) Comunicazione

Dettagli

DISCRETIZZAZIONE DI UN SEGNALE ANALOGICO:

DISCRETIZZAZIONE DI UN SEGNALE ANALOGICO: DISCRETIZZAZIONE DI UN SEGNALE ANALOGICO: nel processo di digitalizzazione che permette di convertire un segnale analogico in modo da poterlo elaborare con dispositivi numerici di calcolo, si operano due

Dettagli

Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Area Didattica di Ingegneria. Corso di Laurea in Ingegneria Industriale

Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Area Didattica di Ingegneria. Corso di Laurea in Ingegneria Industriale Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Area Didattica di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Industriale Lezioni del Corso di Misure Industriali 1 Università degli Studi di Cassino

Dettagli

Compressione del Segnale (Audio)

Compressione del Segnale (Audio) Compressione del Segnale (Audio) Carlo Caini e Alessandro Vanelli Coralli Argomenti della Presentazione Introduzione Perché comprimere Come comprimere Esempi di Algoritmi di compressione Codifiche predittive

Dettagli

1 - I segnali analogici e digitali

1 - I segnali analogici e digitali 1 1 - I segnali analogici e digitali Segnali analogici Un segnale analogico può essere rappresentato mediante una funzione del tempo che gode delle seguenti caratteristiche: 1) la funzione è definita per

Dettagli

) *!' " * +! #"#, ( -. - ( 0 0 00. - #

) *!'  * +! ##, ( -. - ( 0 0 00. - # ! " $% & ' ( ) *!' " * +! ", ( -. - /. - 0 0( ( ) $% * ++! " * +, ( -. - ( 0 0 00. - / 12! ) 1 1 3 /4**' $% * 3* 0 5 6 0!56" * 7'! "( - $% ' /. - 0560, 8 * 56 *, * 9$, $% 0560 :+; * " 3 *' $% ' /*, '(

Dettagli

L ACQUISIZIONE DIGITALE DEI SEGNALI I vantaggi principali dei sistemi digitali consistono in: elevata insensibilità ai disturbi bassa incertezza con costi relativamente contenuti compatibilità intrinseca

Dettagli

Logica e codifica binaria dell informazione

Logica e codifica binaria dell informazione Politecnico di Milano Corsi di Laurea in Ingegneria Matematica e Ingegneria Fisica Dipartimento di Elettronica ed Informazione Logica e codifica binaria dell informazione Anno Accademico 2002 2003 L. Muttoni

Dettagli

Rappresentazione e Memorizzazione dei Dati

Rappresentazione e Memorizzazione dei Dati Rappresentazione e Memorizzazione dei Dati Giuseppe Nicosia CdL in Matematica (Laurea Triennale) Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Università di Catania Bit e loro Memorizzazione Definizioni Algoritmo: una

Dettagli

Numerazione binaria e rappresentazione delle informazioni

Numerazione binaria e rappresentazione delle informazioni Numerazione binaria e rappresentazione delle informazioni Info Sito del corso: http://home.dei.polimi.it/amigoni/informaticab.html Nicola Basilico, nicola.basilico@gmail.com Problema Abbiamo informazioni

Dettagli

Tutto digitale. Musica Giornali, Libri satellite (TV, GPS) Telefoni: ISDN, GSM rete telefonica, internet Video (DVD) oh, anche il PC

Tutto digitale. Musica Giornali, Libri satellite (TV, GPS) Telefoni: ISDN, GSM rete telefonica, internet Video (DVD) oh, anche il PC Digitale!! Tutto digitale Musica Giornali, Libri satellite (TV, GPS) Telefoni: ISDN, GSM rete telefonica, internet Video (DVD) oh, anche il PC Digitale Da Digit (cifra) in Inglese Digitale=numerico in

Dettagli

Corso di studi in Ingegneria Elettronica A.A. 2003/2004. Calcolatori Elettronici. Esercitazione n 2. Ing Giovanni Costa

Corso di studi in Ingegneria Elettronica A.A. 2003/2004. Calcolatori Elettronici. Esercitazione n 2. Ing Giovanni Costa Corso di studi in Ingegneria Elettronica A.A. 2003/2004 Calcolatori Elettronici Esercitazione n 2 Ing Giovanni Costa Sommario: Codici a correzione di errori Dispositivi per: Memorizzazione Output Input

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni 1

Reti di Telecomunicazioni 1 Reti di Telecomunicazioni 1 Corso on-line - AA2004/05 Blocco 3 Ing. Stefano Salsano e-mail: stefano.salsano@uniroma2.it 1 Le sorgenti di traffico in una rete di TLC 2 Tipi di flussi di informazione Messaggi

Dettagli

La codifica delle immagini

La codifica delle immagini Lettere e numeri non costituiscono le uniche informazioni utilizzate dagli elaboratori ma si stanno diffondendo sempre di più applicazioni che utilizzano ed elaborano anche altri tipi di informazione:

Dettagli

Sistemi digitali di telecomunicazioni.

Sistemi digitali di telecomunicazioni. Sistemi digitali di telecomunicazioni. 1. Dall'analogico al digitale I segnali di tipo vocale, che sono stati i primi segnali ad essere utilizzati nei sistemi di telecomunicazioni, sono segnali analogici,

Dettagli

(25 min) Esercizio 1. 1a) Vedi libro e appunti del corso.

(25 min) Esercizio 1. 1a) Vedi libro e appunti del corso. (5 min) Esercizio 1 1) Con una scheda di acquisizione dati, con dinamica d ingresso bipolare, si devono misurare i seguenti segnali su un circuito: V 1 tensione di alimentazione di una connessione USB

Dettagli

La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali

La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali La prove dinamiche sugli edifici II parte strumentazione e analisi dei segnali Luca Facchini e-mail: luca.facchini@unifi.it Introduzione Quali strumenti vengono utilizzati? Le grandezze di interesse nelle

Dettagli

Il Suono Digitale. Capitolo 1 - Dal segnale analogico al segnale digitale. Introduzione

Il Suono Digitale. Capitolo 1 - Dal segnale analogico al segnale digitale. Introduzione Il Suono Digitale Capitolo 1 - Dal segnale analogico al segnale digitale Introduzione pag 1 Vantaggi del segnale digitale pag 2 Svantaggi della rappresentazione digitale pag 2 Schema della catena audio

Dettagli

Ingegneria Aerospaziale Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (E-Z) Rappresentazione caratteri Rappresentazioni immagini Rappresentazione suoni

Ingegneria Aerospaziale Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (E-Z) Rappresentazione caratteri Rappresentazioni immagini Rappresentazione suoni 2009-200 Ingegneria Aerospaziale Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (E-Z) 3 Rappresentazione caratteri Rappresentazioni immagini Rappresentazione suoni Lez. 3 Calcolatore e Informazione Tutti i

Dettagli

Internet e il World Wide Web. Informatica di Base A -- Rossano Gaeta 1

Internet e il World Wide Web. Informatica di Base A -- Rossano Gaeta 1 Internet e il World Wide Web 1 Domande chiave 2.1 Quali sono i mezzi di connessione a Internet e qual è la loro velocità? 2.2 Quali sono i tre tipi di provider Internet e quali tipi di servizi offrono?

Dettagli

IL CODICE BINARIO. Il codice binario. Codifica posizionale. Aritmetica binaria

IL CODICE BINARIO. Il codice binario. Codifica posizionale. Aritmetica binaria IL CODICE BINARIO Il codice binario Codifica posizionale Aritmetica binaria www.stoianov.it 1 CODIFICA DI BASE La voce si distribuisce con onde di frequenze 20-20.000 Hz La luce sta nel ordine di 500.000.000.000.000

Dettagli

Rappresentazione digitale

Rappresentazione digitale I BIT POSSONO RAPPRESENTARE TUTTO Tutta l informazione interna ad un computer è codificata con sequenze di due soli simboli : 0 e 1 è facile realizzare dispositivi elettronici che discriminano fra due

Dettagli

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni

Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni Corso di Fondamenti di Telecomunicazioni 1 - INTRODUZIONE Prof. Mario Barbera 1 Argomenti della lezione Cenni storici Definizioni: Sorgente di informazione Sistema di comunicazione Segnali trasmissivi

Dettagli

2 - Canali e Multiplazione

2 - Canali e Multiplazione Università degli studi di Bergamo Università degli studi di Bergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Metodi Matematici Reti di Calcolatori prof. F. Martignon 2 - Canali e Multiplazione 1

Dettagli

Megabyte (MB) = 1024KB 1 milione di Byte (e.g. un immagine di 30MB) Gigabyte (GB) = 1024MB 1 miliardo di Byte (e.g. un hard disk da 80GB)

Megabyte (MB) = 1024KB 1 milione di Byte (e.g. un immagine di 30MB) Gigabyte (GB) = 1024MB 1 miliardo di Byte (e.g. un hard disk da 80GB) Unità di misura per l informatica Un bit (b) rappresenta una cifra binaria. E l unità minima di informazione. Un Byte (B) è costituito da 8 bit. Permette di codificare 256 entità di informazione distinte

Dettagli

Informatica per la Storia dell Arte

Informatica per la Storia dell Arte Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica, Meccanica Informatica per la Storia dell Arte Anno Accademico 2014/2015 Docente: ing. Salvatore Sorce Rappresentazione

Dettagli

L A B O R A T O R I O D I I N F O R M A T I C A M U S I C A L E

L A B O R A T O R I O D I I N F O R M A T I C A M U S I C A L E L A B O R A T O R I O D I I N F O R M A T I C A M U S I C A L E MODULO 1: MANIPOLAZI ONE DEL SEGNALE AUDI O G.PRESTI - 12/03/2015 - LE ZI ON E 2 1. CONVERSIONE DA ANALOGICO A DIGITALE Convertire un segnale

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione La Codifica dell informazione (parte 4) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente:

Dettagli

Introduzione all analisi dei segnali digitali.

Introduzione all analisi dei segnali digitali. Introduzione all analisi dei segnali digitali. Lezioni per il corso di Laboratorio di Fisica IV Isidoro Ferrante A.A. 2001/2002 1 Segnali analogici Si dice segnale la variazione di una qualsiasi grandezza

Dettagli

Esperimentazioni di Fisica 3 AA 2013-2014. Tracking ADC. M. De Vincenzi

Esperimentazioni di Fisica 3 AA 2013-2014. Tracking ADC. M. De Vincenzi Esperimentazioni di Fisica 3 AA 2013-2014 Tracking ADC M. De Vincenzi 1 Introduzione La digitalizzazione di segnali analogici si realizza tramite dispositivi che vengono detti ADC (acronimo per Analog

Dettagli

Min Tipico Max Unità Note Tensione di alimentazione

Min Tipico Max Unità Note Tensione di alimentazione --------------- RX-AUDIO-2.4 Caratteristiche Nessuna compressione per alta qualità del suono, latenza di 0.5 ms. Audio digitale con frequenza di campionamento a 44.1 KHz e 16-bit di risoluzione. Demodulazione

Dettagli

Rappresentazione delle immagini

Rappresentazione delle immagini Rappresentazione delle immagini Le immagini sono informazioni continue in tre dimensioni: due spaziali ed una colorimetrica. Per codificarle occorre operare tre discretizzazioni. Due discretizzazioni spaziali

Dettagli

Convertitore analogico digitale (ADC) a n bit riceve in ingresso un segnale analogico e lo codifica in un segnale digitale a n bit

Convertitore analogico digitale (ADC) a n bit riceve in ingresso un segnale analogico e lo codifica in un segnale digitale a n bit ingressi analogici Conversione A/D Convertitore analogico digitale (ADC) a n bit riceve in ingresso un segnale analogico e lo codifica in un segnale digitale a n bit Ogni codice binario rappresenta il

Dettagli

Realizzazione siti web. I suoni

Realizzazione siti web. I suoni Realizzazione siti web I suoni Argomenti trattati I formati dei file sonori Recupero di file sonori dalla rete. Digitalizzazione di suoni da CD Audio Registrazione da microfono Inserimento di suoni in

Dettagli

Manuale d uso. rev. 270406

Manuale d uso. rev. 270406 Manuale d uso istudio rev. 270406 1 Indice Capitolo 1: istudio il convertitore di film e musica per ipod Capitolo 2: Primi passi Come fare per...5 Installazione...5 Capitolo 3: Usare istudio Impostazioni...7

Dettagli

Elementi di tecnologie digitali audio-video

Elementi di tecnologie digitali audio-video Elementi di tecnologie digitali audio-video - dispensa - a cura di Girolamo De Simone Audio analogico Uso del registratore multitraccia Collegamenti di strumenti e microfoni Audio analogico Caratteristiche

Dettagli

Il decibel. Massimiliano Salfi. salfi@dmi.unict.it

Il decibel. Massimiliano Salfi. salfi@dmi.unict.it Il decibel Massimiliano Salfi salfi@dmi.unict.it Il concetto di decibel Il concetto di decibel entra in gioco ogni volta che ci troviamo a misurare una grandezza legata alla teoria del suono. L'orecchio

Dettagli

CARATTERISTICHE GENERALI DEI SISTEMI DI TLC DIGITALI CONTENUTI

CARATTERISTICHE GENERALI DEI SISTEMI DI TLC DIGITALI CONTENUTI CARATTERISTICHE GENERALI DEI SISTEMI DI TLC DIGITALI CONTENUTI Vantaggi delle tecniche di comunicazione digitali Schema a blocchi generale sintetico di un sistema di TLC digitale La codifica di sorgente

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione La Codifica dell informazione (parte 4) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente:

Dettagli

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore Dispensa di Fondamenti di Informatica Architettura di un calcolatore Hardware e software La prima decomposizione di un calcolatore è relativa ai seguenti macro-componenti hardware la struttura fisica del

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica Dispensa 05 La rappresentazione dell informazione Carla Limongelli Ottobre 2011 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf/ La rappresentazione

Dettagli

1. Utilizzazione del lettore MP3/WMA

1. Utilizzazione del lettore MP3/WMA Come utilizzare il lettore /WMA 1. Utilizzazione del lettore /WMA Per ragioni di sicurezza, alcune funzioni sono disabilitate quando il veicolo è in moto. Tasto SOURCE MENU RECALL (RICHIAMO MENU INIZIALE)

Dettagli

Informatica. Rappresentazione binaria Per esempio +101010000 diventa +0.10101 10 18/10/2007. Introduzione ai sistemi informatici 1

Informatica. Rappresentazione binaria Per esempio +101010000 diventa +0.10101 10 18/10/2007. Introduzione ai sistemi informatici 1 Informatica Pietro Storniolo storniolo@csai.unipa.it http://www.pa.icar.cnr.it/storniolo/info200708 Numeri razionali Cifre più significative: : sono le cifre associate ai pesi maggiori per i numeri maggiori

Dettagli

Conversione analogico digitale

Conversione analogico digitale Conversione analogico digitale L elettronica moderna ha spostato la maggior parte delle applicazioni nel mondo digitale in quanto i sistemi a microprocessore sono diventati più veloci ed economici rispetto

Dettagli

Rappresentazione di informazioni con un alfabeto finito

Rappresentazione di informazioni con un alfabeto finito Rappresentazione di informazioni con un alfabeto finito Sia A = { a 1,, a k } un insieme (alfabeto) di k simboli, detti anche lettere. Quante sono le sequenze composte da n simboli (anche ripetuti) di

Dettagli

4 3 4 = 4 x 10 2 + 3 x 10 1 + 4 x 10 0 aaa 10 2 10 1 10 0

4 3 4 = 4 x 10 2 + 3 x 10 1 + 4 x 10 0 aaa 10 2 10 1 10 0 Rappresentazione dei numeri I numeri che siamo abituati ad utilizzare sono espressi utilizzando il sistema di numerazione decimale, che si chiama così perché utilizza 0 cifre (0,,2,3,4,5,6,7,8,9). Si dice

Dettagli

Conversione A/D. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/

Conversione A/D. Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Conversione A/D Corso di Misure Elettriche http://sms.unipv.it/misure/ Piero Malcovati Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di Pavia piero.malcovati@unipv.it Piero Malcovati

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni 1

Reti di Telecomunicazioni 1 Reti di Telecomunicazioni 1 Corso on-line - AA2005/06 Blocco 3 (v2) Ing. Stefano Salsano e-mail: stefano.salsano@uniroma2.it 1 Le sorgenti di traffico in una rete di TLC 2 Tipi di flussi di informazione

Dettagli

RACCOLTA ESEMPI ESAMI SCRITTI TELECOMUNICAZIONI 2013 2014

RACCOLTA ESEMPI ESAMI SCRITTI TELECOMUNICAZIONI 2013 2014 RACCOLTA ESEMPI ESAMI SCRITTI TELECOMUNICAZIONI 2013 2014 (NOTA BENE: GLI ESERCIZI E LE DOMANDE SI RIFERISCONO AL PROGRAMMA SVOLTO NELL A. A. 2013 14 E NON NECESSARIAMENTE TUTTE LE DOMANE/ESERCIZI SONO

Dettagli

Codifica dell informazione

Codifica dell informazione Codifica Cosa abbiamo visto : Rappresentazione binaria Codifica dei numeri (interi positivi, interi con segno, razionali.) Cosa vedremo oggi: Codifica dei caratteri,codifica delle immagini,compressione

Dettagli

Il Concetto di Informazione FORMALIZZAZIONE DELL INFORMAZIONE. Informazione e Codifica. Informazione e Codifica. Regole. Principio di Composizione

Il Concetto di Informazione FORMALIZZAZIONE DELL INFORMAZIONE. Informazione e Codifica. Informazione e Codifica. Regole. Principio di Composizione 2 Il Concetto di Informazione FORMALIZZAZIONE DELL INFORMAZIONE Informatica per le Discipline Umanistiche Informazione e Codifica Informazione e Codifica 3 4 il numero dieci I0 10 de il numero dieci de

Dettagli

1 - I segnali analogici e digitali

1 - I segnali analogici e digitali 1 - I segnali analogici e digitali Segnali analogici Un segnale analogico può essere rappresentato mediante una funzione del tempo che gode delle seguenti caratteristiche: 1) la funzione è definita per

Dettagli

MEMORIE MAGNETO- OTTICHE

MEMORIE MAGNETO- OTTICHE MEMORIE SECONDARIE I dati e i programmi devono essere conservati su memorie non volatili, di adeguate dimensioni e di costo contenuto. Occorre utilizzare dispositivi di memoria di massa quali ad esempio

Dettagli

COMUNICAZIONI ELETTRICHE + TRASMISSIONE NUMERICA COMPITO 13/7/2005

COMUNICAZIONI ELETTRICHE + TRASMISSIONE NUMERICA COMPITO 13/7/2005 COMUNICAZIONI ELETTRICHE + TRASMISSIONE NUMERICA COMPITO 13/7/005 1. Gli esercizi devono essere risolti su fogli separati: uno per la prima parte del compito (esercizi 1/4), uno per la seconda parte (esercizi

Dettagli

Video. Il montaggio video

Video. Il montaggio video Video Il montaggio video Giorgio Cabrini per Unicrema Anno 2011-2012 Riassunto della puntata precedente Abbiamo esaminato: Gli strumenti che possono essere usati per le riprese video (telefonino, macchina

Dettagli

Le memorie. Introduzione

Le memorie. Introduzione Le memorie Introduzione Una memoria è un sistema elettronico in grado di immagazzinare dati in forma binaria, per poi renderli disponibili ad ogni richiesta. Tale sistema è costituito da un insieme di

Dettagli

2. SINCRONIZZAZIONE (CENNI)

2. SINCRONIZZAZIONE (CENNI) 2. SINCRONIZZAZIONE (CENNI) INTRODUZIONE AL PROBLEMA DELLA SINCRONIZZAZIONE SINCRONISMO DI BIT SCRAMBLING SINCRONISMO DI FRAME INTRODUZIONE Abbiamo visto diverse tecniche in grado di convertire e di trasmettere

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

La qualità di una memoria dipende da vari parametri: Modo di accesso: tecnica utilizzata per accedere al dato (casuale, sequenziale)

La qualità di una memoria dipende da vari parametri: Modo di accesso: tecnica utilizzata per accedere al dato (casuale, sequenziale) Tipologie di memoria: Elettroniche Magnetiche Ottiche La qualità di una memoria dipende da vari parametri: Modo di accesso: tecnica utilizzata per accedere al dato (casuale, sequenziale) Tempo di accesso:

Dettagli

Componenti del Sistema di Elaborazione

Componenti del Sistema di Elaborazione Componenti del Sistema di Elaborazione Il Sistema di Elaborazione Monitor Tastiera Processore Memoria Centrale (Programmi + Dati) Memorie di massa Altre periferiche Rete Rete a.a. 2002-03 L. Borrelli 2

Dettagli

Modulazione DMT* (Discrete Multitone Modulation) sulla banda ADSL (up to 1104 KHz)

Modulazione DMT* (Discrete Multitone Modulation) sulla banda ADSL (up to 1104 KHz) LA MODULAZIONE DMT Modulazione DMT* (Discrete Multitone Modulation) sulla banda (up to 1104 KHz) Consente di suddividere la banda di trasmissione in un determinato numero di sottobande (BINS) a ciascuna

Dettagli

5 Amplificatori operazionali

5 Amplificatori operazionali 5 Amplificatori operazionali 5.1 Amplificatore operazionale: caratteristiche, ideale vs. reale - Di seguito simbolo e circuito equivalente di un amplificatore operazionale. Da notare che l amplificatore

Dettagli

Introduzione all Analisi dei Segnali

Introduzione all Analisi dei Segnali Tecniche innovative per l identificazione delle caratteristiche dinamiche delle strutture e del danno Introduzione all Analisi dei Segnali Prof. Ing. Felice Carlo PONZO - Ing. Rocco DITOMMASO Scuola di

Dettagli

Trasferimento da cassetta CBM64 a emulatore per PC

Trasferimento da cassetta CBM64 a emulatore per PC Trasferimento da cassetta CBM64 a emulatore per PC Il processo si divide essenzialmente in due passi: Registrazione digitale del segnale audio proveniente dalla cassetta Elaborazione del segnale Strumenti

Dettagli

IDENTIFICAZIONE DELLA TIPOLOGIA DI UN FILE MEDIANTE ANALISI SPETTROGRAFICA 2D

IDENTIFICAZIONE DELLA TIPOLOGIA DI UN FILE MEDIANTE ANALISI SPETTROGRAFICA 2D IDENTIFICAZIONE DELLA TIPOLOGIA DI UN FILE MEDIANTE ANALISI SPETTROGRAFICA 2D a cura del Mar. Ord. Giuseppe Finizia - Sezione Telematica - Reparto Carabinieri Investigazioni Scientifiche di Roma versione

Dettagli

Principi per la memorizzazione digitale della musica

Principi per la memorizzazione digitale della musica Principi per la memorizzazione digitale della musica Agostino Dovier Univ. di Udine, DIMI 1 Preliminari Ogni suono/rumore udibile è generato da una vibrazione. Il corpo vibrante, per essere udito deve

Dettagli

Modulo 1 Le memorie. Si possono raggruppare i sistemi di elaborazione nelle seguenti categorie in base alle possibilità di utilizzazione:

Modulo 1 Le memorie. Si possono raggruppare i sistemi di elaborazione nelle seguenti categorie in base alle possibilità di utilizzazione: Modulo 1 Le memorie Le Memorie 4 ETA Capitolo 1 Struttura di un elaboratore Un elaboratore elettronico è un sistema capace di elaborare dei dati in ingresso seguendo opportune istruzioni e li elabora fornendo

Dettagli

Operazioni Aritmetiche e Codici in Binario Giuseppe Talarico 23/01/2013

Operazioni Aritmetiche e Codici in Binario Giuseppe Talarico 23/01/2013 Operazioni Aritmetiche e Codici in Binario Giuseppe Talarico 23/01/2013 In questo documento vengono illustrate brevemente le operazioni aritmetiche salienti e quelle logiche ad esse strettamente collegate.

Dettagli

TECNICHE DI COMPRESSIONE DATI

TECNICHE DI COMPRESSIONE DATI TECNICHE DI COMPRESSIONE DATI COMPRESSIONE DATI La compressione produce una rappresentazione più compatta delle informazioni è come se si usassero meno parole per dire la stessa cosa in modo diverso. Esistono

Dettagli

ARCHITETTURA CALCOLATORI: Memoria di massa (o secondaria)

ARCHITETTURA CALCOLATORI: Memoria di massa (o secondaria) ARCHITETTURA CALCOLATORI: Memoria di massa (o secondaria) Dispositivi per la memorizzazione di grandi masse di dati. I dati memorizzati su questo tipo di memoria sopravvivono all esecuzione dei programmi

Dettagli

Lezione 2: Codifica binaria dell informazione. Codifica binaria

Lezione 2: Codifica binaria dell informazione. Codifica binaria Lezione 2: Codifica binaria dell informazione Codifica binaria Elaborazione di dati binari Materiale didattico Lucidi delle lezioni, disponibili al sito: http://wwwinfo.deis.unical.it/~irina Oppure sul

Dettagli

L AUDIO ED IL SUO TRATTAMENTO. Mauro Mancini

L AUDIO ED IL SUO TRATTAMENTO. Mauro Mancini L AUDIO ED IL SUO TRATTAMENTO DI Mauro Mancini La scheda audio Le qualità sonore del computer dipendono dalla qualità della scheda audio Ingressi ed uscite audio Dipendono dalla scheda; questi i più diffusi:

Dettagli

Lezione 21 Cenni di elettronica

Lezione 21 Cenni di elettronica Cenni di elettronica Elettronica Acquisizione dati Rivelatori di Particelle 1 Cenni di elettronica Gli apparati del giorno d oggi, sia che siano per targhetta fissa o Collider sono fatti a cipolla ( o

Dettagli

R. Cusani, F. Cuomo: Telecomunicazioni Strato Fisico: Campionamento e Multiplexing, Marzo 2010

R. Cusani, F. Cuomo: Telecomunicazioni Strato Fisico: Campionamento e Multiplexing, Marzo 2010 1 8: Strato fisico: campionamento, multiplexing FDM e TDM Dati analogici, segnali numerici 2 Per poter trasmettere un dato analogico con una trasmissione digitale è necessario trasformare il dato analogico

Dettagli

Parte II Indice. Operazioni aritmetiche tra valori rappresentati in binario puro. Rappresentazione di numeri con segno

Parte II Indice. Operazioni aritmetiche tra valori rappresentati in binario puro. Rappresentazione di numeri con segno Parte II Indice Operazioni aritmetiche tra valori rappresentati in binario puro somma sottrazione Rappresentazione di numeri con segno modulo e segno complemento a 2 esercizi Operazioni aritmetiche tra

Dettagli

Premessa. Per questo tutte le informazioni nel computer debbono essere (e sono) rappresentate in binario.

Premessa. Per questo tutte le informazioni nel computer debbono essere (e sono) rappresentate in binario. Rappresentazione delle Informazioni in un Sistema di Elaborazione Prof. Claudio Maccherani Premessa Il computer, come è noto, è basato sulla logica binaria: tutto al suo interno viene rappresentato in

Dettagli

Fondamenti di Informatica

Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Corso di Laurea in Scienze dell'educazione, 2014-15 Lorenzo Bettini http://www.di.unito.it/~bettini Informazioni generali Ricevimento studenti su appuntamento Dipartimento di

Dettagli