SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE ALL ESTERO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE ALL ESTERO"

Transcript

1 SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE ALL ESTERO ENTE Ente proponente il progetto: AMESCI Codice di accreditamento: NZ00368 Albo e classe di iscrizione: NAZIONALE I CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: Settore e area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): Servizio civile all estero - Educazione e promozione culturale (F11) Descrizione del contesto socio politico ed economico del paese o dell area geografica dove si realizza il progetto; precedente esperienza dell ente proponente il progetto nel paese o nell area geografica anche in relazione alla propria mission; presentazione dei partner esteri: La situazione politica in Bosnia-Erzegovina resta fortemente caratterizzata dalle conseguenze politiche, istituzionali e sociali del conflitto scoppiato all indomani della dichiarazione d indipendenza del 1992 e protrattosi fino al 1995, con la firma degli Accordi di Dayton mediati dagli Stati Uniti. Gli eventi politici del dopoguerra continuano ad essere segnati dall eredità lasciata da Dayton, in particolare dalla complessa architettura istituzionale che ha legittimato le divisioni lasciate dalla guerra e dalla pulizia etnica. L apparato istituzionale

2 bosniaco è costituito da molteplici livelli di governo: al di sotto di un debole stato centrale dalle scarse competenze troviamo due entità, la Federazione di Bosnia Erzegovina (FBiH) a maggioranza bosniaca e croata, la Repubblica Serba di Bosnia (Republika Srpska - RS), dominata quasi esclusivamente dai serbi, il distretto autonomo di Brcko e il livello municipale. Le due entità possiedono la maggior parte dei poteri che di solito vengono esercitati a livello centrale, anche se la Federazione a differenza della RS è a sua volta suddivisa in dieci cantoni: cinque a maggioranza bosniaca, due a maggioranza croata e tre misti. Una dinamica che da qualche anno ha caratterizzato la Bosnia è l accresciuto coinvolgimento dell Unione Europea nel processo di transizione; a fronte di un certo affaticamento dei più tradizionali donors, è stata individuata una exit strategy della comunità internazionale proprio nella entry strategy nella galassia comunitaria. Bruxelles ha inserito pienamente la Bosnia-Erzegovina nel Processo di stabilizzazione e associazione, avendo fede che le condizionalità all avvicinamento all Unione potessero funzionare dove altri interventi volti al rafforzamento dello stato centrale avevano fallito. Nonostante gli indiscutibili successi, come la ricostruzione di larghissima parte delle infrastrutture distrutte dal conflitto e il ritorno di metà dei rifugiati, la Bosnia-Erzegovina si trova ancora nel mezzo di una duplice transizione: da un lato il passaggio da un economia dirigista a una di mercato, dall altro la fase post-conflitto, che continua a lanciare un ombra sinistra sull integrità dello stato. In una realtà che resta tra le più povere dei Balcani occidentali, e in cui il PIL è ancora al di sotto dei suoi livelli d anteguerra, l assenza di una stabilità istituzionale e la mancata collaborazione tra stato ed entità (e tra queste ultime) fa da amplificatore alla difficile situazione socio-economica del paese. Infatti si segnala ancora un economia di sussistenza con larghe sacche di povertà e con una disoccupazione superiore al 40%. Le imprese pubbliche sono generalmente inefficienti e non sono arrivati finora grandi investimenti stranieri a causa dell instabilità e del groviglio di poteri e competenze che rende difficile ogni iniziativa. Gravi sono i problemi di carattere sociale dovuti principalmente alla mancanza di un occupazione stabile; stipendi e pensioni vengono pagati con mesi e mesi di ritardo, e comunque non coprono il costo della vita ed al collasso del sistema pubblico di servizi legati alla salute ed all educazione. La scarsa assistenza sanitaria, il degrado ambientale e l inquinamento, insieme con gli effetti sociali ed economici dovuti alla transizione, hanno reso fasce specifiche della popolazione (soprattutto i bambini, i giovani e gli anziani, i profughi e sfollati) particolarmente svantaggiate. La questione dell esodo delle giovani generazioni dal Paese, causato dalla scarsa offerta lavorativa e dal degrado culturale, è oggi considerato dal mondo associativo e insieme dalle istituzioni, soprattutto a livello locale, un dato preoccupante per lo sviluppo locale: frena il ricambio generazionale nelle leadership istituzionali e della comunità, non aiuta la vertenza delle realtà maggiormente impegnate nell affermazione dei diritti per garantire una maggiore apertura democratica alla guida del Paese per le varie etnie e anche per le minoranze, a partire dalla realizzazione della riforma del sistema scolastico di

3 garanzia ad un istruzione adeguata per tutti. La popolazione bosniaca è, oggi, infatti solamente di abitanti (e le prospettive non sono rosee: secondo un rapporto dell'onu, essa finirà per dimezzarsi nell'arco dei prossimi cinquant'anni): più o meno il livello che essa aveva raggiunto nel Precedente esperienza dell ente proponente il progetto nel paese o nell area geografica anche in relazione alla propria mission Il progetto si svolge in Bosnia Erzegovina come intervento sui temi della educazione e promozione culturale della società civile: le attività sono inserite nel contesto di un programma di partnership che da marzo 2012 coinvolge Amesci e Udruzenje Most in numerose iniziative realizzate in entrambi i paesi. Nello specifico possiamo segnalare la realizzazione a novembre 2012 del progetto Y.A.P. Youth Active Participation, realizzato nell ambito dell azione del Programma Gioventù in Azione e che ha visto la partecipazione di una delegazione Bosniaca per la definizione di linee strategiche di intervento per favorire il protagonismo e la partecipazione dei giovani ai processi decisionali inerenti politiche locali di loro interesse. La realizzazione di una campagna sulla cittadinanza europea che, tra marzo e maggio 2013, ha visto la realizzazione di 12 interventi presso le scuole di Gradiška e Banja Luka, realizzata con il patrocinio della DG Enlargement. La realizzazione a ottobre 2013 di un Training course TC Facilitator tool box per il trasferimento di competenze utili per youth workers e trainers che lavorano per la facilitazione dei processi organizzativi di gruppi di giovani. Nello specifico le azioni condotte in questi anni hanno visto in totale il coinvolgimento di 8 giovani rappresentanti dell associazionismo locale che hanno acquisito competenze utili alla facilitazione di gruppi e di circa 150 ragazzi che hanno partecipato alle iniziative realizzate all interno degli istituti scolastici del territorio. Presentazione del partner estero L Associazione Most è un organizzazione non governativa, non-profit che si concentra sullo sviluppo e il rafforzamento delle iniziative civili e della società civile all'interno della comunità locale sul principio dello sviluppo sostenibile, e attraverso sforzi attivi e responsabili all'interno della vita sociale della comunità locale. I principi di sviluppo sostenibile ci hanno portato alla creazione di tre aree di attività: Programmi per la gioventù, Programma Ambientale e Sviluppo Locale. I programmi per la gioventù si concentrano principalmente sull'educazione non formale. Le attività formative organizzate coprono un'ampia gamma di tematiche che aiutano i giovani interessati a diventare più attivi nella società civile, competitivi sul mercato del lavoro e aumentare così la loro occupabilità. Un altro aspetto importante del lavoro svolto è l'apprendimento interculturale. Anche se si agisce localmente, si cerca sempre di coinvolgere i partner internazionali in tutto il processo di attuazione, dal momento che aumenta non solo il valore complessivo delle attività svolte, ma anche le opportunità di

4 mobilità per i giovani della comunità locale che sono molto limitate. Nel corso degli anni l'organizzazione ha assunto il ruolo di leader tra le organizzazioni della società civile nel Comune di Gradiška, divenendo anche membro di diverse reti nazionali e internazionali candidandosi come motore trainante per lo sviluppo delle opportunità di cittadinanza per i giovani. Descrizione dell area di intervento e del contesto territoriale entro il quale si realizza il progetto con riferimento a situazioni definite, rappresentate mediante indicatori misurabili; identificazione dei destinatari e dei beneficiari del progetto: Il Comune di Gradiška si trova nella parte occidentale della Repubblica Srpska e si diffonde sulla sua parte centro-settentrionale. Si compone di una parte in pianura Lijevče, ai piedi della parte settentrionale del Potkozarje e più piccola parte di montagna con Kozara e Prosara. La parte urbana del comune Gradiška confina con la vicina Repubblica di Croazia, dove si trova il più grande valico di frontiera in Bosnia-Erzegovina. Il Comune di Gradiška insieme ai comuni limitrofi (Laktaši, Srbac e Kozarska Dubica), è una delle aree più sviluppate della Repubblica di Srpska. L accesso diretto al fiume Sava, l'apertura naturale al corridoio del ''Sava'' e l'apertura attraverso la montagna dell'entroterra a sud verso l Adriatico da a Gradiška una posizione geografica strategica. Gradiška è a 50 km da Banja Luka, a 280 km da Belgrado (Serbia) e 130 km da Zagabria (Croazia). Gradiška è attraversata dal fiume Sava dalla sua parte settentrionale per una lunghezza di 57,6 km. Secondo l'ultimo censimento della popolazione, che è stato condotto nel 2013, il Comune ha abitanti, dei quali vivono nell'area urbana, mentre il resto popola le aree rurali intorno alla città stessa. Non sono stati ufficializzati dati relativi alla divisione della popolazione per fasce d età. Come nel resto del Paese, il tasso di disoccupazione è alto, oltre il 40% (ICE, 2010), e ciò presenta il problema più grande per la città e della regione. Per quanto riguarda la presenza di organizzazioni della società civile in Gradiška, si possono contare circa 30 organizzazioni (che operano in diverse aree: dallo sport al lavoro giovanile, dalla cultura alle associazioni di genere, dalle associazioni rivolte alle minoranze etniche a quelle dei veterani di guerra (dalla II guerra mondiale a quella degli anni 90) ma solo 8 di queste risultano attive. La diretta conseguenza di ciò ricade sul coinvolgimento dei giovani nei processi di sviluppo locale. Rispetto alla tipologia degli istituti scolastici che insistono sullo stesso territorio del nostro intervento possiamo indicare 3 Istituti superiori in Gradiška: un Ginnasio, 1 Istituto Tecnico, 1 Istituto Professionale e Tecnico. - Ginnasio (4 anni di istituto superiore) preparazione di base per studenti che entreranno all Università. Attualmente ha 607 studenti iscritti. - Istituto Tecnico (3 oppure 4 anni) educazione e formazione su differenti

5 specializzazioni (Tecnico Informatico, Tecnico Meccanico, Saldatore, Riparatore auto, idraulico installatore, etc). Attualmente ha 668 studenti iscritti. - Istituto Professionale e Tecnico (3 oppure 4 anni) formazione per tecnici agronomi, tecnici alimentari, tecnici di economia, tecnici turistici, etc. Attualmente ha 675 studenti iscritti. Il Comune di Gradiška come comunità locale, ai sensi della Legge sulle autonomie locali, si occupa di temi di interesse locale, che non sono esclusi dalla sua autorità, né sono assegnati a qualsiasi altro livello di governo. Le attività indipendenti realizzate dal Comune sono: l'adozione di programmi di sviluppo del comune, lo sviluppo di piani territoriali, urbani e di attuazione, l'adozione del bilancio e del bilancio consuntivo, la regolamentazione, la fornitura e l'uso di terreni edificabili e di spazi commerciali, organizzazione della polizia comunale, compiti di vigilanza e di controllo, la gestione e la disponibilità dei beni del Comune, l istituzione degli organismi comunali, le organizzazioni e i servizi. Inoltre svolge funzioni specifiche in materia di cultura, istruzione, sport, ecologia, salute e il benessere sociale, la protezione civile, l'informazione, l'artigianato ed il turismo. Oggi in questa realtà c è bisogno di sostenere un processo di partecipazione che sia condiviso dalla popolazione civile e che possa creare efficaci sinergie tra il pubblico e il privato sociale. In questa prospettiva e con queste finalità Amesci negli ultimi due anni ha avviato una serie di iniziative in partenariato con l Associazione Most finalizzate al rafforzamento delle strategie di sostegno alle reti civiche e associative programmando anche interventi di formazione e di scambio sui temi della partecipazione giovanile e dell empowerment attraverso lo sviluppo di competenze. Si intende promuovere la partecipazione attiva dei cittadini alla costruzione del processo democratico del proprio paese (Bosnia Erzegovina) attraverso attività che valorizzino il ruolo dell associazionismo nel creare politiche che lottino l esclusione sociale promuovendo per i giovani opportunità di occupazione nei settori del volontariato e dell impresa sociale. Il progetto risulterebbe una naturale conseguenza ed evoluzione del percorso avviato nel 2012 e che si inserisce pienamente nella mission di Amesci e di Most. Inoltre in Bosnia Erzegovina si è avviata una fase di confronto e discussione sui temi della partecipazione attiva da parte di un coordinamento di associazioni diffuse nel territorio alcune delle quali fanno riferimento a Most. In particolare, nella città di Gradiška, sede del progetto che vedrà l azione dei volontari in servizio civile, sta avviando un coordinamento territoriale tra il Comune, gli istituti scolastici e le principali associazioni di promozione culturale attivando un gruppo di osservazione per lo sviluppo locale riferito alle tematiche della partecipazione attiva dei giovani. Per le nuove generazioni balcaniche è essenziale recuperare il senso di appartenenza sociale e culturale al proprio Paese ed anche sentirsi parte integrante di un percorso di crescita internazionale sui temi dei diritti: questo li aiuta ad uscire da quell isolamento che alimenta il

6 INTERNO ESTERNO loro esodo e la fuga delle proprie comunità. In questo contesto può essere determinante un percorso, come il nostro progetto, che rafforzi la formazione e sostenga l associazionismo in Bosnia Erzegovina. Per questi fattori è stata individuata Gradiška dove avviare un esperienza pilota di sviluppo di iniziative per l educazione e la promozione culturale. Pur essendo un esperienza pilota, ci si candida ad avere un ruolo che rivendichi il sostegno a quei programmi per i giovani che vivono situazioni di disagio dovute a disoccupazione ed esclusione sociale ed emarginazione. Punti di forza ANALISI SWOT Istituti scolastici e insegnanti sensibili ad attivare workshop di progettazione sociale in partenariato con soggetti pubblici e privati; Strutture disponibili ad accogliere attività per il coinvolgimento dei giovani; Amministratori locali interessati ad attivare percorsi di dialogo strutturato per la definizione delle politiche per i giovani; Giovani interessati a formazione e sviluppo delle opportunità di occupazione. Minacce Risorse pubbliche per l attivazione di progetti; Alleanze politiche instabili; Rallentato processo di integrazione europea. Punti di debolezza Disoccupazione giovanile in aumento; Approccio assistenziale delle politiche rivolte a fasce deboli della popolazione; Accentramento amministrativo delle politiche settoriali per lo sviluppo del territorio. Giovani non coinvolti nei processi di sviluppo locale. Opportunità Istituzioni interessate a sviluppare azioni di educazione e promozione culturale; Iniziative di mobilità educativa internazionale per i giovani; Creazione di network internazionali frutto dei programmi EU transfrontalieri. Destinatari e beneficiari del progetto: In armonia con le finalità e le attività del progetto, si sono individuati i seguenti: Destinatari diretti delle attività (target group): 20 associazioni giovanili e di promozione culturale

7 10 imprese sociali giovanili 20 giovani (under 35) in cerca di occupazione residenti a Gradiška Beneficiari finali (d. indiretti): Sono più in generale beneficiari indiretti del progetto, le famiglie di appartenenza dei destinatari; le istituzioni territoriali, in quanto potranno contare su maggiori risorse educative e culturali e l intera comunità di riferimento.

8 1) Obiettivi del progetto: OBIETTIVO GENERALE Associazionismo educativo e di promozione culturale rafforzato in Bosnia Erzegovina per aumentare la partecipazione dei giovani ai processi democratici di sviluppo territoriale. Indicatori Numero e della qualità delle associazioni giovanili e di promozione culturale in Bosnia Erzegovina (crescita almeno del 10%); Numero di percorsi per lo sviluppo dell associazionismo, attivati entro 6 mesi dalla fine del progetto (almeno 2); Numero di progetti realizzati (crescita almeno del 10%); Numero dei volontari coinvolti nelle associazioni in Gradiška (aumento almeno del 10%); Numero delle azioni di sviluppo di impresa sociale giovanile (aumento almeno del 10%). Fonti L OLP ed i tutor locali saranno supportati dai volontari in servizio civile all estero per monitorare e aggiornare le fonti decisive per la valutazione dei risultati de progetto. Le fonti sono: - Report annuale delle associazioni presenti in Gradiška; - Dati del Comune di Gradiška; - Dati delle Istituzioni e dei Ministeri di riferimento della Bosnia Erzegovina; - Bilanci delle attività delle imprese sociali attivate; OBIETTIVI SPECIFICI Obiettivo 1 Risultati attesi Indicatori Favorita la nascita ed il potenziamento di associazioni e imprese sociali aumentando le competenze dei rispettivi operatori garantendo maggiore efficacia nelle strategie di inclusione e partecipazione dei giovani. Costituzione di nuove associazioni e imprese sociali e maggiore coinvolgimento di quelle esistenti Maggiori competenze delle persone coinvolte nelle organizzazioni no-profit e delle imprese sociali. Maggiori opportunità e progetti finalizzati all inclusione dei giovani Obiettivo 2 Risultati attesi Indicatori Numero di associazioni Numero di imprese sociali Numero dei volontari impegnati nelle organizzazioni Numero delle azioni di sviluppo di impresa sociale giovanile; Numero eventi di formazione; Numero di progetti; Bilancio e report delle attività delle associazioni e delle imprese sociali;

9 Migliorato l accesso delle organizzazioni no-profit a network di educazione e promozione culturale. Adesione delle associazioni di Gradiška nei network europei Aumento delle opportunità di mobilità educativa internazionale dei giovani Numero di organizzazioni che aderiscono ai network Numero delle opportunità di mobilità Precisiamo che, oltre agli obiettivi sopradescritti, il progetto offre l opportunità ai volontari in servizio civile di sviluppare una coscienza ed una conoscenza dei doveri di solidarietà sociale e di cittadinanza attiva attraverso i momenti formativi che svolgeranno nei dodici mesi. Descrizione del progetto e tipologia dell intervento che definisca in modo puntuale le attività previste dal progetto con particolare riferimento a quelle dei volontari in servizio civile nazionale, nonché le risorse umane dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo Il progetto intende sviluppare azioni finalizzate al miglioramento dell associazionismo giovanile attraverso l educazione e la promozione culturale. Gli obiettivi sono il frutto di una concertazione che ormai dal 2012 coinvolge in modo sinergico il nostro partenariato e le rispettive comunità locali. I risultati attesi saranno raggiunti attraverso una serie di attività formative, pratiche e di confronto ed attivando buone prassi e strategie che possano valorizzare a livello locale il ruolo delle organizzazioni no-profit. 9.1 Complesso delle attività previste per il raggiungimento degli obiettivi Il progetto seguirà la seguente tempistica ed il seguente flusso di programma: Step 1 Step 2 Step Step 1 in Italia: formazione generale di servizio civile erogata da AMESCI, formazione specifica e periodo di lavoro in sede nazionale periodo 1 mese. Step 2 in Bosnia Erzegovina: breve percorso di formazione complementare del percorso avviato in Italia con un focus sugli aspetti locali. Definizione e avvio delle attività dei volontari previste nelle singole fasi periodo 10 mesi. Step 3 in Italia: verifica e valutazione dell esperienza vissuta in Bosnia Erzegovina, affiancamento per la ricognizione delle competenze acquisite e facilitazione di un follow-up costruito sulla base dell esperienza maturata periodo 1 mese. Le attività previste dal progetto in relazione agli obiettivi indicati ed ai risultati

10 attesi possono essere raggruppate nelle seguenti tre aree: 1. SUPPORTO IMPRESA SOCIALE e ASSOCIAZIONI: Si provvederà a realizzare un esperienza pilota finalizzata alla costruzione e gestione di un punto di supporto e orientamento all imprenditorialità giovanile e per la promozione dell associazionismo che punti a individuare risorse per la trasformazione delle idee attraverso i fondi di sviluppo locale. Saranno utilizzate le esperienze delle imprese sociali e delle associazioni anche attraverso la condivisione e la collaborazione con le istituzioni ed i servizi del Comune di Gradiška. Il punto di orientamento sarà in grado di offrire percorsi di formazione destinati agli operatori delle associazioni locali. Sarà utilizzato anche il portale per veicolare i moduli formativi. Si prevedono 4 corsi di formazione volti a fornire strumenti per la creazione di imprese e associazioni e per un efficace management di quelle esistenti. Sarà inoltre oggetto di formazione lo sviluppo di capacità di fund-raising e autofinanziamento. 2. NETWORK: Si provvederà a creare un portale (www.connet.eu) che possa divenire uno spazio dinamico per rafforzare ed ampliare partenariati sia tra i diversi paesi che a livello locale in Bosnia Erzegovina, facilitando il confronto tra le diverse realtà aumentando le prospettive di progettualità comuni. 9.3 Ruolo ed attività previste per i volontari nell ambito del progetto Le attività specifiche previste per i volontari in servizio civile sono: 1. SUPPORTO IMPRESA SOCIALE e ASSOCIAZIONI: Monitoraggio dei bisogni formativi attraverso un analisi dei progetti fin ora realizzati, interviste ai soggetti target, visite alle strutture pubbliche settoriali e alle realtà private coinvolte nel progetto; Creazione e aggiornamento banca dati e verifica sul campo della presenza di associazioni nell area di Gradiška attraverso al realizzazione di interviste ai referenti delle organizzazioni per la definizione di un report delle attività; Ricerca delle leggi e delle misure di finanziamento collegate al tema delle politiche giovanili e dell impresa sociale in Bosnia Erzegovina e Italia; Raccolta delle buone prassi (in atto o realizzate) da altre associazioni in riferimento ai temi d interesse del progetto;

11 Accoglienza degli utenti al punto di orientamento; Gestione e registrazione delle schede utenti; Supporto organizzativo per i corsi di formazione; Reporting delle varie fasi di queste attività. 2. NETWORK: I volontari in servizio civile saranno coinvolti nella gestione di alcune specifiche azioni in riferimento al portale che prevedono: Aggiornamento della sezione news (ricerca delle principali notizie collegate al tema delle politiche giovanili di carattere internazionale); Aggiornamento della sezione community (animazione di focus tematici); Mailing; Aggiornamento della sezione partner ; Aggiornamento e promozione della sezione opportunità di mobilità educativa internazionale ; Aggiornamento della sezione partner search ; Reporting delle varie fasi di queste attività. Numero dei volontari da impiegare nel progetto: Modalità di fruizione del vitto e alloggio: 4 I volontari saranno accolti in un alloggio situato nel centro di Gradiska che presenta condizioni di full confort. L alloggio è situato nei pressi degli uffici della organizzazione Most e quindi la sede è raggiungibile senza l impiego di mezzi pubblici. I volontari riceveranno mensilmente un budget che autogestiranno per il vitto. Numero posti senza vitto e alloggio: 0 Numero ore di servizio settimanali dei volontari, ovvero monte ore annuo: 1400 Giorni di servizio a settimana dei volontari (minimo 5, massimo 6): 5

12

13 CARATTERISTICHE ORGANIZZATIVE Particolari condizioni di rischio per la realizzazione del progetto connesse alla situazione politica e sociale esistente nell area d intervento prescelta: In Bosnia Erzegovina in 16 anni si sono succeduti conflitti civili interni e sanguinose guerre che si sono, di fatto, concluse con gli accordi di Dayton della fine del All oggi, pur con una caratterizzante situazione di instabilità politica delle coalizioni di Governo, vi è una situazione generale che non apre scenari di altre guerre immediate. Il progetto prevede attività per i volontari che escludono gravi o anche minime condizioni di rischio. Inoltre la presenza dei referenti locali li accompagnerà costantemente. In ogni caso, è garanzia per il personale impegnato a vario titolo nei progetti delle organizzazioni la comunicazione ufficiale della presenza all Ambasciata Italiana in loco i cui uffici gestiscono le attività inerenti al rientro dei connazionali in Italia in caso di pericolo. Per altri versi c è la possibilità che i volontari possano avere difficoltà ad incontrare persone a causa della barriera linguistica, consideriamo questo rischio trascurabile in quanto molte persone parlano correntemente inglese. Inoltre, il volontariato, pur vivendo con altre 3 persone dello stesso paese, può sentire lo shock culturale o nostalgia di casa, vivendo in un contesto di vita con abitudini diverse come per esempio possono avere difficoltà con le abitudini alimentari ecc.. Non c'è un vero modo per evitare del tutto lo shock culturale, ma per quanto riguarda il clima, l'ambiente e il temperamento della gente in Bosnia Erzegovina, non dovrebbe essere così difficile l adattamento per gli italiani. Accorgimenti adottati per garantire i livelli minimi di sicurezza e di tutela dei volontari a fronte dei rischi evidenziati al precedente punto 16) e di quelli sanitari: I volontari saranno, come indicato precedentemente, monitorati nel lavoro quotidiano e seguiti dal referente locale di progetto che faciliterà il loro contatto con gli altri e ne garantirà la sicurezza. I volontari di servizio civile quindi trascorreranno del tempo con gli operatori e con altri volontari dell'organizzazione e lentamente formeranno un gruppo di persone che trascorre del tempo insieme aumentando le probabilità di incontrare altre persone. Quindi, non si sentiranno soli e l inserimento nel modo della vita locale diventerà così più facile. Particolari condizioni di disagio per i volontari connesse alla realizzazione del progetto: Non ce ne sono. Se i volontari provengono da grandi città, forse potranno avere difficoltà ad accettare un periodo lungo di permanenza in una piccola città con pochi eventi culturali e non tanti posti da visitare. La città più grande è Banja Luka (circa 49 km da Gradiška). Ad ogni modo sia le connessioni urbane sia la

14 sistemazione logistica hanno standard assolutamente accettabili.

15 Modalità di comunicazione della presenza dei volontari all autorità consolare o diplomatica italiana presso il paese in cui si realizza il progetto: Via lettera all Ambasciata d Italia a Sarajevo Modalità di collegamento e comunicazione con la sede italiana dell ente proponente il progetto assicurata ai volontari: Gli uffici di Udruzenje Most sono dotati di telefono, fax e connessione internet disponibili per lo staff degli operatori e per i volontari. Sono state individuate delle procedure di comunicazione per i volontari in servizio civile all estero: - settimanale per descrivere lo stato di attuazione del progetto e per la comunicazione di eventuali difficoltà riscontrate da parte dei volontari nel lavoro e nell inserimento culturale; - Comunicazione skype 2 volte al mese per attivare un confronto con l OLP in Italia. Modalità e tempi di eventuali rientri in Italia dei volontari durante il periodo di permanenza all estero: Circa le modalità ed i tempi di eventuali rientri in Italia dei volontari durante il periodo di permanenza all estero, si stabilisce: 20 giorni di riposo da concordare con il proponente in base alle esigenze della missione; Eventuali rientri dovuti a malattie, motivi familiari o altri casi particolari; Partenza a 30 giorni dall inizio del progetto; rientro 30 giorni prima della sua conclusione per la valutazione finale e il bilancio delle competenze. Criteri e modalità di selezione dei volontari: Sistema Certificato UNI EN ISO 9001:2008 Cert. N. LRC Di seguito si riporta uno estratto del Sistema di Reclutamento e Selezione adeguato al 31 luglio 2009 e approvato dall UNSC con det. n 91 in data I Febbraio 2010 cui per ogni eventuale approfondimento si rimanda alla consultazione sul sito CONVOCAZIONE La convocazione avviene attraverso il sito internet dell ente con pagina dedicata contenente il calendario dei colloqui nonché il materiale utile per gli stessi (bando integrale; progetto; procedure selettive, etc.); Presso le sedi territoriali di AMESCI è attivato un front office finalizzato alle informazioni specifiche ed alla consegna di modulistica, anche attraverso servizio telefonico e telematico. SELEZIONE Controllo e verifica formale dei documenti; Esame delle domande e valutazione dei titoli con le modalità di seguito indicate e con i seguenti criteri di selezione che valorizzano in generale: - le esperienze di volontariato;

16 - le esperienze di crescita formative - le capacità relazionali; - l interesse del candidato. Valutazione dei titoli massimo 50 punti Precedenti esperienze MAX 30 PUNTI Titoli di studio, esperienze aggiuntive e altre conoscenze MAX 20 PUNTI Precedenti esperienze massimo 30 punti Periodo massimo valutabile per singola esperienza: 12 mesi. Precedenti esperienze c/o enti che realizzano il progetto Coefficiente 1,00 (mese o frazione di mese superiore o uguale a 15 gg.) Precedenti esperienze nello stesso settore del progetto c/o enti diversi da quello che realizza il progetto Coefficiente 0,75 (mese o frazione di mese superiore o uguale a 15 gg) Precedenti esperienze in un settore diverso c/o ente che realizza il progetto Coefficiente 0,50 (mese o frazione di mese superiore o uguale a 15 gg.) Precedenti esperienze in settori analoghi c/o enti diversi da quello che realizza il progetto Coefficiente 0,25 (mese o frazione di mese superiore o uguale a 15 gg.) MAX 12 PUNTI MAX 9 PUNTI MAX 6 PUNTI MAX 3 PUNTI Titolo di studio massimo 8 punti (si valuta solo il titolo più elevato) Laurea (vecchio ordinamento oppure 3+2) Laurea triennale Diploma scuola superiore Frequenza scuola media Superiore 8 PUNTI 7 PUNTI 6 PUNTI FINO A 4 PUNTI (1 PUNTO PER OGNI ANNO CONCLUSO) Titoli professionali massimo 4 punti (si valuta solo il titolo più elevato) I titoli professionali sono quelli rilasciati da Enti pubblici o Enti di formazione professionale accreditati presso le Regioni Titolo completo Non terminato 4 PUNTI 2 PUNTI Esperienze aggiuntive a quelle valutate massimo 4 punti (si valuta solo il titolo più elevato) (per esempio: stage lavorativo, animatore di villaggi turistici, attività di assistenza ai bambini durante il periodo estivo, etc.) Di durata superiore a 12 mesi Di durata inferiore a 12 mesi 4 PUNTI 2 PUNTI Altre conoscenze massimo 4 punti (si valuta 1 punto per ogni titolo, sino ad un massimo di 4) - per esempio: specializzazioni universitarie, master, conoscenza di

17 una lingua straniera, informatica, musica, teatro, pittura, ecc ). Attestati o autocertificati 1 PUNTO I candidati effettueranno, secondo apposito calendario pubblicato sul sito web dell ente, un colloquio approfondito su: servizio civile, progetto e curriculum personale (con particolare riguardo alle precedenti esperienze di volontariato e lavorative nel settore specifico del progetto e non), al fine di avere un quadro completo e complessivo del profilo del candidato, delle sue potenzialità, delle sue qualità e delle sua attitudini, oltre ad una breve autopresentazione da parte del candidato. COLLOQUIO MAX 60 PUNTI Il colloquio consiste in una serie di 10 domande, ognuna con punteggio da 0 a 60, riportate sul sito La somma di tutti i punteggi assegnati al set di domande diviso il numero delle domande dà come esito il punteggio finale del colloquio. L idoneità a partecipare al progetto di servizio civile nazionale viene raggiunta con un minimo di 36 PUNTI al colloquio. La fase di selezione è costantemente verificata da un Garante nominato dal responsabile del Servizio Civile Nazionale; REDAZIONE E PUBBLICAZIONE DELLA GRADUATORIA FINALE Al termine delle selezioni si procederà alla pubblicazione on-line della graduatoria. Eventuali requisiti richiesti ai canditati per la partecipazione al progetto oltre quelli richiesti dalla legge 6 marzo 2001, n. 64: Buona conoscenza parlata e scritta della lingua inglese.

18 CARATTERISTICHE DELLE CONOSCENZE ACQUISIBILI Eventuali crediti formativi riconosciuti: NO Eventuali tirocini riconosciuti: NO Competenze e professionalità acquisibili dai volontari durante l espletamento del servizio, certificabili e validi ai fini del curriculum vitae: Durante l espletamento del servizio, i volontari che parteciperanno alla realizzazione di questo progetto acquisiranno le seguenti competenze utili alla propria crescita professionale: competenze tecniche (specifiche dell esperienza vissuta nel progetto, acquisite in particolare attraverso il learning by doing accanto agli Olp e al personale professionale): attività educative e formative per giovani, tecniche di orientamento al lavoro, costruzione database, monitoraggio e supervisione progettuale, creazione campagne di comunicazione, gestione rapporti mass media,conoscenze culturali della Bosnia Erzegovina, socio-economiche, religiose, politiche del territorio; competenze cognitive (funzionali ad una maggiore efficienza lavorativa e organizzativa): capacità di analisi, ampliamento delle conoscenze, capacità decisionale e di iniziativa nella soluzione dei problemi (problem solving); competenze sociali e di sviluppo (utili alla promozione dell organizzazione che realizza il progetto ma anche di se stessi): capacità nella ricerca di relazioni sinergiche e propositive, creazione di reti di rapporti all esterno, lavoro all interno di un gruppo, capacità di mirare e mantenere gli obiettivi con una buona dose di creatività; competenze dinamiche (importanti per muoversi verso il miglioramento e l accrescimento della propria professionalità): competitività come forza di stimolo al saper fare di più e meglio, gestione e valorizzazione del tempo di lavoro, ottimizzazione delle proprie risorse. Tali competenze, elaborate secondo gli standard europei delle UCF (Unità Formativa Capitalizzabile), sono riconosciute e certificate da Medimpresa, associazione nazionale delle piccole e medie imprese, nell ambito di uno specifico accordo, relativo al presente progetto (in allegato)

19 Formazione generale dei volontari Sede di realizzazione: Sede di realizzazione del progetto e/o sede territoriale Amesci Modalità di attuazione: In proprio, presso le sedi indicate al precedente punto 37, con formatori Amesci. Amesci si riserva di avvalersi di esperti, secondo quanto contemplato dal paragrafo 2 delle Linee guida per la formazione generale dei giovani in servizio civile nazionale. Tecniche e metodologie di realizzazione previste: Sistema Certificato UNI EN ISO 9001:2008 Cert. N. LRC Amesci sostiene la necessità di mettere in campo, sul piano metodologico, risorse formative centrate sull attivazione dei volontari, in grado di assicurare loro una corresponsabilità nelle modalità e nelle forme del proprio apprendimento, all interno di ambienti e approcci didattici volti appunto a fare leva sul personale contributo di ogni volontario. La nostra idea è quella di una formazione blended, che alterni i differenti setting formativi messi a disposizione nelle Linee guida per la formazione generale dei giovani in servizio civile nazionale. Nello specifico si utilizzerà: formazione in aula, eventualmente avvalendosi di esperti delle varie materie trattate per 13 ore complessive; formazione dinamica in role playing, outdoor training, wrap around su: team building, team work, problem solving, comunicazione attiva e per le attività collaborative per 18 ore complessive; e-learning per 14 ore complessive. Contenuti della formazione: La formazione generale prevista per il progetto si articola nei seguenti moduli: A come Amesci: La presentazione dell associazione Valori e identità del SCN Dall'obiezione di coscienza al servizio civile nazionale: La storia dell'obiezione di coscienza e l'itinerario storico che ha portato alla istituzione del Servizio Civile. Approfondimento su Don Lorenzo Milani. Adempimento del dovere di difesa della patria: L'adempimento del dovere di difesa della patria è un dettato costituzionale e riguarda tutti i cittadini senza distinzioni di sesso, età, reddito, idee e religione. Si spiega

20 come è stato interpretato e come si è evoluto nel corso della storia della nostra Repubblica. La difesa civile non armata e non violenta: Il concetto di difesa civile non armata e non violenta ha una lunga storia e una grande diffusione, come si è sviluppato e quale è la situazione attuale in Italia. Normativa vigente e carta di impegno etico del SCN: Le norme che governano il Servizio Civile. Si mira alla comprensione del contesto in cui si è sviluppato e funziona il Servizio Civile, oltre a fornire ai volontari una base per il rapporto con l ente. Formazione civica e forme di cittadinanza: Diventare cittadini consapevoli, attivi e solidali con i meno fortunati è uno degli obiettivi che si pone il Servizio Civile, è opportuno quindi per ogni volontario conoscere i fondamenti giuridici della cittadinanza e della convivenza, non solo per quanto riguarda il nostro paese, ma anche per quanto riguarda l'unione Europea. Per Amesci, il Servizio Civile è anche educazione alla legalità. Importante per conoscere le origini e la storia della criminalità organizzata e delle mafie in generale, per riconoscere i protagonisti della lotta contro questi fenomeni e sapere come la partecipazione e la cittadinanza attiva siano un modo concreto di combattere la criminalità. Servizio civile, associazionismo e volontariato:tre parole chiave dell impegno dei ragazzi e delle ragazze in SCN. Si chiariscono rapporti e dimensioni delle realtà illustrate. Elementi di protezione civile: Conoscere come funziona ed è strutturato il Servizio Nazionale di Protezione Civile non è semplicemente una formalità per il volontario SCN, c'è un forte collegamento tra l'impegno, la responsabilità, il senso di cittadinanza e di difesa della patria richieste volontario (ma anche ad ogni cittadino) e il fatto di sapere quali comportamenti tenere in caso di emergenza. Le leggi istitutive della protezione Civile e i regolamenti che governano il rapporto tra la protezione civile ed il volontariato. L organizzazione del servizio civile e le sue figure Disciplina dei rapporti tra enti e volontari del servizio civile nazionale (DPCM 4 febbraio 2009 e successive modifiche) La rappresentanza dei volontari in Servizio Civile Nazionale Lavoro per progetti: Si chiarisce cosa si intende con la definizione "lavoro per progetti", attraverso un percorso che parte dal setting formativo del progetto di Servizio civile per giungere all identificazione e al trasferimento del concetto di meta competenze Comunicazione interpersonale e gestione dei conflitti Durata: 45 ore (Tutte le ore di formazione saranno erogate entro il 180 giorno dall avvio del progetto) Formazione specifica (relativa al singolo progetto) dei volontari

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: GIARDINO BRANCACCIO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Educazione e Promozione culturale: 01 Centri di aggregazione (bambini, giovani, anziani):

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE Ente proponente il progetto: ADOC Codice di accreditamento: NZ01079 Albo e classe di iscrizione: NAZIONALE I CARATTERISTICHE

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione dei progetti di servizio civile nazionale da realizzare

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE Ente proponente il progetto: O.N.M.I.C. - Opera Nazionale Mutilati Invalidi Civili- Codice di accreditamento: NZ01189 Albo e

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Elementi di progettazione europea

Elementi di progettazione europea Elementi di progettazione europea Il partenariato internazionale Maria Gina Mussini - Project Manager Progetto Europa - Europe Direct - Comune di Modena La trasnazionalità dei progetti europei Ogni progetto

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management

MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management MASTER di I livello in Banking and Financial Services Management Il Master universitario di 1 livello Banking and Financial Services Management è nato dall accordo tra la Scuola di Amministrazione Aziendale

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Monitoraggio dei processi formativi. Genova, 2 dicembre 2011

Monitoraggio dei processi formativi. Genova, 2 dicembre 2011 Monitoraggio dei processi formativi Genova, 2 dicembre 2011 Premessa: un patto!!! Nel Protocollo d Intesa le organizzazioni formative garantiscono un progressivo miglioramento e innalzamento della qualità

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida

per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione Linee Guida LINEE GUIDA per le valutazioni pre-attivazione dei Corsi di Studio in modalità telematica da parte delle Commissione di Esperti della Valutazione (CEV) ai sensi dell art. 4, comma 4 del Decreto Ministeriale

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE

UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione dei progetti di servizio civile nazionale da realizzare in Italia e all

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE Prot. n. 21096/II/1 dell 11 giugno 2009 UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE VISTA la Legge 8 luglio 1998, n. 230, recante "Nuove norme in materia di obiezione

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014

CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - A.A. 2013/2014 CORSI AGGIORNAMENTO UNIVERSITARIO A.A. 2013/2014 BANDO INPS GESTIONE E DIPENDENTI PUBBLICI - INFORMAZIONI INTEGRATIVE TIVE - In data 10 febbraio 2014, l INPS ha pubblicato il bando che mette a concorso

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Io ci sono conta su di me!!

Io ci sono conta su di me!! SEDE DOVE INDIRIZZARE LA DOMANDA: Legacoop Umbria Ufficio Servizio Civile Str. S. Lucia, 8 06125 PERUGIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente proponente il progetto:

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Torno Subito è un'iniziativa della Regione Lazio Assessorato alla Formazione, Ricerca, Scuola e Università

Torno Subito è un'iniziativa della Regione Lazio Assessorato alla Formazione, Ricerca, Scuola e Università COS'È TORNO SUBITO Torno Subito è un'iniziativa della Regione Lazio Assessorato alla Formazione, Ricerca, Scuola e Università finanziata con fondi POR FSE Lazio 2007-2013 Asse II Occupabilità; Asse V Transnazionalità

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI

MANSIONARIO DEI PROFILI PROFESSIONALI OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA SEDE LEGALE CASTELLO N. 77 SEDE AMMINISTRATIVA SAN POLO N. 2123 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO

Dettagli

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT Presentazione Obiettivo Il master Project Manager nasce con un duplice intento: fornire, a manager e imprenditori, un concreto contributo e strumenti per migliorare le capacità di gestione di progetti;

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli