Diario di bordo corso di italiano L2 Corsista Montoleone Maria Antonina. Descrizione del contesto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Diario di bordo corso di italiano L2 Corsista Montoleone Maria Antonina. Descrizione del contesto"

Transcript

1 Descrizione del contesto La scuola primaria F. P. PEREZ d ell Istituto Comprensivo Statale F.P.Perez Madre Teresa di Calcutta, in cui insegno da 19 anni è ubicata nel quartiere Oreto-Stazione. La scuola F.P. Perez accoglie numerosi alunni stranieri il cui trend è in costante crescita. Tale presenza è dovuta ad una forte immigrazione ed al vivace tessuto economico che si è sviluppato nel nostro territorio (nelle adiacenti via Lincoln, via Maqueda e corso Tukory). La scuola operando in costante sintonia con una realtà territoriale così vasta, complessa ed eterogenea nei vari aspetti culturali, economici e sociali avverte forte l'impegno di farsi costantemente promotrice di esperienze finalizzate allo sviluppo integrale della personalità dell'alunno per aiutarlo ad essere un cittadino consapevole e si presenta nel territorio, pertanto, come luogo privilegiato di integrazione incentivando modelli educativi e culturali che pratichino il diritto all uguaglianza e mirino alla valorizzazione delle diversità. La classe III A, in cui insegno, è composta da 19 alunni di cui 8 femmine e 11 maschi. Il gruppo classe è abbastanza omogeneo dal punto di vista socio-culturale e molto deprivato con situazioni familiari complesse (due alunni con 1 genitore con pendenze penali di cui uno in carcere e una agli arresti domiciliari) e diversi nuclei monofamiliari (7 alunni). Il background familiare della classe III in cui insegno dal corrente anno scolastico è connotato da un livello basso di istruzione molto deprivato dal punto di vista socio-economico e-culturale. Gran parte dei genitori hanno, infatti, conseguito unicamente la licenza media e in genere si tratta di famiglie monoreddito con occupazioni precarie e disagi socio-economici. Si avverte, nonostante gli ottimi rapporti instaurati con le famiglie, una collaborazione poco efficace ai fini degli apprendimenti e della condivisione di un patto formativo comune tra scuola-famiglia causata dal basso livello culturale dei genitori che non sono in grado di guidare a casa i propri figli nello svolgimento dei compiti che sono peraltro sempre di rinforzo a quanto già appreso e svolto in classe. Quadro sintetico sugli studenti Insegno in una classe plurilingue. Il gruppo classe è abbastanza omogeneo dal punto di vista socio-culturale, molto deprivato e connotato da svantaggio socioeconomico, linguistico e culturale. All interno del gruppo-classe vi sono 7 alunni stranieri, bene integrati e che frequentano regolarmente, di varie nazionalità e con livelli di competenza differenti. Nazionalità e livello di competenza 1. 3 alunni del Bangladesh (di cui 1 di seconda generazione e 2 di prima generazione NAI) 2. 1 alunno dello Sri-Lanka prima generazione 3. 1 alunno della Tunisia seconda generazione 4. 1 alunna della Cina seconda generazione 5. 1 alunna della Nigeria seconda generazione

2 I tre alunni di prima generazione sono a un livello A1 1 la loro competenza linguistica si limita al livello di contatto; per quanto riguarda invece i quattro alunni di seconda generazione, tra questi l alunna cinese è a un livello A2, (è in grado, infatti, di comprendere espressioni e parole di uso molto frequente relative a ciò che afferisce al suo mondo esperienziale e contenuti di studio molto semplificati), gli altri tre sono ad un livello B1 (sono in grado di comprendere gli elementi principali in un discorso chiaro in lingua standard su argomenti familiari e non). La varietà dei livelli di partenza degli alunni, pur rendendo molto più vivace e ricco lo scambio interculturale, costituisce un ulteriore elemento di complessità nella progettazione di percorsi che siano rispondenti ai bisogni dei singoli Per essi insieme agli altri colleghi ho elaborato un intervento personalizzato di gruppo con attività differenziate per acquisire le strumentalità di base in italiano e matematica e attività semplificate dei percorsi seguiti dal restante gruppo-classe per le discipline storia-geografia e scienze al fine di azzerare o ridurre la difficoltà di contenuto legate anche al ristretto codice linguistico dei suddetti alunni. La complessità delle dinamiche relazionali e della gestione delle emozioni sono inoltre quotidianamente oggetto di attenzione, creando reiterati e quotidiani momenti di dialogo e ascolto di esperienze afferenti al vissuto personale con il reciproco scambio di contenuti legati a tradizioni, usi e costumi, religione della cultura italiana, thamil, cinese. All interno del gruppo classe si respira un clima sereno di lavoro e di collaborazione tra compagni e insegnanti. Per una ottimale gestione della classe si sono progettati interventi miranti al miglioramento degli aspetti legati a: Attenzione, concentrazione e memoria di lavoro; comportamento e relazionalità; cooperazione e costituzione del gruppo; apprendimento delle competenze di base. Metodologie e risorse abitualmente utilizzate I processi attivati nello stabilire una relazione educativa positiva, basata sul dialogo e il mutuo scambio di conoscenze ed esperienze tra colleghi, nonché la disponibilità all ascolto dei bisogni educativi dei bambini sono efficaci nella misura in cui creano le basi di un ambiente di apprendimento stimolante e sereno e permettono di stabilire un buon rapporto con le famiglie con un sempre più crescente coinvolgimento ed interesse. L approccio metodologico che abitualmente utilizzo è basato su strategie quali modeling, peer tutoring, cooperative learning, learning by making, utilizzando molteplici tipologie di attività differenziate per gruppi e con strumenti didattici 1 Secondo il Quadro Comune Europeo l apprendente che ha raggiunto tale livello: Comprende e usa espressioni di uso quotidiano e frasi basilari tese a soddisfare bisogni di tipo concreto. Sa presentare se stesso agli altri ed è in grado di fare domande e rispondere su particolari personali come dove abita, le persone che conosce e le cose che possiede. Interagisce in modo semplice, purché l altra persona parli lentamente e chiaramente e sia disposta a collaborare.

3 innovativi riducendo e isolando i momenti teorici e di uso prevalente del codice verbale. La suddivisione degli alunni in gruppi di lavoro è, inoltre, un facilitatore degli apprendimenti, organizzando il setting in modo flessibile e adeguato al compito consento a tutti gli alunni di lavorare con motivazione e fiducia non esponendo i bambini al rischio di frustrazione e demotivazione determinata dalle carenze negli apprendimenti. Opportunità di consolidamento e recupero sono, inoltre, offerte a tutti gli alunni legate sia agli apprendimenti disciplinari, sia ad obiettivi educativi interculturali di integrazione- interazione con la partecipazione ad attività di gruppo, con l utilizzo di strumenti multimediali e con il quotidiano utilizzo della LIM presente in classe, e con giochi di ruolo e di relazione e giochi di società. I percorsi concordati e progettati miranti all avvio di autonomia operativa e procedurale, al rispetto dei tempi di esecuzione e alla concentrazione e alla consapevolezza dell errore, si sono rivelati efficaci per la costruzione di un metodo di studio basato su tecniche e procedure spendibili in tutte le discipline. Si sono utilizzati molteplici e diversificati strumenti e mezzi per facilitare gli apprendimenti (LIM, strumenti multimediali,giochi strutturati, roleplay...etc) e ho creato con Edmodo una classe virtuale come strumento di condivisione con le famiglie della vita scolastica dei propri figli. I prodotti più significativi sono stati documentati con movie maker presentati ai genitori e inseriti nel sito web della scuola; registrazioni al pc, pieghevoli cartacei rielaborati in storyboard con power-point. strumenti: libri corredati da immagini nelle varie lingue, atlante, cartine geografiche, brani strumentali e vocali nelle varie lingue Il setting tecnologico spazi: aula della classe dotata di LIM e laboratorio linguistico multimediale strumenti: LIM e software ( notebook della smartboard e toolkit) rete wireless, computer portabile, Mixer audio preamplificato, casse stereo, microfoni, lettore MP3, software musicali, risorse open-source, scanner, ipad per riprese video e foto Descrizione della situazione di partenza Insegnando in una classe plurilingue il focus su cui si sostanzia il mio intervento didattico ha preso avvio dalla consapevolezza che non esista una lingua ma tante lingue, così come molteplici sono i bisogni, le condizioni degli alunni/apprendenti e, da un processo metacognitivo di riflessione costante basata su domande quali: Come permettere ai miei alunni stranieri di imparare l italiano,insegnando non solo la lingua ma anche ad usare la lingua? Quali strategie d insegnamento utilizzare? Come facilitare l'apprendimento dell'italiano lingua seconda tenendo presente che è appresa non solo a scuola ma anche fuori dalla scuola all interno del contesto territoriale, dalla televisione etc?come intervenire sugli errori dell interlingua? Come poter arricchire il vocabolario di base incrementando la conoscenza di parole alte? Come equilibrare aspetti linguistici e aspetti interculturali?

4 Ai fini di consolidare l inclusione sociale degli alunni stranieri e potenziare in tutti gli alunni la costruzione di una propria identità, in un ottica interculturale, nonché le competenze linguistiche comunicative, ho scelto di progettare un percorso di sperimentazione per la costruzione di un autobiografia linguistica suddivisa in quattro fasi di lavoro: fase I-Esplorazione virtuale del Mondo; fase II Le nostre origini; fase III Le mie lingue il mio albero genealogico; fase IV La mia autobiografia linguistica. Obiettivi formativi Favorire il pieno sviluppo della personalità Promuovere l inserimento di alunni stranieri ed extracomunitari Colmare in molti alunni lacune strumentali di base per prevenire e contrastare la dispersione scolastica Migliorare le condizioni relazionali del gruppo-classe Motivare gli alunni al lavoro scolastico per favorire gli apprendimenti. Curare e valorizzare la madrelingua Obiettivi di apprendimento (suddivisi nelle varie fasi) fase I Esplorazione virtuale del Mondo Setting gruppo-classe gruppi eterogenei di lavoro Tempi 6h Leggere carte geografiche: il planisfero il mappamondo Ricercare e individuare le aree geografiche di provenienza utilizzando la cartografia Ricercare su google earth i vari paesi di origine Utilizzare strumenti logici (grafo a stella) per la condivisione delle informazioni fase II Le nostre origini Setting: individuale e in coppie Tempi: 10h Ricostruire la storia delle mie prime parole Scrivere le prime parole pronunciate nella propria lingua madre. Scrivere il proprio nome e la data della propria nascita.

5 Elencare tutte le lingue e i dialetti per i quali si ritiene di possedere una competenza sia attiva che passiva. Elencare tutte le lingue per cui si ritiene di possedere solo una competenza passiva: che si capiscono, ma non si parlano, non si leggono e non si scrivono. Fase III Le mie lingue e il mio albero genealogico Setting: gruppo classe -individuale e in coppie Tempi: 8h Acquisire consapevolezza del multilinguismo come fattore caratterizzante la vita quotidiana dell alunna/o Acquisire consapevolezza delle occasioni di passaggio da una lingua all altra in questo contesto Riconoscere le lingue usate sulla base dei contesti d uso Essere consapevoli della varietà di lingue e dialetti con cui si viene a contatto Esprimere emotivamente, tramite i colori, la propria biografia linguistica in una tabella su word Fase IV La mia autobiografia linguistica Setting: -individuale Tempi: 20h Essere in grado di narrare le proprie esperienze di persona plurilingue che vive in un contesto multilingue scrivere una breve autobiografia linguistica con domande stimolo revisionare i testi prodotti con l utilizzo di un programma di videoscrittura (Word) presentare il percorso sull autobiografia linguistica selezionando i documenti più significativi utilizzando power-point costruire una breve animazione con dialogo tra due bambine di nazionalità differenti tramite Scratch scannerizzare i pieghevoli cartacei costruire un libro collettivo di autobiografie linguistiche con Didapage effettuare il download di immagini da siti dedicati inserire collegamenti ipertestuali con url degli inni nazionali selezionare foto e ritoccarle con paint registrare dialoghi plurilingue al pc costruire uno storyboard multimedia con animoto e movie maker

6 Descrizione delle attività Esercitazioni sulla lettura di una cartina geografica: legenda e simboli Elaborazione di un grafo a stella su cui registrare i nomi dei vari Paesi di origine degli alunni di nazionalità differenti Costruzione di cartellini di vari colori con i nomi dei Paesi di origine individuati Ricerca sul planisfero e sull atlante dei paese di origine Completamento di una cartina muta evidenziando solo i paesi individuati Costruzione di un archivio di immagini e associazione di una breve didascalia Costruzione del gioco del memory utilizzando un file word (griglia con 20 caselle all interno della quale inserire le immagini) Intervista ai genitori per conoscere le prime parole pronunciate nella lingua madre Completamento della cartina muta e dei fumetti con le domande sulla LIM Costruzione di una tabella a colonne di sintesi con word debriefing cioè una riflessione collettiva su quanto è accaduto. Questo momento è fondamentale per la determinazione degli obiettivi di apprendimento, cioè degli specifici risultati cognitivi, comportamentali ed affettivi dell esperienza. Conversazione collettiva guidata con domande stimolo sulle lingue parlate per la distinzione tra lingua madre e lingue altre Elencazione delle lingue usate nel contesto familiare, scolastico, extrascolatico usando vari colori Intervista ai familiari sulle lingue parlate costruzione di una tabella: lingua familiare-madre-altre lingue con word costruzione dell albero genealogico delle lingue Tabella descrittiva della settimana plurilingue dell alunna/o. scrittura di una breve autobiografia linguistica con domande stimolo associazione di immagini al testo autobiografico ricerca su youtube degli inni nazionali e di immagini relativi a cibi e paesaggi e inserimento del collegamento ipertestuali (link) La progettazione dell ambiente di apprendimento Consapevole del valore del filtro affettivo, componente inconscia interna dell individuo funzionale all apprendimento, che può condizionare lo stesso in base ai bisogni e alla motivazione e alle eventuali ansie, ho dedicato ampio spazio alla creazione di un positivo ambiente di apprendimento. La complessità delle dinamiche relazionali e della gestione delle emozioni legate alla delicatezza dell elaborazione di un testo autobiografico linguistico, infatti, sono state quotidianamente oggetto di attenzione, reiterando quotidiani momenti di dialogo e ascolto di esperienze afferenti al vissuto personale con il reciproco scambio e confronto di contenuti legati alla

7 cultura di provenienza, ai fini di creare un benessere emozionale che amplificasse la ricettività degli alunni e riducesse il rischio di minare l autostima. La funzione della tecnologia Nel percorso di sperimentazione progettato, ai fini dell efficacia dello stesso, ho teso anche a offrire la possibilità di potere elaborare un patrimonio di conoscenze linguistiche tali da permettere un articolato range d interazioni con il contesto in relazione allo scopo della sperimentazione con un duplice aspetto linguistico e culturale. Tale risultato è stato pienamente raggiunto utilizzando gli strumenti appresi e/o approfonditi durante il corso di formazione che a mio avviso risultassero più spendibili in relazione al target di alunni. Per favorire la produzione autonoma e rendere più efficace l intervento didattico (in un ottica di scuola inclusiva e multimediale) mi sono avvalsa anche di alcune risorse open source offerte dalle TIC che hanno affinato il lavoro cooperativo: (in coppia Scratch) per le animazioni,e power point per la ricostruzione individuale del percorso; movie maker e animoto per lo storyboard e didapage per la costruzione del libro collettivo interattivo. I documenti cartacei dei bambini sono stati scanditi dagli stessi al pc. Gli applicativi (di cui tre open source Scratch. Didapage e animoto) sono stati utilizzati per la manipolazione e il fotoritocco delle immagini Paint, per la videoscrittura (word), per ottenere effetti multimediali e per costruire ipertesti (power-point, didapage e animoto). I software selezionati oltre ad avere il vantaggio della gratuità, presentano un interfaccia semplice intuitiva ed accessibile per i bambini, e si sono rivelati strumenti molto utili per la socializzazione e la documentazione dei lavori individuali e soprattutto per la revisione degli errori linguistici in un processo metacognitivo di autovalutazione. Marzo/aprile 2014 La sperimentazione in classe ha preso avvio nel mese di marzo dopo aver elaborato la progettazione come da format fornito dalla tutor Adriana Arcuri.

8 La fase I Esplorazione virtuale del Mondo ha coinvolto l intero gruppo-classe. Ho precedentemente ricercato delle cartine mute fornite agli alunni (allegato n. 1) supportate da atlante e mappamondo. Poiché nella mia classe è presente la LIM l attività di ricerca su google earth è stata svolta in modo interattivo e con il contributo degli alunni. A conclusione della ricerca dei vari paesi di origine è stato elaborato un grafo a stella collettivo per la condivisione delle informazioni.

9 La fase II Le nostre origini è stata svolta in setting individuale e in coppie. Gli alunni NAI nelle attività di scrittura individuale sono stati supportati dalla docente e dalle due tirocinanti del Master ( tirocinio di 50 ore) che hanno collaborato alla realizzazione del percorso. Per la ricostruzione delle proprie origini ho rielaborato dei documenti forniti dalla tutor. Prima di dare avvio alle attività sulle proprie origini, tramite una conversazione collettiva, ho introdotto la distinzione tra lingua madre e altre lingue parlate dagli alunni sia italiani (in genere l altra lingua parlata è il dialetto) sia stranieri. Ho quindi fornito ai bambini un questionario per la compilazione del quale si sono avvalsi del contributo dei genitori.

10 Fase III Le mie lingue e il mio albero genealogico Avendo i bambini interiorizzato la distinzione tra lingua madre, lingua seconda e altre lingue parlate ho invitato gli alunni a completare una tabella a colonne di classificazione delle lingue parlate dai familiari

11 cui è seguita la riflessione delle lingue parlate da ciascuno di loro e la tabella di associazione lingua colore-parte del corpo.

12 Aprile/maggio 2014 Fase IV La mia autobiografia linguistica La ricostruzione della personale autobiografia linguistica è stata molto stimolante e coinvolgente. Ho osservato un interesse sempre più crescente in tutti gli alunni anche nei bambini italiani, che sono stati entusiasti di poter ri-conoscere la ricchezza linguistica dei propri compagni stranieri che, a loro volta, dopo un iniziale pudore nel parlare nella propria lingua madre, a conclusione del percorso hanno mostrato una maggiore apertura e spontaneità nel parlare delle proprie origini, in particolare gli alunni si seconda generazione. Al fine di permettere a tutti di potere scrivere autonomamente (trattandosi di bambini con cui sto avviando un percorso di costruzione della competenza in scrittura autonoma) ho ritenuto opportuno utilizzare una modalità guidata di scrittura del testo tramite domande-stimolo (Allegato n 3).Certamente questo ha consentito a tutti i bambini di elaborare un testo, lo svantaggio è stato che i testi sono risultati assai omogenei. I testi sono stati riscritti con un programma di videoscrittura e raccolti in un libro collettivo interattivo con l utilizzo di didapage insieme alle vignette plurilingue elaborate in coppia.

13 La costruzione del testo dalle domande al testo è stata effettuata autonomamente dai bambini e la revisione dei testi per la correzione degli errori da parte dell insegnante è avvenuta solo nella fase finale. Con alcuni bambini ho inoltre ritenuto opportuno applicare la tecnica di arricchimento del testo per cercare di rendere più divergenti le singole autobiografie.

14

15 È seguita una fase conclusiva di revisione e socializzazione anche tramite registrazioni al pc. Durante tale fase i bambini sono stati attivamente coinvolti in un rapporto di reciproca collaborazione nel riconoscimento e correzione degli errori linguistici più significativi: alunni NAI e alunna cinese 1. omissione dell articolo 2. omissione delle doppie 3. concordanza morfologica 4. predilezione dell uso dei tempi presente e imperfetto difficoltà nell uso del passato prossimo 5. omissione dell accento e uso di h nei due ausiliari altri alunni 1. omissione o uso improprio dei segni di interpunzione (virgola e punto fermo) 2. lessico improprio 3. connettivi temporali e causali 4. sostituenti I bambini hanno quindi riscritto i testi con le correzioni. Ogni bambino ha infine realizzato una presentazione in power-point scegliendo liberamente dal proprio pieghevole cartaceo i documenti da inserire nella presentazione.(allegato n. 4). Due alunne, una italiana e una bengalese hanno inoltre elaborato un testo narrativo (discorso diretto e indiretto)e disegnato gli sprites per lo scratch-animazione realizzato in classe. Il contenuto del testo è stato liberamente scelto dalle bambine senza alcun intervento da parte dell insegnante. il testo è stato in seguito socializzato e condiviso da tutta la classe prima di essere registrato per l inserimento nell animazione.

16 Gli elaborati collettivi di sintesi finale sono stati il libro sulle autobiografie linguistiche e lo storyboard relazziato con Animoto. Palermo 30 maggio 2014 ins. Maria Antonina Montoleone

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492 SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL'INFANZIA DI ALBINO Viale Gasparini, Tel/Fax 035 754 420 SCUOLA DELL'INFANZIA DI DESENZANO Via Loverini, Tel/Fax. 035 751 436 SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione

FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE. Progetto di formazione FACILITARE APPRENDIMENTI SIGNIFICATIVI, MOTIVARE E COINVOLGERE GLI STUDENTI DELLA SCUOLA SUPERIORE Progetto di formazione Questo progetto si articola in due diversi interventi: - un corso/laboratorio per

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale

Parma, 23 settembre 2011. Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Parma, 23 settembre 2011 Dal modello formativo europeo al percorso formativo per l assistente familiare non professionale Dopo il meeting europeo svoltosi a Granada e partendo dal percorso formativo l

Dettagli

Relazione finale sul Progetto didattico: Giochiamo con la fiaba per

Relazione finale sul Progetto didattico: Giochiamo con la fiaba per Premessa. Relazione finale sul Progetto didattico: Giochiamo con la fiaba per Il percorso didattico realizzato è parte integrante di un progetto interculturale, Girotondo intorno al mondo, la cui tematica

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Rapporto di autovalutazione

Rapporto di autovalutazione Rapporto di autovalutazione Sommario 1. Codice meccanografico istituto principale...3 2. Griglie di autovalutazione...3 1.1 Esiti...3 1.2 Contesto e risorse...4 1.3 Processi...5 3. Individuazione obiettivi

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Cà Dotta Le Vie del Fumo

Cà Dotta Le Vie del Fumo Cà Dotta Le Vie del Fumo Laboratorio di didattica multimediale per la Promozione della Salute Esperienze Sensazioni Conoscenze - Emozioni L ULSS n 4 Alto Vicentino, in collaborazione con la Regione Veneto

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013

SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE. Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA DELL INFANZIA DI GELLO PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE Anno scolastico 2012-2013 INSEGNANTI Clagluna Alessandra Corvitto Giovanna De Gaetanis Antonella Ficicchia Valeria Giuliani Cristina

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Tirocinio indiretto per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Studentesse/Studenti senza riduzione oraria: 75 ore indiretto, di queste 15 ore dedicate all inclusione Studentesse/Studenti

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli