Pensieri e azioni del Risorgimento italiano/

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Pensieri e azioni del Risorgimento italiano/1 1830-1849"

Transcript

1 Pensieri e azioni del Risorgimento italiano/

2 Il pensiero democratico - repubblicano

3 Gli inizi di Giuseppe Mazzini Mazzini all epoca dell arresto Dopo l esito negativo dei moti del , la Carboneria entrò in una una crisi profonda e emersero tutti i difetti delle iniziative rivoluzionarie guidate dalle società segrete. In questa fase l ideale dell unità italiana come obiettivo da ottenere attraverso una vera lotta di popolo si diffuse tra gli attivisti italiani di orientamento democratico. Tra di essi emerse con forza la figura di Giuseppe Mazzini (Genova, 1805)

4 L esilio in Francia Mazzini era stato carbonaro, e per questo esiliato dalle autorità sabaude a Marsiglia, in Francia. Nella città francese egli maturò il suo ideale politico a contatto con altri esuli italiani democratici, come Filippo Buonarroti, e con le idee più avanzate della cultura politica francese.

5 Mazzini aveva un idea sostanzialmente religiosa dell azione politica. Dio era un essere non trascendente, ma uno spirito insito nella storia, e si identificava con l umanità La fede nella libertà e nel progresso dell umanità era per lui una fede religiosa. Gli individui e le nazioni avevano diritti da conquistare e doveri da rispettare I popoli avevano una missione da compiere, ed erano strumento di un progetto divino: lo slogan mazziniano più noto era infatti Dio e popolo.

6 I principi ispiratori del pensiero di Mazzini Mazzini riteneva che fosse indispensabile l unione tra gli individui per realizzare il bene di tutti. Al di sopra dell individuo c era la famiglia, al di sopra della famiglia si poneva la nazione, al di sopra della nazione esisteva l umanità intera. il bene comune sarebbe derivato da una associazione degli individui tra loro nazione) e delle nazioni tra loro umanità

7 La nazione e l Italia La nazione era un unità culturale e spirituale,in primo luogo, e di conseguenza, etnica e territoriale. L Italia unita come nazione doveva guidare le nazioni oppresse abbattere i pilastri dell Antico Regime: Impero Asburgo e Stato pontificio promuovere un moto di liberazione universale La prima Roma (degli imperatori) aveva unificato l Europa la seconda Roma (dei papi) aveva assoggettato l Europa a un unica autorità religiosa la terza Roma avrebbe promosso un unità morale e sociale di tutti i popoli della terra.

8 Il programma politico di Mazzini Il programma politico di Mazzini era chiaro: l Italia doveva rendersi indipendente, unitaria e repubblicana. L insurrezione di popolo, di tutto il popolo senza distinzione di classi, era l unica via attraverso la quale l Italia poteva diventare unita e indipendente. Nessuno spazio per idee come la lotta di classe, in quanto esse tendevano a dividere l unità spirituale del popolo,base indispensabile dell azione insurrezionale.

9 La fondazione della Giovine Italia Fondazione della Giovine Italia, Marsiglia, giugno 1831 Un organizzazione che chiarisse ai suoi affiliati gli obiettivi da ottenere e propagandasse chiaramente i suoi principi era lo strumento per realizzare l insurrezione popolare. Questa organizzazione doveva così svolgere un opera di educazione politica dei suoi iscritti e del popolo in generale. Su questi presupposti nacque la Giovine Italia in Francia nel 1831

10 Le parole d ordine della Giovine Italia 26 GIUGNO MARSIGLIA - Mazzini nello Statuto e nell Istruzione generale per gli affratellati del 1832 stabilisce che i colori della società sono il bianco, il rosso, il verde e propone delle scritte: libertà, uguaglianza, umanità per un lato, e per l altro unità e indipendenza. Altre sezioni, come quella la cui bandiera è conservata a Genova, usano unione, forza e libertà!. Il movimento aveva anche un periodico.

11 Pensiero e azione Nella stessa Istruzione generale si legge: chiunque voglia «chiamare il popolo alle armi deve potergli dire il perché» Ogni iniziativa insurrezionale doveva coinvolgere il popolo Ogni insurrezione doveva fondarsi su forze italiane. Mazzini riteneva che pensiero e azione fossero inscindibili. Nessuna azione rivoluzionaria aveva senso se alla base non ci fosse stata una fede a ispirarla nessuna teoria rivoluzionaria era valida se non trasformandosi in azione concreta e costante. la cospirazione e l insurrezione, finalizzate a obiettivi giusti, erano comunque valide in sé come testimonianza e esempio, anche se non avevano effettive possibilità di successo.

12 Prime iniziative e prime sconfitte ( ) Primo incontro tra Giuseppe Mazzini e Giuseppe Garibaldi Secondo alcuni calcoli, gli affiliati alla Giovine Italia nel 1833 erano circa Le prime iniziative della Giovine Italia si conclusero tuttavia malamente. Nel 1833 il movimento di Mazzini organizzò nel Regno di Sardegna una cospirazione contro il re Carlo Alberto. Essa fu scoperta e la rete dei mazziniani nel regno fu smantellata. Una seconda azione che doveva culminare con l uccisione di Carlo Alberto, e condotta contemporaneamente in Savoia e a Genova, ebbe di nuovo esito negativo. In essa fu coinvolto il marinaio di Nizza Giuseppe Garibaldi, che condannato a morte, riuscì a fuggire in Sudamerica: 1834

13 Fine e rinascita della Giovine Italia (1840) Mazzini all epoca del primo esilio britannico I fallimenti delle prime iniziative causarono una grave crisi nella Giovine Italia e determinarono contro Mazzini accuse di leggerezza e corresponsabilità nella morte di molti giovani patrioti Mazzini, espulso da Francia e Svizzera, si rifugiò in Gran Bretagna (1837), e affrontò una profonda crisi di coscienza: la tempesta del dubbio Dopo aver fondato nel 1834 la Giovine Europa, ricostituì la Giovine Italia nel 1839 e ricostruì i legami con gruppi clandestini che operavano in Italia

14 Insurrezioni fallite in Emilia-Romagna e Calabria Attilio e Emilio Bandiera La fucilazione dei Bandiera Mazzini disapprovò il progetto di spedizione in Calabria dei due fratelli L idea dell azione insurrezionale di popolo continuava a mantenersi viva in Italia Due tentativi falliti furono organizzati da patrioti emiliani e romagnoli nelle Legazioni Pontificie (1843/1845) Nel giugno/luglio del 1844, i fratelli Attilio e Emilio Bandiera, veneziani ufficiali della marina austriaca, organizzarono una spedizione in Calabria con venti compagni. Volevano suscitare una ribellione dei contadini contro i Borbone, ma trovarono solo indifferenza, e furono arrestati e fucilati (in otto compresi i Bandiera)

15 L emergere del moderatismo Durante gli anni 40,mentre in alcuni stati italiani era in atto un certo risveglio economico, il dibattito politico si fece più intenso. Cominciarono a affermarsi le posizioni dei moderati, che rifiutavano sia il legittimismo conservatore della Restaurazione, sia il radicalismo repubblicano di Mazzini. I moderati ritenevano che il problema italiano si potesse risolvere con un azione graduale e evitando l uso della forza, che suscitava la reazione violenta dell autorità costituita. Intendevano conciliare la causa liberale e patriottica con la religione cattolica principale fattore unitario della nazione italiana e il magistero della Chiesa

16 Il pensiero moderato e il pensiero federalista

17 La corrente moderata Rosmini Manzoni I principali esponenti dei moderati erano don Antonio Rosmini, Alessandro Manzoni, il gruppo riunito intorno alla rivista fiorentina Antologia : G.P.Viesseux, Bettino Ricasoli, Raffaello Lambruschini. Viesseux Ricasolo

18 Il neoguelfismo Si affermò una corrente di pensiero chiamata neoguelfismo che rivalutava il ruolo della Chiesa e del papato nella storia della nazione italiana e le vedeva come difensori delle libertà d Italia Vincenzo Gioberti L opera principale a cui faceva riferimento questa corrente Del primato morale e civile degli italiani fu scritta dell abate torinese V. Gioberti, ex membro della Giovine Italia, e fu pubblicata a Bruxelles nel 1843.

19 il primato morale dell Italia nazione cattolica Secondo Gioberti la fede cristiana e la guida del Papa avrebbe dato alla comunità italiana la sua identità fondamentale Il fatto di essere una comunità cattolica e di ospitare la sede della cattolicità dava al popolo italiano un primato morale sugli altri popoli. La nazione italiana, oppressa dai barbari«contiene in sé medesima, sovrattutto per via della religione, tutte le condizioni richieste al suo nazionale e politico risorgimento».

20 Una guida monarchica e aristocratica Gioberti afferma che il popolo italiano non può agire politicamente perché non è ancora unito. Per raggiungere questa unità d azione esso deve avere una guida «monarchica e aristocratica», che esprime i due elementi fondamentali del genio italico, uno naturale,antico,dorico,etrusco, latino, romano; l altro sovrannaturale, moderno cristiano, cattolico e guelfo.

21 Una federazione guidata dal papa Gioberti sosteneva che politicamente l Italia potesse costituirsi come una federazione degli stati esistenti, che sarebbe stata guidata dal papa, in quanto egli era superiore eticamente a ogni altro sovrano per il magistero del ruolo che esercitava. Questa federazione doveva essere costruita con il consenso dei principi esistenti, doveva essere sostenuta dall opinione pubblica, e sarebbe stata protetta religiosamente dal papa e militarmente dal Regno di Sardegna.

22 Le speranze d Italia e l inorientamento dell Austria Cesare Balbo Punti deboli del discorso politico di Gioberti erano le idee reazionarie del papa di allora, Gregorio XVI, e la mancata indicazione del ruolo dell Austria in questa ipotetica federazione. Il conte piemontese Cesare Balbo segnalò questi errori nel suo libro Delle speranze d Italia (1844), nel quale proponeva la teoria dell inorientamento dell Austria: gli Asburgo approfitterebbero della dissoluzione dell impero ottomano e conquisterebbero i Balcani, concedendo l indipendenza al Lombardo Veneto Il Piemonte avrebbe dovuto portare avanti l iniziativa diplomatica per realizzare questa indipendenza, mentre i sovrani degli altri stati avrebbero potuto concedere riforme

23 La proposta federalistica di Carlo Cattaneo Carlo Cattaneo Una corrente di pensiero federalistica, democratica e repubblicana si diffuse in Lombardia Il suo maggiore esponente era Carlo Cattaneo, che aveva fondato il periodico il Politecnico (1839) Cattaneo rifiutava sia la visione mistica di Mazzini, sia la prospettiva di assorbimento della Lombardia da parte del Piemonte, assolutista e clericale. Condivideva con i moderati l idea di una politica di riforme e sviluppo economico dei singoli stati Egli però aveva l obiettivo finale di fondare in Italia una confederazione repubblicana sul modello degli Usa e della Svizzera. Tale confederazione doveva lasciare ampie autonomie locali e contribuire a creare gli Stati Uniti d Europa.

24 Viva Pio IX Giovanni Mastai Ferretti,papa Pio IX Nel giugno del 1846 diventa papa Giovanni Mastai Ferretti, col nome di Pio IX Egli subito concesse l amnistia ai detenuti politici e agli esiliati, e fu subito considerato il papa liberale. Nel 1847 Pio IX convocò una Consulta di stato come rappresentanza delle province dello Stato Pontificio, e attenuò la censura sulla stampa L entusiasmo e il sostegno per il papa crebbero in tutta Italia e suscitarono la reazione dell Austria.

25 Prova di forza dell Austria (1847) Il Feldmaressciallo Radetzky Nel luglio 1847, Metternich, e il suo generale, feldmaresciallo Radetzky decidono di dare una dimostrazione di forza con un dispiegamento fortissimo di truppe dentro la città di Ferrara (città papale) per intimidire il papa. Carlo Alberto, e altri sovrani italiani, reagiscono duramente e si configura un unione doganale tra Toscana, regno di Sardegna e Stato pontificio.

26 Succede un 48

27 Il 1848, anno delle rivoluzioni europee Il 1848 fu un anno molto importante in cui l Europa fu attraversata da numerosi moti rivoluzionari di grande ampiezza e intensità. I moti si estesero in quasi tutti gli stati e i territori europei, dall Italia alla Francia, dall impero Asburgo alla Confederazione germanica. Le uniche due potenze europee che non furono coinvolte dall ondata rivoluzionaria furono Russia e Gran Bretagna (in cui però si rivoltò l Irlanda).

28 Il 1848 in Europa

29 Dalla Sicilia all Italia In Italia le rivoluzioni del 1848 cominciarono in Sicilia, dove il 12 gennaio si sollevò la città di Palermo, che rivendicava l autonomia dell isola dal Regno borbonico. Il re Ferdinando II concesse inaspettatamente una Costituzione del regno delle Due Sicilie. Tale concessione non placò il moto siciliano e provocò in tutta Italia agitazioni per ottenere la costituzione.

30 Lo Statuto albertino Struttura dello Statuto emanato da Carlo Alberto Pressati dall opinione pubblica dei loro stati, anche Carlo Alberto di Savoia, Leopoldo II di Toscana e Pio IX decisero di concedere costituzioni ai rispettivi sudditi. La costituzione di Carlo Alberto, lo Statuto, prevedeva una Camera dei deputati, eletta su base censitaria ristretta) un Senato di nomina regia una stretta dipendenza del governo dal sovrano

31 La Repubblica veneta di Daniele Manin Daniele Manin proclama la Repubblica Veneta in Piazza S. Marco a Venezia A Venezia, controllata dagli austriaci, una grande manifestazione popolare costrinse il governatore a liberare i prigionieri politici, tra cui Daniele Manin (17 marzo 1848) Alcuni giorni dopo una rivolta degli operai dell Arsenale, sostenuta da ufficiali e marinai della marina asburgica, riuscì a avere la meglio sui soldati austriaci. Il 23 marzo si costituì un governo provvisorio guidato da Manin, che proclamò la costituzione della Repubblica veneta.

32 Le «cinque giornate» di Milano B.Verazzi, Combattimento a Palazzo Litta (1848) A Milano la tensione antiaustriaca che montava da settimane portò all insurrezione del 18 marzo, in cui il palazzo del governo fu assaltato. L insurrezione durò dal 18 al 22 marzo 1848, che costituiscono le cinque giornate di Milano. Per la prima volta borghesi e popolani lottarono insieme innalzando barricate in tutta la città contro il contingente austriaco guidato da Radetzky. Operai e artigiani ebbero un ruolo decisivo nel sostenere il peso degli scontri, che portarono alla morte di quattrocento persone

33 Il governo provvisorio e il progetto di unione con il Piemonte Cattaneo formalizza il rifiuto dell armistizio proposto dal governatore austriaco di Milano Un consiglio di guerra composto prevalentemente da democratici e guidato da Carlo Cattaneo si pose alla guida dell azione. Il 22 marzo fu formato un governo provvisorio, nel quale entrarono anche aristocratici moderati, tra cui il conte Casati. Il governo cominciò a progettare un unione con il Piemonte, il che portò Cattaneo a abbandonarlo Radetzky, temendo un intervento del Piemonte, ritirò le truppe da Milano e decise di spostarle le truppe ai confini tra Veneto e Lombardia, nel cosiddetto quadrilatero formato da quattro fortezze: Verona, Legnago, Mantova e Peschiera Il 23 marzo il Piemonte dichiarò guerra all Austria.

34 L intervento di Carlo Alberto a Milano Carlo Alberto di Savoia Carignano, re di Sardegna Carlo Alberto dichiarò guerra all Austria per tre motivi La pressione di liberali e democratici che pensavano di poter liberare l Italia dagli Asburgo, che stavano subendo contemporaneamente analoghi rivolgimenti in Ungheria, Boemia e nella stessa Vienna L aspirazione della monarchia sabauda a allargare il proprio dominio verso la Lombardia, ricca e evoluta il timore che il Lombardo Veneto diventasse un centro di azione repubblicana (governo provvisorio a Milano unito alla Repubblica Veneta)

35 Carlo Alberto a Milano e guerra contro gli Asburgo Medaglietta che raffigura i due eroi dei liberali moderati, Carlo Alberto e Pio IX, i cui volti pendono da un cordone tricolore il 26 marzo 1848 le truppe sabaude entrarono a Milano tra l entusiasmo della popolazione cittadina. Lo stesso Mazzini giunge a Milano e appoggia Carlo Alberto in nome dell indipendenza italiana, mentre Carlo Cattaneo rompe definitivamente con il governo lombardo. Si apre anche la guerra tra Asburgo e Savoia, al cui esercito si aggregarono anche corpi misti (militari e volontari) provenienti da Toscana, Stato pontificio e Regno delle Due Sicilie, giunti con l autorizzazione dei rispettivi sovrani (Leopoldo II, Pio IX, Ferdinando II)

36 Tramontano gli entusiasmi Gli entusiasmi iniziali si spengono però nei mesi successivi. Pio IX decise di ritirare le sue truppe dalla guerra contro l Austria, in quanto era una potenza cattolica, seguito poi dal Granduca di Toscana e da Ferdinando II Le operazioni di guerra furono condotte piuttosto fiaccamente da Carlo Alberto, il cui unico obiettivo vero era annettersi il Lombardo Veneto.

37 I plebisciti di annessione al Piemonte I piemontesi erano soprattutto decisi a portare avanti l annessione dei territori lombardo - veneti, che avvenne attraverso plebisciti Alla fine di luglio 1848 si formò il primo governo italiano che comprendeva ministri di tutti i territori appena annessi La decisione di procedere all annessione mentre la guerra contro gli Asburgo era ancora aperta e incerta rese contribuì a indebolire l iniziativa di Carlo Alberto, contestata da democratici e repubblicani

38 La I guerra di indipendenza/fase 1 La battaglia di Curtatone ebbe come principali protagonisti i volontari toscani guidati da Giuseppe Montanelli. Anche Garibaldi rientrò dal Sudamerica e si mise a disposizione del governo provvisorio lombardo Le operazioni di guerra procedettero a fasi alterne. Tra aprile e maggio 1848 l esercito misto guidato dai piemontesi vinse a Goito, Monzambano, Valeggio e Pastrengo, nella zona del mantovano alcune battaglie non decisive La resistenza strenua dei giovani universitari toscani a Curtatone e Montanara permise ai piemontesi di conquistare la fortezza di Peschiera, una delle quattro del quadrilatero. A quei successi seguirono settimane di stallo, durante le quali gli austriaci fecero affluire uomini e mezzi in quantità per riprendere le ostilità Carlo Alberto voleva combattere la sua guerra, senza lasciare spazio ai democratici

39 La I guerra di indipendenza/2: la sconfitta di Custoza La sconfitta piemontese a Custiza Il 22 luglio iniziò la controffensiva austriaca. Le incertezze del comando sabaudo favorirono vittoria degli austriaci a Custoza, vicino a Verona, il 25 luglio 1848, nell unica grande battaglia campale del conflitto sabaudo - asburgico Carlo Alberto in un primo tempo si ritirò a Milano e decise di non difendere la città. Rientrò in Piemonte e il 9 agosto il generale sabaudo Salasco firmò l armistizio con l esercito asburghese.

40 La rivoluzione nella Roma papalina Pellegrino Rossi, primo ministro dello Stato pontificio, fu assassinato nel novembre 1848 La situazione dell Italia nella seconda metà del 1848 era ancora in divenire. Venezia, la Toscana, la Sicilia erano ancora governate dagli insorti, mentre il Lombardo Veneto era stato recuperato dagli Asburgo e il Regno di Sardegna era rientrato nei suoi confini. A Roma le pressioni dei democratici, delusi dopo il ritiro di Pio IX dall azione antiasburgica, convinsero il papa a attuare una politica decisamente più moderata e meno aperta alle istanze liberali. Egli nominò primo ministro Pellegrino Rossi, un liberale moderato. Rossi fu però assassinato in un attentato organizzato da alcuni democratici radicali. Pio IX, intimorito da questo atto, abbandonò Roma e si rifugiò a Gaeta. La vacanza del potere favorì la presa del potere da parte dei democratici

41 Nascita della «Repubblica Romana» Proclamazione della Repubblica romana il 9 febbraio 1849 Bandiera della Repubblica romana All inizio del 1849 in tutto lo Stato pontificio fu eletta a suffragio universale un Assemblea costituente, a maggioranza democratica, con il compito di dare a quei territori una nuova costituzione (fra gli eletti anche Mazzini e Garibaldi) Il 9 febbraio l Assemblea dichiarò decaduto il papa dal suo potere temporale; annunciò che lo Stato avrebbe assunto il nome glorioso di repubblica romana ; avrebbe adottato come forma di governo la democrazia pura ; avrebbe stabilito con il resto d Italia le relazioni che esige la nazionalità comune. Il progetto più ampio dei costituenti romani era di realizzare la Costituente italiana, per realizzare l unità nazionale su basi democratiche (e non monarchiche e dinastiche)

42 Il centro dell azione democratica italiana Mazzini La Repubblica romana divenne il centro dell azione democratica, in cui giunsero i principali esuli e cospiratori italiani. A Roma si trovarono contemporaneamente: Mazzini, Garibaldi, Saffi, Mameli, Pisacane, Cernuschi e Manara (protagonisti delle cinque giornate ) Goffredo Mameli Garibaldi Carlo Pisacane Enrico Cernuschi

43 Le riforme della Repubblica romana La Repubblica romana cercò di realizzare un progetto di laicizzazione dello Stato e di rinnovamento politico e sociale. Abolì i tribunali ecclesiastici Confiscò i beni del clero Avviò un progetto di riforma agraria che prevedeva di affittare alle famiglie più povere una parte dei fondi confiscati (riforma unica nel suo genere durante le rivoluzioni ottocentesche italiane)

44 La battaglia della Bicocca (23 marzo 1849) La battaglia della Bicocca e l abdicazione di Carlo Alberto Vittorio Emanuele II, Re di Savoia dal 1849 Nel marzo di quell anno Carlo Alberto tentò un ultima sortita contro gli austriaci, ma di nuovo il suo esercito, pur superiore in uomini, fu sconfitto, questa volta a Novara, battaglia della Bicocca. In seguito a questa sconfitta Carlo Alberto decise di abdicare in favore del figlio Vittorio Emanuele II

45 La reazione contro la Repubblica romana Pio IX al tempo dell esilio a Gaeta Pio IX da Gaeta chiese aiuto alle potenze cattoliche perché lo aiutassero a riprendere i suoi territori. Asburgo,Spagna, Regno di Napoli, e la nuova Repubblica francese presieduta da Luigi Napoleone Bonaparte, risposero alla richiesta. I francesi mandarono a Roma un corpo di spedizione molto nutrito di uomini Nel giugno 1849 i francesi attaccarono la città Luigi Napoleone, nipote di Napoleone Bonaparte e presidente della Repubblica francese

46 La resa della Repubblica romana Mazzini, Saffi e Armellini in una famosa immagine dei triumviri che guidarono la Repubblica romana I repubblicani guidati da un triumvirato composto da Armellini, Mazzini e Saffi, resistettero ai francesi per più di un mese. Questa difesa a oltranza, a cui partecipò attivamente Garibaldi, fu una testimonianza politica e ideale di grande significato, anche se destinata a concludersi con la resa. I democratici riuscirono approvare la Costituzione prima di arrendersi: essa diventò un documento simbolo della politica democratica, e un modello alternativo rispetto agli Statuti monarchici di ispirazione moderata. La resa della repubblica avvenne all inizio di luglio del 1849.

Il Risorgimento e l Unità d italia

Il Risorgimento e l Unità d italia Il Risorgimento e l Unità d italia Prima parte: L Italia dopo il «Congresso di Vienna» : un espressione geografica L Italia, dopo il congresso di Vienna (1814-1815), è divisa in più stati, la maggior parte

Dettagli

Il 1848. Il II impero in Francia

Il 1848. Il II impero in Francia Il 1848. Il II impero in Francia Le rivoluzioni del 48 in Europa Dimensioni più ampie: eccetto Inghilterra e Russia, tutta l Europa è coinvolta, compresa l Austria di Metternich. Più ampio coinvolgimento

Dettagli

Moti rivoluzionari e rivoluzioni dopo il Congresso di Vienna

Moti rivoluzionari e rivoluzioni dopo il Congresso di Vienna Moti rivoluzionari e rivoluzioni dopo il Congresso di Vienna Negli anni successivi al Congresso di Vienna le libertà di pensiero, parola e libera associazione erano state particolarmente limitate per mantenere

Dettagli

Il Risorgimento e l Unità d Italia

Il Risorgimento e l Unità d Italia Il Risorgimento e l Unità d Italia IL CONGRESSO DI VIENNA Quando? dal 1 novembre 1814 al 9 giugno 1815 Chi lo ha voluto? Francia, Inghilterra, Austria, Prussia e Russia Perché? per ritornare al passato,

Dettagli

IL RISORGIMENTO IN SINTESI

IL RISORGIMENTO IN SINTESI IL RISORGIMENTO IN SINTESI La rivoluzione francese ha rappresentato il tentativo violento, da parte del popolo, ma soprattutto della borghesia francese (e poi anche del resto dei paesi europei) di lottare

Dettagli

Il processo di unificazione (1849-1861)

Il processo di unificazione (1849-1861) Il processo di unificazione (1849-1861) Il Piemonte dopo il 48 Il Regno di Sardegna è l unico stato italiano che mantiene lo Statuto. Crisi tra il re Vittorio Emanuele II e il suo ministro D Azeglio e

Dettagli

L unificazione dell Italia

L unificazione dell Italia L unificazione dell Italia Dopo i moti rivoluzionari del e la sconfitta piemontese nella prima guerra d indipendenza (1848-1849) negli stati italiani ci fu una dura repressione chiesta dall Austria. L

Dettagli

Il Risorgimento. Com era l Italia dopo il Congresso di Vienna, ossia prima del Risorgimento?

Il Risorgimento. Com era l Italia dopo il Congresso di Vienna, ossia prima del Risorgimento? Il Risorgimento Risorgimento (una definizione semplice): Si chiama Risorgimento la serie di avvenimenti che portano l Italia, nel corso dell Ottocento, all unità e all indipendenza. L Italia diventa un

Dettagli

PROGETTO STRANIERI STORIA

PROGETTO STRANIERI STORIA Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI STORIA 11 IL RISORGIMENTO A cura di Maurizio Cesca Il congresso di Vienna... 1 Le idee liberali... 2 Le società

Dettagli

IL RISORGIMENTO ITALIANO 1815-1870. La storia del processo di nascita e indipendenza del Regno d Italia nell anno del suo 150 Anniversario 1861-2011

IL RISORGIMENTO ITALIANO 1815-1870. La storia del processo di nascita e indipendenza del Regno d Italia nell anno del suo 150 Anniversario 1861-2011 IL RISORGIMENTO ITALIANO 1815-1870 La storia del processo di nascita e indipendenza del Regno d Italia nell anno del suo 150 Anniversario 1861-2011 1815-1848 dalla restaurazione alla giovine italia LA

Dettagli

LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA

LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA LE TAPPE DELLE UNIFICAZIONI ITALIANA E TEDESCA 1848-1849 La Prima Guerra d Indipendenza Nel 1848 un ondata rivoluzionaria investì quasi tutta l Europa. La ribellione scoppiò anche nel Veneto e nella Lombardia,

Dettagli

Il Quarantotto. 1. Cause di una rivoluzione

Il Quarantotto. 1. Cause di una rivoluzione Il Quarantotto 1. Cause di una rivoluzione Una crisi di tipo nuovo Intorno alla metà del 1800 una serie di ondate rivoluzionarie in Europa fece crollare l ordine della Restaurazione. Occorre comprendere

Dettagli

Prof.ssa Cristina Galizia www.arringo.wordpress.com

Prof.ssa Cristina Galizia www.arringo.wordpress.com LA SECONDA GUERRA DI INDIPENDENZA (1859-1860) Prof.ssa Cristina Galizia Per scacciare gli Austriaci dal suolo italiano, Cavour decise di chiedere aiuto alla Francia, nemica storica dell Austria. Ma come

Dettagli

Cap. 1 - Il Risorgimento : creare l'italia (1815-1870)

Cap. 1 - Il Risorgimento : creare l'italia (1815-1870) Il Risorgimento : creare l'italia 1 Cap. 1 - Il Risorgimento : creare l'italia (1815-1870) Introduzione : Momento centrale della storia italiana perché è il momento della nascita ufficiale di un paese

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE

LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA SOCIETÀ FRANCESE NEL 1700 In Francia, nel 1700, il re Luigi XVI ha tutti i poteri. I nobili sono amici del re. I nobili hanno molti privilegi. Anche il clero (vescovi e cardinali)

Dettagli

Risorgimento e Unità d'italia

Risorgimento e Unità d'italia Risorgimento e Unità d'italia Il Risorgimento è il periodo in cui i territori italiani ottengono nuovamente l'unità nazionale che l'italia aveva perso con la caduta dell'impero romano. Durante il Risorgimento

Dettagli

Benvenuto a questa nuova giornata da passare nell ufficio di mamma e papà promossa dall ateneo di Roma 3. L anno scorso ci siamo divertiti facendo

Benvenuto a questa nuova giornata da passare nell ufficio di mamma e papà promossa dall ateneo di Roma 3. L anno scorso ci siamo divertiti facendo Benvenuto a questa nuova giornata da passare nell ufficio di mamma e papà promossa dall ateneo di Roma 3. L anno scorso ci siamo divertiti facendo delle attività molto interessanti e simpatiche! Anche

Dettagli

Museo del Risorgimento:

Museo del Risorgimento: Museo del Risorgimento: Il giorno 14 gennaio la classe 3C ha visitato il museo del Risorgimento. Il museo, prima di diventare tale,è stato la residenza di casa de Marchi, il quale una volta morto, ha donato

Dettagli

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato Data l indecisione sul metodo della votazione ( per stato o per testa) il terzo stato si riunì

Dettagli

Conflitti e ridefinizione del quadro geopolitico fra XVII e XVIII secolo

Conflitti e ridefinizione del quadro geopolitico fra XVII e XVIII secolo Conflitti e ridefinizione del quadro geopolitico fra XVII e XVIII secolo Guerre e rivolte del XVII secolo italiano 1613-1617 / Prima guerra del Monferrato: Savoia e Venezia contro Gonzaga e Spagna; Monferrato

Dettagli

il 1848 in italia - IL RISORGIMENTO

il 1848 in italia - IL RISORGIMENTO il 1848 in italia - IL RISORGIMENTO risveglio politico --- legato al ----> risveglio economico anni 30: ferrovie, industrie, aumento commerci, sviluppo agricoltura, buona rete stradale; influisce anche

Dettagli

Riepilogo dinamiche principali dal punto di vista storico Risorgimento e unità d Italia

Riepilogo dinamiche principali dal punto di vista storico Risorgimento e unità d Italia Riepilogo dinamiche principali dal punto di vista storico Risorgimento e unità d Italia Problemi strutturali dell economia italiana nell ottocento o squilibri nel settore agricolo (aziende moderne al nord,

Dettagli

Napoleone, la Francia, l l Europa

Napoleone, la Francia, l l Europa L Età napoleonica Napoleone, la Francia, l l Europa Nel 1796 Napoleone intraprese la campagna d d Italia. Tra il 1796 e il 1799 l l Italia passò sotto il dominio francese. Nacquero alcune repubbliche(cisalpina,

Dettagli

La politica economica degli stati e la nascita dell economia come scienza. Fisiocrazia e liberismo.

La politica economica degli stati e la nascita dell economia come scienza. Fisiocrazia e liberismo. PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA CLASSE IV B geo A.S. 2010-2011 DOCENTE: CRISTINA FORNARO L antica aspirazione alla riforma della Chiesa. La riforma di Lutero. La diffusione della riforma in Germania e in Europa.

Dettagli

Via Sant Eufemia, 12-13 29121 Piacenza Tel. 0523.311111 Fax 0523.311190 info@lafondazione.com www.lafondazione.com

Via Sant Eufemia, 12-13 29121 Piacenza Tel. 0523.311111 Fax 0523.311190 info@lafondazione.com www.lafondazione.com Via Sant Eufemia, 12-13 29121 Piacenza Tel. 0523.311111 Fax 0523.311190 info@lafondazione.com www.lafondazione.com CalenDiario 2011: L Italia compie 150 anni CalenDiario Nel 2011 l Italia compie 150

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE CONCORSO A.N.P.I. IC S.P. DAMIANO Scuola secondaria di 1 grado Classe: 3^C Insegnante: Anita Vitali Discipline: Italiano e Storia Abbiamo colto l occasione offerta da questo concorso per affrontare lo

Dettagli

L Italia e l Europa nel XVI secolo

L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia era un paese formato da stati regionali, divisi e fragili, che nel XV secolo erano rimasti in pace a vicenda visto l accordo di Lodi del 1454. Questo equilibrio

Dettagli

La rivoluzione Francese. 1. La fine della monarchia

La rivoluzione Francese. 1. La fine della monarchia La rivoluzione Francese 1. La fine della monarchia Alle origini della rivoluzione Immobilismo politico della Francia: la culla dell illuminismo non conosce riforme. Esempio della rivoluzione americana.

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI CLASSE: IV MATERIA: STORIA

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI CLASSE: IV MATERIA: STORIA PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI CLASSE: IV MATERIA: STORIA Modulo n 1 : Il seicento tra rivolte, rivoluzioni e depressione

Dettagli

Prof. Francesca Cassarà

Prof. Francesca Cassarà Prof. Francesca Cassarà Che cos'è il Risorgimento? Per gli storici il Risorgimento italiano (che significa risveglio dell Italia) comprende tutte le vicende storiche che dopo il Congresso di Vienna del

Dettagli

Rivoluzione Francese

Rivoluzione Francese Rivoluzione Francese Alla fine degli anni 80 del XVIII secolo la Francia attraversata una grave crisi economica: la produzione agricola era calata, le spese militari viste le numerose guerre erano aumentate,

Dettagli

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE

IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE IL RISORGIMENTO LE SOCIETÀ SEGRETE Gli Italiani vogliono essere indipendenti. Gli Italiani cercano di liberarsi dagli austriaci e dagli amici degli austriaci. Questo periodo si chiama RISORGIMENTO. Gli

Dettagli

La Restaurazione dopo la Rivoluzione e Napoleone

La Restaurazione dopo la Rivoluzione e Napoleone La Restaurazione dopo la Rivoluzione e Napoleone Il Congresso di Vienna fu una conferenza tenutasi nell allora capitale dell Impero austriaco, dal 1 novembre 1814 all 8 giugno 1815. Vi parteciparono le

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone :

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone : LA RIVOLUZIONE FRANCESE In Francia la società è divisa in tre ordini o stati: 1) Nobiltà 2) Clero 3) Terzo Stato Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie

Dettagli

3) Per quale motivo la Francia si propose per intervenire in Spagna?

3) Per quale motivo la Francia si propose per intervenire in Spagna? I moti del 1820 21 Con la restaurazione delle monarchie assolute vennero annullati i principi affermati dalle rivoluzioni francese e americana. Ma l idea di uno stato costituzionale, fondato cioè non sull

Dettagli

LA RIFORMA PROTESTANTE

LA RIFORMA PROTESTANTE LA RIFORMA PROTESTANTE LE CAUSE DELLA RIFORMA interessi temporali dei papi corruzione diffusa crisi della chiesa grande indulgenza 1517 pubblicazione tesi di Lutero 1. scontro tra principi e imperatore

Dettagli

Risorgimento Le guerre d indipendenza: verso l Unità d Italia La prima guerra d'indipendenza Nasce il regno d Italia

Risorgimento Le guerre d indipendenza: verso l Unità d Italia La prima guerra d'indipendenza Nasce il regno d Italia Risorgimento E il processo che portò alla formazione dello Stato italiano unitario nell'ottocento. Il Risorgimento cominciò dopo il Congresso di Vienna come reazione alla restaurazione. In Italia i patrioti

Dettagli

La società francese. Nobiltà

La società francese. Nobiltà 1. Nuovi ideali e crisi economica demoliscono l antico regime La Rivoluzione francese, insieme a quella americana, è giustamente considerata uno dei momenti essenziali della nostra storia e della nostra

Dettagli

La società francese alla fine del '700

La società francese alla fine del '700 La società francese alla fine del '700 Primo stato: ecclesiastici Secondo stato: nobili 2% della popolazione possiedono vaste proprietà terriere e sono esonerati dalle tasse. Possono riscuotere tributi

Dettagli

PROGRAMMA STORIA CLASSE IV H A.S. 2014 / 2015 PROF.SSA MARINA LORENZOTTI

PROGRAMMA STORIA CLASSE IV H A.S. 2014 / 2015 PROF.SSA MARINA LORENZOTTI PROGRAMMA STORIA CLASSE IV H A.S. 2014 / 2015 PROF.SSA MARINA LORENZOTTI MODULO 1 DALL ANTICO REGIME ALL ILLUMINISMO Unità 1 La Francia di Luigi XIV 1.1 Dal governo di Mazzarino al regno di Luigi XIV Mazzarino

Dettagli

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori FRATELLI D'ITALIA spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori Di seguito vi proponiamo una serie di tematiche, presenti nello spettacolo teatrale, che possono

Dettagli

Liceo T.L. Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2008-2009 STORIA. Insegnante: Guastella Egizia

Liceo T.L. Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2008-2009 STORIA. Insegnante: Guastella Egizia Liceo T.L. Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2008-2009 STORIA Classe IV F Insegnante: Guastella Egizia Argomenti svolti con l uso degli appunti proposti dall insegnante e del manuale

Dettagli

L Italia tra unità e disunità

L Italia tra unità e disunità L Italia tra unità e disunità Identità e senso di appartenenza Che cosa significa sentirsi italiani? (divario tra identità nazionale e identità italiana) Miti fondativi: romanità, Risorgimento, Resistenza

Dettagli

dominio austriaco. Non è una nazione e non ha un unità. L unico Stato indipendente è il regno di Sardegna.

dominio austriaco. Non è una nazione e non ha un unità. L unico Stato indipendente è il regno di Sardegna. Il Risorgimento e l Unità d italia Prima parte: L Italia dopo il «Congresso di Vienna»: un espressione geografica L Italia, dopo il congresso di Vienna (1814-1815), è divisa in più stati, la maggior parte

Dettagli

Dai comuni alle signorie Dalle signorie ai principati

Dai comuni alle signorie Dalle signorie ai principati Dai comuni alle signorie Dalle signorie ai principati 1000-1454 ITC Custodi, gennaio 2012 1 La nascita dei comuni Le città dell Europa centrale, che erano sottoposte a un signore, a un conte o a un vescovo,

Dettagli

DA SUDDITI A CITTADINI

DA SUDDITI A CITTADINI DA SUDDITI A CITTADINI LO STATO ASSOLUTO 1) L'assolutismo. Lo Stato nasce in Europa a partire dal 15 secolo: i sovrani stabilirono il loro poteri su territori che avevano in comune razza, lingua, religione

Dettagli

Moti rivoluzionari prima guerra d'indipendenza

Moti rivoluzionari prima guerra d'indipendenza Moti rivoluzionari Le idee di libertà sostenute dai liberali e ignorate dal Congresso di Vienna vengono propagandate attraverso società segrete tra cui la Carboneria. La speranza è di ottenere l'indipendenza

Dettagli

Ricerca di gruppo della classe V A Plesso Trionfale: I grandi personaggi che hanno contribuito alla nascita dello Stato italiano

Ricerca di gruppo della classe V A Plesso Trionfale: I grandi personaggi che hanno contribuito alla nascita dello Stato italiano Ricerca di gruppo della classe V A Plesso Trionfale: I grandi personaggi che hanno contribuito alla nascita dello Stato italiano 1 2 3 Il periodo della storia dell'italia in cui l'affermarsi di una coscienza

Dettagli

2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana

2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana Biblioteca Nazionale Braidense presenta: DOMANI AVVENNE 2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana Sala Microfilm 30 maggio - 30 giugno 2009 1 Rassegna DOMANI AVVENNE : ciclo di mostre documentarie di

Dettagli

Le origini e gli sviluppi del sistema politico svizzero

Le origini e gli sviluppi del sistema politico svizzero Lugano, 1.02.2011 Le origini e gli sviluppi del sistema politico svizzero Sandro Guzzi-Heeb, Università di Losanna Il passato non è morto e sepolto; in realtà non è nemmeno passato. William Faulkner 1.

Dettagli

Protocollo dei saperi imprescindibili

Protocollo dei saperi imprescindibili CLASSE:PRIMA Le antiche civiltà (Civiltà idrauliche) La comune identità delle comunità greche (i miti, la religione...) L Atene del V secolo. Alessandro Magno La civiltà etrusca Roma: la fondazione, il

Dettagli

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo L Italia fascista Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo La nascita e l affermazione del Fascismo La prima riunione del movimento dei fasci di combattimento si tenne a Milano nel 1919.

Dettagli

l'europa dopo il congresso di Vienna L'Italia dopo il Congresso di Vienna

l'europa dopo il congresso di Vienna L'Italia dopo il Congresso di Vienna l'europa dopo il congresso di Vienna L'Italia dopo il Congresso di Vienna Le idee del Risorgimento: i liberali e i democratici Giuseppe Mazzini Carlo Cattaneo Vincenzo Gioberti Cesare Balbo Massimo d'azeglio

Dettagli

LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941

LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941 LE BATTAGLIE DELL ITALIA 1940-1941 Alla fine del 1940 l Italia invade la Grecia. L impresa è più difficile del previsto e deve chiedere aiuto ai tedeschi L esercito italiano e quello tedesco combattono

Dettagli

IL SECOLO DELLA BORGHESIA IN EUROPA E IN ITALIA di Alessandro Grussu

IL SECOLO DELLA BORGHESIA IN EUROPA E IN ITALIA di Alessandro Grussu IL SECOLO DELLA BORGHESIA IN EUROPA E IN ITALIA di Alessandro Grussu Si può dire che il XIX secolo sia stato, nella storia di gran parte d Europa, il secolo della borghesia. Nel corso di quei cento anni

Dettagli

II GUERRA DI INDIPENDENZA (26/4/1859-17/3/1861)

II GUERRA DI INDIPENDENZA (26/4/1859-17/3/1861) II GUERRA DI INDIPENDENZA (26/4/1859-17/3/1861) Anche in seguito agli insuccessi dei democratici (es: fallimento della spedizione di Carlo Pisacane, 1857), il progetto politico di Cavour raccoglie sempre

Dettagli

La rivoluzione russa: le cause ( 1905)

La rivoluzione russa: le cause ( 1905) La rivoluzione russa: le cause ( 1905) assolutismo politica populismo Rivoluzione contadina 85% della popolazione contadini, ex servi della gleba sociale Arretratezza Malcontento e disagi per a guerra

Dettagli

L Italia nei secoli XIV e XV

L Italia nei secoli XIV e XV L Italia nei secoli XIV e XV Con le sue città, i suoi commerci, la sua cultura, l Italia di fine Medio Evo costituisce forse la più alta espressione delle civiltà europea, ma allo stesso tempo è insidiata

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale dura dal 1939 al 1945 ed è una guerra totale, cioè coinvolge tutto il mondo. da un lato i regimi nazifascisti, gli STATI DELL ASSE, cioè Germania,

Dettagli

La rivoluzione francese

La rivoluzione francese La rivoluzione francese Comunque la si giudichi, qualunque interpretazione se ne dia, non si può negare che la rivoluzione francese rappresenti una svolta nella storia: il mondo dopo di essa sarà diverso.

Dettagli

L apogeo di Luigi XIV guerra di devoluzione guerra d Olanda supremazia francese La fine della supremazia francese coalizione antifrancese

L apogeo di Luigi XIV guerra di devoluzione guerra d Olanda supremazia francese La fine della supremazia francese coalizione antifrancese Dal 500 fino alla pace di Westfalia che mette fine alla guerra dei Trent anni (1618-48), Francia e Impero si sono scontrati, in Italia e nell area tedesca, per la supremazia in Europa. Impedendo agli Asburgo

Dettagli

LA PARTENZA. La valigia. 1 Con chi farai la valigia? 2 Quali vestiti prenderai con te? 3 Cosa non devi assolutamente dimenticare*?

LA PARTENZA. La valigia. 1 Con chi farai la valigia? 2 Quali vestiti prenderai con te? 3 Cosa non devi assolutamente dimenticare*? LA PARTENZA La valigia Con chi farai la valigia? Quali vestiti prenderai con te? 3 Cosa non devi assolutamente dimenticare*? 4 Completa il cruciverba per scoprire il nome di un famoso stilista italiano.

Dettagli

Il1968 è anno di rottura col passato

Il1968 è anno di rottura col passato Il1968 è anno di rottura col passato Evento chiave: la guerra in Vietnam perché non si riconosce all intervento di Usa quella valenza di tutela della libertà contro i rischi del comunismo Giovani di paesi

Dettagli

La prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale La prima guerra mondiale CAUSE POLITICHE 1. Le cause Contrasti Francia Germania per l Alsazia Lorena Contrasto Italia Impero Austro Ungarico per Trento e Trieste Espansionismo di Austria, Russia e Italia

Dettagli

La prima Guerra Mondiale. IV F La prima guerra mondiale 1

La prima Guerra Mondiale. IV F La prima guerra mondiale 1 La prima Guerra Mondiale IV F La prima guerra mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile

Dettagli

La Rivoluzione inglese

La Rivoluzione inglese La Rivoluzione inglese I conflitti tra monarchia inglese e parlamento PREMESSA 1215 il re inglese Giovanni senza terra è costretto a concedere la Magna Charta Libertatum Il re non poteva chiedere nuove

Dettagli

Classe III F A.S. 2013/2014 Docente: Patrizia Marirossi

Classe III F A.S. 2013/2014 Docente: Patrizia Marirossi Classe III F A.S. 2013/2014 Docente: Patrizia Marirossi ISIS I. Calvino -Città della Pieve Liceo scientifico Programma di STORIA LIBRO DI TESTO: GIARDINA-SABBATUCCI-VIDOTTO, Storia, Nuovi programmi, vol.

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA. Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione:

PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA. Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione: Liceo T.L.Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA CLASSE IV BSO Insegnante:Guastella Egizia Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione:

Dettagli

Due rivoluzioni, due dichiarazioni.

Due rivoluzioni, due dichiarazioni. Due rivoluzioni, due dichiarazioni. Dalla Rivoluzione americana e dalla Rivoluzione francese nascono due diverse dichiarazioni, rispettivamente la Dichiarazione d Indipendenza americana, approvata dai

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE 1789-1799 PRESENTAZIONE DI PAOLO CARMIGNANI ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE P. ALDI GROSSETO

LA RIVOLUZIONE FRANCESE 1789-1799 PRESENTAZIONE DI PAOLO CARMIGNANI ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE P. ALDI GROSSETO LA RIVOLUZIONE FRANCESE 1789-1799 PRESENTAZIONE DI PAOLO CARMIGNANI ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE P. ALDI GROSSETO E UNO DEGLI EVENTI CHE HANNO SEGNATO LA STORIA EUROPEA SIA PER LE TRASFORMAZIONI

Dettagli

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali.

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali. il testo: 01 L Impero romano d Oriente ha la sua capitale a Costantinopoli. Costantinopoli è una città che si trova in Turchia, l antico (vecchio) nome di Costantinopoli è Bisanzio, per questo l Impero

Dettagli

PROGRAMMA FINALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015. Libro di testo: F. Bertini Storia. Fatti e interpretazioni Ed. Mursia scuola Vol. 1

PROGRAMMA FINALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015. Libro di testo: F. Bertini Storia. Fatti e interpretazioni Ed. Mursia scuola Vol. 1 PROGRAMMA FINALE ANNO SCOLASTICO 2014-2015 CLASSE III D Professoressa Cocchi Monica Programma svolto di storia Libro di testo: F. Bertini Storia. Fatti e interpretazioni Ed. Mursia scuola Vol. 1 Istituzioni,

Dettagli

La prima Guerra Mondiale

La prima Guerra Mondiale La prima Guerra Mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile Lo stato e la censura La

Dettagli

IL RISORGIMENTO ITALIANO

IL RISORGIMENTO ITALIANO IL RISORGIMENTO ITALIANO Processo storico che, iniziato con i moti del 1820-21, si conclude con l unità d Italia. 17 marzo, insorge VENEZIA e proclama la Repubblica. 18 marzo, insorge MILANO. Il popolo

Dettagli

La prima e la seconda guerra di indipendenza

La prima e la seconda guerra di indipendenza La prima e la seconda guerra di indipendenza La prima guerra di indipendenza La situazione europea Francia: Il 23 febbraio 1848 (rivoluzione di febbraio) Parigi si riempie di barricate, perché il re Luigi

Dettagli

PROGETTO STRANIERI STORIA

PROGETTO STRANIERI STORIA Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI STORIA 9 1600-1700 A cura di Maurizio Cesca PROGETTO STRANIERI SMS Maffucci-Pavoni Milano pag. 1 L Europa dal

Dettagli

SOCIETÀ, STATO E DIRITTO

SOCIETÀ, STATO E DIRITTO 27 SOCIETÀ, STATO E DIRITTO Caratteri dello Stato Dal feudalesimo alla nascita dello Stato moderno Le idee del filosofo Immanuel Kant Le idee del filosofo greco Aristotele Il moderno Stato di diritto La

Dettagli

DAL CONGRESSO DI VIENNA ALL'ETÀ DELL'IMPERIALISMO

DAL CONGRESSO DI VIENNA ALL'ETÀ DELL'IMPERIALISMO indice 1. Dalla restaurazione alle rivoluzioni del 1848 2. L affermazione della società borghese 3. L Italia dopo l unità 1815-1848 1850-1870 1860-1870 1.1 Gli stati europei durante la restaurazione 1.2

Dettagli

LA STORIA DELL ANPAS

LA STORIA DELL ANPAS LA STORIA DELL ANPAS Le Pubbliche Assistenze nascono alla metà dell 800 sulla spinta degli ideali risorgimentali SCHEDA 2 Le radici storiche SOCIETÀ OPERAIE DI MUTUO SOCCORSO Sodalizi attivi negli stati

Dettagli

La Rivoluzione francese segnò quindi la fine dell'assolutismo e diede inizio a un nuovo periodo in cui i protagonisti sono la borghesia e il popolo.

La Rivoluzione francese segnò quindi la fine dell'assolutismo e diede inizio a un nuovo periodo in cui i protagonisti sono la borghesia e il popolo. La Rivoluzione francese fu un periodo di grandi sconvolgimenti sociali, politici e culturali avvenuto tra il 1789 e il 1799, che segna il limite tra l'età moderna e l'età contemporanea nella storia francese.

Dettagli

IL FASCISMO 1919-1943

IL FASCISMO 1919-1943 IL FASCISMO 1919-1943 Origini del fascismo 1919-1921 Il fascismo prende il potere 1922-1924 Diventa una regime totalitario di massa (dittatura) 1925-1943 Le origini del Fascismo 1919-1921 Dalla crisi economica

Dettagli

Dall Impero Ottomano alla Repubblica di Turchia L A T U R C H I A N E L L A P R I M A G U E R R A M O N D I A L E E S U B I T O D O P O

Dall Impero Ottomano alla Repubblica di Turchia L A T U R C H I A N E L L A P R I M A G U E R R A M O N D I A L E E S U B I T O D O P O Dall Impero Ottomano alla Repubblica di Turchia L A T U R C H I A N E L L A P R I M A G U E R R A M O N D I A L E E S U B I T O D O P O L Impero Ottomano Massima espansione (1683) L Impero nel 1914 La

Dettagli

L abolizione della pena di morte in Italia

L abolizione della pena di morte in Italia L abolizione della pena di morte in Italia 1. Dal Medioevo all Ottocento: il primato della Toscana. La pena capitale cominciò ad essere applicata in Italia dall Imperatore Enrico II, all inizio dell XI

Dettagli

La prima Guerra Mondiale

La prima Guerra Mondiale La prima Guerra Mondiale 1 Temi trattati Le cause della guerra I fronti della prima guerra mondiale Le date della Grande guerra I soldati: la vita in trincea La società civile Lo stato e la censura La

Dettagli

RISORGIMENTO COSTANTINO DI SANTE

RISORGIMENTO COSTANTINO DI SANTE RISORGIMENTO COSTANTINO DI SANTE Il Risorgimento, definizione, avvenimenti e interpretazioni 1 Il termine Risorgimento prende ispirazione letteralmente da risorgere, rinascere, risollevarsi, in senso transitivo

Dettagli

IL CARDINALE RICHELIEU

IL CARDINALE RICHELIEU In Francia la monarchia fu rafforzata dall opera di due abili ministri IL CARDINALE RICHELIEU Tra i propositi di Richelieu alla guida dello stato, c'erano il rafforzamento del potere del re di Francia e

Dettagli

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI 3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI SIGNORI E PRINCIPI Fra la metà del Duecento e il Quattrocento, nell'italia settentrionale e centrale > numerose signorie. Molti signori, dopo avere preso il potere con la

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

La formazione delle politiche risorgimentali in Italia

La formazione delle politiche risorgimentali in Italia La formazione delle politiche risorgimentali in Italia Oltre le società segrete I fallimenti dei moti del 1831 producono in Italia una crisi delle strategie settarie. Si sviluppano due nuove tendenze:

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE ALLA FINE DEL XIX SECOLO I RAPPORTI FRA GLI STATI DIVENTANO SEMPRE PIÙ TESI CAUSE COMPETIZIONE ECONOMICA RIVALITA COLONIALI POLITICHE NAZIONALISTICHE

Dettagli

Il Basso Medioevo. A cura del prof. Marco Migliardi

Il Basso Medioevo. A cura del prof. Marco Migliardi Il Basso Medioevo A cura del prof. Marco Migliardi Introduzione Il drammatico scontro per il diritto di nomina dei vescovi (le investiture) che oppone Papato e Impero è in realtà solo un aspetto del più

Dettagli

Storia della legislazione sui Beni Culturali

Storia della legislazione sui Beni Culturali Prof. Francesco Morante Storia della legislazione sui Beni Culturali Morante - Storia legislazione 1 Periodo preunitario Nelle epoche antiche non esisteva una legislazione che tutelava i beni culturali

Dettagli

CONOSCERE LA STORIA PER CAPIRE IL PRESENTE E COSTRUIRE UN MONDO DI PACE

CONOSCERE LA STORIA PER CAPIRE IL PRESENTE E COSTRUIRE UN MONDO DI PACE 1 CONOSCERE LA STORIA PER CAPIRE IL PRESENTE E COSTRUIRE UN MONDO DI PACE La passione per la storia risale ai primi anni della mia vita e ora, che ho dieci anni, continuo ad avere interesse per tutto ciò

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

La società francese prima della Rivoluzione UNA SOCIETÀ DI ORDINI

La società francese prima della Rivoluzione UNA SOCIETÀ DI ORDINI La società francese prima della Rivoluzione UNA SOCIETÀ DI ORDINI alto clero basso clero nobiltà di spada nobiltà di toga alta borghesia borghesia masse popolari CLERO NOBILTÀ TERZO STATO * esenzione fiscale

Dettagli

STORIA 10. Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI STORIA 10 L ILLUMINISMO E LE GRANDI RIVOLUZIONI

STORIA 10. Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI STORIA 10 L ILLUMINISMO E LE GRANDI RIVOLUZIONI Scuola Secondaria di 1 Grado Via MAFFUCCI-PAVONI Via Maffucci 60 Milano PROGETTO STRANIERI STORIA 10 L ILLUMINISMO E LE GRANDI RIVOLUZIONI A cura di Maurizio Cesca PROGETTO STRANIERI SMS Maffucci-Pavoni

Dettagli

CRONOLOGIA ESSENZIALE DEL RISORGIMENTO ITALIANO

CRONOLOGIA ESSENZIALE DEL RISORGIMENTO ITALIANO CRONOLOGIA ESSENZIALE DEL RISORGIMENTO ITALIANO Congresso di Vienna (1814-15) Al termine delle guerre napoleoniche, il Congresso di Vienna ripristinò l'assetto territoriale degli stati europei e restaurò

Dettagli

Storia contemporanea

Storia contemporanea Storia contemporanea Prof. Roberto Chiarini http://rchiarinisc.ariel.ctu.unimi.it Anno Accademico 2008/2009 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

Avanti Cristo a. C. Dopo Cristo d. C. 3500 a.c. 0 476 1492 1789 ETA ANTICA MEDIOEVO ETA MODERNA ETA CONTEMPORANEA

Avanti Cristo a. C. Dopo Cristo d. C. 3500 a.c. 0 476 1492 1789 ETA ANTICA MEDIOEVO ETA MODERNA ETA CONTEMPORANEA SINTESI DI STORIA Vol. 2 In Italia studiamo soprattutto la STORIA OCCIDENTALE: cioè la storia dell Europa e di quei paesi non-europei (specialmente i paesi del Nord America), la cui cultura è più vicina

Dettagli

obiettivi 1,2,3 sì obiettivi 4,5,6,7,8 una parte della classe

obiettivi 1,2,3 sì obiettivi 4,5,6,7,8 una parte della classe PQ 11.3 Ed. 3 del 1/9/2007 ISTITUTO MAGISTRALE STATALE ERASMO DA ROTTERDAM ATTIVITÀ DEL DOCENTE. SEZIONE C : RELAZIONE A CONSUNTIVO DOCENTE Andrea Inglese MATERIA Storia DESTINATARI 4 DSO ANNO SCOLASTICO

Dettagli