PRIMO CIRCOLO DIDATTICO Piazza Indipendenza c/o Villaggio Scolastico CASTROVILLARI (CS) TeleFax CM CSEE CF

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRIMO CIRCOLO DIDATTICO Piazza Indipendenza c/o Villaggio Scolastico 87012 CASTROVILLARI (CS) TeleFax 0981491387 CM CSEE590004 CF E-mail:"

Transcript

1 PRIMO CIRCOLO DIDATTICO Piazza Indipendenza c/o Villaggio Scolastico CASTROVILLARI (CS) TeleFax CM CSEE CF PEC: Web: 1

2 MACRO-ESPERIENZA IN SITUAZIONE: PRATICA-MENTE E-BOOK NUCLEO TEMATICO RELATIVO AL PERIODO ( tre fasi) con 7 MODULI: IL MITO GRECO: Titolo: Un viaggio nella Mitologia Greca - Il Mito di Orfeo e Euridice 2

3 Mappa delle FASI FASE 1 1 settimana Modulo Introduttivo: IL LABORATORIO COOPERATIVO DI INFORMATICA E DELLE DISCIPLINE 1 incontro Modulo 1: IL LABORATORIO DELLE IDEE: collaboriamo per creare un e-book 1 incontro FASE 2 5 settimane Modulo 2: AMBIENTI DI APPRENDIMENTO 2 incontri Modulo 3: APPRENDERE IN RETE: STRUMENTI E STRATEGIE PER LA RICERCA 4 incontri Modulo 4: DAI FILE AI DOCUMENTI: STRUTTURARE I CONTENUTI 4 incontri FASE 3 6 settimane Modulo 5: UN MODELLO LOGICO: L'ORGANIZZAZIONE DELLE INFORMAZIONI 4 incontri Modulo 6: COMUNICARE ED OPERARE PER UNO SCOPO COMUNE 2 incontri Modulo 7: INSIEME PER COSTRUIRE AMBIENTI DI APPRENDIMENTO 2 incontri 3

4 Il progetto si distribuirà nell anno scolatico 2013/2014 da Febbraio a Giugno articolato in TRE FASI con 7 MODULI per due volte a settima per due ore e mezza non extracurriculari per 50 ORE. Ogni LUNEDì e GIOVEDì dalle ore 15,00 alle ore 17,30 L articolazione dello stesso dovrebbe svilupparsi nel seguente modo: NUCLEO TEMATICO RELATIVO AL PERIODO ( tre fasi): Un viaggio nella Mitologia Greca Il Mito di Orfeo e Euridice Scelta del tema: IL MITO Lettura animata del testo narrativo fantastico Comprensione e riflessione del nucleo tematico: UN VIAGGIO NELLA MITOLOGIA GRECA Ricerche di dati ed informazioni attinenti il testo proposto: IL MITO NEL MITO Verbalizzazione iconografica e scritta sul tema anche in formato digitale Laboratorio di scrittura: IL TESTO DESCRITTIVO ed IL FUMETTO Utilizzo del PACCHETTO MICROSOFT OFFICE: WORD/POWER POINT/EXCEL/ Utilizzo di strumenti di scrittura elettronica individuale o collaborativa attraverso anche gli AMBIENTI CLOUD e SOCIAL NETWORK per la condivisione dei vari materiali. Ideazione, progettazione e realizzazione dei contenuti creati con schemi, mappe mentali e concettuali con l utilizzo anche di programmi specifici Uso e modifica di immagini digitali con Programmi di GRAFICA on line ed off-line, a seconda del contesto comunicativo di utilizzo anche con l utilizzo della macchina fotografica digitale e della videocamera Buone pratiche con software per l organizzazione sintetica di dati, informazioni, conoscenza, abilità comunicative, competenze comunicative, senso critico ed estetico e lavoro di team sul tema affrontato Buone pratiche nella scelta nel web di video per la didattica e produzione di video da parte dei ragazzi con la videocamera digitale Utilizzo di programmi EDITOR VIDEO per la produzione di materiale multimediale riguardo ad alcune parti del nucleo tematico Organizzazione e presentazione del materiale vario digitale con e sulla LIM (Lavagna Interattiva Multimediale) con il Software SMARTNOTEBOOK 10/11 Ricerca e gestione di file musicali e sonori mediante Programmi di Registrazione e per effetti sonori e file audio Trascrizione personalizzata degli stessi su PC, realizzando attività multimediali ed interattive con il SOFTWARE DIDAPAGES per la realizzazione della RISORSA DIGITALE Utilizzare audiolibri e libri digitali per acquisire la conoscenza delle sue parti: copertina, frontespizio, colophon, indice. 4

5 Si promuoveranno anche PERCORSI PERSONALIZZATI nell uso del computer come sostegno allo sviluppo di lettura, scrittura per gli alunni DSA e BES utilizzando STRUMENTI COMPENSATIVI: Strumenti per la lettura : sintesi vocale (come potenziamento delle abilità uditive e della memoria e dell ascolto) Strumenti per la scrittura (come programmi di videoscrittura con correttore ortografico che permettono l autocorrezione di testi) Software di realizzazione MAPPE CONCETTUALI per difficoltà di apprendimento. CONTENUTI DELL E-BOOK: copertina controcopertina presentazione introduzione pagina con contenuto/domanda stimolo che cos è IL MITO I PERSONAGGI DEL MITO I COSA DEL MITO IL LUOGO DEL MITO IL TEMPO DEL MITO Il Mito di ORFEO E EURIDICE: il racconto LA MUSICA presso i GRECI Interpretazioni del Mito di ORFEO E EURIDICE: Musica, Canto, Ballo, Arte 5

6 MUSICA: Gluck CANTO: Vecchioni BALLO: video ARTE: scultura, pittura. Conclusioni: Vedi STORYBOARD/SCENEGGIATURA DELLE 3 FASI : 6

7 MICRO-ESPERIENZA IN SITUAZIONE: PRATICA-MENTE E-BOOK 7

8 FASE 1 1 settimana Modulo Introduttivo: IL LABORATORIO COOPERATIVO DI INFORMATICA E DELLE DISCIPLINE 1 incontro Modulo 1: IL LABORATORIO DELLE IDEE: collaboriamo per creare un e-book 1 incontro PRIMA FASE: Introduzione Modulo Introduttivo: IL LABORATORIO COOPERATIVO DI INFORMATICA E DELLE DISCIPLINE 1 incontro Modulo 1: IL LABORATORIO DELLE IDEE: collaboriamo per creare un e-book 1 incontro 8

9 primo e secondo incontro 27/02/- 03/03/2014 presentazione brainstorming scheda del mito/presentazione Prezi istituzione dei gruppi cooperativi TEST MOTIVAZIONALE da somministrare agli alunni partecipanti Filmati-stimolo: I MITI GRECI di Luciano De Crescenzo Gestione dei dati e strutturazione di base delle cartelle in ambiente windows Finalità inerenti alle ICT applicate alla didattica: utilizzo del sw d autore LIM per presentazione e gestione dati/informazioni creare cartelle e sottocartelle per la gestione di materiale vario digitale accensione e spegnimento pc salvare e recuperare file realizzati al computer 9

10 conversazioni e condivisione sul PATTO FORMATIVO da rispettare nel Laboratorio Informatico 10

11 FASE 2 5 settimane Modulo 2: AMBIENTI DI APPRENDIMENTO 2 incontri Modulo 3: APPRENDERE IN RETE: STRUMENTI E STRATEGIE PER LA RICERCA 4 incontri Modulo 4: DAI FILE AI DOCUMENTI: STRUTTURARE I CONTENUTI 4 incontri SECONDA FASE: 11

12 Modulo 2: AMBIENTI DI APPRENDIMENTO 2 incontri terzo incontro 06/03/2014 Gruppi di lavoro: AREA DI COMPETENZA Nomina dei COORDINATORI GENERALI e degli ESPERTI Progettare e stilare SCHEMI x i contenuti dell ebook: DIAGRAMMI DI FLUSSO/Presentazioni Discussione e lavoro sugli script su CHE COSA SONO I MITI? I gruppi cooperativi visionano e discutono il materiale in loro possesso in formato digitale e cartaceo I gruppi cooperativi preparano il lavoro al computer in base all area di competenza quarto incontro 10/03/2014 I GRUPPI COOPERATIVI lavorano e modificano i loro prodotti confrontandosi con l insegnante-tutor e con i COORDINATORI ed ESPERTI di ciascun gruppo Nomina dei RICERCATORI e altri ruoli per la conduzione del lavoro cooperativo COORDINATORI ed ESPERTI di ciascun gruppo controllano il materiale realizzato e prelevano il lavoro in chiavetta USB Discussione degli script alla LIM ed eventuali modifiche Gli ESPERTI vengono avviati all uso di DIDAPAGES 12

13 SCHEDA AUTOVALUTAZIONE del singolo per PRIMA FASE PRESENTAZIONE DEL GRUPPO SEGRETO Facebook per scambiare materiale per il lavoro multimediale. Lettura della Netiquette del GRUPPO SEGRETO Facebook AMBIENTI CLOUD: Flickr (presentato da Barbara Andreassi) GRIGLIA DOCENTE X VALUTAZIONE ABILITA ORGANIZZATIVE DEL LAVORO IN COOPERATIVE LEARNING (per singolo alunno e per il gruppo) Finalità inerenti alle ICT applicate alla didattica: aspetti operativi al computer: organizzazione archivio dati: cartelle/sottocartelle formattazione del testo inserimento immagini modifica del layout pagina controllo ortografia e grammatica utilizzo di un programma di videoscrittura e di presentazione 13

14 Modulo 3: APPRENDERE IN RETE: STRUMENTI E STRATEGIE PER LA RICERCA 4 incontri quinto incontro 13/03/2014 Illustrare in modo specifico ai RICERCATORI le indicazioni per impostare il lavoro di ricerca in rete per reperire ulteriori informazioni da trasferire al proprio gruppo cooperativo Utilizzo ed esplorazione delle reti informatiche per reperire informazioni e dati per il lavoro di ciascun gruppo cooperativo. Istituzione del GRUPPO SEGRETO FACEBOOK Lettura e condivisione della NETIQUETTE GRUPPO SEGRETO FACEBOOK/SICUREZZA nell uso di SOCIAL NETWORK Interazione tra i RICERCATORI e i COORDINATORI per decidere la modalità di ricerca di ulteriori dati dell argomento di cui trattano i GRUPPI COOPERATIVI Recuperare informazioni e materiale pertinente all oggetto di ricerca necessari per strutturare ed elaborare il lavoro da fare da parte di ciascun gruppo VALUTARE ED ESPRIMERE IL GRADIMENTO NEL LAVORO SVOLTO (schede di valutazione strutturate) 14

15 sesto incontro 17/03/2014 Ricerca e recupero di informazioni e materiale pertinente all oggetto di ricerca necessari per strutturare ed elaborare il lavoro da fare da parte di ciascun gruppo I RICERCATORI e i COORDINATORI discutono e modificano i loro prodotti in base al materiale reperite in rete. I COORDINATORI DI SCHEDE OPERATIVE ( ESPERTI) controllano il materiale realizzato e prelevano il lavoro in chiavetta USB. Discussione sugli script sulla LIM ed eventuali modifiche da apportare da parte di ciascun gruppo. Esprimere il gradimento del lavoro svolto in schede di valutazione strutturate: PAGELLA DEL GRUPPO x singolo alunno Valutazione del docente per misurare le abilità strumentali e la cooperazione di ciascun gruppo nel lavoro svolto: GRIGLIA DEL DOCENTE PER LA VALUTAZIONE DELLA LEZIONE N.6 settimo incontro 20/03/2014 LETTURA ANIMATA IL MITO DI ORFEO E EURIDICE con presentazione Illustrazioni ed indicazioni riguardo IL TESTO DESCRITTIVO Elaborazione di TESTI DESCRITTIVI seguendo un MODELLO DATO DIGITALE: Orfeo e Euridice Euridice UNA BELLEZZA IMPOSSIBILE 15

16 Ricerca e recupero di informazioni e materiale pertinente all oggetto di ricerca necessari per strutturare ed elaborare il lavoro da fare da parte di ciascun gruppo I RICERCATORI e i COORDINATORI discutono e modificano i loro prodotti in base al materiale reperite in rete. I COORDINATORI DI SCHEDE OPERATIVE ( ESPERTI) controllano il materiale realizzato e prelevano il lavoro in chiavetta USB. ottavo incontro 24/03/2014 I RICERCATORI e i COORDINATORI espongono le procedure da seguire nel trattare i file creati e da integrare con il materiale realizzato al computer Gli alunni esaminano tutti i file contenuti nelle cartelle con l insegnante, che aiuta a riflettere sulle proprietà dei vari file. Analizzare e selezionare i dati e le informazioni utili per strutturare la risorsa digitale Presentare e indicare procedure per l utilizzo di un programma editor video Movie Maker Organizzare e disporre il materiale (cartella) per strutturare il videoclip con Movie Maker Visionare i lavori realizzati ed indicare alcune procedure nei programmi utilizzati: MOVIE MAKER L OLIMPO E GLI DEI 16

17 Modulo 4: DAI FILE AI DOCUMENTI: STRUTTURARE I CONTENUTI 4 incontri nono incontro 27/03/2014 Prima parte: LABORATORIO DI LETTURA SCRITTURA: il testo descrittivo: descrivere personaggi/oggetti seguendo un MODELLO DATO da elaborare al computer Seconda parte: elaborazione di un TESTO DESCRITTIVO seguendo un MODELLO DATO DIGITALE: Orfeo l eroe musicista COORDINATORI DEI GRUPPI COOPERATIVI controllano e selezionano il materiale necessario da inserire in Didapages Nomina di altri ruoli (vedi file LIM) I COORDINATORI GENERALI E I RICERCATORI prendono in esame tutti i file contenuti nelle cartelle delle postazioni multimediali ed analizzano i dati e le informazioni necessarie per strutturare la risorsa digitale. VALUTAZIONE da parte delle docenti per ciascun alunno GRIGLIA DEL DOCENTE PER LA VALUTAZIONE DELLA LEZIONE 6/7/8/9 17

18 decimo incontro 31/03/2014 I COORDINATORI GENERALI E I RICERCATORI prendono in esame tutti i file contenuti nelle cartelle delle postazioni multimediali ed analizzano i dati e le informazioni necessarie per strutturare la risorsa digitale. I COORDINATORI GENERALI e I COORDINATORI DI SCHEDE OPERATIVE elaborano una MAPPA/STORYBOARD della sequenza delle pagine che devono strutturare la risorsa digitale. Installazione ed utilizzo dei programmi: AUDACITY (programma audio) e FREEMAKE (video converter) Visionare i lavori realizzati ed indicare alcune procedure nei programmi utilizzati: MOVIE MAKER L OLIMPO E GLI DEI undicesimo incontro 07/04/2014 Controllare ed organizzare il lavoro di ciascun gruppo cooperativo e ricercare ulteriore materiale (on line/offline) per il lavoro digitale Procedure da seguire nel trattare i file creati e da integrare con il materiale realizzato al computer da parte dei COORDINATORI GENERALI, DEI COORDINATORI DI SCHEDE OPERATIVE E I RICERCATORI. Istituzione di incarichi/ruoli: L OSSERVATORE/ IL CUSTODE DEL TONO DI VOCE E DEL TEMPO/ IL CUSTODE DELL ARMONIA. Presentazione ed illustrazione del Programma CMAP e consegna/esercitazione dell attività REALIZZIAMO UNA MAPPA CONCETTUALE: I MTI 18

19 dodicesimo incontro 24/04/2014 Prima parte: LABORATORIO DI LETTURA SCRITTURA: il testo descrittivo: descrivere personaggi/oggetti seguendo un MODELLO DATO: visione degli elaborati Testi descrittivi Orfeo e Euridice realizzati dai ragazzi Seconda parte: elaborazione di un TESTO DESCRITTIVO seguendo un MODELLO DATO DIGITALE: LA LIRA NELLA MITOLOGIA GRECA STRUTTURARE ED ELABORARE TEST DI VERIFICA per i diversi capitoli (lavori gruppi cooperativi) da realizzare in Didapages Strutturazione della prima e seconda parte dell ebook con Didapoages 19

20 Finalità inerenti alle ICT applicate alla didattica: aspetti operativi al computer: Utilizzo di Internet per ricercare ed elaborare dati ed informazioni La ricerca nel web: CERCHIAMO NEL WEB CON I MOTORI/ I MOTORI DI RICERCA PIU COMUNI/ GLI STRATOPICI SEGRETI DELLA RETE Geronimo Stilton ci insegna a navigare nel Web/ NAVIGABIMBO Decalogo sicurezza online - GLOSSARIO GRUPPO SEGRETO su Facebook e Netiquette ABILITA SOCIALI: interazione tra RICERCATORI e COORDINATORI di ciascun GRUPPO COOPERATIVO. 20

21 Ricerca ed elaborazione dei dati e delle informazioni necessarie per il lavoro di ogni gruppo cooperativo Gestione delle cartelle e sottocartelle di ciascun AREA DI COMPETENZA dei gruppi cooperativi. Recuperare un file ed apportare modifiche: formattazione del testo, layout pagine ed inserimento di immagini e forme inerente al TESTO DESCRITTIVO Elaborazione di TESTI DESCRITTIVI seguendo un MODELLO DATO: descrizione di personaggi dei miti: ORFEO E EURIDICE e descrivere un oggetto LA LIRA NELLA MITOLOGIA GRECA Elaborazione e strutturazione dei lavori in PPT: aprire e chiudere un programma di presentazione; layout di una diapositiva; inserimento immagini ed animazione degli oggetti; transizione delle diapositive;. 21

22 Procedure per la realizzazione di un VIDEOCLIP con Movie Maker: L Olimpo e gli dei : aprire il programma/ importare immagini/ inserire titolo e riconoscimenti/ importare musica/ disporre la storyboard del videoclip/cambiare il testo e transizione dei fonogrammi Conversazioni e riflessioni sulle diverse informazioni ricercate e sulle tipologie di documenti necessari da inserire poi nella RISORSA DIGITALE da realizzare 22

23 FASE 3 6 settimane Modulo 5: UN MODELLO LOGICO: L'ORGANIZZAZIONE DELLE INFORMAZIONI 4 incontri Modulo 6: COMUNICARE ED OPERARE PER UNO SCOPO COMUNE 2 incontri Modulo 7: INSIEME PER COSTRUIRE AMBIENTI DI APPRENDIMENTO 2 incontri TERZA FASE: Modulo 5: UN MODELLO LOGICO: L'ORGANIZZAZIONE DELLE INFORMAZIONI 4 incontri 23

24 tredicesimo incontro 28/04/2014 Presentazione del programma Didapages ed indicazioni strumentali sul freeware. Nomina di un nuovo COORDINATORE e di un ELABORATORE per ogni gruppo cooperativo per integrare il materiale da inserire nell ebook multimediale (file LIM). I gruppi cooperativi con i COORDINATORI DI SCHEDE OPERATIVE strutturano storyboard per la realizzazione della RISORSA DIGITALE CON DIDAPAGES. Alcuni alunni procedono con il Programma CMAP per la realizzazione della UNA MAPPA CONCETTUALE: I MTI quattordicesimo incontro 05/05/2014 Interventi operativi alla LIM per conoscere ed esplorare i TOOLS di DIDAPAGES Strutturazione di uno STORYBOARD per la realizzazione del LIBRO DIGITALE con Didapages. Strutturazione della prima e seconda parte dell ebook con Didapoages I GRUPPI OPERATIVI completano i lavori avviati con CmapTools e TESTO DESCRITTIVO OGGETTO: LA LIRA. quindicesimo incontro 12/05/

25 Completamento della strutturazione di uno STORYBOARD per la realizzazione del LIBRO DIGITALE con Didapages STRUTTURARE ED ELABORARE TEST DI VERIFICA INTERATTIVE per i diversi capitoli (lavori gruppi cooperativi) da realizzare in Didapages Strutturazione della prima e seconda parte dell ebook con Didapoages con inserimento delle immagini scannerizzate (disegni) ed immagini reperite nel web e implementazione del lavoro digitale dei gruppi cooperativi per l ebook Completamento di ulteriori attività precedentemente impostate da poter inserire nella risorsa digitale. VALUTAZIONE da parte delle docenti GRIGLIA DEL DOCENTE PER LA VALUTAZIONE DEI LAVORI A GRUPPO con Cmaptools 25

26 sedicesimo incontro 15/05/2014 Prima parte: LABORATORIO DI LETTURA SCRITTURA: Elaborazione di un ARTICOLO DI CRONACA: LA CRONACA DELLA MORTE DI EURIDICE. Spiegazione della docente come scrivere un articolo di cronaca (ppt) ed elaborare un articolo di cronaca seguendo un MODELLO DATO da elaborare al computer (n. 3 files da Dropbox) STRUTTURARE ED ELABORARE TEST DI VERIFICA per i diversi capitoli (lavori gruppi cooperativi) da realizzare in Didapages Strutturazione della prima e seconda parte dell ebook con Didapoages con inserimento delle immagini scannerizzate (disegni) ed immagini reperite nel web e implementazione del lavoro digitale dei gruppi cooperativi per l ebook VALUTAZIONE da parte delle docenti GRIGLIA DEL DOCENTE PER LA VALUTAZIONE DEL LAVORO A GRUPPI CON POWER POINT 26

27 Modulo 6: COMUNICARE ED OPERARE PER UNO SCOPO COMUNE 2 incontri diciasettesimo incontro 22/05/2014 Prima parte: LABORATORIO DI LETTURA SCRITTURA: Elaborazione di una BIOGRAFIA: LA BIOGRAFIA DI CHRISTOPH WILLIBALD GLUCK. Spiegazione della docente come scrivere una biografia seguendo un MODELLO DATO da elaborare al computer mediante attività strutturate STRUTTURARE ED ELABORARE TEST DI VERIFICA per i diversi capitoli (lavori gruppi cooperativi) da realizzare in Didapages Strutturazione della prima e seconda parte dell ebook con Didapoages con inserimento delle immagini scannerizzate (disegni) ed immagini reperite nel web e implementazione del lavoro digitale dei gruppi cooperativi per l ebook. diciottesimo incontro 29/05/2014 Nomina COSTRUTTORI per impostare il lavoro di inserimento dei dati nel SW Didapages STRUTTURARE ED ELABORARE TEST DI VERIFICA per i diversi capitoli (lavori gruppi cooperativi) da realizzare in Didapages Strutturazione della prima e seconda parte dell ebook con Didapoages ed implementazione del lavoro digitale dei gruppi cooperativi per l ebook. 27

28 Modulo 7: INSIEME PER COSTRUIRE AMBIENTI DI APPRENDIMENTO 2 incontri diciannovesimo incontro 05/06/2014 I COSTRUTTORI e i COORDINATORI dei gruppi cooperativi analizzano le possibili posizioni dei vari oggetti impostando il tipo di comunicazione idonea alla realizzazione dell ebook con il SW Didapages Strutturazione della prima e seconda parte dell ebook con Didapoages ed implementazione del lavoro digitale dei gruppi cooperativi per l ebook Nomina dei PRESENTATORI per illustrare il materiale realizzato con i due ebooks VALUTAZIONE da parte delle docenti con schede: LA VALUTAZIONE DEL PROGETTO DA PARTE DEGI ALUNNI ventesimo incontro 09/06/2014 I COSTRUTTORI e i COORDINATORI dei gruppi cooperativi analizzano le possibili posizioni dei vari oggetti impostando il tipo di comunicazione idonea alla realizzazione dell ebook con il SW Didapages Strutturazione della prima e seconda parte dell ebook con Didapoages ed implementazione del lavoro digitale dei gruppi cooperativi per l ebook Nomina dei PRESENTATORI per illustrare il materiale realizzato con i due ebooks VALUTAZIONE da parte delle docenti con schede: LA RICADUTA DEL PROGETTO SUGLI ALUNNI 28

29 Finalità: Elaborazione di TESTI DESCRITTIVI DI UN OGGETTO: LA LIRA con l utilizzo del programma di video-scrittura con ATTIVITA STRUTTURATE. Elaborazione di un ARTICOLO DI CRONACA : LA CRONACA DELLA MORTE DI EURIDICE Elaborazione della BIOGRAFIA DI CHRISTOPH WILLIBALD GLUCK Realizzazione di MAPPE CONCETTUALI ed utilizzo del SW free CMAPTOOLS con precise consegne operative da far svolgere ai GRUPPI COOPERATIVI. Conversazioni e riflessioni sulle diverse informazioni ricercate e realizzate e sulle tipologie di documenti necessari da inserire poi nella RISORSA DIGITALE Strutturazione del libro digitale con il sw Didapages con il materiale digitale prodotto da implementare 29

30 Condivisione e valutazione delle attività operative al computer impostate dai GRUPPI COOPERATIVI Disposizione ed organizzazione di RUOLI SOCIALI per raggiungere uno scopo comune. Esprimere e monitorare il GRADIMENTO nel lavoro svolto mediante SCHEDE/GRIGLIE di valutazione strutturate sia per gli alunni che per il docente. Le seguenti attività vengono proposte a scuola durante l ora di Tecnologia, praticando il BYOT/BYOD PERCORSO PERSONALIZZATO (x L. R. x A.) Un viaggio nella Mitologia Greca con Pollon ed Eros PERCORSO PERSONALIZZATO (x R.C.) La Lira 30

31 La musica nei Greci Orfeo e la Lira Il mito di Orfeo e Euridice (semplificato) introduzione LIRA il mito della LIRA (testo narrativo/fantastico) la costellazione della lira (testo narrativo/fantastico) ricerca della biografia di Gluck scheda di castelli LA BIOGRAFIA (laboratorio di scrittura) ascolto della musica/opera/sinfonia LA LIRA testo descrittivo di un oggetto CONCLUSIONE DEL PROGETTO: tutto il lavoro realizzato in maniera integrata e multimediale deve vertere intorno alla MITOLOGIA GRECA applicando il COOPERATIVE LEARNING. Le due risorse digitali prodotte verranno portate a conoscenza di tutta la comunità scolastica con una presentazione finale da parte dei ragazzi nell Aula Magna il giorno 20 Giugno 2014 ore 17,00. 31

32 32

33 33

34 GRUPPI COOPERATIVI 34

35 35

36 36

37 37

38 38

39 Castrovillari 27 Febbraio 2014 La coordinatrice Prof.ssa Ippolita Gallo 39

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA SEDE: ORDINE DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI LECCE Via Nazario Sauro, n. 31 LECCE Presentazione Progetto: Dal 9 Novembre 2013

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Caro collega finalmente il corso sul tablet a scuola è on line in videoconferenza!

Caro collega finalmente il corso sul tablet a scuola è on line in videoconferenza! Scheda corso ipad edition Caro collega finalmente il corso sul tablet a scuola è on line in videoconferenza! E' pronto il nuovo corso Il tablet a Scuola, un corso rivoluzionario per due motivi: primo perchè

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Un po di Storia ISP & Web Engineering ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Breve cenno sulla storia dell informatica: dagli albori ai giorni nostri; L evoluzione di Windows: dalla

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 -

Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - Concorso per le scuole secondarie di I e II grado - TOGETHER IN EXPO 2015 - L esposizione universale è, per eccellenza, il luogo delle visioni del futuro. Nutrire il pianeta, Energia per la vita è l invito

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

Dipartimento del Tesoro

Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro POWER POINT AVANZATO Indice 1 PROGETTAZIONE DELL ASPETTO...3 1.2 VISUALIZZARE GLI SCHEMI...4 1.3 CONTROLLARE L ASPETTO DELLE DIAPOSITIVE CON GLI SCHEMI...5 1.4 SALVARE UN MODELLO...6

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari Sistema Regionale ECM Pagina 1 di 7 1 Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari 1. Presentazione: L evento, destinato alle figure professionali di Tecnici

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Guida pratica di base

Guida pratica di base Adolfo Catelli Guida pratica di base Windows XP Professional Dicembre 2008 Sommario Accedere a Windows XP 4 Avviare Windows XP 4 Uscire da Windows XP 5 L interfaccia utente di Windows XP 6 Il desktop di

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Disturbi dell Apprendimento

Disturbi dell Apprendimento Master in Disturbi dell Apprendimento in collaborazione con IPS nelle sedi di MILANO ROMA PADOVA BARI CAGLIARI CATANIA RAGUSA Questo modulo d iscrizione, unitamente alla fotocopia della ricevuta del versamento

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

Approfondimento N 2. Scuola primaria

Approfondimento N 2. Scuola primaria Approfondimento N 2 Scuola primaria, Nuclei tematici e Obiettivi di apprendimento al termine della classe quinta Italiano L'allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE S.MARTA G. BRANCA Istituto Professionale per i Servizi per l Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera e Istituto Professionale per i Servizi Commerciali Strada delle Marche,

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8 Creare e ripristinare immagine di con Windows 8 La versione Pro di Windows 8 offre un interessante strumento per il backup del computer: la possibilità di creare un immagine completa del, ovvero la copia

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Alex Gotev 1 Contenuti Che cos'è Puppy Linux? Come posso averlo? Come si avvia? Che programmi include? Installazione su Chiavetta USB Domande

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI

DSA e EES ESIGENZE EDUCATIVE DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO SPECIALI DSA e EES DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO ESIGENZE EDUCATIVE SPECIALI DISTURBI SPECIFICI dell APPRENDIMENTO Interessano alcune specifiche abilità dell apprendimento scolastico in un contesto di funzionamento

Dettagli

Progetto. E.Co.Le. Modena, VI Circolo Didattico. Scuola Primaria Cittadella. Docenti: Eva Pigliapoco Ivan Sciapeconi

Progetto. E.Co.Le. Modena, VI Circolo Didattico. Scuola Primaria Cittadella. Docenti: Eva Pigliapoco Ivan Sciapeconi Progetto E.Co.Le. Modena, VI Circolo Didattico. Scuola Primaria Cittadella. Docenti: Eva Pigliapoco Ivan Sciapeconi 1 Introduzione Nell anno scolastico 2005/2006, all interno della scuola primaria Cittadella

Dettagli

BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ESPERIENZE CHE INSEGNANO IL FUTURO BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI GUIDA ALLA NUOVA NORMATIVA AA. VV. AGOSTINO MIELE Il presente volume nasce dall esperienza maturata all interno dell Istituto Tecnico per il

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Guida all Uso L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Cos è la Business Key La Business Key è una chiavetta USB portatile, facile da usare, inseribile

Dettagli

WEBCONFERENCE. La lezione a casa

WEBCONFERENCE. La lezione a casa WEBCONFERENCE La lezione a casa Fabio Biscaro @ www.oggiimparoio.it capovolgereibes.net 2 Valutazione dei video (1) 1. Video corti 2. Focus su un unico argomento 3. Essere chiari e non dare nulla per scontato

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Tirocinio indiretto per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Studentesse/Studenti senza riduzione oraria: 75 ore indiretto, di queste 15 ore dedicate all inclusione Studentesse/Studenti

Dettagli

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT

MANAGEMENT SCHOOL MASTER IN PROJECT MANAGEMENT Presentazione Obiettivo Il master Project Manager nasce con un duplice intento: fornire, a manager e imprenditori, un concreto contributo e strumenti per migliorare le capacità di gestione di progetti;

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi

AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI. COMMISSIONE AUTOVALUTAZIONE Catalani-Ginesi Ministero della Pubblica Istruzione Istituto Comprensivo Statale C. Carminati Via Dante, 4-2115 Lonate Pozzolo (Va) AUTOVALUTAZIONE: RISULTATI DEI QUESTIONARI GENITORI-ALUNNI ALUNNI- DOCENTI COMMISSIONE

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

COME USARE Local Cloud

COME USARE Local Cloud COME USARE Local Cloud Apri i file presenti sul tuo computer direttamente da iphone e ipad. designed and developed by Benvenuto! Questa guida rapida ti illustrerà come: Apri i file presenti sul tuo computer

Dettagli

Guida introduttiva. Installazione di Rosetta Stone

Guida introduttiva. Installazione di Rosetta Stone A Installazione di Rosetta Stone Windows: Inserire il CD-ROM dell'applicazione Rosetta Stone. Selezionare la lingua dell'interfaccia utente. 4 5 Seguire i suggerimenti per continuare l'installazione. Selezionare

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente 2015 Seagate Technology LLC. Tutti i diritti riservati. Seagate, Seagate Technology, il logo Wave e FreeAgent sono marchi depositati o marchi registrati

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale

Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Progetto Nazionale di Educazione al Patrimonio 2011-2012 Bando del Concorso Nazionale Il Paesaggio raccontato dai ragazzi. Narrazioni e immagini nell'era digitale Presentazione Sul presupposto che si conserva

Dettagli

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema Software 2 Insieme di istruzioni e programmi che consentono il funzionamento del computer Il software indica all hardware quali sono le operazioni da eseguire per svolgere determinati compiti Valore spesso

Dettagli

Che cos è la LIM? L utilizzo didattico della LIM La LIM consente di andare incontro a diversi stili

Che cos è la LIM? L utilizzo didattico della LIM La LIM consente di andare incontro a diversi stili Che cos è la LIM? La LIM, Lavagna Interattiva Multimediale, è una lavagna arricchita da potenzialità digitali e multimediali. Si tratta di una periferica collegata al computer, che rende possibile visualizzare

Dettagli

L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO

L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO 1 Enrico Strobino L UOMO IL CUI NOME È PRONUNCIATO Incontro immaginario tra Steve Reich e Gianni Rodari PREMESSA L esperienza che qui presento è stata realizzata nella classe 1aG della Scuola Media S.

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

La disponibilità di tecnologie informatiche per favorire l apprendimento scolastico

La disponibilità di tecnologie informatiche per favorire l apprendimento scolastico Quando è opportuno proporre agli alunni con DSA l uso di tecnologie compensative? Ricerche e proposte italiane Quando è opportuno proporre agli alunni con DSA l uso di tecnologie compensative? Flavio Fogarolo

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Cà Dotta Le Vie del Fumo

Cà Dotta Le Vie del Fumo Cà Dotta Le Vie del Fumo Laboratorio di didattica multimediale per la Promozione della Salute Esperienze Sensazioni Conoscenze - Emozioni L ULSS n 4 Alto Vicentino, in collaborazione con la Regione Veneto

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Uno per tutti, tutti per uno.

Uno per tutti, tutti per uno. Uno per tutti, tutti per uno. Bologna, 09/02/2015 Dainese Roberto Educare attraverso il Cooperative Learning: stile attributivo e competenze metacognitive Chiara Trubini Marina Pinelli Psicologia - Università

Dettagli