PRIMO CIRCOLO DIDATTICO Piazza Indipendenza c/o Villaggio Scolastico CASTROVILLARI (CS) TeleFax CM CSEE CF

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRIMO CIRCOLO DIDATTICO Piazza Indipendenza c/o Villaggio Scolastico 87012 CASTROVILLARI (CS) TeleFax 0981491387 CM CSEE590004 CF E-mail:"

Transcript

1 PRIMO CIRCOLO DIDATTICO Piazza Indipendenza c/o Villaggio Scolastico CASTROVILLARI (CS) TeleFax CM CSEE CF PEC: Web: 1

2 MACRO-ESPERIENZA IN SITUAZIONE: PRATICA-MENTE E-BOOK NUCLEO TEMATICO RELATIVO AL PERIODO ( tre fasi) con 7 MODULI: IL MITO GRECO: Titolo: Un viaggio nella Mitologia Greca - Il Mito di Orfeo e Euridice 2

3 Mappa delle FASI FASE 1 1 settimana Modulo Introduttivo: IL LABORATORIO COOPERATIVO DI INFORMATICA E DELLE DISCIPLINE 1 incontro Modulo 1: IL LABORATORIO DELLE IDEE: collaboriamo per creare un e-book 1 incontro FASE 2 5 settimane Modulo 2: AMBIENTI DI APPRENDIMENTO 2 incontri Modulo 3: APPRENDERE IN RETE: STRUMENTI E STRATEGIE PER LA RICERCA 4 incontri Modulo 4: DAI FILE AI DOCUMENTI: STRUTTURARE I CONTENUTI 4 incontri FASE 3 6 settimane Modulo 5: UN MODELLO LOGICO: L'ORGANIZZAZIONE DELLE INFORMAZIONI 4 incontri Modulo 6: COMUNICARE ED OPERARE PER UNO SCOPO COMUNE 2 incontri Modulo 7: INSIEME PER COSTRUIRE AMBIENTI DI APPRENDIMENTO 2 incontri 3

4 Il progetto si distribuirà nell anno scolatico 2013/2014 da Febbraio a Giugno articolato in TRE FASI con 7 MODULI per due volte a settima per due ore e mezza non extracurriculari per 50 ORE. Ogni LUNEDì e GIOVEDì dalle ore 15,00 alle ore 17,30 L articolazione dello stesso dovrebbe svilupparsi nel seguente modo: NUCLEO TEMATICO RELATIVO AL PERIODO ( tre fasi): Un viaggio nella Mitologia Greca Il Mito di Orfeo e Euridice Scelta del tema: IL MITO Lettura animata del testo narrativo fantastico Comprensione e riflessione del nucleo tematico: UN VIAGGIO NELLA MITOLOGIA GRECA Ricerche di dati ed informazioni attinenti il testo proposto: IL MITO NEL MITO Verbalizzazione iconografica e scritta sul tema anche in formato digitale Laboratorio di scrittura: IL TESTO DESCRITTIVO ed IL FUMETTO Utilizzo del PACCHETTO MICROSOFT OFFICE: WORD/POWER POINT/EXCEL/ Utilizzo di strumenti di scrittura elettronica individuale o collaborativa attraverso anche gli AMBIENTI CLOUD e SOCIAL NETWORK per la condivisione dei vari materiali. Ideazione, progettazione e realizzazione dei contenuti creati con schemi, mappe mentali e concettuali con l utilizzo anche di programmi specifici Uso e modifica di immagini digitali con Programmi di GRAFICA on line ed off-line, a seconda del contesto comunicativo di utilizzo anche con l utilizzo della macchina fotografica digitale e della videocamera Buone pratiche con software per l organizzazione sintetica di dati, informazioni, conoscenza, abilità comunicative, competenze comunicative, senso critico ed estetico e lavoro di team sul tema affrontato Buone pratiche nella scelta nel web di video per la didattica e produzione di video da parte dei ragazzi con la videocamera digitale Utilizzo di programmi EDITOR VIDEO per la produzione di materiale multimediale riguardo ad alcune parti del nucleo tematico Organizzazione e presentazione del materiale vario digitale con e sulla LIM (Lavagna Interattiva Multimediale) con il Software SMARTNOTEBOOK 10/11 Ricerca e gestione di file musicali e sonori mediante Programmi di Registrazione e per effetti sonori e file audio Trascrizione personalizzata degli stessi su PC, realizzando attività multimediali ed interattive con il SOFTWARE DIDAPAGES per la realizzazione della RISORSA DIGITALE Utilizzare audiolibri e libri digitali per acquisire la conoscenza delle sue parti: copertina, frontespizio, colophon, indice. 4

5 Si promuoveranno anche PERCORSI PERSONALIZZATI nell uso del computer come sostegno allo sviluppo di lettura, scrittura per gli alunni DSA e BES utilizzando STRUMENTI COMPENSATIVI: Strumenti per la lettura : sintesi vocale (come potenziamento delle abilità uditive e della memoria e dell ascolto) Strumenti per la scrittura (come programmi di videoscrittura con correttore ortografico che permettono l autocorrezione di testi) Software di realizzazione MAPPE CONCETTUALI per difficoltà di apprendimento. CONTENUTI DELL E-BOOK: copertina controcopertina presentazione introduzione pagina con contenuto/domanda stimolo che cos è IL MITO I PERSONAGGI DEL MITO I COSA DEL MITO IL LUOGO DEL MITO IL TEMPO DEL MITO Il Mito di ORFEO E EURIDICE: il racconto LA MUSICA presso i GRECI Interpretazioni del Mito di ORFEO E EURIDICE: Musica, Canto, Ballo, Arte 5

6 MUSICA: Gluck CANTO: Vecchioni BALLO: video ARTE: scultura, pittura. Conclusioni: Vedi STORYBOARD/SCENEGGIATURA DELLE 3 FASI : 6

7 MICRO-ESPERIENZA IN SITUAZIONE: PRATICA-MENTE E-BOOK 7

8 FASE 1 1 settimana Modulo Introduttivo: IL LABORATORIO COOPERATIVO DI INFORMATICA E DELLE DISCIPLINE 1 incontro Modulo 1: IL LABORATORIO DELLE IDEE: collaboriamo per creare un e-book 1 incontro PRIMA FASE: Introduzione Modulo Introduttivo: IL LABORATORIO COOPERATIVO DI INFORMATICA E DELLE DISCIPLINE 1 incontro Modulo 1: IL LABORATORIO DELLE IDEE: collaboriamo per creare un e-book 1 incontro 8

9 primo e secondo incontro 27/02/- 03/03/2014 presentazione brainstorming scheda del mito/presentazione Prezi istituzione dei gruppi cooperativi TEST MOTIVAZIONALE da somministrare agli alunni partecipanti Filmati-stimolo: I MITI GRECI di Luciano De Crescenzo Gestione dei dati e strutturazione di base delle cartelle in ambiente windows Finalità inerenti alle ICT applicate alla didattica: utilizzo del sw d autore LIM per presentazione e gestione dati/informazioni creare cartelle e sottocartelle per la gestione di materiale vario digitale accensione e spegnimento pc salvare e recuperare file realizzati al computer 9

10 conversazioni e condivisione sul PATTO FORMATIVO da rispettare nel Laboratorio Informatico 10

11 FASE 2 5 settimane Modulo 2: AMBIENTI DI APPRENDIMENTO 2 incontri Modulo 3: APPRENDERE IN RETE: STRUMENTI E STRATEGIE PER LA RICERCA 4 incontri Modulo 4: DAI FILE AI DOCUMENTI: STRUTTURARE I CONTENUTI 4 incontri SECONDA FASE: 11

12 Modulo 2: AMBIENTI DI APPRENDIMENTO 2 incontri terzo incontro 06/03/2014 Gruppi di lavoro: AREA DI COMPETENZA Nomina dei COORDINATORI GENERALI e degli ESPERTI Progettare e stilare SCHEMI x i contenuti dell ebook: DIAGRAMMI DI FLUSSO/Presentazioni Discussione e lavoro sugli script su CHE COSA SONO I MITI? I gruppi cooperativi visionano e discutono il materiale in loro possesso in formato digitale e cartaceo I gruppi cooperativi preparano il lavoro al computer in base all area di competenza quarto incontro 10/03/2014 I GRUPPI COOPERATIVI lavorano e modificano i loro prodotti confrontandosi con l insegnante-tutor e con i COORDINATORI ed ESPERTI di ciascun gruppo Nomina dei RICERCATORI e altri ruoli per la conduzione del lavoro cooperativo COORDINATORI ed ESPERTI di ciascun gruppo controllano il materiale realizzato e prelevano il lavoro in chiavetta USB Discussione degli script alla LIM ed eventuali modifiche Gli ESPERTI vengono avviati all uso di DIDAPAGES 12

13 SCHEDA AUTOVALUTAZIONE del singolo per PRIMA FASE PRESENTAZIONE DEL GRUPPO SEGRETO Facebook per scambiare materiale per il lavoro multimediale. Lettura della Netiquette del GRUPPO SEGRETO Facebook AMBIENTI CLOUD: Flickr (presentato da Barbara Andreassi) GRIGLIA DOCENTE X VALUTAZIONE ABILITA ORGANIZZATIVE DEL LAVORO IN COOPERATIVE LEARNING (per singolo alunno e per il gruppo) Finalità inerenti alle ICT applicate alla didattica: aspetti operativi al computer: organizzazione archivio dati: cartelle/sottocartelle formattazione del testo inserimento immagini modifica del layout pagina controllo ortografia e grammatica utilizzo di un programma di videoscrittura e di presentazione 13

14 Modulo 3: APPRENDERE IN RETE: STRUMENTI E STRATEGIE PER LA RICERCA 4 incontri quinto incontro 13/03/2014 Illustrare in modo specifico ai RICERCATORI le indicazioni per impostare il lavoro di ricerca in rete per reperire ulteriori informazioni da trasferire al proprio gruppo cooperativo Utilizzo ed esplorazione delle reti informatiche per reperire informazioni e dati per il lavoro di ciascun gruppo cooperativo. Istituzione del GRUPPO SEGRETO FACEBOOK Lettura e condivisione della NETIQUETTE GRUPPO SEGRETO FACEBOOK/SICUREZZA nell uso di SOCIAL NETWORK Interazione tra i RICERCATORI e i COORDINATORI per decidere la modalità di ricerca di ulteriori dati dell argomento di cui trattano i GRUPPI COOPERATIVI Recuperare informazioni e materiale pertinente all oggetto di ricerca necessari per strutturare ed elaborare il lavoro da fare da parte di ciascun gruppo VALUTARE ED ESPRIMERE IL GRADIMENTO NEL LAVORO SVOLTO (schede di valutazione strutturate) 14

15 sesto incontro 17/03/2014 Ricerca e recupero di informazioni e materiale pertinente all oggetto di ricerca necessari per strutturare ed elaborare il lavoro da fare da parte di ciascun gruppo I RICERCATORI e i COORDINATORI discutono e modificano i loro prodotti in base al materiale reperite in rete. I COORDINATORI DI SCHEDE OPERATIVE ( ESPERTI) controllano il materiale realizzato e prelevano il lavoro in chiavetta USB. Discussione sugli script sulla LIM ed eventuali modifiche da apportare da parte di ciascun gruppo. Esprimere il gradimento del lavoro svolto in schede di valutazione strutturate: PAGELLA DEL GRUPPO x singolo alunno Valutazione del docente per misurare le abilità strumentali e la cooperazione di ciascun gruppo nel lavoro svolto: GRIGLIA DEL DOCENTE PER LA VALUTAZIONE DELLA LEZIONE N.6 settimo incontro 20/03/2014 LETTURA ANIMATA IL MITO DI ORFEO E EURIDICE con presentazione Illustrazioni ed indicazioni riguardo IL TESTO DESCRITTIVO Elaborazione di TESTI DESCRITTIVI seguendo un MODELLO DATO DIGITALE: Orfeo e Euridice Euridice UNA BELLEZZA IMPOSSIBILE 15

16 Ricerca e recupero di informazioni e materiale pertinente all oggetto di ricerca necessari per strutturare ed elaborare il lavoro da fare da parte di ciascun gruppo I RICERCATORI e i COORDINATORI discutono e modificano i loro prodotti in base al materiale reperite in rete. I COORDINATORI DI SCHEDE OPERATIVE ( ESPERTI) controllano il materiale realizzato e prelevano il lavoro in chiavetta USB. ottavo incontro 24/03/2014 I RICERCATORI e i COORDINATORI espongono le procedure da seguire nel trattare i file creati e da integrare con il materiale realizzato al computer Gli alunni esaminano tutti i file contenuti nelle cartelle con l insegnante, che aiuta a riflettere sulle proprietà dei vari file. Analizzare e selezionare i dati e le informazioni utili per strutturare la risorsa digitale Presentare e indicare procedure per l utilizzo di un programma editor video Movie Maker Organizzare e disporre il materiale (cartella) per strutturare il videoclip con Movie Maker Visionare i lavori realizzati ed indicare alcune procedure nei programmi utilizzati: MOVIE MAKER L OLIMPO E GLI DEI 16

17 Modulo 4: DAI FILE AI DOCUMENTI: STRUTTURARE I CONTENUTI 4 incontri nono incontro 27/03/2014 Prima parte: LABORATORIO DI LETTURA SCRITTURA: il testo descrittivo: descrivere personaggi/oggetti seguendo un MODELLO DATO da elaborare al computer Seconda parte: elaborazione di un TESTO DESCRITTIVO seguendo un MODELLO DATO DIGITALE: Orfeo l eroe musicista COORDINATORI DEI GRUPPI COOPERATIVI controllano e selezionano il materiale necessario da inserire in Didapages Nomina di altri ruoli (vedi file LIM) I COORDINATORI GENERALI E I RICERCATORI prendono in esame tutti i file contenuti nelle cartelle delle postazioni multimediali ed analizzano i dati e le informazioni necessarie per strutturare la risorsa digitale. VALUTAZIONE da parte delle docenti per ciascun alunno GRIGLIA DEL DOCENTE PER LA VALUTAZIONE DELLA LEZIONE 6/7/8/9 17

18 decimo incontro 31/03/2014 I COORDINATORI GENERALI E I RICERCATORI prendono in esame tutti i file contenuti nelle cartelle delle postazioni multimediali ed analizzano i dati e le informazioni necessarie per strutturare la risorsa digitale. I COORDINATORI GENERALI e I COORDINATORI DI SCHEDE OPERATIVE elaborano una MAPPA/STORYBOARD della sequenza delle pagine che devono strutturare la risorsa digitale. Installazione ed utilizzo dei programmi: AUDACITY (programma audio) e FREEMAKE (video converter) Visionare i lavori realizzati ed indicare alcune procedure nei programmi utilizzati: MOVIE MAKER L OLIMPO E GLI DEI undicesimo incontro 07/04/2014 Controllare ed organizzare il lavoro di ciascun gruppo cooperativo e ricercare ulteriore materiale (on line/offline) per il lavoro digitale Procedure da seguire nel trattare i file creati e da integrare con il materiale realizzato al computer da parte dei COORDINATORI GENERALI, DEI COORDINATORI DI SCHEDE OPERATIVE E I RICERCATORI. Istituzione di incarichi/ruoli: L OSSERVATORE/ IL CUSTODE DEL TONO DI VOCE E DEL TEMPO/ IL CUSTODE DELL ARMONIA. Presentazione ed illustrazione del Programma CMAP e consegna/esercitazione dell attività REALIZZIAMO UNA MAPPA CONCETTUALE: I MTI 18

19 dodicesimo incontro 24/04/2014 Prima parte: LABORATORIO DI LETTURA SCRITTURA: il testo descrittivo: descrivere personaggi/oggetti seguendo un MODELLO DATO: visione degli elaborati Testi descrittivi Orfeo e Euridice realizzati dai ragazzi Seconda parte: elaborazione di un TESTO DESCRITTIVO seguendo un MODELLO DATO DIGITALE: LA LIRA NELLA MITOLOGIA GRECA STRUTTURARE ED ELABORARE TEST DI VERIFICA per i diversi capitoli (lavori gruppi cooperativi) da realizzare in Didapages Strutturazione della prima e seconda parte dell ebook con Didapoages 19

20 Finalità inerenti alle ICT applicate alla didattica: aspetti operativi al computer: Utilizzo di Internet per ricercare ed elaborare dati ed informazioni La ricerca nel web: CERCHIAMO NEL WEB CON I MOTORI/ I MOTORI DI RICERCA PIU COMUNI/ GLI STRATOPICI SEGRETI DELLA RETE Geronimo Stilton ci insegna a navigare nel Web/ NAVIGABIMBO Decalogo sicurezza online - GLOSSARIO GRUPPO SEGRETO su Facebook e Netiquette ABILITA SOCIALI: interazione tra RICERCATORI e COORDINATORI di ciascun GRUPPO COOPERATIVO. 20

21 Ricerca ed elaborazione dei dati e delle informazioni necessarie per il lavoro di ogni gruppo cooperativo Gestione delle cartelle e sottocartelle di ciascun AREA DI COMPETENZA dei gruppi cooperativi. Recuperare un file ed apportare modifiche: formattazione del testo, layout pagine ed inserimento di immagini e forme inerente al TESTO DESCRITTIVO Elaborazione di TESTI DESCRITTIVI seguendo un MODELLO DATO: descrizione di personaggi dei miti: ORFEO E EURIDICE e descrivere un oggetto LA LIRA NELLA MITOLOGIA GRECA Elaborazione e strutturazione dei lavori in PPT: aprire e chiudere un programma di presentazione; layout di una diapositiva; inserimento immagini ed animazione degli oggetti; transizione delle diapositive;. 21

22 Procedure per la realizzazione di un VIDEOCLIP con Movie Maker: L Olimpo e gli dei : aprire il programma/ importare immagini/ inserire titolo e riconoscimenti/ importare musica/ disporre la storyboard del videoclip/cambiare il testo e transizione dei fonogrammi Conversazioni e riflessioni sulle diverse informazioni ricercate e sulle tipologie di documenti necessari da inserire poi nella RISORSA DIGITALE da realizzare 22

23 FASE 3 6 settimane Modulo 5: UN MODELLO LOGICO: L'ORGANIZZAZIONE DELLE INFORMAZIONI 4 incontri Modulo 6: COMUNICARE ED OPERARE PER UNO SCOPO COMUNE 2 incontri Modulo 7: INSIEME PER COSTRUIRE AMBIENTI DI APPRENDIMENTO 2 incontri TERZA FASE: Modulo 5: UN MODELLO LOGICO: L'ORGANIZZAZIONE DELLE INFORMAZIONI 4 incontri 23

24 tredicesimo incontro 28/04/2014 Presentazione del programma Didapages ed indicazioni strumentali sul freeware. Nomina di un nuovo COORDINATORE e di un ELABORATORE per ogni gruppo cooperativo per integrare il materiale da inserire nell ebook multimediale (file LIM). I gruppi cooperativi con i COORDINATORI DI SCHEDE OPERATIVE strutturano storyboard per la realizzazione della RISORSA DIGITALE CON DIDAPAGES. Alcuni alunni procedono con il Programma CMAP per la realizzazione della UNA MAPPA CONCETTUALE: I MTI quattordicesimo incontro 05/05/2014 Interventi operativi alla LIM per conoscere ed esplorare i TOOLS di DIDAPAGES Strutturazione di uno STORYBOARD per la realizzazione del LIBRO DIGITALE con Didapages. Strutturazione della prima e seconda parte dell ebook con Didapoages I GRUPPI OPERATIVI completano i lavori avviati con CmapTools e TESTO DESCRITTIVO OGGETTO: LA LIRA. quindicesimo incontro 12/05/

25 Completamento della strutturazione di uno STORYBOARD per la realizzazione del LIBRO DIGITALE con Didapages STRUTTURARE ED ELABORARE TEST DI VERIFICA INTERATTIVE per i diversi capitoli (lavori gruppi cooperativi) da realizzare in Didapages Strutturazione della prima e seconda parte dell ebook con Didapoages con inserimento delle immagini scannerizzate (disegni) ed immagini reperite nel web e implementazione del lavoro digitale dei gruppi cooperativi per l ebook Completamento di ulteriori attività precedentemente impostate da poter inserire nella risorsa digitale. VALUTAZIONE da parte delle docenti GRIGLIA DEL DOCENTE PER LA VALUTAZIONE DEI LAVORI A GRUPPO con Cmaptools 25

26 sedicesimo incontro 15/05/2014 Prima parte: LABORATORIO DI LETTURA SCRITTURA: Elaborazione di un ARTICOLO DI CRONACA: LA CRONACA DELLA MORTE DI EURIDICE. Spiegazione della docente come scrivere un articolo di cronaca (ppt) ed elaborare un articolo di cronaca seguendo un MODELLO DATO da elaborare al computer (n. 3 files da Dropbox) STRUTTURARE ED ELABORARE TEST DI VERIFICA per i diversi capitoli (lavori gruppi cooperativi) da realizzare in Didapages Strutturazione della prima e seconda parte dell ebook con Didapoages con inserimento delle immagini scannerizzate (disegni) ed immagini reperite nel web e implementazione del lavoro digitale dei gruppi cooperativi per l ebook VALUTAZIONE da parte delle docenti GRIGLIA DEL DOCENTE PER LA VALUTAZIONE DEL LAVORO A GRUPPI CON POWER POINT 26

27 Modulo 6: COMUNICARE ED OPERARE PER UNO SCOPO COMUNE 2 incontri diciasettesimo incontro 22/05/2014 Prima parte: LABORATORIO DI LETTURA SCRITTURA: Elaborazione di una BIOGRAFIA: LA BIOGRAFIA DI CHRISTOPH WILLIBALD GLUCK. Spiegazione della docente come scrivere una biografia seguendo un MODELLO DATO da elaborare al computer mediante attività strutturate STRUTTURARE ED ELABORARE TEST DI VERIFICA per i diversi capitoli (lavori gruppi cooperativi) da realizzare in Didapages Strutturazione della prima e seconda parte dell ebook con Didapoages con inserimento delle immagini scannerizzate (disegni) ed immagini reperite nel web e implementazione del lavoro digitale dei gruppi cooperativi per l ebook. diciottesimo incontro 29/05/2014 Nomina COSTRUTTORI per impostare il lavoro di inserimento dei dati nel SW Didapages STRUTTURARE ED ELABORARE TEST DI VERIFICA per i diversi capitoli (lavori gruppi cooperativi) da realizzare in Didapages Strutturazione della prima e seconda parte dell ebook con Didapoages ed implementazione del lavoro digitale dei gruppi cooperativi per l ebook. 27

28 Modulo 7: INSIEME PER COSTRUIRE AMBIENTI DI APPRENDIMENTO 2 incontri diciannovesimo incontro 05/06/2014 I COSTRUTTORI e i COORDINATORI dei gruppi cooperativi analizzano le possibili posizioni dei vari oggetti impostando il tipo di comunicazione idonea alla realizzazione dell ebook con il SW Didapages Strutturazione della prima e seconda parte dell ebook con Didapoages ed implementazione del lavoro digitale dei gruppi cooperativi per l ebook Nomina dei PRESENTATORI per illustrare il materiale realizzato con i due ebooks VALUTAZIONE da parte delle docenti con schede: LA VALUTAZIONE DEL PROGETTO DA PARTE DEGI ALUNNI ventesimo incontro 09/06/2014 I COSTRUTTORI e i COORDINATORI dei gruppi cooperativi analizzano le possibili posizioni dei vari oggetti impostando il tipo di comunicazione idonea alla realizzazione dell ebook con il SW Didapages Strutturazione della prima e seconda parte dell ebook con Didapoages ed implementazione del lavoro digitale dei gruppi cooperativi per l ebook Nomina dei PRESENTATORI per illustrare il materiale realizzato con i due ebooks VALUTAZIONE da parte delle docenti con schede: LA RICADUTA DEL PROGETTO SUGLI ALUNNI 28

29 Finalità: Elaborazione di TESTI DESCRITTIVI DI UN OGGETTO: LA LIRA con l utilizzo del programma di video-scrittura con ATTIVITA STRUTTURATE. Elaborazione di un ARTICOLO DI CRONACA : LA CRONACA DELLA MORTE DI EURIDICE Elaborazione della BIOGRAFIA DI CHRISTOPH WILLIBALD GLUCK Realizzazione di MAPPE CONCETTUALI ed utilizzo del SW free CMAPTOOLS con precise consegne operative da far svolgere ai GRUPPI COOPERATIVI. Conversazioni e riflessioni sulle diverse informazioni ricercate e realizzate e sulle tipologie di documenti necessari da inserire poi nella RISORSA DIGITALE Strutturazione del libro digitale con il sw Didapages con il materiale digitale prodotto da implementare 29

30 Condivisione e valutazione delle attività operative al computer impostate dai GRUPPI COOPERATIVI Disposizione ed organizzazione di RUOLI SOCIALI per raggiungere uno scopo comune. Esprimere e monitorare il GRADIMENTO nel lavoro svolto mediante SCHEDE/GRIGLIE di valutazione strutturate sia per gli alunni che per il docente. Le seguenti attività vengono proposte a scuola durante l ora di Tecnologia, praticando il BYOT/BYOD PERCORSO PERSONALIZZATO (x L. R. x A.) Un viaggio nella Mitologia Greca con Pollon ed Eros PERCORSO PERSONALIZZATO (x R.C.) La Lira 30

31 La musica nei Greci Orfeo e la Lira Il mito di Orfeo e Euridice (semplificato) introduzione LIRA il mito della LIRA (testo narrativo/fantastico) la costellazione della lira (testo narrativo/fantastico) ricerca della biografia di Gluck scheda di castelli LA BIOGRAFIA (laboratorio di scrittura) ascolto della musica/opera/sinfonia LA LIRA testo descrittivo di un oggetto CONCLUSIONE DEL PROGETTO: tutto il lavoro realizzato in maniera integrata e multimediale deve vertere intorno alla MITOLOGIA GRECA applicando il COOPERATIVE LEARNING. Le due risorse digitali prodotte verranno portate a conoscenza di tutta la comunità scolastica con una presentazione finale da parte dei ragazzi nell Aula Magna il giorno 20 Giugno 2014 ore 17,00. 31

32 32

33 33

34 GRUPPI COOPERATIVI 34

35 35

36 36

37 37

38 38

39 Castrovillari 27 Febbraio 2014 La coordinatrice Prof.ssa Ippolita Gallo 39

Direzione Didattica di Fucecchio A. S. 2010/11. Plesso G.Carducci

Direzione Didattica di Fucecchio A. S. 2010/11. Plesso G.Carducci Direzione Didattica di Fucecchio A. S. 2010/11 Plesso G.Carducci 1 PREMESSA Prosegue anche quest anno l esperienza legata al Progetto Ministeriale Tecnocrea-Innovascuola del Dipartimento per l Innovazione

Dettagli

Piano Didattico Personalizzato per alunni con Bisogni Educativi Speciali (BES)* 1. Dati dell alunno

Piano Didattico Personalizzato per alunni con Bisogni Educativi Speciali (BES)* 1. Dati dell alunno Piano Didattico Personalizzato per alunni con Bisogni Educativi Speciali (BES)* 1. Dati dell alunno Anno scolastico:.../... Nome e Cognome:... nato/a il.../ /... a... Residente a: in Via Tel:... e-mail...

Dettagli

Associazione Nazionale Docenti

Associazione Nazionale Docenti www.associazionedocenti.it and@associazionedocenti.it Didattica digitale Le nuove tecnologie nella didattica Presentazione del Percorso Formativo Il percorso formativo intende garantire ai Docenti il raggiungimento

Dettagli

PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE (P.N.S.D.) per il PIANO TRIENNALE OFFERTA FORMATIVA (P.T.O.F.)

PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE (P.N.S.D.) per il PIANO TRIENNALE OFFERTA FORMATIVA (P.T.O.F.) PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE (P.N.S.D.) per il PIANO TRIENNALE OFFERTA FORMATIVA (P.T.O.F.) RUOLO E COMPITI DELL ANIMATORE DIGITALE L animatore digitale è un docente a tempo indeterminato, individuato

Dettagli

Ragazzi nella Rete 1. ANALISI DEI BISOGNI

Ragazzi nella Rete 1. ANALISI DEI BISOGNI Istituto Comprensivo di Chiari Classe 1 A Ragazzi nella Rete 1. ANALISI DEI BISOGNI Definizione del bisogno Parole chiave: Ragazzi nella rete Socialità cognitiva. Descrizione del bisogno: Condividere lo

Dettagli

Progetto A Scuola di dislessia Strategie didattiche, metodologiche e valutative per gli studenti con DSA

Progetto A Scuola di dislessia Strategie didattiche, metodologiche e valutative per gli studenti con DSA ALLEGATO A Progetto A Scuola di dislessia Strategie didattiche, metodologiche e valutative per gli studenti con DSA 1. Titolo del progetto NON DIMENTICHIAMO! 2. Dati della scuola Denominazione: ISTITUTO

Dettagli

I. C. I. NIEVO CAPRI. Modello di PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico

I. C. I. NIEVO CAPRI. Modello di PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico I. C. I. NIEVO CAPRI Scuola secondaria di I grado Classe Coordinatore di classe 1. DATI RELATIVI ALL ALUNNO: Modello di PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico Cognome e nome Data e luogo di nascita

Dettagli

Dai Bisogni Educativi Speciali alle Esigenze Educative Speciali. Strumenti informatici a supporto di una didattica inclusiva

Dai Bisogni Educativi Speciali alle Esigenze Educative Speciali. Strumenti informatici a supporto di una didattica inclusiva Dai Bisogni Educativi Speciali alle Esigenze Educative Speciali Strumenti informatici a supporto di una didattica inclusiva 1 Indice dei materiali Quadro normativo di riferimento Didattica tradizionale

Dettagli

GUIDA OPERATIVA PER I GENITORI DI ALUNNI CON DSA

GUIDA OPERATIVA PER I GENITORI DI ALUNNI CON DSA GUIDA OPERATIVA PER I GENITORI DI ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO A cura della prof.ssa Anna Lombardo referente CRHeS/CTS Faenza STRUMENTI COMPENSATIVI E DIDATTICI INFORMATICI Sono ausili

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico Scuola: ALUNNO/A: CLASSE: LINGUA MADRE: DOCENTI: DATI RELATIVI ALL ALUNNO Bisogno Educativo Speciale rilevato da: Relazione

Dettagli

LEGENDA ed ESEMPI PER LA COMPILAZIONE DI ALCUNE PARTI DEL PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO AD USO DEL CONSIGLIO DI CLASSE.

LEGENDA ed ESEMPI PER LA COMPILAZIONE DI ALCUNE PARTI DEL PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO AD USO DEL CONSIGLIO DI CLASSE. LEGENDA ed ESEMPI PER LA COMPILAZIONE DI ALCUNE PARTI DEL PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO AD USO DEL CONSIGLIO DI CLASSE PERCORSO DIDATTICO PERSONALIZZATO ANNO SCOLASTICO 2011/2012 Dati relativi all alunno

Dettagli

Descrizione dell unità. Titolo English with Seurat. Autore Francesca Panzica

Descrizione dell unità. Titolo English with Seurat. Autore Francesca Panzica Descrizione dell unità Titolo English with Seurat Autore Francesca Panzica Tematica Come motivare i ragazzi all apprendimento della lingua straniera rendendoli protagonisti attivi del proprio apprendimento

Dettagli

PIANO DI FORMAZIONE PROVINCIALE PER DOCENTI

PIANO DI FORMAZIONE PROVINCIALE PER DOCENTI Corso 1: Dal banco al web Conoscere e saper utilizzare le risorse multimediali per implementare una didattica attiva. Obiettivi: Il percorso si propone di: progettare e sperimentare percorsi didattici

Dettagli

IL RACCONTO GIALLO Scuola primaria classe V disciplina: italiano. Candidata: Maria Ghirardi

IL RACCONTO GIALLO Scuola primaria classe V disciplina: italiano. Candidata: Maria Ghirardi IL RACCONTO GIALLO Scuola primaria classe V disciplina: italiano Candidata: Maria Ghirardi LA MIA CLASSE La mia classe V di scuola primaria è composta da 20 bambini, di cui 11 maschi e 9 femmine. Tra i

Dettagli

Istituto Comprensivo G. Marconi PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON BES

Istituto Comprensivo G. Marconi PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON BES Istituto Comprensivo G. Marconi PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON BES BES -Dir. Min. 27/12/2012; C.M. n. 8 del 6/03/2013 1 ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Scuola Secondaria di II grado VITTORIA COLONNA Roma Liceo Linguistico - Liceo delle Scienze Applicate - Liceo delle Scienze Umane e-mail rmpm180008@istruzione.it - www.vittoriacolonnalicei.it PIANO DIDATTICO

Dettagli

LABORATORIO INFORMATICO/ PROGETTO GIORNALINO

LABORATORIO INFORMATICO/ PROGETTO GIORNALINO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2013/14 ATTIVITA EXTRACURRICULARE LABORATORIO INFORMATICO/ PROGETTO GIORNALINO Denominazione del progetto/laboratorio A PORTATA DI MOUSE Responsabile di progetto Analisi

Dettagli

utili alla stesura e al monitoraggio del PDP

utili alla stesura e al monitoraggio del PDP Questionario per favorire la raccolta di informazioni utili alla stesura e al monitoraggio del PDP Da compilarsi a cura dei genitori Istituzione scolastica. DATI DELL ALUNNO/A Cognome.. Nome. Classe..

Dettagli

CLASSE PRIMA INDIRIZZO AFM - TURISTICO DESCRIZIONE Unità di Apprendimento. Competenze attese a livello di UdA

CLASSE PRIMA INDIRIZZO AFM - TURISTICO DESCRIZIONE Unità di Apprendimento. Competenze attese a livello di UdA MATERIA INFORMATICA CLASSE PRIMA INDIRIZZO AFM - TURISTICO DESCRIZIONE Unità di Apprendimento UdA n. 1 Titolo: IL COMPUTER: CONCETTI DI BASE - Saper far funzionare correttamente il computer - Sapersi muovere

Dettagli

Ausili per i disturbi della letto-scrittura

Ausili per i disturbi della letto-scrittura Disturbi Specifici dell Apprendimento: dalle basi fisiologiche agli ausili Aula Magna Centro Affari e Convegni Arezzo 13 Dicembre 2014 Ausili per i disturbi della letto-scrittura Valentina Scali, Simona

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico 20 / 20

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico 20 / 20 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale Don Lorenzo Milani Via Trieste 21 20029 Turbigo Tel 0331 899168 Fax 0331 897861 e-mail uffici istituto@comprensivoturbigo.it

Dettagli

Relazione finale. Fasi I fase: attività di brainstorming problematizzazione, formulazione di ipotesi, ricerca di soluzioni

Relazione finale. Fasi I fase: attività di brainstorming problematizzazione, formulazione di ipotesi, ricerca di soluzioni Russi Grazia Classe F1 a.s. 2008/09 Tutor: Silvia Rossi Titolo: Ambiente e territorio Relazione finale Contenuti Il progetto ha lo scopo di sviluppare nei ragazzi il senso di appartenenza nei confronti

Dettagli

PROPOSTE FORMATIVE E-LEARNING PER LA PROFESSIONALITA DEI DOCENTI NOVITER OBIETTIVI:

PROPOSTE FORMATIVE E-LEARNING PER LA PROFESSIONALITA DEI DOCENTI NOVITER OBIETTIVI: PROPOSTE FORMATIVE E-LEARNING PER LA PROFESSIONALITA DEI DOCENTI NOVITER è una società di studio e ricerca nell ambito dei sistemi di istruzione, formazione e lavoro. OBIETTIVI: Supportare le istituzioni

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO ALLEGATO 5 PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico Scuola secondaria. Indirizzo di studio.. Classe.. Sezione. Referente DSA o coordinatore di classe 1. DATI RELATIVI ALL ALUNNO Cognome e nome Data

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI DSA Decreto n. 5669 del 12 luglio 2011, attuativo della legge 170 dell 8 ottobre 2010

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI DSA Decreto n. 5669 del 12 luglio 2011, attuativo della legge 170 dell 8 ottobre 2010 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE «GUGLIELMO MARCONI» FORLÌ Viale della Libertà, 14-Tel. 0543-28620 -Fax 0543-26363 - -DISTRETTO 42 e mail itisfo@itisforli.it SITO www.itisforli.it PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

Dettagli

www.itis-isernia.gov.it email: info@itis-isernia.gov.it Normale, conforme agli obiettivi della classe ai sensi degli artt. 12 e 13 dell O.M.

www.itis-isernia.gov.it email: info@itis-isernia.gov.it Normale, conforme agli obiettivi della classe ai sensi degli artt. 12 e 13 dell O.M. ALLEGATO al PEI n.1 ELABORAZIONE DELLA PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALIZZATA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI Programmazione e valutazione : Normale, conforme agli obiettivi della classe ai sensi degli artt.

Dettagli

S.M.S. A.Canova Grugnera (Pn)

S.M.S. A.Canova Grugnera (Pn) S.M.S. A.Canova Grugnera (Pn) Page 1 Prof. Docente Scuola Secondaria Docente Scuola Secondaria COMPENSARE gli STRUMENTI COMPENSATIVI permettono di raggiungere un buon grado di AUTONOMIA,, cioè la possibilità

Dettagli

Piano Didattico Personalizzato e Patto Formativo per alunni con Bisogni Educativi Speciali (BES)*

Piano Didattico Personalizzato e Patto Formativo per alunni con Bisogni Educativi Speciali (BES)* SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO L. A. MURATORI Via Resistenza, 462 - C.A.P. 41058 VIGNOLA (MO) - Tel. 059765663 059771161 Fax 059771151 E-mail: momm152007@istruzione.it - P.e.c.: momm152007@pec.istruzione.it

Dettagli

2. Diagnosi Segnalazione diagnostica alla scuola redatta da: AUSL privato Il / / dal dott. : neuropsichiatra psicologo

2. Diagnosi Segnalazione diagnostica alla scuola redatta da: AUSL privato Il / / dal dott. : neuropsichiatra psicologo Piano Didattico Personalizzato per alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA)* Istituto Comprensivo Posatora Piano Archi Scuola Secondaria di primo grado F. Podesti 1. Dati dell alunno Anno scolastico:.../...

Dettagli

MODELLO DI PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO. ISTITUTO COMPRENSIVO Severino Fabriani SPILAMBERTO (MO) Scuola Primaria G. Marconi Spilamberto

MODELLO DI PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO. ISTITUTO COMPRENSIVO Severino Fabriani SPILAMBERTO (MO) Scuola Primaria G. Marconi Spilamberto MODELLO DI PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO ISTITUTO COMPRENSIVO Severino Fabriani SPILAMBERTO (MO) Scuola Primaria G. Marconi Spilamberto C. Trenti S.Vito Scuola Secondaria di Primo Grado Spilamberto PIANO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Pag. 1 di 8 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Disciplina Tecnologie informatiche a.s. 2015/2016 Classe: 1 a Sez. Q,R,S Docente : Prof. Emanuele Ghironi / Prof.Davide Colella Pag. 2 di 8 PERCORSI MULTIDISCIPLINARI/INTERDISCIPLINARI

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Telecomunicazioni Classe: 1BM A.S. 2015/16 Docenti: Lombino Giuseppe Codocente Gianello Annalisa ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta da 16 alunni maschi di cui quattro

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI CON D.S.A. (L.170/2010)

LINEE GUIDA PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI CON D.S.A. (L.170/2010) LINEE GUIDA PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI CON D.S.A. (L.170/2010) ANALISI DI ALCUNI PUNTI SALIENTI: Testo delle linee guida E comunque preliminarmente opportuno osservare che la Legge 170/2010

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Per allievi con altri Bisogni Educativi Speciali (BES Dir. Min. 27/12/2012; C.M. n. 8 del 6/3/2013)

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Per allievi con altri Bisogni Educativi Speciali (BES Dir. Min. 27/12/2012; C.M. n. 8 del 6/3/2013) ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE S.CATERINA DA SIENA-AMENDOLA Via LAZZARELLI - 84132 SALERNO - Tel. e Fax 089333084 - Cod. Meccanografico: SAIS06900N C.F. 95 1397 60656 - E-Mail: sais06900n@istruzione.it

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/15

ANNO SCOLASTICO 2014/15 ANNO SCOLASTICO 2014/15 VADEMECUM PER IL DOCENTE CON ALUNNI CHE RIENTRANO NELL AREA BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI BES (H, DSA, ADHD, difficoltà psicologiche) A cura della prof.ssa Annarita Caponera Il coordinatore

Dettagli

PROFILO DELL ANIMATORE DEL PNSD

PROFILO DELL ANIMATORE DEL PNSD PROFILO DELL ANIMATORE DEL PNSD FORMAZIONE INTERNA: stimolare la formazione interna alla scuola negli ambiti del PNSD, attraverso l organizzazione di laboratori formativi (senza essere necessariamente

Dettagli

Dislessia. Guida strumenti compensativi

Dislessia. Guida strumenti compensativi Dislessia Guida strumenti compensativi Sede Legale: Piazza della Repubblica, 19 MILANO Codice Fiscale 97459580151 Sito: www.agiad.it Blog: spazioagiad.blogspot.com Forum: agiad.forumup.it mail: info@agiad.it

Dettagli

1. DESCRIZIONE DEL FUNZIONAMENTO DELLE ABILITÀ STRUMENTALI (lettura, scrittura, calcolo) (nota1)

1. DESCRIZIONE DEL FUNZIONAMENTO DELLE ABILITÀ STRUMENTALI (lettura, scrittura, calcolo) (nota1) Allegato C Piano Educativo Personalizzato DATI RELATIVI ALL ALUNNO Cognome e nome:. Plesso: Classe: DIAGNOSI: 1. DESCRIZIONE DEL FUNZIONAMENTO DELLE ABILITÀ STRUMENTALI (lettura, scrittura, calcolo) (nota1)

Dettagli

Syllabus Moduli della Certificazione EPICT Gold EUROPEAN PEDAGOGICAL ICT LICENCE Certificazione Pedagogica Europea sull uso delle tecnologie digitali

Syllabus Moduli della Certificazione EPICT Gold EUROPEAN PEDAGOGICAL ICT LICENCE Certificazione Pedagogica Europea sull uso delle tecnologie digitali Syllabus Moduli della Certificazione EPICT Gold EUROPEAN PEDAGOGICAL ICT LICENCE Certificazione Pedagogica Europea sull uso delle tecnologie digitali AREA DI COMPETENZA COPERTA DALLA CERTIFICAZIONE MACRO-COMPETENZA

Dettagli

Corso di giornalismo pomeridiano

Corso di giornalismo pomeridiano Corso di giornalismo pomeridiano TRACCIA 2 Progetto collaborativo finalizzato alla costruzione di un giornalino scolastico in una classe di scuola secondaria di I grado con possibile raccordo con una classe

Dettagli

Sceneggiare un unità di lavoro

Sceneggiare un unità di lavoro Sceneggiare un unità di lavoro EDUCAZIONE ALIMENTARE Sai cosa mangi? Scuola-Istituto Titolo dell'unità Docenti partecipanti al Corso CENTRO SALESIANO DON BOSCO Treviglio L ALIMENTAZIONE E I PRINCIPI NUTRITIVI.

Dettagli

CONTENUTO DEI MODULI DIDATTICI EPICT

CONTENUTO DEI MODULI DIDATTICI EPICT Certificazione Pedagogica Europea per le Tic EUROPEAN PEDAGOGICAL ICT LICENCE CONTENUTO DEI MODULI DIDATTICI EPICT www.epict.it www.epict.org Indice MODULO A... 3 MODULO B... 4 MODULO C... 5 MODULO H...

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico (spazio per eventuale carta intestata della scuola) Scuola Primaria PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico BES 2 DATI RELATIVI ALL ALUNNO Cognome e nome: data e luogo di nascita: classe: Frequenza

Dettagli

Quadro di Competenze EPICT EUROPEAN PEDAGOGICAL ICT LICENCE Certificazione Pedagogica Europea sull uso delle tecnologie digitali

Quadro di Competenze EPICT EUROPEAN PEDAGOGICAL ICT LICENCE Certificazione Pedagogica Europea sull uso delle tecnologie digitali EUROPEAN PEDAGOGICAL ICT LICENCE Certificazione Pedagogica Europea sull uso delle tecnologie digitali Il Quadro di della Certificazione EPICT si articola su quattro livelli: 1. Area di competenza (Competenza

Dettagli

P.D.P. PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

P.D.P. PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO LOGO P.D.P. PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Per allievi con altri Bisogni Educativi Speciali (BES-Dir. Min. 27/12/2012; C.M. n. 8 del 6/03/2013) A.S. Modello realizzato da: Referenti CTS di San Benedetto

Dettagli

Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate.

Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate. Cl@sse2.0 Una esperienza didattica sviluppata in classi tecnologicamente avanzate. Progetto di due anni disegnato per la 1Ac. (2010-2012) Cl@sse2.0 Perché questo progetto nazionale? 1. Per rispondere a

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO CODEVIGO Via Garubbio 43, 35020 Codevigo (PD) - Tel. 049/5817860 - Fax 049/5817883 C.F. 80013420288 - C.M. PDIC 87000X e-mail: pdic87000x@istruzione.it PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO A.S.

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO A.S. ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE AGRARIA E ALBERGHIERA G.RAINERI G.MARCORA Strada Agazzana, 35 P I A C E N Z A 0523 458929 0523 458938 @ pcis00200v@istruzione.it codice fiscale 80004680338 PIANO

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO per gli alunni con Bisogni Educativi Speciali BES

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO per gli alunni con Bisogni Educativi Speciali BES ISTITUTO COMPRENSIVO N. 1 CENTO Sede: Via Dante Alighieri, 6 44042 Cento (Ferrara) Tel. 051 904030 / Fax 051 6857738 Codice Meccanografico FEIC81800P e-mail feic81800p@istruzione.it PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Modello di PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico 2011/2012 Scuola secondaria di 1 grado classe II Referente DSA o coordinatore di classe 1. Dati relativi all alunno Cognome e Nome Stefano Data

Dettagli

INIZIATIVE RELATIVE ALLA DISLESSIA

INIZIATIVE RELATIVE ALLA DISLESSIA ISTITUTO COMPRENSIVO dott. NICOLA D APOLITO CAGNANO VARANO (FG) INIZIATIVE RELATIVE ALLA DISLESSIA TUTTI UGUALI TUTTI DIVERSI PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO SCUOLA PRIMARIA 1 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE

Dettagli

www.itis-isernia.gov.it email: info@itis-isernia.gov.it Alunno/a DSA Classe a. s. Docente Materia/e

www.itis-isernia.gov.it email: info@itis-isernia.gov.it Alunno/a DSA Classe a. s. Docente Materia/e Alunno/a DSA Classe a. s. Docente Materia/e ALLEGATO al PDP Difficoltà di apprendimento riscontrate dal docente Area linguistico (lettura, scrittura, comprensione) e comunicativa Area logico matematica

Dettagli

Dal riassunto allo SMS

Dal riassunto allo SMS Dal riassunto allo SMS Introduzione La seguente U.D. si pone come obiettivo l acquisizione di vari modelli di riscrittura di un testo narrativo, attraverso l utilizzo di modalità e tipologie testuali differenti,

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE Codice Meccanografico: SAIS044009 Codice Fiscale: 95140540659 Sede amministrativa presso Liceo Scientifico Via M. Galdi, 26-84081 Baronissi (SA) Tel. 089/956078 -

Dettagli

Scuola primaria classe.. Referente DSA o coordinatore di classe

Scuola primaria classe.. Referente DSA o coordinatore di classe Istituzione scolastica. Modello di PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico Scuola primaria classe.. Referente DSA o coordinatore di classe 1.DATI RELATIVI ALL ALUNNO Cognome e nome Data e luogo

Dettagli

VERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA

VERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA VERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA I.C. Gonzaga dr.ssa Di Palma Monia, psicologa dr.ssa Dicembrini Valentina, psicologa QUALI STRATEGIE PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA? - Spazio - Strategie metacognitive - Metodo

Dettagli

Istituto Comprensivo Roseto 1

Istituto Comprensivo Roseto 1 Istituto Comprensivo Roseto 1 Via D Annunzio - 64026 Roseto degli Abruzzi (TE) Tel. 0858990172 Fax 0858932601 Tel/Fax 0858990187 Cod. Fisc. 91043580678 sito web: www.primoroseto.gov.it email: teic842001@istruzione.it

Dettagli

IIS D ORIA - UFC PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO SERVIZI COMMERCIALI MATERIA INFORMATICA ANNO DI CORSO 2^ A INDICE DELLE UFC

IIS D ORIA - UFC PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO SERVIZI COMMERCIALI MATERIA INFORMATICA ANNO DI CORSO 2^ A INDICE DELLE UFC INDICE DELLE UFC 1 SCHEDE di ripasso MODULO 3 (WORD) MODULO 4 (EXCEL) 2 BASI DI DATI (ACCESS) 3 STRUMENTI DI PRESENTAZIONE (POWERPOINT) 4 NAVIGAZIONE WEB E COMUNICAZIONE DETTAGLIO UFC 1 Schede di ripasso

Dettagli

PROPOSTE SECONDARIA STORIA, SCIENZE PERO BISOGNA ESSERE COLLEGATI IN RETE INTERNET E ISCRIVERSI, ISCRIZIONE GRATIS WWW.PIANETINO.

PROPOSTE SECONDARIA STORIA, SCIENZE PERO BISOGNA ESSERE COLLEGATI IN RETE INTERNET E ISCRIVERSI, ISCRIZIONE GRATIS WWW.PIANETINO. PROPOSTE SECONDARIA STORIA, SCIENZE PERO BISOGNA ESSERE COLLEGATI IN RETE INTERNET E ISCRIVERSI, ISCRIZIONE GRATIS WWW.PIANETINO.IT MATEMATICA, GEOMETRIA, PIANI CARTESIANO, TRIGONOMETRIA www.ripmat.it

Dettagli

Piano Didattico Personalizzato per alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA)*

Piano Didattico Personalizzato per alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA)* ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ALBERTO BURRI Trestina Città di Castello (PG) Piano Didattico Personalizzato per alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA)* 1. Dati dell alunno Anno scolastico:.../...

Dettagli

GLI STRUMENTI COMPENSATIVI

GLI STRUMENTI COMPENSATIVI GLI STRUMENTI COMPENSATIVI La Sintesi Vocale Le mappe concettuali e mentali I programmi di Video Scrittura I Software delle Cooperativa Anastasis LA SINTESI VOCALE Un sintetizzatore vocale è un software

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VIA NOVARIA VILLANTERIO Via Novaria, 3 27019 Villanterio Tel. 0382/974008 Fax 0382/967033 SCUOLA DI A.S.

ISTITUTO COMPRENSIVO VIA NOVARIA VILLANTERIO Via Novaria, 3 27019 Villanterio Tel. 0382/974008 Fax 0382/967033 SCUOLA DI A.S. ISTITUTO COMPRENSIVO VIA NOVARIA VILLANTERIO Via Novaria, 3 27019 Villanterio Tel. 0382/974008 Fax 0382/967033 SCUOLA DI A.S. CLASSE SEZ. ALUNNO/A 1. DATI ANAGRAFICI 2. TIPOLOGIA DI DISTURBO 3. DIDATTICA

Dettagli

La scuola secondaria di fronte ai DSA e ai BES

La scuola secondaria di fronte ai DSA e ai BES Lab.D.A. Laboratorio sui Disturbi dell Apprendimento Galleria Berchet, 3 Padova Direttore: Prof. Cesare Cornoldi La scuola secondaria di fronte ai DSA e ai BES La gestione delle verifiche e degli strumenti

Dettagli

2BI [Stesura a.s.2014/15]

2BI [Stesura a.s.2014/15] Monte ore annuo PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE 99 ore SETTEMBRE Libro di Testo G. Chiavola ECDL Syllabus 5.0 Guida all esame per la patente del computer - Petrini E-book dal sito www.matematicamente.it.

Dettagli

Direzione Didattica. Marie Curie. Via Guicciardi, 1 Milano. Anno scolastico: / Plesso classe. Team docenti (e relative materie di insegnamento):

Direzione Didattica. Marie Curie. Via Guicciardi, 1 Milano. Anno scolastico: / Plesso classe. Team docenti (e relative materie di insegnamento): Direzione Didattica Marie Curie Via Guicciardi, 1 Milano Anno scolastico: / Plesso classe Team docenti (e relative materie di insegnamento): 1. DATI RELATIVI ALL ALUNNO Cognome e nome Data e luogo di nascita

Dettagli

La lavagna interattiva multimediale nella scuola primaria. Istituto Comprensivo F.De Pisis Ferrara

La lavagna interattiva multimediale nella scuola primaria. Istituto Comprensivo F.De Pisis Ferrara La lavagna interattiva multimediale nella scuola primaria Istituto Comprensivo F.De Pisis Ferrara Lim in classe o in laboratorio? Il progetto suggeriva l introduzione della Lim nelle singole classi, ma

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO 1.SEGNALAZIONE E/O PRESENTAZIONE DEL MEDICO AUSL

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO 1.SEGNALAZIONE E/O PRESENTAZIONE DEL MEDICO AUSL Istituto Comprensivo Castiglione Camugnano 40035 Castiglione dei Pepoli (BO) via Fiera 96 Presidenza: tel. 0534 93266 email: direzione@iccast.org Segreteria: tel. 0534 91120 fax 053493591 email: segreteria@iccast.org

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico Classe Sezione Coordinatore di classe DIAGNOSI: DSA [] EES [] DATI RELATIVI ALL ALUNNO Cognome e nome Data e luogo di nascita Diagnosi specialistica Disturbo/i

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 TECNOLOGIA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 TECNOLOGIA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO PROGETTAZIONE DIDATTICA CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2012-2013 TECNOLOGIA E compito della tecnologia quello di promuovere nei bambini e nei ragazzi forme di pensiero e atteggiamenti che preparino e sostengano

Dettagli

LINGUA ITALIANA. Scuola dell Infanzia. Saper comunicare oralmente. Condividere esperienze personali, emozioni, pensieri e comportamenti vissuti.

LINGUA ITALIANA. Scuola dell Infanzia. Saper comunicare oralmente. Condividere esperienze personali, emozioni, pensieri e comportamenti vissuti. LINGUA ITALIANA Scuola dell Infanzia Campi di esperienza Traguardi per lo sviluppo della competenza Abilità Conoscenze Il sé e l altro Il bambino: Saper comunicare oralmente. Le attività di routine quotidiane.

Dettagli

Piano Didattico Personalizzato per alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA)*

Piano Didattico Personalizzato per alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA)* 1. Dati dell alunno Piano Didattico Personalizzato per alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA)* Anno scolastico:.../... Nome e Cognome:... nato/a il.../ /... Ministero dell Istruzione, dell

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO AUTONOMO CASAPESENNA PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER GLI ALUNNI CON DISTURBI DA DEFICIT DELL ATTENZIONE (ADHD)

ISTITUTO COMPRENSIVO AUTONOMO CASAPESENNA PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER GLI ALUNNI CON DISTURBI DA DEFICIT DELL ATTENZIONE (ADHD) ISTITUTO COMPRENSIVO AUTONOMO CASAPESENNA PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER GLI ALUNNI CON DISTURBI DA DEFICIT DELL ATTENZIONE (ADHD) Art.5 D.M. n. 5669/2011; Linee guida per diritto studenti con DSA

Dettagli

Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0

Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0 Finalmente a disposizione un software unico per tutte le LIM della scuola 2.0 Uno strumento unico per risolvere i problemi di compatibilità tra le diverse lavagne interattive Non fermarti alla LIM, con

Dettagli

Dislessia e D.S.A : tecnologia e informatica per l autonomia scolastica

Dislessia e D.S.A : tecnologia e informatica per l autonomia scolastica Angelo Magoga CTI Treviso Centro Dislessia e D.S.A : tecnologia e informatica per l autonomia scolastica SERATA A TEMA Ospedale Ca Foncello - Treviso 21 aprile 2009 Centro Territoriale per l Integrazione

Dettagli

Anno Scolastico.. Stesura (data).. Aggiornamento (data)...

Anno Scolastico.. Stesura (data).. Aggiornamento (data)... PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico.. Stesura (data).. Aggiornamento (data)... Indirizzo di studio.. Classe.. Sezione. Referente DSA Coordinatore di classe. Pag.1 di 16 1. DATI RELATIVI ALL

Dettagli

NOI E IL COMPUTER: LET'S PLAY WITH IT!"

NOI E IL COMPUTER: LET'S PLAY WITH IT! CORSISTE: PASQUALI ADRIANA, PALUMBO PAOLA, BETTONI ROSSELLA, ANELLI MARIA, CALICCHIA NICOLETTA AREA TEMATICA 4 : COMPUTER FLASHCARDS NOI E IL COMPUTER: LET'S PLAY WITH IT!" DIARIO DI BORDO DELL ESPERIENZA

Dettagli

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA PER GLI STUDENTI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO (D.S.A.)

PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA PER GLI STUDENTI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO (D.S.A.) PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA PER GLI STUDENTI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO (D.S.A.) Al fine di assicurare agli alunni con D.S.A. il percorso educativo più adeguato, è opportuno che la scuola, le

Dettagli

INDICAZIONI SULL UTILIZZO DEGLI STRUMENTI ICT NELLA DIDATTICA CON I BES

INDICAZIONI SULL UTILIZZO DEGLI STRUMENTI ICT NELLA DIDATTICA CON I BES INDICAZIONI SULL UTILIZZO DEGLI STRUMENTI ICT NELLA DIDATTICA CON I BES a cura della F.S. Area 2 Maria De Francesco Nella stesura del PDP per gli alunni BES è richiesta la messa a punto di strategie didattiche

Dettagli

COMPETENZA DIGITALE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE

COMPETENZA DIGITALE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE COMPETENZA DIGITALE DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: TUTTE Dalla raccomandazione del parlamento europeo e del consiglio del 18 dicembre 2006 La competenza digitale consiste nel saper utilizzare con dimestichezza

Dettagli

Il cloud learning e i nuovi ambienti di apprendimento collaborativo nelle tecnologie per una didattica per competenze Strumenti

Il cloud learning e i nuovi ambienti di apprendimento collaborativo nelle tecnologie per una didattica per competenze Strumenti dei corsi Il corso denominato G1 non compare in quanto le iscrizioni all incontro col prof. Tagliagambe sono stati diversamente contemplati. Il codice del corso, indicato sulla destra nella casella dei

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PADRE PIO AIROLA

ISTITUTO COMPRENSIVO PADRE PIO AIROLA ISTITUTO COMPRENSIVO PADRE PIO AIROLA PROGETTO INFORMATICA: UNPLUGGED ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA Come è noto, l insegnamento della tecnologia/informatica è entrata a far parte del normale curricolo

Dettagli

Da nativi digitali a studenti digitali? 1. ANALISI DEI BISOGNI

Da nativi digitali a studenti digitali? 1. ANALISI DEI BISOGNI Da nativi digitali a studenti digitali? 1. ANALISI DEI BISOGNI Definizione del bisogno Parole chiave: verso una didattica innovativa per alunni e docenti Descrizione del bisogno: - Nella classe 1 D sono

Dettagli

DISTURBO SE APPRENDO? io... Apprendo disturbando

DISTURBO SE APPRENDO? io... Apprendo disturbando Centro Territoriale per l Integrazione DISTURBO SE APPRENDO? io... Apprendo disturbando D. S. A. e B.E.S. Disturbi Specifici dell'apprendimento Incontro con KIT_PC_DSA Prof. Fusillo Francesco Autore del

Dettagli

3.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo)

3.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) 3.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) a cura di Enrico Giliberti, Università di Bologna 3.3.1 Reperimento dell informazione sul SD Individuare, accedere e consultare le principali fonti di informazione

Dettagli

Strumenti tecnologici a supporto dell apprendimento, dell autonomia, della comunicazione di alunni sordi in contesti di integrazione

Strumenti tecnologici a supporto dell apprendimento, dell autonomia, della comunicazione di alunni sordi in contesti di integrazione Fondazione Asphi Onlus Strumenti tecnologici a supporto dell apprendimento, dell autonomia, della comunicazione di alunni sordi in contesti di integrazione Cristina Manfredini cmanfredini@asphi.it www.asphi.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INFORMATICA (biennio)

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INFORMATICA (biennio) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INFORMATICA (biennio) Docente: DI SIMONE PINA Disciplina: INFORMATICA (biennio) Classi PRIME SEZ. A-B-C-D a.s : 2013 14 OBIETTIVI DIDATTICI FINALI Coincidono con l acquisizione

Dettagli

Cartellone digitale e piccoli elaborati multimediali (presentazioni semplici e brevi ipermedia) - LIM

Cartellone digitale e piccoli elaborati multimediali (presentazioni semplici e brevi ipermedia) - LIM Cartellone digitale e piccoli elaborati multimediali (presentazioni semplici e brevi ipermedia) - LIM Attività di familiarizzazione all uso della SmartBoard I Maya Antonia Barone Storia - Claudio Fontana

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO E TEATRALITA' CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2015/16

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO E TEATRALITA' CLASSI PRIME ANNO SCOLASTICO 2015/16 Ministero dell Istruzione, Università e Ricerca Istituto Onnicomprensivo annesso al Convitto Nazionale C. Colombo 16124 Genova Via Dino Bellucci, 4 - tel. 010.2512421 fax 010.2512408 Sede Via Dino Bellucci,

Dettagli

PROPOSTA DI CURRICOLO DI TECNOLOGIA E INFORMATICA. Classi 1, 2, 3, 4, 5

PROPOSTA DI CURRICOLO DI TECNOLOGIA E INFORMATICA. Classi 1, 2, 3, 4, 5 VI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PADOVA BRUNO CIARI PROPOSTA DI CURRICOLO DI TECNOLOGIA E INFORMATICA Classi 1, 2, 3, 4, 5 SCUOLA PRIMARIA PROGRAMMAZIONE DI TECNOLOGIA \ INFORMATICA Classe 1 OBIETTIVI FORMATIVI

Dettagli

Maria Vittoria Alfieri Head of Digital Teaching & Learning RCS Education. seguici e commenta su. #primariaday

Maria Vittoria Alfieri Head of Digital Teaching & Learning RCS Education. seguici e commenta su. #primariaday Maria Vittoria Alfieri Head of Digital Teaching & Learning RCS Education seguici e commenta su #primariaday Napoli 7 aprile 2014 Il nuovo ambiente RCS Education per la didattica digitale CONTENUTI e SERVIZI

Dettagli

Cristina Gaggioli Pedagogista esperta in TIC _ Formatore AID

Cristina Gaggioli Pedagogista esperta in TIC _ Formatore AID Cristina Gaggioli Pedagogista esperta in TIC _ Formatore AID E la prima circolare emanata dal MIUR per studenti con DSA Dispensa dalla lettura ad alta voce, scrittura veloce sotto dettatura, uso del vocabolario,

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON BES

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON BES PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON BES Plesso A.S. 2013-2014 A cura della Commissione BES-DSA dell I.C.S. L. Pirandello, Pesaro. ELEMENTI CONOSCITIVI DELL ALUNNO Nome e Cognome Dati anagrafici

Dettagli

CURRICOLO PER LE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO INFORMATICA

CURRICOLO PER LE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO INFORMATICA CURRICOLO PER LE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO INFORMATICA La pervasività dell informatica e il suo essere ormai indispensabile nella vita quotidiana hanno reso necessario l

Dettagli

Piano didattico personalizzato DSA

Piano didattico personalizzato DSA Piano didattico personalizzato DSA Anno Scolastico 2014/2015 Indirizzo di studio Classe Sezione Dati dello studente Cognome e nome Data e luogo di nascita Diagnosi specialistica 1 Redatta da Sintesi diagnostica

Dettagli

P.D.P. PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO. Istituto Comprensivo di Civate A.S. 2013-14

P.D.P. PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO. Istituto Comprensivo di Civate A.S. 2013-14 P.D.P. PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Per studenti con altri Bisogni Educativi Speciali (BES-Dir. Min. 27/12/2012; C.M. n. 8 del 6/03/2013) Istituto Comprensivo di Civate A.S. 2013-14 Alunno/a (sigla):

Dettagli

P.D.P. PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

P.D.P. PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO P.D.P. PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Per allievi con Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA-Legge 170/2010) A.S. Alunno/a: Classe: Coordinatore di classe/team: Referente/i DSA/BES Coordinatore GLI La

Dettagli

Piano Didattico Personalizzato per alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA)

Piano Didattico Personalizzato per alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA) Piano Didattico Personalizzato per alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA) 1.Dati dell alunno Anno scolastico: 2014/2015 Nome e Cognome:... nato/a il.../ /... a... Residente a: in Via n..

Dettagli

DISCIPLINE ARTISTICHE E T.I.C

DISCIPLINE ARTISTICHE E T.I.C DISCIPLINE ARTISTICHE E T.I.C (tecnologie dell informazione e della comunicazione) programma del corso base L uso dei blog nella didattica delle discipline artistiche Criteri per la selezione di software

Dettagli

La conquista dell autonomia Pordenone 19 febbraio 2011

La conquista dell autonomia Pordenone 19 febbraio 2011 La conquista dell autonomia Pordenone 19 febbraio 2011 Graziella Padovan pordenone@dislessia.it - www.aidpordenone.org Associazione Italiana Dislessia aps Piazza dei Martiri 1 / 2-40121 Bologna www.aiditalia.org

Dettagli

Compensare i DSA. Franco Castronovo

Compensare i DSA. Franco Castronovo Compensare i DSA Franco Castronovo Incontro Magistri Cumacini Como 8 aprile 2013 da: Flavio Fogarolo e Caterina Scapin Erickson giugno 2010 Compensare i DSA Strategie compensative Competenze compensative

Dettagli