Piano Offerta Formativa. scuola secondaria di primo grado A.S ISTITUTO SCOLASTICO NAZARETH

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano Offerta Formativa. scuola secondaria di primo grado A.S. 2012-2013 ISTITUTO SCOLASTICO NAZARETH"

Transcript

1 ISTITUTO SCOLASTICO NAZARETH Piano Offerta Formativa scuola secondaria di primo grado A.S via Cola di Rienzo, Roma Tel Fax Sito web :www.istituto-nazareth.com

2 Il significato del Piano di Offerta Formativa Nella scuola dell autonomia il Piano di Offerta Formativa è il documento che definisce l identità culturale e progettuale di ogni singola istituzione scolastica. Raccoglie i documenti fondamentali in base ai quali viene organizzato il servizio scolastico reso dall Istituto. Nel Piano vengono esplicitati gli obiettivi formativi perseguiti dalle attività svolte dalla scuola. Il P.O.F. rielaborato di anno in anno, è uno strumento aperto, flessibile e coerente con gli obiettivi generali ed educativi dei diversi tipi di indirizzi di studi determinati a livello nazionale. Esso permette, quindi, di rispondere alla domanda di formazione, ai profondi cambiamenti che interessano la Scuola e ai nuovi bisogni che emergono dall utenza e dal territorio, in cui l Istituto svolge la sua funzione educativa e formativa. Il P.O.F. è redatto in conformità alla normativa scolastica vigente e tiene conto della legge sull Autonomia Scolastica (D.P.R. 275 del ) e dello Statuto delle Studentesse e degli Studenti della scuola secondaria, recante modifiche ed integrazioni al D.P.R. n

3 Linee Culturali Educative e Metodologiche della Scuola Secondaria di I Grado: La proposta formativa dell Istituto per gli allievi della Scuola Secondaria di Primo Grado in armonia con la normativa vigente: - legge n 53 del 28/09/03 - D.L. 59/2000 : Indicazioni Nazionali per i Piani di Studio Personalizzati - D.M. 31/07/07: Indicazioni per il Curricolo - atto di indirizzo del MPI recante i criteri generali per armonizzare gli assetti pedagogici, didattici ed organizzativi previsti dal DPR 20 marzo 2009 n.89 sarà caratterizzata dai seguenti presupposti : La funzionalità delle scelte educative e didattiche al soddisfacimento dei bisogni formativi degli studenti: bisogni di conoscenza, di identità e di socializzazione, orientamento sia in campo scolastico che formativo, comunicazione e padronanza dei vari linguaggi, capacità di gestire e affrontare le difficoltà. Il confronto collegiale e partecipato di tutto il personale scolastico (docente e non docente), e le famiglie nelle scelte educative e didattiche, attraverso lo scambio di idee sulle proposte e sull assunzione di precise responsabilità in relazione alla propria funzione e al proprio ruolo nella scuola (PATTO DI CORRESPONSABILITA ) L uso diffuso delle tecnologie educative e didattiche quali strumenti funzionali a promuovere apprendimenti e l uso di nuove forme di linguaggio. La progettazione di situazioni formative che privilegino un apprendimento attivo degli studenti attraverso forme di coinvolgimento, responsabilizzazione e di motivazione dello studente su argomenti, problemi, compiti di realtà significativa. Le situazioni di apprendimento previste nelle varie programmazioni delle singole discipline devono prevedere momenti di operatività affiancati da studio ed elaborazione personali e pertanto centrate sul fare.

4 Finalità Formativa I docenti utilizzano il valore formativo delle singole discipline e di tutte le attività proposte per realizzare opportunità formative miranti a far acquisire, consolidare e sviluppare: La Conoscenza di sè scoprire la propria identità controllare l emotività assumersi le responsabilità riconoscere e decifrare le sollecitazioni esterne senza subirle La Relazione con gli altri L Orientamento interagire con adulti e coetanei scoprire la necessità e la difficoltà dell ascolto e del rispetto dell altro. Imparare a sostenere e seguire le proprie convinzioni Essere disponibile alla critica e al dialogo per orientare i propri convincimenti e le proprie scelte Progettare il proprio futuro Verificare con costanza l adeguatezza delle decisioni (flessibilità) Finalità culturali alfabetizzazione e uso della multimedialità nella didattica acquisizione di competenze specifiche per discipline e di competenze trasversali legate alla cittadinanza e al rispetto delle regole flessibilità come disponibilità a cambiare e innovare conoscenza e uso di più lingue comunitarie collaborazione tra scuola e istituzioni e altre realtà educative Tematiche La scelta delle tematiche disciplinari è coerente con le linee indicate nel Progetto Educativo di Istituto

5 Il rispetto delle regole del vivere civile nella sfera individuale, istituzionale e sociale soprattutto in riferimento al Patto Educativo di corresponsabilità D.P.R. 235/07 La pace, i diritti umani con particolare attenzione ai diritti dei bambini Il dialogo tra le culture e l accoglienza Lo sviluppo sostenibile in tema di difesa conservazione e valorizzazione del patrimonio naturale e ambientale Uso critico degli strumenti di comunicazione di massa Sviluppo di competenze chiave di cittadinanza Metodologie Le azioni educative rispondono a scelte metodologiche funzionali a conseguire da un lato gli obbiettivi che autonomamente i consigli di classe decidono e dall altro a garantire coerenza con le scelte culturali e formative effettuate. Esse comprendono le seguenti attività: Accoglienza, ascolto e orientamento Sviluppo consolidamento e recupero delle competenze di base e dei saperi specifici Attività di tipo laboratoriale anche a classi aperte incentrate sul fare degli alunni Percorsi didattici con momenti di fruizione delle opportunità offerte dal territorio Progetto formativo di Istituto Il Rispetto delle Regole Nell Ambito dell Educazione alla Cittadinanza il progetto il Rispetto delle regole e la convivenza civile costituirà il tema di fondo delle attività interdisciplinari. Le tensioni presenti nella società moderna, che conducono spesso alle forme estreme di violenza e rendono a volte ingovernabile la convivenza sociale, fanno sentire sempre più l esigenza di trattare il tema del Rispetto delle regole, a partire dal vissuto dei ragazzi fino ad allargare le prospettive delle loro riflessione a problematiche socio-culturali. Se la legalità ossia il rispetto e la pratica delle leggi costituisce la condizione fondamentale perché vi siano libertà, giustizia e pace tra gli uomini, bisogna ricordare che l etica della responsabilità non è innata ma va coltivata e stimolata nei giovani per aiutarli a vincere l egoismo che è il più grande nemico della pace. La realizzazione del progetto prevede il coinvolgimento di tutte le discipline, ognuna secondo i propri strumenti, obiettivi e contenuti e prevede anche l intervento di specialisti esterni e la fruizioni di spazi offerti dal territorio. Curricolo Fatte proprie le indicazioni nazionali per i Piani Personalizzati, nella prospettiva della maturazione prevista dal Profilo Educativo, culturale e professionale dello studente a conclusione della scuola secondaria di primo grado i docenti si impegnano a stimolare la maturazione degli alunni con le seguenti riflessioni che si traducono in competenze secondo il seguente CURRICOLO :

6 ITALIANO COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA Leggere, analizzare e comprendere testi Interagire in diverse situazioni comunicative rispettando le opinioni diverse dalla propria Utilizzare le conoscenze metalinguistiche per produrre testi orali e scritti in relazione ai diversi scopi comunicativi Conosce varie modalità di lettura Conosce le diverse tipologie di un racconto Conosce il contesto storico culturale in cui sono inseriti gli autori Conosce le caratteristiche di sillaba, rima verso, strofe Conosce figure di suono e retoriche Conosce gli elementi basilari della comunicazione Conosce le modalità per un ascolto efficace Conosce tecniche per la stesura e la rielaborazione di appunti Conosce le modalità che regolano la conversazione orale Conosce il significato e la tipologia delle diverse parti del discorso Conosce la struttura della frase semplice Conosce la struttura della frase complessa Conosce criteri per l esposizione (logico e cronologico) Conosce i criteri per l uso della punteggiatura Distingue il lessico di uso quotidiano e quello specifico relativo alle diverse discipline Conosce le principali tappe dell evoluzione della lingua italiana Individua la struttura di un testo narrativo (personaggi, luoghi, tempi, trama e tematiche) Coglie il messaggio dell autore e il punto di vista del narratore Sintetizza la trama di un racconto Riconosce il genere di appartenenza e le tecniche narrative usate dall autore Produce un testo narrativo di vario genere a partire da una struttura data Individua le tematiche di un testo poetico anche in relazione al suo contesto storico Distingue la funzione denotativa e quella connotativa Produce la parafrasi e il commento di un testo poetico Ascolta con attenzione per tutto il tempo previsto nelle diverse situazioni comunicative Applica tecniche di supporto alla comprensione durante l ascolto e dopo l ascolto Ricava informazioni esplicite e implicite dall ascolto di testi di vario genere Interviene in una conversazione rispettando tempi e turni di intervento tenendo conto del destinatario Utilizza tecniche di costruzione della frase complessa in base al profilo comunicativo Utilizza il lessico in modo appropriato Utilizza la conoscenza dei meccanismi e delle regole della lingua italiana per comprendere i testi che legge e correggere i testi che scrive Riconosce e confronta le variabilità lessicali tra alcuni generi testuali d uso (testo argomentativo, informativo, regolativo, giornalistico) Riferisce oralmente su un argomento di studio presentandolo in modo chiaro, esponendo le informazioni, seguendo un ordine prestabilito e coerente, controllando il lessico specifico Scrive testi corretti dal punto di vista ortografico, morfosintattico, lessicale, dotati di coerenza e organicità STORIA - CITTADINANZA E COSTITUZIONE COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA Il processo di unificazione dello Stato italiano; Inquadrare cronologicamente e nello spazio eventi; collocare in successione e Le rivoluzioni industriali, politiche e sociali; Individuare aspetti e strutture dei percorsi storici; confrontare fatti e fenomeni La società di massa; Riconoscere i fenomeni di lunga durata e gli eventi; L Europa alla conquista del mondo; Collegare avvenimenti italiani, europei, mondiali;

7 stabilire relazioni ed interrelazioni tra fatti e fenomeni comprendere ed utilizzare i linguaggi ed i procedimenti del metodo storiografico condividere i valori della vita sociale, civile e politica e apportare il proprio contributo responsabile Radici dell UE La grande guerra; Il mondo fra le due guerre Il fascismo in Italia Il nazismo Tipologie di fonti (materiale, scritta, iconografica); Procedure di ricerca e di consultazione di testi La seconda guerra mondiale; L ampliamento e le funzioni della UE Dallo statuto albertino alla costituzione repubblicana; Dichiarazione dei diritti, suffragio universale, istruzione, salute, pari opportunità; Terzo e quarto mondo; Problemi di inizio secolo; Distinguere tipologie di cause (umane, politiche, economiche) e diversi livelli di casualità (cause dirette, indirette, apparenti); Individuare relazioni fra i vari aspetti delle società organizzate; Inquadrare i grandi moti politico-culturali; Esporre le conoscenze utilizzando un linguaggio appropriato, in modo coerente e strutturato; Compiere operazioni su diverse tipologie di fonti, per informazioni Utilizzare grafici, carte e mappe, biblioteche e musei, rete web Riconoscere le modalità del potere: forme di governo, istituzioni, strutture politiche; Riconoscere le tappe fondamentali dei diritti dell uomo; Individuare i valori della democrazia e della cittadinanza; Tendere a una partecipazione attiva e comunitaria; GEOGRAFIA COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA La demografia e le principali forme di rappresentazioni grafica; Elementi e fattori dei paesaggi; Città e metropoli; Per i paesi campione: regione geografica, posizione, civiltà, territorio, economia; Descrivere il ruolo e l identità di alcuni stati; Impostare lavori di ampliamento e/o approfondimento aprirsi al confronto con l altro attraverso la conoscenza dei diversi contesti ambientali e socio culturali orientarsi sulle carte geografiche utilizzando punti cardinali, coordinate geografiche, riferimenti topologici Ambiente, risorse, condizioni di vita; Territori e attività umane; Acqua, igiene, salute; Reti di comunicazione; Spazi e prospettive dell UE; Uso di linguaggio specifico; Immagini, statistiche, indicatori, produttività, reddito, potere d acquisto; Esposizione chiara e strutturata Confrontare le differenze dello spazio extraeuropeo; Riconoscere e descrivere i principali paesaggi; Ricostruire le principali caratteristiche fisiche ed economiche degli stati; Localizzare le differenze territoriali dello sviluppo economico; Individuare le differenze tra paesi e attività tradizionali e avanzate; Identificare gli elementi nella complessità di una questione territoriale; Utilizzare carte, grafici, statistiche; Esporre le conoscenze con un linguaggio appropriato; Descrivere le varie componenti degli ambienti, dei fenomeni fisici e antropici; riconoscere gli elementi dell ambiente fisico e antropico; Lettura e uso di carte tematiche; Uso di siti web; Uso mirato di depliant, riviste, periodici del settore; Proporre itinerari di viaggio, prevedendo diverse tappe sulla carta; Presentare i percorsi di visite e viaggi di istruzione; Coordinare lavori individuali e/o di gruppo;

8 LATINO COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA accesso diretto ad un patrimonio di civiltà e di pensiero come fondamento della cultura latina L alfabeto La pronuncia del latino Elementi di fonetica Leggere i testi con sufficiente scorrevolezza e corretta Accentazione delle parole abilità per l analisi linguistica consapevolezza del rapporto tra lingua italiana e latina consapevolezza del valore culturale della civiltà e della lingua latina Nozioni di morfo sintassi Struttura morfologica della lingua Il sistema dei casi Il verbo e la struttura della frase Formazione ed organizzazione del lessico Etimologia Padroneggiare il lessico di maggior frequenza Usare correttamente il vocabolario Riconoscere gli elementi mofo-sintattici della lingua latina Formazione ed organizzazione del lessico Istituire confronti di natura lessicale tra latino italiano ed altre lingue studiate o note Comprendere e tradurre testi di crescente complessità

9 LINGUE COMUNITARIE: INGLESE, FRANCESE, SPAGNOLO COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA Comprendere e ricavare informazioni dall ascolto, dalla visione e dalla lettura di brevi testi di varia tipologia. Fonetica di base - Lessico e funzioni linguistiche delle aree semantiche relative al sé: _ famiglia _ vita quotidiana _ scuola _ interessi _ sport _ viaggi _ ambiente _ media - Principali strutture linguistiche - Elementi di cultura e tradizione L alunno: E in grado di utilizzare le proprie conoscenze ed eventuali indizi per prevedere i contenuti di una comunicazione, per trasferirne e riutilizzarne le informazioni. Comprensione orale Comprendere informazioni fattuali chiare su argomenti relativi alla vita quotidiana o interessi personali. Comprendere semplici istruzioni operative Comprendere gli elementi essenziali di comunicazioni di varia tipologia su argomenti di interesse personale Comprensione scritta Comprendere comunicazioni scritte di natura personale per poter corrispondere con un coetaneo Comprendere semplici testi descrittivi e/o narrativi. Identificare informazioni specifiche in un testo Comprendere il messaggio globale di un testo Estrapolare dal contesto il significato di nuove parole nell ambito di un tema conosciuto Interagire oralmente e per iscritto in situazioni di vita quotidiana per esprimere informazioni e stati d animo Fonetica di base - Lessico e funzioni linguistiche delle aree semantiche relative al sé: _ famiglia _ vita quotidiana _ scuola _ interessi _ sport _ viaggi _ ambiente _ media - Principali strutture linguistiche - Elementi di cultura e tradizione Coglie il senso di un messaggio orale e scritto riutilizzando in modo semplice quanto appreso - Produce messaggi per chiedere o dare semplici informazioni di interesse immediato - Utilizza il dizionario - Descrive in breve cose o persone attinenti alla propria quotidianità - Riferisce un esperienza in modo semplice - Redige una breve lettera o di carattere personale - Inizia a riconoscere i propri errori ed eventualmente correggerli SCIENZE MATEMATICHE COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA

10 Utilizzare le tecniche e le procedure di calcolo aritmetico ed algebrico rappresentandole anche sotto forma grafica Costruire modelli della realtà con rigore e coerenza Rilevare dati significativi, analizzarli e interpretarli Riconoscere e risolvere problemi di vario genere con strategie adeguate Comprendere il significato logico dell insieme dei numeri Enti geometrici e proprietà di figure piane e solide Teorema di Pitagora Simmetrie Terminologia scientifica Grandezze e loro misura Statistica e probabilità Funzioni Elementi di un problema Rappresentazioni grafiche Equazioni Rappresentazione dell insieme Proprietà ed operazioni Proporzionalità Espressioni algebriche Equazioni Conoscere le figure piane e solide Usare le coordinate cartesiane Usare modelli geometrici per risolvere problemi Valutare attendibilità dei dati Interpretare tabelle e grafici Distinguere eventi certi, probabili e impossibili Rappresentare in modi diversi un problema, individuare dati mancanti o contraddittori Valutare l attendibilità del risultato SCIENZE NATURALI CHIMICHE E FISICHE COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA Formare la capacità di intuizione, immaginazione, progettazione di ipotesi e deduzione di controllo e quindi di verifica o smentite Sviluppare il pensiero razionale Dati qualitativi quantitativi Misure Rappresentazioni grafiche Corpo umano Differenze tra biotico e abiotico Principi fisici : forze - energia Osservare fenomeni Individuare grandezze significative Raccogliere selezionare informazioni e dati utili alla formulazioni di ipotesi Individuare regolarità in contesti e fenomeni osservati Acquisire una capacità critica costruttiva Perseguire una maturazione di giudizi responsabili su problemi ambientali Elementi di ecologia Principi di una corretta alimentazione Conoscenze chimiche di base Biodiversità Analisi di alcuni casi a partire dalla realtà locale Studio dell ambiente e della terra Collaborare, partecipare e agire in modo autonomo e responsabile Analizzare le conseguenze dell intervento umano sull ambiente TECNOLOGIE COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA Riflettere sui contesti e i processi di produzione in cui trovano impiego utensili e macchine con particolare riferimento a quelli per Rilevare le proprietà dei principali materiali L alunno è in grado di descrivere e classificare utensili e macchine cogliendone le diversità in relazione al funzionamento e al tipo di

11 Usando il disegno tecnico, seguire le regole di assonometria Eseguire rilievi dell ambiente scolastico Studio delle tecniche e della sua evoluzione nella storia la produzione alimentare, l edilizia, la medicina e l agricoltura Conoscere le varie tecniche di rappresentazione grafica e operare collegamenti interdisciplinari Conoscere le tecniche di rappresentazione e le scale metriche Conoscere metodi di studio e avere un approccio corretto con la disciplina energia e di controllo che richiedono per il funzionamento Saper usare e riconoscere gli attrezzi del disegno tecnico e saperli applicare nei diversi contesti Saper eseguire rilievi e rappresentazione di spazi abitativi (scuola casa cameretta...) Individuare nella tecnologia l evoluzione dell uomo e utilizzare le conoscenze acquisite in modo trasversale alle altre discipline INFORMATICA COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA Conosce le principali procedure del sistema operativo (avvio applicazioni salvataggio e recupero file installazione applicativi e periferiche ) Conosce le principali caratteristiche e potenzialità dei singoli programmi del Pacchetto Office Conosce le principali procedure di formattazione del testo e delle immagini Conosce il funzionamento delle periferiche del PC Conosce le principali procedure per la sicurezza informatica (Antivirus Spyware) Conosce ed usa i principali software del pacchetto Office Usa il web come risorsa per il materiale didattico e l auto apprendimento Usa le potenzialità espressive del linguaggio multimediale Conosce i rischi nell uso di software pirata Conosce il software Free License e in particolare Open Office Conosce le principali forme di comunicazione in internet (sito web Blog Chat Social network Posta elettronica) Conosce le caratteristiche di un Ipertesto Conosce il concetto di multimedialità e le sue potenzialità comunicative Conosce le tecniche di assemblaggio e montaggio di immagini e suono Usa word per la realizzazione di tesine e ricerche assemblando testo e immagini Usa Paint per l elaborazione e ritocco di immagini Svolge esercitazioni guidate sui diversi software (Word Power Point Paint Excel ) Realizza ipertesti e presentazioni multimediali con power point Realizza Grafici in Excel e imposta fogli di calcolo Utilizza i motori di ricerca Utilizza le risorse on line come Wikipedia per l apprendimento e la realizzazione di lavori scolastici Usa la Pen Drive per la memorizzazione di file Realizza filmati con Movie Maker Realizza animazioni e simulazioni con Power Point Rielabora a fini espressivi e creativi immagini con Paint ARTE E IMMAGINE COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA Riconoscere attraverso un approccio operativo, colori e forme di un opera d arte Individuare nel linguaggio filmico, codici e sequenze narrative Conoscere gli elementi della comunicazione, i suoi codici e le chiavi di lettura di forme e colori Conoscere il linguaggio filmico i tempi e le fasi di un film Conoscere le differenze tra opera filmica e opera letteraria Riconoscere i codici e le regole compositive (linee forme e colori, movimento e inquadrature) presenti nelle opere Riconoscere, leggere e interpretare criticamente un opera filmica mettendola in relazione con la propria personalità e crescita

12 Riconoscere nel proprio ambiente i principali monumenti e opere d arte Descrivere tutto ciò che si vede in un opera d arte dando spazio alle proprie sensazioni emozioni e riflessioni Saper riconoscere il linguaggio e le simbologie storico cristiane nella storia dell arte italiana e internazionale Individuare le tipologie dei beni artistici, culturali e ambientali presenti nel proprio territorio, sapendo leggerne i significati e i valori storico - sociali Riconoscere, leggere e interpretare un opera d arte mettendola in relazione con elementi del contesto storico- culturale. Riconoscere e saper leggere l arte con un linguaggio cristiano - simbolico Consapevolezza e acquisizione di un patrimonio in nozione e capacità Saper calare nelle opere studiate e descriverne le emozioni EDUCAZIONE MUSICALE COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA Conosce i simboli della notazione Conosce gli elementi strutturali del linguaggio musicale (intervalli divisioni ritmiche tonalità) Conoscere ed usare gli elementi della notazione musicale Eseguire brani musicali di insieme e solisti Utilizzare l esperienza musicale in altri ambiti disciplinari Conosce i principali accordi maggiori e minori Conosce la principale tecnica di produzione del suono in relazione ad uno strumento musicale Conosce i generi e le forme della musica classica e moderna Conosce le principali formazioni strumentali e in particolare l orchestra Conosce le caratteristiche della musica etnica Lettura e trascrizione di simboli musicali Esegue dettati melodici e ritmici Riconosce gli elementi strutturali di un brano musicale Segue in partitura un brano musicale Riproduce brani melodici con uno strumento musicale Riproduce parte di un brano di insieme Esegue parti vocali di brani monodici Esegue con espressività rispettando interagendo con gli altri musicisti Ascolta con attenzione e in modo funzionale Individua all ascolto gli elementi di genere e tipici di un determinato periodo storico o di una area socio culturale Individua all ascolto gli elementi della tradizione popolare SCIENZE MOTORIE COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA Consolidamento e coordinamento degli schemi motori di base - Il gioco e le sue regole - Avviamento sportivo: dal gioco allo sport - Norme igieniche - Terminologia disciplinare - Conoscenza delle funzioni corporee Padroneggiare con sicurezza i diversi schemi motori adattando l azione alle variabili spaziotemporali. Si inserisce autonomamente nel lavoro sperimentando in modo sereno forme nuove e diverse di espressività corporea Coordina in modo preciso i diversi schemi motori di base finalizzando l azione anche alle componenti spazio-tempo Sa riprodurre gesti atletici complessi finalizzando gradualmente il controllo del proprio corpo nell esecuzione Percepisce e organizza gli elementi spazio temporali nell esecuzione dei gesti

13 Conoscere le diverse funzioni motorie e utilizzare i principi elementari per promuovere il proprio benessere psico-fisico. Analizzare e gestire in modo consapevole gli aspetti della propria e altrui esperienza motoria - sportiva interiorizzandone i valori. modificazioni durante l attività motorie - Le capacità condizionali: conoscenza delle proprie caratteristiche fisico-motorie - Tecniche individuali e di squadra di: pallamano pallacanestro pallavolo calcetto. Le capacità condizionali: caratteristiche modalità di sviluppo - Norme igieniche - Terminologia disciplinare - Conoscenza delle funzioni corporee modificazioni durante l attività motorie - Le capacità condizionali: conoscenza delle proprie capacità fisico-motorie- - Caratteristiche e modalità di sviluppo delle capacità condizionali. Giochi socializzanti - Giochi propedeutici agli sport di squadra - Tattica dei diversi sport sportivi Consolida e gestisce in modo consapevole abilità specifiche riferite a situazioni tecniche negli sport individuali e di squadra Realizza e utilizza in modo finalizzato i gesti tecnici nelle diverse esperienze motorie e sportive Organizza e affina il controllo sia dei dati percettivi che degli elementi spaziotemporali Trova soluzioni tecniche e tattiche nei diversi sport di squadra diverse funzioni corporee in particolare in riferimento alle modificazioni che avvengono durante l attività motoria. Comprende le indicazioni fornite dall insegnante e riproduce in forma corretta i diversi esercizi. Utilizza in modo proficuo i diversi tempi di lavoro, impegnandosi in modo adeguato Utilizza in modo consapevole e autonomo le procedure proposte dall insegnante per incrementare le capacità condizionali Conosce gli effetti delle attività motorie per il benessere psico-fisico della persona e le modalità di allenamento per incrementare le diverse capacità Rileva i propri risultati e vive serenamente il confronto con gli altri Gestisce in modo autonomo un programma di allenamento e si impegna sempre adeguatamente per migliorare le proprie capacità Conosce il nuovo ambiente di lavoro e mette in atto autonomamente comportamenti funzionali alla sicurezza di sé e degli altri Controlla la propria emotività sia nell approccio con una nuova esperienza che con momenti di confronto Lavora con tutti i compagni, interagisce correttamente nel gruppo anche nel rispetto delle regole condivise e del fair play Rielabora in modo semplice, ma puntuale e personale il percorso disciplinare Si comporta in modo responsabile e controllato e dimostra di saper relazionare positivamente con gli altri Rispetta il codice deontologico dello sportivo e le regole delle discipline sportive praticate Si confronta serenamente con i compagni anche in situazioni agonistiche Conosce, rispetta e gestisce le regole sportive e collabora in modo propositivo con gli altri Riconosce il valore etico dell attività sportiva essa gestire le situazioni competitive con autocontrollo e nel rispetto degli altri Approfondisce tematiche legate al mondo dello sport in modo pluri disciplinari

14 RELIGIONE COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA Rivelazione di Dio nella storia : il Cristianesimo a confronto con l Ebraismo e le altre religioni La Chiesa : realtà universale e locale Essere corresponsabile e consapevole, in modo adatto all età delle radici storiche, linguistiche, letterarie ed artistiche che ci legano al mondo giudaico e dell identità spirituale e materiale dell Italia e dell Europa Il Cristianesimo e il pluralismo religioso I sacramenti: incontro tra Cristo e la Chiesa La fede, vocazione e progetto di vita La persona di Gesù nell arte e nella cultura in Italia e in Europa Vita e morte nella visione di fede Cristiana e nelle altre religioni Organizza il proprio apprendimento individuando, scegliendo e utilizzando varie fonti e modalità Comprende messaggi di genere diverso Sviluppo del senso di responsabilità personale rispetto a diritti e doveri Individua e rappresenta. Elaborando argomentazioni coerenti, collegamenti e relazioni tra fenomeni, eventi e concetti diversi

15 La Valutazione Parte integrante del processo educativo è il momento della valutazione. E un processo complesso che si svolge periodicamente per formulare un giudizio collegiale sui risultati conseguiti dall alunno, sia sul piano degli apprendimenti intesi non come giudizio sulle capacità, ma come verifica della padronanza cognitiva della materia e dei livelli di competenza raggiunti - sia in relazione alla partecipazione e all impegno. La valutazione è quadrimestrale e ad essa concorre l insieme delle verifiche orali e scritte. Le tipologie di verifica sono di volta in volta articolate secondo le esigenze delle singole discipline e dei vari argomenti svolti. Criteri e norme per la valutazione vengono desunti dallo Statuto delle studentesse e degli studenti della scuola secondaria (Decreto del Presidente della Repubblica del 24 giugno1998), tenendo soprattutto presente che lo studente ha diritto ad una valutazione trasparente e tempestiva, volta ad attivare un processo di autovalutazione che lo conduca ad individuare i propri punti di forza e di debolezza e a migliorare il proprio rendimento (art. 2, comma 5). Nel colloquio infatti lo studente viene spesso invitato ad auto - valutarsi, in modo che si abitui a migliorare la propria preparazione e il docente possa correggere errate aspettative. Per una continua e trasparente comunicazione con le famiglie è stato introdotto il registro on line con il quale sarà possibile previo accesso con password personale all area riservata genitori del sito web dell istituto, : vedere le valutazioni che verranno periodicamente inserite dai docenti. Normativa : Art. 11 del D.L. 59/04 viene assegnata ai docenti la responsabilità della valutazione: Collegio dei Docenti: scuola secondaria di I grado Legge sull Autonomia 59 /97 :da cui discende Art. 4 del D.P.R. 275/99 assegna alle scuole il compito di definire modalità e criteri della valutazione degli alunni (Prot. n 3602/90 del luglio 2008 in armonia con il DPR n 235 del novembre 2007 recante modifiche ed integrazioni al DPR n 249 del giugno 98 concernente lo statuto delle studentesse e degli studenti della scuola secondaria.) Legge 169 del 2008 e O.M. n.. 40 del relative alla valutazione della condotta.

16 Modalità della valutazione Rilevazione dei progressi di apprendimento : effettuate dai docenti per mezzo di test di ingresso, prove strutturate, semistrutturate, griglie di correzione. Scrutini: vengono fatti collegialmente dall equipe pedagogica dei docenti della classe, presieduti dalla preside o da un docente da lei delegato. I voti in decimi, dopo essere stati proposti e approvati collegialmente, sono trascritti tramite piattaforma informatica. Lo scrutinio viene verbalizzato al termine dello stesso dal docente coordinatore sul libro dei verbali e controfirmato dalla preside. Criteri: La valutazione degli alunni si inspira ai seguenti criteri : Valenza formativa/orientativa Oggettività attraverso strumenti adeguati (test, griglie di correzione) e controlli collegiali Corrispondenza tra valutazione, obiettivi, contenuti e metodi Rispondenza ai criteri fissati dal Collegio Docenti Si avvale dei seguenti interventi Valutazione diagnostica (test di ingresso, continuità con la scuola primaria), formativa e finale Attuazione di iniziative capaci di fornire agli alunni gli strumenti necessari per operare in modo responsabile le scelte successive al conseguimento del diploma di scuola media (test di approfondimento della conoscenza di sé, test attitudinali, coordinamento con la scuola superiore) Progettazione di itinerari specifici e di attività individualizzate di recupero e di potenziamento che si svolgeranno nel secondo quadrimestre. Prende in considerazione i seguenti elementi : Situazione di partenza Progressi nella maturazione complessiva della personalità e nell apprendimento rispetto al livello di partenza Livello di approfondimento delle competenze Continuità e intensità dell impegno e della partecipazione Grado di socializzazione Curriculum scolastico

17 Valutazione: periodica: si fa riferimento alla normativa vigente per quanto riguarda gli scrutini relativi alla valutazione periodica ed annuale. In sede di scrutinio di fine anno per il passaggio alla classe successiva, all interno dello stesso periodo didattico, i docenti valuteranno e registreranno il conseguimento degli obiettivi formativi previsti per ciascun alunno. annuale : al termine dell anno scolastico al termine del 3 anno sec. I grado esame di stato conclusivo del primo ciclo Gli strumenti Scheda personale dell alunno: Punti chiave della scheda : Discipline ministeriali con relativi descrittori delle competenze Voto di condotta Numero giornaliero delle assenze. L alunno non può superare 1/3 delle ore del monte ore annuo delle varie discipline. L equipe pedagogica a sua discrezione decide se convalidare o meno l anno scolastico Firma del dirigente Accertamento della validità dell'anno scolastico in relazione al numero delle frequenze delle attività didattiche (non inferiori ai tre quarti del monte ore annuo personalizzato). Attestato finale: valore giuridico Rilasciato al termine degli Esami di Licenza dalla scuola secondaria di I grado insieme alla certificazione delle competenze Casi eccezionali, di non ammissione alla classe successiva, all interno dei due anni: Mancanza di progressi nella maturazione complessiva della personalità e nell apprendimento rispetto ai livelli di partenza Assenze continuative e saltuarie non giustificate da seri e gravi motivi opportunamente documentati, oltre i limiti stabiliti dalla legge Comportamento i docenti possono, per singoli casi eccezionali, validare l anno scolastico anche in deroga al limite di assenze. Forme di comunicazione alle famiglie

18 registro on line scheda di valutazione personale dell alunno: nei mesi di febbraio e giugno con valenza legale attestato finale: valore giuridico colloqui settimanali con docenti - su richiesta in orario curricolare incontri di fine bimestre e quadrimestre con tutti i docenti colloqui su richiesta con la preside Il recupero Nell orario settimanale, per ogni classe, sono disposti interventi in itinere per il recupero, il sostegno, il potenziamento. Le modalità e i tempi degli interventi vengono deliberati dai Consigli di classe. Per i casi che richiedono maggiore attenzione è previsto un recupero in orario extra curricolare.

19 CRITERI DI VALUTAZIONE Tabella dei criteri di valutazione degli apprendimenti VALUTAZIONE DESCRITTORE Possiede conoscenze frammentarie e rivela lacune di base. Si esprime in modo scorretto e poco chiaro. La produzione (scritta, orale, pratica) è poco coerente. Il linguaggio specifico è inadeguato; il metodo di lavoro non è organico. Possiede conoscenze lacunose e superficiali. L esposizione è incerta, la produzione (scritta, orale, pratica) non sempre è adeguata. Il linguaggio specifico è approssimativo. Il metodo di lavoro è poco organizzato. Possiede conoscenze essenziali, si esprime in modo semplice e sostanzialmente corretto. La produzione (scritta, orale, pratica), se guidata, è appropriata. Il metodo di lavoro è in fase di organizzazione. Possiede conoscenze abbastanza complete, si esprime in modo complessivamente corretto. La produzione (scritta, orale, pratica) è discreta. Sa organizzare il proprio lavoro secondo le indicazioni date, utilizzando un linguaggio specifico adeguato. Possiede conoscenze complete e approfondite. La produzione (scritta, orale, pratica) è buona e sa eseguire compiti complessi. Organizza il proprio lavoro in modo autonomo. Possiede conoscenze complete, approfondite, articolate. Esegua compiti complessi e applica le conoscenze in altri contesti. Sa organizzare il proprio lavoro in modo autonomo e personale.

20 Tabella di valutazione del comportamento. VOTO 4/ CODICE DI COMPORTAMENTO COGNITIVO L alunno non rispetta le regole di comportamento, pur sollecitato e richiamato / si dimostra recidivo / nel mettere in pericolo sé stesso, i compagni e il personale scolastico / nel danneggiare le strutture / nella mancanza di rispetto verso gli altri / trascina altri verso il comportamento deviante / produce volontariamente danni. E' incorso in provvedimenti disciplinari (note, sospensioni ecc..) L alunno rispetta le regole, ma solo se continuamente sollecitato / non ha rispettato le regole in episodi sporadici incorrendo in note disciplinari, mostrando poi la buona volontà di riparare / o ancora / l alunno rispetta le regole del vivere sociale, ma arriva spesso in ritardo / fa molte assenze / spesso va via in anticipo. E' spasso fuori divisa. L alunno rispetta sostanzialmente le regole, pur essendo vivace / se sollecitato controlla il proprio comportamento / tenta di auto correggersi / ha migliorato il comportamento. A volte è in ritardo e/o fuori divisa. L alunno rispetta le regole, è collaborativo nei confronti dei compagni e dell insegnante / rispetta le cose comuni / è responsabile / partecipa attivamente alla vita di classe L alunno rispetta le regole / è collaborativo nei confronti dei compagni e dell insegnante / si pone come elemento trainante/positivo all interno della classe / partecipa attivamente, in modo pertinente, con contributi personali L alunno rispetta le regole / ha un atteggiamento responsabile in ogni situazione / anche autonomamente / è collaborativo nei confronti dei compagni e dell insegnante / si pone come elemento trainante positivo all interno della classe / durante tutto il periodo scolastico / si è distinto in qualche episodio o comportamento esemplare

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

PROGETTO EM.MA PRESIDIO

PROGETTO EM.MA PRESIDIO PROGETTO EM.MA PRESIDIO di PIACENZA Bentornati Il quadro di riferimento di matematica : INVALSI e TIMSS A CONFRONTO LE PROVE INVALSI Quadro di riferimento per la valutazione Quadro di riferimento per i

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

Traguardi e Obiettivi di Apprendimento della Scuola Secondaria di 1 grado

Traguardi e Obiettivi di Apprendimento della Scuola Secondaria di 1 grado ISTITUTO COMPRENSIVO di OPPEANO Via A. Moro, 12 tel. 045/7135458 telefax: 045/7135049 e-mail vric843009@istruzione.it - www.icoppeano.gov.it Nell ambito di una Visione Interdisciplinare, gli Insegnanti,

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Regolamento di disciplina alunne/i

Regolamento di disciplina alunne/i Regolamento di disciplina alunne/i Premessa: La scuola, quale luogo di crescita civile e culturale della persona, rappresenta, insieme alla famiglia, la risorsa più idonea ad arginare il rischio del dilagare

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli