DICHIARAZIONE AMBIENTALE. In accordo al regolamento CE 1221/2009 (EMAS III) 1. INTRODUZIONE LA DICHIARAZIONE AMBIENTALE...

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DICHIARAZIONE AMBIENTALE. In accordo al regolamento CE 1221/2009 (EMAS III) 1. INTRODUZIONE... 4 1.1. LA DICHIARAZIONE AMBIENTALE..."

Transcript

1

2 DA EMAS Pag.2 di 77 SOMMARIO 1. INTRODUZIONE LA DICHIARAZIONE AMBIENTALE DATI GENERALI DELL ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATORE INDIRIZZO E RECAPITI ORGANICO TURNI E PERIODI LAVORATIVI CODICI NACE BREVE DESCRIZIONE DEL SITO Dati di identificazione delle sedi operative aziendali SH1 e SH2-3: PLANIMETRIE POLITICA AMBIENTALE POLITICA AMBIENTALE SH Magazine periodico d informazione OSSERVAZIONI E BENEFICI RISCONTRATI DALL AVVENUTA IMPLEMENTAZIONE DELLA POLITICA AMBIENTALE NELL ORGANIZZAZIONE IL PREMIO CONFINDUSTRIA Imprese per l Innovazione OBIETTIVI AMBIENTALI IDENTIFICAZIONE OBIETTIVI CHE SI VOGLIONO PERSEGUIRE : PROGETTI MIGLIORATIVI PREVISTI IN FUNZIONE DEGLI OBIETTIVI Consumi Energetici ( Nuovi impianti Fotovoltaici e Nuove pale Eoliche verticali) Traffico e nuovi Parcheggi Nuova sede per aumentare gli spazi e consentire l avvio di nuove aree e servizi per i dipendenti SORVEGLIANZA E MONITORAGGIO DESCRIZIONE DEL CONTESTO AMBIENTALE INQUADRAMENTO GEOGRAFICO TERRITORIALE MAPPA GEOGRAFICA DI UBICAZIONE DELLA SEDE SENSIBILITA DEL CONTESTO DESCRIZIONE DELL ORGANIZZAZIONE E DELLE ATTIVITA AZIENDALI DESCRIZIONE ATTIVITA DIRETTAMENTE SVOLTE CLIENTI DIAGRAMMA DI FLUSSO DELLE FASI DI PROCESSO CALL CENTER IMPIANTI E MACCHINARI UTILIZZATI APPARATI SERVER DIAGRAMMA DI FLUSSO FASI PROCESSO : COMMERCIALIZZAZIONE HW E SW IMPIANTI E MACCHINARI UTILIZZATI DIAGRAMMA DI FLUSSO FASI DI PROCESSO : DIGITALIZZAZIONE DATI IMPIANTI E MACCHINARI UTILIZZATI DIAGRAMMA DI FLUSSO FASI PROCESSO : PROGETTAZIONE SISTEMI INFORMATICI IMPIANTI E MACCHINARI UTILIZZATI : PARTI INTERESSATE... 38

3 DA EMAS Pag.3 di ELENCO DELLE PRINCIPALI CATEGORIE COINVOLTE E RELATIVI COINVOLGIMENTI AMBIENTALI COMUNICAZIONI E RAPPORTI CON LE PARTI INTERESSATE IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE (SGA) STRUTTURA DEL SGA Il SGA è strutturato secondo una gerarchia documentale su tre livelli NORMATIVA DI RIFERIMENTO ORGANIZZAZIONE ( ORGANIGRAMMA ) MANSIONARIO AMBIENTALE PARTECIPAZIONE E FORMAZIONE DEL PERSONALE AZIENDALE COMUNICAZIONI E RAPPORTI CON LE PARTI INTERESSATE ASPETTI AMBIENTALI IDENTIFICAZIONE ASPETTI AMBIENTALI DIRETTI E INDIRETTI Generalità e Riepilogo Aspetti Ambientali individuati per le attività della organizzazione Aspetti Ambientali per le Attività di Call Center, digitalizzazione dati e prog. sistemi informatici Aspetti Ambientali per le Attività di Commercializzazione HW e SW Classificazione degli aspetti ambientali VALUTAZIONE DEGLI ASPETTI AMBIENTALI I parametri di valutazione dell aspetto ambientale Classificazione degli aspetti ambientali in base alla loro valutazione ANALISI DEGLI ASPETTI AMBIENTALI DIRETTI ED INDIRETTI RITENUTI SIGNIFICATIVI (INDICATORI CHIAVE DI PRESTAZIONE AMBIENTALE - COME DA ALL.IV LETTERA C REG. CE 1221/2009) INDICATORI CHIAVE INDICATORI CHIAVE individuati RIFIUTI prodotti e INQUINAMENTO dell Ambiente Applicazione del sistema di valutazione degli Aspetti Ambientali alla System House S.r.l GESTIONE EMERGENZE RESPONSABILITÀ E ORGANIZZAZIONE SCENARI DI EMERGENZA Planimetrie PIANO GESTIONE EMERGENZE GLOSSARIO TERMINI E DEFINIZIONI... 75

4 DA EMAS Pag.4 di Introduzione 1.1. LA DICHIARAZIONE AMBIENTALE La dichiarazione ambientale è uno strumento utilizzato per fornire al pubblico e ad altri soggetti interessati informazioni sull impatto e sulle prestazioni ambientali dell organizzazione System House S.r.l., nonché sul continuo miglioramento della prestazione ambientale. In essa si vogliono fornire informazioni ambientali in considerazione e nel rispetto dei seguenti fondamentali criteri : a) che siano precise e non ingannevoli; b) che siano giustificate e verificabili; c) che siano pertinenti e usate in un contesto o in una situazione opportuni; c) che siano rappresentative delle prestazioni ambientali complessive dell organizzazione; e) che siano informazioni che non si prestano a interpretazioni scorrette; f) che siano significative rispetto all impatto ambientale complessivo; avendo infine cura (con continui e programmati aggiornamenti), che facciano riferimento e integrino l ultima dichiarazione ambientale dell organizzazione da cui sono state estratte. In pratica La Dichiarazione Ambientale costituisce uno strumento di comunicazione e dialogo con i soggetti interessati in materia di prestazioni ambientali. Nel redigere la stessa, l organizzazione tiene in considerazione le esigenze in materia di informazione del pubblico e di altri soggetti interessati. In particolare si è prestata attenzione e diligenza nel rispettare i requisiti minimi per queste informazioni, tenendo conto di dare : a) una descrizione chiara e priva di ambiguità dell organizzazione che chiede la registrazione EMAS e un sommario delle sue attività e dei suoi prodotti e servizi. b) fornire una politica ambientale dell organizzazione con una illustrazione del suo sistema di gestione ambientale; c) una descrizione di tutti gli aspetti ambientali significativi, diretti e indiretti, che determinano impatti ambientali significativi dell organizzazione. d) una descrizione degli obiettivi e target ambientali in relazione agli aspetti e impatti ambientali significativi; e) un sommario dei dati disponibili sulle prestazioni dell organizzazione rispetto ai suoi obiettivi e target ambientali.

5 DA EMAS Pag.5 di 77 LA VALIDITÀ DELLA PRESENTE DICHIARAZIONE AMBIENTALE È TRIENNALE. L AGGIORNAMENTO DELLA PRESENTE DICHIARAZIONE AMBIENTALE SARA PRODOTTO ENTRO 1 ANNO DALLA SUA DATA DI EMISSIONE. Riferimenti: Organizzazione System House S.r.l.: Sig. Antonio Catalano Responsabile Sistema di Gestione Ambientale Tel : Fax: Cell Nome del verificatore ambientale accreditato e suo indirizzo: ICIM Piazza Diaz, Milano N. Accreditamento IT V

6 DA EMAS Pag.6 di DATI GENERALI DELL ORGANIZZAZIONE 2.1. AMMINISTRATORE Ragione sociale: Amministratore Unico System House S.r.l. ING. SILIPO AGOSTINO NICOLA Anno di fondazione: 28 Ottobre 1981 Codice I.S.T.A.T Settori di attività ( campo di applicazione ) : Servizi di Call e Contact Center. Servizi di digitalizzazione dati. Progettazione di sistemi per la trasmissione dati, di reti telematiche e di telecomunicazione. Commercializzazione di Software e Hardware. Fatturato ultimo anno (2011): ,00... euro Sede legale 2.2. INDIRIZZO E RECAPITI Indirizzo: Località: Viale dei Parioli,72 scala E int Roma Sede operativa Indirizzo: C/da Gagliardi, 58 e 60 Località: Arangea Reggio Calabria Numero telefonico: 0965/ Numero fax: 0965/ ORGANICO Numero addetti: 450 (al 27/12/12) Tipologia contratti : A tempo indeterminato Uomini: 167 Donne: TURNI E PERIODI LAVORATIVI Tipico orario di lavoro: Normalmente sono effettuati 2 turni di 7 ore secondo gli orari di lavoro ( 9-16 ) e ( ) salvo eventuali particolari necessità Turni: 2 occasionalmente 3 Giorni lavorativi/settimana: 6 Settimane/anno: 52 Periodo di apertura: tutto l anno

7 DA EMAS Pag.7 di CODICI NACE Con riferimento alle attività dell organizzazione, si indicano i codici NACE corrispondenti: attività di call center ( inbound, outbound, back office) 71.1 attività di progettazione attività di commercializzazione attività di digitalizzazione dati 2.6. BREVE DESCRIZIONE DEL SITO La società è organizzata nella sede Operativa di Contrada Gagliardi in due strutture SH1 e SH2-3 vicine e ricadenti all interno di un raggio di 100 mt in un campus di proprietà dell azienda, circondate dal verde e da vaste aree destinate a verde, viabilità interna e parcheggi. Le caratteristiche di tali strutture sono: Dati di identificazione delle sedi operative aziendali SH1 e SH2-3: SH1 : Ingresso in Via Gagliardi n AREE SCOPERTE (Viale d ingresso e parcheggi) circa 3000 m 2 Piano terra circa 660 m 2 Aree scoperte () circa 2340 m 2 PIANO TERRA Reception Sale Call center e Formazione Uffici e Direzione Locali tecnici Servizi WC Superficie totale coperta 22,00 m 2 483,97 m 2 68,13 m 2 36,35 m 2 48,13 m 2 658,85 m 2 PIANO PRIMO Settore Direzione Call Center Area Servizi Web Sale Call Center Area tecnici e sistemi amministrazione reti Locali tecnici Servizi (WC) Corridoi e disimpegni Superficie totale 306,48 m 2 116,9 m 2 12,93 m 2 48,30 m 2 174,24 m 2 658,85 m 2 PIANO SECONDO

8 DA EMAS Pag.8 di 77 Direzione Settore amministrativo Progettazione - Sicurezza e Sistema gestione Qualità Uffici - Sala Riunioni Cancelleria Archivio Area Tecnica Locali tecnici Servizi (WC) Corridoi e disimpegni Superficie totale 378,48 m 2 40,8 m 2 12,83 m 2 52,50 m m 2 658,85 m 2 SH2-SH3 : Ingresso in Via Gagliardi n PIANO TERRA SH2 Sale Call center /Formazione Reception +Uffici box Servizi WC Superficie totale coperta 287,60 m 2 111,60 m 2 55,20 m 2 454,40 m 2 Aree scoperte a disposizione (Corte) circa 320 m 2 Le aree adibite al settore Call Center sono attrezzate con postazioni e apparecchiature di ultima generazione. Oltre a utilizzare prodotti di larga diffusione impiega nella propria attività anche software di propria produzione. Nell area esterna di SH1 è pure presente una struttura di 60 mq, adibita ad area ristoro per i dipendenti Figura 1: - Area ristoro esterna

9 DA EMAS DICHIARAZIONE AMBIENTALE Pag.9 di 77 Figura 2: - Aree parcheggi Figura 3: - Sale Call Center Figura 4: - Sala Riunioni SYSTEM HOUSE S.r.l. C/da Gagliardi Località Arangea Reggio Calabria

10 DA EMAS Pag.10 di PLANIMETRIE Figura 5: - Planimetria - SH1 Pianta Piano Terra

11 DA EMAS Pag.11 di 77 Figura 6: - Planimetria - SH1 Pianta 1 Piano

12 DA EMAS Pag.12 di 77 Figura 7: - Planimetria SH1 Pianta 2 Piano

13 DA EMAS DICHIARAZIONE AMBIENTALE Pag.13 di 77 Figura 8: - Planimetria SH2 SYSTEM HOUSE S.r.l. C/da Gagliardi Località Arangea Reggio Calabria

14 DA EMAS Pag.14 di 77 Figura 9: - Planimetria SH3

15 DA EMAS Pag.15 di POLITICA AMBIENTALE 3.1. POLITICA AMBIENTALE La società SYSTEM HOUSE S.r.l. favorisce e agevola da anni il perseguire dell impegno posto verso una attenta Politica Ambientale. Per avviare in maniera seria e controllata il fine si è dotata del Sistema di Gestione Ambientale (SGA) conforme alla norma UNI EN ISO 14001:04 e al regolamento (CE) N 1221/2009 (EMAS III). Lo scopo è quello di dare evidenza documentale della volontà della direzione aziendale di raggiungere, mantenere, migliorare il comportamento nei confronti dell ambiente, controllando l impatto, diretto o indotto, delle proprie attività, prodotti e servizi, ponendosi degli obiettivi di salvaguardia ambientale, tenendo conto delle prescrizioni legislative e delle informazioni riguardanti gli impatti ambientali significativi. L ambito di applicazione dell SGA investe tutte le attività svolte dalla System House S.r.l. a partire dalla principale e ormai predominante attività di Servizi di Call e Contact Center nonché la loro progettazione per proseguire con Servizi di recupero Crediti, Servizi di digitalizzazione dati e per estendersi senza limitazione di applicazione in tutte le altre attività dell Azienda non meno importanti come progettazione e gestione di sistemi per la trasmissione dati, realizzazione e certificazione di reti telematiche e telecomunicazione completando lo spettro dei servizi offerti con la Commercializzazione di Software e Hardware nonché tecnologie mirate alle Energie Rinnovabili, soluzioni per il Risparmio Energetico e Rispetto dell Ambiente. E politica della System House S.r.l. impegnarsi formalmente verso : il miglioramento continuo e la prevenzione dell inquinamento; il rispetto delle prescrizioni legali applicabili e delle altre prescrizioni che l organizzazione sottoscrive, che riguardano i propri aspetti ambientali; Nell ambito di tali responsabilità, l azienda in funzione della natura delle dimensioni e degli impatti ambientali determinati dalle attività prodotti e servizi formalizza i seguenti obbiettivi strategici: tenere sotto controllo tutti gli aspetti ambientali indotti nei fornitori e valutati significativi; ottimizzare e ridurre la produzione dei rifiuti aziendali; ottimizzare e ridurre l utilizzo delle materie prime impiegate; ottimizzare e ridurre il consumo di energia elettrica utilizzando fonti rinnovabili; migliorare le performances ambientali recependo e sollecitando i consigli e i suggerimenti dei collaboratori, mediante l uso di un canale preferenziale; aggiornarsi costantemente sulle migliori tecnologie disponibili nel proprio settore di attività; contribuire alla diffusione di una cultura ambientale intervenendo con l informazione e non solo direttamente presso i propri dipendenti, fornitori e clienti;

16

17 DA EMAS Pag.17 di OSSERVAZIONI E BENEFICI RISCONTRATI DALL AVVENUTA IMPLEMENTAZIONE DELLA POLITICA AMBIENTALE NELL ORGANIZZAZIONE Da una prima valutazione generale, si è potuto constatare che da quando l Organizzazione ha iniziato a dotarsi di un Sistema di Gestione Ambientale, alcuni valori significativi hanno indotto a stimare che si sono registrate delle conseguenze significativamente positive ovvero si è potuto notare: un miglioramento di soddisfazione dei clienti; migliori garanzie di rispetto delle norme da parte sia del personale sia delle Organizzazioni e Clienti che con System House S.r.l. si correlano; migliore consapevolezza e soddisfazione del personale; miglioramento nella gestione dei rifiuti; miglioramento nell Organizzazione; miglioramento nella gestione delle risorse; punti di % nella riduzione dei costi; miglioramento dell immagine nel suo complessivo, con apprezzamento particolare della stessa clientela IL PREMIO CONFINDUSTRIA Imprese per l Innovazione Quanto sopra, non è passato inosservato agli addetti ai lavori del mondo dell impresa e del lavoro e alla fine la System House Srl grazie alla sua capacità di innovazione organizzativa e produttiva unitamente a valide politiche di qualità applicate ai processi di lavoro e al rispetto dell ambiente, ha conseguito l ambito premio di riconoscimento targato Confindustria di essere tra le 20 eccellenze italiane del Figura 11: - Premio Confindustria a System House S.r.l.- IMPRESE x INNOVAZIONE V EDIZIONE

18 DA EMAS Pag.18 di OBIETTIVI AMBIENTALI 4.1. IDENTIFICAZIONE Sono individuati i seguenti elementi di principale impatto ambientale: Consumi Energetici ( la System House è per le attività che svolge particolarmente energivora); Consumi di Prodotti per Uso Ufficio ( cancelleria ); Traffico causato da auto dei dipendenti e limitati parcheggi; Altri Rifiuti Prodotti; OBIETTIVI CHE SI VOGLIONO PERSEGUIRE : 1. Riduzione dei consumi delle risorse energetiche ; 2. Aumento della produzione di energia da fonti rinnovabili (interventi migliorativi impianti esistenti e realizzazione di nuovi impianti sia fotovoltaici che minieolici) ; 3. Realizzazione di nuovi parcheggi e nuova viabilità per consentire riduzione del traffico e favorire inoltre l attivazione del servizio pubblico del trasporto; 4. Riduzione consumo materie prime necessarie ( prodotti di consumo per ufficio); 5. Riduzione di ogni altro spreco o rifiuto prodotto. 6. Realizzazione di nuovi servizi per i dipendenti ( asilo aziendale, mensa aziendale, spaccio agroalimentare, presidio medico continuo). Con riferimento alla tabella di seguito riportata (ROA) e tenendo in osservazione gli indicatori ambientali identificati, la politica dell organizzazione è tutta votata al miglioramento degli obiettivi generali con riscontro dei risultati ottenuti di anno in anno. Tabella 1: - ( ROA ) - Registro degli Obiettivi Ambientali Indicatore Indicatori TRAGUARDO Obiettivo Specifico N Obiettivo Generale Ambientale Misura Er = Ec Ea Er = 90% Ec Er = 85% Ec Er = 75% Ec 1 Ridurre i consumi di Energia da Rete prelevata, mediante miglioramento e integrazione di produzione fotovoltaica ed eolica Er = Energia di rete pubblica 2 Ridurre i consumi di materie prime Mc = Mu - Ma Mc = Materiale canc. 3 Ridurre la produzione di rifiuti non R = Ru + Rnu Rnr = Rifiuti utilizzabili non riutilizzabili Mc = 90% Mu Mc = 85% Mu Mc = 80% Mu Rnr = 90 % R Rnr = 85 % R Rnr =80 % R Dove : Er = Energia prelevata dalla rete ( fonti fossili) Ec = Energia Complessiva necessaria (fabbisogno) Ea = Energia Alternativa prodotta (fonti rinnovabili) Mc = Materiale cancelleria complessivo Mu = materiale utilizzato Ma = Materiale /o soluzioni alternative R = Rifiuti Rnr = Rifiuti non riutilizzabili Ru = Rifiuti Riutilizzabili

19 DA EMAS Pag.19 di PROGETTI MIGLIORATIVI PREVISTI IN FUNZIONE DEGLI OBIETTIVI Sono previsti i seguenti elementi MIGLIORATIVI di cui l azienda System House Srl si farà carico nei prossimi anni al fine di diminuire alcuni fattori d impatto ambientale significativi individuati: Consumi Energetici ( Nuovi impianti Fotovoltaici e Nuove pale Eoliche verticali) Come sopra accennato, la System House per le proprie attività consuma considerevoli quantità di Energia pertanto si procederà alla progettazione e realizzazione di nuovi impianti per la produzione di Energia da Fonti Rinnovabili. Fotovoltaici da collocare su pensiline per parcheggi o sulla nuova struttura di prossima realizzazione ed Eolici a bassissimi valori di Rumore ( quasi zero db) tali da poterli installare in prossimità dei centri abitati. Infatti si stanno eseguendo appunto studi di fattibilità e misure qualitative in previsione della possibile installazione di minipale Eoliche possibilmente ad asse verticale del tipo come illustrato di seguito, tali pale di produzione e recente tecnologia sono in grado di avviarsi con bassi valori di intensità eolica partendo dalla velocità di pochi m/s ( bastano già 3m/s). Figura 12: - Esempio di turbina ad asse verticale XEOLO con valori quasi nulli di rumorosità Il vantaggio di un sistema di turbine Eoliche ad asse verticale, oltre ad essere di basso impatto ambientale potendole camuffare con il contesto circostante, sono sempre efficienti ( producono energia giorno e notte), non ingombrano e si possono installare ovunque senza lasciare troppe distanze l una dall altra in quanto sono ridotti i disturbi generati dalle turbolenze prodotte a differenza delle diverse problematiche prodotte dalle pale eoliche ad asse orizzontale che tutti ormai conosciamo Traffico e nuovi Parcheggi Sono previsti interventi per aumentare le aree adibite a parcheggio, infatti data la particolare morfologia del terreno che circonda l azienda, nell intento di migliorare e mettere in maggior sicurezza i pendii, la System House ha avviato le procedure ed ottenuto le autorizzazioni necessarie ai progetti migliorativi proposti. Questi interventi consentiranno la contemporanea messa in sicurezza geologica delle aree interessate e renderà anche fruibili quelle zone di territorio che attualmente sono impraticabili. L attenzione alla natura e rispetto del territorio consentirà di abbellire il contesto con l impianto di nuove piante arboree oltre ovviamente a realizzare importanti aree di parcheggio immerse nel verde e nella natura circostante.

20

21 DA EMAS Pag.21 di SORVEGLIANZA E MONITORAGGIO Il raggiungimento degli obiettivi e dei traguardi è tenuto sotto controllo attraverso il monitoraggio del programma ambientale ( PGA Redazione e gestione del piano di sorveglianza e monitoraggio ). Il tutto si esplica attraverso un preciso piano programmatico d azione detto Programma Ambientale riassunto nella seguente Tabella 6 ( RPA): Obiettivo Generale 1 Tabella 2: - ( RPA ) Registro del Programma Ambientale Obiettivo Specifico 2013 Er = 90% Ec Azione intrapresa Manutenzione e monitoraggio Produzione imp. Fotovoltaici esistenti. Progetto e avvio altri imp. Altri controlli di consumi energetici 2 Mc = 90 % Mu Cont. Registri consumi prodotti uso ufficio Resp. Azione RA RA Res. Cont.llo RA RA Esito 3 Rnr = 90 % R Cont. Registri rifiuti classificati RA RA Obiettivo Generale 1 Obiettivo Specifico 2014 Er = 85% Ec Azione intrapresa Manutenzione e monitoraggio Produzione imp. Fotovoltaici esistenti. Progetto e avvio altri imp. fonti rinnovabili. Altri controlli di consumi energetici 2 Mc = 85 % Mu Cont. Registri consumi prodotti uso ufficio Resp. Azione RA RA Res. Cont.llo RA RA Esito 3 Rnr = 85 % R Cont. Registri rifiuti classificati RA RA Obiettivo Generale 1 Obiettivo Specifico 2015 Er = 75% Ec Azione da intraprendere Monitoraggio Produzione imp.ti Fonti rinnovabili esistenti. Monitorare e ridurre ove possibile i consumi energetici 2 Mc = 80 % Mu Cont. Registri consumi prodotti uso ufficio Resp. Azione RA RA Res. Cont.llo RA RA Esito 3 Rnr = 80 % R Cont. Registri rifiuti classificati RA RA

22 DA EMAS Pag.22 di DESCRIZIONE DEL CONTESTO AMBIENTALE 5.1. INQUADRAMENTO GEOGRAFICO TERRITORIALE L azienda è localizzata nell area urbana a Sud della città di Reggio Calabria MAPPA GEOGRAFICA DI UBICAZIONE DELLA SEDE Coordinate Geografiche : N ,55 E ,00 System House S.r.l Figura 2: - Vista Aerea Mappa ubicazione sede System House S.r.l.

23 DA EMAS Pag.23 di 77 Mappa stradale sede legale e operativa Sito C/da Gagliardi, 58 e 60 - Località Arangea System House S.r.l. STRUTTURE: SH1 - SH2 SH3 Figura 3: - Mappa stradale

24 DA EMAS Pag.24 di SENSIBILITA DEL CONTESTO L Organizzazione è servita dalla rete stradale urbana e gode di tutti i sistemi di trasporto che la città offre. La sede System House S.r.l. si trova all interno di un edificio indipendente di nuova costruzione, ubicato in posizione favorevole rispetto alle principali vie di comunicazione dell area (circa 500m dallo svincolo Arangea della S.S. 106; l Aeroporto dello Stretto Tito Minniti è raggiungibile in auto in circa 5 minuti; con circa 15 minuti si arriva presso la Stazione Centrale Ferroviaria di Reggio Calabria). L immobile si trova in un area di nuovo insediamento urbanistico, pertanto gode di una pianificazione territoriale completamente nuova, con ampie strade e ampio parcheggio di cui è dotata. Non vi sono congestioni edilizie e il terreno circostante è ancora in gran parte da sfruttare urbanisticamente. Il clima risulta prevalentemente secco. La posizione a belvedere sullo stretto antistante, favorisce una piacevole illuminazione un ottimo livello di illuminazione e irraggiamento solare oltre ad un gradevolissimo e inestimabile quanto unico panorama. SCHEDA DI SINTESI DEL SITO OGGETTO D ANALISI CONTESTO AMBIENTALE Descrizione CONTESTO VALUTATO SI NO LOCALIZZAZIONE IN: Area industriale Area artigianale Area residenziale Area rurale PRESENZA DI SITI INDUSTRIALI DI RILEVANTE IMPORTANZA: Per dimensioni Per potenziali rischi tecnologici PRESENZA DI INFRASTRUTTURE DI COMUNICAZIONE: Rete viaria Rete ferroviaria Porto turistico Aeroporto commerciale TIPOLOGIA DELLA RETE VIARIA: Autostrade Strada statale Strade provinciali e/o comunali X X X X X X X X X X X X X

25 DA EMAS Pag.25 di 77 Descrizione CONTESTO VALUTATO SI NO PRESENZA NELLA ZONA DI IMPIANTI DI: Trattamento di acque reflue Impianti di stoccaggio, trattamento, smaltimento rifiuti PRESENZA DI INSEDIAMENTI RESIDENZIALI PRESENZA DI INFRASTRUTTURE SOCIALI SENSIBILI PRESENZA DI LOCALITÀ DI INTERESSE TURISTICO PRESENZA DI INFRASTRUTTURE TURISTICHE VISIBILITÀ DEL SITO DA: Insediamenti residenziali Località di interesse storico culturale Aree protette e parchi percorsi turistici PRESENZA DI FLORA, FAUNA, ECOSISTEMI SENSIBILI PRESENZA DI ACQUE LIBERE: Mare Lago Fiume Torrente Fosso USO DEL SUOLO Agricolo Forestale A scopi ricreativi PRESENZA DI TERRENI SENSIBILI PER: Falde rilevanti di interesse regionale Falde superficiali utilizzate Terreni di elevata permeabilità X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X X

26 DA EMAS Pag.26 di DESCRIZIONE DELL ORGANIZZAZIONE E DELLE ATTIVITA AZIENDALI 6.1. DESCRIZIONE ATTIVITA DIRETTAMENTE SVOLTE La System House S.r.l. è un organizzazione che fornisce: 1. Servizi di Call Center per attività proprie e per conto terzi; 2. Commercializzazione di prodotti hardware e software; 3. Progettazione di sistemi per la trasmissione dati, reti telematiche e di telecomunicazioni ; 4. Servizi digitalizzazione dati. L attività di Call Center consiste prevalentemente in attività di Outbound, Inbound e BackOffice, viene espletata completamente all interno della struttura e con l utilizzo delle proprie risorse sia tecnologiche che umane. L attività di Commercializzazione prodotti hardware, software consiste prevalentemente nella rivendita di prodotti informatici delle migliori marche esistenti sul mercato. L attività di Progettazione di sistemi per la trasmissione dati di consiste prevalentemente in attività di analisi, valutazione, stima delle risorse, degli impianti e delle infrastrutture di cablaggio necessari alla veicolazione dei dati e delle informazioni digitali informatiche sia all interno di edifici sia in aree territoriali predefinite, mediante impiego di supporti fisici o trasmissioni radio con tecnologia wireless. L attività di Digitalizzazione dati consiste prevalentemente in attività di inserimento di dati in sistemi e su supporti informatici mediante digitazione manuale di informazioni provenienti da fonti precedentemente acquisite, ordinate e messe a disposizione da parte del cliente anche su supporto solo cartaceo. Viene espletata completamente all interno della struttura e con l utilizzo delle proprie risorse sia tecnologiche che umane. Per tutte le attività sopra indicate, sono utilizzate di volta in volta risorse opportunamente commisurate alla commessa da espletare.

27 DA EMAS Pag.27 di CLIENTI Alcuni tra i principali beneficiari dei servizi offerti dall organizzazione System House S.r.l., sono rispettivamente per : Servizi di Call Center 1. Gestori pubblici di telefonia ( Telecom Italia, Fastweb, Tiscali etc..), per attività di Teleselling di prodotti e servizi di telefonia ed accessi ovvero servizi di Internet e web (Outbound ). 2. Gestori servizi energetici ( Enel ) per attività di Teleselling di servizi per l energia elettrica ( Outbound e Inbound ). 3. Gestori servizi energetici ( Enel, Eni, etc ) per attività di riscontro pagamenti avvenuti ad es. recupero crediti (BackOffice). 4. Gestori servizi postali ( Poste Italiane, etc..) per attività di Inbound. 5. Aziende di Sofware-house e produttori vari (Ricerche di mercato, Assistenza e informazione prodotti es: antivirus kaspersky, etc. ) per attività di Help Desk tecnico (Inbound ). 6. Enti pubblici e organizzazioni private ( Comuni, servizi sociali, etc..) Aziende come NTV (Nuovo Trasporti Viaggiatori) gestione del servizio viaggiatori per treni per alta velocità Pronto Italo (Inbound e BackOffice) Progettazione sistemi e impianti Pubblica Amministrazione ed Enti Pubblici tra cui : Comune di Villa San Giovanni, Comune di Bagnara Calabra, Comune di Reggio Calabria, Comune di Motta San Giovanni, Comune di Palizzi, Comune di Melito P. Salvo, Comune di Montebello Jonico, Provincia di Reggio Calabria, Soprintendenza Archeologica, Accademia di Belle Arti RC. Altri Servizi di digitalizzazione dati Pubblica Amministrazione : attività di trascrizione e digitalizzazione dati dal cartaceo al caricamento in db informatici, al fine di costituire banche dati facilmente consultabili e interagibili tra loro ( alcuni esempi: Comune di RC, digitalizzazione di libri contabili e bilancio

28 DA EMAS Pag.28 di 77 per la costituzione del db generale dell area Amministrativa. Generazione del SIT del Comune di Villa San Giovanni, digitalizzazione carte topografiche, toponomastiche e sovrapposizione PRG e aereo-fotogrammetria con interazione dei dati Catastali sistema DOCFA. Comune di Palizzi, digitalizzazione e caricamento dati cartacei relativi all anagrafe cittadina e caricamento e costituzione informatizzata del Bilancio, relativi mastri contabili, Tributi,etc..). Tribunale di Reggio Calabria : Attività di trascrizione fedele delle registrazioni relative alle udienze per la realizzazione dei documenti in formato cartaceo necessari alla magistratura per le attività giudiziarie DIAGRAMMA DI FLUSSO DELLE FASI DI PROCESSO CALL CENTER Nelle figure che seguono è descritta attraverso l utilizzo del Diagramma a Blocchi l attività di Call Center. Il diagramma per comodità di lettura è diviso in 2 parti: Acquisizione Commessa ( Fig. 4 ) e Operatività ( Fig. 5 ). In essi ogni funzione principale è rappresentativa di un iter lavorativo che viene per la maggior parte ripetuto per ogni commessa lavorata. Il flusso di seguito indicato rappresenta la fase generica di acquisizione della commessa di attività Call Center. Questo è meglio esplicitato nei punti a seguire : 6 Richiesta servizio Fase di Analisi della Offerta e relativa valutazione di accettazione da parte del Committente System House S.r.l. Unipersonale 2 3 Verso la fase Redemption Nella 2 parte del Diagramma 7 Figura 4: - Diagramma di Flusso : Acquisizione Commessa ( 1 parte)

29 DA EMAS Pag.29 di 77 Descrizione dei Punti in Figura 4 : 1. Richiesta di servizio: Il Committente definisce la richiesta di erogazione del servizio. 2. Elaborazione offerta economica: L Azienda elabora la fattibilità di erogazione del servizio, rilasciando in caso di valutazione positiva l offerta richiesta. 3. Accettazione offerta economica/rimodulazione: Il Committente analizzata l offerta economica e valuta se accettare l offerta o richiedere la rimodulazione della stessa. 4. Rielaborazione dell offerta economica: L System House S.r.l. rielabora l offerta. 5. Analisi nuova offerta economica: Il Committente valutate le condizioni definite dell offerta stabilisce se affidare l incarico all System House S.r.l.. 6. Accettazione definitiva offerta: Il Committente esaminate le condizioni dell offerta rimodulata accetta definitivamente la stessa. 7. Rilascio Processo: La procedura del Committente viene rilasciata all Organizzazione, con particolare riguardo a: procedura di vendita, tracciati di input, tracciati di output, script per la commercializzazione, reportistica da produrre, rilascio anagrafiche.

CHECK-LIST PER L'AUTO-VALUTAZIONE DELLA PRESTAZIONE AMBIENTALE PARTE PRIMA

CHECK-LIST PER L'AUTO-VALUTAZIONE DELLA PRESTAZIONE AMBIENTALE PARTE PRIMA CHECK-LIST PER L'AUTO-VALUTAZIONE DELLA PRESTAZIONE AMBIENTALE PARTE PRIMA DATI GENERALI RIGUARDANTI IL SITO PRODUTTIVO Nome Azienda Sito produttivo/sede Ragione Sociale azienda Codice ISTAT N.ro Telefonico

Dettagli

La norma UNI EN ISO 14001:2004

La norma UNI EN ISO 14001:2004 La norma COS È UNA NORMA La normazione volontaria Secondo la Direttiva Europea 98/34/CE del 22 giugno 1998: "norma" è la specifica tecnica approvata da un organismo riconosciuto a svolgere attività normativa

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale ISO 14001 - Comune Saint Denis. Life Cycle Engineering: www.studiolce.it

Sistema di Gestione Ambientale ISO 14001 - Comune Saint Denis. Life Cycle Engineering: www.studiolce.it Sistema di Gestione Ambientale ISO 14001 - Comune Saint Denis Life Cycle Engineering: www.studiolce.it 0 Introduzione: Certificazione ambientale Il Sistema di Gestione Ambientale L'obiettivo del Sistema

Dettagli

Sez. 02 Rev. 01. Pag. 1 di 9. Approvazione D.G. Revisione Data Causale Redazione e verifica RGQ. Data 12.12.2008. 01 12.12.2008 Seconda emissione

Sez. 02 Rev. 01. Pag. 1 di 9. Approvazione D.G. Revisione Data Causale Redazione e verifica RGQ. Data 12.12.2008. 01 12.12.2008 Seconda emissione Pag. 1 di 9 SISTEMA DI GESTIONE QUALITA del LABORATORIO VOLANTE S.R.L. 01 12.12.2008 Seconda emissione 00 28/08/02 Prima emissione Revisione Data Causale Redazione e verifica RGQ Approvazione D.G. Pagina

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE

SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE Q.TEAM SRL Società di Gruppo Medilabor HSE Via Curioni, 14 21013 Gallarate (VA) Telefono 0331.781670 Fax 0331.708614 www.gruppomedilabor.com Azienda con Sistema Qualità,

Dettagli

GESTIONE DELLE RISORSE UMANE E DELLE INFRASTRUTTURE. REVISIONI Descrizione

GESTIONE DELLE RISORSE UMANE E DELLE INFRASTRUTTURE. REVISIONI Descrizione Rev. 3 Pag. 1 di 11 n. revisione 0 1 2 3 3 Data Emissione Redatto 04.04.05 06.02.06 10.12.07 27.08.09 27.08.09 Firma Resp. REVISIONI Descrizione Prima emissione Introdotte indicazioni per la ripetizione

Dettagli

MANUALE DELLA GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE DELLA GESTIONE AMBIENTALE COPERTINA MGA rev. n.01 del 08-11-2007 AMI S.p.A. MANUALE DELLA GESTIONE SECONDO LA NORMA UNI EN ISO 14001 Emesso da: Responsabile gestione ambientale Approvato da: Direzione Generale Cap. 0 - Pag. 1 di

Dettagli

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011

Introduzione alla norma UNI EN CEI ISO 50001:2011 Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma Seminario di introduzione alla norma ISO 50001 ed ai Sistemi di Gestione per l Energia Integrazione con la legislazione Roma, 16/03/2016 Introduzione alla

Dettagli

ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI

ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI Allegato 4 ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI Il presente Allegato tecnico, rivolto a tutti gli Enti di formazione già certificati secondo la norma internazionale

Dettagli

PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ

PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE TO1 - OBITORIO CIVICO PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ Edizione 2 Approvata dal Direttore della SC Medicina Legale Emessa dal Referente

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014. PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014. PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE G.C. N. 38 DEL 27/03/2014 PIANO PER L UTILIZZO DEL TELELAVORO Anno 2014 PREMESSA La possibilità per la Pubblica Amministrazione di avvalersi di forme di lavoro a distanza è

Dettagli

Linee guida per l attuazione di un Sistema di Gestione Ambientale in un Comune secondo le norme ISO 14001

Linee guida per l attuazione di un Sistema di Gestione Ambientale in un Comune secondo le norme ISO 14001 Linee guida per l attuazione di un Sistema di Gestione Ambientale in un Comune secondo le norme ISO 14001 A- Elaborazione della documentazione: Le fasi principali sono le seguenti: a - b - Elaborazione

Dettagli

rispetta il presente per avere un

rispetta il presente per avere un rispetta il presente per avere un domani STUDIO MASTER ECOLOGY CONSULTING crede che una qualsiasi organizzazione, pubblica e privata, possa trarre proficui vantaggi dalla impostazione interna di risorse,

Dettagli

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 Definizione degli indirizzi in materia di certificazione di qualità delle imprese che effettuano trasporti di merci pericolose, di derrate deperibili,

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

Sistema di gestione UNI EN ISO 9001. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 DEMO PROCEDURE WINPLE

Sistema di gestione UNI EN ISO 9001. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 DEMO PROCEDURE WINPLE Sistema di gestione UNI EN ISO 9001 MANUALE DI QUALITÀ INTRODUZIONE MAN-00 Organizzazione AZIENDA s.p.a. C.so Garibaldi, n. 56-00195 Roma (RM) Tel. 0612345678 - Fax. 061234567 Web : www.nomeazienda.it

Dettagli

Pag. 1 /9 MANUALE SISTEMA DI GESTIONE. Sezione 6 Gestione delle risorse Ed.0 Rev.0 del 13/12/14 Red. RSG App. DS

Pag. 1 /9 MANUALE SISTEMA DI GESTIONE. Sezione 6 Gestione delle risorse Ed.0 Rev.0 del 13/12/14 Red. RSG App. DS Pag. 1 /9 6. Gestione delle risorse 6.1 Messa a disposizione delle risorse L Istituto rende disponibili le risorse necessarie, per attuare e tenere aggiornato il SG ed i processi che ne fanno parte compatibilmente

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

La Registrazione EMAS III. A cura di Enrico BUSSO (Free Managers s.r.l.)

La Registrazione EMAS III. A cura di Enrico BUSSO (Free Managers s.r.l.) La Registrazione EMAS III A cura di Enrico BUSSO (Free Managers s.r.l.) www.benassiambiente.it Piattaforma COREPLA per gli imballaggi secondari e terziari e come piattaforma di preselezione degli imballaggi

Dettagli

Rev. 00. AUDIT N DEL c/o. Auditor Osservatori DOCUMENTI DI RIFERIMENTO. Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione.

Rev. 00. AUDIT N DEL c/o. Auditor Osservatori DOCUMENTI DI RIFERIMENTO. Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione. AUDIT N DEL c/o AREE DA VERIFICARE GRUPPO DI AUDIT Lead Auditor Auditor DOCUMENTI DI RIFERIMENTO Auditor Osservatori Legenda: C = Conforme NC = Non conforme Oss = Osservazione Pagina 1 di 19 Rif. 14001

Dettagli

Manuale della qualità

Manuale della qualità Sistema di gestione per la qualità Pag. 1 di 10 SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ 1. REQUISITI GENERALI L ISTITUTO SUPERIORE L. LOTTO di Trescore Balneario si è dotato di un Sistema di gestione per la

Dettagli

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE 0 PREMESSA La scienza dei trattamenti galvanici e di verniciatura e le attinenti applicazioni industriali sono relativamente antiche. Il progresso delle conoscenze in campo medico e scientifico ha evidenziato

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 INDICE RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE Impegno della Direzione Attenzione focalizzata al cliente Politica della Qualità Obiettivi della Qualità Soddisfazione del cliente

Dettagli

Relazione introduttiva Febbraio 2006

Relazione introduttiva Febbraio 2006 Amministrazione Provincia di Rieti Febbraio 2006 1 Progetto Sistema Informativo Territoriale Amministrazione Provincia di Rieti Premessa L aumento della qualità e quantità dei servizi che ha caratterizzato

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ

MANUALE DELLA QUALITÀ MANUALE DELLA QUALITÀ RIF. NORMA UNI EN ISO 9001:2008 ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE NAZIONALE EDUCATORI CINOFILI iscritta nell'elenco delle associazioni rappresentative a livello nazionale delle professioni

Dettagli

PROCEDURA REGISTRAZIONI

PROCEDURA REGISTRAZIONI REGISTRAZIONI Rev. 1 Pagina 1 di 14 REGISTRAZIONI COPIA N Unica DISTRIBUITA A CED n. revisione 0 1 Data Emissione Redatto 04.04.05 12.05.06 Firma Resp. data 12.05.06 REVISIONI Descrizione Prima emissione

Dettagli

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE)

GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) GLI STRUMENTI VOLONTARI DI GESTIONE AMBIENTALE La norma ISO 14001:2004 E IL REGOLAMENTO EMAS (Reg. n. 761/2001 CE) 1. Cosa significa gestione ambientale? La gestione ambientale è l individuazione ed il

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004)

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dott. Marco SALVIA IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dr. Marco SALVIA 1 Perché gestire la variabile ambientale in azienda? 1. Perché rappresenta

Dettagli

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE

PIANO DI INFORMATIZZAZIONE Comune di Rocca San Giovanni PIANO DI INFORMATIZZAZIONE delle procedure per la presentazione e compilazione on-line da parte di cittadini ed imprese delle istanze, dichiarazioni e segnalazioni al comune

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA

TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMBIENTE, L ENERGIA E LA SICUREZZA IN AZIENDA STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

Il sottoscritto progettista delle opere: Cognome Nome nato a Prov. il C.F. Iscritto all Albo/Collegio dei della Provincia di al n.

Il sottoscritto progettista delle opere: Cognome Nome nato a Prov. il C.F. Iscritto all Albo/Collegio dei della Provincia di al n. Protocollo Al Responsabile del Settore Gestione del Territorio del comune di Verdellino Relazione tecnica di asseverazione Allegata alla Comunicazione di Inizio lavori per Attività Edilizia Libera non

Dettagli

ANNUARIO. Sicurezza, Ambiente e Qualità. Servizi e proposte

ANNUARIO. Sicurezza, Ambiente e Qualità. Servizi e proposte ANNUARIO STUDIO GILI Sicurezza, Ambiente e Qualità Servizi e proposte AcusTIcA Offriamo servizi per tutti i settori dell'edilizia, pubblica, privata e per il settore industriale, ecco quali: Acustica Valutazioni

Dettagli

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO FORNITORE: SEDE: TELEFONO FAX INDICAZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO L autovalutazione è una valutazione che fornisce un giudizio sull efficacia e sull efficienza dell Azienda e sul grado di

Dettagli

ORGANIGRAMMA E MANSIONARIO

ORGANIGRAMMA E MANSIONARIO Rev.00 del 10/01/2012 Pagina 1 di 5 Preparato da: Responsabile Gestione Aziendale Approvato da: Direzione Firma: Firma: 1. Organigramma DIREZIONE AMMINISTR. E SEG. RSSP/RGA AMMINISTR. E SEG. RLS/RGA UFFICIO

Dettagli

DALLERA BIGLIERI RECUPERI SRL

DALLERA BIGLIERI RECUPERI SRL Edizione nr. 02 Revisione nr. 01 Data: 26 / 08 / 2010 DALLERA BIGLIERI SRL MANUALE SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO PER LA QUALITÀ E L AMBIENTE DISTRIBUZIONE REDATTO IN CONFORMITÀ ALLE NORME UNI EN ISO 9001:2008

Dettagli

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl

I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Logo azienda/università I Sistemi di Gestione dell'energia per migliorare l efficienza e ridurre i costi Gian Piero Zattoni EQO Srl Ottimizzazione energetica nelle imprese e nelle istituzioni Labmeeting

Dettagli

Sintec & Partners S.r.l.

Sintec & Partners S.r.l. Qualità Ambiente Sicurezza sul lavoro Sicurezza nei cantieri Privacy Software engineering Prevenzione incendi Rumore, impatto acustico Formazione Progettazione Marcatura CE Haccp Qualità UNI EN ISO 9001:2000

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

Il DPCM 20 dicembre 2012 e la struttura del nuovo modello di dichiarazione ambientale. Rosanna Laraia

Il DPCM 20 dicembre 2012 e la struttura del nuovo modello di dichiarazione ambientale. Rosanna Laraia Il DPCM 20 dicembre 2012 e la struttura del nuovo modello di dichiarazione ambientale Rosanna Laraia Il nuovo MUD Il DPCM 20 dicembre 2012 nasce dalla necessità di garantire l acquisizione delle necessarie

Dettagli

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica 1 di 7 INDICE 1 Pianificazione della realizzazione del prodotto... 2 2 Processi relativi al cliente... 2 2.1 Analisi dei bisogni, determinazione dei requisiti

Dettagli

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE

brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE brugherio (mb) POLITICA AZIENDALE Brugherio, 20 gennaio 2015 piomboleghe srl via eratostene, 1-20861 brugherio (mb) tel. 039289561, fax. 039880244 info@piomboleghe.it www.piomboleghe.it cap. soc. 1.300.000,00

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE - UNI EN ISO 14001:2004

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE - UNI EN ISO 14001:2004 REG-SGA pag. 2/8 INDICE PREMESSA... 3 2 - GENERALITÀ... 3 3 - REQUISITI GENERALI PER LA CERTIFICAZIONE DI UN SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE... 3 4 - RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE... 3 4.6. - STAGE1: Verifica

Dettagli

QUESTIONARIO VALUTAZIONE FORNITORI

QUESTIONARIO VALUTAZIONE FORNITORI SOMMARIO 1. Introduzione 1.1 Scopo 1.2 Riferimenti normativi 2. Informazioni di carattere generale ed economiche 2.1 Dati generali 2.2 Informazioni economiche 2.3 Informazioni commerciali 2.4 Contatti

Dettagli

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITÀ NELLO STUDIO LEGALE OBIETTIVI Master Breve di formazione personalizzata Il Master

Dettagli

SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA

SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA COSA È IN PRATICA UN SISTEMA DI GESTIONE? L insieme delle regole e dei processi di funzionamento di un organizzazione. Comprende:

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) Revisione Approvazione n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA QUALITA Il nostro progetto

Dettagli

COMETA QUALITA. Presentazione

COMETA QUALITA. Presentazione COMETA QUALITA Presentazione Il software attraverso una moderna e quanto semplicissima interfaccia utente permette di gestire tutti gli aspetti legati al sistema di gestione per la qualità secondo la normativa

Dettagli

Audit energetico, Certificazione 50001:2011, UNI EN ISO 14001 modalità di integrazione obblighi e opportunità di efficacia ed efficienza energetica

Audit energetico, Certificazione 50001:2011, UNI EN ISO 14001 modalità di integrazione obblighi e opportunità di efficacia ed efficienza energetica In collaborazione con Audit energetico, Certificazione 50001:2011, UNI EN ISO 14001 modalità di integrazione obblighi e opportunità di efficacia ed efficienza energetica Relatore: ing. M. Capuana Taomina,

Dettagli

ORGANIGRAMMA E MANSIONARIO

ORGANIGRAMMA E MANSIONARIO Rev.00 del 10/01/2013 Pagina 1 di 5 Preparato da: Responsabile Gestione Aziendale Approvato da: Direzione Firma: Firma: 1. Organigramma AMMINISTRAZIONE MARIA LUCIA COSENTINO DIRETTORE DI SALA Tommaso Ciccopiedi

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LA MOBILITÀ E IL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE

TECNICO SUPERIORE PER LA MOBILITÀ E IL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE TRASPORTI TECNICO SUPERIORE PER LA MOBILITÀ E IL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI VENEZIA. Convegno sul tema

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI VENEZIA. Convegno sul tema ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI VENEZIA Convegno sul tema SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE SUL LUOGO DI LAVORO Prospettive e sinergie con i sistemi di gestione ambiente e qualità

Dettagli

GESTIONE DELLA FORMAZIONE E

GESTIONE DELLA FORMAZIONE E 08/02/2011 Pag. 1 di 7 GESTIONE DELLA FORMAZIONE E DELL ADDESTRAMENTO DEL PERSONALE 1. SCOPO... 2 2. APPLICABILITÀ... 2 3. DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 3.1. Norme... 2 3.2. Moduli / Istruzioni... 2 4.

Dettagli

GD Srl CAPITOLATO GENERALE DI FORNITURA. N 1 Specificato il Foro Competente AQ DIR 05/02/15. Torchio. Barigazzi. Giannitti

GD Srl CAPITOLATO GENERALE DI FORNITURA. N 1 Specificato il Foro Competente AQ DIR 05/02/15. Torchio. Barigazzi. Giannitti PAG. / 9 GD Srl N Specificato il Foro Competente AQ CQ DIR 05/02/5 Barigazzi Torchio Giannitti N 0 Allineamento ai requisiti della norma UNI EN ISO 900:2008 e della specifica tecnica ISO/TS 6949:2009 AQ

Dettagli

IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE

IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE IL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE PER UN COMUNE Relatore: LIFE 04 ENV/IT/494 AGEMAS Obiettivi del sistema di gestione ambientale Prevenzione, riduzione dell inquinamento Eco-efficienza nella gestione delle

Dettagli

Documentazione richiesta per il rilascio del parere di compatibilità acustica ambientale (clima/impatto acustico)

Documentazione richiesta per il rilascio del parere di compatibilità acustica ambientale (clima/impatto acustico) l.g. cantieri 04/14 Dipartimento Tutela Ambientale - Protezione Civile U.O. Tutela dagli Inquinamenti Documentazione richiesta per il rilascio del parere di compatibilità acustica ambientale (clima/impatto

Dettagli

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE

GESTIONE NON CONFORMITÀ, AZIONI CORRETTIVE E PREVENTIVE rev. 0 Data: 01-03-2006 pag. 1 10 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

Politica del Sistema di Gestione Salute, Sicurezza e Ambiente (Politica HSE)

Politica del Sistema di Gestione Salute, Sicurezza e Ambiente (Politica HSE) Procedura Politica del Sistema di Gestione Salute, Sicurezza e Ambiente (Politica HSE) TITOLO PROCEDURA TITOLO PRPOCEDURA TITOLO PROCEDURA MSG DI RIFERIMENTO: MSG HSE 1 Questo pro hse documento 009 eniservizi

Dettagli

Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria

Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria Accreditamento e certificazione del sistema qualità di ARPA Umbria Nadia Geranio, Leonardo Merlini, Olga Moretti Il primo obiettivo di

Dettagli

Gestire le NC, le Azioni Correttive e Preventive, il Miglioramento

Gestire le NC, le Azioni Correttive e Preventive, il Miglioramento Scopo Responsabile Fornitore del Processo Input Cliente del Processo Output Indicatori Riferimenti Normativi Processi Correlati Sistemi Informatici Definire le modalità e le responsabilità per la gestione

Dettagli

6. Gestione delle risorse

6. Gestione delle risorse Manuale Qualità Ed.1 Rev.1 del 02/05/13 Red. RSG App.DS Sistema Gestione Qualità per la Formazione Marittima ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE R. Del Rosso - G. Da Verrazzano Via Panoramica, 81-58019

Dettagli

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu CHI SIAMO Carmaconsulting nasce dall intuizione dei soci fondatori di offrire

Dettagli

Il Sistema di Gestione Integrato in una realtà complessa e differenziata nel territorio

Il Sistema di Gestione Integrato in una realtà complessa e differenziata nel territorio 26 settembre 2014 Il Sistema di Gestione Integrato in una realtà complessa e differenziata nel territorio Pasquale DEL NORD Responsabile HSE di Trenitalia Trenitalia ed il gruppo FS Controllata al 100%

Dettagli

Procedura Gestione Settore Manutenzione

Procedura Gestione Settore Manutenzione Gestione Settore Manutenzione 7 Pag. 1 di 6 Rev. 00 del 30-03-2010 SOMMARIO 1. Scopo 2. Generalità 3. Applicabilità 4. Termini e Definizioni 5. Riferimenti 6. Responsabilità ed Aggiornamento 7. Modalità

Dettagli

QUALITA' E AMBIENTE IMPEGNO DELLA DIREZIONE

QUALITA' E AMBIENTE IMPEGNO DELLA DIREZIONE QUALITA' E AMBIENTE IMPEGNO DELLA DIREZIONE La Direzione della PAPPASOLE S.p.A. (di seguito denominata "Struttura turistica") dichiara la sua ferma volontà di rendere operante il Sistema di Gestione Integrata

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR / RESPONSABILE GRUPPO DI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE FORESTALE

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR / RESPONSABILE GRUPPO DI AUDIT DI SISTEMI DI GESTIONE FORESTALE Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.it sigla: SH131 Pag. 1 di 5 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER AUDITOR

Dettagli

WWW.STUDIOGREENLINE.IT

WWW.STUDIOGREENLINE.IT WWW.STUDIOGREENLINE.IT STUDIO GREENLINE Greenline nasce nel 1996 con la riunione al suo interno di professionisti multidisciplinari per le diverse esperienze professionali espletate. Obiettivo: la creazione

Dettagli

Comune di Vinchio. Provincia di Asti - Italia. www.comune.vinchio.at.it

Comune di Vinchio. Provincia di Asti - Italia. www.comune.vinchio.at.it Comune di Vinchio Provincia di Asti - Italia www.comune.vinchio.at.it La certificazione ambientale come opportunità di sviluppo: l esempio del Comune di Vinchio Vinchio, 1 dicembre 07 - Andrea Laiolo,

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO

GUIDA DI APPROFONDIMENTO WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO I SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COSA È UN SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE... 3 OBIETTIVI DI UN SISTEMA

Dettagli

6.A.1 Logistica interna ed esterna

6.A.1 Logistica interna ed esterna 6.A.1 Logistica interna ed esterna Il corso si propone di fornire un quadro chiaro di inquadramento della logistica e delle sue principali funzioni in azienda. Si vogliono altresì fornire gli strumenti

Dettagli

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA Pagina 1 di 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo della presente sezione del MQ è definire le modalità e i criteri adottati dalla No Problem Parking spa per pianificare ed attuare i processi di misurazione

Dettagli

Benefici della Certificazione Sicurezza OHSAS 18001:2007

Benefici della Certificazione Sicurezza OHSAS 18001:2007 Benefici della Certificazione Sicurezza OHSAS 18001:2007 Premessa Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 "Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle

Dettagli

Qualità - Privacy - Sicurezza - Ambiente e Mobility Management Soluzioni ICT - Assessment e Formazione - Marketing e Comunicazione

Qualità - Privacy - Sicurezza - Ambiente e Mobility Management Soluzioni ICT - Assessment e Formazione - Marketing e Comunicazione Qualità - Privacy - Sicurezza - Ambiente e Mobility Management Soluzioni ICT - Assessment e Formazione - Marketing e Comunicazione RATE SERVIZI Srl Via Santa Rita da Cascia, 3-20143 Milano Tel 0287382838

Dettagli

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE DELSISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE Osservatorio per il Settore Chimico Ministero dell Industria del Commercio e dell Artigianato MANUALE DELSISTEMA DI Responsabile: Aggiornamento: 2 di 49 NOME AZIENDA Manuale del sistema di Gestione Ambientale

Dettagli

COMUNE DI CURCURIS vedere per le nuove costruzioni e gli ampliamenti per gli interventi sull esistente vedere vedere vedere vedere

COMUNE DI CURCURIS vedere per le nuove costruzioni e gli ampliamenti per gli interventi sull esistente vedere vedere vedere vedere COMUNE DI CURCURIS copia del documento comprovante il requisito per ottenere la concessione o dichiarazione ai sensi dell art. 4 della L. 15/68 modificata dalla L. 191/98; copia del certificato di destinazione

Dettagli

.S.A. SRL. www.sogesasrl.biz. Società Gestione Servizi Ambientali. Via Campania, 33 74100 Taranto 099.7303538

.S.A. SRL. www.sogesasrl.biz. Società Gestione Servizi Ambientali. Via Campania, 33 74100 Taranto 099.7303538 SR.G.GE.S.A..S.A. SRL Società Gestione Servizi Ambientali www.sogesa.biz Via Campania, 33 74100 Taranto 099.7303538 Il contenuto di questo documento è di proprietà della So.. La riproduzione, la comunicazione

Dettagli

Certificazione ambientale delle imprese secondo Regolamento EMAS e norma ISO 14001. Cuneo, 14 gennaio 2011

Certificazione ambientale delle imprese secondo Regolamento EMAS e norma ISO 14001. Cuneo, 14 gennaio 2011 Certificazione ambientale delle imprese secondo Regolamento EMAS e norma ISO 14001 Cuneo, 14 gennaio 2011 Gli Strumenti di Gestione Ambientale Norma UNI EN ISO 14001: Norma internazionale emanata nella

Dettagli

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE

La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE La CERTIFICAZIONE DEI SISTEMI DI GESTIONE AZIENDALE CERTIQUALITY Via. G. Giardino, 4 - MILANO 02.806917.1 SANDRO COSSU VALUTATORE SISTEMI DI GESTIONE CERTIQUALITY Oristano 27 Maggio 2008 GLI STRUMENTI

Dettagli

UNI EN ISO 14001:2004 Sistemi di Gestione Ambientale: requisiti e guida per l uso

UNI EN ISO 14001:2004 Sistemi di Gestione Ambientale: requisiti e guida per l uso SORVEGLIANZA E CERTIFICAZIONI UNI EN ISO 14001:2004 Sistemi di Gestione Ambientale: requisiti e guida per l uso Pagina 1 di 11 INTRODUZIONE La Norma UNI EN ISO 14001:2004 fa parte delle norme Internazionali

Dettagli

Direttore Operativo. Compiti e responsabilità :

Direttore Operativo. Compiti e responsabilità : Direttore Operativo Il Direttore Operativo ha la responsabilità di assicurare lo sviluppo e la continuità dei servizi ambientali di raccolta e smaltimento rifiuti nel contesto territoriale di competenza,

Dettagli

MANUALE DEL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE ALLEGATO 13

MANUALE DEL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE ALLEGATO 13 Data: 7/12/2012 Ora e luogo: 14.30 - Comune VALUTAZIONI SUGLI ELEMENTI DEL SGA ANALIZZATI Evoluzione occorsa dalla precedente riunione relativamente allo scenario ambientale, alle attività dell organizzazione

Dettagli

MyMax PROCEDURA QUALITA Processo di Approvvigionamento PQ07b Ed. 0 Rev. 1 Pag. 1 di 10

MyMax PROCEDURA QUALITA Processo di Approvvigionamento PQ07b Ed. 0 Rev. 1 Pag. 1 di 10 PQ07b Ed. 0 Rev. 1 Pag. 1 di 10 1.0 Scopo e campo di applicazione Lo scopo della procedura è quello di definire le principali attività svolte dall Organizzazione per garantire l'affidabilità degli approvvigionamenti

Dettagli

Innovazione ambientale per la crescita e la competitività del sistema industriale. I SISTEMI GESTIONE AMBIENTALE EMAS E ISO 14001 nell industria

Innovazione ambientale per la crescita e la competitività del sistema industriale. I SISTEMI GESTIONE AMBIENTALE EMAS E ISO 14001 nell industria Innovazione ambientale per la crescita e la competitività del sistema industriale I SISTEMI GESTIONE AMBIENTALE EMAS E ISO 14001 nell industria Relatore: Roberto Luciani Sistemi di gestione ambientale:

Dettagli

Carta di Qualità dell offerta formativa

Carta di Qualità dell offerta formativa Carta di Qualità dell offerta formativa Livello strategico Politica della Qualità della HOLLYWOON & FASHION SRL La HOLLYWOON & FASHION SRL definisce la propria politica della Qualità come segue: essere

Dettagli

RAPPORTO AMBIENTALE 2015. Rapporto Ambientale 2015

RAPPORTO AMBIENTALE 2015. Rapporto Ambientale 2015 Rapporto Ambientale 2015 RAPPORTO AMBIENTALE 2015 Printer Trento s.r.l. PREMESSA L attenzione verso le tematiche ambientali è ormai sempre presente e sempre più clienti chiedono garanzie e attestazioni

Dettagli

INGEGNERIA PER L AMBIENTE

INGEGNERIA PER L AMBIENTE Studio associato di ingegneria per l ambiente INGEGNERIA PER L AMBIENTE E PER IL RISPARMIO ENERGETICO professionisti per l impresa e per i suoi obiettivi sostenibilità ambientale risparmio ed efficienza

Dettagli

Controllo dei cantieri in corso d opera. Francesco Perotti

Controllo dei cantieri in corso d opera. Francesco Perotti Controllo dei cantieri in corso d opera Francesco Perotti Controllo Ambientale Cantieri Riferimenti progettuali ed obblighi contrattuali per la gestione ambientale dei cantieri Riferimenti per la gestione

Dettagli

«Gestione dei documenti e delle registrazioni» 1 SCOPO... 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE E GENERALITA... 2 3 RESPONSABILITA... 2 4 DEFINIZIONI...

«Gestione dei documenti e delle registrazioni» 1 SCOPO... 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE E GENERALITA... 2 3 RESPONSABILITA... 2 4 DEFINIZIONI... Pagina 1 di 6 INDICE 1 SCOPO... 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE E GENERALITA... 2 3 RESPONSABILITA... 2 4 DEFINIZIONI... 2 5 RESPONSABILITA... 2 5.3 DESTINATARIO DELLA DOCUMENTAZIONE... 3 6 PROCEDURA... 3 6.1

Dettagli

BANDO AMBIENTENERGIA 2015

BANDO AMBIENTENERGIA 2015 BANDO AMBIENTENERGIA 2015 Misura Formazione di Energy Manager Livello II Bando per la selezione dei Comuni interessati a beneficiare del servizio Pagina 1 di 8 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 OGGETTO... 5 SOGGETTI

Dettagli

Il Percorso verso la registrazione EMAS del Comune di Ravenna. 9 gennaio 2009

Il Percorso verso la registrazione EMAS del Comune di Ravenna. 9 gennaio 2009 Il Percorso verso la registrazione EMAS del Comune di Ravenna 9 gennaio 2009 1 COS È EMAS Acronimo inglese per : Eco Management and Audit Scheme Significa: Sistema di Gestione Ambientale basato sulla Ecogestione

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 1. REQUISITI GENERALI...2

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 1. REQUISITI GENERALI...2 Pagina 1 di 10 INDICE 1. REQUISITI GENERALI...2 2. REQUISITI RELATIVI ALLA DOCUMENTAZIONE...4 2.1. QUALITÀ...4 2.2. TENUTA SOTTO CONTROLLO DEI DOCUMENTI...5 2.3. TENUTA SOTTO CONTROLLO DELLE REGISTRAZIONI...9

Dettagli

QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO

QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO 1. Caratteristiche dell impresa 2. Addetti e Fatturato 3. L impresa e il Territorio 4. L impresa e il Consorzio 1 -QUESTIONARIO

Dettagli

solinfo servizi per prodotti e sistemi informatici

solinfo servizi per prodotti e sistemi informatici solinfo servizi per prodotti e sistemi informatici La nostra azienda, oltre a produrre, distribuire e installare i propri software presso la clientela, eroga a favore di quest ultima una serie di servizi

Dettagli

Determinazione dei requisiti relativi al servizio Lo Studio Legale Scuderi - Motta, per ciascun cliente si premura di determinare:

Determinazione dei requisiti relativi al servizio Lo Studio Legale Scuderi - Motta, per ciascun cliente si premura di determinare: ORIENTAMENTO AL CLIENTE PROCESSI RELATIVI AL CLIENTE Il nostro Studio Legale si impegna ad evadere ogni richiesta formulata dalla propria clientela entro i termini di legge, ovvero come concordati contrattualmente

Dettagli

Azione su un prodotto-servizio NC, per renderlo conforme ai requisiti

Azione su un prodotto-servizio NC, per renderlo conforme ai requisiti Partipilo dr. Valerio ODONTOIATRIA E SISTEMA QUALITA Data: 14-07-09 Pag. 4 di 5 Prodotto (Uni en iso Prodotto di proprietà dei cliente (documentazione della) (uni 10722-3:1999) (modifica della) (uni en

Dettagli

La Norma UNI CEI EN 16001 e il risparmio energetico in azienda WORKSHOP ECOREALITY Università degli Studi di Bari

La Norma UNI CEI EN 16001 e il risparmio energetico in azienda WORKSHOP ECOREALITY Università degli Studi di Bari La Norma UNI CEI EN 16001 e il risparmio energetico in azienda WORKSHOP ECOREALITY Università degli Studi di Bari I Sistemi di Gestione della Energia conformi a UNI CEI EN 16001:2009 Coordinatore Tecnico-Scientifico

Dettagli

S.U.A.P. MEDIA E BASSA VALLESINA Ufficio Comprensoriale JESI P.zza Indipendenza, 1 Sede di

S.U.A.P. MEDIA E BASSA VALLESINA Ufficio Comprensoriale JESI P.zza Indipendenza, 1 Sede di Numero di pratica / Responsabile del Procedimento: S.U.A.P. MEDIA E BASSA VALLESINA Ufficio Comprensoriale JESI P.zza Indipendenza, 1 Sede di Data di avvio del Procedimento Spazio riservato all ufficio

Dettagli

Certificazione Ambientale ISO14001. Ottobre 2008

Certificazione Ambientale ISO14001. Ottobre 2008 ertificazione Ambientale ISO14001 Ottobre 2008 La certificazione ISO 14001 La certificazione ISO 14001 di un Sistema di gestione ambientale è la dichiarazione di un ente certificatore, accreditato dal

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO

SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO SISTEMA AZIENDALE DI GESTIONE ENERGETICA: UN MODELLO DI RIFERIMENTO Marco Bandiera Gestione per la qualità, l ambiente e la sicurezza Bologna, 1 luglio 2009 1 Sommario Perché un sistema di gestione energetica?

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza

Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza Ministero dell Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza SICUREZZA PER LO SVILUPPO OBIETTIVO CONVERGENZA 2007-2013 LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI Versione 02 del 14 gennaio 2009 INDICE

Dettagli