MEDICINA LEGALE, CRIMINALISTICA E SCIENZE SOCIALI COLLANA INTERNAZIONALE DIRETTA DA FRANCESCO VINCI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MEDICINA LEGALE, CRIMINALISTICA E SCIENZE SOCIALI COLLANA INTERNAZIONALE DIRETTA DA FRANCESCO VINCI"

Transcript

1 MEDICINA LEGALE, CRIMINALISTICA E SCIENZE SOCIALI COLLANA INTERNAZIONALE DIRETTA DA FRANCESCO VINCI 9

2 Direttore Francesco VINCI Università degli Studi di Bari Aldo Moro Comitato scientifico Francesco VIMERCATI Già professore ordinario di Medicina Legale Università degli Studi di Bari Aldo Moro Francesco CAVONE Giudice unico Tribunale di Brindisi Sezione distaccata di Ostuni Nicoletta VENTURA Professore a contratto di Diritto penale minorile Università degli Studi di Bari Aldo Moro

3 MEDICINA LEGALE, CRIMINALISTICA E SCIENZE SOCIALI COLLANA INTERNAZIONALE DIRETTA DA FRANCESCO VINCI Questa Collana Internazionale è una raccolta di studi di significativo rilievo scientifico che affrontano, con rigore metodologico, argomenti a valenza multidisciplinare, importanti anche sul piano giudiziario. Corredati di bibliografia aggiornata e sovente, di iconografia a colori, i libri inseriti nella presente Collana costituiscono fonte di aggiornamento e di approfondimento per medici e giuristi, nonché validi strumenti didattici. I volumi pubblicati nella presente Collana editoriale sono stati valutati secondo il sistema di revisione tra pari. This International Series is a collection of relevants scientific studies which, with multidisciplinarys contribution and methodological rigour focus specifically on judicial matters. The books in this Series include the most recent bibliography, often colour image and constitute tools of improvement and update for doctors and jurists. The books published in this Series are blind peers reviewed.

4

5 Marina Dobosz Principi di Medicina legale e di Biologia forense nelle Scienze per l Investigazione e la Sicurezza

6 Il presente lavoro rientra nelle iniziative del CRISU (Centro di Ricerca in Sicurezza Umana), del Dipartimento di Scienze della formazione dell Università di Perugia. Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. via Raffaele Garofalo, 133/A B Roma (06) ISBN I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento anche parziale, con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi. Non sono assolutamente consentite le fotocopie senza il permesso scritto dell Editore. I edizione: ottobre 2013

7 Indice 11 Introduzione 15 Capitolo I Sviluppo, complessità ed esercizio della Medicina legale 1.1. La Medicina legale: definizione, Cenni storici, Campi di applicazione, La determinazione del nesso di causa, Criteriologia medico legale, Capitolo II Il reato 2.1. Definizione, Classificazione dei reati, L elemento psicologico del reato, Cause di giustificazione del reato, Cause di esclusione della colpevolezza, L imputabilità, Il ruolo delle neuroscienze nel giudizio di imputabilità, I delitti contro la persona, Percosse e lesioni personali, L omicidio, Il reato di violenza sessuale, Capitolo III La capacità di agire 3.1. Capacità giuridica e capacità di agire, Interdizione, inabilitazione, amministrazione di sostegno, L incapacità naturale, Circonvenzione di persona incapace, Capitolo IV Analisi della scena del crimine 4.1. Il Codice Vassalli: coordinamento delle indagini, Il sopralluogo giudiziario, I rilievi, Esame del cadavere, Analisi delle tracce ematiche (Bloodstain Pattern Analysis), Repertazione e conservazione, La catena di custodia, 72. 7

8 8 Indice 75 Capitolo V Principi di Tanatologia e Patologia forense 5.1. La Tanatologia forense: definizione, Accertamento e circostanze della morte, Fenomeni cadaverici, Fenomeni abiotici, Fenomeni trasformativi, Forme particolari di decomposizione, Fondamenti di Patologia forense, Lesioni da corpo contundente, Le ferite lacero contuse, Lesioni da arma bianca, Lesioni da arma da fuoco, Le armi da fuoco: definizione, Caratteristiche delle lesioni, Morti per asfissia, Soffocamento, Impiccamento, Strozzamento, Strangolamento, Capitolo VI Entomologia e Botanica forense 6.1. L Entomologia forense, Definizione, Campi di applicazione, Brevi note di Zoologia, Cenni storici, Insetti rinvenibili sui cadaveri, Tecniche per la classificazione e modalità di prelievo, Gli strumenti dell entomologo forense, La Botanica forense, La Palinologia forense, La Limnologia forense, La Dendrocronologia, Capitolo VII L identificazione personale 7.1. Definizione, Identificazione biometrica, Le impronte digitali, Analisi della voce, Riconoscimento dell iride e della retina, Analisi della geometria della mano, Analisi dell orecchio, Indagini grafiche, La ricostruzione facciale, Cenni di Archeologia, Antropologia e Odontologia forense, Archeologia forense, Determinazione del genere di appartenenza, Determinazione dell età, Etnia di provenienza, Determinazione della statura, Odontologia forense, Capitolo VIII L identificazione genetica 8.1. Cenni sulla struttura e l organizzazione del genoma umano, Il DNA, I polimorfismi genetici, I polimorfismi e il fingerprint genetico, La Polymerase Chain Reaction e gli Short Tandem Repeats, Il DNA mitocondriale, Il Cromosoma Y, Il Cromosoma X, 157.

9 159 Capitolo IX La prova scientifica nelle indagini giudiziarie Indice Criteri di ammissibilità, Consulenti e periti nel nostro sistema giudiziario, La Consulenza Tecnica d Ufficio nel Processo civile, Consulenza e perizia nel processo penale, Le indagini difensive, L International Society of Forensic Genetics (ISFG), I Genetisti Forensi Italiani (GeFI), Capitolo X L analisi dei dati Verifica della paternità biologica, Filiazione legittima, Filiazione naturale, Il test di laboratorio, Estrazione del DNA, Amplificazione, Separazione dei frammenti: l elettroforesi capillare, I risultati del test, Paternità esclusa, Paternità compatibile: la probabilità di paternità, Altri esempi di inferenza mediante analisi parentali, I casi difettivi : i Sistemi Esperti Probabilistici, L uso improprio della genetica forense, L Innocence Project, Capitolo XI L identificazione genetica animale Responsabilità giuridica in caso di danno cagionato da animali, Responsabilità civile, Responsabilità penale, Normativa italiana in materia di possesso di animale domestico, Le indagini forensi, Pecularietà delle lesioni, Metodiche di identificazione, Capitolo XII Gli errori e la qualità L errore, Normativa sulla qualità: la certificazione, L accreditamento secondo la Norma UNI CEI ISO/IEC 17025, Banche dati forensi: esempi europei, La situazione italiana: la L. 85/2009, La ricerca scomparsi, Censimento di cadaveri sconosciuti: il modello americano, La situazione italiana: SDI e scheda Ri.SC., Legge n. 203 del 14 novembre 2012 Disposizioni per la ricerca delle persone scomparse, Linee guida, 230.

10 10 Indice 233 Capitolo XIII Il danno alla persona Il danno risarcibile, La valutazione medico legale del danno alla persona in sede civile, Infortunio sul lavoro e le malattie professionali, Infortunio sul lavoro, Malattia professionale, Capitolo XIV La responsabilità professionale Responsabilità penale, Responsabilità civile, Dalla norma alla coscienza professionale, Capitolo XV Elementi di tossicologica forense La Tossicologia forense: definizione, Campi di applicazione, Caratteristiche delle sostanze tossiche, Classificazione dei tossici, Le sostanze stupefacenti, Gli oppiacei, I cannabinoidi, Le anfetamine, Gli allucinogeni, La cocaina, Le smart drugs, L indagine tossicologica, Analisi sul vivente, Indagine su cadavere, Normativa vigente, Imputabilità del tossicodipendente, Intossicazione da alcool, Alcol, droga e Codice della Strada, Capitolo XVI Medicina legale e carcere Il diritto alla salute del detenuto, Compatibilità delle condizioni di salute con il regime carcerario, Responsabilità in ambito penitenziario, Il ruolo del medico penitenziario, Bibliografia 299 Ringraziamenti

11 Introduzione Nel corso degli ultimi anni il progresso tecnologico ha raggiunto livelli di sviluppo talmente rivoluzionari rispetto alle tecniche di indagine tradizionali, che consente di pervenire a risultati in precedenza inimmaginabili. Nel nostro iter processuale accade, dunque, sempre più di frequente che gli organi inquirenti abbiano la necessità di ricorrere a strumenti che si rifanno alla tecnologia, alla scienza. Oggi le Forze di Polizia in sede di indagini preliminari, e i magistrati in fase di istruzione di un procedimento penale, hanno a disposizione strumenti di indagine dalle almeno in linea teorica illimitate e notevoli potenzialità; in alcuni casi, tuttavia, le eccessive aspettative legate alla nuova scienza portano a sottovalutare elementi di prova più tradizionali, e a decisioni giudiziarie poco condivisibili. Tutto questo rischia spesso conduce a situazioni di fuori controllo, finendo con l alimentare il mito della certezza : certezza della evidence e certezza correlata del giudizio. Il confronto di questo mito con la realtà del mondo giudiziario porta a conclusioni forse un po diverse ed alla consapevolezza che l investigazione è ancora oggi il tentativo sempre fallibile di ridurre l incertezza. Non bisogna infatti dimenticare che, a fronte di questo straordinario sviluppo tecnologico, che si impone in praticamente tutti i campi che la biologia mette al servizio delle scienze forensi, dovrebbero corrispondere adeguati percorsi di formazione e verifica professionale degli operatori, cosa che non sempre si verifica. Per quanto concerne le investigazione a carattere biologico che possono fornire elementi di prova da utilizzare in ambito processuale, il percorso formativo parte dalla scena del crimine, la cui analisi deve essere condotta con un approccio metodologico estremamente rigoroso, dalle descrizioni a carattere più generale fino ai minimi particolari. Discorso analogo per tutte le indagini che potranno contribuire a identificare eventuali vittime, ricostruire i fatti, individuare il o i responsabili. In questo contesto, anche le figure professionali 11

12 12 Introduzione coinvolte possono essere molteplici, dal personale tecnico in servizio presso le Forze di Polizia, al medico legale, coadiuvato quest ultimo non di rado da esperti in altre discipline scientifiche. L insegnamento della Medicina legale, i cui presupposti essenziali la collocano in una posizione di ponte tra la biologia e il diritto, costituisce spesso un problema, alla cui soluzione si sono cimentati studiosi e docenti della materia. Tale difficoltà va ricercata nella natura stessa della disciplina, che non può fare a meno di dispensare informazioni di natura giuridica in corsi di studio a carattere bio medico, e informazione di natura bio medica in settori di competenza giuridica, o sociologica. Le scienze medico legali implicano attività di ricerca, didattica e formazione, con assolute esigenze di collaborazione con altre figure professionali in ambito clinico, psico sociale, giuridico e biologico in generale. Sempre più di frequente, infatti, l attività medico legale necessita del supporto di altre discipline soprattutto nel caso di indagini eseguite in seguito a fatti criminosi o disastri di massa quali l antropologia, l archeologia e l odontologia forensi, la balistica, così come l entomologia e la botanica. Non secondarie le implicazioni con l ambito della comunicazione e dei linguaggi, gli aspetti e i problemi economici e finanziari dell assistenza e delle assicurazioni, la psicologia e la grafologia. Scorrendo la trattistica di questa disciplina, ognuno potrà comprendere che, se considerevole è stato il contributo fornito soprattutto in questo secolo dalle scienze mediche e biologiche all evoluzione del diritto e alla corretta applicazione delle norme giuridiche a contenuto biologico, non meno la scienza biomedica è debitrice del diritto. Essenziale è infatti il contributo dei giuristi per la normativa e la giurisprudenza di riferimento in ambito di medicina legale penalistica, civilistica, assicurativa, penitenziaria, così come per la comunicazione, le investigazioni, la formazione della prova nel processo penale. Affrontare questi temi misurandosi con le esigenze degli studenti di corsi di laurea molto diversi tra loro non è compito facile, anche perché i numerosi testi e manuali sono per lo più organizzati in forma tradizionale, più adatti ad una formazione biomedica. Con un approccio multidisciplinare, che tenga conto dell evoluzione che la disciplina ha avuto negli ultimi decenni, ma che sia soprattutto adatto per una formazione professionale a base sociologica, il testo cerca di offrire una panoramica dei campi di applicazione della biologia forense, con

13 Introduzione 13 particolare attenzione agli aspetti fondamentali per un percorso di studi improntato sulle investigazioni e la sicurezza: analisi della scena del crimine, importanza del rigore metodologico già in fase di sopralluogo giudiziario e nell analisi dei reperti biologici; seguono le applicazioni classiche della tanatologia forense all esame della vittima (determinazione dell epoca e delle cause di morte, compatibilità tra lesioni e armi utilizzate, identificazione). In tale ambito vengono forniti principi di balistica, ma anche di entomologia e botanica forensi, discipline di più recente inserimento nelle indagini forensi. Per quanto riguarda l identificazione, viene fornita una visione d insieme circa le tecniche attualmente disponibili, che si riferiscono sia al riconoscimento di aspetti biometrici che all identificazione genetica. Parte del lavoro è dedicate ai temi comuni a qualsiasi attività professionale professionale, quali la basi della responsabilità, civile e penale, e ad argomenti specifici della medicina legale, come la valutazione del danno alla persona, gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali. L ultima parte è dedicate ai principi della tossicologia forense, con i relativi campi di applicazione, e al diritto alla salute in ambito di detenzione carceraria, argomento quest ultimo di estrema attualità, non solo per le implicazione di carattere medico, ma anche per i risvolti psico sociali. Per quanto concerne l ambito giuridico, l obiettivo è quello di coordinare le attività di consulenti e periti con le esigenze del diritto: l amministrazione della giustizia ricorre infatti ormai sempre più di frequente all evidenza scientifica per sviluppare le prove nel processo penale o civile. Tutta la medicina legale è in fondo impegnata in questo generale contesto, nel quale trova alcune tra le più essenziali ragioni della propria identità come disciplina scientifica. Lo studente riceverà dunque nozioni di diritto relativamente alle modalità di sopralluogo giudiziario, e alle procedure di raccolta e conservazione dei campioni in sequestro; verranno descritte le procedure analitiche con valore di prova nei vari campi di applicazione identificazione personale, genetica, tossicologia, patologia medico legale e forniti gli elementi legislativi indispensabili per l esercizio professionale di consulente o perito. Ma l obiettivo principale del lavoro è diffondere in modo chiaro e comprensibile i concetti di base, in un settore in cui le informazioni sono molteplici e spesso difficili da comprendere in percorsi formativi di estrazione umanistica.

14

15 Capitolo I Sviluppo, complessità ed esercizio della Medicina legale 1.1. La Medicina legale: definizione La medicina legale è una disciplina a contenuto e carattere estremamente polimorfo, della quale è difficile persino tentare di fornire una definizione unitaria. Tra le numerose e spesso imperfette definizioni, possiamo riportare quella di Gerin, per il quale essa rappresenta quella disciplina che avvalendosi delle conoscenze mediche porta il suo contributo alla elaborazione, alla retta interpretazione e alla esatta applicazione di determinati precetti giuridici nonchè alla soluzione di casi concreti 1 ; e ancora potremmo ricordare quella di Gabriele Tourdes 2, che la definisce l applicazione delle conoscenze mediche e biologiche alle questioni che concernono il diritto e i doveri degli uomini riuniti in società. Pur nella difficoltà di fornirne una definizione adeguata, la medicina legale costituisce il punto d incontro fra il sapere biomedico e quello giuridico, e può essere definita come il complesso delle conoscenze biologico cliniche suscettibili di applicazione entro tutto il sistema del diritto. Questa disciplina ha una straordinaria importanza dal punto di vista dottrinale ed etico, derivante dalla funzione di mediare le informazioni che provengono da tutte le discipline biomediche verso la loro corretta applicazione in ambito giuridico. Tale funzione è 1. C. GERIN, F. ANTONIOTTI, S. MERLI, Medicina legale e delle assicurazioni, Società Editrice Universo, Roma, G. TOURDES, E. METZQER, Traité de médecine légale théorique et pratique, Paris, Asselin et Houzeau,

16 16 Medicina legale e Biologia forense nell Investigazione e nella Sicurezza dunque strettamente correlata con l evoluzione che il diritto penale e civile hanno avuto nel nostro ordinamento giuridico. Le leggi, espressione del modo di gestire i rapporti fra gli individui e tra questi e lo Stato, subiscono variazioni nel tempo in accordo al diversificarsi delle necessità socio culturali. Il passaggio dal Codice Zanardelli, in vigore dal 1870 al 1903, al Codice Rocco, varato nel 1930, ha comportato, a titolo di esempio, una diversa impostazione del diritto penale nei confronti del reato: esso accoglie la teoria secondo la quale si deve considerare non soltanto il reato, ma anche la condizione del reo. Questo significa che si deve valutare anche la situazione, le circostanze esterne e la psicologia del colpevole, frutto quest ultima di condizionamenti ambientali e genetiche, nonché delle inevitabili influenze politiche ed economiche del periodo storico e dell ambiente geografico in cui vive Cenni storici La medicina legale ha origini antichissime: le prime tracce si riscontrano a partire dal 2700 a.c. in Egitto; presso gli Egizi veniva esercitata l attività peritale e anche presso i Romani; in Mesopotamia il codice di leggi dei Sumeri ( ) prevedeva risarcimenti in caso di lesioni personali; famosissimo il babilonese Codice di Hammurabi ( ), le cui leggi trattano problemi relativi alla violenza carnale, all aborto, alla paternità e alla responsabilità professionale in caso di morte o lesione 3. Non si può ancora parlare di una medicina legale qualificata, anche perché allora la figura stessa del medico non era ben definita sul piano dell autonomia come professione, ma si confondeva con quella del filosofo, del sacerdote, persino del mago o dello stregone. Presso gli Ebrei sia nelle leggi di Mosè che in quelle successive del Talmud si riscontravano nozioni medico legali e severe leggi in tema di igiene pubblica. Nell antica Grecia nascono i principi di Etica medica e di Deontologia. Norme procedurali ben disciplinate per 3. Nel paragrafo 218 della legge di Hammurabi si riporta: «Se un medico ha eseguito un difficile intervento col coltello di bronzo ed ha provocato la morte del soggetto gli si tagli la mano».

17 I. Sviluppo, complessità ed esercizio della Medicina legale 17 l accertamento medico legale entrano in vigore nell Egitto greco romano a partire dal I secolo d.c.. Il Codice Giustiniano ( d.c.) prevede la collaborazione di esperti medici in problemi di natura giuridica. Nel medioevo la giurisprudenza ecclesiastica considerava la perizia medica un indagine necessaria nei casi di follia. Nell evoluzione storica della medicina legale come scienza autonoma hanno contribuito alcuni scienziati, cui si deve il merito di aver affrontato con spirito critico i pregiudizi relativi a mostri e stregonerie. Tra di essi ricordiamo Gian Filippo Ingrassia ( ), che fondò la medicina pubblica, quella legale e la polizia sanitaria; Fortunato Fedeli ( ), per avere compendiato in quattro libri ogni tipo di relazione sui referti che i medici sono chiamati a presentare nelle cause e nei processi per danno fisico a persone; ma soprattutto Paolo Zacchia ( ), che, con le sue Quaestiones Medico legales, pubblicò un opera che rimase il testo ufficiale della medicina legale per quasi duecento anni. Ma fu a partire dal 1800 che questa scienza entrò definitivamente nella istituzione universitaria e nella prassi giudiziaria, in quanto la rivoluzione industriale portò ad un incremento notevole degli infortuni connessi all impiego delle macchine e a nuovi ritmi e metodi di produzione, dando così, impulso allo sviluppo della medicina previdenziale, della medicina infortunistica, della medicina assicurativa, della medicina del lavoro. Nell ambito della disciplina si delinearono diversi filoni di ricerche e applicazioni, il cui sviluppo fu condizionato dall evoluzione del pensiero giuridico, dalla riforma dei codici, dal continuo progresso scientifico in campo medico e tecnologico. Al proposito vanno menzionati gli studi di Cesare Lombroso ( ) nel campo dell antropologia criminale e di Lorenzo Borri ( ) nel settore dell infortunistica. Lombroso fu uno dei principali rappresentanti del positivismo italiano, e le sue tesi ebbero larga risonanza negli ambienti giuridici e criminologici europei e sudamericani. Nonostante i suoi gravi limiti, riassumibili nell interpretazione aprioristicamente patologistica e organicistica della condotta criminale, l opera lombrosiana ebbe il merito di sostituire al tradizionale studio astratto del delitto lo studio concreto del delinquente, aprendo la strada alle più moderne e articolate formulazioni della psicologia criminale. In quegli stessi anni

18 18 Medicina legale e Biologia forense nell Investigazione e nella Sicurezza si affermano le Scuole di Torino, Firenze, Genova, Roma, Siena, con diramazioni fiorenti in tutte le sedi universitarie italiane Nei primi anni del 900, Salvatore Ottolenghi, grande cultore di antropologia criminale, fondò il primo istituto di medicina legale dell Università di Roma e istituì inoltre la Scuola Superiore di Polizia Scientifica, che contribuì allo sviluppo dell antropologia criminale, orientando gli interessi degli studiosi sull autore del reato e sulla sua pericolosità. Da allora la medicina legale come scienza autonoma non ha fatto che progredire, contestualmente all evolversi del diritto e della biologia, non di rado influenzando e provocando innovazioni e indirizzi legislativi Campi di applicazione In epoca moderna, la medicina legale ha avuto un notevole sviluppo in tutti i settori che la costituiscono e fra essi: l Etica medica e la Bioetica; la Patologia e Traumatologia forense; la Tossicologia forense; la Balistica forense; la Medicina previdenziale; la Criminologia clinica; la Psichiatria forense; la Medicina delle Assicurazioni Private; l Identificazione personale; la Responsabilità professionale; la Valutazione del danno alla persona. Il medico legale può svolgere attività peritale o di consulenza tecnica con valutazione del danno alla persona in ambito penale (lesioni personali, omicidio) o civile (danni alla persona a causa di incidenti stradali), in ambito infortunistico INAIL (infortunio sul lavoro o malattie professionali), in ambito previdenziale (invalidità o inabilità INPS), o di sicurezza sociale (certificazioni per il riconoscimento della invalidità civile, handicap, ecc.), in tema di responsabilità professionale (responsabilità medica). A prescindere

19 I. Sviluppo, complessità ed esercizio della Medicina legale 19 dall ambito nel quale si esprime una valutazione, le regole dalle quali non si può prescindere sono fondamentalmente due: 1 il rigorismo obiettivo del metodo; 2 la conoscenza del rapporto giuridico cui il fatto si riferisce. Il principio di obiettività impone di essere rigorosamente aderente alla realtà dei dati, siano essi clinici, tanatologici o di laboratorio. La valutazione dei dati e la formulazione dei giudizi definitivi dovranno fondarsi su motivazioni logiche e plausibili, che tengano conto dei reperti, segni e dati obiettivi riscontrati, della documentazione medica a disposizione e delle più accreditate conoscenze scientifiche, concernenti il caso trattato. Il medico legale dovrà inoltre condurre tutte le indagini tenendo conto delle norme giuridiche di volta in volta interessate dallo specifico caso, come, a titolo di esempio, nel caso degli accertamenti ripetibili o irripetibili La determinazione del nesso di causa Il nesso di casualità esprime il rapporto che intercorre tra un fatto e l azione o omissione che può averlo determinato, e rappresenta il presupposto giuridico indispensabile affinché un individuo possa essere chiamato a rispondere di un fatto previsto dalla legge come reato. L art. 40 c.p. Rapporto di casualità infatti recita che Nessuno può essere punito per un fatto preveduto dalla legge come reato, se l evento dannoso o pericoloso, da cui dipende l esistenza del reato, non è conseguenza della sua azione o omissione. Non impedire un evento che si ha l obbligo giuridico di impedire equivale a cagionarlo. Nella concezione prevalente, la causa è considerata come l antecedente necessario e sufficiente a produrre l effetto. Tale rapporto deve essere considerato in generale come una serie di anelli che formano una catena: ogni anello trasmette uno stimolo a quello successivo; il primo rappresenta l evento lesivo iniziale e l ultimo rappresenta l evento di danno finale; dal punto di vista giuridico e medico legale tutti gli anelli intermedi sono importanti, poiché ciascuno

20 20 Medicina legale e Biologia forense nell Investigazione e nella Sicurezza di essi può essere stato provocato, o agevolato da una condotta umana illecita. Nella valutazione del rapporto di casualità materiale, spesso sono molteplici i fattori che intervengono nella genesi stessa del fatto, altri ne possono modificare l esito finale, altri ancora ne possono imprimere o meno una valenza giuridica. È dunque di estrema importanza distinguere quando si può parlare di causa unica e quando di concause. Secondo quanto sancito nell art. 41 c.p. Concorso di cause Il concorso di cause preesistenti o simultanee o sopravvenute, anche se indipendenti dall azione o omissione del colpevole, non esclude il rapporto di causalità fra l azione od omissione e l evento. Le cause sopravvenute escludono il rapporto di casualità quando sono state da sole sufficienti a determinare l evento. In tal caso, se l azione od omissione precedentemente commessa costituisce di per sé un reato, si applica la pena per questo stabilita. Le disposizioni precedenti si applicano anche quando la causa preesistente o simultanea o sopravvenuta consiste nel fato illecito altrui. Tale articolo stabilisce che le cause concorrenti hanno lo stesso valore della causa unica, purché siano state tutte necessarie al determinarsi dell evento. Dovranno inoltre distinguersi i concetti di causa prossima, con la quale si identifica la causa che temporalmente è intervenuta per ultima nel determinismo di un evento e di causa adeguata, con la quale invece si fa riferimento per lo più alla valenza qualitativa della causa, ovvero all efficacia della stessa a determinare uno specifico evento. Più spesso, tuttavia, è possibile riconoscere multipli antecedenti causali che hanno contribuito al determinismo di uno specifico evento; si tratta in pratica di condizioni necessarie, ma non sufficienti singolarmente. Tali cause vengono definite concause e possono rendersi responsabili di un evento in misura differente. L importanza di conoscere tutte gli antecedenti causali scaturisce dalla necessità di definire le singole responsabilità degli agenti ed eventualmente graduarne la pena. L articolo 41, inoltre, stabilisce che la concausa non interrompe il rapporto causa effetto fra l illecito commesso e il danno provocato e quindi l autore di una concausa risponde del danno cagionato, anche se a esso partecipano altre concause. Infatti viene considerata come causa qualsiasi condizione senza la quale l evento non si

21 I. Sviluppo, complessità ed esercizio della Medicina legale 21 sarebbe verificato. In alcuni casi, tuttavia, può non essere semplice fare una distinzione, e accertare di conseguenza le responsabilità. Supponiamo, a titolo di esempio, il caso di un soggetto che si stia recando in ospedale per lesioni lievi provocate da terzi e che, durante il tragitto, venga coinvolto in un incidente stradale mortale; può la lesione iniziale ( l illecito che ha iniziato la sequenza causale), quindi il responsabile, essere considerato concausa dell evento morte? d altra parte però, le lesioni riportate nel corso dell incidente stradale, sono state di per sé sufficienti a determinare il decesso e costituiscono una situazione idonea a interrompere il nesso di causalità. Secondo un comune orientamento in questi casi si è portati ad assolvere il responsabile del primo evento, dal momento che la causa che ha portato alla morte non è, in senso clinico, la ferita iniziale, anche se senza di essa il paziente non si sarebbe recato in ospedale e non avrebbe avuto l incidente mortale. In un altro caso, come ad esempio una lesione da arma da fuoco a un braccio, essa può rappresentare il primo anello nella fenomenologia lesiva di un evento, non necessariamente pericolosa per la vita; tuttavia, se il soggetto dovesse essere emofiliaco o immunodepresso anche una lesione lieve può rivelarsi grave in quanto idonea a peggiorare notevolmente la prognosi di un soggetto. Altri aspetti che vanno considerati sono: a) la condizione, ovvero ogni presupposto necessario affinché la causa produca un determinato effetto solo che talvolta è difficile distinguere una condizione da una concausa preesistente; b) l occasione, ovvero un evento non necessario sostituibile e normalmente non sufficiente a produrre l effetto, che è sproporzionato rispetto all azione. La nozione deve essere tuttavia distinta da quella racchiusa nell espressione in occasione del lavoro usata, come vedremo in ambito infortunistico, per il quale ha un significato di ambito, di luogo, di tempo e di finalità dell azione da cui scaturisce l infortunio.

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale A cura di: - Inail Direzione Regionale Lombardia - Regione Lombardia - Direzione Generale Sanità Documento realizzato nell ambito della

Dettagli

Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14)

Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14) Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14) Curriculum in Consulente del lavoro PIANO DI STUDIO COORTE DI RIFERIMENTO A.A. 2014-2015 I anno II anno IUS 01 - Istituzioni

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

«OLTRE OGNI RAGIONEVOLE DUBBIO» Commenti e Atti di processi celebri raccolti da Alfredo Gaito, Giorgio Spangher e Paolo Tonini

«OLTRE OGNI RAGIONEVOLE DUBBIO» Commenti e Atti di processi celebri raccolti da Alfredo Gaito, Giorgio Spangher e Paolo Tonini «OLTRE OGNI RAGIONEVOLE DUBBIO» Commenti e Atti di processi celebri raccolti da Alfredo Gaito, Giorgio Spangher e Paolo Tonini 1 Direzione Alfredo GAITO Sapienza Università di Roma Giorgio SPANGHER Sapienza

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Molti sono i reati che confinano con quello di cui all articolo 572 del codice penale. Si tratta di fattispecie penali che possono avere

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari

DIPARTIMENTO DI SCIENZE NEUROLOGICHE E PSICHIATRICHE Eugenio Ferrari Decreto Direttoriale n. 51 del 20.06.2011 SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO INDIVIDUALE CON CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA VISTA DEL

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it FRANCESCO DOMENICO CAPIZZI IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione medico-malato IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione

Dettagli

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Varenna - 27.09.2014 a cura dr. S. Fucci - giurista e bioeticista - sefucci@tiscali.it La relazione

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

Contesti ceramici dai Fori Imperiali

Contesti ceramici dai Fori Imperiali Contesti ceramici dai Fori Imperiali a cura di BAR International Series 2455 2013 Published by Archaeopress Publishers of British Archaeological Reports Gordon House 276 Banbury Road Oxford OX2 7ED England

Dettagli

Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto

Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto Nel lento e accidentato percorso verso un diritto penale minimo, l opportunità di introdurre anche nel procedimento ordinario,

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Giuseppe Carci La mobilità universitaria tra dispersione e riorientamento Con

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Prefazione alla II edizione

Prefazione alla II edizione Prefazione alla II edizione La seconda edizione di questo testo mantiene tutte le caratteristiche della prima edizione, progettata in modo specifico per i corsi semestrali della Laurea Magistrale in Fisica:

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04. ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.2008) TITOLO

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA Genetisti Forensi Italiani (Ge.F.I) Presidente Prof. Francesco De Stefano

ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA Genetisti Forensi Italiani (Ge.F.I) Presidente Prof. Francesco De Stefano Vice ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA (Ge.F.I) Presidente LINEE GUIDA PER LA REPERTAZIONE DI TRACCE BIOLOGICHE PER LE ANALISI DI GENETICA FORENSE NEL PERCORSO ASSISTENZIALE DELLE VITTIME DI VIOLENZA SESSUALE E/O

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici

Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici Documento di accompagnamento: mediane dei settori non bibliometrici 1. Introduzione Vengono oggi pubblicate sul sito dell ANVUR e 3 tabelle relative alle procedure dell abilitazione scientifica nazionale

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

Art. 3. Codice disciplinare

Art. 3. Codice disciplinare Art. 3 Codice disciplinare 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del D.Lgs.n.165

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

Università Vita~Salute San Raffaele

Università Vita~Salute San Raffaele Università Vita~Salute San Raffaele DECRETO RETTORALE N. 4185 IL RETTORE Visto lo Statuto dell'università Vita-Salute San Raffaele approvato con Decreto del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE AREA LAVORO E PREVIDENZA INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE (a cura di Ernesto Murolo) Indice QUANDO SI MANIFESTA UN INFORTUNIO SUL LAVORO...5 1. Se l infortunio ha prognosi fino a 3 giorni...5

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE Classe L2 Programmazione didattica a.a. 2014/2015 Per l anno accademico 2014-2015

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Salute e sicurezza sul lavoro: responsabilità amministrativa delle persone giuridiche

Salute e sicurezza sul lavoro: responsabilità amministrativa delle persone giuridiche Salute e sicurezza sul lavoro: responsabilità amministrativa delle persone giuridiche di Dario Soria (*) e Giuseppe Santucci (**) Per affrontare il problema della salute e sicurezza sul lavoro è necessario,

Dettagli

Guida per genitori, bambini e giovani

Guida per genitori, bambini e giovani Guida per genitori, bambini e giovani Conseils régionaux de préven on et de sécurité (CRPS) Italiano - luglio 2012 Département de la sécurité et de l environnement (DSE) Département de la forma on, de

Dettagli

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SUBINGRESSO NELL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI VENDITA SU AREE PUBBLICHE SIA DI TIPO A (su posteggi dati in concessione per dieci anni) SIA DI TIPO B (su qualsiasi area purché

Dettagli

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO.

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. ALLEGATO A PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. TITOLI ACCADEMICI VOTO DI LAUREA Medici Specialisti ambulatoriali, Odontoiatri,

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI LO STRUMENTO PER GESTIRE A 360 LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO, CON IL MOTORE DI RICERCA PIÙ INTELLIGENTE, L UNICO CHE TI CAPISCE AL VOLO. www.studiolegale.leggiditalia.it

Dettagli

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia

Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Legami familiari ed accesso alle professioni in Italia Michele Pellizzari, Gaetano Basso, Andrea Catania, Giovanna Labartino, Davide Malacrino e Paola Monti 1 Premessa Questo rapporto analizza il settore

Dettagli

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti Indice sommario Presentazione (di PAOLOEFISIO CORRIAS) 1 PARTE PRIMA Il contratto e le parti Capitolo I (di CLAUDIA SOLLAI) 13 Le fonti del contratto di agenzia 1. La pluralità di fonti. Il codice civile

Dettagli

INDICE. 8. Piano dell opera... 48

INDICE. 8. Piano dell opera... 48 INDICE INTRODUZIONE DELIMITAZIONE DELL OGGETTO DELLA RICERCA 1. Delimitazione del campo di osservazione e criteri selettivi delle fattispecie analizzate: premessa... 1 2. Legalità, singolarità e qualificazione

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

Lista dei Settori Concorsuali con i relativi settori scientifico disciplinari

Lista dei Settori Concorsuali con i relativi settori scientifico disciplinari Lista dei Settri Cncrsuali cn i relativi settri scientific disciplinari 01/A1 - LOGICA MATEMATICA E MATEMATICHE COMPLEMENTARI MAT/01 MAT/04 01/A2 - GEOMETRIA E ALGEBRA MAT/02 MAT/03 01/A3 - ANALISI MATEMATICA,

Dettagli

18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008

18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008 18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008 Informazioni generali Legge 22 aprile 1941, n. 633 più volte modificata modifiche disorganiche farraginosa in corso di revisione integrale (presentata bozza il 18.12.2007)

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro

PROGETTO REGIONALE IN-DIPENDENTI Per un effettivo reinserimento delle persone svantaggiate e la promozione della salute negli ambienti di lavoro REGIONE VENETO Assessorato alle Politiche Sociali, Volontariato, e Non-Profit Direzione Regionale per i Servizi Sociali - Servizio Prevenzione delle devianze D.G.R. 4019 del 30/12/2002 FONDO REGIONALE

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

COD. DOCENTE INSEGNAMENTO Nov-Dic ORA Aula FEB I ORA Aula F EB II ORA Aula

COD. DOCENTE INSEGNAMENTO Nov-Dic ORA Aula FEB I ORA Aula F EB II ORA Aula Le date degli appelli possono subire modifiche, e in tal caso vengono evidenziate con sfondo giallo. Conviene anche consultare il sito di Facoltà http://www.giurisprudenza.unimib.it alla voce "Appelli".

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO RELATIVE ALL ACQUISTO DI DIRITTI DI UTILIZZAZIONE DELLE IMMAGINI DELL ARCHIVIO FOTOGRAFICO ON-LINE DEL SISTEMA MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE Premesso che La Sovrintendenza

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Alessandra Aste Indirizzo VIA IS MIRRIONIS 92, 09121 CAGLIARI Telefono 070 6095934 3346152648 Fax 0706096059

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI

PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI COS E A CHI E RIVOLTA COSA OFFRE RC PROFESSIONALE È un programma assicurativo studiato per offrire una copertura completa e personalizzabile in base alle specifiche esigenze. Sono previste garanzie in

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli