MEDICINA LEGALE, CRIMINALISTICA E SCIENZE SOCIALI COLLANA INTERNAZIONALE DIRETTA DA FRANCESCO VINCI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MEDICINA LEGALE, CRIMINALISTICA E SCIENZE SOCIALI COLLANA INTERNAZIONALE DIRETTA DA FRANCESCO VINCI"

Transcript

1 MEDICINA LEGALE, CRIMINALISTICA E SCIENZE SOCIALI COLLANA INTERNAZIONALE DIRETTA DA FRANCESCO VINCI 9

2 Direttore Francesco VINCI Università degli Studi di Bari Aldo Moro Comitato scientifico Francesco VIMERCATI Già professore ordinario di Medicina Legale Università degli Studi di Bari Aldo Moro Francesco CAVONE Giudice unico Tribunale di Brindisi Sezione distaccata di Ostuni Nicoletta VENTURA Professore a contratto di Diritto penale minorile Università degli Studi di Bari Aldo Moro

3 MEDICINA LEGALE, CRIMINALISTICA E SCIENZE SOCIALI COLLANA INTERNAZIONALE DIRETTA DA FRANCESCO VINCI Questa Collana Internazionale è una raccolta di studi di significativo rilievo scientifico che affrontano, con rigore metodologico, argomenti a valenza multidisciplinare, importanti anche sul piano giudiziario. Corredati di bibliografia aggiornata e sovente, di iconografia a colori, i libri inseriti nella presente Collana costituiscono fonte di aggiornamento e di approfondimento per medici e giuristi, nonché validi strumenti didattici. I volumi pubblicati nella presente Collana editoriale sono stati valutati secondo il sistema di revisione tra pari. This International Series is a collection of relevants scientific studies which, with multidisciplinarys contribution and methodological rigour focus specifically on judicial matters. The books in this Series include the most recent bibliography, often colour image and constitute tools of improvement and update for doctors and jurists. The books published in this Series are blind peers reviewed.

4

5 Marina Dobosz Principi di Medicina legale e di Biologia forense nelle Scienze per l Investigazione e la Sicurezza

6 Il presente lavoro rientra nelle iniziative del CRISU (Centro di Ricerca in Sicurezza Umana), del Dipartimento di Scienze della formazione dell Università di Perugia. Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. via Raffaele Garofalo, 133/A B Roma (06) ISBN I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento anche parziale, con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi. Non sono assolutamente consentite le fotocopie senza il permesso scritto dell Editore. I edizione: ottobre 2013

7 Indice 11 Introduzione 15 Capitolo I Sviluppo, complessità ed esercizio della Medicina legale 1.1. La Medicina legale: definizione, Cenni storici, Campi di applicazione, La determinazione del nesso di causa, Criteriologia medico legale, Capitolo II Il reato 2.1. Definizione, Classificazione dei reati, L elemento psicologico del reato, Cause di giustificazione del reato, Cause di esclusione della colpevolezza, L imputabilità, Il ruolo delle neuroscienze nel giudizio di imputabilità, I delitti contro la persona, Percosse e lesioni personali, L omicidio, Il reato di violenza sessuale, Capitolo III La capacità di agire 3.1. Capacità giuridica e capacità di agire, Interdizione, inabilitazione, amministrazione di sostegno, L incapacità naturale, Circonvenzione di persona incapace, Capitolo IV Analisi della scena del crimine 4.1. Il Codice Vassalli: coordinamento delle indagini, Il sopralluogo giudiziario, I rilievi, Esame del cadavere, Analisi delle tracce ematiche (Bloodstain Pattern Analysis), Repertazione e conservazione, La catena di custodia, 72. 7

8 8 Indice 75 Capitolo V Principi di Tanatologia e Patologia forense 5.1. La Tanatologia forense: definizione, Accertamento e circostanze della morte, Fenomeni cadaverici, Fenomeni abiotici, Fenomeni trasformativi, Forme particolari di decomposizione, Fondamenti di Patologia forense, Lesioni da corpo contundente, Le ferite lacero contuse, Lesioni da arma bianca, Lesioni da arma da fuoco, Le armi da fuoco: definizione, Caratteristiche delle lesioni, Morti per asfissia, Soffocamento, Impiccamento, Strozzamento, Strangolamento, Capitolo VI Entomologia e Botanica forense 6.1. L Entomologia forense, Definizione, Campi di applicazione, Brevi note di Zoologia, Cenni storici, Insetti rinvenibili sui cadaveri, Tecniche per la classificazione e modalità di prelievo, Gli strumenti dell entomologo forense, La Botanica forense, La Palinologia forense, La Limnologia forense, La Dendrocronologia, Capitolo VII L identificazione personale 7.1. Definizione, Identificazione biometrica, Le impronte digitali, Analisi della voce, Riconoscimento dell iride e della retina, Analisi della geometria della mano, Analisi dell orecchio, Indagini grafiche, La ricostruzione facciale, Cenni di Archeologia, Antropologia e Odontologia forense, Archeologia forense, Determinazione del genere di appartenenza, Determinazione dell età, Etnia di provenienza, Determinazione della statura, Odontologia forense, Capitolo VIII L identificazione genetica 8.1. Cenni sulla struttura e l organizzazione del genoma umano, Il DNA, I polimorfismi genetici, I polimorfismi e il fingerprint genetico, La Polymerase Chain Reaction e gli Short Tandem Repeats, Il DNA mitocondriale, Il Cromosoma Y, Il Cromosoma X, 157.

9 159 Capitolo IX La prova scientifica nelle indagini giudiziarie Indice Criteri di ammissibilità, Consulenti e periti nel nostro sistema giudiziario, La Consulenza Tecnica d Ufficio nel Processo civile, Consulenza e perizia nel processo penale, Le indagini difensive, L International Society of Forensic Genetics (ISFG), I Genetisti Forensi Italiani (GeFI), Capitolo X L analisi dei dati Verifica della paternità biologica, Filiazione legittima, Filiazione naturale, Il test di laboratorio, Estrazione del DNA, Amplificazione, Separazione dei frammenti: l elettroforesi capillare, I risultati del test, Paternità esclusa, Paternità compatibile: la probabilità di paternità, Altri esempi di inferenza mediante analisi parentali, I casi difettivi : i Sistemi Esperti Probabilistici, L uso improprio della genetica forense, L Innocence Project, Capitolo XI L identificazione genetica animale Responsabilità giuridica in caso di danno cagionato da animali, Responsabilità civile, Responsabilità penale, Normativa italiana in materia di possesso di animale domestico, Le indagini forensi, Pecularietà delle lesioni, Metodiche di identificazione, Capitolo XII Gli errori e la qualità L errore, Normativa sulla qualità: la certificazione, L accreditamento secondo la Norma UNI CEI ISO/IEC 17025, Banche dati forensi: esempi europei, La situazione italiana: la L. 85/2009, La ricerca scomparsi, Censimento di cadaveri sconosciuti: il modello americano, La situazione italiana: SDI e scheda Ri.SC., Legge n. 203 del 14 novembre 2012 Disposizioni per la ricerca delle persone scomparse, Linee guida, 230.

10 10 Indice 233 Capitolo XIII Il danno alla persona Il danno risarcibile, La valutazione medico legale del danno alla persona in sede civile, Infortunio sul lavoro e le malattie professionali, Infortunio sul lavoro, Malattia professionale, Capitolo XIV La responsabilità professionale Responsabilità penale, Responsabilità civile, Dalla norma alla coscienza professionale, Capitolo XV Elementi di tossicologica forense La Tossicologia forense: definizione, Campi di applicazione, Caratteristiche delle sostanze tossiche, Classificazione dei tossici, Le sostanze stupefacenti, Gli oppiacei, I cannabinoidi, Le anfetamine, Gli allucinogeni, La cocaina, Le smart drugs, L indagine tossicologica, Analisi sul vivente, Indagine su cadavere, Normativa vigente, Imputabilità del tossicodipendente, Intossicazione da alcool, Alcol, droga e Codice della Strada, Capitolo XVI Medicina legale e carcere Il diritto alla salute del detenuto, Compatibilità delle condizioni di salute con il regime carcerario, Responsabilità in ambito penitenziario, Il ruolo del medico penitenziario, Bibliografia 299 Ringraziamenti

11 Introduzione Nel corso degli ultimi anni il progresso tecnologico ha raggiunto livelli di sviluppo talmente rivoluzionari rispetto alle tecniche di indagine tradizionali, che consente di pervenire a risultati in precedenza inimmaginabili. Nel nostro iter processuale accade, dunque, sempre più di frequente che gli organi inquirenti abbiano la necessità di ricorrere a strumenti che si rifanno alla tecnologia, alla scienza. Oggi le Forze di Polizia in sede di indagini preliminari, e i magistrati in fase di istruzione di un procedimento penale, hanno a disposizione strumenti di indagine dalle almeno in linea teorica illimitate e notevoli potenzialità; in alcuni casi, tuttavia, le eccessive aspettative legate alla nuova scienza portano a sottovalutare elementi di prova più tradizionali, e a decisioni giudiziarie poco condivisibili. Tutto questo rischia spesso conduce a situazioni di fuori controllo, finendo con l alimentare il mito della certezza : certezza della evidence e certezza correlata del giudizio. Il confronto di questo mito con la realtà del mondo giudiziario porta a conclusioni forse un po diverse ed alla consapevolezza che l investigazione è ancora oggi il tentativo sempre fallibile di ridurre l incertezza. Non bisogna infatti dimenticare che, a fronte di questo straordinario sviluppo tecnologico, che si impone in praticamente tutti i campi che la biologia mette al servizio delle scienze forensi, dovrebbero corrispondere adeguati percorsi di formazione e verifica professionale degli operatori, cosa che non sempre si verifica. Per quanto concerne le investigazione a carattere biologico che possono fornire elementi di prova da utilizzare in ambito processuale, il percorso formativo parte dalla scena del crimine, la cui analisi deve essere condotta con un approccio metodologico estremamente rigoroso, dalle descrizioni a carattere più generale fino ai minimi particolari. Discorso analogo per tutte le indagini che potranno contribuire a identificare eventuali vittime, ricostruire i fatti, individuare il o i responsabili. In questo contesto, anche le figure professionali 11

12 12 Introduzione coinvolte possono essere molteplici, dal personale tecnico in servizio presso le Forze di Polizia, al medico legale, coadiuvato quest ultimo non di rado da esperti in altre discipline scientifiche. L insegnamento della Medicina legale, i cui presupposti essenziali la collocano in una posizione di ponte tra la biologia e il diritto, costituisce spesso un problema, alla cui soluzione si sono cimentati studiosi e docenti della materia. Tale difficoltà va ricercata nella natura stessa della disciplina, che non può fare a meno di dispensare informazioni di natura giuridica in corsi di studio a carattere bio medico, e informazione di natura bio medica in settori di competenza giuridica, o sociologica. Le scienze medico legali implicano attività di ricerca, didattica e formazione, con assolute esigenze di collaborazione con altre figure professionali in ambito clinico, psico sociale, giuridico e biologico in generale. Sempre più di frequente, infatti, l attività medico legale necessita del supporto di altre discipline soprattutto nel caso di indagini eseguite in seguito a fatti criminosi o disastri di massa quali l antropologia, l archeologia e l odontologia forensi, la balistica, così come l entomologia e la botanica. Non secondarie le implicazioni con l ambito della comunicazione e dei linguaggi, gli aspetti e i problemi economici e finanziari dell assistenza e delle assicurazioni, la psicologia e la grafologia. Scorrendo la trattistica di questa disciplina, ognuno potrà comprendere che, se considerevole è stato il contributo fornito soprattutto in questo secolo dalle scienze mediche e biologiche all evoluzione del diritto e alla corretta applicazione delle norme giuridiche a contenuto biologico, non meno la scienza biomedica è debitrice del diritto. Essenziale è infatti il contributo dei giuristi per la normativa e la giurisprudenza di riferimento in ambito di medicina legale penalistica, civilistica, assicurativa, penitenziaria, così come per la comunicazione, le investigazioni, la formazione della prova nel processo penale. Affrontare questi temi misurandosi con le esigenze degli studenti di corsi di laurea molto diversi tra loro non è compito facile, anche perché i numerosi testi e manuali sono per lo più organizzati in forma tradizionale, più adatti ad una formazione biomedica. Con un approccio multidisciplinare, che tenga conto dell evoluzione che la disciplina ha avuto negli ultimi decenni, ma che sia soprattutto adatto per una formazione professionale a base sociologica, il testo cerca di offrire una panoramica dei campi di applicazione della biologia forense, con

13 Introduzione 13 particolare attenzione agli aspetti fondamentali per un percorso di studi improntato sulle investigazioni e la sicurezza: analisi della scena del crimine, importanza del rigore metodologico già in fase di sopralluogo giudiziario e nell analisi dei reperti biologici; seguono le applicazioni classiche della tanatologia forense all esame della vittima (determinazione dell epoca e delle cause di morte, compatibilità tra lesioni e armi utilizzate, identificazione). In tale ambito vengono forniti principi di balistica, ma anche di entomologia e botanica forensi, discipline di più recente inserimento nelle indagini forensi. Per quanto riguarda l identificazione, viene fornita una visione d insieme circa le tecniche attualmente disponibili, che si riferiscono sia al riconoscimento di aspetti biometrici che all identificazione genetica. Parte del lavoro è dedicate ai temi comuni a qualsiasi attività professionale professionale, quali la basi della responsabilità, civile e penale, e ad argomenti specifici della medicina legale, come la valutazione del danno alla persona, gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali. L ultima parte è dedicate ai principi della tossicologia forense, con i relativi campi di applicazione, e al diritto alla salute in ambito di detenzione carceraria, argomento quest ultimo di estrema attualità, non solo per le implicazione di carattere medico, ma anche per i risvolti psico sociali. Per quanto concerne l ambito giuridico, l obiettivo è quello di coordinare le attività di consulenti e periti con le esigenze del diritto: l amministrazione della giustizia ricorre infatti ormai sempre più di frequente all evidenza scientifica per sviluppare le prove nel processo penale o civile. Tutta la medicina legale è in fondo impegnata in questo generale contesto, nel quale trova alcune tra le più essenziali ragioni della propria identità come disciplina scientifica. Lo studente riceverà dunque nozioni di diritto relativamente alle modalità di sopralluogo giudiziario, e alle procedure di raccolta e conservazione dei campioni in sequestro; verranno descritte le procedure analitiche con valore di prova nei vari campi di applicazione identificazione personale, genetica, tossicologia, patologia medico legale e forniti gli elementi legislativi indispensabili per l esercizio professionale di consulente o perito. Ma l obiettivo principale del lavoro è diffondere in modo chiaro e comprensibile i concetti di base, in un settore in cui le informazioni sono molteplici e spesso difficili da comprendere in percorsi formativi di estrazione umanistica.

14

15 Capitolo I Sviluppo, complessità ed esercizio della Medicina legale 1.1. La Medicina legale: definizione La medicina legale è una disciplina a contenuto e carattere estremamente polimorfo, della quale è difficile persino tentare di fornire una definizione unitaria. Tra le numerose e spesso imperfette definizioni, possiamo riportare quella di Gerin, per il quale essa rappresenta quella disciplina che avvalendosi delle conoscenze mediche porta il suo contributo alla elaborazione, alla retta interpretazione e alla esatta applicazione di determinati precetti giuridici nonchè alla soluzione di casi concreti 1 ; e ancora potremmo ricordare quella di Gabriele Tourdes 2, che la definisce l applicazione delle conoscenze mediche e biologiche alle questioni che concernono il diritto e i doveri degli uomini riuniti in società. Pur nella difficoltà di fornirne una definizione adeguata, la medicina legale costituisce il punto d incontro fra il sapere biomedico e quello giuridico, e può essere definita come il complesso delle conoscenze biologico cliniche suscettibili di applicazione entro tutto il sistema del diritto. Questa disciplina ha una straordinaria importanza dal punto di vista dottrinale ed etico, derivante dalla funzione di mediare le informazioni che provengono da tutte le discipline biomediche verso la loro corretta applicazione in ambito giuridico. Tale funzione è 1. C. GERIN, F. ANTONIOTTI, S. MERLI, Medicina legale e delle assicurazioni, Società Editrice Universo, Roma, G. TOURDES, E. METZQER, Traité de médecine légale théorique et pratique, Paris, Asselin et Houzeau,

16 16 Medicina legale e Biologia forense nell Investigazione e nella Sicurezza dunque strettamente correlata con l evoluzione che il diritto penale e civile hanno avuto nel nostro ordinamento giuridico. Le leggi, espressione del modo di gestire i rapporti fra gli individui e tra questi e lo Stato, subiscono variazioni nel tempo in accordo al diversificarsi delle necessità socio culturali. Il passaggio dal Codice Zanardelli, in vigore dal 1870 al 1903, al Codice Rocco, varato nel 1930, ha comportato, a titolo di esempio, una diversa impostazione del diritto penale nei confronti del reato: esso accoglie la teoria secondo la quale si deve considerare non soltanto il reato, ma anche la condizione del reo. Questo significa che si deve valutare anche la situazione, le circostanze esterne e la psicologia del colpevole, frutto quest ultima di condizionamenti ambientali e genetiche, nonché delle inevitabili influenze politiche ed economiche del periodo storico e dell ambiente geografico in cui vive Cenni storici La medicina legale ha origini antichissime: le prime tracce si riscontrano a partire dal 2700 a.c. in Egitto; presso gli Egizi veniva esercitata l attività peritale e anche presso i Romani; in Mesopotamia il codice di leggi dei Sumeri ( ) prevedeva risarcimenti in caso di lesioni personali; famosissimo il babilonese Codice di Hammurabi ( ), le cui leggi trattano problemi relativi alla violenza carnale, all aborto, alla paternità e alla responsabilità professionale in caso di morte o lesione 3. Non si può ancora parlare di una medicina legale qualificata, anche perché allora la figura stessa del medico non era ben definita sul piano dell autonomia come professione, ma si confondeva con quella del filosofo, del sacerdote, persino del mago o dello stregone. Presso gli Ebrei sia nelle leggi di Mosè che in quelle successive del Talmud si riscontravano nozioni medico legali e severe leggi in tema di igiene pubblica. Nell antica Grecia nascono i principi di Etica medica e di Deontologia. Norme procedurali ben disciplinate per 3. Nel paragrafo 218 della legge di Hammurabi si riporta: «Se un medico ha eseguito un difficile intervento col coltello di bronzo ed ha provocato la morte del soggetto gli si tagli la mano».

17 I. Sviluppo, complessità ed esercizio della Medicina legale 17 l accertamento medico legale entrano in vigore nell Egitto greco romano a partire dal I secolo d.c.. Il Codice Giustiniano ( d.c.) prevede la collaborazione di esperti medici in problemi di natura giuridica. Nel medioevo la giurisprudenza ecclesiastica considerava la perizia medica un indagine necessaria nei casi di follia. Nell evoluzione storica della medicina legale come scienza autonoma hanno contribuito alcuni scienziati, cui si deve il merito di aver affrontato con spirito critico i pregiudizi relativi a mostri e stregonerie. Tra di essi ricordiamo Gian Filippo Ingrassia ( ), che fondò la medicina pubblica, quella legale e la polizia sanitaria; Fortunato Fedeli ( ), per avere compendiato in quattro libri ogni tipo di relazione sui referti che i medici sono chiamati a presentare nelle cause e nei processi per danno fisico a persone; ma soprattutto Paolo Zacchia ( ), che, con le sue Quaestiones Medico legales, pubblicò un opera che rimase il testo ufficiale della medicina legale per quasi duecento anni. Ma fu a partire dal 1800 che questa scienza entrò definitivamente nella istituzione universitaria e nella prassi giudiziaria, in quanto la rivoluzione industriale portò ad un incremento notevole degli infortuni connessi all impiego delle macchine e a nuovi ritmi e metodi di produzione, dando così, impulso allo sviluppo della medicina previdenziale, della medicina infortunistica, della medicina assicurativa, della medicina del lavoro. Nell ambito della disciplina si delinearono diversi filoni di ricerche e applicazioni, il cui sviluppo fu condizionato dall evoluzione del pensiero giuridico, dalla riforma dei codici, dal continuo progresso scientifico in campo medico e tecnologico. Al proposito vanno menzionati gli studi di Cesare Lombroso ( ) nel campo dell antropologia criminale e di Lorenzo Borri ( ) nel settore dell infortunistica. Lombroso fu uno dei principali rappresentanti del positivismo italiano, e le sue tesi ebbero larga risonanza negli ambienti giuridici e criminologici europei e sudamericani. Nonostante i suoi gravi limiti, riassumibili nell interpretazione aprioristicamente patologistica e organicistica della condotta criminale, l opera lombrosiana ebbe il merito di sostituire al tradizionale studio astratto del delitto lo studio concreto del delinquente, aprendo la strada alle più moderne e articolate formulazioni della psicologia criminale. In quegli stessi anni

18 18 Medicina legale e Biologia forense nell Investigazione e nella Sicurezza si affermano le Scuole di Torino, Firenze, Genova, Roma, Siena, con diramazioni fiorenti in tutte le sedi universitarie italiane Nei primi anni del 900, Salvatore Ottolenghi, grande cultore di antropologia criminale, fondò il primo istituto di medicina legale dell Università di Roma e istituì inoltre la Scuola Superiore di Polizia Scientifica, che contribuì allo sviluppo dell antropologia criminale, orientando gli interessi degli studiosi sull autore del reato e sulla sua pericolosità. Da allora la medicina legale come scienza autonoma non ha fatto che progredire, contestualmente all evolversi del diritto e della biologia, non di rado influenzando e provocando innovazioni e indirizzi legislativi Campi di applicazione In epoca moderna, la medicina legale ha avuto un notevole sviluppo in tutti i settori che la costituiscono e fra essi: l Etica medica e la Bioetica; la Patologia e Traumatologia forense; la Tossicologia forense; la Balistica forense; la Medicina previdenziale; la Criminologia clinica; la Psichiatria forense; la Medicina delle Assicurazioni Private; l Identificazione personale; la Responsabilità professionale; la Valutazione del danno alla persona. Il medico legale può svolgere attività peritale o di consulenza tecnica con valutazione del danno alla persona in ambito penale (lesioni personali, omicidio) o civile (danni alla persona a causa di incidenti stradali), in ambito infortunistico INAIL (infortunio sul lavoro o malattie professionali), in ambito previdenziale (invalidità o inabilità INPS), o di sicurezza sociale (certificazioni per il riconoscimento della invalidità civile, handicap, ecc.), in tema di responsabilità professionale (responsabilità medica). A prescindere

19 I. Sviluppo, complessità ed esercizio della Medicina legale 19 dall ambito nel quale si esprime una valutazione, le regole dalle quali non si può prescindere sono fondamentalmente due: 1 il rigorismo obiettivo del metodo; 2 la conoscenza del rapporto giuridico cui il fatto si riferisce. Il principio di obiettività impone di essere rigorosamente aderente alla realtà dei dati, siano essi clinici, tanatologici o di laboratorio. La valutazione dei dati e la formulazione dei giudizi definitivi dovranno fondarsi su motivazioni logiche e plausibili, che tengano conto dei reperti, segni e dati obiettivi riscontrati, della documentazione medica a disposizione e delle più accreditate conoscenze scientifiche, concernenti il caso trattato. Il medico legale dovrà inoltre condurre tutte le indagini tenendo conto delle norme giuridiche di volta in volta interessate dallo specifico caso, come, a titolo di esempio, nel caso degli accertamenti ripetibili o irripetibili La determinazione del nesso di causa Il nesso di casualità esprime il rapporto che intercorre tra un fatto e l azione o omissione che può averlo determinato, e rappresenta il presupposto giuridico indispensabile affinché un individuo possa essere chiamato a rispondere di un fatto previsto dalla legge come reato. L art. 40 c.p. Rapporto di casualità infatti recita che Nessuno può essere punito per un fatto preveduto dalla legge come reato, se l evento dannoso o pericoloso, da cui dipende l esistenza del reato, non è conseguenza della sua azione o omissione. Non impedire un evento che si ha l obbligo giuridico di impedire equivale a cagionarlo. Nella concezione prevalente, la causa è considerata come l antecedente necessario e sufficiente a produrre l effetto. Tale rapporto deve essere considerato in generale come una serie di anelli che formano una catena: ogni anello trasmette uno stimolo a quello successivo; il primo rappresenta l evento lesivo iniziale e l ultimo rappresenta l evento di danno finale; dal punto di vista giuridico e medico legale tutti gli anelli intermedi sono importanti, poiché ciascuno

20 20 Medicina legale e Biologia forense nell Investigazione e nella Sicurezza di essi può essere stato provocato, o agevolato da una condotta umana illecita. Nella valutazione del rapporto di casualità materiale, spesso sono molteplici i fattori che intervengono nella genesi stessa del fatto, altri ne possono modificare l esito finale, altri ancora ne possono imprimere o meno una valenza giuridica. È dunque di estrema importanza distinguere quando si può parlare di causa unica e quando di concause. Secondo quanto sancito nell art. 41 c.p. Concorso di cause Il concorso di cause preesistenti o simultanee o sopravvenute, anche se indipendenti dall azione o omissione del colpevole, non esclude il rapporto di causalità fra l azione od omissione e l evento. Le cause sopravvenute escludono il rapporto di casualità quando sono state da sole sufficienti a determinare l evento. In tal caso, se l azione od omissione precedentemente commessa costituisce di per sé un reato, si applica la pena per questo stabilita. Le disposizioni precedenti si applicano anche quando la causa preesistente o simultanea o sopravvenuta consiste nel fato illecito altrui. Tale articolo stabilisce che le cause concorrenti hanno lo stesso valore della causa unica, purché siano state tutte necessarie al determinarsi dell evento. Dovranno inoltre distinguersi i concetti di causa prossima, con la quale si identifica la causa che temporalmente è intervenuta per ultima nel determinismo di un evento e di causa adeguata, con la quale invece si fa riferimento per lo più alla valenza qualitativa della causa, ovvero all efficacia della stessa a determinare uno specifico evento. Più spesso, tuttavia, è possibile riconoscere multipli antecedenti causali che hanno contribuito al determinismo di uno specifico evento; si tratta in pratica di condizioni necessarie, ma non sufficienti singolarmente. Tali cause vengono definite concause e possono rendersi responsabili di un evento in misura differente. L importanza di conoscere tutte gli antecedenti causali scaturisce dalla necessità di definire le singole responsabilità degli agenti ed eventualmente graduarne la pena. L articolo 41, inoltre, stabilisce che la concausa non interrompe il rapporto causa effetto fra l illecito commesso e il danno provocato e quindi l autore di una concausa risponde del danno cagionato, anche se a esso partecipano altre concause. Infatti viene considerata come causa qualsiasi condizione senza la quale l evento non si

21 I. Sviluppo, complessità ed esercizio della Medicina legale 21 sarebbe verificato. In alcuni casi, tuttavia, può non essere semplice fare una distinzione, e accertare di conseguenza le responsabilità. Supponiamo, a titolo di esempio, il caso di un soggetto che si stia recando in ospedale per lesioni lievi provocate da terzi e che, durante il tragitto, venga coinvolto in un incidente stradale mortale; può la lesione iniziale ( l illecito che ha iniziato la sequenza causale), quindi il responsabile, essere considerato concausa dell evento morte? d altra parte però, le lesioni riportate nel corso dell incidente stradale, sono state di per sé sufficienti a determinare il decesso e costituiscono una situazione idonea a interrompere il nesso di causalità. Secondo un comune orientamento in questi casi si è portati ad assolvere il responsabile del primo evento, dal momento che la causa che ha portato alla morte non è, in senso clinico, la ferita iniziale, anche se senza di essa il paziente non si sarebbe recato in ospedale e non avrebbe avuto l incidente mortale. In un altro caso, come ad esempio una lesione da arma da fuoco a un braccio, essa può rappresentare il primo anello nella fenomenologia lesiva di un evento, non necessariamente pericolosa per la vita; tuttavia, se il soggetto dovesse essere emofiliaco o immunodepresso anche una lesione lieve può rivelarsi grave in quanto idonea a peggiorare notevolmente la prognosi di un soggetto. Altri aspetti che vanno considerati sono: a) la condizione, ovvero ogni presupposto necessario affinché la causa produca un determinato effetto solo che talvolta è difficile distinguere una condizione da una concausa preesistente; b) l occasione, ovvero un evento non necessario sostituibile e normalmente non sufficiente a produrre l effetto, che è sproporzionato rispetto all azione. La nozione deve essere tuttavia distinta da quella racchiusa nell espressione in occasione del lavoro usata, come vedremo in ambito infortunistico, per il quale ha un significato di ambito, di luogo, di tempo e di finalità dell azione da cui scaturisce l infortunio.

1 - L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE SANITARIA. ELEMENTI DI ETICA MEDICA E IL CODICE DEONTOLOGICO

1 - L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE SANITARIA. ELEMENTI DI ETICA MEDICA E IL CODICE DEONTOLOGICO Indice INTRODUZIONE..................................................... XI Capitolo 1 - L ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE SANITARIA. ELEMENTI DI ETICA MEDICA E IL CODICE DEONTOLOGICO Generalità............................................................

Dettagli

SCIENZE GIURIDICHE ED ECONOMICO SOCIALI ANNO ACCADEMICO 2014-2015 CORSO DI LAUREA

SCIENZE GIURIDICHE ED ECONOMICO SOCIALI ANNO ACCADEMICO 2014-2015 CORSO DI LAUREA SCUOLA SCIENZE GIURIDICHE ED ECONOMICO SOCIALI ANNO ACCADEMICO 2014-2015 CORSO DI LAUREA GIURISPRUDENZA SEDE DI PALERMO MAGISTRALE INSEGNAMENTO MEDICINA LEGALE E DELLE ASSICURAZIONI AMBITO DISCIPLINARE

Dettagli

Criminalistica e scienze forensi - CA01

Criminalistica e scienze forensi - CA01 Denominazione Criminalistica e scienze forensi - CA01 Metodologia Workshop e laboratorio Edizione Seconda Periodo di svolgimento Sabato 14 e domenica 15 novembre 2009 (tutto il giorno) Ore complessive

Dettagli

Corso di Alta Formazione in Criminalistica Forense

Corso di Alta Formazione in Criminalistica Forense Bracco Investigation Srl CORSO DI FORMAZIONE Corso di Alta Formazione in Criminalistica Forense La prevenzione del crimine è un percorso che si deve affrontare in chiave multidisciplinare per affrontare

Dettagli

Federico Maurizio d Andrea La società per azioni e il suo sistema di controllo interno e di gestione dei rischi

Federico Maurizio d Andrea La società per azioni e il suo sistema di controllo interno e di gestione dei rischi A12 407 Federico Maurizio d Andrea La società per azioni e il suo sistema di controllo interno e di gestione dei rischi Gli attori che presidiano la control governance Copyright MMXII ARACNE editrice

Dettagli

Università degli Studi Roma Tre Dipartimento di Giurisprudenza

Università degli Studi Roma Tre Dipartimento di Giurisprudenza Università degli Studi Roma Tre Dipartimento di Giurisprudenza Master in Scienza e Tecnica delle Investigazioni Forensi (Master di II Livello) Indicazioni Generali Il Master nasce con lo scopo di formare

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari MASTER DI II LIVELLO IN PSICOLOGIA GIURIDICA E CRIMINOLOGIA

Università degli Studi di Cagliari MASTER DI II LIVELLO IN PSICOLOGIA GIURIDICA E CRIMINOLOGIA Università degli Studi di Cagliari MASTER DI II LIVELLO IN PSICOLOGIA GIURIDICA E CRIMINOLOGIA Facoltà di scienze della Formazione, Corsi di Laurea in Psicologia Facoltà di Giurisprudenza Premessa La proposta

Dettagli

pag. Presentazione... IX Ringraziamenti... XXIII Prefazione... XXV Introduzione... 1 Capitolo I IDENTIFICAZIONE GENETICA

pag. Presentazione... IX Ringraziamenti... XXIII Prefazione... XXV Introduzione... 1 Capitolo I IDENTIFICAZIONE GENETICA INDICE pag. Presentazione... IX Ringraziamenti... XXIII Prefazione... XXV Introduzione... 1 Capitolo I IDENTIFICAZIONE GENETICA 1.1. Il concetto d identificazione... 9 1.2. L identificazione nella storia....

Dettagli

Stefano Iuliani Non tutte le vittime sono uguali

Stefano Iuliani Non tutte le vittime sono uguali DIRITTO DI STAMPA 69 DIRITTO DI STAMPA Il diritto di stampa era quello che, nell università di un tempo, veniva a meritare l elaborato scritto di uno studente, anzitutto la tesi di laurea, di cui fosse

Dettagli

INDICE. Presentazione

INDICE. Presentazione INDICE Autore Presentazione XI XIII Capitolo 1 LA FORMAZIONE INFERMIERISTICA 1 Cenni storici 1 La formazione universitaria 2 Il superamento del diploma universitario e l istituzione delle lauree 3 Le indicazioni

Dettagli

Andrea Quintiliani L impresa di assicurazione

Andrea Quintiliani L impresa di assicurazione A13 Andrea Quintiliani L impresa di assicurazione Profili di rischio e di solvibilità Prefazione di Antonio Minguzzi Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it

Dettagli

SPASARI PROF. AVV. TOMMASO. tommaso.spasari@unicusano.it

SPASARI PROF. AVV. TOMMASO. tommaso.spasari@unicusano.it C U R R I C U L U M V I T A E E T S T U D I O R U M D E L P R O F. A VV. T O M M A S O S P A S A R I INFORMAZIONI PERSONALI Nome SPASARI PROF. AVV. TOMMASO E-mail Nazionalità tommaso.spasari@unicusano.it

Dettagli

Disciplina: MEDICINA LEGALE Docente: Dott. Antonio OSCULATI Recapito: antonio.osculati@uninsubria.it

Disciplina: MEDICINA LEGALE Docente: Dott. Antonio OSCULATI Recapito: antonio.osculati@uninsubria.it Corso integrato: MEDICINA LEGALE Disciplina: MEDICINA LEGALE Docente: Dott. Antonio OSCULATI Recapito: antonio.osculati@uninsubria.it Programma: Definizione della medicina legale; Metodologia medico-legale;

Dettagli

14/03/2015 GENETICA FORENSE. Laboratoriodi Genetica forense DMU e Scienze Biomediche

14/03/2015 GENETICA FORENSE. Laboratoriodi Genetica forense DMU e Scienze Biomediche GENETICA FORENSE Laboratoriodi Genetica forense DMU e Scienze Biomediche 1 LE DISCIPLINE MEDICO-LEGALI PATOLOGIA FORENSE TOSSICOLOGIA FORENSE ANTROPOLOGIA FORENSE BOTANICA e PALINOLOGIA FOR. BALISTICA

Dettagli

PARTE PRIMA Medicina legale generale - Metodologia - Semeiotica

PARTE PRIMA Medicina legale generale - Metodologia - Semeiotica Indice delle materie PARTE PRIMA Medicina legale generale - Metodologia - Semeiotica 1. Nozioni preliminari 3 Definizione della medicina legale 3 Partizione della medicina legale 4 Storia della medicina

Dettagli

Master di I livello INFERMIERISTICA ED OSTETRICIA LEGALE E FORENSE

Master di I livello INFERMIERISTICA ED OSTETRICIA LEGALE E FORENSE Master di I livello in INFERMIERISTICA ED OSTETRICIA LEGALE E FORENSE RISERVATO AGLI ISCRITTI UIL/FPL (500 h 60 cfu) Anno Accademico 04/05 II edizione I sessione Presso l UNICUSANO, Università degli studi

Dettagli

Parte I Il delitto di rapina

Parte I Il delitto di rapina INDICE SOMMARIO Capitolo I Premessa... pag. 1 1.1. Elementi comuni alle fattispecie in esame...» 2 1.2. Nozione di patrimonio...» 4 1.3. Altruità della cosa e del danno...» 7 1.4. Profitto e danno...»

Dettagli

DIRITTO DELL IMMIGRAZIONE / 1 A12 339

DIRITTO DELL IMMIGRAZIONE / 1 A12 339 DIRITTO DELL IMMIGRAZIONE / 1 A12 339 Direttore Raffaele Chiarelli Università Telematica Guglielmo Marconi Comitato Scientifico Eugenio De Marco Università degli Studi di Milano Claudio Rossano Sapienza

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che qualunque fatto doloso o colposo che cagioni ad altri un danno ingiusto obbliga colui

Dettagli

La collana SISTEMA GAROFOLI comprende: DIRITTO CIVILE Volume I Teorico Volume II Pratico Volume III Giurisprudenziale

La collana SISTEMA GAROFOLI comprende: DIRITTO CIVILE Volume I Teorico Volume II Pratico Volume III Giurisprudenziale SISTEMA GAROFOLI La collana SISTEMA GAROFOLI comprende: DIRITTO CIVILE Volume I Teorico Volume II Pratico Volume III Giurisprudenziale DIRITTO PENALE Volume I Teorico Volume II Pratico Volume III Giurisprudenziale

Dettagli

TEORIA E RICERCA IN EDUCAZIONE / 13 Collana del Dipartimento di Scienze dell Educazione e della Formazione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO A11 573

TEORIA E RICERCA IN EDUCAZIONE / 13 Collana del Dipartimento di Scienze dell Educazione e della Formazione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO A11 573 TEORIA E RICERCA IN EDUCAZIONE / 13 Collana del Dipartimento di Scienze dell Educazione e della Formazione UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO A11 573 Emanuela Maria Torre STRATEGIE DI RICERCA VALUTATIVA

Dettagli

PRODUZIONI ANIMALI E SICUREZZA ALIMENTARE

PRODUZIONI ANIMALI E SICUREZZA ALIMENTARE PRODUZIONI ANIMALI E SICUREZZA ALIMENTARE 8 Direttore Paolo POLIDORI Università degli Studi di Camerino Comitato scientifico Federica CHELI Università degli Studi di Milano Biagina CHIOFALO Università

Dettagli

L apporto delle scienze forensi nel procedimento penale e nel contesto delle indagini difensive

L apporto delle scienze forensi nel procedimento penale e nel contesto delle indagini difensive L apporto delle scienze forensi nel procedimento penale e nel contesto delle indagini difensive Corso di formazione con attribuzione di 16 crediti da parte dell Ordine degli Avvocati di Milano Aula Magna

Dettagli

Facoltà di Medicina e Chirurgia - Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia

Facoltà di Medicina e Chirurgia - Corso di Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia Corso integrato: MEDICINA E SANITA PUBBLICA 2 Disciplina: MEDICINA LEGALE Docente: Prof. Mario PICOZZI Recapito: mario.picozzi@uninsubria.it Orario ricevimento: Da concordare via email con il docente Programma:

Dettagli

COMPENDIO DI CRIMINOLOGIA

COMPENDIO DI CRIMINOLOGIA Giunto alla quinta edizione, il Compendio di criminologia si è affermato come strumento indispensabile alla conoscenza dei numerosi problemi posti dall'analisi del delitto in quanto fenomeno sociale e

Dettagli

PUBBLICHIAMO LA SEGUENTE DOCUMENTAZIONE

PUBBLICHIAMO LA SEGUENTE DOCUMENTAZIONE www.forzearmate.org Servizi di Informazione Assistenza - Consulenza legale Diritti - Banca dati - Convenzioni CHI SIAMO E COSA FACCIAMO SIDEWEB è una società di servizi nata dall entusiasmo e dall esperienza

Dettagli

INDICE CAPITOLO I CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE

INDICE CAPITOLO I CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE Premessa... pag. XV CAPITOLO I CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE 1. Scienza e società...» 1 2. Scienza forense e investigazione penale...» 13 3. Il procedimento probatorio basato sul DNA..........» 21 4. Cenni

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Elenco delle principali abbreviazioni... INTRODUZIONE

INDICE SOMMARIO. Elenco delle principali abbreviazioni... INTRODUZIONE INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... XIII INTRODUZIONE 1. Responsabilità professionale... 1 2. Responsabilità medica e diritto alla salute... 3 3. La responsabilità medica oggi... 6

Dettagli

NOTE SU. obbligo di referto dell esercente la professione sanitaria. obbligo di denuncia del pubblico ufficiale dell incaricato di pubblico servizio

NOTE SU. obbligo di referto dell esercente la professione sanitaria. obbligo di denuncia del pubblico ufficiale dell incaricato di pubblico servizio NOTE SU obbligo di referto dell esercente la professione sanitaria obbligo di denuncia del pubblico ufficiale dell incaricato di pubblico servizio 1 È previsto dall art 365 codice penale quale delitto

Dettagli

FACOLTA DI SCIENZE della FORMAZIONE

FACOLTA DI SCIENZE della FORMAZIONE FACOLTA DI SCIENZE della FORMAZIONE CORSO DI LAUREA in SCIENZE della FORMAZIONE Classe L/19 Insegnamento di Criminologia Minorile CFU 8 A.A. 2014-2015 Docente: Prof. Sonia Specchia E-mail: sonia.specchia@unicusano.it

Dettagli

Segnalazioni obbligatorie all Autorità Giudiziaria

Segnalazioni obbligatorie all Autorità Giudiziaria Segnalazioni obbligatorie all Autorità Giudiziaria 1. Referto 2. Denuncia di reato REFERTO IL REFERTO E L ATTO SCRITTO CON IL QUALE L ESERCENTE UNA PROFESSIONE SANITARIA RIFERISCE ALL AUTORITA GIUDIZIARIA

Dettagli

LE NUOVE DROGHE ED ADDICTION COMPORTAMENTALI Aspetti Medico-Legali

LE NUOVE DROGHE ED ADDICTION COMPORTAMENTALI Aspetti Medico-Legali LE NUOVE DROGHE ED ADDICTION COMPORTAMENTALI Aspetti Medico-Legali Varese, 05 dicembre 2012 Cesare Garberi DBSCV - Sez. Medicina Legale Università dell Insubria Problematiche Medico-Legali delle droghe

Dettagli

INDICE. 1. Criminologia... 1 1.1 Introduzione... 1.1 Aspetti definitori e classificativi... 1.2 Excursus storico... 2

INDICE. 1. Criminologia... 1 1.1 Introduzione... 1.1 Aspetti definitori e classificativi... 1.2 Excursus storico... 2 VII 1. Criminologia... 1 1.1 Introduzione... 1.1 Aspetti definitori e classificativi... 1.2 Excursus storico... 2 2. Fattori predisponenti alla criminalità... 7 2.1 Introduzione... 7 2.2 Aspetti socioambientali

Dettagli

UNIVERSITA POPOLARE ENRICO FERRI

UNIVERSITA POPOLARE ENRICO FERRI Confederazione Nazionale Università Popolari Italiane UNIVERSITA POPOLARE ENRICO FERRI ANNO ACCADEMICO 2014-2015 Sede legale: V. S. Isaia, 8 40123 Bologna www.upef.eu e-mail: info@upef.eu 1 Metodologie

Dettagli

CONSULENZA GRAFOLOGICA PERITALE GIUDIZIARIA E DELL ETÀ EVOLUTIVA

CONSULENZA GRAFOLOGICA PERITALE GIUDIZIARIA E DELL ETÀ EVOLUTIVA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 XI Edizione CONSULENZA GRAFOLOGICA PERITALE GIUDIZIARIA E DELL ETÀ EVOLUTIVA DIRETTORE: Prof. Marco Bartoli COORDINATORE: Prof. Sergio Deragna

Dettagli

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IL RUOLO DELLE INVESTIGAZIONI SCIENTIFICHE NEL PROCESSO PENALE

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IL RUOLO DELLE INVESTIGAZIONI SCIENTIFICHE NEL PROCESSO PENALE CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IL RUOLO DELLE INVESTIGAZIONI SCIENTIFICHE NEL PROCESSO PENALE PRESENTAZIONE Obiettivo di questo corso è quello di contribuire a diffondere la conoscenza e l utilizzo delle applicazioni

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

La riforma forense: Il tirocinio professionale

La riforma forense: Il tirocinio professionale La riforma forense: Il tirocinio professionale A cura di Francesco Zigrino Premessa In data 2 febbraio 2013 è entrata ufficialmente in vigore la tanto attesa Legge 31 dicembre 2012 n. 247 rubricata: Nuova

Dettagli

Studio Criminalistica

Studio Criminalistica Data: 00/00/00 Studio Criminalistica Analisi e Valutazioni in ambito psicologico e criminologico Corso di Criminologia per i Professionisti Eventi di informazione/formazione su tematiche criminologiche

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI PSICOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI PSICOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI PSICOLOGIA Corso di Laurea Specialistica in PSICOLOGIA CLINICA DINAMICA Elaborato Finale PERICOLOSITA SOCIALE UNO STUDIO ETNOGRAFICO CONDOTTO ALL INTERNO DEL

Dettagli

Direttori. Comitato redazionale Laura D AMATI. Maria Teresa NICOTRI. Aniello PARMA. Francesco Maria SILLA. Università degli Studi di Trieste

Direttori. Comitato redazionale Laura D AMATI. Maria Teresa NICOTRI. Aniello PARMA. Francesco Maria SILLA. Università degli Studi di Trieste LE VIE DEL DIRITTO 4 Direttori Mario FIORENTINI Università degli Studi di Trieste Maria MICELI Università degli Studi di Palermo Comitato redazionale Laura D AMATI Università degli Studi di Foggia Maurilio

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore Sandro Pertini Campobasso

Istituto d Istruzione Superiore Sandro Pertini Campobasso Istituto d Istruzione Superiore Sandro Pertini Campobasso Progetto ARACNE La medicina forense Lavoro eseguito da: Di Bartolomeo Alessia Genovese Francesca Mastropaolo Giulia Venturini Giusy Classe IV Sez.

Dettagli

I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra

I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra Lecco - 31-10 2009 - acuradi S. Fucci - giurista e bioeticista - sefucci@tiscali.it Principi generali della

Dettagli

Delitti contro l attività giudiziaria

Delitti contro l attività giudiziaria Capitolo II Delitti contro l attività giudiziaria SOMMARIO: 2.1. Generalità. 2.2. Nozione di pubblico ufficiale. 2.3. Nozione di incaricato di pubblico servizio. 2.4. Nozione di esercente un servizio di

Dettagli

INDICE GENERALE CAPITOLO PRIMO

INDICE GENERALE CAPITOLO PRIMO XI Prefazione... V CAPITOLO PRIMO Continua l evoluzione della medicina con i suoi benefici, i suoi rischi ed i danni ed aumenta il contenzioso giudiziario nell incertezza del diritto 1. Introduzione...

Dettagli

Criminologia e studi giuridici forensi MA 056

Criminologia e studi giuridici forensi MA 056 Master di I livello (1875 ore 75 CFU) Anno Accademico 2011/2012 Criminologia e studi giuridici forensi MA 056 Titolo Criminologia e studi giuridici forensi La Criminologia sta assumendo un ruolo sempre

Dettagli

MINI GUIDA NEI CASI DI MALTRATTAMENTO E ABUSO ALL INFANZIA

MINI GUIDA NEI CASI DI MALTRATTAMENTO E ABUSO ALL INFANZIA MINI GUIDA NEI CASI DI MALTRATTAMENTO E ABUSO ALL INFANZIA Gruppo Te.M.A. Territoriale Multidimensionale Abuso Il termine Abuso all Infanzia indica ogni forma di violenza fisica e psicologica ai danni

Dettagli

DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ

DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ Assemblea TSRM Ferrara 28 maggio 2013 Avv. Roberta Li Calzi CONCETTO DI RESPONSABILITÀ Obbligo di rispondere di un'azione antigiuridica (contraria alle norme) cioè di

Dettagli

L Ostetrica/o Legale e Forense: ruolo e funzioni, evoluzione storica

L Ostetrica/o Legale e Forense: ruolo e funzioni, evoluzione storica L Ostetrica/o Legale e Forense: ruolo e funzioni, evoluzione storica Padova, 21 aprile 2012 Evoluzione storica Inquadramento contesto professionale Medicina Legale nata dalle esigenze della giustizia,

Dettagli

Paolo Mascagni 21-06-14

Paolo Mascagni 21-06-14 Paolo Mascagni 21-06-14 EVENTI LESIVI DA CAUSA LAVORATIVA INFORTUNIO Evento avvenuto per causa violenta (concentrata nel tempo), in occasione di lavoro, da cui sia derivata la morte o un inabilità permanente

Dettagli

Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale. Il ruolo della funzione di risk management delle banche

Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale. Il ruolo della funzione di risk management delle banche A13 Paolo Capuano La crisi finanziaria internazionale Il ruolo della funzione di risk management delle banche Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele

Dettagli

VITTIMOLOGIA E POLITICA CRIMINALE: UN MATRIMONIO NECESSARIO

VITTIMOLOGIA E POLITICA CRIMINALE: UN MATRIMONIO NECESSARIO Cendon / Book DIRITTO PENALE PROFESSIONAL VITTIMOLOGIA E POLITICA CRIMINALE: UN MATRIMONIO NECESSARIO Annalisa Gasparre Edizione NOVEMBRE 2014 Copyright MMXIV KEY SRL VIA PALOMBO 29 03030 VICALVI (FR)

Dettagli

I MANUALI DEL PROFESSIONISTA. diretti da Roberto GAROFOLI

I MANUALI DEL PROFESSIONISTA. diretti da Roberto GAROFOLI I MANUALI DEL PROFESSIONISTA diretti da Roberto GAROFOLI DANIELE IARUSSI Manuale di infortuni sul lavoro e malattie professionali Indice Premessa VII - I - GLI INFORTUNI SUL LAVORO E LE MALATTIE PROFESSIONALI

Dettagli

CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN SCIENSE FORENSI, CRIMINOLOGIA INVESTIGATIVA, SOPRALLUOGO TECNICO SULLA SCENA DEL CRIMINE E CRIMINAL PROFILING

CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN SCIENSE FORENSI, CRIMINOLOGIA INVESTIGATIVA, SOPRALLUOGO TECNICO SULLA SCENA DEL CRIMINE E CRIMINAL PROFILING CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN SCIENSE FORENSI, CRIMINOLOGIA INVESTIGATIVA, SOPRALLUOGO TECNICO SULLA SCENA DEL CRIMINE E CRIMINAL PROFILING La CSI Academy SaS, con la partnership scientifica dell'aisf (Accademia

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Sezione Prima LE TECNICHE INFORMATICO-GIURIDICHE DI INVESTIGAZIONE DIGITALE di Giovanni Ziccardi

INDICE-SOMMARIO. Sezione Prima LE TECNICHE INFORMATICO-GIURIDICHE DI INVESTIGAZIONE DIGITALE di Giovanni Ziccardi Sezione Prima LE TECNICHE INFORMATICO-GIURIDICHE DI INVESTIGAZIONE DIGITALE di Giovanni Ziccardi CAPITOLO I SCIENZE FORENSI E TECNOLOGIE INFORMATICHE 1. Scienze forensi ed evoluzione tecnologica..................

Dettagli

LA SCENA DEL CRIMINE DIGITALE. Le Tecniche di Intervento in un Nuovo Campo di Investigazione. Roma, 23-24 Maggio 2014

LA SCENA DEL CRIMINE DIGITALE. Le Tecniche di Intervento in un Nuovo Campo di Investigazione. Roma, 23-24 Maggio 2014 CORSO INTERNAZIONALE DI ALTA FORMAZIONE LA SCENA DEL CRIMINE DIGITALE Le Tecniche di Intervento in un Nuovo Campo di Investigazione Roma, 23-24 Maggio 2014 L Osservatorio sulla Sicurezza e Difesa CBRNe

Dettagli

Scuola di specializzazione in MEDICINA LEGALE.

Scuola di specializzazione in MEDICINA LEGALE. Scuola di specializzazione in MEDICINA LEGALE. La Scuola di specializzazione in Medicina Legale afferisce all Area Servizi clinici sotto area Servizi clinici organizzativi e della sanità pubblica, Classe

Dettagli

Facoltà di Giurisprudenza

Facoltà di Giurisprudenza Facoltà di Giurisprudenza CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA A CICLO UNICO (classe LMG/01) Anno accademico 2011-2012 1. Caratteri, finalità e sbocchi Il corso di laurea magistrale in Giurisprudenza

Dettagli

Giuseppe Maria Palmieri, nato a Napoli il 4 marzo 1976 CURRICULUM

Giuseppe Maria Palmieri, nato a Napoli il 4 marzo 1976 CURRICULUM Giuseppe Maria Palmieri, nato a Napoli il 4 marzo 1976 CURRICULUM FORMAZIONE E TITOLI - Laureato in Giurisprudenza (corso di laurea con indirizzo penalistico), presso l Università degli Studi di Napoli

Dettagli

Diritto.it. Il bene si può definire statico, il servizio si può definire dinamico.

Diritto.it. Il bene si può definire statico, il servizio si può definire dinamico. Prestazione di servizi e contratto di assicurazione: resoconto del convegno sull argomento e intervista al Prof. Gabriele Racugno Presidente dell AIDA Sardegna, Ordinario di Diritto Commerciale e Avvocato

Dettagli

Investigazioni scientifiche e difensive penali

Investigazioni scientifiche e difensive penali Scuola di specializzazione in Psicoterapia dello Sviluppo e l Adolescenza n. 190 (314/D) riconosciuta con Decreto Direttoriale 1 agosto 2006 Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 9 agosto 2006 n. 184

Dettagli

Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari

Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari Michele Galeotti Le strategie competitive dell azienda nei mercati finanziari ARACNE Copyright MMVIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133 A/B

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI TELEMATICA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI TELEMATICA D.R. n. 3 del 30/06/2009 IL RETTORE VISTO lo Statuto dell Università degli Studi Guglielmo Marconi pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 127 del 31 maggio 2008; VISTO il Regolamento Didattico

Dettagli

Criminologia e studi giuridici forensi MA 100

Criminologia e studi giuridici forensi MA 100 Master di I livello (1925 ore 77 CFU) Anno Accademico 2011/2012 Criminologia e studi giuridici forensi MA 100 Titolo Criminologia e studi giuridici forensi La Criminologia sta assumendo un ruolo sempre

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in Giurisprudenza

Corso di Laurea Specialistica in Giurisprudenza UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà di Giurisprudenza Como Corso di Laurea Specialistica in Giurisprudenza Sede del corso: Como MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2007/2008 Presentazione del

Dettagli

LE ATTIVITA DI CONSULENZA TECNICA E PERIZIA IN AMBITO MEDICO-LEGALE. Consuela Cigalotti

LE ATTIVITA DI CONSULENZA TECNICA E PERIZIA IN AMBITO MEDICO-LEGALE. Consuela Cigalotti LE ATTIVITA DI CONSULENZA TECNICA E PERIZIA IN AMBITO MEDICO-LEGALE Consuela Cigalotti Possono aver luogo in momenti diversi nel complesso iter in cui si articola il procedimento penale. INDAGINI PRELIMINARI

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO NELLE AZIENDE SANITARIE Le presenti linee di indirizzo regionali per la gestione del rischio clinico nelle Aziende Ospedaliere e nelle Aziende Unità

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni VI edizione A.A. 2014/2015 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI SENSIBILI E GIUDIZIARI

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI SENSIBILI E GIUDIZIARI REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI SENSIBILI E GIUDIZIARI (Art.20-21 D.Lgs 196/2003 Codice in materia di protezione di dati personali) Scheda n. 1 DENOMINAZIONE DEL TRATTAMENTO: TUTELA DAI

Dettagli

COMUNICAZIONE CONSIGLIO DIRETTIVO SOCIETA MEDICO LEGALE DEL TRIVENETO

COMUNICAZIONE CONSIGLIO DIRETTIVO SOCIETA MEDICO LEGALE DEL TRIVENETO COMUNICAZIONE CONSIGLIO DIRETTIVO SOCIETA MEDICO LEGALE DEL TRIVENETO Considerazioni interpretative tecniche per la valutazione medico legale del danno biologico per lesioni di lieve entità, ex DL 209/2005,

Dettagli

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION L ITER FORMATIVO

EUROPEAN OSTEOPATHIC UNION L ITER FORMATIVO Capitolo 3 L ITER FORMATIVO Il programma di formazione degli osteopati ha la responsabilità di creare figure professionali del più alto livello. Il livello di preparazione dell osteopata professionista

Dettagli

CONDIZIONE MORALE E GIURIDICA DI CHI E RESPONSABILE RESPONSABILITA. CIOE SAPER RISPONDERE DI QUALCOSA

CONDIZIONE MORALE E GIURIDICA DI CHI E RESPONSABILE RESPONSABILITA. CIOE SAPER RISPONDERE DI QUALCOSA LA RESPONSABILITA DEL PROFESSIONISTA SANITARIO CONDIZIONE MORALE E GIURIDICA DI CHI E RESPONSABILE RESPONSABILITA. CIOE SAPER RISPONDERE DI QUALCOSA RESPONSABILE E.. CHI DEVE DAR CONTO DI QUALCHE COSA

Dettagli

Manuale di metodologia peritale. commento di Mario Pavone**

Manuale di metodologia peritale. commento di Mario Pavone** SAVERIO FORTUNATO Ursini Edizioni Manuale di metodologia peritale commento di Mario Pavone** Nel campo scientifico non è sufficiente conoscere le cause per affermare di conoscere qualcosa che da quelle

Dettagli

L UNIVERSITA DEGLI STUDI GIUSTINO FORTUNATO TELEMATICA

L UNIVERSITA DEGLI STUDI GIUSTINO FORTUNATO TELEMATICA L UNIVERSITA DEGLI STUDI GIUSTINO FORTUNATO TELEMATICA in CONVENZIONE CON L IPSEF SRL Ente accreditato al MIUR per la formazione al personale della scuola istituisce ed attiva il Corso di Perfezionamento

Dettagli

INDICE. Capitolo I COSTITUZIONE E ALTRE DISPOSIZIONI FONDAMENTALI

INDICE. Capitolo I COSTITUZIONE E ALTRE DISPOSIZIONI FONDAMENTALI INDICE Presentazione... Avvertenza... pag VII XIII Capitolo I COSTITUZIONE E ALTRE DISPOSIZIONI FONDAMENTALI 1. Costituzione della Repubblica Italiana... 3 2. Convenzione per la salvaguardia dei diritti

Dettagli

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare?

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? Rosamaria Maggio Il contesto europeo Da un esame dei documenti dell Unione Europea in materia di istruzione - sia per quanto

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni V edizione A.A. 2013/2014 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

C R I M I N O L O G I A 1.

C R I M I N O L O G I A 1. CRIMINOLOGIA 1. COLLANA CRIMINOLOGIA Swiss School of Management Consiglio Direttivo Coordinatore: Prof. Gaetano Pascale Vicecoordinatore: Prof. Vittorio Pedone Comitato scientifico: Prof. Gaetano Pascale

Dettagli

Corso Federalismo e fiscalità locale

Corso Federalismo e fiscalità locale Presidenza del Consiglio dei Ministri SCUOLA SUPERIORE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Programma di Empowerment delle amministrazioni pubbliche del Mezzogiorno Corso Federalismo e fiscalità locale Profili

Dettagli

NUOVI ORIZZONTI PER L INSEGNAMENTO

NUOVI ORIZZONTI PER L INSEGNAMENTO Corso annuale di Perfezionamento e di Aggiornamento Professionale (Legge 19/11/1990 n. 341 art. 6, co. 2, lett. C ) in NUOVI ORIZZONTI PER L INSEGNAMENTO (500 ore 20 Crediti Formativi Universitari) Anno

Dettagli

FACOLTA DI GIURISPRUDENZA

FACOLTA DI GIURISPRUDENZA FACOLTA DI GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA in GIURISPRUDENZA Classe LMG/01 Insegnamento di Diritto della Responsabilità civile SSD IUS/ 01 CFU 5 A.A. 2014-2015 Docente: Prof. Giuseppe Cricenti E-mail: giuseppe.cricenti@unicusano.it

Dettagli

Parte I ANALISI INVESTIGATIVA E STUDIO DELLA PERSONALITÀ CRIMINALE. Sezione I La personalità nel contesto familiare e sociale

Parte I ANALISI INVESTIGATIVA E STUDIO DELLA PERSONALITÀ CRIMINALE. Sezione I La personalità nel contesto familiare e sociale INDICE pag. Collaboratori... XIII Prefazione.... XV Introduzione... 1 Parte I ANALISI INVESTIGATIVA E STUDIO DELLA PERSONALITÀ CRIMINALE Sezione I La personalità nel contesto familiare e sociale LA FORMAZIONE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico 2010-2011

PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico 2010-2011 PROGRAMMAZIONE DI STORIA Anno scolastico 2010-2011 FINALITA' E OBIETTIVI GENERALI 1) Favorire la formazione di una cultura storica tesa a recuperare la memoria del passato più lontano, in cui il nostro

Dettagli

LE INDAGINI DIFENSIVE Legge 7 dicembre 2000, n. 397

LE INDAGINI DIFENSIVE Legge 7 dicembre 2000, n. 397 LE INDAGINI DIFENSIVE Legge 7 dicembre 2000, n. 397 di VALENTINO SCATIGNA Questo testo ripropone alcuni passaggi della conferenza del Prof. Carlo Taormina, Docente di Procedura penale all Università Tor

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 I Edizione. BIOETICA E BIOGIURIDICA Palermo

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 I Edizione. BIOETICA E BIOGIURIDICA Palermo MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 I Edizione BIOETICA E BIOGIURIDICA Palermo DIRETTORE: Prof.ssa Laura Palazzani COORDINATORE: Prof. Fabio Macioce COMITATO SCIENTIFICO: Prof.

Dettagli

Presentazione Progetto

Presentazione Progetto Presentazione Progetto Coordinatore Scientifico: Massimo Annicchiarico Premessa La Violenza contro le Donne è qualunque atto di violenza in base al sesso, o la minaccia di tali atti, che produca o possa

Dettagli

LA NUOVA DIFESA D UFFICIO

LA NUOVA DIFESA D UFFICIO Giustizia Penale Attuale Collana diretta da ALFREDO GAITO - ENRICO MARZADURI - GIOVANNI FIANDACA - ALESSIO LANZI Iter Parlamentare a cura di CARMEN ANDREUCCIOLI ELVIRA NADIA LA ROCCA NICOLETTA MANI LA

Dettagli

Attualmente è docente della scuola territoriale Franco Antonelli istituita dalla Camera Penale di Padova.

Attualmente è docente della scuola territoriale Franco Antonelli istituita dalla Camera Penale di Padova. Curriculum dell avv. Fabio Pinelli Attività professionale L avv. Fabio Pinelli ha assistito i vertici di numerose aziende coinvolti in procedimenti penali aventi a oggetto la contestazione di reati societari,

Dettagli

IL RUOLO DELL INFERMIERE

IL RUOLO DELL INFERMIERE A06 152 Maria Grazia Belvedere Paolo Ruggeri IL RUOLO DELL INFERMIERE NELL ASSISTENZA AL PAZIENTE AFFETTO DA IPERTENSIONE ARTERIOSA POLMONARE ANALISI DI UN CASO CLINICO E REVISIONE DELLA LETTERATURA Copyright

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 149 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato ASCIERTO Disposizioni in materia di prelievo coattivo di materiale biologico finalizzato all

Dettagli

L abilitazione per l assistente sociale. e l assistente sociale specialista

L abilitazione per l assistente sociale. e l assistente sociale specialista avvocato magistrato notaio architetto ingegnere geometra commercialista assistente sociale agente immobiliare infermiere amministrativa finanza e contabilità tecnica polizia sanità e sociale istruzione

Dettagli

Ordinanza del DFI sull entità e l accreditamento dei cicli di perfezionamento delle professioni psicologiche

Ordinanza del DFI sull entità e l accreditamento dei cicli di perfezionamento delle professioni psicologiche Ordinanza del DFI sull entità e l accreditamento dei cicli di perfezionamento delle professioni psicologiche (OEAc-LPPsi) Modifica del 22 aprile 2015 Il Dipartimento federale dell interno (DFI) ordina:

Dettagli

PERICOLO o FATTORE DI RISCHIO

PERICOLO o FATTORE DI RISCHIO Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Definizione parole-chiave MODULO B Unità didattica A3-1 CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03 PERICOLO o FATTORE DI

Dettagli

CURRICULUM VITAE. ha svolto un corso di lezioni di Diritto Penale per l anno 2003/2004 presso la Scuola Superiore di Polizia;

CURRICULUM VITAE. ha svolto un corso di lezioni di Diritto Penale per l anno 2003/2004 presso la Scuola Superiore di Polizia; CURRICULUM VITAE La Dr.ssa Prof. aggregato Elvira DINACCI, nata a Napoli il 15.05.1957 e residente in Roma alla Via Villa Emiliani n. 7, ricercatore confermato di Diritto Penale presso la Facoltà di Giurisprudenza

Dettagli

Il Consiglio, premesso - che l Avvocatura italiana è chiamata ad una maggiore e quanto mai sensibile cura della propria competenza, professionalità e

Il Consiglio, premesso - che l Avvocatura italiana è chiamata ad una maggiore e quanto mai sensibile cura della propria competenza, professionalità e Il Consiglio, premesso - che l Avvocatura italiana è chiamata ad una maggiore e quanto mai sensibile cura della propria competenza, professionalità e preparazione, nell interesse della tutela dei più rilevanti

Dettagli

INDICE PARTE I PROFILI GENERALI DEL CONSENSO INFORMATO CAPITOLO I IL CONSENSO INFORMATO

INDICE PARTE I PROFILI GENERALI DEL CONSENSO INFORMATO CAPITOLO I IL CONSENSO INFORMATO VII Introduzione.... 1 PARTE I PROFILI GENERALI DEL CONSENSO INFORMATO 1. Profili generali... 9 2. La nozione di consenso informato... 11 3. Le origini del consenso informato nella giurisprudenza statunitense...

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione...

INDICE SOMMARIO. Presentazione... INDICE SOMMARIO Presentazione...................................... VII CAPITOLO I LA TESTIMONIANZA IN GENERALE 1.1. Introduzione................................... 2 1.2. La prova testimoniale nella Costituzione

Dettagli

SCRITTI ESAME AVVOCATO 2013 di Roberto GAROFOLI

SCRITTI ESAME AVVOCATO 2013 di Roberto GAROFOLI SCRITTI ESAME AVVOCATO 2013 di Roberto GAROFOLI Valerio de GIOIA COME SI SCRIVE L ATTO GUIDA PRATICA E CONSIGLI OPERATIVI Con la collaborazione di Giovanna SPIRITO Carlo TANGARI PREMESSA Nella preparazione

Dettagli

Umberto Torchio Maria Grazia Santini Sistemi di gestione in sanità

Umberto Torchio Maria Grazia Santini Sistemi di gestione in sanità A09 Umberto Torchio Maria Grazia Santini Sistemi di gestione in sanità Accreditamento, certificazione ed audit clinico in strutture sanitarie e socio-sanitarie Risoluzioni test prove di esami Copyright

Dettagli

Buongiorno tutti sono l Avv. Maria SINAGRA e vi parlerò di RESPONSABILITÀ ED OBBLIGHI GIURIDICI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

Buongiorno tutti sono l Avv. Maria SINAGRA e vi parlerò di RESPONSABILITÀ ED OBBLIGHI GIURIDICI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Buongiorno tutti sono l Avv. Maria SINAGRA e vi parlerò di RESPONSABILITÀ ED OBBLIGHI GIURIDICI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO INIZIAMO COL DARE UNA DEFINIZIONE AL CONCETTO DI RESPONSABILITÀ PENALE

Dettagli