OUTBOUND PROGRAM High School Program all estero

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OUTBOUND PROGRAM High School Program all estero"

Transcript

1 OUTBOUND PROGRAM High School Program all estero L High School Program è una grande opportunità, per uno studente dai 15 ai 18 anni non compiuti, di frequentare una scuola superiore all estero e vivere un esperienza unica e irripetibile presso una famiglia ospitante volontaria. E un percorso educativo altamente formativo che non si esaurisce durante il soggiorno, ma lascia una traccia indelebile nella vita, tale da aiutare lo studente nel fare le scelte future in modo più maturo e responsabile. Non è una decisione semplice e non è un esperienza facile: richiede coraggio e determinazione. Di sicuro non sarai solo, avrai due famiglie che ti aiuteranno a vivere il quotidiano, a superare le difficoltà, inoltre avrai i tuoi docenti che ti seguiranno nel percorso scolastico, i tuoi amici, quelli di sempre e i nuovi, e il Team Navigando che ti supporteranno. E possibile scegliere un percorso di diversa durata: da 2 a 10 mesi, secondo le proprie esigenze. Sfogliando le pagine, ti inoltrerai nel mondo dell High School Program e imparerai a conoscerlo attraverso le testimonianze di Exchange Student, delle loro famiglie, naturali e ospitanti, degli insegnanti e di tutti coloro che operano per realizzare il Progetto. HSP inoltre offre la possibilità di cogliere questa opportunità vivendo direttamente in una Boarding School, stando a stretto contatto con la struttura scolastica e gli altri studenti. L EXCHANGE PROGRAM È UN EMOZIONE SENZA FINE Quando un figlio nasce, ha una famiglia che lo cura e si occupa della sua crescita fisica, affettiva, educativa, creando una fitta rete di relazioni che lo aiutano a vivere bene. Crescendo, ogni ragazzo estende le proprie amicizie, arricchisce le proprie conoscenze e potrebbe sentire la necessità di allargare i propri confini e scoprire ciò che c è oltre. Questo è ciò che l Exchange Program offre: un esperienza di vita all estero, frequentando una scuola superiore come ogni teenager della Nazione ospitante, abitando in una casa accogliente con una famiglia che ti segua nel tuo percorso di crescita insieme al supporto dello Staff dell Organizzazione Estera. Non è un esperienza facile, richiede determinazione e coraggio per affrontare le difficoltà che si presentano. Non è una vacanza, ma è un periodo di grandi emozioni e grandi cambiamenti. Lo studente dovrà spesso mettersi in discussione per comprendere meglio se stesso e le persone con le quali vivrà: a casa, a scuola ed in ogni altro contesto. Ogni Exchange Student, al suo rientro ha sempre la consapevolezza di aver partecipato a un programma formativo che ha cambiato la sua vita, perché il confronto, la capacità di adattamento, il vivere in un ambiente con persone diverse, fa crescere e diventare adulto. Studiare all estero non vuol dire solo imparare bene la lingua straniera, ma soprattutto vivere un esperienza di vita che ti cambia profondamente perché molte sono le differenze: a Scuola le materie sono altre, ma non per questo meno importanti, l insegnamento si basa su metodologie diverse rispetto a quelle conosciute, altra è la routine quotidiana e nuovi sono i compagni di classe. E poi c è anche una nuova famiglia! Tu da solo davanti a tutti: questa è la grande sfida e sei in grado di farlo perché ne sei pienamente convinto e sei determinato a percorrere questa strada. Puoi scegliere programmi di diversa durata e ciò dipende dal tuo interesse, dai tuoi risultati scolastici e da quanto vuoi metterti in gioco.

2 Programma annuale e semestrale La partecipazione al programma richiede un buon rendimento scolastico,non devi avere debiti formativi. Al rientro in Italia, l inserimento nella classe successiva è prevista dal Ministero della Pubblica Istruzione secondo i termini della nota ministeriale sulla mobilità internazionale n 843 del 10 aprile Le partenze sono previste da luglio a settembre per i programmi annuali, mentre per quelli semestrali le partenze sono possibili a luglio/agosto o a gennaio. IL SIGNIFICATO E IL VALORE DELL OSPITALITÀ DELLA FAMIGLIA In un tempo relativamente breve la società è diventata multiculturale in ogni Paese del Mondo. La globalizzazione delle relazioni economiche, culturali e tecnologiche, la diffusione di sistemi informativi e dei mass media, i viaggi più frequenti hanno portato a continui processi di confronto e di cambiamenti comportamentali che riscontriamo anche a livello personale. In questa società in grande evoluzione, che significato può avere ospitare un ragazzo straniero e permettergli di frequentare la stessa scuola del proprio figlio? Grande e importante! E un modo per portarsi in casa una piccola parte del mondo per conoscerlo da vicino; aprire le porte della propria casa a un teenager significa accogliere un giovane che porta energia, voglia di conoscere e far conoscere il proprio Paese. E un vero e proprio confronto reciproco, una grande sfida! Ogni studente in un altro Paese è straniero. Deve essere accolto e aiutato a superare le diversità, le difficoltà e i pregiudizi e la famiglia ha un ruolo fondamentale in questo processo. La famiglia ospitante accoglie per un numero infinito di validi motivi, sebbene abbia ben presente che per lei sarà un percorso educativo impegnativo e di confronto continuo. La famiglia diventa un laboratorio quotidiano di discussione su abitudini diverse, sui valori della vita, sulle regole della convivenza, della scuola, da accettare comunque anche se non del tutto condivise, sul rispetto degli orari e dei compiti assegnati. Quando un ragazzo va all estero, parte con un vissuto personale che si è costruito negli anni e che di norma, non ha intenzione di dimenticare o congelare per un anno, per accettare la vita che viene proposta tout court. Parte con la consapevolezza di una propria identità, sebbene cosciente che la deve allargare in un confronto leale e costruttivo con la famiglia, gli amici e la scuola. Le diversità non vanno negate, anzi vanno riconosciute, studiate, affrontate ed accettate, ed è doveroso ragionare sulla relatività delle posizioni. Solo attraverso il riconoscimento delle differenze si superano le divergenze e si arriva alla convivenza serena nella famiglia; è da questo momento che inizia il periodo più felice dell esperienza all estero e si rafforzano i rapporti interpersonali con la famiglia. La famiglia ospitante viene scelta dall Organizzazione all estero, viene preparata ad accogliere L Exchange Student e viene seguita durante tutto il periodo della permanenza, aiutata nella gestione delle difficoltà che affiorano nel rapporto di convivenza. Queste difficoltà non sono problemi irrisolvibili, ma dettati dalla diversa percezione della quotidianità: nessuno ha ragione o torto, ma ci sono punti di vista diversi. Questo processo di apprendimento interculturale non implica solo l ampliamento delle proprie conoscenze, ma anche cambiamento dell atteggiamento mentale con conseguente diversa percezione del mondo. Si diventa più elastici, meno assolutisti. Questo processo non si verifica solo nello studente, naturalmente, ma in tutti i membri della famiglia. Non a caso nelle testimonianze raccontate, sia dagli Exchange Student che dalle famiglie, si evince che da entrambe le parti c è stato un lavoro assiduo e impegnativo per conoscersi, imparare ad accettarsi e a volersi bene, con risultati eccellenti nella maggior parte dei casi: genitori che hanno trovato un altro figlio e un figlio che ha dei genitori in un altro Paese. E importante non dimenticare che alla base dell accoglienza c è un atto di grande generosità, altruismo e amore. Senza tali ingredienti non si potrebbero raggiungere i migliori risultati, come non si potranno raggiungere se non si sapranno portare una buona dose di volontà, passione, spirito di adattamento e determinazione. Non è possibile rifiutare la famiglia per motivi geografici, di razza, di religione, di professione e di classe.

3 DIRECT PLACEMENT Se si ha una famiglia ospitante che già conosce lo studente e vuole ospitarlo durante il soggiorno, si comunicano i suoi dati all organizzazione estera che provvederà a contattarla e a fissare un appuntamento per conoscerla e presentarle il programma. Successivamente insieme verrà cercata la scuola più vicina da frequentare. L Organizzazione sarà responsabile e assisterà lo studente durante il soggiorno come ogni Exchange Student. Tuttavia è importante che con la famiglia non si abbia un grado di parentela stretto e che non parli la stessa lingua. IL SISTEMA SCOLASTICO NON È UNICO NEL MONDO Nella maggior parte dei Paesi la scuola superiore non possiede differenti indirizzi disciplinari come in Italia. Questo vuol dire che l ordinamento scolastico, le metodologie d insegnamento, il piano di studi, le materie, i contenuti di ogni materia e il sistema di valutazione si differenziano. All estero è lo studente che decide il proprio piano di studi; alcune materie sono obbligatorie, altre facoltative e in base alla scelta fatta, si studiano 6 o 7 materie a semestre. Lo studente non entrerà nella stessa classe tutti i giorni, ma andrà nelle classi dove vengono insegnate le materie. In questa scelta lo studente non è solo, ma avrà l appoggio di un Tutor, del Preside e del Consiglio di Classe in Italia. Le materie obbligatorie in genere sono la lingua del Paese ospitante, matematica, storia, scienze, educazione fisica, poi seguono le materie da scegliere che vanno ad arricchire il piano studi come diritto, musica, economia, giornalismo, culture locali, computer design, arte e altre. La durata di questi corsi può variare. Il sistema scolastico all estero è in genere suddiviso in due semestri: il primo inizia ad Agosto/Settembre e il secondo a Gennaio/Febbraio, mentre nei Paesi agli antipodi è il contrario. In alcuni Paesi ci sono delle lievi differenze nell assegnazione delle classi, ad esempio in Irlanda spesso si viene inseriti nel Transition Year, in Gran Bretagna in Lower Sixth, in Giappone nel biennio per la difficoltà della lingua, negli Stati Uniti, in Canada, in Australia, in Nuova Zelanda e Sud Africa all 11 Grade Junior o 12 Grade Senior. L ammissione alla classe viene decisa dal Preside della scuola, in base ai risultati delle pagelle inviate, alla conoscenza della lingua e all età. Una volta inserito nel Grade, viene stabilito il livello di difficoltà di ogni materia con il Tutor. Durante il semestre si acquisiscono dei crediti e a discrezione del Preside e del Tutor, a seconda dei risultati, si può stabilire di cambiare livello. Negli Stati Uniti il Preside può dare la possibilità di conseguire il diploma che viene rilasciato alla fine dell anno scolastico. Non è possibile garantire il diploma a priori, lo si deve ottenere per merito. Un altra differenza è l orario scolastico. Nella maggior parte dei casi, la scuola ha inizio alle 8.00 e termina alle 14.30/15.00, seguono poi le attività extrascolastiche, e le attività sportive, caldeggiate perché aiutano nella socializzazione e nell inserimento della vita scolastica e della cultura del paese ospitante. Uno studente italiano che decide di frequentare un periodo all estero deve concordare con il Consiglio di Classe coadiuvato dal responsabile Mobilità Internazionale, del proprio Istituto, le materie che deve seguire; sarà monitorato durante l anno dai propri docenti e dovrà prepararsi nelle materie concordate. Non deve mai dimenticare che l Exchange Program non è un programma che inizia e si conclude all estero, contempla un rientro presso la propria scuola italiana e, pertanto, è vivamente consigliato, come previsto dalla Nota Ministeriale N.843 coinvolgere il Consiglio di Classe nel progetto fin dall inizio. Questo dà serenità e tranquillità quando si è all estero e agevola il rientro, per affrontare quanto necessario per accedere all anno scolastico successivo.

4 ESTRATTO DELLA NOTA MINISTERIALE SULLA MOBILITA INTERNAZIONALE 843 del 10/4/2013 Le esperienze di studio o formazione compiute all estero dagli alunni italiani appartenenti al sistema di istruzione e formazione, per periodi non superiori ad un anno scolastico e da concludersi prima dell inizio del nuovo anno scolastico, sono valide per la riammissione nell istituto di provenienza e sono valutate ai fini degli scrutini, sulla base della loro coerenza con gli obiettivi didattici previsti dalle Indicazioni Nazionali dei Licei, dalle Linee Guida degli Istituti Tecnici e Professionali e dagli Accordi sulla Istruzione e Formazione Professionale siglati in sede di Conferenza Stato - Regioni (cfr. Art. 192, comma 3 del Decreto Legislativo 16 aprile 1994, n. 297 e Nota della Direzione Generale Ordinamenti Scolastici prot del 20 aprile 2011, Titolo V). Nel caso di mobilità non organizzata dall istituto italiano, prima della partenza lo studente deve fornire alla propria istituzione un ampia informativa sull istituto scolastico o formativo che intende frequentare all estero, sui relativi programmi e sulla durata della permanenza, in maniera tale che l istituto italiano sia messo in grado di conoscere il percorso di studio/formazione che sarà effettuato dall allievo all estero. Lo studente in ogni caso dovrebbe farsi promotore di un Contratto Formativo o Learning Agreement nel quale siano evidenziate le modalità di interazione tra l istituto di provenienza italiano e l istituto ospitante estero (ad esempio, via telematica tramite il docente tutor designato dal Consiglio di classe in cui è inserito l alunno e un referente dell istituto ospitante), siano precisati obiettivi specifici da conseguire (cfr. Piano di apprendimento), siano evidenziate eventuali attività speciali e modalità di valutazione dell alunno nella scuola ospitante. Detto contratto, predisposto dal Consiglio di classe, deve essere sottoscritto dal Dirigente Scolastico, dalla famiglia e dallo studente Considerato il significativo valore educativo delle esperienze compiute all estero, che ovviamente non vanno computate come periodi di assenza dalla frequenza scolastica, le istituzioni scolastiche sono invitate a facilitare tali esperienze e a definire, nel caso di studenti con giudizio sospeso in qualche materia, procedure idonee a pervenire allo scrutinio finale prima della partenza per il soggiorno di studio o formazione all estero. Al termine dell esperienza all estero è compito del Consiglio di classe valutare il percorso formativo partendo da un esame della documentazione rilasciata dall istituto straniero e presentata dall alunno per arrivare ad una verifica delle competenze acquisite rispetto a quelle attese come indicato nel Contratto formativo. Il Consiglio di classe ha la responsabilità ultima di riconoscere e valutare le competenze acquisite durante l esperienza all estero considerandola nella sua globalità e valorizzandone i punti di forza. Il Consiglio di classe valuta gli elementi per ammettere direttamente l allievo alla classe successiva. Può anche sottoporre, se ritenuto necessario, il giovane ad accertamento, che si sostanzia in prove integrative al fine di pervenire ad una valutazione globale, che tiene conto anche della valutazione espressa dall istituto estero sulle materie comuni ai due ordinamenti. Tale valutazione permette di definire il credito scolastico dell alunno nell ambito delle relative bande di oscillazione previste dalla vigente normativa (cfr. Nota della Direzione Generale Ordinamenti Scolastici prot del 20 aprile 2011, Titolo V). E in ogni caso escluso che la scuola possa sottoporre l alunno ad esami di idoneità che sono previsti dall ordinamento per altre casistiche. Oltre alle conoscenze e competenze disciplinari, gli istituti dovrebbero essere incoraggiati a valutare e a valorizzare gli apprendimenti non formali ed informali, nonché le competenze trasversali acquisite dagli studenti partecipanti a soggiorni di studio o formazione all estero. Questa forma di valutazione favorirebbe

5 una connessione tra scuola e mondo del lavoro a vantaggio degli studenti nell ambito di un sistema nazionale di certificazione delle competenze, anche attraverso l individuazione e la validazione degli apprendimenti non formali e informali (cfr. D.L.vo n.13 del 16 gennaio 2013). Per esperienze di mobilità nei Paesi Europei va ovviamente incoraggiato l uso dei dispositivi previsti dalla Unione Europea (es. Europass Mobility). A riguardo si ritiene opportuno suggerire allo studente che ha conseguito un titolo di studio nell istituto straniero di ottenere dal Consolato italiano di riferimento la dichiarazione di valore del titolo, utile anche ai fini della individuazione e validazione PERCHE FARE QUESTA ESPERIENZA L esperienza dell HSP è una grande opportunità di crescita per i ragazzi dai 15 ai 18 anni. A differenza di altre situazioni in cui si va a vivere all estero per lavoro o per motivi legati alla famiglia e ci si ritrova soli a dover far fronte alle difficoltà d ambientamento, in questo tipo di programma l esperienza che i ragazzi vivono è un esperienza interculturale parzialmente guidata. I ragazzi sono i protagonisti ma non sono soli, vengono preparati e supportati lungo tutto il percorso. Il programma si svolge in un periodo evolutivo che coincide pienamente con l adolescenza. L adolescente fisiologicamente è alla ricerca di progetti, idee e opportunità per realizzarsi. Vive in un contesto emotivo e mentale che prevede il cambiamento come elemento chiave costante e prevalente. In molti casi i ragazzi a quest età sentono stretta la loro realtà, spesso possono sentirsi intrappolati in ruoli troppo infantili che gli impediscono di diventare adulti. Sentirsi motivati a scegliere questo tipo di esperienza significa, innanzi tutto, aver voglia di mettersi in gioco, scoprirsi attraverso un profondo lavoro sul Sé. Vivere questo programma amplifica le potenzialità trasformative insite in questa specifica fase della vita agendo nello specifico su aspetti legati all autonomia, all autostima e alla consapevolezza di sé. HIGH SCHOOL EXCHANGE STUDENT APPLICATION Se una famiglia ospitante ha scelto uno studente, significa che ha ricevuto una sua presentazione. Ogni Exchange Student prepara un Dossier, ovvero la sua visiting card, che tramite Navigando viene inoltrata all ufficio estero competente. La sede centrale dell Organizzazione estera distribuisce i Dossier ricevuti alle Arearep che a loro volta sottopongono alle famiglie ospitanti. Il tuo Dossier deve essere molto preciso e fornire più dettagli possibili di te e della tua famiglia. Devi per un attimo immaginare di sostituirti alla famiglia che ti seleziona e stabilire che cosa ti piacerebbe conoscere della persona che vorresti ospitare a casa tua. A questo punto incomincia a parlare di te, descrivere i tuoi interessi, le tue passioni, le persone con cui condividi la tua vita, dai tuoi genitori ai nonni, zii, cugini e amici. Se sei sportivo, racconta i tuoi successi nella specialità che pratichi, cosa provi durante una gara, una partita. Se sei amante della musica, descrivi cosa ascolti, se segui i concerti dei tuoi cantanti preferiti. Alla famiglia interessa sapere se sei un assiduo lettore e ti piace la solitudine per leggere i tuoi autori preferiti o se sei uno esuberante che ama stare in gruppo. Cerca di dare loro un idea esaustiva di come sei e di quello che fai perché ti sceglieranno in base alla simpatia e interesse che susciterai nel tuo Dossier. Attraverso la tua descrizione si scoprono le tue abitudini, le tradizioni a cui sei legato, i valori che sono diventati i principi della tua vita. L High School Exchange Student Application è il tuo ritratto e, più preciso è, più facile sarà trovare la famiglia che ti accoglierà per condividere la loro vita con te per un lungo periodo.

6 Ricordati che la scelta non è casuale, vieni selezionato fra una rosa di candidati, pertanto impegnati nella sua realizzazione. Oltre alla lettera di presentazione, ti verranno richiesti altri documenti: 1 la pagella dei tre anni precedenti i cui voti verranno trascritti e ridotti al sistema di valutazione estera 2 il certificato medico di salute che il tuo medico curante ti rilascia 3 il certificato delle vaccinazioni 4 un elenco delle materie studiate a scuola con la lettera di presentazione del Consiglio di Classe 5 la tua lettera motivazionale dove riporti le ragioni della tua scelta di studiare all estero A questi documenti va aggiunto un tuo album fotografico di due pagine con le foto che ritieni più significative della tua vita, da quelle in famiglia a quelle con gli amici o nei viaggi o nelle gite scolastiche. Una volta preparata la documentazione e inviato il Dossier, rimane l attesa dell assegnazione della famiglia, il placement. Non disperare se è lunga, il placement arriverà. Ti verrà comunicato per telefono e via . Questo è il momento più bello, la gioia tua e nostra nel vedere realizzato un progetto. Da qui nasce il tuo viaggio virtuale su Google map e quello reale che ti organizzerà Navigando. CONDITIONAL ACCEPTANCE Se lo studente ha delle richieste particolari legate alla salute come allergie, diete oppure dalla propria scheda clinica risultano delle malattie croniche che necessitano di cure particolari, la candidatura verrà registrata nel file Conditional Acceptance, ovvero l iscrizione verrà accettata nel momento in cui la famiglia ospitante potrà soddisfare le esigenze del partecipante. Casi in cui si viene accettati in Conditional Acceptance, sono: 1 richiesta di praticare uno sport agonistico 2 dieta vegetariana 3 allergie alimentari come celiachia 4 allergie agli animali 5 malattie croniche gestibili come diabete, problemi cardiaci 6 malattie come obesità o anoressia 7 media scolastica bassa negli ultimi due anni (inferiore a 7) L ASSISTENZA DI UN TEAM QUALIFICATO ED ESPERTO L assistenza all High School Program è garantita dallo Staff Navigando, dal Corrispondente estero, dagli Arearep e dai Tutor italiani e stranieri. L assistenza copre tutto il periodo del programma e si occupa della preparazione e formazione prima della partenza, del soggiorno all estero e del rientro in Italia. L iscrizione a questo programma non implica soltanto la semplice compilazione di una scheda di iscrizione, ma necessita di una forte convinzione e di un adeguata formazione pre-partenza. Durante l autunno vengono organizzate da Navigando riunioni informative per far meglio conoscere questi progetti agli studenti e alle loro famiglie. In seguito, allo studente interessato, previa compilazione della Scheda di Presentazione, viene organizzato un incontro informativo individuale da parte dell Arearep o presso la sede di Navigando a Milano con compilazione di un questionario conoscitivo. Navigando non pratica una selezione, ma viene preparata con ogni partecipante la partenza e viene rispettata la scelta della destinazione. Puoi scegliere il Paese dove vuoi andare e non richiediamo opzioni. Navigando non seleziona lo studente perché chi si avvicina al programma ha di per sé i requisiti per

7 partecipare che sono: discreta conoscenza della lingua straniera, buoni risultati scolastici, desiderio di partire e intraprendere questa esperienza e buona capacità di mettersi in gioco. Quindi la selezione avviene naturalmente. È fondamentale avere un curriculum scolastico con voti positivi. Invece il questionario conoscitivo, a cui lo studente viene sottoposto, serve per conoscere e individuare quali difficoltà potresti incontrare in questa esperienza all estero in base alla tua personalità e caratteristiche personali. Ti vengono richieste una tua presentazione personale e della tua famiglia, una descrizione delle tue aspettative e le motivazioni che ti hanno portato alla scelta di frequentare la scuola all estero. Dunque non vieni selezionato, ma devi superare un test linguistico a cui vieni sottoposto per accertare le tue competenze. Se non superi il test, puoi ritentarlo dopo un mese. Si tratta di un test che valuta le tue competenze nell inglese scritto e orale. Questo Test è l esame richiesto per accedere alla scuola superiore americana e corrisponde al livello richiesto del Certificate of Proficiency. Il test linguistico viene seguito da un Docente di lingua inglese che spesso coincide con l Arearep. In genere è la persona che all interno dell Istituto Scolastico Italiano propone il programma agli studenti, sostenendoli prima e durante il loro soggiorno all estero. E fondamentale il contributo del Docente nell inserimento dell Exchange Student all anno scolastico successivo. Una volta superato il test linguistico, entri di diritto nella lista dei partecipanti e da questo momento, lo Staff di Navigando ti assisterà nella compilazione del Dossier che dovrà risultare molto accurata e che verrà inviato al Corrispondente estero del Paese da te scelto per accedere alla selezione da parte delle famiglie ospitanti. TEAM DI NAVIGANDO Definizione dei ruoli di ogni figura che si occupa dei Programmi Outbound e Inbound in Italia. All estero l organigramma è identico. Staff Navigando Si occupa della parte operativa in Italia, è il collegamento tra l Organizzazione Estera e la Famiglia Italiana in entrambi i programmi, Outbound e Inbound. Cura i rapporti con l Arearep ed è responsabile del programma. Arearep È la Rappresentante di Area che descrive l High School Program nelle scuole e si occupa della formazione di ogni studente con il supporto dell Assistant e dello Staff di Navigando. Trova le famiglie ospitanti per accogliere gli studenti stranieri che poi seguirà una volta arrivati in Italia. Spesso la figura dell Arearep coincide con quella del Docente Italiano. Tutor E il docente che segue lo studente all estero e che tiene i contatti con la Scuola Italiana attraverso l Exchange Student. In Italia il Tutor è una figura che spesso coincide con l Arearep. Psicologo Lo Psicologo è una figura presente in modo costante sia sui programmi Inbound che quelli Outbound. E conivolto nella formazione assieme allo staff di Navigando, le Arearep e l antropologo. Somministra i Test ai ragazzi prima, durante e dopo l esperienza all estero. Garantisce un rapporto personalizzato per i ragazzi che mostrino necessità di un maggior supporto relazionale in collaborazione con gli Arearep.

8 LA FORMAZIONE L attenzione alle risorse emotive e relazionali viene posta in primo piano come elemento determinante per la riuscita del programma stesso. Durante la formazione verrai stimolato a lavorare sulla tua autoconsapevolezza, sull autostima, l autonomia, la flessibilità la tolleranza allo stress e l indipendenza. Una parte degli esercizi proposti hanno come obiettivo di lavorare sulla comunicazione, l espressione di sé, l ascolto dell altro. In questo modo potrai far fronte alla complessità e alla diversità attraverso un percorso che ti porta a trasformare ciò che a prima vista può sembrare un limite in una possibilità nuova, un opportunità di crescita. La formazione si sviluppa in due fasi. In un primo tempo, nei mesi di aprile e maggio dovrai seguire una formazione online, nella quale riceverai tutte le informazioni e ti verrà chiesto di svolgere dei compiti per valutare la comprensione e l assimilazione dei concetti necessari per partecipare in maniera ottimale al programma. Durante questa fase di studio sarai seguito e aiutato se necessario dal tuo Arearep e dal team di Navigando. Nel mese di giugno parteciperai ad un campo nazionale di formazione con la presenza di uno staff qualificato ed esperto. Durante il campo nazionale, dopo un accurata spiegazione, verrà anche somministrato un test di intelligenza emotiva (EQi Emotional Quotient Inventory) che serve a misurare le dimensioni emotive funzionali allo svolgimento del programma HSP. Le aree indagate sono la consapevolezza di sé e delle proprie capacità, la comprensione e la capacità di esprimere i propri stati d animo, i propri pensieri e le proprie idee (assertività), la capacità di comprendere l altro (empatia), la capacità di relazionarsi in modo positivo con il prossimo, la capacità di adattarsi in situazioni nuove, la capacità di affrontare problemi valutando in modo oggettivo le situazioni che si presentano comprendendo la differenza tra ciò che si prova interiormente rispetto a ciò che accade realmente (esame di realtà), la tolleranza allo stress, il controllo degli impulsi e lo stato dell umore generale. Ti verranno inoltre date le informazioni utili e qualche suggerimento per affrontare le difficoltà di inserimento nella scuola all estero e nella nuova famiglia. Presenti ci saranno altri Exchange Student, che tornati dall estero dopo un soggiorno di un anno potranno mettere a tua disposizione la loro esperienza, raccontarti la loro giornata, i rapporti con i docenti e i compagni di classe, le difficoltà, le gioie, i successi e la fatica a raggiungere gli obiettivi, le difficoltà da affrontare al rientro. Navigando ti supporterà sempre durante tua esperienza che comincia con la formazione. NAVIGANDO TURISMO E CULTURA SEDE LEGALE E OPERATIVA Via Olmetto, MILANO Telefono 02/ Telefax 02/

L EXCHANGE PROGRAM L EXCHANGE PROGRAM È UN EMOZIONE SENZA FINE. Programma annuale

L EXCHANGE PROGRAM L EXCHANGE PROGRAM È UN EMOZIONE SENZA FINE. Programma annuale OUTBOUND PROGRAM Studiare all estero non vuol dire solo imparare bene la lingua straniera, ma soprattutto vivere un esperienza di vita che ti cambia profondamente. L EXCHANGE PROGRAM L EXCHANGE PROGRAM

Dettagli

INDICE. OUTBOUND PROGRAM High School Program all estero. Ospitalità di ragazzi stranieri presso le famiglie italiane

INDICE. OUTBOUND PROGRAM High School Program all estero. Ospitalità di ragazzi stranieri presso le famiglie italiane OUTBOUND PROGRAM High School Program all estero INDICE L High School Program è una grande opportunità, per uno studente dai 15 ai 18 anni non compiuti, di frequentare una scuola superiore all estero e

Dettagli

ANNO SCOLASTICO IRLANDA 2015-2016 ID CORSO: AAIRED

ANNO SCOLASTICO IRLANDA 2015-2016 ID CORSO: AAIRED ID CORSO: AAIRED DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA Questo programma prevede l inserimento di studenti di qualsiasi età, ma normalmente di età compresa tra i 15 e i 18 anni, presso alcune scuole superiori irlandesi

Dettagli

REPORT FINALE REFERENTE PER LA VALUTAZIONE

REPORT FINALE REFERENTE PER LA VALUTAZIONE Unione Europea Fondo Sociale Europeo Con l Europa investiamo nel vostro futuro Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Direzione Didattica Statale, 1 Circolo, Nocera Superiore (SA) -

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

guida al programma au pair qualche consiglio pratico per un soggiorno felice e senza problemi

guida al programma au pair qualche consiglio pratico per un soggiorno felice e senza problemi guida al programma au pair qualche consiglio pratico per un soggiorno felice e senza problemi che cosa significa essere au pair? Il programma au pair permette alle ragazze di 18-26 anni di vivere presso

Dettagli

HIGH SCHOOL ABROAD 2014/15

HIGH SCHOOL ABROAD 2014/15 HIGH SCHOOL ABROAD 2014/15 ANNO SCOLASTICO ALL ESTERO STATI UNITI PER GIOVANI DAI 15 AI 18 ANNI Per studenti delle superiori che vogliono frequentare un anno di scuola in America PRIMAVERA VIAGGI 30 ANNI

Dettagli

ANNO SCOLASTICO AUSTRALIA 2014 2015 ID CORSO: AAAUMR

ANNO SCOLASTICO AUSTRALIA 2014 2015 ID CORSO: AAAUMR AUSTRALIA 2014 2015 ID CORSO: AAAUMR DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA Questo programma prevede l inserimento di studenti di qualsiasi età, ma normalmente di età compresa tra i 14 e i 17anni, presso alcune scuole

Dettagli

PROTOCOLLO PER IL RIENTRO DEGLI ALUNNI DA UN PERIODO DI STUDIO ALL ESTERO

PROTOCOLLO PER IL RIENTRO DEGLI ALUNNI DA UN PERIODO DI STUDIO ALL ESTERO PROTOCOLLO PER IL RIENTRO DEGLI ALUNNI DA UN PERIODO DI STUDIO ALL ESTERO Partire per un periodo di studio all estero è una forte esperienza di formazione interculturale. Il soggiorno di studio in un altro

Dettagli

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta Meravigliarsi di tutto è il primo passo della ragione verso la scoperta L. P a s t e u r L I C E O S C I E N T I F I C O TA L I S I O T I R I N N A N Z I O r i g i n e Il liceo scientifico è nato nell

Dettagli

Protocollo. Soggiorni di studio individuali. Mobilità individuale all estero

Protocollo. Soggiorni di studio individuali. Mobilità individuale all estero Prot.n.3262/C27d Lissone, 25 maggio 2015 Protocollo Soggiorni di studio individuali Mobilità individuale all estero INTRODUZIONE Partire per un periodo di studio all estero è una forte esperienza di formazione

Dettagli

Ospitare non è solo un atto di generosità verso un giovane straniero, ma un arricchimento affettivo e culturale per la famiglia ospitante.

Ospitare non è solo un atto di generosità verso un giovane straniero, ma un arricchimento affettivo e culturale per la famiglia ospitante. Ospitare non è solo un atto di generosità verso un giovane straniero, ma un arricchimento affettivo e culturale per la famiglia ospitante. SCHEDA DI PRESENTAZIONE COMPOSIZIONE DELLA FAMIGLIA Padre Exchange

Dettagli

La Scuola Secondaria di Primo Grado

La Scuola Secondaria di Primo Grado La Scuola Secondaria di Primo Grado È un ambiente educativo sereno, nel quale i ragazzi imparano solide nozioni di base e un efficace metodo di studio, utilizzando le nuove tecnologie, la rete internet

Dettagli

Programma Gioventùin Azione Azione 2 Servizio Volontario Europeo. 22 maggio 2012 Servizio Volontario Europeo 1

Programma Gioventùin Azione Azione 2 Servizio Volontario Europeo. 22 maggio 2012 Servizio Volontario Europeo 1 Programma Gioventùin Azione Azione 2 Servizio Volontario Europeo 22 maggio 2012 Servizio Volontario Europeo 1 Che cos èlo SVE? Scopo: promuovere la solidarietà, la cittadinanza attiva e la comprensione

Dettagli

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI

SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE FRA SCUOLE DEL TERRITORIO E CENTRO ITALIANO PER TUTTI Istituto Beata Vergine Addolorata via Calatafimi, 10-20122 Milano tel: +39.02.58.10.11.85 info@ibva.it www.ibva.it italianopertutti@ibva.it tel: 02.4952.4600 SIAMO TUTTI MIGRANTI PROGETTO INTEGRATO DI

Dettagli

Progetto per la promozione della lettura INTRODUZIONE

Progetto per la promozione della lettura INTRODUZIONE Progetto per la promozione della lettura INTRODUZIONE L interesse verso la lettura ed il piacere ad esercitarla sono obiettivi che, ormai da anni, gli insegnanti della scuola primaria di Attimis si prefiggono

Dettagli

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA SCUOLA PARITARIA dell INFANZIA e PRIMARIA MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Chi è chiamato ad educare e ad animare educazione, deve offrire nutrimento, nascondendo la mano che

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

LICEO ANTONIO ROSMINI TRENTO. Indirizzi: LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE (L.E.S.)

LICEO ANTONIO ROSMINI TRENTO. Indirizzi: LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE (L.E.S.) LICEO ANTONIO ROSMINI TRENTO Indirizzi: LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE (L.E.S.) Chi siamo? È questa la tua scuola? La nostra scuola c è dal 1870. Prima come Istituto Magistrale, poi

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO PIANO DI LAVORO DI LINGUA INGLESE

SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO PIANO DI LAVORO DI LINGUA INGLESE SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO PIANO DI LAVORO DI LINGUA INGLESE Riferito al Piano dell'offerta Formativa al Curricolo Verticale d'istituto al Curricolo delle Competenze Trasversali anno scolastico 2015/2016

Dettagli

La valutazione del percorso formativo

La valutazione del percorso formativo La valutazione del percorso formativo L esperienza del biennio di Padova 1999-2000 Maria Carla Acler Premessa Il presente lavoro nasce dal desiderio di diffondere tra i colleghi l esperienza maturata all

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze.

Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Il mister, la squadra, i genitori, la società. Mister Roberto Babini descrive il suo ruolo e le sue competenze. Roberto Babini (Allenatore di base con Diploma B UEFA) svolge da 13 anni l attività di allenatore.

Dettagli

Ambiente/Beni materiali VALORE Crescita personale VALORE Svago VALORE

Ambiente/Beni materiali VALORE Crescita personale VALORE Svago VALORE VALUTA OGNUNA DI QUESTE DIMENSIONI LEGGI BENE LE DOMANDE, PENSA CON TRASPARENZA ED ONESTA CON TE STESSE E COMPLETA CON UN AUTOVALUTAZIONE DA A 0 PER OGNUNA. RIPORTA IL SUL GRAFICO (UTILIZZA QUELLO IN FONO

Dettagli

D) Area: IL BENESSERE DI DOCENTI, ALUNNI, GRUPPO CLASSE

D) Area: IL BENESSERE DI DOCENTI, ALUNNI, GRUPPO CLASSE INIZIATIVE di FORMAZIONE DOCENTI di Scuole Secondarie di 1 Grado (Programmi sintetici) D) Area: IL BENESSERE DI DOCENTI, ALUNNI, GRUPPO CLASSE D1) L ACCOGLIENZA A SCUOLA: sviluppare negli alunni il senso

Dettagli

MOBILITÀ STUDENTESCA INTERNAZIONALE INDIVIDUALE ( 1 )

MOBILITÀ STUDENTESCA INTERNAZIONALE INDIVIDUALE ( 1 ) MOBILITÀ STUDENTESCA INTERNAZIONALE INDIVIDUALE ( 1 ) Il Liceo favorisce la frequenza scolastica degli studenti in Istituti esteri per periodi brevi, lunghi o corrispondenti alla durata dell anno scolastico,

Dettagli

REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA

REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA Principi, obiettivi e istruzioni IL SOSTEGNO A DISTANZA che cos è Con il termine Sostegno a Distanza si vuole convenzionalmente indicare una forma di solidarietà, oggi molto

Dettagli

Lettera di motivazione Servizio Volontario Europeo (programma Gioventù In Azione)

Lettera di motivazione Servizio Volontario Europeo (programma Gioventù In Azione) Lettera di motivazione Servizio Volontario Europeo (programma Gioventù In Azione) Ecco alcuni consigli per scrivere una buona lettera di motivazione per il tuo SVE: 1. Prima di scriverla Cercando i progetti

Dettagli

STAFF DIRETTIVO STAFF MEDICO GROUP LEADER

STAFF DIRETTIVO STAFF MEDICO GROUP LEADER Navigando Turismo & Cultura seleziona diverse figure professionali per i propri centri Inps all estero. One direction? NO! More DIRECTIONS! Fai passi con noi: invia subito la tua candidatura! STAFF DIRETTIVO

Dettagli

Piano Integrato 2008/09

Piano Integrato 2008/09 REPUBBLICA ITALIANA - REGIONE SICILIANA LICEO SCIENTIFICO STATALE M. CIPOLLA P.le Placido Rizzotto Tel. 9-913 Fax. 9-9333 C. F. 117311 E-mail: liceoscientificocv@libero.it 91 CASTELVETRANO (TP) Autorità

Dettagli

Questionario sulle abilità comunicativo relazionali

Questionario sulle abilità comunicativo relazionali Questionario sulle abilità comunicativo relazionali a cura di Fabio Navanteri per il tutor: da leggere ai corsisti Il questionario che vi proponiamo vi permetterà di individuare alcuni tratti del vostro

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente).

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente). QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO Gentile genitore, le sottoponiamo il presente questionario anonimo al termine dell incontro a cui ha partecipato. La valutazione da lei espressa ci aiuterà a capire

Dettagli

Tutto questo può andare bene a patto che, nel contempo, abbiamo inserito nella nostra vita una doppia velocità, la Linea della Vita appunto.

Tutto questo può andare bene a patto che, nel contempo, abbiamo inserito nella nostra vita una doppia velocità, la Linea della Vita appunto. PROGRAMMARE IL 2011 Come ben sappiamo gli ultimi giorni dell anno sono giorni di bilancio: di fronte al conto economico della vita dovremmo valutare gli Attivi e i Passivi e quindi comprendere se l annata

Dettagli

ANNO SCOLASTICO FRANCIA 2015-2016 ID CORSO: AAFRCBV

ANNO SCOLASTICO FRANCIA 2015-2016 ID CORSO: AAFRCBV ID CORSO: AAFRCBV DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA Questo programma prevede l inserimento di studenti di età compresa tra i 14 e i 18 anni, presso alcune scuole superiori francesi per un periodo da 4 (periodi

Dettagli

Studiare all estero non vuol dire solo imparare bene la lingua straniera, ma soprattutto vivere un esperienza di vita che ti cambia profondamente.

Studiare all estero non vuol dire solo imparare bene la lingua straniera, ma soprattutto vivere un esperienza di vita che ti cambia profondamente. Studiare all estero non vuol dire solo imparare bene la lingua straniera, ma soprattutto vivere un esperienza di vita che ti cambia profondamente. L EXCHANGE PROGRAM L EXCHANGE PROGRAM È UN EMOZIONE SENZA

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA Obiettivi generali del processo formativo Costituiscono la base progettuale degli aspetti pedagogico didattici ed organizzativi dell attività didattica.

Dettagli

OFFERTA FORMATIVA 2015/16

OFFERTA FORMATIVA 2015/16 SERVIZIO DI PSICOLOGIA DELL APPRENDIMENTO E DELL EDUCAZIONE IN ETÀ EVOLUTIVA UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE DI MILANO OFFERTA FORMATIVA 2015/16 www.spaee.it Sede di Milano via Nirone, 15 20123 Milano

Dettagli

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010

PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTI SCUOLA DELL INFANZIA 2009/2010 PROGETTO ACCOGLIENZA A SCUOLA SIAMO TUTTI AMICI Fermani Roberta Nocelli Rita - Grassi Katia Bambini di 2 anni e mezzo e 3 anni Sezioni D e E Il progetto Accoglienza

Dettagli

speciale genitori per la scuola primaria

speciale genitori per la scuola primaria speciale genitori per la scuola primaria in collaborazione con Speciale Genitori Il patto di RCS EDUCATION con le famiglie Il successo formativo e scolastico delle giovani generazioni è, oggi più che mai,

Dettagli

Allegato 2 lotto C Scheda Informativa

Allegato 2 lotto C Scheda Informativa 20124 Milano - Via Abbadesse, 38 Tel. 02.69.33.61 - Fax 02.69.33.66.33 e-mail: vs@interstudioviaggi.it web site www.interstudioviaggi.it Allegato 2 lotto C Scheda Informativa Soggetto Proponente Inter

Dettagli

SCUOLA DELLA COMUNITÀ E PER LA COMUNITÀ IDEE PRATICHE PER UNA BUONA INTEGRAZIONE NAVIGANDO IN UN MARE DI CULTURE

SCUOLA DELLA COMUNITÀ E PER LA COMUNITÀ IDEE PRATICHE PER UNA BUONA INTEGRAZIONE NAVIGANDO IN UN MARE DI CULTURE SCUOLA DELLA COMUNITÀ E PER LA COMUNITÀ IDEE PRATICHE PER UNA BUONA INTEGRAZIONE NAVIGANDO IN UN MARE DI CULTURE Dirigente Scolastico Daniela Simoncelli L ISTITUTO DON MILANI CONTESTO Utenza molto eterogenee,

Dettagli

MANIFESTO PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA TERRITORIALE

MANIFESTO PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA TERRITORIALE MANIFESTO PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA TERRITORIALE L AMMINISTRAZIONE COMUNALE SI IMPEGNA A 1. promuovere forme di collaborazione con la scuola, con le famiglie, gli Enti e le Associazioni locali

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Anno scolastico 2010/2011 Programmazione didattica Materia d insegnamento: Psicologia

Dettagli

MOBILITÀ STUDENTESCA INTERNAZIONALE

MOBILITÀ STUDENTESCA INTERNAZIONALE Aggiornato al marzo 2015 Pagina 1 di 8 1. INTRODUZIONE: LA NORMATIVA I documenti normativi che regolano i soggiorni di studio all estero di studenti italiani o di studenti stranieri in Italia vengono di

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER DIVENTARE OPERATORI SOCIO SANITARI (OSS)

CORSO DI FORMAZIONE PER DIVENTARE OPERATORI SOCIO SANITARI (OSS) CORSO DI FORMAZIONE PER DIVENTARE OPERATORI SOCIO SANITARI (OSS) Una scelta di vita al servizio della persona Ci sono almeno 5 buoni motivi per diventare OSS Hai sempre desiderato un lavoro che non fosse

Dettagli

VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI

VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI Via Madonna del Rosario, 148 35100 PADOVA Tel. 049/617932 fax 049/607023 - CF 92200190285 e-mail: pdic883002@istruzione.it sito web:6istitutocomprensivopadova.gov.it

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Scuola primaria XII OTTOBRE Via Galeazzo,28 - tel 010506665 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SAN FRUTTUOSO ad indirizzo musicale Via Berghini, 1-16132 Genova TEL. 010352712 fax 0105220210 e-mail geic808008@istruzione.it - www.icsanfruttuoso.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE. referente ins. MASCI LUANA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE. referente ins. MASCI LUANA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE referente ins. MASCI LUANA 1 Con l anno scolastico 2013-14 entrano pienamente in vigore le Indicazioni Nazionali per il Curricolo della Scuola

Dettagli

EDUCARE LE EMOZIONI. Principi ed attività per lo sviluppo. socio-emotive nella scuola. delle competenze

EDUCARE LE EMOZIONI. Principi ed attività per lo sviluppo. socio-emotive nella scuola. delle competenze EDUCARE LE EMOZIONI Principi ed attività per lo sviluppo delle competenze socio-emotive nella scuola CHI S I A M O Sperimentiamo e valutiamo in quale modo competenze trasversali come quelle sociali ed

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

LA COMPILAZIONE DEL FASCICOLO. Novembre 2011

LA COMPILAZIONE DEL FASCICOLO. Novembre 2011 LA COMPILAZIONE DEL FASCICOLO Novembre 2011 Cos è il fascicolo? È l insieme dei documenti e delle informazioni che accompagna lo studente in tutte le fasi di candidatura selezione attribuzione del programma

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

La scuola dell infanzia è un ambiente educativo di esperienze concrete e di apprendimento riflessivo che integra le differenti forme del fare,

La scuola dell infanzia è un ambiente educativo di esperienze concrete e di apprendimento riflessivo che integra le differenti forme del fare, ITALIA Introduzione La riforma del sistema italiano è stata oggetto di numerose discussioni e polemiche. La legge di riforma dell ordinamento varata nel 2000 è stata successivamente abrogata dal nuovo

Dettagli

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria

Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Dal Profilo dello studente a I discorsi e le parole Inglese e seconda lingua Comunitaria Profilo dello studente Lo studente al termine del primo ciclo, attraverso gli apprendimenti sviluppati a scuola,

Dettagli

Quali sono? Da dove iniziamo? La diagnosi. Transizioni evolutive. shock rifiuto senso di colpa e d inadeguatezza. La comunicazione della diagnosi

Quali sono? Da dove iniziamo? La diagnosi. Transizioni evolutive. shock rifiuto senso di colpa e d inadeguatezza. La comunicazione della diagnosi Dipartimento di Scienze Pediatriche Mediche e Chirurgiche U.O.C Clinica Pediatrica Università di Messina SUPPORTO PSICOLOGICO Psicologa Dott.ssa Maria Pecoraro Da dove iniziamo? La diagnosi La diagnosi

Dettagli

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2. Istituto Comprensivo C.

PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2. Istituto Comprensivo C. PROGETTO INTERCULTURALE DI RETE ACCOGLIENZA E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI LABORATORI L2 Istituto Comprensivo C. Angiolieri Siena Centro di Alfabetizzazione Italiano L2 C. Angiolieri Scuola Secondaria

Dettagli

INTERCULTURA PROGETTO MODULISTICA PROT N _3417/A6 DEL _04/06/2012

INTERCULTURA PROGETTO MODULISTICA PROT N _3417/A6 DEL _04/06/2012 INTERCULTURA PROGETTO MODULISTICA PROT N _3417/A6 DEL _04/06/2012 Liceo Scientifico Statale "F. Severi" Liceo Scientifico di Ordinamento - Liceo Scientifico Scienze Applicate- Liceo Linguistico viale L.

Dettagli

PROGETTO YOGA IN CLASSE. Scuola Primaria Di Massino Visconti. classe seconda. Anno scolastico 2011-2012

PROGETTO YOGA IN CLASSE. Scuola Primaria Di Massino Visconti. classe seconda. Anno scolastico 2011-2012 PROGETTO YOGA IN CLASSE Scuola Primaria Di Massino Visconti classe seconda Anno scolastico 2011-2012 Responsabili: Maria Pillitteri insegnante di Scuola Primaria Paola Faini insegnante Yoga PRESENTAZIONE

Dettagli

Obiettivi relativi all area socioaffettiva. Obiettivi relativi all area cognitiva

Obiettivi relativi all area socioaffettiva. Obiettivi relativi all area cognitiva PROGETTO INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI L Istituto da parecchi anni rappresenta un importante centro di riferimento e polo progressista nelle tematiche sulla disabilità. Anche quest anno la nostra

Dettagli

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere

Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Progetto di educazione alla salute e di promozione del benessere Rivolto agli studenti della scuola secondaria di primo grado PREMESSE L educazione affettiva e relazionale dei giovani d oggi pone, a quanti

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA

LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA L ISCRIZIONE Le iscrizioni dei minori stranieri, indipendentemente dalla regolarità

Dettagli

PROGETTARE IL PORTFOLIO M.A. Zanetti, D. Miazza Dipartimento di Psicologia, Università di Pavia

PROGETTARE IL PORTFOLIO M.A. Zanetti, D. Miazza Dipartimento di Psicologia, Università di Pavia ABSTRACT PROGETTARE IL PORTFOLIO M.A. Zanetti, D. Miazza Dipartimento di Psicologia, Università di Pavia La riforma del sistema scolastico ha delineato nuovi possibili scenari all interno dei quali devono

Dettagli

INDICE. OUTBOUND PROGRAM High School Program all estero. INBOUND PROGRAM Ospitalità di ragazzi stranieri presso le famiglie italiane

INDICE. OUTBOUND PROGRAM High School Program all estero. INBOUND PROGRAM Ospitalità di ragazzi stranieri presso le famiglie italiane 2015-2016 OUTBOUND PROGRAM High School Program all estero INDICE L High School Program è una grande opportunità, per uno studente dai 15 ai 18 anni non compiuti, di frequentare una scuola superiore all

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

1) Il mio avatar: uguali o diversi? L esercizio permette di apprendere il concetto di avatar e comprenderne la tipologia.

1) Il mio avatar: uguali o diversi? L esercizio permette di apprendere il concetto di avatar e comprenderne la tipologia. DISCUSSION STARTERS - Definisci a parole tue cosa è un avatar. - Quali sono le funzioni psicologiche dell avatar? - L avatar può essere sempre come tu lo vorresti? - Quanti tipi di avatar conosci? - In

Dettagli

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di "gradualità" e "continuità".

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di gradualità e continuità. 1 Accogliere un bambino in un servizio educativo per la prima infanzia, significa accogliere tutta la sua famiglia, individuando tutta una serie di strategie di rapporto fra nido/centro gioco e casa, volte

Dettagli

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI 1 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO / CAROSINO Anno scolastico 2013-2014 QUESTIONARIO CONOSCITIVO Nota: Il presente questionario è predisposto per gli alunni del

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO STATALE FILIPPO MEDA DI INVERIGO Tel. 031. 607321 - E-mail: sms.inverigo@tiscali.it - Sito: www.icsinverigo.gov.it Direzione e Segreteria dell Istituto Comprensivo: Via

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s. 2014.2015

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s. 2014.2015 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. MASCI FRANCAVILLA AL MARE CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA a.s. 2014.2015 Coordinatrice Luana Masci Con l anno scolastico 2013-14 entrano pienamente in vigore le Indicazioni

Dettagli

Soggiorni Studio. destinazioni in tutto il mondo. Travel Studies Association

Soggiorni Studio. destinazioni in tutto il mondo. Travel Studies Association Soggiorni Studio destinazioni in tutto il mondo Travel Studies Association Programmi Specifici n NO AULA OPTION L inglese appreso attraverso attività sportive e artistiche La grande novità di TSA sono

Dettagli

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico Perché parlare di gestione emotiva? ADHD è un disturbo che colpisce

Dettagli

INDAGINE SULLE COMPETENZE CHIAVE

INDAGINE SULLE COMPETENZE CHIAVE INDAGINE SULLE COMPETENZE CHIAVE INTRODUZIONE Siamo tutti cittadini di una grande Europa. Non è solo un idea, un concetto. Significa vivere, muoversi, lavorare in un contesto, in un mercato ed una società

Dettagli

SCUOLE BILINGUE LUCCA. bilingue si cresce... Seguici su #bilinguesicresce NIDO MATERNA

SCUOLE BILINGUE LUCCA. bilingue si cresce... Seguici su #bilinguesicresce NIDO MATERNA SCUOLE NIDO Seguici su #bilinguesicresce bilingue si cresce... SCUOLE La nostra idea di scuola nasce dalla convinzione dell importanza di creare una struttura unica che permetta alle famiglie di usufruire

Dettagli

Scuola Primaria Arcivescovile Dame Inglesi

Scuola Primaria Arcivescovile Dame Inglesi Scuola Primaria Arcivescovile Dame Inglesi Che cosa offriamo? Il Progetto educativo d Istituto La Scuola si propone di contribuire alla formazione integrale dell alunno, accompagnandolo in una crescita

Dettagli

LA FONDAZIONE MANODORI HA FINANZIATO IL PRESENTE PROGETTO

LA FONDAZIONE MANODORI HA FINANZIATO IL PRESENTE PROGETTO Progetto stranieri Istiitutii Superiiorii delllla Proviinciia dii Reggiio Emiilliia LINEE GUIDA PER L INTEGRAZIONE DEGLI ALLIEVI STRANIERI IL PRESENTE DOCUMENTO È STATO ELABORATO DAL GRUPPO DI PROGETTO

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

ANNO SCOLASTICO STATI UNITI- PROGRAMMA CLASSICO IN FAMIGLIA E SCUOLA PUBBLICA" COME PARTECIPARE

ANNO SCOLASTICO STATI UNITI- PROGRAMMA CLASSICO IN FAMIGLIA E SCUOLA PUBBLICA COME PARTECIPARE ANNO SCOLASTICO STATI UNITI 2015-16 CLASSICO Sono ancora disponibili gli ultimi posti per il programma di Anno scolastico negli Stati Uniti per le partenze di Gennaio 2016 per un semestre. Ecco le quote

Dettagli

Protocollo Mobilità Individuale all Estero

Protocollo Mobilità Individuale all Estero Protocollo Mobilità Individuale all Estero Premessa Con il presente Protocollo il Liceo G.M.Dettori intende sostenere e, nel contempo, regolamentare l esperienza di studio dei propri studenti/studentesse

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

ANNO SCOLASTICO CINA 2016 2017

ANNO SCOLASTICO CINA 2016 2017 DESCRIZIONE DEL PROGRAMMA Un semestre o anno scolastico all'estero è un'esperienza unica, di grande crescita personale che cambia decisamente il corso della vita futura dei ragazzi e contribuisce fortemente

Dettagli

Compilazione della scheda iscrizione e biografia linguistica (modello di seguito allegato).

Compilazione della scheda iscrizione e biografia linguistica (modello di seguito allegato). PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E INSERIMENTO DEGLI ALUNNI STRANIERI Premessa Il Protocollo di Accoglienza (PdA) presenta le procedure (approvate e condivise dal Collegio Docenti) che il nostro Istituto attua

Dettagli

PIANO dell OFFERTA FORMATIVA

PIANO dell OFFERTA FORMATIVA PIANO dell OFFERTA FORMATIVA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA S. AGOSTINO ANNO SCOLASTICO 2013/14 INDICE Premessa pag. 3 La scuola primaria parificata S. Agostino.. pag. 4 Capitolo 1: Progettazione educativa

Dettagli

INFORMAZIONI GENERALI SUL PROGRAMMA SCAMBIO GIOVANI

INFORMAZIONI GENERALI SUL PROGRAMMA SCAMBIO GIOVANI INFORMAZIONI GENERALI SUL PROGRAMMA SCAMBIO GIOVANI Lo Scambio Giovani del Rotary (Rotary Youth Exchange, RYE) è un programma del Rotary International (www.rotary.org) che permette a giovani di età indicativamente

Dettagli

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I)

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) Istituto Paritario Minerva Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA La legge 62 del 10 Marzo 2000, recante Norme sulla parità scolastica e disposizioni sul diritto allo

Dettagli

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia (Approvato dal Consiglio d Istituto nella seduta del 18 dicembre 2008) ---------------- L Istituto Comprensivo VIA CASAL BIANCO è una scuola che svolge

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA SALUTE

EDUCAZIONE ALLA SALUTE ISTITUTO COMPRENSIVO GARIBALDI-LEONE TRINITAPOLI EDUCAZIONE ALLA SALUTE Anno scolastico 2015/2016 La salute è creata e vissuta dalle persone all interno degli ambienti organizzati della vita quotidiana:

Dettagli

AMIGOS servizi per l infanzia, l adolescenza e le famiglie AMIGOS CARTA DEL SERVIZIO

AMIGOS servizi per l infanzia, l adolescenza e le famiglie AMIGOS CARTA DEL SERVIZIO AMIGOS CARTA DEL SERVIZIO CONTESTO: Un percorso di crescita e continuità educativa: bambini 0-6 anni La nostra struttura si occupa dell infanzia e della gioventù dal 2002 offrendo un servizio di Nido d

Dettagli

Linked. 6 mosse per entrare nella rete del lavoro

Linked. 6 mosse per entrare nella rete del lavoro Linked 6 mosse per entrare nella rete del lavoro La guida è realizzata nell ambito del Progetto n. 2013-1340 Lavoro subito cofinanziato da Provincia di Cremona, Camera di Commercio di Cremona, Comuni di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PIANELLO V.T. RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI DEL TERRITORIO E SODDISFAZIONE DEI NOSTRI UTENTI

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PIANELLO V.T. RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI DEL TERRITORIO E SODDISFAZIONE DEI NOSTRI UTENTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PIANELLO V.T. RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI DEL TERRITORIO E SODDISFAZIONE DEI NOSTRI UTENTI Questionario studenti L'offerta formativa della scuola è tanto più efficace quanto più

Dettagli

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Associazione di Volontariato per la Qualità dell Educazione UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Esplora con noi il mondo del volontariato! con il contributo della con il patrocinio Comune di Prepotto Club UNESCO

Dettagli

Servizi per l educazione, l istruzione e la formazione

Servizi per l educazione, l istruzione e la formazione Servizi per l educazione, l istruzione e la formazione Esedra Scuole Sede: Lucca I Licei Paritari Esedra offrono una qualificata esperienza maturata in più di trenta anni di attività trasmettendo certezze

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo adolescenti

Livello CILS A2 Modulo adolescenti Livello CILS A2 Modulo adolescenti MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Progetto Educativo d Istituto

Progetto Educativo d Istituto LICEO SCIENTIFICO Paritario LICEO delle SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Paritario ISAAC NEWTON Progetto Educativo d Istituto P.E.I. A.S. 2014/2015 0 INDICE 1. Introduzione. pag. 2 2. Finalità e

Dettagli

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado

Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado Classe: Sezione: Istituto Comprensivo Dante Alighieri Petilia Policastro (KR) Scuola Secondaria di Primo Grado PROGETTAZIONE CURRICOLARE Approvazione del Consiglio di Classe in data: Coordinatore:Prof.

Dettagli

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica Progetto Educazione alla salute e psicologia scolastica Il progetto di psicologia scolastica denominato Lo sportello delle domande viene attuato nella nostra scuola da sei anni. L educazione è certamente

Dettagli

1. Presentazione del programma. 3. Metodologia didattica e contenuti. 4. L organizzazione della lezione in aula sincrona

1. Presentazione del programma. 3. Metodologia didattica e contenuti. 4. L organizzazione della lezione in aula sincrona Guida didattica Programma di. Epatente 1. Presentazione del programma 2. Struttura del programma 3. Metodologia didattica e contenuti 4. L organizzazione della lezione in aula sincrona 5. Raccomandazioni

Dettagli

Modello per la relazione individuale Mobilità Internazionale 2014/2015

Modello per la relazione individuale Mobilità Internazionale 2014/2015 Modello per la relazione individuale Mobilità Internazionale 2014/2015 Questa breve relazione sulla tua esperienza fornirà una preziosa informazione che sarà di beneficio in futuro per altri studenti e

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C. a.s. 2013-2014

PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C. a.s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE ANNUALE SCUOLA INFANZIA ITALO CALVINO SEZIONE C a.s. 2013-2014 Il percorso che quest'anno vogliamo realizzare è alfabetizzare alle emozioni e nasce dall'esigenza di fornire al bambino strumenti

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli