Azienda pag. 3. gruppo televita una direzione, insieme. Lavoro pag. 10. Servizi pag. 18

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Azienda pag. 3. gruppo televita una direzione, insieme. Lavoro pag. 10. Servizi pag. 18"

Transcript

1 gruppo televita una direzione, insieme Azienda pag. 3 Pronto, ci siamo. pag. 3 Lavorare con le istituzioni pag. 5 I clienti privati pag. 7 Storia ed esperienze pag. 8 Servizi pag. 18 Progettazione e gestione pag. 18 Case history pag. 21 I clienti pag. 24 Lavoro pag. 10 Le nostre linee guida pag. 10 I settori pag. 13 L infrastruttura tecnologica pag. 14 I numeri di un successo pag. 17

2 Invecchiare è un privilegio e una meta della società. È anche una sfida, che ha un impatto su tutti gli aspetti della società del XXI secolo. Dal messaggio sugli anziani dell Organizzazione Mondiale della Sanità Pronto, ci siamo. 3 Gruppo Televita Il Gruppo Televita è composto da 3 società: Televita S.p.A., Tesan-Televita S.r.l. ed Eutonia S.r.l. Televita da oltre 20 anni progetta e gestisce servizi integrati di teleassistenza nel settore sociale e sociosanitario, rivolgendosi sia a enti pubblici che a clienti/utenti privati. Tesan-Televita, nata dall incontro tra Televita e Tesan S.p.A., gestisce servizi telematici per la protezione e il monitoraggio delle persone fragili e anziane, per conto di diverse istituzioni. Eutonia si occupa del recupero funzionale e della riabilitazione motoria di persone affette da sindromi dolorose e disabilità. Nel Gruppo Televita soluzioni tecnologiche all avanguardia supportano servizi di eccellenza, presidiati da personale qualificato, accessibili 7 giorni su 7, 24 ore su 24 e modulati sulle esigenze del cliente/utente. La forte vocazione sociale del Gruppo è cresciuta e si è diversificata nel tempo, anche in virtù del contesto di riferimento: una società che sta vivendo una vera e propria rivoluzione demografica. Nel 2000, nel mondo, erano circa 600 milioni le persone con più di 60 anni, nel 2025 saranno 1,2 miliardi e 2 miliardi nel L aumento della speranza di vita va di pari passo con l aumento delle malattie croniche ed esaspera tendenze quali la solitudine e l isolamento sociale, frutto di una società individualista, spesso composta da famiglie mononucleari. A fare le spese di questa condizione generale sono le persone più fragili, maggiormente esposte all esclusione sociale. Il Gruppo ha compreso per tempo il fenomeno e realizzato soluzioni efficaci nell ambito dell assistenza sociosanitaria telematica, privilegiando da un lato il mantenimento dell utente nel proprio contesto domiciliare e sociale, dall altro l efficienza gestionale e la sostenibilità economica degli interventi.

3 L AZIENDA TELEVITA 5 Lavorare con le istituzioni È molto complessa la collaborazione tra un azienda pubblica e un azienda privata; collaborare significa ricercare innovazione, trasformazione, arricchimento culturale, reciproca attenzione e comune ricerca di soluzioni più efficaci. Di solito si dice che il pubblico debba pensare alle commesse, alla regia, al controllo ed alla valutazione, mentre il privato debba gestire quanto commissionato dal pubblico. Ci piace immaginare un mondo in cui il privato, che opera nel campo dei servizi alla persona, stimoli, provochi, critichi, formi il pubblico e viceversa; un mondo in cui la cultura d impresa sappia coniugare il profitto economico con il profitto umano e etico, un mondo in cui ci sia spazio per un privato capace di fare le due cose assieme e con un pubblico che sappia cercare, apprezzare, richiedere solo questo tipo di privato. La questione vera è riuscire a pensare pubblico e privato assieme; cercando di comprendere tempestivamente quel che succede, non limitandosi ad osservare distrattamente per accorgersi dieci anni dopo dei cambiamenti avvenuti. La realtà è in continua evoluzione, mentre i sistemi cambiano molto più lentamente, quindi è necessario ridurre i tempi del cambiamento, lavorando insieme. Quando si riesce a farlo, pubblico e privato, il bilancio in campo sociale può dirsi in attivo. La pubblica amministrazione è il principale cliente del Gruppo Televita. Realizzando servizi destinati a persone fragili, la cui tutela compete all ente pubblico, il rapporto con le istituzioni è frequente e naturale. Essere impresa sociale nel senso più concreto del termine è una condizione che caratterizza la storia del Gruppo e spiega il suo percorso, sicuramente impegnativo, in un contesto (quello socioassistenziale) dove il ruolo di interlocutore per il pubblico è stato tradizionalmente riconosciuto alle realtà no-profit e dove, peraltro, alcune realtà profit si sono caratterizzate come elementi non qualificanti del sistema. Un rapporto maturo. Il Gruppo Televita ha saputo conquistarsi nel tempo la fiducia delle amministrazioni con le quali ha avuto l opportunità di collaborare, maturando credibilità grazie ad alcune caratteristiche: Estrema accessibilità, con un servizio attivo 7 giorni su 7, 24 ore su 24 Conoscenza dei contesti normativi e sociosanitari di riferimento Capacità di progettare servizi personalizzati, ritagliati sulle esigenze del cliente Flessibilità organizzativa e gestionale Assunzione di responsabilità nello svolgimento di attività non prioritarie per il servizio pubblico ma determinanti per il successo dell intervento sull utente fragile. La regolamentazione della teleassistenza. Uno dei principali servizi gestiti dal Gruppo Televita è lateleassistenza della Regione Friuli Venezia Giulia, seconda amministrazione regionale in Italia (con la regione Veneto) ad aver legiferato per normare questo specifico servizio, dettandone regole e standard di qualità. La legge regionale n.26/1987 del Veneto e la legge regionale n.26/1996 del Friuli Venezia Giulia rappresentano ancora oggi a livello nazionale i principali punti di riferimento in materia per enti e operatori del settore.

4 L AZIENDA TELEVITA I clienti privati Il Gruppo Televita opera anche a livello privato rivolgendosi direttamente all utente finale e alla sua famiglia, nell ambito dei servizi di Home Telecare (telesoccorso, telecontatto, videoassistenza, domotica) e Telemedicina (telemonitoraggio). Il servizio privato è caratterizzato da: una personalizzazione spinta delle prestazioni offerte, definite specificamente di volta in volta insieme all assistito e al suo nucleo famigliare una ricerca tecnologica continua che consente di selezionare e utilizzare dispositivi innovativi, a costi contenuti e di facile utilizzo. L offerta. Il Gruppo, avvalendosi di partner e fornitori qualificati, ha sperimentato nel tempo diversi prodotti: dal tradizionale impianto di telesoccorso fisso a sistemi evoluti, dove il pulsante di telesoccorso è incorporato in bracciali/orologi da polso, sino ai vari sensori per la sicurezza individuale e ambientale (ad es. rilevatori gas, temperatura, movimento, caduta). In questo contesto ha individuato due sistemi di telesoccorso mobile, con pulsante di soccorso incorporato o esterno. Le strumentazioni sono dotate di microfono ad elevata sensibilità in grado di trasferire alle centrali operative i suoni e le voci presenti nel luogo in cui si trova la persona che ha chiesto aiuto. Nel sistema più avanzato, la ricezione satellitare è in grado di geo-localizzare le richieste e quindi la posizione fisica dell utente, inviandola alle centrali operative. Il servizio è fornito quale strumento alternativo al telesoccorso fisso, per promuovere la protezione e la sicurezza di diversi target di popolazione a rischio: anziani ancora autonomi, persone con disabilità o patologie croniche, ma anche donne sole e minori. Il Gruppo, negli ultimi anni, ha sperimentato e validato diversi dispositivi di telemedicina e telemonitoraggio, acquisendo know-how ed esperienza anche in questo settore. Tutti i dispositivi selezionati vengono testati direttamente, avvalendosi di utenti potenziali (test group) che ne valutano la funzionalità e l efficacia. L area business. Il settore privato è composto non solo dall utente finale con il proprio nucleo familiare, ma anche da organizzazioni interessate a esternalizzare - nell ambito dell efficienza complessiva - servizi di call contact center o altri servizi telematici.

5 8 Storia ed esperienze L AZIENDA TELEVITA 1992 Nasce la Teleassistenza della Regione FVG, servizio di telesoccorso/telecontatto, la cui gestione è affidata al Gruppo Televita 1997 Nasce il Progetto Amalia/Telefono Speciale per la prevenzione dei suicidi e delle morti solitarie, frutto di una co-progettazione pubblico/ privato tra Comune di Trieste, Azienda per i Servizi Sanitari n 1 Triestina e Televita 2006 Nasce TriesteAbile, centro informativo integrato per le persone con disabilità: gestito da Televita per conto della Azienda per i Servizi Sanitari n 1 Triestina 2007 Nasce PUOI (Punto Unico di Orientamento e Informazione sui servizi sociali), un servizio di informazione a largo raggio sulle risorse sociali, gestito da Televita per conto della Regione FVG Televita è nata nel 1987 dall idea di un gruppo di imprese specializzate nel settore della sicurezza interessate a diversificare la propria attività, fornendo servizi di telesoccorso. Si è concentrata sulla progettazione di servizi fondati sulla capacità di ascolto, l accoglienza e la relazione di aiuto, che mettono al centro il cittadino/utente e le sue necessità. Tesan-Televita è nata nel 1992 dall incontro tra Televita e Tesan S.p.A. società di teleassistenza nazionale, facente parte di TBS Group, con lo specifico mandato di sviluppare il telesoccorso pubblico in Friuli Venezia Giulia, apportando una spinta di innovazione, sia a livello tecnologico che di servizio. Si è concentrata sull innovazione tecnologica applicata alla salute, ritagliandosi spazi di eccellenza nell ambito della Home Telecare e della Telemedicina Nasce il progetto europeo Dreaming di Home Telecare: Videoassistenza, Telemedicina e Domotica, del quale Tesan-Televita è coordinatore internazionale 2011 Nasce il Call Center Salute e Sociale della Regione FVG per la prenotazione delle prestazioni sanitarie (Centro Unico di Prenotazione - CUP) e l informazione sui servizi sociosanitari, la cui gestione è affidata al Gruppo Televita Eutonia - Sanità e Salute è nata nel 2012 dalla partnership tra Televita e il Sanatorio Triestino S.p.A. La società si occupa del recupero funzionale e della riabilitazione motoria di persone affette da traumi, invalidità e disabilità, mediante prestazioni di carattere ambulatoriale e domiciliare. La collaborazione con il Sanatorio Triestino casa di cura operante da oltre un secolo nel panorama sanitario regionale con servizi ambulatoriali e ospedalieri gestiti sia privatamente che in convenzione con l ente pubblico garantisce standard di qualità a livello professionale, organizzativo e strumentale. Il senso di fare Gruppo. L esperienza maturata nella città di Trieste, per le sue caratteristiche demografiche, l elevata incidenza di popolazione anziana e la presenza di un welfare state forte e articolato, ha rappresentato un terreno privilegiato di sperimentazione che ha permesso al Gruppo di generare modelli esportabili in altre realtà: l area operativa copre oggi l intero Friuli Venezia Giulia e si estende in Emilia - Romagna, Toscana, Sardegna. A livello logistico ed organizzativo il Gruppo dispone oggi di una struttura articolata: 4 centrali operative, dislocate in FVG, che garantiscono un servizio 24 ore su 24 1 centro fisioterapico a Trieste, accreditato in base al D.L. 502/ persone impiegate: operatori, tecnici, informatici, psicologi, sociologi, assistenti sociali, amministrativi, ecc. Partner e fornitori accreditati per la ricerca tecnologica e la realizzazione di applicativi gestionali di proprietà, costruiti in base alle esigenze dei servizi da erogare.

6 10 IL LAVORO TELEVITA Le nostre linee guida Il Gruppo Televita, nello svolgere la propria attività, si attiene a valori e norme di riferimento che regolano l organizzazione interna e le relazioni con l utenza e i soggetti esterni. Vision Una società aperta e solidale dove le persone fragili conservano dignità, i servizi soddisfano le esigenze degli utenti e non viceversa, fare impresa e fare del bene rappresentano due obiettivi compatibili ed egualmente onorevoli. Mission Sviluppare nuovi modelli di servizio nel settore della salute e della assistenza sociosanitaria Contribuire alla permanenza a domicilio e all inclusione sociale delle persone fragili Facilitare l accesso dei cittadini ai servizi sociosanitari Rappresentare un punto di riferimento affidabile per gli operatori istituzionali. Networking Costruire e gestire reti è una abilità che contraddistingue l approccio al lavoro del Gruppo Televita. Gli operatori di centrale sono in costante contatto con altri operatori (medico di medicina generale, Servizio 118, assistente sociale e domiciliare, infermiere, assistente alla persona) che, a vario titolo, hanno in carico l utenza, condividendo informazioni e collaborando alla gestione dei casi. A livello progettuale, il Gruppo collabora con realtà di livello nazionale e internazionale, dalla mission affine o complementare, per aumentare l impatto delle proprie proposte e raggiungere nuovi target di popolazione. Attenzione alle risorse umane Si tratta di una duplice attenzione: accuratezza nella selezione del personale, che deve essere dotato di attitudini specifiche e delle necessarie qualifiche per garantire una buona prestazione professionale, e considerazione verso il personale che viene inquadrato stabilmente, formato e costantemente aggiornato. Anche l ambiente di lavoro è fondamentale, sia a livello materiale che di clima aziendale: il Gruppo cura particolarmente l estetica ed il comfort delle sedi aziendali e si preoccupa del benessere dei propri dipendenti. Soluzioni su misura Le esigenze di ogni Cliente sono uniche: il Gruppo ha sviluppato vari format di servizio che vengono adattati di volta in volta a livello informatico, integrando diversi strumenti e adeguando le modalità gestionali. Innovazione tecnologia Le tecnologie sono a servizio del servizio: non sono mai un fine, sempre un mezzo. Il centro di qualsiasi progetto o intervento è la persona con i suoi bisogni psico-socio-sanitari. Le tecnologie sono strumenti e come tali vanno utilizzate per raggiungere un determinato obiettivo assistenziale; nondimeno sono indispensabili per produrre servizi di qualità, sempre più efficienti ed efficaci. Qualità Per il Gruppo Televita la qualità è uno strumento di lavoro. Televita e Tesan-Televita sono certificate dal 1999 in base alla norma UNI EN ISO Oggetto della certificazione è la Progettazione ed erogazione dei servizi di teleassistenza: telesoccorso, telecontrollo, telecontatto, ascolto telefonico, consegna farmaci, agenda farmaci, telemedicina, call contact center outbound ed inbound. Nel 2010 Televita ha ottenuto anche la certificazione dei servizi di CCC - Centri di Contatto con il Cliente, in riferimento alla norma UNI EN 15838/UNI 11200:2010, norma che definisce, i requisiti complessivi di qualità del servizio. Entrambe le aziende dal 2009 applicano il codice etico ed il modello organizzativo in base al D.lgs. 231/2001.

7 IL LAVORO TELEVITA I settori 13 Il Gruppo gestisce ed eroga servizi di diversa tipologia, riconducibili a 5 settori. Home Telecare (telesoccorso, telecontatto, videoassistenza, domotica) e Telemedicina (telemonitoraggio), ovvero servizi telematici che favoriscono la permanenza a domicilio della persona fragile e ne consentono la sorveglianza, grazie ad apposite tecnologie. I dispositivi utilizzati assolvono diverse funzioni: segnalare le emergenze personali, sanitarie e ambientali, monitorare le condizioni psicofisiche dell utente, contrastare l esclusione sociale, monitorare costantemente da remoto i parametri fisiologici di pazienti affetti da patologie croniche, evitando i ricoveri e gestendo le emergenze al loro insorgere. Telefonia sociale. L attenzione è tutta alla relazione d aiuto con l utenza, alla quale si garantisce compagnia, sostegno e informazione mirata. La telefonia sociale utilizza software dedicati per la gestione dei dati relativi all utenza e alla rete dei soggetti che la circondano, condivisi con i servizi istituzionali. Grazie alla telefonia sociale è possibile contrastare la solitudine e prevenire l isolamento, trasmettere messaggi di salute, promuovere l aggregazione e la socialità, supportare le persone in stato di disagio psicofisico e offrire informazioni utili nel quotidiano. Gestione di flussi informativi. Si tratta di un attività telematica volta a facilitare l operatività dei servizi istituzionali, oltre che a soddisfare le esigenze delle persone assistite. La centrale operativa è al centro di una rete di soggetti che intervengono sui medesimi utenti con funzioni differenziate; si occupa della circolarità delle informazioni da e verso le istituzioni, gli operatori e gli utenti, avvalendosi di sistemi informatici di proprietà, condivisi a vari livelli di accesso con gli attori della rete. Call Contact Center. Il Gruppo garantisce servizi di call contact center evoluti che integrano le funzionalità di telecomunicazione con i sistemi informativi, aggiungendo all utilizzo del mezzo telefonico altri strumenti/canali di comunicazione: posta, fax, , web, messaggerie su telefoni cellulari e rappresentano un efficace modalità di gestione dei contatti e delle relazioni con i clienti e i cittadini, promuovendo una cultura customer oriented. Prestazioni riabilitative e diagnostiche. Attraverso il centro fisioterapico vengono garantite prestazioni diagnostiche e riabilitative di primo livello, estese a patologie neurologiche o ortopediche che necessitano di un intervento riabilitativo semplice, con trattamenti sia ambulatoriali (individuali o di gruppo) che domiciliari.

8 14 L infrastruttura tecnologica IL LAVORO TELEVITA Logistica. Il Gruppo Televita si articola fisicamente in diverse sedi ubicate nel Friuli Venezia Giulia (due sedi a Trieste, una a Udine e una a Pordenone). Le sedi ospitano gli uffici e le centrali operative, attive nell arco diurno o sulle 24 ore, strutturate con hardware, software e tecnologie d avanguardia, collegate in rete a diversi livelli. Il Gruppo è dotato di un sistema di telefonia integrata/call center e dispone di un centro strutturato per gestire la rete interna e l accesso a quella esterna: il CED, che accoglie server, firewall, hardware, software, linee varie, cablaggio per dati/fonia, alimentazione, ecc., ubicato nella sede di Trieste in un apposito locale (pavimento rinforzato, climatizzato, con dispositivi di allarme e sensori di rilevazione calore, gruppi continuità, ecc.). Architettura di sistema. Sono state scelte soluzioni architetturali che minimizzano le possibilità di disservizio nei confronti dell utenza, anche in casi di guasti hardware, in quanto gran parte dei componenti sono ridondanti o duplicati in modo che non sia mai pregiudicata la continuità delle funzioni critiche, la sicurezza informatica e l erogazione dei servizi. Le centrali sono collegate telematicamente; questo sistema, regolato da un opportuno business continuity plan & disaster recovery, consente il subentro a carico di una delle sedi in caso di guasto alle linee o alla struttura hardware e software, garantendo la continuità dei servizi. Applicativi gestionali. Gli applicativi impiegati sono di norma proprietari, progettati e costruiti in base alle peculiari esigenze dei servizi. Le tecnologie di base utilizzano prodotti open source; le applicazioni sono progettate ed interamente realizzate in ambiente web nativo, implementando un architettura a tre livelli (presentation, application e database) che non richiede l installazione di componenti software aggiuntive sui client. Queste applicazioni sviluppano traffico molto contenuto e risultano fruibili anche da utenti collegati attraverso connessioni a banda stretta. L architettura di base prevede la possibilità di un interazione multicanale, consentendo l accesso al sistema da parte di device eterogenei diversi da un PC. Nel caso di utilizzo di software non proprietari, gli stessi vengono opportunamente customizzati e calibrati per lo specifico servizio di destinazione.

9 IL LAVORO TELEVITA 17 I numeri di un successo Utenti persone assistite Telefonate verso gli utenti chiamate outbound Telefonate ricevute dagli utenti chiamate inbound Allarmi ed eventi significativi allarmi/eventi gestiti Consegna farmaci e altri servizi aggiuntivi servizi gestiti Visite al sito web TriesteAbile click Call Center Salute e Sociale RFVG chiamate inbound CUP prenotazioni CUP chiamate inbound servizio informativo chiamate outbound servizio di prevenzione/promozione della salute (Valori medi relativi ad un anno di servizio)

10 18 I SERVIZI TELEVITA Progettazione e gestione Il Gruppo Televita, forte delle sue expertise, mette a disposizione dei clienti le proprie competenze per l ideazione e lo sviluppo di nuove iniziative. Analisi dei bisogni sociosanitari: l ufficio Ricerca e Sviluppo si mantiene aggiornato sull evolversi dei bisogni, sulle politiche, sulle normative e gli atti di programmazione nel settore, a livello locale e nazionale. Questo consente di agire tempestivamente, ideando progetti innovativi e formulando proposte mirate. Ricerca finanziamenti dedicati su assi specifici, a livello locale, nazionale ed europeo: in un epoca di contrazione delle risorse la ricerca di finanziamenti è doverosa e consente di realizzare nuovi servizi con la possibilità di sgravare l ente pubblico di una parte dei costi. L ufficio Ricerca e Sviluppo attua un monitoraggio costante sulla pubblicazione dei bandi e ne valuta, con esperti di settore, pertinenza e sostenibilità. Progettazione e gestione di sistemi e servizi telematici modulari: per il Gruppo Televita un nuovo servizio è sempre il frutto dell incontro con il committente e non è mai standardizzato. Ogni progetto viene costruito insieme: può essere stimolato dal gestore o fornitore, nel rispetto dei diversi ruoli e funzioni, e a sua volta condizionato dal committente e dal contesto, in un processo virtuoso che ha come esito la realizzazione di interventi originali, ritagliati su misura e sostenibili sotto il profilo economico-finanziario. La gestione è continuamente monitorata: ogni servizio ha un responsabile e un team leader che controllano il processo di erogazione e coordinano gli addetti. Sviluppo ICT applicato alla gestione dei servizi: l infrastruttura tecnologica del Gruppo è stata sviluppata secondo quattro presupposti: sicurezza di esercizio, elasticità di gestione, scalabilità di sistema, predisposizione all espandibilità. Qualsiasi modifica, ampliamento o nuova implementazione della rete, del sistema di call contact center, delle dotazioni hardware e software e delle piattaforme gestionali viene messa in atto con relativa facilità ed in tempi ristretti. Le piattaforme applicative sono personalizzate, realizzate in base alle esigenze del cliente e alle attività da erogare. Predisposizione di strumenti e procedure per la raccolta, la catalogazione, l elaborazione e l aggiornamento dei dati: la mole di informazioni gestita dal Gruppo è notevole, il sistema informatico aziendale è costituito da banche dati integrate che vengono aggiornate secondo procedure stabilite dal sistema Qualità. Sono state strutturate applicazioni specifiche per la visualizzazione e restituzione dei dati aggregati ed altre per monitorare il gradimento del cliente/utente. Il sistema informatico viene gestito nel rispetto della normativa sulla Privacy (D.Lgs. 196/2003). Organizzazione e attuazione di percorsi formativi, di aggiornamento professionale ed affiancamento on the job per il personale dipendente: da sempre il Gruppo cura le risorse umane, che fanno la vera differenza nella qualità dei servizi. Gli operatori di centrale sono assunti di norma con contratto a tempo indeterminato, affiancati nell inserimento iniziale, aggiornati costantemente e sostenuti nei momenti di stress da professionisti specializzati.

11 I SERVIZI TELEVITA 21 Case history Home Telecare/Telemedicina Dreaming (elderly-friendly Alarm handling and MonitorING). Il progetto è stato realizzato nell ambito del Programma Europeo di competitività e innovazione CIP-PSP Ha previsto, per un gruppo target di utenti, un sistema di monitoraggio a distanza di parametri vitali e ambientali, insieme ad un servizio di videoconferenza e teleassistenza, utilizzando tecnologie disegnate per le esigenze di utenti affetti da patologie croniche. I risultati della sperimentazione hanno dimostrato che un opportuna socializzazione dell utenza a domicilio e l utilizzo di strumentazioni innovative apportano sia benefici clinici che economici (dal miglioramento della qualità di vita alla riduzione dei costi assistenziali). Tesan-Televita ha svolto nel progetto il ruolo di coordinatore e di sito pilota italiano insieme alla Azienda per i Servizi Sanitari n 1 Triestina, mettendo a disposizione il proprio call contact center per il monitoraggio degli eventi e la gestione degli allarmi di telemedicina, concordando un protocollo operativo con il servizio di emergenza sanitaria 118. A progetto concluso, visti i risultati raggiunti è stata data continuità al servizio su iniziativa dell Azienda per i Servizi Sanitari n 1 Triestina. Gestione flussi informativi Global Service. Avviato nel 2001 dal Comune di Trieste, il servizio consiste in un insieme di interventi, prestazioni e prodotti volti a favorire la domiciliarità delle persone fragili. Il servizio è garantito da Televita e da alcune cooperative sociali ed offre assistenza domiciliare, pulizie domestiche, preparazione e consegna pasti a domicilio, manutenzione alloggi, prevedendo anche l attivazione delle prestazioni in regime di emergenza o urgenza. Televita gestisce il centro informativo garantendo i flussi di comunicazione tra servizi, operatori e utenti, coordinando l erogazione degli interventi, favorendo l integrazione tra i diversi soggetti ed ottimizzando l impiego delle risorse umane, strumentali e finanziarie. La funzione del centro informativo è fondamentale, per assicurare un efficiente attuazione della programmazione, il monitoraggio costante delle prestazioni e un controllo complessivo della qualità del servizio. Opera mediante due numeri verdi (uno per gli utenti, uno per i servizi e gli operatori), un sistema informatico dedicato e un servizio di telecontatto attivo settimanalmente.

12 Telefonia Sociale Amalia/Telefono Speciale. Nasce nel 1997 da una proposta di Televita al Comune di Trieste e all Azienda per i Servizi Sanitari n 1 Triestina, in risposta a due fenomeni in quel periodo emergenti: le morti solitarie delle persone anziane e l elevato tasso di suicidi. L idea progettuale si sviluppa attraverso una co-progettazione pubblico/privato e genera un programma innovativo, perfettamente aderente alle esigenze degli enti promotori, supportato da una campagna di comunicazione sociale a largo raggio. L efficacia di Amalia/Telefono Speciale ha fatto sì che, a distanza di 9 anni dalla sua nascita, da progetto sperimentale sia stato trasformato nel 2006 in servizio, parte integrante degli strumenti istituzionali di contrasto al disagio psicosociale e di supporto alla domiciliarietà. Amalia è un servizio attivo che ricerca gli anziani soli e li monitora telefonicamente; nel tempo ha integrato la funzione sentinella con una serie di prestazioni frutto dell evolversi dei bisogni: prevenzione e promozione di percorsi di salute, segretariato sociosanitario, attività di follow up, servizi aggiuntivi ecc. Telefono Speciale è un servizio ricettivo volto ad accogliere, filtrare e contenere situazioni di disagio psicosociale in persone a rischio di comportamenti suicidari. Tramite un numero verde, attivo 24 ore su 24, gli operatori garantiscono accoglienza, sostegno, orientamento e attivazione della rete dei servizi istituzionali. Co-progettato in collaborazione con il Dipartimento di Salute Mentale di Trieste, Telefono Speciale ha contribuito al raggiungimento di un risultato importante: il tasso di suicidi a Trieste, negli anni precedenti l avvio del servizio (1990/1996), era pari a 25,49 ogni abitanti, contro un tasso nazionale di 8 ogni abitanti; negli ultimi anni il tasso dei suicidi a Trieste è notevolmente diminuito, pur rimanendo superiore a quello nazionale, attestandosi sulle persone ogni abitanti. Call Contact Center Call Center Salute e Sociale Regione FVG. Da giugno 2011 il Gruppo Televita gestisce il Call Center Salute e Sociale della Regione FVG; si tratta di un punto unico virtuale di accesso al sistema sociosanitario territoriale che, attraverso un numero unico, assolve più funzioni: servizio di call contact center per il Centro Unico di Prenotazione delle prestazioni sanitarie regionali, con attività di informazione, prenotazione, modifica e annullo delle prestazioni (attività inbound) servizio per l informazione e l orientamento alla cittadinanza sui servizi e le risorse sociali, sociosanitarie e sanitarie, pubbliche e private (attività inbound) supporto alla Direzione regionale competente nella realizzazione di campagne informative nell ambito della prevenzione sanitaria e della promozione della salute (attività outbound). A fianco delle funzioni rivolte alla generalità della popolazione, il servizio prevede anche una attività di supporto alle istituzioni deputate a gestire le emergenze o urgenze sociali. Attraverso un numero dedicato e riservato, le istituzioni possono rivolgersi al servizio, 7 giorni su 7, 24 ore su 24, per ottenere informazioni e avvalersi di un coordinamento operativo nella ricerca di soluzioni di emergenza per vari target di utenza (persone senza fissa dimora, donne, minori, anziani). Il servizio si rivela di estrema utilità soprattutto nelle giornate di chiusura delle istituzioni e rappresenta un esperienza di eccellenza nell ambito della attuazione della Legge regionale n. 6/2006, legge quadro sul Sistema Integrato dei Servizi e degli Interventi sociali.

13 I clienti REGIONE FVG Servizio Sicuri a casa Telesoccorso/Telecontatto/Domotica Call Center Salute e Sociale FVG Call contact center CUP / Servizio di informazione e orientamento PROVINCIA DI TRIESTE Progetto Argento Vivo, Coordinamento Trasporti Call contact center COMUNE DI TRIESTE Servizio Global Service/PID Gestione flussi informativi/telesoccorso/telecontatto COMUNE DI PALMANOVA (UD) Servizio di Telesoccorso/Telecontatto COMUNE DI MUGGIA (TS) Servizio Global Service Gestione flussi informativi COMUNE DI PARMA Servizio A casa mia Telesoccorso/Telecontatto/Domotica AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 1 REGIONE FVG Servizio TAAS Telesoccorso/Telecontatto/Agenda farmaci Servizio Amalia/Telefono Speciale Telefonia sociale/telecontatto Progetto TriesteAbile Call Center/Gestione portale web Progetto Dreaming Telemedicina/Videoassistenza/Domotica AZIENDA OSPEDALI RIUNITI DI TRIESTE REGIONE FVG Progetto Telemed System Telemedicina AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 4 REGIONE FVG Progetti Terapeutici Personalizzati Gestione flussi informativi Progetto Ti Aiuto Call contact center/telesoccorso/domotica AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 3 REGIONE FVG Progetto A Casa Sicuri Telemonitoraggio USL MASSA E CARRARA REGIONE TOSCANA Centro Unico di Prenotazione delle Prestazioni Sanitarie Call contact center ASL 8, CAGLIARI - REGIONE SARDEGNA Centro Unico di Prenotazione delle Prestazioni Sanitarie Call contact center INSIEL MERCATO - FVG Servizio Help Desk Carta Regionale Servizi Regione FVG Call contact center FEDERFARMA TRIESTE UDINE GORIZIA Consegna farmaci ASP ITIS Servizio di Telesoccorso Gruppo Televita Numero Verde Centrale diurna - Trieste Uffici amministrativi del Gruppo Sede Legale Televita S.p.A. P.zza S. Giovanni, 6 - TS Tel Fax Centrale diurna - Udine Sede Legale Tesan-Televita S.r.l. Via Manin, 16 - UD Tel Fax Centrale diurna - Pordenone Via Roveredo 20/b - PN c/o Polo Tecnologico Tel Fax Centrale 24 ore Via S. Francesco, 70/a - TS Tel Fax Centro fisioterapico Sede Legale Eutonia S.r.l. Via Rossetti, 63 TS Tel

Servizi integrati di ingegneria clinica, e-health & e-government. Il Progetto. a project of TBS Group. www.tbsgroup.com

Servizi integrati di ingegneria clinica, e-health & e-government. Il Progetto. a project of TBS Group. www.tbsgroup.com Servizi integrati di ingegneria clinica, e-health & e-government Il Progetto a project of TBS Group www.tbsgroup.com Il contesto di riferimento È da tempo in atto un progressivo spostamento del baricentro

Dettagli

Sanità LA SALUTE A DOMICILIO. Indice. Dalla continuità della cura all assistenza socio-sanitaria integrata. l assistenza domiciliare integrata

Sanità LA SALUTE A DOMICILIO. Indice. Dalla continuità della cura all assistenza socio-sanitaria integrata. l assistenza domiciliare integrata Sanità LA SALUTE A DOMICILIO Dalla continuità della cura all assistenza socio-sanitaria integrata Indice l assistenza domiciliare integrata l offerta Finsiel il Centro Servizi sociosanitari domiciliari

Dettagli

Il ruolo e le potenzialità della Teleassistenza Il Gruppo Televita

Il ruolo e le potenzialità della Teleassistenza Il Gruppo Televita Il ruolo e le potenzialità della Teleassistenza Il Gruppo Televita al fianco di Enti e Istituzioni Gruppo Televita_MISSION E OBIETTIVI Il Gruppo si compone di due società: Televita s.p.a. e Tesan-Televita

Dettagli

carta dei servizi SETTORE ANZIANI SERVIZI S.A.D.

carta dei servizi SETTORE ANZIANI SERVIZI S.A.D. carta dei servizi SETTORE ANZIANI SERVIZI S.A.D. chi siamo Coopselios è una Cooperativa Sociale di tipo A no-profit ai sensi della legge 381/91. È un soggetto del welfare community presente da oltre 25

Dettagli

SCEGLI IL NOSTRO MARCHIO PER DIVENTARE IMPRENDITORE NEL SOCIALE

SCEGLI IL NOSTRO MARCHIO PER DIVENTARE IMPRENDITORE NEL SOCIALE SCEGLI IL NOSTRO MARCHIO PER DIVENTARE IMPRENDITORE NEL SOCIALE ProgettoAssistenza eroga servizi di assistenza alla persona e di supporto alla famiglia. L'obbiettivo di un Centro Servizi, è il miglioramento

Dettagli

SCHEDA DI RILEVAZIONE DEL PROGETTO

SCHEDA DI RILEVAZIONE DEL PROGETTO SCHEDA DI RILEVAZIONE DEL PROGETTO (*) TITOLO DEL PROGETTO (max 500 battute) ANAGRAFICA SERVIZIO DI MONITORAGGIO TELEMATICO DEI SOGGETTI FRAGILI (*) AMMINISTRAZIONE PROPONENTE (max 200 battute) REGIONE

Dettagli

"L istituzionalizzazione della Telemedicina nella pratica clinica: un'opportunità per il miglioramento del Servizio Sanitario".

L istituzionalizzazione della Telemedicina nella pratica clinica: un'opportunità per il miglioramento del Servizio Sanitario. Workshop: La Medicina Telematica per la disabilità è una realtà: chi, dove e quando. "L istituzionalizzazione della Telemedicina nella pratica clinica: un'opportunità per il miglioramento del Servizio

Dettagli

Una storia di Telemedicina: il progetto di assistenza domiciliare agli anziani di Casorate Primo (PV)

Una storia di Telemedicina: il progetto di assistenza domiciliare agli anziani di Casorate Primo (PV) Una storia di Telemedicina: il progetto di assistenza domiciliare agli anziani di Casorate Primo (PV) Ing Vincenzo Gullà ADiTech Srl- L evoluzione in termini di crescita numerica della popolazione Europea

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DI AIUTO E SUPPORTO ALLA PERSONA

CARTA DEI SERVIZI DI AIUTO E SUPPORTO ALLA PERSONA Comune di Castel Maggiore (Provincia di Bologna) CARTA DEI SERVIZI DI AIUTO E SUPPORTO ALLA PERSONA INDICE - I servizi di aiuto e sostegno alla persona nel sistema locale dei servizi sociali a rete - I

Dettagli

20 anni al servizio delle persone

20 anni al servizio delle persone 20 anni al servizio delle persone CHI SIAMO Nata a Bologna nel 1994, Àncora è una Cooperativa sociale di servizi alla persona che si occupa della gestione di servizi socio assistenziali, sanitari ed educativi

Dettagli

La rete dei servizi di tutela socio assistenziale

La rete dei servizi di tutela socio assistenziale Ordine degli Assistenti Sociali Regione Friuli Venezia Giulia La malattia oncologica: quali necessità, quali risorse per il malato e la sua famiglia La rete dei servizi di tutela socio assistenziale Udine

Dettagli

LINEE GUIDA CONDIVISE AZIENDA USL DI BOLOGNA E COMUNE DI BOLOGNA SISTEMA DI SORVEGLIANZA ED ALLERTA IN OCCASIONE DI ONDATE DI CALORE ESTATE 2007

LINEE GUIDA CONDIVISE AZIENDA USL DI BOLOGNA E COMUNE DI BOLOGNA SISTEMA DI SORVEGLIANZA ED ALLERTA IN OCCASIONE DI ONDATE DI CALORE ESTATE 2007 LINEE GUIDA CONDIVISE AZIENDA USL DI BOLOGNA E COMUNE DI BOLOGNA SISTEMA DI SORVEGLIANZA ED ALLERTA IN OCCASIONE DI ONDATE DI CALORE ESTATE 2007 (15 MAGGIO- 30 SETTEMBRE) Premessa L Azienda USL di Bologna

Dettagli

Prontoserenità: Un modello integrato di welfare locale. Raul Cavalli Presidente Fondazione Easycare

Prontoserenità: Un modello integrato di welfare locale. Raul Cavalli Presidente Fondazione Easycare Prontoserenità: Un modello integrato di welfare locale Raul Cavalli Presidente Fondazione Easycare Nell ambito del seminario I servizi pr gli anziani: un aiuto concreto alle famiglie ASSOPREVIDENZA Roma

Dettagli

Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova

Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova Una rete che cresce. Al centro la persona Guida ai servizi di Sol.Co. Mantova solidar Chi siamo La mission Sol.Co. Mantova (Solidarietà e Cooperazione) è un consorzio di cooperative sociali impegnate nella

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

INTRO. Una vera rivoluzione che costantemente migliora il nostro modo di vivere, lavorare, produrre.

INTRO. Una vera rivoluzione che costantemente migliora il nostro modo di vivere, lavorare, produrre. www.teleco.it INTRO VIVIAMO IN UN MONDO CARATTERIZZATO DA CONTINUI CAMBIAMENTI, SOTTOPOSTI A CONDIZIONI MUTEVOLI, COSTANTEMENTE ALLA RICERCA DEL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELLA NOSTRA VITA. Le telecomunicazioni

Dettagli

AZIENDA U.S.L. 5 PIS DISTRETTO DI PISA Assistenza Domiciliare

AZIENDA U.S.L. 5 PIS DISTRETTO DI PISA Assistenza Domiciliare FORUM P.A. SANITA' 2001 AZIENDA U.S.L. 5 PIS DISTRETTO DI PISA Assistenza Domiciliare Parte 1: Anagrafica Titolo del Progetto: Assistenza Domiciliare Amministrazione proponente: AZIENDA U.S.L. 5 PISA Unità

Dettagli

Progetto e-care. Bologna e Ferrara Le Reti del Cittadino

Progetto e-care. Bologna e Ferrara Le Reti del Cittadino Progetto e-care Tecnologie e Reti per la Salute e l Assistenza Progetto e-care Bologna e Ferrara Le Reti del Cittadino Mauro Moruzzi Bologna 13 0ttobre 2005 Oratorio Santa Maria della Vita 1 2 Lo sviluppo

Dettagli

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento 2.7 Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento Obiettivi di integrazione - Si rileva una disomogeneità nelle modalità di raccordo e collaborazione tra il Servizio

Dettagli

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration

LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration LIBERA L EFFICIENZA E LA COMPETITIVITÀ DEI TUOI STRUMENTI! Open Solutions, Smart Integration COSA FACCIAMO SEMPLIFICHIAMO I PROCESSI DEL TUO BUSINESS CON SOLUZIONI SU MISURA EXTRA supporta lo sviluppo

Dettagli

Interventi socio-assistenziali per il sostegno dell autonomia dell anziano

Interventi socio-assistenziali per il sostegno dell autonomia dell anziano Invecchiare in Trentino: aggiungere anni alla vita e vita agli anni Interventi socio-assistenziali per il sostegno dell autonomia dell anziano Il contesto Le trasformazioni sociali, economiche e demografiche

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. La Carta dei Servizi. Gli orientamenti culturali di riferimento

Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. La Carta dei Servizi. Gli orientamenti culturali di riferimento Il Servizio Socio-Occupazionale Ce.Se.A. Ce.Se.A. nasce nel 1999, presso il Centro Servizi Formativi del Comune di Lecco e sullo stimolo dell allora Centro Servizio Adulti (da cui l acronimo Ce.Se.A.)

Dettagli

Il partner per le tue attività di supporto

Il partner per le tue attività di supporto Il partner per le tue attività di supporto Orientamento al mercato, Customer Care, forte specializzazione e flessibilità rendono Mediacom il Partner strategico di aziende pubbliche e private a cui affidare

Dettagli

La Strategia Regionale per la promozione attiva della domiciliarità mediante l introduzione di modelli innovativi nella gestione dei servizi

La Strategia Regionale per la promozione attiva della domiciliarità mediante l introduzione di modelli innovativi nella gestione dei servizi La Strategia Regionale per la promozione attiva della domiciliarità mediante l introduzione di modelli innovativi nella gestione dei servizi Annalisa Faggionato Palmanova, 29 giugno 2011 Evoluzione del

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 21/29 DEL 13.6.2014

DELIBERAZIONE N. 21/29 DEL 13.6.2014 Oggetto: POR FESR 2007-2013 Linee di attività 1.2.1.a., b. e c. Rimodulazione e incremento della dotazione finanziaria per l attuazione degli interventi relativi alla dematerializzazione della prescrizione

Dettagli

Allegato B Strutture soggette a Dich. Inizio Attività (regol. di cui alla L.R. 11/2007 del C.S.S. Alta Irpinia)

Allegato B Strutture soggette a Dich. Inizio Attività (regol. di cui alla L.R. 11/2007 del C.S.S. Alta Irpinia) DENOMINAZIONE SERVIZIO 01 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CON SERVIZI SANITARI Il servizio di assistenza domiciliare integrata consiste in interventi da fornire ai cittadini al fine di favorire la permanenza

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI CASALGRANDE PROVINCIA DI REGGIO EMILIA CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 50 del 28/06/2012 Premessa La Carta dei Servizi

Dettagli

EMERGENZA ESTIVA PER LA TERZA ETÀ in provincia di Imperia. In collaborazione con la Prefettura e l Amministrazione Provinciale di Imperia

EMERGENZA ESTIVA PER LA TERZA ETÀ in provincia di Imperia. In collaborazione con la Prefettura e l Amministrazione Provinciale di Imperia Comune di Imperia Comune di Sanremo Comune di Ventimiglia In collaborazione con la Prefettura e l Amministrazione Provinciale di Imperia *** E-state IN SALUTE! *** 1 di 5 Obiettivo generale Realizzazione

Dettagli

SMART BUILDING SMART BUILDING

SMART BUILDING SMART BUILDING Page 1 SMART CITIES SMART BUILDING SMART BUILDING Gli edifici civili e industriali sono sempre più dotati di comfort: condizionatori, sistemi per il controllo di luci, finestre, porte, automatismi, centrali

Dettagli

CATALOGO TELESOCCORSO

CATALOGO TELESOCCORSO CATALOGO 2014 TELESOCCORSO URMET ATE L azienda opera nei settori degli istituti di vigilanza e del telesoccorso. Urmet ATE è apprezzata a livello nazionale e internazionale per le tecnologie proposte e

Dettagli

Fascicolo sanitario elettronico. in provincia di Trento

Fascicolo sanitario elettronico. in provincia di Trento Informatica Trentina S.p.A. Fascicolo sanitario elettronico Strategia e iniziative in provincia di Trento Bologna, 12 ottobre 2010 Agenda il modello provinciale dei servizi ICT le azioni ICT per le politiche

Dettagli

PIANO EMERGENZA ONDATE DI CALORE ESTATE 2007

PIANO EMERGENZA ONDATE DI CALORE ESTATE 2007 GIUNTA REGIONALE DELLA CAMPANIA ASSESSORATO ALLA SANITA ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI ASSESSORATO ALL AMBIENTE PIANO EMERGENZA ONDATE DI CALORE Area Generale di Coordinamento Assistenza Sanitaria

Dettagli

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA Istituzioni Assistenziali Riunite di Pavia CARTA DEI SERVIZI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA Principi Generali Finalità del servizio Il servizio di Assistenza Domiciliare

Dettagli

Carta del Servizio. CdS 02 Ed. 01-29/04/13

Carta del Servizio. CdS 02 Ed. 01-29/04/13 Carta del Servizio CdS 02 Ed. 01-29/04/13 Chi siamo 2 Cooperativa Sociale ACLI, senza fini di lucro, opera da più di venticinque anni nel territorio provinciale fornendo servizi socio-assistenziali ed

Dettagli

gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale

gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale Gestione documentale Gestione documentale Dalla dematerializzazione dei documenti

Dettagli

1 Seminario Operativo Gruppi di Cure Primarie e Unità di Medicina Generale in Piemonte

1 Seminario Operativo Gruppi di Cure Primarie e Unità di Medicina Generale in Piemonte 1 Seminario Operativo Gruppi di Cure Primarie e Unità di Medicina Generale in Piemonte IL SISTEMA INFORMATIVO VISTO DALLA REGIONE PIEMONTE Dott. Domenico Nigro - Direzione regionale Sanità 24 Maggio 2008

Dettagli

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE

7 2005 7/20467 2002-2004 LA GIUNTA REGIONALE D.g.r. 7 febbraio 2005 n. 7/20467 Progetto quadro per la sperimentazione di un modello organizzativo-gestionale per i Gruppi di Cure Primarie (GCP) in associazionismo evoluto ed integralo in attuazione

Dettagli

Indice. Chi è Elleuno. A chi si rivolge. Le attività. Modello di business. Le Certificazioni. La geografia di Elleuno. Alcune specializzazioni

Indice. Chi è Elleuno. A chi si rivolge. Le attività. Modello di business. Le Certificazioni. La geografia di Elleuno. Alcune specializzazioni Piacere, elleuno Indice Chi è Elleuno A chi si rivolge Le attività Modello di business Le Certificazioni La geografia di Elleuno Alcune specializzazioni Le eccellenze nei servizi 7 7 9 11 11 13 15 15 A

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Servizio Assistenza Domiciliare. del Comune di. Poggio Rusco (MN)

CARTA DEI SERVIZI. Servizio Assistenza Domiciliare. del Comune di. Poggio Rusco (MN) C O M U N E D I P O G G I O R U S C O c. a. p. 46025 T e l. 0386 / 51001 PROVINCIA DI MANTOVA CAP 46025 - Piazza 1 Maggio, 5 SERVIZI SOCIALI P a r t. I V A 0040203 020 9 Fax 0386/733009 Codice Ente 10860

Dettagli

La Rete Ligure di Cure Palliative 1

La Rete Ligure di Cure Palliative 1 La Rete Ligure di Cure Palliative 1 1. Premessa epidemiologica 2. Le cure palliative 3. Il modello organizzativo 3.1 La rete di cure palliative della regione Liguria 3.2 Le reti locali di cure palliative

Dettagli

SANITA e ICT. DISRUPTING IDEAS for FRIULI VENEZIA GIULIA. Conservatori quanto necessario, innovativi il più possibile

SANITA e ICT. DISRUPTING IDEAS for FRIULI VENEZIA GIULIA. Conservatori quanto necessario, innovativi il più possibile DISRUPTING IDEAS for FRIULI VENEZIA GIULIA Conservatori quanto necessario, innovativi il più possibile SANITA e ICT Polo Tecnologico di Pordenone, 26 giugno 2015 Fulvio Sbroiavacca direttore Divisione

Dettagli

la mission Soft System Soft System

la mission Soft System Soft System la mission In Soft System, società customer oriented, poniamo il Cliente al centro di ogni scelta aziendale. Operiamo con e per le aziende affinché possano essere costantemente aggiornate sui progressi

Dettagli

Allegato esplicativo del Progetto di qualificazione e riorganizzazione dell attività Ospedaliera e Territoriale della Montagna Pistoiese

Allegato esplicativo del Progetto di qualificazione e riorganizzazione dell attività Ospedaliera e Territoriale della Montagna Pistoiese Allegato esplicativo del Progetto di qualificazione e riorganizzazione dell attività Ospedaliera e Territoriale della Montagna Pistoiese Descrizione specifica delle attività e della collocazione del 1

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI A.M.P. PAXME DOMICILIARE Anno 2015

CARTA DEI SERVIZI A.M.P. PAXME DOMICILIARE Anno 2015 Pag. 1 / 11 Carta Serv. CSC 07 REV 0 del 26/11/2015 CARTA DEI SERVIZI A.M.P. PAXME DOMICILIARE Anno 2015 1 Pag. 2 / 11 Carta Serv. CSC 07 REV 0 del 26/11/2015 CHI SIAMO La Cooperativa AMP Paxme Domiciliare

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI ZOGNO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 TITOLO I NORME GENERALI DEL SERVIZIO Art. 1 Campo di intervento Il Comune di Zogno, nell ambito del Servizio Assistenza, eroga le prestazioni

Dettagli

Convegno Assoprevidenza I servizi per gli anziani: un aiuto concreto alle famiglie. Relatore Francesco Rimoldi- Europ Assistance Italia

Convegno Assoprevidenza I servizi per gli anziani: un aiuto concreto alle famiglie. Relatore Francesco Rimoldi- Europ Assistance Italia Convegno Assoprevidenza I servizi per gli anziani: un aiuto concreto alle famiglie Relatore Francesco Rimoldi- Europ Assistance Italia Roma, 17 Ottobre 2012 Il nuovo posizionamento di Europ Assistance

Dettagli

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011

Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 Appunti per una tavola rotonda Ponzano Veneto, 20 maggio 2011 TARGET persone non autosufficienti di norma anziani, con esiti di patologie fisici, psichici, sensoriali e misti non curabili a domicilio MISSION

Dettagli

Sommario. Premessa... 3. 1. Obiettivi... 4. 2. Soggetti coinvolti... 6. 3. Erogazione del servizio informativo... 7

Sommario. Premessa... 3. 1. Obiettivi... 4. 2. Soggetti coinvolti... 6. 3. Erogazione del servizio informativo... 7 Carta dei Servizi Sommario Premessa... 3 1. Obiettivi... 4 2. Soggetti coinvolti... 6 3. Erogazione del servizio informativo... 7 4. Descrizione operativa del servizio... 9 5. Compiti e responsabilità

Dettagli

Comune di Venezia. Carta dei Servizi. Servizio Politiche Cittadine per l Infanzia e l Adolescenza

Comune di Venezia. Carta dei Servizi. Servizio Politiche Cittadine per l Infanzia e l Adolescenza Servizio Politiche Cittadine per l Infanzia e l Adolescenza Servizio Politiche Cittadine per l Infanzia e l Adolescenza Hanno collaborato alla costruzione di questa Carta dei servizi: gli operatori del

Dettagli

DISTRETTO SOCIO-SANITARIO DI MONZA ANNO 2013 PIANO DELL AMBITO DI MONZA EMERGENZA CALDO

DISTRETTO SOCIO-SANITARIO DI MONZA ANNO 2013 PIANO DELL AMBITO DI MONZA EMERGENZA CALDO DISTRETTO SOCIO-SANITARIO DI MONZA ANNO 2013 PIANO DELL AMBITO DI MONZA EMERGENZA CALDO 1 Il Distretto socio-sanitario dell ambito di Monza (Monza, Brugherio e Villasanta) ha predisposto anche per l anno

Dettagli

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore.

Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica. La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. non più soli nel dolore Cure palliative, un riparo sicuro di calore umano e scienza medica La legge 38/2010 tutela l accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. Regione Toscana 800 880101 Indice.

Dettagli

Centro Diurno Alzheimer di Monte S. Quirico Centro Diurno Sette arti presso Pia Casa

Centro Diurno Alzheimer di Monte S. Quirico Centro Diurno Sette arti presso Pia Casa CARTA DEI SERVIZI Conforme alla Delibera della Regione Toscana n. 566 del 31/07/2006 (aggiornata al 16 aprile 2013) Centro Diurno Alzheimer di Monte S. Quirico Centro Diurno Sette arti presso Pia Casa

Dettagli

CONSORZIO SERVIZI BANCARI

CONSORZIO SERVIZI BANCARI CONSORZIO SERVIZI BANCARI CSE Consorzio Servizi Bancari, nato nel 1970 come centro meccanografico, è divenuto nel corso degli anni leader nel campo dell outsourcing bancario. Nel tempo l attività primaria

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: GIOVANI DENTRO 2014 SETTORE e Area di Intervento: A 01 - Assistenza Anziani OBIETTIVI DEL PROGETTO Gli obiettivi sono: 1. attivare azioni

Dettagli

PIANO TERRITORIALE DISTRETTO F4 PER LE ESIGENZE DEI PICCOLI COMUNI

PIANO TERRITORIALE DISTRETTO F4 PER LE ESIGENZE DEI PICCOLI COMUNI Civitella San Paolo Filacciano Magliano Romano Nazzano Ponzano Romano Torrita Tiberina PIANO TERRITORIALE DISTRETTO F4 PER LE ESIGENZE DEI PICCOLI COMUNI PROGETTO INTEGRATIVO AL PIANO DI ZONA 2011 Distretto:

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI A.M.P. PAXME DOMICILIARE Anno 2015

CARTA DEI SERVIZI A.M.P. PAXME DOMICILIARE Anno 2015 Pag. 1 / 11 Carta Serv. CSC 05 REV 0 del 26/11/2015 CARTA DEI SERVIZI A.M.P. PAXME DOMICILIARE Anno 2015 Pag. 2 / 11 Carta Serv. CSC 05 REV 0 del 26/11/2015 CHI SIAMO La Cooperativa AMP Paxme Domiciliare

Dettagli

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI

Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Comune di Molinella REGOLAMENTO DEI SERVIZI DOMICILIARI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 93 del 22/12/2014 INDICE 1. I servizi domiciliari nel Sistema integrato sociale, socio-sanitario

Dettagli

Workshop: Telemedicina e Sanità elettronica: facciamo il punto! La rete e-care a supporto del paziente fragile

Workshop: Telemedicina e Sanità elettronica: facciamo il punto! La rete e-care a supporto del paziente fragile Workshop: Telemedicina e Sanità elettronica: facciamo il punto! La rete e-care a supporto del paziente fragile Carla Fiori Direttore Settore Reti e-care CUP 2000 SpA - Bologna Roma, 24 giugno 2010 Palazzo

Dettagli

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona

III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona III Conferenza Europea dei Servizi alla Persona Un Piano Nazionale per lo sviluppo dei SAP in Italia Mario Conclave Italia Lavoro I fenomeni in corso in Italia Fenomeni di medio lungo periodo, che spingono

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

ALLEGATO TECNICO SUL MODELLO DI SICUREZZA IN INTERNET IL PRODOTTO VORTAL

ALLEGATO TECNICO SUL MODELLO DI SICUREZZA IN INTERNET IL PRODOTTO VORTAL ALLEGATO TECNICO SUL MODELLO DI SICUREZZA IN INTERNET IL PRODOTTO VORTAL 1 Introduzione Il mondo del Web ha assunto negli ultimi anni una forza dirompente su tutti i fronti della comunicazione e della

Dettagli

Catalogo Servizi e Value Proposition

Catalogo Servizi e Value Proposition Catalogo Servizi e Value Proposition Trento, 14 aprile 2015 UniIT S.r.l. Public Il documento e le informazioni contenute sono di proprietà di Uni IT S.r.l. Tutti i diritti riservati AGENDA Chi siamo I

Dettagli

chi siamo una presenza InternazIonale francia belgio spagna ItalIa svizzera

chi siamo una presenza InternazIonale francia belgio spagna ItalIa svizzera chi siamo Orpea è stata fondata in Francia nel 1989 dal dott. Jean-Claude marian, medico neuro psichiatra. nel corso di questi anni, il Gruppo Orpea ha sviluppato a livello internazionale un importante

Dettagli

Notizie generali sulla Psichiatria

Notizie generali sulla Psichiatria Notizie generali sulla Psichiatria Psichiatria: è la branca della medicina specializzata nello studio, nella diagnosi e nella terapia dei disturbi mentali. Oggi si privilegia considerare la Psichiatria

Dettagli

Workshop 3 Independent Living, Housing, Domotics Agefriendly environment strategies

Workshop 3 Independent Living, Housing, Domotics Agefriendly environment strategies Workshop 3 Independent Living, Housing, Domotics Agefriendly environment strategies Cluster TAV Tecnologie per gli Ambienti di Vita. Le tecnologie e i prodotti per la domotica. FVG as a L@b Massimiliano

Dettagli

I servizi per anziani non autosufficienti

I servizi per anziani non autosufficienti I servizi per anziani non autosufficienti Giuliano Marangoni Il trend demografico dell invecchiamento della popolazione ha come diretta conseguenza un aumento delle prestazioni sanitarie e socio sanitarie

Dettagli

La Programmazione Sociale e Socio Sanitaria territoriale per il 2015

La Programmazione Sociale e Socio Sanitaria territoriale per il 2015 La Programmazione Sociale e Socio Sanitaria territoriale per il 2015 Incontro di avvio della programmazione 2015 Obiettivo dell'incontro Un incontro in plenaria per capire a che punto del percorso siamo,

Dettagli

I processi, l impegno e i risultati dell équipe infermieristica dell ASL 8 di Cagliari

I processi, l impegno e i risultati dell équipe infermieristica dell ASL 8 di Cagliari I processi, l impegno e i risultati dell équipe infermieristica dell ASL 8 di Cagliari Roma, 13 Maggio 2011 Prime esperienze DGR 11/15 del 22.02.1999 istituisce l ADI nelle ASL della Sardegna Il 01/07/1999

Dettagli

LABORATORIO TEMATICO: 2/2 SALUTE MENTALE

LABORATORIO TEMATICO: 2/2 SALUTE MENTALE AREA: DISABILITA E SALUTE MENTALE LABORATORIO TEMATICO: 2/2 SALUTE MENTALE TITOLO AZIONE GRUPPO-APPARTAMENTO Si tratta di LIVEAS (par. 8.2.2 lettera g delle Linee Guida) OBIETTIVI Scopi e tipologia del

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

2005 Tunstall Group Ltd. Una Società del Gruppo TUNSTALL

2005 Tunstall Group Ltd. Una Società del Gruppo TUNSTALL Una Società del Gruppo TUNSTALL IL GRUPPO TUNSTALL Il Gruppo TUNSTALL è stato fondato nel 1957. L esperienza di quasi mezzo secolo e la partnership con i più importanti operatori pubblici e privati del

Dettagli

Le sfide di un utenza in continua evoluzione

Le sfide di un utenza in continua evoluzione SENIORnet Le sfide di un utenza in continua evoluzione Venezia Mestre 8/4/2014 Dott.sa Emma Nardin Coordinatore tecnico Servizio Adulti Anziani GLI SCENARI DEMOGRAFICI LE FAMIGLIE DEGLI ANZIANI LE DOMANDE

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) Servizio Civile Nazionale Provincia di Foggia SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: PROVINCIA DI FOGGIA Piazza XX Settembre

Dettagli

Il Digital Business Ecosystem per migliorare la qualità della vita in una Smart City Giuseppe VISAGGIO giuseppe.visaggio@uniba.

Il Digital Business Ecosystem per migliorare la qualità della vita in una Smart City Giuseppe VISAGGIO giuseppe.visaggio@uniba. Il Digital Business Ecosystem per migliorare la qualità della vita in una Smart City Giuseppe VISAGGIO giuseppe.visaggio@uniba.it Dipartimento di Informatica Università di Bari Centro di Competenza ICT:

Dettagli

ABITARE LA VITA Pisa 21 febbraio 2013

ABITARE LA VITA Pisa 21 febbraio 2013 APPARTAMENTI VERSO L AUTONOMIA ABITARE LA VITA Pisa 21 febbraio 2013 Le politiche Regionali di sostegno all abitare Marzia Fratti Settore Politiche per l integrazione socio-sanitaria e la salute in carcere

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. NeuroImpronta s.c.s. Via Lorenzoni, 2 7 38023 CLES (TN) www.neuroimpronta.it info@neuroimpronta.it Telefono 0463 722 601

CARTA DEI SERVIZI. NeuroImpronta s.c.s. Via Lorenzoni, 2 7 38023 CLES (TN) www.neuroimpronta.it info@neuroimpronta.it Telefono 0463 722 601 CARTA DEI SERVIZI NeuroImpronta s.c.s. Via Lorenzoni, 2 7 38023 CLES (TN) www.neuroimpronta.it info@neuroimpronta.it Telefono 0463 722 601 Presentazione La Cooperativa sociale NeuroImpronta ha scelto di

Dettagli

Più valore alla terza età

Più valore alla terza età Più valore alla terza età UNA RISORSA PER LE FAMIGLIE Le Residenze Anni Azzurri sono nate per dare risposte efficaci a un esigenza sempre più sentita nella realtà di oggi: l assistenza agli anziani. In

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 22.03.2006 Pubblicato

Dettagli

Comunicare per Costruire Salute Roma, 29 maggio 2013. Anna Darchini Resp. Innovazione e Sviluppo ICT - Regione Emilia Romagna

Comunicare per Costruire Salute Roma, 29 maggio 2013. Anna Darchini Resp. Innovazione e Sviluppo ICT - Regione Emilia Romagna La comunicazione nella riorganizzazione del Servizio Sanitario Regionale. Strumenti per l accessibilità e l integrazione dei servizi sociosanitari Regione Emilia Romagna Anna Darchini Resp. Innovazione

Dettagli

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro Premessa L Ictus Cerebrale, pur essendo in Italia la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, non ha ricevuto finora, a differenza di altre malattie altrettanto gravi per l

Dettagli

Var Group Approccio concreto e duraturo Vicinanza al Cliente Professionalità e metodologie certificate In anticipo sui tempi Soluzioni flessibili

Var Group Approccio concreto e duraturo Vicinanza al Cliente Professionalità e metodologie certificate In anticipo sui tempi Soluzioni flessibili Var Group, attraverso la sua società di servizi, fornisce supporto alle Aziende con le sue risorse e competenze nelle aree: Consulenza, Sistemi informativi, Soluzioni applicative, Servizi per le Infrastrutture,

Dettagli

ICT per la Sanità in Emilia Romagna

ICT per la Sanità in Emilia Romagna ICT per la Sanità in Emilia Romagna Roma, 18 maggio 2012 L innovazione digitale per la sostenibilità del SSN 2 giornata nazionale della sanità elettronica Cabina di Regia 22 Maggio 2008 0 Sommario Vision,

Dettagli

Internet per la salute, il progetto telemedicina dell Asl VCO

Internet per la salute, il progetto telemedicina dell Asl VCO Roberto Moriondo Internet per la salute, il progetto telemedicina dell Asl VCO Non c è cura senza cuore: tra competenze mediche e tecnologie digitali il sistema sanitario della Regione Piemonte ha improntato

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

196 23.12.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 DELIBERAZIONE 14 dicembre 2009, n. 1154

196 23.12.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 DELIBERAZIONE 14 dicembre 2009, n. 1154 196 23.12.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 51 DELIBERAZIONE 14 dicembre 2009, n. 1154 Linee di indirizzo Modello di convenzione fra Provincie, Aziende UU.SS.LL., Società della Salute/

Dettagli

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 II QUADRO DEMOGRAFICO Dal Rapporto 2010 sulla non autosufficienza in Italia In Italia le persone con

Dettagli

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute Maria Grazia Proietti il campo di competenza dell infermiere è rappresentato dal complesso delle attività rivolte

Dettagli

ReForm s.r.l. Business Plan 2009 LINEE DI LAVORO. A) DIREZIONE E SVILUPPO STRATEGICO Linea 1

ReForm s.r.l. Business Plan 2009 LINEE DI LAVORO. A) DIREZIONE E SVILUPPO STRATEGICO Linea 1 ReForm s.r.l. Business Plan 2009 LINEE DI LAVORO A) DIREZIONE E SVILUPPO STRATEGICO Linea 1 COMUNICAZIONE E PROMOZIONE; PARTECIPAZIONE DELLA COMUNITA DEGLI ENTI LOCALI Rapporto sulla funzione pubblica

Dettagli

PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA

PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA PRIMA SESSIONE QUALI MODELLI NELLA SFIDA ALLA COMPLESSITA DELLA FRAGILITA Antonio Brambilla Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Regione Emilia Romagna Il tema della fragilità è un tema estremamente

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER DIVENTARE OPERATORI SOCIO SANITARI (OSS)

CORSO DI FORMAZIONE PER DIVENTARE OPERATORI SOCIO SANITARI (OSS) CORSO DI FORMAZIONE PER DIVENTARE OPERATORI SOCIO SANITARI (OSS) Una scelta di vita al servizio della persona Ci sono almeno 5 buoni motivi per diventare OSS Hai sempre desiderato un lavoro che non fosse

Dettagli

PROPOSTA PER UN MODELLO INTEGRATO DI PUA DISTRETTUALE

PROPOSTA PER UN MODELLO INTEGRATO DI PUA DISTRETTUALE COMUNE DI CARBONIA PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Distretto Sociosanitario di Carbonia ALLEGATO 1 PROPOSTA PER UN MODELLO INTEGRATO DI PUA DISTRETTUALE IL SISTEMA INTEGRATO PRESA IN CARICO - VALUTAZIONE

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.)

LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) LEGGE PROVINCIALE N. 8 DEL 22-07-2009 REGIONE TRENTO (Prov.) Disposizioni per la prevenzione e la cura dell Alzheimer e di altre malattie neurodegenerative legate all invecchiamento e per il sostegno delle

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELLA RSA

CARTA DEI SERVIZI DELLA RSA CARTA DEI SERVIZI DELLA RSA NOTA DI ACCOGLIENZA Gentile Signora, Gentile Signore, con la presente Le vogliamo fornire una Guida che Le sia di aiuto per orientarsi e conoscere la Struttura Sanitaria alla

Dettagli

La carta di identità elettronica per il sistema dei servizi

La carta di identità elettronica per il sistema dei servizi La carta di identità elettronica per il sistema dei servizi L AMMINISTRAZIONE LOCALE: IL FRONT OFFICE DELL INTERO MONDO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Con il Piano di E-Government, con il ruolo centrale

Dettagli

Allegato A EVOLUZIONE DEL CUSTODE SOCIOSANITARIO NELL AREA METROPOLITANA DI MILANO

Allegato A EVOLUZIONE DEL CUSTODE SOCIOSANITARIO NELL AREA METROPOLITANA DI MILANO Allegato A EVOLUZIONE DEL CUSTODE SOCIOSANITARIO NELL AREA METROPOLITANA DI MILANO ELABORAZIONE DEL PROGETTO STRUMENTI Bando speciale che deve prevedere: a) le fonti di finanziamento b) il numero degli

Dettagli

Intervento convegno Federsanità ANCI FVG 5 LUGLIO 2010 Sistiana Duino (TS)

Intervento convegno Federsanità ANCI FVG 5 LUGLIO 2010 Sistiana Duino (TS) COMUNE DI UDINE Dott. Antonio Corrias, Assessore alla Salute ed Equità Sociale Intervento convegno Federsanità ANCI FVG 5 LUGLIO 2010 Sistiana Duino (TS) POLITICHE ATTIVE DI COMUNITA PER INVECCHIARE IN

Dettagli

Le relazioni tra FSE e cartella territoriale (nella Casa della Salute e nelle UCCP)

Le relazioni tra FSE e cartella territoriale (nella Casa della Salute e nelle UCCP) Convegno di studio su Privacy e Telemedicina Tra diritto del paziente alla riservatezza ed utilità della condivisione del dato sanitario Le relazioni tra FSE e cartella territoriale (nella Casa della Salute

Dettagli