SCARTO D ARCHIVIO SNALS BRESCIA. Segreteria Provinciale Snals Brescia

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SCARTO D ARCHIVIO SNALS BRESCIA. Segreteria Provinciale Snals Brescia"

Transcript

1 SCARTO D ARCHIVIO

2 LA SCUOLA ENTE PUBBLICO LA SCUOLA È ENTE PUBBLICO E IN QUANTO TALE È TENUTA AL RISPETTO DEL CODICE DEI BENI CULTURALI NORME DI RIFERIMENTO d. Lgs n. 42/2004 (Codice beni culturali) d. Lgs n. 241/1990 (Procedimento amministrativo) d. Lgs n. 196/2003 (Protezione dati personali) d. Lgs n. 82/2006 (Codice amministrazione digitale) d. p.r. n. 445/2000 (Documento amministrativo)

3 ARCHIVIO DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME I DOCUMENTI DELL ARCHIVIO DELLE SCUOLE HANNO VALORE STORICO-CULTURALE E GIURIDICO-AMMINISTRATIVO L ARCHIVIO DEGLI ENTI PUBBLICI È «UN BENE CULTURALE» ESISTE OBBLIGO DI CONSERVARE E ORDINARE L ARCHVIO LO SCARTO D ARCHIVIO E LO SPOSTAMENTO DI ARCHIVI È AMMESSO SE AUTORIZZATO I DIRITTI TUTELATI DALL ARCHIVIO DELL ENTE PUBBLICO

4 ARCHIVIO STORICO È L ARCHIVIO CHE CONTIENE DOCUMENTI ANTERIORI AI 40 ANNI O DOCUMENTI DI ISTITUZIONI SCOLASTICHE NON PIÙ ESISTENTI OBBLIGO D INVENTARIO DELL ARCHIVIO STORICO PER L USO GIURIDICO-AMMINISTRATIVO E L USO STORICO L INVENTARIAZIONE PUÒ ESSERE AFFIDATA A TERZI CHIEDERE DI TRASFERIRE L ARCHIVIO STORICO PRESSO L ARCHIVO DI STATO

5 OBBLIGHI IN MATERIA DI ARCHIVI Pur giovandosi della sua autonomia organizzativa nel creare e ordinare il suo archivio, l'ente è tenuto a utilizzare alcuni strumenti indicati dalla legge. Questi sono essenzialmente, per l archivio corrente: La registrazione di protocollo, la classificazione, il piano di conservazione e di scarto e il manuale di gestione. È necessaria inoltre la costituzione di un servizio per la tenuta del protocollo informatico, della gestione dei flussi documentali e degli archivi tenuto da personale di adeguata formazione (artt.53, 55, 56 e 61 DPR 445/2000).

6 OBBLIGHI IN ORDINE ALL ARCHIVIO L'archivio deve essere ordinato (art. 30, c. 4 D.Lgs 42/2004), conservato correttamente in sicurezza (art. 30, c. 1 D.Lgs cit.), senza danni (art. 20, c.1 D.Lgs cit.), rispettandone l'integrità (art. 20, c.2 D.Lgs cit.) e l'organicità (art. 30, c. 4 D.Lgs cit.), curato con idonea manutenzione (art. 29, c. 3 D.Lgs cit.), restaurato se necessario (art. 29, c. 4 D.Lgs cit.) e non adibito ad usi incompatibili con il suo carattere (art. 20, c. 1 D.Lgs cit.), il che esclude ad esempio che i documenti originali possano essere incorniciati e appesi alle pareti.

7 OBBLIGHI IN ORDINE ALL ARCHIVIO. TRASFERIMENTI Sono liberi i trasferimenti di parti dell'archivio corrente tra le sedi dell'ente (art. 21, c. 3 D.Lgs 42/2004), occorre l autorizzazione della Soprintendenza Archivistica per eventuali trasferimenti parziali o totali degli archivi di deposito o storici tra sedi dello stesso Ente e per trasferimenti di complessi organici di documentazione ad altre persone giuridiche (art. 21, c. 1-eD.Lgs 42/2004). Ad eccezione dei trasferimenti tra le diverse sedi dell'ente di documentazione che appartenga all'archivio corrente, l'esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sugli archivi corrente, di deposito e storico dell'ente sono subordinati ad autorizzazione della Soprintendenza, che deve darla su progetto o almeno su "descrizione tecnica dell'intervento", con eventuali prescrizioni delle cautele necessarie (art.21, cc. 4-5 D.Lgs 42/2004).

8 RESPONSABILITÀ IN ORDINE ALLA TENUTA DELL ARCHIVIO La violazione degli obblighi di cui sopra è punita con la nullità degli atti giuridici (art. 164, c.1 D.Lgs. 42/2004), con l'arresto da sei mesi ad un anno e con l'ammenda da euro 775 ad euro ,50 (art.169, c.1 D.Lgs 42/2004).

9 SCARTO ATTI D ARCHIVIO LO SCARTO DEVE ESSERE SEMPRE AUTORIZZATO LO SCARTO SI PROPONE QUANDO SI VERIFICANO DUE CIRCOSTANZE: 1. ESAURIMENTO DELL UTILITÀ GIURIDICO-AMMINISTRATIVA 2. MANCANZA DI APPREZZABILE INTERESSE STORICO

10 PROCEDURA DI SCARTO 1. RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLA SOPRINTENDENZA CON ALLEGATO ELENCO DEI DOCUMENTI DA SCARTARE. L ELENCO CONTIENE DESCRIZIONE TIPOLOGICA DEI DOCUMENTI PROPOSTI ALLO SCARTO ANNI DI RIFERIMENTO QUANTITÀ MOTIVAZIONE ALLO SCARTO 2. LA SOPRINTENDENZA RESTITUISCE L ELENCO VISTATO CON APPROVAZIONE PARZIALE O TOTALE 3. LA SCUOLA PROVVEDE ALLO SCARTO «EFFETTIVO» 4. TRASMISSIONE DEL VERBALE DI AVVENUTO SCARTO.

11 ARCHIVI E DOCUMENTI: ACCESSO E RISERVATEZZA (art. 31 e 32 L.P. 30 novembre 1992,n. 23) + Dpp 25 giugno 2001,n /Leg ESCLUSIONE E DIFFERIMENTO Archivi correnti e di deposito Il diritto di accesso ai documenti è escluso - atti coperti da segreto per legge o regolamento - atti la cui diffusione possa comunque pregiudicare la riservatezza e la dignità degli amministrati. Il diritto di acceso ai documenti è differito, quando la conoscenza dei documenti possa impedire o gravemente ostacolare lo svolgimento dell'azione amministrativa. Segreteria Provinciale P.A.T.-Soprintendenza per i beni librari Snals e Brescia archivistici

12 Archivi e documenti: accesso e riservatezza (art. 31 e 32 L.P. 30 novembre 1992,n. 23) + Dpp 25 giugno 2001,n /Leg ESCLUSIONE Archivi correnti e di deposito tipologia documenti esclusi dall accesso (art. 9, comma 2 Dpp 25 giugno 2001, n /Leg) a) documenti relativi alla salute delle persone ovvero concernenti condizioni psico-fisiche delle stesse; b) rapporti informativi sul personale dipendente; c) documentazione relativa alla situazione finanziaria, economica e patrimoniale di persone, imprese e gruppi; d) altri documenti contenenti informazioni dalla cui divulgazione possa derivare una lesione della sfera privata della persona e della sua dignità; e) segnalazioni ed esposti di privati se le notizie risultano fondate; f) documenti contenenti informazioni che riguardano l attività di associazioni ed organizzazioni, dalla cui divulgazione possa derivare una lesione immediata e diretta degli interessi statutari; g) documenti contenenti informazioni coperte da segreto industriale, commerciale e finanziario nonchè informazioni dalla cui divulgazione possa derivare una lesione immediata e diretta degli interessi dell impresa. 12

13 ARCHIVI E DOCUMENTI: ACCESSO E RISERVATEZZA IN CONFLITTO Archivi correnti e di deposito Il "Codice in materia di protezione dei dati personali (Dlgs 30 giugno 2003, n. 196) all art. 59 rinvia alle norme della legge 7 agosto 1990, n. 241 [per la PAT = L.P. 30 novembre 1992, n,. 23] e relativi regolamenti di attuazione ECCEZIONE per i dati idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale. Quando il trattamento concerne dati idonei a rivelare lo stato di salute o la vita sessuale, il trattamento è consentito se la situazione giuridicamente rilevante che si intende tutelare con la richiesta di accesso ai documenti amministrativi è di rango almeno pari ai diritti dell'interessato, ovvero consiste in un diritto della personalità o in un altro diritto o libertà fondamentale e inviolabile.(art. 60 Dlgs 30 giugno 2003, n. 196) Sola visione: Per i documenti contenenti i dati di cui agli articoli 22 e 24 [dati sensibili] della legge 31 dicembre 1996, n. 675 [ora Dlg. 196/03] relativi a soggetti terzi rispetto al richiedente, l accesso è consentito nella forma della sola visione.( art 6 comma 3 DPP 25 giugno 2001 n /leg) Segreteria Provinciale P.A.T.-Soprintendenza per i beni librari Snals e Brescia archivistici

14 Archivi e documenti: accesso e riservatezza istruzione Archivi correnti e di deposito Rilevante interesse pubblico (non occorre il consenso):. Si considerano di rilevante interesse pubblico (= non occorre consenso preventivo) le finalità di istruzione e di formazione in ambito scolastico, professionale, superiore o universitario, con particolare riferimento a quelle svolte anche in forma integrata.(art 95 Dlgs 30 giugno 2003, n. 196) - Trattamento di dati relativi a studenti: comunicazione e diffusione Al fine di agevolare l'orientamento, la formazione e l'inserimento professionale, anche all'estero, le scuole e gli istituti scolastici di istruzione secondaria, su richiesta degli interessati, possono comunicare o diffondere, anche a privati e per via telematica, dati relativi agli esiti scolastici, intermedi e finali, degli studenti e altri dati personali diversi da quelli sensibili o giudiziari, pertinenti in relazione alle predette finalità e indicati nell'informativa resa agli interessati ai sensi dell'articolo 13 (art 96 Dlgs 30 giugno 2003, n. 196) - Resta ferma la disposizione di cui all'articolo 2, comma 2, del decreto del Presidente della Repubblica 24 giugno 1998, n. 249, sulla tutela del diritto dello studente alla riservatezza. Restano altresì ferme le vigenti disposizioni in materia di pubblicazione dell'esito degli esami mediante affissione nell'albo dell'istituto e di rilascio di diplomi e certificati. Segreteria Provinciale P.A.T.-Soprintendenza per i beni librari Snals e Brescia archivistici

15 ARCHIVI E DOCUMENTI: ACCESSO E RISERVATEZZA I DATI SENSIBILI d) "dati sensibili", i dati personali idonei a rivelare l'origine razziale ed etnica, le convinzioni religiose, filosofiche o di altro genere, le opinioni politiche, l'adesione a partiti, sindacati, associazioni od organizzazioni a carattere religioso, filosofico, politico o sindacale, nonchè i dati personali idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale; e) "dati giudiziari", i dati personali idonei a rivelare provvedimenti di cui all'articolo 3, comma 1, lettere da a) a o) e da r) a u), del d.p.r. 14 novembre 2002, n. 313, in materia di casellario giudiziale, di anagrafe delle sanzioni amministrative dipendenti da reato e dei relativi carichi pendenti, o la qualita' di imputato o di indagato ai sensi degli articoli 60 e 61 del codice di procedura penale; (art. 4 lettere d) + e) Dlgs 196Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196) Segreteria Provinciale P.A.T.-Soprintendenza per i beni librari Snals e Brescia archivistici

16 Archivi e documenti : conservazione e consultazione a fini storici - legittimità Archivi storici - E attività di rilevante interesse pubblico (= non occorre consenso preventivo) il trattamento di dati personali effettuati da soggetti pubblici per finalità storiche negli archivi pubblici disciplinati dal TU 490/99 ora Codice dei beni culturali (dlgs 22 gennaio 2004, n. 42) - E compatibile: con i diversi scopi per i quali i dati sono stati in precedenza raccolti o trattati - Il trattamento di dati personali per scopi storici, statistici o scientifici può essere effettuato anche oltre il periodo di tempo necessario per conseguire i diversi scopi per i quali i dati sono stati in precedenza raccolti o trattati. (vedi artt. 99 e 99 del Dlg. 30 giugno 2003, n. 196) Segreteria Provinciale P.A.T.-Soprintendenza per i beni librari Snals e Brescia archivistici

17 Archivi e documenti : conservazione e consultazione a fini storici - limiti Archivi storici: I dati personali raccolti per scopi storici non possono essere utilizzati per adottare atti o provvedimenti amministrativi sfavorevoli all'interessato. I documenti contenenti dati personali, trattati per scopi storici, possono essere utilizzati, tenendo conto della loro natura, solo se pertinenti e indispensabili per il perseguimento di tali scopi. I dati personali possono essere comunque diffusi quando sono relativi a circostanze o fatti resi noti direttamente dall'interessato o attraverso suoi comportamenti in pubblico. (vedi art. 101 del Dlgs 30 giugno 2003, n. 196) Segreteria Provinciale P.A.T.-Soprintendenza per i beni librari Snals e Brescia archivistici

18 ARCHIVI E DOCUMENTI : CONSULTAZIONE A FINI STORICI - MODALITÀ Archivi storici: Introduzione del Codice di deontologia professionale e di buona condotta (Art. 102 Dlgs 30 giugno 2003, n. 196) Rinvio (art. 103 Dlgs 30 giugno 2003, n. 196) al Codice dei beni culturali: La consultazione dei documenti conservati negli archivi di Stato, in quelli storici degli enti pubblici e in archivi privati è disciplinata dal.. testo unico in materia di beni culturali e ambientali, come modificato dal presente codice.[ora : dlgs 22 gennaio 2004 n. 42, Codice in materia di beni culturali e del paesaggio ] Segreteria Provinciale P.A.T.-Soprintendenza per i beni librari Snals e Brescia archivistici

19 ARCHIVI E DOCUMENTI: CONSULTAZIONE E RISERVATEZZA (art. 122 Dlg : decreto legislativo 22 gennaio 2004 n. 42 Codice beni culturali ) Archivi storici: - Libera consultazione: I documenti conservati negli archivi storici.. di ogni altro ente ed istituto pubblico sono liberamente consultabili ; - Limiti dopo 40 anni se si tratta di documenti contenenti i dati sensibili nonché i dati relativi a provvedimenti di natura penale ;[orientamento politico, sindacale, religioso, filosofico: es. richiesta di avvalersi dell insegnamento della religione cattolica ] dopo 70 anni se si tratta di documenti contenenti dati sensibili idonei a rivelare lo stato di salute, la vita sessuale o rapporti riservati di tipo familiare.[es. certificato medico; filiazione incerta; ]; dopo 50 anni se si tratta di documenti dichiarati di carattere riservato relativi alla politica estera o interna dello Stato; - Deroga per motivi giuridicamente rilevanti : rinvio alla disciplina sull accesso ai documenti amministrativi. 19

20 CONSULTAZIONE PER FINI DI RICERCA STORICA La norma di riferimento e contenuto in un allegato al D.Lgs 42/2004: La consultabilità dei documenti degli archivi storici e la tutela della riservatezza (D.Lgs. 42/2004 Codice in materia di tutela dei beni culturali e Codice di deontologia e di buona condotta per il trattamento di dati personali per scopi storici. In via generale, i documenti sono consultabili decorsi 70 anni dal loro deposito in archivio. Va bene la consultazione con l oscuramento dei dati personali e sensibili e trattamento ai soli fini statistici e storici; richiedere prima della pubblicazione l esito delle ricerche per dare il nulla osta al testo di ricerca e verificare che non vi siano dati personali e sensibili e che il trattamento sia stato anonimo e impersonale.

21 Indicazioni bibliografiche minime e siti: P. CARUCCI, Le fonti archivistiche: ordinamento e conservazione, Roma 1983 L. FAORO, Guida alla formazione di un archivio ordinato, Trento 2004 [pro manuscripto]. M. GUERCIO, Archivistica e informatica: i documenti in ambiente digitale, Carrocci, Manuale di gestione del protocollo informatico dell Università degli Studi di Trieste, Vedi S. PIGLIAPOCO La memoria digitale delle amministrazioni pubbliche Requisiti, metodi e sistemi per la produzione, archiviazione e conservazione dei documenti informatici. Maggioli, A. ROMITI, Le principali sentenze sul protocollo delle pubbliche amministrazioni. Casistica, commento e note sentenza per sentenza, Viareggio P. TIRADRITTI, L archivio delle scuole e degli istituti d istruzione media di ogni ordine e grado, Roma [1972], Segreteria Provinciale P.A.T.-Soprintendenza per i beni librari Snals e Brescia archivistici

Strumenti digitali e privacy. Avv. Gloria Galli

Strumenti digitali e privacy. Avv. Gloria Galli Strumenti digitali e privacy Avv. Gloria Galli Codice in materia di protezione dei dati personali: Decreto legislativo n. 196 del 30/06/2003 Art. 4. Definizioni trattamento, qualunque operazione o complesso

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 500 del 9.6.2011 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Albo Pretorio on line Art. 3 Modalità di pubblicazione e accesso Art.

Dettagli

COMUNE DI MOZZECANE PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO DOMINI INTERNET COMUNALI

COMUNE DI MOZZECANE PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO DOMINI INTERNET COMUNALI COMUNE DI MOZZECANE PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO DOMINI INTERNET COMUNALI Approvato con deliberazione di C.C. n. 52 del 29.12.2009 ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO I domini www.comune.mozzecane.vr.it

Dettagli

CONSERVAZIONE E TUTELA DEGLI ARCHIVI STORICI ITALIANI

CONSERVAZIONE E TUTELA DEGLI ARCHIVI STORICI ITALIANI CONSERVAZIONE E TUTELA DEGLI ARCHIVI STORICI ITALIANI La tutela sul patrimonio archivistico italiano viene esercitata dallo Stato. Essa assume diverse forme e intensità in relazione alla natura giuridica

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELL ARCHIVIO STORICO

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELL ARCHIVIO STORICO LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELL ARCHIVIO STORICO Approvate con Deliberazione di G.C. n. 155 del 24/11/2006 DEFINIZIONE 1. L'archivio storico del comune di Castel Goffredo, istituito con deliberazione

Dettagli

INFORMATIVA RESA AI SENSI DELL ART.13 DEL D.LGS. 30 GIUGNO 2003, N.196 "Codice in Materia di Protezione dei Dati Personali"

INFORMATIVA RESA AI SENSI DELL ART.13 DEL D.LGS. 30 GIUGNO 2003, N.196 Codice in Materia di Protezione dei Dati Personali Allegato (Modello privacy) INFORMATIVA RESA AI SENSI DELL ART.13 DEL D.LGS. 30 GIUGNO 2003, N.196 "Codice in Materia di Protezione dei Dati Personali" Con la presentazione delle domande di immatricolazione

Dettagli

ART.1 OGGETTO ART.2 PRINCIPI

ART.1 OGGETTO ART.2 PRINCIPI REGOLAMENTO RECANTE LE MODALITA DI PUBBLICAZIONE NEL SITO INTERNET ISTITUZIONALE DELLE DELIBERAZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE, DELLA GIUNTA COMUNALE E DELLE DETERMINAZIONI DIRIGENZIALI. ART.1 OGGETTO 1.

Dettagli

COMUNE DI MALALBERGO PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI MALALBERGO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL'ALBO PRETORIO INFORMATICO Approvato con Deliberazione della Giunta Comunale n. 3 del 20/01/2011 Pagina 1 di 1 Art. 1 Oggetto del Regolamento 1. In ossequio ai principi

Dettagli

Tutela della privacy

Tutela della privacy Tutela della privacy Le scuole pubbliche non sono tenute a chiedere il consenso per il trattamento dei dati personali degli studenti. Gli unici trattamenti permessi sono quelli necessari al perseguimento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI PUBBLICAZIONE ALL ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI PUBBLICAZIONE ALL ALBO PRETORIO ON LINE AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZI A RESIDENZI ALE DI POTENZA Via Manhes, 33 85100 POTENZA tel. 0971413111 fax. 0971410493 www.aterpotenza.it U.R.P. - Numero Verde 800291622 fax 0971 413227 REGOLAMENTO

Dettagli

Regolamento di attuazione degli articoli 20, comma 2, e 21 del decreto legislativo 30 giugno 2003 n. 196,

Regolamento di attuazione degli articoli 20, comma 2, e 21 del decreto legislativo 30 giugno 2003 n. 196, Regolamento di attuazione degli articoli 20, comma 2, e 21 del decreto legislativo 30 giugno 2003 n. 196, relativo alla individuazione dei tipi di dati e delle operazioni eseguibili in tema di trattamento

Dettagli

Via della Chimica, 61 POTENZA

Via della Chimica, 61 POTENZA N Ordine dei Tecnologi Alimentari di Basilicata e Calabria Data iscrizione Bollo 14,62 Spazio riservato alla segreteria dell Ordine Domanda di iscrizione nell Albo dei Tecnologi Alimentari di Basilicata

Dettagli

DISPOSIZIONI PER LA PUBBLICAZIONE DI ATTI E PROVVEDIMENTI SULL ALBO ON-LINE DELLA CAMERA DI COMMERCIO I.A.A. DI ISERNIA Art 1 Oggetto

DISPOSIZIONI PER LA PUBBLICAZIONE DI ATTI E PROVVEDIMENTI SULL ALBO ON-LINE DELLA CAMERA DI COMMERCIO I.A.A. DI ISERNIA Art 1 Oggetto DISPOSIZIONI PER LA PUBBLICAZIONE DI ATTI E PROVVEDIMENTI SULL ALBO ON-LINE DELLA CAMERA DI COMMERCIO I.A.A. DI ISERNIA Art 1 Oggetto 1. Ai sensi dell art. 32 della Legge n. 69/2009 e s.m.i., tutti gli

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI PUBBLICAZIONE ALL ALBO PRETORIO ON-LINE Approvato con delibera di Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO ON LINE (Integrazione al Regolamento di Organizzazione degli uffici e dei servizi)

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO ON LINE (Integrazione al Regolamento di Organizzazione degli uffici e dei servizi) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO ON LINE (Integrazione al Regolamento di Organizzazione degli uffici e dei servizi) Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina le competenze,

Dettagli

già iscritto per l A.A. 2014/2015 al chiede il rinnovo dell iscrizione per l A.A. 2015/2016

già iscritto per l A.A. 2014/2015 al chiede il rinnovo dell iscrizione per l A.A. 2015/2016 PROTOCOLLO AL DIRETTORE DEL CONSERVATORIO DI MUSICA "L. CAMPIANI" - MANTOVA RINNOVO ISCRIZIONE CORSI ACCADEMICI DI 1 E 2 LIVELLO - A.A. 2015/2016 da presentare dal 1 al 31 luglio 2015 completa degli allegati

Dettagli

Comune di Olgiate Molgora (Provincia di Lecco)

Comune di Olgiate Molgora (Provincia di Lecco) Comune di Olgiate Molgora (Provincia di Lecco) via Stazione 20 23887 tel 0399911211 - fax 039508609 www.comune.olgiatemolgora.lc.it info@comune.olgiatemolgora.lc.it Regolamento comunale per la gestione

Dettagli

Privatista Domanda d'esame Corso Tradizionale A.A.2008/2009

Privatista Domanda d'esame Corso Tradizionale A.A.2008/2009 Privatista Domanda d'esame Corso Tradizionale A.A.2008/2009 Riservato al protocollo CONSERVATORIO DI MUSICA BRESCIA SEZIONE STACCATA DARFO Prot. N Cat CP Del. Al Sig. Direttore del Conservatorio di Musica

Dettagli

Il/La sottoscritto/a CHIEDE. di essere ammess_ a sostenere l esame di DIPLOMA del previgente ordinamento di. (indicare la scuola o strumento)

Il/La sottoscritto/a CHIEDE. di essere ammess_ a sostenere l esame di DIPLOMA del previgente ordinamento di. (indicare la scuola o strumento) RISERVATO AL PROTOCOLLO MARCA DA BOLLO 14.62 DOMADA ESAMI CADIDATI PRIVATISTI A.A. 2012/2013 da presentare entro il 30/04/13 AL DIRETTORE DEL COSERVATORIO DI MUSICA DI CASTELFRACO VEETO (TV) Il/La sottoscritto/a

Dettagli

Trattamento dei dati personali

Trattamento dei dati personali Trattamento dei dati personali CODICE DELLA PRIVACY II 1 GENNAIO 2004 E ENTRATO IN VIGORE IL D.Lgs. N.196 DEL 30 GIUGNO 2003. TALE DECRETO E IL NUOVO TESTO UNICO PER LA PRIVACY. IL NUOVO CODICE IN MATERIA

Dettagli

Regolamento per la disciplina di accesso e riutilizzo delle banche dati

Regolamento per la disciplina di accesso e riutilizzo delle banche dati COMUNE DI LUSIANA Provincia di Vicenza Progetto: Regolamento Regolamento per la disciplina di accesso e riutilizzo delle banche dati Redatto ai sensi dell art. 52, comma 1, del D.Lgs. 82/2005 e successive

Dettagli

Spazio riservato alla segreteria. Data di ricevimento Protocollo N. pratica DOMANDA PER PROGETTI DI TERZI - ANNO 2015

Spazio riservato alla segreteria. Data di ricevimento Protocollo N. pratica DOMANDA PER PROGETTI DI TERZI - ANNO 2015 Spazio riservato alla segreteria Data di ricevimento Protocollo N. pratica 2015/ Alla Fondazione Cassa di Risparmio della Provincia dell Aquila Via Salaria Antica Ovest, 8 67100 L AQUILA DOMANDA PER PROGETTI

Dettagli

REGOLAMENTO SITO WEB Adottato dal Consiglio d Istituto del 28/04/2014

REGOLAMENTO SITO WEB Adottato dal Consiglio d Istituto del 28/04/2014 REGOLAMENTO SITO WEB Adottato dal Consiglio d Istituto del 28/04/2014 Art 1. Sito Web Il sito dell Istituto Comprensivo Dante Alighieri di Aulla (MS), www.alighieriaulla.it, è curato da responsabili incaricati

Dettagli

COMUNE DI MANERBIO (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO

COMUNE DI MANERBIO (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNE DI MANERBIO (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Approvato con deliberazione C.C. n. 17 del 07.06.2007 Comune

Dettagli

Informativa sulla politica per la tutela della privacy attuata da Occhioviterbese

Informativa sulla politica per la tutela della privacy attuata da Occhioviterbese Informativa sulla politica per la tutela della privacy attuata da Occhioviterbese (Informativa ex articolo 13 del D.Lgs. 196/2003 - Codice in materia di protezione dei dati personali) Nella presente informativa

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

PON FSE - Competenze per lo sviluppo Asse II Capacità istituzionale - Obiettivo H

PON FSE - Competenze per lo sviluppo Asse II Capacità istituzionale - Obiettivo H PON FSE - Competenze per lo sviluppo Asse II Capacità istituzionale - Obiettivo H Percorso formativo su Semplificazione e nuovo Codice dell Amministrazione Digitale H - 4 - FSE - 2012-1 SOMMARIO Privacy

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE DLGC/2015/32 O G G E T T O

COMUNE DI ROVIGO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE DLGC/2015/32 O G G E T T O COMUNE DI ROVIGO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE DLGC/2015/32 O G G E T T O Approvazione regolamento per la disciplina di accesso e riutilizzo

Dettagli

M inist e ro della Pubblica Istruz io n e

M inist e ro della Pubblica Istruz io n e Linee guida per il TRATTAMENTO E GESTIONE DEI DATI PERSONALI Articolo 1 Oggetto e ambito di applicazione e principi di carattere generale 1. Il presente documento disciplina le modalità di trattamento

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE RETE CIVICA COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE RETE CIVICA COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLA RETE CIVICA COMUNALE Approvato con delibera di C.C. n. 93 del 4.11.2009 Modificato con delibera di C.C. n. 90 del 18.12.2014 ART.1 OGGETTO

Dettagli

Informativa ai sensi dell Art. 13 del Decreto Legislativo 30 Giugno 2003, N. 196

Informativa ai sensi dell Art. 13 del Decreto Legislativo 30 Giugno 2003, N. 196 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO LICEO CLASSICO LICEO SCIENTIFICO Al genitore dell alunno/a Informativa ai sensi dell Art. 13 del Decreto Legislativo 30 Giugno 2003, N. 196 Secondo quanto previsto dall

Dettagli

il Direttore Generale

il Direttore Generale Pubblicazione sul sito aziendale in data 20/8/2014 Decorrenza 21/08/2014 Scadenza 04/9/2014 Avviso Pubblico Per la formulazione di una graduatoria di Operatore Socio Sanitario (ctg. Bs) da utilizzare in

Dettagli

U.O.C. FACILITY MANAGEMENT UFFICIO PRIVACY OGGETTO: Vademecum per gli Incaricati dei Trattamenti.

U.O.C. FACILITY MANAGEMENT UFFICIO PRIVACY OGGETTO: Vademecum per gli Incaricati dei Trattamenti. Servizio Sanitario Nazionale Regione Siciliana VIA MAZZINI, 1 91100 TRAPANI TEL.(0923) 805111 - FAX (0923) 873745 Codice Fiscale P. IVA 02363280815 U.O.C. FACILITY MANAGEMENT UFFICIO PRIVACY OGGETTO: Vademecum

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE E LINGUISTICO LICEO SOCIOPSICOPEDAGOGICO LICEO SCIENZE SOCIALI LICEO LINGUISTICO

LICEO DELLE SCIENZE UMANE E LINGUISTICO LICEO SOCIOPSICOPEDAGOGICO LICEO SCIENZE SOCIALI LICEO LINGUISTICO LICEO DELLE SCIENZE UMANE E LINGUISTICO LICEO SOCIOPSICOPEDAGOGICO LICEO SCIENZE SOCIALI LICEO LINGUISTICO G. BIANCHI DOTTULA BARI C.so Mazzini 114 tel. 080/5277834 fax 0805277535 c.f. 80023110721 www.imbianchidottula.bari.it

Dettagli

Modulo dell'istituto PIERO CALAMANDREI FIPMRR500G Domanda di iscrizione al primo anno della scuola Secondaria di II grado Anno Scolastico 2015/16

Modulo dell'istituto PIERO CALAMANDREI FIPMRR500G Domanda di iscrizione al primo anno della scuola Secondaria di II grado Anno Scolastico 2015/16 Modulo dell'istituto PIERO CALAMANDREI FIPMRR500G Domanda di iscrizione al primo anno della scuola Secondaria di II grado Anno Scolastico 2015/16 Il Sottoscritto Cognome * Nome * Nato/a il * Cittadinanza

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE

DOMANDA DI ISCRIZIONE DOMANDA DI ISCRIZIONE Il sottoscritto/a nato/a il / / 19 a residente a in Via Codice Fiscale E-mail Tel. Cell. Documento Tipo N. Ril. Scad. CHIEDE Di essere iscritto all associazione Professionisti Associati

Dettagli

D.lvo 196/2003 Codice in materia di protezione dei dati personali. Informativa all interessato.

D.lvo 196/2003 Codice in materia di protezione dei dati personali. Informativa all interessato. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ETTORE MAJORANA Via Caselle 26 40068 San Lazzaro di Savena BO tel. 051.6277811 Fax 051.454153 http://www.iismajoranasanlazzaro.it Alle famiglie degli alunni Oggetto: D.lvo

Dettagli

Formazione in materia di Protezione dei dati e delle informazioni. martedì 14 ottobre 2014

Formazione in materia di Protezione dei dati e delle informazioni. martedì 14 ottobre 2014 Formazione in materia di Protezione dei dati e delle informazioni martedì 14 ottobre 2014 Organizzazione dell intervento I PARTE Le origini della Privacy: trasformazione sociale e adeguamento normativo

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina gli interventi diretti alla tutela della privacy in ambito sanitario. Esso si attiene alle disposizioni

Dettagli

Il sottoscritto. Cognome. Nome. Nato/a il Cittadinanza Provincia. Comune o Stato Estero di Nascita. Codice Fiscale. Residenza Indirizzo

Il sottoscritto. Cognome. Nome. Nato/a il Cittadinanza Provincia. Comune o Stato Estero di Nascita. Codice Fiscale. Residenza Indirizzo Da consegnare entro e non oltre il / / Il sottoscritto Cognome Nome Modulo dell'istituto "CESARE PESENTI" Scuola BGRI021513 - "CESARE PESENTI"- SERALE Domanda di iscrizione al anno - indirizzo (sigla)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO

REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO SOMMARIO: CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Finalità e definizioni Art. 2 - Ambito di applicazione Art. 3 -

Dettagli

l sottoscritt in qualità di (cognome e nome) CHIEDE l iscrizione dell alunno/a

l sottoscritt in qualità di (cognome e nome) CHIEDE l iscrizione dell alunno/a Al Dirigente Scolastico dell Istituto Vescovile G. Marconi Scuola Paritaria Omnicomprensiva di Portogruaro (Ve) l sottoscritt in qualità di (cognome e nome) Padre Madre Tutore CHIEDE l iscrizione dell

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

COMUNE DI ROBASSOMERO

COMUNE DI ROBASSOMERO COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to.it REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI

Dettagli

COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE Provincia di Pistoia REGOLAMENTO DELL ARCHIVIO DEL COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE

COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE Provincia di Pistoia REGOLAMENTO DELL ARCHIVIO DEL COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE Provincia di Pistoia REGOLAMENTO DELL ARCHIVIO DEL COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE approvato con Deliberazione C. C. n 56 del 29-10-2013 Articolo 1. Impianto del Regolamento

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE ISCRIZIONE D UFFICIO

LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE ISCRIZIONE D UFFICIO Pagina 1 di 5 AGGIORNAMENTO DATI ANAGRAFICI CLASSE Sez. ANNO SCOLASTICO / LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE STUDENTE Sesso: M F Nato/a a (Prov. ) il Residenza: Comune di cap. Via n. recapito

Dettagli

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA

UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA Palermo Prot. n. 40125 Del 28.4.2011 Allegati n. 1 CIRCOLARE Oggetto:Disciplina degli esami per l'accertamento della idoneità professionale per l'accesso alla professione di trasportatore su strada di

Dettagli

COMUNE DI BRESCELLO REGOLAMENTO GENERALE PER GLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI BRESCELLO REGOLAMENTO GENERALE PER GLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI BRESCELLO REGOLAMENTO GENERALE PER GLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 67 del 29.12.2005 In vigore dal 26.02.2006 TITOLO I Principi fondamentali Art. 1 FUNZIONE

Dettagli

Domanda di iscrizione alla classe PRIMA. PRIMA LICEO SCIENTIFICO - Opzione_SCIENZE APPLICATE

Domanda di iscrizione alla classe PRIMA. PRIMA LICEO SCIENTIFICO - Opzione_SCIENZE APPLICATE Domanda di iscrizione alla classe PRIMA PRIMA LICEO SCIENTIFICO - Opzione_SCIENZE APPLICATE PRIMA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Settore Tecnologico (PER LA MECCANICA, MECCATRONICA, ENERGIA e MATERIE PLASTICHE)

Dettagli

COMUNE di CORBETTA (Provincia di Milano )

COMUNE di CORBETTA (Provincia di Milano ) COMUNE di CORBETTA (Provincia di Milano ) REGOLAMENTO Albo Pretorio ON-LINE SOMMARIO Art. 1 Oggetto Art. 2 L albo pretorio Art. 3 Finalità Art. 4. Modalità di pubblicazione e accesso Art. 5 - Integrità

Dettagli

Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 "Codice in materia di protezione dei dati personali» Provvedimento garante privacy 27.11.

Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali» Provvedimento garante privacy 27.11. Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 "Codice in materia di protezione dei dati personali» Provvedimento garante privacy 27.11.2008 e successive modiche e integrazioni TRATTAMENTO DEI DATI NELLE ISTITUZIONI

Dettagli

INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART. 13 DEL DLGS N. 196/2003 PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI (PRIVACY)

INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART. 13 DEL DLGS N. 196/2003 PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI (PRIVACY) INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART. 13 DEL DLGS N. 196/2003 PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI (PRIVACY) PREMESSA MetesDtn S.r.l. (di seguito denominata MetesDtn), con sede legale a Bologna in Viale Aldo Moro 16,

Dettagli

MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA CULTURALI DIREZIONE GENERALE PER GLI ARCHIVI Servizio II - Tutela e conservazione del patrimonio archivistico

MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA CULTURALI DIREZIONE GENERALE PER GLI ARCHIVI Servizio II - Tutela e conservazione del patrimonio archivistico MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA CULTURALI DIREZIONE GENERALE PER GLI ARCHIVI Servizio II - Tutela e conservazione del patrimonio archivistico LINEE GUIDA PER GLI ARCHIVI DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE A PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE

MODULO DI ISCRIZIONE A PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE MODULO DI ISCRIZIONE A PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE Al Direttore del CFP SAN GIUSEPPE (denominazione del Centro di Formazione Professionale) VIA BOLZANO N.1-37135 VERONA (sede e del Centro

Dettagli

COMUNE DI SONDRIO REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

COMUNE DI SONDRIO REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI COMUNE DI SONDRIO REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Regolamento approvato con deliberazione di consiglio comunale n 51 in data 26/06/2009 entrato in

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONSULTAZIONE DEGLI ARCHIVI

REGOLAMENTO PER LA CONSULTAZIONE DEGLI ARCHIVI REGOLAMENTO PER LA CONSULTAZIONE DEGLI ARCHIVI Capo I Condizioni di consultabilità dei documenti Articolo 1 La consultazione degli archivi di APICE è subordinata alla compilazione da parte dello studioso

Dettagli

COMUNE DI CARTURA Provincia di Padova Regolamento per la disciplina di accesso e riutilizzo delle banche dati

COMUNE DI CARTURA Provincia di Padova Regolamento per la disciplina di accesso e riutilizzo delle banche dati COMUNE DI CARTURA Provincia di Padova Regolamento per la disciplina di accesso e riutilizzo delle banche dati Versione 1.0.0 1 SOMMARIO 1 APPROVAZIONI...3 2 LISTA DI DISTRIBUZIONE...3 3 REVISIONI...3 4

Dettagli

Nato/a il * Cittadinanza * Provincia * Tutore. indirizzo. c.a.p. telefono cellulare. indirizzo. comune. c.a.p. telefono cellulare.

Nato/a il * Cittadinanza * Provincia * Tutore. indirizzo. c.a.p. telefono cellulare. indirizzo. comune. c.a.p. telefono cellulare. Modulo dell'istituto I.I.S. FERMI Scuola - E. FERMI Domanda di iscrizione al primo anno della scuola Secondaria di II grado Anno Scolastico 2016/2017 Il Sottoscritto Cognome * Nome * Nato/a il * Cittadinanza

Dettagli

La tutela della Privacy. Annoiatore: Stefano Pelacchi

La tutela della Privacy. Annoiatore: Stefano Pelacchi La tutela della Privacy Annoiatore: Stefano Pelacchi 1 Appunti Le organizzazioni del volontariato possono assumere qualsiasi forma giuridica prevista dal Libro I del Codice Civile compatibile con il proprio

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI SENSIBILI E GIUDIZIARI DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA TOSCANA

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI SENSIBILI E GIUDIZIARI DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA TOSCANA REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI SENSIBILI E GIUDIZIARI DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLA TOSCANA Scheda n 2 DENOMINAZIONE DEL TRATTAMENTO: GESTIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DEL PERSONALE ASSEGNATO

Dettagli

CITTÀ DI MURO LECCESE ********** REGOLAMENTO GENERALE PER L'ARCHIVIO COMUNALE

CITTÀ DI MURO LECCESE ********** REGOLAMENTO GENERALE PER L'ARCHIVIO COMUNALE CITTÀ DI MURO LECCESE ********** REGOLAMENTO GENERALE PER L'ARCHIVIO COMUNALE TITOLO I Principi fondamentali Art. 1 - FUNZIONE DELL ARCHIVIO 1. Ai sensi del D.P.R. 28/12/2000 n. 445 Testo unico delle disposizioni

Dettagli

Privacy e Legge sulla trasparenza

Privacy e Legge sulla trasparenza Privacy e Legge sulla trasparenza La legge sulla privacy (D.Lgs 196/20003) e la legge sulla trasparenza (L. 241/1990) fanno riferimento ai nuovi diritti, definiti di terza generazione, rispetto ai diritti

Dettagli

COMUNE DI ARGENTA REGOLAMENTO PER LE RIPRESE AUDIOVISIVE DEL CONSIGLIO COMUNALE E LORO DIFFUSIONE

COMUNE DI ARGENTA REGOLAMENTO PER LE RIPRESE AUDIOVISIVE DEL CONSIGLIO COMUNALE E LORO DIFFUSIONE Allegato Alla Deliberazione CC n. 23 del 29/04/2013 COMUNE DI ARGENTA REGOLAMENTO PER LE RIPRESE AUDIOVISIVE DEL CONSIGLIO COMUNALE E LORO DIFFUSIONE Approvato con Deliberazione del Consiglio comunale

Dettagli

Disciplinare per la gestione dell Albo pretorio on line

Disciplinare per la gestione dell Albo pretorio on line Disciplinare per la gestione dell Albo pretorio on line Parte I Principi generali e definizioni Articolo 1 Oggetto e finalità del Disciplinare Parte II Albo pretorio on line: struttura e modalità organizzative

Dettagli

Codice. in materia di. Protezione dei Dati Personali

Codice. in materia di. Protezione dei Dati Personali Codice in materia di Protezione dei Dati Personali (D.Lgs. 196/2003) ====================== Incontri Formativi con il Personale della Direzione Didattica del 7 Circolo Didattico G. Carducci di Livorno

Dettagli

COMUNE DI GRADARA Provincia di Pesaro e Urbino R E G O L A M E N T O. Stralcio al Regolamento di Organizzazione degli Uffici e dei Servizi

COMUNE DI GRADARA Provincia di Pesaro e Urbino R E G O L A M E N T O. Stralcio al Regolamento di Organizzazione degli Uffici e dei Servizi COMUNE DI GRADARA Provincia di Pesaro e Urbino R E G O L A M E N T O PER LA GESTIONE DELLE PROCEDURE D I PUBBLICAZIONE ALL ALBO PRETORIO ON-LINE Stralcio al Regolamento di Organizzazione degli Uffici e

Dettagli

COMUNE DI POGGIO RENATICO REGOLAMENTO PER LE RIPRESE AUDIOVISIVE DEL CONSIGLIO COMUNALE E LORO DIFFUSIONE

COMUNE DI POGGIO RENATICO REGOLAMENTO PER LE RIPRESE AUDIOVISIVE DEL CONSIGLIO COMUNALE E LORO DIFFUSIONE COMUNE DI POGGIO RENATICO REGOLAMENTO PER LE RIPRESE AUDIOVISIVE DEL CONSIGLIO COMUNALE E LORO DIFFUSIONE Approvato con Deliberazione CC n. 38 del 22/07/2014 Titolo I - Disposizioni generali Articolo 1.

Dettagli

Permessi di accesso ai dati. Data, 01/09/2014. ISTITUTO COMPRENSIVO MASSA 6 Piazza Albania, 7 54100 Massa

Permessi di accesso ai dati. Data, 01/09/2014. ISTITUTO COMPRENSIVO MASSA 6 Piazza Albania, 7 54100 Massa Alunni Alunni casi particolari I dati personali idonei a rilevare l origine razziale ed etnica, le convinzioni religiose filosofiche o di altro genere, nonché dati personali idonei a rilevare lo stato

Dettagli

Laboratorio di Informatica. Dott. Giovanni Pietro Barbano Cultore della Materia

Laboratorio di Informatica. Dott. Giovanni Pietro Barbano Cultore della Materia Laboratorio di Informatica Dott. Giovanni Pietro Barbano Cultore della Materia Il diritto alla tutela della privacy non trova esplicito riferimento nella Costituzione italiana, ma si ricava dal contenuto

Dettagli

COMUNE DI CARPINETI Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO GENERALE PER L'ARCHIVIO COMUNALE

COMUNE DI CARPINETI Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO GENERALE PER L'ARCHIVIO COMUNALE COMUNE DI CARPINETI Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO GENERALE PER L'ARCHIVIO COMUNALE TITOLO I Principi fondamentali Art. 1 FUNZIONE DELL'ARCHIVIO 1. Ai sensi del D. Lgs.22 gennaio 2004, n. 42 (Codice

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI OBBLIGHI DI PUBBLICITA E TRASPARENZA RELATIVI ALL ORGANIZZAZIONE DELLA GE.SE.CO. ARZACHENA SRL

REGOLAMENTO SUGLI OBBLIGHI DI PUBBLICITA E TRASPARENZA RELATIVI ALL ORGANIZZAZIONE DELLA GE.SE.CO. ARZACHENA SRL REGOLAMENTO SUGLI OBBLIGHI DI PUBBLICITA E TRASPARENZA RELATIVI ALL ORGANIZZAZIONE DELLA GE.SE.CO. ARZACHENA SRL Approvato dal Consiglio di Amministrazione con deliberazione n. 15 del 07.08.2014 INDICE

Dettagli

Regolamento sull accesso e visione degli atti e. sulla trasparenza amministrativa

Regolamento sull accesso e visione degli atti e. sulla trasparenza amministrativa Regolamento sull accesso e visione degli atti e sulla trasparenza amministrativa INDICE Art. 1 Oggetto del regolamento e definizioni Art. 2 Oggetto dell accesso Art. 3 Discipline specifiche - rinvio Art.

Dettagli

Rev. 1.2.1 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RIPRESE AUDIOVISIVE DELLE SEDUTE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Rev. 1.2.1 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RIPRESE AUDIOVISIVE DELLE SEDUTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Rev. 1.2.1 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RIPRESE AUDIOVISIVE DELLE SEDUTE DEL CONSIGLIO COMUNALE 1 INDICE: Articolo 1. Finalità e Funzioni 3 Articolo 2. Riprese audio e video nonché diffusione 3

Dettagli

COMUNE DI VIGNOLA FALESINA PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO DELL INFORMAZIONE E DI GESTIONE DELL'ALBO PRETORIO ELETTRONICO

COMUNE DI VIGNOLA FALESINA PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO DELL INFORMAZIONE E DI GESTIONE DELL'ALBO PRETORIO ELETTRONICO COMUNE DI VIGNOLA FALESINA PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO DELL INFORMAZIONE E DI GESTIONE DELL'ALBO PRETORIO ELETTRONICO Approvato con delibera del Consiglio n. 14 del 29/04/2015 IL SEGRETARIO COMUNALE

Dettagli

Nato/a il * Cittadinanza * Provincia * Tutore. indirizzo. c.a.p. telefono cellulare. indirizzo. comune. c.a.p. telefono cellulare.

Nato/a il * Cittadinanza * Provincia * Tutore. indirizzo. c.a.p. telefono cellulare. indirizzo. comune. c.a.p. telefono cellulare. Modulo dell'istituto ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI DE FILIPPI TL01500D Domanda di iscrizione al primo anno della scuola Secondaria di II grado Anno Scolastico 2013/14 Il Sottoscritto Cognome * Nome * Nato/a

Dettagli

Manuale Informativo. Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali

Manuale Informativo. Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali Manuale Informativo Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali INDEX Il D.Lgs. 196/2003 Termini e Fondamenti Gli attori Organizzazione e Responsabilità

Dettagli

Nato/a il * Cittadinanza * Provincia * Tutore. indirizzo. c.a.p. telefono cellulare. indirizzo. comune. c.a.p. telefono cellulare.

Nato/a il * Cittadinanza * Provincia * Tutore. indirizzo. c.a.p. telefono cellulare. indirizzo. comune. c.a.p. telefono cellulare. Modulo dell'istituto I.S. LICEO SCIENT. GHILARZA Scuola ORPS001024 - LICEO SCIENTIFICO GHILARZA Domanda di iscrizione al primo anno della scuola Secondaria di II grado Anno Scolastico 2013/14 Il Sottoscritto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI. ai sensi della legge 241/1990, del D.P.R. n. 184/2006. e del D.Lgs.

REGOLAMENTO PER L'ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI. ai sensi della legge 241/1990, del D.P.R. n. 184/2006. e del D.Lgs. MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Via F. Borromeo Primaria- Secondaria I Grado ROMA Via F. Borromeo 53/57

Dettagli

Garante per la protezione dei dati personali

Garante per la protezione dei dati personali Garante per la protezione dei dati personali Autorizzazione n. 3/2000 al trattamento dei dati sensibili da parte degli organismi di tipo associativo e delle fondazioni In data odierna, con la partecipazione

Dettagli

TABELLA SINOTTICA DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI. D.LGS. 30 giugno 2003, n. 196

TABELLA SINOTTICA DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI. D.LGS. 30 giugno 2003, n. 196 TABELLA SINOTTICA DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI D.LGS. 30 giugno 2003, n. 196 TABELLA SINOTTICA DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI PREVISTI DAL D.LGS. 30 giugno 2003, n. 196 (il "Codice") ART. ADEMPIMENTO (destinatari

Dettagli

COMUNE DI CARBONE (PROVINCIA DI POTENZA)

COMUNE DI CARBONE (PROVINCIA DI POTENZA) COMUNE DI CARBONE (PROVINCIA DI POTENZA) REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI SENSISIBILI E GIUDIZIARI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 21 del 21.06.2007 IL SINDACO IL SEGRETARIO

Dettagli

COMUNE DI MARRADI Provincia di Firenze

COMUNE DI MARRADI Provincia di Firenze REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RIPRESE AUDIOVISIVE DELLE SEDUTE DEL CONSIGLIO COMUNALE E LORO DIFFUSIONE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 69/CC in data 18.12.2014 Pagina 1 di 7

Dettagli

NOTA INFORMATIVA WATCHING THE FUTURE

NOTA INFORMATIVA WATCHING THE FUTURE NOTA INFORMATIVA WATCHING THE FUTURE AVVISO PUBBLICO DI CHIAMATA DI OPERAZIONI/PROGETTI DA REALIZZARE CON IL CONTRIBUTO DEL FONDO SOCIALE EUROPEO 2007-2013 OBIETTIVO 2 ASSE ADATTABILITA E FONDI NAZIONALI

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ARCHIVIO STORICO COMUNALE

REGOLAMENTO DELL ARCHIVIO STORICO COMUNALE Comune di Castenaso Servizi Culturali Archivio storico REGOLAMENTO DELL ARCHIVIO STORICO COMUNALE (Approvato con delibera consiliare n. 4 del 30 gennaio 2008) Archivio storico Casa Bondi Via XXI ottobre

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON LINE D ISTITUTO INFORMATICO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON LINE D ISTITUTO INFORMATICO Prot. nr. AOOIISCASSATA-0006475-C17 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON LINE D ISTITUTO INFORMATICO Articolo 1 Oggetto del regolamento. Il presente regolamento disciplina le modalità di svolgimento

Dettagli

Il diritto alla riservatezza, al rispetto della vita privata e della confidenzialità della persona assistita rappresentano diritti inviolabili.

Il diritto alla riservatezza, al rispetto della vita privata e della confidenzialità della persona assistita rappresentano diritti inviolabili. Il diritto alla riservatezza, al rispetto della vita privata e della confidenzialità della persona assistita rappresentano diritti inviolabili. Da questo principio deriva, per tutti gli operatori sanitari,

Dettagli

REGOLAMENTO SITO WEB

REGOLAMENTO SITO WEB REGOLAMENTO SITO WEB Art 1. Sito Web Il sito dell Istituto Comprensivo di Montecorvino Pugliano, www.icpugliano.gov.it, è curato da responsabili incaricati dal dirigente scolastico. Per le caratteristiche

Dettagli

AL DIRIGENTE SCOLASTICO. Il/la sottoscritto/a

AL DIRIGENTE SCOLASTICO. Il/la sottoscritto/a Spazio riservato all'ufficio Istituto Comprensivo n.7 Centro Territoriale Permanente "\"ORSINI\"" VIA Vivaldi 76 - IMOLA (BO) - Tel.0542 685100 - Fax.0542 684967 e-mail: ic7imola@legalmail.it - sito: www.eda.italyeurope.com

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE alla SCUOLA PRIMARIA A. S. 14/15 Al Dirigente Scolastico dell IST. COMPR. STAT. T. SILVESTRI TREVIGNANO R.NO

DOMANDA DI ISCRIZIONE alla SCUOLA PRIMARIA A. S. 14/15 Al Dirigente Scolastico dell IST. COMPR. STAT. T. SILVESTRI TREVIGNANO R.NO DOMANDA DI ISCRIZIONE alla SCUOLA PRIMARIA A. S. 14/15 Al Dirigente Scolastico dell IST. COMPR. STAT. T. SILVESTRI TREVIGNANO R.NO _l_ sottoscritt in qualità di padre madre tutore CHIEDE l iscrizione dell

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER GLI ARCHIVI DELLA COMUNITA MONTANA DELL APPENNINO REGGIANO

REGOLAMENTO GENERALE PER GLI ARCHIVI DELLA COMUNITA MONTANA DELL APPENNINO REGGIANO REGOLAMENTO GENERALE PER GLI ARCHIVI DELLA COMUNITA MONTANA DELL APPENNINO REGGIANO approvato con deliberazione consiliare in data 1 febbraio 2006 n. 10 Indice TITOLO I - Principi fondamentali 3 Art. 1

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER L ARCHIVIO PROVINCIALE

REGOLAMENTO GENERALE PER L ARCHIVIO PROVINCIALE Provincia dell Ogliastra REGOLAMENTO GENERALE PER L ARCHIVIO PROVINCIALE Allegato alla Delibera di Consiglio n. 35 del 25.11.09 TITOLO I Principi fondamentali Art. 1 FUNZIONE DELL ARCHIVIO Ai sensi del

Dettagli

DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI ARCHIVIO STORICO E DI DEPOSITO

DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI ARCHIVIO STORICO E DI DEPOSITO DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI ARCHIVIO STORICO E DI DEPOSITO INDICE Capo I Principi generali Art. 1 Oggetto della disciplina Art. 2 Finalità del servizio Art. 3 Attribuzioni del servizio Art. 4 Articolazione

Dettagli

Tutela della privacy, diritto di accesso e consultabilità dei documenti degli archivi

Tutela della privacy, diritto di accesso e consultabilità dei documenti degli archivi Tutela della privacy, diritto di accesso e consultabilità dei documenti degli archivi Franco Cardin - Padova - 8/5/2008 1 Argomenti da trattare Il Codice in materia di protezione dei dati personali (D.Lgs.

Dettagli

Istituzione per i Servizi Educativi, Culturali e Sportivi Comune di Sesto Fiorentino DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE N. 50 DEL 21.5.

Istituzione per i Servizi Educativi, Culturali e Sportivi Comune di Sesto Fiorentino DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE N. 50 DEL 21.5. Istituzione per i Servizi Educativi, Culturali e Sportivi Comune di Sesto Fiorentino DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE N. 50 DEL 21.5.2012 OGGETTO: individuazione degli incaricati del trattamento dati personali

Dettagli

Nato/a il * Cittadinanza * Provincia * Tutore. indirizzo. c.a.p. telefono cellulare. indirizzo. comune. c.a.p. telefono cellulare.

Nato/a il * Cittadinanza * Provincia * Tutore. indirizzo. c.a.p. telefono cellulare. indirizzo. comune. c.a.p. telefono cellulare. Modulo dell'istituto ITN ROTUNDI - ITI FERMI Scuola FGTF017016 - ITIS "E.FERMI" Domanda di iscrizione al primo anno della scuola Secondaria di II grado Anno Scolastico 2013/14 Il Sottoscritto Cognome *

Dettagli

Nato/a il * Cittadinanza * Provincia * Tutore. indirizzo. c.a.p. telefono cellulare. indirizzo. comune. c.a.p. telefono cellulare.

Nato/a il * Cittadinanza * Provincia * Tutore. indirizzo. c.a.p. telefono cellulare. indirizzo. comune. c.a.p. telefono cellulare. Modulo dell'istituto CD "DOMODOSSOLA I" Scuola VBEE00203R - SCUOLA ELEMENTARE DI MASERA Domanda di iscrizione al primo anno della scuola Primaria Anno Scolastico 2013/14 Il Sottoscritto Cognome * Nome

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE PER L A.S. 2015/2016 SCUOLA COMUNALE A. MIARI di Belluno (Gestita dal Conservatorio di Vicenza)

DOMANDA DI ISCRIZIONE PER L A.S. 2015/2016 SCUOLA COMUNALE A. MIARI di Belluno (Gestita dal Conservatorio di Vicenza) Riservato al Protocollo AL DIRETTORE DEL CONSERVATORIO DI MUSICA DI VICENZA DOMANDA DI ISCRIZIONE PER L A.S. 2015/2016 SCUOLA COMUNALE A. MIARI di Belluno (Gestita dal Conservatorio di Vicenza) SCADENZA

Dettagli

Stralcio del REGOLAMENTO IN MATERIA DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI 1 CAPO III

Stralcio del REGOLAMENTO IN MATERIA DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI 1 CAPO III Stralcio del REGOLAMENTO IN MATERIA DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI 1 CAPO III MODALITA DI ESERCIZIO E CASI DI ESCLUSIONE DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI ART.12 AMBITO DI APPLICAZIONE

Dettagli

Certificato Camera Commercio a data recente con Attestazione Fallimentare- Originale;

Certificato Camera Commercio a data recente con Attestazione Fallimentare- Originale; DOCUMENTI PER ISTRUTTORIA CASTELLETTO SCONTO EFFETTI ORDINARIO Via N Città Prov. Tel. Fax Cellulare E-Mail Consulente Dott/Rag. Tel. Fax Documenti da Produrre per DITTA INDIVIDUALE Fotocopia Documento

Dettagli

Sospensione del credito alle famiglie. Accordo ABI-Associazioni dei Consumatori del 31 marzo 2015

Sospensione del credito alle famiglie. Accordo ABI-Associazioni dei Consumatori del 31 marzo 2015 Sospensione del credito alle famiglie Accordo ABI-Associazioni dei Consumatori del 31 marzo 2015 Informativa ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 (da rendere al richiedente prima del rilascio

Dettagli