UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI L'AQUILA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI L'AQUILA"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI L'AQUILA C.d.L. SCIENZE DELL INVESTIGAZIONE E PROTEZIONE DELLE PERSONE, DEGLI EVENTI, DELLE ISTITUZIONI Docenti: Prof. Avv. Luigi VINCENZO Prof. Carmelo LAVORINO

2 E PROTEZIONE DELLE PERSONE, DEGLI EVENTI, DELLE ISTITUZIONI

3 Modulo di Sicurezza e protezione delle persone, degli eventi, delle istituzioni Area didattica: Scienze dell Investigazione) ORDINAMENTO E Normativa di riferimento Costituzione Beni primari di rango costituzionale; principio di tutela. Codice penale Teoria generale del reato; pene principali ed accessorie (artt ); misure di sicurezza (artt ); reati e relativi beni tutelati. Legislazione penale specialereati speciali. Legge , n Misure di prevenzione. Codice di procedura penale Polizia Giudiziaria; persona offesa dal reato; misure cautelari. T.U.L.P.S. (R.D , n. 773) Pubblica Sicurezza.

4 Centro Studi Investigazione Criminale ANTICRIMINE INVESTIGAZIONE CRIMINALE

5 CRIMINE ANTICRIMINE INVESTIGAZIONE CRIMINALE

6 SISTEMA CRIMINE SISTEMA NUCLEO C.S.I. SISTEMA INVESTIGAZIONE

7 S = f(b, M, P)Si S= B = BENE P = PROTETTORE M = MINACCIA Si = SITUAZIONE In un contesto di Sicurezza, questi tre elementi devono essere tutti presenti ed interagenti. Senza un Bene, non ci sarebbe nulla da proteggere, senza una Minaccia a quel Bene non ve ne sarebbe ragione, senza un Protettore di quel Bene da quella Minaccia non vi sarebbe chi traduce il desiderio di Sicurezza in atto. Però, la mera presenza dei tre elementi non basta: bisogna che questi interagiscano tra di loro in una determinata Situazione.

8 Il CRIMINE è UN PROCESSO STRUTTURATO: progetto criminale; modello decisionale; interazione diadica; attività prima, durante, dopo l evento; organizzazione logistica; correlazione mezzi, strumenti, sistemi, circostanze e scopo finale inteso come danno al bene aggredito DI ELEMENTI CONCRETI ED ASTRATTI: attività, sistemi, strumenti, procedure, skills, stati psichici, decisioni, analisi ed azioni IN UNO SPAZIO FISICO E CONCETTUALE: scene del crimine, territorio delle vicende; ambiente sociale, criminale, virtuale e di processo d'astrazione CHE PRESENTA UNA SUCCESSIONE DI EVENTI: ideazione, attività prodromiche, esecutive e di presa distanza dal crimine; attività strategiche e tattiche; approccio, contatto, aggressione, fuga e depistaggi CHE GENERANO RISULTATI DEFINITIVI DI DANNO AL BENE AGGREDITO, AL SISTEMA DIFENSIVO, AL TITOLARE ED AL PROTETTORE DEL BENE, ALLE SCENE DEL CRIMINE Diade: (Aggressore + Minaccia) + (Bene aggredito + Protettore)

9 C= f(m, B, P, D)Si, SdC, 7ICC, S C= CRIMINE M = MINACCIA B = BENE P = PROTETTORE D = DANNO Si= SITUAZIONE; S= SdC= SCENE DEL CRIMINE 7ICC= 7 Indicatori Concettuali del Crimine Nel contesto CRIMINE (Criminogenesi + Criminodinamica) gli elementi Minaccia, Bene, Protettore e Danno devono essere tutti presenti ed interagenti. Però, la mera presenza dei quattro elementi non basta: bisogna che questi interagiscano tra di loro in determinate SITUAZIONI, SCENE DEL CRIMINE, secondo i SETTE INDICATORI CONCETTUALI DEL CRIMINE, tenendo conto del SISTEMA

10 I SETTE INDICATORI CONCETTUALI DEL CRIMINE MOVENTE (Mot + Sit + Int) LIVELLI CRIMINALI ORGANIZZAZIONE E LOGISTICA CRIMINE SCENE DEL CRIMINE VITTIMOLOGIA INTENTO PRIMARIO CONTESTO VOLONTÀ E PREMEDITAZIONE METODICA ESECUTIVA

11 I= f(s,c)si, SdC, 7ICC,TC, FOSI I= INVESTIGAZIONE S= SISTEMA C=CRIMINE Si = SITUAZIONE; SdC= SCENE DEL CRIMINE 7ICC= 7 Indicatori Concettuali del Crimine TC= TRIADE CRIMINODINAMICA FOSI= Fattori Oggettivi Soggettivi Investigazione In un contesto INVESTIGAZIONE CRIMINALE, i SISTEMI E CRIMINE devono essere analizzati secondo la SITUAZIONE, le SCENE DEL CRIMINE, i SETTE INDICATORI CONCETTUALI DEL CRIMINE e i FATTORI OGGETTIVI E SOGGETTIVI DEL MODELLO INVESTIGATIVO

12 I= f(s,c)si, SdC, 7ICC,TC, FOSI I= INVESTIGAZIONE TC= TRIADE CRIMINODINAMICA 1) ATTI DI MODUS OPERANDI ED ESECUTIVI - OTTO SOTTOGRUPPI 2) ATTI DI MATRICE PSICOLOGICA, SIMBOLICI E RITUALISTICI - NOVE TIPOLOGIE O SOTTOGRUPPI 3) ATTI AUTOCONSERVATIVI E DI AUTO - OTTO SOTTOGRUPPI

13 Modulo 7 ESSE 7 S Strategy Structure Skills Shared Value Systems Staff Style

14 OPERATIVA E CARATTERISTICHE STRUMENTI DEL SISTEMA FUNZIONI DELLA PRINCIPI DELLA STRUMENTI, FUNZIONI E PRINCIPI DELLA circoscrivono il CONTESTO OPERATIVO DELLA METODI RISOLUTIVI DEI PROBLEMI Operano all'interno del SISTEMA

15 STRUMENTI DEL SISTEMA Sono i mezzi, i modelli e i metodi che permettono le attività specifiche e sistemiche per ottenere le caratteristiche di CAUSALITÀ e di FINALITÀ della OPERATIVA E CARATTERISTICHE FUNZIONI DELLA Cosa, come perché il Responsabile della deve fare e utilizare gli strumenti della PRINCIPI DELLA Sono i criteri, i fondamenti unificatori e le regole per arrivare al fine. METODI RISOLUTIVI DEI PROBLEMI DELLA Approccio qualitativo al processo decisionale, basato sul confronto fra le possibilità totali della Minaccia e quelle del Sistema

16 STRUMENTI DEL SISTEMA Intelligence Persone Strutture Sistemi tecnologici Procedure Controllo METODI RISOLUTIVI PROBLEMI SIC Identificazione Bene Analisi Minaccia Analisi Vulnerabilità Valutazione del Rischio Identificazione contromisure e piani Pianificazione, preparazione e attivazione e contromisure e SIC ALL Valutazione Conseguenze ALL STEP PRINCIPI DELLA Elusione Dissuasione Riduzione di opportunità Divieto Ritardo Difesa FUNZIONI della Prevenzione Protezione Deterrenza Rivelazione Allarme Risposta Management

17 STRUMENTI DEL SISTEMA - Intelligence (informazione elaborata per soddisfare un esigenza informativa) permette la conoscenza delle intenzioni avverse, il monitoraggio, la predizione, la proattività, l uso informato degli strumenti e delle metodologie, l ottimizzazione delle funzioni, la decisione informata, e l efficacia delle operazioni - Persone sono il soggetto, l oggetto, l ambiente sociale e l antagonista della sicurezza - Strutture sono una componente fondamentale di ogni sistema di sicurezza, e possono presentarsi in differenti forme, che possono essere classificate come contenitori, supporti, barriere, e scudi protettivi - Sistemi tecnologici (...) componente fondamentale di ogni sistema di sicurezza ( ) differenti forme, che possono essere classificate come contenitori, supporti, barriere, e scudi protettivi. si appoggiano alle strutture, sono gestiti da persone, assistere I.P.S.P.C. - Procedure hanno il ruolo di collegare persone, strutture, tecnologie e controlli, in modo da ottenere un sistema integrato di sicurezza - Controllo fonte di sinergia che provvede direzione e interazione con e tra le altre parti del sistema PRINCIPI DELLA Elusione Dissuasione Riduzione di opportunità Divieto Ritardo Difesa FUNZIONI della Prevenzione Protezione Deterrenza Rivelazione Allarme Risposta Management METODI RISOLUTIVI PROBLEMI SIC Identificazione Bene Analisi Minaccia Analisi Vulnerabilità Valutazione del Rischio Identificazione contromisure e piani Pianificazione, preparazione e attivazione e contromisure e SIC ALL Valutazione Conseguenze ALL STEP

18 FUNZIONI della Prevenzione: sicurezza è fondata sulla Prevenzione: essendo naturalmente avversa al rischio, le sue misure ed attività sono primariamente intese ad assicurarsi che l evento temuto, o indesiderato, non avvenga. Questo risultato può essere raggiunto in molti modi: evitando, ostacolando, dissuadendo, ingannando, intimorendo, deviando, neutralizzando un potenziale attaccante Protezione: attività fondamentale della sicurezza, data sin dalle prime attività umane ( ) comprende le attività d impedimento o ritardo dei movimenti avversari, in modo da mantenerlo a distanza di sicurezza per il tempo utile ad una risposta adeguata, le attività d interferenza con l azione aggressiva, in modo da impedire, o minimizzare, il danno Deterrenza: ostensione intelligente della forza, delle risorse a disposizione, della volontà di protezione e delle alleanze sino all uso dimostrativo della forza mediante attacchi preventivi od obiettivi simbolici, ritorsione, rappresaglia ed azioni di rivalsa Rivelazione: immediata comunicazione di ciò che è stato rivelato, l Allarme Risposta: necessaria, inevitabile, per ripristinare lo stato desiderato di sicurezza (efficace: tempestiva e decisiva). Management: attività di gestione professionale, copre tutti gli aspetti della direzione, pianificazione, amministrazione e gestione della sicurezza, incluse l analisi dei rischi ed il controllo degli strumenti e delle funzioni di sicurezza: chiave per il funzionamento del sistema di sicurezza. STRUMENTI DEL SISTEMA - Intelligence - Persone - Strutture - Sistemi tecnologici - Procedure - Controllo PRINCIPI DELLA Elusione Dissuasione Riduzione di opportunità Divieto Ritardo METODI Difesa RISOLUTIVI PROBLEMI SIC Identificazione Bene Analisi Minaccia Analisi Vulnerabilità Valutazione del Rischio Identificazione contromisure e piani Pianificazione, preparazione e attivazione e contromisure e SIC ALL Valutazione Conseguenze ALL STEP

19 PRINCIPI DELLA ELUSIONE: evitare scaltarmente con destrezza e intelligenza), poiché, per natura e definizione, la sicurezza è avversa, non propensa, al rischio DISSUASIONE: azione comunicativa con effetti psicologici che vanno dalla demotivazione al convincimento e uso di minacce e deterrenti, si avvale di mezzi fisici (l ostensione delle difese) e di mezzi non fisici (certezza della pena, azione di convincimento dell inutilità o del costo eccessivo di certe azioni, pressioni psicologiche, negoziazione,...). RIDUZIONE DI OPPORTUNITÀ: la prevenzione è meglio della cura e questo si ottiene sia a livello fisico ("target hardening") che psicologico -"rimozione delle tentazioni" DIVIETO: forma attiva di elusione/prevenzione; corretto deriva dall informazione e dal controllo, mira ad assicurarsi che solo le persone, cose, attività ritenute giuste siano nel posto giusto e nel momento giusto. RITARDO: link => l efficacia della risposta (equazione delle difese fisiche), con l aumento del tempo d esposizione dell attaccante, mediante l uso di spazio, procedure, barriere, controlli. DIFESA: diretta all uso sinergico delle misure protettive : blocca, devia, ritarda, complica con barriere di variatipologia STRUMENTI DEL SISTEMA - Intelligence - Persone - Strutture - Sistemi tecnologici - Procedure - Controlli FUNZIONI della Prevenzione Protezione Deterrenza Rivelazione Allarme Risposta Management METODI RISOLUTIVI PROBLEMI SIC Identificazione Bene Analisi Minaccia Analisi Vulnerabilità Valutazione del Rischio Identificazione contromisure e piani Pianificazione, preparazione e attivazione e contromisure e SIC ALL Valutazione Conseguenze ALL STEP

20 METODI RISOLUTIVI PROBLEMI SIC Identificazione Bene Analisi Minaccia Analisi Vulnerabilità Valutazione del Rischio Identificazione contromisure e piani Pianificazione, preparazione e attivazione e contromisure e SIC ALL STRUMENTI DEL SISTEMA - Intelligence - Persone - Strutture - Sistemi tecnologici - Procedure - Controllo PRINCIPI DELLA Elusione Dissuasione Riduzione di opportunità Divieto Ritardo Difesa FUNZIONI della Prevenzione Protezione Deterrenza Rivelazione Allarme Risposta Management Valutazione Conseguenze ALL STEP

21 Testi: ANTICRIMINE E INVESTIGAZIONE CRIMINALE Autori: Carmelo LAVORINO, Giovanni MANUNTA Prefazione: Luigi VINCENZO Sito: (consigliato) di G. Manunta (consigliato)

CRIME & INVESTIGATIONS

CRIME & INVESTIGATIONS CRIME & INVESTIGATIONS LE CINQUE FASI CLASSICHE DELL'INVESTIGAZIONE SULL'OMICIDIO L investigazione sul delitto di omicidio si svolge - o dovrebbe svolgersi - solitamente nei tempi e nei modi descritti

Dettagli

3ESSE S.r.l. AGENZIA INVESTIGATIVA Sicurezza Servizi Soluzioni

3ESSE S.r.l. AGENZIA INVESTIGATIVA Sicurezza Servizi Soluzioni 3ESSE S.r.l. AGENZIA INVESTIGATIVA Sicurezza Servizi Soluzioni PROFILO AZIENDALE 3ESSE S.r.l. - Agenzia Investigativa di seguito denominata 3S è un azienda autorizzata allo svolgimento dei servizi investigativi

Dettagli

LEGITTIMA DIFESA. Testi a cura di: Fulvio Rossi Ex Magistrato Ideatore della Palestra dei Diritti e dei corsi di Democrazia di Genere

LEGITTIMA DIFESA. Testi a cura di: Fulvio Rossi Ex Magistrato Ideatore della Palestra dei Diritti e dei corsi di Democrazia di Genere LEGITTIMA DIFESA Testi a cura di: Fulvio Rossi Ex Magistrato Ideatore della Palestra dei Diritti e dei corsi di Democrazia di Genere Torino aprile 2013 LEGITTIMA DIFESA La legittima difesa, come disciplinata

Dettagli

Master Professional in Scienze e Tecniche della Security

Master Professional in Scienze e Tecniche della Security Dipartimento di Scienze della Security e Intelligence Bando del Master Professional in Scienze e Tecniche della Security Direttore del Master: Prof. MASSIMO BLANCO Codice Master: DSO-SICOP Valido per l

Dettagli

Parte I ANALISI INVESTIGATIVA E STUDIO DELLA PERSONALITÀ CRIMINALE. Sezione I La personalità nel contesto familiare e sociale

Parte I ANALISI INVESTIGATIVA E STUDIO DELLA PERSONALITÀ CRIMINALE. Sezione I La personalità nel contesto familiare e sociale INDICE pag. Collaboratori... XIII Prefazione.... XV Introduzione... 1 Parte I ANALISI INVESTIGATIVA E STUDIO DELLA PERSONALITÀ CRIMINALE Sezione I La personalità nel contesto familiare e sociale LA FORMAZIONE

Dettagli

Il Sistema di Valutazione delle Prestazioni del Gruppo Logiche e principali caratteristiche Presentazione alle OO.SS.

Il Sistema di Valutazione delle Prestazioni del Gruppo Logiche e principali caratteristiche Presentazione alle OO.SS. Il Sistema di Valutazione delle Prestazioni del Gruppo Logiche e principali caratteristiche Presentazione alle OO.SS. 1 Direzione Centrale Risorse Umane Ufficio Sviluppo Milano, e Compensation Marzo 2014

Dettagli

Investigazioni scientifiche e difensive penali

Investigazioni scientifiche e difensive penali Scuola di specializzazione in Psicoterapia dello Sviluppo e l Adolescenza n. 190 (314/D) riconosciuta con Decreto Direttoriale 1 agosto 2006 Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 9 agosto 2006 n. 184

Dettagli

LA CRIMINOLOGIA. sapere di non sapere, conoscere sé stessi, falsificare ogni ipotesi e...non innamorarsi di esse FRANCESCO BRUNO

LA CRIMINOLOGIA. sapere di non sapere, conoscere sé stessi, falsificare ogni ipotesi e...non innamorarsi di esse FRANCESCO BRUNO LA CRIMINOLOGIA sapere di non sapere, conoscere sé stessi, falsificare ogni ipotesi e...non innamorarsi di esse FRANCESCO BRUNO LA CRIMINOLOGIA E la scienza che studia i reati, gli autori, le vittime,

Dettagli

Corso di Perfezionamento in Sicurezza, Etica e Investigazioni private

Corso di Perfezionamento in Sicurezza, Etica e Investigazioni private 1. Finalità Corso di Perfezionamento in Sicurezza, Etica e Investigazioni private a.a. 2011-2012 Il corso si propone di realizzare un percorso formativo che risponda alle richieste territoriali di qualificazione

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO

MASTER UNIVERSITARIO FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE Anno Accademico 2011/2012 MASTER UNIVERSITARIO di I livello in SPECIALISTA IN POLITICHE CRIMINALI, TECNICHE INVESTIGATIVE E DI PREVENZIONE Attivato ai sensi del D.M. 509/99

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN CRIMINOLOGIA (METODOLOGIA E ARGOMENTI DELLA CRIMINOLOGIA) (1500 ore 60 CFU)

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN CRIMINOLOGIA (METODOLOGIA E ARGOMENTI DELLA CRIMINOLOGIA) (1500 ore 60 CFU) Ordine degli Avvocati di Cosenza Commissione di Studi per le Scienze Forensi e Criminologiche Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT D.R. n. 784/2014 MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN

Dettagli

Master Executive in Security Management

Master Executive in Security Management Dipartimento di Scienze della Security, Investigazione e Intelligence Bando del Master Executive in Security Management Direttore: Prof. MASSIMO BLANCO Coordinamento Scientifico: MASSIMO QUATTROCCHI Codice

Dettagli

La Norma CEI 79-3 del 1998 rappresenta. Allarmi intrusione: aggiornamento norma CEI 79-3. [approfondimento/normativa]

La Norma CEI 79-3 del 1998 rappresenta. Allarmi intrusione: aggiornamento norma CEI 79-3. [approfondimento/normativa] Allarmi intrusione: aggiornamento norma CEI 79-3 Ad un anno di distanza dalla terza pubblicazione a livello nazionale della Norma CEI 79-3 del 1998, facciamo il punto sulla normativa che regola l elaborazione

Dettagli

DECRETI PRESIDENZIALI

DECRETI PRESIDENZIALI DECRETI PRESIDENZIALI DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 24 gennaio 2013. Direttiva recante indirizzi per la protezione cibernetica e la sicurezza informatica nazionale. IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

Gestione e Fidelizzazione del Cliente

Gestione e Fidelizzazione del Cliente Gestione e Fidelizzazione del Cliente Obiettivi Formativi Il percorso, nell ottica del lifelong learning, nasce con l obiettivo di fornire ai Tecnici Ascensoristi le skills per: Punto di partenza di ogni

Dettagli

Indice. CAPITOLO PRIMO Nascita storica e principi generali della psicologia e criminologia investigativa

Indice. CAPITOLO PRIMO Nascita storica e principi generali della psicologia e criminologia investigativa Indice Prefazione di Guglielmo Gulotta.......................... p. 15 Prefazione del Gen. Enrico Cataldi.........................» 17 Prefazione del Gen. Claudio Curcio.........................» 19 Introduzione...........................................»

Dettagli

BANDO DI AMMISSIONE AL MASTER DI I LIVELLO IN CRIMINOLOGIA E PSICOLOGIA INVESTIGATIVA, A.A. 2014-2015. IL RETTORE DECRETA

BANDO DI AMMISSIONE AL MASTER DI I LIVELLO IN CRIMINOLOGIA E PSICOLOGIA INVESTIGATIVA, A.A. 2014-2015. IL RETTORE DECRETA Protocollo 21064-I/7 Data 09/09/2014 Rep. A.U.A. n. 322-2014 Area Didattica, Servizi agli studenti e Alta formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso

Dettagli

Attualmente è docente della scuola territoriale Franco Antonelli istituita dalla Camera Penale di Padova.

Attualmente è docente della scuola territoriale Franco Antonelli istituita dalla Camera Penale di Padova. Curriculum dell avv. Fabio Pinelli Attività professionale L avv. Fabio Pinelli ha assistito i vertici di numerose aziende coinvolti in procedimenti penali aventi a oggetto la contestazione di reati societari,

Dettagli

ISTITUTO DI ANALISI IMMAGINATIVA. Area GIURIDICA. Cremona

ISTITUTO DI ANALISI IMMAGINATIVA. Area GIURIDICA. Cremona ISTITUTO DI ANALISI IMMAGINATIVA Area GIURIDICA Cremona CORSO BIENNALE DI FORMAZIONE IN PSICOLOGIA E PSICOPATOLOGIA GIURIDICA CRIMINOLOGIA CLINICA E PSICOLOGIA INVESTIGATIVA Via Dante, 209-26100 Cremona

Dettagli

SCHEDA STAMPA. CRIMINOLOGIA E PSICOLOGIA INVESTIGATIVA II Edizione.

SCHEDA STAMPA. CRIMINOLOGIA E PSICOLOGIA INVESTIGATIVA II Edizione. INFORMAZIONI PER LA STAMPA PRESS INFORMATIONS Maggio - Luglio 2007 SCHEDA STAMPA Corso Universitario di Perfezionamento in CRIMINOLOGIA E PSICOLOGIA INVESTIGATIVA II Edizione. In corso è organizzato in

Dettagli

I C O R S O D I F O R M A Z I O N E P E R D E T E C T I V E P R I VATO ANNO 2011 LE MATERIE. PRESENTAZIONE DEL CORSO Docente: Prof.

I C O R S O D I F O R M A Z I O N E P E R D E T E C T I V E P R I VATO ANNO 2011 LE MATERIE. PRESENTAZIONE DEL CORSO Docente: Prof. I C O R S O D I F O R M A Z I O N E P E R D E T E C T I V E P R I VATO ANNO 2011 LE MATERIE PRESENTAZIONE DEL CORSO Docente: Prof. Francesco SIDOTI 1.INVESTIGAZIONE, SICUREZZA E INTELLIGENCE (4 Ore) 1.1

Dettagli

Facoltà di Ingegneria dell Informazione, Informatica e Statistica ANNO ACCADEMICO 2014/2015

Facoltà di Ingegneria dell Informazione, Informatica e Statistica ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Facoltà di Ingegneria dell Informazione, Informatica e Statistica ANNO ACCADEMICO 2014/2015 BANDO PER L'AMMISSIONE AL CORSO DI FORMAZIONE in SCIENZE FORENSI ED INTELLIGENCE PER LE INVESTIGAZIONI PRIVATE

Dettagli

MASTER IN CRIMINOLOGIA SEDI DI ROMA, MILANO

MASTER IN CRIMINOLOGIA SEDI DI ROMA, MILANO MASTER IN CRIMINOLOGIA SEDI DI ROMA, MILANO 50 CREDITI ECM Edizione 2015 Premessa e Obiettivi La Criminologia sta assumendo un ruolo sempre più significativo nell ambito delle scienze sociali, riscuotendo

Dettagli

Nuove disposizioni in materia di diritto penale dell ambiente: che cosa cambia per le imprese?

Nuove disposizioni in materia di diritto penale dell ambiente: che cosa cambia per le imprese? ! Monteviale : Viale Zileri, 4/13 Villa Zileri-Motterle! Tel 0444.960790 - Fax 0444.1510112!! Milano: Via Bigli, 2 Telefono 02.303049 - Fax 02.76281352!! www.mtpenalisti.it - info@mtpenalisti.it - C.F.

Dettagli

Servizi di Investigazione e Sicurezza A z i e n d a l e e P e r s o n a l e

Servizi di Investigazione e Sicurezza A z i e n d a l e e P e r s o n a l e N.D.A.I. Servizi di Investigazione e Sicurezza A z i e n d a l e e P e r s o n a l e L a S t o r i a I n B r e v e La N.D.A. Investigazioni S.r.l. svolge attività di investigazione e sicurezza autorizzata

Dettagli

LE INDAGINI DIFENSIVE Legge 7 dicembre 2000, n. 397

LE INDAGINI DIFENSIVE Legge 7 dicembre 2000, n. 397 LE INDAGINI DIFENSIVE Legge 7 dicembre 2000, n. 397 di VALENTINO SCATIGNA Questo testo ripropone alcuni passaggi della conferenza del Prof. Carlo Taormina, Docente di Procedura penale all Università Tor

Dettagli

TECNICHE DI RICOSTRUZIONE DEGLI INCENDI

TECNICHE DI RICOSTRUZIONE DEGLI INCENDI Convegno A.I.PRO.S. RICOSTRUZIONE DELLA DINAMICA DI UN INCENDIO E Roma I.S.A. - 28 settembre 2006 TECNICHE DI RICOSTRUZIONE DEGLI INCENDI TECNICHE DI RICOSTRUZIONE DEGLI INCENDI 2 Il punto di partenza

Dettagli

LA CENTRALE OPERATIVA ANTIRAPINA: FILTRO TRA LE SEGNALAZIONI PROVENIENTI DAGLI SPORTELLI BANCARI E LE SALE OPERATIVE DELLE FORZE DELL ORDINE

LA CENTRALE OPERATIVA ANTIRAPINA: FILTRO TRA LE SEGNALAZIONI PROVENIENTI DAGLI SPORTELLI BANCARI E LE SALE OPERATIVE DELLE FORZE DELL ORDINE LA CENTRALE OPERATIVA ANTIRAPINA: FILTRO TRA LE SEGNALAZIONI PROVENIENTI DAGLI SPORTELLI BANCARI E LE SALE OPERATIVE DELLE FORZE DELL ORDINE DOTT. GIUSEPPE CALABRESE Istituto di Vigilanza Città di Milano

Dettagli

CORSO DI ALTA FORMAZIONE SECURITY E SAFETY MANAGEMENT alla luce della nuova Norma UNI 10459:2015

CORSO DI ALTA FORMAZIONE SECURITY E SAFETY MANAGEMENT alla luce della nuova Norma UNI 10459:2015 CORSO DI ALTA FORMAZIONE PRESENTAZIONE ll corso è aggiornato con la norma UNI 10459 Requisiti del Professionista della Security. Il professionista della Security è colui che gestisce i processi di gestione

Dettagli

Le nuove minacce provenienti dal ciberspazio alla Sicurezza Nazionale Italiana

Le nuove minacce provenienti dal ciberspazio alla Sicurezza Nazionale Italiana promuovono la prima Conferenza Annuale su Information Warfare Le nuove minacce provenienti dal ciberspazio alla Sicurezza Nazionale Italiana Roma, 7 Ottobre 2010 Sala Conferenze UniCredit Via dei Primati

Dettagli

Security Manager. Professionista della Security Aziendale

Security Manager. Professionista della Security Aziendale OBIETTIVI e finalità Il programma del corso è progettato per soddisfare le attuali esigenze del mercato e le più recenti normative che richiedono nuove generazioni di manager e professionisti della Security

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI GIUSTINO FORTUNATO - TELEMATICA. Corso di Perfezionamento ed aggiornamento professionale in

UNIVERSITA DEGLI STUDI GIUSTINO FORTUNATO - TELEMATICA. Corso di Perfezionamento ed aggiornamento professionale in UNIVERSITA DEGLI STUDI GIUSTINO FORTUNATO - TELEMATICA Corso di Perfezionamento ed aggiornamento professionale in Scienze delle investigazioni private, criminalistiche e della sicurezza A.A. 2013/2014

Dettagli

OSSIF: IL CENTRO DI COMPETENZA DELL ABI SULLA SICUREZZA ANTICRIMINE

OSSIF: IL CENTRO DI COMPETENZA DELL ABI SULLA SICUREZZA ANTICRIMINE OSSIF: IL CENTRO DI COMPETENZA DELL ABI SULLA SICUREZZA ANTICRIMINE Convegno BANCASICURA - Pieve Emanuele, 18 ottobre 2007 Marco Iaconis, Responsabile Ufficio Sicurezza Anticrimine ABI OS.SI.F. Centro

Dettagli

Tecniche Investigative e Biologia Forense

Tecniche Investigative e Biologia Forense Dipartimento di Scienze Forensi Dipartimento di Scienze della Security, Investigazione e Intelligence Bando del Corso Interdipartimentale di Formazione in Tecniche Investigative e Biologia Forense Comitato

Dettagli

Scaletta della lezione:

Scaletta della lezione: LA PIANIFICAZIONE STRATEGICA Scaletta della lezione: 1. Evoluzione del concetto di pianificazione strategica 2. Alcuni significati di strategia 3. Il processo decisionale strategico: la SWOT analysis 4.

Dettagli

Criminalistica e scienze forensi - CA01

Criminalistica e scienze forensi - CA01 Denominazione Criminalistica e scienze forensi - CA01 Metodologia Workshop e laboratorio Edizione Seconda Periodo di svolgimento Sabato 14 e domenica 15 novembre 2009 (tutto il giorno) Ore complessive

Dettagli

Le barriere all entrata

Le barriere all entrata Le barriere all entrata Derivano da: maggiori i costi minori ricavi della nuova entrante rispetto alle imprese già presenti nel settore Le nuove entranti devono considerare: Condizioni d ingresso: ostacoli

Dettagli

PSICOLOGIA INVESTIGATIVA

PSICOLOGIA INVESTIGATIVA PSICOLOGIA INVESTIGATIVA Corso di Perfezionamento di 50 ore Lecce, ottobre-dicembre 2013 www.forensicsgroup.it Il corso di perfezionamento in Psicologia Investigativa, unico per contenuti, approccio metodologico

Dettagli

In una stagione in cui i più

In una stagione in cui i più LA SICUREZZA RENDE COMPETITIVI Le imprese riconoscono nella sicurezza, fisica e informatica, una risorsa a sostegno dello sviluppo. Così, il settore security si afferma come una voce strategica per l economia.

Dettagli

Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi

Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi Capacità dell impresa di ottenere (o ha la possibilità di conseguirla) nel medio-lungo periodo una redditività superiore a quella dei suoi concorrenti. IL VANTAGGIO COMPETITIVO NASCE DA FONTI ESTERNE E/O

Dettagli

Analista di Web Intelligence

Analista di Web Intelligence Dipartimento di Scienze della Security e Intelligence Bando Executive Master in Analista di Web Intelligence Codice Executive Master: AWI Master erogato in modalità mista: lezioni e-learning + 1 fine settimana

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari MASTER DI II LIVELLO IN PSICOLOGIA GIURIDICA E CRIMINOLOGIA

Università degli Studi di Cagliari MASTER DI II LIVELLO IN PSICOLOGIA GIURIDICA E CRIMINOLOGIA Università degli Studi di Cagliari MASTER DI II LIVELLO IN PSICOLOGIA GIURIDICA E CRIMINOLOGIA Facoltà di scienze della Formazione, Corsi di Laurea in Psicologia Facoltà di Giurisprudenza Premessa La proposta

Dettagli

SICUREZZA FISICA E ICT SECURITY: UN NUOVO MODELLO DI BUSINESS SECURITY

SICUREZZA FISICA E ICT SECURITY: UN NUOVO MODELLO DI BUSINESS SECURITY SICUREZZA FISICA E ICT SECURITY: UN NUOVO MODELLO DI BUSINESS SECURITY DOTT. ALESSANDRO LEGA, CPP Managing Director di Traicon S.r.l. (Gruppo DAB) Nel percorrere il vasto territorio professionale che caratterizza

Dettagli

REATO DI RICICLAGGIO E FATTISPECIE CRIMINOSE DI CARATTERE TRANSNAZIONALE

REATO DI RICICLAGGIO E FATTISPECIE CRIMINOSE DI CARATTERE TRANSNAZIONALE FAMIGLIA DI REATI REATO DI RICICLAGGIO E FATTISPECIE CRIMINOSE DI CARATTERE TRANSNAZIONALE NORMATIVA CHE LI HA INTRODOTTI L art. 10 della Legge 16 marzo 2006, n. 146 - "ratifica ed esecuzione della Convenzione

Dettagli

Web Intelligence & Cybercrime Analysis Consulente Tecnico per le Investigazioni e la Sicurezza sul Web

Web Intelligence & Cybercrime Analysis Consulente Tecnico per le Investigazioni e la Sicurezza sul Web Università Internazionale di Scienze della Sicurezza e della Difesa Sociale Bando del Corso di Formazione intensivo in Web Intelligence & Cybercrime Analysis Consulente Tecnico per le Investigazioni e

Dettagli

Roma, 17 18 Gennaio 2014

Roma, 17 18 Gennaio 2014 CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN GEOPOLITICA E ORIGINE DELLE MINACCE CONVENZIONALI E NON CONVENZIONALI Roma, 17 18 Gennaio 2014 L Osservatorio sulla Sicurezza e Difesa CBRNe (OSDIFE) e l Università degli Studi

Dettagli

La Polizia postale e le banche quali oppurtunità per un migliore servizio. Dott. Domenico VULPIANI Direttore del Servizio Polizia delle Comunicazioni

La Polizia postale e le banche quali oppurtunità per un migliore servizio. Dott. Domenico VULPIANI Direttore del Servizio Polizia delle Comunicazioni Convegno ANSSAIF La Polizia postale e le banche quali oppurtunità per un migliore servizio Dott. Domenico VULPIANI Direttore del Servizio Polizia delle Comunicazioni Vallombrosa, 22 23 settembre 2006 La

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE SECURITY MANAGEMENT

CORSO DI FORMAZIONE SECURITY MANAGEMENT DESTINATARI DEL CORSO Prerequisiti: CORSO DI FORMAZIONE SECURITY MANAGEMENT UNI 10459:1995 UNI 10891:2000 Livello di Istruzione: Diploma di Laurea Esperienza lavorativa di almeno 4 anni maturata nei seguenti

Dettagli

COMANDO POLIZIA MUNICIPALE. Staff Comandante Ufficio Informazioni Istituzionali. Campagna di sensibilizzazione al Codice della Strada

COMANDO POLIZIA MUNICIPALE. Staff Comandante Ufficio Informazioni Istituzionali. Campagna di sensibilizzazione al Codice della Strada COMANDO POLIZIA MUNICIPALE Staff Comandante Ufficio Informazioni Istituzionali Campagna di sensibilizzazione al Codice della Strada Un ripasso al Codice della Strada. Aria condizionata e motore accesso.

Dettagli

LE AGGRESSIONI verso gli operatori: analisi e proposte dalla riflessione all interno di una Azienda sanitaria

LE AGGRESSIONI verso gli operatori: analisi e proposte dalla riflessione all interno di una Azienda sanitaria SerSS corso di laurea in Servizio sociale e Sociologia LE AGGRESSIONI verso gli operatori: analisi e proposte dalla riflessione all interno di una Azienda sanitaria Dott. Egidio Sesti Direttore UOC Qualità

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Capitolo Primo PREMESSA

INDICE-SOMMARIO. Capitolo Primo PREMESSA VII INDICE-SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni.... pag. XV Capitolo Primo PREMESSA 1. Premessa.... pag. 1 2. Evoluzione storica. Appalti urbanistica edilizia....» 2 3. Le norme applicabili....»

Dettagli

Procedura per le segnalazioni di illeciti e irregolarità

Procedura per le segnalazioni di illeciti e irregolarità CITTA DI CASTENASO Provincia di Bologna Procedura per le segnalazioni di illeciti e irregolarità 1. FONTE NORMATIVA E NATURA DELL ISTITUTO L art. 1, comma 51, della legge 190/2012 (cd. legge anticorruzione)

Dettagli

U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro. Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04.

U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro. Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04. U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04.1994 Via Dell Abbadia, 8-40122 Bologna Tel 051/26.11.85 Fax 051/26.74.55 -

Dettagli

CSI TEAM BUILDING. Un pericoloso criminale sta seminando il panico e bisogna fermarlo...investigando sulla scena del crimine!

CSI TEAM BUILDING. Un pericoloso criminale sta seminando il panico e bisogna fermarlo...investigando sulla scena del crimine! CSI TEAM BUILDING Un pericoloso criminale sta seminando il panico e bisogna fermarlo......investigando sulla scena del crimine! Perché un Team Building sulla scena di un crimine? CSI Team Building è la

Dettagli

PSICOLOGIA INVESTIGATIVA. Classe di laurea L-24 del MIUR: Scienze e tecniche psicologiche

PSICOLOGIA INVESTIGATIVA. Classe di laurea L-24 del MIUR: Scienze e tecniche psicologiche aggregato alla Facoltà di Scienze dell Educazione Via dei Salesiani, 1 017 Mestre (VE) +9 01 9811 Laurea triennale / Baccalaureato PSICOLOGIA INVESTIGATIVA Classe di laurea L- del MIUR: Scienze e tecniche

Dettagli

PROTOCOLLO. Revisione 00. 1 settembre 2015. Pagine 1 di 6. REVISIONE REDAZIONE VERIFICA e CONTROLLO APPROVAZIONE. Data della revisione

PROTOCOLLO. Revisione 00. 1 settembre 2015. Pagine 1 di 6. REVISIONE REDAZIONE VERIFICA e CONTROLLO APPROVAZIONE. Data della revisione Pagine 1 di 6 PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITA (WHISTLEBLOWING) REVISIONE REDAZIONE VERIFICA e CONTROLLO APPROVAZIONE Data della revisione Causale della revisione RAQ Bolgia Cristina RPC

Dettagli

Banca Popolare di Vicenza Direzione Organizzazione e Sicurezza

Banca Popolare di Vicenza Direzione Organizzazione e Sicurezza BANCHE E SICUREZZA 2014 Milano, 27 e 28 maggio 2014 L APPROCCIO INTEGRATO PER UN MODELLO EFFICACE DI PREVENZIONE ANTIRAPINA Pietro Paolo Meneghetti Responsabile Sicurezza Banca Popolare di Vicenza Banca

Dettagli

FURTO DI IDENTITÀ IN RETE

FURTO DI IDENTITÀ IN RETE FURTO DI IDENTITÀ IN RETE A cura dell Avv. Roberto Donzelli - Assoutenti I servizi di social network, diventati molto popolari negli ultimi anni, costituiscono reti sociali online, una sorta di piazze

Dettagli

Prefettura di Verona Ufficio territoriale del Governo

Prefettura di Verona Ufficio territoriale del Governo VADEMECUM PER LA SICUREZZA FARMACIE PREMESSA Le rivendite di farmaci e di presidi sanitari, in quanto esercizi che movimentano quotidianamente consistenti volumi di denaro contante, costituiscono obiettivi

Dettagli

Associazione Installatori Professionali di Sicurezza

Associazione Installatori Professionali di Sicurezza Associazione Installatori Professionali di Sicurezza www.aips.it Relatore Vice-presidente Tommaso Scaringella La protezione Antintrusione di Parchi Fotovoltaici ed Eolici Criticità e Soluzioni Le Minacce

Dettagli

C.S.I Crime Scene Investigation

C.S.I Crime Scene Investigation con il patrocinio di Corso di perfezionamento e aggiornamento professionale (ex art. 6 comma 2 lettera c - L. 341/90) In C.S.I Crime Scene Investigation (1000 h 40 CFU) Anno Accademico 2015/2016 edizione

Dettagli

Spider software di supporto alle indagini sulla pedopornografia sul web

Spider software di supporto alle indagini sulla pedopornografia sul web With financial support from the AGIS Programme European Commission - Directorate General Justice, Freedom and Security Contract nr. JAI/2004/AGIS/113 - December 2004 Raggruppamento Carabinieri Investigazioni

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA DALLA PARTE DELLE DONNE: TUTELA ED ASSISTENZA NEI CASI DI VIOLENZA I L Q U A D R O N O R M AT I V O I R E AT I D E L C O D I C E P E N A L E : P E

Dettagli

Consulente Tecnico per le Investigazioni e la Sicurezza sul Web Web Intelligence & Cybercrime Analysis

Consulente Tecnico per le Investigazioni e la Sicurezza sul Web Web Intelligence & Cybercrime Analysis UNIVERSITÁ POPOLARE UNISED Università Internazionale di Scienze della Sicurezza e della Difesa Sociale Bando del Corso di Alta Formazione per Consulente Tecnico per le Investigazioni e la Sicurezza sul

Dettagli

CURRICULUM PERSONALE. Redatto da Francesco Saverio Lasco Data di creazione: luglio 2014. francescosaverio.lasco@gmail.com

CURRICULUM PERSONALE. Redatto da Francesco Saverio Lasco Data di creazione: luglio 2014. francescosaverio.lasco@gmail.com C U R R I C U L U M V I T A E ( F O R M A T O E U R O P E O ) INFORMAZIONI PERSONALI Nome LASCO FRANCESCO SAVERIO Data di nascita 15 DICEMBRE 1961 Qualifica Amministrazione E-mail Nazionalità ESPERIENZA

Dettagli

Regolamento per l installazione e l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Lavis

Regolamento per l installazione e l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Lavis Comune di PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTI COMUNALI Regolamento per l installazione e l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 13

Dettagli

U.P. UNISED Università Internazionale Università di Castel Sant Angelo Genuensis C.I.C. Portale Giuridico Giuristi & Diritto

U.P. UNISED Università Internazionale Università di Castel Sant Angelo Genuensis C.I.C. Portale Giuridico Giuristi & Diritto U.P. UNISED Università Internazionale Università di Castel Sant Angelo Genuensis C.I.C. Portale Giuridico Giuristi & Diritto Presentano il CONVEGNO DI STUDI La vittima nel contesto giudiziario italiano

Dettagli

Percorso di formazione in SECURITY MANAGEMENT Profilo del Supervisore della Security aziendale / RSPP Ore 28

Percorso di formazione in SECURITY MANAGEMENT Profilo del Supervisore della Security aziendale / RSPP Ore 28 Percorso di formazione in SECURITY MANAGEMENT Profilo del Supervisore della Security aziendale / RSPP Ore 28 1 Valido per l aggiornamento quinquennale di: ASPP/RSPP ex art. 32 D.Lgs. 81/08 per tutti i

Dettagli

DIVISIONE INFORMATICA FORENSE E SICUREZZA

DIVISIONE INFORMATICA FORENSE E SICUREZZA DIVISIONE INFORMATICA FORENSE E SICUREZZA Divisione Informatica Forense e Sicurezza DIFS La Divisione Informatica Forense e Sicurezza (DIFS) dell'agenzia, avvalendosi di un team di esperti, offre servizi

Dettagli

U.A.C.I. Unità di Analisi sul Crimine Informatico Computer Crime Analysis Unit

U.A.C.I. Unità di Analisi sul Crimine Informatico Computer Crime Analysis Unit SERVIZIO POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI U.A.C.I. Unità di Analisi sul Crimine Informatico Computer Crime Analysis Unit di Marco Strano 2004 Rischi e costi degli attacchi inside Gli attacchi inside

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale amministrativo regionale per il Lazio, Roma, sez. I ter SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale amministrativo regionale per il Lazio, Roma, sez. I ter SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale amministrativo regionale per il Lazio, Roma, sez. I ter composto dai signori magistrati: Luigi Tosti Italo Volpe Maria Ada Russo Presidente

Dettagli

ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE.

ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE. ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE. AUTORE: MAGG. GIOVANNI PARIS POLIZIA GIUDIZIARIA E AUTORITA GIUDIZIARIA PER TRATTARE

Dettagli

TABELLA SINOTTICA DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI. D.LGS. 30 giugno 2003, n. 196

TABELLA SINOTTICA DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI. D.LGS. 30 giugno 2003, n. 196 TABELLA SINOTTICA DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI D.LGS. 30 giugno 2003, n. 196 TABELLA SINOTTICA DEI PRINCIPALI ADEMPIMENTI PREVISTI DAL D.LGS. 30 giugno 2003, n. 196 (il "Codice") ART. ADEMPIMENTO (destinatari

Dettagli

Parte Speciale G: I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Codice documento:

Parte Speciale G: I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Codice documento: Parte Speciale G: I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Codice documento: MOG 231 - PSG COPIA CONTROLLATA N 1 REV. BREVE DESCRIZIONE

Dettagli

A proposito delle Tigri Tamil: precisazioni penalistiche

A proposito delle Tigri Tamil: precisazioni penalistiche Reati contro la Personalità dello Stato La decisione A proposito delle Tigri Tamil: precisazioni penalistiche Iolanda D Alessandro Associazione con finalità di terrorismo o di eversione dell ordine democratico

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI. Piano dell offerta formativa per l anno 2009 del Consiglio dell Ordine di Parma

ORDINE DEGLI AVVOCATI. Piano dell offerta formativa per l anno 2009 del Consiglio dell Ordine di Parma Piano dell offerta formativa per l anno 2009 del Consiglio dell Ordine di Parma 1. Convegno di aggiornamento Tributario (21 gennaio 2009) Evento organizzato in collaborazione con l Associazione Forense

Dettagli

e-health e ICT security stato dell'arte e criticità dove stiamo andando e che cosa è già cambiato nel nostro modo di gestire i dati

e-health e ICT security stato dell'arte e criticità dove stiamo andando e che cosa è già cambiato nel nostro modo di gestire i dati ACCREDITED FOR ORGANIZATION BY JOINT COMMISSION INTERNATIONAL Servizio Sanitario Regionale AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA OSPEDALI RIUNITI DI TRIESTE Ospedale di rilievo nazionale e di alta specializzazione

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... XIX Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING 1.1. Introduzione... 1 1.2. I pregiudizi... 2 1.3. La tutela.... 4 1.4. La mancanza di una

Dettagli

servizi di sicurezza - ambasciate e consolati contrasto ad atti di terrorismo

servizi di sicurezza - ambasciate e consolati contrasto ad atti di terrorismo servizi di sicurezza - ambasciate e consolati contrasto ad atti di terrorismo Azienda certificata ISO 9001 ISO 14001 OHSAS 18001 istituto di vigilanza dell urbe S.p.A. Sede legale e operativa Via Rina

Dettagli

Investigazione Criminale sul Web e Analisi Forense per la Prevenzione e il Contrasto dei reati di adescamento, pedofilia e persecuzione

Investigazione Criminale sul Web e Analisi Forense per la Prevenzione e il Contrasto dei reati di adescamento, pedofilia e persecuzione Dipartimento di Scienze Criminologiche Bando del Corso di Alta Formazione di Investigazione Criminale sul Web e Analisi Forense per la Prevenzione e il Contrasto dei reati di adescamento, pedofilia e persecuzione

Dettagli

C R I M I N O L O G I A 1.

C R I M I N O L O G I A 1. CRIMINOLOGIA 1. COLLANA CRIMINOLOGIA Swiss School of Management Consiglio Direttivo Coordinatore: Prof. Gaetano Pascale Vicecoordinatore: Prof. Vittorio Pedone Comitato scientifico: Prof. Gaetano Pascale

Dettagli

Liceo Scientifico Statale Leonardo. Regolamento per l utilizzo di telecamere nelle aree all aperto di pertinenza dell Istituto

Liceo Scientifico Statale Leonardo. Regolamento per l utilizzo di telecamere nelle aree all aperto di pertinenza dell Istituto Liceo Scientifico Statale Leonardo liceo artistico - liceo linguistico liceo scientifico delle scienze applicate Via F. Balestrieri, 6-25124 Brescia Regolamento per l utilizzo di telecamere nelle aree

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni

Sistemi di supporto alle decisioni Sistemi di supporto alle decisioni Introduzione I sistemi di supporto alle decisioni, DSS (decision support system), sono strumenti informatici che utilizzano dati e modelli matematici a supporto del decision

Dettagli

Sviluppare il piano di internet marketing:

Sviluppare il piano di internet marketing: Sviluppare il piano di internet marketing: concretizzare gli obiettivi ponderando i costi e Academy Milano, 20 Ottobre 2005 d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it Mentis innovazione e

Dettagli

La gestione e la prevenzione della violenza a carico degli operatori :

La gestione e la prevenzione della violenza a carico degli operatori : La gestione e la prevenzione della violenza a carico degli operatori : AggressionieConflitti Luciano Strizzolo PS Med. Urg. Palmanova 3 temi sovrapposti Viene definita violenza nel posto di lavoro ogni

Dettagli

comune. 3 Maurizio Catino, Miopia Organizzativa. Problemi di razionalità e previsioni nelle organizzazioni, Il Mulino 2009.

comune. 3 Maurizio Catino, Miopia Organizzativa. Problemi di razionalità e previsioni nelle organizzazioni, Il Mulino 2009. Processi in Comune Il risk management e l esperienza del suo utilizzo nei progetti di reingegnerizzazione delle procedure di lavoro nei comuni di Milano, Roma e Napoli 1 Attivare processi di riorganizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 23 DD. 23.08.2011 Allegato alla delibera consigliare n. 23 dd.23.08.2011

Dettagli

NUOVA DISCIPLINA ANTIRICICLAGGIO

NUOVA DISCIPLINA ANTIRICICLAGGIO NUOVA DISCIPLINA ANTIRICICLAGGIO 1. Gli albori della lotta al riciclaggio: La disciplina dell antiriciclaggio nasce a fine anni 80 a seguito della costituzione a livello internazionale di un particolare

Dettagli

Ruolo e compiti della polizia giudiziaria

Ruolo e compiti della polizia giudiziaria 1 Ruolo e compiti della polizia giudiziaria SOMMARIO 1. Funzioni di polizia giudiziaria. 2. Attività di iniziativa. 3. Attività delegata. 3.1. Notificazioni. 1. Funzioni di polizia giudiziaria Il nuovo

Dettagli

Procedura per la segnalazione di illeciti e irregolarità (whistleblowing)

Procedura per la segnalazione di illeciti e irregolarità (whistleblowing) Procedura per la segnalazione di illeciti e irregolarità (whistleblowing) 1. FONTE NORMATIVA E NATURA DELL ISTITUTO L art. 1, comma 51, della legge 190/2012 (cd. legge anticorruzione) ha inserito un nuovo

Dettagli

MASTER di I Livello SCIENZE E TECNOLOGIE PER LA SICUREZZA. 1ª EDIZIONE 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2014/2015 MA301

MASTER di I Livello SCIENZE E TECNOLOGIE PER LA SICUREZZA. 1ª EDIZIONE 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2014/2015 MA301 MASTER di I Livello 1ª EDIZIONE 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2014/2015 MA301 Pagina 1/5 Titolo Edizione 1ª EDIZIONE Area SICUREZZA Categoria MASTER Livello I Livello Anno accademico 2014/2015 Durata

Dettagli

I reati informatici. Note preliminari. Tipi di reati informatici. Norme penali e informatica. Violenza sulle cose. Legge sulla criminalità informatica

I reati informatici. Note preliminari. Tipi di reati informatici. Norme penali e informatica. Violenza sulle cose. Legge sulla criminalità informatica Note preliminari I reati informatici Corso Nuove tecnologie e diritto Lezione 7-8 giugno 2004 Claudia Cevenini Reato = illecito penale. Diritto penale = prevede la pena come conseguenza della violazione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI PSICOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI PSICOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTA DI PSICOLOGIA Corso di Laurea Specialistica in PSICOLOGIA CLINICA DINAMICA Elaborato Finale PERICOLOSITA SOCIALE UNO STUDIO ETNOGRAFICO CONDOTTO ALL INTERNO DEL

Dettagli

La strategia italiana in materia di cyber-security Cyber risks, social network e rischi reputazionali Boyd e app spingono il cybercrime nell

La strategia italiana in materia di cyber-security Cyber risks, social network e rischi reputazionali Boyd e app spingono il cybercrime nell La strategia italiana in materia di cyber-security Cyber risks, social network e rischi reputazionali Boyd e app spingono il cybercrime nell indifferenza generale La Direttiva Comunitaria per prevenire

Dettagli

Le Reti Sociali. Prof. Claudio Saita

Le Reti Sociali. Prof. Claudio Saita Le Reti Sociali Prof. Claudio Saita 1 La Scienza delle Reti La Teoria delle Reti si è sviluppata negli ultimi anni e si caratterizza per tre punti fondamentali: Focalizza le proprietà delle reti nel mondo

Dettagli

CRIMINALITA, ABUSIVISMO, ILLEGALITA : PERCEZIONE E COSTI

CRIMINALITA, ABUSIVISMO, ILLEGALITA : PERCEZIONE E COSTI CRIMINALITA, ABUSIVISMO, ILLEGALITA : PERCEZIONE E COSTI Mariano Bella Direttore Ufficio Studi Confcommercio Roma, 26 novembre 2014 Elaborazioni Ufficio Studi Confcommercio su dati Istat, Gfk, Censis,

Dettagli

Master post-universitario

Master post-universitario Member United Nations Academic Impact, New York Decreto Miur 24/10/2012, G.U. n. 260/2012 Anno Accademico 2015/2016 SSML San Domenico, Via Casilina 233-00176 Roma Master post-universitario in ANTROPOLOGIA

Dettagli

Studio SVATCH: L'autocontrollo della pressione arteriosa migliora la terapia antipertensiva?

Studio SVATCH: L'autocontrollo della pressione arteriosa migliora la terapia antipertensiva? Prof. Dr. med. Claudio Marone eoc Ospedale San Giovanni, Schweiz Studio SVATCH: L'autocontrollo della pressione arteriosa migliora la terapia antipertensiva? Keywords: ipertensione, automisurazione della

Dettagli

IITALIAN PENAL CODE. Per il solo fatto di partecipare all'associazione [c.p. 115], la pena è della reclusione da uno a cinque anni [c.p. 29, 32] (3).

IITALIAN PENAL CODE. Per il solo fatto di partecipare all'associazione [c.p. 115], la pena è della reclusione da uno a cinque anni [c.p. 29, 32] (3). IITALIAN PENAL CODE Art. 416 Codice Penale. Associazione per delinquere. 416. Associazione per delinquere (1). Quando tre o più persone si associano allo scopo di commettere più delitti [c.p. 576, n. 4],

Dettagli

REGOLE DI COMPORTAMENTO DEL PENALISTA NELLE INVESTIGAZIONI DIFENSIVE

REGOLE DI COMPORTAMENTO DEL PENALISTA NELLE INVESTIGAZIONI DIFENSIVE REGOLE DI COMPORTAMENTO DEL PENALISTA NELLE INVESTIGAZIONI DIFENSIVE TESTO APPROVATO IL 14 LUGLIO 2001 DAL CONSIGLIO DELLE CAMERE PENALI CON LE MODIFICHE APPROVATE IL 19 GENNAIO 2007 IL CONSIGLIO DELLE

Dettagli