Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "www.arcipelagoponziano.it"

Transcript

1

2 Tutti i diritti sono riservati. Ø vietata la riproduzione in qualsiasi forma di questo volume, o parte di esso, senza espressa autorizzazione della Comunit dell Arcipelago delle Isole Ponziane. Ringraziamo l A.P.T. per l autorizzazione all uso della mappa dell Arcipelago Ponziano riportata in copertina

3 Osservatorio Turistico delle Isole Ponziane Analisi statistica e commento dei dati del 2004

4 Tale pubblicazione stata realizzata a cura della Comunit dell Arcipelago delle Isole Ponziane con i finanziamenti messi a disposizione dalla Provincia di Latina per il Progetto Costituzione di un Osservatorio Turistico della Comunit Arcipelago Isole Ponziane Progettazione e realizzazione: Italconsulenze.it s.r.l.

5 Un ringraziamento particolare per la collaborazione ottenuta va al Presidente della Provincia di Latina, Armando Cusani, ai sindaci di Ponza e Ventotene, nonch all APT. Sottolineiamo in particolare anche il contributo fornito da Silverio Mazzella e Domenico Aiello. Desidererei inoltre ringraziare, per la preziosa collaborazione offerta alla stesura della presente pubblicazione, Valentina Randich, nonch il presidente della Comunit Arcipelago delle Isole Ponziane, Francesco Schiano. Un ringraziamento va anche all assessore di Ponza Maurizio Musella, per la collaborazione fornita nella fase di raccolta dati. La pubblicazione stata realizzata a cura della Comunit dell Arcipelago delle Isole Ponziane con i fondi messi a disposizione dalla Provincia di Latina. La Supervisione e il Coordinamento del progetto pubblicato sono stati effettuati dal sottoscritto grazie alla collaborazione degli interlocutori citati e alla Divisione analisi dati Statistici di Italconsulenze.it S.r.l. Tommaso Spinosa 5

6

7 INDICE 1. Presentazione del Presidente della Provincia di Latina 9 2. Presentazione del Presidente della Comunit dell Arcipelago delle Isole Ponziane Presentazione del Sindaco di Ponza Presentazione del Sindaco di Ventotene La risorsa turismo Premessa a cura dell APT Motivazioni e chiavi di lettura della ricerca condotta Scenario di riferimento Dato Nazionale Dato Regionale Fonte dei dati Analisi dei dati di settore e considerazioni iniziali Una sintesi sulla metodologia usata Impostazione e durata del progetto e Analisi della metodologia di raccolta dati Durata del progetto Modalita di rilevazione dei dati Presentazione del progetto Obiettivi a medio-lungo periodo dello studio Metodologia operativa seguita nel dettaglio Analisi dell offerta L offerta ricettiva delle due isole Analisi della domanda Domanda turistica a Ponza Domanda turistica a Ventotene Arrivi e presenze a Ponza e Ventotene Movimento turistico negli esercizi ricettivi in Ponza Movimento turistico negli esercizi ricettivi in Ventotene Dati Qualitativi L isola di Ponza: Caratteristiche del campione Isola di Ventotene, caratteristiche del campione Commenti ai risultati qualitativi Da parte del turista Isola di Ponza 68 7

8 Isola Di Ventotene Osservazioni sui risultati ottenuti da parte dell operatore: analisi qualitativa dell offerta Conclusioni Sintesi della considerazioni sull offerta Sintesi delle considerazioni sulla domanda I Trend Ruolo dell osservatorio turistico 90 8

9 1. Presentazione del Presidente della Provincia di Latina Ponza e Ventotene. Con Santo Stefano, Palmarola e Zannone, sono isole e d incanto, dai colori tersi e intensi, ricche di storia e cultura, culla in cui nacque e dalla quale si diffuse l Idea d Europa. E meta di flussi turistici rispetto ai quali i servizi offerti appaiono inadeguati, ancorch costosi. Quando la Comunit Arcipelago Ponziano ha presentato il progetto di un Osservatorio per il turismo, la Provincia ne ha colto immediatamente la portata. E l impronta. Si tratta di sostenere i primi passi della Comunit, ma anche di agevolare un approccio sistemico che partendo dall analisi dei flussi turistici, cogliendo aspettative soddisfatte o no del turista, mirasse a creare un turismo di concezione programmatica che, attraverso l analisi di mercato, possa determinare un offerta chiara e professionale di qualit, orientata a target specifici ideali per i mercati sia nazionali, che internazionali. Siamo sulla buona strada. Anche se non una strada breve. L 11 Settembre, l arrivo dell Euro, hanno avuto ripercussioni negative sulla bilancia commerciale di un settore cos importante per la nostra economia. Eppure, nonostante il cambio di abitudini della clientela, Ponza e Ventotene continuano ad essere le mete pi richieste nell attivit di front- office che il personale dell Azienda di Promozione Turistica e della Provincia svolgono nelle Borse e negli Expo sul Turismo che hanno luogo annualmente in Italia. Se per un verso questo dato rinfrancante, per l altro occorre sottolineare che Ponza e Ventotene non sono in grado di reggere nel tempo flussi turistici particolarmente rilevanti in un arco temporale cos ristretto (giugno-settembre). Ne deriverebbe un nocumento esiziale per l ecosistema delle stesse isole. E, allora, occorre convincersi come correttamente viene sottolineato nelle pagine che seguono, mutuando dalla Conferenza Mondiale di Lanzarote nell aprile del 1995 che lo sviluppo del turismo deve essere basato sul criterio della sostenibilit, ossia deve essere ecologicamente sostenibile nel lungo periodo, economicamente conveniente, eticamente e socialmente equo nei riguardi delle comunit locali. Cosa significa? Che occorre diversificare l offerta, proporre nuove alternative agli utenti, ampliare la stagione, maturare una cultura dell ospitalit della quale avvertiamo profondamente il bisogno a Ponza e Ventotene, come nel resto del territorio tra Aprilia e il Garigliano. In tal senso la Provincia si sta gi muovendo. D intesa con la Camera di Commercio e l Azienda di Promozione Turistica, l Ente ha costi- 9

10 tuito un fondo di ,00 per agevolare l accesso al credito da parte delle piccole e medie imprese del settore che aspirino a qualificare le strutture ricettive. Di pi : nel contesto del Programma di Sviluppo Turistico, stato avviato il Piano del Colore dei Centri Storici che nelle fasi successive interesser anche Ponza (per la parte ancora non definita) e Ventotene nell intento se posso usare un immagine emblematica di fare di questo immenso patrimonio storico-architettonico tante, piccole Portofino: ovvero, ambienti restituiti ad antica bellezza, finalmente percorsi da suoni e voci espressioni di nuove iniziative culturali e ludiche, recupero di tradizioni anche sotto il profilo eno-gastronomico, resi lindi e godibili per i turisti. Potrei aggiungere l intensa attivit intrapresa in tema di tutela ambientale finalizzata a restituire al nostro mare lo splendore di un tempo, ma credo superfluo indugiare su altre argomentazioni per dire che probabilmente la direzione intrapresa quella giusta. E allora avanti. Con una consapevolezza: nessuna azione di marketing sarai mai efficace se non saremo capaci di garantire una qualit elevata del nostro ambiente, la tutela e la valorizzazione del nostro patrimonio culturale. Verso questa prospettiva, il compito dell Osservatorio della Comunit arduo ed avvincente. Il Presidente Armando Cusani 10

11 2. Presentazione del Presidente della Comunit dell Arcipelago delle Isole Ponziane La Comunit di Arcipelago delle Isole Ponziane ha voluto fortemente la costituzione di questo primo Osservatorio del Turismo delle isole di Ponza e Ventotene, trovando nella Provincia di Latina un interlocutore attento e sensibile, che ha sostenuto finanziariamente l iniziativa. La Comunit convinta che le risorse turistiche delle due isole laziali, sicuramente tra le maggiori attrattrici di turismo della Provincia di Latina, debbano essere messe a sistema per aumentarne l efficienza. Per migliorare un prodotto per prima cosa bisogna conoscere a fondo le sue caratteristiche, il suo impatto sul mercato, ecc. : quello che ha inteso fare questo studio. Ci siamo resi conto che da anni andiamo avanti con una conoscenza del fenomeno turismo nelle isole empirica ed approssimativa, comunque non coordinata tra le due isole, che a nostro avviso costituiscono un sistema turistico omogeneo ed integrato. Ø nostro convincimento, peraltro autorevolmente condiviso dal Presidente della Provincia Cusani, che la Comunit delle Isole uno dei soggetti, insieme alla Regione, Provincia e Comuni, legittimati dalla legge 135 a interessarsi di turismo. Si tratta di coordinarsi e trovare il ruolo per ognuno dei attori. La Comunit di Arcipelago delle Isole Ponziane, si candida legittimamente ad essere L Ente di programmazione e coordinamento della area omogenea turistica delle isole pontine. Questo lavoro svolto, con grande sapienza professionale dalla ITALCOSULENZE srl, rivolto agli addetti ai lavori: enti ed operatori del settore, sperando che possa essere per loro un utile strumento di lavoro. Auspichiamo infine che questo primo tentativo di colmare una carenza conoscitiva del settore turistico delle isole non rimanga senza seguito Il Presidente Francesco Schiano 11

12 3.1 Presentazione del Sindaco di Ponza Il contesto socio politico attuale ed i rilevanti cambiamenti economici degli ultimi anni, portano a reinventare le strategie di competizione del sistema economico italiano nella sua globalit. Operare in un mercato cos poco prevedibile e complesso diventa una sfida irrinunciabile. Il turismo uno dei punti di forza del nostro sistema paese : renderlo strutturalmente efficiente, rendere efficaci le azioni per mantenere ed aumentare le posizioni competitive acquisite sul mercato condizione irrinunciabile, imprescindibile risulta a tal punto essere la qualificazione dell offerta turistica che coinvolga tanto gli addetti ai lavori su scala locale, provinciale, regionale quanto gli interlocutori istituzionali. La costituzione dell Osservatorio Turistico attraverso le azioni di monitoraggio ed analisi dei flussi, costituisce un punto di partenza per porre le basi per una pianificazione dello sviluppo dell attivit turistica nel medio/lungo periodo. Solo partendo da analisi che fotografino la situazione attuale e ne verifichino l efficacia con un monitoraggio costante e continuo delle azioni intraprese, si raggiungeranno gli obiettivi citati. Il punto di arrivo la realizzazione di un circolo virtuoso che coinvolga enti preposti, operatori, addetti ai lavori affinch tutti traggano beneficio dai risultati ottenuti. Il Sindaco Rosario Porzio 12

13 3.2 Presentazione del Sindaco di Ventotene La principale opportunit di crescita per le nostre isole il Turismo, che consente di ottenere e gestire in modo efficace risorse economiche e finanziarie da reinvestire sul territorio L esigenza di governare e gestire l offerta turistica degli operatori, in funzione della domanda attesa nonch del cliente finale, ovvero il turista, diventa sempre di pi un aspetto focale e centrale, che consente di soddisfare al meglio il cliente finale ovvero il turista. Tale approccio crea le premesse per uno sviluppo armonico e duraturo nel tempo, soprattutto laddove si consideri la sostenibilit della domanda in funzione delle risorse naturali, e strutturali del territorio. Poich Le isole di Ventotene e di Ponza risultano essere certamente un microcosmo, che comunque cela meccanismi di mercato e relazioni con il territorio che possono assumere anche una certa complessit, la costituzione dell Osservatorio Turistico per monitorare il fenomeno Turismo una premessa indispensabile per avere uno strumento che, mediante la raccolta dati e l analisi dei risultati, consenta di verificare le azioni intraprese di concerto con i vari operatori, l efficacia e la sostenibilit delle stesse. Il Sindaco Giuseppe Assenso 13

14 4. La risorsa turismo Premessa a cura dell APT L iniziativa della Comunit dell Arcipelago delle Isole Ponziane di sottoporre a monitoraggio un anno turistico-tipo testimonia un attivit utile a comprendere sempre meglio il fenomeno turistico, a penetrarne le motivazioni, ad acquisire le valutazioni dell utenza, a disegnare un quadro di customer satisfactorying che sia indicativo anche delle azioni da dispiegare nel prosieguo per migliorare i due settori portanti dell intrapresa turistica: quello della promozione e quello dell accoglienza, quest ultimo comprendente anche l animazione. La possibilit di perfezionare gli strumenti di rilevazione indispensabile per aggiornare le tecniche di organizzazione interna e di proiezione verso il mercato. Il corretto utilizzo dei dati statistici che l Apt elabora sulla scorta delle dichiarazioni degli operatori ed acquisisce attraverso gli altri osservat ri (ad esempio: il numero dei passaggi in andata e ritorno in motonave e aliscafo forniti dalle Compagnie e riscontrati dalle Capitanerie di Porto) la condizione preliminare: l Apt opera come delegata, in pieno coordinamento con la Provincia di Latina, ed, pertanto, la fonte ufficiale anche dei dati aggregati dell Istat. Utilizzare fonti diverse equivale a introdurre non necessarie ragioni di confusione. E d altro canto, l analisi dei dati ha ormai raggiunto un indice di disaggregazione che costituisce un ottima base per la conoscenza quantitativa del fenomeno con riferimento alle sue componenti (nazionali-estere, per provincia di provenienza, per flussi stagionali, ecc.). A tutto questo l Apt provvede attraverso una pubblicazione preziosa per chi studia questo settore, Il Turismo nella provincia di Latina, che viene editata e diffusa ormai da 39 anni consecutivi. L Osservatorio che si vuole insediare per un monitoraggio turistico specifico alle Isole Pontine dispone, quindi, di elementi conoscitivi di partenza che risulteranno estremamente utili. Esso dovr, invece, compiere passi di grande significato nella indagine di carattere motivazionale, intendendo la parola in senso generale: di ci che ha determinato la scelta del turista, del grado di soddisfacimento riscontrato nei prezzi e nei servizi, delle vocazioni preferite, delle aspirazioni per il futuro, delle critiche mosse al sistema. L Apt esegue periodicamente rilevazioni sullo stile di approccio dei turisti che frequentano le localit della provincia, e per il 2005 ne ha attuata una non solo 14

15 con la abituale somministrazione di questionari, ma soprattutto attraverso una serie di interviste che spaziano nei diversi campi in cui il consumatore-turista si confronta con la realt organizzativa provinciale. Accanto ad una valutazione positiva, dunque, dell iniziativa della Comunit dell Arcipelago sembra opportuno ricordare che la utilit di queste operazioni cresce con il coordinamento generale che va stabilito con la Provincia e con gli enti istituzionali e generali, ad evitare che propositi importanti corrano il rischio di introdurre elementi di incertezza nella definizione del quadro d assieme. I risultati che in questa pubblicazione vengono esposti vanno in questa direzione, e ci si augura che la convergenza degli intenti possa essere sempre affiancata dalla concertazione dei metodi di indagine. Il Direttore dell Apt di Latina Pier Giacomo Sottoriva 15

16 4.1 Motivazioni e chiavi di lettura della ricerca condotta Le pagine che seguono contengono il risultato di un percorso di ricerca e analisi quali quantitativa realizzato dalla societ di consulenza aziendale Italcosulenze.it s.r.l. in collaborazione con la Comunit Arcipelago delle Isole Ponziane. Percorso che fa parte di un progetto pi vasto di creazione di un osservatorio turistico volto a monitorare i flussi turistici nelle isole di Ponza e Ventotene e ad analizzare il grado di soddisfazione di tutti coloro che fruiscono dei servizi offerti sulle isole prese in esame. A tale scopo la Comunit di Arcipelago Isole Ponziane ha costituito l osservatorio turistico delle Isole di Ponza e Ventotene. L approccio programmatico che contraddistingue la Comunit dell Arcipelago ha determinato con il contributo delle istituzioni la creazione di un osservatorio turistico evoluto, primo approccio per la determinazione dello scenario globale del territorio e dei suoi sistemi competitivi per portare le Isole ad un nuova fase di sviluppo turistico. Il progetto mira a creare un osservatorio permanente per poter analizzare dati e flussi ad oggi sconosciuti nel settore turistico nelle isole dell arcipelago. Attraverso azioni specifiche, misurazioni, analisi di customer satisfaction si vogliono ottenere dati leggibili utilizzabili per la programmazione e lo sviluppo orientato della comunit dell arcipelago, dando un forte input nella integrazione di tutte le isole appartenenti ad esso, imponendo una unica chiave di lettura territoriale omogenea. Il progetto stato sviluppato in quattro azioni: Azione preparatoria Azione di ricerca ed intercettazione dati Azione di sviluppo e studio dati raccolti Azione di pubblicazione e programmazione Certi dell impossibilit di scindere ambiente e turismo diventa necessaria e strategica la creazione di un Osservatorio turistico in grado di monitorare i flussi turistici nelle isole di Ponza e Ventotene, fulcro del nostro studio, per analizzare il grado di soddisfazione di tutti coloro che fruiscono di strutture, servizi ed attrazioni presenti sull isola. Solo in un secondo momento con i dati alla mano riusciremo ad identificare un mercato obbiettivo sul quale convergere tutte le azioni volte al continuo miglioramento qualitativo e quantitativo. 16

17 Il turismo inteso come un insieme di strutture, servizi e attivit produttive che consentono di svolgere un esperienza di viaggio durante la quale vengono compiute alcune rilevanti azioni quali il trasporto, il soggiorno, il sostentamento, le attivit per il tempo libero, la fruizione della cultura, dell ambiente e delle attrazioni locali. Ad esso si aggiungono le interazioni con altre attivit quali il commercio e tutti gli altri servizi dedicati a coloro che sono lontani dal proprio luogo di residenza. Questa indagine, che si avvalsa della stretta collaborazione degli operatori delle due isole, orientata non solo alla raccolta di dati numerici ma soprattutto a dati di tipo qualitativo, dato che si pone come obiettivo la misurazione del grado di soddisfacimento del turista. Il lavoro viene diviso in due fasi che partiranno contemporaneamente ma che avranno: una l intento di misurare i flussi turistici, l altra di verificare aspetti legati alle aspettative soddisfatte o no del turista. L attivit iniziata in giugno 2004 con una mirata azione territoriale tesa a fotografare i territori isolani sotto l aspetto turistico, e ad intercettare i primi dati sensibili e dinamici che caratterizzano il turismo isolano. Una vera propria azione evoluta in cui la Comunit dell Arcipelago con la Provincia di Latina l APT di Latina ed i Comuni di Ponza e Ventotene hanno investito per arrivare a creare un turismo di concezione programmatica che attraverso l analisi di mercato possa determinare un offerta chiara e professionale di qualit che sia orientata a target specifici ideali per i mercati sia nazionali che internazionali. Come di consueto le Isole diventano incubatrici di sistemi innovativi ed evoluti, essendo dei veri e propri laboratori di ricerca di sistemi applicativi microcosmici. Il lavoro realizzato ed esplicitato nella presente pubblicazione, ha per oggetto lo studio del territorio delle isole pontine, con l obiettivo di approfondire le conoscenze in merito al settore turistico, settore dei pi promettenti come potenzialit espansive e come contribuito alla crescita del benessere complessivo della Provincia di Latina. Un elemento guida e trainante dell attivit la considerazione che lo sviluppo del settore sia programmato con attenzione e sia condotto sulla base di una motivata sostenibilit degli interventi. Sostenibilit intesa come attenzione al patrimonio ambientale e culturale, valorizzazione dell esistente e le relative culture, utilizzazione delle nuove tecnologie nell ottica di una decisa riduzione degli impatti sul territorio, come ampiamente descritto nella letteratura scientifica internazionale pi attenta agli aspetti ambientali. Tale postulato irrinunciabile costituir, con l analisi quali quantitativa dei dati raccolti, la chiave di lettura basilare per la fase di analisi e commento dei dati raccolti. 17

18 Ø necessario quindi puntare con decisione nella direzione del cambiamento dei fattori di produzione cercando di valorizzare, all interno del territorio, le esperienze pi avanzate in relazione ai nuovi percorsi di sviluppo che puntano all incremento dell innovazione e dell economia immateriale, da sempre pi attente alle problematiche di salvaguardia degli ecosistemi territoriali. La presente ricerca, sulla base dei principi elencati in precedenza, analizza il fenomeno turistico nelle isole pontine, ne definisce le caratteristiche strutturali e pone le basi per attuare una politica di miglioramento continuo per andare a incidere sul rapporto domanda-offerta per qualificare gli aspetti di precipuo interesse. L imporsi di valori quali la tutela dell ambiente e la valorizzazione del patrimonio culturale, ha coinvolto, e non poteva essere altrimenti, anche il settore turistico sviluppando la consapevolezza delle contraddizioni che cominciano ad esplodere anche nel nostro territorio. Contraddizioni dovute all antitesi tra continuo incremento delle attivit antropiche e limiti del patrimonio ambientale che vanificano la possibilit di trarre ipotetici vantaggi sociali per le comunit a favore di vantaggi economici per pochi e talvolta con danni ambientali non pi rimarginabili. Il turismo ha mosso i primi passi agli inizi del XIX secolo e, nel corso degli anni, ha subito modificazioni tali che in molte economie si trasformato da fenomeno economico e sociale marginale in elemento centrale. L evoluzione in chiave storica del fenomeno turistico stata contrassegnata da molti mutamenti registrati in parallelo con quelli evolutivi subiti dalla societ occidentale negli ultimi due secoli. L ultima fase di questa evoluzione caratterizzata dall imporsi di nuovi valori quali l attenzione per l ambiente e la valorizzazione del patrimonio culturale. Parallelamente allo sviluppo turistico si sviluppata anche la consapevolezza relativa alle contraddizioni scoppiate tra la crescita delle attivit del terziario (tra cui il turismo) e l ambiente nella sua accezione pi ampia. La necessit di delineare nuove modalit di approccio al fenomeno del turismo di massa si impone soprattutto in un territorio limitato come quello delle isole pontine, meta di un flusso rilevante di soggetti che necessita di essere governato e gestito in maniera pi efficiente ed efficace. I fenomeni turistici nelle isole ponziane possono essere analizzati spazialmente sia nell ottica estesa del bacino del Mediterraneo che in quella pi ridotta dell ambiente provinciale. Il Mediterraneo, come macrosistema nel quale sono inserite le isole, un area che accoglie grandi volumi turistici in arrivo da tutto il mondo. Ø un area nella quale ancora presente una ricca biodiversit, sia terrestre che marina, e che possiede 18

19 immense risorse culturali. Esiste un asimmetria di fondo tra territorio e ubicazione dei flussi, precipuamente concentrati sulla fascia costiera: cio crea rilevanti problematiche di impatto, per cui necessario riequilibrare il rapporto tra costa e interno e tutelare e valorizzare l immagine del Mediterraneo e delle sue mete turistiche. Evidentemente nel caso isolano tali problematiche di destinazione e ubicazione del flusso sono meno sentite. Esistono tuttavia problematiche rilevanti di stagionalit e qualificazione dei flussi stessi poich l ecosistema di un isola indubbiamente pi delicato e meno robusto nel subire la forza d urto di tali massicce presenze. Occorre quindi diversificare l offerta, proporre nuove alternative agli utenti riducendo al contempo i fenomeni di stagionalit al fine di ampliare temporalmente i benefici economici e ridurre cosi il deleterio fenomeno dello spopolamento stagionale delle isole. Tali elementi, noti all inizio dello studio, sono stati avvalorati dall analisi qualiquantitativa dei dati raccolti, fornendo attraverso l analisi della stratigrafia del dato, molti elementi di analisi, approfondimento e azione mirata sul territorio. La consapevolezza della necessit di incrementare la sostenibilit del turismo stata discussa in modo approfondito a livello internazionale ed una serie di documenti ne sono la testimonianza. Di questi interessante citarne due. Nella Conferenza Mondiale sul turismo Sostenibile, tenutasi a Lanzarote nell aprile del 1995, stata formulata la Carta per il Turismo Sostenibile la quale, nel solco dei principi stabiliti nella Dichiarazione di Rio su Ambiente e Sviluppo e delle raccomandazioni insite nell Agenda 21 (oltre che di altri principi basati sulla sostenibilit ), ha delineato una serie di principi e di obiettivi relativi al fenomeno turistico. Per prima cosa si sostiene che lo sviluppo del turismo deve essere basato sul criterio di sostenibilit, ossia deve essere ecologicamente sostenibile nel lungo periodo, economicamente conveniente, eticamente e socialmente equo nei riguardi delle comunit locali. Riteniamo che lo sviluppo sostenibile sia un progetto di gestione equa delle risorse che assicura contemporaneamente redditivit e salvaguardia del capitale naturale e culturale, riteniamo anche che al suo interno rientri di diritto il turismo in quanto attivit economica che ha a che fare con l uso di risorse e di beni, riteniamo altres che la conservazione attiva delle risorse coinvolte nel progetto turistico definisca la sostenibilit dello stesso. All interno di un processo di sviluppo turistico la sostenibilit da applicare sia all ambiente naturale che a quello culturale e sociale, in considerazione del fragile equilibrio (naturale ma anche socio-economico) che caratterizza spesso molte delle localit interessate da questo fenomeno. 19

20 Ci significa che un processo di sviluppo turistico deve valutare i propri effetti sul patrimonio culturale e sugli elementi, le attivit e le dinamiche tradizionali proprie di ogni comunit locale, il rispetto e il sostegno alla loro identit, la cultura e i loro interessi devono sempre avere un ruolo centrale nella formulazione delle strategie turistiche. Data la presenza di forti interrelazioni tra natura, insediamenti, popolazioni e attivit indispensabile instaurare stretti processi di cooperazione tra i soggetti istituzionali e non, a partire dal livello locale fino al livello internazionale. Tale cooperazione mette in piedi un ambiente capace di creare azioni efficaci per la conservazione sulla base di un rinnovato approccio culturale e professionale e con l ausilio degli strumenti dell innovazione tecnologica. Si rileva che per essere compatibile con uno sviluppo sostenibile il turismo dovrebbe basarsi sulle diversit delle opportunit offerte dalle economie locali, in modo da integrarsi con la realt territoriale di riferimento e contribuire al suo sviluppo anche sulla base del contributo integrativo di sistemi produttivi sostenibili. Tra le indicazioni di massima prese in considerazione si sottolineano: la conservazione attiva delle aree ambientalmente e culturalmente vulnerabili, il recupero delle aree degradate da modelli turistici obsoleti e ad alto impatto ambientale, la predisposizione di azioni che allunghino la stagione turistica spesso estremamente concentrata in brevi periodi. Vi infine il riconoscimento della necessit di promuovere studi di fattibilit e progetti di valorizzazione turistica basati su solide basi scientifiche, in modo da verificare con attenzione le scelte di tipo turistico e quelle infrastrutturali connesse in particolare al settore dei trasporti. A tale proposito la Conferenza di Lanzarote si conclude con la predisposizione di un piano che stabilisce linee di azione concrete nel settore dello sviluppo turistico sostenibile. Il secondo documento che si cita la Qu bec Declaration on Ecotourism, dichiarazione finale del World Ecotourism Summit, tenutosi a Quebec City, in Canada, nel maggio Il 2002 stato dichiarato dall UNEP (United Environment Programme) e dal WTO (World Tourism Organization) Anno Internazionale dell Ecoturismo e il Summit di Quebec City ha rappresentato un momento di incontro di rappresentanti di governi nazionali e locali, delle organizzazioni che si occupano di turismo e di ambiente, di associazioni ed aziende private operanti nel settore del turismo ecologico, di organizzazioni non governative, di comunit locali. 20

21 Il documento riconosce che l ecoturismo abbraccia i principi del turismo sostenibile in relazione agli impatti economici, sociali ed ambientali del turismo. L ecoturismo contiene in s, inoltre, una serie di principi che lo distinguono dal concetto di turismo come normalmente inteso. Tra questi concetti sono da sottolineare: il contributo attivo alla conservazione del patrimonio naturale e culturale; il coinvolgimento delle comunit locali nei processi di pianificazione, sviluppo e gestione turistica; la valorizzazione del patrimonio naturale e culturale e la sua divulgazione ai visitatori; la valorizzazione del turismo indipendente o di quello organizzato in gruppi di piccole dimensioni. Si sottolinea che il turismo ha rilevanti e complesse implicazioni sociali, economiche e ambientali, con benefici e costi per l ambiente e per le comunit locali e che vi un crescente interesse verso le aree naturali e aree nelle quali sono presenti testimonianze del patrimonio archeologico e paesaggistico. 21

22 5 Scenario di riferimento 5.1 Dato Nazionale Negli ultimi due anni il settore turistico ha vissuto tra molte difficolt, che in alcuni casi ne hanno rallentato la crescita, in altri ne hanno determinato una vera e propria inversione di tendenza. Tensioni geo-politiche internazionali, congiunture economiche non favorevoli, crisi di alcuni mercati fondamentali hanno rappresentato a livello nazionale degli ostacoli notevoli che non sempre sono stati superati facilmente. Interviste fatte a campione afferma che alla vacanza rinunciano in molti e chi ci va fa attenzione a non spendere. Il calo del turismo nei tre mesi estivi (luglio, agosto e settembre) pari nell anno 2004 al 2,04% su base tendenziale, che corrisponde a circa sette milioni di presenze giornaliere in meno. Se si considera una spesa media giornaliera di 60 euro a presenza, la perdita per tutto il settore del turismo pari a 420 milioni di euro. A tale perdita va sommata anche quella stimata sui pubblici esercizi, pari a circa milioni per effetto della contrazione dei consumi registrata anche fra chi andato in vacanza. Il settore dei pubblici esercizi attivi nei mesi estivi ristoranti, pizzerie, bar, gelaterie, stabilimenti balneari e locali serali (che comprende 130 mila imprese e 500 mila addetti) aveva registrato un fatturato di 3,2 miliardi di euro ad agosto e di 7,8 miliardi durante tutto il trimestre Il calo delle vendite su base tendenziale riferibile al 2003 stato perci pari al 14,75%. La ricerca ha evidenziato altres un calo di turisti su base tendenziale nei settori montagna, mare e citt d arte, mentre per i centri minori la stagione si sta rivelando buona. I flussi di turismo sono calati per effetto di un cambiamento profondo dei comportamenti del consumatore. Il calo dei turisti e del fatturato dipeso anche dal fatto che, sotto il punto di vista meteorologico la stagione stata pessima e comunque si deve puntare sulla creazione di un turismo di alta qualit, mentre ora c ancora una grande massa di consumatori che preferisce un turismo non certo dequalificato, ma sicuramente meno raffinato. Gli operatori del settore devono quindi compiere uno sforzo per interpretare meglio, con indagini di settore, le nuove richieste dei vacanzieri. Il problema del calo dei turisti iniziato due anni fa con la Germania e sta coinvolgendo anche Francia, Spagna e Portogallo. L euro forte non ha aiutato e non ci aiuter neanche l ultimatum imposto dall Alitalia sulle rotte extracontinentali. E se si considera anche l incertezza della loro economia, vuol dire che sugli americani, a 22

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza

Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Sintesi Report n 15 - Eventi enogastronomici come motivazioni di vacanza Gli eventi organizzati in provincia di Trento che hanno al loro centro una proposta enogastronomica sono, nell arco dell anno, numerosi.

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Settembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Marche Termine

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni

IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA. Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni IL MARKETING DEI PRODOTTI TIPICI: L AGLIO DI VOGHIERA Gruppo: Sara Banci Elisabetta Ferri Angela Fileni Lucia Govoni CONTESTO Dal punto di vista della DOMANDA... Consumatore postmoderno: attivo, esigente,

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI

6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI dell Ambiente del 6. I RISULTATI RELATIVI AGLI ENTI LOCALI In questo capitolo esporremo i risultati che ci sembrano di maggior interesse tra quelli emersi dall elaborazione dei dati restituitici dagli

Dettagli

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE».

ARMANDO PERES: «L ITALIA SI MUOVA O PERDERÀ MOLTE OPPORTUNITÀ DI FAR CRESCERE IL BUSINESS CONGRESSUALE». Federcongressi&eventi è l associazione delle imprese e dei professionisti che lavorano nell industria italiana dei convegni, congressi ed eventi: un industria che dà lavoro a 287.741 persone, di cui 190.125

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI

PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI DIREZIONE GENERALE PER flash 29 L INCLUSIONE E LE POLITICHE SOCIALI PRIMI DATI SULLA SPERIMENTAZIONE DEL SOSTEGNO PER L INCLUSIONE ATTIVA (SIA) NEI GRANDI COMUNI Roma, 1 settembre 2014 Il punto di partenza:

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi

Lo scenario economico provinciale 2011-2014: il bilancio della crisi 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii 2011-2014: iill biillanciio delllla criisii . 2011-2014: il bilancio della crisi Il volume è stato realizzato a cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012

ATTIVITA 2012 L ORMA. Educazione e Promozione Sociale. Presentazione servizi e attività Anno 2012 ATTIVITA 2012 L ORMA Educazione e Promozione Sociale Presentazione servizi e attività Anno 2012 L Orma è una realtà che opera da più di 10 anni nel settore dell Educazione e della Promozione Sociale. Tutte

Dettagli

Osservatorio sul turismo giovanile

Osservatorio sul turismo giovanile Osservatorio Turisticmo Giovanile 2013 2013 Osservatorio sul turismo giovanile A cura di Iscom Group 1/49 Osservatorio Turisticmo Giovanile 2013 Sommario 1 Vacanze con gli under 18... 6 1.1 Propensione

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020 Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Simona De Luca, Anna Ceci UVAL DPS Roma 11 luglio 2013 Indice 1. Indicatori: un modo

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

LO SVILUPPO SOSTENIBILE Il quadro generale di riferimento LA QUESTIONE AMBIENTALE E LO SVILUPPO SOSTENIBILE La questione ambientale: i limiti imposti dall ambiente allo sviluppo economico Lo sviluppo sostenibile:

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

ENTE BILATERALE TURISMO TOSCANO ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010

ENTE BILATERALE TURISMO TOSCANO ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010 ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA 2010 INDICE Introduzione pag. 3 Il campione di indagine. pag. 4 L'indagine: ANALISI DEI FABBISOGNI FORMATIVI E PROFESSIONALI IN TOSCANA. EVOLUZIONE,

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week

Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Intervista ad Alessandro Franceschini presidente Equo Garantito rilasciata in occasione di World Fair Trade Week Maggio 2015 Scusi presidente, ma il commercio equo e solidale è profit o non profit? La

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

Stabile la movimentazione passeggeri via traghetto negli scali considerati attesa a fine 2015 (+0,32% sul 2014).

Stabile la movimentazione passeggeri via traghetto negli scali considerati attesa a fine 2015 (+0,32% sul 2014). COMUNICATO STAMPA ADRIATIC SEA FORUM: al via oggi a Dubrovnik la seconda edizione di Adriatic Sea Forum cruise, ferry, sail & yacht, evento internazionale itinerante dedicato ai settori del turismo via

Dettagli