Organizzazione del turismo e mercato turistico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Organizzazione del turismo e mercato turistico"

Transcript

1 Organizzazione del turismo e mercato turistico 1

2 Turismo L attività delle persone che viaggiano e soggiornano in luoghi fuori dal loro abituale ambiente per non più di un anno consecutivo, per piacere, affari, lavoro od altri motivi, non connessi all esercizio di alcuna attività remunerata nel luogo di destinazione (OMT) L uso di questo concetto ampio consente di includere sia il turismo tra paesi sia quello interno ai paesi. Turismo si riferisce a tutte le attività dei visitatori includendo sia chi pernotta sia chi non pernotta. 2

3 Approfondimento Insieme dei fenomeni e delle relazioni che nascono dallo spostamento temporaneo di persone per esigenze di ricreazione fisica, culturale / spirituale, o, anche, per affari, spinte dalla possibilità di svolgere attività che non si potrebbero svolgere nel luogo di residenza o che si svolgono in maniera più utile / soddisfacente in luogo diverso da quello di residenza 3

4 Domanda turistica Effettiva: insieme di turisti che in un determinato arco di tempo (anno) si muovono verso un territorio Potenziale: insieme delle persone che per caratteristiche personali (anagrafiche, culturali, istruzione, interessi) potrebbero spostarsi verso un territorio. 4

5 Mercato italiano Svizzera 11,4 10,3 16,1 Germania Balcani Francia Austria Regno Unito Usa Paesi Bassi Spagna Giappone 3,0 2,4 2,4 2,5 1,7 1,5 2,1 1,1 1,0 1,6 1,0 0,9 1,6 1,7 1,7 12,4 11,1 10,7 11,2 11,5 15,8 15,6 15,1 19,0 18,1 26,7 30,6 Altri 11,5 11,0 15,8 Quote di mercato 1995 Quote di mercato 2010 Quote di mercato 2020

6 Tendenze della domanda Le tendenze del turismo secondo gli esperti del settore Vacanze più frequenti e più brevi anche fuori stagione 21,5 % Prenotazioni all'ultimo minuto e decisioni d'impulso 14,2 % Maggiore attenzione al prezzo 11,5 % Migliori informazioni pre - vacanza, nuove tecnologie 9,6 % Richiesta di confort nel viaggio e nell'alloggio 8,8 % Destinazioni raggiungibili facilmente e comodamente 7,4 % Viaggi individuali piuttosto che turismo di gruppo 4,7 % Ritorno nelle destinazioni dove l'esperienza è stata migliore 4,1 % Più sicurezza individuale 4,1 % Turismo alternativo, autenticità, ritorno alle origini 3,4 % Aumento sensibilità ambientale 2,7 % Turismo attivo, sport 2,0 % Garanzie climatiche 1,3 % Più mobilità durante le vacanze 1,3 % Fonte: Sociometrica

7 Nuove mete e nuovi modelli: evoluzione della domanda Ricettività Unica forma di turismo in albergo o alloggio privato Scoperta turismo all'aria aperta in villaggi turistici e campeggi Strutture non censite e turismo all'aria aperta Caratteristiche emergenti Alloggio in affitto Seconda casa, campeggio Villaggio turistico Rispetto Modello alla residenza ANNI SESSANTA Breve e media distanza ANNI SETTANTA Media Rimini distanza ANNI OTTANTA Media e lunga distanza (estero) Atteggiamento Caratterizzazione Versilia Imitazione Integrato vacanza unica o comunque principale Sardegna, Baleari Imitazione, differenzia zione Differenzia zione e ricerca della vacanza "firmata" Sempre meno integrato Più articolata e differenziata 7

8 Nuove mete e nuovi modelli: evoluzione della domanda 2 Crisi di identità degli alberghi a favore di forme eterogene e dall'affitto al villaggio Superame nto della ricettività tradizional e. Esplosion e, riscoperta e omologazi one delle varie forme Residence, agriturism o, villaggi Strutture flessibili e snelle, nicchie di offerta, riscoperta piccole gestioni ANNI NOVANTA Breve e lunga distanza Sharm el Sheik ANNI DUEMILA Brevissim a e lunga distanza Pluralità di modelli Ricerca differenzia zione e ambienti naturali: isole, vacanze per mare Vacanze differenzia te e di nicchia. Vivere il mare Polarizzazi one dei due mercati della breve e lunga distanza, opzione possibile fra le altre Ricerca del vissuto, esperienze diverse Fonte: Mercury

9 Offerta Insieme delle strutture ricettive: alberghiere extralberghiere quantificata secondo numero di strutture per tipologia e categoria, numero di camere singole e doppie, numero di bagni, numero di camere con bagno 9

10 Indicatori della struttura ricettiva (1) Alberghi Dimensione media (posti letto) Utilizzazione lorda Provincie Arezzo Firenze Grosseto Livorno Lucca Massa-Carrara Pisa Prato Pistoia Siena Toscana Percentuale Bagni per 100 Altre Altre Percentuale letti camere Alberghi strutture Alberghi strutture 32,632 45,325 97,637 44,467 25,983 26,835 12,584 37,469 60,609 96,412 67,3 26,209 54,708 36,673 31,381 20,737 90,555 58, ,994 31,044 14,316 42,983 24,953 97,966 62, ,198 34,802 16,527 73,278 58,292 91,79 47,842 93,874 27,386 10,868 59,649 21,967 94,338 37, ,747 24,552 12,498 28,226 32,151 95,231 52,945 43,939 44,544 24,629 26,626 62,403 93,723 75,613 16,531 48,946 49,429 74,393 83,76 94,428 55,052 31,008 35,263 16,387 29,365 41,665 59,819 41,364 88,506 93,704 57,17 55,915 15,964 56,612 30,901 36,735 19,29 17,826 10

11 Percentuale presenze in albergo Percentuale presenze in altre strutture Durata media del soggiorno Stranieri Italiani Stranieri Italiani Arezzo 31,551 68,449 59,935 40,065 2,731 Firenze 70,959 29,041 67,535 32,465 2,641 Grosseto 27,427 72,573 30,61 69,39 5,528 Livorno 27,345 72,655 41,969 58,031 5,935 Lucca 44,697 55,303 29,884 70,116 3,998 Massa-Carrara 39,523 60,477 14,971 85,029 6,358 Pisa 42,45 57,55 37,858 62,142 3,773 Prato 57,66 42,34 31,753 68,247 2,567 Pistoia 50,019 49,981 63,637 36,363 3,108 Siena 39,882 60,118 65,891 34,109 3,638 Toscana 48,829 51,171 44,605 55,395 3,71 11

12 L. R. 42/2000 Sezione I - Definizione e attività Articolo 82 Definizione e attività delle Agenzie di viaggio e turismo 12

13 Art. 82 Definizione e attivita delle agenzie di viaggio e turismo 1. Sono agenzie di viaggio e turismo (di seguito definite agenzie di viaggio) le imprese che esercitano le seguenti attivita tipiche: a) produzione e organizzazione di viaggi e soggiorni per singole persone o per gruppi, senza vendita diretta al pubblico; b) produzione e organizzazione di viaggi e soggiorni per singole persone o per gruppi, intermediazione nei servizi di cui alla lettera a) o di singoli servizi separati con vendita diretta al pubblico; c) intermediazione di viaggi e soggiorni prodotti e organizzati, per singole persone o per gruppi, dalle imprese di cui alla lettere a) e b) e di singoli servizi separati con vendita diretta al pubblico. 13

14 2. Nell esercizio delle attivita tipiche di produzione, organizzazione, vendita ed intermediazione di viaggi e soggiorni, le agenzie di viaggio stipulano contratti di viaggio ai sensi della Convenzione Internazionale relativa ai contratti di viaggio (CCV.), ratificata e resa esecutiva con legge 27 dicembre 1977, n. 1084, nonche ai sensi del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 111 "Attuazione della direttiva 90/314/CEE concernente i viaggi, le vacanze ed i circuiti tutto compreso "; le agenzie di viaggio svolgono altresi, ai sensi della medesima CCV. e del DLgs 111/1995, singole attivita preparatorie e successive, connesse e finalizzate alla stipula e alla esecuzione dei contratti di viaggio. 14

15 3. Rientrano tra le attività delle agenzie di viaggio: a) la raccolta di adesioni a viaggi e crociere per l interno e per l estero; b) l organizzazione e realizzazione di gite ed escursioni individuali o collettive e visite guidate di città; c) la prenotazione e la vendita di biglietti per conto delle imprese nazionali ed estere che esercitano attività di trasporto ferroviario, automobilistico, marittimo, aereo o altri tipi di trasporto; d) l informazione e l assistenza ai propri clienti, nonché l accoglienza degli stessi nei porti, aeroporti, stazioni di partenza e di arrivo di mezzi collettivi di trasporto; e) la prenotazione dei servizi di ristoro e di strutture ricettive di cui all articolo 6 della l. 217/1983, ovvero la vendita di buoni di credito per i servizi suindicati emessi anche da altri operatori nazionali ed esteri; f) f) ogni altra forma di attività connessa con la vendita di servizi. 15

16 4. Le agenzie di viaggio di cui al comma 1, lett. a) possono stipulare contratti direttamente con i soggetti di cui all articolo 92 purchè si tratti di viaggi collettivi "tutto compreso", organizzati e prodotti dalle agenzie medesime, con un numero di partecipanti non inferiore a venti. Possono altresì stipulare contratti direttamente con i soggetti di cui all articolo

17 Funzioni delle agenzia di viaggi Attività di intermediazione. Attività di produzione diretta. Attività di informazione. 17

18 L'attività di intermediazione delle Adv vendita di biglietteria. vendita di servizi ricettivi. vendita di servizi di accoglienza e accesso. vendita di servizi accessori o complementari. vendita di viaggi prodotti da altre agenzie o tour operators. La attività di intermediazione si ha quando vengono messi in contatto un produttore ed un cliente, mettendo a disposizione di quest'ultimo quei prodotti di cui può necessitare. Il rapporto di intermediazione è compreso in quelle forme previste dal codice civile agli articoli 1703 e 1704 come " mandato " e " mandato con rappresentanza ". Secondo il codice, tipicità di tali forme di rapporto sono la possibilità di chiudere un contratto tra il mandante e il cliente, e tale contratto ha valore e produce effetto direttamente sul rappresentato. Quindi una volta stipulato, il contratto è tra il produttore e il cliente. Il corrispettivo di tale attività è la provvigione o "commissione". 18

19 Servizi di accoglienza si distinguono in "meetings" e "transfers",. "Meeting" sono i servizi che prevedono l'accoglimento dei turisti nei luoghi di arrivo ( porti, aeroporti, stazioni,...) e il loro indirizzamento verso altri mezzi con i quali proseguono il viaggio. "Transfer" prevede l'accoglimento e l'accompagnamento fino al luogo di soggiorno con l'uso di opportuni mezzo di trasporto. I "servizi di accoglienza" rappresentano servizi da offrire nei punti di transito o di destinazione da parte di personale specializzato, possibilmente a conoscenza di lingue straniere. I meeting sono servizi che prevedono la assistenza a viaggiatori in arrivo indirizzandoli al mezzo con il quale proseguiranno il viaggio o provvedendo alla sistemazione in hotel e alla illustrazione delle possibilità del luogo. Chi effettua il meeting fornirà eventualmente i nuovi titoli di viaggio se possibile già vidimati, prenoterà ed accompagnerà i viaggiatori ai loro posti. I transfer sono servizi un po' più complessi. Essi prevedono l'accoglienza dei viaggiatori e la loro scorta fino ai rispettivi alberghi. Il transfer può essere fatto a vantaggio di un singolo ( o nucleo familiare ) o di un gruppo, utilizzando quindi diversi mezzi. 19

20 Servizi di accesso si distinguono in " sightseeing" e " excursions",. "visite città (sightseeing)" sono svolte nell'ambito cittadino, solitamente in mezza giornata, con il fine di entrare in contatto con i richiami turistici del luogo. "escursioni(excursions)" sono un prodotto composito che solitamente prevede spostamento, vitto, visita di luoghi oggetto di richiamo turistico, il tutto nell'arco di una giornata. "I servizi di accesso" comprendono quei servizi che mettono in contatto i turista con la località prescelta per trascorrere parte del suo tempo libero. Le visite città, solitamente di mezza giornata, prevedono un giro programmato con visita di musei, palazzi, luoghi caratteristici. Le escursioni sono effettuate in un raggio più lungo, molte volte prevedono anche un pasto. Entrambe le forme di servizi di accesso sono effettuate con personale qualificato (guida in lingua). Le escursioni e le visite città a loro volta si distinguono in "regolari" e "straordinarie". Si chiamano regolari o "a carattere pubblico" quando rappresentano un servizio continuato aperto a chiunque voglia usufruirne tramite pagamento di biglietto. Si chiamano straordinarie (individuali o di gruppo) quando sono effettuate espressamente per una persona o per un gruppo precostituito secondo modalità (orari, 20 percorsi) da questi richieste.

21 Servizi accessori Rivestono particolare importanza quelli assicurativi e quelli bancari, oltre alla vendita di guide turistiche e carte geografiche. I servizi accessori sono generalmente forniti a seguito di stipula di contratti con i fornitori di servizi e sono commissionabili. Occorre conoscere tutte le clausole dei servizi, le modalità di vendita, traendo le notizie dai manuali inviati al momento della firma dei contratti. 21

22 Vendita di titoli di viaggio Per potere vendere biglietti di imprese di trasporto e servizi collegati le agenzie di viaggio devono ottenerne la concessione, spesso collegata alla fornitura di opportune garanzie e di un deposito in denaro. La vendita di biglietti implica la conoscenza di: Condizioni di custodia, emissione, uso dei titoli, generalmente riportate in regolamenti dei vettori o delle associazioni di categoria. Tariffe, condizioni di applicazione, costruzione delle tariffe, solitamente riportate su manuali forniti gratuitamente ed aggiornati. Orari dei servizi e condizioni di accettabilità sui suddetti, dedotti da regolamenti, orari ufficiali, pubblicazioni specializzate. 22

23 Principali Tour Operators Italiani P o s. F a t t u r a t o ' 9 8 i n O p e r a t o r e E u r o p a 9 8 e u r o ( m i l i o n i ) N C l i e n t i ' G r u p p o A l p i t o u r 8 2 1, G r u p p o H I T 5 6 8, C o s t a C r o c i e r e 4 3 1, F r a n c o r o s s o 2 4 7, I V i a g g i d e l V e n t a g l i o 2 2 7, 7 6 n p 3 5 V a l t u r 1 9 1, K U O N I G a s t a l d i t o u r s 1 6 0, H o t e l p l a n I t a l i a n 1 1 6, T e o r e m a T o u r 1 0 8, A e r o v i a g g i 8 5, C l u b M e d I t a l i a 7 7, E u r o t r a v e l 7 0, C h i a r i S o m m a r i v a n p 7 5 O l y m p i a V i a g g i 7 0, 0 4 n p G o i n g n p 8 1 T u r i s a n d a 6 3, I G r a n d i V i a g g i 5 9, O r i z z o n t i 5 7, I t a l i a t o u r 5 4, V e r a t o u r 5 2,

24 Forme di turismo (1) Domestic tourism Inbound tourism Outbound tourism Internal tourism National tourism (1) definizione ufficiale OMT 24

25 Domestic tourism (1) E il turismo dei residenti all interno del territorio dello stato di riferimento (1) definizione ufficiale OMT 25

26 Inbound tourism (1) Turismo dei visitatori non residenti nel territorio economico del paese di riferimento. (1) definizione ufficiale OMT 26

27 Outbound tourism (1) Turismo dei visitatori residenti fuori dal territorio economico del paese di riferimento. (1) definizione ufficiale OMT 27

28 Internal tourism (1) Turismo dei visitatori residenti e non residenti all interno del territorio economico del paese di riferimento. (1) definizione ufficiale OMT 28

29 National tourism (1) Turismo dei visitatori residenti all interno e all esterno del territorio economico del paese di riferimento. (1) definizione ufficiale OMT 29

30 Visitatore (1) Ai fini delle statistiche del turismo, il termine visitatore descrive qualsiasi persona in viaggio per una località al di fuori del suo ambiente abituale, per meno di dodici mesi, con una motivazione principale che esclude l esercizio di una attività lavorativa remunerata dal luogo visitato. I visitatori possono essere classificati come: International visitors Tourists (overnight visitors) Same - day visitors Domestic visitors Tourists (overnight visitors) Same - day visitors (1) definizione ufficiale OMT 30

31 Finalità della visita (1) La classificazione delle principali motivazioni della visita (o del viaggio) indicata sotto è elaborata in base alla classificazione proposta dalle Nazioni Unite nel 1979 nelle linee guida provvisorie per le statistiche del turismo internazionale. La classificazione, che può essere usata per il turismo internazionale e quello nazionale, è strutturato per misurare i segmenti chiave della domanda ai fini della pianificazione, marketing e promozione. CLASSIFICAZIONE PER MOTIVAZIONE DELLA VISITA SECONDO I PRINCIPALI GRUPPI DI TURISMO INBOUND, OUTBOUND E DOMESTIC : Vacanza. Visita a parenti ed amici. Lavoro ed affari. Cure, terme. Motivi religiosi, Pellegrinaggio Altri (1) definizione ufficiale OMT 31

32 Struttura ricettiva (1) È qualsiasi struttura che regolarmente o occasionalmente fornisce servizio di pernottamento per turisti. (1) definizione ufficiale OMT 32

33 Stabilimento (1) Idealmente, è dove avviene una produzione. Dovrebbe essere rappresentato da una unità produttiva omogenea, ossia una unità produttiva dove viene effettuata una unica produzione. Tuttavia una unità con tali caratteristiche non è normalmente osservabile ed è un concetto astratto. L unità statistica principale usata nelle rilevazioni statistiche del turismo è lo stabilimento, coincidente con una Impresa o parte di essa, situato in una unica localizzazione e con un unica attività produttiva, o nel quale un attività principale contribuisce alla formazione della maggior parte del valore aggiunto. (1) definizione ufficiale OMT 33

34 Industria (1) Gruppo di stabilimenti impegnati nello stesso tipo di attività produttiva. L insieme delle caratteristiche del turismo tuttavia non consente di definire un unica industria secondo queste caratteristiche, ma rientra in numerosi settori industriali. (1) definizione ufficiale OMT 34

35 Industria turistica (1) Di conseguenza viene definita come industria turistica l insieme di stabilimenti la cui attività principale è una attività caratteristica del settore turistico. L industria turistica è il gruppo di tutte le industrie caratteristiche del turismo (1) definizione ufficiale OMT 35

36 Innovazione tecnologica (1) L innovazione tecnologica si è sviluppata ad un ritmo straordinariamente veloce negli ultimi anni e tutti i segnali indicano un ulteriore sviluppo. Di queste due sono particolarmente interessanti: Global distribution System (GDs) E-commerce (1) definizione ufficiale OMT 36

37 Global Distribution system (GDs) (1) Originariamente i Sistemi di Distribuzione erano destinati alla prenotazione di passaggi aerei sui voli di linea. Attualmente si sono ampliati fino ad includere una serie di prodotti turistici che comprende crociere, noleggio di auto e soggiorno. Il settore alberghiero in particolare si è attivato per avere un ritorno dai sistemi GDs, collegando propri sistemi di prenotazione a reti più ampie. Tuttavia attualmente solo il 10% delle prenotazioni effettuate attraverso GDs riguardano prodotti non-air I GDs sono strutturalmente sviluppati per un utilizzo globale, quindi non stupisce il loro rapido passaggio al web (1) definizione ufficiale OMT 37

38 E - commerce (1) Essendo quello turistico un prodotto intangibile, la distribuzione con tecnologia elettronica può essere particolarmente indicata. Le potenzialità della vendita diretta consentono da una parte al consumatore di raggiungere un mercato globale, dall altra di ridurre i costi di distribuzione e di amministrazione. I viaggi aerei rappresentano la fetta più ampia del commercio online e tutte le previsioni fanno pensare che questa predominanza resterà anche nel futuro. (1) definizione ufficiale OMT 38

39 Modalità di consumo "Turismo organizzato": quando viene effettuato attraverso pacchetti forniti da agenzie di viaggio e assimilati (Tour operators, Enti di promozione, ecc...) "Turismo autogestito o non organizzato": quando il turista prepara personalmente l'itinerario prenotando di persona i diversi servizi direttamente o tramite agenzia. La ripartizione della modalità di consumo può a sua volta essere fatta distinguendo il "mezzo di trasporto usato" ( aereo, treno, nave, automobile, ecc...) o le "modalità di alloggiamento" (albergo, campeggio, casa privata in affitto, casa di proprietà, ecc...). 39

40 Qualità del servizio Classificazione "Turismo di lusso": con caratteristiche elitarie ed elevati prezzi. "Turismo di massa": alla portata di una più ampia fascia di popolazione. 40

41 Estensione Classificazione (o numero dei servizi) "Servizio isolato semplice": formato da una unica prestazione. "Servizio isolato composto": formato da una serie di prestazioni che esauriscono la loro utilità nell'ambito di una giornata e che generalmente non si ripetono (es. escursione di un giorno). "Servizio complesso": formato da più servizi semplici o composti che formano un tutt'uno collegato e destinato al trasferimento temporaneo da un luogo ad un altro in un intervallo di tempo che supera il giorno, con itinerario e modalità determinati. 41

42 Servizi Complessi Classificazione "servizi complessi generici" non finalizzati a scopi essenzialmente di piacere, ma collegati ad avvenimenti specifici (mostre, spettacoli, visite a familiari,...) "viaggi a forfait (o tutto compreso, o in esclusive tours)" organizzati per motivi essenzialmente di piacere su richiesta del cliente (singolo o gruppo) o su catalogo da rivendere a clienti singoli da inserire in gruppi o a gruppi predeterminati. 42

43 Natura dei servizi Classificazione "Servizio di trasporto": movimento di persone via mare, aria, terra, ecc.. "Servizio di ricettività": soggiorni in alberghi, villaggi, case in affitto, ristoranti, ecc... "Servizi di accoglienza": nei luoghi di arrivo organizzando il trasferimento verso le strutture ricettive. "Servizi di accesso": ingresso a musei, spettacoli, manifestazioni, ecc... 43

44 Numerosità soggetti Classificazione "Servizi individuali": rivolti ad un unico fruitore. "Servizi collettivi": rivolti ad un gruppo. 44

45 Importanza (o forma) Classificazione "Servizi primari": fondamentali per il raggiungimento dello scopo turistico (alberghi, ristoranti, trasporti,...). "Servizi accessori": quando la loro mancanza non compromette lo svolgimento della attività (assicurazioni, accessi a manifestazioni, accompagnamenti,...). 45

46 Palesi e Nascosti Classificazione "Servizi palesi": quando il cliente entra in contatto personalmente con il servizio al momento del suo utilizzo. Il prezzo pagato per questi servizi è rappresentato da un biglietto o da un qualsiasi altro documento da presentare per goderne l'uso (voucher). Tali documenti sono detti definitivi se loro stessi rappresentano un titolo d'uso, sono detti sostituibili se è necessario il loro scambio con un titolo definitivo. "Servizi nascosti": quando il cliente gode indirettamente del loro uso nella costruzione del viaggio (telex, telefono, posta, banca,...). 46

47 Definizione Viaggio "l'insieme di servizi e di beni necessari per il trasferimento più idoneo di una persona e per i suo soggiorno più idoneo". Il viaggio è quindi strutturato per soddisfare la maggior parte delle esigenze che il turista esprime. Tali esigenze variano e possono dipendere: "Dallo scopo": dal motivo quindi che porta il cliente a muoversi (lavoro, salute, cultura, spettacolo, riposo, avventura,...) "Dal soggetto": a prescindere dal motivo, fattori personali quali l'età, il livello economico e culturale, la professione ecc... possono caratterizzare un viaggio. 47

48 Elementi di distinzione del viaggio "La durata": intervallo di tempo intercorrente tra l'inizio dell'utilizzo del primo servizio e la fine dell'utilizzo dell'ultimo. "L'itinerario": comprendente la scelta del mezzo di trasporto, il percorso da seguire, le soste da effettuare, le visite. L'itinerario è di solito riassunto in un prospetto più o meno dettagliato a secondo delle informazioni che offre. In relazione a questo aspetto i prospetti possono essere generici (quando contengono indicazioni di massima riguardo al periodo, l'itinerario, i servizi) oppure analitici (quando sono dettagliati gli orari, il nome degli alberghi, il numero dei voli ecc...). "I servizi offerti": cioè quell'insieme di prestazioni fondamentali o accessorie alla sua realizzazione. 48

Dal Marketing di di destinazione al al Marketing di di motivazione Tendenze di di mercato e proposte per rimanere competitivi

Dal Marketing di di destinazione al al Marketing di di motivazione Tendenze di di mercato e proposte per rimanere competitivi Dal Marketing di di destinazione al al Marketing di di motivazione Tendenze di di mercato e proposte per rimanere competitivi ALESSANDRO TORTELLI Direttore Centro Studi Turistici Firenze Via Piemonte 7

Dettagli

Le imprese di viaggi: norme regolatrici e loro attività

Le imprese di viaggi: norme regolatrici e loro attività Percorso A ndimento 5 Un it à di re p p A Le imprese di viaggi Le imprese di viaggi: norme regolatrici e loro attività All interno della legge-quadro 135 del 29 marzo 2001 sul turismo non c è una precisa

Dettagli

Agenzie di viaggio e turismo

Agenzie di viaggio e turismo LEGGE REGIONALE 23 marzo 2000, n. 42 Testo unico delle Leggi Regionali in materia di turismo. 3.4.2000 Bollettino Ufficiale della Regione Toscana - n. 15 (Testo coordinato con la L.R. 17 gennaio 2005 n.

Dettagli

L Agenzia turistica. Attività delle Agenzie turistiche. Le attività svolte dalle agenzie di viaggio possono essere analizzate secondo tre criteri.

L Agenzia turistica. Attività delle Agenzie turistiche. Le attività svolte dalle agenzie di viaggio possono essere analizzate secondo tre criteri. L Agenzia turistica L'agenzia di viaggi o agenzia di viaggi e turismo o agenzia turistica è una attività commerciale che offre servizi vari per chi si trovi ad effettuare un viaggio: dalla semplice emissione

Dettagli

TURISMO E IMPRESE TURISTICHE

TURISMO E IMPRESE TURISTICHE TURISMO E IMPRESE TURISTICHE 1 Alcune definizioni secondo le statistiche internazionali Escursionisti (same day visitors) Turisti (da minimo una notte a massimo un anno lontano dal luogo usuale dove vivono)

Dettagli

I I passeggeri Low Cost dell Aeroporto Internazionale di Pisa A cura di

I I passeggeri Low Cost dell Aeroporto Internazionale di Pisa A cura di I I passeggeri Low Cost dell Aeroporto Internazionale di Pisa A cura di Alessandro Tortelli Direttore Scientifico Centro Studi Turistici di Firenze Via Piemonte 7 50145 Firenze Tel 055 3438733-055 3438726

Dettagli

OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE DELLA LIGURIA RAPPORTO ANNUALE 2011

OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE DELLA LIGURIA RAPPORTO ANNUALE 2011 OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE DELLA LIGURIA RAPPORTO ANNUALE 2011 Focus Provincia di Savona Maggio 2012 A cura di I flussi turistici nelle strutture ricettive Le principali dinamiche e tendenze manifestate

Dettagli

Estate 2011 Prospettive per il turismo in Toscana. Progetto Check Markets. in collaborazione con il Centro Studi Turistici.

Estate 2011 Prospettive per il turismo in Toscana. Progetto Check Markets. in collaborazione con il Centro Studi Turistici. Estate 2011 Prospettive per il turismo in Toscana Alberto Peruzzini Progetto Check Markets in collaborazione con il Centro Studi Turistici Dirigente Servizio Turismo Toscana Promozione Firenze, 20 giugno

Dettagli

Annuario Statistico della Sardegna

Annuario Statistico della Sardegna Annuario Statistico della Sardegna TURISMO Turismo L Indagine sulla capacità degli esercizi ricettivi è una rilevazione censuaria condotta annualmente con l obiettivo di fotografare, al 31 dicembre di

Dettagli

GESTIRE UNA AGENZIA DI VIAGGIO E TURISMO NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

GESTIRE UNA AGENZIA DI VIAGGIO E TURISMO NELLA PROVINCIA DI FIRENZE GESTIRE UNA AGENZIA DI VIAGGIO E TURISMO NELLA PROVINCIA DI FIRENZE --- [ --- Prime note informative per il futuro agente di viaggio --- [ --- Questo opuscolo è stato realizzato dalla U.O. Agenzie di Viaggio

Dettagli

Andamento generale Graf. 1) variazione presenze e fatturato. Estate 2015

Andamento generale Graf. 1) variazione presenze e fatturato. Estate 2015 Anche nei campeggi Toscani il vento delle ripresa del turismo: il ritorno di italiani e stranieri così l'evoluzione della domanda di turismo all'aria aperta nel 2015 secondo gli operatori toscani www.osservatorioturismoariaaperta.it

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO. Capitolato Tecnico servizi di agenzia di viaggio. Pagina 1 di 11

CAPITOLATO TECNICO. Capitolato Tecnico servizi di agenzia di viaggio. Pagina 1 di 11 SERVIZIO DI AGENZIA DI VIAGGIO PER LA GESTIONE INTEGRATA DELLE TRASFERTE DI LAVORO DEL PERSONALE DI TURISMO TORINO E PROVINCIA, NONCHÉ DEI SERVIZI DI PIANIFICAZIONE, ORGANIZZAZIONE ED ASSISTENZA ACCESSORIA

Dettagli

OPERATORI TURISTICI IL TURISMO DEGLI G UIDA PER L INSEGNANTE. www.scuolaazienda.it. F. Cammisa G. Vacca

OPERATORI TURISTICI IL TURISMO DEGLI G UIDA PER L INSEGNANTE. www.scuolaazienda.it. F. Cammisa G. Vacca F. Cammisa G. Vacca IL TURISMO DEGLI OPERATORI TURISTICI G UIDA PER L INSEGNANTE La Guida si propone di supportare il volume per la classe terza Il turismo degli operatori turistici, in relazione agli

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA Facoltà di Economia - Sede di Rimini IL SISTEMA STATISTICO DEL TURISMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA Facoltà di Economia - Sede di Rimini IL SISTEMA STATISTICO DEL TURISMO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA Facoltà di Economia - Sede di Rimini IL SISTEMA STATISTICO DEL TURISMO 1 - L IMPORTANZA DI CAPIRE IL FENOMENO - Perché negli ultimi anni l attenzione sui temi turistici

Dettagli

La Toscana del turismo tra crisi e capacità competitiva Enrico Conti Firenze, 8 luglio 2015

La Toscana del turismo tra crisi e capacità competitiva Enrico Conti Firenze, 8 luglio 2015 Turismo & Toscana La Toscana del turismo tra crisi e capacità competitiva Enrico Conti Firenze, 8 luglio 2015 Il turismo nell economia Toscana Nel 2014 oltre 43,5 milioni di presenze ufficiali (+ 3 milioni

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore Morcone Don Peppino Diana

Istituto di Istruzione Superiore Morcone Don Peppino Diana Prot. n. Morcone, 30 gennaio 2012 CAPITOLATO D ONERI TRA ISTITUTO E AGENZIA DI VIAGGI Allegato n.1 1. L Agenzia di viaggi (di seguito denominato ADV) si impegna a rispettare tutte le norme del decr. lgs.

Dettagli

10 Turismo. Introduzione

10 Turismo. Introduzione 0 Turismo 2 Introduzione 3 Panorama 3 Il settore turistico ticinese 3 Evoluzioni recenti della domanda nel settore turistico 4 La domanda alberghiera per provenienza degli ospiti 5 La domanda alberghiera

Dettagli

Marketing delle destinazioni turistiche la filiera dell offerta turistica fonti Umberto Martini, Mariangela Franch, Roberta Garibaldi

Marketing delle destinazioni turistiche la filiera dell offerta turistica fonti Umberto Martini, Mariangela Franch, Roberta Garibaldi Marketing delle destinazioni turistiche la filiera dell offerta turistica fonti Umberto Martini, Mariangela Franch, Roberta Garibaldi Stefan Marchioro a.a. 2010-11 Economia applicata al turismo La filiera

Dettagli

SCHEMA DI CAPITOLATO D ONERI TRA LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E LE AGENZIE DI VIAGGI

SCHEMA DI CAPITOLATO D ONERI TRA LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E LE AGENZIE DI VIAGGI SCHEMA DI CAPITOLATO D ONERI TRA LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE E LE AGENZIE DI VIAGGI 1. L Agenzia di Viaggi (di seguito denominata ADV) si impegna a rispettare le indicazioni delle CC.MM. n. 291 del 14/10/1992

Dettagli

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO

LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO LE PERFORMANCE DI VENDITA DELLE IMPRESE DEL RICETTIVO Gennaio 2014 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Versione: 1.0 Quadro dell opera: Termine

Dettagli

ACCOMPAGNATRICE e ACCOMPAGNATORE TURISTICO

ACCOMPAGNATRICE e ACCOMPAGNATORE TURISTICO ACCOMPAGNATRICE e ACCOMPAGNATORE TURISTICO Aggiornato il 9 luglio 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO- BICOCCA FACOLTA DI SOCIOLOGIA I TOUR OPERATOR

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO- BICOCCA FACOLTA DI SOCIOLOGIA I TOUR OPERATOR UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO- BICOCCA FACOLTA DI SOCIOLOGIA I TOUR OPERATOR I TOUR OPERATOR Riforma della legislazione nazionale del turismo 135/2001 (art. 2 e ss.) Le imprese che svolgono attività

Dettagli

Il peso del turismo nell economia Toscana

Il peso del turismo nell economia Toscana Turismo & Toscana Il turismo in Toscana: un modello export led alla prova della crisi Enrico Conti Firenze, 13 giugno 2014 Il peso del turismo nell economia Toscana Nel 2013 oltre 43 milioni di presenze

Dettagli

Dalla spesa del visitatore ai risultati di bilancio delle aziende

Dalla spesa del visitatore ai risultati di bilancio delle aziende Dalla spesa del visitatore ai risultati di bilancio delle aziende Dalla spesa del visitatore ai risultati di bilancio delle aziende Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale dello Sviluppo Economico

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (LEGGE 07/08/90, N. 241, ART. 19 Regolamento Regionale Lazio n.19 del 24 Ottobre 2008).

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (LEGGE 07/08/90, N. 241, ART. 19 Regolamento Regionale Lazio n.19 del 24 Ottobre 2008). SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (LEGGE 07/08/90, N. 241, ART. 19 Regolamento Regionale Lazio n.19 del 24 Ottobre 2008). APERTURA DI NUOVA AGENZIA DI VIAGGIO E TURISMO Allo Sportello 00040 Unico

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE VG44U ATTIVITÀ 55.10.00 ALBERGHI ATTIVITÀ 55.20.51 AFFITTACAMERE PER BREVI SOGGIORNI, CASE ED APPARTAMENTI PER VACANZE, BED AND BREAKFAST, RESIDENCE ATTIVITÀ 55.90.20 ALLOGGI PER STUDENTI

Dettagli

FOCUS settembre 2015. Il viaggio dei pugliesi all estero, in base all indagine della Banca d Italia. Fonti: Banca d Italia Turismo internazionale

FOCUS settembre 2015. Il viaggio dei pugliesi all estero, in base all indagine della Banca d Italia. Fonti: Banca d Italia Turismo internazionale struttura. Il confronto dei dati dell Istat con le stime della Banca d Italia sembra evidenziare la presenza di altri fenomeni, oltre quello misurato dalle presenze straniere nelle strutture ricettive.

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 17 marzo 1995, n. 111. Attuazione della direttiva n. 90/314/CEE concernente i viaggi, le vacanze ed i circuiti tutto compreso.

DECRETO LEGISLATIVO 17 marzo 1995, n. 111. Attuazione della direttiva n. 90/314/CEE concernente i viaggi, le vacanze ed i circuiti tutto compreso. DECRETO LEGISLATIVO 17 marzo 1995, n. 111 Attuazione della direttiva n. 90/314/CEE concernente i viaggi, le vacanze ed i circuiti tutto compreso. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visti gli articoli 76 e

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (SCIA) AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (SCIA) AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO CODICE PRATICA *CODICE FISCALE*-GGMMAAAA-HH:MM Mod. 1/SCIA (Modello 0125 Versione 001-2014) SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ (SCIA) AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO Allo Sportello Unico delle Attività

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER LA CLASSE TERZA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER LA CLASSE TERZA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA PER LA CLASSE TERZA Il programma della classe terza si presenta ampio e articolato e risulta quindi impegnativo per gli allievi che si avvicinano per la prima volta a questa disciplina,

Dettagli

I docenti sono professionisti del settore quindi le lezioni avranno un carattere pratico e non solo nozionistico.

I docenti sono professionisti del settore quindi le lezioni avranno un carattere pratico e non solo nozionistico. PROGETTAZIONE corso ACCOMPAGNATORE TURISTICO 60 ORE Dott.ssa Riboni Antonella L accompagnatore turistico garantisce a diverse tipologie di utenza la corretta attuazione dei servizi che compongono un viaggio

Dettagli

L indagine viaggi e vacanze

L indagine viaggi e vacanze L indagine viaggi e vacanze Corso in Fonti, metodi e strumenti per l analisi dei flussi turistici A.A. 2009-2010 Prof.ssa Barbara Baldazzi Corso di Laurea PROGEST Facoltà di Lettere e Filosofia Università

Dettagli

in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI

in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO BOLLETTINO MENSILE INDAGINE QUANTITATIVA SUI COMPORTAMENTI TURISTICI DEGLI ITALIANI 1-2 bollettino mensile Gennaio Febbraio 2009 Marzo 2009 A cura

Dettagli

Regolamento del Servizio Agenzia Viaggi Telefonica Club iosi

Regolamento del Servizio Agenzia Viaggi Telefonica Club iosi Regolamento del Servizio Agenzia Viaggi Telefonica Club iosi 1. Caratteristiche generali del Servizio 2. Aventi diritto 3. Norme d uso del Servizio 4. Avvertenze 1. Caratteristiche del Servizio Il Servizio

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

Timbro Protocollo. Il/La sottoscritto/a Cognome Nome Data di nascita / / Luogo di nascita (Prov. ) Cittadinanza C.F.

Timbro Protocollo. Il/La sottoscritto/a Cognome Nome Data di nascita / / Luogo di nascita (Prov. ) Cittadinanza C.F. Timbro Protocollo APERTURA AGENZIA VIAGGIO E TURISMO AREA COMMERCIO E ATTIVITA PRODUTTIVE Sportello Unificato per il Commercio Servizio Attività Economiche e di Servizio SUAP Pianificazione Commerciale

Dettagli

Regolamento del Servizio Agenzia Viaggi Telefonica Club iosi

Regolamento del Servizio Agenzia Viaggi Telefonica Club iosi Regolamento del Servizio Agenzia Viaggi Telefonica Club iosi 1) Caratteristiche generali del Servizio 2) Aventi diritto 3) Norme d uso del Servizio 4) Servizi e vantaggi in dettaglio 5) Avvertenze 1) Caratteristiche

Dettagli

Tur e geo economica! Competizione internazionale! Genova, Rio, Marsiglia, Barcellona, Cagliari, Milano, Torino,! Grandi eventi (rio e brasila)!

Tur e geo economica! Competizione internazionale! Genova, Rio, Marsiglia, Barcellona, Cagliari, Milano, Torino,! Grandi eventi (rio e brasila)! Tur e geo economica! Competizione internazionale! Genova, Rio, Marsiglia, Barcellona, Cagliari, Milano, Torino,! Grandi eventi (rio e brasila)! Su questa base (ma non solo) ci si occupa:! Comportamento

Dettagli

BAROMETRO IPSOS - EUROP ASSISTANCE 2011

BAROMETRO IPSOS - EUROP ASSISTANCE 2011 BAROMETRO IPSOS - EUROP ASSISTANCE 2011 Gli europei e le vacanze estive: abitudini e tendenze Sintesi della ricerca Anche quest anno l Istituto di Ricerca IPSOS ha realizzato per conto di Europ Assistance

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO

OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO OSSERVATORIO NAZIONALE SUL TURISMO Seconda indagine nazionale sui prezzi rilevati nei siti web degli alberghi e delle strutture turistiche nelle località balneari italiane. Stagione estiva 2007 a cura

Dettagli

IL TESTO UNICO IN MATERIA DI TURISMO DELLA REGIONE LOMBARDIA a cura di Riccardo Perini GUIDE ACCOMPAGNATORI E AGENZIE TURISTICHE

IL TESTO UNICO IN MATERIA DI TURISMO DELLA REGIONE LOMBARDIA a cura di Riccardo Perini GUIDE ACCOMPAGNATORI E AGENZIE TURISTICHE IL TESTO UNICO IN MATERIA DI TURISMO DELLA REGIONE LOMBARDIA a cura di Riccardo Perini GUIDE ACCOMPAGNATORI E AGENZIE TURISTICHE Cominciamo con questo numero ad analizzare le disposizioni contenute nel

Dettagli

DA LUOGHI A DESTINAZIONI TURISTICHE

DA LUOGHI A DESTINAZIONI TURISTICHE DA LUOGHI A DESTINAZIONI TURISTICHE 1 marzo 2008 IL CONTESTO STORICO Negli ultimi 20 anni l industria turistica ha aumentato la sua complessità. Dagli anni 90 fenomeni innovativi hanno modificato la natura

Dettagli

Alla Provincia Barletta Andria Trani 9^ Settore Cultura Turismo Sport e Politiche Sociali P.zza San Pio X n. 9 76123 - Andria

Alla Provincia Barletta Andria Trani 9^ Settore Cultura Turismo Sport e Politiche Sociali P.zza San Pio X n. 9 76123 - Andria Marca da bollo Euro 14,62 Alla Provincia Barletta Andria Trani 9^ Settore Cultura Turismo Sport e Politiche Sociali P.zza San Pio X n. 9 76123 - Andria DOMANDA DI NUOVA AUTORIZZAZIONE (L.R. 34/2007) PER

Dettagli

Disciplina delle attivita' di organizzazione ed intermediazione di viaggi e turismo.

Disciplina delle attivita' di organizzazione ed intermediazione di viaggi e turismo. Legge regionale 30 marzo 1988, n. 15. (Testo coordinato) Disciplina delle attivita' di organizzazione ed intermediazione di viaggi e turismo. (B.U. 6 aprile 1988, n. 14) Modificata da l.r. 22/2009, l.r.

Dettagli

CHI SIAMO PROFESSIONISTI DEL TURISMO E MARKETING PROMOZIONALE

CHI SIAMO PROFESSIONISTI DEL TURISMO E MARKETING PROMOZIONALE love your holidays Le Vacanze sono momenti importanti della nostra vita, ricordi, emozioni, esperienze amicizie.. Scegli chi può far vivere le tue emozioni CHI SIAMO PROFESSIONISTI DEL TURISMO E MARKETING

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PRENOTAZIONE E RILASCIO TITOLI DI VIAGGIO, ALBERGHIERI, DI PIANIFICAZIONE ED ORGANIZZAZIONE VIAGGI ED ASSISTENZA ACCESSORIA,

Dettagli

SCHEMA DI CAPITOLATO D ONERI TRA L ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE N. MACHIAVELLI DI LUCCA E LE AGENZIE DI VIAGGI

SCHEMA DI CAPITOLATO D ONERI TRA L ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE N. MACHIAVELLI DI LUCCA E LE AGENZIE DI VIAGGI SCHEMA DI CAPITOLATO D ONERI TRA L ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE N. MACHIAVELLI DI LUCCA E LE AGENZIE DI VIAGGI 1) L agenzia di viaggi ( di seguito denominata adv) si impegna a rispettare le indicazioni

Dettagli

VIAGGI E VACANZE IN ITALIA E ALL ESTERO

VIAGGI E VACANZE IN ITALIA E ALL ESTERO 12 febbraio 2014 Anno 2013 VIAGGI E VACANZE IN ITALIA E ALL ESTERO Nel 2013, i residenti in Italia hanno effettuato 63 milioni e 154 mila viaggi con pernottamento, contro i 78 milioni e 703 mila dell anno

Dettagli

Viaggi e vacanze in Italia e all estero

Viaggi e vacanze in Italia e all estero 19 febbraio 2007 Viaggi e vacanze in Italia e all estero Anno 2006 L Istat presenta le stime preliminari dei principali aggregati relativi alla domanda di turismo in Italia nel 2006. Le informazioni provengono

Dettagli

BRAVOFLY GROUP: INFORMAZIONI GENERALI

BRAVOFLY GROUP: INFORMAZIONI GENERALI BRAVOFLY GROUP: INFORMAZIONI GENERALI CHI SIAMO Bravofly è leader in Europa per la ricerca e acquisto dei voli e ha un progetto ambizioso: diventare il punto di riferimento europeo per il turismo e il

Dettagli

Provincia e nel Comune

Provincia e nel Comune Il turismo nella Provincia e nel Comune di Siena I numeri del 2014 (Elaborazioni Centro Studi Turis4ci di Firenze su da4 Amministrazione Provinciale di Siena) I NUMERI DEL 2014 PROVINCIA DI SIENA Circa

Dettagli

QUOTA PRATICA NESSUNA QUOTA PRATICA SARÀ DOVUTA DAL SOCIO CLIENTE PER L UTILIZZO DEL VOUCHER.

QUOTA PRATICA NESSUNA QUOTA PRATICA SARÀ DOVUTA DAL SOCIO CLIENTE PER L UTILIZZO DEL VOUCHER. REGOLAMENTO MONDO VACANZE! DIRITTI E DOVERI DEL CLIENTE MONDO VACANZE! 1) IL POSSESSORE DI VOUCHER PER UTILIZZARE I DIRITTI DERIVANTI DAL VOUCHER DOVRÀ CONTATTARE IL CENTRO PRENOTAZIONI B.L.U. 2) IL VOUCHER

Dettagli

Osservatorio Touring sul turismo scolastico Principali risultati dell a.s. 2012/2013 A cura del Centro Studi TCI

Osservatorio Touring sul turismo scolastico Principali risultati dell a.s. 2012/2013 A cura del Centro Studi TCI Osservatorio Touring sul turismo scolastico Principali risultati dell a.s. 2012/2013 A cura del Centro Studi TCI Perché un Osservatorio sul turismo scolastico? L Osservatorio Touring sul turismo scolastico

Dettagli

EQUITALIA POLIS S.p.A.

EQUITALIA POLIS S.p.A. EQUITALIA POLIS S.p.A. Gara d appalto comunitaria a procedura aperta, indetta ai sensi del D.Lgs. 163/06 e s.m.i., per l affidamento dei servizi di prenotazione e rilascio di titoli di viaggio (aerei,

Dettagli

SEGNALA ai sensi dell art.19 della legge n. 241/1990 e s.m.i.

SEGNALA ai sensi dell art.19 della legge n. 241/1990 e s.m.i. Timbro Protocollo MODIFICHE AGENZIA VIAGGIO E TURISMO AREA COMMERCIO E ATTIVITA PRODUTTIVE Sportello Unificato per il Commercio Servizio Attività Economiche e di Servizio SUAP Pianificazione Commerciale

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI SULLE STRUTTURE RICETTIVE TURISTICHE

DOMANDE FREQUENTI SULLE STRUTTURE RICETTIVE TURISTICHE 1) Cosa è un attività Turistica Ricettiva? DOMANDE FREQUENTI SULLE STRUTTURE RICETTIVE TURISTICHE Si definisce attività Ricettiva Turistica quella diretta alla produzione ed all offerta al pubblico di

Dettagli

Osservatorio Turistico della Regione Liguria

Osservatorio Turistico della Regione Liguria Osservatorio Turistico della Regione LE DIMENSIONI ED I COMPORTAMENTI DELLA DOMANDA TURISTICA ITALIANA ATTUALE E POTENZIALE Le vacanze dei liguri - Febbraio 2011 A cura di Sommario Premessa... 3 Le vacanze

Dettagli

CONVENZIONE Associati Bergamo

CONVENZIONE Associati Bergamo CONVENZIONE Associati Bergamo CHI SIAMO: AGENZIA VIAGGI E TURISMO e formata da professionisti che mettono a disposizione la loro esperienza nel mondo dei viaggi, per soddisfare le esigenze e le aspettative

Dettagli

DETTAGLIO DATI RELATIVI ALLA SPAGNA. Dom. 1 Quante persone maggiorenni, lei compreso, risiedono a casa sua?

DETTAGLIO DATI RELATIVI ALLA SPAGNA. Dom. 1 Quante persone maggiorenni, lei compreso, risiedono a casa sua? Paese Interviste Spagna 250 DETTAGLIO DATI RELATIVI ALLA SPAGNA Dom. 1 Quante persone maggiorenni, lei compreso, risiedono a casa sua? 01 Una 16.8 % 02 Due 31.7 % 03 Tre 36.7 % 04 Quattro 9.3 % 05 Cinque

Dettagli

REGOLAMENTO MISSIONI E RIMBORSI SPESE IN ITALIA E ALL ESTERO

REGOLAMENTO MISSIONI E RIMBORSI SPESE IN ITALIA E ALL ESTERO REGOLAMENTO MISSIONI E RIMBORSI SPESE IN ITALIA E ALL ESTERO Personale dipendente Personale comandato (incluso il personale ex IRRE) Collaboratori con contratto di collaborazione coordinata e continuativa

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE SASSETTI-PERUZZI Sede coordinata di Scandicci A.S. 2013-14 Classe IIIA1 Attività di codocenza nell ambito dei percorsi di IeFP

ISTITUTO PROFESSIONALE SASSETTI-PERUZZI Sede coordinata di Scandicci A.S. 2013-14 Classe IIIA1 Attività di codocenza nell ambito dei percorsi di IeFP ISTITUTO PROFESSIONALE SASSETTI-PERUZZI Sede coordinata di Scandicci A.S. 2013-14 Classe IIIA1 Attività di codocenza nell ambito dei percorsi di IeFP Economia aziendale e Diritto ed economia Prof.ssa Amalia

Dettagli

Patto per lo sviluppo turistico di Pistoia e della Montagna Pistoiese

Patto per lo sviluppo turistico di Pistoia e della Montagna Pistoiese Agenzia Per il Turismo Provincia di Pistoia Comunità Montana Abetone Pistoia Montagna Pistoiese Appennino Pistoiese Patto per lo sviluppo turistico di Pistoia e della Montagna Pistoiese La Provincia di

Dettagli

Percorso formativo Riflessioni sul sistema contabile delle Agenzie di Viaggi e Turismo. A cura di Caterina Claudi. I INCONTRO Organizzato da

Percorso formativo Riflessioni sul sistema contabile delle Agenzie di Viaggi e Turismo. A cura di Caterina Claudi. I INCONTRO Organizzato da Percorso formativo Riflessioni sul sistema contabile delle Agenzie di Viaggi e Turismo ANALISI REGIMI IVA APPLICABILI AL SETTORE DELLE AGENZIE DI VIAGGIO A cura di I INCONTRO Organizzato da FIAVET LAZIO

Dettagli

SCHEDE MERCATO BRASILE

SCHEDE MERCATO BRASILE SCHEDE MERCATO BRASILE Dicembre 2011 in collaborazione con Sommario Quadro d insieme... 1 Il mercato turistico brasiliano... 3 Conclusioni... 11 Nota metodologica... 12 Quadro d insieme Caratteristiche

Dettagli

Licenza n. 560 del 20/02/2006 - Assicurazione n. 280002/2011. Condizioni generali del contratto

Licenza n. 560 del 20/02/2006 - Assicurazione n. 280002/2011. Condizioni generali del contratto Via J. Kennedy, 128 Belmonte Mezzagno (PA) Tel. 0918736345 / 091 6156221 Fax 0913809815 scafidiviaggi@virgilio.it - www.scafidiviaggi.com Licenza n. 560 del 20/02/2006 - Assicurazione n. 280002/2011 Condizioni

Dettagli

Economia del turismo

Economia del turismo Università degli Studi di Cagliari Facoltà di Economia Corso di Laurea in Economia e Gest. dei Serv. Turistici A.A. 2014-2015 Economia del turismo Prof.ssa Carla Massidda Sezione 1 INTRODUZIONE ALL ECONOMIA

Dettagli

Carta dei Diritti del Turista

Carta dei Diritti del Turista Comitato Regionale Veneto PortaDiritti Consigli utili per scelte consapevoli Carta dei Diritti del Turista Quante volte accingendoci a sottoscrivere un contratto, ad acquistare un bene, ad usufruire di

Dettagli

Progetto Info Point 2006*

Progetto Info Point 2006* Progetto Info Point 2006* Attività di rilevazione Attività di informazione e accoglienza OBIETTIVO Costruire un campione statistico in grado di evidenziare le informazioni riferite al complesso della domanda

Dettagli

Osservatorio Turistico della Regione Liguria

Osservatorio Turistico della Regione Liguria Osservatorio Turistico della Regione ITALIANA ATTUALE E POTENZIALE Le vacanze dei liguri - Agosto 2010 A cura di Sommario Premessa... 3 Le vacanze dei residenti in... 4 Nota metodologica... 13 Periodo

Dettagli

VIAGGI E VACANZE IN ITALIA E ALL ESTERO

VIAGGI E VACANZE IN ITALIA E ALL ESTERO 13 febbraio 2013 Anno 2012 VIAGGI E VACANZE IN ITALIA E ALL ESTERO Nel 2012 i viaggi con pernottamento effettuati in Italia e all estero dai residenti sono stati 78 milioni e 703 mila. Rispetto all anno

Dettagli

Master Agente di Viaggi

Master Agente di Viaggi Pagina 8 MASTER AGENTE di VIAGGI Master Agente di Viaggi Prezzo 185 fissata in 4 mesi, entro cui bisogna sostenere i tre esami dei corsi del Master. ripetere l esame, se l esito è negativo. Superando gli

Dettagli

Regime speciale IVA per le agenzie di viaggio. di Miriam Berretta. Agenzie di viaggio. Regime speciale Iva per le agenzie di viaggio

Regime speciale IVA per le agenzie di viaggio. di Miriam Berretta. Agenzie di viaggio. Regime speciale Iva per le agenzie di viaggio Regime speciale IVA per le agenzie di viaggio di Miriam Berretta 1 Agenzie di viaggio Si possono definire agenzie di viaggio e turismo le imprese che esercitano attività di produzione, organizzazione di

Dettagli

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA ANALISI DEI COMPORTAMENTI DELLA DOMANDA TURISTICA NAZIONALE E INTERNAZIONALE

OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA ANALISI DEI COMPORTAMENTI DELLA DOMANDA TURISTICA NAZIONALE E INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA ANALISI DEI COMPORTAMENTI DELLA DOMANDA TURISTICA NAZIONALE E INTERNAZIONALE Le vacanze dei liguri 2008 - Abstract Aprile 2009 A cura di Sommario Premessa... 3 Le vacanze

Dettagli

Classificazione delle strutture ricettive alberghiere di Milano e provincia

Classificazione delle strutture ricettive alberghiere di Milano e provincia Classificazione delle strutture ricettive alberghiere di Milano e provincia 20 21 22 23 febbraio 2012 Istituto Moreschi via San Michele del Carso, 25 - Milano 1 2 3 INDICE 1. Riferimenti normativi 2. Funzioni

Dettagli

DETTAGLIO DATI RELATIVI ALLA LITUANIA. Dom. 1 Quante persone maggiorenni, lei compreso, risiedono a casa sua?

DETTAGLIO DATI RELATIVI ALLA LITUANIA. Dom. 1 Quante persone maggiorenni, lei compreso, risiedono a casa sua? Paese Interviste Lituania 21 DETTAGLIO DATI RELATIVI ALLA LITUANIA Dom. 1 Quante persone maggiorenni, lei compreso, risiedono a casa sua? 01 Una 14.4 % 02 Due 33.2 % 03 Tre 38.0 % 04 Quattro 9.6 % 05 Cinque

Dettagli

Osservatorio Turistico di Destinazione (NECSTOUR) 2011 2012 Provincia di Livorno Il mercato turistico in provincia di Livorno Anno 2011 maggio 2012

Osservatorio Turistico di Destinazione (NECSTOUR) 2011 2012 Provincia di Livorno Il mercato turistico in provincia di Livorno Anno 2011 maggio 2012 PROVINCIA DI LIVORNO Osservatorio Turistico di Destinazione (NECSTOUR) 2011 2012 Provincia di Livorno Il mercato turistico in provincia di Livorno Anno 2011 maggio 2012 1 1. Sintesi dei risultati Il mercato

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE WG44U ATTIVITÀ 55.10.00 ALBERGHI ATTIVITÀ 55.20.51 AFFITTACAMERE PER BREVI SOGGIORNI, CASE ED APPARTAMENTI PER VACANZE, BED AND BREAKFAST, RESIDENCE ATTIVITÀ 55.90.20 ALLOGGI PER STUDENTI

Dettagli

INDAGINE SUL CICLOTURISMO IN TRENTINO. - estate 2009 -

INDAGINE SUL CICLOTURISMO IN TRENTINO. - estate 2009 - Osservatorio Provinciale per il Turismo Servizio Turismo - Provincia Autonoma Trento www.turismo.provincia.tn.it/osservatorio/ Ufficio Piste ciclopedonali Servizio Conservazione della natura e valorizzazione

Dettagli

La promozione dell azienda agrituristica Il punto di vista di un Tour Operator Farm Holidays

La promozione dell azienda agrituristica Il punto di vista di un Tour Operator Farm Holidays La promozione dell azienda agrituristica Il punto di vista di un Tour Operator Farm Holidays Andrea Mazzanti Agriturismo Villa Tombolina Montemaggiore al Metauro (PU) 19 Novembre 2008 Agriturismo in Italia

Dettagli

PROVINCIA DI PISTOIA

PROVINCIA DI PISTOIA PROVINCIA DI PISTOIA Regolamento per l erogazione dei contributi per soggiorni e gite sulla Montagna Pistoiese a scuole statali e private (italiane ed estere), Enti non commerciali (Associazioni Sportive

Dettagli

OGGETTO: DIA PER APERTURA NUOVA AGENZIA VIAGGI O FILIALE A GESTIONE INDIRETTA L.R. 15/88.

OGGETTO: DIA PER APERTURA NUOVA AGENZIA VIAGGI O FILIALE A GESTIONE INDIRETTA L.R. 15/88. Al Sig. Sindaco del Comune di SAN MAURIZIO C.SE OGGETTO: DIA PER APERTURA NUOVA AGENZIA VIAGGI O FILIALE A GESTIONE INDIRETTA L.R. 15/88. Il/La sottoscritto/a..... Consapevole delle sanzioni penali, nel

Dettagli

DISTRIBUZIONE DEL PRODOTTO TURISTICO ON LINE, ANALISI DI BILANCIO PER INDICI, ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DEI RICAVI E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE

DISTRIBUZIONE DEL PRODOTTO TURISTICO ON LINE, ANALISI DI BILANCIO PER INDICI, ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DEI RICAVI E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Temi in preparazione alla maturità DISTRIBUZIONE DEL PRODOTTO TURISTICO ON LINE, ANALISI DI BILANCIO PER INDICI, ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DEI RICAVI E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE

Dettagli

ALLA PROVINCIA BARLETTA ANDRIA TRANI 9^ Settore Cultura Turismo Sport e Politiche Sociali Via De Gemmis n. 42-44 76125 TRANI

ALLA PROVINCIA BARLETTA ANDRIA TRANI 9^ Settore Cultura Turismo Sport e Politiche Sociali Via De Gemmis n. 42-44 76125 TRANI Marca da bollo Euro 14,62 ALLA PROVINCIA BARLETTA ANDRIA TRANI 9^ Settore Cultura Turismo Sport e Politiche Sociali Via De Gemmis n. 42-44 76125 TRANI DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL APERTURA E ALL ESERCIZIO

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

Definzione di imprenditore

Definzione di imprenditore Definzione di imprenditore Secondo l art. 2082 del c.c. l imprenditore è colui che svolge professionalmente un attività economica organizzata al fine della produzione e dello scambio di beni e servizi.

Dettagli

Le strategie di valorizzazione turistica. Dott. Sebastiano MANGIAGLI

Le strategie di valorizzazione turistica. Dott. Sebastiano MANGIAGLI Le strategie di valorizzazione turistica Dott. Sebastiano MANGIAGLI IL FENOMENO TURISTICO 2 IL FENOMENO TURISTICO Tipologie di viaggiatori VIAGGIATORI Visitatori, che attivano la domanda turistica (per

Dettagli

Viaggi e vacanze in Italia e all estero

Viaggi e vacanze in Italia e all estero 17 febbraio 2010 Viaggi e vacanze in Italia e all estero Anno L Istat presenta le stime preliminari dei principali aggregati relativi alla domanda di turismo in Italia nel. Le informazioni provengono dall

Dettagli

il contesto turistico maltese

il contesto turistico maltese 29 31 2. Il contesto turistico maltese 2.1 I trend della domanda Dopo aver attraversato un ciclo economico quarantennale, tra periodi di forte crescita e periodi di crisi, il settore turistico è divenuto

Dettagli

Introduzione Obbiettivo: Modalità Riflessione:

Introduzione Obbiettivo: Modalità Riflessione: Le fasi del turismo Dalla industrializzazione alla massificazione del turismo. 1830-1914: industrializzazione 1914-1945: democratizzazione 1945-2000: massificazione Introduzione Obbiettivo: ottenere una

Dettagli

Viaggi e vacanze in Italia e all estero

Viaggi e vacanze in Italia e all estero 18 febbraio 2009 Viaggi e vacanze in Italia e all estero Anno L Istat presenta le stime preliminari dei principali aggregati relativi alla domanda di turismo in Italia nel. Le informazioni provengono dall

Dettagli

La fedeltà nella scelta della destinazione turistica

La fedeltà nella scelta della destinazione turistica 1 La fedeltà nella scelta della destinazione turistica L Italia ed il turismo internazionale Venezia 15 Dicembre 2009 PAOLO SERGARDI Contesto 2 Ad Aprile 2008 è stata inserita una nuova domanda nel questionario

Dettagli

LA CULTURA DEL TURISMO IN INDIA ANALISI E PROSPETTIVE

LA CULTURA DEL TURISMO IN INDIA ANALISI E PROSPETTIVE LA CULTURA DEL TURISMO IN INDIA ANALISI E PROSPETTIVE A seguire l'analisi dei seguenti aspetti riferiti al Mercato Turistico Indiano: 1. Breve analisi del trend turistico indiano in generale 2. Trend turistico

Dettagli

Il turismo in Veneto nel 2015

Il turismo in Veneto nel 2015 Federico Caner Assessore all'attuazione del programma, rapporti con Consiglio regionale, programmazione fondi UE, turismo, commercio estero Palazzo Balbi Venezia, 18 febbraio 216 I numeri del turismo Veneto

Dettagli

Accompagnatore di turismo equestre

Accompagnatore di turismo equestre Accompagnatore di turismo equestre Accompagna, per professione, singole persone o gruppi di persone in gite a cavallo. Legge regionale 26 novembre 2001 n. 33 Diploma di scuola dell'obbligo. Per i cittadini

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Legge regionale 30 marzo 1988, n. 15 e s.m.i..

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Legge regionale 30 marzo 1988, n. 15 e s.m.i.. Allegato C alla determinazione n. 286 del 15 marzo 2010 COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Legge regionale 30 marzo 1988, n. 15 e s.m.i..)

Dettagli

Nell ambito del sistema degli accadimenti di ciascun istituto una posizione centrale è occupata dalle combinazioni economiche generali

Nell ambito del sistema degli accadimenti di ciascun istituto una posizione centrale è occupata dalle combinazioni economiche generali LE COMBINAZIONI ECONOMICHE Nell ambito del sistema degli accadimenti di ciascun istituto una posizione centrale è occupata dalle combinazioni economiche generali Che rappresentano le operazioni economiche

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UG44U ATTIVITÀ 55.10.B ATTIVITÀ 55.23.6 ALBERGHI E MOTEL, CON RISTORANTE ALBERGHI E MOTEL, SENZA RISTORANTE

STUDIO DI SETTORE UG44U ATTIVITÀ 55.10.B ATTIVITÀ 55.23.6 ALBERGHI E MOTEL, CON RISTORANTE ALBERGHI E MOTEL, SENZA RISTORANTE STUDIO DI SETTORE UG44U ATTIVITÀ 55.10.A ALBERGHI E MOTEL, CON RISTORANTE ATTIVITÀ 55.10.B ALBERGHI E MOTEL, SENZA RISTORANTE ATTIVITÀ 55.23.4 AFFITTACAMERE PER BREVI SOGGIORNI, CASE ED APPARTAMENTI PER

Dettagli

Tenerife Mar Rosso Cuba Messico Rep. Dominicana Thailandia Kenya Zanzibar. maredamare

Tenerife Mar Rosso Cuba Messico Rep. Dominicana Thailandia Kenya Zanzibar. maredamare Tenerife Mar Rosso Cuba Messico Rep. Dominicana Thailandia Kenya Zanzibar maredamare non solo turismo promuove lo sviluppo in Africa collaborando con Un impegno di giustizia per la realizzazione dei suoi

Dettagli