Reti di Calcolatori II

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Reti di Calcolatori II"

Transcript

1 Reti di Calcolatori II SNMP Giorgio Ventre COMICS LAB Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Napoli Federico II Nota di Copyright Quest insieme di trasparenze è stato ideato e realizzato dai ricercatori del Gruppo di Ricerca sull Informatica Distribuita del Dipartimento di Informatica e Sistemistica dell Università di Napoli e del Laboratorio Nazionale per la Informatica e la Telematica Multimediali. Esse possono essere impiegate liberamente per fini didattici esclusivamente senza fini di lucro, a meno di un esplicito consenso scritto degli Autori. Nell uso dovrà essere esplicitamente riportata la fonte e gli Autori. Gli Autori non sono responsabili per eventuali imprecisioni contenute in tali trasparenze né per eventuali problemi, danni o malfunzionamenti derivanti dal loro uso o applicazione. 1

2 Background Inizio anni 80: incredibile espansione delle installazioni di reti Metà anni 80: complessità cresscente nella gestione Day-by-day network operation management & strategic network growth planning incremento della complessità di topologie e di tecnologie installazioni con tecnologie totalmente o parz. incompatibili apparati e sistemi situati in siti remoti Una rete corporate Cruise Lines Headquarters > 750,000 business transactions per day > 1,600 users Host systems include a Unisys 2200/900 and 6000/85 At each floor: ATM/Fast Ethernet switches with redundant 155 Mbps ATM downlinks to the backbone 4 fully meshed ATM switches form the ATM backbone FDDI bridges Router for WAN connection La gestione di una tale infrastruttura sarebbe impossibile senza gli strumenti idonei! 2

3 Perché si fa network management? MONITORING OSI Management Functional Areas (ISO) Performance Management Fault Management Accounting Management Configuration Management Security Management CONTROL Network monitoring: osservare ed analizzare lo stato ed il comportamento degli elementi della rete. Network control: modificare i parametri di funzionamento di una rete 3

4 Strategie di Network monitoring Network monitoring è critico per il network management Le informazioni sulla rete sono raccolte e rese disponibili alle entità di gestione Due possibili tecniche: Polling manager-initiated periodico Event reporting agent-initiated non periodico: solo in caso di specifici eventi più efficiente reazione immediata a situazioni critiche meno traffico sulla rete Scopi del Network Management The ISO Recommendation (1989) identifies the following 5 Functional Areas for Network Management: Performance management Measurement and presentation of performance indices Fault management Detection, notification, isolation & correction of net faults Configuration management Monitoring and management of device hw/sw configuration Accounting management Measurement of resource usage for billing/fair sharing (quotas) Security management Control of accesses to net resources Protection against sabotages / misbehaviours 4

5 Performance management Performance management goals to determine the effective utilization of network resources in order to remove potential bottlenecks and detect possible failures Performance management involves several steps: Gather network performance data Analyze data to determine normal (baseline) levels Determine thresholds for performance indices Monitoring of performance indices Performance management (2) Reactive vs. Proactive methods Reactive management methods Mgmt entities continually monitor performance variables Threshold exceeded alert generated Proactive management methods Effect of network growth on performance simulated Counteractive measures can be taken In practice, bot methods are used Reactive methods Day-by-day operational management Proactive methods Long-term network capacity planning 5

6 Fault management Fault management goals to detect, log, notify, and (if possible) automatically fix network problems in order to keep the network running effectively Fault management involves several steps: Determine problem symptoms Isolate the problem Fix the problem Test the fix on all important subsystems Record the problem's detection and resolution (logging) Fault & Performance mgmt both involve performance monitoring Configuration management Configuration management goals to gather/monitor network configuration information so that the effects on network operation of various versions of hw and sw elements can be tracked and managed Several version information associated to net devices hw/sw/firmware version no. & serial no. Configuration mgmt info stored in a database A problem occurs Configuration db searched for clues (e.g. to check known incompatibilies) 6

7 Accounting management Accounting management goals to measure network utilization parameters so that usage of network resources by individuals or groups can be regulated appropriately Accounting management ultimate goals Reduce network problems thanks to resource partitioning Achieve fairness of resource usage (e.g. quotas) Collect usage patterns information Provide basic data for billing Security management Security management goals to control access to network resources according to local guidelines so that the network cannot be sabotaged and sensitive information cannot be accessed by users lacking appropriate authorization Security management includes several functions: Identification of sensitive network resources (hw & sw) Mapping between sensitive network resources and user sets Monitoring of access points to sensitive network resources Logging of inappropriate access to sensitive net resources 7

8 Obiettivi di SNMP Semplicità (bassi costi di implementazione): numero limitato di primitive, meccanismi elementari, in particolare lato Agent Ubiquità (stessa tecnologia per una stampante o un Cray) Estendibilità (possibilità di definire nuove MIB) Rappresentazione dei dati indipendente dalla piattaforma Robustezza (scelta di UDP, connectionless protocol) Indipendenza da altri servizi di rete (DNS, NIS ) Standard internazionale ( vendor-independent ) Storia» 1988: Simple Network Management Protocol (SNMP) - proposed» 1990: Simple Network Management Protocol - standard» 1991: Management Information Base II - standard» 1993: SNMPv2 (Party/Context) - historical» 1996: SNMPv2 (Communities) - draft/experimental» 1998: SNMPv3 (User-based) - draft SNMPv1 molto diffusa in ambito reti dati SNMPv2 ha portato alcuni miglioramenti, ma non ha raggiunto gli obiettivi e non è diventato uno standard SNMPv3 accettato, ma ancora poco usato 8

9 Processo di standardizzazione IETF RFC Request For Comments Working Document Experimental Prime implementazioni Ci devono essere più implementazioni in grado di interoperare Proposed Standard Draft Standard Modifiche necessarie Rigettato Modifiche necessarie Rigettato Full Standard Obsoleto Historical RFC relative ad SNMP RFC 1155: SMI RFC 1157: specifica formale di SNMPv1 RFC 1213: definizione MIB II RFC 1215 (non standard): definizione trap RFC 1441: SNMPv2 RFC : SNMPv3 tante altre RFC che definiscono altre MIB 9

10 Il protocollo SNMP (1) Messaggi scambiati tra Agent e Manager chiamati PDU (Protocol Data Unit) Viaggiano sul protocollo UDP I dati richiesti o forniti vengono codificati secondo le BER (Basic Encoding Rules) per renderli indipendenti dalla rappresentazione interna di ciascun apparato IP Header (source address, destination address, length...) UDP Header (source port, destination port, checksum, length) Messaggio SNMP (header + PDU) Il protocollo SNMP (2) SNMP Management Station SNMP Agent Management Application Application manages objects Managed Resources SNMP Managed Objects SNMP Manager UDP IP Network-dependent protocols SNMP Messages SNMP Manager UDP IP Network-dependent protocols Network or Internet 10

11 SNMP PDU I tipi di messaggio si chiamano primitive 3 primitive Manager Agent» GetRequest» GetNextRequest» SetRequest 1 primitiva Agent Manager» Trap SNMP: agent-manager interaction Manager get-request get-response UDP port 161 Agent get-next-request get-response UDP port 161 set-request UDP port 161 get-response UDP port 162 trap 11

12 Struttura della PDU SNMP Message Version Community SNMP PDU PDU Type Request ID Error Status Error Index Variable Bindings SNMP PDU Name 1 Value 1 Name 2 Value 2.. Name n Variable bindings Value n Campi della PDU (1) Version: vale 1 per SNMPv1 Community: password di autenticazione in chiaro PDU Type: non è un vero campo del messaggio, ma una meta-informazione di tipo ASN.1 del messaggio Request ID: ID univoco per ogni richiesta; permette di appaiare le risposte (in caso di perdita di sequenza) Error Status: vale 0 nelle richieste, e nelle risposte fornisce un esito della richiesta: noerror (0) nosuchname (2) readonly (4) toobig (1) badvalue (3) generr (5) 12

13 Campi della PDU (2) Error Index: vale 0 nelle richieste; nelle risposte, è non-nullo in caso di errore, e dà l indice della prima variabile che ha causato l errore Variable Bindings (varbinds): lista di coppie nome/valore. Nelle GetRequest e GetNextRequest il valore è nullo.» è quindi possibile richiedere più variabili in contemporanea» viene eseguita la stessa operazione (get, get-next, set) su tutte le variabili» permette di limitare il numero di richieste da fare e gli scambi manager-agent» utilizzato molto per la scansione delle tabelle... Struttura della Trap SNMP Message Version Community SNMP PDU PDU Type Enterprise Agent Addr. Generic-trap Specific-trap Timestamp Variable Bindings SNMP PDU Name 1 Value 1 Name 2 Value 2.. Name n Variable bindings Value n 13

14 Campi della trap Enterprise: basato sulla variabile sysobjectid, permette di individuare il tipo di apparato/sottosistema originario Agent Address: indirizzo IP dell agent generatore Generic Trap: tipo di trap tra un insieme predefinito coldstart (0) linkdown (2) authenticationfailure (4) warmstart (1) linkup (3) egpneighborloss (6) enterprisespecific (6) [per le trap proprietarie -- vedi campo successivo] Specific Trap: tipo di trap non standard Timestamp: indica il momento in cui è stata inviata la trap Variable bindings: come per le altre PDU Identificazione di una variabile Ogni variabile è identificata dalla sua posizione nell albero di naming di una MIB. L identificativo di una variabile e rappresentato dall OBJECT IDENTIFIER SNMPv1 permette solo la gestione di variabili scalari. Le uniche strutture dati composte permesse sono le tabelle, che vengono rappresentate come variabili indicizzate. 14

15 Che cos è una MIB La MIB non è un database... E una definizione dell informazione gestita ( specifica dell interfaccia) Si rappresenta come una lista ordinata di valori (vedi il meccanismo della getnextrequest) L agent non è l entità gestita (managed device), ma il componente software che conosce le informazioni locali da gestire e le trasforma in forma compatibile con SNMP La MIB non è l entità gestita, ma solo la sua modellazione MIB di Esempio Device (1) Address (1) Info (2) iproutetable (3) Name (1) Uptime (2) Printer iproutedest (1) iproutenexthop (2) iproutemetric1 (3)

16 Object Identifier (1) E l identificativo univoco di un nodo dell albero Si esprime con la concatenazione degli identificativi dei nodi su tutta la gerarchia (fino alla radice) In notazione simbolica, si usa il punto come separatore Ad esempio: la variabile uptime ha object identifier: Per accedere al valore della variabile, bisogna indicare che si accede ad una istanza dell oggetto (Instance Identifier) per questo va aggiunto uno zero finale: Per le tabelle ne riparleremo! Object Identifier (2) Se ogni nodo dell albero è numerato in maniera univoca sotto ad uno stesso padre, allora ogni nodo può essere individuato univocamente Si definisce una relazione di ordine di tipo lessicografico, basato sui valori numerici dell identificativo dei nodi La comparazione parte dalla radice, livello per livello In questo modo:» > 1.1» 1.3 > 1.2.2» > 1.5.2» >

17 SMI: obiettivi Per consentire l interoperabilità delle varie implementazioni agent e manager, è necessario definire senza alcuna ambiguità:» la struttura della MIB (in modo che sia univoco il mapping tra un object identifier e la semantica associata)» la rappresentazione binaria dei valori scambiati Il primo obiettivo si raggiunge definendo un linguaggio o notazione astratta di descrizione della struttura della informazione gestita Il secondo obiettivo si raggiunge definendo le modalità di codifica e trasmissione dell informazione nei messaggio SNMP (BER -- Basic Encoding Rules) Abstract Syntax/Transfer Syntax Local storage e.g. MIB Local Mapping User Application Component User Presentation Mapping Abstract Syntax User Presentation Mapping User Application Component Local storage e.g. MIB Local Mapping Encoding Rules Encoding Rules Data Transfer Component (e.g. TCP) Transfer Syntax Data Transfer Component (e.g. TCP) 17

18 ASN.1 OSI specifica gli oggetti astratti con una notazione definita nella raccomandazione X.208: ASN.1 (Abstract Syntax Notation One) ASN.1 serve a definire i tipi astratti e i valori Un tipo è un insieme di valori (per certi tipi è un insieme finito, per altri è infinito) SNMP utilizza un sottinsieme di ASN.1 Alcune Strutture ASN.1 Simple Type: un tipo semplice è definito specificando direttamente l insieme dei suoi valori. Sono tipi atomici. Tutti gli altri tipi sono definiti in base ai tipi semplici. Structured Type: un tipo strutturato è costituito da componenti e permette di costruire tipi di dati complessi. Macro: notazione per estendere i tipi ASN.1 in maniera arbitraria. Module: insieme di definizioni utilizzabili da altri moduli. 18

19 ASN.1: Modulo <module reference> DEFINITIONS ::= BEGIN EXPORTS-- exported definitions IMPORTS-- imported definitions from other modules AssignmentList -- value assignments and Macro definitions END Tipi ASN.1 (1) I tipi ASN.1 utilizzati in SNMP sono di due classi:» UNIVERSAL (definiti nella X.208): INTEGER (2) OCTET STRING (4) NULL (5) OBJECT IDENTIFIER (6) SEQUENCE, SEQUENCE OF (16)» APPLICATION (definite nelle RFC): IpAddress: indirizzo a 32 bit Counter: intero positivo (32 bit) che può solo essere incrementato Gauge: intero positivo (32 bit) che può crescere e decrescere TimeTicks: intero positivo che conta il tempo in centesimi di secondo Opaque: dati binari senza formato esplicito 19

20 Tipi ASN.1 (2) Non c è tipo enumerativo Una lista di possibili valori viene fatta con il tipo INTEGER Il valore 0 non viene usato (per convenzione) Si possono usare solo i valori elencati (in caso si deve quindi prevedere un valore speciale altro ) Ad esempio: iftype OBJECT-TYPE SYNTAX INTEGER { other(1), -- none of the following regular1822(2),... ethernet-csmacd(6),... fddi(15), lapb(16), sdlc(17), ds1(18), } Notazione ASN.1 (1) Alcune definizioni chiavi sono fatte nella RFC 1155, nonché la 1212 (e.g. le macros), che vengono riutilizzate (attraverso la clausola IMPORT) nelle altre definizioni di MIB Definizione di nodi dell albero: internet OBJECT IDENTIFIER ::= { iso(1) org(3) dod(6) 1 } mgmt OBJECT IDENTIFIER ::= { internet 2 } private OBJECT IDENTIFIER ::= { internet 4 } ecc. Definizione di tipi: IpAddress ::= [APPLICATION 0] IMPLICIT OCTET STRING (SIZE(4)) Counter ::= [APPLICATION 1] IMPLICIT INTEGER ( ) 20

21 Notazione ASN.1 (2) Esempio della sysdescr dalla MIB II: mib-2 OBJECT IDENTIFIER ::= { mgmt 1 } -- definizione della MIB II system OBJECT IDENTIFIER ::= { mib-2 1 } sysdescr OBJECT-TYPE SYNTAX DisplayString (SIZE (0..255)) ACCESS read-only STATUS mandatory DESCRIPTION "A textual description of the entity. This value should include the full name and version identification of the system's hardware type, software operating-system, and networking software. It is mandatory that this only contain printable ASCII characters." ::= { system 1 } Notazione ASN.1 (3) Quando si definisce un nodo:» SYNTAX: un tipo ASN.1 (e.g. INTEGER, DisplayString)» ACCESS: tipo di accesso consentito (readwrite, read-only, write-only, not-accessible)» STATUS: supporto richiesto alle implementazioni (mandatory, optional, deprecated, obsolete)» DESCRIPTION: serve a fini di documentazione 21

22 BER OSI definisce la modalità di codifica binaria nella raccomandazione X.209: BER (Basic Encoding Rules) La codifica definita dalle BER si basa sulla struttura type-length-value (TLV)» Type: indica il tipo, e se l encoding è primitivo o strutturato.» Length: indica la lunghezza della rappresentazione» Value: la rappresentazione del valore del tipo ASN.1 come sequenza di ottetti. La struttura è ricorsiva: per ogni valore ASN.1 costituito da uno o più componenti, il campo V della sua TLV consiste, a sua volta, di una o più TLV. Metodi di Codifica Primitive, Definite-Length Encoding» Utilizzato per tipi semplici. Constructed, Definite-Length Encoding» Utilizzato per tipi strutturati (p.e. SEQUENCE, SEQUENCE-OF, ) Constructed, Indefinite-Length Encoding» Utilizzato per dati strutturati o stringhe la cui lunghezza non è nota a priori. 22

23 Esempi di Codifica ASN.1 INTEGER Valore: 123 Primitive, Defined Length Esadecimale B SEQUENCE (INTEGER, INTEGER) Valore: (3,42) Constructed, Defined Length A DisplayString Valore: Test User 1 Constructed, Undefined Length Object Identifier Revisited Esiste una notazione alternativa per l identificazione dei nodi: la notazione simbolica Si basa sull identificazione simbolica dei nodi nelle definizioni ASN.1 dei moduli di MIB dell SMI è possibile:» sostituire ogni numero di nodo con la notazione simbolica corrispondente: iso.org.dod.internet.mgmt.mib- 2.system.sysDescr.0» fare a meno di tutto il path dalla radice e scrivere semplicemente: sysdescr.0 Attenzione che non è quello che viene trasmesso in rete (bensì la codifica fatta secondo le Basic Encoding Rules ) 23

24 SNMP GetRequest (1) Manager Agent get MIB response SNMP GetRequest (2) Permette di richiedere il valore di una o più variabili di MIB Possibili errori:» nosuchname: l oggetto non esiste o non è una foglia dell albero» toobig: la risposta non sta nella PDU di risposta» generr: errore generico, tutti gli altri casi 24

25 SNMP GetRequest (3) Esempi:» get(1.1.0) response ( )» get(1.2.0) response (Error-Status = nosuchname)» get(1.1) response(error-status = nosuchname)» get(1.1.0; ) response( ; ) SNMP SetRequest (1) Manager Agent set MIB response 25

26 SNMP SetRequest (2) Per assegnare un valore a istanze di variabili già esistenti, o per comandare azioni Possibili errori:» nosuchname: l oggetto non esiste o non è una foglia dell albero» badvalue: valore fornito inadeguato per il tipo» toobig: la risposta non sta nella PDU di risposta» generr: errore generico, tutti gli altri casi SNMP SetRequest (3) Esempi:» set( my-printer) response(noerror, my-printer)» set( my-printer, ) response(nosuchname, error-index=2) UpTime non e scrivibile... 26

27 SNMP GetNextRequest (1) Manager Agent get-next MIB response SNMP GetNextRequest (2) Restituisce il nome e il valore della successiva istanza di variabile del MIB; è usata per accedere alla struttura del MIB, e per navigare tabelle. Possibili errori:» nosuchname: il MIB è stato scandito interamente» toobig: la risposta non sta nella PDU di risposta» generr: errore generico, tutti gli altri casi 27

28 SNMP GetNextRequest (3) Esempi:» get-next(1.1.0) response ( printer-1)» get-next( ) response ( )» get-next(1) response( )» get-next(1.4) response(error-status = nosuchname) SNMP Trap (1) Manager Agent MIB trap 28

29 SNMP Trap (2) Segnala un evento. La ricezione di una trap non è confermata (unreliable). Gli Agent possono essere configurati in modo da:» non emettere traps» emettere traps solo verso manager specifici Impatto dell uso di UDP UDP è connectionless e unreliable (non affidabile): l invio di un messaggio non significa la garanzia della sua consegna fatta una richiesta SNMP, la risposta arriva in maniera asincrona, senza garanzia Vanno messi in piedi meccanismi di timeout e di retry per simulare una interazione affidabile (quello che fa TCP) Ma rimane a carico dello strato SNMP (più leggero di TCP) Il fatto di rimanere su UDP dà robustezza al meccanismo (in particolare in condizioni critiche, quali sono quelle di una rete in situazione di crisi ) 29

30 Interazione SNMP: scenario 1 Manager Agent richiesta risposta OK! Interazione SNMP: scenario 2 Manager Agent richiesta risposta OK! 30

31 Interazione SNMP: scenario 3 Manager Agent richiesta OK! risposta ignora... Interazione SNMP: scenario 4 Manager Agent richiesta KO! 31

32 Interazione SNMP: parametri Timeout: tempo trascorso prima di ritentare» non deve essere troppo lungo, per consentire un rinvio rapido in caso di non risposta, ne troppo corto per evitare rinvii inutili (vedi scenario 3) Retry count: numero di tentativi prima di dichiarare fallita la connessione» non deve essere troppo basso, per dare un minimo di affidabilità, ne troppo alto, per non sovracaricare la rete di richieste Proxy Management Manager Proxy Agent Oggetti gestiti SNMP MIB proxy in inglese = nel nome di qualcuno un proxy agent è un agent SNMP di cui la MIB non rappresenta informazioni di gestione dell apparato su cui gira traduce un protocollo proprietario in SNMP aggrega le informazioni di basso livello in informazioni di più alto livello 32

33 Meccanismi di monitoraggio Un manager SNMP monitora lo stato degli apparati attraverso una interrogazione periodica di opportune variabili di stato (polling) Trade-off sulla scelta della periodicità e delle variabili interrogate (traffico generato in rete vs. qualità dell info.) Le trap SNMP vengono in aiuto (in maniera unreliable) in quanto segnalano i casi eccezionali nel momento in cui accadono Trap-directed polling: il manager adegua la sua politica di polling su ricezione di trap (e.g. interrogazione completa + aumento frequenza di polling, ecc.) SNMPv1: Sicurezza (1) La gestione della sicurezza da parte del protocollo SNMPv1 è estremamente elementare. Approcci più adeguati sono definiti per le versioni successive: SNMPv2 e SNMPv3. Il concetto fondamentale è quello di community, a cui sono associati dei diritti di accesso READ-ONLY o READ-WRITE. La gestione delle community non viene specificata dagli standard ed è quindi lasciata all implementazione. Lo standard specifica solo che la community è una stringa che va trasmessa con il messaggio SNMP. La community viaggia in chiaro sulla rete... 33

34 SNMPv1: Sicurezza (2) Per limitare i rischi, alcune misure: utilizzare password non banali, e cambiare spesso configurare l Agent ad inviare le trap di authenticationfailure configurare la rete (con filtri o firewalls) per impedire il traffico SNMP al di fuori dai percorsi Manager-Agent Nella realtà, gli apparati forniscono anche meccanismi di ACL (Access Control List), dove vanno inseriti gli indirizzi dei manager di fiducia. MIB-II organization Group System group Description Information about the device itself (e.g.: name, location,...) Interfaces group Information about each interface in the device Address Translation Exists only to provide compatibility with MIB-I group IP Group ICMP group TCP group Information about IP and the net interfaces that use it Information about ICMP messages sent and received on an interface. Information about the TCP protocol used in this device Transmission group Contains sub-mibs that pertain to specific network technologies, such as Fast Ethernet or Token Ring SNMP group Information about the SNMP protocol entity 34

35 Relevant data in MIB-II Object Name sysuptime ifspeed ifinoctets ifoutoctets Description Time (in 1/100 of a second) since the net management portion of the system was last reinitialized Interface's current bandwidth in bits per second (e.g. Ethernet 10,000,000; Fast Ethernet 100,000,000) Total number of octets (bytes) received on/transmitted to the interface, including framing characters ifinucastpkts No. of inbound/outbound subnetwork-unicast packets ifoutucastpkts ifinnucastpkts No. of inbound/outbound subnet-nonunicast packets ifoutnucastpkts (broadcast + multicast) ifindiscards No. of inbound/outbound packets discarded even though ifoutdiscards no errors had been detected (e.g. in case of congestion) Counters rollover Warning: All counters in MIB-II are 32 bit integers, hence they count mod-32! Max representable nonnegative integer: 4,294,967,295 = At Fast Ethernet speeds the fastest counters can roll over in as little as 5.8 minutes (348 seconds) NMSs deal with this problem by sampling a counter value at a sampling rate shorter than its shortest possible rollover time. If an NMS samples often enough, it can always detect a counter rollover and thus compensate for it. The sysuptime rolls over every 497 days 35

36 Counters rollover (example) An NMS is measuring ifinucastpkts on a Fast-Ethernet. Provided that the sampling period is less than the minimum counter rollover time (i.e. no more than one rollover can occur between two consecutive samples), if a sampled value V 2 is less than the previous value V 1 that means that a rollover occurred. Hence, the correct value for ifinucastpkts is: ifinucastpkts = (2 32 V 1 ) + V 2 Example: V 1 = 4,292,824,677 V 2 = 2,785 ifinucastpkts = 2,145,404 = (4,294,967,296-4,292,824,677) + 2,785 MIB-II Interface Extension RFC1573 (1994) defines a new set of objects as en extension to the original MIB-II Most of these extensions fall in the Interface Group Major improvements: 64-bit counters Separate counters for multicast and broadcast packets Ex.: InUcastPkts,InMulticastPkts and InBroadcastPkts 36

37 Ethernet-Specific MIB MIB-II objects presented so far can be applied not only to Ethernet, but also to FDDI, Token Ring, etc. RFC1650 defines a set of objects only meaningful for Ethernet-like interfaces (i.e. interfaces based on CSMA/CD) Example of Ethernet-specific objects: AlignmentErrors FCSErrors SingleCollisionFrames MultipleCollisionFrames LateCollisions NOTE: If the LateCollisions counter is not zero, the network diameter of the segment is too big! SNMP evolution SNMPv1 was originally defined in RFC1157 (1990) In 1993 a set of Internet drafts defined SNMPv2 Also in 1993, the RMON extension to standard MIB defined SNMPv2: provides more powerful tools for data handling original draft proposed an enhanced security model security was dropped in final SNMPv2 RFCs (1996) RMON: allows collection of statistics for an entire network, while MIB-II only refers to single device statistics 37

38 Network Management applications Network utilization calculus The (average) network utilization during a time interval (t 0,t 1 ) for a Fast Ethernet segment connected to a switch port is the total number of bits transmitted on the collision domain in nonerror frames during (t 0,t 1 ), divided by the total number of bits transmittable over that time period at the bandwidth rate utilization% = 8 totaloctets 100 (delta(t 1, t 0 )/ 100) ifspeed The function delta(later, earlier) computes the difference between the value sampled later and the value sampled earlier. The delta function also takes into account counter rollover. totaloctets = (ifinoctets + ifoutoctets ) ifspeed = 100,000,000 for a Fast Ethernet segment 38

39 Network utilization calculus (example) Counter Value at t0 Value at t1 Delta(t1,t0) sysuptime 283,549, ,579,379 30,187 ifinoctets 4,292,824, ,375, ,518,357 ifoutoctets 629,285,482 1,127,573, ,288,252 TotalOctets 839,806,609 utilization% = 8 839,806,609 = % (30,187) 10,000 NOTE: The NMS was set to poll the counter every 5 minutes. However, due to the polling nature of the NMS software, the actual t 1 -t 0 difference resulted to be 1.87 sec greater than the nominal value (300 sec = 30,000 sysuptime ticks) Other interesting statistics Broadcast frames per second transmitted on a segment Broadcast frames per second forwarded from other segments to a segment Unicast frames per second generated by a segment Unicast frames per second forwarded to a segment Bytes per second generated by a segment NOTE: These statistics are expressed per-second but they actually computed as average values over a longer interval (e.g. 5 mins) 39

40 Network Management Applications Discovery e Topology Map Discovery Topology Map 40

41 A MIB Node Viewer A MIB Browser 41

42 A SNMP Walker A SNMP Graph Viewer 42

43 Conclusione (1) SNMPv1 è un protocollo semplice, basato sul polling (di variabili critiche) e che modella gli oggetti gestiti in termini di variabili scalari o tabelle. La sua semplicità è stata il fattore principale del suo successo. Tuttavia, a lungo andare si è anche rivelata l inconveniente principale nell estensione dell utilizzo di SNMPv1 a realtà diverse dalle LAN. Conclusione (2) Le limitazioni principali di SNMP si possono identificare in:» Gestione della sicurezza insufficiente» Strutture dati troppo elementari per modellare in maniera semplice realtà complesse» Numero di eventi asincroni definiti troppo ridotto» Primitive insufficienti per garantire prestazioni adeguate Queste limitazioni hanno portato alla specifica di SNMPv2 e SNMPv3 43

Network Management. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella

Network Management. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Network Management Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Cos è il network management? Gli autonomous system (o network ): centinaia o migliaia di oggetti hardware e software che interagiscono Come

Dettagli

La gestione delle reti ed il protocollo SNMP

La gestione delle reti ed il protocollo SNMP Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori II La gestione delle reti ed il protocollo SNMP Simon Pietro Romano spromano@unina.it Nota di copyright per le slide

Dettagli

Progetto di rete: Capacity Planning

Progetto di rete: Capacity Planning Progetto di rete: Capacity Planning Il Capacity Planning comprende tutta una serie di attività, che vanno dal monitoraggio e controllo dei carichi di rete al design della topologia, mediante le quali si

Dettagli

SNMP e RMON. Pietro Nicoletti Studio Reti s.a.s. Mario Baldi Politecnico di Torino. SNMP-RMON - 1 P. Nicoletti: si veda nota a pag.

SNMP e RMON. Pietro Nicoletti Studio Reti s.a.s. Mario Baldi Politecnico di Torino. SNMP-RMON - 1 P. Nicoletti: si veda nota a pag. SNMP e RMON Pietro Nicoletti Studio Reti s.a.s Mario Baldi Politecnico di Torino SNMP-RMON - 1 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slides)

Dettagli

Definizione di un MIB SNMP per la gestione di un print server.

Definizione di un MIB SNMP per la gestione di un print server. Definizione di un MIB SNMP per la gestione di un print server. Luca Morlando Corso di Sistemi per l'elaborazione dell'informazione: complementi di Gestione di Reti pagina 1 di 33 Indice generale Definizione

Dettagli

La gestione di rete basata su SNMP

La gestione di rete basata su SNMP Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni La gestione di rete basata su SNMP Ing. Tommaso Pecorella Ing. Giada Mennuti {pecos,giada}@lenst.det.unifi.it 1 Sommario 1. Chi gestisce cosa e come? 2.

Dettagli

Università degli studi di Firenze Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali. Laboratorio di Reti di Calcolatori

Università degli studi di Firenze Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali. Laboratorio di Reti di Calcolatori Università degli studi di Firenze Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Laboratorio di Reti di Calcolatori SNMP Simple Network Management Protocol Santoro Umberto Roberto 21 febbraio 2007

Dettagli

Chapter 9 Gestione della rete

Chapter 9 Gestione della rete Chapter 9 Gestione della rete Roberto Petroccia petroccia@di.uniroma1.it Computer Networking: A Top Down Approach 6 th edition Jim Kurose, Keith Ross Addison-Wesley March 2012 Queste slide sono un adattamento

Dettagli

Reti di Calcolatori II

Reti di Calcolatori II Reti di Calcolatori II Network Management Principi Generali Giorgio Ventre COMICS LAB Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Napoli Federico II Nota di Copyright Quest insieme di trasparenze

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA ANNO ACCADEMICO 2002/2003 DIPARTIMENTO DI INFORMATICA CORSO DI SISTEMI DI GESTIONE DI RETI DEFINIZIONE DI UN MIB SNMP PER IL CONTROLLO DI SISTEMI DI DISTRIBUZIONE AUTOMATICA

Dettagli

Università degli studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche, Naturali Dipartimento di Informatica

Università degli studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche, Naturali Dipartimento di Informatica Università degli studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche, Naturali Dipartimento di Informatica Progetto di Sistemi per la gestione di reti MIB SNMP per il controllo di sistemi remoti Susanna

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

Il protocollo SNMP Simple Network Management System

Il protocollo SNMP Simple Network Management System Il protocollo SNMP Simple Network Management System Approfondimento per il corso di Reti di Calcolatori Prof. S. Balsamo Università Ca Foscari Venezia Anno Accademico 2003-2004 Roberta Vettorel 787587

Dettagli

Realizzazione di un MIB SNMP per il controllo del servizio syslog

Realizzazione di un MIB SNMP per il controllo del servizio syslog Corso di SGR 2000/2001 Realizzazione di un MIB SNMP per il controllo del servizio syslog Di Bruni Eden Diploma di Informatica Università degli studi di Pisa Pisa Italy E-Mail: bruni@cli.di.unipi.it 1.

Dettagli

MIB SNMP per l accesso ai dati di configurazione di pc: Gestione degli Utenti

MIB SNMP per l accesso ai dati di configurazione di pc: Gestione degli Utenti Universita degli studi di Pisa Facolta di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica MIB SNMP per l accesso ai dati di configurazione di pc: Gestione degli Utenti Sistemi di

Dettagli

ICMP OSI. Internet Protocol Suite. Telnet FTP SMTP SNMP TCP e UDP NFS. Application XDR. Presentation. Session RPC. Transport.

ICMP OSI. Internet Protocol Suite. Telnet FTP SMTP SNMP TCP e UDP NFS. Application XDR. Presentation. Session RPC. Transport. ICMP Application Presentation Session Transport Telnet FTP SMTP SNMP TCP e UDP NFS XDR RPC Network Data Link Physical OSI ICMP ARP e RARP IP Non Specificati Protocolli di routing Internet Protocol Suite

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori I Roberto Canonico (roberto.canonico@unina.it) Giorgio Ventre (giorgio.ventre@unina.it) OSPF I lucidi presentati al corso sono uno

Dettagli

Modulo 9 Insieme di protocolli TCP/IP e indirizzi IP

Modulo 9 Insieme di protocolli TCP/IP e indirizzi IP Modulo 9 Insieme di protocolli TCP/IP e indirizzi IP 9.1 Introduzione a TCP/IP 9.1.1 Storia e futuro di TCP/IP Il ministero della difesa americana (DoD) creò il modello TCP/IP perché voleva una rete che

Dettagli

'HILQL]LRQHGLXQ0,%6103SHULOFRQWUROORGLVRIWZDUH DSSOLFDWLYR

'HILQL]LRQHGLXQ0,%6103SHULOFRQWUROORGLVRIWZDUH DSSOLFDWLYR 8QLYHUVLWjGHJOL6WXGLGL3LVD )DFROWjGL6FLHQ]H0DWHPDWLFKH)LVLFKHH1DWXUDOL &RUVRGLODXUHDLQ,QIRUPDWLFD 6LVWHPLGL(ODERUD]LRQHGHOO LQIRUPD]LRQH *HVWLRQHGLUHWL SURI/XFD'HUL 'HILQL]LRQHGLXQ0,%6103SHULOFRQWUROORGLVRIWZDUH

Dettagli

Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4)

Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4) Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4) L architettura TCP/IP (il cui nome più preciso è ) è formata da diversi componenti, che si posizionano nello stack dei protocolli a partire

Dettagli

Definizione di un MIB SNMP per il controllo dello stato di un server DHCP

Definizione di un MIB SNMP per il controllo dello stato di un server DHCP Corso di SGR 2001/2002 Definizione di un MIB SNMP per il controllo dello stato di un server DHCP GISELLA BRONZETTI CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA MAIL: bronzett@cli.di.unipi.it

Dettagli

Domenico Costanzo Hacklab CS

Domenico Costanzo Hacklab CS Domenico Costanzo Hacklab CS Contenu( Introduzione al TCP/IP Indirizzamento Introduzione al Subnetwork IP Assignment Address resolution Modello TCP/IP Il dipartimento della difesa (DoD) creò il modello

Dettagli

ICMP. Internet Control Message Protocol. Silvano GAI. sgai[at]cisco.com. Mario BALDI. mario.baldi[at]polito.it http://staff.polito.it/mario.

ICMP. Internet Control Message Protocol. Silvano GAI. sgai[at]cisco.com. Mario BALDI. mario.baldi[at]polito.it http://staff.polito.it/mario. ICMP Internet Control Message Protocol Silvano GAI sgai[at]cisco.com Mario BALDI mario.baldi[at]polito.it http://staff.polito.it/mario.baldi Fulvio RISSO fulvio.risso[at]polito.it ICMP - 1 Copyright: si

Dettagli

Internet Protocol Versione 4: aspetti generali

Internet Protocol Versione 4: aspetti generali Internet Protocol Versione 4: aspetti generali L architettura di base del protocollo IP versione 4 e una panoramica sulle regole fondamentali del mondo TCP/IP 1 Cenni storici Introduzione della tecnologia

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori I Roberto Canonico (roberto.canonico@unina.it) Giorgio Ventre (giorgio.ventre@unina.it) Interconnessione di LAN Hub, bridge e switch

Dettagli

Il protocollo IP (Internet Protocol)

Il protocollo IP (Internet Protocol) Politecnico di Milano Advanced Network Technologies Laboratory Il protocollo IP (Internet Protocol) -Servizi offerti da IP -Formato del pacchetto IP 1 Il servizio di comunicazione offerto da IP Connectionless

Dettagli

STATO IMPLEMENTAZIONE ONVIF SU TELECAMERE MUNDUS SECURUS

STATO IMPLEMENTAZIONE ONVIF SU TELECAMERE MUNDUS SECURUS IMPLEMENTAZIONE ONVIF SU TELECAMERE MUNDUS SECURUS 1. Ambiente di sviluppo Sono stati analizzati diversi linguaggi e framework differenti utilizzabili per implementare i WebServices ONVIF. Il risultato

Dettagli

Librerie digitali. Introduzione. Cos è una libreria digitale?

Librerie digitali. Introduzione. Cos è una libreria digitale? Librerie digitali Introduzione Cos è una libreria digitale? William Arms "An informal definition of a digital library is a managed collection of information, with associated services, where the information

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di Calcolatori Claudio Marrocco Componenti delle reti Una qualunque forma di comunicazione avviene: a livello hardware tramite un mezzo fisico che

Dettagli

4 - Il livello di trasporto

4 - Il livello di trasporto Università di Bergamo Dipartimento di Ingegneria Gestionale e dell Informazione 4 - Il livello di trasporto Architetture e Protocolli per Internet Servizio di trasporto il livello di trasporto ha il compito

Dettagli

&&' & + $, $ $ ( $" $ + ! " # $ " % Numeric addr. tough for humans to remember Numeric addr. impossible to guess

&&' & + $, $ $ ( $ $ + !  # $  % Numeric addr. tough for humans to remember Numeric addr. impossible to guess Numeric addr. tough for humans to remember Numeric addr. impossible to guess Variable length (machines prefer fixed length) Potentially long! " # $ " % && & ( ( &( ) * & ( &( + $, $ $ ( $" $ + - - $. -.

Dettagli

MIB SNMP PER LA GESTIONE DI UN SERVER WWW. Paola Filippini

MIB SNMP PER LA GESTIONE DI UN SERVER WWW. Paola Filippini <filippin@cli.di.unipi.it> MIB SNMP PER LA GESTIONE DI UN SERVER WWW Paola Filippini 1. Introduzione Il MIB e l unione di tutti gli oggetti gestiti (MO) all interno di un sistema, che astraggono una determinata

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Modulo 11 Livelli Transport e Application del modello TCP/IP

Modulo 11 Livelli Transport e Application del modello TCP/IP Modulo 11 Livelli Transport e Application del modello TCP/IP 11.1 TCP/IP Transport Layer 11.1.1 Introduzione al transport layer Lo scopo primario del livello transport, livello 4 del modello OSI, è di

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori I Roberto Canonico (roberto.canonico@unina.it) Giorgio Ventre (giorgio.ventre@unina.it) Il livello rete in Internet Il protocollo

Dettagli

TCP/IP. Principali caratteristiche

TCP/IP. Principali caratteristiche TCP/IP Principali caratteristiche 1 TCP/IP Caratteristiche del modello TCP/IP Struttura generale della rete Internet IL MONDO INTERNET Reti nazionali e internazionali ROUTER Rete Azienade ROUTER ROUTER

Dettagli

SICUREZZA DELLE APPARECCHIATURE INFORMATICHE DI UNA RETE LOCALE

SICUREZZA DELLE APPARECCHIATURE INFORMATICHE DI UNA RETE LOCALE RELAZIONE DI TIROCINIO SICUREZZA DELLE APPARECCHIATURE INFORMATICHE DI UNA RETE LOCALE Laureando: Fabrizio GRANZA Relatore: prof. Francesco BOMBI Università degli studi di Padova Facoltà di Ingegneria

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori I Roberto Canonico (roberto.canonico@unina.it) Giorgio Ventre (giorgio.ventre@unina.it) Virtual LAN: VLAN I lucidi presentati al corso

Dettagli

Corso di SGR 2000/2001

Corso di SGR 2000/2001 Corso di SGR 2000/2001 Realizzazione di un MIB SNMP per la gestione di un server di Posta, inserito in un cluster di macchine che forniscono l accesso alle caselle e-mail ad utenti di un ISP Di Roberto

Dettagli

Sicurezza e Gestione delle Reti (di telecomunicazioni)

Sicurezza e Gestione delle Reti (di telecomunicazioni) Sicurezza e Gestione delle Reti (di telecomunicazioni) Tommaso Pecorella tommaso.pecorella@unifi.it Corso di Studi in Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Corso di Studi in Ingegneria Informatica

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Funzione di Bridging su Windows XP

Funzione di Bridging su Windows XP Funzione di Bridging su Windows XP (le problematiche di convivenza con lo Spanning Tree) La funzione di Bridging dei sistema operativi Windows XP e 2003 permette di implementare due tipi di funzioni: 1.

Dettagli

Guida utente User Manual made in Italy Rev0

Guida utente User Manual made in Italy Rev0 Guida utente User Manual Rev0 made in Italy Indice/Index Informazioni generali General Info... 3 Guida Rapida per messa in funzione Start Up procedure... 3 Login Login... 3 Significato dei tasti Botton

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

MODELLI ISO/OSI e TCP/IP

MODELLI ISO/OSI e TCP/IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 1 Reti di Calcolatori MODELLI ISO/OSI e TCP/IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 2 Reti di Calcolatori Livelli e Servizi Il modello OSI Il modello TCP/IP Un confronto

Dettagli

Wireless Network Esercitazioni. Alessandro Villani avillani@science.unitn.it

Wireless Network Esercitazioni. Alessandro Villani avillani@science.unitn.it Wireless Network Esercitazioni Alessandro Villani avillani@science.unitn.it Radius AAA Dato un certo numero di punti di accesso dall esterno alla rete Data una grande quantità di utenti Abbiamo la necessità

Dettagli

CCTV DIVISION GUIDA RAPIDA PER LA CONFIGURAZIONE DELL IP STATICO SU SISTEMI TVCC QUICK GUIDE FOR STATIC IP CONFIGURATION ABOUT CCTV SYSTEM

CCTV DIVISION GUIDA RAPIDA PER LA CONFIGURAZIONE DELL IP STATICO SU SISTEMI TVCC QUICK GUIDE FOR STATIC IP CONFIGURATION ABOUT CCTV SYSTEM CCTV DIVISION GUIDA RAPIDA PER LA CONFIGURAZIONE DELL IP STATICO SU SISTEMI TVCC QUICK GUIDE FOR STATIC IP CONFIGURATION ABOUT CCTV SYSTEM ITALIANO Principali Step per la configurazione I dispositivi di

Dettagli

Sicurezza e Gestione delle Reti (di telecomunicazioni)

Sicurezza e Gestione delle Reti (di telecomunicazioni) Sicurezza e Gestione delle Reti (di telecomunicazioni) Tommaso Pecorella tommaso.pecorella@unifi.it Corso di Studi in Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Corso di Studi in Ingegneria Informatica

Dettagli

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Classe V sez. E ITC Pacioli Catanzaro lido 1 Stack TCP/IP Modello TCP/IP e modello OSI Il livello internet corrisponde al livello rete del modello OSI, il suo

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 6

Reti di Telecomunicazione Lezione 6 Reti di Telecomunicazione Lezione 6 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Lo strato di applicazione protocolli Programma della lezione Applicazioni di rete client - server

Dettagli

L architettura di rete TCP/IP. www.vincenzocalabro.it 1

L architettura di rete TCP/IP. www.vincenzocalabro.it 1 L architettura di rete TCP/IP 1 Cenni Storici Nella prima metà degli anni 70 la DARPA dimostra interesse e finanzia l Università di Stanford e la BBN (Bolt, Beraken e Newman) per realizzare una rete: a

Dettagli

Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31. 0 net id host id. 1 0 net id host id. 1 1 0 net id host id. 1 1 1 0 multicast address

Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31. 0 net id host id. 1 0 net id host id. 1 1 0 net id host id. 1 1 1 0 multicast address CAPITOLO 11. INDIRIZZI E DOMAIN NAME SYSTEM 76 Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31 A B C D E 0 net id host id 1 0 net id host id 1 1 0 net id host id 1 1 1 0 multicast address 1 1 1 1 0 riservato per usi

Dettagli

La gestione di rete OSI

La gestione di rete OSI Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni La gestione di rete OSI pecos,giada@lenst.det.unifi.it 1 Cosa e come gestire? I servizi Workstation Gestore di rete Workstation Server Router 2 1.1 Cosa

Dettagli

Reti locati e reti globali. Tecnologie: Reti e Protocolli. Topologia reti. Server e client di rete. Server hardware e server software.

Reti locati e reti globali. Tecnologie: Reti e Protocolli. Topologia reti. Server e client di rete. Server hardware e server software. Reti locati e reti globali Tecnologie: Reti e Protocolli Reti locali (LAN, Local Area Networks) Nodi su aree limitate (ufficio, piano, dipartimento) Reti globali (reti metropolitane, reti geografiche,

Dettagli

Copyright 2012 Binary System srl 29122 Piacenza ITALIA Via Coppalati, 6 P.IVA 01614510335 - info@binarysystem.eu http://www.binarysystem.

Copyright 2012 Binary System srl 29122 Piacenza ITALIA Via Coppalati, 6 P.IVA 01614510335 - info@binarysystem.eu http://www.binarysystem. CRWM CRWM (Web Content Relationship Management) has the main features for managing customer relationships from the first contact to after sales. The main functions of the application include: managing

Dettagli

CONFIGURATION MANUAL

CONFIGURATION MANUAL RELAY PROTOCOL CONFIGURATION TYPE CONFIGURATION MANUAL Copyright 2010 Data 18.06.2013 Rev. 1 Pag. 1 of 15 1. ENG General connection information for the IEC 61850 board 3 2. ENG Steps to retrieve and connect

Dettagli

Network Monitoring. Utilizzare Cacti ed SNMP per il monitoraggio della rete. Gianluca Renzi. IT Integration and Security www.systemeng.

Network Monitoring. Utilizzare Cacti ed SNMP per il monitoraggio della rete. Gianluca Renzi. IT Integration and Security www.systemeng. Utilizzare ed per il monitoraggio della rete IT Integration and Security www.systemeng.it Linux Day Università di Cassino - 27 Ottobre 2012 Sommario Architettura MIB Versioni NET- Esempi Installazione

Dettagli

Indirizzamento IP (v4)

Indirizzamento IP (v4) (v4)! Indirizzo unico di 32 bit per ciascuna interfaccia presente nella rete " Un host puo avere interfacce multiple " Alcuni indirizzi possono essere assegnati piu volte --> VPN, NAT (piu avanti)! Interfaccia

Dettagli

Architetture di router IP

Architetture di router IP Torino, novembre 2004 Reti e sistemi telematici Architetture di router IP Gruppo Reti TLC giancarlo.pirani@telecomitalia.it http://www.telematica.polito.it/ GIANCARLO PIRANI TELECOM ITALIA LAB ROUTER IP

Dettagli

UDP. Livello di Trasporto. Demultiplexing dei Messaggi. Esempio di Demultiplexing

UDP. Livello di Trasporto. Demultiplexing dei Messaggi. Esempio di Demultiplexing a.a. 2002/03 Livello di Trasporto UDP Descrive la comunicazione tra due dispositivi Fornisce un meccanismo per il trasferimento di dati tra sistemi terminali (end user) Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori I Roberto Canonico (roberto.canonico@unina.it) Giorgio Ventre (giorgio.ventre@unina.it) Reti locali Ethernet I lucidi presentati al

Dettagli

IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP

IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 4-1 Il Protocollo IP IPv4 Datagram IP: formato Indirizzi IP: formato Protocolli di controllo IP mobile

Dettagli

PANEL EXPRESS. KITE automation srl - Via Morandi 10-20077 Melegnano (MI) - Tel/Fax +39 02/39.62.44.34 - support@kite-automation.it

PANEL EXPRESS. KITE automation srl - Via Morandi 10-20077 Melegnano (MI) - Tel/Fax +39 02/39.62.44.34 - support@kite-automation.it PANEL EXPRESS PanelExpress è un software runtime per HMI basato su piattaforma Windows XP e.net. Il software permette di utilizzare le risorse di un ipc (p.e. la potenza di calcolo, multimedia, grande

Dettagli

9. IP: Messaggi di errore e di controllo (ICMP)

9. IP: Messaggi di errore e di controllo (ICMP) 9. IP: Messaggi di errore e di controllo (ICMP) 9.1. Introduzione La quarta funzione fondamentale di un servizio di comunicazione di livello di rete è la segnalazione, alla sorgente, di situazioni di errore

Dettagli

monitoraggio odorizzazione odorization monitor

monitoraggio odorizzazione odorization monitor monitoraggio odorizzazione odorization monitor EDOR monitoraggio odorizzazione Applicazione EDOR è il nuovo sensore per il monitoraggio del tasso di odorizzazione del gas naturale, utilizzato come stazione

Dettagli

Università degli Studi di PISA

Università degli Studi di PISA Università degli Studi di PISA Anno Accademico 2002/2003 Dipartimento di Informatica, corso: Sistemi di Gestione di Reti Progetto di MIB per la gestione di caldaie murali a gas Gruppo : Andrea Bernardi

Dettagli

Introduzione alla tecnologia. LonWorks

Introduzione alla tecnologia. LonWorks Introduzione alla tecnologia LonWorks La tecnologia LonWorks viene sviluppata da Echelon a partire dal 1990 Echelon é quotata in borsa dal 1998 (asdaq:elo) > 4000 OEM nel mondo > 30 mio di nodi installati

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori a.a. 2009/10

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori a.a. 2009/10 Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori a.a. 2009/10 Roberto Canonico (roberto.canonico@unina.it) Antonio Pescapè (pescape@unina.it) ICMP ARP RARP DHCP - NAT ICMP (Internet

Dettagli

Corso di Amministrazione di Reti A.A.2002/2003

Corso di Amministrazione di Reti A.A.2002/2003 SNMP Corso di Amministrazione di Reti A.A.2002/2003 Materiale preparato utilizzando dove possibile materiale AIPA http://www.aipa.it/attivita[2/formazione[6/corsi[2/materiali/reti%20di%20calcolatori/welcome.htm

Dettagli

Indice. Prefazione. Capitolo 1 Introduzione 1. Capitolo 2 Livello applicazione 30

Indice. Prefazione. Capitolo 1 Introduzione 1. Capitolo 2 Livello applicazione 30 Prefazione XI Capitolo 1 Introduzione 1 1.1 Internet: una panoramica 2 1.1.1 Le reti 2 1.1.2 Commutazione (switching) 4 1.1.3 Internet 6 1.1.4 L accesso a Internet 6 1.1.5 Capacità e prestazioni delle

Dettagli

INFORMATICA DISTRIBUITA. prof. Carlo Bellettini. lez 9 Distribuzione dei contenuti

INFORMATICA DISTRIBUITA. prof. Carlo Bellettini. lez 9 Distribuzione dei contenuti INFORMATICA DISTRIBUITA prof. lez 9 Distribuzione dei contenuti Università degli Studi di Milano Scienze e Tecnologie della Comunicazione Musicale a.a. 2009-2010 FTP: file transfer protocol FTP user interface

Dettagli

La nascita di Internet

La nascita di Internet La nascita di Nel 1969 la DARPA (Defence Advanced Research Project Agency) studia e realizza la prima rete per la comunicazione tra computer (ARPAnet) fra 3 università americane ed 1 istituto di ricerca.

Dettagli

Tecnologie di Sviluppo per il Web

Tecnologie di Sviluppo per il Web Tecnologie di Sviluppo per il Web Introduzione alle Reti di Calcolatori versione 1.0 del 11/03/2003 G. Mecca mecca@unibas.it Università della Basilicata Reti >> Sommario Sommario dei Concetti Elab. Client-Server

Dettagli

Protocollo SNMP e gestione remota delle apparecchiature

Protocollo SNMP e gestione remota delle apparecchiature Protocollo SNMP e gestione remota delle apparecchiature Contenuti del corso La progettazione delle reti Il routing nelle reti IP Il collegamento agli Internet Service Provider e problematiche di sicurezza

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

Reti di Calcolatori. Master "Bio Info" Reti e Basi di Dati Lezione 2

Reti di Calcolatori. Master Bio Info Reti e Basi di Dati Lezione 2 Reti di Calcolatori Sommario Software di rete TCP/IP Livello Applicazione Http Livello Trasporto (TCP) Livello Rete (IP, Routing, ICMP) Livello di Collegamento (Data-Link) I Protocolli di comunicazione

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET)

Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET) Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET) Ipotesi di partenza: concetti di base del networking Le ipotesi di partenza indispensabili per poter parlare di tecniche di accesso

Dettagli

Università degli Studi di Pisa Esame di Sistemi di Elaborazione dell Informazione: Gestione di Rete. MIB SNMP per il controllo della stato di Celle

Università degli Studi di Pisa Esame di Sistemi di Elaborazione dell Informazione: Gestione di Rete. MIB SNMP per il controllo della stato di Celle Università degli Studi di Pisa Esame di Sistemi di Elaborazione dell Informazione: Gestione di Rete. MIB SNMP per il controllo della stato di Celle GSM. Anno Accademico 01/02 Nunziato Romano 1. INTRODUZIONE

Dettagli

DOMOTICA ED EDIFICI INTELLIGENTI UNIVERSITA DI URBINO

DOMOTICA ED EDIFICI INTELLIGENTI UNIVERSITA DI URBINO Corso DOMOTICA ED EDIFICI INTELLIGENTI UNIVERSITA DI URBINO Docente: Ing. Luca Romanelli Mail: romanelli@baxsrl.com Networking Tipi di reti, gli standard e gli enti Protocollo IP Protocolli TCP, UDP 1

Dettagli

Reti e Sistemi per l Automazione MODBUS. Stefano Panzieri Modbus - 1

Reti e Sistemi per l Automazione MODBUS. Stefano Panzieri Modbus - 1 MODBUS Stefano Panzieri Modbus - 1 La Storia Diventa uno STANDARD nel 1979 Nato come protocollo di comunicazione SERIALE si è successivamente adattato alle specifiche TCP/IP Permette una comunicazione

Dettagli

Indice. Prefazione XIII

Indice. Prefazione XIII Indice Prefazione XIII 1 Introduzione 1 1.1 Breve storia della rete Internet 1 1.2 Protocolli e standard 6 1.3 Le organizzazioni che definiscono gli standard 7 1.4 Gli standard Internet 10 1.5 Amministrazione

Dettagli

Dal protocollo IP ai livelli superiori

Dal protocollo IP ai livelli superiori Dal protocollo IP ai livelli superiori Prof. Enrico Terrone A. S: 2008/09 Protocollo IP Abbiamo visto che il protocollo IP opera al livello di rete definendo indirizzi a 32 bit detti indirizzi IP che permettono

Dettagli

White Paper. White Paper. Lesson 3: Protezione apparati di rete. Gli Apparati di Rete. Quali sono gli apparati di rete

White Paper. White Paper. Lesson 3: Protezione apparati di rete. Gli Apparati di Rete. Quali sono gli apparati di rete Lesson 3: Protezione apparati di rete Gli Apparati di Rete Prendiamo ora in considerazione le apparecchiature che realizzano, una volta connesse tra di loro la struttura della nostra rete informatica.

Dettagli

Standard: OSi vs TCP/IP. Il livello di trasporto. TCP e UDP. TCP: Transmission Control Protocol. TCP: funzionalità

Standard: OSi vs TCP/IP. Il livello di trasporto. TCP e UDP. TCP: Transmission Control Protocol. TCP: funzionalità Standard: OSi vs TCP/IP Application Presentation Session NFS XDR RPC Telnet, FTP SMTP, HTTP SNMP, DNS RTP,... Protocolli per la comunicazione tra applicativi: le raisons d etre della rete Transport TCP

Dettagli

Protocollo TCP/IP & Indirizzamento IP

Protocollo TCP/IP & Indirizzamento IP Protocollo TCP/IP & Indirizzamento IP L architettura TCP/IP: Nasce per richiesta del Dipartimento della Difesa degli USA che intendeva poter creare una rete in grado di funzionare in qualsiasi tipo di

Dettagli

Corso di Reti di Calcolatori

Corso di Reti di Calcolatori Corso di Reti di Calcolatori IP switch uplink FDDI backbone global server porta Fddi Prof. Orazio Mirabella HUB SWITCH Ethernet SWITCH Ethernet Eth. 10Base-T SWITCH Ethernet TCP/IP Cenni Storici Internet

Dettagli

SISTEMA DI MONITORAGGIO SNMP IN AMBIENTE WINDOWS

SISTEMA DI MONITORAGGIO SNMP IN AMBIENTE WINDOWS UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAMERINO FACOLTÀ DI SCIENZE E TECNOLOGIE Corso di Laurea in Informatica Dipartimento di Matematica e Informatica SISTEMA DI MONITORAGGIO SNMP IN AMBIENTE WINDOWS Tesi di Laurea

Dettagli

Sistemi Distribuiti. Informatica B. Informatica B

Sistemi Distribuiti. Informatica B. Informatica B Sistemi Distribuiti Introduzione Che cos è un sistema distribuito? Un sistema distribuito è una collezione di computer indipendenti che appare all utente come un solo sistema coerente Da notare: le macchine

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Capitolo 1 - parte 1. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella

Capitolo 1 - parte 1. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Capitolo 1 - parte 1 Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Precisazione Noi ci occuperemo solo della trasmissione di informazione in formato digitale. Un segnale analogico è basato su una variazione

Dettagli

TOPOLOGIA di una rete

TOPOLOGIA di una rete TOPOLOGIA di una rete Protocolli di rete un protocollo prevede la definizione di un linguaggio per far comunicare 2 o più dispositivi. Il protocollo è quindi costituito dai un insieme di convenzioni

Dettagli

IP Multicast. Mario Baldi mario.baldi@polito.it staff.polito.it/mario.baldi. Silvano Gai sgai@cisco.com. Nota di Copyright. Comunicazioni di gruppo

IP Multicast. Mario Baldi mario.baldi@polito.it staff.polito.it/mario.baldi. Silvano Gai sgai@cisco.com. Nota di Copyright. Comunicazioni di gruppo IP Multicast Mario Baldi mario.baldi@polito.it staff.polito.it/mario.baldi Silvano Gai sgai@cisco.com Multicast - 1 Copyright: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto

Dettagli

Gestione e sicurezza nelle reti di calcolatori

Gestione e sicurezza nelle reti di calcolatori Reti di calcolatori Gestione e sicurezza nelle reti di calcolatori Samuel Rota Bulò DAIS Università Ca Foscari di Venezia Gestione e sicurezza R14.1 Gestione della rete Controllo e monitoring della rete,

Dettagli

ENPCOM European network for the promotion of the Covenant of Mayors

ENPCOM European network for the promotion of the Covenant of Mayors ENPCOM European network for the promotion of the Covenant of Mayors Censimento e monitoraggio dei consumi energetici e comportamento dei cittadini Controllo Energetico dei Consumi degli Edifici Monitoraggio

Dettagli

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE

GESTIONE IMMOBILIARE REAL ESTATE CONOSCENZA Il Gruppo SCAI ha maturato una lunga esperienza nell ambito della gestione immobiliare. Il know-how acquisito nei differenti segmenti di mercato, ci ha permesso di diventare un riferimento importante

Dettagli

IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP

IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP Parte II - Reti di Calcolatori IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP 6-1 Applicazioni di Rete Domain Name System (DNS) Simple Network Manag. Protocol (SNMP) Posta elettronica Multipurpose Internet Mail

Dettagli

Introduzione ad HP-OV NNM

Introduzione ad HP-OV NNM Introduzione ad HP-OV NNM Luca Deri Marzo 2003 1 Agenda del Corso Introduzione al System Management e SNMP Caratteristiche Principali di HP-OV NNM Configurazione ed utilizzo di HP-OV NNM 2 Architettura

Dettagli

SOA!= OO. Andrea Saltarello Software Architect @ Managed Designs S.r.l. andrea.saltarello@manageddesigns.it http://blogs.ugidotnet.

SOA!= OO. Andrea Saltarello Software Architect @ Managed Designs S.r.l. andrea.saltarello@manageddesigns.it http://blogs.ugidotnet. SOA!= OO Andrea Saltarello Software Architect @ Managed Designs S.r.l. andrea.saltarello@manageddesigns.it http://blogs.ugidotnet.org/pape http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.5/ Chi sono Solution

Dettagli