Capitolo V REPERTI DI INTERESSE INVESTIGATIVO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolo V REPERTI DI INTERESSE INVESTIGATIVO"

Transcript

1 Capitolo V REPERTI DI INTERESSE INVESTIGATIVO Sommario: 1. Lettere di PROVENZANO Bernardo, ILARDO Luigi, VACCARO Domenico. 2. Rubrichette telefoniche rinvenute sul cadavere di D ALESSANDRO Salvatore. 1. Lettere di PROVENZANO Bernardo, ILARDO Luigi, VACCARO Domenico. Il 10/05/1996, in occasione del loro ultimo contatto, ILARDO Luigi ha consegnato al colonnello dei carabinieri RICCIO Michele quattordici lettere, di cui al verbale di acquisizione in atti (ivi contrassegnate da numero progressivo): nove provenienti dal latitante PROVENZANO Bernardo e dirette ad ILARDO Luigi (lettere nn. 2, 4, 5, 7, 8, 11, 12, 13, 14); quattro provenienti da ILARDO Luigi e dirette al latitante PROVENZANO Bernardo (lettere nn. 1, 3, 9, 10); una sola proveniente da VACCARO Domenico e diretta a ILARDO Luigi (lettera n. 6). La corrispondenza suddetta è stata oggetto di accertamenti tecnici grafologici di tipo comparativo al fine di verificarne la paternità. All udienza del 16/12/1999 è stato esaminato PALOMBO Paolo, grafologo del Centro Carabinieri Investigazioni Scientifiche Sezione di Fonica e Grafica di Roma, consulente tecnico del Pubblico Ministero, sull esito di due accertamenti tecnico-grafici compiuti uno nel 1996 ed uno nel 1998 su dattiloscritti privi di firma (c.d. pizzini), acquisiti dal confidente ILARDO Luigi e dai collaboratori di giustizia BRUSCA Giovanni e MANISCALCO Giuseppe (uomini d onore della famiglia di San Giuseppe Jato), in relazione ad un dattiloscritto di comparazione recante la firma 100

2 del latitante PROVENZANO Bernardo (uomo d onore della famiglia di Corleone): un atto di nomina di difensore di fiducia depositato il 19/04/1994 nella cancelleria del Tribunale di Palermo Sezione Misure di Prevenzione. È un atto dattiloscritto con cui si nominano due avvocati, uno del Foro di Palermo ed uno del foro di Roma, difensori di fiducia del latitante PROVENZANO Bernardo, nato a Corleone il 31/01/1933, in un procedimento per misure di prevenzione a suo carico, davanti al Tribunale di Palermo. L atto è pervenuto alla sezione misure di prevenzione del Tribunale il 19/04/1994, come risulta dal timbro di cancelleria. Reca in calce la sottoscrizione del proposto, di pugno e per esteso: «Provenzano Bernardo». Contiene la indicazione delle generalità: «nato il in Corleone». La data di nascita è un evidente refuso. La macchina usata è una macchina per scrivere di tipo meccanico, a leve fulcrate, come ognuno può constatare alla stregua della comune esperienza. Il consulente tecnico del Pubblico Ministero lo ha confermato, precisando che il passo di scrittura, e cioè la distanza tra gli assi centrali di due lettere consecutive, misura 2,54 mm. e il carattere di scrittura è quello commercialmente denominato «Pica». Un esame sommario del dattiloscritto evidenzia subito, anche ad un profano, che esso contiene una impronta dattilografica anomala: la lettera accentata «ò» è battuta dalla macchina senza l intera metà inferiore dell ovale. Il consulente tecnico ha evidenziato altre due impronte dattilografiche anomale, agevolmente apprezzabili ad un esame più attento, eventualmente con l ausilio di una comune lente di ingrandimento: la lettera «a» è battuta sensibilmente disallineata lungo l asse verticale; il gruppo di lettere «rd» è battuto con un marcato 101

3 addossamento dei singoli caratteri. Alla relazione tecnica sono allegati gli elaborati che riproducono un ingrandimento di tali anomalie. Come spiegato dal consulente, e come ognuno può intendere da solo secondo la comune esperienza, le tre anomalie dattilografiche sono dovute ad una deformazione del corpo di lettera in piombo innestato sulla leva e/o della leva, a causa di rotture e/o usure. Il consulente ha escluso categoricamente che si tratti di difetti di fabbricazione. Tali anomalie sono definite in letteratura «contrassegni individualizzanti» di una macchina per scrivere, e in sostanza rappresentano le impronte dattilografiche di identificazione esclusiva della macchina, alla stessa stregua delle impronte digitali. Va pertanto attribuito alla stessa macchina per scrivere usata per redigere l atto di nomina di difensori a firma «Provenzano Bernardo» ogni dattiloscritto anonimo in cui siano ravvisabili gli stessi connotati generali (passo e carattere di scrittura) e gli stessi contrassegni individualizzanti (impronte dattilografiche anomale) appena rilevati. Trattandosi di dattiloscritti, il rapporto di identità tipografica così stabilito copre, in linea di principio, soltanto il «mezzo», non invece l «autore», lo stesso mezzo potendo essere usato da diversi autori e, viceversa, lo stesso autore potendo usare diversi mezzi. Nondimeno, il risultato probatorio di identità tipografica costituisce già di per sé un rilevante indizio della paternità dei dattiloscritti anonimi, essendo massima di comune esperienza l uso normalmente continuativo della stessa macchina per scrivere da parte di uno stesso utente. Per stabilire un rapporto di identità d autore, occorre fare ricorso anche al criterio grafologico-filologico, che studia le costanti comportamentali nella dattiloscrittura (formattazione del testo, errori di ortografia, uso anomalo dei segni di interpunzione, abbreviazioni di parole, etc.) e la complessiva personalità letteraria dell autore. 102

4 Dalla analisi filologica emerge che l autore è persona di scarsa scolarizzazione, avvezza a comunicare in dialetto siciliano e a scrivere come parla. Ciò spiega alcuni errori ortografici di derivazione dialettale per scambio delle lettere e/i, s/z, t/d come in: misure / misuri di prevenzione», «difensore / difenzore», «sentenza / sendenza». La firma «Provenzano Bernardo» - ha constatato il consulente nella relazione tecnica rivela un «tracciato grafico non particolarmente evoluto nelle caratteristiche d insieme, ma sostanzialmente legato agli aspetti meramente calligrafici del grafismo di base appreso nell età scolare». La formattazione del testo si sviluppa in c.d. stile block, senza rientri di paragrafo, e con interlinea zero. Nella dattiloscrittura delle generalità si fa un uso errato dei segni di interpunzione: dopo la data viene apposto il punto seguito dal luogo di nascita («nato il in Corleone»). Vi è una abbreviazione: «Prov.», per Provincia di Palermo. È ovvio che nell indagine sulla paternità dei dattiloscritti anonimi i risultati della analisi grafologica vanno integrati e coordinati con i risultati delle prove dichiarative assunte in tema di carteggi clandestini intrattenuti dal latitante PROVENZANO. Ad esempio, due uomini d onore della famiglia di San Giuseppe Jato, esaminati in dibattimento, hanno concordemente dichiarato che il latitante comunicava con loro mediante dattiloscritti, alcuni dei quali caduti in sequestro. 1 Quanto alla autenticità della firma contenuta nel campione grafico comparativo, non vi è un solo motivo serio per dubitare, alla stregua 1 Cfr. BRUSCA Giovanni, ud. 07/12/1999, proc. Cammarata Francesco + 2 (R.G.T. 101/99), p. 23, nonché pp. 21 ss., in atti; ud. 17/02/2000, trascr. pp. 21 ss., 63 ss., 94 ss. Cfr. anche MANISCALCO Giuseppe, ud. 29/02/2000, trascr. p. 209, p. 217, nonché pp. 206 ss. 103

5 della logica e della comune esperienza, ed in assenza di elementi probatori contrari, che essa provenga dalla mano del latitante PROVENZANO, che aveva un personale interesse ad essere assistito da difensori di fiducia nel procedimento di prevenzione a suo carico; tanto più che essa non è stata mai disconosciuta nel corso di tale procedimento ed è stata ritenuta autentica dal Tribunale di Palermo; né peraltro è prescritta dalla legge l autenticazione (art. 110 c.p.p.), assai problematica per un latitante. Attribuita la paternità del campione grafico comparativo al latitante PROVENZANO Bernardo, occorre ora verificare se le nove lettere in esame siano omogenee con i connotati tipografici e filologici di tale campione. Nelle lettere contraddistinte dai nn. 2, 4 e 8, nonché nel dattiloscritto incipiente con le parole «Ditta Aiello» accluso alla lettera n. 5 e nel dattiloscritto incipiente con le parole «Imp. Coop.» accluso alla lettera n. 7, sono stati riscontrati gli stessi connotati generali (macchina: di tipo meccanico a leve fulcrate; passo: mm. 2,54; carattere: «Pica») e le stesse anomalie di impronte dattilografiche («ò» mutilata; «a» disallineata; e, quando presente, gruppo «rd» addossato) presenti nel campione grafico comparativo. Per tutti questi dattiloscritti anonimi la formattazione del testo è identica al campione (c.d. stile block, senza rientri di paragrafo; interlinea zero). Anche l uso dei segni di interpunzione rivela analoghe anomalie. Nella lettera n. 2 ricorrono gli stessi errori ortografici di derivazione dialettale per scambio delle lettere e/i, s/z, t/d in: «cose / cosi», «richieste / richiesti», «siete / sieti», «ricompensa / ricompenza», «sensaria / senzalia», «scanso / scanzo», «sento-ti-tire / sendo-didire», «riconoscente / riconoscende», «quanto / quando». 104

6 Ulteriori errori ortografici, reiterati, diversi da quelli rinvenuti nel campione, riguardano l accentazione della prima persona del verbo «sapere» («so / sò») e della congiunzione «ma» («ma / mà»), la anteposizione della «h» alla congiunzione «o» ( «o / ho») e alla preposizione «a» («a / ha»), lo scambio delle lettere c/g in «sincera / sengera». Ricorre pure una abbreviazione in «cari Aff. Saluti» analoga a quella rilevata nel campione. Così nella lettera n. 4, come, ad esempio, in: «tasche / taschi», «scuse / scusi», «penso-sare / penzo-zare», «responsabile / responzabile», «avanti / avandi», «tanto / tando», «sento / sendo», «presente / presende», «inesperiente / inesperiende». Si ripetono gli stessi ulteriori errori ortografici: verbo «so / sò», congiunzione «ma / mà», preposizione «a / ha», scambio di lettere «c/g» («ricordati / rigordati», «sinceri / singeri»). Stereotipo il saluto di chiusura abbreviato «cari Aff. Saluti», che viene a costituire un marchio stilistico dell autore. Nella lettera lo stesso si scusa per la pessima forma grammaticale («chiedendoti perdono della miei errore»), sicché anch essa va riconosciuta come connotato filologico individualizzante. Così nella lettera n. 8, come, ad esempio, in: «vedete / vedeti», «senza / sensa», «contatto / condatto». E ancora la congiunzione «ma / mà», la preposizione «a / ha», anche al plurale «a / hai». Stereotipo il saluto abbreviato «cari Aff. Saluti». In questa, come nelle lettere nn. 2 e 4, è sempre minuscola la iniziale di «cari» e sono sempre maiuscole le iniziali di «Aff. Saluti»: una ragione in più per attribuire un sicuro valore individualizzante a questo connotato filologico. In tutte e tre le lettere ricorre poi una clausola stilistica di apertura di notevole eleganza letteraria, che echeggia lo stile epistolare latino classico, evidentemente sopravvissuto nella lingua volgare. Alla stessa 105

7 stregua della formula «salutem plurimam tibi dico», l autore usa esordire con espressioni stereotipe come: «mi compiaccio tanto nel sendire, che godeti tutti di Ottima Salute. Lo stesso posso dirti di me» (lett. n. 2); «mi compiaccio tanto, nel sapervi di Ottima Salute. Lo stesso posso dirti di me» (lett. n. 4); «la presente, ti trovi di Ottima Salute. Come posso assicurarti di me» (lett. n. 8). In tutte e tre le lettere le parole «ottima salute» sono scritte con le iniziali maiuscole. Anche questa fraseologia è un inconfondibile marchio stilistico dell autore, che, unitamente agli altri connotati individualizzanti, consente di attribuire con sicurezza i tre dattiloscritti anonimi ad una stessa persona e personalità letteraria, indipendentemente dal campione grafico comparativo. Questo è utile per la identificazione dell unico autore anonimo. I dattiloscritti incipienti con le parole «Ditta Aiello» e «Imp. Coop.» acclusi alle lettere n. 5 e n. 7, non si prestano ad uno studio filologico approfondito, trattandosi di c.d. pizzini (bigliettini) di raccomandazione di imprenditori edili, assai brevi, contenenti il nominativo dell impresa e gli estremi dell appalto da condizionare. Ma sono sufficienti i rilievi comuni già detti, in ordine alla omogeneità dei connotati tipografici (passo e carattere di scrittura, anomalie di impronte dattilografiche) e di quelli filologici minimi (formattazione del testo). In secondo luogo, occorre non trascurare la rilevante circostanza di fatto che ciascuno dei due pizzini è accluso ad un distinto dattiloscritto di accompagnamento strutturato invece come una normale lettera (con passo di scrittura diverso). È ovvio che i risultati della indagine filologica sulla singola lettera di accompagnamento si comunicheranno anche al pizzino, in ossequio al divieto di parcellizzazione delle prove. Altre lettere invece risultano omogenee con i soli connotati filologici del campione. 106

8 Il consulente ha constatato, come si desume dalla relazione tecnica, che le lettere di accompagnamento anzidette, contraddistinte dai nn. 5 e 7, hanno un passo di scrittura di mm. 2,60 e pertanto sono state scritte con una macchina, sempre di tipo meccanico a leve fulcrate, diversa da quella usata per il campione grafico comparativo. Tutte e due le lettere ripropongono una formattazione del testo identica a quella del campione (c.d. stile block, senza rientri di paragrafo; interlinea zero). Anche l uso dei segni di interpunzione, talora, è anomalo. Nella lettera n. 5 ricorrono gli stessi errori ortografici di derivazione dialettale riscontrati nel campione e nelle lettere nn. 2, 4 e 8, anche se meno frequenti per la brevità del dattiloscritto: «queste raccomandazioni / questi raccomandazzione», «non sono compatibili / compatibile». Ancora il verbo «so / sò», la congiunzione «ma / mà», la preposizione «a / ha». Stereotipa la clausola augurale di apertura: «la presente vi trova di Ottima Salute. Come posso assicurarvi di me». Stereotipo il saluto di chiusura abbreviato «cari Aff. Saluti». Così nella lettera n. 7 come, ad esempio, in: «contatto-ti / condatto-ti». Ancora la congiunzione «ma / mà». Stereotipa la clausola augurale: «la presente ti trova di Ottima Salute», con la sola variante di essere inserita nel corpo e non in esordio di lettera e di mancare dell elemento fraseologico: «lo stesso posso dirti di me / come posso assicurarti di me». Invariato invece l uso, assolutamente peculiare, delle iniziali maiuscole per le parole «ottima salute». Stereotipo il saluto di chiusura abbreviato «cari Aff. Saluti», anche qui con sequenza invariata di iniziali minuscole e maiuscole. Le lettere contraddistinte dai nn. 11, 12 e 14 hanno come accertato dal consulente tecnico un passo di scrittura di mm. 2,50 e pertanto 107

9 anch esse sono state scritte con una macchina diversa da quella usata per il campione. Anche per queste tre lettere la formattazione del testo è identica a quella del campione. Egualmente è anomalo, talora, l uso dei segni di interpunzione. Nella lettera n. 11 ricorrono gli stessi errori ortografici di derivazione dialettale riscontrati nel campione e nelle lettere nn. 2, 4, 5, 7 e 8, come in: «errori / errore», «vedete / vedeti», «dovete / doveti», «godete / godeti», «sentire / sendire», «adducendo / adducento», «contatto / condatto». Ancora la congiunzione «ma / mà», la preposizione «a / ha». Ricompare, come già nella lettera n. 2, la congiunzione «o / ho». Stereotipa la clausola augurale di apertura: «mi compiaccio tanto nel sendire, che godeti tutti di Ottima Salute. Lo stesso posso assicurarvi di me». Stereotipo il saluto di chiusura abbreviato «cari Aff. Saluti». Come nella lettera n. 4, anche qui l autore si scusa per la pessima forma grammaticale («ti chiedo scusa degli errore che incontri nel mio scritto»). Così nella lettera n. 12, come, ad esempio, in: «richieste / richiesti», «altrimenti / altrimente», «due saldatrici / due saldatrice», «accontentare / accondendare», «sento / sendo». Ancora il verbo «so / sò», la congiunzione «ma / mà», la preposizione «a / ha». Stereotipa la clausola augurale: «mi compiaccio tanto nel sentire, che godeti tutti di Ottima Salute. Lo stesso posso assicurarvi di me». Stereotipo il saluto abbreviato «cari Aff. Saluti». Così nella lettera n. 14 come, ad esempio, in: «avete / aveti», «chiarite / chiariti», «potete / poteti», «siete / sieti», «attendo / attento (una vostra risposta)». Ancora la congiunzione «ma / mà». Stereotipa la clausola augurale: ««la presente vi trova a tutti di Ottima Salute. 108

10 Come posso dirti di me»». Stereotipo il saluto abbreviato «cari Aff. Saluti». La lettera n. 13, l ultima delle nove lettere anonime fin qui esaminate, ha lo stesso passo di scrittura del campione (mm. 2,54), ma il consulente tecnico non ha riscontrato gli stessi «contrassegni individualizzanti»: cioè le anomalie di impronte dattilografiche («ò» mutilata; «a» disallineata; e, quando presente, gruppo «rd» addossato). Anche per essa è invariata la formattazione del testo (c.d. stile block, interlinea zero); ed è egualmente anomalo, talora, l uso dei segni di interpunzione. Ricorrono gli stessi errori ortografici di derivazione dialettale presenti nel campione e nelle lettere nn. 2, 4, 5, 7, 8, 11, 12, 14, come in: «dovete / doveti», «potete / poteti», «mettete / metteti», «assieme / assiemi», «ansia / anzia», «sentire / sendire», «in quanto / in quando». Ancora la congiunzione «ma / mà», la preposizione «a / ha». Anche qui, immancabilmente, come in tutte le altre lettere, si ripetono gli stereotipi della clausola augurale: «la presente, vi trova a tutti di Ottima Salute. Come posso dirti di me» e del saluto abbreviato «cari Aff. Saluti». I risultati della analisi grafologica dei dattiloscritti, testè compiuta sotto il duplice profilo, tipografico e filologico, consentono le seguenti conclusioni probatorie: i dattiloscritti anonimi provengono tutti da uno stesso autore anonimo, il cui identikit è costruito in base a connotati individualizzanti: schemi espressivi inconfondibili, errori ortografici e di interpunzione, formattazione del testo; 109

11 i dattiloscritti anonimi provengono da quattro macchine, così individuabili: tre per il passo diverso (2,50/2,54/2,60 mm.); la quarta per i contrassegni individualizzanti di cui si è detto (anomalie), malgrado l identità di passo con una delle altre tre (2,54 mm.); una delle quattro macchine è stata usata anche per il dattiloscritto noto a firma «Provenzano Bernardo»: e cioè la macchina - di passo 2,54 mm., con i contrassegni individualizzanti di cui si è detto - usata per le lettere nn. 2, 4 e 8, nonché per i pizzini acclusi alle lettere nn. 5 e 7; il dattiloscritto noto presenta connotati individualizzanti propri di tutti i dattiloscritti anonimi: errori di ortografia e di interpunzione, uso di abbreviazioni, formattazione del testo; ne segue che la paternità delle lettere nn. 2, 4 e 8, nonché dei pizzini acclusi alle lettere nn. 5 e 7, va con sicurezza attribuita, per identità/omogeneità di connotati tipografici e filologici individualizzanti, all autore del dattiloscritto noto, e cioè al latitante PROVENZANO; come pure delle stesse lettere nn. 5 e 7, per omogeneità di connotati filologici individualizzanti e dato il materiale accompagnamento di tali lettere ai pizzini (in esse menzionati: trattasi di dattiloscritti redatti con diversa macchina, evidentemente in tempi diversi, ma recapitati insieme); ne segue altresì che, per la proprietà transitiva, anche la paternità di tutti gli altri dattiloscritti anonimi (lettere nn. 11, 12, 13, 14), provenienti da macchine diverse, ma dallo stesso identico autore delle lettere nn. 2, 4, 5, 7, 8, va attribuita al latitante PROVENZANO; la paternità va così attribuita anche per diretta omogeneità di connotati filologici con il dattiloscritto noto. Queste conclusioni probatorie vanno corredate da una necessaria precisazione: il rapporto di identità d autore (interno e reciproco) tra 110

12 tutti i dattiloscritti anonimi si fonda su un giudizio di certezza assoluta, formulabile già sulla sola base di fraseologie stereotipe come la clausola augurale di apertura ed il saluto abbreviato di chiusura, mentre il rapporto di identità d autore (esterno) tra dattiloscritti anonimi e dattiloscritto noto, si fonda su un giudizio di alta e qualificata probabilità, e cioè di verosimiglianza, formulato essenzialmente sulla base di una massima di esperienza (l uso continuativo della stessa macchina da parte di uno stesso utente). Nondimeno, in assenza di elementi probatori contrari, e concorrendo altri elementi probatori individualizzanti a carico del latitante PROVENZANO, questo giudizio di probabilità si rafforza a tal punto da evolvere in un giudizio di ragionevole certezza. In calce al presente capitolo, si allega una tabella sinottica dell oggetto delle quattordici lettere in atti. In ordine alla datazione, decriptazione e contestualizzazione dell oggetto di tali lettere ha deposto all udienza del 19/11/1999 il teste DAMIANO Antonio Rubrichette telefoniche rinvenute sul cadavere di D ALESSANDRO Salvatore. A seguito dell omicidio di matrice mafiosa commesso il 17/06/1996 in Riesi in danno di D ALESSANDRO Salvatore 1 il 18/06/1996 furono rinvenuti e sottoposti a sequestro: a) n. 1 portafoglio rinvenuto sul cadavere, con all interno n. 2 rubrichette telefoniche; b) n. 3 rubrichette telefoniche e n. 2 agendine tascabili rinvenute presso l abitazione della vittima. All udienza del 17/02/2000, su domande di esame, BRUSCA Giovanni, reggente della famiglia e del mandamento di San Giuseppe Jato dal 111

13 1989, catturato il 20/05/1996, collaboratore di giustizia dal 1996, ha deposto sul conto di due persone di cognome D ALESSANDRO. Dalle sue brevi dichiarazioni si desume che: conobbe una persona di cognome D ALESSANDRO di Riesi, poi uccisa (in Riesi, il 17/06/1996, quando il BRUSCA era già stato catturato); la conobbe per tramite di DI CARO Antonio (detto Antonino, uomo d onore della famiglia di Canicattì, sottocapo provincia di Cosa Nostra agrigentina, vittima di c.d. lupara bianca, scomparso il 24/06/1995, lo stesso giorno della cattura di BAGARELLA Leoluca); detto D ALESSANDRO era uomo d onore della famiglia di Riesi («aveva un ruolo nella famiglia di Riesi, non so quale ruolo aveva, non so se soldato semplice» od altro ruolo); nella circostanza in cui lo conobbe, il D ALESSANDRO si era messo a disposizione del DI CARO, procurando una abitazione sicura nel territorio di Riesi per una riunione interprovinciale di Cosa Nostra «a metà strada», tenutasi tra gli uomini d onore di Cosa Nostra palermitana, BAGARELLA Leoluca e BRUSCA Giovanni, allora entrambi latitanti, ed alcuni uomini d onore di Cosa Nostra catanese. All udienza del 09/03/2000 l imputato MADONIA Giuseppe, sotto esame, su domande del Pubblico Ministero ha dichiarato di avere conosciuto D ALESSANDRO Salvatore detto Totò negli anni 1963 e 1964 come compagno di scuola, in quanto entrambi frequentavano l Istituto Chimico Industriale di Gela, come pure l imputato ABBATE Luigi. Cessati gli studi, non ebbe più rapporti con il D ALESSANDRO, pur avendo saputo che lo stesso era stato assunto presso lo stabilimento petrolchimico di Gela (allora ANIC, ora ENICHEM, del gruppo ENI s.p.a.). Non ha mai conosciuto invece il fratello D ALESSANDRO Calogero detto Angelo. Alle udienze del 19/11/1999 e del 14/12/1999, su domande di esame e di controesame, il teste DAMIANO Antonio, capitano del R.O.S. di 112

14 Caltanisetta, comandante della Sezione Anticrimine, ha deposto sul conto dei due fratelli D ALESSANDRO di Riesi, Salvatore e Calogero. Dalle sue dichiarazioni si desume che: nel 1978 D ALESSANDRO Salvatore detto Totò - ed altre persone di Riesi (come CAMMARATA Pino e RIGGIO Salvatore) - fu sottoposto alla misura di prevenzione personale della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza perché indiziato di appartenenza ad associazione di tipo mafioso; nel 1993, in Milano, D ALESSANDRO Salvatore fu controllato insieme con LO IACONO Antonino (uomo d onore della famiglia di Vallelunga Pratameno 2 ) e con EMMANUELLO Davide, 3 in occasione della cattura di quest ultimo (uomo d onore della famiglia di Gela, condannato con sentenza della Corte d Assise d appello di Genova 03/02/1995, irrevocabile il 06/12/1995, alla pena dell ergastolo per l omicidio di STUPPIA Angelo, uomo d onore della famiglia di Riesi, commesso il 20/11/1990, in concorso con il capo provincia nisseno MADONIA Giuseppe); D ALESSANDRO Salvatore ed il fratello D ALESSANDO Calogero sono menzionati (come «i due D Alessandro») in una lettera del 1995 del latitante corleonese pluriomicida PROVENZANO Bernardo, avente per oggetto un contrasto tra CAMMARATA Pino detto Peppe, capo della famiglia di Riesi, e VACCARO Domenico detto Mimì, reggente provinciale di Cosa Nostra nissena; la lettera tratta di una riunione deputata a dirimere tale contrasto con l intervento mediatore dei latitanti di Cosa Nostra palermitana BAGARELLA Leoluca e BRUSCA Giovanni 4 (v. lettera del 1995 contrassegnata dal n. 11, come da elenco di cui al verbale di acquisizione del 10/05/1996 relativo al carteggio consegnato da ILARDO Luigi al colonnello RICCIO Michele, in atti); 113

15 D ALESSANDRO Salvatore prestava attività lavorativa in Gela, con mansioni di operaio, presso lo stabilimento petrolchimico ENICHEM (già ANIC) del Gruppo ENI s.p.a., come gli imputati LOMBARDO Giuseppe ed ALAIMO Giuseppe (circostanza valorizzata dai difensori al fine di prospettare una spiegazione delle relazioni interpersonali alternativa a quella di una comune partecipazione a Cosa Nostra); il 17/06/1996, in territorio di Riesi, D ALESSANDRO Salvatore fu ucciso; la polizia giudiziaria rinvenne due bigliettini scritti in possesso della vittima (c.d. pizzini, usuali in Cosa Nostra), aventi per oggetto un contrasto tra CAMMARATA Pino (capo della famiglia di Riesi) e D ALESSANDRO Salvatore, accusato di distrazione di denaro (circa Lit ) di pertinenza della famiglia di Riesi; circa un mese dopo sarà ucciso anche il fratello D ALESSANDRO Calogero; 5 in vita D ALESSANDRO Salvatore ebbe relazioni con ILARDO Luigi (ucciso il 10/05/1996, cugino del capo provincia nisseno MADONIA Giuseppe), con gli imputati BARBIERI Carmelo, ALAIMO Giuseppe ed ABBATE Luigi, nonché con il fratello di quest ultimo, ABBATE Antonino; tali relazioni sono comprovate dalle rubrichette telefoniche contenute nel portafoglio rinvenuto sul cadavere, le quali riportano nomi e numeri di telefono: «nell agendina trovata addosso al cadavere vi si rilevano tutti i numeri di telefono di BARBIERI, di ILARDO, di ALAIMO, di MADONIA, quindi di tutta la parte Madonia» 6, nonché di «ABBATE Luigi»; 7 risultano altresì: un contatto telefonico tra D ALESSANDRO Salvatore ed ABBATE Antonino, titolare in Gela del negozio Habram Computers, fratello di ABBATE Luigi, contatto rilevato dalla analisi dei tabulati telefonici (acquisiti dalla polizia giudiziaria nel corso delle indagini per 114

16 l omicidio di D ALESSANDRO Salvatore, non prodotti nel presente processo); la presenza del fratello D ALESSANDRO Calogero a bordo di una autovettura BMW dell imputato ABBATE Luigi, rilevata da un servizio di osservazione della polizia giudiziaria di Riesi (nella circostanza fu riconosciuto il solo D ALESSANDRO Calogero: «i carabinieri... vedono D ALESSANDRO Calogero a bordo di un BMW intestato ad ABBATE Luigi, però non viene riconosciuto ABBATE Luigi»). 115

17 ALLEGATO OGGETTO DELLE LETTERE DI PROVENZANO / ILARDO / VACCARO N. Lettera Data Da Per Oggetto Soggetti 1 07/1994 ILARDO PROVENZANO estorsione/protezione (questione del ferro - distrazione di denaro) contrasti con Riesi partita di denaro falso 2 07/1994 PROVENZANO ILARDO risposta alla lett. n. 1 - lavori alla Diga Garcia raccomandazione dell imprenditore gelese GRECO da parte di GNN VACCARO Domenico TUSA Francesco i Catanesi - S. V. fr.lli CAMMARATA TUSA Francesco GRECO Leonardo GRECO Nicolò MADONIA Giuseppe VINGIULLO VACCARO Domenico i Catanesi SANTORO Giovanna? - S. fr.lli CAMMARATA DI CARO Antonio 3 07/1994 ILARDO PROVENZANO risposta alla lettera n. 2 TUSA Francesco VACCARO Domenico i Catanesi gli Agrigentini fr.lli CAMMARATA /1994 PROVENZANO ILARDO risposta alla lettera n. 3 TUSA Francesco GRECO Leonardo GRECO Nicolò MADONIA Giuseppe VINCIULLO VACCARO Domenico i Catanesi fr.lli CAMMARATA DI CARO Antonio 5 09/1994 PROVENZANO ILARDO raccomandazione mafiosa di una amministrazione immobiliare e dell impresa AIELLO per lavori al Lago di Pergusa strada Bubudello e a Piazza Armerina strada bivio Catenanuova IPPOLITO - RAGONESE PATTI Antonio ditta AIELLO VACCARO Domenico 116

18 ALLEGATO OGGETTO DELLE LETTERE DI PROVENZANO / ILARDO / VACCARO N. Lettera Data Da Per Oggetto Soggetti 6 VACCARO Domenico ILARDO contrasti con gli Agrigentini e i Riesani DI CARO Antonio FRAGAPANE Salvatore PROVENZANO Bernardo (zio) CAMMARATA Giuseppe CASTELLO Simone EMMANUELLO (Furmiculuna) amici di Gela TUSA Francesco e fratelli 7 10/1994 PROVENZANO ILARDO raccomandazioni mafiose di due imprese: Coop. Il Progresso per lavoro a Piazza Armerina e CAVALLOTTI per due lavori gas, uno a Agira e uno a Centùripe VACCARO Domenico CAVALLOTTI coop. IL PROGRESSO VINGIULLO i Catanesi MOTTA DI STEFANO seguito alla lettera n /1995 PROVENZANO ILARDO disguido nella messa a posto di una impresa per lavori di metanizzazione (SNAM) in Serradifalco 9 03/1995 ILARDO PROVENZANO risposta alla lettera n. 8 contrasti con Riesi incontri chiarificatori e pacificatori solo prospettati con gli Agrigentini 10 04/1995 ILARDO PROVENZANO seguito alla lettera n. 9 incontri con DI CARO Antonio a San Cataldo e a Gela ALLEGRO Carmelo VACCARO Domenico CARLINO titolare dell impresa VACCARO Domenico ALLEGRO Carmelo BUTERA di Favara FRAGAPANE Salvatore CAMMARATA Giuseppe VACCARO Domenico ALLEGRO Carmelo CARLINO titolare dell impresa CAMMARATA Giuseppe - VACCARO Lorenzo - DI CARO Antonio 117

19 ALLEGATO OGGETTO DELLE LETTERE DI PROVENZANO / ILARDO / VACCARO N. Lettera Data Da Per Oggetto Soggetti 11 04/1995 PROVENZANO ILARDO cava di Riesi danni incontri con FRAGAPANE Salvatore e con le due palermitane raccomandazione mafiosa dell impresa di MESSINA Carmelo di Mussomeli per un lavoro a Mezzojuso seguito a lettera n. 4 sempre i stessi discorsi mirati a cambiare i posti adducendo delle lamentele di qualcuno 12 05/1995 PROVENZANO ILARDO impresa CAVALLOTTI rubato un martellone e due saldatrici in cantiere di cui alla lettera n. 7 da recuperare 13 11/1995 PROVENZANO ILARDO disguido nella gestione dei soldi per estorsione e protezione di impresa in Adrano intimazione di smettere di lavorare e di andarsene messa a posto di impresa ad Enna incontro con LA ROCCA Francesco per soldi di Pedara 14 12/1995 PROVENZANO ILARDO incontro raccomandato tra ILARDO - VACCARO Lorenzo - LA ROCCA Francesco raccomandazione mafiosa di impresa di Bagheria per lavori a Sigonella VACCARO Lorenzo CAMMARATA Giuseppe fr.lli D ALESSANDRO persone di Palermo interessate alla cava di Riesi - DI CARO Antonio - FRAGAPANE Salvatore VINCIULLO i Catanesi MOTTA DI STEFANO BAGARELLA Leoluca BRUSCA Giovanni MESSINA Carmelo di Mussomeli GRECO Nicolò CAVALLOTTI - VACCARO Lorenzo TUSA Francesco e i suoi fratelli - LA ROCCA Francesco - quelli di Adrano Pedara Enna VACCARO Lorenzo - LA ROCCA Francesco TUSA Francesco GALLEA Eugenio - NARDO 118

20 1 DAMIANO Antonio, ud. 19/11/1999, trascr. p Così, DAMIANO Antonio, ud. 19/11/1999, trascr. pp EMMANUELLO Davide, nato il 14/09/1964, è stato condannato dal Tribunale di Gela il 20/04/1996 con sentenza n. 46/96 e il 15/07/1996 con sentenza n. 77/96 rispettivamente alla pena di anni dodici di reclusione quale dirigente dell associazione armata di tipo mafioso capeggiata da MADONIA Giuseppe e alla pena di anni ventidue di reclusione e Lit di multa per avere fatto parte dell associazione armata di tipo mafioso denominata clan MADONIA (nel senso di Cosa Nostra nissena) e per aver commesso, in concorso con altri, l estorsione pluriaggravata in danno dell imprenditore MICELI Antonino. Con sentenza della Corte d Assise d Appello di Genova 03/02/1995, irrevocabile il 06/12/1995, pronunziata in riforma della sentenza della Corte d Assise di Genova 29/09/1992, è stato condannato alla pena dell ergastolo per l omicidio di STUPPIA Angelo, commesso il 20/11/1990, in concorso con il capo provincia nisseno MADONIA Giuseppe. Già latitante, è stato catturato nel DAMIANO Antonio, ud. 19/11/1999, trascr. pp , 21-24, DAMIANO Antonio, ud. 19/11/1999, trascr. pp. 34, DAMIANO Antonio, ud. 19/11/1999, trascr. pp. 35, DAMIANO Antonio, ud. 19/11/1999, trascr. p. 179, nonché DAMIANO Antonio, ud. 14/12/1999, controesame, trascr. p. 264: «... vedere l agendina di D ALESSANDRO con tutti i numeri telefonici dei familiari di Madonia, e di Barbieri, di Abbate, per noi era uno di quegli elementi esterni improvvisamente capitato per le mani che ci facevano ritenere vere le indicazioni che avevamo e ci spingevano ad effettuare l attività investigativa». 119

Capitolo II DICHIARAZIONI DEGLI INVESTIGATORI

Capitolo II DICHIARAZIONI DEGLI INVESTIGATORI Capitolo II DICHIARAZIONI DEGLI INVESTIGATORI Sommario: 1. Premessa: origine e collegamento delle indagini sul territorio siciliano - 2. DAMIANO Antonio (R.O.S. di Caltanissetta). 3. MEGNA Angelo (R.O.S.

Dettagli

Capitolo III SERVIZI INVESTIGATIVI TECNICI E DINAMICI

Capitolo III SERVIZI INVESTIGATIVI TECNICI E DINAMICI Capitolo III SERVIZI INVESTIGATIVI TECNICI E DINAMICI Sommario: 1. Tabulati telefonici: utenze, periodi, contatti. 2. Intercettazioni telefoniche e ambientali: utenze, autovetture, carrozza ferroviaria,

Dettagli

LETTERA DI ACCOMPAGNAMENTO

LETTERA DI ACCOMPAGNAMENTO LETTERA DI ACCOMPAGNAMENTO COS La lettera di accompagnamento non costituisce solo un elemento formale. Piuttosto, è parte integrante del curriculum vitae e come tale va redatta con molta attenzione, essendo,

Dettagli

SCRITTI ESAME AVVOCATO 2013 di Roberto GAROFOLI

SCRITTI ESAME AVVOCATO 2013 di Roberto GAROFOLI SCRITTI ESAME AVVOCATO 2013 di Roberto GAROFOLI Valerio de GIOIA COME SI SCRIVE L ATTO GUIDA PRATICA E CONSIGLI OPERATIVI Con la collaborazione di Giovanna SPIRITO Carlo TANGARI PREMESSA Nella preparazione

Dettagli

Breve guida su strumenti operativi, notifiche e autentiche dell avvocato nell ambito del PCT Vers.2

Breve guida su strumenti operativi, notifiche e autentiche dell avvocato nell ambito del PCT Vers.2 Breve guida su strumenti operativi, notifiche e autentiche dell avvocato nell ambito del PCT Vers.2 Le novità contenute nella legge 132/15 che ha convertito il dl 83/15 in tema di modalità di esercizio

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Presentazione...

INDICE SOMMARIO. Presentazione... INDICE SOMMARIO Presentazione...................................... VII CAPITOLO I LA TESTIMONIANZA IN GENERALE 1.1. Introduzione................................... 2 1.2. La prova testimoniale nella Costituzione

Dettagli

Breve guida su strumenti operativi, notifiche e autentiche dell avvocato nell ambito del PCT

Breve guida su strumenti operativi, notifiche e autentiche dell avvocato nell ambito del PCT Breve guida su strumenti operativi, notifiche e autentiche dell avvocato nell ambito del PCT Le novità contenute nella legge 132/15 che ha convertito il dl 83/15 in tema di modalità di esercizio del potere

Dettagli

SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO DI UN FUNZIONARIO PRIMO LIVELLO IN POSSESSO DI LAUREA IN INGEGNERIA

SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO DI UN FUNZIONARIO PRIMO LIVELLO IN POSSESSO DI LAUREA IN INGEGNERIA SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO DI UN FUNZIONARIO PRIMO LIVELLO IN POSSESSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ARTICOLO 1 Requisiti per l ammissione alla selezione E indetta una selezione

Dettagli

TRIBUNALE DI ROMA AVVISO EX ART.92 L.F. FALLIMENTO <> << Società fallita>>

TRIBUNALE DI ROMA AVVISO EX ART.92 L.F. FALLIMENTO <<numero ed anno del fallimento>> << Società fallita>> TRIBUNALE DI ROMA AVVISO EX ART.92 L.F. FALLIMENTO > Si informa che con Sentenza il Tribunale di Roma ha dichiarato il fallimento

Dettagli

Dichiarazione 1 DICHIARAZIONE IN MATERIA DI DIRITTO AL LAVORO DEI DISABILI

Dichiarazione 1 DICHIARAZIONE IN MATERIA DI DIRITTO AL LAVORO DEI DISABILI Dichiarazione 1 DICHIARAZIONE IN MATERIA DI DIRITTO AL LAVORO DEI DISABILI Il sottoscritto nato il a in qualità di legale rappresentante dello studio associato ovvero di titolare dello studio professionale/ditta

Dettagli

PROCEDIMENTO PENALE n. 2057/02 R.G.N.R. 4322/03 R.G. TRIB. a carico di V.S. + 1 (rito ordinario)

PROCEDIMENTO PENALE n. 2057/02 R.G.N.R. 4322/03 R.G. TRIB. a carico di V.S. + 1 (rito ordinario) Giugliano 5, 2001-02 PROCEDIMENTO PENALE n. 2057/02 R.G.N.R. 4322/03 R.G. TRIB. a carico di V.S. + 1 (rito ordinario) 1. Dati identificativi del procedimento. - Numeri di registro:2057/02 R.G.N.R. 4322/03

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

1. Descrizione dei contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti

1. Descrizione dei contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Relazione finale del progetto: Laboratorio di scrittura 1. Descrizione dei contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Il progetto intendeva fornire competenze lessicali, grammaticali

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTORO Membro designato

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE GESTIONE PCT TRIBUNALE DI FIRENZE

INDICAZIONI OPERATIVE GESTIONE PCT TRIBUNALE DI FIRENZE INDICAZIONI OPERATIVE GESTIONE PCT TRIBUNALE DI FIRENZE 13 GENNAIO 2015 La presente nota operativa dello StaffPCT del Tribunale di Firenze è un estratto di alcune indicazioni contenute nella circolare

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI BRINDISI UFFICIO BREVETTI E MARCHI Tel: 0831228219-221 222

CAMERA DI COMMERCIO DI BRINDISI UFFICIO BREVETTI E MARCHI Tel: 0831228219-221 222 CAMERA DI COMMERCIO DI BRINDISI UFFICIO BREVETTI E MARCHI Tel: 0831228219-221 222 ISTRUZIONI PER LA PRESENTAZIONE DI DOMANDE DI BREVETTO PER MODELLI INDUSTRIALI DI UTILITA DECRETO LEGISLATIVO 10 febbraio

Dettagli

Atto Dirigenziale n. 4180 del 15/12/2009

Atto Dirigenziale n. 4180 del 15/12/2009 Atto Dirigenziale N. 4180 del 15/12/2009 Classifica: 003.02.01 Anno 2009 (3032475) Oggetto ADEMPIMENTI IN MATERIA DI PRIVACY. DESIGNAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DI SISTEMA INTERNI ED INDIVIDUAZIONE DEGLI

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA Presso il Tribunale di Teramo

PROCURA DELLA REPUBBLICA Presso il Tribunale di Teramo Si presenta qui il Protocollo per l identificazione e l approccio alle possibili vittime di tratta elaborato congiuntamente dalla Procura di Teramo, dall Associazione On the Road, dall Ufficio Immigrazione

Dettagli

GRAMMATICA. Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti.

GRAMMATICA. Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti. Come sto andando in... analisi grammaticale Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti. NON HO FATTO ERRORI IN... ARTICOLO

Dettagli

TRIBUNALE PENALE (sezione monocratica)

TRIBUNALE PENALE (sezione monocratica) 1 irreperibilità TRIBUNALE PENALE (sezione monocratica) udienza del Faccio seguito a quanto esposto oralmente nell interesse del sig. MARIO BIANCHI, per ribadire e produrre quanto segue, con le richieste

Dettagli

Bando di Concorso per la realizzazione di un manifesto 70x100. lunedì 6 luglio 2015. www.hospitaledeipellegrini.it/linee-di-luce-concorso

Bando di Concorso per la realizzazione di un manifesto 70x100. lunedì 6 luglio 2015. www.hospitaledeipellegrini.it/linee-di-luce-concorso Bando di Concorso www.hospitaledeipellegrini.it/lineediluceconcorso Ente promotore in collaborazione con con il patrocinio di Concorso L Associazione Schola dell Hospitale dei Pellegrini indice un concorso

Dettagli

Svolgimento atto giudiziario in materia di diritto penale a cura di Ilaria Di Punzio. Possibile soluzione schematica a cura di Altalex

Svolgimento atto giudiziario in materia di diritto penale a cura di Ilaria Di Punzio. Possibile soluzione schematica a cura di Altalex Esame avvocato 2011: seconda traccia e svolgimento atto giudiziario in materia di diritto penale Caio, dipendente del comune di Beta, viene sorpreso dal Sindaco mentre, per mezzo del computer dell'ufficio,

Dettagli

COMUNE DI VALVERDE (Provincia di Catania)

COMUNE DI VALVERDE (Provincia di Catania) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE RICHIESTE DI RISARCIMEN- TO DANNI DERIVANTI DA RESPONSABILITÀ CIVILE VERSO TERZI (Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 9 del 17/03/2014) Sommario

Dettagli

1 di 5 20/07/2011 8.38

1 di 5 20/07/2011 8.38 1 di 5 20/07/2011 8.38 Oggetto: POSTA CERTIFICATA: Trasmissione bando mobilità volontaria agente Polizia Locale Mittente: "Per conto di: comune.morimondo@pec.regione.lombardia.it"

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Biella. Via Marconi, 28 13900 Biella. Istanza di ammissione al Patrocinio a spese dello Stato

Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Biella. Via Marconi, 28 13900 Biella. Istanza di ammissione al Patrocinio a spese dello Stato Depositato / Pervenuto il Ammesso il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Biella Via Marconi, 28 13900 Biella Istanza di ammissione al Patrocinio a spese dello Stato Il / La sottoscritt nat a prov./naz.

Dettagli

Indicazioni 0perative PDP alunni stranieri Allegato 5

Indicazioni 0perative PDP alunni stranieri Allegato 5 Anno scolastico 2014/2015 Indicazioni 0perative PDP alunni stranieri Allegato 5 Gli alunni stranieri per i quali si prevedere la progettazione di un Piano Didattico Personalizzato sono quelli non ancora

Dettagli

Dichiarazione per la partecipazione in merito al possesso dei requisiti e delle capacità (da completare e restituire firmato)

Dichiarazione per la partecipazione in merito al possesso dei requisiti e delle capacità (da completare e restituire firmato) Oggetto: Gara a procedura aperta, da esperire ai sensi dell art.124 del D.L.vo 163/06 e s.m.i., per l Affidamento triennale del servizio di dosimetria personale ed ambientale, controllo dosimetrico con

Dettagli

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A.

Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. Regolamento per lo svolgimento di attività di ispezione in qualità di Organismo di Ispezione di Tipo A. In vigore dal 06. 07. 2011 RINA Via Corsica 12 16128 Genova - Italia tel +39 010 53851 fax +39 010

Dettagli

Enti Pubblici Aziende Regionali ISTITUTO REGIONALE JEMOLO

Enti Pubblici Aziende Regionali ISTITUTO REGIONALE JEMOLO Enti Pubblici Aziende Regionali ISTITUTO REGIONALE JEMOLO Avviso Bando per l'ammissione a 50 posti al corso Corporate finance, M&A private equity. Il percorso di acquisizione di società (anno 2013) DECRETO

Dettagli

SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE DALLE INDAGINI ALLA SENTENZA DI PRIMO GRADO

SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE DALLE INDAGINI ALLA SENTENZA DI PRIMO GRADO SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE DALLE INDAGINI ALLA SENTENZA DI PRIMO GRADO SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE: i protagonisti SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE: i protagonisti e tanto altro. SIMULAZIONE DEL

Dettagli

«Ciao, sono io!» Commento didattico

«Ciao, sono io!» Commento didattico «Ciao, sono io!» Commento didattico Cari insegnanti, con il quaderno di lavoro «Ciao, sono io!» per la scuola primaria disponete di uno strumento didattico che permette ai vostri allievi di conoscere meglio

Dettagli

Capitolo VI DICHIARAZIONI DEI COLLABORATORI DI GIUSTIZIA

Capitolo VI DICHIARAZIONI DEI COLLABORATORI DI GIUSTIZIA Capitolo VI DICHIARAZIONI DEI COLLABORATORI DI GIUSTIZIA Sommario: 1. MASCALI Angelo della famiglia di Catania. 2. MASCALI Sebastiano della famiglia di Catania. - 3. LANZA Giuseppe della famiglia di Catania.

Dettagli

PROCEDIMENTO PENALE n. 37895/04 R.G. N.R. 18913/09 R.G. Trib. (rito ordinario)

PROCEDIMENTO PENALE n. 37895/04 R.G. N.R. 18913/09 R.G. Trib. (rito ordinario) Napoli, Chiaia, 2001-05 PROCEDIMENTO PENALE n. 37895/04 R.G. N.R. 18913/09 R.G. Trib. (rito ordinario) 1. Dati identificativi del procedimento. - Numeri di registro: 37895/04 R.G. N.R. 18913/09 R.G. Trib.

Dettagli

MODULO A OGGETTO DELL APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA AREE ESTERNE E MANUTENZIONE DEL VERDE COMUNALE ANNI 2014 2015 2016. Il sottoscritto... nato il...

MODULO A OGGETTO DELL APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA AREE ESTERNE E MANUTENZIONE DEL VERDE COMUNALE ANNI 2014 2015 2016. Il sottoscritto... nato il... MODULO A OGGETTO DELL APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA AREE ESTERNE E MANUTENZIONE DEL VERDE COMUNALE ANNI 2014 2015 2016 Il sottoscritto... nato il... a... e residente a... Via... titolare legale rappresentante

Dettagli

La prova documentale

La prova documentale La prova documentale lezione del 22 aprile 2015 nel corso di Diritto processuale civile I del Prof. G. Trisorio Liuzzi - Dipartimento di Giurisprudenza -Università degli Studi di Bari «Aldo Moro» L atto

Dettagli

Italia. La videoconferenza, tuttavia, non è estranea al nostro ordinamento.

Italia. La videoconferenza, tuttavia, non è estranea al nostro ordinamento. Italia 1. È possibile assumere prove tramite videoconferenza con la partecipazione di un'autorità giudiziaria dello Stato membro richiedente, o direttamente da parte di un'autorità giudiziaria dello Stato

Dettagli

CONCORSO DI IDEE PER LA REALIZZAZIONE DEL LOGO del Distretto del Commercio del Medio Olona Crea il logo del tuo distretto

CONCORSO DI IDEE PER LA REALIZZAZIONE DEL LOGO del Distretto del Commercio del Medio Olona Crea il logo del tuo distretto CONCORSO DI IDEE PER LA REALIZZAZIONE DEL LOGO del Distretto del Commercio Crea il logo del tuo distretto 1. Soggetto banditore e finalità Il Distretto del Commercio, ritenendo la comunicazione istituzionale

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 44 Seduta del 28 settembre 2006 IL CONSIGLIO COMUNALE VISTI i verbali delle sedute del 12.06.06 (deliberazioni n. 23, 24, 25, 26, 27), del 4.07.2006 (deliberazioni

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE. Sono ammessi alla selezione i candidati in possesso dei seguenti requisiti:

AVVISO DI SELEZIONE. Sono ammessi alla selezione i candidati in possesso dei seguenti requisiti: AVVISO DI SELEZIONE Il Dipartimento della Protezione civile della Presidenza del Consiglio dei Ministri promuove la ricerca di n. 1 (una) figura professionale per l affidamento di un incarico di collaborazione

Dettagli

UDIENZA 5.11.2008 SENTENZA N. 1153 REG. GENERALE n.22624/08 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

UDIENZA 5.11.2008 SENTENZA N. 1153 REG. GENERALE n.22624/08 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO La carta da macero che presenta in modo evidente una rilevante quantità di impurità, superiori alla misura dell'1% prescritto dalla normativa vigente in materia (D.M. 05/02/98 Allegato 1 n. 1) costituisce

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 22029 Anno 2015 Presidente: STILE PAOLO Relatore: MANNA ANTONIO Data pubblicazione: 28/10/2015 SENTENZA sul ricorso 17310-2010 proposto da: CANDIDO GIORGIO C.F. CNDGRG62H01D969A,

Dettagli

VERBALE DI ACCESSO DEL CUSTODE GIUDIZIARIO

VERBALE DI ACCESSO DEL CUSTODE GIUDIZIARIO VERBALE DI ACCESSO DEL CUSTODE GIUDIZIARIO L 'anno, il giorno del mese di.., alle ore, io sottoscritto, nominato custode giudiziario nella procedura esecutiva n. R. G. Es. del Tribunale di, promossa da

Dettagli

Modena, lì 5 maggio 2008. Personale ispettivo. Nucleo Carabinieri. Prot. n. 5780/2008 Allegati n. Risposta al foglio del

Modena, lì 5 maggio 2008. Personale ispettivo. Nucleo Carabinieri. Prot. n. 5780/2008 Allegati n. Risposta al foglio del Modena, lì 5 maggio 2008 Direzione Provinciale del Lavoro di Modena p.za Cittadella 8, Modena - tel.059/222410-224955 - fax 059/224946 sito: www.dplmodena.it e-mail: urp@dplmodena.it Al Al Personale ispettivo

Dettagli

LA MEDIAZIONE CIVILE NELL INTERPRETAZIONE DEI GIUDICI

LA MEDIAZIONE CIVILE NELL INTERPRETAZIONE DEI GIUDICI RITA BEVACQUA LA MEDIAZIONE CIVILE NELL INTERPRETAZIONE DEI GIUDICI L istituto della Mediazione civile quale strumento alternativo di giustizia è stato introdotto dal Decreto Legislativo 4 marzo 2010,

Dettagli

Prot. n. 30119 Roma, 04/07/2011. - Al Consiglio superiore dei lavori pubblici. - All Organismo indipendente di valutazione

Prot. n. 30119 Roma, 04/07/2011. - Al Consiglio superiore dei lavori pubblici. - All Organismo indipendente di valutazione Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE DIREZIONE GENERALE DEL PERSONALE E DEGLI AFFARI GENERALI Divisione 2 - Reclutamento

Dettagli

GARA D APPALTO PER L ESECUZIONE DEI LAVORI DI CONSOLIDAMENTO STRUTTURALE E

GARA D APPALTO PER L ESECUZIONE DEI LAVORI DI CONSOLIDAMENTO STRUTTURALE E GARA D APPALTO PER L ESECUZIONE DEI LAVORI DI CONSOLIDAMENTO STRUTTURALE E MESSA A NORMA DELL EDIFICIO SCUOLA MEDIA PIERO CIRONI (GARA N. 411). Modello di autocertificazione / dichiarazione sostitutiva

Dettagli

IL SEGRETARIO COMUNALE, RESPONSABILE DEL SETTORE I RENDE NOTO

IL SEGRETARIO COMUNALE, RESPONSABILE DEL SETTORE I RENDE NOTO BANDO DI MOBILITA VOLONTARIA PER FORMAZIONE GRADUATORA CANDIDATI IDONEI A RICOPRIRE N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE AMMINISTRATIVO, CATEGORIA C, TEMPO PIENO ED INDETERMINATO. RISERVATO AGLI APPARTENENTI ALLE

Dettagli

C O M U N E D I CARAGLIO Provincia di Cuneo REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RICHIESTE DI RISARCIMENTO DANNI DA RESPONSABILITA CIVILE VERSO TERZI

C O M U N E D I CARAGLIO Provincia di Cuneo REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RICHIESTE DI RISARCIMENTO DANNI DA RESPONSABILITA CIVILE VERSO TERZI C O M U N E D I CARAGLIO Provincia di Cuneo REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE RICHIESTE DI RISARCIMENTO DANNI DA RESPONSABILITA CIVILE VERSO TERZI Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 33

Dettagli

CONCORSO DI IDEE PER NUOVO LOGO ASSOCIAZIONE ARCOBALENO

CONCORSO DI IDEE PER NUOVO LOGO ASSOCIAZIONE ARCOBALENO CONCORSO DI IDEE PER NUOVO LOGO ASSOCIAZIONE ARCOBALENO L Associazione ARCOBALENO ONLUS bandisce un concorso di idee per la progettazione del nuovo logo e lo sviluppo delle linee guida per il materiale

Dettagli

Aggettivi possessivi

Aggettivi possessivi mio, mia, miei, mie tuo, tua, tuoi, tue suo, sua, suoi, sue nostro, nostra, nostri, nostre vostro, vostra, vostri, vostre loro, loro, loro, loro Aggettivi possessivi L'aggettivo possessivo è sempre preceduto

Dettagli

L Empowerment professionale: un percorso di autoverifica.

L Empowerment professionale: un percorso di autoverifica. L Empowerment professionale: un percorso di autoverifica. Master in Gestalt Counseling integrato Prof. Eugenio Lampacrescia L EMPOWERMENT In italiano può essere tradotto con "conferire poteri", "mettere

Dettagli

La raccomandata o la quadratura del cerchio

La raccomandata o la quadratura del cerchio 1 La raccomandata o la quadratura del cerchio Premessa Dedicheró questo post alla raccomandata e alle conseguenze di una notifica infruttuosa della stessa.. La realizzazione di molte conseguenze giuridiche,

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 REPUBBLICA ITALIANAIN NOME DEL POPOLO ITALIANOLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott.

Dettagli

UNIONE INTERREGIONALE DEGLI ORDINI FORENSI DEL CENTRO ADRIATICO GRUPPO DI COORDINAMENTO SUI CONSIGLI GIUDIZIARI

UNIONE INTERREGIONALE DEGLI ORDINI FORENSI DEL CENTRO ADRIATICO GRUPPO DI COORDINAMENTO SUI CONSIGLI GIUDIZIARI UNIONE INTERREGIONALE DEGLI ORDINI FORENSI DEL CENTRO ADRIATICO GRUPPO DI COORDINAMENTO SUI CONSIGLI GIUDIZIARI RELAZIONE DEL COORDINATORE AVV. ALBERTO MASSIGNANI ALL ASSEMBLEA DELL UNIONE TENUTASI A PERUGIA

Dettagli

Oggetto: SEGNALAZIONE CERTIFICATA di inizio attività AGENZIA D AFFARI, ai sensi dell art. 19 della L. 241/90, modif. dalla L. 15/05 e dal D.L. 35/05.

Oggetto: SEGNALAZIONE CERTIFICATA di inizio attività AGENZIA D AFFARI, ai sensi dell art. 19 della L. 241/90, modif. dalla L. 15/05 e dal D.L. 35/05. Al Sig. S I N D A C O del Comune di = CAIRO MONTENOTTE = Oggetto: SEGNALAZIONE CERTIFICATA di inizio attività AGENZIA D AFFARI, ai sensi dell art. 19 della L. 241/90, modif. dalla L. 15/05 e dal D.L. 35/05.

Dettagli

D.P.R. 12 dicembre 1948, n. 1462( 1 ) - Norme per la prima elezione del Consiglio regionale della Sardegna( 2 ).

D.P.R. 12 dicembre 1948, n. 1462( 1 ) - Norme per la prima elezione del Consiglio regionale della Sardegna( 2 ). D.P.R. 12 dicembre 1948, n. 1462( 1 ) - Norme per la prima elezione del Consiglio regionale della Sardegna( 2 ). Art. 1 Il Consiglio regionale per la Sardegna è eletto a suffragio universale con voto diretto,

Dettagli

CODICE DEONTOLOGICO TITOLO V CAPO I Articoli 41-42-43

CODICE DEONTOLOGICO TITOLO V CAPO I Articoli 41-42-43 CODICE DEONTOLOGICO TITOLO V CAPO I Articoli 41-42-43 1 Gruppo di Lavoro Ambiti 5 Iseo Sebino e 13 Vallecamonica Hanno prestato il proprio contributo per questa giornata: Bottichio Federica Calvetti Sara

Dettagli

WHEELCHAIR SPORT FIRENZE 2005

WHEELCHAIR SPORT FIRENZE 2005 WHEELCHAIR SPORT FIRENZE 2005 ASD WSF - Volpi Rosse Via Cirillo, 2E FIRENZE info@wheelchairsportfirenze.it Tel. 3938911957 Firenze, 20 ottobre 2014 Oggetto: fiorentini Oltrel OstacolO Alla cortese attenzione

Dettagli

PROCEDIMENTO PENALE n. 47391/10 9716/11 R.G. GIP. rito ordinario

PROCEDIMENTO PENALE n. 47391/10 9716/11 R.G. GIP. rito ordinario [Portici 5, 2008-2010] PROCEDIMENTO PENALE n. 47391/10 9716/11 R.G. GIP rito ordinario 1. Dati identificativi del procedimento. Numeri di registro: 47391/10 R.G. N.R. 9716/11 R.G. GIP- 14175/11 R.G.Dib..

Dettagli

La risposta è affermativa L acquisto del CD è alternativo alla presa visione degli elaborati.

La risposta è affermativa L acquisto del CD è alternativo alla presa visione degli elaborati. QUESITI E RISPOSTE 1. Non risulta scaricabile il bando di gara; Il bando di gara pubblicato nella GURI del 04/07/2014 al n. T14BFM11431 ed il successivo corrispondente avviso di rettifica pubblicato nella

Dettagli

ISTANZA DI PARTECIPAZIONE CON ANNESSA AUTOCERTIFICAZIONE E DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETA (Art. 46 e 47 Legge 445/2000)

ISTANZA DI PARTECIPAZIONE CON ANNESSA AUTOCERTIFICAZIONE E DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETA (Art. 46 e 47 Legge 445/2000) ISTANZA DI PARTECIPAZIONE CON ANNESSA AUTOCERTIFICAZIONE E DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETA (Art. 46 e 47 Legge 445/2000) Al COMUNE DI MOGLIANO VENETO PIAZZA CADUTI N.8 31021 MOGLIANO VENETO

Dettagli

Firma digitale: aspetti tecnologici e normativi. Milano,

Firma digitale: aspetti tecnologici e normativi. Milano, Firma digitale: aspetti tecnologici e normativi Milano, Premessa digitale Il presente documento ha la finalità di supportare le Amministrazioni che intendono dotare il proprio personale di digitale, illustrando

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO SUL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE REGOLAMENTO SUL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE 1 Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione in data 2 maggio 2011 Art. 1 Oggetto CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 2

Dettagli

Regione Siciliana Azienda Ospedaliero Universitaria Policlinico - Vittorio Emanuele Catania

Regione Siciliana Azienda Ospedaliero Universitaria Policlinico - Vittorio Emanuele Catania Regione Siciliana Azienda Ospedaliero Universitaria Policlinico - Vittorio Emanuele Catania Protocollo Settore Provveditorato Magazzino Generale Tel. 095-7436337 fax 095-7435571 Oggetto: Acquisto Reagenti

Dettagli

INDICE. Capitolo I COSTITUZIONE E ALTRE DISPOSIZIONI FONDAMENTALI

INDICE. Capitolo I COSTITUZIONE E ALTRE DISPOSIZIONI FONDAMENTALI INDICE Presentazione... Avvertenza... pag VII XIII Capitolo I COSTITUZIONE E ALTRE DISPOSIZIONI FONDAMENTALI 1. Costituzione della Repubblica Italiana... 3 2. Convenzione per la salvaguardia dei diritti

Dettagli

Valorizzazione e valutazione della prestazione professionale: la rendicontazione del servizio, il contributo del singolo al risultato collettivo.

Valorizzazione e valutazione della prestazione professionale: la rendicontazione del servizio, il contributo del singolo al risultato collettivo. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca don Milani - Colombo Scuola Statale Secondaria di Primo Grado Salita Carbonara 51, Genova telefono: 0102512660-139 Fax 010 2512654 C.F. 95062060108

Dettagli

allegato alla determinazione dirigenziale n. 35 del 16/02/2015

allegato alla determinazione dirigenziale n. 35 del 16/02/2015 allegato alla determinazione dirigenziale n. 35 del 16/02/2015 Avviso di mobilità volontaria esterna riservato a dipendenti di amministrazioni pubbliche di cui all art. 1 comma 2 del D.Lgs. 165/2001 e

Dettagli

informatica 30 maggio 2011

informatica 30 maggio 2011 L informatica Forense: profili critici i della prova informatica 30 maggio 2011 volatilità modificabilità alterabilità Nuove Reti e nuovi strumenti Legge n. 48 del 2008 Ratifica della convenzione di Budapest

Dettagli

Fondazione Teatro Savoia REGOLAMENTO SUL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE

Fondazione Teatro Savoia REGOLAMENTO SUL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE Fondazione Teatro Savoia REGOLAMENTO SUL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE Approvato con delibera n 15 del Consiglio di Amministrazione in data 08/10/2010 Art. 1 Oggetto CAPO I - DISPOSIZIONI

Dettagli

LA BIOGRAFIA LINGUISTICA

LA BIOGRAFIA LINGUISTICA LA BIOGRAFIA LINGUISTICA Lavoro di gruppo: Casapollo, Frezza, Perrone e Rossi Classi coinvolte: 5 classi di scuola primaria e 5 classi di scuola secondaria di primo grado Docenti coinvolti: 3 della scuola

Dettagli

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI ROMA Via Ripetta n.222-00186 ROMA Tel. 06/3227025 06/3227036 Fax. 06/3218007

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI ROMA Via Ripetta n.222-00186 ROMA Tel. 06/3227025 06/3227036 Fax. 06/3218007 Roma, 17 novembre 2014 Prot. n. 20824/D3 D.D. 208 CONCORSO DI IDEE RISERVATO A STUDENTI O EX STUDENTI DELL ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI ROMA PER LA PROGETTAZIONE GRAFICA DEL MARCHIO/LOGOTIPO DELL ACCADEMIA.

Dettagli

DICHIARAZIONE UNICA (allegato 2) Alla Fondazione Cinema per Roma Viale Pietro De Coubertin n 10 C.A.P. 00196 Roma

DICHIARAZIONE UNICA (allegato 2) Alla Fondazione Cinema per Roma Viale Pietro De Coubertin n 10 C.A.P. 00196 Roma DICHIARAZIONE UNICA (allegato 2) Alla Fondazione Cinema per Roma Viale Pietro De Coubertin n 10 C.A.P. 00196 Roma Oggetto: Procedura per l affidamento dei lavori di progettazione e realizzazione chiavi

Dettagli

ASSOCIATO: Divisione Indagini Penali Difensive. www.pp-indaginipenali.it

ASSOCIATO: Divisione Indagini Penali Difensive. www.pp-indaginipenali.it ASSOCIATO: Divisione Indagini Penali Difensive www.pp-indaginipenali.it chi siamo P & P INVESTIGAZIONI S.r.l. è un agenzia investigativa legalmente autorizzata dalla Prefettura competente ai sensi dell

Dettagli

PROCEDIMENTO PENALE N 2051/11 r.g.n.r.; n. 211/12 R.G.T.; n 122/13 R.G.Sent. (rito ordinario)

PROCEDIMENTO PENALE N 2051/11 r.g.n.r.; n. 211/12 R.G.T.; n 122/13 R.G.Sent. (rito ordinario) PROCEDIMENTO PENALE N 2051/11 r.g.n.r.; n. 211/12 R.G.T.; n 122/13 R.G.Sent. (rito ordinario) 1. Dati identificativi del procedimento penale: Numeri di registro: n. 2051/11 r.g.n.r.; n. 211/12 R.G.T.;

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

Come scrivere una lettera di presentazione?

Come scrivere una lettera di presentazione? Come scrivere una lettera di presentazione? Dividerla in tre sezioni: 1. Perché sto scrivendo e chi sono: Se state rispondendo ad un annuncio, inserzione, sui giornali, siti-web ecc allora potete esordire

Dettagli

LA DOMANDA DI INSINUAZIONE AL PASSIVO ALLA LUCE DEL D.P.C.M. 13.11.2014. RIMINI 12 GIUGNO 2015 RELATORE: Avv. Andrea Deangeli

LA DOMANDA DI INSINUAZIONE AL PASSIVO ALLA LUCE DEL D.P.C.M. 13.11.2014. RIMINI 12 GIUGNO 2015 RELATORE: Avv. Andrea Deangeli LA DOMANDA DI INSINUAZIONE AL PASSIVO ALLA LUCE DEL D.P.C.M. 13.11.2014 RIMINI 12 GIUGNO 2015 RELATORE: Avv. Andrea Deangeli LA DOMANDA DI INSINUAZIONE AL PASSIVO ALLA LUCE DEL D.P.C.M. 13.11.2014 RIMINI

Dettagli

Sezione 1. Note metodologiche e dati generali

Sezione 1. Note metodologiche e dati generali Sezione 1 Note metodologiche e dati generali Note metodologiche Il questionario è stato rivolto a tutti i Presidenti di Tribunale ed ai Capi delle Corti d Appello che, nella compilazione, si sono potuti

Dettagli

AFFISSO ALL ALBO DEL DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI IN DATA: 29/5/2015 SCADENZA TERMINI PRESENTAZIONE DOMANDE: 7/6/2015

AFFISSO ALL ALBO DEL DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI IN DATA: 29/5/2015 SCADENZA TERMINI PRESENTAZIONE DOMANDE: 7/6/2015 AFFISSO ALL ALBO DEL DIPARTIMENTO DI STUDI UMANISTICI IN DATA: 29/5/2015 SCADENZA TERMINI PRESENTAZIONE DOMANDE: 7/6/2015 AVVISO DI RICOGNIZIONE INTERNA PER L ATTRIBUZIONE DI N. INCARICO DI TRADUZIONE

Dettagli

VADEMECUM REFERENDUM IN 4 PASSI

VADEMECUM REFERENDUM IN 4 PASSI VADEMECUM REFERENDUM IN 4 PASSI GLI 8 QUESITI Ogni fascicolo contiene 8 fogli in formato A3 con gli 8 quesiti referendari. Li puoi scaricare da Internet all indirizzo: http://www.possibile.com/wp-content/uploads/2015/06/

Dettagli

- SCHEMA TIPO - DOMANDA DI AMMISSIONE ALLA GARA E DICHIARAZIONE A CORREDO DELLA DOMANDA E DELL OFFERTA

- SCHEMA TIPO - DOMANDA DI AMMISSIONE ALLA GARA E DICHIARAZIONE A CORREDO DELLA DOMANDA E DELL OFFERTA - SCHEMA TIPO - DOMANDA DI AMMISSIONE ALLA GARA E DICHIARAZIONE A CORREDO DELLA DOMANDA E DELL OFFERTA All AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DELL AQUILA Via S. Agostino, 7 67100 L AQUILA LAVORI DI SISTEMAZIONE

Dettagli

Gli aspetti di maggiore rilievo di tale normativa, ai fini della presente circolare, possono essere così riepilogati:

Gli aspetti di maggiore rilievo di tale normativa, ai fini della presente circolare, possono essere così riepilogati: DIREZIONE GENERALE AI DIRIGENTI GENERALI COMPARTIMENTALI istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell amministrazione pubblica CIRCOLARE N. 66 DEL 10 DICEMBRE 2004 AI DIRETTORI DEGLI UFFICI PROVINCIALI

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Parte Prima EVOLUZIONE STORICA DEL PROCESSO PENALE - LE FONTI CAPITOLO I SISTEMA INQUISITORIO, ACCUSATORIO E MISTO

INDICE-SOMMARIO. Parte Prima EVOLUZIONE STORICA DEL PROCESSO PENALE - LE FONTI CAPITOLO I SISTEMA INQUISITORIO, ACCUSATORIO E MISTO INDICE-SOMMARIO Introduzione... Avvertenze e abbreviazioni... XV XIX Parte Prima EVOLUZIONE STORICA DEL PROCESSO PENALE - LE FONTI SISTEMA INQUISITORIO, ACCUSATORIO E MISTO 1.1.1. Sistemainquisitorioedaccusatorio...

Dettagli

Il campo Numero Elementi può essere compilato solo nel caso di Deposito Multiplo; occorre indicare il numero di elementi che compongono il deposito

Il campo Numero Elementi può essere compilato solo nel caso di Deposito Multiplo; occorre indicare il numero di elementi che compongono il deposito ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI REGISTRAZIONE PER DISEGNO O MODELLO E DEPOSITO MULTIPLO MODULO O l. Istruzioni di carattere generale La domanda gli eventuali

Dettagli

BANDO PER IL CONCORSO DI IDEE PER LA REALIZZAZIONE DEL LOGO MUSEO DEL PALIO

BANDO PER IL CONCORSO DI IDEE PER LA REALIZZAZIONE DEL LOGO MUSEO DEL PALIO CITTÀ DI ASTI Settore Lavori Pubblici ed Edilizia Pubblica Settore Cultura e Manifestazioni BANDO PER IL CONCORSO DI IDEE PER LA REALIZZAZIONE DEL LOGO MUSEO DEL PALIO 1. Soggetto banditore Il concorso

Dettagli

1. Scrivere ad amici e parenti

1. Scrivere ad amici e parenti 1. Scrivere ad amici e parenti In questo capitolo ci concentreremo sulle lettere per le persone che conosciamo. Normalmente si tratta di lettere i cui argomenti sono piuttosto vari, in quanto i nostri

Dettagli

STUPEFACENTI SEGNALAZIONE AL PREFETTO AI SENSI DELL ART 75 DPR 309/90 PERQUISIZIONE PERSONALE E LOCALE AI SENSI DELL ART.103 DPR 309/90.

STUPEFACENTI SEGNALAZIONE AL PREFETTO AI SENSI DELL ART 75 DPR 309/90 PERQUISIZIONE PERSONALE E LOCALE AI SENSI DELL ART.103 DPR 309/90. STUPEFACENTI SEGNALAZIONE AL PREFETTO AI SENSI DELL ART 75 DPR 309/90 PERQUISIZIONE PERSONALE E LOCALE AI SENSI DELL ART.103 DPR 309/90 Caso pratico Individuo trovato in possesso di un piccolo quantitativo

Dettagli

LA FORMAZIONE E L INFORMAZIONE ANTINFORTUNISTICA DEI LAVORATORI DEVONO ESSERE DOCUMENTATE

LA FORMAZIONE E L INFORMAZIONE ANTINFORTUNISTICA DEI LAVORATORI DEVONO ESSERE DOCUMENTATE Federazione Indipendente Lavoratori Pubblici Dipartimento Studi e Legislazione FLP 00187 ROMA - Via Piave, 61 sito internet:: www.flp.it - e-mail: flp@flp.it Tel. 064201089-42000358 Fax 0642010628 Segreteria

Dettagli

ENTE NAZIONALE RISI DIREZIONE AMMINISTRATIVA PROCEDURA PER LE ATTIVITA DI RICERCA, SELEZIONE E ASSUNZIONE

ENTE NAZIONALE RISI DIREZIONE AMMINISTRATIVA PROCEDURA PER LE ATTIVITA DI RICERCA, SELEZIONE E ASSUNZIONE ENTE NAZIONALE RISI DIREZIONE AMMINISTRATIVA PROCEDURA PER LE ATTIVITA DI RICERCA, SELEZIONE E ASSUNZIONE Struttura organizzativa: Direzione Amministrativa Processo di riferimento: Acquisizione Risorse

Dettagli

L Utente principale sarà il nostro primo contatto. Se avete un rappresentante, come ad esempio un parente, amico o avvocato, completare la pag. 5.

L Utente principale sarà il nostro primo contatto. Se avete un rappresentante, come ad esempio un parente, amico o avvocato, completare la pag. 5. Modulo di reclamo Spedire a: Credit and Investments Ombudsman Case Management Fax: 02 9273 8440 Indirizzo postale: PO Box A252, Sydney South NSW 1235 Questo modulo ci permetterà di raccogliere e utilizzare

Dettagli

Numeri di registro: n. 8658/04 R.G..N.R..; n. 18698/05 R.G.. GIP.

Numeri di registro: n. 8658/04 R.G..N.R..; n. 18698/05 R.G.. GIP. Procedimento penale: n. 8658/04 R.G..N.R..; n. 18698/05 R.G.. GIP. Rito ordinario 1. Dati identificativi del procedimento penale: Numeri di registro: n. 8658/04 R.G..N.R..; n. 18698/05 R.G.. GIP. Imputati:

Dettagli

Centro di Riferimento per l Agricoltura Biologica

Centro di Riferimento per l Agricoltura Biologica Centro di Riferimento per l Agricoltura Biologica Società Consortile a Responsabilità Limitata AVVISO N. 2/2010 - SELEZIONE PER TITOLI E COLLOQUIO FINALIZZATA ALL ASSUNZIONE DI UN ESPERTO RICERCATORE CON

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

FORNITURA A PIE D OPERA APPARECCHIATURE TECNICHE NUOVA CABINA ELETTRICA CENTRO SERVIZI DI PALMANOVA

FORNITURA A PIE D OPERA APPARECCHIATURE TECNICHE NUOVA CABINA ELETTRICA CENTRO SERVIZI DI PALMANOVA C.U.P.: I61B07000340005 C.I.G.: 0438423619 Via V. Locchi, 19-34123 Trieste SCHEDE FORNITURA A PIE D OPERA APPARECCHIATURE TECNICHE NUOVA CABINA Scheda 1 - Soggetto concorrente ; Scheda 1 bis - Associazioni

Dettagli

Diritto del richiedente a contestare la decisione riguardante la richiesta di sussidi

Diritto del richiedente a contestare la decisione riguardante la richiesta di sussidi Diritto del richiedente a contestare la decisione riguardante la richiesta di sussidi Diritto del richiedente a contestare la decisione riguardante la richiesta di sussidi La Social Security vuole garantire

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Quater) SENTENZA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Quater) SENTENZA N. 10136/2014 REG.PROV.COLL. N. 10666/2011 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Seconda Quater) ha pronunciato

Dettagli

DOCUMENTI DA ALLEGARE ALLA DOMANDA

DOCUMENTI DA ALLEGARE ALLA DOMANDA ISTANZA PER L AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO (D.P.R. 30 MAGGIO 2002 N. 115) (L. 24 febbraio 2005, n. 25) DOCUMENTI DA ALLEGARE ALLA DOMANDA 1. COPIA CERTIFICATO STATO DI FAMIGLIA 2. COPIA

Dettagli

LE ATTIVITA DI CONSULENZA TECNICA E PERIZIA IN AMBITO MEDICO-LEGALE. Consuela Cigalotti

LE ATTIVITA DI CONSULENZA TECNICA E PERIZIA IN AMBITO MEDICO-LEGALE. Consuela Cigalotti LE ATTIVITA DI CONSULENZA TECNICA E PERIZIA IN AMBITO MEDICO-LEGALE Consuela Cigalotti Possono aver luogo in momenti diversi nel complesso iter in cui si articola il procedimento penale. INDAGINI PRELIMINARI

Dettagli