INVESTIGAZIONE DI UNA SCENA DEL CRIMINE CON PRESENZA DI AGENTI CBRN

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INVESTIGAZIONE DI UNA SCENA DEL CRIMINE CON PRESENZA DI AGENTI CBRN"

Transcript

1 Titolo INVESTIGAZIONE DI UNA SCENA DEL CRIMINE CON PRESENZA DI AGENTI CBRN Definizione e scopo Svolgere attività forense su un sito con possibile presenza di agenti CBRN, garantendo la sicurezza degli operatori impegnati. Un teatro CBRN rappresenta una scenario in cui sono coinvolte armi o prodotti non convenzionali. Termini, simboli, acronimi e sigle DPI: Dispositivi di Protezione Individuale. CSI: Crime Scene Investigation. CSM: Crime Scene Manager. CSE: Crime Scene Examiner. OPI: Operatore di primo intervento. P.O.: ProceduraOperativa. ENFSI: European Network Forensic Science Institutes. CBRN: Chimico, Biologico, Radiologico, Nucleare. Campo di applicazione La procedura descrive le azioni da intraprendere in scenari nei quali vi è la sospetta o certa presenza di agenti chimici, biologici, radiologici o nucleari. Destinatari La procedura è rivolta agli operatori della scena del crimine ben specializzato in cooperazione con gli organi di VVF, o comunque a personale esperto in investigazione delle cause di incendio, dotato di strumentazione campale per l ispezione dei sistemi elettrici e per le misurazioni elettriche. Tuttavia, compito dell OPI di polizia è la salvaguardia di questa tipologia di tracce dalla dispersione e dalla contaminazione. Limiti della procedura e Sicurezza Le operazioni d investigazione in tale scenario devonoavvenire sempre in Team, composto da membri con specifiche conoscenze e capacità nel campo della protezione da agenti CBRN, e con esclusione a priori di lavori ed attività posti in essere da singoli operatori. Sicurezza operatori:verifica stabilità: deve precedere qualsiasi accesso in aree colpite. La mancanza di conoscenze ben specifiche e DPI appositi la procedura non può essere eseguita. Ruoli e responsabilità La ricerca di questi reperti è compito esclusivo del CSE. Compito del CSM èprovvedere all'indottrinamento del personale, al controllo delle corrette modalità di lavoro, dopo la formulazione delle ipotesi temporanee. Per riassumere le figure fondamentali sono: Responsabile/Crime Scene Manager: ha il compito di definire la strategia di raccolta delle prove e la loro sequenza di campionamento. Responsabile delle operazioni/crime Scene Examiner: ha il compito di analizzare i vari dati raccolti prima e durante le attività, di definire gli elementi di prova pertinenti e di identificare le idonee metodologie, procedure, strumentazioni, dispositivi ed attrezzature da utilizzare per la raccolta, conservazione e trasporto di tracce, prove e campioni. Responsabile/Ufficiale della Sicurezza: ha il compito di studiare ed analizzare iluoghi allo scopo di 1

2 riconoscere, identificare e caratterizzare gli agenti CBRN presenti sulla scena onde poter valutare pericoli e rischi di contaminazione e predisporre le opportune procedure, cautele e protezioni tecnico operative del caso (zonizzazione, uso di Dispositivi di Protezione Individuale (DPI), calcolo dei tempi di esposizione ecc.) per la garanzia della sicurezza individuale dei componenti del Team e per la corretta gestione del rischio CBRN correlato alle attività di sopralluogo, repertamento, raccolta, conservazione, trasporto e analisi di campioni e prove prelevati dal luogo. Riferimenti normativi e documentazione di riferimento Artt. 244, 348 e 354 c.p.p. Ministero dell Interno Dipartimento Vigili del Fuoco, Soccorso Pubblico e Difesa Civile Circolare n. 6 prot. n. EM 2052/24205 del 22/05/02 Scenari di intervento tradizionali e non convenzionali Organizzazione del C.N.V.V.F. alle emergenze di tipo chimico, biologico, nucleare e radiologico e successiva integrazione con Circolare prot. n. EM 4679/24205 del 02/10/02. NATO Standardization Agreement STANAG 2112 NBC Reconnaissance. NATO Standardization Agreement STANAG 2984 Graduated Levels of Chemical, Biological, Radiological and Nuclear Threats and Associated Protective Measures. NATO Standardization Agreement STANAG 2426 Nuclear, Biological and Chemical (NBC) Hazard Management Policy for NATO Forces. Ministero dell Interno Dipartimento Vigili del Fuoco, Soccorso Pubblico e Difesa Civile Linee Guida per l Intervento di tipo chimico, biologico, nucleare e radiologico a seguito di attacco terroristico. Ministero dell Interno Dipartimento Vigili del Fuoco, Soccorso Pubblico e Difesa Civile Procedure per la vestizione e svestizione per indumenti di tipo scafandrato Tipo 1 2 3, per indumenti di tipo 3, per indumenti di tipo 4. Ministero dell Interno Dipartimento Vigili del Fuoco, Soccorso Pubblico e Difesa Civile Schede Tecniche Indumenti di Tipo 1a ET, Tipo 2, Tipo 3 Non Scafandrato, Tipo 4 Non Scafandrato. Dotazione ed equipaggiamenti di base Apparato video fotografico. Fotosferica e laser scanner (optionale). Termocamera. Multimetro. DPI specifici con relative procedure: Procedure di Vestizione/Svestizione Tute Protettive NBC Categoria III Tipo 1 ET, 2, 3, 4. Procedura IndossamentoAutoprotettore. Procedura Indossamento Maschera con Filtro. Procedure per la Rivelazione Radiologico/Nucleare e per il Campionamento e l Identificazione di Aggressivi Biologici e Chimici. Procedure per la Decontaminazione Primaria e Secondaria. FLS e dispositivi per l illuminazione dotati di gruppo elettrogeno. Accessori per il campionamento specifico. Pale, badili e setacci. Apparato per taratura multimetro. Utensili vari come cesoie, lame e seghe specifiche. Materiale per classificazione alfanumerica e per riferimento dimensionale. Materiali per confezionamento specifico, buste in plastica, alluminio e barattoli in vetro. Sigilli. Materiali specifici descritti nel capitolo di riferimento e nel sottostante documento. Per il personale che svolge operazioni in zona contaminata, è previsto l utilizzo di dispositivi tali da 2

3 garantire il massimo livello di protezione, ovvero di tute protettive scafandrate a tenuta di gas (Categoria III Tipo 1a ET) con autorespiratore. Per il personale che svolge operazioni nelle zone immediatamente limitrofe alla zona contaminata, o personale addetto alla decontaminazione, è previsto l utilizzo di tute non scafandrate (Categoria III Tipo 3 e 4) con autorespiratore o maschera con filtro NBC. Per le operazioni di rivelazione radiologico/nucleare e per il campionamento e l identificazione di aggressivi biologici e chimici, è previsto l utilizzo di idonea strumentazione campale e materiali per la raccolta, il confezionamento ed il trasporto dei campioni prelevati. Per le operazioni di decontaminazione primaria e secondaria del personale impegnato nelle operazioni, è previsto l utilizzo di unità mobili di decontaminazione o di apparati campali per la decontaminazione di piccola o grande capacità. Parte I Cap.I, II e III. Parte II Cap.I, II, III e IV. Parte III Cap. III, IV e V. P.O. 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 14. Capitoli e prodedure di riferimento Impiego operativo La peculiarità dello scenario impone l estrema selezione delle tracce anche per le difficoltà materiali ad porre in essere le tecniche di esaltazione e repertazione. Attività generali Indossare DPI Raccogliere informazioni sulla vicenda da parte di soccorritori. Predisporre aree di bonifica di operatori, reperti e materiali. Inserire nelle unità di ricerca delle tracce anche gli OPI specializzati di primo intervento. Descrivere il tutto con rilievi videofotografici. Se possibile procedere a rilievi con fotosferica. In caso di campionamento alla cieca, repertare sempre materiale nell intorno da usare come bianco. Spingere al massimo la logica abduttiva e la lettura dei segni del fuoco per risalire alle cause e concentrare in tal modo il repertamento. Attività specifiche: raccolta delle Informazioni L identificazione della presenza di uno scenario CBRN può avvenire in due modi: Identificazione Diretta: la presenza di agenti chimici, biologici, radiologici o nucleari è nota a seguito di accertamento diretto e/o misurazioni strumentali. Identificazione Indiretta: la presenza di agenti chimici, biologici, radiologici o nucleari è presumibile e/o deducibile da: notizie provenienti da fonti qualificate ed affidabili; serie di elementi indicativi tipici e/o caratterizzanti la presenta di agenti CBRN quali: esplosione, scoppio o elementi anomali notati nell ambiente o all interno di infrastrutture; possibile presenza di una sostanza sotto forma di gas, aerosol o liquido; presenza di un consistente numero di persone che accusano sintomi simili e/o senza apparente spiegazione; 3

4 presenza di odori particolari o insoliti soprattutto se provenienti sostanze liquide o gassose; presenza di animali deceduti. Gestione della Scena Il Team di investigazione o l'operatore di primo intervento procede a: isolare la scena (qualora non già effettuato da altri enti di soccorso); acquisire la maggiore quantità possibile di informazioni dai primi soccorritori intervenuti sul posto; valutare le condizioni atmosferiche per la predizione della ricaduta e della diffusione dell'agente; mitigare le conseguenze della presenza di agenti CBRN per impedire la diffusione della contaminazione; proteggere la popolazione presente nelle aree limitrofe all area contaminata; contenere la contaminazione nell area dell evento, fino alla completa eliminazione o al contenimento delle sostanze pericolose disperse nell ambiente; zonizzare l'area (determinazione della zona contaminata (zona rossa o calda), della zona di possibile contaminazione (zona arancio o tiepida) e della zona non pericolosa (zona gialla o fredda), delimitando, in funzione della sostanza che si ipotizza essere stata dispersa, le aree di sicurezza con ampiezza e forma predeterminate e approssimate per eccesso (zonizzazione con metodo speditivo); identificare e porre sotto stretto controllo un punto di ingresso/uscita da/per la zona non pericolosa o comunque bonificabile; definire, per la sicurezza degli operatori e per l efficacia delle azioni d'investigazione, un corridoio da/per la zona rossa all uscita del quale avverranno le operazioni di decontaminazione degli operatori; se del caso individuare, discosto dalla zona rossa, un luogo deputato alla raccolta, conservazione e isolamento, ad opera di personale specializzato, degli elementi di prova contaminati CBRN con utilizzo di appositi contenitori sigillati da sottoporre poi a bonifica esterna; all esterno della scena, in zona non pericolosa e sopravento, identificare con chiarezza la zona di raccolta per operatori, attrezzature, materiali e automezzi puliti da utilizzare nelle operazioni; determinare le esigenze idriche predisponendo quanto necessario per le finalità di decontaminazione; effettuare i rilievi strumentali, per determinare la quantità di contaminante attraverso l'uso di particolari tabelle di riferimento ed in relazione agli agenti atmosferici, rimodulando in dettaglio la zonizzazione. Le tabelle di riferimento e procedure di calcolo predeterminate consentono anche di prevedere l andamento nella presenza delle sostanze pericolose nello spazio (ovvero le zone che saranno interessate dalla diffusione del contaminate nei periodi successivi al momento di dispersione), e nel tempo (ovvero i tempi di persistenza del contaminante nell ambiente). L opera di interdizione e controllo dell area calda (contaminata) e tiepida (di possibile contaminazione) risulta essere fondamentale per il raggiungimento di diversi obiettivi: impedire che la contaminazione si diffonda per allontanamento spontaneo di vittime contaminate o con l ingresso di persone esterne; garantire ai soccorritori sufficienti spazi di movimento e sufficienti condizioni di tranquillità nello svolgimento delle operazioni di investigazione. 4

5 Preparazione all ingresso nella scena La preparazione all ingresso nella scena mira, principalmente, alla valutazione della minaccia CBRN per definire adeguatamente il livello di protezione degli operatori, le esigenze di decontaminazione e la corretta organizzazione, in funzione del profilo di rischio presente, delle attività di sopralluogo, repertamento, raccolta, conservazione, trasporto e analisi di tracce, prove e campioni prelevati. In questa fase sono anche stabiliti i protocolli standard che i singoli componenti del Team dovranno utilizzare definendo inoltre: tipo di contenitori da utilizzare; tipologia di materiale da campionare (solido, liquido, gassoso, misto); campioni di prove da raccogliere; accertamenti che potrebbero essere necessari per ulteriori analisi; posizionamento della zona per lo svolgimento delle attività specialistiche; gestione dei rifiuti all'interno della scena del crimine e al di fuori di essa con identificazione di due aree, una interna ed una esterna, per il deposito dei rifiuti. I materiali per la raccolta degli elementi di prova, prima del loro utilizzo, devono essere in ogni caso essere sterilizzati e sigillati. Inoltre, se i materiali utilizzati per raccolta delle prove dovessero essere riutilizzati, va stabilito a priori il metodo da utilizzare per la loro decontaminazione. Attività di Repertamento All ingresso nella scena, poiché le sostanze ed i materiali utilizzati durante le operazioni di polizia, soccorso tecnico e/o sanitario (gas lacrimogeni, sostanze estinguenti, decontaminanti, ecc.) potrebbero contaminare e/o inquinare campioni, tracce e prove o interferire con le successive analisi, questi, prima dell inizio delle attività, dovrebbero essere rimossi, confinati e/o neutralizzati. L accesso nel luogo deve avvenire con un Team composto da almeno due operatori in possesso di idoneo addestramento ad operare in zone contaminate CBRN. Durante la prima valutazione, se opportuno, vengono prelevati dei campioni ambientali di aria e di acqua. Successivamente, uno degli operatori del Team provvede alla registrazione della scena del crimine attraverso riprese videofotografiche e/o attraverso l esecuzione di disegni, scansioni, ecc., mentre l altro operatore identifica le aree di interesse e procede alla delimitazione della scena. Nelle attività di repertamento di tracce, residui, macchie, stratificazioni di sostanze, ecc., devono essere tenuti in considerazione tutti i fattori che possono influenzare o essere determinanti per la demarcazione delle aree e per le operazioni di accertamento tecnico scientifico,quali, ad esempio, il flusso d'aria presente nel luogo o la presenza di un ambiente contaminato che può diminuire l'umidità provocando, a sua volta, interferenze sia nell uso di specifici dispositivi (quali quelli igroscopici) sia nello svolgimento di specifiche prove con utilizzo di particolari strumentazioni (quali rilevatori ad adsorbimento su carbone). Termine delle attività All uscita dalla scena, attraverso l apposito corridoio ed il punto di accesso precedentemente identificati, gli operatori del Team devono sottoporsi a decontaminazione primaria e, 5

6 successivamente, a decontaminazione secondaria. Durante le attività di decontaminazione primaria, i DPI utilizzati, gli abiti e gli indumenti indossati devono essere raccolti in idonei contenitori per essere successivamente sottoposte alle idonee procedure per il loro riutilizzo o avviati allo smaltimento. Parimenti le acque reflue derivanti dalle operazioni condotte, fonte di possibile contaminazione secondaria, devono essere contenute avviando, contemporaneamente, tutte le opportune azioni di controllo e tutela dell ambiente sede delle attività. In caso d intervento per finalità di polizia giudiziaria, le procedure operative di ricerca delle tracce devono soggiacere alle precauzioni summenzionate per evitare il rischio di diffusione del contaminante. In caso di uso di esplosivi senza l'impiego di aggressivi CBRN si segue la procede secondo la prevista procedura. 6

Titolo RICERCA SUL CAMPO PER SOSPETTE CAUSE ELETTRICHE.

Titolo RICERCA SUL CAMPO PER SOSPETTE CAUSE ELETTRICHE. Titolo RICERCA SUL CAMPO PER SOSPETTE CAUSE ELETTRICHE. Definizione e scopo In caso di sospetto incendio di natura elettrica, le cause possono essere ricondotte a corto circuito, archi elettrici, surriscaldamento

Dettagli

Organizzazione della risposta del CNVVF alle emergenze chimiche, biologiche, nucleari e radiologiche

Organizzazione della risposta del CNVVF alle emergenze chimiche, biologiche, nucleari e radiologiche Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Corpo Nazionale Vigili del Fuoco Organizzazione della risposta del CNVVF alle emergenze chimiche, biologiche,

Dettagli

05/07/2015. Catena di custodia dei reperti. Una corretta raccolta della traccia CATENA CUSTODIA REPERTI - CONTAMINAZIONE

05/07/2015. Catena di custodia dei reperti. Una corretta raccolta della traccia CATENA CUSTODIA REPERTI - CONTAMINAZIONE CATENA CUSTODIA REPERTI - CONTAMINAZIONE Una corretta raccolta della traccia Riconoscere. La persona che reperta le tracce deve conoscere le potenziali tracce presenti sulla scena del crimine che possono

Dettagli

Gli attentati terroristici sono ormai, purtroppo, all ordine NBCR. L Esercitazione di Campobasso del 7 dicembre 2005. Eo 4

Gli attentati terroristici sono ormai, purtroppo, all ordine NBCR. L Esercitazione di Campobasso del 7 dicembre 2005. Eo 4 NBCR L Esercitazione di Campobasso del 7 dicembre 2005 1 2 3 Fig. 1: Riunione prima della partenza, in piedi la D.ssa Giovanna Cimino; Fig. 2: Carrello di decontaminazione Nbcr dei vigili del fuoco; Fig.

Dettagli

Titolo REPERTAMENTO DI FIBRE TESSILI E FORMAZIONI PILIFERE

Titolo REPERTAMENTO DI FIBRE TESSILI E FORMAZIONI PILIFERE Titolo REPERTAMENTO DI FIBRE TESSILI E FORMAZIONI PILIFERE Definizione e scopo La procedura ha lo scopo di individuare gli accorgimenti ed i processi necessari ad individuare, raccogliere e custodire fibre

Dettagli

PREMESSA - QUANDO UN INTERVENTO SI CLASSIFICA IN QUESTA CATEGORIA

PREMESSA - QUANDO UN INTERVENTO SI CLASSIFICA IN QUESTA CATEGORIA Pagina 1/5 PREMESSA - QUANDO UN INTERVENTO SI CLASSIFICA IN QUESTA CATEGORIA Intervento conseguente alla segnalazione o all effettivo ritrovamento di un ordigno o dispositivo incendiario. Intervento per

Dettagli

PIANO DI LAVORO NOTIFICA CON PROCEDURA DI URGENZA

PIANO DI LAVORO NOTIFICA CON PROCEDURA DI URGENZA PIANO DI LAVORO NOTIFICA CON PROCEDURA DI URGENZA AI SENSI DELL ART. 256 D. Lgs. 81 del 9/4/2008 BONIFICA MEDIANTE RIMOZIONE E SMALTIMENTO DI PAVIMENTAZIONE IN MATTONELLE DI LINOLEUM UNITA LOCALE VIA BETTINI

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Data di stampa: 04.06.2014 Pagina 1 di 6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto 1.2. Usi pertinenti identificati della sostanza

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURA OPERATIVA: RISCHIO VIABILITA E TRASPORTI Versione 1.0 del 05.03.2013 Redazione a cura di: Corpo Polizia Municipale Reno-Galliera GENERALITA 2.4 - Incidenti

Dettagli

PREMESSA DEFINIZIONI DEFINIZIONI

PREMESSA DEFINIZIONI DEFINIZIONI PREMESSA NOVITA INTRODOTTE DAL D.P.R. 177/2011 Dr.ssa Tiziana BAGNARA Tecnico della Prevenzione nell Ambiente e nei Luoghi di Lavoro S.Pre.S.A.L. ASL TO3 Ogni anno si registrano in Italia numerosi incidenti

Dettagli

SICUREZZA CHI SA COSA STA FACENDO VIVE BENE E A LUNGO E NON PROVOCA DANNO AL VICINO

SICUREZZA CHI SA COSA STA FACENDO VIVE BENE E A LUNGO E NON PROVOCA DANNO AL VICINO SICUREZZA CHI SA COSA STA FACENDO VIVE BENE E A LUNGO E NON PROVOCA DANNO AL VICINO SICUREZZA DPI DISPOSITIVI PROTEZIONE INDIVIDUALE CAMICE GUANTI OCCHIALI PROTETTIVI VANNO INDOSSATI SEMPRE IN LABORATORIO

Dettagli

Emergenze e centrali operative dei VV.F. Il C.N.VV.F. Struttura Centrale e Territoriale

Emergenze e centrali operative dei VV.F. Il C.N.VV.F. Struttura Centrale e Territoriale Emergenze e centrali operative dei VV.F. CORSO PER FUNZIONARI DI TURNO E COLLEGAMENTO E ASSISTENTE OPERATORE DI SALA Il C.N.VV.F. Struttura Centrale e Territoriale RELATORE Ing. Luciano Cadoni Dirigente

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURA OPERATIVA: RISCHIO GAS Versione 0.0 del 01.07.2011 Redazione a cura di: Corpo Polizia Municipale Reno-Galliera GENERALITA Evento: Guasto o rottura con

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H. Borgo Garibaldi, n 12 - Albano Laziale (Roma) 06 / 93275330 fax 93275317

AZIENDA USL ROMA H. Borgo Garibaldi, n 12 - Albano Laziale (Roma) 06 / 93275330 fax 93275317 VERBALE DI SOPRALLUOGO PER LA VERIFICA DELLE ATTIVITA DEL SETTORE ALIMENTARE SOGGETTE A REGISTRAZIONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 FARMACIE ATTIVITA : Reg. n DATI IDENTIFICATIVI : DITTA RAGIONE

Dettagli

VERBALE PRELIMINARE DI COORDINAMENTO

VERBALE PRELIMINARE DI COORDINAMENTO 1 di 5 DATA.. Referente di Commessa RdC Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione RSPP Direttore Lavori DL Direttore Operativo DO Ispettore di Cantiere IC Assistente lavori AL Collaudatore

Dettagli

Dipartimento Sociale Direzione Regionale Politiche della prevenzione e Sicurezza sul lavoro. Dipartiment

Dipartimento Sociale Direzione Regionale Politiche della prevenzione e Sicurezza sul lavoro. Dipartiment Dipartiment Dipartimento Sociale NOTA INFORMATIVA SINTETICA PER L APPLICAZIONE DELLE MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE NEI LAVORI IN AMBIENTI SOSPETTI DI INQUINAMENTO ART. 66 D.LGS. 81/08 Luglio 2009

Dettagli

Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Roma. Oggetto: Procedura per il riconoscimento di amianto e bonifica dei DPI e attrezzature utilizzate.

Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Roma. Oggetto: Procedura per il riconoscimento di amianto e bonifica dei DPI e attrezzature utilizzate. Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Roma Oggetto: Procedura per il riconoscimento di amianto e bonifica dei DPI e attrezzature utilizzate. Il responsabile operativo intervenuto provvede alla ricognizione

Dettagli

Gestione delle Emergenze negli spazi confinati e coordinamento con il sistema di Soccorso Nazionale

Gestione delle Emergenze negli spazi confinati e coordinamento con il sistema di Soccorso Nazionale Gestione delle Emergenze negli spazi confinati e coordinamento con il sistema di Soccorso Nazionale Relatore: Ing. Alberto Parrino (Comando Prov.le VV.F. Modena) Modena 16/07/2012 Regolamento recante norme

Dettagli

Questo argomento è trattato nel Titolo IX «Sostanze pericolose», al Capo III «Protezione dai rischi connessi all esposizione all amianto»

Questo argomento è trattato nel Titolo IX «Sostanze pericolose», al Capo III «Protezione dai rischi connessi all esposizione all amianto» Amianto Questo argomento è trattato nel Titolo IX «Sostanze pericolose», al Capo III «Protezione dai rischi connessi all esposizione all amianto» (artt. da 246 a 265). Fermo restando quanto previsto dalla

Dettagli

INNAMORATI DELLA SICUREZZA

INNAMORATI DELLA SICUREZZA INNAMORATI DELLA SICUREZZA Zero infortuni, ambiente di lavoro sicuro al 100% e tutela dell ambiente e delle risorse naturali sono gli obiettivi di ROMEO SAFETY ITALIA srl. Per raggiungerli dedichiamo:

Dettagli

Esposizione ad agenti biologici

Esposizione ad agenti biologici Esposizione ad agenti biologici Il Titolo X corrisponde al Titolo VIII del D.Lgs. 626/94 di attuazione della direttiva 90/679/CEE, relativa alla protezione di lavoratori contro i rischi derivanti dall

Dettagli

GESTIONE IN SICUREZZA: ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI

GESTIONE IN SICUREZZA: ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI Pag. 1/5 SOMMARIO 1. OGGETTO E SCOPO... 2 2. CAMPO E LUOGO DI APPLICAZIONE... 2 3. RESPONSABILITÀ... 2 3.1. Responsabilità di applicazione... 2 3.2. Responsabilità di redazione... 2 3.3. Responsabilità

Dettagli

SOPRALLUOGO GIUDIZIARIO E REPERTAMENTO

SOPRALLUOGO GIUDIZIARIO E REPERTAMENTO Istituto Superiore Antincendi 1 Convegno Internazionale Investigating the Causes of Fire Roma, 26 febbraio 2008 SOPRALLUOGO GIUDIZIARIO E REPERTAMENTO M Sezione di Chimica, Esplosivi e Infiammabili R SOPRALLUOGO

Dettagli

SEZIONE AMIANTO - METODI DI GESTIONE CAMPIONAMENTO

SEZIONE AMIANTO - METODI DI GESTIONE CAMPIONAMENTO CAMPIONAMENTO Per valutare la quantità di fibre aerodisperse nell ambiente circostante i materiali MCA si deve fare ricorso a: Preliminare valutazione visiva delle condizioni generali di friabilità dei

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ATTENZIONE: MANIPOLARE CON PRUDENZA

SCHEDA DI SICUREZZA ATTENZIONE: MANIPOLARE CON PRUDENZA Pag. 1 di 5... SCHEDA DI SICUREZZA 1. Denominazione della sostanza/preparato e della Ditta (Registr. n. 10113 del 27/07/1999) Ditta: 2. Composizione - Informazioni sui componenti Carattere chimico Contiene

Dettagli

Gruppo Formatori Sicurezza per il Volontariato Protezione Civile Regione Emilia Romagna. Relatore: Alberto Piacentini SICUREZZA E DPI

Gruppo Formatori Sicurezza per il Volontariato Protezione Civile Regione Emilia Romagna. Relatore: Alberto Piacentini SICUREZZA E DPI Gruppo Formatori Sicurezza per il Volontariato Protezione Civile Regione Emilia Romagna Relatore: Alberto Piacentini SICUREZZA E DPI Corso Base di Protezione Civile COSA SIGNIFICA SICUREZZA? Auto protezione

Dettagli

Servizio Prevenzione e Protezione Piano Lavoro Amianto. Indice

Servizio Prevenzione e Protezione Piano Lavoro Amianto. Indice Indice Generalità... 2 Caratteristiche di intervento... 2 Gestione del Rifiuto... 3 Gestione del materiale a deposito... 4 Comunicazione agli Organi Competenti... 4 Idoneità del personale... 5 Gestione

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA Secondo il Regolamento europeo 1907/2006/CE

SCHEDA DI SICUREZZA Secondo il Regolamento europeo 1907/2006/CE 1/6 Secondo il Regolamento europeo 1907/2006/CE 1 - Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Denominazione commerciale: ACIDE D,L-MALIQUE Impiego: Preparato per uso enologico

Dettagli

REGOLAMENTO DI SICUREZZA PER GLI STUDENTI

REGOLAMENTO DI SICUREZZA PER GLI STUDENTI REGOLAMENTO DI SICUREZZA PER GLI STUDENTI Articolo 1 - Premessa 1. Di seguito sono riassunte le norme generali di prevenzione e quelle di emergenza, alle quali tutti gli studenti-ospiti dell Università

Dettagli

WINTER. D.Lgs 81/2008 PROTEZIONE CIVILE. Template. Adempimenti

WINTER. D.Lgs 81/2008 PROTEZIONE CIVILE. Template. Adempimenti WINTER Template D.Lgs 81/2008 PROTEZIONE CIVILE Adempimenti PROGRAMMA 1. Normativa 2. Scenari di Protezione Civile WINTER Template 3. Formazione, informazione e addestramento 4. DPI dotazione e formazione,

Dettagli

Il sottoscritto. Titolare della Ditta. Legale Rappresentante della Ditta con sede legale nel Comune di località Via...n... CAP.Prov...

Il sottoscritto. Titolare della Ditta. Legale Rappresentante della Ditta con sede legale nel Comune di località Via...n... CAP.Prov... A.O.O. Provincia di Roma Servizi di Tutela Ambientale Anno Classificazione Fascicolo.. N.. DATA. Modello I-5bis (Provincia Modello_E-bis Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di Civitavecchia

Dettagli

Pagina :1/5 1 IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETÀ FORNITRICE Scheda n 001 Nome commerciale Acetilene Nome chimico della sostanza Acetilene; etino Formula chimica C 2 H 2 Utilizzi della sostanza

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO Dipartimento di Ingegneria Idraulica, Geotecnica ed Ambientale ABSTRACT

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO

MINISTERO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA DIFESA CIVILE E LE POLITICHE DI PROTEZIONE CIVILE Due parole sulla Difesa

Dettagli

AMIANTO CORSO PER COORDINATORI 18.01.2013. Massimo Fulceri Tecnico della Prevenzione Ufficiale di Polizia Giudiziaria Azienda U.S.L.

AMIANTO CORSO PER COORDINATORI 18.01.2013. Massimo Fulceri Tecnico della Prevenzione Ufficiale di Polizia Giudiziaria Azienda U.S.L. AMIANTO CORSO PER COORDINATORI 18.01.2013 Massimo Fulceri Tecnico della Prevenzione Ufficiale di Polizia Giudiziaria Azienda U.S.L. 5 di Pisa Procedura di classificazione M.C.A. Localizzazione e caratterizzazione

Dettagli

Il Sistema integrato qualità, ambiente e sicurezza

Il Sistema integrato qualità, ambiente e sicurezza Il Sistema integrato qualità, ambiente e sicurezza Riferimenti normativi Qualità UNI EN ISO 9001 Ambiente UNI EN ISO 14001 Sicurezza OHSAS 18001 Tutte e tre le normative sono compatibili ed in alcuni casi

Dettagli

SOCCORSO A PERSONA INTRAPPOLATA IN SPAZI CONFINATI (serbatoi, cunicoli, ecc.)

SOCCORSO A PERSONA INTRAPPOLATA IN SPAZI CONFINATI (serbatoi, cunicoli, ecc.) Pagina 1/8 PREMESSA - QUANDO UN INTERVENTO SI CLASSIFICA IN QUESTA CATEGORIA In questa categoria si classificano le richieste di soccorso per persone intrappolate in impianti industriali, all interno di

Dettagli

CAPO III PROTEZIONE DAI RISCHI CONNESSI ALL ESPOSIZIONE ALL AMIANTO Sezione I Disposizioni generali Art. 246.

CAPO III PROTEZIONE DAI RISCHI CONNESSI ALL ESPOSIZIONE ALL AMIANTO Sezione I Disposizioni generali Art. 246. CAPO III PROTEZIONE DAI RISCHI CONNESSI ALL ESPOSIZIONE ALL AMIANTO Sezione I Disposizioni generali Art. 246. Campo di applicazione 1. Fermo restando quanto previsto dalla legge 27 marzo 1992, n. 257,

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione

AZIENDA USL ROMA H Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione VERBALE DI SOPRALLUOGO PER LA VERIFICA DELLE ATTIVITA DEL SETTORE ALIMENTARE SOGGETTE A REGISTRAZIONE AI SENSI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 852/2004 (esclusa produzione primaria) D.I.A. N del ATTIVITA : Reg.

Dettagli

MASTER di 2 LIVELLO PROTEZIONE DA EVENTI CBRN. a.a. 2010-2011

MASTER di 2 LIVELLO PROTEZIONE DA EVENTI CBRN. a.a. 2010-2011 MASTER di 2 LIVELLO PROTEZIONE DA EVENTI CBRN (Chimici Biologici Radiologici Nucleare) a.a. 2010-2011 Direttore Prof. Carlo Bellecci 1 La probabilità che un evento CBRN accada è molto elevata. In Italia

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA VAPOR GARD DATA DI COMPILAZIONE: MARZO 2001 PAGINA: 1 DI 6 DATA DI REVISIONE: GENNAIO 2006

SCHEDA DI SICUREZZA VAPOR GARD DATA DI COMPILAZIONE: MARZO 2001 PAGINA: 1 DI 6 DATA DI REVISIONE: GENNAIO 2006 SCHEDA DI SICUREZZA VAPOR GARD DATA DI COMPILAZIONE: MARZO 2001 PAGINA: 1 DI 6 1 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Identificazione della sostanza/preparato Utilizzazione

Dettagli

SOSTANZE PERICOLOSE: Istruzioni per l uso. Introduzione

SOSTANZE PERICOLOSE: Istruzioni per l uso. Introduzione Introduzione Il presente lavoro consta in una serie di schede informative sulle corrette modalità di gestione delle sostanze pericolose ed è indirizzato ai lavoratori dei diversi comparti produttivi. Esso

Dettagli

Gli obblighi normativi in merito alla valutazione e gestione del rischio chimico. Ing. Davide Casaro Area Ambiente e Sicurezza 1 dicembre 2015

Gli obblighi normativi in merito alla valutazione e gestione del rischio chimico. Ing. Davide Casaro Area Ambiente e Sicurezza 1 dicembre 2015 Gli obblighi normativi in merito alla valutazione e gestione del rischio chimico Ing. Davide Casaro 1 dicembre 2015 GLI AGENTI CHIMICI Il d.lgs. n.81/08 individua quali agenti chimici da considerare tutti

Dettagli

PIANO DI LAVORO. Azienda ESEMPIO. Sede COMUNE DI SALERNO Indirizzo: Via IRNO. Datore di lavoro Ciciriello Riccardo

PIANO DI LAVORO. Azienda ESEMPIO. Sede COMUNE DI SALERNO Indirizzo: Via IRNO. Datore di lavoro Ciciriello Riccardo PIANO DI LAVORO Azienda ESEMPIO Sede COMUNE DI SALERNO Indirizzo: Via IRNO Datore di lavoro Ciciriello Riccardo Responsabile Servizio Prevenzione e Protezione Bellini Giuseppe Medico Competente De Santis

Dettagli

ISTITUTO ATERNO-MANTHONE'

ISTITUTO ATERNO-MANTHONE' ISTITUTO ATERNO-MANTHONE' INTRODUZIONE Il termine sicurezza nella comune accezione indica una caratteristica di ciò che non presenta pericoli o ne è ben difeso. Sicurezza è una caratteristica anche delle

Dettagli

Scheda dati sicurezza - UE Pagina 1 / 5

Scheda dati sicurezza - UE Pagina 1 / 5 Scheda dati sicurezza - UE Pagina 1 / 5 L Articolo No.: TW 1000 Data: 21.11.05 Revisione: 10.02.06 1 Identificazione della sostanza / preparato e della casa produttrice 1.1 Nome di vendita del prodotto:

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA. Sezione I - Identificazione del Prodotto e del Produttore. Sezione II - Composizione/Informazione sugli ingredienti

SCHEDA DI SICUREZZA. Sezione I - Identificazione del Prodotto e del Produttore. Sezione II - Composizione/Informazione sugli ingredienti Scheda di Sicurezza per: Temp Bond Clear Base Paste Kerr Italia SpA Nome Commerciale del Prodotto: Temp Bond Clear Base Paste SCHEDA DI SICUREZZA ai sensi della Direttiva Comunitaria 91/155 Sezione I -

Dettagli

Documento INAIL sulla gestione sicura delle sostanze pericolose etichettature e stoccaggio modalità operative -

Documento INAIL sulla gestione sicura delle sostanze pericolose etichettature e stoccaggio modalità operative - Documento INAIL sulla gestione sicura delle sostanze pericolose etichettature e stoccaggio modalità operative - di Avv. Rosa Bertuzzi Il presente lavoro consta in una serie di schede informative sulle

Dettagli

1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA

1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA SCHEDA DI SICUREZZA REVISIONE 00 DEL 04/03/2014 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1. Identificazione della sostanza o del preparato 1.1.1. Nome commerciale: Unidry

Dettagli

SQUADRA SPECIALE BONIFICHE AMBIENTALI. 4 Qui vengono fatti i prelievi per valutare la salubrità dell aria in cantiere. dell intero edificio.

SQUADRA SPECIALE BONIFICHE AMBIENTALI. 4 Qui vengono fatti i prelievi per valutare la salubrità dell aria in cantiere. dell intero edificio. SQUADRA SPECIALE Confinamento 2 1 statico dell intero edificio. Prese d aria passive sigillate con pre filtri per il corretto flusso d aria interno. Estrattore d aria da 50.000 m 3 per il confinamento

Dettagli

Via Pinelli nr. 3 31100 Treviso Tel 0422 55137 (centralino) Fax 0422 543298 edmat@tin.it www.studiomatteazzi.eu

Via Pinelli nr. 3 31100 Treviso Tel 0422 55137 (centralino) Fax 0422 543298 edmat@tin.it www.studiomatteazzi.eu Via Pinelli nr. 3 31100 Treviso Tel 0422 55137 (centralino) Fax 0422 543298 edmat@tin.it www.studiomatteazzi.eu direttore tecnico scientifico arch. Giovanni Matteazzi con Linea Vita by COMED s.r.l. - Sede

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA. Sezione I - Identificazione del Prodotto e del Produttore. Sezione II - Composizione/Informazione sugli ingredienti

SCHEDA DI SICUREZZA. Sezione I - Identificazione del Prodotto e del Produttore. Sezione II - Composizione/Informazione sugli ingredienti Kerr Italia SpA Nome Commerciale del Prodotto: Mirror 3 Adhesive (V.P.S.) SCHEDA DI SICUREZZA ai sensi della Direttiva Comunitaria 91/155 Sezione I - Identificazione del Prodotto e del Produttore Data

Dettagli

TECNICHE DI RICOSTRUZIONE DEGLI INCENDI

TECNICHE DI RICOSTRUZIONE DEGLI INCENDI Convegno A.I.PRO.S. RICOSTRUZIONE DELLA DINAMICA DI UN INCENDIO E Roma I.S.A. - 28 settembre 2006 TECNICHE DI RICOSTRUZIONE DEGLI INCENDI TECNICHE DI RICOSTRUZIONE DEGLI INCENDI 2 Il punto di partenza

Dettagli

Manuale per lavorare in SPAZI CONFINATI. Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE

Manuale per lavorare in SPAZI CONFINATI. Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE kiker Manuale per lavorare in SPAZI CONFINATI Collana PREVENZIONE E PROTEZIONE Manuale per lavorare in SPAZI CONFINATI SPAZI CONFINATI Serbatoi Pozzi Tunnels Trincee Apparecchiature Silos Cisterne aperte

Dettagli

Corso per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari PROTEZIONE DELL AMBIENTE

Corso per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari PROTEZIONE DELL AMBIENTE Corso per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari PROTEZIONE DELL AMBIENTE DOTAZIONI DI SICUREZZA PER I LOCALI DESTINATI ALLA VENDITA E AL DEPOSITO - D.G.R. 7-10295 del 5/8/2003 PROTEZIONE DELL AMBIENTE

Dettagli

La prevenzione degli incidenti per le aziende a rischio di esposizione Non Moderato

La prevenzione degli incidenti per le aziende a rischio di esposizione Non Moderato La prevenzione degli incidenti per le aziende a rischio di esposizione Non Moderato Giuseppina Vignola, Edoardo Galatola, Sergio Colombo Sindar s.r.l., Corso Archinti, 35 26900 Lodi Tel. 0371-549200 Fax:

Dettagli

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Croce Rossa Italiana Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Antincendio e sostanze pericolose Rovereto, 24 maggio 2012 Istruttore PC Massimiliano (Max) Morari Sommario I Vigili del Fuoco Sicurezza

Dettagli

MIRADOR Ditta: SCAM S.r.l. Strada Bellaria, 164 41010 - S.MARIA MUGNANO - MODENA (Tel. 059/586511 - Fax 059/460133)

MIRADOR Ditta: SCAM S.r.l. Strada Bellaria, 164 41010 - S.MARIA MUGNANO - MODENA (Tel. 059/586511 - Fax 059/460133) S C A M S.r.l. Pag. 1 di 5 SCHEDA DI SICUREZZA 1. Denominazione della sostanza/preparato e della Ditta (Registr. n. 11624 del 11/03/2003) MIRADOR Ditta: SCAM S.r.l. Strada Bellaria, 164 41010 - S.MARIA

Dettagli

D.P.I. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DELLE VIE RESPITORIE

D.P.I. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DELLE VIE RESPITORIE OPUSCOLO INFORMATIVO DEI LAVORATORI (ai sensi degli artt. 36 e 37 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.) D.P.I. DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE DELLE VIE RESPITORIE a cura del RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE

Dettagli

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA

LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA Nebbie, Oli, Fumi, Vapori, Polveri Etichettatura protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO COSMETICO FINITO OSSIDANTI PER TINTURE E DECOLORANTI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO COSMETICO FINITO OSSIDANTI PER TINTURE E DECOLORANTI SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO COSMETICO FINITO OSSIDANTI PER TINTURE E DECOLORANTI IDENTIFICAZIONE DEI PRODOTTI E DELLA SOCIETA Formula tipo numero: 2.26 2000 parte II Nomi commerciali prodotti: Profession

Dettagli

I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi

I.T.I.S. S. CANNIZZARO, via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi I.T.I.S. "S. CANNIZZARO", via Consolare Latina n.263, 00034 Colleferro RM D.S.: Prof.ssa Marisa Pia Zeppa R.S.P.P.: Arch. Vittorio Magliozzi LEZIONE # 2 Gestione della Prevenzione, D.Lgs. 81/08 SICUREZZA

Dettagli

AL_VT012 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA

AL_VT012 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA DATA 16/10/20006 1 / 7 COMPORTAMENTI DA SEGUIRE ALL INTERNO DELL IMPIANTO DI VALTERZA E INFORMAZIONI GENERALI SU POSSIBILI RISCHI INDICE 1.

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PREPARATO SALVANS OXYD - EMULSIONE OSSIDANTE PROFUMATA 40 VOL.

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PREPARATO SALVANS OXYD - EMULSIONE OSSIDANTE PROFUMATA 40 VOL. SCHEDA DI SICUREZZA DEL PREPARATO SALVANS OXYD - EMULSIONE OSSIDANTE PROFUMATA 40 VOL. Data di emissione della scheda : 08/06/2012 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione del

Dettagli

PROTOCOLLI CRI PER AUTOPROTEZIONE dei VOLONTARI

PROTOCOLLI CRI PER AUTOPROTEZIONE dei VOLONTARI PROTOCOLLI CRI PER AUTOPROTEZIONE dei VOLONTARI Ulrico Angeloni Croce Rossa Italiana Direttore Sanitario Nazionale Ulrico.angeloni@cri.it Antonella Fabiano Croce Rossa Italiana Direttore Sanitario Sicilia

Dettagli

Corso di Alta Formazione in Criminalistica Forense

Corso di Alta Formazione in Criminalistica Forense Bracco Investigation Srl CORSO DI FORMAZIONE Corso di Alta Formazione in Criminalistica Forense La prevenzione del crimine è un percorso che si deve affrontare in chiave multidisciplinare per affrontare

Dettagli

TINTURE AD OSSIDAZIONE

TINTURE AD OSSIDAZIONE SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO COSMETICO AD USO PROFESSIONALE TINTURE AD OSSIDAZIONE INFORMAZIONI GENERALI Nome commerciale: PLURA COLORAZIONE 1:1,5 Descrizione prodotto: Azienda: associazione di coloranti

Dettagli

SIERI PER CAPELLI (BASI SILICONICHE)

SIERI PER CAPELLI (BASI SILICONICHE) SIERI PER CAPELLI (BASI SILICONICHE) IDENTIFICAZIONE DEI PRODOTTI E DELLA SOCIETA Nome Commerciale Cod. 15933 TRI ACTION HEAT PROTECTIUM SERUM STYLE PERFETTO Descrizione del prodotto Fluido idratante protettivo

Dettagli

ABX MINOTROL CRP A91A00707CIT Revisione 08/09/2008

ABX MINOTROL CRP A91A00707CIT Revisione 08/09/2008 Scheda di sicurezza ABX MINOTROL CRP A91A00707CIT Revisione 1. Identificazione del prodotto e dell'azienda 1.1. Identificazione del prodotto Identificazione del prodotto: Denominazione del prodotto: 1.2.

Dettagli

Uso del prodotto Adesivo per carta e cartone. Chiamate urgenti Centro Antiveleni Ospedale Niguarda Milano Tel. 0266101029

Uso del prodotto Adesivo per carta e cartone. Chiamate urgenti Centro Antiveleni Ospedale Niguarda Milano Tel. 0266101029 3M ITALIA S.P.A. VIA SAN BOVIO 1/3 I20090 SEGRATE MI ITALY ======================================================================== Scheda di dati di sicurezza ========================================================================

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina 1 di 5 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto 1.2. Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

SISTEMI INTEGRATI. Di seguito riportiamo una analisi più approfondita delle macro-aree con specifica evidenziazione dei servizi forniti.

SISTEMI INTEGRATI. Di seguito riportiamo una analisi più approfondita delle macro-aree con specifica evidenziazione dei servizi forniti. SISTEMI INTEGRATI Nasce dall esigenza di proporre alle aziende un servizio sempre più flessibile ed organizzato per meglio adattarsi alle necessità del mercato e nel contempo ampliare i servizi offerti

Dettagli

SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO

SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO Economie_corretto_14mar2011.indd 1 27-03-2011 17:07:00 2 Un azienda in regola è un azienda tranquilla. Un azienda tranquilla si dedica al proprio sviluppo.

Dettagli

piu ScuolaSicura In caso di

piu ScuolaSicura In caso di piu ScuolaSicura In caso di incendio fuga di gas sversamento allagamento azione criminosa infortunio/malore guasto elettrico terremoto nube tossica alluvione 1 Un coordinatore dell emergenza 2 Un docente

Dettagli

ASPETTI INTRODUTTIVI COMUNI ALLE ATTIVITA COMPORTANTI L IMPIEGO DEGLI AGENTI BIOLOGICI E DELLE SOSTANZE CHIMICHE

ASPETTI INTRODUTTIVI COMUNI ALLE ATTIVITA COMPORTANTI L IMPIEGO DEGLI AGENTI BIOLOGICI E DELLE SOSTANZE CHIMICHE ASPETTI INTRODUTTIVI COMUNI ALLE ATTIVITA COMPORTANTI L IMPIEGO DEGLI AGENTI BIOLOGICI E DELLE SOSTANZE CHIMICHE Università degli Studi di Perugia 1Servizio di Prevenzione e Art. 2. lettera v - D.Lgs 81/08

Dettagli

CHE COSA E UNA EMERGENZA

CHE COSA E UNA EMERGENZA Modalità operative CHE COSA E UNA EMERGENZA Ogni situazione anomala che presenti un pericolo potenziale o reale per l incolumità delle persone e dei beni. Esempio : CHE COSA E IL PIANO DI EMERGENZA E l

Dettagli

PROCEDURE DI LAVORO Permesso di lavoro Isolamento Fonti di energia/adduzioni Ventilazione e Lavaggi Rilevazione ambientale Sorveglianza e comunicazione 84 Valutazione del Rischio e Prevenzione IL PERMESSO

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI

TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SETTORE AMBIENTE TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I SISTEMI DI RACCOLTA E SMALTIMENTO DEI

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina 1 di 6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto 1.2. Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

Scheda di sicurezza CANDOGEN 2B SCHEDA DI SICUREZZA

Scheda di sicurezza CANDOGEN 2B SCHEDA DI SICUREZZA SCHEDA DI SICUREZZA 1.0 IDENTIFICAZIONE PRODOTTO E SOCIETA' 1.1 Nome commerciale 1.2 Impieghi Riducente per l industria tessile. 1.3 Produttore ed assistenza DATT CHIMICA SRL Via Clerici, 16 22070 Bulgarograsso

Dettagli

Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento

Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento Allegato 1 Esemplificazione sulle caratteristiche tecniche di un impianto di recupero e trattamento Si riporta di seguito, in via del tutto esemplificativo, la strutturazione di un impianto di trattamento

Dettagli

D.Lgs. 81/08 I FATTORI DI RISCHIO. Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione

D.Lgs. 81/08 I FATTORI DI RISCHIO. Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione D.Lgs. 81/08 I FATTORI DI RISCHIO Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione D.Lgs. 81/08 Fattori di rischio Identificazione delle principali tipologie di fattori di rischio RISCHI PER LA SICUREZZA

Dettagli

SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA

SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA COMUNE DI CERRO AL LAMBRO (Provincia di Milano) UFFICIO TECNICO SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA DOCUMENTO UNICO VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) E COSTI PER LA SICUREZZA DEL LAVORO (art. 26

Dettagli

Lo Stoccaggio dei Prodotti Fitosanitari

Lo Stoccaggio dei Prodotti Fitosanitari Lo Stoccaggio dei Prodotti Fitosanitari Dal 01/01/15, come previsto dal Piano di Azione Nazionale sull uso sostenibile dei prodotti fitosanitari, diventeranno obbligatorie le norme relative al Deposito

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA In accordo con il regolamento comunitario 1907/2006/CE (R.E.A.Ch.)

SCHEDA DI SICUREZZA In accordo con il regolamento comunitario 1907/2006/CE (R.E.A.Ch.) SCHEDA DI SICUREZZA In accordo con il regolamento comunitario 1907/2006/CE (R.E.A.Ch.) Revisione n 3 Emessa il 01/08/10 Pag. 1 di 2 1 IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO Nome commerciale Impiego tipico Fabbricante

Dettagli

LICEO CLASSICO F. SCADUTO BAGHERIA

LICEO CLASSICO F. SCADUTO BAGHERIA LICEO CLASSICO F. SCADUTO BAGHERIA DIPARTIMENTO DI FISICA, CHIMICA E SCIENZE NATURALI in ottemperanza al D.lgs. 81/2008 NORME DI FORMAZIONE ED INFORMAZIONE SULLA SICUREZZA E SALUTE NEL LABORATORIO DI SCIENZE

Dettagli

AVVERTENZE GENERALI PER L ACCESSO

AVVERTENZE GENERALI PER L ACCESSO AVVERTENZE GENERALI PER L ACCESSO L ingresso in Raffineria ai visitatori è consentito previa autorizzazione del personale di portineria ed ottemperanza alle seguenti norme di sicurezza: 1) Presentazione

Dettagli

Titolo SCIENTIFIC CRIME SCENE INVESTIGATION (RICERCA SISTEMATICA DELLE TRACCE)

Titolo SCIENTIFIC CRIME SCENE INVESTIGATION (RICERCA SISTEMATICA DELLE TRACCE) Titolo SCIENTIFIC CRIME SCENE INVESTIGATION (RICERCA SISTEMATICA DELLE TRACCE) Definizione e Scopo Con il termine di Scientific Crime Scene Investigation (investigazione scientifica sulla scena del crimine)

Dettagli

Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale OSSIDANTI PER TINTURE, RIFLESSANTI E DECOLORANTI

Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale OSSIDANTI PER TINTURE, RIFLESSANTI E DECOLORANTI Allegato 3 Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale OSSIDANTI PER TINTURE, RIFLESSANTI E DECOLORANTI INFORMAZIONI GENERALI Nome commerciale: Descrizione prodotto: : soluzioni di acqua

Dettagli

PROCEDURA OPERATIVA USO E MANIPOLAZIONE DI SOSTANZE CANCEROGENE E MUTAGENE

PROCEDURA OPERATIVA USO E MANIPOLAZIONE DI SOSTANZE CANCEROGENE E MUTAGENE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA PROCEDURA OPERATIVA USO E MANIPOLAZIONE DI SOSTANZE CANCEROGENE E MUTAGENE A cura di: Servizio Prevenzione e Protezione Servizio di Prevenzione e Protezione Data: 03/03/2015

Dettagli

NBCR Generalità e proposte operative di base

NBCR Generalità e proposte operative di base Prefettura di Bari Area Protezione Civile, Difesa Civile e Soccorso Pubblico Vademecum per il personale delle forze dell ordine e dei mezzi di soccorso NBCR Generalità e proposte operative di base A cura

Dettagli

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 KNAUF STUCCO IN PASTA PER MURO/LEGNO

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 KNAUF STUCCO IN PASTA PER MURO/LEGNO SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Revisione: 30.11.2012 Versione n 00 Versione sostituita: n -- 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa

Dettagli

VALUTAZIONI RADIOLOGICHE E PROCEDURE DI BONIFICA A SEGUITO DELLA FUSIONE DI UNA SORGENTE DI Cs-137 IN UNA FONDERIA DELLA VALLE DI SUSA

VALUTAZIONI RADIOLOGICHE E PROCEDURE DI BONIFICA A SEGUITO DELLA FUSIONE DI UNA SORGENTE DI Cs-137 IN UNA FONDERIA DELLA VALLE DI SUSA VALUTAZIONI RADIOLOGICHE E PROCEDURE DI BONIFICA A SEGUITO DELLA FUSIONE DI UNA SORGENTE DI Cs-137 IN UNA FONDERIA DELLA VALLE DI SUSA M.Magnoni, S.Bertino, F.Righino, M.Ghione, M.C.Losana, E.Chiaberto,

Dettagli

Scheda di Dati di Sicurezza secondo (CE) n. 1907/2006- ISO 11014-1

Scheda di Dati di Sicurezza secondo (CE) n. 1907/2006- ISO 11014-1 Scheda di Dati di Sicurezza secondo (CE) n. 1907/2006- ISO 11014-1 pagine 1 di 5 Loctite 5070 SDB n. : 157264 V002.1 revisione: 23.07.2010 Stampato: 15.11.2010 Nome commerciale: Loctite 5070 1. Identificazione

Dettagli

Il Ruolo di Arpalazio nell ambito dell Autorizzazione integrata Ambientale

Il Ruolo di Arpalazio nell ambito dell Autorizzazione integrata Ambientale Il Ruolo di Arpalazio nell ambito dell Autorizzazione integrata Ambientale Sergio Ceradini Arpalazio Sezione provinciale di Roma Convegno Tutela del territorio, gestione dei rifiuti e controlli ambientali

Dettagli

Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale LEG AME CREMA MANI 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA

Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale LEG AME CREMA MANI 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale LEG AME CREMA MANI Data di compilazione: 26 febbraio 2013 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA INFORMAZIONI GENERALI : Nome Commerciale

Dettagli

FOSPHYCON 54. Contenuto Acido Ortofosforico 75 % p / p ( 53 BE ) Provoca gravi ustioni. I fumi fosforici sono tossici.

FOSPHYCON 54. Contenuto Acido Ortofosforico 75 % p / p ( 53 BE ) Provoca gravi ustioni. I fumi fosforici sono tossici. Corso Alba, 85/89 12043 - CANALE d Alba (CN) SCHEDA DATI DI SICUREZZA Tel. (0173) 95.433 Fax (0173) 979.464 nr. P/L/0030 FOSPHYCON 54 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA E DELLA SOCIETA Sostanza Nome Chimico

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO PAGINA 1 di 10 SOMMARIO RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 PREMESSA... 3 OBBIETTIVI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 3 CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 4 VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

9 SICUREZZA INDUSTRIALE

9 SICUREZZA INDUSTRIALE 9 SICUREZZA INDUSTRIALE 9.1 Gestione dell impianto La Sedamyl si è dotata di un sistema di gestione della sicurezza, ai sensi del D.L. 81/2008 conforme alla normativa OMSAS(18001). Insieme al sistema di

Dettagli

Sostituisce la versione: - / CH. 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa. Relaxin g11

Sostituisce la versione: - / CH. 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa. Relaxin g11 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Nome commerciale Relaxin g11 1.2. Pertinenti usi identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli