La pianificazione successoria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La pianificazione successoria"

Transcript

1 CORSO ON LINE La pianificazione successoria Contenuti a cura di VALENTINA PICCININI Professore Aggregato di Diritto Civile Università degli Studi di Milano - Bicocca Dispensa Co-partnership La pianificazione successoria 1 di 12

2 LEZIONE 1: I PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI SUCCESSIONI A CAUSA DI MORTE Le diverse forme di successione Il diritto delle successioni è costituito dall insieme di norme che disciplinano la sorte dei rapporti giuridici che non si estinguono con la morte del loro titolare. Soddisfa quindi l interesse generale ad assicurare la continuazione della vita economica di là dalla vicenda della morte della persona fisica. Le successioni mortis causa, in pratica, provvedono alla sistemazione delle posizioni giuridiche di un soggetto che muore. Le norme che le disciplinano sono dirette ad assicurare la continuità nei rapporti, attivi e passivi, che facevano capo al de cuius. È importante in questo senso ricordare che il nostro sistema normativo è concepito in modo che sia sempre possibile rintracciare un soggetto che assuma la posizione giuridica che faceva capo al defunto. Tradizionalmente, viene operata una distinzione fra successione universale e successione particolare. La prima si ha quando un soggetto subentra ad un altro nella totalità oppure in una quota ideale, cioè in una frazione aritmetica dello stesso, del suo patrimonio inteso come l insieme dei rapporti giuridici attivi e passivi suscettibili di valutazione economica. Questa condizione attribuisce al soggetto subentrante la qualità di erede. La seconda si ha quando un soggetto subentra ad un altro in un determinato diritto o rapporto. Questa modalità di successione attribuisce al subentrante la qualità di legatario. Ma come avviene la designazione dei successibili? La designazione dei successibili è stabilita, secondo il cosiddetto principio di tipicità della delazione ereditaria, per legge o per il tramite del testamento. Nel primo caso si parla di successione legittima. L eredità si devolve per legge solo se manca un testamento o solo per la parte di beni ereditari di cui il testamento non dispone. La successione legittima si apre, inoltre, quando nel testamento manca la designazione di un erede e nel caso di testamento nullo oppure annullabile. Nella successione legittima l eredità si devolve al coniuge, ai discendenti legittimi e naturali, agli ascendenti legittimi, ai collaterali, agli altri parenti e allo Stato nell ordine e secondo le regole contenute negli articoli 565 e seguenti del Codice Civile. Nel secondo caso si parla di successione testamentaria. Le disposizioni testamentarie non possono pregiudicare i diritti che la legge riserva ai legittimari: figli, coniuge ed ascendenti, qualora manchino i figli. Ai legittimari spetta, per legge, una quota di riserva che è costituita da una percentuale dell utile netto complessivo attribuito dal de cuius per donazione o successione. La percentuale varia a seconda del numero e della qualità dei legittimari e del fatto che essi concorrano o meno tra loro. Art. 457 cod. civ. Delazione dell eredità L eredità si devolve per legge o per testamento. Non si fa luogo alla successione legittima se non quando manca, in tutto o in parte, quella testamentaria. Le disposizioni testamentarie non possono pregiudicare i diritti che la legge riserva ai legittimari. La pianificazione successoria in vita Il testamento quale unica forma negoziale prevista per disporre, dopo la morte, delle proprie situazioni patrimoniali, si è, con il tempo, rivelato uno strumento spesso inidoneo a realizzare un soddisfacente assetto di interessi in relazione alle moderne esigenze economico sociali, dovute anche alla modificazione della ricchezza da immobiliare a mobiliare. Ciò, soprattutto, per il pesante carico fiscale cui sono assoggettati sia gli eredi sia i legatari, i limiti posti dal divieto di patti successori, l instabilità delle unioni matrimoniali ed i limiti posti dalla successione necessaria. La pianificazione successoria 2 di 12

3 Si è quindi manifestata sempre di più l esigenza dei consociati di anticipare con atti tra vivi la regolamentazione della successione, senza dover attendere la morte del disponente. Da qui la ricerca di strumenti contrattuali alternativi in grado di soddisfare quelle esigenze non concretamente realizzabili attraverso il negozio testamentario. Per pianificazione successoria in vita si intende quel complesso di modelli contrattuali atti a realizzare gli interessi dei privati senza cadere nella rete del divieto di patti successori, che delimita l ambito di validità degli strumenti alternativi al testamento. Si tratta di individuare schemi contrattuali che consentano di operare il trasferimento di un bene prima della morte del disponente, rinviando il verificarsi degli effetti in capo al soggetto beneficiario soltanto dopo di essa. Viene comunque mantenuta in capo al disponente la possibilità di revocare l attribuzione. Art. 758 cod. civ. Divieto di patti successori Fatto salvo da quanto da quanto disposto dagli articoli 768 bis e seguenti, è nulla ogni convenzione con cui taluno dispone della propria successione. È del pari nullo ogni atto col quale taluno dispone dei diritti che gli possono spettare su una successione non ancora aperta, o rinunzia ai medesimi. I patti successori si distinguono, dunque, in tre categorie: 1. patti istitutivi: si tratta di contratti mediante i quali, in vita, ci si impegna a disporre del proprio patrimonio dopo la morte a favore di una determinata persona (esempio: es. Tizio propone a Caio, che accetta, di nominarlo erede o legatario). 2. patti dispositivi: sono contratti con i quali un soggetto dispone di diritti che possono pervenirgli da una futura successione (esempio: mi accordo con Tizio a vendergli l'eredità che mi perverrà quando sarà morta mia nonna). 3. patti rinunciativi: si tratta di contratti con cui un soggetto rinuncia a diritti provenienti da una successione non ancora aperta (esempio: mi accordo con Tizio a rinunciare all eredità di mia nonna prima ancora che sia morta). In questo contesto tradizionalmente si distingue, in relazione al ruolo rivestito dall evento morte, tra atti mortis causa, o a causa di morte, e atti con effetti post mortem. I primi sono atti che trovano nella morte del soggetto disponente l elemento causale dell attribuzione perché è l evento morte che determina il costituirsi di un rapporto prima inesistente e che incide sia sull oggetto della disposizione che sul beneficiario. Due sono gli indici propri dell attribuzione a causa di morte: 1. la considerazione del bene oggetto dell attribuzione come entità commisurata al tempo della morte del disponente; 2. la considerazione del beneficiario come soggetto esistente allo stesso tempo della morte del disponente, cioè la condizione di sopravvivenza del beneficiario all attribuente. Il nostro ordinamento giuridico conosce il testamento come unico strumento attraverso cui è possibile realizzare un attribuzione patrimoniale mortis causa. Gli atti (con effetti) post mortem sono invece negozi inter vivos in cui la morte: - è l evento dedotto in condizione per il verificarsi degli effetti giuridici finali, - oppure ne costituisce il termine iniziale. Il rapporto si è già costituito poiché l oggetto dell attribuzione è già stato determinato in vita, mentre è solo l effetto che si avrà dopo la morte del disponente. Alcuni atti post mortem costituiscono valide alternative al testamento in quanto non si pongono in violazione del divieto dei patti successori. Tra questi, ad esempio, la donazione modale con adempimento dell onere post mortem, la donazione si praemoriar, ovviamente nel presupposto della loro ammissibilità stante l altalenante orientamento giurisprudenziale, e la vendita di cosa altrui. Studi successivi hanno poi elaborato la figura dei negozi trans mortem, caratterizzati dal diritto proprio del soggetto che dispone l attribuzione di revoca o di recesso. La pianificazione successoria 3 di 12

4 Quali sono i parametri per l individuazione di un negozio trans mortem? Innanzitutto l uscita del bene dal patrimonio del disponente avviene prima della morte, mentre la sua attribuzione al beneficiario diviene definitiva soltanto dopo la morte del disponente. Un altra caratteristica fondamentale è la possibilità per il disponente, fino alla sua morte, di modificare l assetto patrimoniale rendendo inoperante il congegno negoziale posto in essere. In mancanza di questo requisito della revocabilità, l atto viene infatti qualificato come post mortem. Quali sono gli atti trans mortem? Il contratto a favore di terzo, l assicurazione sulla vita a favore di terzo, la rendita vitalizia a favore di terzo, il vitalizio alimentare a favore di terzo, il negozio fiduciario, il mandato post mortem, le clausole di consolidazione nei contratti di società, il deposito bancario a favore di terzo. I modelli negoziali alternativi al testamento Entriamo nel dettaglio dei modelli negoziali alternativi al testamento. Si tratta di modelli contrattuali che consentono ad un soggetto di disporre, in vita, dei propri assetti patrimoniali, attraverso atti destinati a produrre effetti definitivi al momento della morte ma, tuttavia, fino a quel momento revocabili, in modo tale da non porsi in contrasto con il divieto di patti successori. I principali sono: - le disposizioni a favore di terzo da eseguirsi dopo la morte dello stipulante, - le clausole di consolidazione o di continuazione (per le società di persone) e le clausole di gradimento, di prelazione e di opzione (per le società di capitali), - il patto di famiglia, - il trust. Altri modelli negoziali alternativi al testamento sono: - la donazione, - la vendita di cosa altrui, - il contratto di mantenimento, - i mandati post mortem. Con l espressione mandati post mortem si intendono quei negozi con cui un soggetto, il mandante, conferisce ad altro soggetto, il mandatario, un incarico da eseguirsi dopo la sua morte. In questo contesto, la giurisprudenza ha distinto 3 figure: - il mandato post mortem exequendum - il mandato mortis causa - il mandato post mortem in senso stretto Il mandato post mortem exequendum è il contratto con il quale le parti stabiliscono che esso dovrà essere eseguito, mediante il compimento di attività meramente materiali (eventualmente in esecuzione di un attribuzione patrimoniale già perfezionata in vita dal mandante), dopo la morte del mandante. Ne costituisce un esempio, il mandato avente ad oggetto disposizioni per la pubblicazione di proprie opere. La Cass., 4 ottobre 1962, n ha statuito che è valido il mandato post mortem exequendum di carattere patrimoniale conferito ed accettato durante la vita del mandante, quando l incarico consista in atti di esecuzione materiale di un attribuzione patrimoniale già perfezionata in vita dal mandante. Nel mandato mortis causa il mandante conferisce al mandatario l incarico di compiere, dopo la morte del mandante, atti che comportano l attribuzione di diritti patrimoniali successori. Ne costituisce un esempio, il mandato avente ad oggetto la trasmissione ad un terzo di un bene dell eredità. La Cass., 17 agosto 1990, n ha così affermato: Il contratto, con cui una parte deposita presso un altra una determinata somma ed attribuisce ad un terzo, che prende parte all atto, il diritto a pretenderne la restituzione dopo la propria morte, non configura un contratto a favore di terzi, con esecuzione dopo la morte dello stipulante, a norma dell art c.c., avendo il terzo assunto la qualità di parte dell atto e lo stipulante obbligandosi in suo diretto confronto a mantenere ferma la disposizione in suo favore, bensì rientra nell ambito di applicazione del divieto dei patti successori sancito dall art. 458 c.c., ed è perciò nulla, giacché dà luogo ad una complessa convenzione costituita da un deposito irregolare e da una vietata donazione mortis causa. La pianificazione successoria 4 di 12

5 Nel mandato post mortem in senso stretto il de cuius conferisce ad un soggetto, con atto unilaterale, contenuto in un testamento, l incarico di svolgere un attività giuridica alla sua morte (ad esempio, la nomina dell esecutore testamentario). Le disposizioni a favore di un terzo da eseguirsi dopo la morte dello stipulante costituiscono la principale alternativa al testamento. Il nostro Codice Civile prevede: il contratto a favore di terzo con prestazione da eseguirsi dopo la morte dello stipulante (art Cod. Civ.); l assicurazione sulla vita a favore di terzo con designazione del beneficiario anche per testamento (art Cod. Civ.); il contratto di rendita vitalizia a favore di terzo, con pattuizione espressa dell intrasmissibilità del potere di revoca in capo agli eredi dello stipulante (art Cod. Civ.); il deposito a favore di terzo (art Cod. Civ.). Per quest ultima tipologia si pensi alla costituzione di un deposito bancario con intestazione del libretto di risparmio nominativo al terzo, ma con riserva in capo al solo costituente della facoltà di effettuare prelevamenti, e con conferimento del diritto di prelievo all intestatario sospensivamente subordinato alla morte del primo. Le clausole di consolidazione o di continuazione, per le società di persone, e le clausole di gradimento, di prelazione e di opzione per le società di capitali disciplinano il trasferimento della quota di partecipazione nel caso di morte del socio. Sul tema, ex plurimis, la Cassazione 16 aprile 1994, n ha statuito che la clausola statutaria che attribuisce ai soci superstiti di una società di capitali, in caso di morte di uno di essi, il diritto di acquistare dagli eredi del de cuius le azioni già appartenute a quest ultimo e pervenute iure successionis agli eredi medesimi, non viola il divieto di patti successori di cui all art. 458 c.c., in quanto il vincolo che ne deriva a carico reciprocamente dei soci è destinato a produrre effetti solo dopo il verificarsi della vicenda successoria e dopo il trasferimento (per legge o per testamento) delle azioni agli eredi, con la conseguenza che la morte di uno dei soci costituisce soltanto il momento a decorrere dal quale può essere esercitata l opzione per l acquisto suddetto, senza che ne risulti incisa la disciplina legale della delazione ereditaria o che si configurino gli estremi di un patto di consolidazione delle azioni fra soci, caratterizzandosi, invece, la clausola soltanto come atto inter vivos, non contrastante, in quanto tale, neanche con la norma dell art comma 3 c.c. che legittima disposizioni statutarie intese a sottoporre a particolari condizioni l alienazione delle azioni nominative. Le clausole di continuazione della società con gli eredi del socio defunto permettono che i soci rinuncino sin da subito, nel caso di morte di uno di loro, alla facoltà di sciogliere la società o di continuarla, prevedendo che agli eredi del socio defunto sia imposto l obbligo di assumere la qualità di socio oppure attribuendo automaticamente tale qualità senza bisogno di stipulare alcun accordo. Cassazione, 18 dicembre 1995, n , secondo cui La clausola cosiddetta di continuazione automatica prevista nell atto costitutivo di società in accomandita semplice in forza della quale gli eredi del socio accomandante defunto subentrano, per intero, nella posizione giuridica del loro dante causa entro la compagine sociale, a prescindere da ogni loro manifestazione di volontà non contrasta né con la regola stabilita dall art. 2322, comma 1, c.c., che espressamente prevede la trasmissibilità a causa di morte della quota di partecipazione del socio accomandante, né con l art. 458 c.c., che con norma eccezionale non suscettibile di applicazione analogica vieta i patti successori, per non essere essa riconducibile allo schema tipico del patto successorio. Le clausole di consolidazione, invece, stabiliscono che la quota del socio defunto resti senz altro acquisita ai soci superstiti, in proporzione delle rispettive quote. La pianificazione successoria 5 di 12

6 Le clausole di consolidazione vengono ritenute nulle (costituiscono attribuzioni mortis causa contenute in un atto diverso dal testamento, in particolare un patto successorio istitutivo) da una parte della dottrina. Un altra parte della dottrina e la giurisprudenza di legittimità ritengono invece che siano valide quelle impure, vale a dire quelle che riconoscono, in capo agli eredi un diritto di credito. Cassazione, 16 aprile 1975, n secondo la quale La clausola con cui si dispone che, alla morte di uno dei soci, le quote di questi si trasferiscano ai soci superstiti, senza che sia prevista l attribuzione di alcunché ai successori per legge o testamento, è nulla per contrarietà al divieto dei patti successori. Introdotto con la Legge 14 febbraio 2006 n. 55 e disciplinato dagli articoli 768-bis e seguenti del Codice Civile, il patto di famiglia è il contratto con cui l imprenditore trasferisce, in tutto o in parte, l azienda e il titolare di partecipazioni societarie trasferisce, in tutto o in parte, le proprie quote, ad uno o più discendenti. Si tratta di un negozio inter vivos, traslativo e ad efficacia reale, finalizzato ad assicurare la continuità dell organismo imprenditoriale per salvaguardare la produttività e l efficienza dell impresa, garantendone al contempo l integrità, a favore di uno solo o di alcuni dei discendenti dell imprenditore o del titolare di partecipazioni societarie. Ma come avviene la tacitazione dei diritti dei legittimari non assegnatari? Attraverso la liquidazione dei diritti loro spettanti (art. 768 quater Cod.Civ.): ciò consente la sottrazione dell azienda oppure delle partecipazioni societarie oggetto del patto all azione di riduzione ed alla collazione. Il trust è un istituto di origine anglosassone riconosciuto in Italia con la Convenzione dell Aja del 1 luglio 1985, poi ratificata con Legge 16 ottobre 1989, n Con il trust il disponente, o settlor, trasferisce la proprietà di beni immobili o mobili ad un soggetto detto trustee affinché provveda alla loro amministrazione nell interesse di un terzo, il beneficiary, secondo gli scopi determinati dal disponente. Mentre alcuni interpreti ritengono che, a seguito della citata Convenzione, debbano ritenersi ammissibili i trusts costituiti da cittadini italiani su beni situati in Italia, altri invece ritengono che il trust non sia stato introdotto nel nostro ordinamento giuridico, ma sia semplicemente prevista una disciplina atta a risolvere situazioni di conflitti di legge. Il settlor si spoglia quindi della proprietà dei beni a favore del trustee, ma i cespiti trasferiti formano una massa patrimoniale autonoma rispetto al patrimonio personale del trustee stesso, che diventa amministratore fiduciario. Ciò significa che tali beni non sono aggredibili da parte dei creditori del beneficiary e non cadono nella sua successione. Può essere costituito con atto unilaterale inter vivos o con un atto mortis causa, vale a dire mediante testamento. Nel trust con effetti successori il costituente dispone, per atto inter vivos, del proprio patrimonio o di parte di esso in previsione della sua morte senza fare ricorso al testamento. In ambito successorio, è possibile individuare tre possibili utilizzazioni del trust: 1. il settlor trasferisce alcuni propri beni al trustee, con l incarico di conservarli e trasmetterli, dopo la propria morte, al beneficiary; 2. il settlor, con testamento, assegna i propri beni al trustee, affinché questi li conservi per un certo tempo per poi trasmetterli al beneficiary; 3. il settlor, con testamento, assegna i propri beni al trustee, affinché questi li conservi per tutta la propria vita, per poi trasmetterli al beneficiary. La prima e la seconda fattispecie non paiono confliggere con il divieto di patti successori e con alcun altra norma, mentre la terza potrebbe essere affetta da nullità per il divieto di sostituzione fedecommissaria ex articolo 692 del codice Civile. Il contratto a favore di terzo con prestazione da eseguirsi dopo la morte dello stipulante Oltre ai modelli negoziali appena esaminati, esiste anche un altro strumento alternativo al testamento: il contratto a favore di terzo con prestazione da eseguirsi dopo la morte dello stipulante. La pianificazione successoria 6 di 12

7 E il contratto concluso tra due soggetti, stipulante e promittente, che convengono che il promittente esegua la prestazione in favore di un altro soggetto (terzo beneficiario), solo dopo la morte dello stipulante. Art Cod.Civ. Prestazione al terzo dopo la morte dello stipulante Se la prestazione deve essere fatta al terzo dopo la morte dello stipulante, questi può revocare il beneficio anche con una disposizione testamentaria e quantunque il terzo abbia dichiarato di volerne profittare, salvo che, in quest ultimo caso, lo stipulante abbia rinunciato per iscritto al potere di revoca. La prestazione deve essere eseguita a favore degli eredi se questi premuore allo stipulante, purché il beneficio non sia stato revocato o lo stipulante non abbia disposto diversamente. Il terzo non diviene parte del contratto ma acquista, in forza di questo, il diritto ad ottenere, al momento della morte dello stipulante, una prestazione da parte del promittente che può consistere in un dare, in un facere od in un non facere. Il terzo può anche non essere un soggetto determinato al momento della conclusione del contratto qualora sia possibile comunque desumere i criteri per la sua identificazione. Secondo la dottrina e la giurisprudenza prevalenti, il contratto a favore di terzo con effetti alla morte dello stipulante costituisce un atto inter vivos e non viola, dunque, il divieto di patti successori. Questo perché gli effetti nei confronti del terzo, cioè l acquisto del diritto alla prestazione da parte del promittente, si producono immediatamente. La morte non è, dunque, causa dell attribuzione in favore del terzo, ma costituisce solo il termine a partire dal quale l acquisto del diritto, validamente prodottosi al momento della conclusione del contratto, produce i propri effetti. Questa forma di contratto si presta ad essere utilizzata come valida alternativa alla disposizione testamentaria. In prospettiva successoria esso rileva l articolo 1412 del Codice Civile che disciplina, ampliandola, la revocabilità dell attribuzione: lo stipulante, infatti, può revocare il beneficio anche mediante una disposizione testamentaria, sebbene il terzo beneficiario abbia dichiarato di volerne profittare, salvo che lo stipulante abbia rinunciato per iscritto al potere di revoca. La dichiarazione di revoca del beneficio è un negozio recettizio poiché per produrre i propri effetti deve giungere a conoscenza del destinatario. A seguito della revoca del beneficio da parte dello stipulante, il promittente è obbligato ad eseguire la prestazione a favore degli eredi dello stipulante. Se lo stipulante desidera indicare un nuovo beneficiario, in sede di revoca del beneficio deve disporre un legato a carico degli eredi. La pianificazione successoria 7 di 12

8 LEZIONE 2: L ASSICURAZIONE SULLA VITA PER IL CASO MORTE E I PRODOTTI ASSICURATIVI FINANZIARI Le caratteristiche principali dell assicurazione sulla vita per il caso morte Tradizionalmente, si parla di assicurazione sulla vita a favore di un terzo come di un esempio tipico di contratto a favore di terzo. In realtà ci sono delle analogie e delle differenze. Rispetto al contratto a favore di terzo, la clausola attributiva del vantaggio al terzo costituisce un elemento normale, ma non essenziale, del contratto. Mentre nel contratto a favore di terzo, il terzo acquista il diritto per effetto della stipulazione, nel contratto di assicurazione sulla vita, il terzo acquista il diritto per effetto della designazione, L assicurazione sulla vita non si presta a realizzare un attribuzione in forma indiretta analoga a quella che si verifica nel caso di contratto a favore di terzo in quanto cambia l oggetto dell attribuzione. Vi sono norme che disciplinano il contratto a favore di terzo che non si applicano al contratto di assicurazione sulla vita per la funzione previdenziale svolta da quest ultima come, ad esempio, l art cpv. c.c. ai sensi del quale la prestazione va fatta agli eredi del terzo se questo premuore allo stipulante. In sede di stipulazione del contratto a favore di terzo è discusso se lo stipulante possa riservarsi la facoltà di indicare il terzo in un secondo momento, con dichiarazione unilaterale o con testamento, in analogia con quanto disposto dall art c.c per il caso di assicurazione sulla vita. Nell assicurazione sulla vita, la revocabilità della designazione del beneficiario è più ampia rispetto al contratto a favore di terzo. In quest ultimo, infatti, la dichiarazione del terzo di voler profittare dell attribuzione fa venire meno il potere di revoca dello stipulante, mentre nell assicurazione sulla vita la revoca può essere effettuata anche in seguito alla cennata dichiarazione, purché l evento dedotto in rischio non si sia già verificato oppure il contraente abbia rinunciato per iscritto al potere di revoca, ex art c.c. L assicurazione sulla vita costituisce un efficace alternativa testamentaria: rende, infatti, possibile l attribuzione della somma o della rendita assicurate, alla morte del contraente, alla persona da lui designata, senza che possa esercitare alcuna interferenza la vicenda successoria del contraente stesso. La funzione dispositiva dell assetto dei propri interessi patrimoniali in funzione della morte è, dunque, affidata ad un contratto con effetti post mortem, revocabili attraverso il meccanismo della revoca della designazione. Si mostra, inoltre, particolarmente idonea a realizzare la tutela successoria del convivente more uxorio superstite. L assicurazione sulla vita configura una liberalità indiretta avente ad oggetto i premi pagati in vita dal contraente e sottoposta al termine iniziale cum moriar, in quanto la morte dell assicurato costituisce il momento a partire dal quale il credito del terzo nei confronti dell assicuratore diviene esigibile. Il contraente rimane nella piena disponibilità del credito assicurato: può cederlo ad altri, riscattare la polizza o ridurla, darla in pegno, revocare il beneficiario o sostituirlo. L assicurazione sulla vita non assume mai la struttura del negozio mortis causa ma presenta i caratteri del negozio tra vivi con effetti post mortem. Non si tratta di atto mortis causa perché l acquisto del beneficiario ha titolo nel contratto e non nella successione del contraente e non trasferisce beni dal contraente al beneficiario. Il beneficiario, dunque, acquista il diritto iure proprio e non iure successionis, e tale diritto dunque è trasmissibile mortis causa. Il terzo acquista il diritto ai vantaggi dell assicurazione per effetto della designazione. Art c.c. Assicurazione a favore di un terzo È valida l'assicurazione sulla vita a favore di un terzo. La designazione del beneficiario può essere fatta nel contratto di assicurazione, o con successiva dichiarazione scritta comunicata all'assicuratore, o per testamento; essa è efficace anche se il beneficiario è determinato solo genericamente. Equivale a designazione l'attribuzione della somma assicurata fatta nel testamento a favore di una determinata persona. Per effetto della designazione il terzo acquista un diritto proprio ai vantaggi dell'assicurazione. La pianificazione successoria 8 di 12

9 La determinazione del contenuto del diritto di credito acquistato dal terzo avviene per relationem in ragione della durata della vita dell assicurato e dei premi versati. Rispetto al negozio testamentario, non è necessaria l accettazione da parte del beneficiario designato nel testamento. La designazione del beneficiario In un assicurazione sulla vita la designazione del beneficiario è una dichiarazione negoziale, efficace anche se il beneficiario non ne viene a conoscenza, che ha la funzione di determinare il terzo destinatario della prestazione dell assicuratore. È importante sottolineare che la funzione della designazione del beneficiario è determinativa o integrativa e non dispositiva, proprio perché finalizzata ad integrare la volontà contrattuale e non a disporre dei propri beni. Trattandosi di un atto di provenienza propria ed esclusiva dello stipulante, ha natura di negozio unilaterale non recettizio che richiede, per il suo compimento, la capacità di agire del contraente al momento della designazione. La designazione del beneficiario può avvenire per atto tra vivi oppure per disposizione testamentaria. Per atto tra vivi: 1. La designazione avviene nel contratto oppure in un separato e successivo atto tra vivi 2. Il terzo acquista il beneficio al momento della designazione 3. Se è fatta a titolo di liberalità è soggetta alla revoca per ingratitudine e sopravvenienza di figli (art cpv. Cod.Civ. che rinvia all art. 800 Cod.Civ.). Art Decadenza dal beneficio La designazione del beneficiario, anche se irrevocabile, non ha effetto qualora il beneficiario attenti alla vita dell'assicurato. Se la designazione è irrevocabile ed è stata fatta a titolo di liberalità, essa può essere revocata nei casi previsti dall'articolo 800. Per disposizione testamentaria: 1. Il terzo acquista il diritto, dal promittente e non a carico dell eredità, al momento della conclusione del contratto e la produzione degli effetti è rimandata alla morte del disponente 2. È valida anche se contenuta in un testamento nullo per mancanza di determinati requisiti di forma (ad esempio, un testamento olografo scritto al computer) 3. Consente la inconoscibilità della designazione contenuta nel testamento da parte del beneficiario 4. Non trovano applicazione le norme sulla incapacità a ricevere per testamento 5. Per la sua revoca non è necessario un nuovo testamento o, comunque, un atto che riveste le forme del testamento ma è sufficiente un atto scritto separato posteriore al testamento Sono anche ammesse le cosiddette designazioni generiche come, ad esempio: nomino i miei figli beneficiari dell assicurazione sulla vita per il caso della mia morte. La designazione generica contenuta nel testamento, salvo che non emerga una diversa volontà del contraente, deve essere valutata alla data della designazione e non a quella della morte dello stesso. L unica eccezione è rappresentata dalla formula a favore dei miei eredi, perché i beneficiari non possono che identificarsi con i soggetti chiamati alla successione. In questo caso, infatti, la designazione è efficace a prescindere dalla loro accettazione o rinuncia dell eredità e l individuazione dei beneficiari viene effettuata attraverso l accertamento tipico della qualità di erede, secondo i modi tipici di delazione dell eredità (testamentaria o legittima, ex art. 457 Cod.Civ.). La somma assicurata deve essere ripartita tra gli eredi in parti uguali e non in base alle rispettive quote ereditarie, salva una diversa volontà dell assicurato, essendo contrattuale la fonte regolatrice del rapporto. La revoca della designazione e il diritto del terzo beneficiario La pianificazione successoria 9 di 12

10 La revoca della designazione consente allo stipulante di mantenere, fino al momento della sua morte, un potere di controllo dei requisiti soggettivi e delle qualità del beneficiario: la designazione del beneficiario è infatti revocabile fino alla morte dello stipulante. Nel caso di esercizio del potere di revoca, il contraente può sostituire un nuovo beneficiario all originario terzo, oppure decidere di non destinare ad alcun soggetto la prestazione dell assicuratore promittente. Pur richiedendo gli stessi requisiti, la revoca non deve necessariamente rivestire la stessa forma utilizzata per la designazione potendo essere effettuata facendo ricorso ad una delle forme previste dal comma 2 dell art del Codice Civile. La revoca può essere effettuata anche se il beneficiario aveva dichiarato di aderire alla stipulazione del contratto a suo favore, purché non si sia verificato l evento. Nel caso di designazione testamentaria, non è necessario un nuovo testamento o, comunque, un atto che riveste le forme del testamento ma è sufficiente un atto scritto separato successivo alla redazione del testamento come, ad esempio, una lettera inviata all assicuratore. Se la revoca non prevede una nuova designazione, il beneficio assicurativo va agli eredi del contrante perché entrato nel suo patrimonio. In questo caso gli eredi non possono essere considerati terzi: riceveranno, quindi, il beneficio jure successionis, in virtù dell applicazione generale dei principi (art c.c.) che governano il contratto a favore di terzi. La revoca rientra tra i diritti personali intrasmissibili dello stipulante: non è esercitabile dagli eredi del contraente dopo la sua morte, né dai suoi creditori in via surrogatoria, né, in caso di fallimento del contraente, dal curatore, né dopo che, verificatosi l evento, il beneficiario abbia dichiarato di voler profittare del beneficio. La revoca può essere, oltre che espressa, anche implicita, qualora il contraente compia atti incompatibili con la volontà di confermare l attribuzione al terzo designato. Ciò può accadere, ad esempio, qualora il contraente eserciti il diritto di riscatto (si realizza quando l assicurato manifesta la volontà di recedere dal contratto ottenendo il pagamento di una determinata somma) oppure in caso di cessione della polizza o di mancato pagamento dei premi. In quest ultimo caso, si ha l effetto di una revoca parziale per riduzione della somma assicurata a seguito di mancato pagamento dei premi. Il diritto che il terzo beneficiario acquista a seguito della conclusione di un contratto di assicurazione sulla vita per il caso morte è un diritto autonomo. La Cassazione 14 maggio 1996, n ha statuito la natura autonoma del diritto acquistato dal beneficiario di un assicurazione sulla vita e la mancanza, in detta fattispecie contrattuale, della connotazione tipica del negozio mortis causa, e cioè la manifestazione della volontà di disporre, a favore dei propri eredi, di un bene del quale si presupponga l appartenenza - presente o futura al proprio patrimonio. Il terzo acquista immediatamente, per effetto della designazione, un credito nei confronti dell assicuratore promittente che diviene però esigibile alla morte dello stipulante. Il diritto del terzo beneficiario è del tutto svincolato dal patrimonio del contraente: per effetto della designazione il terzo acquista nei confronti dell istituto assicuratore un diritto proprio, avente fonte nel contratto di assicurazione. E quindi anche insensibile rispetto alla vicenda successoria del contraente. Il trust per la devoluzione delle polizze vita Nel trust per la devoluzione delle polizze vita il settlor designa un trustee perché gestisca le somme incassate alla sua morte in virtù dell assicurazione sulla vita stipulata in favore del trust, devolvendole, secondo le indicazioni del settlor, ai beneficiari finali del trust. Il settlor può modificare i beneficiari finali del trust, così come le disposizioni contenute nell atto costitutivo del trust, in completa riservatezza, ferma restando la designazione del trust quale beneficiario della polizza. La funzione di alternativa testamentaria svolta dall assicurazione sulla vita viene esaltata dall impiego del trust in quanto conferisce maggiore rilevanza alle qualità personali dei beneficiari finali ed i motivi oggettivi dello stipulante possono trovare adeguata realizzazione. Lo stipulante può, infatti, condizionare il pagamento La pianificazione successoria 10 di 12

11 dell indennità al verificarsi di determinati eventi, successivi alla sua morte oppure imporre al beneficiario particolari forme di utilizzo della somma ricevuta. Impignorabilità e insequestrabilità delle polizze morte L'articolo 1923, 1 comma del Codice Civile sancisce l'impignorabilità ed insequestrabilità delle somme dovute dall'assicuratore al contraente ed al beneficiario di un'assicurazione sulla vita, in deroga alla regola generale codificata dall art ai sensi del quale il debitore risponde per l adempimento delle obbligazioni con tutti i suoi beni presenti e futuri. Art Cod.Civ. Diritti dei creditori e degli eredi Le somme dovute dall assicuratore al contraente o al beneficiario non possono essere sottoposte ad azione esecutiva o cautelare. Sono salve, rispetto ai premi pagati, le disposizioni relative alla revocazione degli atti compiuti in pregiudizio dei creditori e quelle relative alla collazione, all imputazione e alla riduzione delle donazioni. La norma trova applicazione tanto nell'assicurazione a favore proprio che in quella a favore di terzo; sono, pertanto, destinatari del divieto sia i creditori del contraente rispetto alle somme dovute allo stesso contraente o al beneficiario sia quelli del beneficiario rispetto alle somme dovute a quest'ultimo. Secondo l opinione dominante, le disposizioni relative alla revocazione comprendono sia l azione revocatoria ordinaria sia l azione revocatoria fallimentare. Alla collazione e alla riduzione nei confronti del beneficiario dei premi pagati si applicano le norme generali degli articoli 553 e 737 e successivi. Le polizze Unit Linked e Index Linked Le polizze Unit Linked e Index Linked sono prodotti assicurativi finanziari in cui il rapporto assicurativo assume una fisionomia nuova poiché la componente finanziaria diventa preponderante. Quali sono le principali caratteristiche? Le polizze in esame generalmente prevedono un premio unico ed una durata limitata a pochi anni anche se permane, comunque, un riferimento al rischio demografico. Può essere assente un capitale minimo garantito: la prestazione finale può, dunque, avere un valore inferiore ai premi versati, nella misura in cui il mercato si evolve in senso negativo. Può addirittura accadere che il risparmiatore perda l intera somma versata. Il rischio finanziario viene trasferito sull assicurato. App. Torino, 16 novembre 2009 ha così statuito I contratti unit linked o index linked si sostanziano nell acquisto di uno strumento finanziario in cui il rischio (avente ad oggetto la cd. performance di quello strumento) è a carico del risparmiatore e dipende non dal fattore tempo, ma dalle dinamiche dei mercati mobiliari, dal rendimento del titolo e9003 dalla solvibilità dell emittente. Sull assicurato grava sempre un rischio di investimento che può variare in relazione all andamento del parametro di riferimento, oltre che in relazione agli specifici obblighi assunti dall impresa di assicurazione. Art. 41. Contratti direttamente collegati ad indici o a quote di organismi di investimento collettivo del risparmio 1. Qualora le prestazioni previste in un contratto siano direttamente collegate al valore delle quote di un organismo di investimento collettivo del risparmio oppure al valore di attivi contenuti in un fondo interno detenuto dall'impresa di assicurazione, le riserve tecniche relative a tali contratti sono rappresentate con la massima approssimazione possibile dalle quote dell'organismo di investimento collettivo del risparmio oppure da quelle del fondo interno, se è suddiviso in quote definite, oppure dagli attivi contenuti nel fondo stesso. 2. Qualora le prestazioni previste in un contratto siano direttamente collegate ad un indice azionario o ad un altro valore di riferimento diverso da quelli di cui al comma 1, le riserve tecniche relative a tali contratti sono rappresentate con la massima approssimazione possibile dalle quote rappresentanti il valore di riferimento oppure, qualora le quote non siano definite, da attivi di adeguata sicurezza e negoziabilità che corrispondano il più possibile a quelli su cui si basa il valore di riferimento particolare. 3. L'articolo 38, comma 1, secondo periodo, e le disposizioni sulle quote massime di cui al comma 2 del medesimo articolo non sono applicabili agli attivi detenuti per far fronte ad obbligazioni che sono direttamente collegate alle prestazioni di cui ai commi 1 e 2. Le disposizioni relative alle regole di congruenza non si applicano alle La pianificazione successoria 11 di 12

12 obbligazioni derivanti dai contratti di cui al presente articolo. 4. Qualora le prestazioni previste dai contratti di cui ai commi 1 e 2 comprendano una garanzia di risultato dell'investimento o qualsiasi altra prestazione garantita, alle corrispondenti riserve tecniche aggiuntive si applica l'articolo L'ISVAP stabilisce, con regolamento, disposizioni più dettagliate per l'individuazione delle categorie di attivi, che possono essere destinati a copertura delle riserve tecniche, e dei relativi limiti. Inoltre, fino all entrata in vigore del Regolamento 32/2009 dell ISVAP, il rischio di investimento per l assicurato poteva arrivare anche a comprendere il cosiddetto rischio di controparte. Con gli artt. 4, 5, 6 l ISVAP del suddetto Regolamento l ISVAP ha invece stabilito il divieto di emettere polizze index linked con rischio di investimento interamente a carico del contraente. Considerate le particolari caratteristiche di rischio di questi prodotti che paiono mettere in crisi la stessa causa del contratto di assicurazione, vale a dire il trasferimento del rischio in capo all assicuratore, è emersa con il tempo la necessità di tutelare l assicurato rendendolo edotto di queste caratteristiche. A questo proposito è bene ricordare che prima dell entrata in vigore della Legge 262/2005 di modifica del TUF il risparmiatore godeva di una tutela limitata alla consegna di una nota informativa da parte dell intermediario, con un contenuto minimo limitato, e al divieto, imposto alle imprese assicuratrici, di correlare la prestazione assicurativa ad indici basati su strumenti finanziari derivati su merci. La Legge 262 del 2005, introducendo l art. 25bis al TUF, ha esteso gli articoli del TUF alla sottoscrizione e al collocamento di prodotti finanziari emessi da banche e da imprese di assicurazione. Successivamente, il Decreto Legislativo 303 del 2006 ha introdotto la definizione di questi prodotti: il legislatore ha, così, definitivamente statuito la natura di prodotti finanziari delle polizze linked. Il Codice delle assicurazioni (D.Lgs. 7 settembre 2005, n. 209) ha inoltre previsto numerose disposizioni a tutela degli assicurati, in particolare quelle contenute negli articoli 178, 183 e 185. Art Riconoscimento in capo all assicuratore dell onere della prova di aver agito con la specifica diligenza richiesta nei giudizi di risarcimento dei danni cagionati al contraente di una polizza vita linked. Art Obbligo, in capo alle imprese ed agli intermediari, nell offerta e nell esecuzione dei contratti, di comportarsi in maniera prudente, informarsi ed informare il contraente, evitare conflitti di interessi (analogamente a quanto disposto dall art. 21 TUF), rinviando all ISVAP l adozione di un regolamento contenente specifiche regole di comportamento da osservare nei rapporti con i contraenti in modo che l attività si svolga con correttezza e con adeguatezza rispetto alle specifiche esigenze dei singoli (Provvedimento ISVAP 16 ottobre 2006, n. 5). ART. 183 Regole di comportamento Nell offerta e nell esecuzione dei contratti le imprese e gli intermediari devono: a) comportarsi con diligenza, correttezza e trasparenza nei confronti dei contraenti e degli assicurati; b) acquisire dai contraenti le informazioni necessarie a valutare le esigenze assicurative o previdenziali ed operare in modo che siano sempre adeguatamente informati; c) organizzarsi in modo tale da identificare ed evitare conflitti di interessi ove ciò sia ragionevolmente possibile e, in situazioni di conflitto, agire in modo da consentire agli assicurati la necessaria trasparenza sui possibili effetti sfavorevoli e comunque gestire i conflitti di interesse in modo da escludere che rechino loro pregiudizio; d) realizzare una gestione finanziaria indipendente, sana e prudente e adottare misure idonee a salvaguardare i diritti dei contraenti e degli assicurati. Art Obbligo di consegna di una nota informativa che deve contenere le informazioni, diverse da quelle pubblicitarie, che sono necessarie, a seconda delle caratteristiche dei prodotti e dell impresa di assicurazione, affinché il contraente e l assicurato possano pervenire ad un fondato giudizio sui diritti e sugli obblighi contrattuali e, ove opportuno, sulla situazione patrimoniale dell impresa. Per i prodotti assicurativi finanziari, l ISVAP determina le informazioni supplementari necessarie alla piena comprensione del contratto con particolare riguardo ai costi ed ai rischi del contratto ed alle operazioni in conflitto di interesse. Con l attuazione della MIFID (Direttiva n. 2004/39/CE), il TUF ha poi subito profonde modifiche e la Consob ha emanato specifiche regole di condotta nella distribuzione di prodotti finanziar La pianificazione successoria 12 di 12

Atti di destinazione ex 2645ter cc

Atti di destinazione ex 2645ter cc Atti di destinazione ex 2645ter cc - Introdotto nel 2006 (L. 23.02.2006 n. 91); - Riguarda: Immobili e beni mobili registrati; - Durata: massimo 90 anni, ovvero quanto la vita della persona beneficiaria;

Dettagli

Corso di perfezionamento in. Governance del patrimonio e passaggio generazionale

Corso di perfezionamento in. Governance del patrimonio e passaggio generazionale Università degli Studi di Brescia con il patrocinio di Gruppo Generali S.p.A. Corso di perfezionamento in Governance del patrimonio e passaggio generazionale Programma 12 incontri da 8 ore ciascuno (4

Dettagli

IL TRUST ED I VINCOLI DI DESTINAZIONE PATRIMONIALE

IL TRUST ED I VINCOLI DI DESTINAZIONE PATRIMONIALE IL TRUST ED I VINCOLI DI DESTINAZIONE PATRIMONIALE IL TRUST La Repubblica Italiana con la legge n. 364 del 16 ottobre 1989, entrata in vigore il 1 gennaio 1992, ha ratificato la sottoscrizione della Convenzione

Dettagli

15. Posizione del successibile prima dell apertura della successione... 29

15. Posizione del successibile prima dell apertura della successione... 29 INDICE-SOMMARIO Capitolo I. NOZIONI INTRODUTTIVE 1. La successione a causa di morte............... 1 2. Fondamento della successione a causa di morte. Successione testamentaria e successione legittima.....................

Dettagli

CONVEGNO Convivenze tutelate e funzione notarile

CONVEGNO Convivenze tutelate e funzione notarile CONVEGNO Convivenze tutelate e funzione notarile Milano, 7 marzo 2014 TECNICHE REDAZIONALI E CONVIVENZE (ovvero come ovviare sul piano negoziale all assenza di una normativa sulla convivenza) Giovanni

Dettagli

TRACCIA DI DIRITTO CIVILE SUL DIVIETO DI PATTI SUCCESSORI. La sig.ra L.C., vedova del sig. D.T., e le sue figlie, sigg.re Monica e Ramona T.

TRACCIA DI DIRITTO CIVILE SUL DIVIETO DI PATTI SUCCESSORI. La sig.ra L.C., vedova del sig. D.T., e le sue figlie, sigg.re Monica e Ramona T. TRACCIA DI DIRITTO CIVILE SUL DIVIETO DI PATTI SUCCESSORI Federica Donati La sig.ra L.C., vedova del sig. D.T., e le sue figlie, sigg.re Monica e Ramona T., con atto notificato il 31 maggio 2002, citarono

Dettagli

GENTE MONEY OTTOBRE 2013

GENTE MONEY OTTOBRE 2013 PROTEZIONE DE PATRIMONIO: CHI NE HA BISOGNO E QUALI SONO I LIMITI (*) (*) Roberto Lenzi Avvocato, Lenzi e Associati La ricerca e individuazione di forme di protezione del patrimonio è sicuramente argomento

Dettagli

I PATTI SUCCESSORI E LA TUTELA DEI LEGITTIMARI

I PATTI SUCCESSORI E LA TUTELA DEI LEGITTIMARI I PATTI SUCCESSORI E LA TUTELA DEI LEGITTIMARI 1) LA FORZA DELLA VOLONTÀ TESTAMENTARIA E I LIMITI DEL SISTEMA Autonomia privata e pianificazione successoria Volontà del disponente - Revocabile usque ad

Dettagli

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Aspetti Fiscali degli Atti Dispositivi

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Aspetti Fiscali degli Atti Dispositivi Carismi Convegni CARISMICONVEGNI IL PASSAGGIO GENERAZIONALE Centro Studi I Cappuccini 22 Febbraio 2013 Avv. Francesco Napolitano DONAZIONE DI AZIENDA IMPOSTE DIRETTE La donazione di azienda da parte di

Dettagli

Alessio Reali Collaboratore dell Istituto di Diritto Civile dell Università degli Studi di Milano. 25.03.06 Alessio Reali PIACENZA

Alessio Reali Collaboratore dell Istituto di Diritto Civile dell Università degli Studi di Milano. 25.03.06 Alessio Reali PIACENZA PATTO DI FAMIGLIA E TRUST E DIVIETO DEI PATTI SUCCESSORI: SUPERAMENTO DELL INTANGIBILITA QUALITATIVA DELLA LEGITTIMA E STRUMENTI DI TACITAZIONE DEI LEGITTIMARI Alessio Reali Collaboratore dell Istituto

Dettagli

Aspetti civilistici; cenni generali e inquadramento delle fattispecie

Aspetti civilistici; cenni generali e inquadramento delle fattispecie S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Tutela del patrimonio: le successioni e le donazioni Aspetti civilistici; cenni generali e inquadramento delle fattispecie Avv. Mario Cozza 23 ottobre 2014

Dettagli

LEGITTIMA TESTAMENTARIA NECESSARIA

LEGITTIMA TESTAMENTARIA NECESSARIA LEGITTIMA TESTAMENTARIA NECESSARIA TUTELE A PROTEZIONE DEI LEGITTIMARI Azione di riduzione Divieto per il de cuius di pesi o condizioni sulla quota legittima AZIONE DI RIDUZIONE Spetta al legittimario

Dettagli

Nel caso in cui all erede sia destinato un legato si parla di legato in sostituzione di legittima: questi potrà valutare l opportunità di man-

Nel caso in cui all erede sia destinato un legato si parla di legato in sostituzione di legittima: questi potrà valutare l opportunità di man- SUCCESSIONI E DONAZIONI: LE QUESTIONI PIÙ DIBATTUTE 123 prio (Cfr. Ferrero-Podetti, La rinuncia all eredità, in Successioni e donazioni, vol. I, a cura di Rescigno, Padova, 1994, p.385). Nella ipotesi

Dettagli

I TRUSTS: NOVITÀ ALLA LUCE DEI PIÙ RECENTI ORIENTAMENTI DELLA GIURISPRUDENZA E DELLA PRASSI NEL DIRITTO ITALIANO E NEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO

I TRUSTS: NOVITÀ ALLA LUCE DEI PIÙ RECENTI ORIENTAMENTI DELLA GIURISPRUDENZA E DELLA PRASSI NEL DIRITTO ITALIANO E NEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO CONVEGNO di Avezzano, 19 novembre 2011 I TRUSTS: NOVITÀ ALLA LUCE DEI PIÙ RECENTI ORIENTAMENTI DELLA GIURISPRUDENZA E DELLA PRASSI NEL DIRITTO ITALIANO E NEL DIRITTO INTERNAZIONALE PRIVATO Intervento dott.ssa

Dettagli

DALLA FIDUCIA AL TRUST IL TRUST COS E, IL SUO RICONOSCIMENTO IN ITALIA, LE APPLICAZIONI AL DIRITTO DI FAMIGLIA

DALLA FIDUCIA AL TRUST IL TRUST COS E, IL SUO RICONOSCIMENTO IN ITALIA, LE APPLICAZIONI AL DIRITTO DI FAMIGLIA DALLA FIDUCIA AL TRUST IL TRUST COS E, IL SUO RICONOSCIMENTO IN ITALIA, LE APPLICAZIONI AL DIRITTO DI FAMIGLIA Trissino Sabato 10 aprile 2010 1 La definizione di TRUST rapporto fiduciario in virtù del

Dettagli

Patti di famiglia e morte del socio. Avv. Pietro Maria di Giovanni

Patti di famiglia e morte del socio. Avv. Pietro Maria di Giovanni Pescara 3 dicembre 2013 Avv. Pietro Maria di Giovanni www.studiolegaledigiovanni.com divieto di patti successori l'art. 458 c.c. vieta ogni convenzione con cui taluno dispone della propria successione

Dettagli

DISCIPLINA DELL AZIENDA

DISCIPLINA DELL AZIENDA Prefazione alla seconda edizione....................... VII Prefazione alla prima edizione........................ IX Avvertenze................................ XIII PARTE PRIMA DISCIPLINA DELL AZIENDA

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE PATRIMONIALE IV: La successione.

LA PIANIFICAZIONE PATRIMONIALE IV: La successione. LA PIANIFICAZIONE PATRIMONIALE IV: La successione. La società fiduciaria, attraverso l ampio novero di soluzioni applicabili, risulta essere uno strumento molto valido al fine di soddisfare le esigenze

Dettagli

IL TRUST 1. DEFINIZIONE E FINALITA 2. I SOGGETTI COINVOLTI

IL TRUST 1. DEFINIZIONE E FINALITA 2. I SOGGETTI COINVOLTI IL TRUST 1. DEFINIZIONE E FINALITA Il trust è un contratto con cui un soggetto disponente (settlor) trasferisce la proprietà di uno o più beni a un soggetto fiduciario (trustee), il quale ne dispone e

Dettagli

I. CONSIDERAZIONI GENERALI

I. CONSIDERAZIONI GENERALI Elenco delle principali abbreviazioni................................ XI I. CONSIDERAZIONI GENERALI 1. Premessa.......................................... 1 2. Le principali questioni in tema di trust interno.........................

Dettagli

TRUSTS. Avv. Nunzio Dario Latrofa. BARI Scuola Forense 2002

TRUSTS. Avv. Nunzio Dario Latrofa. BARI Scuola Forense 2002 TRUSTS Avv. Nunzio Dario Latrofa BARI Scuola Forense 2002 1 Usi del trust I principali usi del trust: ottimizzazione della disciplina fiscale; trasferimento dei beni localizzati in Paesi diversi da quello

Dettagli

La difesa del patrimonio

La difesa del patrimonio Mercoledì 19 Marzo 2014 SAVIGLIANO DONAZIONE DI AZIENDE O QUOTE La donazione è il contratto con il quale (art. 769 C.C.), per spirito di liberalità, una parte arricchisce l altra, disponendo a favore di

Dettagli

Morte del socio e tensioni endosocietarie. relazione del Notaio Cristiano Casalini

Morte del socio e tensioni endosocietarie. relazione del Notaio Cristiano Casalini Morte del socio e tensioni endosocietarie relazione del Notaio Cristiano Casalini Ambito di indagine Società di capitali (escluse s.r.l.s. e coop.) Differenziazioni ovvie tra società familiari e società

Dettagli

CAPITOLO II Sul lascito dell usufrutto generale dei beni ereditari... 23 di Michael Perreca

CAPITOLO II Sul lascito dell usufrutto generale dei beni ereditari... 23 di Michael Perreca INDICE SOMMARIO Prefazione.... Gli autori... V XIII CAPITOLO I Nuove regole in materia di filiazione: profili successori di Maria Giovanna Falzone Calvisi 1. Il quadro normativo attuale.............................

Dettagli

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE DELL IMPRESA

IL PASSAGGIO GENERAZIONALE DELL IMPRESA IL PASSAGGIO GENERAZIONALE DELL IMPRESA Il problema Il passaggio generazionale è un momento delicato anche a causa delle differenze di vedute tra imprenditore e suoi successori L impresa è un bene costituzionalmente

Dettagli

I Venerdì dell Avvocatura

I Venerdì dell Avvocatura Arcidiocesi di Milano Curia Arcivescovile Avvocatura I Venerdì dell Avvocatura Le successioni e le donazioni Introduzione 3 incontro 13 dicembre 2013 SUCCESSIONI La successione mortis causa rappresenta

Dettagli

INDICE. Art. 768-bis (Nozione) SEZIONE I: CARATTERI GENERALI DEL PATTO DI FAMIGLIA: INTERESSI TUTELATI E

INDICE. Art. 768-bis (Nozione) SEZIONE I: CARATTERI GENERALI DEL PATTO DI FAMIGLIA: INTERESSI TUTELATI E INDICE Art. 768-bis (Nozione) SEZIONE I: CARATTERI GENERALI DEL PATTO DI FAMIGLIA: INTERESSI TUTELATI E PRESUPPOSTI SOGGETTIVI DI APPLICAZIONE DELLA NUOVA DISCIPLINA 1. Ratio della riforma: garantire la

Dettagli

FATTISPECIE A FORMAZIONE PROGRESSIVA

FATTISPECIE A FORMAZIONE PROGRESSIVA Il Fondo patrimoniale: profili di (in)utilità? Tutela del patrimonio: disamina dei diversi strumenti a disposizione e criteri di scelta Data 02/07/2015 FATTISPECIE A FORMAZIONE PROGRESSIVA Negozio di destinazione(costituente)

Dettagli

Il passaggio generazionale: questioni giuridiche e fattori di successo - aspetti giuridici -

Il passaggio generazionale: questioni giuridiche e fattori di successo - aspetti giuridici - Il passaggio generazionale: questioni giuridiche e fattori di successo - aspetti giuridici - Verona, 29 settembre 2011 Avv. Simone Rossi Passaggio generazionale Trasferimento della proprietà e della gestione

Dettagli

SCUOLA DI NOTARIATO DELLA LOMBARDIA CORSO SUCCESSIONI Anno accademico 2013/2014

SCUOLA DI NOTARIATO DELLA LOMBARDIA CORSO SUCCESSIONI Anno accademico 2013/2014 SCUOLA DI NOTARIATO DELLA LOMBARDIA CORSO SUCCESSIONI Anno accademico 2013/2014 Le lezioni si svolgono al mercoledì (dalle 11 alle 12,30) ed il venerdì (dalle 11 alle 12,30). In questo anno accademico,

Dettagli

Tutela del patrimonio immobiliare Le possibili soluzioni trust, fondo patrimoniale, assicurazione vita.

Tutela del patrimonio immobiliare Le possibili soluzioni trust, fondo patrimoniale, assicurazione vita. Venerdì 5 luglio 2013. Sutherland House Suite 108 3 Lloyd s Avenue London Tutela del patrimonio immobiliare Le possibili soluzioni trust, fondo patrimoniale, assicurazione vita. Rag. Giuseppe Lepore Commercialista

Dettagli

INDICE SEZIONE I. DEI DIRITTI RISERVATI AI LEGITTIMARI. Art. 536 (Legittimari)

INDICE SEZIONE I. DEI DIRITTI RISERVATI AI LEGITTIMARI. Art. 536 (Legittimari) INDICE SEZIONE I. DEI DIRITTI RISERVATI AI LEGITTIMARI Art. 536 (Legittimari) CAPITOLO I: DIRITTI RISERVATI AI LEGITTIMARI E LINEE EVOLUTIVE DELLA SUCCESSIONE NECESSARIA 1. Successione necessaria fra tradizione

Dettagli

INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA CATEGORIE SUCCESSORIE E INTERESSI FONDAMENTALI CAPITOLO PRIMO CARATTERI DEL SISTEMA TRA RINNOVAMENTO E STASI

INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA CATEGORIE SUCCESSORIE E INTERESSI FONDAMENTALI CAPITOLO PRIMO CARATTERI DEL SISTEMA TRA RINNOVAMENTO E STASI INDICE SOMMARIO PARTE PRIMA CATEGORIE SUCCESSORIE E INTERESSI FONDAMENTALI CARATTERI DEL SISTEMA TRA RINNOVAMENTO E STASI 1. Interessi successori e strumenti di attuazione....................... p. 4 2.

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it LE DEROGHE LEGALI E CONVENZIONALI ALL EFFICACIA DEL CONTRATTO: l art.1372 c.c. ed il principio pacta sunt servanda

www.ildirittoamministrativo.it LE DEROGHE LEGALI E CONVENZIONALI ALL EFFICACIA DEL CONTRATTO: l art.1372 c.c. ed il principio pacta sunt servanda LE DEROGHE LEGALI E CONVENZIONALI ALL EFFICACIA DEL CONTRATTO: l art.1372 c.c. ed il principio pacta sunt servanda A cura di CLAUDIA CARICASOLE Ai sensi dell art. 1372 c.c. il contratto, quale esplicazione

Dettagli

PATRIMONIA SUMMIT 2 0 1 4 SUNT SERVANDA

PATRIMONIA SUMMIT 2 0 1 4 SUNT SERVANDA PATRIMONIA SUMMIT 2 0 1 4 SUNT SERVANDA Wealth(Planning(di(Azimut( come(risposta(alle(esigenze(di( passaggio(generazionale(dei( nostri(clienti 2 PARTE I TRUST La struttura giuridica Il Trust è un istituto

Dettagli

Alessandro Torroni Notaio LIBERALITA A FAVORE DI ENTI NON PROFIT: DAL TESTAMENTO AL TRUST. ASPETTI CIVILISTICI E FISCALI

Alessandro Torroni Notaio LIBERALITA A FAVORE DI ENTI NON PROFIT: DAL TESTAMENTO AL TRUST. ASPETTI CIVILISTICI E FISCALI Alessandro Torroni Notaio LIBERALITA A FAVORE DI ENTI NON PROFIT: DAL TESTAMENTO AL TRUST. ASPETTI CIVILISTICI E FISCALI Sommario: 1. Premessa. 2. Il testamento. 2.1. Istituzione di erede e legato. 2.2.

Dettagli

Quesiti frequenti sulle successioni

Quesiti frequenti sulle successioni Quesiti frequenti sulle successioni Le successioni ereditarie comportano questioni delicate e talvolta difficili da risolvere. Rivolgetevi ad un nostro sportello per ricevere informazioni dettagliate relative

Dettagli

DIRITTO SUCCESSORIO. III^ Lezione. Diritto Civile. CORSO PER L ESAME DI AVVOCATO 2016 Scuola Forense dell Ordine di Milano

DIRITTO SUCCESSORIO. III^ Lezione. Diritto Civile. CORSO PER L ESAME DI AVVOCATO 2016 Scuola Forense dell Ordine di Milano CORSO PER L ESAME DI AVVOCATO 2016 Diritto Civile III^ Lezione DIRITTO SUCCESSORIO Prof. Avv. Riccardo Campione Dott. Enrico Mazzoletti SINTESI DEL FENOMENO SUCCESSORIO APERTURA Si ha al momento della

Dettagli

INDICE I LA SUCCESSIONE. 1 L apertura delle successioni... 3. Prefazione...

INDICE I LA SUCCESSIONE. 1 L apertura delle successioni... 3. Prefazione... INDICE Prefazione... XIX I LA SUCCESSIONE 1 L apertura delle successioni... 3 1.1 Introduzione... 4 1.2 L apertura della successione... 5 1.3 La dichiarazione di morte presunta... 6 1.4 L acquisto dell

Dettagli

PER L IMPRENDITORE E ORA POSSIBILE ANCHE CEDERE L AZIENDA CON IL NUOVO PATTO DI FAMIGLIA

PER L IMPRENDITORE E ORA POSSIBILE ANCHE CEDERE L AZIENDA CON IL NUOVO PATTO DI FAMIGLIA PER L IMPRENDITORE E ORA POSSIBILE ANCHE CEDERE L AZIENDA CON IL NUOVO PATTO DI FAMIGLIA di Vincenzo D Andò PREMESSA La Legge 14.2.2006, n. 55 (pubblicata sulla G.U. n. 50 del 1.3.2006) ha introdotto nel

Dettagli

La Collazione Ereditaria.

La Collazione Ereditaria. Avv. Monica La Rocca monica.larocca@ssalex.com La collazione è l atto con il quale determinati soggetti, che hanno accettato l eredità conferiscono alla massa ereditaria le liberalità ricevute in vita

Dettagli

L INTESTAZIONE FIDUCIARIA

L INTESTAZIONE FIDUCIARIA SOMMARIO Capitolo I L INTESTAZIONE FIDUCIARIA 1. Premessa... 3 2. Il negozio fiduciario... 4 3. L intestazione fiduciaria di beni a favore di società fiduciarie: il mandato fiduciario... 10 4. Le società

Dettagli

LA FORZA VI COLA TE DEL CO TRATTO E GLI EFFETTI TRA LE PARTI.

LA FORZA VI COLA TE DEL CO TRATTO E GLI EFFETTI TRA LE PARTI. 1 LA FORZA VI COLA TE DEL CO TRATTO E GLI EFFETTI TRA LE PARTI. Art. 1372 c.c.: forza vincolante del contratto. Contenuto: autonomia privata + fonti di integrazione: legge (anche buona fede), usi ed equità,

Dettagli

La Successione nell' Impresa: Le clausole societarie nell'impresa

La Successione nell' Impresa: Le clausole societarie nell'impresa La Successione nell' Impresa: Le clausole societarie nell'impresa Avv. Silvia Salvati Fondazione Forense 15 dicembre 2012 Via Belmeloro n. 14 IL PATTO DI FAMIGLIA Legge 14 Febbraio 2006 n.55/2006 L' Italia

Dettagli

GLOSSARIO del diritto di famiglia e delle successioni

GLOSSARIO del diritto di famiglia e delle successioni GLOSSARIO del diritto di famiglia e delle successioni www.leggiitaliane.it Accettazione dell eredità atto negoziale unilaterale mediante il quale il chiamato fa propria l eredità che gli è conferita per

Dettagli

Maurizio Santise, ed è stato integrato e adattato alle esigenze editoriali.

Maurizio Santise, ed è stato integrato e adattato alle esigenze editoriali. Le manifestazioni del fenomeno successorio con particolare riguardo a quello mortis causa. Tratti il candidato dei patti successori, in relazione al trust con finalità successoria e al negozio di rinuncia

Dettagli

LA RIFORMA DEI PATTI SUCCESSORI RINUNCIATIVI

LA RIFORMA DEI PATTI SUCCESSORI RINUNCIATIVI Nota per la stampa LA RIFORMA DEI PATTI SUCCESSORI RINUNCIATIVI 1. Scopo della riforma In base all attuale testo del codice civile (art. 458) è nulla ogni convenzione con cui taluno dispone o rinuncia

Dettagli

La divisione ereditaria

La divisione ereditaria La divisione ereditaria La divisione ereditaria è diretta a far cessare lo stato di comunione sui beni della massa ereditaria tra tutti i soggetti che partecipano alla comunione; ha natura dichiarativa

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A

R E P U B B L I C A I T A L I A N A N. 435/012 R.A.C.C. R E P U B B L I C A I T A L I A N A TRIBUNALE DI UDINE- SEZIONE II CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il dott. Gianfranco PELLIZZONI, in funzione di GIUDICE UNICO, ha pronunciato la

Dettagli

SEMINARIO CLUB FINANZA D IMPRESA

SEMINARIO CLUB FINANZA D IMPRESA SEMINARIO CLUB FINANZA D IMPRESA Strumenti per la protezione del patrimonio immobiliare le nuove necessità di asset protection Dott. Massimo Lodi ***** Responsabile Family Business Advisory UBI Private

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CARFAGNA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CARFAGNA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2301 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CARFAGNA Modifiche al codice civile nonché ai testi unici di cui ai decreti del Presidente

Dettagli

INDICE TITOLO II: DELLE SUCCESSIONI LEGITTIME

INDICE TITOLO II: DELLE SUCCESSIONI LEGITTIME INDICE TITOLO II: DELLE SUCCESSIONI LEGITTIME Art. 565 (Categorie dei successibili) 1. Successione legittima e famiglia: dalla Riforma del 75 al progetto di Riforma della filiazione.............................

Dettagli

La successione ereditaria

La successione ereditaria La successione ereditaria La successione ereditaria è legata ad un evento triste e spesso rimosso dai propri pensieri: la morte; essa è, però, ineludibile, per questo a tutti sarebbe utile conoscere i

Dettagli

PATTO DI FAMIGLIA L'IMPRENDITORE SCEGLIE IL SUCCESSORE NELL AZIENDA a cura del Dott. G. Fiore - RE.FI.

PATTO DI FAMIGLIA L'IMPRENDITORE SCEGLIE IL SUCCESSORE NELL AZIENDA a cura del Dott. G. Fiore - RE.FI. PATTO DI FAMIGLIA L'IMPRENDITORE SCEGLIE IL SUCCESSORE NELL AZIENDA a cura del Dott. G. Fiore - RE.FI. La legge 14 febbraio 2006, n. 55 ha introdotto l istituto del patto di famiglia. Il nuovo istituto

Dettagli

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 27 dicembre 2010. OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust.

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 27 dicembre 2010. OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust. CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 dicembre 2010 OGGETTO: Ulteriori chiarimenti in merito alla disciplina fiscale dei Trust. PREMESSA Come noto, l articolo 1, commi da 74 a 76, della

Dettagli

Le clausole successorie: tra libertà testamentaria e il divieto di patti successori. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Le clausole successorie: tra libertà testamentaria e il divieto di patti successori. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Le clausole successorie: tra libertà testamentaria e il divieto di patti successori A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Regime legale della successione mortis causa della partecipazione liquidare

Dettagli

Le normali forme di tutela del patrimonio personale adottate nel sistema economico: dal fondo patrimoniale al trust

Le normali forme di tutela del patrimonio personale adottate nel sistema economico: dal fondo patrimoniale al trust Le normali forme di tutela del patrimonio personale adottate nel sistema economico: dal fondo patrimoniale al trust Palazzo della Ragione, Verona 18 novembre 2011 Prof. Avv. Matteo De Poli Gli strumenti

Dettagli

Il trasferimento generazionale della farmacia privata: il patto di famiglia e il trasferimento mortis causa

Il trasferimento generazionale della farmacia privata: il patto di famiglia e il trasferimento mortis causa Il trasferimento generazionale della farmacia privata: il patto di famiglia e il trasferimento mortis causa Dott. Marino Mascheroni Professore a contratto di Diritto Tributario Università di Milano Il

Dettagli

LA DISCIPLINA DEI PATTI SUCCESSORI Bruno Barel

LA DISCIPLINA DEI PATTI SUCCESSORI Bruno Barel LA DISCIPLINA DEI PATTI SUCCESSORI Bruno Barel I patti successori negli Stati membri Difformità tra gli ordinamenti nazionali: Ordinamenti nei quali i patti successori sono vietati: Italia, Francia, Belgio,

Dettagli

PATRIMONIA PATRIMONIA SUMMIT 2014 UNT SERVANDA SUMMIT 2 0 1 4. Flavio Ravera. Aspetti(Fiscali( delle(nuove(unit(linked(

PATRIMONIA PATRIMONIA SUMMIT 2014 UNT SERVANDA SUMMIT 2 0 1 4. Flavio Ravera. Aspetti(Fiscali( delle(nuove(unit(linked( PATRIMONIA PATRIMONIA SUMMIT 2014 SUMMIT 2 0 1 4 SUNT SSERVANDA UNT SERVANDA Aspe& Fiscali delle nuove Unit Linked dr.generazionale Flavio Ravera all interno del passaggio Aspetti(Fiscali( delle(nuove(unit(linked(

Dettagli

Principi di diritto successorio

Principi di diritto successorio Principi di diritto successorio Introduzione Quando una persona muore, alcune situazioni giuridiche ad essa ricollegabili si trasferiscono ad altri soggetti e si parla di c.d. successione mortis causa.

Dettagli

(*) Sentenze reperite sul sito www.il- trust- in- italia.it

(*) Sentenze reperite sul sito www.il- trust- in- italia.it Giurisprudenza Tributaria in materia di tassazione di conferimento di beni in Trust (*) Comm. Trib. Prov. Perugia 19.06.2014 n. 470/2/14 Dichiara che, al momento dell'istituzione di un trust, il beneficiario

Dettagli

VENEZIA 2012. Matteo A. Pollaroli Diritto Privato. 10 luglio 2011

VENEZIA 2012. Matteo A. Pollaroli Diritto Privato. 10 luglio 2011 10 luglio 2011 Titolo della successione sono quindi la legge e il testamento, che possono convivere secondo il seguente principio: ove il testamento non dispone si applica la legge (concorso di titoli

Dettagli

I patti di famiglia per il passaggio generazionale dell impresa

I patti di famiglia per il passaggio generazionale dell impresa I patti di famiglia per il passaggio generazionale dell impresa 1 PREMESSA La regolamentazione della successione nell impresa rappresenta da tempo una problematica ricca di interesse ed ha, per questo,

Dettagli

PASSAGGIO GENERAZIONALE

PASSAGGIO GENERAZIONALE STRUMENTI CIVILISTICI SOCIETARI E FISCALI A SUPPORTO DEL PASSAGGIO GENERAZIONALE A cura del Dott. Claudio LUDOVICO Bari, 11 Maggio 2012 IMPRESE Ricchezza della nazione viene spesso agevolata la loro costituzione..non

Dettagli

CAPITOLO IV Le successioni

CAPITOLO IV Le successioni CAPITOLO IV Le successioni Sommario: 1. Vocazione, delazione e rapporti in cui non si ha successione 2. Il divieto dei patti successori. art. 458 c.c. 3. Institutio ex re certa 4. Differenza tra eredità

Dettagli

CORSO DI MAGISTRATURA. Le lezioni di Roberto GAROFOLI

CORSO DI MAGISTRATURA. Le lezioni di Roberto GAROFOLI CORSO DI MAGISTRATURA Le lezioni di Roberto GAROFOLI Marco FRATINI DIRITTO CIVILE Volume settimo II edizione Aggiornato a: - Il danno tanatologico: la rimessione alle S.U. (Cass. civ., Sez. III, ord. 4

Dettagli

FISCALITÀ DEL TRUST. Torino, 07.12.2012 Gruppo di lavoro Trust Dott. Massimo BOIDI Dott. Alessandro TERZUOLO

FISCALITÀ DEL TRUST. Torino, 07.12.2012 Gruppo di lavoro Trust Dott. Massimo BOIDI Dott. Alessandro TERZUOLO FISCALITÀ DEL TRUST Torino, 07.12.2012 Gruppo di lavoro Trust Dott. Massimo BOIDI Dott. Alessandro TERZUOLO FISCALITÀ DIRETTA DEL TRUST Dott. Massimo BOIDI ASPETTI GENERALI La Finanziaria 2007 ha riconosciuto

Dettagli

La tutela del cliente nella negoziazione di polizze assicurativo-finanziarie

La tutela del cliente nella negoziazione di polizze assicurativo-finanziarie La tutela del cliente nella negoziazione di polizze assicurativo-finanziarie Padova, 18 giugno 2010 Aiga, Sezione di Padova Le regole di comportamento nella distribuzione dei prodotti finanziari emessi

Dettagli

La titolarità della farmacia privata L aggregazione extra societaria

La titolarità della farmacia privata L aggregazione extra societaria La titolarità della farmacia privata L aggregazione extra societaria Dott. Marino Mascheroni Professore a contratto di Diritto Tributario Università di Milano Il trasferimento di azienda farmacia Requisiti

Dettagli

Parte I IL FONDO PATRIMONIALE

Parte I IL FONDO PATRIMONIALE Parte I IL FONDO PATRIMONIALE Capitolo 1 - Il fondo patrimoniale nell ordinamento civilistico italiano 1.1 Cenni storici... 13 1.2 Considerazioni generali sulla riforma del diritto di famiglia... 15 1.3

Dettagli

EFFETTI DEL CONTRATTO

EFFETTI DEL CONTRATTO 21. Effetti del contratto (lezione ampia) 1 EFFETTI DEL CONTRATTO Per effetti del contratto, intendiamo le vicende che il contratto produce con riferimento alle posizioni soggettive delle parti; o meglio:

Dettagli

Le vicende della quota nelle società personali

Le vicende della quota nelle società personali Le vicende della quota nelle società personali A causa dell INTUITUS PERSONAE, nelle società di persone le variazioni nella composizione soggettiva della compagine sociale sono apprezzate come vere e proprie

Dettagli

INDICE. Presentazione... XVII. Quid Iuris. Mortis Causa. Quesito n. 1 È possibile diseredare un legittimario?...3

INDICE. Presentazione... XVII. Quid Iuris. Mortis Causa. Quesito n. 1 È possibile diseredare un legittimario?...3 INDICE Presentazione... XVII Quid Iuris. Mortis Causa Quesito n. 1 È possibile diseredare un legittimario?...3 Quesito n. 2 Ammissibile la cancellazione d ipoteca direttamente col testamento?...5 Quesito

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 73 Le novità nell imposizione indiretta del patto di famiglia

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 73 Le novità nell imposizione indiretta del patto di famiglia DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 73 Le novità nell imposizione indiretta del patto di famiglia febbraio 2007 Le novità nell imposizione indiretta del patto di famiglia DOCUMENTO ARISTEIA N. 73 LE NOVITÀ

Dettagli

Le fidejussioni bancarie: le attenzioni da osservare nella sottoscrizione

Le fidejussioni bancarie: le attenzioni da osservare nella sottoscrizione Focus di pratica professionale di Massimo Buongiorno Le fidejussioni bancarie: le attenzioni da osservare nella sottoscrizione Il presente lavoro si propone di evidenziare gli aspetti di maggiore criticità

Dettagli

ATTRIBUZIONI PATRIMONIALI FRA CONVIVENTI IN VISTA DELL EVENTO MORTE. Domenico Parisi * * *

ATTRIBUZIONI PATRIMONIALI FRA CONVIVENTI IN VISTA DELL EVENTO MORTE. Domenico Parisi * * * ATTRIBUZIONI PATRIMONIALI FRA CONVIVENTI IN VISTA DELL EVENTO MORTE Domenico Parisi * * * Relazione al Convegno I Contratti per la Convivenza Genova, 23 ottobre 2013 La trattazione del tema che mi è stato

Dettagli

www.gaglione.it La successione a causa di morte Normativa di diritto civile

www.gaglione.it La successione a causa di morte Normativa di diritto civile La successione a causa di morte Normativa di diritto civile Le regole della successione a causa di morte disciplinano il passaggio del patrimonio e la continuazione di tutti i rapporti giuridici attivi

Dettagli

GENTE MONEY 24 LUGLIO 2013

GENTE MONEY 24 LUGLIO 2013 GENTE MONEY 24 LUGLIO 2013 (SEZIONE ECONOMIA PORTALE LEONARDO.IT) Proteggere il patrimonio: che cosa è e quando conviene il Fondo Patrimoniale avv. Roberto lenzi Lenzi e Associati Una recente sentenza

Dettagli

S.p.a. unipersonale. Altrimenti, responsabilità illimitata per il periodo in cui c è l unico socio

S.p.a. unipersonale. Altrimenti, responsabilità illimitata per il periodo in cui c è l unico socio Nozione (2325 c.c.) Solo la società con il suo patrimonio risponde delle obbligazioni sociali Capitale sociale di almeno 120.000 euro Sola garanzia offerta ai creditori Creditori forti e deboli - gruppi

Dettagli

SAG AZIONI CONSIGLIATE

SAG AZIONI CONSIGLIATE SAG AZIONI CONSIGLIATE AZIONI CONSIGLIATE Considerate le esigenze testamentarie di Tizio e preso atto della situazione familiare e patrimoniale così come rappresentata nel parere tecnico redatto dal Servizio

Dettagli

AVV. EUGENIO TAMBORLINI

AVV. EUGENIO TAMBORLINI AVV. EUGENIO TAMBORLINI BREVI CENNI IN TEMA DI INSTITUTIO EX RE CERTA La successione mortis causa nel nostro ordinamento può trovare la sua fonte di regolamentazione nella volontà del testatore o nella

Dettagli

INDICE SOMMARIO Tomo Primo

INDICE SOMMARIO Tomo Primo Tomo Primo PARTE PRIMA LE SUCCESSIONI PER CAUSA DI MORTE Capitolo I CONCETTI GENERALI 1.1. La nozione di successione... pag. 3 1.2. L acquisto per causa di morte...» 6 1.3. Tipologie di successione. Cenni...»

Dettagli

La successione e la donazione

La successione e la donazione La successione e la donazione Voglio pianificare la trasmissione del mio patrimonio, possibili alternative: Il patto di famiglia (aziendale) Un Fondo patrimoniale Un Trust Una polizza vita con beneficiario/i

Dettagli

Giuseppe ZUCCARO PARERI

Giuseppe ZUCCARO PARERI Giuseppe ZUCCARO PARERI DI SOMMARIO SOGGETTI DI DIRITTO PARERE 1 I diritti civili dello straniero: il residuo ambito applicativo dell art. 16 delle preleggi 3 FAMIGLIA PARERE 2 La tutela del familiare

Dettagli

Sadro Nardi Testamento e rapporto contrattuale

Sadro Nardi Testamento e rapporto contrattuale A12 425 Sadro Nardi Testamento e rapporto contrattuale Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06) 93781065 ISBN

Dettagli

5. Capacità di testare

5. Capacità di testare CAPITOLO IV LE SUCCESSIONI PER CAUSA DI MORTE 79 successori da parte dell erede, tradizionale nel diritto italiano (Mosconi, Ballarino), secondo quanto invece suggerisce la Relazione al disegno di legge.

Dettagli

Garanzie del creditore

Garanzie del creditore Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre GARANZIE DEL CREDITORE 799 Garanzie del creditore SOMMARIO Sez. 1 - Fideiussione... 5909 A. Conclusione della fideiussione... 5914 B. Funzionamento... 5965 C. Estinzione...

Dettagli

GUIDA OPERATIVA ALLA PUBBLICITA DEI TRASFERIMENTI DI PARTECIPAZIONE DI SRL

GUIDA OPERATIVA ALLA PUBBLICITA DEI TRASFERIMENTI DI PARTECIPAZIONE DI SRL CAMERA DI COMMERCIO DI LIVORNO UFFICIO REGISTRO IMPRESE GUIDA OPERATIVA ALLA PUBBLICITA DEI TRASFERIMENTI DI PARTECIPAZIONE DI SRL Ottobre 2010 Conservatore R.I.: Dott. Pierluigi Giuntoli REV2 GUIDA/TRASF/SRL2

Dettagli

STUDIO DE POLI - VENEZIA

STUDIO DE POLI - VENEZIA IL TRUST: COS È, IN BREVE di Ilaria Della Vedova Avvocato dello Studio De Poli Venezia Membro dell organismo Professionisti Accreditati in materia di Trust 1) Che cos è il trust? È un istituto di origine

Dettagli

SUCCESSIONI N O T A I O E M A N U E L E D E M I C H E L I

SUCCESSIONI N O T A I O E M A N U E L E D E M I C H E L I SUCCESSIONI A SPETTI TEORICI E PRATICI D ELLE SUCCESSIONI MORTIS C A U SA N O T A I O E M A N U E L E D E M I C H E L I Fonti normative Codice Civile II LIBRO - artt. 456 ss. Definizione La successione

Dettagli

L Istituto del Trust ed i profili applicativi

L Istituto del Trust ed i profili applicativi L Istituto del Trust ed i profili applicativi Forlì, 8 ottobre 2015 Via degli Agresti 6, 40123 - Bologna 1 Cos è il Trust: Istituto di origine anglosassone secondo il quale un disponente trasferisce beni

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Capitolo I

INDICE-SOMMARIO. Capitolo I INDICE-SOMMARIO Capitolo I LA SUCCESSIONE NECESSARIA ED IL SUO ÀMBITO DI RILEVANZA 1. Il limite al potere di disporre del testatore: il diritto alla legittima. Nozione e sua ratio. pag. 1 2. Volontà testamentaria

Dettagli

INDICE SOMMARIO DEL VOLUME

INDICE SOMMARIO DEL VOLUME INDICE SOMMARIO DEL VOLUME Indice per articoli... pag. IX Indice bibliografico...» XV ANTONIO ALBANESE LIBRO QUARTO DELLE OBBLIGAZIONI CAPO VIII DELLA CESSIONE DEL CONTRATTO...» 1 Indice analitico delle

Dettagli

Trust per conservazione, gestione e valorizzazione di beni artistici

Trust per conservazione, gestione e valorizzazione di beni artistici Trust per conservazione, gestione e valorizzazione di beni artistici Possibili applicazioni pratiche Roma, 13 ottobre 2014 Agenda 1. Premessa 2. Il caso di Ermenegildo 3. Il caso di Martino e Alessandro

Dettagli

2012 Italfiduciaria Srl

2012 Italfiduciaria Srl 1 Intestazione di quote societarie Le partecipazioni vengono date in amministrazione fiduciaria con le seguenti modalità: Sottoscrizione del capitale in sede di costituzione della società, aumento di capitale

Dettagli