Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fisco & Contabilità La guida pratica contabile"

Transcript

1 Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N I libri contabili obbligatori Imprese in contabilità ordinaria Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Contabilità ordinaria Le imprese sono tenute a rendere i noti i fatti di gestione che le hanno interessate. La disciplina civilistica e fiscale impone infatti, alle stesse, di tenere i seguenti registri contabili obbligatori: - Libro giornale; - Libro degli inventari; - Scritture ausiliarie (il c.d. mastro dei conti ); - Scritture ausiliarie di magazzino; - Registri prescritti ai fini Iva. La disciplina fiscale richiede altresì la tenuta del registro dei beni ammortizzabili, mentre la disciplina civilistica chiede all imprenditore commerciale di conservare ordinatamente per ciascun affare gli originali delle lettere, dei telegrammi e delle fatture ricevute, nonché le copie delle lettere, dei telegrammi e delle fatture spedite. Sono esonerati dalla tenuta di tali registri contabili i soggetti che possono optare per il regime contabile semplificato. Premessa L imprenditore ha l obbligo di dare evidenza dei fatti economici che hanno interessato la propria impresa commerciale. Tale obbligo è sancito sia dalle disposizioni civilistiche che fiscali. 1

2 Articolo 2214 Codice civile Libri obbligatori e altre scritture contabili L' imprenditore che esercita un' attività commerciale deve tenere il libro giornale e il libro degli inventari. Deve, altresì, tenere le altre scritture contabili che siano richieste dalla natura e dalle dimensioni dell'impresa e conservare ordinatamente per ciascun affare gli originali delle lettere, dei telegrammi e delle fatture ricevute, nonché le copie delle lettere, dei telegrammi e delle fatture spedite. Le disposizioni di questo paragrafo non si applicano ai piccoli imprenditori. Decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600 Articolo 14 - Scritture contabili delle imprese commerciali, delle società e degli enti equiparati Le società, gli enti e gli imprenditori commerciali di cui al primo comma dell'art. 13 devono in ogni caso tenere: a) il libro giornale e il libro degli inventari; b) i registri prescritti ai fini dell'imposta sul valore aggiunto; c) scritture ausiliarie nelle quali devono essere registrati gli elementi patrimoniali e reddituali, raggruppati in categorie omogenee, in modo da consentire di desumerne chiaramente e distintamente i componenti positivi e negativi che concorrono alla determinazione del reddito. d) scritture ausiliarie di magazzino, tenute in forma sistematica e secondo norme di ordinata contabilità, dirette a seguire le variazioni intervenute tra le consistenze negli inventari annuali I soggetti stessi devono inoltre tenere, in quanto ne ricorrano i presupposti, il registro dei beni ammortizzabili e il registro riepilogativo di magazzino, di cui ai successivi art. 16 e 17, e i libri sociali obbligatori, di cui ai numeri 1 e seguenti dell'art del codice civile. 2

3 Libri e registri obbligatori (normativa civilistica + fiscale) - libro giornale; - libro degli inventari; - scritture ausiliarie (ovvero il "mastro dei conti"); - registri Iva (acquisti, fatture e/o corrispettivi); - registro dei beni ammortizzabili; - scritture ausiliarie di magazzino. - originali delle lettere, dei telegrammi e delle fatture ricevute, nonché le copie delle lettere, dei telegrammi e delle fatture spedite. Si ricorda tuttavia che possono essere previsti ulteriori libri contabili da leggi speciali per alcuni determinati settori (si pensi, a tal fine, alle banche). Il libro giornale Il libro giornale deve indicare giorno per giorno le operazioni relative all'esercizio dell'impresa. data dell'operazione LIBRO GIORNALE: IL CONTENUTO descrizione dell'operazione rappresentazione dell'operazione con indicazione dei conti di mastro coinvolti nel fatto di gestione importi delle operazioni distinti per ciascun conto di mastro In base all art del codice civile, la tenuta del libro giornale deve avvenire secondo le norme di un ordinata contabilità, senza: spazi in bianco; interlinee; trasporti in margine. Non si possono fare abrasioni, e se è necessaria qualche cancellazione, questa deve essere eseguita in modo che le parole cancellate siano leggibili. Non sono ammesse, inoltre, le scritturazioni a matita sul libro (Corte di Cassazione sentenza n. 2398/98). 3

4 Si ricorda altresì, che tutte le annotazioni devono essere effettuate entro 60 giorni dall'avvenuta operazione, così come stabilito dell'art. 22, D.P.R. 600/1973. Il libro giornale deve essere conservato: ai fini civilistici: per 10 anni; ai fini fiscali: fino a quando non siano scaduti i termini per effettuare accertamenti (generalmente quattro anni decorrenti dal 31 dicembre dell anno in cui è stata presentata la dichiarazione cui si riferiscono le registrazioni). Dal 25 ottobre 2001 non è più richiesta la vidimazione e la bollatura iniziale del libro giornale (vedi L. n.383 del ), mentre continua ad essere richiesta la numerazione iniziale e la corresponsione dell imposta di bollo in relazione al numero di pagine che si intendono usare. Non è più richiesta Vidimazione Bollatura iniziale Dal 25 ottobre 2001 Continua ad essere richiesta Numerazione iniziale Imposta di bollo per le pagine utilizzate Se viene superato il numero di pagine per le quali è stata assolta l imposta di bollo, il registro continua ad essere perfettamente valido dal punto di vista civilistico e fiscale, ma potrebbe essere contestata la mancata corresponsione dell imposta di bollo. L imposta di bollo è dovuta nella seguente misura differenziata: società di capitali (che sono tenute al pagamento della Tassa di concessione governativa): 16,00, per ogni 100 pagine o frazioni di esse; persone fisiche e società di persone: 32,00, per ogni 100 pagine o frazioni di esse. L imposta di bollo: deve essere assolta prima che il registro sia posto in uso, ossia prima di effettuare le annotazioni; può essere pagata mediante: 4

5 marche o bollo a punzone. Le marche potranno essere apposte sulla prima o sull ultima pagina del blocco di 100 pagine. In ogni caso, l imposta dovrà essere assolta prima che il libro sia posto in uso. versamento presso gli sportelli bancari, postali o dei concessionari del servizio alla riscossione dei tributi mediante modello F23 (codice tributo 458T imposta di bollo su libri e registri). Il versamento deve essere sempre effettuato prima che il libro sia posto in uso. In tal caso, gli estremi di versamento devono essere riportati sulla prima pagina numerata di ciascun libro o registro. Il libro giornale deve essere stampato: entro tre mesi dal termine di invio della dichiarazione dei redditi. Come noto, è sorto un contrasto tra due diverse correnti di pensiero con riferimento alle imprese il cui esercizio coincide con l anno solare. Parte della dottrina ritiene che, essendo che la dichiarazione dei redditi deve essere presentata entro il di ogni anno, i libri contabili debbano essere stampati entro il Altra parte della dottrina, considerando che la dichiarazione va presentata entro la fine del nono mese successivo alla chiusura dell esercizio, richiama invece il termine del 31.12, ovvero la fine del terzo mese successivo al nono. Nell impossibilità di individuare una soluzione univoca, si consiglia di adottare un comportamento prudente e stampare i registri per l anno 2012 entro il , sebbene si ritenga, comunque, corretto procedere con la stampa in data I libri sezionali I sezionali vengono di solito istituiti in funzione delle tipologie di operazioni più ricorrenti e più numerose nell ambito aziendale; usualmente si possono pertanto avere: il sezionale dei clienti; il sezionale dei fornitori; il sezionale delle banche; il sezionale della cassa. Su tali sezionali le operazioni vengono registrate analiticamente e giorno per giorno. 5

6 Le suddette operazioni saranno poi registrate, in modo riassuntivo (cioè per importi globali) sul libro giornale generale. Libro inventari Secondo le prescrizioni del Codice civile gli imprenditori commerciali devono, obbligatoriamente, tenere, fra gli altri, il libro inventari, che deve essere numerato progressivamente in ogni pagina. Il documento va redatto per la prima volta alla costituzione dell'impresa (per evidenziarne il patrimonio iniziale) e, successivamente, al termine di ogni periodo amministrativo. Il libro degli inventari: va tenuto secondo le norme di un ordinata contabilità, vale a dire: senza spazi in bianco, interlinee, trasporti a margine; senza abrasioni, e se è necessaria qualche cancellazione questa deve essere eseguita in modo tale che quanto cancellato risulti leggibile; Nel libro inventari vanno riportati tutti gli elementi previsti dal Codice civile o da leggi speciali, nonché quelli richiesti dalla normativa fiscale, ovvero: Inventario iniziale, che descrive la costituzione dell impresa. Se l impresa si costituisce con un semplice apporto di denaro, è sufficiente riportare sul libro giornale la scrittura di costituzione. Stato patrimoniale (le società di capitali dovranno riportare anche i dati dell esercizio precedente, come previsto dalle disposizioni codicistiche. I soggetti non obbligati alla redazione del bilancio, possono adottare qualsiasi metodo o schema, purché conformi alla disciplina contabile). Libro inventari: contenuto Conto economico (le società di capitali dovranno riportare anche i dati dell esercizio precedente, come previsto dalle disposizioni codicistiche. I soggetti non obbligati alla redazione del bilancio, possono adottare qualsiasi metodo o schema, purché conformi alla disciplina contabile). Nota integrativa (per le società di capitali. Si ricorda invece, che le società di persone e le ditte individuali non sono tenute alla redazione della stessa). Le disposizioni fiscali richiedono altresì che siano indicati la consistenza dei beni raggruppati per categorie omogenee per natura e valore con il valore attribuito a ciascun gruppo. 6

7 Con riferimento a tale ultimo punto (indicazione della consistenza dei beni raggruppati per categorie omogenee, per natura e valore e il valore attribuito a ciascun gruppo), si precisa quanto segue: sarà necessario illustrare la composizione di tutte quelle voci che nei documenti di bilancio non sono riportate con sufficiente grado di analiticità; se dall inventario non è possibile individuare tali elementi, il contribuente deve tenere a disposizione dell Ufficio le distinte che sono state utilizzate per la compilazione dell inventario stesso; è richiesta l indicazione in forma analitica e la valutazione delle attività e passività relative all impresa, e delle attività e passività dell imprenditore, estranee alla medesima (nelle valutazioni è necessario tenere conto dei criteri previsti per i bilanci delle società di capitali). Con riferimento all imprenditore individuale, ai fini fiscali (art. 15, D.P.R. n. 600/73) è richiesta l indicazione delle sole attività e passività relative all impresa; In linea generale possiamo ricordare le seguenti categorie di beni omogenei, di cui si dovrebbe riportare nell inventario la composizione analitica: 7

8 i crediti e i debiti suddivisi per nominativo. È, tuttavia, da ricordare che L'Amministrazione Finanziaria, con la R.M. del n. 2/1109, consente di riportare nel registro l'ammontare complessivo dei crediti, senza l'elenco nominativo dei clienti; gli immobili, gli impianti, i macchinari e gli altri beni mobili (automezzi, PC, ecc.); Le categorie omogenee di beni le caratteristiche e i costi di brevetti e diritti, nonché i relativi contratti di acquisizione; l'avviamento e gli estremi dell'atto di acquisizione dell'azienda; le rimanenze di materie prime, sussidiarie, merci, semilavorati, prodotti finiti e in corso di lavorazione: è necessario specificare anche il criterio adottato per la valutazione delle rimanenze. Infatti, come previsto dal D.P.R. n. 570/96, tale omissione renderebbe inattendibile la contabilità, esponendo di conseguenza l'interessato all'accertamento induttivo; l'entità e il valore delle partecipazioni possedute; la composizione del capitale sociale, delle riserve e dei fondi. Per quanto riguarda: la numerazione; la bollatura e vidimazione; il pagamento dell imposta di bollo; la conservazione; si dovranno applicare le stesse norme previste per il libro giornale. Pertanto, anche il libro inventari deve essere stampato entro tre mesi dal termine di invio della dichiarazione dei redditi. 8

9 La sottoscrizione dell inventario L'inventario, riportato nell apposito libro, deve essere sottoscritto: dal titolare dell impresa individuale; dal rappresentante legale della società (ad esempio, Amministratore Unico, Presidente del C.d.A, ecc.). Poiché la norma civilistica richiede espressamente la sottoscrizione dell inventario, in caso di verifica non è sufficiente la semplice disponibilità dei dati su supporto magnetico e la stampa in presenza del verificatore (come previsto per le scritture contabili). Il libro mastro Decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600 Articolo 14 Le società, gli enti e gli imprenditori commerciali di cui al primo comma dell'art. 13 devono in ogni caso tenere: c) scritture ausiliarie nelle quali devono essere registrati gli elementi patrimoniali e reddituali, raggruppati in categorie omogenee, in modo da consentire di desumerne chiaramente e distintamente i componenti positivi e negativi che concorrono alla determinazione del reddito. La disciplina fiscale richiede quindi ai soggetti obbligati alla tenuta delle scritture contabili, il c.d. mastro dei conti. Praticamente, il libro mastro si compone di tante schede, quanti sono i conti utilizzati, ed ogni scheda riporta i movimenti che, nell anno, hanno interessato tale conto. Il libro mastro non deve essere vidimato, né bollato, né numerato. Registro dei beni ammortizzabili Il registro dei beni ammortizzabili non è richiesto dalla disciplina civilistica, ma esclusivamente da quella fiscale. Decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600 Articolo 16 Registro dei beni ammortizzabili 9

10 Le società, gli enti e gli imprenditori commerciali, di cui al primo comma dell'art. 13, devono compilare il registro dei beni ammortizzabili entro il termine stabilito per la presentazione della dichiarazione. Nel registro devono essere indicati, per ciascun immobile e per ciascuno dei beni iscritti in pubblici registri, l'anno di acquisizione, il costo originario, le rivalutazioni, le svalutazioni, il fondo di ammortamento nella misura raggiunta al termine del periodo d'imposta precedente, il coefficiente di ammortamento effettivamente praticato nel periodo d'imposta, la quota annuale di ammortamento e le eliminazioni dal processo produttivo. Per i beni diversi da quelli indicati nel comma precedente le indicazioni ivi richieste possono essere effettuate con riferimento a categorie di beni omogenee per anno di acquisizione e coefficiente di ammortamento. Per i beni di cui all'art. 102 bis del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917 le indicazioni ivi richieste possono essere effettuate con riferimento a categorie di beni omogenee per anno di acquisizione e vita utile. Per i beni gratuitamente devolvibili deve essere distintamente indicata la quota annua che affluisce al fondo di ammortamento finanziario. (1) Se le quote annuali di ammortamento sono inferiori alla metà di quelle risultanti dall'applicazione dei coefficienti stabiliti ai sensi del secondo comma dell'art. 68 del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 597, il minor ammontare deve essere distintamente indicato nel registro dei beni ammortizzabili. I costi di manutenzione, riparazione, ammodernamento e trasformazione di cui all'ultimo comma del detto art. 68, che non siano immediatamente deducibili, non si sommano al valore dei beni cui si riferiscono ma sono iscritti in voci separate del registro dei beni ammortizzabili a seconda dell'anno di formazione. Pertanto: Beni immobili e mobili registrati vanno riportati singolarmente. Altri beni possono essere annotati per categorie omogenee. 10

11 Il contenuto minimo da riportare nel libro cespiti ammortizzabili, può essere riassunto nella tabella che segue: anno di acquisizione del bene; costo di acquisizione del bene; rivalutazioni e/o svalutazioni; Il registro cespiti ammortizzabili: il contenuto minimo fondo ammortamento; coefficiente di ammortamento; quota annuale di ammortamento; eventuali vendite/eliminazioni dal processo produttivo. Se l ammortamento fiscale differisce, per qualsiasi motivo, dall ammortamento civilistico, i dati relativi ad entrambi vanno riportati sul libro cespiti. Il registro viene tenuto al fine di poter dedurre dal reddito d'esercizio le quote di ammortamento, le quali devono, inoltre, risultare imputate a conto economico ai sensi dell'art. 75 TUIR. La mancata annotazione delle quote di ammortamento sull'apposito registro, comporta, quale sanzione accessoria, la loro indeducibilità dal reddito d'impresa. Gli ammortamenti possono essere registrati, in alternativa dell'apposito registro: per i soggetti in contabilità ordinaria: sul libro inventari o libro giornale; per i soggetti in contabilità semplificata: sul registro IVA degli acquisti; 11

12 purché il contribuente sia in grado di fornire, su richiesta dell Amministrazione Finanziaria, in forma sistematica, gli stessi dati che sarebbero indicati nel libro cespiti. Si ritiene comunque opportuna la compilazione del presente registro. Deve essere compilato entro il termine stabilito per la presentazione della dichiarazione. LIBRO CESPITI AMMORTIZZABILI ALTERNATIVAMENTE la giurisprudenza ha ritenuto sufficiente riportare i dati: per i soggetti in contabilità ordinaria: sul libro inventari o libro giornale; per i soggetti in contabilità semplificata: sul registro IVA degli acquisti. La numerazione delle pagine Le formalità da rispettare per l'utilizzo del registro dei beni ammortizzabili corrispondono alla progressiva numerazione delle pagine (non è necessaria la vidimazione/bollatura). La conservazione del registro Il registro in esame deve, a norma di legge, essere conservato: ai fini civilistici: per dieci anni; ai fini fiscali: fino a quando non siano decorsi i termini stabiliti per l'accertamento (ai fini tributari generalmente quattro anni decorrenti dal 31 dicembre dell anno in cui è stata presentata la dichiarazione cui si riferiscono le registrazioni). Modalità di tenuta La modalità di tenuta del registro dei beni ammortizzabili, può avvenire utilizzando: registri a compilazione manuale; a tenuta meccanografica. 12

13 Per il registro dei beni ammortizzabili, in base all art. 16 del D.P.R. n. 600/1973, il termine di redazione coincide con quello di invio delle dichiarazioni. Libro cespiti ammortizzabili Deve essere compilato entro il termine stabilito per la presentazione della dichiarazione. La C.M. n.7/1496 del ha altresì chiarito che è possibile lasciare delle pagine in bianco qualora si preveda che le annotazioni relative agli ammortamenti vadano riportate nella pagina successiva. A tal fine, è sufficiente che sull intestazione della pagina venga riportata la categoria di cespite così come riportato nella pagina precedente. Le scritture ausiliarie di magazzino La disciplina fiscale pone in capo alle imprese in contabilità ordinaria, anche l obbligo di redazione delle scritture ausiliarie di magazzino, ma solo qualora l impresa stessa superi entrambi i seguenti limiti: - ricavi superiori a Euro ,99 per esercizio; - rimanenze finali superiori a Euro ,80. L obbligo scatta dal secondo periodo d imposta successivo a quello in cui tali limiti sono stati superati e termina il primo periodo d imposta successivo a quello in cui, per la seconda volta consecutiva, tali limiti non vengono superati. Sono inoltre sempre esonerati: - i commercianti al minuto e i soggetti assimilati; - coloro che devono tenere il registro di carico-scarico. Scritture ausiliarie di magazzino SOLO SE ricavi superiori a Euro ,99 per esercizio; rimanenze finali superiori a Euro ,80. 13

14 Le scritture ausiliarie di magazzino sono finalizzate ad indicare le variazioni del magazzino. SCRITTURE AUSILIARIE DI MAGAZZINO È necessario registrare le entrate ed uscite dei seguenti beni: - merci destinate alla vendita; - semilavorati, purché siano classificati distintamente in inventario e con esclusione dei prodotti in corso di lavorazione; - prodotti finiti; - materie prime e altri beni destinati ad essere in essi incorporati fisicamente; - imballaggi per il confezionamento dei prodotti. NON vanno registrati i movimenti di: - beni in corso di lavorazione, - i titoli azionari e le obbligazioni, - i materiali di consumo non incorporati nel prodotto, - i materiali per la manutenzione, la cancelleria, i ricambi a condizione che non costituiscano oggetto dell'attività. - i movimenti relativi a singoli beni (o categorie omogenee), il cui costo complessivo nel periodo di imposta precedente non supera il 20% di quello sostenuto nello stesso periodo per tutti i beni che devono essere invece registrati. Le rilevazioni Possono essere effettuate quotidianamente o con periodicità non superiore al mese. Le rilevazioni vanno registrate entro 60 giorni dalla scadenza del periodo scelto. Non sono previsti particolari adempimenti per le scritture ausiliarie di magazzino: pertanto, non sarà necessario bollare e vidimare i registri e nemmeno numerare progressivamente le pagine. 14

15 Si ricorda, in ogni caso, che è necessario procedere con la stampa su supporto cartaceo entro 3 mesi dal termine per la presentazione della dichiarazione dei redditi del periodo d imposta di riferimento. I registri Iva L'art.14, lett. b) del D.P.R. 600/73 prevede la tenuta obbligatoria dei registri prescritti ai fini dell'imposta sul valore aggiunto. I principali registri IVA regolamentati sono sotto riassunti nella tabella seguente: registro delle fatture emesse (art. 23 D.P.R. 633/72); registro dei corrispettivi (art. 24 D.P.R. 633/72); registro degli acquisti (art. 25 D.P.R. 633/72); bollettario madre e figlia (art. 32 D.P.R. 633/72); registro delle dichiarazioni di intento emesse e ricevute (art. 1, co. 2, L. 746/83); registro riassuntivo della liquidazione Iva di gruppo (art. 39 D.P.R. 633/72); registro annotazione sistema analitico Iva del margine (art. 38 D.L. 41/95); registro annotazione sistema globale Iva del margine (art. 38 D.L. 41/95); registro annotazione consegne a terzi in lavorazione, comodato, deposito, ecc. (art. 53, co. 2, D.P.R. 633/72); registro corrispettivi di emergenza per misuratore fiscale (art. 11, D.M ); registro Iva per l'editoria (art. 74, lett. c) D.P.R. 633/72 / D.M / D.M ); registro annotazione movimentazione beni da e per altri stati UE a titolo non traslativo della proprietà (art. 52 D.P.R. 633/72); registro degli omaggi (C.M. 32/ del ); registro dei depositi Iva (art. 50-bis, co. 3, D.L. 331/93); registro dei corrispettivi per le agenzie di viaggio (art. 73/74-ter D.P.R. 633/72 / D.M ). 15

16 Devono essere stampati entro tre mesi dal termine di invio della dichiarazione dei redditi. Devono essere numerati progressivamente, indicando, affianco al numero della pagina, l anno a cui si riferiscono le scritture (es. i registri 2012 che stamperò a breve dovranno riportare al numero di pagina 2012/1, 2012/2 ecc. e non 2013/1, 2013/2 ecc.) Registri Iva Devono essere tenuti secondo le regole di ordinata contabilità: senza spazi in bianco, interlinee, trasporti in margine, abrasioni. Devono essere conservati per un periodo di 4 anni, a decorrere dal dell anno in cui è stata presentata la dichiarazione a cui si riferiscono le scritture. Esempio: i registri che stamperò a breve, riferiti al 2012, dovranno essere conservati fino al Riproduzione riservata - 16

OGGETTO:Stampa registri contabili entro il 30.12.2015

OGGETTO:Stampa registri contabili entro il 30.12.2015 Informativa per la clientela di studio del 16.12.2015 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO:Stampa registri contabili entro il 30.12.2015 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo

Dettagli

STAMPA REGISTRI CONTABILI - SANZIONI

STAMPA REGISTRI CONTABILI - SANZIONI S TUDIO BALLARDINI http://www.studioballardini.it/ STAMPA REGISTRI CONTABILI - SANZIONI Circolare un po lunga, ma di attualità Come noto, la Finanziaria 2008 ha modificato il termine per la stampa dei

Dettagli

VADEMECUM PER LA STAMPA E LA CONSERVAZIONE OTTICA DEI REGISTREI CONTABILI

VADEMECUM PER LA STAMPA E LA CONSERVAZIONE OTTICA DEI REGISTREI CONTABILI VADEMECUM PER LA STAMPA E LA CONSERVAZIONE OTTICA DEI REGISTREI CONTABILI Come noto, le imprese / lavoratori autonomi, in relazione ai registri contabili nonché, limitatamente alle imprese in contabilità

Dettagli

OGGETTO: Stampa registri contabili entro il 30.12.2015

OGGETTO: Stampa registri contabili entro il 30.12.2015 Ai gentili Associati Loro sedi OGGETTO: Stampa registri contabili entro il 30.12.2015 Premessa Entro il 30 dicembre 2015 sarà necessario procedere alla stampa dei registri contabili. ENTRO QUANDO CHI LE

Dettagli

OGGETTO: Acconto IVA. La scadenza del 28.12.2015

OGGETTO: Acconto IVA. La scadenza del 28.12.2015 CIRCOLARE N. 5/2015 UMBERTIDE, 21 Dicembre 2015 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Acconto IVA. La scadenza del 28.12.2015 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo, intendiamo

Dettagli

LA REDAZIONE DEL LIBRO DEGLI INVENTARI

LA REDAZIONE DEL LIBRO DEGLI INVENTARI LA REDAZIONE DEL LIBRO DEGLI INVENTARI a cura di CELESTE VIVENZI PREMESSA NORMATIVA ll libro inventari è un adempimento posto a carico dell imprenditore che esercita un attività commerciale, disciplinato

Dettagli

Ai Gentili Clienti Loro sedi

Ai Gentili Clienti Loro sedi Consulenza Tributaria, del lavoro e gestionale Centro elaborazione dati contabili Elaborazione cedolini paga Scheda n. 27 del 20 ottobre 2006 Ai Gentili Clienti Loro sedi LIBRI E REGISTRI CONTABILI: BOLLATURA

Dettagli

Registro beni ammortizzabili Libro Giornale Libro inventari

Registro beni ammortizzabili Libro Giornale Libro inventari LA STAMPA DEI LIBRI CONTABILI (art. 1, co. 161, L. n. 244/2007, (Finanziaria 2008) art. 7, c. 4 ter, D.L. 10/06/1994, n. 357) Entro il prossimo 31 dicembre 2010, i contribuenti che tengono la contabilità

Dettagli

REGISTRAZIONI CONTABILI

REGISTRAZIONI CONTABILI REGISTRAZIONI CONTABILI presupposti civilistici risvolti fiscali perchè devo fare le registrazioni? come e quando devo fare le registrazioni? FINALITÀ CIVILISTICA art. 2423 definire con chiarezza un bilancio

Dettagli

Regime contabile: ordinario o semplificato

Regime contabile: ordinario o semplificato Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 02 20.01.2014 Regime contabile: ordinario o semplificato A cura di Devis Nucibella Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione

Dettagli

LA STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI PER L' ANNO 2014

LA STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI PER L' ANNO 2014 LA STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI PER L' ANNO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Entro il 31 Dicembre 2015 i contribuenti che tengono la contabilità con sistemi meccanografici devono procedere alla stampa dei

Dettagli

Studio Tributario - Commerciale Fabrizio Masciotti

Studio Tributario - Commerciale Fabrizio Masciotti Roma, 01/12/2015 Spett.le Cliente Studio Tributario - Commerciale Fabrizio Masciotti Dottore Commercialista e Revisore Contabile Piazza Gaspare Ambrosini 25, Cap 00156 Roma Tel 06/41614250 fax 06/41614219

Dettagli

4. La Società di Mutuo Soccorso 4.5 I libri sociali e contabili. Loro tenuta e conservazione 4.5.3 Il libro giornale e il libro degli inventari

4. La Società di Mutuo Soccorso 4.5 I libri sociali e contabili. Loro tenuta e conservazione 4.5.3 Il libro giornale e il libro degli inventari 74 4. La Società di Mutuo Soccorso 4.5 I libri sociali e contabili. Loro tenuta e conservazione 4.5.3 Il libro giornale e il libro degli inventari Ancorchè alle società di mutuo soccorso non si applichi

Dettagli

Oggetto: STAMPA DELLA CONTABILITA ANNO 2012.

Oggetto: STAMPA DELLA CONTABILITA ANNO 2012. INFORMATIVA N. 30 / 2013 Ai gentili Clienti dello Studio Oggetto: STAMPA DELLA CONTABILITA ANNO 2012. Riferimenti: - Art. 7, comma 4-ter, DL n. 357/94 - Art. 1, comma 161, Legge n. 244/2007 - Artt. 15,

Dettagli

I termini di stampa dei registri e libri contabili

I termini di stampa dei registri e libri contabili ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 19 5 DICEMBRE 2015 I termini di stampa dei registri e libri contabili Copyright 2015 Acerbi

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

Scritture contabili delle imprese in contabilità ordinaria

Scritture contabili delle imprese in contabilità ordinaria Scritture contabili delle imprese in contabilità ordinaria Libri obbligatori I libri obbligatori ai fini delle imposte sui redditi per gli imprenditori individuali, le società e gli enti esercenti attività

Dettagli

Circolare n. 16/2014 I TERMINI DI AGGIORNAMENTO DEI LIBRI CONTABILI 2013 E LA LORO TENUTA. In questa Circolare

Circolare n. 16/2014 I TERMINI DI AGGIORNAMENTO DEI LIBRI CONTABILI 2013 E LA LORO TENUTA. In questa Circolare Ai gentili Clienti Loro Sedi Circolare n. 16/2014 I TERMINI DI AGGIORNAMENTO DEI LIBRI CONTABILI 2013 E LA LORO TENUTA In questa Circolare 1. I termini per la stampa dei libri contabili 2. Come compilare

Dettagli

Circolare informativa n.15 del 22 dicembre 2014 REGISTRI CONTABILI E INVENTARIO DI MAGAZZINO

Circolare informativa n.15 del 22 dicembre 2014 REGISTRI CONTABILI E INVENTARIO DI MAGAZZINO Circolare informativa n.15 del 22 dicembre 2014 REGISTRI CONTABILI E INVENTARIO DI MAGAZZINO Si ricorda che entro il 31.12.2014 i contribuenti che tengono la contabilità con sistemi meccanografici devono

Dettagli

OGGETTO: Consulenza giuridica Associazione Bancaria Italiana Libro giornale Applicabilità dell imposta di bollo alle scritture contabili ausiliarie

OGGETTO: Consulenza giuridica Associazione Bancaria Italiana Libro giornale Applicabilità dell imposta di bollo alle scritture contabili ausiliarie RISOLUZIONE N. 371/E Roma, Roma, 06 ottobre 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Prot. n. 2008/137243 OGGETTO: Consulenza giuridica Associazione Bancaria Italiana Libro giornale Applicabilità

Dettagli

LA BOLLATURA DEI LIBRI CONTABILI E SOCIALI

LA BOLLATURA DEI LIBRI CONTABILI E SOCIALI CAMERA DI COMMERCIO DI LIVORNO UFFICIO REGISTRO IMPRESE LA BOLLATURA DEI LIBRI CONTABILI E SOCIALI Luglio 2013 Conservatore R.I.: Dott. Pierluigi Giuntoli REV6 IST/BOLL/1 1. Premessa LA BOLLATURA DEI LIBRI

Dettagli

I termini di stampa dei registri e libri contabili

I termini di stampa dei registri e libri contabili ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 19 8 OTTOBRE 2014 I termini di stampa dei registri e libri contabili Copyright 2014 Acerbi

Dettagli

OMAGGI A CLIENTI E FORNITORI

OMAGGI A CLIENTI E FORNITORI Spett.le DITTA/ SOCIETÀ CIRCOLARE n. CF 31/2006 Come comunicato con la circolare CC 02/2006, Vi rinnoviamo la segnalazione che nella nuova veste del nostro sito internet www.studiosinergie.it, sono costantemente

Dettagli

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI.

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. REGIMI CONTABILI ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. 1 REGIME ORDINARIO 2 REGIME SEMPLIFICATO

Dettagli

Circolare N.152 del 16 novembre 2011. La stampa dei libri sociali e registri contabili obbligatori

Circolare N.152 del 16 novembre 2011. La stampa dei libri sociali e registri contabili obbligatori Circolare N.152 del 16 novembre 2011 La stampa dei libri sociali e registri contabili obbligatori La stampa dei libri sociali e registri contabili obbligatori Con la presente informativa, per tutti i clienti

Dettagli

Studio Sarragioto Dottori commercialisti * Revisori contabili Ordine dei Dottori commercialisti e degli Esperti contabili di Padova

Studio Sarragioto Dottori commercialisti * Revisori contabili Ordine dei Dottori commercialisti e degli Esperti contabili di Padova Gianni Sarragioto giannisarragioto@sarragioto.it Riccardo Gavassini riccardogavassini@sarragioto.it Filippo Carraro filippocarraro@sarragioto.it Alberto Riondato albertoriondato@sarragioto.it Dottori commercialisti

Dettagli

Studio Sarragioto Dottori commercialisti * Revisori contabili Ordine dei Dottori commercialisti e degli Esperti contabili di Padova

Studio Sarragioto Dottori commercialisti * Revisori contabili Ordine dei Dottori commercialisti e degli Esperti contabili di Padova Gianni Sarragioto giannisarragioto@sarragioto.it Riccardo Gavassini riccardogavassini@sarragioto.it Filippo Carraro filippocarraro@sarragioto.it Alberto Riondato albertoriondato@sarragioto.it Alessandra

Dettagli

Oggetto: Informativa n. 18 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. Nuova modalità di presentazione dei modelli F24;

Oggetto: Informativa n. 18 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. Nuova modalità di presentazione dei modelli F24; Alle ditte Clienti Loro sedi Parma, 27 ottobre 2014 Oggetto: Informativa n. 18 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. La presente per informarvi in merito a: Obbligo di comunicazione

Dettagli

LA REGOLARE TENUTA E LA STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI PER L'ANNO 2012

LA REGOLARE TENUTA E LA STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI PER L'ANNO 2012 LA REGOLARE TENUTA E LA STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI PER L'ANNO 2012 A cura di Celeste Vivenzi Entro il 31 Dicembre 2013 i contribuenti che tengono la contabilità con sistemi meccanografici devono procedere

Dettagli

Studio Sarragioto Dottori commercialisti * Revisori contabili Ordine dei Dottori commercialisti e degli Esperti contabili di Padova

Studio Sarragioto Dottori commercialisti * Revisori contabili Ordine dei Dottori commercialisti e degli Esperti contabili di Padova Gianni Sarragioto giannisarragioto@sarragioto.it Riccardo Gavassini riccardogavassini@sarragioto.it Dottori commercialisti * Revisori contabili Ordine dei Dottori commercialisti e degli Esperti contabili

Dettagli

LA REGOLARE TENUTA E LA STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI PER L' ANNO 2010

LA REGOLARE TENUTA E LA STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI PER L' ANNO 2010 LA REGOLARE TENUTA E LA STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI PER L' ANNO 2010 Entro il 31 Dicembre 2011 i contribuenti che tengono la contabilità con sistemi meccanografici devono procedere alla stampa dei registri

Dettagli

Studio Sarragioto Dottori commercialisti * Revisori contabili Ordine dei Dottori commercialisti e degli Esperti contabili di Padova

Studio Sarragioto Dottori commercialisti * Revisori contabili Ordine dei Dottori commercialisti e degli Esperti contabili di Padova Gianni Sarragioto giannisarragioto@sarragioto.it Riccardo Gavassini riccardogavassini@sarragioto.it Filippo Carraro filippocarraro@sarragioto.it Alberto Riondato albertoriondato@sarragioto.it Dottori commercialisti

Dettagli

ART. 1 - DICHIARAZIONE DEI SOGGETTI PASSIVI 15

ART. 1 - DICHIARAZIONE DEI SOGGETTI PASSIVI 15 TITOLO I - DICHIARAZIONE ANNUALE ART. 1 - DICHIARAZIONE DEI SOGGETTI PASSIVI 15 PREMESSA 16 1. OBBLIGO DI PRESENTAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DEI REDDITI (CO. 1) 17 2. NATURA GIURIDICA DELLA DICHIARAZIONE

Dettagli

Scolari & Partners T a x a n d l e g a l

Scolari & Partners T a x a n d l e g a l A tutti i Signori Clienti loro sedi Saronno, 10 Dicembre 2010 Oggetto: Circolare del 10.12.2010 Argomento nr. 1) AGGIORNAMENTO E STAMPA DEI LIBRI CONTABILI Anche il prossimo 31 dicembre 2010, i contribuenti

Dettagli

AGENDA E NOTIZIE DELLA SETTIMANA

AGENDA E NOTIZIE DELLA SETTIMANA CIRCOLARI PER I CLIENTI DELLO STUDIO PROFESSIONALE n.11 23 dicembre 2015 STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI ADEMPIMENTO E CHECK LIST Regime ordinario o semplificato: quali scritture stampare? Entro il prossimo

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 08 26.02.2014 Enti non profit: le scritture contabili Categoria: Associazioni Sottocategoria: Varie Gli enti non commerciali rappresentano un fenomeno

Dettagli

Vers.1_0_0 del 08/02/2005

Vers.1_0_0 del 08/02/2005 Le Scritture Contabili Ausiliarie di Magazzino Caratteristiche delle scritture di magazzino Obbligo di tenuta Contabilità di Magazzino Requisito della Forma sistematica Requisito dell ordinata contabilità

Dettagli

Fiscal News N. 347. Inventario: redazione e stampa entro il 31 dicembre. La circolare di aggiornamento professionale 17.12.2013.

Fiscal News N. 347. Inventario: redazione e stampa entro il 31 dicembre. La circolare di aggiornamento professionale 17.12.2013. Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 347 17.12.2013 Inventario: redazione e stampa entro il 31 dicembre Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Scritture contabili L'inventario,

Dettagli

Libro giornale NO NO SI artt. 2215, 2216, 2217 c.c. Libro degli inventari NO NO SI artt. 2215, 2216, 2217 c.c.

Libro giornale NO NO SI artt. 2215, 2216, 2217 c.c. Libro degli inventari NO NO SI artt. 2215, 2216, 2217 c.c. LA SEMPLIFICAZIONE PER SCRITTURE CONTABILI E REGISTRI FISCALI La legge sul rilancio dell economia, entrata in vigore il 25 ottobre scorso, ha soppresso o semplificato alcuni adempimenti considerati onerosi

Dettagli

Anno 2013 N. RF160. La Nuova Redazione Fiscale CONTRIBUENTI EX MINIMI: I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI

Anno 2013 N. RF160. La Nuova Redazione Fiscale CONTRIBUENTI EX MINIMI: I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI Anno 2013 N. RF160 ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 7 OGGETTO RIFERIMENTI CIRCOLARE DEL 12/07/2013 CONTRIBUENTI E MINIMI: I PRINCIPALI ADEMPIMENTI DICHIARATIVI ART.

Dettagli

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio

Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio Tassonomia XBRL Principi Contabili Italiani Contenuto tabellare della nota integrativa al bilancio d'esercizio VERSIONE OTTOBRE 2014 Tavolo di lavoro società non quotate XBRL Italia Versione: 20141024-1

Dettagli

L USCITA DAL REGIME DEI MINIMI DAL 2012: RIFLESSI IVA E REDDITUALI

L USCITA DAL REGIME DEI MINIMI DAL 2012: RIFLESSI IVA E REDDITUALI INFORMATIVA N. 253 10 NOVEMBRE 2011 IMPOSTE DIRETTE - IVA L USCITA DAL REGIME DEI MINIMI DAL 2012: RIFLESSI IVA E REDDITUALI Art. 1, commi 96 e seguenti, Legge n. 244/2007 Circolari Agenzia Entrate 21.12.2007,

Dettagli

CENNI I.V.A IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO

CENNI I.V.A IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO CENNI I.V.A IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO L'I.V.A. è un'imposta indiretta sui consumi, in vigore in tutti i paesi dell'unione europea e la cui sigla significa imposta sul valore aggiunto. L imposta sul valore

Dettagli

BOLLATURA E NUMERAZIONE LIBRI SOCIALI OBBLIGATORI E ALTRI LIBRI O REGISTRI PER I QUALI L OBBLIGO DELLA BOLLATURA E PREVISTO DA NORME SPECIALI.

BOLLATURA E NUMERAZIONE LIBRI SOCIALI OBBLIGATORI E ALTRI LIBRI O REGISTRI PER I QUALI L OBBLIGO DELLA BOLLATURA E PREVISTO DA NORME SPECIALI. Avvertenze generali Occorre compilare il modello DISTINTA VIDIMAZIONI indicando le generalità di chi presenta il modello (può essere anche un incaricato dell impresa) e i dati identificativi dell impresa,

Dettagli

Gli ammortamenti anticipati dei beni materiali

Gli ammortamenti anticipati dei beni materiali Gli ammortamenti anticipati dei beni materiali di Luciano Olivieri SOMMARIO Pag. riore alla metà dei coefficienti presi a base per il calcolo degli ammortamenti. 1. Premessa 2. La deducibilità degli ammortamenti

Dettagli

conseguenze nel bilancio disciplina fiscale applicabile

conseguenze nel bilancio disciplina fiscale applicabile FURTI ED AMMANCHI DI BENI AZIENDALI conseguenze nel bilancio disciplina fiscale applicabile 1 FURTI - DISCIPLINA DI BILANCIO La normativa civilistica distingue tra: perdita di beni-merce perdita di altri

Dettagli

Archiviazione dei documenti. Conservazione Sostitutiva e Fatturazione Elettronica. Aspetti normativi

Archiviazione dei documenti. Conservazione Sostitutiva e Fatturazione Elettronica. Aspetti normativi Archiviazione dei documenti Conservazione Sostitutiva e Fatturazione Elettronica Aspetti normativi L evoluzione del quadro normativo Italiano Volontà del legislatore Italiano di spingere il Sistema Paese

Dettagli

E.S.CO. BERICA SRL Bilancio al 31/12/2013

E.S.CO. BERICA SRL Bilancio al 31/12/2013 E.S.CO. BERICA SRL Sede legale: VIA CASTELGIUNCOLI, 5 LONIGO (VI) Iscritta al Registro Imprese di VICENZA C.F. e numero iscrizione 03510890241 Iscritta al R.E.A. di Vicenza n. 221382 Capitale Sociale sottoscritto

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL VIA PALLODOLA 23 19038 - SARZANA (SP) CODICE FISCALE 00148620115 CAPITALE SOCIALE EURO 844.650 BILANCIO DI ESERCIZIO CHIUSO AL 31.12.2013 Nota integrativa La presente

Dettagli

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi Il Punto sull Iva I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi I regimi Iva previsti dalla normativa Il sistema giuridico italiano ha previsto, per le imprese e professionisti,

Dettagli

CONSORZIO POLO TECNOLOGICO MAGONA. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2012 redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c.

CONSORZIO POLO TECNOLOGICO MAGONA. Nota Integrativa al bilancio chiuso al 31/12/2012 redatta in forma abbreviata ai sensi dell'art. 2435 - bis c.c. Sede in CECINA - VIA MAGONA, ND Fondo consortile Euro 186.000 di cui versato Euro 172.114 Iscritta alla C.C.I.A.A. di LIVORNO Codice Fiscale e N. iscrizione Registro Imprese 01228620496 Partita IVA: 01228620496

Dettagli

BOLLATURA E NUMERAZIONE LIBRI SOCIALI OBBLIGATORI E ALTRI LIBRI O REGISTRI PER I QUALI L OBBLIGO DELLA BOLLATURA E PREVISTO DA NORME SPECIALI.

BOLLATURA E NUMERAZIONE LIBRI SOCIALI OBBLIGATORI E ALTRI LIBRI O REGISTRI PER I QUALI L OBBLIGO DELLA BOLLATURA E PREVISTO DA NORME SPECIALI. Avvertenze generali Occorre compilare il modello DISTINTA VIDIMAZIONI indicando le generalità di chi presenta il modello (può essere anche un incaricato dell impresa) e i dati identificativi dell impresa,

Dettagli

GLI OBBLIGHI STRUMENTALI

GLI OBBLIGHI STRUMENTALI GLI OBBLIGHI STRUMENTALI Si tratta di obblighi il cui assolvimento è considerato strumentale ai fini della applicazione del tributo ovvero ai fini del controllo amministrativo. Sono definiti anche obblighi

Dettagli

Contabilità in outsourcing all estero

Contabilità in outsourcing all estero Contabilità in outsourcing all estero A cura di: Enrica Rivelli Dottore Commercialista Politecnico di Torino - 21 novembre 2005 Introduzione L affidamento della gestione delle scritture contabili obbligatorie

Dettagli

ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE. Principali disposizioni fiscali e tributarie

ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE. Principali disposizioni fiscali e tributarie ASSOCIAZIONI E SOCIETA SPORTIVE DILETTANTISTICHE Principali disposizioni fiscali e tributarie OBBLIGHI FISCALI L Associazione è soggetta a specifiche norme fiscali, anche se svolge soltanto l attività

Dettagli

SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O

SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O SILA SVILUPPO AGENZIA PERMANENTE PER L'O Sede in SPEZZANO DELLA SILA Codice Fiscale 02328170788 - Numero Rea COSENZA 157898 P.I.: 02328170788 Capitale Sociale Euro 42.400 i.v. Forma giuridica: SOCIETA'

Dettagli

Esempi scritture contabili Costituzione Spa

Esempi scritture contabili Costituzione Spa Esempi scritture contabili Costituzione Spa 1 Esempi scritture contabili Vincolo 25% 2 Esempi scritture contabili Versamento restante parte del capitale sociale 3 Esempi scritture contabili Registrazione

Dettagli

MERCOLEDI 14 DICEMBRE 2011

MERCOLEDI 14 DICEMBRE 2011 MERCOLEDI 14 DICEMBRE 2011 UNICO PF E SP RAVVEDIMENTO SECONDO ACCONTO regolarizzare, mediante il ravvedimento, il versamento del 2 acconto di IRPEF e IRAP dovuto in base alla dichiarazione Unico Persone

Dettagli

Opzione Irap entro il 3 marzo

Opzione Irap entro il 3 marzo Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 07 24.02.2014 Opzione Irap entro il 3 marzo A cura di Devis Nucibella Categoria: Irap Sottocategoria: Base imponibile Entro il prossimo

Dettagli

Legge di Stabilità 2014 LA RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA. Francesco Chiaravalle

Legge di Stabilità 2014 LA RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA. Francesco Chiaravalle ! Legge di Stabilità 2014 LA RIVALUTAZIONE DEI BENI D IMPRESA Francesco Chiaravalle 1 Legge n. 147 del 23 dicembre 2013 Legge di stabilità 2014! Misure previste! Riallineamento dei valori fiscali ai maggiori

Dettagli

L IMU / TASI 2015 E GLI IMMOBILI CATEGORIA D

L IMU / TASI 2015 E GLI IMMOBILI CATEGORIA D INFORMATIVA N. 158 28 MAGGIO 2015 TRIBUTI LOCALI L IMU / TASI 2015 E GLI IMMOBILI CATEGORIA D Art. 5, comma 3, D.Lgs. n. 504/92 Art. 13, comma 3, DL n. 201/2011 Art. 1, commi da 639 a 703, Legge n. 147/2013

Dettagli

STUDIO ANDRETTA & PARTNERS MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE

STUDIO ANDRETTA & PARTNERS MAURO O. ANDRETTA DOTTORE COMMERCIALISTA REVISORE CONTABILE REGIMI CONTABILI DEGLI ENTI NON COMMERCIALI In base alla normativa in vigore i regimi contabili previsti per gli enti non commerciali sono i seguenti: a) regime ordinario; b) regime semplificato; c) regime

Dettagli

ART. 20 DPR 600/73 ODV - ADEMPIMENTI CONTABILI

ART. 20 DPR 600/73 ODV - ADEMPIMENTI CONTABILI SLIDE 1/7 ODV - ADEMPIMENTI CONTABILI RIEPILOGO SCRITTURE CONTABILI DEGLI ENTI NON COMMERCIALI (INCLUSE LE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO EX L. 266/1991) ART. 20 DPR 600/73 ENTI NON COMMERCIALI CON SOLO

Dettagli

2. SOPPRESSIONE DELL OBBLIGO

2. SOPPRESSIONE DELL OBBLIGO Cattedra di diritto commerciale Prof. Gian Domenico Mosco MATERIALI Circolare Agenzia delle Entrate 22 ottobre 2001, n.92 E - Soppressione e semplificazione di adempimenti a carico del contribuente. (Estratto)

Dettagli

LIBRO GIORNALE (1/8) LIBRO GIORNALE (Art. 2216 c.c.) Il libro giornale deve indicare giorno per giornole operazioni relative all'esercizio dell'impresa. Conseguentemente esso contiene le registrazioni

Dettagli

CONSORZIO TURISTICO AREA PISANA società consortile a responsabilità limitata

CONSORZIO TURISTICO AREA PISANA società consortile a responsabilità limitata società consortile a responsabilità limitata Sede Via Pietrasantina c/o Bus Terminal - 56100 PISA (PI) Codice Fiscale, partita IVA e iscrizione Registro Imprese di Pisa n. 0170429 050 9 Repertorio Economico

Dettagli

I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI. Dott. Pasquale Saggese

I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI. Dott. Pasquale Saggese I PROFILI FISCALI DELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETÀ DI CAPITALI Dott. Pasquale Saggese IMPOSTE SUI REDDITI Art. 182 TUIR In caso di liquidazione dell impresa o della società il reddito di impresa

Dettagli

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ Circolare informativa per la clientela n. 3/2013 del 31 gennaio 2013 FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ In questa Circolare 1. Normativa Iva nazionale Novità

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA GESTIONE DELLA CONTABILITÀ ORDINARIA A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 GLI ADEMPIMENTI CONTABILI E FISCALI: I

Dettagli

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL

AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL AZIENDA AGRICOLA DIMOSTRATIVA SRL Sede in VIA PALLODOLA 23 SARZANA Codice Fiscale 00148620115 - Numero Rea P.I.: 00148620115 Capitale Sociale Euro 844.650 Bilancio al 31-12-2014 Gli importi presenti sono

Dettagli

LA SCHEDA AMMINISTRATIVA di Roberto Gabrielli

LA SCHEDA AMMINISTRATIVA di Roberto Gabrielli LA SCHEDA AMMINISTRATIVA di Roberto LE NUOVE INIZIATIVE PRODUTTIVE (Aggiornata al 24.02.2009) Riferimenti normativi Regime contabile introdotto, a partire dal periodo di imposta 2001, con l art. 13 della

Dettagli

Anno 2013 N. RF072. La Nuova Redazione Fiscale

Anno 2013 N. RF072. La Nuova Redazione Fiscale Anno 2013 N. RF072 ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 7 OGGETTO MANUTENZIONE ORDINARIA - NUOVE REGOLE DI DEDUCIBILITÀ DAL 2012 RIFERIMENTI ART. 102, CO. 6, TUIR; ART.

Dettagli

Aggiornamenti n.21/13

Aggiornamenti n.21/13 7 Aggiornamenti n.21/13 16 Dicembre 2013 ARGOMENTI TRATTATI: ADEMPIMENTI DI FINE ANNO PAG. 1 TRATTAMENTO IVA DEI CONTRIBUTI EROGATI DA P.A. PAG. 5 TRASFORMAZIONE DI UNA SRL IN SOCIETA SEMPLICE PAG. 7 ACCERTAMENTO

Dettagli

L utilizzo della riserva da rivalutazione

L utilizzo della riserva da rivalutazione Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 92 26.03.2014 L utilizzo della riserva da rivalutazione Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Riserve L'art. 15, comma 18, D.L. 185/2008

Dettagli

Focus di pratica professionale di Norberto Villa. Le società di comodo in Unico 2011

Focus di pratica professionale di Norberto Villa. Le società di comodo in Unico 2011 Focus di pratica professionale di Norberto Villa Le società di comodo in Unico 2011 Il prospetto del quadro RF Il quadro RF del modello Unico SC 2011 contiene le informazioni necessarie per verificare

Dettagli

CIRCOLARE N.39/E. Roma, 19 ottobre 2005. Roma, 15 aprile 2008

CIRCOLARE N.39/E. Roma, 19 ottobre 2005. Roma, 15 aprile 2008 Roma, 19 ottobre 2005 CIRCOLARE N.39/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 15 aprile 2008 OGGETTO: Estromissione degli immobili strumentali dall impresa individuale articolo 1, comma 37, della

Dettagli

Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale

Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale Il tema assegnato per la seconda prova di Economia aziendale nell'indirizzo I.G.E.A. è incentrato sulla differenza tra reddito

Dettagli

IL PASSAGGIO AL REGIME FORFETTARIO

IL PASSAGGIO AL REGIME FORFETTARIO IL PASSAGGIO AL REGIME FORFETTARIO di Antonio Gigliotti Come noto l art. 1, commi da 54 a 89, della legge di stabilità 2015 (23 dicembre 2014, n. 190), ha introdotto, a decorrere dal 1 gennaio 2015, un

Dettagli

IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE

IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE INFORMATIVA N. 088 02 APRILE 2013 IVA IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE Artt. 30 e 38-bis, DPR n. 633/72 Provvedimento Agenzia Entrate 20.3.2012 I soggetti in possesso di specifici requisiti possono

Dettagli

L IMU 2013 PER GLI IMMOBILI CATEGORIA D

L IMU 2013 PER GLI IMMOBILI CATEGORIA D L IMU 2013 PER GLI IMMOBILI CATEGORIA D Art. 13, comma 3, DL n. 201/2011 Art. 5, comma 3, D.Lgs. n. 504/92 DM 18.4.2013 Circolari MEF 18.5.2012, n. 3/DF e 23.5.2013, n. 2/DF Sentenza Corte Cassazione 9.2.2011,

Dettagli

genzia ntrate BOZZA Internet 22/01/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 UNICO Persone fisiche

genzia ntrate BOZZA Internet 22/01/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 UNICO Persone fisiche genzia ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014 UNICO Persone fisiche 2015 INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO PERSONE FISICHE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 43 27.11.2013 Svalutazioni immobilizzazioni e deducibilità interessi passivi Deducibilità degli interessi passivi ridotta Categoria: Bilancio e contabilità

Dettagli

Oggetto: Nuove modalità di versamento dell imposta di bollo su documenti informatici

Oggetto: Nuove modalità di versamento dell imposta di bollo su documenti informatici Dott. Sandro Guarnieri Dott. Marco Guarnieri Dott. Corrado Baldini A tutti i sigg.ri Clienti Loro sedi Dott. Cristian Ficarelli Dott.ssa Elisabetta Macchioni Dott.ssa Sara Saccani Reggio Emilia, lì 9/1/2015

Dettagli

RIVALUTAZIONE - REDAZIONE DEL BILANCIO - PIANO DI AMMORTAMENTO - BENI D'IMPRESA - CHIARIMENTI

RIVALUTAZIONE - REDAZIONE DEL BILANCIO - PIANO DI AMMORTAMENTO - BENI D'IMPRESA - CHIARIMENTI www.soluzioni24fisco.ilsole24ore.com Agenzia delle Entrate Circolare 6 maggio 2009, n.22/e Articolo 15, commi da 16 a 23, del decreto legge 29 novembre 2008, n. 185 - Rivalutazione dei beni d'impresa -

Dettagli

Libri contabili. La rete di imprese deve obbligatoriamente tenere questi libri:

Libri contabili. La rete di imprese deve obbligatoriamente tenere questi libri: LEZIONE 5 ASPETTI CONTABILI Libri contabili La rete di imprese deve obbligatoriamente tenere questi libri: - assemblee delle imprese partecipanti alla rete; - adunanze dell organo comune o del Comitato

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 06 maggio 2009

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 06 maggio 2009 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 06 maggio 2009 OGGETTO: Articolo 15, commi da 16 a 23, del decreto legge 29 novembre 2008, n. 185 - Rivalutazione dei beni d impresa Chiarimenti

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

genzia ntrate UNICO Persone fisiche

genzia ntrate UNICO Persone fisiche genzia ntrate 2013 PERIODO D IMPOSTA 2012 UNICO Persone fisiche INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO PERSONE FISICHE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

ACCONTO IVA SCHEMA DI SINTESI. Versamento IVA per il mese di dicembre dell'anno precedente. x 88% = Al lordo dell'acconto IVA versato lo scorso anno.

ACCONTO IVA SCHEMA DI SINTESI. Versamento IVA per il mese di dicembre dell'anno precedente. x 88% = Al lordo dell'acconto IVA versato lo scorso anno. SOMMARIO TO SCHEMA DI SINTESI GENERALITÀ SCRITTURE CONTABILI METODI POSSIBILI PRINCIPALI ESCLUSIONI ESEMPI DI SCOMPUTO DELL ACCON APPENDICE SUL METODO ALTERNA TIVO ESEMPI DI COMPILAZIONE MOD. F2 RAVVEDIMENTO

Dettagli

I regimi contabili ed i libri sociali delle associazioni e società sportive dilettantistiche

I regimi contabili ed i libri sociali delle associazioni e società sportive dilettantistiche I regimi contabili ed i libri sociali delle associazioni e società sportive dilettantistiche I regimi contabili Le associazioni sportive dilettantistiche che svolgono attività commerciale hanno l'obbligo

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

La trasformazione delle imposte anticipate in crediti di imposta dopo l intervento della Manovra Monti

La trasformazione delle imposte anticipate in crediti di imposta dopo l intervento della Manovra Monti Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Fabio Giommoni * La trasformazione delle imposte anticipate in crediti di imposta dopo l intervento della Manovra Monti Il presente contributo

Dettagli

O L L A T V I D I M A Z I O N E. Normativa di riferimento. Ufficio competente. Tasse di concessione governativa

O L L A T V I D I M A Z I O N E. Normativa di riferimento. Ufficio competente. Tasse di concessione governativa BOLLATURAB DI LIBRI E REGISTRI O L L A T D.P.R. 26/10/1972, n. 641 art. 23 d.lgs. 18/08/2000, n. 267 U Circ. Min. 03/05/1996, n. 108/E R Risoluzione del Ministero delle Finanze 31/05/1975, n. 402149 A

Dettagli

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA 2014: SCADENZA AL 28 FEBBRAIO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale

GUIDA ALLA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA 2014: SCADENZA AL 28 FEBBRAIO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale GUIDA ALLA COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA 2014: SCADENZA AL 28 FEBBRAIO 2014 a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Entro il 28 febbraio 2014 i titolari di partita Iva sono tenuti a presentare

Dettagli

N. 33 FISCAL NEWS. 20.01.2012 Il regime degli ex minimi. Premessa. La circolare di aggiornamento professionale

N. 33 FISCAL NEWS. 20.01.2012 Il regime degli ex minimi. Premessa. La circolare di aggiornamento professionale a cura di Antonio Gigliotti www.fiscal-focus.it www.fiscal-focus.info N. 33 FISCAL NEWS La circolare di aggiornamento professionale 20.01.2012 Il regime degli ex minimi Categoria Sottocategoria Regimi

Dettagli

SERVIZIO DI CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA LIBRI FISCALI OBBLIGATORI

SERVIZIO DI CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA LIBRI FISCALI OBBLIGATORI SERVIZIO DI CONSERVAZIONE SOSTITUTIVA LIBRI FISCALI OBBLIGATORI Nell ambito della propria gamma di soluzioni di gestione documentale e conservazione sostitutiva DeltaDator propone un innovativo servizio

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI FABIO BETTONI LAURA LOCATELLI RACHELE DENEGRI Circolare n. 25 del 07 Dicembre 2015 STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI Come ormai di consueto il prossimo 31 dicembre 2015 i contribuenti che tengono la contabilità

Dettagli

LE MODALITÀ DI DETERMINAZIONE DELL IRAP NELLE IMPRESE INDIVIDUALI E NELLE

LE MODALITÀ DI DETERMINAZIONE DELL IRAP NELLE IMPRESE INDIVIDUALI E NELLE LE MODALITÀ DI DETERMINAZIONE DELL IRAP NELLE IMPRESE INDIVIDUALI E NELLE SOCIETÀ DI PERSONE La base imponibile Irap delle imprese individuali e delle società di persone, secondo quanto stabilito dall

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONTABILITA DEL CONSORZIO ZIPA

REGOLAMENTO DI CONTABILITA DEL CONSORZIO ZIPA REGOLAMENTO DI CONTABILITA DEL CONSORZIO ZIPA Approvato dal Consiglio Generale con deliberazione n. 555. del 14/05/2007 CAPO I ART. 1 FINALITA E PRINCIPI Principi generali L attività amministrativa del

Dettagli

Scritture e Regimi contabili

Scritture e Regimi contabili Torino, 4 marzo 2014 Scritture e Regimi contabili Parte I Le scritture contabili obbligatorie secondo il Codice Civile e le norme fiscali Dott. Piercarlo Bausola - Dott. Alberto Marengo - Dott. Umberto

Dettagli