Il Trasporto Pubblico Locale in Toscana, con particolare riferimento al trasporto ferroviario d interesse regionale e locale(tpf)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Trasporto Pubblico Locale in Toscana, con particolare riferimento al trasporto ferroviario d interesse regionale e locale(tpf)"

Transcript

1 Settima Commissione consiliare MOBILITA E INFRASTRUTTURE Il Trasporto Pubblico Locale in Toscana, con particolare riferimento al trasporto ferroviario d interesse regionale e locale(tpf) Indagine conoscitiva Allegato 7 LA SICUREZZA DELLA CIRCOLAZIONE FERROVIARIA AGENZIA NAZIONALE SICUREZZA FERROVIARIA

2

3 La sicurezza della circolazione ferroviaria Firenze, 14 novembre 2012 Argomenti dell incontro -Assetto del sistema ferroviario italiano - L Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie - Andamento della sicurezza della circolazione ferroviaria 2

4 Assetto del sistema ferroviario italiano dopo il d.lgs.162/2007 Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie Indirizzo e Vigilanza Autorizzazione messa in servizio Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Direzione Generale per le Investigazioni Ferroviarie Riconoscimento Centri di formazione Autorizzazione di sicurezza Gestore Infrastruttura Norme e standard prescrizioni di esercizio Certificati di sicurezza Imprese Ferroviarie Altri Operatori settore ferroviario Organismi notificati Verificatori Indipendenti di Sicurezza valutazione componenti verifica sottosistemi Indagine SRM Detentori 3 L Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie È un ente pubblico con sede Firenze, istituito con il decreto legislativo 10 agosto 2007, n. 162 (recepimento della direttiva 2004/49/CE sulla sicurezza delle ferrovie) Svolge per l Italia il ruolo di Autorità Nazionale di Sicurezza previsto dalla direttiva 2004/49/CE È vigilata dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, ma non ne fa parte È indipendente da qualunque operatore ferroviario (gestore dell infrastruttura, impresa ferroviaria, organismo notificato, fabbricante) e dall Organismo Investigativo Nazionale (in Italia la Direzione Generale per le investigazioni ferroviarie del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti) Il 1 ottobre 2012 si è conclusa la fase di prima applicazione, con il passaggio del personale alle dirette dipendenze dell Agenzia 4

5 Ambito di applicazione dell Agenzia L ambito di applicazione è l intero sistema ferroviario italiano, con esclusione di: metropolitane, tram e altri sistemi di trasporto leggero su rotaia reti funzionalmente isolate dal resto del sistema ferroviario infrastruttura ferroviaria privata Sono escluse altresì le reti regionali non isolate fino a quando non risultino completati i sistemi di attrezzaggio idonei a rendere compatibili i livelli tecnologici di tali reti con quelli della rete nazionale per permettere l'unificazione degli standard di sicurezza, dei regolamenti e delle procedure per il rilascio del certificato di sicurezza (decreto legislativo 43/2011). 5 Compiti dell Agenzia Attività normativa definizione e riordino del quadro normativo Attività autorizzativa autorizzazione di messa in servizio di veicoli e di sottosistemi di natura strutturale costitutivi del sistema ferroviario e di applicazioni generiche, incluse le autorizzazioni per l effettuazione di prove in campo autorizzazione all utilizzo di prodotti generici rilascio, rinnovo, aggiornamento e revoca del certificato di sicurezza alle imprese ferroviarie e dell autorizzazione di sicurezza ai gestori dell infrastruttura qualificazione e riconoscimento di organismi e personale e rilascio delle licenze per i macchinisti Attività di ispettorato, controllo e monitoraggio 6

6 Altri compiti dell Agenzia Formulazione di proposte e osservazioni per il miglioramento della sicurezza ferroviaria Emanazione verso gli operatori di provvedimenti in materia di sicurezza Collaborazione con l Agenzia Ferroviaria Europea (ERA European Railway Agency) per l armonizzazione della sicurezza ferroviaria Collaborazione con le autorità nazionali di sicurezza degli altri Stati Membri e gli altri organismi internazionali riconosciuti dall ERA 7 Ai sensi del d.lgs. 162/2007 articolo 2 comma 3, l Agenzia non si occupa di: prevenzione incendi e soccorso tecnico urgente security salute e sicurezza del lavoro infrastrutture, nella fase realizzativa delle stesse che rimangono a carico dei competenti Organi pubblici 8

7 Safety/Security Safety: protezione da malfunzionamenti di un sistema o da comportamenti indebiti che potrebbero involontariamente ledere persone o cose Security: protezione da atti intenzionali finalizzati a ledere persone o cose L Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie (nel testo inglese della direttiva 2004/49/CE National Safety Authority ) si occupa di Safety e non di Security. 9 Sicurezza/Regolarità Sicurezza della circolazione: protezione da malfunzionamenti di un sistema o da comportamenti indebiti che potrebbero involontariamente ledere persone o cose Regolarità di esercizio: del servizio rispetto degli orari e degli standard qualitativi Le criticità connesse con la Regolarità dell esercizio non sempre comportano problematiche di sicurezza della circolazione 10

8 Organigramma dell Agenzia 11 Atti emanati dall Agenzia Per assolvere i propri compiti l Agenzia emana provvedimenti normativi direttive decreti apposite note linee guida procedure raccomandazioni 12

9 Regolamentazione tecnica La regolamentazione tecnica di settore comprende quadro emanato dall Agenzia Norme tecniche, di cui all art. 6, comma 2, lettera a, d.lgs. 162/07 emanate dall Agenzia (principi generali e criteri fondamentali della circolazione ferroviaria e standard tecnici) Standard di sicurezza, di cui all art. 6, comma 2, lettera a, d.lgs. 162/07 emanati dall Agenzia disposizioni e prescrizioni di esercizio, di cui all art. 8, comma 4, d.lgs. 162/07 emanate da GI e IF 13 RIORDINO NORMATIVO 14

10 Riordino normativo Scopo: definire principi, procedure e ripartizione delle responsabilità concernenti la sicurezza tra gli operatori, in coerenza con il nuovo assetto normativo fissare in un testo unico il nuovo Regolamento per la circolazione ferroviaria aggiornare le norme per la qualificazione del personale impiegato in attività di sicurezza per la circolazione ferroviaria Testi normativi emanati: a.attribuzioni in materia di sicurezza della circolazione ferroviaria b.regolamento per la circolazione ferroviaria c.norme per la qualificazione del personale che svolge attività di sicurezza della circolazione ferroviaria 15 Attribuzioni in materia di sicurezza della circolazione ferroviaria aggiorna la ricognizione sulle attività connesse con la sicurezza della circolazione ferroviaria e la ripartizione delle competenze tra gli operatori ferroviari, anche in relazione all introduzione di nuovi soggetti e procedimenti tiene conto della acquisizione da parte dell Agenzia delle competenze sulle autorizzazioni di sicurezza ai gestori dell infrastruttura e sulle autorizzazioni alla messa in servizio di sistemi e sottosistemi di terra autorizzazione di messa in servizio di sottosistemi di natura strutturale rilascio, rinnovo, aggiornamento e revoca dell autorizzazione di sicurezza ai gestori dell infrastruttura estensione dell attività di ispettorato controllo e monitoraggio ai sottosistemi di natura strutturale e ai requisiti per il mantenimento dell autorizzazione di sicurezza 16

11 Attribuzioni in materia di sicurezza della circolazione ferroviaria Principi per GI e IF i GI sono responsabili delle attività sugli impianti di terra, le IF delle attività relative ai veicoli i GI sono responsabili delle procedure di interfaccia tra il proprio personale e quello delle IF, incluse le norme sui sistemi di segnalamento le IF emanano disposizioni e prescrizioni di esercizio per la propria parte di sistema, incluse le Disposizioni Particolari di Circolazione di ciascun veicolo utilizzato per i propri servizi, anche in coerenza con le procedure emanate dal GI Nuovi soggetti con compiti di sicurezza Soggetti Responsabili della Manutenzione Organismi Notificati Detentori 17 Regolamento per la circolazione ferroviaria Punti principali: Rispetto dei vincoli di sicurezza sempre garantito attraverso idonee attrezzature tecnologiche Uniformità di principi tra linee tradizionali e linee AV/AC Modificata normativa relativa alla marcia a vista sui PL Modificata normativa previgente relativa ai segnali permissivi Regolamentazione dei Segnali ferroviari 18

12 Regolamento per la circolazione ferroviaria Parte I: GENERALITA Disposizioni generali, Infrastruttura ferroviaria, Veicoli ferroviari, Principi di sicurezza della circolazione ferroviaria, Principi di sicurezza del sistema di segnalamento Parte II: ESERCIZIO IN CONDIZIONI NORMALI Composizione e frenatura dei treni, Verifiche e prove dei treni, Gestione della circolazione, Condotta dei treni Parte III: ESERCIZIO IN CONDIZIONI DI ANORMALITA E GUASTI Generalità, Movimento dei treni in mancanza di autorizzazioni al movimento concesse dal sistema di segnalamento, Anormalità alla protezione della marcia dei treni, Anormalità all infrastruttura ferroviaria, Circolazione dei treni in senso opposto a quello per cui il binario è attrezzato, Anormalità ai passaggi a livello, Anormalità al materiale rotabile. Anormalità al sistema frenante. Soccorso ai treni Parte IV: MANOVRE E STAZIONAMENTO DEI VEICOLI Manovre, Stazionamento dei veicoli Parte V: MANUTENZIONE DELL INFRASTRUTTURA FERROVIARIA E DEL MATERIALE ROTABILE Circolazione dei mezzi d opera. Manutenzione all infrastruttura. Prove e verifiche al materiale rotabile. Manutenzione al materiale rotabile 19 Norme per la qualificazione del personale che svolge attività di sicurezza della circolazione ferroviaria requisiti professionali del personale che svolge attività connesse alla sicurezza della circolazione ferroviaria e all esercizio ferroviario e le modalità di accertamento requisiti dei soggetti erogatori della formazione e dei titolari dell abilitazione 20

13 Incidenti Conseguenze incidenti

14 SPAD SPAD (signal passed at danger) indebito superamento, da parte di un treno, di un segnale disposto a via impedita. Possono essere di due tipi: -in partenza da fermo -in corsa 23 Fuoriuscite di merci pericolose

15 Attività ispettiva e di audit dell Agenzia L Agenzia effettua attività ispettiva e di audit sull intera rete nazionale. Nel 2011: sono state visitate 40 località del GI di cui 3 nella giurisdizione territoriale della DTP di Firenze sono state effettuate 331 ispezioni sul materiale rotabile delle IF, di cui 56 nella giurisdizione territoriale della DTP di Firenze sono stati effettuati 88 interventi di audit sull intera rete nazionale (GI e IF) di cui 1 presso il COER di Pisa Nel primo semestre 2012: sono state visitate 54 località del GI di cui 3 nella giurisdizione territoriale della DTP di Firenze sono state effettuate 240 ispezioni sul materiale rotabile delle IF, di cui 41 nella giurisdizione territoriale della DTP di Firenze sono stati effettuati 49 interventi di audit sull intera rete nazionale (GI e IF) di cui 2 presso la DTP di Firenze 25 Aspetti critici emersi dall attività ispettiva e di audit - porte di salita / discesa viaggiatori (in gran parte problematiche relative alla presenza del sigillo alle maniglie per l apertura di emergenza) - apparecchiature di sicurezza dei mezzi di trazione (spesso riconducibili alla spiombatura del Commutatore Esclusione Apparecchiatura) - funzionalità degli enti, in particolare dei deviatoi (casi di quote deviatoi fuori tolleranza o di mancata registrazione o di mancata effettuazione delle verifiche previste) - esecuzione della manutenzione sull infrastruttura (non conformità nell applicazione delle norme e degli standard) - gestione della manutenzione (mancata correlazione tra manutenzione e controllo delle prestazioni, non conformità rispetto ai requisiti) - controllo dei processi (disomogeneità nella gestione e nella esecuzione dei processi, mancata adozione di misure correttive) 26

16 27

Riordino del quadro normativo. Firenze, 09 maggio 2012

Riordino del quadro normativo. Firenze, 09 maggio 2012 Riordino del quadro normativo Firenze, 09 maggio 2012 Nuovo TESTO UNICO Il Regolamento sui Segnale diventa una parte del RCT Testo unico: Regolamento per la circolazione dei treni TESTO UNICO Il Testo

Dettagli

Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie

Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie CONVEGNO LIBERALIZZAZIONE FERROVIARIA IN EUROPA: Il caso Italia, fra anomalie e particolarità 13 gennaio 2011 Intervento del Direttore dell Agenzia Nazionale

Dettagli

AGENZIA NAZIONALE PER LA SICUREZZA DELLE FERROVIE E RUOLO DEGLI INDIPENDENT SAFETY ASSESSOR

AGENZIA NAZIONALE PER LA SICUREZZA DELLE FERROVIE E RUOLO DEGLI INDIPENDENT SAFETY ASSESSOR WORKSHOP INDIPENDENT SAFETY ASSESSOR: CONFRONTO CON LA SITUAZIONE MONDIALE AGENZIA NAZIONALE PER LA SICUREZZA DELLE FERROVIE E RUOLO DEGLI INDIPENDENT SAFETY ASSESSOR Roma, 21 gennaio 2009 Scenario sicurezza

Dettagli

Focus su alcuni temi rilevanti in materia di. del Decreto 4/2012. Firenze, 31 Luglio 2013

Focus su alcuni temi rilevanti in materia di. del Decreto 4/2012. Firenze, 31 Luglio 2013 Focus su alcuni temi rilevanti in materia di sicurezza a sei mesi dall entrata in vigore del Decreto 4/2012 Firenze, 31 Luglio 2013 Argomenti dell incontro Guasti alle porte dei Treni Passeggeri Utilizzo

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIREZIONE GENERALE PER LE INVESTIGAZIONI FERROVIARIE RELAZIONE ANNUALE SULLE ATTIVITA SVOLTE NEL 2008 ( art. 23, comma 3 della Direttiva 2004/49/CE ) ( art.

Dettagli

(Atti non legislativi) RACCOMANDAZIONI

(Atti non legislativi) RACCOMANDAZIONI 8.4.2011 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 95/1 II (Atti non legislativi) RACCOMANDAZIONI RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE del 29 marzo 2011 relativa all autorizzazione di messa in servizio di

Dettagli

visto il trattato sul funzionamento dell Unione europea,

visto il trattato sul funzionamento dell Unione europea, 17.11.2012 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 320/3 REGOLAMENTO (UE) N. 1077/2012 DELLA COMMISSIONE del 16 novembre 2012 relativo a un metodo di sicurezza comune per la supervisione da parte delle

Dettagli

DEIF n 42.4 del 16/05/2014

DEIF n 42.4 del 16/05/2014 Direzione Tecnica Direttore DEIF n 42.4 del 16/05/2014 In vigore dalle ore 00.01 del 25/06/2014 RIORDINO NORMATIVO MODIFICHE A: -DISCIPLINA DEI RAPPORTI FRA REGOLATORE DELLA CIRCOLAZIONE E PERSONALE DEI

Dettagli

DISPOSIZIONI RFI ANNO 2008 -RCF

DISPOSIZIONI RFI ANNO 2008 -RCF TABELLA DI RAFFRONTO DISPOSIZIONI RFI ANNO 2008 -RCF Nella 1 a colonna è riportato il testo delle Disposizioni sudviso in commi, punti o articoli. Per ciascuna sudvisione del testo della prima colonna:

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CIRCOLAZIONE DEI TRENI

REGOLAMENTO PER LA CIRCOLAZIONE DEI TRENI REGOLAMENTO PER LA CIRCOLAZIONE DEI TRENI 1. DISPOSIZIONI GENERALI. 1.1. Il presente Regolamento e il Regolamento sui segnali contengono le norme di esercizio di competenza dell Agenzia Nazionale per la

Dettagli

Problematica relativa agli infortuni dei viaggiatori relativamente all uso delle porte nelle fasi di salita e discesa dai treni

Problematica relativa agli infortuni dei viaggiatori relativamente all uso delle porte nelle fasi di salita e discesa dai treni Problematica relativa agli infortuni dei viaggiatori relativamente all uso delle porte nelle fasi di salita e discesa dai treni La problematica sugli infortuni dei viaggiatori relativamente all uso delle

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LE INVESTIGAZIONI FERROVIARIE. Italian Railway Investigation Body

DIREZIONE GENERALE PER LE INVESTIGAZIONI FERROVIARIE. Italian Railway Investigation Body DIREZIONE GENERALE PER LE Ing. Massimo Costa - Viareggio 19 febbraio 2013 Raccomandazioni Ufficiali della Direzione Generale per le investigazioni ferroviarie conseguenti l inchiesta effettuata dalla Commissione

Dettagli

Indice. 1. Scopo e ambito di applicazione... 4. 2. Principali attività svolte dall Agenzia nel 2013... 4

Indice. 1. Scopo e ambito di applicazione... 4. 2. Principali attività svolte dall Agenzia nel 2013... 4 ANDAMENTO DELLA SICUREZZA DELLE FERROVIE NELL ANNO 2013 Indice 1. Scopo e ambito di applicazione... 4 2. Principali attività svolte dall Agenzia nel 2013... 4 2.1. Dotazione organica e riduzione della

Dettagli

Accesso equo e non discriminatorio alle infrastrutture ferroviarie: Misure di Regolazione aggregate per area di intervento (cluster)

Accesso equo e non discriminatorio alle infrastrutture ferroviarie: Misure di Regolazione aggregate per area di intervento (cluster) Documento per la stampa Allegato al Comunicato Stampa n. 45 del 5 novembre 2014 Accesso equo e non discriminatorio alle infrastrutture ferroviarie: Misure di Regolazione aggregate per area di intervento

Dettagli

L AIR nell Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie (ANSF) Le schede. Osservatorio sull Analisi d Impatto della Regolazione.

L AIR nell Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie (ANSF) Le schede. Osservatorio sull Analisi d Impatto della Regolazione. Le schede Osservatorio sull Analisi d Impatto della Regolazione Eleonora Morfuni L AIR nell Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie (ANSF) S 10/2012 gennaio 2012 Le schede ** Indice 1. L influsso

Dettagli

Osservatorio per i Conflitti Sindacali P.zza della Croce Rossa, 1 ROMA. Commissione di Garanzia Legge 146/90 Via Po 16/a ROMA

Osservatorio per i Conflitti Sindacali P.zza della Croce Rossa, 1 ROMA. Commissione di Garanzia Legge 146/90 Via Po 16/a ROMA Osservatorio per i Conflitti Sindacali P.zza della Croce Rossa, 1 ROMA Commissione di Garanzia Legge 146/90 Via Po 16/a ROMA Trenitalia S.p.A. Risorse Umane Nord Ovest Dott. Manuela Rossi Milano Direzione

Dettagli

Indice. 1. Scopo e ambito di applicazione... 4. 2. Principali attività svolte dall Agenzia nel 2012... 4

Indice. 1. Scopo e ambito di applicazione... 4. 2. Principali attività svolte dall Agenzia nel 2012... 4 ANDAMENTO DELLA SICUREZZA DELLE FERROVIE NELL ANNO 2012 Indice 1. Scopo e ambito di applicazione... 4 2. Principali attività svolte dall Agenzia nel 2012... 4 2.1. Passaggio del personale alle dirette

Dettagli

TRASPORTI FERROVIARI

TRASPORTI FERROVIARI Università di Pisa - Polo della Logistica di Livorno Corso di Laurea in Economia e Legislazione dei Sistemi Logistici Anno Accademico: 2012/13 CORSO DI TECNICA DEI TRASPORTI FERROVIARI, MARITTIMI E AEREI

Dettagli

La sicurezza ferroviaria nel 2014

La sicurezza ferroviaria nel 2014 La sicurezza ferroviaria nel 2014 Relazione preliminare Raccolta e analisi dei dati Proposte Prevenzione Formazione ed educazione Elementi introduttivi sugli incidenti ferroviari e sulle loro conseguenze

Dettagli

LE VERIFICHE ISPETTIVE SUI SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA COME STRUMENTO DI PREVENZIONE DEI RISCHI DI INCIDENTE RILEVANTE

LE VERIFICHE ISPETTIVE SUI SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA COME STRUMENTO DI PREVENZIONE DEI RISCHI DI INCIDENTE RILEVANTE LE VERIFICHE ISPETTIVE SUI SISTEMI DI GESTIONE DELLA SICUREZZA COME STRUMENTO DI PREVENZIONE DEI RISCHI DI INCIDENTE RILEVANTE Alberto Ricchiuti Italia Agenzia per la Protezione dell Ambiente e per i Servizi

Dettagli

Problematiche normative e carenze manutentive nel trasporto merci pericolose: dal disastro di Viareggio (2009) all incidente ferroviario di

Problematiche normative e carenze manutentive nel trasporto merci pericolose: dal disastro di Viareggio (2009) all incidente ferroviario di Problematiche normative e carenze manutentive nel trasporto merci pericolose: dal disastro di Viareggio (2009) all incidente ferroviario di Bressanone (2012) Fabrizio D Errico, Roberto Lucani Principi

Dettagli

TESTO UNICO DELLA NORMATIVA DI ESERCIZIO FERROVIARIA

TESTO UNICO DELLA NORMATIVA DI ESERCIZIO FERROVIARIA TESTO UNICO DELLA NORMATIVA DI ESERCIZIO FERROVIARIA PREMESSA: Emanazione norme; Contenuto del Testo Unico PARTE PRIMA: REQUISITI FUNZIONALI DEL SISTEMA DI TRASPORTO FERROVIARIO 1. Generalità 2. Infrastruttura:

Dettagli

FERROVIA TRENTO MALÈ MARILLEVA

FERROVIA TRENTO MALÈ MARILLEVA FERROVIA TRENTO MALÈ MARILLEVA L'ESPERIENZA DI UNA FERROVIA LOCALE NELL'IMPLEMENTAZIONE DI SISTEMI INNOVATIVI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO (ACC-M, ATP E CENTRALIZZAZIONE PL DI LINEA) Roma, 2 ottobre 2015

Dettagli

RIORDINO NORMATIVO: IL MANUALE DI MESTIERE DEL PROCESSO CONDOTTA DI TRENITALIA

RIORDINO NORMATIVO: IL MANUALE DI MESTIERE DEL PROCESSO CONDOTTA DI TRENITALIA Settore Trasporto su rotaia RIORDINO NORMATIVO: IL MANUALE DI MESTIERE DEL PROCESSO CONDOTTA DI TRENITALIA Claudio MIGLIORINI Trenitalia Direzione Tecnica Coordinatore del Team di Programma Riordino Normativo

Dettagli

Roma, 17 ottobre 2012

Roma, 17 ottobre 2012 Incontro con le OO.SS. Nazionali Roma, 17 ottobre 2012 Direzione Commerciale Esercizio Rete Riorganizzazione delle Direttrici Prosecuzione del percorso relazionale avviato il 10.10.2012 1 DIRETTRICI -

Dettagli

della manutenzione, includa i requisiti relativi ai sottosistemi strutturali all interno del loro contesto operativo.

della manutenzione, includa i requisiti relativi ai sottosistemi strutturali all interno del loro contesto operativo. L 320/8 Gazzetta ufficiale dell Unione europea IT 17.11.2012 REGOLAMENTO (UE) N. 1078/2012 DELLA COMMISSIONE del 16 novembre 2012 relativo a un metodo di sicurezza comune per il monitoraggio che devono

Dettagli

La titolarità della struttura organizzativa DIREZIONE SICUREZZA DI RETE è affidata a Paolo GENOVESI. Il Responsabile ha sede Roma.

La titolarità della struttura organizzativa DIREZIONE SICUREZZA DI RETE è affidata a Paolo GENOVESI. Il Responsabile ha sede Roma. l Amministratore Delegato ORDINE DI SERVIZIO n. 111/AD del 30 set. 2010 Rete Ferroviaria Italiana Direzione Tecnica La titolarità della struttura organizzativa DIREZIONE SICUREZZA DI RETE è affidata a

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA A RISCHIO DI INCIDENTE RILEVANTE: SVILUPPI E PROSPETTIVE

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA A RISCHIO DI INCIDENTE RILEVANTE: SVILUPPI E PROSPETTIVE LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA A RISCHIO DI INCIDENTE RILEVANTE: SVILUPPI E PROSPETTIVE DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE - DIREZIONE CENTRALE PER LA

Dettagli

STRALCIO. Descrizione delle modalità di circolazione del sistema Tram - Treno.

STRALCIO. Descrizione delle modalità di circolazione del sistema Tram - Treno. REPUBBLICA ITALIANA UNIONE EUROPEA spa trasporti regionali della sardegna Via Zagabria, 54 09129 Cagliari tel (+39) 070 4098 1 fax (+39) 070 4098 237 www.arst.sardegna.it STRALCIO Progetto finanziato dall

Dettagli

Allegato A al CCNL 2006/2009 comparto Ministeri

Allegato A al CCNL 2006/2009 comparto Ministeri Allegato A al CCNL 2006/2009 comparto Ministeri AREA FUNZIONALE PRIMA ( ex A1 e A1S ) Appartengono a questa Area funzionale i lavoratori che svolgono attività ausiliarie, ovvero lavoratori che svolgono

Dettagli

ANSF, SQUADRA UNICA PER NUOVE SFIDE

ANSF, SQUADRA UNICA PER NUOVE SFIDE ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- NEWSLETTER - NUMERO SPECIALE AUGURI PER IL 2014 ANSF, SQUADRA UNICA PER

Dettagli

DISPOSIZIONE ORGANIZZATIVA n. 56/AD del 07 lug. 2009 Rete Ferroviaria Italiana

DISPOSIZIONE ORGANIZZATIVA n. 56/AD del 07 lug. 2009 Rete Ferroviaria Italiana l Amministratore Delegato DISPOSIZIONE ORGANIZZATIVA n. 56/AD del 07 lug. 2009 Rete Ferroviaria Italiana La presente Disposizione Organizzativa modifica il modello organizzativo di Rete Ferroviaria Italiana

Dettagli

DISPOSIZIONE ORGANIZZATIVA n. 654/AD del 24 lug 2007. Trenitalia

DISPOSIZIONE ORGANIZZATIVA n. 654/AD del 24 lug 2007. Trenitalia DISPOSIZIONE ORGANIZZATIVA n. 654/AD del 24 lug 2007 Trenitalia Principali logiche organizzative: Al fine di migliorare l efficacia del processo di monitoraggio del servizio di trasporto passeggeri e merci

Dettagli

Oggetto: Richiesta Valutazioni e indicazioni

Oggetto: Richiesta Valutazioni e indicazioni SEGRETERIA NAZIONALE Roma, 15/04/ 2016 Protocollo N 1278/03/SN www.fastferrovie.it Spett. le Agenzia Nazionale Sicurezza Ferroviaria C.A. Ing. Amedeo Gargiulo Direttore Piazza della Stazione, 45-50123

Dettagli

Quando eccezionalmente i treni percorrono il binario di sinistra si dice che essi viaggiano su binario

Quando eccezionalmente i treni percorrono il binario di sinistra si dice che essi viaggiano su binario Metropolitana di Genova Regolamento di Esercizio la conoscenza Per Parte Dall art. necessità 2a del l esecutore 1 semplificativa Regolamento Termini sulla e definizioni ESTRATTO viene parte d Esercizio

Dettagli

Agenzia Ferroviaria Europea. Valenciennes (Francia) ERA/2012/SAF/CALLHF/01

Agenzia Ferroviaria Europea. Valenciennes (Francia) ERA/2012/SAF/CALLHF/01 Agenzia Ferroviaria Europea Valenciennes (Francia) Invito a presentare domanda di inserimento nell elenco degli esperti in Fattore Umano incaricati di assistere gli Organismi Investigativi Nazionali di

Dettagli

Delibera n. 84/2015. VISTI in particolare, i commi 2 e 3 del citato art. 37 del decreto-legge n. 201/2011 e, specificamente:

Delibera n. 84/2015. VISTI in particolare, i commi 2 e 3 del citato art. 37 del decreto-legge n. 201/2011 e, specificamente: Delibera n. 84/2015 Prescrizioni a Rete Ferroviaria Italiana S.p.A. relativamente ad alcune modifiche da essa apportate, nel corso del 2015, al Prospetto informativo della rete 2014 e 2015 L Autorità,

Dettagli

Parte III NORME SULL USO DELLE ETICHETTE

Parte III NORME SULL USO DELLE ETICHETTE Parte III NORME SULL USO DELLE ETICHETTE INDICE Parte III NORME SULL USO DELLE ETICHETTE...5 1 GENERALITÀ...5 2 TIPI DI ETICHETTE... 11 2.1 Modello Na... 13 2.2 Modello K... 15 2.3 Modello M... 17 2.4

Dettagli

Sistemi di Gestione Sicurezza Esercizio

Sistemi di Gestione Sicurezza Esercizio Sistemi di Gestione Sicurezza Esercizio Aree di sviluppo ed innovazione Areas of development and innovation Salvatore PASSARELLO Sistemi Gestione Sicurezza Esercizio: Aree di sviluppo ed innovazione I

Dettagli

LA LIBERALIZZAZIONE DEL TRASPORTO

LA LIBERALIZZAZIONE DEL TRASPORTO LA LIBERALIZZAZIONE DEL TRASPORTO FERROVIARIO A LIVELLO COMUNITARIO E NAZIONALE - Progress report - Roma, settembre 2008 INDICE 1. Il quadro comunitario della liberalizzazione del trasporto ferroviario

Dettagli

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Intervento Convegno ANAV del 17 /2/2004. (Noleggio autobus ai sensi della l. 218/2003) Con la legge quadro n. 218/2003, entrata in vigore

Dettagli

DEIF n 41.4. del 16/05/2014 RIORDINO NORMATIVO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SUI SEGNALI DISPOSIZIONE DI ESERCIZIO RFI N. 01/2014 INTRODOTTE DALLA

DEIF n 41.4. del 16/05/2014 RIORDINO NORMATIVO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SUI SEGNALI DISPOSIZIONE DI ESERCIZIO RFI N. 01/2014 INTRODOTTE DALLA Direzione Tecnica Direttore DEIF n 41.4 del 16/05/2014 In vigore dalle ore 00.01 del 25/06/2014 RIORDINO NORMATIVO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SUI SEGNALI INTRODOTTE DALLA DISPOSIZIONE DI ESERCIZIO RFI N.

Dettagli

ISTRUZIONI PER L'ESERCIZIO

ISTRUZIONI PER L'ESERCIZIO Ferrovia Roma - Viterbo Tratta Urbana Roma P.le Flaminio - Montebello ISTRUZIONI PER L'ESERCIZIO DEL BLOCCO AUTOMATICO Approvato dal Ministero dei Trasporti e della Navigazione USTIF LAZIO Con nota n.

Dettagli

CONTENUTI:IL QUADRO NORMATIVO NAZIONALE IN MATERIA DI SICUREZZA DELLA CIRCOLAZIONE FERROVIARIA

CONTENUTI:IL QUADRO NORMATIVO NAZIONALE IN MATERIA DI SICUREZZA DELLA CIRCOLAZIONE FERROVIARIA Programma del corso 1 a LEZIONE - 16/04/2015 ore 8.30/13.30 5 ore Contenuti: Introduzione al corso. Il Sistema Ferroviario Docente: Luca Franceschini -Amministratore CIFI Programma:L interazione tra infrastruttura,

Dettagli

Curriculum Vitae Ilaria Castriota. +39 06 48880615 + 39 366 9276221 ilaria.castriota@ansf.it. Sesso F Data di nascita 26/10/1969 Nazionalità Italiana

Curriculum Vitae Ilaria Castriota. +39 06 48880615 + 39 366 9276221 ilaria.castriota@ansf.it. Sesso F Data di nascita 26/10/1969 Nazionalità Italiana INFORMAZIONI PERSONALI Ilaria Castriota +39 06 48880615 + 39 366 9276221 ilaria.castriota@ansf.it Sesso F Data di nascita 26/10/1969 Nazionalità Italiana POSIZIONE RICOPERTA Dirigente presso l Agenzia

Dettagli

Incontro con le OOSS Roma, 27.09.2011

Incontro con le OOSS Roma, 27.09.2011 Abilitazioni del personale per la Circolazione dei Mezzi d opera utilizzati, esclusivamente in interruzione, per la costruzione e la manutenzione dell Infrastruttura Ferroviaria Nazionale Incontro con

Dettagli

La linea Firenze-Empoli-Pisa

La linea Firenze-Empoli-Pisa La linea Firenze-Empoli-Pisa La variante Signa-Montelupo La variante Signa-Montelupo La realizzazione della variante Signa-Montelupo sulla linea Firenze-Empoli-Pisa consentirà il potenziamento del servizio

Dettagli

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Terminali per i Trasporti e la Logistica LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it INTRODUZIONE Definizioni Si definisce stazione ogni complesso organico di impianti ferroviari

Dettagli

SISTEMI URBANI Torino metropolitana (Linea 1 tratte 3, 4 e 6) Linea 1 - Prolungamento sud -Tratta funzionale 4: Lingotto-Nizza-Bengasi SCHEDA N.

SISTEMI URBANI Torino metropolitana (Linea 1 tratte 3, 4 e 6) Linea 1 - Prolungamento sud -Tratta funzionale 4: Lingotto-Nizza-Bengasi SCHEDA N. SISTEMI URBANI Torino metropolitana (Linea 1 tratte 3, 4 e 6) Linea 1 - Prolungamento sud -Tratta funzionale 4: Lingotto-Nizza-Bengasi SCHEDA N. 93 LOCALIZZAZIONE CUP: TIPOLOGIA OPERA: SOGGETTO TITOLARE:

Dettagli

TECNICA DELLA CIRCOLAZIONE

TECNICA DELLA CIRCOLAZIONE 1 INFRASTRUTTURE FERROVIARIE TECNICA DELLA CIRCOLAZIONE A.A. 2008-09 2 DISTANZIAMENTO DEI TRENI Criteri di sicurezza La tecnica della marcia guida vincolata si basa sul vincolo, imposto dalla via per la

Dettagli

www.fastferrovie.it SEGRETERIA REGIONALE PIEMONTE E VALLE D AOSTA

www.fastferrovie.it SEGRETERIA REGIONALE PIEMONTE E VALLE D AOSTA informa www.fastferrovie.it SEGRETERIA REGIONALE PIEMONTE E VALLE D AOSTA FOGLIO INFORMATIVO STAMPATO IN PROPRIO - ANNO 3, N. 048 - FEBBRAIO 2010 CARGO DIISPOSIIZIIONE ORGANIIZZATIIVA 952//10 FAST FerroVie

Dettagli

Corso di organizzazione e sicurezza dell esercizio delle reti ferroviarie. Il sistema di segnalamento sulla rete ferroviaria italiana

Corso di organizzazione e sicurezza dell esercizio delle reti ferroviarie. Il sistema di segnalamento sulla rete ferroviaria italiana Corso di organizzazione e sicurezza dell esercizio delle reti ferroviarie Il sistema di segnalamento sulla rete ferroviaria italiana Il sistema di segnalamento Che cosa è? Il sistema di segnalamento è

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA PROTOCOLLO DI INTESA TRA GRUPPO FERROVIE DELLO STATO E PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROTOCOLLO D INTESA L anno 2011, il giorno del mese di, il Servizio per la Protezione Civile della Provincia Autonoma

Dettagli

744.10 Legge federale sull accesso alle professioni di trasportatore su strada

744.10 Legge federale sull accesso alle professioni di trasportatore su strada Legge federale sull accesso alle professioni di trasportatore su strada (LPTS) del 20 marzo 2009 1 (Stato 1 gennaio 2016) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 63 capoverso

Dettagli

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI

DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI DM.9 agosto 2000 LINEE GUIDA PER L ATTUAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA TITOLO I POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI Articolo 1 (Campo di applicazione) Il presente decreto si

Dettagli

Direzione Manutenzione Sicurezza del lavoro Approfondimenti - Azioni

Direzione Manutenzione Sicurezza del lavoro Approfondimenti - Azioni Roma, 11 dicembre 2008 Direzione Manutenzione Sicurezza del lavoro Approfondimenti - Azioni Presentato alle OOSS Nazionali Sicurezza dei cantieri Criticità - Azioni Applicazione dell Istruzione per la

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE SULLA SICUREZZA DELLA CIRCOLAZIONE DEI TRENI E DELL ESERCIZIO FERROVIARIO

RAPPORTO ANNUALE SULLA SICUREZZA DELLA CIRCOLAZIONE DEI TRENI E DELL ESERCIZIO FERROVIARIO RAPPORTO ANNUALE SULLA SICUREZZA DELLA CIRCOLAZIONE DEI TRENI E DELL ESERCIZIO FERROVIARIO ANNO 2007 Via Luigi Alamanni,4 50123 FIRENZE Tel: 0039 055 2356620-0039 06 41582379 Fax: 055 2356495 agenzia.sicurezza@ansf.it

Dettagli

Sicurezza comportamentale in RFI

Sicurezza comportamentale in RFI Roma, 11 dicembre 2008 Sicurezza comportamentale in RFI Presentato alle OO.SS. Behavior Based Safety La Behavior Based Sefety, conosciuta anche come Sicurezza Comportamentale, è un nuovo approccio ai problemi

Dettagli

Individuazione delle funzioni e compiti degli uffici speciali per i trasporti ad impianti fissi (USTIF). IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE

Individuazione delle funzioni e compiti degli uffici speciali per i trasporti ad impianti fissi (USTIF). IL MINISTRO DELLE INFRASTRUTTURE D.M. 29 settembre 2003 (1). Individuazione delle funzioni e compiti degli uffici speciali per i trasporti ad impianti fissi (USTIF). (1) Pubblicato nella Gazz. Uff. 2 dicembre 2003, n. 280. IL MINISTRO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE E LA MARCATURA CE DEI PRODOTTI DA COSTRUZIONE

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE E LA MARCATURA CE DEI PRODOTTI DA COSTRUZIONE Indice 1. Approvazione del Regolamento di Certificazione 2. Introduzione 3. Normativa di Riferimento: 4. Definizioni 5. Criteri e condizioni generali per la certificazione di prodotto 5.1 Generalità 5.2

Dettagli

DISPOSIZIONE N del. Il Gestore dell Infrastruttura Ferroviaria nazionale

DISPOSIZIONE N del. Il Gestore dell Infrastruttura Ferroviaria nazionale DISPOSIZIONE N del Modifiche al Regolamento per la circolazione dei treni ed al Regolamento sui segnali Il Gestore dell Infrastruttura Ferroviaria nazionale VISTO il D.P.R. 11 luglio 1980 n. 753, recante

Dettagli

Modifiche alle PCT R 300.1 R 300.15 valevoli dal 1 luglio 2015 (ciclo di modifiche A2015), versione in lingua italiana. 1 Osservazioni preliminari

Modifiche alle PCT R 300.1 R 300.15 valevoli dal 1 luglio 2015 (ciclo di modifiche A2015), versione in lingua italiana. 1 Osservazioni preliminari Modifiche alle PCT R 300.1 R 300.15 valevoli dal 1 luglio 2015 (ciclo di modifiche A2015), versione in lingua italiana R o cfr fino ad ora modifica 300.1 1 1 Osservazioni preliminari L ufficio federale

Dettagli

19 Dei prestatori d opera e dei direttori di stabilimenti TITOLO IV

19 Dei prestatori d opera e dei direttori di stabilimenti TITOLO IV 203 R.D. 6 MAGGIO 1940, N. 635 19 Dei prestatori d opera e dei direttori di stabilimenti [248] (1). (1) Art. abrogato ex d.lgs. 13-7-1994, n. 480 (art. 13). TITOLO IV 248-250 Delle guardie particolari

Dettagli

Esecutivo Nazionale www.associazionecat.it cat@pec.associazionecat.it via dei Camapani 43 00185 ROMA tel.3294555203 fax.

Esecutivo Nazionale www.associazionecat.it cat@pec.associazionecat.it via dei Camapani 43 00185 ROMA tel.3294555203 fax. Esecutivo Nazionale www.associazionecat.it cat@pec.associazionecat.it via dei Camapani 43 00185 ROMA tel.3294555203 fax. 0108935794 Prot. N.26 E.N /CAT 2015 Roma, 10. 3. 2015 Osservatorio sui conflitti

Dettagli

Applicazione pilota Regione Lombardia (Italia) Moduli di testo

Applicazione pilota Regione Lombardia (Italia) Moduli di testo ECORailS Energy efficiency and environmental criteria in the awarding of regional rail transport vehicles and services Applicazione pilota Regione Lombardia (Italia) Moduli di testo SCHEMA DI PROTOCOLLO

Dettagli

DISPOSIZIONI PER L ESERCIZIO IN TELECOMANDO

DISPOSIZIONI PER L ESERCIZIO IN TELECOMANDO 1 DISPOSIZIONI PER L ESERCIZIO IN TELECOMANDO Edizione 1987 Ristampa 2005 aggiornata con OS 24/1992-26/1994-10/1997 Disp. 5/2001 33/2001 50/2001 11/2002 16/2002 43/2002 15/2005 40/2005 48/2005 Poligrafica

Dettagli

Microsimulazione dinamica della circolazione a supporto alla pianificazione ferroviaria

Microsimulazione dinamica della circolazione a supporto alla pianificazione ferroviaria Microsimulazione dinamica della circolazione a supporto alla pianificazione ferroviaria Cosa è Opentrack OpenTrack è uno strumento di supporto alla pianificazione ferroviaria (sia dell infrastruttura che

Dettagli

Cassa Conguaglio GPL. Annualità 2013. A. Descrizione del contesto di riferimento

Cassa Conguaglio GPL. Annualità 2013. A. Descrizione del contesto di riferimento Cassa Conguaglio GPL Annualità 2013 A. Descrizione del contesto di riferimento La Cassa Conguaglio GPL, originariamente denominata Cassa conguaglio per i trasporti di gas di petrolio liquefatto, ente pubblico

Dettagli

SCHEDA N. 95 SOGGETTO TITOLARE: TIPOLOGIA OPERA: CUP: ULTIMAZIONE LAVORI LOCALIZZAZIONE. Ferrovie metropolitane. Comune di Milano B61E04000040003

SCHEDA N. 95 SOGGETTO TITOLARE: TIPOLOGIA OPERA: CUP: ULTIMAZIONE LAVORI LOCALIZZAZIONE. Ferrovie metropolitane. Comune di Milano B61E04000040003 SISTEMI URBANI Monza metropolitana Nuova linea metropolitana M5 da Garibaldi a Monza Bettola - Tratta Garibaldi- Bignami compresa variante Stazione Garibaldi F.S. SCHEDA N. 95 LOCALIZZAZIONE CUP: TIPOLOGIA

Dettagli

LA PREPARAZIONE DELL AZIENDA ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI

LA PREPARAZIONE DELL AZIENDA ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI LA PREPARAZIONE DELL AZIENDA ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 d.lgs.n 81 Decreto Interministeriale del 30 novembre 2012 Indicazioni

Dettagli

Roma, 26 ottobre 2004. Prot. n. 3982- MOT2/C

Roma, 26 ottobre 2004. Prot. n. 3982- MOT2/C DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI E PER I SISTEMI INFORMATIVI E STATISTICI Direzione Generale della Motorizzazione e della Sicurezza del Trasporto Terrestre Roma, 26 ottobre 2004 Prot. n. 3982- MOT2/C

Dettagli

DM 13 novembre 1975: Estensione alle funicolari terrestri della normativa tecnica concernente le ferrovie e le funivie.

DM 13 novembre 1975: Estensione alle funicolari terrestri della normativa tecnica concernente le ferrovie e le funivie. LA PIANIFICAZIONE DEI CND DEI COMPONENTI DI SICUREZZA E DELLE OPERE STRUTTURALI DEGLI IMPIANTI DI TRASPORTO A FUNE A PARTIRE DAGLI ANNI SESSANTA AD OGGI. A. Cervia Ingegnere collaboratore del Laboratorio

Dettagli

colonna è indicato con una M se il provvedimento normativo dell RTB è incoerente con i principi contenuti nel nuovo RCF; - nella 4a

colonna è indicato con una M se il provvedimento normativo dell RTB è incoerente con i principi contenuti nel nuovo RCF; - nella 4a TABELLA D RAFFRONTO RTB-RCF. Nella 1 a colonna è riportato il testo della Normativa per l esercizio degli impianti di Rilevamento Temperatura Boccole (RTB) in vigore sulle linee tradizionali e sulle linee

Dettagli

Legge federale sul trasporto di merci per ferrovia o idrovia

Legge federale sul trasporto di merci per ferrovia o idrovia Legge federale sul trasporto di merci per ferrovia o idrovia (Legge sul trasporto di merci, LTM) Avamprogetto del XX. xxx 2006 L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 87

Dettagli

Federazione Autonoma dei Sindacati dei Trasporti Segreteria Generale

Federazione Autonoma dei Sindacati dei Trasporti Segreteria Generale Federazione Autonoma dei Sindacati dei Trasporti Segreteria Generale Roma lì 23 Febbraio 2012 Prot.08/07/SG Amministratore Delegato FS SpA Ing. Mauro Moretti Amministratore Delegato Trenord Ing. Giuseppe

Dettagli

Roma, 5 Giugno 2015 Prot. 78/SG/OR.S.A. Ferrovie Ing. Amedeo Gargiulo Responsabile Agenzia Nazionale per la Sicurezza Ferroviaria

Roma, 5 Giugno 2015 Prot. 78/SG/OR.S.A. Ferrovie Ing. Amedeo Gargiulo Responsabile Agenzia Nazionale per la Sicurezza Ferroviaria Roma, 5 Giugno 2015 Prot. 78/SG/OR.S.A. Ferrovie Ing. Amedeo Gargiulo Responsabile Agenzia Nazionale per la Sicurezza Ferroviaria CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO Direzione Centrale per la Prevenzione

Dettagli

DISCIPLINARE AI SENSI DELL ART. 6 DEL DECRETO MINISTERIALE 15 SETTEMBRE 2009, N. 154

DISCIPLINARE AI SENSI DELL ART. 6 DEL DECRETO MINISTERIALE 15 SETTEMBRE 2009, N. 154 DISCIPLINARE AI SENSI DELL ART. 6 DEL DECRETO MINISTERIALE 15 SETTEMBRE 2009, N. 154 PERCORSO NORMATIVO Art. 18, co. 1 e 2 del DL 27/07/05, n. 144, convertito, con modificazioni, dalla legge 31 luglio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CIRCOLAZIONE DEI TRENI

REGOLAMENTO PER LA CIRCOLAZIONE DEI TRENI REGOLAMENTO PER LA CIRCOLAZIONE DEI TRENI Edizione 1962 Testo aggiornato, in vigore dal 13/12/2009 (ultimo aggiornamento: decreto ANSF n. 12/2009) Elenco dei provvedimenti che hanno modificato l edizione

Dettagli

!" # $ % # "!& Autorizzazione iniziale n. Sorveglianza n.. Estensione n..

! # $ % # !& Autorizzazione iniziale n. Sorveglianza n.. Estensione n.. Pagina 1 di 13 Autorizzazione iniziale n. Sorveglianza n.. Estensione n.. CHECK-LIST PER L ESECUZIONE DELLA VISITA DI VALUTAZIONE DEI LABORATORI CHE DEVONO ESSERE AUTORIZZATI ALL ESECUZIONE DELLA VERIFICAZIONE

Dettagli

LISTA DI RISCONTRO PER LE VERIFICHE ISPETTIVE DEL SGS

LISTA DI RISCONTRO PER LE VERIFICHE ISPETTIVE DEL SGS LISTA DI RISCONTRO PER LE VERIFICHE ISPETTIVE DEL IN STABILIMENTI SEMPLICI E AD ELEVATO LIVELLO DI STANDARDIZZAZIONE 1. Documento sulla politica di prevenzione, struttura del e sua integrazione con la

Dettagli

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it INTRODUZIONE Definizioni Si definisce stazione ogni complesso organico di impianti

Dettagli

LEGISLAZIONE DI RIFERIMENTO SULLA SICUREZZA APPLICABILE AI VOLONTARI

LEGISLAZIONE DI RIFERIMENTO SULLA SICUREZZA APPLICABILE AI VOLONTARI LEGISLAZIONE DI RIFERIMENTO SULLA SICUREZZA APPLICABILE AI VOLONTARI D.Lgs 81/08 Ambito di applicazione Art. 2 - Definizioni a) «lavoratore»: persona che, indipendentemente dalla tipologia contrattuale,

Dettagli

Procedimenti con tempi di conclusione non superiori a 90 giorni (Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 11 novembre 2011, n.

Procedimenti con tempi di conclusione non superiori a 90 giorni (Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 11 novembre 2011, n. Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Direzione Generale Territoriale Centro-Nord e Sardegna USTIF Lazio, Toscana, Umbria, Marche e Sardegna. Adempimenti in materia di trasparenza. Direttiva del

Dettagli

La Ferrovia Trento - Borgo Valsugana - Bassano e l esperienza della Provincia Autonoma di Trento

La Ferrovia Trento - Borgo Valsugana - Bassano e l esperienza della Provincia Autonoma di Trento Allegato n.1 La Ferrovia Trento - Borgo Valsugana - Bassano e l esperienza della Provincia Autonoma di Trento L infrastruttura La ferrovia Trento Bassano del Grappa o ferrovia della Valsugana è una linea

Dettagli

Il sistema dei prezzi delle tracce. Chi paga quanto per l infrastruttura ferroviaria?

Il sistema dei prezzi delle tracce. Chi paga quanto per l infrastruttura ferroviaria? Il sistema dei prezzi delle tracce. Chi paga quanto per l infrastruttura ferroviaria? FFS Infrastruttura, luglio 2015 Il prezzo della traccia copre circa il 40 percento delle spese infrastrutturali. Mediante

Dettagli

MANUALE DEL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE ALLEGATO 13

MANUALE DEL SISTEMA DI GESTIONE AMBIENTALE ALLEGATO 13 Data: 7/12/2012 Ora e luogo: 14.30 - Comune VALUTAZIONI SUGLI ELEMENTI DEL SGA ANALIZZATI Evoluzione occorsa dalla precedente riunione relativamente allo scenario ambientale, alle attività dell organizzazione

Dettagli

MERCINTRENO 2014 «Si possono ridurre i costi di produzione del ferroviario merci?» Guido Porta, Vice Presidente FerCargo

MERCINTRENO 2014 «Si possono ridurre i costi di produzione del ferroviario merci?» Guido Porta, Vice Presidente FerCargo alle limitazioni dell infrastruttura Occorre investire nell ammodernamento dell Infrastruttura Ferroviaria. Nella rete, infatti, sono ancora presenti ostacoli che impediscono lo sviluppo del sistema ferroviario.

Dettagli

ITALCERTIFER SpA. Ing. Carlo Carganico Presidente & Amministratore Delegato

ITALCERTIFER SpA. Ing. Carlo Carganico Presidente & Amministratore Delegato ITALCERTIFER SpA Ing. Carlo Carganico Presidente & Amministratore Delegato 1 Il contesto della Certificazione Autorità Nazionale per la Sicurezza (ANSF) Autorità Nazionale per la Sicurezza (ANSF) Regolamenti

Dettagli

l.r.39/2005) - Vigilanza e verifiche sugli attestati di certificazione Capo II Sistema informativo regionale sull efficienza energetica

l.r.39/2005) - Vigilanza e verifiche sugli attestati di certificazione Capo II Sistema informativo regionale sull efficienza energetica 3.3.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 12 Assegnata alla 1^ Commissione consiliare Messaggio della Commissione in data 3 febbraio 2010 Approvata in data 9 febbraio 2010 Divenuta legge

Dettagli

L ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALLA LUCE DEL DECRETO LEGISLATIVO 205/10, DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2008/98/CE

L ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALLA LUCE DEL DECRETO LEGISLATIVO 205/10, DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2008/98/CE L ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI ALLA LUCE DEL DECRETO LEGISLATIVO 205/10, DI RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2008/98/CE Eugenio Onori Presidente dell Albo Nazionale Gestori Ambientali Modifiche all art.212

Dettagli

IL SISTEMA DEI CONTROLLI PER LA SICUREZZA

IL SISTEMA DEI CONTROLLI PER LA SICUREZZA IL SISTEMA DEI CONTROLLI PER LA SICUREZZA 1. LA SICUREZZA DEGLI AEROMOBILI E DEGLI OPERATORI AEREI - La sicurezza delle operazioni dei vettori aerei e dei loro aeromobili è garantita da un complesso di

Dettagli

Prot. n. 3982- MOT2/C AL CSRPAD ROMA AI CPA LORO SEDI. Agli Uffici Periferici del DTT LORO SEDI. Alla FEDERCHIMICA Via Giovanni da PROCIDA, 11 MILANO

Prot. n. 3982- MOT2/C AL CSRPAD ROMA AI CPA LORO SEDI. Agli Uffici Periferici del DTT LORO SEDI. Alla FEDERCHIMICA Via Giovanni da PROCIDA, 11 MILANO DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI E PER I SISTEMI INFORMATIVI E STATISTICI Direzione Generale della Motorizzazione e della Sicurezza del Trasporto Terrestre Roma, 26 ottobre 2004 Prot. n. 3982- MOT2/C

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINA GENERALE DELLA PROTEZIONE ANTINCENDIO PER GLI AEROPORTI DI AVIAZIONE GENERALE E LE AVIOSUPERFICI

REGOLAMENTO DISCIPLINA GENERALE DELLA PROTEZIONE ANTINCENDIO PER GLI AEROPORTI DI AVIAZIONE GENERALE E LE AVIOSUPERFICI REGOLAMENTO DISCIPLINA GENERALE DELLA PROTEZIONE ANTINCENDIO PER GLI AEROPORTI DI AVIAZIONE GENERALE E LE AVIOSUPERFICI Edizione n 1 approvata con disposizione d urgenza del Direttore Generale n. 9/DG

Dettagli

GIORNATA DI STUDIO POTENZIAMENTO TECNICO INFRASTRUTTURALE DELLA LINEA FERROVIARIA VIAREGGIO LUCCA FIRENZE. Lucca Palazzo Ducale 22 Febbraio 2001

GIORNATA DI STUDIO POTENZIAMENTO TECNICO INFRASTRUTTURALE DELLA LINEA FERROVIARIA VIAREGGIO LUCCA FIRENZE. Lucca Palazzo Ducale 22 Febbraio 2001 GIORNATA DI STUDIO POTENZIAMENTO TECNICO INFRASTRUTTURALE DELLA LINEA FERROVIARIA VIAREGGIO LUCCA FIRENZE Lucca Palazzo Ducale 22 Febbraio 2001 Intervento del Presidente della Provincia di Pistoia Gianfranco

Dettagli

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 Definizione degli indirizzi in materia di certificazione di qualità delle imprese che effettuano trasporti di merci pericolose, di derrate deperibili,

Dettagli

Prospetto Informativo della Rete

Prospetto Informativo della Rete Prospetto Informativo della Rete Aggiornamento edizione dicembre 2011 1^bozza LEGENDA TESTO ROSSO: testo nuovo rispetto al PIR vigente; TESTO NERO BARRATO: testo eliminato rispetto al PIR vigente; 2 ELENCO

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004)

IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dott. Marco SALVIA IMPLEMENTAZIONE di un SISTEMA di GESTIONE AMBIENTALE (secondo la norma UNI EN ISO 14001-2004) Dr. Marco SALVIA 1 Perché gestire la variabile ambientale in azienda? 1. Perché rappresenta

Dettagli