PIANIFICARE LA SUCCESSIONE DEL CLIENTE TRAMITE I PRODOTTI ASSICURATIVI. Successione e Polizze: strategie di Pianificazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PIANIFICARE LA SUCCESSIONE DEL CLIENTE TRAMITE I PRODOTTI ASSICURATIVI. Successione e Polizze: strategie di Pianificazione"

Transcript

1 PIANIFICARE LA SUCCESSIONE DEL CLIENTE TRAMITE I PRODOTTI ASSICURATIVI Successione e Polizze: strategie di Pianificazione

2 Agenda INTRODUZIONE PIANIFICAZONE SUCCESSORIA TRAMITE POLIZZE VITA Introduzione su Sintesi Life e Gruppo Argos Richieste di delocalizzazione all estero degli investimenti Lending su polizze vita Italia paradiso fiscale per l imposta di successione? La famiglia: realtà economica complessa La successione e la donazione L'importanza di pianificare il passaggio generazionale dei patrimoni Analisi degli strumenti:» Patto di Famiglia» Fondo Patrimoniale» Fiduciaria» Trust» Polizza Vita la tassazione di successioni e donazioni Le polizze e la famiglia- le polizze e l'azienda: esempi pratici ANALISI DEI PRODOTTI Le polizze vita in libera prestazione di servizi 2 SPUNTI OPERATIVI DI PIANIFICAZIONE SUCCESSORIA Spunti operativi per la pianificazione del passaggio generazionale di patrimoni complessi: Un esempio pratico Possibili sviluppi del prodotto vita e richieste del mercato private Conclusioni >

3 Agenda INTRODUZIONE PIANIFICAZONE SUCCESSORIA TRAMITE POLIZZE VITA Introduzione su Sintesi Life e Gruppo Argos Richieste di delocalizzazione all estero degli investimenti Lending su polizze vita Italia paradiso fiscale per l imposta di successione? La famiglia: realtà economica complessa La successione e la donazione L'importanza di pianificare il passaggio generazionale dei patrimoni Analisi degli strumenti:» Patto di Famiglia» Fondo Patrimoniale» Fiduciaria» Trust» Polizza Vita la tassazione di successioni e donazioni Le polizze e la famiglia- le polizze e l'azienda: esempi pratici ANALISI DEI PRODOTTI Le polizze vita in libera prestazione di servizi 3 SPUNTI OPERATIVI DI PIANIFICAZIONE SUCCESSORIA Spunti operativi per la pianificazione del passaggio generazionale di patrimoni complessi: Un esempio pratico Possibili sviluppi del prodotto vita e richieste del mercato private Conclusioni >

4 Gruppo Argos: Mission Il Gruppo intende proporsi come centro di eccellenza nei servizi di Wealth Administration, offrendo soluzioni per migliorare la detenzione e la protezione dei patrimoni, finanziari e non, nel tempo senza occuparsi dell aspetto di gestione / finanziario Wealth Management- Asset Management * = Wealth Administration Il gruppo Argos offre alla propria clientela servizi integrati per : Intestazione di Beni, Protezione del Patrimonio, Pianificazione Successoria, Operazioni di Finanza Straordinaria, Consulenza Aziendale, Family Office. Il gruppo conta circa 40 collaboratori, attivi nelle diverse aree di competenza 4 *Il gruppo Argos non si occupa di consulenza finanziaria / gestione patrimoniale ma si è concentrata solo sul tema di Amministazione di beni >

5 Servizi offerti dalle società del Gruppo ARGOS Argos Fiduciaria Argos Trustees Argos Consulenze Argos Insurance Broker Intestazione di Beni Protezione del Patrimonio Pianificazione Successoria Operazioni di Finanza Straordinaria Consulenza Aziendale 5 >

6 Panoramica di alcuni servizi del gruppo Argos Servizi Fiduciari Private Insurance Argos Trustees Argos Consulenze Delocalizzazione Mandato Classico MASI Servizi Bancari Dichiarativo Servizi di consolidamento Lending Consolidato fiscale Credito Lombard su Mandato Fiduciario Messa a pegno di polizza Vita Consolidato civile Wealth Administration Asset Protection Passaggio generazionale Polizza Vita in LPS Mandato all incasso Trust -Successorio -Protezione Aziendale 6 >

7 Agenda INTRODUZIONE PIANIFICAZONE SUCCESSORIA TRAMITE POLIZZE VITA Introduzione su Sintesi Life e Gruppo Argos Richieste di delocalizzazione all estero degli investimenti Lending su polizze vita Italia paradiso fiscale per l imposta di successione? La famiglia: realtà economica complessa La successione e la donazione L'importanza di pianificare il passaggio generazionale dei patrimoni Analisi degli strumenti:» Patto di Famiglia» Fondo Patrimoniale» Fiduciaria» Trust» Polizza Vita la tassazione di successioni e donazioni Le polizze e la famiglia- le polizze e l'azienda: esempi pratici ANALISI DEI PRODOTTI Le polizze vita in libera prestazione di servizi 7 SPUNTI OPERATIVI DI PIANIFICAZIONE SUCCESSORIA Spunti operativi per la pianificazione del passaggio generazionale di patrimoni complessi: Un esempio pratico Possibili sviluppi del prodotto vita e richieste del mercato private Conclusioni >

8 La Pianificazione Successoria tramite le Polizze Vita AGENDA La famiglia: realtà economica complessa L'importanza di pianificare il passaggio generazionale dei patrimoni la tassazione di successioni e donazioni Le polizze e la famiglia- le polizze e l'azienda: esempi pratici

9 9 La Pianificazione Successoria tramite le Polizze Vita AGENDA La famiglia: realtà economica complessa L'importanza di pianificare il passaggio generazionale dei patrimoni la tassazione di successioni e donazioni Le polizze e la famiglia- le polizze e l'azienda: esempi pratici

10 10 La Pianificazione Successoria tramite le Polizze Vita Il patrimonio personale accumulato nel corso della propria vita può essere trasferito ai propri figli e familiari e/o persone care in vario modo. Gli strumenti divergono per la differente procedura da seguire e per i diversi effetti che producono dal punto di vista civilistico e fiscale.

11 11 La Pianificazione Successoria tramite le Polizze Vita l evoluzione della famiglia : realtà sempre più complessa Negli ultimi decenni profonde trasformazioni hanno investito la sfera delle relazioni familiari e sociali, i costumi e gli stili di vita nel nostro Paese. L istituzione familiare, in particolare, ha subito grandi cambiamenti, in rapporto all emergere di nuovi fenomeni demografico-sociali e di nuovi modelli comportamentali, che si presentano con intensità diversa secondo il territorio, le aree culturali e le fasce sociali. Si sono modificate le forme e le strutture familiari: crescono le famiglie ricostituite, i genitori soli e i single non vedovi, le unioni libere.

12 12 La Pianificazione Successoria tramite le Polizze Vita l evoluzione della famiglia : realtà sempre più complessa L EVOLUZIONE DELLA FAMIGLIA SPOSATI CON FIGLI SENZA FIGLI COMUNIONE/SEPARAZIONE DEI BENI FIGLI LEGITTIMI FIGLI LEGITTIMATI FIGLI NATURALI FIGLI ADOTTIVI (FIGLI NATI DENTRO E FUORI DAL MATRIMONIO) COPPIE ED UNIONI DI FATTO (PACS DICO) CONVIVENTI/E SEPARATI/E DIVORZIATI/E VEDOVI/E CON FIGLI SENZA FIGLI CON FIGLI SENZA FIGLI CON FIGLI SENZA FIGLI CON FIGLI SENZA FIGLI SCAPOLI, ZITELLE, SINGLE

13 13 La Pianificazione Successoria tramite le Polizze Vita MATRIMONI CON CITTADINI STRANIERI 15% del totale (36.918) l evoluzione della famiglia : realtà sempre più complessa Le nozze si confermano in crisi. Ma solo i primi matrimoni, che in circa 35 anni si sono quasi dimezzati mentre quelle contratte fra divorziati e vedovi vivono floridamente e sono più che raddoppiate in questo periodo (indagine Istat). Unioni miste oggi sono il 15% erano il 4,8% nel La tipologia più frequente e quella in cui lo sposo è italiano e la sposa è straniera (romene, ucraine, brasiliane le più gettonate) SECONDE NOZZE 13,8% del totale (34.137) MATRIMONI CON RITO CIVILE 36,7% del totale (90.582) Fonte: Istat, dati 2008 ANSA CENTIMETRI

14 14 La Pianificazione Successoria tramite le Polizze Vita La famiglia di fatto Con il termine famiglia di fatto (anche definita convivenza more uxorio) si indica genericamente l'unione stabile e la comunione di vita spirituale e materiale tra due persone, non fondata sul matrimonio. Benché in ambito sociale il fenomeno abbia assunto indubbia rilevanza, ad oggi, l'ordinamento giuridico riconosce concretamente e tutela solamente la famiglia legittima, quella cioè fondata sul matrimonio contratto secondo le leggi civili.

15 15 La Pianificazione Successoria tramite le Polizze Vita Abitazione familiare e sua assegnazione Rapporto di locazione LA FAMIGLIA DI FATTO ALCUNI DIRITTI La famiglia di fatto Dapprima, il convivente non proprietario dell'immobile o non titolare di un diritto di godimento sull'abitazione era equiparato ad un ospite e non poteva quindi far valere nessun tipo di pretesa. Dopo un lungo cammino, la Corte Costituzionale ha riconosciuto al convivente more uxorio il diritto di succedere nel contratto di locazione Risarcimento danno per perdita congiunto Con la sentenza n /2011, la Corte di Cassazione ha stabilito che, in tema di risarcimento del danno per la perdita di un congiunto, la famiglia di fatto ha lo stesso diritto al risarcimento del danno della famiglia fondata sul matrimonio. Assegno di mantenimento Elargizioni compiute da uno dei conviventi in favore dell'altro Diritti successori Non esiste alcun obbligo di versamento relativamente all'assegno di mantenimento Le elargizioni in denaro o diversamente compiute da uno dei conviventi a favore dell'altro sfuggono alla disciplina regolamentata per la famiglia legittima Non sussistendo lo status giuridico di coniuge, il convivente more uxorio potrà ottenere una quota dell'eredità solo mediante un lascito effettuato dal defunto mediante testamento o TRAMITE POLIZZA VITA, lascito che non dovrà comunque ledere la porzione di legittima

16 16 La Pianificazione Successoria tramite le Polizze Vita AGENDA La famiglia: realtà economica complessa L'importanza di pianificare il passaggio generazionale dei patrimoni la tassazione di successioni e donazioni Le polizze e la famiglia- le polizze e l'azienda: esempi pratici

17 17 La Pianificazione Successoria tramite le Polizze Vita La successione e la donazione Voglio pianificare in vita la trasmissione del mio patrimonio: La successione mortis causa Una donazione diretta ed indiretta Un testamento Una polizza vita con beneficiario/i designato/i Una temporanea caso morte I patti di famiglia (aziendale) Un Trust

18 18 w w w. P F A c a d e m y. i t La Pianificazione Successoria tramite le Polizze Vita La successione: legittima, testamentaria, necessaria Al momento della morte si apre nel luogo dell ultimo domicilio del defunto la successione la quale mira ad assicurare la continuità nei rapporti attivi e passivi facendo capo al defunto. LEGITTIMA Vi sono tre tipi di successione: TESTAMENTARIA NECESSARIA

19 19 La Pianificazione Successoria tramite le Polizze Vita La successione e la donazione La successione testamentaria è la più frequente. Il testamento è un atto formale: il testamento orale non è ammesso; per essere valido, il testamento deve essere redatto in una delle forme seguenti: SUCCESSIONE TESTAMENTARIA (art.587) testamento olografo: è scritto, datato e sottoscritto tutto di mano dal testatore; testamento pubblico: è scritto dal notaio dopo che il testatore gli ha espresso le sue ultime volontà davanti a due testimoni. Lo sottoscrivono il testatore, i testimoni ed il Notaio; testamento segreto: è scritto in un qualunque foglio di carta anche da persona diversa dal testatore; il testatore in persona davanti a due testimoni consegna il foglio chiuso ad un notaio, quindi annota all esterno del foglio o della busta tutte le formalità compiute davanti a lui. TUTTI I TESTAMENTI, COMUNQUE FATTI, HANNO LO STESSO VALORE E UGUALE EFFICACIA: Per esempio basta un testamento olografo per revocare un precedente testamento pubblico.

20 20 w w w. P F A c a d e m y. i t La Pianificazione Successoria tramite le Polizze Vita La successione e la donazione La legge prevede dunque che alcuni soggetti abbiano una particolare tutela, cioè che agli stessi sia riservata comunque una quota dell eredità anche contro un eventuale volontà del defunto espressa per testamento il coniuge i figli legittimi legittimati naturali - adottivi gli ascendenti legittimi A favore dei discendenti dei figli legittimi, legittimati o naturali, i quali vengono alla successione in luogo di questi, la legge riserva gli stessi diritti che sono riservati ai figli legittimi, legittimati o naturali. I figli adottivi sono estranei alla successione dei parenti dell'adottante

21 21 I familiari che ereditano in assenza di testamento sono: Coniuge Discendenti (Figli/nipoti/pronipoti) Ascendenti (se mancano i figli) Fratelli (se mancano i figli) Altri parenti entro il 6 grado (solo se unici eredi) Lo stato in assenza di eredi I familiari che beneficiano della quota di legittima in caso di successione legittima o testamentaria sono: Coniuge La Pianificazione Successoria tramite le Polizze Vita Discendenti (Figli/Nipoti/Pronipoti) Ascendenti (se mancano i figli) La successione e la donazione

22 22 La Pianificazione Successoria tramite le Polizze Vita Esempio UNA COPPIA DI CONVIVENTI LUI PATRIMONIO STIMATO DI CIRCA 5 MLN DI EURO LA CONVIVENTE NULLATENENTE IL FACOLTOSO (LUI) HA COME UNICO EREDE UN FRATELLO DOVE NON ESISTE UN BUON RAPPORTO LUI VUOLE LASCIARE ALLA SUA MORTE, MA SOLO ALLA SUA MORTE, TUTTO ALLA CONVIVENTE GLI VIENE SUGGERITO DI FARE UNA POLIZZA VITA INDICANDO COME BENEFICIARIO LA CONVIVENTE E CORRETTA LA SOLUZIONE?

23 23 w w w. P F A c a d e m y. i t La Pianificazione Successoria tramite le Polizze Vita Soluzione esempio CHE DIFFERENZA ESISTE FRA : EREDI LEGITTIMI ED EREDI LEGITTIMARI? Gli eredi legittimi sono tutti gli eredi che per legge, in assenza di testamento, (nell esempio il fratello) prenderanno l eredita mortis causa Gli eredi legittimari sono una categoria di eredi che per legge devono prendere una quota (legittima) anche contro volonta testamentarie diverse QUINDI SE NON FA NESSUN TESTAMENTO LA COMPLETA EREDITA VA AL FRATELLO IN QUANTO UNICO EREDE LEGITTIMO SE FA UN TESTAMENTO O UNA POLIZZA VITA A FAVORE/BENEFICIARIO DEL CONVIVENTE PUO TRASMETTERE INTERAMENTE IL SUO PATRIMONIO (IL FRATELLO IN QUESTO CASO NON PUO FARE NULLA IN QUANTO NON E UN EREDE LEGITTIMARIO) MA DAL PUNTO DI VISTA FISCALE?

24 24 w w w. P F A c a d e m y. i t La Pianificazione Successoria tramite le Polizze Vita I Legittimari Soggetti legati al de cuius da vincoli di parentela cui la legge riconosce il diritto ad una parte dell asse ereditario restando libera la parte residua I legittimari a favore dei quali il legislatore ha riservato in via inderogabile una quota parte del patrimonio famigliare sono : Il coniuge Figli legittimi, legittimati, naturali ed adottivi (discendenti) Gli ascendenti legittimi (in mancanza dei discendenti) In merito alla posizione rispettiva delle categorie di legittimari, la vocazione dei figli esclude quella degli ascendenti legittimi, mentre il coniuge concorre con gli uni e con gli altri

25 25 La Pianificazione Successoria tramite le Polizze Vita Gli eredi legittimi IV Grado III Grado II Grado I Grado Trisavi Bisnonni Nonni Genitori II Grado Fratelli Sorelle Zii ASCENDENTI DE CUIUS COLLATERALI DISCENDENTI I Grado Figli II Grado Nipoti (figli dei figli) III Grado Pronipoti IV Grado Figli dei pronipoti III Grado IV Grado V Grado VI Grado Nipoti (figli di fratelli e/o sorelle) Prozii Pronipoti Primi cugini Figli di prozii Secondi Nipoti Secondi cugini Atri cugini

26 26 La Pianificazione Successoria tramite le Polizze Vita Riassumendo GLI EREDI LEGITTIMI E LEGITTIMARI Eredi legittimi: I familiari che ereditano in assenza di testamento sono: Eredi legittimari: I familiari che beneficiano della quota di legittima sono: Coniuge e figli Ascendenti e fratelli (se mancano i figli) Altri parenti entro il 6 grado (solo se unici eredi) Lo stato (se non ci sono parenti entro il sesto grado) Coniuge Figli (Discendenti) Genitori (Ascendenti) se mancano i figli (discendenti)

27 27 La Pianificazione Successoria tramite le Polizze Vita La successione: legittima, testamentaria, necessaria La legittima (definita anche riserva o quota indisponibile) e la quota del patrimonio ereditario che deve essere necessariamente destinata ad una particolare categoria di successori individuata dal legislatore. La tutela alla predetta quota e garantita a fronte di una eventuale volonta contraria del de cuius stesso (contra testamentum). La legittima costituisce un limite all autonomia negoziale del de cuius nel disporre inter vivos o mortis causa dei propri beni. L intangibilita della legittima deve essere intesa in senso quantitativo e non anche in senso qualitativo PATRIMONIO DEL DE CUIUS QUOTA DISPONIBILE QUOTA LEGITTIMA

28 28 Definire l impresa di famiglia La Pianificazione Successoria tramite le Polizze Vita La famiglia come realtà economica complessa Un ingranaggio (azienda) che rotea con un altro ingranaggio (famiglia) cui se ne aggiunge un terzo (patrimonio dell imprenditore) Tutti gli ingranaggi si muovono insieme a velocità e con intensità differenti Azienda Azienda con diversi livelli di rapidità decisionale, propensione al rischio, possibilità di elevate perdite o guadagni, di responsabilità, sogni e ambizioni Realtà complessa e intreccio di legami familiari, di valori e stili di vita diversi Famiglia Patrimonio Mobiliare, immobiliare, liquido, tangibile intangibile Fonte: Gersick Generation to Generation Harvard Business School Press

29 29 La Pianificazione Successoria tramite le Polizze Vita La famiglia come realtà economica complessa La pianificazione patrimoniale integrata Esigenza detenzione del patrimonio Esigenza circolazione e trasferimento del patrimonio Obiettivi ottimizzazione fiscale e giuridica integrità e sviluppo del patrimonio Obiettivi ottimizzazione fiscale e giuridica sicurezza nel trasferimento del patrimonio Strategia protezione patrimoniale Strategia trasferimenti e passaggio generazionale

30 30 La Pianificazione Successoria tramite le Polizze Vita LA RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA 94/1069/CE ARTICOLO 1 - OBIETTIVI Il passaggio generazionale Gli Stati membri sono invitati ad adottare le misure necessarie per facilitare la successione nelle piccole e medie imprese al fine di assicurare la sopravvivenza delle imprese ed il mantenimento dei posti di lavoro. In particolare, essi sono invitati ad adottare le misure più adeguate, a completamento del quadro giuridico, fiscale e amministrativo, al fine di: - sensibilizzare l'imprenditore ai problemi della successione e indurlo a preparare tale operazione finché è ancora in vita; - creare un contesto finanziario favorevole al buon esito della successione; - consentire all'imprenditore di preparare efficacemente la sua successione mettendo a sua disposizione gli strumenti adeguati; - assicurare la continuità delle società di persone e delle imprese individuali in caso di decesso di uno dei soci o dell'imprenditore; - assicurare il buon esito della successione familiare evitando che le imposte sulla successione ereditaria e sulla donazione mettano in pericolo la sopravvivenza dell'impresa; - incoraggiare fiscalmente l'imprenditore a trasferire la sua impresa tramite vendita o cessione ai dipendenti, soprattutto quando non vi sono successori nell'ambito della famiglia IN ITALIA? E STATO FATTO QUALCOSA? D.lgs. n. 346 del Articolo 3, comma 4-ter e sucessivi: Esenzione dall imposta sulle successioni e donazioni dei trasferimenti di quote sociali ed azioni

31 31 La Pianificazione Successoria tramite le Polizze Vita I principali problemi che emergono in una successione d impresa famigliare sono i seguenti: attaccamento all impresa. Molto spesso l imprenditore non riesce ad abbandonare la gestione dell impresa che ha creato e in cui si identifica; gestione accentrata. Una gestione verticistica, senza la creazione di una struttura manageriale di supporto, comporta che nel momento della successione l unica persona in grado di conoscere i meccanismi di governo dell azienda è l imprenditore stesso; rimozioni totalizzanti e timore di invecchiare. La normale e umana paura della morte e di invecchiare fa si che il momento della successione venga rimandato sine die mentre un atto di pianificazione significherebbe affrontare tali problematiche e non rimuoverle; impulsività dell imprenditore. In alcuni casi l imprenditore quando accetta di lasciare la gestione agli eredi agisce d impulso e tende a cedere il posto di controllo senza gradualità e in tempi brevi; l ausilio dei soggetti coinvolti. Pertanto in questo modo il rischio è che si creino incomprensioni e si rimandi lo scontro tra eredi.

32 32 La Pianificazione Successoria tramite le Polizze Vita I principali problemi che emergono in una successione d impresa famigliare sono i seguenti: sottovalutazione degli aspetti del passaggio generazionale. Molto spesso non vengono valutati in misura adeguata i rischi di una successione mal gestita poiché l imprenditore ha la convinzione che gli eredi continueranno senza problemi la sua attività non considerando che dopo la sua morte molti equilibri cambieranno radicalmente; l idea che il primogenito deve essere sempre e comunque l erede unico dell azienda. Questa idea molto radicata nella tradizione continentale fin dall antichità porta ancora una volta a sottovalutare la successione pensando che essa sia un atto naturale e dovuto mentre sono moltissimi i problemi che ne possono derivare; pianificazione senza condivisione. E una forma di pianificazione accentrata dall imprenditore senza l ausilio dei soggetti coinvolti. Pertanto in questo modo il rischio è che si creino incomprensioni e si rimandi lo scontro tra eredi.

33 33 w w w. P F A c a d e m y. i t La Pianificazione Successoria tramite le Polizze Vita LE DONAZIONI Art. 769 Definizione La donazione è il contratto col quale, per spirito di liberalità, una parte arricchisce l`altra, disponendo a favore di questa di un suo diritto o assumendo verso la stessa una obbligazione.

34 34 La Pianificazione Successoria tramite le Polizze Vita AGENDA La famiglia: realtà economica complessa L'importanza di pianificare il passaggio generazionale dei patrimoni la tassazione di successioni e donazioni Le polizze e la famiglia- le polizze e l'azienda: esempi pratici

35 35 La Pianificazione Successoria tramite le Polizze Vita NUOVA TASSAZIONE SUCCESSIONI E DONAZIONI fino al Esenzione Regime di donazione dal al Normativa D.L. 262/2006- imposta di registro/ipotecaria/catastale dal Normativa L. 286/2006 di conversione del D.L. 262/2006-reintroduzione imposta di donazione Regime di successione fino al dal Esenzione Normativa L. 286/2006 di conversione del D.L. 262/2006-reintroduzione imposta di successione

36 36 La Pianificazione Successoria tramite le Polizze Vita SOGGETTI IMPOSTA DI SUCCESSIONE IMPOSTA IPOTECARIA IMPOSTA CATASTALE Coniuge Parenti in linea retta 4% con franchigia di 1 milione di Euro per ogni beneficiario sul valore dell asse ereditario (massa dei rapporti attivi e passivi) Fratelli e sorelle Altri parenti fino al 4 grado Affini in linea retta Affini in linea collaterale fino al 3 6% (con franchigia di 100 mila Euro) 6% (senza franchigia) sul valore netto dell asse ereditario 2% sul valore catastale o 168 Euro se trattasi di prima casa per uno dei beneficiari (basta un beneficiario) 1% sul valore catastale o 168 Euro se trattasi di prima casa per uno dei beneficiari (basta un beneficiario) Altri soggetti (es. 2 conviventi terze persone) 8% (senza franchigia) sul valore netto dell asse ereditario

37 La Pianificazione Successoria tramite le Polizze Vita Imposta di successione in Europa PAESE Imp. Successione in linea retta Imp. Successione in linea collaterale ITALIA 4% 6-8% BELGIO 27-30% 80% FRANCIA 45% 60% GERMANIA 30% 50% LUSSEMBURGO NA 48% SPAGNA 34% 81,6% UK 20% 40% 37 37

38 La Pianificazione Successoria tramite le Polizze Vita Imposta di successione in Italia: Cosi per quanto ancora? UN INTERVENTO DI ADEGUAMENTO POSSIBILE VIA 3 LEVE: AUMENTO ALIQUOTE AUMENTO BASE IMPONIBILE (DIMINUZIONE FRANCHIGIE) RIDEFINIZIONE DEL TRIBUTO 38 38

39 La Pianificazione Successoria tramite le Polizze Vita Le imposte di successione e donazione 3 aliquote differenziate a seconda del grado di parentela: 4% per i trasferimenti a favore del coniuge e dei parenti in linea retta (genitori, figli, nonni, nipoti, bisnonni e bisnipoti). È prevista una franchigia di di euro per ogni beneficiario (erede o donatario); se il totale dei beni oggetto di trasferimento è inferiore alla franchigia, non vi è nessun pagamento d imposta 6% per i trasferimenti a favore di parenti fino al quarto grado (pronipoti) e degli affini in linea retta (parenti del coniuge) e degli affini in linea collaterale fino al terzo grado (nipoti di fratelli o sorelle del parente del coniuge). Nel caso di trasferimenti tra fratelli è prevista una franchigia di euro per ogni fratello 8% per tutti i trasferimenti a favore di soggetti diversi dai precedenti. La franchigia prevista per i trasferimenti a favore di parenti in linea retta si considera come franchigia complessiva; in caso di più trasferimenti a favore dello stesso soggetto, l importo di di euro si prende a riferimento per l intero ammontare risultante dalla somma di ogni singolo trasferimento. In caso di trasferimento a più beneficiari, la franchigia di di euro verrà applicata ad ogni persona che riceve la donazione o la successione

40 40 w w w. P F A c a d e m y. i t La Pianificazione Successoria tramite le Polizze Vita I BENI TASSATI - Immobili - Obbligazioni (con esclusione dei titoli di Stato) - Azioni e partecipazioni in società e azienda - Quote di fondi comuni (tranne la quota in titoli di stato che bisogna farsi certificare alla data della morte dalla sgr) - Crediti (come il saldo del conto corrente) - Beni mobili (mobilio, gioielli) con un valore forfettario del 10% dell asse ereditario - Trust I BENI ESENTI - Polizze vita (capitalizzazione, unit, index, tcm, etc) - Titoli di Stato - Buoni postali - Quote di fondi comuni in titoli di stato

41 41 La Pianificazione Successoria tramite le Polizze Vita Vantaggi della polizza Esenzione asse ereditario: I capitali derivanti da polizze vita non rientrano nell asse ereditario Esenzione tasse successione: I capitali derivanti da polizza vita sono esenti da tasse di successione Esenzione tassazione della prestazione caso morte: I capitali derivanti da polizza vita non sono soggetti a tassazione della plusvalenza in caso di decesso dell assicurato

42 42 La Pianificazione Successoria tramite le Polizze Vita IMMOBILI AZIENDE AZIONI QUOTATE AZIONI NON QUOTATE OBBLIGAZIONI DENARO CREDITI AUTO NAVI ED AEREI BENI MOBILI ARREDI E GIOIELLI TITOLI DI STATO (DONAZIONE) TITOLI DI STATO (SUCCESSIONE) QUOTE DI FONDO COMUNE (DONAZIONE) LA BASE IMPONIBILE VALORE CATASTALE, TRANNE AREE FABBRICABILI VALORE PATRIMONIO NETTO CONTABILE, SENZA AVVIAMENTO VALORE DI BORSA (MEDIA ULTIMO TRIMESTRE) VALORE PATRIMONIO NETTO SENZA AVVIAMENTO VALORE CORRENTE VALORE NOMINALE VALORE NOMINALE ESENTI VALORE CORRENTE VALORE CORRENTE VALORE CORRENTE VALORE CORRENTE ESENTI VALORE CORRENTE QUOTE DI FONDO COMUNE (SUCCESSIONE) VALORE CORRENTE DETRATTA LA QUOTA DI TITOLI DI STATO

43 43 La Pianificazione Successoria tramite le Polizze Vita Definizione: art del codice civile L`assicurazione è il contratto col quale l`assicuratore, verso pagamento di un premio, si obbliga a rivalere l`assicurato, entro i limiti convenuti, del danno ad esso prodotto da un sinistro, ovvero a pagare un capitale o una rendita al verificarsi di un evento attinente alla vita umana.

44 44 La Pianificazione Successoria tramite le Polizze Vita La posizione del beneficiario Art c.c. Assicurazione a favore di un terzo: Beneficiario E' valida l'assicurazione sulla vita a favore di un terzo (art e ss. c.c.). La designazione del beneficiario può essere fatta nel contratto di assicurazione, o con successiva dichiarazione scritta comunicata all'assicuratore, o per testamento; essa è efficace anche se il beneficiario è determinato solo genericamente. Equivale a designazione l'attribuzione della somma assicurata fatta nel testamento a favore di una determinata persona. Per effetto della designazione il terzo acquista un diritto proprio ai vantaggi dell assicurazione (art c.c.). Il Beneficiario acquisisce un diritto proprio

45 La successione e la donazione Voglio pianificare la trasmissione del mio patrimonio, possibili alternative: Il patto di famiglia (aziendale) Un Fondo patrimoniale Un Trust Una polizza vita con beneficiario/i designato/i STRUMENTI ALTERNATIVI TRA LORO O COMPLEMENTARI? 45 >

46 Patto di famiglia E un contratto che realizza un patto successorio lecito stipulato tra un imprenditore, da un lato, e i suoi discendenti, il coniuge e gli altri legittimari, dall'altro, con il quale lo stesso imprenditore trasferisce in vita l'azienda a uno o più suoi discendenti senza che il coniuge e gli altri legittimari possano, dopo la morte dell'imprenditore, rimettere in discussione il patto chiedendo la collazione o la riduzione delle disposizione testamentarie (art. 768 bis c.c.) il coniuge e i futuri legittimari, infatti, se non vi hanno rinunziato, devono ricevere dagli assegnatari (cioè i figli che hanno ricevuto l'azienda), una somma di denaro (o dei beni in natura) che corrisponda alle quote che a loro spetterebbero ex art. 536 e ss. c.c., cioè le quote che gli spetterebbero in quanto legittimari. 46 >

47 Fondo patrimoniale Il fondo patrimoniale è un vincolo posto nell interesse della famiglia su un complesso di beni determinati (immobili, mobili registrati o titoli di credito) e costituisce un patrimonio separato la cui funzione è quella di destinare i beni conferiti al soddisfacimento dei diritti di mantenimento, assistenza e contribuzione esistenti nell ambito della famiglia. 47 >

48 Il Trust E la figura giuridica grazie alla quale un soggetto detto disponente trasferisce uno o più beni in trust, intestandoli a nome del trustee (o di un'altra persona per conto del trustee) che li assume con l obbligo, di cui deve rendere conto, di amministrare, gestire o disporre, essendone stato appositamente investito del potere, secondo i termini del trust e le norme particolari impostegli dalla legge. Il trust può operare nei confronti di uno o più beneficiari individuati o individuabili, ovvero operare per uno scopo, semplice o complesso che sia. Una volta intestati a nome del trustee (o di un'altra persona per conto del trustee) i beni del trust costituiscono una massa distinta e non fanno parte del patrimonio del trustee. All istituzione del trust è sovente prevista la nomina di uno o più soggetti (Guardiano/i )che vigilino sull opera del trustee, a volte con poteri di veto su determinate decisioni nonché di revoca del trustee. 48 >

49 La polizza vita e le polizze unit linked L art 1882 del codice civile definisce il contratto di assicurazione sulla vita come quel contratto col quale l assicuratore in corrispettivo di un premio (unico o periodico) si obbliga a corrispondere un determinato capitale o una rendita al verificarsi di un evento attinente la vita umana. Negli ultimi anni le assicurazioni vita hanno conosciuto profondi cambiamenti: le compagnie per poter competere con l offerta dei prodotti finanziari e di investimento prodotti dalle banche hanno aggiornato i loro prodotti che, pur mantenendo le loro basi tecnico attuariali, hanno introdotto dei meccanismi di indicizzazione o di investimento delle stesse in fondi 49 >

50 Polizze Vita in LPS Polizza Assicurativa Unit Linked, a tempo determinato o vita intera La copertura assicurativa in caso morte è pari, normalmente, al 101% del valore di riscatto Limiti di età: in funzione degli specificiprodotti Unit Linked: il valore della polizza è legato all andamento di uno o più fondi interni od esterni La Polizza può essere utilizzata per detenere al suo interno qualunque tipo di asset (previsto dalla legislazione del Paese ove la compagnia assicurativa ha sede), armonizzato o meno senza limiti % per emittenti e per categoria (ad esclusione di commodities e proprietà immobiliari) quali, ad esempio:» Hedge Funds» Fondi di Private Equity» Azioni/quote societarie non quotate» Titoli di debito / strumenti finanziari non quotati» Fondi Chiusi e Azioni societarie» Derivati a sola copertura 50 >

51 Agenda INTRODUZIONE PIANIFICAZONE SUCCESSORIA TRAMITE POLIZZE VITA Introduzione su Sintesi Life e Gruppo Argos Richieste di delocalizzazione all estero degli investimenti Lending su polizze vita Italia paradiso fiscale per l imposta di successione? La famiglia: realtà economica complessa La successione e la donazione L'importanza di pianificare il passaggio generazionale dei patrimoni Analisi degli strumenti:» Patto di Famiglia» Fondo Patrimoniale» Fiduciaria» Trust» Polizza Vita la tassazione di successioni e donazioni Le polizze e la famiglia- le polizze e l'azienda: esempi pratici ANALISI DEI PRODOTTI Le polizze vita in libera prestazione di servizi 51 SPUNTI OPERATIVI DI PIANIFICAZIONE SUCCESSORIA Spunti operativi per la pianificazione del passaggio generazionale di patrimoni complessi: Un esempio pratico Possibili sviluppi del prodotto vita e richieste del mercato private Conclusioni >

52 Fiscalità delle Polizze vita in LPS POLIZZE SOSTITUITE POLIZZE NON SOSTITUITE Redditi Bollo / Ivafe Imposta sulle riserve matematiche Redditi Bollo / Ivafe Imposta sui contratti assicurativi Quadro RW Intestazione fiduciaria Mandato all incasso MONITORAGGIO FISCALE 52 >

53 Agenda INTRODUZIONE Introduzione su Sintesi Life e Gruppo Argos Richieste di delocalizzazione all estero degli investimenti Lending su polizze vita La famiglia: realtà economica complessa La successione e la donazione Italia paradiso fiscale per l imposta di successione? Analisi degli strumenti:» Patto di Famiglia» Fondo Patrimoniale» Fiduciaria» Trust» Polizza Vita Presentazione Prodotto SEB LIFE ANALISI DEI PRODOTTI Le polizze vita in libera prestazione di servizi 53 APPROFONDIMENTI E SPUNTI OPERATIVI DI PIANIFICAZIONE SUCCESSORIA Spunti operativi per la pianificazione del passaggio generazionale di patrimoni complessi: Un esempio pratico Possibili sviluppi del prodotto vita e richieste del mercato private Q&A Conclusioni >

54 SEB LIFE È una società assicurativa di diritto irlandese che opera in Italia in regime di libera prestazione di servizi dal 2003 tramite Irish Life International, dal 2011 direttamente sotto il gruppo SEB è soggetta all autorità di controllo irlandese (IFSRA) in funzione della Terza Direttiva CE in materia di assicurazione sulla vita SEB Life è molto attiva nei mercati nordici e baltici, leader assoluto sul mercato assicurativo svedese (22% mkt share), secondo in Danimarca (17% mkt share) con oltre circa 5 Miliardi di premi AB SEB LIFE è detenuta al 100% dal Gruppo bancario SEB: Skandinaviska Enskilda Banken SEB LIFE ha recentemente optato per il regime di sostituzione di imposta in linea con il decreto legge del 22 giugno 2012 art. 68, in cui si prevede l armonizzazione del trattamento fiscale sulle polizze emesse tra le compagnie assicurative italiane e le compagnie estere Per le nuove polizze, la norma ha imposto agli intermediari finanziari, l obbligo di operare in qualità di sostituto d imposta, per il versamento dell imposta annua dello 0.35%, qualora la compagnia assicurativa estera, operante in Italia in LPS, non intervenga a tale obbligo, ovvero non operi come sostituto d imposta. 54 >

55 Il gruppo SEB: Skandinaviska Enskilda E capitalizzato per circa 100 Miliardi di Corone Svedesi circa 11 miliardi di uro Rating S&P: A, Moody s: A1 (fonte Bloomberg) quotata sul mercato di Stoccolma Secondo una recente ricerca effettuata da Bloomberg, Seb risulta nelle prime 20 banche piu sicure al mondo secondo un indice che tiene conto di diversi parametri di bilancio e di solvibilità 1 Presenza locale in 10 paesi + presenza strategica nelle principali piazze finanziarie mondiali Oltre il 50% delle revenues del gruppo generato fuori Svezia SEB è attiva in Italia solo con il Private Insurance Circa 17,000 Impiegati 375 Filiali 55 1 Source: Bloomberg Markets >

56 Descrizione prodotto SEB Life Polizza Assicurativa Unit Linked, Vita Intera La copertura assicurativa in caso morte è pari al 101% del valore di riscatto Limiti di età: 18/74 anni (salvo deroga) Unit Linked: il valore della polizza è legato all andamento di uno o più fondi. La Polizza può essere utilizzata per detenere al suo interno qualunque tipo di asset, armonizzato o meno senza limiti % per emittenti e per categoria (ad esclusione di commodities e proprietà immobiliari) quali, ad esempio: Hedge Funds Fondi di Private Equity Azioni/quote societarie non quotate Titoli di debito / strumenti finanziari non quotati Fondi Chiusi e Azioni societarie (approvati caso per caso da SEB Life) Derivati a sola copertura Premio Minimo: Asset mobiliari e fondi chiusi Non Standard Assets Private share / Private loan In funzione del caso specifico 56 1 come delibera Consob del 9/5/2012 che modifica il regolamento emittenti capo V, sezione I disciplina delle esenzioni, Art. 34-Ter comma G >

57 SEB history Stockholms Enskilda Bank founded 1864 Skandinaviska Banken founded in Gothenburg 1972 Stockholms Enskilda Bank and Skandinaviska Banken merge 1982 SEB International 1997 Trygg Hansa 1998 Acquisition of three Baltic banks 1999 BfG Germany 2000 BOS - Poland 2004 Codan Denmark 2004 Bank Agio Ukraine 2005 Privatbanken Norway 2006 SEB 150 years 2007 Factorial Ukraine 2010 Divestment of German Retail 2011 Irish Life International 57 >

58 Caratteristiche principali Possibilità di: operare in consulenza oltre che in gestione essere nominati Advisor \ Gestore dal cliente, con mandato di gestione \ advisory scegliere la banca depositaria affidare gli asset alla diretta custodia della Compagnia Assicurativa / D.T.S.(Dealing Trough S.E.B.) conferimento di asset illiquidi e/o a trattamento fiscale penalizzante finanziamento societario in assoluta riservatezza tramite sottoscrizione interna di:» Titoli di debito» Strumenti finanziari» Obbligazioni, anche convertibili» Aumento di capitale sociale usare una vasta gamma di strumenti finanziari nella gestione senza limiti % per emittenti e per categoria (inclusi derivati a copertura) Generazione di preconto per la distribuzione e / o Allocation bonus per il Cliente I costi di gestione/consulenza sono direttamente prelevabili dal fondo assicurativo Armonizzazione fiscale dei prodotti finanziari ad un unica aliquota finale (20%) Compensabilità fiscale assoluta interna al fondo di polizza Riservatezza assoluta (formulario A) /Beneficial owner La proposta assicurativa non rileva come offerta al pubblico: non è necessario costituire una Banca, SIM o SGR, non è richiesta l approvazione di CONSOB e Banca d Italia La polizza viene intermediata tramite Broker in quanto prodotto non standardizzato 58 >

59 59 La Pianificazione Successoria tramite le Polizze Vita AGENDA La famiglia: realtà economica complessa L'importanza di pianificare il passaggio generazionale dei patrimoni la tassazione di successioni e donazioni Le polizze e la famiglia- le polizze e l'azienda: esempi pratici

60 Asset protection: Mandato all incasso di Polizze vita Esigenze del cliente, Soluzioni proposte, Erogazione del servizio Mandato di amministrazione Riservatezza 10 Esigenze del cliente: Operazioni straordinarie 5 Protezione Patrimoniale Protezione patrimoniale 0 Ottimizzazione fiscale Gestione ricchezza Passaggio generazionale Esigenze del cliente Erogazione del servizio Ipotesi di contratto quadro per il gruppo Azimut Soluzioni proposte Detenere polizze assicurative evitando di dover indicare nel quadro RW/RM del modello unico la detenzione del bene Indicazione della fiduciaria come soggetto incaricato alla percezione dei proventi derivanti da riscatto totale o parziale 60 >

61 Spunti operativi ed esempi pratici Ipotesi di riassetto del patrimonio societario familiare - disciplina del passaggio generazionale Scenario ipotetico: Famiglia: Capo famiglia, coniuge, figli; Patrimonio familiare: a) Quota di società di capitale ITA; b)titoli e liquidità in gestione patrimoniale; c) Immobili direttamente detenuti. Obiettivi: Elaborare un programma per una futura gestione unitaria del patrimonio, in particolare aziendale, a prescindere dagli eventi successori; Flessibilità della soluzione finché il capo famiglia è in vita. Criticità: la donazione di quote/azioni (eventualmente in sola nuda proprietà) ovvero il patto di famiglia non consentono di addivenire ai predetti scopi (e.g. con particolare riferimento alla disciplina dell'amministrazione dell azienda), e presuppongono che il capo famiglia trasferisca il patrimonio immediatamente. 61 >

62 Spunti operativi ed esempi pratici Ipotesi di riassetto del patrimonio societario familiare - disciplina del passaggio generazionale Possibile soluzione Polizza Titoli e liquidità Trust successorio Immobili direttamente detenuti o Nuda proprietà Quota di società di capitale ITA Beneficiario della polizza in caso morte il Trust successorio Beneficiari del trust gli eredi legittimi 62 >

63 Spunti operativi ed esempi pratici Ipotesi di riassetto del patrimonio societario familiare - disciplina del passaggio generazionale Possibile soluzione 1. Costituzione di una polizza vita con liquidità e titoli 2. Trasferimento della nuda proprietà con mantenimento degli usufrutti a favore del capofamiglia, che quindi continua a disporre del proprio patrimonio finché in vita 3. Conferimento di azienda, alternativamente di nuda proprietà o piena proprietà in trust 4. Indicazione quale beneficiario della polizza vita il trust NB impatto fiscale in fase istitutiva basso o nullo (soggetto a verifica specifica) 63 >

64 Spunti operativi ed esempi pratici 1. Finchè il cliente è in vita il patrimonio rimane in gestione al capofamiglia il quale : può se necessario attingere dal fondo di polizza effettuando dei riscatti totali o parziali (certificato di polizza è per definizione sempre revocabile) Continua a godere dei redditi generati dagli immobili di cui detiene l usufrutto 2. All apertura della successione: il Regolamento entrerà in vigore e, nel rispetto delle legittime verrà gestito secondo quanto indicato dal regolamento potendo ad esempio prevedere che la gestione dei vari beni sia affidata o meno ai figli, al coniuge o ad eventuali terzi professionisti Nessuna imposta di successione in caso morte sul patrimonio in Trust se tale imposta è stata assolta a monte Nessuna imposta di successione dovuta sul patrimonio liquido, grazie alla polizza vita Nessuna imposta sui redditi derivanti dalla gestione del patrimonio in polizza I capitali derivanti da polizza vita non sono soggetti a tassazione della plusvalenza in caso di decesso dell assicurato 64 >

IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO?

IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO? IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO? La maggior parte di noi non si pone neppure la domanda. In Italia, quella di fare testamento è una pratica poco utilizzata. Spesso ci rifiutiamo per paura, per incertezza

Dettagli

STUDIO DE POLI - VENEZIA

STUDIO DE POLI - VENEZIA IL TRUST: COS È, IN BREVE di Ilaria Della Vedova Avvocato dello Studio De Poli Venezia Membro dell organismo Professionisti Accreditati in materia di Trust 1) Che cos è il trust? È un istituto di origine

Dettagli

1 La successione. in pratica

1 La successione. in pratica in pratica Esempi di successione nei diritti si rinvengono nella vita quotidiana: pensa a chi acquista un bene da un altro soggetto o all erede che riceve per testamento i beni di una persona deceduta.

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Se muore il coniuge. Testamento e accettazione dell eredità Dichiarazione di successione e imposte - Pensione di

Se muore il coniuge. Testamento e accettazione dell eredità Dichiarazione di successione e imposte - Pensione di Se muore il coniuge Testamento e accettazione dell eredità Dichiarazione di successione e imposte - Pensione di reversibilità e TFR - Autoveicoli e cassetta di sicurezza Di Germano Palmieri In questo e

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

D E X I A Q U A N T MODULO DI SOTTOSCRIZIONE

D E X I A Q U A N T MODULO DI SOTTOSCRIZIONE Il presente modulo è l unico valido ai fini della sottoscrizione in Italia delle classi di azioni dei comparti dell OICVM Dexia Quant, Società d investimento a capitale variabile di diritto Lussemburghese

Dettagli

DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE

DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE DICHIARA- genzia ZIONE ntrate genzia ntrate DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE MOD. 4 Direzione Provinciale Direzione di Provinciale di Ufficio Territoriale di Ufficio Territoriale di PARTE RISERVATA ALL UFFICIO

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

Successioni tutelate Le regole per un sicuro trasferimento dei beni

Successioni tutelate Le regole per un sicuro trasferimento dei beni Le Guide per il Cittadino Successioni tutelate Le regole per un sicuro trasferimento dei beni Consiglio Nazionale del Notariato Adiconsum Adoc Altroconsumo Assoutenti Casa del Consumatore Cittadinanzattiva

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti.

Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti. LINEA INVESTIMENTO GUIDA AI PRODOTTI Crescere e far crescere. Finalmente la composizione ideale per i tuoi investimenti!

Dettagli

Successioni tutelate

Successioni tutelate Le Guide per il Cittadino Successioni tutelate Le regole per un sicuro trasferimento dei beni Consiglio Nazionale del Notariato Adiconsum Adoc Altroconsumo Assoutenti Casa del Consumatore Cittadinanzattiva

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

CAPITOLO VII L AGEVOLAZIONE PRIMA CASA NEI TRASFERIMENTI PER DONAZIONE E SUCCESSIONE A CAUSA DI MORTE

CAPITOLO VII L AGEVOLAZIONE PRIMA CASA NEI TRASFERIMENTI PER DONAZIONE E SUCCESSIONE A CAUSA DI MORTE CAPITOLO VII L AGEVOLAZIONE PRIMA CASA NEI TRASFERIMENTI PER DONAZIONE E SUCCESSIONE A CAUSA DI MORTE SOMMARIO: 7.1. Premessa - 7.2. Gli effetti dell agevolazione - 7.3. L oggetto dell agevolazione - 7.4.

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.)

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Familiari per i quali può essere richiesto il ricongiungimento: 1. Coniuge non

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Italia Iscrizione e ricerca di un testamento

Italia Iscrizione e ricerca di un testamento Iscrizione e ricerca di un testamento Quali sono le principali forme di testamento in Italia? * il testamento autentico, redatto da un notaio. * il testamento olografo, scritto, datato e firmato di pugno

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

EAST CAPITAL (LUX) società di investimento a capitale variabile di diritto lussemburghese di tipo multicomparto e multiclasse (la SICAV )

EAST CAPITAL (LUX) società di investimento a capitale variabile di diritto lussemburghese di tipo multicomparto e multiclasse (la SICAV ) Pagina 1 di 10 EAST CAPITAL (LUX) società di investimento a capitale variabile di diritto lussemburghese di tipo multicomparto e multiclasse (la SICAV ) MODULO DI SOTTOSCRIZIONE Modalità di partecipazione:

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

La Convivenza Regole e tutele della vita insieme. Le Guide per il Cittadino. Consiglio Nazionale del Notariato

La Convivenza Regole e tutele della vita insieme. Le Guide per il Cittadino. Consiglio Nazionale del Notariato Le Guide per il Cittadino La Convivenza Regole e tutele della vita insieme Consiglio Nazionale del Notariato Adoc Altroconsumo Assoutenti Casa del Consumatore Cittadinanzattiva Confconsumatori Federconsumatori

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese.

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. È a tutti noto che ormai da alcuni anni sono in aumento, anche in materia di diritto di famiglia,

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ

PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ Società del Gruppo ALLIANZ S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE A VITA INTERA A PREMIO UNICO E PRESTAZIONI RIVALUTABILI PROTEZIONE E CRESCITA PIÙ IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: SCHEDA SINTETICA

Dettagli

CIRCOLARE N. 30/E. Roma, 11 agosto 2015

CIRCOLARE N. 30/E. Roma, 11 agosto 2015 CIRCOLARE N. 30/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 agosto 2015 OGGETTO: Legge 15 dicembre 2014, n. 186, concernente Disposizioni in materia di emersione e rientro di capitali detenuti all estero

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it COMUNE DI CELLE LIGURE PROVINCIA DI SAVONA VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it Ufficio Entrate Tributarie e Tariffarie A decorrere

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

NOTA BENE. Ad esempio, con riferimento al modello Unico Persone Fisiche 2010 per la dichiarazione dei redditi del 2009:

NOTA BENE. Ad esempio, con riferimento al modello Unico Persone Fisiche 2010 per la dichiarazione dei redditi del 2009: NOTA BENE L articolo 34 della legge 183/10 ha introdotto nuove componenti del reddito da dichiarare, oltre quelle previste dall art. 3, comma 1, delle norme integrate dai D.P.C.M. n. 221/99 e n. 242/01.

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

"OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI

OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI "OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI Ai sensi dell art. 114, comma 7, D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e dal Regolamento Emittenti adottato dalla Consob

Dettagli

Quadro RW e obblighi dichiarativi ai fini IVIE e IVAFE

Quadro RW e obblighi dichiarativi ai fini IVIE e IVAFE Circolare Monografica 12 giugno 2014 n. 1990 DICHIARAZIONI Quadro RW e obblighi dichiarativi ai fini IVIE e IVAFE Soggetti obbligati, modalità di compilazione e di calcolo ed esemplificazioni di Armando

Dettagli

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A)

IMMOBILI ABITATIVI - IMPRESA COSTRUTTRICE ENTRO 5 ANNI (Quadro A) D.L. 22.06.2012 n. 83, in vigore dal 26.06.2012 IMMOBILI ABITATIVI - La disciplina delle cessioni di fabbricati abitativi Con riferimento al regime delle cessioni la novella sostituisce il n. 8-bis dell

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO CONVENZIONE POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO FOR INSURANCE BROKER SRL, Società di Brokeraggio con sede principale a Castelfranco V.to, Ha stipulato con i

Dettagli

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA AA9/11 DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA (IMPRESE INDIVIDUALI E LAVORATORI AUTONOMI) ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE (ove non diversamente specificato,

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 148-2012/C La devoluzione dell eredità nella successione ab intestato: la rinuncia di uno dei chiamati - Questioni vecchie e nuove a proposito dell art. 522

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013

postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 postafuturo partecipa special Ed. ottobre 2013 Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili Il presente Fascicolo Informativo contenente la Scheda Sintetica, la Nota Informativa,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

Per il Fondo Mario Negri, dopo

Per il Fondo Mario Negri, dopo FONDO MARIO NEGRI/1 Cambia il sistem delfondo M Alessandro Baldi 6 Per il Fondo Mario Negri, dopo un lungo e ponderato studio avviato dal proprio Consiglio di gestione con il concorso di esperti qualificati,

Dettagli

CAPITOLO 3 I DIRITTI DEI LEGITTIMARI. 1. Profili generali. A) Nozione. B) Natura giuridica. di Andrea De Crecchio

CAPITOLO 3 I DIRITTI DEI LEGITTIMARI. 1. Profili generali. A) Nozione. B) Natura giuridica. di Andrea De Crecchio CAPITOLO 3 I DIRITTI DEI LEGITTIMARI di Andrea De Crecchio 1. Profili generali A) Nozione Nel nostro diritto ereditario sono presenti due principi in apparente contrasto: da un lato la libertà di disporre

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo

Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo Aiuto alla crescita economica (ACE) e suo utilizzo G ennaio 2015 L ACE L articolo 1 del decreto Salva Italia (D.L. n. 201 del 6 dicembre 2011, convertito con modificazioni nella L. n. 214 del 2011) ha

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili

BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili BNP Paribas CARDIF VITA Compagnia di Assicurazione e Riassicurazione S.p.A. Contratto di assicurazione sulla vita con partecipazione agli utili Mod. T915 Ed. 07/2014 BNL Risparmio Prodotto EVPH Il presente

Dettagli